Sei sulla pagina 1di 11

Il rivoluzionario Freda e il miliziano Ventura

http://fascinazione.blogspot.com/
Il rivoluzionario Freda e il miliziano Ventura
4 AGOSTO 2010
In morte di Giovanni Ventura, ovvero dove sono finiti i
coccodrilli?
E' passata oramai qualche ora dall'annuncio ufficiale della morte di Giovanni Ventura in Argentina.
Eppure l'edizione on line del Corriere della sera riporta ancora un articolo pieno di strafalcioni
(evidenziati in rosso)
TERRORISMO - MALATO DA TEMPO, CONDANNATO E ASSOLTO
La fine di Ventura, uomo dei misteri di piazza ontana
LA NOTIZIA DIFFUSA TRA CONFERME E SMENTITE
MILANO - Aveva anni! era malato da molto tempo. Giovanni Ventura " scomparso a #uenos Aires! in
Argentina! la citt$ che tanti anni fa aveva scelto per la latitanza e alla fine " diventata lo sfondo di tutta
la vita% ma la notizia della morte non " stata confermata. &na vita! la sua! segnata dall'eversione nera.
(a strage di piazza )ontana! l'appartenenza a *rdine nuovo! la partecipazione agli attentati della
primavera-estate del +,, (due -om-e a .ilano e / -om-e rudimentali a -assa potenza su altrettanti
treni in movimento)! una -om-a inesplosa sul #ari-Venezia e un'altra sul treno 0rieste-1arigi. 2i ognuno
di questi episodi manca un pezzo di verit$! di ricostruzione! di certezza. 3onostante le istruttorie! i
processi e le condanne.
!uando fu arrestato a "uenos Aires, ne# $%&', Ventura confess4 il suo ruolo negli attentati sui treni del
', ma non ha mai ammesso nessuna partecipazione nella strage di piazza )ontana! il +5 dicem-re di
quello stesso anno6 +7 morti e +89 feriti che aprirono la stagione degli attentati destinati a rimanere
avvolti per sempre in mille misteri. 1er i morti di piazza )ontana Ventura fu condannato (e poi assolto)
con l'amico neofascista )ranco )reda (stessa sorte giudiziaria). Erano cos: legati l'uno all'altro! )reda e
Ventura! che " quasi impossi-ile parlare dell'uno senza citare l'altro. Eppure le loro vite! dopo gli anni del
terrorismo! dopo il carcere e la possi-ilit$ di tornare a vivere da uomini li-eri! hanno im-occato strade
completamente diverse. )reda (padovano! classe +,;8) non ha mai voluto lasciare l'<talia! ha ripreso a
fare l'editore ed " tornato a vendere li-ri di estrema destra. Ventura invece ha scelto di mettere radici in
Argentina. 3on pi= nella sua Castelfranco Veneto! nel 0revigiano. 3on pi= nell'><talia che " cam-iata ?
come disse lui stesso nell'unica intervista! qualche anno fa! alla Tribuna di Treviso. >.i mancano i
collegamenti politici! il corredo culturale della nostra terra! i rapporti personali interrotti violentemente.
3on si pu4 tornare indietro! non si pu4 guardare. 3on si pu4 invertire il senso del tempo?. A #uenos
Aires! dove negli ultimi anni ha gestito )ilo! il ristorante italiano pi= famoso della citt$! il trevigiano
Ventura era approdato fuggendo dalla possi-ile condanna per la strage di piazza )ontana.
I# pro(esso era in (orso, #ui era in so))iorno o**#i)ato a Catanzaro. )ugg:. .a fu poi arrestato nella
capitale argentina. Gli anni che ha passato in carcere! alla fine! sono stati per la condanna per
associazione sovversiva (per le -om-e sui treni del ',)! non per la strage alla #anca 3azionale
dell'Agricoltura di piazza )ontana perch@ l:! dopo cinque istruttorie e otto processi! non " stato dato un
volto ai responsa-ili. E lui! come )reda e come altri terroristi neofascisti finiti sotto accusa! " stato
assolto per insufficienza di prove. A giugno del 5889 la Corte di cassazione ha chiuso l'ultimo processo
sull'eccidio del +5 dicem-re +,,6 quello riaperto negli anni ',8! a .ilano! proprio nel tentativo di
trovare i complici di )reda e Ventura. Acrivono i giudici6 la strage fu opera di >un gruppo eversivo
costituito a 1adova nell'alveo di *rdine nuovo? e >capitanato da )ranco )reda e Giovanni Ventura?.
&n giudizio che! dopo decenni! " valso come condanna morale e storica ma che non ha potuto avere
nessun effetto giuridico poich@ i due terroristi neri erano ormai >eB imputati? perch@ assolti
irrevoca-ilmente dalla Corte d'assise d'appello di #ari (la stessa che li ha condannati per le sole -om-e
sui treni). (a notizia della scomparsa si " diffusa a fatica! tanto che un amico argentino l'ha smentita
all'Ansa. .a dal suo ristorante una sua dipendente conferma6 >Era molto malato?. E la famiglia in
Veneto stare--e gi$ organizzando le esequie.
+iusi asano ,- a)osto .,$,
Vediamo (on ordine/
http://fascinazione.blogspot.com/
Il rivoluzionario Freda e il miliziano Ventura
$0 Ventura 1 arrestato ne# $%&% a "uenos Aires, do2e s(onta un periodo di detenzione per i do(umenti fa#si,
1 estradato e dopo #a sentenza definiti2a de# pro(esso per piazza ontana, s(ontata #a pena ita#iana, torna
in Ar)entina da #i*ero (ittadino
.0 L3in(4iesta su##a 5pista nera5 nas(e da##a testimonianza di un professore demo(ristiano ami(o de#
terrorista nero, (4e riferis(e ai ma)istrati #e (onfidenze di Ventura6 Costui, tur*ato da##a (arnefi(ina, )#i
a2e2a ra((ontato de# suo (oin2o#)imento ne##3or)anizzazione (4e 4a pro(urato #a stra)e6 Confidenze non
(onfermate da Ventura in sede )iudiziaria e 7uindi non ritenute ritenute suffi(ienti in sede pro(essua#e6
vedi Andrea Pasqualetto, Corriere del Veneto, 9 dicembre 2009:
E della stessa opinione " quel Guido (orenzon! eB professore trevigiano di scuola media e segretario di
sezione della 2emocrazia Cristiana! che per primo rivel4 le trame nere venete. (orenzon! compagno di
collegio di Ventura! un giorno pens4 di raccontare all'allora giovanissimo pu--lico ministero 1ietro Ca
logero (quello che poi indag4 0oni 3egri) arrivato da poco a 0reviso! alcune confidenze di Ventura. <n
particolare quella del >-otto? che ci sare--e stato a dicem-re. Era il +,7+ e la procura di 0reviso chiese al
giudice istruttore Giancarlo Atiz l'archiviazione. .a Atiz non archivi4! mise a confronto (orenzon e
Ventura! e! creden do al primo! mise sotto accusa il secon do! mandando gli at ti a .ilano per com
petenza.
'0 ran(o reda 1 nato #3$$ fe**raio $%-$
-0 Non 1 #a stessa Corte ma 1 un uni(o pro(edimento/ e #a (ondanna non 1 per #e so#e *om*e sui treni ma
an(4e per asso(iazione so22ersi2a
80 La sore##a 4a )i9 annun(iato (4e sar9 sepo#to ne# (imitero (ristiano di "uenos Aires6
:0Didas(a#ia/ #e *om*e sui treni sono #a notte tra #3; e i# % a)osto, i# $. di(em*re 1 #a stra)e di piazza
ontana
3on mettiamo in conto le numerose omissioni o i giudizi quantomeno riduttivi (editare la migliore
edizione critica di 3ietzsche non " propriamente Cvendere li-ri di estrema destraC). 2el resto sono rischi
possi-ili se uno! avendo a disposizione l'archivio del maggiore quotidiano italiano! fa un uso a--astanza
-rutale del Ccopia e incollaC da DiEipedia. Fuesto " il testo originale della li-era enciclopedia6
3el giugno 5889! al termine dell'ultimo processo su piazza )ontana! riaperto negli anni ',8 a .ilano per
trovare i complici di )reda e Ventura! la Corte di Cassazione ha confermato la responsa-ilit$ di )reda e
Ventura in ordine alla strage. Aecondo la Corte! l'eccidio del +5 dicem-re +,, fu organizzato da Cun
gruppo eversivo costituito a 1adova nell'alveo di *rdine 3uovoC e Ccapitanato da )ranco )reda e
Giovanni VenturaC. <l giudizio ha valore di sola condanna morale e storica! in quanto i due imputati sono
gi$ stati assolti irrevoca-ilmente dalla corte d'assise d'appello di #ari! che li ha condannati solo per le
-om-e sui treniGHI.
A sua volta l'autore di DiEipedia " a--astanza sciatto! avendo attri-uito a Ventura l'apertura della
li-reria Ezzelino! che " opera di )reda! e omesso le attivit$ di industriale tipografico con cui aggancia gli
eB partigiani stalinisti di un partitino filocinese! che " uno dei tronconi pi= significativi del progetto
eversivo! secondo la ricostruzione dei giudici veneti che indagano per primi sulla Ccellula neraC.
3on solo! quindi! i coccodrilli sono un animale giornalistico in via d'estinzione ma anche gli enciclopedisti
non se la passano tanto -ene.
9 AGOSTO 2010
Freda, la sfiga e i gazzettieri
Quella mattina di dieci anni fa, quando i carabinieri si sono presentati a casa sua per notificargli lordine di
carcera!ione per scontare la pena residua per il "ronte na!ionale, anc#e un aristocratico come "ranco "reda,
c#e si $ imposto come cifra stilistica la divina indifferen!a alle cose terrene, per un attimo, per un attimo solo,
#a ceduto al suo sangue meridionale e si $ fatto attraversare la mente, affilata dalle frequenta!ioni con
%iet!sc#e e Platone, da un dubbio volgare: &'a allora $ proprio vero c#e (iovanni porta sfiga)*
Fuesto " l'attacco del mio CpezzoC in morte di Giovanni Ventura! che sar$ pu--licato sulla prossima
edizione de CGli altriC. &no scherzo! ovviamente. 1erch@ il cattivo pensiero di )reda non " una notizia! o!
meglio non " verifica-ile6 perch@ l'unico riscontro possi-ile " chiederlo al titolare di quella caduta di tono.
E l'Editore! come " noto! ha tagliato da tempo i ponti con i gazzettieri e ancor prima con -analit$ e
http://fascinazione.blogspot.com/
Il rivoluzionario Freda e il miliziano Ventura
pettegolezzi.
1er una volta! quindi! mi sono voluto concedere un minuto di letteratura! per ritornare su-ito alla
rigidit$ del mestiere. E' stato il mio modo di partecipare dello spirito dei tempi! che vuole il racconto
giornalistico separato dai fatti. 3ei giorni scorsi mi ero divertito a mettere alla -erlina il Corrierone ma
alla fine gli errori di quel CcoccodrilloC sono facezie rispetto al plateale stravolgimento della realt$
compiuto da un suo eB inviato che in un unico pezzo riesce a dimenticare la prima legge ad personam
della Jepu--lica (voluta dalla sinistra per Valpreda e di cui -eneficiarono anche )reda e Ventura)!
rimuove la faida tra area ordinovista e avanguardisti (per cui i supporter di )reda danno a 2elle Chiaie
dell'avventuriero e del mercenario e 1ozzan! protetto dal Aid! lo accusa di essere al soldo dei servizi
segreti)! rovescia i percorsi della latitanza latino-americana del CCaccolaC! omette i particolari veri (la
presenza di eB ordinovisti ammanicati con i servizi segreti in Argentina) che in qualche modo avre--ero
potuto accreditare la sua tesi. E! quindi! per sottrarmi a una stra-ordante vocazione alla maestrina acida
dalla matita rossa e -lu! per un minuto ho giocato a fare lo scrittore.
Gli eredi di Freda: l'ultima beffa dell'editore
Anna k. Valerio e Franco G. Freda
Ka destato grande allarme un'enigmatica -attuta di )ranco )reda in margine al rito fune-re cele-rato a
0reviso! in memoria di Giovanni Ventura. Alla penultima domanda del cronista del C.essaggeroC (e del
C.attinoC6 le sinergie del gruppo Caltagirone) Gigi #ignotti! presente alla cerimonia! sulla ricerca della
verit$ sulla strage! la risposta " stata si-illina6 >C#i formula tali teoremi parla di verit+, ma in realt+ non la
cerca, vuole solo coltivare il proprio interesse* ,o fin dall-adolescen!a mi sono riconosciuto in unidea del
mondo radicalmente ostile alla democra!ia, ovvero all-egualitarismo, ossia al cristianesimo, dunque alla
modernit+ e alla decaden!a: ora spero di avere due eredi .non precisa quali, ndr/ c#e porteranno avanti la mia
battaglia c#e $ stata anc#e quella di Ventura?.
(a formulazione di Andrea 1asqualetto (CCorriere del VenetoC! che al particolare dedica anche il titolo6
C"reda alla messa per Ventura 01o due discendenti di lotta2C) " >, mili!iani sono interessati alla vittoria*
%on $ una conquista facile da conseguire* 'a ogni tanto conosce dei percorsi carsici, si inabissa per poi
riemergere* 1o in questo senso due discendenti, se saranno di buon sangue proseguiranno la mia battaglia?. E
il cronista! esperto di mala del #renta! chiosa e chiude il pezzo con un secco6 C'isteroC.
<l giorno dopo arriva 0oni Lop! sull' C&nit$C! che ha pro-lemi di -udget e ci deve andare piano con gli
inviati. <l redattore reimpasta diligentemente dai giornali e anche lui conclude il pezzo con la grande
(mezza) rivelazione6 C3ra spero di avere due eredi c#e porteranno avanti la mia battaglia c#e $ stata anc#e
quella di Ventura***altri continueranno la nostra battagliaM. E conclude anche lui! angosciato6 C'a non fa
nomiC.
Eredi! discendenti! -uon sangue6 e se per una volta )reda avesse parlato in chiaro! riferendosi a due figli!
eventualmente piccoli e che quindi rappresentere--ero solo una speranza per il futuroN
$' A+OSTO .,$,
Quel miliziano oltre le linee
4ugli Altri di questa settimana, da oggi in edicola e .si spera presto/ online c-$ questo mio articolo su
(iovanni Ventura, un mili!iano oltre le linee, per usare la nobile defini!ione del suo compagno di
lotta* Pi5 tardi pubblic#er6 un post sul sodali!io rivolu!ionario di "reda*
http://fascinazione.blogspot.com/
Il rivoluzionario Freda e il miliziano Ventura
Fuella mattina di dieci anni fa! quando i cara-inieri si sono presentati a casa sua per notificargli
l'ordine di carcerazione per scontare la pena residua per il )ronte nazionale! anche un
aristocratico come )ranco )reda! che si " imposto come cifra stilistica la divina indifferenza alle
cose terrene! per un attimo! per un attimo solo! ha ceduto al suo sangue meridionale e si " fatto
attraversare la mente! affilata dalle frequentazioni con 3ietzsche e 1latone! da un du--io
volgare6 O.a allora " proprio vero che Giovanni porta sfigaM.
A:! perch@ a rompere la routine monastica del suo buen ritiro -rindisino era arrivato proprio il
giorno prima! dalla lontana Argentina! l'antico compagno di tante (dis)avventure giovanili! il
complice! il coimputato che la povert$ intellettuale dei gazzettieri aveva improvvidamente
elevato a suo pari in un'endiade diventata l'antonomasia delle trame eversive degli anni '78.
)reda e Ventura alias la cellula nera veneta! l'infinito processo per la strage di piazza )ontana. E
ancora oggi! in morte dell'amico Giovanni! i Ovenditori di chiacchiereM non hanno potuto fare a
meno di riesumare la strana coppia! all'apparenza cos: mal assortita6 l'uno alto! slanciato! -ello!
femminaiuolo! dotato di naturale carisma e di indefetti-ile supponenza% l'altro grassottello!
goffo! insicuro! lacerato dai du--i e dai ripensamenti! chiacchierone pi= per angoscia che per
vanagloria.
E in effetti una -uona fetta delle comuni disgrazie giudiziarie! dal primo arresto del +,7+ alla
condanna definitiva per associazione sovversiva e gli attentati non mortali del +,,! le aveva
procurate il suo inconculca-ile -isogno di parlare. 2alle confidenze a un amico di collegio! su-ito
dopo la strage di .ilano! sul suo coinvolgimento nel programma -om-arolo che stava
insanguinando l'<talia! nasce la prima inchiesta sull'eversione veneta. 1oich@ il professore
(orenzon! quadro democristiano mite e civile! era stato pronto a riferirle ai giudici trevigiani.
Cos: anche in prigione le ammissioni di Ventura avevano irro-ustito il filone d'indagine! tanto da
mettere in allarme i servizi segreti che! dopo aver mandato all'estero un paio di complici della
strana coppia! il -idello patavino 1ozzan e il giornalista a stipendio del Aid Giannettini! si
stavano dando da fare per organizzarne l'evasione dal carcere di .onza.
Alla fine! e questo gli fa onore! )reda non ha mai mollato il suo amico di giovent=! giustificando
in qualche modo le sue condotte processuali altalenanti e decisamente disdicevoli per uno che si
" preso la -riga di partecipare a centinaia di udienze senza mai sedersi! per rimarcare la sua
a-issale distanza dal rito e dalla messa in scena giudiziaria. 2el resto! anche con Giannettini! che
di mestiere faceva la spia! )reda " stato pi= che indulgente6 assicurandogli il suo om-rello
protettivo in carcere! in tempi e luoghi dove una coltellata non si negava a nessuno! ri-adendo
ancora pochi anni fa che s: il giornalista era stato un infiltrato! ma al contrario! una pedina del
gruppo rivoluzionario che si era audacemente spinto in territorio nemico! per raccogliere notizie
e condizionare gli apparati delle nemica repu--lica italiana.
E in fin dei conti! anche l'im-ranato Ventura i suoi servigi alla rivoluzione nazionale li aveva
forniti. )in dal +, quando! poco pi= che ventenne! aveva colla-orato con )reda a una
campagna di mailing! diretta a duemila ufficiali della 2ifesa! tesa a diffondere tesi
OinterventisteM in una fase in cui lo stallo riformista di un centrosinistra svuotato di ogni spinta
dal Otintinnar di scia-oleM dell'estate +,;! non giustificava nessun allarme anticomunista. 1oi
la comune -i-liofilia li aveva portati a una parallela iniziativa! con l'apertura di li-reria e casa
editrice a 1adova ()reda6 Ezzelino e Ar) e 0reviso (Ventura6 Galileo).
.eno esposto! meno visi-ile! a Ventura! grazie al sostegno di un altro formida-ile personaggio!
Guido (orenzon! noto come il Oconte rossoM! Gstavolta la matita rossa scatta per me6 il conte
rosso " 1iero (oredan! la segnalazione " di .onica Pornetta! che ringrazio! nd-I era stata
affidata l'impresa tipografica che avre--e costituito uno degli snodi fondamentali del progetto
http://fascinazione.blogspot.com/
Il rivoluzionario Freda e il miliziano Ventura
rivoluzionario di )reda. Aulla falsariga della Leune Europe! il gruppo internazionale di Lean
0hiriart! che praticava uno spregiudicato rapporto tattico con i gruppi maoisti in chiave
antiamericana e antisovietica! anche la cellula nera veneta entr4 in contatto con una delle tante
frazioncine nate dalla scissione del partito comunista d'<talia (marBista-leninista). Ventura!
utilizzando l'esca della disponi-ilit$ di un grande sta-ilimento tipografico! aveva agganciato un
paio di partigiani stalinisti (tra cui una medaglia d'argento che poi fu accusato in un volume di
controinformazione di aver avuto contatti con i servizi segreti -ritannici) pro-a-ilmente
interessati ai -enefici piuttosto che alle confuse idee politiche del giovane imprenditore che si
dichiarava genericamente di sinistra. 1ronti! a ogni modo! i due eroi della Jesistenza!
all'esplodere dell'inchiesta giudiziaria! a sconfessare Ventura! che dietro la nuova identit$
politica si trincerava per respingere le accuse! e a sostenere! con grande determinazione! che loro
gli avevano dato spago per smascherare le trame nere. Comunque sia! nella conferenza stampa
del loro gruppetto stalinista per la prima volta fu esplicitamente associata la rete neofascista
veneta e il controspionaggio americano.
Fualche frequentazione di sinistra! comunque! Ventura effettivamente nei mesi che precedono la
strage di piazza )ontana ce l'ha! tant'" che le armi a lui affidate (e di cui parla diffusamente
l'esperto QameriEano' Carlo 2igilio! che a Ventura fornisce consulenza e supporto tecnico)
passano poi per le mani di un paio di esponenti locali del partito socialista.
0enter$ inutilmente di accreditarsi con i giudici come uomo di sinistra! facendosi schermo delle
veline del Aid sui gruppi eBtraparlamentari scritte da Giannettini e da lui custodite in una
cassetta di sicurezza! ma alla fine Ventura rester$ inchiodato al suo ruolo di spalla (per di pi=
sfigata) di uno dei maggiori talenti intellettuali della destra radicale europea del dopoguerra.
Assolti entram-i dai giudici naturali dall'accusa di strage ma condannati a passare alla storia
come i responsa-ili di piazza )ontana per due righe inserite nella motivazione dell'ultima
sentenza! che a sua volta scagiona gli ordinovisti veneti .aggi e Porzi e il milanese Jognoni.
Consegnandoci come unico condannato (prescritto) lo spione pentito 2igilio.
Merlino: Ventura indirizz le indagini contro di noi
7icevo da un comune amico e volentieri pubblico questa testimonian!a di 'ario '* 'erlino,
l-anarco8fascista c#e fu suo coimputato e .ora apprendiamo/ vittima della sua collabora!ione con gli
apparati di sicure!!a* 9na testimonian!a pre!iosa, c#e trova subito riscontro storico ***
di Mario Mi(4e#e Mer#ino
3on ho mai conosciuto Giovanni Ventura. )ra gli anarchici qualcuno parl4 di un editore! che
aveva stampato l-9nico di .aB Atirner. 1essima traduzione. Aolo molto dopo si seppe che
)laminio 1iccoli aveva messo a disposizione la redazione del quotidiano l'Adige per l'esposizione
li-raria. 2ella sua esistenza appresi dai giornali quando ero gi$ detenuto. A Jegina Coeli un
detenuto in transito mi disse che Ventura apprezzava la mia linea difensiva! il mio
comportamento o qualcosa di simile. Con quale autorit$ o confidenza mi dava una valutazione
di meritoN <o portato in carcere e tenuto mesi in isolamento! interrogato dal p.m. Vittorio
*ccorsio in una stanzetta con una lampada dalla luce giallognola sul tavolo% dallo stesso
magistrato lui! accompagnato da Aldo Aandulli! gi$ presidente della Corte costituzionale!
definito una -rava persona. .ancavano il t" e i -iscottini...
Agli atti del processo c'" la testimonianza di un certo .archesin che riporta come! stando in
macchina con Angelo Ventura! fratello di Giovanni! costui mi avre--e definito un -ravo ragazzo.
Gli inquisitori di turno si levarono gaudenti perch@ avevano alfine trovato l'anello di
congiunzione tra gli anarchici del 55 marzo e la cellula veneta. *gni commento si fa superfluo.
http://fascinazione.blogspot.com/
Il rivoluzionario Freda e il miliziano Ventura
Angelo Ventura studiava all'istituto 3azareno di Joma! dove in anni antecedenti avevo
terminato il liceo dopo una -revissima frequentazione di un liceo statale (a causa di una rissa il
preside aveva invitato mio padre a trasferirmi in altra scuola). Ed anche al 3azareno avevo
lasciato una traccia rissosa e polemica...
Aggiungo6 le -ozze del li-ro :a strage di stato furono trovate nella cassetta di sicurezza della
madre di Ventura! grande elemosiniera della 2c. (e -ozze si -adi -ene. <n ; venne Valle
(iulia racconto quanto mi disse .arcello (elli! eB segretario della )gci e poi tra i fondatori del
.anifesto! cio" aver trovate immesse informazioni sul mio conto non da loro raccolte. sospetti! lo
so! ma attendi-ili su chi si dava da fare per spostare o indirizzare le indagini. E mi dicono che! in
tempi non lontani! Ventura a--ia ammesso i suoi contatti con i servizi segreti. Alla sua morte
qualcuno! di certo in -uona fede! l'ha inserito fra i tanti! troppi nostri caduti. .i sem-ra
francamente un eccesso di -uonismo... ecco perch" posso non rallegrarmi della sua fine! di certo
per4 non posso dolermi.
(umt) A confermare la testimonian!a di 'erlino arriva, sulla mia pagina di "aceboo<, (iacomo
Pacini, il giovane storico c#e #a lavorato sulle carte .e prodotto un fondamentale volume/ degli
Affari riservati, c#e mi scrive:
<n effetti pochi ricordano che! inizialmente! (a strage di Atato doveva essere
pu--licata dalla Galileo Editrice! il cui proprietario era proprio Ventura e che poi
stamp4 la prima versione di C1inelli! un omicidio politicoC.
$- A+OSTO .,$,
Freda il rivoluzionario - !
Fuello degli intrecci tra fascisteria e apparati di sicurezza " uno dei fili neri di questo -log che ho lasciato
un po' appesi. 1rofondamente contrario! per pro-lemi di pancia prima che di testa! ai meccanismi della
demonizzazione e della semplificazione manichea! avrei voluto provare a restituire le ragioni di uno come
.arco Affatigato che! nel momento in cui rivendica platealmente la propria colla-orazione con le C-ar-e
finteC d'*ltrealpe (e d'*ltreoceano) si pone pesantemente dalla parte del torto.
E invece! pur comprendendo lo sdegno di chi si " fatto qualche lustro di latitanza e di patimenti ma si "
-en guardato da cedere a compromessi! sono convinto che il CcrimineC (dal punto di vista dell'etica di chi!
come me e tanti altri Cragazzi del '9C! ha tentato l'assalto al cielo e non se n'" ancora pentito) di
Affatigato affondi le radici in un contesto e in una cultura ampiamente diffusa nella destra radicale. E
infatti! ancora in questi giorni! in morte del commilitone Giovanni (Ventura)! )ranco )reda ne rivendica
le coraggiose missioni Coltre la lineaC. Anche se! ancora una volta! gioca su un registro linguistico ricco e
modulato! che permette a me e a pochi eletti di cogliere l'allusione a Lunger (" questo il nome del saggio
del +,;,! in latino6 Trans lineam! dedicato a Keidegger nel giorno del suo sessantesimo compleanno) la
vicenda " impastata di materiale molto pi= terreno. E allora! mentre scavando in li-reria riuscir4 a
scovare quei quattro-cinque li-ri necessari a ricostruire gli CinciuciC di Ventura! tra familiarit$
democristiana! affari con i socialisti! frequentazioni con i servizi segreti e giochi di seduzione con i
partigiani stalinisti (lo so che sem-rer$ strano ma io mi sono occupato solo di striscio della questione
delle stragi! essendo un accanito sostenitore della regola aurea di Dittgenstein) toccher$ misurarsi con le
ultime parole pu--liche del leader pi= noto e controverso della destra radicale.
<l quale! evidentemente! ha pi= rispetto della dimensione ultraterrena che della dignit$ del nostro sistema
giudiziario. 1erch@ infatti soltanto in morte dei suoi sodali pi= compromessi! Giannettini e Ventura! si "
deciso a rompere una negativa trentennale e! nel riconoscere loro il rango di competenza! ammettere cos:
che lui stesso non si era limitato! come a lungo sostenuto! al ruolo CpolliticoC di allevatore di anime ma
aveva partecipato alle attivit$ sediziose di quel gruppo di pochi eletti impegnato nell'a--attimento dello
Atato democratico.
http://fascinazione.blogspot.com/
Il rivoluzionario Freda e il miliziano Ventura
Freda il rivoluzionario!": #na vendetta ideologica e la
difesa di Giannettini
(a sentenza che assolve definitivamente il quarto gruppo di imputati per la strage di 1iazza )ontana
(dopo )reda e Ventura! Valpreda e .erlino! 2elle Chiaie e )achini " la volta di .aggi! Porzi e Jognoni di
essere prosciolti) entrer$ sicuramente nei manuali di diritto.
1erch@ per la prima volta nella storia del processo penale italiano una giuria si piglia la -riga! mentre
assolve gli imputati (a essere fiscali c'" un condannato! il pentito 2igilio che -eneficia della prescizione!
ma quest'istituto " ormai considerato equivalente all'assoluzione6 .inzolini docet) di dichiarare colpevoli!
a futura memoria e senza nessun effetto giuridico! due persone che in quel processo non c'entrano
proprio! perch@ dalla stessa imputazione sono stati assolti.
)reda! che qualche nozione di diritto l'ha conservata! tra quattro anni di studio e quindici di pratica
dall'altra lato della strada! non la prende troppo -ene e consuma una Cvendetta ideologicaC. Affida alla
sua CassistenteC la stesura di un pamp#let che esce anonimo perch@ se la stesura " della giovane
colla-oratrice! i contenuti sono tutti suoi6 perch@ per quanto colta e -rillante lei non poteva certo parlare
in prima persona di cose successe dieci anni prima della sua nascita. E comunque di Anna E Valerio
l'Editore ha grande stima! tanto da averle affidato il compito principale per la formazione dei suoi eredi
per la Cgiusta -attagliaC.
Comunque il pamphlet " l'occasione per un'orgogliosa rivendicazione dell'attivit$ svolta e ridotta sotto
specie criminale dalla repressione dello Atato -orghese. <n questo contesto )reda restituisce l'onore al
malcapitato Giannettini (che gi$ aveva tutelato dai cattivi propositi dei prigionieri 'neri') disvelandone il
coraggioso impegno di controinfiltrato! un altro miliziano oltre la linea6
C1erch@ 2'Am-rosio! virtuoso dell'ipotesi! non si pose mai l'interrogativo6 non poteva essere
Giannettini l'infiltrato del gruppo di sediziosi entro i servizi segretiN #astava rovesciare gli
equili-ri della questione. 3on i ri-aldi della reazione! ma gli uomini stessi dello Atato
impiegati da questi come strumentiC.
$: A+OSTO .,$,
Freda il rivoluzionario!$ - Giannettini, l'%as e una
&uestione di metodo
1rima di addentrarci sulla figura del miliziano Ventura! impegnato in missione trans lineam! come figura
chiave del gruppo rivoluzionario di )reda! pu4 essere utile prendere spunto dalla vicenda del
controinfiltrato Giannettini! un'altra personalit$ chiave della cellula nera veneta! per una riflessione di
metodo. Alla natura am-igua di Guido Giannettini! un sovversivo con li-ero accesso agli uffici degli Atati
maggiori! ha dedicato molto pagine del suo fondamentale CPia!!a "ontanaC! Giorgio #oatti! il saggista ed
editor grande esperto di trame -ianconere e servizi segreti.
(a sua figura paradossale di spia che comincia la carriera da spiato emerge nel di-attimento di
Catanzaro6
C<l 5 settem-re +,+ viene disposto che sia sottoposto a vigilanza speciale Gin particolare
nei suoi spostamenti in tutta <taliaI perch@ risulta in contatto con elementi dell'*as. .isura
che viene poi revocata nel tardo +,/ perch@! nel frattempo! l'*as ha cessato di esistereC.
3ell'arco di questi lunghi anni Giannettini! figlio di un ufficiale di carriera! si " dato molto da fare!
conquistando ampi spazi di colla-orazione in am-ito militare. Ka scritto per le testate ufficiali di 2ifesa
e .arina! ha colla-orato con il generale AloRa nello scontro frontale con 2e (orenzo! ela-orando insieme
a 1ino Jauti il materiale di sostegno alla campagna per una svolta professionale dell'Esercito! e
soprattutto! essendo uno dei massimi esperti italiani della guerra controrivoluzionaria! ha ela-orato le tre
dispense dottrinarie per la formazione dei quadri di Gladio-AtaS -ehind! poi pu--licate in un unico
volume! nel +,;! dall'&fficio Guerra non ortodossa e 2ifesa psicologica del Aifar.
E' naturale che nelle ricostruzioni storiche e ancor pi= giornalistiche (e nelle storie raccontate dai
giornalisti) sia ammesso e anche utile un tasso di semplificazione didascalica. Cos:! ad esempio! lo schema
http://fascinazione.blogspot.com/
Il rivoluzionario Freda e il miliziano Ventura
tipo della vulgata pistarola sulle trame nere vede una contrapposizione frontale tra i due gruppi storici
della destra radicale e le loro filiere6
Avanguardia vs *rdine nuovo
Affari riservati vs Aid
Apparati atlantisti vs .ilitari interventisti
Golpe #orghese vs 3o al golpe
.iceli vs .aletti
1aesi Ara-i vs <sraele .
Gi$ soltanto a infilare di seguito queste coppie oppositive ci si rende conto che le articolazioni delle
maglie non sono tutte strettissime e cogenti. 0anto per tornare all'*as! l'esercito clandestino francese che
si oppone alla li-erazione dell'Algeria! tutti i riferimenti italiani noti! all'epoca! sono quadri ordinovisti6
da Clemente Graziani! uno dei primi iscritti! a 1aolo Aignorelli! che si fa apprezzare dagli esperti
terroristi d'*ltrealpe per il coraggio e la freddezza dimostrati in qualche situazione pericolosa.
Circostanza riconosciuta dallo stesso Jauti che ricorda la latitanza di un giovanissimo Alain de #enoist
in Alto Adige. .a l'*as! nel grande gioco dello scacchiere geopolitico europeo! pur essendo composta da
cattolici tradizionalisti fascistizzanti (e con la sezione di *rano -en radicata nella comunit$ isreaelitica
locale)! aveva il suo principale -ersaglio in 2e Gaulle e quindi! per la -rutale logica del -eduino! si
collocava su posizioni oggettivamente filoamericane. Cos: " per Giannettini! che si trova a lavorare! a
-reve distanza di tempo! per frazioni contrapposte degli apparati di sicurezza italiani. Aar$ quindi
opportuno ricordare che queste realt$! in cui la materia " spesso melmosa! sono molto pi= intricate e
quindi -isogna sempre ricordarsi di tarare le semplificazioni didascaliche che io stesso continuer4 a fare.
(H-continua)
Freda il rivoluzionario!': s(ostare le lancette, allargare
l'orizzonte
Come a--iamo visto nel post precedente! Giannettini produce un testo didattico edito dal Aifar sulla
guerra non ortodossa gi$ un anno prima del convegno del 1arco dei principi! considerato nella vulgata
della strategia della tensione il congresso di fondazione del partito del golpe! partito di lotta e di governo.
Evidentemente! invece! il meeting del maggio +,9 " soltanto una tappa di un percorso lungo e
articolato.
<l primo a sottolineare con forza la necessit$ di spostare indietro le lancette " Aldo Giannulli! nella
perizia ela-orata per il giudice Aalvini (una ricerca archivistica che produsse il ritrovamento delle carte
a--andonate nel deposito romano di via Appia). 1er il ricercatore storico! infatti il punto di svolta va
fissato al +,8! con le violente insorgenze politiche e sociali di tre paesi di grande rilievo strategico per gli
Atati &niti6 #elgio! Giappone e <talia. E ' in questo contesto che le ela-orazioni dottrinarie degli ufficiali
francesi controrivoluzionari trovano terreno fertile6
3el giugno del +,9,! si svolgeva un convegno della 3ato sul pro-lema della guerra politica
contro l'&rss% una delle relazioni veniva svolta da Auzanne (a-in! una scrittrice francese che!
dopo una -reve partecipazione alla re-sistenza nelle file golliste! era emigrata! fra il +,;5 ed i
primi anni cinquanta! in Argentina! dove aveva avuto mo-do di incontrare Carlos (acerda!
esponente della destra -rasiliana! di cui era divenuta una convinta sostenitrice
()J<ACKT3ECK0- KA))3EJ- KA(2<.A33- 3<GG(< p. +5-7). 3ella sua relazione!
la (a-in aveva iniziato ad introdurre la nozione di guerra politica! ricollegandosi! in qualche
modo! alle teorizzazioni dello stato maggio-re francese sull'argomento. <l tema incontr4!
evidentemente! l'interesse degli am-ienti 3ato! dato che! nell'anno successivo! l'Assem-lea
dell' Atlantic 0reatS Association approvava un documento nel quale si richiamavano le teorie
sulla guerra politica dei sovietici! definendola C -attle for the minds of men C (<A0<0&0*
A(#EJ0* 1*((<* p. 58). 1ochi mesi dopo! fra l'+ ed il H dicem-re dello stesso anno!
presso il centro 3ato di 1arigi! si svolgeva una conferenza internazionale sulla Cguerra
politica dei AovietC che vedeva fra i maggiori protagonisti la stessa (a-in e l'esponente
http://fascinazione.blogspot.com/
Il rivoluzionario Freda e il miliziano Ventura
socialdemocratico italiano <van .atteo (om-ardo ()J<ACKT3ECK0- KA))3EJ-
KA(2<.A33- 3<GG(< p. +5) <n questa sede! la (a-in svilupp4 per la prima volta la sua
proposta di organizzazione della lotta anticomunista -asata sulla formazione di uno stato
maggiore misto politico-militare.
.aggiore pu--licit$ e--e il secondo convegno! dedicato allo stesso tema! svoltosi a Joma fra
il +/ ed il 55 novem-re +,+ ed aperto da un messaggio augurale del segretario generale della
3ato 2irE &. AtiEEer. <l convegno era organizzato dalla stessa Auzanne (a-in! e dagli eB
ministri italiani <van .atteo (om-ardo (1residente del CComitato <taliano AtlanticoC e vice
presidente dell' Atlantic 0reatS Association ) e Jandolfo 1acciardi. 3otiamo qui
fuggevolmente che #renneEe indic4 <van .atteo (om-ardo quale amministratore dei fondi
della Cia! presso le -anche svizzere e lussem-urghesi! destinati alle operazioni coperte.
Fuesto convegno! sinora praticamente ignorato tanto dalla pu--licistica in materia quanto
dalle indagini giudiziarie! offre molti spunti di riflessione e permette di considerare sotto
altra luce episodi noti quali quello di 1arco dei 1rincipi.
2'altro canto! anche sul modello organizzativo era stato consistente il lavorio precedente la proposta di
uno stato maggiore misto formalizzata in quest'ultima sede dal professor 1io )ilippani Jonconi! il
grande orientalista che si era distinto come coraggiosissimo com-attente nelle Daffen AA (a lui " ispirato
uno dei protagonisti del romanzo di #uttafuoco! :e uova del drago).
0re anni prima! in coincidenza con la crisi di Cu-a! viene infatti ela-orata la dottrina della Cresistenza
senza capiC che trent'anni poi ispirer$ la pratica militare della destra radicale americana dalla disfatta
della Crate##anza si#enziosaC alla strage di *Elahoma CitS.
&n tecnico della controinsorgenza! il colonnello <ulius Amoss! nel +,5 Gpropone diI costruire
una rete di cellule di resistenza alla temuta invasione sovietica indipendenti sul piano
operativo ma omogenee sul terreno ideologico. 1assa agli individui la responsa-ilit$ di
acquisire a-ilit$ e informazioni necessarie. <l modello organizzativo proposto allora - in una
fase politica in cui la Casa #ianca spingeva per la distensione ma al 1entagono dominava
ancora la logica della guerra fredda - ricalca gli schemi operativi delle reti AtaS #ehind di cui
si era munita l'Alleanza Atlantica in Europa. Con una differenza di fondo6 in presenza di una
evidente superiorit$ delle forze terrestri del 1atto di Varsavia sul piano continentale aveva
senso militare una rete di resistenza antisovietica dopo un'invasione! in attesa di una riscossa
determinata dalla superiorit$ aerea e nucleare. <n realt$ gli stessi netUorE europei furono
riconvertiti a compiti interni di anticomunismo politico. <n particolare in <talia i teorici e i
quadri operativi che maturano nei primi anni '8 nel fuoco del di-attito sulla guerra
rivoluzionariaGiI costituiranno la direzione strategica e formeranno la manovalanza del
partito del golpe! impegnato per decenni a impedire l'accesso del 1C< anche solo
all'anticamera del governo. <l paradosso " che il modello americano! partorito in funzione
antisovietica alla fine della guerra fredda! uscir$ dal sonno trent'anni dopo! proprio quando
l'&JAA scompare. (a proposta di #eam! che parla di Ocellule fantasmaM facendo riferimento
anche all'Oassenza di figure di leaderM echeggia comunque temi di un'altra stagione della
destra radicale italiana6 lo spontaneismo armato della fine degli anni '78. (a mancanza di
una direzione e di un controllo centralizzato scongiura il pericolo dell'infiltrazione! tipico del
modello organizzativo piramidale di stampo sovietico! ma ha anche un riferimento storico
no-ilitante6 il metodo adottato dal Comitato di Corrispondenza della Jivoluzione
Americana.
(a citazione questa volta " mia! dal poco noto! ma apprezzato da un manipolo di cultori della
materia! ,n god =e <ill (Lamm 5885)! l'instant boo< scritto dopo l'++ settem-re! sull'intreccio tra
fondamentalismo religioso e terrorismo politico negli Atates. <n questo caso la nota! indicata in parentesi
quadra! " utile6
GiI (a dottrina della guerra rivoluzionaria " ela-orata da ufficiali cattolico-integralisti
dell'esercito francese contrari alla decolonizzazione. 2opo la conquista del potere da parte di
http://fascinazione.blogspot.com/
Il rivoluzionario Freda e il miliziano Ventura
2e Gaulle daranno vita all'*AA! *rganizzazione dell'Esercito Clandestino! che tenter$ di
opporsi con attentati e manovre golpiste all'indipendenza dell'Algeria. <l suo fondamento "
che il comunismo ha gi$ iniziato la terza guerra mondiale! guerra psicologica e ideologica! e
che tutti i mezzi sono leciti - compreso il terrore preventivo - per impedire la conquista del
potere agli agenti sovietici in *ccidente. <l modello propugnato " un'organizzazione mista di
civili e militari.
http://fascinazione.blogspot.com/