Sei sulla pagina 1di 33

RM : i parametri e la semeiotica

I parametri che determinano il segnale



La semeiotica: dal segnale allimmagine



www.slidetube.it

SEMEIOTICA : tabella riassuntiva del contrasto T1 e T2
www.slidetube.it
I parametri che determinano il segnale
I parametri intrinseci

Densit protonica
Costante di tempo T1
Costante di tempo T2
Flusso
Diffusione
Chemical shift
Suscettibilit magnetica
I parametri estrinseci

Le sequenze
La geometria
dacquisizione
Il distretto in esame
Il contrasto da ottenere
La riduzione degli artefatti
I mezzi di contrasto
La collaborazione del
paziente

www.slidetube.it
I parametri che determinano il segnale
la lesione tramite i suoi
elementi costitutivi:
cito-istologici :
citoarchitettura,
ampiezza e diffusibilit
dellinterstizio
molecolari : calcio, ferro,
liquidi, grasso, eme,
glicoproteine
e la sua vascolarizzazione
Parametri
intrinseci
DP
T1
T2
flusso
chemical shift
diffusione
suscettibilit
SEGNALE
Il radiologo tramite la conduzione
dellindagine (parametri estrinseci).
www.slidetube.it
I parametri intrinseci od operatore
indipendente
Per comprendere appieno le potenzialit
dellimaging mediante RM, importante tenere
presente che le caratteristiche del segnale
dipendono in larga misura da fattori intrinseci
allorgano o ai tessuti esplorati.
Lintensit del segnale non riflette semplicemente
la densit dei nuclei eccitati nel campione in
esame: di volta in volta, essa modulata da
fattori fisico-chimici locali, fra cui:
www.slidetube.it
I parametri intrinseci od operatore
indipendente
Densit protonica
Costante di tempo T1
Costante di tempo T2
Flusso
Diffusione
Chemical shift
Suscettibilit magnetica

www.slidetube.it
I parametri intrinseci od operatore
indipendente
La densit protonica DP


Le costanti di tempo T1 e T2
rappresenta il numero
dei nuclei di idrogeno risonanti
per unit di volume.
rappresentano le modalit di
rilassamento nucleare al cessare
dellimpulso RF perturbante
e costituiscono il principale
fattore di contrasto delle
immagini RM.

www.slidetube.it
I parametri intrinseci od operatore indipendente :
T1 tempo di rilassamento longitudinale o spin-reticolo
esprime le modalit del recupero della componente di MM
allineata col CMS
dal punto di vista microfisico, la redistribuzione delle
popolazioni up e down
landamento temporale del fenomeno descritto da una
curva esponenziale

www.slidetube.it
I parametri intrinseci od operatore indipendente :
T1 tempo di rilassamento longitudinale o spin-reticolo
La pendenza della curva esprime, da un punto di vista fisico, la
velocit con cui avviene la cessione di energia allambiente
circostante (reticolo) da parte dei nuclei (spin).
Il T1 pu considerarsi come lespressione dellefficienza degli scambi
energetici tra protoni di idrogeno risonanti (spin) e componente
non idrogenionica del tessuto (reticolo).
www.slidetube.it
T1 Contrast
Assume we scan with the following parameters: TR 600 and TE 10. We allow for T1
relaxation to take place for 600 milliseconds and T2 relaxation only for 5 milliseconds.

When we look at Figure A, we see that after 5 ms. hardly any dephasing has taken place. We
receive a lot of signal from all tissues. The image contrast is, therefore, very little influenced by T2
relaxation.
In Figure B we see that after 600 ms. not all tissues have undergone complete T1 relaxation. Fat is
nearly there, but CSF has still a long time to go. So, for the next excitation the net magnetization
vector of the CSF spins, which can be flipped into the X-Y plane is small. This means that the
contribution from CSF to the overall signal will be small too. In short, the image contrast becomes
dependent on the T1 relaxation process. In the final image CSF will be dark, fat will be bright and
gray matter will have an intensity somewhere in between.

www.slidetube.it
I parametri intrinseci od operatore indipendente :
T2 tempo di rilassamento trasversale o spin-spin
37 %
1400
M
xy
t in ms
101 92 84
CSF
Gray matter
White matter
Fat
Esprime il graduale decadere fino
allannullamento della MMT indotta dallimpulso
RF
Microscopicamente si riferisce alla perdita della
coerenza di fase acquisita dai protoni

www.slidetube.it
I parametri intrinseci od operatore indipendente :
T2 tempo di rilassamento trasversale o spin-spin
37 %
1400
M
xy
t in ms
101 92 84
CSF
Gray matter
White matter
Fat
Il T2 funzione delle interazioni elettromagnetiche
nellambito del sistema degli spin e non comporta
variazioni nella quantit energetica del sistema
La pendenza della curva di decadimento della MMT
indice delle disomogeneit magnetiche intrinseche alla
struttura in esame
www.slidetube.it
T2 Contrast
We use the following parameters: TR 3000 and TE 120.
Now we allow T2 relaxation to happen for 60 ms. (1202).

As we can see from Figure 5A most of the tissues have dephased and wont
produce that much signal. Only CSF (water) has still some phase coherence left.
Here the TE is the dominant factor for the image contrast.
Figure B shows that practically all tissues have undergone complete T1 relaxation.
The long TR of 3000 ms does not contribute much to the image contrast. The 3000
ms. are only needed to allow CSF to recover completely before the next excitation.
In our image well see CSF bright, while the other tissues show up in various
shades of gray.

www.slidetube.it
I parametri intrinseci od operatore
indipendente


Il flusso

Lintensit del segnale del flusso dipende - dal
tipo di sequenza selezionato,
- dalla velocit,
- dalla presenza-assenza di turbolenza e
- dal metodo con cui si acquisisce la singola
scansione od il volume.

www.slidetube.it
I parametri intrinseci od operatore
indipendente



- Nelle sequenze spin echo il flusso del sangue si evidenzia come vuoto
di segnale (con qualche eccezione ). Limaging vascolare basato sulle
sequenze spin echo indicato a sangue nero.
- Nelle sequenze gradient echo il flusso del sangue presenta un alta
intensit di segnale, in modo particolare quando sono acquisite in
modalit singola sezione od unica partizione.Limaging vascolare
basato sulle sequenze gradient echo indicato a sangue bianco.
Il flusso

www.slidetube.it
I parametri intrinseci od operatore
indipendente


E un imaging di contrasto che si basa sulle differenze di
diffusione delle molecole dacqua.
La diffusione rappresenta i movimenti aleatori termici delle
molecole per collisione tra di loro ( movimenti browniani ).
Dipende da diversi fattori: tipo di molecola (acqua),
temperatura, micro-architettura dellambiente.
La diffusione

www.slidetube.it
Isotropic and anisotropic diffusion.
Water molecules in the brain are constantly moving (i.e., in Brownian motion).
When motion is unconstrained, as in the large fluidfilled spaces deep in the brain
(i.e., the ventricles, as illustrated in the MR image on the left), diffusion is
isotropic, which means that motion occurs equally and randomly in all directions.
(B) When motion is constrained, as in whitematter tracts (illustrated on the right),
diffusion is anisotropic, meaning that motion is oriented more in one direction
than another (e.g., along the y axis rather than along the x axis).
www.slidetube.it
A seconda delle misurazioni che si realizzino:
Con una media dei coefficienti di diffusione nei tre assi
si ottiene il coefficiente apparente di diffusione (ADC)
Con una media dei coefficienti di diffusione in almeno
6 assi si ottiene il tensore di diffusione.


www.slidetube.it
Diffusion Tensor Imaging Diffusion weighted images

www.slidetube.it
I parametri intrinseci od operatore
indipendente


Il Chemical Shift
Il fenomeno del CS si basa sul fatto che la
frequenza di risonanza dei protoni di idrogeno non
dipende, come stabilito dalla legge di Larmor,
solamente dallintensit del CMS (B0) e dalle
caratteristiche del nucleo in esame (costante
giromagnetica), ma risulta influenzata anche dalla
nube magnetica che circonda il nucleo. Legami
chimici diversi implicano nubi elettroniche e quindi
campi magnetici locali indotti diversi. Per tale
motivo lidrogeno di una molecola dacqua ha una
frequenza di risonanza leggermente diversa da
quella dellidrogeno legato ad una catena lipidica.
A livello dellinterfaccia grasso-acqua, questa
variazione della frequenza di risonanza determina,
in fase di ricostruzione dellimmagine, uno
spostamento del segnale del grasso nella direzione
del gradiente di lettura (artefatto da CS).
Il CS il parametro su cui si basano gli studi in vivo
di spettroscopia, in quanto la differenza fra le
frequenze di risonanza dei diversi substrati
costituisce un marker caratteristico di ciascuna
molecola o gruppo chimico.

www.slidetube.it
I parametri intrinseci od operatore
indipendente



La suscettibilit

E la propriet fisica (legata alle propriet
degli atomi e delle molecole) che determina
la risposta di un materiale a un campo
magnetico esterno.
E un utile parametro intrinseco dei tessuti in
esame.
E allorigine di artefatti.
Troncular cavernous angioma
www.slidetube.it
MRI can visualize bleeding using
techniques such as T2*-weighted
images, but recent research by
Siemens users has indicated that
sensitivity of SWI might be better
than T2* and other techniques
with MRI.
syngo SWI provides additional
information about intracranial
bleeding in stroke, venous and
cavernous angiomas, subdural
and subarachnoid hemorrhage as
well as depicting even very small
abnormal veins in diseases such
as Sturge Weber and Moyamoya.

syngo SWI


SWI Sensitivity With Intracranial Bleeding
www.slidetube.it

The patient was a welder.
Although he was unaware
of their presence, small
metal fragments had
become embedded in his
hair or scalp during his
work. Certain hair
products that contain iron
may produce a similar
appearance. Mascara may
have a similar effect,
distorting images of the
orbits.

Susceptibility artefact - Metallic foreign bodies

www.slidetube.it
I parametri estrinseci od operatore
dipendenti
Linteresse della conoscenza della modalit di rilassamento
nucleare nei diversi substrati biologici risiede
principalmente nel fatto che, mentre il valore della densit
protonica nei diversi tessuti pu variare entro limiti
alquanto ristretti (circa del 20%), il T1 e lo stesso T2
presentano un range tissutale sensibilmente maggiore
(rispettivamente, del 1.500 % e del 200 % circa).
Risulta quindi evidente il vantaggio di costruire immagini
basate sui tempi di rilassamento dei tessuti (T1 pesate o T2
pesate), se si vogliano stabilire condizioni di contrasto
ideali.
Dal punto di vista fisico a parit di altre condizioni,
lintensit del segnale aumenta:
con laumentare della DP
con laumentare del T2
con il diminuire del T1
www.slidetube.it
I parametri estrinseci od operatore
dipendenti

Le sequenze
La geometria dacquisizione
Il distretto in esame
Il contrasto da ottenere
La riduzione degli artefatti
I mezzi di contrasto
La collaborazione del paziente

www.slidetube.it
I determinanti del segnale in RM
la lesione tramite i suoi
elementi costitutivi:
cito-istologici :
citoarchitettura,
ampiezza e diffusibilit
dellinterstizio
molecolari : calcio, ferro,
liquidi, grasso, eme,
glicoproteine
e la sua vascolarizzazione
Parametri
intrinseci
T1
T2
DP
flusso
chemical shift
diffusione
perfusione
SEGNALE
Il radiologo tramite la conduzione
dellindagine (parametri estrinseci).
www.slidetube.it
SEMEIOTICA : dal segnale allimmagine
Limmagine RM il prodotto di tutta una serie di fattori di
notevole complessit (multiparametrica).
La qualit dellimmagine RM essenzialmente determinata
dal potere di risoluzione globale, funzione a sua volta del
grado di risoluzione spaziale e del contrasto intrinseco
esistente tra pixel adiacenti della matrice ed inversamente
proporzionale al rumore di fondo.
E possibile ottenere rappresentazioni di elevato dettaglio
anatomico ed evidenziare leventuale alterazione, definirla
volumetricamente e talvolta proporre una caratterizzazione
se non in termini istologici e/o eziopatogenetici, almeno di
riconoscimento degli elementi costitutivi fondamentali.

www.slidetube.it
Semeiotica : i liquidi
ipointensi in T1
iperintensi in T2

sequenze
idrografiche

dd sulla base del
segnale


www.slidetube.it
Semeiotica : il grasso
rappresenta un altro substrato biologico elementare dellimaging RM.
Risulta caratterizzato da un breve T1 e quindi da una netta iperintensit
del segnale.
Lintensit del segnale nelle sequenze T2 dipendenti medio-alta, in
relazione alla struttura molecolare del tessuto adiposo: la sua
omogeneit magnetica infatti meno elevata di quella dei liquidi, ma
maggiore di quella dei parenchimi per lassenza di macromolecole.
www.slidetube.it
Semeiotica : il sangue stravasato
Costituisce un substrato complesso, caratterizzato da una
semeiotica mutevole che descrive, fase per fase, le
trasformazioni biochimiche del pigmento ematico,
macromolecola dotata di attivit paramagnetica.
Paramagnetiche si definiscono tutte quelle sostanze
caratterizzate da elettroni orbitali non appaiati, in grado di
indurre un flusso magnetico che si somma a quello
principale. I prodotti catabolici dellemoglobina , per il
contenuto in ferro, agiscono come agenti paramagnetici
naturali, in grado cio di alterare lomogeneit magnetica
del sistema, modificandone in modo caratteristico e
ripetibile, i tempi di rilassamento T1 e T2.
Risulta quindi possibile riconoscere la presenza di sangue e
datare il focolaio emorragico sulla sola base del segnale.
www.slidetube.it
Semeiotica : il sangue che scorre
a velocit fisiologica, in regime laminare o di
turbolenza, allinterno dei vasi
Il segnale di flusso acquisito con sequenze spin echo,
perpendicolarmente allasse del vaso, si presenta vuoto per un
fenomeno di fuoriuscita dei protoni eccitati dalla sezione esplorata
durante il tempuscolo di acquisizione , con impossibilit di registrare il
relativo segnale di rilassamento (effetti di tempo di volo).
Al contrario, in talune condizioni di flusso lento, fisiologiche o
patologiche, pu verificarsi un incremento paradosso del segnale di
flusso,con iperintensit endoluminale, sia in relazione al sufficiente
tempo di permanenza dei protoni magnetizzati nella sezione in esame,
che per il soppraggiungere di protoni freschi, non sottoposti a precedenti
rilevamenti e quindi con piena magnetizzazione.
Leffetto lume bianco si ottiene in particolare con le sequenze gradient
echo e risultano quindi evidenti le potenzialit della metodica
nellimaging vascolare, con possibilit di valutare qualitativamente e
semiquantitativamente il regime di flusso a livello dei diversi distretti.
www.slidetube.it
Semeiotica : laria e la corticale ossea
Caratterizzate da ipointensit di segnale in tutti i tipi di acquisizione, sono
strutture rispettivamente a bassa densit protonica unitaria (aria) o
costituite da configurazioni macromolecolari rigide contenenti protoni fissi
(osso compatto).
A. Radiografia dellestremit superiore di un femore secco
B. RM dello stesso segmento con sequenza pesata in T1
C. RM dello stesso preparato immerso in bagno dolio
www.slidetube.it
Semeiotica : i parenchimi
Rappresentano un campo dindagine di estrema importanza, anche se la
metodica non appare sempre in grado di fornire, sulla sola base del
segnale, elementi certi di valutazione e giudizio.
Segnale sovrapponibile si riscontra in raccolte idriche, lesioni focali con
cellularit stipata e lesioni caratterizzate da intensa vascolarizzazione.
dd angima capillare epatico verso cisti
dd aree di tessuto di granulazione-fibrosi fresca verso ripresa di npl
La somministrazione di un mdc, in grado di distribuirsi nei diversi
comparti, conferisce qualche ulteriore elemento di specificit tissutale.
I mezzi di contrasto utilizzati in RM sono composti paramagnetici che pur
presentando una cinetica simile ai composti iodati somministrati ev in TC,
non vengono visualizzati direttamente , ma in quanto modificano, una
volta diffusi nellinterstizio, le caratteristiche magnetiche dellambiente
circostante.

www.slidetube.it