Sei sulla pagina 1di 1

Il buddismo in Cina

Le origini storiche del buddismo sono collegate a la figura del principe indiano Siddharta Gatama, il quale
dopo aver condotto una esistenza dissoluta, a 35 anni si illumin ( diventa Buddah colui che si sveglia)
La rivelazione della vanit delle cose del mondo avviene in seguito alla visione di un vecchio, un malato, di
un cadavere e di un monaco(Nulla ci noto dellinsegnamento del principe, infatti i pi antichi testi
buddhisti furono scritti parecchi secoli dopo la sua predicazione)
Facendo perno su le concezioni indiane di Karma (significa Fatto, Atto) e reincarnazione, il messaggio da
importanza allINTENZIONE che porta ad un Karma.
Laccumulazione di Karma negativo porta a una catena di esistenze sotto forme diverse, ma soprattutto su
le 4 nobili verit: La Verit sofferenza, la sofferenza determinata dal desiderio, la sofferenza pu essere
eliminata, si pu arrivare quindi a la sua cessazione, esiste una via per emanciparsi da la sofferenza e
raggiungere il Nirvana. Tale via consiste nel praticare il Nobile ottuplice sentiero ovvero giusta visione (la
conoscenza dei 4NV) Giusta intenzione (verso la rinuncia e la benevolenza) Giusta parola (No menzogne)
giusta azione*, giusto comportamento (astenersi attivit di caccia) Giusto sforzo (favorire aspetti positivi
del Karma ereditato) Giusta attenzione (al corpo, pensieri) e giusta concentrazione (pratica meditativa)
Giusta azione: per i laici, consiste in 5 precetti, non uccidere, non bere, astenersi da discorsi ingiusti e
sesso, avere rispetto per ci che dato per i monaci sono questi pi altri 5, non dormire su letti alti e
comodi, evitare di entrare in contatto con denaro e oggetti preziosi, musiche, danze e profumi.
Per il Buddhismo il principale canale di importazione la Via della seta(deriva dal lesploratore Von
Richthofen (1877) in riferimento ad una serie di rotte carovaniere che attraversavano lAsia centrale, lungo
le quali dallepoca Han in poi transitavano con merce rara come sete e pietre preziose)Changan grande
centro del Buddhismo.Unaltra leggenda sostiene che una notte limperatore Ming degli Han orientali aveva
sognato una divinit doro che volava davanti al palazzo; una volta che venne identificato come Buddah, il
sovrano invi i propri emissari in India per raccogliere informazioni, al loro ritorno venne eretto un
monastero a Luoyang Il Cavallo Bianco). Le prime tracce sicure avvenne a partire dal I sec A.C ma la piena
assimilazione avvenne sotto la dinastia Tang (confuso, pieno riconoscimento, sinizzazione)
Traduzione scritture
Lintroduzione del Buddhismo spinge a la traduzione dei testi sacri a Luoyang si forma un centro di
traduzione sotto la direzione dei monaci (diventa un vero e proprio monumento he durer nei secoli,
ricordiamo il monaco Xuanzang) La traduzione avveniva durante le cerimonie religiosi, che divennero
fastosissime dopo che, Kumarajiva in poi, cominciarono a essere sostenuti da fondi statali.
Grazie al Buddhismo , la tradizione cinese scopre che alla sacralit del testo si affianca la sacralit della
parola, il potere magico non pi una prerogativa del segno scritto (svolta decisiva)
La lingua Cinese assorbe parole e prestiti dal buddhismo, lessico religioso, (sofferenza duckha che connota
lesistenza umana resa con il termine ku che fa riferimento a la sfera semantica dellamarezza)Una nuova
introduzione di neologismi avr luogo a partire da la seconda met del 14 secolo, in seguito allimpatto con
lOccidente e con il Giappone che porter a la diffusione di parole nuove mutuate dalle lingue straniere.