Sei sulla pagina 1di 5

6/26/2014 Protocollo di intesa Stato - Regione presentato nella seduta n.

193 del 23 aprile 1997


http://consiglio.regione.sardegna.it/XI%20Legislatura/sedau/au193a.asp?print=1& 1/5
Protocollo di intesa Stato - Regione
presentato nella seduta n. 193 del 23 aprile 1997

Presidenza del Consiglio dei Ministri
Il Presidente del Consiglio dei Ministri
Il Ministro dell'Ambiente
Il Ministro del Bilancio e Programmazione Economica
Il Ministro della Difesa
Il Ministro delle Finanze
Il Ministro della Funzione Pubblica
Il Ministro di Grazia e Giustizia
Il Ministro dell'Industria, Commercio ed Artigianato
Il Ministro dei Lavori Pubblici
Il Ministro della Pubblica Istruzione
Il Ministro dei trasporti e della Navigazione
Il Coordinatore del comitato di coordinamento delle iniziative per l'occupazione
Il Presidente della Regione Autonoma della Sardegna
Il Presidente dell'ANAS
Premesso:
- che la Regione Sardegna investita da una grave crisi socio-economica ed occupazionale riguardante
l'intero comparto produttivo;
- che esistono forti carenze di infrastrutture, in particolare energetiche, che ostacolano la
localizzazione di nuovi investimenti da parte di imprese esterne al territorio insulare;
- che le ragioni geografiche, rappresentate dalla insularit e dalla collocazione dell'Isola al centro del
Mediterraneo occidentale, se non valorizzate come strumento di sviluppo, si risolvono nella lontananza
dai centri di produzione della ricchezza ed in costi aggiuntivi nel rapporto di scambio con il restante
territorio nazionale, determinando una ingiustificata disparit di condizioni di partenza per perseguire
l'obiettivo di una crescita ordinata ed omogenea di tutte le componenti della societ;
- che il tasso di disoccupazione nell'Isola, come indicato dalla Regione Autonoma della Sardegna, si
mediamente attestato, negli ultimi anni, a livelli superiori al 21% con oltre il 42% per quanto concerne
la disoccupazione giovanile, a fronte di dati medi nazionali rispettivamente del 12% e del 26%;
- che, con riferimento a tale situazione, il Governo e la Regione Autonoma della Sardegna hanno da
tempo avviato un confronto sui problemi pi urgenti connessi allo sviluppo socio-economico ed
occupazionale dell'Isola nel suo complesso, al fine di individuare e porre in essere in tempi brevi, azioni
efficaci per avviare a soluzione gli attuali squilibri strutturali nell'ambito di una complessiva strategia di
rilancio del tessuto produttivo e sociale della Regione;
- che queste ragioni hanno portato ad individuare nell'attuazione dell'art. 13 dello Statuto Sardo,
secondo il quale lo Stato con il concorso della Regione dispone un piano organico per favorire la
rinascita economica e sociale dell'Isola, lo strumento per affrontare le problematiche sopra esposte;
Preso atto:
- che la Regione Autonoma della Sardegna ha individuato le azioni prioritarie da porre in essere per il
superamento delle cause che limitano il proprio sviluppo socio-economico;
Considerato
- che l'attivit finora svolta dal Governo e dalla Regione Autonoma della Sardegna ha consentito di dare
le prime risposte ad alcuni dei problemi sollecitati dalla Regione stessa, pervenendo alla definizione di
intese preliminari in merito a:
A) Aree minerarie dimesse
6/26/2014 Protocollo di intesa Stato - Regione presentato nella seduta n. 193 del 23 aprile 1997
http://consiglio.regione.sardegna.it/XI%20Legislatura/sedau/au193a.asp?print=1& 2/5
Il Ministro dell'Ambiente e la Regione Autonoma della Sardegna hanno stipulato in data 25 gennaio 1997
una "Intesa di Programma", finalizzata ad attuare il Piano degli interventi per il disinquinamento e la
riabilitazione ambientale delle aree minerarie dismesse del Sulcis-Iglesiente-Guspinese-Villacidrese,
previsto dall'art. 4 della legge 305/1089.
La Regione ha, inoltre, stipulato due distinti Accordi di Programma con il Ministro dell'Industria per dare
risposta alle attivit sostitutive di quelle minerarie dismesse, mediante l'erogazione di aiuti alle imprese
col ricorso alle risorse finanziarie derivanti dalla legge 221/1990.
Con altri due successivi accordi di programma stato deciso il finanziamento di progetti per la
riabilitazione ambientale delle miniere dismesse e per il recupero di compendi immobiliari, attingendo
dalle risorse della legge 204/1993.
B) Infrastrutture ferroviarie
Il Ministro dei Trasporti e la Ferrovie dello Stato S.p.A. in data 10 settembre 1996 hanno stipulato con la
Regione Autonoma della Sardegna e con le altre regioni del meridione (obiettivo 1) un Accordo di
Programma avente per oggetto un Piano di lavori infrastrutturali delle Ferrovie. In tale Accordo stato
recepito e parzialmente finanziato il precedente protocollo stipulato con la Regione in data 9 febbraio
1996, che dovr essere ulteriormente finanziato.
C) Aree naturali protette.
In applicazione della legge 394/1991, concernente "Norme quadro in materia di aree protette" stato
emanato il D.P.R. 17 maggio 1996 di istituzione dell'Ente Parco Nazionale dell'Arcipelago de La
Maddalena.
E' stata altres siglata in data 29 dicembre 1995, l'intesa tra la Regione e il Ministro dell'Ambiente per
l'istituzione del Parco Nazionale del Gennargentu, Golfo di Orosei e Isola dell'Asinara. Per quanto
riguarda quest'ultima, la legge 23 dicembre 1996, 652 dispone che il 31 ottobre 1997 scada il termine di
utilizzazione dell'Istituto Penitenziario esistente nella stessa Isola.
Ritenuto:
- che, al fine di perseguire ed attuare l'obiettivo del rilancio economico ed occupazionale della Regione
risulta necessaria l'azione coordinata dello Stato, della Regione Autonoma della Sardegna, degli Enti
Locali e dei soggetti interessati;
- che gli accordi tra i vari soggetti sopracitati troveranno organica definizione nell'ambito degli
strumenti della programmazione negoziata quali l'Intesa istituzionale di programma, il Contratto d'Area
e i Patti Territoriali nei termini previsti dalla legge 662/1996 e dalla delibera Cipe del 21 marzo 1997,
in corso di registrazione presso la Corte dei Conti;
- che fin da ora necessario realizzare gli interventi previsti nel presente Protocollo d'Intesa, da
intendersi quale prima attuazione delle priorit manifestate dalla Regione:
Stipulano il presente protocollo d'intesa
Art. 1
(Oggetto del Protocollo d'Intesa)
Il presente Protocollo d'Intesa ha come oggetto l'individuazione di una serie di urgenti iniziative di
particolare rilevanza al fine di affrontare i gravi problemi di natura infrastrutturale ed amministrativa
che ostacolano lo sviluppo socio - economico ed occupazionale dell'Isola.
Tali iniziative si articoleranno in azioni specifiche nel comparto infrastrutturale (settore dell'ambiente,
dell'energia e della viabilit), in quello della promozione ed incentivazione delle attivit produttive
nonch in azioni volte a modificare le norme di attuazione dello Statuto Sardo e finalizzate a sostenere
l'autonomia regionale.
Art. 2
(Strumenti della programmazione negoziata)
Il Governo e la Regione Autonoma della Sardegna si impegnano ad avviare le procedure per la
definizione di una Intesa istituzionale di programma, secondo quanto previsto dalla legge 662/1996 e
dalla delibera del Cipe del 21 marzo 1997, attualmente in corso di registrazione alla Corte dei Conti.
Oggetto dell'intesa sar la collaborazione tra Governo e Regione Autonoma della Sardegna finalizzata
alla realizzazione di un Piano pluriennale di intervento sul territorio, tendente ad avviare a soluzione gli
6/26/2014 Protocollo di intesa Stato - Regione presentato nella seduta n. 193 del 23 aprile 1997
http://consiglio.regione.sardegna.it/XI%20Legislatura/sedau/au193a.asp?print=1& 3/5
attuali squilibri strutturali presenti nell'Isola nel quadro della programmazione statale e regionale.
Il Governo si impegna altres a verificare la possibilit di attivare celermente gli strumenti della
programmazione negoziata, ai sensi delle gi citate legge 662/1996 e delibera Cipe del 21 marzo 1997.
Art. 3
(Interventi prioritari)
Nelle more di attivazione degli strumenti di programmazione negoziata il Governo e la Regione
Autonoma della Sardegna avvieranno le pi opportune iniziative tese ad accelerare gli interventi che
interessano in particolare i seguenti settori:
A) Metanizzazione
Il Governo si impegna alla realizzazione del gasdotto per l'approvvigionamento di metano in Sardegna
con relative reti di distribuzione, in attuazione sia dell'art. 4 della legge 445/1987, sia dell'Accordo per
il lavoro del 24 settembre 1996 (ove si prevede che la sua realizzazione comporti investimenti
dell'ordine di 1500/2000 mld di lire).
Il tempo necessario alla realizzazione dell'opera valutata in 5 anni.
Le procedure previste per l'espletamento dei relativi adempimenti riguardano la predisposizione di un
D.P.R. in cui sar definito il quadro dei vincoli, delle risorse necessarie ed il percorso normativo per
indire una gara internazionale in applicazione delle disposizioni di cui al D. Leg.vo 17 marzo 95, n. 158.
Prima di tale gara sar necessario definire i livelli di domanda attesa per dimensionare la struttura di
approvvigionamento, i parametri tecnici, i conseguenti apporti finanziari di natura pubblica ed
eventualmente privata, nonch le garanzie che i finanziatori pubblici dovranno ottenere dai soggetti
realizzatori dell'opera.
Il Governo si impegna a stanziare le risorse necessarie ad avviare l'opera nell'anno in corso, pari a 100
mld di lire, a valere sui fondi di cui alla legge 341/1995 e della delibera Cipe dell'8 maggio 1996 in
attuazione dell'art. 1, comma 79, della legge 549/1995 (metanizzazione aree depresse).
La Regione Autonoma della Sardegna, a sua volta, si impegna a contribuire con uno stanziamento di 100
mld di lire.
Il Governo si impegna quindi a reperire i fondi necessari al completamento dell'opera con riguardo sia
alle misure atte al coinvolgimento finanziario dei privati, sia al coofinanziamento dell'iniziativa in sede
comunitaria, cos come contenuto nel citato Accordo per il lavoro, nonch agli stanziamenti da inserire
nell'ambito delle future leggi finanziarie.
Il Governo si impegna a valutare la richiesta della Regione autonoma della Sardegna di una riduzione
del costo dell'energia, per un periodo transitorio per la durata della realizzazione del progetto.
B) Viabilit
Viene confermata la necessit di realizzare i lavori di ammodernamento della SS n. 131 "Carlo Felice" e
di procedere all'esecuzione di interventi ordinari diretti a rafforzare la restante rete stradale dell'Isola.
La Regione Autonoma della Sardegna si impegna ad effettuare la progettazione degli interventi di
ristrutturazione della SS n. 131 ed a consegnare i progetti all'Anas entro il 1997.
L'Anas si impegna a finanziare un pacchetto di interventi le cui risorse sono state cos individuate:
Interventi sulla S.S n. 131 - Carlo Felice:
a) 97 mld di lire per lavori su direttrici viarie fuori quota Piano stralcio 1996;
b) 84 mld di lire quale quota relativa alla SS n. 131 nell'ambito dell'importo totale di 500 mld. Previsto
per le cinque direttive del Sud;
c) 25 mld. di lire previsti per la SS n. 131 nel Piano Triennale 1997/1999:
2. Interventi sulla SS. N. 125 da Cagliari a Tortol compresa la nuova SS. N. 554 sulla SS n. 389
Abbasanta-Benetutti-Olbia (compresi nel P.O.P. 1994/99);
a) 60 mld. di lire Piano stralcio 1996;
b) 224 mld. di lire Piano Triennale 1997/1999;
3. Altri interventi sulla restante rete viaria:
a) 182 mld. di lire per opere viarie Piano stralcio 1996;
b) 206 mld. di lire per opere viarie Piano Triennale 1997/1999;
c) 169 mld. di lire per opere viarie sulla S.S. 131 Diramazione Centrale Nuorese;
La Regione Autonoma della Sardegna si impegna, per gli interventi sopradescritti, ad accelerare le
6/26/2014 Protocollo di intesa Stato - Regione presentato nella seduta n. 193 del 23 aprile 1997
http://consiglio.regione.sardegna.it/XI%20Legislatura/sedau/au193a.asp?print=1& 4/5
attivit necessarie ad ottenere il cofinanziamento comunitario sul programma gi presentato per il
1994/99.
In tale prospettiva il Ministero del Bilancio si impegna a porre in essere ogni opportuna azione per
rendere celermente disponibili i relativi fondi dell'Unione Europea.
C) Interventi di riequilibrio territoriale
Al fine di determinare condizioni economiche favorevoli a nuovi insediamenti produttivi, anche nel
settore del turismo, nonch di perseguire l'obiettivo di riequilibro territoriale il Governo si impegna:
- a rifinanziare, per un importo di 100 mld. di lire l'Accordi di Programma per la Sardegna Centrale;
- a valutare la sussistenza dei requisiti per la stipula di Contratti d'area, secondo quanto previsto dalla
legge 662/1996 e dalla delibera CIPE 21 marzo 1997, prioritariamente per l'area di Sassari-Alghero-
Porto Torres ed a fornire assistenza ai soggetti sottoscrittori nei termini previsti dalla stessa delibera;
- a verificare la possibilit di finanziamento di ulteriori interventi quali:
- patto territoriale di Nuoro;
- piattaforma ecologica di Villacidro;
- interventi nel bacino del Tirso;
- interventi di riqualificazione urbana (Sassari e Quartu S. Elena);
- interventi a favore dell'Universit di Sassari;
- gru nel porto canale e completamento dei collettori fognari di Cagliari;
- riqualificazione dell'aeroporto di Cagliari.
Art. 4 (Strumenti amministrativi)
Il Governo si impegna ad accelerare l'esame dei provvedimenti amministrativi in materia di promozione
economica ed occupazionale e di autonomia regionale con particolare riferimento alle seguenti
iniziative:
A) Ministero della Difesa
Il Governo ritiene che debbano essere adottati provvedimenti di ristrutturazione delle componenti
militari nell'isola al fine di mitigare i conseguenti negativi effetti occupazionali.
L'Amministrazione della Difesa si dichiara pronta alla ricostituzione formale della Commissione Mista
Stato-Regione per una revisione dei beni dismissibili e delle servit militari.
Nel quadro delle previsioni della legge 28 dicembre 1995, n. 549, e dei decreti delegati da essa
discendenti, l'Amministrazione della Difesa si impegna altres a definire, congiuntamente con la
Regione Autonoma Sardegna, le iniziative volte ad evitare negative ricadute sociali e occupazionali.
B) Ministero della Funzione Pubblica e degli Affari Regionali
Il Ministero della Funzione Pubblica e degli Affari Regionali si impegna a definire entro il 31 luglio 1997
norme migliorative di attuazione dello Statuto di autonomia della Regione, con particolare riferimento
a quelle riguardanti i comparti dei beni paesaggistici ed ambientali, dello spettacolo, della gestione del
patrimonio archeologico artistico e storico.
C) Ministero della Pubblica Istruzione
Il Ministro della Pubblica Istruzione si impegna a promuovere l'introduzione in via sperimentale, nei
programmi di insegnamento delle discipline comprese nei piani di studio delle scuole i ogni ordine e
grado, della lingua, della cultura, della storia e della realt sarda, ai fini della valorizzazione delle
tradizioni e delle condizioni locali, quali elementi essenziali per lo sviluppo socio-culturale ed
economico del territorio.
Art. 5 (Iniziative per lo sviluppo della mobilit e delle attivit produttive)
Nell'ambito delle attivit tese ad accelerare lo sviluppo socio-economico complessivo dell'Isola, viene
attribuita particolare rilevanza alle seguenti azioni:
A) Continuit territoriale
Il Governo, consapevole della necessit di garantire la contiguit territoriale tra la Sardegna ed il
Continente, si impegna ad accelerare la predisposizione di specifici accordi tra il Ministero dei Trasporti
6/26/2014 Protocollo di intesa Stato - Regione presentato nella seduta n. 193 del 23 aprile 1997
http://consiglio.regione.sardegna.it/XI%20Legislatura/sedau/au193a.asp?print=1& 5/5
e la Regione Autonoma della Sardegna nei comparti ferroviario, marittimo ed aereo.
B) Zona Franca
Il Governo consapevole che per avviare una complessiva strategia di rilancio del tessuto produttivo
dell'isola auspicabile la nascita di una zona franca che possa risultare attrattiva per investimenti
nazionali ed esteri. Per tale motivo si impegna a porre in essere tutte le azioni necessarie ad accelerare
le attivit occorrenti al raggiungimento dell'obiettivo, eventualmente anche ricorrendo alla normativa
di attuazione prevista nello Statuto della Regione Autonoma della Sardegna.
La Regione Autonoma della Sardegna si impegna, entro tempi ristretti, a produrre le necessarie
proposte progettuali corredate di tutti i nulla-osta ed autorizzazioni di propria competenza.
Art. 6 (Strumenti per la verifica dell'attuazione degli interventi)
La Presidenza del consiglio dei Ministri attraverso il Comitato per il coordinamento delle iniziative per
l'occupazione, con la collaborazione dei soggetti sottoscrittori, dovr attuare, con cadenza almeno
semestrale, una specifica azione di verifica della realizzazione dei programmi settoriali e di
monitoraggio sull'attuazione dell'intesa, al fine di proporre ogni utile iniziativa per superare eventuali
ostacoli.
Roma, 21 aprile 1997

Il Presidente del Consiglio dei Ministri
Il Ministro dell'Ambiente
Il Ministro del Bilancio e Programmazione Economica
Il Ministro della Difesa
Il Ministro delle Finanze
Il Ministro della Funzione Pubblica
Il Ministro di Grazia e Giustizia
Il Ministro dell'Industria, Commercio ed Artigianato
Il Ministro dei Lavori Pubblici
Il Ministro della Pubblica Istruzione
Il Ministro dei Trasporti e della Navigazione
Il Coordinatore del comitato di coordinamento delle iniziative per l'occupazione
Il Presidente della Regione Autonoma della Sardegna
Il Presidente dell'ANAS

Alla seduta 193