Sei sulla pagina 1di 6

Testi Sindarin analizzati

A cura di Alberto Ladavas


Bibliografia:
ISdA = Il Signore degli Anelli
LRIT = La realt in trasparenza
S = Silmarillion
RI = Racconti incompiuti
RP = Racconti perduti
RR = Racconti ritrovati
Legenda:
me = mutamento esplosivo
mmi = mutamento misto
mmo = mutamento morbido
mn = mutamento nasale
TdM = Terra-di-Mezzo
In corsivo grassettato sono riportati i vocaboli elfici ed in corsivo le traduzioni!
Introduzione
Purtroppo sono poc"i i testi in Sindarin c"e sono giunti fino a noi e per la maggior parte consistono in frasi e poesie
tratte da ISdA e dal S! #uesto fatto costituisce il pi$ grosso ostacolo allo studio di %uesta favella elfica poic"&
effettivamente manca il materiale su cui potersi esercitare! Il testo in Sindarin pi$ esteso c"e abbiamo ' (La lettera del
Re) una parte dell*epilogo a ISdA c"e poi Tol+ien decise di eliminare! #uesto testo ' stato successivamente pubblicato
nel volume (Sauron ,efeated) purtroppo non pubblicato in Italia! Analizziamo adesso singolarmente ogni testo a
nostra disposizione suddividendoli in base al libro in cui ' pubblicato!
Testi da Il Signore degli Anelli
Ai na vedui Dnadan! Mae govannen! -ISdA./.0 I cap 1.23 l*esclamazione di 4lorfindel %uando incontra Aragorn
sulla via per Imladris! La traduzione completa non ' fornita ma la seconda frase ' tradotta in -LRIT56/2 con (7en
incontrato8) per cui la traduzione di tutta l*esclamazione dovrebbe essere Ah, finalmente, Uomo dellOvest! Ben
incontrato!
La prima frase ' composta da Ai probabilmente un evocazione traducibile con Ah dalla preposizione na = a
dall*aggettivo vedui 9 mmo di medui = ultimo e Dnadan = Uomo dellOvest! La seconda frase ' formata
dall*avverbio mae = bene e govannen = incontrato participio passato del verbo govad = incontrare! La
traduzione letterale dovrebbe %uindi essere Ah, all ultimo Uomo dellOvest! Ben incontrato!!
Noro lim, noro lim, Asfaloth! -ISdA./:0 I cap 1.23 l*incitamento di 4lorfindel al proprio cavallo mentre subivano
l*assalto dei ;azg<l al guado del 7ruinen! Anc"e in %uesto caso la traduzione non ' fornita ma dovrebbe essere !orri
veloce, corri veloce, Asfaloth!!
La frase ' formata da noro = corri imperativo del verbo nor = correre, rotolare lim non noto ma
probabilmente traducibile con veloce e dal nome del cavallo Asfalot"!
A Elbereth Gilthoniel = Silivren penna mriel = menel aglar elenath! = Na!chered palan!driel = o galadhremmin
ennorath = "anuilos, le linnathon = Nef aear, s nef aearon! -ISdA5>.0 II cap 123 la canzone c"e ?rodo ascolta nel
Salone del ?uoco di Imaldris tradotta in inglese nel volume (T"e Road 4oes @ver An) non pubblicato in Italia! La mia
traduzione dall*inglese ' O "lbereth che accendi le stelle BStar+indler in originaleC = #bianche$ faville che digradano
scintillanti come gioielli = dal firmamento %la& gloria della volta stellata! = A remote distan'e contem(lando lontano =
da %i& (aesaggi intessuti di alberi della )erradi*e''o = +em(rebianca, a cui va il mio canto = da ,uesta riva
delloceano, ,ui da ,uesta (arte del -rande Oceano!! Analizziamo ogni singolo verso separatamente
Il primo verso si apre con il vocativo a = o Bda non confondere con la congiunzione a = eC seguono poi il nome
proprio Elbereth = .egina delle +telle l*appellativo Sindarin per Darda sposa di ManEF e l*appellativo Gilthoniel =
(-Golei2 c"e Accende le Stelle)!
Il secondo verso si apre con l*aggettivo silivren = #bianco$ sfavillante seguito dal presente penna = digrada
Bderivato dal verbo penna = digradareC e dall*aggettivo mriel = scintillante come gioielli Bderivato da m#r =
gioielloC!
Il terzo verso inizia con la preposizione o = da seguita dal sostantivo menel = cielo e dalla costruzione genitiva
aglar elenath = gloria delle stelle del firmamento formata da aglar = gloria e dal plurale collettivo elenath = le
stelle del firmamento Bformato da elen = stella con il suffisso collettivo HathC!
Il %uarto verso "a la preposizione na = a seguita dal sostantivo chaered 9 mmo di haered = remote distan'e e dal
gerundio passato palan!driel = avendo contem(lato lontano/
Il %uinto verso inizia con la preposizione o = da seguita dalla costruzione genitiva galadhremmin ennorath =
(aesaggi intessuti di alberi della )erradi*e''o formata dal aggettivo plurale galadhremmin = intessuti di
alberi Bsingolare galadhremmenC vocabolo costituito da galadh = albero rem = rete, maglia e dal suffisso
aggettivale plurale Hin e dal plurale collettivo ennorath = le )erredi*e''o costituito da ennor = )erradi
*e''o con il suffisso collettivo Hath!
Il %uinto verso si apre con l*appellativo di Darda "anuilos = +em(rebianca seguito dal pronome le = a te, ti e dal
futuro linnathon = canter0 Bderivato dal verbo linna = cantareC!
L*ultimo verso inizia con la preposizione nef = da ,uesta (arte seguita dal sostantivo aear 9 mmo di gaear =
mare dal avverbio s = ,ui ancora dalla preposizione nef = da ,uesta (arte e dal sostantivo aeron 9 mmo di
gaeron = grande mare cio' aear con il suffisso Hon!
La traduzione letterale dovrebbe perciI essere3 O "lbereth che accendi le stelle 1 sfavillante digrada scintillante come
gioielli 1 dal cielo la gloria delle stelle del firmamento! 1 Avendo contem(lato lontano a remote distan'e 1 dai (aesaggi
intessuti di alberi delle )erredi*e''o 1 a te canter0, +em(rebianca 1 da ,uesta (arte del mare, ,ui da ,uesta (arte del
grande mare!
Naur an edraith ammen! Naur dan i ngaurhoth! -ISdA5/J0 II cap 623 l*incantesimo di 4andalf contro i lupi mannari
c"e li assalirono di notte all*accampamento lungo la strada per Moria! La prima frase ' tradotta nel volume (T"e
Treason of Isengard) Bnon pubblicato in ItaliaC e dovrebbe tradursi con !he il fuoco sia (er la nostra salve''a!0 la
seconda frase non ' tradotta ma il suo significato dovrebbe essere 2uoco contro lorda di lu(i mannari!!
La prima frase ' formata dal sostantivo naur = fuoco dalla preposizione an = (er da edraith non noto ma forse
traducibile con salve''a e dal pronome ammen = (er noi!
La seconda frase ' formata dal sostantivo naur = fuoco dalla preposizione dan = contro e da i!ngaurhoth 9 mn
di in!gaurhoth composto dall*articolo in = i e dal plurale collettivo gaurhoth = orda di lu(i mannari formato da
gaur = lu(o mannaro con l*aggiunta del suffisso collettivo Hhoth = orda, schiera usato spesso in senso
dispregiativo! Si noti l*uso dell*articolo plurale in poic"& la parola gaurhoth ' effettivamente un plurale traducibile
semplicemente con lu(i mannari!
Enn$n Durin Aran Moria% pedo mellon a minno& 'm Narvi hain echant% (elebrimbor o Eregion teithant i thi) hin
[ISdA5K50 II cap 623 la famosa iscrizione in It"ildin sulle Porte di Moria! Tradotta nel testo con Le 3orte di 4urin, .e
di *oria/ 4ite, amici, e entrate/ 5o, 6arvi, le feci/ !elebrimbor di "region tracci0 ,uesti segni ma l*originale inglese
porta ad una traduzione diversa e pi$ fedele all*originale Sindarin da me %ui riportata3 Le 3orte di 4urin, .e di
*oria/ 3arla, amico, e entra/ 5o, 6arvi, le feci/ !elebrimbor di "region tracci0 ,uesti segni/
Analizziamo una frase alla volta!
La prima frase ' costituita da due costruzione genitive formate da enn$n = cancelli Bsingolare annonC dal nome
proprio del ;ano ,urin da aran = re e dal nome proprio di Moria e si traduce %uindi con !ancelli di 4urin, .e di
*oria!
Segue poi la seconda frase formata dall*imperativo pedo = (arla! Bderivato dal verbo ped = (arlareC dal
sostantivo mellon = amico dalla congiunzione a = e e da un altro imperativo minno = entra! Bderivato dal
verbo minna = entrareC0 la sua traduzione ' %uindi3 3arla, amico, e entra!! In effetti mellon come oggetto del
verbo pedo dovrebbe subire il mmo e diventare vellon ma spesso il mmo m L v non ' usato! #uesto mancato mmo '
oggi molto dibattuto perc"& secondo molti studiosi di Sindarin ' il motivo per cui 4andalf non comprende subito %uale
sia la parola da pronunciare per aprire le Porte di Moria e fu consciamente voluto da Gelebrimbor e ;arvi!
La terza frase ' formata dal pronome im = io dal nome proprio del ;ano ;arvi dal pronome hain = loro, essi e
dalla terza persona passata echant = feci Bderivato dal verbo echad = fareC e va %uindi tradotto letteralmente con
5o, 6arvi, feci loro cio' 5o, 6arvi le feci!
La %uarta e ultima frase ' formata dal nome proprio del ;oldo Gelebrimbor dalla preposizione o = da, di dal nome
proprio geografico @region dalla terza persona passata teithant = tracci0, scrisse Bderivata dal verbo teitha =
tracciare, scrivereC dal mn i thi) 9 in ti) con l*articolo in = le e ti) 9 t#) = lettere Bsingolare t*)C e
dall*aggettivo hin = ,ueste Bsingolare invariatoC posto dopo il sostantivo a cui si riferisce come usuale0 la traduzione
' %uindi3 !elebrimbor di "region tracci0 le lettere ,ueste o correttamente !elebrimbor di "region tracci0 ,ueste
lettere/ In effetti hin come aggettivo dovrebbe subire il mmo e diventare chin!
Annon edhellen, edro hi ammen! "ennas nogothrim, lasto beth lammen! -ISdA5K60 II cap 623 l*invocazione di
4andalf per far aprire le Porte di Moria! La traduzione non ' fornita ma dovrebbe essere !ancello elfico, a(riti adesso
(er noi! 7ia dacceso del (o(olo dei 6ani ascolta la (arola della nostra lingua!!
#uesta invocazione ' formata da due frasi c"e analizziamo separatamente!
La prima ' formata dal sostantivo annon = cancello dall*aggettivo edhellen = elfico dall*imperativo edro =
a(riti! Bderivato dal verbo edra = a(rireC hi = ora, adesso e dal pronome ammen = (er noi ed ' %uindi
traducibile con3 !ancello elfico, a(riti adesso (er noi!!
La seconda frase ' formata dalla costruzione genitiva di fennas = via daccesso e nogothrim = 6ani
dall*imperativo lasto = ascolta! Bderivato dal verbo lasta = ascoltareC dal sostantivo beth 9 mmo di peth =
(arola Bcome giusto essendo l*oggetto di un verboC e da lammen vocabolo apparentemente composto da lam =
lingua con l*aggiunta del suffisso aggettivale 8men = del nostro Bformato dal suffisso pronominale Hm = noi e
dal suffisso aggettivale Hen come in ammen = (er noiC! La traduzione ' %uindi3 7ia daccesso dei 6ani, ascolta la
(arola della nostra lingua!!
Edro! Edro! -ISdA5K60 II cap 62 3 l*esclamazione di 4andalf incollerito mentre colpisce le Porte con il suo bastone!
Tradotto nel testo con A(riti! A(riti!! Letteralmente edro = a(riti! ' l*imperativo del verbo edra = a(rire!
A Elbereth Gilthoniel = o menel palan!diriel = le nallon s di+nguruthos! = A tiro nin, "anuilos! -ISdAK/M0 ID cap
1>23 l*ispirata invocazione di Sam nella tana di S"elob in Girit" Nngol tradotta nel volume (La realt in trasparenza)3
O "lbereth figlio delle stelle = che dal cielo guardi lontano, = io ti invoco ora dalloscurit9 della #(aura della$ morte! =
-uarda verso di me +em(rebianco!! La traduzione italiana appare perI differente dall*originale inglese riportata nel
volume (Letters) da me %ui tradotta3 O "lbereth che accendi le stelle BStar-+indler nell*originaleC = che dal cielo
guardi lontano, = io ti invoco ora dallombra della morte! = -uarda verso di me +em(rebianco!/ Analizziamo ogni
singolo verso separatamente
Il primo verso si apre con il vocativo a = o Bda non confondere con la congiunzione a = eC seguono poi il nome
proprio Elbereth = .egina delle +telle l*appellativo Sindarin per Darda sposa di ManEF e l*appellativo Gilthoniel
= %!olei& che Accende le +telle/
;el secondo verso si "a la preposizione o = da il sostantivo menel = cielo e il participio presente palan!diriel =
che guardi lontano derivato dal verbo palan!dir = guardare lontano e vasto Bformato da palan = lontano e
vasto e dir 9 mmo di tir = guardareC!
Il terzo verso inizia con il pronome le = a te, ti seguito dal presente nallon = invoco Bderivato dal verbo nalla =
invocareC dall*avverbio s = ,ui dalla preposizione di = sotto Busata %ui con il significato di nellaC e dal
vocabolo nguruthos 9 mmo di guruthos derivato da gur,u-th = morte! ;on ' c"iaro da dove provenga la traduzione
(oscurit) o (ombra) forse la parola guruthos indica il concetto di ombra della morte!
L*ultimo verso inizia ancora con il vocativo a = o seguito dall*imperativo tiro = guarda! Bderivato dal verbo tir
= guardareC dal pronome nin = me stesso, nei miei riguardi e da un altro appellativo di Darda "anuilos =
+em(rebianca! Si noti c"e non si "a nessun vocabolo Sindarin per (verso) ma %uesto dovrebbe essere inglobato nel
verbo tir- assumendo il significato di vigilare, sorvegliare!
(uio i .heriain anann! Aglar+ni .heriannath! / Daur a 0erhael, (onin en Ann1n! Eglerio! / Eglerio8
-ISdA115K0 DI cap 623 l*esclamazione con cui furono salutati i Portatori dell*Anello Sam e ?rodo sul campo di
Gormallen tradotta in -LRIT56/2 con3ossano i *e''iuomini vivere a lungo! -loria ai i *e''iuomini! : 2rodo e
+am, 3rinci(i dellOccidente! +ia loro gloria! : +ia loro gloria!!
#uesta esclamazione ' divisa in %uattro parti c"e analizziamo separatamente!
La prima parte ' formata dall*imperativo BimpersonaleC cuio = vivano! Bdal verbo cuia = vivereC dal mn i
.heriain 9 in .eriain formato da in = i e .eriain = *e''iuomini Bsingolare .erianC e dalla probabile
proposizione anann formata da an = (er e ann = lungo e traducibile %uindi con (er lungo %tem(o&0 la
traduzione letterale dovrebbe %uindi essere 7ivano i *e''iuomini (er lungo %tem(o&!!
La seconda parte e formata dal sostantivo aglar = gloria dal mn 2ni .heriannath 9 an in .eriannath costituito dal
preposizione an = (er dall*articolo in = i e dal plurale collettivo .eriannath = *e''iouminit0 la traduzione
letterale dovrebbe %uindi essere3 -loria (er i *e''iuomini!!
La terza parte ' formata dal nome proprio ,aur B?rodoC dalla congiunzione a = e dal nome proprio 7er"ael
BSamviseC dal sostantivo conin = (rinci(i Bsingolare cundC dalla preposizione en = del e dal sostantivo Ann1n
= Occidente0 la traduzione ' %uindi3 2rodo e +amvise, (rinci(i dellOccidente!
La %uarta e ultima parte ' formata dalla ripetizione dell*imperativo eglerio = glorificate! derivato dal verbo egleria
= glorificare ed ' %uindi traducibile letteralmente con -lorificate%li&! : -lorificate%li&!/
nen i!Estel Edain, !chebin estel anim -ISdA1.::0 App A23 il linnod o lamento c"e 4ilraen disse a suo figlio
Aragorn l*ultima volta c"e lo vide tradotto in una nota a pi' di pagina con ;o dato la s(eran'a ai 4<nedain, non ne
ho conservata (er me %stessa&!
#uesto linnod ' formato da due parti c"e analizziamo separatamente!
La prima ' formata da onen probabile prima persona passata irregolare del verbo onna = generare, causare B%uella
regolare sarebbe onnenC traducibile %uindi con generai, causai e dalla costruzione genitiva costituita da i = il
dal sostantivo estel = s(eran'a e dal sostantivo Edain = Uomini #delle )re !ase$ Bsingolare adanC0 la traduzione
dovrebbe %uindi essere3 -enerai la s(eran'a degli Uomini!
La seconda parte ' formata dal presente !chebin = non conservo costituito dal prefisso negativo - e da chebin 9
mmo di hebin = tengo, conservo Bderivato dal verbo heb = tenere, conservareC dal sostantivo estel =
s(eran'a e dal pronome anim = (er me stesso0 la traduzione dovrebbe %uindi essere3 non conservo s(eran'a (er
me stessa!
Testi da altre fonti
Gurth an Glamhoth! -RI:523 l*imprecazione di Tuor rivolta ad un accampamento di Arc"i tradotta nella nota 1K a pag
K. con *orte allorda assordante!!
#uesta esclamazione ' formata dal sostantivo gurth = morte dalla preposizione an = (er e dal sostantivo
collettivo glamhoth tradotto nel testo con orda assordante ma la traduzione sembra in effetti essere un*altra! In
-RP6>62 si trova il vocabolo ;oldorin BAntico SindarinC gl3m = odio per cui l*aggiunta del suffisso collettivo -hoth
= orda, schiera darebbe come significato orda dellodio! In effetti non c*' nessun articolo davanti a Glamhoth e
se lo si volesse aggiungere bisognerebbe porre l*articolo plurale in = i ottenendo semplicemente3 Gurth an in
Glamhoth! o in forma accorciata 4Gurth 2nin Glamhoth!5!
Alae! Ered en Echoriath, ered e!mbar nn! -RI:J23 l*esclamazione di DoronEF %uando scorse le pareti degli @c"oriat"
dietro le %uali si trovava 4ondolin parzialmente tradotta nella nota 1M a pagina K. e riportata perI in maniera errata! La
traduzione corretta '3 Alae! %-uarda!=& Le montagne dell"choriath, le montagne della mia casa!/
L*esclamazione iniziale BAlae!C non ' conosciuta ma potrebbe essere ragionevolmente tradotta con -uarda!! La
frase successiva ' composta dal sostantivo irregolare ered = montagne Bsingolare orodC dalla preposizione en =
del dal nome proprio di montagne @c"oriat" ancora da ered dal mmi e!mbar 9 en bar formato ancora da en e dal
sostantivo bar 9 b3r = casa, dimora e dall*aggettivo nn = mio posto dopo il sostantivo a cui si riferisce come
corretto e c"e non subisce il mmo come tutte le parole in n-!
6acho calad! Drego morn! -RIM:23 il grido di battaglia della Gasa di Oador tradotto nel testo con2iammeggia Luce!
2uggi 6otte!/
Il grido ' formato dall*imperativo lacho = fiammeggia! declinato dal verbo lacha = ardere, fiammeggiare dal
sostantivo calad = luce dal secondo imperativo drego = fuggi! declinato dal verbo drega = fuggire e dal
aggettivo morn = nero, scuro usato %ui come sostantivo per 6otte0 pi$ appropriato sarebbe stato il sostantivo
fuin = tenebra, oscurit9! 7isogna notare c"e calad e morn come oggetti di un verbo dovrebbero subire il mmo per
cui dovrebbero diventare galad e vorn anc"e se spesso il mmo m L v ' ignorato!
Al di fuori de ISdA la fonte pi$ importante di testi Sindarin oltre ad essere anc"e il pi$ lungo testo in %ualsiasi lingua
elfica ' la (Lettera del Re) parte dell*epilogo a ISdA c"e Tol+ien successivamente decise di eliminare! Gon %uesta
lettera Aragorn ormai re di 4ondor annuncia a Sam una sua imminente visita ai confini della Gontea e lo invita a
presentarsi al ponte sul 7aranduin insieme a sua moglie e a tutti i suoi figli0 %uesto testo fu poi pubblicato nel volume
(Sauron ,efeated) non pubblicato in Italia! ;el seguito riporto il testo originale e la mia traduzione dall*inglese!
Elessar 7elcontar% Aragorn Arathornion Edhelharn, aran Gondor ar 8#r i Mbair Annui, anglennatha i
9aranduiniant erin dolothen Ethuil, egor ben genediad Drannail erin G)irith ed)en& Ar e anra ennas suilannad
mhell$n #n phain% edregol e anra trad i (herdir .erhael ,i sennui .anthael estathar aen- (ondir i Drann, ar Meril
bess d#n: ar Elanor, Meril Glorfinniel, ar Eirien sellath d#n: ar 'orhael, Gelir, (ordof, ar 0aravorn, ionnath d#n& A
.herhael ar am Meril Suilad uin aran o Minas 7irith nelchaenen uin Echiur&
"lessar )elcontar Bnomi #uenPaC: Aragorn figlio di Arathorn, -emmaelfica, re di -ondor e +ignore delle )erre
Occidentali, si avviciner9 al 3unte sul Baranduin nellottavo giorno di 3rimavera, ovvero secondo il calendario della
!ontea il secondo giorno di A(rile/ "d egli desidera l> salutare tutti i suoi amici/ +(ecialmente egli desidera vedere
*astro +am?ise #che dovrebbe essere chiamato 2ull?ise$, +indaco della !ontea, e .osa sua moglie@ e "lanor, .ose,
!ioccadoro e 4aisA le sue figlie@ e 2rodo, *errA, 3i(ino e ;amfast, i suoi figli/ 3er +am?ise e .osa il saluto del .e di
*inas )irith, il trentunesimo giorno di +timolo/ BOo mantenuto la versione originale SamEise e non Samvise per
lasciar intendere il gioco di parole tra parentesi!C
Il testo ' lungo e complesso perciI lo analizziamo frase per frase!
Elessar 7elcontar% Aragorn Arathornion Edhelharn3 @lessar Telcontar sono nomi #uenPa e non vengono %ui
tradotti! Aragorn ' un nome proprio seguito da Arathornion cio' dal nome Arat"orn con il suffisso Hion 9
i;n = figlio, discendente %uindi Arathornion = figlio di Arathorn0 Edhellarn ' uno dei tanti appellativi
di Aragorn ed ' formato da edhel = elfo e da harn 9 mmo di sarn = (ietra #(iccola$ traducibile meglio
con gemma dando cosQ il famoso appellativo di -emma degli "lfi o -emma "lfica a causa della
gemma c"e portava sulla fronte come corona!
aran Gondor ar 8#r i Mbair Annui3 la frase ' formata dal sostantivo aran = re dal nome geografico
4ondor dalla congiunzione ar = e dal sostantivo h#r = signore, (adrone dal mn i mbair 9 in bair =
delle terre formato dall*articolo in = le usato con funzione genitiva delle e dal sostantivo bair =
case, dimore Bsingolare b3rC usato %ui per indicare le terre abitate della TdM e dall*aggettivo annui =
occidentali Bsingolare ancora annuiC!
anglennatha i 9aranduiniant erin dolothen Ethuil3 la frase ' composta dal futuro anglennatha = si
avviciner9 Bdeclinato dal verbo anglenna = avvicinarsiC dall*articolo i = il c"e provoca il mmo
9aranduinant 9 0aranduinant = (onte sul Baranduin sostantivo composto dal nome proprio del fiume
7aranduin e dal sostantivo iant = (onte0 si "a poi la preposizione erin = sul, so(ra il seguita
dall*aggettivo dolothen 9 mmo di tolothen = ottavo e dal sostantivo Ethuil = 3rimavera! Gome si vede
non si "a nessun vocabolo Sindarin per (giorno) c"e probabilmente rimane sottinteso! La traduzione letterale
dovrebbe essere in effetti3 avviciner9 il (onte sul Baranduin sullottavo %giorno& di 3rimavera! Si noti c"e
l*uso della preposizione erin = sul c"e appare abbastanza strano in italiano ' invece perfettamente coerente
con l*originale inglese (Ron t"e eig"t" daP of Spring)! ;on ' c"iaro invece perc"& l*aggettivo dolothen sia
posto prima del sostantivo Ethuil e non dopo come sarebbe pi$ corretto e come ' riportato nella frase seguente!
egor ben genediad Drannail erin G)irith ed)en3 la frase ' composta dall*avverbio egor = ovvero dalla
preposizione ben = secondo il dalla costruzione genitiva formata dal gerundio genediad = calcolando
Bderivato dal verbo genedia = calcolare, com(utareC usato %ui come sostantivo calcolo dei giorni cio'
calendario Bl*uso dei gerundi come sostantivi ' usuale in Sindarin come nell*IngleseC e dal sostantivo
Drannail un derivato di Drann = !ontea0 si "a poi la preposizione erin = sul, so(ra il seguita dal nome
del mese G)irith = A(rile con l*aggettivo ed)en = secondo! Si noti c"e ancora non si "a una parola
Sindarin per (giorno) c"e rimane %uindi sottintesa! La traduzione letterale dovrebbe essere in effetti3 ovvero
secondo il calendario della !ontea sul secondo %giorno& di A(rile!
Ar e anra ennas suilannad mhell$n #n phain3 la frase inizia con la congiunzione ar = e seguono il
pronome e = egli il presente anra = desidera Bderivato da anra = desiderareC l*avverbio ennas =
l>, l9 il gerundio suilannad = salutando Bderivato da suilanna = salutareC usato %ui al posto
dell*infinito come spesso accade in Sindarin e traducibile %uindi con incontrare il sostantivo mhell$n 9
mmo di mell$n = amici Bsingolare mellon anc"e se il mmo pi$ usuale dovrebbe essere vell$nC il pronome
#n probabile derivazione di d#n = suoi Binalterato al singolareC e l*aggettivo phain = (tutti) Bsingolare
ph3nC!
edregol e anra trad i (herdir .erhael3 la frase ' formata dal vocabolo edregol non noto ma probabilmente
traducibile con s(ecialmente Bpresenta il suffisso Hol tipico dei participi presenti con desinenza in -menteC
dal pronome e = egli dal presente anra = desidera Bderivato da anra = desiderareC dal gerundio
trad = vedendo Bderivato da tra = vedereC usato %ui al posto dell*infinito come spesso accade in
Sindarin e traducibile %uindi con vedere dall*articolo i = il dal sostantivo cherdir 9 mmo di herdir =
mastro e dal nome proprio .erhael cio' SamEise! La traduzione letterale dovrebbe essere in effetti3
+(ecialmente egli desidera vedere il *astro +am?ise!
,i sennui .anthael estathar aen-3 %uesta frase tra parentesi ' poco c"iara! L*articolo i = il ' usato come
pronome che il vocabolo sennui ' sconosciuto il nome proprio .anthael ' una storpiatura di .erhael
poic"& in Sindarin il prefisso per- indica met9 Bcome in .eredhel = *e''elfo o .erian = *e''o
UomoC mentre pant = (ieno! Il gioco di parole ' parzialmente reso in inglese con SamEise e ?ullEise! La
parte finale ' formata da estathar = chiameranno e da aen c"e dovrebbe indurre una forma riflessiva essi
saranno chiamati ma non si capisce in c"e relazione sia %uesto verbo con il soggetto singolare .anthael!
(ondir i Drann, ar Meril bess d#n3 la frase ' formata dal sostantivo condir = sindaco dall*articolo i = la
usato come genitivo della Banc"e se sarebbe pi$ adatto en = dellaC dal sostantivo Drann = !ontea
Bc"e perI dovrebbe subire il mmo e diventare DhrannC dalla congiunzione ar = e Bdovrebbe essere pi$
usuale il semplice a poic"& il vocabolo successivo non inizia per vocaleC dal nome proprio Meril cio' Rosa
dal sostantivo bess = moglie e dall*aggettivo d#n = sua Bc"e perI dovrebbe subire il mmo e diventare
dh#nC! In effetti la frase presenta parecc"ie stranezze grammaticali e una forma pi$ usuale dovrebbe essere3
(ondir en!Drann, a Meril bess dh#n!
ar Elanor, Meril, Glorfinniel, ar Eirien sellath d#n3 la frase ' formata dalla congiunzione ar = e dai nomi
propri @lanor Meril e 4lorfinniel cio' @lanor Rosa e Gioccadoro ancora dalla congiunzione ar = e dal
nome proprio @irien cio' ,aisP dal plurale collettivo sellath = figlie Bformato da sell = figlia con il
suffisso collettivo HathC seguito dall*aggettivo d#n = sue Binvariato al singolare ma c"e dovrebbe subire il
mmo e diventare dh#nC!
ar 'orhael, Gelir, (ordof, ar 0aravorn, ionnath d#n3 la frase ' formata dalla congiunzione ar = e dai nomi
propri Ior"ael 4elir e Gordof cio' ?rodo MerrP e Pipino ancora dalla congiunzione ar = e dal nome
proprio 7aravorn cio' Oamfast dal plurale collettivo ionnath = figli Bformato da ionn 9 i;n = figlio con
il suffisso collettivo HathC seguito dall*aggettivo d#n = suoi Binvariato al singolare ma c"e dovrebbe subire il
mmo e diventare dh#nC!
A .herhael ar am Meril Suilad uin aran o Minas 7irith nelchaenen uin Echiur3 la frase inizia con un mn a
.herhael 9 an .erhael formato da an = (er e Per"ael traducibile %uindi con (er +am?ise0 si "a poi la
congiunzione ar = e un secondo mn am Meril 9 an Meril traducibile con (er .osa il sostantivo suilad
= saluto Bforma accorciata del gerundio suilannad = salutando usato come sostantivoC la preposizione
uin = del il sostantivo aran = re la preposizione o = di il nome proprio Minas Tirit" l*aggettivo
nelchaenen = trentunesimo la preposizione uin = dello e il sostantivo Echuir = +timolo Bstagione
c"e costituisce la parte iniziale della primaveraC! Si noti ancora l*assenza di un vocabolo Sindarin per (giorno)
c"e rimane sottinteso! In effetti la parte finale appare un po* strana poic"& sarebbe stato pi$ usuale la forma
pi$ semplice3 i Echuir nelchaenen oppure i nelchaenen o Echuir! Inoltre si noti l*assenza dell*articolo
davanti al sostantivo suilad! La traduzione letterale della frase dovrebbe essere %uindi3 3er +am?ise e (er
.ose il +aluto del re di *inas )irith, il trentunesimo %giorno& dello +timolo!
6ote dellautore
Il presente saggio rappresenta un tentativo di fornire un*analisi dei poc"i testi Sindarin a noi noti0 non "a la pretesa di
essere completo ne di essere del tutto corretto!
Per compilare %uesto saggio "o impiegato diverse fonti materiale reperito in rete Bc"e si basa sulle opere di Tol+ien
pubblicate in inglese e c"e da noi non sono state ancora tradotte e forse mai lo saranno! Per %uesto ringrazio Oelge
?aus+anger autore dell*Ardalambion e 4ianluca Gomastri c"e lo "a tradotto in italianoC e le opere di Tol+ien c"e sono
pubblicate in Italia!
#uesto saggio non ' stato compilato per scopi di lucro ma solo per diffondere un interessante aspetto del fantastico
mondo c"e Tol+ien "a creato0 c"iun%ue puI usufruirne e riprodurlo Binteramente o in parteC purc"& non a fini di lucro e
citandone l*autore!
Per commenti suggerimenti consigli e critic"e scrivete a3 beoEPfSlibero!it