Sei sulla pagina 1di 4

La trascrizione (musicale)

Ecco il significato del termine trascrizione, in musica, tratto da alcuni dizionari:


- Italiano compatto - Dizionario della Lingua Italiana 2010 Zanichelli editore:
trascrizione

[tra-scri-zi-ne] nome femminile
in musica adattamento di un !rano: Esempio: questa la trascrizione per pianoforte.
(Dal Sabatini - Coletti):
trascrizione
4 mus" #dattamento di un !rano composto per uno strumento speci$ico a un altro strumento o
all%orchestra"
Nella Garzantina, Enciclopedia della Musica Garzanti (ediz !""#):
$rocedimento mediante il %uale si ri&ortano in notazione corrente music'e scritte con antic'i
sistemi (dai neumi alle intavolature) a((alendosi delle c'ia(i d)inter&retazione offerte dalla
paleografia musicale ** +l termine indica &ure l)adattamento di una musica a uno strumento, o
a un com&lesso strumentale o (ocale, di(ersi da %uelli &er i %uali essa fu originariamente
scritta Nel Cin%uecento e Seicento furono molto &raticate le trascrizioni &er liuto di
com&osizioni (ocali, nel Settecento trascrisse music'e di -i(aldi .e altri com&ositori/, 0a1dn
trascrisse (do&o a(erle raccolte) molte canzoni &o&olari scozzesi, nel secolo seguente
com&osizioni &er organo di 2ac' (ennero trascritte &er &ianoforte (3ausig, (on 24lo5,
2usoni, ecc)
+l termine fu anc'e esteso a significare parafrasi, fantasia &er &ianoforte .o altri strumenti/ su
celebri moti(i .in genere/ o&eristici
6ra le trascrizioni del nostro tem&o , famosa 7 %uella fatta da 8 9a(el dai Quadri duna
esposizione di 8 8usorgs:i;, dall)originale &ianistico all)orc'estra .sinfonica/ <ccanto a
%ueste trascrizioni, c'e 'anno il (alore di ricreazioni artistic'e, ne esistono altre con sco&i
eminentemente &ratici, come %uella delle o&ere &er canto e &ianoforte (utili &er una lettura
age(ole e &er lo studio da &arte dei cantanti)
Nel Dizionario di Musica classica di Piero Mioli (ediz 2=9, >??#):
!) Stesura in notazione moderna di antic'e music'e scritte di(ersamente Secondo le regole
della &aleografia musicale , si effettua &er esem&io dai codici gregoriani, trobadorici,
&olifonici, arsno(istici, fiamming'i, fino alle inta(olature &er liuto, organo, cembalo, (i'uela
del )@??-#??
>) Nuo(a stesura di una com&osizione &recedente Effettuata di regola da una mano di(ersa e
seguente nel tem&o, &ote(a trasformare una c'anson fiamminga in una canzone &er liuto
(Les oiseaux di Aane%uin nella Canzon degli uccelli di 6rancesco da 8ilano), un inno
cristiano in un &ezzo &er organo, un madrigale in un &ezzo &olistrumentale, un concerto
d)arc'i in un concerto cembalistico (da -i(aldi a 2ac'), un corale (ocale in corale
organistico (da Butero a 2ac'), un)aria &er so&rano in aria &er basso, una sinfonia di
2eet'o(en in una grande sonata &er &ianoforte (con le mani di BisztC), un lied in un
%uintetto (grazie a Sc'ubert e alla sua Trota), un &reludio e fuga &er Klavier nello stesso .&
e f/ &er &ianoforte (da 2ac' a 2usoni), un canto &o&olare orale e anonimo in un canto scritto
e leggibile, i &ianistici Quadri di unesposizione 8usorgs:i; negli stessi brani &er grande
orc'estra di 9a(el
Be origini del fenomeno &osano in una concezione della musica non ancora d)autore ma
libera, &assibile di inter(enti successi(i, di comode stratificazioni, mentre lo sco&o era s&esso
la maggior di(ulgazione, la modalitD &ote(a essere sem&lice e fedele ma anc'e com&lessa e
ricreati(a
Nelle stesure cameristic'e di melodrammi, interi o a &arte, il termine era addirittura
sottinteso: dei (ari titoli di 9ossini, 8ercadante, 2ellini e cosE (ia, 9icordi &ubblica(a o&ere
&er &ianoforte, o &er > flauti, &er (iolino .&er physharmonica e &ianoforte/ e cosE (ia
Fuella &er (oci e &ianoforte, conce&ita sia &er esecuzioni cameristic'e c'e &er studio, si
c'iama(a &iuttosto riduzione
Sem&re a &ro&osito della trascrizione, dall)interessante articolo: Bach e la trascrizione di Claudio
3oscani (Amadeus, numero ! (!G?), gennaio >??H):
Nel trapiantare un brano da un mezzo fonico a un altro, diverso da quello per cui era stato
concepito, si manifesta la sete dei sommo Compositore di conoscere e assimilare ogni aspetto
della musica
&erch' si e$$ettua una trascrizione( )uali sono le ragioni per cui si trapianta una composizione
musicale da un mezzo $onico a un altro di*erso da +uello per cui era stata in origine concepita( ,
hanno +ualcosa in comune - poniamo - un antico contrafactum la trascrizione !achiana di un concerto
di -i*aldi la trascrizione pianistica di partiture sin$oniche e operistiche realizzata da Liszt( .i sono *ari
modi di e$$ettuare una trascrizione/ ma alle origini di +uella che 0 una prassi costante della nostra
tradizione musicale stanno $enomeni storici ricorrenti" .i possono essere ragioni commerciali: la
di$$usione di una grande opera teatrale o sin$onica 0 $acilitata da trascrizioni per piano$orte o per
piccoli organici strumentali che la rendono accessi!ile al mercato amatoriale" .i possono essere
ragioni didattiche: da sempre la trascrizione 0 uno dei metodi di studio pri*ilegiati dai compositori non
solo perch' essa costringe ad a$$rontare i pro!lemi di una speci$ica tecnica *ocale o strumentale e
dell%adattamento a un di*erso organico ma anche perch' 0 un ottimo mezzo per studiare la $orma il
piano delle modulazioni il la*oro tematico di una composizione" .i possono essere ragioni pratiche:
alle trascrizioni de*ono $orzatamente ricorrere i musicisti che suonano strumenti il cui repertorio 0
po*ero di composizioni originali" .%0 persino chi si applica alla trascrizione per 1migliorare2 l%originale:
0 +uanto $ecero in per$etta !uona $ede 3ozart
con i la*ori oratoriali di 45ndel 3ahler con le sin$onie di 6chumann 7ims8i9-:orsa8o* con la musica
di 3usorgs8i9"
La trascrizione in ogni caso oggi 0 colpita da un generalizzato discredito tanto che si 0 $inito per
disconoscere l%importanza storica del procedimento dandone una $alsa *alutazione" 6ono stati il
7omanticismo e lo storicismo idealista nell%;00 a pro*ocare il ri*olgimento: 0 da allora che nella
nostra cultura musicale si sono radicate le idee che l%autore licenzi le proprie creature in una *este
compiuta e immuta!ile e che il tim!ro sia un parametro sostanziale e insostitui!ile della creazione
originale" In +uest%ottica ogni trascrizione pu< solo apparire come un 1tradimento2 della *olont=
d%autore da guardare con sospetto anche +uando il la*oro del trascrittore non 0 puramente
meccanico ma si con$igura come una riela!orazione o una para$rasi dell%originale e comporta dun+ue
un *ero apporto creati*o" >na *alutazione negati*a 0 tanto pi? impropria nel caso di @ohann 6e!astian
Aach" #nche un%occhiata super$iciale al suo catalogo nel +uale i $rutti della trascrizione sono numerosi
e costantemente distri!uiti nel tempo s*ela che +uesta atti*it= non 0 n' occasionale n' collaterale: 0
al contrario uno degli aspetti pi? caratteristici nei +uali si mani$esta la sua sete inesauri!ile di
conoscere e assimilare ogni aspetto dell%arte e della scienza musicale"

$er %uanto riguarda l)uso della trascrizione a fini didattici, si &uI affermare c'e essa 7 sem&re stata
im&iegata &er la realizzazione di metodi, trattati, antologie, ecc: sia con finalitD essenzialmente
ricreati(e (ossia anc'e di sem&lice s(ago, &er gio(ani studenti ed amatori in genere, attra(erso
(arie sem&lificazioni e*o riduzioni), sia come efficace mezzo &er studiare e conoscere, ad es, lo
stile di determinati autori e*o generi musicaliC
+l discorso o((iamente si riferisce a tutti gli strumenti musicali, ma con s&ecifico riferimento alla
fisarmonica basti &ensare alle &ioneristic'e o&ere didattic'e J degli anni )K? e )H? J dei (ari 6riel,
<nzag'i, ecc &er rendersi conto dell)im&ortanza delle trascrizioni all)interno di metodi e o&ere
didattic'e in genere E %uesto non solo in +talia, ad es il celebre almer!"ughes Accordion Course
(<lfred 8usic, !"@>-!"#!, =S<) diffusissimo metodo americano, in !? (olumi, 7 basato
essenzialmente su trascrizioni (di canti*moti(i &o&olari e brani tradizionali classici)
Come scritto nel libro La fisarmonica italiana (6arfisa, !"#K-!"#H, <ncona) di 2 2occosi e <
$ancioni:
.C/ fino a %ualc'e decina di anni fa la fisarmonica restI, &raticamente, &ri(a di una &ro&ria letteratura
musicale atta ad esaltarne le note(oli risorse es&ressi(e, .C/ Sotto la s&inta dei migliori esecutori e
tal(olta delle stesse Case &roduttrici, molti musicisti si sono accostati allo strumento &er dedicarsi alla
&re&arazione di un serio e (alido materiale didattico come base indis&ensabile di ogni ulteriore
&rogresso artistico Successi(amente le trascrizioni e le riduzioni di brani di &ubblico dominio J a cui
la fisarmonica a(e(a necessariamente do(uto attingere &er lung'i anni J (ennero sostituite con ottime
com&osizioni originali e si creI man mano un re&ertorio scelto e nutrito
.C/ Grazie a %uesto re&ertorio la fisarmonica si &resenta finalmente nell)agone musicale con una
&atente di maturitD c'e la &one allo stesso li(ello degli altri strumenti &iL antic'i e tradizionali Gli
esecutori non debbono &iL ricorrere ad arrangiamenti di &artiture scritte e conce&ite &er il &ianoforte,
l)organo o addirittura l)orc'estra, oggi essi 'anno a dis&osizione .C/ un &ro&rio re&ertorio di
com&osizioni originali .C/ (asto ed artisticamente (alidissimo c'e 7 ser(ito, fra l)altro, a far cadere le
ultime barriere di ostilitD .C/
+l testo so&ra ri&ortato risente &robabilmente del clima, festoso e retros&etti(o, delle celebrazioni
(forse delle autocelebrazioniM) del Centenario della fisarmonica italiana: !N#K J !"#K, lodando
molto il re&ertorio originale (so&rattutto italiano) &er fisarmonica e mettendolo forse in inutile
contrasto con le trascrizioni 8entre, do&o a&&ena un %uindicennio e sem&re nel settore
fisarmonica, %ualcuno sente l)esigenza J anc'e grazie ai nuo(i modelli di fisarm a bassi sciolti J
di ri(alutare a do(ere le trascrizioni dal re&ertorio classico +nteressante a tal &ro&osito 7 il ca&itolo
3rascrizione e trascrittibilitD contenuto nel metodo di Elio 2osc'ello La nuova dinamica
fisarmonicistica (27rben, !"GN J <ncona):
+l nuo(o orientamento didattico e concertistico della fisarmonica im&one %uindi la necessitD di
ri(alutare il &atrimonio classico e, di conseguenza, tocca il &roblema della trascrizione &er
fisarmonica dello stesso .C/
Essendo la trascrizione &raticata correntemente dai maggiori ai &iL umili musicisti, anc'e tra i (i(enti,
era ine(itabile c'e contro di essa si scagliasse il dissenso &reconcetto di %uanti credono c'e il corso
della storia &ossa (enire modificato dalle loro o&inioni Ba &ratica della trascrizione 7 antica, risale
cio7 a %uando la musica &olifonica (eni(a trascritta &er liuto, o&&ure &er organo .C/ Ba usarono
musicisti di ogni e&oca e di ogni le(atura .C/ e, malgrado le o&inioni contrarie, ebbe grandissima
im&ortanza sullo s(ilu&&o e la cultura dell)arte musicale
Senza entrare nel (i(o degli as&etti artistici della trascrizione, c'e esulano dal nostro attuale cam&o di
interesse, dirI in sintesi c'e la trascrizione non 7 c'e l)adattamento di uno s&artito musicale
(originalmente scritto &er un determinato mezzo fonico) fatto &er uno strumento (o &er (ari strumenti)
c'e 'anno di(ersitD timbric'e e fonic'e da %uello &er cui 7 stato scritto Del resto ciI a((iene
continuamente nell)organo, i cui numerosi registri lasciati all)arbitrio dell)esecutore &ossono
modificare se non addirittura in(ertire l)esigenza timbrica e fonica di una com&osizione +l risultato
comun%ue non 7 c'e la ri&roduzione con un nuo(o mondo sonoro ed es&ressi(o di elementi musicali
scritti &er sonoritD di(erse <ddirittura si constata tal(olta come %ueste a&&arenti libertD, definite
audaci se non &rofanatrici da c'i 7 contrario alla trascrizione, &ortano ad una &iL &rofonda conoscenza
dello s&artito di %uelle music'e e, nello stesso tem&o, sono una forma su&eriore di di(ulgazione, di
ris&etto e di amore (erso tanti ca&ola(ori, i %uali, in ultima analisi, non sono &ro&rietD esclusi(a di
nessuno, ma &atrimonio &er l)arricc'imento &rofessionale, culturale e s&irituale di tutti
B)es&erienza e la storia ci insegnano c'e nessun concertista 'a &otuto sottrarsi al desiderio e
all)interiore esigenza di ri&rodurre con il suo strumento &artiture scritte &er strumenti e mezzi fonici
di(ersi, &erc'O ogni strumentista gusta &ienamente la musica, anc'e se scritta &er uno strumento
fonicamente o&&osto al suo, unicamente sullo strumento su cui &iL si 7 immedesimato, &erc'O a lui &iL
congegnale CiI s&iega &erc'O anc'e musicisti come 2ac', Biszt, 2usoni, Stra(ins:;, Casella, e
moltissimi altri (ai %uali non &ossiamo certo negare la ca&acitD creati(a di soddisfare ogni loro
esigenza musicale con le &ro&rie com&osizioni), siano largamente e fortunatamente ricorsi alla
trascrizione
Non (edo &erc'O il fisarmonicista non &ossa a(ere le stesse as&irazioni (moti(ate anc'e dalla necessitD
di arricc'ire la ancora scarsa letteratura del suo strumento) e non debbano essere incenti(ate e
colti(ate
#ella fisarmonica a$$iamo un mezzo sonoro sul %uale, senza snaturarlo, possono fluire tutte le
principali arterie della musica& Assurdo %uindi volerlo chiudere a %uesto flusso rigeneratore di cui
necessita nella sua naturale esigenza di sviluppo, alla %uale anche lapporto tecnico dei costruttori
deve ancora un largo %uanto atteso contri$uto&
Concludo fornendo un bre(issimo elenco di trascrittori e relati(e note(oli trascrizioni &er
fisarmonica c'e 'anno a(uto una grande diffusione e, in %ualc'e modo, 'anno fatto scuola:
< Galla-9ini: 'ine (leine #achtmusi( di P< 8ozart, )n americano a arigi di G Gers'5in,
ecc ecc
C 8agnante: *alague+a e Andalusia di Becuona, ecc
BQ <nzag'i: Concerto nello stile italiano, Toccata e fuga in re minore di AS 2ac', ecc
6 6ugazza: ,apsodia in $lu di G Gers'5in, Corale in strofe variate di G 6arina, ecc
P 2eltrami: Czardas di - 8onti, ecc
R Sasa:o(: canti popolari russi, ecc
G 8arcosignori: La fille aux cheveux de lin di C Debuss1, as%ualino e -inforosa di BBi(iabella
ecc
8 Ellegaard: -onate di D Scarlatti, ecc
S Di Gesualdo: Toccate di G 6rescobaldi, Larte della fuga di AS 2ac', ecc
$rof <lessandro 8ugnoz