Sei sulla pagina 1di 132

1

CATEGORIE
PERCETTIVE
2
3
EQUILIBRIO pag. 5
CONFIGURAZIONE pag. 19
FORMA pag. 27
SVILUPPO pag. 37
SPAZIO pag. 53
LUCE pag. 69
COLORE pag. 81
MOVIMENTO pag. 97
TENSIONE pag. 113
ESPRESSIONE pag. 125
4
5
6
Dream Theather

A dramatic turn of events


Lequilibrio fisico la condizione di un corpo in cui le forze che agiscono su di esso
si bilanciano. In questa condizione distributiva ogni cosa raggiunge limmobilit.
7
1
Nessun oggetto viene percepito come unico o isolato dal resto. Vedere qualcosa significa assegnargli il suo posto nel
tutto.
8
2
La struttura indotta regola lequilibrio della composizione e ci conseguente
alla tendenza percettiva a mantenere configurazioni strutturalmente semplici.
9
3
La difformit causa di un rapporto formale e compositivo equilibrato;
a meno che non alteri il valore semantico dellimmagine rendendo meno fluida la composizione.
10
4
Un elemento che si trovi al centro della composizione, o vicino ad esso, o sullasse di centro verticale, ha un minor
peso compositivo di altri elementi che si trovano fuori dai tracciati principali della struttura indotta,
11
5
Un oggetto che si trovi nella parte superiore della composizione pi pesante di uno che si trovi nella parte inferiore.
Dunque la parte inferiore di una figura richiede pi peso.
12
6
La collocazione a destra determina pi peso di quella di sinistra. E secondo il principio della leva,
il peso di un elemento formale cresce in proporzione alla sua distanza dal centro dellequilibrio.
13
7
Pi gli oggetti sono collocati lontano dallosservatore, pi peso hanno.
14
8
A parit di fattori, loggetto pi grande risulter di maggior peso.
15
9
Lisolamento costituisce un fattore di peso
16
10
La forma costituisce un fattore di peso.
Forme regolari hanno pi peso di quelle irregolari, forme verticali hanno pi peso di quelle oblique
17
11
La direzione costituisce un fattore di peso.
18
19
20
Led Zeppelin

Physical Graffiti
La configurazione un insieme (e non una somma) di oggetti o di parti, organiz-
zato e formato da configurazioni minori o parziali dinamicamente connesse.
un insieme formato da sottoinsiemi.
21
Configurazione descrittiva Configurazione artistica/sintetica
1
Pochi tratti determinati definiscono lidentit di un oggetto percepito..
22
2
Ogni figura tende ad essere vista in maniera tale che la struttura che ne risulti sia tanto pi semplice quanto le
condizioni lo consentano. Ne consegue il principio di semplicit
23
3
Alla semplicit si contrappone laccentuazione che porta alla suddivisione, allaccrescimento delle differenze,
allevidenziazione dellobliquit, alla deformazione.
24
4
Dalla suddivisione o segmentazione dipende la capacit di vedere gli oggetti.
Goethe osservava ..ci che appare deve separarsi dal resto per apparire.
25
5
Leggi dellunificazione formale: il rapporto fra le parti dipende dalla struttura del tutto.
Se sono simili, le parti verranno vissute come legate tra loro
26
27
28
System Of A Down

STEAL THIS ALBUM!


Ogni configurazione la forma di un qualche contenuto e la forma a sua volta la
rappresentazione della realt tramite schemi visuali.
29
1
Lorientamento determinato dagli assi principali del contesto.
Una forma con cadenze verticali e orizzontali un corpo in riposo e semplice; forme che fondano lequilibrio su
angoli non retti sono pi dinamiche e percettivameente meno semplici.
30
2
Quando una forma in cui un asse prevalente a tal punto che nessun altro pu competere con esso viene capovolta,
assume una configurazione differente, anche se dal punto di vista formale nulla mutato.
31
3
Lorientamento verticale delle forme connesse alla forza di gravit viene avvertito come la base a cui ogni cosa
posta in rapporto. Una simmetria riconosciuta appieno solo quando il suo asse orientato verticalmente.
32
5
La sovrapposizione intensifica il rapporto formale col concentrarlo entro una schema pi unificato.
33
6
La posizione obliqua delle forme viene intesa come deviazione, o come approssimazione in graduale aumento, alla
posizione stabile dellorizzontale e della verticale.
34
7
Ogni percetto viene rappresentato in un medium attraverso un pattern formale idoneo
35
7
Ogni percetto viene rappresentato in un medium attraverso un pattern formale idoneo
36
37
38
Pink Floyd

The Dark Side of the Moon


Lo stato pi avanzato di una forma pu essere raggiunto solo
per mezzo di quelli pi elementari.
La forma si evolve in modo organico dai pattern semplici a quelli complessi.
39
1
Sviluppo per stadi di forma
40
2
La forma si sviluppa entro il suo stesso medium e si adatta condizioni che esso impone.
41
3
La replica di una forma se non duplicata con lo stesso medium non ci d la stessa rappresentazione.
42
4
Il concetto rappresentativo quel concetto della forma grazie al quale la struttura percepibile delloggetto pu
venir rappresentata tramite la propriet di un determinato medium.
43
6
Ogni operazione manuale arriva dopo un certo tempo al conseguimento di movimenti scorrevoli in forme semplici.
44
6
Ogni operazione manuale arriva dopo un certo tempo al conseguimento di movimenti scorrevoli in forme semplici.
45
6
Ogni operazione manuale arriva dopo un certo tempo al conseguimento di movimenti scorrevoli in forme semplici.
46
47
48
49
50
51
10
Il disegno, nei primi tempi, mostra una concezione spaziale dovuta a rapporti qualitativi e non necessit metriche.
52
53
54
Fabrizio De Andr

Non al denaro non allamore n al cielo


Facciamo operazione di tipo spaziale se organizziamo un insieme tramite il
dimensionamento o la visualizzazione di tutte le parti che lo compongono.
La rappresentazione e la concezione dello spazio per stata diversa nel
corso della storia: dallo spazio intuitivo e simbolico, allo spazio prospettico,
dallo spazio cartesiano allo spazio/tempo quadridimensionale, fino alla
recente concezion estaltica di uno spazio dellimmagine.
55
1
I problemi dello spazio sono problemi di orientamento, direzione, distanza, organizzazione compositiva,
e trovano il loro denominatore comune nella profondit
56
1
I problemi dello spazio sono problemi di orientamento, direzione, distanza, organizzazione compositiva,
e trovano il loro denominatore comune nella profondit
57
2
Una linea tracciata sopra un foglio di carta non sembra essere situta sul foglio di carta, ma sopra di esso.
58
3
Quanto pi grande ci appare la figura, tanto pi debole linfluenza della linea di confine sullinterno.
59
4
La superficie racchiusa tende a diventare figura mentre la racchiudente tender ad apparire quale sfondo.
60
4
Lo spazio in un piano frontale anisotropico.
La met inferiore e la met superiore non hanno lo stesso peso
61
5
La convessit tende ad avere la meglio sulla concavit
62
6
Lo spazio invade la concavit!
63
8
La deformazione crea spazio
64
9
Il principio dei gradienti percettivi
65
66
67
68
69
70
Placebo

Battle for the Sun


La luce indicatore di spazio, non soltanto fa vedere che ci sono gli oggetti,
ma anche quale la loro forma, la loro direzione, e quanto distano da noi le
cose. Il concetto che si ha della luce duplice e riflette linfluenza esercitata
dal generale atteggiamento a reagire ad essa.
71
72
3
Quanto sono chiare le cose? Dal punto di vista fisico, la chiarezza di una superficie determinata dal suo potere di
riflettere la luce e dalla quantit di questa che ne colpisce la superficie.
73
4
Il fenomeno della lucentezza prova la relativit dei valori di chiarezza. La lucentezza si trova nel punto di mezzo
della scala ininterrotta che va dalle pi chiare sorgenti di luce alla fievole luminosit.
74
6
Qual la causa psicologica della trasparenza? Lapplicazione del principio di semplicit:
due colori non si separano, ma si fondono in uno unico.
75
76
7
Conseguenza dellilluminazione: lombra.
77
78
79
12
Simbolismo della luce
80
81
82
Pearl Jam

Backspacer
Il colore una radiazione elettromagnetica che, eccitando i recettori retinici,
produce sensazioni. In altre parole, il colore non qualcosa di fisico, ma il
risultato di unattivit psicologica. ci che noi percepiamo della luce.
83
1
Contrasto dei colori puri
il pi semplice dei contrasti, per crearlo basta laccostamento di qualsiasi colore col pi alto grado di saturazione.
Colori primari - effetto chiassoso, energico
Colori secondari - effetto debole Colori terziari - effetto ancor pi debole
84
2
Contrasto di chiaro e scuro
Il nero e il bianco sono polari, ma fra essi si sviluppa la gamma dei grigi e dei colori.
85
3
Contrasto di caldo e freddo
I colori verde/blu suggeriscono freddo, i colori rosso/arancio suggeriscono caldo.
86
4
Contrasto di complementari
Si definiscono complementari due colori i cui pigmenti fra loro diano un grigio/nero/ neutro.
Sono una coppia singolarissima, infatti per quanto contrari, si richiamano a vicenda.
Contrasto rosso - blu/viola
Contrasto verde - viola
87
5
Contrasto di simultaneit
Avviene per assenza del complementare.
un fenomeno per cui il nostro occhio sottoposto ad un dato colore, ne esige contemporaneamente un altro.
88
6
Teoria espressionista dei colori
Ai processi ottici, elettromagnetici e chimici che si producono nellocchio e nel cervello umano alla vista dei colori,
corrispondono in genere paralleli processi psicologici. (Itten)
89
90
91
Il rosso culinario
92
Il rosso arte
93
Il rosso mistero
94
Il rosso hard!
95
Il rosso sangue e film splatter
96
97
98
Blur

Blur
Il movimento viene percepito quando la struttura del contesto spaziale e
temporale lo determinano. Ne consegue che le differenze tra arti spaziali
(pittura, scultura, architettura) e temporali (teatro, ballo, cinema) non con-
siste che in un maggiore o minore rilievo dato dalle due componenti.
Il primo di questi generi definisce lazione attraverso lessere, latro definisce
lessere attraverso lazione.
99
1
Sequenza spaziale - permanenza.
Conseguenza: movimento indotto
100
1
Sequenza temporale - mutamento
Conseguenza: movimento oggettivo
101
1
Spazio definito dalle forze
102
2
Gli oggetti entro il campo visivo sono visti in un rapporto gerarchico di dipendenza. Lorganizzazione spontanea del
campo assegna a certi oggetti la funzione di schema di riferimento da cui altri dipendono.
La figura tende a muoversi mentre lo sfondo rimane fermo.
103
Differenza di grandezza:
efficace nel caso di oggetti contigui ed loggetto pi piccolo a mettersi in moto
104
3
Propriet specifiche del movimento: velocit
Lalta velocit di un oggetto pu esser percepita come causata dalla forza delloggetto,
oppure dalla piccola resistenza del mezzo.
105
3
Propriet specifiche del movimento: velocit 2
La lentezza viene vissuta come se fosse il risultato di una mancanza di forza da parte delloggetto,
oppure maggior resistenza del mezzo.
106
3
Propriet specifiche del movimento: Dimensione
Oggetti pi grandi sembrano muoversi pi lentamente
107
3
Propriet specifiche del movimento: Perimetrazione
Un campo ambientale pi piccolo determina un movimento apparente pi veloce.
108
3
Propriet specifiche del movimento: Proporzionalit
Per sembrare uguali le velocit devono essere ugualmente proporzionate alle dimensioni di grandezza.
109
4
Forze motrici visibili
Il percetto contiene in s stesso una successione di eventi.
La qualit causa/effetto aggiunta in un secondo momento.
110
6
Una scala di complessit
Nei suoi colloqui con i bambini Piaget ebbe a studiare i criteri secondo i quali qualcosa considerato vivo
e provvisto di coscienza o meno, e stabil la seguente scala di complessit.
1 - Livello pi basso: tutto ci che possiede unattivit viene considerato vivo o cosciente
2 - Livello intermedio: il movimento crea la differenza.
111
3 - Livello superiore: un oggetto in grado di produrre da s o ricevere da fuori il movimento
112
113
114
King Crimson

In the Court of the Crimson King
Si pu vedere movimento anche l dove esso non si verifica sul piano fisico.
C movimento nelle pieghe marmoree di una statua greca, come nelle volute di
una facciata barocca.
115
2
In ogni composizione le forme visive appaiono come se esplicassero uno sforzo in determinate direzioni.
Esse coinvolgono piuttosto lidea di avvenire che di essere.
116
4
Gli oggetti visivi mostrano la loro preferenza a muoversi nella direzione del loro asse principale, mentre la direzione
perpendicolare ad esso oggetto di una seconda scelta.
117
5
Anche la tensione dipende dalla proporzione. Variando i rapporti dimensionali delle forme si genera una tensione.
118
6
Qualit dinamica delle forme a cuneo
1 - in figure piane che tendono ad essere viste tridimensionalmente c sempre una tensione
2 - Un decrescendo di larghezza fa in modo che il pilastro sembri svilupparsi fuori della parete
3 - Le scale esterne fanno s che il corpo delledificio emerga gradatamente dal terreno
119
7
Le linee rette convergenti mantengono come elemento statico il fatto che il gradiente della larghezza decrescente ha
un ordine compatto.
1 - forma a cuneo base 2 - divergenza accresciuta
3 - divergenza addolcita
120
8
Il Barocco si avvale di forme curve rigonfie per accrescere la tensione.
121
9
Lorientamento obliquo probabilmente il mezzo pi elementare per ottenere una tensione guidata.
122
10
La condizione primaria affinch lobliquit pervenga ad un effetto di maggiore dinamismo data dal quantitativo di
deviazione dalla verticale e dallorizzontale.
123
11
Ogni immagine che raffigura lazione vissuta come se rappresentasse il massimo di tensione dellazione stessa
124
125
126
The Black Keys

Brothers
Lespressione laspirazione che corona tutte le categorie percettive e si pu
descrivere come il contenuto primario della visione. Essa consente di rendersi
conto che le forze che agiscono dentro di noi non sono che esempi individuali delle
stesse forze che agiscono nelluniverso.
127
1
Ogni opera darte deve esprimere qualcosa.
Ci significa che il contenuto dellopera deve andare pi lontano
della semplice presentazione dei singoli soggetti di cui consiste
128
2
La coscienza espressiva si acquisce solo attraverso lesperienza o attraverso il potere dellassociazione e della ragione?
Tesi tradizionale: i movimenti espressivi vengono acquisiti solo gradatamente e diventano dopo istintivi.
Tesi recente: i movimenti espressivi trasmetterebbero un messaggio soltanto in virt di ci che abbiamo appreso at-
torno ad essi. In breve, ricalcherebbero degli stereotipi che gli individui adottano, traendoli dal loro ambiente sociale.
129
3
Lespressione insita nella struttura
130
7
Tutta larte simbolica!
131
132
Categorie Percettive
alunno: Lorenzo Farris
docente: Siliano Simoncini
anno accademico 2011/2012
ISIA Firenze