Sei sulla pagina 1di 16

Associazione 'Giuseppe Panini' - Biblioteca Enigmistica Italiana - Modena

“INVITO AL REBUS”

per chi vuole avvicinarsi al settore rebussistico dell'enigmistica classica

a cura di Orofilo (Franco Bosio)

SOMMARIO

OPUS COLI “B.E.I.” - n° 5 -classica a cura di Orofilo (Franco Bosio) SOMMARIO giugno 2002 UN PO' DI STORIA 2 ELEMENTI

giugno 2002

UN PO' DI STORIA

2

ELEMENTI DI UN REBUS

2

REBUS STATICO E REBUS DINAMICO

3

REGOLE PRINCIPALI

5

IL TRIANGOLO BRIGHIANO

6

LA CHIAVE

6

LA FRASE RISOLUTIVA

8

L'ILLUSTRAZIONE

8

PRINCIPALI VARIETA' DI REBUS

9

REBUS A DOMANDA E RISPOSTA

9

REBUS STEREOSCOPICO

9

ANTOLOGIA DI REBUS

11

PER CHI VUOL SAPERNE DI PIU'

16

N.B.: -

tutti gli esempi proposti, ad eccezione di quelli del capitolo "Antologia di rebus", sono del curatore dell'Opuscolo;

- i rebus n. 1, 3, 5, 6, 7, 8, 10, 11, 13, 16, 17, 18, 19, B, F, N e U sono pubblicati per gentile concessione de "La Settimana Enigmistica" - copyright riservato;

- le riviste di enigmistica 'classica' tuttora in pubblicazione da cui sono tratti gli altri esempi sono citate, in ultima pagina, nel paragrafo "Notizie utili".

PREMESSA

Il rebus può essere considerato il più classico dei giochi enigmistici popolari e il più popolare dei giochi classici. Sulle pagine dei settimanali gode il favore di numerosi appassionati, supe- rato solo dal cruciverba, mentre sulle riviste "classiche" diventa più complicato per la gioia e la pena di solutori accaniti e ferrati. Nel presente opuscolo, dopo averne tracciato una breve storia, si cercherà di spiegare come si presenta il rebus odierno, dandone le regole generali e sottolineandone i pregi particolari; si passerà poi brevemente ad analizzare le principali varietà concludendo con un'antologia dei mi- gliori rebus d'ogni tempo. Questo "invito" è rivolto ai principianti e non può certo essere esaustivo; chi volesse appro- fondire la materia, che è complessa e ricca di sfumature, potrà consultare le pubblicazioni spe- cializzate riportate in fondo al presente opuscolo.

UN PO' DI STORIA

Già si parla di "scrittura a rebus" per certi geroglifici degli antichi egizi ma i primi esempi moderni di rebus sono considerati quelli di due raccolte francesi di Piccardia dell'inizio del XVI secolo conservate nella Biblioteca Nazionale di Parigi. Da allora e nei secoli successivi il rebus venne impiegato negli stemmi e nelle "imprese" dei nobili e fu occasionale esercizio giocoso per artisti noti e meno noti:

Leonardo da Vinci, Agostino Carracci, Stefano della Bella, Jacques Callot, Giuseppe Maria Mitelli, Jean-Baptiste Oudry ed altri. In tutta Europa, nell'Ottocento, divenne un gioco alla moda che appariva regolarmente su ebdo- madari ed almanacchi. Solo in Italia però il rebus fu coltivato con particolare passione. Il caricaturista Giorgio Ansaldi (Dalsani, 1844-1922) inventò il rebus-vignetta, cioè il rebus realizzato come un qua- dretto armonico ed unitario, com'è ancora oggi da noi. Questa fu una trovata tutta nostra mentre negli altri paesi esso continuò a essere proposto com'era anticamente: una successione di elementi figurati e di segni tipografici eterogenei e slegati. In Italia ci fu anche chi, nel 1924, ne diede le regole principali, presentandone esempi irripetibili:

Giuseppe Gamma (Zaleuco, 1882-1976). Nella seconda metà del XX secolo, poi, il rebus raggiunse i massimi livelli per merito precipuo di Giancarlo Brighenti (Briga, 1924-2001), redattore della "Settima- na Enigmistica", grande maestro e autore di splendidi esempi realizzati dalla felice mano della con- sorte Maria Ghezzi (La Brighella). Nel 1981 si è costituita l'ARI ("Associazione Rebussistica Italiana") che ha come compito precipuo quello di diffondere e preservare l'espressione migliore del rebus italiano, considerato quasi una for- ma d'arte minore; l'organo dell'ARI è la rivista trimestrale "Leonardo", dove si pubblicano rebus origi- nali e interessanti articoli di storia e di tecnica rebussistica.

ELEMENTI DI UN REBUS

Il rebus è un gioco enigmistico illustrato composto da una o più vignette i cui elementi, con o senza grafemi (lettere, numeri o altri segni tipografici) che li contraddistinguono, devono essere opportuna- mente interpretati per giungere alla soluzione.

denominazione della varietà Rebus (1 3; 6 1 2 = 6 7) (Orofilo) autore diagramma
denominazione della varietà
Rebus
(1 3; 6 1 2 = 6 7)
(Orofilo)
autore
diagramma numerico
seconda lettura
prima lettura
(frase risolutiva)
seconda chiave
prima chiave
vignetta
(illustrazione)
grafemi
Elementi iconografici

soluzione:

R api; dischi Z, ZI = Rapidi schizzi

soluzione : R api; dischi Z, ZI = Rapidi schizzi schema rebussistico In ogni rebus vi

schema rebussistico

In ogni rebus vi è un diagramma composto da una parte letterale (denominazione della varietà) e da una parte numerica (diagramma numerico). La parte letterale specifica la varietà di rebus (norma- le, senza altre indicazioni, come nel rebus n. 1, oppure "a domanda e risposta", "stereoscopico" ecc.). La parte numerica è divisa in prima lettura e seconda lettura. La prima lettura, che di solito manca nei settimanali, precisa il numero delle lettere delle parole e dei grafemi apposti che costituiscono l'interpretazione della vignetta. I grafemi possono essere lettere, numeri ed altri segni tipografici; nel primo esempio: 1 = R, 3 = api; 6 = dischi, 1 = Z, 2 = ZI.

2

La seconda lettura (o frase risolutiva) indica i numeri delle lettere delle parole costituenti la solu- zione; sempre nel caso del rebus n. 1: 6 = rapidi, 7 = schizzi.

La prima lettura, quando presente, è separata dalla seconda lettura da un segno =. Si chiama schema rebussistico l'espressione scritta del rebus, non ancora illustrato. Gli elementi iconografici (o elementi figurati) sono le figure presenti nella vignetta e da interpretare per giungere alla soluzione (in questo primo esempio le "api" e i "dischi"). La chiave è quella parte del rebus che porta alla soluzione. Nel rebus n. 1 le chiavi sono due: la prima è "R api", la seconda è "dischi Z, ZI". Quando nel diagramma numerico è indicata la prima lettu-

ra le chiavi sono separate da un punto e virgola. In questo opuscolo si è adottato il sistema diagram-

matico della rivista "Leonardo"; le riviste settimanali di solito separano i numeri dei diagrammi con una

virgola, mentre qui si preferisce lasciare uno spazio vuoto, usando i segni d'interpunzione solo quan- do sono giustificati sintatticamente. Come è evidente nel primo esempio la soluzione si ottiene procedendo da sinistra verso destra, in questo caso denominando gli elementi iconografici con i grafemi, unendoli e spezzando la sequenza

di lettere ottenute secondo quanto indicato dalla seconda lettura: R api; dischi Z, ZI = Rapidi schizzi.

Si noti che le lettere (o altri grafemi) nella sequenza che porta alla frase risolutiva possono essere messe prima o dopo gli elementi iconografici ("R" è posto prima delle "api", mentre le lettere "Z" e "ZI" sono poste dopo i "dischi"). Se per contrassegnare un elemento iconografico compare una stella (o un asterisco) anziché lette-

re o altri segni tipografici, questa non deve essere interpretata come un grafema da aggiungere alla

soluzione; essa indica semplicemente che si tratta di un rebus "muto" (o "senza lettere"). Ciò si verifi- ca ad es. nel rebus n. 2. La stella non è indicata nell'eventuale prima lettura del diagramma numerico.

REBUS STATICO E REBUS DINAMICO

Il rebus n. 1 è un "rebus di denominazione " (chiamato anche "statico") perché il suo procedimento risolutivo consiste solamente nel denominare gli elementi iconografici, contraddistinti o no da lettere o da altri segni tipografici (numeri, lettere antiche, segni matematici ecc.). E' invece un "rebus di relazione" (chiamato anche "dinamico") il rebus n. 2. In questo tipo di rebus va scoperto un rapporto tra i vari elementi iconografici che si esprime attraverso verbi, relazioni di qualità, di quantità, di posizione, di mezzo, di compagnia, di modo ecc. Nel rebus n. 2, ad esempio, gli anziani ammalati sono in relazione con un degente che non è anziano. Si noti che il paziente non anziano è privo di grafemi ma è un elemento iconografico utile per riuscire a capire, per contrasto, che quelli contrassegnati dalle stelle sono "avi degenti".

2 – Rebus (3 7 = 5 5)

sono " avi degenti" . 2 – Rebus (3 7 = 5 5) soluz.: avi degenti

soluz.: avi degenti = Avide genti (da "La Sibilla")

3 – Rebus (6 1 4 2 1 = 8 6)

(da " La Sibilla ") 3 – Rebus (6 1 4 2 1 = 8 6)

soluz.: fiacco l'egro SS è = Fiaccole grosse (da "La Settimana Enigmistica")

Un esempio simile è il rebus n. 3. Qui il malato in piedi da solo a destra deve essere posto in rela- zione con il malato sorretto a sinistra; ciò perché deve intendersi che il malato, l'egro "SS", a sinistra, è fiacco. La soluzione sarà: fiacco l'egro SS è = Fiaccole grosse. Sono altresì dette rispettivamente "di denominazione" o "di relazione" le chiavi che costituiscono tali due tipi di rebus.

3

La vignetta del rebus n. 4, invece, illustra un'azione: la rea "O" sbeffeggia, dileggia il re "D". Anche

in questo caso vi è un'unica chiave di relazione che si manifesta con una proposizione composta dal

soggetto (la rea), dal verbo (dileggia) e dall'oggetto (il re).

4 – Rebus (1 3 8 1 2 = 6 9)

e dall'oggetto (il re). 4 – Rebus (1 3 8 1 2 = 6 9) 5

5 – Rebus (1 6 1; 1 1 5 = 5 10)

Rebus (1 3 8 1 2 = 6 9) 5 – Rebus (1 6 1; 1

soluz.: O rea dileggia D re = Oreadi leggiadre (da "L'Enimmistica moderna")

Nei rebus "di relazione" non sempre occorre denominare l'elemento iconografico che così diventa solamente supporto di lettere o segni, come ad esempio nel rebus n. 5. L'allevatore "V" alleva le trote "L", il cacciatore "D" stana la volpe "O"; non si denominano né l'allevatore, nè le trote, nè il cacciatore e neppure la volpe. Sono espressi solo i verbi delle azioni, non i nomi degli attori.

Nell'esempio che segue, il rebus n. 6, coesistono una chiave di relazione ("C alza remo C") e una

di denominazione ("assi NI"). E' un "rebus misto" (o "ibrido") ed è considerato meno pregevole ri-

spetto a quelli con tutte chiavi di denominazione o con tutte chiavi di relazione. Si noti inoltre che in questa chiave di relazione è denominato compiutamente solo l'oggetto ("remo C") ma non il soggetto "C" che è una persona qualsiasi.

soluz.: V alleva L; D O stana = Valle valdostana (da "La Settimana Enigmistica")

6 – Rebus (1 4 4 1; 4 2 = 7 9)

Enigmistica ") 6 – Rebus (1 4 4 1; 4 2 = 7 9) soluz.: C

soluz.: C alza remo C; assi NI = Calzare mocassini (da "La Settimana Enigmistica")

7 – Rebus (2 2 4 3 6; 2 5 = 7 8 3 6)

Enigmistica ") 7 – Rebus (2 2 4 3 6; 2 5 = 7 8 3

soluz.: su BD olio sta colino; NS corti = Subdoli ostacoli non scorti (da "La Settimana Enigmistica")

Il rebus n. 7 è composto da due chiavi di relazione di tipo diverso. Nella prima vi è una relazione di posizione, nella seconda una relazione di lunghezza. Nella prima chiave un elemento iconografico ("colino") non ha grafemi. Esso fa parte comunque della prima lettura perché è collegato con un ele- mento ("olio") che porta i grafemi "BD": "su BD olio sta colino" = chiave di relazione di posizione. Nella seconda chiave i pantaloni "NS" sono corti in rapporto con quelli lunghi a fianco: "NS corti" = chiave di relazione di lunghezza.

4

REGOLE PRINCIPALI

L'EQUIPOLLENZA

Sarebbe meglio chiamarla "identità etimologica": si ha quando una parola di una chiave ed una della frase risolutiva derivano dalle stesse radici etimologiche; nel rebus, come del resto in altri giochi enigmistici, è un difetto molto grave. Esempio: IN sacca; tomi STO = Insaccato misto. La parola "sacca" (prima lettura) e "insaccato" (frase risolutiva) trovano la loro origine etimologica dal latino "saccum" (fenicio "saq"). Un gioco simile non è assolutamente pubblicabile. Si tollera una certa identità solo quando i due significati, nel tempo, si sono nettamente allontanati. Esempio: arma di Odino C è = Armadio di noce. "Arma" deriva da "armadio" ma si può accettare considerando la netta distanza tra i due concetti.

USO DELLA COPULA

L' "è" dovrebbe essere impiegato se vi è un'unica chiave oppure se è presente in tutte le chiavi del rebus, come ad esempio nel rebus n. 8. Non sarebbe invece ammissibile in un rebus come: RO manzo; è pistola RE = Romanzo epistolare (lo sarebbe se fosse: RO manzo è; pistola R è = idem). Lo stesso discorso vale per "sono".

8 – Rebus (1 1 5; 5 1 1 = 4 10)

vale per "sono". 8 – Rebus (1 1 5; 5 1 1 = 4 10) soluz.:

soluz.: T è stele; menta R è = Test elementare (da "La Settimana Enigmistica")

9 – Rebus (5 1 1 1: 2 6 2 = 3 9 2 4)

Enigmistica ") 9 – Rebus (5 1 1 1: 2 6 2 = 3 9 2

sol.: belva S e L: la medica SA = Bel vasellame di casa (da "Penombra")

LETTERE ALL'ESPONENTE E CONGIUNZIONE “E”

Per risparmiare grafemi ed alleggerire la vignetta si possono talora trovare espressioni esponen- ziali, un po' strane a dire il vero, però entrate stabilmente nell'uso, tipo "C P " per significare "C elevato a P", cioè "CaP" e "M S " per dire "MaS". Esempio: CaP pelli; MaS chili = Cappelli maschili. Talvolta la congiunzione "e" (o "ed") può essere omessa sull'elemento iconografico se si trova tra due altre lettere, come ad esempio nel rebus n. 9.

DIZIONE DELLE CONSONANTI

Di solito le consonanti esposte sono lette foneticamente, come in tutti gli esempi riportati sinora. Possono però anche essere lette alfabeticamente (B = bi, C = ci, D = di ecc.). In questo caso però devono essere lette in questo modo tutte le consonanti presenti come grafemi nel rebus. Esempio: Gi oca; rada Di = Giocar a dadi. Non dovrebbero essere ammessi rebus con lettura mista, in parte fonetica e in parte alfabetica, del tipo: C ambi; arca S H (ACCA) = Cambiar casacca.

5

ARTICOLI E PREPOSIZIONI ARTICOLATE

Gli articoli e le preposizioni articolate sono ammessi se nel rebus c'è una sola chiave, altrimenti devono essere presenti in tutte le chiavi. Esempio non ammissibile con articolo determinativo: F l'auto; STO nato = Flauto stonato (l'articolo è presente nella prima chiave ma non nella seconda). Esempio non corretto con una preposizione articolata: legge R, O alle N; A mento = Leggero alle- namento ("R" è un padre che legge la favola "O" alle bimbe "N"; manca l'articolo a "mento"). Esempio corretto: pesca R per l'egro SS è = Pescar perle grosse (in cui "R" è un una pesca offerta all'ammalato "SS"). Un altro esempio di rebus corretto, per la presenza dell'articolo in entrambe le chiavi, è il seguente:

H la madia; H la barda = Lama di alabarda; come si può notare dall'uso delle "stelle", quest'ultimo è un rebus "muto".

IL TRIANGOLO BRIGHIANO

In estrema sintesi e citando ancora un indiscusso maestro del rebus italiano, Giancarlo Brighenti (Briga), si può affermare che:

"Il bello di un rebus è racchiuso in un triangolo equilatero dove 1) trovata originale e coerenza tra le diverse parti costituenti il rebus; 2) bellezza e contenuto della frase risolutiva; 3) artistica illustrazione della scena ne costituiscono i lati; l'equilibrio di queste tre componenti sono gli elementi che determinano il ca- polavoro".

LA CHIAVE

In un rebus la "chiave" è la misura della fantasia degli autori e dell'abilità dell'illustratore; è inoltre la croce e la delizia dei solutori. Non dovrebbe mai essere scontata o astrusa, ma possibilmente origi- nale e arguta; sono da evitare termini tecnici o arcaici. Le chiavi migliori, anche se più difficili da illu- strare e da risolvere, si trovano tra quelle che abbiamo chiamato “di relazione”. Nel caso del rebus n. 10, ad esempio, il solutore deve capire che la signora "C" è in grado di sug- gerire al bambino "S" ("sa dir") dove si trova la carta "re". Anche con chiavi “di denominazione" si possono però trovare rebus molto belli, come quelli basati sulla ripetizione di chiavi uguali (ad esem- pio il rebus n. 11), simili o antitetiche (ad esempio: NA zio; nipote NTI = Nazioni potenti).

10 – Rebus (1 1 1 2 3 2 1 2 = 5 2 6)

= Nazioni potenti ). 10 – Rebus (1 1 1 2 3 2 1 2 =

sol.: C a S sa dir ov'è re = Cassa di rovere (da "La Settimana Enigmistica")

11 – Rebus (1 4; 1 4; 2 4 = 5 11)

Enigmistica ") 11 – Rebus (1 4; 1 4; 2 4 = 5 11) sol.: B

sol.: B asso; S asso; FR asso = Basso sassofrasso (da "La Settimana Enigmistica")

Per quanto riguarda i grafemi apposti essi dovrebbero essere ridotti al minimo, possibilmente uno solo per ogni elemento iconografico, al massimo comunque tre e non più di quattro consecutivi (per

6

chiavi eccezionali). A questo proposito sarebbero senz'altro preferibili, ma sono però abbastanza rari, i rebus "muti", di cui un altro esempio è il rebus n. 12. Questo esempio consente di accennare ad altri due pregi che può presentare la chiave: la cesura e la relazione tra elementi iconografici omogenei. Si ha il rebus con cesura quando le parole delle chiavi sono 'tagliate' per dare origine ad altre pa- role della frase risolutiva; la cesura è un pregio tecnico molto apprezzato nei concorsi per autori. Nel rebus n. 12 la parola "separa" è divisa per dare origine al finale della parola "pretese" e all'ini- zio della parola "paradossali". Altri esempi con cesure (più precisamente, in termini tecnici, con una buona "spezzettatura") sono i rebus n. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 8 e 9. Senza cesura è invece il rebus n. 11 in cui il termine della parola "asso", elemento iconografico della prima lettura, coincide con il termine della parola "basso", facente parte della frase risolutiva. Il rebus n. 10 è invece cesurato solo in parte:

non dopo la parola "cassa" ma nella parola "dir". La relazione tra elementi iconografici omogenei si ha quando tra questi ci sono evidenti analogie. Nel rebus n. 12, ad esempio, c'è un affinità evidente tra il prete e i dossali, che sono le copertine dei dossi dei messali.

12 – Rebus (5 6 7 = 7 11)

dei dossi dei messali. 12 – Rebus (5 6 7 = 7 11) sol.: prete separa

sol.: prete separa dossali = Pretese paradossali (da "La Sibilla)

13 – Rebus (2 1 1 1 1, 1 4 1, 1 3 1 4 = 8 2 4 7)

) 13 – Rebus (2 1 1 1 1, 1 4 1, 1 3 1 4

sol.: su C c'è S; S odia N; N ama G nani = Successo di Anna Magnani (da "La Settimana Enigmistica")

Pregevoli sono anche i rebus con chiave unica coinvolgente molti elementi iconografici omogenei, come ad esempio nel rebus n. 13. Si noti qui come le lettere esposte "S" e "N" facciano da pronomi per dare origine ad una prima lettura che riassume quasi la favola di Biancaneve e i Sette Nani. Notevoli poi sono anche i rebus che, pur essendo di relazione, hanno gli elementi iconografici compiutamente denominati. Vedasi a tale proposito il rebus n. 4: O rea dileggia D re = Oreadi leggia- dre. Di minor pregio, anche se accettabile, è il rebus n. 5: V alleva L; D, O stana = Valle valdostana, in cui sono espresse solo le azioni, ma non sono denominati i soggetti e gli oggetti.

Un discorso a parte meritano i rebus denominati, da- gli addetti ai lavori, "della nuova frontiera", che presen- tano chiavi molto originali, difficilmente illustrabili e al- trettanto difficilmente risolvibili. Essi richiedono da parte del solutore un ragionamento particolare, che va oltre ciò che effettivamente il disegno rappresenta. Un esem- pio può essere il rebus n. 14, in cui il "ci fosse" in chiave adombra la possibilità, tutta congetturata, che la moglie "A" possa essere presente in una situazione un po' im- barazzante per il marito "C". Il lettore non si stupisca per l'uso di "à", terza persona singolare del presente del verbo avere, al posto di "ha". Si trova normalmente nei rebus, in cui solo occasional- mente si può impiegare "ha". E' forma grammatical- mente corretta.

7

14 – Rebus (1 1 1: 1 2 5… = 6 5)

mente corretta. 7 14 – Rebus (1 1 1: 1 2 5… = 6 5) sol.:

sol.: C à P: A ci fosse = Capaci fosse (da "La Sibilla")

LA FRASE RISOLUTIVA

La frase risolutiva, nel rebus, deve avere un senso facilmente comprensibile; dovrebbe essere una locuzione di comune riscontro nei dizionari e negli scritti letterari o giornalistici. E' vero che ciò può li- mitare l'estro degli autori, che spesso devono rinunciare a chiavi originali perché non sono ammissibili le frasi risultanti. Frasi inaccettabili, per motivi facilmente comprensibili, sono ad esempio: "afa memoranda", "la ti- nozza riparata" o "sarto pistoiese". Ci può senz'altro essere un sarto pistoiese ma è buona regola che la frase risolutiva suggerisca concetti comuni e plausibili. Sono apprezzabili le frasi 'sentenziose' (dette tecnicamente "gnomiche") del tipo: "conta di noi ciò che lasceremo", "ragiona colla testa tua", "conosci te stesso". Tutti gli esempi proposti in questo Opuscolo hanno frasi ampiamente accettabili.

L'ILLUSTRAZIONE

E' necessario che l'illustratore metta in risalto gli elementi iconografici utili alla soluzione del rebus senza appesantire la vignetta con altri elementi che possono confondere il solutore. E' anche impor- tante che i particolari vengano posti in primo piano e sono preferibili vignette armoniche e realistiche. Si misura la bravura del disegnatore proprio nel rendere credibile una vignetta con elementi etero- genei, nell'illustrare con naturalezza e senza forzature relazioni o azioni complesse. In linea di mas- sima sono più apprezzabili le vignette che presentano scene di vita, con persone o animali, senza l'impiego di cartelloni o carte geografiche e di troppe indicazioni scritte. Non è necessario che l'illustrazione sia artistica; l'importante è che renda chiaramente l'idea della chiave (o delle chiavi) su cui il rebus si basa. Di solito i rebus con chiavi di relazione sono i più difficili da illustrare. Molto graditi, anche se non particolarmente frequenti, sono i rebus costruiti su opere d'arte (dipinti, sculture, incisioni ecc.). In questi casi è l'opera d'arte stessa che suggerisce lo schema rebussistico all'autore. Un esempio è il rebus n. 9, costruito su un dipinto di Colantonio: "San Girolamo".

Anche le vignette umoristiche possono suggerire chiavi originali che sarebbe difficile o impossibile illu- strare in maniera diversa. Si tratta del rebus umoristi- co (o "su vignetta umoristica") in cui l'autore deve co- gliere lo spunto umoristico e tradurlo, se possibile, in una chiave che lo interpreti spiritosamente. Quando c'è, occorre considerare anche la didascalia come elemento talora indispensabile per la composizione e la soluzione del gioco, come ad esempio nel rebus n. 15. La chiave, in questo caso, è un'interrogazione perché non è chiaro (ma in realtà, comicamente, lo è) se a confondere il signore sia la giovane "osé" piutto- sto che la birra che sta bevendo.

15 – Rebus (1 7 1 1 1 3? = 8 6)

la birra che sta bevendo. 15 – Rebus (1 7 1 1 1 3? = 8

sol.: F accende N o I osé? =

Faccende noiose

(da "Il Leonardo")

Gli autori italiani di rebus sono diventati così bravi che riescono spesso a inventare ottimi rebus partendo da opere d'arte, vignette umoristiche, fotografie, cartoline ecc. tant'è vero che ogni anno so- no banditi concorsi particolari "a tema". Normalmente succede invece che gli autori inventino sola- mente gli schemi rebussistici, che vengono poi realizzati da esperti disegnatori.

Concludendo questo capitolo sui pregi e sui difetti si può affermare che un rebus che racchiuda in sé tutti i pregi e sia esente da tutti i difetti non esiste. L'importante è che esso possegga un certo nu- mero di pregi e che non sia difettoso per altri versi. Si può, ad esempio, accettare un rebus con una chiave originalissima senza cesure, e una bella illustrazione o una bella frase risolutiva, magari sen- tenziosa, con chiavi già sfruttate e via dicendo. Una frase risolutiva solo accettabile deve implicare una chiave eccezionale, ma mai si deve ammettere una frase risolutiva troppo costruita o assurda.

8

PRINCIPALI VARIETA' DI REBUS

Numerose sono le varianti al rebus normale. In questa sede verranno brevemente trattate quelle considerate "classiche": il rebus a domanda e risposta e il rebus stereoscopico.

REBUS A DOMANDA E RISPOSTA

In questa varietà di rebus la chiave (o le chiavi) sono domande a cui si deve dare una risposta in- terpretando opportunamente la vignetta. Le chiavi sono quasi sempre di relazione. Sono ammissibili chiavi di denominazione solo quando c'è qualche spunto pregevole e possibilmente originale nella domanda o nella risposta. Ecco un esempio negativo: CA vite? Sì! = Cavi tesi. Eccone invece uno positivo: SeR gente? E', sì,

gente! = Sergente esigente (in cui è graziosa la ripetizione, nella domanda e nella risposta, della pa- rola "gente").

Le domande possono richiedere risposte positive (ad esempio: sì, già, certo ecc.) o negative (ad

esempio: no, macché ecc.) oppure anche una persona, una cosa, un'azione. Nel rebus n. 16 la ri-

sposta sono le lettere "TE" che indicano il signore che il pio "VaS" desta.

16 – Rebus a domanda e risposta (3 1 1 1 3 5? 2! = 9 1 6)

16 – Rebus a domanda e risposta (3 1 1 1 3 5? 2! = 9

soluz.: pio V a S chi desta? TE! = Piovaschi d'estate (da "La Settimana Enigmistica")

Ci possono essere rebus a domande e risposte, come il n. 17. Qui i "conti N, U" sono alacri, e la

risposta alla prima domanda è "sì", mentre il conte "CO" non lo è, e la risposta alla seconda domanda sarà: "no, mica!".

17 – Rebus a domande e risposte (5 1 1 6? 2! 1 2? 2 4! = 8 2 5 9)

Rebus a domande e risposte (5 1 1 6? 2! 1 2? 2 4! = 8

soluz.: conti N, U alacri? sì! e CO? no, mica! = Continua la crisi economica (da "La Settimana Enigmistica")

REBUS STEREOSCOPICO

Il "rebus stereoscopico" è stata un'invenzione geniale di Giancarlo Brighenti (Briga) e il primo esempio è apparso nel 1958 sulla "Settimana Enigmistica" n. 1374.

9

E' un rebus costituito da due o più vignette in quanto la soluzione deve essere trovata confrontan- dole. E' sempre formato da chiavi di relazione. Qualcuno lo chiama anche "cronorebus" perché impli- ca di solito una relazione temporale. Convenzionalmente la prima vignetta è cronologicamente prece- dente alle vignette successive, di conseguenza se i grafemi sono posti nella prima vignetta vorrà dire che una certa azione verrà compiuta nella successiva e suggerirà l'impiego di verbi al futuro; se inve- ce i grafemi sono posti nella seconda vignetta (o in una vignetta successiva) vorrà dire che l'azione è stata compiuta e suggerirà l'uso di verbi al passato. Il rebus n. 18 è un esempio del primo tipo mentre il rebus n. 19 è del secondo tipo. Si noti, in que- sti due casi, che non è importante considerare ciò che gli elementi iconografici fanno quando sono contrassegnati dai grafemi, perché l'azione utile per la soluzione dovrà ancora compiersi (rebus n. 18) o è già stata compiuta (rebus n. 19).

18 – Rebus stereoscopico (3 1 4 6 2 = 7 9)

rebus n. 19 ). 18 – Rebus stereoscopico (3 1 4 6 2 = 7 9)

19 – Rebus stereoscopico (1 1 5, 1 8 = 7 9)

4 6 2 = 7 9) 19 – Rebus stereoscopico (1 1 5, 1 8 =

sol.: tra I nere sonerà TO = Trainer esonerato (da "La Settimana Enigmistica")

Un tipo diverso dai precedenti, con uso di verbi al presente, è il rebus n. 20, in cui nella prima vi- gnetta vi è un re fermo e un cielo minaccioso, mentre nella seconda comincia a grandinare e il re se ne va via. La soluzione sarà: grandina: via va PO re = Grandi navi a vapore.

sol.: O G gettò, P ignorato = Oggetto pignorato (da "La Settimana Enigmistica")

20 – Rebus stereoscopico (8: 3 2 2 2 = 6 4 1 6)

") 20 – Rebus stereoscopico (8: 3 2 2 2 = 6 4 1 6) soluz.:

soluz.: grandina: via va PO re = Grandi navi a vapore (da "La Sibilla")

Questa varietà, oltre a consentire l'uso di verbi al passato e al futuro, permette l'impiego di avverbi (dopo, ora, indi ecc.), di verbi iterativi (rilegge, rialeggia, rifà ecc.) e di altre chiavi non illustrabili con l'uso di una sola vignetta.

10

ANTOLOGIA DI REBUS

A - Rebus (3 2; 5 2; 1 5; 1 1 1 4 = 1 4 2 4 7 7) di Zaleuco

A - Rebus (3 2; 5 2; 1 5; 1 1 1 4 = 1 4

soluz.: Eva NO; Adamo RA; R dente; O,P,P orsi = E' vano ad amor ardente opporsi (da "Diana d'Alteno", n. 9/1923)

Rebus con chiavi di denominazione. Bella scena

raffigurante l'Eden con chiavi attinenti. Frase risolutiva

di tipo gnomico.

C - Rebus (1 2 3 = 4 3)

di Paolino

di tipo gnomico. C - Rebus (1 2 3 = 4 3) di Paolino soluz.: F

soluz.: F il Mosè = Film osé (da "Aenigma", n. 6/1970)

Rebus di denominazione su opera d'arte (il "Mosè" di Michelangelo) stringato ma preciso. Originale la cesura sulla parola "Mosè". Frase corretta.

11

B - Rebus (2 6 4 7 = 8 11)

di Aronte

Frase corretta. 11 B - Rebus (2 6 4 7 = 8 11) di Aronte sol.:

sol.: Di amante inca stonato = Diamante incastonato (da "La Settimana Enigmistica", marzo 1963)

Rebus con chiave scorrevole, con una sola con- sonante esposta da leggersi alfabeticamente. Realizzazione grafica precisa e convincente. Fra- se risolutiva ineccepibile.

D - Rebus (9 6 = 4 3 8)

di Lacerbio Novalis

ineccepibile. D - Rebus (9 6 = 4 3 8) di Lacerbio Novalis soluz.: verecondi amanti

soluz.: verecondi amanti = Vere con diamanti (da "Penombra", n. 12/1987)

Rebus muto. L'illustrazione che raffigura gli in- namorati di Peynet rende perfettamente l'idea della chiave. Belle le cesure nella parola "vere- condi". Frase risolutiva ineccepibile.

E - Rebus (1 3 8 = 6 6)

di Nucci

E - Rebus (1 3 8 = 6 6) di Nucci soluz.: I dio malatino =

soluz.: I dio malatino = Idioma latino (da "Le Stagioni", n. 3/1966)

Bellissimo esempio di rebus su opera d'arte (il "Bacchino Infermo" del Caravaggio). Difficil- mente si sarebbe potuto illustrare meglio la chia- ve. Frase risolutiva corretta.

G - Rebus (2 7 1 6 3 = 6 1 6 6)

di Ames

corretta. G - Rebus (2 7 1 6 3 = 6 1 6 6) di Ames

soluz.: di schiena S triste reo = Dischi e nastri stereo (da "Penombra", n. 11/1974)

Esempio che si avvicina all'ideale teorizzato da Briga. Bella e significativa scena ambientata in un parlatorio di un carcere in cui un detenuto triste e solo è posto di schiena. Cesure presenti. Un solo grafema esposto. Frase risolutiva ineccepibile.

F - Rebus (6 2 6 6 7 1 1 1 = 4 8 8 3 7)

di Giaco

F - Rebus (6 2 6 6 7 1 1 1 = 4 8 8 3

soluz.: attori di colore presso confine Z, Z, A = Atto ridicolo represso con finezza (da "La Settimana Enigmistica", marzo 1957)

Lunga chiave di relazione con gli elementi iconogra- fici interamente denominati. Buona spezzettatura. Con- vincente illustrazione. Frase risolutiva accettabile

H - Rebus (1 1 3 6 1 3 = 4 3 3 5)

di Tenaviv

accettabile H - Rebus (1 1 3 6 1 3 = 4 3 3 5) di

soluz.: G e sua moglie B rei = Gesù amò gli ebrei (da "L'Enimmistica Moderna", n. 11/1975)

Curiosa e suggestiva vignetta. Chiave scorrevole con un'inedita cesura sulla parola "sua". Bella la fra- se risolutiva.

12

I - Rebus (1 4: 1 1 1 1 7 4 = 4 9 7)

di Triton

I - Rebus (1 4: 1 1 1 1 7 4 = 4 9 7) di

sol.: F Ares: BeR l'effigiò così = Fare sberleffi giocosi (da "La Sibilla", n. 12/1977)

In questo rebus è da rimarcare l'ottima trovata del

pittore estroso "BeR" che alla sua maniera ("così") ef- figia il dio Ares "F". Buona spezzettatura. Si noti l'as- senza della congiunzione "e" tra le lettere esposte "B" e "R" e l'uso del verbo al passato in quanto l'azione è, chiaramente, già avvenuta. Bella frase risolutiva.

M - Rebus (1 1 4 2 1 5 = 6 1 7)

di Leone da Cagli

M - Rebus (1 1 4 2 1 5 = 6 1 7) di Leone da

soluz.: S o doma EG o morrà = Sodoma e Gomorra (da "Penombra", n. 12/1985)

Rebus con chiave originalissima che si esprime attraverso una frase con una coordinazione di- sgiuntiva. Resa grafica magistrale di una situazione difficile da illustrare: l'eventuale morte di "S" che tenta di domare il leone "EG" è ipotizzabile dalla presenza di corpi distesi nell'arena. Frase risolutiva ineccepibile.

13

L - Rebus (4! 3 10 2 = 9 10)

di Spirto Gentil

13 L - Rebus (4! 3 10 2 = 9 10) di Spirto Gentil sol.: meta!

sol.: meta! Sta siglandola RE = Metastasi glandolare (da "La Sibilla", n. 11/1980)

Rebus con una chiave curiosa per l'impiego dell'esclamazione "Meta!" e l'uso del gerundio. Frase risolutiva accettabile anche se il termine "glandolare", pur corretto, è disusato.

N - Rebus (5 1 2 1 = 3 6)

di Cocola

corretto, è disusato. N - Rebus (5 1 2 1 = 3 6) di Cocola soluz.:

soluz.: dardo L or è = Dar dolore (da "La Settimana Enigmistica")

Grazioso esempio di rebus umoristico. L'idea della chiave è comicamente espressa. Frase riso- lutiva inappuntabile.

O - Rebus (1 1 5 2 = 5 4)

di Il Faro

O - Rebus (1 1 5 2 = 5 4) di Il Faro soluz.: a S

soluz.: a S preme TE = Aspre mete (da "La Sibilla", n. 1/1979)

Divertente rebus su vignetta umoristica. Sempli- ce ma graziosa la chiave. Frase risolutiva plausibi- le.

Q - Rebus stereosc. (1 - 4 4 – 5 = 7 7) di Il Felsineo

Q - Rebus stereosc. (1 - 4 4 – 5 = 7 7) di Il Felsineo

soluz.: M - anch'esso - spese = Manches sospese (da "Il Labirinto", n. 1/1985)

Simpatico stereoscopico che sembra sfatare il luogo comune dell'avarizia degli scozzesi. Infatti anche "M" spese soldi in un negozio di souvenir. Convincente l'illustrazione. Corretta la frase ri- solutiva.

P - Rebus (1 2 5 4: 4! =

8 2 6)

di Quizzetto

ri- solutiva. P - Rebus (1 2 5 4: 4! = 8 2 6) di Quizzetto

soluz.: C, OL letto dica: "Nino!" = Colletto di canino (da "Il Leonardo", ottobre 1991)

In questo elaborato vi è una singolare chiave umoristica che l'autore ha dedotto spiritosamente dalla vignetta e dalla didascalia. Si noti che Nino è il vero nome dello sposo di Semiramide. Frase ri- solutiva accettabile.

R - Rebus stereo (3 2 1 1 1 1 1 4 9 5 1 5 = 12 4 1 6 2 9) di Snoopy

stereo (3 2 1 1 1 1 1 4 9 5 1 5 = 12 4

soluz.: per se V e RaN dopo colazione lavan i fichi = Perseverando poco l'azione la vanifichi (da "L'Enimmistica Moderna", n. 11/1976) Ottimo stereoscopico che presenta una chiave lunga e ricca di spunti originali. Esso è formato da tre vignette. I grafemi sono posti nella seconda vi- gnetta perché i ragazzi "V" e "RaN" dopo aver fatto colazione (nella prima vignetta) lì lavano i fichi. La terza vignetta serve per chiarire che i fichi erano per loro. Si noti l'impiego di "RaN" (R elevato a N) per alleggerire il numero dei grafemi. Bella la frase risolutiva sentenziosa

14

S

- Rebus stereo a dom. e risp. (4? 5? 5? 2 4! = 9 3 8) di Briga

stereo a dom. e risp. (4? 5? 5? 2 4! = 9 3 8) di Briga

soluz.: Barò? Nettò? Colmò? No, colò! = Baronetto col monocolo (da "Penombra", n. 7/1996) Raro e bell'esempio di stereoscopico a domande

e risposta muto. Dei quattro personaggi solo quello

contrassegnato dalla stella "colò" mentre gli altri fe- cero azioni diverse. Curiosa la ripetizione dei verbi al passato remoto che ha richiesto l'uso di quattro vignette. Frase risolutiva più che accettabile.

U - Rebus a domanda e risposta (5 1 1? 1 6! = 7 7) di Franger

- Rebus a domanda e risposta (5 1 1? 1 6! = 7 7) di Franger

soluz.: corte S,E? S'ignora! = Cortese signora (da "La Settimana Enigmistica", giugno 1975)

Bell'esempio di rebus a domanda e risposta che si avvale di una trovata grafica. Infatti il quadretto illustrato impedisce di vedere se le calze "S" ed "E" sono corte (o lunghe) mentre le altre calze nella vi- gnetta sono chiaramente corte o lunghe. Così si giustifica l'originale risposta "s'ignora". Frase risolu- tiva ineccepibile.

T - Rebus a dom. e risp. (2 1 6? 2! = 5 6) di Atlante

T - Rebus a dom. e risp. (2 1 6? 2! = 5 6) di Atlante

soluz.: PA è sirena? Ni! = Paesi renani (da "Morgana", n. 23/1999)

Rebus a domanda e risposta composto su di un quadro di Magritte. "PA" è un mostro con la testa di pesce e il corpo di donna. É una sirena? La rispo- sta è dubbia: "Ni". Frase risolutiva accettabile.

V - Rebus a dom. e risp. (5 2 1 1? 2 6, 2! = 12 7) di Sabina

- Rebus a dom. e risp. (5 2 1 1? 2 6, 2! = 12 7)

soluz.: entra in E, U? Se single, sì! = Entraineuses inglesi (da "Il Leonardo", n. 4/1991)

Molto valida la resa grafica di questo rebus a domanda e risposta in cui un tipo un po' strano cer- ca di accedere in un club per "single". Bella la chia- ve con una funambolica cesura sulla parola "single". Frase risolutiva appena accettabile.

15

PER CHI VUOL SAPERNE DI PIU'

OPERE CONSULTATE

Baslini (Cielo d'Alcamo), Jacobucci (Dameta) L'Enigmistica - Enciclopedia dei giochi

Librex, Milano

1970

Cuzzi F. (Franger)

Un discorso sui nostri rebus

La Sett. Enigm., Milano

1975

Bosio F. (Orofilo)

Il libro dei rebus

Vallardi, Milano

1993

Caso G. (Cleos)

Rebus - Le regole del gioco

"Leonardo" a.I n.1, Roma

2001

Bartezzaghi S.

Lezioni di enigmistica

Einaudi, Torino

2001

Corvi G. (Giaco)

Appunti per una raccolta di rebus

inedito, Milano

s.d.

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE

 

Tolosani (Bajardo), Rastrelli (L'Alfiere di Re)

Enimmistica

Hoepli, Milano

1938

Gallina A. (Artù)

Vademecum dell'enigmista moderno

La Sett. Enigm., Milano

1938

Santi A. (Il Duca Borso)

Bibliografia dell'enigmistica

Sansoni, Firenze

1952

Musetti M. (Il Troviero)

Dizionario enciclopedico dell'enigmistica

Mursia, Milano

1970

Cusatelli G., Sordi I.

Da Edipo alle nostre nonne

Garzanti, Milano

1975

Auzzani A., Bucella S.

Il libro dei rebus

Rizzoli, Milano

1976

Bartezzaghi S.

Come risolvere facilmente i giochi enig.

De Vecchi, Milano

1984

Sinesio S. (Sin & Sio), Parodi E. (Snoopy)

Rebusss

Il Labirinto, Roma

1984

Peres E. (Mister Aster)

Rebus

Stampa Alternativa, Roma

1989

Continolo D. (Papul)

Il rebus contemporaneo

A.E.R.E.C., Bologna

1996

autori vari

Millerebus

Xenia, Milano

1996

autori vari

Il rebus moderno nell'enigm. classica

A.R.I., Roma

2000

Tucciarelli N. (Lionello)

Il Rebus

A.R.I., Roma

2001

 

Altri “Opuscoli” in questa collana (scaricabili da Internet sul sito www.enignet.it )

 

n.

1

Guida rapida all'Enigmistica Classica

marzo 2001

n.

2

Invito alla Crittografia

dicembre 2000

n.

3

Anagrammi… che passione!

maggio2002

n.

4

Antologia tematica di Crittografie Mnemoniche

maggio 2001

n.

6

Invito ai Poetici

in programma

n.

7

Fra Ristoro, Il Valletto, Il Paladino

novembre 2001

n.

8

Associazioni e Biblioteche enigmistiche

in preparazione

INDIRIZZI UTILI

B.E.I. – Biblioteca Enigmistica Italiana (sito Internet: http://www.enignet.it) Associazione 'G. Panini' - Via Emilia Ovest, 707 - 41100 Modena (tel. 059.331269) Corrisp.: Giuseppe Riva - Viale Taormina, 17/c - 41040 Sassuolo (MO) - giuseppe.riva@tiscalinet.it

A.R.I. – Associazione Rebussistica Italiana (sito Internet: http://spazioweb.inwind.it/arirebus) Corrisp.: Nello Tucciarelli - Via A. Baccarini, 32/a - 00179 Roma Franco Diotallevi - Via delle Cave, 38 - 00181 Roma - diotallevif@hotmail.com

PENOMBRA – Mensile di enimmistica Via Cola di Rienzo, 243 (C/8) - 00192 Roma (tel. 06.3241788-335.8233582) - penombra.roma@tiscalinet.it

IL LABIRINTO – Rassegna mensile di enigmistica classica Via degli Scolopi, 19 - 00136 Roma (tel./fax 06.35506391) - diotallevif@hotmail.com

LA SIBILLA – Rivista bimestrale di enigmistica Via Boezio, 26 - 80124 Napoli (tel. 081.5706248) - sybilla@libero.it

LEONARDO – Rivista trimestrale di rebus e notiziario dell'ARI Via delle Cave, 38 - 00181 Roma (tel./fax 06.7827789) - diotallevif@hotmail.it

(spazio a disposizione dei gruppi enigmistici)

GRUPPO ENIGMISTICO “DUCA BORSO – FRA RISTORO”

Svolgono funzioni di coordinamento e a loro ci si può rivolgere per informazioni:

- Andrea Baracchi (Barak ) - Via Monte Sempione, 43 - Carpi (MO) (tel. 059.694253) - baracchi.andrea@virgilio.it

- Giulio Ferrari (Hammer) - Viale Muratori, 185 - Modena (tel. 059.223431) - giuliof@iol.it

- Giuseppe Riva (Pippo) - Viale Taormina, 17/c - Sassuolo (MO) (tel.0536.871244) - giuseppe.riva.@tiscalinet.it

La B.E.I. e gli autori ringraziano tutti coloro che hanno collaborato all'elaborazione di questo opuscolo. Gli amici enigmisti sono invitati a suggerire miglioramenti alla struttura e al testo ed a proporre esempi più adatti allo scopo essenzialmente di- vulgativo e didattico del lavoro.

16