Sei sulla pagina 1di 3

CONTRATTO DI ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE

Add ............., in ..................... si redatta la presente scrittura privata da valere e tenere a tutti gli effetti di legge tra
le parti sottoidentificate:
Tra il/la Sig. .. nato/a il a .. e residente a .. via
.. n. cod. fisc. .. cittadino/a italiano/a, nella sua qualit di legale rappresentante della
ditta . Corrente in .. via . Partita Iva dora in poi lassociante

Ed il/la Sig. .. nato/a . il . a e residente in
.. via . Cod. fisc. .. / p. iva .. cittadino/a
italiano/a, dora in poi lassociato

Con il presente atto si consensualmente e volontariamente convenuto e stipulato quanto segue in ordine alla
costituzione di unassociazione in partecipazione fra i medesimi avente efficacia nellattivit della ditta
sunnominata. A comprova della piena cognizione della materia trattata le parti allegano al presente atto copia degli
artt. 2549-2554 c.c., che regolano lassociazione in partecipazione e che dichiarano di aver attentamente letto e
valutato durante le trattative che hanno portato alla sottoscrizione del presente patto.

Oggetto dellassociazione in partecipazione
A far data dal ..lassociato prester la propria opera nello svolgimento dellattivit di .. .
Tale attivit costituir ad ogni effetto lapporto in qualit di associato ai sensi dellart. 2549 c.c.
Detta partecipazione si riferisce allimpresa nel suo complesso e si intende posta in essere a tempo indeterminato.

Modalit di svolgimento dellattivit
Al riguardo le parti stabiliscono e pattuiscono che tale apporto non potr mai avere, n assumere, forma o sostanza
di lavoro subordinato, non avendo lassociato alcun obbligo di orario e presenza, n dovendo soggiacere ad alcuna
subordinazione gerarchica, funzionale o tecnica.

Lassociante mantiene pienamente i poteri di gestione dellimpresa, rimanendo lunico ed esclusivo titolare della
stessa. Da ci deriva che egli esclusivo responsabile verso i terzi circa quanto consegue dalla conduzione
dellimpresa medesima.

Egli risulta, comunque, sfornito di ogni e qualsiasi potere disciplinare, di comando e di controllo nei confronti
dellassociato. Questultimo operer usufruendo della pi ampia autonomia ed autoregolamentazione della propria
attivit.

Partecipazione agli utili e alle perdite
Lassociato ha diritto di percepire una quota parte dellutile di esercizio conseguito annualmente dallimpresa
[specificare se si tratta di utili, anteimposte, da bilancio civilistico o fiscale]. Detta quota viene stabilita nella
percentuale del .. % (dicesi .. per cento) e la stessa verr liquidata, con riguardo allanno solare
precedente, entro e non oltre il 30 giugno dellanno successivo e dopo che lassociato avr approvato il rendiconto
annuale come sotto specificato. Ai sensi dellart. 2553 c.c. si conviene che lassociato viene esonerato dalla
partecipazione alle eventuali perdite di esercizio [che lassociato parteciper alle eventuali perdite desercizio
entro un lilmite massimo di Euro 2.582,28 ]. Lassociato riconosce che non potr avanzare alcuna pretesa in ordine
ad una qualsiasi garanzia di guadagno minimo, in quanto il compenso riguardante il suo apporto trova la sua
regolamentazione unicamente in quanto convenuto con il presente contratto. Lassociato non potr, inoltre, vantare
alcun diritto sugli incrementi patrimoniali indipendenti dallesercizio dellimpresa. Durante lanno solare potranno
esser corrisposti acconti, su richiesta dellassociato, in numero massimo di quattro e sempre che non eccedano
ciascuno la misura di 1/6 della quota di utile liquidata allinteressato nellanno precedente. Per il primo anno si
stabilisce che, qualora linteressato ne richieda lerogazione, i quattro acconti, saranno pari a Euro . ognuno, al
lordo delle ritenute fiscali. Rimane, comunque, inteso che detti acconti dovranno venir restituiti, in tutto o in parte,
entro 30 giorni dalla data sopra individuata per la liquidazione della partecipazione spettante allassociato, in
relazione al risultato finale desercizio, nel caso in cui essi superassero quanto di competenza dellassociato
medesimo, a seguito della predetta determinazione contabile.

Diritto alle informazioni sulla gestione e al rendiconto annuale
Lassociato avr diritto ad essere informato, durante lanno solare, dietro sua esplicita richiesta, sullandamento della
gestione aziendale. In relazione a tale diritto, lassociato potr controllare in ogni momento landamento della
azienda per quanto di competenza della presente scrittura, mediante accesso nei locali della stessa, ispezione della
contabilit e dei documenti relativi alla gestione e quantaltro egli ritenga necessario. Il predetto controllo non potr
comunque essere svolto in modo tale da intralciare il normale esercizio della gestione dellazienda e potr anche
essere delegato a professionista di fiducia dellassociato, purch risulti vincolato al segreto professionale secondo la
disciplina in essere circa lesercizio della propria attivit professionale. Si intende che la contabilit aziendale dovr
esser tenuta con losservanza delle regole di buona norma contabile e secondo gli usi di commercio. Al termine di
ogni anno solare verr redatto dallassociante apposito rendiconto, come previsto dallart. 2552 c.c., in base al quale,
tenuto conto di quanto sopra pattuito, si proceder alla liquidazione della quota-parte dellutile di pertinenza
dellassociato stesso [o alladdebito della perdita di esercizio nei limiti convenuti].
Prima di procedere in tal senso, peraltro, lassociato avr a disposizione dieci giorni di calendario per presentare
eventuali eccezioni o opposizioni, che dovranno assumere forma scritta, circa il contenuto e/o la forma del predetto
rendiconto. Trascorso inutilmente tale termine esso si dar per approvato e si potr dar luogo alla prevista
liquidazione. In caso di contrasto sul punto le parti si accordano gi fin dora nel senso di applicare le norme
civilistiche di redazione del bilancio ed i principi contabili correnti.

Divieti
Lassociante non potr attribuire partecipazioni ad altre persone senza il consenso scritto dellassociato. Resta,
parimenti, inteso che lassociante non potr modificare loggetto dellimpresa per tutta la durata del contratto se non
con lesplicito consenso scritto dellassociato.

Scioglimento del contratto
Linosservanza da parte di uno dei contraenti anche di una sola delle clausole del presente contratto comporter
automaticamente la risoluzione del contratto stesso, salvo il diritto dellaltra parte al relativo risarcimento.

Al di fuori di quanto sopra e dellipotesi di impossibilit sopravvenuta della prestazione, o, infine, della comune
volont delle parti di recedere dalle rispettive obbligazioni, sar dovuto, in caso di scioglimento del contratto, un
preavviso di mesi tre.

Norma transitoria
Poich il presente contratto ha decorrenza dal sintende che, per lanno solare 200_, la percentuale di utile
di cui s detto verr applicata ai relativi dodicesimi dellutile complessivo dellanno stesso. Parimenti i previsti
acconti sui futuri utili non potranno essere erogati in numero superiore a ..

Norme fiscali e di rinvio
Ai fini fiscali le parti dichiarano che il presente contratto di associazione in partecipazione non prevede apporto di
capitali, ma esclusivamente di lavoro di natura autonoma.
Per ci che non espressamente regolamentato dal presente atto si fa rinvio a quanto previsto dalle normative
vigenti in materia di associazione in partecipazione.

Arbitrato
Qualsiasi controversia concernente il presente contratto o collegata allo stesso comprese quelle relative alla sua
interpretazione, validit, esecuzione e risoluzione sar sottoposta ad arbitrato rituale secondo equit da tre arbitri
nominati in conformit al Regolamento della Camera Arbitrale del ..........., che le parti dichiarano di conoscere ed
accettare interamente.

Letto, approvato e sottoscritto

Lassociante Lassociato




ARTICOLI ESTRATTI DAL CODICE CIVILE REGOLANTI
LASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE

2549. Nozione. Con il contratto di associazione in partecipazione lassociante attribuisce allassociato una
partecipazione agli utili della sua impresa o di uno o pi affari verso il corrispettivo di un determinato apporto.

2550. Pluralit di associazioni. Salvo patto contrario, lassociante non pu attribuire partecipazioni per la stessa
impresa o per lo stesso affare ad altre persone senza il consenso dei precedenti associati.

2551. Diritti ed obbligazioni dei terzi. I terzi acquistano diritti e assumono obbligazioni soltanto verso lassociante.

2552. Diritti dellassociante e dellassociato. La gestione dellimpresa o dellaffare spetta allassociante. Il contratto
pu determinare quale controllo possa esercitare lassociato sullimpresa o sullo svolgimento dellaffare per cui
lassociazione stata contratta. In ogni caso lassociato ha diritto al rendiconto dellaffare compiuto, o a quello
annuale della gestione se questa si protrae per pi di un anno.

2553. Divisione degli utili e delle perdite. Salvo patto contrario, lassociato partecipa alle perdite nella stessa misura
in cui partecipa agli utili, ma le perdite che colpiscono lassociato non possono superare il valore del suo apporto.

2554. Partecipazione agli utili e alle perdite. Le disposizioni degli articoli 2551 e 2552 si applicano anche al
contratto di cointeressenza agli utili di unimpresa senza partecipazione alle perdite, e al contratto con il quale un
contraente attribuisce la partecipazione agli utili e alle perdite della sua impresa, senza il corrispettivo di un
determinato apporto. Per la partecipazione agli utili attribuite ai prestatori di lavoro resta salva la disposizione
dellart. 2102.

Per attestazione di piena conoscenza ed approvazione.



Lassociante Lassociato

______________________ _____________________