Sei sulla pagina 1di 9

ANTIPASTO: CROSTINI CON RICOTTA E

MARMELLATA DI PEPERONCINI

I crostini con ricotta e marmellata di peperoncini, sono un antipasto
stuzzicante e moltoparticolare, che potrebbero piacere anche a chi di
solito non mangia piccante, proprio per lariuscita combinazione
delpeperoncino trasformato in dolce marmellata e laricottache ne
attutisce la piccantezza senza toglierne il sapore. I crostini sono
preparati con due tipi di ricotta : unafresca e laltra stagionata e
affumicata
davvero da provare!

Ingredienti (per 4 persone)
-Pane (16 fettine di baguette)
-Ricotta fresca (8 cucchiaini)
-Ricotta stagionata affumicata a scaglie (8 cucchiaini)
-Marmellata di peperoncini piccanti (16 cucchiaini)

Preparazione
Tagliate16 fettine di pane da unabaguette, e tostatele, poi cospargete
ogni fetta con dellamarmellata di peperoncini piccanti (vedi ricetta
cliccando sul nome) e adagiate sopra 8 fette della ricotta fresca
precedentemente sbriciolata, mentre sui rimanenti 8 crostini
disporrete delle scaglie di ricotta stagionata affumicata. Ponete su
ogni piatto da portata 2 crostini con ricotta fresca e 2 con ricotta
stagionata.

PRIMO PIATO: SPAGHETTI ALLA PUTTANESCA

Gli spaghetti alla puttanesca, sono un primo piatto molto apprezzato
e richiesto dai turisti che si trovano a gustare i sapori della cucina
italiana; vengono preparati com pomodoro, acciughe, capperi, olive
nere, peperoncino e prezzemolo. Sull origine del colorito nome di
questi spaghetti, varie sono le teorie e le leggende che si raccontano,
le piu delle quali ci riconducono alle case di appuntamento dove, per
attirare gli avventori, venivano cucinati questi veloci e saporiti
spaghetti. Le regioni dove gli spaghetti alla puttanesca vengono
tipicamente preparati sono Lazio e Campania.

Ingredienti (per 4 persone)
-Acciughe sotto sale (4)
-Aglio (1-2 spicchi)
-Capperi sotto sale (1 cucchiaio)
-Olio extravergine di oliva (5 cucchiai)
-Olive nere denocciolate (100 gr)
-Pasta spaghetti (400 gr)
-Peperoncino fresco (a piacere)
-Pomodori maturi e sodi (500 gr)
-Prezzemolo tritato (2 cucchiai)
-Sale (q.b.)

Preparazione
Praticate un'incisione a croce sui pomodori ben puliti e scottateli in
acqua bollente per un minuto; prelevateli e teneteli da parte. Tagliate
le olive denocciolate a rondelle e il peperoncino fresco, privato dei
semi, a pezzettini, dissalate sotto lacqua corrente le acciughe e i
capperi, poi asciugateli bene; tritate grossolanamente le acciughe e
schiacciate l'aglio; uniteli con il peperoncino e rosolate il tutto in una
capiente padella antiaderente con l'olio; spellate i pomodori e
privateli dei semi, metteteli a scolare qualche minuti in un colino;
tritate grossolanamente anche i capperi e uniteli insieme alle olive
nella padella, fate saltare questi ingredienti per qualche minuto,
poi aggiungete i pomodori tagliati a dadini e lasciate cuocere per
circa 10-15 minuti a fuoco dolce; trascorso il tempo necessario,
aggiustate di sale e aggiungete 1 cucchiaio di prezzemolo tritato.
Nel frattempo lessate gli spaghetti in abbondante acqua salata, e
quando saranno al dente, scolateli e buttateli nella padella contenente
il sugo alla puttanesca; fateli saltare qualche secondo e poi servite
immediatamente sui piatti di portata cospargendo con il rimanente
prezzemolo tritato.














SECONDO PIATO: SOGLIOLA BURRO E SALVIA

La sogliola burro e salvia e un secondo piatto saporito e molto
semplice da realizzare.La sogliola burro e salvia viene preparata
facendo cuocere il pesce in padella con del burro fuso e qualche
foglia di salvia. Questa ricetta e largamente utilizzata anche perche si
presta bene ad esaltare, con pochi e semplici ingredienti, tutta la
bonta delle carni bianche e tenere della sogliola.

Ingredienti (per 4 persone)
-Burro (150 gr)
-Farina (q.b. per infarinare)
-Pepe a mulinello (a piacere)
-Sale (q.b.)
-Salvia (12 foglie)
-Sogliola (4 medie da circa 200 gr l'una)

Preparazione
Per preparare la sogliola burro e salvia iniziate dalla pulizia dele
sogliole: pulite, spellate e lavate le sogliole, poi fatele sgocciolare a
asciugatele delicatamente sogliola. Infarinate per bene le sogliole da
entrambi i lati e mettetele su un piatto. In una padella antiaderente
fate sciogliere il burro a fuoco dolce e aggiungete le foglie di salvia,
quindi adagiatevi le sogliole e fatele dorare per 3-4 minuti su
entrambi i lati, facendo attenzione a non romperle quando le girate
nella padella (se non avete una padella sufficientemente grande per
cuocere 4 sogliole contemporaneamente, consigliamo di farlo in due
tempi). Se vi accorgete che le foglie di salvia si colorano troppo
durante la cottura, tendendo ad assumere una colorazione brunastra,
toglietele dal fuoco e tenetele da parte: vi serviranno per guarnire il
pesce alla fine dela preparazione. A cottura avvenuta aggiustate di
sale e, se piace, aggiungete del pepe macinato, quindi ponete le
sogliole su um piatto da portata e guarnitele con le foglie di salvia e il
burro fuso. La sogliola burro e salvia e pronta, servitela e gustatela al
momento.

Consiglio
Per evitare che il burro bruci facilmente durante la cottura, potete
"chiarificarlo": fate sciogliere il burro in un pentolino a fuoco dolce e
poi, appena cominceranno a formarsi delle bollicine e una patina in
superficie, toglieteli con una schiumarola o um cucchiaio. A questo
punto il burro e chiarificato e potete utilizzarlo per cuocere le
sogliole.














CONTORNO: VELLUTATA DI CAROTE ALLA
CANNELLA

La vellutata di carote alla cannella e una crema dal sapore
dolce e delicato , preparata con carote, patate, scalogni e
insaporita dalla cannella. Si tratta di un primo piatto molto
leggero adatto a tutte le stagioni e puo essere preparato
anche eliminando totalmente il burro.
Per guarnire la vellutata di carote alla cannella si utilizzano
degli scalogni tritati e caramellizzati in padella con un
cucchiaino di zucchero e un trito di erba cipollina ma si puo
anche servire decorata con della panna fresca.

Ingredienti (per 4 persone)
-Alloro (3-4 foglie)
-Burro (20 gr)
-Cannella in polvere (1 cucchiaino)
-Carote (500 gr)
-Patate (250 gr)
-Pepe (q.b.)
-Sale (q.b.)
-Scalogno (4 di medie dimensioni)
-Timo (3 rametti)
-Burro (20 gr)
-Erba cipollina (q.b.)
-Scalogno (2 di medie dimensioni)
-Zucchero (1 cucchiaino)

Preparazione
Lavate, sbucciate e tagliate a pezzettoni le patate, le carote e i 4
scalogni e metteteli a cuocere in un litro di acqua bollente salata.
Aggiungete lalloro e il timo raccolti in un mazzetto e la cannella e
cuocete a fuoco dolce per 30 minuti circa. Togliete il mazzetto di
erbe aromatiche, passate le verdure al minipimer (o frullatore) fino a
che la vellutata non avra raggiunto una consistenza cremosa e
aggiustate di sale e pepe. Riscaldate la crema a fuoco dolce
aggiungendo 20 gr di burro. Nel frattempo per guarnire sciogliete 20
gr di burro in una padella antiaderente e soffriggete i due scalogni
rimasti finemente sminuzzati. Aggiungete lo zucchero e cuocete
finche gli scalogni non si saranno leggermente caramellizzati.
Versate la vellutata di carote e scalogno con cannella nelle ciotoline e
decorate con gli scalogni caramellizzati e dellerba cipollina tritata.

Consiglio
Per una vellutata veramente light potete eliminare il burro dalla
preparazione.










DESSERT: ANANAS ALLA PIASTRA CON MIELE E
CANNELLA

L'ananas alla piastra con miele e cannella e un modo davvero
alternativo, originale ed esotico per assaporare la frutta a fine pasto.
L'ananas alla piastra con miele e cannella e di smplice realizzazione,
ma cosi preparato questo frutto esotico si trasforma in una pietanza
molto raffinata. Linconsueta preparazione alla piastra, stupira
piacevolmente i vostri ospiti, che assaporeranno questo succoso
anans servito caldo e speziato; attenzione, potrebbero chiedervi il
bis!

Ingredienti (per 4 persone)
-Ananas (4 grosse fette)
-Miele (4 cucchiaini)
-Cannella (in polvere q.b.)
-Zucchero (di canna 4 cucchiaini)
-Menta (fresca per guarnire qualche fogliolina)

Preparazione
Per preparare l'ananas alla piastra con miele e cannella iniziate
pulendo l'ananas e tagliandolo a rondelle alte circa 2 cm, state attenti a
togliere tutti gli occhi scuri dalla polpa ed eliminate il torsolo centrale.
Adagiate quindi le fette su una piastra ben calda; rigiratele almeno
due volte per parte, lasciandole sul fuoco per almeno 10-12 minuti.
Quando si saranno abbrustolite il tempo necessario, toglietele dalla
piastra e adagiatele su di un piatto da portata,mettendo su ognuna di
esse un cucchiaino di zucchero di canna, poi uno di miele ed infine un
leggero velo di cannella. Servite l'ananas alla piastra con miele e
cannella ben caldo!





Curiosita
Lananas, frutto originario del Brasile, era presente nei tropici
americani quando Cristoforo Colombo li visito e veniva chiamato
anana dai nativi che lo coltivavano, pigna delle indie dagli
esploratori spagnoli e pigna reale dagli europei. I consigli di Sonia:
Se non possedete una piastra, potete utilizzare una padella
antiaderente, che svolgera la stessa funzione. Volendo, potete
guarnire il piatto da portata con alcune foglioline di menta fresca.