Sei sulla pagina 1di 23

Domenico Chillemi Maria Chiarello

Lingua e civilt latine


percorso di civilt
La religione
dei Romani
LINGUA
COMMUNIS
2
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
La religione delle origini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
La nascita del pantheon romano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
La Triade capitolina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
I culti stranieri e la crisi della religione romana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
LEGGIAMO I TESTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Le istituzioni religiose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Il collegio dei flamini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
Il flamen Dialis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
LEGGIAMO I TESTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Il collegio dei pontefici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Il collegio delle vestali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
Il collegio degli auguri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Gli aruspici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Il sodalizio dei salii . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
Il sodalizio degli arvali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Le festivit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .19
I saturnalia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
LEGGIAMO I TESTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
I lupercalia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
LEGGIAMO I TESTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
I lemuria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Indice
LA RELIGIONE DEI ROMANI
LA RELIGIONE DEI ROMANI
La religione delle origini
I Romani consideravano la religione una sorta di dovere morale e civile di ogni cittadino e non intra-
prendevano nulla di importante per s e per lo stato, se non dopo aver ottenuto lapprovazione degli dei,
nella convinzione che qualunque azione umana, senza il loro favore, fosse destinata al fallimento.
Il sentimento religioso, per, non si basava su un rapporto spirituale con la divinit, ma piuttosto sul-
ladempimento di una serie di atti di culto (alcuni di carattere privato, gestiti dal pater familias, altri pub-
blici) ai quali ogni cittadino era tenuto a partecipare per il bene della citt. I Romani si denivano
homines religiosissimi, e homo pius era colui che aveva rispetto per il sacro e adempiva con scrupolo
tutte le prescrizioni rituali. La pratica religiosa costituiva dunque un aspetto inscindibile dalla vita dei
Romani sia nella vita privata sia in quella politica e sociale.
In origine la religione dei Romani era quella di un popolo semplice di pastori e di agricoltori: ciascuno
desiderava sicurezza e protezione per s, per la famiglia, per gli animali e per i campi. Questa religiosit
era dunque legata principalmente allambito agreste ed era caratterizzata da un sentimento di timore: i
Romani, cio, avvertivano intorno a s, nella quotidianit della vita, la presenza di forze misteriose
(numna,volont), che condizionavano ogni aspetto dellagire dellindividuo e della comunit. Di fronte
alle molteplici manifestazioni di queste forze insite nella natura, si sentivano fragili, impotenti: teme-
vano per s, per le loro famiglie, per i raccolti, per il bestiame. Come rimedio a questo sentimento di an-
goscia e per esorcizzare e rendere benigne quelle presenze, ricorrevano a cerimonie agricole e pastorali
intese ad allontanare gli spiriti avversi e a propiziare quelli benevoli.
Questi e altri riti della pi antica religione romana, raccolti poi, secondo la tradizione, dal re Numa Pom-
pilio e conservati negli archivi dei ponteci, costituirono un rituale che prese il nome di indigitamenta
(da indigitare, invocare). In essi sono contenuti i nomi e gli attributi delle divinit, le formule, le pre-
ghiere, le litanie e le indicazioni per le oerte di sacrici. Nelle formule rientravano lunghi elenchi di
numi che presiedevano a ogni fase della vita umana (na-
scita, infanzia, adolescenza, matrimonio, morte) e alle varie
attivit umane.
Dai riti praticati secondo le prescrizioni contenute negli
indigitamenta ricaviamo che la religione dei Romani nel
periodo pi antico ebbe unimpronta decisamente animi-
stica e contrattualistica, basata, cio, sul do ut des: si cre-
deva che tutte le cose fossero animate da principi vitali
beneci e maleci e che fosse necessario propiziarseli con
atti di culto. Solo in questo modo si potevano ottenere il
loro favore e la loro protezione. Cos i Lari e i Penati pro-
teggevano la famiglia e i campi, specici numi vegliavano
sulla famiglia, sulla citt, sulle varie attivit.
3 la religione dei romani
Bassorilievo con scena di vita agreste:
la religione romana delle origini era quella
di un popolo di pastori e agricoltori.
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
Questi esseri divini non erano ancora concepiti con aspetto antropomorco, non venivano rappresen-
tati in sculture o pitture, non avevano templi, ma tutto ci avvenne solo in seguito.
La tradizione attribuisce al re Numa Pompilio (come si accennava sopra) le prime istituzioni religiose,
lorganizzazione di culti e cerimonie, listituzione dei primi collegi sacerdotali (tra cui il pi importante,
quello dei ponteci) e le prime costruzioni di edici dedicati al culto degli dei.
La nascita del pantheon romano
Intorno al VI secolo a.C., in seguito ai contatti con il mondo etrusco prima e con i Greci delle colonie del-
lItalia meridionale poi, i Romani cominciarono ad aggiungere alle divinit patrie quelle dei popoli con-
quistati, indotti forse da scrupoli religiosi o pi probabilmente consigliati da opportunit politiche. Lo
storico Tito Livio racconta che, quando i Romani ponevano lassedio a una citt, il comandante ordinava
al feziale (araldo sacro) di invitare (evocatio) gli dei a uscire e a passare dalla parte di Roma, dove avreb-
bero avuto templi, culti e onori maggiori. Essi ritenevano, infatti, che sarebbe stato atto di empiet far pri-
gionieri anche gli dei.
Cos la religione primitiva si avvi verso una lenta trasformazione, che port allassorbimento di nuove
divinit e allelaborazione di un calendario per le festivit. Le nuove divinit del mondo etrusco e greco
vennero identicate con quelle romane e rappresentate con aspetto antropomorco.
In questa trasformazione del culto e della religione, un ruolo importante ebbero i libri Sibillini di ori-
gine greco-etrusca, legati al culto di Apollo, che contenevano gli oracoli della Sibilla cumana. Acquistati
dal re Tarquinio Prisco, i libri Sibillini erano venerati e consultati in occasione di decisioni importanti o
di grandi calamit.
Intorno alla met del III secolo a.C., con lespansione in Oriente, quasi tutto lapparato mitologico greco
venne assorbito e identicato con le divinit romane.
Nella religione romana, comunque, le divinit rimasero distinte in due grandi categorie:
di indigtes, le divinit pi antiche, gli dei originari dello stato romano, venerati con feste speciali. La
tradizione ne ricorda circa settecento: Cerere, Fauno, Giano, Saturno, Silvano, Pomona, Conso, Ege-
ria, Carmenta, Copia, Opi, Fama, Muta e cos via;
di novensdes, divinit straniere, i cui culti vennero introdotti nella citt in periodi storici successivi.
Divinit di origine italica sono Giove, Marte, Quirino; quelle di origine etrusca Minerva, Venere
(Turan). Numerose furono, poi, le divinit di origine greca identicate con nome romano: Zeus / Giove,
Cronos / Saturno, Apollo-Febo / Apollo, Poseidone / Nettuno, Ares / Marte, Ermes / Mercurio, Efe-
sto / Vulcano, Ade / Plutone, Era / Giunone, Atena / Minerva, Afrodite / Venere, Estia / Vesta, Arte-
mide / Diana, Demetra / Cerere, Persefone / Proserpina.
4 la religione dei romani
Bassorilievo che ritrae
un sacricio in onore di Marte.
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
5
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
La Triade capitolina
Lespressione stata coniata dalla storiograa del
XIX secolo per indicare le tre divinit pi impor-
tanti del pantheon romano: Giove, Giunone, Mi-
nerva. A loro, gi in epoca arcaica, i Romani
in nalzarono un tempio sul Campidoglio, luogo
un tempo ricoperto di querce, pianta sacra a
Giove, come racconta Virgilio. Il tempio era for-
nito di tre celle, nelle quali erano poste le statue
delle divinit: al centro Giove, assiso sul trono e
con i temibili fulmini, alla sua destra Minerva, alla
sua sinistra Giunone.
Giove, divinit suprema, padre degli dei e degli uomini, identicato con il greco Zeus, in origine era
la divinit che presiedeva ai fenomeni atmosferici, perci era detto Pluvius o Fulgurator. In seguito
gli furono attribuiti altri appellativi, come quello di Feretrius (colui che abbatte i nemici) e di Stator
(colui che trattiene dalla fuga). Con questultimo appellativo i Romani gli
dedicarono un tempio ai piedi del Palatino, dove pi tardi sorger larco
di Tito. Ma tra i tanti appellativi che qualicano la sua gura, il pi im-
portante quello di Optimus Maximus: cos era invocato durante i riti
che si svolgevano sul Campidoglio. Qui, prima di partire per la guerra,
andavano i consoli per pregare e orire sacrici; qui ritornavano vitto-
riosi, tra due la di popolo in festa, per deporre la corona trionfale. Il
culto di Giove era adato esclusivamente al amen Dialis (vedi infra), un
sacerdote che godeva di particolari privilegi, creato, secondo la tradi-
zione, da Numa Pompilio. In onore di Giove Optimus Maximus, nume
tutelare dello stato romano e garante dei patti e dei giuramenti, i Romani
istituirono i Ludi Magni (o Romani), che si svolgevano con grande par-
tecipazione e solennit dal 4 al 19 settembre.
Giunone, sposa e sorella di Giove (entrambi erano stati generati da Saturno e Rea), in origine era la dea
del cielo notturno e della luna che lo illumina. Identicata con la greca Era, al pari dello sposo godeva del
titolo di regina degli dei; compare, infatti, nel suo nome Iu-no, la stessa radice di Iu-piter. La tradizione
mitologica la presenta come divinit bella, fedele, ma gelosa, vendicativa e spesso aggressiva nei confronti
di Giove, che era infedele e sempre alla ricerca di nuove avventure amorose. A Roma era onorata come
protettrice delle matrone e della vita coniugale. In suo onore si celebravano le feriae Matronales (o sem-
plicemente Matronales), festivit che ricorreva il primo marzo (considerato, in antico, il primo mese del-
lanno). In quel giorno le donne romane si recavano nel tempio di Giunone situato sullEsquilino, dove
portavano incenso e ori che deponevano sul suo altare, pregavano e facevano voti. La festa era celebrata
con eccezionale solennit: gli uomini facevano doni alle mogli e alle madri; piena libert era concessa alle
persone di condizione servile, per le quali le matrone stesse preparavano e servivano il banchetto. In quel-
loccasione Giunone era invocata con lappellativo di Lucina: era lei, infatti, che presiedeva ai parti e sotto
la sua protezione le partorienti mettevano i glioletti appena dati alla luce.
Vi erano ancora altri appellativi con i quali Giunone era venerata, come quello di Pronuba e di Moneta.
Giunone Pronuba era invocata come divinit protettrice e di buon augurio per le spose e pronuba era
detta la matrona che assisteva e accompagnava la sposa alle nozze. Giunone Moneta (da moneo, ammo-
Scultura in marmo che rafgura la Triade capitolina.
Testa di Giove in marmo.
la religione dei romani
nisco, avverto) era la protettrice dello stato romano ed era chiamata cos in ricordo dei buoni consigli che
la dea aveva dato ai Romani in molteplici circostanze. Era stata lei, infatti, a salvare Roma al tempo del-
linvasione dei Galli di Brenno (390 a.C.), allorch le oche sacre alla dea, che venivano allevate nel recin-
to del tempio in Campidoglio, con il loro starnazzare avevano dato lallarme.
Nel 375 a.C. le fu innalzato un tempio dove oggi sorge la chiesa dellAracoeli.
Minerva senza dubbio una delle divinit pi popolari e importanti del pan-
theon romano. In origine divinit dellEtruria protettrice delle attivit artigianali,
poi accolta a Roma e quindi assimilata alla greca Atena, divenne ben presto og-
getto di culto in tutti i maggiori centri dellarea mediterranea. Minerva era la
potente divinit delle battaglie, bella, saggia, forte pi dello stesso Marte. Lei, in-
fatti, invocavano i soldati nelle cruente battaglie; a lei si rivolgevano i comandanti
per chiedere consiglio, perch era esperta nelle strategie di guerra. I Romani la
onorarono innalzandole a Roma splendidi templi, come quello ai piedi del Celio,
quello sullAventino, quello sullEsquilino. Altri templi a lei dedicati sorgevano
nellItalia meridionale e in Sicilia. Tra i pi famosi ricordiamo il tempio sul pro-
montorium Minervae, in Campania, a sud di Sorrento (oggi Punta delle Cam-
panelle), edicato, secondo la tradizione, dallo stesso Ulisse, e il Minervium a
sud di Idrunto, in Calabria. In suo onore i Romani istituirono le festivit chia-
mate Quinquatrus, perch si svolgevano cinque giorni dopo le Idi di marzo (dal
19 al 23), celebrate in particolare dai medici, dagli artigiani e dai maestri, di cui
era la protettrice. Minerva veniva ancora festeggiata quale dea inventrice degli
strumenti musicali il 13 giugno. Protagonisti della festa erano questa volta i au-
tisti uciali, quelli, cio, che erano autorizzati a suonare durante i riti religiosi,
la cui presenza era necessaria perch la cerimonia si svolgesse perfettamente se-
condo le prescrizioni rituali.
I culti stranieri e la crisi della religione romana
I culti stranieri cominciarono a penetrare a Roma verso la ne della seconda guerra Punica (218-201
a.C.). Loccasione si present nel 205 a.C., quando giunse a Roma una lettera del console Publio Licinio
con la notizia che egli stesso e il suo esercito, stanziato in Calabria, erano stati colpiti da una grave pe-
stilenza. La notizia suscit paura e sgomento, perch, se il terribile morbo non si fosse diuso anche nel-
lesercito di Annibale, Roma avrebbe corso un pericolo gravissimo. Consultati i libri Sibillini, i Decemviri
(sacerdoti addetti alla lettura e allinterpretazioni dei Libri Sibillini) trovarono un vaticinio secondo il
quale il nemico venuto da fuori sarebbe stato cacciato dallItalia se da Pessinunte (citt della Frigia) si
fosse portata a Roma la Gran Madre Idea
1
, la dea venerata nellAnatolia e nella Frigia come colei che ha
dato vita a tutto luniverso senza bisogno dellintervento maschile, vergine inviolata e allo stesso tempo
madre di tutti gli dei, personicazione della potenza generatrice della Natura. Per accoglierla i Romani
le prepararono un tempio sul Palatino, a cui seguirono quello sullAventino e quello sul Colle Vaticano.
Il suo culto venne ucializzato dal senato il 4 aprile del 204 a.C., quando venne trasferita da Pessinunte
a Roma la cosiddetta pietra nera, simbolo della dea. Ragurata generalmente seduta sul trono con at-
6 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
Statua di Minerva
in terracotta.
1. LIda un monte della Frigia, dedicato, appunto, al culto della Dea Madre (Cibele).
torno due leoni e una corona turrita sul capo, la dea conquist
subito il cuore dei Romani, tanto che essi le dedicarono dei gio-
chi, i Megalensia (o Megalesia), detti cos da Megalesion, il tem-
pio della dea sotto le mura di Pergamo. In realt, il culto di
Cibele voluto dal senato romano venne accolto a Roma (almeno
in un primo momento) ripulito di quegli aspetti passionali e or-
giastici tipici dei culti orientali, per evitare i pericoli che, secondo
i tradizionalisti, potevano derivare alla sana tradizione del mos
maiorum.
La crisi della religione romana si cominci ad avvertire, unita-
mente a quella delle istituzioni repubblicane, sul nire del II se-
colo a.C. Le lotte fratricide n dal tempo dei Gracchi, le lotte
degli italici per i diritti civili, gli omicidi politici e le guerre civili
avevano creato un clima di sducia nelle istituzioni civili e religiose e allontanato gli intellettuali dalla
vita politica. Nuove correnti di pensiero (stoicismo, epicureismo), inoltre, e nuovi culti provenienti dal-
lOriente sembravano dare alle coscienze individuali quelle risposte intorno allanima e alla natura degli
dei che la religione tradizionale non aveva saputo dare.
Invano Augusto cerc di far rinascere lantico culto, restaurando templi in rovina e innalzandone di nuovi.
In epoca imperiale i nuovi culti che da qualche tempo erano entrati a far parte del ricco patrimonio reli-
gioso romano assunsero sempre pi importanza, specialmente quello persiano di Mithra, largamente dif-
fuso tra i militari. I nuovi culti erano detti
mi sterici, perch i contenuti dottrinali, le prati-
che religiose e la loro vera natura erano rivelate
esclusivamente agli iniziati. Questa condizione
di crisi delle antiche istituzioni religiose, aggra-
vata dalla divinizzazione di Cesare e di Augusto
e dal culto dellimperatore, riconosciuto come
una divinit, avviarono un inarrestabile pro-
cesso di decadimento che si concluse nel IV se-
colo con la ne del paganesimo, la chiusura dei
templi e la lenta aermazione, nonostante le
persecuzioni, del cristianesimo.
7 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
Bassorilievo che rafgura un sacerdote di Cibele.
Bassorilievo rafgurante Mithra
che uccide il toro, uno degli atti simbolici
del culto di questo dio.
8 la religione dei romani
CHE COSA RIPASSARE
a. ablativo assoluto
b. proposizioni infinitive
c. infinito storico
LEGGIAMO I TESTI
1 Loracolo dei Libri Sibillini relativo alla dea Cibele
Civitatem eo tempre repens religio invasrat, invento carmne (profezia) in libris Sibyllinis, propter crebrius
eo anno de caelo lapidatum (caduta di pietre) inspectis, quandoque (qualora) hostis alienigna terrae Ita-
liae bellum intulisset, eum pelli Italia vincique posse, si mater Idaea a Pessinunte Romam advecta foret. Id
carmen, a decemviris inventum, eo magis patres movit quod et legati qui donum (oerta votiva) Delphos
portavrant referebant et sacricantibus ipsis Pythio Apollni omnia laeta fuisse
1
et responsum, oraculo
edtum, maiorem multo victoriam quam cuius ex spoliis dona portarent adesse populo Romano
2
. [] Ita-
que quo maturius fatis, ominibus oraculisque portendentis, sese victoriae comptes rent, id cogitare atque
agitare quae ratio transportandae Romam deae esset.
Livio, Ab Urbe condita 29, 10
2 Larrivo di Cibele, la Gran Madre Idea, a Roma
Il senato decide di ricorrere al re di Pergamo, Attalo, per trasferire a Roma la pietra nera (probabilmente un me-
teorite) in cui i fedeli vedevano simboleggiata la Gran Madre. Cos nel 204 a.C. nel porto di Ostia il simbolo
di Cibele viene accolto con grande solennit e da l in processione trasportato dalle matrone nel tempio della
Vittoria sul Palatino.
P. Cornelius cum omnibus matronis Ostiam obviam ire deae iussus (est); isque eam de nave accipret
1
et
in terram elatam tradret ferendam matronis. Postquam navis ad ostium amnis Tiberini accessit, sicut
erat iussus, in salum nave evectus (portare), a sacerdotibus deam accpit extulitque in terram. Matronae
primores civitatis (eam) accepre; []. Eae per manus, succedentes deinde aliae aliis, omni obviam eusa
civitate, turibulis ante ianuas positis qua praeferebatur atque accenso ture, precantibus
2
ut volens (bene-
vola) propitiaque urbem Romanam iniret, in aedem Victoriae, quae est in Palatio, pertulre deam pridie
idus Apriles; isque dies festus fuit. Populus frequens dona deae in Palatium tulit, lectisterniumque et ludi
fure, Megalesia appellata.
Livio, Ab Urbe condita 29, 14
3 Il senato si oppone ai culti stranieri
Mentre Annibale trascorre lestate nel territorio salentino (210 a.C.), nella speranza di impadronirsi di Taranto, a
Roma il popolo, stanco per le vicende avverse di una guerra che andava per le lunghe, si sente deluso e abbando-
nato dagli dei patrii. Nelle case private, nel Foro e sul Campidoglio non si celebrano pi cerimonie secondo il co-
stume tradizionale e una nuova superstizione (religio), venuta da fuori, sembra aver sconvolto gli animi.
Tanta religio, et ea magna ex parte externa, civitatem incessit, ut aut homines aut dii repente alii videren-
tur facti (esse). Nec iam in secreto modo atque intra parites abolebantur Romani ritus, sed in publico
1. omnia laeta fuisse: tutto era stato favorevole; detto in riferimento allesame delle viscere degli animali sacricati.
2. maiorem Romano: ordina adesse populo Romano victoriam multo maiorem quam (illam) ex spoliis cuius (= dal cui bottino)
portarent dona.
CHE COSA RIPASSARE
a. ablativo assoluto
b. proposizioni temporali
c. proposizioni completive
1. Si noti la variatio: iussus est ire; (iussus est) acciperet traderet.
2. precantibus: ablativo assoluto con soggetto sottinteso civibus, che regge la subordinata ut... iniret.
CHE COSA RIPASSARE
a. proposizioni consecutive
b. cum narrativo
c. proposizioni completive
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale

9 la religione dei romani


etiam, ac (erat in) Foro Capitolioque mulirum turba nec sacricantium nec precantium deos patrio more.
Sacricli ac vates ceprant hominum mentes; quorum numerum auxit rustica plebs, ex incultis diutno
bello infestisque (malsicuro) agris, egestate et metu in urbem compulsa; et quaestus
1
ex alieno errore fa-
cilis, quem velut concessae artis usu (= come unattivit consentita) exercebant
2
. Primo secretae bonorum
3
indignationes exaudiebantur; deinde ad patres etiam ac publicam quaerimoniam excessit res. Incusati
gravter ab senatu aediles triumvirique capitales
4
quod (haec) non prohibrent, cum emovre eam mul-
tutudinem e Foro ac disicre (distruggere) adparatus sacrorum conati essent, haud procul afuit quin vio-
larentur. Ubi potentius iam esse id malum apparuit quam ut minores per magistratus sedaretur, M. Aemilio
praetori urbano negotium a senatu datum est ut eis religionibus populum liberaret.
Livio, Ab Urbe condita 25, 1
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
1. questus (guadagno): intendi et auxit numerum (hominum) quaestus facilis.
2. exercebant: il soggetto sempre sacricli ac vates.
3. bonorum: boni sono qui le persone oneste.
4. triumvirique capitales: i triumviri capitales erano incaricati di far eseguire le sentenze di condanna a morte.
Le istituzioni religiose
Secondo la tradizione, tutto il complesso sistema cultuale romano sarebbe stato organizzato dal re Numa
Pompilio, che avrebbe stabilito riti e cerimonie annuali e ne avrebbe adato la gestione ai vari collegi
sacerdotali. Tuttavia lantichit di alcuni riti e il fondo linguistico assai arcaico di alcuni inni liturgici
fanno ritenere che alcune cerimonie e istituzioni religiose risalgano a unepoca anteriore a quella dei re.
In tutto il periodo della repubblica, comunque, e in gran parte dellimpero i collegi sacerdotali pi im-
portanti, che organizzavano e gestivano riti religiosi, furono quello dei amini, dei ponteci, delle ve-
stali e degli auguri, mentre un discorso a s meritano gli aruspici.
Accanto ai collegi operavano anche alcuni sodalizi costituiti da persone associate da funzioni comuni
sotto la protezione di una divinit tutelare, a cui prestavano servizio e di cui celebravano le festivit. I so-
dalizi pi antichi furono quelli dei salii e degli arvali.
Il collegio dei famini
I amini (amines
1
) erano sacerdoti preposti ciascuno al culto di singole divinit indigene, appartenenti
alla pi antica tradizione religiosa romana, dal cui nome aggettivale erano contraddistinti. Il loro colle-
gio era costituito da quindici sacerdoti suddivisi in due gruppi: amini maggiori e minori.
I amini maggiori erano scelti in origine tra le famiglie patrizie e abilitati alla carica solo dopo che aves-
sero preso auspici dai quali risultasse che erano persone gradite alla divinit cui avrebbero prestato ser-
vizio. Erano tre: il amen Dialis, il amen Martialis, il amen Quirinalis, addetti rispettivamente al culto
di Giove, di Marte, di Quirino (nome dato a Romolo dopo la sua apoteosi), le divinit che costituivano
la Triade capitolina originaria (poi sostituita dalla Triade Giove, Giunone, Minerva). Durante le ceri-
monie indossavano, come insegne della loro dignit, la toga coperta da una sopravveste di porpora
(laena) e un copricapo bianco di pelle ovina (pileus o albogalerus o albus galerus) tenuto con una cordi-
1. Letimologia di amen molto discussa. Alcuni, come Varrone (L.L. V, 15), collegano amen a lumo lamen, il lo di lana che
il amine portava attorno al berretto sacerdotale; altri al verbo are, soare (per alimentare la amma sacricale). Nel secolo
scorso alcuni studiosi di linguistica hanno avanzato lipotesi di una derivazione da un termine indoeuropeo,*bhlagh-men, scor-
gendo una parentela etimologica tra a-men e brah-man (sacerdote indiano).
cella che passava sotto il mento; alla sommit del berretto vi era una base circolare con al centro una ver-
ghetta di olivo rivestita di lana (apex).
I amini minori, dodici in tutto, erano addetti a speciche divinit indigene (la tradizione ne ricorda
solo dieci: Carmenta, Cerere, Falacer, Furina, Flora, Pale, Pomona, Portuno, Volturno e Vulcano) che gi
nel I secolo a.C. risultavano oscure anche allo stesso Varrone. Il loro aminato non era incompatibile
con lesercizio di magistrature civili e militari.
In epoca imperiale furono istituiti dei amini preposti al culto degli imperatori defunti e divinizzati, che
da essi traevano il nome.
I amini, sottoposti alla giurisdizione del pontece massimo (infatti erano eletti dal collegio dei ponte-
ci) erano gli esecutori dei sacrici; godevano particolarmente il amen Dialis di una grandissima
inuenza e prestigio, ma erano anche obbligati allosservanza di norme sacre di comportamento assai
dure, nel rispetto di tradizioni che forse, con il passare del tempo, divennero incomprensibili e insigni-
canti per la maggior parte dei Romani.
10 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
Nella processione
dei sacerdoti sullAra Pacis
si riconoscono i amini
per il copricapo.
Il famen Dialis
Il amen Dialis senza dubbio la gura di sacerdote pi interessante e caratteristica della religione ro-
mana: era il primo dei tre amini maggiori, il sacerdote per eccellenza, la personicazione vivente di
Giove e godeva di grande prestigio presso il popolo. La sua gura, come quella del rex sacrorum(il sa-
cerdote cui erano adate le funzioni in passato compiute dal re), era ai vertici della primitiva societ ro-
mana. Tito Livio ne attribuisce listituzione al re Numa Pompilio, il quale, prevedendo che in tempo di
guerra i suoi successori si sarebbero allontanati dalla citt, per evitare che i servizi religiosi di perti-
nenza regale subissero interruzioni, cre, per Giove, un amine che rimanesse perennemente al suo
posto e gli confer il privilegio di un abbigliamento speciale e della sedia curule del re. Ma la comples-
sit di questa gura, la simbologia rituale di certi atti, le interdizioni, le astinenze a cui era sottoposta
fanno pensare a unepoca molto pi antica, anteriore alla fondazione stessa di Roma e contemporanea
ai primi insediamenti dei Latini sul suolo laziale; altri studiosi, invece, scorgendo una probabile anit
non solo etimologica tra a-men e brah-man (vedi nota 1, p. 9), ma anche funzionale tra amini e bra-
mini, la casta sacerdotale indiana, ritengono che il aminato fosse gi presente nella cultura indoeuro-
pea e che questa gura rivestisse insieme poteri regali e sacerdotali. Larcaicit di questo sacerdozio, per
altro, non sfugg a Ovidio, che lo den pelasgico, come a dire preistorico.
La fonte da cui ricaviamo maggiori informazioni sul amen Dialis Aulo Gellio, che attinge alle Anti-
quitates rerum divinarumdi Varrone e al primo libro delle storie dellannalista Quinto Fabio Pittore. Gel-
lio espone un elenco dettagliato dei privilegi e particolarmente delle
limitazioni a cui erano sottoposti non solo il amen Dialis, ma anche
la moglie, la aminica.
Il amen Dialis doveva essere sposato con una vergine; il matrimonio,
celebrato con il rito della confarreatio, era santo e indissolubile, perch
simboleggiava lunione tra Giove e Giunone. Solo la morte era lunica
possibilit di rottura. In tal caso il amen Dialis perdeva la sua sacra-
lit e decadeva dalla carica, anche perch le funzioni da lui celebrate
prevedevano lassistenza della moglie.
Il amen Dialis godeva di molti privilegi. Partecipava alle sedute del se-
nato con diritto alla sedia curule, alla toga pretesta e a un suo proprio
littore. Aveva unabitazione uciale (la aminia domus) senza cani da
guardia, cos da poter garantire a chiunque accesso sicuro per even-
tuali suppliche. Presiedeva ai matrimoni per confarreatio, alle Vinali
rustiche (festivit che si celebrava il 19 agosto con libagioni di vino e
oerte in onore di Giove) e ai Lupercali. Nei conviti occupava il primo
posto dopo il rex sacrorum. Aveva il potere di far sospendere le pene,
perci, se un condannato alla fustigazione lo avesse incontrato per
strada, per quel giorno non poteva essere fustigato. Teneva il capo
sempre coperto con un berretto bianco (pileus o albogalerus), fatto con pelle di agnello sacricato, alla
sommit del quale vi era una verghetta di ulivo (apex o apiculum) rivestita di lana, che, secondo alcuni,
serviva per sentire meglio la voce di Giove. Consacrato costantemente al culto della divinit, il amen
Dialis era totalmente estraneo al lavoro: tutti i giorni per lui erano festivi. Al suo passaggio ogni attivit
veniva sospesa e si osservava il silenzio, per non turbare il suo colloquio con Giove.
Se questi erano gli onori e i privilegi, numerose e imbarazzanti e, in certo senso, strane erano le prescri-
zioni e le astinenze imposte al amen Dialis. Si tratta in sostanza di norme di comportamento ispirate a
un ideale di libert e di purezza che doveva caratterizzare la sua vita. Egli, quale incarnazione della divi-
nit, doveva essere libero da qualunque vincolo morale e materiale e vincolato solo al dio al cui servi-
zio era consacrata la sua vita. Tutto quello che poteva evocare vincolo o contraddire alla libert della sua
persona andava rimosso. Da qui derivavano le norme secondo cui non poteva prestare giuramento o ri-
coprire magistrature, non poteva portare anelli (a meno che non avessero una fenditura), non doveva
avere alcun nodo nel berretto sacerdotale n nella cintura n in altra parte degli abiti; non poteva essere
toccato da uno schiavo; se un uomo in catene o comunque legato fosse entrato nella sua casa, doveva es-
sere immediatamente liberato dalle catene e queste, portate sul tetto attraverso limpluvio, dovevano es-
sere lasciate cadere fuori sulla strada. Non poteva passare sotto un pergolato, perch la vite ricorda il
vino e il amine non poteva essere dominato dal piacere e dallubriachezza. Non poteva nominare o ve-
dere ledera, pianta debole e senza frutti che con le sue molteplici strette nodose lega e avvinghia a s le
altre piante. I suoi capelli potevano essere tagliati solo da un uomo libero con un rasoio o forbici di
bronzo (il bronzo era il metallo sacro che si usava nei sacrici).
Allo stesso modo il amen Dialis, quale essere puro e sacro per eccellenza, doveva fuggire il contatto
con tutto ci che contamina o evoca la morte. Non poteva pertanto toccare un morto o entrare dove qual-
cuno era stato cremato, non poteva nominare o toccare la capra, il cane, la carne cruda e la fava: infatti
la capra e il cane a Roma erano considerati animali impuri e venivano sacricati per i defunti e gli dei
infernali; la carne cruda era considerata impura, perch non puricata dal fuoco; la fava, per il suo ore
dal colore nero e bianco, richiamava il lutto e quindi i defunti. Al amen Dialis era interdetto andare a
11 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
Testa di amine con
lalbogalerus.
cavallo (considerato anchesso animale impuro, che evocava la violenza
della guerra) o vedere lesercito in assetto di guerra n egli poteva toc-
care o mangiare il pane fermentato con lievito, probabilmente perch
in esso si scorgeva qualche carattere di impurit.
Altre norme erano ispirate al mantenimento del vincolo stretto e inin-
terrotto con la divinit. Al amen Dialis non era permesso portare del
fuoco fuori dalla casa aminia, perch esso era sacro e doveva servire
solo per scopi sacri. Egli non poteva lasciare la citt per pi di un giorno.
Il suo letto doveva essere sistemato nel vestibolo della casa, per essere fa-
cilmente accessibile ai Romani, e i piedi del letto dovevano essere spal-
mati con un sottile strato di argilla, perch lo tenessero in stretto
contatto con la terra. Non poteva inoltre dormire lontano da quel letto
per tre notti consecutive n era lecito che un altro dormisse in quel letto.
Ai piedi del letto doveva esserci un cofano con piccole focacce per i sa-
crici, in modo da poter fare in qualunque momento unoerta alla di-
vinit. Il amen Dialis non poteva mai togliersi la tunica e restare nudo
in nessun luogo aperto, perch egli, quale incarnazione Giove, non po-
teva apparire come uomo tra gli uomini.
La moglie del amen Dialis, la aminica, condivideva le medesime pre-
scrizioni e divieti. La sua veste doveva essere interamente di lana e i suoi
calzari confezionati con pelle di animali sacricati. Durante i riti espia-
tori non si lavava n si acconciava e doveva mostrare un aspetto severo.
Al di fuori di queste cerimonie, portava i capelli a tutolo, cio a forma di
cono, tenuti fermi da un nastro rosso. Non poteva salire le scale oltre tre
gradini, a meno che non fossero protette ai lati da tavole, come le scalae Graecae, perch non le si vedes-
sero le gambe.
Con il tempo tutte queste interdizioni e astinenze divennero meno comprensibili e quindi meno rigide
e, nonostante i privilegi e gli onori pi formali che sostanziali connessi alla carica, il aminato Diale
rimase senza titolare per 76 anni, dall87 a.C. all11 a.C., anno in cui Augusto lo restaur, con signica-
tive modiche delle n troppo dure e arcaiche prescrizioni.
12 la religione dei romani
CHE COSA RIPASSARE
a. gerundivo
b. proposizioni causali
c. propozioni interrogative indirette
LEGGIAMO I TESTI
4 Istituzioni religiose di Numa Pompilio
Tum sacerdotibus creandis animum adicit, quamquam ipse plurma sacra obbat, ea maxime, quae nunc
ad Dialem aminem pertinent. Sed quia in civitate bellicosa plures Romuli quam Numae similes reges pu-
tabat fore iturosque ipsos ad bella ne sacra regiae vicis desererentur, aminem Iovi adsiduum sacerdotem
creavit, insignique eum veste et curli regia sella adornavit. Huic duos amines adiecit, Marti unum, altrum
Quirino, virginesque Vestae legit, Alba oriundum sacedotium et genti conditoris haud alienum. His, ut ad-
siduae templi antisttes essent, stipendium de publico statuit, virginitate aliisque caerimoniis venerabiles ac
sanctas fecit. Salios item duodcim Marti Gradvo legit, tunicaeque pictae insigne dedit et super tunicam ae-
neum pectori tegumen, caelestiaque arma, quae ancilia appellantur, ferre, ac per urbem ire canentes carmina
Statua di Giove:
il amen Dialis era considerato
lincarnazione di Giove.

D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale


13 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
5 Il famen Dialis (I)
Caerimoniae impositae amini Diali multae, item castus multiplices, quos in libris, qui de sacerdotibus pu-
blicis compositi sunt, item in Fabii Pictoris librorum primo scriptos legimus. Unde haec ferme sunt, quae com-
meminmus: equo Dialem aminem vehi religio est; item religio est classem procinctam extra pomerium,
id est exercitum armatum, vidre; idcirco rarenter amen Dialis creatus consul est, cum bella consulibus
mandabantur; item iurare Dialem fas numquam est; item anulo uti nisi pervio cassoque fas non est. Ignem
e aminia, id est aminis Dialis domo, nisi sacrum eerri ius non est. Victum, si aedes eius introirit, solvi
necessum est et vincula per impluvium in tegulas subduci atque inde foras in viam demitti. Nodum in apice
neque in cinctu neque alia in parte ullum habet. Si quis ad verberandum ducatur, si ad pedes eius supplex
procubuerit, eo die verberari piaculum est. Capillum Dialis, nisi qui liber homo est, non detondet. Capram
et carnem incoctam et hederam et fabam neque tangre Diali mos est neque nominare. Propagines e viti-
bus altius praetentas non succedit. Pedes lecti in quo cubat luto tenui circumlitos esse oportet et de eo lecto
trinoctium continuum non decubat neque in eo lecto cubare alium fas est. Apud eius lecti fulcrum capsu-
lam esse cum strue atque ferto oportet. Unguium Dialis et capilli segmina subter arborem felicem terra ope-
riuntur. Dialis cotidie feriatus est. Sine apice sub divo esse licitum non est; sub tecto uti licret, non pridem
a ponticibus constitutum Masurius Sabinus scripsit et alia quaedam remissa, gratiaque aliquot caerimo-
niarum facta dicitur. Farinam fermento inbutam adtingere ei fas non est.
Gellio, Noctes Atticae X, 15
6 Il famen Dialis (II)
Tunica intima nisi in locis tectis non exuit se, ne sub caelo tamquam sub oculis Iovis nudus sit. Super a-
minem Dialem in convivio, nisi rex sacriculus, haut quisquam alius accumbit. Uxorem si amisit, amo-
nio decedit. Matrimonium aminis nisi morte dirimi ius non est. Locum, in quo bustum est, numquam
ingreditur, mortuum numquam attingit; funus tamen exsequi non est religio. Eaedem ferme caerimoniae
sunt aminicae Dialis; alias seorsum aiunt observitare, veluti est, quod venenato opertur, et quod in rica sur-
culum de arbore felici habet, et quod scalas, nisi quae Graecae appellantur, escendere ei plus tribus gradi-
bus religiosum est atque etiam, cum it ad Argeos, quod neque comit caput neque capillum depectit. Verba
praetoris ex edicto perpetuo de amine Diali et de sacerdote Vestae adscripsi: Sacerdotem vestalem et a-
minem Dialem in omni mea iurisdictione iurare non cogam. Verba M. Varronis ex secundo rerum divi-
narum super amine Diali haec sunt: Is solum album habet galerum, vel quod maximus, vel quod Iovi
immolata hostia alba id ri oporteat.
Gellio, Noctes Atticae X, 15
CHE COSA RIPASSARE
a. proposizioni relative
b. periodo ipotetico
c. reggenza di utor
CHE COSA RIPASSARE
a. proposizioni finali
b. usi di cum
cun tripudiis sollemnique saltatu iussit. Ponifcem deinde Numam Marcium, Marci lium, ex patribus legit,
eique sacra omnia exscripta exsignataque attribuit: quibus hostiis, quibus diebus, ad quae templa sacra
rent, atque unde in eos sumptus pecunia erogaretur.
Livio, Ab Urbe condita 1, 20
Il collegio dei pontefci
Il termine pontece deriva etimologicamente da pontem facre: in origine, infatti,
i ponteci avevano avuto il compito di provvedere alla costruzione del ponte Su-
blicio, in modo che i sacri riti potessero essere celebrati su entrambe le sponde del
Tevere. La tradizione attribuisce la loro istituzione al re Numa Pompilio, perch
eseguissero riti e cerimonie annuali secondo le prescrizioni da lui stesso dettate.
Essi, dunque, si occupavano essenzialmente dei culti che appartenevano, n dai
tempi pi antichi, alla tradizione religiosa romana e presiedevano a tutta la vita re-
ligiosa pubblica, intervenendo anche in alcuni atti di culto privato, come il matri-
monio per confarreatio. Ma il loro compito non si limit soltanto alla sfera religiosa,
alla sorveglianza, cio, del culto nei suoi diversi aspetti, bens si estese anche al-
lambito civile e politico. Il ponticato era, infatti, una carica politica; i ponteci, pi
che veri e propri sacerdoti, erano dei giuristi e, in quanto tali, nel periodo arcaico
avevano il compito di codicare e interpretare le leggi. Questo conferiva loro grande
autorit e prestigio nel campo del diritto.
I ponteci, eletti nella fase arcaica dal patriziato
1
, furono in numero di cinque no
ai tempi della dittatura di Silla (82-79 a.C.), poi crebbero no a quindici. La loro di-
visa era la toga orlata di porpora ed essi avevano diritto alla sella curule.
Presiedeva il collegio il pontece massimo
2
, nominato a vita da diciassette trib
estratte a sorte. Questi aveva la sua residenza uciale nel Foro (regia), era il consi-
gliere dei magistrati e del senato in tutto quello che riguardava il culto pubblico e
aveva il diritto di avere una scorta di littori (dodici in tutto), al pari dei consoli.
Sotto la sua autorit erano le vestali, i amini e il rex sacrorum (il sacerdote a cui
erano adate le funzioni religiose compiute un tempo dal re).
Spettava al pontece massimo redigere gli Annales e i Fasti. Negli Annales regi-
strava anno per anno, sotto i nomi dei consoli e dei magistrati, tutti gli avvenimenti
di maggior rilievo di politica sia interna sia estera, con le relative le date: entrata in
carica dei magistrati, guerre, pestilenze, calamit naturali, prodigi, nascite mo-
struose. Tutto questo materiale storiograco, trascritto poi su una tavola imbiancata (tabula dealbata) ve-
niva esposto nella sua casa, la regia, perch il popolo ne prendesse visione.
Nel 130 a.C., il pontece massimo Publio Mucio Scevola fece trascrivere e pubblicare in ottanta rotoli
di papiro tutta questa preziosa documentazione, che prese il nome di Annales pontifcumo Annales ma-
ximi. Agli Annales, che rappresentano la pi antica espressione letteraria di documentazione storica nel-
lambito della cultura latina, attingeranno in seguito gli storici.
I Fasti erano inizialmente una sorta di calendario in cui i giorni erano divisi in fasti e nefasti: fasti erano
i giorni in cui era consentito svolgere le attivit pubbliche e private, nefasti quelli in cui queste attivit,
per motivi religiosi, non potevano aver luogo. In seguito i Fasti vennero integrati, nei singoli mesi, con
le indicazioni dei giorni dedicati alla celebrazione delle varie feste in onore delle divinit e dellorganiz-
zazione dei ludi (giochi di vario genere) e presero il nome di calendario.
14 la religione dei romani
1. Con la lex Ogulnia del 300 a.C. fu aperto anche ai plebei laccesso al ponticato.
2. Anche Giulio Cesare rivest la carica di pontece massimo e da Augusto no Graziano (382 d.C.) questa prestigiosa carica fu
appannaggio degli imperatori.
Augusto ritratto
come pontece
massimo con
il capo coperto
dalla toga.
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
Il collegio delle vestali
Le vestali erano sacerdotesse addette a mantenere vivo il fuoco sacro che ardeva nel tem-
pio di Vesta, vicino alla regia (sede del pontece massimo), e simboleggiava la vita dello
stato. Livio (1, 20) dice che era un sacerdozio oriundo di Alba e non estraneo alla stirpe
del fondatore, alludendo al fatto che Romolo e Remo erano nati da una vestale.
Le vestali erano scelte, dopo la cacciata dei re, dal pontece massimo ancora fanciulle
fra i 6 e i 10 anni, in origine tra le famiglie patrizie, in seguito anche tra quelle plebee.
Erano in tutto sei e dovevano essere senza difetti sici, nate da matrimonio celebrato
per confarreatio e con genitori ancora in vita.
Il loro compito, come si detto, era la custodia del fuoco sacro che ardeva nel tem-
pio di Vesta. Il loro servizio durava trentanni (dieci anni come novizie, dieci come
ministre del culto, dieci come maestre), durante i quali, sottoposte alla Virgo Ma-
xima, erano tenute a mantenere la castit e, come si detto, dovevano tenere sem-
pre acceso il fuoco sacro. In caso di infedelt al voto di castit o se avessero lasciato
spegnere il fuoco sacro, erano condannate a essere murate vive in una camera
sotterranea nel campo detto scellerato, nei pressi di porta Collina.
Trascorsi i trentanni, le vestali tornavano in libert e potevano contrarre matri-
monio, cosa che comunque avveniva raramente. Oltre alla custodia del fuoco
sacro, le vestali avevano il compito di curare gli oggetti sacri riposti nel tempio
e di attingere ogni giorno acqua dalla fonte delle Camene, poich era loro vie-
tato servirsi dellacqua delle condutture articiali, ma potevano usare solo
acqua sorgiva. Dovevano anche preparare la mola salsa, un miscuglio di fa-
rina di farro (grano con sale), che serviva per cospargere il capo degli animali
da sacricare.
Erano circondate da grande rispetto e godevano di molteplici privilegi. Per distinguersi dalle altre donne,
in pubblico procedevano con il capo coperto da un velo bianco, detto sublum, assicurato al petto me-
diante una bbia. Prendevano parte a molte feste, sempre precedute da un littore, e occupavano i primi
posti. Il console, incontrandole, era tenuto a fermarsi e a cedere loro il passo; se nel loro cammino si fos-
sero imbattute in un condannato a morte, questi veniva graziato.
la religione dei romani 15
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
Statua di vestale
in marmo.
Resti della casa
delle vestali
nel Foro Romano.
Il collegio degli auguri
Il collegio degli auguri
1
si componeva in origine di soli tre membri, scelti uno per trib; passarono poi
a nove e quindi a sedici al tempo di Cesare. Vi potevano partecipare solo i patrizi; dopo il 300 a.C., lac-
cesso fu consentito anche ai plebei.
Gli auguri erano esperti dellarte divinatoria, ereditata dagli Etruschi, che consentiva loro di interpre-
tare, attraverso losservazione attenta di alcuni fenomeni, il volere degli dei nei confronti di ogni atto
della vita pubblica. Si credeva, infatti, che gli dei e particolarmente Giove intervenissero nelle vi-
cende umane manifestando la loro volont attraverso segni particolari, quali il modo di volare e di can-
tare degli uccelli (signa ex avibus), il modo di beccare dei polli nel recinto sacro (auspicia ex tripudiis o
pullaria) o lapparizione di comete e di stelle cadenti, la caduta di fulmini (caelestia auspicia), le carestie,
le nascite mostruose, i terremoti ecc. (signa ex diris).
Nellosservazione di questi fenomeni gli auguri impugnavano un bastone con unestremit ricurva, il
lituo (lituus), e traevano gli auspici. Il termine auspicium(da avis + specre, verbo arcaico che signica
guardare, quindi osservare gli uccelli a scopo divinatorio) per i Romani indicava il diritto, riservato ai
magistrati e in particolare ai consoli, di richiedere tale osservazione (auspicia habere) prima di intra-
prendere atti importanti per la vita dello stato. Laugure, quindi, poteva svolgere la sua funzione di in-
terprete dei segni dati dagli uccelli, quale tecnico divinatorio, solo in seguito allordine del magistrato a
cui interessava conoscere se gli dei approvavano o no le sue iniziative. Anche i privati, comunque, in de-
terminate e importanti situazioni, potevano richiedere gli auspici.
I luoghi di osservazione, detti auguracla, erano tre: uno sul Campidoglio, laltro sul Quirinale, il terzo
sul Palatino.
Tra le varie cerimonie ociate dagli auguri, particolarmente importante era quella dellaugurium salu-
tis, in cui si pregava per la salvezza del popolo romano.
Gli aruspici
Gli aruspici a Roma erano considerati stranieri (provenivano generalmente dallEtruria) e non costitui-
vano un vero collegio sacerdotale. Tuttavia essi ancora nel 408 d.C. erano in attivit, poich si tramanda
che in quellanno, durante lassedio di Roma, essi pronunciarono in lingua etrusca maledizioni contro i
Visigoti di Alarico.
Gli aruspici erano maestri nellarte divinatoria (laruspicina) che consisteva nello scrutare le viscere e,
in particolare, il fegato degli animali sacricati. Questultimo veniva diviso in sedici settori, ognuno dei
quali era dedicato a una divinit: in base alla conformazione delle varie parti, gli
aruspici interpretavano la volont degli dei.
Allo stesso modo anche il cielo era diviso in sedici settori: i settori a
nord-est erano governati dalle divinit pi favorevoli, quelli a
16 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
Il celebre fegato di montone in bronzo utilizzato dagli
Etruschi per la divinazione e la predizione del futuro.
1. Incerta letimologia di augur, -ris. Secondo alcuni autori, augur sarebbe da collegare con augre (aumentare): laugur, dunque,
sarebbe colui che proferisce presagi assicurando laccrescimento di unimpresa, grazie allassenso degli dei. Altri studiosi ri-
tengono poco attendibile il collegamento di augur con augre, gi proposto da autori antichi, e, mentre concordano sullinter-
pretazione del primo elemento (au- da avis), propongono per il secondo (-gur) varie radici indoeuropee.
nord-ovest dalle divinit pi infauste, i demoni delloltretomba. A seconda dellapparizione di fulmini,
meteore, uccelli in volo ecc. nei settori del cielo, laruspice traeva il presagio.
Durante le funzioni gli aruspici indossavano un mantello frangiato e un copricapo a forma di cono; in
mano tenevano il lituus, come gli auguri, con il quale segnavano le diverse parti dello spazio celeste.
Il sodalizio dei salii
I salii
1
formavano due confraternite di carattere guerresco, ciascuna composta da dodici membri, quella
dei Palatini con un loro tempio sul Palatino, e quella dei Collini (o Agonenses), con sede sul Quirinale. I
primi, i pi antichi, erano sacerdoti addetti al culto di Marte Gradivo (da gradioravanzo, procedo, cio
colui che muove alla battaglia), i secondi (la cui creazione si faceva risalire al re Tullo Ostilio) erano de-
diti al culto di Quirino.
Erano eletti a vita, ma potevano lasciare la carica nel caso fossero stati eletti amini o preferissero rico-
prire una magistratura politica, come consoli o pretori.
La tradizione attribuisce listituzione dei salii Palatini al re Numa Pompilio, il quale avrebbe dato loro
come distintivo una tunica ricamata e come compito quello di custodire, in un edicio sacro sul Pala-
tino, dodici scudi di bronzo, gli ancilia, uno dei quali sarebbe miracolosamente piovuto dal cielo
2
, quale
presagio della futura grandezza e potenza di Roma. Per impedire il furto di questo scudo miracoloso,
Numa avrebbe incaricato un artigiano, Mamurio Veturio, di costruirne altri undici del tutto identici,
cos da renderne impossibile la distinzione e il riconoscimento.
Labbigliamento dei salii ricordava quello die guerrieri: indossavano, infatti, una tunica bordata di rosso,
tenuta chiusa da una bbia sulla spalla (trabea), e portavano una cintura di bronzo a cui era agganciata
una spada. Sopra la tunica portavano una
pettorina di bronzo e un mantello; indos-
savano, inoltre, lapex, il copricapo dei a-
mini (vedi supra).
Celebravano una festa denominata salaria,
che aveva luogo nei mesi di marzo e otto-
bre, in coincidenza con linizio e la ne
delle campagne militari
3
. Durante questa
festivit i salii organizzavano una proces-
sione per le vie della citt, nel corso della
quale, cantando in coro e singolarmente
linno uciale della confraternita, il car-
mem saliare, percuotevano gli scudi e si esi-
bivano in una rumorosa danza guerresca,
17 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
1. Salii deriva da salio, che signica saltare, ballare.
2. Il fatto riferito da Plutarco, ma Dionigi dAlicarnasso racconta che quello scudo fu trovato, senza che alcuno lavesse portato,
nella regia, la sede del pontece massimo, e che, essendo di forma strana (incavato da ambedue le parti, come quello dei Traci),
fu creduto di provenienza divina.
3. Presso i popoli antichi non si combattevano guerre durante la stagione invernale, a causa della rigidit del clima.
Mosaico che ritrae una cerimonia
di puricazione celebrata dai salii.
detta tripudium, perch era eseguita con ritmo ternario e accompagnata dal triplice battito del piede per
terra (tripudiumda ter + pes, tre volte il piede).
Il carme, in un linguaggio molto arcaico (e quindi in epoca storica quasi incompressibile), e il tipo di
danza fanno pensare a unistituzione della confraternita in unepoca anteriore alla fondazione stessa di
Roma, anche perch il tripudium, in tempi remoti, era conosciuto e praticato in citt latine ed etrusche,
come Alba, Laurento, Tusculo, Tivoli.
Il sodalizio degli arvali
Gli arvali (da arva, campi coltivati) costituivano un antichissimo sodalizio sacerdotale composto da do-
dici membri scelti a vita tra gli esponenti delle famiglie patrizie. Erano detti fratelli, perch, secondo
la leggenda riportata da Plinio il Vecchio nella sua Historia naturalis
1
, sarebbe stato Romolo stesso a isti-
tuire questo sacerdozio. Egli, infatti, dopo la morte di uno dei dodici gli di Acca Larenzia e Faustolo (il
pastore da cui era stato raccolto e allevato, insieme al fratello gemello Remo), ne avrebbe preso il posto
e avrebbe chiamato s e gli altri gli fratres arvales.
Il collegio era presieduto dal magister, uno dei dodici, scelto dai fratelli stessi. Le insegne della loro di-
gnit erano le corone di spighe e le infule (bende di lana bianca con le quali si cingevano il capo); assi-
stenti nei sacrici e nelle cerimonie erano quattro ragazzi nobili; la divinit del loro culto era Dia, pi
tardi identicata con Cerere, la dea protettrice delle messi e dei frutti della terra.
Il loro rito pi importante veniva celebrato presso un santuario situato fuori Roma, sulla sommit di un
colle boscoso, al quinto miglio della via Campana, vicino alla Magliana. Nel 1778, durante gli scavi ar-
cheologici, fra le rovine del tempio fu riportata alla luce un iscrizione epigraca contenente gli acta di
una cerimonia celebrata nell 218 d.C. e il testo di unantichissima preghiera, il carmen fratrum arvalium,
che comprendeva uninvocazione ai Lari, divinit tutelari della famiglia, ai Semoni, divinit dei campi,
18 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
1. Hist. Nat. XVIII, 6: Romolo per primo istitu i sacerdoti Arvali e chiam se stesso dodicesimo fratello tra quelli generati da Acca
Larenzia, sua nutrice.
Il tempio di Cerere a Paestum: gli arvali erano dediti al culto di Dia,
poi identicata con Cerere.
e a Marte inteso come divinit agreste. Questo documento, che, insieme al carmen saliare, rappresenta
una delle prime espressioni letterarie della lingua latina, ha consentito di conoscere lo svolgimento del
rito celebrato dai fratelli arvali.
Si trattava di una solenne festa religiosa dedicata alla puricazione dei campi, che si celebrava nella se-
conda met del mese di maggio. La festa, denominata ambarvalia (processione intorno ai campi), aveva
la durata di tre giorni, durante i quali, tra canti, invocazioni, giochi, danze rituali, si svolgevano varie pro-
cessioni intorno alle terre coltivate, al ne di allontanare le potenze malevole e propiziare il raccolto.
Nel primo e nel terzo giorno la cerimonia aveva luogo presso la sede del magister, tra incensi, libagioni,
oerta dei prodotti della terra e benedizione del pane e di spighe secche e fresche.
Il culmine della solennit era al secondo giorno, quando la festa si spostava fuori Roma, presso il colle
dove sorgeva il tempio di Dia. Allalba il magister, da solo, indossando la toga pretesta e portando sul
capo una corona di spighe, immolava accanto a un altare, ai margini bosco, due porche e una giovenca
bianca, le cui viscere venivano deposte su unara e le cui carni erano messe a bollire in ampie olle. Sten-
deva poi per iscritto un documento a conferma dellavvenuto sacricio. Deposte quindi le insegne, si ri-
tirava nella sua tenda in attesa dellarrivo dei fratelli. Questi, seguiti dal popolo, sopraggiungevano in
processione intorno a mezzogiorno, vestiti con la toga pretesta e coronati di spighe; deponevano le in-
segne e prendevano posto in appositi tavoli, per gustare le carni delle vittime sacricate. Al pomeriggio
riprendeva la processione e, attraverso il bosco, si saliva al tempio di Dia, dove veniva celebrato un rito
funebre, alla ne del quale dalla soglia del tempio si riversava il contenuto delle olle gi per il pendio bo-
scoso, quale pasto alla madre dei Lari. Veniva quindi fatto allontanare il popolo che aveva partecipato alla
celebrazione, mentre i fratelli arvali, e solo loro, rientravano nel tempio. Qui, a porte chiuse, al ritmo ter-
nario di una danza rituale (tripudium), intonavano un antichissimo canto (il carmen fratrum arvalium),
i cui versi venivano ripetuti per tre volte
2
. Data larcaicit del linguaggio, il signicato delle parole, come
scrive Quintiliano (I, 6, 40), con il tempo era divenuto incomprensibile anche agli stessi fratelli arvali; tut-
tavia si mantenne inalterato, in quanto i Romani ritenevano che ogni cambiamento ne avrebbe com-
promesso lecacia.
Le festivit
Parlando delle divinit e dei sacerdoti romani, abbiamo citato diverse feste che venivano celebrate in
momenti dierenti dellanno e in onore dei vari dei. Ora vogliamo esaminare tre feste particolarmente
sentite presso i Romani: i saturnalia, i lupercalia e i lemuria.
I saturnalia
Tra le festivit religiose dellantica Roma, quella dei saturnali era una delle pi importanti e solenni del
calendario romano. Lo storico Tito Livio (Ab Urbe condita 2, 21, 2) collega listituzione dei saturnali con
linaugurazione del tempio di Saturno alle falde del Campidoglio, avvenuta nel 497 a.C., sotto il conso-
lato di Aulo Sempronio e Marco Minucio. In realt, le origini dei saturnali risalgono a tempi pi remoti.
La leggenda ne attribuisce listituzione a quegli Argivi (Macrobio, Sat. 1, 7) che erano giunti nel Lazio con
Ercole; e lo stesso tempio di cui parla Livio sarebbe stato costruito dove prima esisteva lara di Ercole de-
dicata a Saturno (Dionigi di Alicarnasso, Ant. Rom. VI, 1), divinit legata al mondo dellagricoltura: il
nome Saturno infatti connesso a serre, seminare. I saturnalia sarebbero dunque una festa dalle lontane
origini contadine, che coincidevano con la ne dellanno solare e agricolo.
19 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
2. La triplice invocazione era considerata garanzia di ecacia.
Inizialmente la festa si celebrava in un solo giorno, il 17 dicembre; in seguito, con Cesare, fu portata a due,
a quattro con Caligola e inne a sette con Domiziano, un arco di tempo che andava dal 17 al 23 di-
cembre, durante il quale cessavano tutte le attivit lavorative, tribunali e scuole rimanevano chiusi, mu-
sici, danzatrici, attori e saltimbanchi improvvisavano agli angoli della strada i loro spettacoli, la gente si
riversava nelle strade con bu travestimenti e si lasciava andare a intemperanze e alla pi sfrenata bal-
doria. Non tutti riuscivano a tollerare il caos e la confusione di quei giorni: quanti se lo potevano per-
mettere si ritiravano nella loro tenuta di campagna, lontano dal frastuono della citt (Plinio, Ep. II, 17,
24). La ne delle festivit dei saturnali coincideva con quella del dies natalis Solis Invicti
1
, quando il vec-
chio Sole, terminato il suo ciclo annuale, entrato nel solstizio dinverno, rinasceva e cominciava a ri-
prendersi progressivamente il suo spazio sul buio, diondendo sempre pi luce e calore.
Le festivit iniziavano con una processione no al tempio di Saturno; qui sullara si compiva un solenne
sacricio, durante il quale si scioglievano le bende di lana che avvolgevano i piedi del simulacro di Sa-
turno, che rimanevano slegati no alla ne del mese (probabilmente a simboleggiare il giacere del seme
nella terra no a quando non germoglia). Quindi davanti al tempio aveva luogo il lettisternio, il grande
banchetto sacricale: intorno a una tavola riccamente imbandita, preparata dagli epulones
2
, si mette-
vano a giacere sui cuscini le statuette degli dei in onore dei quali era oerto il banchetto, alla ne del
quale venivano proclamati ucialmente i saturnali.
Durante quei giorni si poteva assistere a un vero e proprio sovvertimento dellordine costituito: ogni dif-
ferenza sociale scompariva, gli schiavi con il pileo (copricapo tipico dei liberti) banchettavano con i loro
padroni e da questi erano serviti, con piena libert di parola e di critica
3
. Potevano quindi esprimersi li-
beramente, dare ordini ai loro stessi padroni, senza per questo incorrere in punizioni. Il poeta Orazio in
una sua Satira (II, 7, 4-5) cos incoraggia il suo schiavo Davo, che da tempo desiderava dirgli qualcosa,
ma era trattenuto dalla paura: Age, libertate decembri, quando ita maiores voluerunt, utre: narra (Co-
raggio, approtta della libert di dicembre, dato che cos hanno voluto i nostri antenati: parla).
Allinizio dei saturnali veniva eletto a sorte il princeps Saturnalicius, uno schiavo con una maschera bua
e un vestito dai colori sgargianti (con prevalenza del rosso), a cui si accordavano poteri speciali: presie-
deva i banchetti, organizzava e guidava le danze, che assumevano spesso carattere orgiastico, e alla ne
della festivit veniva simbolicamente messo a morte.
I saturnali facevano in certo senso rivivere, anche se per pochi giorni, lantica e mitica et delloro, sotto
il regno di Saturno, quando tra gli uomini non vi erano disuguaglianze e tutti vivevano in pace, liberi da
preoccupazioni e in armonia. A ricordo dellantica uguaglianza, in quei giorni si scambiavano gli auguri
e si mandavano reciprocamente dei regali, detti xenia. Si tenevano giochi nel circo ed era consentito il
gioco dazzardo, altrimenti severamente proibito.
Le festivit dei saturnali si protrassero per tutto il periodo dellimpero e oltre. Macrobio, uno scrittore vis-
suto tra il IV e il V secolo, compose, intorno al 440, i Saturnalia, in cui introduce una serie di conversa-
zioni su temi impegnativi, ma anche leggeri e piacevoli, tenute da un gruppo di intellettuali in casa di un
aristocratico, in occasione dei banchetti per le feste di Saturno nellanno 384.
Alcuni studiosi in passato hanno fatto risalire le origini del nostro carnevale alla festivit dei saturnali,
ma oggi questa tesi stata abbandonata.
20 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
1. Limperatore Aureliano nel 274 ss la festivit del dies natalis Solis Invicti il 25 dicembre, facendo del dio-sole la divinit prin-
cipale del suo impero e ucializzandone il culto.
2. Gli epulones erano membri di un collegio sacerdotale addetto alla cura dei pubblici e solenni banchetti nelle feste in onore degli
dei.
3. Cicerone, pur di non servire la sua servit, durante i saturnali preferiva ritirarsi nella sua tenuta alla periferia della citt.
21 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
CHE COSA RIPASSARE
a. nominativo e videor
b. proposizioni interrogative indirette
c. periodo ipotetico
LEGGIAMO I TESTI
7 Un invito alla moderazione nella festivit dei saturnali
December est mensis: cum maxime civitas sudat. Ius luxuriae publice datum est; ingenti apparatu sonant
omnia, tamquam quicquam inter Saturnalia intersit et dies rerum agendarum; adeo nihil interest ut non
videatur mihi errasse
1
qui dixit olim mensem Decembrem fuisse, nunc annum. Si te hic haberem, libenter
tecum conferrem quid existimares esse faciendum, utrum nihil ex cotidiana consuetudine movendum an,
ne dissidre videremur cum publiciis moribus, et hilarius cenandum et exuendam togam. Nam quod ri
nisi in tumultu et tristi tempre civitatis non solebat, (nunc) voluptatis causa ac festorum dierum vestem mu-
tavmus. Si te bene novi, arbitri partibus functus nec per omnia nos similes esse pilleatae turbae voluisses
nec per omnia dissimiles; nisi forte his maxime diebus animo imperandum est, ut tunc voluptatibus solus
abstineat, cum in illas omnis turba procubuit; certissimum enim argumentum rmitatis suae capit
2
, si ad
blanda et in luxuriam trahentia nec it nec abducitur. Hoc multo fortius est, ebrio ac vomitante populo sic-
cum ac sobrium esse, illud temperantius, non excerpre se nec insignire nec miscri omnibus et eadem sed
non eodem modo facre; licet enim sine luxuria agre festum diem.
Seneca, Epistulae morales ad Lucilium II, 18, 1-4
1. Costruisci: nihil (autem) interest (esserci dierenza), adeo ut mihi videatur non errasse qui.
2. Capit: sottinteso il soggetto animus noster.
I lupercalia
Una straordinaria scoperta archeologica stata annunciata il 20 novembre 2007: secondo alcuni studiosi
1
,
infatti, stato ritrovato il lupercal, la grotta alle pendici del Palatino, dove, secondo la tradizione, Romolo
e Remo erano stati allattati dalla lupa. Si tratta di un antro situato a 16 metri di profondit, alto circa 9 metri,
lungo 7 metri e mezzo, che ha al centro della volta, ornata di marmi policromi, una grande aquila bianca
su fondo azzurro, corrispondente alle descrizioni tramandate nei secoli. Quellantro oscuro, a un passo dal
Tevere, Augusto aveva abbellito solennemente, trasformandolo in luogo fondativo dellimpero.
Presso quella grotta i Romani n dai tempi antichi si riunivano, per ricordare il prodigioso miracolo
dellallattamento dei gemelli da parte di una lupa. La ricorrenza si celebrava il 15 febbraio, con grande
partecipazione popolare, allinsegna della stravaganza e del ritorno a un mondo primitivo e selvaggio.
I riti preliminari, secondo Plutarco (Romolo, 17), si svolgevano appunto presso il lupercal, nome da col-
legare con Lupercus (lupo e capro), divinit italica corrispondente al dio greco Pan Lukaios o al dio Fauno,
protettore delle greggi. Qui, accanto alla grotta, venivano sgozzati un capro e un cane (vittime proprie
degli dei Mani) e con il coltello ancora bagnato del loro sangue il sacerdote toccava la fronte di due ra-
gazzi scelti fra le famiglie nobili; poi con un batuolo di lana intriso di latte asciugava la fronte e quindi
aspergeva e puricava il popolo. Durante questo breve rito i ragazzi e i luperci (sacerdoti di Luperco)
esplodevano in sonore risate rituali. Si tratta di un rito di puricazione e di fertilit che fra i pastori pri-
mitivi era forse un rito rivolto ad allontanare i lupi.
1. La questione, per, controversa e non tutti gli studiosi concordano sul fatto che la grotta ritrovata sia da identicarsi con il
lupercal.
Si svolgeva quindi la processione. I luperci, nudi con una cintura ai anchi, giravano correndo intorno
al Palatino, agellando con cinghie ricavate dalla pelle delle vittime appena sgozzate quanti incontravano
nella loro corsa. Le donne si orivano volentieri alle percosse dei luperci, poich si credeva che esse fa-
vorissero la fertilit.
Questa festivit non godeva i favori di Cicerone, che nellorazione Pro Caelio (26), ne parla con disprezzo,
denendola confraternita selvatica composta da pastori e contadini, formatasi nei boschi prima che esi-
stessero civilt e leggi. La leggenda, infatti (come ci riferisce Dionigi dAlicarnasso), vuole che questa fe-
stivit sia stata introdotta da Evandro, che avrebbe recuperato un rito rcade.
In epoca storica si fa risalire a Romolo e Remo listituzione di due collegi sacerdotali, quello dei quinti-
liani e quello dei fabiani, che elaborarono un preciso apparato liturgico per celebrare i riti sacri. Un
terzo collegio sacerdotale, detto giuliano, fu aggiunto in seguito in onore di Giulio Cesare. Capo di que-
sto collegio, nel 44 a.C., fu come ricorda Cicerone (Phil. 3, 12) il console Antonio, che sotto gli occhi
del popolo Romano and nel Foro nudo, profumato ed ebbro e si diede ad arringare la folla; e quindi,
accostandosi a Cesare, collega nel consolato, tent di porgli sul capo un diadema regale, che Cesare re-
spinse prontamente e fece deporre nel tempio di Giove Capitolino.
Nellultimo periodo della repubblica pare che questa festa fosse alquanto decaduta, probabilmente per
leccessiva licenza che i luperci si permettevano. La celebrazione comunque non rimase sospesa e Augusto
(Svetonio, Aug. 31) nella sua riforma la richiam a nuova vita, vietando per ai pi giovani di prendervi
parte. Inutili furono i tentativi dei vescovi contro la tenacia dei Romani (anche cristiani), i quali attri-
buivano le pestilenze e tutti i mali dellimpero al fatto che si fosse trascurata quella festa di puricazione.
Intorno al 495 papa Gelasio indirizz al senato un trattato confutatorio sotto forma di lettera contro i
lupercalia, invitando il princeps senatus Andromaco ad abolire quella festivit (che, evidentemente, al-
lepoca era ancora celebrata); e pare che vi riuscisse, se dopo quella data non si hanno pi notizie dei lu-
percali.
22 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
La volta del supposto lupercal, trovato sotto il Palatino nel 2007.
23 la religione dei romani
D. CHILLEMI, M. CHIARELLO, Lingua communis 2011 SEI Societ Editrice Internazionale
CHE COSA RIPASSARE
a. proposizioni relative
b. proposizioni completive
c. cum narrativo
LEGGIAMO I TESTI
8 La festa del lupercale
Iam tum in Palatio monte Lupercal hoc fuisse ludcrum ferunt, et a Pallanteo, urbe Arcadica, Pallantium,
dein Palatium, montem appellatum. Ibi Evandrum, qui ex eo genre Arcdum multis ante tempestatibus
tenurit loca, (hoc) sollemne (festa) allatum ex Arcadia instituisse, ut nudi iuvenes, Lycaeum Pana vene-
rantes, per lusum atque lasciviam currrent, quem Romani deinde vocaverunt Inuum. Huic dedtis ludcro,
cum sollemne notum esset, insidiatos ob iram praedae amissae
1
latrones
2
, cum Romulus vi se defendisset,
Remum caepisse, captum regi Amulio tradidisse.
Livio, Ab Urbe condita 1, 5
1. I fratelli Romolo e Remo solevano organizzare delle spedizioni contro i ladroni per spogliarli del loro bottino e dividerlo
poi fra i pastori.
2. Ordina: latrones, cum sollemne esset notum, ob iram praedae amissae insidiatos (esse) dedtis huic ludcro.
I lemuria
Tra le tante ricorrenze in cui gli antichi Romani ricordavano i defunti, particolarmente signicativa ap-
pare quella dei lemuria. Lemres erano le ombre (o anime) dei morti, che, secondo unantichissima tra-
dizione, si distinguevano in buone e cattive: quelle buone erano i Manes o Lares, considerate divinit
domestiche e onorate allinterno della famiglia; quelle cattive erano le Larvae, che, non soddisfatte delle
attenzioni dei vivi nei loro confronti, uscivano in determinati giorni dellanno dalle tombe e tornavano
a vagare nelle ore notturne nelle case dove erano vissute, terrorizzando e tormentando i vivi e minac-
ciando di trascinare nel regno dei morti un membro della famiglia, se non fossero state placate con
oerte e sacrici.
Per propiziarsene i favori, i Romani avevano istituito apposite festivit religiose, chiamate appunto le-
muria o lemuralia, che si celebravano nel mese di maggio nei giorni 9, 11, 13. Durante quei giorni i tem-
pli rimanevano chiusi, non venivano celebrati matrimoni, si interrompevano tutte le attivit che non
fossero assolutamente indispensabili.
Il poeta latino Ovidio (Fasti 5, 419-444) ci descrive il rito che serviva a tenere lontane le Larvae, rito che
(a causa dei numerosi elementi di richiamo alla magia) dimostra la sua origine etrusca. Nel cuore della
notte, quando il silenzio invita al sonno, il pater familias balzava dal letto e per tre volte in acqua corrente
si puricava le mani; quindi a piedi nudi girava per la casa facendo schioccare il pollice con il medio, poi-
ch temeva che, se fosse rimasto muto, la larva gli venisse incontro urtandolo. In bocca teneva fave nere
1
,
quasi a rassicurare la larva che non erano avvelenate. Poi, depostele nelle mani, le lanciava una alla volta
dietro di s senza girarsi, pronunciando per nove volte la formula di rito: Ecco, queste io ti getto e con
esse riscatto me stesso e i miei. Credeva infatti che la larva, seguendo non vista i suoi passi, le racco-
gliesse. Ritornava quindi a puricarsi ancora una volta le mani e a girare per la casa, facendo tintinnare
un oggetto di bronzo per spaventare gli spiriti e pregando che si allontanassero dalla casa. Solo dopo
aver ripetuto per nove volte: Ombre dei miei padri, uscite!, si volgeva indietro, sicuro di aver compiuto
con purezza il rito e allontanato le larve dei morti.
1. Si credeva infatti che le fave appartenessero ai defunti, perch il loro ore, unendo strisce nere con il bianco, portava i segni del
lutto.