Sei sulla pagina 1di 4

Appello di Meccanica Quantistica I

Facolt` a di Scienze, M.F.N., Universit` a degli Studi di Pisa,


12 giugno 2006 (A.A. 05/06)
(Tempo a disposizione: 3 ore. )
Problema 1
(1.1)
Un sistema di due spin
1
2
` e descritto dallHamiltoniana:
H = As
1
s
2
B (s
1
+s
2
), B = (0, 0, B). (1)
Determinare lo spettro (i livelli di energia e le autofunzioni).
(1.2)
Un sistema di tre spin
1
2
` e descritto dallHamiltoniana (B ` e come nel problema (1.1)):
H = (s
1
+s
2
) s
3
(s
1
s
2
+s
2
s
3
+s
3
s
1
) B (s
1
+s
2
+s
3
). (2)
(i) Quali, tra gli operatori composti da componenti di S s
1
+s
2
e da T s
1
+s
2
+s
3
,
commutano con H e tra loro (oppure, quali sono i buon numeri quantici)?
(ii) Determinare lo spettro (i livelli di energia, la degenerazione e le autofunzioni) come
funzione di , , B;
(iii) Discutere qual` e lo stato fondamentale, a seconda dei valori relativi di questi parame-
tri. Si assuma che B, , siano tutti positivi.
Problema 2.
Un oscillatore unidimensionale con frequenza angolare e con massa m, si trova allistante
t = 0 in uno stato descritto dalla funzione donda
(x, 0) =

ce
c|x|
, c > 0. (3)
(i) Determinare il valor medio degli operatori x
2
e p
2
nello stato (3).
(ii) Determinare il valor medio delloperatore x
2
, allistante t.
Usare lo schema di Heisenberg.
1
Soluzione
Problema 1.
(1.1)
H =
A
2
(S
2

3
2
) BS
z
, S = s
1
+s
2
. (4)
Gli autostati di H sono stati con (S, S
z
) deniti, |S, S
z
.
(i) |1, 1: E =
A
4
B;
(ii) |1, 0: E =
A
4
;
(iii) |1, 1: E =
A
4
+B;
(iv) |0, 0: E =
3A
4
.
(1.2)
(i)
H =

2
[ T
2
S
2

3
4
]

2
[T
2

9
4
] BT
z
. (5)
Perci ` o linsieme di operatori che commutano tra loro e con H ` e
S
2
, T
2
, T
z
. (6)
Per dimostrare che S
2
commuta sia con T
2
che con T
z
, basta osservare che
[S
2
, T
i
] = [S
2
, S
i
+s
3i
] = 0, i. (7)
(ii) Gli autostati sono etichettati da tre numeri quantici S, T, T
z
, con energia
H =

2
T (T +1)

2
S(S+1) BT
z

3
8
+
9
8
: (8)
(a) |1,
3
2
, m:
E =
15()
8
Bm =
715
8
Bm, m =
3
2
,
1
2
; (9)
(b) |1,
1
2
, m:
E =
3()
8
Bm =
53
8
Bm m =
1
2
; (10)
(c) |0,
1
2
, m:
E =
3()
8
Bm, m =
1
2
. (11)
(iii) Per vedere quale di questi stati ha lenergia pi` u bassa, basta considerare lo stato di m
massimo in ciascuno di (a), (b), (c), cio` e: la competizione ` e fra i tre stati
(A) |1,
3
2
,
3
2
, :
E
A
=
715
8

3B
2
; (12)
(B) |1,
1
2
,
1
2
:
E
B
=
53
8

B
2
; (13)
2
(C) |0,
1
2
,
1
2
:
E
C
=
3()
8

B
2
. (14)
Si vede subito che E
B
< E
C
sempre, perci` o lo stato C pu` o essere scartato subito.
Daltra parte,
E
A
E
B
=
3
2
() B. (15)
Dunque lo stato fondamentale ` e lo stato B, |1,
1
2
,
1
2
, se
>
2B
3
; (16)
invece lo stato fondamentale ` e lo stato A, |1,
3
2
,
3
2
, , se
<
2B
3
. (17)
Essi sono degeneri se =
2B
3
.
Questi risultati si possono capire se notiamo che nella (2) il termine di cerca di
massimizzare il valore di S a scapito di T, mentre il termine di cerca di allineare gli
spin al massimo (T al pi ` u grande possibile). La competizione di queste due tendenze
determina i risultati sopra menzionati.
2.
(i)
x
2
= 2c
Z

0
dxx
2
e
2cx
= 2c

2

2
Z

0
dxe
x
|
=2c
=
4c

3
=
1
2c
2
. (18)
Per calcolare il valor medio di p
2
, si pu` o procedere con il calcolo diretto, ma bisogna
stare attenti:
=

c[ (x)e
cx
+(x)e
cx
] (19)
p = i hc

c[(x)e
cx
+(x)e
cx
]; (20)
p
2
= ||p|| = h
2
c
3
2
Z

0
e
2cx
= c
2
h
2
. (21)
Oppure
p
2
= h
2
c

c

x
[(x)e
cx
+(x)e
cx
] (22)
= h
2
c

c[ c{(x)e
cx
+(x)e
cx
}2(x)] (23)
|p
2
| = h
2
c
2
+2 h
2
c
2
= h
2
c
2
. (24)
Oppure si potrebbe usare il fatto che la funzione donda ` e lautostato del sistema
H

=
p
2
2m
g(x), c =
mg
h
2
, E
0
=
mg
2
2 h
2
, (25)
per cui
|p
2
| = |2mH

+2mg(x)| =
m
2
g
2
h
2
+
2m
2
g
2
h
2
=
m
2
g
2
h
2
= h
2
c
2
. (26)
3
(ii) Andando allo schema di Heisenberg,
(t)|x
2
|(t) =
H
|x
2
H
(t)|
H
,
H
=
t=0
. (27)
Risolvendo le equazioni di Heisenberg,
x
H
(t) = x cost +
1
m
p sint, (28)
x
H
(t)
2
= x
2
cos
2
t +
1
m
2

2
p
2
sin
2
t +
1
m
cost sint (x p+ px), (29)
Lelemento di matrice
| x p+ px| = 0 (30)
si annulla poich e ` e reale (essendo il valor medio di un operatore Hermitiano) e allo
strsso tempo ` e puramente imaginario (p = i h

x
). Perci` o abbiamo che
(t)|x
2
|(t) = x
2
cos
2
t +
1
m
2

2
p
2
sin
2
t =
1
2c
2
cos
2
t +
h
2
c
2
m
2

2
sin
2
t.
(31)
Come funzione di t questo ha i minimi e massimi agli istanti
sin2t = 0, .
.
. t =
n
2
, (32)
i.e., a met` a dei periodi delloscillatore. Se
1
2c
2
<
h
2
c
2
m
2

2
, c > 2
1/4

m
h

1/2
(33)
(c grande, la distribuzione originale stretta), si hanno i massimi quando
t =
(2n+1)
2
, n = 0, 1, 2, . . . . (34)
Se invece
1
2c
2
>
h
2
c
2
m
2

2
, c < 2
1/4

m
h

1/2
(35)
(c piccolo, la distribuzione originale larga), si hanno i minimi a
t =
(2n+1)
2
, n = 0, 1, 2, . . . , (36)
i massimi a
t =
n

, n = 0, 1, 2, . . . , (37)
Per
c =
1
2
1/4

m
h

1/2
, (38)
(t)|x
2
|(t) ` e indipendente dal tempo.
4