Sei sulla pagina 1di 150

Giovanni Lilliu

I NURAGHI
Torri preistoriche di Sardegna
prefazionedi Alberto Moravetti
BIBLIOTHECA SARDA GRANDI OPERE
I NURAGHI
Torri preistoriche di Sardegna
prefazione di Alberto Moravetti
GIOVANNI LILLIU
Indice
7 Prefazione
25 Nota biografica
28 Nota bibliografica
47 Avvertenze redazionali
I NURAGHI
Torri preistoriche di Sardegna
53 Premessa
57 I nuraghi
97 Bibliografia
107 CATALOGO
231 TAVOLE
INDICI
383 Indice delle figure
384 Indice delle tavole
389 Indice dei nomi e dei luoghi
Riedizione dellopera:
I nuraghi. Torri preistoriche di Sardegna, Cagliari, La Zattera, 1962.
Copyright 2005
ILISSO EDIZIONI - Nuoro
www.ilisso.it - e-mail ilisso@ilisso.it
ISBN 88-89188-53-7
7
Prefazione
Nel volgere di pochi anni dal 1962 al 1966 Giovanni Lilliu dava alle
stampe tre opere fondamentali sulla preistoria e protostoria della Sardegna, quasi
un bilancio ed una riflessione sul lungo e faticoso cammino di studi e di ricerche
compiuto dallautore a partire dalla seconda met degli anni Quaranta.
1
Al volu-
me I nuraghi. Torri preistoriche di Sardegna,
2
che ora si ristampa per le edizioni
Ilisso, seguivano La civilt dei Sardi dal Neolitico allet dei nuraghi
3
e, a breve di-
stanza, Sculture della Sardegna nuragica.
4
Nella Civilt dei Sardi, considerato a ragione un classico della letteratura ar-
cheologica di ogni tempo, lo studioso delineava con mano felice un affresco va-
sto e vigoroso delle pi remote vicende dellisola, componendo in una visione orga-
nica e sistematica tutti i dati fino ad allora acquisiti.
Nelle Sculture, invece, veniva pubblicato per la prima volta il corpus di tutti
i bronzetti conosciuti, sia quelli esposti nei musei sardi sia quelli presenti nel-
la penisola o disseminati in collezioni straniere. In questo volume, per certi ver-
si analogo nellimpostazione a I nuraghi (saggio introduttivo e schede), Lilliu
esaminava gli aspetti formali (iconografici e stilistici), la cronologia, i confronti
extrainsulari, le implicazioni socio-economiche e religiose che tali statuine in
bronzo sottendono.
In I nuraghi. Torri preistoriche di Sardegna affrontava un tema a lui molto ca-
ro e sul quale aveva gi scritto pagine significative: Sia per linteresse e limpor-
tanza scientifica e culturale in genere dellargomento, sia per far conoscere al
pubblico i risultati delle pi recenti ricerche e studi sul caratteristico monumen-
to e offriva cos un riassunto delle principali questioni che si pongono, oggi
come e pi di prima, a chi si volge con impegno allindagine sui nuraghi.
5
1. Il primo testo a stampa prodotto dallo studioso risale al 1936: G. Lilliu, Scoperta di una tom-
ba in localit Bau Marcusa ed altre tracce archeologiche in Barumini (Cagliari), in Studi Sardi,
III (1936), 1937, p. 147 ss.
2. G. Lilliu, I nuraghi. Torri preistoriche di Sardegna, Cagliari, La Zattera, 1962.
3. G. Lilliu, La civilt dei Sardi dal Neolitico allet dei nuraghi, Torino, ERI, 1963, 354 pagine, 52
tavole e 73 disegni: seguiranno le edizioni aggiornate del 1967 (403 pagine, 52 tavole e 73 dise-
gni) e del 1988 (G. Lilliu, La civilt dei Sardi dal Paleolitico allet dei nuraghi, Torino, Nuova
ERI, 1988, 669 pagine, 121 foto e 213 disegni).
Una ristampa delledizione del 1988 stata pubblicata da Il Maestrale-Rai ERI, Nuoro, 2003, con
prefazione di A. Moravetti.
4. G. Lilliu, Sculture della Sardegna nuragica, Cagliari, La Zattera, 1966.
5. Cfr. qui p. 53.
dallinsegnamento e costretto a lasciare lItalia per gli Stati Uniti ove insegner al-
lUniversit di Princeton fino alla conclusione del conflitto mondiale.
A Doro Levi si deve, fra laltro, lo scavo del villaggio nuragico di Serra Orrios
di Dorgali, nel quale, per la prima volta, vengono individuate due strutture ret-
tangolari interpretate come tempietti a megaron.
Alla partenza di Doro Levi seguir un periodo di rallentamento nellattivit ar-
cheologica dellisola, una sorta di sbandamento determinato in parte dagli anni dif-
ficili che precedono la guerra e gli stessi eventi bellici, ma soprattutto come spie-
gher Lilliu dovuto alla danza degli instabili archeologi continentali, al carosello
dei soprintendenti reggenti, alla episodicit degli scavi: i reperti rimpiangevano la
terra che li aveva custoditi mancando ad essi lalito vivificatore della scienza.
9
Nellarco di pochi anni si avvicendarono infatti alla direzione della Soprin-
tendenza alle Antichit della Sardegna Paolo Mingazzini (1939), Salvatore Pu-
glisi (1940), lo storico dellarte Raffaello Delogu (1940), Massimo Pallottino
(1941-42) ed ancora Delogu (1943-49).
Ed proprio in questi anni che Giovanni Lilliu si avvia a raccogliere la dif-
ficile eredit del Taramelli, dal quale tuttavia si stacca fra laltro per una pi
rigorosa applicazione del metodo stratigrafico e per una pi ampia ed innovati-
va visione delle dinamiche culturali.
Nato a Barumini il 13 marzo del 1914, Giovanni Lilliu ha compiuto gli
studi liceali nel Collegio salesiano Villa Sora di Frascati, si poi iscritto alla
Facolt di Lettere e Filosofia dellUniversit di Roma ove si laureato in Lettere
Classiche con Ugo Rellini.
10
Nel medesimo Ateneo, la stessa Universit di Ro-
ma, Lilliu ha frequentato i tre anni della Scuola Nazionale di Archeologia ed ha
conseguito il diploma di specializzazione, nel 1943, con una tesi sulle stele pu-
niche di Sulcis
11
discussa con Giulio Quirino Giglioli.
Negli anni romani Lilliu avr modo di frequentare la casa del Taramelli a
parlar di Sardegna, quasi un simbolico passaggio di consegne fra il vecchio ar-
cheologo, carico di ricordi e di nostalgia per una terra che aveva amato profon-
damente e che aveva indagato pi di ogni altro, ed il giovane studente sardo,
ricco di ingegno e di entusiasmo, che forse gli ricordava gli anni giovanili e quel-
lisola sempre pi lontana.
9. G. Lilliu, Alla Consulta un archeologo, in Corriere di Sardegna, 26 settembre 1945.
10. La tesi, dal titolo Religione primitiva della Sardegna, fu discussa il 9 luglio 1938; correlatore era
Raffaele Pettazzoni, insigne storico delle religioni. Il Pettazzoni (1883-1959) aveva partecipato, da
giovane ispettore del Museo Preistorico-Etnografico di Roma (intitolato in seguito a Luigi Pigorini),
alla seconda campagna di scavi nel santuario nuragico di Santa Vittoria di Serri, nel 1909. Da quella
esperienza nascer linteresse per il pensiero religioso dei protosardi che maturer nelledizione del-
la Religione primitiva in Sardegna del 1912.
Sulla figura di Ugo Rellini (1870-1943), cfr. A. Guidi, Storia della Paletnologia, Roma, Laterza, 1988,
pp. 79-80. Si veda G. Lilliu, Necrologi, in Rivista di Scienze Preistoriche, I, 1946, pp. 131-133.
11. G. Lilliu, Le stele puniche di Sulcis (Cagliari), in Monumenti Antichi dei Lincei, XL, 1944, coll.
293-418; cfr. inoltre Monumenti Antichi, a cura di A. Moravetti, Sassari, Carlo Delfino, I, 2003.
9
Prefazione
In queste tre opere due di approfondimento tematico ed una a carattere
generale (comprensiva anche della fase preistorica) si veniva delineando il
quadro ricco ed articolato scandito nel tempo e in un ampio contesto medi-
terraneo di una civilt che nel suo divenire era stata capace di sviluppare
tratti estremamente originali e nella quale i sardi sembrano riconoscere le radici
della propria identit.
Allapparire de I nuraghi, la Sardegna nuragica poteva ormai contare su una
consolidata tradizione di studi che nei primi decenni del 900 aveva avuto in
Antonio Taramelli
6
il pi alto e valido esponente.
Lo studioso aveva lasciato la Sardegna dopo una attivit trentennale (1903-
33), fervida ed appassionata, durante la quale si era prodigato alla soluzione dei
molteplici problemi che affliggevano la ricerca archeologica al momento del
suo arrivo nellisola:
7
a lui si devono a volersi limitare al solo periodo nuragi-
co ricognizioni topografiche, la scoperta e lesplorazione di nuraghi, templi a
pozzo e fonti sacre, tombe di giganti e ledizione di cospicui complessi di mate-
riali (ceramiche, bronzi duso e figurati, etc.). I risultati di queste ricerche, sem-
pre tempestivamente pubblicati in riviste prestigiose, costituiscono uno straordi-
nario patrimonio di dati e di intuizioni che sono ancora oggi fondamento degli
studi sulla Sardegna preistorica e nuragica.
Al Taramelli, andato in pensione per raggiunti limiti di et, era subentrato nel-
lincarico Doro Levi,
8
studioso gi noto e di valore, che tuttavia rimarr nellisola
per soli tre anni (1935-38): infatti, in applicazione delle leggi razziali, verr sospeso
6. Sullattivit di Antonio Taramelli (1868-1939), cfr. G. Lilliu, La preistoria sarda e la civilt nu-
ragica nella storiografia moderna, in Ichnussa, Milano, Scheiwiller, 1981, pp. 511-519; A. Mora-
vetti, Presentazione, in A. Taramelli, Scavi e Scoperte, Sassari, Carlo Delfino, 1982-85, 4 voll. (ri-
stampa anastatica): questopera costituisce una raccolta dellintera produzione scientifica del
grande archeologo.
7. Taramelli, nel 1903, aveva sostituito Giovanni Patroni nella direzione del Museo e degli Scavi
di Antichit della Sardegna.
8. Doro Levi (1898-1991) era giunto in Sardegna come professore di Archeologia e Storia dellAr-
te antica presso lUniversit di Cagliari e con lincarico della direzione della Soprintendenza alle
Antichit. Nei pochi anni di permanenza nellisola Doro Levi mostrer di essere un degno succes-
sore del Taramelli, lasciando scritti significativi sullattivit da lui svolta nellisola: Scavi e ricerche
archeologiche della R. Soprintendenza alle opere di Antichit e Arte, in Bollettino dArte, 1937,
pp. 193-210; Nule. Bronzi preromani rinvenuti fortuitamente in localit Santu Lesei presso Nu-
le, in Notizie degli Scavi, 1937, pp. 83-90; The Amphitheatre in Cagliari, in American Journal of
Archaeology, XLVI, 1942, pp. 1-9; Il cuoiaio sardo di Gonone, in Mlanges dArchologie e dHi-
stoire offerts Charles Picard, Paris, 1949, pp. 644-658; LAntiquarium Arborense di Oristano, in
Bollettino dArte, 1949; Lipogeo di S. Salvatore di Cabras, Roma, 1949; La necropoli di Anghelu
Ruju e la civilt eneolitica della Sardegna, in Studi Sardi, X-XI, 1950, pp. 5-51; Le necropoli
puniche di Olbia, in Studi Sardi, IX, 1950, pp. 50-120, tavv. I-XIX.
Sullattivit di Doro Levi in Sardegna, cfr. G. Lilliu, Doro Levi e larcheologia della Sardegna, in
MNHMEION. Ricordo triestino di Doro Levi. Atti della giornata di studio (Trieste, 16 maggio
1992), Roma, Quasar, 1992, pp. 131-146; AA.VV., Omaggio a Doro Levi, in Quaderni della So-
printendenza ai Beni archeologici per le province di Sassari e Nuoro, 19, Ozieri, Il Torchietto, 1994.
8
lo aveva portato a rivelare lo straordinario complesso di Su Nuraxi di Barumi-
ni
21
e gli scavi condotti nelle Baleari, nel sito fortificato di Ses Passes.
22
Sar soprattutto lesplorazione sistematica del complesso nuragico di Su Nu-
raxi di Barumini, iniziata con un modesto saggio nellestate del 1940,
23
prose-
guita nel 1949
24
e quindi dal 1951 al 1955, a costituire una svolta fondamentale
negli studi della Sardegna nuragica.
25
La lettura delle sequenze stratigrafiche
emerse a Barumini consent infatti di individuare il succedersi di varie fasi di vi-
ta che attestavano la frequentazione della fortezza e dellannesso villaggio dalla
met del II millennio fino ai tempi della presenza punica e romana. A Barumini
venivano riconosciuti, per la prima volta in modo chiaro e preciso, momenti di
vita differenziati ai quali corrispondevano fasi edilizie distinte, prodotti artistici e
materiali duso, forme ideologiche, categorie sociali ed economiche. Nel campo
pi strettamente tecnico-architettonico si veniva definendo una tipologia delle
torri nuragiche secondo un processo dal semplice al complesso con il progres-
sivo arricchimento di elementi funzionali che avr una pi completa classifica-
zione proprio nel volume I nuraghi. Torri preistoriche di Sardegna.
Gli scavi condotti negli anni 1959-62 nelle Baleari gli consentono poi di
evidenziare le strette analogie esistenti fra le costruzioni nuragiche e le torri
della Corsica, i sesi di Pantelleria, i talaiots e le navetas delle Baleari.
Inoltre, a partire dallanno accademico 1945-46, Lilliu aveva dato inizio ad
un ambizioso progetto di censimento del patrimonio archeologico isolano me-
diante la stesura di Saggi di Catalogo Archeologico,
26
che nascevano come tesi
in Studi Sardi, VI (1944), 1945, pp. 23-41; Sculture della Sardegna nuragica, Venezia, Alfieri, 1949,
pp. 3-42, tavv. LXVIII (in collab. con G. Pesce); Sculture della Sardegna nuragica, Cagliari, La Zat-
tera, 1956; Bronzetti nuragici da Terralba (Cagliari), in Annali delle Facolt di Lettere, Filosofia e
Magistero dellUniversit di Cagliari, XXI, 1953, pp. 3-94; Cuoiai o pugilatori? A proposito di tre
figurine protosarde, in La parola del passato, LXVII, Napoli, 1959, pp. 294-304.
21. G. Lilliu, Il nuraghe di Barumini e la stratigrafia nuragica cit.
22. G. Lilliu: Primi scavi del villaggio talaiotico di Ses Passes (Art-Maiorca), in Annali delle
Facolt di Lettere, Filosofia e Magistero dellUniversit di Cagliari, XXVII, 1959, pp. 33-74 (in col-
lab. con F. Biancofiore); Primi scavi del villaggio talaiotico di Ses Passes (Art-Maiorca), in Ri-
vista dellIstituto Nazionale dArcheologia e Storia dellArte, n.s., IX, 1960, pp. 5-73; La missione
archeologica italiana nelle Baleari, in Archivio Storico Sardo, XXVIII, 1962, pp. 300-302.
23. G. Lilliu, Barumini (Cagliari). Saggi stratigrafici presso i nuraghi di Su Nuraxi e Marfudi; vicus di
S. Lussoriu e necropoli romana di Su Luargi, in Notizie degli Scavi, VII, serie VII, 1946, p. 175 ss.; ora
in Sardinia. Notizie degli Scavi, II, Sassari, Carlo Delfino, 1988, p. 732 ss. (ristampa anastatica).
24. G. Lilliu, Scoperte e scavi di antichit fattisi in Sardegna durante gli anni 1948 e 1949, in Studi
Sardi, VIII-IX (1948-49), 1950, pp. 392-559.
25. G. Lilliu, Il nuraghe di Barumini e la stratigrafia nuragica cit.
26. Nel 1962 erano state redatte una ventina di tesi: durante gli anni del suo insegnamento, fino allan-
no accademico 1984-85, Lilliu stato relatore di 73 tesi di catalogo archeologico: cfr. elenco in G. Lilliu,
La civilt dei Sardi cit., 1988, p. 586. Altre ancora ne sono state discusse nellAteneo cagliaritano fino ad
oggi, cos come nellUniversit di Sassari a partire dalla istituzione della cattedra di Antichit Sarde
(1976) nella Facolt di Magistero, divenuta poi Facolt di Lettere e Filosofia.
11
Prefazione
Rientrato in Sardegna nel 1943, negli anni 1944-55 Lilliu ha operato nella
Soprintendenza alle Antichit della Sardegna, prima come Ispettore e quindi co-
me Direttore, insegnando nel contempo varie discipline (Paletnologia, Storia
delle Religioni, Archeologia e Storia dellArte greca e romana, Geografia) nella
Facolt di Lettere e Filosofia dellUniversit di Cagliari, ove ha dato vita ad una
prestigiosa scuola di studi nella quale molti si riconoscono. Nel 1955, vinta la
Cattedra di Antichit Sarde e lasciata la Soprintendenza per dedicarsi esclusiva-
mente alla ricerca e alla didattica, Lilliu ha insegnato nella Facolt di Lettere del-
lAteneo cagliaritano fino al suo collocamento fuori ruolo nel 1984.
Nel 1962 lo studioso poteva dunque gi vantare una notevole attivit di ri-
cerche sul territorio, di scavi e di studi, ed inoltre aveva maturato unesperienza
didattica quasi ventennale. Ai numerosi scritti sulle diverse problematiche relati-
ve alla civilt nuragica dalle indagini topografiche,
12
allarchitettura civile-mili-
tare
13
e religiosa,
14
alle tombe di giganti,
15
alla storiografia nuragica,
16
ai proble-
mi di cronologia,
17
al tema dei rapporti con il mondo fenicio-punico,
18
ai saggi
sui bronzi duso
19
e su quelli figurati
20
Lilliu poteva aggiungere limpresa che
12. G. Lilliu: Scoperta di una tomba in localit Bau Marcusa ed altre tracce archeologiche in Ba-
rumini (Cagliari) cit.; Barumini. Necropoli, pagi, ville rustiche romane, in Notizie degli Scavi,
XV, serie VI, 1939, pp. 370-380; Setzu. Domus de janas di Domu sOrku e nuraghi alle falde
della Giara, in Notizie degli Scavi, I, serie VII, 1940, pp. 239-247; Gesturi. Tombe di giganti in
regione Ollastedu e Scusorgiu e sepolture dellet del ferro in contrada Nerbonis, in Notizie degli
Scavi, 1940, p. 234 ss.; Siddi. Su Pranu di Siddi e i suoi monumenti preistorici, in Notizie de-
gli Scavi, II, serie VII, 1941, pp. 130-163; Las Plassas (Cagliari). Villaggio preistorico di Su Pra-
nu, il gruppo preistorico di Simaxi e nuraghi e tombe megalitiche del falsopiano di Pauli, in No-
tizie degli Scavi, IV, serie VII, 1944, pp. 170-182; Gergei (Sardegna). Villaggio nuragico di Su
Iriu, in Notizie degli Scavi, 1944, pp. 166-170.
13. G. Lilliu: Modellini bronzei di Ittireddu e Olmedo (nuraghi o altiforni?), in Studi Sardi, X-
XI (1950-51), 1952, pp. 67-120; Il nuraghe di Barumini e la stratigrafia nuragica, in Studi Sar-
di, XII-XIII (1952-54), 1955, pp. 90-469.
14. G. Lilliu: Nuovi templi a pozzo della Sardegna nuragica, in Studi Sardi, XIV-XV (1955-57),
1958, p. 197 ss.; Religione della Sardegna nuragica, in Atti del Convegno di Studi Religiosi Sardi
(Cagliari, 24-26 maggio 1962), Padova, 1963, pp. 1-14.
15. G. Lilliu, Uno scavo ignorato dal Dott. Ferruccio Quintavalle nella tomba di giganti di Go-
ronna a Paulilatino (Cagliari), in Studi Sardi, VIII, 1948, pp. 43-72.
16. G. Lilliu, Storiografia nuragica dal secolo XVI al 1840, in Archivio Storico Sardo, XXVIII,
1962, pp. 255-276.
17. G. Lilliu: Appunti sulla cronologia nuragica, in Bollettino di Paletnologia Italiana, V-VI, 1941-42,
p. 143 ss.; Preistoria sarda e civilt nuragica, in Il Ponte, settembre-ottobre 1951, pp. 983-988.
18. G. Lilliu: Rapporti fra la civilt nuragica e la civilt fenicio-punica in Sardegna, in Studi
Etruschi, XVIII (1944), 1945, p. 323 ss.; Le stele puniche di Sulcis cit.
19. G. Lilliu: Bronzi preromani in Sardegna, in Bollettino di Paletnologia Italiana, V-VI, 1941-42,
p. 179 ss.; Dun candelabro paleosardo del Museo di Cagliari, in Studi Sardi, VIII, 1948, pp. 5-42.
20. G. Lilliu: Bronzi figurati paleosardi esistenti nelle collezioni pubbliche e private non insulari,
10
Dopo aver disquisito sul nome stesso di nuraghe, analizzato le fonti antiche
che in qualche modo sembrano ricordare le torri nuragiche, rilevato lalto nu-
mero di costruzioni
31
che rappresentano una realt demografica che stupi-
sce ancora noi ma indicativo di un popolamento rurale disperso che ha im-
pedito il costituirsi di forti aggregazioni capaci di superare lo stadio di villaggio
nel quale si attardava la societ nuragica , Lilliu procede ad analizzare i punti
salienti di questo suo lavoro.
Il tema centrale del volume costituito dallanalisi degli elementi architetto-
nici del nuraghe, visto dapprima come unit isolata che si evolve nella sua
struttura interna, quindi come architettura complessa composta da numerose
torri che si aggregano secondo precisi e ripetuti schemi planimetrici.
Lilliu disponeva ormai di una cospicua documentazione che gli consentiva
di fare il punto sui nuraghi, di formularne unarticolata tipologia e di coglierne
la linea evolutiva nei particolari costruttivi.
Dalla sua forma pi elementare camera a tholos preceduta dal corridoio
dingresso la classica torre a tronco di cono si sarebbe poi arricchita di ele-
menti funzionali (scala) e di spazi sussidiari (nicchie, stipetti, silos), indicativi
di una lunga esperienza tecnico-costruttiva e di nuove esigenze.
Lo sviluppo architettonico della torre testimoniato, ad esempio, dallado-
zione di due tipi di scala: uno, scomodo e poco funzionale, si trova allinterno
della camera; laltro, elicoidale, parte dal corridoio dingresso e corre nello spes-
sore murario, consentendo laccesso ai piani superiori e al terrazzo. Lanteriorit
del primo tipo sembra provata dal fatto che essa presente in torri dallinterno
scarsamente articolato, vale a dire prive o povere di spazi sussidiari che sono in-
vece il segno di una architettura matura, capace di svuotare la massa muraria
per ampliare la superficie utile alla vita. I dati in nostro possesso suggeriscono
che lo sviluppo architettonico della torre nuragica tenda ad una maggiore fun-
zionalit soprattutto la mobilit interna e ad una continua ricerca di spazio.
Vengono quindi valutati tutti gli indici (massa-spazio, diametro-altezza,
etc.) dei diversi elementi del nuraghe al fine di individuare proporzioni ed
eventuali moduli costruttivi formalizzati.
Si osserva che lindice massa-spazio tende ad aumentare in rapporto allam-
pliarsi della camera a tholos; oppure che lo spessore dei muri direttamente
proporzionale allo sviluppo progressivo degli ambienti interni, per dare luogo
ai vani sussidiari (nicchie, scale, corridoi, cellette, etc.); oppure ancora che a
una maggiore inclinazione delle murature esterne sembra corrispondere una
maggiore antichit.
Si notato, poi, che il profilo dellandito passa progressivamente da sezio-
ni angolari-trapezoidali a sezioni rettangolari, e questo trova corrispondenza
31. Circa 7000 con una densit dello 0,27 per kmq (cfr. qui p. 58). Sul controverso problema del
numero dei nuraghi, destinato a rimanere irrisolto, cfr. da ultimo E. Contu, Sul numero dei nu-
raghi, in AA.VV., Studi in onore di Massimo Pittau, Sassari, 1994, pp. 107-117.
13
Prefazione
di laurea ed erano mirati alla conoscenza diretta ricognizioni sul terreno, carto-
grafia, schedatura e documentazione grafica e fotografica dei monumenti indivi-
duati delle emergenze antiche. Questi lavori avevano consentito di acquisire una
considerevole mole di dati e si erano rivelate di notevole interesse e di concreta
importanza scientifica, il cui valore si pu apprezzare seguendo le pagine di questo
Volume che molto deve, come contributo di base, al lavoro faticoso e veramente
meritorio e positivo degli estensori dei Saggi.
27
Ne I nuraghi Lilliu analizzava lo sviluppo architettonico delle torri nuragiche,
lorigine della tholos, il rapporto di questi monumenti con il territorio, la loro
funzione, il significato socio-economico, la cronologia e le affinit con le costru-
zioni megalitiche del Mediterraneo.
Il libro, dedicato agli allievi, costituito da una premessa, seguita dal testo
introduttivo e dalle schede descrittive di 107 nuraghi, del tempietto a megaron
di Domu e Orga di Esterzili, di tre torri della Corsica,
28
di sei talaiots
29
e
due poblados
30
delle Baleari, di alcuni bronzi e ceramiche di et nuragica: in
calce ad ogni scheda riportata una bibliografia completa. Una ricca ed inedita
documentazione grafica e fotografica 18 disegni, 107 tavole di foto e 2 carte
della Sardegna correda il lavoro, che si presentava come una novit nel pano-
rama delleditoria sarda sia per il grande formato sia per la curata veste tipografi-
ca che poteva vantare almeno in ambito archeologico il solo precedente del-
lo splendido volume di Ch. Zervos La civilisation de la Sardaigne du dbut de
lnolithique la fin de la priode nouragique pubblicato a Parigi nel 1954.
Nella premessa, Lilliu richiama due dei concetti a lui cari e sempre presenti
nella sua attivit di ricerca: la relativit dellinterpretazione del dato archeologi-
co e il valore assoluto della documentazione: Alcune [questioni sui nuraghi]
scriver appariranno risolte o in via di risoluzione, altre resteranno ancora
senza conclusione, allo stato di problema, ribadendo, se mai ve ne fosse biso-
gno, quel carattere di relativit di cui soffre la scienza archeologica, da noi co-
me altrove, di l dalla presentazione ottimistica che taluni amano fare delle sue
laboriose conquiste.
27. Cfr. qui p. 104: segue lelenco bibliografico degli estensori di queste tesi di laurea fra i quali spicca
il nome di Ercole Contu ora Professore Emerito di Antichit Sarde allUniversit di Sassari che
pubblicher due interessanti monumenti, rilevati, fra i tanti, durante le ricognizioni effettuate per la
stesura della sua tesi: E. Contu: Esterzili. Tempietto rettangolare megalitico di Domu de Orga in lo-
calit Cuccuredd, in Studi Sardi, VIII, 1948, pp. 313-317; La fortezza nuragica di nuraghe Orru-
biu presso Orroli (Nuoro), in Studi Sardi, X-XI (1950-51), 1952, pp. 120-160, tavv. I-IV.
28. Sono le torri di Foce, Torre e Balestra, monumenti messi a confronto, rispettivamente, con i
nuraghi Murartu-Silanus, Sa Coa Filigosa-Bolotana e Tusari-Bortigali.
29. Talaiots di Santa Monica, Rafal Roig, Es Mestal, Torre Nova den Lozano 1 e 2 (Minorca) e
Ses Passes (Maiorca), accostati ad alcuni nuraghi sardi, e non si tratta di pure coincidenze di for-
me semplici (cfr. qui p. 90).
30. Si tratta dei villaggi fortificati Alfurinet-Minorca e Els Antigors-Maiorca portati associati ai
complessi nuragici di Scer-Ilbono e Serbissi-Osini.
12
di torri, come attestano i m 18,60 del nuraghe di Barumini e i m 22 del nura-
ghe Santu Antine.
38
Le tappe evolutive delle torri nuragiche vengono rappresentate in grafici con
piante schematiche che chiariscono molto bene la dinamica architettonica del nu-
raghe: ma, avverte Lilliu, non bisogna credere che levoluzione sia avvenuta nella
linea rigida di successione iconografica, quale potrebbe apparire dalla composizio-
ne nella tavola che ha valore puramente didattico e di larga informazione.
39
Sul finire del II millennio, dalle prime avvisaglie delle conquiste dei popoli
storici (Fenici) a quando i Cartaginesi, alla fine del VI secolo a.C., simposses-
sarono stabilmente dun terzo dellIsola, sospingendo gli Indigeni, costruttori
di nuraghi, nel ridotto delle montagne,
40
avviene il passaggio dalle torri sem-
plici ai nuraghi complessi o polilobati. La loro tipologia comprende edifici ad
addizione frontale, laterale, longitudinale oppure concentrica con mastio incluso
in un bastione a pi torri, intorno al quale, talora si estende lantemurale margi-
nato o meno da torri.
Nel III sec. a.C. scrive Lilliu avvenne il crollo definitivo delle fortezze
nuragiche e della civilt che le aveva espresse.
Uno dei problemi legati allarchitettura delle torri nuragiche quello dellori-
gine, o meglio della invenzione della camera voltata ad ogiva la tholos che
caratterizza il nuraghe classico. Lilliu, come gran parte di quanti lo avevano
preceduto, sulla base della tradizione letteraria e di alcuni particolari costruttivi,
sostiene un apporto orientale, una componente cretese-micenea nellorigine dei
nuraghi nei quali si rivive il respiro ampio delle fastose e splendide tholoi achee
peloponnesiache.
41
Il lievito miceneo nella costruzione delle torri nuragiche verr ribadito an-
cora nelle prime due edizioni della Civilt dei Sardi,
42
ma gi nel 1982 Lilliu
sottolinea il fatto che in Sardegna la tholos non mantiene loriginaria funzione
funeraria micenea come invece avviene in tombe siciliane della cultura di
Thapsos ma si innesta su strutture di tradizione megalitica locale. Tuttavia
lespediente architettonico della tholos cos invadente e straordinario da esse-
re considerato una decisa novit, una svolta, venuta e sviluppatasi dietro una
38. Cfr. qui p. 65.
39 Cfr. qui p. 63. Va detto che la sequenza evolutiva delle torri nuragiche proposta da Lilliu, cos
organica e nitida, stata formulata su una campionatura molto bassa rispetto a quanto oggi dopo
pi di quaranta anni! noi conosciamo sui nuraghi (censimenti, scavi, etc.): inoltre, per la natura-
le inesperienza degli estensori delle tesi di catalogo, il rilevamento delle strutture non stato sem-
pre puntuale. Pertanto, il richiamo di Lilliu alla cautela appare quanto mai appropriato ed onesto,
anche se il quadro delineato mantiene in linea generale inalterato il suo valore.
40. Cfr. qui p. 68.
41. Cfr. qui p. 94.
42. G. Lilliu, La civilt dei Sardi cit., 1963, p. 141; ed. 1967, p. 164: Sar nostra suggestione ro-
mantica scrive Lilliu ma ci pare che il regno di Minosse abbia trovato in Sardegna il suo ultimo
rifugio e che il grido bestiale del Minotauro si perda ancora, nei recessi labirintici dei nuraghi.
15
Prefazione
nel progressivo appiattimento dello slancio e della verticalit che caratterizza
le tholoi pi antiche; vengono inoltre esaminati rifasci murari, scale sussidiarie,
silos, etc.
Lanalisi del nuraghe si concludeva con la descrizione del coronamento del-
ledificio, ora possibile grazie agli elementi emersi negli scavi di Barumini che
consentivano di ricostruire con dati concreti lintero profilo della torre nuragi-
ca.
32
A Su Nuraxi, infatti, erano stati rinvenuti centinaia di mensoloni di basal-
to, perfettamente sagomati e del peso medio di 13 quintali, sia nel cortile sia lungo
il profilo del bastione: alcune decine, poi, erano stati recuperati in alcune capanne
del villaggio ove erano state riutilizzate.
33
Inoltre, sempre a Barumini, nella Ca-
panna delle riunioni era stato rinvenuto un betilo in calcare, a forma di tor-
re,
34
riproducente il ballatoio sporgente dal filo murario, munito di parapetto e
sorretto da mensole indicate in rilievo.
Modellini in bronzo, in pietra e in ceramica di nuraghi monotorri, trilobati
e quadrilobati sono stati rinvenuti in gran numero in questi anni;
35
allo stesso
modo i mensoloni individuati per la prima volta a Barumini sono venuti in lu-
ce nel crollo di un numero sempre crescente di nuraghi. Ed anzi, nel corso di
lavori di restauro effettuati nel bastione di Su Nuraxi sono stati individuati dei
mensoloni ancora in situ,
36
cos come nel nuraghe Losa
37
e in altri (Albucciu-
Arzachena, Tilariga-Bultei, Alvo-Baunei, etc.).
Quindi, nello spazio di mezzo millennio, dal 1500 al 1000 a.C., dalla figura
primitiva della torre, bassa e massiccia, con unica camera con o senza scala al ter-
razzo, si dovette passare a quella del tronco di cono a camere sovrapposte sullasse
verticale, in numero da due a tre Si raggiungono in tal modo, gi sul finire del
II millennio e, poi, nei tempi iniziali del I, altezze considerevoli e imponenti
32. La definizione della parte superiore del nuraghe era stata felicemente intuita dallo stesso Lilliu,
cfr. G. Lilliu, Modellini bronzei di Ittireddu e Olmedo cit.
33. G. Lilliu, Il nuraghe di Barumini e la stratigrafia nuragica cit., p. 248 ss.; cfr. qui p. 67, tav.
LXXVI, 3.
34. G. Lilliu, Il nuraghe di Barumini e la stratigrafia nuragica cit., pp. 290-291, fig. 14; cfr. qui
tav. LXXVI, 1. Da notare che sul piano superiore del modellino svetta una prominenza conica, da
interpretare come un elemento costruttivo della torre stessa: una sorta di vano cupolato a prote-
zione delluscita della scala sul terrazzo. un elemento che si ritrover in quasi tutti i modellini di
nuraghe a noi pervenuti.
35. Per una prima messa a punto di questi reperti, cfr. A. Moravetti, Nuovi modellini di torri nu-
ragiche, in Bollettino dArte, Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, 1980; G. Ugas, Altare model-
lato su castello nuragico di tipo trilobato con figura in rilievo dal Sinis di Cabras (Oristano), in
Archeologia Sarda, Quartu SantElena, 1980.
36. V. Santoni, Il nuraghe Su Nuraxi di Barumini, in Guide e Studi, 2, Soprintendenza ai Beni ar-
cheologici per le province di Cagliari e Oristano, Quartu SantElena, 2001, p. 47 ss., fig. 45. Que-
sti mensoloni sono in marna e si riferiscono al primo impianto del bastione quadrilobato, mentre
quelli in basalto sono relativi alla fase di rifascio dello stesso bastione.
37. V. Santoni, Il nuraghe Losa di Abbasanta, in Guide e Studi, 1, Soprintendenza ai Beni archeolo-
gici per le province di Cagliari e Oristano, Quartu SantElena, 2001, p. 38 ss., figg. 41-42.
14
appaiono architetture attardate e decadute, segno del tramonto di una civilt,
create per contrastare gli invasori cartaginesi e romani.
I risultati delle analisi radiometriche effettuate su materiale organico del Peppe
Gallu di Uri
49
forniscono una datazione compresa fra VI-III sec. a.C., a conferma
della cronologia bassa avanzata da Lilliu che in questi monumenti riconosceva
le costruzioni sotterranee e le grotte di Diodoro (IV, 30; V, 15, 4), su informazio-
ne di Timeo del IV sec. a.C., e le spelonche ricordate da Pausania (X, 17) e da
Zonara (VIII, 18) con riferimento alle campagne consolari contro i sardi Ioli e
Blari nel 231 a.C.
Nella seconda edizione della Civilt dei Sardi,
50
sulla base di nuovi dati,
51
pur confermando che il nuraghe a tholos ha preceduto nel tempo come in-
venzione quello a corridoio, tuttavia nellapplicazione ora si trova congiunta
organicamente col nuraghe a tholos, risultando le due forme coeve.
Pertanto, il nuraghe a corridoio fu un prodotto tanto antico nellorigine
quanto attardato nella conservazione. Per tale carattere e anche per la variet
della stessa forma, ne vediamo la durata per pi di un millennio, con tappe ben
indicate dalle cronologie al C14: circa 1800 a.C. del Bruncu Mdugui, circa
1200 a.C. dellAlbucciu, tra VI-IV sec. a.C. del Peppe Gallu.
52
Viene ribadito il carattere militare dei nuraghi a corridoio: nuraghi-trappole
o nuraghi-nascondigli da utilizzare per la guerriglia contro gli invasori esterni e
nelle lotte tribali (gli pseudonuraghi pi antichi); alcuni di essi, tuttavia, potevano
avere funzione di vedetta o di abitazione.
A partire dalla Civilt nuragica, del 1982, Lilliu distingue fra pseudonura-
ghi-nuraghi a corridoio le costruzioni prive di camere a tholos e i protonu-
raghi, nei quali compaiono piccoli ambienti voltati ad ogiva.
53
Inoltre, tutte
queste costruzioni pseudonuraghi e protonuraghi vengono ricondotte alle
fasi iniziali dellet nuragica.
54
49. Contu colloca i 13 nuraghi a corridoio da lui conosciuti fra XI-VIII sec. a.C. (E. Contu, I pi
antichi nuraghi e lesplorazione del Nuraghe Peppe Gallu (Uri-Sassari), in Rivista di Scienze Prei-
storiche, XIV, 1959, pp. 59-121).
50. G. Lilliu, La civilt dei Sardi cit., 1967, p. 293: i nuraghi a corridoio erano gi una quarantina
(p. 299).
51. Questa diversa valutazione dei nuraghi a corridoio nasceva dallacquisizione di nuove date al
C14 relative al Bruncu Mdugui-Gesturi e allAlbucciu-Arzachena che dilatavano notevolmente il
dato fornito dal Peppe Gallu, peraltro poco attendibile. Inoltre, negli scavi del Bruncu Mdugui
erano stati rinvenuti frammenti fittili, decorati, attribuiti allora alla cultura di Monte Claro che in
quegli anni veniva ritenuta un aspetto arcaico della civilt nuragica. Ora sappiamo che quelle cera-
miche appartengono ad et nuragica, ma al Bronzo Medio (U. Badas, Il nuraghe Bruncu Mdu-
gui di Gesturi: un riesame del monumento e del contesto ceramico, in Quaderni della Soprinten-
denza ai Beni archeologici per le province di Cagliari e Oristano, 9, Cagliari, 1992, pp. 31-76.
52. G. Lilliu, La civilt dei Sardi cit., 1967, p. 302.
53. G. Lilliu, La civilt nuragica cit., p. 17 ss.
54. G. Lilliu, La civilt preistorica e nuragica in Sardegna, in Atti dellAccademia Nazionale dei
17
Prefazione
spinta primaria esterna (anche quella minoico-micenea), senza nulla togliere al
contributo evolutivo della tradizione costruttiva gi esistente nel luogo.
43
La teoria dellorigine elladico-micenea della tholos verr decisamente respin-
ta nei lavori pi recenti a favore di una linea evolutiva interna: In passato si
credette dai pi che la pseudovolta dei nuraghi fosse derivata da quella applica-
ta nelle tombe a tholos della civilt elladica-micenea. Recenti ricerche hanno ri-
portato ragioni per ritenerla di origine e sviluppo autoctono Nellordine stati-
co-strutturale, comparando nuraghi e tholoi micenee, Cavanagh e Laxton hanno
rilevato che il coefficiente esponenziale costante utilizzato per creare la falsa vol-
ta diverso nelle due forme costruttive: di
1
/
2
nei nuraghi e di
3
/
4
nelle tombe
peloponnesiache.
44
Ed ancora: Piacque anche a me e la caldeggiai per lungo
tempo e vi insistono tuttora giovani archeologi locali. Ma la ricerca attuale non
consente di mantenerla con valide ragioni.
45
Nella classificazione delle torri nuragiche Lilliu introduce la distinzione fra due
tipi di nuraghi:
46
la prima forma quella del nuraghe a tholos, cio con la camera
circolare coperta dalla falsa cupola o pseudovolta. la forma ricordata dagli scrit-
tori greci quando parlano di daidleia e di tholoi in Sardegna, costruzioni fatte
al modo arcaico greco, cio miceneo La seconda forma quella del nuraghe
a corridoio o pseudonuraghe o nuraghe a galleria [e in essa] potrebbe ve-
dersi la componente occidentale, di gusto dolmenico-rettilineo o a trilite.
47
Sulla cronologia di queste costruzioni, Lilliu sembra inizialmente perplesso,
48
ma nel prosieguo dellopera i circa trenta nuraghi a corridoio allora conosciuti gli
43. G. Lilliu, La civilt nuragica, Sassari, Carlo Delfino, 1982, pp. 31-32.
44. G. Lilliu, Costruzioni circolari in pietre a secco con copertura a tholos (Sardegna, Corsica, Mi-
norca), in Costruzioni circolari con copertura a tholos in Europa. Atti del Convegno Internazionale
(Ascoli Piceno, 2-3 aprile 1998), p. 10.
45. G. Lilliu, La Sardegna fra il XVII e il XIV secolo a.C.: linee di sviluppo e relazioni esterne,
in AA.VV., Culture marinare nel Mediterraneo centrale e occidentale fra il XVII e il XV secolo a.C.
Ricerche di storia, epigrafia e archeologia mediterranea, a cura di C. Giardino, Roma, Bagatto Libri,
2001, pp. 271-272.
Per una provenienza egea della tholos, cfr. G. Ugas: La tomba megalitica I di San Cosimo-Gonnosfa-
nadiga (Cagliari): un monumento del Bronzo Medio (con la pi antica attestazione del miceneo in
Sardegna), in Archeologia Sarda, dicembre 1981, p. 11 ss.; Un nuovo contributo per lo studio della
tholos in Sardegna. La fortezza di Su Mulinu di Villanovafranca, in Studies in Sardinian Archaeology,
M. Balmuth (ed.), vol. III, BAR, 387, Oxford, 1987, pp. 77-128; P. Bernardini, Tholoi in Sardegna:
alcune considerazioni, in Studi Etruschi, LI, s. III, 1985, p. 48 ss.; ipotesi pi sfumata, in G. Ugas,
Architettura e cultura materiale nuragica: il tempo dei protonuraghi, Cagliari, SarEdit, 1999, p. 57.
46. Il problema dellesistenza di due tipi di nuraghi gi in C. Dess, Singolari nuraghi in Gallura,
Sassari, 1922 era stato approfondito in G. Lilliu, Il nuraghe di Barumini e la stratigrafia nura-
gica cit.
47. Cfr. qui pp. 61-62.
48. Cfr. qui p. 62: Oggi non si pu dire quale delle due forme abbia preceduto nel tempo come
invenzione.
16
(fortezze), etc. si era aggiunta, nel 1901, quella autorevole del Pinza,
58
il qua-
le, sulla base di raffronti con le tholoi micenee, si era convinto del loro carattere
funerario.
Al suo arrivo in Sardegna, il Taramelli si era subito inserito in questa animosa
querelle ed era entrato apertamente in polemica con il Pinza, sostenendo che laf-
finit fra il nuraghe e la tholos funeraria micenea era una trappola che aveva sor-
preso la buona fede di coloro che fanno larcheologia sui libri o di coloro che
credono di affrontare il problema avendo tuttal pi visitato due o tre o dieci di
siffatti monumenti.
59
Per il Taramelli, invece, bisognava buttare dalla finestra chiacchiere ed ag-
gettivi ed affrontare il problema nuragico con i piedi servendosi del metodo
delle scienze positive, con lo studio cio dei monumenti nella loro relazione
col terreno. Era necessario, quindi, studiare i nuraghi nella loro distribuzione
su estesi e ben delimitati territori.
Fin dal giugno del 1903, insieme al validissimo Filippo Nissardi, applica questo
principio ed inizia mente et pedibus lindagine topografica della giara di Gesturi,
che, oltre ai principi della tipologia nuragica, agli anelli di evoluzione dal semplice
al complesso lo determina nella convinzione che il sistema nuragico era stato for-
mato nel corso dei secoli a scopo di vigilare, possedere e difendere un territorio.
60
Alla soluzione del problema nuragico non poteva, per, essere sufficiente la
sola investigazione topografica: essa andava integrata sia con lo scavo stratigrafico
dei nuraghi sia con lesplorazione di altri monumenti che con questi sembravano
in stretta relazione (tombe, villaggi, edifici di culto). Lo scavo di alcuni impor-
tanti complessi nuragici,
61
la sapiente lettura strutturale dei monumenti ed il rin-
venimento di materiali di uso quotidiano, di focolari e di resti di pasto nelle ca-
mere nuragiche gli confermeranno sempre pi quanto losservazione diretta sul
terreno gli aveva fatto intuire: la funzione, cio, civile e soprattutto militare di
questi edifici che solo in qualche caso e in epoca pi tarda erano stati riutilizza-
ti come luoghi di culto.
Sul problema della funzione dei nuraghi, Lilliu disponeva delle esperienze
del Taramelli, ma soprattutto poteva utilizzare dati di prima mano, da lui rac-
colti negli scavi di Su Nuraxi di Barumini ove aveva riportato alla luce un vero
e proprio castello con borgo. Unalta torre svettante al centro di un poderoso
58. G. Pinza, Monumenti primitivi della Sardegna, in Monumenti Antichi dei Lincei, IX, 1901,
coll. 1-280, tavv. I-18; ora in Sardinia. Monumenti Antichi, Sassari, Carlo Delfino, 2003, I, pp.
14-173 (ristampa anastatica).
59. A. Taramelli, Nuraghe Santu Antine in territorio di Torralba cit., col. 14; ora in A. Taramelli,
Scavi e scoperte cit., IV, p. 503.
60. A. Taramelli, Nuraghe Santu Antine in territorio di Torralba cit., col. 14; ora in A. Taramelli,
Scavi e scoperte cit., IV, p. 503.
61. Nuraghi Palmavera-Alghero (1905), Lugherras-Paulilatino (1906), S. Barbara-Villanova Trusched-
du (1903, 1915), Losa-Abbasanta (1915), Domu e sOrku-Sarrok (1924), S. Antine-Torralba (1933).
19
Prefazione
Uno dei temi relativi allarchitettura nuragica pi dibattuti negli ultimi anni
quello che vede contrapposti protonuraghi e nuraghi classici a tholos: nei pri-
mi, variamente definiti nel tempo (nuraghi senza camera, falsi nuraghi, pseudo-
nuraghi, nuraghi a galleria, nuraghi-nascondiglio, nuraghi a corridoio/i, protonura-
ghi), taluni vedono una costruzione arcaica, premessa di un processo evolutivo
che porter al nuraghe a tholos, mentre altri ritengono che i due tipi di costru-
zione siano contemporanei e differenti nella struttura per ragioni diverse ma
non per motivi cronologici.
In realt, la differenza formale e concettuale fra le due architetture emerge
con sempre maggiore evidenza man mano che il numero dei protonuraghi noti
cresce in seguito allintensificarsi delle indagini territoriali. Questi monumenti,
che per la loro sporadicit apparivano come prodotti minori, imperfetti, deca-
denti o premessa della pi evoluta architettura del nuraghe a tholos, sono oggi
oltre 400, e sulla base di una proiezione statistica il loro numero stato stimato
fra le 1200 e le 1500 unit.
55
Una classe monumentale, quindi, che appare tipologicamente articolata e
sempre pi diffusa in tutta lisola, ma con particolare predilezione per larea cen-
tro-settentrionale, la stessa interessata dalle tombe megalitiche (dolmen, alles
couvertes, tombe di giganti). Non architettura episodica ed occasionale, quindi,
ma consapevole e ben definito fenomeno culturale con un suo sviluppo struttu-
rale che raggiunger piena maturit nel nuraghe con camera centrale a tholos.
56
Il tema dominante dellarcheologia sarda sul quale si erano versati fiumi
dinchiostro spesso con petulante incompetenza da chi non aveva la minima
preparazione a queste ricerche,
57
sembrava essere, almeno fino agli inizi del
Novecento, quello relativo alluso e alla destinazione dei nuraghi.
Alle diverse e curiose interpretazioni formulate in passato Vidal (case di
giganti), Madao (tombe), Peyron (tombe), Mimaut (tombe), Manno (tombe),
Inghirami (monumenti funerari), Lamarmora (tombe), Arri e Angius (edifici
destinati al culto del fuoco), Spano (abitazioni), Pais (uso polivalente), Nissardi
Lincei, Memorie, XV, serie IX, Roma, 2002, p. 237: Agli inizi del II millennio compaiono i Nuraghi
a corridoio con vano rettangolare a solaio piano contornato da nicchie e con scala ascendente allabi-
tazione superiore, erede del megalitismo eneolitico. Negli stessi tempi compaiono i protonuraghi, di
pianta ellittica e di struttura muraria rastremata verso lalto: allinterno uno o pi vani con laccenno
di falsa cupola.
55. G. Ugas: Centralit e periferia. Modelli duso del territorio: il Guspinese, in LAfrica romana,
XII, 1998, p. 553; Architettura e cultura materiale nuragica cit., p. 55.
56. Premessa allarchitettura dei protonuraghi, ad indicare una linea evolutiva che affonda le sue
radici nellet del rame, stato da tempo considerato il recinto-torre di Monte Baranta-Olmedo,
della cultura di Monte Claro: cfr. A. Moravetti, Nota agli scavi nel complesso megalitico di Mon-
te Baranta (Olmedo), in Rivista di Scienze Preistoriche, XXXVI, 1981, p. 281 ss.
57. A. Taramelli, Nuraghe Santu Antine in territorio di Torralba, in Monumenti Antichi dei Lin-
cei, XXXVIII, 1939, col. 12; ora in A. Taramelli, Scavi e Scoperte cit., IV.
18
guerrieri potentemente armati
64
e le numerose armi in bronzo rinvenute un po in
tutta lisola; tutti elementi che sembravano proiettare limmagine di una Sardegna
dilaniata da conflittualit interne e minacciata di continuo da pericoli provenienti
doltremare.
Questa forte posizione presente ancora nel 1967,
65
ma gi si attenua in La
civilt dei Sardi del 1988: si ritiene scrive Lilliu riguardo ai nuraghi monotorri
che essi siano stati usati, fin dallorigine, come abitazione e per controllo (che
non significa uso militare quanto vigilanza di beni economici diffusi nel compen-
dio di una o pi torri).
66
In quanto ai nuraghi complessi, essi sono delle fortez-
ze: le caratteristiche costruttive, con i tanti espedienti e meccanismi atti ad assicu-
rare protezione respingendo attacchi interni ed esterni di bande armate quando
non di veri e propri eserciti, sono oltremodo significative e probanti.
67
Negli scritti pi recenti, venuto a cadere il presupposto storico del nuraghe
quale fortezza per contrastare gli eserciti punici e romani: per maggior sicurezza
a seguito anche di aumentati pericoli interni (conflitti fra cantoni) ed esterni (pi-
raterie), le antiche torri isolate furono irrobustite con laggiunta di altri possenti
corpi di fabbrica.
68
In questi anni, quindi, si fortemente attenuato il carattere militare dei
nuraghi: le forme semplici sono ritenute delle strutture abitative quasi fatto-
rie sparse nelle campagne
69
ed occupate da un clan familiare pi o meno esteso
allinterno di un sistema tribale nel quale architetture pi complesse ed arti-
colate assolvono la funzione di centri di controllo e di difesa del territorio.
Tuttavia, ancora oggi come nellOttocento, non mancano in Sardegna ap-
passionati cultori di archeologia che vedono nei nuraghi delle costruzioni mi-
steriose, edifici di culto, monumenti legati al cielo e alle sue stelle!
70
A nessuno
64. Sulla controversa cronologia della bronzistica figurata sarda esistono attualmente due correnti
di pensiero contrapposte, entrambe prive di elementi decisivi: una rialzista, che colloca queste
statuine tra XII-IX sec. a.C., ed una ribassista che propone una datazione compresa fra IX-VI
sec. a.C. Se si accetta la cronologia pi bassa che almeno sul piano storico appare pi congrua
e si combina con il fatto che gi partire dal X sec. a.C. non si costruiscono pi nuraghi, appare
evidente che alla visione bellicista dei nuraghi viene a cadere il supporto dei guerrieri in bronzo.
65. G. Lilliu, La civilt dei Sardi cit., 1967, p. 288: Dire architettura militare e dire nuraghi la
stessa cosa.
66. G. Lilliu, La civilt dei Sardi cit., 1988, p. 492.
67. G. Lilliu, La civilt dei Sardi cit., 1988, p. 513.
68. G. Lilliu, La civilt preistorica e nuragica in Sardegna cit.
69. Questa definizione in A. Moravetti, Ricerche archeologiche nel Marghine-Planargia, in Studi e
Monumenti, 5, vol. II, Sassari, Carlo Delfino, 2000, p. 91 ss.
70. Severa ed impietosa la critica di Giovanni Lilliu nei confronti di certo dilettantismo della ar-
cheoastronomia isolana: Si tratta di un sottobosco di archeoastronomi improvvisati che pullulano
in varie parti del mondo e prosperano anche nel nostro Paese. Essi vanno qua e l, aggrediscono i
monumenti, prendono misure e indicano orientamenti a vanvera e danno interpretazioni persona-
li fantastiche, strampalate, e propongono teorie scriteriate e campate in aria, suscitando, per, la
21
Prefazione
bastione quadrilobato con torri sporgenti e raccordate da possenti cortine mu-
rarie: il tutto delimitato da un antemurale munito di sette torri. Allesterno, ai
piedi della fortezza, il villaggio con la Capanna delle riunioni (vano 80). Il ri-
trovamento di centinaia di mensoloni alla base delle mura indicavano lesisten-
za di ballatoi, proprio come nelle torri medievali.
A Su Nuraxi Lilliu aveva potuto inoltre documentare diverse fasi costruttive
e ristrutturazioni: in particolare, il bastione era stato ispessito con un rifascio
murario e lingresso dal piano di campagna era stato rialzato a 7 metri: un espe-
diente che rendeva la costruzione inaccessibile.
A Barumini Lilliu aveva le prove e tutti gli elementi per considerare Su Nura-
xi una poderosa fortezza, una sorta di capoluogo di un ampio territorio o canto-
ne nuragico.
Quindi, nello scrivere I nuraghi, Lilliu ha una visione militarista della fun-
zione dei nuraghi, anche pi accentuata rispetto allo stesso Taramelli, che pure
ritenuto linterprete pi guerrafondaio dei nuraghi.
La natura militare dei nuraghi provata scrive Lilliu anche dallaspetto
generale massiccio dei muri Ma sono soprattutto alcuni espedienti singolari
di grande efficacia difensiva ed offensiva, che rivelano il carattere di fortilizio
del nuraghe. Sono le feritoie, gli angoli morti, le svolte a zigzag , i piom-
batoi , le scale retrattili, i passaggi angusti, le botole, le garette di guardia, le
ridotte , i canali acustici etc. Si aggiungano le armi di pietra (proiettili per
fionda e palle per piombatoi ) e di metallo (lance, spade, pugnali etc.).
Pertanto, pur non escludendo che alcuni nuraghi semplici siano stati delle
abitazioni di pastori e contadini, Lilliu ritiene che, nella massima parte, sia
nelle forme semplici sia in quelle plurime di mole maggiore sono da ritenersi
delle costruzioni di carattere e di uso militare fisso. Nelle forme semplici costi-
tuiscono una specie di limes a batterie di fortini dissolti nel sistema difensivo
Nei nuraghi plurimi era il fulcro della resistenza ad oltranza.
62
Anche i nuraghi a corridoio sono torri di difesa, come quelli a tholos: Il ne-
mico veniva attratto nella profondit di questi lunghi e lunghissimi corridoi,
tenuti volutamente in uno stato di semioscurit, e, una volta addentratosi nel
tranello di quegli angusti passaggi, veniva repentinamente assalito dai gruppi
darmati La concezione di difesa dunque non si fonda pi, come abbiamo
visto nei nuraghi plurimi e polilobati, su uno spiegamento fisso che manovra
dalle camere darme e sugli spalti contro unoffesa statica Si affida, invece,
allagguato insidioso di piccole unit mobili abituate ai colpi di mano In de-
finitiva, sembra di individuare nel tipo di pseudonuraghe un dispositivo fortifi-
cato che risponde alle esigenze della guerriglia.
63
Va anche detto che a questa interpretazione delle torri nuragiche cos legata alla
guerra contribuivano a parte le poderose architetture i bronzetti raffiguranti
62. Cfr. qui p. 60.
63. Cfr. qui pp. 79-80.
20
Affiora anche ne I nuraghi e sar uno dei motivi ricorrenti nel pensiero poli-
tico di Lilliu il convincimento di una diversit etnica, etica e culturale dei Sardi,
maturatasi nellet dei nuraghi e giunta fino a noi grazie alla resistenza dei suoi
valori contro ogni forma di colonizzazione: Il nuraghe (e la sua civilt) fu il frut-
to di una societ di pastori e guerrieri e trov nel dinamismo, nelle competizioni
continue, negli appetiti territoriali e, in genere, nello spirito bellicoso delle comu-
nit pastorali il fondamento della sua origine, il senso della sua struttura e la spin-
ta e lalimento incessante al suo sviluppo che dur per molti secoli. Fu questo un
valore attivo e vitale della nostra primitiva storia non documentale e da questa
matrice antica ha tratto forma, pi o meno confusa ma sempre viva, il ribelli-
smo sardo, quella qualit etica cio, caratteristica di societ pastorale, storica-
mente positiva, che oggi ha sfociato a modi ordinati di autonomismo dove risie-
dono le premesse spirituali e culturali della rinascita isolana.
72
Questo volume, se da una parte risente di oltre quarantanni di ricerche che
hanno in qualche modo rinnovato e modificato quanto si credeva su taluni aspet-
ti dellet nuragica (la cronologia, il significato della sua fine, una pi sfumata in-
terpretazione della funzione dei nuraghi, ladozione di sofisticati modelli di
analisi territoriale, una maggiore conoscenza della struttura-nuraghe ora fonda-
ta su un considerevole numero di costruzioni, la ricerca dellunit di misura
nelle costruzioni nuragiche, etc.), esso rimane tuttavia ancora vitale come lezio-
ne di analisi del dato archeologico, come esempio di lettura di un monumento
e come base tipologica dellarchitettura nuragica. Ma soprattutto rimane ancora
inalterato nel suo valore documentario, perch di l della parte opinabile del li-
bro (tale o potrebbe essere il testo introduttivo), vi nel libro stesso unaltra
parte, che pure la pi estesa: ossia quella del Catalogo dei monumenti, la qua-
le rappresenta leffettivo contributo di dati concreti. Le 107 schede descrittive
dei nuraghi costituiscono la realt obbiettiva e visiva di questo lavoro, quel
che oggi si usa dire, in linguaggio antiretorico, la verit.
73
Un pensiero corre anche a quei giovani laureati che allora come oggi
trovavano difficolt ad inserirsi nel campo della ricerca archeologica. Si ramma-
ricava, lo studioso, che tali fresche e promettenti energie si siano perdute, qua-
si per intero, per la disciplina che le lusing per un momento, deviate dalle ne-
cessit della vita materiale in una societ che non risponde ancora, come si
deve, ai richiami della cultura e della scienza, contraddittoria quale essa e alie-
nata da pressioni apparentemente pi importanti e pi urgenti.
74
In chiusura del volume come gi nella premessa e come sempre avviene
negli scritti di Lilliu emerge il militante della cultura, lintellettuale che nella
72. Cfr. qui p. 54.
73. Cfr. qui p. 54.
74. Cfr. qui p. 56.
23
Prefazione
di questi moderni sacerdoti del mondo nuragico viene in mente in realt
bisognerebbe averne consapevolezza! che per determinare la funzione di una
struttura antica occorre valutare anche il contesto culturale di riferimento e che
solo esaminando unitamente materiali e costruzione, in armonia stratigrafi-
ca, possibile proporre non dico la verit assoluta ed ultima ma almeno ipotesi
logiche e comprovate nei dati.
In quanto ai tempi di svolgimento dellarchitettura nuragica, ne I nuraghi
Lilliu propone lo schema cronologico elaborato sui dati emersi a Barumini. La
civilt nuragica viene suddivisa in tre fasi distinte: nuragico arcaico (1500-1000
a.C.); apogeico (1000-500 a.C.); della decadenza (500-238 a.C.).
Lo stato attuale degli studi sembra suggerire un rialzo della fase iniziale fi-
ne del Bronzo Antico per i protonuraghi e Bronzo Medio iniziale per i nuraghi
a tholos mentre ormai opinione condivisa da molti che intorno al XI-X se-
colo a.C. tali edifici cos come le tombe di giganti non venissero pi co-
struiti:
71
pertanto, alla fine del II millennio lesperienza nuragica pu considerar-
si conclusa, anche se londa lunga della bella et dei nuraghi rimarr ancora
viva ed operante nei primi secoli dellet del Ferro fino alla conquista cartagine-
se, alla fine del VI sec. a.C.
Questa nuova cronologia comporta quindi una minore durata della civilt
nuragica e soprattutto assolve Fenici, Cartaginesi e Romani dalla colpa di essere
stati la causa primaria per invasione e conquista della sua fine. Il mondo nu-
ragico sembra invece esaurire la propria forza propulsiva senza apparenti traumi
derivati dallesterno, ma forse a causa delle profonde trasformazioni socio-eco-
nomiche che negli stessi tempi investono il bacino del Mediterraneo, a fronte
delle quali la societ nuragica viene colta impreparata ed incapace di rinnovarsi.
Il nuraghe sopravvive miniaturizzato in modellini di bronzo, pietra ed argil-
la sia in forme semplici sia in forme complesse che come betili o ex voto
vengono deposti allinterno di edifici a carattere civile (le capanne delle riunio-
ni) o di culto, a ricordo, forse, di un passato ormai entrato nel mito.
curiosaggine del pubblico privo di discernimento. Di questi gruppuscoli ne contiamo pi duno
in Sardegna, malamente indottrinati, i cui componenti si radunano in congressi e scrivono in rivi-
ste esibendo idee cervellotiche, quali, ad esempio, quella sul nuraghe Santu Antine di Torralba
Ebbene, questi sciagurati archeoastronomi ne hanno fatto un osservatorio astronomico (G. Lilliu,
Il mondo dei megaliti, in AA.VV., Archeoastronomia, credenze e religioni nel mondo antico. Atti
del Convegno Internazionale (14-15 maggio 1997), Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 1998,
pp. 251-252).
71. G. Lilliu, La civilt preistorica e nuragica in Sardegna cit., p. 249; A. Moravetti, La preisto-
ria: dal Paleolitico allet nuragica, in AA.VV., Storia della Sardegna, I, Bari, Editore Laterza,
2002, p. 31; V. Santoni, Introduzione, in Splendidissima civitas Neapolitanorum, a cura di R.
Zucca, Roma, Carocci, 2005, p. 12.
Decisamente contrario alla definizione del termine post-nuragico utilizzato per indicare il periodo
del I Ferro isolano, P. Bernardini: Cartagine e la Sardegna: dalla conquista allintegrazione (540-
238 a.C.), in Rivista di Studi Fenici, XXXI, 2, 2003; Presentazione, in E. Alba, La donna nura-
gica, Roma, Carocci, 2005, p. 6.
22
lettura di quel lontano passato, glorioso e fervido, coglie un forte messaggio di
futuro e di speranza per unisola pi libera, autonoma e nuovamente padrona
del mare: Lantica vena culturale, per, seguit a correre per canali nascosti e
ancor oggi, di tanto in tanto, affiora, nei luoghi pi remoti e negli strati conser-
vativi e puri, come sottile sensazione di valori che non hanno perduto ogni effi-
cacia storica e rappresentano, se saputi rivivere in nuove e impegnative esperien-
ze, elementi di vita e di progresso civile.
75
Gratitudine ed affetto allinsigne Maestro, ed un plauso allIlisso per la sensibi-
lit culturale mostrata nel promuovere questa impegnativa ristampa e per i grandi
meriti acquisiti in questi anni di elevata produzione editoriale.
Alberto Moravetti
75. Cfr. qui p. 96.
24
Nota biografica
*
Giovanni Lilliu nato a Barumini (Cagliari) il 13 marzo 1914 da Giuseppe e
da Anastasia Frailis. Dopo le prime due classi elementari nel villaggio natale ha fre-
quentato le tre restanti e i cinque anni del ginnasio nel Collegio Salesiano di Lanu-
sei (Nuoro). Ha compiuto gli studi liceali a Frascati nel Collegio Villa Sora, sem-
pre dei Salesiani. Si iscritto poi nella Facolt di Lettere e Filosofia dellUniversit
di Roma, frequentando il corso di Lettere Classiche e approfondendo gli studi ar-
cheologici e paletnologici. Si laureato il 9 luglio 1938 discutendo col professor
Ugo Rellini una tesi sulla religione primitiva in Sardegna. Nella stessa Facolt ha
frequentato per tre anni la Scuola di specializzazione in Archeologia, superando
lesame di diploma il 22 febbraio 1942 con una tesi sulle stele puniche di Sulci
discussa col professor Giulio Quirino Giglioli. Sino al dicembre 1943 stato assi-
stente volontario alla cattedra di Paletnologia dellAteneo romano. Nel 1942 ha
vinto una borsa di studio per frequentare un corso di perfezionamento in Preisto-
ria e Paletnologia a Vienna, alla scuola del professor Oswald Menghin; borsa non
goduta a causa di una malattia. Rientrato in Sardegna, dal 1 febbraio 1943 chia-
mato ad insegnare Paletnologia, in qualit di professore incaricato, presso la Facol-
t di Lettere e Filosofia dellUniversit di Cagliari, con lobbligo dellinsegnamento
della Geografia. Dal 1 novembre 1943 al 31 ottobre 1947 ha insegnato Archeolo-
gia e dal 1 novembre 1950 al 31 ottobre 1951 Storia delle Religioni. Dal 1944 al
1955 Lilliu stato Funzionario della Soprintendenza alle Antichit della Sardegna,
prima come ispettore e poi come direttore. A cominciare dal 1939 ha effettuato
numerose ricerche e scavi in Sardegna e nelle Baleari (Art, Maiorca). Dopo alcuni
rilievi preliminari (1940-49), la campagna di scavi pi famosa, compiuta negli
anni 1951-56, riguarda il complesso nuragico Su Nuraxi di Barumini (Cagliari).
Il rilievo della scoperta permise a Lilliu di acquisire unindubbia autorevolezza
scientifica a livello internazionale. Risalgono a questo periodo alcune fondamentali
monografie sulla preistoria, quali, ad esempio, I nuraghi. Torri preistoriche di Sarde-
gna (1962), lampia opera di sintesi La civilt dei Sardi dal Neolitico allet dei nu-
raghi (1963), ristampata, ampliata e rimaneggiata nel 1967 e nel 1988, che resta
una delle opere pi importanti della storiografia sarda del Novecento e Sculture
della Sardegna nuragica (1966).
Il nuovo incarico (dal 1 dicembre 1954) di Antichit Sarde gli consent di vin-
cere la cattedra presso la Facolt di Lettere cagliaritana, che ricopr prima come
* La nota biografica, curata da A. Mattone, tratta dal volume di G. Lilliu, La costante resistenzia-
le sarda, Nuoro, Ilisso, 2002.
25
1990 il riconoscimento pi prestigioso socio nazionale dellAccademia dei
Lincei di Roma. Dal 1989 professore emerito della Facolt di Lettere e Filo-
sofia di Cagliari. Dal 1966 commendatore al merito della Repubblica Italiana,
ha ottenuto il 2 giugno 1967 il diploma di prima classe di benemerito della scuo-
la, della cultura e dellarte.
Dal 1994 Lilliu decisamente schierato su posizioni progressiste e di cen-
tro-sinistra ed impegnato, come presidente onorario della Fondazione Sardi-
nia, nelle attivit tese alla valorizzazione della cultura e della identit autonomi-
stica dei Sardi. Vive e lavora a Cagliari, continua a coltivare gli studi storici e
archeologici, e interviene regolarmente sul quotidiano La Nuova Sardegna sui
temi di attualit politica, civile e culturale.
27
Nota biografica
professore straordinario, dal 15 dicembre 1955 al 14 dicembre 1958, e poi come
professore ordinario dal 15 dicembre 1958 alla sua andata fuori ruolo il 1 novem-
bre 1984. Lilliu ha ricoperto numerose cariche accademiche: preside della Facolt
di Lettere per ben diciannove anni (dal 1959 al 1967, dal 1969 al 1978); direttore
dellIstituto di Antichit, Archeologia e Arte e del Corso di perfezionamento in
Archeologia e Storia dellArte dal 1969 al 1983; membro del Consiglio dammini-
strazione e dal 1979 al 1989 presidente della Commissione dAteneo. Dal 1970 al
1989 ha insegnato nella Scuola di specializzazione in Studi Sardi, di cui stato
animatore e direttore per diversi anni (nel 1979-82, nel 1984-87, nel 1988-89).
Dal 1955 ha diretto la rivista, dellIstituto e poi della Scuola, Studi Sardi. Dal
1983 dirige il Nuovo Bullettino Archeologico Sardo.
Accanto allattivit scientifico-accademica, Lilliu ha svolto unintensa mili-
tanza politica, sin dagli anni universitari romani, nelle fila dellAzione Cattolica
e della FUCI e poi, dopo il rientro cagliaritano del 1943, della Democrazia Cri-
stiana, di cui stato consigliere e assessore nellAmministrazione Provinciale di
Cagliari. Cattolico democratico e antifascista, schierato con la sinistra democri-
stiana, Lilliu stato consigliere regionale dal 1969 al 1974, consigliere comunale
di Cagliari dal 1975 al 1980. Ha svolto anche unintensa attivit pubblicistica su
temi politici, sociali e culturali, collaborando sia alle riviste e ai giornali del do-
poguerra, da Riscossa a Il Corriere dellIsola, Il Corriere di Sardegna, Il Convegno,
sia a quelli degli anni della Rinascita, come Autonomia Cronache e Rinascita
Sarda, sia ai periodici pi impegnati sui temi dellidentit, come Il popolo sar-
do. Collaboratore de LUnione Sarda a cominciare dal 1947, dal 1994 Lilliu
collaboratore stabile de La Nuova Sardegna. Diversi suoi articoli sono stati pub-
blicati da quotidiani nazionali e stranieri, come Il Giornale dItalia, Il Corriere
della Sera, il francese Le Monde.
Lilliu stato sempre impegnato nella difesa dei beni culturali e ambientali del-
la Sardegna dalla speculazione e dal degrado, sostenendo la necessit di un passag-
gio di competenze in questo settore dallo Stato alla Regione Autonoma: dal 1975
al 1980 stato componente del Consiglio Nazionale dei Beni Culturali e Ambien-
tali e membro del Comitato di settore archeologico presso il Ministero per i Beni
Culturali e Ambientali. Dal 1976 al 1986 stato presidente del Comitato Stato-
Regione per i Beni Culturali e Ambientali. Il 1 aprile 1985 stato nominato presi-
dente dellIstituto Superiore Regionale Etnografico con sede a Nuoro.
Negli ultimi decenni, Lilliu ha continuato ad occuparsi della preistoria sarda
lultima sua corposa monografia, Arte e religione della Sardegna prenuragica,
stata pubblicata nel 1999 , delle antichit puniche e romane e dellarcheologia
altomedioevale, ma affrontando spesso anche tematiche di antropologia cultu-
rale, di sociologia e di lingua sarda. Dal 1975 al 1985 ha ripreso inoltre lattivi-
t di scavo archeologico (Fonni: localit Madau, Bidistili, Logomake ecc.). Dal
1953 socio corrispondente dellIstituto Archeologico Germanico in Roma,
dal 1956 socio dellIstituto di Studi Etruschi di Firenze, dal 1964 socio onora-
rio della Sociedad Arqueolgica Lulliana di Palma di Maiorca e, infine, dal
26
Nota bibliografica
1937
Scoperta di una tomba in localit Bau Marcusa ed altre tracce archeologiche in
Barumini (Cagliari), in Studi Sardi, III (1936), 1937, pp. 147-155.
1939
Barumini. Necropoli, pagi, ville rustiche romane, in Notizie degli Scavi, XV, serie
VI, 1939, pp. 370-380.
1940
Alcuni monumenti preistorici di Siniscola (Nuoro), in Studi Sardi, IV, 1940,
pp. 14-24.
Gesturi. Tombe di giganti in regione Ollastedu e Scusorgiu e sepolture dellet del
ferro in contrada Nerbonis, in Notizie degli Scavi, I, serie VII, 1940, pp. 234-238.
Il villaggio punico-romano e la chiesa di S. Pantaleo di Bangius (Barumini), in
Studi Sardi, IV, 1940, pp. 25-30.
Setzu. Domus de janas di Domu sOrku e nuraghi alle falde della Giara, in No-
tizie degli Scavi, I, serie VII, 1940, pp. 239-247.
Siddi. Tomba romana imperiale in contrada Is Arroccas di Codinas, in Notizie
degli Scavi, XV, serie VI, 1940, pp. 251-254.
Tharros. Ceramiche puniche di varia epoca, in Notizie degli Scavi, XV, serie VI,
1940, pp. 247-251.
Un monumento del primo 600: il palazzo apata di Barumini, in Studi Sardi,
IV, 1940, pp. 149-152.
1941
Architettura civile sei-settecentesca in Marmilla, in Studi Sardi, V, 1941, pp.
165-187.
Siddi. Su Pranu di Siddi e i suoi monumenti preistorici, in Notizie degli Scavi,
II, serie VII, 1941, pp. 130-163.
Siniscola (Nuoro). Ricerca e scavi, in Notizie degli Scavi, XVI, serie VI, 1941,
pp. 164-171.
1942
Appunti sulla cronologia nuragica, in Bollettino di Paletnologia Italiana, V-VI,
1941-42, pp. 143-177.
Bronzi preromani in Sardegna, in Bollettino di Paletnologia Italiana, V-VI, 1941-
42, pp. 179-196.
1943
Recensione di A. Taramelli, Nuraghe Santu Antine in territorio di Torralba-Sassari,
Monumenti Antichi dei Lincei, XXXVIII, 1939, in Bollettino di Paletnologia Ita-
liana, V-VI, 1943, pp. 141-144.
Vestigia preistoriche in territorio di Siniscola (Nuoro), in Bollettino di Paletnolo-
gia Italiana, VII, 1943, pp. 97-102.
1944
Barumini. Nuovi Scavi nella necropoli romana di Siali di Sotto; tombe romane
in localit Molinu, in Notizie degli Scavi, IV, serie VII, 1944, pp. 182-187.
Gergei (Sardegna). Villaggio nuragico di Su Iriu, in Notizie degli Scavi, IV, serie
VII, 1944, pp. 166-170.
Las Plassas (Cagliari). Villaggio preistorico di Su Pranu, il gruppo preistorico di
Simaxi e nuraghi e tombe megalitiche del falsopiano di Pauli, in Notizie degli Sca-
vi, IV, serie VII, 1944, pp. 170-182.
Le stele puniche di Sulcis (Cagliari), in Monumenti Antichi dei Lincei, XL, 1944,
coll. 293-418.
Setzu. Tomba romana in localit Bingia Molinu, in Notizie degli Scavi, IV, serie
VII, 1944, p. 188.
1945
Alla Consulta un archeologo, in Corriere di Sardegna, 26 settembre 1945.
Bronzi figurati paleosardi esistenti nelle collezioni pubbliche e private non insula-
ri, in Studi Sardi, VI (1944), 1945, pp. 23-41.
Orzo carbonizzato di duemila anni fa, in LAgricoltura Sarda, XXII, n. 4, dicem-
bre 1945, pp. 81-82.
Rapporti fra la civilt nuragica e la civilt fenicio-punica in Sardegna, in Studi
Etruschi, XVIII (1944), 1945, pp. 323-370.
1946
Barumini (Cagliari). Saggi stratigrafici presso i nuraghi di Su Nuraxi e Marfudi;
vicus di S. Lussoriu e necropoli romana di Su Luargi, in Notizie degli Scavi, VII,
serie VII, 1946, pp. 175-207.
Le scoperte e gli scavi paletnologici in Italia durante la guerra (Sardegna), in Ri-
vista di Scienze Preistoriche, I, 1946, pp. 104-107.
Necrologi (Ugo Rellini), in Rivista di Scienze Preistoriche, I, 1946, pp. 131-133.
Sardegna: isola anticlassica, in Il Convegno, n. 10, ottobre 1946, pp. 9-11.
28 29
Las Plassas (Cagliari). Ritrovamento di tombe di epoca romana, in localit Su Ac-
cu e sEna, in Notizie degli Scavi, XXVII, 1949, pp. 284-286.
Necrologio (Salvatore Pittalis), in Studi Sardi, IX, 1949, pp. 597-598.
Nurallao (Nuoro). Ripostiglio di monete imperiali romane, rinvenuto in contra-
da imprecisata del territorio, in Notizie degli Scavi, XXVII, 1949, pp. 301-308.
San Gavino Monreale (Cagliari). Scoperta di tombe romane in localit Giba
Onida, in Notizie degli Scavi, XXVII, 1949, pp. 275-284.
Sculture della Sardegna nuragica, Venezia, Alfieri, 1949, pp. 42, tavv. LXVIII (in
collab. con G. Pesce).
1950
Scoperte e scavi di antichit fattisi in Sardegna durante gli anni 1948 e 1949, in
Studi Sardi, VIII-IX (1948-49), 1950, pp. 392-559.
1951
Preistoria sarda e civilt nuragica, in Il Ponte, settembre-ottobre 1951, pp.
983-988.
1952
Modellini bronzei di Ittireddu e Olmedo (nuraghi o altiforni?), in Studi Sardi,
X-XI (1950-51), 1952, pp. 67-120.
Necrologi (C. Albizzati, G. Patroni, M. Varsi), in Studi Sardi, X-XI (1950-
1951), 1952, pp. 602-609.
Recensione di G. Serra, Scritti vari di glottologia sarda, in Studi Sardi, X-XI
(1950-51), 1952, pp. 579-594.
Sardisch-nuragische Bronzestatuetten, in Du, Zrich, 7 luglio 1952.
1953
Bronzetti nuragici da Terralba (Cagliari), in Annali delle Facolt di Lettere, Filoso-
fia e Magistero dellUniversit di Cagliari, XXI, 1953, pp. 3-94.
I nuraghi della Sardegna, in Le vie dItalia, LIX, n. 10, ottobre 1953, pp. 1289-
1297.
1955
I nuraghi della Sardegna, in Nuovo Bollettino Bibliografico Sardo, I, n. 4, 1955,
pp. 4-6.
Il nuraghe di Barumini e la stratigrafia nuragica, in Studi Sardi, XII-XIII (1952-
54), 1955, pp. 90-469.
Nuraghi e Bronzetti, in Lillustrazione italiana, fasc. speciale (Sardegna), Natale
1955, p. 31.
Pensieri sulla Sardegna, in Studi Sardi, XII-XIII (1952-54), 1955, pp. 7-20.
31
Nota bibliografica
Siddi (Cagliari). Tesoretto monetale in regione Tradoriu, in Notizie degli Scavi,
XXV, serie VI, 1946, pp. 206-209.
1947
Attivit dellIstituto per gli Studi Sardi, in Studi Sardi, VII, 1947, pp. 323-326.
Barumini (Cagliari). Tomba di epoca romana in localit Sanzianu, in Notizie
degli Scavi, XXV, serie VI, 1947, pp. 325-327.
Carbonia (Cagliari). Scoperta di tombe romane in localit Campo Frassoi, Cabu
dAcquas, Sa Cresiedda ed altre tracce archeologiche del Sulcis, in Notizie degli
Scavi, XXV, serie VI, 1947, pp. 312-325.
Dorgali (Nuoro). Villaggio nuragico di Serra Orrios. Impressioni ed osservazio-
ni, in Studi Sardi, VII, 1947, pp. 241-243.
Gergei (Nuoro). Tomba di epoca romana in localit Prabazzedda, in Notizie de-
gli Scavi, XXV, serie VI, 1947, pp. 327-330.
Notiziario, in Rivista di Scienze Preistoriche, II, 1947, pp. 335-336.
Notiziario Archeologico (1940-1946), in Studi Sardi, VII, 1947, pp. 247-263.
Notiziario Bibliografico Sardo (1940-1946), in Studi Sardi, VII, 1947, pp. 267-
320.
Per la topografia di Biora (Serri-Nuoro), in Studi Sardi, VII, 1947, pp. 27-104.
1948
Avvenimenti culturali, in Studi Sardi, VIII, 1948, pp. 455-460.
Dun candelabro paleosardo del Museo di Cagliari, in Studi Sardi, VIII, 1948,
pp. 5-42.
Necrologi (G. Clemente, P.M. Cossu, A. Imerani), in Studi Sardi, VIII, 1948,
pp. 461-465.
Notiziario Archeologico (1947), in Studi Sardi, VIII, 1948, pp. 412-431.
Notiziario Bibliografico Sardo 1947 (e Appendice 1940-1946), in Studi Sardi,
VIII, 1948, pp. 359-411.
Recensioni (W.F. Albright, V. Bertoldi, P. Cintas), in Studi Sardi, VIII, 1948, pp.
438-454.
Tracce puniche nella Nurra, in Studi Sardi, VIII, 1948, pp. 318-327.
Uno scavo ignorato dal Dott. Ferruccio Quintavalle nella tomba di giganti di
Goronna a Paulilatino (Cagliari), in Studi Sardi, VIII, 1948, pp. 43-72.
1949
Galtell (Nuoro). Ripostiglio di monete imperiali rinvenuto in localit Sa Turrit-
ta, in Notizie degli Scavi, XXVII, 1949, pp. 286-301.
30
1960
I nuraghi, in Il progresso della Sardegna, Cagliari, 1960.
La facies nuragica di Monte Claro (sepolcri di Monte Claro e Sa Duchessa-Ca-
gliari e villaggi di Enna Pruna e Su Guventu-Mogoro), in Studi Sardi, XVI,
1960, pp. 3-266 (in collab. con M.L. Ferrarese Ceruti).
Primi scavi del villaggio talaiotico di Ses Passes (Art-Maiorca), in Rivista dellIsti-
tuto Nazionale dArcheologia e Storia dellArte, n.s., IX, 1960, pp. 5-73.
1962
Due navicelle di bronzo protosarde in collezioni private, in Studi Sardi, XVII
(1959-61), 1962, pp. 260-269.
I nuraghi. Torri preistoriche di Sardegna, Cagliari, La Zattera, 1962.
La missione archeologica italiana nelle Baleari, in Archivio Storico Sardo, XXVIII,
1962, pp. 300-302.
Las nuragas, in Ampurias, XXIV (1959), 1962, pp. 67-120.
Mediterranei occidentali antichi centri, in Enciclopedia Universale dellArte, vol.
VIII, Roma, 1962, coll. 1013-1026.
Storiografia nuragica dal XVI secolo al 1840, in Archivio Storico Sardo, XXVIII,
1962, pp. 255-276.
1963
Fonti artistiche delleconomia protosarda, in Economia e storia, Milano, X, 1,
gennaio-marzo 1963, pp. 153-156.
Il nuraghe della Giara, la dimora borghese di un reuccio pastore, in Sardegna og-
gi, II, n. 19, 1-15 febbraio 1963, pp. 10-12.
La civilt dei Sardi dal Neolitico allet dei nuraghi, Torino, ERI, 1963.
La triste penombra delle domus de janas, in Tuttitalia (Sardegna), Firenze, San-
soni, 1963, pp. 53-59.
Nuraghe, in Enciclopedia italiana, XXV, Roma, 1963, pp. 81-83.
Religione della Sardegna nuragica, in Atti del Convegno di Studi Religiosi Sardi
(Cagliari, 24-26 maggio 1962), Padova, 1963, pp. 1-14.
1964
Cenno sui pi recenti scavi del villaggio talaiotico di Ses Passes ad Art-Maiorca
(Baleari), in Studi Sardi, XVIII (1962-63), 1964, pp. 22-52.
1965
Apporti pirenaici e del Midi alle culture sarde della prima et del Bronzo, in Se-
parata de arquitectura megalitica y ciclopea catalano-balear, 1965, pp. 71-88.
La Sardegna nel II millennio a.C., in Rivista Storica Italiana, LXXVII, 1965, pp.
358-420.
33
Nota bibliografica
1956
I nuraghi della Sardegna, in Realt Nuova, n. 9, 1956.
Sculture della Sardegna nuragica, Cagliari, La Zattera, 1956.
1957
Archeologia sarda, in Il Convegno, 10, n. 12, dicembre 1957, p. 5.
Religione della Sardegna prenuragica, in Bollettino di Paletnologia Italiana, XI,
1957, pp. 7-96.
1958
A thousand years of prehistoric Sardinia: the nuraghe of Barumini and its village.
A recent large-scale excavation, in The illustrated London news, March 8, 1958.
Barumini, in Enciclopedia dellarte antica, classica e orientale, vol. I, Roma, 1958,
pp. 982-984.
Ciottolo inciso prenuragico dalla grotta sarda di San Michele di Ozieri-Sassari,
in Archeologia classica, X, 1958, pp. 183-193.
Nuovi templi a pozzo della Sardegna nuragica, in Studi Sardi, XIV-XV (1955-
57), 1958, pp. 197-288.
Vasettino prenuragico di Mannias (Mogoro-Cagliari), in Studi Storici in onore di
Francesco Loddo Canepa, Firenze, 1958, pp. 237-267.
1959
Betilo, in Enciclopedia dellarte antica, classica e orientale, vol. II, Roma, 1959, pp.
72-75.
Cuoiai o pugilatori? A proposito di tre figurine protosarde, in La parola del pas-
sato, LXVII, 1959, pp. 294-304.
Dei nuraghi della Sardegna, in Il Convegno, gennaio 1959, pp. 5-9.
Larcipelago nella preistoria e nellantichit classica, in Ricerche sullarcipelago de La
Maddalena, in Memorie della Societ Geografica Italiana, XXV, 1959, pp. 197-266.
Le conversazioni. Missione archeologica a Maiorca, Rotary internazionale, 188 di-
stretto, club di Cagliari, 1959.
Missione archeologica a Maiorca, in Realt Nuova, n. 12, 1959.
Primi scavi del villaggio talaiotico di Ses Passes (Art-Maiorca), in Annali delle
Facolt di Lettere, Filososofia e Magistero dellUniversit di Cagliari, XXVII, 1959,
pp. 33-74 (in collab. con F. Biancofiore).
The Nuraghi of Sardinia, in Antiquity, XXXIII, March 1959, pp. 32-38, pl.
VII-VIII.
The Proto-Castles of Sardinia, in Scientific American, December 1959.
Trulla. Cupola in Sardegna, in Archivio Storico Sardo, XXVI, 1959, pp. 509-522.
32
Rapporti architettonici sardo-maltesi e balearico-maltesi nel quadro dellipogei-
smo e del megalitismo, in Atti del XV Convegno di Storia dellarchitettura (Malta,
11-16 settembre 1967), Roma, 1970, pp. 99-172.
1971
La costante resistenziale sarda, Cagliari, Stef, 1971, pp. 41-56.
Navicella di bronzo protosarda da Gravisca, in Notizie degli Scavi, XXV, serie
VIII, 1971, pp. 289-299; anche in Atti dellAccademia dei Lincei, CCCLXVIII, e
in Studi Sassaresi, serie III, 1971.
1972
Cultura prevalente e cultura alternativa popolare nella Regione sarda, in Cultura
e politica, II, Cagliari, Fossataro, 1972, pp. 3-25.
Resoconto di mezza legislatura, Sassari, Gallizzi, 1972.
1973
Il diavolo in Sardegna, Cagliari, Stef, 1973.
Lambiente nuorese nei tempi della prima Deledda, in Studi Sardi, XXII (1971-
72), 1973, pp. 753-783.
Tripode bronzeo di tradizione cipriota dalla grotta Pirosu-Su Benatzu di Santadi
(Cagliari), in Estudios dedicados al Profesor Dr. Luis Pericot, Barcelona, Universi-
dad de Barcelona, Insituto de Arqueologa y Prehistoria, 1973, pp. 283-307.
1975
Antichit nuragiche nella diocesi di Ales, in La diocesi di Ales-Usellus-Terralba,
aspetti e valori, Cagliari, Fossataro, 1975, pp. 133-161.
Lindagine del Consiglio regionale della Sardegna e linchiesta del Parlamento ita-
liano sui problemi di criminalit in Sardegna, in Studi Sardi, XXIII (1973-74),
1975, pp. 443-469.
Questioni di Sardegna, Cagliari, Fossataro, 1975.
Un giallo del secolo XIX in Sardegna. Gli idoli sardo-fenici, in Studi Sardi,
XXIII (1973-74), 1975, pp. 313-363.
1977
Dal betilo aniconico alla statuaria nuragica, in Studi Sardi, XXIV (1975-76),
1977, pp. 73-144.
Il sacco di Cagliari, il depuratore a Molentargius, Cagliari, edizioni 3T, 1977.
Sardinien, Mnchen, 1977 (in collab. con Tet Arnold Von Borsig e D. Fisher).
1978
Attivit della scuola di specializzazione di studi sardi, relazioni e documenti, in
Studi Sardi, XXIV (1975-77), 1978, pp. 731-770.
35
Nota bibliografica
Sanluri nellantichit, in Sanluri terra e lori, Cagliari, Tipografia S.P.S., 1965,
pp. 23-25.
1966
Apporti pirenaici e del Midi alle culture sarde della prima et del Bronzo, in Stu-
di Sardi, XIX (1964-65), 1966, pp. 36-58.
Larchitettura nuragica, in Atti del XIII congresso di Storia dellArchitettura (Caglia-
ri, 6-12 aprile 1963), vol. I, Roma, Centro di studi per la Storia dellArchitettura,
1966, pp. 17-92.
Sarda Arte, in Enciclopedia dellarte antica, classica e orientale, VII, 1966, pp.
40-44.
Sculture della Sardegna nuragica, Cagliari, La Zattera, 1966.
Sviluppo e prospettive dellarcheologia in Sardegna, in Studi Sardi, XIX (1964-
65), 1966, pp. 3-35.
1967
Al tempo dei nuraghi, in La societ in Sardegna nei secoli, Torino, ERI, 1967, pp.
7-31.
Frhe Randkulturen des Mittelmeerraumes. Korsika, Sardinien, Balearen, Iberische Hal-
binsel, Baden Baden, 1967 (in collab. con H. Schubart; introduz. di J. Thimme).
La civilt dei Sardi dal Neolitico allet dei nuraghi, Torino, ERI, 1967 (aggiorna-
mento delledizione del 1963).
1968
Civilt Mediterranee. Corsica, Sardegna, Baleari, Gli Iberi, Milano, Il Saggiatore,
1968 (in collab. con H. Schubart).
Il dolmen di Motorra (Dorgali-Nuoro), in Studi Sardi, XX (1966-67), 1968,
pp. 74-128.
La degradazione storica della societ barbaricina, in Autonomia Cronache, 2,
1968, pp. 27-40.
Rapporti fra la cultura torreana e aspetti pre e protonuragici della Sardegna, in
Studi Sardi, XX (1966-67), 1968, pp. 3-47.
1969
Zone interne e interventi esterni, Cagliari, Stef, 1969, pp. 3-15.
1970
Civilisations anciennes du bassin Mditerranen. Corse, Sardaigne, Balares, Les Ibres,
Paris, Michel, 1970 (in collab. con H. Schubart).
Civilisations anciennes du bassin Mditerranen. Les Cyclades, Chypre, Malte, la Syrie
ancienne, Paris, Michel, 1971 (in collab. con J. Thimme, P. Astrom e J. Vesner).
34
Tradizione, identit e cultura sarde nella scuola, in Linguaggio musicale e linguag-
gio poetico in Sardegna. Atti del Convegno di studi coreutico-musicali sardi (Nuoro,
24-26 luglio 1975), Cagliari, Altair, 1981, pp. 79-85.
1982
Architettura e scultura dellet nuragica, in La Sardegna, a cura di M. Brigaglia,
vol. I, Cagliari, Della Torre, 1982, pp. 71-76.
La civilt nuragica, Sassari, Carlo Delfino, 1982.
La Sardegna, la terra, la storia, larte e la civilt di un popolo regionale, Cagliari, Del-
la Torre, 1982.
Let dei nuragici, in La Sardegna, a cura di M. Brigaglia, vol. I, Cagliari, Della
Torre, 1982, pp. 5-12.
Stato delle ricerche di archeologia preistorica in Sardegna nellultimo decennio,
in Stato attuale della ricerca storica sulla Sardegna. Atti del Convegno di studio (Ca-
gliari, 27-29 maggio 1982), in Archivio Storico Sardo, XXXIII, 1982, pp. 35-43.
Tra le pietre dei nuraghi le antiche matrici sarde, in Atlante, Itinerari in Sardegna,
Novara, Istituto Geografico De Agostini, agosto 1982, pp. 22-36.
1983
Forme di contatto e processi di trasformazione nelle societ antiche, in Atti del
Convegno di Cortona (24-30 maggio 1981), Roma, Collection de lcole Franaise
de Rome, 1983, pp. 315-330.
1984
Antichit paleocristiane nel Sulcis, in Nuovo Bullettino Archeologico Sardo, I,
1984, pp. 283-300.
La civilt dei Sardi dalla preistoria alla fine del mondo antico, in I Sardi. La Sar-
degna dal paleolitico allet romana, Milano, Jaca Book, 1984, pp. 11-30.
La Sardegna preistorica e nuragica, in Sardegna, Guide dItalia, Milano, Touring
Club Italiano, 1984 (quinta edizione), pp. 37-52.
Presenze barbariche in Sardegna dalla conquista dei Vandali, in Magistra barba-
ritas. I Barbari in Italia, Milano, Scheiwiller, 1984, pp. 559-570.
Ricordo di Gennaro Pesce, in Archivio Storico Sardo, XXXIV, 1984, pp. 387-392.
1985
La Sardegna nuragica, in Archeo Dossier, 9, novembre 1985.
Origini della civilt in Sardegna, Torino, ERI, 1985.
Ricerche in territorio di Fonni, in 10 anni di attivit nel territorio della Provincia
di Nuoro, Nuoro, 1985, pp. 18-25.
1986
Il comitato paritetico Stato-Regione. Ruolo e attivit, in Atti della I Conferenza
37
Nota bibliografica
Barumini, in Guida della preistoria italiana, a cura di A.M. Radmilli, Firenze,
Sansoni, 1978, pp. 200-201.
La Sardegna nella matrice mediterranea, in Balears-Pitises, Crsega, Sardenya per
les reivindicationes nacionals, Segones Jornades del ciemen (Abadia de Cuixa, 16-22
dagost de 1977), Barcelona, Publicacions de lAbadia de Montserrat, 1978.
Per un concetto estensivo di centro storico, in Quaderni Bolotanesi, IV, 1978,
pp. 7-13.
Sardegna, in Guida della preistoria italiana, a cura di A.M. Radmilli, Firenze,
Sansoni, 1978, pp. 197-206 (in collab. con E. Atzeni).
1979
Presentazione, in F. Barreca, La Sardegna fenicio-punica, Sassari, Chiarella, 1979,
pp. 1-6.
1980
Die Nuraghenkultur, in Kunst und Kultur Sardiniens vom Neolithikum bis zum
Ende der Nuraghenzeit, Karlsrhue, 1980, pp. 44-84.
Loltretomba e gli dei, in Nur. La misteriosa civilt dei Sardi, Cinisello Balsamo,
A. Pizzi, 1980, pp. 105-140.
Religion, in Kunst und Kultur Sardiniens vom Neolithikum bis zum Ende der Nu-
raghenzeit, Karlsrhue, 1980, pp. 85-98.
S. Agostino, chiesa e convento, Giornate dedicate a Agostino: luomo, il Santo, Chiesa
di SantAgostino, Cagliari, 15 gennaio 1980 (ciclostilato).
Sardegna ieri e oggi, Sassari, Gallizzi, 1980.
1981
Bronzetti e statuaria nella civilt nuragica, in Ichnussa. La Sardegna dalle origini
allet classica, Milano, Scheiwiller, 1981, pp. 177-251.
I beni culturali, in La geografia nelle scuole. Atti del XXV Convegno nazionale (Ca-
gliari, 22-26 settembre 1980), Rivista dellassociazione italiana insegnanti di geogra-
fia, XXVI, n. 1, gennaio-febbraio 1981, pp. 86-89.
La preistoria sarda e la civilt nuragica nella storiografia moderna, in Ichnussa. La
Sardegna dalle origini allet classica, Milano, Scheiwiller, 1981, pp. 487-523.
Lera del megalitico: i 1500 anni della civilt nuragica, in Almanacco di Cagliari,
Cagliari, 1981.
Monumenti antichi barbaricini, in Quaderni della Soprintendenza archeologica
per le provincie di Sassari e Nuoro, 10, 1981, pp. 1-194.
Per una ricerca interdisciplinare di archeologia e storia, in Quaderni di Storia, 2,
1981, pp. 181-186.
36
Il Paleolitico e il Neolitico, in Storia dei Sardi e della Sardegna, I, Milano, Jaca
Book, 1988, pp. 41-68.
La bella Et del Bronzo, in Storia dei Sardi e della Sardegna, I, Milano, Jaca Book,
1988, pp. 83-110.
La civilt dei Sardi dal Paleolitico allet dei nuraghi, Torino, Nuova ERI, 1988 (ag-
giornamento delledizione del 1967).
La crescita delle aristocrazie: let del Ferro, in Storia dei Sardi e della Sardegna,
I, Milano, Jaca Book, 1988, pp. 111-127.
Nuova ricchezza e nuovo potere, in Storia dei Sardi e della Sardegna, I, Milano,
Jaca Book, 1988, pp. 69-82.
Recensione de I Catalani in Sardegna (a cura di J. Carbonell e F. Manconi), Mila-
no, 1984, in Studi Sardi, XXVII (1986-87), 1988, pp. 503-524.
Recensione de Le opere e i giorni. Contadini e pastori (a cura di G. Angioni e F.
Manconi), Milano, 1982, in Studi Sardi, XXVII (1986-87), 1988, pp. 525-529.
Solitudine come crocevia, in Lumana avventura, Milano, Jaca Book, primavera
1988.
Su Nuraxi di Barumini, Sassari, Carlo Delfino, 1988 (in collab. con R. Zucca).
1989
Introduzione, in L. Porru, R. Serra, R. Coroneo, SantAntioco. Le catacombe, la
chiesa martyrium, i frammenti scultorei, Cagliari, Stef, 1989, pp. 7-12.
La Sardegna preistorica e le sue relazioni esterne, in Notiziario dellUniversit di
Cagliari, Cagliari, 1989, pp. 43-59; anche in Studi Sardi, XXVIII (1988-89),
1989, pp. 11-36.
Lineamenti di cultura materiale dal Neolitico allAlto Medioevo, in Il Museo Ar-
cheologico di Cagliari, Cinisello Balsamo, Amilcare Pizzi, 1989, pp. 21-30.
Meana dalle origini allalto medioevo, in Meana, matrici e tradizioni, Cagliari,
1989, pp. 29-100.
Monumenti della religiosit della Sardegna preistorica, in Religiosit, teologia ed
arte. Convegno di studio della Pontificia Facolt Teologica della Sardegna (Cagliari,
27-29 marzo 1987), Roma, Citt Nuova, 1989, pp. 25-32.
Origine e storia del Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, in Il Museo Ar-
cheologico di Cagliari, Cinisello Balsamo, Amilcare Pizzi, 1989, pp. 11-20.
Recensione de Larcheologia romana e altomedievale nellOristanese, Taranto,
1984, in Studi Sardi, XXVIII (1988-89), 1989, pp. 545-568.
Relazione di apertura, in La cultura di Ozieri, problematiche e nuove acquisizioni.
Atti del I Convegno di studio (Ozieri, gennaio 1986-aprile 1987), a cura di L. Cam-
pus, Ozieri, 1989.
39
Nota bibliografica
regionale sui beni culturali e ambientali (Cagliari, 16-18 febbraio 1984), Cagliari,
Regione Autonoma della Sardegna, 1986, pp. 45-52.
Le lingue emarginate e i mezzi di informazione, in Sardegna Autonomia, ottobre-
dicembre 1986, pp. 17-24.
Le miniere dalla preistoria allet tardo-romana, in Le miniere e i minatori della
Sardegna, a cura di F. Manconi, Cinisello Balsamo, Amilcare Pizzi, 1986, pp. 7-18.
Per il catalogo archeologico dei villaggi e delle chiese rurali abbandonati in Sarde-
gna, in Archivio Storico Sardo, XXXV, 1986, pp. 145-168.
Recensione di S. Tin, Passo di Corvo e la civilt neolitica del Tavoliere, Genova
1983, in Studi Sardi, XXVI (1981-85), 1986, pp. 361-368.
Societ ed economia nei centri nuragici, in Un millennio di relazioni fra la Sarde-
gna e i paesi del Mediterraneo. Atti del I Convegno di studi (Selargius-Cagliari, 29-30
novembre 1985), Cagliari, Stef, 1986, pp. 77-87.
Tomba di giganti a Preiganti (Gergei-Nuoro), in Studi Sardi, XXVI (1981-85),
1986, pp. 51-61.
1987
In diretta dai nuraghi, intervista a Giovanni Lilliu (A. Paracchini), TC, 29 marzo-4
aprile 1987.
Inseguendo il sogno di riconquistare il mare, in Sardegna Autonomia, n.s., XIII,
gennaio-febbraio 1987, pp. 17-32.
La Sardegna tra il II e il I millennio a.C., in Un millennio di relazioni fra la Sar-
degna e i paesi del Mediterraneo. Atti del II Convegno di studi (Selargius-Cagliari,
1986), Cagliari, 1987, pp. 13-32.
Lautonomia dimenticata, in Rinascita Sarda, 10, ottobre 1987.
Museo Italia. La pi grande Mostra darte allaria aperta. Sardegna, Milano, A. Cur-
cio, 1987, pp. 218-229.
Nella societ nuragica linvalido non veniva emarginato, in Notiziario provinciale
dellinvalido civile, Cagliari, dicembre 1986-aprile 1987, pp. 8-9.
Per una rappresentazione dinamica della cultura popolare sarda, in Il museo etno-
grafico di Nuoro, Cinisello Balsamo, Amilcare Pizzi, 1987, pp. 11-20.
Riconquistare la libert, intervista a Giovanni Lilliu (F. Casula), in Citt quartie-
re, maggio 1987.
Ricordo di Ferruccio Barreca, in Quaderni della Soprintendenza archeologica per
le province di Cagliari e Oristano, 4, 1987, pp. 16-18.
1988
Eredit delle origini. Per una storia dellidentit, in La Sardegna, 3, 1988, pp.
19-22.
38
Recensione di Ampsicora e il territorio di Cornus, Taranto, 1988, in Studi Sardi,
XXIX (1990-91), 1991, pp. 557-560.
Recensione di L. Porru, R. Serra, R. Coroneo, SantAntioco. Le catacombe. La
chiesa martyrium. I frammenti scultorei, Cagliari, Stef, 1989, in Studi Sardi, XXIX
(1990-91), 1991, pp. 564-569.
Recensione di Sancti innumerabilis. Scavi nella Cagliari del Seicento: testimonianze
e verifiche, Oristano, SAlvure, 1989, in Studi Sardi, XXIX (1990-91), 1991, pp.
561-564.
Recensione di Sassari. Le origini, Sassari, Gallizzi, 1989, in Studi Sardi, XXIX
(1990-91), 1991, pp. 570-581.
Ricordo di Raffaello Delogu, in Studi Sardi, XXIX (1990-91), 1991, pp. 545-548.
Sulla coralit di ispirazione popolare, in Lannuario sardo. Rivista di storia, arte e
tradizioni, 1990-91, pp. 45-51.
1992
Ancora una riflessione sulle guerre cartaginesi per la conquista della Sardegna, in
Atti dellAccademia Nazionale dei Lincei, Rendiconti, serie IX, 3, Roma, 1992, pp.
17-35.
Collezionismo etnografico in Sardegna, in Sardegna antica. Culture mediterranee,
Nuoro, La Poligrafica Solinas, 1992, pp. 30-32, 37.
Conclusione e saluto, in La Sardegna nel Mediterraneo tra il Bronzo medio e il
Bronzo recente (XVI-XIII secolo a.C.). Atti del III Convegno di studi: Un millennio di
relazioni fra la Sardegna e i Paesi del Mediterraneo (Selargius-Cagliari, 19-22 no-
vembre 1987), Cagliari, Della Torre, 1992, pp. 639-647.
Doro Levi e larcheologia della Sardegna, in MNHMEION. Ricordo triestino di
Doro Levi. Atti della giornata di studio (Trieste, 16 maggio 1992), Roma, Quasar,
1992, pp. 131-146.
Isole del Mediterraneo occidentale: specificit e relazioni socio-culturali durante i
tempi della preistoria e della protostoria, in X Jornades dEstudios histricos locals.
La Prehistria de les Illes de la Mediterrnia occidental (Palma de Mallorca del 29 al
31 doctubre de 1991), Palma de Mallorca, Grfiques Miramar, 1992, pp. 21-46.
La figura e lopera di Piero Meloni, in Sardinia antiqua. Studi in onore di Piero
Meloni in occasione del suo settantesimo compleanno, Cagliari, Della Torre, 1992,
pp. 13-28.
Larchitettura nuragica, in Scienza dei materiali e beni culturali. Esperienze e pro-
spettive nel restauro delle costruzioni nuragiche, Atti del Convegno (Cagliari, 11 di-
cembre-Villanovaforru, 12 dicembre 1990), Cagliari, Stef, 1992, pp. 1-7.
Memoria di Barumini, in Insieme, Barumini, 1992, pp. 9-13.
41
Nota bibliografica
Recensione di Nurachi. Storia di una ecclesia, Oristano, SAlvure, 1985, in Studi
Sardi, XXVIII (1988-89), 1989, pp. 569-579.
1990
I musei regionali, in Musei locali e musealizzazione delle aree archeologiche: proble-
matiche di gestione e figure professionali, in Quaderni della Soprintendenza archeolo-
gica per le provincie di Cagliari e Oristano, 7, 1990, supplemento, pp. 5-8.
Prefazione, in Nicola Tiole: Album di costumi sardi riprodotti dal vero (1819-
1826), Nuoro, Istituto Superiore Regionale Etnografico, 1990, pp. 5-7.
Prefazione e La questione nazionale sarda, in G. Contu, La questione nazionale
sarda, Quartu SantElena, Alfa, 1990, pp. 9-15, 191-194.
Premio letterario Marmilla Mogoro, in Antologia di poesia e prosa in lingua
sarda e italiana, Mogoro, La Tipografia Mogorese, 1990, pp. VII-XI.
Sopravvivenze nuragiche in et romana, in LAfrica Romana. Atti del VII Conve-
gno di studio (Sassari, 15-17 dicembre 1989), 7, Sassari, 1990, pp. 415-446.
1991
Ai padri sacri, in Sardegna, numero speciale a cura degli uffici P.R. dellItaltour,
1991, pp. 4-10.
Antonio Amore: venti anni di Sardegna, Oristano, SAlvure, 1991, pp. 5-8.
Appunti per una storia del paese di Barumini (Cagliari), Sassari, Carlo Delfino,
1991, pp. 3-15.
Figli della pietra, in Comunit Montana n. 3-Gallura, 7, n. 3, Tempio, luglio-
agosto 1991, pp. 16-28.
Il grido di dolore di Giovanni Lilliu, in Archeologia viva, n.s., X, n. 22, settembre
1991, pp. 74-78.
La Sardegna e il mare durante let romana, in LAfrica Romana. Atti dellVIII
Convegno di studio (Cagliari, 14-16 dicembre 1990), 8, Sassari, 1991, pp. 661-694.
Medicina in Sardegna durante let romana, in Scritti in onore di Ugo Carcassi,
Cagliari, Universit di Cagliari, 1991, pp. 206-208.
Prefazione, in In nome del pane. Forme, tecniche, occasioni della panificazione tra-
dizionale in Sardegna, Sassari, Carlo Delfino, 1991, pp. 7-10.
Presentazione, in M. Medde, Il senso del cammino, Ghilarza, 1991, pp. 1-6.
Quel demiurgo Sardus Pater. Una testimonianza epistolare sulla salvaguardia
dei beni culturali nellisola, in E. Lussu, Una leggenda sullaltipiano, in La Citt.
Periodico di cultura e arte, II, nn. 3-4, 1991, pp. 61-72.
Recensione dei Quaderni della Soprintendenza archeologica per le province di Ca-
gliari e Oristano, I-II, n. 4, 1987, in Studi Sardi, XXIX (1990-91), 1991, pp.
551-556.
40
1996
Bicentenario dei moti di liberazione del 1796. Leffimero trionfo dellAngioy, in
Il Popolo sardo. Rivista bimestrale della Sardegna, II, n. 2, maggio-giugno, 1996, pp.
27-35.
La lingua sarda: problemi e prospettive, in Attoppus cun sa lingua e sa cultura de
Sardigna, Dolianova, Grafica Parteolla, 1996, pp. 17-24.
Sardegna anticlassica, in Societ sarda. Periodico di Nuovo impegno, 3 quadrime-
stre, Quartu SantElena, Castello, 1996, pp. 68-74.
Uomo e ambiente in Sardegna nel percorso storico, in Studi Sardi, XXX (1992-
1993), Cagliari, 1996, pp. 5-19.
1997
Due statuine in bronzo di et nuragica dalla localit di Agrani-Nurallao (No-
ro), in Alle soglie della classicit. Il Mediterraneo tra tradizione e innovazione.
Studi in onore di Sabatino Moscati, a cura di E. Acquaro, Pisa-Roma, 1997, pp.
833-841.
Il manoscritto Gilj e gli idoli sardo-fenici, in Le Carte dArborea. Falsi e Falsari
nella Sardegna del XIX secolo, a cura di L. Marrocu, Cagliari, AM&D, 1997, pp.
287-300.
Il Mediterraneo fra passato e presente, in Pastorizia e politica mediterranea. Atti
del XIX Seminario per la cooperazione mediterranea (Cagliari, 14-15 novembre
1997), a cura di F. Nuvoli, R. Furesi, Cagliari, Tema, 1997, pp. 25-33.
La grande statuaria nella Sardegna nuragica, in Atti dellAccademia dei Lincei,
Memorie, IX, serie IX, fasc. 3, Roma, 1997, pp. 284-385, tavv. I-XXXVI.
Pesca e raccolta dalla preistoria allet romana, in Pesca e pescatori in Sardegna.
Mestieri del mare e delle acque interne, a cura di G. Mondardini, Cinisello Balsamo,
Amilcare Pizzi, 1997, pp. 15-27, figg. 1-20.
Presentazione, in La cultura di Ozieri. La Sardegna e il Mediterraneo nel IV e III
millennio a.C. Atti del II Convegno di studio (Ozieri, 15-17 ottobre 1990), a cura
di L. Campus, Ozieri, Il Torchietto, 1997, pp. 9-12.
Sa die de sa Sardigna, in Il popolo sardo. Rivista trimestrale della Sardegna, III, 2,
aprile-giugno 1997, pp. 51-54.
Sarda Arte, in Enciclopedia dellarte antica, classica e orientale, Supplemento II
(1971-94), Roma, Istituto dellEnciclopedia Italiana, 1997, pp. 134-141, figg.
166-176.
Trentanni di lotta per la lingua sarda, in Lamarezza leggiadra della lingua. Atti
del Convegno (Tonino Ledda e il movimento felibristico del premio di letteratura Citt
di Ozieri. Percorsi e prospettive della lingua materna nella poesia contemporanea),
Ozieri, Il Torchietto, 1997, pp. 33-39.
43
Nota bibliografica
Miti e rituali nella Sardegna preistorica, in Sardinia in the Mediterranean: a Foot-
print in the Sea. Studies in Sardinian Archaeology presented to Miriam S. Balmuth,
ed. Robert H. Tykot and Tamsey K. Andrews, Sheffield Academic Press, 1992,
pp. 11-12, 378-383.
1993
Giovanni Spano, 1803-1878, in I Cagliaritani illustri, a cura di A. Romagnino,
I, Cagliari, Della Torre, 1993, pp. 182-187.
I castelli della Sardegna medievale, in La Sardegna. Trimestrale politico-culturale,
9, aprile-giugno 1993, pp. 16-19.
Il cavallo nella protostoria sarda, in Atti dellAccademia Nazionale dei Lincei, Ren-
diconti, IV, serie IX, fasc. 2, Roma, 1993, pp. 235-259.
La figura e lopera di Pietro Meloni, in Sardinia Antiqua. Atti del X Convegno di
studio (Oristano, 11-13 dicembre 1992), Nuoro, Archivio Fotografico sardo, 1993,
pp. 63-69.
Milizie in Sardegna durante let bizantina, in Sardegna, Mediterraneo e Atlantico
tra medioevo ed et moderna. Studi storici in memoria di Alberto Boscolo, a cura di L.
DArienzo, I, Roma, Bulzoni, 1993, pp. 105-135.
Passato e presente del paesaggio sardo. Il difficile rapporto uomo-natura dai nura-
gici ai giorni nostri, in Demos, Ricerca e ambiente, Cagliari, 1993, pp. 182-187.
The Sardinia of the Nuraghi, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1993.
1994
Introduzione, in Luomo e il fiume. VII Rassegna internazionale di Documenti Et-
nografici (Nuoro, 10-15 ottobre 1994), Nuoro, ISRE, pp. 9-18.
Le grotte di Rureu e Verde nella Nurra di Alghero (Sassari), in Atti dellAcca-
demia Nazionale dei Lincei, Rendiconti, V, serie IX, fasc. 4, Roma, 1994, pp.
629-690.
Presentazione, in AA.VV., Omaggio a Doro Levi, in Quaderni della Soprintenden-
za ai Beni Archeologici per le province di Sassari e Nuoro, 19, Ozieri, Il Torchietto,
1994, pp. 5-13.
1995
Betili e betilini nelle tombe di giganti della Sardegna, in Atti dellAccademia Na-
zionale dei Lincei, Memorie, VI, serie IX, fasc. 4, Roma, 1995, pp. 422-507.
Cultura e Culture. Storia e problemi negli scritti giornalistici di Giovanni Lilliu, a cu-
ra di A. Moravetti, Sassari, Carlo Delfino, 1995, 2 voll.
Preistoria e protostoria del Sulcis, in Carbonia e il Sulcis. Archeologia e territorio,
Oristano, SAlvure, 1995, pp. 11-50.
Presentazione di Sardinia antiqua, in Archivio Storico Sardo, XXXVIII, 1995,
pp. 430-433.
42
Su Nuraxi di Barumini. Guida, Cagliari, Valdes, 1999, pp. 1-18.
Teoria, pratica e senso dellarcheologia, in Almanacco Gallurese, 1999-2000, pp.
35-44.
Viaggio nel Partito Sardo dAzione, in Bollettino Bibliografico e Rassegna Archivi-
stica e di Studi Storici della Sardegna, 1999, pp. 1-5.
2000
Archeologia di San Vito, in I Quaderni Sarrabesi. Atti dellincontro culturale (Mu-
ravera, 19-2-2000), Litografica Progres, 2000, pp. 6-11.
Aspetti e problemi dellipogeismo mediterraneo, in Lipogeismo nel Mediterraneo,
origine, sviluppo, quadri culturali. Atti del Congresso Internazionale (Sassari-Orista-
no, 23-28 maggio 1994), Muros, Stampacolor, 2000, pp. 3-28.
Duna navicella protosarda nello heraion di Capo Colonna a Crotone, in Atti del-
lAccademia Nazionale dei Lincei, Rendiconti, serie IX, Roma, 2000, pp. 181-233.
La costante autonomistica sarda, in Presente e futuro, 10, 2000, pp. 43-80.
Prefazione, in M. Pallottino, La Sardegna nuragica, Nuoro, Ilisso, 2000, pp. 7-60.
Prefazione, in U. Cocco, G. Marras, Una moda fuori legge. Il fascino del pastore
in velluto. La scoperta di uno stile etnico, Napoli, Cuen, 2000, pp. 5-26.
Presentazione, in L. Pisanu, I frati minori in Sardegna dal 1218 al 1639 (origini e
forte presenza nellisola), Cagliari, Della Torre, 2000, pp. 11-41.
Presentazione di S. Moscati, Storia degli italiani dalle origini allet di Augusto,
Bardi Editore, in Atti dellAccademia Nazionale dei Lincei, Rendiconti, XI, serie IX,
Roma, 2000, pp. 163-171.
Recensione di A. Ingegno-R. Sassa, La casa di Eleonora. Una finestra aperta sul re-
stauro, Oristano, SAlvure, 1994, in Studi Sardi, XXXII (1999), 2000, pp. 440-444.
Recensione di G. Mondardini, Gente di mare in Sardegna. Antropologia dei saperi,
dei luoghi e dei corpi, Nuoro, ISRE, 1997, in Studi Sardi, XXXII (1999), 2000,
pp. 460-467.
Recensione di L. Pisanu, I frati minori in Sardegna dal 1900 al 1925 (sviluppo e
autonomia), vol. III, Della Torre, 1995, in Studi Sardi, XXXII (1999), 2000, pp.
445-449.
Recensione di S. Cubeddu, Sardisti, viaggio nel Partito Sardo dAzione tra cronaca
e storia, testimonianze, documenti, date e commento, vol. II, Sassari, 1996, in Studi
Sardi, XXXII (1999), 2000, pp. 450-459.
2001
La Sardegna fra il XVII e il XIV secolo a.C.: linee di sviluppo e relazioni esterne,
in AA.VV., Culture marinare nel Mediterraneo centrale e occidentale fra il XVII e XV
45
Nota bibliografica
1998
Archeologia in Sardegna: uno straordinario progresso, in Papers from the EAA
Third annual Meeting at Ravenna, 1997, vol. III (Sardinia), a cura di A. Moravetti,
Oxford, BAR International Series, 719, 1998, pp. 1-6.
Aspetti e problemi dellipogeismo mediterraneo, in Atti dellAccademia Nazionale
dei Lincei, Memorie, X, serie IX, Roma, 1998, pp. 123-157, tav. I-XLV.
Costruzioni circolari in pietre a secco con copertura a tholos (Sardegna, Corsica,
Minorca), in Costruzioni circolari con copertura a tholos in Europa. Atti del Conve-
gno Internazionale (Ascoli Piceno, 2-3 aprile 1998), pp. 5-14, figg. 1-26.
Il mondo dei megaliti, in Archeoastronomia, credenze e religioni nel mondo antico.
Atti del Convegno Internazionale (14-15 maggio 1997), Roma, Accademia Nazio-
nale dei Lincei, 1998, pp. 8-40, 250-252.
Larcheologo e i falsi bronzetti, con la biografia dellautore raccontata da R. Copez, Ca-
gliari, AM&D, 1998.
Lingua, identit, radici e ali, in La grotta della vipera, XXIV, n. 84, 1998-99, pp.
5-12.
Luoghi di culto e monumenti pagani convertiti in sedi della religione cristiana,
in Studi in onore di Ottorino Pietro Alberti, a cura di F. Atzeni, T. Cabizzosu, Ca-
gliari, Della Torre, 1998, pp. 41-60.
Origini della civilt in Sardegna, in Rivista di Archeologia, XXII, 1998, pp. 133-140.
Origini della civilt in Sardegna, in Sardegna. Chek Point, Firenze, Icona, 1998.
Prefazione, in G. Tore, Rilievo funerario in pietra. Scultura e rilievo nella Collezio-
ne comunale di Sedilo: dallet nuragica alla punico-romana, Villanova Monteleone,
Soter, 1998, pp. I-IV.
1999
Arte e religione della Sardegna prenuragica, Sassari, Carlo Delfino, 1999.
Gramsci e la lingua sarda, in Il pensiero permanente. Gramsci oltre il suo tempo,
Cagliari, Tema, 1999, pp. 156-160.
Introduzione, in U. Cardia, Autonomia sarda. Unidea che attraversa i secoli, Ca-
gliari, Cuec, 1999, pp. 9-29.
Recensione di Archivio Storico Sardo, XXXVIII, 1995, in Studi Sardi, XXXI
(1994-1998), 1999, pp. 569-572.
Recensione di M. Luisa Ferrarese Ceruti, Archeologia della Sardegna preistorica e
protostorica, Nuoro, Poliedro, 1997, in Studi Sardi, XXXI (1994-1998), 1999,
pp. 576-582.
Ricordo di Giovanni Tore (1945-1997), in Studi Sardi, XXXI (1994-1998),
1999, pp. 588-593.
44
Avvertenze redazionali
I Nuraghi. Torri preistoriche di Sardegna stato pubblicato per la prima volta a
Cagliari, nel 1962, per i tipi di La Zattera, da allora non stato pi ristampato.
Nella presente edizione in merito ai testi sono stati adottati criteri conservativi; si
intervenuti esclusivamente nel caso di evidenti refusi tipografici e in forma lieve
nella punteggiatura; graficamente sono state operate quelle modifiche formali fi-
nalizzate ad una pi agile consultazione del volume:
la legenda alla Carta B, le didascalie alle 18 figure presenti nel Catalogo e a
quelle contenute allinterno di ciascuna delle 107 tavole, in originale tra gli ap-
parati critici alle pp. 189-198, sono state trasferite di seguito alle figure a cui
fanno diretto riferimento. Ledizione del 1962 presentava, alla fine del testo, un
corpus di illustrazioni che si trova ora susseguente alle relative schede descrittive
in ununica sezione denominata Tavole.
Gli indici sono stati completati collinserimento dei numeri di pagine man-
canti nelloriginale.
47
secolo a.C. Ricerche di storia, epigrafia e archeologia mediterranea, a cura di C. Giar-
dino, Roma, Bagatto Libri, 2001, pp. 257-305.
Lingua, identit, radici e ali, in Limba, lingua, language. Lingue locali, standar-
dizzazione e identit in Sardegna nellera della globalizzazione, a cura di M. Argio-
las, R. Serra, Cagliari, Cuec, 2001, pp. 43-55.
Recensione di A. Moravetti, Testimonianze archeologiche nel Marghine-Planar-
gia, II, Sassari, Carlo Delfino, 2000, in Studi Sardi, XXXIII (2000), 2001, pp.
651-654.
Recensione di W. Paris, La Collezione Spano a Ploaghe, Muros, Stampacolor,
1999, in Studi Sardi, XXXIII (2000), 2001, pp. 655-660.
Ricordo di Ranuccio Bianchi Bandinelli, in Atti dellAccademia Nazionale dei
Lincei, Memorie, XI, serie IX, fasc. 4, Roma, 2001, pp. 684-689.
Simbologia astrale nel mondo prenuragico, in Luomo antico e il cosmo, Atti del
3 Convegno Internazionale di Archeologia e Astronomia (Roma, 15-16 maggio
2000), Roma, Accademia Nazionale dei Lincei, 2001, pp. 163-234.
2002
Arzachena, La civilt della Gallura, il Re-Pastore e il culto dei morti, in Almanac-
co Gallurese, 2002, pp. 54-66.
La civilt preistorica e nuragica in Sardegna, in Atti dellAccademia Nazionale dei
Lincei, Memorie, XV, serie IX, Roma, 2002, p. 237.
La costante resistenziale sarda, Nuoro, Ilisso, 2002 (riedito a cura di A. Mattone).
Le ragioni dellautonomia, a cura di G. Marci, presentazione di L. Ortu, Cagliari,
Cuec, 2002.
Profilo della storia delle miniere in Sardegna: valori e significati, in Per il Parco
geominerario. Avviamento, progetti in itinere, prospettive, Pau, localit Senixeddu,
Convegno nazionale (17 dicembre 2001), Cagliari, Rossa, 2002, pp. 28-31.
Storiografia dei rapporti sardo-etruschi, in Etruria e Sardegna centro-settentrionale
tra lEt del Bronzo finale e lArcaismo. Atti del XXI Convegno di Studi Etruschi e Ita-
lici (Sassari, 13-17 ottobre 1998), Pisa-Roma, Istituti Editoriali e Poligrafici Inter-
nazionali, 2002, pp. 19-48.
2003
La civilt dei Sardi dal Paleolitico allet dei nuraghi, Nuoro, Il Maestrale-Rai ERI,
2003 (riedito con prefazione di A. Moravetti).
Prefazione, in E. Atzeni, Cagliari preistorica, Cagliari, Cuec, 2003, pp. 7-10.
2005
Giovanni Spano e larcheologia sarda, in Il tesoro del canonico, a cura di P. Pulina
e S. Tola, Sassari, Carlo Delfino, 2005, pp. 53-64.
46
I NURAGHI
Torri preistoriche di Sardegna
Ai miei allievi
Viewing them, however, as faithful, though silent
monuments of men and days, that have totally passed
away and escaped all record, they cannot but
be contemplated as objects worthy both of
admiration and reverence
William Henry Smyth
They (nuraghes) have marked the rise and the
fall of empires, the vicissitudes of fortune, the illusory
hopes, the vain fears, and the insatiable desires
of successive generations of men, whose brief span
of existence has been that of a moment compared
with the centuries that have looked down from their
summits
Thomas Forester

Premessa
Da parecchi anni meditavo di scrivere un libro sui nuraghi della Sardegna, sia
per linteresse e limportanza scientifica e culturale in genere dellargomento, non
ignorato anche nel passato da quanti ebbero ad occuparsene con intenti e visioni
diverse, sia per far conoscere al pubblico i risultati delle pi recenti ricerche e studi
sul caratteristico monumento, da cui si arricchita la problematica e son derivate
acquisizioni obbiettive le quali segnano un notevole progresso nel campo della pro-
tostoria sarda e mediterranea.
In questo libro, che non e non pu essere popolare nel senso di una divulga-
zione a livello di base ma si apre tuttavia a una larga cerchia di persone sensibili e
interessate alla materia, viene offerto un riassunto delle principali questioni che si
pongono, oggi come e pi di prima, a chi si volge con impegno allindagine sui nu-
raghi. Alcune si vedr appariranno risolte o in via di risoluzione, altre resteran-
no ancora senza conclusione, allo stato di problema, ribadendo, se mai ve ne fosse
bisogno, quel carattere di relativit di cui soffre la scienza archeologica, da noi co-
me altrove, di l dalla presentazione ottimistica che taluni amano fare delle sue la-
boriose conquiste.
Il nuraghe, che lespressione monumentale pi cospicua ed alta della cultura
architettonica protosarda ed il risultato pi concreto e positivo della situazione so-
ciale, economica e politica di quegli antichi tempi, potrebbe prestarsi a farne il cen-
tro duna narrazione romanzesca delle vicende storiche e culturali che vi furono
connesse per lungo seguirsi di secoli; e potrebbe costituire il simbolo duna sorta di
revanche regionalistica in un momento, come lattuale, in cui le periferie provin-
ciali vengono valorizzate nei loro contenuti e nel loro impegno storico, anche sulla
base dei fatti remoti da esse prodotti.
Le pagine qui presentate non accolgono queste lusinghe; ma non ignorano, tutta-
via, certi aspetti dellantica civilt dei nuraghi, vitali e produttivi nel tempo e nel luo-
go in cui si esplicarono in concreto e nelle pi o meno scoperte discendenze attuali.
Anzitutto sta il valore spettacolare del monumento. Nel grande fenomeno del
megalitismo a torri (meravigliosa componente arcaica residuata ancora in et stori-
ca), il nuraghe rappresenta la formula pi complessa, studiata e ricca in linee e vo-
lumi, dellarchitettura protostorica isolana e (pu dirsi) anche di tutte le espressioni
architettoniche delle terre occidentali mediterranee. Il nuraghe il monumento in
cui pi si articola, si organizza, si compone, a volte baroccheggiando, il megaliti-
smo dei paesi barbari di qua dalle Colonne dErcole. Questa sorta di vocazione re-
ligiosa al monumentale, che rappresenta insieme una tendenza di stirpe e un pro-
dotto di necessit dellet del bronzo (let della guerra), il popolo la vela, oggi,
53
ulteriori ricerche e studi sulla speciale materia. Si danno anche grafici e fotografie
di monumenti non sardi balearici, crsi, cretesi e anatolici i quali (segnata-
mente i primi) presentano delle somiglianze o delle affinit con i nuraghi, contri-
buendo a tracciare linee essenziali, sempre sviluppabili, di un quadro di relazioni
monumentali e culturali intermediterranee, non privo di significato storico e utile
quale invito ad approfondire ed allargare il campo di queste indagini di architettu-
ra e di civilt comparate di piccoli mondi che non furono, come generalmente si
crede, del tutto chiusi in s stessi. Ne risulta limmagine di una comunit etnico-
culturale insulare e mediterranea occidentale, di cui si colgono ancora echi ed esi-
ti nei fondi moderni subalterni, e in cui chi ammalato di romanticismo storico
potrebbe esser tentato di rispecchiarsi con sottile malinconia del passato.
LAutore e lEditore
*
hanno inteso rinnovare, con speciale cura e selezione, lap-
parato delle illustrazioni dei monumenti. Gi il magnifico volume di Ch. Zervos
(Civilisation de la Sardaigne, Paris 1954), si era posto questa esigenza assolvendo-
la degnamente con artistiche immagini. Se la ripropone questo libro che, presen-
tando una ricca serie di visioni del tutto inedite di nuraghi, le sostituisce al vecchio
repertorio mitologico dellillustrazione della solita uniforme torre nuragica cam-
peggiante sullo sfondo dun piano desolato con limmancabile gregge di pecore e il
pastore in mastruca, o inghirlandato di graziose fanciulle in costume indossato,
a richiesta, per loccasione. Si offrono immagini nuove di nuraghi non conosciuti,
e di quelli conosciuti sono state studiate e riprese inquadrature originali di esterni
e di interni, per cui si pu apprezzare, nel giusto modo, la forma del monumento,
che, a differenza di quanto si crede dai pi, riccamente svolta in linee e volumi e
spazi come si conveniva a una civilt artistica a vocazione soprattutto architettonica.
La maggior parte delle fotografie sono state eseguite personalmente dallAutore, in
numerosi sopraluoghi. Altre (tavv. X-XI, XIX, XXI, 2 XXXII-XXXIII, XLIV-XLV,
XLVII, LIII, LXI, LXXXV, LXXXVII, LXXXIX-XCVI, XCVIII-CI) sono state pre-
se dal libro citato di Ch. Zervos, il grande divulgatore francese delle antiche civilt
mediterranee, amico della Sardegna, a cui si esprime cordialmente il vivo ringra-
ziamento per aver consentito alla riproduzione. Si ringraziano anche il Soprinten-
dente alle Antichit delle Provincie di Sssari e Noro, Dott. Guglielmo Maetzke,
per aver permesso di ripubblicare le immagini fotografiche di tavv. XLVI, LXXXIV;
il giovane archeologo J. Mascar Pasarius, profondo conoscitore dei monumenti ba-
learici, per il dono delle fotografie di Pont de Bestiar, date a tav. CVI, 1-2, e la
Soprintendenza alle Antichit di Roma V per aver messo a disposizione le figure di
trulli della stessa tavola (3-4); R. Grosjean, lo scopritore e scavatore delle torri
della Corsica, per il cortese consenso alla riproduzione dei monumenti di Torre e Fo-
ce (tav. CII). La fotografia a tav. I, 1 della Ditta Fotocielo, quelle a tavv. XVIII
e XXXV del Gabinetto fotografico del Ministero della Pubblica Istruzione e, infine
quelle a tavv. XLIII, 2, XLVIII del fotografo tedesco Arnold Von Borsig. Anche a
questi il pi vivo grazie.
sottilmente con le favole dei giganti e degli orchi. Ma laltra vocazione di stirpe,
quella della bellicosit, cos evidente e prepotente nel nuraghe, e che sta alla base
anche se non lunica componente del megalitismo insulare occidentale (il mega-
litismo laico di cui il sardo fa parte), dura nel concreto, di l dal mito, nel segreto
del piccolo mondo non culto, ribelle, dellIsola. Il nuraghe (e la sua civilt) fu il
frutto di una societ di pastori e guerrieri e trov nel dinamismo, nelle competizio-
ni continue, negli appetiti territoriali e, in genere, nello spirito bellicoso delle comu-
nit pastorali il fondamento della sua origine, il senso della sua struttura e la spinta
e lalimento incessante al suo sviluppo che dur per molti secoli. Fu questo un valore
attivo e vitale della nostra primitiva storia non documentale e da questa matrice
antica ha tratto forma, pi o meno confusa ma sempre viva, il ribellismo sardo,
quella qualit etica cio, caratteristica di civilt pastorale, storicamente positiva,
che oggi ha sfociato a modi ordinati di autonomismo dove risiedono le premesse spi-
rituali e culturali della rinascita isolana.
Vorremmo per accennare pure ai limiti che suggerisce lesame dei valori antichi
che si riassumono nel nuraghe. Si pensi che, a parte loriginalit creativa e la germi-
nazione spontanea di certi aspetti (e dei sardi in particolare), il fenomeno del megali-
tismo , nel fondo, un prodotto di recessione, una mostra spettacolare dun mondo
preistorico nella storia. E, per quanto riguarda i popoli che costruirono i megaliti sar-
di (e specie i nuraghi), lo stato sociale a piccoli gruppi (o trib) divisi e contrastanti
politicamente, uniti soltanto dalla comunanza delle fedi e del sangue ma senza voca-
zione e senza coscienza dununit politica nazionale o regionale, port quei popoli al
livello del cantone, vietando di attingere e maturare ideali, concetto e pratica di na-
zione. I limiti della civilt nuragica (e in definitiva i limiti della nostra storia) furono
(e in parte ancora sono) nel frammentarismo territoriale, nellantagonismo di gruppi
a livello di zone villaggi e famiglie, che la natura suggeriva dagli altopiani precipiti
incisi da profonde valli frontiere dei piccoli stati e che luomo secondava senza
reagire. Di qui derivarono le carenze storiche per cui lIsola, sempre resistendo alle
pressioni straniere, quasi in ogni tempo ne fu asservita, e nemmeno oggi pu conside-
rarsi pienamente e totalmente libera, fuori delle apparenze istituzionali.
Il lettore giudicher sulla validit o meno della interpretazione e dei concetti espo-
sti, e i miei colleghi di disciplina potranno anche dissentire da questa archeologia. Io,
per, la preferisco da un lato al filologismo concluso in s stesso, dallaltro allo speri-
mentalismo rigidamente classificatorio ed anche alle sottigliezze ermetiche di certa
critica darte: modi di coltivare il nostro orto murato della scienza delle antichit.
Di l dalla parte opinabile del libro (tale o potrebbe essere il testo introdutti-
vo), vi nel libro stesso unaltra parte, che pure la pi estesa: ossia quella del Cata-
logo dei monumenti, la quale rappresenta leffettivo contributo di dati concreti. Le
107 schede descrittive dei nuraghi, illustrate da 20 grafici in testo e da 107 tavole
fuori testo, corredate ciascuna da una completa bibliografia, costituiscono la realt
obbiettiva e visiva di questo lavoro, quel che oggi si usa dire, in linguaggio antireto-
rico, la verit. Si tratta di un vero e proprio repertorio, ampio e vario, di tipi e di
forme del nuraghe, che offre una fonte di riferimento e una base di partenza per * [G. Lilliu fa qui riferimento alledizione del 1962, pubblicata da La Zattera, Cagliari.]
54 55
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Premessa
I nuraghi
Fra i monumenti delle antiche culture megalitiche del Mediterraneo occiden-
tale, tengono un posto importante e significativo i nuraghi dellIsola di Sardegna.
Questi imponenti edifizi di architettura preclassica ed aclassica costituiscono
un segno rilevante della primitiva storia non documentale dei Sardi, detta da essi
nuragica, assumono un posto fondamentale nel paesaggio geografico isolano e
rappresentano il dato pi consistente culturalmente fra le manifestazioni varie
della civilt protosarda svoltasi per lungo passare di tempo e per diverse vicende.
Si tratta di migliaia di costruzioni a torre del passato, le quali danno ancora
figura e rilievo allo scenario fisico e umano del presente in Sardegna, opera di
popolazioni indigene di stirpe mediterranea preindoeuropea a coloritura occi-
dentale, chiamate dagli scrittori classici Ioli e Blari.
Preindoeuropeo, o di sustrato mediterraneo, anche il nome del monu-
mento: nuraghe, detto pure altrimenti, a seconda dei distretti e dialetti della
Sardegna, nurke, nurxi, nurcci, nurgi, narcu etc. Questo termine, specie
nel secolo XIX, fu messo in relazione con la radice fenicia di nur, che vuol dire
fuoco, e fu spiegato come fuoco nel senso di dimora o di tempio del fuo-
co, con riferimento a culti solari che si sarebbero praticati sulla terrazza delle
torri nuragiche. Oggi, invece, i filologi propendono a considerare il vocabolo
nuraghe come un reliquato della parlata primitiva paleomediterranea, da ricol-
legarsi col radicale nur e con le varianti nor, nul, nol, nar etc.: radicale larga-
mente diffuso nei paesi del Mediterraneo, dallAnatolia allAfrica, alle Baleari,
alla Penisola iberica, alla Francia, col duplice significato, opposto ma unitario,
di mucchio e di cavit. Il vocabolo stesso poi indicherebbe non la destina-
zione ma la speciale forma costruttiva del nuraghe, il quale vorrebbe dire ap-
punto mucchio cavo, costruzione cava, torre cava, a causa della figura tur-
rita del suo esterno, fatta per accumulo di grossi massi, e per la cavit cupoliforme
dellinterno. Comunque si pensi di ci (altri hanno supposto anche unequa-
zione nur-mur di muro), certo che la diffusione del radicale nur in paesi a
monumenti megalitici, indizia nella parola qualcosa di connesso o di espresso
da civilt architettoniche le quali avevano il gusto e il senso religioso di co-
struire con grandi pietre senza cemento (stile megalitico) al fine di ottenere edi-
fizi duraturi, eterni nellintento di quelle ingenue genti primitive.
I nuraghes (nuraghi italianizzando il termine e rendendolo al plurale) sono
gi ricordati dalle fonti greco-latine, variamente e ripetutamente. Gli autori
57
LAutore ha dedicato questo libro ai suoi allievi, sia perch non poche delle idee
qui espresse sono il risultato della preparazione ai corsi universitari e del ripensa-
mento durante il loro svolgersi, sia perch un notevole contributo di dati analitici
monumentali, con corredo di grafici e di esplicazioni varie, stato portato, da poco
meno dun ventennio a questa parte, da un numeroso gruppo di quei giovani, pi
degli altri impegnati, in tesi di Catalogo archeologico che offrono importante ma-
teria utilizzata, rielaborandola, in questo volume. Chi scrive li ricorda tutti e li
ringrazia i suoi allievi, rammaricandosi soltanto che tali fresche e promettenti ener-
gie si siano perdute, quasi per intero, per la disciplina che le lusing per un momen-
to, deviate dalle necessit della vita materiale in una societ che non risponde anco-
ra, come si deve, ai richiami della cultura e della scienza, contraddittoria quale essa
e alienata da pressioni apparentemente pi importanti e pi urgenti.
LAutore e lEditore si lusingano di aver sodisfatto, con questa opera, unesigenza
di studio e di conoscenza dellargomento, affacciata da pi parti con insistenza, e di
aver colmato una lacuna effettivamente esistente sul piano generale (non su quello
degli apporti scientifici particolari, numerosi e importanti, passati e presenti). Pensa-
no anche di aver fatto cosa in favore della Sardegna, perch, conosciuta attraverso
la manifestazione pi esemplare e storicamente produttiva della sua antica civilt,
possa riconoscersi nellIsola anche limpegno delle sue giovani generazioni tese a ri-
creare valori vitali e umani in termini moderni per la buona causa di un mondo
nuovo e senza confini.
Cagliari, settembre 1961
Giovanni Lilliu
56
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
cui i potenti usufruivano di una forte massa di lavoro. Infine manifesta il fatto
geoantropico pi espressivo di quei tempi remoti, che determin pi tardi, in et
storica, lorigine e i motivi topografici di aggregati a tipo rurale sparso, causa forse
non ultima della mancata costituzione nellIsola di grosse formazioni urbane igno-
rate dalla civilt paleosarda pur nelle fasi pi recenti e progredite del suo sviluppo.
Se le migliaia di nuraghi fossero tutte della stessa et, il loro valore per stabilire
lentit della popolazione nuragica sarebbe grandissimo e certo. Ma per il fatto
che essi si distribuiscono e si dissolvono in una prospettiva di secoli di storia, le
conclusioni che se ne possono trarre dal numero non riguardano variazioni de-
mografiche quantitative e qualitative (che pur dovettero esserci per fattori naturali
e forza di vicende storiche), ma prospettano soltanto la indicazione del fenomeno
del popolamento disperso, con conseguenze utili ai fini produttivi sebbene nei li-
miti dunattitudine cantonale, tuttavia perdurante in Sardegna. Nellinsieme ri-
mane limmagine duna produttivit edilizia e architettonica, le cui punte vanno
riconosciute nei tempi del maggior fiore della storia protosarda in et di relativo
benessere economico e di libert politica, entro i limiti e per le esigenze duna so-
ciet di pastori e di agricoltori i quali nel particolarismo e frammentarismo pro-
vinciale trovano ancora la misura della vita, lorizzonte delle proprie realt, il
senso duna contenuta solidariet e disciplina, duna riconosciuta gerarchia da cui
trae origine e in cui assume impegno e consistenza anche lo sforzo monumentale.
I circa settemila nuraghi si sono andati costruendo attraverso molti secoli,
fino ad occupare, dove pi dove meno, tutto il suolo della Sardegna.
impossibile, oggi, precisare da dove abbiano cominciato a edificarli. Se si am-
mette lipotesi di impulsi esterni, le zone litoranee del Sud e dellOvest dellIsola
potrebbero conservarci i pi antichi nuraghi. Certo che le torri nuragiche si
presentano in maggior numero nella parte centroccidentale della Sardegna (car-
tina A [p. 109]), che pi idonea naturalmente alle due forme economiche
della civilt protosarda (la pastorizia e lagricoltura non di rado in lotta fra di
loro) ed anche pi importante, sotto laspetto strategico, sia per la presenza di
vasti altopiani precipiti incisi da profonde valli e difesi per natura, sia perch le
coste occidentali, portuose e perci soggette alle offese degli invasori (Fenici,
Cartaginesi, Greci, Tartessi etc.), necessitavano di pi nutrite e complesse opere
di fortificazione da parte degli Indigeni. Ma i nuraghi risalgono fin sui dirupi
montuosi del centro (tav. I, 2: Su Nurzze di Tonra) e si estendono sino alle
coste inospitali della Sardegna orientale (Ogliastra), dove le forme perdurano
semplici e si svolgono con pigro sviluppo.
In genere ragioni di sicurezza, interna ed esterna, governano la situazione
dei nuraghi, ma con esse concorrono fattori geografici, economici, umani i
quali, nellunit sostanziale, variano in linea specifica da luogo a luogo e di
tempo in tempo. Certo, per lo pi i nuraghi sono posti su alture dal largo do-
minio, in collegamento visuale a catena fra torre e torre, in un sistema che si
inserisce in una regione naturale definita: una valle, un profilo daltopiano, una
59
I nuraghi
greci, desumendo soprattutto da Timeo autore del IV secolo a.C., li definiscono
daidleia ossia edifici ben architettati di tipo egeo, o tholoi, per la loro forma
a falsa cupola pur essa di primitiva origine egea-anatolica. Quegli scrittori, parti-
colarmente sensibili ai problemi estetici della forma e ligi al canone di armonia e
proporzioni architettoniche quale durava in tempi e nei circoli di cultura elleni-
stica, rilevano nel nuraghe soprattutto il classico ordine dei giri della tholos, non
accorgendosi che le torri son del tutto fuori dai moduli della classicit. Gli stessi
autori fan costruire i nuraghi da Ddalo per impulso di colonizzatori greci della
Sardegna (Iolo, Aristeo etc.), riconoscendovi, con spirito nazionalistico, i pro-
dotti della grecit pi pura che vince la barbarie degli Indigeni. Dagli scrittori
romani i nuraghi sono menzionati come castra, cio castelli o luoghi fortificati
in genere, oppure come spelonche o costruzioni sotterranee, in cui trovavano
difesa, nascondendovisi, le trib locali del Centro montano chiamato dai Roma-
ni Barbria (attuali Barbagie). Queste denominazioni precisano luso dei nura-
ghi e derivano da una esperienza storica basata sulla conoscenza diretta dei mo-
numenti o sullinformazione dei militari; sono del resto nello spirito del concreto
e del pratico, caratteristico della letteratura storica romana.
La cosa pi curiosa che, non mai, i monumenti nuragici sono chiamati nei
testi antichi col nome di nuraghe, cio col loro nome, con lantica parola indigena
della lingua mediterranea e preistorica dei Sardi. Ma la conoscenza del termine
nuraghe, con implicita allusione, traspare gi in autore del IV secolo a.C., il quale
fa ricordo di Norax (Norake), il leggendario eroe iberico-tartessico (cio mediter-
raneo dei paesi del Nur), con evidente trasposizione mitografica-monumentale.
Nel complesso le fonti classiche dimostrano ammirazione per le costruzioni nura-
giche, rilevandone lordo greco e il fiore in genere, dovuti sia agli impulsi artistici
venuti dalla civilt protoellenica, sia a uno stato economico e sociale della Sarde-
gna, particolarmente felice. Ci, in una certa misura e per alcune fasi del com-
plesso svolgimento della civilt nuragica, trova conferma nella realt storica ed
anche nella pi recente esperienza archeologica.
Circa settemila nuraghi sopravvivono fino al presente, conservati pi o meno
bene, ma nellantichit e prima delle molte distruzioni il loro numero era certa-
mente maggiore. Essi sono distribuiti con una densit media regionale di 0,27
per kmq che, in qualche zona (Trexenta, Mrghine), raggiunge anche la punta di
0,90 (si veda la cartina di densit a figura A).
Settemila nuraghi rappresentano una realt demografica di codesto lembo
sardo del mondo antico che stupisce ancora noi, gente lunare, e che incantava,
si pu comprendere, gli uomini del passato i quali, poeti pi di noi, ponevano i
nuraghi fra le cose meravigliose dei loro tempi, cose pi da eroi che da umani.
In effetti, un numero cos impressionante di costruzioni distribuite in tutta lIso-
la, rappresenta una patente e concreta testimonianza dun grande sforzo umano
economico e sociale e lesito di una situazione storico-politica di non poca effi-
cienza. Dimostra anche lesistenza dunorganizzazione a base semischiavistica in
58
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
Ma sono soprattutto alcuni espedienti singolari di grande efficacia difensiva ed
offensiva, che rivelano il carattere di fortilizio del nuraghe. Sono le feritoie, dis-
poste in unico o duplice ordine nelle torri e nei corridoi (tavv. XXVII, 1-3,
XLVIII, 2, XLIX, 1, 4, L, 3-4, LII, 1-3, LIII, LXIV, 2, LXV, 3, LXVI, 1, 3,
LXVII, LXVIII, 3, LXX, LXXX, 2), gli angoli morti, le svolte a zigzag (tav.
XXX, 1), i piombatoi (tav. LXXVI, 1-4), le scale retrattili, i passaggi angusti, le
botole, le garette di guardia, le ridotte (tav. LXXI, 1-2), i canali acustici etc. Si
aggiungano le armi di pietra (proiettili per fionda e palle per piombatoi, tav.
LXXVI, 4) e di metallo (lance, spade, pugnali etc. di bronzo e di ferro, tavv.
XCIII-XCVI) ed oggetti vari che hanno attinenza con la vita e con lorganizza-
zione militare.
Non da escludersi la possibilit che dei nuraghi di forma semplice siano stati
abitazioni di pastori e contadini, dallaspetto forte dovuto, come si detto, al
modo di costruire di tipo megalitico. Non mai i nuraghi sono stati, nemmeno
allorigine, tombe o templi come gi si credette e da taluni ancora si opina. Noi
oggi conosciamo le dimore funerarie e le sedi di culto della civilt nuragica, di
cui arricchiscono il repertorio architettonico, completando il quadro di vita del
quale i nuraghi rappresentano soltanto laspetto aristocratico e guerriero. Le
prime sono costituite da domus de janas (grotticelle artificiali), da caverne, da
tombe megalitiche e da tombe di giganti. Le seconde consistono in templi a
pozzo coperto da cupola a ogiva, talvolta con eleganti facciate architettoniche,
o da edifizi rettangolari in antis, nei quali si vorrebbe scorgere linfluenza lonta-
na del megaron anatolico-peloponnesiaco (tav. CVII, 3).
Il numero di queste costruzioni sepolcrali e cultuali tale ed il loro sviluppo
stilistico e cronologico si accompagna cos coerentemente a quello dei nuraghi
che non v proprio bisogno di immaginare che questultimi sostituissero o in-
tegrassero nelluso le prime.
Sostanzialmente esistono due forme di nuraghi, le quali corrispondono a
due filoni costruttivi, distinti fin dallorigine e di senso assolutamente diverso.
Uno di essi ha sviluppo lungo e complesso e sfocia in opere colossali di genera-
le diffusione. Laltro di svolgimento semplice e corto e insiste in espressioni
povere e primitive per aspetto e si riduce a certe zone recessive, adatte per la
conservazione dei temi semplici ed elementari.
La prima forma quella del nuraghe a tholos, cio con la camera circolare co-
perta dalla falsa cupola o pseudovolta. la forma ricordata dagli scrittori greci
quando parlano di daidleia e di tholoi in Sardegna, costruzioni fatte al
modo arcaico greco, cio miceneo o pi largamente egeo-anatolico. La seconda
forma quella del nuraghe a corridoio, dove il vano costituito da un lungo
andito pi o meno stretto a copertura piatta, che traversa, per tutta o parte della
lunghezza o della larghezza, il corpo costruttivo che di figura rettangolare o
subquadrangolare o ellittica o, comunque, non circolare come il contorno del
nuraghe a tholos. Il nuraghe a corridoio, detto anche pseudonuraghe o
61
I nuraghi
serie di terrazzi in profondit etc. (tav. I, 1, 3). Ma vi sono pure nuraghi voluta-
mente occultati, o a s stanti, in perfetta pianura, che rispondono a situazioni
di difesa o di economia e di altra utilizzazione distinta da quella dei precedenti.
In un punto fondamentale converge la posizione dei nuraghi. Cio in quelle co-
stanti che ne indicano il carattere di monumenti della vita civile e laica: lesposi-
zione dellingresso fra i quadranti Est-Sud-Ovest con prevalenza a Sud e Sudest,
cio al sole e al riparo dal maestrale il vento dominante di Nordovest; la si-
tuazione elevata sulle quote altimetriche fra i m 200 e 700, quote di massima
abitabilit preferite ancor oggi; la relazione con le zone di produttivit varie,
pascoliva, cerealicola, peschereccia e mineraria.
possibile che alcuni nuraghi formassero linee di confine fra cantone e
cantone, come sulle giare che sono dei vasti altopiani basaltici a pareti diru-
pate (tav. I, 1). In altri nuraghi, ricchi architettonicamente e articolati in torri e
cinte fortificate costruite a difesa del villaggio, si riconoscono le reggie o castelli
di piccole capitali: per esempio a Barmini, a Losa di Abbasanta, a Domu Bc-
cia di Uras etc. Queste ultime costituiscono il nucleo in cui si incentrano le
proliferazioni di minori semplici torri nuragiche, agli effetti della tutela della vi-
ta delle trib (civitates) e degli interessi economici e territoriali del minuscolo
reame, soggetto a mire di conquista interna ed esterna.
Tutto ci che si detto sulla situazione dei nuraghi viene a dimostrare che
essi, nella massima parte, sia nelle forme semplici sia in quelle plurime di mole
maggiore sono da ritenersi delle costruzioni di carattere e di uso militare fisso.
Nelle forme semplici costituiscono una specie di limes a batterie di fortini
dissolti nel sistema difensivo, ospitanti una cellula di soldati o nuclei tattici
con funzioni di aggiramento o di copertura. Nei nuraghi plurimi era il fulcro
della resistenza ad oltranza, dove si dispiegava tutta la forza di difesa attiva
contro i nemici assedianti, per mezzo del nerbo pi valido della milizia reale
comandata dallo stesso principe nuragico che aveva sede e dimora entro il mu-
nito castello. A Barmini, la guarnigione si pu calcolare di 300-200 uomini,
variamente armati di archi, lance, spade, fionde etc. Questi nuraghi colossali,
vere fortezze studiate con sottile arte militare, si potrebbero assomigliare a certi
castelli medievali dei quali ripresentano la posizione a dominio e a guardia del
borgo adiacente, i cui abitanti, inabili alla guerra (donne, vecchi e bambini), al
momento del pericolo si mettevano al sicuro riparandosi dietro le alte e robu-
ste pareti murarie delle lizze e dei bastioni turriti circondanti il mastio (tav.
LVI: Barmini).
La natura militare dei nuraghi provata anche dallaspetto generale massic-
cio dei muri, spessi e megalitici, i quali, se rivelano un particolare modo di co-
struire comune alle popolazioni mediterranee che ne fanno uso pure in edifizi di
natura pacifica (tombe, templi, case etc.), in quelli destinati alla guerra ne accen-
tuano la forza di resistenza alloffesa che, come forse a Barmini, poteva venire
anche dalle macchine poliorcetiche, dallariete kriophoros, usate dai Cartaginesi.
60
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
muratura del genere di quella recentemente segnalata, nelle Baleari, per il ta-
laiot di Ses Passes, ad Art-Maiorca (fig. 17, 2, tav. CIV, 2).
possibile che tale primo stadio del nuraghe a ogiva sia stato seguito dalla
forma della torre rotonda con la camera a ingresso esterno sollevato dal piano
di campagna, accessibile con una scaletta mobile: gli esempi tardivi del nuraghe
Mesu e Ros di Scanu Montiferru (fig. 2, 5) e del nuraghe Peppe Gallu di Uri
(tav. LXXXIV, 1-2) lo farebbero supporre, anche se non danno levidenza della
successione proposta. Con siffatta forma daspetto arcaico, che limita il vuoto
ai 2/3 superiori della costruzione mentre il terzo basale residuo costituisce la so-
lida e robusta piattaforma, si realizzava, per la prima volta, il nuraghe a scala in-
terna, ricavata nello spessore della muratura, e si otteneva una difesa maggiore,
perch si passava dalla camera al terrazzo, al coperto senza esser visti, e perch
lentrata alla tholos era rialzata da terra. Il tipo della torre a tholos con ingresso
sollevato, trova significativi riscontri in talaiots balearici di figura circolare, talu-
ni con scala al terrazzo, di cui per ci sfugge ogni sia pur approssimativo riferi-
mento cronologico. Il particolare dellingresso esterno sopraelevato avr appli-
cazione in Sardegna in et molto evoluta, in torri aggiunte, come nel nuraghe
Losa di Abbasanta (fig. 8, 4), o in cortine monumentali, come nel Su Nuraxi
di Barmini (fig. 10, 2), in et dallVIII al VI secolo a.C.
Nello spazio di circa mezzo secolo, fra la met del II millennio e la fine di
esso o linizio del I, il primitivo nuraghe semplice a tholos tramuta la sua for-
ma embrionale in quella definitiva e completa, con un progressivo arricchi-
mento del vuoto per mezzo di vani via via aggiunti, praticati dentro la camera e
nellandito dingresso. Nel grafico a fig. 1, 1-25, sono presentati esempi che
sottolineano questo sviluppo progressivo del nuraghe classico a unit isolata,
per quanto non bisogna credere che levoluzione sia avvenuta nella linea rigida
di successione iconografica, quale potrebbe apparire dalla composizione nella
tavola che ha valore puramente didattico e di larga informazione.
Riguardo allo spazio della tholos, si osserva che i profili puri dei nuraghi Or-
rbiu-rzana (fig. 1, 1), SIscla e Pedra-Semstene (fig. 1, 2), Bailu-silo (fig.
1, 3), Mindddu-Barisrdo (fig. 1, 4), Genna Masni-Giro (fig. 1, 5) si artico-
lano nelle iconografie, sempre pi complesse, di celle e vani sussidiari. Si hanno
cos i disegni a una nicchia dei nuraghi Sa Domo e sOrku-Ittirddu (fig. 1, 6),
Nuraddo-Suni (fig. 1, 7), Marosni-Tertena (fig. 1, 8), Muru de sa Figu-Santu-
lussrgiu (fig. 1, 9), SAttentu-Orni (fig. 1, 10), Piandnna-Sssari (fig. 1, 11);
quelli a due nicchie dei nuraghi SOmu e sOrku-San Baslio (fig. 1, 12), Karc-
na-Orrli (fig. 1, 13), Gurti qua-Nurri (fig. 1, 14), Sa Preda Longa-Noro
(fig. 1, 15), Su Frile-Burgos (fig. 1, 16), Ginnas-Flussio (fig. 1, 17), Armn-
gia-Armngia (tav. II, 2), Scandaru-Armngia (tav. V, 1); quelli a tre nicchie dei
nuraghi Orolo-Silnus (fig. 1, 18), Tittirila-Boltana (fig. 1, 19), Abbaddi-
Scanu Montiferru (fig. 1, 20), Sa Figu Rnchida-Scanu Montiferru (fig. 1, 21),
Perda Arrbia-Samugho (tav. VII, 1), Goni-Goni (tav. XIV, 1); quello, infine, a
63
I nuraghi
nuraghe a galleria, ha laspetto interno di grotta, tale che vi si potrebbero adat-
tare le denominazioni di spelonca e di costruzioni sotterranee, menzionate
dagli scrittori romani per tempi recenti della civilt indigena sarda.
Le due forme denunziano due distinti e diversi strati storici-culturali origina-
ri. Nella forma del nuraghe a corridoio potrebbe vedersi la componente occi-
dentale, di gusto dolmenico-rettilineo o a trilite (presente pure nelle tombe me-
galitiche). Il nuraghe a tholos, che vorrei chiamare anche nuraghe classico in
quanto il tipo pi diffuso e quello che ha avuto maggior forza di svolgimento
e ha maturato esempi quasi armonici come il Santu Antne di Torralba, rivela
una componente orientale anatolicaegea che si esprime nel gusto della linea
circolare e nella tecnica ad aggetto tradotta nellogiva.
Oggi non si pu dire quale delle due forme abbia preceduto nel tempo co-
me invenzione. Come applicazione il nuraghe a corridoio si presenta aggiunto
al nuraghe a tholos, o nello schema intero (Serra Crstula A di Bonrcado,
fig. 13, 2) o in soluzioni particolari di andito (Palmavera di Alghero, fig. 5, 7).
Torner pi a lungo sullargomento.
Visto nella sua espressione essenziale, quale si pu pensare allorigine, il nu-
raghe a tholos, o nuraghe classico, presenta la figura duna torre rotonda, dal
profilo verticale a tronco di cono (tavv. II, 1, III, V, VII, 2, VIII, 1-3, X-XI,
XIV-XV, XVII, 2, XVIII-XX, XXII, 2, XXIII-XXIV, XXVI, XXXIV-XXXVI,
XXXVII, 2-3, XL-XLIII, LV, LXI, LXII, 1, LXXX, CIII, 2, 4, CIV, 1).
La torre costruita al modo ciclopico, cio con grosse pietre talora rozze
talora lavorate, messe in file orizzontali sovrapposte a cerchi sempre pi stretti
dal basso verso lalto. Le pietre si reggono senza laiuto di alcun cemento, solo
con il peso ed il contrasto dei massi che sono ben legati in struttura per effetto
duna tecnica costruttiva affinata dallesperienza di maestranze abili nel maneg-
giare i materiali che portavano su ad altezze considerevoli (anche pi di 20 me-
tri) facendo rotolare i blocchi, talvolta enormi, su piani inclinati di massi e ter-
ra compressa. Si aiutavano ovviamente con rulli di legno e con altri strumenti
primitivi oltre che con la forza delle braccia e con lintesa intelligente del lavoro
di quipe, qualit delle manovalanze antiche e, in genere, dei grandi costrut-
tori mediterranei.
Linterno di queste torri cavo, essendo occupato da una camera voltata a
tholos, ossia con la figura del vano di sezione uguale a quella di un uovo ta-
gliato a met per la sua dimensione maggiore, con le pareti elevantisi ad anelli
concentrici sporgenti luno sullaltro, con diametro decrescente da gi in su do-
ve, alla serraglia, una o pi lastre chiudono il foro della falsa cupola (tavv. IV, 2,
VI, 1, XVI, 1, XXV, 1, XXXIII, LXV, 1).
A queste torri iniziali, conformate a terrazzo fin dallorigine per ragioni di
avvistamento e di difesa, si saliva forse, in un primo tempo, con scale esterne
retrattili di legno o di corda. Ma non conosciamo esempi di questo tipo di nu-
raghe embrionale, come non conosciamo torri a tholos con rampe esterne in
62
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
profilo circolare delle pareti, sale, dove esistono, alle camere superiori, conforma-
te a tholos come quella a piano terra, sino al terrazzo in cui ha termine leleva-
to della costruzione. Il passaggio della scala non sempre agevole sia per le di-
mensioni del vano, largo da m 0,60 a 1, sia per la fattura dei gradini per lo pi
erti e rozzi, sia per la scarsa illuminazione che proviene, ma non sempre, da
strette feritoie o spioncini aperti verso lesterno, a diversa altezza del percorso.
Esistono due tipi di scale, luno successivo allaltro. Il primo tipo quello in
cui la scala si apre sul vano della camera centrale con la soglia sopraelevata di m
3/4 sul piano del pavimento (fig. 1, 2-3, 7, 13, 15, fig. 2, 1, tavv. IV, 3, XIV, 1,
XXV, 1, LXIV, 1). Nel secondo tipo, la scala parte dallandito dingresso, a fior
di suolo, e volge verso lalto per lo pi in direzione di sinistra (fig. 1, 4-5, 10-
11, 16, 18-19, 21, 23, 25, fig. 2, 3, tav. XLVI, 1-2), eccezionalmente verso de-
stra (fig. 1, 17, 20, fig. 2, 2). Il primo tipo stato riconosciuto come pi anti-
co, in quanto la scala impegna un minor volume di masso murario ed alterna,
col suo ritmo di percorso spezzato ad ogni piano, vuoti a pieni strutturali onde
non compromettere lequilibrio statico in uno stadio costruttivo meno evoluto
e ardito. Si tratta duna limitazione di spazio che trova lanalogo negli spazi,
pur essi contenuti, delle camere semplici con una o due nicchie al massimo. Il
secondo tipo appare pi recente, perch il suo giro investe, con percorso conti-
nuo a spirale obliqua, lintero anello murario per tutto lelevato, rivelandosi, in
ci, una disinvoltura e sicurezza nel costruire che rivelano un progresso tecnico
derivato da lunga esperienza e dal passar del tempo. A questo maggior respiro
spaziale del vano della scala corrisponde, di massima, la forma pi evoluta della
camera a tre nicchie, pur non mancando esempi di scala dandito in tholoi con
una o due nicchie, ma in numero molto minore.
In alcuni nuraghi si ha lassociazione dei due tipi di scale, come vedesi nelle
torri di Sa Figu Rnchida (fig. 1, 21) e di Ala (fig. 2, 4). Le tholoi che la presen-
tano, mostrano la figura ormai completa e definita della camera a tre nicchie e
rivelano unesperienza architettonica matura che compone, armonicamente, le
soluzioni via via studiate e realizzate per lunghi anni.
Levoluzione della semplice torre nuragica si pu studiare anche attraverso
lesame dello sviluppo dellelevato. Nello spazio dun mezzo millennio, dalla fi-
gura primitiva della torre, bassa e massiccia, con unica camera con o senza scala
al terrazzo, si dovette passare a quella del tronco di cono a camere sovrapposte
sullasse verticale, in numero da due a tre, con dimensioni in diametro ed altez-
za che regrediscono in rapporto diretto al restringersi del volume verso la parte
superiore (fig. 3, 2, 4-5). Si raggiungono in tal modo, gi sul finire del II mil-
lennio a.C. e, poi, nei tempi iniziali del I, altezze considerevoli e imponenti di
torri, come attestano i m 18,60 del nuraghe di Barmini (fig. 3, 2) e i m 22 del
nuraghe Santu Antne (fig. 3, 5).
Tale svolgimento sottolineato pure dal variare dellinclinazione delle mura-
ture esterne della costruzione nuragica, in cui si osserva, seppure in successione
non strettamente progressiva, una pendenza sempre minore dalle forme antiche
65
I nuraghi
quattro nicchie del nuraghe Sa Cuguttda-Mores (fig. 1, 22). Queste nicchie,
come si desume chiaramente da quelle dei nuraghi Marosni, Tittirila, Armn-
gia, Goni etc., erano destinate ad accogliere lettucci fatti di strame e pelli, per
una o pi persone.
Pure nel vano del corridoio dingresso si nota una progressiva evoluzione. Da-
gli anditi semplici dei nuraghi Orrbiu, SIscla e Pedra, Nuraddo, Sa Domo e
sOrku, Marosni, SOmu e sOrku, si passa a quelli con sola celletta, destinata
per il soldato di guardia, situata per lo pi sulla destra (Bailu, Muru de sa Figu,
Sa Preda Longa) ma pure sulla sinistra (Gurti qua), o agli anditi provvisti della
sola scala a fior di suolo posta sulla sinistra, come nei nuraghi Mindddu, SAt-
tentu, Sa Cuguttda, Sa Figu Rnchida, Murrtu (fig. 1, 23). Si hanno, da ulti-
mo, anditi completi di scale e garette, le prime ubicate pi di frequente a sinistra,
come nei nuraghi Genna Masni, Piandnna, Su Frile, Orolo, Tittirila, ma
anche a destra come nei nuraghi Ginnas, Abbaddi, Perda Arrbia.
Uno sviluppo tecnico-costruttivo ulteriore si coglie nei nuraghi Murrtu
(fig. 1, 23), Leortnas (fig. 1, 24) e Santu Antne (fig. 1, 25). In essi, per gradi,
si realizzano intorno alla camera dei corridoi anulari verso i quali, come nel
Leortnas e soprattutto nel Santu Antne, si aprono a raggera le nicchie delle
tholoi. Si tratta di disegni molto evoluti, che rivelano una concezione del taglio
dello spazio a gusto circolatorio in cui sembrerebbe di riconoscere (ma in realt
non si verifica) linflusso dellordine classico.
In generale si nota una continua, per quanto molto lenta e contenuta, ricer-
ca di ampliamento dello spazio anche se, in ogni caso, lo scavo fatto nel pieno
murario non ne attenua il peso o ne ingentilisce laspetto tanto da svalutare il
senso e leffetto della massa che domina, rude e sovrana, nella sua essenzialit
primitiva. Il citato grafico illustra questa osservazione. I 25 nuraghi, nei quali si
hanno diametri medi di torre di m 11,24 e diametri medi di tholos di m 4,08,
con indice medio nel rapporto torre-camera di 2,75, presentano indice medio
di massa-spazio di 1,6; cio la somma degli spessori murari misurata alla base
della sezione diametrale di 1,6 volte maggiore rispetto al vano della tholos. Si
deve notare anche che lindice di massa-spazio tende ad aumentare in ragione
diretta dello sviluppo spaziale della camera del nuraghe (1,52 medio dei nura-
ghi a fig. 1, 1-17 contro 2,26 medio dei nuraghi a fig. 1, 18-25): ossia i muri
vanno sempre pi irrobustendosi per far luogo al numero e alla capienza sem-
pre maggiori dei vani sussidiari (cellette, garette, scale, corridoi anulari etc.).
Lo spessore delle murature varia, nei 25 nuraghi del grafico dimostrativo, dai
m 5,20 del nuraghe Leortnas (fig. 1, 24) ai m 2,30 del nuraghe Nuraddo (fig.
1, 7) con una media normale, sui 25, di m 3,56. Si tratta, in ogni caso, di valori
notevoli a cui, oltre la ragione esposta di far da sede ai vuoti, sta di base la speciale
tecnica costruttiva a secco con grossi elementi, tecnica che, mancando la coesione
del cemento, affida la solidit e la statica delledifizio allampiezza del muro.
Una parte rilevante di questo massiccio fasciame murario occupata dal va-
no della scala (tavv. XXV, 2, XLVI, 1-2) che, girando elicoidalmente secondo il
64
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
bottega protosarda del VII-VI secolo a.C., mostrano il profilo superiore delle tor-
ri di forma piatta, ed uno quello meglio conservato di Olmedo presenta la
vetta dei piccoli coni circondata da coroncine sporgenti allesterno. In un caso e
nellaltro si tratta di terminazione del cono a terrazzo, a profilo contenuto nella li-
nea del muro della torre nel modellino di Ittirddu, con sbalzo a parapetto nel
bronzetto di Olmedo. Pi significativa ancora la colonnina di calcare a tav.
LXXVI, 1, pur essa del VII-VI secolo a.C., in cui riprodotta con evidenza la
torre dun nuraghe: forse la torre dello stesso nuraghe di Barmini presso il quale
stato ritrovato il monumentino, in recenti scavi. Alla sommit del cono si ripete
la sagoma del ballatoio con parapetto sporgente dal filo murario, qui sorretto da
mensole espresse nei rilievi verticali al disotto del tamburo circolare.
Alla forma dei terrazzi di queste riproduzioni in piccolo, corrispondono
esempi reali precisati di recente. Un terrazzino a sporto con orlatura di conci
sagomati, sovrastava, nella fase b (VIII-VII secolo a.C.), la torre centrale del
nuraghe Losa di Abbasanta. Ed un simile coronamento, intorno alla prima me-
t dellVIII secolo, fu inserito in restauro al sommo dellantico mastio del nura-
ghe di Barmini, facendo sbalzare il terrazzo sopra mensole di basalto del peso
medio di 13 q, ritrovate alla base della torre entro il colmaticcio del cortile del-
la poderosa fortezza (fig. 3, 2, tav. LXXVI, 3). La terminazione in piano dellal-
to delle torri nuragiche rispondeva alloriginaria destinazione di osservatorio e a
quella successiva di luogo di comando nelle complicate operazioni di difesa. La
sporgenza si dovette alla necessit di riguadagnare la verticale del getto dei
proiettili nel sistema del piombatoio, proiettili i quali, altrimenti, sarebbero an-
dati a cadere sul profilo inclinato del muro esterno.
A questi esempi evoluti di terrazzi a ballatoio in pietra su mensole (un
esempio ancora pi tardivo stato riconosciuto da poco nel nuraghe Albciu
di Arzachena), si giunse dopo esperienze di balconcini in legno, sostituiti poi
per esser di materia deperibile e di facile presa per gli elementi incendiari in uso
nelle guerre antiche.
Molto recente losservazione, fatta in parecchi nuraghi semplici, di grosse
murature dargine che avvolgono tutto allintorno e consolidano, contraffortan-
dolo e inspessendolo, il paramento interno della torre (fig. 15, 3, tav. CIV, 1).
Questi rifasci murari in alcuni esempi foderano il cono per lintero elevato e
sembrano costituire una reintegrazione di parti costruttive pericolanti per varie
cause; sono dunque posteriori nel tempo al nucleo fondamentale. Ma in altri
esempi, la sfoglia di contenimento si eleva soltanto di pochi metri formando
un gradone anulare al disotto del terrazzo terminale della torre, gradone che
rinforza la parte inferiore del nuraghe soggetta al massimo sforzo statico, am-
plia, attraverso la terrazza periferica, il raggio visivo e, forse anche, tradisce lin-
tendimento di movimentare, col profilo spezzato, luniforme linea obliqua pri-
mitiva. Nulla si oppone a ritenere che siffatte torri terrazzate siano opera di
getto, cio con le varie sfoglie costruite contemporaneamente.
67
I nuraghi
a quelle recenti, un lieve e lento mutare dal profilo di volume troncoconico in
profilo di volume subcilindrico. Si confronti, in concreto, la sezione a forte in-
clinazione della torre del Domu sOrku di Sarrk (fig. 3, 1), torre fra le pi anti-
che dellIsola, e quella del nuraghe Altriu di Scanu (fig. 4, 9), dove il muro
esterno, quasi verticale, sembra lesito duna soluzione moderna, sebbene imper-
fetta, di muro a piombo, avvalorata dalla novit del contorno oblungo delledifi-
zio e dal dispositivo della scala di camera, a fior di pavimento, con andamento
spezzato e inusitato nei nuraghi di perimetro circolare, e rivelante gusto tardivo
di linea retta (fig. 3, 6).
Per quanto il valore non sia assoluto, una certa indicazione, in uno agli altri
elementi, dellevoluzione formale del nuraghe monotorre data anche dal rap-
porto fra laltezza della tholos ed il suo diametro basale. Profili stretti e slanciati
di camera, sembrano, almeno come origine, pi antichi di quelli proporzionati
nelle due dimensioni di piano e di elevato, e questi ultimi, a loro volta, sembra-
no anteriori, sempre per origine, ai profili delle pseudovolte in cui il rapporto
volge decisamente in favore della misura diametrale con un progressivo appiat-
timento della cupola. Lindice, che segna il rapporto, decresce in relazione col
progredire del tempo (fig. 3, 1-6: i numeri si riferiscono in ordine ai nuraghi
sottoindicati). Cos si passa dallindice di 2,2 del nuraghe Domu sOrku (tholos
semplice con scala di camera) all1,61 del Su Nuraxi di Barmini (tholos a due
nicchie con scala di camera e garetta dandito), all1,48 del Losa (tholos a tre
nicchie con garetta e scala dandito), all1,4 del Santu Antne (tholos come so-
pra con deambulatorio concentrico), all1,1 del nuraghe Altriu di cui sono
state notate le caratteristiche di costruzione molto recente o, comunque, poste-
riore alle precedenti, essendone una derivazione tipologica decaduta ed alterata
per la presenza di elementi del tutto nuovi.
Infine, costituisce un segno largamente indicativo del progresso cronologico
della torre nuragica, la variazione del profilo dellandito dingresso. Il grafico di
fig. 4 mostra come gli anditi vadano progressivamente riducendo lobliqua del
soffitto elevata verso linterno dei nn. 1-6, fino ad appiattirsi nei solai gradonati
dei nn. 7-9, e trapassino gradualmente dalle sezioni angolari-trapezoidali dei pri-
mi alle sezioni rettangolari piattabandate dei secondi. Dallo stesso grafico si rileva
lorganica corrispondenza fra sezioni dandito e di camera, le quali, col mutare
graduale nel primo dallobliqua allorizzontale di copertura e con labbassamento
generale dei vani, vanno perdendo quello slancio e quella verticalit che contras-
segnano i nuraghi pi antichi, per assumere via via valore preponderante nella di-
mensione di base, segno di tempi meno lontani.
Solo da pochi anni, dopo incertezze e discussioni, si potuto accertare su dati
concreti, come la torre nuragica finiva al suo culmine. Due modellini in bronzo
di nuraghi uno da Ittirddu e laltro da Olmedo (tav. LXXVI, 2) , prodotti di
66
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
della nuova costruzione, in piano (celle) ed elevato (scale), introduce un ingresso la-
terale (fig. 5, 5-6), nella fig. 5, 7 integrato da unentrata frontale munita di due cop-
pie di cellette di guardia con scala e feritoie. Il muro del recinto o tancato ad un
estremo seconda il giro della torre minore, con contatto spezzato di membri (fig. 5,
3-4) o fuso con dolce curvilineit (fig. 5, 5-7), allestremit opposta si salda ad an-
golo al paramento della torre maggiore, o contenendola per una parte soltanto della
sua circonferenza (fig. 5, 3-6) o circondandola del tutto col fasciame ellittico, s da
costituire un blocco unitario pi compatto e saldo (fig. 5, 7).
Alcune forme ceramiche con decorazione protogeometrica nello stile dei va-
si a tavv. XCVIII e C, e alcuni bronzetti indigeni di circa lVIII-VII secolo a.C.,
trovati dentro il cortile del nuraghe Palmavera (fig. 5, 7), stanno a dimostrare
che lo schema del nuraghe a tancato era gi conformato e portato ad un
avanzato grado evolutivo intorno al 750 a.C.
Uno schema vicino, ma non uguale, a quello precedente, si mostra nella fig. 5,
8: nuraghe Su Monte sOrku Turi-Perdasdefgu. Due torrette minori (B, C)
fronteggiano, sullasse di lunghezza, la torre principale A; camere e ingressi
stanno tutti sulla stessa linea longitudinale. Identico allineamento in lungo di
tre torri mantiene il nuraghe Su Sensu di Pompu, a fig. 5, 9. Qui, per, laddi-
zione longitudinale delle torri minori (C, B) alla torre maggiore primitiva (A), si
sviluppa non solo sul davanti ma anche a tergo di questultima che, allorigine,
aveva due ingressi opposti, uno al Nord e laltro al Sud. Tali ingressi servirono,
poi, per collegare allinterno le camere delle tre torri, disposte pur esse sul me-
desimo asse di lunghezza, mentre laccesso dallesterno al nuovo corpo costrut-
tivo fu ricavato di lato (b) entro il muro della torre B.
Nel grafico a fig. 6 sono disegnati nuraghi con addizione frontale a sviluppo
trasversale degli elementi aggiunti.
Gli esempi 1-4 mostrano una variazione dello schema a tancato, disposto di
traverso, tangenzialmente al cono antico. Lo schema consiste appunto in un corpo
costruttivo che include al centro un cortile raccordato da anditi sfocianti in tholoi
contenute in due torri al margine dello stesso corpo; lingresso esterno sul davanti,
in asse con la porta della torre primitiva (fig. 6, 1-2), o di lato (fig. 6, 4). Negli
esempi 5-6 si riconosce lo stesso schema, ma atrofizzato e semplificato, perch man-
ca il cortile, la cui funzione di elemento coordinatore degli anditi delle due torri mi-
nori sostituita dal corridoio ricavato nella cortina frontale in continuazione diretta
dellandito della torre principale pi antica. da osservare che, in analogia col di-
verso modo di saldarsi del corpo aggiunto sul nucleo originario visto nel tancato a
sviluppo longitudinale, anche in questo a sviluppo trasversale il lato opposto a quel-
lo del prospetto o ripiega ad angolo sul paramento della torre maggiore lasciandone
la met o i tre quarti della circonferenza scoperti (fig. 6, 1-2, 5) o va, dolcemente, a
fondersi nel suo giro (fig. 6, 3-4), quando anche non lo consolida avvolgendolo
con un rifascio anulare (fig. 6, 6). Unevoluzione dello schema a tancato traverso
69
I nuraghi
Lespediente struttivo, applicato talora in forma monumentale, diventa di
maggior interesse e significato se lo si vede, come da vedersi, quale esito locale
dun tipo architettonico largamente divulgato nel Mediterraneo occidentale gi
da et molto remota (II millennio a.C.). Noteremo pi oltre le rispondenze
nelle aree paleomediterranee delle Baleari, di Corsica e delle Puglie.
Forse gi sul finire del II e, certamente, agli inizi e pi ancora con lavanzare
del I millennio a.C., alle antiche e semplici torri nuragiche a tholos isolate,
svolte e definite ormai negli elementi di pianta e di alzato sopradescritti, si ag-
giungono, addossandosi variamente, altri corpi di fabbrica i quali, pur non alte-
rando sostanzialmente il fondamento della forma architettonica e struttiva, lar-
ricchiscono portandola a soluzioni elaborate e configurandola, al culmine, in
esempi grandiosi e organici di architettura superiore. Questo passaggio dalla for-
ma del nuraghe elementare a tholos alla forma del nuraghe a tholos plurimo
o complesso, avvenne attraverso unevoluzione lenta, non dappertutto uniforme,
condizionata dallo sviluppo diverso dello stato dei singoli sistemi cantonali
nuragici, dalla diversa fertilit inventiva e dal modo di vedere pi o meno pron-
to delle maestranze, dallapertura maggiore o minore dei rapporti con lesterno.
Pu dirsi, in generale, che levoluzione architettonica matur nello spazio dun
mezzo millennio, dal 1000 circa al 500 a.C., cio dai tempi delle prime avvisa-
glie delle conquiste dei popoli storici (Fenici) a quando i Cartaginesi, alla fine
del VI secolo a.C., simpossessarono stabilmente dun terzo dellIsola, sospingen-
do gli Indigeni, costruttori di nuraghi, nel ridotto delle montagne.
Laddossamento dei nuovi corpi di fabbrica ai coni primitivi avviene, grosso
modo, con tre forme di addizione: frontale, laterale e concentrica. Elemento
frequentissimo e importante, sebbene non strettamente indispensabile, come
ordinatore e concentratore delle masse periferiche al nucleo centrale o principa-
le, un cortile, talora daspetto monumentale (tavv. XVII, 1, XXII, 1, XXIV,
3-4, XXXIV, 1, XLIII, 2, LV, 3, LXI, LXIII, 1-2).
Laddizione frontale si effettua costruendo la parte moderna o sullasse lon-
gitudinale della torre primitiva o su una linea trasversale ad essa.
Il grafico a fig. 5 mostra uno schema di evoluzione dei nuraghi ad addizio-
ne frontale longitudinale. Il tipo pi semplice quello delladdizione sulla fron-
te del cono originario, dun cortiletto aperto sul davanti, in asse con lingresso
della tholos, di pianta a segmento di cerchio (fig. 5, 1) o rettangolare (fig. 5, 2).
Laggiunta si opera su torri a camera semplice, apparentemente molto antiche;
assai antico potrebbe essere pure linserto aggiuntivo, almeno nel nuraghe Giba
e skorka, tutto di gusto curvilineo (fig. 5, 1).
I nn. 3-7 della fig. 5 presentano dispositivo dinserzione cosiddetto a tancato.
Cio sul fronte della torre primitiva si sviluppa in longitudine un corpo murario, di
varia figura, racchiudente una seconda torre minore con un cortile antistante che fa
da passaggio alla prima. Al cortile, in cui si raccordano tutti i vani della vecchia e
68
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
La seconda variet esemplificata dal Pranu Nuracci di Siris (fig. 8, 2) e dal
Nuraddo di Suni (fig. 8, 3 e tav. XXVI). Intorno alla torre principale si ad-
dossa il corpo triangolare con le tre torri delle cuspidi unite da cortine rettilinee.
Nel Pranu Nuracci il raccordo tra torre antica A e torricelle frontali (B, C),
dato da due lunghi corridoi, paralleli alla cortina di prospetto, i quali si dirigo-
no verso B e C partendo dal corridoio dellingresso esterno sul prolungamento
di quello di A (vedi per confronto fig. 6, 5-6). Nel Nuraddo il raccordo viene
offerto, invece, dal cortile E con formula apparentemente evoluta rispetto a
quella del Pranu Nuracci. Ambedue i nuraghi mostrano la torretta tergale D
con uscio a parte, come nel citato nuraghe Longu di Cglieri (fig. 8, 1). Allo
schema del Nuraddo si avvicina anche il piano del trilobo del nuraghe Is
Paras di Isili, con la variante di una cortina curvilinea su due rettilinee (tavv.
XXII-XXV).
Alla terza variet appartengono i nuraghi Losa (fig. 8, 4, tavv. XXVII-
XXXIII), Lughrras (fig. 8, 5) e Santu Antne (fig. 8, 6, tavv. XL-LIV). Il fa-
sciame triangolare, a differenza del precedente a sequenza retto-curvilinea di
cortine e torri, si svolge in un profilo continuo unitario a linea curva e sinuosa,
internata in lieve concavit in corrispondenza alle cortine e pronunziata con
garbo convesso nel giro delle tre torri perimetrali (B, C, D).
A base dei due modi di sentire il profilo perimetrale a linea spezzata e a li-
nea continuata stanno ragioni di stile, ma anche di difesa: una difesa a punte,
frazionata nel risalto delle cuspidi turrite pronunziatissime dei bastioni retto-
curvilinei, e una difesa concepita e realizzata con spiegamento di soldati in con-
tinuazione su tutto lo spalto delle torri e delle cortine del bastione ad anda-
mento curvilineo e sinuoso.
Per il resto, a parte il singolare inserto aggiunto dello schema a tancato (E,
F) sul trilobo del Lughrras (fig. 8, 5), i tre nuraghi Losa-Lughrras-Santu An-
tne mostrano una progressiva evoluzione dello schema tripartito fondamenta-
le. Levoluzione consiste nel raccordo a cortile in Lughrras-Santu Antne ri-
spetto al raccordo a corridoio in Losa; nellunione, per interno, di C a D nel
Lughrras mentre nel Losa D isolata con uscita esterna sopraelevata; nel totale
raccordo interno per corridoi paralleli alle cortine illuminati da feritoie, delle
camere delle torri marginali (B, C, D) nel nuraghe Santu Antne.
Materiali vari, soprattutto di terracotta e di bronzo, trovati dentro le tholoi e
nei pozzi (p, tav. XLIII, 2) dei cortili del Losa-Lughrras-Santu Antne, stanno
a provare che lo schema del trilobo curvilineo esisteva gi nei tempi dellVIII se-
colo a.C. Linserto aggiuntivo a tancato del Lughrras potrebbe esser stato
portato nel VII secolo a.C.
Dello schema predetto si hanno anche versioni imbarbarite e decadute co-
me, per esempio, nel nuraghe Asru di San Vito (tavv. XVII-XXI).
Esempi di nuraghi quadrilobati si vedono nella fig. 9, 1-4. Si riconducono a
due variet.
71
I nuraghi
con cortile costituito dal nuraghe Oes di Torralba (tavv. XXXIV-XXXIX), in cui
una delle torri minori (quella di sinistra) si articola in due giri turriti a linea continua.
I nuraghi esemplificati nella fig. 7 danno unidea di come si effettua laddi-
zione laterale, cio laggiunta dei membri costruttivi pi recenti ai lati della for-
ma originaria.
Laddizione avviene per contatto o tangenza delle torri minori alla torre mag-
giore, la quale, in ogni caso, conserva un tratto pi meno esteso del perimetro in
vista, ossia non coperto n obliterato dalle opere secondarie. Al cono antico si
addossano una (fig. 7, 1, 3), due (fig. 7, 2, 4) o tre torri (fig. 7, 5), nellultimo
esempio con addizione tangenziale delle torri laterali (B, C) mentre la terza, la
frontale (D), ne separata dallinterposto cortile (E). Negli esempi a fig. 7, 1-2
lunione delle diverse parti murarie avviene per semplice tangenza, con il risulta-
to di produrre uno schema paratattico, cio a pura giustapposizione in piano
delle componenti della costruzione. Nei nuraghi a fig. 7, 3-4 e specialmente nel
Noddle di Noro (fig. 7, 5) si osserva, invece, un vero e proprio ordinamento
sintattico o compositivo delle varie membrature, affidato, come di consueto, al
cortile verso cui si concentrano, articolandosi, masse e vani del complesso.
Le forme pi vistose ed elaborate di nuraghi plurimi si ottennero con laddi-
zione concentrica, per cui la torre primitiva sta nel mezzo, o quasi, di un fascia-
me murario, di varia figura, articolato in cuspidi ai margini, in corrispondenza
alle torri minori, le quali sono unite fra di loro per mezzo di cortine, o rettili-
nee o curvilinee.
Questi nuraghi sono stati definiti anche polilobati, in quanto le torrette
perimetrali figurano come tanti lobi in cui si espande la massa centrale domi-
nata dal cono maggiore o mastio (tavv. XVII-LXXI, LXXVII, LXXX).
A seconda del numero delle cuspidi turrite, si distinguono nuraghi trilobati
dal corpo triangolare con torri ai tre apici; nuraghi quadrilobati a corpo quadri-
latero turrito ai quattro angoli; nuraghi pentalobati in cui cinque torri perime-
trali muniscono le cuspidi dun bastione pentagonoide (figg. 8-9).
La fig. 8, 1-6 presenta esempi in cui si riconoscono tre variet di nuraghi
trilobati.
Nella prima variet, visibile nel nuraghe Longu di Cglieri (fig. 8, 1), da un
robusto anello murario che avvolge concentricamente il mastio A, si dipartono,
con pronunziamento di tre quarti di cerchio rispetto al raccordo anulare, tre
torrette: due situate frontalmente alla torre antica (B, C) con un interposto
grande cortile di disimpegno spaziale (E), e la terza emergente allopposto nella
parte retrale (D). Lingresso dallesterno sta nellangolo della cortina curvilinea
di prospetto presso la torretta B; i vani di A, B e C sono coordinati dal cortile
verso cui convergono i corridoi, e D presenta, forse, unuscita indipendente che
consentiva improvvise e nascoste sortite.
70
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
Sono questi nuraghi polilobati, i quali talvolta assumono proporzioni gigan-
tesche e poderose, a presentare ulteriori espedienti difensivi tradotti in pi vasti
dispositivi destinati a rendere pi munito e sicuro il gi valido e protetto ba-
stione del nuraghe plurimo.
Si tratta di esempi di arte militare molto progredita, in cui si scorge da un
lato il felice risultato della completa maturazione di formule e soluzioni archi-
tettoniche della civilt locale, e dallaltro lato si coglie il riflesso di conoscenze e
di insegnamenti della poliorcetica di popoli esterni (Cartaginesi, Greci etc.).
Questi grandiosi e complessi edifizi fortificati, se hanno conosciuto limpeto di
assalti a scorreria delle truppe indigene nella guerra tribale interna, hanno so-
prattutto sostenuto il peso di assedi prolungati degli eserciti di conquista, in
particolare di quelli cartaginesi, armati dei ritrovati bellici pi efficaci, quali
arieti ed altre macchine di urto e di tiro.
A fig. 10, 1-4 data unesemplificazione molto istruttiva di siffatte fortezze
nuragiche. A fig. 10, 1 il disegno di piano completo del nuraghe Lughrras, a
fig. 10, 2 quello del Su Nuraxi, a fig. 10, 3 quello del Domu sOrku di Domusn-
vas (tavv. LXXVII-LXXIX) e, infine, a fig. 10, 4 si vede la rappresentazione
planimetrica del formidabile nuraghe Orrbiu di Orrli.
Tutte e quattro le fortezze predette sono accomunate dalla esistenza intorno
al bastione interno plurilobato, di un vasto antemurale o proteichisma o lizza
a sequenza di torri unite da cortine rettilinee. Questo recinto turrito forma la
linea pi esterna di difesa del forte, situata davanti alla linea interna principale
del bastione col fine di proteggerlo attraverso il diaframma e lo schermo del ro-
busto baluardo. Si tratta duna concezione difensiva a linee concentriche terraz-
zate, in cui gli spalti vanno elevandosi a gradoni di tiro dalla campagna verso il
centro della fortezza sino a culminare nel mastio destinato a punto di osserva-
zione e a centrale di comando. Il Su Nuraxi di Barmini (fig. 10, 2) per esser
stato totalmente messo in luce e per la buona conservazione dei vari elementi
della cintura concentrica difensiva, permette di farsi unidea delle diverse quote
di elevazione delle terrazze darme (tav. LVIII, 2). Lesterna dellantemurale era
alta 10 metri, quella mediana del bastione quadrilobato la sovrastava di 5 metri
giungendo a m 15 daltezza, e, al sommo del complesso, dominava il mastio
dai suoi 20 metri. Per tutta lestensione delle cerchie gradonate, sopra gli spalti
e dentro le camere darme operava, in tempi di guerra, una massa di circa 200
soldati delle varie specialit: spatari (tav. XC), frombolieri (tav. XCI), arcieri
(tav. XCII) al comando dei capi militari, i potenti re-pastori (tav. LXXXIX).
La cerchia esterna o antemurale si presenta di figura poligonale, talvolta ab-
bastanza regolare: come nel Lughrras (fig. 10, 1), di forma quadrilatera con
quattro torri per angolo (G, H, I, L), e nel Su Nuraxi (fig. 10, 2) a disegno epta-
gonale con sette torri allo spigolo delle sette cortine rettilinee (G, H, M, N, O,
P, Q); tavv. LXVI-LXXI. Nel nuraghe Orrbiu (fig. 10, 4, tav. LXXX), il fonda-
mentale schema della lizza a poligono di torri e cortine in linea retta, visibile nei
73
I nuraghi
In una il corpo quadrilatero aggiunto mostra cortine e torri dangolo fuse in
unica linea curva e sinuosa, linea concava sulle cortine, convessa alla leggera
prominenza delle quattro torri marginali. La torre antica (A) e le torrette ango-
lari frontali (B, C) hanno i vani disimpegnati dal cortile (F); le torrette angolari
tergali (D, E) sono raccordate alle frontali (B, C) da corridoi che seguono il
profilo ondulato delle cortine. Tale schema ben chiaro nel nuraghe Santa Br-
bara di Macomr (fig. 9, 1, tav. LV).
I nuraghi a fig. 9, 2-4 esemplificano la seconda variet, a bastione quadrango-
lare con sequenza di torri e cortine rettocurvilinee. Nel nuraghe Ca perdsa di S-
neghe (fig. 9, 2), il quale mostra anche il tratto retrale del mastio non coperto n
protetto dal fasciame, si ha un misto di cortine rettilinee e curvilinee. Del resto,
come nei nuraghi Sa Serra-Orrli (fig. 9, 3) e Su Nuraxi-Barmini (fig. 9, 4, tavv.
LVII-LXXI), le celle del mastio (A) e delle torri perimetrali (B, C, D, E) sono col-
legate fra di loro dal pi ampio spazio del cortile scoperto che dava aria e luce ai
vani (tavv. LXI, LXIII, 1-2) e sboccano nel cortile stesso o direttamente (B, C, D)
oppure tramite un lungo corridoio curvilineo praticato nello spessore murario a
raggiro della torre primitiva (E). Lingresso alla fortezza in ogni caso aperto nella
cortina frontale, spostato verso langolo con la torre di sinistra (B), nel Su Nuraxi
(fig. 9, 4) difeso da due garette di guardia. Il medesimo Su Nuraxi presenta le came-
re darme delle torri perimetrali munite di feritoie a doppio ordine (tavv. LXIV, 2,
LXV, 3) ed provvisto di due pozzi per riserva dacqua potabile durante gli assedi
prolungati: un pozzo nel cortile p (tav. LXIII, 1) e laltro nella torretta E, dietro la
torre primitiva, nella parte pi riposta e di difficile accesso del forte.
Per quanto riguarda le due cennate variet di nuraghi quadrilobati, segnalia-
mo i diversi modi di sentire la linea, a ritmo continuo e a ritmo spezzato, nota-
ti per i nuraghi trilobati.
Ceramiche caratteristiche rinvenute nel pozzo del nuraghe Piscu di Suelli
un quadrilobato della variet a profilo rettocurvilineo, tav. CIII, 4 ed altri
materiali avutisi dal Su Nuraxi di Barmini, permettono di accertare lesistenza
dello schema a quadrilobo gi nellVIII secolo a.C. A Barmini deve ritenersi
anche pi antico: del IX secolo a.C.
Situando una torretta a met circa della cortina dunione fra le torri frontale e re-
trale del lato sinistro (B, E) del nuraghe Orrbiu di Orrli (fig. 9, 5, tav. LXXX), si
ottenne il disegno del nuraghe pentalobato, in cui il pentagono completato dalle
due torri marginali del lato destro (C, D). La sequenza di profilo rettocurvilinea
come in una variet dei quadrilobati e dei trilobati. Il cortile G, nel quale si entra per
un ingresso a doppia garetta come nel Su Nuraxi, raccorda i vani del mastio e delle
torri perimetrali, con sfocio diretto delle due frontali (B, C) e della laterale sinistra
(F), con collegamento a lungo corridoio a raggiro di mastio delle due tergali (D, E).
Si pu supporre che anche la figura del nuraghe pentalobato si conoscesse
gi dallVIII secolo a.C. Certo essa anteriore al VI secolo, et in cui la fortezza
dellOrrbiu cadde in mano dei Cartaginesi.
72
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
Nel primo lo spazio fra lantemurale ed il bastione suddiviso in due corti darme,
con ingressi separati: la prima corte Mbattuta dalle torri Ned L (tav. LXXIX, 3-4),
laltra la maggiore segnata con la lettera I, vigilata dalle torri F-G della lizza e
B, D, C del bastione (tavv. LXXVII, 4, LXXVIII, a sinistra). Nel nuraghe Losa,
nel tratto del ridotto del pozzo, lo stretto spazio G, compreso fra la torre E e le
punte turrite del bastione B e C, una specie di camera della morte in cui chi si
avventurava non aveva scampo alcuno (tavv. XXX, 2).
Il ritrovato dellantemurale noto fin dal secolo IX a.C. Lo dimostra lanti-
ca lizza del Su Nuraxi di Barmini, della quale nella pianta si vedono le torri
M ed O incorporate, ad integrazione di difesa, nel nuovo antemurale dellVIII
secolo, pi vasto e munito (tav. LVI). DellVIII secolo, ma anche di tempi pi
tardivi, potrebbero essere gli antemurali del Lughrras e del Losa. Tutte le lizze,
per, saranno anteriori alla fine del VI secolo a.C., quando le fortezze in dis-
corso capitolarono di fronte alle maggiori forze e agli strumenti di guerra pi
efficienti e perfezionati dei Cartaginesi.
Al confronto con il grado di evoluzione formale e tecnica raggiunto dal nu-
raghe a tholos, risalta, per opposto, il corso introverso e pigro della forma del
nuraghe a corridoio, il quale resta sostanzialmente allo stadio elementare e, in
ogni caso, d lidea duna costruzione povera e scaduta architettonicamente. Si
tratta dun ciclo abortivo duna forma primitiva allapparenza (e altrove, fuori
della Sardegna, effettivamente primitiva e arcaica) la cui elaborazione fu impe-
dita da condizioni naturali e da particolari situazioni economiche e storiche di
depressione della societ che la produsse (fig. 12; tavv. LXXXI-LXXXV).
Le caratteristiche essenziali di queste costruzioni subalterne che chiamia-
mo anche pseudonuraghi, in quanto danno la parvenza del nuraghe classico
a tholos in alcuni elementi (opera megalitica a filari, profilo circolare del peri-
metro in qualche esempio etc.), sono due. Una consiste nella figura del contor-
no il quale, tranne qualche esempio di piano a tutto tondo, come nel Santl-
vera di Oziri (fig. 12, 1), nel Cnculu di Scanu (fig. 12, 2), nel Peppe Gallu
di Uri (tav. LXXXIV), si allontana dalla forma planimetrica circolare della torre
nuragica tipica. Laltra caratteristica si presenta nella sostituzione della camera
a tholos con copertura ad aggetto, con uno (generalmente) o pi corridoi con
tetto a solaio piano di lastre. Taluni esempi mostrano un piano rialzato a cui si
sale per mezzo di scale che partono dal corridoio, a fior di pavimento (fig. 12,
4-5, 8, 13; si veda anche il nuraghe Albciu di Arzachena). Non vi caso di
pi dun piano rilevato, come invece si d per il nuraghe a tholos. Nella mag-
gior parte dei pseudonuraghi il piano alto corrisponde a un terrazzo talvolta so-
speso ed aggettante su mensole (nuraghe Albciu).
La fig. 12, 1-13 offre unesemplificazione sufficientemente indicativa delle
variet dei nuraghi a corridoio. Lordine nel grafico non pretende ad alcuna
significazione evolutiva del tipo. Gli esempi sono sommariamente raggruppati
e classificati secondo la forma del profilo esterno.
75
I nuraghi
lati Sud-ovest-nord (P, Q, R, H, I), variato ed alterato, sul lato Est, da una se-
quenza a spezzata di speroni curvilinei a sporgenze e rientranze angolari (L, M,
N, O). Nel nuraghe Domu sOrku di Domusnvas (fig. 10, 3, tavv. LXXVII-
LXXIX), lantemurale costituito di cinque torri (F, G, H, L, N) collegate da cor-
tine rettilinee, non circonda lintero corpo polilobato del bastione interno una
massa esagonoide con tre torri frontali (B, D, C) e cortile (E) intorno al mastio
A ; invece, ripiega verso la cuspide Sudest (C) del bastione e vi si addossa con
ampio svolto rotondo (I), lasciando scoperto ed esposto allurto diretto il tratto
Est-nordest del bastione stesso (tav. LXXVIII). Analogamente ne Losa (fig. 11),
stando a quanto ora appare, resta coperto dallantemurale formato da due tor-
ri (E, F) unite da una cortina a spezzata soltanto il fianco Nordovestovest del
bastione trilobato (tavv. XXVIII, 2, XXIX-XXX), mentre il resto sembra lasciato
aperto alle offese (tavv. XXVII, XXVIII, 1, XXIX, 1). Qui per da osservare
che la lizza pare esser stata costruita pi che allo scopo di difendere il nucleo in-
terno col frapporre la cintura duna muraglia periferica come negli altri esempi
di nuraghi a proteichisma, per costituire invece una sorta di ridotto fortificato
a protezione del pozzo contenuto nella torretta E. La vera e propria funzione di an-
temurale era assolta dal vastissimo recinto ellittico-pentagonoide, di m 292 di lun-
ghezza in senso Nordovest-sudest x 133 metri di larghezza media, circondante
da ogni parte e proteggente, dalle torri e dalle cortine, il grosso villaggio di ca-
panne compreso fra il recinto stesso e il bastione trilobato, questultimo spostato
verso il lato Nord della grande muraglia recintoria.
In queste cerchie esterne noi possiamo osservare una molteplicit interes-
sante di ritrovati e di espedienti dellarte architettonica dellassedio.
In tutti i nuraghi esaminati le cortine rientrano profondamente dal profilo
delle torri, ci evidentemente per attirare lassediante verso la cortina ed abbat-
terlo nel ristretto spazio col tiro incrociato degli archi piazzati nelle feritoie del-
le torri e delle cortine; si veda G-H, M-Q di Barmini (tav. LXVI, 1, 3), L di
Domu sOrku, Q ed R di Orrbiu, E ed F di Losa (tavv. XXIX, XXX, 1). Con
i profili a zigzag di cortine (Losa, fra E ed F, tav. XXX, 1) e col frastaglio di
speroni tortuosi (Orrbiu, L, M, N, O) si creano angoli morti per deviare e dis-
orientare gli assalitori. Oppure si fa in modo di frazionare il nemico, per batter-
lo separatamente in luoghi di particolare efficacia offensiva.
Nel nuraghe di Barmini, una poderosa ridotta a tenaglia (L), costruita anche
per recingere e difendere entro lalto muro megalitico la grande Sala del Consi-
glio (I), attirava nel chiuso dello spazio triangolare il nemico che fosse riuscito a
forzare lingresso esterno e l consentiva di concentrargli addosso il tiro ravvicina-
to, dalle feritoie e dagli spalti, delle armi dei difensori delle torri H ed M (tavv.
LXX, 3, LXXI). Che se, poi, una parte del contingente durto, evitando loffesa,
fosse penetrato per lingresso interno di L nel settore interiore dellantemurale,
entrava sotto il tiro dei piombatoi delle torri C ed E e dellinterposta cortina rice-
vendo in pari tempo alle spalle i colpi delle batterie delle torri citate H ed M. Il
concetto della difesa a compartimenti riappare nei nuraghi Domu sOrku e Losa.
74
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
I corridoi o traversano tutto ledifizio (donde il termine di nuraghe a galle-
ria usato per alcuni esempi: fig. 12, 1, 4-6, 8, 10-11) o penetrano profonda-
mente nel vivo della massa muraria senza fuoruscire dalla parte opposta a quel-
la dellingresso principale attraverso un ingresso secondario come si d, invece,
per i nuraghi a tunnel.
Nei corridoi a doppio ingresso si misurano lunghezze da m 18 (Tsari, B-
das: fig. 12, 4, 11) a m11 (Ginna Uda: fig. 12, 6) con media, su 7, di m 14,70
(tondo 15); larghezze da m 1,60 (Sneghe: fig. 12, 5) a m 0,70 (Bdas: fig. 12,
11), con media, su 7, di m 1,10; altezze da m 3,00 (Funtanedda: fig. 12, 8) a m
1,58 (Bdas: fig. 12, 11), con media, su 7, di m 2,06 (tondo 2). Gli ingressi
principali, esposti a Est (fig. 12, 8, 10), Sudest (fig. 12, 4), Sud (fig. 12, 5, tav.
LXXXI, 1), Sudovest (fig. 12, 1, 6, 11), sono larghi in media, su 7, m 1,20, alti
m 1,60 (media di 5). Nei corridoi a fondo cieco (cio con un solo ingresso) si
hanno lunghezze da m 12,40 (Fronte e Mola: fig. 12, 13) a 4,40 (Tanca Man-
na: fig. 12, 12) con media, su 5 (fig. 12, 2-3, 9, 12-13), di m 7,30; larghezze da
m 1,60 (Fronte e Mola: fig. 12, 13) a 1,00 (Siliggu; fig. 12, 3) con media, su
6, di m 1,26; altezze da m 2,75 (Lighedu: fig. 12, 9) a m 1,12 (Siliggu: fig. 12,
3) con media, su 6, di m 1,71. Gli ingressi, con esposizione a Est (fig. 12, 2, 9),
a Sudest (fig. 12, 7), a Sud (fig. 12, 3, 13), a Nordovest (fig. 12, 12), presentano
medie di larghezza di m 1,17 (su 4) e di altezza di m 1,63 (su 3). Tutti i corri-
doi, talvolta leggermente ristretti di sezione verso lalto ma per lo pi a taglio
rettangolare, sono coperti con lastroni orizzontali che formano un solaio piano.
La funzione dei corridoi quella di assicurare il transito e di disimpegnare
lingresso alle cellette del dromos e la salita, per mezzo delle scale, al piano supe-
riore, dove questo esiste.
Le cellette sono disposte o solo lateralmente, da ununica (fig. 12, 1, 11) o
da ambe le parti (fig. 12, 4-5, 8), oppure insieme ai lati e sul fondo (fig. 12, 2-3,
9, 12-13), talvolta con simmetrica, per quanto non perfetta, corrispondenza
(fig. 12, 2-4, 9, 12-13). Esse si presentano di figura rettangolare, per lo pi con
la parete di fondo curvilinea (fig. 12, 1-5, 8-9, 13) o a pianta ellittica od oblun-
ga (fig. 12, 11-12).
Le misure in profondit variano da m 5,90 (Sneghe: fig. 12, 5) a m 1,15
(Siliggu: fig. 12, 3) con media, su 9, di m 2,56; quelle in larghezza da m 5,20
(Tanca Manna: fig. 12, 12) a m 0,60 (Sneghe: fig. 12, 5) con media, su 10, di
m 1,50: quelle in altezza da m 3 (Cnculu: fig. 12, 2) a 1,10 (Siliggu: fig. 12,
3), con media, su 8, di m 1,90. Anche il soffitto delle celle, come la copertura
dei corridoi, tabulato.
I nuraghi a fig. 12, 4 (Tsari), 5 (Sneghe), 8 (Funtanedda), 13 (Fronte e
Mola) conservano resti, pi o meno estesi, della scala che portava al piano rial-
zato. Una scala pure da supporsi nel Tanca Manna (fig. 12, 12) perch si ha
traccia di un piano alto. Scale al terrazzo presentano pure i pseudonuraghi
Agnu (tav. LXXXV), Albciu e Peppe Gallu, in questultimo edifizio partente
77
I nuraghi
I citati nuraghi di Santlvera e Cnculu (fig. 12, 1-2) mostrano linea ro-
tonda di contorno, sicch, allesterno, come il Peppe Gallu (tav. LXXXIV), si
possono confondere con la forma del nuraghe classico a tronco di cono. I nn.
3-6 della stessa fig. 12, sono nuraghi a pianta ellittica: il n. 3 il Siliggu di Si-
lnus, il n. 4 il Tsari di Bortigali, il n. 5 il Sneghe di Suni e il n. 6 il Ginna
Uda di Bonrcado. Variazioni di profilo ellittico e combinazione di gusto retto-
curvilineo si osservano nel nuraghe Mulinddu di Sgama (fig. 12, 7) a tre quar-
ti di ellisse col lato Nord rettilineo; nel Funtanedda dello stesso Comune (fig.
12, 8) con ellissi tronca sui lati brevi e dritti; nel Lighedu di Suni (fig. 12, 9) in
forma di ferro di cavallo con la fronte in linea retta. Figura subrotonda presenta
il nuraghe Perca e Pazza di Boltana (fig. 12, 10), subellittica il Bdas di Tm-
pio (fig. 12, 11), mentre il profilo subquadrangolare del Tanca Manna (fig. 12,
12) e dellAgnu o Monte di Deu (tav. LXXXV) rispettivamente di Tmpio e
Calangianus, trova completezza di schema rettangolare nel Fronte e Mola di
Thisi (fig. 12, 13). Molto irregolare, non definibile in una figura geometrica,
, infine, lo schema di pianta rettocurvilineo e concavo-convesso del pseudo-
nuraghe Brunku Mdili di Gsturi (tavv. LXXXI-LXXXIII).
Quanto alle proporzioni in piano dei nostri nuraghi a corridoio, quelli a
contorno circolare mostrano diametri da m 10,80 (Santlvera) a 10 (Cnculu)
sono le misure delle torri rotonde a tholos. Nei nuraghi a profilo ellittico o a va-
riazioni dellisse (fig. 12, 3-9) si va dai m 19,60 x 14 del Sneghe-Suni (fig. 12, 5)
ai m 13 x 8,75 del Siliggu-Silnus (fig. 12, 3), con media di m 16,25 (in tondo
16) x 11,14 (in tondo 11) sui 7 esempi. Metri 13 x 12 ha il Perca e Pazza (fig.
12, 10) e, rispettivamente, m 19 x 15 e 16 x 12 hanno i due nuraghi galluresi di
Bdas e Tanca Manna (fig. 12, 11-12). Nel nuraghe rettangolare di Fronte e
Mola (fig. 12, 13) si misura una lunghezza di m 16 e una larghezza di m 12. Infi-
ne, cito le proporzioni veramente grandiose e, per quanto mi consta le maggiori
nei pseudonuraghi, del Brunku Mdili, di m 28,30 x 16,50 (tav. LXXXI, 1).
Per lelevato si conoscono altezze residue massime di m 6 (Sneghe-Suni) e
5,30 (Tanca Manna-Tmpio), ma la media, in 12 esempi (fig. 12, 1-12), di
m 3,50, ci che fa pensare a costruzioni piuttosto basse e massiccie, in origine
raggiungenti un massimo di dieci metri o poco pi.
Il corridoio, situato alla mezzeria (fig. 12, 2, 4-5, 9-13) o di lato con mag-
giore o minore vicinanza allestremo (fig. 12, 1, 3, 6-8), si allinea sullasse lon-
gitudinale (fig. 12, 4, 12-13) ma soprattutto segue lasse trasversale della torre
(fig. 12, 3, 5, 11) con percorso per lo pi rettilineo (fig. 12, 2-3, 5-9, 12-13), e
a volte per con svolto angolare (fig. 12, 1, 10-11, tav. LXXXI, 1) o con profilo
tortuoso (fig. 12, 4). Si hanno casi di nuraghi a doppio corridoio (fig. 12, 11).
Da ricordare, per la sua singolarit il pseudonuraghe di Friorosu, in territorio
di Mogorella, costruzione di pianta ellittica con tre corridoi normali a un lato
lungo e che introducono ciascuno a una celletta tondeggiante, con disposizione
che ricorda quella di certi sesi di Pantelleria.
76
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
e nel calcare pietre usate nei pseudonuraghi: tavv. LXXXI-LXXXIV si otten-
nero, in nuraghi a tholos, pezzature perfette), le strutture dei paramenti dei nu-
raghi a corridoio sono daspetto per lo pi rozzo e trascurato. Domina luso del-
lopera poliedrica, con massi adoperati al naturale o appena sbozzati con la
mazza, di formato grande e talvolta grandissimo. Si fa eccezione nei vani di porte
e finestre in cui, di frequente, si osservano stipiti e architravi lavorati con una cer-
ta perizia. Mancano segno di decadenza certi ritrovati tecnici comuni ai nura-
ghi a tholos: ad esempio lo spiraglio di scarico sugli architravi delle porte.
I circa trenta nuraghi a corridoio, limitati, per quanto se ne sa, a zone re-
cesse della Gallura, del Gocano, del Mrghine, della Planrgia, del Montifer-
ru, di Parte Usllus, del Sarcidano etc., occupano per lo pi la sommit di altu-
re, da m 800 (Perca e Pazza) a m 271 di quota (Ginna Uda), con media di m
430 (su 11 esempi).
Talvolta dominanti (Bdas, Tanca Manna, Agnu, Brunku Mdili), ma spes-
so con vista esclusa intenzionalmente (Cnculu, Sneghe) o seminascosti tra
formazioni rocciose (Perca e Pazza), sono situati in luoghi accessibili per pas-
saggi obbligati e aperti a una sola direzione, mentre per il resto dellarea scen-
dono precipiti a causa della presenza di rupi acclivi. Spesso, non lontana, lac-
qua potabile e, talvolta, il bosco concorre a mimetizzare le torri.
Le quali, evidentemente, sono torri di difesa, come quelle dei nuraghi a
tholos.
Ci dimostrato, innanzitutto, dalla descritta situazione topografica dei
monumenti. Lo confermano, in genere, laspetto massiccio e lopera megalitica
degli stessi. In particolare, poi, abbiamo elementi che escludendo altro uso, ad
esempio quello di tomba, indicano la destinazione militare. Infatti, per quanto
siano bassi gli ingressi dei pseudonuraghi, superano di molto, coi m 1,63 di al-
tezza media, i m 0,50/0,70 di elevato dei portelli delle tombe megalitiche e del-
le tombe di giganti. Il doppio ingresso e la scala, poi, sono inconcepibili in
un sepolcro. Porte e corridoi, alti questultimi in media m 1,88, eran fatti per il
transito, ripetuto e frequente, di persone vive e non per farvi passare morti i
quali, come ovvio, non avevan bisogno di scale.
Ma, a parte queste evidenti considerazioni che provano labitabilit e leffetti-
va originaria abitazione del tipo di costruzione in esame, alcuni specifici ritrovati
ne precisano la natura di dimora fortificata, per di pi duno speciale e distinto ti-
po. Lingresso principale, a Sud, del nuraghe Sneghe sollevato dal piano di
campagna di m 1,50 (fig. 2, 7) per renderne difficile laccesso, una volta levata la
scala retrattile di legno. Dicasi lo stesso del Peppe Gallu, rialzato da terra, coi suoi
due ingressi, di m 1,60/2,50. da tener presente il profilo, a risvolto angolare
improvviso, dei corridoi dei nuraghi Santlvera, Perca e Pazza, Bdas, Brunku
Mdili, e quello tortuoso, un po labirintico, del Tsari, cosiffatti allo scopo di dis-
orientare chi vi fosse penetrato senza conoscerli. Il nemico veniva attratto nella
profondit di questi lunghi e lunghissimi corridoi, tenuti volutamente in uno stato
79
I nuraghi
da un andito con apertura esterna sopraelevata (tav. LXXXIV). Per gli altri nu-
raghi a corridoio non possediamo elementi sicuri dellesistenza duna parte
superiore che tuttavia pu pensarsi in pi duno di essi, per analogia con quelli
meno incompleti nei quali si presentano avanzi ben riconoscibili.
A giudicare dagli esempi rimastine, la scala situata di massima sul lato de-
stro del corridoio, da m 7,50 (Tsari: fig. 12, 4) a m 2,40 (Sneghe: fig. 12, 5)
di distanza dallingresso principale. La scala nasce a piano terra, come quella
dei nuraghi a tholos, e sale dritta, ripida in genere, su un pianerottolo rialzato
(m 4,80 a Fronte e Mola, m 2,80 a Tsari: fig. 2, 8), ubicato sul fianco della
costruzione presso al margine esterno in modo da ricevere luce attraverso una
finestra che guarda sulla campagna a Nordest (Tsari: fig. 12, 4) ed Est (Sne-
ghe: fig. 12, 5). Nel Sneghe si hanno due vani di scala, a 5 metri di distanza
luno dallaltro, che si raccordano sul pianerottolo descrivendo una mezza ellissi
entro lo spessore murario (fig. 2, 7).
Le luci delle scale sono larghe, alla base, da m 1,30 (Sneghe) a m 1 (Tsa-
ri), laltezza va da m 1,70 (Tsari) a m 2,30 (Sneghe).
Dal pianerottolo parte il corridoio che serve gli ambienti del piano superiore,
con percorso ora rettilineo angolato (Fronte e Mola), ora curvilineo (Sneghe),
ora a decisa spirale o chiocciola (Tsari), s da ricordare lo sviluppo elicoidale
dei vani di scala dei nuraghi a tholos (fig. 2, 8). Rispetto a questultimo tipo di
scala, il nostro a rampa dritta sul corridoio, rappresenta una soluzione affatto di-
versa e certo pi moderna, che nasce da un nuovo gusto e che si adatta alla linea
differente delle nuove costruzioni dimpianto ellittico-quadrangolare.
Stando ai resti dei nuraghi che lo mostrano ancora, il piano superiore va-
riamente conformato. O pare ripetere lo schema a corridoio del piano terra
(Sneghe), o contiene un grande camerone rettangolare, di m 8 x 4, spostato
sul lato sinistro delledifizio forse per ragioni di illuminazione (Fronte Mola),
oppure si rileva di lato a formare una torretta forse osservatorio scavata a
chiocciola dal corridoio che porta alla piccola cella interna, a sezione ogivale, di
m 2,50 di diametro x 1,60 daltezza (Tsari: fig. 2, 8). Nel nuraghe Albciu
una torretta emerge sul terrazzo a parapetto sospeso su mensole.
Si deve osservare che nei due piani, ma specialmente nel piano inferiore dei
pseudonuraghi, la luce doveva penetrare assai scarsa e debole. Ne filtrava at-
traverso la finestra al livello del pianerottolo della scala e, nel corridoio inferiore
e nelle cellette prospicienti, veniva dallunico o dal duplice ingresso nella quan-
tit limitata consentita dalla piccolezza del vano piuttosto basso e angusto (m
1,63). Nel nuraghe Sneghe (fig. 12, 5) un lungo e strettissimo pertugio aperto
sul lato Ovest della costruzione, illumina la celletta centrale sul fianco sinistro
del dromos. In genere le torri erano tenute in penombra intenzionalmente, per
ragioni che spiegher pi avanti.
Giova rilevare il carattere dellopera muraria. A parte la scelta della pietra che,
come nel granito (tav. LXXXV), di taglio difficile (ma nel basalto, nella trachite
78
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
finale duno speciale elemento costruttivo, cio del corridoio di disimpegno di vani,
in soluzioni particolari di ampliamento di nuraghi della forma a tholos.
Gi nel nuraghe Palmavera (fig. 5, 7) si pu osservare che la parte frontale a
segmento di ellissi aggiunta alla torre antica a camera voltata, mostra uno sche-
ma di corridoio tabulato a coppia di garette analogo a quello dei corridoi del Sili-
ggu (fig. 12, 3) e del Fronte e Mola (fig. 12, 13). In fondo poi il dispositivo
altro non che uno sviluppo degli anditi dingresso delle cortine di prospetto
dei nuraghi plurimi a tholos, quali si vedono, ad esempio, nel Su Nuraxi di
Barmini (fig. 10, 2) e nellOrrbiu di Orrli (fig. 10, 4). Linserto aggiuntivo
del Palmavera , come si detto, di circa lVIII secolo a.C.
Premesse al tipo del pseudonuraghe si colgono nel nuraghe Gurti qua-Nurri
(fig. 13, 1), dove linserto a tre quarti di ellissi addossato posteriormente alla torre
primitiva A, nasconde un corridoio (C) di m 8 di lunghezza x 0,79/0,92 di lar-
ghezza x 1,50/1,90 daltezza, in funzione di raccordo fra A e lopposta torretta B
con cameruccia a ogiva. Lingresso dallesterno dato dallandito D, normale a C,
con un disegno di piano esemplato sullo schema a corridoi incrociati della parte
anteriore del trilobo del Losa (fig. 8, 4), e dei corpi turriti ad addizione frontale
dei nuraghi Krasta e Addu (fig. 6, 5-6). Nel complesso architettonico si ricono-
sce lapplicazione dello schema a tancato dove il cortile di raccordo viene sosti-
tuito col lungo corridoio a solaio piano.
Anche i nuraghi di Serra Crstula A (piccolo castello) Bonrcado (fig. 13, 2)
e del Santu Perdu-Nurri (fig. 13, 3), mostrano laggiunta di corpi costruttivi ellit-
tici e subovali alloriginaria torre a tholos (A). Nelle due costruzioni si osservano
ancora, nel vivo dei membri addossati, soluzioni e tecniche costruttive caratteri-
stiche del nuraghe a tholos: cortili (B), torrette sussidiarie (C, D del Santu Per-
du), il tutto con pareti o soffitti in aggetto. Ma i profondi e stretti corridoi piatta-
bandati che scavano gli enormi fasciami murari (C, D, E, F del Serra Crstula; E,
F del Santu Perdu), per la presenza di garette e di doppi e tripli ingressi (D, E, C,
F del Serra Crstula) e per il gioco incrociato dei passaggi (E, F del Santu Perdu),
anticipano taluni dispositivi riconosciuti nei pseudonuraghi. Ed in definitiva que-
ste masse struttive addossate altro non sono che nuraghi a corridoio embrionali,
il cui carattere di corpo dopera applicato non ha ancora maturato levoluzione
completa verso la forma costruttiva singola, individua, del tutto libera dallantica
funzione complementare della forma del nuraghe a tholos.
Simili osservazioni sono da farsi per il nuraghe Quu (nascosto) di Bonrcado
(fig. 13, 4), costituito dalladdossamento tardivo duna massa irregolare ellissoide,
con corridoi a solaio piatto (C), cortile e torretta sussidiaria a ogiva (D, E) a un
antico nuraghe binato con addizione tangenziale laterale di due torri a tholos
(A, B) producenti, per effetto del rifascio, uno schema a otto.
Non conosciamo elementi di cultura tali da consentire una datazione degli
inserti aggiuntivi dei nuraghi Serra Crstula, Santu Perdu e Quu. Ma, se si tien
conto che in essi si pu scorgere limitazione decaduta di spartiti e soluzioni di
nuraghi plurimi dellVIII-VII secolo a.C., si potrebbe pensare a una cronologia
81
I nuraghi
di semioscurit, e, una volta addentratosi nel tranello di quegli angusti passaggi,
veniva repentinamente assalito dai gruppi darmati annidati nelle garette dellandi-
to. Lincauto assalitore era preso in mezzo, aggredito di fianco e di spalle di garetta
in garetta e veniva abbattuto a colpi di pugnale in una stretta colluttazione. Che
se, poi, ad eliminare il pericolo dellincursione nemica non fosse bastato il nerbo di
uomini di guardia nel corridoio inferiore, accorrevano in soccorso, per le scale, i
soldati di scolta appostati nel piano superiore o nel terrazzo, e annientavano lulti-
ma disperata resistenza con lo sterminio totale.
La concezione di difesa dunque non si fonda pi, come abbiamo visto nei
nuraghi plurimi e polilobati, su uno spiegamento fisso che manovra dalle ca-
mere darme e sugli spalti contro unoffesa statica, prolungata nel tempo e orga-
nizzata in grandi masse durto. Si affida, invece, allagguato insidioso di piccole
unit mobili abituate ai colpi di mano e alla lotta a corpo a corpo col nemico
che attacca, pur esso, di sorpresa in rapide scorrerie. In definitiva, sembra di in-
dividuare nel tipo del pseudonuraghe un dispositivo fortificato che risponde al-
le esigenze della guerriglia, e non pi alle norme e alle formule della guerra
dassedio a grande spiegamento di forze militari, riconoscibili nelle fortezze nu-
ragiche complesse del tipo a tholos.
Ho ripetutamente sostenuto che se vi fu un tempo, nello sviluppo della civilt
nuragica, in cui le condizioni del terreno e lo stato storico delle popolazioni indige-
ne imposero luso della guerriglia, questo fu il periodo di lotte cruente e feroci inter-
venute fra le genti nuragiche dei monti e i Cartaginesi dapprima e i Romani poi, a
noi note attraverso la narrazione soltanto degli ultimi e decisivi episodi militari.
Ribadisco lipotesi che i termini di costruzioni sotterranee (oikseis kat-
gheioi) e di grotte (orgmata), riportati da Diodoro (IV, 30; V, 15, 4) su in-
formazione di Timeo del IV secolo a.C., e quello di spelonche (splaia) usato
da Pausania (X, 17) e da Zonara (VIII, 18) con riferimento alle campagne con-
solari contro i Sardi Ioli e Blari del 231 a.C., trovano lindividuazione monu-
mentale nei nostri pseudonuraghi. Questi sanno veramente di sotterraneo e
di grotta e si adattano, nel loro aspetto generale e per i particolari notati, al-
luso di rifugio e di nascondiglio che ne avrebbero fatto i soldati indigeni brac-
cati dalle truppe romane doccupazione e dai cani di fiuto fatti venire apposita-
mente dalla Capitale.
Tale ipotesi, per cui i nuraghi a corridoio potrebbero esser stati costruiti nel
periodo di tempo che va dal VI secolo a.C. al III, stata recentemente avversata.
Ma la recentissima datazione di materiale organico del nuraghe a corridoio di
Peppe Gallu (tav. LXXXIV), ottenuta col metodo del carbonio radioattivo 14,
ponendo la costruzione fra il VI e IV secolo a.C. (tale la cronologia fisica pro-
posta dal Ton-Giorgi), torna a confermare lipotesi negata.
In effetti il tipo del nuraghe a corridoio, senza escludersi in assoluto unantica
esperienza episodica (nota fuori della Sardegna), sembra rappresentare il risultato
80
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
1) Nuragico arcaico o antico
2) Nuragico apogeico o medio
3) Nuragico della decadenza o recente o finale.
Il Nuragico arcaico compreso nei periodi medio e finale dellet del Bronzo
in Sardegna, cio fra il 1500 a.C. ed il 1000. Lo dividiamo in due sottofasi: del
Nuragico arcaico I, corrispondente al Bronzo medio (1500-1200 a.C.) e del
Nuragico arcaico II, che si svolge durante i tempi del Bronzo recente (1200-
1000 a.C.). Il Nuragico apogeico si pone nella prima met dellet del Ferro, dal
1000 al 500 a.C. in lati termini. Al Nuragico recente o finale si pu assegnare la
durata dal 500 al periodo della conquista romana dellIsola (scorcio del III se-
colo a.C.), in connessione con la seconda et del Ferro dei paesi barbarici me-
diterranei.
Nellinsieme il ciclo nuragico ha durato per circa 1300 anni, con manifesta-
zioni molteplici e, talune, storicamente positive.
1) NURAGICO ARCAICO (1500-1000 a.C.)
a) Nuragico arcaico I (1500-1200 a.C.)
la fase delle torri rotonde elementari, con camera a tholos, tipo Domu
sOrku di Sarrk (fig. 2, 1).
Vi si possono riferire nuraghi non scavati o distrutti, come il nucleo origina-
rio del nuraghe SantAntoco di Bisrcio-Oziri e del Serra Ilixi di Nuragus. La
datazione di questi edifizi elementari si basa sulla scoperta, avvenuta nelle vici-
nanze delle costruzioni, di lingotti di rame, facenti parte di tesori, segnati con
lettere dellalfabeto egeo, dimportazione o cipriota o cretese (tav. LXXXVIII).
Gli esemplari sardi di tali lingotti si ascrivono allo scadere del secolo XV a.C.,
al pi tardi.
b) Nuragico arcaico II (1200-1000 a.C.)
Le torri rotonde a tholos assumono laspetto di quella del Su Nuraxi di
Barmini (fig. 9, 4); od anche degradano alla forma della tholos a piano ellittico
del nuraghe di Enna Pruna-Mgoro.
Vi appartengono il nuraghe di Barmini, quelli mogoresi di Enna Pruna e
Su Guvntu (tav. CIV, 1), la tholos primitiva del Palmavera ed altre tholoi del ti-
po ed anche quelle dal disegno a camera ogivata con tre celle e scala dandito,
come il Losa ed il Lughrras (fig. 8, 4-5).
Gli elementi di datazione sono di duplice ordine. Uno fornito dal risultato
dellanalisi fatta col carbonio radioattivo 14 dun trave di legno della tholos di
Barmini, per cui la torre primitiva viene a collocarsi intorno al 1270 a.C. pi o
meno 200 anni. Altre prove consistono in vasi duna facies nuragica particola-
re, detta di Monte Claro, i quali, per risentire ancora in qualche sagoma ma so-
prattutto nella decorazione dellinfluenza di forme e motivi prenuragici (cultura
del vaso campaniforme, di Fontbousse, in genere del Calcolitico sardo) e per
83
I nuraghi
intorno al VII-VI secolo a.C., precedente cio non di molto o in parte coeva a
quella dei pseudonuraghi.
Segni di compromesso tra formule del nuraghe a tholos e ritrovati del tipo
di nuraghe a corridoio si individuano pure nel nuraghe Marasrighes di Ottana
(fig. 13, 5) e nel nuraghe zzana di ggius (fig. 13, 6), entrambi in zone monta-
ne, isolate, e adatte a far fermentare fenomeni di segregazione e di ibridazione
morfologica e culturale.
Ambedue le costruzioni mostrano il contorno chiaramente esemplato su
quello dei nuraghi plurimi trilobati con profilo concavo-convesso (fig. 8, 4-6).
In esse stato imitato, da rozze e tarde maestranze nuragiche, il modello del
Losa-Lughrras-Santu Antne. Lispirazione si riconosce non soltanto nella linea
esterna tricuspidata, alterata nel Marasrighes con soluzioni rettilinee (angolo
Sudovest), ma anche in particolari dellinterno.
Nel Marasrighes si conserva intatto lo schema del cortile (C) che raccorda
le camere (A, B) contenute nelle torrette frontali, con lingresso dallesterno vi-
gilato da una garetta: unica variante nel gusto diverso della linea dello spazio
aperto C, diventata da curva, qual nei paradigmi del Lughrras-Santu Antne,
dritta e a svolti angolari nella maggior parte del perimetro. Nello zzana, lo
spartito H, G-G dellingresso del fronte di cortina di Sudovest, ripete quello del
Losa, con la differenza che il ramo sinistro di corridoio (G) raggiunge anzich
una camera a tholos come nel Losa, un altro corridoio normale (F); ed il sen-
so circolatorio dei corridoi ed il gusto di scavo della massa con la grande tholos A
e con le minori tholoi B, C, D, E, tradiscono la lontana suggestione dellesempio
classico del Santu Antne. Ma, per altro verso, nel Marasrighes la cuspide
Nord del trilobo mostra la torre percorsa per 5 metri dal corridoio piattabanda-
to D, forse sfociante in un secondo ingresso opposto al principale di Sud, se-
condo un dispositivo da nuraghe a corridoio; e di stile dandito da pseudo-
nuraghe sa anche il dromos del detto ingresso principale, pur esso coperto da
solaio piatto, a sezione dolmenica. Parimenti, nello zzana, le soluzioni a incro-
cio angolare dei corridoi, per la gran parte piattabandati, la disposizione labi-
rintica degli stessi e soprattutto delle celle minori fatte per attirare il nemico
nel viluppo oscuro dei vani, disorientarlo e colpirlo di sorpresa allarma bianca,
il generale aspetto dellinterno, rivelano segni propri dei pseudonuraghi.
Anche la datazione del Marasrighes e dello zzana non sembrerebbe disco-
starsi di troppo da quella dei nuraghi precedenti: VII-VI secolo a.C.
Le pi recenti ricerche e studi consentono di raggruppare i nuraghi in pe-
riodi diversi e successivi di civilt indigena, corrispondenti a molta parte dello
sviluppo dellet del Bronzo e del Ferro del Mediterraneo occidentale.
Distinguiamo, ora, le seguenti fasi di cultura nuragica, a cui si possono far
corrispondere particolari forme e tipi di torri megalitiche o successioni costrut-
tive di esse:
82
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
sistemato sulla terrazza a sbalzo sostenuta dalla corona di mensole del peso me-
dio di 13 q (fig. 14, 1, tav. LXXVI, 1, 3-4).
Gi nel IX secolo nascono le cerchie esterne o antemurali: lo dimostra an-
cora una volta Barmini. NellVIII secolo la lizza si rinnova e si estende nel Su
Nuraxi; e la si applica nel Lughrras, forse nel Domu e sOrku di Domusnvas
e nellOrrbiu di Orrli (fig. 10, 1, 3, 4). Nulla vieta di pensare che antemurali
venissero costruiti ancora nel VI secolo a.C., perch i pericoli urgevano sempre,
anzi si erano fatti maggiori (forse la lizza del Losa di tale periodo di tempo).
Nel VII, e soprattutto nel VI secolo a.C., poterono realizzarsi i fasciami
compositi, applicati alle antiche torri a tholos, in cui le soluzioni tecniche e le
forme di spazi del nuraghe a tholos si confondono con quelle del nuraghe a
corridoio, non ancora pervenuto alla maturazione della costruzione a s stante
(fig. 13, 1-6), se non forse eccezionalmente: come a nuraghe Albciu che sem-
bra essere del VII secolo a.C.
Questo progresso cronologico dal IX circa al VI secolo a.C., dei nuraghi del
Nuragico apogeico ben documentata dalle recenti osservazioni stratigrafiche di
Barmini. documentata dalla stratigrafia costruttiva laterale del nuraghe che
mostra due fasi (Nuragico I inferiore e Nuragico I superiore); e dalla stratigrafia
orizzontale delle abitazioni adiacenti alla fortezza, le quali anche presentano le
stesse due fasi distinte per mezzo del tipo diverso delle strutture e in parte per la
differente tipologia formale e decorativa degli oggetti, soprattutto delle cerami-
che. Queste due fasi, datate la prima (Nuragico I inferiore) al IX-met VIII seco-
lo a.C. e la seconda (Nuragico I superiore) alla met VIII-VI secolo a.C., si carat-
terizzano specialmente per la presenza di alcune forme vascolari confrontabili
con esempi esterni alla Sardegna, di certa o di molto approssimativa cronologia.
Nel Nuragico I inferiore di Barmini si hanno vasi (a beccuccio, a reticella,
con appendici linguiformi sul labbro etc.) comparabili, pi da vicino, con
esemplari del periodo arcaico nuragico (facies di Monte Claro) e, pi alla
lontana, con sagome della civilt subappenninica e protolatina della Penisola
italiana dei primi tempi della civilt del Ferro (IX-VIII secolo a.C.). Dello stra-
to culturale del Nuragico I superiore sono di particolare significato cronologico
gli askoi a collo obliquo (schnabelkanne dei Tedeschi), lisci, del tipo di tav.
CI (da SantAnastsia di Srdara) o decorati con motivi geometrici, del tipo di
tav. C (pure da SantAnastsia), i quali trovano lovvio parallelo nelle culture
protoetrusche preorientalizzanti e nella fase III della cultura sicula di Pantalica:
aspetti non anteriori allVIII secolo a.C. In Sardegna la forma dellaskos ha
durato per tutto il VII fino al VI secolo a.C. Da segnalare anche i vasi pirifor-
mi, nello stesso gusto geometrico, simili a quello dato a tav. XCVIII, sempre da
SantAnastsia di Srdara. Non si sono avute a Barmini le fogge ceramiche del
collared vessel; ma le ha restituite il pozzo del nuraghe Lughrras, da riferirsi
al periodo di tempo del Nuragico I superiore di Su Nuraxi (tav. XCIX).
Ma la vasta dimensione cronologica del Nuragico apogeico segnata pure da og-
getti di varia materia, trovati in tempi diversi in altri nuraghi del periodo in esame.
85
I nuraghi
anticipare tipi vascolari del nuragico apogeico ai suoi primordi (Nuragico I infe-
riore, di Barmini), possono, almeno in parte, ascriversi allo scadere del II mil-
lennio a.C. Tali tipi ceramici, rinvenuti in tombe e in grotte, sono stati raccolti
anche nei nuraghi, allesterno (Enna Pruna e Su Guvntu di Mgoro; Is Paras di
Isili) e dentro la camera in livello ancora intatto (Sa Korona di Villagreca-Caglia-
ri, nuraghe a tholos semplicissimo senza spazi sussidiari).
A tav. XCVII, 1-7 sono riprodotte le pi caratteristiche forme di vasi nura-
gici della facies arcaica di Monte Claro, da tombe di Cagliari: ciotole, vasi a
beccuccio, olle, vasi situliformi, tripodi, piatti. Si tratta di ceramiche dimpasto,
con superfici per lo pi rosse, talvolta polite e lucide, decorate con tecniche e
disegni vari subgeometrici, talvolta di stile dissociato. Risalta lornato a solca-
ture e si distinguono i motivi ottenuti con le tecniche del ritaglio e dello straluci-
do che simula la pittura. Lo stile rigido delle sagome sottolinea let del Bronzo.
Qualche forma vascolare e, specialmente, la decorazione a scanalature ricordano
esempi di civilt enee della Penisola italiana (terramaricola, appenninica e
subappenninica) e dellEstero (Lausitz, ceramica excisa e a cannelure della
Francia, della Spagna etc.).
Ci anche varrebbe a confermare la coordinata cronologica sopraproposta
del 1200-1000 a.C.
2) NURAGICO APOGEICO O MEDIO (1000-500 a.C.)
Nei primissimi tempi (1000-900 a.C.) si continuano a costruire torri isolate
a tholos nella forma perfetta a camera tricellulare con garetta e scala dandito,
sino a giungere al modello insuperato della tholos a deambulatorio circolare del
Santu Antne (fig. 1, 25). Ma gi nel IX secolo a.C., come dimostra il nuraghe
di Barmini, si presentano gli schemi dei nuraghi plurimi e polilobati: al Su
Nuraxi, il disegno a quadrilobo di profilo retto-curvilineo (fig. 9, 4).
NellVIII secolo, poi, sono gi costituiti gli inserti a tancato, tipo Palma-
vera (fig. 5, 7), che proseguono nel VII a Lughrras (fig. 8, 5). Nello stesso se-
colo han preso figura definitiva gli impianti aggiuntivi a trilobo ondulato, tipo
Losa-Lughrras-Santu Antne e si evolvono i modelli a piano quadrilobato ret-
to-curvilineo, a giudicare dalla presenza nel nuraghe Piscu di Suelli, approssi-
mativamente databile (tav. CIII, 4).
A partire dal IX, e soprattutto nel corso dellVIII secolo a.C., con progressi-
va diminuzione, si concludono pure le forme delle addizioni varie dei corpi
sussidiari: le addizioni frontali (fig. 5, 1-9, fig. 6, 1-6); quelle laterali tangenziali
o meno (fig. 7, 1-5); quelle concentriche nei tipi plurilobati gi visti e negli
schemi trilobati a profilo retto-curvilineo (fig. 8, 2-3) e nei quadrilobati a con-
torno sinuoso o concavo-convesso, esemplificato dal Santa Brbara (fig. 9, 1).
Nella seconda met dellVIII secolo, il quadrilobo di Barmini viene protetto
ed ampliato col poderoso rifascio, anche in funzione di difesa contro lariete
kriophoros, viene modificato in una forma di bastione imprendibile sopraele-
vandone 7 metri da terra lunico e basso ingresso, viene munito col piombatoio
84
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
e di semianarchia, causa principale della disfatta finale ad opera dei Romani e
del tramonto sostanziale dellantica civilt.
Gli elementi culturali restituiti negli scavi recenti effettuati nel nuraghe a
corridoio del Peppe Gallu (tav. LXXXIV) rivelano uno stadio povero e decadu-
to di civilt con la rozzezza dei tipi ceramici, ridotti a poche forme di routine
(vasi carenati, tegami, vasi a settori etc.) senza decorazione alcuna; con i rarissimi
oggetti di bronzo; con il durare dellindustria litica espressa in schegge informi.
La tarda et indicata da elementi dimportazione dargento e di pasta vitrea.
Lesame dei carboni prelevati dallo strato basale del nuraghe, viene a confermare
questo recente periodo di storia nuragica, con la datazione dal VI al IV secolo
a.C. Di bassa et, non lontana dal VI, sono pure i materiali archeologici, ancora
inediti, restituiti da scavi recentissimi nei nuraghi Fronte Mola di Thisi e Alb-
ciu di Arzachena, questultimo forse anche del VII secolo a.C., per la presenza,
fra gli oggetti di bronzo (che sono i pi significativi) di un elemento laminato a
ornato orientalizzante, di una rozza figurina di sacerdote offerente con tutulo,
del tipo geometrico ma di patina nerastra simile a quella dei tardi bronzetti di
stile barbaricino-mediterraneizzante (Lilliu, Sculture della Sardegna nuragica,
1956, p. 27), dun caratteristico pugnaletto a elsa gammata (Lilliu, Sculture cit.,
p. 29). I fittili, le ceramiche (fra cui un vaso dipinto punico), la povera industria
litica si assomigliano ai prodotti del nuraghe Peppe Gallu che sembra essere un
po pi recente anche per la maggiore semplicit architettonica.
Non si pu valutare pienamente la portata e la misura culturale della civilt e
della societ di cui i nuraghi sono la massima e pi appariscente manifestazione,
non si pu cio apprezzare il valore storico delle stesse costruzioni nuragiche, se
non si cerca di vederle nelle relazioni e nelle connessioni con monumenti pi o
meno similari del Mediterraneo, ossia di quellarea etnico-geografica da cui la
cultura sarda del Bronzo e del Ferro assunse la ragione fondamentale di vita e in
cui trov, principalmente, i motivi dello sviluppo e del progresso secolare. Per-
ch, in definitiva, fu il mare mediterraneo, che i Sardi antichi al contrario dei
Sardi doggi navigarono, il mezzo per il quale la civilt nuragica pot commer-
ciare spiritualmente e materialmente con intensit maggiore o minore a seconda
dei periodi di storia, pot ricevere i prodotti altrui e ricambiarli con i propri, po-
t insomma porsi come elemento concorrente a definire il quadro civile di
quella grande nostra comunit, in epoca protostorica.
Anche ledifizio del nuraghe in s, con le sue forme i suoi tipi e le sue strut-
ture, testimonia leffettiva presenza mediterranea, sia perch ne contiene compo-
nenti di sustrato (gusto megalitico, tholos, corridoio di stile dolmenico o a trilite
etc.) sia perch, per suo mezzo, si relaziona, per simiglianze e affinit, con mo-
numenti di altre regioni della medesima vasta area culturale.
Questi rapporti di natura architettonica, si individuano principalmente in
due direzioni: da una parte verso il mondo insulare del Mediterraneo occiden-
tale (Corsica, Baleari), dallaltra verso il Centro e lEst dello stesso mare (Puglie,
87
I nuraghi
Forse del X-IX secolo a.C. un rasoio a lama quadrangolare rinvenuto in
un nuraghe della Nurra. Un piede di vaso tripode, restituito da livello antico
del nuraghe Losa, segna la persistenza duna sagoma, propria di alta et del
Bronzo, nellincipiente et del Ferro, con fenomeno di durata analogo a quello
di simili tripodi nella Niederrheinische Hgelgrberkultur della media et di
Halstatt-Hz 2: 900-700 a.C. AllVIII-VII secolo ci riportano nuovamente askoi
del tipo di Barmini ed altri vasi con ornato geometrico (reticolato, bande trat-
teggiate, cerchielli concentrici etc.), venuti in luce nei nuraghi plurimi di Pal-
mavera, Lughrras, Losa, Piscu, Sianeddu e Bartili di Cabras, La Prisciona di
Arzachena. Degli stessi secoli sono due tipici oggetti bronzei: una cuspide di
lancia del nuraghe Losa, del tipo a tav. XCIII, datata 750-650 a.C.; e una fibu-
la a navicella venuta in luce nello spazio dellantemurale di Barmini, ascritta al
VII secolo a.C. Coeve sono grandi daghe da Siniscola (Noro), della foggia
portata dal soldato a tav. XC; coeve pure le armi (spada, pugnale, bipenne) di
tavv. XCIV-XCVI, in cui si armonizzano lefficienza, leleganza di linea e la ma-
gnifica patina del bronzo. AllVIII-VII secolo a.C. si possono riferire braccialet-
ti di bronzo con ornato a spina di pesce e zigzag, provenienti dallinterno del
nuraghe Santu Antne. Tempi dallVIII al VI secolo a.C. sono indicati da sta-
tuine varie in bronzo, rappresentanti soggetti umani e animali, custodite entro
le fortezze nuragiche di Palmavera, Flumenlongu-Nurra, Iselle-Buddus, Piz-
zinnu-Siniscola, Barmini, Santu Perdu-Genoni, Cummossriu-Furti etc.; e
da una figurina fittile, forse di colomba, dal citato Santu Antne.
Mi limito a queste documentazioni caratteristiche. Numero, qualit e varie-
t segnano, evidentemente, un periodo di apogeo dovuto alla fertilit spirituale
e materiale delle popolazioni indigene giunte al massimo grado di maturazione
culturale, ma fanno riconoscere anche contatti con genti prossime e lontane del
Mediterraneo (Fenici, Cartaginesi, Greci, Etruschi, Tartessi etc.). Il fiorire di
codeste vivissime manifestazioni di civilt fu stroncato dai Cartaginesi, alla fine
del VI secolo a.C., per ragioni politiche di dominio, con una vera e propria oc-
cupazione militare dei reami locali del piano e delle colline, cio delle regioni
pi evolute e produttive dellIsola.
3) NURAGICO DELLA DECADENZA O RECENTE O FINALE (500-238 a.C.)
Vi appartengono i nuraghi delle zone non conquistate dagli invasori, dove,
per la natura del suolo di difficile accesso (monti, tratti di altopiani scoscesi e
aridi atti alla difesa etc.) era ancora possibile organizzare la resistenza contro i
tentativi, non mai abbandonati dai Cartaginesi, di impossessarsi totalmente del-
la Sardegna.
Di massima trattasi dei nuraghi a corridoio, i quali rispondono bene, co-
me concetto e formula difensiva, alle condizioni storiche di quei tempi di gran-
de travaglio e instabilit di vivere, di insidie e di paure a cui furono soggetti gli
ultimi costruttori delle torri megalitiche, ormai decaduti dalla notevole orga-
nizzazione politico-militare dellet del maggior fiore a uno stato di isolamento
86
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
spioncino di luce in fondo al corridoio principale di Torre ritorna nella garetta cen-
trale del Sneghe, con la stessa esposizione a Ovest (fig. 12, 5). Per quanto riguarda
la destinazione del monumento di Torre, il Grosjean propende a ritenerlo una
tomba a incinerazione, per vero con argomenti molto discutibili; e la cronologia
che egli ne propone del II millennio a.C., si fonda su oggetti che in Sardegna (co-
me quelli di Peppe Gallu e di Albciu) potrebbero scendere anche al VII-VI secolo
a.C., se non pi gi. Infine, non si pu condividere la sua osservazione sullanalo-
gia architettonica e struttiva fra Torre e le costruzioni di Balestra e Foce, per levi-
denza dellassoluta diversit del tipo di edifizio e dellopera muraria nei monumenti
crsi comparati. Risalta, invece, la grande somiglianza fra Torre e i pseudonuraghi
sardi, tanto da indurre a considerare lipotesi di riconoscere nel manufatto megaliti-
co di Portovecchio proprio il tipo del nuraghe a corridoio: e cio un rifugio e una
difesa per vivi, in condizioni storico-politiche delle popolazioni indigene crse non
diverse da quelle della Sardegna, negli ultimi tempi della civilt nuragica.
Come spiegare queste impressionanti convergenze?
Anzitutto ha avuto peso determinante il fattore biogeografico dellantica co-
munit e unit fisico-antropica del massiccio sardo-crso. Poi sono intervenuti
fattori specifici di ordine storico-culturale.
Fra questi, la componente egeoanatolica, e pi direttamente micenea, ha por-
tato nelle due Isole la forma della tholos, la quale si sviluppata, nei due am-
bienti, per circostanze naturali e umane diverse, nella direzione delluso funera-
rio (Corsica) e delluso difensivo (Sardegna), uso che ha prodotto le morfologie
e le linee architetturali particolari, a corso subalterno in Corsica e a livello al-
tissimo in Sardegna. Non saranno mancati forse anche contatti episodici fra le
due aree, almeno nel II millennio a.C., e questi spiegherebbero certe evoluzioni
consimili nella articolazione della camera a tholos (v. fig. 15, 1-4).
Pi ipotetica la spiegazione della convergenza nel tipo architettonico a cor-
ridoio (pseudonuraghe). Se non si pu escludere, allorigine e limitatamente al-
lo spazio interno, linfluenza dellarchitettura dolmenica o a trilite (componente
occidentale), la maturazione del tipo a forma individua trova fondamento in
cause storiche recenti, comuni alle due Isole. Se si pensa che Sardi e Corsi (della
Sardegna e della Corsica) combatterono affiancati, per tanti secoli, contro i Car-
taginesi e i Romani, vien fatto di trarne le conseguenze che, per le necessit e i
pericoli comuni, fossero venuti nella determinazione di elaborare insieme uno
strumento di arte architettonica militare il quale, contenendo formule costrut-
tive e tecniche comuni alle due regioni, soddisfacesse, di pieno accordo, la nuo-
va tattica della guerriglia. Il nuraghe a corridoio, presente in Corsica e in Sar-
degna, corrispondeva in toto a questo specifico bisogno bellico.
2) Somiglianze fra nuraghi e talaiots balearici
Le somiglianze fra nuraghi e talaiots monumenti megalitici a torre delle isole
Baleari (Maiorca e Minorca) sono state ripetutamente affermate, inclinandosi, in
genere, a credere che, per lo pi, i talaiots siano state brutte copie dei nuraghi.
89
I nuraghi
Pantelleria, Malta, Peloponneso, Creta etc.). A base delle relazioni stanno, in
sostanza, due fondamenti. E cio, per primo influisce il determinismo di su-
strato che nasce dalla comunit etnica antichissima e dallambiente spiccata-
mente insulare (fondamento biogeografico), poi ha peso il movimento di idee e
anche di popoli ripetutamente verificatosi nel Mediterraneo, nei due versi, nel
corso dei secoli (fondamento storico).
1) Somiglianze fra nuraghi e costruzioni a torre della Corsica
Le generiche affinit architettoniche, rilevate da molto tempo, fra tipi di
monumenti megalitici della Sardegna (specie nella sua parte Nord: della Gallu-
ra) e della vicina Corsica, si precisano, ora, a seguito di recentissimi scavi, nelle
somiglianze fra nuraghi a tholos e a corridoio ed edifizi crsi in grandi o
medie pietre a secco con alcune caratteristiche comuni.
La fig. 15 mostra i disegni in piano del nuraghe Murrtu di Silnus (1) e del
monumento rotondo di Foce, nella valle del Taravo (2). Dal confronto diretto si
rileva la comunanza nel contorno circolare, nellandito dellingresso da cui, circa
al mezzo, si dipartono lateralmente due corridoi curvilinei a deambulatorio in
parte concentrico alla camera, nella camera stessa ad articolazione tricellulare. An-
che lorientazione della porta varia di poco: a Sudest nel Murrtu, a Sud a Foce.
Nel Foce il Grosjean suppone la copertura a tholos, presente e ben conservata
nel Murrtu. Andito e corridoi del nuraghe sono a sezione angolare, profilo che si
osserva nel monumento crso (tav. CII, 3). Differenze: nellopera muraria, mega-
litica e curata a Murrtu, mediolitica e rozza a Foce (tav. CII, 3-4); nellesistenza, a
Murrtu, della scala che manca a Foce; della presenza, a Murrtu, del piano rialza-
to inesistente a Foce. Queste divergenze sono connesse con la diversa destinazio-
ne dei due monumenti: torre di difesa il nuraghe, sepoltura ad incinerazione la
tholos di Foce. Il Grosjean data la tomba nella seconda met del II millennio a.C.;
della fine dello stesso millennio o degli inizi del I, il nuraghe.
Le convergenze ritornano nella figura di piano del nuraghe Sa Ca Filigsa-
Boltana (fig. 15, 3) e del monumento circolare di Balestra, sempre nella valle
del Taravo (fig. 15, 4). Gli edifizi hanno in comune: la forma rotonda della
tholos a due cellette, il rifascio murario. Differenze: le stesse notate fra Murrtu
e Foce; idem per la destinazione diversa e per la cronologia.
Da ultimo, si ritenga la somiglianza fra il nuraghe a corridoio di Tsari (fig.
15, 5) e la costruzione di Torre, a poco pi di 5 km a Nord di Portovecchio in
Corsica (fig. 15, 6, tav. CII, 1-2). Il raffronto principale sta nel dispositivo interno
del corridoio e delle celle; accede, qui, inoltre, luso della stessa tecnica muraria a
regolari file di grosse pietre (gusto megalitico), sia allesterno sia dentro i vani tutti
piattabandati a Tsari come a Torre. Pi in generale si pu richiamare anche qual-
che ulteriore analogia fra ledificio di Torre e altri pseudonuraghi. Ad esempio, il
contorno a ferro di cavallo ricorda quello di Lighedu (fig. 12, 9); il riservare parte
del perimetro negli spuntoni di roccia si rivede nei pseudonuraghi di Perca e Paz-
za, Bdas, Tanca Manna (fig. 12, 10-12), di Agnu (tav. LXXXV); il lungo e stretto
88
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
Non dato oggi sapere se il tipo del talaiot a tholos possa risalire, come le
tholoi crse e sarde, al II millennio a.C. Ci impedisce di vedere anche nella tho-
los talaiotica linfluenza sicura della tholos egeoanatolica e micenea in particolare;
e pone, per altro verso, leventualit ipotetica dun insegnamento diretto della
tholos sarda del nuraghe, avvenuta in et pi recente. In questultimo caso, po-
trebbe trattarsi dun prestito parallelo in parte, nel tempo e nei limiti, a quello
per cui nella tholos protoetrusca del VII secolo a.C. si vorrebbe vedere, da talu-
no, limitazione decaduta del modello protosardo. Il paragone si avvalorerebbe
con la presenza del pilastro, a sostegno della copertura, tanto nella forma ad al-
veare delle tombe dellEtruria settentrionale e marittima quanto nella forma a
tholos interrotta per far luogo al solaio piano del talaiot: forme, entrambe, che
significherebbero scarsa capacit costruttiva e traduzione alterata dun modello
architettonico poco sentito perch non proprio. Ma, daltra parte, non si pu
ignorare che il tipo del pilastro plurilitico allargato al sommo, caratteristico delle
camere talaiotiche rotonde o meno, riproducendo un tipo comune nel Mediter-
raneo centrale ed occidentale fin dallet del Bronzo recente seconda met del
II millennio a.C. pu essere anche considerato sotto un profilo diverso, per
cultura e cronologia, da quello del pilastro e della colonna sorreggente la cupola
paleoetrusca. Da qui il problema accennato, che resta tuttora aperto.
Tenter di spiegare la concordanza di torri megalitiche sarde e baleariche,
quale appare anche dal tipo a corridoio.
Come stato detto, in ordine allo stesso argomento, a proposito della somi-
glianza di torri sarde e crse, non v dubbio che la comunanza morfologica abbia
per base originaria lo stile architettonico a trilite del dolmen, monumento che, nel
Mediterraneo occidentale e centrale, evoluziona verso le forme a corridoio,
gi da tempi elevati dellet del Bronzo. Questa alta antichit del tipo della tor-
re a corridoio che noi non possiamo affermare nel concreto di esempi monu-
mentali per la Sardegna e la Corsica, provata invece, nelle Baleari, dal talaiot
di Ses Passes (fig. 17, 2, tavv. CIV, 2, CV, 1-3), la cui stratigrafia costruttiva
consente di risalire alla fine del II millennio o al principio del I. Ma, nelle stesse
Baleari, il tipo della torre a corridoio subisce una trasformazione tale che na-
scono esempi della figura della torre di Santa Monica (fig. 17, 6), dove, a parte
il persistere dello schema arcaico del corridoio di Ses Passes (tema puramente
morfologico), la funzione dello stesso corridoio, qui provvisto di cellette-garette
come certi pseudonuraghi sardi, appare essere stata del tutto diversa da quella
del passillo del talaiot di Art.
Parrebbe, dunque, di riconoscere nellarcipelago balearico due stadi della
torre a corridoio: uno antico, documentato dal talaiot di Ses Passes, con cor-
ridoio semplice; e laltro recente, a corridoio con cellette-garette, esemplificato
dal talaiot ibrido di Santa Monica. Lo stadio antico del Ses Passes non lo co-
nosciamo in Sardegna. Infatti il nuraghe Korngiu Maria, che ricorda il Ses
Passes per la figura rotonda traversata al diametro dal corridoio, si distingue
91
I nuraghi
Finora per le analogie sono state rilevate su un piano piuttosto vago di ri-
spondenze generali nella forma esterna rotonda e nella tecnica delle murature
erette con grandi pietre disposte a filari pi o meno regolari e curati. Inoltre, nu-
raghi e talaiots sono stati associati, almeno in qualche esempio, per la comunanza
dellaspetto interno della camera in essi contenuta, foggiata a tholos. Il confron-
to delle strutture del paramento della torre antica del nuraghe SUrdlli-Gergi
(tav. CIII, 2) con quelle del talaiot di Sa Canova-Art (tav. CIII, 1), ed i parti-
colari dei muri esterni della torre principale del nuraghe Piscu-Suelli (tav. CIII,
4) e del citato talaiot (tav. CIII, 3) che si rispondono pienamente, dimostrano,
certo, unaria di famiglia nelle due categorie di costruzioni insulari. Si devono,
poi, ritenere valide le concordanze quanto alluso della tholos ogivata, non per-
ch si conoscano molti talaiots che ne mostrino un esempio sicuro nel concre-
to, ma perch lesistenza originaria della falsa volta nelle torri antiche baleariche
provata, pi largamente, dal persistere per tradizione della forma nei Pont de
Bestiar (capanne per bestiame) moderni di Minorca (tav. CVI, 1). da rileva-
re, tuttavia, la grande differenza dellimpiego della tholos nel nuraghe e nel ta-
laiot: nel primo normale ed assoluto, nel secondo del tutto eccezionale per
quanto oggi se ne sa.
Un esame comparativo pi attento delle due serie di costruzioni, reso possibi-
le anche da recenti scoperte, consente unindividuazione pi puntuale dei rappor-
ti che ci interessano.
La fig. 16, 1-7 dimostra la evidente concordanza di schemi di piano di nu-
raghi e talaiots: stessa camera semplice, ogivata forse anche nel talaiot, nel nura-
ghe Mannu-Senis (1) e nel talaiot di Es Mestal-Mercadal (2); stessa camera a
cerchio sformato con cellette, nel nuraghe Funtana Spidu-Orrli (3) e nel ta-
laiot di Torre Nova den Lozano-Ciudadela (4); stessa camera a stretta ellissi
longitudinale, nel nuraghe Casteddu Joni-Ussssai (5) e nel talaiot di Torre Vel-
la den Lozano-Ciudadela (6). Non si tratta di pure coincidenze di forme sem-
plici, dovute ad effetto dambiente similare ed al modo di costruire megaliti-
co, perch le somiglianze si ripetono anche in forme meno consuete e pi
elaborate.
quanto spiega la fig. 17, 5-6. Qui, si hanno immagini planimetriche di
nuraghi e talaiots del tipo a corridoio. Riscontri pi stretti fra di loro presen-
tano il nuraghe Korngiu e Maria-Nurri (1) e il talaiot di Ses Passes-Art (2;
tavv. CIV, 2, CV, 1-3), a causa del corridoio tabulato, che traversa diametral-
mente lintera torre rotonda (tav. CV, 1-3); il nuraghe Cnculu-Scanu (3) e il
talaiot di Rafal Roig-Mercadal (4) per lo schema crociato degli anditi a solaio
piano internati nella massa circolare della costruzione; il nuraghe di idu Ar-
bu-Bortigali (5) e il talaiot di Santa Monica-Mercadal (6), dove sembra di rico-
noscersi unibridazione del tipo di edifizio a tholos con quello a corridoio.
Si aggiunga la notata analogia di piano e di posizione della scala dietro un in-
gresso esterno sopraelevato nel nuraghe Peppe Gallu-Uri (tav. LXXXIV, 1-2) e
nel talaiot di Fontredones de Baix-Mercadal (pp. 259-260).
90
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
riappare nelle Puglie, nella grande specchia di Talene-Ceglie Messapica, monu-
mento purtroppo di cronologia sconosciuta, ma certo antico. Questultima non
una coincidenza casuale, dovuta soltanto al determinismo ambientale (roccia cal-
care, modo di costruire a megalito etc.), ma la somiglianza si affonda in un terre-
no di affinit culturale che noi oggi non siamo in grado di valutare nel giusto
senso ma che si intuisce come realmente esistita.
Ne fanno fede i tipi di costruzioni subalterne, rustiche, presenti ancora nelle
Baleari e nelle Puglie, nellarea di questa regione a monumenti megalitici (menhirs,
dolmens, tumuli). Si osservi limpressionante simiglianza di figura e di struttura tra
il citato Pont de Bestiar di Minorca (tav. CVI, 1) ed il trullo di Calimera-Lecce
(tav. CVI, 3); simili anche gli interni a cupola (tav. CVI, 2: Pont de Bestiar di
Ciudadela; tav. CVI, 4: trullo di Castrignano dei Greci-Lecce). I Pont de Bestiar
derivano dai talaiots tipo Ses Passes, i trulli (o casedde) sono limitazione con-
tadinesca delle specchie antiche tipo Talene. Si tratta, nelle due serie di costruzio-
ni moderne, di due esiti, uguali e paralleli, di comune discendenza da una vasta
area culturale a impronta megalitica e di senso mediterraneo estesa dalle Baleari
allestremo lembo del Mezzogiorno dItalia e a paesi anche pi orientali e meridio-
nali. Di questa koin, di cui si hanno pure altre testimonianze costruttive (torri
gradonate a cupola della Tarragona-Spagna, del Languedoc-Francia, di Sibenic-
Dalmazia, dellisola di Lesina o Hvar etc.), la Sardegna e la Corsica costituirono
forse il tratto dunione, partecipandovi attivamente.
Un ultimo istruttivo raffronto vien fatto di istituire, fra nuraghe e talaiot,
per come essi si presentano nel contesto e in funzione del villaggio.
Nella fig. 18, 1-4 sono messi a confronto diretto i piccoli aggregati di capan-
ne, di civilt nuragica montana, di Serbssi-Osni (1) e Scer-Ilbono (3), e i po-
blados talaiotici di Alfurinet-Ciutadela (2) e Els Antigors-Les Salines (4). Il dis-
positivo topografico ed urbanistico analogo: posizione su alture naturali
dominanti, cerchia di mura megalitiche provvista o meno di torri nei punti sa-
lienti e deboli del perimetro, con ingresso o ingressi vigilati da altre torri, le case
di abitazione entro il recinto fortificato e, sullelevazione maggiore del villaggio,
al centro o di lato, il nuraghe o il talaiot.
Certo, a determinare questa eloquente rispondenza topografica-urbanistica
avr contribuito la comune necessit della difesa che cerca luoghi alti e li munisce
racchiudendoli in robuste cinte murarie (vedasi anche il confronto fra il recinto
nuragico di Sa Urcci-Gspini, tavv. LXXXVI-LXXXVII e la muraglia di Ses
Passes, tav. CV, 4; si ricordino pure i castra villaggi fortificati circondati da
mura della civilt indigena iberica). Ma limpianto generale del centro abitato en-
tro la linea curva dellellissi, la rotondit delle torri ed il profilo curveggiante delle
capanne, la disposizione irregolare e libera dei singoli elementi nel tessuto edili-
zio pur esso disordinato e dissimmetrico, sono segni esteriori che traducono uno
stile di linea mediterranea ed uno spirito del pari mediterraneo, in cui sono da
riconoscersi le vere causali della cennata analogia sardo-balearica.
93
I nuraghi
nettamente, accusando et molto meno remota, per il corridoio a garette e for-
se a scala interna diretta al piano superiore, scala che, invece, a Ses Passes sta
allesterno, rivelando una concezione molto primitiva. Rivediamo, per, in Sar-
degna lo stadio recente, con esempi di torri del tutto simili (fig. 12, 3-4).
Orbene, questa somiglianza nel tipo della torre a corridoio di stadio recen-
te, visibile in esemplari sardi e balearici, trova conferma nella identit di notizie,
applicabili e applicate alla particolare forma di edifizio, riferite per le popolazioni
indigene sia della Sardegna sia delle Baleari, dagli scrittori antichi greco-romani.
Al termine di orgmata ricordato da Diodoro (IV, 30 e V, 15, 4: da Timeo-IV
secolo a.C.) per la Sardegna, corrispondono le denominazioni di orgmata e
di upnomoi (vie sotterranee), rifugi fortificati dei Balearici, menzionati dallo
stesso Diodoro (V, 17: pure da Timeo). E lepitomatore Floro (I, 42), accennan-
do alla resistenza degli indigeni di Maiorca al sopraggiungere dei Romani nel
122 a.C., scrive che bisogn andare a scovarli nei nascondigli, ci che fecero i
medesimi Romani con i Sardi montanari nel 231 a.C., andando a snidarli dai
ridotti sotterranei con laiuto di cani poliziotti (Pausania, X, 17; Zonara, VIII,
18). In tutti i casi, le fonti alludono a costruzioni presentanti laspetto di grotta
e sotterranei, connesse con una forma di resistenza militare sparsa e mobile,
caratteristica della guerriglia, comune alle due popolazioni insulari.
Bisognerebbe ritenere lintera documentazione storiografica sullargomento
falsa e fantasiosa per escluderne il riferimento a situazioni militari obbiettive e
ad edifizi in concreto: in particolare alle torri a corridoio con garette, presenti
in Sardegna e nelle Baleari.
In fondo, come fra i Sardi ed i Corsi, il similare tipo di costruzione dei Balearici
venne a nascere da una convergenza di necessit e da un costume militare comune
determinatosi in speciali circostanze storiche fra i popoli barbari del Mediterra-
neo. E ne fu facile e naturale lapplicazione e la divulgazione, in quanto la formula
architettonica, nella sua essenza, aveva origini remotissime ed era entrata nel gusto e
nello spirito tradizionale della civilt e della societ di quelle genti di sustrato medi-
terraneo ed insulare. Al che si pu aggiungere la possibilit di suggerimenti recipro-
ci, facili fra Sardi e Corsi, difficili, ma non impossibili, fra Sardi e Balearici.
A p. 67 ho fatto cenno a nuraghi i quali, intorno al nucleo centrale roton-
do, mostrano un robusto anello murario che, se in taluni esempi sale fino ad
avvolgere la sommit del tronco di cono, in altri si interrompe al disotto for-
mando una terrazza (fig. 15, 3, tav. CIV, 1). Queste fodere murarie di rifascio
si osservano anche in costruzioni della Corsica (fig. 15, 4); e si rivedono, segna-
late solo di recente, pure nei talaiots delle Baleari. Si tratta dunque dun altro
elemento che accomuna torri sarde, corse e baleariche.
Nelle Baleari, la sfoglia anulare serv, in qualche caso, per sistemarvi sopra
una scala o rampa di salita al culmine della torre: lo dimostra con sicurezza il
talaiot di Ses Passes (fig. 17, 2), in unet, come stato detto, molto remota.
N in Sardegna n in Corsica conosciamo finora un simile ritrovato che, per,
92
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
del corpo aggiunto trilobato del nuraghe Santu Antne (tavv. LIII-LIV), rievoca-
no, a molta distanza di tempo, la suggestione, forse minore, delle gallerie orienta-
le e meridionale della rocca di Tirinto. False gallerie con scalette tortuose, come
nel nuraghe Tres Nurxis B di Siddi, camminamenti coperti quali si presentano
nella muraglia che recinge il santuario nuragico di Santa Vittoria di Serri, riecheg-
giano espedienti difensivi di Tirinto e di Micene, le cui cittadelle, erte e domi-
nanti fra la protezione di elevate mura, trovano riscontri tardivi in complessi for-
tificati su alte rupi precipiti della zona montuosa della Sardegna (vedi sopra, i
villaggi di Serbssi e Scer comparati con i poblados talaiotici).
La tradizione cretese-micenea si esprime anche in altre manifestazioni costrut-
tive paleosarde. La forma del megaron presente nel tempio megalitico montano
di Domu de Orga-Esterzli (tav. CVII, 3); impressionante la sua rispondenza
icnografica col megaron I B di Troia (tav. CVII, 4). Nella fase recente del villag-
gio di Barmini, del V-IV secolo a.C., persiste ancora il tipo di abitazione cre-
tese (embrione dellanaktoron), di figura rotonda e con vani disposti radialmen-
te attorno a un cortiletto centrale scoperto (tav. CVII, 1); le premesse sono a
Chamezi Sitia, in Creta, nella prima met del II millennio a.C. (tav. CVII, 2).
Non mancano infine altri elementi della vita spirituale e materiale della civilt
nuragica (armi in bronzo, ceramiche, formule stilistiche nella plastica in bron-
zo, motivi ideologico-religiosi etc.), i quali riflettono la cultura egea, con presti-
ti da varie regioni del suo lungo e fecondo sviluppo (Creta, Cipro, Grecia con-
tinentale etc.).
stato scritto che il rifugio di Ddalo in Sardegna rappresenta lultimo ten-
tativo di salvezza della civilt cretese in Occidente. A parte che le stesse consi-
derazioni si potrebbero fare per le isole baleariche, ove pure si colgono echi di
civilt minoica, la tesi pare portata allestremo. Ma vi in essa un fondo di veri-
t, se la si intende limitata alla percezione non dellintera civilt, ma soltanto di
alcuni elementi rifluiti dalla cultura egea micenica, e che trovano nella terra dei
nuraghi un ritiro periferico, una recessione marginale, un ridotto psicologico
con tutte le conseguenze di decadimento e recenziorit valevoli a produrre sif-
fatti fenomeni di accantonamento culturale. In fondo, la componente orientale
finisce per diventare il residuo semplificato e imbastardito delle primitive acqui-
sizioni del II millennio, fuori dogni prospettiva di tempo culturale in unarea
che ha perduto il senso e la dimensione dei valori originari.
Siamo cos giunti al termine di questo discorso sui nuraghi. Li abbiamo vi-
sti in s stessi, li abbiamo visti nelle loro relazioni insulari e mediterranee, come
documenti di civilt in cui agiscono i fermenti originali e personali dei Sardi ed
in cui pure si riflettono echi e suggerimenti di civilt esterne, su un sustrato lar-
gamente comunitario.
I nuraghi sono stati testimoni dun lungo e vario corso storico delle genti
sarde del mondo antico.
95
I nuraghi
La quale, in definitiva, intravvedibile da noi, ormai lontani, per parziali ele-
menti, era abbastanza chiara agli antichi, vicini se non contemporanei di quelle
genti insulari, tanto che essi potevano scrivere, tramandandocene il sunto, sui non
pochi modi di vita e di costume comuni ai costruttori dei nuraghi e dei talaiots.
3) I nuraghi e la componente cretese-micenea.
Ho gi detto che gli storiografi ellenistici (e specialmente Timeo di Taormina
che ne fu autore ascoltato), nel riferire per soli accenni sulla civilt architettonica dei
Sardi nuragici, riconoscendone le forme fatte allarcaico modo ellenico (Ps. Arist.,
de mir. ausc., 100), ne affermano, per la prima volta, una discendenza iconografica e
uninfluenza culturale egea, o micenea o protogreca ( noto che, oggi, la decifrazio-
ne della scrittura lineare minoica permette di vedere nella cultura achea-micenica
una cultura greca antica). Ho detto che, fra le numerose manifestazioni costruttive,
alle tholoi in specie (e cio ai nuraghi) quegli Autori offrono nomi: i nomi degli eroi
Aristeo e Iolo, ed il nome dellartista Dedalo.
I nomi degli eroi adombrano un aspetto politico e sociale della realt storica
sarda nella prima met del I millennio a.C., che conserva il fondo del reggimento
monarchico-teocratico (sia pure con aspirazioni democratiche) di tipo cretese del
millennio precedente, e denunziano residui di cultura egea in Sardegna. Queste
tracce sono suggerite anche dal ricordo della tomba di Iolo che si trasforma in
tempio, particolare che ricalca quello della tomba-tempio del Vanax Minos a
Cmico in Sicilia (Diod., IV, 79, 3-4). In Dedalo, fuggito da Cmico in Sarde-
gna, e, quivi, fattosi costruttore di edifici detti daidleia forse i dadareio dei
testi egei si riassumono il genio e laspetto architettonico della civilt protosar-
da. In esso anche si ravvisa un ulteriore elemento della leggenda cretese, estesa
dalla Sicilia alla Sardegna secondo un ordine geografico e cronologico che indica
le tappe successive di un movimento di popoli egei sulle rotte marine che condu-
cono allOccidente mediterraneo. In definitiva, dalla tradizione letteraria si desu-
me che nella struttura civile della Sardegna al tempo dei nuraghi esista una
componente cretese-micenea per quanto si voglia decaduta alterata ed attardata.
Questa componente si manifesta altres nella forma essenziale e in particola-
ri tecnici costruttivi del nuraghe.
Il ritmo della bella tholos del nuraghe Su dili o Is Paras di Isili (tav. XXV, 1),
se partecipa dello schema fondamentale delle false cupole mediterranee e del Vi-
cino Oriente con esempi antichissimi (Creta, Cipro, Irak etc.: III millennio a.C.),
ripete, pi da vicino, il respiro ampio delle fastose e splendide tholoi achee pelo-
ponnesiache della seconda met del II millennio a.C. Le aperture di scarico sul-
larchitrave della porta del secondo piano del nuraghe Oes di Torralba (tav.
XXXVIII, 1) e sugli architravi dei nicchioni nella tholos primitiva del Santu Ant-
ne (tav. XLV), ricordano quelle dellarchitrave dellingresso alla cella laterale del
Tesoro di Atreo, e il triangolo di scarico della porta dei Leoni di Micene. Nella
struttura, nella sezione, nel gioco alterno di luci ed ombre, i corridoi perimetrali
94
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
Bibliografia
Sui nuraghi esiste unampia e varia bibliografia, che acquista interesse e im-
portanza maggiore quanto pi si fa vicina a noi. A volerne accennare il carattere,
si rileva che esso cambia col mutare dei secoli in cui si venuta formando e, gra-
datamente, arricchendo. Dalle prime fuggevoli notizie dellArquer e del Fara,
suggerite dallattitudine erudita e culturale del secolo XVI, attraverso le fanta-
sticherie baroccheggianti dei secoli XVII e XVIII e dopo lattenzione dellar-
cheologia romantica del secolo XIX, si passa alla letteratura riflessa e scientifica
doggi per cui la nuragologia diventata una vera e propria disciplina di ricer-
ca e dinsegnamento.
Questo cammino si pu ben rifare sulla traccia di numerosi scritti e pubbli-
cazioni di impegno diverso; e il rifarlo risulta utile non soltanto per illustrare
largomento specifico dei nuraghi, ma anche per delineare un certo profilo pro-
gressivo di pensiero e di cultura pi generale in Sardegna, che si ricostruisce at-
traverso linteresse acuto e diffuso in ogni tempo (e soprattutto in periodo pi
recente) per quello che fu e resta ancora il fatto monumentale pi clamo-
roso della storia isolana. Ritessere e comporre insieme i motivi molteplici, ta-
lora coloriti, di questa letteratura si pu bene; ma non lo si fa presentando que-
sta bibliografia che, a voler esser critica, dovrebbe prendere numerose pagine o
diventare materia di trattazione estesa e precisa, mentre leconomia del libro
non consente di esser turbata da una esposizione specifica che assume il valore
di vero e proprio contenuto a s stante.
Perci qui si presenta un elenco bibliografico della letteratura scientifica o
meno sui nuraghi, completo per i secoli dal XVI al XIX, limitato invece alle
pubblicazioni di maggiore incidenza e di particolare rilievo per il secolo XX.
Questa distinzione la si capisce pensando che la difficolt di trovare i dati bi-
bliografici dal 500 all800 (talvolta consegnati a scritti di contrattissima diffu-
sione e rintracciabili in Biblioteche locali quando non sono desunti da mano-
scritti) diminuisce nei nostri tempi; e che uno il valore della bibliografia dei
secoli anteriori al 900, ormai diventata oggetto di riflessione storico-culturale,
altro il significato della bibliografia contemporanea sui nuraghi che, per esser
viva e per pretendere a un fine critico, va presa e presentata con speciale discer-
nimento e con corretto criterio selettivo.
SECOLO XVI
S. Arquer, Sardiniae brevis historia et descriptio tabula chorographica insulae
ac metropolis illustrata, in S. Mnster, Cosmographia Universalis, ed. 1550
97
Hanno dapprima conosciuto i fatti culturali connessi con i movimenti del
commercio egeo verso lOccidente, fino nella lontana Inghilterra, nei secoli XV-
XIV a.C.; e, poi, sul declinare del II millennio sono stati forse partecipi degli avve-
nimenti legati alla dispersione delle genti achee ed asiatiche, ai quali sembra non
esser stata completamente estranea la Sardegna, se prestiamo fede a fonti antiche.
Nei primi secoli dellet del Ferro (X-IX secolo a.C.), sfuggiti allassalto delle
grandi invasioni indoeuropee, ed in particolare a quella dei Celti, che arianizza-
rono lOccidente, i nuraghi conobbero i rapporti amichevoli con le popolazioni
villanoviane della Penisola italica, con i popoli protoetruschi, e gli approcci in-
sidiosi con i primi nuclei di Fenici. Sono i tempi in cui fu dato alle popolazioni
indigene di antica residenza e ai gruppi etnici di nuova recente provenienza
orientale usi alla guerra di sviluppare, in favorevoli condizioni, le premesse
storico-culturali della fine del II millennio a.C. in questo periodo che, forse, la
civilt nuragica sogn miraggi di conquista esterna e anche, non improbabile,
tent delle infiltrazioni etnico-culturali nellarcipelago balearico ed in Etruria.
Pi tardi, nel corso dellVIII-VI secolo a.C., le torri nuragiche furono oggetto
dun enorme sforzo costruttivo militare, dovuto al sostituirsi alle mire di conqui-
sta delle preoccupazioni di difesa per laumentare dei pericoli interni nella lotta
tribale e per il precisarsi di quelli esterni: prime profonde colonizzazioni semiti-
che; programmi greci non evasi; lusinghe iberico-tartessiche etc. Ma, alla fine del
VI secolo a.C., i nuraghi delle regioni strategiche situati a protezione delle capitali
dei piccoli reami indigeni, vengono investiti dallurto delle truppe cartaginesi e,
cedendo agli assedi prolungati del nemico, dopo alterne vicende, sono presi e di-
strutti coinvolgendo, con la loro caduta, anche quella degli staterelli relativi.
Lultimo capitolo di storia delle torri nuragiche rievoca i fatti della resistenza sui
monti attraverso la nuova forma del nuraghe a corridoio: prima contro il progre-
dire degli attacchi occasionali dei Cartaginesi nel corso del V-IV secolo a.C., e poi
contro i Romani a cominciare dal 238 a.C.
Nel III secolo a.C. avvenne il crollo definitivo delle fortezze nuragiche e
della civilt che le aveva espresse. La grande carica storica del periodo della-
pogeo, le manifestazioni architettonicamente complesse e colossali del bel tem-
po, diventarono, allora, un pallido ricordo, una sensazione di grandezza passata
sempre pi evanescente e dolorosa; forse anche destavano un impulso passegge-
ro di orgogliosa ed inutile rivincita ideale.
Ma gi sulla fine della Repubblica, i Barbari costruttori di nuraghi, o per buo-
na disposizione o per necessit, si rendevano sensibili, per quanto non totalmente, al-
la spiritualit e alla cultura del nuovo e potente conquistatore romano. Lantica vena
culturale, per, seguit a correre per canali nascosti e ancor oggi, di tanto in tanto,
affiora, nei luoghi pi remoti e negli strati pi conservativi e puri, come sottile sensa-
zione di valori che non hanno perduto ogni efficacia storica e rappresentano, se sa-
puti rivivere in nuove e impegnative esperienze, elementi di vita e di progresso civile.
Giovanni Lilliu
96
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
historique sur les temples du Feu mentionns dans la Bible, in Annales de Philo-
sophie chrtienne, n. 79, t. XIV, p. 27 ss.; M. Valery, Voyages en Corse, a lle dElbe
et en Sardaigne, Paris 1837, t. II, pp. 50 s., 89, 115, 142, 305; V. Angius, in Bi-
blioteca Sarda, dic. 1838, fasc. 3, p. 93 s., gennaio 1839, fasc. 4, pp. 139-143,
168-178, maggio 1839, fasc. 8, pp. 335, 341, 377 (ripetuto in articolo Nura-
ghi nel Dizionario geografico storico-statistico, commerciale degli Stati di S.M. il Re
di Sardegna di Goffredo Casalis, Torino 1843, vol. XII, pp. 706-713); Peyron, ci-
tato in A. Lamarmora (v.) a p. 123 s.; A. De La Marmora, Voyage en Sardaigne ou
description statistique, physique et politique de cette le avec des recherches sur ses pro-
ductions naturelles et ses antiquits, s.p. (Antiquits), Paris-Turin 1840, pp. 9 ss.,
36-158, 550-564, Atlas pl. III, I-Ibis, V-XIV, XV, 2; N. Gavino, in La Meteora, I,
n. 1, 1843; E. Gerhard, Ueber die Kunst der Phoenicier, 1846, p. 6, t. II, ristampa
in Gesammelte Akademische Abhandlungen, Berlin 1866, pl. XLI, XLIV-XLV; G.
De Gregory, Isola di Sardegna, traduzione di A.F. Falconetti, Venezia 1847, p. 5
s.; P. Martini, Nuove Pergamene dArborea, vol. I, Cagliari 1849, pp. 59, 64 ss.;
J.W. Tyndale, The Island of Sardinia including pictures of the manners and customs
of the Sardinians and notes on the antiquities and modern objects of interest in the
Island, I, London 1849, pp. 109-139, 147; G. De Ferrari, Sopra i Norachi dellIso-
la di Sardegna, dissertazione letta nella Pontificia Accademia romana di Archeologia li
12 giugno 1852, pp. 191-198; G. Spano, I Nuraghi della Sardegna del Canonico
Giovanni Spano o Memoria sopra i Nuraghi della Sardegna, Cagliari 1854, pp. 8-
49; B. Bellini, Sopra i nuraghi di Sardegna (Carme di B.B.), Cagliari 1855, p. 5; P.
Martini, Compendio della Storia di Sardegna, Cagliari 1855, p. 5 (ed. V, 1878, p.
5 s.); J.F. Neigebaur, Die Insel Sardinien-Geschichtliche Entwiclung der Gegenwr-
tigen zustnde derselben in ihrer Verbindung mit Italien, Leipzig 1855, pp. 11,
292-298; S. Cocco, I Nur-hag in Sardegna. Riflessi del Sacerdote Rettore S.C., Ca-
gliari 1856, pp. 5-9; A. Campus, Osservazioni sulla Sardegna, avanti il dominio
dei Romani, Cagliari 1857, pp. 34, 42; Th. Forester, Rambles in The Islands of Cor-
sica and Sardinia, London 1858, pp. 379-405; A. Messner, Durch Sardinien Bil-
der von Festland und Insel, Leipzig 1859, p. 173; E.L. Tocco, Opinioni sulle anti-
chit della Sardegna, Cagliari 1860, pp. 15, 22 s., 30, 34 ss., 50 ss.; A. De La
Marmora, Itinraire de lle de Sardaigne, Turin, 1860, I, pp. 207, 228 s., 236 s.,
243, 245, 253, 304, 320 s., 355, 369 s., 380, 383, 394, 402, 420, 439, 443 s.,
449, 467 s., 471, 481, 572, II, pp. 49, 74, 123-126, 129, 132, 135-138, 140,
145, 212, 218, 222 s., 248 s., 280 s., 297 s., 300-302, 310, 317, 438; A. Meloni,
Discorso accademico della importanza dellarcheologia, Cagliari 1861, p. 29; P. Tola,
Codex Diplomaticus Sardiniae, Torino 1861, t. I, p. 23 col. 1, p. 25 col. 1; A. Bre-
sciani, Dei costumi dellisola di Sardegna comparati cogli antichissimi popoli orienta-
li, Napoli 1861, pp. 186-210; E. Marongiu Nurra, Considerazioni filologiche in-
torno ai nuraghi lette nellAccademia di Sssari dal Can. D.E.M.M. al suo torno
nellanno 1840, Roma 1861, p. 8 ss.; A. Mazzoldi, Prolegomeni alla Storia dItalia
in continuazione delle Origini italiche, Milano 1862, p. 329; J.F. Neigebaur, Die
99
Bibliografia
(1558), p. 5 della ristampa del 1738, Torino; G.F. Fara, De Rebus Sardois, lib. I,
1580 (ed. Angius, 1838, p. 5) e Chorographia Sardiniae, 1580-1591 (ed. An-
gius, 1838, l. II, p. 112 s.).
SECOLO XVII
D. Serpi, Chronica de los Santos de Sardea, Barcelona 1600, l. I, cap. XLVII, p.
82 s.; M. Carillo, Relacion al Rey don Philipe del nombre, sitio, planta, conquistas,
christianidad, fertilidad, ciudades, lugares y govierno del Reyno de Sardea, Barce-
lona 1612, p. 15; S. Vidal, Annales Sardiniae, Florentiae 1639, pars I, pp. 35,
52; F. De Vico, Historia general de la Isla y Reyno de Sardea, Barcelona 1639,
parte I, cap. XV, 63, parte II, cap. III, 4-6; G. Pinto (o Pintus), Christus Cruci-
fixus, Lugduni 1644, t. II, l. VI, t. I, l. III, p. 16.
SECOLO XVIII
G.P. Nurra, Quae supersunt ad Sardiniae Historiam pertinentia, manoscritto del-
la Biblioteca Universitaria di Cagliari (fondo Baylle), 1708, t. I, pp. 23, 25 e
25v, 111v, 113 e 113v; S. Stefanini, De veteribus Sardiniae laudibus oratio habita
IV non. septembris, 1773, pp. 9-12; F. Cetti, Storia naturale della Sardegna, Ss-
sari 1774, t. I, p. 201 s.; M. Madao, Dissertazioni storiche apologetiche critiche
delle sarde antichit, Cagliari 1792, t. I, pp. 8, 11, 13-19.
SECOLO XIX
A.M. Urgias, Notizie compendiose sulla Sardegna ad uso della giovent, Genova
1815, p. 35; F. Mnter, Religion de Carthaginois, Copenhague 1821, p. 8 e
Sendschreiben ueber einige sardische Idole, Copenhague 1822, p. 10, nota 19; G.A.
Arri, Lapide fenicia di Nora in Sardegna, Torino 1824, p. 7 ss.; G. Manno, Storia
di Sardegna, Torino 1825, t. I, p. 12 ss.; M. Mimaut, Histoire de Sardaigne ou la
Sardaigne ancienne et moderne, Paris 1825, t. II, c. VIII, p. 379 ss.; L.C.F. Petit
Radel, Notice sur les nuraghes de la Sardaigne considrs dans leurs rapports avec les
rsultats des recherches sur les monumens cyclopens ou plasgiques, Paris 1826, p. 21
ss.; C. De Saint-Severin, Souvenirs dun sjour en Sardaigne pendant les annes
1821 et 1822 ou Notice sur cette Ile, Lyon 1827, p. 50 ss.; W.H. Smyth, Sketch of
the present state of the Island of Sardinia, London 1828, pp. 4 ss., 290, 320; G.
Floris, Componimento topografico storico dellIsola di Sardegna (manoscritto della
Biblioteca Universitaria di Cagliari, con data 1829), parte II, t. II, pp. 23, 51-69;
G. Micali, Storia degli antichi popoli italici, 1832, t. II, p. 46 s. (2
a
ed., 1849, II,
p. 43 ss.); Inghirami, Di alcuni toli sepolcrali, edificati dagli Etruschi nellantica
necropoli di Volterra, non veduti finora in Etruria, con alcune osservazioni sullo-
pera di M. Petit Radel, relativa alle Nuraghe di Sardegna, in Annales de lInstitut
de correspondance archologique de Roma, 1832, p. 20 ss.; G.A. Arri, Lettera di
Giannantonio Arri al Chiarissimo Cavaliere Alberto della Marmora intorno ai Nurhag
della Sardegna, Torino, 10 luglio 1835, p. 3 ss.; G.A. Arri, Essai philologique et
98
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
les Bronzes de Sardaigne, in Matriaux pour lhistoire primitive et naturelle de
lhomme, XVIII, 3
e
srie, tome I, 1884, pp. 187-199, 202; R. Tennant, Sardinia
and its resources, Rome-London 1885, pp. 39-49; M. Cossu, Ristretto storico-geo-
grafico, Oristano 1887, p. 8; Perrot-Chipiez, Histoire de lart dans lAntiquit, IV,
Paris 1887, pp. 22-55, figg. 8-28, 32; S. Cocco Solinas, Geografia storica della
Sardegna, Sssari 1888, p. 3; A.M. Centurione, Studii recenti sopra i Nuraghi e
loro importanza, in Civilt Cattolica, serie XIII, 1888, pp. 1-156; Ch. Hewards,
Sardinia and the Sardes, London 1889; A. Camboni, Storia popolare della Sardegna,
Sssari 1890, p. 2; S. Corti, Le provincie dItalia sotto laspetto geografico e storico, Re-
gione Sarda, Prov. di Cagliari, Torino 1891, pp. 18, 38-46, 48-50, 52, 54-70; Le
provincie cit., Prov. di Sssari, Torino 1891, pp. 18, 34-48; P. Cugia, Nuovo Itinera-
rio dellisola di Sardegna, Ravenna 1892, pp. 12, 309-312; G. Vuillier, Le isole di-
menticate, la Sardegna, Cagliari 1930 (trad. di R. Carta Raspi di Les Iles oublis,
Paris, 1893), p. 38 s.; A. Cionini, La Sardegna (Note e impressioni di viaggio), Par-
ma 1896, p. 14 s.; F. Corona, Guida storico-artistica-commerciale dellIsola di Sar-
degna, Bergamo 1896, pp. 45 s., 161, 171, 200, 221, 224 s., 227, 280, 317; O.
Montelius, Ricordi della Sardegna, traduzione di Pasquale Gastaldi-Millelire, Ca-
gliari 1898, pp. 25-36.
SECOLO XX
Gli scritti che qui si trascelgono, fra i numerosissimi sullargomento dei nura-
ghi, si distinguono per il valore scientifico e per il contributo di originalit sia
per quanto concerne la novit dei dati archeologici (di ricerca sul terreno e di
scavo) sia per limpostazione di problemi di fondo o per particolari prospettive
storico-culturali via via maturate e progredite nel quadro dello sviluppo meto-
dologico e critico della scienza delle antichit in questo sessantennio di secolo.
Vista in questi limiti di lite, la letteratura nuragologica di parte del secolo
XX, si riduce a non molti nomi, di estrazione culturale diversa, e a un insieme
considerevole di pubblicazioni dimpegno sempre maggiore e con contributi sem-
pre pi validi e positivi, contenutistici e strumentali. Accanto a questa biblio-
grafia propriamente scientifica e fondamentale, si cita anche qualche opera di
intelligente e buona divulgazione. Si tace, naturalmente, di quella letteratura
nuragologica minore, per lo pi parassitaria e mitologica, che, ancor oggi,
non cessa di far mostra nel sottobosco della cultura regionale sullargomento.
G. Pinza, Monumenti primitivi della Sardegna, in Monumenti Antichi Lincei,
XI, 1901, col. 88-254, 275-280, figg. 58-74, 79-135, tavv. V-VI, IX, X-XVIII; F.
Nissardi, Contributo per lo studio dei nuraghi della Sardegna, in Atti del Con-
gresso Internazionale di Scienze storiche, Roma 1903, vol. V, sezione IV (Archeolo-
gia), Roma 1904, pp. 652-670, figg. 1-5; G. Patroni, Nora, Colonia fenicia in
Sardegna, in Mon. Ant. Lincei, XIV, 1904, col. 149, 154, 252; Origine del nura-
ghe sardo e relazioni della Sardegna con lOriente, in Atene e Roma, 1916, p. 109
101
Bibliografia
Insel Sardinien und der General della Marmora, in Zweiter Jahresbericht des Ve-
reins von Freunden der Erdkunde zu Leipzig 1862, Leipzig 1863, p. 106; A. Bouil-
lier, Lle de Sardaigne, Description-Histoire-Statistique-Moeurs, Paris 1865, p. 53
ss.; G. Spano, Memoria sopra i Nuraghi della Sardegna, 1867, pp. 3-84; V. Crespi,
Memoria sopra gli antichi popoli egiziani in Sardegna, Cagliari 1868, p. 50 s.; P.
Mantegazza, Profili e paesaggi della Sardegna, Milano 1869, p. 77 ss.; S. Musu,
Storia compendiata della Sardegna, Cagliari 1869, p. 22 s.; G. Spano, Paleoetnolo-
gia sarda ossia let preistorica segnata nei monumenti che si trovano in Sardegna,
Cagliari 1871, pp. 5-10, 23, 29; N. Gavino, I Nuraghes di Sardegna, Cagliari
1872, pp. 5-48; F. Chabas, tudes sur lantiquits historiques daprs les sources
gyptiennes, et les monuments reputs prhistoriques, 1872, p. 191 s.; G. Spano, Me-
moria sopra il nome di Sardegna e degli antichi Sardi in relazione coi monumenti
dellEgitto illustrati dallegittologo F. Chabas, Cagliari 1873, p. 35; Emendamenti ed
aggiunte allItinerario dellIsola di Sardegna del Conte Alberto della Marmora, Ca-
gliari 1874, pp. 29, 45, 53, 55, 78, 80, 115 s., 118 s., 121, 132 s., 135-138, 143,
148-151, 160, 176, 196, 206, 211-213; S.A. De Castro, I primi abitatori della Sar-
degna, Sssari 1878, pp. 25, 33-35, 52, 54, 89-103, 134, 142 s.; H. von Maltzan,
Viaggio nellIsola di Sardegna, Lipsia 1869, traduzione di C.G. Bertolini, Cagliari
15 giugno 1875, pp. 17, 21, 23; Il Barone di Maltzan in Sardegna con unappen-
dice sulle iscrizioni fenicie dellIsola, traduzione di G. Prunas Tola, Milano 1886,
cap. XIII, pp. 336-361, schizzi a pp. 339 s., 346, 353, 355-359; J.H. Bennet, La
Corse et la Sardaigne, tude de voyage et de climatologie, Paris 1876, p. 196 s.; A.
Ostini, in Gazzetta di Sardegna, I, n. 168, 1876; Ch. Maclagan, The Hill Forts,
Stone Circles, and others structural Remains of Ancient Scotland, Edinburgh 1875 e
recens. in The Saturday Review, n. 1078, vol. 41, 24 giugno 1876; G. Cara, Con-
siderazioni sopra una fra le opinioni espresse intorno allorigine ed uso dei Nuraghi di
Sardegna, Cagliari 1876, pp. 6-22; A. Cara, Notizie intorno ai Nuraghi di Sarde-
gna, Cagliari 1876, pp. 5-22; G. Regaldi, in Nuova Antologia, anno XI, II serie,
vol. III, dic. 1876, p. 824; A. Cara, Lettera al Can. Giovanni Spano, Cagliari
1877, pp. 1-8; C. Corbetta, Sardegna e Corsica, libri due, Milano 1877, pp.
168-177, 218, 242, 246, 255, 262, 265, 267 s., 271, 276, 278, 284, 381, 398,
408, 427 s., 444 s.; Bibliofilo, Studio critico sulla storia primitiva della Sardegna,
Cagliari 1877, pp. 14-27, 30; M. Saragat, Brevissime notizie di storia sarda, Mila-
no 1877, p. 5 s.; F. Martorell y Pea, Apuntes arquelogicos, Gerona 1879, pp.
165-221 (Nurhages de la Isla de Cerdea y Talaiots de las Baleares); E. Pais, La
Sardegna prima del dominio romano, in Atti della R. Accademia dei Lincei,
CCLXXVIII, vol. VII, 1881, pp. 277-301, tavv. II-III; E. Pais, in Bull. Arch. Sar-
do, n.s., 1884, fasc. I-II, p. 29 s., fasc. III-IV, pp. 17, 20, fasc. V-VI, p. 79, fasc.
IX-X, pp. 136, 145, 156-158, fasc. XI-XII, pp. 162-165, 177, 179; F. Nissardi, ibi-
dem, pp. 10, 35, 37; E. Roissard De Bellet, La Sardaigne a vol doiseau en 1882 son
histoire, ses murs, sa gologie, ses richesses mtallifres et ses production de toute sorte,
Paris 1884, cap. VI, pp. 103-116; A. Baux et L. Gouin, Essai sur les Nuragues et
100
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
pp. 175-201, figg. 1-7; Studi Sardi, 1948, VIII, p. 412 (Arbus), 414 (Collinas),
415 (Gspini), 416 (Lunamatrona), 417 (Mgoro, Pabillonis, Pauli Arbarei, San
Gavino Monreale, Sanluri), 418 (Srdara, Serrenti, Siddi, Uras), 419 (Villamar,
Villanovaforru), 420 (Dorgali, Buddus); Studi Sardi, 1950, IX, p. 396 (Barmi-
ni), 398 (Lunamatrona), 399 ss. (SUraki di San Vero Milis), 432 (Tonra), 433
(ggius), 434 (Bortigiadas), 435 (Buddus), 438 (Calangianus), 440 (Luras),
448 (Sssari), 450 (Sorso), 451 (Tmpio), 462 (Tissi); Preistoria sarda e civilt
nuragica, in Il Ponte, VII, n. 9, settembre-ottobre 1951, Sardegna, pp. 989-993;
Modellini bronzei di Ittirddu e Olmedo (Nuraghi o alti-forni?), in Studi Sardi,
X-XI, 1952, pp. 92 ss. (nuraghi quadrilobati), 98-106, 110-113 (Su Nuraxi di Ba-
rmini); Il nuraghe di Barmini e la stratigrafia nuragica, in Studi Sardi, XII-
XIII, I, 1955, pp. 90-469, figg. 1-16, tavv. I-LXXX; The Nuraghi of Sardinia, in
Antiquity, vol. XXXIII, n. 129, March 1959, pp. 32-38, pl. VII-VIII; Primi scavi
del villaggio talaiotico di Ses Passes (Art, Maiorca) (Missione archeologica italia-
na, aprile-maggio 1959), in Rivista dellIstituto Nazionale dArcheologia e Storia
dellArte, n.s., a. IX, 1960, pp. 62-64, figg. 84-86 (pseudonuraghi) e p. 54 ss. (rap-
porti tra nuraghi e talaiots); La facies nuragica di Monte Claro (sepolcri di
Monte Claro e Sa Duchessa-Cagliari e villaggi di Enna Pruna e Su Guvntu-M-
goro), in Studi Sardi, XVI, 1960, pp. 3-266, figg. 1-48, tavv. I-L (con M.L. Fer-
rarese Ceruti); I nuraghi, in Il Progresso della Sardegna, I.S.E., 1960, pp. 23-32;
P. Mingazzini, Restituzione del nuraghe S. Antne in territorio di Torralba, in
Studi Sardi, VII, 1947, pp. 9-26, tavv. I-III; M. Pallottino, La Sardegna nuragica,
Roma 1950, pp. 35 ss., 50 ss., tavv. I, V-VII; El problema de las relaciones entre
Cerdea e Iberia en la antigedad prerromana, in Ampurias, XIV, Barcelona
1952, p. 144 ss.; E. Contu, La fortezza nuragica di Nuraghe Orrbiu presso Or-
rli (Noro), in Studi Sardi, X-XI, 1952, pp. 121-160, figg. 1-6, tavv. I-IV; Ar-
gomenti di cronologia a proposito delle tombe a poliandro di Ena Muros (Ossi-
Sssari) e Motroxe Bois (Usellus-Cagliari), in Studi Sardi, XIV-XV, I, 1958, pp.
181-196; I pi antichi nuraghi e lesplorazione del Nuraghe Peppe Gallu (Uri-
Sssari), in Rivista di Scienze Preistoriche, vol. XIV, fasc. 1-4, 1959, pp. 59-121,
figg. 1-21; O. Baldacci, Alcune considerazioni geografiche sulla storia della Sarde-
gna, in Studi Storici in onore di Francesco Loddo Canepa, Firenze 1959, vol. II, p.
34 ss. (osservazioni geografiche sui nuraghi); R. Pracchi, Contributo allo studio
dellinsediamento umano in Sardegna, La Sardegna sud-occidentale, parte I, in
Contributi alla geografia della Sardegna, Universit degli Studi di Cagliari, Istituto
di Geografia, serie A, fasc. 4, Cagliari 1960, pp. 35-59 (studio geografico dei nura-
ghi del Sulcis e dellIglesiente).
Esposizioni divulgative di ottimo livello sui nuraghi si hanno in: Ch. Zervos,
La Civilisation de la Sardaigne du dbut de lnolithique a la fin de la priode
nouragique, Paris 1954, pp. 43-100, figg. 15-90 (buon numero di grafici e ma-
gnifiche e ricche illustrazioni fotografiche, eseguite con fine senso darte e insieme
103
Bibliografia
ss.; Il villaggio di Serrucci e la Sardegna nuragica, in Arch. Storico Sardo, 1919;
La Preistoria, in Storia Politica dItalia, Milano 1937, I, p. 355 ss., II, p. 462 ss.
(2
a
ed. 1951, I, p. 360, 366 ss., 474-495); F. Prchac, Notes sur larchitecture des
Nuraghes de Sardaigne, in Mlanges dArchologie et dHistoire publis par lcole
franaise de Rome, 1908, t. XXVIII, pp. 153-168; A. Taramelli, Laltopiano della
Giara di Gsturi e i suoi monumenti preistorici, in Mon. Ant. Lincei, 1907, col. 6
ss. (con Nissardi); Il nuraghe Palmavera presso Alghero, in Mon. Ant. Lincei, vol.
XIX, 1909, col. 225 ss., figg. 1-20, tavv. I-VI; Il nuraghe Lughrras presso Pauli-
ltino, in Mon. Ant. Lincei, vol. XX, 1910, col. 153 ss., figg. 1-28; Notizie di Sca-
vi, 1915, p. 305 ss., figg. 1-2 (nuraghe Santa Brbara di Vilanovatruscheddu); No-
tizie di Scavi, 1916, p. 235 ss., tav. I, figg. 1-9, 12-13 (nuraghe Losa); Fortezze,
recinti, fonti sacre e necropoli preromane nellagro di Bonorva (Prov. di Sssari),
in Mon. Ant. Lincei, vol. XXV, 1919, col. 765-781, 789-800, 826-836; Sarrk,
Scavi nel nuraghe Sa Domu e sOrcu, in Mon. Ant. Lincei, XXXI, 1926, col.
405-446, figg. 1-16; La ricerca archeologica in Sardegna, in Il Convegno archeo-
logico in Sardegna giugno 1926, Reggio Emilia 1926, pp. 14-34, figg. 28-47 (in ge-
nerale); Cosa insegna una Carta archeologica della Sardegna, in Atti del XII Con-
gresso geografico italiano, Cagliari 1935, pp. 63-69; Nuraghi, in Enciclopedia
Italiana, Roma 1935, vol. XXV, pp. 81-83, tavv. XI-XII; Santu Antne in territo-
rio di Torralba (Sssari), in Mon. Ant. Lincei, vol. XXXVIII, 1939, col. 9-70, figg.
1-27, tavv. I-IX. Del Taramelli si devono ricordare anche le edizioni di dieci fogli
della Carta Archeologica della Sardegna, in ordine cronologico: f. 208-Dorgali
(1929), f. 210-Capo S. Marco (1929), f. 194-Oziri (1931), f. 207-Noro (1931),
f. 195-Orosei (1933), ff. 205-206-Capo Mannu e Macomr (1935), ff. 181-182-
Tmpio Pausania e Terranova Pausania (1939), f. 193-Bonorva (1940). E. Pais,
Sulla civilt dei nuraghi e sullo sviluppo sociologico della Sardegna, in Rend. Ac-
cad. Lincei, 18 (1909), pp. 3-48, 87-117, e in Arch. Stor. Sardo, 1910, p. 85 ss.; C.
Dess, Singolari nuraghi in Gallura, Sssari, nov. 1922, pp. 9, 12; F. Giarrizzo, in
Bull. Paletn. It., 43 (1923), pp. 46-57 (rapporti metrici); B.R. Motzo, in Conv.
arch. in Sardegna cit., p. 97 ss. e in Studi Sardi, I, fasc. I, p. 116. (etimologia e fon-
ti classiche in rapporto con i Nuraghi); F. Von Duhn, Nurage, in Reallexicon der
Vorgeschichte, neunter Band, Berlin 1927, pp. 140-145; G. Lilliu, Appunti sulla
cronologia nuragica, in Bull. Paletn. It., n.s., V-VI, 1941-42, pp. 143-177, figg. 1-9,
tav. I; Su Pranu di Siddi e i suoi monumenti preistorici (Siddi-Sardegna), in
Not. di Scavi, s. II, vol. II, 1941, pp. 130-163, figg. 1-28; Villaggio nuragico di
Su Iriu-Gergi (Sardegna), in Not. di Scavi, s. VII, vol. IV, 1943, pp. 166-170,
figg. 1-4; Lasplassas (Cagliari) villaggio preistorico di SUraxi e nuraghi e tom-
be megalitiche del falsopiano di Pauli, ibidem, pp. 170-182, figg. 5-8; Rapporti
fra la civilt nuragica e la civilt fenicio-punica in Sardegna, in Studi Etruschi,
vol. XVIII, 1944, pp. 323-370, figg. 1-4, tavv. XII-XV; Barmini (Cagliari)
Saggi stratigrafici presso i nuraghi di Su Nuraxi e Marfudi; vicus di S. Lusso-
rio e necropoli romana di Su Luargi, in Not. di Scavi, s. VII, vol. VII, 1946,
102
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1948-49, pp. 1-195; E. Sale, Saggio di Catalogo
archeologico sul Foglio 193 (Quadrante I, Tavoletta NO e SO), Universit degli Studi
di Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1949-50, pp. 1-417; G.G. Dvoli,
Saggio di Satalogo archeologico (Foglio 194, Quadrante II), Universit degli Studi di
Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1949-50, pp. 1-289; F. Pilia, Saggio di
Catalogo archeologico (Foglio 218, II NE-SE), Universit degli Studi di Cagliari, Fa-
colt di Lettere e Filosofia, a.a. 1950-51, pp. 1-239; D. Masia, Saggio di Catalogo
archeologico (F. 194 della Carta dItalia, Tavolette IV NO e IV S0), Universit degli
Studi di Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1950-1951, pp. 1-328; O. Fer-
reli, Saggio di Catalogo archeologico, Carta dItalia Foglio 218, Quadrante I, Tavolet-
ta NE-SE, Universit degli Studi di Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a.
1951-52, pp. 1-185; G. Chelo, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 180 della
Carta dItalia, Quadrante III, Tavolette NE-SE, a.a. 1951-52, parte I, pp. 1-262,
parte II, pp. 263-382; A. Piras, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 206 della
Carta dItalia, Quadrante III, Tavolette NE e NO, Universit degli Studi di Caglia-
ri, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1952-53, pp. 1-226; T. Racis, Saggio di Cata-
logo archeologico Foglio 217, III SO, Foglio 225, IV NO, Universit degli Studi di
Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1952-53, pp. 1-146; G. Cherchi, Saggio
di Catalogo archeologico F. 206, I NE e F. 207, IV NW, Universit degli Studi di
Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1952-53, pp. 1-293; P. Pes, Saggio di
Catalogo archeologico sul Foglio 206 della Carta dItalia, Quadrante IV, Tavoletta SE-
SO, Universit degli Studi di Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1953-54,
pp. 1-362; A.P. Piludu, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 206 della Carta
dItalia, Quadrante IV, Tavolette NE e NO, Universit degli Studi di Cagliari, Fa-
colt di Lettere e Filosofia, a.a. 1953-54, pp. 1-258; C. Puxeddu, Saggio di Catalo-
go archeologico sul Foglio 217 della Carta dItalia, Quadrante II, Tavoletta NO-SO,
Universit degli Studi di Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1954-55, Sche-
dario Monumenti, pp. 1-517, Studio dei Monumenti, pp. 1-174, Saggio di Catalogo
archeologico sul Foglio 217 della Carta dItalia, Quadrante II, Tavoletta SE (Valle Riu
SIsca), Schedario Monumenti, pp. 1-61; F. Carta, Saggio di Catalogo archeologico sul
Foglio 219 della Carta dItalia, Quadrante III, Tavoletta NE-SE, Universit degli
Studi di Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1954-55, pp. 1-206; A. Diana,
Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 225 della Carta dItalia, Quadrante II, Ta-
volette NE-SE, Universit degli Studi di Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a.
1955-56, pp. 1-249; V. Tetti, Saggio di Catalogo archeologico Carta dItalia Foglio
193, II SO-SE, Universit degli Studi di Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a.
1956-57, I, pp. 1-81, II, pp. 1-99.
105
Bibliografia
molto utili per lo studio scientifico dei monumenti); V. Mossa, Architettura do-
mestica in Sardegna, Cagliari 1957, pp. 26-45, figg. 1-7, tavv. 1-4 (i nuraghi
son visti specialmente nel quadro dello sviluppo della casa in Sardegna).
Per quanto non si possano considerare vere e proprie pubblicazioni, essendo
inedite, elenco, tuttavia, in ordine cronologico, le dissertazioni di Laurea aventi
per argomento Saggi di Catalogo archeologico, che sono state presentate, discusse
e molto favorevolmente giudicate nelle sessioni della Facolt di Lettere e Filoso-
fia dellUniversit di Cagliari, dallanno accademico 1944-45 fino ad oggi.
Questi scritti, elaborati dai giovani ricercatori sardi nellambito dellIstituto di
Paletnologia prima e poi dellIstituto di Antichit Sarde, contengono una gran-
de quantit di dati monumentali e culturali, per lo pi assolutamente nuovi,
relativi alle civilt preistoriche e storiche antiche che si sono susseguite nellIsola
per secoli. Il maggior numero dei dati costituito appunto dai nuraghi, i quali,
per lo pi, sono stati rilevati, con grafici di pianta e di sezione, e fotografati. Ne
risultato un repertorio documentale di notevole interesse e di concreta impor-
tanza scientifica, il cui valore si pu apprezzare seguendo le pagine di questo
Volume che molto deve, come contributo di base, al lavoro faticoso e veramente
meritorio e positivo degli estensori dei Saggi. I quali sono:
A. Atzori, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 226 della Carta dItalia, Qua-
drante IV, Tavolette NE e NO, R. Universit degli Studi di Cagliari, Facolt di Let-
tere e Filosofia, a.a. 1944-1945, pp. 1-247; M. Figus, Saggio di Catalogo archeolo-
gico (F. 217, II NE, II SE), R. Universit degli Studi di Cagliari, Facolt Lettere e
Filosofia, a.a. 1944-45, pp. 1-208; S. Ghiani, Saggio di Catalogo archeologico (F.
226, IV SO-SE), R. Universit degli Studi di Cagliari, Facolt di Lettere e Filoso-
fia, a.a. 1944-45, pp. 1-188; G.M. Pintus, Saggio di Catalogo archeologico (F. 193
della Carta dItalia, Tavolette II NE e I SE), R. Universit degli Studi di Cagliari,
Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1945-46, pp. 1-345; O. Stochino, Saggio di Ca-
talogo archeologico sul Foglio 219, Quadrante I, Tavolette SE-NE della Carta dItalia,
Universit degli Studi di Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1945-46, pp.
1-167; L. Congiu, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 225 della Carta dIta-
lia, Quadrante IV, Tavolette SE-NE, Universit degli Studi di Cagliari, Facolt di
Lettere e Filosofia, a.a. 1946-47, pp. 1-341; C. Porru, Saggio di Catalogo archeolo-
gico sul Foglio 225 della Carta dItalia, Quadrante I, Tavolette SE-NE, Universit
degli Studi di Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1946-47; E. Contu, Sag-
gio di Catalogo archeologico sul Foglio 218 della Carta dItalia, Quadrante II, Tavo-
lette NO-SO, Universit degli Studi di Cagliari, Facolt di Lettere e Filosofia, a.a.
1947-48, pp. 1-220; M.V. Del Rio, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio
180 della Carta dItalia, Quadrante III NO-SO, Universit degli Studi di Cagliari,
Facolt di Lettere e Filosofia, a.a. 1947-48, pp. 1-157; F. Manconi, Saggio di Ca-
talogo archeologico (Foglio 181, Quadrante IV), Universit degli Studi di Cagliari,
104
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
CATALOGO
109
CARTA A: CARTINA DI DENSIT DEI NURAGHI
zone prive di nuraghi
zone con densit inferiore al 0,1 per km
2
zone con densit da 0,1 a 0,35 per km
2
zone con densit da 0,35 a 0,60 per km
2
zone con densit superiore a 0,60 per km
2
1. GGIUS (Sssari): nuraghe zzana
2. TMPIO (Sssari): nuraghe Bdas
3. CALANGIANUS (Sssari): nuraghe Agnu
4. TMPIO (Sssari): nuraghe Tanca Manna
5. SSSARI (Sssari): nuraghe Piandnna
6. SILO (Sssari): nuraghe Bailu
7. ALGHERO (Sssari): nuraghe Palmavera
8. URI (Sssari): nuraghe Peppe Gallu
9. PLOGHE (Sssari): nuraghe Attentu
10. THISI (Sssari): nuraghe Fronte e Mola
11. TORRALBA (Sssari): nuraghe Oes
12. TORRALBA (Sssari): nuraghe Santu Antne
13. MORES (Sssari): nuraghe Sa Cuguttda
14. ITTIRDDU (Sssari): nuraghe Sa Domo e
sOrku
15. OZIRI (Sssari): nuraghe Santlvera
16. SEMSTENE (Sssari): nuraghe SIscla e Pedra
17. BOLTANA (Noro): nuraghe Perka e Pazza
18. BOLTANA (Noro): nuraghe Tittirila
19. BOLTANA (Noro): nuraghe Sa Ca Filigsa
20. ILLORI-ESPORLATU (Sssari): nuraghe Frida
21. BURGOS (Sssari): nuraghe Su Frile
22. NORO (Noro): nuraghe Noddle
23. NORO (Noro): nuraghe Sa Preda Longa
24. SUNI (Noro): nuraghe Nuraddo
25. POZZOMAGGIORE (Sssari): nuraghe Ala
26. SUNI (Noro): nuraghe Sneghe
27. SUNI (Noro): nuraghe Lighedu
28. SINDA (Noro): nuraghe Santa Brbara
29. MACOMR (Noro): nuraghe Santa Brbara
30. BORTIGALI (Noro): nuraghe Tsari
31. SILNUS (Noro): nuraghe Santa Sarbna
32. SILNUS (Noro): nuraghe Orolo
33. SILNUS (Noro): nuraghe Murrtu
34. ORNI (Noro): nuraghe SAttentu
35. OTTANA (Noro): nuraghe Marasrighes
36. SILNUS (Noro): nuraghe Siliggu
37. BORTIGALI (Noro): nuraghe idu Arbu
38. SGAMA (Noro): nuraghe Mulinddu
39. SGAMA (Noro): nuraghe Funtanedda
40. FLUSSIO (Noro): nuraghe Ginnas
41. SCANU M. (Noro): nuraghe Sa Figu Rnchida
42. SCANU M. (Noro): nuraghe Altriu
43. SCANU M. (Noro): nuraghe Sa Mura e
Mzzala
44. SCANU M. (Noro): nuraghe Cnculu
45. SCANU M. (Noro): nuraghe Mese Ros
46. SCANU M. (Noro): nuraghe Salggioro
47. SCANU M. (Noro): nuraghe Abbaddi
48. SENNAROLO (Noro): nuraghe Sena e Tana
49. TRESNURAGHES (Noro): nuraghe Nani
50. SENNAROLO (Noro): nuraghe Leortnas
51. SENNAROLO (Noro): nuraghe Frommgas
52. SANTULUSSRGIU (Cagliari): nuraghe Krasta
53. CGLIERI (Noro): nuraghe Longu
54. CGLIERI (Noro): nuraghe Monte Lcana
55. SANTULUSSRGIU (Cagliari): nuraghe Muru
de sa Figu
56. BONRCADO (Cagliari): nuraghe Bronku
57. ABBASANTA (Cagliari): nuraghe Losa
58. BONRCADO (Cagliari): nuraghe Nrgius
59. BONRCADO (Cagliari): nuraghe Serra Cr-
stula A
60. BONRCADO (Cagliari): nuraghe Ginna
Uda
61. PAULILTINO (Cagliari): nuraghe Lughrras
62. SNEGHE (Cagliari): nuraghe Ca Perdsa
63. SNEGHE (Cagliari): nuraghe Molinddu
64. BONRCADO (Cagliari): nuraghe Quu
65. TONRA (Noro): nuraghe Su Nurzze
66. SAMUGHO (Cagliari): nuraghe Perda Arrbia
67. RZANA (Noro): nuraghe Orrbiu
68. ILBONO (Noro): complesso nuragico di Scer
69. SENIS (Cagliari): nuraghe Mannu
70. OSNI (Noro): complesso nuragico di Serbssi
71. LOCRI (Noro): nuraghe Pliga
72. BARISRDO (Noro): nuraghe Giba e Scorka
73. BARISRDO (Noro): nuraghe Mindddu
74. GIRO (Noro): nuraghe Genna Masni
75. USSSSAI (Noro): nuraghe Casteddu Joni
76. POMPU (Cagliari): nuraghe Su Sensu
77. SIRIS (Cagliari): nuraghe Pranu Nuracci
78. GSTURI (Cagliari): nuraghe Brunku Mdili
79. GSTURI (Cagliari): nuraghe Addu
80. ISILI (Noro): nuraghe Is Paras
81. NURRI (Noro): nuraghe Santu Perdu
82. NURRI (Noro): nuraghe Korngiu e Maria
83. ESTERZLI (Noro): tempio a megaron di Do-
mu de Orga
84. TURRI (Cagliari): nuraghe Su Sensu
85. BARMINI (Cagliari): nuraghe Su Nuraxi
86. GERGI (Noro): nuraghe SUrdlli
87. ORRLI (Noro): nuraghe Sa Serra
88. NURRI (Noro): nuraghe Gurti qua
89. ORRLI (Noro): nuraghe Funtana Spidu
90. ORRLI (Noro): nuraghe Karcna
91. ORRLI (Noro): nuraghe Orrbiu
92. PERDASDEFGU (Noro): nuraghe Monte
sOrku Turi
93. TERTENA (Noro): nuraghe Marosni
94. TERTENA (Noro): nuraghe Su Konkli
95. GSPINI (Cagliari): recinto nuragico di Sa
Urcci
96. GSPINI (Cagliari): nuraghe Santa Sofa
97. MGORO (Cagliari): nuraghe Mudgu
98. MGORO (Cagliari): nuraghe Su Guvntu
99. GSICO (Cagliari): nuraghe Su Cvunu
100. SUELLI (Cagliari): nuraghe Piscu
101. SSINI (Cagliari): nuraghe Su Nuraxi
102. SAN BASLIO(Cagliari): nuraghe SOmu e sOrku
103. GONI (Cagliari): nuraghe Goni
104. ARMNGIA (Cagliari): nuraghe Scandaru
105. ARMNGIA (Cagliari): nuraghe Armngia
106. SAN VITO (Cagliari): nuraghe Asru
107. DOMUSNVAS (Cagliari): nuraghe SOrku
108. SARRK (Cagliari): nuraghe Domu sOrku
110 111
Catalogo
CARTA B: CARTINA DEI NURAGHI CATALOGATI E STUDIATI
Fig. 1: planimetrie di nuraghi semplici
1. Orrbiu-rzana; 2. SIscla e Pedra-Semstene; 3. Bailu-silo; 4. Mindd-
du-Barisrdo; 5. Genna Masni-Giro; 6. Sa Domo e sOrku-Ittirddu; 7. Nu-
raddo-Suni; 8. Marosni-Tertena; 9. Muru de sa Figu-Santulussrgiu; 10. SAt-
tentu-Orni; 11. Piandnna-Sssari; 12. SOmu e sOrku-San Baslio; 13.
Karcna-Orrli; 14. Gurti qua-Nurri; 15. Sa Preda Longa-Noro; 16. Su Fri-
le-Burgos; 17. Ginnas-Flussio; 18. Madrone-Silnus; 19. Tittirila-Boltana;
20. Abbaddi-Scanu Montiferru; 21. Sa Figu Rnchida-Scanu Montiferru; 22.
Sa Cuguttda-Mores; 23. Murrtu-Silnus; 24. Leortnas-Sennarolo; 25. Santu
Antne-Torralba.
Figura 1, 1: nuraghe ORRBIU-rzana (Noro); cartina B, 67.
Si eleva a quota di 992 metri su dunaltura rocciosa e impervia, in vista dun paesaggio
silvestre di grande suggestione. un nuraghe monotorre, del tipo elementare, di pianta
113
Catalogo
112
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10
11 12 13 14 15
11 12 13 14 15
16 17 18 19 20
circolare (diametro m 10,80), con lingresso a Sudest. Nellandito, di m 3,20 di lunghezza x
1 circa di larghezza, n garetta n scala. Allinterno, la camera centrica e rotonda ha m 4,80
di diametro sul colmaticcio. Il cono si conserva per laltezza massima residua di m 1,70 a
Sudovest. Lopera muraria di granito rossiccio (donde il nome di Orrbiu rosso del
nuraghe), con blocchi appena sbozzati di medie dimensioni: m 0,76 x 0,52 x 0,18 di altez-
za; 0,66 x 0,42 x 0,27; 0,54 x 0,45 x 0,20. Nel terreno adiacente si osservano resti di stovi-
glie dimpasto nerastro e rossastro, di et nuragica.
Bibliografia: O. Ferreli, Saggio di Catalogo archeologico sul foglio 218 della Carta dItalia, I, NE-SE, Uni-
versit di Cagliari, a.a. 1951-1952, p. 9 s., tav. IV, fig. 5.
Figura 1, 2: nuraghe SISCLA E PEDRA-Semstene (Sssari); cartina B, 16.
A quota di 470 m, su un pendio a mezza costa, seminascosto in un vallone, fra terreni
fertili e coltivati. Monotorre di piano circolare di m 11 di diametro, con ingresso a
Sud, in parte interrato. Nellandito, leggermente strombato verso la camera, lungo m
3,20, non si nota segno di garetta; certamente non v la scala. Anche la camera, cen-
trica, di m 4,40 di diametro, non mostra nicchie; presenta invece, a m 2,90 dal risvolto
interno dellandito, sulla destra, unapertura sopraelevata di m 0,80 sullattuale riempi-
mento (pi alta in realt) che mette nella scala a spirale. Questa scala, con luce sulla
camera di m 1,60 daltezza x 0,80 di larghezza, gira nello spessore murario da sinistra
a destra con un percorso seguibile per 3 metri circa; ostruita poi nel tratto che sfo-
ciava sul terrazzo. Landito, col soffitto elevato gradualmente verso la camera, da m 1 a
3,20 (misure prese sullinterrimento), presenta sezione ogivale, come la tholos che al-
ta m 5 sul colmaticcio. Il cono residua allesterno per m 6 daltezza (a Nord), ed co-
stituito da un paramento di blocchi di basalto bruti, con interblocchi riscagliati e con
abbondante uso di terra e zeppe. Il volume medio delle pietre si tiene nella parte basa-
le su mc 0,5 e allo svettamento su 0,2.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XIX, 1849, p. 834 (Scala Pedra); A. Taramelli, Carta ar-
cheologica, p. 193, 1940, p. 66, n. 28; V. Tetti, Saggio di Catalogo archeologico Carta dItalia, Foglio 193,
II, SO-SE, Universit di Cagliari, a.a. 1956-57, p. 41 ss.
Figura 1, 3: nuraghe BAILU-silo (Sssari); cartina B, 6.
posto sopra un dirupo roccioso, a dominio della vallata sottostante. Nuraghe mono-
torre circolare del diametro di m 9 circa allo svettamento, con spessore murario da m 3
(muro dove si svolge la scala) a 1,80 (Ovest); mostra lingresso a Sud, di m 0,75 di lar-
ghezza x 0,65 daltezza visibile. Dietro lingresso il corridoio, di m 0,75/1,05 di larghez-
za, lungo m 2,20, alto sul colmaticcio m 1,45, riceve sulla destra lapertura della garetta,
rettangolare, di m 1,10 x 1,40 di altezza, con pareti laterali aggettanti. La camera eccen-
trica, ellittica (m 4,40 x 3,60), con la volta crollata, non mostra spazi sussidiari; presenta
invece, sulla parete destra verso il fondo, ad altezza dal pavimento, lapertura della scala
(largh. m 0,90) che gira da sinistra a destra nello spessore murario maggiore. Il cono si
conserva per laltezza residua massima di m 4 su 13 filari a Nordovest, a Sudsudovest
quasi completamente interrato. Il paramento esterno costituito di blocchi di trachite
monolitica di forma poligonale, con dimensioni di m 1,61 x 0,50 x 0,51; 0,55 x 0,81 x
0,24; 0,86 x 0,91 x 0,45. Da Sudsudovest a Sudsudest si sviluppa ad arco un muro re-
cintorio di rinforzo del cono, nella parte di pi difficile accesso e dirupata, residuato in
lingresso a Sud, con architrave di m 2 x 0,90 x 0,30. Landito retrostante, di m 3,50 di
lunghezza x 1,20 di larghezza x 2 daltezza, a sezione trapezia, privo di spazi sussidiari, in-
troduce nella camera. Questultima, eccentrica, rotonda del diametro di m 3, mostra una
nicchia sul fondo, di piano semiellittico, di m 1 di larghezza x 1 di profondit x 2 daltez-
za. Il cono si conserva per laltezza esterna massima di m 4 ad Ovest; la camera ripiena
di crollo per la gran parte. Opera poliedrica di basalto con zeppe negli interstizi, a pietre
non lavorate. A 20 m circa a Nordovest del nuraghe, si osservano i resti dunabitazione
di pianta rettangolare, di m 11,80 x 8,40 compreso lo spessore del muro di m 1,50,
con luscio a Sudovest, forse di et romana. Dentro landito del nuraghe e allesterno,
resti di stoviglie nuragiche dimpasto rozzo e anche daspetto buccheroide.
Bibliografia: A. Taramelli-P. Mingazzini, Carta archeologica (Bonorva), foglio 193, 1940, I SE, p. 9, n.
9; P. Pintus, Saggio di Catalogo archeologico, Foglio 193 della Carta dItalia, II, NE e I SE, Universit di
Cagliari, a.a. 1945-46, p. 63 ss., tav. n. 32; G. Lilliu, St.S. (Studi Sardi) XVI, 1960, p. 58, nota 44.
Figura 1, 7: nuraghe NURADDO-Suni (Noro).
Planimetria della torre centrale. Si veda la scheda descrittiva della figura 8, 3.
Figura 1, 8: nuraghe MAROSNI-Tertena (Noro); cartina B, 93.
Nella regione di Srrala, su dun mammellone granitico che si affaccia, dominandola,
sulla pianura, a quota di m 124. Il nuraghe di forma complessa, costituita da una
torre antica (A) data qui nella planimetria con addizione laterale tangenziale, a
Sudovest, duna torre aggiunta (B); a Nord del gruppo di due torri, resti dun contraf-
forte a due rami che si incontrano ad angolo ottuso (C). La torre primitiva (fig. 1, 8)
di figura circolare, del diametro di m 8,50 con spessore murario di m 2,55; lingres-
so lo ha ad Est, di m 1,16/0,56 di larghezza, sormontato da pietra di architrave di m
0,70 x 0,28 x 0,47. Landito retrostante, lungo m 2,48, non presenta, almeno in ap-
parenza, n garetta n scala; introduce alla camera, di forma leggermente ovoidale,
centrica, di diametro di m 4,00 x 3,25. Sulla parete sinistra per chi entra nella camera,
unapertura di m 0,65 di larghezza mette a due nicchie contrapposte, sviluppate nel-
larco Sud del muro della torre; di forma semiellittica, molto profonde, la nicchia a si-
nistra larga m 0,72, profonda 2,95 e alta 1,22, e quella a destra di m 0,70, 3,50 e
1,20. Si possono ritenere destinate a giaciglio. Il cono si conserva per laltezza massi-
ma di m 4,70 su 12 filari. La camera, a sezione ogivale, mostra elevazione massima di
parete sul colmaticcio di m 1,60 (a Sudest). Il taglio dellingresso trapezoidale; ad
aggetto quello delle nicchie entro la camera. Lopera muraria di tipo poliedrico-subqua-
drato di granito grigio e rossiccio, a disposizione di file relativamente regolare, con bloc-
chi di grandi dimensioni alla base, poi diminuenti verso lalto: m 1,17 x 0,69 x 0,30;
1,06 x 0,59 x 0,51; 0,83 x 0,75 x 0,24. La torre B non disegnata nella figura cir-
colare del diametro di m 7,20 molto distrutta. Si rileva a tratti lo spessore murario
di m 1; lingresso forse a Sudsudest. Il contrafforte C pure non disegnato sta a m
4 di distanza dal nuraghe; lungo m 7,40, spesso 1,20 e alto 3,80 su 8 file. La tecnica
muraria delle parti aggiunte non differisce da quella del nucleo originario. Alla super-
ficie del terreno, resti di ceramica nuragica.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XX, 1850, p. 855; F. Carta, Saggio cit., 1954-55, p. 117 ss.,
tav. X, fot. 38; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 60, nota 57.
2-3 filari di blocchi poligonali. Nelle vicinanze del nuraghe, sul terreno, si osservano
frammenti di ceramica e una meta di macina in basalto, di et romana.
Bibliografia: A. Lamarmora, Voyage, II, 1840, p. 115 (dallelenco Angius del 1835, col nome di Pagilu);
Chelo, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 180 della Carta dItalia, III, NE-SE, Universit di Ca-
gliari, a.a. 1951-52, parte I, p. 231 ss., tav. XXIII, fig. 71; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 151.
Figura 1, 4: nuraghe MINDDDU-Barisrdo (Noro); cartina B, 73.
A m 38 di quota, su dun mammellone distante 300 m dal mare di Barisrdo. Mono-
torre, circolare del diametro di m 9, con ingresso a Sud, del tutto ostruito, sormonta-
to da pietra darchitrave di m 1,95 x 0,43. Nellandito retrostante, rettangolare, largo
m 0,95 lungo 3 e alto 2,10, sulla sinistra si presenta lapertura della scala larga m 0,80
e alta (sul colmaticcio) 0,85, percorribile per circa 5 metri. La camera, leggermente
eccentrica, circolare del diametro di m 3,90 al riempimento, non ha spazi sussidiari
allintorno. Opera poliedrica rozza di granito, a stratificazione irregolare, con uso di
zeppe e malta di fango; misure di blocchi: m 0,95 x 0,47 x 0,50; 0,72 x 0,53 x 0,42;
0,69 x 0,75 x 0,57. A Nordovest e a Sudest della torre, a m 8 di distanza, si conserva-
no i resti dun recinto o contrafforte concentrico al nucleo centrale, luno di m 4,70
di lunghezza, alto 3,40 su 7 file e laltro resto di m 6,30 x 3,10 su 6 file; lo spessore
di m 1,15. I blocchi misurano m 0,80 x 0,35 x 0,45; 0,63 x 0,50 x 0,40; 0,55 x 0,46
x 0,35. Residui di stoviglie di et nuragica nel terreno adiacente alla costruzione.
Bibliografia: E.E.M. (Elenco Edifici Monumentali) (prov. di Cagliari), p. 84; F. Carta, Saggio di Catalogo
archeologico sul Foglio 219 della Carta dItalia, II, NE-SE, Universit di Cagliari, a.a. 1954-1955, p. 67
ss., tav. VII, fot. 27.
Figura 1, 5: nuraghe GENNA MASNI-Giro (Noro); cartina B, 74.
Su un ciglione roccioso a quota di m 121, a dominio delle pianure di Pelu e di Cam-
pu Mannu. Monotorre, circolare del diametro di circa 10 metri, con ingresso a Sud-
est, rastremato (m 0,98/0,18 di larghezza), alto m 1,55, coperto da architrave di m
1,15 x 0,87 x 0,79. Nel corridoio di accesso, rettangolare, lungo m 3,20 e largo
1,40/0,80, mettono dalle due parti, fronteggiandosi, la garetta a destra di piano semi-
circolare (larghezza in base 0,95, in alto 0,32 x 1,55 di profondit) e la scala a sinistra,
non rilevabile a causa della rovina. Della camera si delinea il giro al piano di svetta-
mento, di m 3,50 di diametro, per il resto riempita dal deposito di crollo per cui
non dato di rilevarne gli spazi interni che tuttavia, per trovar lanalogo in altri nura-
ghi, si possono immaginare nella articolazione delle tre nicchie in croce. La sezione
del corridoio ad angolo acuto, trapezoidale quella delle luci della garetta e della scala
dandito; ogivale il taglio della camera. Il cono si conserva per laltezza massima di m
3,75 su 11 filari, a Ovest. Opera di granito poliedrica, con pietre di medie dimensio-
ni: m 0,75 x 0,54 x 0,43; 0,68 x 0,72 x 0,37; 0,72 x 0,45 x 0,39. Nel terreno circo-
stante al nuraghe, resti di stoviglie comuni di impasto, di et nuragica.
Bibliografia: E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 111; F. Carta, Saggio cit., 1954-55, p. 41 ss., tav. III, fot. 22.
Figura 1, 6: nuraghe SA DOMO E SORKU-Ittirddu (Sssari); cartina B, 14.
A m 296 di quota, su un altopiano basaltico coperto di lecci e di macchia mediterra-
nea. Monotorre, circolare con circonferenza esterna di m 31,40 (diametro m 9,40), ha
114 115
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Nuraghe monotorre, circolare del diametro di m 11,50, con ingresso a Sudest, di m
0,92 x 1,30 daltezza, sormontato da pietra di architrave (m 1,90 x 0,81 x 0,65) alleg-
gerita da finestrino di scarico di m 0,30 x 0,50. Nellandito retrostante, leggermente
strombato verso linterno, lungo m 4 e largo 0,80/1,20, si aprono a destra la garetta di
piano semiellittico (m 1,13 x 1,60 x 3 daltezza) e a sinistra la scala a spirale, di m 0,97
di larghezza in base e 0,30 di altezza visibile, in parte franata ma seguibile fino al ter-
razzo. Alla camera eccentrica, rotonda del diametro di m 3,95, d una nicchia in fondo
a destra per chi entra, di m 1,60 di larghezza x 1 di profondit x 2,90 di altezza, a se-
zione ogivale. Particolare notevole della camera il suo conformarsi a piccolo atrio con
due nicchiette per parte allo sfocio interno dellandito (largh. m 2,40). La torre alta
allesterno, al punto massimo residuo, m 6,50, con 12 file di pietre a Nord. La camera
si eleva fino a 6 metri dove si chiude la serraglia della pseudovolta (v. fig. 3, 3). Lopera
muraria del tipo subquadrato con pietre di calcare di forme regolari alla base e nella par-
te mediana del paramento, mentre nei filari superiori si presentano massi di pi grossola-
na lavorazione, quasi poliedrici, di grandi e medie dimensioni: m 0,76 x 0,68 x 0,60;
0,85 x 0,50 x 0,46; 0,82 x 0,58 x 0,61. A Sud del nuraghe, si apre la bocca a fior di
suolo di una caverna naturale con parziali adattamenti fatti dalluomo. Nel terreno
adiacente ammassi di pietra, resti di stoviglie di varia et ed embrici di periodo roma-
no, segno che al centro nuragico ne segu un altro in et storica.
Bibliografia: M.V. Del Rio, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 180 della Carta dItalia, III, NO-SO,
Universit di Cagliari, a.a. 1947-48, p. 73 ss., tav. VII, 29; G. Lilliu, St.S., IX, 1950, p. 449, 12; St.S.,
XVI, 1960, p. 57, nota 41.
Figura 1, 12: nuraghe SOMU E SORKU-San Baslio (Cagliari); cartina B, 102.
A 1 km a Sud del moderno abitato di San Baslio, su dun colle fra i rius Croccolnti
e Perdu Molas. Monotorre circolare del diametro di m 11 allo svettamento, con in-
gresso a Sud, ostruito. Dentro la camera, leggermente eccentrica, del diametro di m 5
circa si aprono, ai due lati, luno rimpetto allaltro, due nicchioni in gran parte ripieni
di macerie, larghi alla luce apparente m 1,20 e profondi 1,40/1,60. Allesterno la torre
si conserva per laltezza massima di m 4,70 su 11 file a Nordovest. Lopera muraria di
tipo subquadrato, con blocchi disposti a filari orizzontali regolari, con zeppe di rincal-
zo; misure di blocchi: m 0,58 x 0,80 x 0,25; 0,70 x 0,75 x 0,20; 0,75 x 0,70 x 0,35.
Resti di stoviglie dimpasto nuragico nel terreno circostante.
Bibliografia: S. Ghiani, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 226, IV, SO-SE, Universit di Cagliari,
a.a. 1944-45, p. 116 ss., tav. V, 79; E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 158.
Figura 1, 13: nuraghe KARCNA-Orrli (Noro); cartina B, 90.
A quota di m 573, sul limite dellaltopiano di Pranemuru. del tipo binato a torri
congiunte da un breve muro normale ad addizione laterale ad Est della torre principa-
le. Qui si d il disegno del solo mastio. La torre Ovest (maggiore e pi antica) ha dia-
metro basale di m 11, con ingresso a Sudest sormontato da architrave con spiraglio di
scarico. La cella circolare, eccentrica, contornata da muro spesso da m 2,70 a 1,80.
Il cono residua allesterno per laltezza massima di m 9,50 (a Sudest). La torre Est
(minore e aggiunta), del diametro basale di m 9,70 rastremato allo svettamento a m
8,70. Dentro la camera ellittica di m 5,15 x 3,48, due nicchie: una a Nordovest di
Figura 1, 9: nuraghe MURU DE SA FIGU-Santulussrgiu (Cagliari); cartina B, 55.
A m350 di quota su un pendio declinante a Est, sopra il solco del riu Ria Dos. Mo-
notorre, di pianta circolare del diametro di m 12,40 (allo svettamento), con spessore
murario di m 4,20/2,60. Lingresso, a Sudest, sormontato da architrave di m 1,90 x
0,90 x 1, con feritoia triangolare di scarico. Landito retrostante, strombato leggermen-
te verso linterno, di m 0,95/1,20 di larghezza e lungo m 4, mostra, sulla destra, la nic-
chia di guardia, semiellittica, molto profonda, di m 1 di larghezza x 2 di profondit x
1,60 di altezza. Nella camera rotonda, del diametro di m 5,15, eccentrica rispetto al
profilo esterno del cono, si apre, sulla destra di chi entra, una nicchia, di piano semiel-
littico, di m 1 di larghezza x 1,80 di profondit; nessun altro vano e nessuna traccia di
scala, sicch il nuraghe deve considerarsi costituito del solo piano terreno con terrazzo
terminale. Il cono, alto ora 6 metri su 9 filari, ha il paramento costituito di pietre di
basalto di forme poliedriche, rozzamente sbozzate, di varie dimensioni: m 0,95 x 0,55
x 0,30; 1,05 x 0,60 x 0,40; 1 x 0,45 x 0,35; interblocco di 0,10/0,30. La camera, di ta-
glio ogivale come landito, si conserva per laltezza media di 3 metri, sui 7 filari elevati
sul piano di crollo; nei piani di posa delle pietre resti di malta di fango.
Bibliografia: A. Lamarmora, Voyage, II, 1840, p. 106, pl. VIII; E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 89; A. Ta-
ramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 146 s., n. 10; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p.
138; A. Piras, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 206 della Carta dItalia, III, NE e NO, Universi-
t di Cagliari, a.a. 1952-53, p. 73, tav. VII, 49; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 57, nota 41.
Figura 1, 10: nuraghe SATTENTU-Orni (Noro); cartina B, 34.
A ridosso duna rupe di trachite, a quota di m 313, sul margine duno spiazzo roccioso,
a 1 km a Est del Tirso. Con unica torre del diametro esterno basale di m 10,50, con
ingresso a Sud, sormontato da architrave con spiraglio di scarico (m 2 x 0,50 x 1).
Landito, di piano rettangolare di m 1,10/1,61 di larghezza x 4,40 di lunghezza, pre-
senta sulla sinistra la scala molto ripida, con apertura di m 0,93/0,39 di larghezza e
sviluppo visibile di m 7,70; manca la garetta. La camera, in situazione eccentrica, di
m 4,10 di diametro, si articola in una celletta a sinistra, di piano trapezoidale (lar-
ghezza m 1,40/2,20, profondit 1,68). Sezione di camera ogivale con altezza di m 7;
angolari i tagli dei soffitti della celletta, dellandito e della scala, tranne che allapertura
di questultima, che di profilo trapezio. Landito va elevandosi dallesterno allinter-
no, da m 2,20 a 4. Il cono, alto allesterno m 9,97 al massimo residuo su 16 file, si pre-
senta con corsi abbastanza regolari, con blocchi di trachite di taglio subquadrato, di
medie dimensioni: m 0,75 x 0,70 x 0,70; 1 x 0,60 x 0,55; 1 x 0,50 x 0,53. Nei pressi
del nuraghe, a Nord, Est e Ovest, resti di capanne con pietre grandi e medie. A pochi
metri a Nord, si vede un avanzo di muro megalitico di m 7 di lunghezza con 3 file di
pietre, alto m 1,94. A Sud sta la ripa naturale integrata a tratti con opera muraria di gran-
di massi. Si tratta di elementi sussidiari di difesa del nuraghe.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XIII, p. 205; G. Cherchi, Saggio di Catalogo archeologico sul
Foglio 206, I, NE, 207, IV, NO, Universit di Cagliari, a.a. 1952-53, p. 232 ss., tav. VI, 43, fot. 66.
Figura 1, 11: nuraghe PIANDNNA-Sssari (Sssari): cartina B, 5.
In localit Giunchddu, a quota di m 140, su dun poggio inaccessibile a Nord e a
Ovest, domina la confluenza di due vallette. Terreni abbastanza fertili al suo piede.
116 117
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Figura 1, 17: nuraghe GINNAS-Flussio (Noro); cartina B, 40.
A quota di m 370, su terreno in leggero pendio dal vasto dominio; pascoli e coltivi in-
torno e una sorgente dacqua vicina. Nuraghe monotorre, circolare del diametro di m
12,20, con ingresso a Sudsudest, sormontato da pietra darchitrave di buona lavorazione
(m 1,60 x 0,60 x 0,70). Nellandito, un po strombato verso linterno, lungo m 4 e largo
1,20/1,30, sfociano a sinistra la garetta, di pianta semiellittica di m 1 x 1,20, e a destra il
vano della scala di m 0,40 di larghezza con una decina di gradini di cm 20 di alzo, usu-
rati, nel tratto inferiore. La camera quasi centrica, rotonda, del diametro di m 4,20, si
articola in due nicchie aperte sul fondo della parete, equidistanti dagli spigoli dellandi-
to, a pianta semiellittica, in gran parte ricolme di macerie tranne che in alto. Il cono si
conserva per laltezza massima residua di m 4 su 12 file a Est; la camera si eleva sul col-
maticcio di 2 metri, per laltezza di 4 metri. Le sezioni dei vani sono ogivali. Il paramen-
to esterno di tipo poliedrico fatto di pietre di basalto di buona lavorazione, ben con-
nesse senza scaglie; piccole zeppe, invece, si presentano nei piani posa e nei giunti dei
filari della camera. Davanti allingresso del nuraghe, si osservano resti dun edificio a
grosse pietre senza cemento, di m 10/12 di superficie interna x 1 m di spessore murario,
con ingresso architravato situato di fronte a quello della torre nuragica distante appena 2
metri. Ad Ovest del nuraghe cumuli di rovine corrispondono a capanne nuragiche e a
costruzioni romane. In superficie, resti di stoviglie di et del nuraghe e posteriore.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, VI, 1840, p. 700; A. Lamarmora, Voyage, II, 1840, p. 108;
E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 109; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 220, n. 22;
Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951; P. Pes, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 206 della Carta dI-
talia, IV, SE-SO, Universit di Cagliari, a.a. 1953-54, p. 117 ss., tav. n. 21.
Figura 1, 18: nuraghe MADRONE od OROLO-Silnus (Noro); tav. XI; cartina B, 32.
La figura rappresenta soltanto la torre antica; ma qui si descrive il nuraghe nel suo insie-
me. Il nuraghe si erge, a quota di m 453, su una collina ai piedi della catena del Mrghi-
ne, fra i centri di Silnus e di Li, presso la strada statale Macomr-Noro. Si distingue
per la bellezza delle strutture, la linea slanciata, lo stato relativamente buono di conserva-
zione. un monotorre con resti di contrafforte e tracce di coni minori periferici. La tor-
re primitiva (fig. 1, 18, tav. XI), del diametro esterno di m 12,60, mostra lingresso basa-
le a Sudest, con architrave di m 2,30 x 0,70 x 0,17. Landito, lungo m 4,60 con
larghezza quasi costante di m 1/1,10, a met circa del corso presenta la scala a sinistra
(larghezza m 1) e la garetta a destra, di forma ellittica con risvolto sul lato sinistro (lar-
ghezza m 1,10, profondit 2,80). Dallandito, col soffitto elevantesi verso linterno (da
m1,44 a 1,90 daltezza visibile sul colmaticcio), si penetra nella camera, centrica, di m 4
di diametro, con tre nicchie in croce simmetriche, di piano semiellittico, larghe m
1/1,35 e profonde m 1,86/2,70. La sezione dellandito trapezia (tre lastroni di piatta-
banda di fronte alla garetta); a ogiva tronca sono il vano della garetta e quelli delle cellet-
te interne (altezza della garetta m 2,37, delle cellette m 1,57/2,38); del tutto ogivale il
taglio della tholos, di m 5,20 di altezza sul colmaticcio. A circa m 6 daltezza, quasi alla
met del cono dove il diametro si restringe a m 8, sta il piano rialzato (o superiore). La
camera, sovrapposta a quella inferiore, di m 2,35 di diametro x 5,50 daltezza, prende
luce da un finestrone volto a Sud (m 0,65 di larghezza x 1,37 di altezza); vi si entra, dal
pianerottolo della scala che sale dal basso, per una porticina, di m 0,65 x 1,35 daltezza,
pianta angolare (m 2,44 daltezza sul riempimento x 1,22 di larghezza x 1,35 di pro-
fondit) e laltra a Sudest (a destra), di sezione trapezoidale (altezza sul piano attuale
m 1,95 x 0,87/0,52 di larghezza x 0,75/0,62 di profondit). Alla camera si entra da
una porta a Sudsudovest, con architrave a feritoia di scarico. Il cono, dallo spessore
murario di m 4,60/2,60, si conserva a Sudest per laltezza massima di m 6; la camera
alta ora m 5 su 18 file di massi regolari subquadrati. Dentro la cella esiste una scala
sopraelevata con giro da destra a sinistra.
Bibliografia: Spano, Memoria, 1854, p. 18, nota 1; Memoria, 1867, p. 23, nota 3; E.E.M. (prov. di Ca-
gliari), p. 149; E. Contu, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 218 della Carta dItalia, II, NO-SO,
Universit di Cagliari, a.a. 1947-48, p. 55 ss., tav. II, 24.
Figura 1, 14: nuraghe GURTI QUA-Nurri (Noro); cartina B, 88.
Planimetria della torre antica A; vedi la scheda descrittiva della figura 13, 1.
Figura 1, 15: nuraghe SA PREDA LONGA-Noro (Noro); cartina B, 23.
In localit Su Pradu (il prato), su un ciglione di rocce granitiche a dominio della valle
del riu de Lcula. Nuraghe monotorre, circolare del diametro di m 11,10, con ingres-
so leggermente rialzato sul piano di campagna, di m 1,50 di larghezza x 0,37 di altez-
za rilevabile sul colmaticcio. Landito retrostante, di m 3,60 di lunghezza x 1,12/1,36
di altezza visibile, mostra, sulla destra di chi entra, la garetta di guardia, di pianta se-
miellittica, di m 1,12 di larghezza x 2,66 di profondit x 0,52 di altezza sul piano del
detrito. La camera circolare, eccentrica, del diametro di m 4 circa, si articola in due
nicchie: una sul lato destro, di figura semiellittica, di m 1,15 di larghezza x 2,32 di
profondit, laltra sul fondo di m 0,93 di larghezza x 2,10 di profondit x 0,97 dal-
tezza sul piano di colmata. Sulla fiancata destra di questultima nicchia, verso il fondo,
si osserva lapertura della scala al piano superiore, che gira nello spessore del muro di m
3,40 da sinistra a destra; si misura m 0,70 di luce e si segue il percorso per m 2,50; poi
il vano si presenta ostruito dalle macerie. Il cono si conserva per laltezza esterna di cir-
ca m 4 su 12 file, la parete della camera per m 1,10 su 5 file. Opera muraria di granito,
con blocchi in parte naturali in parte sbozzati in forme subquadrangolari, di medie di-
mensioni: m 0,34 x 0,56 x 0,91; 0,29 x 0,57 x 0,74; 0,28 x 0,46 x 0,88.
Bibliografia: G.G. Dvoli, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 194 della Carta dItalia, II, Universi-
t di Cagliari, a.a. 1949-50, p. 23 ss., tav. II, 2; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 57, nota 41.
Figura 1, 16: nuraghe SU FRILE-Burgos (Sssari); cartina B, 21.
A quota di m 731, su una rupe a dominio duna vasta conca. Nuraghe monotorre, circo-
lare del diametro di m 11 circa, con lingresso volto a Sud. Sul lato dellandito retrostante,
di m 1/1,20 di larghezza, si aprono a destra la garetta di piano semiellittico di m 1 di lar-
ghezza x 1,40 di profondit, e a sinistra la scala. Alla camera eccentrica, rotonda del dia-
metro di m 4, dnno due nicchie situate sul lato di fondo, di dimensioni vicine a quelle
della garetta, con la stessa forma planimetrica. Il cono si conserva per laltezza massima
residua di m 2,50; la camera mostra la parete elevata fino a m 2,40 sul colmaticcio. Ope-
ra di basalto poliedrica, con pietre non lavorate di grandi e medie dimensioni.
Bibliografia: A. Taramelli-P. Mingazzini, Carta archeologica, foglio 193, 1940, II NE, p. 48, n. 13a; A.
Taramelli, Mon. Ant. Lincei, XXV, 1919, col. 775; P. Pintus, Saggio cit., 1945-46, p. 190 s., tav. fig. 91.
118 119
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Figura 1, 19: nuraghe TITTIRILA-Boltana (Noro); cartina B, 18.
Situato sulla cresta duna propaggine a strapiombo sul riu Bardosu, dominante a quota di
m951 in un paesaggio di pascoli. Una fonte a 250 m a Sudovest. Monotorre, circolare, del
diametro di m 12 circa, con ingresso a Sudest. Landito, di m 5,50 di lunghezza, si allarga
al centro dove si guardano, contrapposte, la garetta a destra, semiellittica (m 1 x 2 di pro-
fondit) e la scala a sinistra, di m 1,40 di larghezza a fior di suolo, percorribile per poco pi
di 2 metri. Nella camera eccentrica, rotonda, del diametro di m 5, si affacciano tre nicchioni
in croce: quello a destra e quello in fondo, a pianta semiellittica, di m 1,20 di larghezza x 2 e
1,40 di profondit rispettivamente; il nicchione a sinistra, di m 1,20 x 1,20, si articola in
un risvolto a destra, di m 1,20 x 0,80 componendo nellinsieme unalcova o giaciglio. Sul-
landito dingresso visibile una botola a caditoia, a cui si accede da una finestra sollevata,
posta fra lo sbocco nella camera dellandito stesso ed il nicchione destro. Rimane traccia del
piano superiore in un finestrone di m 1,40 x 0,80 di luce; per il resto distrutto. Landito
ha pareti aggettanti con copertura tabulare; il sommo angolare delle nicchie sormontato
da architravi (altezza da m 4,00 a 3,10); ogivale la sezione della camera con bella pseudocu-
pola alta ora m 7,50. Il cono, alto oggi m 10 circa, raggiungeva in antico 15 metri, per far
luogo ai due piani. Lopera muraria subquadrata, con bellordinamento in file regolari di
pietre basaltiche di mc 1/2 fino allaltezza di m 4, di mc 0,2 allo svettamento.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, II, 1834, p. 406 (Tittiriolu); A. Lamarmora, Voyage, II,
1840, p. 106 (Tittirriola); P. Cugia, Nuovo Itinerario cit., II, 1892, p. 112; F. De Rosa, Delluso dei nu-
raghi, 1909, p. 26; A. Taramelli, Carta archeologica, f. 193, 1940, p. 58, n. 16; Boscolo-Pintor-Serra,
Guida, 1951, p. 149 (errato Tittiola); V. Tetti, Saggio cit., 1956-57, p. 13 (II).
Figura 1, 20: nuraghe ABBADDI-Scanu Montiferru (Noro); cartina B, 47.
A quota di m 431, su una lingua rocciosa darenaria, alla pendice Ovest della collina di
Santa Brbara, quasi al fondo valle. Ad unica torre circolare di m 40 di circonferenza
basale, con ingresso a Sud, di m 2,20 di altezza, con architrave ben lavorato sormonta-
to da regolare finestrino di scarico. Alla destra dellandito si osserva la scala che parte
dal piano e gira da sinistra a destra con larghezza di vano di m 1,10; alla sinistra sta il
piccolo spazio per la guardia, a forma di ogiva proiettata in piano, di poca profondit.
La camera, di m 4 di diametro, mostra tre nicchie in croce, a tre quarti di cerchio, della
larghezza di m 2; in posizione eccentrica rispetto al perimetro della torre (spessore del
muro frontale m 5, di quello di fondo m 3). La torre, alta 9 metri con 16 file di pietre,
costituita di blocchi darenaria, cavati dalle vicinanze; si presentano ben lavorati, di gran-
di dimensioni alla base e di medie nel resto del paramento. La camera alta m 8,60 sui
18 filari; di perfetta sezione ogivale come lo sono i profili delle celle alte da m 3 a 2,50
e della scala alta m 3,20. Il tutto si compone con eleganza e senso di slancio, a cui con-
tribuisce pure il taglio ampio ed alto del tetto inclinato dellandito (v. fig. 4, 2). Tracce di
capanne dun villaggio nuragico nelle vicinanze.
Bibliografia: Spano, Memoria, 1867, p. 22; E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 166 (errato Abbandi); A. Ta-
ramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 200, n. 22; P. Pes, Saggio cit., 1953-54, p. 57 ss., tav. n. 9.
Figura 1, 21: nuraghe SA FIGU RNCHIDA-Scanu Montiferru (Noro); cartina B, 41.
A quota di m 555, su duna piccola dorsale declive, a mezza costa, in zona di buon pa-
scolo. A 30 metri di distanza, una sorgente. Monotorre, circolare, della circonferenza di
m38, con ingresso a Sudest, architravato senza finestrino di scarico. Dietro la porta lan-
dito, lungo m 4, presenta sul fianco sinistro, circa alla met, un vano curvilineo, di m 4
con architrave alleggerito da spiraglio. La scala, a sezione troncogivale (altezza da m 1,90
a 3,60), ha il suo percorso di 18 metri (dal pianterreno al terrazzo) illuminato da fine-
strini. Esiste anche una scaletta sussidiaria che dalla camera superiore scende, con giro
opposto a quello della grande scala, ad un pianerottolo sovrastante il soffitto della garet-
ta di guardia dellandito, e, di qui, per uno spazio al disopra dellarchitrave della stessa
garetta, esce allandito con un piccolo salto (lunghezza della scaletta m 8, larghezza 0,60;
rischiarata da due finestrini ad Ovest). Il cono alto oggi m 12,60 (a Sudovest) e si eleva
con 33 file di pietre di granito, poco lavorate ma messe in opera con molta perizia; i
blocchi vanno diminuendo di proporzioni dal basso in alto. Tre blocchi sul filare sopra
larchitrave della porta misurano m 1 x 0,53 x 0,92; 0,81 x 0,75 x 0,63; 1,40 x 0,55 x
0,70; tre blocchi dellultimo filare superiore m 0,55 x 0,34 x 0,41; 0,45 x 0,30 x 0,52;
0,47 x 0,33 x 0,43. Sul lato Sudovestovest e sul lato Est della torre antica, si rilevano
tracce di opere aggiunte. Nel primo punto si riconosce il resto duna cortina curvilinea
rientrante al centro, di m 22,80 di lunghezza, alta m 3 con 6 filari, che unisce due torri
situate ai suoi margini. Ad Est rimane il segno di una terza torre di cui si disegna, fra le
rovine, un semicerchio di parete interna col vano dun andito diretto verso Nordnord-
ovest, forse verso la camera duna quarta torre. Ci rende possibile lipotesi di riconosce-
re, nel nostro, un nuraghe quadrilobato, del tipo del Santa Brbara di Macomr, a profi-
lo di contorno concavo-convesso (vedi scheda descrittiva di figura 9, 1). Intorno al
nuraghe si raccolgono cocci di stoviglie preromane e romane indicanti che la vita vi du-
r molto a lungo da et preistorica fino a tempi classici. Nella parte superiore della torre
sono visibili restauri in muratura di mattoni e pietre legati con malta di calce, eseguiti in
et romana per adattarvi si pensa una vedetta.
Bibliografia: A. Lamarmora, Voyage, II, 1840, p. 67, pl. VIII, fig. 2; Angius, in Casalis, Dizionario, XX,
1850, p. 138; Spano, Memoria, 1854, pp. 26, 40, 43, 50; A. Lamarmora, Itinraire, II, 1860, p. 137;
Spano, Mnemosine sarda ossia ricordi e memorie di varii monumenti antichi con altre rarit dellIsola di
Sardegna, Cagliari 1864, tav. VI, 4-5, 9; Memoria, 1867, pp. 22, 27, 36, 38 s., 61 s., 64, 66; G. Cara,
Considerazioni sopra una fra le opinioni emesse intorno allorigine ed uso dei nuraghi di Sardegna, Cagliari
1876, frontespizio e tav. 1, I, a-b; F. Martorell y Pea, Apuntes arqueologicos, Nurhaghes de la Isla de
Cerdea y talaiots de las Baleares, Barcelona 1879, pp. 186-188; Centurione, Studii recenti sopra i Nu-
raghi e loro importanza, in Civilt Cattolica, serie XIII, 1888, pp. 31, 34, fig. VI, 103, fig. XXVIII; P.
Cugia, Nuovo Itinerario dellisola di Sardegna, Ravenna 1892, p. 109; F. Nissardi, Contributo per lo stu-
dio dei Nuraghi della Sardegna, in Atti del Congresso Internazionale di Scienze storiche, Roma 1903,
p. 656; Ardu Onnis, Per la Sardegna preistorica, in Atti della Societ Romana di Antropologia, vol. IX,
fasc. I-II, 1903, pp. 13, 26; A. Bezzenberger, Vorgeschichte Bauwerke der Balearen, in Zeitschrift fr
Ethnologie, Heft 4-5, 1907, p. 582; S. Manca, Sardegna leggendaria, Roma 1910, fotografia in copertina;
G. Vacca, Posizione geografica dei principali Nuraghi esistenti in Sardegna, Cagliari 1917, pp. 6, 14; A. Ta-
ramelli, in Guida Generale della Sardegna compilata da Antonio Manca, Milano 1914-15, p. 94, fig. 166;
E.E.M. (prov. di Sssari), 1922, p. 156; C. Dess, I nuraghi della Sardegna, 1924, p. 7; A. Taramelli,
Nuraghi, in Enciclopedia Italiana, Roma 1935, vol. XXV, p. 82 s.; Carta archeologica, ff. 205-206,
1935, p. 9, n. 8; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 148; G. Cherchi, Saggio cit., 1952-53, p. 159 ss.,
tav. VI, 34; G. Lilliu, I nuraghi della Sardegna, in Le Vie dItalia, ott. 1953, LIX, n. 10, p. 1291; Sarde-
gna (Touring), XX, 1954, p. 94, fig. 166; Zervos, Civilisation cit., 1954, p. 46, fig. 15; G. Lilliu, St.S.,
XII-XIII, I, 1955, p. 157; M. Serra, Mal di Sardegna, 1955, p. 247; A. Borio, Sardaigne, Arthaud 1957,
p. 126; V. Mossa, Architettura domestica in Sardegna, Cagliari 1957, p. 26, tav. I; G.F. Ackermann, Reise-
land von morgen: Sardinien, Wien 1957, p. 38, tav. 13; G. Lilliu, The Nuraghi of Sardinia, in Antiquity,
1959, XXXIII, p. 23, fig. ivi.
120 121
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
sulla sinistra si incontra il vano della scala a fior di terra (larghezza allimbocco m 1,15);
poco oltre, poi, a met circa del corso, si disegnano le aperture di due bracci di corridoio,
uno sulla sinistra e uno sulla destra, i quali, senza raccordarsi, girano, per tre quarti di
cerchio, intorno alla camera tranne che sul lato di fondo (Nordovest), dove il masso
murario resta pieno. Il ramo di corridoio a destra, che rappresenta una soluzione nata
dal prolungamento della primitiva garetta di guardia, ha uno sviluppo di m 9,50; al-
lingresso mostra una porta architravata di m 0,90 di larghezza x 1,30 di altezza. Del
corridoio opposto, realizzato per simmetria, si misura uno sviluppo residuo di m 7,70, ma
il suo corso deve immaginarsi allorigine uguale a quello dellaltro; vi introduce una
porticina architravata a luce trapezoidale (m 1/0,53 di larghezza x 1,10 di altezza). La
camera, rotonda (m 3,50/3 di diametro), eccentrica, si articola in tre nicchie a croce,
dissimmetriche, individuate ma non rilevabili. I vani mostrano tutti profili aggettanti,
ma mentre la camera presenta il taglio ogivale, gli altri ambienti minori sono conclusi
da elementi tabulari (architravi) che configurano sezioni troncogivali. Non si osserva
una perfetta coerenza di ritmi spaziali, a cui corrisponde lirregolarit e lasimmetria
delle componenti di piano. Il cono allesterno consta di strutture di rozzi blocchi di ba-
salto, di medie dimensioni, disposti senza ordine. Pi diligente la posa delle pietre
nellinterno, ma non regolare e misurata come in altri nuraghi di bella apparenza strut-
tiva e di simmetria architettonica. A questa generale trascuratezza fanno eccezione sti-
piti ed architravi i quali presentano facce ben sbozzate, non per per particolare gusto
ma per necessit funzionale (altezza residua del cono m 2,35/3,38). A Sud e Sudest del
nuraghe, si riconoscono tracce di muri di capanne in grandi pietre, di pianta circolare,
da ritenersi dello stesso periodo della torre. A poca distanza dal nuraghe si vedono i re-
sti di una tomba di giganti. Vedi anche fig. 15, 1.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206 (1935), I, NE, p. 13, nn. 27-28; G. Cherchi,
Saggio cit., 1952-53, p. 75 ss., tav. I, fig. 12.
Figura 1, 24: nuraghe LEORTNAS-Sennarolo (Noro); cartina B, 50.
A quota di m 203, presso il riu di Piraura, in situazione bassa ma dominante su un
paesaggio solitario di mirti e cisti. Mostra unica torre della circonferenza di m 45, con
due ingressi: uno, il principale, a Sudovest, ad architrave di medie dimensioni ben la-
vorato; e laltro, pi stretto, a Nordest, ostruito in gran parte. Landito dellingresso
principale, lungo oltre 5 metri, incontra, a circa met del suo percorso, un deambula-
torio circolare di m 1 di larghezza, concentrico al perimetro della torre e al profilo della
camera; poi, restringendosi, introduce nella camera di m 4 di diametro, semplicissima.
La torre si conserva, allesterno, per m 3 su 5-6 filari; allinterno la tholos non misura-
bile a causa del crollo. Gli anditi ed il corridoio concentrico (alto, questultimo, m 2)
presentano copertura tabulare. Il paramento esterno di pietre di basalto, di forme po-
liedriche, di media grandezza. Tra Ovest e Sud v traccia dun cortile addossato alla
torre primitiva, di m 10 x 3, interrotto in corrispondenza allingresso principale.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XIX, 1849, p. 860; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-
206, 1935, p. 209, n. 25; P. Pes, Saggio cit., 1953-54, p. 175 ss., tav. n. 29.
Figura 1, 25: nuraghe SANTU ANTNE-Torralba (Sssari).
Planimetria del mastio A; vedi scheda illustrativa della figura 8, 6 e figg. 3, 5 e 14, 2.
di profondit x 0,80 di larghezza x 2,50 di altezza, costruito per situarvi la scala che,
invece, fu poi realizzata allinterno della camera. La camera, centrica, rotonda, del dia-
metro di m 4 al riempimento, ha la cupola crollata. Vi si affacciano le aperture di tre
nicchie in croce, quelle a sinistra e in fondo a piano semiellittico di m 1 x 1,60 di
profondit, quella a destra, di m 1,10 di larghezza, introducente alla scala che, con gi-
ro da sinistra a destra e con ritorno sul solaio dellandito, portava al terrazzo ora man-
cante. Landito e lo spazio sulla sua sinistra sono a soffitto piattabandato; trapezoidale
(con chiusura ad architravi) il taglio delle nicchie della camera, questultima in origine
a sezione ogivale (altezza calcolabile m 6); ogivale nella prima parte (m 0,80 di larghezza
x 2 daltezza) appare la sezione della scala, nella seconda met trapezoidale. Il mozzicone
di cono residua allesterno per m 5 daltezza massima (a Nordest), su 11 file di pietre
basaltiche di forma subquadrata, di proporzioni varie. Nella camera i blocchi sono di
dimensioni minori, di forme poliedriche irregolari, a disposizione poco curata con zep-
pe. A 20 metri dal nuraghe correva una cinta esterna megalitica, ad un solo ordine di
pietre, residuata solo a tratti.
Bibliografia: E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 166; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206,
1935, p. 194, n. 50; A.P. Piludu, Saggio di Catalogo archeologico, Foglio 206 della Carta dItalia, IV, NE-
NO, Universit di Cagliari, a.a. 1953-54, p. 206 ss., tav. n. 25.
Figura 1, 22: nuraghe SA CUGUTTDA-Mores (Sssari); cartina B, 13.
In regione Sa Tanca e su Duca, a quota di m 301, confuso con un ammasso naturale di
rocce basaltiche, incluso entro la confluenza dei rius Mannu e Tilchiddesu. Nuraghe
monotorre, circolare, del diametro di m 12,50, con lingresso a Sud (m 1,05 di larghez-
za x 1,60 daltezza), sormontato da pietra darchitrave di m 1 x 0,75 x 0,25. Landito retro-
stante, a sezione trapezoidale, di m 4 di lunghezza x 2,10 daltezza rilevabile sul detrito, ri-
ceve a sinistra (dove si misura la maggiore larghezza di m 1,40) una garetta semiellittica in
piano, di m 1 di larghezza, quasi del tutto ostruita. La camera centrica, oblunga (m 4 x 3),
si distingue per la presenza inusitata di quattro nicchie, una sul lato sinistro, una sul fondo
contro lingresso e due (a coppia) sul lato destro. Sono tutte di piano semiellittico, con lar-
ghezza da m 0,40 a 1,20, profondit da 1,25 a 2,15 e altezza visibile da 1,40 a 1,60; la se-
zione trapezoidale come quella dellandito di accesso. Il cono residua per laltezza esterna
di m 3 circa, in figura dun grande cumulo di pietre; la camera conserva visibile la parete
per m 2,25. Lopera muraria consta di blocchi di basalto poliedrici, non lavorati n stratifi-
cati a file, con misure medie di blocco di m 0,45 x 0,30 x 0,35. Alla difesa naturale, costi-
tuita dalla confluenza dei fiumi, si aggiungeva quella artificiale di due muraglie megalitiche:
una, pi vicina al nuraghe, che correva da un torrente allaltro, spessa m 2, con un passag-
gio interno; e laltra, a 50 m ad Ovest del nuraghe, con larghezza di 5 metri, che formava la
prima linea di sbarramento. Fra le due muraglie cumuli di pietrame in basalto costituisco-
no i segni della presenza di capanne dabitazione di et nuragica; la loro forma circolare.
Bibliografia: A. Taramelli-P. Mingazzini, Carta archeologica, 193, I SE, 1940, p. 12, n. 20; P. Pintus,
Saggio cit., 1945-46, p. 128 ss., tav. n. 70.
Figura 1, 23: nuraghe MURRTU-Silnus (Noro); cartina B, 33.
situato presso la riva sinistra del riu Ordari, su un rialzo di terreno basaltico, a 200
metri a Nordovest del nuraghe idu Arbu (fig. 17, 5). Lunica torre rotonda, del dia-
metro esterno subbasale di m 13 circa, ha lingresso a Sudest, con architrave di m 1,13
x 0,72 x 0,70, senza spiraglio di scarico. Nellandito, lungo 6 metri, a m 1 dal filo esterno
122 123
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Fig. 2: planimetrie e sezioni di nuraghi
1. Domu sOrku-Sarrk; 2. Santa Brbara-Sinda; 3. Santa Sarbna-Silnus; 4.
Ala-Pozzomaggiore; 5. Mesu e Ros-Scanu Montiferru; 6. Altriu-Scanu Monti-
ferru; 7. Sneghe-Suni; 8. Tsari-Bortigali.
Figura 2, 1: nuraghe DOMU SORKU-Sarrk (Cagliari); cartina B, 108.
A m 107 di quota, su un mammellone isolato proteso sul mare, a guardia dello sboc-
co della valletta del riu Grampera. Fa parte duna catena di costruzioni nuragiche dis-
poste a difesa dellarco del Golfo degli Angeli. Pi in particolare, il nuraghe arrocca,
con altri nuraghi, le vie naturali che mettono in comunicazione la conca di Pula (del-
lantica Nora) col territorio costiero per cui si giunge a Cagliari. Il luogo di rilevante
interesse strategico. Il nuraghe di cui si presenta pianta e sezione del solo mastio
del tipo a tancato, con una torre antica a cui si addossa un corpo costruttivo di pia-
no trapezoidale limitato a Ovestsudovest da una torre minore, pi recente. Linsieme
si dispone in direzione Ovestsudovest-Estnordest assecondando il profilo del terreno,
con lingresso verso il mare sottostante. Lintera costruzione misura m 23,45 x 14,45.
La torre antica (figg. 2, 1 e 3, 1), circolare, del diametro di m 10,15, mostra lingresso
a Sudovest, di m 0,72 di larghezza x 2,00 daltezza, a luce rettangolare sormontata da
124 125
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1
2
3
4
5
6
7
8
pietra darchitrave con spiraglio di scarico. Dietro la porta, landito, di m 3,80 di lun-
ghezza, col soffitto ascendente verso linterno da m 2 a 5,65, introduce nella camera a
tholos, ribassata di m 0,22 rispetto al piano del corridoio dingresso. Nella camera ec-
centrica, rotonda, di m 3,75 di diametro, non si presentano spazi sussidiari, alla base
del muro. In alto, per, nella parete a destra di chi entra, a m 4,50 dal suolo, si apre
limbocco della scala al terrazzo, di cui si conservano 14 gradini. Pure nella parete a de-
stra, fra lo spigolo interno dellandito e lapertura della scala, si osserva, sollevata di m
3,80 sul pavimento, la bocca duna nicchia-ripostiglio, di m 1,30 daltezza x 2 circa di
profondit. La sezione dellandito angolare, ogivale (a profilo stretto e allungato)
quella della cupola. Il cono si conserva per laltezza residua massima di m 8,10, che
corrisponde allelevato calcolabile della tholos. Lopera muraria del tipo poliedrico,
con rozzi massi di porfirite di grandi dimensioni, per lo pi non sbozzati, spaccati a
mazza; pi curati nel taglio i blocchi di stipite e gli architravi. Le pietre a tratti si dis-
pongono in file, a tratti perdono lordinamento orizzontale per dar luogo a paramenti
confusi per quanto ben concatenati. Meno irregolare, per quanto rozza, la disposizione
dei filari allinterno. Il corpo aggiunto ha lingresso a Sudsudest, di m 0,77 di larghezza
x 1,53 daltezza, con architrave di m 1,25 x 0,84, alleggerito da spiraglio. Landito re-
trostante, di m 3 circa di lunghezza, si allarga a destra in un nicchione semicircolare di
m 1 di larghezza x 1,30 di profondit (garetta di guardia), sfocia poi nel cortile per una
seconda porta, molto bassa, anchessa con architrave a spiraglio (sistema del dipylon). Il
cortile forma uno spazio scoperto, di piano trapezoidale, di m 4 x 3,50; le pareti agget-
tano leggermente nei corsi superiori. Nel cortile dnno gli usci delle due torri e sono
inoltre aperte due nicchie: una, al disopra della porta interna dellandito, a m 3,55 dal
suolo (m 0,70 x 1,10) corrispondente a un ripostiglio o nascondiglio; e laltra, alla base
del muro opposto allingresso, un armadione, di sezione angolare, di m 1,30 x 1,20
x 3 daltezza, in cui si accendeva il fuoco (vi si trovarono resti di carbone e ciottoli arro-
tondati). Al piede del muro dingresso corre anche un bancone di grosse pietre (m 2,25
di lunghezza x 0,50 di altezza), usato per sedile. Nel lato corto del cortile, con verso a
Estnordest si apre la porta della torre aggiunta, di m 0,90 x 1,40 di altezza, pur essa ar-
chitravata con finestrino di scarico. Dietro landito strombato, di m 2,70 di lunghez-
za x 1,30 di larghezza x 3,60 daltezza alla estremit interna, che introduce nella tholos.
Questa stanza, contenuta nel perimetro della torre di m 9,20 di diametro con spessore
murario di 2,40, centrica, rotonda, del diametro di m 4,40, a profilo semplice senza
articolazione di vani sussidiari. Alta e slanciata, mostra la sezione ogivale chiusa in ori-
gine a circa 10 metri dal pavimento (oggi svettata a m 6,75); landito presenta, invece,
taglio angolare, piuttosto basso, e con tendenza alla copertura tabulare per via degli ar-
chitravi di serraglia disposti a gradoni. Sul corpo aggiunto, conservato per laltezza
massima di m 8,25, e costruito con la stessa tecnica poliedrica e nel gusto arcaico tradi-
zionale, correva, in alto, sui muri esterni, un paramento di pietre conce che aveva lo
scopo, rendendo liscia la parete, di render pi difficile la scalata. Forse questa mostra
terminale isodoma si estendeva pure alla torre primitiva per la cui scala (e non per altre
vie) si saliva in cima alledifizio, agli spalti sede di osservazione e di difesa. Nel nuraghe,
scavato dal Taramelli nel 1924, si ebbe una stratificazione archeologica testimoniante
due periodi di vita: uno antico dellet del nuraghe, e laltro di riutilizzazione posteriore
in et romana. Documenti del primo periodo sono: proiettili per fionda, crogioletti di
pietre di m 0,40 x 0,35 nei corsi superiori. Curata anche lopera muraria nei vani, spe-
cie nelle ogive, di cui linferiore elevata per m 6,20 su 15 filari e quella al piano rialzato
scapitozzata allaltezza di m 2,50, con file di blocchi subquadrati a forte aggetto.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XX, 1850, p. 181 s.; J.F. Neigebaur, Die Insel Sardinien-
Geschichtliche Entwiclung der Gegenwrtigen zustnde derselben in ihrer Verbindung mit Italien, Leipzig
1855, p. 296; Spano, Memoria, 1867, p. 21; E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 177; A. Taramelli, Carta ar-
cheologica, ff. 205-206, 1935, p. 192, n. 39; A.P. Piludu, Saggio cit., 1953-54, p. 174 ss., tav. n. 22.
Figura 2, 3: nuraghe SANTA SARBNA o SANTA SABINA-Silnus (Noro); tav. X; carti-
na B, 31.
Si leva in mezzo alla vasta piana, a Sud dellabitato moderno, a m 381 di quota, a 34 me-
tri dallabside minore (sinistra) della chiesa medievale di Santa Sarbna. La suggestione del
paesaggio accompagnata dalla suggestione monumentale che evoca una lontana e lunga
prospettiva storica (tav. X). Il nuraghe a unica torre, con diametro esterno basale di m
12,60 ridotto a m 9,85 allo svettamento attuale. Dallingresso, volto a Sud, provvisto in
origine darchitrave (di cui resta un pezzo sullo stipite sinistro di m 0,50 daltezza x 0,93
di spessore), si entra nellandito, strombato verso lesterno (da m 1 a 1,20 di larghezza),
lungo m 5. In esso, circa a met, si aprono a destra luscio della garetta di piano rettango-
lare con parete di fondo arcuata (m 1 di larghezza x 1,86 di profondit), e a sinistra il va-
no della scala (larghezza m 1, lunghezza visibile m 13, altezza 3,88; una feritoia di luce nel
muro a Nordovest). Nella camera eccentrica, rotonda, del diametro di m 4,15, mettono
tre nicchie in croce, con disposizione simmetrica, di pianta semiellittica di m 0,70/1 di
larghezza e di m 1,40/1,90 di profondit. La camera, alta m 8,35, di sezione ogivale; a
taglio trapezoidale sono invece le aperture delle nicchie (altezza da m 1,20 a 1,10), della
scala dandito (altezza m 2,37), della garetta (altezza m 1,50), vani che, nellinterno, vanno
elevandosi e si chiudono ad aggetto angolare. La torre, con altezza residua di m 8,60 su 17
filari, fatta di blocchi basaltici in forme poligonali, disposte in file, con buon combacia-
mento di giunti; alla base la lavorazione meno curata, ben tagliate, invece, le pietre dei fila-
ri medi e superiori, ad elementi di medie dimensioni (m 1 x 0,80; 0,88 x 0,65; 0,65 x 0,66;
1,65 x 0,58 x 0,87). A 400 metri dal nuraghe, un pozzo con copertura a tholos, del tipo
cultuale, indica, insieme al forte, la presenza dun centro abitato di et protostorica. Poco
distante anche la sepoltura: una tomba di giganti con resti di cella. Nel nuraghe, nel
1881, si trov un grosso vaso con tracce di decorazioni incise.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, X, 1850, p. 138; A. Vivanet, Not. di Scavi, 1882, p. 378; F.
Corona, Guida storico-artistica-commerciale dellIsola di Sardegna, Bergamo 1896, pp. 46, 807; H. De
Chaignon, Sur les nuraghes de Sardaigne, in Mm. d. l. Soc. dHist. nat. dAutun, XX, 1906-07, p. 24;
P. Ledda, Sardegna, Firenze 1924, p. 204; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, Firenze 1935, p.
12, n. 24, p. 13, nn. 24a e 25; P. Cao, Uno sprazzo di luce nelle tenebre della preistoria sarda, Cagliari
1942, p. 3 s.; G. Lilliu, St. Etr., 1944, p. 154; M. Pallottino, La Sardegna nuragica, Roma 1950, pp. 45,
54, 61, tav. VII, 2; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 148; G. Cherchi, Saggio cit., 1952-53, p. 66 ss.,
figg. 9-10; R. Delogu, Larchitettura del Medioevo in Sardegna, Roma 1953, tav. XLVI (in alto), tav.
XLIX (alto a sinistra); Sardegna (Touring), XX, 1954, p. 94, fig. 168; D. Panedda, Lagro di Olbia,
1954, p. 13; Zervos, Civilisation cit., 1954, p. 47, fig. 19; G. Lilliu, St.S., XII-XIII, I, 1955, p. 156;
Serra, Mal di Sardegna, 1955, p. 246 s.; E. Putzulu, in Mollier, Sardinia, Milano 1956, p. 98 bis, fig.
95; A. Borio, Sardaigne, 1957, tav. 57; A. Maiuri, Arte e Civilt nellItalia antica, in Conosci lItalia,
vol. IV (Touring Club dItalia), Milano 1960, tavv. 13, 42.
pietra per piccole fondite (nel cortile); e poi, ceramiche liscie, utensili di bronzo, una
perla di vetro, elementi tutti rinvenuti associati a ceneri, carboni e resti di pasti. Si vuo-
le che il nuraghe, fra i pi antichi della Sardegna, risalga, con la sua torre primitiva, fi-
no al sec. XVI-XV a.C. Il corpo aggiunto vien riferito allVIII secolo. Il forte lo distrus-
sero i Cartaginesi qualche secolo dopo la fondazione della vicina citt di Nora.
Bibliografia: A. Taramelli, Bollettino dArte, dicembre 1925, p. 277 ss., figg. 1-4; Mon. Ant. Lincei, XXXI,
1926, col. 405-446, figg. 1-16; Convegno Archeologico in Sardegna, 1926, pp. 16, 26, 77, nota 19, figg. 39,
46; Gli studi archeologici in Sardegna, in Mediterranea, IV, 1932, p. 5 (estratto); Mon. Ant. Lincei,
XXXVIII, 1939, col. 15, 19-20; G. Lilliu, Studi Etruschi, 1944, p. 364, nota 143, p. 366, nota 172; St.S.,
VIII, 1948, p. 8, nota 5; G. Patroni, La Preistoria, 1951, vol. II, p. 713; G. Lilliu, St.S., X-XI, 1952, p.
116; I nuraghi della Sardegna, in Le Vie dItalia cit., p. 1290, fig. ivi; Zervos, Civilisation cit., 1954, p. 44,
fig. 15, 3; G. Lilliu, St.S., XII-XIII, I, 1955, pp. 105-108, 161-163, 198, 201, 203, 210-211, 220-221; I
nuraghi della Sardegna, in Bollettino Bibliografico sardo, I, 4, Cagliari, settembre 1955, p. 5; I nuraghi del-
la Sardegna, in Realt Nuova (Rivista dei Rotary Club dItalia), 1956, n. 9, p. 9 (estratto); Atzeni, St.S.,
XIV-XV, I, 1958, p. 69, n. 42, p. 126; E. Contu, ibidem, p. 177, 184; G. Lilliu, ibidem, p. 206; The nu-
raghi cit., XXIII, n. 129, 1959, p. 35; The Proto-Castles of Sardinia, in Scientific American, december
1959, p. 68, fig. ivi; E. Contu, I pi antichi nuraghi e lesplorazione del nuraghe Peppe Gallu (Uri-Sssa-
ri), in Rivista di Scienze Preistoriche, vol. XIV, fasc. 1-4, 1959, pp. 104, 116.
Figura 2, 3: nuraghe SANTA BRBARA-Sinda (Noro); cartina B, 28.
A quota di m 530, sul piano di basalto, ricco di pascoli. A 20 metri a Est, sgorga una
fonte. Nuraghe monotorre, svettato poco sotto la chiave di volta del primo piano, di
pianta circolare di m 43 di circonferenza esterna, con ingresso a Sudsudovest; la porta,
di m 0,95 di larghezza x 1 daltezza visibile, sovrastata da pietra darchitrave riquadra-
ta, di m 1,66 x 1,05 x 0,73, alleggerito da finestrino rettangolare di scarico (m 0,35 x
0,40). Nellandito retrostante, strombato verso linterno (da m 1,20 a 2,40), a met cir-
ca del percorso lungo m 5, si incontrano a sinistra la garetta di guardia, semiellittica (m
0,75/1 x 1,70 di profondit x 1,54 daltezza sul riempimento) e, a destra, la scala a fior
di suolo, con imbocco largo m 1,15, alto 2,40, che gira a spirale da sinistra a destra. La
camera eccentrica, tondeggiante (diametro m 4,10), si arricchisce di tre nicchie disposte
simmetricamente in croce, di m 0,85 di larghezza x 2,10 di profondit x 2,20 di altezza.
La scala dandito, dopo m 22,50 di sviluppo col vano illuminato da una feritoia a m
9,50 dallimbocco terreno, giunge al pianerottolo del primo piano, situato fra il finestro-
ne allesterno, sulla verticale dellingresso inferiore, e la camera, a circa m 8 daltezza dal
piano di campagna. Il finestrone, di taglio trapezoidale, di m 0,90/0,40 di larghezza x
1,60 di altezza, si distingue per la fattura dellarchitrave (m 0,95 x 0,42), squadrato e
con la faccia inferiore interna arcuata con la cavit rivolta in basso; un architrave simile
nel finestrone del nuraghe Santa Brbara di Macomr, tav. LV, 3-4. La scala proseguiva
fino al terrazzo, prendendo luce da finestrini messi ad altezza ed esposizione diverse; ora
si interrompe allaltezza di m 12, cio allo svettamento del cono, ristretto a m 9 di dia-
metro. Andito inferiore (altezza da m 2 a 3,50 su 8 file), garetta, ogive e nicchie della
tholos a pian terreno presentano sezione ogivale; trapezoidale il taglio della scala al primo
piano. Il cono si conserva per laltezza massima di m 12 su 28 filari di blocchi basaltici
di forma subquadrata, con rado e piccolo brecciame, ordinati con bella disposizione
orizzontale. Nella parte alta i blocchi passano a conci quasi squadrati, di lavorazione pi
regolare e di dimensioni minori. Da m 1,70 x 0,80 in media nelle file inferiori si passa a
126 127
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
di muro poco inclinato, irregolare. Se si eccettua la copertura della camera che a tho-
los, il resto dei vani, andito e scala a gomito, presentano sezione dolmenica e tetto a
piattabanda (altezza della nicchia dellandito m 2,50); sugli architravi che concludono
gli ingressi dei vani, nessun finestrino di scarico. Lopera muraria di basalto, rozza-
mente poliedrica, senza ordinamento a filari, con blocchi di grandezza media alla base
e piccola in alto. Si vedono tratti restaurati con piccole e irregolari pietre, specie verso
la parte alta. Rozzissimi cocci dimpasto, di pessima cottura e di rude aspetto, si trova-
rono nello strato basale della camera; alla superficie, invece, si ebbe una lampada puni-
ca. Ad et punica si devono forse riferire i restauri accennati.
Bibliografia: Spano, Memoria, 1867, p. 22; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 200
s., n. 25; P. Pes, Saggio cit., 1953-54, p. 77 s.
Figura 2, 6: nuraghe ALTRIU-Scanu Montiferru (Noro); cartina B, 42.
A quota di m 545, allestremo dun falsopiano roccioso che domina una valle stretta e
profonda. In posizione nascosta. Con unica torre di piano ellittico, ha una circonfe-
renza di m 40 e diametri di m 14 x 11. Landito volto a Sudest, lungo m 3,60 e largo
1, non mostra n garetta n scala; e porta alla camera tondeggiante provvista di tre
nicchie, due sul fondo abbinate e una a sinistra. Dirimpetto a questultima, sulla de-
stra della camera, sta lingresso alla scala, a livello di suolo. La torre alta ora da m 2 a
3,5, in origine si elevava per 4 metri. La camera alta m 3 circa, costituita di file di la-
stre leggere, di rozza fattura, messe in opera con tecnica trascurata ed affrettata; il suo
volume largo e schiacciato. Le nicchie si presentano a sezione rettangolare con co-
pertura piattabandata, alte da m 1,50 a 1,80. Il profilo dellandito, a copertura tabula-
re gradonata, si eleva da m 1,20 allinizio a m 1,80 allo sfocio nella cella. La costruzio-
ne in basalto, a pietre di medie dimensioni di rozza lavorazione. Uno sbarramento
di grossi massi difende il nuraghe ad Est, per il resto la difesa era affidata al precipizio
naturale della roccia. Vedi pure le figure 3, 6 e 4, 9.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 198, n. 15; E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922,
p. 166 (Altorio); P. Pes, Saggio cit., 1953-54, p. 69 ss., tav. n. 12; G. Lilliu, St.S., XIV-XV, I, 1958, p. 226.
Figura 2, 7: nuraghe SNEGHE-Suni (Noro); cartina B, 26.
A quota di m 271, in una cengia sul ripido versante della valle di Mdolo, dominante
in posizione nascosta, fra rocce basaltiche, macchie e pascoli. A 200 m circa, una sor-
gente. Di figura ellittica irregolare, di m 19,80 in senso Ovest-Est x 14 in senso Nord-
Sud, ha una circonferenza totale di m 50 circa. Il poderoso masso murario scavato
ed attraversato per la sua larghezza da un corridoio, lungo m 14 e largo 1,60, che fa
capo a due ingressi opposti. Uno degli ingressi, a Sud, rialzato sul piano di campagna
di m 1,50, ha sezione trapezoidale di m 1,40/1,15 di larghezza x 2,10 daltezza, con
architrave ben lavorata, di m 1,60 x 1,40 x 0,80, senza finestrino di scarico; laltro in-
gresso, a Nord, pure trapezoidale, pi piccolo di luce (m 1,30/1 di larghezza x 1,55
daltezza) ed sormontato da architrave di m 2,40 x 1,10 non provvisto di spiraglio
di alleggerimento. Dentro il corridoio, alto 3 metri circa, si succedono sulla sinistra, a
distanza di m 3 e 2,20, due nicchioni ed una nicchia da Sud verso Nord; sulla destra,
con lo stesso verso, si seguono gli inviti di due scale, separate per 5 metri da un enorme
piede murario di pianta semiellittica, intorno a cui girano, allinterno, i bracci delle
Figura 2, 4: nuraghe ALA-Pozzomaggiore (Sssari); cartina B, 25.
Su un breve ripiano intervallivo, alto sul riu Mannu, a quota di m 600. Una sorgente ad
Est. Nuraghe monotorre, circolare, di m 38 di circonferenza basale, con ingresso a Sud,
architravato con finestrino di scarico. Dietro lingresso, di m 1,80 daltezza x 0,80 di lar-
ghezza, strombato verso linterno, si allunga landito per m 4,50, e riceve le aperture duna
garetta sulla destra (m 1/1,30 di larghezza x 1,80 di profondit) e della scala sulla sini-
stra: questultima, larga m 1 e alta m 2,80 (allimbocco) e 3,20 (allinterno), gira, con
corso ripido, per una lunghezza seguibile per m 9, poi si interrompe a causa del crollo.
Nella camera eccentrica, rotonda, di m 13 di circonferenza al colmaticcio, si aprono i
vani di tre nicchioni in croce, di piano semiellittico, di m 1,10/1,50 di larghezza e di
m 1,20/2 di profondit. In alto, sulla parete a destra del nicchione laterale di Est,
lapertura duna seconda scala, o rampa, di cm 0,60 x 0,70 di luce, che, girando in sen-
so inverso a quello della scala dandito, ritorna verso lingresso principale, interrompen-
dosi, dopo un percorso di 6 metri; nel punto dellinterruzione, dove il vano alto m 2,
la scala riceve luce da uno spioncino aperto verso lesterno del muro a m 0,50 sopra lar-
chitrave della porta dingresso. La scala, dissimulata, porta forse al pianerottolo duna ca-
ditoia oppure a un ripostiglio nascosto nel vivo del masso murario. Landito dingresso si
eleva verso la tholos a sezione obliqua da m 2,80 a 4 sullinterrimento, con sezione tra-
sversa ogivale, troncata in alto da lastroni darchitrave; interamente ogivale il taglio del-
lapertura della scala dandito, delle nicchie (altezza m 2,10/3), della cupola (altezza m 6
su sei file) a colmo depresso e arrotondato. Il cono, che si restringe allo svettamento a m
8,50 di diametro, residua per laltezza massima di poco pi di 8 m su 19 filari (a Est e
Sud). fatto di blocchi basaltici di forma poligonale, con faccia a vista sbozzata. Nellin-
terno le pietre, di m 0,55 x 0,35 in media, sono pure poliedriche, con interblocchi riem-
piti di scaglie e malta di fango. Lingresso del nuraghe, rivolto verso la vallata, era difeso
da un bastione murario, alla distanza di 5 metri.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, IV NE, p. 187, n. 11; A.P. Piludu,
Saggio cit., 1953-54, p. 114 ss., tav. n. 14.
Figura 2, 5: nuraghe MESU E ROS (MESURIOS)-Scanu Montiferru (Noro); cartina B, 45.
Sta, come dice il nome, alla confluenza di due corsi dacqua, su una lingua rocciosa, a
m 375 di quota, in posizione nascosta, difesa naturalmente dallacclivio della rupe, for-
tificata anche, di tratto in tratto, nei punti di facile accesso, con muri megalitici. Sulla
rupe, nascosti fra i lecci e la macchia, i resti di cinque capanne circolari e di muri retti-
linei, situati fra il nuraghe e lo strapiombo. Il nuraghe di pianta ellittica, con m 43,50
di circonferenza (m 14 x 12). Ha lingresso al Nord, di m 1 di larghezza, eccezional-
mente rialzato dal suolo di m 2 (v. nuraghe PEPPE GALLU), accessibile dunque con
una scala mobile, di legno o di corda. Landito rettilineo, lungo m 3,40, strombato ver-
so linterno (m 1,60 di larghezza), senza scala e garetta, porta alla camera che in situa-
zione eccentrica, spostata verso il fronte della costruzione. La camera, di pianta qua-
drangolare (m 3,60 x 3,20), era coperta a cupola ad aggetto (ora il tetto crollato e
residua per unaltezza di m 3,80). La camera non mostra nicchie, ma, subito alla sini-
stra dello sfocio dellandito, presenta una scala a due rampe, a incontro angolare, a gu-
sto di linea spezzata, che porta al terrazzo (altezza m 1,20 allo spicco sul pavimento,
larghezza m 0,80/1). Il volume si conserva per laltezza esterna di m 6 circa, con profilo
128 129
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
superiore (lunghezza del vano m 4,30, larghezza media 1, altezza non rilevabile perch
la scala parzialmente ostruita dal materiale di crollo). Il piano superiore costituito
da una specie di torretta ellittica la quale, nellinterno, scavata a chiocciola da un
corridoio in piano che da una parte d sul pianerottolo rialzato della scala, e dallaltro
mette in una celletta a sezione ogivale di m 2,50 di diametro x 1,60 daltezza, dopo
essersi avvolto a spirale per m 7 di percorso. A fior di pianerottolo si vede anche un fi-
nestrone di vedetta che si affaccia sulla parete esterna lunga di Nordest, con una luce
di m 1,40; esso rialzato di m 2,50 sullattuale piano di rovina. Tutti i vani del piano
inferiore (corridoi e nicchie) sono coperti da lastroni orizzontali che si concludono a m
1,50/2,50 di altezza sul colmaticcio. Il monumento residua allesterno per laltezza di
m 3,60/2,10. Il paramento consta di blocchi di basalto per lo pi di forma subquadra-
ta e di media grandezza: m 1,14 x 0,54 x 0,46; 1,05 x 0,65 x 0,62; 0,78 x 0,30 x 0,60.
Nelle adiacenze della torre, resti di capanne di et nuragica.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 21, n. 65; G. Cherchi, Saggio cit., 1952-
53, p. 43 ss., tav. I, figg. 4, 6 (planimetria e sezioni), fig. 8 (fotografia); G. Lilliu, St.S., XII-XIII, I, 1955, p.
129 s., fig. 2, 3; E. Contu, St.S., XIV-XV, I, 1958, p. 190; R. Grosjean, Rapports Corse-Sardaigne-Pouil-
les, Art et monument mgalithique du bronze moyen, in Bull. de la S. P. F., Le Mans 1960, n. 5-6, p. 298.
scale stesse che si raccordano in semicerchio. I nicchioni, di piano rettangolare e di se-
zione trapezoidale, sono larghi profondi ed alti il primo m 1,30/0,90 x 5,90 x 2,20, il
secondo 1,40/0,75 x 5,60 x 2,45: sul muro fondale del secondo, ad altezza dal suolo,
si apre un pertugio o spia verso lesterno molto stretto e irregolare (lunghezza m
3,50). La nicchia, a metri 2 dallingresso Nord, di pianta uguale a quella dei nicchioni
e con la medesima sezione trapezoidale, larga m 1/0,60, profonda m 2,30 e alta
2,20. Il vano di scala a Sud, distante dallingresso m 2,60, di sezione trapezia, larga al-
lapertura m 1,30/0,90 e alto 2,30, dopo un giro di 7 metri, sincontra con laltro ra-
mo di scala su un pianerottolo al piano superiore; la seconda scala, a m 3,30 dallin-
gresso Nord, ha limbocco largo m 1,70/0,70 ed alto 2,75.
Allaltezza del pianerottolo, dove sincontrano i due bracci, la scala prende luce da una fi-
nestra volta ad Est, sollevata sul crollo esterno di m 0,80: aperta nel muro, spesso m 2, ha
sezione trapezoidale di m 1,50/0,70 di larghezza x altezza non rilevabile. Dal detto piane-
rottolo, girando da Nord ad Ovest, un tronco di corridoio curvilineo metteva in un altro
corridoio del piano superiore situato sullo stesso asse del grande corridoio inferiore: del
corridoio di raccordo si segue il tracciato segnato da un avvallamento, del corridoio cen-
trale superiore resta il vano con alcuni filari. Tutti i vani (anditi, nicchioni, nicchia, scale),
perfettamente coerenti nelle linee di profilo a taglio trapezio, lo sono anche nella forma
della copertura, che a solaio piano, costituito di grandi lastroni. Esternamente il grosso
edifizio si conserva per laltezza massima sul crollo, di m 6 su 7 filari (a Ovest). Ne costi-
tuiscono il paramento, a disposizione non regolare, grossi massi di basalto rozzamente
lavorati e rabberciati con pietrame minuto. Si hanno pietre di m 0,70 x 0,93 x 0,80;
0,85 x 1 x 0,70; 1,10 x 0,53 x 0,70; larghi gli interblocchi da m 0,30 a 0,20. Sopra i ru-
deri della fortezza e allintorno, in basso, si raccolgono cocci di et romana.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XX, 1850, p. 530; E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 181; A. Tara-
melli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 217, n. 9; A.P. Piludu, Saggio cit., 1953-54, p. 61 ss., tav. n.
7, pianta e sezione, fott. 11-13; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 140; G. Lilliu, Primi scavi del villag-
gio talaiotico di Ses Passes (Art, Maiorca), in Rivista dellIstituto Nazionale dArcheologia e Storia dellArte,
N.S. IX, 1960, p. 62, fig. 84, 1; G. Lilliu, I Nuraghi, in Il Progresso della Sardegna, I.S.E., 1960, p. 29.
Figura 2, 8: nuraghe TSARI-Bortigali (Noro); cartina B, 30.
Su una lieve prominenza di roccia basaltica, nel vasto campo di Bortigali, a 75 metri a
Ovest del riu Bidana, a m 370 di quota. La costruzione di contorno ovale, non del
tutto regolare, di m 18,70 (da Nordovest a Sudest) x 12,70 (da Nordest a Sudovest),
con ingresso a Sudest, provvisto di architrave di m 1,43 x 0,52 x 0,39, parzialmente
interrato. Linterno, alla base, costituito da un lungo corridoio ostruito nella parte di
fondo, che si pu supporre far capo a unuscita situata allopposto dellingresso anzi-
detto, volta a Nordovest; il corridoio della larghezza di 1 metro, si percorre per la lun-
ghezza di 17 metri. Il corridoio, a m 2 dallingresso, ed in fondo, a m 3,50 dallostru-
zione, fiancheggiato da due nicchie, opposte sul medesimo asse, quelle che si
incontrano per prime di m 1,30 x 2,50 di profondit la destra e di m 2 x 1,80 la sini-
stra; le restanti, in fondo, di m 1,20 x 2,90 la destra e di m 1,50 x 2,50 la sinistra.
Quasi al centro del suo percorso lungo e sinuoso il corridoio mostra anche, sul lato si-
nistro, una quinta nicchia di m 1,30 x 2,90 e a destra, in situazione disassiale, il vano
duna scala di otto gradini, che, partendo direttamente dal corridoio, porta al piano
130 131
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Fig. 4: sezioni di nuraghi
1. Frommgas-Sennarolo; 2. Abbaddi-Scanu Montiferru; 3. SEna e Tana-Senna-
rolo; 4. Salggioro-Scanu Montiferru; 5. Nani-Trenuraghes; 6. Monte Lcana-C-
glieri; 7. Krasta-Santulussrgiu; 8. Longu-Cglieri; 9. Altriu-Scanu Montiferru.
Figura 4, 1: nuraghe FROMMGAS-Sennarolo (Noro); cartina B, 51.
In regione Bittitai, cinge, con altri cinque nuraghi, la fertile valle di Su riu de Signario-
lo, in situazione riparata ma dominante, a quota di m 241. Consta di unica torre circo-
lare, di m 41 di circonferenza, con ingresso a Sud, verso la valle, architravato (m 1,80 x
0,90 x 0,90). Landito, lungo m 5, strombato (da m 1,50 a 4), con la scala a sinistra,
introduce alla camera eccentrica, di m 5 e pi di diametro (al riempimento) con due
nicchie tondeggianti ai lati. La torre si conserva per laltezza residua di m 6/7 con 12 filari
a Nord; forse, in origine, raggiungeva laltezza di m 9. Nellinterno si misurano altezze vi-
sibili non superiori ai m 6, su 12 filari. Le sezioni della camera, delle nicchie e della scala
dandito sono ogivali; il taglio dellandito obliquo e innalzantesi verso linterno. Lopera
muraria, poliedrica di basalto, consta di blocchi di media grandezza allesterno; pietre
sbozzate e scaglie nei filari dellinterno. Pochi elementi culturali: un coccio rozzo nura-
gico e frammenti di stoviglie punico-romane, segni di rioccupazione e frequentazione
Fig. 3: planimetrie e sezioni di nuraghi
1. Domu sOrku-Sarrk; 2. Su Nuraxi-Barmini; 3. Piandnna-Sssari; 4. Losa-
Abbasanta; 5. Santu Antne-Torralba; 6. Altriu-Scanu Montiferru.
Figura 3, 1: nuraghe DOMU SORKU-Sarrk (Cagliari).
Planimetria e sezione del mastio, per cui vedi scheda descrittiva di figura 2, 1.
Figura 3, 2: nuraghe SU NURAXI-Barmini (Cagliari).
Planimetria e sezione del mastio A; vedi scheda descrittiva della figura 10, 2 e figure
9, 4, 14, 1.
Figura 3, 3: nuraghe PIANDNNA-Sssari (Sssari).
Planimetria e sezione del nuraghe; vedi scheda descrittiva di figura 1, 11.
Figura 3, 4: nuraghe LOSA-Abbasanta (Cagliari).
Planimetria e sezione del mastio A; vedi scheda descrittiva della figura 8, 4 e figura 11.
Figura 3, 5: nuraghe SANTU ANTNE-Torralba (Cagliari).
Planimetria e sezione del mastio A; vedi scheda descrittiva della figura 8, 6 e figure 1,
25 e 14, 2.
Figura 3, 6: nuraghe ALTRIU-Scanu Montiferru (Noro); v. anche figure 2, 6 e 4, 9.
Planimetria e sezione del nuraghe. Si veda scheda descrittiva di figura 2, 6.
132 133
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1 2 4 5 6 3
1 2 3
4
7
8
9
5
6
poco inclinate, ordinate su 20 filari. Proporzionata la camera, a sezione ogivale, di m
7 daltezza con aggetto del 30%; sezione ogivale mantengono pure le nicchie (altezza
m 1,80/2) e la scala (altezza m 2,40). Il tutto mostra una forma coerente, con mem-
brature proporzionate e duna certa simmetria; fig. 4, 4. Intorno al nuraghe si dise-
gnano cumuli indicanti capanne di abitazione. A valle, sbarramenti megalitici, rettili-
nei e curvilinei, costituiscono una linea di difesa avanzata.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 201, n. 26; P. Pes, Saggio cit., 1953-
54, p. 74 ss., scheda n. 46, fot. n. 21, pianta e sezione n. 13.
Figura 4, 5: nuraghe NANI-Tresnuraghes (Noro); cartina B, 49.
Sul ciglio a destra del riu Mannu, a guardia di fertili campi. Monotorre, con circonferen-
za di m 38, mostra lingresso a Sud, largo m 0,80, sovrastato da architrave regolare, con
finestrino di scarico. Nellandito, lungo m 4 e largo 1,20, sta, a sinistra, la scala che volge
a manca; non c garetta. La camera eccentrica, del diametro di m 4, arricchita con due
nicchie fra di loro equidistanti, strette e profonde (m 1 di larghezza x 2 di profondit). La
torre, coi muri poco inclinati, si eleva, ora, per pi di 6 metri su 15-16 filari; la camera, a
sezione ogivale, proporzionata, alta sul riempimento m 6. Contrasta col taglio ogivale
della camera, quello a sezione trapezoidale delle nicchie (altezza m 1,80) e della scala
dandito (altezza m 3); a ogiva tronca pure il profilo trasversale dellandito coperto,
sulle pareti inclinate, di lastre della larghezza visibile di m 0,40/0,50. Il paramento
esterno consta di pietre basaltiche di medie dimensioni curate nel lavoro, disposte in fi-
le regolari; le pareti della camera si ordinano con blocchi sbozzati uniti con scaglie e
malta di fango, su 20 filari di bello aspetto. Nel giro da Est a Ovest per il Nord, il nu-
raghe circondato da un doppio muro concentrico, a sfoglie, dello spessore complessi-
vo di m 3. Da un lato, a Nordest, il muro si interrompe; dallaltro, a Ovest, dove alto
m5, si articola con una torretta, di m 6 di diametro esterno e di m 3,40 di diametro di
camera, che rotonda, con lingresso piattabandato volto a Sudest. Verso Sud, nel pen-
dio sotto al nuraghe, si osservano resti duna decina di capanne circolari e qualche trat-
to di muro rettilineo: avanzi di et nuragica e romana segnati anche dagli elementi cul-
turali (stoviglie in specie) disseminati al suolo.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 23, n. 23 (Nanni); P. Pes, Saggio cit., p.
154 ss., scheda n. 107.
Figura 4, 6: nuraghe MONTE LCANA-Cglieri (Noro); cartina B, 54.
Su dun piccolo rialzo di terreno, al centro duna conca. Nuraghe monotorre, circolare
del diametro di m 11,60, mostra lingresso a Sud (larghezza m 1,20), con architrave sen-
za finestrino di scarico, ben lavorato, di dimensioni normali. Landito, lungo m 4,70,
strombato verso linterno (larghezza m 1,50), presenta la nicchia di guardia a destra e
la scala a fior di suolo a sinistra (larghezza m 1,20). Introduce alla camera, di pianta
subrotonda, quasi a pera, di m 4 x 3,50, con tre nicchie simmetriche in croce (lar-
ghezza m 1 x circa 2 di profondit). La torre, di m 6 daltezza residua, ha muri esterni
poco inclinati, ed tozza daspetto (fig. 4, 6). Nei vani, accanto al persistere degli ele-
menti tradizionali, come la sezione ogivale della tholos (altezza residua m 4,50) e il
profilo obliquo dellandito (da m 2 a m 3 verso linterno), si osserva lintroduzione del
taglio a piattabanda delle aperture delle nicchie e della scala, sicch logiva risulta
tardiva. Attorno al nuraghe, per un raggio di 20 metri, si presenta un muro megalitico
che fa bastione a valle. Tracce di capanne, forse nuragiche.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 209, n. 27; P. Pes, Saggio cit., 1953-
54, p. 177, n. 128.
Figura 4, 2: nuraghe ABBADDI-Scanu Montiferru (Noro).
Sezione del nuraghe; vedi scheda descrittiva di figura 1, 20.
Figura 4, 3: nuraghe SENA E TANA-Sennarolo (Noro); cartina B, 48.
A quota di m 254, sorge su una piana, alla sponda sinistra del riu Mannu, in luogo di
buoni pascoli, solitario e dominante con le sue belle strutture. Consta dununica tor-
re, della circonferenza esterna di m 48, con spessore murario di m 5 per tutto il con-
torno. Landito, lungo m 5 e largo 1,20, non strombato, circa a met riceve gli ingres-
si della scala a fior di suolo (a sinistra) e della garetta (a destra), molto profonda (m 3)
a profilo concentrico al paramento. Da una parte landito volge allesterno, con la
porta sormontata da grande architrave (m 2 x 1,10 x 1) con finestrino di scarico
(esposizione a Sudest), dallaltra mette alla camera, del diametro di m 5, arricchita da
tre nicchie in croce (larghezza m 1, profondit m 2), dal profilo rigidamente geome-
trico, acuto e spigoloso. Il cono tronco presenta laltezza residua di poco pi di 10
metri, con muri abbastanza inclinati, ci che fa supporre una forma slanciata quando
il volume era integro. Slanciatissima ed allungata la cupola della camera, parzial-
mente rovinata e ridotta a m 6 daltezza, che in origine raggiungeva i 10 metri. La sua
elegante sezione ogivale si ripete, coerentemente, nelle nicchie (altezza m 3), nella ga-
retta (altezza m 3,50) e nella scala (altezza m 4,20), conformate in figure agilissime,
quasi stilizzate. Notevole linclinazione del tetto dellandito (da m 3,40 a 5,40 allo
sfocio nella tholos); fig. 4, 3. Il paramento esterno in opera subquadrata di lava ba-
saltica con pietre di grandi dimensioni disposte in file regolari; curate pure le pareti
dei vani, specie nella camera, dove i conci sono uniti con poche scaglie. Il roccione su
cui si staglia il poderoso nuraghe mostra, verso il fiume, un bastione megalitico di rin-
forzo. Sul piano presso la torre ed entro la protezione della cinta, si riconoscono un
centinaio di capanne coeve al nuraghe, appartenenti a un piccolo centro una piccola
capitale importante e preminente come lo la torre. La cinta che si sviluppa a un
raggio di 50 metri dal nuraghe, a un solo ordine di pietre.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 206, n. 13 (Sanna de Tiana o Rode-
du); P. Pes, Saggio cit., 1953-54, p. 170 ss., n. 122, fot. n. 42, pianta e sez. 28.
Figura 4, 4: nuraghe SALGGIORO-Scanu Montiferru (Noro); cartina B, 46.
A quota di m 417, sorge su un vasto spazio a pascoli, a dominio della confluenza, ai
suoi piedi, di due corsi dacqua. Ad unica torre di m 39,50 di circonferenza esterna, con
lingresso a Sud, architravato, con spiraglio di scarico. Nellandito, strombato verso la ca-
mera (da m 0,80 a 1,60), quasi al centro si incontrano la garetta a sinistra (m 1 x 1,40
di profondit) e la scala a fior di suolo a destra (larghezza m 1). La camera, concentri-
ca, del diametro di m 4,50 e di 17 mq di superficie, si articola in tre nicchie, a mezza
ellissi, larghe m 1,40/1,20, profonde 2, dissimmetriche rispetto allasse delledifizio. Il
tronco di cono, alto oggi sugli 8 metri, appare piuttosto largo e tozzo, con murature
134 135
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Fig. 5: planimetrie di nuraghi con avancorpi di vario disegno
1. Giba e Scorka-Barisrdo; 2. Su Nuraxi-Ssini; 3. Su Cvunu-Gsico; 4. Su
Sensu-Turri; 5. Nrgius-Bonrcado; 6. Molinddu-Sneghe; 7. Palmavera-Alghe-
ro; 8. Monte sOrku Turi-Perdasdefgu; 9. Su Sensu-Pompu.
Figura 5, 1: nuraghe GIBA E SCORKA-Barisrdo (Noro); cartina B, 72.
Su una rupe basaltica, a dominio della vallata di Bacu e Strupu e del vicino mare di
Abba de slimu. Nuraghe monotorre con recinto scoperto antistante allingresso. La
torre circolare, del diametro di m 8,30, con spessore murario di m 2,60/1,30, mostra
lingresso a Sudest, strombato verso lesterno. Linterno del nuraghe appena rilevabile
nel cerchio superiore di svettamento della camera rotonda, di m 3,20 di diametro. Il
volume troncoconico residua per laltezza di m 1,10 su 3 file di blocchi basaltici di ta-
glio subquadrato. Nellinterno si osserva traccia di malta di fango. Misure di blocchi:
m0,75 x 0,48 x 0,72; 1 x 0,85 x 0,35; 0,61 x 0,83 x 0,27. Il recinto disegna una figura
a tre quarti di cerchio aperto a Sudest, dove si evidenzia lingresso; ha m 5 di corda x 4
di profondit sullasse dei due ingressi. Il muro spesso m 2 ed alto, oggi, altrettanto.
Bibliografia: O. Stochino, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 219 della Carta dItalia, I SE-NE,
Universit di Cagliari, a.a. 1945-46, p. 10 s., tav. VIII, 45.
tronca. In connessione con questo stadio si rileva un certo appiattimento e il defor-
marsi della rotondit della cupola alla base, il diminuire dellinclinazione dellobliqua
del soffitto dellandito, il citato taglio dritto della conclusione superiore dei vani sussi-
diari. Il paramento esterno di pietre basaltiche di media grandezza ben ordinate in
file, con cura maggiore nel taglio e nella disposizione nella parte alta della muratura.
Il nuraghe era circondato da una galleria circolare, di m 1 di larghezza, con copertura
piatta di lastroni, alto m 2 circa, con inizio e fine a fianco dellingresso alla torre.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 171, n. 8
a
; P. Pes, Saggio cit., p. 227,
scheda n. 174, pianta e sezione n. 34.
Figura 4, 7: nuraghe KRASTA-Santulussrgiu (Cagliari).
Sezione del mastio; vedi scheda descrittiva della figura 6, 5.
Figura 4, 8: nuraghe LONGU-Cglieri (Noro); cartina B, 53.
Sezione del mastio; vedi scheda descrittiva della figura 8, 1.
Figura 4, 9: nuraghe ALTRIU-Scanu Montiferru (Noro).
Sezione sullandito dingresso; vedi scheda descrittiva della figura 2, 6 e figura 3, 6.
136 137
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1 2
3
4
5
6 7 8
9
allaperto. La torre a Sud sembrerebbe pi antica; la torre a Nord ed il cortile, costrui-
ti unitariamente, sono di et pi recente. Linsieme, disposto longitudinalmente su
una linea Nord-Sud, misura m 32 x 16 (alla massima espansione del cortile). La torre
a Sud, distrutta quasi per intero, misura m 10 di diametro. La torre minore, a Nord,
conserva resti del basamento per un perimetro di m 28,26 (diametro m 9). Nessuna
traccia apparente dei vani, nemmeno del cortile che misura m 12 (Nord-Sud) x 14 (Est-
Ovest), questultimo recinto da un muro di m 1,20 x 3 daltezza su 3 file. Lopera mura-
ria subquadrata, con blocchi ben lavorati di marna calcare, di m 1,20 x 0,45 x 0,90;
0,60 x 0,40 x 0,60; 0,60 x 0,40 x 1,00. Nel terreno allintorno si osservano avanzi di
stoviglie nuragiche.
Bibliografia: M. Figus, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 217, II, NE-SE, Universit di Cagliari,
a.a. 1944-45, p. 111 ss., tav. fig. 64.
Figura 5, 5: nuraghe NRGIUS-Bonrcado (Cagliari); cartina B, 58.
A quota di m 472, su unaltura declinante a Est e a Sud. Due sorgenti dacqua nelle vici-
nanze. Nuraghe del tipo a tancato, con torre primitiva fronteggiata da un corpo ag-
giunto di forma irregolarmente triangolare che si addossa circa alla mezzeria della torre
antica con due ali di muro rettilinee. La torre antica, circolare, del diametro di m 11,40
al piano di svettamento, mostra lingresso a Sud-sudest (m 1 x 0,80), con pietra di archi-
trave. Il corridoio retrostante alla porta, di m 1/1,60 di larghezza e 4,20 di lunghezza, ri-
ceve sulla sinistra lapertura della scala dandito (larghezza m 1) di cui si vedono alcuni
gradini nel vano elicoidale. Landito sfocia nella camera, rotonda, del diametro di m
4,70/3,70, articolata in tre cellette disposte a croce, di pianta semiellittica, di m 1,20 di
larghezza x 1,40 di profondit x 2 daltezza media. La torre alta ancora m 5 su 8-9 file
di pietre; landito dingresso, con volta angolare, si innalza fino a m 3; la camera ogivale
presenta 12 filari per laltezza residua di m 4,20. Ad aggetto il taglio delle cellette, alte m 2.
Il paramento esterno consta di blocchi basaltici di forma poliedrica su piani non regolar-
mente orizzontali, di medie dimensioni: m 1,10 x 0,40 x 0,60; 1,05 x 0,45 x 0,60;
0,95 x 0,35; interblocco 0,05/0,20. Le pietre del paramento interno sono sbozzate nella
faccia a vista con interstizi riempiti dargilla e di scaglie di pietra. Il corpo aggiunto, di
m12 di lunghezza x 14,60 di ampiezza massima misurata allangolo delle branche che si
saldano al mastio, consta di una torretta opposta a Sudest al cono primitivo, e a que-
stultimo collegata da due cortine curvilinee che si espandono in due ali racchiudenti,
contraffortandole, le strutture primitive. Fra il mastio e la torretta aggiunta racchiuso
un cortiletto scoperto a cui si accede dalla cortina di Est e in cui mettono capo gli usci
delle camere delle due torri. Nella cortina di Est, lingresso si apre circa alla mezzeria e in
corrispondenza a una leggera rientranza della cortina stessa, per ragioni di difesa; la por-
ta alta m 1 circa, sormontata da architrave. Il breve corridoio che mette al cortile, di
m2,60 di lunghezza ed elevato sino a 2 metri, presenta sulla destra di chi entra, spostato
verso il cortile, la garetta di guardia, di pianta semiellittica, di m 1,20 di larghezza x 1,80
di profondit x 2,50 daltezza. Del cortile, di piano oblungo, di m 3,40 x 2,40, emergo-
no 5 filari delle pareti per m 2,50 daltezza, con muro a piombo. Il disegno della celletta
e del corridoio della torre minore congetturale in quanto in corrispondenza appare
tutta una rovina. Il corpo aggiunto si conserva allesterno per m 4/2,50 di altezza su 4-6
filari. A due metri a Sudest della torre aggiunta, si osserva un segmento curvilineo di
Figura 5, 2: nuraghe SU NURAXI-Ssini (Cagliari); cartina B, 101.
A meno di 200 m a Sud dellabitato moderno di Ssini, in terreno quasi pianeggiante,
ma dominante. Il nuraghe consta duna torre circolare, semplice, preceduta a Sud da
un piccolo atrio rettangolare aperto sul davanti. La torre antica, latrio da ritenersi ag-
giunto, forse, in un secondo tempo. Linsieme richiama la figura planimetrica dei pozzi
sacri: per esempio di quello di Santa Vittoria di Serri-Noro, Zervos, Civilisation cit.,
1954, p. 290, fig. 353. La torre rotonda, del diametro di m 9,70, con muro di m
2,50/3 di spessore allo svettamento, mostra lingresso a Sud, del tutto ostruito. visibi-
le e percorribile landito dalla parte interna, per la lunghezza di m 2; esso non presenta,
almeno in apparenza, n garetta n scala. Senza spazi sussidiari, per quanto pare, an-
che la camera, con la volta crollata, del diametro di m 4 sul colmaticcio. La torre con-
serva ancora, a Nord, 14 file di pietre per laltezza residua di m 5,50. Lopera muraria
subquadrata, con blocchi di marna accuratamente sbozzati e ben ordinati sullorizzon-
tale, con dimensioni di m 0,60 x 0,55 x 0,23; 0,75 x 0,75 x 0,32; 0,90 x 0,60 x 0,40.
Latrio, antistante la torre, si articola in due branche murarie rettilinee, di m 2,50 di
spessore x 4,50 di altezza residua, lunghe 10 metri circa. Esse formano un corpo co-
struttivo consistente ed evidente, anche per la bella muratura che include uno spazio
rettangolare di m 8 x 3,50/2,30, forse scoperto. Si osservano resti di stoviglie nuragi-
che, fra cui un coccio decorato allesterno con scanalature (facies di Monte Claro?).
Bibliografia: S. Ghiani, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 226, IV, SO-SE, Universit di Cagliari,
a.a. 1944-45, p. 99 s., tav. IV, 70.
Figura 5, 3: nuraghe SU CVUNU-Gsico (Cagliari); cartina B, 99.
Su un breve terrazzo marnoso prospiciente il riu Linus Abrus, chiude la gola di SUt-
turu de Maria Ruda. Nuraghe del tipo a tancato, costituito da una torre primitiva, a
Sud, collegata a una torre aggiunta, allestremo opposto di Nord, da un corpo mura-
rio ellittico che include un cortile della stessa forma. Il tutto, disposto longitudinal-
mente sullasse Nord-Sud, misura m 18 di lunghezza x m 7 circa sulla linea trasversa
del cortile. La torre antica a Sud, circolare del diametro di m 7,50, mostra linvito del-
lingresso a Nord, per il resto ridotta al filare di base; internamente completamente
ingombra di rovine. La torre aggiunta, del tutto ripiena, ha un diametro di m 6 al peri-
metro esterno di cui si vede soltanto il filare di base apparente. Del cortile frapposto fra
le due torri e che aveva lingresso su duno dei lati curvilinei che lo delimitano a Est e
a Ovest con spessore di m 1,50, si misura la lunghezza di m 4,80 x 4 di larghezza; il
paramento si conserva per qualche filare. Lopera muraria, tanto nella torre antica
quanto nelle parti aggiunte, subquadrata, con blocchi di marna a disposizione rego-
lare, di medie dimensioni: m 0,71 x 0,48; 0,37 x 0,40; 0,65 x 0,50 (nella torre Sud);
e m 0,45 x 0,42; 0,62 x 0,50; 0,56 x 0,45 (nella torre Nord).
Bibliografia: Atzori, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 226 della Carta dItalia, IV, NE-NO, Uni-
versit di Cagliari, a.a. 1944-45, p. 41 s., tav. IV, 20.
Figura 5, 4: nuraghe SU SENSU-Turri (Cagliari); cartina B, 84.
Sul ciglio del terrazzo marnoso di Planu Giuanni Spanu, a dominio duna vasta regio-
ne. un nuraghe complesso, costituito di due torri unite da un corpo costruttivo a
quattro bracci di muraglia articolati in figura di losanga, i quali includono un cortile
138 139
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
dista 1 km e mezzo dal mare, sul profilo del torrentello che, scendendo nel solco fra il
M. Murone e il M. del Daus, si versa nellarco della rada algherese a Sud del rilievo di
Pera Pons. Poco distante gli il pozzo Patagone con una bella sorgiva. Il Palmavera fa
parte duna serie di altri numerosi nuraghi, addensati specialmente nelle pianure retro-
stanti alle due maravigliose baie. Il territorio circostante di alto interesse archeologico
ed i monumenti, di ogni genere ed et, testimoniano unantica vivace frequenza umana
in prospere condizioni di vita che ora si va restituendo in quella regione pittoresca, anti-
ca anche nel nome (Nurra). Il nuraghe, del tipo a tancato, consta di una torre primiti-
va a cui si aggiunto, pi tardi, un fasciamento ellittico irregolare che si pronunzia a
Sudest in una torretta secondaria a protezione dei due ingressi e contiene al centro un
piccolo cortile scoperto. Linsieme misura m 21,50 (sullasse dellingresso principale a
Estsudest) x 15 (sullanello del rifascio del mastio, in senso Nord-sud). La torre antica,
circolare del diametro di m 9/10, ha lingresso a Est, con porta leggermente rastremata
di m 1,60 daltezza misurata allarchitrave alleggerito da spiraglio. La porta si chiudeva
dallinterno appoggiando una lastra di pietra sostenuta da pali. Landito retrostante al-
lingresso, di m 2,80 di lunghezza, con copertura tabulare di lastroni chiusi a m 2,50 da
terra, non presenta vani sussidiari. Introduce alla camera, a un dipresso circolare, del
diametro di m 4 per laltezza di m 7, con 16 file di pietre disposte su pareti che, verticali
verso la base, aggettano via via negli anelli medi e superiori fino a formare la calotta ogi-
vale della pseudovolta. Nella camera si affacciano tre nicchioni-armadioni, due laterali di
m1,50 di larghezza x 0,60 di profondit x 2,50 di altezza, ed uno in fondo, poi murato
per ragioni di sicurezza del vano della cella; la sezione trapezoidale. Nella stessa came-
ra, a m 3 di rialzo sul pavimento, si apre limbocco della scala al piano superiore a cui d
luce, a livello del pianerottolo, una feritoia (poi murata dal rifascio). La scala, con giro
da sinistra a destra sviluppato per poco pi dun quarto del perimetro della torre, entro
un vano di m 0,50 di larghezza contenente 22 gradini erti e consunti dal passaggio,
mette in alto sul pianerottolo antistante la camera superiore, dal lungo andito volto a
Nordnordest. Questa camera, del diametro di m 2, ridotta a due filari basali, fu costrui-
ta forse al posto del terrazzo originale, quando la torre primitiva fu fortificata col corpo
aggiunto. Infatti non v traccia di finestrone allesterno, che sempre il segno indicativo
dellesistenza duna seconda cella, n in corrispondenza al pianerottolo superiore della
scala n, come si osserva in genere, in direzione del cortile (vedi, ad esempio nel Santu
Antne, nel Voes di Torralba, nel Su Nuraxi di Barmini etc.). La torre si conserva per
laltezza massima di m 8, con muri inclinati di 8, tirati su a file orizzontali di blocchi
subquadrati di calcare. Allinterno lopera muraria meno curata, ma i blocchi, messi
per lo pi grezzi col taglio naturale, si ordinano del pari in corsi regolarizzati con scheg-
giame e argilla. Il corpo aggiunto, dopo aver fasciato per tre quarti la torre primitiva per
la met circa dellaltezza con uno spessore variante fra 2 e 3 metri, si protende davanti al
mastio in forma di mezza ellissi di m 10 di lunghezza x 13,60 di larghezza (alla tangente
del torrione), interrotta, a Sudest, dalla prominenza della torretta, che forma un picco-
lo baluardo ad orecchione in difesa della parte pi vulnerabile del forte, per la presenza
degli ingressi. Gli ingressi sono due. Uno, il principale, sul lato Sud del tancato, guar-
da a Sudsudest; laltro, sussidiario e di pianta complessa, volge ad Est, ad unestremit
dellellissi. Il primo, di m 1,40 di altezza (tale da obbligare a curvarsi lassalitore), mo-
stra la soglia di calcare e larchitrave subquadrato di trachite; si apre in angolo con la
muro a 2 filari di m 1 daltezza. Pi lontano, a m 8 di distanza, si presenta un anello
murario di 2 metri di diametro e 1,20 di spessore, con blocchi poliedrici di medie di-
mensioni. Trattasi di resti di capanne coeve al nuraghe.
Bibliografia: E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 89; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206,
1935, p. 137 s., n. 30; A. Piras, Saggio cit., 1952-53, p. 78 ss., tav. VII, 53.
Figura 5, 6: nuraghe MOLINDDU-Sneghe (Cagliari); cartina B, 63.
A quota di m 276, su uno spuntone di roccia basaltica dominante sul riu Funtana Can-
nas. Nuraghe a tancato, con torre antica fronteggiata, a Sudest, da un corpo aggiunto
avente allestremit una torretta che stringe, insieme con la torre primitiva, un cortile
frapposto, il tutto sullo stesso asse. La torre principale, lasciata con paramento in vista
per un quarto di giro a Nordovest, tondeggiante, con diametro di m 8,60 allo svet-
tamento: presenta lingresso a Sudest. Dietro la porta, landito rettangolare, lungo m
5,40 largo 1,70 ed alto allo sfocio in camera m 5, mette nella tholos scoperchiata, in
situazione eccentrica, del diametro di m 3,40 sopra le macerie. Landito ha sezione an-
golare, la camera ogivale (altezza residua m 4 su 8 filari). La torre allesterno si conser-
va per laltezza massima di m 5/6 su 8-10 file formate da pietre di basalto, di m 1,05
x 0,45, 1 x 0,40, 1 x 0,75 x 0,35 (interblocchi 5/25 cm); allinterno il paramento mo-
stra tracce di malta di fango negli spazi fra i filari. Il corpo aggiunto, di m 15 di lun-
ghezza x 12,40 di larghezza alle ali saldate al mastio, si restringe al centro (m 9 sullas-
se del cortile) per concludersi nellestremo opposto al mastio, nella torretta sussidiaria
di m 4,40 di diametro. Le cortine di Est e Sudovest, rettocurvilinee, di m 9 circa di
sviluppo, uniscono le due torri, fondendo le strutture in quella della minore. La tor-
retta marginale contiene una camera rotonda, di m 2,50 di diametro sul crollo, con
pareti a 6 file di pietre visibili sul riempimento per m 3 daltezza. La camera comuni-
ca, per un andito lungo m 1,40 e largo 0,75, leggermente strombato, col vano scoper-
to del cortile. Questultimo, di pianta a tre quarti di ellissi (m 4,50 x 3,50), con pareti
verticali (altezza residua m 2/4 su 8 file), riceve gli ingressi delle due torri (architravato
con spiraglio di scarico quello della maggiore), posti sullasse di longitudine; sullasse
trasverso accoglie il corridoio dentrata del corpo aggiunto, con luscio volto a Sud-
ovest. Nel tratto di parete ad Ovest dello stesso cortile, a m 1,70 daltezza sul piano di
rovina, si osserva unapertura a sezione quadrata, larga cm 70, da supporsi in relazione
col vano dun corridoio, della stessa larghezza, ricavato nello spessore della cortina di
Sudovest, nella parte a destra dellandito dingresso. Questandito, lungo m 3 e largo
1/0,80, ha due garette di guardia contrapposte, la sinistra di m 0,75 di larghezza x 1,80
di lunghezza x 0,70 daltezza, quella a destra di m 1 x 0,80. Il corpo aggiunto si eleva
per m 3 su 6 filari (alla torretta). Le pietre usate, di forma poliedrica, rozzamente la-
vorate e con uso di scheggiame, sono di grandi e medie dimensioni: m 0,90 x 0,65;
1,05 x 0,45 x 0,30; 0,95 x 0,40 x 0,40; interblocchi cm 5/25.
Bibliografia: A. Piras, Saggio cit., 1952-53, p. 85 s., tav. VIII, 59.
Figura 5, 7: nuraghe PALMAVERA-Alghero (Sssari); cartina B, 7.
Gi del monte omonimo (m 358), a mezzo fra le rade di Alghero e Porto Conte, domina
la strada che gli passa al margine Sud, da un terrazzo vallivo a m 64 di quota. Il nuraghe
140 141
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
aggiunto. La rampa nella cortina a Sud (lato sinistro del cortile) sfociava, al suo termine,
in una cameretta sovrapposta a quella inferiore della torretta; laltra rampa, sul lato destro
del cortile, metteva a un ripostiglio o sul terrazzo. Si capisce che gli imbocchi delle scale
sul cortile si raggiungevano con delle scale mobili di legno o di corda, data la notevole so-
praelevazione dal suolo. Entrambe le rampe, ricavate in vani stretti e ripidi, mostrano i
gradini erti e usurati. Lilluminazione era assicurata con lampade di terracotta, di cui si
trovato un esemplare entro il vano della scaletta a Sud. Tutta la costruzione del tancato
era terminata da un terrazzo con lo spalto pi ampio e pronunciato nellarco del perime-
tro da Sudsudest a Nordnordest, dove convergevano le scale dallandito di Est e dal corti-
le, e dove si infittivano le camere darme (nella torretta e sopra lingresso Est) e si presen-
tava la trappola, ben architettata, della galleria secondaria daccesso al forte. Il resto del
rifascio murario del tancato offriva soprattutto un robusto anello di consolidamento e
di sostegno dellantico torrione che costituiva parte ancora efficiente del sistema difensivo
del nuraghe. Il tipo di struttura del bastione aggiunto, conservato per laltezza massima di
m 5 (alla torretta), con inclinazione esterna di 10, pi regolare di quella del mastio. Il
paramento esteriore costituito di blocchi subquadrati di arenaria, di taglio pseudoisodo-
mo, ordinati in file orizzontali con elementi che diminuiscono in proporzione verso lal-
to. Nellangolo fra la torretta e la cortina di Sud, si osservano grandi blocchi con la faccia
a vista sagomata in modo da prendere insieme, concatenandoli, il filo rettilineo e quello
curvilineo delle pareti a tangenza. Meno curata lopera nellinterno e di pietre di minori
dimensioni che allesterno; mantenuta per sempre la disposizione a filari, con molto
scheggiame minuto. Il nuraghe fu scavato dal Taramelli nel 1904. Sia la camera del ma-
stio, sia il cortile, sia la cella della torretta aggiunta restituirono copioso e vario materiale.
Lo strato inferiore della camera del torrione mostr tracce di focolari e resti di sbavature e
oggetti minuti spezzati di rame e bronzo che fecero supporre unattivit di piccola fondita
di metallo, per fare armi e strumenti; simili documenti si rinvennero nel cortile. Si son
trovati anche sgabelli di pietra e sedili (questultimi nellinterno del torrione) usati dalle
persone che attendevano allopera artigianale. Fra i materiali archeologici, agli oggetti di
pietra (pestelli, macinelli, accette verdi etc.) si accompagnavano armi (spade, pugnali, col-
telli) e utensili (accette, pettini) ed elementi ornamentali (spilloni, anellini, lamine, botto-
ni con figurine) di bronzo, perline di ambra e, in misura prevalente, ceramiche. Questul-
time eran di varia forma (olle biansate con collo, ciotole carenate, lampade etc.), impasto
e tecnica di lavorazione, or fine ora sciatta. Fra le altre si ebbero resti di belle stoviglie ne-
rolucide, buccheroidi, fra cui si distinguono sagome di brocche a becco con eleganti de-
corazioni geometriche di gusto villanoviano. Una gran quantit di resti di pasto (ossa
danimali fra cui bue e cervo) e molluschi del vicino golfo. Negli strati superiori si osser-
varono tracce della frequentazione del nuraghe in epoca punico-romana, ci che fa sup-
porre lesistenza dun vicino piccolo centro di vita che sostitu quello di et nuragica. La
torre antica pu datarsi prima del 1000 a.C.; dei tempi fra lVIII e il VII secolo a.C. il
tancato. Il forte fu distrutto forse intorno al VI secolo a.C. La frequentazione in et
classica si rivela in stoviglie del III-II secolo a.C.
Bibliografia: A. Taramelli, A.S.S. (Archivio Storico Sardo) I, 1905, p. 419; Rendiconti R. Istituto Lombardo di
Sc. e Lettere, s. II, vol. XXXIX, 1906, p. 460; Mon. ant. Lincei, 1907, XVIII, col. 20, nota 1, col. 90, 112;
Mon. ant. Lincei, 1909, vol. XIX, col. 225-304, tavv. I-VI, figg. 1-20; Mon. ant. Lincei, 1910, vol. XX, col.
165, 201, 209, 217 s., 222, 228; Mon. ant. Lincei, 1914, XXIII, col. 369, 372, 384, 386, 412; Guida del
torretta aggiunta, guardato sulla destra a filo esterno da una feritoia (concetto di colpire
da destra, sul fianco scoperto non protetto dallo scudo, comune nei nuraghi e forse di
derivazione micenea). Landito retrostante, lungo m 3, col soffitto tabulato, mostra, sulla
sinistra, una nicchia quadrangolare con gradino usato come sedile dal soldato di guar-
dia; sfocia, poi, per una porta alta m 1,80, con architrave e spiraglio di scarico, con trac-
cia di chiusino dallinterno, dentro il cortile. Complicato e studiato per ritardare, dis-
orientare e offendere il nemico che fosse riuscito a forzarlo, il secondo ingresso. Vi si
mostra un dispositivo di nicchie bilaterali in profondit, che sar molto divulgato, pi
tardi, nei nuraghi a corridoio; a questa forma richiama anche la copertura a piattaban-
da. Lingresso si apre, come laltro, in angolo con la torre aggiunta, nascosto, sul lato si-
nistro, dal suo giro sporgente. La porta, di sezione rettangolare alta m 1,30, con archi-
trave e battuta della chiudenda nello stipite destro, si fermava dallinterno con travi
inseriti in profonde incassature delle spalle dellandito. Il corridoio dietro lingresso, che
perfora la cortina per la lunghezza di m 7, si articola in due tratti che ripetono in di-
mensioni minori, dallesterno verso linterno, lo schema del vano a garette affrontate. Il
vano anteriore si compone di una nicchia-garetta, breve, a sinistra e di unaltra, pi pro-
fonda, a destra. Nella prima batte una feritoia dalla camera della torre aggiunta, che fa
pendant a quella dinfilata sullingresso principale. Dalla parete di fondo della nicchia di
destra unaltra stretta e lunghissima feritoia (m 4,40) guarda sul lato Nord del tancato,
o forse anche meglio fungeva da finestrino di luce su quel groviglio di ambienti frasta-
gliati scavati nel massiccio della cortina. Nella stessa nicchia, sulla parete di destra ad al-
tezza di suolo, unapertura mette ad una scaletta che, girando a destra con due branche
interrotte da brevi tratti di pianerottolo, sale a una cella di pianta cuoriforme, sovrappo-
sta allandito dingresso. Da osservare anche, in questo primo tratto dellandito, una bo-
tola nel soffitto chiusa da un grosso sasso, e una buca sul pavimento: evidenti ritrovati di
offesa per sorprendere il nemico. Superata la porta, architravata, di m 2,05 daltezza con
incassature negli stipiti per il chiusino, si entra nel secondo tratto del corridoio, vigilato
per parte da nicchie rettangolari, minori di quelle del primo tratto, di m 1 di larghezza
x 1,50 di profondit col soffitto piano chiuso a poco pi di due metri daltezza; anche in
questo tratto, nel soffitto tabulare, sta una botola. Il secondo andito mette, infine, nel
cortile per una porta alta m 1,70 e larga m 1, con la soglia rialzata di mezzo metro dal
suolo del recinto (altro espediente per offendere il nemico); la porta volutamente dis-
assiale rispetto a quella del mastio, situazione divergente comune ad aperture di altri nu-
raghi. Il cortile, di pianta a un dipresso semilunare, misura m 2,20 x 6,50 (mq 28,67 di
superficie). racchiuso da pareti leggermente convergenti verso lalto, ma non chiuse,
per permettere che venissero illuminati e arieggiati i vani interni del mastio e della tor-
retta. Nel cortile si dispongono aperture a piano terra e rialzate. A livello di suolo, a sini-
stra di chi entra dallandito secondario, la porta architravata che immette, per landito
strombato, alla camera della torretta, di m 4,20/3,80, ogivata con la cupola sfondata,
munita delle due feritoie descritte. A destra, a un metro daltezza sul pavimento, si apre
la luce rettangolare, architravata, duna nicchia rettangolare. Pi in alto, poi, a m 2,50,
alle due estremit opposte delle pareti del cortile alla tangenza col giro del mastio, aper-
ture di bel taglio trapezoidale (o troncogivale), a stipiti ben profilati e con architravi re-
golari (altezza m 1,80) introducono a rampe di scale in muratura, ricavate nelle ali Nord
e Sud delle cortine dellellissi, tornanti, a gomito stondato, verso la fronte Est del corpo
142 143
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
per mezzo di un corridoio di m 2 di lunghezza. Il lobo B, di m 7,40 x 8,50, con mu-
ro spesso 2 metri, potrebbe essere anche dun cortiletto scoperto, perch non facile
immaginare altra illuminazione e aerazione se non da uno spazio a cielo aperto, non
consentendo una qualche luce il profondo seguirsi dei vani C-A se supposti tutti co-
perti. Sia una camera o sia un cortile, il lobo B di figura tondeggiante, con m 4 di
diametro. Da B il detto corridoio mette in C, lobo frontale di cui si misura il diame-
tro esterno di m 5, ma non linterno perch il vano ricolmo di terra e pietre. Si pro-
fila invece lapertura esterna dellingresso a Sud (che poi lunico ingresso a tutta la
costruzione), ancora con un imponente architrave di m 2,15 x 0,71 x 0,53. Lopera
muraria del corpo aggiunto identica a quella di A.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, VI, 1840, p. 704 (Turi); E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 153; Bo-
scolo-Pintor-Serra, Guida, p. 133 (Orcu); F. Pilia, Saggio di Catalogo archeologico, Foglio 218, II, NE-SE, Uni-
versit di Cagliari, a.a. 1950-51, p. 147 ss., tav. X, 3; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, pp. 55, 63, figg. 16, 18.
Figura 5, 9: nuraghe SU SENSU-Pompu (Cagliari); cartina B, 76.
Al confine del territorio di Pompu e di Siris, su un colle che domina le valli dei rius Mguru
e Mannu. Nuraghe di planimetria singolare, con tre torri (B-A-C) allineate in longitudine
su un asse Nord-Sud, fra loro comunicanti per corridoi disposti sullo stesso asse e con unico
ingresso esterno, ad Estnordest, entro il muro di rifascio di B che si addossa a quello di rin-
calzo ad A. Nella successione costruttiva, A segna la torre primitiva originaria; il rifascio di A
e le torri B e C sono state aggiunte e coordinate strutturalmente ad A in tempi posteriori,
sempre nuragici. Linsieme della costruzione misura m 31 (sulla linea B-C) x 19 (sullasse
trasversale di B). La torre A circolare, del diametro di m 11,40 compreso il rifascio di m
1,70 di spessore, aveva in origine un solo ingresso a Sud, lungo m 3 e largo 0,50/0,80,
senza spazi di garetta n di scala, che introduceva nella camera rotonda, centrica, di m
4,80 di diametro. In essa al fondo, cio a Nord, si affacciava un nicchione che, poi, colla
costruzione del corpo aggiunto fu aperto e trasformato in un andito di passaggio a B. Nel-
lesecuzione del piano della nuova fabbrica, tenuto conto della breccia fatta nello spessore
murario di A oltre che del suo generale stato di vetust, la torre antica fu rifasciata; e le
nuove strutture di rincalzo furono organicamente collegate e fuse con i paramenti delle
torri B e C, risultandone ununit articolata con coerenza architettonica e stilistica. La tor-
re C incorporata a Sud di A, circolare del diametro di m 8 con spessore di muro di 2 m,
contiene la camera leggermente oblunga di m 4 di diametro, a profilo lineare semplice.
Della torre B, di m 9,40 di diametro, non si pu rilevare linterno perch ricolmo di ma-
cerie. La torre, per tutto larco da Est a Ovest, circondata da un muro di contenimento
di spessore vario (da m 2,80 a 5), nel quale, al contatto fra le torri B e A, ricavato lin-
gresso dalla campagna, a Estnordest come si detto. Lingresso largo m 1 e si prolunga
in un andito di m 4 circa da cui, attraverso il corridoio non rilevabile della torre B (segna-
to a tratteggio), si entrava nella camera della stessa. Il nuraghe molto distrutto, ridotto
per lo pi a un solo filare. Lopera muraria del complesso di marna calcare, con blocchi
subquadrati di mc 0,197 e di t 0,314 di media. Nel terreno intorno alledifizio, frequenti
resti di ossidiana e avanzi di stoviglie di rozzo impasto del periodo nuragico.
Bibliografia: A. Taramelli, Mon. ant. Lincei, XXV, 1918, col. 27; C. Puxeddu, Saggio di Catalogo archeo-
logico sul Foglio 217 della Carta dItalia, II, NO-SO, Schedario Monumenti, a.a. 1954-55, p. 254 ss.; G.
Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 163, fig. 40, 4, p. 163, nota 83, p. 168 ss., fig. 41, 14.
Museo Nazionale di Cagliari, Cagliari 1914, p. 11 s., p. 171 e tavv. V-VIII, fig. 8-12, tav. IX, fig. 13; Mon.
ant. Lincei, 1918, XXV, col. 62, 66, 68, 76, 78, 83, 86, 125; Mon. ant. Lincei, 1919, XXV, col. 8, 35;
Mon. ant. Lincei, 1921, XXVII, col. 10 s.; U. Rellini, Miniere e forni preistorici, in Riv. dAntropologia,
XXV, 1922, p. 14; E. Pais, Storia della Sardegna e della Corsica durante il dominio romano, Roma 1923, II, p.
729; F. Flumene, Un po pi di luce sul problema genetico dei Nuraghi di Sardegna, Sssari 1923, pp. 69, 166,
168, 213; U. Rellini, Miniere e fonderia det nuragica in Sardegna, in Bull. Paletn. It., LXIII, 1, 1923, pp.
6, 15; A. Taramelli, Il Convegno archeologico in Sardegna, 1926, pp. 16, 26, 41, 43, figg. 34-38; F. Von
Duhn, Nurage, in Reall. d. Vorg., 1927, IX, p. 142; A. Taramelli, Bull. Paletn. It., XLIX, 1929, p. 86; I
nuraghi e i loro abitatori, in LArte per tutti, Roma 1930, pp. 3, 9, figg. 4-5; Mon. ant. Lincei, 1931, XXXIV,
col. 54, 103; Gli studi archeologici in Sardegna, in Mediterranea, VI, 1932, p. 5 (estratto); Bull. Paletn. It.,
LII, 1932, p. 101; Atti Congresso Geografico Italiano, 1935, p. 67; A. Taramelli-Delogu, Il R. Museo Nazionale
e la Pinacoteca di Cagliari, Roma 1936, p. 8, figg. 51-52; A. Taramelli, Chi i Romani trovarono in Sarde-
gna?, in Sardegna Romana, II, 1939, p. 7 (estratto); Mon. ant. Lincei, XXXVIII, 1939, col. 12, 18-20, 41-
43, 45-46, 53, 68, 280, figg. 14-15, tav. IX, n. 209; U. Rellini, La Penisola apenninica e la Penisola ibero-
lusitana nei rapporti preistorici, in Relazioni storiche fra lItalia e il Portogallo, Roma 1940, p. 28; G. Patroni,
Architettura preistorica generale e italica Architettura etrusca, Bergamo 1941, pp. 182, 197, 199, 205, 208,
347, figg. 214, 238, 240-241, 255-6; G. Lilliu, Bull. Paletn. It., V-VI, 1941-42, pp. 158, 186; A. Bonu, Nel-
lIsola dei Nuraghi, 1942, p. 26; D. Levi, Sardinia: Isle of Antitheses, in The Geographical Review, XXXIII,
n. 4, 1943, p. 637, fig. 8; P. Mingazzini, St.S., VII, 1947, pp. 15, 17, 20; G. Lilliu, St.S., VIII, 1948, p. 7,
nota 4, p. 8, 62 s., 318 s., 320; M. Pallottino, La Sardegna nuragica, 1950, pp. 29, 38, 54, 61, tav. VI, 1; G.
Patroni, La Preistoria, I, 1951, pp. 480, 483, tav. XI, d; G. Lilliu, St.S., X-XI, 1952, pp. 84, 114, 116; E.
Contu, ibidem, p. 138 s., 143, 150; G. Lilliu, Annali delle Facolt di Lettere e Filosofia e di Magistero dellUni-
versit di Cagliari, XXI, parte I, 1953, p. 93; Zervos, Civilisation cit., 1954, p. 50 s., figg. 20-26; D. Paned-
da, Lagro di Olbia, 1954, p. 12, nota 31, p. 14; G. Lilliu, St.S., XII-XIII, 1, 1955, pp. 98, 100-102, 108,
118, 120, 152-154, 159, 161, 163, 187 s., 196, 198, 200-203, 209, 211, 306, 309, 447, 460; E. Contu,
ibidem, pp. 470, 474; V. Mossa, Architettura domestica cit., 1957, p. 56, nota 54; A. Borio, Sardaigne, 1957,
p. 21; Atzeni, St.S., XIV-XV, 1958, p. 97; E. Contu, ibidem, pp. 141, 143, 145, 147-150, 176, 178, 185; G.
Lilliu, ibidem, p. 260; M. Serra, Sardegna quasi un Continente, 1958, p. 153; E. Contu, I pi antichi nura-
ghi cit., 1959, pp. 103, 105, 110 s., 114; G. Lilliu, I nuraghi, in Il Progresso, cit., 1960, p. 27.
Figura 5, 8: nuraghe MONTE SORKU TURI-Perdasdefgu (Noro); cartina B, 92.
Su unaltura dellaltopiano di Perdasdefgu, in terreno selvoso e ricco dacque. Nura-
ghe singolare, costituito da tre corpi di torre ellittica allineati su dun asse longitudina-
le in senso Nord-sud, degradanti in proporzioni dal fondo verso lingresso aperto a
Sud, nel corpo pi piccolo. Non si esclude che A, la torre Nord, sia pi antica come
costruzione e che B e C siano state aggiunte, unitariamente, in et pi tardiva dellori-
ginaria. Linsieme ha una lunghezza di m 21 x 8,50 di larghezza massima (su B); la
lunghezza interna, sullallineamento di corridoi e camere dallentrata a Sud al fondo
della camera A a Nord, di m 18,50. La torre primitiva A, di m 10 x 8 di diametro,
con spessore murario di m 3, ha lingresso a Sud, architravato con finestrino di scari-
co. Dietro la porta, il corridoio, di m 3 di lunghezza x 1,70 daltezza, a sezione trape-
zoidale, mostra la copertura a piattabanda; esso introduce nella camera tondeggiante
di m 4 di diametro, con la volta crollata. La torre residua per laltezza esterna di m 7;
la camera si eleva per m 2,50 (a Est) sul colmaticcio. Lopera muraria subquadrata
con file orizzontali di pietre calcari di taglio curato e regolare. Il corpo di torri B-C
mostra il paramento esterno fuso e continuo, che disegna una figura di lettera otto;
nellinsieme ha lunghezza di m 13 x 8,50. Le camere B-C, contenute nelle due torri,
sono disposte in profondit sulla stessa linea longitudinale, e comunicano fra di loro
144 145
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Fig. 6: planimetrie di nuraghi con addizione frontale a sviluppo trasversale
1. Frida-Illori-Esporlatu; 2. Sa Mura e Mzzala-Scanu Montiferru; 3. Attentu-
Ploghe; 4. Bronku-Bonrcado; 5. Krasta-Santulussrgiu; 6. Nuracce Du-Gsturi.
Figura 6, 1: nuraghe FRIDA-Illori-Esporlatu (Sssari); cartina B, 20.
Su un rilievo tondeggiante, a m 920 di quota, nella foresta di Burgos. La torre primiti-
va fronteggiata da un corpo aggiunto di schema a tancato, disposto in direzione
Nordest-sudovest. La torre antica, di m 10 circa di diametro allo svettamento (impossi-
bile rilevare il diametro basale), presenta lingresso a Sudest, di m 1,20 di larghezza.
Landito retrostante, di m 3 circa di lunghezza, presenta garetta a destra e scala a sini-
stra. Nella camera, di m 4 circa di diametro supponibile, si disegnano tre nicchie in
croce non misurabili per il gran crollo di tutto lambiente. Lo schema a tancato, a
Sudest del mastio, di m 14,40 di lunghezza x 6,60 di larghezza, forma un corpo ellitti-
co con due torri ai margini e un interposto cortile al centro. Nel cortile sfociano le
aperture della porta del mastio, dellopposto ingresso esterno, degli anditi, molto brevi,
comunicanti con le camere delle torri marginali: la disposizione a croce degli anditi
compone uno schema abbastanza simmetrico. Il cortile, di piano quadrangolare, di m
3,3 x 4, recinto da un muro di m 2,5 di spessore (sulla fronte). Delle camere, di m 3
e 2,20 di diametro al livello del colmaticcio, quella a destra completa della cupola, di
m 5 circa daltezza apparente. Il mastio allesterno alto m 6, con file di pietre di me-
dia grandezza (mc 0,3), piuttosto rozze.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, f. 193, 1940, p. 59, nn. 19 e 19
a
(Boltana); V. Tetti, Sag-
gio cit., 1956-57, p. 33 s. (II), tav. n. 78.
146 147
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1
2 3
4
5
6
Figura 6, 2: nuraghe SA MURA E MZZALA-Scanu Montiferru (Noro); cartina B, 43.
A quota di m 523, al centro duna spianata boscosa, contornata da altri nove nuraghi,
forse in coordinata col nostro maggiore per mole e preminente per situazione. Una
tomba di giganti nelle vicinanze; vicini pure cumuli di pietre, indicanti antica abita-
zione durata fino in epoca romana. Il nuraghe consta di una torre primitiva e princi-
pale, fiancheggiata, tranne che per un breve tratto a Nordovest, e fronteggiata da un
corpo aggiunto quadrangolare, con due torrette rispettivamente negli angoli Sud ed
Est, con interposto cortile avente lingresso nella cortina rettilinea che unisce le due
torrette. La torre antica, della circonferenza esterna di m 40, mostra tracce dellingres-
so a Sudest. Nellandito, lungo m 4,60, non sono visibili n garetta n scala; limboc-
co a una scala, a pi di 2 metri daltezza sul pavimento, vedesi invece dentro la came-
ra, sulla parete a Nord: questa scala gira da destra a sinistra, con larghezza di m 1 e
con inclinazione di 45, avente dieci gradini di buon taglio. Nella camera, del diame-
tro di m 4,5, eccentrica, non si riscontrano segni di nicchie o daltro. La torre si con-
serva per laltezza massima attuale visibile di m 6,50 su 15 filari (a Nord); la camera
residua per m 4 di elevato in 10 file, per il resto crollata. Interrato per la maggior
parte il corridoio dingresso, a pareti aggettanti visibili per laltezza di m 2. Il para-
mento esterno fa un bello effetto, coi blocchi di basalto subquadrati, di media gran-
dezza nei filari alti, ordinatissimi. Nel corpo aggiunto, le due torrette hanno diametri
esterni di m 10 circa, camera di m 4,50, spessore murario di 2,50. Comunicavano so-
lo allinterno, con ingressi di m 3, volti al cortile: uno spazio, questo, semilunare, di
m 8 x 4, provvisto dingresso esterno, in asse con quello della torre primitiva (lun-
ghezza m 3 circa, larghezza 1). Torri e cortine del corpo addossato, mostrano apparec-
chio in opera poliedrica di basalto, senza lavoro delle pietre che sono messe quasi al
naturale, contrastando con laccurata lavorazione e la rigorosa disposizione dellopera
subquadrata della torre antica. Trattasi di opera affrettata e decaduta. Una cortina mu-
raria megalitica, a un solo ordine di pietre basaltiche rozze, completava la fortificazio-
ne, circondando il nuraghe a guisa di antemurale.
Bibliografia: E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 166; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p.
202, n. 32; P. Pes, Saggio cit., 1953-54, p. 34 ss., tav. n. 5.
Figura 6, 3: nuraghe ATTENTU-Ploghe (Sssari); cartina B, 9.
A quota di 393 m, al margine dellaltopiano calcare su cui sorge labitato moderno di
Ploghe, a 300 metri di distanza a Sudovest delle prime case. Il nuraghe consta duna
torre primitiva fronteggiata, a Estsudest, da un corpo aggiunto a due torricelle unite
da una cortina rettilinea interposta; nellinterno, fra le torri, un cortile scoperto. Lin-
sieme misura m 16,40 (sullasse della torre antica-cortina frontale del corpo aggiunto)
x 20 (asse trasverso sulle torricelle marginali). La torre antica, circolare, del diametro
di m 11, con spessore murario di m 4 allincirca, aveva lingresso a Sudest, non visibi-
le ora perch ostruito dalla rovina che riempie lantistante cortile. Della cella si dise-
gna il giro superiore, scapitozzato sotto la serraglia, di m 3 di diametro, con altezza di
parete sul riempimento di m 1. Opera subquadrata di calcare, con blocchi di medie
dimensioni: m 0,80 x 0,70 x 0,85; 0,80 x 0,60 x 0,60; 0,70 x 0,50 x 0,90. Alla torre
antica, conservata allesterno per laltezza massima di m 2 (Ovest-nordovest), si addos-
sa, con due cortine oblique al suo filo, simmetriche (lunghezza m 7), il corpo aggiunto.
Ovest). Le cortine sono alte da m 2 a 1, con spessore da m 5 a 2,40. Le strutture del
corpo aggiunto, pure daspetto rozzo, presentano pietre di dimensione maggiore di
quelle del mastio: m 1,20 x 0,75 x 0,40; 0,95 x 0,70 x 0,35; 1 x 0,70 x 0,55; inter-
blocchi 0,05/0,25.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 144, n. 65 (Brunku); A. Piras, Sag-
gio cit., 1952-53, p. 98 ss., tav. IX, 69; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 58, nota 43, p. 164, nota 84.
Figura 6, 5: nuraghe KRASTA-Santulussrgiu (Cagliari); v. anche figura 4, 7; cartina B, 52.
Sta a quota di m 762 sul mare, in localit Elighe Onna. situato al centro dun roc-
cione piatto isolato e dominante sulla campagna allintorno. Il nuraghe si compone
duna torre primitiva e di un corpo frontale aggiunto con due torri unite da una corti-
na curvilinea. La torre antica, della circonferenza esterna di m 35, mostra lingresso a
Sudest, di m 1 x 2 daltezza, sormontato da architrave con finestrino di scarico. Lan-
dito, lungo m 3,70, provvisto di garetta a destra e di scala a fior di suolo a sinistra (m
1 x 2,5 daltezza), introduce alla camera. Questultima centrica, circolare, del diame-
tro di m 3,50, con muro spesso 3,70; si arricchisce di due nicchie laterali spostate ver-
so il fondo. Il volume troncoconico (v. figura 4, 7), dal paramento esterno quasi verti-
cale, con altezza residua di m 5 su 15 filari, contiene logiva abbastanza proporzionata,
che si conserva per laltezza di m 5 su 13 filari. Contrasta con il taglio ogivale della ca-
mera, quello delle cellette a sezione di vuoto trapezoidale, e quello dellandito din-
gresso coperto da lastroni di piattabanda a m 2,50 dal suolo; a taglio trapezoidale
pure la sezione della scala dandito. Il paramento esterno di pietre basaltiche di accu-
rata lavorazione, di media dimensione in basso e piccole in alto; le strutture interne
sono in piccole pietre sbozzate, con scaglie interposte. Nel corpo aggiunto le torrette
laterali, del diametro interno di m 3, con spessore di muro variante fra m 2 e 1,50, si
protendono ad arco di cerchio sul davanti della torre primitiva, formando una cortina
in cui si pu immaginare lingresso in linea con landito del mastio; dallingresso si di-
partono, a ciascun lato, dei corridoi che portano alle camere contenute nelle torrette
addossate. Lapparecchio del corpo aggiunto, pure in basalto, costituito di blocchi
poliedrici appena sbozzati il cui rozzo aspetto contrasta con quello delle murature del
nucleo antico. A Est del roccione, si osservano cumuli di macerie, forse di capanne
dun villaggetto nuragico.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, IV SE, p. 196, n. 5; P. Pes, Saggio cit.,
1953-54, p. 10 ss., tav. n. 2.
Figura 6, 6: nuraghe NURACCE DU o ADDU-Gsturi (Cagliari); cartina B, 79.
A quota di m 280, su dun ripiano alla pendice del versante Est della giara di Gsturi,
domina la valle del riu Mannu che segna la via dingresso dalla Marmilla al Sarcidano,
cio verso il centro montuoso dellIsola. Il nuraghe arrocca la valle in un punto di par-
ticolare interesse strategico (tav. XII, 1). Fertile la pendice terrazzata da cui guardano
il Nuracce Du ed altri vicini nuraghi scaglionati su promontori o brunkus affacciati
sulla strada Barmini-Gsturi (tav. I, 3); fertile soprattutto la verde piana al piede: il
Pardu Erru. Sullo sfondo, ad Est, al di l del riu Mannu, lanfiteatro di colline della
Trexenta, punteggiate di torri nuragiche. Il nuraghe costituito da una torre principa-
le antica, contornata da un ampio anello murario a cui attaccano, sulla fronte, due
torri aggiunte, unite da una cortina rettilinea interrotta dallingresso. Linsieme misura
Di esso non rilevabile lingresso, da immaginarsi aperto nella cortina frontale, in an-
golo con una delle due torricelle che la rinfiancano. Non vedesi nemmeno la camera
della torretta di destra (o Est), pi piccola della opposta di Ovest, del diametro ester-
no di m 6, mentre si misura, allo svettamento, il diametro di m 2,40 della camera inter-
na alla torretta di sinistra, oblunga, del diametro di m 7. Le camere delle due torricelle
comunicavano, per anditi ora non visibili, con lo spazio del cortile, questultimo di pia-
no trapezoidale, di m 6,40/4,20 di lunghezza x 3 di larghezza (alla mezzeria). Le torri
residuano per altezze massime di m 7 (la sinistra) e 4 (la destra); le cortine per m 7
(frontale), 6,50 (laterale sinistra) e 1,50 (laterale destra); il cortile avanza per laltezza
di m 3 sul piano del riempimento. Lopera muraria di calcare a file orizzontali con
blocchi di taglio subquadrato: m 0,70 x 0,90 x 0,80; 1,10 x 1,00 x 0,90; 1,00 x 0,90
x 0,95. Nelle adiacenze del nuraghe si raccolgono frammenti di stoviglie di et roma-
na. In tempi passati si rinvennero, dentro il nuraghe, rozze ceramiche preromane e
una moneta di bronzo di Lucilla Augusta.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XV, 1847, p. 457 (Athentu); Spano, Memoria, 1854, p. 26,
nota 1 e 3; Memoria, 1867, p. 38, nota 1 e p. 39, nota 1; Scop. arch., 1874, p. 31 ss., tav. n. 8; A. Tara-
melli, Carta archeologica, f. 193, 1940, p. 44, n. 65; G. Lilliu, St.S., VIII, 1948, p. 8, nota 5; E. Sale,
Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 193 della Carta dItalia, I, NO-SO, Universit di Cagliari, a.a.
1949-1950, p. 156 ss., tav. n. 12; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 97; G. Lilliu, St.S., XII-XIII,
I, 1955, p. 94; E. Contu, St.S., XIV-XV, I, 1958, p. 176.
Figura 6, 4: nuraghe BRONKU-Bonrcado (Cagliari); tavv. XII-XIII; cartina B, 56.
Alla quota di 616 m, su terreno roccioso e cespugliato, su dun gradino della pendice
di Cracchedu. Domina la valle solcata da un riu. Nuraghe plurimo, costituito da una
torre antica fronteggiata da un corpo aggiunto con due torrette marginali che racchiu-
dono, insieme con la torre maggiore, un cortile. La torre principale, circolare, del dia-
metro di m 10 circa allo svettamento, mostra lingresso a Sudest, con lapertura com-
pletamente ostruita, sormontato da architrave con spiraglio di scarico (cm 15 x 30).
Dietro lingresso, il corridoio, lungo m 4 e largo dallingresso alla cella m 1/1,15/2,
mette nella camera, centrica, rotonda del diametro di m 3,45 sullinterrimento. Ango-
lare la sezione dellandito, ogivale quella della camera, scoperchiata del tetto (altezza
residua rilevabile m 2,50 su 6 file). La torre emerge allesterno sul crollo per m 1 circa,
con pietre rozze di medie dimensioni: m 0,80 x 0,45; 0,75 x 0,45; 0,85 x 0,35; inter-
blocchi di 0,05/0,25. Delle due torri marginali, quella a Est (destra) ha diametro di m
6,60, con camera di m 3 circa, residuata su 8 file per laltezza di m 3,50, articolata in
una nicchia semiellittica a destra di chi entra (m 0,90 di larghezza x 1,80 di altezza e
di profondit), comunicante, per un andito di m 4 di lunghezza, col corridoio princi-
pale dingresso al nuraghe. La torre a Sud (sinistra), del diametro di m 7,60, contiene
una camera di m 3 su 3 filari in evidenza di m 1,70 daltezza visibile, in comunicazio-
ne col cortile per un andito curvilineo di m 4 circa di lunghezza. Sezioni dei corridoi
delle torrette, angolari; delle camere ogivali. Il cortile, oblungo, di m 3,10 x 4,70, con
strutture osservabili su 6 file non aggettanti per m 2,50 di altezza massima, sta al cen-
tro dellinsieme costruttivo. Riceve le aperture degli anditi del mastio e della torre di
sinistra e quella del corridoio dellingresso principale, aperto per m 3,60 nella cortina
di Nordest, rettilinea come quella di Sudsudest (curvilinea invece la terza cortina di
148 149
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
del rilievo Nissardi che lo segna nella mezzeria), si apriva lingresso, in asse con landi-
to della torre antica. Ne crollata la luce esterna con la caduta del fronte corrispon-
dente di cortina, ma si riconosce ancora la spalla sinistra dellandito retrostante, di m
4 di lunghezza. Si scorge pure, dopo questi 4 metri, sul lato sinistro la chiusura ango-
lare del soffitto del corridoio che, dipartendosi dallandito principale dellingresso, lo
metteva in comunicazione, con corso parallelo alla cortina, con la camera della torre
di Sudsudovest. Un altro ramo di corridoio, opposto al precedente sulla destra del-
landito dingresso, portava alla tholos della torre simmetrica di Sudsudest; lo si pu ri-
costruire con certezza anche se non ne avanzino resti evidenti. Nellampia spianata ad
Est e Nord del nuraghe, si osservano cumuli di pietre e allineamenti di muri riferibili,
nella gran parte, ad un piccolo abitato di et romana, indicato da embrici e da stovi-
glie varie. Si raccolgono, per, anche schegge di ossidiana e cocci dimpasto di et nu-
ragica, da attribuirsi alla vita remota dun modesto centro contemporaneo al nuraghe.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, VIII, 1841, p. 24 (Nuraceddea); A. Lamarmora, Voyage, II,
1840, p. 110; A. Taramelli, Mon. ant. Lincei, XVIII, 1907, col. 62, fig. 22, col. 63, 68, 90, 110-111;
Not. di Scavi, 1908, p. 118 s.; G. Lilliu, Not. di Scavi, 1940, p. 239, 1941, p. 157, nota 1, fig. 26; M.
Pallottino, La Sardegna nuragica, 1950, tav. VI, 2; Zervos, Civilisation cit., 1954, p. 44, fig. 15, 4; G.
Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 58.
m 17 sulla mezzeria della cortina (linea Nordnordest-Sudsudovest) x 25,40 sulle torri
marginali (linea Ovestnordovest-Estsudest). La torre primitiva, circolare, del diametro
esterno di m 10,80, ha lingresso esposto a Sudest, sepolto sotto la coltre di rovina; si
vede soltanto il tratto dellandito retrostante allo sfocio nella camera, presso la chiusu-
ra del soffitto foggiato a sezione angolare. Si pu calcolare, tuttavia, una lunghezza
dandito di m 3,00/3,50, e si possono immaginare, dato lo schema sviluppato tricellu-
lare della tholos, la garetta e la scala a fior di suolo sul suo profilo. Della camera, centri-
ca e circolare, del diametro al colmaticcio di m 4/3,80, si nota il forte aggetto dei filari
superiori prima della serraglia che manca, essendo crollato il soffitto della pseudocupo-
la. Nelle pareti della camera si affacciano tre nicchioni in croce, visibili soltanto alla
sommit dove convergono le spalle chiudendosi ad angolo; essi si potevano misurare
alla base o poco sopra quando ne fece il rilievo il Nissardi nel primo decennio di que-
sto secolo (m 1,40 di larghezza x 1,40 di profondit). La torre si eleva ancora per lal-
tezza di circa 10 metri, per la gran parte obliterata dal fasciame anulare e coperta dallam-
masso delle rovine. Nel giro di Sudsudovest si presenta a vista un tratto di paramento di
cinque filari, in opera subquadrata di marna calcare, con blocchi di m 1 x 0,40; 0,67
x 0,35; 0,90 x 0,38; 0,65 x 0,41 (tav. XIII, 4). La stessa tecnica usata nel paramento
interno della tholos, a file ben ordinate di pietre marnoso-calcari di notevoli dimensio-
ni: m 0,90 x 0,25; 0,92 x 0,25; 1,30 x 0,25; 1,25 x 0,25. Il corpo costruttivo aggiun-
to a due torri unite dalla cortina rettilinea, fronteggia la torre antica a Sud. Le torri so-
no situate rispettivamente a Sudsudest (marginale destra) e a Sudsudovest (marginale
sinistra). Risalta la bella struttura della cortina e della torre di Sudsudovest, ancora in
parte conservate, mentre la torre di Sudsudest ridotta ai filari del basamento visibili
a tratti (tav. XII, 2-3; tav. XIII, 1-2). Le torri aggiunte, circolari, del diametro di m 8
circa, contengono camere pur esse circolari, del diametro di m 4 circa, in origine vol-
tate. Ai tempi del rilievo Nissardi le tholoi erano visibili e in parte misurabili, come
appare dalla pianta qui ripetuta (ma non precisa); oggi si intravede ancora il giro in-
terno della torre di Sudsudovest mentre non si ha traccia alcuna in evidenza di quello
della torre di Sudsudest. Il muro di maggior spicco nella cortina, di m 9 di lunghez-
za apparente x 6,50 di altezza residua (tav. XII, 2-3; tav. XIII, 1-3). Il magnifico para-
mento costituito da regolari file orizzontali, in leggero ritiro, di blocchi parallelepi-
pedi, di taglio quasi quadrato, giustapposti e sovrapposti senza scheggiame, a giunti
diretti, precisi in origine per quanto ora non lo sembrino pi a causa del movimento
subito dalle strutture piuttosto scompaginate e con vuoti fra pietra e pietra. Nella cor-
tina si contano fino a 15 file, con pietre di m 0,65 x 0,40; 1,32 x 0,45; 1,48 x 0,45;
0,50 x 0,36; 0,96 x 0,45 (misure al secondo filare dal basso). Di particolare interesse e
indicativo dellevoluzione tecnica delle maestranze e del progresso del tempo, laccor-
gimento usato nel legare il paramento della cortina a quello della torre di Sudsudovest
(e certamente anche a quello della torre opposta). Lunghi conci, sagomati in curva
concava, corrispondenti allangolo del contatto fra il paramento rettilineo della corti-
na e quello curvilineo della torre, inserendosi per la met in ciascuno dei due para-
menti, ne incatenano organicamente le strutture (tav. XIII, 1, 3). Questi conci (visibi-
li pur entro lammasso di rovine della torre Sudsudest), ricorrevano a diverse altezze
per lestensione in elevato di torri e cortina. Nella cortina, spostato verso la torre margi-
nale destra (cos ho potuto accertare in recente sopraluogo, a modifica dellindicazione
150 151
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo

Fig. 7: planimetrie di nuraghi ad addizione tangenziale laterale
1. Pliga-Locri; 2. Su Konkli-Tertena; 3. Mudgu-Mgoro; 4. Santa Sofa-
Gspini; 5. Noddle-Noro.
Figura 7, 1: nuraghe PLIGA-Locri (Noro); cartina B, 71.
Su un rialzo granitico, a m 239 di quota. Il nuraghe consta di una torre antica rifa-
sciata (A), a cui si addossa una torretta posteriore, con addizione laterale tangenziale a
Sud (B), e si collega, per mezzo di un muro rettilineo, una seconda torricella (C) si-
tuata a Nordovest della principale. Nella figura 7, 1 sono disegnate soltanto la torre
primitiva A senza il rifascio e la torretta aggiunta B; il resto tralasciato. La torre A,
circolare del diametro di m 9, circondata allesterno da un anello murario di conso-
lidamento di m 3,80/4 di spessore: mostra lingresso a Sudest completamente ostruito
dalla rovina, con architrave in evidenza di m 2,10 x 0,56 x 0,35. Dietro il corridoio di
m 2,40 di lunghezza, senza scala e senza garetta, la camera centrica, circolare, del
diametro di m 4, priva, per quanto appare, di spazi sussidiari. La torre si conserva per
laltezza massima di m 1,90 su 5 file a Ovest; il rifascio residua per lelevazione di m 4/3,
su 11 e 8 file. Opera muraria di granito, di tipo poliedrico, con pietre di rozza lavora-
zione, di medie dimensioni: m 0,80 x 0,62 x 0,45; 0,75 x 0,65 x 0,50; 0,60 x 0,57 x
0,38. La torretta aggiunta B, circolare, del diametro di m 7 circa, molto distrutta, n
si vede traccia apparente di ambienti; tuttavia lingresso si pu supporre fra Sud e
Sudest; nellinterno da immaginarsi una camera rotonda. Il muro megalitico rettili-
neo di m 10 di lunghezza, alto alla mezzeria appena m 1,60, unisce A alla torretta C.
152 153
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1
2
3
4
5
Questultima, rotonda allesterno (diametro m 7), contiene una cameretta ellittica di
m 3 x 2,40, accessibile per un andito di m 2,20 con la porta a Sudest.
Bibliografia: G. Vacca, Posizione geografica cit., 1917, p. 19; E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 127 (Sa Pli-
ga); Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 120 (dato a Barisrdo); F. Carta, Saggio cit., 1954-55, p. 51
ss., tav. n. 5; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 56, p. 60, nota 55, p. 63, fig. 16, 12, p. 67, fig. 17, 12, p.
163, nota 83, fig. 40, 2 a p. 165, p. 168 s., fig. 41, 12.
Figura 7, 2: nuraghe SU KONKLI-Tertena (Noro); cartina B, 94.
A 167 m di quota, su una collina dominante largamente su una vasta zona piana. Nu-
raghe complesso, costituito da una torre antica (A) a cui sono state aggiunte nel tem-
po due torrette (B-C), addossandole tangenzialmente sul lato posteriore allingresso di
A, una per parte, a riscontro. La torre primitiva A, circolare, del diametro di m 9,50
allo svettamento, ha lingresso a Sudest, di m 0,67 di larghezza basale rastremato verso
lalto, privo darchitrave (m 0,90 daltezza sul colmaticcio). Nel corridoio retrostante,
di m 2,35 di lunghezza, si apre, a sinistra, la scala, di m 0,72 di larghezza alla base ra-
stremata verso il colmo chiuso a m 1,58 dal piano attuale di calpestio. Della camera,
quasi interamente interrata, si misura il diametro di m 3,45; non si vedono spazi sus-
sidiari ma probabile che esistano coperti dalla rovina, forse nellarticolazione di tre
nicchie in croce. La torre si conserva allesterno per laltezza residua di m 3,50 su 12
file, la camera per m 2,25 su 7 file. La sezione dellandito e della scala angolare, ogi-
vale quella della camera. Opera muraria subquadrata di granito, con blocchi di medie
dimensioni: m 0,75 x 0,50 x 0,42; 0,89 x 0,47 x 0,34; 0,74 x 0,35 x 0,27. La torre B,
addossata ad Ovest, giudicando sui resti del perimetro la si pu calcolare sugli 8 metri
di diametro, con camera di m 4; evidente lingresso a Sud. Nel muro, spesso m 1,90,
sono usati blocchi di m 0,45 x 0,38 x 0,40; 0,53 x 0,40 x 0,27; 0,60 x 0,42 x 0,35. Il
paramento si conserva allesterno per laltezza massima di m 1,80 su 5 filari. La torretta
C, aggiunta a Nord di A, di m 6,50 x 5,50 di diametri esterni, spessa nel muro m 2,
mostra lingresso a Est e contiene la cameretta circolare di m 2,80 di diametro sul col-
maticcio. Alta al di fuori, sul lato Nord, m 3,20 su 9 filari, li presenta costituiti di pie-
tre di medie dimensioni allo stato grezzo. Nei pressi del nuraghe, a fior di suolo, si ve-
dono resti di stoviglie dimpasto di fattura e di et nuragica.
Bibliografia: F. Carta, Saggio cit., 1954-55, p. 91 ss., tav. n. XI; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 55, nota 36,
p. 60, nota 59, p. 63, fig. 16, 19, p. 67, fig. 17, 16.
Figura 7, 3: nuraghe MUDGU-Mgoro (Cagliari); cartina B, 97.
In regione Su Pranu, a quota di m 37, al piede del balzo dellaltopiano basaltico di
Mgoro. Non distante lantica chiesetta del villaggio distrutto di Cracxia. Il nuraghe
consta di una torre primitiva (A), a cui si addossa con addizione laterale tangenziale a
Sud, la torretta B; il cortile C raccorda le due torri. Linsieme misura m 16 (sulla linea
dellandito di A) x 16 (sulla linea dellandito di B). La torre antica A, circolare del dia-
metro di m 10,60, ha lingresso a Sudovest, di m 0,65 di larghezza. Il corridoio retro-
stante, privo di garetta e scala, dopo m 3,60 mette nella camera leggermente ovoide
(diametro m 3,20), provvista sulla destra, appena entrati, duna nicchia semiellittica
di m 0,80 x 0,80. La torre conservata per laltezza massima di m 2 su 3 o 4 file a
Sudovest. Opera subquadrata di basalto, con pietre di m 0,80 x 0,70 x 0,50. Della
anche questo ipotetico vedendosi solo tratti nellarco da Ovest a Sudest, con spessore di mu-
ro di m 1,30 e paramento di m 1,60, di altezza residua con pietre di m 1,10 x 0,70 x 0,75;
0,70 x 0,90 x 0,80; 0,65 x 0,40 x 1,00. Da notare che lopera muraria della parte aggiun-
ta, pur mantenendosi la tecnica poliedrica, costituita di massi di proporzioni maggiori e
di lavoro pi trasandato di quelli della torre antica A. Nel terreno intorno si osservano
avanzi di stoviglie nuragiche e di et romana.
Bibliografia: A. Lamarmora, Voyage, II, 1840, p. 111; Angius, in Casalis, Dizionario, VIII, 1841, p.
304; Spano, Memoria, 1867, p. 25 (Santa Sura); A. Taramelli, Mon. ant. Lincei, XXV, 1918, col. 21;
E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 120; L. Congiu, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 225 della Carta
dItalia, IV, SE-NE, Universit di Cagliari, a.a. 1946-47, p. 197 ss., tav. IV, 22; G. Lilliu, St.S., VIII,
1948, p. 415; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 111.
Figura 7, 5: nuraghe NODDLE-Noro (Noro); cartina B, 22.
In regione Su Linnmine, su duna collina coperta e seminascosta da antichi lecci.
Nuraghe trilobato ad addizione di elementi frontali (D) e laterali (B, C) ad una torre
antica (A), con cortile (E) che raccorda gli spazi contenuti nelle tre torri. Linsieme
misura m 17,80 sulla linea A-E-D x m 23 sulla linea B-C.
La torre primitiva A, circolare, del diametro di m 7,90 allo svettamento, mostra lin-
gresso a Sud di m 1,10 di larghezza. Landito retrostante, di m 3 di lunghezza x 1,20
daltezza visibile sul colmaticcio, riceve, sulla destra di chi entra, lapertura della garet-
ta, di piano angolare, larga m 1,03 profonda 1,40 e alta 0,64 sopra il deposito. Della
camera si disegnano in alto tratti della parete di cui si pu calcolare il diametro di m 3
circa. La torre allesterno si conserva per laltezza massima di m 4,30 su 9 file (a Nord-
est). Nellandito, a sezione angolare, si osservano 6 file per parte nei muri delle fianca-
te. Il corpo aggiunto presenta lingresso a Sudest, nella cortina fra D e C, lunga appe-
na m 3,40; non rilevabile, ma supposto, come supposti sono i corridoi trasversali di
raccordo dellandito principale alle camere delle torri D e C. Di questultime torri, D,
a Sud della primitiva, ha diametro di m 7 circa con muratura di m 2,40 di spessore e
contiene una camera (ricolma di crollo) di m 2,60 di diametro al taglio superiore; C,
del diametro esterno di m 10, include la camera di m 4 circa di diametro in evidenza.
Pi interessante la torre B, soprattutto per larticolazione del vano interno a tre nic-
chie, solita nelle torri antiche, eccezionale invece in quelle aggiunte. La torre circolare,
del diametro di m 10, volge, con lingresso di m 0,46 di larghezza x 1,10 di lunghezza
x 0,91 daltezza evidente, verso il cortile E. Nel contorno della camera, di m 3,75 di
diametro, si dispongono a incrocio stellare le tre nicchie di piano semiellittico: quella
a sinistra di m 0,47 di larghezza x 1,64 di profondit x 0,94 daltezza apparente, quel-
la in fondo (o al centro) di m 0,61 x 1,10 x 0,24 e quella a destra di m 0,36 x 1,40 x
0,56. La sezione della camera ogivale, trapezoidale il taglio dellandito e delle nic-
chie. Il cortile E, di forma semilunare, misura m 6 circa x 2,60 di larghezza sullasse
dellingresso di A. Nonostante laggetto delle pareti, era scoperto. Altezze massime re-
sidue delle torri: m 3,62 su 16 file di piccole pietre la B, m 4,50 su 12 file la D, m 3
su 9 file la C; altezze massime residue delle cortine m 3,20 su 8 file (fra B e D) e m
3,60 su 8 (fra D e C). Lopera muraria di tipo poliedrico con pietre di granito di for-
ma tondeggiante o irregolarmente quadrangolare con numerose zeppe. Nella torre B i
blocchi sono piuttosto piccoli: m 0,48 x 0,53 x 0,37; 0,53 x 0,55 x 0,24; 0,20 x 0,49
torretta B, di cui si ricostruito lingresso (non visibile) a Nordovest, si misura il dia-
metro esterno in m 6 e quello interno in 2; si conserva il solo filare di base apparente
sul colmaticcio, dentro e fuori. Il cortiletto a mezzaluna, della superficie di 30 mq, ri-
ceve le aperture di A e B e mostra un proprio ingresso dalla campagna, a Sud, in posi-
zione disassiale rispetto alla porta di A, per ragioni di difesa. Lingresso di C spostato
tutto a sinistra (per chi guarda) dello sviluppo curvilineo della cortina del recinto,
spessa m 2,40, ed fiancheggiato e protetto dalla torretta aggiunta B presso a cui si
apre. Da notare che, superato lingresso di m 1 di larghezza x 2 di lunghezza, un an-
golo ricavato fra il paramento di B e il braccio breve della cortina del recinto, acco-
glieva la sentinella. Ad Ovest di A e C (non disegnato in questa figura), si osservano i
resti dun altro cortile racchiuso, tranne che per un largo spazio mancante ad occiden-
te, da due rami di muro rettilinei (a Nord e a Sud) che ripiegano ad angolo per for-
mare il lato frontale esposto ad Ovest. Lo spazio di risulta si calcola in mq 70. Si pu
immaginare che il recinto, irregolarmente quadrangolare, servisse per accogliervi il be-
stiame (spessore murario m 2). Nel terreno intorno al nuraghe, molto fertile e inten-
samente coltivato, si raccolgono pezzi di ossidiana e avanzi di cocci di impasto nuragi-
co; inoltre frammenti di stoviglie di et romana.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, X, 1842, p. 418 (Murdeghu); A. Taramelli, Mon. ant. Lincei,
XXV, 1918, col. 26; E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 135; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 90; C.
Puxeddu, Saggio cit., 1954-55, p. 82 ss., tav. VIII, n. 15; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 52, fig. 15, 1.
Figura 7, 4: nuraghe SANTA SOFA-Gspini (Cagliari); cartina B, 96.
A m 47 di quota su dun leggero rialzo del terreno di natura marnosa, presso il riu omo-
nimo. Nuraghe complesso, costituito da una torre primitiva (A) con addizione laterale
tangenziale fondale e laterale di due torri (B, C), ciascuna preceduta e protetta da cortile
(D, E). Linsieme misura m 28 sulla linea B-E (Nordovest-Sudest) x 24,50 sulla linea D-A
(Sudovest-nordest). La torre antica A, circolare, del diametro di m 10,90 con spessore
murario di m 3,50, mostra lingresso a Sudest, in parte ostruito (altezza sul colmaticcio
m 0,65, larghezza 1,20) sormontato da pietra di architrave di m 2,60 x 0,95 x 0,20.
Dietro landito, di m 3,40 di lunghezza x 1,20 di larghezza, senza vani sussidiari, appa-
renti, sta la camera centrica, rotonda, del diametro di m 4 circa, anchessa a profilo sem-
plice, non articolata, per quanto vedesi, in altri spazi. La torre si conserva allesterno per
laltezza massima di m 8,90 su 5 file, con pietre trachitiche di m 0,50 x 0,73 x 0,74;
0,40 x 0,65 x 0,55; 0,37 x 0,35 x 0,50. La camera mostra la parete elevata per m 3,30
su 9 file con blocchi pi piccoli di m 0,30 x 0,46 x 0,87; 0,32 x 0,35 x 0,60; 0,30 x
0,75 x 0,68. Lopera muraria di tipo poliedrico, con uso di zeppe fra i larghi spazi.
Della torre aggiunta B, del diametro esterno di m 8/9 con spessore murario di 3 e con
altezza residua di 3,60 su 9 file, si scorgono i segni della camera (diametro m 4) mentre
ipotetico landito a Sud (tratteggiato) su D. Si hanno blocchi di m 0,70 x 0,60 x 1,20;
0,55 x 0,60 x 1,00; 0,60 x 0,50 x 0,95. Ipotetico pure il cortile D, di cui si scorge sol-
tanto un tratto di muro a Ovest, spesso m 1,57, alto 2,40, con blocchi di m 0,65 x 0,80
x 0,70; 0,53 x 0,78 x 0,80; 0,60 x 0,65 x 1,05. Avanzi del paramento esterno a Nord-
nordovest ed Est permettono di ricostruire il diametro esterno della torretta C, di dia-
metro di m 9 circa con m 1,50 di spessore di muro, con massi di m 0,80 x 0,45 x 1,10;
0,90 x 0,63 x 1,25. Soltanto immaginario lingresso tratteggiato a Sud verso il cortile E
154 155
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Fig. 8: planimetrie di nuraghi trilobati
1. Longu-Cglieri; 2. Pranu Nuracci-Siris; 3. Nuraddo-Suni; 4. Losa-Abbasan-
ta; 5. Lughrras-Pauliltino; 6. Santu Antne-Torralba.
Figura 8, 1: nuraghe LONGU-Cglieri (Noro); v. anche figura 4, 8; cartina B, 53.
Sta in vetta a una lingua rocciosa stretta fra i torrenti di Pulighedda e Salighes, ben di-
feso naturalmente, con larga vista da ogni parte. Il nuraghe del tipo trilobato, con
torre primitiva (A) circondata da un corpo aggiunto con tre torri marginali (B, C, D)
unite da segmenti curvilinei; dietro la cortina frontale un cortile (E). La torre antica,
del diametro esterno di m 12, ha lingresso volto a Sud, sormontato da architrave ben
lavorato, con spiraglio di scarico. Il lungo andito dingresso, a strombature opposte,
circa a met mostra la nicchia di guardia, a destra, con profilo concentrico al contorno
esterno, e la scala a sinistra, larga m 1,10 alla base. Sfocia nella camera, eccentrica, ro-
tonda (diametro m4), con tre cellette, due sul fondo, simmetriche, e la terza sul lato de-
stro, prossima allo sfocio dellandito: sono tutte di pianta ellittica (larghezza m 1/0,80,
profondit 1,80/1), la laterale incurvata verso la garetta di guardia. La torre si conserva
esternamente per m 6,60 (a Nordest), e mostra il profilo poco inclinato. La camera
chiude la tholos a 6 metri daltezza, con sezione ogivale proporzionata; le tre cellette in-
vece, alte m 2 circa, a sezione trapezia, hanno il soffitto a piattabanda. Sul principio del
trilite pure tenuta la sezione dellandito (altezza m 2) e dei vani in esso contenuti, e
cio della garetta e della scala, di m 3 daltezza, a ogiva tronca in alto (fig. 4, 8). Landi-
to presenta una doppia porta, verso lesterno la prima e, la seconda, pi protetta, verso
x 0,30. A Nordnordovest del nuraghe, in uno spazio sottostante, si nota traccia dun mu-
ro rettocurvilineo di difesa, lungo m 20 circa e spesso 2,67. A ridosso delle torri A e B, a
Nordovest, residuano avanzi di tre ambienti rettangolari, i cui muri sono costrutti con
pietre di riuso tolte dal nuraghe; sono di et romana. Nellinterno della torre B si sono
raccolti residui di stoviglie grigiastre dimpasto nuragico, fatte in luogo. Pi distante, ad
Ovest del nuraghe, affiorano i basamenti di capanne e recinti di pianta retto-curvilinea,
di blocchi granitici, da riferirsi ad un abitato di et nuragica continuatosi in epoca roma-
na. Fa parte del villaggio anche una fonte costruita ad arte di elegantissima fattura.
Bibliografia: G.G. Dvoli, Saggio di Catalogo archeologico sul Foglio 194 della Carta dItalia, II, Universi-
t di Cagliari, a.a. 1949-50, p. 30 ss., tav. II, 5; G. Lilliu, St.S., X-XI, 1952, p. 95; G. Lilliu, St.S., XII-
XIII, I, 1955, pp. 157, 191, 196, 203, 210.
156 157
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1
4
5
6
2
3
Di questultime invece si misurano i diametri esterni di 6/7 metri. Nella terza torre
(diametro m 6,40), allestremo opposto della facciata che lunga m 16, si disegna
parte del perimetro della camera per un diametro di m 3,80/3,60. Nel giro del muro
a Nordnordovest, spesso m 2 circa, deve supporsi unuscita allesterno o posterula, in-
dipendente, in quanto la torre D, per la mancanza del cortile e anche per la sua di-
stanza da B e C (m 14 sulla cortina da B, m 15 sulla cortina da C), non comunica per
linee interne col resto dei vani del nuraghe. Il corpo aggiunto si conserva per laltezza
massima di m 5,20 su 10 file nella cortina frontale; le cortine restanti e le torri margi-
nali hanno elevazioni residue minori, da m 2,80 a 1,20. Lopera muraria non si distin-
gue da quella della torre antica. Sono usati blocchi di basalto di mc 0,601 e di t 1,803
in media. Nel terreno circostante al nuraghe si osservano elementi di ossidiana (scheg-
ge, coltellini, punte di freccia etc.) e resti di stoviglie dimpasto, di et nuragica.
Bibliografia: E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 178 (Planu Nuraxi); C. Puxeddu, Saggio cit., 1954-55, p.
210 ss., tav. XVIII, 41.
Figura 8, 3: nuraghe NURADDO-Suni (Noro); v. anche figura 1, 7 e tav. XXVI;
cartina B, 24.
A quota di m 340, nel mezzo del piano di Pedra Senta, gi coperto di fitta foresta, in
zona di pascoli ricchi di caccia. Forse era il centro dun gruppo di altri nuraghi, di cui il
pi vicino il Nuragassi, a Nordest. un nuraghe di tipo trilobato, con mastio (A) cir-
condato da tre torri (B, C, D) unite da due cortine rettilinee (fra C-D e D-B) e da un
fronte curvilineo (fra B e C), dove si apre lingresso dallesterno; stretto fra il mastio e le
due torri marginali di facciata (B-C) sta il cortile E. La torre antica A (tav. XXVI, 1-4),
grosso modo in posizione centrica rispetto al complesso, di pianta circolare, della cir-
conferenza di m 29 misurata circa allaltezza del primo piano, ridotta a m 6 di diame-
tro al taglio superiore di svettamento. Mostra lingresso a Sudovest, visibile per soli m
0,40 di altezza x 0,60 di larghezza, sormontato da architrave (m 0,65 x 0,95) con fine-
strino di scarico. Dietro la porta dingresso, landito, strombato verso la camera (lar-
ghezza m 0,60/1,40), lungo m 3, non presenta vani; non si esclude, per, la presenza
duna garetta sulla destra, non visibile a causa dellinterrimento. In vani, ma pochi e
semplici, si articola invece la camera eccentrica, rotonda, di m 4,50 di diametro: parti-
colarmente in una nicchia semiellittica a sinistra di chi entra (m 0,90 di larghezza x 1
di profondit x 1,50 di altezza visibile), e, a destra, nella scala la cui apertura, sopraele-
vata di m 2,50, mette, per il vano a spirale girante da sinistra a destra, al piano superio-
re. A questo piano, a circa m 6,30 daltezza sul detrito di crollo, si accede ora dal fine-
strone, volto a Sud, di m 1 x 0,60 di luce, con architrave di m 0,75 x 1,30 x 0,35,
sovrastato da spioncino di scarico (tav. XXVI, 3-4). La tholos del piano rialzato, ton-
deggiante, di m 2,60 di diametro, mostra sulla parete destra entrando, alta m 1,50 sul
pavimento, lapertura (m 1,05 x 0,50, con architrave di m 0,80 x 0,45 x 0,25) del se-
condo tronco di scala, ripido, che, dopo 3 metri di percorso elicoidale con 10 gradini,
sfocia in alto allaperto. Le sezioni dellandito inferiore (altezza m 1,60/3,40), di quello
superiore dietro il finestrone (altezza m 1/3), della scala, sono angolari; i tagli delle cu-
pole del pianterreno (altezza m 6,30) e del piano alto (altezza m 4,50) sono ogivali; tra-
pezoidali le luci dimbocco delle scale e della porta dingresso e del finestrone. Il mastio
misura allesterno circa m 12 daltezza residua su 27 filari in evidenza, costituiti di
la camera; entrambe le porte sono sormontate da architravi con spiraglio che serve da
scarico e da lucernario insieme (altezza delle porte circa m 2). Sia allesterno sia allin-
terno della torre, il paramento di pietre basaltiche di buona lavorazione, con filari
ben ordinati a blocchi subquadrati. Grandi e medie sono le dimensioni delle pietre
esterne, medie e piccole nei vani interni dove le pietre sono legate con malta di fango e
scaglie. Delle tre torrette marginali (B, C, D) solo quella a Sudest (C) si osserva per lin-
tero perimetro (diametro m 7) con altezza esterna di m 3 circa. Della torretta D in vi-
sta un breve tratto di muratura nellincontro con la cortina che la unisce a C; di rico-
struzione la torretta B, segnata dal tondeggiar delle rovine. Il cortile E, di m 6 x 3,
lascia vedere lingresso esterno a Sudsudovest, spostato verso langolo con B, e quello,
sulla destra, alla camera della torre C (diametro m 2), raggiungibile con un andito lun-
go 2 metri. Un andito opposto doveva far comunicare il cortile con B, mentre la tor-
retta di Nord (D) aveva forse un ingresso indipendente o posterula. A Sud del nuraghe,
pi in basso, sono resti dun bastione megalitico che sosteneva il primo urto dellassali-
tore. Ad Est, Nord ed Ovest nella breve spianata si disegnano avanzi di muratura e cu-
muli di pietra che indicano capanne di et nuragica.
Bibliografia: E.E.M. (provincia di Cagliari), p. 102; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p.
171, n. 10; P. Pes, Saggio cit., 1953-54, p. 230 ss., tav. n. 35; G. Lilliu, St.S., XII-XIII, I, 1955, pp. 128, 157.
Figura 8, 2: nuraghe PRANU NURACCI-Siris (Cagliari); cartina B, 77.
Detto anche Domu de sOrku, a m 440 di quota, sul versante Sudovest del M. Arci,
in magnifica pittoresca posizione di dominio sulla Marmilla, il Parte Monti, lAr-
cuentu ed il mare dOristano, lontano allorizzonte. un nuraghe del tipo trilobato a
cortine rettilinee. Consta di una torre primitiva (A), rinfiancata e contenuta da un ba-
stione triangolare con torri aggiunte ai tre apici di Nordovest, Est e Sudovest (D, C, B)
e con ingresso dalla campagna nella cortina frontale a Sudsudest. Linsieme misura m
22,60 sulla linea D-A x 30,40 fra gli estremi delle torrette B-C. La torre antica circola-
re, del diametro di m 9,40 (allo svettamento), presenta lingresso a Sudsudest, largo m
1, in parte ostruito. Dallandito retrostante, di m 2,20 di lunghezza, privo almeno al-
lapparenza di spazi sussidiari, si penetra nella camera, di pianta ellittica, di m 5 x 3.
Nella camera si aprono tre nicchioni in croce: uno sul fondo e gli altri ai lati, il primo
di m 1,30/1 (in alto) di larghezza x 1,20 di profondit x 2,20 di altezza, i restanti di
m 0,90 x 1,50 (il destro) e 1,80/1,50 (in alto) x 1,60 x 1,95 (il sinistro); i nicchioni
sono a sezione trapezoidale, la camera, crollata superiormente, presenta volta ogivale.
Non si esclude che dentro la camera esista la scala sopraelevata, se non sepolta sotto
le rovine dellandito. La scala supposta e pretesa dallesistenza certa di un piano su-
periore, e dalla somiglianza con tipi simili di torri a camera con vani sussidiari. La tor-
re si misura per laltezza residua esterna di m 2,40 su 5 file; la camera ha unaltezza di
pareti sul colmaticcio di m 4,20 su 17 file. Lopera muraria di basalto consta di pietre
di taglio subquadrato disposte in file regolari orizzontali. Il corpo triangolare aggiunto
(B, C, D) ha lingresso a Sudsudest sulla stessa linea di quello di A, aperto al centro
della cortina frontale (fra B e C), di m 1 di larghezza. Alla mezzeria del corridoio re-
trostante, ai due lati, bisogna immaginare le aperture di corridoi trasversali, paralleli
alla cortina di prospetto, i quali mettono alle camere delle torri B e C, uno per parte.
Tali corridoi non sono visibili n rilevabili, del pari che le camere contenute nelle torri.
158 159
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
(tav. XXXI, 2). Dietro lingresso, landito, obliquo rispetto alla camera, lungo m 3,80 e
largo mediamente 1,30, con profilo gradonato di copertura elevato da m 2 a 4, riceve,
circa a met, a destra la garetta di guardia (rotonda, di m 1,60 di diametro con imbocco
di m 1,20) e a sinistra lapertura della scala al piano superiore (altezza m 2,80 x 1 di lar-
ghezza basale). Nella camera a tholos, centrica e rotonda (diametro m 5,20 x 7,60 di
altezza) si irraggiano in croce tre nicchie semiellittiche, di m 1,80 di profondit x 1,60
di larghezza (in media) x 2,60 daltezza alla bocca. Di belleffetto la volta (tav. XXXIII).
Una rampa di scala, dellaltezza media di m 3 circa e della larghezza di 1, illuminata di
tratto in tratto da finestrini di luce a diversa altezza, dopo aver descritto tre quarti di giro
nello spessore del muro da sinistra a destra, raggiunge la soglia dingresso della tholos del
primo piano (o piano rialzato), tholos pur essa centrica e tonda del diametro di m 2,60 x
3,80 daltezza originaria (oggi la cupola svettata a m 2,20 dal pavimento). Un altro
tratto di scala, di seguito al primo (cm 80 di larghezza x 2,20 daltezza massima residua)
portava al terrazzo o piano terminale seppure non introduceva in una terza ed ultima
cella sovrapposta alle due inferiori: nel fianco di questa rampa si apre un ripostiglio di
armi o daltro. Le sezioni delle camere e della scala sono ogivali, di medie proporzioni
nei rapporti fra le misure di piano ed elevato; a sezione trapezoidale sono i nicchioni
della camera a pianterreno. Non si pu apprezzare il tipo di opera muraria del paramen-
to esterno del mastio, perch circondato e obliterato dal fasciame delle strutture del tri-
lobo; la sua altezza residua di m 13 circa. Le pareti delle camere sono in opera subqua-
drata di basalto a disposizione di file orizzontali, con uso di piccole schegge (specie nella
tholos superiore). Lordinamento a filari mantenuto anche nei vani sussidiari e nella
scala. Intorno alla torre A fu aggiunto il corpo costruttivo del trilobo (B, C, D), che rac-
chiude e nasconde il mastio spostato dal punto centrico del fasciame triangolare verso le
cuspidi di Nordnordovest (D) e di Estsudest (C). Il trilobo, a profilo sinuoso concavo
(in corrispondenza alle cortine di Sudsudest, Estnordest e Ovest, tavv. XXVII, 2,
XXVIII, 2-4) e convesso (in corrispondenza ai vertici turriti di B, C, D, tavv. XXVII, 1,
3, XXVIII, 1-2, XXIX, 1), contiene tre camere marginali tutte voltate, di cui due (B,
C) ai lati del prospetto del bastione e la terza (D) nel retroprospetto. Il trilobo non sem-
bra presentare stanze a un piano superiore, dove invece bisogna supporre lo spalto o
cammino di ronda limitato da un parapetto a pietre conce. Il trilobo misura m 22 sulla
linea D-prospetto x m 25 sulla linea B-C. Dallingresso di facciata (tav. XXXI, 1-2), spo-
stato verso la cuspide C, a luce trapezoidale con architrave subquadrato alleggerito da
spiraglio quadrangolare, si entra nellandito coassiale a quello del mastio. Dallandito
due corridoi curvilinei, che seguono landamento della cortina frontale, mettono alle
tholoi B e C: quello a destra lungo m 4 circa, quello a sinistra (tav. XXXII) m 8; en-
trambi hanno sezione semiogivale. Delle camere, B rotonda (diametro m 4 circa), C
bislunga (m 4 x 5); le cupole erano alte sui 7 metri. La tholos D, integra, del diametro di
m 4, ha lingresso indipendente sollevato di qualche metro dal suolo. Una stretta e ripi-
da scala, aperta ad altezza dal pavimento, girando a gomito da sinistra verso destra nel
masso murario della cuspide di Nordnordovest, mette nel settore corrispondente dello
spalto. In questa parte della terrazza, che costituiva un organismo autonomo o quasi di
manovra, si osserva un ripostiglio coperto da volta a rastremazione, in cui furon rinve-
nute lamine di sughero usate forse per rivestire le pareti del vano destinato a conservare
armi od oggetti di qualche pregio. Il bastione triangolare si conserva per laltezza massima
blocchi di basalto di forme poliedriche e subquadrate, di media grandezza, che vanno
rimpicciolendosi nelle file alte dove anche si presentano di taglio pi regolare, in pezzi
a sagoma di cuneo. Curata pure la disposizione in corsi e la tecnica di taglio delle pie-
tre nelle pareti delle cupole, unite senza uso di malta e con scarse scaglie nei giunti e
nei piani di posa. Delle torri marginali del bastione, la maggiore (C) ha m 9,40 di dia-
metro, le altre due (D e B) m 6,60. Contengono tutte una camera rotonda, con la cu-
pola crollata, di m 3,60/2 sul piano di riempimento, con spessori murari di m 2 circa,
con altezze esterne residue massime di m 3 (su 6 file in B), 3 (su 4 file in D), 1,20 (su 3
file in C). Le torri di facciata (B, C) comunicano direttamente, per un andito di m
1,60 e 7 rispettivamente, col cortile a pianta ellittica sformata, di m 13 x 5 misurato al-
laltezza di m 5 circa sul piano originario. Nella torretta D si deve supporre unuscita
autonoma (o posterula) volta ad Est. Nel suo interno deve immaginarsi lapertura so-
praelevata duna scaletta che sale al tratto di spalto fra D ed A: di essa restano segni,
proprio in questo punto, costituiti da un giro a chiocciola con levidenza di un gradino
di m 0,60 di larghezza. Delle cortine si segue per tutta la lunghezza di m 12,40 quella
fra B e D su 3-4 filari; quella fra D e C (m 12 su 1-2 file) e il fronte convesso fra B e C
(supponibile ma non visibile), si evidenziano solo a tratti, per il resto essendo coperti e
nascosti dalle macerie. Lopera del corpo aggiunto di tipo subquadrato, come nel ma-
stio, ma fatta di massi di proporzioni maggiori.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XX, 1850, p. 530 (Buraddeo); E.E.M. (prov. di Cagliari),
1922, p. 181; B.R. Motzo, Conv. arch., 1926, p. 86, nota 40 (Nuradeo); A. Taramelli, Carta archeologi-
ca, ff. 205-206, 1935, p. 188, n. 18; A.P. Piludu, Saggio cit., 1953-54, p. 14 ss., tav. 2; Sardegna (Tou-
ring), XX, 1954, p. 99, fig. 177; Zervos, Civilisation cit., 1954, p. 47, fig. 18; V. Mossa, Architettura
domestica cit., 1957, p. 26, tav. 2; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 57, nota 40.
Figura 8, 4: nuraghe LOSA-Abbasanta (Cagliari); v. figure 3, 4, e 11 e tavv. XXIX-
XXXIII; cartina B, 57.
Il nuraghe uno dei pi conosciuti e ammirati della Sardegna, per mole, complessit,
stato di conservazione e bellezza di strutture. Sta al centro del vasto altopiano basaltico
di Abbasanta (quota 317), a poca distanza dallabitato moderno, su un leggero rialzo del
terreno roccioso. Si collega con altri numerosi nuraghi, di cui taluno di ricca architettu-
ra, disposti a difesa su quella che la prima linea, affacciata sul piano del Campidano
di Oristano presso il mare di Tharros, del sistema di tavolati vulcanici, dalla morfologia
caratteristica, che scendono gi dal piede meridionale della catena del Mrghine, costi-
tuendo uno sbarramento naturale alle vie di penetrazione dallOvest verso linterno
dellIsola. La costruzione del tipo polilobato (a trilobo curvilineo), protetta da un an-
temurale che aderisce alla cuspide di Sudovest del trilobo (B), racchiusa, insieme al vil-
laggio circostante, entro il perimetro di una vasta muraglia difesa da torri (fig. 11). Nel-
linsieme si riconoscono almeno tre fasi costruttive: la pi antica costituita dalla torre
primitiva o mastio (A); la seconda dal trilobo (B, C, D); la terza dallantemurale (E, F) e
dal grande recinto esterno turrito. Il complesso monumentale, compresa la cinta ellitti-
ca, si estende per m 292 in lunghezza (Nordovest-Sudest) x 133 di larghezza media (il
nuraghe vero e proprio con lannesso antemurale occupa unarea di circa 1800 mq). La
torre antica (fig. 3, 4), di m 12,50 di diametro medio alla rotondit di base, ha lingresso
a Sudsudest, di m 1,40 di larghezza x 1,60 di altezza, con architrave a spiraglio di scarico
160 161
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
dellacqua. La tecnica muraria dellantemurale (torri e cortina) ben diversa da quella
del grande bastione tricuspidato. Per quanto sia rispettato ancora lordinamento in file
delle pietre, esso imperfetto, irregolare. I blocchi tendono ad assumere forme poliedri-
che e disposizione confusa al modo poligonale o ciclopico; si accentuano i vuoti tra
blocco e blocco e luso di scheggiame e malta di fango specie nei vani. un ritorno tec-
nico allantica in fase di decadenza e di sopravvivenza che indica tempi di urgenza mili-
tare e non di tranquilla riflessione artistica quale appare dai paramenti ritmati del trilo-
bo. La stessa tecnica si ripresenta nella muraglia esterna, conservata per laltezza e lo
spessore medio di 2 metri; fig. 11. La cinta di figura esagonoide, con i resti solo in par-
te rilevabili di almeno 4 torri, di cui una a Sudovest al massimo restringimento della cer-
chia muraria (diametro della torre m 13, della camera 5), e tre agli apici dei lati di Nord
e Nordest (diametri delle torri m 9/12, dei vani 5). Allincontro del lato di Est con quel-
lo di Sudest, sporge dal filo esterno della muraglia una sorta di baluardo rettangolare
con lati curvilinei, di m 30 di lunghezza x 5 di prominenza allinfuori. Da notare che le
torri sono protese allesterno, col sistema della difesa a punti, come le torri dellantemu-
rale e che, sia in questultimo sia nella muraglia recintoria, allo stile dei profili ondulati e
continui si sostituito il gusto dei muri a ritmo spezzato rettocurvilinei concepiti con
lintento di sparpagliare gli assalitori lungo il corso prolungato delle cortine e attrarlo nel
fondo di zone (corrispondenti alle torri) di particolare efficacia offensiva. Questo modo
di concepire la difesa, comune a muraglia ed antemurale, insieme alla analogia della tec-
nica costruttiva ne fanno opere contemporanee, le ultime dello sviluppo del complesso
nuragico, da riferirsi a tempi anteriori alla conquista e alla distruzione fattane dai Carta-
ginesi alla fine del VI secolo a.C. Al riparo della vasta muraglia, oltre che il nucleo della
fortezza spostato verso il lato Nordovest della cinta per dar modo alle case di disporsi
nella zona pi atta per ricevere il sole (nellarco da Nordest a Sudovest), era il villaggio
nuragico prima, punico-romano dopo. Resti delle capanne preistoriche, in grosse pietre,
di pianta circolare sono stati messi in luce in saggi di scavo del 1960, a 20 metri circa a
Nordest del nuraghe; e ne sono stati toccati gli strati archeologici negli scavi del 1915.
Pi evidenti e numerosi sono gli avanzi delle abitazioni di periodo punico-romano, visi-
bili di fronte alle cortine di Nordest e di Sud del trilobo, per lo pi di pianta ellittica,
con muri in parte rifatti sugli antichi usando materiali pi minuti, messi in parete con
un certo ordine che ricorda la disposizione tradizionale a filari con uso di molte zeppe e
malta di fango. Resti di ambienti di abitazione si osservano pure alla superficie del terre-
no nellangolo Sudovest della muraglia recintoria e, qua e l, nel rimanente della vasta
area, segnati da mozziconi di muri appena affioranti, da rilievi del terreno, da ammassi
di pietre e soprattutto da avanzi numerosi e frequenti di embrici e di stoviglie di varia
forma, tipo ed epoca, nuragica e punico-romana. A 500 metri dal nuraghe, nel 1915, si
misero in luce anche gli avanzi dun pozzo sacro, conservato nella parte basale, in belle
pietre conce di lava: era il luogo di culto del prossimo borgo protostorico, di et fra lVIII
ed il VII secolo a.C. Gli scavi effettuati nel 1890 e nel 1915 dettero molti e vari mate-
riali archeologici: oggetti di pietra (palle per fionda, truogoli, macine a mano, pestelli),
armi e oggetti forse votivi di bronzo, armi e utensili di ferro e, soprattutto abbondanti e
significativi, i fittili (fuseruole, pintaderas) e le stoviglie di tipo, forma, tecnica e deco-
razione varie. Specie le ceramiche, di stile diverso, unitamente alla differenza nelle tecni-
che murarie, aiutano a ricostruire la storia costruttiva e culturale delledificio, che stata
di m 13, da considerarsi qualche metro in meno dellelevato originario che era forse sui
15 metri. I muri che lo costituiscono, dallinclinazione abbastanza regolare e uniforme,
si alzano in bellissime pareti che i toni rossicci del basalto patinato dal tempo e i verdi
brillanti delle edere rendono di unestrema suggestione cromatica che si unisce a quella
derivata dalla potenza antica delle strutture architettoniche dalle linee sobrie ed essenzia-
li (tavv. XXVII, 1-3; XXVIII, 1-2). Queste murature poderose, che prendono speciale
risalto di volume in corrispondenza alle punte e senso di chiaroscuro nella concavit lie-
ve e morbida delle cortine, e in cui le masse si svolgono senza mai concludersi in appa-
renza attraverso un corso di perimetro fluido e continuato, si rendono ancora pi affa-
scinanti e distinte per il modo che poi un gusto di sovrapporre gli eleganti e precisi
filari di pietre subquadrate della parte mediana e superiore del muro su una base di
enormi blocchi grezzi poliedrici (tav. XXVIII, 3-4). Questi ultimi sembrano quasi ri-
prendere il senso delle rocce naturali di supporto del tavolato, facendo da passaggio gra-
duale allartifizio esemplare dellordine orizzontale e del taglio accurato e scandito del
magnifico paramento. Natura, poliedrico e isodomo concorrono a formare unopera
darte. Davanti alla facciata del trilobo (a Sud) e lungo il lato da Ovest a Nordnordest,
congiungendosi alla cuspide B (e forse in origine anche a quella della torre C), si articola
lantemurale. Lo costituiscono la torre-capanna per il corpo di guardia di fronte allin-
gresso, oggi completamente isolata (tav. XXVII, 1-3; tav. XXIX, 1); e le due torri F ed E
che proteggono, rispettivamente, le punte di Sudovest e Nord del bastione (tav. XXIX,
1-3). Tutte e tre le torri sono ora scapitozzate (la F si conserva per laltezza interna di m 6);
cos come la cortina a spezzata, di 2 metri circa di spessore, mzza a 3-4 metri dal suolo
leggermente declinante. La torre per il corpo di guardia messa a difendere lingresso al
nuraghe, del diametro esterno di m 10/12, con vano interno di m 8, ha due ingressi ar-
chitravati, uno a Nordnordest, contro la porta del trilobo e laltro a Sudsudovest allop-
posto a un piano pi basso (tav. XXVII, 2). Nella camera, ad altezza dal suolo, si osser-
vano cinque stipi e cinque feritoie nellarco di muro da Nordest a Ovestsudovest, cio
nel tratto pi scoperto; vi si notano anche due armadioni a sezione angolare, da ritenersi
destinati a giaciglio della scolta. Negli scavi del 1915 vi si rinvenne un elemento cilindri-
co di m 0,36 di diametro con base rotonda, da supporsi il piede di una mensa per desi-
nare, ci che avvalora il carattere privato (per il gruppo dei soldati del corpo) dellam-
biente. Le torri F ed E, sporgenti di tre quarti dal filo della cortina, con lingresso
architravato allinterno dellantemurale (tav. XXIX, 3), hanno diametri esterni di m 10 e
di cella di m 4 e 5 rispettivamente. Son tutte girate da feritoie (9 in F ed 8 in E a circa
un metro daltezza). In F, entro una nicchia, scavato un pozzo per lacqua potabile
usato anche per riporvi cose in fresco (vi si rinvennero arpioni di ferro); esso chiuso nel
giro della camera e protetto, nellaccesso a questultima, dal ridotto rettangolare compre-
so fra la torre F, la cortina Ovestnordovest del trilobo e il gomito della cortina dante-
murale (lunghezza del ridotto m 18 x 3/4 di larghezza). Al ridotto si entra dal settore
Nordnordest del recinto attraverso una bassa porta architravata situata nel gomito (ad
angolo morto) fra i due rami della cortina (tav. XXX, 2), in un punto cio in cui si con-
centravano i colpi provenienti dal terrazzo della cuspide Nord del trilobo e i tiri incro-
ciati degli archi delle tre feritoie aperte allo svolto brusco della lizza lunga una trentina di
metri (tav. XXX, 1). Era questo del ridotto (forse coperto da soffitto ad aggetto almeno in
prossimit della porta) il luogo pi fortificato dellinsieme difensivo, a causa della presenza
162 163
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
luce cit., 1942, p. 17; G. Lilliu, St. Etr., 1944, pp. 355 nota 49, 364 nota 135, 369 note 221-222, 370 nota
227; B. Tironi, I nuraghes (Considerazioni), Tip. FF. AA. P. M. 50, 1944, pp. 4, 6; P. Mingazzini, St.S., VII,
1947, p. 9 nota 2, pp. 12, 15-21; G. Lilliu, St.S., 1948, VIII, pp. 8, 371; St.S., IX, 1950, p. 397; M. Pallot-
tino, La Sardegna nuragica, 1950, pp. 38, 53 s., 61, tavv. VI, 6, VII, 1; Bellieni, in Il Ponte (vol. Sardegna),
1951, p. 1013; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, pp. 94, 145, 182; G. Patroni, La Preistoria, 1951, I, p.
493 (2
a
ed.); G. Lilliu, St.S., X-XI, 1952, pp. 90, 95 s., 106, 114, 118; E. Contu, ibidem, pp. 140, 143 s.,
147, 150 ss., 155; G. Lilliu, I Nuraghi, in Le Vie dItalia, ott. 1953, pp. 1291, 1293; Annali della Facolt
cit., XXI, parte I, 1953, pp. 66, 85, 93; F. Loddo Canepa, La Sardegna attraverso i secoli, Torino 1954, p. 7
s.; Sardegna (Touring Club), vol. XX, Attraverso lItalia, 1954, p. 72, fot. 117; Zervos, Civilisation cit.,
1954, p. 60 ss., figg. 34-43; G. Lilliu, St.S., XII-XIII, I, 1955, pp. 103, 107, 109 s., 111-122, 126-128,
132 s., 136, 139, 153 s., 156-158, 160 s., 163 s., 212, 228, 253, 305, 310; Lillustrazione italiana, fasc. spe-
ciale, Natale 1955, p. 310; Boll. Bibliografico Sardo, I, sett. 1955, p. 5; Serra, Mal di Sardegna, Firenze
1955, p. 56 s.; G. Lilliu, I nuraghi della Sardegna, in Realt Nuova, 1956, n. 9, p. 7 (estratto); R. Carta
Raspi, Il volto della Sardegna, Cagliari 1956, p. 19; J. Job, Sardinien, 1956, pp. 116-118, tavv. a p. 129 e
136; R. Branca, Sardegna segreta, Torino 1956, p. 107; A. Borio, Sardaigne, 1957, pp. 21 s., 122, figg. 5-6;
G.F. Ackermann, Reiseland von morgen cit., 1957, pp. 11, 51, fig. 1; E. Contu, St.S., XIV-XV, 1958, pp.
145, 147 s., 154, 184; G. Lilliu, ibidem, p. 255; St.S., XVI, 1960, p. 184, nota 103, p. 221; I Nuraghi,
in Il Progresso dellIsola, 1960, pp. 25, 30.
Figura 8, 5: nuraghe LUGHRRAS-Pauliltino (Cagliari); v. anche figura 10, 1; carti-
na B, 61.
Prende il nome di Lughrras (lucerne) dalle numerose lampade votive, di et romana,
trovate negli strati superiori del monumento in et andata. Il nuraghe uno dei pi
complessi e imponenti (ed anche dei pi significativi culturalmente) fra i pi di cento
edifizi congeneri dellaltopiano di Pauliltino, sulla destra della media valle del Tirso,
via di penetrazione strategica e umana dal Campidano di Oristano e dal litorale del-
lantica citt punico-romana di Tharros al centro montano, indomito e ribelle, della
Sardegna. Questa catena continua di nuraghi dellampio e frastagliato tavolato lavico
paulese un formidabile bastione naturale alla frontiera col fertile piano un esem-
pio mirabile della forza e dello spirito del megalitismo a torri protosardo, frutto della
vocazione bellicosa di quelle antiche schiatte di pastori camiti radicatesi in un ambiente
naturalmente congeniale. Fra boschi di lecci millenari, alternati con radure erbose cinte
da muretti di tanche, presso una valle ricca di sorgive, il nuraghe posa sopra un leggero
rialzo del suolo, con vista ampia, lontana, sul monte a Nord e a Ovest e sul piano a
Sud. La sua posizione, importante sia come elemento di custodia dun passaggio fre-
quentato sia come strumento di possesso di beni della piccola comunit pastorale di
cui la fortezza chiara espressione, spiega la complessit delledificio e la sua lunga du-
rata come torre militare per tutto il tempo della civilt preclassica e, come tempio o
luogo alto, anche oltre i suoi termini, in et punica e romana. La costruzione consta
di tre parti: del mastio A; del bastione trilobato B, C, D, includente il cortile E, da cui
fuoriesce a Sudest la torretta F costruita posteriormente; della lizza pentagonoide con le
4 torri apicali G, H, I, L (fig. 10, 1). Le tre parti si son venute costituendo e succeden-
do in tre et diverse. Linsieme misura m 60 circa alla massima distanza fra L ed H x 37
sullasse di B-cortina fra H-I. Il mastio A, circolare del diametro esterno di m 13,50, si
apre a Sudest, con una porta di m 1,80 sormontata da enorme architrave monolitico
alleggerito da spiraglio. Landito retrostante, a sezione angolare, col soffitto innalzantesi
verso linterno, riceve sulla destra lapertura della garetta di m 2,50 di altezza x 1,50 di
cos periodizzata: mastio = ante 1000 a.C.; trilobo = VIII-VII secolo a.C.; antemurale e
cinta = VI secolo a.C.; villaggio punico-romano = V secolo a.C.-et cristiana. Ad et ro-
mana appartengono pure i loculi cinerari, caratteristicamente scavati nella roccia basalti-
ca, fuori della cinta, presso la torre di Sudovest.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, I, 1833, p. 31; A. Lamarmora, Voyage, II, 1840, pp. 40 ss., 68
ss., 74, 77, 83, 89, 95, 102, 552, pl. IX; Angius, in Casalis, Dizionario, VIII, 1841, p. 40; J.F. Neigebaur,
Die Insel cit., 1855, p. 295; A. Lamarmora, Itinraire, II, 1860, p. 125 s.; Spano, Memoria, 1867, pp. 16,
99, tav. II, 1; E. Pais, La Sardegna prima del dominio romano, in Atti R. Accademia Lincei, 1881, p. 375,
tav. III, 1; E. Roissard De Bellet, La Sardaigne a vol doiseau en 1882, son histoire, ses murs, sa gologie, ses
richesses metallifres et ses productions de toute sorte, Paris 1884, cap. VI, p. 107; Baux et Gouin, Essai sur les
Nuragues et les bronzes de Sardaigne, in Matriaux pour lhistoire primitive et naturelle de lHomme, XVIII,
3e srie, tome I, 1884, p. 198 s.; Perrot-Chipiez, Histoire de lArt dans lAntiquits, IV, 1887, pp. 30-33, 37,
45, figg. 20-23; Centurione, Studii cit., XIII, 1888, pp. 70, 104 s., 156; P. Cugia, Nuovo Itinerario cit., I,
1892, p. 290; F. Corona, Guida cit., 1896, p. 221; O. Montelius, Ricordi cit., 1898, p. 28 (trad. Millelire);
Schoetensack, Zeitschrift fr Ethnologie, 1898, p. 34; T. Zanardelli, Bull. Paletn. It., 1899, p. 151 s.; G. Pin-
za, Mon. ant. Lincei, XI, 1901, col. 98-113, 119, 122-130, 219, 237, 275, tavv. VII-VIII, figg. 69-70, 75-
78; F. Nissardi, Contributo cit., 1903, pp. 653, 657, 663, 666, 669; A. Taramelli, Bull. Paletn. It., 1906,
p. 270; G. Sergi, La Sardegna. Note e Commenti dun antropologo, Torino 1907, p. 12; A. Taramelli, Mon.
Ant. Lincei, 1907, col. 20, 38, 64, 112; Not. di Scavi, 1908, p. 116; Mon. Ant. Lincei, 1909, XIX, col. 266,
274; Arch. Stor. Sardo, V, 1909, p. 134; E. Pais, Intorno allet della stazione archeologica di Abni in Sar-
degna, in Studi Storici per lantichit classica, Pisa 1909, vol. II, fasc. III-IV, p. 440; A. Taramelli, Mon. ant.
Lincei, XX, 1910, col. 167, 201, 204, 215, 217 s.; R. Pettazzoni, La religione primitiva in Sardegna, 1912,
pp. 25, 82; A. Taramelli, Guida del Museo cit., 1914, p. 13 s., p. 172, tav. XI, fig. 18; A. Taramelli, in S.
Manca, Guida generale della Sardegna, Milano 1914-15, p. 9; Mon. ant. Lincei, XXIII, 1914, col. 411 s.;
Not. di Scavi, 1915, p. 108, 115 s.; Bull. Paletn. It., XLI, 1915, p. 4 ss.; Mon. ant. Lincei, XXV, 1918, col.
65, 125; Id., Mon. ant. Lincei, XXV, 1919, col. 780, 792, 835; Id., Mon. ant. Lincei, XXVII, 1921, col. 11,
32, 58, 69, 95, 97, 166, 168; U. Rellini, Miniere e forni cit., 1922, p. 15; C. Dess, Nuraghi di Sardegna,
1922, pp. 13, 22-24; Singolari nuraghi in Gallura, 1922, p. 10; I nuraghi della Sardegna, 1923, pp. 20, 31
s.; Erwin Scheu, Sardinien Landeskundliche Studien, 1923, p. 66 s., fig. 14; U. Rellini, Miniere e fonderia
cit., 1923, pp. 13, 15; E. Pais, Storia della Sardegna cit., 1928, II, p. 729 s., tavv. XXXIV, in basso e XXXV;
C. Dess, I nuraghi della Sardegna, 1924, p. 7 s.; Steinitzer, Die vergessene Insel Sardinien und die Sarden,
Gotha 1924, p. 22; A. Taramelli, rec. a F. Flumene, Un po pi di luce cit., in Arch. stor. sardo, XIV, p. 4 ss.
(estratto); V. Edel, I Nuraghi e i Nuraghici, Cagliari 1925, p. 34 (verso); R. Di Tucci, Manuale di storia della
Sardegna, Cagliari 1919 p. 11, fig. 3; A. Taramelli, Mon. ant. Lincei, XXXI, 1926, col. 425, 440 s.; Il Con-
vegno arch. cit., 1926, pp. 16, 26, 44, 77 (note 19-20), 79 (nota 37), figg. 29, 40, 42; Il Convegno ar-
cheologico sardo, in Historia, n. 1, anni I-V, 1926, p. 5 (estratto); B.R. Motzo, Conv. arch., 1926, p. 85 s.;
F. Von Duhn, Nurage, in Reall. d. Vorg., IX, 1927, p. 142, tav. 178; A. Della Seta, Italia antica, Bergamo
1928, p. 55, fig. 46 (2
a
ed.); A. Taramelli, Bull. Paletn. It., 1929, XLIX, p. 85 s.; I nuraghi e i loro abitato-
ri cit., 1930, pp. 3-5, 9-10, figg. 9-10; Gli studi archeologici in Sardegna, in Mediterranea, VI, 1982, p.
5; E. Pais, Storia dellItalia antica e della Sicilia, per let anteriore al dominio romano, Torino 1933, vol. I, p.
119; A. Taramelli, Nuraghi, in Enciclopedia Italiana, 1935, vol. XXV, p. 82 s., tav. XI, basso a sinistra; At-
ti del XII Congresso Geografico Italiano, 1935, pp. 64, 69, e LXVIII; Carta archeologica, ff. 205-206, 1935,
p. 121 s., nn. 80-80a-81; A. Taramelli-Delogu, Il R. Museo Nazionale cit., 1936, p. 8, fig. 51 in alto; P.
Bosch-Gimpera, La culture sarde et ses relations mediterranennes, in Commission Internationale pour la
prhistoire de la Mediterrane Occidentale, Conference de Barcelone 1935, Barcelone 1937, p. 29, pl. XXVIII;
M. Niehaus, Sardinien, Ein Reisebuch, Frankfurt 1938, p. 137 s.; A. Taramelli, Chi i Romani trovarono in
Sardegna?, in Sardegna Romana, II, 1939, p. 7 (estratto); Mon. ant. Lincei, 1939, XXXVIII, col. 10 s., 18
s., 23, 38; U. Rellini, La Penisola appenninica cit., 1940, p. 28; G. Patroni, Architettura preistorica cit.,
1941, pp. 201, 207, 347, figg. 245, 254; G. Lilliu, Bull. Paletn. It., V-VI, 1941-42, p. 163; Not. di Scavi,
1941, p. 160; A. Bonu, NellIsola dei Nuraghi, Siena 1942, p. 26, fot. in copertina; P. Cao, Uno sprazzo di
164 165
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
dal carattere dello spazio scoperto che era il pi frequentato, transitandovi o convenen-
dovi per soffermarsi soldati e altre persone dogni parte della fortezza. Delle camere
contenute nelle tre cuspidi turrite B, C, D, si misura soltanto la C, di m 3,50 x 4,45 di
diametro, col tetto sfondato. Essa comunica col cortile per mezzo dun corridoio di m 8
di lunghezza x 1 di larghezza a sezione angolare, e con D attraverso una galleria, paral-
lela alla cortina di Nordnordest, n percorribile n misurabile, ma soltanto supposta
sulla base dellinvito che si apre nella parete sinistra per chi entra della cella di D. Del-
landito che porta dal cortile a B si osserva appena il primo tratto, di m 2 di lunghezza,
accessibile da una porta alta architravata, a taglio troncogivale. La camera B, non rileva-
bile, ipotizzata, in pianta, delle stesse dimensioni di C, a cui faceva riscontro simme-
trico, ai lati del mastio. Supposta pure la cella D nella cuspide a Nordnordovest, nella
quale si pu immaginare una posterula autonoma, come nella torre di retroprospetto
del nuraghe Losa (vedi). Ma tutta questa parte delle prominenze del baluardo triango-
lare aggiunto del Lughrras, non si pu determinare nella sua precisa costituzione, per-
ch molto crollata n interamente messa in luce dallo scavo. Ben visibile invece la
torretta F, che contiene una cella di pianta ellittica, di m 4,95 x 3,20, in origine coper-
ta da volta, ora caduta per oltre due terzi. La cella da un andito mette nel cortile, per
una porta ad architrave alleggerito da feritoia. Nella parete destra di essa, ad altezza
dal suolo, si apre limbocco duna scaletta che piega da destra a sinistra, con brusco
gomito, e sale in direzione del terrazzo della cortina che chiude il cortile dal lato del-
lingresso. Dallo spalto si poteva guardare e difendere il cortile stesso e la fronte ester-
na delledifizio in cui soprattutto si concentrava la forza dattacco di uomini e di mez-
zi durto (arieti etc.); quella forza appunto che forse determin il cedimento della
muraglia antica frontale del trilobo e la sua restituzione nella nuova stesura di F, pi
salda e pi contratta in parete a vista di quanto non lo fosse la distesa e fluida cortina
del trilobo. Lopera muraria del bastione, vista nel prospetto, di tipo subquadrato con
blocchi di forma prevalentemente quadrangolari disposti in file abbastanza regolari;
lordinamento in filari orizzontali seguito anche nelle pareti del cortile dove, oltre luso
di molte pietre subquadrate, si nota la preminenza di blocchi poliedrici e tondeggianti
non lavorati i quali, talvolta, per la loro irregolarit vengono a interrompere la conti-
nuit dei corsi. Nelle stesse pareti e, di pi ancora, in quelle delle camere le file di pie-
tre, appena dirozzate con grossolano taglio alla mazza, sono congiunte con impiego
dargilla e di minuto scheggiame. A rafforzare la difesa del nucleo interno, fu costruito
in una terza fase lantemurale. Il suo perimetro pentagonale si articola in cortine rettili-
nee (tranne il lungo tratto a Ovestsudovest), sul cui filo sporgono per met (L) o di tre
quarti (I, H, G), delle torri, situate agli angoli (fig. 10, 1). Il gusto di linea della cinta
segmentato a successione spezzata di prominenze convesse e rotonde e di rientranze
rettilinee, ben diverso da quello continuatamente curvilineo del trilobo. Ci indica
chiaramente let diversa delle parti interna ed esterna dellinsieme fortificato. Le torri
L ed I incidono sulle D e C, H su F, mentre G guarda la cortina del bastione fra F e B.
Il lato pi scoperto a Ovest-sudovest, dove anche il bastione si avvicina di pi, fino a
tangenza, alla muraglia della lizza, dove il forte si presentava meno vulnerabile. Il tratto
invece davanti allingresso del trilobo, pi debole ed attaccabile che il resto, stretto en-
tro la cerchia delle torri I-H-G. Da questa parte, nella cortina fra I ed H o in quella fra
H e G, si deve supporre lingresso dellantemurale (meglio fra G ed H, s da obbligare il
profondit; e a sinistra quella della scala a spirale con vano a taglio angolare, stretto nel-
lo spessore murario di m 4 circa, con gradini erti e usurati di m 0,25 in media di alzo.
Nella camera quasi centrica, circolare, del diametro di m 4,75 x 9 di altezza alla cupola
chiusa nel suo giro finale di cinque grosse pietre sormontate da una lastra di chiave, si
aprono due nicchioni-armadioni ai lati: di piano semicircolare, di m 1,20 di larghezza
x 0,90 di profondit, piuttosto alti, i due nicchioni si fronteggiano, quello a sinistra si
prolunga in uno stretto vano, come in esempi analoghi dei nuraghi di Goni ed Ar-
mngia (vedi). La camera superiore, a cui si giungeva dalla scala partente dallandito,
ha il diametro di m 2,35. sprovvista di nicchie, con la volta crollata; prendeva luce da
un finestrone che dava sul cortile, come in altri nuraghi complessi. Dal piano di questa
finestra, oltre che accedere nellinterno della camera alta, si scendeva in un ripostiglio a
cupoletta, praticato nella fronte e dentro la muratura del mastio: forse era un piccolo
arsenale. Lopera muraria del mastio allesterno costituita di blocchi di basalto per la
maggior parte bruti, di forme poliedriche con tendenza a disporsi in filari; nelle parti
interne, e specie nella camera inferiore, le pietre, di minori dimensioni, sono regolariz-
zate con letti di argilla e zeppe. La parte superiore del paramento esterno della torre si
concludeva con una superficie liscia di blocchi squadrati, di forma a cuneo, con ad es.
a Barmini, Sarrk etc. (vedi). Il corpo aggiunto trilobato, circonda dogni lato il ma-
stio, con torri (B, C, D) nelle cuspidi volte a Sudovest, Estnordest, Nordnordovest,
unite da cortine curvilinee rientranti leggermente nel mezzo. Sulla fronte del comples-
so, a Sudest, il cortile E preceduto dalla torre F, con cui si introdotto, in una terza
fase costruttiva, lo schema del tancato su quello del trilobo, concatenando sia pure
disorganicamente, antiche e nuove strutture e dando corpo a un dispositivo composito
per forma, linea e gusto. Si noti, infatti, la differenza, anche stilistica, fra il grado di
prominenza delle torri B, C, D dal morbido rilievo, e di F che si avanza in un lungo
inciso bastione. Linsieme del corpo aggiunto misura m 33 sulla linea D-F x m 27 sulla
linea B-C. Lingresso (che prima della costruzione di F era nel pronunziamento media-
no della cortina frontale del trilobo disegnante uno schema quasi equilatero, forse pro-
prio in corrispondenza dellandito da F ad E), si apre, ora, nel lato Nordest del baluar-
do a orecchione di F. Lo costituisce una porta di media altezza, a leggera rastremazione
sotto larchitrave di taglio subquadrato con finestrino quadrangolare di scarico. Dietro
la porta, landito allargato al centro, alto m 2,50, riceve, sulla destra, lapertura duno
stretto passaggio alla camera di F, per cui si sorveglia dalla camera landito stesso e, ol-
tre questo passaggio, introduce con una seconda porta, pi bassa di quella esterna, nel
cortile E. Il cortile, di figura semilunare di m 8,75 x 2,70, contornato da pareti a legge-
ro aggetto che restavano aperte in alto (ora son troncate a 6 metri dellacciottolato del
pavimento), disimpegna lingresso al mastio A, disassiale, secondo la regola, rispetto
allaccesso dallesterno, quello ad F aperto nella maggiore ampiezza della curva di fron-
te al torrione, quelli, infine, a raggiro di mastio che portano a B e a C. Non si osserva-
no aperture a vani sopraelevati. Nellangolo del cortile presso lingresso a C, scavato
il pozzo profondo m 10,25, con la bocca in parte nascosta da un tratto di muro con-
vesso spesso m 1,50, che rifascia la fronte del mastio, evidentemente posteriore al poz-
zo e coevo alla torre F. La costruzione di questo consolidamento murario come quella
dellorecchione di F port al rimpicciolimento del cortile il quale, nella primitiva edizione
del trilobo, si curvava con ampiezza maggiore, voluta dalla presenza del pozzo e, in genere,
166 167
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Influssi dellOriente preellenico sulla civilt primitiva della Sardegna, in Atene e Roma, XVIII, 1915, n.
199-211, 1915, p. 171; A. Taramelli, Mon. Ant. Lincei, 1918, XXV, col. 83 s., 125; U. Rellini, Miniere e
forni cit., 1922, p. 14; E. Pais, Storia della Sardegna cit., 1923, II, p. 730; U. Rellini, Miniere e fonde-
ria cit., 1923, pp. 6, 15; F. Flumene, Un po pi di luce cit., 1923, pp. 32, 69, 95, 97, 166; E.E.M. (prov.
di Cagliari), 1922, p. 153; A. Taramelli, Il Conv. arch. cit., 1926, pp. 26, figg. 44-45, 50-51; Mon. ant.
Lincei, XXXI, 1926, col. 441; F. Von Duhn, Nurage, in Reall. d. Vorg., IX, 1927, p. 142; A. Taramelli,
I nuraghi ed i loro abitatori cit., 1930, p. 9, figg. 6-7; A. Taramelli, Gli studi archeologici in Sardegna,
in Mediterranea, VI, 1932, p. 5 (estratto); Birocchi, St.S., I, 1, 1934, p. 67; A. Taramelli, Cosa insegna
una carta archeologica cit., 1935, p. 64; Id., Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 127 s., n. 105; A.
Taramelli-Delogu, Il R. Museo Nazionale cit., 1936, p. 87, fig. 50; P. Bosch-Gimpera, La culture sarde
cit., 1937, pl. XXIX; A. Taramelli, Mon. ant. Lincei, XXXVIII, 1939, col. 12, 20, 40 s., 57; G. Patroni,
Architettura preistorica cit., 1941, pp. 200, 347, fig. 243; G. Lilliu, Bull. Paletn. It., V-VI, 1941-42, p.
150; A. Bonu, Nellisola dei Nuraghi, 1942, p. 26; G. Lilliu, St. Etr., 1944, p. 346, nota 20, p. 364 nota
135, p. 369 note 221-222, p. 370 note 226-227; P. Mingazzini, St.S., VII, 1947, p. 13 s., 16-21; D. Levi,
Boll. Arte, I, genn.-marzo 1948, p. 62; G. Lilliu, St.S., VIII, 1948, pp. 43, 62 s., 375; M. Varsi, ibidem, p.
369; A. Panyella, Archivo Espaol de Arqueologia, Madrid 1947, n. 68, p. 213; G. Lilliu, St.S., IX, 1950,
p. 396 s., 399; M. Pallottino, La Sardegna nuragica, 1950, p. 40; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p.
93; G. Lilliu, Il Ponte (Sardegna), 1951, p. 992 s.; St.S., X-XI, 1952, p. 95 s., 114-118; E. Contu, ibidem,
pp. 138, 140, 146 s., 150, 152 s., 155; G. Lilliu, I nuraghi, in Le Vie dItalia, 1953, pp. 1291, 1296;
Annali Facolt Lettere, XXI, 1953, parte I, p. 93; Zervos, Civilisation cit., 1954, pp. 36, 62 s., 68, 78, 82,
149, 210 s., 216, 285, figg. 244-246; G. Lilliu, St.S., XII-XIII, I, 1955, pp. 99, 101, 107-111, 113, 115,
121, 126, 128, 132 s., 136, 139, 141, 153, 156, 160, 163, 196, 203 s., 208, 212, 236; G. Lilliu, in Boll.
Bibl. Sardo, I, 1955, p. 5; Id., I Nuraghi, in Realt Nuova, 1956, p. 7 (estratto); E. Contu, St.S., XIV-
XV, I, 1958, p. 184; G. Lilliu, ibidem, p. 255; Id., St.S., XVI, 1960, p. 184, nota 103; I Nuraghi, in Il
Progresso dellIsola, 1960, p. 30; A. Maiuri, Arte e Civilt cit., 1960, p. 25.
Figura 8, 6: nuraghe SANTU ANTNE o SANTINU-Torralba (Sssari); v. figure 1, 25;
3, 5; 14, 2 e tavv. XL-LIV; cartina B, 12.
Detto di Santu Antne da S. Costantino, limperatore romano venerato in Sardegna
con culto locale che la continuazione, alterata, dellantico culto imperiale. Con quello
di Su Nuraxi di Barmini il monumento nuragico di maggior rilievo e importanza
dellIsola. Le due costruzioni, la prima pi antica e la seconda pi recente, si completa-
no a vicenda e, insieme, danno unimmagine potente e impressionante del grado di
maturazione architettonica e culturale a cui giunse la civilt protosarda megalitica nel
periodo del suo maggior fiore. Domina, con la sua massa imponente, veramente regale
(il popolo chiama il nuraghe Sa Domu de Su Rei: la Casa del Re, la Reggia), la conca
del Campu Giavesu, costellata di altri nuraghi, fra cui il Boes (od Oes). Sta sulla sini-
stra del riu Mannu, nel piano basaltico fra questo corso dacqua e laffluente riu Tortu.
Spicca e vive nel respiro della natura silente e solitaria, al centro della verde piana pa-
scoliva chiusa dalla chiostra degli altopiani circostanti (tav. XL, 1). un paesaggio ar-
caico, solenne, fuori del tempo che sta allintorno del nuraghe; e nellinterno di questo
si apre uno squarcio della civilt micenea in ritardo di secoli. Natura ed architettura,
dalle linee essenziali, si compenetrano in modo mirabile; il quadro dinsieme fascino-
so e indimenticabile. Il nuraghe del tipo trilobato a profilo concavo-convesso, costi-
tuito da una torre antica (A) al centro dun bastione a tre punte turrite (B, C, D) colle-
gate da corridoi paralleli alle cortine rientranti. Le due torri frontali (B, C) chiudono
un grande cortile scoperto (E) a cui si entra dalla cortina di facciata a Sudest (tav. XL,
2). Linsieme della costruzione misura m 34,20 (sullasse D-A-E) x m 34,60 (sullasse
nemico, prima di volgersi allingresso del bastione, a passare allingiro di F, sottopo-
sto ai colpi di questo spalto e del fronteggiante terrazzo di H). Le torri hanno diame-
tri esterni da m 12 (L) a 7,50 (I); il diametro della camera si misura soltanto in H
(m 4,20), che si conserva nel suo perimetro per circa m 2 di altezza. Il paramento di
queste torri e delle cortine, non visibili dappertutto, costruito con tecnica poliedrica,
rozza, affrettata e raffazzonata, indizio di tempi di pericolo che suggerivano urgenza a
scapito del buon lavoro. Il nuraghe fu scavato, nel suo nucleo centrale, dal Taramelli,
nel 1906. Dappertutto si trov una interessante documentazione archeologica, riferibi-
le almeno a due periodi, a quella del trilobo e a quella di F e dellantemurale. Dentro la
camera della torre F, ceneri scorie e resti di panelle metalliche indicavano operazioni di
piccola fondita del bronzo, come a Palmavera (vedi). Dal mastio, dalla cella F, dal cor-
tile e specie dal pozzo si ebbero oggetti di pietra (macine e macinelli di lava, asce-scuri
ed accette, elementi di ossidiana), frustoli di bronzo, ma soprattutto stoviglie nelle for-
me di olle, tazze carenate, tegami in gran numero etc. Distinte, anche per lottima con-
servazione, sono fogge di vasi a collo, di tradizione prenuragica, e boccali a becco (o
askoi) analoghi ad esemplari protoitalici e protosiculi dellVIII-VII secolo a.C. Sulla
maggior copia di stoviglie dimpasto liscie, talvolta di aspetto buccheroide, talvolta re-
staurate con grappe di piombo, spiccano gli esempi decorati. Fra questultimi sono ca-
ratteristici forme di tegami con la parete interna e col fondo decorati da motivi vari in-
cisi a crudo (zigzag, cerchietti talvolta punteggiati, fasce curvilinee a serie di punti
impressi a pettine), di un gusto geometrico largo, spaziato, che vorrei attribuire alle fasi
finali del fiore della civilt nuragica: qui, in particolare, alla terza fase di F e dellante-
murale. Propongo le seguenti fasi costruttive del nostro nuraghe: a) del mastio (intorno
al 1000 a.C.); b) del trilobo (IX-VII secolo a.C.); c) di F e dellantemurale (VII-VI se-
colo a.C.). La fortezza cadde per opera dei Cartaginesi i quali la smantellarono alla fine
del VI o agli inizi del V secolo a.C. In seguito, e con durata dal V secolo fino al tardo
impero, il nuraghe fu trasformato in sacello punico-romano, costruendo, come sem-
bra, un tempietto a tetto conico coperto da embrici entro la camera superiore del ma-
stio, e facendo della camera inferiore una favissa per gli ex-voto, rinvenutivi in copia
e variet di elementi allatto dello scavo. Questi materiali votivi, dovuti ad attestazioni
di culto di genti camite-semite viventi in un villaggetto allombra del vicino antico ma-
niero atterrato e adattato a luogo alto secondo i concetti della religione fenicio-puni-
ca durati anche in et romana, consistevano soprattutto in terrecotte e monete. Fra gli
ex-voto fittili, distinta una serie di timiaterii a busto di Astarte, di varia tipologia ar-
caica-greca ed ellenistica, che permettono di seguire per un arco di tempo piuttosto
lungo il persistere della devozione; numerose pure le lampade dalle repubblicane alle
imperiali tarde. Lestensione cronologica delle monete va dagli assi della serie 268-217
a.C. a un bronzo di Massimiano (286-310 d.C.). Fuori del nuraghe, in mezzo alle ro-
vine, si rinvennero pure armi di ferro (pugnali, coltelli e specie cuspidi di lancia e di
giavellotto). Erano ex-voti di et punico-romana o testimonianza della battaglia che
mise fine alla fortezza del Lughrras e alla libert dei suoi accaniti difensori?
Bibliografia: Spano, Memoria, 1867, p. 101, tav. II, 66; A. Taramelli, Arch. stor. sardo, I, 1905, p. 420 s.;
Mon. ant. Lincei, XVIII, 1907, col. 38, 112, 116, 120; Mon. ant. Lincei, XIX, 1909, col. 237, 259, 272,
274, 289, nota 1; Guida del Museo cit., 1914, pp. 13, 26, 172, tav. X, fig. 15, tav. XI, fig. 16, tav. XII, fig.
19; Boll. dArte, VIII, n. 8, agosto 1914, p. 254; Bull. Paletn. It., XLI, 1915, p. 5 s. (estratto); G.G. Porro,
168 169
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
verso lalto e determina un modello di cupole che dalla forma regolare dellinferiore pas-
sa a quella sensibilmente depressa e tozza delle tholoi superiori. Del resto i profili delle
camere si uniformano nel taglio ogivale del pari che le curvature della scala e del deam-
bulatorio, mentre invece (e in ci si nota una certa disorganicit formale) sono a sezione
trapezia le aperture della camera a pianterreno, e landito dellingresso a questultima e
quello fra il finestrone e la tholos superiore si abbassano chiudendosi a piattabanda.
Questi contrasti di taglio dei vani attenuano leffetto generale di rigore geometrico del-
la partizione dellinsieme e quellaspetto di armonicit classica (soltanto apparente) che
si voluto ravvisare da taluno nella composizione dello schema lineare. Pur nellaperta
tendenza alla simmetria, pur nel respiro spaziale maggiore che in altri nuraghi, pur nel-
linclinazione, avvertita, a scavare, non senza ardimento costruttivo, il masso murario,
larchitettura complessiva, tuttavia, accusa quelle carenze di ordine, quelle aritmie di li-
nea, quel gusto di grotta che ne fanno, in sostanza, ancora un prodotto della barba-
rie megalitica sia pure ad alto livello. La torre, conservata allesterno per laltezza mas-
sima di m 17,55, mostra uninclinazione uniforme di 8
o
. Il paramento consta di 28
filari ordinati con cura maggiore che entro le camere e gli altri vani, a disposizione oriz-
zontale con graduale ritiro di corsi dal basso verso lalto. Lapparecchio diventa sempre
pi uniforme e regolare, sia nel combaciamento delle pietre sia nella squadratura di es-
se, via via che si risale in elevato. Allaltezza del primo piano passa alla tecnica isodoma
per quanto non perfetta. Qui non si presentano pi le piccole schegge di adattamento
che si osservano invece nei filari della parte inferiore rivestita dal contrafforte a tre torri.
Anche le misure delle pietre regrediscono col salire dei muri, al modo solito. Alla torre
A si aggiunto il trilobo con le punte turrite B, C, sulla fronte a guardia dellingresso
del cortile E (tavv. XLI, 1-2; XLII, 1) e con la cuspide D, volta a Nordnordovest, a ter-
go del mastio (tav. XLII, 2). Lingresso principale al centro nella leggera prominenza
della cortina di facciata (tav. XLI, 1); aperto fra Sudest e Sudsudest, largo m 1,30 ed al-
to 2, sormontato da pietra darchitrave con la fronte scorniciata senza spiraglio di sca-
rico. Landito retrostante, coperto a piattabanda col soffitto rilevato nel mezzo (alt. m 3
circa), riceve sulla sinistra lapertura troncogivale della garetta di m 1,17 di larghezza x
2,60 di altezza (tav. XLVIII, 2), e poi, attraverso una seconda porta di m 1,05 x 2,20
daltezza, pur essa architravata, sfocia nel cortile (tav. XLVIII, 2). Nella garetta una feri-
toia spia verso lesterno (tav. XLIX, 1). Il cortile, maestoso, il pi vasto fra i consimili
spazi scoperti dei nuraghi complessi, occupa una supercie di mq 95,59 (tav. XLIII, 2).
Di pianta grosso modo trapezoidale con gli angoli tondeggianti, mostra, nellala sini-
stra presso lattacco al muro del mastio, un pozzo con parapetto, destinato ai bisogni
degli abitanti della fortezza soprattutto durante i lunghi periodi di assedio. Circondato
dal muro del torrione che lo dominava dallalto dei 21 metri e dalle pareti degli spalti
delle torricelle B e C e della cortina di facciata elevate ora sino a m 7,40 (in origine si-
no a m 16 a livello del secondo piano), il cortile formava uno spazio ben chiuso e pro-
tetto, di grande utilit nel disimpegno difensivo, in quanto in esso si raccordano, con
usci e con scale, le celle e i corridoi dei vani a pianterreno e in alzato. Il grande spazio
scoperto superiormente e trasformato dallaggetto delle pareti in un ampio lucernario,
era in effetti una corte darme, difesa anche dalle feritoie aperte nella cortina frontale, da
un lato e dallaltro dellingresso (cinque in tutto); tav. XLVIII, 2. Nel cortile danno, ol-
tre luscio del mastio e dellingresso principale dalla campagna, le porte delle camere
B-E-C). La torre primitiva (A), circolare di m 15,47 di diametro, ha lingresso a Sudsud-
est, largo m 1,20 e alto 1,94, sormontato da architrave sbozzato nella faccia a vista, con
finestrino di scarico; tav. XLVII. Dietro la porta, landito di accesso di m 4,90 di lun-
ghezza x 1,20/1,40 di larghezza x 1,82 (alla mezzeria)/2,60 (allo sfocio in camera) di
altezza, riceve, nel mezzo, a sinistra lapertura della scala a spirale, che gira da sinistra a
destra (tav. XLVI, 2), e a destra quella del deambulatorio concentrico che, descrivendo
tre quarti di giro intorno alla camera (larghezza m 1,20 x 3,25 daltezza), finisce nel
sottoscala dalla parte di Ovest-sudovest. La stanza inferiore, centrica, rotonda del dia-
metro di m 5,46 x 7,93 daltezza, ha le pareti perforate in croce da tre aperture a nic-
chia architravata con spiraglio di scarico a luce di trapezio rovescio (altezza m 2,21 x
1,30/0,65 di larghezza); le aperture mettono nel corridoio o ambulacro perimetrale;
tav. XLV. Nella stanza, sopra larchitrave interno dellandito dingresso, si affaccia pure,
a m 4,16 daltezza sul pavimento, lapertura di m 0,91 di altezza di una celletta cupola-
ta (m 2,47 di diametro x 3,38 di altezza), sovrastante al solaio piano dellandito stesso,
verso il mezzo (tav. XLIV); nel piancito della celletta, a cui si scende dallapertura per
mezzo di due gradini, un foro di cm 50 corrispondente a una botola o caditoia che si
chiudeva con una lastra mobile: accorgimento difensivo a sorpresa comune anche ad
altri nuraghi, ma non in forma cos svolta e complessa come nel nostro. Sullasse della
camera inferiore elevata su 20 file di pietre subquadrate con scheggiame e malta di fan-
go, sta la cella del primo piano, di m 4,81 di diametro x 5,33 daltezza alla chiusura
della tholos formata da 15 filari nella stessa tecnica del paramento del vano a pianterre-
no. Alla base del giro della camera corre un sedile, e nella parete del muro a Nordest,
sopra il sedile e ad altezza dal pavimento di m 0,90, si osserva limbocco duna nicchia
ellittica a bassa calotta (m 2,25/1,05 di diametro x 2,20 daltezza) che guarda allester-
no attraverso una feritoia alta m 11,44 sul piano di campagna (tav. XLIII, 1). La came-
ra superiore sta dietro il primo ripiano della scala che sale dallandito dingresso, comu-
nicante per mezzo dun passaggio a copertura tabulare di m 1,17 di lunghezza x 2,20
di altezza. La camera prende luce da un bel finestrone affacciato sul cortile, a m 9,23
daltezza; la luce, di m 1,69 daltezza x 0,91 di larghezza, chiusa da architrave di per-
fetta squadratura alleggerito da uno spiraglio quadrangolare (tavv. XL, 2; XLI, 1;
XLIII, 1). Resta il giro di fondazione duna seconda camera superiore, di m 5,20 di
diametro, che fu distrutta nel secolo scorso per usarne le pietre nella costruzione della
fonte pubblica del villaggio moderno di Torralba. Vi porta una ripresa della scala elicoi-
dale (larga in media in tutto il suo corso m 1,30 e alta 2,60), dando luogo ad un se-
condo ripiano, il quale, in origine, volgeva verso un finestrone pi alto, sfalsato rispetto
allasse di quello inferiore e della porta dingresso a piano terra; espediente di alleggeri-
mento e distribuzione dei carichi nella massa costruttiva. Un ultimo avvolgimento di
scala portava al terrazzo che finiva allaltezza calcolabile di 21 metri (tav. XLVI, 1). Di
qui si dominava la campagna allintorno e si davano le avvisaglie dellavvicinarsi del ne-
mico, stando al riparo dalla vista e dalloffesa di esso, anche per effetto della probabile
presenza dun parapetto a sbalzo. La torre poggia su una base molto ampia e solida per
dar possibilit effettiva e sicurezza allo sviluppo in elevato che, per una costruzione nu-
ragica, , nei suoi 21 metri, veramente notevole e, fra gli esempi conosciuti, il maggio-
re. Lelevazione del cono in rapporto ai vani in esso contenuti che sono relativamente
numerosi, condiziona la sovrapposizione degli stessi in proporzioni via via degradanti
170 171
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
muro della torre, difesa da cinque feritoie per tiro darco in ginocchio (altezza di m
0,50 corrispondente a quella del filare di base da cui spiccano, tav. LII, 1-3) e contiene
un pozzo sussidiario. La cella d allesterno, nella prominenza di Nordnordest, con una
posterula a copertura tabulare, difesa, alla sinistra di chi entra, da una garetta di guar-
dia simile a quelle situate ai margini del corridoio fra D e B (m 1,30 di profondit x
1,20 di larghezza allimbocco; tav. LI, 3). La presenza delle garette nellandito dingres-
so della torre D e nel corridoio fra D e B fa pensare a una necessit di difesa maggiore
nella punta di Nordnordovest e nel lato Ovest della fortezza. Dal cortile due aperture
rilevate dal suolo di qualche metro ed accessibili da una breve gradinata esterna che
tocca la soglia, portano attraverso una rampa di scala in ripida salita ricavata entro un
vano a copertura ogivale, nei corridoi del piano superiore. Le aperture sono a luce tra-
pezia, con architrave sormontato da spiraglio di scarico, strette ed alte relativamente, di
taglio regolare e slanciato (tav. XLVIII, 1). I corridoi del piano superiore (tav. LIV, 1-3)
seguono la direzione di quelli inferiori e ne mantengono la lunghezza, variando invece
in larghezza (da m 2 dei basali a m 1,50 negli alti) e in altezza (da m 4 a poco pi di
3). I corridoi si affacciano, con le aperture sopraelevate descritte, ai vani delle camere B,
C, D (tavv. XLIX, 2; LI, 1), e comunicano fra di loro per un andito trasverso, corri-
spondente a quello del piano terra, situato dietro D. Come i corridoi inferiori, sono il-
luminati da feritoie, otto per ciascuna cortina con spicco dal filare di base; presso B e C
si articolano in due profonde garette, una perpendicolare al corridoio (fra B e D) e lal-
tra sulla sua linea, per quanto un po divergente (profondit delle garette m 2,60/2,90
x poco pi di 1 metro di larghezza). Le rampe di scala partenti dal cortile, al ripiano
dellingresso ai corridoi superiori, seguitano il loro corso, in una seconda rampa, ripida
al pari dellinferiore ma solo in parte conservata. Per questa, si raggiungeva la quota de-
gli spalti del trilobo. Il grande bastione triangolare si conserva ora per laltezza massima
residua di m 9 circa su una decina di filari di pietre basaltiche, con particolare impo-
nenza sul lato di facciata e specie nella cortina di Ovest dalla suggestiva linea ondulata
(tav. XLII, 1-2). Il paramento si eleva con leggera inclinazione (di 7-8), in file orizzon-
tali continue in ritiro graduale verso lalto. La disposizione dei corsi , per, meno re-
golare che nel paramento del torrione (specie della parte superiore di questultimo; tav.
XLI, 3). Le pietre, prevalentemente di taglio subquadrato, alternano forme a parallelo-
grammo (in quantit dominante) a forme poliedriche; e, fra le prime, le cubiche si suc-
cedono alle prismatiche, e tutte, a differenza dei blocchi del muro esterno del mastio
che hanno lati incisi e profilati, presentano i margini e specie gli spigoli arrotondati al
naturale e frastagliati o, comunque, non di preciso taglio ortogonale. Ne risulta un
paramento in cui gli elementi non combaciano perfettamente lasciando dei vuoti fra i
giunti che vengono riempiti, ma non frequentemente, con brecciame minuto. Le su-
perfici a vista delle pietre sono talvolta leggermente convesse, non spianate e levigate
come le hanno i conci del mastio. Le pietre stesse, poi, sono di proporzioni maggiori di
quelle del torrione. Soltanto nelle parti alte del paramento erano usati dei grandi massi,
anche di m 1,50 di fronte, rifiniti a scalpello con buona squadratura, talvolta sagomati a
cuneo per lincastro in muro; ne sono stati trovati a centinaia durante lo scavo alla base
del perimetro del bastione e sono ora disposti lungo il muro recintorio moderno. Questi
massi formavano una parete liscia, a elementi ben congiunti, che armonizzava col terso
paramento del mastio. Nellinterno del bastione le strutture si diversificano. Ancora nel
contenute nelle torri B e C, gli ingressi ai corridoi colleganti B e C con la tholos della
torre D, le aperture delle scale ai corridoi del piano superiore situati negli angoli tan-
genti al torrione. B e C mettono al cortile con ingressi a sezione trapezoidale architra-
vati di m 0,90 di larghezza x 1,80; tav. XLIII, 2. Dietro le porte brevi anditi tabulati
(lunghezza m 1,56) introducono alle celle, gi ogivate ed ora col tetto sfondato (altezza
residua massima di pareti m 6 circa); tav. XLIX, 4, tav. L, 2. Nel giro delle camere, di
m 5,46 (B) e 5,70 (C) di diametro, nellarco corrispondente alla prominenza delle torri
si aprono delle feritoie a 60/70 cm dal pavimento, destinate al tiro dellarco in posizio-
ne genuflessa. Le feritoie sono 5 in B (tav. L, 3-4) e 4 in C (tav. XLIX, 3-4). In C si
apre pure una bassa posterula rettangolare presso la porta daccesso al corridoio dunio-
ne a D (tav. XLIX, 3-4). Questa porta, come lanaloga che mette nel corridoio fra B e
D (tav. XLIX, 4), a sezione trapezoidale con finestrino quadrangolare di scarico, larga
m 1,30 ed alta 2. A sezione rettangolare, pur esse architravate, sono invece le aperture
sopraelevate da terra 4 metri integra quella in C (tav. XLIX, 2) che permettono la
salita, per mezzo duna scala mobile, ai corridoi superiori lungo le cortine di Nordest e
di Ovest. I meravigliosi corridoi inferiori fra C e D (tav. LIII) e B e D, lunghi m 23, al-
ti 4, che ricordano nelle possenti strutture a forte aggetto, nella sezione angolare, nel-
leffetto chiaroscurale delle ombre e delle luci, i corridoi della rocca di Tirinto, sono,
come le tholoi, rischiarati e difesi da feritoie per tiro in ginocchio. Le feritoie sono in
numero di 9 nella cortina fra C e D, di 7 nella cortina fra B e D, a m 0,70 di altezza
dal suolo. Nel corridoio fra B e D (cortina di Ovest) si osservano pure due nicchie ret-
tangolari (m 1,30 di profondit x 1,20 di larghezza), situate alle due estremit presso
lentrata alle camere ogivate; al risvolto di B si presenta, inoltre, una posterula che d
allesterno con un basso e stretto portello quadrangolare (tav. L, 1). I due corridoi si
raccordano in D, la camera contenuta nella cuspide di retroprospetto, ma sono collega-
ti pure, direttamente, per mezzo dun andito trasversale a raggiro interno di D, fra que-
stultima cella e il fasciamento pentagonoide che stringe il mastio A (lunghezza dellan-
dito m 7, altezza 2 circa). I corridoi comunicano inoltre col cortile, attraverso due rami
di m 9 di lunghezza, che fanno capo a porte architravate di sezione trapezoidale di m
1,20 di larghezza basale x 2 daltezza, aperte fra lingresso alle camere B e C e quelli alle
scale per i corridoi superiori. Questi tre brevi anditi scandiscono il fasciamento penta-
gonoide del mastio e lo isolano dalle masse traforate delle cuspidi turrite, come i grandi
corridoi lo separano dalle cortine. Ne risulta un ritaglio geometrico di belleffetto cur-
vilineo (quasi baroccheggiante), uno spartito architettonico di gusto labirintico,
studiato nei rapporti di massa-spazio, nella coerenza ritmica delle linee e, soprattutto,
nella funzione statica di consolidare ai fianchi la gravitazione dellalto torrione centrale.
Lo spazio pi distante dalla fronte del nuraghe costituito dalla camera D, del diame-
tro di m 5,80 (la pi vasta del complesso), alta ora m 7,54 (in origine, a cupola integra,
m 8). Comunicante con il corridoio a C per una bassa porticina separata soltanto dallo
stipite destro del portello, di pari altezza, che mette allandito trasversale fra D ed A
(tav. LI, 4), comunicante pure, per una porta pi alta (tav. LI, 2), con il corridoio a B,
la camera mostra, sopra questultima porta spostata alla destra a m 4 circa delevazione
sul pavimento, lapertura, accessibile con scala mobile, al corridoio del piano superiore
lungo la cortina di Ovest (tav. LI, 1). Lapertura, di sezione rettangolare, di m 0,60 x
1,40 daltezza, architravata come le inferiori, integra. La cella, nel giro prominente del
172 173
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
di profondit) con rincasso per il coperchio non pi esistente. Il sarcofago deve riferirsi
al vicino cimitero di epoca classica.
Bibliografia: Cetti, Storia naturale della Sardegna, t. I, Sssari 1774, fig. a p. 147; Petit Radel, Notice sur les
nuraghes de la Sardaigne considrs dans leurs rapports avec les rsultats des recherches sur les monumens cyclo-
pens ou plasgiques, Paris 1826, p. 26; W.H. Smyth, Sketch of the present state of the Island of Sardinia, Lon-
don 1828, p. 6 s.; Valry, Voyages en Corse, a lle dElbe et en Sardaigne, Paris 1837, t. II, p. 89; A. Lamar-
mora, Voyage, II, 1840, p. 43 s., 73-77, 79, 82-84, 87, 110, 552; Angius in Casalis, Dizionario, 1843, p.
710; G. De Gregory, Isola di Sardegna, trad. di A.F. Falconetti, Venezia 1847, p. 6; Angius, in Casalis, Di-
zionario, XXIII, 1853, p. 23; Spano, Memoria, 1854, p. 16, p. 40 nota 2, p. 42; J.F. Neigebaur, Die Insel
cit., 1855, p. 295, tav. X (errato S. Antonius); A. Lamarmora, Itinraire, II, 1860, p. 223; Spano, Mnemosi-
ne sarda cit., 1864, tav. VI, 3; Memoria, 1867, pp. 4, 17, 27, 62, 66, 78, 84, 97, tav. I, 2; P. Mantovani, per
Italia Centrale, 16 giugno 1874; G. Cara, Considerazioni cit., 1876, tav. I, 2, a-b; Corbetta, Sardegna e Cor-
sica, Milano 1877, pp. 171, 265; E. Pais, La Sardegna prima cit., 1881, p. 281; E. Roissard de Bellet De
Bellet, La Sardaigne cit., 1884, p. 108; Centurione, Studii cit., 1888, pp. 23, 33, 41-43, 51, 53 s., 70,
91, 93, 95, 107 s., fig. XXIX; P. Cugia, Nuovo Itinerario cit., I, 1892, pp. 309, 312; G. Vuillier, Le isole di-
menticate cit., 1893 (trad. di R. Carta Raspi, 1930), p. 38; F. Corona, Guida cit., 1896, pp. 46, 227; G. Pinza,
Mon. ant. Lincei, 1901, col. 114, tav. V, fig. 1, col. 143, 219; Ardu Onnis, Per la Sardegna preistorica cit.,
1903, p. 14; F. Nissardi, Contributo cit., 1903-04, pp. 655, 669; A. Grasselli, In Sardegna, Milano 1905,
p. 108; H. De Chaignon, Sur les nuraghes cit., 1906-07, pp. 9, 24; F. Prchac, Notes sur larchitecture
cit., 1908, p. 149; A. Taramelli, Mon. ant. Lincei, XXX, 1909, col. 274; C. Dess, Nuraghi e Terme: da Por-
totorres al Deposito allevamento cavalli di Bonorva, Sssari 1920, p. 11 s.; Nuraghi di Sardegna, 1922, pp. 13,
22, 25; Singolari nuraghi in Gallura, 1922, pp. 8, 10; I nuraghi della Sardegna, 1923, pp. 20, 28 s., 36; E.
Pais, Storia della Sardegna cit., 1923, II, p. 725; F. Flumene, Un po pi di luce cit., 1923, pp. 57, 168; C.
Dess, I nuraghi della Sardegna, Ricerche sulluso generico di essi, 1924, p. 6; E. Lucchi, Visioni di Sardegna,
Cagliari 1933, p. 129; A. Taramelli, Cosa insegna una carta archeologica cit., 1935, pp. 64 s., 68; Nura-
ghi, in Enciclopedia Italiana, 1935, vol. XXV, p. 82 s., tav. XII, in basso a destra; Boll. dArte, 1935 (s. III),
XXVIII, n. X, pp. 458-462, figg. 1-7; Luso del sughero nellantichit, in Atti del Congresso Nazionale del
Sughero, Sssari 1936, p. 2 (estratto); Chi i Romani trovarono in Sardegna cit., 1939, pp. 6, 8 (estratto);
Carta archeologica, f. 193, 1940, p. 69, n. 6; Mon. ant. Lincei, 1939, XXXVIII, col. 10 ss.; G. Lilliu, Not. di
Scavi, 1941, p. 257, nota 1; Bull. Paletn. It., 1943, p. 141 s.; St. Etr., 1944, p. 369, nota 1; G. Freiherr Von
Kaschnitz-Weimberg, Die mittelmeerischen Grndlagen der antiken Kunst, 1944, p. 43, n. 60; P. Mingazzini,
St.S., 1947, VII, pp. 9-26, tavv. I-III; M. Varsi, ibidem, p. 281 (22); P. Mingazzini, I nuraghi sardi ed il lo-
ro ambiente, in Annali di ricerche e studi di geografia, II, n. 4, Genova 1947, p. 32 s., fig. 1, 2-3; Archeo-
logische Grabungen und Funde in Italien, in Arch. Anz., Bd. 65/66, 1948, p. 274, fig. 62; G. Lilliu, St.S.,
VIII, 1948, pp. 62 s., 374, 419; P. Balata, ibidem, p. 433; G. Pesce-G. Lilliu, Sculture della Sardegna nura-
gica, Venezia 1949, p. 4, tav. I; G. Lilliu, St.S., IX, 1950, pp. 397, 399, 434, 441; M. Pallottino, La Sarde-
gna nuragica, 1950, pp. 38, 41, 54, 61, tav. VI, 5; G. Patroni, La Preistoria, 1951, I, p. 482; G. Lilliu, Il
Ponte (Sardegna), VII, 1951, p. 992; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, pp. 95 s., 186; P. Mingazzini,
St.S., X-XI, 1952, p. 56; G. Lilliu, ibidem, pp. 71, 74, 95, 98, 100, 116, 118; E. Contu, ibidem, pp. 138 s.,
140, 147, 150, 153 s.; G. Lilliu, Annali, 1953, parte I, XXI, p. 85; Zervos, Civilisation cit., 1954, p. 72 ss.,
figg. 45-59; F. Loddo Canepa, La Sardegna cit., 1954, p. 3; G. Lilliu, St.S., XII-XIII, I, 1955, pp. 107, 113,
121-137, 154 s., 156 s., 160-164, 196, 199-204, 208, 210, 212, 220 s., 224, 250, 253, 256, 305, 310; G.
Lilliu, in LIllustrazione Italiana, Natale 1955, p. 30; Bull. Bibl., cit., sett. 1955, p. 6; I Nuraghi, in Realt
Nuova, 1956, n. 9, pp. 7, 9 (estratto); R. Carta Raspi, Il volto della Sardegna, 1956, pp. 17, 20, fig. 27 a; R.
Branca, Sardegna segreta, 1956, p. 107; J. Job, Sardinien, 1956, p. 119 s.; V. Mossa, Architettura domestica
cit., 1957, p. 31, fig. 2; A. Borio, Sardaigne, 1957, p. 21, fig. 7, 22, p. 121 s., 146; G.F. Ackermann, Reise-
land von morgen cit., 1957, pp. 10, 38, tavv. 9, 11; E. Contu, St.S., XIV-XV, I, 1958, pp. 156, 178; G. Lil-
liu, ibidem, pp. 248, 272; V. Mossa, ibidem, p. 380; R. Pracchi, Contributo cit., 1959, p. 39; G. Lilliu,
St.S., XVI, 1960, p. 184, nota 103, p. 197, nota 159; Scientific american, dic. 1959, p. 69; I nuraghi, in
Il Progresso dellIsola, 1960, pp. 25, 32; A. Maiuri, Arte e Civilt cit., 1960, pp. 25-26, tav. 13, 43.
cortile si osserva una certa cura nellordinamento dei filari, per quanto minore che nel
torrione a cui aderiscono, evidentemente aggiunte, le pareti. Il cortile era un ambiente
di frequentazione continua, che doveva esser visto e che, dunque, abbisognava di una
certa bella apparenza muraria da non stonare troppo con le strutture della torre antica,
nitide ed eleganti. Invece, nei vani delle camere, nei corridoi perimetrali, negli anditi tra-
sversali, nelle garette etc., le murature, pur mantenendo sempre la disposizione in file,
mostrano limpiego di pietre tagliate sommariamente a mazza e messe in opera senza ul-
teriore lavorazione, con accostamento confuso di elementi di varia forma (subquadrata,
poliedrica) e misura (grandi dimensioni specie nei corridoi, grandi e medie nelle ca-
mere), con uso frequente di zeppame per riempire i vuoti fra blocco e blocco. In que-
sti vani, non in mostra, erano la funzione e la stabilit strutturale a prevalere sul senso
delleleganza dei paramenti. Il gusto e la bellezza architettonica una bellezza rude ed
essenziale sono qui affidati agli aggetti scanditi dei corridoi a taglio ogivale od angola-
re, ai volumi potenti degli speroni murari che li dividono, ai ritmi delle cupole, alla sug-
gestione misteriosa e arcana dei recessi (garette, anditi, posterule), alle ombre avvivate di
tratto in tratto dalle lame di luce velata, morbida, delle feritoie. da questa solenne ar-
chitettura, in cui si coglie il respiro del monumento un respiro antico, da giganti che
nasce lincanto per il visitatore. Veramente noi entriamo nel regno di Minosse, nellat-
mosfera dun labirinto, nellintrico dun dedaleo. difficile sottrarsi al fascino di
questi accostamenti con luoghi mitico-eroici del II millennio a.C., davanti alla fortezza
del Santu Antne, uno dei prodotti pi elevati e commoventi dellarchitettura megalitica
a torri del Mediterraneo occidentale. Il nuraghe, gi conosciuto e rilevato dagli scrittori
del secolo scorso (Lamarmora, Smyth), stato scavato dal Taramelli nel 1935, limitata-
mente al nucleo centrale col bastione. Lo scavo non pot estendersi alla ricerca del terre-
no intorno dove restano da mettere in luce edifizi circolari che si disegnano alla superfi-
cie del suolo (capanne o meglio forse torri dun antemurale) e dove non improbabile
esistano, negli strati profondi, anche resti dun villaggio nuragico che da supporsi ra-
gionevolmente. Infatti non ne mancano gli indizi, costituiti da ceramiche, frammenti di
ossidiana, una stele con scorniciature a dentelli forse di tomba di giganti annessa al
centro abitato etc. Anche la morfologia rilevata del suolo intorno al nuraghe suggerisce
la presenza di abitazioni, ancora coperte dalle terre. Dallo sterro, sia dentro il mastio sia
allinterno dei vari ambienti, si ebbero avanzi archeologici: oggetti di pietra (lisciatoi), di
bronzo (spade, accette, braccialetti decorati), di terracotta (pintaderas, una figurina di
colomba, stoviglie duso liscie e ornate), elementi dosso e di corno. Insieme vennero in
luce ceneri, carboni e resti di pasto, segni di vita durati a lungo dentro e intorno alla for-
tezza. In questultima sono stati distinti due periodi costruttivi: quello del mastio, della
fine del sec. IX a.C., e quello del trilobo dellVIII-VII secolo. Pi tardi, dal I secolo a.C.
in gi, utilizzando anche materiali del vecchio forte, appoggiandosi in parte alle sue
strutture, furon costruite delle casette di et romana, talune come un esempio che si
osserva presso lingresso al cortile con pezzi architettonici (colonne, capitelli etc.). Og-
getti di civilt romana furon recuperati nei tagli fatti in occasione dello scavo: anforine e
lampade di terracotta duso domestico e daspetto assai povero. Pezzi di embrici e rotta-
mi di stoviglie varie si raccolgono nello spazio adiacente al nuraghe. A circa 100 metri a
Estsudest di questultimo giace, fuori sede, abbandonato nella campagna, un sarcofago
di calcare, rettangolare (m 2,25 di lunghezza x 0,60 di larghezza x 0,50 di altezza e 0,33
174 175
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
gioco chiaroscurale delle cortine sovrastate dal volume nitido del cono (tav. LV, 1). Il
nuraghe del tipo quadrilobato a profilo concavo-convesso di perimetro. Lo costitui-
scono la torre antica (A) e il corpo aggiunto a quattro prominenze turrite contenenti
ciascuna camere a tholos (B, C, E, D) unite da cortine curvilinee rientranti nel mez-
zo, con un cortiletto sulla fronte (F). Linsieme occupa unarea di circa 220 mq, con di-
stanza di 20 m fra le convessit delle torri marginali e di m 12,40/14,40 fra le cortine
alla mezzeria. La torre primitiva (tav. LV, 3), circolare del diametro di circa 11 metri,
ha lingresso a Sudest, ostruito dalle macerie (lo era pure ai tempi del rilievo del Lamar-
mora, il cui disegno del prospetto del nuraghe fa vedere una scala in muratura moder-
na per cui si accedeva al mastio dal finestrone del primo piano, pl. XII, fig. 1). Dietro
lingresso, landito, a profilo di copertura tabulare gradonato piuttosto basso (sui 3 me-
tri), dopo aver ricevuto le aperture della garetta a sinistra e della scala a spirale a destra,
introduce alla camera voltata. Eccentrica, rotonda, del diametro di quasi 5 metri, per-
fettamente conservata e chiusa allaltezza di m 8,40, la camera si articola in tre nicchioni
a croce alti circa 3 metri. Sopra questo bellambiente a tholos, dal regolare ordinamen-
to a file di pietre subquadrate di medie dimensioni, sta la camera, pure a tholos, del
primo piano (m 2,50 di diametro) di m 5,20 daltezza, anchessa perfettamente conser-
vata ed integra e con paramento simile a quello della stanza inferiore. La tholos minore
prende luce da un finestrone di profilo trapezoidale sormontato da una pietra darchi-
trave che si distingue, oltre che per laccurata lavorazione, per il taglio arcuato della fac-
cia inferiore interna: un invito elementare di arco a sesto rotondo, non comune (tav.
LV, 3-4). Alla camera superiore, dal ripiano allaltezza del finestrone, porta la scala
dandito che sale dal piano terra e che prosegue, a corso ininterrotto da destra a sini-
stra, sino al piano di svettamento attuale della torre, corrispondente in origine a una
seconda cella cupolata (cos nel disegno del Newton in Mackenzie, fig. 17), o al terraz-
zo. La torre si conserva per laltezza massima di m 14,80 con muri a profilo non uni-
forme dinclinazione, con strutture in opera subquadrata di basalto, a blocchi di buon
taglio di dimensioni degradanti verso lalto, ordinati in file orizzontali continue di bel-
leffetto, tanto che, nella parte pi alta, sembrano passare quasi alla forma isodoma.
Uguale accuratezza e buona regolarit di paramento si notano nei vani, tutti a sezione
ogivale. Intorno alla torre antica si addossa, costruito in un secondo tempo, il bastione
quadrilobato, che si conserva per laltezza massima di m 8,40 (tav. LV, 1-2). Nelle
quattro punte sono contenute delle camerette, non visibili perch completamente
ostruite dal crollo: la D e la E nelle cuspidi di Ovest e Nordnordest, rilevabili nel giro
superiore svettato (diametri m 2,40 e 3), la B e la C ai margini del prospetto (conserva-
ta anche nella cupola la B, tagliata in alto invece la C nel citato disegno del Lamarmo-
ra). Le due camere delle torri di facciata includenti il cortile F danno nel cortile stesso
con anditi diretti; corridoi, ricavati lungo le cortine di Sudovest e Estnordest, sembra-
no collegarle alle camere delle torri D ed F. Puramente ipotetico (e forse non esistente
in realt) il corridoio lungo la cortina di retroprospetto fra D ed E, forse non collega-
te fra di loro. Il cortiletto a tre quarti di cerchio (m 3,20 sulla tangente alla torre x 2,40
fra i due ingressi), disimpegnava i passaggi alle camere laterali e a quella del mastio e
fungeva da spazio di ritardo per chi entrava dalla porta, oggi interamente crollata, al
centro della cortina del prospetto (tav. LV, 3). La struttura delle cortine del bastione,
pur conservando la disposizione a filari, non li mostra cos regolari e continui come il
Fig. 9: planimetrie di nuraghi quadrilobati e pentalobati
1. Santa Brbara-Macomr; 2. Ca Perdsa-Sneghe; 3. Sa Serra-Orrli; 4. Su
Nuraxi-Barmini; 5. Orrbiu-Orrli.
Figura 9, 1: nuraghe di SANTA BRBARA-Macomr (Noro); tav. LV; cartina B, 29.
Prende il nome dalla prossima chiesetta rurale di Santa Brbara, un piccolo edifizio a
piano rettangolare con abside, forse del secolo XVI (interessante spartito decorativo go-
ticizzante sui conci dellarmilla dellarco absidale allinterno). Il nuraghe situato a po-
co meno di 2 km a Nordest dellabitato moderno di Macomr, su dun ripiano basalti-
co a m 648 di quota, alla pendice del M. Mani, una delle punte del Mrghine. Al
rilievo architettonico e monumentale del nuraghe si aggiunge quello della sua pittore-
sca posizione, isolato com e dominante sulle balze gradonate che scendono verso il
solco profondo e dirupato del riu di SAdde, via naturale di penetrazione al piano pa-
storale della Campeda, ricca di altre costruzioni nuragiche. La massa spicca da lontano,
affacciata sul balcone del ciglio di basalti neri sul verde dei pascoli, modellandosi nel
176 177
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1
2
5
4
3
ora ostruita. Il corridoio, di m 3,40 daltezza, ha sezione ad arco ribassato; sezione ogi-
vale ha la camera, alta sul colmaticcio m 6,20 su 13 filari che determinano la chiusura
quasi completa della falsa volta; sezione angolare mostrano le nicchie (altezza m 2,63) e
taglio trapezoidale lingresso della scala rialzata. Il paramento esterno della torre si eleva
per circa 10 metri, con pietre di basalto appena o per nulla lavorate unite con zeppe; il
paramento interno mostra letti dargilla. Tre blocchi contigui dellapparecchio esterno
misurano m 1,10 x 0,65; 1,03 x 0,60; 0,65 x 0,60, con interblocchi di 0,05/0,35. Del-
le due torrette aggiunte della fronte del nuraghe (B, C), la prima ha diametro esterno
di m 6,40 ed alta m 3 su 6 file, la seconda ha diametro di m 3,90 (allo svettamento)
con 2 filari residui di m 1 daltezza. Ambedue contengono celle non rilevabili. Le torri
sono unite da una cortina rettilinea di 5 metri circa di lunghezza, in cui si apre lingres-
so dallesterno, in angolo con B. Le torri, insieme alla cortina e al mastio, racchiudono
un cortiletto quadrangolare di m 4 x 2, dove sfociano gli usci delle celle delle torrette B
e C ed il corridoio che, a raggiro del mastio, viene dalla torricella E, a Nordest. Le tor-
rette di retroprospetto (D, E), collegate a quelle del prospetto da cortine curvilinee dis-
uguali, sono di figura ellissoide, separate fra di loro da un arco di cerchio scoperto del
mastio. La torretta D residua, negli attacchi al cono primitivo, per uno spessore mura-
rio di m 2,60, lasciando vedere un segmento curvilineo della celletta, del resto interra-
ta. Meno distrutta la torricella E, unita a C da una cortina di m 8 di lunghezza, aven-
te il diametro di m 4,80 (al piano di svettamento), con paramento di m 2,50 daltezza
su 5-6 filari; vi contenuta una cella di m 2 di diametro, alta m 1,80, con pareti di 5
file in evidenza. Il paramento del corpo aggiunto di aspetto poliedrico, con blocchi
sbozzati a martella nella faccia a vista che non osservano piani orizzontali di giacitura.
Le pietre che lo compongono sono di grosse e medie dimensioni: m 0,65 x 0,45 x
0,50; 0,90 x 0,55 x 0,50; 0,75 x 0,40 x 0,30; interblocco 0,05/0,20. Nei pressi del nu-
raghe si osservano tracce di civilt romana: cocci ed embrici.
Bibliografia: A. Piras, Saggio cit., 1952-53, pp. 21, 90 s., 161, 189, tav. IX, 63, fot. 36 e 36 bis; G. Lil-
liu, Annali, XXI, parte I, p. 83; Id., St.S., XII-XIII, I, 1955, p. 175, fig. 6, 4, pp. 159, 166, fig. 4, 6, p.
167, 6, pp. 176 s., 179, 185, 187, fig. 6, 4, 194.
Figura 9, 3: nuraghe SA SERRA-Orrli (Noro); cartina B, 87.
situato su dun poggio a m 564 di quota, nelle vicinanze del villaggio moderno di
Orrli. Ha uno splendido raggio visivo da ogni parte. Il nuraghe di tipo quadriloba-
to, con la torre antica (A) circondata da quattro torri minori (B-E) unite da cortine ret-
tilinee. Dimensioni del complesso: alle cuspidi m 38 (B-E) x 34 (D-C), alle cortine m
20 (sullasse dellingresso fra B e C) x 19,60 (sullasse trasverso). La torre primitiva A,
circolare, del diametro di m 10 (allo svettamento), dello spessore murario di m 2,90/3,
mostrava lingresso (ora non visibile perch interrato dal riempimento penetrato dal
cortile) a Sud. In alto si disegna il giro della camera, di m 4 di diametro. La torre si
conserva per laltezza di m 4,60, a Nord, su 9 filari; la camera si eleva di m 2 sul riem-
pimento con 5 filari. Le pietre di basalto, poliedriche, sono disposte in file non regolari
con allineamento obliquo, in figura di rozzo reticolato; hanno misure di m 1,08 x 1,12
x 0,50; 0,53 x 0,78 x 0,60; 0,56 x 0,78 x 0,50. Il corpo quadrilobato, con torri spor-
genti di 3/4 sul filo delle cortine, mostra lingresso nella cortina fra B e C, lunga m 12,
in angolo con B; lingresso largo m 1, non rilevabile laltezza. Un breve andito di m 3
paramento della torre antica. Specie nella parte basale lopera muraria passa al polie-
drico, con massi rozzi e di grandi dimensioni rispetto alle pietre subquadrate delle file
superiori, di proporzioni minori. Si nota anche un impiego maggiore di scheggiame
per regolarizzare la posa dei blocchi in piano e in giunto. Nellarco da Est a Sudsud-
ovest, a circa 8 m di distanza dal forte, ai tempi del Lamarmora si vedevano i resti, con
pochi filari, di due cerchie concentriche riferibili ad un antemurale non si sa se limitato
al tratto antistante il monumento o forse, pi ragionevolmente, esteso tutto allintorno,
per maggiore difesa. La torre antica potrebbe porsi intorno al I millennio a.C. Pi tar-
diva, ma anteriore al VI secolo a.C., forse la costruzione del bastione retto curvilineo
a quattro cuspidi e della cinta esterna. La vita nel luogo circostante il nuraghe continu
in tempi romani. Ne fanno fede resti di murature di poco spessore, loculi cubici con
incavo quadrangolare di basalto appartenenti a tombe a incinerazione della tarda Re-
pubblica o dei primi secoli dellImpero, embrici e stoviglie varie. La vita dur pure nel
Medioevo e pi oltre ancora, come indica la chiesetta di Santa Brbara. Soltanto ora su
quelle memorie di tempi andati dominano, solenni, il silenzio e labbandono.
Bibliografia: Valry, Voyages cit., 1837, p. 115; A. Lamarmora, Voyage, II, 1840, pp. 43, 82-84, 95, 97,
112, pl. XII, fig. 1-11; Spano, Memoria, 1854, p. 15, nota 3; Memoria, 1867, p. 16, nota 2, pp. 27, 67,
97, tav. I, 1; A. Lamarmora, Itinraire, II, 1860, pp. 135, 212; F. Martorell y Pea, Apuntes cit., 1879,
pp. 183-186, 190; E. Pais, La Sardegna prima cit., 1881, p. 281, tav. II, 8; E. Roissard De Bellet, La
Sardaigne cit., 1884, p. 105 s., 108; P. Cugia, Nuovo Itinerario cit., I, 1892, p. 296; F. Corona, Guida
cit., 1896, pp. 46, 225; H. De Chaignon, Sur les nuraghes cit., 1906-07, pp. 24, 38, tav. ivi in basso,
fig. 2; F. De Rosa, Delluso dei nuraghi, 1909, p. 26; D. Mackenzie, in Pap. Brit. School Rome, VI, 1910,
pp. 2, 100, fig. 17; Steinitzer, Aus dem unbekannten Italien, X, Sardinien, Mnchen 1921, pp. 226, 230,
fot. a p. 227; C. Dess, Nuraghi di Sardegna, 1922, pp. 13, 21 s.; Singolari nuraghi in Gallura, 1922, pp.
8, 11; I nuraghi della Sardegna, 1923, pp. 20, 29, 36; F. Flumene, Un po pi di luce cit., 1923, pp. 57,
60; C. Dess, I nuraghi della Sardegna, 1924, p. 6; Steinitzer, Die vergessene Insel Sardinien und die Sar-
den, Gotha 1924, p. 23; E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 129; E. Pais, Storia dellItalia antica cit.,
1933, vol. I, p. 118; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 59, n. 48; M. Niehaus, Sar-
dinien cit., 1938, p. 141 e tav. a p. 144; G. Lilliu, Not. di Scavi, 1941, p. 143, nota 4; Boscolo-Pintor-
Serra, Guida, 1951, p. 95; G. Lilliu, St.S., XI, 1952, p. 94, fig. 6, 3, p. 95, nota 47; G. Lilliu, in Le Vie
dItalia, LI, n. 10, 1953, p. 1293; Annali, 1953, parte I, XXI, p. 84, fig. 2; F. Loddo Canepa, La Sarde-
gna cit., 1954, p. 2; Zervos, Civilisation cit., 1954, p. 86, figg. 60-61; G. Lilliu, St.S., XII-XIII, I, 1955,
pp. 153 s., 166, 189, 191, 193, 200, figg. 4, 3 e 7, 3; J. Job, Sardinien, 1956, p. 114 s., tav. a p. 136; M.
Almagro Basch, Prehistoria, I, Manual de Historia Universal, Madrid 1960, p. 652, fig. 716.
Figura 9, 2: nuraghe CA PERDSA-Sneghe (Cagliari); cartina B, 62.
A quota di m 532, dominante da un terrazzo non lontano dalla valle del riu Mastu
Impera. Una fonte a poco tratto a Nord del nuraghe. Ledifizio di piano quadrilobato
con torre antica (A) circondata, tranne che per un breve segmento a Nord, da quattro
torri aggiunte (B, C, E, D). La torre primitiva A, del diametro esterno di m 10 (al pia-
no di svettamento), presenta lingresso a Sudsudest (m 0,80 x 0,70) con porta architra-
vata alleggerita da feritoia. Dietro la porta, il corridoio strombato di m 4,15 di lun-
ghezza e di m 0,70/1,52 di larghezza, introduce, privo di scala e di garetta, alla camera.
Questultima, centrica e rotonda, del diametro di m 4,25, provvista duna nicchia per
parte, di figura semiellittica, di m 1,45 di larghezza x 1 di profondit. Nella stessa ca-
mera, a destra entrando fra langolo del corridoio e la nicchia laterale, unapertura so-
praelevata sul riempimento di m 4,76, mette nella scala che portava al piano superiore,
178 179
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Fig. 10: planimetrie di nuraghi polilobati con antemurale
1. Lughrras-Pauliltino; 2. Su Nuraxi-Barmini; 3. SOrku-Domusnvas 4.
Orrbiu-Orrli.
Figura 10, 1: nuraghe LUGHRRAS-Pauliltino (Cagliari); v. figura 8, 5.
Planimetria del nuraghe, compreso lantemurale. Si veda la descrizione del monu-
mento alla scheda di figura 8, 5.
Figura 10, 2: nuraghe SU NURAXI-Barmini (Cagliari); v. figure 3, 2; 9, 4; 14, 1 e
tavv. LVI-LXXVI; cartina B, 85.
detto Su Nuraxi, il nuraghe, quasi a significare il nuraghe per antonomasia del moder-
no villaggio di Barmini, che ne dista 800 metri circa a Estsudest. Il nome popolare co-
glie nel vero, perch il Su Nuraxi non soltanto il grande monumento del territorio di
Barmini e della fertile regione della Marmilla (da mammilla, denominazione volgare
circa, corrispondente allo spessore murario della cortina frontale, mette al cortile. Que-
stultimo appare molto ampio, di figura semicircolare, con la massima dimensione nel gi-
ro opposto a quello della torre A (larghezza m 6). Nel cortile sfociano lingresso del ma-
stio e quelli delle camere delle torri marginali, da anditi rettilinei diretti (D, B, C) e da un
corridoio curvilineo a raggiro del mastio (E, allestremo Nord). Nelle torricelle C ed E,
del diametro esterno di m 8 circa, sono contenute e visibili le camere, del diametro di
m4. Nelle torrette D e B, del diametro esterno di m 7,20 e 9,20 rispettivamente, le ca-
mere sono supposte, ma non in evidenza, come sono supposti gli anditi diretti al corti-
le. Il bastione quadrilatero si conserva con altezze diverse, per un massimo alle torri di
m 3 su 4 file (C) ed un minimo di m 2 su 3 file (E); alle cortine presenta altezza massi-
ma residua di m 2 su 3 file (fra C ed E) e minima di m 0,80 su 1 filare (fra D e B). Le
camere sono a taglio ogivale; il cortile presenta pareti leggermente aggettanti; i corridoi
mostrano volte angolari. Nel terreno intorno al nuraghe si possono raccogliere resti di
ceramiche dimpasto dellepoca del monumento.
Bibliografia: Spano, Memoria, 1854, p. 18, nota 1; Memoria, 1867, p. 23, nota 3; G. Vacca, Posizione geo-
grafica cit., 1917, p. 21; E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 149; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 131; E.
Contu, Saggio cit., 1947-48, p. 61 ss., tav. III, fig. 34, fot. n. 18 (scheda n. 44); G. Lilliu, St.S., X-XI,
1952, p. 93, fig. 5, 2; Annali, XXI, 1953, parte I, pp. 84, 86; Id., St.S., XII-XIII, I, 1955, pp. 152, 166,
fig. 4, 18, 167, 18, p. 170, fig. 5, 2, pp. 178, 181 s., tav. XXVIII, 1, pp. 185, 187, 194, 210 ss.
Figura 9, 4: nuraghe SU NURAXI-Barmini (Cagliari); v. anche figure 3, 2; 10, 2 e 14, 1.
La planimetria rappresenta lo schema quadrilobato del nuraghe prima della costruzio-
ne del rifascio murario che obliter lingresso basale e le feritoie delle torri marginali
B-E. Si veda la descrizione del monumento alla scheda di fig. 10, 2.
Figura 9, 5: nuraghe ORRBIU-Orrli (Noro); v. figure 10, 4 e 14, 3.
La planimetria riproduce lo schema pentalobato del nuraghe col mastio A circondato
dal corpo turrito B-F col cortile G. Si veda la descrizione del monumento alla scheda
di figura 10, 4.
180 181
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1
2
3
4
rettangolare; fig. 3, 2, tavv. LXII, 1, 3, LXIII, 2. Landito retrostante, strombato verso
linterno ed elevantesi col soffitto fino a m 4,14 allo sfocio in cella, riceve sulla destra di
chi entra la nicchia di guardia. Nella camera a tholos, eccentrica, rotonda del diametro
di m 4,80 x 7,76 di altezza, ai lati si aprono due nicchioni contrapposti con la soglia rial-
zata a piano di quella dellandito. A sezione angolare, come il corridoio dingresso, i nic-
chioni misurano m 1,36 di larghezza x 1,15 di profondit x 3,05 daltezza quello a de-
stra e m 1,72 x 1,35 x 3,17 il nicchione a sinistra: servivano da giaciglio, uso indicato
anche dal trovamento di lamine di sughero che in origine ne rivestivano le pareti. Sul
vano della stanza ogivata si affaccia pure, aperto nella parete fra lo spigolo interno del-
landito ed il nicchione di sinistra, limbocco, basso e angusto, della scala, rilevata dal pa-
vimento m 4,22, accessibile ora, come in antico, con una scala di legno. Verso la parete
di fondo, a circa 2 metri daltezza, si osserva tuttora inserito profondamente in struttura
il resto duna trave di olivastro (che serv forse per sollevare i massi sul piano inclinato di
costruzione e fu poi dimenticata o lasciata apposta in opera), sul quale sono state fatte
determinazioni cronologiche col carbonio radioattivo 14, concludenti a una data ap-
prossimativa del legno (e dunque della torre) fra il 1470 e il 1070 a.C. Un mezzo giro in
parete, da destra a sinistra, della rampa di scala accennata (10 gradini stretti ed erti),
porta al ripiano antistante una seconda camera sovrapposta allinferiore (fig. 3, 2), che
prende luce da un finestrone basso e stretto sormontato da rozzo architrave con spiraglio
di scarico, spostato a destra rispetto alla verticale sulla porta dellingresso a piano terra;
tavv. LXI, LXII, 2. Anche la camera superiore ogivata (integra nella cupola come lin-
feriore ma con la calotta pi acuta e leggermente schiacciata), del diametro di m 2,40 x
laltezza di m 5,90. Pure da questa camera, a m 1,75 dal pavimento, riprende mossa la
scala per uno scomodo imbocco di m 0,60 di altezza (tav. LXIV, 1), che mette in uno
stretto vano a spirale (larghezza m 0,70) ripidissimo, occupato da 13 rozzi gradini. La
rampa di scala, quasi verticale tanto erta, fuoriesce, ora, allaltezza del secondo piano, a
m 14,10 delevazione sul livello di campagna; ma, in origine, immetteva nella terza ed
ultima stanza del torrione (residuata alla fondazione di m 1,20 di diametro) e, di qui, ri-
saliva al terrazzo con parapetto sporgente su mensole. Questultimo fu costruito, in so-
stituzione di un primitivo terrazzo a transenne lignee, quando il bastione quadrilobato
fu rivestito col rifascio murario (fase c di Su Nuraxi); fig. 14, 1. La torre, conservata oggi
per laltezza massima di m 14,10, si innalzava, quando era integra, fino a m 18,60, per-
mettendo un elevato e vasto dominio tutto allintorno sul piano, sulle colline circostanti
e sulle pendici fino allorlo della giara. La torre mostra una sagoma svelta e longilinea
che si affina salendo in giri irregolari e discontinui daspetto arcaico per la cadenza sul-
lobliqua dei massi (una sorta di reticolato megalitico) e per i gran vuoti fra i medesimi;
linclinazione di 10 (tavv. LXI, LXII, 1, LXIII, 1-2). Le pietre, di basalto e di lava ba-
saltica, sono tutte di forme poliedriche di grandi e medie dimensioni che diminuisco-
no col salire del paramento verso lalto: m 1,20 x 0,45; 0,78 x 0,30; 0,77 x 0,73; 0,86
x 0,49; 1,00 x 0,26; 0,65 x 0,87. La parete, a parte lapparenza di primitivismo, co-
struita con molta cura e risulta solida sia per il peso dei blocchi che la costituiscono sia
per la concatenazione di essi a incastro di spigolo di blocco su interblocco con riempi-
mento degli spazi per mezzo di scheggiame e terra. Anche il paramento dei vani dellin-
terno (celle, anditi, scale etc.) in opera poliedrica di pietre di minori proporzioni dispo-
ste a incastro con tendenza allordinamento in filari irregolari. Nelle camere, specie in
del fronteggiante pittoresco cono naturale su cui si erge il Castello giudicale di Lasplas-
sas), ma anche, col Santu Antne di Torralba, lespressione architettonica pi significati-
va ed esemplare della civilt protosarda megalitica. Mostra, in pi del Santu Antne, di
cui anche meglio conservato, una interessantissima successione di strati costruttivi, ag-
giuntisi per vari secoli, per i quali si potuto periodare, finalmente, oltre che il progresso
architettonico del singolare esempio monumentale anche lo sviluppo di altre costruzioni
che, seppure non uguali per mole e complessit, offrono tuttavia affinit e analogia din-
sieme e di particolari. Si aggiunga che, per curiosa sorte, alla stratigrafia strutturale del
nuraghe ha corrisposto, nel terreno archeologico che lo circonda ed entro le capanne del
villaggio antico che gli viveva intorno, una stratigrafia culturale che ha permesso di rico-
struire, per grandi linee, le vicende civili e cronologiche delle genti (guerrieri-pastori in
un primo tempo, servi della gleba poi) che vi stabilirono lor dimora per oltre un millen-
nio, circa dal 1200 a.C. ai tempi di Augusto. Il Su Nuraxi si erge, visibile a distanza per
chi viene dalla strada di Cagliari o da quella della Marmilla occidentale (vie di penetra-
zione verso la montagna del Centro) su un breve ripiano a m 238 di quota (tav. LVII,
2). Questo ripiano fa parte dei terrazzamenti pi bassi (su dun altro il villaggio mo-
derno di Barmini sorto al margine del nuraghe Crsia), modellantisi, pittorescamente,
sullo sfondo del bastione alto e dirupato della giara di Tuli che incombe a Nord, co-
me un enorme balcone stagliato netto contro il cielo, alla frontiera fra i pastori e i conta-
dini (tav. I, 1). Sta al margine della strada provinciale da Barmini a Tuli, affacciato, a
Sud ed Ovest, sulla verde e morbida conca del Pardu e seda chiusa da colli dolcissimi
punteggiati da minori proliferazioni di nuraghi, satelliti del grande castello presso la citt
capitale (tav. LVII, 3). Altri nuraghi sono scaglionati a monte della fortezza principale,
sul profilo delle valli che risalgono al ciglio della giara, segnante forse il limes del ter-
ritorio del piccolo stato pedemontano incentrato nel fortilizio. Si osserva che questulti-
mo, con la sua postura avanzata e centrale rispetto al piano facilmente accessibile per il
solco vallivo del riu Mannu, veramente il caposaldo fondamentale e primario dun si-
stema difensivo di alto interesse strategico quale documenta del resto con evidenza di-
dattica, per tempi di molto posteriori, il citato castello della Marmilla o di Lasplassas, al
margine opposto della conca che guarda dallalto della collina conica, completamente
isolata, che sembra fatta ad arte, tanto naturalmente perfetta, da una mano gigantesca
(tavv. I, 1; LVII, 1). Il nuraghe, del tipo polilobato, si compone di una torre antica o
primitiva (A), circondata, con addossamento posteriore, da un bastione a quattro torri
con feritoie (B, C, D, E), che include anche un cortile (F). Il bastione fu rinforzato suc-
cessivamente da un rifascio murario periferico occludente lingresso fra B e C e le feritoie
delle camere, e fu munito dun nuovo ingresso sopraelevato da terra, aperto nella cortina
fra C ed E. Il nucleo quadrilobato contenuto, a sua volta, in un vasto antemurale di
pianta a esagono irregolare difeso da 7 torri (G, H, M, N, O, P, Q) e provvisto di due
ingressi (i, i); lantemurale, a Nordest, si articola in un ridotto a tenaglia (L) con altro in-
gresso (i) a protezione dun grande edifizio rotondo (I) destinato a sede del Consiglio
degli Anziani del villaggio: una specie di Curia o Parlamento. Linsieme occupa unarea
di pi di 2000 mq, con la massima espansione, di m 75, sulla linea Nordest-Sudovest
(fra P ed I) x 60 sulla linea normale fra G ed N. La torre antica (A), circolare di m 10 di
diametro, ha lingresso a Sud, costituito da una porta di m 2,07 daltezza a sezione legger-
mente rastremata in alto, con pietra darchitrave subquadrata alleggerita da un finestrino
182 183
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
pure le aperture dei vani sopraelevati. Esse sono: il finestrone del primo piano del mastio
e il finestrone dellandito dellingresso rialzato praticato nella cortina di Nordest, tra C
ed E, a m 7,48 daltezza dal suolo (tavv. LXI, LXII, 2). Inoltre si hanno: nellangolo
Nordest del cortile limbocco basso rastremato introducente nel vano della scala, a ram-
pe e ripiani, diretta, entro lo spessore della cortina frontale, allo spalto di Sudovest, con
altezza da terra di m 3,06 (tav. LXIII, 2); e, allangolo opposto di Nordovest, limbocco
a luce trapezoidale, di m 1,67 daltezza, che mette in una celletta a tholos di m 4,23 di
diametro x 5,20 di elevato, provvista di nicchia e stipetto a muro, da ritenersi destinata a
camera da letto (altezza da terra m 3,65; tav. LXIII, 1). Anche queste aperture rompono,
modulandola di zone scure, la parete curvilinea del cortile, evitando di cadere sulla verti-
cale delle aperture a piano terra (alternando cio vuoto a pieno murario) in modo da
non compromettere la statica del recinto. Sotto il piano del cortile , infine, scavato il
pozzo (P), profondo oltre 20 metri, che attinge a una falda freatica con acqua ancor oggi
abbondante risalente a un livello di pi di 4 metri. Il pozzo serviva per i soldati e per la
popolazione durante i lunghi assedi, e nei periodi di pace. Dal cortile, attraverso gli an-
diti lunghi da m 16,96 (da F ad E) a 3,70/3,40 (da F a B), strombati e gradualmente
elevantisi col soffitto angolare od ogivale verso lo sfocio delle camere (tav. LXV, 2), si
penetra nelle stanze delle torri marginali, tutte, tranne la B (tav. LXIV, 2), con le cu-
pole perfettamente conservate (tav. LXV, 1). Con diametri basali ed altezze di volta di
m 4,90 x 8,40 (C), 4,70 x 8,40 (B), 4,00 x 7,73 (D), 4,40 x 8,40 (E), le camere si di-
stinguono per la presenza di feritoie in doppio ordine, quelle superiori servite in origine
dun ballatoio di legno accessibile per scale mobili (si son trovati i resti dei travi che so-
stenevano il soppalco). Se ne contano nove nellordine inferiore per ciascuna torre, tran-
ne che in E dove sono dieci, mentre di quelle rialzate dal suolo, ad altezza da m 3,37 a
4,90, si conservano per intero le otto della cella B, le feritoie delle altre celle essendo sta-
te poi murate dallinterno per sicurezza della parete (tav. LXV, 3). Tutte le feritoie sono
anche murate ed accecate dalla parte esterna, per mezzo del grande rifascio murario co-
struito successivamente. In origine attraverso queste bocche di illuminazione e di offesa
insieme, si sfrecciava sul nemico, a due altezze, per lintero perimetro delle torri, cercan-
do di impedirgli di avvicinarsi (anche con i tiri allo scoperto o dietro il parapetto degli
spalti) o di colpirlo nel tentativo della scalata. Entro la camera della torre C, a sinistra
entrando, si osserva anche una celletta rotonda coperta da volta (m 2,60/1,80 di diame-
tro 3,86 daltezza), preceduta da un basso portello architravato di m 1,07 di altezza; si
pu supporre che servisse o per giaciglio o per depositarvi delle armi od altro. Nella ca-
mera E, protetta dal lungo corridoio curvilineo munito duna garetta di guardia subi-
to a sinistra di chi entra dal cortile, scavato un pozzo, o forse meglio ricettacolo, con
le pareti a forte aggetto e la bocca recinta da un basso anello murario di rozze pietre,
di m 2,15 di profondit. Il pozzo fu aperto dopo che le feritoie furono messe in disuso e
quando la camera venne trasformata come le altre contenute nelle torri marginali da
luogo darme in vano dalloggiamento dei soldati e di deposito. Il bastione quadrilobato,
prima che venisse rinforzato, si elevava per una altezza presunta di 10 metri, forse cir-
condato sul terrazzo degli spalti da una balaustra in muratura o in legno. Allesterno i
muri erano inclinati con pendenza uniforme, mantenuta poi nella grande fodera di con-
tenimento in cui si misurano 5
o
. Lopera muraria, rilevabile in pochi tratti dove caduto il
rifascio (e specie nella torre C dove il paramento si presenta in bella evidenza, tav. LIX, 1),
quella inferiore, impiegata largamente la malta di fango che fissa meglio le zeppe nei
giunti e nei piani di posa. La seconda fase costruttiva del nuraghe consta degli elementi
(torri, cortine e cortile) costituenti il corpo quadrilobato (B-F); fig. 9, 4. Questultimo
formato da una figura geometrica romboide con 4 torri agli angoli, di cui le frontali (B,
C) e quella ad Ovest (D) chiudono e difendono, insieme al mastio, il cortile F. Le torri
marginali son disposte in modo che due (B, E) coprono e proteggono in prospetto e di
tergo il torrione A e le altre due (D, C) lo rinfiancano e lo custodiscono lateralmente. Le
cortine, che uniscono le torri, completano la difesa offrendo la sede per gli spalti ed il
cammino di ronda allintorno del mastio che sopravanzava di circa 5 metri il piano del
bastione. Questultimo si stende per una superficie di circa 700 mq, con distanze fra cu-
spidi di m 44,50 (B-E) e 30,00 (C-D) e fra cortine di m 18 (sulle cortine fra B-C, D-E)
e 16,50 (fra B-D e C-E). Lo schema del bastione quello del quadrilobato rettocurvili-
neo con cuspidi molto prominenti (di tre quarti) sul profilo delle cortine, adatto per il
tipo di difesa a punti. Nel corpo aggiunto si entrava (prima che venisse costruito il ri-
fascio che ne accec lingresso) per unapertura nella cortina di Sudest che la pi corta
per ragioni difensive ed battuta da una coppia di feritoie per parte dalle torri di fian-
cheggiamento B e C. Costituiva lingresso, spostato verso la torre B per maggiore prote-
zione, una porta bassa a sezione trapezoidale (altezza m 1,50) con architrave alleggerita
da spiraglio (visibile oggi dallinterno dellandito al cortile). Dietro la porta, il corridoio
daccesso, di m 4,30 di lunghezza x 0,88/1,60 di larghezza x 3,80 daltezza massima (alla
mezzeria discende alle estremit a m 1,89 e 2,80), custodito da una garetta di guardia
per parte, di pianta rettangolare col muro di fondo arrotondato: altezza m 3,80, larghez-
za 1,50/1,55, profondit 1,82 (il soffitto a taglio angolare come quello dellandito).
Sempre nel corridoio, il tetto di lastre d luogo, al filo della porta dentrata, a un vuoto
circolare di cm 20 di diametro che d superiormente nel pavimento della scala a cordo-
nata aperta entro lo spessore della cortina frontale: si tratta di un foro attraverso il quale
passava la robusta corda che serviva per sollevare ed abbassare dallalto, come una saraci-
nesca, la pesante lastra lignea della porta mobile che chiudeva dallinterno il varco del-
lingresso. Una seconda porta (sistema del dipylon), pur essa rastremata ed architravata,
ma senza finestrino di scarico (altezza m 2) mette dallandito al cortile (tav. LXIII, 4, a
destra). Il cortile lesempio pi superbo e meglio conservato di tal genere di spartito
nuragico nellIsola disegna, visto dallalto, una cavit architettonica curvilinea di sug-
gestione spettacolare; tavv. LXI, LXIII, 1. Si tratta di uno spazio di mq 56,43 di superfi-
cie, chiuso allinterno da pareti aggettanti che seguono il profilo duna mezzaluna, aper-
te, allaltezza di m 12 dal piano di calpestio in un arco di lucernario inciso contro la
volta del cielo. Il tutto (giro del mastio, curva del cortile, calotta del cielo) compone una
serie di ritmi circolari, di sapore antico, maravigliosamente coerenti: una geometria lon-
tana, fuori del tempo, indimenticabile. Nel cortile si aprono, oltre che la porta del ma-
stio A, quelle delle torri C, B, D (tav. LXIII, 1-4) per anditi rettilinei diretti, e quella del-
la torre E (tav. LXIII, 1), la pi remota e difesa, al termine dun andito o galleria a
raggiro del torrione, ricavato lungo la cortina di Nordovest fra D ed E. Le porte, dellal-
tezza di circa 2 metri, son tutte di bel taglio trapezoidale, con architravi sbozzati senza
foro di alleggerimento. Esse ritagliano zone dombra e suggeriscono prospettive di reces-
so, ritmandosi alternativamente con i massi o pilastri di muri (allargati verso lalto secondo
il gusto dellarchitettura megalitica occidentale) che le separano. Sul cortile si affacciano
184 185
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
terrazza darme, la complessa manovra difensiva ed offensiva dei numerosi e vari mezzi
militari a disposizione (macchine, attrezzi, munizioni etc.). Il coronamento del terrazzo,
nella sua edizione nuova, constava di una vasta superficie distesa su torri e cortine supe-
rata di 5 metri dal mastio, recinta da un parapetto a sbalzo pi in muratura che in le-
gno sospeso su grandi mensole, del peso medio di 13 q, inserite in opera nella struttu-
ra terminale del bastione inclinato (fig. 14, 1; tav. LXXVI, 3). Il ballatoio, da supporsi
col pavimento perforato tra mensola e mensola da buchi per farvi cadere i proiettili
grosse palle di pietra del peso di kg. 5,5, ritrovate alla base dei muri durante gli scavi
(tav. LXXVI, 4) , sporgeva appunto per fungere da piombatoio, riguadagnandosi con
lo sbalzo la verticale di tiro deviata dalla pendenza obliqua del paramento. Questo del
piombatoio costituisce il ritrovato di maggior rilievo e importanza, introdottosi, come
elemento di rottura, nella tecnica difensiva tradizionale che, tuttavia, continua ad essere
usata in alcune parti sia del nucleo bastionato sia soprattutto dellantemurale che lo cir-
conda pi allesterno. Lesempio di Barmini il primo documento certo di piomba-
toio, di monumentale imponenza, nellarchitettura militare dellantico Mediterraneo. Il
rifascio (opera costruita per consolidare il vecchio fabbricato che aveva ceduto per slitta-
mento del terreno di base e insieme per fortificare, inspessendole, le muraglie del bastio-
ne soggette alla minaccia dellurto degli arieti criofori gi allora usati) si eleva fino a m
14, eretto in tecnica subquadrata a file orizzontali abbastanza regolari di grosse pietre ba-
saltiche di mc 0,57 e peso di 17 q. Come nellantico bastione, la parte pi alta della pa-
rete, dove si inseriva il rilievo delle mensole, formava un paramento liscio di bei conci
rifiniti a scalpello, contemperando la ragione estetica duna tersa e perfetta muratura
isodoma con la funzione di render pi difficoltosa la salita. Il rifascio segna la terza fase
costruttiva della fortezza. Intorno al bastione quadrilobato rinforzato si svolgeva lante-
murale. Esso consiste in unampia cinta di 7 torri (G, H, M, N, O, P, Q) unite da corti-
ne rettilinee con due ingressi: uno, il principale, a Estsudest verso il villaggio, in angolo
fra G ed H (tav. LXVI, 1) e laltro, secondario, sul balzo roccioso di Ovest, in angolo fra
O e P (tav. LXVI, 2). La cinta eptagona a Nordest si espande nel recinto o ridotto trian-
golare L, con ingresso diretto dallesterno i (tav. LXXI, 2). Le torri dellantemurale sono
disposte in modo da corrispondere alternatamente, tranne che a Sudovest, alle torri e alle
cortine del bastione e, come le torri interne, sporgono di tre quarti dal filo murario delle
cortine, se si eccettuino O ed Mle quali, costruite prima delle altre a rinforzo duna pre-
cedente lizza pi interna a cui appartiene anche una terza torre fra B e C (non segnata in
pianta), furono, poi, incorporate nel nuovo e pi esterno proteichisma (tavv. LXVIII,
1-4, LXIX, 1-3). Torri e cortine dellantemurale battono, dagli spalti e dalle feritoie, la
campagna ma guardano anche (specie in O e in Mdove le feritoie si aprono oltre che al-
lesterno come nelle altre torri allinterno) verso gli spazi pi o meno ravvicinati (pi
fra le torri, meno fra torre e cortina) compresi fra la lizza ed il bastione interiore. Questi
spazi (tav. LXVIII, 2), al riparo dietro le alte muraglie fortificate, accoglievano, durante
lassedio, le persone inabili (donne, vecchi e bambini) e le provvigioni (bestiame ed al-
tro) che non trovassero posto nei locali di deposito del castello retrostante. Alle camere
delle torri della lizza si accede per brevi anditi di taglio angolare in M(tav. LXIX, 3) e O
(tav. LXVIII, 4) le torri antiche , trapezoidale con soffitto a piattabanda in G, H, N e
forse anche in P, Q ora distrutte (torri recenti). Gli anditi si aprono tutti verso linterno
del recinto in modo da esser visti e difesi dagli spalti del bastione. Al terrazzo delle torri
consta, esternamente, di blocchi di basalto di medie proporzioni (mc 0,12, q 3,600 in
media), connessi con tecnica poliedrica. Largo uso di pietre poliedriche (insieme a nu-
merose di forma subquadrata) si osserva pure allinterno, nelle camere (tavv. LXIV, 2,
LXV, 1-3) e nel cortile (tavv. LXI, LXII, 2, LXIII, 1-4) dove per il gusto arcaico della
struttura poliedrica fa gi delle evidenti e larghe concessioni alla disposizione delle pietre
in filari sia pure irregolari e discontinui. Al di fuori, poi, le pareti alte della muratura
mutavano tecnica, venendosi a sovrapporre, a contatto diretto e con stacco deciso, sulle
strutture poliedrico-subquadrate di torri e cortine, strutture isodome vere e proprie con
conci squadrati a scalpello. Queste strutture finite sono ben visibili nelle torri C (tav.
LX, 2) e B e nella cortina fra B e D. La combinazione, non nuova, di isodomo (alla sco-
po di ottenere una parete liscia difficile a scalarsi) su poliedrico-subquadrato verr con-
servata nella muraglia del rifascio. , questa del rifascio, una caratteristica rivoluzionaria
del nuraghe di Barmini, non tanto perch siano altrove ignoti esempi di consolida-
mento di strutture antiche attraverso cinture di muri costruiti successivamente, quanto
per la grandiosit della fodera e per i risultati nuovi, di ordine architettonico e militare,
che la sua applicazione ebbe a portare nei sistemi tradizionali dellarte del costruire e del-
la fortificazione. La grande camicia muraria avvolge tutto il perimetro del vecchio ba-
stione ispessendolo fino a 5 metri (dai 2 precedenti) e lo sopravanza in altezza passando
dai 10 ai 14 metri (tavv. LVIII, 1-2; LIX, 1-4). Il rifascio ostruisce lantico ingresso basa-
le nella cortina fra B e C e tutte le feritoie delle quattro torri marginali e chiude, in defi-
nitiva, la fortezza primitiva in un ridotto formidabile senza scampo penetrabile sol-
tanto attraverso una porta rialzata da terra m 6,70, aperta nella cortina a monte, la pi
nascosta, fra C ed E (tav. LX, 1-2). La sua costruzione port a restaurare alcune parti fa-
tiscenti del vecchio edifizio (murature terminali del mastio e del cortile che vennero ri-
fatte in opera subquadrata a filari di ordinata disposizione orizzontale, tav. LXI, LXII,
2), a rinnovarne altre totalmente (cortina di Nordest, tav. LIX, 1), a mutare lintera fi-
sionomia del castello nuragico. Con una scala mobile, di legno o di corda, si saliva al-
lapertura dellingresso rialzato nella cortina di Nordest (tav. LX, 1-2). Questo ingresso
di luce rettangolare (m 0,85 di larghezza x 1,53 daltezza), con architrave squadrato e ri-
lievo su uno stipite che fungeva da battente duna porta lignea chiudibile dallinterno.
Dietro la porta, allargandosi alla mezzeria, si sviluppa landito che, allestremo opposto,
mette al finestrone rilevato sul cortile, situato, questultimo, allaltezza della soglia del fi-
nestrone del primo piano del mastio, con cui comunicava per mezzo dun ballatoio di
legno (tav. LXI, tav. LXII, 2). Sui lati dellandito, delle aperture disimpegnano la salita ai
settori di Est e di Nord del terrazzo. In particolare, a destra dellandito, un ramo di scala
a corso rettilineo, erto nei suoi 17 gradini contenuti in un vano a sezione angolare, sfo-
cia sullalto della cortina di Nordest presso la torre E. Nella parete di sinistra, poi, landi-
to d luogo ad un imbocco, rialzato sul pavimento di m 3,30, accessibile con scala mo-
bile, dietro cui un breve corridoio a taglio angolare come quello dellandito immette
in una cella di m 2,14 di diametro, ridotta ora al giro di fondazione, sovrapposta al sof-
fitto ogivato della camera inferiore della torre C. Unaltra cella sovrastava la volta della
camera terrena della torre B, in simmetria e in corrispondenza alla prima, mentre su E e
D sopravanzava la massa piena dello spalto, accessibile sia per le aperture dellandito so-
praelevato sia per la scala risalente dal cortile. Si disimpegnava in tal modo, per vie di-
verse distribuite razionalmente in maniera da non incontrarsi e da sfociare tutte nellalta
186 187
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
contro lingresso, coperta in origine a tetto conico di legno e stramaglia elevato su un
grosso palo al centro. Costruita con grandi blocchi poliedrici alla base, su cui pi tardi
fu innalzato un paramento a blocchi subquadrati di evidente restauro, la capanna resti-
tu, durante lo scavo, presso alla nicchia di fondo, elementi rituali (fra laltro una colon-
nina betilica raffigurante una torre di nuraghe con terrazzino su mensole, tav. LXXVI,
1), da cui si desume che la seduta politico-amministrativa era preceduta da una funzione
religiosa e che la costruzione aveva carattere pubblico, civile e cultuale insieme. Il nura-
ghe, ed il villaggio allintorno (tavv. LVII, 1, LXXII, LXXIII, 1), sono stati fatti oggetto
di scavi regolari dal 1951 al 1956. Mastio, bastione e antemurale hanno restituito nu-
merosi e significativi elementi culturali. Si sono avute armi e utensili di pietra, come
proiettili e truogoli, armi e strumenti di bronzo (pugnali, accette, scalpelli etc.), una
grande quantit di stoviglie dimpasto di varia forma e tecnica, per lo pi liscie ma an-
che decorate con stile geometrico, fuseruole fittili ed elementi di collana in avorio etc.
Dappertutto si osservarono segni copiosi di focolari e di resti di pasto (ossa danimali,
valve di molluschi). Nel complesso si sono avuti documenti di vita militare e domestica.
Dallesame delle strutture e dei materiali si ricavata la seguente successione costruttiva
e cronologica della fortezza:
fase a (nuragico arcaico): mastio (1200-IX secolo a.C.);
fase b (nuragico I inferiore): bastione antico senza rifascio, circondato dal primitivo
antemurale con torri Med O (IX-VIII secolo a.C.);
fase c (nuragico I superiore): bastione con rifascio e antemurale nuovo con torri G,
H, N, P, Q e ridotto L (VIII-VI secolo a.C.).
La fortezza fu presa e in parte distrutta dai Cartaginesi alla fine del VI secolo a.C.
Parallelo allo sviluppo del forte quello del villaggio circostante di cui avanzano una
cinquantina di capanne ridotte alla fondazione, costruite con grosse pietre basaltiche.
Sono nella massima parte circolari (tav. LXXIII, 2-3), ma se ne hanno alcune ellitti-
che pi antiche, riferite questultime alla fase b. Il maggior numero , per, dei tempi
della fase c. Unenorme congerie di materiali archeologici di varia materia ed et, ri-
trovata talvolta stratificata regolarmente, stata offerta dallo scavo delle abitazioni.
Dopo la distruzione della fortezza, cio dopo il VI secolo a.C., il nuraghe fu ancora
frequentato e vi si deposit un nuovo livello archeologico di tempi punico-ellenistici
con materiali del tempo. Da ultimo, in et romana, la parte superiore del cortile e
landito dellingresso sopraelevato, essendosi progressivamente coperti di macerie di-
ventando inabitabili, furono trasformati in tomba. Parimenti, allesterno della fortezza
ed anche negli spazi fra la lizza ed il bastione, a cominciare dal V secolo a.C., sui ru-
deri dellantico villaggio delle fasi b e c o sugli strati di terreno culturale corrisponden-
ti, fu costruito un nuovo villaggio di fisionomia completamente differente dal primiti-
vo sia nel tipo della casa a perimetro circolare concentrico a un atrio in cui si
irraggiano i vani destinati ad usi differenti tipo del II millennio a.C. persistente in
et storica (tav. LXXII, tav. LXXIII, 1), sia nella tecnica delle strutture murarie a pic-
coli elementi cementati con malta di fango (tav. LIX, 2), sia nei particolari accessori
di grande interesse etnografico: pozzi (tav. LXXIII, 4), forni (tavv. LXXIV, 1, LXXV,
2), focolari (tav. LXXV, 3), piccoli vani rotondi con sedile intorno a un bacile di pie-
tra (tav. LXXIV, 2-4), ambienti per attivit artigianali (confezioni di oggetti di pietra)
o piccole industrie private (confezione dellolio del lentischio, tav. LXXV, 1). Questo
della lizza si accedeva attraverso il cammino di ronda delle cortine raggiungibili per mez-
zo di scalette in muratura addossate alle cortine stesse (si vedono resti di tali scalette fra
G ed H e fra N ed O). Torri e cortine sono munite di feritoie, nelle torri in doppio ordi-
ne secondo il sistema osservato nelle camere delle torri B, C, D, E (tavv. LXVII, 1-2,
LXVIII, 3, LXIX, 1-2, LXX, 1-2), nelle cortine nel solo ordine basale, in numero di due
situate alle estremit presso le torri, tranne che nella cortina dellingresso principale (fra
G ed H) dove si hanno tre feritoie: una in angolo con G e due aperte, una per parte del-
la porta i a difenderla dalloffesa con tiro frontale a cui si aggiungeva la battuta laterale
della feritoia della torre Ha colpi incrociati (tav. LXVI, 3). Quanto alle feritoie delle tor-
ri da osservarsi che il loro numero maggiore in quelle antiche (dieci basali per ciascu-
na in M ed O: una di O con battuta allinterno dellingresso i), minore nelle recenti
(cinque basali), il che indica, se non lo scadimento, la diminuita importanza del sistema
di offesa tradizionale a bocche darco, e laggiuntasi preoccupazione, in seguito al ritro-
vato degli arieti criofori, di non indebolire le strutture di urto col forarle eccessivamen-
te. Le torri hanno diametri esterni di m 8,40 e 8,36 e interni di m 4,40 e 4,10 le antiche
(Me O) e le recenti di m 8 e 4,05 (G), 7,53 e 3,67 (N), 7,45 e 3,80 (H), da cui si rica-
va la maggiore ampiezza delle prime, spiegabile con lesigenza di offrire pi parete per
lapertura delle numerose feritoie. Le altezze residue vanno da m 4,60 (M) a 3,43 (H),
mentre in origine si devono supporre elevati di spalto di m 10 circa, con camere di m
8/9. Le cortine variano in lunghezza da m 19,85 a 13,35 (media normale di m 16), con
altezza residua di m 4 in media e spessore basale di m 2, leggermente ristretto verso lal-
to: in antico raggiungevano altezza di spalto di m 10, a livello del terrazzo delle torri.
Negli ingressi architravati e piattabandati si misurano luci di m 1,06 di larghezza x 2 di
altezza nel principale (tav. LXVI, 1) e di m 0,95 x 1,60 nel secondario (tav. LXVI, 2).
Lopera muraria della lizza, sia allesterno sia allinterno, del tipo subquadrato, con or-
dinamento a filari. I blocchi del paramento esterno hanno volume medio di 0,23 mc e
peso di 6,9 q; minori le pietre dei paramenti dei vani di mc 0,076 e q 2,28. Il ridotto L
compreso entro una tanaglia di mura poderose che, girando intorno alla grande co-
struzione circolare I, la includono proteggendola entro il munito perimetro, saldandosi,
alle due estremit, alle torri H ed M. Una porta larga, a strombo, di cui resta soltanto la
spalla destra (larghezza m 1,50), si apre al centro del ramo frontale tra H ed I; era sor-
montato da un architrave di m 2 x 0,45 x 0,30 giacente ora al piede della muraglia al-
lesterno (tav. LXXI, 1-2). Lo spazio era protetto dalle torri H ed M, con tiri dallalto e
dalle feritoie (tav. LXX, 3). Superato e occupato il ridotto, restava sempre la possibilit
di chiudere la porta i del recinto L, e continuare la difesa al riparo della lizza fra MH e
C. Il ridotto misura m 8,25 in senso Nordest-sudovest e m 8,55 in senso Sudest-nord-
ovest. Conservato per laltezza massima di m 1,45, con spessore di muro di m 1,90 (allo
svettamento), ha le strutture costituite da grossi macigni di basalto, poliedrici, del peso
da 10 a 15 quintali, messi per piatto e anche piantati a coltello con gusto ortostatico:
misure di massi di m 1,40 x 0,67 x 0,45; 1,10 x 0,90 x 0,35; 1,15 x 0,85; 1,00 x 1,10 x
0,40; 0,95 x 1,10 x 0,50. Dentro il recinto megalitico, alla destra dellingresso in fondo,
sta la Curia o Sala del Consiglio I, per lassemblea degli Anziani del villaggio, presie-
duta dal re la cui sede e la cui dimora erano nellinterno del castello (tav. LXXII). Si tratta
di una grande capanna circolare del diametro esterno di m 10,20 e interno di m 7,20/6,90,
con un sedile alla base della parete che lascia vedere stipi e una nicchia maggiore nel muro
188 189
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Baldacci, Alcune considerazioni geografiche cit., 1959, II, pp. 38-40; G. Lilliu-Biancofiore, Primi sca-
vi cit., in Annali, XXVII, 1959, p. 35; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 169, fig. 41, 17, p. 184, nota 103;
Primi scavi cit., 1960, p. 63; I nuraghi, in Il Progresso dellIsola, 1960, pp. 25 s., 28-31; Almagro, Pre-
historia cit., 1960, p. 653 s., fig. 720; A. Maiuri, Arte e Civilt cit., 1960, p. 25, tav. 17, 57; Rittatore e
altri, LItalia storica, in Conosci lItalia, V (Touring Club ditalia), Milano 1961, p. 22, tav. 4, 10.
Figura 10, 3: nuraghe SORKU o SA DOMU E SORKU (ORTU)-Domusnvas (Ca-
gliari); tavv. LXXVII-LXXIX; cartina B, 107.
Il nuraghe sorge a poca distanza ad Ovest dellabitato moderno di Domusnvas, su un
lieve ripiano intervallivo, alle falde Sudest del Monte Mannu (tav. LXXVII, 1). Domina
la valle, che scende dalle montagne calcari ricche di caverne e di acque e si apre, in un
paesaggio fresco di pascoli, verso Occidente, sulla piana, ridente di coltivi, del Cixrri;
lontano, a Sudsudest, il castello medievale di Gioiosaguardia e i rilievi di Villamassargia.
A 150 metri a Sudest del forte, una sorgente. Il nuraghe di tipo complesso, costituito
da una torre antica (A) circondata da un bastione di figura irregolare (B, D, C) conte-
nente un cortile (E), e, pi allesterno, munita da una lizza con 5 torri (L, N, F, G, H) e
spazi interni (M, I). La torre A, tondeggiante del diametro di m 8,40/8,80 (allo svetta-
mento), presenta lingresso a Sud, architravato (m 1,60 x 0,47 x 0,90), in gran parte in-
terrato tanto che vi si penetra strisciando. Dietro la porta, larga m 1 circa, landito, di 2
m di lunghezza, con pareti aggettanti coperte da due grandi lastroni che determinano
un solaio orizzontale di m 0,65 di larghezza (tav. LXXIX, 2) riceve, sulla destra, lapertu-
ra (di m 0,60 di larghezza) della scala a spirale, ostruita nel suo corso da sinistra a destra
e riapparente, con un vano a muri inclinati, di m 0,60/0,70 di larghezza, nella parte alta
della torre, verso il tratto di Nord. Landito sfocia nella camera con una porta a sezione
trapezoidale, provvista darchitrave con spiraglio di scarico di m 0,25 x 0,18 (tav.
LXXIX, 1). La camera, di pianta ellittica, di m 3,80 x 2,40 di diametro, si conserva per
laltezza di m 5, misurata dal piano del colmaticcio; il tetto sfondato, con apertura di
m 2 x 1,80. Nella parete destra del vano si osservano le tracce di due aperture, distanti
fra di loro 1 metro. Quella pi vicina allandito dingresso, che ben visibile nella parte
superiore, mostra sezione trapezoidale con pietra darchitrave (m 1,55 daltezza evidente
x 0,80 di larghezza sotto larchitrave); laltra apertura, quasi sul fondo, pressoch na-
scosta, obliterata dalle macerie. Le aperture danno a cellette sussidiarie della camera. La
torre si eleva per laltezza massima residua di m 4,50, rilevata alla tangenza del muro con
quello del braccio destro del cortile; lo spessore (allo svettamento) varia fra m 4,80 e 2.
Lopera muraria del tipo poliedrico, con tendenza delle pietre a disporsi su file oblique,
s da offrire laspetto dun apparecchio a reticolato megalitico (come nella torre antica
di Barmini). Si hanno blocchi di medie dimensioni: m 0,60 x 0,42; 0,47 x 0,38; 0,60
x 0,50; 0,67 x 0,41. Nellinterno della camera sono usate pietre di proporzioni varie: grosse
alla base, e medie e piccole al disopra della linea degli architravi delle cellette. Le forme so-
no per lo pi poliedriche e la disposizione segue quella del filare per quanto discontinuo,
con impiego di molto scheggiame negli interstizi fra i blocchi. In genere laspetto dei para-
menti, sia di quello esterno sia di quello interno, rozzo, dovuto anche alla qualit della
pietra adoperata, il calcare paleozoico, che mal si presta alla lavorazione.
Il mastio cinto da un bastione esagonoide, di m 17 di lunghezza (in senso Nord-sud) x
12,40 di larghezza (in senso Est-ovest), con spessore variante da m 4,60 (sulle linee di B
villaggio, dalle viuzze strette e tortuose (tav. LXXIII, 1-2), corrispondente alla fase d
(nuragico II), dur dal V al III secolo a.C. Di et storica, ma di costume indigeno, il
suo fondo culturale rest sempre nuragico. Riutilizzando in parte le abitazioni del se-
condo villaggio e in parte ricostruendo sopra i suoi ruderi, si venne costituendo, da
ultimo, in una fase e, il terzo villaggio. Di tempi ellenistici-romani che si arrestano alla
fine della Repubblica, i resti archeologici di questo villaggio indicano un modo di vi-
vere materiale che risente ormai dellinfluenza di civilt esterne (oggetti, specialmente
ceramici, dimportazione punica, italiota e romana). I morti della fortezza e del coevo
villaggio erano deposti in una tomba monumentale, del tipo dei giganti, fuori del
perimetro dellabitato, forse nel piano di Mitza e Pddini, a Estsudest del centro di
vita della piccola capitale nuragica: residuano la stele e due betili della tomba, visibili
a sinistra di chi entra nel recinto degli scavi. Il cimitero del villaggio punico-romano si
trovato a poca distanza, nella stessa direzione della sepoltura antica.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, II, 1834, p. 167; A. Lamarmora, Voyage, II, 1840, p. 104;
Spano, Bull. arch. sardo, VIII, p. 171; Memoria, 1854, p. 18, nota 3; Memoria, 1867, p. 24; Scop. arch.,
1886, p. 29; A. Taramelli, Mon. ant. Lincei, XVIII, 1907, col. 54; E.E.M. (prov. di Cagliari), p. 85; G.
Lilliu, St.S., III (2), 1938, p. 150, figg. 2-4; Not. di Scavi, 1940, p. 245; Bull. Paletn. It., V-VI, 1941-42,
p. 158, nota 3; St. Etr., 1944, p. 367, nota 185; Not. di Scavi, 1946, p. 175 ss., fig. 1; St.S., 1947, p. 324;
St.S., VIII, 1948, p. 62; M. Varsi, ibidem, p. 368 s.; G. Lilliu, St.S., IX, 1950, p. 396 ss., tav. III, 4-5;
St.S., X-XI, 1952, pp. 95-98, 100-106, 110-113, 119, figg. 7-9, tavv. V-VII; E. Contu, ibidem, p. 149;
G. Lilliu, in Il Quotidiano Sardo, 3 maggio 1932, n. 106, p. 3; G. Lilliu, in Corriere dellIsola, Sssari, 7
maggio 1952, p. 3; P. Mingazzini, St. Etr., XXII, 1952-53, pp. 369-374, 378 s., figg. 1-6; G. Lilliu, I
Nuraghi, in Le Vie dItalia, ott. 1953, p. 1291 ss., figg. ivi; G. Lilliu, in Il Quotidiano Sardo, 18 ott.
1953, p. 3; Annali, 1953, XXI, parte I, pp. 60, 83 s., 87 s., 90, 92; Zervos, Civilisation cit., 1954, pp. 96-
100, 104, figg. 81-91; Attraverso lItalia, vol. XX (Touring), 1954, p. 78, figg. 129-130; G. Pesce, Bronzes
prhistoriques de Sardaigne, Bruxelles 1954, p. 7; Prhistorische Bronzen aus Sardinien, Zrich 1954, p. 15;
Praehistorische Bronsplastiek uit Sardini, s-Gravenhage 1954, p. 4 s.; Statuette nuragiche, Milano 1955, p.
4; G. Lilliu, St.S., XII-XIII, II, 1955, pp. 137 s., 143-469, figg. 3-16, tavv. XI-LXXX; G. Lilliu, in LIllu-
strazione Italiana cit., 1955, p. 97 ss.; Boll. Bibliogr. cit., I, sett. 1955, p. 5; Serra, Mal di Sardegna, 1955,
pp. 127-130, 263; G. Lilliu, in Realt Nuova cit., XXI, sett. 1956, p. 830; Sculture della Sardegna
nuragica, 1956, p. 29 s., 53 n. 51; R. Carta Raspi, Il volto della Sardegna, 1956, pp. 19, 51, 58; E. Putzulu,
in Mollier, Sardinia, 1956, pp. 23 bis e 31 bis, figg. 24-26; F. Hayward e J. Imbert, Sardaigne, terre de lu-
mire, Paris 1956, p. 48; J. Job, Sardinien, 1956, pp. 120-122, tav. a p. 137, p. 199; E. Contu, Bull. di
Paletn. It., X, vol. 65, 1956, p. 175 ss.; M. Riccardi, Lescursione in Sardegna della Societ geografica ita-
liana (1-7 maggio 1956), in Boll. d. l. Societ Geogr. Italiana, giugno-agosto 1956, Roma 1956, pp. 39,
56, tav. fra p. 32 e 33; C. Nierstrasz e L. Claus, Sardaigne, Horizons de France, Paris 1957, pp. 8, 132; V.
Mossa, Architettura domestica cit., 1957, p. 40, fig. 7; A. Borio, Sardaigne, 1957, p. 21, figg. 4, 8, 18, p.
146 s.; G.F. Ackermann, Reiseland von morgen cit., 1957, pp. 8, 10, 18, 38, 51, fig. 2, tav. 10; G. Lilliu,
St.S., XIV-XV, I, 1958, pp. 248, 278; Barmini, in Enciclopedia dellArte antica classica e orientale, Ro-
ma 1958, I, A-BAR, pp. 982-984, figg. 1239-1242; A thousand years of prehistoric Sardinia: the Nura-
ghe of Barmini and its village, in The illustrated London News, London march 8, 1958, pp. 388-391,
figg. 1-19; G. Lilliu, in Archeologia Classica, X, 1958, p. 192; Serra, Sardegna quasi un Continente, 1958,
pp. 7, 88, 92, figg. 2, 10-13; C. Puxeddu, St.S., XIV-XV, I, 1953, p. 18; Atzeni, ibidem, p. 86, nota 33, p.
97 s.; E. Contu, ibidem, pp. 145, 147, 149, 152, 155, 176 s., 180, 182, 184 s., 187; A. W. Van Buren,
News Letter from Rome, in American Journal of Archaeology, 62, n. 4, oct. 1958, p. 426 s., pl. 118, figg.
27-28 e pl. 119, figg. 24-26, 29-31; G. Lilliu, Trulla cupola in Sardegna, in Arch. stor. sardo, XXVI,
1959, p. 512; G. Lilliu, in Antiquity, XXXIII, n. 129, 1959, pp. 33, 35-38, pl. VII c e VIII; The proto-
castles cit., in Scientific american, dec. 1959, pp. 62, 67 s.; E. Contu, I pi antichi nuraghi cit., in Riv.
Sc. Preist., XIV, 1-4, 1959, pp. 99, 105 s., 112, 115 s.; R. Pracchi, Contributo cit., 1959, pp. 39, 57;
190 191
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Nord della camera munito di 4 feritoie e la parete destra ampliata da una celletta semi-
circolare di m 1,40 x 0,80 di profondit. Landito, a sezione angolare e la camera a taglio
ogivale, si conservano per laltezza massima residua di m 3, misurata sul colmaticcio. Il
grande spazio della corte I, servito da un unico ingresso, ricavato nellampio arco di
cerchio fra H e C, volto al Nordest. La porta, architravata, di m 0,80 di larghezza x 0,93
daltezza residua, a profilo rettangolare appena ristretto in alto, mette nellandito strom-
bato (da m 0,80 a 1,20 di larghezza), lungo m 2,30, coperto da tre lastroni di piattaban-
da che formano un solaio orizzontale, di m 2,20 x 0,80 x 0,55; 1,55 x 0,60 x 0,48; 1,52
x 0,75 x 0,46. La corte divisa in 3 settori, fra loro comunicanti, segnati dal restringi-
mento degli spazi in corrispondenza al rilievo interno del perimetro delle torri della liz-
za. I settori si articolano, in gradazione sempre maggiore di ampiezza, fra N ed F, F e G
e in I dove lo spazio si estende in una vasta curva. Linsieme degli spazi costituisce una
rilevante area scoperta in cui trovavano protezione e rifugio temporaneo uomini, bestie
e cose strette dallassedio. Il grande cortile I difeso dalle 4 torri N, F, G, H, tutte spor-
genti per met del perimetro dal filo murario delle cortine. Le torri F, G, H, fronteg-
gianti il prospetto del bastione, sono circolari, del diametro di m 4,60, ciascuna conte-
nente una celletta del diametro presuntivo di m 2 (allo svettamento). La torre N,
rotonda nel giro di muro esterno, nella parte interna disegna un braccio a gomito, con
cui viene separato lo spazio M dalla corte I. Un andito, allargato al di fuori (0,60/1,60
di larghezza), con una nicchia-garetta semicircolare, sulla destra, di m 1,60 x 1 di pro-
fondit, col soffitto a sezione trapezoidale, introduce alla camera N: questa di pianta
ellittica, di m 2,60 x 2,20, scoperchiata come, del resto, tutte le camere delle torri della
lizza. Lopera muraria dellantemurale nettamente diversa da quella del mastio e del ba-
stione. Sono usati dei grossi blocchi di calcare, subquadrati e poliedrici, disposti in file
orizzontali a corsi ben differenziati, di m 1,60 x 0,70 daltezza, 1,65 x 0,80; 1,15 x 0,75;
0,90 x 0,85; 2,10 x 1,20; 1,90 x 0,85 (misure prese nel giro esterno di I fra lingresso e
H). Le torri sono conservate per laltezza residua da m 3,70 (L) a 2 (G), su 3 o 4 file, le
cortine variano da unaltezza residua di m 3 su 6 file (fra N e F) a 0,70 su 1 fila (fra C ed
H). Linterno degli spazi Med I ingombro di macerie cadute dai muri delle torri e del-
le cortine spessi m 1,40/1,60. Di fronte allingresso di I si disegna la base duna costru-
zione curvilinea, di cui si segue il giro per tre quarti. Unaltra costruzione rotonda, del
diametro di m 9,50 con muro spesso m 1,70, ridotta allo zoccolo, si osserva allesterno
davanti alla cortina fra G ed H. In questultima si riconosce una capanna dabitazione,
facente parte dun piccolo centro di vita da supporsi intorno al nuraghe. Tardivo sembra
il recinto, diviso a settori, che racchiude una vasta area sul terreno declive a Sud della
fortezza, usato per tenervi bestie al riparo. Il permanere di genti protostoriche nelle adia-
cenze del nuraghe, provato anche dai resti culturali: schegge dossidiana e frammenti
di ceramiche dimpasto di et nuragica progredita. Non vi sono elementi per stabilire la
successione cronologica assoluta delle varie parti del fortilizio; ma evidente che mastio,
bastione e lizza si sono venuti costituendo in tre periodi diversi. Riferisco, per ipotesi, al
II millennio il mastio e al I millennio (prima met) bastione ed antemurale.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, VI, 1840, p. 207; A. Lamarmora, Voyage, II, 1840, p. 91 ss.,
tav. XIV; Angius, in Casalis, Dizionario, 1843, p. 711; J.F. Neigebaur, Die Insel cit., 1855, p. 293; A. La-
marmora, Itinraire, I, 1860, p. 320; Spano, Mnemosine sarda cit., 1864, tav. VI, 10; Memoria, 1867, pp.
26, 71; G. Cara, Considerazioni cit., 1876, tav. II, 3; Ch. Maclagan, Chips from old stones by the Autor of
e C) a 0,40/0,60 nei lati di Nordest e Nordovest. Il bastione stringe il mastio da Nord
prolungandosi in una prominenza a dente e al Sud (cio sulla fronte del nuraghe) si al-
larga per far posto allinsieme del cortile E, delle cellette B, C, della torre D. Linsieme si
presenta di bella simmetria geometrica e razionalmente concepito in funzione difensiva
del mastio, con la torre D, prominente, sulla mezzeria, in asse e a copertura del cortile E
sul prospetto, mentre i fianchi dello stesso cortile sono protetti dai robusti muri conte-
nenti le cellette B e C coi rispettivi anditi daccesso. Due ingressi (supposto quello di sini-
stra), di m 0,80 circa di larghezza, introducono, non direttamente, ma attraverso lestre-
mit degli anditi di B e C, in E. Essi fiancheggiano la torre D, di m 4 e 2 di diametro
rispettivamente di esterno e di camera, e ne sono difesi. Lingresso di destra, aperto in
un tratto rettilineo del perimetro del bastione di m 4,40 di lunghezza, riceve, sulla de-
stra, landito curvilineo di C, di m 0,90 di larghezza con pareti aggettanti ad angolo acu-
to (tav. LXXVII, 3); dietro landito sincurva la celletta C, di m 2,90 x 2,20 di diametro
e di m 4,50 daltezza residua, a profilo ogivale stretto e allungato. Non si danno misure
dellingresso di sinistra n del corpo costruttivo includente B, il tutto non visibile, ma
supposto per simmetria con C. Il cortile E, di piano a tronco di ellissi di m 4,40 x 2,20,
si eleva sin a m 4,50 alla tangenza del braccio sinistro col mastio, per il resto molto di-
roccato, specie sulla parte frontale che era pi esposta alloffesa. Il bastione si presenta
abbastanza ben conservato nel lato di Estnordest, dove raggiunge laltezza attuale di m 7
(tav. LXXVIII); la parete qui tutta in evidenza, non essendo coperta, come nel resto
del perimetro, dallantemurale. Lopera muraria di tipo poliedrico mediolitico, con dis-
posizione confusa e irregolare di massi che compongono un paramento ad agglomera-
to di apparenza arcaica. Questo tipo di muratura, presente anche nelle pareti del corti-
le, ricalca quello del mastio, per quanto si debba ritenere pi tardivo, considerato lovvio
addossamento. Sullaspetto rozzo e primitivo dellapparecchio ha influito, come nella
torre A, la qualit della pietra che lo stesso calcare paleozoico. Tranne che nel lato di
Estnordest, il bastione circondato da una lizza, con 5 torri (L, N, F, G, H) e due corti
darme (M ed I), amplissima I. M ed I formano due ridotti distinti, non comunicanti,
ciascuno con ingressi indipendenti, costrutti con lintento di attrarre il nemico per bat-
terlo separatamente. Il ridotto Mprotegge il lato Nordovest del bastione, lampio spazio
di I offre riparo e protezione per tutto larco da Ovest ad Est, cio sullo sviluppo frontale
del forte, che era il pi insidiato e il pi debole per effetto delle aperture daccesso al ba-
luardo interno. Di qui il moltiplicarsi delle torri a cortine ravvicinate (F, G, H) in corri-
spondenza al sistema B-ED-C dove si articolano le porte dingresso e i vani retrostanti
(tav. LXXVII, 2-4). Nello spazio M, di pianta cuoriforme di circa 20 mq di superficie,
introducono due ingressi: uno, rivolto ad Est, fra la torre L ed il dente del bastione, e
laltro, rivolto ad Ovest, fra L ed N. Il primo, di m 0,80 di larghezza x 2,60 daltezza al-
larchitrave interno, dal soffitto piano di grossi lastroni elevantesi verso il cortile (tav.
LXXIX, 3-4), e protetto, sulla destra, da uno sperone di muro proteso dal paramento
della torre L, e battuto da una feritoia aperta nello stesso muro. Il secondo ingresso, che
occupa la prominenza della cortina curvilinea fra L ed N, strombato dallesterno allinter-
no (da m 0,60 a 2 di larghezza evidente), presenta il fianco sinistro interrotto dallapertu-
ra dun corridoio di m 5 di lunghezza che immette dentro la camera di L. Questultima
torre, di m 5,20 e 2,80 di diametro esterno e interno, si apre verso lo spazio M con un
andito a strombatura di m 1,40 di lunghezza x 0,60/0,80 di larghezza; e presenta il giro
192 193
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
pu ricostruire una torre con tre camere sovrapposte coperte a cupola e terminante in
un terrazzo (come a Barmini, Losa, Santu Antne etc.). Il paramento del mastio emer-
ge di m 2,30 (a Sudest) sul piano di svettamento del bastione pentalobato, su 9 file re-
golari di pietre basaltiche subquadrate (m 0,25 x 0,80; 0,26 x 0,75). La presenza, entro
la rovina, di conci a cuneo fa presumere che la parte terminale della torre fosse in opera
quadrata o isodoma, come a Barmini ed in altri nuraghi complessi. Il primo bastione
consta di 5 torri collegate da cortine rettilinee. La distanza massima sulle cuspidi di
m 21,40 (da E a C), sulle cortine di m 14 (linea cortina dingresso fra B e C e la corti-
na opposta fra E e D). Le torri marginali hanno il diametro esterno di m 8; son tutte
prominenti di tre quarti sul filo delle cortine, col muro appena inclinato. Le cortine,
tutte rettilinee tranne quella fra E e D leggermente ondulata, sono di diversa lunghez-
za, da m 5,60 (fra D e C) a m 3 (fra B ed F); quella dingresso lunga m 4,60. Il ba-
stione si conserva per laltezza media di m 5 con muri da 6 a 7 filari. Lingresso, rivolto
a Sud, eccentrico per esser spostato a sinistra verso la torre B, ostruito per la massima
parte, lascia vedere larchitrave con spiraglio di scarico. Landito retrostante, di lunghez-
za pari allo spessore della cortina (m 2), munito di due garette rettangolari a contra-
sto, pi profonda quella a destra (si veda simile disposizione nel bastione di Barmini).
Dietro il cortile, a tre quarti di cerchio, di m 9 x 6 al piano di riempiticcio (cio allal-
tezza del primo piano), con pareti evidenti per m 1,50 appena. Nel cortile bisogna sup-
porre le aperture delle torri F, B, C e D, E, le prime ad andito rettilineo diretto, le se-
conde con raccordo curvilineo a raggiro del mastio. Mentre di F non si evidenzia il
vano (ma lo si pu ricostruire sul modello delle camere delle altre torri tutte cupolate
in origine per quanto ora col soffitto crollato in tutto o in parte), delle torri restanti si
misura il diametro della tholos a livello di deposito: m 3,60 (altezza residua m 5) in B;
m 3,50 in C; m 5,80/4,40 (altezza residua m 6) in D; m 2,50 in E. In B, ad altezza dal
suolo, si scorge una feritoia; in D ed E si aprono rispettivamente tre e due celle semiel-
littiche. Le sezioni delle camere sono ogivali, angolari quelle dei corridoi al cortile. La
struttura del bastione pentalobato di tipo poligonale con disposizione di filari molto
irregolare, talvolta inesistente (tav. LXXX, 1). Il paramento , tuttavia, ben legato con
lincastro delle punte dei blocchi poliedrici nel vuoto risultante fra i blocchi inferiori,
senza impiego alcuno di scaglie, il che indica ottima tecnica, rozza solo in apparenza
(misure dei blocchi m 0,60 x 0,73; 0,64 x 0,40; 1,10 x 0,50). Si nota il contrasto col
paramento subquadrato del mastio e si riconosce levidente recenziorit. Lantemurale
forma la cerchia pi esterna del complesso fortificato concentrico, ed anche la pi bas-
sa. La torre Q (a Sudsudovest) segna il margine pi distante dal punto focale del ma-
stio A (m 21,60), mentre il limite pi vicino dato dalla semitorretta L, a Nordest (m
13,40). Da notare che lantemurale si fa sotto il bastione pentalobato sul lato di Est
(distanza minima di m 2 fra C e langolo morto fra N ed O), cio dove la lizza si confi-
gura in un terrapieno o contrafforte frastagliato, privo o quasi di vani interni (L, M, N,
O). Invece larghi spazi si disegnano, sui lati restanti, fra la lizza e la cinta interna, corri-
spondenti a grandi cortili scoperti in cui mettevano le porte delle torri I, H, R, Q, P e
da cui, aderendo alle pareti delle cortine, di tanto in tanto salivano da terra le scalette
per raggiungere gli spalti. Larea dellantemurale ha la lunghezza massima di m 40 (sul-
la linea delle torri I-Q) e la larghezza di m 27 (linea dellingresso-N). Lantemurale si
conserva per laltezza media di m 4,50, con muri elevati fino a dieci filari. Lingresso
Hill Forts and stone circles of ancient Scotland, 1881, p. 6; E. Pais, La Sardegna prima cit., 1881, p. 287,
289, tav. II, 6, III, 5; E. Roissard De Bellet, La Sardaigne cit., 1884, pp. 105, 108; Baux et Gouin, Essai
sur les Nuragues cit., 1884, p. 192; E. Reclus, Nouvelle Gographie, p. 592; Perrot-Chipiez, Hist. de lArt
cit., IV, 1887, pp. 35-37, 43, 51, figg. 27-28; Centurione, Studii cit., 1888, pp. 18, 25 s., tav. IV, p. 36
s., 42, 64, 107; P. Cugia, Nuovo Itinerario cit., 1892, p. 195; F. Corona, Guida cit., 1896, p. 171 (nuraxi de
SOrku Mannu); G. Curis, Le prime origini dellincivilimento in Sardegna, in Rivista Italiana di Sociolo-
gia, IV, 1, 1900, p. 53; G. Pinza, Mon. ant. Lincei, 1901, col. 120, fig. 74; H. De Chaignon, Sur les nura-
ghes cit., 1906-07, p. 33; G. Vacca, Posizione Geografica cit., 1917, p. 9; E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922,
p. 105; Bertarelli, Sardegna e Corsica (T.C.I.), 1922, p. 135; Steinitzer, Die vergessene Insel cit., 1924, p. 22,
figg. 3-4; V. Edel, I Nuraghi e i Nuraghici, Cagliari 1925, p. 35 (verso) e 38; P. Ducati, LArte Classica, Tori-
no 1927, p. 88; A. Taramelli, Cosa insegna una carta archeologica cit., 1935, p. 65; U. Rellini, La Peni-
sola appenninica cit., 1940, pp. 15, 28, fig. 6; M. Le Lannou, Ptres et Paysans de la Sardaigne, Tours
1941, p. 88; G. Lilliu, St.S., VIII, 1948, p. 63 s., 65; Balata, ibidem, p. 435; G. Pesce-G. Lilliu, Sculture
della Sardegna nuragica, Venezia 1949, p. 13; G. Lilliu, St.S., IX, 1950, p. 399; G. Lilliu, in Il Ponte (Sarde-
gna), 1951, p. 992; G. Patroni, La Preistoria, 1951, I, p. 478; E. Contu, St.S., X-XI, 1952, p. 143 ss., fig. 6,
p. 152; Zervos, Civilisation cit., 1954, p. 94; G. Lilliu, St.S., XII-XIII, I, 1955, pp. 113, 196, 228.
Figura 10, 4: nuraghe ORRBIU-Orrli (Noro); v. anche figure 9, 5 e 14, 3; tav.
LXXX; cartina B, 91.
A m 514 di quota, allinterno dellaltopiano basaltico di Pranu e Muru, fa parte duna
serie di altri 24 nuraghi, la gran parte sui cigli di Est e di Ovest della giara, una parte
anche alle sue pendici nei territori dei villaggi moderni di Nurri e di Orrli. Il nuraghe
sta dentro laltopiano e si presenta improvvisamente, con la sua massa gigantesca e for-
midabile (tav. LXXX, 1) stagliata sulla piana aperta e ventilata, non appena si guadagna
laltura salendo dalla conca di Santa Caterina. Questa posizione interna si deve sia alla
ragione tattica della sorpresa, sia al bisogno di lasciare intorno alla fortezza, e special-
mente nel suo lato occidentale donde erano pi facili laccesso e lassalto, un vasto spa-
zio di manovra che, in tempi di pace, si trasformava in unampia distesa di pascoli per
il bestiame a tratti anche coltivata. Dalla parte di Est il nuraghe guardava sulla forra sel-
vaggiamente bella del Flumendosa, per far fronte ai pericoli di irruzione dagli staterelli
del Gerri, di l dalla gran valle. Unantica via di bardane passa, poco discosta, ad
Ovest del nuraghe: percorre il Pranu e Muru da Sud a Nord, cala al Flumendosa, lo
traversa e poi si perde nei segreti paurosi dei boschi intorno ad Esterzli, che furono, un
tempo, degli indomiti Galillenses. Il nuraghe del tipo polilobato o plurimo, con una
torre antica (A), circondata da un bastione a cinque torri (B, C, D, E, F) che racchiu-
dono un cortile (G), entro una cinta pi esterna (o antemurale) difesa da 5 torri (I, H,
R, Q, P) e da una complessa lizza a sporgenze e rientranze (L, M, N, O). Linsieme del-
la fortificazione, una delle pi imponenti della Sardegna, occupa unarea di 2000 mq.
Si riconoscono due periodi costruttivi: il pi antico corrispondente alla torre A; il se-
condo pi recente, in cui furono eretti i contrafforti del bastione pentalobato e dellan-
temurale. Il mastio A, circolare del diametro di m 9 (allaltezza del primo piano), ha
lingresso verso il cortile G, forse tra Sudsudest (oggi non visibile perch coperto dalla
massa di 340 mc di crollo che ingombra il vano del cortile e anche le aperture in esso
delle camere delle torri B, C, D, F). Nulla rilevabile dellinterno. Solo verso la vetta
mzza si osserva traccia del giro superiore della scala a spirale di m 1 di larghezza; si in-
travvede pure il vuoto di scarico del finestrone del primo piano sul cortile. Data laltez-
za attuale del cono (sui 15 metri) che ne suppone una originaria di 20 metri circa, si
194 195
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Bibliografia: Spano, Memoria, 1854, p. 18, nota 1; Memoria, 1867, p. 23, nota 3; Bertarelli, Sardegna
(Touring), 1918, p. 135; Anedda, in Giornale dItalia, 9 agosto 1922; C. Dess, in Giornale dItalia, 18
agosto 1922; E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 145; Bertarelli, Sardegna e Corsica (T.C.I.), 1929, p. 161
s.; E. Lucchi, Visioni di Sardegna, 1933, p. 48; De Campo, Noro, Guida Annuario, Udine 1934, p. 316;
A. Taramelli, in Arch. Stor. Sardo, XIV, 1922, p. 372; M. Le Lannou, Ptres cit., 1941, p. 104, tav. VII, B; E.
Contu, Saggio cit., 1947-48, pp. 46-51, tav. IV, 39, fot. nn. 12-14; G. Lilliu, St.S., VIII, 1948, pp. 63 s.,
65; M. Serra, in LUnione Sarda, 27 luglio 1949; G. Pesce-G. Lilliu, Sculture cit., 1949, p. 13; Tempo
Illustrato, 4 marzo 1950; G. Lilliu, St.S., IX, 1950, p. 399; Anedda, in Il Quotidiano Sardo, 14 gennaio
1951; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, pp. 131, 246-250; G. Lilliu, in Il Ponte (Sardegna), 1951, p.
992; G. Lilliu, St.S., X-XI, 1952, pp. 95, 100; E. Contu, ibidem, p. 125 ss., fig. 3; G. Lilliu, in Le Vie
dItalia, ott. 1953, pp. 1291, 1295; P. Mingazzini, St. Etr., XXII (s-II), 1952-53, pp. 369, 375-377; Zer-
vos, Civilisation cit., 1954, p. 94, figg. 77-78; G. Lilliu, in LIllustrazione Italiana, Natale 1955 (Sarde-
gna), p. 31; G. Lilliu, in Boll. Bibl. Sardo, I, sett. 1955, p. 5; Id., St.S., XII-XIII, I, 1955, pp. 113, 141,
187 s., 191, 196, 200, 203, 210, 228; Serra, Mal di Sardegna, 1955, pp. 187-193; Hayward e Imbert,
Sardaigne cit., 1956, pp. 316-319; Serra, Sardegna quasi un Continente, 1958, p. 92 e figg. 18-19; G.
Lilliu, St.S., XIV-XV, I, 1958, pp. 200 s., 213; The Proto-Castles cit., dec. 1959, p. 66.
unico volge a Ovest, aperto nella lunga cortina frontale fra le torri H ed R (m 12,20),
tutto spostato verso R (da cui dista m 2,80) per essere infilato dal tiro degli archi delle
feritoie di quella torre di fiancheggiamento (tav. LXXX, 2). Di luce trapezoidale (m 1,70
daltezza x 1,17/0,75 di larghezza), architravata (m 1,42 x 0,85 x 0,77), la porta mette
nellandito a sezione angolare, guardato sui due lati, come landito dellingresso del ba-
stione interno, da garette: quella a destra, di piano semiellittico, maggiore, minore lop-
posta, a sinistra, di figura rettangolare, entrambe chiuse ad aggetto. Il corridoio si perde
nellinterno del recinto, che tutto coperto dalla rovina delle parti superiori dei diversi
settori della fortezza; la rovina non fa vedere nemmeno gli sbocchi delle torri (tratteggia-
ti nella pianta) e colma, fino quasi allo svettamento, le camere in esse contenute e origi-
nariamente tutte voltate a tholos. Le torri, intervallate da cortine rettilinee lunghe da
m 12,20 (frontale) a 3 (fra R e Q), molto pronunziate sul filo murario (specie I, H, P,
meno R e Q che mostrano rispettivamente 7 e 4 feritoie), sono pi spaziate e diradate
(ed anche con cortine pi lunghe) nei lati Ovest e Nord del poligono (H, I); si riunisco-
no, invece, e si concentrano nellarco fra Ovestsudovest e Sud (R, Q, P) in corrispon-
denza e sulla direttrice delle tre torri F, B, C del bastione pentalobato. Era questo un
punto nevralgico, in quanto nel corridoio fra le tre torri interne e le tre torri della lizza
stava il passaggio obbligato per accedere e penetrare entro il cortile e raggiungere il ma-
stio, ossia il sistema caposaldo pi riposto e delicato della difesa. Di qui la ragione della
forte munizione, affidata anche alle feritoie aperte nelle torri R, Q e B. Le torri della liz-
za hanno diametri di m 8,50 (R), 9 (Q), 8 (P), 8,50 (I) e 8 (H); di H si misura anche la
camera di m 3,70 di diametro mentre le celle delle altre torri sono in parte visibili ma
non rilevabili. Un tratto di particolare risalto difensivo costituito dalla serie di angoli
morti nel lato Est dellantemurale. un susseguirsi di sporgenze ad arco pi o meno
ampio e pronunziato (L, M, O) o a rivellino rettilineo (N), alternate a risvolti angolari
improvvisi, che determina un efficace sistema di attrazione del nemico nel frastaglio ar-
tatamente confuso e intricato di quelle prominenze e di quelle rientranze continue, per
cui riusciva pi facile colpirlo ed abbatterlo anche per la maggior vicinanza degli ele-
menti della lizza alle punte turrite del bastione pentalobato. La cinta esterna mostra una
struttura a massi in genere abbastanza regolari, ma la regolarit, sia nellordinamento a fi-
lari sia nel taglio dei blocchi, discontinua. La tecnica muraria varia anche da torre a tor-
re (visibile il particolare specie nelle torri R e Q, dove le stesse feritoie hanno una struttu-
ra diversa, tav. LXXX, 2). Dalla parte Sud ed Ovest del nuraghe, da 5 a 10 metri di
distanza, si rilevano sul terreno le fondazioni di capanne circolari (almeno 5), del diame-
tro da 10 a 5 metri, fatte con massi bruti: sono resti dun piccolo abitato di famiglie dei
militari della guarnigione. Un pi vasto villaggio di un centinaio di capanne con un
pozzo duso e di culto insieme, si trova a poco pi di 1 km a Sudsudovest, nel luogo di
Su Putzu. Il raggio di protezione della fortezza dellOrrbiu raggiungeva pure questo ag-
glomerato. Quanto alla cronologia delle diverse parti costruttive della mole, si pu sup-
porre che il mastio sia stato costruito intorno al 1000 e che il bastione e la lizza siano
dellVIII-VII secolo a.C., durati fino a quando i Cartaginesi, intorno al VI secolo a.C.,
non conquistarono laltopiano attestandosi al solco profondo del Flumendosa. Poco o
nulla ci dicono al riguardo i frammenti di stoviglie dimpasto e gli oggetti litici che si
possono raccogliere alla superficie del terreno intorno al forte. Avanzi di embrici e di ce-
ramiche e resti di macine di et romana, segnano un periodo di frequentazione tardiva.
196 197
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Fig. 11: planimetria nuraghe LOSA-Abbasanta (Cagliari)
Figura 11: nuraghe LOSA-Abbasanta (Cagliari); v. figure 3, 4 e 8, 4.
Planimetria generale del nuraghe con la cinta esterna. V. scheda descrittiva del monu-
mento a figura 8, 4.
198 199
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Fig. 12: planimetrie di nuraghi a corridoio
1. Santlvera-Oziri; 2. Cnculu-Scanu Montiferru; 3. Siliggu-Silnus; 4. T-
sari-Bortigali; 5. Sneghe-Suni; 6. Ginna Uda-Bonrcado; 7. Mulinddu-Sga-
ma; 8. Funtanedda-Sgama; 9. Lighedu-Suni; 10. Perca e Pazza-Boltana; 11.
Bdas-Tmpio; 12. Tanca Manna-Tmpio; 13. Fonte e Mola-Thisi.
Figura 12, 1: nuraghe SANTLVERA-Oziri (Sssari); cartina B, 15.
A quota di m 306, su un colle tondeggiante, di contro al nuraghe Jnnas sullopposta
sponda del riu Bttule, nel luogo del paese distrutto omonimo. un nuraghe monotor-
re, circolare, del perimetro esterno di m 58,50 (diametro m 18 circa). Ha due ingressi:
uno a Sud di m 1 di larghezza e laltro a Nordovest (da supporsi per la vicinanza al filo
esterno della costruzione del ramo di corridoio interno che si dirige appunto verso
Nordovest). Dentro lenorme massa muraria della torre, si rileva ora, con una certa diffi-
colt, uno stretto e lungo corridoio che attraversa lintera costruzione, tutto spostato nel-
la met occidentale mentre i tre quarti e pi del restante spazio del cerchio non presen-
tano, almeno in apparenza, segni di vuoti. Il corridoio si articola in due rami che si
incontrano ad angolo ottuso. Il primo ramo, di m 4,80 (segnato a tratteggio) retro-
stante allingresso di Sud e ne mantiene il verso per lintero percorso. Il secondo ramo,
lungo nel tratto in vista m 10 circa e largo 1, alto m 1 sul detrito di colmata archeologi-
ca e di crollo, riceve le aperture di due nicchie, sulla sinistra di chi entra da Sud e sulla
destra per chi entrava dalla porta di Nordovest. Una delle nicchie sta proprio allangolo
fra i due rami: di m 1 di larghezza x 1 metro rilevabile di profondit, mostra larchitrave
1
5
6
7 8
2 3 4
9 10
11 12 13
Corridoio e celle presentano copertura a piattabanda, con lastroni di medie propor-
zioni: m 1,62 x 0,62 x 0,35. Le altezze rilevabili al piano di riempimento dei vani,
vanno da m 1,12 a 1,35, ma, in realt, devono ritenersi maggiori. Allesterno ledifizio
si conserva per laltezza di m 3,77/2,10, su 8 filari a Nord. Il paramento costituito
da blocchi di basalto, alcuni allo stato naturale, altri con segni di lavorazione; la dis-
posizione in filari non regolare. Si osserva una certa cura nei lastroni del soffitto dei
vani. Si hanno le seguenti misure di pietre: m 0,70 x 0,45 x 0,75; 0,26 x 0,37 x 0,45;
0,43 x 0,30 x 0,62. A 10 metri a Nordovest del nuraghe, si osservano resti dun am-
biente rettangolare, di m 10,90 x 5, in pietre brute, con muro di m 1,10 di spessore.
Altre tracce di costruzioni si vedono pi distanti e pi in basso; verso Sud si trovano
dei ripari sotto roccia. Sul terreno non mancano frammenti di terracotta e di pietra la-
vorata, di et nuragica.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 19, n. 53; P. Cao, Uno sprazzo di lu-
ce cit., 1942, p. 1; G. Cherchi, Saggio cit., 1952-53, p. 121 ss., tav. IV, fig. 25; G. Lilliu, St.S., XII-
XIII, I, 1955, p. 129, fig. 2, 2; E. Contu, St.S., XIV-XV, I, 1958, p. 190; R. Grosjean, Rapports cit.,
1960, p. 300; E. Contu, I pi antichi nuraghi cit., 1959, p. 95.
Figura 12, 4: nuraghe TSARI-Bortigali (Noro); v. anche figure 2, 8 e 15, 5.
Planimetria del nuraghe. Vedi scheda descrittiva di fig. 2, 8.
Figura 12, 5: nuraghe SNEGHE-Suni (Noro); v. anche figura 2, 7.
Planimetria del nuraghe. Si veda la scheda descrittiva della figura 2, 7.
Figura 12, 6: nuraghe GINNA UDA-Bonrcado (Cagliari); cartina B, 60.
A quota di m 268, sta su uno sperone inciso al piede dal riu Cspiri, dirupato tranne
che da un lato, in un paesaggio petroso, detto sa perdera. Pinnetas a tholos e pa-
stori intorno. La costruzione forma una ellissi di m 17 circa (Ovest-Estsudest) x 11,50
(Nord-Sudovestsud), scompartita in due corpi disuguali da un corridoio aperto sul-
lasse trasverso o minore. Il corridoio, lungo m 11,50, mette capo a due ingressi: uno
a Sudovest e laltro, allopposto, a Nordnordest, ciascuno di m 1 di larghezza x 1,70
daltezza, entrambi architravati, senza spiraglio di scarico. Il corridoio, piattabandato,
percorribile solo per breve tratto dai due estremi, al centro ostruito, per cui non si
rende possibile scorgere tracce di nicchie o celle laterali le quali, tuttavia, si devono
supporre entro il grande masso murario a tre quarti di ellissi (m 12,40 x 11,50) a Est-
sudest del corridoio stesso, alla sinistra. Allesterno la costruzione si conserva per lal-
tezza massima residua apparente di m 4,50 su 5-6 filari di pietre di basalto, di forma
poligonale, di taglio grossolano, disposti in modo che non osservato lordinamento
a corsi orizzontali; pi curata la lavorazione di architravi e stipiti. Misure di blocchi:
m 1,20 x 1; 1 x 0,90; 0,85 x 0,60, interblocchi 0,05/0,30. Nelle adiacenze del nura-
ghe si osservano resti di capanne curvilinee, di cui una di m 4 di diametro. Sul terre-
no si scorgono frammenti di stoviglie rozze dimpasto, e rifiuti dossidiana.
Bibliografia: A. Lamarmora, Voyage, II, 1840, p. 106; E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 90; A. Tara-
melli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 139, n. 37; A. Piras, Saggio cit., 1952-53, p. 59 ss., tav.
VI, 35, fot. 23-24; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960, p. 63, fig. 84, 5.
di chiusura del vano. A m 4 circa di distanza laltra nicchia, della stessa larghezza e
non misurabile in profondit perch ostruita, sormontata, pur essa, da un architrave di
m 1 x 0,30. La copertura dellintero percorso del corridoio costituita da lastroni messi
a piattabanda che, in origine, si chiudevano a m 1,75 dal pavimento. La torre si conser-
va per laltezza massima residua di m 5 (ad Est), ed il cumulo, al centro, si eleva fino a
10 metri. Lopera muraria di blocchi di trachite, di fattura non curata. A pochi metri a
Nord del nuraghe si osservano resti di edifizi non meglio determinabili, e sul terreno si
raccolgono frammenti di macine a mano e avanzi di stoviglie dellet nuragica.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, f. 193, 1940, I SE, p. 8, n. 3; E.E.M. (prov. di Sssari),
1922, p. 135; P. Pintus, Saggio cit., 1945-46, p. 17 ss., tav. fig. 2; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960, p.
62, fig. 85, 1; E. Contu, I pi antichi nuraghi cit., in Riv. Sc. Preist., XIV, 1-4, 1959, p. 96.
Figura 12, 2: nuraghe CNCULU-Scanu Montiferru (Noro); v. anche figura 17, 3;
cartina B, 44.
Il nuraghe Cnculu in regione Mazzaledda, su un piccolo rialzo roccioso a quota di
m 560. A 150 m a Sud sgorgano alcune sorgenti; bosco intorno. La pianta delledifi-
zio rotonda, di m 10 di diametro. Il vano interno, anzich a camera circolare coper-
ta con volta a tholos, presenta la figura di uno spazio in croce, dato dallincontro di
tre nicchie (una in fondo e due laterali) e dellandito dingresso, volto a Est, molto
lungo, senza garetta e scala. La celletta a sinistra sembra prolungarsi oltre il limite del-
le restanti. La torre alta, ora, oltre m 3,50 (a Nord). Le nicchie, alte m 3 e profonde
2, concluse ad abside, hanno copertura tabulare; anche landito era coperto con la-
stroni a piattabanda. Il sistema del trilite (o dolmenico) ha sostituito quello della tho-
los. Il paramento esterno consta di pietre basaltiche molto grandi, quelle dellinterno
sono di medie dimensioni; piccole pietre completano la rifinitura delle pareti delle
nicchie. In generale i blocchi sono tenuti al naturale, senza ritocchi, tranne che negli
spigoli dei vani. Si notano, in complesso, il prevalere della massa sullo spazio e la tra-
scuratezza tecnica della costruzione.
Bibliografia: E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 166; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206,
1935, p. 202, n. 30; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 140; P. Pes, Saggio cit., 1953-54, p. 49 ss.,
tav. n. 6; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960, p. 63, fig. 85, 3-4.
Figura 12, 3: nuraghe SILIGGU-Silnus (Noro); cartina B, 36.
Si erge sulla sommit dun colle che declina verso il riu di Su Fruscu, a m 278 di quo-
ta. di pianta ellittica, di m 13,30 in direzione Ovest-Est x 8,75 in direzione Nord-
Sud, con ingresso a Sud, che immette in un lungo corridoio di m 7,50 di lunghezza
x 1 di larghezza media. Il corridoio presenta lateralmente due nicchie sulla destra, di-
stanziate m 2,80 una dallaltra; ne presenta due anche sulla sinistra, contrapposte alle
prime, con distanza reciproca di m 3,60. Le nicchie a destra sono di pianta rettango-
lare non regolare con fondo concavo, quella pi vicina alla porta dingresso di m 1 x 2
di profondit, quella verso il fondo di m 1 x 1,80 presumibili. Dei vani situati sulla si-
nistra del corridoio, il primo che si incontra, entrando, consta di un passo dingresso,
di m 1,14, che introduce in una celletta articolata in due ricettacoli, rettangolari con
parete terminale arcuata, di m 1,40 di larghezza x 2 e 1,60 rispettivamente di profon-
dit il lobo sul prolungamento del passo e il lobo che fa risvolto subito a destra di esso.
200 201
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Figura 12, 9: nuraghe LIGHEDU-Suni (Noro); cartina B, 27.
Sta a quota di m 332, su dun altopiano basaltico precipite inciso al piede dal riu Tn-
nera, accessibile soltanto da Nordest per una via naturale, con la visuale chiusa ad Est.
un edifizio di forma a ferro di cavallo allungato in direzione Nord-sud, che presenta
i lati brevi di Sud e Nord e quello lungo di Ovest convessi, mentre il lato lungo di Est
rettilineo e mostra, a met della facciata, lingresso. Ledifizio lungo m 17,40 alla
massima espansione dei lati brevi e m 15 al lato di prospetto, ed largo m 10 sullasse
dellingresso. Lingresso, di m 1 di larghezza x 1,50 daltezza misurabile sul riempi-
mento, sormontato da architrave di m 1,70 x 1,50 x 0,60. Dietro lingresso, il corri-
doio, prolungato nellinterno del masso murario per m 6 circa, riceve sulla destra, a m
2,60 dalluscio, il vano rettangolare duna celletta (m 0,90/0,30 di larghezza x 1,70 di
profondit x 2,50 daltezza) e, sulla sinistra, accoglie lapertura duna scala di m 1,40
di larghezza. Sul fondo il corridoio si bipartisce in due nicchie divaricate ad angolo
acuto, di piano semiellittico, quella a sinistra di m 1,10 x 1,70 di profondit e quella a
destra di m 1,20 x 2, entrambe alte m 2,50. I vani del corridoio, alto da m 1,50 a 4, e
delle cellette presentano le fiancate a muro leggermente aggettante (20 cm in 4 metri
nel corridoio), ma il soffitto composto di grandi lastroni piatti, che rispettano il siste-
ma della copertura a piattabanda. Allesterno ledifizio si conserva per laltezza media
di m 3. I massi che lo compongono sono di basalto del luogo, appena sbozzati, con
dimensioni di m 1,20 x 0,60 x 1,40; 1 x 1,50; 0,83 x 1,10.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XX, 1850, p. 530 (Ilighedu); E.E.M. (prov. di Cagliari),
1922, p. 182; A. Taramelli, Carta archeologica, IV, NO, n. 3 (Eligheddu); A.P. Piludu, Saggio cit., 1953-
54, p. 25 ss., tav. n. 3; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960, p. 62, fig. 86, 4.
Figura 12, 10: nuraghe PERCA E PAZZA-Boltana (Noro); cartina B, 17.
Sorge a quota di m 800, su uno sperone roccioso dominante sulla valle di Su Baratu e
di Su Chivalzu, quasi invisibile tra le rupi. La costruzione, di forma tondeggiante, si
appoggia a enormi massi naturali, fra i quali sono racchiusi i due ingressi di Nord e di
Est: il primo di m 1 di larghezza x 1,90 daltezza con architrave, stretto e difeso da
due rocce di m 4 daltezza; il secondo non esattamente rilevabile. Dietro lingresso
Nord si sviluppa un andito di m 1 di larghezza supponibile, il quale, dopo circa 4 me-
tri di percorso, sincontra ad angolo retto con landito svolto sul prolungamento del-
lingresso di Est, di m 6,30. Ambedue gli anditi sono piattabandati. Il paramento
trascurato. Il nuraghe costituisce una massa di m 12 x 13.
Bibliografia: A. Taramelli, Mon. Ant. Lincei, XXV, 1919, col. 776; V. Tetti, Saggio cit., 1956-57, p. 7 ss.
(II), tav. n. 57; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960, p. 62, fig. 86, 3.
Figura 12, 11: nuraghe BDAS-Tmpio (Sssari); cartina B, 2.
Si erge a m 522 di quota, in loc. Punta Lu Nurache, su unelevata collina dal pendio bo-
scoso con ampio dominio sulle montagne circostanti e sulle valli al piede, solcate da cor-
si dacqua e ricche di sorgive. Guarda anche, e soprattutto, verso la collina del Monte di
Deu sovrastata da un insieme di costruzioni megalitiche di carattere difensivo, di singo-
lare interesse. I due complessi archeologici devono ritenersi legati per funzione e forse
anche per et. Ledifizio forma una massa di figura quadrangolare ad angoli arrotondati
con i lati di Nordnordest, Ovestnordovest e Sudsudovest rettilinei o quasi e con il quarto
Figura 12, 7: nuraghe MULINDDU-Sgama (Noro); cartina B, 38.
Sorge a quota di m 357 su uno sperone del ripido costone nord del riu Mulinddu, in
terreno a pascolo. A tre quarti di ellissi, con i lati lunghi ed il breve di Nordest rettilinei,
e con quello corto opposto curvilineo e convesso, forma una massa di m 16,40 di lun-
ghezza x 10 circa di larghezza. Nel prospetto di Sudest, in situazione eccentrica (m 5,60
dal lato di Nordest, m 10 dal lato di Sudovest), si apre lingresso di m 0,90 di larghez-
za x 1,70 daltezza. Dietro lingresso si allunga il corridoio sullasse corto trasverso al-
ledificio, percorribile per m 2,50, poi interrotto dalla rovina; alla sinistra si osserva
linvito duna celletta, di m 1,30 di larghezza x 1,70 daltezza. Landito coperto con
lastroni di piattabanda, che chiudono il tetto a m 1,70 daltezza sullinterrimento. Il
paramento esterno residua per laltezza media di m 2 su 5 file di pietre basaltiche roz-
ze, di dimensioni varie. A 50 metri a Nordest del nuraghe, giace una tomba di gigan-
ti, detta Su Crastu Covocadu.
Bibliografia: Spano, Bull. arch. sardo, IX, p. 68; Memoria, 1867, p. 22; E.E.M. (prov. di Cagliari),
1922, p. 157; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 195, n. 52; Boscolo-Pintor-Serra,
Guida, 1951, p. 140; A.P. Piludu, Saggio cit., 1953-54, p. 83 ss., tav. n. 10, fot. 15-16.
Figura 12, 8: nuraghe FUNTANEDDA-Sgama (Noro); cartina B, 39.
Sorge su uno sperone basaltico accessibile soltanto da un lato, per il resto precipite, a
quota di m 338. A Sud si adagia la fertile vallata di Sadde e Sgama. A poca distanza
zampillano varie fontane. una costruzione di figura ellissoide troncata ai lati brevi,
dove si conclude in muri rettilinei; curvilinei sono i lati lunghi, con maggiore accen-
tuazione quello a Est. Sullasse di longitudine (Nord-sud) il monumento misura m
22, sul traverso m 13,40 al massimo ingrossamento e m 10,40/9,40 ai tagli dritti dei
lati corti. La grande e poderosa massa muraria divisa in due corpi o quadri trapezoi-
di, di diverso volume, da un corridoio situato sulla dimensione minore, con verso
Est-ovest, spostato verso il Nord, cio verso il quadro minore, risultando cos eccen-
trico rispetto allinsieme. Il corridoio traversa lintero masso costruttivo per la lar-
ghezza: di corso rettilineo (larghezza m 1,80/1,00), ha lingresso a Est e luscita sul-
lopposto lato di Ovest, con lunghezza di m 13. A m 2,60 dallingresso di Est, con la
porta provvista di architrave di m 2 x 1,40 x 0,75, landito riceve sulla destra una cel-
letta o garetta di guardia, semiellittica, di m 1 x 1,20 daltezza x 1,70 di profondit,
coperta da due soli lastroni. Pi oltre, a m 0,80 dalla celletta, vi si apre il vano duna
scala a fior di suolo, che sale, in leggerissima curva, in direzione di Nordovest, verso il
terrazzo (larghezza m 1,20). Di fronte alla scala, sulla sinistra del corridoio, si vede
linvito dunaltra celletta, interrotta dal crollo come la scala. Non si esclude la presen-
za di altre nicchie ancora, specie dentro il massiccio del quadro sud, pi ampio. Tutto
il vano del corridoio piattabandato, con altezza massima rilevabile sul riempimento, di
m 3. Ledifizio si conserva allesterno per laltezza massima di m 4,60 su 5 filari a Nord,
e consta di massi basaltici poligonali sbozzati nella faccia a vista, di m 1,60 x 0,73 e 0,91
x 0,94. Nulla si pu intuire dentro la rovina del piano superiore, o forse meglio del
terrazzo.
Bibliografia: Spano, Memoria, 1867, p. 22; E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 157; A. Taramelli, Carta
archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 220, n. 19 (Funtaneddas); Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 140;
A.P. Piludu, Saggio cit., 1953-54, p. 77 ss., tav. n. 13; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960, p. 62, fig. 84, 6.
202 203
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Figura 12, 12: nuraghe TANCA MANNA-Tmpio (Sssari); cartina B, 4.
Sta a quota di 600 metri, su una radura ai margini dun fitto bosco di sugheri, donde si
ha un bel dominio allintorno. Sorgenti vicine. Di pianta pentagonoide irregolare, con
i lati di Nordovest (frontale), Nordest (laterale sinistro), Estsudest (fondale) rettilinei ed
i restanti di Sud e Sudovest curvilinei. Il lato Sud in parte ricavato nella roccia grani-
tica. Il perimetro delledifizio di m 49. Linsieme misura m 17,20 sullasse Nordovest-
sudest x 16 sullasse Nordest-sudovest. Sul prospetto di Nordovest si apre lingresso leg-
germente spostato a sinistra di chi guarda, sicch il tratto di facciata di m 6 a sinistra
e 7,50 a destra. Lingresso largo m 1,20 con altezza residua di m 1,70, architravato (mi-
sure dellarchitrave m 3,50 x 0,80/1,50 x 0,40/0,92 daltezza), d a un corridoio strom-
bato, lungo m 4,40, largo 1,20/1,70, di m 0,50/1,50 daltezza sul riempiticcio. A m
2,40 dallingresso, a destra dellandito, si vede limbocco (m 0,70 di larghezza x 1,80/2
di profondit x 0,50/0,18 di altezza rilevabile) a una celletta ellittica di m 2,90 x 2, ri-
dotta alle fondamenta. Di fronte lapertura, di m 0,90 x 0,70 daltezza, dunaltra cel-
letta, gi coperta da cupoletta ogivata, di piano ellittico, di m 8,80 di perimetro x
1,20/2 daltezza sul riempimento. Sul fondo dellandito sta una terza cella, pi ampia
delle altre, pure di disegno ellittico irregolare con m 11,90 di perimetro (m 5,20 di
lunghezza x 3 di larghezza) e con 0,70 di altezza misurabile sul colmaticcio. La costru-
zione si conserva allesterno per laltezza massima di m 5,50. di opera di granito, po-
liedrica, con blocchi poligonali o quadrangolari allo stato grezzo o appena ritoccati, so-
vrapposti irregolarmente. Tre blocchi misurano m 1,20 x 1 x 0,70; 2 x 0,80 x 1,20;
1,80 x 0,40 x 1. Nellinterno le pietre accennano a una disposizione a filari e sono par-
zialmente ritoccate specie nella celletta a destra dellandito, dove si misurano blocchi di
m 0,50 x 0,35 x 0,40; 0,60 x 0,40 x 0,40; 0,75 x 0,50 x 0,60. Restano tracce insignifi-
canti dun piano superiore o terrazzo.
Bibliografia: G. Vacca, Posizione geografica cit., 1917, p. 22; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 181-182, 1939,
p. 39, n. 14; F. Manconi, Saggio cit., 1948-49, p. 111 ss., tav. II, 1, fot. 14-15; G. Lilliu, St.S., IX, 1950, p.
456 s.; St.S., XII-XIII, I, 1955, p. 128 s., fig. 1, 1; St.S., X-XI, 1952, p. 97; E. Contu, I pi antichi nuraghi
cit., p. 95, fig. 19; R. Grosjean, Rapports cit., 1960, p. 300; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 55, 63, fig. 16, 1.
Figura 12, 13: nuraghe FONTE E MOLA (FRONTE E MOLA)-Thisi (Sssari); cartina
B, 10.
A quota di m 432 su un gradino calcare, dominante sulla valle del riu Mannu, in loc.
Mesu de Roccas. A dire del Prchac, prende il nome da una vicina fonte di ottima ac-
qua, detta appunto localmente Fonte e Mola. lunica costruzione nuragica a corri-
doio di pianta rettangolare finora conosciuta, ripetutamente menzionata per il suo sin-
golare disegno. Disposto con la dimensione maggiore da Nord a Sud, ledifizio misura
m 16 x 12. Lingresso a Sud, leggermente eccentrico (m 5,80 dallangolo sinistro e m
4,40 dal destro guardando la facciata). largo m 1,20, alto 2, con architrave di m 0,60
di spessore, senza spiraglio di scarico. Dietro lingresso si svolge il corridoio di m 12,60
di lunghezza x 1/1,20 di larghezza x 2,50 di altezza massima, terminante nel fondo a
piccola abside. Nel corridoio, dopo il primo tratto di m 3 circa, si presentano ai due la-
ti una nicchia per parte, di piano rettangolare: quella a sinistra di m 3 x 1,60/1,40 di
larghezza x 2 daltezza, e quella a destra, di m 2 x 1 che fa da ingresso alla scala partente
dal lato sinistro della nicchia stessa (larghezza della scala m 1 circa). Nella parete destra
lato di Estsudest convesso, leggermente curvilineo. Questultimo lato e lopposto di
Nordnordest sono in gran parte riservati in grandi spuntoni di roccia granitica con par-
ziali integrazioni in muratura nel lato Estsudest. Anche i due restanti lati di facciata e di
retroprospetto presentano parte del perimetro costituito dal risvolto dei roccioni, ma
una parte anche costruita con muro grossolano di grandi pietre. Se la costruzione si mo-
della sulla particolare forma a corridoio, ci si deve pure al determinismo dello spun-
tone granitico su cui sorge e a cui evidentemente si adatta. Linsieme delledifizio misura
m 20,20 (Nordnordest-sudsudovest: lati di prospetto e retroprospetto) x 19 (lati di
Ovestnordovest ed Estsudest). La massa della costruzione traversata, nel senso della
maggiore dimensione, da due corridoi irregolari, uno sviluppato nella met di Estsudest
e laltro nella met di Ovestnordovest, entrambi con gli ingressi nel lato Sudsudovest del
prospetto a circa 5 metri di distanza luno dallaltro. Il secondo corridoio presenta anche
un ingresso sussidiario che si apre nellangolo Ovest-ovestsudovest. Delle tre aperture,
quella centrale la principale; volta a Sudovest, larga m 0,90/1, alta m 1,50, con archi-
trave di m 2 x 0,75 x 1. Dietro la porta si svolge un tratto la prima parte del corri-
doio di sinistra, per m 3,60 di lunghezza x 1/0,70 di larghezza x 1,50 daltezza. Al ter-
mine esso riceve, a sinistra, il tronco dandito, raccordato ad angolo acuto, che porta
allingresso sussidiario nel risvolto di Ovest-ovestsudovest della massa quadrangolare, e a
destra accoglie lapertura duna nicchietta, forse di guardia. Landito dellingresso sussi-
diario costituisce una sorta di budello di m 6,50 di lunghezza x 0,50 di larghezza, situa-
to dietro la porta (di m 0,60 di larghezza x 1 daltezza) provvista di architrave di m 2,30
x 0,50 x 0,90. Alla celletta a destra del corridoio dellingresso principale, di forma
oblunga e di m 1,70 x 1,27, introduce un piccolo andito di m 1,48 x 0,50. Dopo il pri-
mo tratto il corridoio continua, in direzione di Estnordest, con disegno leggermente
curvilineo, per la lunghezza di m 14 e la larghezza di 0,60/1,10, con le fiancate in parte
risparmiate nello spuntone di roccia (spalla sinistra), in parte costruite in muratura
(spalla sinistra e destra), senza lastre di copertura perch rimosse. Il corridoio di destra
parte da un ingresso, volto a Sudovest, situato a un livello pi basso di m 1,50 rispetto
allingresso centrale: misura m 0,90 di larghezza x 1,20 daltezza, con architrave di m
1,70 x 0,30 x 0,60. Il corridoio si allunga nella massa muraria, con andamento un po
tortuoso per m 15 circa, con larghezza da m 0,70 a 0,90 ed altezza da m 1,50 a 1, misu-
rabile nel tratto anteriore dove si conservano in posto sei lastre di copertura; sfocia nel
retroprospetto, come il corridoio a sinistra, in uno spazio aperto limitato da una falda di
roccia di m 7 x 3. La costruzione si conserva per laltezza massima residua di m 2,50 a
Ovest. I corridoi, scoperti per la maggior parte a causa della rimozione del tetto, dove lo
mantengono lo presentano in forma di soffitto piano a grandi lastre orizzontali posate
sul margine della spalla di roccia o sui muri a file di pietre (fino a tre). Lopera muraria
di granito, poliedrica, con blocchi impiegati al naturale, di grandi dimensioni: m 1,50 x
0,50 x 1,20; 1,70 x 0,30 x 1; 2 x 0,40 x 0,90; le misure delle lastre di copertura sono di
m1,70 x 0,30 x 0,60; 1,80 x 0,20 x 0,50; 1,10 x 0,30 x 0,50.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 181-182, 1939, p. 37, n. 4 (segnato in Comune di
Nuchis); F. Manconi, Saggio di catalogo archeologico (Foglio 181, IV, N), a.a. 1948-49, p. 79 ss., tav. I,
7; G. Lilliu, St.S., IX, 1950, p. 454 s.; St.S., XII-XIII, I, 1955, p. 128, fig. 1, 2; E. Contu, St.S., XIV-
XV, I, 1958, p. 190; I pi antichi nuraghi cit., 1959, p. 95 s., figg. 19-20; G. Lilliu, St.S., XVI,
1960, pp. 55, p. 63, fig. 16, 1; R. Grosjean, Rapports cit., 1960, p. 300.
204 205
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Fig. 13: planimetrie di nuraghi misti a tholos e a corridoio
1. Gurti qua-Nurri; 2. Serra Crstula A-Bonrcado; 3. Santu Perdu-Nurri; 4.
Quu-Bonrcado; 5. Marasrighes-Ottana; 6. zzana-ggius.
Figura 13, 1: nuraghe GURTI QUA-Nurri (Noro); v. anche fig. 1, 14; cartina B, 88.
Sta a quota di m 533, al limite estremo della colata basaltica del Prane Muru, sul ciglio
dirupato. un nuraghe composito, costituito di una torre antica della forma a tholos
(A), a cui stata aggiunta posteriormente una struttura a tre quarti di ellissi, della forma
a corridoio. Linsieme misura m 20 di lunghezza (sullasse Nordest-sudovest) x m 7,50
di larghezza (sul corridoio D). La torre primitiva A, circolare, del diametro esterno di m
10, presenta lingresso a Sudovest, di m 0,80 di larghezza. Il corridoio retrostante, di circa
4 metri di lunghezza e di m 0,79/0,92 di larghezza, sulla sinistra riceve lapertura duna
garetta di guardia (m 0,81 di larghezza x 1,09 di profondit), ed introduce, poi, alla ca-
mera a tholos. Questultima, eccentrica rispetto al filo esterno della torre, circolare del
diametro di m 3,83, si articola, nella parte destra, in due nicchie, una, pi vicina allin-
gresso, di piano rettangolare (m 0,84 x 1 di profondit), e laltra, pi distante e quasi sul
fondo, semiellittica, di maggiori dimensioni dellaltra (m 1,40 di larghezza x 2 di pro-
fondit). La torre alta ancora m 4 su 12 filari, a Sudsudest. Della cella ogivale resta
unaltezza di m 3,70 su 12 file a Sudovest. Il corridoio dingresso, elevato gradatamente
da m 1,50 a 1,90, mostra taglio aggettante; tabulate sono la copertura della garetta (al-
tezza m 1,34) e quella della nicchia della camera, prossima allingresso (altezza m 0,90).
Lopera muraria consta di pietre basaltiche rozzamente lavorate, di forma varia, di norma-
le grandezza. Il corpo ellittico aggiunto misura m 10 di lunghezza x 7,50 di larghezza,
con spessore murario da m 3 a 4; si addossa a Sudovest di A, con addizione laterale. Sulla
fronte verso Nordnordovest si apre lingresso (D), di m 0,80 di larghezza; il corridoio re-
trostante, dopo m 3 di percorso, incontra il corridoio C, scavato nel mezzo longitudinale
della nicchia a sinistra, si osserva un armadietto di m 0,50 di larghezza x 0,40 di altezza x
1 di profondit, sopraelevato di 1 metro sul piano. Nel secondo tratto, di m 8, il corri-
doio riceve altre due nicchie: una a destra, di pianta semicircolare, di m 1,20 x 1,20, e
laltra, a sinistra, di piano semiellittico, di m 1,00 di larghezza x 2,40 di profondit x 1,50
daltezza. Corridoio e nicchie sono piattabandati con grossi lastroni orizzontali; la se-
zione dei vani risulta rettangolare. La scala o rampa che porta al piano superiore corre
parallela al lato Est della costruzione e fa risvolto ad angolo retto in corrispondenza al-
langolo Nordnordest-nordest. Potrebbe supporsi che, con altro risvolto, in corrispon-
denza allangolo Nordovest, il corridoio della scala finisse nel vano rettangolare di m
3,00 x 3/2,80, situato a met della costruzione presso il lato di Ovest. Ma soltanto lo
scavo accerter, anche se forse non completamente, la disposizione dellambiente o de-
gli ambienti del piano superiore, di cui restano tracce evidenti. Ledifizio, con i muri in-
clinati dogni parte in guisa che la sezione risulta troncopiramidale, costrutto di pietre
calcari durissime e mal sgrossate a disposizione irregolare, e residua per laltezza massima
di m 8 circa. Le pietre sono pi grandi allesterno e pi piccole allinterno. Il vano ret-
tangolare del piano superiore scapitozzato a m 2,50 dal pavimento. Calcolandolo ele-
vato di altri m 2,50, si ottiene unaltezza dambiente di m 5, corrispondente a uneleva-
zione totale esterna supponibile in m 10. La figura di pianta e di sezione, langustia del
corridoio, la scala angolare ricorda esempi di talaiots quadrangolari delle Baleari, di in-
certa cronologia come il nostro pseudonuraghe (v., ad esempio, il talaiot di Sa Canova-
Art, Lilliu, Primi scavi cit., p. 71, figg. 80, 2 e 88-91).
Bibliografia: A. Taramelli, in Arch. Storico Sardo, IV, 1908, p. 214 ss.; F. Prchac, Notes sur larchitecture
cit., 1908, pp. 142-148, 154, 156, 161, 168, figg. 2-7; F. De Rosa, Delluso dei nuraghi, 1909, p. 5 (Fonti
di Mola); F. Flumene, Un po pi di luce cit., 1923, pp. 28, 204; A. Taramelli, Bull. Paletn. It., XLIX, 1929,
p. 84; Carta archeologica, f. 193, 1940, p. 135, n. 9; E. Contu, St.S., VIII, 1948, p. 317; Bellieni, in Il Pon-
te, VII, 1951 (Sardegna), p. 1014; G. Lilliu, St.S., X-XI, 1952, p. 96 s.; St.S., XII-XIII, I, 1955, p. 129, fig.
1, n. 5; V. Mossa, Architettura domestica cit., 1957, p. 59; E. Contu, St.S., XIV-XV, I, 1958, p. 190; I pi
antichi nuraghi cit., 1959, pp. 95, 110, 114; R. Grosjean, Rapports cit., 1960, p. 300.
206 207
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1 2
3
4
5
6
del corpo aggiunto, sul prolungamento dellandito dingresso di A, di m 5 di lunghezza.
Questo corridoio mette in comunicazione la camera di A con una celletta (B) di m 1,80
di diametro al riempimento, contenuta allestremo Sudovest dellellissi. I corridoi sono a
soffitto tabulare; non si possono rilevarne le altezze a causa dellinterrimento. Lopera
muraria di pietre basaltiche di rozza lavorazione di dimensioni grandi e medie: m 1,02
x 0,25 x 0,93; 0,85 x 0,30 x 0,80; 0,94 x 0,37 x 0,59.
Bibliografia: E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 145 (Gustacqua); E. Contu, Saggio cit., 1947-48, p.
33 ss., tav. II, 19.
Figura 13, 2: nuraghe SERRA CRSTULA A-Bonrcado (Cagliari); cartina B, 59.
A quota di m 287, sul ciglio dun altopiano basaltico si affaccia e domina sul solco vallivo
del riu Cspiri, a guardia di vasti pascoli. un nuraghe complesso, costituito da una torre
della forma a tholos, a cui stata addossata, posteriormente, una massa ellittica del tipo
a corridoio. Linsieme misura m 32,40 di lunghezza (dallarco occidentale della torre A
allestremo orientale della massa ellittica) x m 15 di larghezza massima (sul corridoio
D-E). La torre A, rotonda, del diametro esterno di m 12 (nella parte superiore svettata),
mostra lingresso a Estsudest, di m 1 x 0,90, sormontato da pietra darchitrave. Nellandi-
to retrostante, strombato verso la camera (larghezza m 1,20/1,80), lungo m 4, non pre-
senta vano alcuno sul profilo. Landito introduce alla camera eccentrica, rotonda, di m
4,80 di diametro (ridotta a m 4,40 allo svettamento), anchessa semplicissima, senza spazi
sussidiari, almeno in apparenza. Esisteva un piano superiore, documentato dalla presenza
dun finestrone, aperto nel paramento esterno allaltezza di m 3 circa, con luce di m 0,90
di larghezza x 1,65 daltezza residua. Vi si accedeva per una scala a chiocciola, ora non visi-
bile, ma che da supporsi o nellandito o dentro la camera, in questultimo caso sopraele-
vata dal pavimento. La torre si eleva sul piano di campagna da 3 a 6 metri (a Ovest), su
4-5 filari. Landito dingresso, a sezione angolare, si innalza verso linterno fino a m 5; la
camera ha taglio ogivale, con 8 file di pietre elevate sino a m 6. Non regolare lopera mu-
raria costituita di blocchi di grandi dimensioni: m 0,95 x 0,35; 1,10 x 0,70; 1,05 x 0,55,
interblocchi 0,5/0,25. Nellinterno si osservano massi rozzi con facce appena spianate e
con letti dargilla negli interstizi dei filari. Il corpo ellittico (B-F) si addossa ad Est di A.
Misura m 23,40 sullasse B-D e m 15 sullasse D-E. Mostra tre ingressi con corridoi re-
trostanti: E a Sud, C a Nord ed F a Nordest, il primo di m 0,90 x 0,90, il secondo di m
1,20 x 1,40 ed il terzo di m 1,05 x 1; gli ingressi sono tutti architravati senza spiraglio di
scarico. Dietro lingresso a Sud, il corridoio E, dopo m 4,40, incontra due cellette con-
trapposte (D), semiellittiche, di m 1,80 x 3,40 quella di destra e di m 1,20 x 3,10 quella a
sinistra; sul fondo sta unaltra celletta di m 1,10 x 2,50, che disegna, con le precedenti,
uno schema in croce. Il corridoio retrostante allingresso a Nord (C), dopo 8 metri di per-
corso entro la spessa ed enorme compagine muraria, svolta ad angolo retto verso un corti-
letto a mezzaluna (B); mostra una larghezza variante fra m 1 e 1,60. Del terzo corridoio
diretto verso Sudovest nel vivo del muro, si misura un percorso di m 5,80, poi appare
ostruito dalla rovina. Non si esclude che mettesse capo a una celletta, perch allestremo
interno il corridoio tende ad allargarsi (da m 1,20 a 1,80). Tutti i corridoi e le cellette
sono coperti da soffitto a piattabanda con lastre talvolta di proporzioni rilevanti (m 2,10
x 1,80); le spalle, in alcune parti, tendono ad aggettare, ma lo stile sempre quello del vano
a sezione trilitica o dolmenica; le altezze dei corridoi variano da m 1,80 a 1,40, le nicchie
208 209
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
passano da m 1,70 a 1,10. Allesterno il grosso corpo ellittico si conserva per unaltezza re-
sidua di murature di m 5 in media su 8 filari a piani irregolari con leggera rientranza dei
blocchi verso lalto. Lopera relativamente rozza, a pietre di basalto talvolta di dimensioni
enormi, per nulla lavorati e con grandi zeppe negli interstizi. Si hanno misure di pietre di
m 1,50 x 1,40; 1,50 x 1,60; 1,60 x 1,20, di interblocchi di 0,10/0,40. Ad Ovest e Sud
del complesso nuragico, corre un antemurale, da m 6 a 15 di distanza. Di figura curveg-
giante, di m 60 di lunghezza, consta di massi rozzamente accumulati, con larghezza mu-
raria di m 2/2,50, con le seguenti misure di blocchi, non lavorati: m 1,90 x 1 x 0,85;
1,15 x 0,60 x 0,90; 1,20 x 0,80 x 0,45. Nei pressi del nuraghe si osservano resti di sette
capanne circolari col diametro aggirantesi sui 4 metri per 1,50 di spessore murario; tre ca-
panne sono disposte a gruppo con un muro esterno che le unisce. Alla superficie del suo-
lo si notano frammenti di ossidiana e residui di ceramiche dimpasto.
Bibliografia: A. Lamarmora, Viaggio, traduzione V. Martelli, II, p. 83; E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p.
89 (Serra Crastu); A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206, 1935, p. 136, n. 22; Boscolo-Pintor-Serra,
Guida, 1951, p. 138; A. Piras, Saggio cit., 1952-53, p. 53 ss., tav. V, 30; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960,
p. 62 s., fig. 86, 1; G. Lilliu, in Il Progresso dellIsola, 1960, p. 27.
Figura 13, 3: nuraghe SANTU PERDU-Nurri (Noro); cartina B, 81.
Sta a quota di m 614, sullaltopiano basaltico di M. Gzzini, a Sudsudovest della chieset-
ta campestre omonima, in posizione dominante allestremo Est della giara, ricca di nu-
raghi. Una fonte sgorga 200 m a Sudovest. una costruzione molto complessa, in cui al-
la forma del nuraghe a tholos, pi antica (A), si aggiunta evidentemente la forma del
nuraghe a corridoio, costituente una massa oblunga irregolare (B-F) addossata alla torre
primitiva lateralmente, a Est. Linsieme misura m 23 (asse A-D) x 17 (asse C-E). La torre
primitiva (A), circolare, del diametro di m 10, con spessore murario di m 3,20/2,50, ha
lingresso a Sudest, molto rovinato, non rilevabile metricamente. Landito retrostante, pu-
re non rilevabile, introduce alla camera a tholos, eccentrica, rotonda del diametro di m
3 (al riempimento), senza spazi sussidiari, almeno in apparenza. La torre residua allester-
no per m 2,30 su 6 filari, mentre la camera si conserva per laltezza sul colmaticcio di m
1,37 su 6 filari (a Nordnordovest). A sinistra dellingresso si presenta unala di muro me-
galitico addossata, in funzione di contrafforte pi tardivo, al giro Sudsudovest della torre
A. La massa aggiunta, nello stile a corridoio, mostra solo poche parti in evidenza, sicch
ne riesce molto difficile linterpretazione. La planimetria datane , per certi tratti, soltanto
ipotetica. Da un ingresso a Sudovest (F), di m 0,80 di larghezza x 1 daltezza sul deposito,
architravato (m 1,76 x 0,28 x 0,71), per il corridoio retrostante di m 7 circa di lunghezza,
si raggiunge il corridoio E, che incrocia il primo ad angolo, e che mette in comunicazio-
ne la presumibile camera (non visibile) della torre D con uno spazio scoperto B, forse un
cortile. Di questo spazio, di figura trapezoide, di m 4,40 x 4/2, si scorgono tratti di parete
ora a piombo ora leggermente aggettanti, evidenti sulla rovina per m 1,50/1,20. Dallo
stesso spazio, un andito supposto ma non rilevabile, mette forse nella cameretta oblunga
(m 4 x 3,40) della torricella C, misurabile, nellarco esterno di Nord, per m 6 circa di pe-
rimetro, in evidenza allinterno per m 1,20 daltezza sulla rovina. Lopera muraria del
complesso in basalto, di tecnica subquadrata allesterno. I corridoi del corpo aggiunto
sono coperti a piattabanda. Misure di pietre, allesterno: m 1,02 x 0,34 x 0,50; 0,76 x
0,41 x 0,55. Nei pressi del nuraghe si scorgono tracce dun piccolo abitato di et romana.
sembra appartenere ai resti dellantemurale. fatto di blocchi enormi senza lavorazione
di m 2,10 x 1,25; 1,70 x 0,85 x 0,60; 1,50 x 1 x 0,50, con larghi spazi fra blocco e bloc-
co. Nei pressi del nuraghe si osservano gli avanzi di tre capanne ellittiche e circolari, del-
lo spessore di m 1,20, di cui una ancora con la porta dingresso architravata (altezza m
1,20 x 0,90 di larghezza). Le pietre, di medie dimensioni, recano scarsi segni di lavora-
zione. Trattasi di capanne di et nuragica, come di et nuragica sono i pezzi di terracotta
dimpasto nero e rossiccio che si scorgono alla superficie del terreno.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, II, 1834, p. 413 (Bau-cuadu); A. Lamarmora, Viaggio (trad.
V. Martelli), II, p. 83; Spano, Memoria, 1867, p. 16, nota 3 di p. 15; A. Taramelli, Carta archeologica,
ff. 205-206, 1935, p. 140, n. 45; A. Piras, Saggio cit., 1952-53, p. 62 ss., tav. VI, 37; G. Lilliu, St.S.,
XVI, 1960, p. 57, nota 40.
Figura 13, 5: nuraghe MARASRIGHES o BIDINNNNARI-Ottana (Noro); cartina B, 35.
Sta sopra uno spuntone trachitico, al margine del Monte Nieddu, alto sulla vallata del riu
Sicci, a circa 200 metri a Sud. La pianta irregolarmente triangolare, con profilo curvili-
neo, con tre punte convesse a Nordnordovest, a Sudovest e a Sudest, la prima interrotta
nel suo contorno, le restanti, spostate sulla parte frontale delledificio, formanti le torri A e
B con relative camere in evidenza. Fra le due torri marginali situato il cortile C, a cui
mette dallesterno un ingresso aperto nella cortina di facciata, leggermente concava, con
esposizione a Sudsudest; il cortile stesso, verso Nordnordovest, si prolunga nel corridoio
D il quale probabile che fuoriesca dalla parte opposta a quella dellingresso di prospetto.
La massa costruttiva ha una lunghezza di m 17 circa sullasse Nordest-sudovest e la lar-
ghezza di m 18 sullasse normale (sulla linea delle torri frontali). Lingresso, largo m 1,10,
sovrastato da un architrave di m 2,20 x 0,50 x 0,65. Landito retrostante, della stessa lar-
ghezza e della lunghezza di m 2,50, riceve sulla sinistra, al centro, una garetta semicircola-
re di m 0,50 di larghezza x 1,10 di profondit x 0,55 daltezza. Nel cortile C, di piano
quadrangolare, di m 3,10 x 4, sfociano, oltre landito dingresso, gli anditi di B e D; vi fa ca-
po, anche se ora non visibile, quello di A. Landito di B, a destra del cortile, lungo m 3,60,
introduce in una camera rotonda di m 3,30 di diametro, con una nicchietta sulla sinistra
di chi entra, semiellittica, di m 1 di larghezza x 2 di profondit. Della corrispondente ca-
mera della torre A si misura un diametro di m 3,75. Il corridoio D, percorribile per la
lunghezza di m 5 circa, ostruito nel tratto di fondo, mostra, allapertura verso il cortile, un
architrave poderoso di m 2,25 x 0,67 x 1. Le camere A (altezza non rilevabile) e B (altezza
residua m 2,87 a Ovest su 4 file) si concludevano ad ogiva, oggi scoperchiata; il cortile
C ha pareti verticali (altezza sul crollo m 1,20). Gli anditi e la celletta in B sono coperti
da lastroni a piattabanda. Il monumento allesterno si conserva per laltezza massima di
m3,90 su 9 file, a Nordest. Il paramento consta di blocchi di trachite di discreta lavorazio-
ne, di medie dimensioni: m 0,54 x 0,30 x 0,90; 0,38 x 0,36 x 0,49; 0,45 x 0,33 x 0,60.
Bibliografia: G. Cherchi, Saggio cit., 1952-53, p. 246 ss., tav. VII, fig. 46; G. Lilliu, St.S., XII-XIII, I, 1955, p. 128.
Figura 13, 6: nuraghe ZZANA-ggius (Sssari); cartina B, 1.
In localit Montagnana a quota di m 422, situato al centro dun piccolo altopiano, a 1 km
da riu Turrali, il nuraghe domina largamente sui monti e sulle colline circostanti, in un
paesaggio squallido, povero economicamente. il nuraghe di maggiori proporzioni ed il
meglio conservato fra quelli della Gallura. di tipo complesso e singolare, rappresentando
Bibliografia: E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 145; G. Lilliu, St.S., VII, 1947, pp. 36, 58, nota 59;
E. Contu, Saggio cit., 1947-48, p. 28 ss., tav. III, 35.
Figura 13, 4: nuraghe QUU-Bonrcado (Cagliari); cartina B, 64.
Si erge a quota di m 193, su un ciglione basaltico che strapiomba sulla profonda valle
del riu Mannu. Le rovine declinano da Est a Ovest, sul terreno in leggero pendio. Sotto
la rupe, a mezza costa, a 100 metri di distanza dal nuraghe, sgorga una sorgente dac-
qua. Pascoli intorno, e coltivi nella valle. Il nuraghe associa la forma a tholos alla for-
ma a corridoio. Pi antichi sono gli elementi costitutivi della prima (A-B), aggiunti gli
altri della componente a corridoio (C-D-E). Linsieme consiste in una massa ellittica-
rettangolare, molto irregolare, di m 42 (asse Est-ovest) x 26 (larghezza massima al muro
rettilineo di Ovest). Lestremo occidentale rettilineo con angoli stondati, curvilinei gli
altri lati, quelli lunghi ad andamento sinuoso. Il corpo antico consta di due torri (A-B)
affiancate e riunite per mezzo dun fasciame oblungo, che rinforza la torre B, mentre la
A ne in gran parte esclusa, rimanendo col paramento scoperto nel giro da Nord a Sud-
ovest. La torre B evidentemente aggiunta alla A, perch le si addossa, a Ovestsudovest.
La torre A, situata al vertice orientale del complesso, di figura circolare irregolare, ha dia-
metro esterno di m 10 circa, con ingresso a Sudsudest, di m 0,70 x 1,50. Il corridoio re-
trostante, di m 2,50 di lunghezza, mette nella camera rotonda, del diametro di m 3,70,
in posizione eccentrica. Nella stessa camera, sulla sinistra, si presentano due vani. Quello
pi vicino allingresso duna celletta, di piano semiellittico, di m 1 di larghezza x 3,20
di profondit x 2,20 daltezza; nellaltro, di piano trapezoidale, di m 1 x 2,20 di lun-
ghezza x 1,20 daltezza, contenuta, sul lato sinistro, lapertura della scala che portava o
al piano superiore o al terrazzo della torre. Sul lato destro della camera gira, addossato
alla base della parete, un sedile circolare di pietre piatte, alto m 0,20, dello sviluppo di 5
metri. La torre svettata a circa 5 metri dal suolo. La camera ogivale si conserva per lal-
tezza di m 4,50 su 10 filari. I vani della celletta e della scala sono a sezione rettangolare.
La torre B ha diametro esterno di m 7,50, con paramento elevato per 10 metri sul piano
di campagna, con 6 file visibili sul fasciame. anche visibile la parte superiore svettata
della camera per un diametro di m 1,50; per il resto non si pu rilevare. Del corpo ag-
giunto a corridoio, nella cortina volta a Sud presso la torre B, si osserva lingresso dal-
lesterno, di m 1,20 x 0,70, con architrave di m 2 x 1 x 0,60. Il corridoio retrostante,
dopo 4 metri, ostruito. Si pu ritenere, da alcune tracce, che esso, circa a met del suo
percorso, incontrasse un altro ramo di corridoio trasversale (C), scavato nel gran masso
della parte occidentale del corpo costruttivo (larghezza del corridoio m 1, resti per la
lunghezza visibile di m 2,50), e che, poi, svoltasse ad angolo smussato verso Est per sfo-
ciare nel cortile D. Il cortile si presenta come un vano scoperto di figura oblunga, ovoi-
de, di cui si intravvede larco di parete del muro a Nord, mentre il rimanente si rico-
struisce idealmente. In questo cortile pare mettesse capo, infine, per un breve andito, la
torretta E, circolare, del diametro superficiale di m 5, incorporata nel complesso e forse
dunque ad esso anteriore ( della stessa epoca di A e B?). Il grande corpo aggiunto, nello
stile a corridoio, si conserva per laltezza media di m 3, con 5-6 file di pietre basaltiche,
di grosso taglio poliedrico, rincalzate da brecciame, con misure di m 1,50 x 0,65 x 0,60;
0,95 x 0,45 x 0,55; 0,90 x 0,55 x 0,60. Nellinterno si osserva luso dellargilla. A 50
metri a Sud della massa megalitica, un muro in senso Nord-sud, piegante poi ad Est,
210 211
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Figura 14: restituzione ideale dei nuraghi Su Nuraxi-Barmini e Santu Antne-
Torralba (1, 2) e dellOrrbiu-Orrli (3)
Figura 14, 1: nuraghe SU NURAXI-Barmini (Cagliari); v. anche figure 3, 2; 9, 4; 10, 2.
Restituzione ideale del bastione quadrilobato, ai tempi della fase c. Si veda la scheda
descrittiva della figura 10, 2.
Figura 14, 2: nuraghe SANTU ANTNE-Torralba (Sssari); v. anche figure 1, 25; 3, 5; 8, 6.
Restituzione ideale del bastione trilobato. Si veda la scheda descrittiva della figura 8, 6.
Figura 14, 3: nuraghe ORRBIU-Orrli (Noro); v. anche figura 10, 4.
Restituzione ideale dellintero complesso nuragico. Si veda la scheda descrittiva di fi-
gura 10, 4.
lunione della forma a tholos con la forma a corridoio. Linsieme, di piano grosso mo-
do triangolare con apici arrotondati, misura m 20,40 sulla linea Nordovest-sudest x 18
sulla linea Nordest-sudovest; il perimetro di m 60. Il nuraghe mostra tre ingressi. Uno
sta al centro sulla fronte di Sudsudovest (H), un altro si apre nella cuspide di Sudest (A)
e il terzo (una posterula) presso langolo di Ovestsudovest (davanti ad F). Lingresso
principale (H), di m 1,30 di larghezza x 1,20 daltezza sul riempiticcio, sormontato da
pietra darchitrave di m 1,90 x 0,50 x 0,70, d nel breve andito strombato di m 2 di
lunghezza x 1,30/1,50 di larghezza. Da questandito, ai due lati, si dipartono i rami del
corridoio G raccordati ad angolo ottuso, un ramo verso la tholos A e laltro, opposto,
verso il corridoio F. Il primo ramo, lungo 6 metri circa e largo 0,60, si apre su H con
una luce architravata alta m 1; il ramo verso A, lungo m 4 largo 0,80 e alto m 2,30 (al-
linterno)/1,94 (allo sfocio in A), ha volta rudimentale in aggetto a differenza del primo
ramo che tabulato (a solaio piano) come tabulata la copertura di H, costituita da la-
stroni di m 1 di lunghezza chiusi a m 1,60 dal suolo apparente. Nella tholos A si entra
pure, direttamente, dallesterno per la porta di Sudest, di m 1,45 daltezza x 1,00 di lar-
ghezza con architrave di m2,90 x 0,80/1,10 x 1,20; vi introduce landito di m 2 di lun-
ghezza x 1/1,20 di larghezza, pur esso tabulato. La tholos circolare, di m 6 di diametro,
alta m 7,30, mostra le pareti a file di blocchi in granito di grandi e medie dimensioni,
per lo pi di forma subquadrangolare; fra le pietre se ne notano tre per essere meglio la-
vorate delle altre e per le eccezionali dimensioni: m 2 x 0,65; 2,40 x 0,60; 2,30 x 0,60.
Dalla camera A, in simmetria col corridoio G, si diparte il corridoio F che segue, descri-
vendo unampia curva, il profilo del nuraghe sul lato Estnordest, la cuspide Nord ed il
fianco di Nordovest. Il corridoio, alto sulla parete di A m 3,20, di sezione trapezoidale
(larghezza m 2/0,20 in alto), disimpegna le cellette D-C-B-E, le quali son tutte disposte
con gli ingressi verso la cuspide Nord e si articolano in linee mosse, sinuose, di gusto
labirintico, per attrarre nel chiuso il nemico, confonderlo, catturarlo o ucciderlo nel
segreto profondo di quegli oscuri penetrali. Le cellette sono distribuite entro il fasciame
murario in figura di triplice forcipe con senso simmetrico: E e D ai lati, C e B al centro
in profondit (B interna a C). Linsieme costituiva una sorta di camera della morte,
stretto tra la grande cella A e i corridoi F e G scavati, insieme alle celle, nel potente e so-
lido masso murario con gusto di grotta. Le celle B-F son tutte di piano irregolare, ellit-
tiche. D misura m 4 x 1,40 (ridotta alla base); C, gi ogivata, ha m 5 x 3 ( provvista di
una nicchietta a sinistra, di m 1 x 0,40); B, comunicante con C per uno stretto passag-
gio di m 2 di lunghezza x 0,80/0,40, misura m 4 x 3; infine in E si misurano m 2 x 1 x
1,80 daltezza, alla cupoletta leggermente schiacciata sui fianchi. Gli ingressi alle cellette
sono piattabandati. Dopo aver disimpegnato la camera della morte, il ramo di Ovest-
nordovest del corridoio F, largo m 0,80 e alto m 2,30, tabulato, incontra il corridoio F e
mette capo a una posterula di m 0,74 di larghezza x 1,20 daltezza rilevabile. Lopera
muraria di granito con blocchi in parte grezzi e in parte ritoccati e tagliati in forme qua-
drangolari a spigoli vivi (misure di tre blocchi contigui m 2 x 0,50 x 1; 1,90 x 0,40 x 0,80;
1,20 x 0,60 x 0,50). La connessione delle strutture murarie in alcune parti accurata, in
altre assai rudimentale.
Bibliografia: G. Vacca, Posizione geografica cit., 1917, p. 13; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 181-
182, 1939, p. 43, n. 2; F. Manconi, Saggio cit., 1948-49, p. 140 ss., tav. II, 6, fot. 18-22; G. Lilliu,
St.S., IX, 1950, p. 433 s., tav. IV, 5-6; St.S., X-XI, 1952, p. 95; St.S., XII-XIII, I, 1955, p. 128.
212 213
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1 2
3
diametro di m 15,80/16,10, a muri perpendicolari raggiungenti, in origine, laltezza di
7/8 metri. Ai lati dellandito dingresso, che guarda a Sud (tav. CII, 4), si dipartono cir-
ca a met due corridoi curvilinei, di cui quello a sinistra pi lungo. Nella camera prin-
cipale, tondeggiante, a perimetro irregolare, di m 5,60/4,30 di diametro, si irraggiano,
in croce, tre cellette, una sul fondo e le altre due ai fianchi. La camera, dai muri verticali
nella parte basale, in alto, quando era integra, curvava a tholos. Tranne il corridoio a
destra, a sezione di vano triangolare (tav. CII, 3), il resto degli spazi ha pareti perpendi-
colari con tetto piano gradinato (altezza m 2/1,50). Le strutture sono uguali a quelle
della torre di Balestra (vedi sotto a figura 15, 4). In questo monumento, durante gli
scavi effettuati dal Grosjean nellautunno del 1957, si osservarono tre strati archeologi-
ci, quello pi basso il pi antico con utensili litici, oggetti dornamento in pietra in
bronzo e in vetro colorato, molti resti di ceramica per lo pi rozza e liscia ma taluni an-
che decorati con scanalature. Nello stesso strato, quasi dappertutto, si incontrarono re-
sti carboniosi, ceneri e ossa calcinate. Avanzi scheletrici umani si videro, nello strato
medio, dentro la cella e nel corridoio a destra. Per il Grosjean la torre avrebbe avuto ca-
rattere funerario e anche religioso, e risalirebbe a dopo il 1450 a.C.
Bibliografia: R. Grosjean, Deux monuments circulaires mgalithiques de la moyenne valle du Taravo
(Corse), in Gallia, Prhistoire, t. I, Paris 1958, p. 10 ss., figg. 17-44; Torre (Ile de Corse): monument
mgalithique du bronze moyen, in Rvue archologique, III, 1959, p. 15, 37 s.; Rapports cit., pp. 298,
301; Filitosa et les monuments protohistoriques de la valle du Taravo, Collection: Promenades archologi-
ques I, 1960, p. 28; E. Contu, I pi antichi nuraghi cit., 1959, p. 111; G. Lilliu, Primi scavi cit., p.
72; R. Grosjean, Filitosa et son contexte archologique, in Fondation Eugne Piot, Monuments et M-
moires publis par lAcadmie des Inscriptions et Belles Lettres, t. 52, fasc. 1, 1961, pp. 52, 93-94.
Figura 15, 3; nuraghe SA CA FILIGSA-Boltana (Noro); cartina B, 19.
Sorge in localit Funtanssida, su una propaggine tondeggiante, a quota di m 979 e domi-
na sul riu Mularza Noa. A 200 metri ad Ovest, a mezza costa, sgorga una sorgente dac-
qua. Il nuraghe presenta unica torre, di piano irregolarmente circolare, del diametro di m
11 escluso lo zoccolo di m 2,80/3,40 di spessore; nel complesso ha m 17,40 di diametro.
Il vano dingresso, a Sudsudest, si apre sulla fronte del rifascio murario; un secondo ingres-
so costituito dalla porta sul prospetto del cono interno, con architrave di m 1,20 x 0,45
x 0,50, ben lavorato con spiraglio di scarico. Il corridoio retrostante, strombato verso la ca-
mera, lungo m 3 circa, mostra a destra la garetta di guardia semiellittica (m 1 x 1,80 di
profondit) e a sinistra la scala che si segue per un giro di poco pi di due metri con lar-
ghezza di m 0,80/1,00. La camera eccentrica, rotonda del diametro al piano attuale di m
4,80, presenta due nicchioni laterali, simmetrici, di pianta a segmento di cerchio, di m
1,20 di larghezza x 1 di profondit x 1,60 daltezza visibile. La sezione dellandito, elevan-
tesi progressivamente da m 2,20 a 3,20 sullinterrimento, angolare; quella della camera a
ogiva acuta, con altezza di m 5 al piano di colmaticcio, di 8 almeno in origine. La torre
allesterno conservata per laltezza residua di m 5 e consta di blocchi di basalto abbastan-
za regolari; curata e ben disposta su filari regolari anche la struttura interna ad anelli re-
golari senza zeppe e riscagliature. Le dimensioni dei blocchi del paramento esterno sono di
m1 x 0,45; 0,95 x 0,60; 0,80 x 0,36; 0,90 x 0,37. Lopera del rifascio, di m 1,50 daltezza
residua apparente nei tratti non distrutti, della medesima tecnica di quella della torre.
Bibliografia: A. Taramelli, Carta archeologica, f. 193, 1940, p. 57, n. 12; V. Tetti, Saggio cit., 1956-57, p.
25 (II), tav. n. 73; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 162, nota 82, p. 161, fig. 89, 2, p. 168 s., fig. 41, 5.
Fig. 15: planimetrie comparative di nuraghi (1, 3, 5) e di torri della Corsica
(2, 4, 6)
1. Murrtu-Silnus; 2. Foce-Argiusta-Moriccio; 3. Sa Ca Filigsa-Boltana; 4.
Balestra-Moca Croce; 5. Tsari-Bortigali; 6. Torre-Portovecchio.
Figura 15, 1: nuraghe MURRTU-Silnus (Noro); v. anche figura 1, 23.
Planimetria del nuraghe. Si veda la scheda descrittiva della figura 1, 23.
Figura 15, 2: torre di FOCE-Argiusta-Moriccio (Petreto), in Corsica; tav. CII, 3-4.
Si erge in localit Punta di Foce (Pointe de Foce) nella media valle del Taravo. Il monu-
mento, detto anche Castellaraccia (tristo castello), sta sulla punta Ovest duno sperone
granitico, a m 424 di quota. A poco pi dun km di distanza, a Sudovest, si osservano
tracce di capanne dun villaggio coevo alla torre. Ledifizio circolare esternamente, del
214 215
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1 2
3
5
6
4
(m 0,20 x 0,30) che, traversando lo spessore della muraglia per m 1,50, prende luce dal-
lesterno e illumina fiocamente linterno. I corridoi, larghi da m 0,50 a 1, sono di sezio-
ne rettangolare con le spalle leggermente inclinate in dentro dal basso in alto, a filari di
pietre tagliate a mazza in fogge subquadrate, poliedriche e tondeggianti, sporgenti luna
sullaltra. La copertura, chiusa a m 1,60/2,50, sia negli anditi sia nella cella costituita
da lastroni orizzontali affiancati sullo stesso piano orizzontale. La torre si conserva al-
lesterno per laltezza di m 3,70. Nella parte costruita il muro cade inclinato di 10, col
paramento formato da pietre subquadrate e poligonali disposte in corsi abbastanza rego-
lari, livellati e riempiti nei vuoti fra i blocchi da piccolo scheggiame. La parete, che nasce
da una risega di base di un filare, gira con belleffetto, contrastando con la rude fisiono-
mia della parte che si appoggia alla roccia. Specialmente curato, nel taglio della porta
con stipiti a elementi scelti e ben sbozzati con architrave spianato, lingresso. Rispetto
alle strutture delle torri di Foce e Balestra (vedi), queste di Torre sono molto pi evo-
lute e, meglio di quelle, si avvicinano, anche per le proporzioni delle pietre di grandi e
medie dimensioni, al tipo di apparecchi del nuraghe sardo. Ed invero un nuraghe, del
tipo a corridoio, potrebbe definirsi questo interessante monumento di Portovecchio.
Del tipo particolare ripete le basse e larghe dimensioni che non ammettono, se non ec-
cezionalmente, un secondo piano (ma per lo pi un terrazzo), linterno a vani tabulari,
ladattamento a balze rocciose con cui si confondono, in parte risparmiate nel lembo na-
turale, le murature a filari. E del nuraghe a corridoio ledifizio mantiene pure la specifica
destinazione: quella di luogo di rifugio e difesa temporanea in azioni di guerriglia (lo
conferma il finestrino in fondo al corridoio principale, spioncino di luce e feritoia insie-
me). Il monumento stato scavato dal Grosjean nel 1957. Tutti i vani restituirono ele-
menti archeologici, i quali, se si fa eccezione di una moneta romana di Costanzo II
(323-361 d.C.), si riferiscono ad un unico strato antico. Si sono raccolti oggetti litici
(schegge dossidiana e di quarzo ialino, ciottoli arrotondati forse proiettili), un pugnale
ed elementi dornamento in bronzo, una conchiglia forata per collana, un grumo di
ocra rossa. Prevalevano, per, le ceramiche, per lo pi lisce con alcuni esempi anche a
superficie scanalata, in forme di ciotole, tegami etc. con orli sporti dritti in fuori e con
profilo di parete sinuoso (tipi divulgati nei tempi della prima civilt del ferro e restituiti
pure dai nuraghi sardi a tholos e a corridoio). Insieme con gli oggetti si raccolsero
ossa danimali, specie di bue, talune con tracce di combustione estesa anche ad alcune
lastre del pavimento, che si possono attribuire a pasti. Un solo osso umano (di adole-
scente o di donna) che sub lazione del fuoco, portato dal Grosjean come prova per ri-
tenere il monumento una tomba. Ma la deposizione pu essere tardiva, forse pure di
tempi romani come indicherebbe la moneta citata. Il Grosjean pensa pure a un edifizio
a cremazione, che sarebbe stato nello stesso tempo un luogo alto per il culto dei morti.
Ho accennato sopra ad unaltra ipotesi destinativa: che cio la costruzione avesse servito
da difesa. Difendeva un piccolo villaggio di capanne situato nelle vicinanze, 30 metri al
disotto al Nord e al Sud della torre, alla base della balza granitica. Ne segnano la po-
stura e lestensione frammenti di ceramica, liscia e decorata, dei tipi raccolti dentro il
monumento. Vorrei far discendere la datazione delledifizio dal 1400-1200, quale pro-
pone il Grosjean, ai tempi inoltrati della prima civilt del ferro.
Bibliografia: R. Grosjean, Torre cit., 1959, p. 15 ss., figg. 3-16; E. Contu, I pi antichi nuraghi
cit., 1959, p. 111; R. Grosjean, Filitosa cit., 1960, p. 7, fig. 1; Rapports cit., 1960, p. 298; G. Lilliu,
Primi scavi cit., 1960, p. 72; R. Grosjean, Filitosa et son contexte cit., 1961, pp. 53, 57.
Figura 15, 4: torre di BALESTRA-Moca Croce (Corsica).
Sorge in localit Punta della Balestra (Pointe de la Balestra), nella media valle del Taravo.
Sta su una collina granitica, alta m 501. Di figura planimetrica circolare, piuttosto irre-
golare, la torre circondata da un contrafforte anulare di m 0,50/0,80 daltezza, con
muri esterni verticali dellaltezza originaria presunta di m 5/6. Il diametro della torre di
m15 compreso il fasciamento concentrico di m 3,30/2,90 di spessore. Il lungo andito con
lingresso volto a Sudest introduce nella camera rotonda, del diametro di m 5,30/5,00, co-
perta allorigine con falsa volta, ora mancante. A sinistra e a destra, nel vano maggiore, si
presenta una nicchia con muro di fondo curveggiante, col soffitto costituito da lastre
piane, alta, quella a destra, m 1,95. Davanti allingresso sta un monolite di m 2,52, sup-
posto o un menhir oppure una pietra di chiusura del corridoio. Le strutture murarie,
fuori e dentro, constano di pietre rozzamente lavorate, di medie e piccole dimensioni,
unite con argilla e disposte in modo irregolare. Nei vani il Grosjean, che ha scavato il
monumento nellautunno del 1957, ha riconosciuto tre strati archeologici. Linferiore,
pi antico e originario, ha restituito oggetti di pietra e ceramiche grossolane. Il Grosjean
propende a ritenere il monumento di carattere funerario, destinato ad accogliere i resti
di cadaveri cremati. Non esclude, per, anche lipotesi dun luogo religioso dove si bru-
ciavano offerte e dove si accendevano fuochi rituali. Let della torre sarebbe quella del
Bronzo medio, dopo il 1450 a.C.
Bibliografia: R. Grosjean, Deux monuments cit., 1958, p. 1 ss., figg. 1-16; Torre cit., 1959, pp. 15, 37
s.; Rapports cit., 1960, p. 298; Filitosa cit., 1960, p. 28; E. Contu, I pi antichi nuraghi cit., 1959, p.
111; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960, p. 72; R. Grosjean, Filitosa et son contexte cit., 1961, pp. 52, 94.
Figura 15, 5: nuraghe TSARI-Bortigali (Noro); v. anche figure 2, 8 e 12, 4.
Planimetria del nuraghe. Si veda la scheda descrittiva della figura 2, 8.
Figura 15, 6: monumento di TORRE-Portovecchio (Corsica); tav. CII, 1-2.
A 60 metri di quota, su uno sperone di roccia granitica, domina tutto il piano che si
stende dal monte dellOspedale fino al golfo di Portovecchio; al piede gli passa la strada
da Bonifacio a Bastia. Ledifizio, denominato dal suo aspetto esterno che rassomiglia a
una torre, di figura semicircolare, con larco da Sudest a Ovest tutto costruito in mura-
tura di grossi blocchi (tav. CII, 1-2) e con la lunga fronte da Ovest a Sudest risparmiata
nella parete naturale rocciosa a strapiombo. La sua forma dipende anche, e soprattutto,
dalladattamento alla falda granitica che si estende da Nordest a Sudovest; lo schema al-
lungato dellesterno ha forse pure determinato la scelta del tipo del vano, che a corri-
doio. La torre misura m 12 sul lato a fil di rupe x 6,30 di larghezza alla mezzeria.
Lingresso al monumento, volto a Nordnordest, costituito da una porta, a sezione ret-
tangolare con architrave, di m 1,50 daltezza x 0,90 di larghezza (tav. CII, 2). Dietro la
porta, un andito di m 2 circa di lunghezza, rastremato verso linterno (da m 0,90 a
0,60) mette in uno spazio da cui si dipartono, fra di loro paralleli (e paralleli pure ai
fianchi esterni della costruzione), due corridoi: uno pi corto a destra, di m 2 di profon-
dit, e laltro (il principale), pi lungo (m 4,60) a sinistra. In questultimo corridoio,
nella parete destra per chi entra, a m 2,60 dalla biforcazione, si apre limbocco architra-
vato (altezza m 2) duna nicchia di piano rettangolare, larga m 0,70/0,90 e profonda 1,40.
Sul suo muro di fondo, a destra, a m 1,50 dal suolo, si apre un finestrino rettangolare
216 217
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Figura 16, 2: talaiot di ES MESTAL-San Cristobal (Mercadal-Minorca).
Il talaiot di tipo molto semplice, circolare con diametro esterno di m 14, con ingresso
a Ovest. Un andito a solaio piano di m 4 di lunghezza x 1/0,80 di larghezza, introduce
alla camera rotonda di m 6 di diametro. Lassenza di pilastro al centro della camera fa
pensare che il vano fosse coperto con pseudo-cupola. Si noti la perfetta concentricit
della camera rispetto al perimetro della torre, la regolarit dello spessore murario (sui 4
metri), lelementarit delle linee.
Bibliografia: J. Hernndez Mora, Menorca prehistrica, in Revista de Menorca, XLIV, 6a epoca, Mahn
1948, p. 271, fig. 29; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960, p. 61, fig. 82, 1 e p. 71 nota 173.
Figura 16, 3: nuraghe FUNTANA SPIDU-Orrli (Noro); cartina B, 89.
Sta alla quota di m 549, in terreno pianeggiante atto a coltivi. un nuraghe monotorre,
circolare del diametro esterno di m 12, con ingresso a Sudsudest. La porta di luce tra-
pezoidale (m 1,09/1 di larghezza x 1,85 daltezza), architravata con pietra di m 2,15 x
0,57 x 0,84. Il breve corridoio dingresso, di m 1,80 di lunghezza, introduce nella came-
ra di pianta ellittica (m 7 x 8,50), con due nicchie laterali, semicircolari (m 1,96 x 1,20
di profondit la sinistra, m 1,86 x 1,20 la destra), le quali, sul fianco verso Sud, si artico-
lano in due nicchiette, a mo di alcova o sedi per lettucci (m 0,57 di larghezza x 1,88 di
profondit x 0,99 daltezza la sinistra e m 0,46 x 1 x 1,07 la destra). La torre svettata si
conserva per laltezza di m 4 con 7 filari a Sudovest. La camera, a sezione ogivale tronca
per crollo, mostra una parete di m 2 daltezza residua con 4 filari. Le nicchie, a taglio ag-
gettante, misurano m 2,07 (la sinistra) e 1,70 (la destra) delevazione.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XII, 1843, p. 773; Spano, Memoria, 1854, p. 17 nota 2; Me-
moria, 1867, p. 23; P. Cugia, Nuovo Itinerario cit., II, 1892, p. 19; E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p.
149; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 131; E. Contu, Saggio cit., 1947-48, p. 45 s., tav. I, 5.
Figura 16, 4: talaiot di TORRE NOVA DEN LOZANO-Ciudadela (Minorca).
Il talaiot rientra nella serie delle torri circolari, col diametro esterno di m 12, con in-
gresso a Ovest; lo spessore del muro varia da m 3,60 a 2,40 (dalla parte dellingresso).
Landito retrostante alla porta, tabulato, lungo m 2,80 e largo 0,80/1,00, mette nella
camera che ha la forma irregolare: disegna cio un mezzo cerchio pi ampio sul davan-
ti (diametro m6,40) a cui si oppone sul fondo un segmento di cerchio minore (diame-
tro m 4,20), fungente da nicchione. Sulla parete a sinistra di chi entra nel vano, il pro-
filo murario si interrompe alla base per far luogo ad una nicchietta un ripostiglio di
figura tondeggiante (m 1 allimbocco e m 1,60 nellinterno). Manca il pilastro al cen-
tro della camera, ci che farebbe supporre lesistenza originaria duna copertura a calot-
ta schiacciata ed allungata in direzione dei due archi di cerchio contrapposti.
Bibliografia: J. Hernndez Mora, Menorca cit., 1948, p. 271, fig. 30; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960,
p. 61, fig. 82, 2, p. 71, nota 173.
Figura 16, 5: nuraghe CASTEDDU JONI-Ussssai (Noro); cartina B, 75.
Sta su un ripido colle calcare, che fa parte dellArquer, alto su unampia distesa di tac-
chi, e dominante per vasto orizzonte. un nuraghe monotorre di piano ellittico (m 10
x 8,70), con ingresso a Sud, largo m 1,20, architravato. Il corridoio retrostante, largo in
media 1 metro e lungo m 3,60, senza spazi sussidiari, mette nella camera. Questultima,
Fig. 16: planimetrie comparative di nuraghi (1, 3, 6) e di talaiots delle Balea-
ri (2, 4, 7)
1. Mannu-Senis; 2. Es Mestal-San Cristobal; 3. Funtana Spidu-Orrli; 4. Torre
Nova den Lozano-Ciudadela; 5. Casteddu Joni-Ussssai; 6. Torre Vella den Lo-
zano-Ciudadela.
Figura 16, 1: nuraghe MANNU-Senis (Cagliari); cartina B, 69.
Sta a quota di 303 metri, su di un mammellone al margine Sud del monte S. Vittoria.
un nuraghe monotorre, circolare della circonferenza di m 40, con diametro alla
sommit svettata di m 10 e con spessore murario di m 3,50. Mostra lingresso a Sud,
di m 0,40 x 0,90 daltezza visibile sullostruzione. Dietro la porta, landito di m 3 cir-
ca di lunghezza porta nella camera di m 6 circa di diametro, senza spazi sussidiari per
quanto vedesi. La torre si conserva per laltezza massima di m 8,50. La sezione del
corridoio dingresso angolare, della camera ogivale. Opera subquadrata di calcare a
bella stratificazione orizzontale. Nel terreno circostante al nuraghe si osservano resti di
stoviglie dimpasto di et nuragica.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XIX, 1849, p. 854 (lAngius, nel 1832, d unaltezza di tor-
re di m 9); P. Cugia, Nuovo itinerario cit., II, 1892, p. 224; G. Vacca, Posizione geografica cit., 1917, p.
21; E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 170; M. Figus, Saggio cit., 1944-45, p. 39 s., tav. n. 20.
218 219
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1 2
3 4
6
7
Fig. 17: planimetrie comparative di nuraghi (1, 3, 5) e talaiots delle Baleari (2, 4, 6)
1. Korngiu e Maria-Nurri; 2. Ses Passes-Art; 3. Cnculu-Scanu Montiferru; 4.
Rafal Roig-Mercadal; 5. idu Arbu-Bortigali; 6. Santa Monica-San Cristbal.
Figura 17, 1: nuraghe KORNGIU E MARIA-Nurri (Noro); cartina B, 82.
Sta a quota di m 528, sullorlo duna rupe basaltica. del tipo monotorre, circolare al-
lesterno, con diametro di m 15. Linterno, sulla linea diametrale, attraversato da un
corridoio facente capo a due ingressi, agli estremi opposti; sul profilo del corridoio si af-
facciano cellette. Lingresso di Sudest, di m 0,69 di larghezza x 1,38 daltezza, sormonta-
to da architrave di m 1,63 x 0,44 x 0,55, senza spiraglio di scarico, mette nel primo trat-
to del corridoio, di m 3,00 di lunghezza x 0,80/1,07 di larghezza. Dopo i 3 metri, il
corridoio stesso, sulla destra, si allarga in uno spazio semicircolare articolato, di m 2,57
di larghezza x 1,40 di profondit x 1,30 di altezza massima; sulla sinistra prolunga il suo
filo rettilineo fino ad incontrare, dopo circa 6 metri, il vano rettangolare, forse duna
di figura ellittica (m 5 x 2,60), eccentrica e spostata verso il fondo, priva di nicchie, al-
meno in apparenza, ed colma in gran parte di terriccio e pietre. La torre residua per
unaltezza massima di m 3,30 a Nordest. Lopera di calcare, subquadrata. Misure di
blocchi: m 1,35 x 0,37 x 0,38; 0,86 x 0,55 x 0,44; 1,36 x 0,40 x 0,55. Sul terreno intor-
no si osservano frammenti di stoviglie dimpasto dellet del nuraghe.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XXIII, p. 440; F. Pilia, Saggio cit., 1950-51, p. 80 ss., tav.
VIII, 4; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 132; G. Lilliu, St.S., XVI, 1960, p. 55, p. 63, fig. 16, 9.
Figura 16, 6: talaiot di TORRE VELLA DEN LOZANO-Ciudadela (Minorca).
In forma di torre circolare del diametro esterno di m 16, ha lingresso a Ovest, in dire-
zione piuttosto comune ai talaiots e che da mettersi in relazione anche con lintento
dei costruttori di evitare di esporre le porte al riparo dal vento di Est, prevalente in Mi-
norca. Dietro la porta, alta m 1,20 e larga 1, un andito a copertura tabulare gradonata,
che ricorda quella di qualche nuraghe (per esempio Asru di San Vito), mette nella ca-
mera. Questultima di pianta ellittica di m 5,60 x 3,80, chiusa in alto da un soffitto
di lastroni valicanti lo spazio sulla dimensione minore ed appoggiati anche, sulla di-
mensione maggiore, da una parte sul solaio dellandito alla sua estremit interna e dal-
laltra sulla parete di fondo della camera che si incurva in dentro con inclinazione di
25. Sempre dentro la camera, nella parete a sinistra a metri 1,60 sopra il pavimento, si
apre limbocco rastremato duna scala in muratura che, girando a spirale entro lo spes-
sore murario che di m 6, porta, con avvolgimento a gomito da destra a sinistra, nella
parte superiore della torre. In particolare introduce a un piccolo vano rettangolare di
m 3 x 1,20 x 1,20 daltezza, sovrapposto al solaio che copre la stanza inferiore, coperto
pur esso da un soffitto a lastroni gradonati. La scala sopraelevata, il giro a spirale entro
la massa muraria trovano raffronti nei nuraghi sardi pi arcaici; ma qui si tratta duna
edizione elementare e decaduta rispetto agli esempi sardi. La torre, larga e bassa (altra
particolarit delle torri baleariche che non raggiungono mai altezze notevoli rimanendo
tozze), si eleva per m 6,40, con inclinazione di muri di 10.
Bibliografia: G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960, p. 13, fig. 16, 2, p. 61, nota 32.
220 221
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1
2
4
5
6
3
diametrale (tav. CV, 1) che sfocia esternamente per due porticine, una situata ad Est e
laltra a Sudovest (tav. CV, 2), molto basse. Gli anditi che mettono alle porticine del cor-
ridoio sono strettissimi (m 0,44/0,30) e bassissimi (m 1/0,90). Sullo spazio del corridoio
diametrale, lungo m 3,20, largo m 0,77/0,86 ed alto (al centro) m 4,50, si deve imma-
ginare, allorigine (ora scoperchiato), un solaio piano di lastre, quale si vede ancora nel-
la copertura degli anditi (tav. CV, 3). Al piano superiore (o terrazzo) della torre si acce-
deva dallesterno per mezzo duna rampa (del tipo di quelle delle specchie e dei trulli
pugliesi e dei pont de bestiar minorchini), che partiva da un blocco di muro addossato
alla fodera del rifascio nel giro Est-Sud del cono (segnato a tratteggio nel disegno della
planimetria). Il talaiot, insieme ad alcune abitazioni, stato scavato da una Missione ar-
cheologica italiana nelle primavere del 1959 e 1960. Nello sterro dellinterno della torre,
fino a m 4,10 dalla quota di svettamento, si incontr il colmaticcio di crollo; da m 4,10
a m 4,50 uno strato di terriccio nerastro segnava il passaggio allo strato culturale vero e
proprio, ritrovato a m 4,50. Nello strato archeologico, posato sul vergine, era un velo
carbonioso dovuto a combustione di elementi vegetali, non ricco di oggetti: pezzetti di
ceramica dimpasto misti ad avanzi dossa danimali per lo pi annerite dal fuoco. Si eb-
bero anche tre frustoli di ossa combuste, di color verdastro, di dubbio riferimento ad
animali o alluomo. Forse landito sottostante alla torre serviva da nascondiglio o da ri-
postiglio, era comunque accessibile e transitabile da una parte allaltra della costruzione.
Labitazione se si tratta di torre di vedetta e non invece di tomba o di tempio era in-
vece nella parte alta della torre a cui si saliva dallesterno per mezzo della rampa svilup-
pata sulla terrazza di rifascio. Il talaiot, sulle rovine del quale ai tempi del Talaiotico II
(periodo dello sviluppo maggiore delle culture protostoriche baleariche: IX-V secolo
a.C.) fu costruita unabitazione frequentata per lungo tempo (fino al Talaiotico tardivo:
V-II secolo a.C.), stato riferito al Talaiotico I o arcaico (1200-1000 a.C.).
Bibliografia: G. Lilliu, Missione archeologica a Maiorca, Rotary Internazionale: 188 Distretto, Club di Ca-
gliari, Bollettino Mensile, 1-2 luglio-agosto 1959, pp. 5-8; Missione archeologica a Maiorca, in Realt
Nuova (Rivista mensile del Rotary Club dItalia), anno XXIV, n. 12, Milano, dicembre 1959, pp. 1125-
1133; G. Lilliu-Biancofiore, in Annali delle Facolt di Lettere e Filosofia e di Magistero dellUniversit di Ca-
gliari, vol. XXVII, 1959, p. 33 ss., fig. 1, tavv. I bis-II bis; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960, p. 5 ss., figg. 1-
20; G. Maetzke, in St.S., XVI, 1960, p. 736; R. Grosjean, Filitosa et son contexte cit., 1961, p. 95.
Figura 17, 3: nuraghe CNCULU-Scanu Montiferru (Noro).
Planimetria del nuraghe. Si veda la scheda descrittiva della figura 12, 2.
Figura 17, 4: talaiot di RAFAL ROIG-Mercadal (Minorca).
Il talaiot, rotondo allesterno (diametro m 12,80), ha la caratteristica, come quello di
Ses Passes, di avere due ingressi, con la differenza che, mentre nel talaiot di Art le
due porte sono alle estremit opposte di un unico corridoio diametrale, nel talaiot di
Mercadal sono situate al termine di due corridoi che si incrociano ortogonalmente.
La porta del corridoio principale volge, al solito, ad Ovest, con apertura architravata
di m 0,80 daltezza x 0,80 di larghezza. Dietro la porta, landito tabulato, con solaio
piano di lastroni, alto m 1,60 e largo m 0,80/1,00, presenta il fianco sinistro del mu-
ro, a file di blocchi subquadrati, interrotto, alla base, da una nicchietta quadrangolare
di m 1 di larghezza x 0,60 di profondit x 0,80 daltezza. Dopo un percorso di m 6
scala, di m 3,70 di lunghezza x 0,84 di larghezza. Di qui si saliva al piano alto della co-
struzione. Di l dal vano supposto della scala, si svolge la seconda parte del corridoio,
che mette capo allingresso di Nordest. Sullo stesso asse del primo ramo, ad andamento
leggermente tortuoso di m 8 circa di sviluppo, il corridoio sembra ricevere, sulla sinistra,
lapertura duna celletta, di cui si annunzia linvito (larghezza m 1); sfocia infine allaper-
to per una porta di m 0,77 x 1,45 daltezza, architravata senza spiraglio come la porta
opposta (misure dellarchitrave m 1,82 x 0,88 x 0,55). La sezione dei vani trapezoida-
le, con fiancate a filari aggettanti, la copertura piattabandata con altezze di spazio di m
1,90/2,63/1,80; alta m 2,42 limboccatura della presunta scala. Sul piano superiore si
disegnano i profili di due altri corridoi, a stento identificabili entro la rovina. Lopera
poliedrica in basalto, con blocchi di rozza lavorazione. Il nuraghe raggiunge laltezza
massima residua di m 5 su 12 filari a Est. Nei pressi si osservano resti di ossidiana.
Bibliografia: Spano, Memoria, 1854, p. 17, nota 2; Memoria, 1867, p. 23; G. Vacca, Posizione geografica cit.,
1917, p. 9; E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 145; E. Contu, Saggio cit., 1947-48, p. 35 s., tav. 1, 2; Bo-
scolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 131; E. Contu, I pi antichi nuraghi cit., 1959, p. 118 ss., fig. 22.
Figura 17, 2: talaiot di SES PASSES-Art (Maiorca); tavv. CIV, 2, CV, 1-4.
Si trova a meno di 1 km a Sudest del paese moderno di Art, nella parte Nordest del-
lisola di Maiorca, su una collina boscosa, poco lungi da una sorgente. Sta sul punto pi
alto della collina, quasi al centro di una vasta muraglia ellittica a strutture megalitiche, di
m374 di perimetro (m 106 x 94), di m 3,60 di spessore murario, conservata per laltez-
za massima di m 3,50 nel tratto meglio in vista, con quattro porte di cui la principale a
Sudest (tav. CV, 4) di grande imponenza e suggestione (ricorda i megaliti maltesi). Il ta-
laiot fa parte, dominandolo dallalto (tav. CIV, 2), dun villaggio ad abitazioni quadran-
golari o rettangolari con un lato corto curveggiante, disposte a terrazze alla pendice del
colle, da ogni parte ma specie nellarco da Est a Nordovest. Anche queste abitazioni, nel-
le quali gli scavi fattisi recentemente hanno permesso di riconoscere strati archeologici
successivi di diverso periodo di cultura locale, sono costruite, soprattutto allesterno, con
apparato megalitico. Il monumento al di fuori si presenta in forma di torre troncoconi-
ca, di pianta circolare, del diametro superiore (allo svettamento) di m 11,70/10,50, ele-
vata per laltezza residua massima di m 4,70 (tav. CIV, 2). Le murature sono costituite
di blocchi poliedrici di calcare di medie dimensioni (dmc 41,165) e peso (kg. 29,34), in
una tecnica medio-microlitica che si distingue da quella, pi generalmente diffusa, a
grossi elementi, talvolta daspetto monumentale (v. talaiot di Sa Canova). Soltanto nella
parte alta del paramento le pietre diventano pi grandi, corrispondendo a una struttura
in vista mentre quelle del tratto medio e basale della torre, pi rozze e di proporzioni
minori, erano coperte e nascoste da una fodera di altra muratura di rifasciamento con-
temporanea a quella retrostante. Questo rifascio murario, che si elevava fino allaltezza
di poco pi di 4 metri, rivestiva ed inspessiva consolidandolo il nucleo interno del tron-
co di cono che dai 4 metri in su emergeva sulla terrazza o platea anulare che lo circonda-
va alla base. Il rifascio, dello spessore da m 4,10 a 1,85, mostra pietre di dimensioni e
peso maggiori dei blocchi del paramento interiore (dmc 138,74 e kg. 377,37 per bloc-
co, ossia il triplo), e sono anche di migliore fattura, a tratti pure in opera subquadrata.
La torre, rotonda allesterno, allinterno, anzich presentare la classica camera circolare
con pilastro centrale plurilitico sostenente il soffitto, mostra uno stretto vano a corridoio
222 223
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
di muri di profilo convesso (a Nord, Est e Sud) e rettilineo (a Sudsudest), i quali danno
luogo a un seguito di sporgenze e rientranze particolarmente evidenti nel lato Sud, dove
pure, alla estremit di Sudest, le pareti si congiungono formando uno sperone ad angolo
acuto. Linsieme della costruzione misura metri 20 circa in senso Ovest-Est x 12 (alla
torre rotonda)/9 (alla tangenza fra torre e corpo residuo)/8 (nella parte anteriore sulla
linea dellingresso) in senso Nordsud. Lingresso aperto presso lo sperone di Sudest,
nel muro rettilineo di Sud, nel mezzo del muro. Dietro lingresso, di m 0,80 di lar-
ghezza, un andito leggermente curvilineo si addentra per m 3 circa nella massa muraria
conservando la larghezza della porta dentrata. Dopo i 3 metri landito si biforca in una
celletta rettangolare a destra (m 1,40 x 0,80) e in un corridoio tortuoso, corrente in
senso Est-ovest, a sinistra. Il corridoio, lungo nel tratto percorribile poco pi di 8 me-
tri, largo m 0,80, circa a met della parete sinistra si articola in una nicchia di pianta tra-
pezoidale slargata verso il fondo, di m 2 di profondit x 0,80/1,20 di larghezza. Dopo la
sua interruzione il corridoio deve immaginarsi proseguire nella direzione della torre, nel
cui mezzo forse era un vano di maggiore ampiezza. Andito dingresso, corridoio e celle,
sono a sezione rettangolare, con solaio di lastroni per copertura. Evidente, anche qui, la
forma architettonica a corridoio di origine dolmenica occidentale.
Bibliografia: J. Hernndez Mora, Menorca cit., 1948, p. 273, fig. 34; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960,
p. 60, fig. 80, 3, p. 72, nota 176.
circa, landito sfocia nello spazio dove sincrocia con laltro corridoio. In questo spa-
zio, sul fondo, contrapposto allandito principale, si disegna il piano quadrangolare
duna celletta di m 1,80 x 1,80 x 1,80 daltezza; e sulla sinistra si addentra per m 2,60
nello spessore murario del lato Nord del talaiot unaltra celletta pi stretta (m 0,80) e
della stessa altezza della precedente, situata sul prolungamento del corridoio seconda-
rio con aperture contrapposte leggermente sfalsate. Questo andito secondario, lungo
m 6 e largo appena 0,40/0,50, tabulato come lo sono tutti i vani della torre, mette al-
linfuori con esposizione a Sudsudovest. La torre si conserva allesterno per laltezza di
m 6 circa, e presenta i muri inclinati di 7, con profilo leggermente convesso. Il ta-
laiot un esempio tipico di torre a corridoio e di architettura a trilite.
Bibliografia: J. Hernndez Mora, Menorca cit., 1948, p. 270, fig. 27; G. Lilliu, Primi scavi cit., 1960,
p. 13, fig. 16, 1, p. 60, nota 23.
Figura 17, 5: nuraghe IDU ARBU-Bortigali (Noro); cartina B, 37.
Sta a quota di m 354, su un costone roccioso di basalto, sulla sponda destra del riu
Ordari. Linsieme consta duna massa ellittica di m 19 x 12,60, disposta con verso
Sudnord, che, sul lato di Nord, limitata da un fronte di roccia con cui si confonde.
Lo costituisce una piattaforma, a tre quarti di ellissi, che cinge per la gran parte, tran-
ne un tratto a Sud, il vero e proprio corpo costruttivo formato, questultimo, da una
figura a lettera otto irregolare (o da unellissi strozzata al centro). Ne risultano due tor-
ri a contatto, una a Nord e laltra a Sud, di m 16 di lunghezza complessiva x 7,60 al
restringimento di contatto. Nellelemento turrito a Nord, di m 9 di diametro, si apro-
no due ingressi, uno a Nordnordest e laltro a Ovestnordovest (larghezza m 1 circa),
architravato il primo (m 1,45 x 0,64 x 0,66). Gli ingressi si prolungano in corridoi
che sincrociano circa a mezzo della torre. Di essi, quello a Nordnordest, di m 6,60 di
lunghezza, al fondo forma un risvolto verso sinistra, ad angolo retto, dando luogo ad
una cella profonda (m 4 dal centro del corridoio), della larghezza dun metro; e laltro
a Ovestnordovest lungo m 3,60 fino allincrocio col primo, si prolunga oltre in una
celletta di m 2,40 x 1/1,20. Corridoi e cellette, di cui non si pu precisare laltezza a
causa dellostruzione del crollo, hanno le coperture concluse ad aggetto. La torre a Sud,
del diametro esterno di m 10 circa, totalmente ripiena di materiali di rovina; non si
rilevano perci n ingresso n vani interni. Lopera muraria, conservata nel paramento
esterno per laltezza massima residua di m 2,60 (nel lato Sud), di pietre irregolari di
varia dimensione, disposte a file non ordinate, anzi piuttosto confuse. Nei pressi del
nuraghe si scorgono tracce di abitazioni, con maggiore frequenza ed evidenza a Ovest-
sudovest. Fra di esse si distingue una piccola capanna rettangolare, di m 6 x 3,50, con
muro spesso m 1,20, forse di et nuragica.
Bibliografia: E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 92; A. Taramelli, Carta archeologica, ff. 205-206,
1935, p. 22, n. 66; G. Cherchi, Saggio cit., 1952-53, p. 48 ss., tav. I, fig. 7, e figg. 9-10; G. Lilliu, St.S.,
XII-XIII, I, 1955, p. 129; E. Contu, I pi antichi nuraghi cit., 1959, p. 96; R. Grosjean, Rapports
cit., 1960, p. 300.
Figura 17, 6: talaiot di SANTA MONICA-San Cristbal (Mercadal, Minorca).
La costruzione presenta una forma molto irregolare. Ad una torre rotonda, del diametro
di m 12, si attacca, senza soluzione di continuit nel perimetro, un corpo a successione
224 225
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
Fig. 18: planimetrie comparative di villaggi cintati nuragici (1, 3) e talaiotici (2, 4)
1. Serbssi-Osni; 2. Alfurinet-Ciudadela; 3. Scer-Ilbono; 4. Els Antigors-Les Salines.
Figura 18, 1: complesso nuragico di SERBSSI-Osni (Noro); cartina B, 70.
Sta a quota di m 974, sulla punta pi elevata del taccu (altopiano calcare) di Osni,
con vastissimo e pittoresco dominio di monti e di valli. Linsieme degli edifizi di tecnica
nuragica disegna una figura irregolarmente ellittica, su una linea Nordsud. Sul percorso
Nord-est-sud il recinto che include il complesso tutto in muratura continua, sul lato
Ovest nella gran parte risparmiato nelle rocce naturali acclivi. La muraglia misura m
40,50 sulla linea B-H x 25,5 sulla linea traversa C-D-E. Il complesso edilizio consta di 8
elementi, due del tutto allinterno del recinto (A, D), i restanti, pure allinterno, ma ade-
renti al filo interiore della muraglia di recinzione (B, C, F, G, H, E), la torretta B e le ca-
panne G-H con parte del giro sporgente anche allesterno della stessa muraglia. Lunico
ingresso volge a Sudovest, fra F e G. Ledifizio che fa maggior spicco il nuraghe vero e
proprio (A) sul lato Nord dellellissi. Esso domina linsieme degli altri fabbricati da un
rialzo del terreno. In forma di torre circolare, del diametro di m 11, mostra lingresso a
Sudest, di m 0,70 di larghezza x 1,10 daltezza rilevabile sullostruzione, architravato. Il
corridoio retrostante, lungo 4 metri, accoglie sulla sinistra di chi entra lapertura della
scala a fior di suolo, di m 0,90 di larghezza x 2 daltezza; si segue per un percorso di m 9
fino allo sfocio alla sommit (oltre met del giro della scala illuminato da una feritoia
aperta verso Ovest). La camera, centrica, circolare del diametro di m 3,90 sul terriccio,
non presenta vani sussidiari. La torre residua per laltezza di m 7,50 (Est)/8 (Ovest); la
226 227
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
1
2
3
4
camera, a sezione ogivale, conserva unaltezza di parete di m 4,10 sul piano attuale di
calpestio. Il paramento in opera subquadrata di calcare, con pietre disposte in corsi
orizzontali abbastanza regolari. La torre B, posta in basso a Nord della A, pur essa roton-
da del diametro di m 5,40 alla base, con muro spesso m 1,20, lascia vedere i resti dellin-
gresso a Est, per il rimanente tutta sepolta. Interamente coperta anche la torretta F,
tonda, del diametro di m 6; lingresso deve supporsi a Sudest, situato in modo da guar-
dare e difendere la porta dallesterno, insieme allingresso di D. Analoghe sono le costru-
zioni C e D. La prima, di m 7,80 di diametro basale, con spessore murario di m 1,50,
svettata allaltezza di m 5,10, si apre con lingresso a Est e guarda su uno stretto spazio
incassato fra le murature di A e D, in posizione nascosta e protetta. Allinterno, la came-
ra, di m 4,50 di diametro, mostra le pareti variate da 4 armadietti (o feritoie?) ad altezza
dal suolo, di m 0,50 x 0,50 di apertura in dentro; un gran crollo la ingombra. La secon-
da costruzione (D), del diametro di m 8,50, ha luscio, come laltra, in posizione occul-
tata e difesa, sullo spazio anzidetto che funge quasi da ridotto. La camera circolare del
diametro di m 5, ha le pareti interrotte, di due in due metri e alla distanza da terra di m
1,60, da stipi di m 0,50 x 0,50; sul fondo visibile una feritoia puntata in direzione del-
la porta della muraglia (non si esclude che anche gli stipi, visibili solo per le dimensioni
di superficie, siano altre feritoie). Le due costruzioni danno limpressione di essere case-
forti, per ospitare il nucleo di guardia del piccolo capo che aveva la dimora nella torre
maggiore A. Semplici case dabitazione sembrano essere state gli edifizi E, G, H. E una
costruzione circolare isolata tranne che nel giro tangente alla muraglia sullo strapiombo
di roccia; ha diametro esterno di m 8, di camera di m 5,40, muri spessi 1,20, lingresso
a Nordnordovest, riparato, non visibile da chi entrava nel recinto. G-H formano un
gruppo di capanne col muro di fondo in comune, con le camere rotonde separate da
pareti a contatto, con gli ingressi esposti a Nordnordest, pur essi non visibili dallentrata
esterna della muraglia; hanno diametri esterni di m 7, di camere di m 3,90 (G) e 4,80
(H). Lopera delle torrette e delle capanne non diverge da quella della torre A.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, XIII, 1845, p. 645; G. Vacca, Posizione geografica cit., 1917, p.
21; F. Pilia, Saggio cit., 1950-51, p. 39 ss., tav. III, 1-3; G. Lilliu, The nuraghi cit., 1959, p. 37.
Figura 18, 2: poblado fortificato di ALFURINET-Ciudadela (Minorca).
Si trova nel territorio di Ciudadela, nella parte Nord dellIsola di Minorca. Il piccolo
centro di vita racchiuso entro una grande muraglia di pianta ovale, costrutta con
tecnica megalitica. La punta Nord della cinta fortificata con due talaiots sporgenti
dal filo murario e uniti da cortina rettilinea. Altri talaiots e resti di abitazioni ellittiche
si osservano allinterno della cerchia muraria; il maggiore dei talaiots si trova a sinistra
dellingresso che difende. Fuori del recinto a Nordest, in mezzo ad altre rovine si ve-
dono gli avanzi duna taula, di pianta a ferro di cavallo, con la mensa-idolo e menhirs
entro lo spazio sacro. Lorientamento della taula anormale, a Nordest.
Bibliografia: J. Mascar Pasarius, Els monuments megalitcs a lilla de Menorca, 1958, p. 36, fig. 6, 37,
38, fig. ivi; Las Taulas, contribucion al conocimiento de la Prehistoria de Menorca, Monografias menor-
quinas, n. 5 (Ciudadela), segunda edicin, 1960, p. 14 (taula).
Figura 18, 3: complesso nuragico di SCER-Ilbono (Noro); cartina B, 68.
Sta in regione Pira Inseri, su un breve rialzo di terreno granitico, a quota di m 127. Si pre-
senta come un recinto fortificato o castrum, con una muraglia megalitica tondeggiante,
circolare con pilastro centrale plurilitico (nella planimetria, nellangolo frontale a sinistra).
Le altre torri poste sui fianchi della muraglia non presentano tracce di accesso; forse eran
costruzioni piene a terrazzo a cui si saliva con una scala mobile dallesterno. Interessante
la disposizione dei talaiots marginali. Quello anteriore sinistro batte il lato occidentale; gli
altri due battono dai lati la parte di fondo dellellissi. I colpi in tal modo si incrociavano co-
me era richiesto dallarte della difesa (si tratta infatti di un vero e proprio recinto fortifica-
to). Dei talaiots interni, i due al centro, maggiori, son torri, una con camera a pilastro me-
diano; il piccolo, pure con pilastro, dietro lingresso a sinistra, potrebbe essere una garetta a
custodia della porta. I muri delle torri interne ed esterne e delle cortine, col loro spessore,
accusano tempi antichi, indicati pure dallaspetto megalitico delle strutture. Pi tardivi po-
trebbero essere gli edifizi a piano quadrangolare: quello rettangolare, con largo ingresso
marginale, dietro la garetta, e laltro addossato al muro di fondo della cinta, con il vano
tondeggiante, il cui tetto era sostenuto da quattro pilastri. Entro il recinto si hanno pure
due grotticelle ipostile. Di particolare interesse la talaja Joana. Con diametro esterno di
m 12, camera di m 5, si eleva su 6 filari per laltezza residua dai 2 ai 3 metri. I muri sono
inclinati, allesterno in misura pi accentuata che allinterno che era coperto da un soffitto
piano di tronchi e lastroni poggiati sulla colonna plurilitica. Piattabandato si presenta il so-
laio dellandito dingresso, largo m 0,80/1 alto poco pi dun metro, che d allesterno con
una porta di luce rettangolare sormontata da architrave. Merita un cenno speciale anche
ledifizio tetrastilo sul fondo. Pur non essendosi perduto del tutto il gusto di linea curva
della civilt talaiotica, gli incontri angolari dei muri suggeriscono elementi di novit. La co-
struzione misura allesterno m 9 x 10, il vano m 7 x 6; da m 1,50 a 1 lo spessore murario,
ben lontano dai 4 metri della talaja Joana. Da notare che il muro frontale e quello di fon-
do sono pi spessi forse perch reggevano, insieme ai quattro pilastri, il peso del tetto. Del-
le grotticelle ipostile, scavate sotto il piano di campagna, e destinate o per sepoltura o forse
anche a luogo sacro della divinit taurina, una, alta appena m 1,50, piuttosto ampia, di
m5,50 x 3. Il tetto di grossi lastroni disposti in due strati sovrapposti ortogonalmente pog-
gia su pilastri e semipilastri a rozzi rocchi crescenti in ampiezza verso lalto secondo un tipo
di piedritto molto divulgato nelle Baleari, ma non caratteristico in quanto trova confronti
anche in altre aree mediterranee (Spagna meridionale, Puglie e Malta). Scavi effettuati nei
vari edifizi del poblado hanno messo in luce numerosi oggetti archeologici. Insieme ai
molti vasi di varia forma, non decorati, presentanti alcuni una certa spigolosit, altri con
anse a listello verticale incrociate sui diametri (forma molto divulgata nel Talaiotico medio),
si ebbero armi di bronzo (lance, pugnali), oggetti di ferro, placchette di piombo con deco-
razione geometrica (forse talismani od elementi votivi). I materiali archeologici indicano
due fasi di cultura talaiotica a cui sembrano corrispondere due fasi costruttive: la prima del
Talaiotico medio (1000-500 a.C.), la seconda del Talaiotico tardivo (500-tempi romani).
Bibliografia: J. Colominas, LEdat del Bronce a Mallorca, Les investigaciones de lInstitut, 1916-1920, in
Annuari dEstudis Catalans, vol. VI, 1920; P. Bosch-Gimpera e J. Colomines, Les fouilles de Majorque et la
Prhistoire des les Balares, in Commission internationale pour la Prhistoire de la Mditerrane occidentale,
Confrence de Barcelone, 1935, Barcelone 1937, pp. 12, 15, fig. a p. 7; J. Colominas, Gli scavi di Maiorca,
in Conv. arch. in Sardegna, 1926, pp. 131, 135; P. Bosch-Gimpera, in Conv. arch. cit., 1926, p. 117; J. De
C. Serra Rafols, Die Balearen (Internationaler archaeologischer Kongress), Internationale Ausstellung Barcelona
1929, pp. 30, 35; J. Maluquer De Motes, La Edad del Bronce de las Islas Baleares, in Historia de Espaa
di Menendez Pidal, I, 1948, p. 727, fig. 568; B. Enseat, Los problemas actuales de la Historia primitiva de
Mallorca, Palma de Mallorca 1953 (Arqueologia Balear), tav. XII; Almagro, Prehistoria cit., 1960, p. 659.
per una parte (Nordovest-nord-nordest) risparmiata nelle rocce acclivi, che contiene e
difende un nuraghe vero e proprio (A), 5 torricelle (B, C, D, E, F) e una capanna ellitti-
ca (G). Unico ingresso a Sudsudest. Linsieme misura m 26,40 sulla linea Ovest-est x m
27 sulla linea Nordsud. Il nuraghe (A), situato nella parte Nordovest del recinto sulla
balza rocciosa, pi elevato come posizione rispetto agli altri elementi edilizi, in forma
di torre circolare, del diametro di m 9 (allo svettamento), con ingresso a Sudsudovest (m
0,60 x 1,50 daltezza), sormontato da pietra darchitrave di m 2 x 0,70 x 0,60. Landito
retrostante, lungo m 2,50, largo 1/1,30 e alto 2,50, riceve, sulla sinistra di chi entra,
lapertura della scala e introduce poi alla camera centrica, rotonda (diametro m 3 circa),
senza spazi sussidiari in apparenza. La torre si conserva per laltezza di m 6/2,90, e con-
sta dun paramento di blocchi poliedrici disposti a strati irregolari; misure di 3 blocchi:
m 0,50 x 0,40 x 0,38; 0,50 x 0,60 x 0,25; 0,60 x 0,37 x 0,36. Nella cella si nota luso
della malta di fango a legare le zeppe degli interstizi delle pietre. Nellangolo Nordest
della muraglia, in posizione protettissima, la torretta B, del diametro di m 5,80 allo
svettamento, residuata per laltezza esterna di m 5, con camera in evidenza di m 2 circa
di diametro al taglio superiore. Sulla linea di mezzeria del recinto, ai due estremi, le tor-
ricelle F e C coprono, a guisa dantemurale discontinuo, gli edifizi, interni A e B. Di F si
rileva soltanto il diametro dellesterno, di m 5, mentre linterno interamente coperto
dal crollo. C, invece, lascia vedere pi in dettaglio, per quanto non completamente, la
sua figura. Di m 7,70 di diametro di torre, con altezza residua di m 3,00 a Sud, ha lin-
gresso a Sudest, di m 1 x 1,20 daltezza. Landito retrostante misura m 2 x 1 x 1,20 dal-
tezza e nella camera si rileva un diametro sul colmaticcio di m 3. Le due torri includono
la capanna G, di piano ellittico (m 5 x 3 circa), avente lingresso a Nordnordest in posi-
zione nascosta e difesa; il vano interno, pure ellittico, di m 3,50 x 2, lo spessore mura-
rio di m 0,80. Completano linsieme le torrette E-D, messe ai due lati dellingresso dal-
lesterno, in funzione di guardia. Hanno m 3,50 di diametro allo svettamento, altezze di
paramento di m 1,20/0,90; linterno interamente colmo di rovina. La porta dingresso
della muraglia, presso la prominenza maggiore della cinta, volge a Sudsudest: largo m
1,20 e alto 1,60. Il muro del recinto, dello spessore di m 1,20/1,40, si conserva per lal-
tezza esterna di m 2,50/1 e interna di 1,20/0,50. A valle della muraglia si susseguono
spelonche spaziose, forse usate un tempo per ricovero e difesa.
Bibliografia: Angius, in Casalis, Dizionario, VIII, 1841, p. 454; G. Vacca, Posizione geografica cit., 1917, p.
20; E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922, p. 122; O. Stochino, Saggio cit., 1945-46, p. 82 ss., tav. VIII, 47.
Figura 18, 4: poblado fortificato di ELS ANTIGORS-Les Salines (Maiorca).
uno dei pi caratteristici e importanti centri talaiotici di Maiorca, nella parte Sudest del-
lIsola. Si tratta di un piccolo villaggio che occupa unampia area semiellittica irregolare, re-
cinta e protetta da una muraglia megalitica con lunga fronte rettilinea a Sud. La muraglia
unisce di tratto in tratto, ad intervalli disuguali, torri circolari le quali sono situate sia nella
parte anteriore sia nella parte laterale della recinzione. I talaiots si trovano anche dentro la
cinta, verso il centro di essa. Nel prospetto rettilineo si aprono vari ingressi: uno, piccolo,
posto sulla sinistra, laltro, di dimensioni notevoli, situato verso langolo destro del recin-
to. La muraglia si interrompe anche al centro del prospetto, dove il muro caduto e le pie-
tre sono state asportate; ma non detto che la breccia sia indicativa dun terzo ingresso.
Soltanto uno dei talaiots incorporati nel muro del recinto accessibile dalla parte inferiore
per mezzo dun andito che volge verso linterno: detto talaja Joana, contiene una camera
228 229
I NURAGHI. TORRI PREISTORICHE DI SARDEGNA Catalogo
TAVOLE
Tavola I, 1: collina conica della Marmilla-Lasplassas (Cagliari).
Sul colle perfettamente isolato sulla piana, in forma di mammella (donde il nome di
marmilla = mammilla), sorgono i resti dun Castello medievale appartenuto al Giudica-
to dArbora, di cui si ha menzione fin dal secolo XI d.C. Il Castello stato costruito di-
struggendo i ruderi dun nuraghe che dominava, in posizione chiave, la valle dinvasione
del riu Mannu. Lantica presenza del nuraghe provata dallessersi trovate e raccolte, sul-
la vetta della collina, delle stoviglie dimpasto det nuragica. Si veda la scheda descrittiva
della figura 10, 2.
Bibliografia: R. Carta Raspi, Castelli medievali di Sardegna, Cagliari 1933, p. 57; G. Lilliu, St.S., VIII, 1948,
p. 410 s.; G.D. Serra, Nomi dItalia La Marmilla (Cagliari), in Lingua Nostra, fasc. I, 1950, p. 14.
Tavola I, 2: nuraghe SU NURZZE-Tonra (Noro); cartina B, 65.
Sta a m 966 di quota, su una rupe emergente sul piano di calcare secondario (tac-
cu), a 1 km a Ovest dellabitato moderno di Tonra, in splendida posizione di domi-
nio sulla valle di siscra, verde di castani e noccioli. Il nuraghe nasceva dallo spunto-
ne di roccia isolata, seguendone la forma e inserendosi col basamento nel vivo della
piattaforma naturale con tipico esempio di integrazione artificiale di motivi suggeriti
dalla morfologia del terreno. Ledifizio ora quasi interamente distrutto. Soltanto nel
lato di Nord si possono ancora osservare in situ, per breve tratto, 4 file di pietre calca-
ri ridotte a un blocco in ciascuna fila nel punto di aderenza alla sede della roccia.
I blocchi in parte sono tuttora ben ordinati sullorizzontale (nelle due file inferiori), in
parte (quelli delle due file superiori) sono sconnessi e leggermente spostati dal piano
di posa originario. Dai resti non si pu capire con certezza quale fosse la forma del
nuraghe. Esso era tuttavia complesso, e i ruderi visibili pi che alla torre principale
dovevano appartenere a un tratto murario di opere aggiunte di rinforzo al mastio. La
tecnica muraria quella subquadrata, con pietre di grandi e medie dimensioni, della
stessa materia calcare di cui costituita la rupe a cui aderiscono i pochi resti del nura-
ghe. Misure di blocchi: m 0,40 di lunghezza x 0,30 daltezza x 0,40 dentrata in mu-
ro; 0,60 x 0,35 x 0,40; 0,60 x 0,35 x 0,40; 0,80 x 0,60 x 0,40; 0,30 x 0,25 x 0,40. Tre
blocchi lavorati, appartenenti pur essi alle strutture subquadrate del nuraghe, sono
posti a sostenere il basamento della croce moderna di legno che sovrasta il roccione.
Sulla sommit della rupe si osservano avanzi di stoviglie di rozzo impasto nuragico.
Simili frammenti e qualche scheggia dossidiana si possono raccogliere sul terreno alla
base di Nordovest della roccia, nella piatta e aperta distesa del tonneri.
Bibliografia: P. Cugia, Nuovo itinerario cit., II, 1892, p. 55 (de Su Planu); E.E.M. (prov. di Cagliari), 1922,
p. 186; R. Bonu, Ricerche storiche su due paesi della Sardegna (Gadoni e Tonra), Siena 1936, p. 85; G. Lil-
liu, St.S., IX, 1950, p. 432; Boscolo-Pintor-Serra, Guida, 1951, p. 134.
233
prolunga per lintero corso di m 3,20 in un piccolo stretto vano rettangolare aperto sulla
parete sinistra in fondo del nicchione, usato per adattarvi un lettuccio, come nel nuraghe
di Goni (vedi) (profondit del piccolo vano m 1, altezza allimbocco m 2,70). Nel giro di
muro fra lo spigolo del corridoio dingresso ed il nicchione di sinistra, pi vicino allandi-
to, a m 3 daltezza sul pavimento attuale, la parete muraria si interrompe per far luogo al-
la scala che porta al piano superiore, cio al terrazzo (tav. IV, 3). Con apertura sulla came-
ra di m 0,95 di larghezza x 2,10 daltezza, la scala, dopo un breve ripiano di m 1,90 x
1,60, sale ripidissima, su un percorso di m 6,60 entro un vano di m 1,60/0,65 di larghez-
za x 2,20 daltezza, e sfocia nel tratto di Sudovest della torre sulla verticale del nicchione
di sinistra, descrivendo appena un ottavo di giro. La scala, rischiarata da uno spioncino
rettangolare di luce allaltezza del terzo gradino dal basso (m 0,30 x 0,49), composta di
17 gradini, di m 0,57 di larghezza x 0,18 di piede x 0,35 dalzo; in una delle lastre del
soffitto presso lingresso dallinterno, si osserva un foro circolare di 7 cm di diametro, for-
se per chiusino duna port