Sei sulla pagina 1di 101

COMUNE DI

POTENZA PICENA
PROVINCIA DI MACERATA

PROGETTO
AUTORIZZAZIONE UNICA PER NUOVO
IMPIANTO DI RECUPERO RIFIUTI SPECIALI
NON PERICOLOSI IN C.DA TERGI
COMMITTENTE
PSP srl
NALLEGATO
- ALLEGATO n20 -
OGGETTO
STUDIO IMPATTO AMBIENTALE













Il Tecnico
_____________________
1

PROCEDURA VALUTAZIONE
di impatto ambientale
ai sensi dellart. 12 L.R. n. 3 del 26.03.2012


RICHIESTA AUTORIZZAZIONE RECUPERO RIFIUTI SPECIALI NON
PERICOLOSI
(Art. 208 del D.Lgs. 03 aprile 2006 n. 152)






STUDIO IMPATTO AMBIENTALE




Per Accettazione il committente


_________________________
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


2
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


3

PREMESSA.............................................................................................................................................................................................4
Motivazioni delliniziativa ......................................................................................................................................................................6
Capitolo 1 Quadro di riferimento Progettuale ...................................................................................................................................
1 Autorit competente ........................................................................................................................................................................8
2 La societ proponente .....................................................................................................................................................................8
3 Scelta del sito di progetto ..............................................................................................................................................................12
4 Alternative al sito di progetto .........................................................................................................................................................14
5 Descrizione del Progetto ...............................................................................................................................................................1
!ia"ilit ..........................................................................................................................................................................................1#
# $di%ici .............................................................................................................................................................................................1&
8 Descrizione Del 'iclo Produttivo ...................................................................................................................................................2(
& )i%iuti .............................................................................................................................................................................................2
1( Piano Di *estione+ ,onitoraggio $ 'ontrollo ..............................................................................................................................3
A Piano di prevenzione e riduzione dell-in.uinamento. ...............................................................................................................3
/ Procedure accettazione ri%iuti. .................................................................................................................................................3#
' 0empi e modalit di messa in riserva e trattamento dei ri%iuti. ................................................................................................38
D ,odalit e %re.uenza dei campionamenti e analisi dei ri%iuti. ..................................................................................................38
$ Procedure monitoraggio e controllo. ........................................................................................................................................38
1 Piano di monitoraggio emissioni di processo delle eventuali matrici am"ientali. .....................................................................3&
* Precauzioni manipolazione ri%iuti. ............................................................................................................................................3&
Capitolo ! Quadro Programmati"o ..................................................................................................................................................4#
1. D.Lgs. n. 42 del 222(122((4 ....................................................................................................................................................43
2. P.P.A.). ..................................................................................................................................................................................43
3. Piano 0erritoriale di 'oordinamento .......................................................................................................................................48
4. Piano )egolatore *enerale '3,45$ D6 P30$57A P6'$5A ...............................................................................................52
5. Piano per l- Assetto 6drogeologico ...........................................................................................................................................58
. Piano Provinciale per la *estione dei )i%iuti ...........................................................................................................................5&
#. Altro .........................................................................................................................................................................................2
8. 'ondizionamenti delle vocazioni naturali ................................................................................................................................3
Capitolo $ Quadro di Riferimento Am%ientale ................................................................................................................................64
1 Analisi degli 6mpatti sulle matrici am"ientali ..................................................................................................................................4
A Suolo e Sottosuolo ...................................................................................................................................................................5
/ Ac.ua .......................................................................................................................................................................................5
' Ac.ue Sotterranee ...................................................................................................................................................................#(
D Aria ..........................................................................................................................................................................................#(
$ )umore ....................................................................................................................................................................................#1
1 !i"razioni .................................................................................................................................................................................#1
* 0ra%%ico ....................................................................................................................................................................................#1
8 !alutazioni Del )isc9io Di 6ncidenti .........................................................................................................................................#2
6 Previsione Di 6mpatto Sul Patrimonio Storico Artistico ..............................................................................................................#3
: !egetazione+ 1lora+ 1auna .......................................................................................................................................................#3
; 6mpatto Sugli $cosistemi .........................................................................................................................................................#4
L 6mpatto Sul Paesaggio .............................................................................................................................................................#4
, 6mpatto Sull-assetto Demogra%ico ...........................................................................................................................................#5
5 6mpatto Sull-assetto 6gienico<Sanitario ....................................................................................................................................#5
3 6mpatto Sul Sistema Socio<$conomico ...................................................................................................................................#5
P 6mpatto Sul Sistema 6n%rastrutturale ........................................................................................................................................#
Capitolo 4 Con"lu&ioni ......................................................................................................................................................................''
1 6mpatti derivanti dall-intervento ......................................................................................................................................................##
2 3pere di ,itigazione e 'ompensazione .......................................................................................................................................#8
Capitolo ( Modalit) di Ripri&tino Am%ientale ..................................................................................................................................#
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


4

PREMESSA

La ditta P.S.P. SrL ha in essere una autorizzazione ai sensi dellart. 216 del D.Lgs. 152/2006
rinnovata con Determinazione Dirigenziale n. 82-10 Settore del 06-03-2012 voltura della
Determinazione Dirigenziale n. 403-10Settore del 02-10-2009 con la quale opera nelle cos dette
procedure semplificate per il recupero di inerti attraverso operazioni R13.
Si tenga presente che come riportato nellautorizzazione D.D. 403/2009 la ditta risulta iscritta al n.
242 del registro delle imprese che svolgono attivit di recupero dei rifiuti in procedura semplificata
sin dal 2001.

Tale autorizzazione si basava sulla scelta operativa di avere loperazione di messa in riserva dei
rifiuti e successivamente, con le tempistiche previste dalla normativa, operare attraverso
campagne mobili (R5) per il recupero del materiale.
A tal fine la Ditta P.S.P. si dotata di un macchinario mobile che stato oggetto di idonea
procedura autorizzativa da parte della Provincia di Macerata ai sensi dellart. 208 del D.Lgs.
152/2006.

Nel contempo la Sentenza sulla Legge Regionale in materia di VIA ha esplicitamente evidenziato
che il recupero dei materiali inerti da demolizione e costruzione non assoggettato a tali
procedure solo ed esclusivamente se avviene presso lo stesso sito di produzione del rifiuto stesso.
Valutata quindi lubicazione e gli spazi dellattuale sito di messa in riserva, in particolare la
vicinanza ad altri edifici, la Ditta ha deciso di delocalizzare tale attivit e richiedere quindi
lautorizzazione per lattivit di recupero inerti derivanti dalla demolizione tramite frantumazione
secondo quanto previsto per il trattamento e la gestione dei rifiuti codificate dallart. 208 del D. Lgs.
152/06 e successive modifiche e integrazioni alloperazione R5 (Riciclo/recupero di altre sostanze
inorganiche) previa stoccaggio dei rifiuti tramite operazione R13 (Messa in riserva di rifiuti per
sottoporli ad una delle operazioni indicate nei punti da R1 a R12) nonch operazione R12
(scambio di rifiuti per sottoporli ad una delle operazioni indicate da R1 a R11).

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


5
Estratto di mappa attuale sito autorizzato in procedura semplificata

La Legge Regione Marche n. 3 del 26.03.2012 prevede nellallegato B2 punto 7 lettera q che gli
impianti di smaltimento e recupero rifiuti non pericolosi che eseguono trattamenti da R1 a R9 con
capacit superiore a 10 ton/giorno devono essere sottoposti a preventiva procedura di verifica di
assoggettabilit a Valutazione di Impatto Ambientale.

La ditta P.S.P. SrL ha previsto di svolgere presso il sito di propriet in C.da Tergi nel Comune di
Potenza Picena lattivit di trattamento, recupero e smaltimento rifiuti non pericolosi con operazioni
R5 R12 R13 con quantit giornaliere superiori a 10 ton/g e conseguentemente risulta
assoggettato alla casistica di cui sopra.

Inoltre la Ditta, come previsto dalla vigente normativa, ha scelto di attivare direttamente le
procedure di cui al capo III richiedendo lavvio della procedura di Valutazione Impatto Ambientale
come previsto dallart. 12 della stessa Legge Regionale n. 3 del 2012

Ai fini di ottenere lautorizzazione alla gestione ai sensi dellart. 208 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.
liter amministrativo di assoggettabilit a V.I.A., art 12 della L.R. N 3/2012, prevede che il
proponente presenti il progetto dellintervento mediante uno studio di impatto ambientale (SIA)
contenente le informazioni ed i dati in base ai quali sono stati individuati e valutati gli effetti che
questo pu avere sullambiente, con le misure che si intendono attuare per minimizzarli.

In ottemperanza ai citati disposti il presente documento costituisce la relazione sullidentificazione
degli impatti ambientali attesi.

Nel predisporre la presente documentazione si fatto inoltre particolare riferimento alle indicazioni
espresse dalla normativa nazionale in materia di V.I.A. a tal fine il documento viene redatto sulla
base di tre principali quadri definiti programmatico, ambientale e progettuale.

Successivamente alla conclusione della procedura di Valutazione di Impatto Ambientale la
ditta valuter le conclusioni riportate nel provvedimento contenente le condizioni per la
realizzazione dellopera e quindi richieder leventuale autorizzazione ai sensi dellart. 208
del D.Lgs. 152/2006.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


6
Motivazioni delliniziativa

Liniziativa che la ditta P.S.P. SrL intende intraprendere quella di ottenere lautorizzazione
ordinaria ai sensi dellart. 208 del D.Lgs. 152/06 per lattivit di gestione e trattamento rifiuti non
pericolosi al fine di realizzare unarea adeguatamente attrezzata dove fornire un ulteriore servizio
ai clienti che si interfacciano con la normale attivit svolta dalla ditta che consiste in
ESCAVAZIONI E DI TUTTE LE OPERE CHE RIGUARDANO IL MOVIMENTO TERRA,
DEMOLIZIONI, FORNITURE MATERIALI INERTI, SBANCAMENTI, LOTTIZZAZIONI
RESIDENZIALI E INDUSTRIALI.

La ditta, come detto, risulta in possesso di autorizzazione alle procedure semplificate di cui allart.
216 del D.Lgs. 152/2006 e di un impianto di frantumazione mobile per il quale stata rilasciata
autorizzazione ai sensi dellart. 208 del D.L.fg 152/2006 dalla Provincia di Macerata.

Il progetto prevede luso di tale impianto mobile, con la conferma delle modalit operative
previste per tale macchinario, e luso dello stesso in modo continuativo e quindi in assenza di
specifica richiesta di campagna mobile presso il sito in progetto che, come ribadito dalla
sentenza della corte costituzionale n. 93/2013, non pu essere esentato dalla procedura di
Valutazione Impatto Ambientale in quanto, pur trattando rifiuti provenienti da attivit di
costruzione e demolizione, non possiede la caratteristica che il recupero avviene nello stesso
luogo in cui siffatti rifiuti sono prodotti, cos da rivelarne il ridotto impatto ambientale.

I macchinari che si intendono utilizzare per lattivit di recupero inerti da demolizione risultano
quindi:
Trituratore REV GCV 75 ZEFFIRO n. matr. 10602 Anno 2001.
Unit Vaglio US 25 3 matricola n. 10110

Lintervento viene ad insediarsi allinterno di unarea individuata dalla ditta al fine di svolgere
lattivit di recupero dei rifiuti e relativa ad un ex sito di cava oggi dismesso.

Stralcio C.T.R. con individuata larea di intervento
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


7

Al fine della Valutazione di tale localizzazione si previsto lo studio dei piani progettuali, in linea
con quanto disposto dagli eventuali vincoli stabiliti dal P.R.G. comunale, dal P.T.C., dal PAI, dalle
fasce di rispetto dalle strade e dalle specie arboree protette, ecc., ed stata impostata in funzione
dellottenimento del minor impatto ambientale possibile mediante limpiego di materiali compatibili
con le caratteristiche ambientali di seguito descritte.

La valutazione di impatto ambientale nel caso specifico ha lo scopo di stimare quali-
quantitativamente gli impatti generati dalla gestione dellimpianto al fine di proporre se necessarie
modifiche allopera allo scopo di apportare migliorie operative orientate alla salvaguardia
dellambiente e della salute pubblica.

Lo studio, in definitiva, stato redatto in conformit alla Leggi Regionali e Statali in materia ed in
particolare viene a contenere gli elementi di cui all allegato D della L.R. 3/2012 ed in base allart.
24 la giunta Regionale dovrebbe adottare le linee giuda necessarie a dare attuazione alla suddetta
legge entro i 180 giorni dalla entrata in vigore della stessa (20 aprile 2012); fino alla adozione delle
stesse, sono fatte salve le linee giuda approvate con deliberazione della Giunta Regionale 21
Dicembre 2004 num. 1600 come previsto dallart. 27 della L.R. 3/2012.

Si sviluppato il presente S.I.A. suddividendolo in:

quadro di riferimento progettuale;
quadro di riferimento programmatico;
quadro di riferimento ambientale.




Tutte le informazioni non strettamente tecniche tipo i procedimenti gestionali etc vengono
dichiarate per conto della Ditta, esse sono dedotte e realizzate tramite dati, notizie ed informazioni
fornite dal legale rappresentante il quale (anche dinanzi a terzi) si assume tutte le responsabilit
civili e penali delle dichiarazioni effettuate, lo stesso dicasi per le schede non tecniche ed i disegni
allegati al presente Studio; il legale rappresentante controfirmando per accettazione la testatina del
presente elaborato ne approva il contenuto.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


8

Capitolo 1 Quadro di riferimento Progettuale

1 Autorit competente

Lart. 4 comma 2 della L.R. N3/2012 prevede che la Provincia di Macerata sia competente per la
valutazione della procedura di V.I.A. in quanto non si in presenza di un impatto ambientale
interprovinciale, interregionale o transfrontaliero.
Limpianto proposto localizzato interamente nella Provincia di Macerata e precisamente nel
territorio del Comune di Potenza Picena.



2 La societ proponente

La societ P.S.P. SrL con sede legale in Via Varco scn 62018, nel Comune di Potenza Picena
(MC), ha intenzione di realizzare il progetto nellarea contraddistinta al catasto al foglio 31
particelle 204-205-208 che attualmente risulta di proprietario del sig. Nello SCOCCO come risulta
dallo stralcio sotto e dalla visura rilasciata dallo stesso ufficio.


STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


9

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


10

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


11


STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


12
La ditta proponente si munita di autorizzazione alla presentazione dellistanza da parte del
proprietario che si allega in copia come previsto dalla normativa.

3 Scelta del sito di progetto

Larea oggetto di intervento ubicata in zona agricola ed facilmente accessibile, in quanto posta
nei pressi di strade asfaltate ed in particolare della Strada Provinciale 101, in contrada Tergi ed
stata individuata in quanto idonea come facilmente raggiungibile ai fini delle attivit svolte in campo
edile dalla ditta stessa.

Vista Foto Aerea con individuata larea di intervento
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


13


Individuazione (Freccia Rossa) del nuovo sito per lattivit R13 R5 e con la stella ubicazione dellattuale R13

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


14
In base al PRG del Comune di Potenza Picena larea risulta avere destinazione ZONA
AGRICOLA E come riportato nello stralcio del PRG stesso.



Con lattuazione del progetto ai sensi dellart. 208 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.i. si avr che
lintervento proposto comporta la mutazione della destinazione duso urbanistica dellarea.

Inoltre ricadendo lintera area in questione soggetta al vincolo del D.Lgs. 42/2004 si dovr ottenere
anche la relativa autorizzazione paesaggistica.

4 Alternative al sito di progetto

Il sito in esame stato scelto dalla Ditta Proponente in relazione alla sua ubicazione, funzionale
alle esigenze generali della P.S.P. SrL, e dalla positiva valutazione della disponibilit e situazione
morfologica dellarea. Infatti tale sito risulta gi, da un punto di vista morfologico ed ambientale,
essere stato modificato ed antropizzato in quanto utilizzato per la realizzazione di sito di cava di
estrazione, oggi dismessa e che risulta ancora visibile come sistemazione attuale topografica
dellarea.

Alla luce di quanto sopra, dal punto di vista di analisi degli impatti, procedendo ad una valutazione
delle possibili alternative di progetto attraverso una analisi multi criteri (ACM) si ricade nella
casistica definita alternativa di tipo .
Con tale tipologia si definisce lo Studio Preliminare Ambientale (SPA) che riguarda un progetto
gi ben definito per il quale si vogliono attuare interventi che, dal punto di vista ambientale,
tendono ad ottimizzare lo stesso riducendo gli impatti previsti e mitigando gli impatti residuali che
si generano dalla attuazione dellopera.

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


15
Il presente SIA quindi mirato a verificare le componenti riportate di seguito in relazione
alla realizzazione di un impianto di recupero rifiuti inerti da demolizione con capacit
complessiva superiore a 10 t/giorno, mediante operazione R5.

Per quanto sopra illustrato (sito di ex cava dismessa con andamento morfologico gi
compromesso rispetto allo stato naturale, disponibilit dellarea a favore della ditta, viabilit
favorevole allinsediamento in esame) non si quindi presa in considerazione lalternativa della
delocalizzazione dellintervento in altra area differente.

Lalternativa possibile quella di continuare ad operare presso lattuale sito autorizzato
procedendo con una verifica di impatto ambientale per lattuazione di campagne mobili e/o per
luso continuativo del frantumatore al fine di operare il recupero R5. In tale sito la ditta si
troverebbe costretta a operare in spazi ristretti con movimentazioni maggiori dei materiali e quindi
maggiori problematiche di gestione delle polveri e rumori anche in considerazione della presenza a
poca distanza di altri edifici.

Si rimarca, inoltre, che la presenza della gestione dei rifiuti ai fini del recupero del materiale inerte
da demolizione permette di assolvere ad una necessit che la Legge stessa prevede come di
PUBBLICA UTILITA consentendo alla ditta stessa di procedere al vaglio, cernita e recupero di
materiali derivanti principalmente dalla propria attivit edile (vedasi demolizioni di pavimenti, solai,
ristrutturazioni, scavi, .).


STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


16
5 Descrizione del Progetto

Il progetto in esame prevede, rispetto allo stato attuale, la realizzazione di movimenti terra cos
da ottimizzare le aree di lavoro rispetto alla situazione morfologica in pendenza esistente
lasciata dalla vecchia attivit di cava.

Al fine di ottimizzare lattivit e la movimentazione dei rifiuti per il recupero stata definita la
soluzione consistente nel realizzare una zona primaria destinata alla ricezione e stoccaggio
del materiale da trattare posta in una zona a maggiore quota altimetrica del sito.
Quindi si prevede la realizzazione di una scarpata cos da ottenere una zona ad una quota
inferiore di circa 2,90 metri dove verr alloggiato il frantumatore, il vaglio ed i cumuli di
materiale oggetto di recupero.
Con tale scelta progettuale si permette alla ditta di ottimizzare le operazioni di carico del rifiuto
nella bocca del frantumatore che si trova ad una quota pari a circa quella del piazzale di
stoccaggio e riducendo cos le cadute dallalto del materiale e conseguentemente le polveri
che si potrebbero generare in fase di carico.


SISTEMAZIONE DELLAREA COME DA PROGETTO

In particolare nellarea sono state individuate differenti zone relative a:
Area di deposito Materiale da Trattare;
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


17
Area di deposito del Materiale Trattato e quindi non pi classificato come rifiuto;
Tettoie di deposito rifiuti derivanti dalla selezione e da inviare ad altri impianti e/o
prodotti
Aree di lavorazione e transito;
Area destinata alla viabilit e scarico dei materiali.

Dato lattuale momento economico la ditta ha intenzione di realizzare lintero progetto in un
quadro temporale differenziato, come meglio specificato nelle restanti parti del SIA, attuando
inizialmente i lavori per la zona a quota pi elevata e solo parzialmente i piazzali a zona
inferiore. Con tale scelta si potr iniziare ad operare lattivit di recupero a conclusione di tali
opere e quindi successivamente si andr a completare ledificazione delle varie tettoie e
sistemazioni finali.

In definitiva la progettazione prevede in primis la sistemazione dellarea di stoccaggio dei rifiuti
prima di avviarli alle operazioni di trattamento consistenti nella cernita e nella frantumazione.

Per questo verr approntata una piattaforma in cls armato previa posa in opera di un
sottostante telo impermeabile per garantire una ulteriore protezione delle matrici ambientali
primarie anche in caso di problematiche della pavimentazione stessa.

Il piazzale, di nuova realizzazione, verr dotato di sistemi per la raccolta delle acque
meteoriche e/o di quelle derivanti dagli innaffiatori utilizzati per labbattimento delle polveri che
si possono creare durante lo scarico e/o la movimentazione del rifiuto. Tali acque verranno
opportunamente convogliate presso alcune vasche di decantazione dei liquidi dalle quali le
stesse verranno recuperate per i cicli di bagnatura e/o di abbattimento delle polveri per
innaffiatori e attrezzature di cantiere al fine di migliorare il riciclo e riuso delle acque.

Per quanto concerne larea di lavorazione (R5), posizionata nella parte a quota inferiore del
sito si evidenzia che verr dotata di idonei presidi per la raccolta di eventuali liquidi che
saranno anchessi convogliati in vasche di raccolta a tenuta stagna dalle quali si prelevano,
successivamente alla decantazione, le quantit necessarie per labbattimento delle polveri sia
dei materiali stoccati che in fase di lavorazione.

Tale scelta operativa stata valutata anche al fine di ottimizzare il consumo delle risorse
idriche in relazione alle difficolt di approvvigionamento idrico della zona.

6 Viabilit

Si premette che laccesso allimpianto avviene attraverso una strada di servizio in buono stato di
manutenzione e di adeguata ampiezza che risulta realizzata a servizio della precedente attivit di
cava ed ancora oggi mantenuta in buono stato di manutenzione.

In particolare laccesso dei mezzi provenienti dalla Strada Provinciale 101, che collega Potenza
Picena a Porto Potenza Picena, garantita da un imbocco che risulta ampio e permette un buona
visibilit ai mezzi in ingresso ed in uscita.

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


18


Si procede lungo la via comunale dalla quale in corrispondenza di un nuovo crocevia si prende la
strada sulla destra. Anche in questo caso tale incrocio risulta agevole per i mezzi in ingresso ed
uscita


STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


19
Procedendo lungo la strada comunale lacceso allimpianto avviene ad un crocevia con la strada,
non asfaltata, posta sulla sinistra che garantisce un idoneo accesso ai mezzi.


7 Edifici
Allo stato attuale nella zona in oggetto non sono presenti edifici.

Con il progetto in esame si prevede che allinterno del centro vengono a realizzarsi i seguenti
locali:

Edificio Uffici
n. 2 Tettoie per messa in riserva, deposito temporaneo di rifiuti provenienti dalla attivit di
recupero da destinare ad altri impianti
n. 1 tettoia utilizzata per ulteriori aree di deposito rifiuti provenienti dalla attivit e per il
rimessaggio dei mezzi utilizzati in sito e per lattivit della ditta.

Si specifica che tutte le costruzioni sono state previste in progetto nel rispetto delle distanze
previste dal Codice Civile per le distanze dai confini e tra le costruzioni.

In definitiva il progetto prevede che lintero impianto risulter suddiviso in alcune aree tipologiche:
area per lo stoccaggio degli inerti vergini che possono subire anche un processo di riduzione
dimensionale e destinati allarricchimento dei prodotti recuperati da rivendere sul mercato;
area per lo stoccaggio di rifiuti in ingresso ubicati in zona specifica e dotata di sistema per la
raccolta delle acque;
area per il posizionamento dei rifiuti derivanti dal trattamento e selezione dei rifiuti;
area per limpianto di macinazione e vagliatura;
area per la viabilit e movimentazione;
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


20
area per lo stoccaggio di materiali selezionati prima della commercializzazione distinti a
seconda della differenza dimensionale in sabbia, pietrisco, pietrischetto, stabilizzato 0-50 o 0-
70, stabilizzato 0-20 o 0-40.

8 Descrizione Del Ciclo Produttivo

Limpianto di recupero finalizzato al trattamento dei rifiuti rappresentati dai materiali inerti e
prevalentemente vengono trattati quelli riconducibili ai punti 7.1, 7.11 e 7.14 dell'allegato 1, sub-
allegato 1 al DM 05.02.98 costituiti da laterizi, intonaci e conglomerati di cemento armato e non,
pali in calcestruzzo armato, frammenti di rivestimenti stradali, purch privi di amianto; sfridi di
laterizio cotto, argilla espansa, sfridi di prodotti ceramici; pietrisco tolto d'opera, detriti di
perforazione.

Limpianto in esame risulta comunque concepito per il recupero di materiale da riciclaggio:
Conglomerato bituminoso;
Materiale Laterizio;
Materiali Argillosi;
Materiali Terrosi;
Materiali Umidi;
Cemento Armato se misto con i precedenti materiali (max 20-30%)

La regolazione dellinterasse del trituratore permette di definire la pezzatura del materiale in uscita
ed il tutto finalizzato allottenimento di materia prima secondaria rappresentata principalmente
da:

Materiale inerte di varia pezzatura destinato al recupero in edilizia che verr depositato in
apposite aree in attesa della successiva commercializzazione.

In particolare si intende ottenere materiale dal recupero degli aggregati riciclati definito come:
Sabbia 0/3
Stabilizzato 4/16
Pietrisco 16/22
Pietra 22/70
Granulato di Marmo

Le aree che verranno dedicate alle operazioni di stoccaggio dei materiali in entrata, (munite di
adeguata pavimentazione impermeabile: pavimentazione in calcestruzzo con telo di sicurezza per
la zona di stoccaggio dei materiali inerti) saranno dotate di rete di raccolta delle acque meteoriche
di dilavamento che invieranno tali reflui nelle vasche di sedimentazione previste allinterno del sito.
Lo scopo principale dellattivit richiesta come precedentemente riportato quindi il recupero totale
dei materiali trattati mediante: cernita, frantumazione, vaglio, ai fini dellottenimento dei
prodotti sopra elencati.

Per tali lavorazioni necessaria una accurata operazione di separazione dei materiali di diversa
tipologia contenuti nei rifiuti in entrata che provengono prevalentemente da attivit di demolizione,
costruzione e manutenzione stradale.

Inglobati in tali materiali sovente si riscontrano tra i laterizi, nonch tra le altre tipologie di rifiuti da
demolizione, rifiuti di ferro, legno, plastiche etc.. che verranno separati (R12) prima di inviare
linerte alla frantumazione e/o vagliatura e/o negli impianti di recupero (R5).
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


21

In particolare la modalit gestionale del centro prevede che i rifiuti in arrivo saranno inviati nelle
aree deputate al mero stoccaggio dei materiali inerti (R13).

Successivamente si proceder alla cernita (R12 sopra menzionata) avendo cura di asportare dai
materiali in ingresso tutte le parti estranee presenti. Da tale passaggio i rifiuti ricavati e non oggetto
di trattamento successivo verranno stoccati nei cassoni e contenitori ubicati negli appositi spazi
previsti e dotati di tettoie e/o coperture mentre per resto del materiale subir il procedimento di
recupero diverso e differenziato a seconda del materiale (R5).

In definitiva avremmo che loperazione R5 si attuer per il TRATTAMENTO INERTI come segue:
tramite una pala meccanica gommata il materiale verr caricato allinterno della tramoggia che lo
convoglier nella zona del trituratore dove verr frantumato.


Il trattamento avverr in un tempo variabile tra le due ore e i due giorni. Attraverso la zona di
caricamento della bocca del frantumatore linerte cernito cadr allinterno del trituratore subendo le
operazioni di frantumazione.

Successivamente attraverso un sistema convogliatore a nastri linerte frantumato confluir nella
linea di selezione prescelta attraverso la quale il materiale verr vagliato e suddiviso secondo la
granulometria di prodotto finale prescelta come sopra descritta.

Il materiale cos ottenuto verr abbancato in cumuli nelle aree adibite a deposito attraverso luso di
pale meccaniche in attesa di essere utilizzato dalla ditta medesima nella propria attivit o
commercializzato.

Il trituratore che verr utilizzato ai fini delloperazione di recupero rifiuti R5 risulta quello gi
autorizzato dalla Provincia di Macerata come impianto mobile e per il quale stata presentata nel
2013 la documentazione agli Enti preposti al rilascio (Provincia, Comune, ARPAM, ASUR) alla
quale si rimanda per ogni specifica.

Identificazione dell'impianto: marca REV, tipo GCV 75 Zeffiro, n matricola 10602, anno di
costruzione 2001.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


22
Il ciclo produttivo della macchina inizia dall'alimentatore a vibrazione, nella cui tramoggia, si deve
caricare il materiale da frantumare per mezzo di una pala o di un escavatore.
L'alimentazione a vibrazione esegue una prima selezione: il materiale fine (detto anche sporco
perch solitamente terroso) che passa al di sotto del piano a barrotti, pu essere convogliato o sul
nastro laterale (per formare un cumulo) o su quello principale con il materiale frantumato
proveniente dal frantoio.
Il frantoio, viene alimentato con il materiale di pezzatura maggiore che avanza sopra il piano a
barrotti dellalimentatore. Il frantoio la parte pi importante della macchina nella quale i massi
vengono frantumati schiacciandoli fra una mascella fissa e una mobile.
Il materiale non pu uscire finch non ha raggiunto la dimensione di regolazione della bocca di
uscita.
Il materiale frantumato, trasportato dal nastro principale, pu passare sotto un nastro magnetico
deferizzatore che separa il ferro contenuto nella demolizione del calcestruzzo.
Il materiale uscente pu andare direttamente al cumulo oppure alimentare un gruppo di vagliatura.
La macchina dotata di impianto abbattimento della polvere mediante spruzzo di acqua
nebulizzata; i nebulizzatori sono posti nei punti di maggiore produzione di polvere.
Per la suddivisione del prodotto finale in varie pezzature si pu fare uso del gruppo di vagliatura. Il
materiale in uscita dal frantoio viene convogliato al vaglio vibrante dal quale si dipartono il gruppo
di nastri in funzione delle pezzature.
L'unit di frantumazione, una volta avviata, non richiede operatori a bordo durante il
funzionamento, ma richiede solo lalimentazione del materiale base, e levacuazione del prodotto
finito.
Al frantoio risulta abbinato un Vaglio US 25 3 matricola n. 10110 con le caratteristiche come di
seguito riportate

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


23

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


24

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


25



STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


26
9 Rifiuti
Pur risultando la specifica dei codici oggetto di trattamento legati alla successiva procedura di
autorizzazione ai sensi dellart. 208 del D.Lgs. 152/06 si riporta di seguito una tabella non
esaustiva con lidentificazione del codice e lattivit che si intende attuare in relazione alla istanza
di autorizzazione dellimpianto mobile gi depositata presso la provincia.

Per quanto concerne la gestione dei rifiuti si specifica che la singola operazione R13 R12 verr
svolta sui rifiuti in ingresso e/o prodotti dalla selezione e trattamento R5 ai fini della messa in
riserva per il successivo invio ad impianti autorizzati al trattamento di tale materiale.

CODICE
CER
TIPOLOGIA RIFIUTI OPERAZIONE
Quantit
Stoccabile
Ton/Giorno
Quantit
Stoccabile
Ton/ANNO
01
Rifiuti derivanti da prospezione, estrazione da miniera o cava,
nonch dal trattamento fisico o chimico di minerali
01 01 Rifiuti prodotti dall'estrazione di minerali
01 01 02 rifiuti da estrazione di minerali non metalliferi R5 - R12 - R13 60 200
01 04
rifiuti prodotti da trattamenti chimici e fisici di minerali non
metalliferi
01 04 08
scarti di ghiaia e pietrisco, diversi da quelli di
cui alla voce 01 04 07 R5 - R12 - R13 45 150
01 04 13
rifiuti prodotti dalla lavorazione della pietra,
diversi da quelli di cui alla voce 01 04 07 R5 - R12 - R13 45 150
10 Rifiuti provenienti da processi termici
10 13
Rifiuti della fabbricazione di cemento, calce e gesso e
manufatti di tali materiali
10 13 11
rifiuti della produzione di materiali compositi a
base di cemento, diversi da quelli di cui alle
voci 10 13 09 e 10 13 10 R5 - R12 - R13 45 150
10 13 14 rifiuti e fanghi di cemento R5 - R12 - R13 45 150
12
rifiuti prodotti dalla lavorazione e dal trattamento fisico e
meccanico superficiale di metalli e plastica
12 01
rifiuti prodotti dalla lavorazione e dal trattamento fisico e
meccanico superficiale di metalli e plastiche
12 01 01 limatura e trucioli di materiali ferrosi R13 10 40
12 01 99 rifiuti non specificati altrimenti (gessi da stampi) R13 40 120
15
Rifiuti Di Imballaggio, Assorbenti, Stracci, Materiali Filtranti E
Indumenti Protettivi (Non Specificati Altrimenti)
15 01
imballaggi (compresi i rifiuti urbani di imballaggio oggetto di
raccolta differenziata)
15 01 01 imballaggi in carta e cartone R12 - R13 15 45
15 01 02 imballaggi in plastica R12 - R13 20 60
15 01 04 imballaggi metallici R12 - R13 15 45
15 01 05 imballaggi in materiali compositi R12 - R13 5 20
15 01 06 imballaggi in materiali misti R12 - R13 20 80
15 01 07 imballaggi in vetro R12 - R13 10 40
16 Rifiuti Non Specificati Altrimenti Nell'elenco
16 01
veicoli fuori uso appartenenti a diversi modi di trasporto
(comprese le macchine mobili non stradali) e rifiuti prodotti
dallo smantellamento di veicoli fuori uso e dalla
manutenzione di veicoli (tranne 13, 14, 16 06 e 16 08)
16 01 20 Vetro R12 - R13 10 40
17
Rifiuti delle operazioni di costruzione e demolizione
(compreso il terreno proveniente da siti contaminati)
17 01 cemento, mattoni, mattonelle e ceramiche
17 01 01 Cemento R5 - R12 - R13 15 45
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


27
CODICE
CER
TIPOLOGIA RIFIUTI OPERAZIONE
Quantit
Stoccabile
Ton/Giorno
Quantit
Stoccabile
Ton/ANNO
17 01 02 Mattoni R5 - R12 - R13 20 80
17 01 03 Mattonelle e ceramica R5 - R12 - R13 10 40
17 01 07
miscugli o scorie di cemento, mattoni,
mattonelle e ceramiche, diverse da quelle di
cui alla voce 17 01 06 R5 - R12 - R13 15 50
17 02 legno, vetro e plastica
17 02 02 Vetro R12 - R13 5 20
17 02 03 Plastica R12 - R13 5 20
17 03
miscele bituminose, catrame di carbone e prodotti contenenti
catrame
17 03 02
miscele bituminose diverse da quelle di cui alla
voce 17 03 01 R5 - R12 - R13 15 40
17 04 metalli (incluse le loro leghe)
17 04 01 Rame, Bronzo, ottone R13 1 4
17 01 02 Alluminio R13 1 4
17 01 04 Piombo R13 0,5 2
17 04 05 Ferro e acciaio R13 15 45
17 01 07 Metalli Misti R13 0,5 2
17 01 11 cavi, diversi da quelli di cui alla voce 17 04 10 R13 0,5 2
17 05
terra (compreso il terreno proveniente da siti contaminati),
rocce e fanghi di dragaggio
17 05 04
terra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce
17 05 03 R5 - R12 - R13 200 800
17 05 06
fanghi di dragaggio, diversa da quella di cui
alla voce 17 05 05 R5 - R12 - R13 200 800
17 05 08
terra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce
17 05 03 R5 - R12 - R13 100 400
17 06
materiali isolanti e materiali da costruzione contenenti
amianto
17 06 04
materiali isolanti diversi da quelli di cui alle voci
17 06 01 e 17 06 03 R13 5 15
17 08 materiali da costruzione a base di gesso
17 08 02
materiali da costruzione a base di gesso
diversi da quelli di cui alla voce 17 08 01 R5 - R12 - R13 5 15
17 09 altri rifiuti dell'attivit di costruzione e demolizione
17 09 04
rifiuti misti dell'attivit di costruzione e
demolizione, diversi da quelli di cui alle voci 17
09 01, 17 09 02 e 17 09 03 R5 - R12 - R13 800 2800
20
Rifiuti Urbani (Rifiuti Domestici E Assimilabili Prodotti Da
Attivit Commerciali E Industriali Nonch Dalle Istituzioni)
Inclusi I Rifiuti Della Raccolta Differenziata
20 01
frazioni oggetto di raccolta differenziata
(tranne 15 01)
20 01 01 carta e cartone R13 10 30
20 01 02 vetro R13 5 15
20 01 40 metallo R13 5 15
20 03 altri rifiuti urbani
20 03 03 Rifiuti da spazzamento stradale R5 - R12 - R13 20 40
20 03 99
rifiuti urbani non specificati altrimenti (sabbia e
conchiglie) R5 - R12 - R13 200 1000



Tali rifiuti provengono quasi esclusivamente da cantieri edili della ditta P.S.P. SrL che risulteranno
dislocati allinterno del Territorio Regionale, in particolar modo dalla Provincia di Macerata e
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


28
Ancona data la vicinanza del confine provinciale e le attivit della ditta che si estendono ai comuni
limitrofi al sito di intervento.

Alla luce dellattivit di gestione sopra descritta si avranno, derivanti dalle operazioni di
trattamento, dei rifiuti prodotti che verranno depositati in idonei contenitori per essere
successivamente avviati ad impianti di smaltimento e/o recupero autorizzati nel rispetto di quanto
stabilito dal D.Lgs. 152/2006 e s.m.i.

CODICE DESCRIZIONE OPERAZIONE
19 12 01 carta e cartone R13
19 12 02 metalli ferrosi R13
19 12 03 metalli non ferrosi R13
19 12 04 plastica e gomma R13
19 12 05 vetro R13
19 12 07 legno diverso da quello di cui alla voce 19 12
06
R13
19 12 08 prodotti tessili R13
19 12 12 altri rifiuti (compresi materiali misti) prodotti dal
trattamento meccanico dei rifiuti, diversi da
quelli di cui alla voce 19 12 11
R13


In definitiva lattivit richiede la possibilit di attuare le seguenti operazioni:

R13 Messa in riserva di rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate nei punti da R1 a
R12 (escluso il deposito temporaneo, prima della raccolta, nel luogo in cui sono prodotti)
................................................................................ Quantitativo pari a 2.038,50 ton/giorno
.............................................................................................................. 7.547,00 Ton/anno

R5 Riciclaggio/recupero di altre sostanze inorganiche
................................................................................ Quantitativo pari a 1.840,00 ton/giorno
.............................................................................................................. 6.910,00 Ton/anno

Considerando, a vantaggio di sicurezza, i soli spazi della piazzola in conglomerato cementizio
destinata per lesercizio dellattivit di R13 si stima per la stessa una capacit massima di
stoccaggio istantaneo pari a:

900 mq x 3 mt x 1,25 ton/mc = 3.375,00 ton

Maggiore di quanto richiesto giornalmente nella presente procedura per lattivit R13 - R12.

Mentre per lattivit di R5 considerando le potenzialit dei macchinari a disposizione e le capacit
tecnico organizzative dellimpianto risulta che assumendo, da scheda tecnica del trituratore, una
capacit di lavorazione giornaliera massima di circa 80 Ton/ora risulta su un ciclo lavorativo
giornaliero di 8 ore una capacit di:

80 ton/ora x 8 ore = 640 ton/giorno

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


29
Tale quantitativo risulta circa 1/3 della produttivit giornaliera richiesta dalla Ditta sulla base dei
codici CER sopra elencati in quanto riferito alla reale produttivit dellimpianto mentre i 1.840,00
ton/giorno sono relativi alla somma dei quantitativi massimi giornalieri dei codici CER sottoposti
alloperazione R5 richiesti dalla ditta stessa.
Risulta evidente che, non potendo il macchinario attualmente disponibile lavorare oltre tale
quantitativo, la potenzialit reale dellimpianto in condizioni normali sar per loperazione di
recupero R5 pari a 640 ton/giorno.

Si ribadisce che in base alla L.R. n. 3/2012 per tale tipologia di attivit che si ricade nellallegato
B2 punto 7 progetti di infrastrutture lettera q) Impianti di smaltimento e recupero di rifiuti non
pericolosi, con capacit complessiva superiore a 10 t/giorno, mediante operazioni di cui all'allegato
C, lettere da R1 a R9, della parte quarta del d.lgs. 152/2006, ad esclusione degli impianti mobili
per il recupero in loco dei rifiuti non pericolosi provenienti dalle attivit di costruzione e
demolizione..


Al fine delle procedure operative si consideri che il rifiuto in ingresso viene conferito tramite
automezzi dotati di cassoni ribaltabili precedentemente autorizzati al trasporto dei rifiuti dallAlbo
Gestori Ambientali.
Una volta arrivato allimpianto il carico viene controllato, accettato e quindi inviato, da parte
delladdetto allo scarico, verso il dispositivo di pesatura.
Successiva alla pesatura il mezzo viene accompagnato alla zona di scarico (R13) e quindi lascia
limpianto.

Nella zona di messa in riserva il rifiuto subir una prima operazione preliminare consistente nella
cernita, la frammentazione, la compattazione, la separazione ed il raggruppamento (R12) quindi il
materiale cos separato verr inviato alla zona di lavorazione (R5) tramite lutilizzo di pala
meccanica che scaricher il materiale nella tramoggia posta a quota inferiore rispetto al piano della
zona R13.

Dopo essere stato trattato e lavorato il materiale di risulta suddiviso a seconda delle granulometrie
viene depositato nellapposita area destinata ai materiali riciclati dal quale dopo, leffettuazione dei
previsti Test di Cessione e verifiche, perde la sua qualifica di rifiuto e quindi stoccato in attesa di
essere commercializzato e/o utilizzato nelle attivit di movimenti terra, opere stradali e simili svolte
dalla Ditta stessa.

In merito a tale aspetto si rimanda a quanto gi evidenziato in fase di autorizzazione dellimpianto
mobile ovvero che la cessazione della qualifica di rifiuto oggi disciplinata dal D.Lgs. 152/2006 e
ss.mm.ii. con lart. 184 Ter.

184-ter. Cessazione della qualifica di rifiuto (articolo introdotto dall'art. 12 del d.lgs.
n. 205 del 2010)
1. Un rifiuto cessa di essere tale, quando stato sottoposto a unoperazione di recupero, incluso il
riciclaggio e la preparazione per il riutilizzo, e soddisfi i criteri specifici, da adottare nel rispetto delle
seguenti condizioni:
a) la sostanza o loggetto comunemente utilizzato per scopi specifici;
b) esiste un mercato o una domanda per tale sostanza od oggetto;
c) la sostanza o loggetto soddisfa i requisiti tecnici per gli scopi specifici e rispetta la
normativa e gli standard esistenti applicabili ai prodotti;
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


30
d) lutilizzo della sostanza o delloggetto non porter a impatti complessivi negativi
sullambiente o sulla salute umana.


Nel caso in esame i materiali derivanti dallattivit di recupero R5 risultano conformi e possono
essere utilizzati per effettuare recuperi ambientali (riempimenti, rilevati, piazzali, isolamenti o
impermeabilizzazioni) oppure essere inviati ad altri tipologie impiantistiche come:
- cementifici,
- produzione di conglomerati bituminosi,
- isolamenti e impermeabilizzazioni,
- recuperi ambientali (riempimenti),
- realizzare rilevati, sottofondi stradali, piazzali
- la produzione di impasti ceramici e laterizi.

Purch rispettino i requisiti tecnici definiti dal D.M. 5/2/1998 punto 7.1.3 dellallegato 1, suballegato
1, che prevede: ".fasi meccaniche e tecnologicamente interconnesse di macinazione, vagliatura,
selezione granulometrica e separazione della frazione metallica e delle frazioni indesiderate per
l'ottenimento di frazioni inerti di natura lapidea a granulometria idonea e selezionata.", le
specifiche della CCIAA di Milano, le norme CNR-UNI 10006 e ss.mm.ii., circolare Ministero
dellAmbiente 15 luglio 2005 n. 5205.

In alternativa possono essere analizzati i requisiti prestazionali in base alla destinazione dimpiego.

In tal caso per valutare se le caratteristiche dei materiali da riciclo, trattati ed identificati come detto
siano idonee ai loro diversi possibili impieghi, occorre riferirsi specificamente alle necessit
prestazionali richieste da ciascuna applicazione, di solito tradotte in prescrizioni e criteri di
accettazione da norme di legge o di buona pratica tecnica.
In Italia si deve far riferimento alle norme nazionali, che costituiscono un corpus ormai consolidato
ed alle norme europee, che sono in corso di definizione per i diversi ambiti costruttivi.
Per il materiale proveniente dalle operazioni di recupero in primo luogo possibile verificare se
risulta pienamente rispondente alle dette normative nel caso in esame UNI EN 13242 e UNI EN
13139.
In tal caso il suo utilizzo completamente equiparabile dal punto di vista tecnico, a quello dei
corrispondenti materiali naturali.
Si noti peraltro che non sussiste alcun valido motivo per scartare a priori un materiale, naturale od
artificiale, il quale, bench non totalmente rispondente alle prescrizioni della normativa, sia per in
grado di garantire la funzionalit e la durabilit dellopera cui sia destinato.

Sabbia per ledilizia sar sostanzialmente conforme per caratteristiche chimico fisiche alle
seguenti norme:
UNI EN 13242:2004 - Aggregati per materiali non legati e legati con leganti idraulici per
l'impiego in opere di ingegneria civile e nella costruzione di strade;
UNI EN 13139:2003 - Aggregati per malta.

Inerti per ledilizia saranno sostanzialmente conformi per caratteristiche chimico fisiche alle
seguenti norme:
UNI EN 13242:2004 - Aggregati per materiali non legati e legati con leganti idraulici per
l'impiego in opere di ingegneria civile e nella costruzione di strade;
UNI EN 13139:2003 - Aggregati per malta.

Per tali materiali si attester la conformit come stabilito dal Decreto del Ministero delle
infrastrutture 11/04/2007 Allegato 2

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


31


e si dichiareranno tutte le caratteristiche tecniche di cui alle successive tabelle in funzione delluso
previsto.

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


32


A titolo puramente indicativo, in quanto influenzato dalle tipologie di rifiuto da trattare, si riporta di
seguito un bilancio di massa del processo, per ogni tonnellata di materiale trattato indicando
generalmente i probabili flussi di uscita:

0,0002 ton. di materiale non adatto da smaltire in discarica;
0,001 ton. di materiali leggeri, costituiti da carta, plastiche, legno, utilizzabili per recupero
energetico o altro recupero similare;
0,003 ton. di metalli ferrosi;
0,9958 ton. di materiale selezionato per opere civili quali sabbia, pietrisco, pietrischetto e
stabilizzato.

Tipologia di Materiale Ottenuto UTILIZZO
Sabbia
Rinfranco di tubazioni di rete (fogne, acuq, gas metano, )
Anticapillare sia su terreno vegetale che su tessuto
geotessile
Magroni in Calcestruzzo
Pietrisco, Pietrischetto Drenaggio o strati di massicciata con presenza di acqua
Stabilizzato Medio Rilevati Stradali ed Industriali
Stabilizzato Fine
Stesura finale prima della pavimentazione
Inghiaiatura di strade di campagna


Si ribadisce che con riferimento alla presenza di polveri nellambiente circostante, sia nella fase di
scarico che di carico e trattamento presso limpianto di frantumazione e vagliatura, le stesse
verranno il pi possibile abbattute effettuando le operazioni ad umido ovvero irrorando
manualmente acqua nebulizzata durante i processi lavorativi.

In definitiva lo schema a blocchi dellattivit pu riassumersi come segue:

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


33


Per le altre tipologie di rifiuti in ingresso possiamo considerare principalmente i seguenti
diagrammi:


STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


34
I materiali quali metalli, imballaggi, vetro e spiaggiato saranno stoccati allinterno di cassoni chiusi
in vicinanza del piazzale impermeabile utilizzato per lo stoccaggio dei materiali inerti.


Lo spiaggiato ovvero il materiale che il mare deposita sulle spiagge a seguito delle mareggiate,
subir un accurata cernita e successivamente verranno depositati tali materiali ottenuti nei singoli
cassoni destinati ad ogni tipologia recuperata per essere avviati presso altri centri di recupero
idonei.

Limpianto avr quindi tutti i requisiti previsti dalla normativa di settore e sar organizzato secondo
quanto prescritto dalla stessa; puntualizzando che:
- le zone dedicate allo stoccaggio dei rifiuti inerti sono dotate di idonea pavimentazione
impermeabile servita da un sistema di deflusso delle acque meteoriche costituito da canaline,
caditoie e pozzetti ispezionabili che sedimentano gli eventuali depositi prima di essere scaricare
su corpo idrico superficiale;
- le acque di origine domestica provenienti dallo scarico del servizio igienico a servizio dello
spazio uffici sono raccolte tramite specifica canalizzazione decanta in una fossa imhoff e quindi
vengono smalite tramite trincee drenanti con sub irrigazione;
- verranno regolarmente effettuate analisi di laboratorio sulle acque di scarico;
- i rifiuti prodotti dallattivit di recupero inerti (legno, plastica, metalli) vengono stoccati in cassoni
esterni opportunamente etichettati e alloggiati sotto tettoie munite di pozzetto a tenuta per
eventuali sversamenti accidentali.

Limpianto verr dotato di idonea recinzione lungo tutto il perimetro.

Verr posta in opera una barriera a verde realizzata con siepi e alberi di essenze arboree
autoctone, al fine di minimizzare limpatto visivo e la rumorosit verso lesterno.

Modalit di gestione dei rifiuti speciali non pericolosi
a) tutte le operazioni di stoccaggio verranno effettuate allinterno delle aree riportate nelle tavole
allegate e verranno evitati i fenomeni di dilavamento o inquinamento dell'ambiente superficiale
e sotterraneo, verranno evitate emissioni nocive, maleodoranti o comunque moleste;
b) i rifiuti incompatibili, suscettibili cio di reagire pericolosamente tra di loro e che possono dare
luogo alla formazione di prodotti esplosivi, infiammabili o tossici, ovvero allo sviluppo di
notevoli quantit di calore, verranno stoccati in modo che non possano venire a contatto tra di
loro;
c) quando il deposito dei rifiuti avviene in cumuli, questi sono sempre realizzati su basamenti
pavimentati o, qualora sia richiesto dalle caratteristiche del rifiuto, su basamenti impermeabili
che permettono la separazione dei rifiuti dal suolo sottostante;
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


35
d) il deposito avviene per tipologie tali da agevolare le operazioni di recupero e i materiali sono
separati tra di loro con adeguati spazi e corridoi ai fini di garantire la sicurezza e
ispezzionabilit;
e) la ditta terr un registro di carico e scarico nel quale, entro i termini previsti dallart. 190 del
D.Lgs. 152/06, verranno annotati le informazioni sulle caratteristiche qualitative e quantitative
dei rifiuti;
f) la ditta provveder alliscrizione al SISTRI quando necessario;
g) non si effettueranno miscelazioni di rifiuti non consentite dallart. 187 del D.Lgs. 152/06;
i) i contenitori per la messa in riserva dei rifiuti sono opportunamente etichettati al fine di
distinguere la natura, la loro pericolosit e la classificazione dei rifiuti.


CONTENITORI UTILIZZATI PER LATTIVITA
Si riportano le caratteristiche dei principali container che sono utilizzati per lo stoccaggio dei rifiuti,
lesatta individuazione degli stessi allinterno dellimpianto riscontrabile dalla lettura degli
elaborati grafici a corredo di tale istanza.
Principalmente per contenere i rifiuti recuperabili si utilizzeranno CASSONI SCARRABILI che sono
in metallo, muniti di sponde verticali rinforzate con tubolare centrale orizzontale con rompi tratta
verticali; le aperture delle porte sono a libro a 2 ante.
Le ante sono ancorate con cerniere in ferro. I container sono provvisti di ganci tendi corda e di
bloccaggio di porta.
I contenitori sono generalmente provvisti di telo impermeabile di copertura.
Il cassone per lo spiaggiato dotato di copertura idraulica stagna.

Oltre a tali cassoni saranno utilizzati bidoni e contenitori adeguati al deposito dei rifiuti da gestire
depositati anchessi nelle apposite aree dedicate.

Periodicamente, quando se ne ravvisa la necessit, i contenitori utilizzati vengono sostituiti con
analoghi nuovi ai fini di assicurare sempre la buona efficienza degli stessi in relazione al
rifiuto contenuto.
Tali contenitori sono dichiarati dalle aziende produttrici conformi alle vigenti normative e
sono dotati di certificazione CE e quindi sono realizzati nel pieno rispetto delle norme
comunitarie, sono lavabili e riciclabili, non si deteriorano al contatto con gli agenti atmosferici.


Criteri di gestione
I rifiuti da recuperare sono sempre stoccati separatamente dai rifiuti prodotti dalle operazioni di
trattamento degli sfridi edilizi e destinati allo smaltimento o al recupero presso altri stabilimenti.
Lo stoccaggio realizzato in modo da non modificare le caratteristiche del rifiuto
compromettendone il successivo recupero.
Vista la tipologia dei materiali assente la formazione di odori e la dispersione di aerosol.
Per la movimentazione e lo spostamento dei materiali allinterno del centro sono indicativamente
utilizzati camion ribaltabili, pale meccaniche, ruspe ed altri macchinari tipici del mondo
delledilizia, conformi alle norme DIN e con omologazione ISPESL.

Si ribadiscono le misure adottate per garantire la sicurezza dellarea dove effettuata la gestione
dei rifiuti:
- pavimentazione impermeabilizzata;
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


36
- sistema di raccolta e canalizzazione delle acque meteoriche di dilavamento e delle acque
di scarico domestiche provenienti dai servizi igienici dellufficio;
- utilizzo di idonei contenitori.

Lintera area interessata dal centro sar dotata di recinzione metallica di altezza adeguata alle
esigenze. Laccesso allarea controllato con cancello e obbligo di presentazione prima del
permesso di accesso. I percorsi degli autocarri in ingresso ed in uscita risulteranno segnalati.

Per la movimentazione e lo spostamento dei materiali allinterno dellimpianto sono stati previsti
corretti spazi di manovra e carico-scarico; vengono utilizzati mezzi meccanici appropriati, conformi
alle norme DIN e con omologazione ISPESL.

Ogni contenitore sar dotato del previsto cartello con lindicazione del tipo di materiale stoccato.
Non viene mai effettuato congiuntamente lo stoccaggio di rifiuti incompatibili.

La scelta progettuale:
- della metodologia della messa in riserva dei materiali;
- della tipologia stessa dei rifiuti in entrata;
assicura la mancata produzione di fumi e odori sgradevoli.

Lattivit svolta nel pieno rispetto delle leggi in materia di sicurezza ed igiene del lavoro D.lgs.
81/08, nonch nella migliore prassi prevista al D.Lgs. n. 152/2006 per la gestione dei rifiuti.


MATERIE PRIME OTTENUTE DALLE OPERAZIONI DI TRATTAMENTO E TIPOLOGIE DI
RIFIUTI PRODOTTI
Le tipologie di materie prime prodotte dal recupero dei materiali in entrata possono essere cos
riassunte:
1. materie prime secondarie per ledilizia nelle forme usualmente commercializzate;

10 Piano Di Gestione, Monitoraggio E Controllo
A Piano di prevenzione e riduzione dellinquinamento.
Nella conduzione dellimpianto verranno adottate tutte le precauzioni necessarie al fine di
prevenire e ridurre i rischi di inquinamento per lambiente e per luomo.
Larea interessata alla gestione dei rifiuti dotata di recinzione metallica di altezza
adeguata alle esigenze.
Laccesso allarea controllato da un cancello con obbligo di presentazione prima del
permesso di accesso.
Le azioni operative relative al processo dei rifiuti in ingresso presso limpianto seguono le
procedure di accettazione e di controllo cos come descritte nel successivo punto B).
I percorsi degli automezzi in ingresso ed in uscita sono segnalati e a percorrenza obbligata.
Il deposito del rifiuto sul piazzale allaperto viene effettuato esclusivamente su apposita
area identificata e segnalata a tale scopo, rispettando tutte le norme di sicurezza, con
segnalazione di divieto ad avvicinarsi dai non addetti ai lavori.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


37
Le metodologie di messa in riserva e di trattamento del rifiuto assicurano la mancata
produzione di fumi e odori sgradevoli ed una limitata dispersione di polveri nellambiente
circostante.

Allo scopo di evitare situazioni di rischio per gli operatori e per lambiente saranno presi i seguenti
accorgimenti:

1) limpianto reso idoneo attraverso:
- la presenza di adeguato impianto elettrico, dotato di idoneo collegamento a terra;
- la presenza di macchinari e/o attrezzature esclusivamente a norma CE;

2) il pericolo di emissioni in atmosfera di polveri viene evitato:
- effettuando tutte le operazioni e/o lavorazioni del rifiuto e/o del materiale inerte ad umido;

3) il pericolo di inquinamento del suolo e del sottosuolo evitato attraverso:
- la posa in opera, per lintera area di svolgimento dellattivit di messa in riserva (R13) e di
trattamento (R5) di rifiuti speciali non pericolosi, di platea in calcestruzzo armato, per
rendere la stessa impermeabile;
- la presenza di una vasca di decantazione a servizio dellarea di svolgimento dellattivit di
messa in riserva (R13) e di trattamento (R5) di rifiuti speciali non pericolosi;
- la presenza di unappositi cassoni, alloccorrenza coperti con dei teli, destinati a contenere
i rifiuti derivanti dallattivit di trattamento.

4) gli operatori:
- avranno lobbligo di rispettare le disposizioni impartite e le sicurezze previste;
- nella manipolazione del rifiuto indosseranno dispositivi di protezione individuale (DPI)
assegnati quali scarpe, guanti, occhiali, otoprotettori, tute protettive etc.

5) la movimentazione dei rifiuti:
- avverr attraverso luso di pala meccanica e/o escavatore a norma CE;
- le operazioni di carico e scarico avverranno in condizioni di sicurezza sia per gli operatori
che per lambiente circostante.

Su necessit e comunque almeno una volta lanno, al fine di assicurare il contenimento nel tempo
dei rischi di inquinamento per lambiente e per luomo, verr effettuato un monitoraggio ed un
controllo delle misure di prevenzione e riduzione, di cui sopra, messe in atto.

Qualora da tale monitoraggio e controllo venisse meno la garanzia di contenimento dei rischi di
inquinamento per lambiente e per luomo, tali misure di prevenzione e riduzione verranno
revisionate ed aggiornate.


B Procedure accettazione rifiuti.
I rifiuti in ingresso presso limpianto verranno accettati solo dopo aver controllato e verificato che
limpresa che li conferisce sia:

- autorizzata al trasporto di rifiuti propri e/o prodotti da terzi dallAlbo Gestori Ambientali, ai
sensi dellart. 212 del D.Lgs. n. 152/06 e s.m.i.;
- in possesso del Formulario di Identificazione Rifiuto (F.I.R.) correttamente compilato in
ogni sua parte, ai sensi dellart. 193 del D.Lgs. n. 152/06 e s.m.i.;
- in possesso di analisi che ne certifichi la corrispondenza con il Codice CER 170904.

Solo dopo aver verificato le conformit, di cui sopra, il rifiuto viene pesato, su di apposita pesa, e
fatto scaricare nellapposita area identificata.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


38

Il campionamento e le analisi sono effettuate a cura del titolare dell'impianto ove i rifiuti sono
prodotti almeno in occasione del primo conferimento all'impianto di recupero e, successivamente,
ogni 24 mesi e, comunque, ogni volta che intervengano modifiche sostanziali nel processo di
produzione.

La procedura sopra descritta verr adottata fin quando la stessa non verr modificata nel rispetto
degli obblighi istitutivi attraverso il sistema di controllo della tracciabilit dei rifiuti (SISTRI) di cui
Decreto 18 febbraio 2011, n. 52 Regolamento recante istituzione del sistema di controllo della
tracciabilit dei rifiuti, ai sensi dellarticolo 189 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 e
dellarticolo 14-bis del decreto-legge 1luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge
3 agosto 2009, n. 102 e s.m.i.

C Tempi e modalit di messa in riserva e trattamento dei rifiuti.
I rifiuti in ingresso, dopo essere stati stoccati in cumuli nellapposita area destinata a contenerli, a
seconda della necessit e comunque almeno una volta lanno vengono prelevati ed inviati
allimpianto di Frantumazione e Vagliatura, facendo attenzione a non superare le 4.200 ton. in
deposito istantaneo, per essere trattati.

Nello svolgimento dellattivit di trattamento non verranno utilizzati nessun reagente n sostanze
chimiche tenuto conto che la stessa viene effettuata mediante fasi meccaniche e tecnologicamente
interconnesse di macinazione, vagliatura, selezione granulometrica e separazione della frazione
metallica e delle frazioni indesiderate.

D Modalit e frequenza dei campionamenti e analisi dei rifiuti.
Dallattivit di trattamento ne deriva la produzione di materia prima secondaria per ledilizia, con
eluato del test di cessione conforme a quanto previsto in allegato 3 al D.M. 05.02.1998 e s.m.i.
Il test di cessione verr effettuato allinizio dellattivit di trattamento e successivamente ogni 12
mesi e comunque ogni volta che intervengano modifiche sostanziali nel processo di recupero.

E Procedure monitoraggio e controllo.
Le procedure di monitoraggio e di controllo dellefficienza del processo di trattamento, dei sistemi
di protezione ambientale e dei dispositivi di sicurezza installati verranno eseguite come di seguito
descritte:
1) efficienza processo di trattamento:
- effettuando il test di cessione sul prodotto ottenuto dallattivit di trattamento ogni 12 mesi
e comunque ogni volta che intervengano modifiche sostanziali nel processo di recupero;

2) sistemi di protezione ambientale:
- effettuando, almeno una volta lanno e comunque ogni qualvolta che se ne renda
necessario, un monitoraggio ed un controllo delle misure di prevenzione e riduzione
messe in atto, riportate nel precedente punto A.

3) dispositivi di sicurezza installati:
- verificando, prima dellinizio di ogni attivit di trattamento, che i dispositivi di sicurezza
installati non siano stati manomessi e che gli stessi funzionino correttamente.


STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


39
F Piano di monitoraggio emissioni di processo delle eventuali matrici ambientali.
Nel rispetto di quanto disposto alla Parte I dellAllegato V alla Parte V del D.Lgs. n. 152/06 e s.m.i.,
al fine di contenere la dispersione di polveri derivanti dal processo di trattamento, non essendo le
stesse tecnicamente convogliabili, in quanto oltre ad essere larea di lavorazione di vaste
dimensioni, la stessa si trova allaperto e quindi soggetta ad intemperie quali pioggia e/o vento che
ne impediscono la realizzazione, si avr laccortezza di effettuare tutte le lavorazioni ad umido,
verificando periodicamente e/o su necessit la disponibilit dei tubi per irrorare manualmente
acqua nebulizzata, la disponibilit e i funzionamento degli ugelli posti su di una barra collocata su
di una cisterna situata sopra ad un autocarro e il funzionamento degli ugelli posti sulla bocca del
Frantumatore e Vagliatura.


G Precauzioni manipolazione rifiuti.
Come precedentemente descritto nel punto A) della presente relazione tecnica, la movimentazione
dei rifiuti avverr attraverso luso di pala meccanica e/o escavatore a norma CE esclusivamente da
personale appositamente addestrato, facendo attenzione che tutte le operazioni di carico e scarico
avvengano in condizioni di sicurezza sia per gli operatori che per lambiente circostante.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


40
Capitolo 2 Quadro Programmatico
Si procede di seguito ad una verifica delle vincolistiche dettate dagli strumenti urbanistici vigenti
per il sito oggetto di autorizzazione.

Ai fini di una valutazione generale si provveduto ad acquisire il Certificato di Destinazione
Urbanistica N. 2819 del dicembre 2013 dallUfficio Tecnico Comunale che si riporta di seguito e dal
quale risulta che larea in esame ha le seguenti caratteristiche:


Destinazione PRG: .............................................. Zona Agricola E
Vincolo D.Lgs. 42/04 ......................................... Beni Paesaggistici
Zona Sismica .............................................. Ricade in zona sismica
Vincoli P.T.C. .................................................................... Nessuno
Vincoli P.A.I. ...................................................................... Nessuno
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


41

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


42


STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


43
1. D.Lgs. n. 42 del 22/01/2004
Larea oggetto dellattivit di gestione rifiuti ricade allinterno della zona soggetta al vincolo
paesistico ambientale definito dalla Legge Galasso.
In particolare il sito soggetto alle disposizioni di cui alla parte terza Beni Paesaggistici del
D.Lgs. 22/01/2004 n 42 Codice dei beni culturali e del paesaggio ai sensi dellarticolo 10 della
Legge 06/07/2002 137.

2. P.P.A.R.
Larea oggetto del nostro intervento non , in relazione allubicazione delle zone di lavoro,
soggetta a nessun tipo di vincolo paesistico ambientale vigente fatta eccezione per le Aree per
rilevanza dei valori paesaggistici e ambientali per le quali verr richiesta lautorizzazione
paessagistica ai sensi del D.Lgs. 42/2004.


Stralcio Tav 3 PPAR Emergenze Geologiche (art. 28)

Stralcio Tav. 4 PPAR Sottosistemi Tematici ed Elementi Costitutivi del Sottositema Botanico Vegetazionale
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


44

Stralcio Tav. 5 PPAR Sottosistema Botanico Vegetazionale

Stralcio Tav. 6 PPAR Aree per rilevanza dei valori paesaggistici e ambientali (art. 23)
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


45

Stralcio Tav. 7 PPAR Aree di Alta Percettivit Visiva

Stralcio Tav. 8 PPAR Centri e nuclei Storici Paesaggio Agrario Storico
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


46

Stralcio Tav. 9 PPAR Edifici e Manufatti Extra-Urbani (art. 40)

Stralcio Tav. 10 PPAR Luoghi Archeologici e di memoria storica (art. 41-42)
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


47

Stralcio Tav. 11 PPAR Parchi e Riserve Naturali

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


48

3. Piano Territoriale di Coordinamento

Il piano territoriale di coordinamento provinciale (PTC), come definito dallart. 1 dello stesso,
appresta gli strumenti di conoscenza, di analisi e di valutazione dell'assetto del territorio della
Provincia e delle risorse in esso presenti, determina, in attuazione del vigente ordinamento
regionale e nazionale e nel rispetto del piano paesistico ambientale regionale (PPAR) e del piano
di inquadramento territoriale (PIT) nonch del principio di sussidiariet, le linee generali per il
recupero, la tutela ed il potenziamento delle risorse nonch per lo sviluppo sostenibile e per il
corretto assetto del territorio medesimo.
La disciplina del PTC ordinata ed articolata, anzitutto, nei sistemi ambientale, insediativo e socio-
economico (parte II), individuati con riguardo ai connotati pi significativi ed alle prevalenti
vocazioni delle diverse parti del territorio provinciale ed alle rispettive azioni da intraprendere,
azioni espresse, a seconda della loro natura e portata, a mezzo di direttive, indirizzi e prescrizioni.
La stessa ordinata altres per settori e per progetti (parte III), con la definizione, rispettivamente,
di linee di intervento relative a settori specifici, del progetto intersettoriale ed integrato delle reti e di
progetti delle parti pi rilevanti delle connessioni stradali.
Si provveder, di seguito, allanalisi dellarea in oggetto secondo la stessa disposizione prevista dal
Piano.

Sistema ambientale
Le aree e gli ambiti territoriali costituenti il sistema ambientale sono individuati dal PTC in funzione
tanto dei valori, dei rischi, delle potenzialit e della sensibilit eco-biologica di ciascuno di essi,
quanto del complesso delle relazioni e degli scambi che interconnettono territori differenti nonch
in funzione delle necessit dell'intero territorio provinciale e della comunit sullo stesso insediata.
Il sistema ambientale formato dall'insieme delle strutture ambientali complesse del territorio
provinciale, a loro volta costituite da diverse componenti (geologiche, geomorfologiche,
idrogeologiche, botanico-vegetazionali e faunistiche) strettamente interconnesse le une alle altre.

Negli stralci stato riportata anche la posizione del varchi fluviali, in modo da rendere evidente che
larea in oggetto non viene interessata dalle prescrizioni che regolano i varchi fluviali.

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


49

Stralcio Tav. EN 3a



Stralcio Tav. EN 3b
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


50

Stralcio Tav EN 4


Stralcio Tav EN 5
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


51

Stralcio Tav EN 6


Dagli stralci cartografici sopra riportati si evidenzia che lintervento esterno ad ogni situazione di
possibile criticit evidenziata dal PTC.

Si evidenzia, comunque, che lintervento in progetto prevede lesecuzione di interventi specifici
(piattaforma in conglomerato cementizio con sottostante telo, raccolta e trattamento acque, ) che
consentono una maggiore protezione ambientale relativa alla definizione delle aree di stoccaggio
dei rifiuti.

Lanalisi del sistema ambientale del P.T.C. ci porta a concludere che lattivit svolta nellarea non
in contrasto con questo strumento urbanistico in quanto:
larea oggetto dellintervento non interessata da vincoli specifici;
le forme di tutela del territorio, vedi la componente acqua, verranno aumentate attraverso la
realizzazione di idonei sistemi costituiti da piattaforma per lo stoccaggio dei rifiuti ed un
sistema di collettamento e trattamento delle acque di prima pioggia;
bench larea non presenta particolari vocazionalit ambientali, verranno poste in essere
misure di salvaguardia per minimizzare gli impatti visivi esistenti consistenti nella presenza di
schermatura arborea sui lati della propriet e sullo sviluppo a quota inferiore rispetto al piano
campagna dellintervento.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


52

4. Piano Regolatore Generale COMUNE DI POTENZA PICENA



Stralcio PRG del Comue di Potenza Picena con individuata larea oggetto di intervento.

Larea ricade in zona agricola E soggetta a parere paessagistico ambientale come definitiva dal
Certificato di Destinazione Urbanistica N. 2819 rilasciato dallUfficio Tecnico del Comune di
Potenza Picena in data 23/12/2013.


Dalle NTA vigenti risulta:

CAPO V ZONE AGRICOLE
ART. 29
DEFINIZIONE DELLE ZONE
Sono le Zone Omogenee E di cui all'art. 2 del D.M. 2/4/68 N. 1444.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


53
Il PINO! in rela"ione alla #$eci%icit& delle #itua "ioni dal $unto di 'i#ta $ae#i#tico(am)ientale ed alla di'er#a %un"ione a##egnata
alle $arti del territorio cla##i%icato come agricolo! indi'idua le #eguenti "one*
Zone agricole +E,
Zone agricole di intere##e $ae#i#tico +E1,
Zone agricole di #al'aguardia e/o di ri#$etto +E2,
Per tali "one 'algono le di#$o#i"ioni della -.. 1//01! %atte #al'e norme e'entualmente $i2 re#tritti'e %ormulate ai #eguenti
articoli e %erme re#tando le $re#cri"ioni di )a#e $ermanenti di cui agli #trumenti di $iani%ica"ione territoriale 'igenti e in $articolare
( con ri%erimento alle $re#cri"ioni del PP. di cui alle ta'ole 3M! 45! S6! 7uelle relati'e agli articoli 20 +cor#i d8ac7ua,! /1
+'er#anti,! /2 +litorali marini,! /0 +centri e nuclei #torici,! 41 +edi%ici e manu%atti #torici,! 4/ +#trade $anoramic9e,! delle N:
del PP.
( con ri%erimento alle $re#cri"ioni del P:6 di cui alle ta'ole 6.1 e 6.2! 7uelle relati'e agli articoli /1.2 +aree colti'ate di 'alle,!
2/.11 +'arc9i %lu'iali,! 2; +'er#anti,! 26.1 +'arc9i marini,! 2< +$iane allu'ionali, delle N: del P:6
Inoltre $ermangono in 'igore i 'incoli di inedi%ica)ilit& di legge relati'i alle %a#ce di ri#$etto #tradali e alla %a#cia di ri#$etto
cimiteriale! ancorc9= non e#$re##amente ri$ortate dal PINO.
In%ine 'engono ri)adite in tali "one le raccomanda"ioni e le cautele di cui all8art. 21 delle $re#enti norme $er 7uanto riguarda gli
inter'enti in aree centuriate ed in aree con #egnala"ioni di ritro'amenti.
ART. 30
ZONE AGRICOLE (E)

1 - Zone ag!"o#e
-e "one agricole #ono de#tinate e#clu#i'amente all'e#erci"io delle atti'it& dirette alla colti'a"ione dei %ondi! alla #il'icultura!
all'alle'amento del )e#tiame ed alle altre atti'it& $rodutti'e conne##e! i'i com$re#o l'agrituri#mo.
2 - A""o$a%en&o 'e! &een! a! (!n! 'e# "a#"o#o 'e! )o#*%! e'!(!"a+!#!
> l %ine del com$uto dei 'olumi edi%ica)ili ? amme##a l'utili""a"ione di tutti gli a$$e""amenti contigui! anc9e #e di'i#i da
in%ra#trutture #tradali! %erro'iarie! cor#i d'ac7ua e canali! $urc9= com$re#i entro i con%ini del comune di a$$artenen"a o di
comuni limitro%i.
> Si a$$licano in tale i$ote#i le di#$o#i"ioni di cui al #ucce##i'o $unto 14.
3 - N*o)e "o,&*-!on! a%%e,,e ne##e -one ag!"o#e
> Nelle "one agricole #ono amme##e #oltanto le nuo'e co#tru"ioni c9e ri#ultino nece##arie $er l'e#erci"io delle atti'it& di cui
al $recedente $unto 1 ed in $articolare*
a, a)ita"ioni nece##arie $er l'e#erci"io dell'atti'it& agricola.
), am$liamento o rico#tru"ione di a)ita"ioni $ree#i#tenti da $arte dell'im$renditore agricolo
c, attre""ature e in%ra#trutture nece##arie $er il diretto #'olgimento dell'atti'it& agricola! come #ilo#! #er)atoi idrici! de$o#iti
$er attre""i! macc9ine! %ertili""anti! #ementi e anti$ara##itari! rico'eri $er )e#tiame
d, edi%ici $er alle'amenti "ootecnici! di ti$o indu#triale! lagoni di accumulo $er la raccolta dei li7uami di origine "ootecnica.
e, #erre
%, co#tru"ioni da adi)ire alla la'ora"ione! con#er'a"ione! tra#%orma"ione e commerciali""a"ione di $rodotti agricoli.
g, edi%ici $er indu#trie %ore#tali
9, o$ere di $u))lica utilit& c9e de))ono #orgere nece##ariamente in "one agricole.
> Ne##un'altra co#tru"ione nuo'a $u@ in#ediar#i nelle "one agricole %atta ecce"ione $er 7uelle e#$re##amente con#entite
dalla legi#la"ione 'igente.
> Per gli in#ediamenti di indu#trie noci'e e $er gli alle'amenti indu#triali i comuni indi'iduano a$$o#ite "one attra'er#o
'arianti agli #trumenti ur)ani#tici generali. Sono %atti #al'i gli am$liamenti degli alle'amenticomun7ue e#i#tenti.
. - N*o)e a+!&a-!on!
> Nuo'e re#iden"e in "one agricole #ono amme##e #olo 7uando l'im$re#a agricola #ia #$ro''i#ta di una a)ita"ione adeguata
alle e#igen"e della %amiglia colti'atrice $er l'ordinario #'olgimento dell'atti'it& agricola.
> gli e%%etti della $re#ente legge! nella %amiglia colti'atrice #ono com$re#i tutti i con'i'enti legati da 'incoli di $arentela o
a%%init&! im$egnati direttamente nell'atti'it& agricola e le $er#one a loro carico.
> Aermo re#tando $er le nuo'e a)ita"ioni il limite di %a))rica)ilit& %ondiaria di 1!1/ mc/m7 come di#$o#to dall'rt. <! $unto
4,! del decreto del Mini#tro dei la'ori $u))lici 2 a$rile 1068 nei limiti di 7uanto $reci#ato al $unto 2 del $re#ente articolo! $er
ogni im$re#a agricola #$ro''i#ta di ca#a colonica ? con#entita la co#tru"ione di un #olo %a))ricato il cui 'olume com$le##i'o 'a
commi#urato alle e#igen"e della %amiglia colti'atrice! #en"a mai #u$erare i 1.111 mc. %uori terra.
> -e co#tru"ioni di cui al $re#ente $unto de'ono a'ere le #eguenti caratteri#tic9e*
a, alte""a ma##ima di mt. <!;1 mi#urati a 'alle $er i terreni in decli'ioB
), di#tan"a minima dai con%ini di ml. 21.
> Non #ono amme##e nuo'e re#iden"e agricole #u terreni ri#ultanti da %ra"ionamenti a''enuti nei cin7ue anni $recedenti.
/ - A%$#!a%en&o o !"o,&*-!one '! a+!&a-!on! $ee,!,&en&! 'a $a&e 'e##0I%$en'!&oe ag!"o#o.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


54
> Per ogni im$re#a agricola gi& $ro''i#ta di ca#a colonica! #ono con#entiti inter'enti di recu$ero della #te##a
c9e com$ortino anc9e l'am$liamento o! in ca#o di %ati#cen"a! la rico#tru"ione $re'ia demoli"ione! dell'edi%icio $ree#i#tente!
nei limiti di cui al $recedente $unto.
Per gli inter'enti di am$liamento non #i o##er'ano le di#tan"e minime $re'i#te dalla lettere ), del comma 4 del $recedente
$unto 4.
> Nell'i$ote#i di cui al comma 1 ? amme##a altre#C la co#tru"ione di una nuo'a a)ita"ione con le caratteri#tic9e di cui ai
commi / e 4 del $recedente $unto 4! #en"a demoli"ione dell'edi%icio $ree#i#tente! a condi"ione c9e
7ue#t'ultimo 'enga de#tinato! $re'ia la reda"ione di un idoneo $rogetto $er la tra#%orma"ione e tramite 'incolo da tra#cri'er#i
nei regi#tri della $ro$riet& immo)iliare a cura del 6omune e a #$e#e dell'intere##ato! ad anne##o agricolo a #er'i"io
dell'a"ienda.
> Duando gli inter'enti di cui ai commi 1 e 2 riguardano edi%ici di 'alore #torico e arc9itettonico! #i a$$licano le di#$o#i"ioni
di cui al #ucce##i'o $unto 1;.
> -a reali""a"ione di nuo'e a)ita"ioni o l'am$liamento delle e#i#tenti $u@ a''enire anc9e attra'er#o la
tra#%orma"ione di anne##i agricoli ricono#ciuti non $i2 nece##ari alla condu"ione del %ondo nel ri#$etto delle di#$o#i"ioni del
$unto 4 e del $re#ente $unto.
1 - Re"*$eo 'e# $a&!%on!o e'!#!-!o e,!,&en&e.
> Negli edi%ici rurali e#i#tenti in "one agricole #ono comun7ue con#entiti! al #olo #co$o di introdurre miglioramenti igienici
%un"ionali e di#tri)uti'i! nonc9= al %ine di #al'aguardare il $atrimonio edili"io e#i#tente! inter'enti di manuten"ione ordinaria e
#traordinaria! di re#tauro e ri#anamento con#er'ati'o e di ri#truttura"ione edili"ia! #en"a alcun aumento di 'olumetria.
> 3li edi%ici e#i#tenti alla data in 'igore della $re#ente normati'a $o##ono e##ere oggetto degli inter'enti di cui al comma 1
anc9e #e di dimen#ioni #u$eriori a 7uelle deri'anti dall'a$$lica"ione del $recedente $unto 4 e $urc9= la e'entuale
ri#truttura"ione a''enga #en"a $re'ia demoli"ione.
> -a 'aria"ione delle de#tina"ioni d'u#o #ono amme##e! %ermo re#tando 7uanto $re'i#to dall'ultimo comma dell'art. 11 della
legge 28 gennaio 10<<! n. 11! a condi"ione c9e gli edi%ici #te##i non #iano $i2 utili""ati $er la condu"ione del %ondo.
> Negli edi%ici utili""ati $er atti'it& agrituri#tic9e #econdo 7uanto $re'i#to dalla legge ; dicem)re 108;! n. </1 e dalla -... 6
giugno 108<! n. 2;! e in 7uelli da de#tinare a countrE(9ou#e# ai #en#i della -.. /1/04 #ono amme##i e#clu#i'amente gli
inter'enti di recu$ero di cui al $re#ente $unto.
> -e a)ita"ioni rurali e#i#tenti alla data di entrata in 'igore della $re#ente legge! trattenute dai #oggetti c9e a))iano $o#to a
di#$o#i"ione le $ro$rie terre $er gli #co$i di ri#truttura"ione di cui all'art. /< della legge 0 maggio 10<; n. 1;/ $er la ri%orma
dell'agricoltura! $o##ono e##ere #otto$o#te agli inter'enti di cui al comma 1 con un aumento di 'olumetria non #u$eriore al
21F.
> 3li inter'enti tendenti al recu$ero del $atrimonio edili"io e#i#tente #ono con#iderati inclu#i nel $rogramma
$luriennale di attua"ione.
2 - No%e "o%*n! ag#! !n&e)en&! $e)!,&! a! $*n&! .3 / e 1
> -e nuo'e co#tru"ioni! gli am$liamenti! le ri#truttura"ioni! gli inter'enti di recu$ero e le #i#tema"ioni e#terne!
do'ranno comun7ue e##ere e#eguiti con ti$ologie! materiali! $iantuma"ioni in armonia con gli in#ediamenti tradi"ionali del
$ae#aggio rurale.
llo #co$o l'mmini#tra"ione 6omunale emaner& a$$o#ita normati'a.
4 - A&&e--a&*e e !n(a,&*&&*e ne"e,,a!e $e !# '!e&&o ,)o#g!%en&o 'e##e a&&!)!&5 ag!"o#e.
> -e nuo'e co#tru"ioni di cui alla lettera c, comma 1! del $recedente $unto / de'ono a'ere le #eguenti caratteri#tic9e.
a, una #u$er%icie co$erta $ro$or"ionata alle e#igen"e dell'im$re#a e comun7ue non #u$eriore a 211 m7! #al'o maggiori
e#igen"e documentate nel $iano o nel $rogramma a"iendale di cui al comma 1 $unto 12.
), e##ere $o#te a di#tan"a dal %a))ricato adi)ito ad a)ita"ione di almeno ml. 11 e a di#tan"a dai con%ini di almeno ml. 21.
c, #'ilu$$ar#i #u un #olo $iano e ri#$ettare l'alte""a ma##ima di ml. 4!;1 con e#clu#ione dei camini! #ilo# ed altre #trutture le
cui maggiori alte""e ri#$ondono a $articolari e#igen"e tecnic9eB nei terreni in decli'io le co#tru"ioni $o##ono #'ilu$$ar#i #u
una alte""a ma##ima di ml. ;!;1 mi#urati a 'alleB
d, a'ere un 'olume ma##imo non #u$eriore all'indice di %a))rica)ilit& %ondiaria di 1!1/ mc/m7 nel ca#o in cui #iano
#e$arate dalle a)ita"ioni! e rientrare nella cu)atura ma##ima amme##a $er l'edi%icio adi)ito ad a)ita"ione! nel ca#o in
cui 'engano reali""ate in aderen"a o nell'am)ito di 7ue#t'ultimoB
e, e##ere reali""ate con ti$ologie edili"ie adeguate alla #$eci%ica de#tina"ione d'u#o c9e non con#entano la tra#%orma"ione
delle #te##e de#tina"ioni d'u#o! con ecce"ione di 7uelle amme##e dalla normati'a 'igente.
9 - Co,&*-!on! $e a##e)a%en&! -oo&e"n!"! '! &!$o !n'*,&!a#e e #agon! '! a""*%*#o.
> -e nuo'e co#tru"ioni di cui alla lettera d,! comma 1 del $recedente $unto / #ono amme##e $urc9= coerenti con gli
o)ietti'i di #'ilu$$o del $iano "onale agricolo di cui alla -... 6 %e))raio 10<8! n. 6 e #ucce##i'e modi%ica"ioni ed integra"ioni e
a condi"ione c9e #ia garantito il regolare #maltimento dei ri%iuti! $re'ia de$ura"ione! ai #en#i della legge 11 maggio 10<6! n.
/10 e #ucce##i'e modi%ica"ioni ed integra"ioni.
> -e co#tru"ioni $er alle'amenti de'ono a'ere le #eguenti caratteri#tic9e*
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


55
a, e##ere $rotette da una "ona circo#tante! con recin"ioni ed o$$ortune al)erature! di #u$er%icie $ari a 7uella degli edi%ici da
reali""are! molti$licata $er ;.
), ri#$ettare le #eguenti di#tan"e minime* dai con%ini di ml. 41B dal $erimetro dei centri a)itati di ;11 ml! e#te#a a ml. 1.111
$er gli alle'amenti di #uiniB dal $i2 'icino edi%icio re#iden"iale non rientrante nel com$le##o a"iendale di ml. 111B
c, #'ilu$$ar#i #u un #olo $iano e ri#$ettare l'alte""a ma##ima di ml. 4!;1 mi#urata a 'alle in terreni in decli'ioB #ono
%atte comun7ue #al'e le di'er#e alte""e c9e ri#$ondono a $articolari e#igen"e tecnic9eB
d, a'ere un 'olume ma##imo non #u$eriore all'indice di %a))rica)ilit& %ondiaria di 1!; mc/m7.
> I lagoni di accumulo $er la raccolta dei li7uami di origine "ootecnica de'ono e##ere $o#ti a ml. 111 dalle a)ita"ioni e dai
con%ini e de'ono e##ere reali""ati all'interno della "ona di $rote"ione di cui alla lettera a, del comma $recedente.
> Sono con#iderati alle'amenti "ootecnici di ti$o indu#triale 7uelli la cui con#i#ten"a #u$era il ra$$orto $e#o(#u$er%icie
#ta)ilito dalla normati'e 'igente.
10 - 6ee
> Sono con#iderate #erre! agli e%%etti della $re#ente legge! gli im$ianti #ta)ilmente in%i##i al #uolo! di ti$o $re%a))ricato o
e#eguiti in o$era e de#tinati e#clu#i'amente a colture #$eciali""ate.
> -e #erre #i di#tinguono in*
a, #erre de#tinate a colture $rotette con condi"ioni climatic9e arti%iciali limitate ad una #ola $arte dell'anno e! $ertanto! con
co$ertura #olo #tagionaleB
), #erre de#tinate a colture $rotette normalmente con condi"ioni climatic9e arti%iciali e $ertanto con co$erture #ta)ili.
> -a reali""a"ione delle #erre di cui alla $recedente lettera a,! $u@ a''enire in 7ualun7ue area com$re#a nelle "one agricole
ed ? #u)ordinata ad autori""a"ione edili"ia.
> -e #erre di cui alla $recedente lettera ),! $o##ono e##ere reali""ate in 7ual#ia#i area com$re#a nelle "one agricole in )a#e
a conce##ione rila#ciata dal Sindaco ai #en#i della legi#la"ione 'igente e dietro im$egno del ric9iedente a non modi%icare la
de#tina"ione del manu%atto.
> -e #erre con co$ertura #ta)ile de'ono altre#C ri#$ettare un indice ma##imo di %a))rica)ilit& %ondiaria di 1!; mc/m7.
> Entram)i i ti$i di #erre di cui al comma 2 del $re#ente $unto de'ono a'ere le #eguenti caratteri#tic9e*
a, di#tan"e minime non in%eriori a ml. ; dalle a)ita"ioni e#i#tenti dello #te##o %ondo e a ml. 11 da tutte le altre a)ita"ioniB
), di#tan"e minime non in%eriori a ml. ; dal con%ine di $ro$riet&
11- Co,&*-!on! $e #a)oa-!one3 "on,e)a-!one3 &a,(o%a-!one e "o%%e"!a#!--a-!one 'e! $o'o&&! ag!"o#! e $e !n'*,&!e
(oe,&a#!.
> -e nuo'e co#tru"ioni di #ui alla lettera %, comma 1! del $recedente $unto / #ono amme##e a condi"ione c9e e##e #iano al
#er'i"io di im$re#e agricole! #ingole o a##ociate! o di coo$erati'e agricole locali! c9e #iano $ro$or"ionate alle loro e%%etti'e
nece##it& e c9e i $rodotti agricoli i'i tra#%ormati! con#er'ati o commerciali""ati! $ro'engano $re'alentemente dalle #te##e
a"iende agricole.
> -e co#tru"ioni di cui al $re#ente $unto de'ono e##ere in armonia con i $iani "onali agricoli di cui alla -... 6 %e))raio 10<8!
n. 6 e #ucce##i'e modi%ica"ioni ed integra"ioni! o! in mancan"a! con gli indiri""i $rodutti'i all'uo$o %ormulati dalla .egione.
> -e co#tru"ioni di cui al $re#ente $unto! nonc9= le indu#trie %ore#tali di cui alla lettera g,! comma 1! del $redente $unto /!
de'ono ri#$ettare le #eguenti $re#cri"ioni*
a, a'ere un 'olume non #u$eriore all'indice di %a))rica)ilit& %ondiaria di 1mc/m7B
), o##er'are le di#tan"e minime dai con%ini di ml. 21 e dalle a)ita"ioni ricadenti nel com$le##o a"iendale di ml. 11
12 - No%e "o%*n!
> -a nece##it& e la de#tina"ione delle nuo'e co#tru"ioni di cui ai $recedenti $unti 4!;!8!0!11 e 11 de'ono ri#ultare da un
$iano a"iendale o intera"iendale ai #en#i della legi#la"ione regionale 'igente da allegare alla domanda di conce##ione edili"ia.
> Sono e#onerati dalla $re#enta"ione del $iano a"iendale! e de'ono $re#entare una #em$lice rela"ione illu#trati'a! i #oggetti
c9e! $ur non ri#ultando im$renditori agricoli a titolo $rinci$ale! ai #en#i della legi#la"ione 'igente! e#ercitano le atti'it& di cui
ai $recedenti $unti 0!11 e 11.
> :utte le co#tru"ioni da reali""are in "ona agricola do'ranno ri#$ettare le di#tan"e dalle #trade #ta)ilite dal D.P... 16/12/02
n. 40;! in rela"ione alla cla##i%ica"ione delle #te##e #al'o l'i$ote#i di cui alla lettera a,! comma 2! $unto 11 della $re#ente legge
e i ca#i $re'i#ti dalla -.. 21 maggio 10<;! n. /4.
> Nelle "one dic9iarate #i#mic9e #i o##er'ano $er le alte""e e le di#tan"e tra i %a))ricati! le norme $i2 re#tritti'e
e'entualmente #ta)ilite dalla legi#la"ione 'igente.
13 - Con"e,,!on! e'!#!-!e
> -e conce##ioni $er la reali""a"ione di edi%ici in "one agricole #ono rila#ciate ai $ro$rietari dei %ondi o agli a'enti titolo nel
ri#$etto delle norme del $re#ente articolo e della legge 28 gennaio 10<<! n. 11! alle #eguenti condi"ioni*
a, $er 7uanto attiene agli inter'enti di cui ai $unti 4 e ;! c9e le co#tru"ioni #te##e #iano in %un"ione della atti'it& agricola e
delle e#igen"e a)itati'e dell'im$renditore a titolo $rinci$ale #ingolo o a##ociato! con i re7ui#iti $re'i#ti dalla legi#la"ione
'igente in materiaB
), $er 7uanto attiene agli inter'enti di cui ai $unti 8!0!11 e 11! c9e le co#tru"ioni #te##e #iano in %un"ione della atti'it& agricola
dell'im$renditore #ingolo o a##ociato con i re7ui#iti $re'i#ti dalla legi#la"ione 'igente in materia.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


56
> -e conce##ioni $er gli inter'enti di cui al $unto 6 #ono rila#ciate ai #oggetti di cui all'art. 4 della -egge 28 gennaio 10<<! n.
11.
> :utte le conce##ioni edili"ie relati'e agli inter'enti di cui al $re#ente articolo! #ono rila#ciate $re'io accertamento
dell'e#i#ten"a delle in%ra#trutture #u%%icienti! $er 7uanto riguarda le 'ie di acce##o! l'elettricit& e l'ac7ua $ota)ile o della
$rogrammata reali""a"ione delle #te##e da $arte del 6omune o! in%ine! dell'a##un"ione di im$egno da $arte dell'intere##ato a
reali""arle conte#tualmente agli edi%ici.
> Il comune! $er la 'eri%ica dei re7ui#iti di cui alle lettere a, e ), del comma 1! nonc9= della con%ormit& dell'inter'ento ai
$iani "onali agricoli o in $iani a"iendali o intera"iendali! o'e ric9ie#ta dalla $re#ente legge! #i a''arr& dei #er'i"i decentrati
agricoltura! %ore#te e alimenta"ione com$etenti $er territorio.
1. - V!n"o#! '! !ne'!(!"a+!#!&5 e 'e,&!na-!one
> Il rila#cio della conce##ione edili"ia $er gli inter'enti di cui ai $recedenti $unti 4 e ; ? #u)ordinato alla i#titu"ione di un
'incolo a Gnon aedi%icandiG #u tutte le aree dell'a"ienda! anc9e ricadenti in comuni di'er#i ai #en#i del $recedente $unto 2!
utili""ate a %ini edi%icatori con e#clu#ione dell'area i#critta al cata#to $er l'edi%icio rurale oggetto della conce##ione.
> Il 6omune do'r& dotar#i di un regi#tro %ondiario con anne##a $lanimetria! #ulla 7uale ri$ortare i dati cata#tali dei terreni
'incolati ai #en#i del $recedente comma.
> Il rila#cio delle conce##ioni edili"ie $er le co#tru"ioni di cui ai $recedenti $unti 8! 0! 11 e 11 ? #u)ordinato alla i#titu"ione di
un 'incolo di de#tina"ione! c9e $re'eda $er almeno 11 anni il mantenimento delle de#tina"ione dell'immo)ile al #er'i"io
dell'atti'it& agricola e le #an"ioni $er l'ino##er'an"a del 'incolo #te##o.
> I 'incoli di cui al $re#ente $unto #ono tra#critti a cura dell'mmini#tra"ione 6omunale e a #$e#e del conce##ionario! nei
regi#tri delle $ro$riet& immo)iliari.
> E' con#entito il mutamento di de#tina"ione d'u#o*
a, nei ca#i di morte o in'alidit& $ermanente del conce##ionario
), nei ca#i di a))andono! im$o#to da e#$ro$ria"ione $er $u))lic9e utilit& o da altre cau#e di %or"a maggiore! dell'atti'it&
agricola da $arte di c9i 9a #otto#critto l'atto di im$egno
c, nei ca#i in cui il conce##ionario 'er#i nell'i$ote#i di cui agli art. // e #eguenti della -.. 21 otto)re 10<<! n. 42
> Non com$orta in ogni ca#o mutamento di de#tina"ione ed o))ligo di ric9iedere la conce##ione onero#a! la $ro#ecu"ione
dell'utili""a"ione degli edi%ici da $arte dei %amiliari del conce##ionario nell'i$ote#i di cui alla lettera a, e da $arte del
conce##ionario e #uoi %amiliari nelle i$ote#i di cui alle lettere ), e c, del comma $recedente.
1/ - Cen,!%en&o '! (a++!"a&! *a#!3 e'!(!"! '! )a#oe ,&o!"o e' a"7!&e&&on!"o "en,!%en&o e '!,"!$#!na 'eg#! !n&e)en&!.
> Il 6omune! ai #en#i dell'art. 1; della -.. 1//01! e%%ettua un cen#imento dei %a))ricati rurali e#i#tenti indicando la loro
#u$er%icie e i dati cata#tali dei terreni co#tituenti l'a"ienda agricola a##er'ita.
> Il P...3.! in con%ormit& agli indiri""i e diretti'e della $iani%ica"ione $ae#i#tico(am)ientale regionale e al #o$racitato art. 1;
della -. 1//01 ? corredato da un cen#imento del $atrimonio edili"io rurale di $articolare 'alore arc9itettonico e/o #torico
documentario.
> I %a))ricati rurali e#i#tenti ritenuti di $articolare 'alore #ulla )a#e #ia di 'aluta"ioni di natura mor%ologica! ti$ologica e
co#trutti'a c9e dello #tato di con#er'a"ione! ri#ultano indi'iduati alle :a'. S6.1 ( S6.2 ! con la #eguente cla##i%ica"ione*
6la##e * Aa))ricati rurali di rile'ante 'alore.
6om$rende i %a))ricati colonici di $articolare 'alore arc9itettonico! ti$ologico e #torico(documetario e in
condi"ioni di con#er'a"ione della #truttura originaria ti$ologica e co#trutti'a tali da con#entirne il recu$ero
e/o il mantenimento alla originaria con%igura"ione.

6la##e 4* Aa))ricati rurali di 'alore am)ientale.
6om$rende i %a))ricati c9e! $ur non $re#entando rile'anti caratteri#tic9e #otto il $ro%ilo arc9itettonico e/o
ti$ologico! co#titui#cono te#timonian"a dell'edili"ia rurale tradi"ionale da #al'aguardare #ia $er laintegrit&
del manu%atto +a##en"a di #o#tan"iali manomi##ioni ti$ologic9e e/o co#trutti'e,
#ia $er lo #tato di con#er'a"ione dell'am)ito circo#tante +a##en"a di rile'anti altera"ioni dell'am)iente con
nuo'e co#tru"ioni non con%ormi,.
> Il P...3.! in rela"ione alla #uddetta cla##i%ica"ione! #ta)ili#ce le #eguenti modalit& di inter'ento nel ri#$etto di tutte le altre
$re#cri"ioni e di#$o#i"ioni relati'e alla #$eci%ica "ona in cui il )ene indi'iduato ri#ulta locali""ato*
( $er gli edi%ici della 6la##e #ono amme##i e#clu#i'amente inter'enti di manuten"ione ordinaria e #traordinaria e di re#tauro
e ri#anamento con#er'ati'o! co#C come de%initi all'art. /1 della -egge 4;</<8 e regolamentati dalle $re#cri"ioni di cui al ca$o
I5 art.4/ delle N.:.. del P.:.6.B la #te##a di#ci$lina 'a e#te#a a 7uegli acce##ori co#tituenti ( anc9e #e di#taccati ( in#ieme
unitario con il %a))ricato re#iden"iale #otto gli a#$etti ti$ologici e co#trutti'i.
Il PINO inoltre! al %ine di e'itare la com$romi##ione am)ientale e 'i#i'a di tali %a))ricati! indi'idua un am)ito di tutela
"oni""ato come G"ona agricola di #al'aguardiaG all'interno del 7uale +'edi art. /2, non #ono con#entite nuo'e co#tru"ioni.
( $er gli edi%ici della 6la##e 4! in aggiunta a 7uanto #o$ra! ? amme##a anc9e la ri#truttura"ione edili"ia nel ri#$etto degli
elementi ti$ologici e %ormali tradi"ionali e caratteri#tici! nonc9= e'entuali ricom$o#i"ioni e/o integra"ioni 'olumetric9e
+am$liamenti, nel ri#$etto degli indici e $arametri della "ona.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


57
Il PINO inoltre! al %ine di e'itare com$romi##ioni am)ientali e 'i#i'e dei %a))ricati cen#iti! $re#cri'e $er un intorno di mt ;1
dagli #te##i il di'ieto di 7ual#ia#i co#tru"ione.
> Dualora i %a))ricati rurali cen#iti di cui al $re#ente articolo ricadono ( $er #celta di PINO ( all'interno di "oni""a"ioni eHtra(
agricole! 'algono $er gli #te##i le modalit& di inter'ento #o$ra #ta)ilite mentre i di#tacc9i da 7ue#ti delle nuo'e co#tru"ioni
amme##e #ono ridotti a mt 21.
> E' in %acolt& dell'mmini#tra"ione 6omunale a##oggettare alla normati'a di cui #o$ra %a))ricati rurali c9e! ancorc9= non
cen#iti! 'engano ritenuti merite'oli di con#er'a"ione in #ede di $i2 #$eci%ica e dettagliata 'aluta"ione.
> Ogni ric9ie#ta di inter'ento c9e com$orti modi%ica"ioni +am$liamenti! ri#truttura"ioni! demoli"ioni anc9e $ar"iali, del
$atrimonio edili"io rurale e#i#tente de'e e##ere corredata da adeguata documenta"ione %otogra%icaB inoltre gli inter'enti #ul
$atrimonio edili"io rurale di $articolare 'alore cen#ito dal PINO di cui al $re#ente $unto de))ono e##ere #otto$o#ti alla
6ommi##ione Edili"ia 6omunale integrata ai #en#i dell'art. 61 della -. nI/4/02.
16 ( Le "o,&*-!on! '! "*! a# $e,en&e a&!"o#o "7e !"a'ono a##8!n&eno 'e##a $e!%e&a-!one 'e# $ae,agg!o aga!o ,&o!"o
!n'!)!'*a&o a##e &a). 6C.1 e 6C.2 'o)anno e,,ee ea#!--a&e "on &!$o#og!e e %a&e!a#! 'e# e$e&o!o &a'!-!ona#e 'e##8e'!#!-!a
*a#e.


Con la successiva autorizzazione ai sensi dellart. 208 del D.lgs. 152/2006 si avr che ai
sensi del comma 6) lapprovazione del proggetto apporta, ove occorra, anche la variante
allo strumento urbanistico ai fini di poter concedere la realizzazione delle opere,
infrastrutture e sottoservizi necessari alla attivit di gestione rifiuti richiesta.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


58

5. Piano per l Assetto Idrogeologico




Stralcio PAI on line


Larea non risulta interessata da alcun rischio di esondazione o frana in quanto al di fuori dalle
aree indicate allinterno del piano.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


59

6. Piano Provinciale per la Gestione dei Rifiuti

Premesso che la ditta P.S.P. SrL opera dal 2001 nellattivit di gestione e recupero dei rifiuti
attraverso le procedure di cui allart. 216 del D.Lgs. 152/2006 con liscrizione n. 242 nelle
procedure semplificate come da Determinazione Dirigenziale n. 134-XIV del 03/09/2001
successivamente rinnovata con D.D. 403 del 02-10-2009 e volturata con la D.D. n. 82 del 06-03-
2012.
Tutte queste autorizzazioni sono state rilasciate dietro istanza della Ditta ed in relazione alla
conformit urbanistica ambientale rilasciata dal Comune di Potenza Picena ed al parere ASUR
competente.
Inoltre originariamente la ditta effettuava in sito oltre alla messa in riserva R13 anche operazioni di
recupero rifiuto R5 che risulta non pi richiesta con il rinnovo del 2009 al fine di non risultare
assoggettata alle procedure di verifica ambientale optando per leffettuazione di campagne mobili
che, allora risultavano escluse da tale procedura anche perch la stessa ditta non era in possesso
di idoneo macchinario.

Oggi la Ditta P.S.P. si dotata a sua volta di un macchinario mobile che stato oggetto di idonea
procedura autorizzativa da parte della Provincia di Macerata al fine di essere attestato ai fini del
D.Lgs. 152/2006 art. 208.
Nel contempo la normativa sulla VIA ha esplicitamente evidenziato che il recupero dei materiali
inerti da demolizione e costruzione non assoggettato solo ed esclusivamente se avviene presso
lo stesso sito di produzione del rifiuto stesso.

Alla luce di ci la Ditta ha deciso di delocalizzare lattuale impianto in una zona poco distante ma
ritenuta pi idonea ad allestire un sito per la gestione dei rifiuti sfruttando le potenzialit degli spazi
disponibili, la morfologia del terreno in quanto gi antropizzato per la presenza della ex cava
dismessa e la maggiore distanza da insediamenti tutti aspetti che portano a considerarlo migliore
anche da un punto di vista ambientale.

Per quanto concerne il Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti si ritiene quindi che la
delocalizzazione consenta di ritenere larea ancora idonea come il precedente impianto previa
analisi delle stesso.

Tale Piano stato approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 99 del 22/12/2000 e
come riportato al punto 3.2.2:

Inoltre stato strutturato sulla base dello studio condotto dallUniversit di Ancona al fine di
individuare le aree potenzialmente idonee per i siti di impianti destinati ad attivit di trattamento,
recupero e smaltimento dei rifiuti nellambito territoriale ottimale. Nello specifico come riportato nel
capitolo 15.1 del Piano si ha che:

Nel contempo tra gli obbiettivi previsti dallo stesso piano presente la riduzione dei rifiuti a favore
di un recupero degli stessi ed in particolare nel capitolo 6.6.2 si incentra la problematica dei rifiuti
inerti definendo che:
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


60


La metodologia adottata individua, preliminarmente, i caratteri che determinano l'esclusione, di
particolari impianti da determinate parti del territorio, considerando, sempre per aree vaste, anche
fattori penalizzanti; in una fase successiva sono valutati ulteriori caratteri del territorio rapportati
alle diverse tipologie impiantistiche e ai rispettivi impatti che le stesse determinano.
In particolare si fatto riferimento alla tabella seguente:



STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


61

Andando ad analizzare larea in oggetto si ha che la stessa, ubicata nella zona del Comune di
Potenza Picena, ricade, come quasi la totalit del territorio comunale, nellambito di vincolo ai
sensi del D.Lgs. 42/2004 gi individuato in precedenza come area tutelata.

Alla luce di ci risultato automatico che per il Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti lintera area
sia stata esclusa gi nella fase iniziale definendola non idonea.


Stralcio del territorio comunale con individuate le zone soggette a vincolo paesistico ambientale

Stralcio del PPGR si noti la similitudine tra i limiti dellarea con quella di vincolo

Nello studio di analisi di secondo livello del Piano Provinciale di Gestione dei rifiuti andato ad
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


62
individuare le specifiche aree ritenute non idonee per le diverse tipologie impiantistiche previste.
Nel caso in esame stata redatta la tavola n. 12 per gli ITI Impianti Trattamento Inerti che risulta
quella seguente:


In tale elaborato le aree individuate non idonee per gli impianti ITI vengono localizzate nei pressi
dei corsi dacqua per le problematiche connesse alle possibili esondazioni, vulnerabilit degli
acquiferi, ..

Ora nel caso in esame si ritiene che limpianto per rifiuti R5-R13 previsto funzionale alla logica
del recupero previsto dal Piano Provinciale di Gestione dei Rifiuti ed ancora di pi nella attuale
situazione dettata dalle vigenti normative ambientali le quali classificano rifiuto anche le terre di
scavo che non hanno un preventivo destino di recupero.
Con tale sito si ha una delocalizzazione dellattuale impianto autorizzato sin dal 2001 in modo
conforme dal punto di vista urbanistico ambientale andando ad inserirsi in una situazione pi
isolata e recuperando unarea gi antropizzata per la presenza di una ex cava dismessa.

Quindi con il conseguimento del parere favorevole ai fini del rilascio dellautorizzazione
paesaggistica ambientale ai sensi del D.Lgs. 42/2004 si ritiene che debba essere
considerato superato il vincolo escludente per limpianto.
E quindi le analisi definite nel presente studio sono tali da risultare conformi agli obbiettivi
previsti al capitolo 15.2.6 dello stesso Piano Provinciale al fine di arrivare ad una
valutazione per lidoneit dellarea.

7. Altro
Rispetto aree naturali protette
Larea in oggetto non interessata da alcun tipo di vincolo relativo ad aree naturali protette quali
parchi naturali, aree floristiche, aree bioitaly, oasi di protezione, siti di importanza comunitaria,
zone di protezione speciale etc
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


63

8. Condizionamenti delle vocazioni naturali
Larea situata nel Comune di Potenza Picena in unarea agricola nella quale stata in
precedenza autorizzata e realizzata una cava per estrazione di materiale litoide.
Lintervento in questione risulta da attuarsi allinterno della depressione gi esistente per la
presenza della cava attraverso limitate opere di movimento terra al fine di adeguarlo alla migliore
situazione gestionale per il recupero dei materiali inerti.
Lubicazione del sito scelto tale da risultare nascondere alla visuale limpianto di frantumazione
inerti che risulter maggiormente mitigato dal punto di vista visivo dalla messa a dimora di
piantumazioni perimetrali in parti gi esistenti.
Da quanto sopra si deduce che lintervento oggetto del presente studio interviene con una minima
modifica delle componenti ambientali gi interessate dallo stato attuale e pregresso del sito.


STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


64

Capitolo 3 Quadro di Riferimento Ambientale

1 Analisi degli Impatti sulle matrici ambientali
Definizione ambito territoriale
Gli ambiti territoriali, che costituiscono luogo fisico e di progetto, sono definiti ai fini di delimitare
linee di progetto che possono essere in questo modo indicate:
- individuare le soluzioni tecniche opportune per il riassetto del territorio, per la minimizzazione
dei rischi, per la riduzione di squilibri e delle carenze attraverso la definizione dei necessari
interventi di manutenzione, di risanamento ambientale, di recupero, di ristrutturazione, di
nuova realizzazione e di completamento;
- delineare la possibile soddisfazione delle attese di diversi soggetti sociali (variamente coinvolti
nei diversi tipi di spazi), relativamente -in particolare- alle aree degradate, ai luoghi dello
scambio e dellincontro;
- prospettare, anche in termini quantitativi, lentit delle azioni necessarie a garantire il
funzionamento delle reti territoriali, fornendo, nel contempo, ai Comuni una banca progetti, per
interventi gi verificati (quanto a coerenza territoriale, ambientale e fattibilit tecnica).

Componenti ambientali interessate dal progetto
Larea in oggetto risulta al di fuori delle aree perifluviali del Fiume Potenza, in quanto tutte le
attivit si svolgono ad una distanza maggiore dei limiti stabiliti dai vincoli del PPAR.

Lintervento riguarda principalmente la sistemazione dellarea relativa allo stoccaggio dei rifiuti al
fine di garantire un maggior presidio di tutela ambientale.

Si evidenzia che intervento non comporter labbattimento delle specie arboree ed arbustive
attualmente esistenti.


Evoluzione futura ambito territoriale senza progetto
Attraverso lapprovazione del progetto ai sensi del D.Lgs. 152/2006 art. 208 si adotter variante
urbanistica allarea di progetto adeguandola alluso per lattivit di recupero di inerti da costruzione
e demolizione.

Nellarea si attuer inoltre anche lattivit di stoccaggio e vendita dei materiali inerti provenienti dal
recupero dei rifiuti e non, ossia lattivit primaria della ditta.

Si riporta di seguito una analisi specifica delle singole componenti ambientali con riferimento alle
opere previste in progetto interessate sia nella fase di costruzione che in quella a regime.

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


65

A Suolo e Sottosuolo

Per quanto concerne gli impatti ambientali sulla matrice suolo e sottosuolo sono previste opere
minimali che intervengono sulle zone pi superficiali dellattuale piano campagna.
Il progetto prevede infatti lattuazione di limitati movimenti terra cos da adeguare lattuale
situazione morfologica, costituita dalla depressione della ex cava, alle esigenze di gestione
dellattivit.
In particolare si prevede di livellare il tutto in due zone di cui una posta a quota maggiore destinata
allaccettazione e deposito dei rifiuti in ingresso al centro, che verranno depositati su piazzola in
calcestruzzo con idoneo sistema di raccolta e trattamento delle acque, ed una zona inferiore dove
verr ubicato limpianto di recupero inerti, il vaglio e lo stoccaggio dei materiali recuperati e di quelli
vergini di complemento allattivit di vendita del materiale finito.
Con tale scelta tipologica si sono cercati di ottimizzare i movimenti terra allinterno del sito al fine di
bilanciare le aree di sterro e riporto come evidenziate nelle sezioni di progetto.
In particolare anche le tempistiche di realizzazione dellintervento, che data lattuale situazione
economica generale, si intende attuare in fasi successive consistenti in:

Fase I) approntamento area a quota maggiore per lo stoccaggio dei rifiuti R13 con realizzazione
delle pavimentazioni e sistemi di raccolta delle acque, tettoie e locali uffici a servizio di tale attivit,
gradone di contenimento del dislivello realizzato con blocchi in calcestruzzo sovrapposti e zona di
triturazione e recupero a quota inferiore;
Al completamento di tale fase con le opere necessarie alla attivit di recupero dei rifiuti si prevede
di chiedere un completamento parziale dei lavori al fine di poter aprire limpianto e cominciare
fattivamente la gestione dellattivit di recupero.

Fase II) completamento della zona di valle a quota inferiore con la edificazione della struttura
secondaria da adibire a deposito mezzi e ulteriore zona per deposito dei rifiuti dellattivit

Con tale sistema di attuazione si inoltre cercato di ottimizzare anche la gestione delle terre e
rocce da scavo che verranno accantonate nellambito della Fase I) nel cantiere al fine di
successivo riutilizzo nel sito ed al completamento anche delle opere di Fase II) le eventuali
eccedenze verranno inviate al recupero nellambito della gestione dei rifiuti.

Si consideri che per la realizzazione dei corpi di fabbrica previsti in progetto le fondazioni previste
sono di tipo superficiale, Platea o Trave rovescia rigida, il cui piano di posa potr essere posto
all'interno del litotipo Argilla Limosa Sabbiosa ad una profondit di almeno 0.8-1.0 metro dal p. c.
attuale.
Si rimanda per ulteriori specifiche alla relazione geologica redatta dal Dott. Geol. Pierpaolo
RINALDELLI.

B Acqua
Per quanto riguarda la matrice acqua presente al limite dellarea un fosso significativo nel quale
si intende confluire lo scarico delle acque previa trattamenti e depurazioni.

A tal fine nelle aree dove vengono trattati e gestiti i rifiuti non pericolosi verranno realizzati idonei
sistemi di protezione ambientale ed in particolare prevista la realizzazione di un sistema di
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


66
raccolta delle acque di dilavamento dei cumuli di rifiuti nellarea di stoccaggio con conseguente
raccolta delle stesse in una vasca di decantazione prima dello scarico in pubblica fognatura.

Il frantumatore presente in sito per le specifiche operazioni di trattamento risulta, dalle schede
tecniche fornite dal costruttore, in linea con la normativa CE. L'attivit utilizza acqua
esclusivamente ai fini del contenimento della frazione polverosa sia in fase di macinazione che in
fase di accumulo dei materiali. Limpianto mobile dotato di impianto di abbattimento polveri
grazie al quale con la nebulizzazione dellacqua si provvede allabbattimento dei residui polverosi.
Ne deriva che essendo lacqua utilizzata per lattivit di abbattimento delle polveri totalmente
assorbita dai materiali che si stanno lavorando, non vi saranno scarichi di acque reflue derivanti
dal processo di trattamento dei rifiuti

Tutta lattivit di stoccaggio e recupero dei rifiuti verr attuata allaperto senza tettoie o coperture di
altro tipo, ed in caso di pioggia non si prevede leffettuazione di nessuna operazione sui cumuli di
rifiuti che nel contempo saranno ubicati sulla idonea piazzola con le relative precauzioni previste
per il trattamento e gestione delle acque.
Saranno invece realizzate delle tettoie a servizio dellattivit destinate alla copertura dei cassoni
scarrabili, nei quali si provveder a stoccare i rifiuti derivanti dalla selezione R13 R12 prima del
loro invio presso altri centri specializzati, nonch per il rimessaggio ed il deposito dei mezzi a
servizio dellattivit (mezzi per movimento terra, camion, impianto mobile, vaglio, ).

Tutti i piazzali, le strade interne ed i parcheggi destinati alla viabilit ed allo stoccaggio dei materiali
non soggetti alla normativa dei rifiuti verranno realizzati in massicciata e stabilizzato.

Considerando lubicazione del sito e valutando la possibilit di raccogliere lacqua al fine di
successivi riutilizzi la ditta prevede che tutte le acque di dilavamento delle aree pavimentate
R5 R13 R12 vengano opportunamente convogliate ed inviate ad un impianto di
trattamento e decantazione delle acque di prima pioggia.

In definitiva il Sistema di Trattamento Acque delle Aree Gestione Rifiuti risulter cos
congeniato:
1. Dall'area di stoccaggio R13 e di lavorazione R5 le acque vengono raccolte tramite caditoia
ed inviate ad un pozzetto separatore
2. Dal pozzetto separatore in primis le stesse acque di 1^ pioggia verranno inviate ad una
apposita vasca di decantazione.
3. Raggiunto il limite del volume previsto della 1^ pioggia il pozzetto separatore devia tramite
un by pass le acque presso altro pozzetto, al quale confluiscono sin dallinizio dellevento
piovoso anche le acque delle tettoie e dei fabbricati, dal quale vengono inviate alle vasche
a tenuta atte a garantire la raccolta degli ulteriori volumi come definiti dalla L.R. 22/12 per
invarianza idraulica.
4. Al raggiungimento del volume massimo di contenimento delle acque a tutela
dellinvarianza idraulica interviene un ulteriore by pass che invia le restanti acque raccolte
al loro smaltimento tramite infiltrazione nel suolo con tubazioni drenanti poste sull'area a
verde.
5. Dopo 24 ore dall'inizio dell'evento meteorico una centralina elettronica provvede allo
svuotamento della vasca di 1^ pioggia con invio di tale refluo al pozzetto sollevatore.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


67
6. In modo analogo si provveder allo svuotamento delle vasche per l'invarianza idraulica
attraverso l'uso delle acque in esse contenute o con invio al pozzetto per la loro
successivo scarico.

Al fine della verifica delle dimensioni di tali vasche si procede di seguito ad una analisi specifica
come di seguito riportata:

Acque meteoriche di lavaggio delle aree esterne

La vigente legislazione in materia di tutela delle risorse idriche dallinquinamento parte III D.Lgs.
152/2006 demanda alle Regioni il compito di disciplinare i casi in cui sia necessario prevedere il
convogliamento ed il trattamento presso impianto di depurazione delle acque meteoriche il
lavaggio delle aree esterne.
Le Regioni identificano inoltre le situazioni in cui in relazione alle attivit svolte, vi sia il rischio
di dilavamento dalle superfici impermeabili scoperte di sostanze pericolose o di sostanze che
creano pregiudizio per il raggiungimento degli obiettivi di qualit dei corpi idrici.

Il Piano di Tutela delle Acque della Regione Marche, Deliberazione del 26-01-2010 n. 145,
disciplina le acque di prima pioggia allart. 42 ed in particolare al comma 7 fornisce indicazioni circa
il dimensionamento della vasca:
Ai fini del calcolo dei volumi di acqua di prima pioggia da trattenere, nonch da pretrattare o da
avviare a depurazione, si individuano, quali acque di prima pioggia, quelle corrispondenti ad una
altezza di pioggia di 5 mm, uniformemente distribuita sull'intera superficie scolante, afferente alla
sezione di chiusura del bacino idrografico elementare interessato. Ai fini del calcolo del volume si
dovranno assumere, quali coefficienti di afflusso convenzionali, il valore 1 per le superfici
impermeabili, ed il valore 0,3 per le superfici permeabili, escludendo dal computo le superfici verdi
e quelle coltivate.

Descrizione della fognatura e del sistema di trattamento

La fognatura sar realizzata con un sistema di caditoie e tubazioni che saranno adeguatamente
dimensionate.
Le acque meteoriche che per prime raggiungono il suolo svolgono la parte pi consistente
dellazione di lavaggio delle superfici coperte, asportando la maggior parte delle sostanze
depositate a trascinando queste ultime entro le canalizzazioni di raccolta. Con il procedere delle
precipitazioni le acque meteoriche successive alle prime raccolgono solo le tracce del materiale
inizialmente presente, sino alla rimozione pi o meno completa di questo. Per questo motivo il
possibile carico inquinante praticamente concentrato nelle sole acque di prima pioggia, che
pertanto necessitano di un trattamento dedicato prima del loro rilascio nel ricettore finale.

Tutte le acque ricadenti sulla superficie scoperta del piazzale, verranno interamente captate e
quindi convogliate tramite tubazione a condotta chiusa verso una vasca di prima pioggia incassata
nel terreno costituita da una vasca di accumulo e decantazione.
Da tale vasca, dopo 24 ore dallinizio dellevento meteorico, una centralina elettronica avvia la
pompa sommersa che procede allo svuotamento di tale accumulo, inviando le acque ad una
apposita linea fognaria che arriva ad un pozzetto di ispezione e quindi alla linea definitiva di
scarico con recapito finale su corpo idrico superficiale.

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


68
Dimensionamento vasca di prima pioggia
Altezza di acqua di prima pioggia (secondo indicazioni di legge 5 mm) = .................5 mm
Area di invaso = area destinata a R13 ed R5 = .................................................... 1.000 mq
Volume vasca di prima pioggia da Legge = 0,005 x 1.000 = ................................. 5,00 mc;
Pertanto verr posta in opera una vasca di prima pioggia di dimensione pari ad almeno 5,00 mc
che risulta soddisfare a quanto richiesto dal PTA, la stessa servir per trattenere ogni inquinate e
per sedimentare le particelle pi fini trascinate dalle acque meteoriche.


Le acque di seconda pioggia, ovvero quelle che si hanno una volta che stato riempito il volume di
invaso primario, tramite un pozzetto con funzione di bypass saranno convogliate alla linea apposita
della fognatura con recapito ad una vasca per il contenimento dei volumi di invarianza idraulica
previsti dalla Regione Marche.

Invarianza idraulica
La Deliberazione Legislativa approvata dallAssemblea Legislativa Regionale nella seduta del 15
Novembre 2011 Numero 59: Norme in materia di riqualificazione urbana sostenibile e assetto
idrogeologico e modifiche alle leggi regionali 5 agosto 1992 numero 34 Norme in materia
Urbanistica, Paesaggistica e di assetto del territorio e 8 Ottobre 2009 numero 22 Interventi della
Regione per il Riavvio delle Attivit Edilizie al fine di fronteggiare la crisi Economica, difendere
loccupazione , migliorare la sicurezza degli edifici e promuovere tecniche di edilizia sostenibile al
fine di valutare la compatibilit idraulica delle trasformazioni territoriali richiede linvarianza idraulica
delle trasformazioni del suolo.
Tale richiesta serve per evitare effetti negativi sul coefficiente di deflusso delle superfici nuove
impermeabilizzate ed in particolare prevista la realizzazione di invasi di laminazione - raccolta
delle acque meteoriche.

Nel progetto si prevede quindi la posa in opera ed il collettamento di sistema costituito da cisterne
ubicate a servizio della zona a quota superiore e sufficiente a garantire il corretto volume come
riportato nella specifica documentazione geologica.

Si provveder inoltre con tempi medi di 72 ore dallevento piovoso a provvedere allo svuotamento
attraverso il riuso nel ciclo produttivo (acqua di depolverizzazione dei macchinari, strade,
cumuli, ..) o con lirrigazione per le aree a verde previste in progetto.

La vasca infatti sar realizzata anche come riserva di acqua per la nebulizzazione atta a limitare la
formazione delle polveri e come riserva di acqua per lirrigazione delle piante attraverso una
valvola che prevede lo svuotamento della stessa in unaltra vasca di raccolta destinata
allapprovvigionamento delle acque necessarie allinterno del centro.

Ove tale vasca di accumulo risultasse piena lo scarico sar comunque garantito attraverso una
tubazione con apposito pozzetto di controllo ubicato prima della riunificazione con la linea delle
acque di scarico della prima pioggia ed il successivo recapito su fosso superficiale.

Ulteriori quantit necessarie al fabbisogno idrico, locali spogliatoio e bagni degli uffici verranno
prelevate dallacquedotto pubblico.
Lapprovvigionamento avviene attraverso la rete del pubblico acquedotto e la massa di acqua
prelevata annualmente viene stimata in circa 40 mc/anno per uso domestico.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


69

Nello specifico quindi il progetto prevede ai fini di ridurre i consumi di acqua la realizzazione di una
vasca di accumulo delle acque meteoriche di seconda pioggia che dopo aver transitato dalla vasca
di laminazione per linvarianza idraulica saranno utilizzate per labbattimento delle polveri
(emissioni diffuse).

Si considera quindi non particolarmente significativo limpatto dei fabbisogni idrici.

Tornando alla valutazione delle acque di scarico si ha che il progetto prevede la realizzazione di un
locale che verr adibito a locali ufficio, spogliatoi con la presenza dei servizi igienici.
Questultimi saranno collettati ad un sistema di trattamento dei reflui assimilabili ai civili per lo
scarico degli stessi attraverso la posa in opera di una fossa di tipo Imhoff e di una trincea drenante
a dispersione lungo il perimetro esterno del lotto sullarea destinata a verde.

Si provvede al dimensionamento della fossa Imhoff, a servizio delledificio colonico e/o dei locali
ufficio, secondo quanto previsto dal vigente PTA.

Il sistema di scarico delle acque dei servizi assimilabili alle urbane dovr essere conforme allart.
28 - Norme sulle acque reflue assimilate alle domestiche delle NTA del PTA della Regione Marche
al fine di consentire lo scarico del refluo trattato su suolo.
Infatti al comma 11 dellart. 28 si ha che: Le acque reflue assimilate alle domestiche, qualora
siano scaricate al di fuori della pubblica fognatura, devono comunque essere sottoposte ai
sistemi di trattamento appropriati di cui alle presenti N.T.A., art. 27, comma 7, anche al fine di
rispettare gli eventuali limiti stabiliti dallautorizzazione allo scarico.

In particolare il PTA, allart. 27 comma 7, prevede che il sistema e limpianto con scarico sul suolo
possa essere costituito da fossa Imhoff accompagnate a valle da:
subirrigazione in terreni permeabili;
subirrigazione con drenaggio in terreni impermeabili;
filtro percolatore (anaerobico o aerobico);
filtro percolatore + subirrigazione;
filtri (a sabbia) con subirrigazione, nel caso di falda vulnerabile.

La manutenzione delle fosse Imhoff deve prevedere lestrazione della crosta, nonch fino a 1/3 del
fango presente, almeno una volta lanno, o fino a due volte lanno se cos stabilito
nellautorizzazione allo scarico; la ditta specializzata che effettua la manutenzione rilascia un atto,
contenente tutti gli elementi necessari al riscontro della operazione, al titolare dello scarico, che
deve conservarlo, per ogni possibile controllo, per un periodo di almeno cinque anni.

Alla luce di quanto sopra si andr a realizzare limpianto di trattamento tramite la posa in opera di
una fossa Imhoff combinata con un sistema di sub-irrigazione tramite trincea drenante.

Ai fini del dimensionamento dellimpianto si considera che presso il sito possono essere al
massimo contemporaneamente presenti un numero di persone pari a 8, di cui 2 come operatori
fissi, come dichiarato dai responsabili della ditta stessa.

Valutando che 1 abitante equivalente = 1 utilizzatore domestico abituale = 5 addetti in uffici e
laboratori risulta che per limpianto in esame si dovrebbe assumere la presenza di n. 2 abitanti
equivalenti.

I parametri di dimensionamento minimo, da garantire in sede di progetto, per le fosse Imhoff, sono
nel caso di vasche con rimozione dei fanghi, documentata, almeno una volta lanno:
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


70
COMPARTO DI SEDIMENTAZIONE 0,10 m
3
/abitante equivalente;
COMPARTO DI DIGESTIONE FANGHI 0,15 m
3
/abitante equivalente;

Assumendo tali valori medi come da comma 9 dellart. 27 del PTA) si ottiene:

Abitanti Equivalenti N 2
Volume di Sedimentazione mc / a.e. 0,1 0,20
Volume di Digestione mc / a.e. 0,15 0,30
Totale Volume Fossa IMHOFF mc = 0,50

Risulta quindi la necessit di porre in opera una una fossa Imhoff di dimensione minima di litri 500.

C Acque Sotterranee
Le specifiche progettuali e le dotazioni impiantistiche presenti (piazzali impermeabili, rete di
raccolta e vasche/pozzetti di decantazione, vasca Imhoff per servizi igienici) escludono modifiche
di qualunque tipo, indotte dallattivit sulle acque sotterranee.
Limpatto generato su questa componente pu essere assunto non significativo.

Negli elaborati grafici allegata una planimetria dellimpianto con lindicazione delle linee per il
deflusso e lo scarico delle acque dello stabilimento.

D Aria
Considerando la tipologia di impianto in esame la fonte di contaminazione dellaria pu derivare
da:
il macchinario per la frantumazione;
le emissioni diffuse provenienti dai cumuli di materiale da trattare;
le emissioni diffuse provenienti dai cumuli di materiale trattato.

Data la natura dei rifiuti non pericolosi oggetto di autorizzazione, per quasi la totalit derivanti da
operazioni edili, non si prevede che gli stessi possano emettere odori sgradevoli nellambiente
circostante.
Nel contempo il rischio quello di emissioni polverulente derivanti dai cumuli in attesa di
trattamento o trattate. E infatti noto che i materiali derivanti dalla demolizione edile sono composti
oltre che da materiale grossolano anche dalle polveri che si sprigionano in fase di demolizione
stessa.
Alfine di ridurre tali rischi si prevede che i cumuli vengano sottoposti, specialmente nelle giornate
ventose e nei periodi assolati, a bagnatura superficiale al fine di mantenere umidi i cumuli e ridurre
cos le possibili emissioni.

In modo analogo si proceder anche con i materiali trattati che pur provenendo dal frantumatore
che ne definisce la granulometria e la pulizia presentano comunque il rischio, in caso di
essiccazione, di emettere polveri in ambiente.

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


71
In alternativa alla bagnatura prevista anche la soluzione, in caso di forti piogge o di inattivit
prolungata dellimpianto, di coprire i cumuli di materiali con geo tessuti o teli ombreggianti
opportunamente vincolati a terra e che consento a loro volta di ridurre i possibili rischi di emissioni
polverulenti.

Infine per quanto concerne il macchinario frantumatore si rimarca che la scheda tecnica fornita dal
costruttore ne certifica la conformit alla norma CE inoltre lo stesso provvisto di sistema di
nebulizzazione ad acqua che consente di ridurre il rischio di emissione di polveri durante la
lavorazione.

Per ogni specifica valutazione si allega lo Studio sulla valutazione previsionale di Impatto
Atmosferico eseguito dallo studio IGES che al punto 7) Conclusioni riporta quanto segue:
.. Alla luce di tutto quanto sopra esposto pertanto possibile ritenere che le concentrazioni di
ricaduta di polveri prodotte dallattivit oggetto del presente studio, considerate anche le modalit
ed i tempi di lavorazione previsti e la limitatezza spaziale del territorio interessato dal fenomeno,
sono da ritenersi tali da non modificare significativamente la qualit dellaria della zona e
garantire il mantenimento del rispetto dei valori limite imposti dal D.Lgs. 155/2010.

E Rumore

Come detto in precedenza il macchinario frantumatore risulta conforme alle direttive CE in materia
e quindi anche le emissioni acustiche previste sono conformi al normale utilizzo.
Inoltre come gi scritto nelle richieste delle precedenti autorizzazioni in corrispondenza della casa
limitrofa presente una barriera arborea con il duplice scopo di ridurre limpatto visivo dellimpianto
e di abbassare i livelli di emissione.

Per ogni specifica valutazione si allega lo Studio sulla valutazione previsionale di Impatto Acustico
eseguito dallo studio IGES che al capitolo 10) conclusioni riporta quanto segue:
In sintesi, nelle condizioni operative esaminate, le emissioni sonore generate dallattivit di
demolizione di materiali inerti della PSP, rispettano i limiti definiti dal Piano di Classificazione
Acustica del Comune di Potenza Picena.
F Vibrazioni
Non si prevedono impatti di tale tipo una volta completata la fase di cantiere relativa alla
realizzazione dellarea di stoccaggio.
In fase di cantiere i macchinari presenti in cantiere risulteranno tutti conformi alle normative vigenti
e di conseguenza limpatto derivante da eventuali vibrazioni si pu considerare nullo.
In fase a regime si prevede che ogni macchinario presente ai fini dellattivit presente nel sito sar
conforme alle vigenti norme in materia di salute e sicurezza nei posti di lavoro e quindi non
generante vibrazioni oltre i limiti consentiti di legge.

G Traffico
Larea nella quale si intende realizzare il progetto in esame servita da una strada comunale ben
accessibile a tutte le consuete tipologie di veicoli impiegati per il conferimento ed il trasporto dei
materiali.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


72


I limiti della viabilit di conferimento sono pertanto quelli imposti dalle particolari categorie di strade
pubbliche del locale circuito della viabilit.

Si ribadisce che il sito una ex area di cava e quindi gi utilizzato da mezzi di dimensioni analoghi
o addirittura maggiori di quelli previsti dalla attivit di recupero inerti richiesta con la presente
autorizzazione.

Considerato il volume di materiale stoccato e conferito in base annuale si deduce che, nellarea
vasta in esame, non si sviluppano problemi di traffico legati allattivit aziendale e che non ci
sar un aumento significativo del traffico veicolare sostanziale connesso allautorizzazione in
oggetto e si pu ritenere la rete infrastrutturale viaria sufficiente

H Valutazioni Del Rischio Di Incidenti
Nellanalisi del rischio di incidenti che possono essere relativi a esplosioni, incendi, rilasci
eccezionali di sostanze tossiche, versamenti accidentali, etc. si tiene conto dei livelli di rischio gi
presenti allinterno dellarea interessata dalla presente relazione.
Le emergenze ambientali potenzialmente verificabili nel nuovo centro sono essenzialmente
derivanti da:
- danneggiamenti accidentali imputabili a cause straordinarie non prevedibili comportanti la perdita
di efficacia dei sistemi di protezione (impianto di trattamento acqua di prima pioggia, rete di
raccolta acque meteoriche);
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


73
- errori umani nella gestione delle diverse fasi lavorative;
- errori umani nel trasporto e scarico dei materiali;
- il rischio di incendi principalmente di tipo doloso.
Nelleventualit di emergenze simili, i lavoratori del centro, opportunamente istruiti,
metteranno in atto immediatamente le procedure e le misure di sicurezza del caso per evitare
o contenere il danno, previo immediato allertamento delle opportune autorit competenti (VV.FF.,
A.R.P.A.M., Provincia, ecc.).

Saranno disponibili:
- tutte le attrezzature necessarie in riferimento alla normativa vigente in materia;
- i numeri telefonici utili in luogo noto e facilmente raggiungibile dagli operatori del centro.

L'accurata esecuzione delle norme contenute nel documento di sicurezza e salubrit permetter di
limitare al massimo l'impatto connesso al rischio di incidenti, in particolare del personale impiegato
nel centro.

I Previsione Di Impatto Sul Patrimonio Storico Artistico
Le previsioni dellimpatto sul patrimonio artistico, naturale e storico sono pressoch nulle
poich larea interessata non ritrova allinterno di parchi naturali, riserve o zone di vincolo storico.
Data la presenza del vincolo paesaggistico sul territorio comunale di Potenza Picena si
predisposta la necessaria documentazione al fine di ottenere il parere dagli Enti di competenza.


J Vegetazione, Flora, Fauna
Considerando che limpianto risulta installarsi in unarea gi oggetto di precedente antropizzazione
per la presenza del vecchio sito di cava non si evidenziano problematiche connesse a tali aspetti.

Inoltre il progetto non interessato da ambiti territoriali specifici, la zona oggetto di studio non
risulta essere classificata, nei piani territoriali programmatici, come area di altissimo valore
vegetazionale e non risulta essere nemmeno una zona di alto valore vegetazionale.

Larea in esame non individuata come Sito di Importanza Comunitaria.
Non esistono nelle immediate vicinanze aree rientranti nella Rete Natura 2000, rete ecologica
individuata in seguito al recepimento della normativa europea n. 43 del 1992 denominata Habitat,
finalizzata alla conservazione della diversit biologica presente nel territorio dellunione stessa.
Larea in esame non classificata come rientrante tra quelle individuate nella convenzione di
Ramsar, che individua le zone umide importanti come habitat per gli uccelli acquatici.

Il contesto ambientale nel quale il complesso ricade caratterizzato dalla presenza di coltivi e da
associazioni vegetazionali sparse (elementi camporili, elementi nelle vicinanze di fossi e scarpate).
Non vi sono nellintorno elementi vegetazionali di rilievo o di particolare importanza floristica.
Il progetto non incide sui livelli di qualit, della vegetazione e della flora e non prevede interventi di
disboscamento, al contrario, uneventuale piantumazione di essenze arboree ed arbustive
autoctone lungo il perimetro impiantistico, che generer un sicuro e significativo effetto positivo
sulla vegetazione.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


74
I livelli di impatto possono essere pertanto stimati come trascurabili nei confronti del sito e delle
aree di influenza; si presume che nellarea in esame e nel suo intorno significativo non verranno
influenzati n i biotipi esistenti n le associazioni vegetali attualmente esistenti.

Le attivit produttive sono attivit antropiche, pertanto costituiscono realt introdotte dalluomo che
possono generare impatto sulla fauna e causare perdita temporanea della stessa legata
allantropizzazione ed alle attivit connesse in termini di rumore, emissioni e presenza umana.
A causa della esistente antropizzazione del contesto e della presenza dellex cava si ritiene che
limpatto dellintervento sulla fauna sia non significativo ed ininfluente in considerazione della
limitata estensione dellimpianto e della sua localizzazione.
Questa assunzione pu essere estesa alle differenti tipologie di fauna: terrestre, acquatica,
avicola.
Con lapprovazione di quanto in progetto non sono attesi impatti negativi sulla componente
faunistica dellarea in quanto non si introdurranno nellambiente elementi perturbativi o
pregiudicanti la presenza di specie animali attualmente riscontrabili, piuttosto le specie arboree
piantumate lungo il perimetro dellarea dellimpianto saranno di rifugio soprattutto per piccoli uccelli
tipici della zona come: usignoli, merli, cinciallegre, capirosse, gazze, storni.

K Impatto Sugli Ecosistemi
In relazione allincidenza del progetto sulla struttura, funzionamento e qualit dellecosistema
interessato e le sue formazioni ecosistemiche, valgono le considerazioni di cui alle precedenti
sezioni.
Non sono presenti sistemi di rilevante interesse.
Attualmente la variazione pi grande richiesta riguarda la modellazione topografica su due gradoni
principali a diversa quota altimetrica della una nuova superficie che verr tendenzialmente a
modificare lattuale conformazione di ex cava con la presenza di zone morfologicamente ancora
depresse e non rinaturalizzate.

L Impatto Sul Paesaggio
Il territorio, in cui si inserisce il progetto, caratterizzato da una marcata antropizzazione
concentrata e diffusa, che nel corso del tempo ne ha modificato loriginario assetto del territorio.
La situazione si presenta, pertanto, fortemente eterogenea, caratterizzata da un mosaico di nuclei
a differente destinazione. Lanalisi paesaggistica necessaria alla definizione della visibilit dellarea
stata condotta attraverso sopralluoghi in cui stata realizzata la documentazione fotografica, con
la consultazione della cartografia di base della zona ed individuazione dei coni di visuale.
Come ampiamente descritto nelle precedenti sezioni, per ci che concerne gli aspetti
specificamente paesaggistici, sulla base del quadro di riferimento alla scala territoriale provinciale
indicato dagli strumenti urbanistici, non sono stati identificati nellarea particolari zone di pregio.

Quanto in progetto, non comporter labbattimento delle specie arboree ed arbustive attualmente
presenti.
Lungo il perimetro dellarea di lavoro della ditta verr installata una recinzione metallica munita di
idonea piantumazione che mitiga limpatto visuale rendendo il livello di interferenza trascurabile.
Pertanto si ritiene minima linterferenza visiva, e trascurabile limpatto prodotto dal presente
progetto.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


75
Durante le ore di attivit, che si ricorda essere sempre nel periodo diurno, linterferenza
proveniente dallattivit data esclusivamente dalle fasi di afflusso/deflusso dei mezzi per il
trasporto dei materiali.

M Impatto Sullassetto Demografico
Le azioni di progetto non inducono alterazioni sullassetto demografico del territorio interessato.
Infatti le attivit previste e connesse non sono suscettibili di innescare fattori che possono attivare
rilevanti movimenti migratori in entrata o in uscita (quali la creazione di posti di lavoro, la modifica
delle condizioni abitative, la modifica dei sistemi di trasporto, .) in considerazione del fatto che
non si prevedono nel breve periodo variazioni dellattuale quadro occupazionale.
Inoltre le attivit di progetto non contemplano fattori che possono comportare effetto della natalit o
mortalit a scala locale nellarea di influenza dellattivit.
Limpatto associato a questa categoria pu essere assunto nullo.

N Impatto Sullassetto Igienico-Sanitario
Con riferimento alla verifica della compatibilit dellintervento con gli standard ed i criteri per la
prevenzione dei rischi riguardanti la salute umana a breve, medio e lungo periodo, si evidenzia che
per ci che concerne la popolazione, le azioni di progetto non causano rischi di natura
ecotossicologica (acuti e cronici, a carattere reversibile ed irreversibile) n introduzione di sostanze
inquinanti nel sistema ambientale.
Analogamente i fattori di impatto atmosferico, acustico, idrico e di traffico sono assolutamente
trascurabili, come evidenziato nelle sezioni precedenti e pertanto ininfluenti sullo stato di
benessere fisico e/o psicologico della popolazione. In riferimento agli impatti sulla popolazione che
potrebbero verificarsi si pu affermare che:
le maggiori emissioni relative al rumore sono quelle relative ai semoventi per la
movimentazione del materiale nei piazzali interni e allimpianto di frantumazione e
vagliatura
Non si prevedono emissioni di vibrazioni significative durante lesecuzione delle operazioni
allinterno dellimpianto;
Non si prevedono emissioni di radiazioni.

Per ci che concerne la compatibilit dellintervento sulla salute dei lavoratori, in particolare la
valutazione dei rischi di esposizione al rumore, vibrazioni e del rischio chimico, lazienda adotta
adeguate misure di prevenzione e protezione dei lavoratori come indicato nelle norme contenute
nel documento di sicurezza e salubrit.

O Impatto Sul Sistema Socio-Economico
Per quanto riguarda la descrizione degli aspetti socio-economici della zona si fatto riferimento
all'insieme dei manufatti, sensibili in qualche maniera, alle modificazioni del territorio.
In particolar modo si tenuto conto delle attivit umane e della qualit della vita.
Nella zona di stretta pertinenza progettuale non ricadono manufatti sensibili quali zone
residenziali, scuole, aree ricreative.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


76
La presenza e lutilizzo della viabilit esistente non determiner impatti significativi sulla
popolazione residente nella zona n azioni di disturbo esercitate dallintervento sul sistema
economico locale (sistema produttivo e mercato del lavoro) e sulle sue tendenze evolutive.

P Impatto Sul Sistema Infrastrutturale
Le forniture energetiche richieste, rimarranno uguali a quelle attualmente richieste per il
funzionamento dellimpianto mobile.

Per quanto riguarda lenergia elettrica, la potenza installata non rilevante, la maggior parte
dellerogazione necessaria per lilluminazione del piazzale ed a servizio del locale ad uffici.
Per la frantumazione e la vagliatura degli inerti infatti presente un generatore di energia.

Allinterno del processo lavorativo ci sono dei cicli produttivi che abbisognano di
approvvigionamento di acqua. Le acque prelevate vengono utilizzate per alimentare limpianto di
nebulizzazione dellacqua per labbattimento delle polveri generate dalle operazioni di
frantumazione dei rifiuti inerti e per uso domestico nel WC a servizio dellimpianto.
Come detto in precedenza il recupero delle acque piovane mira a ridurre i consumi idrici necessari
al funzionamento degli impianti produttivi limitando, per quanto possibile, lapprovvigionamento
allacquedotto pubblico per la fornitura dei servizi dei locali uffici.

In merito allutilizzo della rete viaria la ditta attuer tutte le precauzioni necessarie per agevolare
limmissione sullasse viario dei mezzi pesanti in arrivo o in uscita dallimpianto.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


77

Capitolo 4 Conclusioni
1 Impatti derivanti dallintervento

Lopera prevista in oggetto relativa alla autorizzazione ai sensi dellart. 208 del D.Lgs. 152/2006
di un impianto di trattamento rifiuti speciali non pericolosi situato in Contrada Tergi a Potenza
Picena.

Lintervento incide sulle matrici ambientali sopra esaminate in maniera molto ridotta e non
comporta incrementi significativi rispetto alla situazione attuale stante la presenza in sito di
precedenti attivit antropiche similari (ex cava).

In particolare in fase di cantiere si evidenzia come gli interventi siano relativi alla realizzazione
delle pavimentazioni dellaree di stoccaggio con le relative vasche di laminazione e la realizzazione
di fabbricati a servizio dellimpianto per la protezione di scarrabili per i rifiuti e deposito mezzi ed
attrezzature.

In fase a regime, per quanto sopra riportato, si avr che:

dalla documentazione fotografica (vedi allegato) tutta larea in oggetto risulta gi
abbastanza nascosta alla visuale inserendosi in una depressione derivante da una
precedente attivit di estrazione materiale da cava ed gi schermata dalla presenza delle
essenze in filare, risultando pertanto poco visibile allesterno;
Per quanto riguarda gli altri impatti le valutazioni sul traffico, emissioni in aria e vibrazioni
portano a concludere che lintervento incide in misura minima o nulla come incrementi di
soglie rispetto allo stato attuale.
Per quanto concerne lo smaltimento e la gestione delle acque si ha che la nuova
sistemazione dellarea di stoccaggio verr predisposta secondo la L.R. 22/2011 art. 10 e il
trattamento delle acque di prima pioggia come previste dal PTA;
Anche leventuale inquinamento indiretto dovuto al dilavamento dei materiali causato dalle
acque meteoriche viene evitato avendo previsto:
o Piazzole impermeabili servite da idonea rete di raccolta delle acque dilavanti;
o Reti di raccolta delle acque cadute nei piazzali di stoccaggio dei materiali lavorati;
o Vasche di sedimentazione delle acque cadute nei piazzali a servizio dellattivit;
o Fossa imhoff per il trattamento delle acque in uscita dal servizio igienico;
o Stoccaggio dei rifiuti solidi ad esclusione dei materiali di origine inerte (metalli,
vetro, imballaggi, spiaggiato, pannelli fotovoltaici, etc) allinterno di cassoni
scarrabili e sotto tettoia che evitano il contatto degli agenti atmosferici con i
materiali depositati evitando quindi la dispersione di eventuali inquinanti nelle
matrici ambientali.
Le nuove strutture denominate capannoni / tettoie in progetto avranno invece lo scopo di
deposito dei mezzi ed attrezzature e di garantire una copertura al sovvallo derivante dalla
cernita e selezione dei rifiuti.

STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


78
Per quanto sopra si ritiene che lintervento in progetto non comporti impatti che modificano in modo
sostanziale lattuale stato di qualit delle matrici ambientali.

Si consideri inoltre che lattivit che la ditta intende svolgere attuata tramite un impianto mobile
per il quale stata richiesta lautorizzazione allesercizio che ai sensi della L.R. 3/2004 non sono
sottoposti alla procedura di V.I.A..
La principale differenziazione la continuit e la localizzazione presso un sito dove il rifiuto
non viene prodotto ma viene stoccato in attesa di lavorazione rispetto ad uno mobile non
assoggettato alla Verifica.


2 Opere di Mitigazione e Compensazione

Misure Di Mitigazione E Monitoraggio Dellimpatto Visivo E Delle Emissioni
Per laspetto paesaggistico, si prevedono misure ulteriori a quelle gi presenti (costituite da
alberature e siepi) in quanto la realizzazione della recinzione implica la successiva messa a dimora
di una barriera verde sul perimetro dellarea.

Il sistema di controllo delle emissioni e, quindi, la valorizzazione della qualit dellaria, dovuta alla
presenza di automezzi per lo scarico dei rifiuti da trattare e il carico di quelli trattati evitare effetti
indotti sull'uomo, sulla vegetazione, sulla fauna e sulla percezione del paesaggio, si riducono a
prescrizioni e raccomandazioni quali:

limitare al massimo il percorso e la manovra dei mezzi;
evitare al massimo il rischio di emissioni inquinanti provocate dal malfunzionamento, dalla
rottura o da incidenti di manovra dei mezzi di cantiere.
in caso di presenza di polveri e residui aeriformi di lavorazione e/o dovuti agli agenti
atmosferici, verranno attivati accorgimenti quali la bagnatura dei cumuli di materiali e della
viabilit nel caso che leccessiva asciugatura del sottofondo provochi uno strato polverulento.

Con riferimento alle procedure adottate in sede gestionale, si evidenzia che la ditta prevede di
adottare le seguenti specifiche operative finalizzate allottimizzazione dellattivit nellottica del
rispetto dei principi stabiliti e degli obiettivi di qualit fissati dalle disposizioni in materia ambientale.
Essi sono di seguito descritti:
le operazioni di stoccaggio e di movimentazione dei rifiuti avverranno nel rispetto dei principi
di tutela sanciti dal D.Lgs. 152/2006 e nel rispetto delle modalit di gestione indicate
nella presente relazione allegata alla domanda ed allautorizzazione, quale parte integrante e
sostanziale del presente progetto;
i cassoni scarrabili coperti saranno provvisti di accessori e dispositivi atti ad effettuare in
condizioni di sicurezza le operazioni di riempimento e svuotamento e di mezzi di presa per
rendere sicure ed agevoli le operazioni di movimentazione;
allo scopo di rendere nota la natura dei rifiuti, i cassoni saranno opportunamente
contrassegnati con etichette o targhe, apposte sui contenitori stessi o collocate nelle aree di
stoccaggio; detti contrassegni siano ben visibili per dimensioni e collocazione;
le tipologie di rifiuti saranno stoccate secondo le modalit indicate dal proponente nella
relazione;
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


79
il responsabile tecnico dell'impianto tenuto a verificare la compatibilit dei contenitori mobili
e/o fissi con i rifiuti;
durante le operazioni di carico e trasferimento dei rifiuti saranno adottate tutte le necessarie
misure di sicurezza atte ad evitare l'insorgere di qualsivoglia pericolo di ordine igienico
sanitario ed ambientale per lo stoccaggio provvisorio dei rifiuti;
per lo stoccaggio delle diverse tipologie di rifiuti identificati con i codici europei dei rifiuti, che
dovr avvenire all'interno delle zone individuate, saranno usati esclusivamente contenitori in
buone condizioni di conservazione, tali da garantire una perfetta tenuta;
nelle zone di stoccaggio dei rifiuti sar presa ogni precauzione al fine di garantire un ordinato
stoccaggio, prevedendo un'organizzazione dei contenitori contenenti i rifiuti idonea a
consentire una sufficiente movimentazione dei rifiuti, nonch un facile accesso nelle stesse
zone di stoccaggio dei rifiuti da parte degli organi di controllo;
i rifiuti destinati allo stoccaggio provvisorio saranno successivamente inviati a impianti di
smaltimento o di recupero regolarmente autorizzati;
limpianto sar gestito con modalit e mezzi tecnici atti ad evitare rischi per lambiente e per
luomo;
limpianto sar sottoposto a periodiche manutenzioni delle opere che risultano
soggette a deterioramento, con particolare riferimento alle pavimentazioni del piazzale, alla
rete fognaria, ecc, in modo tale da evitare qualsiasi pericolo di contaminazione dellambiente;
lattivit dell'impianto si svolger in orari, tali da evitare disturbi e disagio al vicinato, nel
rispetto delle disposizioni in materia;
sar tenuto presso l'impianto un apposito registro di carico e scarico previsto dal D.Lgs
152/2006 sul quale saranno annotate le operazioni di carico e scarico dei rifiuti e tutte le
relative informazioni previste dalle disposizioni vigenti sul modello uniforme di registro;
saranno conservate le copie del formulario di trasporto nel rispetto delle vigenti norme
previste dalle disposizioni vigenti;
lesercizio dellimpianto avverr nel rispetto delle normative in materia di inquinamento
acustico, atmosferico e delle acque ed in materia di sicurezza, di igiene e tutela dei
lavoratori, di rischi di incidenti rilevanti e di prevenzione incendi, se ed in quanto applicabili;
la ditta si impegna a dare immediata comunicazione alla Provincia di Macerata di ogni
eventuale variazione strutturale e gestionale dell'impianto;
a vantaggio di sicurezza, sono previste, inoltre, procedure di gestione particolari: un
operatore, incaricato dal Responsabile Tecnico dellimpianto, dovr verificare
settimanalmente lo stato di degrado della pavimentazione del piazzale e provvedere alla
pulizia del piazzale.


STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


80

Capitolo 5 Modalit di Ripristino Ambientale

Premesso che, al fine di minimizzare il rischio di eventi dannosi per lambiente circostante, lattivit
di messa in riserva, deposito preliminare e trattamento, in oggetto sar sempre condotta nel pieno
rispetto delle normative vigenti in materia ambientale e sar esercitata in conformit alle
prescrizioni del nuovo Decreto Legislativo n. 152/06, la necessit di unopera di bonifica sar
quindi correlata alleffettivo stato del sito al momento della cessazione dellattivit: in quella data
saranno comunque messi in atto, se necessari, tutti quegli interventi di riqualificazione ambientale
e paesaggistica che consentano di recuperare il sito alla effettiva e definitiva fruibilit per la
destinazione duso conforme agli strumenti urbanistici in vigore, assicurando la salvaguardia della
qualit delle matrici ambientali.

Il presente piano di ripristino ambientale tiene conto delle norme e delle tecniche di cui ad oggi si
a conoscenza, ma nulla toglie di adottare eventuali tecnologie migliorative che in futuro potrebbero
trovarsi sul mercato.

In una prima fase iniziale la chiusura dellimpianto sar parziale in quanto non saranno pi
accettati rifiuti in ingresso ma allinterno del centro lattivit proseguir per lo smaltimento e/o il
recupero finale di tutti quei rifiuti ancora presenti e per tutte quelle lavorazioni conseguenti
(stoccaggio dei materiali, operazioni di trattamento, ecc.).

Successivamente a questa fase si possono prevedere i seguenti interventi:
rimozione dei contenitori utilizzati per il deposito del carburante;
rimozione dei cassoni e degli altri recipienti utilizzati per lo stoccaggio dei rifiuti;
trattamento finalizzato al recupero e/o conferimento a ditte autorizzate per lo smaltimento finale
dei rifiuti ancora presenti nellimpianto;
rimozione dellimpianto di frantumazione e vagliatura;
una volta liberata tutta larea di lavoro, tutte le superfici impermeabili saranno lavate e sgrassate
con prodotti appositi, previsti dalle norme e dalle tecniche in materia ambientale, in modo tale
da eliminare ogni tipologia di incrostazione di possibili inquinanti che nel tempo si saranno
depositati a terra, raccogliendoli in un apposita cisterna a tenuta e smaltendo poi le acque di
lavaggio secondo le normative vigenti;
manutenzione e rifacimento dello strato superficiale del piazzale con materiale inerte rullato;
ove previsto dal piano di riassetto dellarea, messa a dimora nelle aree libere di piantumazioni di
essenze autoctone tipiche dei luoghi o interventi similari;

Sar inoltre verificata lintegrit della recinzione e della piantumazione esistente nel centro e, se
necessario, sottoposta a manutenzione: essa infatti sar conservata in loco, in quanto idonea per
qualsiasi altra attivit artigianale o industriale.

Il termine di tali operazioni sar comunicato dal Responsabile della Ditta agli organi competenti nei
tempi e nei modi previsti dalla legge.

Lazienda prevede altres di effettuare n 2 sondaggi (mediante trivellazione a secco), spinti fino
alla profondit di almeno mt. 5,00/10,00 ed ubicati allinterno dellarea, disposti alle estremit est
ed ovest del lotto.
Nel corso della trivellazione dovranno essere prelevati campioni di terreno, con intervallo di circa
mt. 1,00 e per i primi mt. 5,00-10,00 di profondit, da sottoporre ad opportune analisi chimiche.
Nel caso in cui emerga la presenza di sostanze inquinanti con valori di concentrazione superiori a
quelli ammessi dalla legge, si dovr procedere con una nuova campagna di sondaggi ed il prelievo
dei campioni dovr essere esteso ad una maggiore profondit, cio fino a mt. 15,00 20,00.
STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE
- L.R. 26.03.2012 n3 -


81
Se necessario, si interverr nelle zone del piazzale decorticando una piccola parte di terreno in
superficie.
Nel caso in cui i campionamenti ancora dovessero rilevare delle concentrazioni di sostanze
superiori ai limiti imposti dal D.Lgs 152/2006 Titolo V parte IV si seguir la procedura di bonifica.
Dal punto di vista delle tecnologie applicabili per leventuale bonifica del sito, esse si possono
riepilogare nel seguente schema:


I tubi piezometrici che potrebbero essere istallati in impianto, saranno utilizzati per i controlli chimici
delle acque.
Sulla base dei risultati delle analisi chimiche e della definizione di eventuali focolai di
contaminazione, potrebbe essere prevista listallazione di nuovi piezometri.
La frequenza del campionamento delle acque e quindi delle analisi si consiglia annuale.



Potenza Picena, Marzo 2014





Pr o v i n c i a d i Ma c e r a t a



DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE





N. 100 / XIV del 20-02-2004






Oggetto: Art.33 Decreto L.gs. 5 febbraio 1997 n.22: Ditta STACCHIETTI STEFANO, con
sede legale in via Casette Torresi n. 12, del Comune di Potenza Picena, con sede operativa in
C.DA Varco, snc, del Comune di Potenza Picena, esercente lattivit di recupero di rifiuti non
pericolosi. -Modifica determinazioni dirigenziali n.n. 134/VI del 03-09-2001, n. 101/VI del 26-08-
2002.-



















Prot. n. 15633
Data 01-03-2004
Doc. n. 583
SETTORE 14
SERVIZIO 2
CENTRO DI COSTO







Prot. n. SETTORE XIV
Data SERVIZIO 2
Doc. n. CENTRO DI COSTO



DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

N. 100 /XIV del 20-02-2004


Oggetto: Art.33 Decreto L.gs. 5 febbraio 1997 n.22, Ditta STACCHIETTI
STEFANO, con sede legale in via Casette Torresi n. 12, del Comune di Potenza
Picena, con sede operativa in C.DA Varco, snc, del Comune di Potenza Picena ,
esercente lattivit di recupero di rifiuti non pericolosi. -Modifica determinazioni
dirigenziali n.n. 134/VI del 03-09-2001, n. 101/VI del 26-08-2002 -



IL DIRIGENTE

Visto il documento istruttorio, riportato in calce alla presente determinazione, n.
100/XIV del 20-02-2004, Registro Proposte, a firma del responsabile del procedimento,
Istruttore Direttivo Adriano Conti, concernente la modifica delle determinazioni
dirigenziali n.n. 134/VI del 03-09-2001, 101/VI del 26-08-2002, con le quali si
provveduto rispettivamente alliscrizione nellapposito registro della Provincia della
ditta STACCHIETTI STEFANO, con sede legale in via Casette Torresi n. 12, del
Comune di Potenza Picena, con sede operativa in C.DA Varco, snc, del Comune di
Potenza Picena, esercente lattivit di recupero di rifiuti non pericolosi, e alla
trascodifica dei codici CER;
Ritenuto di condividerne le motivazioni e di fare integralmente propria la
proposta di determinazione con esso formulata;
Visto lart.107 del Decreto Legislativo n. 267/2000;
Visto lart.6 del vigente regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi;
Viste le disposizioni della Legge 349/86,




D E T E R M I N A


1) di prendere atto che le determinazioni dirigenziali n.n. 134/VI del 03-09-2001,
101/VI del 26-08-2002 hanno indicato erroneamente che la sede operativa della Ditta
si trova in via Casette Torresi n. 12 del Comune di Potenza Picena e non nella sede
indicata nellistanza di iscrizione e cio in C.DA Varco, snc, del medesimo Comune;

2) di dare atto che la sede operativa della Ditta sopra indicata si trova quindi in C.DA
Varco, snc, del Comune di Potenza Picena;

3) di modificare le determinazioni dirigenziali di cui al punto 1 per quanto riguarda tutte
le indicazioni relative alla sede operativa della Ditta iscritta al n. 242 del registro
provinciale delle imprese che effettuano attivit di recupero di rifiuti speciali non
pericolosi, precisando che tutte le altre limitazioni e prescrizioni poste in essere con
le suddette determinazioni dirigenziali rimangono in essere;

4) di comunicare la predetta modificazione alla Ditta interessata, al Comune
territorialmente interessato, al Servizio di Polizia Provinciale, allARPAM -
Dipartimento Provinciale - ed ai Servizi Sanitari competenti per territorio affinch
effettuino le verifiche e i controlli a norma dei commi 3^ e 4^ dellart.33 del
D.Lgs.vo 22/97;

5) di dare altres atto che la presente determinazione non comporta impegno di spesa.

Macerata l, 20.02.2004




IL DIRIGENTE DI SETTORE
(Dr.Luca Grillini)







DOCUMENTO ISTRUTTORIO

Considerato che con la determinazione dirigenziale n. 134/VI del 3-9-2001, la
Ditta STACCHIETTI STEFANO stata iscritta al numero 242 del registro provinciale
delle imprese esercenti operazioni di recupero rifiuti, indicando erroneamente la sede
operativa e pi in specifico facendola coincidere con la sede legale, mentre la sede
operativa si trova in C.DA Varco del Comune di Potenza Picena;
Considerato, altres, che con la determinazione dirigenziale n. 101/VI del 26-
08-2002 si provveduto alla trascodifica dei codici CER incorrendo nel medesimo
errore relativo allubicazione della sede operativa;
Vista la comunicazione datata 30-01-2004 con cui si segnalava opportunamente
il suddetto errore materiale;
Ritenuto per quanto sopra precisato di dover disporre la modifica della
precedenti determinazioni dirigenziali indicando correttamente la sede operativa della
ditta in questione:

Per tutto quanto sopra premesso si propone al Dirigente del Settore di
determinare quanto segue:

1) di prendere atto che le determinazioni dirigenziali n.n. 134/VI del 03-09-2001,
101/VI del 26-08-2002 hanno indicato erroneamente che la sede operativa della Ditta
si trova in via Casette Torresi n. 12 del Comune di Potenza Picena e non nella sede
indicata nellistanza di iscrizione e cio in C.DA Varco, snc, del medesimo Comune;

2) di dare atto che la sede operativa della Ditta sopra indicata si trova quindi in C.DA
Varco, snc, del Comune di Potenza Picena;

3) di modificare le determinazioni dirigenziali di cui al punto 1 per quanto riguarda
tutte le indicazioni relative alla sede operativa della Ditta iscritta al n. 242 del
registro provinciale delle imprese che effettuano attivit di recupero di rifiuti speciali
non pericolosi, precisando che tutte le altre limitazioni e prescrizioni poste in essere
con le suddette determinazioni dirigenziali rimangono in essere;

4) di comunicare la predetta modificazione alla Ditta interessata, al Comune
territorialmente interessato, al Servizio di Polizia Provinciale, allARPAM -
Dipartimento Provinciale - ed ai Servizi Sanitari competenti per territorio affinch
effettuino le verifiche e i controlli a norma dei commi 3^ e 4^ dellart.33 del
D.Lgs.vo 22/97;

5) di dare altres atto che la presente determinazione non comporta impegno di spesa.

Macerata l, 20.02.2004
IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Adriano Conti



File:Adriano.Conti/Stacchietti Stefano/modifica/sede operativa corretta
Oggetto: Stacchietti Stefano con sede legale in Via Casette Torresi n.12 e sede operativa in
C.da Varco del Comune di Potenza Picena. Attivit di recupero di cui agli articoli
214 e 216 del D.Lgs. 152/2006 e s.m.Provvedimento d'iscrizione
Provincia di Macerata
COPIA
DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE
N. 403 - 10 Settore / Del 02-10-2009
SETTORE
AMBIENTE
Preliminare:
n.0
Data
PROVINCIA DI MACERATA
Macerata,
Al Dirigente del SETTORE
AMBIENTE
GATTAFONI GRAZIELLA
S E D E
DOCUMENTO ISTRUTTORIO
OGGETTO: Stacchietti Stefano con sede legale in Via Casette Torresi n.12 e sede operativa in
C.da Varco del Comune di Potenza Picena. Attivit di recupero di cui agli articoli
214 e 216 del D.Lgs. 152/2006 e successive modificazioni.- Provvedimento
discrizione.
Normativa di riferimento
4 D.Lgs. n. 22/97 (cosi detto Ronchi);
4 D.M. 5 febbraio 1998;
4 L.R. n. 28/99 Disciplina regionale in materia di rifiuti attuazione del decreto legislativo 5
febbraio 1997, n. 22 ;
4 Deliberazione Amministrativa del Consiglio Regionale n. 289/99 Piano Regionale per
la gestione dei rifiuti legge regionale 28 ottobre 1999, n. 28 articolo 15
4 Deliberazione Consiglio della Provincia di Macerata n. 99 del 22/12/2000 Approvazione Piano
Provinciale per la Gestione dei Rifiuti Provvedimenti;
4 D.M. 27 luglio 2004;
4 D.M. 161/2002;
4 D.M. 186 del 5 aprile 2006;
4 D.Lgs. 152/2006 Norme in materia ambientale;
4 D.Lgs. n. 4 del 16 gennaio 2008;
4 Determina dirigenziale n. 138/12 del 12/05/2008;
Motivazioni ed esito dellistruttoria
La societ Stacchietti Stefano, con sede legale in Via Casette Torresi, n.12 e sede operativa in
C.da Varco del Comune di Potenza Picena con determinazione dirigenziale n. 134/XIV del
03/09/2001 stata iscritta al n. 242 del registro delle imprese che svolgono lattivit di recupero
dei rifiuti in procedura semplificata.
In data 28/07/2009, e quindi successivamente alla scadenza delliscrizione, la societ ha
presentato una nuova comunicazione dinizio attivit ai sensi del comma 1 dellart.216 del d.lgs.
152/06.
Con nota del 07/08/2009, prot. 60640 la Provincia di Macerata ha comunicato in riferimento
allistanza di iscrizione, lincompletezza della stessa in quanto mancava la seguente
documentazione:
1.il provvedimento di screening, ai sensi della L.R. 7/2004, in quanto risultavano superati i
limiti di cui allallegato B2 punto 5 lett. p ter) L. R. 7/2004;
2.il parere di compatibilit urbanistico ambientale da parte del Comune di Potenza Picena, in
quanto quello agli atti faceva riferimento a dati catastali (foglio 30, mappali nn. 324 e 325)
diversi rispetto a quelli indicati dalla ditta (foglio 19, mappali nn.281-32);
3. lincompletezza della documentazione tecnica richiesta dalla legge per il tipo di operazioni
di recupero che la ditta in questione intendeva effettuare ovvero utilizzo dei rifiuti per la
formazione di rilevati, sottofondi stradali, ferroviari e aeroportuali e piazzali industriali;
Nel richiedere la relativa documentazione integrativa la Provincia sospendeva il termine del
procedimento ( di 90 giorni decorrenti dalla recezione della comunicazione dinizio attivit) fino
allacquisizione delle integrazioni richieste.
Con nota pervenuta il 15/09/2009, acquisita al protocollo dellente al n. 69235, la ditta in
questione ha dichiarato quanto segue:
la ditta intende effettuare solamente operazioni di recupero R13 equivalente alla messa in 1.
riserva pertanto il provvedimento di screening ai sensi della L.R. 7/2004 e la
comunicazione di utilizzo di rilevati e sottofondi stradali, ferroviari e aeroportuali e piazzali
industriali di cui allart. 216 d.lgs. 152/2006, non risultano necessari;
i dati catastali della domanda di iscrizione non coincidono con i dati catastali del parere di 2.
compatibilit urbanistico in quanto vi stata unerronea compilazione della domanda. ..si
prega di far riferimento a qualli presenti sul parere di compatibilit urbanistico e cio foglio
30, mappali nn. 324 e 325.
Occorrer inoltre rilevare che :
stata acquisita agli atti la dichiarazione sostitutiva di atto notorio, resa, ai sensi del -
DPR 445/2000, dal legale rappresentante della ditta sig. Stacchietti Stefano, in
merito alla non assoggettabilit dellattivit in questione al controllo da parte del
Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco;
nel parere rilasciato dal Comune di Potenza Picena con atto del 01/02/2009 si -
attesta che lattivit di recupero dei rifiuti speciali non pericolosi che la ditta
Stacchietti Stefano intende effettuare da esercitarsi in C.da Varco s.n.c. del
Comune di Potenza Picena nellarea distinta al catasto terreni del Comune di
Potenza Picena, foglio n.30 mappale n. 324-325 risulta compatibile dal punto di
vista urbanistico ed ambientale.;
lattivit svolta dalla ditta in questione rientra tra quelle che generano emissioni -
polverulente, regolata dallallegato V della parte quinta del d.lgs. 152/06. Poich
tuttavia si tratta di attivit che era in esercizio alla data di entrata in vigore del d.lgs.
152/06 la ditta in questione tenuta ad acquisire lautorizzazione alle emissioni in
atmosfera entro il termine previsto dallart. 281, comma 2 del d.lgs. 152/06, ovvero
entro il 29/04/2011, e a presentare la relativa domanda di autorizzazione entro il
29/10/2010.
Per quanto sopra esposto, si ritiene di:
1. disporre liscrizione al n.242 del registro delle imprese che svolgono lattivit di recupero dei
rifiuti speciali nei confronti della ditta Stacchietti Stefano per le operazioni di recupero, le tipologie e
i quantitativi di rifiuti cos come riportati nellallegato alla presente determinazione della quale
costituisce parte integrante e sostanziale;
2. di avvisare la societ che, ai sensi dellart. 281 del d.lgs. 152/06, entro la data del 29/10/2010
tenuta a presentare la domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dallallegato
V della parte quinta del d.lgs. 152/06, e di acquisire la stessa entro la data del 29/04/2011;
Per tutto quanto sopra premesso si propone al Dirigente del Settore di determinare quanto
segue:
1.di disporre liscrizione al n. 242 del registro provinciale dei soggetti che effettuano operazioni di
recupero in procedura semplificata, in favore della ditta individule:
DENOMINAZIONE
Stacchietti Stefano
PARTITA IVA: 00787920438
SEDE LEGALE (comune, via, n.)
Potenza Picena , Via Casette Torresi n.12
SEDE OPERATIVA: Potenza Picena, C.da Varco
INDIVIDUAZIONE CATASTALE: Foglio 30 Particella 324-325;
per le operazioni, tipologie e quantit di rifiuti meglio specificate nellallegato al presente atto;
2. di avvisare la ditta che, in virt del combinato disposto dagli artt. 271, comma 1 e 281, comma 2
del d.lgs. 152/06, entro la data del 29/10/2010 tenuta a presentare la domanda di autorizzazione
alle emissioni in atmosfera ai sensi dallallegato V della parte quinta del d.lgs. 152/06, e di
acquisire la stessa entro la data del 29/04/2011;
3.di dare atto che la societ inoltre tenuta ad operare nel rispetto delle disposizioni di cui al DM.
05/02/1998 cos come modificate ed integrate dal D.M. 186 del 05/04/2006 ed in particolare:
a. delle norme tecniche generali per il recupero di materia dai rifiuti non pericolosi di cui allallegato
1, suballegato 1 del decreto in questione;
b. delle norme tecniche generali per gli impianti di recupero che effettuano loperazione di messa in
riserva dei rifiuti non pericolosi di cui allallegato 5 del citato decreto;
4.di dare atto che, ai sensi dellart. 216, comma 5 del d.lgs. 152/06, la comunicazione dinizio
attivit deve essere rinnovata ogni cinque anni e comunque in caso di modifica sostanziale delle
operazioni di recupero;
5.di inviare copia del presente provvedimento:
- alla societ in questione affinch eserciti le attivit di cui allallegato al presente atto nel
rispetto delle norme vigenti;
- al Comune di Potenza Picena per le eventuali verifiche di competenza relative agli aspetti
urbanistici e paesaggistico - ambientali;
- al Servizio di Polizia Provinciale, allARPAM - Dipartimento Provinciale ed ai Servizi
Sanitari competenti per territorio affinch effettuino le verifiche e i controlli a norma di legge;
6.di dare atto che la ditta tenuta a versare alla Provincia di Macerata, entro il 30 aprile di ogni
anno, limporto del diritto di iscrizione pari a . 50,00 ai sensi dellart. 212, comma 26 e art. 214,
c.7 del d.lgs. 152/06;
7.di dare atto che:
- che il responsabile del procedimento, ai sensi del vigente Regolamento per la disciplina dei
procedimenti amministrativi, il Sig. Adriano Conti responsabile del 3Servizio Gestione dei Rifiuti
del XII Settore della Provincia;
- il presente provvedimento viene rilasciato fatti salvi ed impregiudicati i diritti dei terzi;
- contro il presente provvedimento ammesso il ricorso al TAR Marche entro 60 giorni, o, in
alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla sua notifica o comunque
dalla sua piena conoscenza;
8.di dare, altres, atto che la presente determinazione non comporta impegno di spesa.
IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Adriano Conti
IL DIRIGENTE
Visto il documento istruttorio, riportato in calce alla presente determinazione, a firma del
responsabile del procedimento, Istruttore Direttivo Adriano Conti, di cui alloggetto;
Ritenuto di condividerne le motivazioni e di fare integralmente propria la proposta di
determinazione con esso formulata;
Visto lart. 107 del Decreto Legislativo n. 267/2000
Visto lart. 28 del vigente regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi;
D E T E R M I N A
1.di disporre liscrizione al n. 242 del registro provinciale dei soggetti che effettuano operazioni di
recupero in procedura semplificata, in favore della ditta individule:
DENOMINAZIONE
Stacchietti Stefano
PARTITA IVA: 00787920438
SEDE LEGALE (comune, via, n.)
Potenza Picena , Via Casette Torresi n.12
SEDE OPERATIVA: Potenza Picena, C.da Varco
INDIVIDUAZIONE CATASTALE: Foglio 30 Particella 324-325;
per le operazioni, tipologie e quantit di rifiuti meglio specificate nellallegato al presente atto;
2. di avvisare la ditta che,in virt del combinato disposto dagli artt. 271, comma 1 e 281, comma 2
del d.lgs. 152/06, entro la data del 29/10/2010 tenuta a presentare la domanda di autorizzazione
alle emissioni in atmosfera ai sensi dallallegato V della parte quinta del d.lgs. 152/06, e di
acquisire la stessa entro la data del 29/04/2011;
3.di dare atto che la societ inoltre tenuta ad operare nel rispetto delle disposizioni di cui al DM.
05/02/1998 cos come modificate ed integrate dal D.M. 186 del 05/04/2006 ed in particolare:
a. delle norme tecniche generali per il recupero di materia dai rifiuti non pericolosi di cui allallegato
1, suballegato 1 del decreto in questione;
b. delle norme tecniche generali per gli impianti di recupero che effettuano loperazione di messa in
riserva dei rifiuti non pericolosi di cui allallegato 5 del citato decreto;
4.di dare atto che, ai sensi dellart. 216, comma 5 del d.lgs. 152/06, la comunicazione dinizio
attivit deve essere rinnovata ogni cinque anni e comunque in caso di modifica sostanziale delle
operazioni di recupero;
5.di inviare copia del presente provvedimento:
- alla societ in questione affinch eserciti le attivit di cui allallegato al presente atto nel
rispetto delle norme vigenti;
- al Comune di Potenza Picena per le eventuali verifiche di competenza relative agli
aspetti urbanistici e paesaggistico - ambientali;
- al Servizio di Polizia Provinciale, allARPAM - Dipartimento Provinciale ed ai Servizi
Sanitari competenti per territorio affinch effettuino le verifiche e i controlli a norma di legge;
6.di dare atto che la ditta tenuta a versare alla Provincia di Macerata, entro il 30 aprile di ogni
anno, limporto del diritto di iscrizione pari a . 50,00 ai sensi dellart. 212, comma 26 e art. 214,
c.7 del d.lgs. 152/06;
7.di dare atto che:
- che il responsabile del procedimento, ai sensi del vigente Regolamento per la disciplina dei
procedimenti amministrativi, il Sig. Adriano Conti responsabile del 3Servizio Gestione dei Rifiuti
del XII Settore della Provincia;
- il presente provvedimento viene rilasciato fatti salvi ed impregiudicati i diritti dei terzi;
- contro il presente provvedimento ammesso il ricorso al TAR Marche entro 60 giorni, o, in
alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla sua notifica o comunque
dalla sua piena conoscenza;
8.di dare, altres, atto che la presente determinazione non comporta impegno di spesa.
IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE
Graziella Gattafoni
Allegato alla determinazione dirigenziale n.403/XII del 02/10/2009.
Stacchietti Stefano con sede legale in Via Casette Torresi n.12 e sede operativa in C.da
Varco del Comune di Potenza Picena.
Tipolo
gia
rifiuto
(all.
1-sub. 1
del D.M.
5.2.98)
Descrizione tipologia
(all. 1-sub. 1 del D.M.
5.2.98)
CODICI CER
Operazione
di recupero
(All. C alla
parte IV del
d.lgs.
152/06)
Attivit di
recupero
(all. 4-sub. 2
del D.M.
5.2.98)
Quantit
T/anno
Recuperata
7.1
Rifiuti costituiti da laterizi,
intonaci e
conglomerati di cemento
armato e non,
comprese le traverse e
traversoni
ferroviari e i pali in
calcestruzzo armato
provenienti da linee
ferroviarie,
telematiche ed elettriche e
frammenti di
rivestimenti stradali, purch
privi di
amianto
[101311] [170101]
[170102] [170103]
[170107] [170802]
[170904] [200301]
R13
Messa in
riserva
3.000
7.2
Rifiuti di rocce da cave
autorizzate
[010399] [010408]
[010410][010413]
R13
Messa in
riserva
500
7.4
Sfridi di laterizio cotto ed
argilla espansa
[101203] [101206]
[101208]
R13
Messa in
riserva
1.000
7.11 Pietrisco tolto dopera [170508] R13
Messa in
riserva
900
7.17
Rifiuti costituiti da pietrisco
di vagliatura del calcare
[010102] [010308]
[010408][010410]
[020402] [020499]
[020701] [020799]
[100299]
R13
Messa in
riserva
200
7.31
Terre da coltivo, derivanti da
pulizia di materiali vegetali
eduli e dalla battitura
della lana sucida
[020199] [020401] R13
Messa in
riserva
200
7.31
bis
Terre e rocce da scavo [170504] R13
Messa in
riserva
1.500
TOTALE 7.300
Macerata, li 02-10-2009
Il Dirigente del SETTORE
AMBIENTE
F.to GATTAFONI GRAZIELLA
Oggetto: D. Lgs. 152/06, art. 216. Modifica dell'iscrizione al n. 242 del registro delle imprese
che svolgono l'attivit di recupero dei rifiuti speciali non pericolosi. Variazione della
denominazione sociale e sede legale. P.S.P. S.r.l. sede legale ed operativa in V.
Varco, del Comune di Potenza Picena.
Provincia di Macerata
COPIA
DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE
N. 82 - 10 Settore / Del 06-03-2012
SETTORE
AMBIENTE
Preliminare:
n.0
Data
PROVINCIA DI MACERATA
Macerata,
Al Dirigente del SETTORE
AMBIENTE
ADDEI LUCA
S E D E
DOCUMENTO ISTRUTTORIO
OGGETTO: D. Lgs. 152/06, art. 216. Modifica delliscrizione al n. 242 del registro delle imprese
che svolgono lattivit di recupero dei rifiuti speciali non pericolosi. Variazione della
denominazione sociale e sede legale. P.S.P. S.r.l. sede legale ed operativa in V.
Varco, del Comune di Potenza Picena.
Normativa di riferimento
Deliberazione amministrativa del Consiglio Regione Marche n. 284 del 15
dicembre 1999, avente per oggetto:Piano Regionale per la Gestione dei Rifiuti
legge regionale 28 ottobre 1999, n. 28 , art. 15;
Decreto del Ministero dellAmbiente 5 febbraio 1998: Individuazione dei rifiuti non
pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero ai sensi degli articoli 31
e 33 del decreto legislativo 5 febbraio 1997 n. 22;
Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale;
Decreto del Ministero dellAmbiente 5 aprile 2006 n. 186 Regolamento recante
modifiche al decreto ministeriale 5 febbraio 1998 Individuazione dei rifiuti non
pericolosi sottoposti alle procedure semplificate di recupero, ai sensi degli articoli
31 e 33 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22;
Legge Regionale Marche 14 aprile 2004 n. 7 Disciplina della procedura di
valutazione di impatto ambientale;
Legge Regionale Marche 12 giugno 2007 n. 6 Modifiche ed integrazioni alle leggi
regionali 14 aprile 2004, n. 7, 5 agosto 1992, n. 34, 28 ottobre 1999, n. 28, 23
febbraio 2005, n. 16 e 17 maggio 1999, n. 10. Disposizioni in materia ambientale e
Rete Natura 2000.
Motivazioni ed esito dellistruttoria.
Con determinazione dirigenziale n. 403/XII del 02/10/2009 stata disposta liscrizione al n.
242 del registro provinciale dei soggetti che effettuano operazioni di recupero in procedura
semplificata della ditta individuale Stacchietti Stefano, con sede legale in Via Casette Torresi n.12
e sede operativa in C.da Varco del Comune di Potenza Picena. Con successiva determinazione
dirigenziale n. 145/XII del 21/04/2010 liscrizione stata volturata a favore della P.S.P. di Pirro
Franco - Stacchietti Stefano e Pesci Mirko & C. Snc. con sede legale in V. Brodolini 12/M del
Comune di Porto Recanati.
Con nota pervenuta il 24/01/2012, prot. 5537, il sig. Pirro Franco, in qualit di legale
rappresentante, ha comunicato la variazione della ragione sociale e della sede legale da P.S.P. di
Pirro Franco - Stacchietti Stefano e Pesci Mirko & C. Snc, con sede legale in V. Brodolini 12/M del
Comune di Porto Recanati in P.S.P. S.r.l. con sede legale in Via Varco s.n.c. di Potenza Picena.
Nella stessa nota si dichiara altres : tutti gli altri dati restano invariati, quali: P. IVA 01477370439,
rappresentante legale: Pirro Franco; soci: Pirro Franco, Stacchietti Stefano, Pesci Mirko, Pirro
Emanuele, Stacchietti Andrea. La sede presso la quale viene svolta lattivit di recupero dei rifiuti
speciali non pericolosi, come da determinazione dirigenziale n. 145/12 Settore /del 21/04/2010,
non subisce alcun tipo di modifica o variazione. Permangono i requisiti soggettivi di cui allart. 10
del D.M. 5 febbraio 1998.
Con successiva nota pervenuta il 07/02/2012 (prot. 9336) la societ ha trasmesso la visura
camerale dalla quale risultano le suddette modifiche della denominazione societaria e della sede
legale.
Sulla base di quanto sopra esposto si ritiene di modificare liscrizione di cui alla
determinazione dirigenziale n. 403/XII del 02/10/2009 e successiva voltura con DD145/XII del
21/04/2010, prendendo atto della variazione della denominazione sociale e sede legale della
societ intestataria da P.S.P. di Pirro Franco - Stacchietti Stefano e Pesci Mirko & C. Snc, con
sede legale in V. Brodolini 12/M del Comune di Porto Recanati in P.S.P. S.r.l. con sede legale in
Via Varco s.n.c. di Potenza Picena.
Per tutto quanto sopra premesso si propone al Dirigente del Settore di determinare quanto
segue:
1.Di modificare liscrizione di cui alla determinazione dirigenziale n. 403/XII del 02/10/2009 e
successiva voltura con DD145/XII del 21/04/2010, prendendo atto della variazione della
denominazione sociale e sede legale della societ da P.S.P. di Pirro Franco - Stacchietti Stefano e
Pesci Mirko & C. Snc, con sede legale in V. Brodolini 12/M del Comune di Porto Recanati, in
P.S.P. S.r.l. con sede legale in Via Varco s.n.c. di Potenza Picena;
2. di dare atto che la societ tenuta a versare alla Provincia di Macerata, entro il 30 aprile di ogni
anno, limporto del diritto di iscrizione pari a . 258,21 (classe 4) ai sensi del D.M. 350/98 nel conto
corrente postale n. 14202626, intestato alla Provincia di Macerata Servizio Gestione Rifiuti- Corso
Repubblica 28 62100 Macerata, con indicazione nella causale dei seguenti elementi:
denominazione e sede legale del richiedente;
attivit per la quale stata effettuata la comunicazione e relativa classe;
partita IVA e codice fiscale;
3. Di dare atto che liscrizione nel registro di cui al comma 3 dellart. 216 del D.Lgs.152/06,
sospesa in caso di mancato versamento del diritto di iscrizione nei termini previsti;
4. di dare atto che tutte le altre limitazioni e prescrizioni poste in essere con la suddetta
determinazione dirigenziale n. 403/XII del 02/10/2009 rimangono in essere;
5. di trasmettere il presente provvedimento:
alla societ interessata;
al Comune di Potenza Picena per le eventuali verifiche di competenza;
al Servizio di Polizia Provinciale, allARPAM - Dipartimento Provinciale ed ai Servizi
Sanitari competenti per territorio affinch effettuino le verifiche e i controlli di loro
competenza;
5.di dare, altres, atto che:
-la presente determinazione non comporta impegno di spesa;
-il presente provvedimento viene rilasciato fatti salvi ed impregiudicati i diritti dei terzi;
- contro il presente provvedimento ammesso il ricorso al TAR Marche entro 60 giorni, o, in
alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla sua notifica o comunque
dalla sua piena conoscenza.
IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO
Adriano Conti
IL DIRIGENTE
Visto il documento istruttorio, riportato in calce alla presente determinazione, a firma del
responsabile del procedimento, Istruttore Direttivo Amministrativo Adriano Conti, dal quale si
evince la necessit di adottare il presente provvedimento;
Ritenuto di condividerne le motivazioni e di fare integralmente propria la proposta di
determinazione con esso formulata;
Visto il D.lgs. n. 152/2006;
Visto il D.M. 5.02.1998, cos come modificato dal D.M. 186/2006;
Visto lart. 107 del Decreto Legislativo n. 267/2000;
Visto lart. 28 del vigente regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi;
D E T E R M I N A
1.Di modificare liscrizione di cui alla determinazione dirigenziale n. 403/XII del 02/10/2009 e
successiva voltura con DD145/XII del 21/04/2010, prendendo atto della variazione della
denominazione e sede legale della societ da P.S.P. di Pirro Franco - Stacchietti Stefano e Pesci
Mirko & C. Snc, con sede legale in V. Brodolini 12/M del Comune di Porto Recanati, in P.S.P. S.r.l.
con sede legale in Via Varco s.n.c. di Potenza Picena;
2. di dare atto che la societ tenuta a versare alla Provincia di Macerata, entro il 30 aprile di ogni
anno, limporto del diritto di iscrizione pari a . 258,21 (classe 4) ai sensi del D.M. 350/98 nel conto
corrente postale n. 14202626, intestato alla Provincia di Macerata Servizio Gestione Rifiuti- Corso
Repubblica 28 62100 Macerata, con indicazione nella causale dei seguenti elementi:
denominazione e sede legale del richiedente;
attivit per la quale stata effettuata la comunicazione e relativa classe;
partita IVA e codice fiscale;
3. Di dare atto che liscrizione nel registro di cui al comma 3 dellart. 216 del D.Lgs.152/06,
sospesa in caso di mancato versamento del diritto di iscrizione nei termini previsti;
4. di dare atto che tutte le altre limitazioni e prescrizioni poste in essere con la suddetta
determinazione dirigenziale n. 403/XII del 02/10/2009 rimangono in essere;
5. di trasmettere il presente provvedimento:
alla societ interessata;
al Comune di Potenza Picena per le eventuali verifiche di competenza;
al Servizio di Polizia Provinciale, allARPAM - Dipartimento Provinciale ed ai Servizi
Sanitari competenti per territorio affinch effettuino le verifiche e i controlli di loro
competenza;
5.di dare, altres, atto che:
-la presente determinazione non comporta impegno di spesa;
-il presente provvedimento viene rilasciato fatti salvi ed impregiudicati i diritti dei terzi;
- contro il presente provvedimento ammesso il ricorso al TAR Marche entro 60 giorni, o, in
alternativa, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni dalla sua notifica o comunque
dalla sua piena conoscenza.
Macerata, li 06-03-2012
Il Dirigente del SETTORE
AMBIENTE
F.to ADDEI LUCA