Sei sulla pagina 1di 9

HR Evolution: Corso Nazionale in educazione ai diritti umani per la promozione, online e

offline, dei diritti umani in Italia


Luglio Novembre 2014
_________________________________________________
SCADENZA CANDIDATURE
La scadenza per la presentazione delle domande il
28 Giugno 2014

Introduzione
Il progetto del Dipartimento Giovent del Consiglio dEuropa sulleducazione ai diritti umani un contributo alla
missione dello stesso nel promuovere e proteggere I diritti umani. Il progetto ha lo scopo generale di consolidare e
supportare il ruolo delle organizzazioni non governative nellimplementazione della Carta sulleducazione alla
cittadinanza democratica e leducazione ai diritti umani del Consiglio dEuropa. Combinando lo sviluppo e la
disseminazione di strumenti, risorse sulleducazione ai diritti umani e acquisizioni di tali competenze da parte di
formatori, moltiplicatori, attivisti nel campo dei diritti umani, il CoE cerca di promuovere tale scopo.
Il programma specifico sui Corsi Nazionali in Educazione ai Diritti Umani ha lo scopo di supportare lo sviluppo
dellEducazione ai diritti umani attraverso le attivit svolte dallassociazionismo giovanile e lapprendimento non
formale.
A questo riguardo, dopo un lungo periodo di cooperazione tra FNG - Forum Nazionale Giovani e alte importanti realt
italiane che si occupano di Diritti Umani ed Educazione ai Diritti Umani si giunti alla conclusione di voler strutturare
un percorso comune collaborando alla creazione di un corso di formazione che potesse divulgare su tutto il territorio
nazionale contenuti su tali tematiche e quindi supportare la strategia del Consiglio dEuropa, visto che lItalia uno dei
paesi fondatori
1
.

Contesto
Come espresso nella sua missione FNG - Forum Nazionale Giovani, supporta la tematica dei Diritti Umani in Italia
promuovendo laccesso ai diritti da parte dei giovani con varie attivit tra le quali le formazioni per la diffusione
dell'Educazione ai Diritti Umani. Nel 2012 stato organizzato il primo corso di formazione per formatori ed operatori
del settore grazie al supporto del Consiglio d'Europa.
Negli ultimi due anni sono state avviate una serie di collaborazioni a livello nazionale con organismi nazionali ed
internazionali che parallelamente, da anni, lavorano sul tema. Lidea di organizzare corso di formazione nata da una
fortuita sinergia di esigenze di formazione, progettazione e networking, che ha visto e vede interagire diversi soggetti
attivi a livello nazionale o internazionale. Tale sinergia si ripercossa anche nella volont di tali soggetti di voler
proporre un approccio che sapesse connettere la promozione dei diritti umani con il contrasto alla discriminazione,
nella maniera pi speculare possibile: da ci lidea di non fermarsi al tema dei diritti umani ma di legare ad esso il
tema della discriminazione, che sar nel corso principalmente declinata nella difficolta di accedere ai diritti e in
termini di linguaggio dodio. Infine, lesigenza di raccogliere e raggiungere il pi ampio numero di persone possibile e

1
5 Maggio 1949





la volont di addentrarsi nel mondo del web e delle sue regole in merito alla gestione del tema diritti
umani/discriminazione, ha portato alla pianificazione di un corso sia residenziale che online. FNG, quindi ha deciso di
promuovere una partnership con varie organizzazioni per massimizzare il lavoro di promozione delleducazione ai diritti
umani sul territorio italiano.

In tal senso, sembrata ovvia la connessione con la campagna del Consiglio dEuropa (CoE) Young People Combating
Hate Speech Online e con il semestre italiano di Presidenza del Consiglio dell'Unione Europea (luglio-dicembre 2014).

Young People Combating Hate Speech Online
Ancora il Forum Nazionale Giovani, come gi sottolineato, parte integrante del Tavolo Inter istituzionale per la lotta
allodio e allintolleranza sul web. Tale posizione assume unimportanza fondamentale nella traduzione delle esigenze,
esperienze e competenze locali in termini di contrasto alla discriminazione e al linguaggio dodio, nonch di
realizzazione di buone pratiche di inclusione. Oltre alla spinta formale, si ritiene altres che la partecipazione attiva
del FNG alla promozione della campagna, a partire dallorganizzazione del corso di formazione in oggetto, risponda
perfettamente a quelle che sono le linee programmatiche 2012-2015, approvate dallAssemblea FNG il 10/06/2012:
1) Diritti dei giovani. I temi affrontati dal corso rispondono alla necessit di lavorare alla piena realizzazione dei diritti
dei giovani, puntando soprattutto sul riconoscimento dei propri diritti, individuali e relazionali, e sullindividuazione di
strumenti e metodi di contrasto alla discriminazione.
2) Riconoscimento, rafforzamento e sostenibilit delle organizzazioni giovanili. La partecipazione del FNG allo sviluppo
della campagna importante per il supporto alle Organizzazioni Giovanili a livello nazionale e locale. Lattivazione del
Forum in questo caso ulteriormente importante, poich uno dei principali soggetti incaricati a diffondere la
campagna.
3) Lavoro e politiche sociali. Il corso prevede alcune sessioni di tipo giuridico finalizzate a fornire conoscenze e
strumenti necessari a comprendere e ad affrontare il mondo del lavoro da parte dei giovani. Fornisce inoltre una
formazione specifica su quelle che possono essere le forme di discriminazione relative al mondo del lavoro, su come
riconoscerle e come contrastarle.
4) Cultura, educazione e formazione. Trattandosi di un corso online sui diritti umani questo progetto risponde a tre
obiettivi specifici: implementare la formazione utilizzando le metodologie formali e non - formali; offrire formazione
su un tema specifico, i diritti umani, che qualitativamente caratterizza leducazione non formale inserendosi nel pi
ampio contesto delleducazione ai diritti umani promossa da Consiglio DEuropa e dalla Commissione Europea;
sperimentare le modalit di lavoro e formazione online, nellottica di svilupparle successivamente come strumento
specifico di formazione ed educazione con le sue regole, i suoi strumenti, le sue potenzialit.
5) Integrazione, cooperazione e mobilit internazionale. Il corso promuove lintegrazione sociale come obiettivo
specifico e si pone in unottica cooperativa soprattutto per la volont di costruire un network effettivo di persone e
ONG attive sul territorio nazionale, puntando ad una collaborazione strategica tra livello locale, nazionale e
internazionale. Il training che si propone sar inoltre importante per definire e costruire specifiche strategie di
advocacy in relazione ai temi proposti, che saranno affiancate da percorsi di costruzione delle competenze in relazione
allimplementazione di tali temi allinterno di strutture come il FNG.

I temi che saranno trattati nel corso in educazione ai diritti umani si inseriscono nel pi ampio contesto valoriale e
politico definito da Unione Europea e Consiglio dEuropa, in merito alla produzione di politiche di uguaglianza, equit e





giustizia sociale, nonch di documenti normativi in grado di definire le modalit e lambito di applicazione dei diritti
della persona: a partire da documenti universali come la CEDU (CoE, 1950) e la Carta dei diritti fondamentali
dellUnione Europea (Nizza, 2000), fino ad arrivare a documenti pi specifici come ad esempio le Direttive 2000/43/CE
(uguaglianza razziale) e 2000/78/CE (uguaglianza in contesto lavorativa), la recentissima Raccomandazione del
Comitato dei Ministri agli Stati membri sulle misure volte a combattere la discriminazione fondata sullorientamento
sessuale o sullidentit di genere (marzo 2010) o la Convenzione del Consiglio dEuropa sulla prevenzione e la lotta
contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Istanbul - maggio 2011).
Anche lItalia si inserisce in tale frame normativo, in primis grazie ai principi affermati negli art. 2 e 3 della
Costituzione, ma anche grazie ai meccanismi di recepimento delle norme comunitarie che recentemente, ad esempio,
hanno portato lItalia a ratificare la Convenzione di Istanbul (settembre 2013).
Inoltre, nellambito della procedura di recepimento della Direttiva 2000/43/CE (D.lgs 215/2003), a livello nazionale
stato istituito un Ufficio per la promozione della parit di trattamento e la rimozione delle discriminazioni
fondate sulla razza o sull'origine etnica (UNAR). Tale Ufficio opera nell'ambito del Dipartimento per le Pari
Opportunit della Presidenza del Consiglio dei Ministri e ha la funzione di garantire, in piena autonomia di giudizio e
in condizioni di imparzialit, l'effettivit del principio di parit di trattamento fra le persone, di vigilare sull'operativit
degli strumenti di tutela vigenti contro le discriminazioni e di contribuire a rimuovere le discriminazioni fondate sulla
razza e l'origine etnica analizzando il diverso impatto che le stesse hanno sul genere e il loro rapporto con le altre
forme di razzismo di carattere culturale e religioso (cit in http://www.unar.it). Proprio per rispondere agli obiettivi
che si prefigge, lUnar caratterizzato da una struttura a grappolo che mira alla costruzione di una rete sussidiaria
verticale che copre i livelli istituzionali (Stato, regione, Province) e una orizzontale e mutualistica (Terzo Settore).
E proprio grazie allUnar che in Italia sono state attuati in Piani e Strategie dazione alcun dei documenti prodotti dalla
Commissione Europea e dal Consiglio dEuropa: il Piano nazionale dazione contro il razzismo, la xenophobia e
lintolleranza (Direttiva 2000/45/CE), la Strategia Nazionale per la prevenzione ed il contrasto delle discriminazioni
basate sull'orientamento sessuale e sull'identit di genere (Raccomandazione CM/Rec(2010)5), la Strategia
dinclusione dei rom, dei sinti e dei camminanti (Comunicazione Europea 175/2011).
Nellambito della campagna, stato lanciato anche quello che ha preso il nome di No Hate Speech Movement:
piattaforma online di sensibilizzazione sui temi legati ai vari tipi di discriminazioni e dichiarazioni dodio nel web, ma
soprattutto di condivisione, raccolta e monitoraggio di storie e atti di discriminazioni e dichiarazioni dodio che
avvengono online. Tale piattaforma web unisce una comunit internazionale di blogger e attivisti che grazie alle
proprie capacit e conoscenze stanno inondando il web di contenuti di contrasto alla discriminazione e di promozione
invece dei diritti, portando avanti un approccio che vuole tutelare e non ledere il diritto alla libera espressione di s.
Come avviene per le campagne promosse dal CoE, gli Stati Membri sono invitati ad avviare rispettive campagne nei
propri contesti nazionali e locali. La prima risposta dello Stato italiano a tale invito stata la costituzione (maggio
2013) del Tavolo Inter istituzionale per la lotta allodio e allintolleranza sul web da parte della Ministra delle Pari
Opportunit Josepha Idem. Il Tavolo, coordinato dal Dipartimento della Giovent e del Servizio Civile Nazionale, vede
la partecipazione di Amministrazioni quali il Ministero dell'Istruzione, il Ministero dell'Interno - Polizia Postale,
Dipartimenti ed Uffici della Presidenza del Consiglio dei Ministri (Famiglia, Pari Opportunit, Sport e Turismo), nonch
Istituzioni, quali l'Agenzia Nazionale Giovani e il Forum Nazionale dei Giovani.








Dialogo strutturato
Il Forum Nazionale dei Giovani sar attivamente coinvolto nell'ambito delle politiche giovanili al fianco del Governo e
tra le molte attivit previste vi sar il processo di Dialogo Strutturato.
Il dialogo strutturato, adottato ufficialmente dal 2006 con Risoluzione del Consiglio Europeo dei Ministri della Giovent,
uno strumento di comunicazione con le Istituzioni che permette ai giovani di essere parte attiva, creativa e
proponente e di far sentire la propria voce in sede di decisioni politiche locali, regionali, nazionali ed europee. Il
processo di dialogo strutturato si articola attraverso attivit di consultazione dei giovani sul territorio, iniziative di
confronto con le istituzioni e la conferenza giovanile europea che in Italia si svolger ad ottobre 2014 (per info sul
Dialogo strutturato: http://www.forumnazionalegiovani.it/dialogo-strutturato.html).
Il Forum Nazionale dei Giovani membro effettivo del Gruppo di Lavoro Nazionale per il Dialogo Strutturato, al fianco
del Dipartimento della Giovent della Presidenza del Consiglio dei Ministri e dellAgenzia Nazionale per i Giovani, e
avr il compito di promuovere le consultazioni su tutto il territorio nazionale. Tali consultazioni riguardano laccesso ai
diritti da parte dei giovani. E quindi in questo allargato contesto che la promozione delleducazione ai diritti umani
assume ancora pi importanza. Inoltre emerge il lavoro che il Consiglio dellUnione Europea e il Consiglio DEuropa
stanno attuando in materia di giovent e diritti fondamentale per guardare a risultati congiunti.
Le organizzazioni coinvolte
AEF - Accademia Europea di Firenze
AICEM - Associazione Italiana Cooperazione Europa Mondo
Arcigay Associazione LGBT Italiana
Croce Rossa Italiana - Comitato Regionale del Lazio
GIOSEF UNITO
HREYN - Human Rights Education Youth Network

Obiettivi
Il corso ha come scopo principale la promozione dei Diritti Umani grazie allazione dei giovani e il contrasto a tutte le
forme di discriminazione. Tale obiettivo generale verr perseguito sia attraverso attivit online che offline. Inoltre gli
obiettivi specifici sono:

Comprendere gli elementi di base legati ai Diritti Umani ed il ruolo che ha l'educazione ai Diritti Umani, in
particolar modo rivolta a giovani provenienti da diversi contesti sociali;





Sviluppare competenze specifiche e nuovi strumenti di lavoro (conoscenze, competenze ed attitudini) per
operatori che lavorano nel settore dell'educazione ai diritti umani attraverso l'educazione non formale (attivit
nelle scuole, connesse allassociazionismo ed al volontariato);
Venire a conoscenza delle priorit e dei documenti rilevanti (carte, dichiarazioni, convenzioni) delle principali
istituzioni internazionali collegate con i Diritti Umani e lo sviluppo di competenze in capo di advocacy a livello
locale e nazionale;
Sviluppare consapevolezza del proprio potenziale come moltiplicatori dell'educazione ai diritti umani in
particolar modo nel proprio contesto di appartenenza, promuovendo un approccio non discriminatorio tra i
giovani;
Farsi strada nelle diverse tematiche connesse ai Diritti Umani, cos come tra i fattori di discriminazione o
accesso ai diritti: razza, genere, et, orientamento sessuale, religione, disabilit, stile di vita, ecc.;
Contestualizzare le opportunit dei giovani a favore dell'accesso ai Diritti Umani (esempio diritto al lavoro);
Imparare a discutere e promuovere i Diritti Umani e l'abbattimento delle barriere per facilitare l'accesso ai
Diritti Umani attraverso strumenti telematici ed offline con specifico riferimento allimpiego dellEducazione
non Formale.
Promuovere la campagna NO HATE SPEECH del Consiglio d'Europa a livello locale e nazionale;
Partecipare al processo di dialogo strutturato durante il Semestre Italiano di Presidenza del Consiglio
dellUnione Europea sullaccesso ai diritti da parte dei giovani.
Rafforzare il network italiano delle organizzazioni e degli operatori coinvolti nell'educazione ai Diritti Umani
con i giovani, e creare specifiche sinergie tra realt con interessi diversi ma accomunate dal lavoro volontario
sul tema degli Human Right attraverso la strutturazione di proprie idee progettuali con lo scopo di sviluppare
attivit nei propri contesti locali;
Supportare il processo italiano di traduzione e diffusione della nuova versione del Compass 2012 (Manuale
sullEducazione ai diritti umani elaborato dal Consiglio dEuropa).

Metodologie
Il corso promuove l'educazione non formale e l'e-learning come metodologie principali, dando cos l'opportunit ai
partecipanti di prendere parte alle attivit ovunque si trovino (avendo tuttavia a disposizione una connessione
internet) e in ogni momento lo ritengano opportuno, in accordo con i propri impegni (considerando il programma del
corso e le scadenze intermedie).

Leducazione non formale ha le seguenti caratteristiche: volontaria, basata sullesperienza e lazione, a partire dai
bisogni dei partecipanti. Partecipativa: i partecipanti contribuiscono attivamente alla progettazione ed attuazione
delle attivit. Consapevole: i partecipanti sono consapevoli del proprio processo di apprendimento. Con un approccio
olistico e orientata ai processi educativi.

E-learning nella sua definizione pi semplice formazione a distanza. Metodologia di apprendimento nata
dall'utilizzo delle tecnologie del web, le-learning caratterizzata dalla sua modalit interattiva in cui il discente pu
gestire il proprio percorso sia in modo autonomo, che inserito in un gruppo, una comunit di apprendimento, che opera
a distanza.






Dal punto di vista tecnologico i partecipanti dovranno avere nozioni di base di ICT (Information and Communication
Technology), una connessione internet a disposizione almeno due volte a settimana per la fruizione delle lezioni e la
comunicazione con gli altri partecipanti e tutors.

Sar inoltre necessario avere un indirizzo di posta elettronica personale da utilizzare durante la registrazione e sulla
quale sar possibile ricevere notifica delle attiva della piattaforma. Tutte le attivit, anche quelle di discussione o di
lavoro di gruppo saranno tuttavia da svolgere esclusivamente sulla piattaforma online.

Struttura del corso
Per la partecipazione all'intero corso, comprendente sia la fase online che la residenziale, prevista una piccola quota
di partecipazione pari a 30,00 (trenta/00) che verr richiesta successivamente alla selezione ei partecipanti.
La formazione proposta considerata di lungo termine poich sar sviluppata nell'arco di circa 5 mesi, essendo la
tematica trattata complessa e necessitando di tempi di maturazione e comprensione di tutte le fasi.

Il corso sar dunque ripartito in 3 fasi:
Corso online (3-4 mesi) sviluppato attraverso l'utilizzo della piattaforma e-learning FNG (Forum Nazionale Giovani)
Corso residenziale (1 settimana)
Attivit di follow up (1 mese di supporto online successivo all'incontro residenziale)

Ogni modulo sar reso visibile ai partecipanti progressivamente e disponibile passo dopo passo. Trainer e tutor
supporteranno le attivit e lo svolgimento pedagogico del corso usando tutti gli strumenti a disposizione sulla
piattaforma e-learning (Forum, Chat, area Comunit). Tutti gli strumenti consentono lo svolgimento di discussioni tra
due o pi partecipanti.

Programma orientativo
1 MODULO:
1. Introduzione all' e-learning e presentazione della piattaforma DOKEOS. Sintesi sui benefici dell'e-learning e
pratica delle strumenti che verranno utilizzati durante il corso.
2. Presentazione del training. Ultima parte di questo modulo sar dedicata alla descrizione del corso. Obiettivi,
moduli e deadline principali saranno presentate ai partecipanti.
3. Conoscenza e team building. Al fine di creare una buona atmosfera tra i partecipanti, saranno proposte attivit
di conoscenza e icebreaker.
4. Aspettative: cosa mi aspetto, cosa posso offrire.

2 MODULO:
1. Introduzione generale dei Diritti Umani: Cosa sono i Diritti Umani; Evoluzione storica dei diritti umani; I doveri
correlati ai diritti umani; La Dichiarazione Universale dei diritti umani e le Convenzioni Internazionali di diritti
umani.





2. I meccanismi di promozione e protezione dei diritti umani: Il Sistema delle Nazioni Unite ed i Sistemi regionali
a livello di Europa, Africa, America e Asia.

3 MODULO:
1. Identit e discriminazione analisi di esperienze personali: per esempio razza/razzismo, sesso e
genere/sessismo e trans fobia, orientamento sessuale/omofobia (e ancora discriminazione sulla base dell'et,
disabilit, ecc....).
2. Intersezionalit
3. Da un approccio settoriale, alla discriminazione multipla, fino allapproccio dellintersezionalit: come le
politiche pubbliche reagiscono di fronte alla discriminazione.
4. La discriminazione negli spazi urbani: migrazione, trasformazione delle citt ospitanti e inclusione sociale.
5. Discriminazione positiva o azione affermativa: storia, normativa e casi.

4 MODULO:
1. Il Movimento No Hate Speech: analisi della campagna a livello europeo e nazionale; obiettivi futuri;
2. Advocacy and lobbying per i Diritti Umani e le politiche giovanili; Strategie e buone prassi; Caso di studio: Il
dialogo strutturato Europeo al di sotto del trio presidenziale del Consiglio Europeo di Italia Lettonia
Lussemburgo.
3. Studio di altri casi: azioni, movimenti, campagne di lotta alla discriminazione. Prima di definire una nuova
idea progettuale i partecipanti lavoreranno su gi esistenti buone pratiche, con lo scopo di analizzare e
condividere. Questo dar ai partecipanti l'opportunit di discutere circa punti di forza e debolezza di queste
pratiche e capire come adattarle nei loro contesti locali.

5 MODULO:
1. Preparazione corso residenziale. L'evento residenziale avr come focus l'Educazione ai Diritti Umani e lo
sviluppo di capacit in tale ambito, in particolar modo in relazione al rafforzamento del network italiano delle
organizzazioni e degli operatori coinvolti nell'educazione ai Diritti Umani con i giovani. Prima di coinvolgere i
partecipanti in una settimana intensa di attivit, i trainers forniranno loro le necessarie informazioni relative
alleducazione non formale (formale e informale) e alleducazione ai diritti umani; forniranno inoltre ai
partecipanti tutte le informazioni logistiche e relative alla pianificazione delle attivit per le restanti due fasi
del progetto (corso residenziale e attivit di follow up).
2. Proposte dei partecipanti: durante questo modulo i partecipanti prepareranno una descrizione generale delle
loro organizzazioni e un progetto specifico, con l'obiettivo di valutare le caratteristiche e il potenziale delle
loro organizzazioni e possibili partner.

6 MODULO:
1. Follow up: Questo modulo sar attivato dopo l'incontro residenziale. Esso potr essere utile ai partecipanti per
definire i loro progetti, condividere nuove idee, supportare tecnicamente le organizzazioni.






Corso Residenziale
Il corso residenziale si terra durante il mese di Novembre 2014 ed avr lo scopo di approfondire il lavoro portato avanti
durante la fase di apprendimento on line. Verr inoltre data l'opportunit ai partecipanti di confrontarsi e di
sperimentarsi nella comprensione e organizzazione di attivit di educazione ai diritti umani. Le ultime sessione del
corso residenziale avranno infine lo scopo di fornire ai partecipanti lo spazio e il tempo per organizzare il follow up
delle attivit. Elementi fondamentali per la pianificazione delle attivit future, saranno la volont di lavorare in rete e
di moltiplicare lesperienza acquisita nei propri contesti locali.

Partecipanti
I partecipanti dovranno:
Essere parte di organizzazioni locali o nazionali
Avere tra i 18 e i 35 anni
Avere esperienza, anche se minima, nell'ambito dei Diritti Umani e comprenderne i concetti correlati
Avere un'idea progettuale da sviluppare nell'ambito dei Diritti Umani
Essere interessati al tema dei Diritti Umani e della discriminazione online
Essere disponibile a partecipare attivamente durante tutte le attivit del corso
Essere disponibile a partecipare sia alla fase online sia al corso residenziale (entrambe i momenti formativi
saranno fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi finali del training)
Essere capaci di lavorare al computer ed avere connessione internet almeno due volte a settimana
Avere la possibilit di agire come moltiplicatori allinterno del proprio contesto di provenienza
Avere unidea progettuale da promuovere

Staff
Il corso verr gestito da un team di formatori esperti attivi allinterno del Pool di Formatori del Forum Nazionale dei
Giovani e formatori proveniente delle organizzazioni partner.

Coordinatrice progetto Ilaria Esposito
Coordinatrice attivit di formazione Alessia Sebillo
Formatori corso online: Marta Gianello Guida, Sara Massini, Emilia Astore, Gian Piero Carlo Milani
Formatori a supporto tematico: Nadia Matarazzo, Gabriella Patriziano
Tutor e educational Advisor: Silvia Volpi

Procedura di selezione
Tutti i candidati devono inviare la propria domanda di candidatura utilizzando la piattaforma:
http://database.forumnazionalegiovani.it/events







Oltre al modulo presente nel database affinch la candidatura venga considerata valida dovr essere allegato:
Video di presentazione (2-3 minuti) in cui illustrare la propria motivazione personale e sociale alla
partecipazione.
Lettera di supporto della propria organizzazione, associazione o istituzione di appartenenza che metta in
evidenza il valore aggiunto, per l'organizzazione, derivante dalla partecipazione del candidato al corso.

Video e lettera di supporto dovranno essere caricati nel database oppure allegati alla domanda di partecipazione
sfruttando piattaforme online di condivisione dei documenti ed inserendo nella domanda il link generato. (Es.
wetransfer.com, dropbox, youtube, vimeo)

Verranno selezionati 30 partecipanti sulla base del profilo sopra descritto in modo da garantire un gruppo equilibrato
in termini di provenienza geografica, genere, esperienze ed organizzazioni di provenienza. Eventualmente verr
stabilita una lista di attesa. I candidati saranno informati sul processo di selezione entro il 4 Luglio 2014.
I soli candidati ammessi riceveranno info pack comprensivo di concept note del corso, informazione tecniche per
l'iscrizione e la fruizione della piattaforma online.

Per qualunque comunicazione, chiarimenti, informazioni aggiuntive scrivere a:
dirittiumani@forumnazionalegiovani.it

Certificazione
A conclusione del percorso formativo verr rilasciato un attestato di partecipazione al corso, dal Forum Nazionale
Giovani con il supporto del Consiglio d'Europa. Il percorso verr considerato completo solo a seguito di una
partecipazione complessiva pari all80 % del corso online e alla partecipazione della sessione residenziale.