Sei sulla pagina 1di 211

Dipartimento di matematica

Universita di Milano
AIgebra e topoIogia
per Ia sica
(versione preIiminare)
Giuseppe Canuto Ottavio G. Rizzo
marzo
:oo::oo8 by Giuseppe Canuto and Ottavio G. Rizzo
Indice
Prerequisiti 1
I AIgebra 5
1 Gruppi 7
1.1 Gruppi di sostituzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
1.i Proprieta e defnizioni di base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1. Tabelle . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o
1. Sottogruppi e gruppi ciclici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1., Omomorfsmi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normaIi 19
i.1 Classi Laterali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
i.i Quozienti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . io
i. Sottogruppi Normali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i1
i. Lisomorfsmo canonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i
i., Prodotti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i,
i.o Centro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . io
i., Generatori e relazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
i.8 Abelianizzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . o
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
3 Azione di gruppi 41
.1 Classi di coniugio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
.i Azione di gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
. I teoremi di Sylow . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. Gruppi di ordine trenta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,
4 Gruppi niti di trasformazioni 49
.1 Gruppo Simmetrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
.i Gruppo Alterno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,i
. Gruppo Diedrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,,
5 Gruppi AbeIiani 59
iii
Indice
,.1 Somma diretta di gruppi abeliani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,
,.i Gruppi abeliani fniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . oo
,. Gruppi abeliani fnitamente generati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . o
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . oo
6 SU(i) ed SO() 69
o.1 SU(:) ed SO(:) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . o
o.i Omomorfsmo da SU(:) a SO(,) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,o
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,1
7 Rappresentazioni 73
,.1 Rappresentazione di un gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,
,.i Rappresentazioni irriducibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,,
,. Caratteri di gruppi fniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
,. Rappresentazioni irriducibili di SU(:) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . i
II 7opoIogia 93
8 Spazi topoIogici 95
8.1 Aperti e chiusi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ,
8.i Continuita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . o
8. Chiusura ed interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1oi
9 Spazi Quozienti 105
.1 Quozienti e sottospazi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o,
.i Azione di gruppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o8
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o
10 Separazione 111
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
11 Compattezza 115
11.1 Funzioni continue su compatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11o
11.i Compattezza in spazi metrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1i1
12 Connessione 123
1i.1 Criteri di connessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1i
1i.i Componenti Connesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1i,
1i. Connessione per archi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1i,
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1io
13 Varieta 7opoIogiche 129
iv
Indice
1.1 Spazi proiettivi reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o
1.i Connessione dei gruppi classici : . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1. Numerabilita e paracompattezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1i
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
14 Gruppi 7opoIogici 135
1.1 Azione di gruppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o
1.i Connessione dei gruppi classici : . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1,
1. SU(:) ed SO(,) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1. Tori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o
1., Decomposizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o
III 7opoIogia AIgebrica 147
15 Gruppo IondamentaIe 149
1,.1 Omotopia di cammini e
:
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1,.i Tipo di omotopia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1,1
1,. Gruppo fondamentale di S
:
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1,,
1,. Gruppo fondamentale di S
n
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1,o
1,., Teorema di Van Kampen . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1,,
1,.o Gruppo fondamentale di superfci compatte orientabili . . . . . . . . . . . . . . . 1,
1,., Gruppo fondamentale di gruppi topologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o1
Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1oi
16 Rivestimenti 163
1o.1 Topologia dei rivestimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o
1o.i Sollevamenti di applicazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o
1o. Azione di
:
(B) sulla fbra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1oo
1o. Gruppo fondamentale dei gruppi classici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1o8
1o., Automorfsmi di un rivestimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1,o
1o.o Rivestimento Universale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1,i
1o., Morfsmi di rivestimenti e rivestimenti equivalenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1,
1o.8 Azioni di gruppi e rivestimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1,
IV Varieta DierenziabiIi 177
17 Varieta DierenziabiIi 179
1,.1 Nozione di varieta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1,
1,.i Spazio Tangente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
1,. Applicazione lineare tangente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18,
1,. Teorema delle funzioni implicite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18o
1,., Esponenziale di matrici e gruppi a :-parametro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
Indice anaIitico 195
v
Indice
vi
Prerequisiti
Insiemi
Siano U e V due insiemi, u un elemento di U e v di V. Allora
Lunione U V linsieme x x U o x V
Lintersezione U V linsieme x x U e x V; diciamo che U disgiunto da V se
U V =
U
i
una partizione di U se gli U
i
sono sottoinsiemi disgiunti di U e
i
U
i
= U
La diferenza U V linsieme x x U e x ] V
Il prodotto U V linsieme delle coppie ordinate (u, v) dove u U e v V
Unapplicazione U V iniettiva se (u) = (u

) implica u = u

Unapplicazione U V suriettiva se per ogni v V esiste u U tale che f (u) = v


Limmagine Im() di U V v V v = f (u), per qualche u U
Se U ha numero fnito di elementi, indichiamo con o(U) la sua cardinalita
Un sottoinsieme R di U U defnisce una relazione di equivalenza se
R1 (x, x) R, per ogni x U
Rz (x, y) R implica (y, x) R
R (x, y) R e (y, z) R implicano (x, z) R
Diciamo che a in relazione con b e scriviamo a Rb o a b se (a, b) R. Con questa convenzione
la defnizione precedente diventa: una relazione di equivalenza se
R1 x x
Rz x y implica y x
R x y ed y z implicano x z
Data una relazione di equivalenza su un insieme U, defniamo per ogni x U la classe di
equivalenza di x come |x| = y U y x. Allora le classi di equivalenza distinte formano una
partizione di U.
AneIIi
Un anello un insieme A dotato di due applicazioni
somma
A A

A
(x, y)


x + y
prodotto
A A

A
(x, y)


x y
tali che

, per ogni x, y, z A,

La defnizione usuale di anello richiede solo le prime sei propriet. La settima defnisce quello che tecnicamente
chiamato anello con unit.
:
Prerequisiti
A1 (x + y) + z = x + (y + z)
Az esiste o G tale che o + x = x + o = x
A esiste x G, detto opposto di x, tale che x + (x) = x + x = o
A x + y = y + x
A (x y) z = x (y z)
A x (y + z) = x y + x z e (y + z) x = y x + z x
A/ esiste : G tale che : x = x : = x per ogni x A
A detto un anello commutativo se vale anche
A8 x y = y x
Campi
Un campo un anello commutativo K in cui vale la proprieta aggiuntiva:
kp per ogni x o esiste x
:
K, detto linverso di x, tale che x x
:
= x
:
x = :.
Fissato un campo K, lanello dei polinomi K|X| in una indeterminata X linsieme dei simboli
f (X) = a
n
X
n
+ a
n:
X
n:
+ + a
:
X + a
o
, dove n un intero non negativo detto il grado di f (X),
i coemcienti a
i
K per ogni i, e a
n
o. La somma ed il prodotto di due polinomi sono defniti
nel modo usuale.
7eorema o.1
Un polinomio f (X) K|X| di grado n > o ha al pi n radici distinte su K.
Numeri compIessi
Il campo C dei numeri complessi linsieme dei simboli z = a + bi con a, b R sui cui sono
defnite le operazioni
(a + bi) + (a

+ b

i) = (a + a

) + (b + b

)i (a + bi) (a

+ b

i) = (aa

bb

) + (ab

+ a

b)i
Linverso di a + bi (a + bi)
:
= a](a
i
+ b
i
) b](a
i
+ b
i
)i. Posto
e
z
=
no
z
n
n!
sen(z) =
no
(:)
n
z
in+:
(:n + :)!
cos(z) =
no
(:)
n
z
in
(:n)!
abbiamo e
iz
= cos(z) + i sen(z). In particolare e
a+bi
= e
a
e
ib
= e
a
{ cos(b) + i sen(b)) il numero
complesso di coordinate polari = e
a
e = b. Segue che il prodotto pu essere anche scritto come
(e
i
)(

e
i

) =

e
i(+

)
. Il modulo di z |z| =

a
i
+ b
i
= . Quindi |z| = : se e solo se z
della forma z = e
i
. Nel seguito indicheremo con S
:
linsieme dei numeri complessi di modulo :.
Matrici
Fissato un campo K, consideriamo lanello M
n
(K) delle matrici nn. Defniamo nel modo usuale
lapplicazione det M
n
(K) K. Allora
:
7eorema o.z (di Binet)
Se P, Q M
n
(K) allora det(P Q) = det(P) det(Q), dove il prodotto a sinistra quello di
M
n
(K) e quello a destra quello di K.
Indichiamo con I la matrice identica di M
n
(K) e defniamo
GL
n
(K) = P M
n
(K) det(P) o SL
n
(K) = P M
n
(K) det(P) = :
O(n) = P GL
n
(R) P
t
P = I U(n) = Q GL
n
(C) Q
t

Q = I
SO(n) = O(n) SL
n
(R) SU(n) = U(n) SL
n
(C)
Proprieta degIi interi
Dati due interi m ed n, diciamo che m divide n se esiste k Z tale che n = mk. Un intero positivo
p detto primo se i suoi unici divisori sono : e p.
7eorema o. (Fattorizzazione degli interi)
Ogni intero n Z o si scrive in modo unico nella forma n = p
k
:
:
p
k
i
i
. . . p
k
s
s
dove = :, i
primi p
i
sono tutti distinti e gli esponenti k
i
sono interi strettamente positivi.
Posto n = p
k
:
:
p
k
i
i
. . . p
k
s
s
ed m =

p
l
:
:
p
l
i
i
. . . p
l
s
s
(dove gli esponenti sono eventualmente uguali a
zero), defniamo
mcu(m, n) =
s

i=:
p
min{k
i
,l
i
}
i
mcm(m, n) =
s

i=:
p
max{k
i
,l
i
}
i
Diciamo che m relativamente primo ad n se mcu(m, n) = :, cio se non hanno fattori comuni.
Proposizione o.
Se m ed n sono due interi diversi da zero abbiamo.
r. Lintero d divide mcu(m, n) se e solo se d divide sia m che n
:. mcm(m, n) divide d se e solo se sia m che n dividono d
. mcu(m, n) mcm(m, n) = mn
,. mcu(m, n) il pi piccolo intero strettamente positivo della forma am+ bn, con a, b Z
AIgoritmo o. (Algoritmo euclideo esteso)
Dati due interi m, n > o, questo algoritmo calcola d = mcu(m, n) e due interi a e b tali che
d = am+ bn.
E. Poniamo a

= b = :, a = b

= o, c = m, d = n
E. Siano q ed r interi tali che c = qd + r con o r < d
E. Se r = o, lalgoritmo termina e d = mcu(m, n)
E. Poniamo c = d, d = r, t = a

, a

= a, a = t qa, t = b

, b

= b, b = t qb e torniamo a E
,
Prerequisiti

Parte I
AIgebra
,
I Gruppi
Un insieme G dotato di unoperazione binaria (x, y) xy si dice gruppo (con notazione
moltiplicativa) se:
1. vale la legge associativa: (xy)z = x(yz)
i. esiste un elemento neutro e tale che ex = xe = x per ogni x G
. per ogni x G esiste un elemento inverso x
:
tale che xx
:
= x
:
x = e
Lelemento neutro verra anche denotato :
G
o pi semplicemente :. Scriveremo G() se vorremo
mettere in evidenza loperazione di G, per la quale si usera solitamente la notazione moltiplicativa.
Gruppi commutativi e notazione additiva
Se xy = yx per ogni coppia x e y di elementi di G, si dice che il gruppo commutativo o abeliano.
Se G un gruppo commutativo, si preferisce talvolta usare la notazione additiva, cio indicare
la composizione fra x e y con x + y mentre linverso di x indicato x; lelemento neutro, in tal
caso, spesso denotato o: lo zero del gruppo. Indicheremo G(+) un tale gruppo.
sempi
E immediato verifcare che i seguenti insiemi soddisfano tutti la defnizione di gruppo
Z(+) gruppo dei numeri interi relativi con la somma
Q(+) gruppo dei numeri razionali con la somma
R(+) gruppo dei numeri reali con la somma
C(+) gruppo dei numeri complessi con la somma
Q

() gruppo dei numeri razionali diversi da zero con il prodotto


R

() gruppo dei numeri reali diversi da zero con il prodotto


C

() gruppo dei numeri complessi diversi da zero con il prodotto


T(X) gruppo delle applicazioni biunivoche di un insieme X in s, con la composizione di applica-
zioni
GL
n
(R) gruppo delle matrici n n invertibili a coemcienti reali con la moltiplicazione di matrici
GL
n
(C) gruppo delle matrici n n invertibili a coemcienti complessi con la moltiplicazione di
matrici
,
Gruppi
I.I Gruppi di sostituzioni
Ricordiamo che linsieme S
n
delle sostituzioni su n elementi linsieme delle corrispondenze
biunivoche di :, :, . . . , n in s. Se S
n
scriviamo
= _
: : , . . . n
x
:
x
i
x

. . . x
n
_
per indicare il fatto che (:) = x
:
, (:) = x
i
, ecc. Se , S
n
, possiamo defnire una sostituzione
S
n
componendo con . In altre parole, se manda : in x
:
e manda x
:
in k, allora
manda : in k. Ad esempio, se
= _
: : ,
: , :
_, = _
: : ,
: : ,
_
Otteniamo
:

: :

,
,


per cui
= _
: : ,
: , :
_
Lasciamo al lettore il compito di verifcare che le sostituzioni su n elementi, con questa regola
di composizione, formano un gruppo S
n
, il gruppo delle sostituzioni. Tale gruppo formato da
n! elementi. Studieremo pi dettagliatamente tale gruppo nel capitolo . Per il momento diamo
alcune nozioni e proprieta di S
n
senza dimostrazione.
CicIi
Un ciclo = (x
:
, x
i
, . . . , x
s
) una sostituzione che manda x
:
in x
i
, x
i
in x

, . . . , x
s:
in x
s
e x
s
in
x
:
; e che lascia fssi gli altri elementi. Chiamiamo lunghezza di lintero s. Ad esempio, come
elemento di S
8
, il ciclo (:,,) la sostituzione
_
: : , , o , 8
: , : , , o 8
_
Data una sostituzione , diciamo che (x
:
, x
i
, . . . , x
s
) un suo ciclo se (x
:
) = x
i
, (x
i
) = x

, . . . ,
(x
s
) = (x
:
). Ad esempio, se
= _
: : , , o , 8
, , : , : o 8
_
i suoi cicli sono (:,), (:,,), (o) e (8). Notiamo come la composizione di (:,), (:,,), (o) e (8)
dia proprio : in generale, infatti ogni sostituzione il prodotto dei propri cicli.
8
.2 Propriet e defnizioni di base
7rasposizioni
Chiamiamo trasposizione un ciclo di due elementi. Ad esempio, (:,) una trasposizione. E facile
vedere che un ciclo qualsiasi (x
:
, x
i
, . . . , x
s
) pu essere visto come il prodotto di trasposizioni
(x
:
, x
s
)(x
:
, x
s:
)(x
:
, x
i
). Ad esempio, (:,,) = (:,)(:)(:,). Abbiamo quindi che:
Proposizione 1.1
Ogni sostituzione il prodotto di trasposizioni.
E facile convincersi che tale decomposizione non unica. Se defniamo per pari una sostituzione
che pu essere decomposta come un numero pari di trasposizioni, possibile dimostrare che tale
concetto ben defnito.
Gruppo aIterno
Se defniamo una sostituzione dispari nel modo ovvio, evidente che la composizione di due
sostituzioni entrambe pari o dispari pari e che la composizione di una sostituzione pari con una
dispari dispari. Segue che linsieme delle sostituzioni pari, con la stessa legge di composizione di
S
n
, forma un gruppo A
n
, il gruppo alterno di grado n. Vedremo pi avanti che A
n
ha esattamente
meta degli elementi di S
n
.
I.2 Proprieta e denizioni di base
Proposizione 1.z
In un gruppo G valgono le seguenti propriet.
r. c un solo elemento neutro
:. se xy = e allora yx = e
. ogni elemento ha un unico inverso
,. se x G, allora (x
:
)
:
= x
,. se x, y G, allora (xy)
:
= y
:
x
:
.
o. se xy = xz allora y = z (e analogamente. se yx = zx allora y = z)
,. dati a e b in G, esiste un unico x G tale che ax = b
8. fssato a G, lapplicazione x ax una corrispondenza biunivoca di G in se
Dimostrazione. Tutte queste afermazioni sono di facile dimostrazione. Verifchiamo ad esempio
la seconda:
yx = (x
:
x)yx = x
:
(xy)x = x
:
ex = x
:
x = e
La sesta, invece, pu essere dimostrata cos: supponiamo che xy = xz. Per la defnizione di gruppo
esiste un elemento x
:
inverso di x, segue che x
:
xy = x
:
xz, cio e y = ez e quindi y = z. Lottava
una conseguenza immediata delle due proprieta precedenti.

Gruppi
Potenze
Dato un elemento x del gruppo G ed un intero positivo n indichiamo con x
n
il prodotto di x con se
stesso n volte. Indichiamo con x
n
il prodotto di x
:
con se stesso n volte. Poniamo infne x
o
= e.
Con queste convenzioni valgono le regole usuali delle potenze: se n ed m sono interi qualsiasi,
x
m
x
n
= x
n+m
, (x
n
)
m
= x
nm
I.3 7abeIIe
Diciamo che G un gruppo fnito se ha un numero fnito di elementi; in tal caso possiamo
rappresentare la moltiplicazione (o laddizione, nel caso in cui si usi la notazione additiva) con una
tabella moltiplicativa in cui il termine della riga x e colonna y lelemento xy. La proposizione :.:
ci garantisce che in ogni riga ed in ogni colonna ci sono tutti gli elementi di G e ciascuno appare
una sola volta.
7abeIIa di S

E chiaro che il gruppo S

delle sostituzioni su tre elementi formato dalla trasformazione identica


e dai cicli (::), (:,), (:,), (::,), (:,:).
Chiamiamo : la trasformazione identica, = (::) e = (::,). Lasciamo al lettore il compito
di verifcare che quindi (:,:) =
i
, (:,) = , (:,) =
i
. Notiamo facilmente che

=
i
=
(:,:)(::,) = :; quindi
i

i
=
(
=

= : = . Analogamente
i
= : = ()
i
= (
i
)
i
. Seguono
altri risultati come () =
i
= : = oppure
i
() =

= . Otteniamo quindi questa


tabella parziale:
:
i

i

: :
i

i


i
:
i

i
:
i

:
:

i

i

i
:
Per completare la tabella necessario fare ulteriori calcoli. Abbiamo che
= (::)(::,) = (:,) =
i

Quindi

i
= () = (
i
) =
i
() =
i
(
i
) =
(
=
Analogamente
() = () = (
i
) =
i

i
=
i
, (
i
) = (
i
) = () =
i
=
:o
.4 Sottogruppi e gruppi ciclici
Lasciamo al lettore il compito di verifcare che la tabella completa :
:
i

i

: :
i

i


i
:
i

i
:
i


i
:
i


i
:
i

i

i

i
:
(:.:)
Gruppi di quattro eIementi
Lasciamo al lettore il compito di verifcare che le seguenti sono due tabelle di gruppo
: x x
i
x

: : x x
i
x

x x x
i
x

:
x
i
x
i
x

: x
x

: x x
i
: x y xy
: : x y xy
x x : xy y
y y xy : x
xy xy y x :
(:.:)
I due gruppi sono diversi: ad esempio, mentre nel secondo il quadrato di ogni elemento lunita,
nel primo x
i
:. Questi sono gli unici gruppi di quattro elementi, come vedremo nel prossimo
capitolo.
I.4 Sottogruppi e gruppi cicIici
Sottogruppi
Un sottoinsieme H di un gruppo G un sottogruppo se un gruppo con loperazione defnita in
G. Un sottoinsieme H un sottogruppo se e solo se sono verifcate le condizioni seguenti:
1. se x H, allora x
:
H
i. se x, y H, allora xy H
Da queste condizioni segue che lelemento neutro appartiene ad H. Se H un sottogruppo di G,
useremo la notazione H < G.
sempi
1. Un qualsiasi gruppo G ha almeno due sottogruppi, : e G stesso, detti sottogruppi banali
i. I sottogruppi non banali di S

sono: :, ,
i
, :, , :, , :,
i

. Z(+) < Q(+) < R(+) < C(+), come gruppi additivi
. : < Q

() < R

() < C

(), come gruppi moltiplicativi


,. nZ < Z, dove nZ = nt t Z il sottoinsieme di Z costituito dai multipli di n
o. SO(n) < O(n) < GL
n
(R), per qualsiasi intero n > :
,. SU(n) < U(n) < GL
n
(C), per qualsiasi intero n > :
::
Gruppi
Sottogruppo generato da un sottoinsieme
Dato un gruppo G ed un sottoinsieme Xdi G, il gruppo generato da X il pi piccolo sottogruppo
di G contenente X; cio, per lesercizio :.:, lintersezione di tutti i sottogruppi di G contenenti X.
Denotiamo tale sottogruppo con X.
Gruppi cicIici
Fissato x G, allora x deve contenere tutte le potenze di x; daltro canto queste formano un
gruppo, per cui x dato dalle potenze di x. Il gruppo x commutativo poich x
m
x
n
= x
m+n
=
x
n
x
m
e pu avere un numero fnito oppure infnito di elementi.
Se in un gruppo G esiste un elemento x tale che G coincide con x, diremo che G ciclico e che
x un suo generatore.
Ad esempio, Z(+) ciclico infnito ed ammette due generatori, cio +: e :. Notiamo che Z(+)
in notazione additiva e che la potenza n-esima di x si scrivera, ovviamente, nx. In generale, se H
un sottogruppo non banale di Z, ed n il pi piccolo intero positivo ivi contenuto, allora H
ciclico infnito ed ammette come generatori +n e n. Infatti, se b un elemento di H possiamo
scrivere b = nq +r dove o r < n. Segue che r = b nq appartiene ad H; quindi, per la minimalita
di n, abbiamo che r = o e b un multiplo di n.
Un esempio di gruppo ciclico fnito il gruppo
n
delle radici n-esime dellunit formato dai
numeri complessi z tali che z
n
= :. Questi sono i numeri della forma e
ikin
, con k = o, :, :, . . . , n:.
Il gruppo
n
ciclico, formato da n elementi, ed ammette e
iin
come generatore. Mostreremo
che i sottogruppi di un gruppo ciclico sono ciclici.
CIassi di resto moduIo n
Fissato un intero n, introduciamo in Z la seguente relazione di equivalenza: x y se x y
un multiplo (positivo o negativo) di n. Otteniamo in tal modo n classi di equivalenza distinte,
cio quelle individuate da o, :, :, . . . , n :, dette classi di resto modulo n. Ogni numero x di Z
appartiene alla classe di equivalenza individuata dal resto della divisione di x per n. Tale classe
sara denotata x ed avremo x = y esattamente quando x y.
Linsieme delle classi di resto modulo n denotato Z]nZ ed in esso possiamo defnire unopera-
zione di somma ponendo x + y = x + y, dove naturalmente la somma a destra la solita somma
in Z. Tale operazione ben defnita, cio non dipende dai rappresentanti della classi; tramite essa,
Z]nZ diventa un gruppo ciclico in cui : un generatore.
Generatori di un gruppo cicIico
Possiamo facilmente determinare gli altri generatori di Z]nZ. Osserviamo che, dati due interi m ed
a in Z, avremo m a = ma = a m. Ora, se a un generatore, si deve avere in particolare : = b a con
b intero opportuno; da cui : = ba, cio : = ba + nc con c intero. Quindi a ed n sono relativamente
primi.
Viceversa, se a ed n sono relativamente primi, esistono degli interi b e c tali che : = ba +nc; quindi
::
.4 Sottogruppi e gruppi ciclici
: = ba = b a. Dato che ogni classe un multiplo di :, sara anche un multiplo di a. In conclusione i
generatori di Z]nZ sono quelle classi a individuate dagli interi relativamente primi ad n.
Ordine di un gruppo e di un eIemento
Chiamiamo ordine di un gruppo fnito il numero dei suoi elementi, e denotiamo questa quantita
o(G). Se G contiene infniti elementi diremo che G ha ordine infnito.
Se x un elemento di G tale che x
r
= e per qualche r strettamente positivo, defniamo lordine di
x come il pi piccolo intero positivo n per cui x
n
= e. Denotiamo tale ordine con o(x). Se x
r
e
per ogni intero r > o, diciamo che x ha ordine infnito.
Proposizione 1.
Un elemento x di un gruppo G ha ordine fnito se e solo il gruppo x da esso generato fnito.
In tal caso o(x) = o(x).
Dimostrazione. Supponiamo che o(x) = n. Gli elementi e = x
o
, x
:
, x
i
, . . . x
n:
sono tutti
distinti: se fosse x
i
= x
j
con o i < j < n, allora x
ji
= : con o < j i < n, il che impossibile.
Daltra parte, data una potenza x
m
, con m = qn + r e o r < n, abbiamo x
m
= x
qn
x
r
= (x
n
)
q
x
r
=
e
q
x
r
= x
r
. Quindi ogni potenza di x si pu scrivere come x
r
con o r < n, cio x ha ordine n.
Viceversa chiaro che se lordine di x fnito allora lordine di x fnito e per la prima parte
o(x) = o(x).
Osservazione :.. Se o(x) = n e x
m
= e allora m un multiplo di n. Infatti se m = nq + r con
o r < n, allora
x
m
= x
nq+r
= (x
n
)
q
x
r
= x
r
Per la minimalita di n, avremo r = o.
Ordine degIi eIementi di un gruppo cicIico
Sia G un gruppo ciclico di ordine n generato da x. Vogliamo determinare lordine di x
a
dove
a un intero compreso fra o ed n :; vogliamo cio il pi piccolo intero positivo m tale che
e = (x
a
)
m
= x
am
. Abbiamo quindi che am il pi piccolo intero positivo multiplo di a e di n,
cio am = mcm(a, n) = an] mcu(a, n). Lordine di x
a
quindi n] mcu(a, n).
Gruppo prodotto
Dati due gruppi G
:
e G
i
, possiamo defnire una struttura di gruppo sullinsieme prodotto G
:
G
i
formato dalle coppie (x
:
, x
i
) con x
i
, y
i
G
i
nel modo seguente:
(x
:
, x
i
) (y
:
, y
i
) = (x
:
y
:
, x
i
y
i
)
dove x
:
y
:
il prodotto in G
:
e x
i
y
i
il prodotto in G
i
. Tale gruppo detto il gruppo prodotto di
G
:
e G
i
.
Se G
:
e G
i
sono scritti in notazione additiva, useremo anche la notazione G
:
G
i
(somma di G
:
e
G
i
) per indicare il prodotto di G
:
e G
i
.
:,
Gruppi
I.5 Omomorsmi
Unapplicazione f da un gruppo G
:
ad un gruppo G
i
si dice omomorfsmo se f (xy) = f (x)f (y).
Siano e
:
lelemento neutro di G
:
, e
i
lelemento neutro di G
i
, ed f G
:
G
i
un omomorfsmo.
Allora
f (e
:
) = e
i
Infatti
f (e
:
) = f (e
:
e
:
) = f (e
:
) f (e
:
)
Daltra parte, f (e
:
) = e
i
f (e
:
).
Se x un elemento di G
:
, allora f (x
:
) = f (x)
:
. Infatti,
f (x x
:
) = f (e
:
) = e
i
e daltra parte
f (x x
:
) = f (x) f (x
:
)
Segue che
f (x) f (x
:
) = e
i
sempi
1. Lapplicazione A det(A) un omomorfsmo da GL
n
(R) a R

(), per il teorema di Binet.


Analogamente per GL
n
(C).
i. Lapplicazione che ad ogni intero x associa la sua classe modulo n un omomorfsmo da Z
a Z]nZ.
. Lapplicazione esponenziale x e
x
un omomorfsmo da R(+) a R

().
NucIeo e immagine
Dati due gruppi G
:
e G
i
indichiamo con e
:
ed e
i
i rispettivi elementi neutri. Sia ora f un
omomorfsmo da G
:
a G
i
. Defniamo:
ker(f ) = x G
:
f (x) = e
i
Im(f ) = y G
i
y = f (x) per qualche x G
:

E facile verifcare che ker(f ) un sottogruppo di G


:
, detto il nucleo di f , e che Im(f ) un
sottogruppo di G
i
, detto limmagine di f .
Nellesempio : lomomorfsmo suriettivo, cio limmagine tutto R

, ed il nucleo costituito
dalle matrici con determinante uguale ad uno, che denotiamo con SL
n
(R) nel caso reale ed
SL
n
(C) nel caso complesso. Nellesempio : lomomorfsmo suriettivo ed il nucleo nZ; mentre
nellesempio , il nucleo costituito dal solo zero e limmagine formata dai numeri reali positivi.
Si ha la seguente
Proposizione 1.
Un omomorfsmo f G
:
G
i
iniettivo se e solo se ker(f ) = e
:
.
:
.5 Omomorfsmi
Dimostrazione. In un senso ovvio. Supponiamo ora che il nucleo sia formato dal solo elemento
neutro: se f (x) = f (y), allora f (xy
:
) = e
i
e dunque xy
:
che appartiene al nucleo vale e
:
, cio
x = y.
Isomorsmi
Diciamo che due gruppi G
:
e G
i
sono isomorf se esiste un omomorfsmo iniettivo e suriettivo f
di G
:
in G
i
; scriveremo G
:
G
i
e diremo che f un isomorfsmo. Osserviamo che lapplicazione
inversa f
:
di G
i
in G
:
a sua volta un omomorfsmo e quindi un isomorfsmo. Un isomorfsmo
di G in s detto automorfsmo di G. Linsieme degli automorfsmi di un gruppo G con la
composizione di omomorfsmi forma un gruppo Aut(G).
sempi
1. Lapplicazione k e
ikin
dove k = o, :, . . . , n : un isomorfsmo di Z]nZ nel gruppo
delle radici n-esime dellunita
n
.
i. Dato un elemento a di un gruppo G, lapplicazione x axa
:
un automorfsmo di G
detto automorfsmo interno determinato da a.
. Sia x un elemento di G. Lapplicazione a x
a
un omomorfsmo suriettivo di Z sul gruppo
ciclico x generato da x. Se il nucleo ridotto al solo zero, allora x ha ordine infnito ed
abbiamo un isomorfsmo fra Z e x. Se invece il nucleo non ridotto al solo zero, sia n il
pi piccolo intero positivo appartenente al nucleo: come abbiamo visto a pagina ::, il nucleo
uguale a nZ e quindi n lordine di x. Infne immediato verifcare che lapplicazione
a x
a
un isomorfsmo di Z]nZ in x.
. Due gruppi ciclici fniti dello stesso ordine sono isomorf. Scelti infatti un generatore x del
primo gruppo ed un generatore y del secondo, lapplicazione x
n
y
n
un isomorfsmo.
Indicheremo con C
n
il gruppo ciclico di ordine n, che per quanto detto unico a meno di
isomorfsmi.
I risultati sui generatori di Z]nZ e sugli ordini degli elementi di
n
valgono quindi per
qualsiasi gruppo ciclico fnito.
,. Un gruppo ciclico infnito isomorfo a Z: scelto un generatore x, lapplicazione n x
n

infatti un isomorfsmo. Analogamente al punto precedente, esiste quindi un solo gruppo


ciclico infnito che indicheremo con C

.
Sottogruppi dei gruppi cicIici
E molto facile studiare la struttura di un gruppo ciclico. Ad esempio abbiamo i seguenti risultati
Proposizione 1.
Ogni sottogruppo di un gruppo ciclico ciclico.
Dimostrazione. Supponiamo che G = x e H < G. Sia m il pi piccolo intero positivo tale che
x
m
H: vogliamo dimostrare che H = x
m
. Chiaramente x
m
H. Supponiamo che x
s
H. Se
:,
Gruppi
s = mq + r con o r < m allora x
r
= x
s
x
mq
quindi x
r
H il che, per la minimalita di m, implica
r = o.
Proposizione 1./
Sia G un gruppo ciclico fnito di ordine n. Allora per ogni divisore b di n esiste un elemento di
ordine b. In particolare per ogni divisore b di n esiste un sottogruppo di ordine b. Inoltre, tale
sottogruppo unico.
Dimostrazione. Sia x un generatore di G. Sia n = ab con a, b interi positivi. Allora a il pi piccolo
intero positivo tale che (x
a
)
b
= e. Inoltre b il pi piccolo intero positivo tale che (x
a
)
b
= e, cio
b lordine di x
a
; quindi il gruppo ciclico x
a
ha ordine b.
Sia H un sottogruppo di ordine b. Per la proposizione precedente sappiamo che H generato da
x
m
dove m il pi piccolo intero positivo tale che x
m
H. Vogliamo dimostrare che H = x
a

verifcando che a = m. Lelemento x


m
ha ordine b, quindi per la minimalita di a, m a.
Se m = aq + r con o r < a, avremo x
rb
= x
(maq)b
= x
mb
x
abq
= e. Ne segue che r = o per la
minimalita di a. Essendo m = aq segue che x
m
x
a
e quindi i due gruppi coincidono, avendo
lo stesso ordine. In particolare, x
a
H e, dato che m il pi piccolo intero positivo tale x
m
H,
deve essere a = m.
Osservazione :.8. Vedremo nel capitolo seguente che i sottogruppi di un gruppo ciclico G = x di
ordine n sono tutti del tipo descritto nella proposizione precedente.
sercizi
Esercizio :.:. Si dimostri che H < G se e solo se xy
:
H, per ogni x, y H.
Esercizio :.:. Si mostri che se H e K sono sottogruppi di G allora anche H K lo .
Esercizio :.,. Sia G un gruppo di ordine tre e si provi a costruirne la tabella. Si verifchi cos che
esiste un solo gruppo di ordine tre.
Esercizio :.. Si verifchi che i sottogruppi di S

sono tutti e soli quelli citati a pagina ::.


Esercizio :.,. Si verifchi che se x
m
= e e x
n
= e allora x
r
= e, dove r = mcu(m, n). (SUccivimi1o:
si ricordi che, per lalgoritmo euclideo, ci sono due interi a e b tali che am+ bn = r.)
Esercizio :.o. Siano H e K sottogruppi di G di ordine, rispettivamente, m ed n con m ed n
relativamente primi. Si dimostri che H K = e.
Esercizio :.,. Sia G un gruppo fnito; siano x ed y due elementi che commutano di ordine, rispet-
tivamente, m ed n. Si dimostri che se m ed n sono relativamente primi allora lordine di xy
mn.
Esercizio :.8. Si mostri che il prodotto di due gruppi ciclici C
m
e C
n
con m ed n relativamente
primi ciclico. La proprieta vale se m ed n non sono relativamente primi:
Esercizio :.. Verifcare che i due gruppi di ordine quattro che appaiono in(:.:) sono rispettivamente
C
(
e C
i
C
i
.
:o
.5 Omomorfsmi
Esercizio :.:o. Sia z = e
i
C. Fissato un intero n si calcoli z
n
e si mostri che z ha ordine fnito se
e solo se = : e ]: un numero razionale.
Esercizio :.::. Fissato un intero n, defniamo una mappa f
n
G G come f
n
(x) = x
n
. Si mostri
che se G commutativo allora f
n
un omomorfsmo.
Esercizio :.::. Sia x G. Si verifchi che se o(x) = n
k
allora o(x
n
) = n
k:
.
Esercizio :.:,. Fissato n intero positivo, si mostri che lapplicazione:
f
n
Z]n
k
Z

Z]n
k+:
Z
x mod n
k


nx mod n
k+:
ben defnita ed un omomorfsmo per ogni k :.
Esercizio :.:. Fissato un intero n, possiamo defnire unoperazione di moltiplicazione su Z]nZ
come a

b = a b. Si verifchi che:
1. Loperazione ben defnita, cio che non dipende dalla scelta di un rappresentante a della
classe a.
i. Con questa moltiplicazione Z]nZ un anello commutativo con : come elemento neutro.
Esercizio :.:,. Si mostri che a Z]nZ ha un inverso

b (cio ab : mod n) se e solo se a relativa-
mente primo ad n; posto (Z]nZ)

= a Z]nZ a invertibile, si mostri che (Z]nZ)

() un
gruppo moltiplicativo.
Esercizio :.:o. Siano m ed n due interi relativamente primi e sia f la mappa
Z]mnZ

Z]mZ Z]nZ
k mod mn


(k mod m, k mod n)
1. Si verifchi che f ben defnita e che un omomorfsmo di anelli.
i. Si mostri che f un isomorfsmo.
. Si concluda che i gruppi (Z]mnZ)

e (Z]mZ)

(Z]nZ)

sono isomorf.
Esercizio :.:,. Per ogni intero n, sia (n) il numero di interi positivi minori di n e relativamente
primi ad n: ad esempio (,) = : perch : e : sono relativamente primi a ,; oppure (::) = perch
:, ,, ,, :: sono relativamente primi a ::. Questa funzione detta funzione di Eulero. Notiamo
che lordine di (Z]nZ)

(n), cos come il numero di generatori di Z]nZ.


1. Si verifchi che per ogni numero primo p, (p) = p :.
i. Si mostri che in generale, se e o, allora (p
e
) = p
e
p
e:
. (SUccivimi1o: si conti il
numero degli interi fra : e p
e
divisibili per p, cio il numero di interi della forma kp con k
intero opportuno.)
. Usando lesercizio :.:: si mostri che, se m ed n sono relativamente primi, allora (mn) =
(m)(n).
:,
Gruppi
:8
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normaIi
2.I CIassi LateraIi
Sia H un sottogruppo del gruppo G. Dato un elemento a G, la classe laterale sinistra di a
linsieme aH = ax x H. In particolare lelemento a appartiene alla classe aH e la classe
laterale dellelemento neutro coincide con H.
Si verifca facilmente che due elementi a, b di G determinano la stessa classe laterale esattamente
quando uno appartiene alla classe dellaltro.
Infatti b aH b = ah con h H a = bh
:
con h H.
Essendo H un sottogruppo, anche h
:
H, quindi le condizioni precedenti sono equivalenti alla
condizione a bH. Segue che due classi hanno intersezione vuota oppure coincidono. Infatti
se aH bH , sia c = ah = bh

da cui a = bh

h
:
; quindi ogni elemento della classe laterale
aH appartiene anche alla classe laterale bH, cio aH bH; analogamente si ottiene linclusione
inversa. Segue che le classi laterali formano una partizione di G. Poich ogni classe laterale in
corrispondenza biunivoca con H attraverso lapplicazione ax x, otteniamo immediatamente
che
Proposizione z.1
Sia G un gruppo fnito ed H < G. allora lordine di H divide lordine di G. Chiamiamo indice
di H in G il numero intero |G H| = o(G)]o(H). Tale intero anche il numero delle classi
laterali sinistre di H.
In particolare se H = x, essendo o(H) = o(x) per la proposizione :.,, abbiamo
CoroIIario z.z
Sia G un gruppo di ordine fnito ed x un suo elemento. Allora lordine di x divide lordine di G.
CoroIIario z.
Sia G un gruppo di ordine fnito ed x un suo elemento. Allora x
o(G)
= e.
Infatti, se n = o(G) ed m = o(x), sappiamo che m = o(x) e che m divide n, cio n = mq per un
opportuno intero q. Quindi x
n
= x
mq
= (x
m
)
q
= e
q
= e.
CoroIIario z.
Sia p un numero primo e G un gruppo di ordine p. Allora G = x per ogni x e.
:
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normali
CoroIIario z.
Sia G = x un gruppo ciclico di ordine n. Per ogni intero positivo b esiste un sottogruppo di G
di ordine b se e solo se n = ab con a intero (cio se b un divisore di n). In tal caso il sottogruppo
unico ed generato da x
a
.
Sottogruppi di S

Possiamo ora determinare i sottogruppi di S

. Lordine di S

sei, i cui divisori non banali sono


solo i numeri primi due e tre. Quindi gli unici sottogruppi non banali di S

sono i gruppi ciclici


generati dai propri elementi, cio =
i
, , e
i
.
Osservazione :.o. Si noti che in un gruppo fnito generico di ordine n non esiste necessariamente
un elemento di ordine b per ogni b che divide n. Ad esempio S

non ha un elemento di ordine sei.


Studieremo nel seguito la struttura di un generico gruppo commutativo fnito.
Gruppi di ordine quattro
Abbiamo visto a pagina :: due diversi gruppi di ordine quattro: C
(
e C
i
C
i
(vedi anche leserci-
zio :.). Vogliamo ora mostrare che non ce ne sono altri. Sia G un gruppo di ordine quattro. Per il
corollario :.:, se x G e x e, allora o(x) = : o . Se o(x) = allora G = C
(
. Supponiamo quindi
che lordine dei tre elementi diversi da e (che chiameremo x, y, z) sia due. Notiamo che se x
i
= e,
allora x
:
= x. Poich xy G avremo una della seguenti possibilita:
xy = e quindi y = x
:
= x: impossibile
xy = x quindi, per la proposizione :.:, y = e: impossibile
xy = y analogamente a sopra, avremmo x = e: impossibile
xy = z per esclusione lunica possibilita
Analogamente si mostra che il prodotto di due elementi distinti di ordine due sara il terzo. Segue
che G necessariamente isomorfo a C
i
C
i
.
2.2 Quozienti
CIassi IateraIi destre
Quanto detto per le classi laterali sinistre pu essere ripetuto per le classi laterali destre Ha =
xa x H. Si noti che in generale aH Ha: vediamo ad esempio le classi laterali sinistre e
destre di H = in S

.
a aH Ha
: :, :,
, ,
i

i
,
i

i
,
a aH Ha
:, :,
,
i
,

i

i
,
i
,
i

(:.:)
:o
2.3 Sottogruppi ^ormali
Prodotto di cIassi IateraIi
Consideriamo linsieme delle classi laterali sinistre e proviamo a defnire una moltiplicazione
in tale insieme nel modo seguente: aH bH = abH. Loperazione ha senso, cio ben defnita,
se dipende dalle classi e non dai rappresentanti che le individuano. Supponiamo dunque che
bH = cH, cio che c = bh con h H. Allora ac = abh quindi abH = acH. Il prodotto defnito
sopra non dipende dal rappresentante scelto nella seconda classe. Supponiamo ora che aH = dH,
cio che d = ah

con h

H. Le classi abH ed ah

bH in generale non coincidono.


Ad esempio, se G = S

ed H = , calcoliamo il quadrato di H = H: da un lato avremo

i
H =
i
,
i
e dallaltro avremo ()
i
H = :H = :, , per cui il prodotto non ben defnito.
Le classi abH ed ah

bH coincideranno quando ah

b abH, cio se ah

b = abh

per unopportuno
h

H; equivalentemente, h

= bh

b
:
. Dato che h

pu variare in H, si deve avere H bHb


:
cio Hb bH. Essendo b arbitrario, si deve avere anche Hb
:
b
:
H, da cui bH Hb. In
conclusione
Proposizione z./
Dato un gruppo G ed un suo sottogruppo H, se la classe laterale sinistra e la classe laterale destra
di ciascun elemento coincidono, allora
r. ben defnito un prodotto sullinsieme delle classi laterali nel modo seguente.
(aH) (bH) = abH
:. tale operazione determina una struttura di gruppo detto gruppo quoziente G]H.
Lasciamo al lettore la verifca della seconda parte.
Se il gruppo G commutativo la condizione di cui sopra ovviamente verifcata e quindi si pu
sempre formare il quoziente G]H per ogni sottogruppo H. Ad esempio, se G = Z(+) ed H < G,
allora H = nZ = n, quindi G]H il gruppo Z]nZ delle classi resto modulo n.
2.3 Sottogruppi NormaIi
Unsottogruppo H di ungruppo G si dice normale se H = xHx
:
per ogni x G. Equivalentemente
H normale se xH = Hx per ogni x G, cio se le classi laterali destre e sinistre di ciascunelemento
coincidono; esiste quindi il gruppo quoziente G]H. Scriviamo H G per indicare che H un
sottogruppo normale di G.
Osserviamo che, se G un gruppo fnito ed H un sottogruppo normale in G, allora o(G]H) =
o(G)]o(H) = |G H|. Infatti gli elementi del gruppo quoziente sono esattamente le classi laterali.
AppIicazione canonica
Se G un gruppo ed H un suo sottogruppo normale, lapplicazione G G]H che associa ad
ogni elemento x la sua classe laterale detta applicazione canonica (o di passaggio al quoziente)
da G a G]H. Lapplicazione canonica un omomorfsmo suriettivo, come si verifca facilmente.
::
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normali
Dato che lelemento neutro del quoziente la classe H, il nucleo di tale omomorfsmo canonico
il sottogruppo H. Vale la seguente proposizione
Proposizione z.8
Sia G un gruppo ed H un suo sottogruppo. Allora H normale in G se e solo se H il nucleo di
un omomorfsmo.
Dimostrazione. Come appena visto, se H G, allora H il nucleo dellomomorfsmo canonico
G G]H.
Supponiamo invece H = ker(f ) dove f omomorfsmo da G in un gruppo T. Siano h H ed
x G, allora f (xhx
:
) = f (x)f (h)f (x)
:
= f (x)e f (x)
:
= e, cio xHx
:
ker(f ) = H, da cui
xH Hx, per ogni ogni x G; da x
:
H Hx
:
otteniamo Hx xH e quindi xH = Hx per ogni
x G. In conclusione H un sottogruppo normale.
sempio
Se H unsottogruppo di G fnito e o(G) = :o(H) allora esistono due sole classi laterali (ricordiamo
che sono distinte e dello stesso ordine): H e G H. Segue che H G. In particolare il gruppo
alterno A
n
un sottogruppo normale di S
n
.
Sottogruppi e quozienti
Sia H G e G G]H lapplicazione canonica. Per comodita indichiamo

G il quoziente G]H.
Lasciamo al lettore il compito di mostrare che se

K <

G, allora K =
:
(

K) un sottogruppo
di G contenente H; e che, viceversa, se H < K < G allora

K = (K) un sottogruppo di

G con

:
(

K) = K.
Supponiamo ora che

K sia normale in

G. Allora se k K e x G abbiamo
(gkg
:
) = (g)(k)(g)
:


K
e quindi gkg
:
K. In altre parole K normale in G.
Viceversa se K G, e se x = (x),

k = (k) sono elementi qualsiasi, rispettivamente, di

G e

K,
allora xkx
:
= k
:
K per cui x

k x
:
= (k
:
)

K. Quindi

K

G. Abbiamo cos dimostrato la
Proposizione z.p
Sia

G = G]H un quoziente di G. Allora c una corrispondenza biunivoca fra i sottogruppi

K di

G e quelli K di G con K H. Inoltre,



K normale se e solo se K normale.
NormaIizzato
Dato un gruppo G ed un suo sottoinsieme X, chiamiamo normalizzato di X il pi piccolo sotto-
gruppo normale di G contenente X. Se ^ il normalizzato di X, allora ^ il gruppo generato
dagli elementi gxg
:
g G, x X. Alternativamente, ^ pu essere visto come lintersezione
di tutti i sottogruppi normali contenenti X (essendo normale lintersezione di due sottogruppi
normali, vedi lesercizio :.,).
::
2.3 Sottogruppi ^ormali
NormaIizzante
Dato un sottogruppo H di G, poniamo ^(H) = x G xHx
:
= H. Si verifca facilmente che
^(H) un sottogruppo di G, detto normalizzante di H, e che H normale in ^(H).
Automorsmi interni
Ricordiamo che lapplicazione y xyx
:
automorfsmo di G, detto automorfsmo interno
determinato da x. Un sottogruppo H quindi normale quando viene lasciato fsso, come insieme,
da ogni automorfsmo interno.
Due elementi y, z G sono detti coniugati se z = xyx
:
per qualche x G, cio se z limmagine
di y attraverso un automorfsmo interno.
Analogamente, due sottogruppi H, K di G si dicono coniugati se K = xHx
:
per qualche x G,
cio K limmagine di H attraverso un automorfsmo interno.
Gruppi di ordine sei
Supponiamo che G sia un gruppo di ordine sei: vogliamo determinare la natura di G. Se G contiene
un elemento di ordine sei, allora G il gruppo ciclico C
6
.
Supponiamo che G contenga un elemento di ordine tre, che chiamiamo , ma nessuno di ordine
sei: allora un sottogruppo di G di ordine la meta di G, quindi normale. Sia G :
avendo il gruppo delle classi laterali ordine due,
()
n
=

se n pari
se n dispari
cio
n
e, ,
i
esattamente quando n pari. In particolare, se
n
= e allora n pari, cio
lordine di pari; dovendo o() dividere sei, e avendo escluso il caso o() = o, abbiamo
dimostrato che lordine di un elemento non in necessariamente due.
Ragionando come nel caso dei gruppi di ordine , vediamo che gli elementi e, ,
i
, , ,
i

sono tutti distinti; per quanto appena visto, o() = o(


i
) = :. Siamo in grado, a questo punto,
di completare parzialmente la tabella di G:
e
i

i

e e
i

i


i
e
i

i
e
i

e
e

i

i
e
(:.:)
Consideriamo ora il prodotto : poich = , , ,
i
. Il primo caso
chiaramente impossibile. Supponiamo che = : allora
e = ()
i
= () = () =
i

i
= e
i
=
i
:,
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normali
il che impossibile. Segue che =
i
. Lasciamo al lettore il compito di verifcare che ora
possibile riempire la tabella (:.:) per ottenerne una identica alla (:.:). In altre parole G isomorfo
a S

.
Supponiamo infne che tutti gli elementi diversi da e abbiamo ordine due. Siano x ed y due tali
elementi. Allora, ragionando come nel caso dei gruppi di ordine quattro, vediamo che e, x, y, xy
un sottogruppo di G. Ma, per la proposizione :.:, un gruppo di ordine sei non pu avere un
sottogruppo di ordine quattro. Concludiamo quindi che esistono due soli gruppi di ordine sei:
uno commutativo (C
6
) ed uno non commutativo (S

).
2.4 Lisomorsmo canonico
Sia f G T un omomorfsmo di gruppi e sia H = ker f .
Possiamo allora defnire unapplicazione

f G]H T ponendo

f (xH) = f (x). La mappa ben
defnita perch f (xh) = f (x)f (h) = f (x) per ogni h H; nello stesso modo si mostra che un
omomorfsmo. Se lapplicazione canonica da G in G]H avremo il diagramma
G
f

T
G]H

{
{
{
{
{
{
{
{
in cui f =

f . Un simile diagramma, in cui si pu andare da un gruppo allaltro seguendo diversi
cammini e in cui gli omomorfsmi composti corrispondenti sono uguali, detto commutativo.
Notiamo che Im(f ) = Im(

f ).
Il nucleo di

f G]H T costituito dalla sola classe H, che lelemento neutro del gruppo quo-
ziente; quindi

f iniettiva. Poich Im(f ) = Im(

f ), otteniamo un isomorfsmo, detto isomorfsmo
canonico, G] ker(f ) Im(f ).
sempi
1. Come visto, lapplicazione A det(A) un omomorfsmo suriettivo di GL
n
(R) in R

, il
cui nucleo SL
n
(R). Il quoziente GL
n
(R)] SL
n
(R) dunque isomorfo ad R

.
i. Lapplicazione x e
ixi
un omomorfsmo di R in C

, la cui immagine linsieme dei


numeri complessi di modulo uno cio il cerchio unitario S
:
e il cui nucleo Z. Avremo
dunque un isomorfsmo fra R]Z ed S
:
.
. Lapplicazione S
n
: che manda una sostituzione pari in +: ed una dispari in :
un omomorfsmo suriettivo con nucleo A
n
. Abbiamo dunque un isomorfsmo fra S
n
]A
n
e
:; segue che lordine di A
n
la meta di quello di S
n
.
. Vedremo nel paragrafo o.: un omomorfsmo suriettivo di SU(:) in SO(,) il cui nucleo il
sottogruppo formato dai due elementi I, quindi SU(:)]I isomorfo ad SO(,).
:
2.5 Prodotti
2.5 Prodotti
Sia G un gruppo, H e K due suoi sottogruppi: consideriamo linsieme
HK = hk h H, k K
Ci chiediamo quando tale insieme un sottogruppo di G; abbiamo le proposizioni seguenti
Proposizione z.1o
HK un sottogruppo di G se e solo se gli insiemi HK e KH coincidono.
Dimostrazione. Supponiamo che HK sia un sottogruppo. Dato un elemento hk HK, anche
lelemento h
:
k
:
HK, quindi kh = (h
:
k
:
)
:
HK. Segue che KH HK. Se invece x HK,
anche x
:
HK, quindi x
:
= hk con h e k opportuni. Perci x = k
:
h
:
KH; segue HK KH.
Supponiamo viceversa che HK = KH. Verifchiamo che linsieme HK un sottogruppo. Se x = hk
ed y = h
:
k
:
, allora xy = hkh
:
k
:
ma kh
:
= h
i
k
i
, quindi xy = hh
i
k
i
k
:
HK. Inoltre, se x = hk,
allora x
:
= k
:
h
:
= h

HK.
Proposizione z.11
Gli elementi di HK si scrivono in modo unico come prodotto hk con h H e k K se e solo se
H K = e.
Dimostrazione. Se h H K con h e, potremo scrivere (tenuto conto che anche h
:
H K):
e = e e = h h
:
e quindi e ammette due scritture diverse come prodotto di un elemento di H e di
uno di K.
Viceversa, se hk = h
:
k
:
con h h
:
(e quindi k k
:
), allora h
:
:
h = k
:
k
:
un elemento diverso da
e che appartiene ad H K.
Siano ora H e K due gruppi con elementi neutri e
H
ed e
K
rispettivamente. Il gruppo prodotto
H K contiene due sottogruppi H e
K
ed e
H
K isomorf ad H e K rispettivamente. Tali
sottogruppi sono normali (come si verifca facilmente), ogni elemento del primo commuta con
ogni elemento del secondo ed un elemento (h, k) H K si scrive in modo unico come prodotto
(h, e
K
) (e
H
, k) di un elemento del primo gruppo e di uno del secondo, e la loro intersezione
costituita dal solo elemento neutro. Supponiamo ora che H e K siano sottogruppi di un gruppo G
(e quindi e
H
= e
K
= e). Ci chiediamo quando G isomorfo ad H K attraverso lapplicazione
H K G defnita da (h, k) hk.
Consideriamo le quattro condizioni seguenti:
1. HK = G
i. H K = e
. ogni elemento di H commuta con ogni elemento di K
. H e K sono entrambi sottogruppi normali di G
Abbiamo la proposizione seguente
:,
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normali
Proposizione z.1z
un isomorfsmo se e solo valgono (:), (:) e () se e solo se valgono (:), (:) e ().
Dimostrazione. Se un isomorfsmo valgono le condizioni (:), (:), (,) e () per le considerazioni
precedenti.
Supponiamo valgano le condizioni (:), (:) e (,): la (,) ci garantisce che la un omomorfsmo:
infatti in questo caso
{(h, k)) {(h
:
, k
:
)) = hk h
:
k
:
= hh
:
kk
:
= {(hh
:
, kk
:
))
La condizione (:) ci da la suriettivita e la (:) liniettivita, per la proposizione :.::. Segue che i
sottogruppi H e K sono sottogruppi normali di G in quanto corrispondono attraverso la ai
sottogruppi H e
K
e e
H
K. Possiamo anche verifcare direttamente la normalita di H e K:
infatti siano h H ed h
:
k
:
G; allora
h
:
k
:
h(h
:
k
:
)
:
= h
:
k
:
hk
:
:
h
:
:
= h
:
hh
:
:
H
segue che H invariante per coniugio, cio che normale in G. Analogamente per K.
Supponiamo ora che valgano le condizioni (:), (:) e (): bastera dimostrare che da queste segue la
(,). Siano h H e k K; abbiamo h
:
(k
:
hk) H perch HG e (h
:
k
:
h)k K perch K G
quindi h
:
k
:
hk = e, cio hk = kh.
2.6 Centro
Dato un gruppo G, il suo centro linsieme Z(G) degli elementi di G che commutano con ogni
elemento, cio Z(G) = z G za = az per ogni a G. Gli elementi di Z(G) sono lasciati fssi
da ogni automorfsmo interno, quindi Z(G) un sottogruppo normale.
Gruppi di matrici
Proposizione z.1
Il centro di GL
n
(R) e di GL
n
(C) formato dalle matrici scalari.
Dimostrazione. Sia G = GL
n
(R) oppure G = GL
n
(C) e sia Z il centro di G. E chiaro che una
matrice scalare commuta con ogni altra matrice, e quindi appartiene a Z. Supponiamo ora che
A = (a
i j
) sia un elemento di Z. Siano
B =

:
:

n :
n

C =

o :
: o
:

Poich AB = BA, paragonando gli elementi di posto (i, j) di entrambi i prodotti, vediamo che se
i j, allora a
i j
= o, cio A diagonale. Confrontando ora gli elementi di posto (:, :) in AC e CA
:o
2. Centro
vediamo che a
::
= a
ii
. Analogamente si dimostra che tutti gli elementi sulla diagonale di A sono
uguali.
Proposizione z.1
Z{O(:)) = I
Dimostriamo prima il seguente
Lemma z.1
Se A O(:) ed A commuta con ogni elemento di SO(:), allora A SO(:).
Dimostrazione. Ricordiamo che SO(:) il gruppo delle rotazioni |{
cos sen
sen cos
)|. Se A = {
a b
c d
),
allora
A_
cos sen
sen cos
_ = _
a cos + b sen a sen + b cos

_
_
cos sen
sen cos
_ A = _
a cos c sen b cos d sen

_
Essendo per ipotesi i due prodotti uguali, otteniamo b = c e a = d. Segue che det(A) = a
i
+b
i
> o
e che quindi A SO(:).
Dimostrazione della proposizione :.:. Se A Z{O(:)), allora A SO(:) per il lemma, cio
A = {
cos sen
sen cos
) per un opportuno . Abbiamo
A_
: o
o :
_ = _
cos sen
sen cos
_ _
: o
o :
_ A = _
cos sen
sen cos
_
e quindi sen = o. Segue che A I.
Poich le matrici in SO(:) rappresentano le rotazioni del piano intorno allorigine, chiaro che il
gruppo SO(:) commutativo, cio Z(SO(:)) = SO(:).
Per calcolare il centro dei gruppi SO(n), U(n), SU(n) utilizzeremo la seguente strategia: dapprima,
per ciascuno di questi gruppi, determineremo un sottogruppo commutativo T isomorfo ad un
prodotto di copie di S
:
con la proprieta che se un elemento x del gruppo commuta con tutti gli
elementi del sottogruppo T allora x T. Tale sottogruppo sara detto toro massimale standard del
gruppo. Successivamente, determineremo facilmente il centro.
Proposizione z.1
Sia G = SO(,) e poniamo T = T
G
= |{
R

:
)| dove R

la matrice di SO(:) che rappresenta


la rotazione per langolo . Se A SO(,) commuta con ogni elemento di T
G
allora A T
G
.
:,
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normali
Dimostrazione. Sia lendomorfsmo di R

rappresentato da A nella base standard e


:
, e
i
, e

.
Sia lendomorfsmo defnito da (e
:
) = e
i
, (e
i
) = e
:
, (e

) = e

. La matrice B che rappresenta


nella base standard quindi {
R
i
:
).
Dimostriamo che il piano generato da e
:
e e
i
stabile per : basta dimostrare che (e

) =
e

. Ora, (e

) = (e

) = (e

) e quindi (e

) un autovettore di con autovalore :. Tale


autospazio :-dimensionale e generato da e

e quindi (e

) = e

; infatti per lortogonalita di


, il vettore (e

) unitario. Segue che la restrizione di a un elemento di O(:). Lipotesi


che A commuti con ogni elemento di T signifca che la restrizione di a commuta con tutti gli
elementi di SO(:); quindi, per il lemma :.:,, A della forma (
R

:
). Infne, essendo det(A) = :,
A = (
R

:
) T.
Proposizione z.1/
Sia G = SO() e poniamo T = T
G
= {
R

:
R

i
)_ dove R

:
ed R

i
sono rotazioni in SO(:). Se
A SO() commuta con ogni elemento di T
G
allora A T
G
.
Dimostrazione. Nella base standard e
:
, e
i
, e

, e
(
, siano V il sottospazio generato da e
:
, e
i
e
W = V

, il sottospazio generato da e

, e
(
. Una matrice di T corrisponde quindi, nella base
standard, ad un endomorfsmo che rispetta la decomposizione R
(
= V V

= V We tale che le
restrizioni a V e a Wsono elementi di SO(:). Sia un endomorfsmo di R
(
rappresentato da una
matrice A che commuta con tutti gli elementi di T. Sia un endomorfsmo di R
(
rappresentato
da una matrice B T e tale che |
V
= :
V
mentre |
W
:
W
. In particolare, |
W
una rotazione e
non fssa nessun vettore non nullo di W. Avremo
(e
:
) = a
:
e
:
+ a
i
e
i
+ a

+ a
(
e
(
(e
:
) = a
:
e
:
+ a
i
e
i
+ (a

+ a
(
e
(
)
(e
:
) = (e
:
)
Quindi deve essere a

+a
(
e
(
= (a

+a
(
e
(
), da cui, per quanto appena notato, a

+a
(
e
(
= o
e perci (e
:
) V. In modo analogo si dimostra che (e
i
) V e che (e

) W, (e
(
) W.
Segue che |
V
O(:) ed analogamente |
W
O(:). Tuttavia deve commutare con tutti gli
endomorfsmi costituiti da una rotazione in V e lidentita su V

e analogamente per W. Per il


lemma :.:,, A T
G
.
Possiamo facilmente generalizzare questi due casi particolari ai casi SO(:n + :) e SO(:n):
Proposizione z.18
Sia G = SO(:n + :) e poniamo
T = T
G
=

n
:

Allora T
G
isomorfo al prodotto di n copie di S
:
. Se A G commuta con ogni elemento di T
G
allora A T
G
.
:8
2. Centro
Proposizione z.1p
Sia G = SO(:n) e poniamo
T = T
G
=

Allora T
G
isomorfo al prodotto di n copie di S
:
. Se A G commuta con ogni elemento di T
G
allora A T
G
.
Proposizione z.zo
Sia G = U(n) e poniamo
T
G
=

e
i
:

e
i
n

(linsieme delle matrici diagonali di U(n)). Allora T


G
isomorfo al prodotto di n copie di S
:
. Se
A G commuta con ogni elemento di T
G
allora A T
G
.
Dimostrazione. Sia lendomorfsmo di C
n
associato, nella base standard e
:
, . . . , e
n
di C
n
, alla
matrice A. In particolare, commuta con tutti gli endomorfsmi rappresentati nella base standard
dalle matrici di Tche hanno +: come elemento di posto (:, :); se un tale endomorfsmo avremo
(e
:
) = (e
:
)
(e
:
) = (e
:
)
Quindi (e
:
) un autovettore con autovalore : per ogni endomorfsmo di questo tipo. Daltra
parte, dato un qualsiasi vettore v che non sia multiplo di e
:
, esiste un tale per cui (v) v. Segue
che (e
:
) un multiplo di e
:
: (e
:
) =
:
e
:
. In modo analogo si dimostra che (e
i
) =
i
e
i
, per
ogni i = :, . . . , n; cio rappresentato da una matrice diagonale.
Proposizione z.z1
Sia G = SU(n) e poniamo
T
G
=

e
i
:

e
i
n

i
= :k, con k Z

(linsieme delle matrici diagonali di SU(n)). Allora T


G
isomorfo al prodotto di n : copie di
S
:
. Se A G commuta con ogni elemento di T
G
allora A T
G
.
Dimostrazione. Nel caso n = :, le matrici di T
G
possono essere scritte sotto la forma {
e
i
o
o e
i
):
bastera infatti scegliere
:
e
i
tali che o
:
< : e : <
i
o. E chiaro quindi che T
G

:
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normali
isomorfo ad S
:
. Nel caso n > :, alla matrice _
e
i
:

e
i
n
_ con
i
= :k, associamo la matrice

e
i(
:

n
)
e
i(
i

n
)

e
i(
n:

n
)
:

Lasciamo al lettore la verifca che in tal modo si ottiene un isomorfsmo fra T


G
ed il prodotto di
(n :) copie di S
:
. La dimostrazione della seconda afermazione identica al caso di U(n).
Calcoliamo ora il centro dei gruppi SO(n), U(n), SU(n).
Proposizione z.zz
Se n ,, allora Z(SO(n)) formato da matrici scalari.
Dimostrazione. Sia G = SO(n). Abbiamo visto che se A Z(G), allora Adeve appartenere a T
G
,
quindi A della forma {
R

). Sia
B = _
o o :
o : o
: o o
I
_
Lelemento di posto (:, :) di BA o, mentre lelemento di posto (:, :) di AB sen(); quindi
deve essere sen() = o. Analogamente si vede che tutti gli elementi fuori della diagonale di Asono
nulli mentre i termini sulla diagonale sono tutti :.
Dimostriamo ora che tutti gli elementi diagonali sono uguali. Sia C la matrice che corrisponde
allendomorfsmo che scambia il primo elemento della base standard e
:
con e
i
. La condizione
AC = CA impone che gli elementi di posto (:, :) e (i, i) di A siano uguali: infatti, se A = (a
i j
),
avremo
a
::
= (AC)
:i
= (CA)
:i
= a
ii
CoroIIario z.z
Abbiamo.
Z(SO(:)) = SO(:), Z(SO(:n)) = I se n :
Z(SO(:n + :)) = I per ogni n
Osservazione :.:. Nel caso di G = SO(:n + :), possiamo ragionare anche nel modo seguente:
indichiamo con T
i
il sottogruppo formato dalle matrici diagonali a blocchi aventi +: nel posto
(i, i) ed altrimenti blocchi : : corrispondenti a rotazioni. Il gruppo T
n
non altro che T
G
ed i
gruppi T
i
sono coniugati fra loro; inoltre
i
T
i
= I.
Ragionando come nel caso di T
n
= T
G
, si vede che se Acommuta con gli elementi di T
i
, allora
A T
i
. Segue che se A Z(G), allora A
i
T
i
e quindi A = I.
,o
2. Centro
Proposizione z.z
Abbiamo.
Z(U(n)) = e
i
I R S
:
Z(SU(n)) = e
ikin
I k = o, . . . , n :
n
Dimostrazione. Sia G = U(n) e T
G
il suo toro massimale standard. Una matrice A Z(G)
commuta, in particolare, con tutti gli elementi di T
G
, e quindi A T
G
; cio A una matrice
diagonale. Sia B la matrice che scambia il primo elemento della base standard e
:
con e
i
. La
condizione AB = BAimpone che gli elementi di posto (:, :) e (i, i) di Asiano uguali. Segue che A
una matrice scalare I e naturalmente = e
i
un numero complesso di modulo uno. Viceversa,
sappiamo gia che ogni matrice scalare commuta con ogni matrice.
Nel caso G = SU(n) possiamo procedere nello stesso modo, ottenendo che una matrice A Z(G)
della forma A = e
i
I. Dato che det(A) = e
in
deve essere uguale ad uno, segue che e
i
= , dove

n
= :.
Diamo ora la dimostrazione di alcune proposizione che utilizzeremo nel seguito.
Proposizione z.z
Una matrice A di SO(,) ammette sempre : come autovalore.
Dimostrazione. Il polinomio caratteristico di A della forma x

+ax
i
+bx+: contutti i coemcienti
reali: esiste quindi un autovalore reale . Sappiamo inoltre che gli autovalori, reali o complessi,
hanno valore assoluto uguale ad uno e che il loro prodotto uno. Se gli autovalori sono tutti reali,
uno di essi deve essere :; se due sono complessi coniugati ed , allora ||
i
= det A = : e dunque
= :.
Proposizione z.z/
Una matrice A di SO(,) coniugata ad una matrice B della forma
B =

o
C
o
o o :

dove C SO(:), e quindi A rappresenta una rotazione di R

intorno ad un asse.
Dimostrazione. Sia lautomorfsmo di R

corrispondente ad A nella base standard. Sia poi v

un vettore di norma : tale che (v

) = v

(tale vettore esiste per la proposizione precedente). Sia


il piano ortogonale a v

. Fissiamo una base v


:
, v
i
di tale che F = v
:
, v
i
, v

sia una terna


ortonormale con la stessa orientazione della base canonica E in modo che la matrice di passaggio
P da E ad F sia in SO(,). La terna (v
:
), (v
i
), v

= (v

) ancora una base ortonormale e


quindi (v
:
), (v
i
) una base ortonormale di , il quale risulta cos stabile per . Nella base F
la rappresentata da una matrice B della forma desiderata, dove C rappresenta la restrizione di
a . Dato che det B = det A = :, allora det C = : e quindi C SO(:) e rappresenta una rotazione
nel piano . Si noti che B = P
:
AP dove P SO(,).
,:
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normali
Proposizione z.z8
Sia un endomorfsmo di R
n
rappresentato nella base standard da una matrice A O(n).
Allora esiste un sottospazio V, stabile per , con : dim(V) :.
Dimostrazione. Per ipotesi A
:
=
t
A. Sia lendomorfsmo +
:
= +

, rappresentato dalla
matrice B = A+
t
Anella base standard. La matrice B simmetrica quindi ammette un autovalore ;
sia x o un autovettore relativo a . Avremo (x) = x = (x)+
:
(x) da cui (x) =
i
(x)+x.
Segue che
i
(x) una combinazione lineare di x e (x). Il sottospazio V generato da x e (x)
risulta quindi stabile per la ed ha la dimensione voluta.
Proposizione z.zp
Sia A O(:) SO(:). Allora esiste B SO(:) tale che B
:
AB = C con C = (
: o
o :
).
Dimostrazione. Gli autovalori di Asono :. Basta allora scegliere una base ortonormale di auto-
vettori orientata come la base standard.
Proposizione z.o
Sia C la matrice (
: o
o :
), allora le quattro matrici {
C o
o C
) di SO() sono coniugate, in SO(),
alla matrice {
I o
o I
).
Dimostrazione. Lasciata al lettore.
Unimportante proprieta dei tori massimali data dal seguente
7eorema z.1
Sia G = U(n), SU(n), SO(n) e T = T
G
il corrispondente toro massimale standard. Allora
G =
xG
xTx
:
cio ogni elemento di G contenuto in un coniugato di T.
Dimostrazione. Sia G = U(n). Il sottogruppo T allora formato dalle matrici diagonali di U(n).
Data una matrice A U(n), noto che esiste una base ortonormale formata da autovettori di A;
cio esiste B U(n) tale che D = BAB
:
diagonale.
Sia G = SU(n). Il sottogruppo T formato dalle matrici diagonali di SU(n). Data A SU(n),
sappiamo che esiste B U(n) tale D = BAB
:
diagonale ed appartiene ad SU(n) (perch
det(D) = det(A)). Se B SU(n) abbiamo concluso; in caso contrario, sia C tale che
n
=
(det B)
:
: la matrice C = B SU(n) e D = BAB
:
= CAC
:
. Quindi A si diagonalizza con una
matrice C SU(n).
Nel caso G = SO(n), ci limitiamo a dare la dimostrazione per SO(,) ed SO(), dato che il caso
generale si ottiene facilmente con analoghe considerazioni.
Se G = SO(,), bastera applicare la proposizione :.:,.
,:
2.7 Generatori e relazioni
Nel caso G = SO(), dimostriamo che vi sono due piani stabili ed ortogonali. Infatti per la
proposizione :.:8 sappiamo che esiste un sottospazio stabile di dimensione uno oppure due. Se
:
un piano stabile, allora anche
i
=

:
stabile; se r una retta stabile, allora V = r

:
stabile e di
dimensione tre: applicando a V nuovamente la proposizione :.:,, otteniamo una decomposizione
ortogonale di V in un piano stabile
:
e nella retta ortogonale, e proseguiamo nello stesso modo.
Se
:
e
i
sono i due piani di cui sopra, possiamo scegliere delle basi v
:
, v
i
di
:
e v

, v
(
di

i
in modo che la base v
:
, v
i
, v

, v
(
di R
(
abbia la stessa orientazione della base standard. La
matrice A allora coniugata in SO() ad una matrice B = {
B
:
o
o B
i
) dove le matrici B
i
appartengono
entrambe ad SO(:) oppure entrambe a O(:) SO(:). Nel primo caso abbiamo terminato, nel
secondo caso la matrice B coniugata in SO(), per la proposizione :.:, ad una delle quattro
matrici {
C o
o C
) con C = (
: o
o :
). Utilizzando la proposizione :.,o concludiamo che la matrice A
coniugata in SO() alla matrice {
I o
o I
).
2.I Generatori e reIazioni
Lettere e paroIe
Sia A un insieme qualsiasi, non necessariamente fnito, e consideriamo tutti i simboli della forma
a
:
o a
:
con a A: chiamiamo alfabeto linsieme a
:
, a
:
a A e lettera ogni suo elemento.
Mettendo un numero fnito di lettere una a fanco allaltra possiamo formare una parola w =
x

:
:
x

i
i
x

n
n
, dove x
i
A ed
i
= :. Ad esempio, se A = a, b, c sono parole a
:
a
:
b
:
c, c
:
a
:
a
:
,
b
:
. Consideriamo fra le parole anche quella vuota, ottenuta usando nessuna lettera, e la chiamiamo
:.
Diciamo che una parola ridotta se non contiene nessuna sequenza del tipo x
:
x
:
o x
:
x
:
. Ad
esempio a
:
a
:
b
:
c e b
:
sono ridotte mentre c
:
a
:
a
:
non lo . Da una parola w non ridotta
possiamo ottenerne una nuova cancellando tutte le coppie x
:
x
:
e x
:
x
:
: diciamo che due parole
sono uguali se, una volta ridotte, coincidono. Quindi c
:
a
:
a
:
= c
:
e a
:
b
:
b
:
a
:
= a
:
a
:
= :.
Gruppi Liberi
Possiamo comporre due parole giustapponendole e poi riducendo; questa operazione induce una
struttura di gruppo sullinsieme delle parole ridotte, in cui la parola vuota funge da identita mentre
linverso di w = x

:
:
x

i
i
x

n
n
w
:
= x

n
n
x

i
i
x

:
:
. Chiamiamo gruppo libero generato da A
questo gruppo.
Ad esempio, il gruppo libero L generato da A = a formato da :, dalle parole della forma
a
:
a
:
. . . a
:
e a
:
a
:
. . . a
:
. Se introduciamo la convenzione di indicare il prodotto di n copie di
a
:
con a
n
, di n copie di a
:
con a
n
e di nessuna copia (cio la parola vuota) con a
o
; possiamo
scrivere L = a
n
n Z dove a
n
a
m
= a
n+m
. Otteniamo cos un isomorfsmo tra L e Z.
Notiamo che il gruppo libero generato da una lettera lunico commutativo: infatti se Acomprende
due lettere distinte a e b, allora a
:
b
:
b
:
a
:
: sono entrambe parole ridotte e non coincidono.
,,
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normali
ReIazioni
Dato un alfabeto A ed un insieme R di parole, diciamo che le parole w e w

sono equivalenti se w

pu essere ottenuta da w inserendo e cancellando un numero fnito di parole r o r


:
con r R.
Lasciamo al lettore il compito di verifcare che questa una relazione di equivalenza. Sullinsieme
quoziente possiamo introdurre una operazione di composizione ottenuta componendo nel modo
sopra descritto i rappresentanti delle classi di equivalenza. Otteniamo in questo modo un gruppo,
denotato A R, a partire dalla coppia (A, R). Tale coppia anche detta una presentazione del
gruppo A R. Chiamiamo generatori del gruppo gli elementi di A e relazioni quelli di R.
sempi
1. Il gruppo A il gruppo libero generato da A. Indicheremo questo gruppo anche come
A.
i. Sia G il gruppo a a
n
, con n intero positivo. Poich a isomorfo a Z, vediamo
facilmente che G isomorfo a Z]nZ.
. Sia G = a, b aba
:
b
:
. Abbiamo allora
ab = (aba
:
b
:
)
:
ab = bab
:
a
:
ab = bab
:
b = ba
Segue subito che a
m
b
n
= b
n
a
m
per qualsiasi coppia di interi m ed n. Ogni parola w =
a
m
:
b
n
:
a
m
i
b
n
i
a
m
s
b
n
s
quindi R-equivalente ad a
m
b
n
dove m = m
i
ed n = n
i
.
Vediamo quindi che G isomorfo a Z Z.
. Per comodita indicheremo spesso una relazione r tramite unequazione r = e; useremo
anche r

= r per indicare la relazione data dalla parola r

r
:
. Con questa convenzione, il
gruppo G del punto precedente pu essere descritto anche come a, b ab = ba
,. Sia G = ,

= :,
i
= :, =
i
, dove lultima relazione un modo pi comodo
per scrivere
:

i
= : o equivalentemente = :. Gli elementi di G sono allora
:, ,
i
, , ,
i
. E immediato verifcare che questo gruppo di sei elementi S

.
Diamo ora una descrizione pi precisa del gruppo A R.
Quozienti deI gruppo Iibero
Dati un alfabeto A ed un insieme di relazioni R, siano L il gruppo libero su A e G il gruppo A R.
Sia L G la mappa naturale defnita da (x) = x, dove x indica la classe di x modulo la
relazione di equivalenza defnita dalle relazioni. ovviamente suriettiva, quindi lisomorfsmo
canonico ci da G L] ker().
Ogni relazione in R sta in ker(); inoltre ker() normale in L. Segue che ker() contiene
il normalizzato ^(R) di R in L. Daltra parte, se w ker() allora w si ottiene dallidentita
inserendo e cancellando un numero fnito di parole r, r
:
R; possibile dimostrare, in modo
estremamente tedioso, che allora w ha la forma xrx
:
con r ^(R) e che quindi w ^(R). Segue
che ker() = ^(R). Abbiamo cos mostrato che
,
2.7 Generatori e relazioni
Proposizione z.z
Sia L il gruppo libero sullalfabeto A e sia ^(R) il normalizzato di R in L. Allora A R
L]^(R). Viceversa, se G = L]^ un quoziente del gruppo libero sullalfabeto A allora G = A
R, dove R L ha normalizzato ^ (al peggio possiamo prendere R = ^).
Se R R

allora ^(R) ^(R

), come segue dalla defnizione di normalizzato. Abbiamo perci


una mappa suriettiva L]^(R

) L]^(R) compatibile con le mappe canoniche da L. In altre


parole,
Proposizione z.
Se R R

allora A R un quoziente di A R

.
Infne, se G un gruppo qualsiasi, consideriamo lalfabeto A = x x G dato dagli elementi
di G. Sia L il gruppo libero su A. Possiamo defnire una mappa L G che associa alla lettera x
lelemento x: la mappa chiaramente suriettiva e se ^ il suo nucleo, abbiamo G L]^. Segue
quindi dalla proposizione :.,: che
7eorema z.
Ogni gruppo pu essere presentato nella forma A R.
Ovviamente un gruppo pu essere presentato in pi modi, ed in generale non afatto semplice
riconoscere il gruppo dalla presentazione. Vediamo ora alcuni esempi notevoli
Gruppi DiedraIi
Sia D
in
il gruppo presentato da ,
n
= :,
i
= :, =
:
. In particolare abbiamo che

r
=
r
se s pari mentre, se s dispari,

r
=
r
=
:

r:
=
i

ri
= =
r

Ogni parola
r
:

s
:

r
i

s
i

r
t

s
t
pu essere quindi riscritta nella forma
r

s
con r ed s interi
opportuni tali che o r < n e o s < :. Gli elementi di D
in
sono cos
:, ,
i
, . . . ,
n:
, , ,
:
,
i
, . . . ,
n:

D
in
perci un gruppo fnito, detto gruppo diedrale di ordine :n. Notiamo anche che D
in
non
commutativo se n > : e che D
6
= S

.
Il sottogruppo generato da un gruppo ciclico di ordine n: segue che lordine di
m

n] mcu(m, n). Abbiamo invece (


m
)
i
=
m
(
m
) =
m

i
= :, per cui tutti gli elementi
che non sono potenze di hanno ordine due.
Quaternioni
Sia H il gruppo presentato da a, b a
(
= :, b
i
= a
i
, ba = a

b. Abbiamo che b
(
= (b
i
)
i
=
(a
i
)
i
= a
(
= :. Ragionando come sopra, ogni parola della forma a
m
:
b
n
:
a
m
i
b
n
i
a
m
t
b
n
t
uguale
,,
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normali
a a
m
b
n
con m ed n interi opportuni tali che o m < e o n < : (ricordando che b
i
= a
i
e
quindi b

= a
i
b).
Chiaramente H non abeliano; non isomorfo a D
8
perch questultimo ha solo due elementi
di ordine quattro: e
:
; mentre H ne ha almeno quattro: a, a
:
= a

, b e b
:
= b

= a
i
b.
Consideriamo ora ab: sappiamo che il suo ordine divide otto, e non n uno (senn ab = :) n
otto (senn H sarebbe ciclico generato da ab, e quindi commutativo); poich (ab)
i
= a(ba)b =
aa

bb = b
i
= a
i
:, anche ab ha ordine quattro. Di conseguenza quattro lordine anche di
(ab)
:
= (ab)

= a

b.
H costituito quindi da sei elementi di ordine quattro, uno di ordine due, e uno di ordine uno.
Poniamo ora : = a
i
, i = a, j = b, k = ab. La tabella di H con queste notazioni
i j k
i : k j
j k : i
k j i :
dove le operazioni mancanti sono quelle ovvie: ad esempio j

= j
i
j = : j = j oppure
(i)(j) = (:)
i
i j = : k = k. Lasciamo al lettore il compito di verifcare che la tabella completa
del gruppo la seguente
: : i i j j k k
: : : i i j j k k
: : : i i j j k k
i i i : : k k j j
i i i : : k k j j
j j j k k : : i i
j j j k k : : i i
k k k j j i i : :
k k k j j i i : :
Il gruppo :, i, j, k noto come gruppo dei quaternioni.
2.8 AbeIianizzato
Sia G un gruppo qualsiasi. Per il teorema :., possiamo presentare G come A R. Sia R

linsieme
delle relazioni xy = yx dove x ed y variano fra tutte le lettere di A. Il gruppo G
ab
= A RR

chiaramente un gruppo abeliano, ed il pi grande gruppo abeliano che soddisfa tutte le


relazioni di G, nel senso che: se T un gruppo abeliano con gli stessi generatori di G e che
soddisfa tutte le relazioni di G, allora per la proposizione :.,, esiste una mappa suriettiva f G T.
Abbiamo f (xyx
:
y
:
) = : per ogni x ed y in G, grazie alla commutativita di T. Quindi f passa al
quoziente e mostra che T un quoziente di G
ab
. Chiamiamo G
ab
labelianizzato di G.
Se ora f G T un omomorfsmo qualunque di G in un gruppo commutativo T, applicando lo
stesso ragionamento allimmagine di f otteniamo
,o
2.8 Abelianizzato
Proposizione z.
Ogni omomorfsmo di un gruppo G in un gruppo commutativo T si fattorizza attraverso G
ab
.
G
f

T
G
ab

}
}
}
}
sempi
1. Sia G = S

. Allora G
ab
= ,

=
i
= :, =
i
; = . Ne segue che
i
= ,
cio
i
= e = :. Il gruppo G
ab
quindi dato dalla sola , ed perci isomorfo a Z]:Z.
Questo mostra, in particolare, che labelianizzato di un gruppo pi piccolo del gruppo
di partenza.
i. Sia G = a, b . Se w = a
m
:
b
n
:
a
m
i
b
n
i
a
m
s
b
n
s
G
ab
possiamo ridurre w nella forma
a
m
b
n
con m = m
i
ed n = n
i
interi. Otteniamo cos un isomorfsmo fra G
ab
e Z Z.
. Ragionando come nellesempio precedente, possiamo vedere che labelianizzato di un
gruppo libero su n lettere isomorfo ad n copie di Z.
Dati due elementi x ed y di un gruppo G, chiamiamo xyx
:
y
:
il loro commutatore: x ed y
commutano se e solo se xyx
:
y
:
= :. Chiamiamo derivato di G il sottogruppo G

generato da
tutti i commutatori. Chiaramente G

= : se e solo se G abeliano, per cui il derivato misura il


grado di commutativita di un gruppo.
Proposizione z.
Il derivato di un gruppo normale.
Dimostrazione. Ci basta notare che
x(aba
:
b
:
)x
:
= xax
:
xbx
:
xa
:
x
:
xb
:
x
:
= (xax
:
)(xbx
:
)(xax
:
)
:
(xbx
:
)
:
sempi
1. Sia G = A
n
, il gruppo alterno di grado n. Se n , A
n
semplice per il teorema .:,; ma
(A
n
)

: perch A
n
non commutativo, quindi (A
n
)

coincide necessariamente con A


n
.
Se n = ,, A
n
Z],Z che abeliano, per cui (A

= :. Lasciamo al lettore il compito


di dimostrare, infne, che (A
(
)

il gruppo delle doppie trasposizioni (che normale per


lesercizio :.:).
i. Consideriamo ora S
n
, il gruppo simmetrico di grado n. Un commutatore il prodotto di
quattro permutazioni, per cui pari e sta in A
n
. Se n ,, segue dal corollario .: che
(S
n
)

= A
n
. Lasciamo al lettore il compito di verifcare che questo vero anche se n < ,.
,,
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normali
Consideriamo ora il quoziente G]G

: se G abeliano, allora G]G

= G. In generale abbiamo
yxG

= yx(x
:
y
:
xy)G

= xyG

, per cui G]G

abeliano. Lasciamo al lettore il compito di


dimostrare il seguente
Lemma z./
Se H G allora G]H commutativo se e solo se G

< H.
Ora, se f G T un omomorfsmo verso un gruppo commutativo, il derivato G

incluso in
ker(f ): infatti f (xyx
:
y
:
) = f (x)f (y)f (x)
:
f (y)
:
= :. Quindi lomomorfsmo f passa al
quoziente per darci un diagramma commutativo
G
f

T
G]G

{
{
{
{
Poniamo T = G
ab
e usiamo lanalogo risultato dato dalla proposizione :.,,: la proiezione si
fattorizza attraverso labelianizzato G
ab
per darci un diagramma commutativo
G

z
z
z
z
z
z
z
z
f

A
A
A
A
A
A
A
A
G]G


G
ab

Lasciamo al lettore il compito di verifcare che f

e sono una linversa dellaltra e che quindi


G]G

= G
ab
(si noti luguaglianza).
sercizi
Esercizio :.:. Sia G un gruppo fnito. Si mostri che lapplicazione f
n
dellesercizio :.:: un
isomorfsmo se e solo se n relativamente primo allordine di G.
Esercizio :.:. Determinare i sottogruppi normali del gruppo alterno A
(
. (Vedi anche il teorema .:,)
Esercizio :.,. Sia G = x un gruppo ciclico di ordine n e sia m un divisore di n: si determini
lordine di x
m
.
Esercizio :.. Sia G come sopra e sia m un intero relativamente primo ad n cio mcu(m, n) = ::
si verifchi che o(x
m
) = n.
Esercizio :.,. Sia G come sopra e sia m un intero qualsiasi. Si determini lordine di x
m
.
Esercizio :.o. Si verifchi che se H un sottogruppo normale di G, allora G]H efettivamente un
gruppo.
Esercizio :.,. Si verifchi che lintersezione di due sottogruppi normali un sottogruppo normale.
,8
2.8 Abelianizzato
Esercizio :.8. Siano K < H < G. Si dimostrino le seguenti afermazioni (eventualmente con un
controesempio; sUccivimi1o: A
(
):
1. se K G allora K H
i. K H non implica K G
. K H e H G non implicano K G
Esercizio :.. Si determini la struttura di tutti i gruppi di ordine inferiore a tredici.
Esercizio :.:o. Si verifchi che
,

= :,
i
= :,
:

i
= : = ,

= :,
i
= :, = :
Esercizio :.::. Quanti sono gli elementi di ordine quattro in D
8
:
Esercizio :.::. Calcolare r ed s tali che, in D
in
,
r
:

s
:

r
i

s
i
=
r

s
(SUccivimi1o:
:
=
n:
).
Esercizio :.:,. Si verifchi che normale in D
in
.
Esercizio :.:. Determinare tutti i sottogruppi normali di D
in
con n ,. Quali saranno in generale
i sottogruppi normali di D
in
:
Esercizio :.:,. Determinare il centro di D
in
con n ,. Quale sara in generale il centro di D
in
:
Esercizio :.:o. Si costruisca la tabella di H.
Esercizio :.:,. Si calcoli il centro di H.
Esercizio :.:8. Determinare tutti i sottogruppo di He verifcare che sono tutti normali. Chiamiamo
hamiltoniano un gruppo non commutativo che abbia questa proprieta.
Esercizio :.:. Si calcoli labelianizzato di H e di D
in
, con n qualsiasi.
,
2 Gruppi quozienti e sottogruppi normali
o
3 Azione di gruppi
3.I CIassi di coniugio
Sia G un gruppo. Per ogni a G consideriamo linsieme Cl(a) = xax
:
, x G. Tale insieme
detto la classe di coniugio di a ed i suoi elementi, detti coniugati di a, sono le immagini di a
attraverso gli automorfsmi interni di G. Ogni elemento appartiene alla propria classe di coniugio
e le classi di coniugio danno una partizione di G in quanto la relazione di coniugio relazione
di equivalenza. La classe Cl(a) si riduce al solo a quando a commuta con tutti gli elementi del
gruppo, cio quando appartiene al centro Z(G).
sempi
1. Sia G il gruppo GL
n
(R): la relazione di coniugio la relazione di similitudine.
i. Sia G il gruppo SU(:): due matrici di G sono coniugate se sono simili attraverso una matrice
di G. Vedremo pi avanti che ogni matrice di G si diagonalizza con una matrice di G (vedi
pag. o). Quindi una matrice A di SU(:) coniugata ad una matrice diagonale avente sulla
diagonale due numeri complessi coniugati di modulo uno, che sono gli autovalori di A,
radici del polinomio caratteristico x
i
Tr(A)x + :.
Due tali matrici A = (
o
o
) e B = {
o
o

) hanno lo stesso polinomio caratteristico se e solo


se = oppure =

. Nel primo caso A = B, nel secondo B = XAX
:
dove X = (
o :
: o
). In
entrambi i casi, A e B sono coniugate.
La classe di coniugio Cl(A) dunque individuata dalla traccia Tr(A).
. Sia G il gruppo S

. Fissato x G, la mappa a xax


:
un automorfsmo, e quindi a e
xax
:
hanno lo stesso ordine. Segue che Cl(e) = e e che Cl() ,
i
; poich
:
=
=
i
=
i
, vale luguaglianza. Nello stesso modo si mostra che Cl() = , ,
i
.
3.2 Azione di gruppo
Sia Xun insieme e T(X) il gruppo delle applicazioni biunivoche di Xin s con la composizione delle
applicazioni. Dato un gruppo G diciamo che G agisce su X attraverso se un omomorfsmo
di G in T(X). Ci signifca che per ogni g G, (g) una trasformazione biunivoca di X in
s tale che (gh) = (g) (h). In particolare (e) la trasformazione identica e (g
:
)
la trasformazione inversa di (g). Se non vi sono equivoci si scrivera g(x) o g x al posto di
{(g))(x).
:
3 Azione di gruppi
sempi
1. Sia V uno spazio vettoriale di dimensione n su un campo K. Se fssiamo una base E di V,
possiamo associare adogni elemento di GL
n
(K) unautomorfsmo di V, cio unisomorfsmo
lineare di V in s. Otteniamo in questo modo un omomorfsmo di GL
n
(K) nel gruppo
Aut(V) degli automorfsmi lineari di V, che un sottogruppo di T(V). Il gruppo Aut(V)
verra nel seguito denotato anche GL(V).
i. Sia G un gruppo. Se x un elemento di G, lautomorfsmo interno a xax
:
determinato
da x manda G in s in modo biunivoco. Otteniamo in questo modo unazione di G su se
stesso, detta azione per coniugio: infatti se x, y G allora (xy)a(xy)
:
= x(yay
:
)x
:
.
. Siano x e G come sopra. Allora a ga ancora unazione di G su se stesso, detta traslazione
sinistra. In maniera simile, anche a ag
:
unazione di G su se stesso, detta traslazione
destra.
Orbite, stabiIizzatori
Data unazione di un gruppo G su un insieme X, lorbita di un elemento x di X linsieme
O(x) = y X y = g(x), al variare di g in G
Lappartenenza ad una stessa orbita una relazione di equivalenza, per cui le orbite danno una
partizione di X. Diciamo che G agisce transitivamente su X se esiste una sola orbita, coincidente
necessariamente con X; ci signifca che fssato x X, ogni altro y X della forma g(x) per
qualche g G. Diciamo invece che lazione fedele se lunita e lunico elemento g G tale che
g(x) = x per ogni x X; in altre parole lomomorfsmo G T(X) iniettivo.
Lo stabilizzatore di un elemento x di X il sottogruppo S(x) di G dato da g G g(x) = x.
Lo stabilizzatore di x forma un sottogruppo perch se g, h S(x) allora (gh)(x) = g{h(x)) =
g(x) = x mentre x = g(x) implica x = g
:
(x).
Nellesempio : lazione transitiva su V o; mentre, se x il primo vettore della base E, allora
S(x) il sottogruppo delle matrici che hanno come prima colonna il trasposto di (:, o, . . . , o).
Nellesempio : lorbita di a la classe di coniugio Cl(a), mentre il suo stabilizzatore linsieme
x G xa = ax. Nellesempio , lazione transitiva e lo stabilizzatore banale per ogni a G:
possiamo cos identifcare G con un sottogruppo di T(G).
Lasciamo al lettore la dimostrazione della seguente
Proposizione .1
Data lazione di un gruppo G su un insieme X e fssato x X, linsieme delle classi laterali
sinistre G] S(x) in corrispondenza biunivoca con O(x) attraverso lapplicazione che associa
alla classe di g lelemento g(x). In particolare, se G fnito, lindice |G S(x)| uguale alla
cardinalit o{O(x)) dellinsieme O(x), per ogni x X.
Poich le orbite formano una partizione di X segue dalla proposizione ,.: che
:
3.2 Azione di gruppo
Proposizione .z
Se G agisce su un insieme X fnito di cardinalit o(X), allora o(X) =
xC
|G S(x)|, dove C
contiene un elemento x per ogni orbita.
sempi
1. Sia G un gruppo e Cl(a) la classe di coniugio di un suo elemento. Dato che ogni automorf-
smo interno manda Cl(a) in s biunivocamente, G agisce su Cl(a) con gli automorfsmi
interni (cio per coniugio). Tale azione transitiva.
i. Sia G il gruppo GL
n
(R) ed X lo spazio vettoriale S
n
(R) delle matrici reali simmetriche
n n. Il gruppo G agisce su X per congruenza. Per il teorema di Sylvester ed il teorema di
diagonalizzazione di matrici simmetriche reali con matrici ortogonali sappiamo che due
matrici A e B di S
n
(R) appartengono alla stessa orbita quando P(A) = P(B) ed ^(A) =
^(B), dove P (e rispettivamente ^) indica il numero di autovalori positivi (rispettivamente
negativi). Le orbite sono caratterizzate dalla coppia di interi naturali (P, ^), dove o
P + ^ n.
CentraIizzante
Se a G, chiamiamo centralizzante di a linsieme Z(a) = x G ax = xa: lasciamo al lettore
il compito di verifcare direttamente che Z(a) un sottogruppo di G e che Z(G) =
aG
Z(a). Se
consideriamo lazione di G su se stesso per coniugio, abbiamo visto che lo stabilizzatore di a il suo
centralizzante e che lorbita di a formata dai suoi coniugati. Segue quindi dalla proposizione ,.:
che
Proposizione .
Se G un gruppo fnito, allora ogni elemento a ha |G Z(a)| coniugati.
Osservazione ,.. Osserviamo che le condizioni seguenti sono equivalenti
1. a Z(G)
i. Z(a) = G
. Cl(a) = a
Lequazione deIIe cIassi
Applicando la proposizione ,.: allazione per coniugio di un gruppo su se stesso otteniamo
7eorema . (Equazione delle classi)
Sia G un gruppo fnito. Allora
o(G) = o{Z(G)) +
aC
|G Z(a)|
dove C contiene un elemento a per ogni classe di coniugio contenente pi di un elemento.
,
3 Azione di gruppi
3.3 I teoremi di SyIow
Fissiamo in questo paragrafo un gruppo G di ordine p
k
m con m non divisibile per p.
7eorema . (Primo teorema di Sylow)
G ha un sottogruppo di ordine p
k
. Chiamiamo p-Sylow un simile sottogruppo.
Dimostrazione. Sia X la famiglia di tutti i sottoinsiemi di G di ordine p
k
: lordine di X {
p
k
m
p
k
)
dove {
a
b
) = a!](a b)!b! indica il coemciente binomiale. Il gruppo G agisce su X nel modo
seguente: se X = x
:
, . . . x
p
k X, poniamo g(X) = gX = gx
:
, . . . gx
p
k . C almeno unorbita
di X il cui ordine non divisibile per p: infatti, se lordine di ciascuna fosse divisibile per p, lo
sarebbe anche la somma dei loro ordini, cio lordine di X; ma per il lemma ,.,, questo non
possibile.
Sia ora A una tale orbita ed X un suo elemento. Poniamo H = S(X): per la proposizione ,.:,
o(G)]o(H) = o(A), che non divisibile per p; quindi o(H) = p
k
m

con m

non divisibile per p.


Fissiamo x X G. Se g H allora gx X. Ma i gx, con g che varia in H, sono tutti distinti, per
cui sono al pi p
k
; cio o(H) p
k
. Segue che o(H) = p
k
e che H un p-Sylow.
Lemma ./
Sia m un intero non divisibile per p. Allora p non divide {
p
k
m
p
k
).
Dimostrazione. Abbiamo
_
p
k
m
p
k
_ =
p
k
m
p
k
p
k
m :
p
k
:
p
k
m :
p
k
:
. . .
p
k
m p
k
+ :
p
k
p
k
+ :
Notiamo che, per quanto i singoli fattori (p
k
m i)](p
k
i) non siano in generale degli interi, il
loro prodotto lo . Vogliamo mostrare che, per ogni tale fattore, p non divide n il numeratore n
il denominatore. Se j k abbiamo che p
k
m i p
k
i mod p
j
. Quindi la massima potenza di p
che divide p
k
m i divide anche p
k
i, e viceversa: per cui la stessa.
Poich p non divide n il numeratore n il denominatore di ogni fattore (p
k
m i)](p
k
i), non
divide neppure il loro prodotto, cio {
p
k
m
p
k
), come volevamo dimostrare.
7eorema .8 (Secondo teorema di Sylow)
Tutti i p-Sylow di G sono coniugati fra di loro.
Dimostrazione. Siano S ed R due p-Sylow di G. Il sottogruppo R agisce sulle classi laterali destre
G]S per traslazione: r(gS) = rgS dove r R e g G. Per la proposizione ,.:, il numero di elementi
di unorbita divide o(R), per cui una potenza di p. Ma le orbite formano una partizione di G]S,
il quale ha ordine m, e quindi m somma di potenze di p. Poich p non divide m, segue che
almeno una di queste potenze : = p
o
. In altre parole esiste unorbita banale R(gS) = gS, cio
R gSg
:
. Poich o(R) = o(S), abbiamo R = gSg
:
.

3.4 Gruppi di ordine trenta


CoroIIario .p
G ammette un solo p-Sylow se e solo se questo normale
Dimostrazione. Ricordiamo che un sottogruppo H di G normale se gHg
:
= H, per ogni g G.
Il corollario segue subito dal teorema.
7eorema .1o (Terzo teorema di Sylow)
Sia n
p
il numero dei p-Sylow. Allora n
p
: mod p ed n
p
un divisore di m.
Dimostrazione. Fissiamo un p-Sylow S. Questi agisce per coniugio sullinsieme dei p-Sylow: se
x S e Q un p-Sylow, allora xQx
:
ancora un p-Sylow. Per la proposizione ,.:, il numero di
elementi di unorbita divide o(S), per cui una potenza di p. Abbiamo almeno unorbita di ordine
uno: lorbita di S stesso. Vogliamo mostrare che lunica, da cui seguirebbe che n
p
: mod p.
Supponiamo che per ogni x S sia xQx
:
= Q. Allora S un sottogruppo del normalizzante
^(Q) di Q. Poich Q < ^(Q) < G, lordine di ^(Q) p
k
m

con m

non divisibile per p e quindi


S un p-Sylow di ^(Q). Ma Q un sottogruppo normale di ^(Q) ed anchesso un p-Sylow:
per il corollario ,., Q = S e quindi lunica orbita di un elemento S.
Consideriamo infne lazione di G per coniugio sullinsieme dei p-Sylow. Lo stabilizzatore di Q
per defnizione il normalizzante ^(Q), mentre lorbita tutto linsieme dei p-Sylow per il teorema
precedente; segue cos dalla proposizione ,.: che n
p
= |G ^(Q)| = m]m

, che divide m.
3.4 Gruppi di ordine trenta
Mostriamo ora come si possono usare i teoremi di Sylow per ottenere dei risultati sulla struttura
dei gruppi di un dato ordine. Sia G un gruppo di ordine ,o = : , ,. Per il primo teorema di Sylow,
ci sono dei gruppi di ordine due, tre e cinque. Essendo questi primi, segue che ci sono elementi di
G degli stessi ordini.
Per il terzo teorema di Sylow, il numero n

di ,-Sylow della forma : + ,k con : + ,k che divide :o.


Quindi n

= : oppure n

= :o. Analogamente, il numero n


,
di ,-Sylow : + ,k con : + ,k divisore
di o. Quindi n
,
= : oppure n
,
= o.
Poich lintersezione di due sottogruppi distinti di ordine primo la sola identita (lintersezione di
due gruppi un sottogruppo di entrambi), se n

= :o ci sono allora : :o = :o elementi di ordine


tre in G. Analogamente, se n
,
= o, ci sono o = : elementi di ordine cinque in G. Ma G ha solo
trenta elementi, per cui n

= : o n
,
= :. Per il corollario ,., questo equivalente a dire che c un
,-Sylow oppure un ,-Sylow normale in G.
Supponiamo che n

= :. Sia H

lunico, e perci normale, ,-Sylow di G. Il quoziente G]H

ha
ordine dieci: un ,-Sylow di G]H

ha indice due e quindi normale. Per la proposizione :., G ha


un sottogruppo H G contenente H

, normale in G e con un elemento di ordine un multiplo di


cinque: necessariamente H ha ordine quindici. Per il terzo teorema di Sylow, H ha un solo ,-Sylow,
che chiamiamo H
,
; notiamo che H
,
pure un ,-Sylow di G. Sia x G un elemento qualsiasi; per
la normalita di H, xH
,
x
:
H; ma xH
,
x
:
un ,-Sylow di H, per unicita: xH
,
x
:
= H. Questo
mostra che H
,
normale in H e che quindi n
,
= :.
,
3 Azione di gruppi
Supponiamo ora che n
,
= :. Sia H
,
lunico, e perci normale, ,-Sylowdi G. Ragionando come sopra,
si mostra che anche n

= :, cio che G ha un unico, e perci normale, ,-Sylow, che chiamiamo H

.
Notiamo che H

e H
,
sono entrambi ciclici, essendo di ordine primo, e quindi commutativi;
diciamo H

= x e H
,
= y. Abbiamo pure che, in generale, vale il seguente
Lemma .11
Siano H e K due sottogruppi normali di G. Se gli ordini di H e K sono fniti e relativamente
primi, allora hk = kh per ogni scelta di h H e k K.
Dimostrazione. Il sottogruppo H K dato dalla sola identita, dovendo il suo ordine divi-
dere mcuo(H), o(K) = :. Ragionando come nella dimostrazione della proposizione :.::
concludiamo che hk = kh per ogni scelta di h H e k K.
Il sottogruppo x, y pertanto commutativo ed ogni suo elemento ha la forma x
i
y
j
con i e j interi
compresi fra zero e, rispettivamente, due e quattro. In particolare, x, y ha ordine quindici. Sia
ora = xy: il suo ordine divide quindici, ma
:
= xy e,

= x

= y

e e
,
= x
,
y
,
= x
i
e;
lordine di quindi quindici e x, y il gruppo ciclico generato da . Notiamo che x =
:o
mentre y =
6
.
Sia un elemento di ordine due in G: chiaramente ] . Gli elementi della forma
k

con
k = o, :, . . . , : ed = o, : sono tutti distinti e sono trenta, per cui sono tutti gli elementi di G.
Consideriamo ora : dobbiamo avere necessariamente =
d
per qualche intero d (perch:).
Lasciamo al lettore il compito di verifcare che in generale
k
=
kd
. Daltro canto
()
i
= (
d
)() =
d

i
=
d+:
(
d
)
i
=
d
(
d
) =
d

d
i

i
=
d(d+:)
Quindi d soddisfa lequazione d + : d(d + :) mod :,. Abbiamo, modulo :,,
d o : : , , o , 8 :o :: :: :, :
d + : : i , o , 8 :o :: :i :, : o
d(d + :) o i o :: o :: :: :: o , :i o : o
Gli unici valori possibili per sono pertanto ,
(
,
::
oppure
:(
. Studiamo ciascun caso
separatamente.
= Tutti gli elementi di G commutano. Lasciamo al lettore il compito di verifcare che ha
ordine trenta e che quindi G un gruppo ciclico.
=
:(
Una presentazione di G ,
:,
= e,
i
= e, =
:(
. Segue che G il gruppo
diedrale D
o
.
=
(
Poich x =
:o
ed y =
6
, abbiamo
x =
:o
=
:o(
= x
(
= x, y =
6
=
6(
= y
(

Una presentazione di G perci:


x, y, x

= e, y
,
= e,
i
= e, xy = yx, x = x, y = y
(

o
3.4 Gruppi di ordine trenta
Siano
D
:o
=
,
,
,
,
= e,
i
= e,
,
=
(
,
,

= e
rispettivamente il gruppo diedrale di ordine dieci ed il gruppo delle radici cubiche dellunita.
Defniamo una mappa f D
:o

G tramite f (
,
) = y, f () = e f () = x. La mappa f
un omomorfsmo perch rispetta le relazioni che defniscono i due gruppi ed chiaramente
suriettiva. Poich G e D
:o

hanno lo stesso ordine, f un isomorfsmo.


=
::
Ragionando come sopra, abbiamo che x = x
::
= x
i
e che y = y
::
= y. Per cui,
una presentazione di G :
x, y, x

= e, y
,
= e,
i
= e, xy = yx, x = x
i
, y = y
Siano
D
6
=

= e,
i
= e,

=
i

,
,
=
,
= e
rispettivamente il gruppo diedrale di ordine sei (cio S

) ed il gruppo delle radici quinte


dellunita. Se defniamo una mappa f D
6

,
G tramite f (

) = x, f () = e f () = y
possibile mostrare, analogamente al caso precedente, che f un isomorfsmo.
Ci rimane da dimostrare che questi gruppi non sono isomorf. Siano e due elementi qualsiasi
di ordine, rispettivamente, :, e ,; vogliamo mostrare che se =
d
allora vale pure =
d
. Ne
segue che il valore di d indipendente dalla scelta di e , e che quindi d caratterizza in maniera
univoca ciascuno dei quattro gruppi.
Poich G ha un solo sottogruppo di ordine :,, = e quindi =
m
per qualche intero m
relativamente primo a :, (vedi pagina ::). Inoltre, poich ] , =
n
per qualche intero n.
Allora =
n
(
m
) =
n

md
=
md

n
=
d
.
sercizi
Esercizio ,.:. Si verifchi che la relazione di coniugio una relazione di equivalenza.
Esercizio ,.:. Sia G un gruppo abeliano. Si verifchi che Cl(a) = a per ogni elemento a G.
Esercizio ,.,. Si verifchi che a Z(G) se e solo se Z(a) = G.
Esercizio ,.. Se G un gruppo fnito, si verifchi che a Z(G) se e solo se Cl(a) consiste del solo
elemento a.
Esercizio ,.,. Per ogni elemento x S

defniamo una mappa di S

in s come a ax. Si verifchi


che queste mappe non defniscono unazione di S

in s.
Esercizio ,.o. Si dimostri che se due elementi x ed y di X sono nella stessa orbita, allora i rispettivi
stabilizzatori sono coniugati.
Esercizio ,.,. Si dimostri, utilizzando il teorema di Sylow, che se p un numero primo che divide
lordine di un gruppo G, allora G contiene un elemento di ordine p. Questo risultato noto come
teorema di Cauchy.
Esercizio ,.8. Si dimostri che se p un numero primo che divide lordine di un gruppo G, allora
G contiene un sottogruppo di ordine p
n
per ogni esponente n tale che p
n
divide lordine di G.
,
3 Azione di gruppi
Esercizio ,.. Nelle condizioni dellesercizio precedente, esiste in genere un elemento di ordine
p
n
:
8
4 Gruppi niti di trasformazioni
Molti gruppi rappresentano le trasformazioni di un oggetto in s, ad esempio di un insieme di n
elementi (il gruppo delle sostituzioni), di un poligono regolare nel piano (il gruppo diedrale), di
uno spazio vettoriale in s (gruppi di matrici).
In realta ogni gruppo fnito pu essere identifcato con un sottogruppo di un opportuno gruppo
delle sostituzioni:
7eorema .1 (Teorema di Cayley)
Ogni gruppo fnito G di ordine n isomorfo ad un sottogruppo di S
n
.
Dimostrazione. Sia G = x
:
= e, x
i
, . . . , x
n
un gruppo. Defniamo unazione di G su :, :, . . . , n
in questo modo: se g G, g(i) = j dove gx
i
= x
j
. Lazione ben defnita perch ex
i
= x
i
mentre
(gh)(i) = g{h(i)) grazie allassociativita del prodotto di G. Lazione fedele perch g(i) = i
signifca gx
i
= x
i
e quindi g = e. Abbiamo cos defnito un omomorfsmo iniettivo da G in S
n
.
Fissato un intero n, consideriamo R
n
con la base canonica e
:
, e
i
, . . . , e
n
. Se S
n
, possiamo
costruire unapplicazione lineare da R
n
in s, che chiamiamo ancora , tramite (e
i
) = e
(i)
.
Chiaramente
:
defnisce la trasformazione inversa, per cui, considerando le matrici associate,
otteniamo:
Proposizione .z
Il gruppo simmetrico S
n
pu essere identifcato con un sottogruppo di GL
n
(R).
Segue immediatamente che:
CoroIIario .
Ogni gruppo fnito isomorfo ad un sottogruppo di GL
n
(R), dove n lordine del gruppo.
Si noti che in generale questa scelta di n non ottimale (vedi anche gli esercizi .:, .: e .:,).
4.I Gruppo Simmetrico
Riprendiamo lo studio dei gruppi di sostituzione iniziato nel paragrafo :.:. Chiamiamo S
n
, gruppo
simmetrico di grado n, il gruppo delle sostituzioni su n elementi, cio T(:, :, . . . , n).

4 Gruppi fniti di trasformazioni


CicIi
Ricordiamo che un ciclo (x
:
, x
i
, . . . , x
s
) di lunghezza s una sostituzione che manda x
i
in x
i+:
,
dove gli indici vanno intesi modulo s, e che lascia fssi gli altri elementi.
Proposizione .
Un ciclo di lunghezza s ha ordine s.
Dimostrazione. Sia = (x
:
, x
i
, . . . , x
s
) un ciclo: dobbiamo verifcare che
s
lidentita e che

r
e se r < s. Abbiamo che
r
(x
:
) =
:+r
per ogni intero r dove lindice va ovviamente inteso
modulo s. In generale abbiamo che
r
(x
i
) = x
i+r
: segue che
r
= e se e solo se r o mod s, cio
che lordine di s.
Diciamo che due cicli e sono disgiunti se nessun intero compare in entrambi. In altre parole,
se = (x
:
, . . . , x
r
) e = (y
:
, . . . , y
s
), allora x
:
, . . . , x
r
y
:
, . . . , y
s
= . In tal caso, abbiamo
()(y
i
) = (y
i+:
) = y
i+:
e ()(y
i
) = (y
i
) = y
i+:
. In modo analogo si mostra che ()(x
i
) =
x
i+:
= ()(x
i
) e che ()(z) = z = ()(z) per ogni z ] x
:
, . . . , x
r
, y
:
, . . . , y
s
. Abbiamo cos
mostrato che
Lemma .
Due cicli disgiunti commutano.
Ricordiamo che (x
o
, x
:
, . . . x
n
) un ciclo della sostituzione se (x
i
) = x
i+:
, per ogni indice i.
Come avevamo gia accennato, abbiamo che
Proposizione .
Ogni sostituzione il prodotto dei propri cicli. Tale decomposizione unica.
Dimostrazione. Fissiamo una sostituzione S
n
e denotiamo O
:
, . . . , O
t
le orbite di :, . . . , n
determinate da , il gruppo ciclico generato da . Ad ogni orbita O
i
= x
o
, x
:
= (x
o
), x
i
=

i
(x
o
), x
s
=
s
(x
o
) associamo il ciclo
i
= (x
o
, x
:
, . . . , x
s
); notiamo che se x O
j
, allora

j
(x) = (x) mentre
i
(x) = x per ogni i j.
Vogliamo mostrare che =
i

i
, dove, per il lemma, lordine del prodotto non conta. Se x O
j
,
allora (
i

i
)(x) =
j
(x) = (x); quindi per ogni x :, . . . , n otteniamo (
i

i
)(x) = (x),
come volevamo.
Notiamo che la decomposizione unica, essendo i cicli determinati dalle orbite di .
7eorema ./
Sia =
:

i
. . .
t
una sostituzione scritta come prodotto di cicli disgiunti. Allora lordine di
il minimo comun multiplo delle lunghezze dei cicli
i
.
Dimostrazione. Notiamo che, per il lemma .,, (
:

i
. . .
t
)
k
=
k
:

k
i
. . .
k
t
e quindi
m
=
,o
4. Gruppo Simmetrico

m
:

m
i
. . .
m
t
= e, dove m il minimo comun multiplo delle lunghezze dei cicli
i
, cio dei
loro ordini grazie alla proposizione ..
Supponiamo ora che
k
= e per qualche intero k > o. Se x O
i
, con la notazione della dimo-
strazione precedente, allora
k
(x) =
k
i
(x) = x e quindi
k
i
fssa tutti gli elementi di O
i
, cio

k
i
= e; dunque k un multiplo dellordine di
i
. Poich il ragionamento non dipende dalla scelta
dellorbita, abbiamo dimostrato che k un multiplo di tutti gli ordini o(
i
) e quindi di m. Ne
deduciamo che lordine di proprio m.
Proposizione .8
Se n > :, il centro di S
n
la sola identit.
Dimostrazione. Sia Z(S
n
) con e: ci sono dunque due interi x ed y distinti con y = (x);
abbiamo (x, y)
:
= (x, y). Per lesercizio .,, daltra parte, (x, y)
:
= {(x), (y)) =
{y, (y)). Quindi x = (y).
Sia ora z un terzo elemento diverso da x ed y (esiste perch n > :). Abbiamo (x, z) = (x, z)
:
=
{(x), (z)) = {y, (z)). Ne segue che y = x oppure y = z, il che impossibile. Abbiamo cos
mostrato che Z(S
n
) = e.
7rasposizioni
Chiamiamo trasposizione un ciclo di lunghezza due. Notiamo che una trasposizione ha ordine
due, cio linversa di se stessa. Dato un ciclo qualsiasi (x
:
, x
i
, . . . , x
s
) abbiamo
(x
:
, x
s
)(x
:
, x

)(x
:
, x
i
) = (x
:
, x
i
, . . . , x
s
) (.:)
e quindi, per la proposizione .o, ogni sostituzione pu essere scritta come il prodotto di tra-
sposizioni. Tale rappresentazione, per, non unica, ad esempio (::,)(,) = (:,)(::)(,) =
(,)(,,)(:)(:)(,). Qualsiasi sia la rappresentazione di (::,)(,) come prodotto di trasposi-
zioni, per, il numero di trasposizioni sara sempre dispari. Prima di mostrare questo risultato,
enunciamo un lemma preliminare, la cui dimostrazione lasciata al lettore.
Lemma .p
Supponendo tutti gli elementi distinti,
(a, b)(a, x
:
, x
i
, . . . , x
r
, b, y
:
, y
i
, . . . , y
s
) = (a, x
:
, x
i
, . . . , x
r
)(b, y
:
, y
i
, . . . , y
s
)
(a, b)(a, x
:
, x
i
, . . . , x
r
)(b, y
:
, y
i
, . . . , y
s
) = (a, x
:
, x
i
, . . . , x
r
, b, y
:
, y
i
, . . . , y
s
)
7eorema .1o
Ogni sostituzione il prodotto di trasposizioni. Inoltre se pu essere espresso come il prodotto
di r oppure s trasposizioni, allora r s mod :.
Dimostrazione. Fissiamo il gruppo simmetrico S
n
e defniamo una mappa S
n
Z]:Z tale che
per ogni sostituzione sia () n t mod :, dove t il numero di cicli di . Ad esempio la
decomposizione in cicli della trasposizione (::) S
(
(::) = (::)(,)(), quindi {(::)) ,
,:
4 Gruppi fniti di trasformazioni
: mod :. In generale, una trasposizione ha n : cicli: uno di lunghezza due ed n : di lunghezza
uno; quindi manda ogni trasposizione in : mod :.
Mostriamo ora che un omomorfsmo (di gruppo moltiplicativo in gruppo additivo), cio che se
, S
n
, allora () = () + (). Lasciamo al lettore il compito di verifcare che sumciente
mostrare che la relazione vale con trasposizione, potendo esprimere ogni sostituzione come
prodotto di trasposizioni.
Sia = (a, b). Abbiamo ora due casi: a e b sono in uno stesso ciclo nella decomposizione di
cio a e b sono nella stessa orbita sotto lazione di oppure sono in due cicli distinti. Grazie
al lemma . possiamo contare il numero di cicli di nei due casi: nel primo ce ne sara uno in
pi di quelli di , nel secondo uno in meno; in ogni caso () : + () () + () mod :.
Supponiamo infne che
:

r
=
:

i
. . .
s
con i
i
ed i
i
trasposizioni, allora r (
:

r
)
(
:

i
. . .
s
) s mod :, che dimostra il teorema.
Il teorema ci permette di introdurre la parit di una sostituzione: pari se pu essere espressa
come prodotto di un numero pari di trasposizioni, dispari senn. Notiamo che e = (::)(::), per
cui lidentita pari. Dallequazione (.:) ricaviamo che
Proposizione .11
Un ciclo di lunghezza s pari se e solo se s un numero dispari (sic!).
sempio
Nel caso di S

abbiamo che le sostituzioni pari sono: e, (::,), (:,:); mentre quelle dispari sono
(::), (:,), (:,). In particolare le sostituzioni pari formano un sottogruppo di ordine tre.
4.2 Gruppo AIterno
Sia S
n
Z]:Z lomomorfsmo usato nella dimostrazione del teorema .:o, allora il nucleo di
formato esattamente dalle sostituzioni pari, che quindi formano un sottogruppo normale A
n
di
S
n
, detto gruppo alterno. Notiamo che S
n
]A
n
Z]:Z, per cui |S
n
A
n
| = :.
Per la proposizione .:: ogni ciclo di lunghezza tre pari, per cui incluso in A
n
. Daltra parte, se
(a, b) e (c, d) sono due trasposizioni e le quattro lettere sono distinte:
(a, b)(b, c) = (a, b, c) (a, b)(c, d) = (a, c, b)(a, c, d)
per cui ogni prodotto di un numero pari di trasposizioni pu essere sostituito con un prodotto di
cicli di lunghezza tre. Abbiamo cos mostrato che
Proposizione .1z
A
n
generato dai cicli di lunghezza tre.
,:
4.2 Gruppo Alterno
Gruppi SempIici
Un gruppo G privo di sottogruppi normali (esclusi quelli banali) detto semplice. Ad esempio, il
gruppo ciclico Z]pZ, con p primo, semplice: infatti non ha nessun sottogruppo non banale.
I gruppi alterni A
:
e A
i
sono ridotti alla sola identita, per cui sono banalmente semplici, mentre
abbiamo appena visto che A

Z],Z per cui semplice. Il gruppo A


(
, invece, ammette un
sottogruppo normale non banale, dato dai prodotti di due trasposizioni (vedi anche lesercizio :.:).
Questa per uneccezione, perch vale
7eorema .1
Se n , il gruppo alterno A
n
semplice.
Dimostrazione. Possiamo supporre n ,. Sia H A
n
con H e: vogliamo mostrare che
H contiene almeno un ciclo di lunghezza tre: per lesercizio . li conterrebbe tutti e quindi
conterrebbe A
n
, cio H = A
n
.
Notiamo che se H, allora
:

:
H per ogni sostituzione A
n
. Infatti
:
H per la
normalita di H.
Sia un elemento di H diverso dallidentita, per cui possiamo scegliere due interi x
:
x
i
con x
i
=
(x
:
). Poich n > ,, c un intero x

] x
:
, x
i
, (x
i
). Poniamo = (x
:
, x

, x
i
) e =
:

:
:
per quanto appena visto, pari e H. Per lesercizio ., possiamo calcolare
=
:

:
= ((x
:
, x
i
, x

)
:
) = {(x
:
), (x
i
), (x

)) = (x
:
, x

, x
i
){x
i
, (x
i
), (x

))
Vediamo cos che trasforma al pi cinque elementi. Essendo pari, un ciclo di lunghezza uno,
tre o cinque; oppure il prodotto di due trasposizioni disgiunte. Studiamo ora ciascun caso:
Se un ciclo di lunghezza uno, cio lidentita, otteniamo {x
i
, (x
i
), (x

)) =
:
=
(x
i
, x

, x
:
) e quindi (x
i
) = x

, contrariamente alle ipotesi; per cui questo caso impossibile.


Se un ciclo di lunghezza tre, siamo a cavallo.
Se = (y
:
, y
i
, y

, y
(
, y
,
) allora
(y
:
, y
i
, y

)(y
:
, y
i
, y

)
:

:
= (y
:
, y
i
, y

)(y
i
, y
(
, y

) = (y
:
, y
i
, y
(
)
un ciclo di lunghezza tre contenuto in H.
Se infne = (y
:
, y
i
)(y

, y
(
), scegliamo un ulteriore elemento y
,
tale che gli y
i
siano tutti
distinti: possiamo farlo perch n > . Allora
(y
:
, y
i
, y
,
)(y
:
, y
i
, y
,
)
:

:
= (y
:
, y
i
, y
,
)(y
i
, y
,
, y
:
) = (y
:
, y
,
, y
i
)
un ciclo di lunghezza tre contenuto in H.
CoroIIario .1
Se n ,, lunico sottogruppo normale non banale di S
n
A
n
.
,,
4 Gruppi fniti di trasformazioni
Dimostrazione. Sia H un sottogruppo normale di S
n
; allora H A
n
un sottogruppo normale di
A
n
una sostituzione pari viene mandata in una sostituzione pari dal coniugio per cui A
n
stesso o e. Nel primo caso, H = A
n
: essendo |S
n
A
n
| = :, non ci pu essere nessun sottogruppo
strettamente incluso fra i due.
Supponiamo ora che H A
n
= e: in particolare lunica sostituzione pari di H lidentita. Se
, H sono diversi dallidentita (ma non necessariamente distinti), sono allora dispari mentre
pari; quindi = e. Segue che
i
= e e che =
:
= , cio che H = e, .
Per la normalita di H, se S
n
avremo
:
e, . In particolare,
:
= per ogni y;
cio nel centro di S
n
, che per la proposizione .8 banale, e quindi = e, contrariamente alle
ipotesi.
4.3 Gruppo DiedraIe
Isometrie deI piano
Ricordiamo che unisometria del piano una trasformazione di in s che lascia invariate le
lunghezze: segue subito (essendo gli angoli di un triangolo determinati dai lati) che unisometria
lascia invariati pure gli angoli. E chiaro che le isometrie formano un gruppo, in cui lidentita la
trasformazione identica: il gruppo delle isometrie. Alcune isometrie notevoli sono: la rotazione

di un angolo intorno allorigine; la traslazione


(a,b)
che manda un punto (x, y) in (x +a, y +b);
la simmetria intorno allasse delle y, che manda un punto (x, y) in (x, y). Notiamo che lordine
di due, mentre
(a,b)
ha ordine infnito, eccezion fatta per il caso
(o,o)
. Abbiamo che
7eorema .1
Ogni isometria la composizione di una traslazione, di una rotazione e di una eventuale
simmetria intorno allasse delle y.
Dimostrazione. Sia unisometria del piano. La trasformazione

=
(O)
fssa lorigine O.
Sia ora langolo formato da (o, :), O e

(o, :): la trasformazione

unisometria
che fssa lorigine ed il punto (o, :). Poich

fssa gli angoli,

(:, o) = (:, o): sostituendo

con

possiamo sempre supporre che

(:, o) = (:, o). Per il lemma seguente,

lidentita,
da cui segue il teorema.
Lemma .1
Unisometria del piano che fssi lorigine ed i punti (:, o) e (o, :) lidentit.
Dimostrazione. Ci basta notare che, dato un punto (x, y), il quadrato della distanza dai tre punti
, rispettivamente, x
i
+ y
i
, x
i
+ y
i
:x + : e x
i
+ y
i
:y + :.
Proposizione .1/
Data una rotazione qualsiasi, abbiamo =
:
.
,
4.3 Gruppo Diedrale
Dimostrazione. Per il lemma, ci basta verifcare che e agiscono nello stesso modo su (o, o),
(:, o) e (o, :).
Isometrie di un poIigono regoIare
Vogliamo studiare linsieme delle isometrie del piano che fssano un poligono regolare P
n
con n ,
lati, che per semplicita supponiamo inscritto nel cerchio di raggio unitario centrato nellorigine e
con vertice (o, :). Identifcando il piano R
i
con C, i vertici di P
n
sono dunque nei punti ie
ikin
con k = o, :, . . . n :.
Lasciamo al lettore il compito di convincersi che
(a,b)

, con (a, b) R
i
, |o, :) ed
o, :, fssa P
n
se e solo se (a, b) = (o, o) e = :k]n per qualche intero k = o, :, . . . n :. Se
poniamo =
in
, allora lordine di esattamente n (vedi anche lesercizio .::). Segue che le
isometrie che fssano P
n
sono :, , . . . ,
n:
, , , . . . ,
n:
. Inoltre, per la proposizione .:,,
=
:
=
n:
. Quindi il gruppo D
in
. Notiamo che, identifcando D
in
con lopportuno
sottogruppo delle isometrie del piano, possiamo vedere D
in
come sottogruppo di D
im
per ogni
multiplo m di n. Indicando lelemento di D
in
, cio la rotazione per langolo :]n, con
n
,
abbiamo:
D
in

D
im

n



mn
m
D
in
come sottogruppo di S
n
Se ad ogni vertice ie
i(k:)in
associamo lintero k, possiamo identifcare ogni elemento di
D
in
con la sostituzione che manda k nellintero corrispondente al vertice (ie
i(k:)n
): vedi la
fgura .:.
Proposizione .18
Identifcando D
in
con un sottogruppo di S
n
come sopra, abbiamo
= (::, . . . n)
=

(:, n)(,, n :)_


n
:
,
n
:
+ :_ se n pari
(:, n)(,, n :)_
n + :
:
,
n + ,
:
_ se n dispari
Dimostrazione. Notiamo che (ie
i(k:)in
) = ie
ikin
, per cui (k) k + : mod n. Segue che
= (::, . . . n).
Per il teorema .,, il prodotto di trasposizioni. Gli unici punti di S
:
fssati da sono i. Quindi
(:) = :; daltra parte ie
i(k:)in
= i se e solo se n pari e k : = n]:.
Dobbiamo, infne, mostrare che (k) : k mod n: abbiamo visto che vero per k = :. Supponia-
mo per induzione che (k :) :(k :) ,k mod n: allora (k) = (k :) =
:
(k :)
,,
4 Gruppi fniti di trasformazioni
P
8
1
2
3
4
5
6
7
8
(P
8
)
1
2
3
4
5
6
7
8

1
(P
8
)
1
2
3
4
5
6
7
8
(P
8
)
1
2
3
4
5
6
7
8
(P
8
)
1
2
3
4
5
6
7
8

1
(P
8
)
1
2
3
4
5
6
7
8
Figura .:: Alcune simmetrie di un ottagono regolare
P
3
1
2 3
P
4
1
2
3
4
P
5
1
2
3 4
5
(P
3
)
1
2 3
(P
4
)
1
2
3
4
(P
5
)
1
2
3 4
5
Figura .:: Simmetria per alcuni poligoni regolari
,o
4.3 Gruppo Diedrale

:
(, k) : k mod n. Quindi le sostituzioni di sono tutte del tipo (k, n + : k), come
volevamo dimostrare.
Centro di D
in
Sia Z il centro di D
in
. Se
k
Z, avremmo
= (
k
)(
k
)
:
=
k
(
:
)
:

k
=
:
Poich n > :,
:
e quindi
k
] Z per qualsiasi intero k.
Supponiamo ora
m
Z: chiaramente
m
commuta con ogni potenza di . Abbiamo invece

m

k

m
=
m

m
=
im+k

Per cui
m
Z se e solo se :m o mod n, cio n pari ed m = n]:. Abbiamo cos dimostrato
7eorema .1p
Il centro di D
in
banale se n dispari ed :,
ni
se n pari.
sercizi
Esercizio .:. Si verifchi che il gruppo D
8
isomorfo al sottogruppo di GL
i
(R) generato da
= (
o :
: o
) e = (
o :
: o
)
Esercizio .:. Si verifchi che il gruppo H isomorfo al sottogruppo di GL
i
(R) generato da
a = (
o :
: o
) e b = {
o i
i o
)
Esercizio .,. Si verifchi che (::,,) e (,::,) sono lo stesso ciclo di S
,
.
Esercizio .. Si verifchi che, in generale,
(x
:
, x
i
, . . . x
s
) e (x
j
, x
j+:
, . . . x
s
, x
:
, x
i
, . . . , x
j:
)
rappresentano lo stesso ciclo.
Esercizio .,. Sia S
n
un ciclo di lunghezza s: quanti elementi di :, :, . . . , n sono lasciati fssi
da :
Esercizio .o. Dimostrare direttamente, cio senza usare la proposizione ., che una trasposizione
ha ordine due.
Esercizio .,. Sia = (x
:
, x
i
, . . . , x
s
) e S
n
una sostituzione qualsiasi. Si verifchi che
:
=
{(x
:
), (x
i
), . . . , (x
s
)).
Esercizio .8. Utilizzando lesercizio precedente, si verifchi che due cicli della stessa lunghezza
sono coniugati.
Esercizio .. Sia H S
n
tale che H contiene un ciclo di lunghezza s: si dimostri che H contiene
tutti i cicli di lunghezza s.
Esercizio .:o. Si verifchi lequazione (.:).
,,
4 Gruppi fniti di trasformazioni
Esercizio .::. Dimostrare che un gruppo semplice commutativo ciclico di ordine primo.
Esercizio .::. Di determini per quali valori la rotazione

ha ordine fnito. (SUccivimi1o: si


identifchi il piano con C e

con la moltiplicazione per e


ii
)
Esercizio .:,. Con la notazione della proposizione .:,, si verifchi che (P) = (P) con
P = (o, o), (:, o), (o, :).
Esercizio .:. Il gruppo delle isometrie generato dai simboli
(a,b)
,

, con (a, b) R
i
e
|o, :). Si trovi una presentazione del gruppo, con questi simboli.
Esercizio .:,. Si trovi un sottogruppo di GL
i
(R) isomorfo al gruppo diedrale D
in
, con n generico.
Esercizio .:o. Si dimostri che linsieme delle isometrie del piano che fssano un poligono regolare
di n lati, con centro in (a, b) R
i
e vertice in (a, b) +

(o, :), coniugato a D


in
.
Esercizio .:,. Sia X un sottoinsieme qualsiasi di R
i
. Defniamo G come il sottoinsieme del gruppo
delle isometrie del piano che fssa X: G un gruppo:
Esercizio .:8. Si determinino tutte le classi di coniugio del gruppo diedrale D
in
.
,8
5 Gruppi AbeIiani
I gruppi abeliani sono, in un certo senso, compatibili con la struttura di Z. Infatti se G un
gruppo abeliano in notazione additiva abbiamo che n(x y) = nx ny, (n m)x = nx mx,
(nm)x = n(mx) e :x = x dove m, n Z ed x, y G. Queste sono esattamente le relazioni che
defniscono uno spazio vettoriale, tranne per il fatto che Z non un campo.
La conseguenza di questo fatto che i gruppi abeliani hanno molte proprieta degli spazi vettoriali.
Ad esempio le combinazioni lineari su Z, nx + my n, m Z, di due elementi x, y G formano
il sottogruppo x, y generato da x ed y; vedremo cos che possibile trovare degli elementi
x
:
, x
i
, . . . x
s
di G tali che ogni y G pu essere scritto in modo unico

come combinazione lineare


degli x
i
(vedi anche lesercizio ,.:). Ricordiamo che questa proprieta defnisce una base di uno
spazio vettoriale.
Daltro canto, i gruppi abeliani presentano delle diferenze sostanziali. Ad esempio possiamo avere
nx = o con n, x o: se G fnito ci basta prendere n = o(x). Una sottile conseguenza di questo
che due basi non hanno necessariamente la stessa cardinalita: : e :, , sono entrambe
basi di Z]oZ (vedi ancora lesercizio ,.:). La comprensione dei prossimi paragraf, pertanto, sara
agevolata se il lettore vorra confrontarne i risultati con quello che sa sugli spazi vettoriali.
Salvo menzione contraria, tutti i gruppi di questo capitolo sono abeliani ed in notazione additiva.
5.I Somma diretta di gruppi abeIiani
Somma esterna
Ricordiamo che a partire da due gruppi G
:
e G
i
possiamo costruire un gruppo G
:
G
i
con
(x
:
, x
i
)+(y
:
, y
i
) = (x
:
+y
:
, x
i
+y
i
). In generale, dati dei gruppi abeliani G
:
, G
i
, . . . , G
s
possiamo
costruire un gruppo G = G
:
G
i
G
s
, dove la somma defnita componente per componente.
Chiamiamo G la somma diretta esterna degli G
i
; notiamo anche che se questi sono tutti fniti
allora o(G) = o(G
i
).
Somma interna
Supponiamo ora che G
:
, G
i
, . . . , G
s
siano sottogruppi di G e consideriamo linsieme G
:
+ G
i
+
+ G
s
= x
:
+ x
i
+ + x
s
x
i
G
i
. Si verifca facilmente che questo un sottogruppo di G e

Da intendersi in questo modo: se y = n


i
x
i
= m
i
x
i
allora n
i
x
i
= m
i
x
i
per ogni i. In generale non avremo
n
i
= m
i
.
,
5 Gruppi Abeliani
che la mappa
G
:
G
i
G
s

G
:
+ G
i
+ + G
s
(x
:
, x
i
, . . . , x
s
)


x
:
+ x
i
+ + x
s
un omomorfsmo suriettivo. In genere non iniettiva: ad esempio se G
:
= G
i
= G, allora
G
:
+ G
i
= G e la mappa G G G che manda (x, y) in x + y ha nucleo (x, x) x G.
Se per iniettiva e G
:
+ G
i
+ + G
s
= G allora G isomorfo alla somma esterna di suoi
sottogruppi: in questo caso diciamo che G = G
:
+ G
i
+ + G
s
somma diretta interna degli
G
i
. Essendo un isomorfsmo, confonderemo la somma esterna con quella interna e parleremo
generalmente di somma diretta.
sempio
Sia G = Z]oZ; poniamo G
:
= : e G
i
= ,. Poich : = + , un generatore di G, G
:
+G
i
coincide
con G. Daltra parte G
:
G
i
ha : , = o elementi per cui G
:
G
i
G un isomorfsmo;
G quindi somma interna di G
:
e G
i
. Inoltre, poich G
:
Z],Z e G
i
Z]:Z, abbiamo anche
Z],Z Z]:Z G; lisomorfsmo dato da (m mod ,, n mod :) :m+ ,n mod o.
7eorema .1
Sia G = G
:
+G
i
+ +G
s
somma di suoi sottogruppi. Allora le seguenti propriet sono equivalenti.
r. G
:
+ G
i
+ + G
s
una somma diretta (cio G G
:
G
i
G
s
)
:. se x
:
+ x
i
+ + x
s
= o con ogni x
i
G
i
, allora tutti gli x
i
= o
. se x
:
+ x
i
+ + x
s
= y
:
+ y
i
+ + y
s
con x
i
, y
i
G
i
, allora x
i
= y
i
per ogni i
Dimostrazione.
: : Se x
:
+ x
i
+ + x
s
= o allora (x
:
, x
i
, . . . , x
s
) ker ; perci ci basta notare che, per il
punto :, un isomorfsmo.
: , E sumciente riscrivere lequazione come (x
:
y
:
) + (x
i
y
i
) + + (x
s
y
s
) = o.
, : Dobbiamo mostrare che iniettiva: se abbiamo (x
:
, x
i
, . . . , x
s
) = o allora x
:
+ x
i
+ +
x
s
= o + o + + o e quindi ogni x
i
= o.
5.2 Gruppi abeIiani niti
Consideriamo in questo paragrafo solo gruppi abeliani fniti.
p-SyIow
Ricordiamo che ogni sottogruppo di un gruppo abeliano normale, quindi per ogni primo p che
divide lordine del gruppo c un solo p-Sylow.
Proposizione .z
Un gruppo abeliano fnito somma diretta dei suoi p-Sylow.
oo
5.2 Gruppi abeliani fniti
Dimostrazione. Sia G il gruppo; se p divide lordine di G, indichiamo con G
p
il p-Sylow. Per
defnizione di p-Sylow, lordine di G il prodotto degli ordini dei p-Sylow, cio o(G) = o{

p
G
p
).
Lidea di mostrare che la mappa
p
G
p
G iniettiva e che quindi, per via dellordine,
suriettiva.
Consideriamo il caso in cui o(G) sia divisibile da due soli primi p e q. Supponiamo quindi che
(x
p
, x
q
) ker(), cio che x
p
= x
q
. Lordine di x
p
una potenza di p mentre p non divide o(x
q
);
segue che o(x
p
) = o(x
q
) = :, cio x
p
= x
q
= o e quindi iniettiva.
Lasciamo al lettore il compito di dimostrare, per induzione, il caso generale.
p-componenti Primarie
Per ogni primo p defniamo G|p| = x G p
k
x = o, per qualche k N. Notiamo che per il
primo teorema di Sylow, G|p| = o se e solo se p non divide lordine di G. Inoltre G|p| un
sottogruppo di G; infatti se p
k
x = o e p
l
y = o allora p
k+l
(x y) = o.
Chiamiamo G|p| la p-componente primaria, o p-torsione, di G.
Proposizione .
La p-componente primaria di un gruppo abeliano fnito il suo p-Sylow.
Dimostrazione. Supponiamo che p divida o(G), senn non c niente da dimostrare. Se x G
p
,
lordine di x una potenza di p per cui x G|p|, cio G
p
G|p|. Linclusione inversa mostrata
nellesercizio ,., e quindi i due insiemi coincidono.
CoroIIario .
Un gruppo abeliano fnito somma diretta delle sue p-componenti primarie.
Diciamo che un sottogruppo H di G ha un supplementare se esiste un sottogruppo K di G tale
che G = H K. Lasciamo al lettore il compito di mostrare che
Lemma .
Se H < G ha un supplementare K, allora G]H K.
p-gruppi
Diciamo che G un p-gruppo se lordine di ogni elemento di G una potenza di p. La p-compo-
nente di un gruppo fnito, ad esempio, un p-gruppo. Vogliamo dimostrare che ogni p-gruppo
somma diretta di gruppi ciclici della forma Z]p
k
Z.
Lemma .
Sia G un p-gruppo fnito e g un elemento di ordine massimale, allora g ha un supplementare.
Dimostrazione. Sia H linsieme dei sottogruppi H di G tali che H g = o: H non vuoto
perch contiene o ed fnito perch lo G. Esiste quindi H Hdi ordine massimo; supponiamo
o:
5 Gruppi Abeliani
che H non sia il supplementare di g: per lesercizio ,. questo signifca che H + g G. Sia
x ] H + g un elemento di ordine minimo; allora x o (perch:) ed inoltre px H + g:
infatti, se o(x) = p
k
, allora o(px) = p
k:
(vedi lesercizio :.::); ma lordine di x minimo, per cui
px H + g.
Perci px ha la forma h + ag con h H ed a Z. Abbiamo
o = p
k
x = p
k:
(px) = p
k:
(h + ag) = p
k:
h + p
k:
ag
per cui p
k:
ag Hg e quindi uguale a o. Essendo o(g) o(x) = p
k
, segue che a ha la forma
pb e che p(x bg) = h H mentre x bg ] H (senn avremmo x H + g).
Poich o(H) massimale in H, il sottogruppo H, x bg di G non un elemento di H, cio
H, x bg ha intersezione non banale con g. Sia mg = h

+ n(x bg) o in tale intersezione,


dove m, n Z ed h

H. Segue che nx H + g. Lintero n non divisibile per p: abbiamo visto


che p(x bg) H e quindi, se p dividesse n, allora n(x bg) H; in altre parole, mg H g,
cio mg = o, che impossibile.
Abbiamo ora px, nx H + g con p ed n relativamente primi. Considerando le loro immagini in
G](H + g) otteniamo subito che x H + g (vedi lesercizio :.,), il che contraddice le ipotesi.
Abbiamo cos mostrato che G = H + g una somma diretta.
Possiamo cos scrivere G = g
:
H
:
con o(g
:
) = p
k
:
massimale in G. Daltra parte H
:
< G un
p-gruppo e possiamo riapplicare il lemma ottenendo H
:
= g
i
H
i
con o(g
i
) = p
k
i
massimale
in H, e quindi k
i
k
:
. Poich il gruppo G fnito, il procedimento termina dopo un numero fnito
di passi per darci una decomposizione
G = g
:
g
i
g
s
Z]p
k
:
Z Z]p
k
i
Z Z]p
k
s
Z (,.:)
con o(g
:
) = k
:
o(g
i
) = k
i
. . . o(g
s
) = k
s
.
La decomposizione ,.: non afatto unica: ad esempio il gruppo G presentato da
a, b :a = :b = o, a + b = b + a
pu essere visto come G = ab oppure come G = a +ba b. E invece unica la sequenza
dei k
i
, che per il gruppo G dellesempio (:, :): una dimostrazione, per induzione sullordine di
G, negli esercizi ,.::,.:,.
II teorema di struttura
Sia G un gruppo abeliano fnito. Per il corollario ,., G =
p
G|p| e la decomposizione unica. Per
lequazione (,.:), ciascun G|p| si decompone come
i
Z]p
k
i
Z dove la successione k
:
k
i
. . .
(che dipende da p) unica. Quindi
7eorema ./ (Teorema di struttura dei gruppi abeliani niti)
Un gruppo abeliano fnito G isomorfo ad una somma di gruppi ciclici.
G Z]p
k
i
i
Z
o:
5.2 Gruppi abeliani fniti
dove i primi p
i
dividono lordine di G e sono eventualmente ripetuti. I numeri p
k
i
i
non dipendono
dalla decomposizione e sono detti divisori elementari di G.
sempio
Sia G = Z]::ZZ]:,ZZ]:oZZ],oZ; vogliamo trovare i divisori elementari di G. Incominciamo
col decomporre ciascun componente di G:
Z]:,Z ha ordine :, = , , e quindi il ,-Sylow ha ordine , mentre il ,-Sylow ha ordine ,. Segue
subito che Z]:,Z Z],Z Z],Z.
Z]::Z contiene un elemento di ordine quattro: , mod ::. Quindi il :-Sylow ciclico di
ordine mentre il ,-Sylow ha ordine ,. Perci Z]::Z Z]:
i
Z Z],Z.
Analogamente, Z]:oZ Z]:
i
Z Z],Z.
Infne Z],oZ contiene un elemento di ordine quattro: mod ,o; ed uno di ordine nove:
mod ,o. Abbiamo quindi che Z],oZ Z]:
i
Z Z],
i
Z.
Mettendo tutto insieme otteniamo
G Z]:
i
Z Z]:
i
Z Z]:
i
Z Z],Z Z],Z Z],
i
Z Z],Z Z],Z
I divisori elementari di G sono dunque (:
i
, :
i
, :
i
, ,, ,, ,
i
, ,, ,).
Iattori Invarianti
Vogliamo scrivere G, il gruppo dellesempio precedente, nella forma
Z]d
:
Z Z]d
i
Z Z]d
s
Z
dove ciascun d
i
divide il successivo d
i+:
. Ricordiamo che se m ed n sono due interi relativamente
primi, allora Z]mZZ]nZ isomorfo al gruppo ciclico Z]mnZ. Disponiamo i divisori elementari
di G nella seguente tabella
: :
i
:
i
:
i
, ,
i
, ,
, , ,
d d

d
i
d
:
e poniamo d
:
= :
i
, = ::, d
i
= :
i
, , = oo e d

= :
i
,
i
, = :8o. Lasciamo al lettore il compito di
verifcare che cos facendo otteniamo
G Z]::Z Z]ooZ Z]:8oZ
Chiamiamo ::, oo e :8o i fattori invarianti di G. In generale abbiamo
7eorema .8
Un gruppo abeliano fnito G si scrive in modo unico come
G Z]d
:
Z Z]d
i
Z Z]d
s
Z
dove ciascun d
i
divide il successivo d
i+:
.
o,
5 Gruppi Abeliani
Dimostrazione. I fattori invarianti d
i
si trovano a partire dai divisori elementari nello stesso modo
mostrato nellesempio. Ci rimane da mostrare che se
G Z]d
:
Z Z]d
i
Z Z]d
s
Z Z]d

:
Z Z]d

i
Z Z]d

r
Z
con d
i
che divide d
i+:
e d

i
che divide d

i+:
, allora r = s e d

i
= d
i
. Fissato un primo p, sia k
i
lesponente di p in d
i
cio d
i
= p
k
i
m con p che non divide m. Analogamente per k

i
. Allora,
per gli esercizi ,.:o e ,.::,
G|p| Z]p
k
:
Z Z]p
k
i
Z Z]p
k
s
Z Z]p
k

:
Z Z]p
k

i
Z Z]p
k

r
Z
Ma d
i
divide d
i+:
, quindi k
i
k
i+:
. Per lunicita della decomposizione di un p-gruppo, r = s e
k
i
= k

i
. Ripetendo il ragionamento per tutti i primi che dividono lordine di G, otteniamo che
d
i
= d

i
, per ogni indice i.
Proposizione .p
Il gruppo abeliano fnito G ciclico se e solo se, per ogni primo p che divide il suo ordine, G ha
esattamente un sottogruppo di ordine p.
Dimostrazione. Ricordiamo che un gruppo ciclico di ordine n ha uno ed un solo sottogruppo di
ordine d per ogni intero d che divide n. Quindi, se ciclico, G ha esattamente un sottogruppo di
ordine p.
Supponiamo ora che G abbia un solo sottogruppo di ordine p, per ogni primo p. G|p| non pu
essere somma di pi Z]p
k
Z, poich ciascuno di questi contiene un sottogruppo di ordine p. Per il
corollario ,., G somma diretta di gruppi ciclici di ordine ciascuno relativamente primo allaltro:
G =
p
G|p|.
Dimostriamo per induzione sul numero dei divisori primi di G che G ciclico. Se o(G) ha un solo
fattore primo p, allora G = G|p| che ciclico per quanto appena visto. Fissiamo ora un fattore
primo q di o(G): per lipotesi dinduzione, G
:
=
pq
G|p| ciclico ed ha ordine relativamente
primo con o(G|q|); quindi, per lesercizio :.8, anche G = G
:
G|q| ciclico.
5.3 Gruppi abeIiani nitamente generati
Consideriamo, in questo paragrafo, i gruppi abeliani fnitamente generati, cio gruppi abeliani per
cui esiste un sistema di generatori formato da un numero fnito di elementi. Se G un gruppo
abeliano che ammette un sistema di generatori x
:
, . . . , x
n
allora ogni elemento di G della
forma
:
x
:
+ . . .
n
x
n
con
i
Z.
Il gruppo libero su un generatore X costituito dagli elementi nx, con n Z. Indichiamo tale
gruppo con Zx: esso isomorfo a Z attraverso lapplicazione
Z

Zx
n


nx
o
5.3 Gruppi abeliani fnitamente generati
Se Znx il sottogruppo generato da nx lisomorfsmo precedente induce un isomorfsmo sui
quozienti Z]nZ Zx]Znx.
Indichiamo con Z
n
il gruppo somma diretta Z Z di n copie di Z. Gli elementi
a
:
= (:, o, . . . , o)

a
n
= (o, . . . , o, :)
costituiscono una base di Z
n
su Z nel senso che ogni elemento di Z
n
si scrive in uno ed un sol
modo come
:
a
:
+ . . .
n
a
n
con
i
Z.
Ungruppo commutativo fnitamente generato G si dice liberose G Z
n
per qualche n. Osserviamo
che in tale gruppo lunico elemento di ordine fnito lelemento neutro.
Si pu dimostrare che lintero n univocamente determinato e sara detto rango di G (si noti
lanalogia con la nozione di dimensione di uno spazio vettoriale di dimensione fnita su un campo).
Dato un gruppo commutativo fnitamente generato G, diremo che e
:
, . . . , e
n
una base di G su
Z se ogni elemento di G si scrive in uno ed un sol modo come
:
e
:
+ . . .
n
e
n
con
i
Z. In tal
caso lapplicazione
Z
n
G

i
a
i

i
e
i
un isomorfsmo. Quindi G ammette una base formata da n elementi se e solo se libero di rango
n.
Abbiamo il seguente importante teorema, di cui non diamo la dimostrazione (vedi Samuel):
7eorema .1o
Sia G un gruppo abeliano libero di rango n ed H un suo sottogruppo. Allora H libero di rango
q n. Inoltre esiste una base e
:
, . . . e
n
di G e degli interi non nulli d
:
, . . . , d
q
tali che
d
:
e
:
, . . . , d
q
e
q
una base di H.
Sia ora G un gruppo abeliano fnitamente generato e x
:
, . . . , x
n
un suo sistema di generatori.
Abbiamo allora un omomorfsmo suriettivo
Z
n
G

n
i

i
a
i

n
i

i
x
i
Segue che G isomorfo a Z
n
] ker .
Per il teorema precedente, possiamo trovare una base e
:
, . . . , e
n
di Z
n
e degli interi d
:
, . . . , d
q

tali che ker Zd


:
e
:
Zd
q
e
q
. Il quoziente Z] ker allora isomorfo a T F dove T
Z]d
:
Z Z]d
q
Z fnito, mentre F Z
nq
. In conclusione abbiamo
7eorema .11 (Teorema di struttura dei gruppi abeliani nitamente generati)
Sia G un gruppo abeliano fnitamente generato, allora G isomorfo a T F dove T un gruppo
fnito formato dagli elementi di ordine fnito di G mentre F un gruppo libero di rango fnito.
o,
5 Gruppi Abeliani
Si dira che F la parte libera di G mentre T la parte di torsione. Dato un gruppo abeliano G
fnitamente generato, per capire la sua struttura si dovra perci determinare il rango della parte
libera F e la struttura del gruppo abeliano fnito T come descritta nel paragrafo precedente.
sercizi
Esercizio ,.:. Sia G un gruppo abeliano (con notazione additiva). Si verifchi che n x = nx, con
n Z ed x G, non defnisce unazione di Z su G.
Esercizio ,.:. Sia G = Z]oZ: ogni elemento di G si scrive in modo unico come combinazione
lineare di :. Si mostri che ogni elemento di G si scrive anche in modo unico come combinazione
lineare di : e ,. Si mostri anche che se n : + m , = o allora n : = m , = o.
Esercizio ,.,. Sia G un gruppo fnito e sia x G un elemento di ordine p
k
, con p primo e k intero.
Si mostri che x incluso nel p-Sylow G
p
di G. (SUccivimi1o: si consideri G]G
p
.)
Esercizio ,.. Siano H e K sottogruppi di un gruppo abeliano G. Si mostri che G somma diretta
interna di H e K se e solo se G = H + K ed H K = o.
Esercizio ,.,. Sia G un gruppo abeliano fnito di ordine dispari e sia f unautomorfsmo di G
di ordine due. Si mostri che G = G
:
G
i
dove f (x
:
) = x
:
per ogni x
:
G
:
e f (x
i
) = x
i
per
ogni x
i
G
i
. Sotto quali condizioni G
:
e G
i
non sono banali: (SUccivimi1o: si consideri la f
i
dellesercizio :.:)
Esercizio ,.o. Dati due gruppi H e K, sia HK K la proiezione sul secondo fattore. Si mostri
che induce un isomorfsmo (H K)]H K e se ne deduca il lemma ,.,.
Esercizio ,.,. Sia G un p-gruppo non necessariamente commutativo. Utilizzando lequazione delle
classi, si mostri che Z(G) non banale. Si concluda che un p-gruppo non mai semplice.
Esercizio ,.8. Sia G un gruppo generico, non necessariamente commutativo. Se H < G, diciamo
che H ha un supplementare se esiste K < G tale che H K G. Si mostri che lanalogo del
lemma ,., vale supponendo H normale in G.
Esercizio ,.. Si mostri che solo i sottogruppi banali di Z ammettono un supplementare. (SUcci-
vimi1o: i sottogruppi di Z sono della forma nZ e Z]nZ fnito se n > :.)
Esercizio ,.:o. Si dimostri che se G =
s
i=:
G
i
, allora G|p| =
s
i=:
G
i
|p|, dove p un primo
qualsiasi.
Esercizio ,.::. Sia p un primo ed m un intero non divisibile per p. Posto n = p
k
m, si verifchi che
(Z]nZ)|p| Z]p
k
Z.
Esercizio ,.::. Si mostri che se G = H
:
H
i
H
s
allora nG = nH
:
nH
i
nH
s
, per
qualsiasi intero n.
Esercizio ,.:,. Se G = H
:
H
i
H
s
con H
i
= Z]p
k
i
Z, si verifchi che pG
k
i
>:
Z]p
k
i
:
Z.
(SUccivimi1o: esercizio :.:,)
Esercizio ,.:. Sia G come nellesercizio precedente. Si mostri che o(G) = o(pG) +
k
i
=:
p.
oo
5.3 Gruppi abeliani fnitamente generati
Esercizio ,.:,. Sia G un p-gruppo. Supponiamo che
G = H
:
H
i
H
s
= K
:
K
i
K
r
con H
i
Z]p
k
i
Z, K
i
Z]p
l
i
Z, k
:
k
i
. . . e l
:
l
i
. . . . Si dimostri che s = r e che k
i
= l
i
per
ogni i, supponendo che la stessa proprieta valga per pG.
Esercizio ,.:o. Sia G = Z]oZ Z]:8Z Z]:ooZ. Si calcolino i divisori elementari ed i fattori
invarianti di G.
Esercizio ,.:,. Si dimostri che i soli sottogruppi fniti di C

sono della forma


n
, con n intero non
negativo. (SUccivimi1o: vedi lesercizio :.:o)
Esercizio ,.:8. Quali sono i sottogruppi fniti di R

:
Esercizio ,.:. Sia K un campo e G un sottogruppo fnito di K

. Si dimostri che G ciclico.


(SUccivimi1o: per ogni primo p che divide lordine di G, ogni elemento di ordine p in G uno
zero dellequazione X
p
= :, cio X
p
: = o.)
Esercizio ,.:o. Scriviamo per comodita |x, y| = xyx
:
y
:
. Si verifchino le formule seguenti:
|xy, z| = x|y, z|x
:
|x, z| |x, yz| = |x, y|y|x, z|y
:
|x
:
, y| = x
:
|y, x|x |x, y
:
| = y
:
|y, x|y
Esercizio ,.::. Utilizzando lesercizio precedente, si calcoli (D
in
)

.
o,
5 Gruppi Abeliani
o8
6 SU() ed SO()
6.I SU() ed SO()
Ricordiamo che una matrice : : a coemcienti complessi P appartiene ad SU(:) se PP

= I e
det(P) = :. Se P = {
a b
c d
) e det(P) = :, allora P
:
= {
d b
c a
). Le due condizioni che defniscono
SU(:) sono equivalenti a:
d = a, c =

b, |a|
i
+ |b|
i
= : (o.:)
Se poniamo a = x
:
+ ix
i
e b = x

+ ix
(
, vediamo che SU(:) in corrispondenza biunivoca con la
sfera ,-dimensionale S

in R
(
; in particolare la matrice I corrisponde al punto ^ = (:, o, o, o) e I
corrisponde a S = (:, o, o, o).
CIassi di coniugio
Vogliamo studiare le classi di coniugio in SU(:). Useremo la seguente
Proposizione .1
Una matrice di SU(:) si diagonalizza con una matrice di SU(:).
Dimostrazione. La moltiplicazione per una matrice P di SU(:) defnisce un endomorfsmo nor-
male di C
i
dotato del prodotto scalare standard. Esiste dunque una matrice Q in U(:) che la dia-
gonalizza. Se = det Q, allora || = :. Sia tale che
i
= : la matrice
:
Q appartiene a SU(:) e
diagonalizza P.
Se P = {
a b

b a
) appartiene ad SU(:), il suo polinomio caratteristico x
i
: Re(a)x + : dove
: Re(a) = :x
:
= Tr(A); quindi
CoroIIario .z
Ogni matrice P in SU(:) coniugata ad una matrice diagonale avente sulla diagonale due
numeri complessi non reali coniugati di valore assoluto uno, oppure alla matrice I oppure alla
matrice I.
CoroIIario .
Date due matrici A e B di SU(:) le seguenti aermazioni sono equivalenti.
r. A e B sono coniugate
:. Tr(A) = Tr(B)
o
SU(:) ed SO(,)
. A e B hanno lo stesso polinomio caratteristico
Dimostrazione. Vista la forma del polinomio caratteristico, chiaro che le ultime due afermazioni
sono equivalenti. Se A coniugata, e quindi simile, a B, allora Tr(A) = Tr(B); viceversa, se le due
tracce sono uguali, le due matrici hanno lo stesso polinomio caratteristico e quindi sono simili
alla stessa matrice diagonale.
Dato che Tr(A) = : Re(a) = :x
:
, dove : x
:
:, vediamo che per ogni c |:, :| linsieme
delle matrici di SU(:) che corrispondono ai punti (x
:
, x
i
, x

, x
(
) aventi x
:
= c, forma una classe
di coniugio. Le classi di coniugio corrispondono quindi ai paralleli di S

di equazione x
:
= c;
fssato c, sono i punti di R

tali che x
i
i
+ x
i

+ x
i
(
= : c
i
. In particolare vediamo che la classe
ridotta ad un solo elemento esattamente quando c = :: per tali valori abbiamo i punti ^ ed S di
S

che corrispondono alle matrici I e I. Per losservazione ,. queste sono dunque le matrici che
appartengono al centro di SU(:). Si noti che esse sono le sole matrici scalari appartenenti a SU(:).
In altre parole
Z{SU(:)) = I = SU(:) Z{GL
i
(C))
come avevamo gia visto precedentemente nel paragrafo :.o.
Sottogruppi normaIi
Unimportante proprieta di SU(:) la seguente, che per non siamo al momento in grado di
dimostrare, poich ci servono alcune proprieta dei gruppi topologici
Proposizione .
Lunico sottogruppo normale non banale di SU(:) I.
Ricordiamo che una matrice ,, a coemcienti reali Aappartiene ad SO(,) se A
t
A = I e det(A) = :.
Per studiare SO(,) ricordiamo i seguenti fatti che abbiamo dimostrato nel paragrafo :.o.
Proposizione .
Una matrice A di SO(,) ammette sempre : come autovalore.
Proposizione .
Una matrice A di SO(,) rappresenta una rotazione di R

intorno ad un asse.
6.2 Omomorsmo da SU() a SO()
Abbiamo visto che le classi di coniugio in SU(:) sono determinate dalla traccia. Sia C la classe
di coniugio delle matrici con traccia zero. Se A una matrice di SU(:) corrispondente al punto
(x
:
, x
i
, x

, x
(
) di S

, allora Tr(A) = o se e solo se x


:
= o. La classe C allora formata da matrici
complesse :: anti-hermitiane con traccia zero. Queste ultime formano uno spazio vettoriale reale
,o
.2 Omomorfsmo da SU(:) a SO(,)
V di dimensione tre in cui una base costituita dalle matrici A
i
= {
i o
o i
) , A

= (
o :
: o
) , A
(
=
{
o i
i o
). Siano (y
i
, y

, y
(
) le coordinate rispetto a tale base. Per (o.:), una matrice A = y
i
A
i
+y

+
y
(
A
(
appartiene ad SU(:) se e solo se y
i
i
+ y
i

+ y
i
(
= :. Quindi la classe C in V data dallinsieme
di equazione y
i
i
+ y
i

+ y
i
(
= :, cio S
i
R

.
SU(:) agisce per coniugio su V: otteniamo dunque un omomorfsmo di SU(:) in GL

(R) in
quanto in V stata fssata una base. In questazione C viene mandata in se stessa: infatti nellazione
di coniugio allinterno del gruppo SU(:), la classe C un orbita (e lazione di SU(:) su C
transitiva). Questo signifca che Im() fssa S
i
e quindi che Im() O(,).
Per dimostrare che Im() SO(,) sfruttiamo il fatto che continua, come si vede scrivendo
esplicitamente lapplicazione . Usiamo quindi un argomento topologico (vedi il paragrafo :.,):
dato che SU(:) connesso, la sua immagine deve essere contenuta in una componente connessa
di O(,). Sappiamo che tale immagine contiene la matrice identita di O(,) in quanto immagine
della matrice identita di SU(:), quindi Im() contenuta nella componente connessa SO(,).
Per calcolare il nucleo di dobbiamo trovare le matrici P SU(:) tali che PAP
:
= A per ogni A
anti-hermitiana con traccia zero. Basta verifcare tale condizione sugli elementi di una base di V,
per esempio la base A
i
, A

, A
(
di cui sopra. Otteniamo cos che ker() = I.
Dimostriamo ora che suriettiva. Verifchiamo prima di tutto che Im() contiene tutte le
rotazioni intorno al punto X = (:, o, o). Se P la matrice diagonale avente sulla diagonale e
i
ed
e
i
, allora (P) la rotazione di : nel piano con coordinate (y

, y
(
) perpendicolare al punto
(:, o, o) la verifca lasciata al lettore. Ricordiamo poi che il punto X corrisponde alla matrice
A
i
. Data una matrice A C, esiste una matrice Q SU(:) tale che A = QA
i
Q
:
. Quindi se
Y = (y
i
, y

, y
(
) il punto corrispondente alla matrice A, allora (Q)(X) = Y. Inoltre, se H
rappresenta una rotazione intorno ad X, allora (Q)H(Q)
:
una rotazione intorno ad Y.
Sappiamo che H = (P) per qualche P per quanto visto. Segue che (Q)H(Q)
:
= (QPQ
:
)
una rotazione intorno ad Y. Al variare di P in SU(:), e quindi di H, otteniamo tutte le rotazioni
intorno ad Y, vettore generico di norma unitaria in V. Dato che ogni elemento di SO(,) una
rotazione intorno ad un asse, cio intorno ad un vettore unitario che lo individua, suriettiva.
In conclusione
7eorema ./
SO(,) isomorfo a SU(:)]I.
sercizi
Esercizio o.:. Si determinino tutte le classi di coniugio di O(:).
,:
SU(:) ed SO(,)
,:
I Rappresentazioni
Abbiamo visto nel capitolo precedente che ogni gruppo fnito isomorfo ad un sottogruppo di un
gruppo di matrici. Vogliamo esplicitarne la costruzione.
Sia G un gruppo e sia V uno spazio vettoriale su un campo K dotato di una base B = v
g

gG
indi-
cizzata dagli elementi di G; in particolare, se G ha ordine fnito n, allora V uno spazio vettoriale
di dimensione n. Fissato un elemento g
o
G, la mappa v
g
v
g
o
g
defnisce un endomorfsmo di
V. Possiamo cos costruire unapplicazione
G

GL(V)
g
o


(v
g
v
g
o
g
)
(,.:)
E immediato verifcare che un omomorfsmo di gruppi, e che quindi defnisce unazione di G
sullo spazio vettoriale V. Chiamiamo la mappa (,.:) la rappresentazione regolare di G. Scriviamo
anche
g
per indicare la trasformazione lineare (g) e gv per
g
(v).
sempio
Sia C

= x x

= : il gruppo ciclico di ordine tre. Sia V = C

con base B = v
:
, v
x
, v
x
i . La
rappresentazione regolare di C

:
(a
:
v
:
+ a
x
v
x
+ a
x
i v
x
i ) = a
:
v
:
+ a
x
v
x
+ a
x
i v
x
i

x
(a
:
v
:
+ a
x
v
x
+ a
x
i v
x
i ) = a
x
v
:
+ a
x
i v
x
+ a
:
v
x
i

x
i (a
:
v
:
+ a
x
v
x
+ a
x
i v
x
i ) = a
x
i v
:
+ a
:
v
x
+ a
x
v
x
i
Sia R
g
= M
B
B
(
g
) la matrice associata a
g
rispetto alla base B. Allora
R
:
=

: o o
o : o
o o :

, R
x
=

o o :
: o o
o : o

, R
x
i =

o : o
o o :
: o o

Poich le tre matrici sono unitarie, sono diagonalizzabili. Lasciamo al lettore la verifca che
w
:
=

,
,
(v
:
+ v
x
+ v
x
i ), w
i
=

,
,
(
i
v
:
+ v
x
+ v
x
i ), w

=

,
,
(v
:
+
i
v
x
+ v
x
i )
,,
7 Rappresentazioni
una base ortonormale di autovettori simultanea per
:
,
x
e
x
i , dove = e
ii
una radice
cubica dellunita. Posto B

= w
:
, w
i
, w

e R

g
= M
B

B
(
g
) abbiamo
R

:
=

: o o
o : o
o o :

, R

x
=

: o o
o o
o o
i

, R

x
i =

: o o
o
i
o
o o

I.I Rappresentazione di un gruppo


Defnizione. Una rappresentazione di un gruppo G un omomorfsmo
G GL(V)
dove V uno spazio vettoriale su un campo K. Scriveremo spesso
g
per (g). La dimensione di
dim(V); in particolare diciamo che una rappresentazione fnita se la sua dimensione
fnita.
Una rappresentazione V G defnisce unazione di G su V tramite
g v =
g
(v), g G, v V
Sia V uno spazio vettoriale su K di dimensione fnita n, e sia G GL(V) una rappresentazione
su V. Allora, fssata una base B di V possiamo defnire una rappresentazione matriciale:
R G

GL
n
(K)
g


M
B
B

g
La rappresentazione dipende dalla scelta della base: sia R

la rappresentazione associata alla base


B

di V; se P = M
B

B
la matrice di cambio di base da B

a B, allora, per ogni g G,


R

g
= PR
g
P
:
Diciamo che R ed R

sono rappresentazioni coniugate.


Viceversa, una rappresentazione matriciale R G GL
n
(K) defnisce una rappresentazione
G GL(K
n
) tramite
g
(e
j
) =
n

i=:
R
g
(i, j)e
i
dove E = e
:
, . . . , e
n
la base standard di K
n
ed R
g
(i, j) lelemento di posto (i, j) della matrice
R
g
. E immediato verifcare che R la rappresentazione matriciale associata a rispetto alla base E.
Defnizione. Date due rappresentazioni G GL(V) e

G V

, diciamo che una mappa


lineare V V

G-invariante se
g G, v V, g(v) = (gv)
O, equivalentemente, se

g
=
g
per ogni g G. Diciamo che le due rappresentazioni sono
isomorfe se esiste un isomorfsmo G-invariante da V in V

.
,
7. Rappresentazione di un gruppo
Siano G GL(V) e

G GL(V

) due rappresentazioni isomorfe tramite V GL(V

).
Fissiamo una base B di V ed una B

di V

. Siano R ed R

le rappresentazioni matriciali associate,


rispettivamente, a rispetto alla base B e a

rispetto alla base B

; poniamo infne P = M
B

B
.
Allora
g G, R

g
= PR
g
P
:
In altri termini, le rappresentazioni matriciali associate a rappresentazioni isomorfe sono coniugate.
In particolare, se prendiamo B

= (B), abbiamo R

g
= R
g
per ogni g G.
Lasciamo al lettore la verifca che le rappresentazioni defnite da due rappresentazioni matriciali
coniugate sono isomorfe.
sempi
1. Dato un gruppo qualsiasi G, la sua rappresentazione regolare una rappresentazione di
dimensione o(G).
i. Se G un gruppo di matrici, cio un sottogruppo di GL
n
(K) con K = R o C, allora
linclusione in GL
n
(K) una rappresentazione di dimensione n, detta rappresentazione
standard.
. Dati G e V qualsiasi, la mappa G GL(V) che associa ad ogni g G lidentita di GL(V)
una rappresentazione, detta rappresentazione banale.
. Sia n un intero e sia v
:
, . . . , v
n
una base di uno spazio vettoriale V di dimensione n. Una
rappresentazione di dimensione n del gruppo simmetrico allora
S
n

GL(V)
g


(v
n
v
gn
)
,. Data, in generale, unazione di un gruppo G su un insieme X, possiamo defnire una
rappresentazione di G nel modo seguente: sia V
X
uno spazio vettoriale complesso dotato di
una base v
x

xX
; fssato un elemento g G, la mappa v
x
v
gx
defnisce un endomorfsmo
di V
X
. Possiamo cos costruire unapplicazione
G

GL(V
X
)
g


(v
x
v
gx
)
Chiamiamo la rappresentazione associata allazione di G su X. La rappresentazione rego-
lare e la rappresentazione precedente sono esempi di rappresentazioni associate allazione,
rispettivamente, di un gruppo su se stesso per moltiplicazione sinistra, e di S
n
sullinsieme
:, . . . , n.
o. Una rappresentazione di dimensione due di D
in
= ,
n
=
i
= :, =
:
, il gruppo
diedrale di ordine :n, data da
r D
in

GL
i
(C)



{
cos
n
sen
n
sen
n
cos
n
) dove
n
=
i
n



(
: o
o :
)
,,
7 Rappresentazioni
La rappresentazione r

ottenuta come sopra ma ponendo


n
= :]n isomorfa ad r.
,. Identifchiamo D
(
con un sottogruppo di S
(
come nella proposizione .:8, cio = (::,) e
= (:), e consideriamone lazione sui vertici S
:
, S
i
, S

, S
(
e sui lati L
:i
, L
i
, L
(
, L
(:

di un quadrato. Otteniamo cos due rappresentazioni di dimensione quattro:


r
V
D
(

GL
(
(C) r
L
D
(

GL
(
(C)



_
o o o :
: o o o
o : o o
o o : o
_



_
o o o :
: o o o
o : o o
o o : o
_



_
: o o o
o o o :
o o : o
o : o o
_


_
o o o :
o o : o
o : o o
: o o o
_
8. Sia C
n
= x x
n
= : il gruppo ciclico di ordine n. Sia = e
iin
una radice primitiva
n-esima dellunita. Allora per ogni classe di resto a Z]nZ abbiamo una rappresentazione
di dimensione uno

a
C
n

C

x
i



ai
dove abbiamo identifcato GL(C) con C

nel modo ovvio. Queste rappresentazioni non sono


isomorfe fra loro perch, ad esempio, GL
:
(C) = C

commutativo e quindi rappresentazioni


coniugate sono uguali.
. Una rappresentazione di dimensione uno del gruppo additivo C data da z e
z
. In
generale, dato un qualsiasi numero complesso w C, abbiamo una rappresentazione
w
di
dimensione uno data da z e
zw
.
1o. Lomomorfsmo SU(:) SO(,) defnito nel paragrafo o.: defnisce una rappresentazione
di dimensione tre del gruppo SU(:).
11. Sia X un insieme su cui agisce un gruppo G; possiamo allora costruire una rappresentazione
di G sullo spazio vettoriale F(X) di tutte le funzioni da X in C nel modo seguente:
G

GL{F(X))
g


{f f
:
g
)
dove G T(X) lomomorfsmo che esprime lazione di G, cio gx =
g
(x). Mostriamo
che una rappresentazione, cio che un omomorfsmo di gruppi: se g, h G abbiamo
(gh) = {f f
:
gh
) = {f f (
:
h

:
g
)) = {f f
:
h

:
g
)
mentre
(g)(h) = {f f
:
g
) (f f
:
h
) = {f f
:
h

:
g
)
analogamente si dimostra che
g
: =
:
g
.
,o
7.2 Rappresentazioni irriducibili
Rappresentazioni di SU(:)
Sfruttando lesempio ::, possiamo costruire delle rappresentazioni dei gruppi di matrici sui poli-
nomi. Notiamo, per prima cosa, che lo spazio vettoriale C
d
|X| dei polinomi complessi di grado
d in una variabile isomorfo allo spazio V
d
dei polinomi complessi omogenei in due variabili
dello stesso grado: associamo a X
i
il monomio omogeneo X
i
Y
di
. Vediamo poi un polinomio
P(X, Y) V
d
come una mappa C
i
C: immediato verifcare che, se g GL
i
(C), allora anche
P g V
d
. Abbiamo cos unazione di GL
i
(C) su V
d
defnita da g P = P g
:
.
Restringiamo ora il nostro interesse alle rappresentazioni di SU(:). Ricordiamo che una matrice
g SU(:) ha la forma
g = _
a b

b a
_, con |a|
i
+ |b|
i
= :
quindi, se P V
d
e notando che g
:
=
t
g,
(g P)(X, Y) = P( aX bY,

bX + aY) (,.:)
Se d = :, una base di V
:
X, Y. Dalla (,.:) ricaviamo
g X = aX bY, g Y =

bX + aY, dove g = _
a b

b a
_
Quindi la matrice che rappresenta lazione di g {
a

b
b a
) = g.
Se d = :, una base di V
i
X
i
, XY, Y
i
. Poich, con g come sopra,
g X
i
= ( aX bY)
i
= a
i
X
i
: abXY + b
i
Y
i
g XY = ( aX bY)(

bX + aY) = abX
i
+ (a a b

b)XY abY
i
g Y
i
= (

bX + aY)
i
=

b
i
X
i
+ a

bXY + a
i
Y
i
quindi la matrice che rappresenta lazione di g

a
i
ab

b
i
: ab a a b

b :a

b
b
i
ab a
i

I.2 Spazi G-invarianti e rappresentazioni irriducibiIi


Defnizione. Sia data una rappresentazione G GL(V) di un gruppo G. Diciamo che il
sottospazio V di V G-invariante se G V V, cio gw V per ogni scelta di g G e w V.
Notiamo che se V G-invariante, allora induce una rappresentazione |
W
G GL(V) tramite
g
g
|
W
.
Defnizione. Una rappresentazione G GL(V) detta irriducibile se V non ha sottospazi
propri G-invarianti. La rappresentazione detta riducibile se non irriducibile.
,,
7 Rappresentazioni
sempi
1. Se G ha almeno due elementi, allora la sua rappresentazione regolare riducibile. Infatti il
vettore
gG
v
g
lasciato fsso dallazione di G:
g
o

gG
v
g
=
gG
v
g
o
g
=
gG
v
g
Quindi la retta L(v) generata da v un sottospazio proprio G-invariante.
i. Analogamente, se n > : la rappresentazione di dimensione n di S
n
vista sopra riducibile
perch fssa
n
i=:
v
n
.
. Se una rappresentazione di dimensione uno, essa necessariamente irriducibile.
. La rappresentazione r D
in
GL
i
(C) del gruppo diedrale irriducibile. Infatti (
a
b
) =
(
a
b
); quindi le uniche rette di C
i
fssate da sono gli assi cartesiani, che per non sono
fssati da .
Somma diretta di rappresentazioni
Siano
:
G GL(V
:
) e
i
G GL(V
i
) due rappresentazioni. Possiamo identifcare in modo
ovvio GL(V
:
) GL(V
i
) con un sottogruppo di GL(V
:
V
i
); in questo modo possiamo defnire
una rappresentazione
:

i
G V
:
V
i
come (
:

i
)(g) =
:
(g)
i
(g).
Viceversa, supponiamo che G GL(V) sia una rappresentazione riducibile e che V sia somma
diretta di sottospazi G-invarianti: V = V
:
V
i
. Posto
i
= |
W
avremo allora =
:

i
.
Diciamo che somma diretta delle rappresentazioni
:
e
i
.
Fissiamo, per i = :, :, una base B
i
di V
i
e consideriamo la rappresentazione matriciale R
i
associata
a
i
rispetto alla base B
i
. Sia R la rappresentazione matriciale associata a rispetto alla base B
:
B
i
.
Allora
R
g
=

R
:
(g) O
O R
i
(g)

(,.,)
Data una rappresentazione riducibile non chiaro come ottenere una decomposizione in sot-
tospazi G-invarianti. Supponiamo che la sia di dimensione fnita e su uno spazio hermitiano;
diciamo che essa unitaria se
g
un endomorfsmo unitario per ogni g. Abbiamo allora la
seguente
Lemma /.1
Sia G GL(V) una rappresentazione su uno spazio hermitiano V. Se unitaria e V un
sottospazio G-invariante, allora anche V

lo .
Dimostrazione. Sia v V

, cio v V. Per lunitarieta di abbiamo gv gV = V quindi


gv V

per ogni g G. Segue che V

G-invariante.
Proposizione /.z
Sia G GL(V) una rappresentazione di dimensione fnita su uno spazio hermitiano. Se
unitaria allora somma diretta di rappresentazioni irriducibili.
,8
7.2 Rappresentazioni irriducibili
Dimostrazione. Dimostriamo la tesi per induzione su dim(V): se dim(V) = : la rappresentazione
chiaramente irriducibile.
Supponiamo allora che sia riducibile di dimensione n. Se V un sottospazio proprio G-inva-
riante, allora per il lemma anche V

lo . Essendo V di dimensione fnita, V = V V

quindi
= |
W
|
W
Per ipotesi dinduzione, le rappresentazioni |
W
e |
W
sono somma diretta di
rappresentazioni irriducibili, quindi anche lo ; il che dimostra la tesi.
Proposizione /.
Sia G V unitaria. Allora il sottospazio V di V G-invariante se e solo se la proiezione
=
W
di V su V commuta con ogni endomorfsmo
g
.
Dimostrazione. Sia v V fssato, e scriviamo v = v
:
+ v
i
con v
:
V e v
i
V

.
Se V G-invariante, allora lo anche V

per il lemma ,.:. Perci, per ogni g G,

g
v =
g
v
:
+
g
v
i
V V

Quindi

g
v =
g
v
:
=
g
v
cio commuta con ogni
g
. Se, invece, vale questultima proprieta, allora

g
V =
g
V =
g
V = V = V
cio V G-invariante.
sempio
Sia C

= x x

= : il gruppo ciclico di ordine tre e


reg
la rappresentazione regolare di C

.
Sia w
:
, w
i
, w

la base ortonormale di autovettori contemporanei per (:), (x), (x


i
) defnita
nellesempio di pagina ,, e sia L
i
= L(w
i
) la retta generata da w
i
con i = :, :, ,. Allora

reg
=
reg
|
L
:

reg
|
L
i

reg
|
L

dove
reg
|
L
i
C

L
i
, per ogni i = :, :, ,, una rappresentazione irriducibile di dimensione uno di
C

. Daltra parte conosciamo gia tre rappresentazioni irriducibili di dimensione uno, non isomorfe
fra loro:

:
C
n

C

x
i


:

i
C
n

C

x
i



i

i
C
n

C

x
i



ii
dove = e
ii
. Se
i
C L
i
lisomorfsmo defnito da
i
(:) = w
i
, non dimcile verifcare che

reg
|
L
i
=
i

i
. In altre parole

reg

:

i

,
7 Rappresentazioni
Rappresentazioni di gruppi niti
Supponiamo ora che, data una rappresentazione G GL(V), il gruppo G sia fnito e che V sia
uno spazio vettoriale hermitiano di dimensione fnita su C.
Nel paragrafo precedente abbiamo mostrato che, se la rappresentazione unitaria, allora si de-
compone in rappresentazioni irriducibili. La condizione che sia unitaria non strettamente
necessaria: infatti possibile scegliere una metrica per V che renda tale la rappresentazione.
Proposizione /.
Sia G GL(V) una rappresentazione su uno spazio vettoriale dotato di una forma hermitia-
na , . Allora esiste una forma hermitiana , defnita positiva su V rispetto alla quale
unitaria, cio
g G, v, w V, gv, gw = v, w
Dimostrazione. Lidea di mediare la forma , rispetto agli elementi di G. Sia
v, w =
:
o(G)

gG
gv, gw
E immediato verifcare che, per ogni v, w V e
:
,
i
C,
v, w = w, v,
:
v
:
+
i
v
i
, w =
:
v
:
, w +
i
v
i
, w
cio che , una forma hermitiana.
Poich , defnita positiva, abbiamo che
gG
gv, gv o per ogni v e che la somma zero
se e soltanto se gv = o per ogni g; Ma per ogni g la mappa
g
un isomorfsmo, per cui gv = o se
e soltanto se v = o: questo mostra che , defnita positiva.
Infne, dato un elemento qualsiasi g
o
di G abbiamo
g
o
v, g
o
w =
:
o(G)

gG
g
o
gv, g
o
gw =
:
o(G)

gG
gv, gw
Perci unitaria rispetto a , .
CoroIIario /.
Sia G GL(V) una rappresentazione di un gruppo fnito su uno spazio vettoriale complesso
di dimensione fnita. Allora ogni endomorfsmo
g
diagonalizzabile.
Dimostrazione. Fissata una base di V otteniamo un isomorfsmo fra V e C
d
dove d = dimV; tra-
mite questo isomorfsmo possiamo dotare V di un prodotto hermitiano. Per la proposizione possia-
mo sempre supporre che sia unitaria. Ci basta ricordare, a questo punto, che ogni endomorfsmo
unitario diagonalizzabile.
8o
7.2 Rappresentazioni irriducibili
Osservazione ,.o. Non sara in generale possibile richiedere che gli endomorfsmi
g
siano simulta-
neamente diagonalizzabili: infatti se cos fosse, poich le matrici diagonali commutano fra di loro,
avremo che ghv = hgv per ogni g, h G e per ogni v V. Cio lazione di G sarebbe commutati-
va: questo impossibile se, ad esempio, la rappresentazione regolare. Vedi anche gli esercizi ,.,
e ,.8.
7eorema /./ (Teorema di Maschke)
Sia G GL(V) una rappresentazione di un gruppo fnito su uno spazio vettoriale complesso
di dimensione fnita, allora si decompone in somma diretta di rappresentazioni irriducibili.
Dimostrazione. Ragionando come sopra possiamo supporre che sia unitaria. La tesi segue allora
dalla proposizione ,.:.
Lemma di Schur
Siano G GL(V) e e

G GL(V

) due rappresentazioni e sia V V

una mappa G-
invariante, cio g(v) = (gv) per ogni g G e per ogni v V. Vogliamo mostrare che allora
una mappa molto particolare
Lemma /.8
Siano ,

e come sopra, allora ker e Im sono sottospazi G-invarianti di, rispettivamente,


V e V

.
Dimostrazione. Supponiamo v ker , cio (v) = o. Allora, per ogni g G,
(gv) = g(v) = go = o
perci gv ker , quindi ker G-invariante.
Supponiamo ora che v

= (v) Im, allora gv

= (gv) Im, perci anche Im G-


invariante.
7eorema /.p (Lemma di Schur)
r. Siano G GL(V) e e

G GL(V

) due rappresentazioni irriducibili di un gruppo


qualsiasi G, e sia V V

una mappa G-invariante non nulla. Allora un isomorfsmo.


:. Sia G V una rappresentazione unitaria in uno spazio hermitiano di dimensione fnita.
Allora irriducibile se e solo se End(V) G-invariante = omotetie di V.
Dimostrazione. Se uno dei due spazi hanno dimensione nulla non c nulla da dimostrare: sup-
poniamo quindi che dimV, dimV

> o e consideriamo ker : un sottospazio G-invariante di


V, quindi per lirriducibilita di o oppure V; poich nel secondo caso avremmo che la
mappa nulla, otteniamo che iniettiva.
8:
7 Rappresentazioni
Consideriamo ora Im: per lo stesso motivo o oppure V

; ma nel primo caso sarebbe la


mappa nulla, quindi Im = V

, cio suriettiva. Segue che un isomorfsmo. Questo dimostra


la prima parte.
Supponiamo ora che V sia hermitiano di dimensione fnita. Se = : un omotetia, allora
commuta con ogni
g
, cio G-invariante. Daltra parte, se un endomorfsmo qualsiasi,
ammette almeno un autovalore ; consideriamo allora ker(:): per il lemma ,.8 G-invariante,
mentre per defnizione ha dimensione almeno uno, quindi, se irriducibile, ker( :) = V. In
altre parole = : unomotetia.
Supponiamo infne che ogni endomorfsmo G-invariante sia unomotetia e sia V un sottospazio
G-invariante di V. Essendo unitaria, segue dalla proposizione ,., che la proiezione di V su V
G-invariante e quindi unomotetia :. E immediato verifcare che le uniche possibilita sono = o
oppure = :: nel primo caso V = V mentre nel secondo V = o. Perci irriducibile.
Il lemma di Schur ci permette di classifcare le possibili mappe lineari fra due spazi vettoriali su
cui agisce un dato gruppo, la restrizione che la mappa sia G-invariante non molto forte, come
dimostra la seguente
Proposizione /.1o
Date due rappresentazioni G GL(V),

G V

di un gruppo fnito G, e una mappa


lineare V V

allora la mappa lineare


V

V

v


:
o(G)

gG
g(g
:
v)
cio =
:
o(G)

gG

g

:
g
G-invariante. Se =

allora Tr = Tr .
Dimostrazione. La mappa lineare perch combinazione lineare delle mappe lineari

g

:
g
.
Se g
o
G, allora
g
:
o
(g
o
v) =
:
o(G)

gG
g
:
o
g(g
:
g
o
v) =
:
o(G)

gG
(g
:
o
g){(g
:
o
g)
:
v) = (v)
cio (g
o
v) = g
o
(v), per cui G-invariante.
Supponiamo ora che le due rappresentazioni coincidano. Poich la traccia invariante per coniugio,

g

:
g
ha la stessa traccia di . Quindi
Tr =
:
o(G)

gG
Tr {

g

:
g
) =
:
o(G)

gG
Tr = Tr
Per il lemma di Schur, se gli spazi V e V

non sono isomorf, allora la mappa necessariamente


nulla. Daltra parte, se V = V

e un endomorfsmo con traccia non nulla, allora non nulla


e quindi necessariamente unomotetia. Lasciamo al lettore la dimostrazione che, in tal caso,
la moltiplicazione per Tr ] dimV.
8:
7.3 Caratteri di gruppi fniti
I.3 Caratteri di gruppi niti
Defnizione. Il carattere di una rappresentazione di dimensione fnita G GL(V)
G

C
g


Tr
g
La dimensione di la dimensione di , cio quella di V come spazio vettoriale. Un carattere
irriducibile il carattere di una rappresentazione irriducibile.
Ricordiamo che la traccia di una matrice invariante per coniugio e che quindi ben defnita la
traccia di un endomorfsmo. Per lo stesso motivo un carattere costante sulle classi di coniugio:
(hgh
:
) = (g) per ogni g, h G.
Se un carattere di dimensione maggiore di uno, non sara in generale un omomorfsmo di
gruppi perch non lo Tr GL(V) C. Se per dimV = :, la traccia coincide con lisomorfsmo
canonico GL(V)

C

(ogni endomorfsmo unomotetia) dato dal determinante, quindi il


carattere coincide con la rappresentazione matriciale ed , in particolare, un omomorfsmo di
gruppi.
Le proprieta fondamentali dei caratteri sono le seguenti
Proposizione /.11
Siano e

caratteri di due rappresentazioni e

di G. Allora.
a) Se isomorfa a

, allora =

b) (:) = dim()
c) (g
:
) = (g), per ogni g G
d) il carattere di

.
Dimostrazione. Siano R ed R

le rappresentazioni matriciali associate a e

rispetto a delle basi


fssate qualsiasi.
Se e

sono isomorfe, allora esiste una matrice M GL


n
(C
n
), con n = dimV = dim , tale che
R = MR

M
:
, quindi Tr R = Tr R

, il che dimostra la (a).


La proprieta (b) segue dal fatto che (:) = Tr R
:
= Tr I
n
= n.
Supponiamo fssato g G. Per il corollario ,.,, la matrice R
g
diagonalizzabile; supponiamo
quindi che R
g
sia la matrice diagonale data da (
:
, . . . ,
n
). Allora R(g
:
) = R(g)
:
la matrice
diagonale data da (
:
:
, . . . ,
:
n
). Per lesercizio ,., |
i
| = : per ogni i = :, . . . , n; quindi
:
i
=
i
,
da cui segue la proprieta (c).
La proprieta (d) segue subito dalla (,.,).
sempi
1. Sia
reg
G GL

(C) la rappresentazione regolare di G = x x

= :, il gruppo ciclico di
ordine tre. Allora

reg
(:) = ,,
reg
(x) = o,
reg
(x
i
) = o
8,
7 Rappresentazioni
Se
:
,
i
,

sono le tre rappresentazioni irriducibili di G viste nellesempio di pagina , e


se
:
,
i
,

sono i rispettivi carattere, la lora tabella :


: x x
i

:
: : :

i
:
i

:
i

(,.)
Possiamo cos verifcare direttamente che
reg
=
:
+
i
+

(ricordiamo che una radice


di X

: = (X :)(X
i
+ X + :).
i. Sia r S

= D
6
GL
i
(C) la rappresentazione dellesempio o di pagina ,,. Abbiamo visto
nellesempio , di pagina : che le classi di coniugio di S

sono tre: :, ,
i
e , ,
i
.
Quindi la tabella del carattere di r :
:
: : o
dove nelle ordinate abbiamo scritto un rappresentante per ogni classe di coniugio. Per
denotare la cardinalita di ogni classe di coniugio scriveremo anche
: : ,
: : o
(,.,)
Rappresentazioni associate ad azione di gruppo
Proposizione /.1z
Sia la rappresentazione associata allazione di un gruppo fnito G su un insieme fnito X, e sia
il carattere di , allora (g) il numero di elementi di X fssati da g.
Dimostrazione. Infatti, se R(g) = ((R
g
)
xy
) la matrice di (g) rispetto alla base v
x

xX
di
V
X
, abbiamo
(R
g
)
xy
=

: se gx = y
o senn
Quindi
(g) = Tr R
g
=
xX
(R
g
)
xy
= x G gx = x
sempi
1. Sia
reg
il carattere della rappresentazione regolare di un gruppo fnito G, allora

reg
(g) =

o(G) se g = :
o senn
8
7.3 Caratteri di gruppi fniti
i. Siano r
V
ed r
L
le rappresentazioni associate allazione di D
(
sui vertici e sui lati del quadrato
(vedi lesempio , a pagina ,o); le classi di coniugio di D
(
sono
:, ,

,
i
, ,
i
, ,

(vedi anche lesercizio .:8). Quindi la tabella dei caratteri


V
e
L

: :
i
: :

V
o o : o

L
o o o :
Questo mostra che le due rappresentazioni non sono isomorfe.
OrtogonaIita
Chiamiamo L
i
(G) lo spazio vettoriale hermitiano che si ottiene dotando lo spazio F(G) delle
funzioni di G in C del prodotto hermitiano
, =
:
o(G)

gG
(g)(g) (,.o)
Notiamo che la dimensione di L
i
(G) o(G): infatti se f
g
G C la funzione che manda g in : e
tutti gli altri elementi in o, allora f
g

gG
una base di L
i
(G).
I caratteri di G sono elementi di L
i
(G). Vogliamo mostrare che il prodotto hermitiano permette
di identifcare quelli irriducibili.
7eorema /.1 (di ortogonalit dei caratteri irriducibili)
I caratteri irriducibili di un gruppo fnito G sono ortonormali in L
i
(G), cio , = : e
,

= o se

sono caratteri irriducibili.


Dimostrazione. Per la proposizione ,.::, possiamo riscrivere la (,.o) come
,

=
:
o(G)

gG
(g)

(g
:
) (,.,)
Supponiamo che dim = :: il carattere un omomorfsmo di gruppo; segue cos dalla (,.,) che
, = :. Se invece e

sono due caratteri distinti di dimensione uno, sia lendomorfsmo di


C defnito da
=
:
o(G)

gG

g
(

g
)
:
dove e

sono le rappresentazioni associate ai caratteri Per la proposizione ,.:o, lendomorfsmo


G-invariante; ma le rappresentazioni e

non sono isomorfe, quindi, per il lemma di Schur,


lendomorfsmo nullo. Ricordando che in dimensione uno il carattere corrisponde alla
rappresentazione matriciale, segue che ,

= o.
Supponiamo ora che le dimensioni siano qualunque.
8,
7 Rappresentazioni
Lemma /.1
Siano e

due rappresentazioni irriducibili di G in, rispettivamente, V e V

. Fissate delle basi


qualsiasi per i due spazi vettoriali, siano R e R

le rispettive rappresentazioni matriciali. Allora,


per ogni scelta degli indici i, j, k, l .
se V = V

e =

, abbiamo.
:
o(G)

gG
(R
g
)
i j
(R
g
: )
kl
=

il

jk
dimV
se e

non sono isomorfe, abbiamo.


gG
(R
g
)
i j
(R

g
: )
kl
= o
Dimostrazione. Sia V V

una mappa lineare con matrice associata M = (m


il
), rispetto alle
basi e
:
, . . . , e
n
e e

:
, . . . , e

p
fssate. Sia la mappa G-invariante defnita dalla proposizione ,.:o.
Allora la matrice associata a

M =
:
o(G)

gG
R
g
MR

g
: = ( m
il
), con
m
il
=
:
o(G)

gG

j,k
(R
g
)
i j
m
jk
(R

g
: )
kl
Consideriamo ora la famiglia di applicazioni lineari E
ab
V V

defnite da E
ab
(e
j
) =
bj
e

a
.
Allora
(E
ab
)
l i
=
al

bi
quindi
(

E
ab
)
il
=
:
o(G)

gG
(R
g
)
ia
(R

g
: )
bl
Se V = V

e =

, allora

E
jk
lomotetia per Tr E
kj
] dimV =
kj
] dimV, quindi
:
o(G)

gG
(R
g
)
i j
(R
g
: )
kl
= (

E
jk
)
il
=

il

kj
dimV
mentre, se non isomorfo a

, il lemma di Schur implica



E
jk
= o, perci
:
o(G)

gG
(R
g
)
i j
(R

g
: )
kl
= o
Questo dimostra il lemma.
Possiamo ora dimostrare il teorema. Infatti, con le notazioni del lemma
,

=
:
o(G)

gG

i,k
(R
g
)
ii
(R

g
: )
kk
=
i,k
:
o(G)

gG
(R
g
)
ii
(R

g
: )
kk
Quindi
, =
i,k

ik

ki
dimV
= :
mentre, se non isomorfa a

=
i,k
o = o
8o
7.3 Caratteri di gruppi fniti
CoroIIario /.1
I caratteri irriducibili di un dato gruppo fnito formano un insieme fnito. In particolare, le classi
di equivalenza di rappresentazioni di un dato gruppo fnito sono in numero fnito.
Infatti L
i
(G) uno spazio vettoriale di dimensione o(G) e un insieme di vettori ortonormali
necessariamente linearmente indipendente; quindi ci sono al pi o(G) caratteri irriducibili.
In realta possiamo fare di meglio: chiamiamo funzione di classe sul gruppo G una funzione
G C costante sulle classi di coniugio di G. Linsieme delle funzioni di classe forma uno
sottospazio vettoriale C = C(G) di L
i
(G), di dimensione uguale al numero di classi di coniugio di
G. Poich i caratteri sono funzioni di classe, deduciamo che il numero di caratteri irriducibili di G
al pi uguale al numero di classi di coniugio di G: vedremo pi avanti che vale luguaglianza.
Decomposizione deIIe rappresentazioni
Siano
:
,
i
, . . . ,
N
le rappresentazioni irriducibili di G (in realta: dei rappresentanti delle
classi di equivalenza di rappresentazioni irriducibili; per comodita, per, useremo sempre questa
denominazione), e siano
:
,
i
, . . . ,
N
i relativi caratteri. Se un carattere di G, allora
combinazione lineare
i
n
i

i
dei caratteri irriducibili. Essendo questi ortonormali, abbiamo che
n
i
= ,
i
. Otteniamo cos la seguente
Proposizione /.1
Sia una rappresentazione di G di carattere . Allora.
N

i=:
,
i

i
Dimostrazione. Per il teorema di Maschke, possiamo scrivere =
i
n
i

i
con opportuni coem-
cienti n
i
. Quindi =
i
n
i

i
. La tesi segue immediatamente.
Chiamiamo lintero n
i
la molteplicit di
i
in . Unimmediata conseguenza della proposizione
il seguente
CoroIIario /.1/
Due rappresentazioni sono isomorfe se e solo se hanno lo stesso carattere.
Proposizione /.18
Una rappresentazione di carattere irriducibile se e soltanto se , = :.
Dimostrazione. Se, per la proposizione precedente,
i
n
i

i
, allora il teorema ,.:, ci da
, = n
i
i
Poich le molteplicita sono interi non negativi, segue subito che se , = :, allora irriducibile.
Il viceversa la prima parte del teorema ,.:,.
8,
7 Rappresentazioni
Decomposizione deIIa rappresentazione regoIare
Proposizione /.1p
Sia
reg
la rappresentazione regolare di un gruppo fnito G, e siano
:
, . . . ,
N
le rappresentazioni
irriducibili di G. Se d
i
= dim
i
allora

reg
d
:

:
d
N

N
Dimostrazione. Grazie allesempio : di pagina 8 abbiamo che, per ogni carattere di G:
,
reg
=
:
o(G)

gG
(g)
reg
(g
:
) =
:
o(G)
(:)o(G) = dim()
La proposizione segue allora dalla ,.:o.
Poich o(G) =
reg
(:), la proposizione ci da

reg
(:) =
i
d
i

i
(:) =
i
d
i
i
Questo ci permette di ricavare il seguente
7eorema /.zo
Siano
:
, . . . ,
N
le rappresentazioni irriducibili di un gruppo fnito G, e sia d
i
= dim
i
. Allora

i
d
i
i
= o(G)
sempi
1. Le rappresentazioni irriducibili del gruppo ciclico C

di ordine tre sono le tre rappresenta-


zioni
:
,
i
,

di pagina ,,. Infatti C

ha tre classi di coniugio (vedi lesercizio ,.:), e lunico


modo di scrivere , come somma di tre quadrati , = : + : + :, quindi C

ha esattamente
tre rappresentazioni irriducibili non isomorfe, tutte di dimensione uno. Dalla tabella (,.)
ricaviamo che

:
,
i
=
:
,

xC

:
(x)
i
(x
:
) =
: +
i
+
,
= o

:
,

=
:
,

xC

:
(x)

(x
:
) =
: + +
i
,
= o

i
,

=
:
,

xC

i
(x)

(x
:
) =
: +
i
+
(
,
= o
quindi le tre rappresentazioni non sono fra loro isomorfe.
88
7.4 Rappresentazioni irriducibili di SU(:)
i. Vogliamo determinare le rappresentazioni irriducibili di S

: il gruppo ha tre classi di coniugio


e lunico modo di scrivere sei come somma di al pi tre quadrati o = : + : + :
i
, quindi S

ha due rappresentazioni irriducibili r


:
, r
i
di dimensione uno ed una r

di dimensione due.
Sia r la rappresentazione dellesempio o di pagina ,,. Dalla tabella (,.,) ricaviamo che
, =
:
o

x=:,,
Cl(x) | (x)|
i
=
: :
i
+ : (:)
i
+ , o
i
o
= :
quindi r irriducibile per la proposizione ,.:8: poniamo r

= r ed r
:
la rapprsentazione
banale.
Rimane da determinare r
i
: se r
reg
la rappresentazione regolare, allora

reg
=
:
+
i
+ :

quindi la tabella dei caratteri di S

:
: : ,

:
: : :

i
: : :

: : o

reg
o o o
Percio r
i
la rappresentazione S

defnita da r
i
() = : ed r
i
() = :.
I.4 Rappresentazioni irriducibiIi di SU()
Abbiamo visto a pagina ,, che, posto V
d
lo spazio dei polinomi omogenei di grado d, la map-
pa SU(:) GL(V
d
) che associa a g SU(:) la trasformazione
d
(g) P P g
:
una rap-
presentazione. Vogliamo mostrare in questo paragrafo che queste sono essenzialmente tutte le
rappresentazioni irriducibili di SU(:).
Fissiamo d :, poniamo =
d
e
P
i
(X, Y) = X
i
Y
di
, con i = o, . . . , d (,.8)
P
k
(X, Y) = (k
:
X + k
i
Y)
d
=
d

i=o
_
d
i
_k
i
:
k
di
i
P
i
(X, Y), per ogni k = (k
:
, k
i
) C
i
(,.)
Poich P
o
, . . . , P
d
genera V
d
, ed i monomi sono indipendenti, la dimensione di V
d
d + :.
Mostriamo che anche i P
k
generano V
d
:
Iatto /.z1 (Determinante di Vandermonde)
Sia V una matrice d d della forma V = (v
i j
) con v
i j
=
j:
i
, con gli
i
qualsiasi. Allora
det(V) =
:i<jd
(
j

i
).
8
7 Rappresentazioni
Lemma /.zz
I polinomi Y
d
e (X +
j
Y)
d

j=:,...,d
sono indipendenti, dove = e
iid
una radice primitiva
d-esima dellunit.
Dimostrazione. Poich
(X +
j
Y)
d
=
d

i=o
_
d
i
_
i j
P
i
(X, Y)
ci basta mostrare che la matrice
M =

: {
d
:
) {
d
i
)
i
. . . {
d
d:
)
d:
{
d
d
)
d
: {
d
:
)
i
{
d
i
)
ii
. . . {
d
d:
)
i(d:)
{
d
d
)
id

: {
d
:
)
d
{
d
i
)
di
. . . {
d
d:
)
d(d:)
{
d
d
)
d
i
o o o . . . o :

invertibile. Abbiamo, sviluppando il determinante sullultima riga ed utilizzando il fatto ,.:::


det(M) =
d

i=:
_
d
i
_

:
i
. . .
d:
:
i

ii
. . .
i(d:)

:
d

di
. . .
d(d:)

=
d

i=:
_
d
i
_
:j<kd
(
k

j
)
Essendo una radice primitiva, det(M) o, cio i polinomi dati sono linearmente indipendenti.
Defniamo una forma sesquilineare , su V
d
tramite
P
i
, P
j
= i!(d i)!
i j
(,.:o)
cio

i=o
a
i
X
i
Y
di
,
d

j=o
b
j
X
j
Y
dj
=
d

i=o
i!(d i)!a
i

b
i
Segue immediatamente dalla (,.:o) che , un prodotto hermitiano.
Proposizione /.z
La rappresentazione SU(:) V
d
unitaria.
Dimostrazione. Abbiamo, grazie alla (,.) e per ogni k, l C
i
,
P
k
, P
l
=
d

i=o
_
d
i
_k
i
:
k
di
i
P
i
,
d

j=o
_
d
j
_l
j
:
l
dj
i
P
j
=
d

i=o
i!(d i)!_
d
i
_
i
k
i
:
k
di
i
l
i
:
l
di
i
=
d

i=o
i!(d i)!
d!
i!(d i)!
_
d
i
_(k
:

l
:
)
i
(k
i

l
i
)
di
= d!(k
:

l
:
+ k
i

l
i
)
d
= d!k, l
d
o
7.4 Rappresentazioni irriducibili di SU(:)
dove lultimo prodotto hermitiano quello standard di C
i
. Se g SU(:), allora g unitario, quindi
gk, gl = k, l, per ogni k, l C
i
Abbiamo, per la (,.:),
gP
k
(X, Y) = P
k
( aX bY,

X + aY) = {k
:
( aX bY) + k
i
(

X + aY))
d
= {(k
:
a + k
i

b)X + (k
:
b + k
i
a)Y)
d
= P
gk
(X, Y)
Perci
gP
k
, gP
l
= P
gk
, P
gl
= d! gk, gl
d
= d!k, l
d
= P
k
, P
l

qualsiasi siano k, l C
i
. Avendo mostrato che i vettori di questa forma generano V
d
, concludiamo
che
g
unisometria di V
d
, cio
g
unitaria per ogni g. In altre parole, la rappresentazione
unitaria.
7eorema /.z
Per ogni intero d o, la rappresentazione SU(:) GL(V
d
) defnita da gP = P g
:

irriducibile.
Dimostrazione. Per il lemma di Schur (teorema ,.) ci basta mostrare che se GL(V
d
) commuta
con ogni
g
, allora un omotetia.
Fissiamo a Ccon |a| = :, e poniamo g = (
a o
o a
). Allora, per ogni elemento della base P
o
, . . . , P
d

di V
d
m per la (,.:):
{
g
(P
i
)) (X, Y) = P
i
(a
:
X, aY) = a
dii
P
i
(X, Y) (,.::)
cio P
i
un autovettore, con autovalore a
dii
, dellendomorfsmo
g
di V
d
. Se scegliamo a in
modo che gli a
dii

i=o,...,d
siano tutti distinti (scegliendo, ad esempio, a di ordine infnito), allora

g
ha d + : autospazi distinti di dimensione uno. Per ipotesi e per la (,.::),
(
g
)(P
i
) = (
g
)(P
i
) = a
dii
(P
i
)
cio (P
i
) un autovettore di
g
con autovalore a
dii
; quindi, per ogni i, abbiamo (P
i
) =
i
P
i
con
i
C opportuno.
Sia ora h = {
cos sen
sen cos
), con R, una rotazione. Allora,
(
h
)(P
d
)(X, Y) = {(X cos + Y sen )
d
) =
d

i=o
_
d
i
_cos
i
() sen
di
()(P
i
)(X, Y)
=
d

i=o

i
_
d
i
_cos
i
() sen
di
()P
i
(X, Y)
mentre
(
h
)(P
d
)(X, Y) =
d

h
(P
d
)(X, Y) =
d
(X cos + Y sen )
d
=
d

i=o

d
_
d
i
_cos
i
() sen
di
()P
i
:
7 Rappresentazioni
Essendo le due espressioni uguali per ogni R, concludiamo che
i
=
d
per ogni i = o, . . . , d :,
cio che unomotetia. Pertanto, come detto sopra, una rappresentazione irriducibile
sercizi
Esercizio ,.:. Si mostri che la rappresentazione regolare
reg
G GL
n
(C) di un gruppo fnito G
di ordine n unitaria rispetto al prodotto hermitiano standard di C
n
.
Esercizio ,.:. Si mostri che se G GL(V) una rappresentazione di un gruppo fnito G,
unitaria rispetto al prodotto hermitiano , , allora il prodotto hermitiano , , defnito dalla
proposizione ,. coincide con , .
Esercizio ,.,. Sia G C

una rappresentazione di dimensione uno di un gruppo fnito G. Si


dimostri che, per ogni g G, (g) una radice dellunita.
Esercizio ,.. Sia una rappresentazione di dimensione fnita di un gruppo fnito G. Si dimostri
che, se gv = v con v o e scalare, allora || = :.
Esercizio ,.,. Siano G GL(V) e

G GL(V) due rappresentazioni su uno spazio vettoriale


V di dimensione fnita su C. Supponiamo anche che esista un un endomorfsmo di V tale che

g
=

g
per ogni g. Si dimostri che =

.
Esercizio ,.o. Sia G GL(V) con V spazio vettoriale di dimensione n su C, e sia un
endomorfsmo G-invariante di V. Si dimostri che la moltiplicazione per Tr ]n.
Esercizio ,.,. Diciamo che una rappresentazione G GL(V) diagonalizzabile se esiste una
base di V rispetto alla quale ogni endomorfsmo
g
diagonale. Si dimostri che se G un gruppo
fnito non commutativo allora esiste una rappresentazione irriducibile di G non diagonalizzabile.
(SUccivimi1o: si consideri la rappresentazione regolare di G.)
Esercizio ,.8. Sia G un gruppo abeliano fnito. Si mostri che ogni rappresentazione fnita di G
diagonalizzabile.
:
Parte II
7opoIogia
,
8 Spazi topoIogici
Iniziamo con un esempio: consideriamo R
n
con la distanza euclidea d(x, y) = |x y|. Un
sottoinsieme A di R
n
si dice aperto se per ogni x A esiste un > o (dipendente da x) tale
che linsieme B(x, ) = x R
n
tali che d(x, y) < contenuto in A. In particolare, linsieme
vuoto ed R
n
sono aperti. Inoltre, la riunione di una famiglia qualsiasi di aperti un aperto e
lintersezione di un numero fnito di aperti un aperto.
8.I Aperti e chiusi
Dare una topologia su un insieme X signifca assegnare una famiglia A di sottoinsiemi di X, detti
aperti, che soddisfno le seguenti condizioni:
1. Linsieme vuoto e linsieme X sono aperti
i. la riunione di una famiglia qualsiasi di aperti un aperto
. lintersezione di un numero fnito di aperti un aperto
Un insieme X con una topologia detto spazio topologico.
Un sottoinsieme C di uno spazio topologico X si dice chiuso se il suo complementare A = X C
aperto. La famiglia dei chiusi C soddisfa le condizioni duali delle precedenti:
1. Linsieme vuoto e linsieme X sono chiusi
i. lintersezione di una famiglia qualsiasi di chiusi un chiuso
. la riunione di un numero fnito di chiusi un chiuso
La conoscenza della famiglia degli aperti A ovviamente equivalente a quella della famiglia dei
chiusi C.
Spazi metrici
Una metrica su un insieme X unapplicazione d X X R
+
tale che, per ogni x, y, z X:
1. d(x, y) = d(y, x)
i. d(x, y) = o se e solo se x = y
. d(x, z) d(x, y) + d(y, z) (disuguaglianza triangolare)
Data una metrica d, possiamo defnire una topologia su X in cui un insieme A aperto se per
ogni x A esiste un sottoinsieme B(x, ) = y tali che d(x, y) < contenuto in A, dove una
costante maggiore di zero e dipendente da x. (Si verifchi che in tal modo si ottiene efettivamente
una topologia, detta topologia determinata dalla metrica d.) Chiamiamo spazio metrico uno
spazio topologico dotato di una topologia determinata da una metrica.
,
8 Spazi topologici
La bolla di raggio centrata in x
o
, con un numero reale non negativo e x
o
X linsieme
B(x
o
, ) = x X d(x, x
o
) < . Scriveremo B
d
(x
o
, ) quando la scelta della metrica non
risultera chiara. Si osservi che una bolla B
d
(x
o
, ) un aperto nella topologia determinata dalla
metrica d.
Nellesempio iniziale, R
n
dotato della topologia determinata dalla distanza euclidea. Tale to-
pologia anche detta topologia euclidea. Nel seguito R
n
sara sempre tacitamente dotato di tale
topologia. Nel seguito useremo anche la notazione D
n
per indicare la bolla chiusa B(o, :) = x
R
n
d(O, x) : R
n
, detta anche cella n-dimensionale (di R
n
).
Osservazione 8.:. Non tutte le topologie provengono da una metrica. Inoltre, metriche distinte
possono dar luogo alla stessa topologia.
7opoIogia discreta
La topologia discreta quella in cui ogni sottoinsieme aperto.
Intorni
Sia Y un sottoinsieme dello spazio topologico X. Un sottoinsieme U di X detto intorno di Y se
esiste un aperto A tale che Y A U. Si ha la seguente proposizione:
Proposizione 8.z
A aperto se e solo se intorno di ogni suo punto.
Dimostrazione. Se A un aperto, intorno di ogni suo punto per la defnizione stessa di intorno.
Viceversa, se per ogni punto x A esiste un aperto U
x
tale che x U
x
A, allora A =
xA
U
x
,
quindi A aperto in quanto riunione di una famiglia di aperti.
Sottospazi
Un sottoinsieme Y di uno spazio topologico X ha una topologia naturale indotta da X in cui
un sottoinsieme B di Y aperto se B = Y A dove A un aperto di X. Equivalentemente un
sottoinsieme Ddi Y chiuso se D = YC, dove C un chiuso di X. Diremo che Y un sottospazio
di X quando dotato di questa topologia, che detta topologia indotta.
Nel seguito tutti i sottoinsiemi di R
n
si considereranno tacitamente dotati della topologia indotta.
Per esempio: S
:
il cerchio di raggio unitario nel piano R
i
con la topologia indotta.
8.2 Continuita
Unapplicazione f da uno spazio topologico X ad uno spazio topologico Y si dice continua se la
controimmagine di un aperto di Y un aperto di X, cio se
A aperto in Y f
:
(A) aperto in X
o
8.2 Continuit
Se f X Y, g Y Z sono funzioni continue, allora immediato verifcare che la composizione
g f X Z continua.
Due spazi topologici X ed Y si dicono omeomorf se esiste unapplicazione f da X in Y che
biunivoca e bicontinua (cio anche linversa f
:
continua). Lapplicazione f detta omeomorf-
smo.
sempi
1. La retta reale R omeomorfa allintervallo (:, +:) attraverso la funzione f defnita da
f (x) =
x
: + |x|
Analogamente si mostra che ogni bolla aperta di R omeomorfa ad R e, pi in generale,
che ogni bolla aperta di R
n
omeomorfa ad R
n
.
i. Il cerchio S
:
meno un punto ^, cio S
:
^, omeomorfo alla retta reale R attraverso la
proiezione da ^ sulla retta tangente ad S
:
nel punto diametralmente opposto ad ^.
N
S
. La sfera S
i
meno un punto ^ omeomorfa al piano R
i
attraverso la proiezione da ^ sul
piano tangente ad S
i
nel punto diametralmente opposto ad ^.
. C omeomorfo ad R
i
attraverso lapplicazione z = x + i y (x, y).
,. M
n
(R) in corrispondenza biunivoca con R
n
i
se fssiamo un ordine fra gli elementi a
i, j
delle matrici di M
n
(R). Per esempio, possiamo ordinare gli elementi da sinistra a destra e
dallalto in basso. In tal modo, possiamo identifcare M
n
(R) con R
n
i
come spazi topologici.
Analogamente M
n
(C) identifcato con C
n
i
. Dato che C omeomorfo ad R
i
, M
n
(C)
identifcabile a R
in
i
.
o. SU(:) ha una topologia indotta da GL
i
(C) che a sua volta un sottospazio topologico
di M
i
(C) identifcato con C
(
. Una matrice P = {
a b
c d
) appartiene a SU(:) se PP

= I e
det(P) = :. Questo signifca che d = a, c =

b e che |a|
i
+ |b|
i
= :. Se poniamo allora
a = x
:
+ ix
i
e b = x

+ ix
(
, possiamo associare a P il punto (x
:
, x
i
, x

, x
(
) di R
(
: tale punto
giace su S

. Otteniamo in questo modo un omeomorfsmo tra SU(:) ed S

.
Prodotti
Siano X ed Y due spazi topologici. Lo spazio prodotto X Y linsieme prodotto X Y dotato
della topologia in cui un sottoinsieme aperto se riunione di insiemi che sono il prodotto di
,
8 Spazi topologici
un aperto di X per un aperto di Y. Con tale defnizione, le proiezioni di X Y su X ed Y sono
continue.
Lasciamo per esercizio la verifca delle seguenti proposizioni.
Proposizione 8.
Un sottoinsieme Z di XY intorno di un suo punto (x, y) se esiste un aperto Ain Xcontenente
x ed un aperto B in Y contenente y tali che A B Z.
Proposizione 8.
Dato y in Y, X y omeomorfo ad X attraverso lapplicazione (x, y) x.
Proposizione 8.
Sia Z uno spazio topologico ed f Z X, g Z Y due applicazioni. Allora lapplicazione
h(z) = {f (x), g(x)) da Z ad X Y continua se e solo se f e g sono continue.
Continuita IocaIe
Sia f unapplicazione fra due spazi topologici X ed Y, e siano x un punto di X ed y = f (x).
Diciamo che f continua in x se per ogni intorno V di y esiste un intorno U di x tale che
f (U) V. Equivalentemente, f continua in x se la controimmagine f
:
(V) di un intorno V
qualsiasi di y un intorno di x. Il legame tra continuita locale e globale dato dalla seguente
Proposizione 8.
Una funzione f continua se e solo se lo in ogni punto.
Dimostrazione. Supponiamo f continua. Dato un intorno V del punto y = f (x), esso contiene
un aperto B con y B. Dato che f continua, linsieme A = f
:
(B) aperto. Inoltre A contiene
x, quindi un intorno di x. Si ha f (A) B V, quindi f continua in x.
Supponiamo ora che f sia continua in ogni punto. Sia D un aperto di Y ed E = f
:
(D). Dato
x E, sia y = f (x) la sua immagine, che quindi appartiene a D. Linsieme D un intorno di y e
quindi per la continuita in x esiste un intorno U
x
di x tale che f (U
x
) D. Ci signifca che U
x

contenuto in E e perci E un intorno di x. Data lipotesi, E intorno di ogni suo punto. Per la
proposizione 8.:, E aperto.
sempio
I polinomi, o pi in generale tutte le funzioni incontrate in analisi per le quali stata verifcata
la continuita locale, sono dunque funzioni continue. Per esempio, la funzione det M
n
(R) R,
che associa ad ogni matrice A il suo determinante det(A), continua essendo un polinomio negli
elementi a
i, j
della matrice. Da questo segue che linsieme GL
n
(R) un aperto in M
n
(R) in quanto
controimmagine dellaperto R o di R attraverso la funzione determinante.
8
8.3 Chiusura ed interno
Convergenza
Dato uno spazio topologico X, diciamo che la successione a
n

nN
converge ad a se per ogni
intorno aperto U di a esiste (dipendente da U) tale che per ogni n > , a
n
U. Scriviamo anche
a
n
a. Chiamiamo a limite della successione.
Se X uno spazio metrico ed > o, B(a, ) un intorno aperto di a, per cui se a
n
a, esiste
dipendente da tale che per ogni n > , a
n
B(a, ), cio d(a
n
, a) < . Viceversa, ogni intorno
aperto di a contiene una bolla B(a, ) con > o. Abbiamo cos verifcato che in uno spazio metrico
a
n
converge ad a se e solo se per ogni > o esiste tale che per ogni n > , d(a
n
, a) < . In
particolare, in uno spazio metrico il limite di una successione se esiste unico; questo non
vero in generale: vedi gli esercizi 8.::, :o.o e :o.,.
Proposizione 8./
Una funzione f da uno spazio metrico X in uno spazio topologico Y continua nel punto x X
se e solo se f (x
n
) f (x) per ogni successione convergente x
n
x.
Dimostrazione. Supponiamo che f sia continua in x e sia V Yun intorno di f (x). Se U = f
:
(V),
allora U un intorno di x, e quindi esiste tale che per ogni n > , x
n
U. Allora, per gli stessi n,
f (x
n
) V.
Supponiamo invece che f mandi successioni convergenti ad x in successioni convergenti ad
y = f (x).
Supponiamo che f non sia continua in x. Perci esiste un intorno V di y tale che, qualsiasi sia U
intorno di x, esiste x

Ucon f (x

) ] V. In particolare, se U = B(x, :
n
), c x
n
con d(x, x
n
) < :
n
ed f (x
n
) ] V. Quindi x
n
x mentre f (x
n
) non converge a y, contrariamente alle ipotesi.
Abbiamo cos mostrato che f continua in x.
8.3 Chiusura ed interno
Chiusura e punti aderenti
Sia Y un sottoinsieme di uno spazio topologico X. La chiusura di Y, che indichiamo con

Y,
lintersezione di tutti i chiusi contenenti Y. E un insieme chiuso contenuto in ogni chiuso che
contiene Y. Un punto x di X aderente ad Y se ogni intorno U di x ha intersezione non vuota
con Y.
Proposizione 8.8
La chiusura di un sottoinsieme Y linsieme dei punti aderenti ad Y.
Dimostrazione. Sia Z il complementare della chiusura di Y: un aperto ed il pi grande aperto
avente intersezione vuota con Y. Sia T il complementare dellinsieme dei punti aderenti ad Y.
Se z Z allora z non aderente ad Y perch Z un suo intorno che non interseca Y. Quindi
z T e Z T. Se t T allora esiste un intorno U di t, che possiamo supporre aperto, avente

8 Spazi topologici
intersezione vuota con Y. Segue che U Z e che Z e T coincidono, e quindi che coincidono anche
i loro complementari.
sempi
1. Sia X uno spazio metrico con metrica d. Dato un punto x di X ed un sottoinsieme Y X,
defniamo d(x, Y) = inf
yY
d(x, y) Allora la chiusura di Y linsieme dei punti x tali
che d(x, Y) zero.
i. La chiusura della riunione di due sottoinsiemi la riunione delle loro chiusure.
. La chiusura dellintersezione di due sottoinsiemi contenuta, ma in generale non coincide,
con lintersezione delle chiusure.
Lasciamo per esercizio al lettore la dimostrazione della seguente
Proposizione 8.p
Sia Y un sottoinsieme dello spazio X. Valgono le seguenti propriet.
r. Se Z Y allora la chiusura di Z in Y lintersezione di Y con la chiusura di Z in X.
:. Y aperto se e solo se ogni aperto di Y aperto in X.
. Y chiuso se e solo se ogni chiuso di Y chiuso in X.
,. Y un intorno di y in X se e solo se ogni intorno di y in Y intorno di y in X.
,. Se X uno spazio metrico con metrica d, la restrizione di tale metrica ad Y induce la topologia
indotta.
Interno
Dato un sottoinsieme Y di uno spazio topologico X, linterno di Y, che denotiamo

Y, linsieme
dei punti per i quali Y un intorno. Tale insieme un aperto ed il pi grande aperto contenuto
in Y: infatti, se facciamo la riunione di tutti gli aperti contenuti in Y otteniamo un aperto, ed Y
intorno di ciascun punto questo aperto. Viceversa, linsieme dei punti per i quali Y un intorno
aperto: infatti, se Y intorno di y allora esiste un aperto B tale che y B Y e quindi Y intorno
per tutti i punti di B.
Osserviamo che lo spazio X la riunione disgiunta di

Y e di X Y.
Ovviamente un insieme aperto quando coincide col proprio interno.
Punti di accumuIazione
Sia Y un sottoinsieme dello spazio topologico X. Un punto x un punto di accumulazione, o
punto limite, di Y se ogni intorno di x contiene almeno un punto di Y diverso da x. Linsieme di
tali punti si chiama il derivato di Y e si denota con D(Y). La chiusura di Y coincide con YD(Y).
Un punto y Y isolato (in Y) se esiste un intorno U di y tale che U Y = y. Linsieme dei
punti isolati di Y si denota con Y

. Avremo Y

D(Y) = e

Y = Y

D(Y).
:oo
8.3 Chiusura ed interno
Irontiera
La frontiera di un sottoinsieme Y di uno spazio X linsieme chiuso ottenuto con lintersezione
della chiusura di Y e della chiusura del complementare di Y. Tale insieme indicato col simbolo
F(Y). Lasciamo al lettore la verifca che

Y la riunione disgiunta di

Y e F(Y); e che, analogamente,
X la riunione disgiunta di

Y, (XY)e F(Y). La frontiera di D
n
= B(o, :) R
n
la sfera unitaria
S
n:
in R
n
: tale insieme anche detto il bordo di D
n
e indicato col simbolo D
n
.
Insiemi densi
Un sottoinsieme D di X denso (in X) se la sua chiusura coincide con X. Equivalentemente, D
denso se ha intersezione non vuota con ogni aperto non vuoto di X.
sempi
1. Q denso in R. Infatti, dato un aperto non vuoto qualsiasi U di R, possiamo sempre trovare
un numero razionale in U: sia B(x
o
, ) una bolla aperta in U e sia n un intero tale che
:]n < ; allora il numero razionale nx
o
]n B(x
o
, ) U, dove x indica la parte intera
di x.
i. GL
n
(R) denso in M
n
(R). Sia un aperto non vuoto di M
n
(R) (che identifchiamo
come al solito con R
n
i
). Vogliamo dimostrare che GL
n
(R) non vuoto. Sia A :
se det(A) o, abbiamo fnito. Se det(A) = o, sia L la retta in R
n
i
che congiunge A con il
punto corrispondente alla matrice I (la matrice identita) e sia t un parametro su L: quindi
le coordinate dei punti di L sono polinomi di primo grado in t. La funzione determinante,
ristretta ad L un polinomio in t; tale polinomio ha uno zero nel punto A ed assume il
valore : in corrispondenza di I, quindi non identicamente nullo ed ha al pi n radici, le
quali corrispondono a punti di L. Lintersezione di L con contiene un intervallo aperto
contenente A in cui la funzione determinante diversa da zero, tranne che in un numero
fnito di punti; possiamo cos trovare B con det B o.
. GL
n
(C) denso in M
n
(C). Si pu dimostrare esattamente come nel caso reale. Diamo
inoltre una seconda dimostrazione pi diretta. Vogliamo dimostrare che la chiusura di
GL
n
(C) M
n
(C): sia A M
n
(C) GL
n
(C), cio det(A) = o. Essendo C algebricamente
chiuso, A simile ad una matrice triangolare, cio A = CSC
:
dove C GL
n
(C) e
S =

:
. . .
. . . . . . .
r
. . . . . . . . . . . o
. . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . o

Sia S

la matrice ottenuta da S sostituendo i termini diagonali nulli con : chiaramente


S

GL
n
(C), quindi CS

C
:
GL
n
(C) e
lim
o
CS

C
:
= CSC
:
= A
:o:
8 Spazi topologici
sercizi
Esercizio 8.:. Sia f X Y. Si dimostri che f continua se e solo se per ogni chiuso C in Y, f
:
(C)
chiuso in X.
Esercizio 8.:. Si dimostri che la defnizione data di aperti in uno spazio metrico defnisce efettiva-
mente una topologia.
Esercizio 8.,. Si dimostri che una bolla B
d
(x
o
, ) un aperto nella topologia determinata dalla
metrica d.
Esercizio 8.. Siano X e Y due spazi metrici dotati, rispettivamente, delle metriche d
X
e d
Y
.
Defniamo unapplicazione d = d
X
d
Y
(XY)(XY) R
+
ponendo d{(x, y), (x

, y

)) =
maxd
X
(x, x

), d
Y
(y, y

). Si dimostri che d una metrica, detta metrica prodotto.


Esercizio 8.,. Si dimostri che due metriche d e d

di uno spazio X inducono la stessa topologia su


X se e solo se per ogni punto x X e per ogni > o esiste > o tale che
B
d
(x
o
, ) B
d
(x
o
, ), B
d
(x
o
, ) B
d
(x
o
, )
In tal caso diciamo che le due metriche sono equivalenti.
Esercizio 8.o. Sia d

la metrica prodotto di R
i
= RR. Si dimostri che d

equivalente alla metrica


euclidea.
Esercizio 8.,. Si dimostrino le proposizioni 8.,, 8. e 8.,.
Esercizio 8.8. Dato uno spazio topologico X, defniamo una metrica
d(x, y) =

o se x = y
: se x y
Si dimostri che questa metrica discreta induce la topologia discreta su X.
Esercizio 8.. Sia Y un sottoinsieme dello spazio metrico X. Chiamiamo diametro di Y la quantita
d(Y) = sup
x, yY
d(x, y). Si dimostri che se Y ha diametro inferiore ad e la sua intersezione
con B(x, ) non vuota, allora Y B(x, :).
Esercizio 8.:o. Sia X uno spazio metrico ed Y un suo sottoinsieme. Si mostri che la funzione
d X R
+
che manda x d(x, Y) continua.
Esercizio 8.::. Si determini linterno, la chiusura e linsieme derivato dei seguenti spazi topologici:
1. Linsieme Q dei numeri razionali (con la topologia indotta da R).
i. Il disco puntato D O, dove D linsieme B(o, :), cio il disco unitario di R
i
e O
lorigine.
. X = (x, y) R
i
x > o, y > o, xy < :
Esercizio 8.::. Sia X uno spazio metrico. Si mostri che se a
n
a una successione convergente,
allora a lunico punto limite dellinsieme a
n
.
Esercizio 8.:,. Dati i polinomi f
:
, . . . , f
k
R|x
:
, . . . , x
n
| non identicamente nulli sia
Z = |(x
:
, . . . , x
n
) f
i
{(x
:
, . . . , x
n
)) = o, per ogni i = :, :, . . . , k|
Dimostrare che R
n
Z denso in R
n
.
:o:
8.3 Chiusura ed interno
Esercizio 8.:. Dare un esempio di una funzione f R R continua e non costante tale che
linsieme R x f (x) = o non sia denso in R.
Esercizio 8.:,. Dimostrare che le matrici diagonalizzabili formano un insieme denso in M
i
(C).
(SUccivimi1o: si considerino le matrici con autovalori distinti). Si dimostri anche che le matrici
diagonalizzabili non sono dense in M
i
(R)
Esercizio 8.:o. Sia Y il sottoinsieme delle matrici diagonalizzabili in M
n
(R). Dimostrare che

Y
linsieme delle matrici con autovalori distinti.
:o,
8 Spazi topologici
:o
9 Spazi Quozienti
Sia Xuno spazio topologico e una relazione di equivalenza in X. Sia Ylinsieme quoziente X] e p
lapplicazione canonica da Xad Y. Vogliamo dotare Y di una topologia in modo che lapplicazione
p sia continua, assegnando ad Y il maggior numero possibile di aperti compatibilmente con questa
condizione. Proviamo a defnire la topologia di Y nel modo seguente:
A Y aperto se p
:
(A) aperto in X
Si verifca facilmente che si ottiene in tal modo una topologia su Y che soddisfa le condizioni volute.
Tale topologia detta topologia quoziente. (Si verifchi che, con tale defnizione, un sottoinsieme
Z di Y chiuso se e solo se p
:
(Z) chiuso in X.)
Dato un sottoinsieme B di X, la sua saturazione S(B) rispetto a linsieme costituito da tutti
gli elementi equivalenti agli elementi di B. Cio S(B) = y tali che y x, al variare di x in B. Se
B = S(B) diremo che B saturo. Vediamo dunque che gli aperti del quoziente sono le immagini
degli aperti saturi di X. Si osservi che in generale la saturazione di un aperto non un aperto.
La proprieta fondamentale dei quozienti descritta nella seguente
Proposizione p.1
Sia X uno spazio topologico, Y il suo quoziente rispetto alla relazione di equivalenza e p
lapplicazione canonica da X ad Y. Siano f X Z e g Y Z due applicazioni in uno spazio
Z tali che f = g p. Allora f continua se e solo se g continua.
X
f

?
?
?
?
?
?
?
Z
Y
g








Dimostrazione. Se g continua, anche f lo in quanto composizione di due applicazioni continue.
Supponiamo f continua. Sia A un aperto di Z. Allora f
:
(A) aperto. ma f
:
(A) = p
:
(g
:
(A)).
Dunque linsieme g
:
(A) un aperto di Y per la defnizione di topologia quoziente. Segue che g
continua.
Osservazione .:. Data unapplicazione f X Z, lapplicazione g X] Z tale che f = g p
esiste se e solo se f (x) = f (y) ogni volta che x y. In tal caso, g unica e possiamo applicare la
proposizione.
:o,
9 Spazi Quozienti
sempi
1. Sia I lintervallo chiuso |o, :| e la relazione che identifca i due punti o e :. Allora I]
omeomorfo al cerchio S
:
.
i. Otteniamo lo stesso quoziente partendo da R con la relazione che identifca due punti le cui
coordinate diferiscono per un intero.
. Sia I I il quadrato (x, t) x, t |o, :| e defniamo la seguente relazione di equivalenza:
(o, t) (:, t), mentre se x o, :, (x, t) equivalente solo a se stesso. Lo spazio quoziente
omeomorfo al cilindro S
:
I.
Grafcamente, la relazione di equivalenza sara rappresentata nel modo seguente:
Dove le freccie indicano i lati da identifcare.
. Sia I I come nellesempio precedente e defniamo una relazione di equivalenza in cui
(o, t) (:, : t). Grafcamente
Dove i lati con le frecce vanno identifcati seguendo il verso di percorrenza indicato. Lo
spazio quoziente detto banda di Mbius. Il bordo della banda di Mbius per defnizione
limmagine nel quoziente dei due lati che non vengono identifcati: tale insieme omeomorfo
ad S
:
.
,. Sia I I come sopra e defniamo una relazione dequivalenza in cui (o, t) (:, t) e (x, o)
(x, :). Grafcamente
:oo
9. Quozienti e sottospazi
Lo spazio quoziente T detto toro ed omeomorfo a S
:
S
:
.
o. Sia I I come sopra e defniamo una relazione dequivalenza in cui (o, t) (:, : t) e
(x, o) (x, :). Grafcamente
Lo spazio quoziente la bottiglia di Klein.
,. Un esempio molto importante lo spazio proiettivo reale di dimensione n, P
n
(R) cos
defnito: sia Xlo spazio R
n+:
O, costituito dai vettori non nulli di R
n+:
; consideriamo due
vettori non nulli u e v equivalenti se esiste uno scalare (necessariamente diverso da zero)
tale che u = v e defniamo P
n
(R) come il quoziente di Xconquesta relazione di equivalenza.
Lo spazio ottenuto pu essere pensato come linsieme delle rette inR
n+:
passanti per lorigine,
dotato della topologia quoziente. Si ottiene lo stesso quoziente partendo dalla sfera S
n
R
n+:
ed identifcando punti antipodali (vedi lesempio che segue la proposizione .,).
Un sottoinsieme B R
n+:
O saturo quando della forma B = (
iI
L
i
) O, dove
L
i
una retta per lorigine.
9.I Quozienti e sottospazi
Sia X uno spazio su cui defnita una relazione di equivalenza ed Y un sottospazio di X.
Indichiamo con lo stesso simbolo la relazione indotta su Y. Siano p
X
e p
Y
le proiezioni di X ed
Y nei loro quozienti. Linclusione Y X induce uninclusione Y] X]. Otteniamo quindi un
diagramma commutativo:
Y
p
Y

X
p
X

Y] X]
Vogliamo vedere sotto quali condizioni i due spazi quoziente sono omeomorf. Ci permettera
in alcuni casi di visualizare meglio il quoziente di uno spazio X, limitandosi ad un opportuno
:o,
9 Spazi Quozienti
sottospazio Y. La prima condizione che i due insiemi quoziente devono coincidere: questo
signifca che Y deve contenere un rappresentante per ogni classe di equivalenza.
Se A un aperto di X], la sua intersezione con Y] un aperto perch p
:
Y
(AY]) = Yp
:
X
(A)
un aperto di Y in quanto p
:
X
(A) un aperto di X. Ne segue che linclusione Y] X] sempre
continua.
Tuttavia, anche supponendo che i due insieme quoziente coincidano, gli spazi topologici quoziente
in generale non coincidono in quanto vi possono essere degli aperti di Y] che non sono aperti in
X]. Ad esempio, se X = |o, :|, Y = |o, :) e la relazione quella che identifca i due punti o ed :,
allora X] isomorfo ad S
:
mentre Y] coincide con Y. Questi due spazi non sono omeomorf in
quanto uno compatto (vedi il capitolo :: pi avanti) e laltro no; oppure linsieme |o, ) con < :
aperto in Y mentre la sua immagine in X] non lo .
Dato dunque un aperto B in Y], che supponiamo coincidente insiemisticamente con X], vedia-
mo che aperto anche in X] se p
:
X
(B) aperto in X. Ma p
:
X
(B) la saturazione in Xdellinsieme
p
:
Y
(B) che un aperto saturo in Y. In conclusione:
Proposizione p.
Dati uno spazio topologico X, un suo sottoinsieme Y X ed una relazione dequivalenza su X,
i due quozienti Y] ed X] sono omeomorf se e solo se valgono le seguenti condizioni.
r. Y contiene un rappresentante per ogni classe di equivalenza
:. le saturazioni in X degli aperti saturi di Y sono aperti in X.
sempio
Un caso in cui le due condizioni sono verifcate quello di P
n
(R) descritto nellesempio , di
pagina :o, come quoziente di R
n+:
O oppure come quoziente di S
n
. Nel caso n = :, lo spazio
P
i
(R) anche il quoziente del disco chiuso di R
i
, cio dellinsieme B(O, :) = D
i
, rispetto alla
relazione che identifca punti antipodali del bordo S
:
. Infatti, consideriamo la sfera
S
i
= _(x
:
, x
i
, x

) R

i=:
x
i
i
= :_
Allora la semisfera chiusa
S
i
+
= (x
:
, x
i
, x

) S
i
x
:
o
omeomorfa a D
i
attraverso la proiezione sul piano (x
i
, x

). Attraverso tale omeomorfsmo il


bordo di D
i
corrisponde allinsieme dei punti di S
i
+
con x
:
= o. La relazione dequivalenza
identifca due punti antipodali di tale bordo e al sottospazio S
i
+
possiamo applicare la proposizione
precedente.
9.2 Azione di gruppi su spazi topoIogici
Sia G un gruppo ed X uno spazio topologico. Diciamo che X un G-spazio se esiste unazione di
G su X con omeomorfsmi di X, cio se esiste un omomorfsmo di gruppi G Omeo(X), dove
:o8
9.2 Azione di gruppi
questultimo indica il gruppo degli omeomorfsmi di X, che un sottogruppo del gruppo T(X)
delle applicazioni biunivoche di X in s. Se x un punto di X e g G indichiamo (g)(x) con gx.
Analogamente, se Y X, indichiamo con gY linsieme degli elementi della forma g y, dove y Y.
Indichiamo poi con X]G lo spazio quoziente rispetto alla relazione di equivalenza: x y se esiste
g G tale che y = gx. Tale spazio quindi lo spazio delle orbite dotato della topologia quoziente.
Per questo importante tipo di quoziente vale il seguente:
7eorema p.
Sia X un G-spazio e p X X]G lapplicazione canonica. Allora.
r. p unapplicazione aperta, cio manda aperti in aperti
:. se G fnito, p anche chiusa, cio manda chiusi in chiusi.
Dimostrazione.
1. Dato un aperto A in X, la sua immagine p(A) aperta in X]G perch p
:
{p(A)) la
riunione della famiglia di sottoinsiemi gA, al variare di g in G, ciascuno dei quali aperto
perch (g) un omeomorfsmo.
i. Dato un chiuso C in X, ragioniamo come in :. Dato che G fnito, dobbiamo fare la riunione
di un numero fnito di chiusi, che un chiuso.
Osservazione .,. Si noti che in generale lapplicazione di passaggio al quoziente non n chiusa
n aperta.
sercizi
Esercizio .:. Si verifchi che linsieme Omeo(X) degli omeomorfsmi di uno spazio topologico X
in s forma un gruppo.
Esercizio .:. Si dimostri che in generale lapplicazione canonica p X X] non n aperta n
chiusa.
Esercizio .,. Sia f unapplicazione continua e chiusa da Xin Y. Sia y un punto di Y ed Uun aperto
di X contenente f
:
(y). Dimostrare che esiste un aperto V Y contenente y tale che f
:
(V) U.
Esercizio .. Si mostri che incollando due bande di Mbius lungo il bordo si ottiene una bottiglia
di Klein.
Esercizio .,. Sia Xlo spazio ottenuto dalla sfera S
i
togliendo due calotte sferiche aperte disgiunte e
simmetriche rispetto allorigine. Si verifchi che lo spazio Y ottenuto da Xmodulo lidentifcazione
antipodale una banda di Mbius e che Y un sottospazio di P
i
(R).
:o
9 Spazi Quozienti
::o
I0 Separazione
Uno spazio topologico X si dice separato (oppure di Hausdorf, oppure T:) se, dati due punti
distinti x ed y esiste un intorno U di x ed un intorno V di y tali che U V = .
U
V
x
y
In particolare si verifca facilmente che
Proposizione 1o.1
Ogni spazio metrico separato.
Notiamo che se X separato ed x X, linsieme X x aperto, in quanto intorno di ogni suo
punto: quindi x chiuso. Pi in generale abbiamo la seguente proposizione.
Proposizione 1o.z
r. Se X separato, ogni sottospazio separato.
:. Se X separato, ogni suo punto chiuso.
. Gli spazi X e Y sono separati se e solo se lo spazio prodotto X Y separato.
Dimostrazione. La verifca del punto : immediata.
Supponiamo ora che X sia separato e sia x X; dato un punto y x di X esistono due intorni U
di x e V di y tali che U V = . Linsieme X x dunque un intorno di ciascun suo punto y,
quindi aperto.
Supponiamo ora che X ed Y siano separati e siano z
:
= (x
:
, y
:
) e z
i
= (x
i
, y
i
) due punti distinti
di X Y. Possiamo supporre x
:
x
i
: esistono quindi due aperti disgiunti U
:
ed U
i
in X tali che
x
:
U
:
e x
i
U
i
. Gli insiemi U
:
Y ed U
i
Y sono aperti disgiunti in X Y e contengono,
rispettivamente, z
:
e z
i
. Supponiamo, viceversa, che X Y sia separato e fssiamo un punto y Y;
allora, per il punto :, lo spazio X y separato in quanto sottospazio di X Y; daltra parte,
sappiamo che X omeomorfo a X y ed perci separato. Analogamente per Y.
:::
0 Separazione
CoroIIario 1o.
Sia X uno spazio topologico ed f
i

iI
una famiglia di applicazioni continue di X in uno spazio
separato Y. Per ogni y in Y, linsieme C = x X f
i
(x) = y, i I chiuso.
Dimostrazione. Infatti C lintersezione dei sottoinsiemi C
i
= x X f
i
(x) = y, ciascuno dei
quali chiuso perch controimmagine del chiuso y attraverso unapplicazione continua.
Spazi separati
sempi
1. Il caso tipico in cui si applica il corollario quello in cui Y la retta reale, f
:
, . . . , f
n
sono
funzioni continue da X in R e C = x X f
i
(x) = o, i. In tal caso linsieme C anche
detto linsieme degli zeri delle funzioni f
:
, . . . , f
n
i. Se Y la retta reale ed f una funzione continua da X in R, allora per ogni a R, linsieme
x X f (x) = a chiuso. Segue che GL
n
(R) aperto in M
n
(R) perch complementare
dellinsieme A M
n
(R) det(A) = o.
. Se identifchiamo M
i
(R) con R
(
, allora O(:) chiuso. Infatti se P = {
a b
c d
), la condizione
P
t
P = I diventa a
i
+ b
i
: = o, c
i
+ d
i
: = o, ac + bd = o.
Osservazione :o.. Il quoziente X] di uno spazio separato X rispetto ad una relazione dequiva-
lenza in generale non separato (vedi lesercizio :o.,). Abbiamo tuttavia il seguente importante:
sempio
Lo spazio proiettivo P
n
(R) separato. Verifchiamolo per n = :, il caso analogo essendo del tutto
analogo. Siano S ed T due rette distinte per lorigine di R

. Siano P e P i punti dintersezione


di S con S
i
, Q e Q i punti dintersezione di T con S
i
. Scegliamo una calotta sferica aperta C
centrata in P ed una calotta sferica aperta D centrata in Q tali che gli insiemi C, C, D e D siano
disgiunti. Sia A linsieme delle rette per lorigine passanti per i punti di C (e quindi di C) e B
linsieme delle rette per lorigine passanti per i punti di D (e quindi di D). Gli insiemi A O e
BO sono aperti saturi di R

O le cui immagini in P
i
(R) separano le immagini di S O
e di T O. Vedremo in seguito un altro metodo per dimostrare lo stesso risultato.
Proposizione 1o.
Uno spazio topologico X separato se e solo se chiuso in X X, dove il sottoinsieme di
X X formato dalle coppie (x, y) con y = x.
Dimostrazione. Esercizio per il lettore.
Proposizione 1o.
Siano f e g due applicazioni continue da uno spazio Xin uno spazio separato Y. Allora linsieme
Z = x X f (x) = g(x) chiuso in X.
:::
Dimostrazione. Sia y un punto del complementare di Z. Dunque f (y) g(y). Essendo Yseparato,
esistono un intorno U di f (y) ed un intorno V di g(y) che non sintersecano. Segue che laperto
f
:
(U) g
:
(V) contenuto nel complementare di Z, cio il complementare di Z aperto.
CoroIIario 1o./
^elle stesse ipotesi della proposizione, se f g su un sottoinsieme denso D, allora f g.
sempio
Siano Ae B due matrici in M
n
(K) (K = R o C). Dimostriamo che i polinomi caratteristici di AB e
BAcoincidono. Siano f (x) = a
n
x
n
+ +a
o
il polinomio caratteristico di ABe g(x) = b
n
x
n
+ +b
o
quello di BA. Sappiamo che a
n
= b
n
= (:)
n
e a
o
= b
o
= det(AB) = det(BA). E chiaro che
a
i
= a
i
(A, B) e b
i
= b
i
(A, B) dipendono in modo continuo da A e B.
Se B invertibile allora AB = B
:
BAB, quindi AB simile a BA; ne segue che i due polinomi
coincidono. Quindi, se fssiamo A, a
i
(A, B) = b
i
(A, B) per ogni B GL
n
(K). Per la densita di
GL
n
(K) in M
n
(K), luguaglianza vale per ogni B M
n
(K).
Facendo variare A si ottiene il risultato.
sercizi
Esercizio :o.:. Diciamo che uno spazio topologico X T se dati due punti distinti x ed y esiste un
intorno U di x ed un intorno V di y tali che x ] V ed y ] U. Si verifchi che uno spazio separabile
T:, ma che non vale il viceversa.
U
V
x y
Esercizio :o.:. Si dimostri che X T: se e solo se ogni punto x chiuso.
Esercizio :o.,. Si dimostri la proposizione :o.:.
Esercizio :o.. Si dimostri che O(n) e SO(n) sono chiusi in M
n
(R) e che U(n) e SU(n) sono
chiusi in M
n
(C).
Esercizio :o.,. Sia X = (x, y) R
i
x
i
= : e defniamo una relazione dequivalenza su X come
(x, y) (x

, y

) se y = y

o. Si dimostri che X] non separato.


Esercizio :o.o. Si dimostri che se, in uno spazio separato X, la successione a
n
converge ad a e
ad a

allora a = a

.
Esercizio :o.,. Sia dia un esempio di una successione a
n
in uno spazio topologico X (necessaria-
mente non separato) convergente a due punti a e a

distinti.
::,
0 Separazione
Esercizio :o.8. Sia X uno spazio topologico separato. X detto regolare se, dati un punto x ed un
chiuso C non contenente x, esistono due aperti disgiunti A, B tali che x A e C B.
X detto normale se dati due chiusi disgiunti C, D, esistono due aperti disgiunti A, B tali che
C A e C B. (E chiaro che normale implica regolare.)
Si dimostri che ogni spazio metrico normale. (SUccivimi1o: utilizzare le distanze da C e da D)
Esercizio :o.. Sia X uno spazio topologico ed x X. Una famiglia U
i

iI
di intorni di x detta
sistema fondamentale di intorni di x se ogni intorno di x contiene un intorno U
i
per qualche i.
1. Se X metrico, si verifchi che ogni punto x ha un sistema fondamentale di intorni numera-
bile.
i. Si dimostri che uno spazio separato X regolare se e solo se ogni punto x X ha un sistema
fondamentali di intorni chiusi.
Esercizio :o.:o. Sia X uno spazio separato. Si dimostri che se ogni punto di X ha un intorno
chiuso che regolare (nella topologia indotta) allora X regolare. (SUccivimi1o: utilizzare
lesercizio :o..:)
::
II Compattezza
Spazi compatti
Un ricoprimento di uno spazio topologico X una famiglia U
i

iJ
di sottoinsiemi la cui unione
X: si dira aperto se ogni U
i
aperto. Un sottoricoprimento un ricoprimento U
j

jJ
dove j I.
Diciamo che uno spazio X compatto se da ogni suo ricoprimento aperto U
i

iI
possibile
estrarre un sottoricoprimento fnito.
Se X uno spazio metrico ed A un sottoinsieme di X, chiamiamo diametro di A la quantita
d(A) = sup
x, yA
d(x, y). Un insieme A si dice limitato se il suo diametro fnito.
7eorema 11.1
Gli intervalli chiusi e limitati |a, b| della retta reale R sono compatti.
Dimostrazione. Dimostriamo il teorema solo nel caso dellintervallo |o, :|, il caso generale essendo
del tutto analogo. (Inoltre, essendo due intervalli chiusi omeomorf, il caso generale seguira altres
dalla proposizione ::.,)
Supponiamo quindi che U = U
i

iI
sia unricoprimento aperto di |o, :| da cui nonsi possa estrarre
unsottoricoprimento fnito. Dividiamo lintervallo |o, :| a meta e consideriamo i due sottointervalli
|o, :]:| e |:]:, :|: almeno uno dei due non potra essere ricoperto con una sottofamiglia fnita di U;
chiamiamo |a
:
, b
:
| questo intervallo. Nello stesso modo, uno dei due intervalli |a
:
, (a
:
+ b
:
)]:| e
|(a
:
+ b
:
)]:, b
:
| non potra essere ricoperto da una sottofamiglia fnita di U: denotiamo questo
intervallo |a
i
, b
i
|. Procedendo nello stesso modo otterremo una sequenza infnita di intervalli
|a
:
, b
:
| |a
i
, b
i
| |a
n
, b
n
| . . .
Di conseguenza,
a
n
a
n+:
< b
n+:
b
n
, con b
n
a
n
= :
n
Segue che le successioni monotone a
n
e b
n
convergono rispettivamente ad a e b, con a b. Segue
anche che b a :
n
per ogni n, cio che a = b.
Poich a |o, :|, esiste un aperto U U con a U. Essendo la topologia di |o, :| quella indotta
dalla metrica euclidea, esiste una bolla B(a, ) U, per un > o opportuno. Fissiamo un intero
> log
i
, in modo che b

< . Si verifca immediatamente che ci implica che |a

, b

|
B(a, ) U. In altre parole, lintervallo |a

, b

| pu essere ricoperto con una sottofamiglia fnita


di U, il che impossibile.
Proposizione 11.z
::,
Compattezza
r. Ogni sottospazio chiuso di un compatto compatto.
:. Ogni sottospazio compatto di uno spazio separato chiuso.
Dimostrazione.
1. Sia C un chiuso dello spazio compatto X ed U
i

iI
un ricoprimento aperto di C. Per ogni
indice i sia U
i
= C V
i
, dove V
i
un aperto di X. La famiglia V
i

iI
(X C) un
ricoprimento aperto di X da cui si pu estrarre un sottoricoprimento fnito. Gli aperti di
tale sottoricoprimento diversi da X C ricoprono C. Intersecandoli con C otteniamo un
numero fnito di aperti U
i
di C che lo ricoprono.
i. Sia K un compatto contenuto nello spazio separato X ed x ] K. Per ogni y K esistono
un intorno V
y
di y ed un intorno V
x
(y) di x, dipendente da y, aventi intersezione vuota.
Possiamo supporre tali intorni aperti. Dato che K compatto, esisteranno un numero fnito
di punti y
:
, . . . , y
n
tali che K contenuto nella riunione dei corrispondenti intorni. Se allora
V
x
lintersezione V
x
(y
:
) V
x
(y
i
) V
x
(y
n
), avremo un aperto che contiene x e che
non interseca K, quindi il complementare di K aperto.
II.I Iunzioni continue su compatti
Proposizione 11.
Sia f X Y una funzione continua. Se X compatto la sua immagine uno spazio compatto.
Dimostrazione. Possiamo supporre f suriettiva. Sia V = V
i

iI
un ricoprimento aperto di Y.
Poniamo U
i
= f
:
(V
i
) per ogni i I. Per la suriettivita di f si avra V
i
= f (U
i
). Gli aperti U
i

iI
formano un ricoprimento aperto di X dal quale si pu estrarre un sottoricoprimento fnito. Le
immagini attraverso le f degli aperti di tale sottoricoprimento formano un sottoricoprimento
fnito estratto da V. Quindi f (X) compatto.
7eorema 11.
Due spazi X e Y sono compatti se e solo se il loro prodotto X Y compatto.
Dimostrazione. Supponiamo compatto il prodotto XY. Essendo la proiezione su ciascun fattore
continua, per la proposizione ::., anche X ed Y sono compatti.
Supponiamo ora i due fattori compatti e che il ricoprimento sia della forma U
i
V
i

iI
. Per ogni
x X, xY compatto essendo omeomorfo ad Y. Ma U
i
V
i

iI
ricopre xY, per cui esiste
un sottoinsieme fnito I(x) I tale che U
i
V
i

iI(x)
ricopre x Y. Sia U
x
laperto
iI(x)
U
i
di X; quindi U
x

xX
un ricoprimento aperto di Xda cui possiamo estrarre un sottoricoprimento
fnito U
x
:
, . . . , U
x
m
. Se poniamo I

=
m
k=:
I(x
k
), abbiamo trovato un sottoricoprimento fnito
U
i
V
i

iI
di X Y. Infatti, fssato una coppia qualsiasi (x, y) X Y, avremo che x U
x
k
per qualche k; essendo (x
k
, y) in x
k
Y, avremo y V
i
, per un opportuno i I(x
k
); ma
x U
x
U
i
, con lo stesso i e quindi (x, y) U
i
V
i
.
::o
. Funzioni continue su compatti
Dimostriamo infne che dato un ricoprimento aperto qualsiasi W
j

jJ
di XY possiamo estrarne
un sottoricoprimento fnito W
j

jJ
. Per defnizione, ogni W
j
=
iI(j)
U
i
V
i
, dove U
i
e V
i
sono aperti, rispettivamente, di X e Y, mentre I(j) un insieme dindici dipendente da j. Posto
I =
j
I(j), abbiamo che U
i
V
i

iI
un ricoprimento aperto di X Y e che quindi esiste un
sottoricoprimento fnito U
i
V
i

iI
. Per ogni indice i I

, scegliamo un j j tale che i I(j)


cio W
j
U
i
V
i
e denotiamo j

linsieme (fnito!) di questi indici. Abbiamo cos trovato un


sottoricoprimento fnito W
j

jJ
di X Y.
7eorema 11.
Sia f unapplicazione continua da uno spazio compatto X a uno spazio separato Y. Se f
biunivoca, allora un omeomorfsmo.
Dimostrazione. Poniamo g = f
:
: essendo f biunivoca, g ben defnita. Dobbiamo dimostrare
che g continua, cio, per lesercizio 8.:, che se C un chiuso di X, allora g
:
(C) chiuso. Ora,
g
:
(C) = f (C) compatto per la proposizione ::., e quindi, essendo Y separato, chiuso grazie
alla proposizione ::.:.
Osservazione ::.o. Il teorema appena dimostrato avra importanti applicazioni. Osserviamo che
lipotesi che X sia compatto essenziale: se prendiamo infatti X = |o, :) ed Y = S
:
, allora f (x) =
e
iix
unapplicazione continua e biunivoca da Xin Y, ma i due spazi non sono omeomorf perch
Y compatto ed X no, per la proposizione ::.:.
7eorema 11./
Sia Xuno spazio topologico separato e compatto, ed Y = X] un suo quoziente. Se lapplicazione
canonica p X Y chiusa, allora Y separato e compatto.
Dimostriamo dapprima il seguente
Lemma 11.8
Sia X uno spazio topologico separato e compatto. Se C e D sono due chiusi disgiunti di X, allora
esistono due aperti disgiunti U e V di X tali che C U e D V.
Dimostrazione. Osserviamo che per la proposizione ::.: C e D sono compatti. Fissiamo un punto
x in C. Esistono un aperto A
x
ed un aperto B
x
tali che x A
x
, D B
x
ed inoltre A
x
B
x
=
(dimostrazione lasciata al lettore per esercizio vedi lesercizio ::.,). Al variare di x inC, otteniamo
un ricoprimento aperto di C da cui si pu estrarre un sottoricoprimento fnito formato dagli aperti
A
x
:
, . . . , A
x
n
. Defnendo U la loro unione e V = B
x
:
B
x
n
, il lemma soddisfatto.
Dimostrazione del teorema ::.,. La compattezza di Y segue, per la proposizione ::.,, dal fatto che X
compatto e che p continua e suriettiva. Osserviamo poi che i punti di Y sono chiusi: infatti ogni
y in Y immagine di un punto x di X, che chiuso (per la proposizione :o.:, essendo X separato),
tramite la funzione p, chiusa per ipotesi. Siano ora y z due punti di Y. Gli insiemi C = p
:
(y) e
::,
Compattezza
D = p
:
(z) sono chiusi disgiunti di X. Esistono allora, per il lemma, due aperti disgiunti U e V di
X tali che C U e D V. Gli insiemi XU e XV sono dunque chiusi ed anche le loro immagini
attraverso la p sono chiusi in Y per lipotesi fatta su p. Ne segue che Y p(X U) un aperto
contenente y e che Y p(X V) un aperto contenente z. Tali aperti hanno intersezione vuota,
perch se avessero un punto t in comune, allora p
:
(t) sarebbe contenuto contemporaneamente
in U ed in V. Concludiamo che Y separato.
Un caso notevole in cui possiamo applicare il teorema quello di un G-spazio dove G fnito:
CoroIIario 11.p
Sia X uno spazio topologico separato e compatto su cui agisce un gruppo fnito G. Allora X]G
separato e compatto.
Dimostrazione. Ci basta ricordare che per il teorema . lapplicazione canonica p X X]G
chiusa.
sempio
Lo spazio proiettivo reale di dimensione n il quoziente di S
n
modulo lidentifcazione antipodale.
Se indichiamo con x il punto antipodale di x, lapplicazione x x un omeomorfsmo di S
n
in s il cui quadrato lidentita. Abbiamo quindi un gruppo di ordine due che agisce su S
n
il cui
quoziente P
n
(R). Daltro canto, S
n
compatta per il teorema di Heine-Borel. Segue che P
n
(R)
separato e compatto.
II.2 Compattezza in spazi metrici
Ricordiamo tre teoremi importanti.
7eorema 11.1o (numero di Lebesgue)
Sia X uno spazio metrico in cui ogni successione ammette una sottosuccessione convergente.
Dato un ricoprimento aperto U
i

iI
, esiste un numero reale > o tale che ogni sottoinsieme
di X di diametro minore di contenuto in un aperto del ricoprimento. Diciamo che un
numero di Lebesgue per il ricoprimento U
i
.
Dimostrazione. Supponiamo che non ci sia un numero di Lebesgue per il ricoprimento dato. Allora
per ogni intero n esiste un sottoinsieme A
n
di Xnon incluso in nessun aperto del ricoprimento e di
diametro minore di :]n. Allinterno di ognuno di tali insiemi scegliamo unpunto x
n
. Per ipotesi una
sottosuccessione della successione x
n
converge ad un qualche x X. In particolare, se x incluso
in un aperto Udel ricoprimento, possiamo prendere una bolla B(x, ) U. Quindi, per uninfnita
di interi n, x
n
B(x, ]:); in particolare, preso con :] < ]:, otteniamo d(A

) < :] < ]:.


Segue immediatamente (vedi anche lesercizio 8.) che A

B(x, ) U, contrariamente alle


ipotesi.
::8
.2 Compattezza in spazi metrici
Diciamo che uno spazio metrico X totalmente limitato se per ogni > o esiste un sottoinsieme
fnito A di X tale che X =
xA
B(x, ); cio nessun punto di X dista pi di da un punto di A. E
facile verifcare che un insieme totalmente limitato anche limitato e che in R
n
vale il viceversa
(vedi anche gli esercizi). In generale vale la seguente
Proposizione 11.11
Se in uno spazio metrico X ogni successione ha una sottosuccessione convergente, allora X
totalmente limitato.
Dimostrazione. Fissiamo > o e supponiamo che Xnon sia totalmente limitato. Vogliamo trovare,
per induzione, una successione in X in cui ogni punto dista pi di dallaltro: ovviamente da
una simile successione non sarebbe possibile estrarre una sottosuccessione convergente, e questo
contraddirebbe lipotesi.
Costruiamo, dunque, una simile successione. Sia x
:
un punto qualsiasi di X: poich X non
totalmente limitato, esiste x
i
] B(x
:
, ). Supponiamo ora di avere una successione fnita x
:
, . . . , x
n
tale che d(x
i
, x
j
) > per ogni i, j compresi fra : ed n. Poich X non totalmente limitato,

n
i=:
B(x
i
, ) X e quindi esiste x
n+:
X tale che d(x
n+:
, x
i
) > per ogni i = :, . . . , n. Per
induzione esiste allora una successione infnita con d(x
i
, x
j
) > per ogni i, j.
7eorema 11.1z (BolzanoWeierstrass)
Sia X uno spazio metrico. Allora le tre propriet seguenti sono equivalenti.
r. X compatto
:. ogni successione in X ha una sottosuccessione convergente
. ogni sottoinsieme infnito ha almeno un punto limite
Dimostrazione.
, : Sia x
n
una successione in X: se uno dei punti della successione appare infnite volte,
allora possiamo estrarre una sottosuccessione costante e quindi convergente. Se invece ogni
punto di x
n
appare un numero fnito di volte, allora linsieme dei punti della successione
infnito e quindi ammette un punto limite x. Segue immediatamente che esiste una
sottosuccessione di x
n
convergente ad x.
: : Sia U
i
un ricoprimento aperto di Xe sia , un suo numero di Lebesgue. Per la proposizio-
ne ::.:: esiste un sottoinsieme fnito A di X tale che X =
xA
B(x, ). Essendo il diametro
di ciascuna di queste bolle : < ,, per ogni x A esiste un aperto U
x
del ricoprimento con-
tenente B(x, ). Daltro canto, ogni punto di X appartiene ad una delle bolle B(x, ) U
x
con x A e quindi U
x

xA
un sottoricoprimento fnito di X. Abbiamo cos dimostrato
che X compatto.
: , Supponiamo che A Xsia infnito e privo di punti limite. Allora, per ogni punto x Xesiste
un intorno aperto U
x
che non contiene nessun elemento di A, tranne al pi x. Chiaramente
U
x

xX
un ricoprimento aperto da cui possiamo estrarre un sottoricoprimento fnito
U
x
:
, . . . , U
x
n
. In particolare anche A incluso in un tale ricoprimento; per la scelta degli
intorni, segue che A x
:
, . . . , x
n
e quindi A fnito, il che impossibile.
::
Compattezza
Proposizione 11.1
Sia x
n
una successione nello spazio metrico compatto X. Supponiamo che ogni sottosuccessione
convergente di x
n
converga allo stesso punto x. Allora x
n
converge ad x.
Dimostrazione. Si osservi che la compattezza di x implica lesistenza di sottosuccessioni conver-
genti. Se x
n
non converge ad x, esiste un intorno aperto U di x tale che la x
n
non cade defnitiva-
mente in U, cio per ogni intero k esiste n
k
> k tale che x
n
k
] U. La successione x
n
k
contenuta
nel chiuso C = X U; essendo X compatto, anche C compatto e quindi la x
n
k
ha una sottosu-
cessione convergente in C. Troveremmo cos una sottosuccessione convergente di x
n
, che non
converge ad x.
7eorema 11.1 (Heine-Borel)
Sia X un sottospazio di R
n
. Allora X compatto se e solo se chiuso e limitato.
Dimostrazione. Se X limitato allora immediato verifcare che X incluso in un cubo I
n
, dove I
un opportuno intervallo chiuso di R e I
n
un compatto essendo il prodotto di n compatti. In
particolare, X un sottoinsieme chiuso di un compatto, e quindi compatto per la proposizione ::.:.
Daltro canto, se X compatto, per la stessa proposizione pure chiuso. Se non fosse limitato, allora
potremmo costruire una successione x
n
X con |x
n
| |x
n:
| + : per ogni n. In particolare
d(x
n
, x
m
) : per ogni n m e quindi nessuna sottosuccessione di x
n
pu convergere. Questo
contraddice il teorema di Bolzano-Weierstrass e quindi X limitato.
sempi
1. O(n) compatto. Infatti abbiamo visto, nellesercizio :o., che chiuso in M
n
(R), identif-
cabile con lo spazio amne di dimensione n
i
. Le colonne di una matrice di O(n) sono vettori
di R
n
di lunghezza unitaria, quindi gli elementi di una matrice di O(n) sono numeri reali di
valore assoluto minore o uguale a uno. Segue che O(n) anche limitato e quindi compatto.
i. SO(n) compatto. Infatti un sottoinsieme chiuso di O(n) e quindi compatto per la
proposizione ::.:.
. U(n) ed SU(n) sono compatti. Per dimostrarlo ci basta ragionare come nei due esempi
precedenti.
CoroIIario 11.1 (teorema di Weierstrass)
Sia f X R una funzione continua, dove X uno spazio compatto. Allora esiste un punto di X
in cui f raggiunge il massimo ed un punto in cui raggiunge il minimo.
Dimostrazione. Limmagine f (X) compatta in R e quindi chiusa e limitata, per il teorema di
Heine-Borel. Segue che sup f (x) fnito, quindi un punto di accumulazione e appartiene ad
f (X), cio f (x) ha un massimo. Analogamente per il minimo.
::o
.2 Compattezza in spazi metrici
sercizi
Esercizio ::.:. Si verifchi che uno spazio totalmente limitato anche limitato.
Esercizio ::.:. Si dimostri che un sottoinsieme limitato di R
n
totalmente limitato.
Esercizio ::.,. Sia la forma bilineare simmetrica su R
i
di segnatura (:, :) corrispondente alla
forma quadratica x
i
y
i
. Si dimostri che il gruppo O(:, :) che conserva tale forma non compatto.
Esercizio ::.. Si dimostri che il gruppo di Lorentz O(,, :) non compatto.
Esercizio ::.,. Sia X uno spazio separato e compatto. Si dimostri che X regolare.
Esercizio ::.o. Sia dia un esempio di uno spazio metrico non compatto e di un suo ricoprimento
aperto che non ammette un numero di Lebesgue.
Esercizio ::.,. Si dimostri direttamente che se ogni successione in uno spazio X ammette una
sottosuccessione convergente, allora ogni sottoinsieme infnito di X ha almeno un punto limite.
Esercizio ::.8. Uno spazio topologico X localmente compatto se ogni punto x ha un intorno
compatto. Dato uno spazio separato X si verifchi che X localmente compatto se e solo se per
ogni punto x esiste un sistema fondamentale di intorni avente chiusura compatta.
:::
Compattezza
:::
I2 Connessione
Spazi connessi
Diciamo che uno spazio topologico X non connesso se esistono due aperti non vuoti e disgiunti
la cui unione X. Equivalentemente, esiste un sottoinsieme non vuoto e diverso da X che
contemporaneamente aperto chiuso. In caso contrario diciamo che X connesso.
Ricordiamo che un intervallo un sottoinsieme I della retta reale R tale che se x, y I, con x < y,
allora |x, y| I.
7eorema 1z.1
Un sottoinsieme X della retta reale connesso se e solo se un intervallo.
Dimostrazione. Supponiamo che X non sia un intervallo: allora ci sono tre punti a < b < c con
a, c X ma b ] X. Segue che X (, b) e X (b, +) sono aperti (nella topologia di X,
beninteso), non vuoti e disgiunti, la cui unione X. Quindi X non connesso.
Supponiamo ora che lintervallo X non sia connesso: X = A B con A e B aperti non vuoti e
disgiunti. Siano x < y due punti rispettivamente in A e in B (tali x ed y esistono, eventualmente
dopo aver scambiato A e B). Poniamo A

= A |x, y| e B

= B |x, y|: essendo |x, y| chiuso


e limitato in R, anche A

e B

sono chiusi e limitati in R. Dato che A

limitato, il suo estremo


superiore fnito: sia c = supA

. Dato che A

chiuso, allora c A

. Poich y B

e gli insiemi
A

e B

disgiunti, segue che c < y. Poich X un intervallo, tutti i punti a destra di c sono in B

e
quindi c B

= B

, il che impossibile.
Nel seguito ci sara utile il seguente risultato, la cui dimostrazione lasciata per esercizio.
Lemma 1z.z
Sia Z il sottospazio della retta reale costituito dai due punti o e :. Uno spazio X non connesso se
e solo se esiste unapplicazione continua e suriettiva da X in Z. Equivalentemente, X connesso
se e solo se ogni applicazione continua da X a Z costante.
Proposizione 1z.
Sia X uno spazio connesso ed f X Y unapplicazione continua. Allora f (X) connessa.
Dimostrazione. Se f (X) la riunione di due aperti nonvuoti e disgiunti Ae B, allora X la riunione
delle loro controimmagini che sono ancora due aperti non vuoti e disgiunti, contrariamente
allipotesi.
::,
2 Connessione
sempi
1. Un cammino in uno spazio X unapplicazione continua |o, :| X. Limmagine di tale
cammino (che denoteremo spesso con se non vi possibilita di confusione) connessa.
i. Il cerchio S
:
connesso perch immagine di R attraverso unapplicazione continua.
. Se f |a, b| R unapplicazione continua con f (a) < o ed f (b) > o, allora esiste un
t (a, b) tale che f (t) = o. Infatti limmagine di |a, b| un connesso, quindi un intervallo,
contenente f (a) ed f (b) e quindi lintero intervallo | f (a), f (b)|.
Proposizione 1z.
Gli spazi topologici X e Y sono connessi se e solo se il loro prodotto X Y connesso.
Dimostrazione. Se il prodotto connesso, anche i fattori lo sono perch le proiezioni sui fattori
sono continue. Supponiamo ora X e Y connessi. Sia f X Y Z = o, : unapplicazione
continua. Verifchiamo che costante. Siano z
:
= (x
:
, y
:
) e z
i
= (x
i
, y
i
) due punti. Avremo
f (z
:
) = f (x
:
, y
i
) perch z
:
e (x
:
, y
i
) sono contenuti nel sottospazio x
:
Y Y che connesso
e su cui la f costante per il lemma. Analogamente si mostra che f (x
:
, y
i
) = f (z
i
), quindi f
costante.
I2.I Criteri di connessione
E importante avere a disposizione qualche criterio per stabilire la connessione di uno spazio.
Proposizione 1z.
Sia Y
i

iI
una famiglia di connessi di X tali che Y
i
Y
j
per ogni coppia di indici i e j.
Allora la loro riunione Y =
iI
Y
i
connessa.
Dimostrazione. Se Y fosse la riunione di due aperti disgiunti non vuoti A e B allora, per ogni i,
Y
i
sarebbe completamente contenuto in A oppure in B, essendo connesso. Dato che sia A che
B non sono vuoti, esiste un indice i per cui Y
i
A ed un indice j con Y
j
B contro lipotesi
sullintersezione.
Segue facilmente (ma ne lasciamo al lettore la dimostrazione) che
CoroIIario 1z.
r. Sia Yun sottospazio connesso di X. Sia Y
i

iI
una famiglia di connessi di Xtali che YY
i
=
per ogni i. Allora Y (
iI
Y
i
) connesso.
:. Siano Y
:
, Y
i
, . . . connessi in X tali che Y
i
Y
i+:
. Allora la loro riunione connessa.
::
2.2 Componenti Connesse
sempi
1. Sia x un punto di R
n
. Una riunione di rette o segmenti contenenti x connessa.
i. Il disco aperto D in R
i
e la sua chiusura sono connessi.
. Una semisfera aperta o chiusa connessa in quanto omeomorfa a D o alla sua chiusura.
. Una sfera S
i
connessa in quanto riunione di due semisfere con intersezione non vuota.
,. Se Y un sottoinsieme denso e connesso di X, allora X connesso. In particolare, se Y
connesso anche la sua chiusura connessa.
o. Se Y denso e connesso in X, allora ogni Z tale che Y Z X connesso.
,. Sia G un gruppo topologico, H un sottogruppo e G]H linsieme delle classi laterali sini-
stre con la topologia quoziente. Se H e G]H sono connessi, allora G connesso: vedi il
teorema :.,.
I2.2 Componenti Connesse
Sia x un punto dello spazio X. La riunione di tutti i connessi contenenti x un connesso per la
proposizione ::., ed ovviamente il pi grande connesso contenente x. Tale insieme chiuso,
si chiama componente connessa di x e sara denotato C
x
. Due componenti connesse hanno in-
tersezione vuota oppure coincidono: infatti se la loro intersezione non vuota, la riunione un
connesso che le contiene entrambe. Le componenti connesse danno una partizione di X.
sempio
Se Y X non vuoto, connesso ed contemporaneamente aperto e chiuso, allora una
componente connessa di X. Infatti, se Y Z, dove Z connesso, allora Y aperto e chiuso in Z e
quindi Z = Y (Z Y), contrariamente allipotesi su Z.
I2.3 Connessione per archi
Uno spazio topologico X si dice connesso per archi se, dati due punti x ed y in X, esiste un
cammino (od arco) |o, :| X con (o) = x e (:) = y si ricordi che un cammino per
defnizione continuo. Useremo lo stesso simbolo ed useremo la parola cammino anche per
indicare il sottoinsieme di X immagine dellapplicazione corrispondente. Diremo anche che
un cammino da x ad y.
Proposizione 1z./
Se lo spazio X connesso per archi allora connesso.
Dimostrazione. Supponiamo che X sia la riunione di due aperti disgiunti non vuoti A e B, e
prendiamo un punto x in A ed un punto y in B. Se un cammino da x ad y, allora A e B
sono due aperti non vuoti e disgiunti la cui unione , il che assurdo essendo connesso.
::,
2 Connessione
Osservazione ::.8. Non vale il viceversa, cio esistono spazi connessi ma non connessi per archi
(vedi lesercizio ::.,).
Composizione di cammini
Siano e due cammini in X tali che (:) = (o). Defniamo un nuovo cammino nel modo
seguente:
()(t) =

(:t) se t |o, :]:|


(:t :) se t |:]:, :|
Lapplicazione continua e defnisce un cammino, detto la composizione di e , che ha lo
stesso punto iniziale di e lo stesso punto fnale di .
Cammino inverso
Dato uncammino da x ad y, il camminoinverso
:
lapplicazione defnita da
:
(t) = (:t).
Esso chiaramente un cammino da y ad x.
Connessione deIIe sfere
Come applicazione della proposizione ::., dimostriamo che:
Proposizione 1z.p
Se n :, S
n
connesso.
Dimostrazione. Dati due punti non antipodali P e Q di S
n
, il punto tP + (: t)Q non coincide
con lorigine per nessun t |o, :|, quindi il cammino
(t) =
tP + (: t)Q
|tP + (: t)Q|
congiunge P a Q. Se invece i due punti sono antipodali, per esempio P = (:, o, o, . . . , o) e
Q = (:, o, o, . . . , o), prendiamo il cammino (t) = (cos t, sen t, o, . . . , o) con t |o, |, che
congiunge P a Q.
sercizi
Esercizio ::.:. Si dimostri il lemma ::.:.
Esercizio ::.:. Si dimostri che se x un punto qualsiasi di R allora R x non connesso. Si
deduca che R non omeomorfo ad R
i
.
Esercizio ::.,. Si verifchi che Q non connesso.
Esercizio ::.. Si mostri che non vale linverso dellesempio , di pagina ::,, cio possibile avere
Y denso in X, con Y non connesso ed X connesso.
::o
2.3 Connessione per archi
Esercizio ::.,. Si verifchi che ogni bolla di R
n
connessa per archi.
Esercizio ::.o. Sia X R
i
dato da (x, sen
:
x
) R
i
|x| (o, :| (o, y) R
i
y |:, :|. Si
dimostri che X connesso.
Esercizio ::.,. Sia X come nellesercizio precedente. Si dimostri che X non connesso per archi.
Esercizio ::.8. Diciamo che due cammini e

sono equivalenti se esiste un omeomorfsmo di


|o, :| in s tale che (o) = o, (:) = : e

= . Si dimostri che se , e sono tre cammini


con (:) = (o) e (:) = (o), allora () equivalente a ().
::,
2 Connessione
::8
I3 Varieta 7opoIogiche
Uno spazio topologico separato X una variet topologica di dimensione n se ogni punto x di
X ha un intorno aperto U
x
omeomorfo alla bolla unitaria aperta B(O, :) R
n
. La bolla B(O, )
con < : un intorno aperto di x la cui chiusura compatta. Si noti che la chiusura di B(O, ) in
B(O, :), essendo compatta nello spazio separato X, anche la chiusura di B(O, ) in X. Quindi X
localmente compatto. Si dira anche che X localmente euclideo per indicare lesistenza, per ogni
punto x X, di un intorno aperto omeomorfo a B(O, :). La dimensione di una varieta topologica
ben defnita perch vale il teorema seguente, che non dimostriamo (ma vedi lesercizio ::.:)
7eorema 1.1
Se n m, allora un aperto non vuoto di R
n
non omeomorfo ad un aperto di R
m
.
Per le varieta topologiche la connessione equivale alla connessione per archi:
Proposizione 1.z
Sia X una variet topologica. Allora X connessa se e solo se connessa per archi.
Dimostrazione. La connessione per archi implica la connessione, come abbiamo visto nella pro-
posizione ::.,.
Supponiamo X connesso. Sia D(x) = y X esiste un arco da x ad y. Dimostriamo che D(x)
aperto e chiuso. Infatti D(x) aperto perch se y un suo punto ed U
y
un intorno aperto
di y omeomorfo a B(O, :), allora U
y
D(x): per ogni z U
y
esiste un cammino da y a z
contenuto in U
y
; componendolo con un cammino da x ad y otteniamo un cammino da x a z.
Analogamente, X D(x) aperto. Infatti se y ] D(x), preso un intorno U
y
omeomorfo a B(O, :),
per ogni z U
y
, non pu esistere un arco da x a z: se ci fosse, componendolo con un arco da z
ad y in U
y
otterremmo un arco da x ad y. Quindi U
y
contenuto nel complementare di D(x).
Quindi D(x) aperto e chiuso; non vuoto perch contiene x e quindi D(x) = X. Dati infne due
punti qualsiasi y, z X, esiste un cammino da x ad y ed un cammino da x a z; quindi
:

un cammino da y a z.
sempi
Lasciamo al lettore il compito di dimostrare che gli spazi topologici degli esempi :, sono tutti
varieta topologiche.
1. R
n
(vedi lesempio : di pagina ,).
i. Aperti di R
n
, aperti di varieta topologiche.
::
3 Variet Topologiche
. Le sfere S
n
R
n+:
: infatti un intorno del punto (:, o, . . . , o) omeomorfo alla bolla unitaria di
R
n
, tramite la proiezione sulliperpiano x
:
= o, linsieme (x
o
, . . . , x
n
) S
n
x
o
> o.
. Prodotti di varieta topologiche: ad esempio il toro S
:
S
:
.
,. Gli spazi proiettivi P
n
(R) (vedi qui di seguito).
o. Una varieta topologica di dimensione due detta superfcie topologica; abbiamo visto tre
esempi di superfci compatte: S
i
, P
i
(R), S
:
S
:
; esiste una classifcazione completa delle
superfci topologiche compatte.
,. a) GL
n
(R) una varieta topologica di dimensione n
i
in quanto un aperto di uno spazio
amne di dimensione n
i
b) O(n) una varieta topologica di dimensione n(n :)]:, ma per ora non siamo in
grado di dimostrarlo
c) SO(n) una varieta topologica, perch un aperto di O(n)
d) SU(:) una varieta topologica, in quanto omeomorfo a S

(vedi pagina ,)
In generale, tutti i gruppi di matrici che incontreremo sono varieta topologiche.
8. Sia H
n
il sottoinsieme di R
n
costituito da tutti i punti (x
:
, . . . , x
n
) con x
n
o. Defniamo
il bordo di H
n
come H
n
= x H
n
x
n
= o. Una variet topologica con bordo uno
spazio topologico separato M(con una base numerabile di aperti) tale che ogni punto x M
ha un intorno omeomorfo ad un aperto di H
n
. Il bordo di M, denotato M linsieme
dei punti x Mper cui esiste un omeomorfsmo di un intorno di x con un aperto di H
n
che associa al punto x lorigine O H
n
. Esempi di varieta topologiche con bordo sono la
banda di Mbius e D
n
.
I3.I Spazi proiettivi reaIi
Ricordiamo che lo spazio proiettivo reale stato defnito come un quoziente di R
n+:
O (vedi
pag. :o,). Sia p lapplicazione di passaggio al quoziente.
Se P = p(x
o
, x
:
, . . . , x
n
), diremo che x
o
, x
:
, . . . , x
n
sono coordinate omogenee di P; scriveremo
anche P = (x
o
x
:
x
n
). Queste, in realta, sono determinate a meno di una costante
moltiplicativa non nulla, e quindi non sono vere coordinate: possiamo dire se una coordinata
omogena uguale zero o diversa da zero ma non possiamo assegnare un valore ad una coordinata
omogenea diversa da zero.
Vogliamo dimostrare che P
n
(R) una varieta topologica di dimensione n. Sia V
o
il complementare
in R
n+:
o dellinsieme x
o
= o: un aperto saturo la cui immagine U
o
in P
n
(R) laperto
costituito dai punti aventi la prima coordinata omogenea diversa da zero. In modo analogo si
costruiscono gli aperti U
:
, U
i
, . . . , U
n
. Un punto dello spazio proiettivo giace necessariamente
in almeno uno di questi aperti, e se verifchiamo che ognuno di questi omeomorfo a B(O, :),
abbiamo mostrato che P
n
(R) una varieta topologica di dimensione n.
Verifchiamo che U
o
omeomorfo a R
n
e quindi a B(O, :). Sia P = (x
o
x
:
x
n
) U
o
e
poniamo (P) = (x
:
]x
o
, x
i
]x
o
, . . . x
n
]x
o
) R
n
. Tale applicazione ben defnita e proviene da
:,o
3.2 Connessione dei gruppi classici
unapplicazione di V
o
in R
n
per passaggio al quoziente.
R
n+:
o

P
n
(R)

V
o
p

U
o

R
n

.
Ovviamente (x
o
, . . . , x
n
) = (x
:
]x
o
, x
i
]x
o
, . . . x
n
]x
o
) continua in V
o
; quindi continua e
stabilisce una corrispondenza biunivoca fra U
o
ed R
n
, come si vede immediatamente. Verifchiamo
ora che linversa =
:
continua. Sia A un aperto di U
o
: abbiamo
:
(A) = (A) = {p
:
(A))
e B = p
:
(A) un aperto saturo contenuto in V
o
. Quindi B della forma (
iI
L
i
) O, dove
le L
i
sono rette per lorigine. La condizione B V
o
signifca che le rette L
i
non sono contenute
nelliperpiano
o
= x
o
= o. Lapplicazione costante su ciascuna retta L
i
O. Posto

:
= x
o
= :, lintersezione L
i

:
da lunico punto di L
i
con prima coordinata uguale ad
uno. Daltra parte lapplicazione induce un omeomorfsmo fra
:
ed R
n
. Dato che B aperto,
linsieme D = B
:
aperto in
:
. Inoltre (B) = (D), quindi
:
(A) = (A) = (B) aperto
in R
n
.
I3.2 Connessione dei gruppi cIassici (prima parte)
Ricordiamo che per una varieta la connessione equivalente alla connessione per archi. Mostriamo
ora alcune proprieta di connessione (e non) di alcuni gruppi classici.
Proposizione 1.
Abbiamo che.
r. GL
n
(R) non connesso.
:. O(n) non connesso.
. SU(:) connesso.
,. SO(,) connesso.
Dimostrazione.
1. Sia Auna matrice con determinante positivo e B una matrice con determinante negativo.
Se GL
n
(R) fosse connesso esisterebbe un cammino da A a B. Essendo la funzione deter-
minante continua, = det |o, :| R una funzione continua con (o) < o e (:) > o.
Dunque esiste t |o, :| tale che (t) = o, cio det{(t)) = o, il che impossibile, essendo
un cammino in GL
n
(R).
i. Si ragiona come sopra, partendo da una coppia di matrici di O(n) con determinante,
rispettivamente, +: e :.
. Abbiamo visto che SU(:) omeomorfo a S

, che connesso per la proposizione ::..


:,:
3 Variet Topologiche
. Ogni elemento di SO(,) rappresenta una rotazione intorno ad un asse. Ci signifca che
data una matrice A SO(,), esiste una matrice Q SO(,) tale che A = Q
:
BQ dove
B =

: o o
o cos sen
o sen cos

rappresenta una rotazione di un angolo nel piano di equazione x = o. Scriviamo B =


Rot(; y, z). Con queste notazioni chiaro che il cammino (t) = Rot(t; y, z) congiunge
la matrice identita I a B in SO(,). Allora il cammino (t) = Q
:
(t)Q congiunge I ad A.
Segue facilmente che SO(,) connesso per archi.
CoroIIario 1.
La variet O(,) ha due componenti connesse.
Dimostrazione. Come abbiamo appena visto, SO(,) connesso. Inoltre (non vuoto e) aperto e
chiuso in O(,). Infatti, consideriamo lapplicazione continua det O(,) R, che assume soltanto
i valori :; allora SO(,) chiuso in quanto controimmagine del punto : ed aperto perch il suo
complementare controimmagine del punto :. Quindi una componente connessa. Scelta poi
una matrice A O(,) con determinante :, lapplicazione X AX un omeomorfsmo di O(,)
in s che manda SO(,) nel suo complementare, che dunque laltra componente connessa.
I3.3 NumerabiIita e paracompattezza
Uno spazio topologico X a base numerabile se esiste una famiglia numerabile di aperti A
n

nN
tale che ogni aperto unione di aperti A
i
. Se X a base numerabile, allora ogni punto x X ha
un sistema fondamentale di intorni numerabile: (vedi lesercizio :o.) bastera prendere gli aperti
della base che contengono x.
Dato uno spazio topologico X ed un suo ricoprimento aperto U
i

iI
, diciamo che il ricoprimento
aperto V
j

jJ
un suo rafnamento se per ogni indice j esiste un indice i(j), dipendente da j,
tale che V
j
U
i(j)
. In altre parole ciascuno dei V
j
contenuto almeno in un U
i
.
Dato poi un ricoprimento aperto, diremo che localmente fnito se per ogni punto x Xesiste un
intorno U di x che ha intersezione non vuota solo con un numero fnito di aperti del ricoprimento.
Uno spazio topologico Xsi dice paracompatto se separato e se ogni ricoprimento aperto ammette
un ramnamento aperto localmente fnito. Vale il seguente teorema che avra importanti applicazioni
nelle varieta diferenziabili.
7eorema 1.
Sia X uno spazio separato, localmente compatto e a base numerabile. Allora X paracompatto.
Dimostrazione. La dimostrazione conseguenza immediata delle due proposizioni seguenti.
:,:
3.3 ^umerabilit e paracompattezza
Proposizione 1.
Sia X uno spazio separato, localmente compatto e a base numerabile. Allora esiste una famiglia
numerabile di aperti
n

nN
tale che K
n
=
n
compatto e
K
n

n+:


K
n+:
, X =
n

n
=
n
K
n
Dimostrazione. Sia A
n

nN
una base numerabile di aperti. Dato un punto x X sia U un suo
intorno compatto: U chiuso in X perch X separato. Lintorno U deve contenere un aperto
A
i
della base, contenente x. La chiusura di A
i
in X coincide con la sua chiusura in U perch U
chiuso in X; quindi A
i
ha una chiusura compatta. Segue che, se dalla base originaria scegliamo
gli aperti a chiusura compatta, otteniamo ancora una base U
n

nN
(ovviamente numerabile).
Poniamo allora
:
= U
:
, K
:
=
:
. Supponiamo poi
n
= U
:
U
i
n
. Sia K
n
=
n
, allora
K
n
=

U
:


U
i
n
e quindi K
n
compatto in quanto riunione fnita di compatti. Se i
n+:
il pi
piccolo indice > i
n
tale che K
n
U
:
U
i
n+:
, poniamo
n+:
= U
:
U
i
n+:
e K
n+:
=

n+:
.
Si ha allora K
n

n+:


K
n+:
e gli aperti
n
soddisfano le condizioni volute.
Proposizione 1./
Sia Xuno spazio separato. Supponiamo che vi sia una famiglia numerabile K
n

nN
di compatti
tali che K
n


K
n+:
e X =
n
K
n
. Allora X paracompatto.
Dimostrazione. Sia A
i

iI
un ricoprimento di X: vogliamo trovare un ramnamento localmente
fnito. Gli insiemi K
n
sono chiusi poich X separato. Per ogni n linsieme K
n+:


K
n
chiuso in
K
n+:
, quindi compatto e ricopribile con un numero fnito di aperti del ricoprimento dato:
K
n+:


K
n
=
iI
n
A
i
, I
n
I fnito
Inoltre K
n+:


K
n


K
n+i
K
n:
. Linsieme B
i,n
= A
i
(

K
n+i
K
n:
) un aperto di X e
K
n+:


K
n

iI
n
B
i,n
Gli aperti B
i,n

iI
n
,nN
formano dunque un ramnamento di A
i

iI
. Tale ramnamento local-
mente fnito perch se x X esiste un indice n tale che x K
n
ma x ] K
n:
; quindi x appartiene
allaperto U =

K
n+:
K
n:
. Gli aperti B
i,k
che possono avere intersezione non vuota con U sono
quelli con k = n :, n :, n, n + : e sono cos in numero fnito.
Nel teorema seguente, vediamo unapplicazione tipica dellesistenza di ramnamenti localmente
fniti.
7eorema 1.8
Sia X uno spazio paracompatto, allora X normale, cio dati due chiusi disgiunti C, D esistono
due aperti disgiunti A, B tali che C A, D B.
:,,
3 Variet Topologiche
Dimostrazione. Essendo X separato, per ogni punto x C e per ogni y D esistono aperti
disgiunti U(x, y) e V(x, y) tali che x U(x, y) e y V(x, y). Fissiamo x C: troviamo due
aperti disgiunti U(x) e V(x) tali che x U(x) e D V(x) (in altre parole, dimostriamo che X
regolare). Consideriamo il ricoprimento aperto di X formato da X D e dagli aperti V(x, y) con
y D. Sia W
j

jJ
un suo ramnamento localmente fnito e sia V(x) la riunione dei W
j
che sono
contenuti in qualche V(x, y), con y D; tale V(x) aperto e contiene D. Sappiamo che esiste un
intorno aperto U di x che incontra un numero fnito di W
j
, in particolare, incontra un numero
fnito fra i W
j
la cui unione V(x). Se questi ultimi sono contenuti in V(x, y
:
) V(x, y
n
),
allora laperto U(x) = U U(x, y
:
) U(x, y
n
) non incontra V(x).
Consideriamo ora il ricoprimento aperto di X formato da XC e U(x)
xC
. Sia T
k

kK
un suo
ramnamento aperto localmente fnito. Linsieme A ottenuto dalla riunione dei T
k
contenuti in
qualche U(x), con x C, aperto e contiene C. Verifchiamo ora che ogni y D ha un intorno
aperto B(y) tale che A B(y) = . Dato y D, esiste un intorno aperto V di y che incontra un
numero fnito di T
k
, in particolare un numero fnito fra i T
k
la cui unione A. Se questi ultimi
sono contenuti in U(x
:
) U(x
m
), allora VV(x
:
) V(x
m
) laperto B(y) cercato. Se
B la riunione dei B(y) con y D, allora la coppia A, B soddisfa le condizioni volute.
ConcIusioni
Sia X una varieta topologica. Lo spazio topologico X ha le seguenti proprieta:
1. separato
i. localmente euclideo
. localmente compatto
. regolare (vedi lesercizio :o.:o)
,. connesso connesso per archi
Supponiamo inoltre che X sia a base numerabile, avremo allora:
o. base numerabile
,. paracompatto
8. normale
. metrizzabile (cio esiste una metrica che induce la topologia data)
Non diamo la dimostrazione dellultima proprieta (vedi corollario :, pag. :, di [D]). La proprieta
() implica la (8) (vedi lesercizio :o.8).
sercizi
Esercizio :,.:. Sia U X un aperto in una varieta topologica di dimensione n. Si verifchi che
dim(U) = n.
Esercizio :,.:. Si mostri che R non isomorfo ad R
n
se n > :. (SUccivimi1o: si tolga un punto
da entrambi.)
:,
I4 Gruppi 7opoIogici
Per mostrare che in generale O(n) ha due componenti connesse o che SO(n) ed SU(n) sono
connessi abbiamo bisogno di sfruttare il fatto che, oltre ad essere varieta topologiche, possiedono
anche una struttura di gruppo.
Un gruppo topologico G uno spazio topologico separato dotato di una struttura di gruppo in cui
la moltiplicazione unapplicazione continua da GG in G e la funzione inversa unapplicazione
continua da G in G. Ad esempio, tutti i gruppi di matrici che abbiamo considerato fnora sono
gruppi topologici con la topologia indotta da M
n
(R) oppure da M
n
(C).
Unapplicazione da un gruppo topologico G ad un altro gruppo topologico G

un isomorf-
smo di gruppi topologici se un isomorfsmo algebrico ed un omeomorfsmo. Un sottogruppo
topologico H di un gruppo topologico G un sottogruppo di G dotato della topologia indotta.
Per ogni g G, la moltiplicazione a sinistra per g un omeomorfsmo di G in s. Analogamente
per la moltiplicazione a destra. Lapplicazione inversa un omeomorfsmo di G in s, quindi se V
un intorno dellelemento neutro e di G, linsieme W = V V
:
un intorno simmetrico di e,
cio W= W
:
. Segue che ogni intorno di e contiene un intorno simmetrico.
Abbiamo visto che SO(,) la componente connessa di O(,) contenente la matrice identita I.
Come sappiamo, SO(,) un sottogruppo chiuso e normale. In generale vale il seguente
7eorema 1.1
Sia G un gruppo topologico ed H la componente connessa dellelemento neutro e di G. Allora H
un sottogruppo normale chiuso.
Dimostrazione. H chiuso per defnizione, essendo una componente connessa. Per dimostrare
che sottogruppo bisogna verifcare che H H
:
H: sia x H, linsieme Hx
:
connesso perch
immagine omeomorfa di un connesso e contiene lelemento e = xx
:
; dunque Hx
:
H. Sia
poi g G: linsieme gHg
:
connesso perch immagine omeomorfa di un connesso, inoltre
contiene lelemento e per cui gHg
:
H; quindi H normale.
Unimportante proprieta dei gruppi connessi espressa dal seguente
7eorema 1.z
In un gruppo topologico connesso G ogni intorno dellelemento neutro e genera G.
Dimostrazione. Sia V un intorno di e ed H = V il sottogruppo generato dagli elementi di V. Se
h H avremo che hV H, essendo H un sottogruppo, e che hV un intorno aperto di h; cio H
intorno di ogni suo punto, quindi aperto per la proposizione 8.:. Supponiamo ora che g G H:
:,,
4 Gruppi Topologici
vogliamo mostrare che lintorno aperto gV un sottoinsieme di GH. Infatti se x gVH, allora
x = gv per qualche v V e quindi g = xv
:
sarebbe il prodotto di due elementi di H, in particolare
g H, contrariamente alle ipotesi. Segue che G H aperto, cio che H aperto, chiuso e non
vuoto (contiene e): essendo G connesso, H deve coincidere con G.
I4.I Azione di gruppi
Ricordiamo che se G un gruppo ed X un insieme, diciamo che G agisce su X se dato un
omomorfsmo di G nel gruppo T(X) delle applicazioni biunivoche di X in s. In tale caso,
diciamo anche che X un G-insieme. Se g G ed x X, scriveremo gx al posto di (g)(x).
Se X uno spazio topologico e (g) un omeomorfsmo di X in s per ogni g G, diremo che G
agisce sullo spazio X oppure che X un G-spazio. Se inoltre G uno spazio topologico diremo
che lazione continua se lapplicazione G X X defnita da (g, x) gx continua. Se x un
punto di X lo stabilizzatore S(x) sara anche detto gruppo di isotropia di x. Dato un sottogruppo
H di G lo spazio G]H delle classi laterali sinistre con la topologia quoziente anche detto spazio
omogeneo G]H.
Proposizione 1.
Sia G un gruppo topologico che agisce in modo continuo sullo spazio X. Siano H lo stabilizzatore
di un punto x
o
di X ed Y lorbita di x
o
. Allora esiste una corrispondenza biunivoca e continua
da G]H ad Y.
Dimostrazione. Dalla continuita dellapplicazione G X X che manda (g, x) gx segue che
lapplicazione di G in Y che manda g gx
o
continua.
Dati due elementi g
:
, g
i
G, abbiamo che g
:
x
o
= g
i
x
o
se e solo se g
:
i
g
:
H, cio g
:
H = g
i
H.
Segue che lazione di G su X induce unapplicazione continua e biunivoca di G]H nellorbita di
x
o
, defnita da gH gx
o
.
Osservazione :.. La corrispondenza inversa da Y a G]H non , in generale, continua. In altre
parole, G]H non , in generale, omeomorfo ad Y. Vale per il seguente
7eorema 1.
Sia G un gruppo topologico compatto che agisce in modo continuo e transitivo sullo spazio
separato X. Se H il gruppo di isotropia di un punto, allora G]H omeomorfo ad X.
Dimostrazione. Sia x il punto di cui H il gruppo di isotropia. Per lipotesi di transitivita, lorbita
di x tutto X. Per la proposizione precedente, sappiamo che lapplicazione gH gx continua e
biunivoca. Per ipotesi G compatto, quindi per la proposizione ::., G]H compatto. Di nuovo per
ipotesi X separato, quindi per il teorema ::., lapplicazione gH gx un omeomorfsmo.
Osservazione :.o. Si noti che, nelle ipotesi del teorema, X compatto perch G]H lo . Inoltre H
chiuso in G perch G]H separato: infatti ogni punto di G]H chiuso per la proposizione :o.:
ed H la controimmagine in G di un punto di G]H.
:,o
4.2 Connessione dei gruppi classici 2
7eorema 1./
Sia G un gruppo topologico ed H un sottogruppo. Se H e G]H sono connessi anche G connesso.
Dimostrazione. Sia f G Z = o, : unapplicazione continua. La restrizione di f ad H costante
essendo questo connesso; per lo stesso motivo costante la restrizione di f ad ogni classe laterale.
Abbiamo quindi unapplicazione continua

f G]H Z indotta da f : costante per la connessione
di G]H. Quindi anche f costante
I4.2 Connessione dei gruppi cIassici (seconda parte)
7eorema 1.8
r. SO(n) connesso
:. O(n) ha due componenti connesse
. U(n) connesso
,. SU(n) connesso
Dimostrazione.
1. Il gruppo O(n) agisce su S
n:
in modo continuo e transitivo (la verifca lasciata al lettore:
lazione naturalmente quella indotta dallazione di GL
n
(R) su R
n
). Il gruppo di isotropia
di un punto isomorfo a O(n :) come si verifca immediatamente prendendo il gruppo
di isotropia del punto e
:
= (:, o, o, . . . , o). Anche SO(n) agisce transitivamente su S
n:
,
ed il gruppo di isotropia di e
:
isomorfo a SO(n :). Per il teorema :.,, sappiamo che
O(n)] O(n :) e SO(n)] SO(n :) sono omeomorf a S
n:
, quindi connessi. Dato che
SO(:) banalmente connesso, applicando induttivamente il teorema :.,, otteniamo la
connessione di SO(n).
i. Come abbiamo visto nella proposizione :,.,, O(n) non connesso. Per :, SO(n) connesso
ed anche chiuso e aperto, in quanto il complementare (cio le matrici di O(n) con deter-
minante :) chiuso: costituisce quindi una componente connessa. Laltra componente il
suo complementare, che omeomorfo.
. Consideriamo lazione di U(n) su C
n
. Come in :, si vede che tale azione transitiva sulla
sfera unitaria S
in:
di C
n
identifcato con R
in
e che il gruppo di isotropia di un punto
isomorfo a U(n :). Si ottiene quindi un omeomorfsmo di U(n)] U(n :) con S
in:
.
Dato che U(:) S
:
C connesso, applicando induttivamente il teorema :., si ottiene il
punto ,.
. Lazione considerata in , induce unazione transitiva di SU(n) sulla sfera S
in:
. Si ragione
poi nello stesso modo.
Notiamo i seguenti fatti:
1. Come chiaro dalle dimostrazioni precedenti, per O(n) non si pu iniziare linduzione,
perch O(:) non connesso.
:,,
4 Gruppi Topologici
i. Si possono dare altre dimostrazioni della connessione di SO(n), U(n) ed SU(n) attraverso
luso dei tori massimali di gruppi di Lie.
. Lo spazio U(n) omeomorfo al prodotto SU(n) S
:
attraverso lapplicazione che manda
la matrice A U(n) nella coppia (B, det A), dove B la matrice ottenuta da A dividendo
tutti gli elementi della prima riga per det A e lasciando invariate tutte le altre righe. Dato
che S
:
connesso, se sappiamo che SU(n) connesso, segue che U(n) connesso.
. Nel caso di U(n), la connessione pu essere dimostrata anche con la suriettivita dellappli-
cazione esponenziale, che defnita per i gruppi di Lie.
,. Se consideriamo GL
n
(R) che non compatto, non possiamo utilizzare il teorema :.,. Esiste
tuttavia una generalizzazione di tale teorema per lazione di gruppi localmente compatti su
spazi non necessariamente compatti. Nel corso della dimostrazione del prossimo teorema
ammetteremo lesistenza di un omeomorfsmo che conseguenza di tale generalizzazione.
Una seconda dimostrazione sara data utilizzando la decomposizione polare nel paragrafo
sulle decomposizioni. Referenza:
o. Osserviamo infne che tutti i gruppi di matrici considerati sono varieta topologiche, quindi
in essi la connessione equivale alla connessione per archi.
7eorema 1.p
GL
n
(R) ha due componenti connesse.
Dimostrazione. Sia G
+
n
= GL
+
n
(R) linsieme delle matrici con determinante strettamente positivo:
un insieme non vuoto, aperto e chiuso. Dimostriamo per induzione su n che anche connesso.
G
+
:
la semiretta positiva, dunque connesso.
Supponiamo ora n :: il gruppo G
+
n
agisce transitivamente su R
n
O. Se e
:
il primo versore
della base standard, il suo stabilizzatore il sottogruppo H che ha sulla prima colonna il trasposto
di e
:
. Come spazio topologico, H omeomorfo a G
+
n:
R
n:
, quindi connesso per lipotesi
dinduzione. Per la proposizione :.,, G
+
n
]H in corrispondenza biunivoca con R
n
O, che
connesso. Non possiamo applicare il teorema :., perch G
+
n
non compatto, ma ammettiamo
ugualmente, senza dimostrazione, che questi due spazi connessi siano omeomorf (esiste una
generalizzazione del teorema :., al caso di gruppi localmente compatti che pu essere applicata in
questo caso: vedi il teorema :.,.: di [T]). Grazie al teorema :., concludiamo che G
+
n
connesso e
quindi una componente connessa di GL
n
(R). Laltra componente ovviamente il complementare
G

n
che omeomorfo a G
+
n
.
7eorema 1.1o
GL
n
(C) connesso.
Dimostrazione. Sia A una matrice di GL
n
(C) e indichiamo con a
:
, a
i
, . . . , a
n
le sue righe, che
formano una base di C
n
e a cui possiamo, quindi, applicare il procedimento di ortogonalizzazione
:,8
4.3 SU(:) ed SO(,)
di Gram-Schmidt. Otteniamo una base ortonormale:
v
:
= k
::
a
:
v
i
= k
i:
a
:
+ k
ii
a
i

v
n
= k
n:
a
:
+ k
ii
a
i
+ + k
nn
a
n
con k
ii
o, per ogni i. Se K la matrice con elementi k
i j
(che sono zero se j > i), allora KA la
matrice le cui righe sono v
:
, v
i
, . . . , v
n
. Dato che questi vettori formano una base ortonormale, la
matrice KA unitaria e quindi A = K
:
Q con Q unitaria e K triangolare inferiore con determinante
non nullo. Le matrici triangolari inferiori con determinante diverso da zero formano un gruppo
moltiplicativo T(n)

e topologicamente formano uno spazio omeomorfo a (C

)
n
C
n(n:)i
, che
connesso. Lapplicazione T(n)

U(n) GL
n
(C) che associa alla coppia (K, Q) la matrice
K
:
Q suriettiva per quanto visto. Dato che U(n) connesso segue che GL
n
(C) connesso.
I4.3 SU() ed SO()
Abbiamo studiato SO(,) e SU(:) dal punto di vista algebrico nel capitolo o. In particolare abbiamo
visto che SO(,) isomorfo a SU(:)]I, dove I il centro di SU(:). Daltro canto, questi
due gruppi sono dotati in modo naturale di una topologia per cui sono dei gruppi topologici.
Lapplicazione canonica SU(:) SO(,) continua come si vede scrivendola esplicitamente in
termini di coordinate. Possiamo vedere SU(:) come uno spazio su cui agisce moltiplicativamente
il gruppo I. Sia Y lo spazio quoziente: compatto in quanto quoziente di SU(:) che compatto.
Lapplicazione induce unapplicazione continua Y SO(,) che biunivoca perch Y ed SO(,)
coincidono come insiemi. Essendo SO(,) separato, concludiamo per il teorema ::., che:
Proposizione 1.11
SO(,) omeomorfo a SU(:)]I.
Ricordiamo anche che SU(:) omeomorfo alla sfera S

ed immediato vedere che se alla ma-


trice Adi SU(:) corrisponde il punto P di coordinate (x
:
, x
i
, x

, x
(
), allora alla matrice Acor-
risponde il punto P e che quindi il passaggio al quoziente modulo I in SU(:) corrispon-
de allidentifcazione antipodale nella sfera S

. I due spazi quozienti sono quindi omeomorf ed


abbiamo che:
Proposizione 1.1z
SO(,) omeomorfo a P

(R).
Osservazione :.:,. Indichiamo con S
+
:
linsieme dei punti di S

aventi la prima coordinata x


:
> o e
con S

:
il suo antipodale costituito dai punti con x
:
< o. Questi due insiemi sono aperti e disgiunti
e la loro riunione un aperto saturo di S

. La restrizione a S
+
:
dellapplicazione p S

(R)
continua ed iniettiva e linsieme V
:
= p(S
+
:
) = p(S

:
) un aperto di P

(R) la cui controimmagine


:,
4 Gruppi Topologici
formata da S
+
:
S

:
. Linsieme S
+
:
omeomorfo a V
:
attraverso la p: infatti se A un aperto di
S
+
:
avremo p
:
{p(A)) = A (A) cio la controimmagine di p(A) un aperto e quindi p(A)
aperto con la topologia quoziente. Analogamente p induce un omeomorfsmo fra S

:
e V
:
. Se
introduciamo in modo analogo gli insiemi S
+
i
, S

i
, V
i
con i = :, :, ,, , vediamo che ogni punto x
di P

(R) contenuto in uno dei V


i
, cio contenuto in un aperto V
x
la cui controimmagine
costituita da due aperti disgiunti ciascuno dei quali omeomorfo a V
x
attraverso la p. Si dice allora
che p S

(R) un rivestimento (a due fogli). In particolare i due spazi sono localmente


omeomorf. Vedremo limportanza dei rivestimenti nel capitolo :o.
sempio
Vogliamo dimostrare che O(:, :) ha quattro componenti connesse. Lasciamo al lettore il compito
di dimostrare ciascuna delle seguenti afermazioni
1. La matrice A = {
a b
c d
) appartiene ad O(:, :) se e solo se a
i
c
i
= :, d
i
b
i
= : e ab cd = o.
i. Le matrici di O(:, :) hanno determinante : e si verifcano entrambi i casi.
. O(:, :) la riunione di quattro connessi disgiunti che si parametrizzano come segue:
_
ch sh
sh ch
_, _
ch sh
sh ch
_, _
ch sh
sh ch
_, _
ch sh
sh ch
_
dove
sh =
e

:
, ch =
e

+ e

:
, R
(si osservi che sh un omeomorfsmo di R in s).
. Consideriamo lazione di O(:, :) su R
i
(con coordinate x, y): linsieme x
i
y
i
= o viene
mandato in s e quindi le due rette che lo compongono vengono o fssate o scambiate fra
loro.
,. Fissiamo come positive le orientazioni determinate sulle due rette di x
i
y
i
= o dai vettori
(:, :) ed (:, :): allora una matrice di O(:, :) mantiene entrambe le orientazioni oppure le
cambia entrambe.
o. Esiste un omomorfsmo suriettivo O(:, :) Z]:ZZ]:Zin cui i quattro insiemi connessi
di cui sopra sono le controimmagini dei quattro elementi.
,. Ciascuno dei quattro insiemi connessi aperto e chiuso (usare una dimostrazione diretta
o alternativamente dimostrare che continuo, una volta dotato il gruppo Z]:Z Z]:Z
della topologia discreta).
8. I quattro insiemi connessi trovati sono le componenti connesse di O(:, :).
I4.4 7ori
Il toro n-dimensionale T
n
per defnizione il gruppo topologico S
:
S
:
, prodotto di n
copie di S
:
, con la struttura algebrica e topologica prodotto. In particolare T
:
= S
:
e T
i
= T, la
:o
4.4 Tori
superfcie che abbiamo chiamato toro. In generale diremo che un gruppo topologico G un toro se
isomorfo, come gruppo topologico, a T
n
per qualche n; cio se esiste unapplicazione f G T
n
che un isomorfsmo algebrico ed omeomorfsmo topologico.
sempi
1. SO(:) U(:) un toro :-dimensionale.
i. Una matrice diagonale A di U(n) della forma _
e
i
:

e
i
n
_ perch gli autovalori di una
matrice unitaria sono numeri complessi di valore assoluto uno. Quindi le matrici diagonali
di U(n) formano un toro T
n
, associando alla matrice A ln-upla (e
i
:
, . . . e
i
n
).
Notiamo che i tori sono gruppi topologici compatti, connessi, abeliani. Tali proprieta caraterizzano
i tori, nel senso che si ha il seguente e importante teorema di cui non diamo la dimostrazione (vedi
[Adams])
7eorema 1.1
Sia G un gruppo di matrici compatto, connesso, abeliano. Allora G un toro.
Osservazione :.:,. Tale teorema vale pi in generale per i gruppi di Lie (vedi [Adams]) e la sua
dimostrazione si basa sullapplicazione esponenziale (generalizzazione di quanto noi defniremo
nel paragrafo :,.,) dal rivestimento universale di G a G stesso.
Un gruppo topologico G si dice monogeno se esiste x G tale che il sottogruppo x denso in G;
tale x sara detto un generatore topologico di G. E chiaro ad esempio che R(+) non monogeno.
Proposizione 1.1
Il toro T
n
monogeno.
Dimostrazione. Facciamo la dimostrazione solo nel caso n = :, quello generale essendo del tutto
analogo.
Pensiamo ad S
:
come R]Z. Fissiamo una base numerabile U
:
, U
i
, . . . di aperti per la topologia
di S
:
. Penseremo agli U
:
come sottoinsiemi di |o, :). Vogliamo trovare un x |o, :) tale per ogni
U
k
esiste un multiplo nx di x appartenente ad U
k
(con n > o). Sia I
:
= |a
:
, b
:
| U
:
con a
:
b
:
;
se n
:
un intero positivo sumcientemente grande, allora n
:
I
:
= |n
:
a
:
, n
:
b
:
| |o, :|. Quindi nel
quoziente S
:
, limmagine di n
:
I
:
tutto S
:
.
Possiamo allora scegliere un intervallo I
i
= |a
i
, b
i
| I
:
con a
i
b
i
tale che n
:
I
i
U
i
. Ci
possibile perch la moltiplicazione per n
:
unapplicazione continua da S
:
in s e quindi la
controimmagine di U
i
un aperto e quindi contiene un intervallo chiuso. Sia poi n
i
un intero
positivo tale che limmagine in R]Z di n
i
I
i
sia tutto S
:
. E cos via. . .
Lintersezione I =
+
k=:
I
k
non vuota; inoltre se x I, per ogni U
k
avremo n
k:
x n
k:
I
k
U
k
.
Se I contiene due punti distinti x < y, posto d = y x, avremo n
k
y n
k
x = n
k
d d. Dato che la
famiglia di aperti U
k

k
forma una base, deve contenere aperti piccoli a piacere: in particolare,
::
4 Gruppi Topologici
contiene aperti di diametro minore di d quindi I non pu contenere due punti distinti. Lunico
elemento x cos determinato pertanto un generatore topologico di S
:
.
Dato un gruppo topologico G, un suo sottogruppo T che un toro, sara detto un toro di G. Nel
caso in cui T non sia contenuto propriamente in un altro toro di G, diremo che T un toro
massimale di G. Osserviamo che i tori di G sono connessi e contengono lelemento neutro di G,
quindi sono contenuti nella componente connessa (dellelemento neutro). Segue ad esempio che i
tori di O(n) coincidono con quelli di SO(n). Un toro T di un gruppo di matrici G chiuso in G
perch compatto in uno spazio separato.
Se T un toro di G, allora anche i suoi coniugati xTx
:
sono tori, dato che loperazione di coniugio
per x che manda t in xtx
:
un isomorfsmo di G in s che induce un isomorfsmo fra T e xTx
:
.
Inoltre se T un toro massimale, anche xTx
:
lo , come si verifca facilmente. Osserviamo infne
che se T un toro, linsieme
xG
xTx
:
connesso in quanto riunione di connessi contenenti
tutti lelemento neutro.
7ori massimaIi di U(n), SU(n), SO(n)
Sia G uno dei seguenti gruppi: U(n), SU(n), SO(n). Nel paragrafo :.o, abbiamo introdotto i
sottogruppi T
G
e precisamente
G SO(:n + :) SO(:n) U(n) SU(n)
T
G

n
:

e
i
:

e
i
n

e
i
:

e
i
n


n
i

i
= :k

1. Abbiamo dimostrato che i gruppi T


G
sono isomorf algebricamente a dei tori. E immediato
vedere che in ciascun caso lisomorfsmo un isomorfsmo di gruppi topologici.
i. Abbiamo verifcato, in ciascun caso, che T
G
non contenuto propriamente in nessun
sottogruppo commutativo di G; in particolare, T
G
un toro massimale di G che abbiamo
chiamato toro massimale standard di G.
. Nel teorema :.,: abbiamo visto che G =
xG
xT
G
x
:
. Cio G ricoperto dai coniugati del
toro massimale standard, che sono essi stessi tori massimali.
. Dai due punti precedenti segue che ogni toro massimale di G un coniugato di T
G
.
Sia infatti s un generatore topologico del toro massimale S. Per la (,), s xT
G
x
:
per un
opportuno x G. Quindi S xT
G
x
:
: per la massimalita di S, abbiamo S = xT
G
x
:
.
Pi in generale, le proprieta precedenti valgono per ogni gruppo di matrici:
7eorema 1.1/
Sia G un gruppo di matrici compatto e connesso. Allora.
r. Esiste un toro massimale T
:. G ricoperto dai coniugati di T, cio G =
xG
xTx
:
. ogni toro massimale di G un coniugato di T
::
4.5 Decomposizioni
Osservazione :.:8. La (,) si ricava dalle prime due esattamente come nel caso di U(n), ecc.
Osservazione :.:. Il teorema vero, ancora pi in generale, per i gruppi di Lie compatti e connessi
(vedi [Adams]).
Osservazione :.:o. Se G non compatto, in generale non contiene alcun toro: ad esempio (R
n
, +).
Osservazione :.::. Se in un gruppo di matrici valgono (:) e (:), allora tale gruppo certamente
connesso in quanto riunione di una famiglia di connessi aventi intersezione non vuota (lelemento
neutro).
I4.5 Decomposizioni
Dato un gruppo topologico G diciamo che G = G
:
G
i
una decomposizione di G se G
:
e G
i
sono sottoinsiemi di G ed ogni elemento x G si scrive in modo unico come x
:
x
i
con x
:
G
:
e
x
i
G
i
. Se G
:
e G
i
sono sottogruppi, non si pretende che G sia algebricamente isomorfo al gruppo
prodotto G
:
G
i
.
Proposizione 1.zz (decomposizione polare)
Si hanno le seguenti decomposizioni.
GL
n
(R) = O(n) S
n
(R)
+
GL
n
(C) = U(n) H
n
(C)
+
dove S
n
(R)
+
sono le matrici simmetriche reali defnite positive e H
n
(C)
+
sono le matrici
hermitiane complesse defnite positive.
Tali decomposizioni sono omeomorfsmi.
Dimostrazione. Facciamo la dimostrazione per il caso GL
n
(R).
Data M GL
n
(R), vogliamo scrivere M = CS dove C O(n), S S
n
(R)
+
, ora
t
M =
t
S
t
C = SC
:
quindi
t
MM = S
i
cio la S una radice quadrata di
t
MM. La matrice A =
t
MM simmetrica e defnita positiva,
infatti la forma quadratica corrispondente
X
t
X
t
MMX = MX, MX
che > o se X o. Diagonalizziamo la matrice A con una D O(n): avremo
DAD
:
= {


n
) = F
con
i
> o. Allora
S = D
:
_

n
_ D
:,
4 Gruppi Topologici
una matrice simmetrica defnita positiva e tale che S
i
= A.
La matrice C = MS
:
appartiene ad O(n), infatti
CX, CY = MS
:
X, MS
:
Y =
t
MMS
:
X, S
:
Y =
S
i
S
:
X, S
:
Y =
t
S
:
SX, Y = X, Y
tenuto conto che
t
S = S.
Vediamo ora che la matrice S (e quindi C) univocamente determinata. Dimostriamo dapprima
che S un polinomio in A. Data A = D
:
FD, avremo A
k
= D
:
F
k
D per ogni intero k o. Quindi
dato un polinomio P(x) = a
o
+ a
:
x + + a
m
x
m
, si ha P(A) = D
:
P(F)D. Essendo F diagonale,
abbiamo
P(F) = _
P(
:
)

P(
n
)
_ , P(A) = D
:
_
P(
:
)

P(
n
)
_ D
Allora, se P(
i
) =

i
, segue che
P(A) = D
:
_

n
_ D = S
Come noto, un polinomio di questo tipo esiste sempre (usando per esempio, linterpolazione di
Lagrange o di Newton). Supponiamo ora che S
:
sia simmetrica, defnita positiva ed S
i
:
= A. Allora
A ed S
:
commutano e quindi S
:
commuta con S (che un polinomio in A). Le matrici S ed S
:
possono allora essere diagonalizzate simultaneamente: dato che i loro autovalori sono positivi ed
S
i
= S
i
:
, deve essere S = S
:
.
Lapplicazione
O(n) S
n
(R)
+

GL
n
(R)
(C, S)


CS
dunque biunivoca ed ovviamente continua. Dobbiamo verifcare che anche linversa continua.
Sia M
n
una successione tendente ad M in GL
n
(R); abbiamo M
n
= C
n
S
n
ed M = CS dove C
n
, C
sono ortogonali mentre S
n
, S sono simmetriche defnite positive. Vogliamo mostrare che C
n
C
e che S
n
S. E chiaro che, se C
n
C, allora S
n
= C
:
n
M
n
C
:
M = S; bastera quindi dimostrare
che C
n
C. Essendo O(n) compatto, ci equivalente a dimostrare che tutte le sottosuccessioni
convergenti di C
n
convergono a C (ricordiamo che tali sottosuccessioni esistono perch O(n)
compatto). Sia C
n
k
una sottosuccessione convergente a C

O(n). Allora S
n
k
= C
:
n
k
M
n
k
converge a S

= (C

)
:
M. La matrice S

simmetrica in quanto limite di matrici simmetriche;


inoltre, ragionando come sopra, (S

)
i
=
t
MM e quindi S

defnita positiva. Per la biunivocita di


, segue che S

= S e C

= C.
Proposizione 1.z (decomposizione di Iwasawa)
Si hanno le seguenti decomposizioni.
SL
n
(R) = SO(n) A ^
R
SL
n
(C) = SU(n) A ^
C
:
4.5 Decomposizioni
dove
A = _matrici diagonali _

:
o

o
n
_
i
R
>o
,
:
. . .
n
= :_
^
R
= matrici unipotenti a coepcienti reali {
:

o :
)_
^
C
= matrici unipotenti a coepcienti complessi {
:

o :
)_
Le decomposizioni precedenti sono degli omeomorfsmi,
Dimostrazione. Dimostriamo il teorema solo nel caso di G = SL
i
(C): negli altri casi la dimostra-
zione simile e si ottiene con le modifche evidenti. Poniamo ^ = ^
C
e K = SU(:).
Osserviamo che A^ formato dalle matrici |{

o
:
) C, R
>o
| ed un sottogruppo perch
A^ = ^A.
Lintersezione A ^ costituita dalla sola matrice identita: segue che ogni t = {

o
:
) A^ si
scrive in modo unico come prodotto t = an dove a = {
o
o
:
) A ed n = {
:
o :
) ^.
Se g G, vogliamo trovare k K, a A, n ^ tali che g = kan = kt, cio tg
:
= k
:
K.
Cerchiamo allora una matrice triangolare superiore t tale che tg
:
U(:). Siano e
:
, e
i
la base
standard di C
i
ed f
i
= g
:
(e
i
), con i = :, :.
Lortonormalizzazione della base f
:
, f
i
con il procedimento di GramSchmidt si realizza con
una matrice t triangolare superiore avente sulla diagonale elementi reali e strettamente positivi. In
particolare: det(t) R
>o
.
La matrice tg
:
manda e
:
, e
i
in una base ortonormale, quindi tg
:
U(:). Inoltre il suo
determinante reale e positivo, quindi tg
:
SU(:). Segue che lapplicazione
K A ^

G
(k, a, n)


kan
suriettiva, quindi G = KA^; essa ovviamente continua. La iniettiva perch K ed A^ sono
sottogruppi e la loro intersezione costituita dalla sola matrice identita: infatti {

o
:
) SU(:) se
e solo se le colonne hanno lunghezza uno e sono ortogonali. Dato che R
>o
, queste condizioni
sono verifcate se e solo se = : ed = o.
Verifchiamo infne che un omeomorfsmo. Le componenti di f
:
= g
:
(e
:
) ed f
i
= g
:
(e
i
)
variano con continuita al variare di g in SL
i
(C). Daltra parte, i coemcienti della matrice t del pro-
cesso di Gram-Schmidt dipendono con continuita dalle componenti di f
:
, f
i
; quindi lapplicazione
g t = t(g) continua. Anche la matrice k = gt
:
dipende allora con continuita da g. Infne,
facile vericare che lapplicazione A ^ A^ che manda (a, n) in an un omeomorfsmo,
quindi (a, n) dipende con continuita da k. Segue che
:
(g) = (k, a, n) continua.
Ricordiamo inoltre i seguenti omeomorfsmi:
Proposizione 1.z
Lapplicazione che associa ad una matrice A la coppia (det A, B), dove B la matrice ottenuta
:,
4 Gruppi Topologici
da A dividendo tutti gli elementi della prima riga per det A e lasciando invariate le altre righe
induce gli omeomorfsmi.
GL
+
n
(R) R

+
SL
n
(R)
GL
n
(C) C

SL
n
(C)
O(n) : SO(n)
U(n) S
:
SU(n)
CoroIIario 1.z
GL
+
n
(R) omeomorfo a SO(n) S
+
n
(R), quindi connesso.
Dimostrazione. La prima afermazione segue dalle proposizioni :.:: e :.:. La seconda aferma-
zione segue dal teorema :.8 e dallesercizio :.:.
sercizi
Esercizio :.:. Si dimostri che S
+
n
(R) un semicono convesso in R
n(n+:)i
. Un sottoinsieme X di
R
n
si dice convesso se dati due punti a, b X il segmento (: t)a + tb, con t |o, :|, contenuto
in X; X un semicono se dato un punto a X, la semiretta ta, con t > o, contenuta in X.
:o
Parte III
7opoIogia AIgebrica
:,
I5 Gruppo IondamentaIe
Dora in poi tutti gli spazi topologici considerati saranno connessi per archi, anche se questa
ipotesi non venisse ricordata esplicitamente.
I5.I Omotopia di cammini e
:
Omotopia di cammini
Sia dunque X un tale spazio e x
o
, x
:
due suoi punti. Dati due cammini e aventi punto iniziale
x
o
e punto fnale x
:
, diciamo che sono cammini omotopi relativamente a o, : e scriviamo
rel o, : se esiste unapplicazione F I I X tale che
F(x, o) = (x) F(x, :) = (x) per ogni x I
F(o, t) = x
o
F(:, t) = x
:
per ogni t I
Lapplicazione F detta unomotopia da a (relativamente a o, :). Per ogni t fssato lapplica-
zione F
t
(x) = F(x, t) un cammino da x
o
ad x
:
: F
o
coincide con ed F
:
coincide con .
0 1
F
X
x
0
x
1

La relazione di omotopia appena descritta una relazione di equivalenza fra i cammini da x


o
a x
:
ed indichiamo con || la classe di . Se e sono due cammini da x
o
a x
:
, e e due cammini
da x
:
a x
i
, i cammini e vanno da x
o
a x
i
. Se || = || ed anche || = || allora || = ||.
Lasciamo al lettore la verifca delle afermazioni precedenti.
Fissiamo ora un punto x
o
e consideriamo i cammini chiusi in x
o
, cio i cammini aventi punto
iniziale e fnale coincidenti con x
o
. In base alle considerazioni precedenti possiamo defnire una
:
5 Gruppo Fondamentale
moltiplicazione fra le classi di cammini ponendo |||| = ||. Nel seguito indicheremo con x
o
anche il cammino costante nel punto x
o
. Abbiamo allora il seguente
7eorema 1.1
Linsieme delle classi di omotopia (relativamente a o, :) dei cammini chiusi in x
o
, con la mol-
tiplicazione sopra defnita, forma un gruppo detto gruppo fondamentale di X in x
o
e denotato

:
(X, x
o
).
Dimostrazione.
Lelemento neutro ovviamente la classe del cammino costante in x
o
.
Linverso di || la classe |
:
|, dove
:
il cammino inverso di . Infatti unomotopia
fra il cammino costante ed il cammino
:
data da
F(x, t) =

(:x) se o :x t
(t) se t :x : t

:
(:x :) se : t :x :
(:,.:)
Lasciamo come esercizio al lettore la costruzione di unomotopia fra il cammino costante
ed
:
.
Lassociativita del prodotto segue dallesercizio ::.8 e dellesercizio :,.,.
Diremo che un cammino chiuso in x
o
omotopicamente banale se || lelemento neutro. Ci
signifca che pu essere deformato con continuita fno al cammino costante.
Lipotesi che lo spazio X sia connesso per archi implica il seguente
7eorema 1.z
Sia un cammino da x
o
a x
:
. Lapplicazione || |
:
| unisomorfsmo da
:
(X, x
o
) a

:
(X, x
:
).
Dimostrazione. E facile verifcare che lapplicazione un omomorfsmo. Inoltre essa ammette
uninversa || |
:
|
Indicheremo nel seguito tale applicazione con

. Al variare del punto base x


o
in X otteniamo
quindi dei gruppi fondamentali che sono isomorf fra loro. Se non vogliamo mettere in eviden-
za un particolare punto base, scriveremo
:
(X) invece che
:
(X, x
o
) e lo chiameremo gruppo
fondamentale di X.
Diremo che uno spazio semplicemente connesso se il suo gruppo fondamentale banale. Per il
teorema :,.:, tale defnizione indipendente dalla scelta del punto x
o
.
:,o
5.2 Tipo di omotopia
Omomorsmo Indotto
Supponiamo ora che f sia unapplicazione continua da X ad Y e poniamo y
o
= f (x
o
). Ad essa
associata unapplicazione f


:
(X, x
o
)
:
(Y, y
o
) defnita da f

(||) = | f |. E facile verifcare


che f

un omomorfsmo ben defnito, detto omomorfsmo indotto e che se g unapplicazione


di Y in Z tale che g(y
o
) = z
o
, allora (g f )

= g

. E chiaro che se X omeomorfo ad Y allora


i gruppi fondamentali di X ed Y sono isomorf. Vediamo ora che due spazi omotopicamente
equivalente hanno gruppi fondamentali isomorf.
I5.2 7ipo di omotopia
Iunzioni Omotope
Sia Y uno spazio topologico ed A un suo sottospazio. Date due applicazioni f , g da Y ad X tali che
le loro restrizioni ad A coincidano, diciamo che f omotopa a g relativamente ad A e scriviamo
f g rel A se esiste unapplicazione continua F Y I X tale che
F(y, o) = f (y) F(y, :) = g(y) per ogni y Y
F(y, t) = f (y) = g(y) per ogni y A
Se A linsieme vuoto diremo semplicemente che f omotopa a g.
Y
A
f(A) = g(A)
f(Y)
g(Y)
X
F
f
g
Spazi ContraibiIi
Uno spazio si dice contraibile se lapplicazione identita :
X
di Xin s omotopa ad unapplicazione
costante da X ad un punto.
Un esempio di tali spazi R
n
: infatti se x = (x
:
, . . . x
n
), lapplicazione F(x, t) = tx = (tx
:
, . . . , tx
n
)
unomotopia dallapplicazione identita allapplicazione costante che manda tutto R
n
nellorigine.
Altri esempi sono: gli intervalli di R; gli insiemi B(O, ) e le loro chiusure in R
n
; ogni insieme
stellato di R
n
, cio ogni insieme formato dalla riunione di segmenti aperti o chiusi passanti tutti
per uno stesso punto; ogni insieme convesso di R
n
.
:,:
5 Gruppo Fondamentale
Lasciamo come esercizio la dimostrazione della seguente
Proposizione 1.
Uno spazio X contraibile se e solo se per ogni spazio Y due qualsiasi applicazioni da Y in X
sono omotope.
Due spazi X ed Y sono detti dello stesso tipo di omotopia oppure omotopicamente equivalenti
se esistono due applicazioni f X Y e g Y X tali che g f sia omotopa a :
X
e f g sia omotopa
:
Y
. Le applicazioni f e g sono anche dette equivalenze omotopiche.
sempi
1. X contraibile se e solo se omotopicamente equivalente allo spazio costituito da un solo
punto.
i. R
n
punto ha lo stesso tipo di omotopia di S
n:
, se n :.
7eorema 1.
Uno spazio contraibile semplicemente connesso.
Dimostrazione. Per ipotesi sappiamo che esiste unomotopia F da :
X
allapplicazione costante
che manda tutto X in un suo punto x
o
. Supponiamo per semplicita che durante lomotopia x
o
sia sempre mandato in s, cio F(x
o
, t) = x
o
per ogni t. Questo signifca che :
X
omotopa
allapplicazione costante x
o
relativamente a x
o
. Sia un cammino chiuso in x
o
: per ogni t il
cammino
t
(x) = F{(x), t) un cammino chiuso in x
o
; otteniamo quindi unomotopia di
cammini chiusi in x
o
da
o
= ad
:
che il cammino costante in x
o
.
Nel caso generale in cui non valga lipotesi semplifcativa sulla F, consideriamo lapplicazione :
II XI e componiamola con la F: otteneniamo cos unapplicazione G(x, t) II Xtale
che G(x, o) = (x) e G(x, :) = x
o
. Inoltre G(o, t) = F{(o), t) = F(x
o
, t) = F{(:), t) = G(:, t).
Al variare di t, G(o, t) descrive un cammino chiuso in x
o
identico a quello descritto da G(:, t).
Per la proposizione seguente omotopo al cammino chiuso
:
x
o
rel o, :, che omotopica-
mente banale.
Proposizione 1.
Sia G(x, t) I I X unapplicazione continua. Poniamo. (x) = G(x, o), (x) = G(x, :),
(t) = G(o, t), (t) = G(:, t). Allora
:
rel o, :.
Dimostrazione. Siano a, b, c, d i cammini I II dati da a(t) = (t, o), b(t) = (t, :), c(t) = (o, t),
d(t) = (:, t); allora a cbd
:
rel o, : tramite una funzione H I I I I. Segue che
F = G H I I X unomotopia da a
:
rel o, :.
:,:
5.2 Tipo di omotopia
a
b
c
d
0 1
G
X

0
1
Proposizione 1.
Sia F(y, t) Y I X unomotopia fra le applicazione f (y) = F(y, o) e g(y) = F(y, :) da
Y a X. Siano x
o
= f (y
o
), x
:
= g(y
o
) ed (t) = F(y
o
, t). Se f

e g

sono gli omomorfsmi


indotti da f e g rispettivamente sui gruppi fondamentali e se

lisomorfsmo fra
:
(X, x
o
) e

:
(X, x
:
) associato ad , allora g

.
Dimostrazione. Per ogni cammino chiuso in y
o
, la funzione F{(s), t) tale che F{(s), o) =
f {(s)), F{(s), :) = g{(s)); inoltre F{(o), t) = F(y
o
, t) = F{(:), t) = (t). Possiamo
quindi applicare la proposizione :,., alla funzione (s, t) F{(s), t) da I I in X.
Possiamo ora generalizzare lultimo teorema:
7eorema 1./
Se i due spazi X ed Y sono omotopicamente equivalenti allora i gruppi fondamentali
:
(X) e

:
(Y) sono isomorf.
Dimostrazione. Siano f unapplicazione da X ad Y e g unapplicazione da Y ad X tali che f g
omotopa allidentita di Y e g f omotopa allidentita di X. Siano x
o
un punto di X, y
o
= f (x
o
),
x
:
= g(y
o
), y
:
= f (x
:
). Per la proposizione precedente, (g f )

= g

un isomorfsmo fra

:
(X, x
o
) e
:
(X, x
:
); quindi f

un omomorfsmo iniettivo da
:
(X, x
o
) a
:
(Y, y
o
) e g

un
omomorfsmo suriettivo da
:
(Y, y
o
) a
:
(X, x
o
). Ripetendo lanalogo ragionamento per f g, e
partendo dal punto y
o
Y, otteniamo che anche g

iniettivo.
sempi
1.
:
(R
i
punto) =
:
(S
:
) = Z.
:,,
5 Gruppo Fondamentale
i. R
i
due punti omotopicamente equivalente alla fgura ad otto, cio allo spazio
ottenuto unendo due cerchi in un punto; vedremo che il suo gruppo fondamentale il
gruppo libero su due generatori.
.
:
(R
n
punto) =
:
(S
n:
) = : se n ,, come vedremo.
. R
n
k punti = : per n ,: intuitivo che un cammino in tale spazio possa essere
sempre deformato al cammino costante. Alternativamente, si pu usare induttivamente il
teorema di Van Kampen, che enuncieremo nel paragrafo :,.,.
Nel seguito utilizzeremo il seguente
7eorema 1.8
Dato uno spazio X con un suo punto x
o
ed uno spazio Y con un suo punto y
o
, allora il gruppo
fondamentale
:
{X Y, (x
o
, y
o
)) isomorfo a
:
(X, x
o
)
:
(Y, y
o
).
Dimostrazione. Siano p e q le proiezioni di X Y su X ed Y rispettivamente. Esse inducono un
omomorfsmo (p

, q

)
:
{X Y, (x
o
, y
o
))
:
(X, x
o
)
:
(Y, y
o
) che un isomorfsmo
in quanto ammette, come si pu verifcare senza troppa fatica, il seguente inverso: alla coppia
(||, ||) corrisponde la classe del cammino chiuso in (x
o
, y
o
) defnito da (t) = {(t), (t)).
Retratti di deformazione
Dato uno spazio X ed un suo sottospazio A, indichiamo con i linclusione di A in X. Diciamo che
A un retratto (forte) di deformazione di X se esiste unapplicazione r X A tale che la sua
restrizione ad A sia lidentita su A e tale che i r :
X
rel (A).
In altre parole deve esistere unomotopia F(x, t) X I X tale che F(x, o) = x per ogni x X,
F(a, t) = a per ogni a A ed ogni ogni t I, ed infne F(x, :) A per ogni x X. Da quanto visto
segue che A ed X hanno lo stesso tipo di omotopia e che lapplicazione i induce un isomorfsmo
sui gruppi fondamentali.
sempi
1. Un esempio tipico S
n
come retratto (forte) di R
n+:
o. Lomotopia in questo caso
F(x, t) = tx] |x| + (: t)x. Nel paragrafo seguente dimostreremo che
:
(S
:
) = Z, quindi

:
(R
i
o) = Z. Segue che R
i
non ha lo stesso tipo di omotopia di R
i
o e quindi
i due spazi non sono omeomorf. Osserviamo ancora che S
i
semplicemente connesso
(come vedremo) quindi non possiamo usare lo stesso argomento per dimostrare che R

non
omotopo ad R

o.
i. Ricordiamo che il cilindro e la banda di Mbius sono entrambi quozienti del quadrato
|o, :| |o, :| di R
i
(vedi il capitolo ). Lasciamo al lettore il compito di verifcare che
lapplicazione r |o, :| |o, :| |o, :| :]: che manda (x, t) in (x, :]:) passa al
quoziente in entrambi i casi e rende S
:
un retratto (forte) del cilindro e della banda.
:,
5.3 Gruppo fondamentale di S
:
I5.3 Gruppo fondamentaIe di S
:
Consideriamo lapplicazione R C che manda x in (x) = e
iix
: la sua immagine il cerchio
unitario . Abbiamo cos unapplicazione continua R S
:
tale che, per ogni y S
:
, esiste
un intorno aperto U la cui controimmagine
:
(U) la riunione disgiunta di aperti, ciascuno
omeomorfo ad Uattraverso . Questo un esempio di rivestimento, nozione sulla quale torneremo
nel prossimo capitolo. Vale allora il seguente teorema, che dimostreremo pi avanti.
7eorema 1.p (sollevamento dei cammini e delle omotopie)
Dato un cammino in S
:
con punto iniziale :, esiste un unico cammino f in Rcon punto iniziale
o tale che f = . diremo che f il sollevamento di con punto iniziale o.
Inoltre, se un altro cammino in S
:
con punto iniziale : e g il suo unico sollevamento con
punto iniziale o, e se esiste unomotopia F da a relativamente a o, :, allora esiste ed
unica una omotopia G da f a g relativamente a o, : e tale che G = F.
CoroIIario 1.1o
Se e sono due cammini chiusi in S
:
con punto iniziale : tali che || = ||, allora i loro
sollevamenti in R con punto iniziale o sono omotopi relo, : ed hanno lo stesso punto fnale.
Naturalmente il corollario non dice nulla di nuovo rispetto al teorema. Vogliamo per mettere in
evidenza che i punti fnali dei sollevamenti di due cammini omotopi coincidono se tali sollevamenti
partono dallo stesso punto. Questo permette di defnire unapplicazione
:
(S
:
, :) Z che
associa ad ogni classe || il punto fnale f (:) del sollevamento f di che inizia in o. Possiamo
ora dimostrare:
7eorema 1.11

:
(S
:
, :) isomorfo a Z.
Dimostrazione. Prendiamo come punto base : in S
:
e consideriamo lapplicazione
:
(S
:
, :) Z
appena defnita. Se f (rispettivamente g) il sollevamento di (rispettivamente ) che inizia in o,
siano m = f (:) = (||) ed n = g(:) = (||). Sia h il cammino inRdefnito da h(x) = g(x)+m.
E chiaro che h il sollevamento di che inizia in m. Possiamo quindi comporre i cammini f ed h
ottenendo un cammino hf che inizia in o, fnisce in m+ n e che un sollevamento di . Questo
dimostra che un omomorfsmo. Esso suriettivo perch dato n in Z, lapplicazione q(x) = nx,
con x |o, :|, un cammino in R che termina in n e che il sollevamento del cammino chiuso
q in S
:
. Inoltre iniettivo: infatti se (||) = o, il sollevamento f di che inizia in o un
cammino chiuso; essendo R contraibile, esiste unomotopia G da f al cammino costante in o,
relativamente a o, :; allora F = G unomotopia da al cammino costante in :, cio
omotopicamente banale.
CoroIIario 1.1z
Il gruppo fondamentale della banda di Mbius e del cilindro isomorfo a Z.
:,,
5 Gruppo Fondamentale
Dimostrazione. Ci basta ricordare che S
:
un retratto forte di deformazione sia della banda di
Mbius che del cilindro, e quindi hanno lo stesso gruppo fondamentale.
CoroIIario 1.1
Sia T un toro ed x
o
un suo punto qualsiasi. Allora
:
(T, x
o
) Z Z.
Dimostrazione. Ci basta ricordare che il toro omeomorfo al prodotto S
:
S
:
e che quindi, per il
teorema :,.8, il suo gruppo fondamentale isomorfo a
:
(S
:
)
:
(S
:
).
I5.4 Gruppo fondamentaIe di S
n
Dimostriamo ora che S
n
semplicemente connesso per n :. Questo il primo caso che incon-
triamo di uno spazio semplicemente connesso che non contraibile. Questa seconda afermazio-
ne sara dimostrata nel capitolo sullomologia. Consideriamo per semplicita il caso n = :: il caso Referenza
generale analogo.
Osserviamo che il complementare di un punto in S
i
omeomorfo ad R
i
e quindi contraibile.
Se fssiamo un punto base x
o
e prendiamo un cammino chiuso in x
o
, nel caso in cui non
passa per un punto Q x
o
, possiamo concludere che omotopicamente banale in quanto esiste
unomotopia da al cammino costante in S
i
Q.
In generale si pu dimostrare che ogni cammino chiuso in x
o
omotopo ad un cammino che
non passa almeno per un punto, e quindi trarre la stessa conclusione di prima; tuttavia tale
dimostrazione laboriosa. Diamo quindi unaltra dimostrazione della semplice connessione di S
n
per n :.
7eorema 1.1
S
n
semplicemente connesso per n :.
Dimostrazione per n = :. Siano ^ il polo nord ed S il polo sud; fssiamo un punto base x
o
sulle-
quatore. Sia U una calotta aperta centrata in ^ contenente lequatore e V laperto simmetrico
contenente S; abbiamo cos un ricoprimento aperto di S
i
. Se I S
i
un cammino chiuso in x
o
,
le controimmagini di U e V formano un ricoprimento aperto del compatto I. Per il teorema ::.:o
sul numero di Lebesgue, possiamo suddividere I in un certo numero di intervalli chiusi tali che
limmagine di ciascuno sia contenuta completamente in Uoppure in V. Per semplicita supponiamo
che (|o, :]:|) U e che (|:]:, :|) V (il caso generale del tutto analogo).
Il punto y = (:]:) appartiene ad UV, che connesso per archi. Scegliamo un cammino da x
o
ad y che sia contenuto interamente in U V; indichiamo poi con
:
il cammino da x
o
ad y dato
dalla restrizione di a |o, :]:| e con
i
il cammino da y a x
o
dato dalla restrizione di a |:]:, :|.
Il cammino chiuso allora omotopo al cammino chiuso
:

i
come si verifca facilmente.
Ma
:

:
un cammino chiuso in Uquindi omotopicamente banale in U(ed in S
i
). Analogamente

i
omotopicamente banale. Segue il teorema.
:,o
5.5 Teorema di Van Kampen
I5.5 7eorema di Van kampen
I ragionamenti fatti nel teorema precedente possono essere generalizzati ottenendo il seguente
teorema (la cui dimostrazione si trova, ad esempio, nel testo di Kosniowski)
7eorema 1.1 (teorema di Van Kampen)
Sia X uno spazio connesso per archi. Supponiamo che X sia unione di due aperti U, V connessi
per archi tali che U V sia non vuoto e conesso per archi. Sia x
o
un punto base di U V.
Supponiamo che i gruppi fondamentali di U, V e U V siano dati con generatori e relazioni.

:
(U, x
o
) = S
:
R
:
,
:
(V, x
o
) = S
i
R
i
,
:
(U V, x
o
) = S R
Sia T linsieme delle relazioni ottenute eguagliando le espressioni degli elementi di S in funzione,
rispettivamente, degli elementi di S
:
e di S
i
(cio considerando un cammino in U V prima
come cammino in U, poi come cammino in V ed imponendo luguaglianza). Allora

:
(X, x
o
) = S
:
S
i
R
:
R
i
T
Osservazione :,.:o. Siano
U
(risp.
V
) linclusione di U(risp. V) in X,
U
(risp.
V
) linclusione di
UV in U (risp. V) e j linclusione di UV in X. Quindi j =
U

U
=
V

V
. Abbiamo il seguente
diagramma commutativo di omomorfsmi

:
(U)

U



:
(X)

:
(U V)


s
s
s
s
s
s
s
s
s
s


:
(V)

Nel caso particolare in cui


V

e
U

sono isomorfsmi, allora j

,
U

e
V

sono isomorfsmi. Infatti


lipotesi che
U

sia un isomorfsmo signifca che


:
(U) = S R, dove gli elementi di S sono
pensati come cammini in U; analogamente
:
(V) = S R dove gli elementi di S sono ora pensati
come cammini in V. Quindi
:
(X) = S
:
S
i
R
:
R
i
T dove S
:
= S
i
= S ed R
:
= R
i
= R e
T = perch i cammini di U V si esprimono sia in U che in V con gli elementi di S e quindi
non danno luogo a nuove relazioni. Segue che
:
(X) = S R.
sempi
1. Sia S
i
= UV come nel teorema :,.:. Essendo entrambi gli aperti semplicemente connessi,
il loro gruppo fondamentale banale e quindi S
:
= S
i
= . Segue che anche
:
(S
i
, x
o
) =
= :.
i. Sia Xla fgura otto, cio lo spazio formato dallunione di due cerchi Ce Daventi uncomune
un solo punto x
o
che prendiamo come punto base. Se prendiamo come aperto U linsieme
formato dallunione di C con un piccolo arco aperto di D contenente x
o
e come aperto V il
suo simmetrico, vediamo che UV connesso per archi e semplicemente connesso in quanto
contraibile. Daltro canto, U omotopo a C per cui
:
(U, x
o
) =
:
(C, x
o
) = c, il gruppo
:,,
5 Gruppo Fondamentale
ciclico infnito generato dal cammino c, ottenuto percorrendo (in un senso assegnato) il
cerchio C.
C D
x
0 U V U V
Analogamente,
:
(V, x
o
) =
:
(D, x
o
) = d, dove d il cammino ottenuto percorrendo il
cerchio D. Essendo S = , anche T = e quindi
:
(X, x
o
) = c, d, il gruppo libero (non
commutativo) su due generatori.
. Sia X lo spazio ottenuto attaccando un cerchio S
:
ad una sfera S
i
in un punto x
o
.
x
0 U V U V
Prendiamo come aperto Ulunione di S
i
con un arco aperto di S
:
contenente x
o
; come aperto
V lunione di S
:
con una calotta sferica aperta contenente x
o
. Allora
:
(U) =
:
(S
i
) = :
e
:
(V) =
:
(S
:
) Z ed UV contraibile. Segue che
:
(X, x
o
) Z, dove un generatore
lo stesso di
:
(S
:
).
. Sia S
n
il bouquet di n cerchi, cio lo spazio formato dallunione di n cerchi C
:
, . . . , C
n
aventi in comune un solo punto x
o
, che prendiamo come punto base. Sia c
i
il cammino
ottenuto percorrendo il cerchio C
i
.
C
1
C
2
C
3
C
4
C
5
C
6 U V U V
Siano U e V due aperti come nel disegno. Lasciamo al lettore il compito di dimostrare (per
induzione su n) che
:
(S
n
, x
o
) = c
:
, . . . , c
n
, il gruppo libero su n generatori.
,. Sia K la bottiglia di Klein. Ricordiamo (vedi lesercizio .) che K pu essere ottenuta
identifcando due bande di Mbius M
:
ed M
i
lungo i rispettivi bordi. Sia U
:
(risp. U
i
) un
intorno aperto del bordo di M
:
(risp. M
i
) e poniamo U = M
:
U
i
(risp. V = M
i
U
:
)
modulo la relazione dincollamento. Sia U che V sono delle bande di Mbius (aperte),
mentre U V un cilindro. Il gruppo fondamentale di U il gruppo ciclico generato dal
cammino mentre
:
(V) = e
:
(U V) = , dove =
i

:
.
:,8
5. Gruppo fondamentale di superfci compatte orientabili
a a
b b
c
c
d
d
x
0
x
0
x
0
x
0
M
1
M
2
a a
b b
c
c
d
d
x
0
x
0
x
0
x
0
U

x
0
x
0

2
U V
Se
U
linclusione U V U, allora
U

(||) = :||: unomotopia fra


U

() e : data
da
a a
x
0
x
0

(
1
)

(
2
)
Analogamente
V

(||) = :||. Quindi


:
(K, x
o
) = ,
i
=
i
.
I5.6 Gruppo fondamentaIe di superci compatte orientabiIi
II toro
Abbiamo visto che la sfera S
i
semplicemente connessa e che se T il toro S
:
S
:
, allora
:
(T) =
Z Z; queste sono superfci topologiche compatte e connesse. Il toro T ottenuto dal quadrato
identifcando i lati opposti. Fissiamo come punto base x
o
in T il punto immagine dei vertici del
quadrato, che vengono identifcati nel quoziente. Indichiamo con a un lato del quadrato e con b il
successivo; supponiamo di aver orientato sia a che b secondo unorientazione fssata del bordo.
:,
5 Gruppo Fondamentale
x
0
x
0
x
0
x
0
a a
b
b
Se ora percorriamo nel senso dellorientazione il bordo del quadrato otteniamo un cammino
chiuso la cui immagine in T , tenuto conto delle identifcazioni, della forma aba
:
b
:
. Si noti che
abbiamo indicato con la stessa lettera (a oppure b) un lato del quadrato e la sua immagine in T,
dove diventa un cammino chiuso. In T, per, tale cammino omotopicamente banale perch
:
(T)
commutativo: in efetti possiamo anche darne la presentazione
:
(T, x
o
) = a, b aba
:
b
:
.
II caso generaIe
Prendiamo ora un poligono con g lati, dove g :, e fssiamo un verso di percorrenza del bordo.
Etichettiamo quindi i lati in successione e diamo a ciascuno unorientazione con un esponente
+: se lo orientiamo concordemente al bordo e : in caso contrario, partendo da uno di essi e nel
modo seguente: a
:
b
:
a
:
:
b
:
:
a
i
b
i
a
:
i
b
:
i
. . . a
g
b
g
a
:
g
b
:
g
.
a
g
b
g
a
1
g
b
1
g
a
1
b
1
a
1
1
b
1
1
a
2
b
2
a
1
2
b
1
2
Sia X
g
la superfcie topologica compatta e connessa che si ottiene identifcando il bordo del
poligono secondo le etichette e le orientazioni assegnate: la superfcie compatta (connessa)
orientabile di genere g. Per g = : otteniamo il toro; defniamo, invece, la sfera come la superfcie
di genere zero. Osserviamo che laggettivo orientabile avra una spiegazione in seguito. Abbiamo Referenza
allora il seguente risultato, la cui dimostrazione si pu trovare, ad esempio, sul Kosniowski:
:oo
5.7 Gruppo fondamentale di gruppi topologici
7eorema 1.1/
Il gruppo fondamentale
:
(X
g
) isomorfo al gruppo
a
:
, . . . , a
g
, b
:
, . . . , b
g
a
:
b
:
a
:
:
b
:
:
a
i
b
i
a
:
i
b
:
i
. . . a
g
b
g
a
:
g
b
:
g
= :
CoroIIario 1.18
Labelianizzato
:
(X
g
)
ab
isomorfo a Z
ig
.
CoroIIario 1.1p
Due superfci topologiche compatte connesse e orientabili sono omeomorfe se e solo se hanno lo
stesso genere.
I5.I Gruppo fondamentaIe di gruppi topoIogici
Sia G un gruppo topologico, con elemento neutro e. Se e sono due cammini in G, con punti
iniziali rispettivamente x
o
ed y
o
e punti fnali x
:
ed y
:
, allora
|o, :|

G
t


(t)(t)
un cammino in G con punto iniziale x
o
y
o
e punto fnale x
:
y
:
. In particolare se e sono
cammini chiusi in e, allora anche un cammino chiuso in e.
Supponiamo ora di avere unomotopia F da ad un altro cammino

e unomotopia G da
a

. Allora H |o, :| |o, :| G che associa a (s, t) il punto F(s, t)G(s, t) unomotopia da
ad

. Possiamo cos defnire il prodotto || || anche sulle classi di omotopia e quindi


in
:
(G, e). In realta, la composizione di classi di equivalenza di cammini equivalente al loro
prodotto:
Proposizione 1.zo
Siano e due cammini chiusi in e. Allora i cammini , , e sono omotopi.
Dimostrazione. Sia il cammino costante in e. E chiaro che i cammini ed sono omotopi,
tramite unopportuna omotopia F (vedi lesercizio :,.). Analogamente esisteranno unomotopia
G da a , unomotopia H da a ed unomotopia K da a . Allora F H unomotopia
fra e () () = ( )( ) = . Analogamente, G K unomotopia da a
() () = e K G unomotopia da a () () = .
Sia
:
il cammino inverso di , cio
:
(t) = (: t); allora avremo che
:
omotopo al
cammino dato da (t) = {(t))
:
. Otteniamo cos il seguente, importante, risultato
7eorema 1.z1
Il gruppo fondamentale
:
(G, e) commutativo.
:o:
5 Gruppo Fondamentale
sercizi
Esercizio :,.:. Si dimostri che lomotopia defnisce efetivamente una relazione di equivalenza.
Esercizio :,.:. Si verifchi che il prodotto tra classi di omotopia ben defnito, cio che se || = ||
e || = || allora || = ||.
Esercizio :,.,. Sia una funzione continua da I in s tale che (o) = o ed (:) = :. Si costruisca
unomotopia fra e la funzione identica x x.
Esercizio :,.. Sia un cammino chiuso in x
o
e il cammino costante in x
o
. Si costruisca
unomotopia fra ed .
Esercizio :,.,. Si dimostri che se e sono due cammini che soddisfano la relazione di equivalenza
dellesercizio ::.8 allora || = || (SUccivimi1o: si dimostri per prima cosa che se come
nellesercizio precedente, omotopa a ).
Esercizio :,.o. Si verifchi che lequazione (:,.:) defnisce unomotopia fra il cammino costante e

:
.
Esercizio :,.,. Si costruisca unomotopia fra il cammino costante ed il cammino
:
.
Esercizio :,.8. Si dimostri la proposizione :,.,
Esercizio :,.. Si mostri che labelianizzato di
:
(K), dove K la bottiglia di Klein isomorfo al
sottogruppo di (R

, ) generato da

:. Si concluda che K non omeomorfa a nessuna superfcie


orientata.
:o:
I6 Rivestimenti
I6.I 7opoIogia dei rivestimenti
Iniziamo con un esempio: consideriamo lapplicazione x (x) = exp(:ix) dalla retta reale
al piano complesso. Limmagine il cerchio unitario S
:
. Abbiamo cos unapplicazione continua
R S
:
tale che per ogni y S
:
esiste un intorno aperto U la cui controimmagine
:
(U) la
riunione disgiunta di aperti, ciascuno omeomorfo ad U attraverso .
Siano X, B spazi topologici separati. Data unapplicazione continua X B, diciamo che un
rivestimento se
1. continua e suriettiva
i. per ogni punto y B esiste un intorno aperto U tale che
:
(U) la riunione disgiunta di
aperti ciascuno omeomorfo ad U attraverso la
Gli aperti U di B che soddisfano la condizione (:) si diranno aperti ammissibili (per ). Diremo
inoltre che B la base e che X lo spazio totale; diremo anche che X un rivestimento di B.
Lapplicazione detta a volte la proiezione su B. La controimmagine
:
(y) = X
y
di un punto
y di B detta la fbra in y.
Nellesempio considerato la fbra di ciascun punto y = exp(:ix) di S
:
costituita dagli infniti
punti x + n n Z. Possiamo dare subito esempi di rivestimenti fniti, in cui cio la fbra di
ogni punto fnita: per ogni intero positivo n, sia
n
S
:
S
:
lapplicazione (z) = z
n
; tale
applicazione un rivestimento in cui la fbra di ogni punto contiene n punti. E un risultato notevole
che i rivestimenti connessi di S
:
sono esattamente quelli descritti negli esempi precedenti, cio R
con lapplicazione exp(:ix) ed S
:
con le applicazioni z
n
.
Altri esempi di rivestimenti sono le applicazioni da S
n
a P
n
(R) date dallidentifcazione antipodale:
se n = ,, lo abbiamo verifcato nellosservazione :.:,; il caso generale del tutto analogo.
Proposizione 1.1
Sia X B un rivestimento. Allora.
r. la fbra di ciscun punto ha la topologia discreta
:. un omeomorfsmo locale, cio per ogni x X esistono un intorno aperto V di x ed un
intorno aperto di U di y = (x) che sono omeomorf attraverso la
. lapplicazione aperta e B ha la topologia quoziente
Dimostrazione. I punti : e : sono conseguenza immediata della defnizione di rivestimento. Per
quanto riguarda il punto ,, siano A un aperto di X, y un punto di (A) ed x un punto di A tale che
(x) = y. Sia poi U un aperto ammissibile di B contenente y. La controimmagine di U formata
:o,
Rivestimenti
da aperti disgiunti V
i
, con i in un qualche insieme di indici I, omeomorf ad U. Uno solo di questi
contiene x: sia V
i(x)
. Linsieme A V
i(x)
aperto quindi linsieme omeomorfo {A V
i(x)
)
aperto in U e di conseguenza in B. Tale insieme contiene y. Segue che (A) aperto in B perch
intorno di ogni suo punto.
Dimostriamo ora che Bha la topologia quoziente. Sappiamo che suriettiva, continua, aperta. Sia
U un aperto di B: allora
:
(U) aperto. Viceversa se U un sottoinsieme di B tale che
:
(U)
aperto, allora U, che coincide con {
:
(U)) essendo suriettiva, aperto perch aperta.
I6.2 SoIIevamenti di appIicazioni
Proposizione 1.z (unicit dei sollevamenti)
Sia X B un rivestimento ed unapplicazione continua da uno spazio connesso Y in B.
Supponiamo che f e g siano due applicazioni continue di Y in X tali che f = g = . Se
f (y) = g(y) in un punto y, allora f = g.
Y
f

J
J
J
J
J
J
J
J
J
J
J X

B
Dimostrazione. Sia Z = z Y f (z) = g(z). Dimostriamo che Z aperto e chiuso: dato che Y
connesso seguira che Z (non vuoto per ipotesi) coincide con Y.
Per la proposizione :o.o, Z chiuso in quanto X separato. Sia z un punto di Ze b = (z). Preso un
intorno aperto ammissibile U di b, esiste un solo aperto Wdi X che contiene il punto f (z) = g(z)
e che omeomorfo ad U attraverso . Se V un intorno di z tale che f (V) We g(V) W, per
ogni t V avremo che {f (t)) = {g(t)) ed f (t) W, g(t) W. Segue che f (t) = g(t) perch
un omeomorfsmo fra We U. Quindi V Z e Z intorno di ogni suo punto.
Unapplicazione f come sopra, tale che f = , detta un sollevamento di . In generale,
data unapplicazione Y B, diremo che unapplicazione h Y X un sollevamento di se
h = .
CoroIIario 1.
^elle condizioni della proposizione, sia f unapplicazione da X in se tale che f = . Se esiste
un punto x X tale che f (x) = x allora f lidentit.
Dimostrazione. Basta applicare la proposizione con Y = X, = e g = :
X
.
7eorema 1. (esistenza dei sollevamenti di cammini ed omotopie)
Sia X B un rivestimento. Allora.
r. Dato un cammino I B esiste un sollevamento f I X che unico se si fssa il punto
iniziale.
:o
.2 Sollevamenti di applicazioni
:. Data unapplicazione continua F I I B esiste un sollevamento G I I X che unico
se si fssa limmagine del punto (o, o).
. Se F unomotopia relo, : fra i cammini e , e G un sollevamento di F, allora G
unomotopia relo, : fra f (x) = G(x, o) e g(x) = G(x, :), inoltre f un sollevamento di ,
g un sollevamento di , f (o) = g(o), f (:) = g(:).
,. In particolare, se e sono due cammini omotopi e chiusi in un punto base b
o
B, e se f
(rispettivamente g) un sollevamento di (rispettivamente ) tale che f (o) = g(o), allora
f (:) = g(:).
Dimostrazione. Diamo la dimostrazione dei punti : e ,. La dimostrazione del punto : analoga a
quella del punto : ma pi laboriosa. Il punto conseguenza immediata del punto ,.
Dato dunque il cammino , scegliamo un ricoprimento aperto U
j

jJ
di B costituito da aperti
ammissibili. Gli insiemi
:
(U
j
) formano, al variare di j, un ricoprimento aperto del compatto
I. Per il teorema ::.:o sul numero di Lebesgue, possiamo suddividere I in intervalli successivi
|a
i
, a
i+:
|, con a
o
= o, a
n
= :, e tali che limmagine di ciascuno di essi attraverso sia contenuta
in un aperto ammissibile del ricoprimento.
Costruiamo il sollevamento f induttivamente su |o, a
i
|, dove i = o, :, :, . . . , n. Per n = o, dob-
biamo semplicemente scegliere il punto iniziale f (o) tale che {f (o)) = (o). Supponiamo
di aver defnito f su |o, a
i
|. Se y
i
= {f (a
i
)), sia U
j(i)
un aperto del ricoprimento tale che
(|a
i
, a
i+:
|) U
j(i)
. Il punto f (a
i
) contenuto in uno solo degli aperti disgiunti di X che forma-
no la controimmagine di U
j(i)
attraverso : sia V
i
tale aperto. Utilizzando lomeomorfsmo fra
V
i
e U
j(i)
vediamo che esiste un unico prolungamento di f allintervallo |a
i
, a
i+:
| con immagi-
ne in V
i
e tale che f = . Lunicita del sollevamento evidente dalla costruzione o pu essere
dedotta dalla proposizione :o.:.
Passiamo ora alla dimostrazione del punto ,. Dobbiamo verifcare che G(o, t) costante al va-
riare di t in |o, :|. Questo segue dal fatto che G(o, t) una funzione continua da |o, :| nella f-
bra di F(o, o) in quanto G un sollevamento di F ed inoltre F(o, t) = F(o, o) per ogni t, es-
sendo F unomotopia relo, :. Dato che |o, :| connesso e le fbre hanno la topologia discreta,
G(o, t) costante. In modo analogo G(:, t) costante. Le altre afermazioni del punto seguono
immediatamente.
Fissiamo ora un punto base x
o
in Xe prendiamo come punto base in Bla sua immagine b
o
= (x
o
).
Supponiamo X e B connessi per archi. Dal teorema deduciamo i seguenti corollari
CoroIIario 1.
Lomomorfsmo


:
(X, x
o
)
:
(B, b
o
) iniettivo.
Dimostrazione. Se un cammino chiuso in x
o
tale che omotopo come cammino chiuso
in b
o
al cammino sottostante attraverso unomotopia F rel o, :, allora il sollevamento G di F
tale che G(o, o) = x
o
unomotopia da al cammino costante in x
o
.
:o,
Rivestimenti
CoroIIario 1.
Un elemento || di
:
(B, b
o
) appartiene a

{
:
(X, x
o
)) se e solo se il sollevamento con
punto iniziale x
o
di un cammino chiuso.
Dimostrazione. Segue immediatamente dal teorema.
Avremo bisogno di una generalizzazione del teorema :o.: uno spazio topologico Z si dice local-
mente connesso per archi se per ogni punto z Z ed ogni intorno aperto V di z esiste un intorno
aperto di z connesso per archi e contenuto in V.
7eorema 1./
Sia X B un rivestimento, x
o
un punto di X e b
o
= (x
o
). Sia Y uno spazio connesso per
archi e localmento connesso per archi, ed y
o
un punto di Y. Data unapplicazione continua
f Y B tale che f (y
o
) = b
o
, esiste un sollevamento g tale che g(y
o
) = x
o
se e solo se
f

{
:
(Y, y
o
))

{
:
(X, x
o
)). Se esiste, tale sollevamento unico.
Dimostrazione. La condizione necessaria perch se un cammino chiuso in y
o
, il cammino
immagine attraverso la f , cio f , uguale a g , cio anche limmagine attraverso del
cammino chiuso (in x
o
) g .
Supposta verifcata la condizione dellenunciato, defniamo lapplicazione g. Dato un punto y Y,
scegliamo un cammino da y
o
a y. Il cammino f in B ha come punto iniziale b
o
. Per il
teorema :o. esiste un unico sollevamento di f con punto iniziale x
o
. Defniamo allora
g(x) = (:).
Dobbiamo verifcare che la defnizione ha senso, cio che non dipende dalla scelta di . Sappiamo
che se sostituiamo con un cammino omotopo relo, : il risultato non cambia in virt del
teorema :o.(,). Se poi un cammino qualsiasi da y
o
ad y, allora
:
un cammino chiuso in
y
o
. Per lipotesi fatta, f

(|
:
|)

{
:
(X, x
o
)) e quindi per il corollario :o.o il sollevamento di
f (
:
) un cammino chiuso in x
o
; equivalentemente, i sollevamenti di f e di f che
partono da x
o
hanno lo stesso punto fnale. Segue che g ben defnita.
Lipotesi che Ysia localmente connesso per archi serve per dimostrare la continuita di g: omettiamo
questa verifca. Lunicita segue dalla proposizione :o.:.
I6.3 Azione di
:
(B) suIIa bra
Sia X B un rivestimento. Indichiamo con X
o
la fbra in b
o
e supponiamo come prima X e B
connessi per archi.
Dato un cammino chiuso in b
o
ed un punto x in X
o
, sia f lunico sollevamento di tale che
f (o) = x. Se un altro cammino chiuso in b
o
tale che || = || e g lunico sollevamento di
tale che g(o) = x, segue dal teorema :o.() che f (:) = g(:). Possiamo quindi defnire unazione
destra di
:
(B, b
o
) su X
o
nel modo seguente:
(x, ||) f (:) = x||, dove f lunico sollevamento di che parte da x
:oo
.3 Azione di
:
(B) sulla fbra
Lasciamo al lettore la verifca che si ottiene efettivamente unazione di gruppo su X
o
.
Abbiamo il seguente, importante,
7eorema 1.8
r. Lo stabilizzatore di un punto x
o
X
o
il sottogruppo

{
:
(X, x
o
))
:.
:
(B, b
o
) agisce transitivamente su X
o
. Siano x, y due punti di X
o
, allora

{
:
(X, x)) e

{
:
(X, y)) sono coniugati in
:
(B, b
o
)
,. Se H un sottogruppo di
:
(B, b
o
) coniugato di

{
:
(X, x)), allora esiste y X
o
tale che
H =

{
:
(X, y))
Dimostrazione. Se un cammino chiuso in b
o
tale che il suo sollevamento f che parte da
x
o
ha come punto fnale ancora x
o
, allora = f immagine del cammino chiuso f , cio
||

{
:
(X, x
o
)). E immediato verifcare il viceversa ottendo cos il punto :. Se x ed y sono
due punti di X
o
, essendo X connesso per archi, esiste un cammino da x ad y: il cammino chiuso
= ha come sollevamento con punto iniziale x esattamente , quindi x|| = (:) = y e
questo dimostra il punto :.
Per dimostrare il punto , basta ricordare che i due sottogruppi in questione sono gli stabilizzatori
S(x) ed S(y) di x ed y rispettivamente per (:). Quindi se x|| = y e || S(x) allora ||
:
||||
S(y). Tale esiste per il punto :.
Lultima afermazione signifca che al variare del punto nella fbra X
o
, le immagini dei vari
gruppi fondamentali formano una classe di coniugio nel
:
(B, b
o
). Lasciamo come esercizio
la dimostrazione di questa afermazione.
CoroIIario 1.p
La fbra X
o
in corrispondenza biunivoca con linsieme
:
(B, b
o
)]

{
:
(X, x
o
)) delle classi
laterali destre.
Dimostrazione. Segue subito dalla proposizione ,.:.
CoroIIario 1.1o
Se B semplicemente connesso allora un omeomorfsmo fra X e B.
Dimostrazione. In questo caso continua, aperta e biunivoca perch le fbre contengono un
solo elemento per il corollario :o.. Quindi omeomorfsmo.
Il signifcato del corollario che su uno spazio B semplicemente connesso non esistono rive-
stimenti al di fuori di quello banale costituito da un omeomorfsmo fra X e B. Ci porremo in
seguito (pragraf :o., e :o.8) il problema di classifcare i rivestimenti di uno spazio B che non
semplicemente connesso.
:o,
Rivestimenti
II gruppo fondamentaIe degIi spazi proiettivi reaIi
Un primo risultato che possiamo ottenere dalle considerazioni precedenti :

:
{P
:
(R)) = Z,
:
{P
n
(R)) = Z]:Z, se n :
Infatti se n : il rivestimento S
n
P
n
(R) ha delle fbre formate da due punti e lo spazio totale
semplicemente connesso per il teorema :,.:. Nel caso n = :, invece, P
:
(R) omeomorfo ad S
:
.
Cerchiamo di inviduare un generatore di
:
{P
i
(R)). Deve essere un cammino tale che || :,
ma |
i
| = :, dove : indica lelemento neutro del gruppo, cio la classe del cammino costante.
Se prendiamo come punto base in S
i
il polo nord ^ e quindi come punto base in P
i
(R) la sua
immagine b
o
, lunico sollevamento di che parte da ^ non deve essere chiuso senn
sarebbe omotopicamente banale e quindi anche . Dato che la fbra di b
o
costituita dai due poli
^ e S, segue che il punto fnale di S. Basta allora prendere come il cammino che congiunge
^ ad S lungo un meridiano e come la sua immagine. Il cammino
i
ha come sollevamento un
cammino chiuso costituito da un cerchio massimo, che omotopicamente banale.
I6.4 Gruppo fondamentaIe dei gruppi cIassici
Abbiamo visto che SO(:) omeomorfo ad S
:
quindi
:
{SO(:)) = Z. Nel paragrafo o.: si visto
che SU(:) omeomorfo alla sfera S

mentre, per la proposizione :.::, SO(,) omeomorfo a


P

(R). Quindi sappiamo che

:
{SU(:)) = :
:
{SO(,)) = Z]:Z
Tali risultati si generalizzano come segue:
Proposizione 1.11
Abbiamo che

:
{SO(n)) = Z]:Z per n ,

:
{SU(n)) = : per n :

:
{U(n)) = Z per n :
Dimostrazione. Ricordiamo che SO(:) omeomorfo ad S
:
e quindi il suo gruppo fondamentale
Z. Dimostriamo la tesi su SO(n) per induzione su n, che supponiamo .
Utilizziamo lazione naturale di SO(n) sulla sfera S
n:
R
n
. Sia ^ = (o, . . . , o, :) ed S = ^. Sia
SO(n) S
n:
la mappa continua che associa alla matrice M SO(n) il punto M(^) S
n:
.
Dato che lazione di SO(n) transitiva, lapplicazione suriettiva e lo stabilizzatore di ^ il
sottogruppo (
C o
o :
) C SO(n :). Nel seguito identifcheremo C SO(n :) con la matrice
(
C o
o :
) SO(n).
I due insiemi A = S
n:
S ed il suo antipodale B sono aperti in S
n:
ed omeomorf ad R
n:
. La
loro intersezione A B omeomorfa a R
n:
punto. Quindi se n gli insiemi A, B, A B
:o8
.4 Gruppo fondamentale dei gruppi classici
sono semplicemente connessi. Sia ora U =
:
(A) e V =
:
(B). Vogliamo dimostrare che U
omeomorfo a A SO(n :).
Per ogni x A, x ^, sia
x
il piano generato da ^ ed x; diamo a
x
lorientazione determi-
nata dalla coppia (^, x) fssando una base ortonormale f
:
, f
i
, che completiamo ad una base
f
:
, . . . , f
n
di R
n
orientata come la base canonica. Esiste allora un solo elemento M(x) SO(n)
che induce lidentita sullortogonale di
x
e la rotazione (cio lelemento di SO(:)) in
x
che porta
^ in x. Poniamo infne M(^) = I, la matrice identita.
Defniamo allora
A SO(n :)

SO(n)
(x, C)


M(x)C
(ricordiamo che SO(n :) identifcato allo stabilizzatore di ^ in SO(n), quindi C fssa ^).
Lapplicazione continua, inoltre ( )(x, C) = x; infatti
{M(x)C) = {M(x)C)(^) = M(x)(^) = x
Quindi {A SO(n :)) U =
:
(A).
Viceversa, se D U, cio (D) = x A, allora
:
(D) univocamente determinato:
:
(D) =
(x, C) dove x = (D) e C = M(x)
:
D; chiaro che anche
:
continua. Segue che U omeo-
morfo ad A SO(n :). Analogamente, V omeomorfo a B SO(n :) e U V omeomorfo a
(A B) SO(n :).
Tenuto conto che A, B e A B sono semplicemente connessi,
:
(U V)
:
(U)
:
(V)

:
{SO(n:)) e linclusione di UVin U(risp. V) induce un isomorfsmo sui gruppi fondamentali.
Applicando il teorema di Van Kampen alla coppia U, V e tenuto conto dellosservazione :,.:o
concludiamo che
:
{SO(n))
:
{SO(n :)).
Per il caso SU(n) con n > :, rinviamo il lettore a [T]. Infne, per il caso U(n), ci basta ricordare
che omeomorfo a SU(n) S
:
(vedi il paragrafo :.:), e che quindi
:
{U(n)) = Z.
Proposizione 1.1z
Abbiamo.

:
{SL
n
(C)) = : per n :

:
{SL
n
(R)) =

: n = :
Z n = :
Z]:Z n > :
Dimostrazione. Per n = : il risultato banale perch i gruppi in questione sono costituiti da un solo
punto. Per n > :, utilizziamo le decomposizioni di Iwasawa di SL
n
(R) e di SL
n
(C). Per esempio,
sappiamo che SL
i
(C) = KA^ dove
K = SU(:)
A = |{
o
o
:
) R
>o
|
^ = (
: z
o :
) z C
:o
Rivestimenti
e che tale decomposizione un omeomorfsmo. Il risultato segue perch SU(:) semplicemente
connesso; ^ isomorfo a Ccome gruppo topologico e quindi semplicemente connesso; ed infne
A isomorfo come gruppo topologico al gruppo moltiplicativo R
>o
() dei reali positivi, a sua volta
isomorfo ad R(+) con lapplicazione log, e quindi anchesso semplicemente connesso.
Il caso generale SL
n
(C) del tutto analogo.
Nel caso di SL
n
(R), nella decomposizione di Iwasawa compare un fattore SO(n) e due fattori
semplicemente connessi, da cui il risultato, tenuto conto della proposizione :o.::.
I6.5 Automorsmi di un rivestimento
Sia X uno spazio connesso per archi e localmente connesso per archi e X B un rivestimento.
Lo spazio B allora connesso per archi, essendo continua e suriettiva; e localmente connesso
per archi, essendo X e B localmente omeomorf. Indichiamo con G = Aut(X]B) il gruppo degli
automorfsmi di X in s che commutano con , cio degli omeomorfsmi f di X in s tali che
f = . Gli elementi di G sono detti automorfsmi del rivestimento. Segue dalla defnizione che
una fbra X
o
su un punto b
o
viene mandata in s e che quindi G agisce sulle fbre. Il corollario :o.,
dice che lazione di G su X libera, cio che lo stabilizzatore di un punto formato dalla sola
identita. Inoltre
7eorema 1.1
Lazione di G su X propriamente discontinua cio per ogni x X esiste un intorno V tale che
V gV = per ogni g G diverso dallelemento neutro.
Dimostrazione. Dato x X, scegliamo un aperto ammissibile U contenente b = (x). La contro-
immagine di U formata da aperti disgiunti V
i
, con i I, ciascuno omeomorfo ad U, ed x appartie-
ne ad uno solo di essi: diciamo V
k
. Se g un elemento di G diverso dallidentita, allora g(x) V
h
dove V
h
V
k
perch lazione libera e ciascuno dei V
i
contiene un solo punto della fbra X
o
.
Dato che X localmente connesso per archi possiamo suppore U connesso per archi. Ciascuno dei
V
i
dunque connesso per archi. Linsieme g(V
k
) a sua volta connesso per archi ed contenu-
to in
:
(U) perch g(V
k
) = (V
k
) = U. Segue che g(V
k
) contenuto nella componenente
connessa di
:
(U) contenente g(x), cio V
h
(anzi, g(V
k
) = V
h
) e quindi V
k
gV
k
= .
Fissiamo ora un punto base x
o
in Xe sia b
o
= (x
o
). Indichiamo con H il gruppo

{
:
(X, x
o
)) e
con ^ il suo normalizzante in
:
(B, b
o
), cio il sottogruppo formato dagli elementi || di
:
(B, b
o
)
tali che ||H = H||. Il gruppo ^ contiene H ed il pi grande sottogruppo di
:
(B, b
o
) che
contiene H come sottogruppo normale. Sappiamo che
:
(B, b
o
) agisce sulla fbra X
o
nel modo
seguente: (x, ||) (:) dove lunico sollevamento di che parte da x. Abbiamo il seguente
importante
7eorema 1.1
Esiste un omomorfsmo ^ G tale che, se g = (||), allora g(x
o
) = x
o
||. Inoltre
induce un isomorfsmo fra ^]H e G.
:,o
.5 Automorfsmi di un rivestimento
Dimostrazione. Sia un cammino chiuso in b
o
tale che || ^ ed y = x
o
|| = (:) dove il
sollevamento di che parte da x
o
. Il teorema :o.8 dice che
||
:

{
:
(X, x
o
))|| =

{
:
(X, y))
ma ^ e quindi

{
:
(X, x
o
)) =

{
:
(X, y)). Per il teorema :o., esiste allora un omeomorf-
smo g di X in s che manda x
o
in y e che commuta con . Tale g univocamente determinato.
Posto g = (||), lasciamo al lettore la verifca che lapplicazione ^ G cos defnita un
omomorfsmo.
Tale applicazione suriettiva perch dato g G, se y = g(x
o
), un cammino da x
o
ad y in
X ed = , allora ||
:
H|| =

{
:
(X, y)) =

{
:
(X, g(x
o
))) =

{
:
(X, x
o
)) =

{
:
(X, x
o
)) = H. Dunque || ^ ed chiaro che g = (||).
Un elemento di g G completamente determinato dal suo valora in x
o
per il corollario :o.,. Segue
che || ker() se e solo se il sollevamento un cammino chiuso. Quindi ker() coincide con

{
:
(X, x
o
)) = H per il corollario :o.o.
CoroIIario 1.1
Se

{
:
(X, x
o
)) normale in
:
(B, b
o
), allora
G = Aut(X]B)
:
(B, b
o
)]

{
:
(X, x
o
))
Diciamo che X un rivestimento normale o di Galois di B se il gruppo G agisce transitivamente
su ciascuna fbra.
7eorema 1.1
Un rivestimento X B (in cui X e B sono connessi per archi e localmente connessi per
archi) di Galois se e solo se per ogni punto b B ed ogni punto x nella sua fbra, il gruppo

{
:
(X, x)) normale in
:
(B, b). Inoltre supciente che la condizione sia verifcata per
una coppia {b = (x), x).
Dimostrazione. Supponiamo che il rivestimento sia di Galois. Sia un cammino chiuso in b ed
y = (:) dove il sollevamento di che parte da x. Sia g un elemento di G Aut(X]B) tale che
g(x) = y. Allora ||
:

{
:
(X, x))|| =

{
:
(X, y)) =

{
:
(X, g(x))) = (g)

{
:
(X, x))
=

{
:
(X, x)), dunque

{
:
(X, x)) normale in
:
(B, b).
Viceversa, supponiamo

{
:
(X, x)) normale in
:
(B, b). Se un cammino in X da x ad y,
entrambi contenuti nella fbra di b, e se il cammino chiuso , allora || un elemento del
normalizzante di

{
:
(X, x)) che coincide per ipotesi con tutto
:
(B, b). Allora (||) dove
la mappa del teorema :o.: un elemento di G che manda x in y.
Lasciamo come esercizio la verifca dellultima afermazione.
:,:
Rivestimenti
I6.6 Rivestimento UniversaIe
Sia X B un rivestimento. Supponiamo come al solito che X e B siano entrambi connessi
per archi e localmente connessi per archi. Fissiamo un punto base x in X e sia b = (x). Come
conseguenza immediata del teorema :o., si ha
Proposizione 1.1/
Supponiamo che X sia semplicemente connesso.Allora dato un rivestimento

B ed un
punto x X

tale che

(x

) = b, esiste una ed una sola applicazione continua f X X

tale
che

f = ed f (x) = x

.
CoroIIario 1.18
Supponiamo che sia X che X

siano semplicemente connessi. Allora lapplicazione f della


proposizione un omeomorfsmo fra X e X

.
Quindi se lo spazio topologico B ha un rivestimento semplicemente connesso X, questo univo-
camente determinato a meno di omeomorfsmi che commutano con le proiezioni su B. Se X
semplicemente connesso, diremo allora che X B il rivestimento universale di B. In gene-
rale tale rivestimento non esiste, ma c bisogno di unipotesi tecnica supplementare: un spazio
B si dice semi-localmente semplicemente connesso se per ogni b B esiste un intorno U tale
che ogni cammino chiuso basato in b e contenuto in U omotopo come cammino chiuso in B al
cammino costante (in altre parole, durante lomotopia si pu uscire da U).
sempio
Sia B = S
:
. Indichiamo con R S
:
il rivestimento universale dato da (x) = exp(:ix) e
con
n
S
:
S
:
il rivestimento
n
(z) = z
n
(dove S
:
pensato nel piano complesso C con la
variabile z). Se prendiamo come punto base in R il punto o e come punto base in S
:
il punto :,
lapplicazione f
n
(x) = exp(:ix]n) manda o in : e soddisfa =
n
f
n
. Si osservi che f
n
R S
:
un rivestimento. Questo un fatto generale: si veda la proposizione :o.:: qui di seguito.
7eorema 1.1p
Sia B uno spazio connesso per archi, localmente connesso per archi e semi-localmente semplice-
mente connesso. Allora il rivestimento universale X di B esiste. Inoltre la fbra X
o
in un punto
b
o
B in corrispondenza biunivoca con
:
(B, b
o
), e il gruppo Aut(X]B) isomorfo a
:
(B).
Dimostrazione. Per lesistenza rinviamo ad un testo qualsiasi di topologia algebrica. ad esempio
[K]. La seconda afermazione il corollario :o. mentre la terza conseguenza immediata del
teorema :o.:.
sempi
Echiaro che una varieta topologica connessa Bsoddisfa le condizioni del teorema e quindi ammette
un rivestimento universale X. Inoltre X una varieta topologica, in quanto Bed Xsono localmente
:,:
.7 Morfsmi di rivestimenti e rivestimenti equivalenti
omeomorf. Abbiamo visto che
1. La retta reale R il rivestimento universale di S
:
i. Il piano R
i
il rivestimento universale del toro T
. La sfera S
n
il rivestimento universale di P
n
(R) se n :
. SU(:) il rivestimento universale di SO(,)
,. Il disco aperto in R
i
il rivestimento universale della superfcie compatta orientabile
(connessa) X
g
se g :: non dimostriamo questo fatto
I6.I Morsmi di rivestimenti e rivestimenti equivaIenti
Ci poniamo ora il problema di classifcare i rivestimenti di uno spazio B. Abbiamo il seguente
7eorema 1.zo
Siano X B e Y B due rivestimenti di B (dove X, Y e B sono connessi per archi e
localmente connessi per archi). Sia x un punto di Xed y un punto di Y tali che (x) = (y) = b.
Allora.
r. esiste un omeomorfsmo f X Y tale che f = e f (x) = y se e solo se

{
:
(X, x)) =

{
:
(Y, y))
:. esiste un omeomorfsmo g X Y tale che g = se e solo se

{
:
(X, x)) e

{
:
(Y, y))
sono coniugati in
:
(B, b)
Dimostrazione. La prima afermazione facile conseguenza del teorema :o.,. La seconda aferma-
zione segue dalla prima tenendo conto del teorema :o.8 (punto ).
Dati due rivestimenti X ed Y di B come nel teorema, diremo che unapplicazione continua
h X Y un morfsmo (di rivestimenti di B) se h = . Ricordiamo che gli elementi di
Aut(X]B) sono detti automorfsmi (del rivestimento). Se la condizione del secondo punto del
teorema soddisfatta, diremo che i due rivestimenti sono equivalenti.
CoroIIario 1.z1
Dato un rivestimento X B e due punti x, y di X tali che (x) = (y), esiste un automorf-
smo g G = Aut(X]B) tale che g(x) = y se e solo se

{
:
(X, x)) =

{
:
(X, y))
Dimostrazione. Basta applicare il teorema al caso in cui i due rivestimenti coincidono.
Lasciamo come utile esercizio la dimostrazione della seguente
Proposizione 1.zz
Siano X B e Y B due rivestimenti di B (dove X, Y e B sono connessi per archi e
localmente connessi per archi). Sia h un morfsmo di rivestimenti da X a Y. Allora h X Y
un rivestimento.
:,,
Rivestimenti
Il corollario :o., ed il teorema :o.:o ci suggeriscono che i rivestimenti di B siano classifcati, a
meno di equivalenza, dalle classi di coniugio di
:
(B). Vedremo che questo vero se B ammette
un rivestimento universale: il problema consiste nel dimostrare che per ogni sottogruppo H di

:
(B) esiste un rivestimento X B tale che

{
:
(X)) = H.
I6.8 Azioni di gruppi e rivestimenti
Unimportante proprieta dei rivestimenti di Galois data dalla seguente
Proposizione 1.z
Sia X connesso per archi e localmente connesso per archi, X B un rivestimento di Galois e
G = Aut(X]B). Allora B omeomorfo a X]G.
Dimostrazione. Il gruppo G agisce transitivamente sulle fbre per ipotesi. Quindi le fbre coinci-
dono con le orbite dellazione di G. Daltra parte sappiamo che la topologia di B la topologia
quoziente rispetto alla relazione dequivalenza che identifca i punti di una stessa fbra. Quindi le
due relazioni di equivalenza coincidono.
La proposizione :o.o ammette uninversa:
Proposizione 1.z
Sia X uno spazio connesso per archi e localmente connesso per archi su cui agisce un gruppo G
in modo propriamente discontinuo. Sia B lo spazio quoziente X]G e X B lapplicazione
canonica. Allora X B un rivestimento di Galois ed Aut(X]B) = G.
Dimostrazione. Sappiamo che unapplicazione continua, suriettiva ed aperta. Dato x X, sia
V un suo intorno aperto tale che V gV = per ogni g G diverso dallelemento neutro. Dato
che aperta, U = (V) un aperto contenente (x) ed inoltre
:
(U) =
gG
gV. Gli aperti
gV sono disgiunti e gV U continua, aperta, biunivoca e quindi un omeomorfsmo per ogni
g G. Quindi U un aperto ammissibile.
E chiaro che ogni g G determina un automorfsmo del rivestimento. Elementi distinti di G
determinano automorfsmi distinti: infatti se g ed h sono elementi di G che determinano lo stesso
automorfsmo, allora h
:
g determina lautomorfsmo identita, il che possibile soltanto se h
:
g
lelemento neutro di G, perch lazione propriamente discontinua ed in particolare ogni elemento
di G diverso dallelemento neutro agisce su X senza fssare alcun punto. Quindi G identifcabile
ad un sottogruppo di Aut(X]B). Le fbre del rivestimento sono le orbite sotto lazione di G. Tale
azione transitiva su ciascuna orbita e perci il rivestimento di Galois.
Infne, G = Aut(X]B) perch se f Aut(X]B), preso un punto x X sia y = f (x): sappiamo che
esiste g G tale che gx = y per la transitivita dellazione di G. Allora f coincide con lautomorfsmo
determinato da g per la proposizione :o.:.
:,
.8 Azioni di gruppi e rivestimenti
CoroIIario 1.z
^elle ipotesi della proposizione precedente, G isomorfo a
:
(X]G)]

{
:
(X)). In particolare,
se X semplicemente connesso, G isomorfo a
:
(X]G).
Dimostrazione. Basta applicare il teorema :o.:o ed il corollario :o.:,.
7eorema 1.z
Sia B uno spazio connesso per archi e localmente connesso per archi che ha un rivestimento
universale X Be sia H un sottogruppo di
:
(B, b), dove b B. Allora esiste un rivestimento
Y B ed un punto y Y tali che

{
:
(Y, y)) = H.
Dimostrazione. Fissiamo un punto x X nella fbra di b. Abbiamo visto nel teorema :o.: che
si pu defnire un isomorfsmo fra
:
(B, b) ed il gruppo G = Aut(X]B). Attraverso questo
isomorfsmo identifchiamo H con la sua immagine in G. Lazione di H su X propriamente
discontinua perch lo quella di G per il teorema :o.:,. Sia Y il quoziente X]H in cui prendiamo
come punto base y lorbita di x sotto lazione di H. Il gruppo
:
(Y, y) allora isomorfo ad H per
il corollario :o.:,. Inoltre lapplicazione induce unapplicazione continua Y B: infatti B
omeomorfo ad X]G e quindi due punti di X che hanno la stessa immagine in Y cio che sono
equivalenti sotto lazione di H hanno la stessa immagine in B perch equivalenti sotto lazione
di G.
Lasciamo al lettore la verifca che un rivestimento che

{
:
(Y, y)) coincide con H.
sempi
1. Consideriamo B = SO(n). Abbiamo visto che
:
{SO(n)) = Z]:Z se n ,, quindi gli unici
sottogruppi del
:
(B) sono quelli banali. Per i teoremi :o.:o e :o.:o, esistono solo due
rivestimenti di SO(n) (a meno di isomorfsmi): il rivestimento banale in cui lo spazio totale
B stesso (e lapplicazione di rivestimento lidentita) in corrispondenza del gruppo Z]:Z
ed il rivestimento universale X in corrispondenza del gruppo formato dal solo elemento
neutro. Tale rivestimento X B ha delle fbre formate da due elementi (teorema :o.:).
Lo spazio X molto importante in fsica, ed ha una struttura di gruppo topologico (anzi,
di gruppo di Lie) ed il cosidetto gruppo di spin e denotato con Spin(n). Il gruppo degli
automorfsmi di tale rivestimento formato da due elementi (per il corollario :o.:,) che
sono lidentita e lapplicazione che consiste nello scambiare i due elementi di ciascuna fbra.
i. Sia B = S
:
. Dato che il gruppo fondamentale Z i rivestimenti sono in corrispondenza
biunivoca con i sottogruppi nZ di Z, con n o.
Se n = o, abbiamo il rivestimento universale X = R con lapplicazione (x) = exp(:ix).
Il gruppo degli automorfsmi di questo rivestimento isomorfo a Z ed costituito dalle
traslazioni su R per un intero m.
Se n > o, abbiamo il rivestimento X = S
:
con lapplicazione
n
(z) = z
n
. Lapplicazione

n
manda il cammino che consiste nel percorrere una volta S
:
(in senso antiorario, per
:,,
Rivestimenti
esempio) nel cammino n che consiste nel percorrere n volte S
:
. Quindi

n
{
:
(S
:
)) = nZ Z =
:
(S
:
)
Il gruppo degli automorfsmi di questo rivestimento, per il corollario :o.:,, isomorfo
a Z]nZ; indichiamone gli elementi con
:
, . . . ,
n
= :
X
. Per ogni k = :, . . . , n avremo
che
n
{
k
(z)) = {
k
(z))
n
= z
n
=
n
(z), quindi
k
(z)]z una radice n-esima dellunita.
Posto = exp(:i]n), sappiamo che il gruppo delle radici n-esime dellunita il gruppo

n
=
k
k = :, . . . , n. Ponendo
k
(z) =
k
z per k = :, . . . , n, otteniamo tutti gli
automorfsmi del rivestimento.
:,o
Parte IV
Varieta DierenziabiIi
:,,
II Varieta DierenziabiIi
II.I Nozione di varieta
Sia X uno spazio topologico separato ed a base numerabile.
Una carta di X una coppia (U,
U
) dove U un aperto di X,
U
U
U
(U) un omeomorfsmo
e
U
(U) un aperto di R
n
.
Date due carte (U,
U
) e (V,
V
) se U V ,
U
(U V) e
V
(U V) sono entrambi aperti di
R
n
per linvarianza topologica della dimensione.
Data la carta (U,
U
), possiamo introdurre delle coordinate su U: le coordinate del punto P U
sono x
i
(P) = x
i
(
U
(P) per i = :, . . . , n.
Date due carte (U,
U
) e (V,
V
) abbiamo le funzioni continue, una inversa dellaltra:

V

:
U

U
(U V)
V
(U V)

U

:
V

V
(U V)
U
(U V)
Tali funzioni sono dette funzioni di transizione oppure cambiamenti di coordinate. Esse sono
degli omeomorfsmi da
U
(U V) a
V
(U V) e viceversa.
Un atlante diferenziabile di X una collezione di carte U = (U
i
,
i
)
iI
tale che
(U
i

iI
un ricoprimento aperto di X
le funzioni di transizione
i j
=
i

:
j

j
(U
i
U
j
)
i
(U
i
U
j
) sono funzioni C

per
ogni i, j.
Due atlanti diferenziabili U = (U
i
,
i
)
iI
e V = (V

)
iJ
si dicono equivalenti se latlante
U V diferenziabile. Ci signifca che i cambiamenti di coordinate ottenuti prendendo una
carta di U ed una carta V sono C

. Alla classe di equivalenza dellatlante U possiamo associare un


unico atlante diferenziabile U ottenuto dalla riunione di tutti gli atlanti della classe. Tale atlante
ovviamente massimale, nel senso che ogni atlante equivalente ad U formato con carte che sono
gia in U. Un atlante massimale U anche detto una struttura diferenziabile n-dimensionale su
X. Possiamo fnalmente dare la seguente
Defnizione. Uno variet diferenziabile n-dimensionale una coppia (X, U) formata da uno spa-
zio topologico X separato ed a base numerabile, e da una struttura diferenziabile n-dimensionale
U su X.
Automaticamente X anche una varieta topologica di dimensione n.
Osservazione :,.:. Naturalmente per assegnare una struttura diferenziabile n-dimensionale su
uno spazio topologico X (separato ed a base numerabile) sumciente assegnare un particolare
atlante diferenziabile n-dimensionale.
:,
7 Variet Dierenziabili
sempi
1. Ogni aperto di R
n
ovviamente una varieta diferenziabile con la struttura diferenziabile
data dallapplicazione identita i R
n
.
Pi in generale, se un aperto di una varieta diferenziabile X, allora esso stesso una
varieta diferenziabile, nel modo seguente: data una carta (U,
U
), allora ( U,
U
)
una carta di .
i. Consideriamo lo spazio proiettivo reale P
n
(R): ricordiamo che i punti possono essere
induviduati con le loro coordinate omogenee, cio se x = (x
o
, x
:
, . . . , x
n
) un vettore
non nullo di R
n+:
denotiamo con (x) = (x
o
x
:
x
n
) il corrispondente punto
di P
n
(R). Se U
i
linsieme dei punti di P
n
(R) aventi l i-esima coordinata omogenea
diversa da o, poniamo
i
{(x)) = (x
o
]x
i
, . . . , x
i:
]x
i
, x
i+:
]x
i
, . . . , x
n
]x
i
). La
i
ottenuta
dividendo tutte le coordinate omogenee per x
i
ed omettendo l i-esima coordinata ed un
omeomorfsmo fra U
i
ed R
n
. E immediato verifcare che (U
o
,
o
), (U
:
,
:
), . . . , (U
n
,
n
)
danno un atlante diferenziabile su P
n
(R).
AppIicazioni dierenziabiIi
In questo testo le funzioni C

(, R
m
) di classe C

da un aperto di R
n
in valori in R
m
saranno dette semplicemente funzioni diferenziabili (da ad R
m
).
Siano X ed Y due varieta diferenziabili ed f X Y unapplicazione continua. Dati un punto
x X, ed una carta (V,
V
) tale che y = f (x) V, esiste per la continuita di f una carta (U,
U
)
contenente x tale f (U) V.
Unapplicazione continua f X Y detta diferenziabile (cio di classe C

) in x se, data una car-


ta (V,
V
) di Y contenente f (x) ed una carta (U,
U
) contenente x tale f (U) V, lapplicazione

V
f
:
U
diferenziabile. Notiamo subito che tale proprieta non dipende dalle carte scelte in
x ed in f (x) perch i cambiamenti di carte sono C

.
Unapplicazione f X Y fra varieta diferenziabili detta diferenziabile se diferenziabi-
le in ogni punto x di X. Se f biiettiva e sia f che f
:
sono diferenziabili, allora f detta
difeomorfsmo.
Indichiamo con C

(X, Y) le applicazioni diferenziabili da X ad Y.


Sottovarieta DierenziabiIi
Un sottoinsieme Y di una varieta diferenziabile X si dira sottovariet diferenziabile di dimen-
sione r se per ogni punto P Y esiste una carta (U, ) in P con coordinate (x
:
, . . . , x
n
) tali che
U
Y
= U Y linsieme
Q U x
r+:
(Q) = x
r+i
(Q) = = x
n
(Q) = o
Poniamo allora
Y
(Q) = {x
:
(Q), . . . x
r
(Q)) per ogni Q U
Y
.
Se Y una sottovarieta di X, scegliamo delle carte (U
i
,
i
) come sopra tali che Y
i
U
i
.
Allora la famiglia (U
i
Y
, i
Y
) un atlante C

di Y che determina una struttura diferenziabile.


Si verifca che tale struttura non dipende dalla scelta delle carte.
:8o
7.2 Spazio Tangente
II.2 Spazio 7angente
Germi di funzioni
Sia X una varieta diferenziabile di dimensione n e P un suo punto. Consideriamo le coppie (f , U)
dove U un intorno aperto di P ed f una funzione C

a valori in R defnita su U. Diciamo


che due coppie (f , U) e (g, V) appartengono allo stesso germe se esiste un intorno aperto di
P su cui f e g coincidono. Linsieme dei germi delle funzioni C

in P sara indicato con C

P
.
Su questo insieme si defniscono in modo naturale le operazione di somma, prodotto per una
costante e prodotto, operando sui rappresentanti. In tal modo C

P
acquista una struttura naturale
di R-algebra.
Il germe della funzione f defnita in un intorno di P sara indicato f
P
. Dalla defnizione segue
che al germe f
P
possiamo associare il suo valore in P, che sara ovviamente defnito da f
P
(P) =
f (P). Possiamo quindi considerare linsieme dei germi delle funzioni che si annullano in P, che
indichiamo con m
P
. Questo insieme un ideale dellalgebra C

P
, e quindi un suo sottospazio
vettoriale. Indichiamo ancora con m
i
P
linsieme dei germi di funzioni che sono combinazioni
lineari fnite di prodotti di due elementi di m
P
. Abbiamo che m
i
P
un sottospazio vettoriale di m
P
.
Se f una funzione C

defnita in un intorno di P, la funzione f f (P) si annulla in P e defnisce


quindi un germe di m
P
.
Il diferenziale di f in P, denotato df
P
limmagine di tale germe in m
P
] m
i
P
.
Dalla defnizione segue che, date due funzioni f e g tali che f = g + c con c R costante, allora
df
P
= dg
P
.
7eorema 1/.z
Sia X una variet dierenziabile di dimensione n e P un suo punto. Abbiamo.
r. dim(m
P
] m
i
P
) = n
:. Se (U, ) una carta in P, con coordinate x
:
, . . . , x
n
, allora i dierenziali dx
: P
, . . . , dx
n P
formano una base di m
P
] m
i
P
.
Dimostrazione. Siano (U, ) una carta in P con coordinate x
:
, . . . , x
n
e p = (P) R
n
. Se f
una funzione C

in un intorno di P, allora la funzione g = f


:
una funzione C

defnita in
un aperto contenente una bolla B(p, ) di R
n
.
Dallanalisi, sappiamo che per ogni x B(p, ):
g(x) = g(p) +
n

i=:
g
x
i
(p){x
i
x
i
(p)) +
n

i, j=:
g
i, j
(x){x
i
x
i
(p)){x
j
x
j
(p))
dove
g
i, j
(x) =

:
o
(: t)

i
g
x
i
x
j
{p + t(x p)) dt
Inoltre le funzioni g
i, j
(x) sono C

.
:8:
7 Variet Dierenziabili
Ora, se f (P) = o, cio se f
P
m
P
, avremo
f
P
=
n

i=:
(f
:
)
x
i
{(P)){x
i
x
i
(P))
P
modulo m
i
P
Cio
df
P
=
n

i=:
(f
:
)
x
i
{(P)) dx
iP
Segue che i diferenziali dx
: P
, . . . , dx
n P
generano m
P
] m
i
P
.
Essi sono linearmente indipendenti perch se
n

i=:

i
{x
i
x
i
(P))
P
m
i
P
allora
n

i=:

i
{x
i
x
i
(p))
p
m
i
p
Ma se h(x) una funzione il cui germe appartiene ad m
i
p
, le sue derivate parziali sono nulle in
p in quanto h(x) combinazione linare di prodotti di due funzioni che si annullano in p. Nel
nostro caso avremo

x
j
_
n

i=:

i
{x
i
x
i
(p))_(p) = o, per ogni j
cio
j
= o per ogni j.
Derivazioni
Dato un punto P di una varieta diferenziabile X, una derivazione in P unapplicazione D C

P

R tale che, per ogni f
P
e g
P
in C

P
:
D(a f
P
+ bg
P
) = aD(f
P
) + bD(g
P
), dove a, b sono delle costanti in R
D(f
P
g
P
) = f
P
(P)D(g
P
) + g
P
(P)D(f
P
)
Segue subito che se c
P
il germe della funzione costante c allora D(c
P
) = o: infatti per la seconda
condizione, D(:
P
) = D(:
P
:
P
) = :D(:
P
) e quindi D(:
P
) = o e per la prima condizione D(c
P
) =
D(c:
P
) = cD(:
P
) = o. Dalla seconda condizione segue immediatamente che D si annulla su m
i
P
.
Indichiamo con D
P
linsieme delle derivazioni in P: D
P
possiede unovvia struttura di spazio
vettoriale su R.
Nel seguito, per non appesantire la notazione, se f una funzione C

defnita in un intorno
di P e D una derivazione in P, scriveremo D(f ) anzich D(f
P
).
Analogamente scriveremo df anzich df
P
se sar chiaro dal contesto che si tratta del diferen-
ziale nel punto P.
Sia (U, ) una carta con coordinate x
:
, . . . , x
n
e P un punto di U. Se f una funzione C

defnita
in U, useremo le notazioni
f
x
i
(P) oppure _

x
i
_
P
_(f )
:8:
7.2 Spazio Tangente
per indicare
(f
:
)
x
i
{(P))
cio la derivata parziale della funzione f
:
rispetto alla variabile x
i
, calcolata nel punto (P).
Lapplicazione

x
i
_
P
f _

x
i
_
P
_(f )
una derivazione su C

P
.
7eorema 1/.
Sia X una variet dierenziabile di dimensione n e P un suo punto. Abbiamo.
r. Lo spazio vettoriale D
P
isomorfo ad (m
P
] m
i
P
)

.
:. Se (U, ) una carta in P, con coordinate x
:
, . . . , x
n
, allora le derivazioni

x
:
_
P
,

x
i
_
P
, . . . ,

x
n
_
P
formano una base di D
P
.
Dimostrazione. Una derivazione D in P defnisce un funzionale lineare su m
P
che si annulla su
m
i
P
, quindi un elemento del duale di m
P
] m
i
P
. Viceversa, dato un elemento (m
P
] m
i
P
)

ed
una funzione f di classe C

defnita in un intorno di P, poniamo D(f ) = {f f (P)).


Le derivazione

x
i
|
P
formano una base di D
P
in quanto, attraverso lisomorfsmo di D
P
con
(m
P
] m
i
P
)

, corrispondono alla base duale della base dx


: P
, . . . , x
n P
di m
P
] m
i
P
. Infatti

x
i
_
P
{x
j
x
j
(P))
P
=
i, j
Osserviamo pure che se
D =
n

i=:

x
i
_
P
una derivazione in P allora le sue componenti
i
sono

i
= D(x
i
) = D{x
i
x
i
(P))
Vettori tangenti a curve
Siano P ed X come sopra e consideriamo linsieme delle coppie (I

, ) costituite da un intervallo
I

= (, +) R e da una funzione I

X di classe C

e tale che (o) = P. Chiameremo una


:8,
7 Variet Dierenziabili
tale coppia una curva in P. Diremo che due curve (I

, ) e (I

) in P sono tangenti in P se,


data una carta (U, ) in P,
d{(t))
dt
(o) =
d{

(t))
dt
(o)
Se tale condizione verifcata in una carta, allora verifcata in ogni carta. Denotiamo con T
P
linsieme delle classi di equivalenza di curve tangenti in P: i suoi elementi saranno detti vettori
tangenti a curve in P. Tale insieme possiede unovvia struttura di spazio vettoriale su R. Se (U, )
una carta in P con coordinate x
:
, . . . , x
n
, possiamo considerare le curve
i
(t) = {x
:
(t), . . . , x
n
(t))
dove x
i
(t) = t + x
i
(P) mentre per tutte le altre coordinate x
j
(t) = x
j
(P). Indichiamo con e
iP
il
vettore tangente in P alla curva
i
(t). Lasciamo al lettore la verifca che i vettori e
:P
, . . . e
nP

formano una base di T


P
.
Verifchiamo che T
P
isomorfo a D
P
: sia (I

, ) una curva C

in P. Per ogni funzione f di classe


C

in un intorno di P, la funzione f defnita in un intervallo contenuto in I

ed a sua volta
C

. Lapplicazione
D f
d(f )
dt
(o)
una derivazione in P detta anche derivata direzionale secondo il vettore tangente in P alla curva
(I

, ). Viceversa, data una derivazione D D


P
che si esprime nella carta (U, ) come
D =
i
a
i

x
i
_
P
possiamo defnire, per t sumcientemente piccolo, lapplicazione
(t) =
:
{a
:
t + x
:
(P), . . . , a
n
t + x
n
(P))
Tale applicazione una curva in P ed il suo vettore tangente in P
d{(t))
dt
(o) = (a
:
, . . . , a
n
)
nella base e
:P
, . . . e
nP
di T
P
relativa alla carta (U, ) descritta sopra. In particolare e
iP
corri-
sponde a

x
i
|
P
Defnizione. Data una varieta diferenziabile n-dimensionale X ed un punto P di X, lo spazio
vettoriale n-dimensionale (m
P
] m
i
P
)

detto spazio tangente in P e sara denotato T


P
oppure
T
P
(X).
Esso sara identifcato di volta in volta con lo spazio D
P
delle derivazioni in P o con lo spazio T
P
dei vettori tangenti a curve in P.
Lo spazio m
P
] m
i
P
detto spazio cotangente in P, sara denotato con T

P
oppure T

P
(X) ed il
duale dello spazio tangente in P.
Ricordiamo che in una carta (U, ) in P le basi

x
:
|
P
, . . . ,

x
n
|
P
di T
P
e dx
:P
, . . . dx
nP
di T

P
sono basi duali.
:8
7.3 Applicazione lineare tangente
Sia f un germe di funzione C

in P: il suo diferenziale in P df =
i

i
dx
i
dove
i
=
f
x
i
(P).
Se D =
i

i

x
:
|
P
un elemento di T
P
, avremo:
D(f ) =
i

i
f
x
i
(P) =
i

i
Daltra parte, se pensiamo a df come elemento del duale di T
P
, avremo
df (D) =
i

i
dx
i
_
i

x
:
_
P
_ =
i

i
Vale quindi luguaglianza D(f ) = df (D).
II.3 AppIicazione Iineare tangente
Sia X una varieta diferenziabile di dimensione n ed Y una varieta diferenziabile di dimensio-
ne m. Data unapplicazione diferenziabile f X Y ed un punto P X, possiamo defnire
unapplicazione lineare
T
P
(f ) T
P
(X) T
f (P)
(Y)
nel modo seguente: se v un vettore di T
P
(X), visto come derivazione, e g una funzione C

a
valori in R defnita in un intorno di f (P, allora
{T
P
(f )(v)(g) = v(g f )
Lapplicazione T
P
(f ) detta applicazione lineare tangente ad f in P.
Osservazione :,.. In molti testi (in particolare in lingua inglese) lapplicazione T
P
(f ) detta
anche diferenziale di f in P e denotata df
P
.
Tale terminologia deriva dal fatto che, se Y = R, cio se f una funzione diferenziabile su X
a valori in R, allora T
P
(f ) pu essere identifcato con il diferenziale df
P
, come stato defnito
precedentemente, se si identifca R con il proprio spazio tangente in un suo punto.
Infatti, lo spazio tangente ad R in un suo punto Q uno spazio unidimensionale T
Q
(R) e se t la
coordinata su R, una base di T
Q
(R)
d
dt
|
Q
, cio T
Q
(R) = R
d
dt
|
Q
. Dati la funzione diferenziabile
f da X in R, il punto P X e una funzione diferenziabile g(t) nellintorno di Q = f (P), se
v =
n
i=:

i

x
i
|
P
un vettore di T
P
(X) espresso in una carta (U, ), allora:
{T
P
(f )(v)){g(t)) = v_g{f (x))_ = _
n

i=:

x
i
_
P
__g{f (x))_
= _
n

i=:

i
f
x
i
(P)_
dg
dt
(Q) = v(f )
dg
df
(Q)
cio
T
P
(f )(v) = v(f )
d
dt
_
Q
:8,
7 Variet Dierenziabili
Se identifchiamo quindi R
d
dt
|
Q
con R attraverso lapplicazione
d
dt
|
Q
, allora T
P
(f )(v) =
v(f ) R ma, come visto, v(f ) = df
P
(v); cio T
P
(f )(v) = df
P
(v). Attraverso tale identifcazione,
ritroviamo che T
P
(f ) = df
P
Hom{T
P
(X); R) = T

P
; cio, df
P
un elemento del duale di T
P
come defnito originariamente.
Vogliamo ora trovare la matrice m n che rappresenta T
P
(f ) nelle basi di T
P
(X) e T
f (P)
(Y)
relative a carte coordinate. Sia (U, ) una carta in P con coordinate (x
:
, . . . , x
n
) = x e (V, ) una
carta in Q = f (P) con coordinate (y
:
, . . . , y
n
) = y tali che f (U) V. La funzione f allora data
da m funzioni y
i
(x
:
, . . . , x
n
) con i = :, . . . , m. Se
v =
n

j=:

x
j
_
P
e g(y) una funzione diferenziabile nellintorno di Q, avremo:
{T
P
(f )(v)){g(y)) =

j=:

x
j
_
P

_g{y(x))_ =
i, j

j
y
i
x
j
(P)
g
y
i
(Q)
=
m

i=:

j=:

j
y
i
x
j
(P)


y
i
_
Q

{g(y))
=

i=:

y
i
_
Q

{g(y))
dove

i
=
n

j=:
y
i
x
j
(P)
j
Quindi, se fssiamo le basi
_

x
:
_
P
, . . . ,

x
n
_
P
_ di T
P
(X) e

y
:
_
Q
, . . . ,

y
m
_
Q

di T
Q
(Y)
dove Q = f (P), al vettore v di componenti (
:
, . . . ,
n
) corrisponde il vettore T
P
(f )(v) di
componenti (
:
, . . . ,
m
) dove
i
come sopra. La matrice m n rappresentativa di T
P
(f ) nelle
basi indicate dunque la matrice jacobiana di f in P
j
f
(P) = _
y
i
x
j
(P)_
i=:,...,m
j=:,...,n
Il rango r
P
(f ) dellapplicazione f nel punto P per defnizione il rango dellapplicazione T
P
(f ).
II.4 7eorema deIIe funzioni impIicite
7eorema 1/. (Teorema della funzione inversa)
Siano un aperto di R
n
ed f C

(, R
n
). Se il rango di f in P n (cio se j
f
(P) non
:8o
7.4 Teorema delle funzioni implicite
singolare) allora esiste un intorno aperto U tale che V = f (U) aperto ed f |
U
un
dieomorfsmo da U in V.
7eorema 1/. (Teorema del rango)
Siano X una variet dierenziabile di dimensione n, Y una variet dierenziabile di dimensione
m, A un aperto di X, B un aperto di Y. Supponiamo che f C

(A, B) abbia rango costante k


su A.
Dato un punto P A esiste allora una carta (U, ) in P con coordinate (x
:
, . . . , x
n
) ed una
carta (V, ) in Q = f (P) con coordinate (y
:
, . . . , y
m
) tali che
U A, f (U) V B e
la restrizione di f a U data da f (x
:
, . . . , x
n
) = (x
:
, . . . , x
k
, o, . . . o).
CoroIIario 1/./
^elle ipotesi del teorema precendente, sia Z linsieme
:
(Q) U. Allora.
Z una sottovariet dierenziabile di U di dimensione n k
lo spazio tangente T
P
(Z) a Z in P isomorfo a ker T
P
(f )
Dimostrazione. Possiamo supporre che, con le notazioni del teorema, x
:
(P) = = x
n
(P) = o e
y
:
(Q) = = y
m
(Q) = o. Le due afermazione seguono da un calcolo immediato.
sempio
Sia M la varieta GL
n
(R) ed ^ la retta R. La dimensione di M p = n
i
. Consideriamo lapplicazione
M R che associa ad ogni A M il numero (A) = det(A) :. Allora
SL
n
(R) = A M (A) = o =
:
(o)
Calcoliamo j

(X). Se A = (x
i j
), allora sviluppando il determinante di A lungo la i-esima riga si
ha
{(x
i j
) = det{(x
i j
)) : = x
i j
X
i j
+ Y
i j
:
dove X
i j
il complemento algebrico di x
i j
. Notiamo che X
i j
ed Y
i j
non dipendono da x
i j
. Segue
che ]x
i j
= X
i j
e quindi j

(X) la matrice : n
i
: {. . . , ]x
i j
= X
i j
, . . . ). Il rango di tale
matrice sempre uguale ad : perch se X
i j
= o per ogni i, j allora det X = o, contrariamente
allipotesi X GL
n
(R). Segue dal corollario :,., che SL
n
(R) una varieta di dimensione n
i
:.
Vogliamo ora vedere come lapplicazione lineare j

(X) agisce su M
n
(R), identifcato con R
n
i
.
Data A = (a
i j
) M
n
(R) e X = (x
i j
) GL
n
(R) avremo {j

(X))(A) =
i, j
X
i j
a
i j
. Posto
Y = X
:
= (y
ji
) dove y
ji
= X
i j
] det X avremo
(X
:
A)
j j
=
:
det X

i
X
i j
a
i j
cio

i, j
X
i j
a
i j
= det(X) Tr(X
:
A)
:8,
7 Variet Dierenziabili
Quindi {j

(X))(A) = det(X) Tr(X


:
A). Nel caso X = I avremo {j

(I))(A) = Tr A. Se identif-
chiamo lo spazio tangente in I a GL
n
(R) con M
n
(R), allora lo spazio tangente in I ad SL
n
(R)
pu essere identifcato al ker j

(I) = A M
n
(R) Tr(A) = o.
II.5 sponenziaIe di matrici e gruppi a I-parametro
sponenziaIe di matrici
Vogliamo defnire unapplicazione
exp M
n
(C)

GL
n
(C)
Nel caso n = :, la solita applicazione z e
z
dove
e
z
=

k=o
z
k
k!
converge per ogni z C.
In generale, se A = (A
i j
) ed A
k
= {(A
k
)
i j
), defniamo exp(A) = e
A
= {(e
A
)
i j
) dove
(e
A
)
i j
=

k=o
(A
k
)
i j
k!
dunque
e
A
=

k=o
A
k
k!
in M
n
(C) C
n
i
La defnizione ha senso se le serie (e
A
)
i j
convergono: verifchiamo che, in efetti, una tale serie
converge assolutamente e uniformemente su ogni insieme limitato K di M
n
(C) C
n
i
. Dato
linsieme limitato K esiste una costante positiva tale che |A
i j
| per ogni i, j e per ogni A K.
Si dimostra allora facilmente, per induzione, che |(A
k
)
i j
|
k
n
k:
<
k
n
k
. Quindi, la serie

k=o
|(A
k
)
i j
|
k!
dominata dalla

k=o
(n)
k
k!
che converge per ogni .
Proposizione 1/.8
Abbiamo che.
r. Se B GL
n
(C), allora Be
A
B
:
= exp(BAB
:
)
:. det(e
A
) = e
Tr A
, in particolare, e
A
GL
n
(C)
. Se AB = BA, allora e
A+B
= e
A
e
B
= e
B
e
A
,. e
A
= (e
A
)
:
.
:88
7.5 Esponenziale di matrici e gruppi a -parametro
Dimostrazione. Osserviamo che (BAB
:
)
k
= BA
k
B
:
e che le somme parziali S
i
(A) =
i
k=o
A
k
k!
convergono ad e
A
in M
n
(C). Quindi lim
i
BS
i
B
:
= Be
A
B
:
perch la moltiplicazione a destra
o a sinistra per una matrice fssa unoperazione continua in M
n
(C). Ora
Be
A
B
:
= B{ lim
i
S
i
(A))B
:
= lim
i
BS
i
(A)B
:
= lim
i
S
i
(BAB
:
) = exp(BAB
:
)
Questo dimostra il punto :.
Data A, sappiamo che esiste B tale che BAB
:
triangolare superiore (essendo su C). Quindi
BA
k
B
:
ancora triangolare superiore. Perci se
:
, . . .
n
sono gli autovalori di BAB
:
(cio di
A), allora
k
:
, . . .
k
n
sono gli autovalori di BA
k
B
:
(cio di A
k
). Segue che exp(BAB
:
) = Be
A
B
:
triangolare superiore con elementi sulla diagonale e

:
, . . . e

n
. Da questo otteniamo che
det{exp(BAB
:
)) = det(Be
A
B
:
) = det(e
A
) = e

:
++
n
= e
Tr(A)
Questo termina la dimostrazione del punto :.
Siano ora Ae B due matrici che commutano. Dato che le serie che esprimono gli elementi di e
A
ed
e
B
convergono assolutamente, avremo le seguenti uguaglianze
e
A
e
B
= _

k=o
A
k
k!
__

h=o
B
h
h!
_ =

h,k=o
A
k
B
h
k!h!
=

n=o
_
n

k=o
A
k
B
nk
k!(n k)!
_ =

n=o
_
n

k=o
_
n
k
_A
k
B
nk
_
Poich A e B commutano, avremo
n

k=o
_
n
k
_A
k
B
nk
= (A+ B)
n
da cui segue subito il punto ,.
La verifca del punto immediata.
sponenziaIe di matrici di AS
n
(R) e di AH
n
(C)
Esaminiamo ora lesponenziale di matrici anti-simmetriche reali AS
n
(R) ed anti-hermitiane
complesse AH
n
(C)
Osserviamo che se X AS
n
(R), cio X =
t
X, ed Y = e
X
, allora, dato che X e
t
X commutano in
quanto
t
X = X, avremo Y
t
Y = e
X
e
t
X
= e
X+
t
X
= e
O
= I. Inoltre det e
X
= e
Tr X
= e
o
= :. Quindi
Y SO(n).
Vogliamo verifcare che lapplicazione exp AS
n
(R) SO(n) suriettiva. Data A SO(n)
sappiamo, per il teorema :.:,, che coniugata ad una matrice Y della forma

m
:

se n = :m+ :;

se n = :m
:8
7 Variet Dierenziabili
Sia A = BYB
:
con B SO(n). Se esiste X AS
n
(R) tale che Y = e
X
allora la matrice BXB
:

AS
n
(R) come si verifca facilmente ed inoltre e
BXB
:
= Be
X
B
:
= BYB
:
= A. Essendo la matrice
Y diagonale a blocchi : : pi un eventuale blocco :-dimensionale dato dal numero :, basta
dimostrare la suriettivita di exp AS
i
(R) SO(:). Sia dunque X = (
o x
x o
) = x (
o :
: o
) = xC,
dove C = (
o :
: o
), la generica matrice di AS
i
(R). Abbiamo che C
i
= I, C

= C e C
(
= I quindi
possiamo calcolare facilmente i coemcienti di e
X
= (
i j
):

::
= :
x
i
:!
+
x
(
!
+ =

k=o
(:)
k
x
ik
(:k)!
= cos(x)
ed analogamente

:i
= sen(x),
i:
= sen(x),
ii
= cos(x)
Concludiamo che
e
X
= _
cos(x) sen(x)
sen(x) cos(x)
_
e quindi exp suriettiva.
Consideriamo ora una matrice H AH
n
(C), cio H =
t

H. La matrice e
H
una matrice unitaria.
Infatti
e
H

t
(e
H
) = e
H
e
t

H
= e
H+
t

H
= e
O
= I
Sia ora U una matrice unitaria: sappiamo, per il teorema :.:,, che U coniugata ad una matrice
D della forma
D =

e
i
:

e
i
n

= e
H
, con H =

i
:

i
n

La matrice H appartiene a AH
n
(C) cos come la matrice VHV
:
ed avremo e
VHV
:
= U.
Abbiamo quindi dimostrato la seguente proposizione
Proposizione 1/.p
Lapplicazione esponenziale d luogo a delle applicazioni suriettive.
exp AS
n
(R) SO(n)
exp AH
n
(C) U(n)
Gruppi a 1-parametro
Consideriamo ora un importante esempio di applicazioni diferenziabili che sono anche omomor-
fsmi fra gruppi topologici: i cosidetti gruppi a -parametro (in GL
n
(C)).
Identifchiamo come al solito M
n
(C) con C
n
i
R
in
i
. Se A = (a

) M
n
(C) allora a

= Re a

+
i Ima

dove i =

:. Data una matrice A = (a

) M
n
(C), consideriamo lapplicazione
R

GL
n
(C)
t


e
tA
:o
7.5 Esponenziale di matrici e gruppi a -parametro
Per il punto , della proposizione :,.8, la un omomorfsmo di gruppi da R(+) a GL
n
(C).
Consideriamo gli elementi (e
tA
)

(t) = Re

(t)+i Im

(t): dal modo in cui defnito


lesponenziale di matrici, vediamo che Re

(t) e Im

(t) sono serie di potenze in t che


convergono per ogni t R. In particolare, quindi, sono funzioni reali C

(anzi, analitiche) della


varibile t; a fortiori continue.
Al variore di t, limmagine e
tA
descrive una curva in GL
n
(C) passante per I = (o). Le coordinate
reali dellimmagine sono date dalle funzioni diferenziabili Re

(t) e Im

(t) che, come detto,


sono serie di potenze in t. Se calcoliamo le derivate di tali funzioni in t = o, ritroviamo esattamente
Re a

e Ima

dove A = (a

); ovvero, usando lidentifcazione M


n
(C) R
in
i
, la matrice
jacobiana di in o
j

(o) = A
cio la matrice A il vettore tangente al gruppo a :-paramentro (t) = e
tA
in (o) = I.
Con lo stesso calcolo si vede che
j

(t) =
d
dt
(e
tA
) = Ae
tA
sempio
Sia M la varieta GL
n
(R) ed ^ la varieta S
n
(R) delle matrici simmetriche reali nn. La dimensione
di M p = n
i
e la dimensione di ^ m = n(n +:)]:. Consideriamo lapplicazione M ^ che
associa ad ogni matrice A M la matrice (A) = A
t
A: chiaro che unapplicazione C

. Allora
O(n) = A M (A) = I =
:
(I)
Vogliamo calcolare j

(I). Se A = (x
i j
), allora poniamo y
i j
= (A
t
A)
i j
=
k
x
ik
x
jk
. Essendo la
matrice (A) = A
t
A simmetrica, basta considerare gli y
i j
con j i. Riordiniamo tali y
i j
nel modo
seguente:
y
::
, y
ii
, . . . , y
nn
,
y
:i
, y
:
, . . . , y
:n
,
y
i
, . . . , y
in
,

y
n:,n
Ordiniamo poi le x
i j
nello stesso modo se i = j oppure se i < j ed in un ordine qualsiasi se i > j.
Calcoliamo ora le derivate:
y
ii
x
ii
= :x
ii
quindi vale : in I
y
ii
x
i j
= :x
i j
quindi vale o in I, se i j
::
7 Variet Dierenziabili
Le altre derivate di y
ii
sono o. Dunque nella matrice j

(I) c un blocco n n in alto a sinistra


diagonale con : sulla diagonale mentre gli altri elementi delle prime n righe sono o. Prendiamo
ora y
i j
con i < j. Avremo:
y
i j
x
i j
= x
j j
quindi vale : in I
y
i j
x
ji
= x
ii
quindi vale : in I
Le altre derivate di y
i j
calcolate in I sono o. Segue che la j

(I) una matrice m p della forma


_
:I
n
O O
O I
mn

_
dove I
k
la matrice identita kk. In particolare il rango di j

(I) massimo (cio m). Se mostriamo


che il rango di j

(P) uguale ad m per ogni P O(n) allora avremo, per il corollario :,.,,
dimO(n) = p m = n
i

n(n + :)
:
=
n(n :)
:
Sia GL
n
(R) GL
n
(R) la moltiplicazione a destra per P. E ovviamente un difeomorfsmo
di GL
n
(R); inoltre = , perch (A) = A
t
A = (AP)
t
(AP) = AP
t
P
t
A = (AP) = {(A)).
Segue che
j

(I) = j

(I) = j

(P)j

(I)
Dato che un difeomorfsmo, j

(X) invertibile per ogni X GL


n
(R), quindi j

(I) e j

(P)
hanno lo stesso rango.
Calcoliamo lo spazio tangente in I di SO(n) (e di O(n)). Sia x (x) una curva diferenziabile
in O(n) passante per I, cio (x)
t
(x) = I e (o) = I. Allora, derivando, otteniamo

(x)
t
(x) + (x)
t

(x) = o, per ogni x


Quindi, per x = o,

(o) =
t

(o), cio la matrice

(o) anti-simmetrica (reale). Quindi lo


spazio tangente a SO(n) in I costituito da matrici anti-simmetriche.
Verifchiamo viceversa che ogni A AS
n
(R) un vettore tangente a SO(n) in I. Prendiamo
la curva x (x) = e
xA
GL
n
(R), con x R: un gruppo ad :-parametro e sappiamo che

(o) = A. Ci resta da verifcare che la curva e


xA
sta in SO(n), cio che (e
xA
)
t
(e
xA
) = I e che
det(e
xA
) = I. Ora,
t
(e
xA
) = e
x
t
A
. Inoltre le matrici A e
t
A = A commutano, quindi
(e
xA
)
t
(e
xA
) = e
x(A+
t
A)
= e
o
= I
Per quanto riguarda il determinante avremo: det e
xA
= e
Tr xA
= e
o
= :.
Concludiamo che lo spazio tangente ad SO(n) in I lo spazio vettoriale AS
n
(R) delle matrici
anti-simmetriche reali n n.
::
7.5 Esponenziale di matrici e gruppi a -parametro
La dimensione dello spazio vettoriale AS
n
(R) n(n :)]: che naturalmente uguale alla dimen-
sione della varieta SO(n).
Ricordiamo che M
n
(R) unalgebra di Lie con | , | denotata gl
n
. Se X, Y sono due matrici di
AS
n
(R) facile verifcare che |X, Y| appartiene ancora ad AS
n
(R), quindi AS
n
(R) essa stessa
unalgebra di Lie con | , | denotata con so
n
Abbiamo quindi visto che lo spazio tangente nellelemento neutro I ad SO(n) ha una struttura
di algebra di Lie e che lapplicazione esponenziale da luogo ad unapplicazione suriettiva dallo
spazio tangente in I alla varieta SO(n).
:,
7 Variet Dierenziabili
:
Indice anaIitico
n-dimensionale
struttura diferenziabile , :,
toro , :{o
varieta diferenziabile , :,
A

, ,,
A
(
, ,,,
A
n
, , ::, :, ,,, ,:
abelianizzato, o, ,8
abeliano
gruppo , vedi commutativo
accumulazione
punto di , :oo
additiva
notazione , ,, ::
aderente
punto ,
AH
n
(C), :8
alfabeto,
algoritmo
euclideo, , :o
alterno
gruppo , vedi A
n
, i
ammissibile
aperto , :o
anello, :, :,
commutativo, i
dei polinomi, i
aperto
ammissibile, :o
applicazione , :o, :o
insieme , , :o:, :::, :,
ricoprimento , ::, :o,
applicazione
esponenziale, :8
applicazione
aperta, :o, :o
canonica, i:, ::, :, :o,, :o, ::,, :,
chiusa, :o, :o
diferenziabile, :8o
iniettiva, :
lineare tangente, :8
suriettiva, :
arco
spazio connesso per , :i
spazio localmente connesso per , :oo
AS
n
(R), :8, ::
atlante
diferenziabile, :,
equivalente, :,
massimale, :,
automorfsmo, :, oo
di rivestimento, :,o, :,,
interno, :, :,
azione
continua, :,o
di
gruppo su spazio topologico, :o8
di gruppo, oo
su insieme, {:, ,o
su spazio topologico, :o
fedele, {i,
di gruppo
su insieme, ,,
per coniugio, {i, ,, ,
propriamente discontinua, :,o
transitiva, {i, :,o
banale
cammino , :o
rappresentazione , ,
sottogruppo , ::
:,
Indice analitico
banda
bordo della-di Mbius, :oo
di Mbius, :oo, :o, :,o, :,, :,,, :,8
base, :o
numerabile, :i, :,
Binet, teorema di , , :
bolla, o, ,, :o:, ::o
Bolzano-Weierstrass
teorema di , ::
bordo, :o:, :o
della banda di Mbius, :oo
di D
i
, :o8
di D
n
, :o:
di H
n
, :,o
varieta topologica con , :o
bottiglia
di Klein, :o,, :o, :,8, :o:
C, i, ,, ,, :o,
C(G), 8,
C

, ,, :,, o,
C
n
, :, ,o
C

, :
cambiamento
di coordinate, :,
cammino, :i{, ::,
banale, :o
composizione di , :io
inverso, :io
omotopo, :{
campo, i, :
canonico
applicazione , i:, ::, :, :o,, :o, ::,,
:,
isomorfsmo , i{
carattere, 8
dimensione di , 8
irriducibile, 8
carta, :,
Cauchy, teorema di , {,
Cayley
teorema di ,
cella
n-dimensionale, o
centralizzante, {
centro, io, ,, ,:, ,,, oo
chiusa
applicazione , :o, :o
chiuso
insieme , , :o:, :::
chiusura, :o:
di un insieme,
ciclico
gruppo , :i, :,, :,, ,,, o
gruppo infnito, :,
ciclo, 8, o
disgiunto, o
lunghezza di un , 8
cilindro, :oo, :,, :,,
classe
di coniugio, {:
di equivalenza, :
di resto modulo n, :i
equazione delle , ,, oo
funzione di , 8,
laterale destra, io
laterale sinistra, :, :
commutativo
anello , i
diagramma , i{
gruppo , :o, :,, ,,, ,o, ,8
commutatore, ,
compatto
spazio
localmente , :i:, ::
spazio , ::, :::
spazio localmente , :,:, :,
superfcie orientabile, :oo
componente
connessa, ,:, ::,, :i, :,:, :,,, :,,, :,8,
:o
p- primaria, o:
composizione
di cammini, :io
di funzioni continue, ,
coniugati, i
coniugato
elemento , {:
:o
Indice analitico
coniugato, elemento , i
coniugato, gruppo , i
coniugio
azione per , {i, ,, ,
classe di , {:
connesso
componente , ,:, ::,, :i, :,:, :,,, :,,,
:,8, :o
spazio
localmente per archi, :oo
semi-localmente semplicemente ,
:,i
semplicemente , :o, :,,
spazio , :i, :,
per archi, :i
continua
azione , :,o
funzione , o, :o:, :o,
funzione in un punto, 8
contraibile
spazio , ::
convergente
successione , , :o:, ::,
convesso
insieme , :{o
coordinate, :,
cambiamento di , :,
omogenee, :o
cotangente
spazio , :8{
curva
in punto, :8
tangente, :8
vettore tangente a , :8{
D
i
bordo di , :o8
D
n
, o
D
6
, vedi S

D
8
, ,,
D
:o
, ,
D
in
, ,8, ,,, ,8
D
o
, o
D
8
, ,
D
in
, , ,, ,8
decomposizione, :{
deformazione
retratto di , :{
denso
insieme , :o:, ::o
derivata
direzionale, :8{
derivato
gruppo , ,
insieme , :oo, :o:
derivazione, :8i
destra
traslazione , {i
diagonalizzabile
rappresentazione , i
diagramma
commutativo, i{
diametro, :oi, ::
diedrale
gruppo , vedi D
in
difeomorfsmo, :8o
diferenza, :
diferenziabile
applicazione , :8o
atlante , :,
sottovarieta , :8o
diferenziale, :8:, :8
dimensione
di carattere, 8
di rappresentazione, ,{
di varieta topologica, :i, :,
diretta
somma , :{, oo, oo
esterna,
interna, oo, oo
direzionale
derivata , :8{
disco, ::
puntato, :o:
unitario, :o:
discontinua
azione propriamente , :,o
discreta
:,
Indice analitico
metrica , :oi
topologia , o, :o:, :o,
disgiunto
ciclo , o
insieme , :
dispari
sostituzione , , ,:
distanza
da sottoinsieme, :oo, :o:
euclidea,
disuguaglianza
triangolare,
divisori
elementari, o
D
n
, :,o
bordo di , :o:
elementari
divisori , o
elemento
coniugato, i, {:
inverso, ,
neutro, ,
ordine di un , :, :o, :,, :
equazione
delle classi, ,, oo
equivalente
atlante , :,
equivalente, rivestimento , :,
equivalenti
spazi omotopicamente , :i
equivalenza
classe di , :
di metriche, :o:
omotopica, :i
relazione di , :
esponenziale
applicazione , :8
esterna, somma diretta ,
euclidea
distanza ,
metrica , :o:
topologia , o
euclideo
algoritmo , , :o
spazio localmente , :i, :,
Eulero, funzione di , :,
fattori
invarianti, o
fedele
azione , {i,
fbra, :o
fnita
rappresentazione , ,{
fnito
gruppo , :o, ,,
ordine di un gruppo , :
ricoprimento localmente , :i
fondamentale
gruppo , :o
forma
bilineare simmetrica, :::
frontiera, :o:
funzione
composizione di continue, ,
continua, o, :o:, :o,
continua in un punto, 8
di classe, 8,
di transizione, :,
omotopa, ::
di Eulero, :,
G-insieme, :o
G-invariante
mappa , ,{, 8:, :
sottospazio , ,,
G-spazio, :o8, ::8, :o
Galois
rivestimento di , vedi rivestimento
normale
generato
gruppo , :i, ::
generatore, :i, {
topologico, :{:
genere
superfcie di g, :oo
germe, :8:
:8
Indice analitico
valore di , :8:
GL
i
(R), ,,, ,8
GL
n
(C), , ,, :, :o, :o:
GL
n
(K), :
GL
n
(R), , ,, :, :, :o, :, ,, , :o:, :::, :,o,
:,:, :,8, :8,, ::
gl
n
, ::
GL(V), {i
grado
di un polinomio, i
gruppo, ,
a :-parametro, :o
abeliano, vedi commutativo
alterno, vedi A
n
, i
azione di
su insieme, ,,
azione di , oo
su insieme, {:, ,o
su spazio topologico, :o8, :o
ciclico, :i, :,, :,, ,,, o
ciclico infnito, :,
commutativo, :o, :,, ,,, ,o, ,8
coniugato, i
degli omeomorfsmi di spazio topologi-
co, :o, :o
dei quaternioni, vedi H
delle isometrie, {, ,8
delle sostituzioni, vedi S
n
derivato, ,
di isotropia, :o
di Lorentz, :::
di spin, :,
diedrale, vedi D
in
fnito, :o, ,,
ordine di un , :
fondamentale, :o
generato, :i, ::
hamiltoniano,
infnito, :
libero, , ,,, o
monogeno, :{:
normale, ::, ,8
ordine di un , :
p-, o:, oo
prodotto, :{, :,
quoziente, i:
semplice, , ,8, oo
simmetrico, vedi S
n
topologico, ::,, :
isomorfsmo di , :
H, , ,,
hamiltoniano
gruppo ,
Hausdorf, spazio di , vedi separato, spazio
Heine-Borel
teorema di , ::o
H
n
bordo di , :,o
immagine, :, :{
indice, :, ::
indotta
topologia , :o:
indotto
omomorfsmo , ::
topologia , o, o, ,, :oo, :o:, :,,
infnito
gruppo , :
gruppo ciclico , :,
iniettiva
applicazione , :
insieme
aperto, , :o:, :::, :,
in R
n
,
azione di gruppo su , {:, ,o
azione di gruppo su , ,,
rappresentazione associata, ,, 8
chiuso, , :o:, :::
chiusura di un ,
convesso, :{o
degli zeri, :o:, ::i
denso, :o:, ::o
derivato, :oo, :o:
disgiunto, :
G-, :o
interno di un , :oo
limitato, ::
:
Indice analitico
prodotto, :
quoziente, :o,
saturo, :o
interna, somma diretta , oo, oo
interno, :o:, :o,
automorfsmo , :, :,
di un insieme, :oo
intersezione, :, ,8
intervallo, :i
intorno, o
sistema fondamentale di , ::{, :::, :,:
invarianti
fattori , o
inverso, i, :,
cammino , :io
elemento , ,
irriducibile
carattere , 8
rappresentazione , ,,
isolato
punto , :oo
isometria, {
isometrie
gruppo delle , {, ,8
isomorfsmo, :
canonico, i{
di gruppi
topologici, :
isotropia
gruppo di , :o
jacobiana
matrice , :8o
Klein
bottiglia di , :o,, :o, :,8, :o:
L
i
(G), 8
laterale
classe destra, io
classe sinistra, :, :
Lebesgue
numero di , ::8, :::, :,o, :o,
lemma
di Schur, 8:
lettera,
libera
parte , oo
libero
gruppo , , ,,, o
limitato
insieme , ::
spazio , :::
spazio totalmente , ::, :::
limite
della successione,
punto , :oo, :o:, ::, :::
localmente
spazio compatto, :i:, ::
spazio connesso per archi, :oo
Lorentz
gruppo di , :::
lunghezza
di un ciclo, 8
M
i
(C), :o,
M
i
(R), :o,

, ,

,
, ,

n
, :i, :,, o,
M
n
(C), :o:
topologia di ,
M
n
(R), :o:, :o,, :::
topologia di ,
mappa
G-invariante, ,{, 8:, :
Maschke
teorema di , 8:
massimale
atlante , :,
toro , i,, ,:, ,:, :,8, :{i
matrice
jacobiana, :8o
matriciale
rappresentazione , ,{, ,8
mcu,
mcm,
metrica,
discreta, :oi
:oo
Indice analitico
equivalenza di , :o:
euclidea, :o:
prodotto, :oi
topologia determinata da una ,
metrico
spazio , , , :oo, :o:, :::, :::
metrizzabile
spazio , :,
modulo, i
modulo, classe di resto n, :i
molteplicita, 8,
moltiplicativa
notazione , ,
monogeno
gruppo , :{:
morfsmo
di rivestimenti, :,
Mbius
banda di , :oo, :o, :,o, :,, :,,, :,8
bordo della banda di-, :oo
n
classe di resto modulo , :i
n-dimensionale
cella , o
neutro
elemento , ,
normale
gruppo , ::, ,8
rivestimento , :,:, :,
sottogruppo , i:
spazio , ::{, :,,, :,
normalizzante, i, ,, :,o
normalizzato, ii, ,
notazione
additiva, ,, ::
moltiplicativa, ,
nucleo, :{
numerabile
base , :i, :,
numero
di Lebesgue, ::8, :::, :,o, :o,
primo,
nZ, :,, ::
O(:, :), :::, :o
O(:), :,, :::
O(,), :,:
O(n), , ::,, ::o, :,o, :,:, :,,, ::, ::
O(x), {i
Omeo(X), :o8
omeomorfsmo, ,, ,
gruppo degli di spazio topologico, :o,
:o
omeomorfo
spazio , ,
omogeneo
coordinate , :o
spazio , :o
omomorfsmo, :{
indotto, ::
omotopia, :{, :o:
tipo di , :i, :,
omotopico
equivalenza , :i
omotopo
cammino , :{
funzione , ::
opposto, i
orbita, {i
spazio delle , :o
ordine
di un elemento, :, :o, :,, :
di un gruppo, :
di un gruppo fnito, :
orientabile
superfcie compatta , :oo
p-
componente primaria, o:
gruppo, o:, oo
Sylow, {{, oo, o:, oo
torsione, o:
P
i
(R), :,o
P

(R), :,, :o8


P
n
(R), :o,, :o8, :::, ::8, :,o, :o,, :o8, :,,
paracompatto
spazio , :i, :,,, :,
pari
:o:
Indice analitico
sostituzione , , ,:
parita, i
parola,
ridotta,
parte
di torsione, oo
libera, oo
partizione, :

funzione di Eulero, :,
polinomio
anello dei , i
grado di un , i
presentazione, {, o
primaria, p-componente, o:
primo
numero ,
relativamente ,
procedimento di ortogonalizzazione di Gram-
Schmidt, :,
prodotto
gruppo , :{, :,
insieme , :
metrica , :oi
spazio , ,, :::, ::o
proiettivo, spazio , vedi P
n
(R)
proiezione, 8, :o
puntato
disco , :o:
punto
aderente,
curva un , :8
di accumulazione, :oo
isolato, :oo
limite, :oo, :o:, ::, :::
Q, ,, :o:, :o:, ::o
Q

, ,
quaternioni, vedi H
quoziente
gruppo , i:
insieme , :o,
topologia , :o
R, ,, ,, :o::o,, ::o, :,, :o,, :,,
R

, ,, o,
R
i
, :o:, ::o, :,, :,,
R

, :,
R
n
, :,
R
n
, ,, ::, ::o, ::, :,, :,:
insieme aperto in ,
sottospazi di , o
radici
n-esime dellunita, vedi
n
ramnamento, :i
rango, o, :8o
rappresentazione, ,{
associata ad azione di gruppo su insieme,
,, 8
banale, ,
coniugata, ,{
diagonalizzabile, i
dimensione, ,{
fnita, ,{
irriducibile, ,,
isomorfa, ,{
matriciale, ,{, ,8
regolare, ,,, ,, ,,, ,8, ,, 8,, 88, :
riducibile, ,,
somma diretta di i, ,8
standard, ,
unitaria, ,8, 8o
regolare
rappresentazione , ,,, ,, ,,, ,8, ,, 8,,
88, :
spazio , ::, ::{, :::, :,
relativamente
primo,
relazione, {
di equivalenza, :
retratto
di deformazione, :{
ricoprimento, ::
aperto, ::, :o,
localmente fnito, :i
ridotta
parola ,
riducibile
:o:
Indice analitico
rappresentazione , ,,
rivestimento, :{o, :,,, :o
automorfsmo di , :,o, :,,
di Galois, vedi normale
equivalente, :,
morfsmo di , :,
normale, :,:, :,
universale, :,i, :,
S(x), {i
S
:
, i, :, o, ,, :oo, :o8, ::, :,, :,,, :o,, :o8,
:,,
S
i
, ,:, ,, :o, ::,, :,o
S

, o, ,, :,, :o8
S
n
, :o,, :o8, ::8, ::o, :,o, :,, :,o, :oo, :o,, :,,
S

, :o, :o, :o, :,, ,, ,,, ,, ,, ,:, 8


S
n
, 8, ::, :, ,,, , {, ,,, ,,, ,8
S
n
(R), {, ::
saturazione, :o
saturo
insieme , :o
Schur
lemma di , 8:
semicono, :{o
semplice
gruppo , , ,8, oo
semplicemente
spazio connesso, :o, :,,
spazio semi-localmente connesso, :,i
separato
spazio , :::, ::,, :::, :,::,
simmetrico
gruppo , vedi S
n
sinistra
traslazione , {i,
sistema
fondamentale di intorni, ::{, :::, :,:
SL
n
(R), :
SL
n
(C), , :{
SL
n
(R), , :{
SO(:), :,, :o8
SO(,), ,o, ,o, :,:, :,, :o8, :,,
SO(n), , :,, ::,, ::o, :,o, :,,, ::
sollevamento, :, :o{
somma
diretta, :{, oo, oo
esterna,
interna, oo, oo
somma diretta, di rappresentazioni, ,8
so
n
, ::
sostituzione
dispari, , ,:
gruppo delle , vedi S
n
pari, , ,:
sottogruppo, ::, :o
banale, ::
normale, i:
sottoinsieme
distanza da , :oo, :o:
sottoricoprimento, ::
sottospazio, o
di R
n
, o
G-invariante, ,,
sottovarieta
diferenziabile, :8o
spazi
omotopicamente equivalenti, :i
spazio
compatto, ::, :::
connesso, :i, :,
per archi, :i
contraibile, ::
cotangente, :8{
delle orbite, :o
di Hausdorf, vedi separato
G-, :o8, ::8, :o
limitato, :::
localmente compatto, :i:, ::, :,:, :,
localmente connesso per archi, :oo
localmente euclideo, :i, :,
metrico, , , :oo, :o:, :::, :::
metrizzabile, :,
normale, ::{, :,,, :,
omeomorfo, ,
omogeneo, :o
paracompatto, :i, :,,, :,
prodotto, ,, :::, ::o
proiettivo, vedi P
n
(R)
:o,
Indice analitico
regolare, ::, ::{, :::, :,
semi-localmente semplicemente connes-
so, :,i
semplicemente connesso, :o, :,,
separato, :::, ::,, :::, :,::,
T:, ::
T:, vedi separato
tangente, :8{
topologico,
azione di gruppo su , :o8, :o
gruppo degli omeomorfsmi di , :o,
:o
totale, :o
totalmente limitato, ::, :::
vettoriale, :, ,
spin
gruppo di , :,
stabilizzatore, {i, :,o
standard
rappresentazione , ,
struttura
diferenziabile n-dimensionale, :,
SU(:), :, o, ,o, ,, :,o, :,:, :,, :o8, :,,
SU(n), , ::,, ::o, :,,
successione, ::, :::
convergente, , :o:, ::,
limite della ,
superfcie
compatta orientabile, :oo
di genere g, :oo
topologica, :o
supplementare, o:, oo
suriettiva
applicazione , :
Sylow
p-, {{, oo, o:, oo
teorema di , , o:
T(X), ,, :, :o, :,o
T:
spazio , ::
T:, spazio , vedi separato, spazio
tangente
applicazione lineare , :8
curva , :8
spazio , :8{
vettore a curva, :8{
teorema
di Binet, , :
di Bolzano-Weierstrass, ::
di Cauchy, {,
di Cayley,
di Heine-Borel, ::o
di Maschke, 8:
di Sylow, , o:
di Van Kampen, :,,
di Weierstrass, ::o
tipo
di omotopia, :i, :,
topologia, , :o:
determinata da una metrica,
discreta, o, :o:, :o,
euclidea, o
indotta, o, o, ,, :oo, :o:, :,,
di M
n
(C),
di M
n
(R),
quoziente, :o
topologica
superfcie , :o
varieta , :i, :,
topologico
generatore , :{:
gruppo , ::,, :
spazio ,
toro, :o,, :,o, ::, :{i, :,o, :,,
n-dimensionale, :{o
massimale, i,, ,:, ,:, :,8, :{i
torsione
p-, o:
parte di , oo
totale
spazio , :o
transitiva
azione , :,o
transitiva, azione, {i
transizione
funzione di , :,
traslazione
:o
Indice analitico
destra, {i
sinistra, {i,
trasposizione, , :
triangolare
disuguaglianza ,
U(n), , ::,, ::o, :,,, ::
unione, :
unitaria
rappresentazione , ,8, 8o
unitario
disco , :o:
universale
rivestimento , :,i, :,
valore
di germe, :8:
Van Kampen
teorema di , :,,
varieta
diferenziabile n-dimensionale, :,
topologica, :i, :,
dimensione di , :i, :,
varieta topologica
con bordo, :o
vettore
tangente a curva, :8{
vettoriale, spazio , :, ,
Weierstrass
teorema di , ::o
Z, ,, ::, ,,, ,
Z]nZ, :i, :, :,, :,, ::, ,, oo
(Z]nZ)

, :,, :,
zero, ,
insieme degli , :o:, ::i
:o,