Sei sulla pagina 1di 3

33 - Georges Corm: Religione e geopolitica, una relazione perversa

Esistono, nel corso della Storia, diverse forme di strumentalizzazione della religione da parte degli
Stati.
L'affermarsi del monoteismo nel mondo antico pagano del Medio Oriente e dell'Europa ha avuto
diverse conseguenze: mentre le strutture teologiche del paganesimo si prestavano facilmente a
integrare nel pantheon ufficiale del popolo dominante gli dei dei popoli vinti, conquistati o entrati a
far parte di una potenza imperiale, la struttura teologica del monoteismo impedisce tali meccanismi
di fusione culturale. La fede in un dio unico non permette infatti sincretismi politeistici.
Anche il paganesimo degli antichi egizi o dei ailonesi aveva fatto uso della religione nel sistema
politico, ma sono gli episodi dell!Antico "estamento che hanno dato la matrice di ase della
teocrazia.
#nfatti, le religioni dell!antico testamento risultano molto pi$ utili del paganesimo nella conquista di
altri popoli.
#l %Liro&viene incensato come parola del dio unico, il suo comandamento agli uomini per far
regnare il ene e la giustizia. Opporvisi significa rompere l'ordine stailito dal creatore del mondo.
'uindi, il potere che pretenda di espandere la propria autorit( nel nome del %Liro&, che sia l'Antico
"estamento, i )angeli o il *orano, trova il modo di dominare anche gli spiriti.
La religione non + un locco immutaile di pratiche, dogmi, rituali, esegesi e testi sacri. , ci- che
ne fanno gli uomini.
L'#slam e il *ristianesimo in particolare hanno conosciuto numerose metamorfosi, ma malgrado
queste evoluzioni interne alle religioni, nell'inconscio collettivo delle societ( monoteiste perdura un
archetipo ilico.
'uesto si manifesta nella credenza per la quale esiste un popolo scelto da dio .o dal destino
cosmico/storico0, che ha creato dei profeti .o dei grandi conquistatori, o dei grandi filosofi0 che lo
chiamino a compiere una missione mistica e religiosa per salvare l'umanit(.
'uesto archetipo pu- servire qualsiasi amizione di potenza.

"uttavia, il 11 secolo appare, in retrospettiva, come un secolo in cui trionfa la laicit(, in cui fiorisce
un internazionalismo cosmopolita. #n un' Europa che si definisce per le sue origini greco/ romane e
dunque di natura laica, non trova spazio la confusione dei valori politici nel discorso religioso, e
viceversa.
*os2 + interessante cercare di capire come quel mondo aia potuto scivolare, nel giro di pochi
decenni, da una geopolitica totalmente priva di accenni ai valori religiosi, a una in cui i suoi
governanti non cessano di invocare il loro rapporto con 3io, con i propri valori religiosi e con le
civilt( transnazionali, pi$ immaginarie che reali.
4eorges *orm evidenzia cinque eventi che annunciano la fine della visione laica del mondo:
il successo del 5ahhaismo saudita, esplicitato nella rivoluzione fondamentalista di una
piccola tri$ eduina del centro della penisola araica, che riuscir( anche a conquistare La
Mecca nel 6789. #l :eame dell'Araia Saudita prende definitivamente forma e viene
riconosciuto a livello internazionale tra il 678; e il 67<=. L'Araia Saudita + uno Stato a
vocazione esclusivamente religiosa che professa come scopo la lotta contro l'ateismo,
rappresentato specialmente dalle ideologie mar>ista e sovietica.
La secessione indiana, qualche anno pi$ tardi, quando le ?lite musulmane dell'#ndia
vogliono creare uno Stato che sia fondato sull'identit( religiosa. Lo scisma ee luogo nel
679@, quando si form- lo Stato paAistano, che raggruppa musulmani di diverse origini
etniche. Bel 67@= + la volta dei Cengali, che attraverso una secessione violenta creano il
Cangladesh. 3opo il colpo di Stato militare del generale Dia El Faq nel 67@@, il GaAistan
applica la sharia islamica con estrema severit( e diventa uno dei maggiori alleati degli Stati
Eniti e dell'Araia Saudita. .Svilupper( in seguito anche armi atomiche senza che questo gli
valga la minima sanzione da parte degli ESA e degli altri Gaesi occidentali0
#l sionismo e la creazione dello Stato di #sraele nel 679@/9H. L'ideologia nazionalista eraica
.o sionismo politico, in opposizione al sionismo mistico0 nacque nei circoli intellettuali
viennesi alla fine del 1#1 secolo, come un prodotto dell'era dei nazionalismi europei, del
socialismo e dell'antisemitismo. #nizialmente marginale nell'eraismo, l'idea della creazione
di uno Stato per il popolo eraico apparve sempre pi$ come la sola soluzione possiile alle
sofferenze degli erei europei, specialmente a seguito dell'avanzata di Fitler in Europa.
Bella scelta della Galestina come ase del focolaio nazionale eraico, i primi sionisti, loro
stessi poco religiosi quando non completamente atei, ridonano vita a una lettura emozionale
e letterale dell'Antico "estamento e dei valori religiosi.
La nascita dell'Organizzazione della *onferenza degli Stati #slamici all'inizio degli anni '@=,
sotto l'egida dell'Araia Saudita e del GaAistan. L'Ocei si pose da suito come concorrente
del Movimento dei Gaesi non/allineati, creato nel 67;;, e della Lega degli Stati Arai, nata
nel 679;, che esprimevano rivendicazioni anti/colonialiste e anti/imperialiste su un modello
profano. La Lega Araa nacque come organizzazione regionale che esprimeva gli interessi
degli Stati di lingua e cultura araa #n realt( l'Ocei riflette la potenza petrolifera dell'Araia
Saudita, cos2 come l'influenza sempre pi$ penetrante dei predicatori Iahhaiti sostenuti dal
:eame saudita in tutti i continenti in cui esistono comunit( musulmane. La pratica dell'#slam
sunnita si radicalizza nel mondo, in contrasto con la riforma lierale dell'#slam nel periodo
precedente.
La rivoluzione religiosa iraniana alla fine degli anni '@=: un enorme malinteso geopolitico.
Si tratt- della %rivoluzione religiosa islamica& in #ran, che moilizz- l'#slam sciita. #nutile
ricordare come l'AJatollah Khomeini venne totalmente sostenuto dalle potenze occidentali
nel corso del suo esilio e della rivolta contro lo sci( :ehza Gahlavi ./c'+ da dire che *orm in
questo articolo c'ha un po' il dente avvelenato contro le Bazioni Enite eh/ ndA0.
'uindi si + assistito nel corso di tutto il 11 secolo al declino della morale laica, a causa di questi
eventi. 'uesto declino + stato reso possiile perch? il mondo dei mass media, come quello dei
filosofi e degli accademici, si + messo a riverire l!invocazione del %ritorno di 3io& in politica.
#noltre la separazione tra vita privata e spazio pulico + scomparsa con l!irruzione della televisione
in tutte le caseL lo spazio pulico cittadino si restringe a favore della messa in scena delle identit(
etniche o religiose.

Le soluzioni, secondo *orm, per riportare questa visione e uscire dal circolo vizioso di
strumentalizzazione delle religioni, sono:
:imarcare la separazione tra spazio pulico e privato.
Lottare contro la pretesa degli Stati di essere portavoci delle religioni:
lo Stato di #sraele non pu- pretendere di interpretare il sentire di tutte le diverse comunit(
eraiche, cos2 come l'Araia Saudita non + il aluardo di tutti i sunniti e l'#ran degli sciiti, e
nessuno dei due incarna la psicologia collettiva dei musulmani di tutto il mondo.
:istailire la crediilit( di un diritto internazionale laico:
le sanzioni alle infrazioni del diritto internazionale e dei diritti umani sono fatte finora in
ase a considerazioni di opportunit( politica. 'uesta evoluzione perversa si accompagna alla
perdita del senso e della nozione di cittadinanza cosmopolita. Gi$ una religione +
strumentalizzata, pi$ serve a legittimare atti di governo a livello nazionale, cos2 come a
livello internazionale.
Accelerare .e sperare nel0 il sorgere delle nuove generazioni .che facciano il lavoro sporco
di riportare la pace e la laicit( nel mondo M ndA/ *orm qui, alla fine dell'articolo, fa un
discorso molto normativo0.