Sei sulla pagina 1di 16

3/27/2014

1
1
L'amperometria si basa su misurazioni d corrente: in modo pi specifico,
viene misurata la corrente che passa attraverso due elettrodi, posti in una
soluzione agitata, tra cui viene applicata una differenza di potenziale
fissata, causando l'ossidazione o la riduzione dell'analita.
Le determinazioni amperometriche dipendono dalla misurazione
quantitativa della corrente limite.
La ragione per la quale possibile condurre un'analisi quantitativa
mediante amperometria che la corrente limite direttamente
proporzionale alla concentrazione della specie che si sta ossidando o
riducendo all'elettrodo di lavoro.
i
L
= costante x concentrazione dell'analita elettroattivo.
La costante viene determinata con il ricorso a soluzioni standard
Amperometria Amperometria Amperometria Amperometria
2
La corrente limite misurata nella riduzione elettrochimica
dell'analita o in condizioni controllate dal punto di vista
idrodinamico, ossia in condizioni di diffusione
convettiva, pu essere espressa come:
i
l
= nFAm
o
c
o
dove m
0
il coefficiente di trasporto di massa, che
dipendente dalla velocit di flusso, e c
o
la
concentrazione di analita.
In amperometria la soluzione in movimento e lo
spessore dello strato di diffusione costante
quindi si osserva una corrente di stato stazionario
che non dipende dal tempo.
3/27/2014
2
3
Le applicazioni pi importanti della amperometria si
riferiscono a:
Rivelazione e determinazione di composti eluiti
da una colonna cromatografica
Determinazioni di routine di ossigeno, e specie di
interesse biochimico
Studi di processi elettrochimici
Determinazione del punto finale di titolazioni.
I metodi di titolazione si dividono in:
1. Titolazioni con elettrodo polarizzabile
2. Titolazioni con due elettrodi polarizzabili
(biamperometriche/bipotenziometriche).
4
Rivelazione e determinazione di composti eluiti
da una colonna cromatografica
Rivelazione e determinazione di composti eluiti
da una colonna cromatografica
Volume di cella 0.1-1 l
Tra lelettrodo di lavoro di
metallo o di carbone
vetroso e lelettrodo di
riferimento ad Ag/AgCl si
applica il potenziale
corrispondente alla
corrente limite per la
specie da analizzare
Limite di rivelabilit
10
-9
-10
-10
M
3/27/2014
3
5
6
3/27/2014
4
7
8
1) Elettrodi SCREEN PRINTED
Basso costo
Semplice e facile da produrre
Adattabile ad una produzione di massa
3/27/2014
5
9
10
Potentiostat - Galvanostat PG580
from Uniscan Instruments
3/27/2014
6
11
0.8 cm
4
.
5

c
m
Strumento e sensore portatili
Graphite-based
working electrode
12
AMPEROMETRIA: Elettrodo ad
ossigeno.
E una cella completa.
LOssigeno diffonde attraverso la membrana e si riduce al catodo di platino.
Lanodo (coil) un elettrodo di riferimento Ag/AgCl.
3/27/2014
7
13
Biosensore amperometrico per la misura di
H
2
O
2
H
2
O
2
si ossida allelettrodo di Pt applicando un potenziale di +0.6 V vs. Ag/AgCl:
H
2
O
2
= O
2
+ 2H
+
+ 2e
-
14
DEFINIZIONE DI BIOSENSORE DEFINIZIONE DI BIOSENSORE
Un biosensore un dispositivo analitico che
incorpora un elemento di riconoscimento
biologico (o di derivazione biologica) integrato o
intimamente associato ad un trasduttore di
segnale chimico-fisico.
Lo scopo del biosensore quello di produrre un
segnale elettronico, discreto o continuo,
proporzionale alla concentrazione di un singolo
analita o gruppo di analiti.
Daniel R. Thevenot, Klara Toth, Richard A. Durst, George S. Wilson
Biosensors & Bioelectronics 16 (2001) 121131
3/27/2014
8
15
E previsto un ulteriore aumento di lavori data la crescente
importanza delle nano- e biotecnologie
Unarea di ricerca calda Unarea di ricerca calda
0
200
400
600
800
1000
1200
1400
1600
1800
2000
1
9
6
0
1
9
6
5
1
9
7
0
1
9
7
5
1
9
8
0
1
9
8
5
1
9
9
0
1
9
9
5
2
0
0
0
L
a
v
o
r
i

p
u
b
l
i
c
a
t
i
primo biosensore di Clark
16
Meccanismo di un Biosensore Meccanismo di un Biosensore
T
r
a
s
d
u
t
t
o
r
e
R
e
c
e
t
t
o
r
e
Segnale
Misurable
=Analita
Soluzione
NO Segnale
Misurabile
RICOGNIZIONE
NO RICOGNIZIONE
Sottile membrana
selettiva
3/27/2014
9
17
18
Cosa hanno in comune? Cosa hanno in comune?
Analita/biorecettore/trasduttore/processore di segnale
Biosensore
Piccole molecole/membrana olfattiva/cellule nervose/cervello
Luce Visibile /bastoncelli e coni/ cellule nervose/cervello
Naso
Occhi
3/27/2014
10
19
medica
glucosio, alcool, DNA, RNA, proteine, ormoni, aspirina,
paracetamolo, penicillina
bioprocessi industriali
amminoacidi, lieviti, acido lattico, etanolo, etc.
ambientale
pesticidi, fertilizzanti, sostanze estrogeniche, CO, CO
2
difesa/forense
antrace, ricina, agenti nervini, TNT, cocaina
Aree di Applicazione Aree di Applicazione
20
Il primo ed ancora pi Il primo ed ancora pi
importante biosensore: importante biosensore: glucosio glucosio
Diabete di tipo 1: incapacit di produrre linsulina
Glucosio non pu essere convertito in glicogeno per essere
conservato nel corpo
Il primo biosensore per glucosio fu realizzato da Clark nel
1960
50% della ricerca attuale nel campo dei biosensori sui
sensori a glucosio
Il mercato dei test per glucosio il pi esteso
3/27/2014
11
21
Glucosio Acido Gluconico
Ossigeno Acqua ossigenata
Glucosio Ossidasi
Sensore per glucosio di Clark del 1960
ELETTRODO
2H
+
, 2e
-
5.4 mM
O
2
H
2
O
2
22
3/27/2014
12
23
GENERAZIONI GENERAZIONI DI BIOSENSORI DI BIOSENSORI
24
Sensori basati su mediatori Sensori basati su mediatori
Sensori amperometrici indipendenti dallO
2
utilizzano composti a basso peso
molecolare detti mediatori che si sostituiscono allO
2
e trasportano elettroni
dal centro di ossido-riduzione degli enzimi alla superficie dellelettrodo.
Tornando alla reazione catalizzata dalla glucosio ossidasi, la riossidazione del
FADH
2
viene effettuata dal mediatore secondo la reazione:
Enzima-FADH
2
+ Med ox Enzima-FAD + Med rid + 2 H
+
il mediatore ridotto si riossida allelettrodo di lavoro:
Med rid Med ox + 2e
-
La riossidazione del mediatore genera un segnale di corrente che viene
registrata da uno strumento connesso agli elettrodi. Nel caso del ferrocene il
potenziale al quale avviene lossidazione <500 mV (vs.Ag/AgCl); tale
potenziale sufficiente a da ridurre le interferenze da parte di composti
elettroattivi che possono essere presenti nel campione. Luso del mediatore
consente inoltre di avere delle curve di calibrazione indipendenti dalla
concentrazione di O
2
in soluzione, e questo, vista la scarsa solubilit
dellossigeno in acqua, determina unespansione dellintervallo di linearit della
risposta.
3/27/2014
13
25
II GENERAZIONE DI BIOSENSORI
26
3/27/2014
14
27
28
3/27/2014
15
29
30
3/27/2014
16
31
More than 33 33 different meters are
commercially available from 11 11 companies.
They differ in several ways including::
Amount of blood needed for each test
Testing speed
Alternative site
Overall size
Ability to store test results in memory
Cost of the meter
Cost of the test strips used