Sei sulla pagina 1di 25

Manometri:

- Per la misurazione di pressione viene utilizzato il


manometro. Questo strumento utilizzato per pressione
relativa, assoluta e differenziale con elemento di misura a molla
tubolare, a membrana, a capsula e a soffietto. I manometri
possono essere equipaggiati con accessori elettrici ed elettronici
e combinati con separatori di pressione nelle pi diverse
esecuzioni.
Esistono anche misuratori elettronici di pressione:
trasduttori pressostati e trasmettitori per pressione
relativa, assoluta e differenziale. Sensori
piezoresistivi, magnetici, induttivi,ed a film sottile.
-Figura 1:Manometro 0-2,5 Bar attacco
radiale con lancetta rossa.





Termometri:

- Per la misurazione di temperatura
viene utilizzato il termometro.Questo
strumento si pu dividere in termometri a
gas e in termometri bimetallici.
Pu essere accompagnato da pozzetti da
tubo, da barra e flangiati secondo norme
internazionali o secondo specifica del
cliente.
Esistono anche in questo caso misuratori di
temperatura elettronici; termocoppie,
termoresistenze, trasmettitori anologici e
digitali, indicatori, regolatori e calibratori.

-Figura 2: Termometro 40/+40C bimetallico
attacco posteriore.





















Le misure di pressione nellindustria vengono effettuate in maniera preponderante con
manometri che rappresentano una soluzione robusta e di facile utilizzo. Il manometro
generalmente contiene un elemento sensibile che si deforma sollecitato dalla pressione
del fluido di processo. Gli elementi possono essere a molla tubolare, a membrana, a
capsula e a soffietto. I materiali con i quali lelemento sensibile costruito possono
essere: lega di rame, acciaio nelle diverse esecuzioni oppure, nei casi particolari, materiali
speciali.

-Figura 3:
Vari tipi di manometri



La pressione di
processo sempre
misurabile in relazione
ad una pressione di
riferimento. La
pressione di riferimento
la Pressione
Atmosferica e pertanto
il manometro indica
quanto maggiore o
inferiore la pressione
misurata rispetto a
quella atmosferica.
La pressione viene indicata su un quadrante tramite un indice, nei campi di misura
normalizzati, su un angolo di 270. Nei casi di vibrazioni o di alti carichi dinamici la
cassa degli strumenti riempita di liquido. Negli impianti industriali di automazione
possibile prevedere contatti elettrici per lindicazione della pressione minima o massima
oppure trasmettitori che possono fornire un segnale elettrico proporzionale alla pressione.











1) Manometri a molla tubolare

- Lelemento a molla tubolare normalmente ha una sezione ovale. La pressione del fluido di
processo agisce allinterno del tubo con una forza che tende a spostarne lestremit.
Lentit di questo spostamento proporzionale alla pressione del fluido di processo.

- Questo spostamento trasmesso allindice tramite il movimento ad ingranaggi. Per pressioni
fino a circa 60 bar viene utilizzata una molla tubolare a sagoma circolare,che copre circa 250.

- Per pressioni maggiori la molla tubolare pu avere altre sagome, per esempio elicoidale
oppure a chiocciola.

- Lelemento a molla tubolare pu essere protetto contro le sovrapressioni. Nei casi
particolarmente critici il manometro pu essere equipaggiato con un separatore di pressione
oppure con valvole o sistemi di protezione.

- I manometri con elemento misura a molla tubolare vengono utilizzati per la misura di
pressioni da 0/4000 bar con classi di precisione da 0,1 a 4,0.


























-Figura 4: Manometro a molla tubolare sezionato.





2) Manometri a membrana
La membrane normalment sont circuleire et avec profil ondule, et est compris entre due
flanges et sollecite par le fluide a la cote du proces.
- Lelemento a membrana normalmente di forma circolare con profilo ondulato. Lelemento
contenuto tra due flange e sollecitato dal fluido dal lato processo. La pressione del fluido
provoca un piegamento della membrana che viene rilevato da unasta di trasmissione e portato
al movimento. La misura dello spostamento proporzionale alla pressione da misurare.

- Lelemento a membrana ha una costruzione pi robusta rispetto alla molla tubolare e
pertanto il relativo manometro meno sensibile alle vibrazioni.

- Nei casi di alti sovraccarichi la membrana resiste meglio in quanto pu appoggiarsi alla
flangia superiore. Inoltre nei casi di fluidi molto corrosivi la membrana pu essere rivestita
con materiali speciali. Il rivestimento pu essere appoggiato oppure incollato a seconda delle
caratteristiche del fluido di processo e delle condizioni di funzionamento.

- Nel caso di fluidi altamente viscosi, sporchi oppure cristallizzanti devono essere previsti
attacchi speciali, flange aperte oppure possibilit di spurgo.

- Gli strumenti con elemento sensibile a membrana sono adatti per la misura di pressione
da 0/16 mbar fino a 0/40 bar con classe di precisione da 0,6 fino a 2,5.




Figura 5: Manometro a membrana sezionato.










3) Manometri a capsula

- La capsula costruita con due membrane circolari unite al bordo perimetrale. La pressione
del processo agisce allinterno del soffietto e il rigonfiamento ottenuto proporzionale alla
pressione del fluido.

- L elemento a soffietto particolarmente adatto per fluidi gassosi e per pressioni
relativamente basse. E possibile prevedere una protezione ai sovraccarichi con alcune
limitazioni.

- Gli strumenti con elemento sensibile a capsula sono adatti per misure di pressione da
0/2,5 mbar a 0/0,6 bar con classe di precisione da 0,1 a 2,5.










Figura 6: Manometro a capsula sezionato.











4) Manometri per pressione assoluta

- Questi manometri vengono installati quando necessario misurare la pressione di un fluido
indipendentemente dalle azioni naturali della pressione atmosferica.

- La pressione del fluido viene misurata in relazione alla pressione del vuoto assoluto presa
come riferimento. Nella parte dellelemento sulla quale non agisce il fluido di processo
prevista pertanto una camera di riferimento sotto vuoto assoluto.

- Tutto il sistema di misura e la cassa dello strumento devono essere realizzati a tenuta.

- L indicazione della pressione di processo realizzata tramite un asta che trasferisce lo
spostamento dell elemento di misura al movimento dell indice.

- Con questi strumenti si possono misurare: pressioni assolute da 0/16 mbar fino a 0/25 bar
con classi di precisione da0,6 fino a 2,5.







Figura 7: Manometro per pressione assoluta sezionato.













5) Manometri per pressioni differenziali

- Il sistema di misura di questi manometri sollecitato da due pressioni di valore diverso e ne
indica la differenza.

- Il sistema prevede due camere di misura con due elementi separati. Se la pressione che
agisce sulle due camere uguale l indice non si muove e quindi non vi alcuna indicazione.
Quando una delle due pressioni pi alta o pi bassa il sistema indica la differenza.

- Nel caso di alte pressioni statiche si possono misurare direttamente piccole differenze di
pressioni. Nel caso di elementi di misura a membrana si pu ottenere un alta
sovraccaricabilit.

- Per l utilizzo dello strumento occorre una particolare attenzione alla pressione statica
ammessa e all ingresso delle pressioni di processo camera P(+) e camera P(-) che indicano
la pressione maggiore e quella minore.

- L indicazione della pressione differenziale realizzata tramite un asta che trasferisce lo
spostamento dell elemento di misura al movimento dell indice.

- I campi di pressione differenziale misurabili vanno da 0/16 mbar fino a 0/25 bar con classe
di precisione da 0,6 a 2,5.

- Impiego dei manometri differenziali:
Tecnica di filtrazione ( controllo del grado di pulizia dei filtri)
Misure di livello (in serbatoi chiusi)
Misure di portata (caduta di pressione)





Figura 8: Manometro differenziale sezionato.



6) Manometri SOLID-FRONT

I manometri solid-front sono strumenti che dietro al quadrante hanno una parete di acciaio
che ha la funzione, in caso di scoppio, di salvaguardare la parte frontale del manometro.
Questo un fattore di sicurezza in pi oltre allanti-scoppio presente sul retro della cassa dei
manometri.
Questo tipo di manometro si identifica grazie alla lettera S stampata sul quadrante.





















Figura 9:Manometro solid-front












Criteri di sicurezza.

La sicurezza delle persone degli ambienti di lavoro rappresenta sempre pi il fattore
determinante per la scelta di macchine e componenti tecnici.
Per la corretta scelta di un manometro o di un termometro si devono seguire le leggi dello
Stato Italiano e le direttive comunitarie che riguardano:

- Sicurezza generale dei prodotti: Decreto legge N115 del 17 marzo 1995
- Sicurezza dei lavoratori sui luoghi di lavoro: Decreto legge N 626 del 17
settembre 1994
- Sicurezza applicata alle macchine: Direttiva CEE 89/392


Scelta del fornitore.

Sulla base della legge il fornitore di manometri e termometri da installare sulle macchine e
sugli impianti per applicazioni tipiche nei settori oleodinamica, pneumatica, termoidraulica e
nei processi industriali, deve pertanto essere scelto tra quelli in grado di rilasciare una
dichiarazione di conformit, avvallata da organismi accreditati, con le seguenti indicazioni:

- Norme di riferimento per la costruzione degli strumenti;
- Estremi della certificazione ISO 9000;
- Estremi della sicurezza normativa nella produzione;
- Indicazione dell organo di controllo per sistemi di calibrazione e taratura.




Figura 10: Certificato ( ISO 9001)


Criteri di scelta dei manometri:

Qui di seguito elenchiamo alcuni criteri di scelta tratti da:

- Norma UNI 9544: manometri, vacuometri, manovacuometri
- Norma prEN 837-1: manometri a molla bourbon.


Campi di pressione

Il bar lunit preferita per le misure di pressione.
1 bar = 100.000 Pascal 1 Pascal = N/m
Lettura zero = pressione atmosferica

Campi standard in bar

da 0 a 0,6 da 0 a 2,5 da 0 a 10 da 0 a 40 da 0 a 160 da 0 a 600
da 0 a 1 da 0 a 4 da 0 a 16 da 0 a 60 da 0 a 250 da 0 a 1000
da 0 a 1,6 da 0 a 6 da 0 a 25 da 0 a 100 da 0 a 400 da 0 a 1600

Campi standard per il vuoto in bar

da 0,6 a 0 da 1 a 0

Campi standard combinati di pressione e vuoto in bar

da 1 a +0,6 da 1 a +3 da 1 a +5 da 1 a +9 da 1 a +15 da 1 a +24
da 1 a +1,5

Le unit in Kilopascal (Kpa) e Megapascal (Mpa) devono seguire le serie in bar da 0 a 60
Kpa fino a 1000 Kpa, poi cambiare da 0 a 1,6 Mpa fino a max 160 Mpa.

Grandezza nominale della cassa in mm

40 50 63 80 100 150 160 250












Classe di precisione nominale

La classe di precisione definisce lerrore ammesso in percentuale riferito
al fondo scala ( % a 20C )
Sono definite le seguenti classi di precisione:
0,1 0,25 06 1 1,6 2,5 4
Per i manometri con ferma sullo zero la classe di precisione nominale
copre la scala dal 10 al 100%.
Per i manometri con lo zero libero la classe di precisione copre da 0 a 100%
il campo di misura e la verifica dello zero deve essere utilizzata come
check point della precisione.

Tabella di scelta: grandezza nominale / classe di precisione


Classe di precisione


Grandezza nominale
della cassa
0,1 0,25 0,6 1 1,6 2,5 4
DN 40 e 50 mm x x x
DN 63 mm x x x x
DN 80 mm x x x x
DN 100 mm x x x x
DN 150 e 160 mm x x x x
DN 250 mm x x x x x





Pressioni di esercizio del fluido

Pressioni maggiori del campo di misura non devono mai essere applicate, se non previste dal
costruttore dello strumento.
La pressione di esercizio del fluido non deve superare:

1) per strumenti con elemento elastico a molla:
- il 75% dellampiezza di campo della misura, per pressioni costanti;
- il 50% dellampiezza di campo della misura, per pressioni variabili;

2) per strumenti con elemento elastico a soffietto, a capsula e a membrana:
- il 60% dellampiezza di campo della misura.
Per vacuometri e manovacuometri non c limitazione allapplicazione della depressione su
tutta lampiezza di campo della misura.







Condizioni di esercizio

- Condizioni particolarmente gravose:
escludere lo strumento dal circuito mediante valvole o rubinetti di intercettazione
- Presenza di vibrazioni:
impiegare strumenti a riempimento di liquido
- Presenza di vibrazioni regolari, irregolari e/o accidentali di pressione:
utilizzare strumenti muniti di elementi di strozzatura:
- Fluido gas:
sezione max 0,1 mm (foro 0,35 mm)
- Fluido liquido:
sezione tale da limitare la fluttuazione della pressione entro il 1%
- Variazioni di pressione superiori alla pressione max ammissibile dallo strumento:
installare esclusore tarabile automatico
- Variazioni di pressione non quantificabili con precisione:
installare strumenti Solid Front
- Fluidi chimici aggressivi:
impiegare manometri tutto inox
- Fluidi chimici corrosivi:
impiegare strumenti Solid Front
- Gas e vapore con pressioni maggiori a 25 bar:
impiegare strumenti Solid Front




Considerazioni generali

Il committente deve sempre trasmettere al fornitore le specifiche tecniche relative agli
strumenti da impiegare.
Il fornitore deve fornire gli strumenti pi idonei per lapplicazione richiesta.
In particolare devono essere date indicazioni precise relativa ai parametri seguenti:
- pressione desercizio e pressione max;
- temperatura desercizio min e max;
- natura e stato del fluido di processo;
- presenza di variazioni regolari di pressione (pressione pulsante);
- possibilit di variazioni irregolari e/o accidentali della pressione (pressione pulsante);
- presenza di vibrazioni sullimpianto;
- impiego in ambienti corrosivi;
- temperatura ambiente.








Esempi di installazione di accessori (UNI 9544)

ELEMENTO DI STROZZATURA ESCLUSORE TARABILE AUTOMATICO


SERPENTINA DI RAFFREDDAMENTO VALVOLA DI ESCLUSIONE




Figura 11: Accessori
Installazione dei manometri ad elemento elastico

Il manometro deve essere installato in modo da evitare lesposizione a fonti di calore,
vibrazioni e per ottenere una facile lettura del valore sul quadrante.
E uso comune installare il manometro completo di valvole di intercettazione per facilitare la
sostituzione mentre il sistema pressurizzato e per escludere il manometro quando la lettura
non richiesta.


-Valvole di intercettazione

Lisolamento pu vanire rappresentato sia da un rubinetto maschio con leva, che da una
valvola a spillo con volantino, in relazione alle condizioni operative e ai requisiti richiesti.

-Rubinetto maschio con leva

La leva lavora in tre posizioni:
- OFF: la pressione del fluido esclusa e lelemento di pressione aperto alla
atmosfera ambiente.
- ON: il manometro collegato alla pressione del fluido.
- VENT: il manometro isolato, ma il sistema di pressione viene sfiatato ed il fluido
pu fuoriuscire e disperdersi nellatmosfera ambiente.

-Valvole monometriche

Vengono azionate tramite un volantino. Il corpo della valvola normalmente fornito di un
tappo di sfiato.
Sia i rubinetti con leva, che le valvole a spillo devono venire installati al fine di dirigere dalla
parte opposta delloperatore lo sfiato del fluido fuoriuscito. Per i fluidi inquinanti o pericolosi
proibito luso dello sfiato.
Leggi di sicurezza locali, come quelle che regolano i serbatoi in pressione, possono
determinare tipi particolari di valvole in grado di testare il manometro in loco.

-Consigli per il montaggio dei manometri

Se il sistema di pressione o il tubo di collegamento non abbastanza rigido per sostenere il
peso del manometro, ed in considerazione della vibrazione esistente, il manometro dovrebbe
venire montato tramite una flangia per montaggio a parete o tramite una staffa.

-Attenuazione delle vibrazioni
Se il manometro esposto a vibrazioni, a pulsazioni di pressione, o a entrambe, suggerito un
manometro a riempimento di liquido, che in grado di fornire una migliore prestazione e una
migliore leggibilit.








-Effetti della temperatura

La temperatura operativa del manometro che risulta dagli effetti della pressione del fluido,
dalla temperatura ambiente e da possibili radiazioni di calore, non deve superare il limite di
temperatura, per il quale il manometro stato progettato. Tubi di collegamento appropriati o
sifoni a ricciolo o a U possono venire utilizzati al fine di separare il manometro e gli organi
di intercettazione dal fluido in temperatura.

-Separatori

I separatori possono venire impiegati per separare il manometro da un fluido in pressione, che
non deve entrare nella molla bourdon. Separatore ed elemento di pressione vengono riempiti
con un liquido inerente, che agisce come un agente di trasmissione della pressione. Una volta
montato e riempito, lo strumento e il separatore costituiranno ununit inscindibile.



PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DEI SEPARATORI





Figura 12: Funzionamento separatori


































Figura 13: Vari tipi di separatori




-Protezione dellelemento elastico da sovraccarichi

Nel caso in cui il fluido da misurare sia soggetto ad una rapida fluttuazione di pressione a
picco, bisogna prendere in considerazione che, a questi, non dovr essere permesso di agire
direttamente sullelemento elastico.
Le fluttuazioni di pressione dovranno essere limitate nei loro effetti, per esempio, tramite il
montaggio di una vite di strozzatura (per ridurre la sezione di passaggio allinterno del canale)
o tramite luso di uno smorzatore regolabile.
Se si dovesse scegliere un campo di lettura che sia inferiore alla massima pressione del picco
per avere cos una migliore chiarezza di lettura, lelemento elastico dovr venire protetto
contro eventuali danni.
In questo caso, dovr essere installato un limitatore di pressione esterno, che isoli
immediatamente il sistema, nel caso si verifichino:

- Un picco di pressione;

- Un lento aumento di pressione che porti alla chiusura del sistema
in modo graduale.

La taratura del valore di intervento dipende dal valore della pressione massima ammissibile
allo strumento. Unulteriore possibilit consiste nellutilizzo di un manometro ad alta
sovraccaricabilit (protezione interna).



-Installazione e messa in esercizio

Il corretto collegamento alla pressione deve essere fatto tramite unadeguata guarnizione
piatta o lenticolare. Solo con attacchi filettati conici deve venire applicato un composto
sigillante sul filetto. Con la filettatura standard tipo Gas cilindrica, lattacco consigliato
quello tramite un adattatore girevole oppure tramite un adattatore LH/LR (sinistro/destro)
al fine di permettere il corretto orientamento del quadrante del manometro.
La forza di chiusura applicata viene esercitata tramite utensile piatto posizionato
opportunamente sulla chiave dellattacco. Questa operazione non deve essere assolutamente
effettuata manualmente cio afferrando la cassa con le mani onde evitare di danneggiare il
manometro.
Il tubo di connessione al processo deve essere pulito accuratamente senza presentare alcuna
traccia di scorie prima che il manometro venga montato.
Nessuna pressione superiore a quella operativa indicata sul quadrante deve venire applicata al
manometro durante la prova di pressione idrostatica del sistema. In caso contrario il
manometro dovr essere isolato o rimosso durante questa operazione. Per i manometri a
membrana o a soffietto bisogna fare attenzione a non svitare i bulloni che tengono collegata la
parte superiore ed inferiore, dove vi inserito lelemento elastico.
Non bisogna togliere un manometro quando in pressione. Il sistema deve essere totalmente
svuotato se il manometro non pu essere isolato in altro modo.
I residui dei fluidi contenuti nel manometro possono essere tossici o pericolosi. Questo deve
essere tenuto in considerazione quando si usa o si mette in magazzino il manometro tolto dal
sistema.




-Manometri in servizio

Lapertura dei sistemi isolanti deve essere sempre effettuata in modo graduale e non
improvviso, in quanto ci pu generare improvvisi picchi di pressione, che possono
danneggiare il manometro.
La massima pressione operativa per la quale il manometro stato progettato, o la minore
pressione operativa in caso di vacuometri o manometri composti, viene indicata sul quadrante
con il simbolo ; la pressione fluttuante riduce sempre la pressione massima relativa del
manometro.
Si prega di consultare lapposito data sheet relativo al manometro scelto.
E possibile rilevare lesattezza del punto zero chiudendo la valvola di esclusione e isolando
cos il manometro dalla pressione. La lancetta dovr cadere entro lo spazio dello zero a meno
che la temperatura del manometro sia considerevolmente pi alta o pi bassa di 20C; una
lancetta che non torna sullo zero potrebbe indicare che il manometro ha subito seri danni.
Verifiche in loco del manometro sono realizzabili tramite speciali valvole di esclusione che
collegano un manometro tester alla fonte di pressione disponibile.



-Condizioni generali di utilizzo e di installazione

- E necessario inserire una valvola di intercettazione per facilitare la rimozione a scopi di
manutenzione;
- Lattacco di pressione deve essere a tenuta stagna.

Premesso che queste indicazioni siano seguite, i modi di installazione cambiano a seconda del
tipo di filettatura che abbiamo sullattacco dello strumento.

Se la filettatura cilindrica la tenuta avviene tramite una guarnizione.



Figura 14: Filettatura cilindrica


Se la filettatura conica la tenuta avviene sulla filettatura stessa. In aggiunta per avere una
tenuta migliore pu essere applicato un materiale di giunzione sulla filettatura.




Figura 15: Filettatura conica





-Sicurezza, divisione di responsabilit


- Responsabilit del produttore:
Il produttore deve immettere sul mercato solo prodotti sicuri costruiti secondo norme certe. I
prodotti ed i sistemi di qualit devono essere certificati da enti esterni ed autorizzati
(EN 45000). Nel caso si costruiscano manometri si segue la normativa EN 837.

- Responsabilit del distributore:
Il distributore deve agire con diligenza per garantire limmissione sul mercato di prodotti
sicuri, costruiti secondo norme certe e corredati da relativi certificati di conformit alle
norme. Nel caso di distribuzione di manometri si segue la norma EN45000.

- Responsabilit del progettista:
Il progettista di macchine ed impianti deve sempre prevedere componenti sicuri costruiti
secondo norme certe e corredati da relativi certificati di conformit alle norme.
Nella progettazione di manometri bisogna tener presente i criteri di sicurezza previsti dalle
norme EN 837-2.




- Responsabilit del committente:
Il committente di componenti destinati ad essere installati su macchine ed impianti deve
scegliere i fornitori tra quelli in grado di esibire le certificazioni di qualit ISO 9000 e di
conformit alle norme.
Nel caso si tratti di manometri bisogna selezionare i fornitori ed acquistare solo strumenti
accompagnati da relativo certificato di conformit. Tener presente i criteri di sicurezza
previsti dalle norme EN 837-2.

- Responsabilit dell utilizzatore:
Lutilizzatore di componenti da montare su macchine ed impianti deve effettuare
linstallazione in base ai criteri di sicurezza previsti dalle normative vigenti, rifiutando
linstallazione di componenti non sicuri.
Per lutilizzo di manometri sicuri bisogna accertarsi che essi siano accompagnati da relativo
certificato di conformit. Tener presente i criteri di sicurezza previsti dalle normeEN 837-2.




Figura 16: attestato di controllo










- Termometri a quadrante

La temperatura un indice delle condizioni termiche di un materiale o di un corpo omogeneo.
Il valore indicato esprime lenergia di movimento contenuta nelle molecole del materiale.
La trasmissione della temperatura da un corpo allaltro, per esempio dal fluido di processo al
sensore termometrico, richiede un contatto fisico ravvicinato tra i due corpi per raggiungere
lequilibrio termico.
I sistemi di misura convenzionali per la temperatura, sono basati sulla propriet di certi
materiali di variare la forma o il volume fisico in modo proporzionale alla temperatura.
I due strumenti principali per la misurazione della temperatura sono i termometri a bimetallo e
i termometri a espansione di gas.







Figura 17: termometri 0 -120C









1) Termometri a bimetallo

La misura di temperatura avviene tramite un sistema a bimetallo posto allinterno del sensore
termometrico.
Il bimetallo consiste in due strisce metalliche unite fra di loro in modo che non possano
separarsi.
Ciascun metallo che compone la striscia ha un coefficiente di espansione termica diverso
dallaltro.
Questo costringe la striscia a muoversi con una curva particolare, proporzionale alla
variazione di temperatura.
Il sistema a bimetallo pu essere del tipo:
- elicoidale;
- a spirale.
La scelta tra questi due tipi di sistemi dipende dalla dimensione del sensore e dal campo di
temperatura da misurare.
La variazione di temperatura provoca una rotazione del bimetallo sul proprio asse.
Il valore della rotazione indicato da un indice sulla scala graduata.
























Figura 18: Termometro 0-500C bimetallo con schema.









2) Manometri ad espansione di gas

Il sistema termometrico consiste in un sensore termometrico a bulbo, in un capillare ed in una
custodia contenente una molla tubolare.
Il sistema riempito a pressione con un gas inerte.
Qualsiasi variazione di temperatura provoca un cambiamento della pressione interna del
sistema.
Questa variazione misurata dal sistema a molla tubolare ed indicata su un quadrante con una
scala in unit di misura termometrica.
Eventuali variazioni della temperatura ambiente vengono compensate tramite un sensore a
bimetallo allinterno della custodia.




























Figura 19: Termometro 0 120C a Gas con schema.










-Alcuni tipi di termometri



















Figura 20: termometro con capillare.





















Figura 21: termometro a collare.








Pozzetti termometrici

In molti casi per il montaggio di un termometro si usano i pozzetti termometrici.
Questi sono esguiti secondo norme DIN, ANSI o altre norme internazionali oppure possono
essere eseguiti secondo il disegno del cliente.
A richiesta possono essere composti o rivestiti di materiali speciali.