Sei sulla pagina 1di 20

PROPOLI BIO30LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30 ™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE Collana GLI EBOOK DEL BENESSERE NATURALE DI

Collana GLI EBOOK DEL BENESSERE NATURALE DI

PROPOLI BIO30 ™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE Collana GLI EBOOK DEL BENESSERE NATURALE DI

PROPOLI BIO30™

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE PREFAZIONE Questo ebook è stato scritto per diffondere

PREFAZIONE

Questo ebook è stato scritto per diffondere le informazioni sui benéfici effetti del Propoli BIO30 e sugli studi scientifici, in grado di riequilibrare e ripristinare le principali funzioni dell’organismo.

Il libro non intende sostituirsi ai consigli di un medico, ma vuol essere un aiuto in più nell’affrontare la vita di tutti i giorni.

Gli studi a cui questo ebook fa riferimento sono ricerche ufficiali liberamente scaricabili.

Se seguirai i consigli proposti sull’uso di questa “Medicina Naturale”, avrai un sicuro mantenimento, ed in molti casi, il miglioramento, del tuo stato di salute.

Mauro Recchia

il miglioramento, del tuo stato di salute. Mauro Recchia Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :
il miglioramento, del tuo stato di salute. Mauro Recchia Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :

PROPOLI BIO30™

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE SOMMARIO - Che cosa è il propoli? -

SOMMARIO

- Che cosa è il propoli?

- Benefici generali per la salute

- Perché il propoli BIO30è così speciale?

- L’attività anti tumorale del CAPE

- Prodotti con il propoli BIO30

- Pubblicazione del Dott. Maruta

con il propoli BIO30 ™ - Pubblicazione del Dott. Maruta Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email
con il propoli BIO30 ™ - Pubblicazione del Dott. Maruta Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email

PROPOLI BIO30™

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE CHE COSA E’ IL PROPOLI? Il Propoli è

CHE COSA E’ IL PROPOLI?

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE CHE COSA E’ IL PROPOLI? Il Propoli è una resina

Il Propoli è una resina simile ad una sostanza color marrone fatta dalle api con del materiale raccolto dagli alberi e arbusti.

Le api fanno il propoli raccogliendo la resina secreta dalle piante per proteggere le gemme fogliari e le ferite del tronco, e combinandola con cera d'api e gli enzimi, diventa propoli.

Nonostante quello che molti credono, il propoli non è il polline d'api. Il propoli è però trasportata dalle api sulle zampe posteriori allo stesso modo come con il polline dai fiori.

posteriori allo stesso modo come con il polline dai fiori. Le api usano il propoli per

Le api usano il propoli per sigillare le lacune nell'alveare, per sterilizzare il nido e anche per imbalsamare gli insetti e gli animali che si introducono e che sono troppo grandi per uscire.

che si introducono e che sono troppo grandi per uscire. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email
che si introducono e che sono troppo grandi per uscire. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email

PROPOLI BIO30™

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE Il propoli ha le stesse proprietà antibatteriche e

Il propoli ha le stesse proprietà antibatteriche e antimicotiche, come le resine vegetali che formano la sua base. Le api fanno uso di queste proprietà antibatteriche per proteggere i loro alveari, soprattutto dal Bacillus larve, un organismo che causa la malattia delle api.

Tuttavia, i propoli non sono assolutamente uguali. Le proprietà delle propoli variano molto a seconda della posizione, che riflette la variabilità del materiale vegetale a disposizione per le api.

Per gli esseri umani, i benefici della propoli si estendono ben oltre l'uso come un agente antibatterico e antimicotico. Un numero crescente di ricerche scientifiche dimostra che il propoli, soprattutto da determinati paesi, è efficace nella lotta contro virus e ad arrestare la crescita di alcuni tipi di cancro.

Il propoli viene raccolto dagli apicoltori mediante raschiatura delle parti di alveare o su stuoie speciali di raccolta. Il propoli grezzo viene trattato per rimuovere la cera d'api e altre impurità, prima di essere utilizzato in prodotti vari come propoli liquido, tintura e persino come dentifricio.

propoli liquido , tintura e persino come dentifricio . Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :
propoli liquido , tintura e persino come dentifricio . Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :

PROPOLI BIO30™

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE BENEFICI GENERALI PER LA SALUTE Il propoli delle

BENEFICI GENERALI PER LA SALUTE

Il propoli delle api è stato utilizzato dagli esseri umani nell'Apiterapia per la

protezione della salute fin dai tempi degli antichi Greci. Il termine Apiterapia si riferisce all'uso di prodotti delle api (propoli, polline d'api, pappa reale ecc) per i benefici per la salute.

La parola "propoli" deriva dalle parole greche "pro" (prima) e "polis" (città). Gli antichi apicoltori avevano notato che le api spesso costruivano un muro di propoli all'ingresso dell'alveare ("prima della città").

Il primo vantaggio sulla salute registrato dal propoli

deriva da Ippocrate, considerato il padre della medicina moderna.

Ippocrate lo prescriveva nell' Apiterapia per contribuire

a guarire le ferite interne ed esterne e le ulcere.

Da allora il propoli è stato utilizzato in Europa come un rimedio ed è ancora uno dei rimedi casalinghi più frequentemente utilizzati nei Balcani per le ferite, le ustioni, il mal di gola e ulcere allo stomaco.

le ferite, le ustioni, il mal di gola e ulcere allo stomaco. La scienza moderna si

La scienza moderna si è focalizzata sul propoli dopo il 1960, ispirate dall'interesse generale sull'allevamento delle api e sui prodotti naturali.

Numerosi studi hanno rivelato le attività versatili e farmacologiche del propoli in apiterapia: antibatterico, antimicotico ed antivirale e anche molti altri effetti meno evidenti, come citotossico, anti-ossidante, anti-infiammatorio e immuno- modulazione.

anti-ossidante, anti-infiammatorio e immuno- modulazione. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :
anti-ossidante, anti-infiammatorio e immuno- modulazione. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :

PROPOLI BIO30™

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE A differenza degli antibiotici di sintesi che di

A differenza degli antibiotici di sintesi che di solito agiscono in modo specifico, il propoli uccide una vasta gamma di microrganismi, compresi batteri, funghi, protozoi

e virus. Inoltre, a differenza degli antibiotici di sintesi, i micro-organismi non sviluppano resistenza o tolleranza alla propoli.

Di seguito alcuni disturbi che possono essere aiutati con l'utilizzo del propoli:

Allergieche possono essere aiutati con l'utilizzo del propoli: Asma Artrite Angina Acne Bronchite Bruciature Candida

Asmaessere aiutati con l'utilizzo del propoli: Allergie Artrite Angina Acne Bronchite Bruciature Candida Albicans

Artriteessere aiutati con l'utilizzo del propoli: Allergie Asma Angina Acne Bronchite Bruciature Candida Albicans

Anginacon l'utilizzo del propoli: Allergie Asma Artrite Acne Bronchite Bruciature Candida Albicans Raffreddore

Acnecon l'utilizzo del propoli: Allergie Asma Artrite Angina Bronchite Bruciature Candida Albicans Raffreddore Problemi

Bronchitedel propoli: Allergie Asma Artrite Angina Acne Bruciature Candida Albicans Raffreddore Problemi dentali

Bruciaturedel propoli: Allergie Asma Artrite Angina Acne Bronchite Candida Albicans Raffreddore Problemi dentali (ulcere della

Candida AlbicansAllergie Asma Artrite Angina Acne Bronchite Bruciature Raffreddore Problemi dentali (ulcere della bocca, malattie

RaffreddoreArtrite Angina Acne Bronchite Bruciature Candida Albicans Problemi dentali (ulcere della bocca, malattie delle

Problemi dentali (ulcere della bocca, malattie delle gengive)Acne Bronchite Bruciature Candida Albicans Raffreddore Eczema Ulcera gastrica Disturbi gastrointestinali Influenza

Eczemadentali (ulcere della bocca, malattie delle gengive) Ulcera gastrica Disturbi gastrointestinali Influenza Ulcere

Ulcera gastricadentali (ulcere della bocca, malattie delle gengive) Eczema Disturbi gastrointestinali Influenza Ulcere peptiche Artrite

Disturbi gastrointestinalidella bocca, malattie delle gengive) Eczema Ulcera gastrica Influenza Ulcere peptiche Artrite reumatoide Indebolimento

Influenzagengive) Eczema Ulcera gastrica Disturbi gastrointestinali Ulcere peptiche Artrite reumatoide Indebolimento del sistema

Ulcere pepticheEczema Ulcera gastrica Disturbi gastrointestinali Influenza Artrite reumatoide Indebolimento del sistema immunitario

Artrite reumatoideDisturbi gastrointestinali Influenza Ulcere peptiche Indebolimento del sistema immunitario Copyright 2012 –

Indebolimento del sistema immunitarioInfluenza Ulcere peptiche Artrite reumatoide Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :

Artrite reumatoide Indebolimento del sistema immunitario Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :
Artrite reumatoide Indebolimento del sistema immunitario Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :

PROPOLI BIO30™

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE PERCHE’ IL PROPOLI BIO30™ E’ COSI’ SPECIALE? Il

PERCHE’ IL PROPOLI BIO30™ E’ COSI’ SPECIALE?

Il propoli BIO30della Nuova Zelanda è certificato da un laboratorio indipendente e contiene almeno 30 mg / g di bioflavonoidi, i composti flavonoidi attivi responsabili dell'attività biologica nel propoli, e acido caffeico.

L'alto livello di bioflavonoidi nel BIO30si pensa sia dovuto alla fonti vegetali disponibili per le api in ambienti remoti e incontaminati della Nuova Zelanda.

Il BIO30contiene acido caffeico feniletilico estere (in Inglese CAPE), un composto che i ricercatori in campo oncologico hanno dimostrato sopprimere i tumori neurofibromatosi.

Il propoli in Nuova Zelanda è estremamente alto in flavonoidi importanti come pinobanksin e pinocembrin, che costituiscono il 70% del contenuto di flavonoidi, rispetto ai livelli inferiori al 10% nel propoli dal Brasile, Uruguay e Cina.

inferiori al 10% nel propoli dal Brasile, Uruguay e Cina. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email
inferiori al 10% nel propoli dal Brasile, Uruguay e Cina. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email
inferiori al 10% nel propoli dal Brasile, Uruguay e Cina. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email

PROPOLI BIO30™

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE L’ATTIVITA’ ANTITUMORALE DEL CAPE Nel 2008 il Professor

L’ATTIVITA’ ANTITUMORALE DEL CAPE

SCOPERTA PER LA SALUTE L’ATTIVITA’ ANTITUMORALE DEL CAPE Nel 2008 il Professor Hiroshi Maruta (nella foto)

Nel 2008 il Professor Hiroshi Maruta (nella foto) ha pubblicato il suo interessante studio su Phytoteraphy Research dove risulta che il CAPE contenuto nel propoli BIO30liquido sopprime la crescita di tumori neurofibromatosi umani (NF1 ed NF2) trapiantati nei topi.

Ha scoperto inoltre che i lipidi nel propoli BIO30rendono il CAPE solubile , e l’effetto sinergico fra il CAPE e gli altri componenti nel propoli aumenta la sua attività anti-cancro di 600 volte.

I topi con tumori NF1, che rappresentano il 70% di tutti i tumori sono stati trattati con il propoli BIO30liquido nella University Hospital Eppendorf in Germania.

liquido nella University Hospital Eppendorf in Germania. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :
liquido nella University Hospital Eppendorf in Germania. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :
liquido nella University Hospital Eppendorf in Germania. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :

PROPOLI BIO30™

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE I test del prof. Maruta hanno trovato che

I test del prof. Maruta hanno trovato che sia i tumori NF1 che NF2 sono stati completamente bloccati ed in particolare il tipo NF2 è scomparso completamente dopo un mese di trattamento.

Il CAPE blocca la produzione dell’enzima PAK1 che è coinvolto nella crescita e nello sviluppo di più del 70& dei tumori umani.

I tipi di tumori provocati dal PAK sono:

Pancreaticodei tumori umani. I tipi di tumori provocati dal PAK sono: Melanoma e glioma Mieloma multiplo

Melanoma e gliomaumani. I tipi di tumori provocati dal PAK sono: Pancreatico Mieloma multiplo Seno Prostata Colon Cervice

Mieloma multiplotumori provocati dal PAK sono: Pancreatico Melanoma e glioma Seno Prostata Colon Cervice Ovaie Neurofibromatosi Altri

Senodal PAK sono: Pancreatico Melanoma e glioma Mieloma multiplo Prostata Colon Cervice Ovaie Neurofibromatosi Altri disturbi

Prostatasono: Pancreatico Melanoma e glioma Mieloma multiplo Seno Colon Cervice Ovaie Neurofibromatosi Altri disturbi gravi

ColonPancreatico Melanoma e glioma Mieloma multiplo Seno Prostata Cervice Ovaie Neurofibromatosi Altri disturbi gravi

CerviceMelanoma e glioma Mieloma multiplo Seno Prostata Colon Ovaie Neurofibromatosi Altri disturbi gravi provocati dal

Ovaiee glioma Mieloma multiplo Seno Prostata Colon Cervice Neurofibromatosi Altri disturbi gravi provocati dal PAK1

Neurofibromatosie glioma Mieloma multiplo Seno Prostata Colon Cervice Ovaie Altri disturbi gravi provocati dal PAK1 possono

multiplo Seno Prostata Colon Cervice Ovaie Neurofibromatosi Altri disturbi gravi provocati dal PAK1 possono essere:

Altri disturbi gravi provocati dal PAK1 possono essere:

Ritardo mentale o deficit di apprendimentoAltri disturbi gravi provocati dal PAK1 possono essere: Autismo Infiammazioni (asma e artrite) Epilessia

Autismopossono essere: Ritardo mentale o deficit di apprendimento Infiammazioni (asma e artrite) Epilessia Ipertensione

Infiammazioni (asma e artrite)essere: Ritardo mentale o deficit di apprendimento Autismo Epilessia Ipertensione Alzheimer Malattia di Huntington

Epilessiadi apprendimento Autismo Infiammazioni (asma e artrite) Ipertensione Alzheimer Malattia di Huntington Copyright 2012

IpertensioneAutismo Infiammazioni (asma e artrite) Epilessia Alzheimer Malattia di Huntington Copyright 2012 –

AlzheimerInfiammazioni (asma e artrite) Epilessia Ipertensione Malattia di Huntington Copyright 2012 –

Malattia di Huntington(asma e artrite) Epilessia Ipertensione Alzheimer Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :

Epilessia Ipertensione Alzheimer Malattia di Huntington Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :
Epilessia Ipertensione Alzheimer Malattia di Huntington Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :

PROPOLI BIO30™

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE Incoraggiato dai risultati delle sue ricerche e sapendo

Incoraggiato dai risultati delle sue ricerche e sapendo che il propoli BIO30è un integratore sicuro per la salute, il prof. Maruta sta conducendo una prova pilota con 150 volontari che soffrono di varie forme di cancro. I risultati conseguiti finora dicono che la maggior parte dei pazienti non riportano più alcuna crescita di tumori e non hanno nessun nuovo tumore in via di sviluppo.

PRODOTTI CON IL PROPOLI BIO30

La Manuka Health New Zealand ha brevettato il marchio BIO30™ con diversi prodotti, fra cui anche quello usato dal Dott. Maruta nelle sue ricerche.

Propoli Liquido, Propoli Tintura e Propoli in Capsule

Propoli Liquido, Propoli Tintura e Propoli in Capsule Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :
Propoli Liquido, Propoli Tintura e Propoli in Capsule Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :
Propoli Liquido, Propoli Tintura e Propoli in Capsule Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :
Propoli Liquido, Propoli Tintura e Propoli in Capsule Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :

PROPOLI BIO30™

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE Caramelle con Propoli Per avere sempre a portata

Caramelle con Propoli

Per avere sempre a portata di mano un aiuto veloce per i piccoli problemi di gola e alle prime vie respiratorie.

Formulazione con Propoli BIO30e miele di Manuka MGO400+, oppure con Propoli BIO30e menta piperita.

™ 400+, oppure con Propoli BIO30 ™ e menta piperita. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email
™ 400+, oppure con Propoli BIO30 ™ e menta piperita. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email
™ 400+, oppure con Propoli BIO30 ™ e menta piperita. Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email

PROPOLI BIO30™

LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE

PROPOLI BIO30™ LA NUOVA SCOPERTA PER LA SALUTE Spray gola e dentifricio La formulazione con propoli

Spray gola e dentifricio

La formulazione con propoli BIO30e miele di Manuka MGO400+ è stata realizzata per donare al cavo orale, ai denti e alle gengive un’azione curativa e riparatrice.

ai denti e alle gengive un’azione curativa e riparatrice. Naturalmente potrai trovare tutta la linea al

Naturalmente potrai trovare tutta la linea al Propoli BIO30su www.saluteinerba.com

la linea al Propoli BIO30 ™ su www.saluteinerba.com Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :
la linea al Propoli BIO30 ™ su www.saluteinerba.com Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :
la linea al Propoli BIO30 ™ su www.saluteinerba.com Copyright 2012 – www.saluteinerba.com – email :

RICERCA DI FITOTERAPIA Phytother. Res. (2008) Publicata online su Wiley InterScience COMPLETELY SUPPRESSES NF TUMORS BIO 30 (www.interscience.wiley.com) DOI: 10.1002/ptr.2594

CAPE (estere feniletilico dell’acido caffeico) a base di estratto di propoli (Bio 30) evita la crescita di neurofibromatosi (NF) xenotrapianto di tumore nei topi

M. Demestre 1 , S. M. Messerli 2 , N. Celli 3 , M. Shahhossini 1 , L. Kluwe 1 , V. Mautner 1 e H. Maruta 1 *

1 UKE (Universitaets Klinikum Eppendorf), Hamburg 20246, Germany 2 MBL (Marine Biological Laboratory), Woods Hole, MA 02543, USA 3 Consorzio Mario Negri Sud, Via Nazionale, Chieti 66030, Italy

La disfunzione del gene NF1 codifica di BPA RAS è la principale causa di neurofibromatosi di tipo 1 (NF1),

mentre la neurofibromatosi di tipo 2 (NF2) è causata principalmente da una disfunzione del gene NF2 chiamato Merlin che inibisce direttamente PAK1, un oncogeno Rac/CDC42-dependente Ser/Thr kinase. E› stato dimostrato in precedenza che PAK1 è essenziale per la crescita di entrambi i tumori NF1 e NF2. Così, alcuni farmaci anti-PAK1, tra cui FK228 e CEP-1347, sono stati sviluppati per il trattamento dei tumori NF. Tuttavia, per ora non è presente una terapia efficace sul mercato contro NF. La propoli, un prodotto molto

sicuro, contiene ingredienti antitumorali chiamatoi CAPE (estere feniletilico dell›acido caffeico) o ARC (artepillin C), a seconda della fonte, entrambi i quali bloccano l›attività tumorale PAK1, il suo potenziale effetto terapeutico sui tumori NF è stato esplorato in vivo. In questa ricerca si dimostra che Bio 30, un tipo

di propoli ricco CAPE-idrosolubili estratto della Nuova Zelanda (NZ) sopprime completamente la crescita

nell’essere umano del cancro NF1 chiamato MPNST (Tumore Maligno delle Guaine Nervose Periferiche) e ha provocato una regressione quasi completa del tumore umano NF2 (Schwannoma), entrambi innestati nei topi topi. Anche se CAPE non è mai stato usato in clinica, a causa della sua scarsa biodisponibilità/ solubilità in acqua, Bio 30 contiene un sacco di lipidi per solubilizzare CAPE, e comprende anche diversi altri componenti antitumorali che sembrano agire in sinergia con CAPE. Perciò, vale la pena eseguire un test clinico per verificare se Bio 30 e altri CAPE ricchi di propoli sono utili per il trattamento dei pazienti NF. Copyright © 2008 John Wiley & Sons, Ltd.

INTRODUZIONE

La propoli proveniente dagli alveari (chiamata anche ‘cera d’api’) contiene 100 milioni di anni di saggezza delle colonie di api per proteggere le loro larve da una varietà di malattie. La propoli è stata usata fin dai tempi degli antichi egizi come medicina tradizionale per il trattamento delle infezioni, ferite e delle infiammazioni, così come per la preparazione delle mummie. In epoca moderna, la propoli è stata identificata come un rimedio anticancro alla fine del 1980 quando il gruppo Dezider Grunberger alla Columbia University scoprì che CAPE (estere feniletilico dell’acido caffeico) era il maggiore ingrediente antitumorale tramite un campione di propoli proveniente da Israele (Grunberger et al., 1988). CAPE è un derivato dell’acido caffeico (CA) che riduce GTPasi Rac, un diretto attivatore della chinasi PAK1 (Xu et al., 2005). Curiosamente, la propoli dalla Nuova Zelanda (NZ) ha mostrato il più alto contenuto CAPE (6-7% di estratto) rispetto alle varietà di campioni di propoli provenienti da tutto il mondo,mentre la propoli brasiliano verde contiene un altro ingrediente anticancro chiamato ARC (artepillin C), invece di CAPE, che inattiva anche PAK1 (Maruta e Ohta, 2008). Recentemente abbiamo mostrato che più del 70% dei tumori umani e di tutte le NF (neurofibromatosi) sono altamente dipendenti da PAK1 per la loro crescita, ma non le cellule normali (Sasakawa et al, 2003;. Hirokawa et al, 2004, 2005a, 2005b;. Maruta e Ohta, 2008). La disfunzione del gene NF1 codifica BPA RAS è la causa principale cause del tipo 1 NF, mentre il tipo 2 NF è causato principalmente dalla disfunzione del prodotto del gene NF2 chiamato Merlin che inibisce direttamente il PAK1, un Rac/CDC42-dipendente da chinasi Ser/Thr (Hirokawa et al., 2004). Parecchi anni fa, i tumori NF1-deficienti hanno dimostrato di richiedere PAK1 per la loro crescita in vivo, e più recentemente si è constatato che i tumori NF2-deficienti richiedono anche la chinasi stessa per la loro crescita in vitro (Hirokawa et al.2004). Tuttavia, finora non è presente una terapia NF sul mercato. Così, stiamo sviluppando una serie di farmaci anti- PAK1 farmaci utili per il per il trattamento di questi cancri PAK1-dipendenti o tumori. Dei farmaci anti-

PAK1 identificati o sviluppatoi per il trattamento

di NF1 e NF2, un anello peptidico FK228 sembra

essere il più potente sia in vitro che in vivo. Il IC50 per le cellule tumorali NF è di circa 5 pM in vitro, e provoca la regressione completa della NF1-deficienti MPNST xenotrapianto in topi (Hirokawa et al. 2005b). Il suo target è un HDAC (histone deacetylase), e attiva una serie specifica di geni oncosoppressori come p21 (un inibitore di CDK) e RAP1a (un antagonista RAS), che bloccano PAK1 (Hirokawa et al., 2005a). Purtroppo, FK228 è ancora in sperimentazione clinica (fase 2) per i tumori, ma non per NF, e ci sarebbero voluti diversi anni per questo potente farmaco per entrare

in fase di test, e, infine, per dare beneficio ai pazienti. Così abbiamo recentemente iniziato lo sviluppo di anti- PAK1 tramite prodotti naturali che sono disponibili sul mercato, sperando di dare immediato beneficio per i pazienti NF. Il primo ingrediente naturale anti- PAK1 è stato trovato in un estratto di etanolo dal pepe cinese (Sichuan) che blocca selettivamente l’attivazione PAK1, ma non un altro chinasi chiamato AKT (Hirokawa et al., 2006). Questo estratto sopprime la crescita di NF1-xenotrapianti tumorali nei topi-deficienti del 50%. Più recentemente abbiamo scoperto che vi era un componente naturale molto più potente anti-NF denominato ‘Bio 30’. Si tratta

di un estratto di propoli ricco di CAPE della NZ

(Nuova Zelanda). Questo studio dimostra che Bio 30 sopprime del tutto la crescita di entrambi di NF1 e NF2 xenotrapianti nei topi, suggerendo la possibilità che Bio 30 e altri propoli ricchi di CAPE può servire come terapia efficace, molto sicura ed a basso costo sul mercato.

* Correspondence to: Hiroshi Maruta, NF Cure Giappone, 6 Shiel Street, A nord di Melbourne, Australia 3051. E-mail: maruta19420@hotmail.com Contratto/sponsor del progetto: DFG (Deutsche Forschungsgemeinschaft). Contratto/sponsor sovvenzionatore: NF CURE Giappone. Contratto/sponsor sovvenzionatore: US DOD; contratto/grant numero:

NF050145.

Contratto/sponsor sovvenzionatore: la Fondazione Peterson a Philadelphia. Contratto/sponsor sovvenzionatore: NIH Biocurrents Research Center presso MBL; con-tratto/grant numero: P41 RR001395.

MATERIALI E METODI

Xenotrapianti di tumori nei topi. Topi femmina di

6

settimane (da Charles River o NCI) hanno ricevuto

5

milioni MPNST (S-462) di cellule (Hirokawa et al.

2005b, 2006) o 2-5 milioni di celluleNF2-deficienti Schwannoma (HEI-193) (Prabhakaret al, 2007;. Lepont et al, 2008) di origine umana in 0,2 mL. del 50% Matrigel per ogni topo per via sottocutanea nel fianco o della coscia. Quando la dimensione media dei tumori ha raggiunto circa 5 mm di diametro (lunghezza o larghezza), gruppi di 5-7 topi sono stati trattati sia con Bio 30 (100-300 mg/kg) o CAPE 60 (Bio 30 più extra di 5 mg/kg CAPE) , due volte alla settimana, mentre i topi di controllo sono stati trattati con il veicolo (11% glicole propilenico e il 26% di DMSO in PBS).

La dimensione di ogni tumore (sia l’originale che metastizzato) è stato misuratio due volte la settimana tramite pinza. Nessuno di questi trattamenti ha causato alcun effetto negativo sui topi.

Coltura cellulare. 10^3 cellule di MPNST o linee cellulari Schwannoma sono state seminate in ogni pozzetto, e coltivate per 3-6 giorni, in presenza o assenza di Bio 30, CAPE

o ARC in varie concentrazioni e la crescita è stata

monitorata da un conteggio delle cellule vitali con un emocitometro o con il metodo MTT (misurando la densità ottica a 550 nm) come descritto in precedenza (Mosmann, 1983;. Hirokawa et al,

2006).

Analisi del contenuto di polifenoli di Bio 30.

Il Bio 30 (senza alcool liquido) del campione è stato

sottoposto a cromatografia liquida per analizzarne

i principali polifenoli CAPE tramite spettrometria descritto in precedenza (Celli et al., 2004).

RISULTATI E DISCUSSIONE

Effetto del Bio 30 sulla crescita di NF1 e NF2 sulle cellule tumorali in vitro

Poiché si è riscontrato che Bio 30 (Manuka Health, NZ) è più potente dell’estratto di pepe cinese (Hirokawa et al., 2006) nell’inibire la crescita di PAK1-dipendente del pancreas e della mammella su linee di cellule tumorali sia in vitro che in vivo (Y. Hirokawa e H. Maruta), il suo effetto sulle linee di

cellule tumorali NF è stato esaminato in vitro per cominciare.

L’IC^50 di Bio 30 per il tumore NF2 (HEI-193) e il cancro NF1 (MPNST/S-462), si è rivelato essere circa 1,5 mcg/ml e 8 mg/mL, rispettivamente (vedi fig. 1).

Effetti del Bio 30 sulla crescita (o metastasi) del tumore NF xenotrapiantati nei topi

Effetto sulla crescita di NF1 con deficit MPNST. Bio 30 (100 mg/kg, due volte a settimana) ha soppresso completamente la crescita di MPNST/S-462 nei topi in 100 giorni (vedi fig. 2).

di MPNST/S-462 nei topi in 100 giorni ( vedi fig. 2 ). Figura 1. Bio 30
di MPNST/S-462 nei topi in 100 giorni ( vedi fig. 2 ). Figura 1. Bio 30

Figura 1.

Bio 30 inibisce la crescita di cellule tumorali MPNST NF (A) e Schwannoma (B) cellule in coltura per 6 giorni in presenza o assenza di Bio 30 alle concentrazioni indicate come descritto nella sezione Materiali e Metodi.

Figura 2. Bio 30 sopprime la crescita di MPNST in vivo in topi nudi aventi

Figura 2.

Bio 30 sopprime la crescita di MPNST in vivo in topi nudi aventi MPNST, trattati con Bio 30 (100 mg/kg), due volte alla settimana durante i giorni 19-100, come descritto nella sezione Materiali e Metodi. Ogni gruppo era composto da cinque topi.

Poiché questo MPNST è scarsamente angiogenico, rimane dormiente per le prime 10 settimane fino a quando il vaso sanguigno si forma sufficientemente intorno ad un piccolo tumore (circa 5-6 mm di diametro). Tuttavia, i tumori nei topi trattati con Bio 30 non è riuscito a crescere, probabilmente perché la propoli ricco di CAPE ha bloccato la angiogenesi, oltre alla divisione delle cellule e della metastasi delle cellule MPNST.

Effetti su MPNST NF1 - deficienza altamente metastatico. Si è constatato che il MPNST diventa altamente metastatico ed è cresce molto più lentamente se le cellule sono vengono inoculate nella coscia di una gamba posteriore, al posto del fianco. Questo ha fornito una buona occasione per esaminare l’effetto antimetastatica di Bio 30 (100 mg/kg) da solo o la sua combinazione con un extra di CAPE (5 mg/kg) chiamato ‘CAPE 60’ (contenente 60 mg di CAPE,

invece di 12 mg di CAPE, per g di Bio 30 ) sul MPNST.

A circa 6 settimane, le metastasi dei tumori ha avuto

inizio nei topi di controllo (Fig. 3). Tuttavia, nel Bio 30 (solo) -nei topi trattati, il numero totale di tumori metastasi è stato ridotto in modo significativo. Inoltre, extra CAPE ha significativamente ritardato l’insorgenza di metastasi e aumentato l’effetto antimetastatica di Bio 30. Inoltre, Bio 30 da solo o la sua combinazione

con extra CAPE (CAPE 60) ha causato la regressione della MPNST: mentre tutti i topi di controllo presentano tumori, un terzo di quelli trattati con Bio 30 e due terzi

di quelli trattati con CAPE 60 hanno perso il tumore

completamente per oltre 10 settimane. PAK1 è noto per essere essenziale per la crescita ancoraggio- indipendente, mestastasi e l’angiogenesi dei tumori in generale (Kiosses et al.2002; Maruta e Ohta, 2008). Queste osservazioni insieme suggeriscono fortemente che CAPE è l’ingrediente antiturmorale di Bio 30, e extra CAPE incrementa si gli effetti antimetastatici e antimitotici (e/o antiangiogenica) sul MPNST.

Figura 3. Bio 30 da solo o la combinazione CAPE 60 blocca la metastasi di

Figura 3.

Bio 30 da solo o la combinazione CAPE 60 blocca la metastasi di MPNST nei topi aventi MPNST trattati con Bio 30 (100 mg/kg) da soli o CAPE 60, due volte alla settimana durante i giorni 27-63, come descritto nella sezione Materiali e Metodi. Ogni gruppo era composto da sei topi. Mentre tutti i topi di controllo continuato ad avere i tumori, il topo trattato con il Bio 30 da solo trattati ha perso due tumori originali, e il topo trattato con CAPE ha perso quattro tumori originali dal giorno 63. Il numero di tumori con metastasi rappresenta il numero totale di ciascun gruppo, e non la media per ciascun gruppo.

Effetto

Schwannoma

sulla

crescita

di

NF2

-

deficienza

Bio 30 da solo (100 mg/kg, due volte alla settimana) ha causato una quasi completa regressione della crescita umana NF2-deficienza Schwannoma (HEI- 193) trapiantati nei topi in 30 giorni (vedi fig. 4A). Questa regressione si è verificata solo quando il trattamento farmacologico inizia in una fase iniziale della crescita tumorale (il volume medio dei tumori è di circa 150 mm). Tuttavia, se il trattamento inizia dopo che il tumore ha raggiunto i 400 mm, l’effetto terapeutico di Bio 30 è stato raramente osservato a questo dosaggio (dati non riportati). Con la dose triplicata (300 mg/kg), anche se il farmaco viene somministrato quando le dimensioni del tumore hanno raggiunto oltre i 600 mm, Bio 30 da solo potrebbe sopprimere la crescita di Schwannoma quasi completamente per 30 giorni (vedi fig. 4B). Questa dimensione dei tumori NF2 nei topi (che pesano circa 20 g) è equivalente a quello di un tumore NF2 piuttosto grande (oltre 1,5 kg) per le persone (peso di circa 50 kg). Queste osservazioni sembrano parallele della situazione clinica, in cui prima il trattamento comincia, migliori saranno le probabilità di completa regressione del tumore.

CAPE da solo contro Bio 30 Propoli come Bio 30 contiene molti lipidi che solubilizzano CAPE e pochi altri polifenoli antitumorali come galangina,

CAPE e pochi altri polifenoli antitumorali come galangina, Figura 4. Bio 30 da solo sopprime la

Figura 4.

Bio 30 da solo sopprime la crescita di Schwannoma in vivo in topi aventi Schwannoma trattati con (A) Bio 30 (100 mg/kg), nei giorni 14-31, o (B) Bio 30 (300 mg/kg),

durante i giorni 6 -27, due volte alla settimana, come descritto in Materiali e Metodi. (A)

la farmaco-terapia è iniziata quando il volume medio del tumore era di circa 150 mm^3,

e (B) il trattamento è iniziato quando il volume del tumore è stata poco più di 600 mm^3.

Istogramma (B): il controllo (bianco, n = 7), e il Bio 30 trattati (riempito, n = 7).

Tabella 1. Contenuto di polifenoli nel Bio 30

Componente

mg/g

Pinocembrin

110

Galangin*

60

Chrysin*

30

CAPE*

12

CA*

12

Apigenin*

12

L’estratto di etil acetato del BIO 30 è stato analizzato come descritto sotto Materiali e Metodi. La sorgente del BIO 30 arriva da Manuka Health, Auckland, Nuova Zelanda. *componente anticancro.

crisina e apigenina (vedi Tabella 1). Inoltre, CAPE sembra funzionare sinergicamente con questi altri polifenoli in Bio 30 per sopprimere la crescita delle cellule tumorali questi NF almeno in vitro. Per esempio, come accennato prima, la IC50 di Bio 30 per la linea cellulare Schwannoma è di circa 1,5 mg/ml. Dato che il contenuto CAPE di questo estratto di propoli è solo 1,2%(12 mg/g di estratto), il contributo di CAPE da solo a 1,5 mg/ml di Bio 30 è solo di circa 18 ng/ml, che è circa 60 nM. L’IC50 di CAPE da solo per le stesse celle è alto circa 36 mM (vedi fig. 5) che è di circa 600 volte superiore a 60 nM.

( vedi fig. 5 ) che è di circa 600 volte superiore a 60 nM. Figura

Figura 5.

IC50 di CAPE da soliso per la Crescita delle cellule Schwannoma . Le Cellule sono state coltivate per 6 giorni in presenza o assenza di CAPE alle concentrazioni indicate, e la crescita delle cellula è stata monitorata come descritto nella fig. 1B.

Dato che la IC50 di pochi altri ingredienti antitumorali come galangina, crisina e apigenina è noto per essere intorno ad u range simile (10 - 40 micron) per varie cellule tumorali (Murray et al.2006; Maruta

e Ohta, 2008), è molto probabile che CAPE agisca

sinergicamente (piuttosto che semplicemente come additivo) con questi ingredienti antitumorali in Bio 30. In altre parole, il Bio-30 indrosolubile sarebbe

di gran lunga più efficace del CAPE insolubile da

solo per il trattamento dei tumori NF. Inoltre la propoli in generale è noto per avere un ulteriore (indiretta) funzione anticancro che rinforza il sistema

immunitario, in particolare l’azione litica di killer naturale contro le cellule tumorali,e la produzione di anticorpi (Sforcin, 2007).

Bio 30 prove di laboratorio Dal momento che Bio 30 è un integratore alimentare

molto sicuro, una prova di laboratorio di Bio 30 viene condotta (trattamento orale quotidiano con una dose

di 25 mg/kg) per, ad oggi, circa 70 pazienti di peso

corporeo oltre 25 kg (o più di 10 anni di età) che sono affetti da NF o da tumore come il melanoma e tumori del pancreas nel quale RAS è mutato e, pertanto, PAK1

è enormemente attivo. Il suo costo giornaliero a persona

(adulti) è solo un dollaro. L’unico piccolo problema con

la propoli a bas di CAPE come Bio 30 è che meno del

5% di persone sono allergiche al CAPE. Nel nostro Bio 30 di prova, fino ad ora solo una persona ha mostrato un problema allergico cutaneo, invece il propoli verde brasiliano a base ARC non causa allergie, ma costa circa 10 volte quanto Bio 30. Anche se la nostra prova è ancora in una fase molto precoce (meno di 12 mesi per i pazienti NF1 e 6 mesi per NF2), finora la maggior parte di questi pazienti hanno mostrato un risultato positivo da Bio 30, vale a dire nessun ulteriore crescita del tumore. E’ nostra speranza che questo lavoro porrà le basi, sarà una pietra miliare per un più sofisticato e completo studio clinico per testare l’effetto di Bio-30 non solo sulla crescita dei tumori NF e PAK1-dipendente come tumori del pancreas, melanomi

e MM (mieloma multiplo), ma anche diversi altri PAK1-

dipendenti come AIDS (HIV) e sindromi di ritardi mentrali

(Nguyen et al, 2006;. Hayashi et al, 2007.;Porchia et

al, 2007;. Zhang e al, 2007;. Maruta eOhta, 2008).

Riconoscimento

Questo lavoro è stato sostenuto in parte da fondi DFG (Deutsche Forschungsgemeinschaft) di HM, NF CURE Giappone per VM e SMM, e US DOD (n. NF050145) a VM, e la Fondazione Peterson a Philadelphia per SMM. Un sostegno è stato anche ricevuto dal NIH Biocurrents Research Center di MBL (P41 RR001395). Bio 30 è stato gentilmente forniti da Manuka Health, Nuova Zelanda.

BIBLIOGRAFIA

Celli N, Mariani B, Dragani LK et al. 2004. Development and validation of a liquid chromatographic-tandem mass spectrometric method for the determination of caffeic acid phenethyl ester in rat plasma and urine. J Chromatogr B Analyt Technol Biomed Life Sci 810: 129–136. Grunberger D, Banerjee R, Eisinger K et al. 1988. Preferential cytotoxicity on tumor cells by caffeic acid phenethyl ester isolated from propolis. Experientia 44: 230–232. Hayashi ML, Rao BS, Seo JS et al. 2007. Inhibition of p21-activated kinase rescues symptoms of fragile X syndrome in mice. Proc Natl Acad Sci USA 104: 11489 –11494. Hirokawa Y, Arnold M, Nakajima H et al. 2005a. Signal therapy of breast cancer xenograft in mice by the HDAC inhibitor FK228 that blocks the activation of PAK1 and abrogates the tamoxifen-resistance. Cancer Biol Ther 4: 956 –960. Hirokawa Y, Nakajima H, Hanemann O et al. 2005b. Signal therapy of NF1- deficient tumor xenograft in mice. Cancer Biol Ther 4: 379–381. Hirokawa Y, Nheu T, Grimm K et al. 2006. Sichuan pepper extracts block the PAK1/Cyclin D1 pathway and the growth of NF1-deficient cancer xenograft in mice. Cancer Biol Ther 5: 305–309. Hirokawa Y, Tikoo A, Huynh J et al. 2004. A clue to the therapy of neurofibromatosis type 2: NF2/merlin is a PAK1 inhibitor. Cancer J 10: 20 –26. Kiosses WB, Hood J, Yang S et al. 2002. A dominant-negative p65 PAK peptide inhibits angiogenesis. Circ Res 90: 697–702. Lepont P, Stickney JT, Foster LA et al. 2008. Point mutation in the NF2 gene of HEI-193 human Schwannoma cells results in the expression of a merlin isoform with attenuated growth suppressive activity. Mutat Res 637: 142–151. Maruta H, Ohta T. 2008. Signal therapy: propolis and pepper extracts as cancer therapeutics. In Complementary and Copyright © 2008 John Wiley & Sons, Ltd. Alternative Therapies and the Aging Population, Watson RR (ed.). Elsevier Inc: San Diego, in press.

Mosmann T. 1983. Rapid colorimetric assay for cellular growth and survival:

application to proliferation and cytotoxicity assays. J Immunol Methods 65:

55–63.

Murray TJ, Yang X, Sherr DH. 2006. Growth of a human mammary tumor cell line is blocked by galangin, a naturally occurring bioflavonoid, and is accompanied by down-regulation of cyclins D3, E, and A. Breast Cancer Res 8: R17. Nguyen DG, Wolff KC, Yin H et al. 2006. ‘UnPAKing’ human immunodeficiency virus (HIV) replication: using small interfering RNA screening to identify novel cofactors and elucidate the role of group I PAKs in HIV infection. J Virol 80:

130–137.

Porchia LM, Guerra M, Wang YC et al. 2007. 2-Amino-N-{4-[5-(2- phenanthrenyl)-3-(trifluoromethyl)-1H-pyrazol-1-yl]-phenyl} acetamide (OSU-03012), a celecoxib derivative, directly targets p21-activated kinase. Mol Pharmacol 72: 1124 –1131. Prabhakar S, Messerli S, Stemmer-Rachamimov A et al. 2007. Treatment of implantable NF2 Schwannoma tumor models with oncolytic herpes simplex virus G47Delta. Cancer Gene Ther 14: 460–467. Sasakawa Y, Naoe Y, Inoue T, Sasakawa T et al. 2003. Effects of FK228, a novel histone deacetylase inhibitor, on tumor growth and expression of p21 and c-myc genes in vivo. Cancer Lett 195: 161–168. Sforcin JM. 2007. Propolis and the immune system: a review. J Ethnopharmacol 113: 1–14. Xu JW, Ikeda K, Kobayakawa A et al. 2005. Down-regulation of Rac1 activation by caffeic acid in aortic smooth muscle cells. Life Sci 76: 2861–2872. Zhang S, Suvannasankha A, Crean CD et al. 2007. OSU-03012, a novel celecoxib derivative, is cytotoxic to myeloma cells and acts through multiple mechanisms. Clin Cancer Res 13: 4750–4758.