Sei sulla pagina 1di 5

La contemplazione non allontana dalla realt n si sottrae ad essa.

Essa vede attraverso


lessere superficiale e va al di l di esso. Questo comporta unaccettazione piena delle cose cos
come sono e una sana valutazione di esse.

La contemplazione autentica non comporta tensione. Non c alcuna ragione per cui debba
intaccare i nervi al contrario! li rilassa. Essa ti lascia riposato e fresco in tutto il tuo essere "ad
eccezione forse del caso in cui tu sia esausto fisicamente a causa di una malattia o #ualcosaltro$.
Non c tensione nella contemplazione vera! perc% #uando il regalo autentico! tu non dipendi da
esso! non sei sc%iavizzato dal &bisogno di sperimentare #ualcosa. 'l contemplativo non cerca
rassicurazione in se stesso! nella sua virt(! nella sua condizione! nella sua &preg%iera. La sua fede in
)io! non in se stesso. La pace e il &riposo della contemplazione frutto di una fede viva nellazione
della grazia divina. 'l contemplativo capace di staccarsi da se stesso e da tutto il resto! sapendo c%e
tutto ci* c%e conta nella sua vita nelle mani di )io e c%e non deve &preoccuparsi per il domani.
Egli apprezza pienamente il senso del messaggio evangelico di salvezza mediante la grazia di )io e
non mediante dipendenza dallingenuit umana.
Lesperienza interiore: note sulla contemplazione, a cura di +illiam ,. -%annon . -an /aolo 0112.
pagg.345! 3467344
La cosa importante nella contemplazione non il godimento! non il piacere! non la
felicit! non la pace! ma lesperienza trascendente della realt e della verit nellatto di un amore
spirituale supremo e liberato. La cosa importante nella contemplazione non la gratificazione e il
riposo! ma la consapevolezza! la vita! la creativit e la libert. )i fatto! la contemplazione lattivit
spirituale pi( alta e pi( essenziale delluomo. 8 laffermazione pi( creativa e dinamica della sua
figliolanza divina. Non semplicemente labbraccio sonnolento! soave e riposante dell&essere in
una situazione di soddisfacimento oscuro! generalizzato un lampo illuminante della divinit c%e
trafigge loscurit del nulla e del peccato. Non #ualcosa di astratto e di generico! ma al contrario
#uanto ci possa essere di pi( concreto! particolare ed &esistenziale. 8 il confronto delluomo con il
suo )io! del figlio con il /adre. 8 il risveglio di 9risto in noi! linstaurazione del regno di )io nella
nostra anima! il trionfo della verit e della libert divine nel nostro &io pi( profondo nel #uale il
/adre diventa una sola cosa con il :iglio nello -pirito c%e dato ai credenti.
)a ;%omas <erton Lesperienza interiore Ed. -an /aolo /ag.6=
La contemplazione pure risposta a un appello un appello di 9olui c%e non %a voce! ma c%e
tuttavia parla di ogni cosa c%e esiste e c%e! soprattutto! parla nel profondo del nostro essere! poic%
noi stessi siamo -ue parole. -iamo parole intese a corrisponder>li! a risponder>li! ad ec%eggiarLo e
anc%e! in un certo modo! a contenerLo e a manifestarLo. La contemplazione #uesta eco. 8 una
profonda risonanza nel nucleo pi( intimo del nostro spirito! dove la nostra stessa vita perde la sua
voce individuale per vibrare della maest e della misericordia del Nascosto e del ?ivente.
)a ;%omas <erton Semi di contemplazione >arzanti /agg.3073=
'l vero contemplativo non uno c%e prepara la sua mente ad un particolare messaggio c%e
vuole o si aspetta di udire! ma colui c%e rimane vuoto perc% sa c%e non pu* mai aspettare o
anticipare la parola c%e trasformer il suo buio nella luce.
Egli serve la /arola di )io in silenzio! e #uando &ottiene la risposta #uesta non proviene da
una parola c%e esplode nel suo silenzio. /roviene dal suo stesso silenzio improvvisamente!
rivelandosi a lui inesplicabilmente come una parola di grande potere! piena della voce di )io.

La contemplazione essenzialmente un ascoltare in silenzio! una attesa.


)a ;%omas <erton Contemplative prayer! N.@. 'mage AooBs! 3CCD pag. C1
La contemplazione attiva nutrita dalla meditazione e dalla lettura e! come vedremo! dalla vita
sacramentale e liturgica della 9%iesa. <a prima c%e lettura! meditazione e culto diventino
contemplazione! essi devono fondersi in una unificata e intuitiva visione della realt.
Nella lettura! ad esempio! passiamo da un pensiero allaltro seguendo lo sviluppo delle idee
dellautore e! se leggiamo bene! contribuiamo sviluppando alcune idee nostre. Questa unattivit
discorsiva. La lettura diventa contemplativa #uando! anzic% ragionare! abbandoniamo la se#uenza
dei pensieri dellautore non solo per seguire i nostri propri pensieri "meditazione$! ma
semplicemente per sollevarci al di sopra del pensiero e penetrare nel mistero di verit c%e
sperimentato intuitivamente come presente e attuale. <editiamo con la nostra mente! c%e &parte
del nostro essere. <a contempliamo con tutto il nostro essere e non solo con una delle sue parti.
9i* significa c%e lintuizione contemplativa della realt una percezione di valore una
percezione c%e non intellettuale o speculativa! ma pratica ed esperienziale. Non solo una
#uestione di osservazione ma di realizzazione. Non #ualcosa di astratto e generale! ma concreto e
particolare. 8 una padronanza personale del senso e del valore esistenziale della realt.
)a ;%omas <erton Lesperienza interiore . Note sulla contemplazione Ed. -an /aolo /agg. 3317
333
Ena vita di contemplazione attiva e purezza di cuore una vita di grande semplicit e di libert
interiore. Non si cerca niente di speciale e non si pretende nessuna particolare gratificazione. 9i si
accontenta di #uello c%e si %a. -i fa #uello c%e c da fare! meglio se si tratta di cose materiali. Non
ci si preoccupa troppo dei risultati. 8 sufficiente avere buone motivazioni e non avere paura di
sbagliare. 9os facendo! possibile immergersi nella corrente pi( impetuosa della vita senza
smarrire mai il contatto con )io! semplicemente vivendo il nostro presente oscuro e ordinario e le
sue normali attivit.
;%omas <erton! The Inner Experience: Notes on Contemplation! +illiam ,. -%annon! editor
",arper! -an :rancisco! 011=$ DD.
Luomo pi( pericoloso del mondo il contemplativo c%e non si lascia guidare da nessuno. Egli fida
solo nelle sue visioni. Fbbedisce ai suggerimenti di una voce interiore ma non ascolta pi( gli altri.
'dentifica la volont di )io con tutto ci* c%e gli fa provare in cuore una grande luce piena di calore
e di dolcezzaG pi( dolce e pi( caldo tale sentimento! pi( egli si convince della propria infallibilit.
E se la pura forza della sua fiducia in se stesso si comunica agli altri e d loro limpressione c%e egli
sia veramente un santo! un tale uomo pu* rovinare unintera citt o un ordine religioso o anc%e
unintera nazione il mondo coperto dalle cicatrici c%e sono state inferte nelle sua carni da simili
visionari.
-pesso! tuttavia! persone simili non sono altro c%e innocui seccatori. Essi si aggirano in un vicolo
cieco spirituale e #ui si adagiano in un piccolo e tran#uillo nido di emozioni private. Nessuno in
realt pu* essere portato a invidiarli o ad ammirarli! perc% anc%e coloro c%e nulla sanno della vita
spirituale possono in certo modo intuire c%e tali uomini %anno ingannato se stessi uscendo dalla
realt e si sono accontentati di unapparenza.
-embrano felici! ma non vi nulla di attraente o di contagioso nella loro felicit. -embrano in pace!
ma la loro pace vuota e in#uieta. ,anno molto da dire! e tutto ci* c%e dicono un messaggio con
la H<I maiuscola! eppure non conoscono nessuno. /oic% %anno preferito il piacere e le emozioni
ai sacrifici austeri imposti da una fede genuina! le loro anime sono diventate stagnanti. La fiamma
della vera contemplazione si spenta.
Quando sei guidato da )io nelle tenebre dove sta la contemplazione! non puoi rimanere nella falsa
dolcezza della tua volont. Lillusoria soddisfazione interna dellautocompiacimento e dellassoluta
fiducia nel tuo giudizio non potr mai ingannarti completamente ti sentirai un po disgustato e un
vago senso di nausea interiore ti forzer ad aprirti e a lasciar uscire il veleno.
LETTERA SULLA VITA CONTEMPLATIVA
;%omas <erton
Jbbazia di >etsemani! 03 agosto 3CD6
9aro fratello! prima di tutto mi scuso di rivolgermi a te! dal momento c%e tu non ti sei rivolto a me e
non mi %ai! di fatto! domandato nulla. E mi scuso di stare dietro un alto muro c%e tu non comprendi.
Questo alto muro per te un problema! e forse lo anc%e per me! fratello. :orse mi domandi perc%
continuo a starci. :orse non sei molto soddisfatto se ti dico c%e se sto dietro #uesto muro %o calma!
raccoglimento e il cuore nella pace. :orse mi c%iedi c%e diritto %o di avere tutta #uesta pace e
tran#uillit #uando alcuni sociologi %anno dic%iarato c%e per le nostre generazioni pi( giovani uno
spazio privato diverr un lusso incredibile. Non %o una risposta soddisfacenteG per* vero #uel c%e
dice un proverbio islamico HLa gallina non depone le uova al mercatoI. 9erto! #uando giunsi al
monastero dove ora vivo! arrivai ribellandomi contro la confusione senza senso di una vita in cui vi
era talmente tanto attivismo! tanto movimento! tanti discorsi vuoti! tanti bisogni inutili e superficiali
c%e non riesco a ricordare c%i ero. <a resta il fatto c%e la mia fuga dal mondo non un rimprovero
a te c%e resti nel mondoG non %o il diritto di ripudiare il mondo! perc% se lo facessi! vorrebbe dire
c%e la mia fuga non mi %a portato alla verit e a )io ma a una privata! anc%e se pia! illusione.
)evo dirti c%e %o trovato delle risposte alle domande c%e tormentano luomo del nostro tempoK
Non so se %o trovato delle risposte. Jppena divenni monaco! s! ero pi( certo delle HrisposteI. <a
progredendo nella vita monastica e nella solitudine! mi rendo conto di aver solo cominciato a
cercare delle risposte. E #uali sono le domandeK /u* luomo trovare il senso della propria
esistenzaK /u* luomo onestamente dare un significato alla propria vita semplicemente accogliendo
un insieme di risposte c%e %anno la pretesa di spiegargli perc% il mondo %a avuto un inizio e dove
avr un fine! perc% c il male e c%e cosa necessario per una vita feliceK :ratello! forse nella mia
solitudine sono diventato! per cos dire! un esploratore per te! un viandante di regni c%e tu non sei in
grado di visitare . se non! forse! in compagnia del tuo psic%iatra. -ono stato c%iamato a esplorare un
area deserta del cuore umano in cui non bastano pi( le spiegazioni e in cui uno impara c%e solo
lesperienza conta. Enarida! rocciosa! oscura terra dellanima! talvolta illuminata da strani bagliori
c%e gli uomini temono e popolata da spettri c%e essi astutamente evitano! tranne c%e nei loro incubi.
E in #uesto spazio %o imparato c%e uno non pu* davvero conoscere la speranza finc% non %a
sperimentato c%e la speranza come la disperazione. 'l linguaggio del cristianesimo lo %a detto per
secoli in termini meno crudi. <a il linguaggio del cristianesimo stato tanto usato e tanto a
sproposito c%e talvolta ne diffidi non sai se dietro la parola HcroceI vi sia lesperienza della
misericordia e della salvezza o solo la paura della punizione. -e la mia parola per te %a un valore!
posso dirti di aver sperimentato c%e croce vuol dire misericordia e non crudelt! verit e non
ingannoG c%e la notizia della verit e dellamore di >es( davvero lautentica buona notizia! ma ai
nostri giorni proclamata in luog%i strani. E forse si fa udire pi( da te c%e non da meG forse 9risto
pi( vicino a te c%e non a me. )ico #uesto senza vergogna o colpa! perc% %o imparato a gioire del
fatto c%e >es( sia nel mondo in persone c%e non lo conoscono! c%e sia allopera in loro #uando esse
si pensano lontane da luiG ed mia gioia invitarti a sperare anc%e se pensi c%e per te! fra tutti gli
uomini! impossibile sperare. -perare non perc% tu pensi di poter essere buono! ma perc% )io ci
ama a prescindere dai nostri meriti! e tutto ci* c%e di buono vi in noi proviene dal suo amore! non
dalle nostre opere. -perare perc% >es( sta con coloro c%e sono poveri ed esclusi e forse disprezzati
anc%e da coloro c%e dovrebbero cercarli e averne una cura pi( amorosa perc% agiscono nel nome di
)io Nessuno sulla terra %a motivo di disperare di >es(! perc% >es( ama luomo! lo ama nel suo
peccato! e noi pure dobbiamo amare luomo nel suo peccato.
)io non un HproblemaI! e noi c%e viviamo la vita contemplativa abbiamo imparato con
lesperienza c%e non si pu* conoscere )io finc% si cerca di risolvere Hil problema di )ioI. ;entare
di risolvere il problema di )io significa tentare di vedere i propri occ%i. Eno non pu* vedere i
propri occ%i! perc% sono proprio ci* attraverso cui vede! e )io la luce per mezzo della #uale noi
vediamo vediamo non un HoggettoI c%iaramente delineato c%iamato )io! ma ogni altra cosa
nellEno invisibile. )io pertanto il ?edente! la ?ista e 9olui c%e visto. )io cerca se stesso in
noi laridit e il dolore del nostro cuore sono il dolore di )io c%e ci sconosciuto! c%e non riesce
ancora a trovare se stesso in noi perc% noi non osiamo credere o confidare nellincredibile verit
c%e egli possa vivere in noi! e viverci per scelta! per predilezione. <a di fatto noi esistiamo proprio
per #uesto! per essere il luogo c%e lui %a scelto per la sua presenza! per la sua manifestazione nel
mondo! per la sua epifania. Noi per* rendiamo tutto #uesto oscuro e tenebroso perc% non
riusciamo a crederci! rifiutiamo di crederci. Non c%e odiamo )io! piuttosto odiamo noi stessi!
disperiamo di noi stessi. -e noi! una volta! avessimo cominciato a riconoscere! umilmente ma con
verit! lautentico valore di noi stessi! avremmo visto c%e #uesto valore era limpronta di )io nel
nostro essere! la firma di )io sul nostro essere. :ortunatamente lamore del nostro prossimo ci
dato come la via per comprendere #uesto. /erc% lamore del nostro fratello! della nostra sorella! dei
nostri cari! di nostra moglie! di nostro figlio li per mostrare! con la limpidezza di )io stesso! c%e
noi siamo buoni. E lamore di c%i mi ama! di mio fratello o di mio figlio a vedere )io in me! a
rendere )io credibile a me stesso in me. Ed il mio amore per lamata! per mio figlio! per mio
fratello! a rendermi capace di mostrargli o mostrarle )io in lui o in lei. Lamore lepifania di )io
nella nostra povert.
La vita contemplativa non consiste perci* nella ricerca di pace in unastratta esclusione di tutta la
realt esterna! in una sterile e negativa c%iusura dei sensi al mondo! ma nellapertura dellamore.
Essa inizia con lacettazione di me stesso nella mia povert e nella mia prossimit alla disperazione!
al fine di riconoscere c%e dove c )io non vi pu* essere disperazione! e c%e )io in me anc%e se
io dispero c%e niente pu* distogliere lamore c%e )io %a per me! dal momento c%e proprio la mia
esistenza il segno c%e )io mi ama e la presenza del suo amore mi crea e mi sostiene. Non c
bisogno di capire come #uesto sia possibile! non c bisogno di spiegarlo! o di risolvere i problemi
c%e sembra sollevare. /erc% nei nostri cuori e nel profondo del nostro essere vi una naturale
certezza c%e dice c%e! finc% esistiamo! siamo sempre pi( profondamente penetrati dal senso e dalla
realt di )io! anc%e se possiamo essere completamente incapaci di crederlo o di sperimentarlo in
termini filosofici o addirittura religiosi.
:ratello! il contemplativo non luomo c%e %a infuocate visioni di c%erubini c%e trasportano )io sul
loro carro alato! ma semplicemente uno c%e %a messo a risc%io la propria mente nel deserto al di l
del linguaggio e al di l delle idee! dove si incontra )io nella nudit del puro fidarsi! vale a dire
abbandonando la propria povert e incompletezza in modo da non tener pi( imprigionata la mente
come in una morsa! come se il pensare ci avesse fatto esistere. 9i* di cui %ai bisogno per trovare
una strada attraverso la giungla del linguaggio e dei problemi c%e oggi circondano )io non #uindi!
fratello! il messaggio di speranza c%e ti offre il contemplativo ma ! c%e tu lo capisca o no! il fatto
c%e )io ti ama! ti presente! vive in te! abita in te! ti c%iama! ti salva! e ti offre una comprensione e
una luce c%e non %ai mai trovato nei libri o ascoltato nelle predic%e. 'l contemplativo non %a niente
da dirti! se non rassicurarti e affermare c%e se osi penetrare nel tuo silenzio e avanzare senza paura
nella solitudine del tuo cuore e se risc%i di condividere #uella solitudine con laltro! solo come te!
c%e cerca )io attraverso di te e con te! allora ritroverai davvero la luce e la capacit di capire ci*
c%e sta dietro le parole e le spiegazioni perc% troppo vicino per essere spiegato lintima unione!
nelle profondit del tuo cuore! dello spirito di )io e del tuo io pi( segreto! cos c%e tu e lui siete in
tutta verit un solo -pirito.
;i amo! in 9risto.
Queste sono le poc%e idee c%e %o avuto e c%e %o scritto in fretta e furia. <olto di pi( sar detto! e
molto meglio! da altri.
-uo in 9risto >es( fratel <. Louis ";%omas <erton$