Sei sulla pagina 1di 139

Vademecum

2009-2010

Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”


INDICE

CONTATTI 5
OFFERTA FORMATIVA 7
CORSI ATTIVATI 7
CALENDARIO ACCADEMICO E SEMESTRI 2009/10 8
CALENDARIO ACCADEMICO 8
SEMESTRI 10

REGOLAMENTI DIDATTICI 15
CORSO DI LAUREA INLINGUE E CULTURE STRANIERE 15
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE PER SCUOLE, SPETTACOLI E LIBRI  33
CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE INTERCULTURALE D’IMPRESA 46

MASTER DI I LIVELLO 54
INSEGNARE ITALIANO A STRANIERI: SCUOLA, UNIVERSITA’, IMPRESA 54
LINGUA E DIDATTICA DELL’INGLESE PER MAESTRI (PERCORSO ONLINE)  56
ENGLISH FOR THE INTERNATIONAL SCIENTIFIC AND ACADEMIC SETTING (EISAS) 58

CORSI DI PERFEZIONAMENTO E SPECIALIZZAZIONE 60


LINGUA E DIDATTICA DELL’INGLESE PER MAESTRI (PERCORSO ONLINE) 60
IL MERCATO DELL’ARTE 63
IL TURISMO CULTURALE 64

DOTTORATO DI RICERCA 65
STUDI INTERCULTURALI EUROPEI 65

ORDINAMENTI DIDATTICI DEI CORSI DI LAUREA AD ESAURIMENTO 66


LINGUE E LETTERATURE MODERNE COMPARATE (CL1: III ANNO) 66
LINGUE MODERNE ARTI E CULTURA (CL2: III ANNO) 67
LINGUE E CULTURA PER L’IMPRESA (CL4: III ANNO) 68
LINGUE E CIVILTÀ ORIENTALI (CL5: III ANNO) 70
INFORMAZIONI UTILI SUI CORSI DI LAUREA TRIENNALI AD ESAURIMENTO 72

Coordinamento • Servizio Front Office CORSI ANTE RIFORMA 82


Dott.ssa Simona Pigrucci
PROGETTO STUDENTI “FUORI CORSO” 83
Grafica e impaginazione • Ufficio Informazioni e Orientamento
Dott. Francesco Biagetti • Sig. Donatello Trisolino PROGRAMMI DEGLI INSEGNAMENTI 94

Gweb • Sistema di gestione dei contenuti di Ateneo via Web


Sig. Donatello Trisolino
vademecum 2009/10 parte generale

CONTATTI

PRESIDENZA Ufficio Stage: Dott.ssa Maria Concetta Tagarelli


Preside: Prof. Anna Teresa Ossani Tel.: e Fax: 0722-2961
Segreteria: Dott.ssa Laura Menegazzo E-mail: stage.lingue@uniurb.it
Piazza Rinascimento n. 7 - 61029 Urbino Manager didattico: Dott.ssa Lucia Bernacchia
Tel.: 0722-303351; Fax: 0722-303348 Tel. 0722-4744
E-mail: pres.facolta.lingue@uniurb.it E-mail: mdcl4@uniurb.it
Orario Segreteria: LUN-VEN 10.00-12.00
Sede di Pesaro (per il curriculum Linguistico culturale
DIPARTIMENTO DI LETTERATURE MODERNE E orientale):
SCIENZE FILOLOGICO-LINGUISTICHE Segreteria: Dott.ssa Gina Amadori
Direttore: Prof. Gioia Zaganelli Viale Trieste n. 296 - 61100 Pesaro
Segreteria: Dott. Stefano Ragni e Dott. Roberta Ramaioli Tel.: 0721-423521; Fax: 0721-423522
Piazza Rinascimento n. 7 - 61029 Urbino E-mail: orientali.lingue@uniurb.it
Tel.: 0722-303350; Fax: 0722-303348 Orario Segreteria: LUN-VEN 9.30-12.00
Centralino: 0722-303354
E-mail: lingue@uniurb.it CORSI DI LAUREA MAGISTRALI
Orario Segreteria: LUN-VEN 9.00-13.00 • CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE PER
SCUOLE, SPETTACOLI E LIBRI (CLASSE LM-37)
CORSO DI LAUREA TRIENNALE - curriculum Una lingua: testi e contesti
• CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE - curriculum Organizzazione dello spettacolo dal vivo
STRANIERE (CLASSE L-11) - curriculum Linguistica e didattica delle lingue
- curriculum Linguistico culturale occidentale Segreteria: Milena Bravi
- curriculum Linguistico culturale orientale Piazza Rinascimento n. 7 - 61029 Urbino
- curriculum Linguistico aziendale Tel.: 0722-303351; Fax: 0722-303348
Centralino: 0722-303354
Sede di Piazza Rinascimento: E-mail: facolta.lingue@uniurb.it
Segreteria: Milena Bravi Orario Segreteria: LUN-VEN 9.00-13.00
Piazza Rinascimento n. 7 - 61029 Urbino
Tel.: 0722-303351; Fax: 0722-303348 • CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN
Centralino: 0722-303354 COMUNICAZIONE INTERCULTURALE
D’IMPRESA (CLASSE LM-38)
E-mail: facolta.lingue@uniurb.it
Orario Segreteria: LUN-VEN 9.00-13.00 Segreteria: Dott.ssa Maria Concetta Tagarelli
Via M. Oddi n. 21- 61029 Urbino
Sede di via M. Oddi: Tel.: 0722-327893 oppure 2961
Segreteria: Dott.ssa Maria Concetta Tagarelli E-mail: lingueoddi@uniurb.it
Via M. Oddi n. 21- 61029 Urbino Orario Segreteria: LUN-VEN 9.00-13.00
Tel.: 0722-327893 oppure 2961 Manager didattico: Dott.ssa Lucia Bernacchia
E-mail: lingueoddi@uniurb.it Tel. 0722-4744
Orario Segreteria: LUN-VEN 9.00-13.00 E-mail: mdcl4@uniurb.it

5
vademecum 2009/10 parte generale

DOTTORATO DI RICERCA OFFERTA FORMATIVA


Dottorato di ricerca in Studi Interculturali Europei
Segreteria: Dott.ssa Roberta Ramaioli
Piazza Rinascimento n. 7 - 61029 Urbino CORSI ATTIVATI
Tel.: 0722-303350; Fax: 0722-303348
Centralino: 0722-303354 CORSO DI LAUREA TRIENNALE:
E-mail: lingue@uniurb.it - LINGUE E CULTURE STRANIERE (CLASSE L-11)
Orario Segreteria: LUN-VEN 9.00-13.00 • curriculum Linguistico culturale occidentale
• curriculum Linguistico culturale orientale
PER ISCRIVERSI E IMMATRICOLARSI • curriculum Linguistico aziendale
SEGRETERIA STUDENTI URBINO:
Via Saffi n. 2 (secondo piano) - 61029 Urbino CORSI DI LAUREA MAGISTRALE (BIENNALI):
Tel.: 0722-305205 Fax: 0722-305287 - LINGUE PER SCUOLE, SPETTACOLI E LIBRI (CLASSE LM-37)
E-mail: seg.fac.lingue@uniurb.it • curriculum Una lingua: testi e contesti
Referente: Dott.ssa Marina Dini • curriculum Organizzazione dello spettacolo dal vivo
Orario: LUN-SAB 9.30-12.00 • curriculum Linguistica e didattica delle lingue
- COMUNICAZIONE INTERCULTURALE D’IMPRESA (CLASSE LM-38)
SEGRETERIA STUDENTI PESARO (PER IL CURRICULUM LINGUISTICO CULTURALE ORIENTALE):
MASTER DI I LIVELLO:
Viale Trieste n. 296 - 61100 Pesaro
- Insegnare italiano a stranieri: scuola, università, impresa
Tel.: 0721-423521; Fax: 0721-423522 - Lingua e didattica dell’inglese per maestri (Percorso online)
E-mail: orientali.lingue@uniurb.it - English for the international scientific and academic setting (EISAS)
Referente: Dott.ssa Gina Amadori - (verificare l’effettiva attivazione sul sito http://www.uniurb.it)
Orario: LUN-VEN 9.30-12.00
CORSI DI PERFEZIONAMENTO E SPECIALIZZAZIONE:
- Lingua e didattica dell’inglese per maestri (Percorso online) - corso di aggiornamento professionale
- Il Mercato dell’Arte - corso di alta formazione
- Il turismo culturale – corso di alta formazione
(verificare l’effettiva attivazione sul sito http://www.uniurb.it)

DOTTORATO DI RICERCA:
Studi interculturali europei (triennale)

CORSI DI LAUREA AD ESAURIMENTO:


CORSI DM 509/99
Lingue e letterature moderne comparate (Classe 11 - attivi solo il II e III anno)
Lingue moderne, arti e cultura (Classe 11 - attivi solo il II e III anno)
Lingue e cultura per l’impresa (Classe 14 - attivi solo il II e III anno)
Lingue e civiltà orientali (Classe 11 - attivi solo il II e III anno)
LS Lingue e culture straniere (Classe 42/S - attivo solo il II anno)
Lingue moderne e scienze del linguaggio (Classe 11)

CORSI ANTE RIFORMA:


Lingue e letterature straniere (corso di laurea quadriennale)
Esperto linguistico di impresa (corso di diploma triennale)

6 7
vademecum 2009/10 parte generale

02-11/04/2010 VACANZE DI PASQUA


CALENDARIO ACCADEMICO E SEMESTRI 2009/10
12/04-15/05/2010 2° modulo (30 ore, 6 ore settimanali per 5 settimane)
PRE-APPELLO ESAMI ORALI DI LINGUA STRANIERA
17-26/05/2010 valido solo per gli studenti del primo anno della laurea triennale in Lingue e culture straniere e
CALENDARIO ACCADEMICO per tutti coloro che devono recuperare l’annualità di lingua, rispettando la propedeuticità
(indicazioni di massima, da verificare all’inizio dell’anno accademico) 19-29/05/2010 PROVE D’ASCOLTO, DETTATI ED ESAMI SCRITTI di LINGUA STRANIERA E ITALIANO
22/05/2010 TERMINE ULTIMO PER CONSEGNA TESI di laurea (sessione estiva)
01/09/2009 PROVA DI ITALIANO PER AMMISSIONE STUDENTI STRANIERI
31/05-09/06/2010 ESAMI ORALI 1° APPELLO
31/08-09/09/2009 PROVE DI ASCOLTO, DETTATI ED ESAMI SCRITTI di LINGUA STRANIERA E ITALIANO
10-19/06/2010 ESAMI ORALI 2° APPELLO
31/08-09/09/2009 ESAMI ORALI 1° APPELLO
21-26/06/2010 DISCUSSIONE TESI di laurea (sessione estiva)
10–22/09/2009 ESAMI ORALI 2° APPELLO
28/06-10/07/2010 ESAMI ORALI 3° APPELLO
23/09–03/10/2009 ESAMI ORALI 3° APPELLO
28/09-01/10/2009 I turno: Test di valutazione delle conoscenze letterarie per accesso alla laurea magistrale M1 LEZIONI
I turno: Test di valutazione delle conoscenze economico-aziendali per accesso alla laurea 1° semestre:
28/09/2009 06/10–07/11/2009 1° modulo (30 ore, 6 ore settimanali per 5 settimane)
magistrale M2
28/09-02/10/09 Corsi intensivi di lingua francese e tedesca per le matricole (SOLO PRINCIPIANTI ASSOLUTI) 09-14/11/2009 EVENTUALE RECUPERO LEZIONI
02-03/10/2009 I turno: test di valutazione delle conoscenze linguistiche per accesso alle lauree magistrali (M1 e M2) 16/11–19/12/2009 2° modulo (30 ore, 6 ore settimanali per 5 settimane)
Test di valutazione delle conoscenze linguistiche per la formazione dei gruppi classe per 2° semestre:
02-05/10/2009
matricole LOC-LOR-LAZ 22/02-27/03/2010 1° MODULO (30 ore, 6 ore settimanali per 5 settimane)
GIORNATA ACCOGLIENZA MATRICOLE (LOC-LOR-LAZ) E VERIFICA PREPARAZIONE INIZIALE; 29/03-01/04/2010 EVENTUALE RECUPERO LEZIONI
05/10/2009
ACCOGLIENZA STUDENTI I ANNO DI M1 E M2 12/04-15/05/2010 2° MODULO (30 ore, 6 ore settimanali per 5 settimane)
1° SEMESTRE: PROVE SCRITTE
Lezioni: 06/10/2008 - 19/12/2008
31/08-09/09/2009 PROVE DI ASCOLTO, DETTATI ED ESAMI SCRITTI di LINGUA STRANIERA E ITALIANO
06/10-07/11/2009 1° modulo (30 ore, 6 ore settimanali per 5 settimane)
1° semestre:
10/10/2009 TERMINE ULTIMO PER CONSEGNA TESI DI LAUREA (sessione autunnale)
07/01–16/01/2010 PROVE D’ASCOLTO, DETTATI, ESAMI SCRITTI DI LINGUA STRANIERA E ITALIANO
02-07/11/2009 DISCUSSIONE Tesi di laurea (sessione autunnale) 2° semestre:
09-14/11/2009 EVENTUALE RECUPERO LEZIONI 19–25/05/2010 PROVE D’ASCOLTO, DETTATI ED ESAMI SCRITTI di LINGUA STRANIERA E ITALIANO
09-14/11/2009 DISCUSSIONE Tesi di laurea (sessione autunnale) PROVE ORALI
16/11-19/12/2009 2° modulo (30 ore, 6 ore settimanali per 5 settimane) AUTUNNALE:
21/12/2009-06/01/2010 Vacanze di Natale 31/08-09/09/2009 1° APPELLO
07/01/2010 VERIFICA PREPARAZIONE INIZIALE MATRICOLE (per chi non l’avesse ancora sostenuto) 10–22/09/2009 2° APPELLO
07-16/01/2010 Prove d’ascolto, dettati, esami scritti di lingua straniera e italiano 23/09–03/10/2009 3° APPELLO
16/01/2010 TERMINE ULTIMO PER CONSEGNA TESI DI LAUREA (sessione invernale) INVERNALE:
18-26/01/2010 ESAMI ORALI 1° APPELLO 18–26/01/2010 1° APPELLO
27/01-04/02/2010 ESAMI ORALI 2° APPELLO 27/01-04/02/2010 2° APPELLO
05-13/02/2010 ESAMI ORALI 3° APPELLO 05-13/02/2010 3° APPELLO
15-20/02/2010 DISCUSSIONE TESI DI LAUREA (sessione invernale) ESTIVA:
2° SEMESTRE: 17-26/05/2010 PRE-APPELLO (solo Esami di lingua straniera)
Lezioni: 22/02/2009 - 15/05/2009 31/05-09/06/2010 1° APPELLO
22/02-27/03/2010 1° MODULO (30 ore, 6 ore settimanali per 5 settimane) 10-19/06/2010 2° APPELLO
29/03-/01/04/2010 Eventuale recupero lezioni II semestre 28/06-10/07/2010 3°APPELLO

8 9
vademecum 2009/10 parte generale

TESI
I anno del curriculum Linguistico culturale orientale (LOR)
10/10/2009 TERMINE ULTIMO CONSEGNA TESI DI LAUREA (sessione autunnale)
I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010
02/07/11/2009 DISCUSSIONE TESI DI LAUREA RISERVATA AL CL4 (sessione autunnale) Lingua Araba (Bevacqua, 3h) * Lingua Inglese (Carloni, 3h)*
09-14/11/2009 DISCUSSIONE TESI DI LAUREA (sessione autunnale) Lingua Cinese (Brezzi, 3h)* Letteratura araba (Van Lent, 6 h)
16/01/2010 TERMINE ULTIMO CONSEGNA TESI DI LAUREA (sessione invernale) Geografia (Catolfi, 6 h)** Letteratura cinese (Brezzi, 6h)
Letteratura Italiana (De Santi, 6h) Linguistica (Cocchi, 6h)**
15-20/02/2010 DISCUSSIONE TESI DI LAUREA (sessione invernale) Storia dei Paesi islamici (Medici, 6h)
22/05/2010 TERMINE ULTIMO CONSEGNA TESI DI LAUREA (sessione estiva) Storia della Cina (Solieri, 6h)
21-26/06/2010 DISCUSSIONE TESI DI LAUREA (sessione estiva)
* Il corso si svolgerà per tutto il semestre con tre ore settimanali
** Ilcorso si svolgerà durante il I modulo

SEMESTRI II anno del curriculum Linguistico culturale orientale (LOR)


(indicazioni di massima, da verificare all’inizio dell’anno accademico) I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010
Lingua Araba(Bevacqua, 3h)* Letteratura araba (Van Lent, 6h)
• SUDDIVISIONE INSEGNAMENTI PER SEMESTRI DEL I ANNO DELL’OFFERTA FORMATIVA DM 270/04 Lingua Cinese (Brezzi, 3h)* Letteratura cinese (Brezzi, 6h)
Storia Contemporanea (Martellini, 6h) Lingua Inglese (Murray, 6h)**
Storia della filosofia e delle religioni in Cina (Paolillo, 6h)
CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN LINGUE E CULTURE STRANIERE Storia della religione del mondo islamico (Zaccarelli, 6h)
I anno del curriculum Linguistico culturale occidentale (LOC) Abilità informatiche
I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010
Filologia Germanica I (Molinari, 3h)* Letteratura Italiana (Ossani, 6h) * Il corso si svolgerà per tutto il semestre con tre ore settimanali
Filologia Romanza I (Zaganelli, 6h)** Lingua Spagnola (Falcinelli, 6h) ** Ilcorso si svolgerà durante il I modulo
Geografia (Catolfi, 6h)** Storia Contemporanea (Pivato, 6h)**
Lingua Francese (Comune, 6h)
I anno del curriculum linguistico-aziendale (LAZ)
Lingua Inglese (Carloni, 3h)*
Lingua Russa (Cavazza, 6h) ** I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010
Lingua Russa (Cavazza, 6h)** Cultura Italiana (Martelli, 3h)* Comunicazione d’Impresa (Betti, 6h)
Lingua Tedesca (Ehrhardt, 3h)* Lingua Francese (Comune, 6h) Economia Aziendale (Sentuti, 6h)**
Linguistica Generale (Cocchi, 6h) Lingua Inglese I (Rossi, 3h)* Economia e Gestione delle Imprese (Cioppi, 6h)
Lingua Russa (Cavazza, 6h)** Lingua Spagnola (Falcinelli, 6h)
* Il corso si svolgerà per tutto il semestre con tre ore settimanali Lingua Tedesca (Ehrhardt, 3h)* Linguistica Generale (Cocchi, 6h)**
** inizio nel II modulo
* Il corso si svolgerà per tutto il semestre con tre ore settimanali
II anno del curriculum Linguistico culturale occidentale (LOC) ** Ilcorso si svolgerà durante il I modulo
I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010
Didattica delle Lingue Moderne (Sisti, 6h) Filologia Romanza II (Zaganelli, 6h) II anno del curriculum linguistico-aziendale (LAZ)
Filologia Germanica II (Dallapiazza, 6h) Letteratura Francese I (Toffano, 6h) I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010
Filologia Slava I (Romoli, 6h) Letteratura Inglese I (Riviere, 6h) Comunicazione Interculturale (Sisti, 6h) Cultura Francese (Amatulli, 6h)
Letteratura Angloamericana (Calanchi, 6h) Letteratura Russa I (Ghini, 6h) Cultura Angloamericana (Calanchi, 6h) Cultura Inglese (Guerra, 6h)
Letteratura Spagnola I (Darconza, 6h) Letteratura Tedesca I (Renzi, 6h) Lingua Inglese II (Stevenson, 3h)* Cultura Russa (Ghini, 6h)
Lingua Francese (Comune, 6h) Letterature Comparate (De Santi, 6h) Lingua Russa II (Cavazza, 6h) Cultura Tedesca (Renzi, 6h)
Lingua Inglese (Ricci, 3h)* Lingua Spagnola (Falcinelli, 6h)** Marketing (Savelli, 6h) Lingua Francese (Veschi, 6h)
Lingua Russa (Cavazza, 6h) Lingua Tedesca (Ehrhardt, 3h)* Cultura Spagnola (Darconza, 6h) Lingua Spagnola (Fiordaliso, 6h)**
Storia del Teatro e dello Spettacolo (Santini, 6h) Lingua Tedesca (Ehrhardt, 3h)*
Storia della Musica (Leoni, 6h)
* Il corso si svolgerà per tutto il semestre con tre ore settimanali
* Il corso si svolgerà per tutto il semestre con tre ore settimanali ** Ilcorso si svolgerà durante il I modulo
** inizio nel II modulo

10 11
vademecum 2009/10 parte generale

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE PER SCUOLE, SPETTACOLI E LIBRI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE INTERCULTURALE D’IMPRESA
I e II anno del curriculum Una lingua, testi e contesti (M1A) I e II anno della Laurea magistrale in Comunicazione interculturale d’impresa (LM2)
I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010 I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010
Letteratura Angloamericana I-II (Morisco, 6h) Critica Letteraria e Letterature Comparate (De Santi, 6h)** Abilità Informatiche per l’Impresa (Riccioni, 3h)* IInterculturalità (Dini, 4h)
Letteratura Francese I (De Agostini, 6h)** Filologia e Storia delle Lingue Germaniche (Molinari, 6h) Comunicazione internazionale d’impresa (Betti, 4h) Lingua Inglese II (Rossi, 3h)*
Letteratura Francese II (Bogliolo, 6h)** Filologia e Storia delle Lingue Romanze (Negri, 6h) Internet Marketing (Cioppi, 6h)** Lingua Spagnola I-II (6h)
Letteratura Inglese I-II (Martella, 6h) Geografia (Catolfi, 4h) Lingua Cinese I-II (Brezzi, 3h)* Lingua Tedesca I-II (Ehrhardt, 3h)*
Lingua Francese I-II (Comune, 6h)** Laboratorio di Lingua Italiana e Analisi dei Testi Lingua Francese I-II (Toffano/Veschi, 6h)** Rapporti Interculturali della Cina (Solieri, 4h)**
Lingua Inglese I-II (Mullini, 6h)** Letteratura Spagnola I-II (Negri, 3h)* Lingua Inglese I (Rossi, 3h)* Rapporti Interculturali della Federazione Russa (Ghini, 4h)
Rapporti interculturali dell’America anglofona (Morisco, 4h) Letteratura Tedesca I-II (Monti, 6h)** Lingua Russa I-II (Issupova, 3h)* Rapporti Interculturali della Francia (Amatulli, 4h)
Rapporti interculturali della Germania (Renzi, 4h)** Lingua Spagnola I-II (Falcinelli, 6h)** Rapporti interculturali dell’America anglofona (Morisco, 4h) Trattative e Negoziazioni Interculturali (Ghini, 4h)**
Rapporti interculturali della Gran Bretagna (Martella, 4h)** Lingua Tedesca I-II (Dallapiazza, 6h) Rapporti interculturali della Germania (Renzi, 4h)**
Storia contemporanea (d.p. di spec) Rapporti Interculturali della Francia (Amatulli, 4h)** Rapporti interculturali della Gran Bretagna (Martella, 4h)**
Rapporti interculturali della Spagna (Ovarelli, 4h)** Rapporti interculturali della Spagna (Ovarelli, 4h)**
Storia dell’Arte Moderna (Cleri, 6h)** Strategie di Internazionalizzazione (Musso, 6h)**

* Il corso si svolgerà per tutto il semestre con tre ore settimanali. ** inizio nel II modulo * Il corso si svolgerà per tutto il semestre con tre ore settimanali
** inizio nel II modulo
I e II anno del curriculum Organizzazione dello spettacolo dal vivo (M1B)
I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010 • SUDDIVISIONE INSEGNAMENTI PER SEMESTRI III ANNO DELL’OFFERTA FORMATIVA DM 509/99
Lingua Inglese I-II (Mullini, 6h)** Economia e Gestione delle Imprese (Cioppi, 4h)
Storia del Teatro e dello Spettacolo (Santini, 4h)** Legislazione dello Spettacolo (Piscaglia, 4h)** III ANNO DI CL1, CL2
Letteratura Inglese (Mullini, 6h)
I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010
Letterature comparate: metodologie e analisi dello
Filologia Germanica (Dallapiazza, 6h) Filologia Romanza (Zaganelli, 6h)
spettacolo (De Santi, 6h) **
Filologia Slava (Romoli, 6h) Informatica Avanzata (Klaver, 3h)
Musica per lo spettacolo (Festa, 4h) ***
Letteratura Angloamericana (Calanchi, 6h) Letteratura Francese (Toffano, 6h)
Organizzazione, strategia e gestione dell’impresa spettacolo
Letteratura Inglese III (Klaver, 6h) Letteratura Russa (Ghini, 6h)
(Piscaglia, 4h)
Letteratura Spagnola (Darconza, 6h) Letteratura Tedesca (Renzi, 6h)
Storia dell’Arte Moderna (Cleri, 6h)**
Letteratura Teatrale Italiana (Ossani, 6h) Letterature Comparate (De Santi, 6h)
* Il corso si svolgerà per tutto il semestre con tre ore settimanali Lingua Inglese III (Ricci, 3h)* Lingua Francese III (Comune, 6h)
** inizio nel II modulo. *** modulo da definire Lingua Russa (Cavazza, 3h)* Lingua Spagnola II-III (Falcinelli, 6h)**
Lingua Tedesca III (Ehrhardt, 3h)* Storia del Teatro e dello Spettacolo (Santini, 6h)
Storia dell’Arte Moderna (Cleri, 6h)** Storia dell’Arte Contemporanea (Cuppini, 6h)
I e II anno del curriculum Linguistica e didattica delle lingue (M1C)
Storia dell’Arte Moderna (Cleri, 6h)
I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010 Storia della Musica (Leoni, 6h)
Letteratura Angloamericana (Morisco, 6h) Didattica dell’Italiano L2 (Sisti, 6h)**
Letteratura Francese (De Agostini, 6h)** Didattica delle Lingue Moderne (CLIL) (Sisti, 6h) * Il corso si svolgerà per tutto il semestre con tre ore settimanali
Lingua Francese I-II (Comune, 6h)** Didattica delle Lingue Moderne (Sisti, 6h) ** inizio nel II modulo
Lingua Inglese I-II (Mullini, 6h)** Letteratura Inglese (Mullini, 6h)**
Storia Contemporanea d.p. di spec (Pivato, 6h) Letteratura Spagnola (Negri/Darconza, 3h)*
Letteratura Tedesca (Monti, 6h)** Storia e critica del cinema: contattare la Facoltà di Sociologia per avere indicazioni sul semestre in cui si terran-
Lingua Spagnola I-II (Falcinelli, 6h)** no le lezioni
Lingua Tedesca I-II (Dallapiazza, 6h)
Linguistica Generale (Arduini, 6h)

* Il corso si svolgerà per tutto il semestre con tre ore settimanali. ** inizio nel II modulo

Filosofia del linguaggio: contattare la Facoltà di Lettere e Filosofia per avere indicazioni sul semestre in cui si ter-
ranno le lezioni

12 13
vademecum 2009/10 parte generale

III ANNO DI CL4 REGOLAMENTI DIDATTICI


I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010
Finanza e Impresa (Pirozzi, 6h) Economia e Gestione delle Imprese (Cioppi, 6h)
Lingua Inglese III (Taylor, 6h)** Economia e Gestione delle Imprese Turistiche (Forlani,
Lingua Russa (Cavazza, 3h)* 6h) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN
Lingua Tedesca III (Ehrhardt, 3h)* Lingua Francese III (Veschi, 6h)
Lingua Spagnola III (Fiordaliso, 6h)
LINGUE E CULTURE STRANIERE (Classe L-11)
Marketing Internazionale (Musso, 6h)
OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI
* Il corso si svolgerà per tutto il semestre con tre ore settimanali Il Corso di laurea triennale in Lingue e culture straniere coniuga in modo innovativo i diversi saperi necessari per
** inizio nel II modulo
società sempre più bisognose di un’integrazione linguistico-culturale.
Il corso fornirà agli studenti una solida padronanza di almeno due lingue straniere, ed inoltre una buona cono-
III ANNO DI CL5 scenza dei fondamenti storici, culturali, artistici, socio-economici ed istituzionali dei paesi in cui esse sono parla-
I Semestre a.a. 2009/2010 II Semestre a.a. 2009/2010 te, accompagnata dalla consapevolezza delle differenze culturali, dei problemi dell’integrazione e della comunica-
Lingua Araba (Bevacqua, 3h)* Etnolinguistica (Cocchi, 6h)** zione interculturale.
Lingua Cinese (Brezzi, 3h)* Lingua Araba (Bevacqua, 3h)*
Letteratura inglese (Bertinetti)** Lingua Cinese (Brezzi, 3h)* I curricula previsti sono:
Lingua inglese (Taylor, 6h)
Letteratura araba (Van Lent, 6h)
1. Linguistico culturale occidentale
Letteratura cinese (Pedone, 6h) 2. Linguistico culturale orientale
Letteratura inglese (Martella)*** 3. Linguistico aziendale.
Storia della Filosofia (Zaccarelli, 6h)
PROFILI PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO
* Il corso sarà annuale
** Il corso si svolgerà nel I modulo Prospettive occupazionali e professionali previste per i laureati
*** Il corso si svolgerà nel II modulo Il Corso di laurea in Lingue e culture straniere, oltre all’accesso alle lauree di secondo livello, consente l’ingres-
so nel mondo del lavoro presso istituzioni pubbliche e private. Esso mira a formare specifiche figure professionali:
• Tecnici del trasferimento e del trattamento delle informazioni
• Corrispondenti in lingue estere ed assimilati
• Tecnici della pubblicità e delle pubbliche relazioni
• Tecnici delle attività ricettive ed assimilati
• Tecnici dell’organizzazione di fiere, convegni ed assimilati
• Guide ed accompagnatori specializzati
• Tutor, istitutori, insegnanti nella formazione professionale ed assimilati
• Istruttori in campo linguistico
• Tecnici del reinserimento e dell’integrazione sociale degli adulti
• Tecnici dei servizi di informazione e di orientamento scolastico e professionale

Per gli studenti che optano per il curriculum Linguistico culturale occidentale si segnalano in particolare le
seguenti prospettive occupazionali:
• attività di consulenza culturale in organizzazioni nazionali ed internazionali;
• attività di consulenza linguistica nelle istituzioni culturali italiane all’estero;
• attività di consulenza linguistica nel giornalismo e nella editoria;
• intermediazione negli istituti di cooperazione internazionale;
• operatore allo sviluppo in contesti multietnici e multiculturali;
• organizzazione di spettacoli dal vivo, mostre ed eventi in genere di carattere culturale;

14 15
vademecum 2009/10 parte generale

• impiego negli uffici stampa dei comuni; to degli studenti in gruppi di livello omogeneo per lo studio delle lingue, sia ad evidenziare eventuali lacune di ba-
• impiego negli enti provinciali e regionali che si occupano di attività culturali; se. Gli esiti di tale accertamento non precludono l’accesso al corso. Il Consiglio di corso di laurea definirà gli obbli-
• esperto linguistico nelle Associazioni teatrali regionali e nazionali; ghi di frequenza ad attività formative aggiuntive qualora sia necessario colmare le lacune accertate, entro il termi-
• esperto linguistico nelle trattative internazionali a carattere culturale; ne del primo anno di corso.
• impiego nelle agenzie turistiche per la predisposizione del materiale pubblicitario adattando testi in lingue stranie-
re alle esigenze del pubblico italiano e curando in lingua straniera la presentazione di spettacoli e mostre; MODALITA’ PER IL TRASFERIMENTO DA ALTRI CORSI DI STUDIO
• coordinatore linguistico nelle scuole primarie e secondarie; • Il Consiglio di Corso di Laurea nomina una commissione preposta alla valutazione dei trasferimenti di studen-
• coordinatore linguistico nell’ambito della educazione permanente; ti da altri corsi di laurea.
• facilitatore linguistico laddove si presentino problemi di integrazione culturale (carceri, ospedali, consultori, co- • Nel caso di trasferimento fra corsi di laurea appartenenti alla medesima classe, la quota di crediti relativi al mede-
muni, scuole). simo SSD direttamente riconosciuti allo studente non sarà inferiore al 50% di quelli già maturati. Nel caso in cui il
corso di provenienza sia svolto con modalità a distanza, la quota minima del 50% sarà riconosciuta solo se il cor-
Per gli studenti che optano per il Curriculum Linguistico culturale orientale si segnalano in particolare le so di provenienza risulta accreditato (Dm 16 marzo 2007, art. 3, comma 9);
seguenti prospettive occupazionali: • Nel caso di trasferimento fra corsi di laurea di classi diverse o di Atenei diversi verrà assicurato il riconoscimento
• attività di consulenza culturale e linguistica in organizzazioni nazionali ed internazionali, particolarmente quelle del maggior numero possibile dei Cfu già maturati dallo studente, secondo i seguenti criteri: - corrispondenza dei
collegate ai paesi orientali; settori scientifico-disciplinari; - corrispondenza del numero di crediti formativi; ricorrendo, eventualmente, a collo-
• attività di consulenza linguistica nel giornalismo e nella editoria; qui per l’accertamento delle conoscenze effettivamente possedute.
• intermediazione negli istituti di cooperazione internazionale; • Il mancato riconoscimento di crediti sarà adeguatamente motivato (Dm 16 marzo 2007, art. 3, comma 8).
• operatore allo sviluppo in contesti multietnici e multiculturali;
• impiego negli enti provinciali e regionali che si occupano di attività culturali rivolte all’oriente; PERCORSI FORMATIVI PER ACCEDERE ALLA LAUREA
• mediatore nelle trattative economiche internazionali con i paesi orientali; • Il Corso di laurea in Lingue e culture straniere ha durata triennale.
• attività di predisporre nelle agenzie turistiche il materiale pubblicitario adattando testi dei diversi settori culturali for- • Un credito (CFU) corrisponde a 25 ore di lavoro dello studente, comprensive di lezioni frontali e studio individua-
mulati in lingue straniere alle esigenze del pubblico italiano, e viceversa curare analoghi testi in lingua straniera; le, per un totale di circa 3000 ore di studio individuale in tre anni.
• coordinatore linguistico nelle scuole primarie e secondarie; • Il corso si articola in tre curricula dei quali si indicano il numero di esami:
• coordinatore linguistico nell’ambito della educazione permanente; - Linguistico culturale occidentale: 17 esami
• facilitatore linguistico laddove si presentino problemi di integrazione culturale (carceri, ospedali, consultori, co- - Linguistico culturale orientale: 18 esami
muni, scuole). - Linguistico aziendale: 18 esami
La verifica delle conoscenze acquisite avviene tramite esami sia orali che scritti. Il Consiglio di corso si riserva la pos-
Per gli studenti che optano per il Curriculum Linguistico aziendale si segnalano in particolare le seguenti sibilità di accettare certificati di competenza linguistica rilasciati da organizzazioni riconosciute in sostituzione par-
prospettive occupazionali: ziale o totale di prove di esame. Per le diverse attività di avviamento alle realtà lavorative è richiesta l’attestazione
• corrispondenza commerciale con l’estero; di presenza e di assiduità.
• attività di marketing e di comunicazione aziendale;
• esperto linguistico per le pubbliche relazioni con soggetti stranieri; PROSPETTO DELLE ATTIVITA’ FORMATIVE E PIANO DI STUDI DEI CURRICULA
• mediatore nelle trattative economiche internazionali; In neretto sono indicati gli insegnamenti del piano di studio standard.
• redattore di materiale pubblicitario atto a promuovere un prodotto o un servizio all’estero.
CURRICULUM LINGUISTICO CULTURALE OCCIDENTALE (LOC)
REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA PIANO DI STUDI
• possesso dei titoli di studio previsti dalla normativa vigente in materia; I ANNO TAF CFU
• un corredo minimo di conoscenze di carattere generale; 1. Lingua straniera I A B 10
• interesse per le lingue straniere e per il patrimonio storico culturale di cui sono espressione; 2. Lingua straniera I B B 10
• propensione a soggiorni di studio all’estero. 3. Linguistica generale A 10
4. Un insegnamento a scelta tra:
Agli iscritti al corso di laurea si chiederà di dimostrare il possesso delle necessarie competenze culturali e abilità lin- Storia contemporanea A 5
guistiche. A tal fine saranno predisposti appositi test, colloqui o altre idonee forme di verifica, volti sia all’inserimen- Geografia

16 17
vademecum 2009/10 parte generale

5. Letteratura italiana A 10 Note:


1) Lingua straniera A e B possono essere scelte tra Lingua francese, Lingua inglese, Lingua russa, Lingua spagnola e Lingua
6. Filologia della lingua A o B a scelta tra:
tedesca.
Filologia romanza I B 5
2) Tutti gli insegnamenti d’area devono essere collegati alla lingua straniera A o B: Letteratura straniera, Filologia e Cultura del
Filologia germanica I
paese della Lingua A o B. Letteratura inglese è in alternativa con Letteratura anglo-americana. Cultura inglese o Letteratura del
7. Scelta libera D 10 teatro inglese sono in alternativa con Cultura anglo-americana.
3) Per scelta libera si intende un insegnamento liberamente scelto dallo studente, purché coerente con il progetto formativo.
II ANNO Propedeuticità: Gli esami di lingua del 2° e 3° anno possono essere sostenuti solo se è stato superato l’esame di lingua (scritto
1. Lingua straniera II A B 10 e orale) dell’anno precedente (1° e 2° rispettivamente).
2. Lingua straniera II B B 10 Ciò vale anche per coloro che sceglieranno una terza lingua (come scelta libera).
3. Letteratura della lingua straniera A I B 10
4. Un insegnamento a scelta tra (la filologia è relativa alla lingua A o B): PROSPETTO RIASSUNTIVO DELLE ATTIVITA’ FORMATIVE (LOC)
Filologia romanza II Attività formative di base: Totale crediti riservati alle attività di base 25 (min 24)
Filologia germanica II
ambito disciplinare settore CFU
Filologia slava I
C 10 Letteratura italiana e letterature comparate L-FIL-LET/10 Letteratura italiana 10
Storia del teatro e dello spettacolo
Storia e critica del cinema Linguistica, semiotica e didattica delle lingue L-LIN/01 Glottologia e linguistica 10
Storia della musica M-GGR/01 Geografia
Lingua C Discipline storiche, geografiche e socio-antropologiche 5
M-STO/04 Storia contemporanea
5. Un insegnamento a scelta tra:
Letterature comparate Attività formative caratterizzanti: Totale crediti riservati alle attività caratterizzanti 85 (min 66)
C 10
Didattica delle lingue moderne A
Letteratura della lingua straniera B I ambito disciplinare settore CFU
6. Scelta libera D 5 L-LIN/04 Lingua e traduzione - lingua francese
Abilità informatiche F 5 L-LIN/07 Lingua e traduzione - lingua spagnola
Lingue e traduzioni L-LIN/12 Lingua e traduzione - lingua inglese 60
L-LIN/14 Lingua e traduzione - lingua tedesca
III ANNO L-LIN/21 Slavistica
1. Lingua straniera III A B 10 L-LIN/03 Letteratura francese
2. Lingua straniera III B B 10 L-LIN/05 Letteratura spagnola
3. Letteratura della lingua straniera B II B 10 L-LIN/10 Letteratura inglese
Letterature straniere 20
4. Un insegnamento a scelta tra: L-LIN/11 Lingue e letterature anglo-americane
Letteratura teatrale italiana L-LIN/13 Letteratura tedesca
Storia dell’arte moderna C 10 L-LIN/21 Slavistica
Lingua C L-FIL-LET/09 Filologia e linguistica romanza
Discipline filologiche 5
Letteratura della lingua straniera A II L-FIL-LET/15 Filologia germanica
5. Un insegnamento a scelta tra:
Didattica delle lingue moderne B
Filosofia del linguaggio Attività affini ed integrative: Totale crediti riservati alle attività affini ed integrative 40 (min 18)
Oppure un insegnamento d’area della letteratura straniera A o a scelta tra: ambito disciplinare settore CFU
Letteratura francese contemporanea C 10 L-ART/02 Storia dell’arte moderna
Cultura spagnola L-ART/05 Discipline dello spettacolo
Cultura inglese; Letteratura del teatro inglese; Cultura anglo-americana L-ART/06 Cinema, fotografia e televisione
Cultura tedesca L-ART/07 Musicologia e storia della musica
Cultura russa L-FIL-LET/09 Filologia e linguistica romanza
Tirocinio F 5 L-FIL-LET/10 Letteratura italiana
Prova finale (Tesi) E 5 L-FIL-LET/14 Critica letteraria e lett.comparate
L-FIL-LET/15 Filologia germanica
A= Base: 25 CFU - B=caratterizzante: 85 CFU – C=affine: 40 CFU – D=scelta libera: 15 CFU – F=Altre attività: 10 CFU – E=tesi: L-LIN/02 Didattica delle lingue moderne
5 CFU Attività formative affini o integrative L-LIN/03 Letteratura francese 40

18 19
vademecum 2009/10 parte generale

L-LIN/04 Lingua e traduzione - lingua francese III ANNO


L-LIN/05 Letteratura spagnola 1. Lingua orientale III arabo (L-OR/12); cinese (L-OR/21) B 10
L-LIN/07 Lingua e traduzione - lingua spagnola
2. Lingua inglese III B 5
L-LIN/10 Letteratura inglese
L-LIN/11 Lingue e letterature anglo-americane 3. Letteratura inglese B 10
L-LIN/12 Lingua e traduzione - lingua inglese 4. Letteratura della lingua orientale III C 10
L-LIN/13 Letteratura tedesca 5. Un insegnamento a scelta tra:
L-LIN/14 Lingua e traduzione - lingua tedesca Storia dell’arte musulmana (L-OR/11)
L-LIN/21 Slavistica Storia dell’arte cinese (L-OR/20) C 10
M-FIL/05 Filosofia e teoria dei linguaggi Didattica delle lingue moderne
Economia e gestione delle imprese
Altre attività formative (D.M. 270 art.10 §5): Totale crediti altre attività 30 6. Scelta libera D 5
ambito disciplinare CFU Tirocinio F 5
A scelta dello studente 15 Prova finale (Tesi) E 5
Per la prova finale 5
A= Base: 25 CFU - B=caratterizzante: 85 CFU – C=affine: 40 CFU – D=scelta libera: 15 CFU – F=Altre attività: 10 CFU – E=tesi: 5 CFU
Abilità informatiche e telematiche 5
Tirocini formativi e di orientamento 5 Note:
1) Lingua straniera orientale può essere scelta tra arabo e cinese, La lingua europea è quella inglese.
2) Tutti gli insegnamenti d’area devono essere collegati alla lingua straniera orientale scelta
3) Per scelta libera si intende un insegnamento scelto dallo studente, purché coerente con il progetto formativo.
CURRICULUM LINGUISTICO CULTURALE ORIENTALE (LOR) Propedeuticità: Gli esami di lingua del 2° e 3° anno possono essere sostenuti solo se è stato superato l’esame di lingua (scritto
e orale) dell’anno precedente (1° e 2° rispettivamente).
PIANO DI STUDI
I ANNO TAF CFU
1. Lingua orientale I arabo (L-OR/12); cinese (L-OR/21) B 10 PROSPETTO RIASSUNTIVO DELLE ATTIVITA’ FORMATIVE (LOR)
2. Lingua inglese I B 10 Attività formative di base: Totale crediti riservati alle attività di base 25 (min 24)
3. Linguistica generale A 5 ambito disciplinare settore CFU
4. Geografia A 5 Letteratura italiana e letterature comparate L-FIL-LET/10 Letteratura italiana 10
5. Letteratura italiana A 10 Linguistica, semiotica e didattica delle lingue L-LIN/01 Glottologia e linguistica 5
6. Letteratura della lingua orientale I B2; B3 10 Discipline storiche, geografiche e socio- M-GGR/01 Geografia
10
7. Un insegnamento a scelta tra : antropologiche M-STO/04 Storia contemporanea
Storia della Cina (L-OR/23) C 10
Storia dei paesi islamici (L-OR/10) o (SPS/13) Attività formative caratterizzanti: Totale crediti riservati alle attività caratterizzanti 85 (min 66)
ambito disciplinare settore CFU
II ANNO L-LIN/12 Lingua e traduzione - lingua inglese
1. Lingua orientale II arabo (L-OR/12); cinese (L-OR/21) B 10 Lingue e traduzioni L-OR/12 Lingua e letteratura araba 55
2. Lingua inglese II B 10 L-OR/21 Lingue e Letterature della Cina e dell’Asia sud-orientale
3. Letteratura della lingua orientale II B 10 L-LIN/10 Letteratura inglese
Letterature straniere L-OR/12 Lingua e letteratura araba 25
4. Storia contemporanea A 5
L-OR/21 Lingue e Letterature della Cina e dell’Asia sud-orientale
5. Un insegnamento a scelta tra :
L-OR/12 Lingua e letteratura araba
Storia della filosofia e delle religioni in Cina (L-OR/20) C 10 Discipline filologiche 5
L-OR/21 Lingue e Letterature della Cina e dell’Asia sud-orientale
Storia della religione del mondo islamico (L-OR/10)
6. Scelta libera D 10
Abilità informatiche F 5

20 21
vademecum 2009/10 parte generale

2. Lingua straniera III B B 10


Attività affini ed integrative: Totale crediti riservati alle attività affini ed integrative 40 (min 18)
3. Cultura della lingua B B 10
ambito disciplinare settore CFU
4. Un insegnamento a scelta tra:
L-LIN/02 Didattica delle lingue moderne Politica economica europea
L-OR/10 Storia dei paesi islamici C 10
Finanza e impresa
L-OR/11 Archeologia e storia dell’arte musulmana Economia e gestione delle imprese turistiche
L-OR/12 Lingua e letteratura araba
5. Marketing internazionale C 5
Attività formative affini o integrative L-OR/20 Archeologia, storia dell’arte e filosofie dell’Asia orientale 40
L-OR/21 Lingue e Letterature della Cina e dell’Asia sud-orientale Abilità informatiche e telematiche F 3
L-OR/23 Storia dell’Asia orientale e sud-orientale Tirocinio F 7
SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese Prova finale (Tesi) E 5
SPS/13 Storia e istituzioni dell’Africa
A= Base: 25 CFU - B=caratterizzante: 85 CFU – C=affine: 40 CFU – D=scelta libera: 15 CFU – F=Altre attività: 10 CFU – E=tesi: 5 CFU
Altre attività formative (D.M. 270 art.10 §5): Totale crediti altre attività 30
Note:
ambito disciplinare CFU 1) Lingua straniera A e B possono essere scelte tra Lingua francese, Lingua inglese, Lingua russa, Lingua spagnola e Lingua tedesca.
A scelta dello studente 15 2) La cultura del paese della lingua A e B deve essere corrispondente alla lingua scelta. Cultura inglese è in alternativa con Cultura
Per la prova finale 5 anglo-americana.
3) Per scelta libera si intende un insegnamento scelto dallo studente, purché coerente con il progetto formativo.
Abilità informatiche e telematiche 5
Tirocini formativi e di orientamento 5 Propedeuticità: Gli esami di lingua del 2° e 3° anno possono essere sostenuti solo se è stato superato l’esame di lingua (scritto e
orale) dell’anno precedente (1° e 2° rispettivamente).

CURRICULUM LINGUISTICO AZIENDALE (LAZ) PROSPETTO RIASSUNTIVO DELLE ATTIVITA’ FORMATIVE (LAZ)
PIANO DI STUDI Attività formative di base: Totale crediti riservati alle attività di base 25 (min 24)
I ANNO TAF CFU ambito disciplinare settore CFU
1. Lingua straniera I A B 10 Letteratura italiana e letterature comparate L-FIL-LET/10 Letteratura italiana 5
2. Lingua straniera I B B 10 Linguistica, semiotica e didattica delle lingue L-LIN/02 Didattica delle lingue moderne 10
3. Comunicazione d’impresa A 10 Discipline storiche, geografiche e socio-antropologiche SPS/08 Sociologia dei processi culturali e comunicativi 10
4. Economia e gestione delle imprese C 10
5. Cultura italiana A 5
6. Economia aziendale C 5 Attività formative caratterizzanti: Totale crediti riservati alle attività caratterizzanti 85 (min 66)
7. Linguistica generale B 5 ambito disciplinare settore CFU
8. Scelta libera D 5 L-LIN/04 Lingua e traduzione - lingua francese
L-LIN/07 Lingua e traduzione - lingua spagnola
Lingue e traduzioni L-LIN/12 Lingua e traduzione - lingua inglese 60
II ANNO L-LIN/14 Lingua e traduzione - lingua tedesca
1. Lingua straniera II A B 10 L-LIN/21 Slavistica
2. Lingua straniera II B B 10 L-LIN/03 Letteratura francese
3. Cultura della lingua A B 10 L-LIN/05 Letteratura spagnola
4. Comunicazione interculturale A 10 L-LIN/10 Letteratura inglese
Letterature straniere 20
L-LIN/11 Lingue e letterature anglo-americane
5. Marketing C 10
L-LIN/13 Letteratura tedesca
6. Scelta libera D 10 L-LIN/21 Slavistica
Discipline filologiche L-LIN/01 Glottologia e linguistica 5
III ANNO
1. Lingua straniera III A B 10

22 23
vademecum 2009/10 parte generale

Attività affini ed integrative: Totale crediti riservati alle attività affini ed integrative 40 (min 18) • La prova scritta di letteratura italiana è invece sostenibile solo presso la Facoltà, ed intende accertare le compe-
ambito disciplinare settore CFU tenze linguistiche e critiche dello studente. Essa è obbligatoria, ma non preclusiva; lo studente cioè può sostenere
SECS-P/02 Politica economica la prova orale anche prima di aver superato la prova scritta. L’esame sarà però verbalizzato come voto unico quan-
Attività formative affini o integrative SECS-P/07 Economia aziendale 40 do entrambe le prove saranno state superate.
SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese
LINGUE STRANIERE
Altre attività formative (D.M. 270 art.10 §5): Totale crediti altre attività 30 I corsi di lingua francese, inglese, spagnola e tedesca non sono organizzati in base all’anno di iscrizione dello studen-
ambito disciplinare CFU te, ma in base al livello delle competenze linguistiche dello studente (facendo riferimento al framework europeo, si
A scelta dello studente 15 veda più avanti); pertanto all’inizio del I anno di corso è previsto un test di accertamento che non preclude l’iscrizio-
Per la prova finale 5 ne al corso, ma consente la formazione di gruppi classe con un livello di conoscenze linguistiche omogenee.
Abilità informatiche e telematiche 3 I corsi di lingua araba, cinese e russa sono invece organizzati in base all’anno di iscrizione dello studente.
Tirocini formativi e di orientamento 7 L’insegnamento di lingua straniera prevede un corso tenuto dal docente della disciplina (un corso di 30 ore) e le esercita-
zioni di lingua tenute dai lettori e collaboratori ed esperti linguistici (che si svolgono lungo tutto l’anno accademico).

INFORMAZIONI UTILI Per il curriculum linguistico culturale occidentale lo studente dovrà scegliere due tra le seguenti lingue europee (ab-
• Non è previsto l’obbligo di frequenza. Gli studenti non frequentanti sono invitati a mettersi in contatto con i docenti. binate alle rispettive letterature), per ciascuna delle quali sosterrà tre prove scritte e tre prove orali:
• Un insegnamento di 10 CFU corrisponde a 60 ore di lezione. Alcuni insegnamenti possono essere di 30 ore e corrispon- - lingua francese
dere dunque a 5 CFU. La didattica si svolge attraverso lezioni frontali, esercitazioni in laboratorio, relazioni e seminari. - lingua inglese
• Ogni studente è tenuto a presentare (tenendo conto delle indicazioni della Facoltà) il proprio piano di studi per - lingua russa
tutti gli anni del corso e a consegnarlo alla Segreteria della Facoltà entro il 30 novembre. Lo studente al II anno, nel - lingua spagnola
limite delle scelte previste dall’ordinamento didattico della Facoltà, può modificare il proprio piano di studio. Il pia- - lingua tedesca
no non può essere modificato in corso d’anno.
• Nel caso in cui lo studente non consegni il piano di studio entro i termini indicati, il Consiglio di Facoltà applicherà Per il curriculum linguistico culturale orientale lo studente, oltre alla lingua inglese, potrà scegliere una delle seguenti
automaticamente un piano di studio standard. Questo piano dovrà essere seguito per quell’anno accademico e potrà lingue orientali (abbinate alle rispettive letterature), per la quale sosterrà tre prove scritte e tre prove orali:
essere modificato soltanto l’anno successivo. In neretto sono indicati gli insegnamenti del piano di studio standard. - lingua cinese
• Se entra in vigore il piano standard per mancata presentazione di quello individuale, la scelta libera, qualora pre- - lingua araba
vista, deve essere indicata dallo studente nel piano dell’anno successivo.
• La scelta libera dello studente comprende qualsiasi attività formativa della Facoltà o dell’Università di Urbino, pur- Per il curriculum linguistico aziendale lo studente dovrà scegliere due tra le seguenti lingue europee (abbinate alle
ché coerente con il progetto formativo. Per gli esami a scelta libera sostenuti in altre Facoltà, i crediti saranno attri- rispettive culture), per ciascuna delle quali sosterrà tre prove scritte e tre prove orali:
buiti secondo le norme della Facoltà di Lingue e letterature Straniere. - lingua francese
• Nel caso un insegnamento compaia sia nella Facoltà di Lingue e Letterature Straniere, sia in altre Facoltà, lo stu- - lingua inglese
dente di Lingue è tenuto a inserire nel piano di studi e a sostenere l’insegnamento della Facoltà di Lingue. - lingua russa
• Le attività di tirocinio e di orientamento portano a conseguire i CFU indicati nei Piani di studio. I risultati verranno - lingua spagnola
verificati attraverso la presentazione dell’apposita documentazione che attesta le attività svolte e il loro esito. - lingua tedesca
• Il riconoscimento di crediti formativi universitari per le attività lavorative svolte ovvero per le esperienze formati-
ve maturate di livello non universitario potrà essere richiesto, previa presentazione di idonea documentazione, al- ORGANIZZAZIONE ESAMI DI LINGUA STRANIERA (V. calendario accademico)
la Commissione incaricata di valutare i piani di studio. Il riconoscimento di crediti per tali attività non può comun- Durante l’anno accademico vi sono tre sessioni di esami: maggio/luglio (3 appelli orali), settembre/ottobre (2 ap-
que eccedere complessivamente i 60 CFU. pelli orali), gennaio/febbraio (3 appelli orali). In ciascuna sessione d’esame è inoltre previsto un appello per le pro-
• I certificati rilasciati da Istituzioni nazionali e internazionali riconosciute dalla Facoltà possono essere utilizzati dal- ve scritte (incluse le prove di dettato/comprensione orale) di lingua straniera: in maggio, settembre e gennaio.
lo studente per ottenere CFU secondo le modalità stabilite dalla Facoltà. Si possono riconoscere certificati di cono-
scenza linguistica: a) per le lingue curriculari; b) per la scelta libera di una terza lingua. Vengono riconosciuti esclu- Prove scritte
sivamente i certificati rilasciati dalle istituzioni indicate più avanti. Le prove scritte si compongono di più parti, come indicato nelle tabelle di seguito riportate, valide per tutte le lingue straniere:
• La prova scritta degli esami di lingua straniera è sostenibile anche all’estero attraverso il programma Erasmus.

24 25
vademecum 2009/10 parte generale

I anno (curriculum linguistico culturale occidentale, linguistico aziendale) Uso dei dizionari durante le prove scritte:
1. Prova d’ascolto o dettato. 2. Test grammaticale con varie tipologie di esercizi. 3. Comprensione di un testo scritto L’uso dei dizionari (monolingue e bilingue) è consentito solo:
in lingua straniera. 4. Redazione di un testo in lingua straniera (di circa 150 parole per francese, inglese, spagnolo e al II anno per la prova n.3 (comprensione di un testo scritto ed eventuale traduzione) e n.4 (redazione di un testo);
tedesco, di 60 parole per la lingua russa), oppure commento al testo della prova 3 in lingua straniera. al III anno per la prova n.2 (redazione di un testo ed eventuale traduzione)
Le prove scritte del I anno sono uniformate ai livelli di competenza linguistica di seguito indicati:
I anno (curriculum linguistico culturale orientale)
Lingua Livello framework europeo 1. Prova d’ascolto o dettato. 2. Test grammaticale con varie tipologie di esercizi. 3. Comprensione di un testo scritto
Inglese B1 in lingua straniera. 4. Redazione di un testo in lingua straniera (di circa 60 parole per la lingua cinese e araba).
Francese B1 Le prove scritte del I anno sono uniformate ai livelli di competenza linguistica di seguito indicati:
Tedesco B1
Spagnolo B1 Lingua Livello framework europeo
Russo A1 Inglese B1
Arabo* (A1)
Cinese* (A1)
II anno (curriculum linguistico culturale occidentale, linguistico aziendale)
1. Prova d’ascolto o dettato. 2. Test grammaticale con varie tipologie di esercizi. 3. Comprensione di un testo scritto
in lingua straniera (ed eventuale traduzione di una parte di esso in italiano). 4. Redazione di un testo in lingua stra- II anno
niera (di circa 250 parole per francese, inglese, spagnolo, tedesco; di circa 120 parole per russo). 1. Prova d’ascolto o dettato. 2. Test grammaticale con varie tipologie di esercizi. 3. Comprensione di un testo scrit-
Le prove scritte del II anno sono uniformate ai livelli di competenza linguistica di seguito indicati: to in lingua straniera (ed eventuale traduzione di parte di esso in italiano). 4. Redazione di un testo in lingua stra-
niera (di circa 250 parole per inglese, 120 parole per arabo e cinese).
Lingua Livello framework europeo Le prove scritte del II anno sono uniformate ai livelli di competenza linguistica di seguito indicati:
Inglese B2
Francese B2 Lingua Livello framework europeo
Tedesco B2 Inglese B2
Spagnolo B2 Arabo* (A2)
Russo A2 Cinese* (A2)

III anno (curriculum linguistico culturale occidentale, linguistico aziendale) III anno
1. prova d’ascolto. 2. Redazione di un testo in lingua straniera, partendo da un testo in italiano e da un testo in lingua Prova d’ascolto. 2. Test grammaticale con varie tipologie di esercizi (solo per la lingua araba e cinese). 3. Compren-
straniera (ed eventuale traduzione di parti di essi) su uno stesso argomento (di circa 400 parole per le lingue francese, sione di un testo scritto in lingua straniera (ed eventuale traduzione di parte di esso in italiano, solo per la lingua
inglese, spagnolo e tedesco e di circa 170 parole per la lingua russa). 3. Test grammaticale (solo per la lingua russa). araba e cinese). 4. Redazione di un testo in lingua straniera, partendo da un testo in italiano e da un testo in lingua
Le prove scritte del III anno sono uniformate ai livelli di competenza linguistica di seguito indicati: straniera su uno stesso argomento, a scelta tra letteratura e cultura generale o attualità (di circa 400 parole per la
lingua inglese e di circa 170 parole per la lingua araba e cinese).
Lingua Livello framework europeo Le prove scritte del III anno sono uniformate ai livelli di competenza linguistica di seguito indicati:
Inglese C1
Francese C1 Lingua Livello framework europeo
Tedesco C1 Inglese C1
Spagnolo C1 Arabo* (B1)
Russo B1 Cinese* (B1)

*Al momento mancano per la lingua araba e cinese livelli standardizzati di riferimento. Pertanto i livelli indicati fra parentesi
Tempo complessivo a disposizione per le prove n. 2, 3, 4 del I, II e III anno: 4 ore. hanno un valore puramente orientativo.

26 27
vademecum 2009/10 parte generale

Tempo complessivo a disposizione per le prove n. 2, 3, 4 del I, II e III anno: 4 ore. di di Piazza Rinascimento, Via Oddi, PesaroStudi e Via Saffi 2 (Segreteria centrale), sia tramite il sito internet, ove,
nel rispetto della privacy, comparirà soltanto il numero di matricola e la votazione. Non verranno comunicati risul-
Uso dei dizionari tati per telefono.
È consentito l’utilizzo di dizionari monolingue e bilingue come da schema riportato:
Prove orali
Prove/Lingua Inglese Arabo Cinese Gli esami orali non possono essere sostenuti prima della fine del semestre in cui si è svolto il corso.
I anno
Prova d’ascolto o dettato ---- ---- ---- Propedeuticità della lingua straniera
Test Grammaticale ---- Dizionario ---- Se il corso del docente di lingua si è svolto nel primo semestre, le due prove (accertamento linguistico e corso mo-
Comprensione di un testo scritto ---- Dizionario ---- nografico) possono essere sostenute separatamente (lo studente potrà cioè sostenere il solo corso monografico o
Redazione di un testo o commento l’intero esame, a sua discrezione) nella sola sessione d’esame di gennaio-febbraio dell’annualità d’iscrizione; l’esa-
---- Dizionario ---- me sarà comunque registrato solo una volta superato anche l’accertamento linguistico. Qualora il risultato dell’esa-
alla prova 3
II anno me del corso monografico sia positivo, esso sarà considerato valido anche negli altri appelli d’esame successivi.
Prova d’ascolto* ---- ---- ---- In tutti gli altri appelli d’esame, l’accertamento linguistico dovrà precedere l’esame orale relativo al corso mono-
Test Grammaticale ---- Dizionario ---- grafico, ed entrambe le prove saranno consentite, ad eccezione del I anno, solo dopo aver superato la prova scrit-
Comprensione di un testo scritto ta, secondo la sequenza:
Dizionario Dizionario Dizionario esame scritto, accertamento linguistico ed infine corso monografico.
(eventuale traduzione)
Redazione di un testo Dizionario Dizionario Dizionario Lo studente che non supera un esame non può presentarsi all’appello immediatamente successivo nella stessa
III anno sessione.
Prova d’ascolto ---- ---- ---- Nei casi particolari relativi al possesso di certificati di conoscenza della lingua, rilasciati da istituzioni estere ricono-
Redazione di un testo (eventuale sciute, lo studente che ha la convalida dell’accertamento linguistico e della prova scritta potrà sostenere il solo esa-
Dizionario Dizionario Dizionario me orale sul corso monografico con il docente di lingua in qualsiasi sessione utile.
traduzione)
Test Grammaticale** Dizionario Le prove di lingua del 2° e del 3° anno possono essere sostenute solo dopo aver completato l’esame integrale (pro-
va scritta, accertamento linguistico, corso monografico) del precedente anno di corso.
* Per la lingua araba dettato senza vocalizzazione
** Esclusa la lingua inglese L’iscrizione alle prove orali è possibile on-line nelle liste disponibili sul sito http://www.uniurb.it/lingue. L’iscrizio-
Le prove di ascolto (dettato o comprensione) si svolgono all’inizio della sessione degli esami scritti e il risultato di ne si apre al momento in cui sono ufficialmente disponibili le date degli appelli e si chiude due giorni lavorativi pri-
tale prova sarà parte integrante dell’esame scritto. ma della data fissata per l’appello.
La prova scritta sarà considerata superata solo se nessuna parte ha una votazione inferiore a 10/30 (per arabo, ci- Non si accettano iscrizioni on-line in cui non sia indicato il numero di matricola.
nese e russo) e 12/30 (per francese, inglese, spagnolo e tedesco) e solo se la media di tutte le parti supera la suf- Gli studenti iscritti che decidano di non presentarsi all’esame sono vivamente invitati a cancellare la propria iscri-
ficienza (18/30). Il voto della prova scritta resta valido per due anni. La votazione positiva conseguita nella prova zione.
scritta non può essere rifiutata e quindi l’esame non può essere reiterato.
Il voto unico scaturito dalla prova scritta contribuirà per un terzo al voto finale dell’esame di lingua, che sarà calco- Conoscenza di una terza lingua
lato con una media di tre votazioni: voto della prova scritta, voto del colloquio di accertamento linguistico (con let- Il curriculum Linguistico culturale occidentale è costruito in modo da poter inserire nel piano di studio fino a tre an-
tore o collaboratore ed esperto linguistico), voto del colloquio sul corso monografico con il docente. nualità di una terza lingua come scelta libera. Anche nel caso di tale scelta vale la propedeuticità tra le annualità.
L’iscrizione alle prove scritte e alle prove di comprensione/dettato può essere effettuata solo on-line alle liste disponi- La facoltà può convalidare i certificati di conoscenza linguistica acquisiti presso le istituzioni europee autorizzate, tenen-
bili sul sito http://www.uniurb.it/lingue e non si accettano iscrizioni in cui non sia indicato il numero della matricola. do conto del livello e della data in cui è stato conseguito il certificato (vedi informazioni dettagliate più avanti).
L’iscrizione si apre nel momento in cui sono ufficialmente disponibili le date degli appelli e si chiude improrogabil-
mente il giorno indicato in calce nel calendario delle prove scritte. La data di chiusura delle liste riguarda sia le pro-
ve di comprensione sia le prove scritte. Queste regole valgono anche per gli studenti del vecchio ordinamento.
E’ possibile iscriversi a più esami nella stessa sessione. Non è però possibile sostenere una prova scritta di lingua
straniera se non è stato superato l’esame scritto e orale dell’anno precedente per la stessa lingua.
E’ possibile conoscere i risultati delle prove scritte sia prendendone visione nelle liste affisse in bacheca nelle se-

28 29
vademecum 2009/10 parte generale

TIROCINI FORMATIVI Gli argomenti trattati saranno differenti per il curriculum occidentale e quello orientale, nello specifico
- per l’occidentale: alfabetizzazione informatica di base, sistema operativo Windows, le reti informatiche (internet e
Curriculum Attività di tirocinio. . . . . . . . . . . . . . . . . . CFU posta elettronica), Microsoft Word e Microsoft Excel (per un totale di 5 CFU).
Linguistico aziendale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Almeno 200 ore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7 - per l’orientale: alfabetizzazione informatica di base, sistema operativo Windows, le reti informatiche (internet e posta
Linguistico culturale occidentale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Almeno 120 ore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
elettronica), Microsoft Word (per 3 CFU) e seminari di informatica corrispondenti alla lingua orientale (per 2 CFU).
Linguistico culturale orientale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Almeno 120 ore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

Le verifiche si svolgeranno tre volte all’anno, dopo le sessioni degli esami scritti. Se tutte le prove non saranno su-
Attività di tirocinio e stage perate entro lo stesso anno accademico, le stesse verranno a decadere.
Per il corso di laurea in Lingue e culture straniere, il programma degli studi prevede obbligatoriamente al terzo an- Al termine della sessione di prove, il Tecnico consegnerà alla Segreteria Studenti le liste degli studenti che han-
no un tirocinio presso enti, istituzioni, scuole ed aziende di diversi settori sia nazionali che internazionali. Il tirocinio no superato le prove, al fine di registrare i crediti acquisiti entro i termini di presentazione della domanda di bor-
comporta un impegno in termini di ore a partire da un minimo di 120 - 200 secondo le indicazioni fornite in ta- sa di studio.
bella per ogni curriculum (vedi sopra) e sarà preceduto da 3 seminari dedicati a Curriculum Vitae, Colloquio di la-
voro e Preparazione allo stage. L’attività di tirocinio comprenderà pertanto la partecipazione ai seminari introdutti- I crediti richiesti sono così distribuiti:
vi (che si terranno durante il secondo anno di corso), l’eventuale elaborazione di progetti da proporre presso l’en- per il curriculum linguistico culturale occidentale: 5 CFU al secondo anno
te ospitante (prevalentemente per il tirocinio glottodidattico e di mediazione culturale) le ore di presenza presso per il curriculum linguistico culturale orientale: 5 CFU al secondo anno
l’ente, la redazione delle relazioni finali.
La selezione dell’ente ospitante sarà concordata dall’ufficio stage in collaborazione con lo studente tramite un col- Curriculum linguistico-aziendale
loquio personale. Il percorso didattico intende presentare le nozioni teoriche di base dell’informatica e favorire l’acquisizione delle
Gli studenti lavoratori e coloro che hanno effettuato esperienze formative coerenti con i loro piani di studio possono abilità operative essenziali sugli strumenti a più larga diffusione attraverso la trattazione dei seguenti argomenti: ca-
presentare apposita documentazione relativamente alla tipologia e durata della loro attività che verrà valutata dalla ratteristiche ed evoluzione delle ICT, organizzazione dei sistemi di calcolo, ambiente Windows, elaborazione di te-
Facoltà per il riconoscimento del tirocinio. Si precisa che non saranno possibili convalide parziali di tirocinio. sti e fogli elettronici, Internet e ricerca di informazioni in rete.
L’insegnamento si articola in sessioni comuni ed esercitazioni di laboratorio; la verifica finale di idoneità, che consente
Referenti stage: di acquisire 3 CFU al terzo anno, è costituita da una prova pratica seguita da un colloquio sul programma svolto.
• Curriculum Linguistico aziendale: prof. Marco Cioppi Per gli studenti del curriculum “linguistico aziendale”, anche se in possesso della patente ECDL, non è previsto l’eso-
• Curriculum Linguistico occidentale: prof.ssa Flora Sisti nero dell’idoneità di “abilità informatiche e telematiche”.
• Curriculum Linguistico orientale: prof.ssa Alessandra Brezzi, prof.ssa Anna Maria Medici
PROVA FINALE
Contatti: Dott.ssa Maria Concetta Tagarelli (stage.lingue@uniurb.it). La prova finale ha valore di CFU 5. Essa consiste nella elaborazione di un testo di circa trenta pagine, coerente e
ben argomentato, su temi attinenti il percorso prescelto e prevede l’utilizzo prevalente di testi in lingua straniera; la
ABILITA’ INFORMATICHE discussione si terrà parzialmente in lingua straniera.
La Facoltà ha predisposto esercitazioni pratiche per preparare gli studenti alla verifica delle conoscenze informatiche. Per i curricula linguistico culturale occidentale e linguistico culturale orientale la tesi potrà essere svolta in qualun-
que disciplina prevista nel piano di studi, purché l’argomento verta su tematiche attinenti all’area linguistica, storica
Curriculum Linguistico culturale occidentale e orientale e culturale di una delle due lingue triennali. Per il curriculum linguistico-aziendale l’argomento della tesi deve esse-
Gli studenti in possesso della patente ECDL (European Computer Driving Licence) sono esonerati dalla frequen- re inerente ad una delle discipline presenti nel piano di studi del candidato.
za alle esercitazioni (tranne quelli iscritti al curriculum orientale che dovranno seguire obbligatoriamente i semina- La tesi dovrà essere accompagnata da due riassunti (di circa due pagine ciascuno), uno in italiano e uno in una del-
ri di informatica corrispondente alla lingua orientale) sono tenuti però a depositare, entro 2 anni dal conseguimen- le due lingue studiate. La redazione dei riassunti è compito esclusivo dello studente.
to, copia autenticata della patente ECDL presso la Segreteria Studenti per la convalida dei crediti previsti dal pro- Sia la tesi che i riassunti dovranno essere redatti con un carattere a scelta (es. Times New Roman) di dimensione
prio piano di studio. 14, 24 righe per pagina, lunghezza della riga di 15 cm e interlinea 1,5. Non sono compresi nel conteggio delle pa-
La richiesta di convalida della patente informatica ECDL deve essere presentata assieme al piano degli studi, en- gine l’indice, la bibliografia ed eventuali appendici alla tesi (testi originali non pubblicati, interviste, statistiche, ma-
tro il 30 novembre. teriale illustrativo).
Le verifiche hanno luogo nelle Aule di Informatica della Facoltà di Lingue secondo le regole e le date comunicate La tesi verrà discussa davanti ad una commissione composta da almeno 5 docenti, ed è presieduta dal preside o
dal Tecnico informatico, e dovranno essere svolte entro l’anno di corso previsto dal piano di studio dello studente, da un professore di ruolo da lui delegato. La votazione finale è espressa in centodecimi; il punteggio minimo è pa-
al fine della registrazione dei relativi crediti. ri a 66/110. La commissione può attribuire la lode con votazione all’unanimità. In tale sede sarà verificata anche

30 31
vademecum 2009/10 parte generale

la competenza linguistica del candidato in base ai criteri del Common European Framework e ad altri standard in- REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA
ternazionali. MAGISTRALE IN LINGUE PER SCUOLE, SPETTACOLI E LIBRI
(Classe LM-37)
Il foglio tesi dovrà essere consegnato, entro i termini stabiliti dall’ateneo per ogni sessione di laurea, alla segreteria
studenti della Facoltà; esso dovrà essere firmato dal docente che si impegna a seguire la tesi e dal Presidente del OBIETTIVI FORMATIVI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI
Corso di laurea. Sul foglio tesi deve essere indicato che lo studente ha superato l’esame scritto di Letteratura italia- Il corso vuole essere un percorso formativo di alto livello sia per contenuti sia per la metodologia dell’insegnamen-
na qualora sia previsto dal piano di studio. to delle lingue e delle relative culture. Non intende dunque essere solo un completamento e un approfondimen-
La domanda di ammissione agli esami di laurea, diretta al Rettore, valida soltanto per un anno accademico, deve to del percorso di primo livello, ma un’offerta formativa nuova che, pur avendo come nucleo centrale l’approfon-
essere presentata presso la segreteria studenti. dimento degli strumenti linguistici, ne orienti l’apprendimento con finalità e metodologie nuove e sia in grado di
preparare ad una futura attività di ricerca o all’inserimento nel mondo professionale.
Tale domanda va presentata entro i seguenti termini:
- sessione estiva: 1° aprile Il corso fornirà agli studenti competenze linguistiche avanzate, conoscenze approfondite delle letterature e delle cul-
- sessione autunnale: 1° settembre ture dei paesi in cui esse sono parlate, nonché strumenti metodologici dell’ambito linguistico e glottodidattico.
- sessione straordinaria: 1° dicembre
Sono previsti tre curricula:
Per qualsiasi problema di carattere amministrativo, rivolgersi sempre alla segreteria studenti. - Una lingua: testi e contesti
- Organizzazione dello spettacolo dal vivo
Lo studente, prima di consegnare in segreteria la tesi di laurea, deve ottenere un’approvazione formale da parte del - Linguistica e didattica delle lingue
relatore; di norma tale approvazione consisterà in un visto e nella firma del relatore sul frontespizio della tesi.
Essi rispondono all’esigenza di articolare il corso a seconda degli sbocchi professionali verso i quali lo studente inten-
PERCORSO E MODALITA’ A TEMPO PARZIALE de orientarsi. Il primo intende offrire gli strumenti storici e teorico-metodologici per una approfondita visione d’insie-
1. In via sperimentale e in deroga alle disposizioni precedenti, è consentita l’iscrizione part-time al corso di laurea, me della realtà storico-letteraria, socio-culturale e artistica legata alla lingua scelta dallo studente; il secondo mira, at-
che comporta la possibilità di articolare su cinque anni il percorso formativo. traverso attività teoriche e pratiche, a consentire la gestione e l’organizzazione di attività culturali legate alla impresa
2. L’iscrizione part-time consente di acquisire fino a 40 CFU per ogni annualità ed è considerato ripetente lo stu- spettacolo; il terzo consente, attraverso l’analisi e la conoscenza dei fenomeni linguistici, di operare come facilitatori
dente che non abbia acquisito almeno 60 CFU al termine del secondo anno, 90 CFU al termine del terzo anno e linguistici in contesti di immigrazione e integrazione culturale. Consente altresì di raggiungere la formazione profes-
120 CFU al termine del quarto anno. sionale indispensabile per operare nell’ambito della didattica delle lingue e della educazione permanente.
3. Il passaggio da tempo pieno a tempo parziale deve essere effettuato al momento dell’iscrizione ed una sola vol-
ta nella carriera dello studente. Spetta alla Commissione Piani di Studio stabilire, sulla base dei crediti già acquisiti Il corso di laurea magistrale in Lingue per scuole, spettacoli e libri permette di acquisire:
dallo studente, a quale anno di corso iscriverlo. • competenze linguistiche avanzate nell’ambito della comunicazione interculturale;
4. Per essere ammessi a sostenere gli esami del terzo anno, gli studenti devono aver acquisito al termine del terzo • strumenti metodologici e critici atti a confrontare lingue e culture diverse;
anno di iscrizione almeno 80 CFU nelle discipline delle attività di base e caratterizzanti. • strumenti teorici per una visione d’insieme dei fenomeni linguistico culturali;
5. Allo studente a tempo parziale si applica, con le eccezioni di cui ai precedenti commi, lo stesso Piano di Studi uf- • strumenti teorico metodologici inerenti all’ambito glottodidattico;
ficiale del Corso di laurea previsto per gli studenti a tempo pieno. • conoscenze approfondite delle letterature, delle culture dei paesi delle lingue studiate in prospettiva comparatistica;
I Piani di Studio sono reperibili presso la Segreteria Studenti. • strumenti metodologici e critici atti a comprendere ed interpretare realtà complesse dal punto di vista della inte-
grazione culturale;
• una preparazione approfondita per continuare gli studi in una possibile attività di ricerca;
• strumenti linguistici e metodologici atti ad operare nel campo della educazione e della educazione permanente;
• una preparazione valida per poter programmare e gestire attività culturali nel settore privato e pubblico;
• una preparazione valida dal punto di vista linguistico aziendale per poter organizzare spettacoli dal vivo ed espo-
sizioni di carattere nazionale e internazionale.

32 33
vademecum 2009/10 parte generale

PROFILI PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO REQUISITI DI ACCESSO AI CORSI DI LAUREA MAGISTRALE


Prospettive occupazionali e professionali previste per i laureati • Per essere ammessi al corso di laurea magistrale in Lingue per scuole, spettacoli e libri gli studenti devono esse-
Il corso in Lingue per scuole, spettacoli e libri mira a formare delle specifiche figure professionali: re in possesso di diploma di laureaquadriennale o triennale o diploma universitario di durata triennale, nonché ti-
- Specialisti in scienze umane, sociali e gestionali; toli equipollenti conseguiti all’estero ai sensi della normativa vigente.
- Specialisti della formazione, ricerca ed assimilati • Possono accedere al corso i laureati delle classi L11 (di cui al D.M. 509/99 e D.M. 270/04), nonché i laureati in
lingue con titolo quadriennale, a condizione che le lingue di specializzazione già studiate nel corso di studio trien-
Il corso prepara alle professioni di: nale coincidano con quelle scelte per il corso di laurea magistrale.
• Redattori di testi tecnici; • Per i laureati provenienti da altri corsi di laurea si richiedono conoscenze linguistiche che, secondo il quadro di riferi-
• Interpreti e traduttori a livello elevato; mento europeo per le lingue, corrispondano al livello C1 per le lingue inglese, spagnolo, tedesco, francese e, secondo
• Linguisti e filologi; standard internazionali, a livello B1 per le lingue arabo, cinese e russo (qualora attivate), dimostrabili attraverso un cer-
• Docenti universitari in scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche ; tificato di laurea triennale oppure attraverso certificati conseguiti presso Istituti ed Enti Certificatori riconosciuti.
• Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze dell'antichità, filologico-letterarie, storiche, filosofiche, pedagogiche, psi- • Per i candidati che non siano in possesso dei titoli o dei certificati linguistici sopra indicati, sono previsti test fina-
cologiche e giuridiche; lizzati alla verifica del livello delle competenze linguistiche.
• Professori di scuola secondaria superiore; • Gli studenti che intendono iscriversi alla LM in Lingue per scuole, spettacoli e libri dovranno aver sostenuto esami
• Professori di scuola secondaria inferiore; nei Settori Scientifico Disciplinari di letteratura, storia della cultura straniera e italiana per almeno 20 CFU.
• Formatori ed esperti nella progettazione formativa e curriculare. • In mancanza di tali requisiti, il candidato deve superare test finalizzati alla verifica delle conoscenze nei settori so-
pra citati.
Per gli studenti che optano per il curriculum Una lingua: testi e contesti si segnalano in particolare le seguenti pro- • Il consiglio di corso di laurea si riserva il diritto di valutare, ai sensi della normativa vigente in materia, attraverso un’ap-
spettive occupazionali: posita commissione, i certificati di lavoro o altri certificati presentati a fini del riconoscimento dei requisiti di accesso.
• specialisti da utilizzare nei settori dei servizi culturali e nelle istituzioni di scambio tra paesi europei ed extraeuropei; • Il riconoscimento delle eventuali equipollenze di titoli di studio conseguiti all’estero è determinato dalle leggi in vigore.
• specialisti da utilizzare nelle rappresentanze diplomatiche e consolari e nelle organizzazioni internazionali gover- • Il consiglio di corso di laurea si riserva inoltre il diritto, attraverso la commissione sopra citata, di individuare an-
native e non governative; che casi di elevata preparazione di candidati provenienti da percorsi formativi non perfettamente coerenti con i re-
• specialisti da utilizzare nelle istituzioni scolastiche integrate; quisiti richiesti in ingresso. La commissione esaminerà il curriculum individuale del singolo candidato in termini di
• specialisti da utilizzare nelle strutture di promozione culturale e turistica; conoscenze e competenze e potrà permettere l’accesso diretto alla laurea magistrale.
• ricercatori e docenti universitari in Lingue e Culture europee ed extraeuropee.
MODALITÀ PER IL TRASFERIMENTO DA ALTRI CORSI DI STUDIO
Per gli studenti che optano per il curriculum Organizzazione dello spettacolo dal vivo si segnalano in particolare le • Il Consiglio di Corso di Laurea nomina una commissione preposta alla valutazione dei trasferimenti di studen-
seguenti prospettive occupazionali: ti da altri corsi di laurea
• organizzazione congressuale di eventi culturali; • Nel caso in cui il trasferimento dello studente sia effettuato fra corsi di laurea appartenenti alla medesima classe, la
• servizi culturali dei comuni; quota di crediti relativi al medesimo SSD direttamente riconosciuti allo studente non sarà inferiore al 50% di quelli
• uffici stampa dei teatri; già maturati. Nel caso in cui il corso di provenienza sia svolto con modalità a distanza, la quota minima del 50% sa-
• consulenza linguistica e organizzativa nei settori di performing arts; rà riconosciuta solo se il corso di provenienza risulta accreditato (Dm 16 marzo 2007, art. 3, comma 9);
• servizi di gestione e sviluppo nei settori di comunicazione di massa; • Relativamente al trasferimento degli studenti da un corso a un altro o da un’Università a un’altra verrà assicura-
• industria culturale di settore. to il riconoscimento del maggior numero possibile dei Cfu già maturati dallo studente, secondo i seguenti criteri: -
corrispondenza dei settori scientifico-disciplinari; - corrispondenza del numero di crediti formativi; anche ricorren-
Per gli studenti che optano per il curriculum Linguistica e didattica delle lingue si segnalano in particolare le se- do, eventualmente, a colloqui per la verifica delle conoscenze effettivamente possedute.
guenti prospettive occupazionali: • Il mancato riconoscimento di crediti sarà adeguatamente motivato ((Dm 16 marzo 2007, art. 3, comma 8).
• settori dell’editoria destinata all’apprendimento delle lingue; • Chi intende chiedere il riconoscimento dei crediti formativi universitari acquisiti in altri corsi di laurea di qualsiasi
• formazione educativa finalizzata all’apprendimento della lingua straniera sia nell’ambito scolastico che in quello Ateneo deve presentare alla Commissione incaricata di valutare i piani di studio individuali idonea documentazio-
della educazione permanente; ne che, consenta di stabilire la corrispondenza dei crediti suddetti con quelli previsti dal Piano di studio della laurea
• servizi locali per l’immigrazione, carceri, tribunali, consultori; magistrale in Lingue per scuole, spettacoli e libri. Il riconoscimento viene deliberato dal Consiglio di Facoltà.
• istituzioni culturali nazionali o locali preposte a favorire l’integrazione culturale;
• scuole e centri di attività educativa permanente.

34 35
vademecum 2009/10 parte generale

3. Critica letteraria e letterature comparate B 10


PERCORSI FORMATIVI PER ACCEDERE ALLA LAUREA
Laboratorio di lingua italiana e analisi dei testi F 10
• Il corso di laurea in Lingue per scuole, spettacoli e libri ha durata biennale e prevede l’acquisizione di 120 CFU
Prova finale (Tesi) E 20
da parte degli studenti.
B=caratterizzante: 60 CFU – C=affine: 20 CFU – D=scelta libera: 10 CFU – F=laboratorio: 10 CFU – E=tesi: 20 CFU
• Gli esami previsti per i singoli curricula sono:
- Una lingua: Testi e contesti: 10 esami Note: 1. La Lingua straniera può essere scelta tra Lingua francese, Lingua inglese, Lingua spagnola e Lingua tedesca.
- Organizzazione dello spettacolo dal vivo: 11 esami 2. Tutti gli insegnamenti d’area devono essere collegati alla lingua straniera scelta: Letteratura straniera, Filologia e Rapporti
- Linguistica e didattica delle lingue: 11 esami interculturali del paese della Lingua A. Letteratura inglese è in alternativa con Letteratura anglo-americana. Rapporti interculturali
Le modalità di verifica consisteranno in esami scritti e orali, nella valutazione di elaborati, progetti e attività prati- della Gran Bretagna è in alternativa con Rapporti interculturali dell’America anglofona.
che degli studenti. 3. La scelta libera dello studente è del tutto libera, purché coerente con il progetto formativo.
• Un credito (CFU) corrisponde a 25 ore di lavoro dello studente comprensive di lezioni frontali e studio individua- Propedeuticità: La prova di Lingua del 2° anno può essere sostenuta solo dopo aver completato l’esame di Lingua (scritto e
le. Per il raggiungimento dei 120 CFU per il conseguimento del titolo di laurea magistrale sono previste in totale cir- orale) del 1° anno.
ca 2000 ore di studio personale o altre attività formative di tipo individuale.
PROSPETTO DELLE ATTIVITA’ FORMATIVE (M1A)
PROSPETTO DELLE ATTIVITA’ FORMATIVE E PIANO DI STUDI DEI CURRICULA Attività formative caratterizzanti: Totale crediti riservati alle attività caratterizzanti 60 (min 48)
Ferma restando la facoltà della struttura didattica responsabile di derogare dal piano proposto, ovvero di attivare o ambito disciplinare settore CFU
non attivare insegnamenti dei settori scientifico-disciplinari sotto indicati, il Corso di laurea Magistrale in Lingue per L-LIN/03 Letteratura francese
scuole, spettacoli e libri prevede il seguente piano di attività formative, distinte per settori scientifico disciplinari di L-LIN/04 Lingua e traduzione - lingua francese
riferimento con indicazione dei CFU corrispondenti. L-LIN/05 Letteratura spagnola
In neretto sono indicati gli insegnamenti del piano di studio standard. L-LIN/07 Lingua e traduzione - lingua spagnola
Lingue e Letterature moderne L-LIN/10 Letteratura inglese 30
L-LIN/11 Lingue e letterature anglo-americane
CURRICULUM - UNA LINGUA: TESTI E CONTESTI (M1A) L-LIN/12 Lingua e traduzione - lingua inglese
PIANO DI STUDI L-LIN/13 Letteratura tedesca
I ANNO TAF CFU L-LIN/14 Lingua e traduzione - lingua tedesca
1. Lingua straniera I A B 10 L-FIL-LET/09 Filologia e linguistica romanza
Metodologie linguistiche, filologiche,
L-FIL-LET/14 Critica letteraria e letterature comparate 20
2. Letteratura della lingua straniera I B 10 comparatistiche e della traduzione letteraria
L-FIL-LET/15 Filologia germanica
3. Un insegnamento di filologia della lingua A tra
Discipline linguistico-letterarie, artistiche,
Filologia e storia delle lingue romanze B 10
storiche, demoetnoantropologiche e M-STO/04 Storia contemporanea 10
Filologia e storia delle lingue germaniche
filosofiche
4. Storia contemporanea (del paese di specializzazione) B 10
5. Storia dell’arte moderna (del paese di specializzazione) C 5
6. Un insegnamento a scelta tra: Attività affini ed integrative: Totale crediti riservati alle attività affini ed integrative 20 (min 12)
Geografia (del paese di specializzazione) ambito disciplinare settore CFU
Oppure un insegnamento di rapporti interculturali del paese di specializzazione tra
Rapporti interculturali della Francia C 5 L-ART/02 Storia dell’arte moderna
Rapporti interculturali della Germania L-LIN/03 Letteratura francese
Rapporti interculturali della Gran Bretagna; Rapporti interculturali dell’America anglofona L-LIN/05 Letteratura spagnola
Rapporti interculturali della Spagna Attività formative affini o integrative L-LIN/10 Letteratura inglese 20
L-LIN/11 Lingue e letterature anglo-americane
7. Scelta libera D 10 L-LIN/13 Letteratura tedesca
M-GGR/01 Geografia
II ANNO TAF CFU
1. Lingua straniera II A B 10
2. Letteratura della lingua straniera II C 10

36 37
vademecum 2009/10 parte generale

Altre attività formative (D.M. 270 art.10 §5): Totale crediti altre attività 40 PROSPETTO DELLE ATTIVITA’ FORMATIVE (M1B)
ambito disciplinare CFU Attività formative caratterizzanti: Totale crediti riservati alle attività caratterizzanti 60 (min 48)
A scelta dello studente 10 ambito disciplinare settore CFU
Per la prova finale 20 L-LIN/10 Letteratura inglese
Lingue e Letterature moderne 30
Altre conoscenze utili per l’inserimento nel mondo del lavoro 10 L-LIN/12 Lingua e traduzione - lingua inglese
Metodologie linguistiche,
L-FIL-LET/14 Critica letteraria e letterature comparate
filologiche, comparatistiche e 20
M-FIL/05 Filosofia e teoria dei linguaggi
CURRICULUM ORGANIZZAZIONE DELLO SPETTACOLO DAL VIVO (M1B) della traduzione letteraria
PIANO DI STUDI Discipline linguistico-
letterarie, artistiche, storiche,
I ANNO TAF CFU L-ART/02 Storia dell’arte moderna 10
demoetnoantropologiche e
1. Lingua inglese I B 10 filosofiche
2. Letteratura inglese B 10
3. Storia dell’arte moderna B 10 Attività affini ed integrative: Totale crediti riservati alle attività affini ed integrative 20 (min 12)
4. Organizzazione, strategia e gestione dell’impresa spettacolo C 5 ambito disciplinare settore CFU
5. Economia e gestione delle imprese C 5 IUS/04 Diritto commerciale
6. Un insegnamento a scelta tra: Attività formative affini o L-ART/05 Discipline dello spettacolo
20
Storia del teatro e dello spettacolo integrative SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese
C 5 SPS/08 Sociologia dei processi culturali e comunicativi
Storia del mimo e della danza
Musica per lo spettacolo 
7. Letterature comparate: metodologie e analisi dello spettacolo B 10 Altre attività formative (D.M. 270 art.10 §5): Totale crediti altre attività 40
8. Scelta libera D 5 ambito disciplinare CFU
A scelta dello studente 10
II ANNO TAF CFU Per la prova finale 20
1. Lingua inglese II B 10 Tirocini formativi e di orientamento 10
2. Filosofia del linguaggio: multidisciplinarità dei linguaggi B 10
3. Legislazione dello spettacolo C 5
4. Scelta libera D 5 CURRICULUM LINGUISTICA E DIDATTICA DELLE LINGUE (M1C)
Tirocinio* F 10 PIANO DI STUDIO
Prova finale (Tesi) E 20 I ANNO TAF CFU
1. Lingua straniera I A C 10
B=caratterizzante: 60 CFU – C=affine: 20 CFU – D=scelta libera: 10 CFU – F=laboratorio: 10 CFU – E=tesi: 20 CFU
2. Lingua straniera I B AF 10
Note: 1. La Lingua straniera è quella inglese. 3. Storia contemporanea C 10
La scelta libera dello studente è del tutto libera, purché coerente con il progetto formativo. 4. Un insegnamento a scelta tra:
* Affiancherà le attività di tirocinio un workshop permanente per le arti dello spettacolo: drammaturgia, danza, musica. Nei Linguistica generale
C 10
mesi di attività didattica, a partire da novembre, la Facoltà di Lingue propone, a cadenza mensile, una giornata composta da Didattica delle lingue moderne
azioni integrate (workshop, incontri, spettacoli) dedicate ai protagonisti delle diverse arti della scena. Gli appuntamenti saranno Filosofia del linguaggio
comunicati sul sito della Facoltà e dell’AMAT. 5. Un insegnamento a scelta tra:
Propedeuticità: La prova di Lingua del 2° anno può essere sostenuta solo dopo aver completato l’esame di Lingua (scritto e Letteratura anglo-americana
orale) del 1° anno. Letteratura francese
B 10
Letteratura inglese
Letteratura spagnola
Letteratura tedesca
6. Scelta libera D 10

38 39
vademecum 2009/10 parte generale

II ANNO TAF CFU


INFORMAZIONI UTILI
1. Lingua straniera II A B 10
• Il corso di laurea magistrale non prevede l’obbligo di frequenza delle lezioni. Gli studenti non frequentanti sono
2. Lingua straniera II B C 10
invitati a mettersi in contatto con i docenti.
3. Scelta tra: • Gli esami scritti delle lingue straniere possono essere sostenuti attraverso il programma Erasmus.
Didattica dell’Italiano L2 B 10
Didattica delle lingue moderne (CLIL) • Gli insegnamenti da 5 CFU prevedono 20 ore di lezione frontale e 105 ore di studio individuale. Gli insegnamenti da 10
CALL - Laboratorio F 10
CFU prevedono 30 ore di lezione frontale e 220 ore di studio individuale. Per gli insegnamenti di lingua straniera il numero
Prova finale (Tesi) E 20
di ore di lezioni frontali è in ogni caso 30; verranno organizzate inoltre esercitazioni linguistiche che in combinazione con lo
studio individuale ammontano a 220 ore per gli insegnamenti da 10 CFU e a 95 per gli insegnamenti da 5 CFU.
B=caratterizzante: 60 CFU – C=affine: 20 CFU – D=scelta libera: 10 CFU – F=laboratorio: 10 CFU – E=tesi: 20 CFU
PRESENTAZIONE PIANO DI STUDI
Note: 1) Lingua straniera A e B possono essere scelte tra Lingua francese, Lingua inglese, Lingua spagnola e Lingua tedesca. Ogni studente è tenuto a presentare (tenendo conto delle indicazioni in merito della Facoltà) il proprio piano di
2) La scelta libera dello studente è del tutto libera, purché coerente con il progetto formativo.
Propedeuticità: Le prove di Lingua del 2° anno possono essere sostenute solo dopo aver completato l’esame di Lingua del 1° anno.
studi per tutti gli anni del corso e a consegnarlo alla Segreteria Studenti della Facoltà entro e non oltre il 30 novem-
bre. Lo studente al II anno, nel limite delle scelte previste dall’ordinamento didattico della Facoltà, può modificare
PROSPETTO DELLE ATTIVITA’ FORMATIVE (M1C) il proprio piano di studio. Il piano non può essere modificato in corso d’anno.
Attività formative caratterizzanti: Totale crediti riservati alle attività caratterizzanti 60 (min 48) La commissione dei piani di studio formata da proff. Morisco, Sisti, Vogt è a disposizione degli studenti per la com-
ambito disciplinare settore CFU pilazione durante gli orari di ricevimento dei singoli docenti.
L-LIN/03 Letteratura francese Nel caso in cui lo studente non consegni il piano di studio entro i termini indicati, il Consiglio di Facoltà applicherà
L-LIN/04 Lingua e traduzione - lingua francese automaticamente un piano di studio standard che potrà essere modificato soltanto l’anno successivo.
L-LIN/05 Letteratura spagnola Se entra in vigore il piano standard per mancata presentazione di quello individuale, la scelta libera, qualora previ-
L-LIN/07 Lingua e traduzione - lingua spagnola sta, deve essere necessariamente indicata dallo studente nel piano dell’anno successivo.
Lingue e Letterature moderne L-LIN/10 Letteratura inglese 30
La scelta libera dello studente comprende qualsiasi attività formativa all’interno della Facoltà o dell’Università di Ur-
L-LIN/11 Lingue e letterature anglo-americane
L-LIN/12 Lingua e traduzione - lingua inglese bino, purché coerente con il progetto formativo, come previsto dall’art. 10, comma 5, lettera a) del DM 270/04.
L-LIN/13 Letteratura tedesca Per gli esami a scelta libera sostenuti in altre Facoltà, i crediti saranno attribuiti secondo le norme della Facoltà di
L-LIN/14 Lingua e traduzione - lingua tedesca Lingue e letterature Straniere.
Metodologie linguistiche, filologiche,
L-LIN/01 Glottologia e linguistica Nel caso un insegnamento compaia sia nella Facoltà di Lingue e Letterature Straniere, sia in altre Facoltà, lo studen-
L-LIN/02 Didattica delle lingue moderne 20 te di Lingue è tenuto a inserire nel piano di studi e a sostenere l’insegnamento della Facoltà di Lingue.
comparatistiche e della traduzione letteraria
M-FIL/05 Filosofia e teoria dei linguaggi
Discipline linguistico-letterarie, artistiche, storiche, ATTIVITA’ DI LABORATORIO
M-STO/04 Storia contemporanea 10
demoetnoantropologiche e filosofiche
Curriculum Una lingua: testi e contesti
 Laboratorio di lingua italiana e analisi dei testi: 10 crediti
Attività affini ed integrative: Totale crediti riservati alle attività affini ed integrative 20 (min 12)
ambito disciplinare settore CFU Il laboratorio intende essere propedeutico all’elaborazione del lavoro di tesi, all’acquisizione di competenze relati-
L-LIN/04 Lingua e traduzione - lingua francese ve all’uso scritto della lingua italiana e all’analisi di varie tipologie di testi. Più in particolare si procederà, tramite in-
L-LIN/07 Lingua e traduzione - lingua spagnola contro ad andamento seminariale e ad esercitazioni scritte, ad avviare gli studenti a:
Attività formative affini o integrative 20
L-LIN/12 Lingua e traduzione - lingua inglese
• riconoscere le strategie enunciative di diversi tipi di tesi;
L-LIN/14 Lingua e traduzione - lingua tedesca
• individuarne le componenti tematiche, linguistiche e argomentative;
 • applicare le competenze così acquisite ad elaborati di traduzione di brani letterari, articoli di giornale, lettere, te-
Altre attività formative (D.M. 270 art.10 §5): Totale crediti altre attività 40 sti scientifici.
ambito disciplinare CFU
A scelta dello studente 10 NORME DI REGOLAMENTAZIONE:
Per la prova finale 20 - Tutti gli studenti frequentanti e non frequentanti sono tenuti a fare un colloquio preliminare con i docenti (data e
Altre conoscenze utili per l’inserimento nel mondo del lavoro 10 luogo verrà comunicato opportunamente) allo scopo di identificare il percorso laboratoriale più appropriato e ade-
guato alle esigenze individuali

40 41
vademecum 2009/10 parte generale

- Materiale didattico sarà a disposizione degli studenti non frequentanti presso la segreteria di Facoltà. NORME DI REGOLAMENTAZIONE:
- Gli studenti non frequentanti sono tenuti a preparare un elaborato scritto attestante la conoscenza delle norme - Tutti gli studenti, frequentanti e non frequentanti, sono tenuti a fare un colloquio preliminare con i docenti (data e
redazionali applicate ad un testo precedentemente concordato con il docente luogo verranno opportunamente comunicati) allo scopo di identificare il percorso laboratoriale più appropriato e ade-
- Per gli studenti non frequentanti che siano già inseriti in una realtà lavorativa, qualora il lavoro svolto sia assimila- guato alle esigenze individuali.
bile ai requisiti richiesti, è prevista una convalida del laboratorio previa verifica. - Per gli studenti non frequentanti sono previste forme alternative di attività volte all’acquisizione delle pratiche profes-
- Come alternativa al laboratorio è previsto e auspicabile un soggiorno all’estero dedicato all’inserimento dello stu- sionalizzanti (soggiorni anche diluiti nel tempo presso enti teatrali, uffici enti locali, ecc.)
dente in una realtà lavorativa concernente le pratiche professionali e editoriali richieste. - Nel caso di impossibilità da parte dello studente di svolgere il tirocinio lontano dal luogo di residenza si cercherà di
individuare strutture compatibili.
Curriculum Linguistica e didattica delle lingue - Per gli studenti non frequentanti e già inseriti in una realtà lavorativa, qualora il lavoro svolto sia assimilabile ai requi-
Laboratorio: La multimedialità nel processo di insegnamento - apprendimento delle lingue: 10 crediti siti richiesti, è prevista una convalida del tirocinio, previa verifica.
- Come alternativa al tirocinio è previsto ed auspicabile un soggiorno all’estero dedicato all’approfondimento della real-
Il laboratorio, che intende applicare le conoscenze acquisite nel corso di Didattica delle Lingue Moderne 7351: Le tà dello spettacolo dal vivo del paese ospitante.
abilità orali nel processo di insegnamento - apprendimento delle lingue, si articolerà in due parti. Nella prima par-
te verranno trattate le problematiche relative all’utilizzo delle tecnologie glottodidattiche nella didassi delle lingue * Affiancherà le attività di tirocinio un workshop permanente per le arti dello spettacolo: drammaturgia, danza, musi-
e sarà approfondito il campo del processo di insegnamento - apprendimento delle lingue assistito dal computer ca. Nei mesi di attività didattica, a partire da novembre, la Facoltà di Lingue propone, a cadenza mensile, una giornata
(CALL). Nella seconda parte verranno illustrate e praticate tecniche d’insegnamento con l’impiego del laboratorio composta da azioni integrate, incontri, spettacoli dedicati ai protagonisti delle diverse arti della scena. Gli appuntamen-
multimediale e del computer. ti saranno comunicati sul sito della Facoltà e dell AMAT.
Gli studenti saranno invitati a svolgere lezioni in lingua straniera con l’utilizzo dell’ICT (Information and Commu-
nication Technology) Referenti stage: prof. Gilberto Santini
prof. Giampiero Piscaglia
NORME DI REGOLAMENTAZIONE:
- Tutti gli studenti, frequentanti e non frequentanti, sono tenuti a fare un colloquio preliminare con i docenti (da- LINGUE STRANIERE
ta e luogo verranno opportunamente comunicati) allo scopo di identificare il percorso laboratoriale più appropria- L’insegnamento di lingua straniera prevede un corso tenuto dal docente della disciplina (un corso di 30 ore e le
to e adeguato alle esigenze individuali. esercitazioni di lingua tenute dai lettori e collaboratori ed esperti linguistici (che si svolgono lungo tutto l’anno ac-
- Per gli studenti non frequentanti sono previste forme alternative di attività volte all’acquisizione delle pratiche pro- cademico).
fessionalizzanti (progetti didattici da realizzarsi autonomamente in realtà scolastiche di diversi ordini e gradi) Lo studente, in base al curriculum scelto, dovrà studiare uno o due tra le seguenti lingue europee e per ciascuna
- Nel caso di impossibilità da parte dello studente non frequentante di svolgere il laboratorio lontano dal luogo di sosterrà una prova scritta e una prova orale:
residenza si cercherà di individuare strutture compatibili: scuole, centri di educazione permanente, centri d’acco- - lingua francese
glienza, aziende ecc. - lingua inglese
- Per gli studenti non frequentanti che siano già inseriti in una realtà lavorativa, qualora il lavoro svolto sia assimila- - lingua spagnola
bile ai requisiti richiesti, è prevista una convalida del laboratorio previa verifica. - lingua tedesca
- Come alternativa al laboratorio è previsto ed auspicabile un soggiorno all’estero dedicato all’inserimento dello stu-
dente in realtà lavorative concernenti le pratiche professionali e didattiche richieste dalle attività laboratoriali. ORGANIZZAZIONE ESAMI DI LINGUA STRANIERA
La prova scritta di lingua è articolata come indicato nello schema di seguito riportato.
TIROCINI FORMATIVI
Curriculum Attività di tirocinio CFU Prove scritte di lingua straniera
Organizzazione dello spettacolo dal vivo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Almeno 250 ore . . . . . . . . . . . . . . . 10 (schema valido per tutte le lingue straniere)
Tempo complessivo a disposizione per la prova 4 ore
ATTIVITÀ DI TIROCINIO E STAGE I anno
Il tirocinio, che intende contribuire alla acquisizione di competenze relative alla organizzazione di spettacoli o eventi cul- 1. Traduzione dall’italiano verso la lingua straniera (L1 verso LS). Per le lingue francese, inglese, spagnolo e tede-
turali e alla produzione di testi in lingua inerenti tali ambiti, sarà propedeutico all’elaborazione del lavoro di tesi. sco, la lunghezza della traduzione sarà di circa 150-300 parole.
La scelta dei tirocinanti avverrà presso enti convenzionati con l’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, al fine di far 2. Redazione di un abstract (di circa 200 parole)
conoscere loro l’ambiente lavorativo e predisporli ad avere competenze negli ambiti professionali prescelti. È consentito l’uso di dizionari mono o bilingue.

42 43
vademecum 2009/10 parte generale

II anno Caratteristiche tecniche:


1. Elaborazione di una tesina in lingua straniera (di circa 16.000 battute) che esponga, in modo scientifico, un ar- Impaginazione: 24 righe per pagina, carattere a scelta di dimensione 14, lunghezza della riga 15 cm, interlinea 1,5
gomento scelto dallo studente. Lunghezza elaborato: a partire da 150 pagine
La tesina dovrà esser consegnata al lettore o al collaboratore ed esperto linguistico di riferimento 15 giorni prima Lunghezza abstract in lingua italiana: circa 10 righe
della prova d’esame e verrà poi discussa e commentata, in lingua straniera, al momento dell’esame orale. L’elaborato deve essere corredato da un riassunto del contenuto nella o in entrambe le lingue straniere studiate
Il livello di competenza linguistica alla fine del percorso di studi sarà uniformato ai seguenti livelli europei: (massimo 3-4 pagine) ed è prevista una presentazione orale con discussione almeno parziale nella o in una delle
lingue dinanzi ad una apposita commissione.
Lingua Livello framework europeo La Commissione è composta da 7 a 11 membri nominati dal Preside, ed è presieduta dal Preside stesso o da un
Inglese C2 professore di ruolo da lui delegato. Il Preside, su proposta del Rettore, può invitare a far parte della Commissione
Francese C2 un docente di altra Università o una persona particolarmente esperta nel tema affrontato dalla tesi. I commissari va-
Tedesco C2 lutano sia le competenze tecniche e scientifiche sia le capacità argomentative del candidato.
Spagnolo C2 La valutazione finale è espressa in centodecimi. Nel caso di punteggio finale complessivo pari a 110 la commissio-
ne di laurea può attribuire la lode con votazione all’unanimità. Il punteggio minimo è pari a 66/110.
Il voto unico scaturito dalla prova scritta contribuirà per un terzo al voto finale dell’esame di Lingua straniera, che
sarà calcolato con una media di tre votazioni: voto della prova scritta, voto del colloquio di accertamento linguistico Il foglio tesi dovrà essere consegnato, entro i termini stabiliti dall’ateneo per ogni sessione di laurea, alla Segreteria
(con lettore o collaboratore ed esperto linguistico), voto del colloquio sul corso monografico con il docente. Studenti della Facoltà; esso dovrà essere firmato dal docente che si impegna a seguire la redazione della tesi e dal
La prova scritta sarà considerata superata solo se nessuna parte ha una votazione inferiore a 12/30 e solo se la me- presidente del Corso di laurea magistrale.
dia di tutte le parti supera la sufficienza (18/30). Il voto della prova scritta può essere rifiutato, come purei voti delle La domanda di ammissione agli esami di laurea, diretta al Rettore, valida soltanto per un anno accademico, deve
altre due prove (accertamento linguistico e corso monografico), e quindi la prova può essere reiterata nella sessione essere presentata presso la segreteria studenti entro i seguenti termini:
d’esami successiva. Qualora lo studente decidesse di rifiutare la votazione positiva conseguita nella prova scritta, deve comu- – sessione estiva: 1° aprile
nicarlo al docente di riferimento entro la data da questi indicata. La mancata comunicazione del rifiuto, entro i termini stabiliti, – sessione autunnale: 1° settembre
sarà inderogabilmente considerata come accettazione del voto. La votazione positiva della prova scritta ha validità due anni. – sessione straordinaria: 1° dicembre
L’iscrizione alle prove scritte (compresa Letteratura Italiana) ed alle prove di comprensione/dettato può essere ef-
fettuata solo on-line alle liste disponibili sul sito http://www.uniurb.it/lingue e non si accettano iscrizioni in cui non Per qualsiasi problema di carattere amministrativo, rivolgersi alla Segreteria Studenti.
sia indicato il numero di matricola. L’iscrizione si apre nel momento in cui sono ufficialmente disponibili le date
degli appelli e si chiude improrogabilmente il giorno indicato in calce nel calendario delle prove scritte. La data di PERCORSO E MODALITA’ A TEMPO PARZIALE
chiusura delle liste riguarda sia le prove di comprensione sia le prove scritte. 1.In via sperimentale e in deroga alle disposizioni precedenti, è consentita l’iscrizione part-time al corso di laurea,
che comporta la possibilità di articolare su tre anni il percorso formativo.
Prove orali 2. L’iscrizione part-time consente di acquisire fino ad un massimo di 42 CFU per ogni annualità. E’ considerato ri-
Le prove orali consistono in un colloquio sul corso monografico del docente di lingua e di un accertamento lingui- petente lo studente che non abbia acquisito almeno 60 CFU al termine del secondo anno.
stico con il lettore o il collaboratore ed esperto linguistico. 3. Il passaggio da tempo pieno a tempo parziale deve essere effettuato al momento dell’iscrizione ed una sola vol-
ta nella carriera dello studente. Spetta alla Commissione Piani di Studio stabilire, sulla base dei crediti già acquisiti
PROVA FINALE dallo studente, a quale anno di corso iscriverlo.
Linee guida: 4. Per essere ammessi a sostenere gli esami del secondo anno, gli studenti devono aver acquisito al termine del se-
- Per il conseguimento della laurea magistrale è necessaria la presentazione di una tesi di laurea elaborata in mo- condo anno di iscrizione almeno 54 CFU nelle discipline delle attività di base e caratterizzanti.
do originale dallo studente sotto la guida di un relatore. 5. Allo studente a tempo parziale si applica, con le eccezioni di cui ai precedenti commi, lo stesso Piano di Studi uf-
- All’elaborato finale vengono attribuiti 20 CFU, che corrispondono a circa 500 ore di lavoro individuale. ficiale del Corso di laurea previsto per gli studenti a tempo pieno.
- L’argomento della tesi deve essere inerente ad una delle discipline presenti nel curriculum dello studente. I Piani di Studio sono reperibili presso la Segreteria Studenti.
- Per tesi sperimentale si intende: attività di traduzione originale di testi letterari; organizzazione di un evento teatra-
le o musicale; realizzazione di una unità di apprendimento originale svolta all’interno di una classe.
- Si richiede una ricerca bibliografica approfondita e pertinente all’oggetto di ricerca.
- La bibliografia deve essere prevalentemente in lingua straniera.
- Riferimenti interdisciplinari auspicabili.

44 45
vademecum 2009/10 parte generale

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA REQUISITI DI ACCESSO AL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE
MAGISTRALE IN COMUNICAZIONE INTERCULTURALE • Per essere ammessi al corso di laurea magistrale in Comunicazione interculturale d’impresa gli studenti devono
D’IMPRESA (Classe LM-38) essere in possesso di diploma di laurea triennale o diploma universitario di durata triennale, nonché titoli equipol-
lenti conseguiti all’estero ai sensi della normativa vigente.
OBIETTIVI FORMATIVI E RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI • E’ consentito l’accesso diretto ai candidati in possesso del diploma universitario in Esperto linguistico d’impresa e
Il corso di laurea magistrale in Comunicazione interculturale d’impresa fornirà agli studenti una piena padronanza del diploma di laurea triennale in Lingue e cultura per l’impresa, a condizione che le lingue di specializzazione stu-
di due lingue straniere, un’approfondita conoscenza delle culture dei paesi in cui esse sono parlate, nonché un’ele- diate nel corso di studio triennale coincidano con quelle scelte per il corso di laurea magistrale.
vata competenza comunicativa in ambiti interculturali. • Per i laureati provenienti da altri corsi di laurea si richiedono conoscenze linguistiche che, secondo il quadro di ri-
Il corso di laurea mira inoltre all’applicazione di queste competenze al mondo dell’impresa, ed in particolare alle im- ferimento europeo per le lingue, corrispondano al livello C1 per le lingue inglese, spagnolo, tedesco, francese e, se-
prese coinvolte nel processo di internazionalizzazione; fornisce perciò agli studenti anche buone conoscenze del- condo standard internazionali, a livello B1 per le lingue cinese e russo, dimostrabili attraverso un certificato di lau-
l’economia e gestione aziendale, delle strategie d’impresa, del processo di internazionalizzazione rea triennale oppure attraverso certificati conseguiti presso Istituti ed Enti Certificatori riconosciuti dalla Facoltà. Per
i candidati che non siano in possesso dei titoli o dei certificati linguistici sopra indicati, sono previsti test finalizzati
La didattica contempla: alla verifica del livello delle competenze linguistiche. Il superamento di questi test dimostra la presenza delle com-
• insegnamenti delle lingue per livelli di competenza; petenze linguistiche richieste e permette l’accesso diretto al corso di laurea magistrale
• attività di laboratorio con lettori/C.E.L. madrelingua; • Si richiedono inoltre conoscenze di base riguardanti il settore scientifico disciplinare SECS-P/08, SECS-P/10 o set-
• lezioni frontali; tori considerati affini nella misura di minimo 20 CFU.
• attività seminariali in lingua italiana e in lingue straniere; • Per i candidati che non siano in grado di dimostrare le conoscenze di base nei settori scientifico-disciplinari sopra
• laboratori interdisciplinari nell’ambito linguistico, culturale ed aziendale; indicati, sono previsti test finalizzati alla verifica del livello delle conoscenze. Il superamento di questi test dimostra
• esercitazioni pratiche in aula; la presenza delle conoscenze di base richieste e permette l’accesso diretto al corso di laurea magistrale.
• conferenze con esperti del mondo del lavoro, docenti universitari italiani e stranieri; • Il consiglio di corso di laurea si riserva il diritto di valutare ai sensi della normativa vigente in materia, attraverso un’ap-
• materiale per l’autoapprendimento e l’autovalutazione; posita commissione, certificati di lavoro o altri certificati, presentati per il riconoscimento dei requisiti di accesso.
• simulazioni e casi studio. • Il consiglio di corso di laurea si riserva inoltre il diritto, attraverso la commissione sopra citata, di individuare an-
che casi di elevata preparazione di candidati provenienti da percorsi formativi non perfettamente coerenti con i re-
quisiti richiesti in ingresso. La commissione esaminerà il curriculum individuale del singolo candidato in termini di
PROFILI PROFESSIONALI DI RIFERIMENTO conoscenze e competenze e potrà permettere l’accesso diretto alla laurea magistrale.
Prospettive occupazionali e professionali previste per i laureati
La Laurea Magistrale in Comunicazione interculturale d’impresa mira a formare delle specifiche figure professionali: MODALITA’ PER IL TRASFERIMENTO DA ALTRI CORSI DI STUDIO
• Specialisti nei rapporti con il mercato Gli studenti che intendono chiedere il riconoscimento dei crediti formativi universitari acquisiti in altri corsi di lau-
• Specialisti nelle pubbliche relazioni, dell’immagine e simili rea magistrali di qualsiasi Ateneo devono presentare, alla commissione incaricata di valutare i piani di studio indi-
• Scrittori ed assimilati viduali, la documentazione che consenta di stabilire la corrispondenza dei settori scientifico disciplinari e dei relati-
• Ricercatori, tecnici laureati ed assimilati vi crediti maturati con quelli previsti dal piano di studio per il conseguimento della laurea magistrale in Comunica-
zione interculturale d’impresa. Il riconoscimento verrà deliberato dal Consiglio di Facoltà.
I laureati nel corso di laurea magistrale sono in grado di: Verrà assicurato il riconoscimento del maggior numero possibile dei crediti già maturati dallo studente, secondo cri-
• occupare funzioni di elevata responsabilità nell’ambito delle relazioni internazionali presso le aziende ed altre or- teri e modalità definiti dalla commissione preposta, ricorrendo eventualmente a colloqui per la verifica delle cono-
ganizzazioni (enti pubblici e privati); scenze effettivamente possedute. Nel caso di un corso di provenienza svolto a distanza, la quota minima del 50%
• monitorare e analizzare le caratteristiche, i rischi e le opportunità dei mercati esteri contribuendo a sviluppare sarà riconosciuta solo se il corso risulta accreditato.
azioni ed attività di gestione aziendali; Per il trasferimento tra corsi di laurea magistrali di una medesima classe, la quota di crediti relativi al medesimo
• ricoprire funzioni come: international sales manager, junior export manager, manager internazionale d’impresa, settore scientifico-disciplinare direttamente riconosciuti allo studente non sarà inferiore al 50% di quelli già matu-
esperto in negoziazione interculturale, junior communication manager, esperto in cultura dell’internazionalizzazio- rati. L’eventuale mancato riconoscimento di crediti sarà comunque adeguatamente motivato (DM 16 marzo 2007,
ne ed esperto linguistico dell’internazionalizzazione aziendale. art. 3, comma 8).

46 47
vademecum 2009/10 parte generale

1. Lingua straniera A e B possono essere scelte tra Lingua cinese, Lingua francese, Lingua inglese, Lingua russa, Lingua spagnola
PERCORSI FORMATIVI PER ACCEDERE ALLA LAUREA e Lingua tedesca.
• Il corso di laurea in Comunicazione interculturale d’impresa ha durata biennale e prevede l’acquisizione di 120 2. Rapporti interculturali del paese della Lingua A e B devono corrispondere alle due lingue straniere che lo studente ha
CFU da parte degli studenti. scelto. Possono essere scelti Rapporti interculturali della Cina, Rapporti interculturali della Francia, Rapporti interculturali della
Germania, Rapporti interculturali della Federazione russa, Rapporti interculturali della Spagna, Rapporti interculturali della Gran
• Numero di esami previsti per il conseguimento del titolo: 12 esami
Bretagna o, in alternativa a quest’ultima, Rapporti interculturali dell’America anglofona.
Le modalità di verifica consisteranno in esami scritti ed orali, nella valutazione di elaborati, progetti e casi studio, 3. Per scelta libera si intende un insegnamento scelto dallo studente, purché coerente con il progetto formativo.
nonché nella valutazione dell’esposizione dei suddetti lavori. Propedeuticità: Le prove di Lingua del 2° anno possono essere sostenute solo dopo aver completato l’esame di Lingua (scritto
• Un credito (CFU) corrisponde a 25 ore di lavoro dello studente comprensive di lezioni frontali e studio individua- e orale) del 1° anno.
le. Per il raggiungimento dei 120 CFU per il conseguimento del titolo di laurea magistrale sono previste in totale cir-
ca 2000 ore riservate allo studio personale o ad altre attività formative di tipo individuale. Attività formative caratterizzanti: Totale crediti riservati alle attività caratterizzanti 55 (min 48)
ambito disciplinare settore CFU
PROSPETTO DELLE ATTIVITA’ FORMATIVE Discipline semiotiche, linguistiche e informatiche L-LIN/01 Glottologia e linguistica 5
PIANO DI STUDIO L-LIN/04 Lingua e traduzione - lingua francese
I ANNO TAF CFU L-LIN/07 Lingua e traduzione - lingua spagnola
1. Lingua straniera I A B 10 L-LIN/12 Lingua e traduzione - lingua inglese
Lingue moderne 30
L-LIN/14 Lingua e traduzione - lingua tedesca
2. Lingua straniera I B B 10
L-LIN/21 Slavistica
3. Trattative e negoziazioni interculturali B 5 L-OR/21 Lingue e Letterature della Cina e dell’Asia sud-orientale
4. Un insegnamento di rapporti interculturali del paese della lingua A a scelta tra Scienze economico-giuridiche, sociali e della
Rapporti interculturali della Cina SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese 20
comunicazione
Rapporti interculturali della Federazione russa
Rapporti interculturali della Francia C 5 
Rapporti interculturali della Germania Attività affini ed integrative: Totale crediti riservati alle attività affini ed integrative 25 (min 12)
Rapporti interculturali della Gran Bretagna; Rapporti interculturali dell’America anglofona
ambito disciplinare settore CFU
Rapporti interculturali della Spagna
IUS/21 Diritto pubblico comparato
5. Un insegnamento di rapporti interculturali del paese della lingua B a scelta tra
L-LIN/03 Letteratura francese
Rapporti interculturali della Cina
L-LIN/05 Letteratura spagnola
Rapporti interculturali della Federazione russa
L-LIN/10 Letteratura inglese
Rapporti interculturali della Francia C 5
Attività formative affini o integrative L-LIN/11 Lingue e letterature anglo-americane 25
Rapporti interculturali della Germania
L-LIN/13 Letteratura tedesca
Rapporti interculturali della Gran Bretagna; Rapporti interculturali dell’America anglofona
L-LIN/21 Slavistica
Rapporti interculturali della Spagna
L-OR/23 Storia dell’Asia orientale e sud-orientale
6. Interculturalità, sistemi giuridici e organizzazioni complesse C 5 SECS-P/08 Economia e gestione delle imprese
7. Internet Marketing B 10

8. Scelta libera D 10 Altre attività formative (D.M. 270 art.10 §5): Totale crediti altre attività 40
ambito disciplinare CFU
II ANNO TAF CFU
A scelta dello studente 10
1. Lingua straniera II A B 5
Per la prova finale 20
2. Lingua straniera II B B 5
Abilità informatiche e telematiche 5
3. Comunicazione internazionale d’impresa C 10
Altre conoscenze utili per l’inserimento nel mondo del lavoro 5
4. Strategie di internazionalizzazione B 10
Abilità informatiche per l’impresa F 5
Laboratori interculturali F 5 INFORMAZIONI UTILI
Prova finale (Tesi) E 20 • Il corso di laurea magistrale non prevede l’obbligo di frequenza delle lezioni. Gli studenti non frequentanti sono
B = Caratterizzante: 55 CFU - C = Affine: 25 CFU - D = Scelta libera: 10 CFU - F = Laboratorio: 5 CFU e Abilità informatiche: 5 invitati a mettersi in contatto con i docenti.
CFU - E = Tesi: 20 CFU Note: • Gli esami scritti delle lingue straniere possono essere sostenuti attraverso il programma Erasmus.

48 49
vademecum 2009/10 parte generale

Lingua Livello framework europeo


• Ogni studente è tenuto a presentare (tenendo conto delle indicazioni in merito della Facoltà) il proprio piano di
Inglese C2
studi per tutti gli anni del corso e a consegnarlo alla Segreteria studenti della Facoltà entro e non oltre il 30 novem-
Francese C2
bre. Lo studente al II anno, nel limite delle scelte previste dall’ordinamento didattico della Facoltà, può modificare
il proprio piano di studio. Il piano non può essere modificato in corso d’anno. Tedesco C2
• Nel caso in cui lo studente non consegni il piano di studio entro i termini indicati, la scelta libera deve essere ne- Spagnolo C2
cessariamente indicata dallo studente nel piano dell’anno successivo. Russo B2
• La scelta libera dello studente comprende qualsiasi attività formativa all’interno della Facoltà o dell’Università di Cinese B2
Urbino, purché coerente con il progetto formativo.
• Nel caso un insegnamento compaia sia nella Facoltà di Lingue e Letterature Straniere, sia in altre Facoltà, lo stu- Il voto unico scaturito dalla prova scritta contribuirà per un terzo al voto finale dell’esame di Lingua straniera, che sa-
dente di Lingue è tenuto a inserire nel piano di studi e a sostenere l’insegnamento della Facoltà di Lingue. rà calcolato con una media di tre votazioni: voto della prova scritta, voto del colloquio di accertamento linguistico (con
• Gli insegnamenti da 5 CFU prevedono 20 ore di lezione e 105 ore di studio individuale. Gli insegnamenti da 10 CFU, lettore o collaboratore ed esperto linguistico), voto del colloquio sul corso monografico con il docente.
prevedono 30 ore di lezione (salvo alcuni insegnamenti, dove per esigenze didattiche è necessario aumentare il nume- La prova scritta sarà considerata superata solo se nessuna parte ha una votazione inferiore a 10/30 (per cinese e russo)
ro di ore frontali) e 220 ore di studio individuale. Per quanto riguarda gli insegnamenti di lingua straniera il numero di e 12/30 (per francese, inglese, spagnolo e tedesco) e solo se la media di tutte le parti supera la sufficienza (18/30).
ore di lezioni è in ogni caso 30; verranno organizzate inoltre esercitazioni linguistiche che in combinazione con lo stu- Il voto della prova scritta può essere rifiutato, come i voti delle altre due prove (accertamento linguistico e corso
dio individuale ammontano a 220 ore per gli insegnamenti da 10 CFU e a 95 per gli insegnamenti da 5 CFU. monografico), e quindi la prova può essere reiterata nella sessione d’esami successiva.
Qualora lo studente decidesse di rifiutare la votazione positiva conseguita nella prova scritta, deve comunicarlo al
LINGUE STRANIERE docente di riferimento entro la data da questi indicata. La mancata comunicazione del rifiuto, entro i termini stabi-
L’insegnamento di lingua straniera prevede un corso tenuto dal docente della disciplina (un corso di 30 ore) e le esercita- liti, sarà inderogabilmente considerata come accettazione del voto.
zioni di lingua tenute dai lettori e collaboratori ed esperti linguistici (che si svolgono lungo tutto l’anno accademico). La votazione positiva conseguita nelle prove scritte ha una validità di due anni.
Lo studente dovrà scegliere due tra le seguenti lingue e per ciascuna sosterrà una prova scritta e una prova orale: L’iscrizione alle prove scritte ed alle prove di comprensione/dettato può essere effettuata solo on-line alle liste di-
- lingua cinese sponibili sul sito http://www.uniurb.it/lingue e non si accettano iscrizioni in cui non sia indicato il numero di matri-
- lingua francese cola. L’iscrizione si apre nel momento in cui sono ufficialmente disponibili le date degli appelli e si chiude impro-
- lingua inglese rogabilmente il giorno indicato in calce nel calendario delle prove scritte.
- lingua russa
- lingua spagnola Prove orali
- lingua tedesca Le prove orali consistono in un accertamento linguistico con il lettore o collaboratore ed esperto linguistico e un
colloquio sul corso monografico con il docente.
ORGANIZZAZIONE ESAMI DI LINGUA STRANIERA
Le prove scritte possono essere sostenute solo presso la Facoltà di Lingue e Letterature straniere di Urbino. ABILITA’ INFORMATICHE PER L’IMPRESA
Le prove scritte sono articolate come indicato di seguito: Il percorso didattico è finalizzato ai seguenti obiettivi:
• presentare un quadro di riferimento sulla presenza e sugli impieghi più diffusi delle ICT nelle aziende;
Prove scritte di lingua straniera • consolidare le conoscenze di base e le abilità operative nel settore dell’informatica già acquisite dagli studenti;
(valido per tutte le lingue straniere) • sviluppare esempi applicativi di carattere gestionale.
Tempo complessivo a disposizione per la prova 4 ore Gli argomenti, proposti attraverso lezioni frontali, esercitazioni guidate di laboratorio, attività individuali e di gruppo,
I anno riguardano: ICT e sistemi informativi aziendali, analisi quantitativa dei dati, approfondimenti sullo sviluppo di fogli
1. Traduzione dall’italiano verso la lingua straniera (L1 verso LS): per le lingue: francese, inglese, spagnolo e tede- elettronici, introduzione al progetto ed alla realizzazione di basi di dati, impiego integrato degli strumenti informa-
sco, la lunghezza della traduzione sarà di circa 150-300 parole, per la lingua cinese e russa di 100-150 parole; 2. tici nello studio di semplici casi di ambito aziendale.
Analisi e commento di un testo di argomento socio-economico (di circa 100 parole per la lingua cinese e russa; di La verifica finale di idoneità, che consente di acquisire 5 CFU al secondo anno, è costituita da una prova pratica se-
circa 200 parole per le altre lingue). guita da un colloquio sul programma svolto.
È consentito l’uso di dizionari mono o bilingue. In via transitoria il programma indicato subirà alcune modifiche, che saranno precisate all’inizio delle lezioni, fina-
II anno lizzate a limitare sovrapposizioni con l’insegnamento di informatica incluso nell’offerta formativa del corso di lau-
Non è prevista nessuna prova scritta. Il livello di competenza linguistica alla fine del percorso di studi sarà unifor- rea triennale prima della riforma attuata nell’a. a. 2008/09.
mato ai seguenti livelli europei:

50 51
vademecum 2009/10 parte generale

LABORATORI INTERCULTURALI Il foglio tesi dovrà essere consegnato, entro i termini stabiliti dall’ateneo per ogni sessione di laurea, alla Segreteria
Si prevedono attività seminariali, business game, workshop, elaborazione di casi studio con interventi di esperti di Studenti della Facoltà; esso dovrà essere firmato dal docente che si impegna a seguire la redazione della tesi e dal
settore con l’obiettivo di applicare e approfondire i contenuti dei singoli corsi in una prospettiva interdisciplinare. presidente del Corso di laurea magistrale.
L’acquisizione dei CFU previsti per tali attività avviene mediante una partecipazione attiva agli incontri prefissati e La domanda di ammissione agli esami di laurea, diretta al Rettore, valida soltanto per un anno accademico, deve
lo svolgimento di lavori individuali o di gruppo richiesti. Sono previste anche modalità alternative per gli studenti essere presentata presso la segreteria studenti entro i seguenti termini:
non frequentanti. La registrazione dei CFU nella carriera dello studente sarà possibile solo dopo aver acquisito tut- – sessione estiva: 1° aprile
ti i crediti previsti (5 CFU) e gli studenti sono tenuti a presentarsi nelle apposite sessioni d’esame per la registrazio- – sessione autunnale: 1° settembre
ne ufficiale, nelle date indicate dal Presidente del corso di laurea. – sessione straordinaria: 1° dicembre

PROVA FINALE Per qualsiasi problema di carattere amministrativo, rivolgersi alla Segreteria Studenti.
Per il conseguimento della laurea magistrale è necessaria la presentazione di una tesi di laurea elaborata in modo
originale dallo studente sotto la guida di un relatore. All’elaborato finale vengono attribuiti 20 CFU, che prevedo- Lo studente, prima di consegnare in segreteria la tesi di laurea, deve ottenere un’approvazione formale da parte del
no circa 500 ore di lavoro individuale. relatore; di norma tale approvazione consisterà nella firma del relatore sul frontespizio della tesi.
L’argomento della tesi deve essere inerente ad una delle discipline presenti nel curriculum dello studente.
Le linee guida per la stesura della tesi di laurea sono pubblicate sul sito del corso al seguente indirizzo http://www. PERCORSO E MODALITA’ A TEMPO PARZIALE
uniurb.it/lingue/corsi/LM2/ In via sperimentale e in deroga alle disposizioni precedenti, è consentita l’iscrizione part-time al corso di laurea
magistrale, che prevede la possibilità di articolare su tre anni il percorso formativo. I Piani di Studio sono reperibi-
Caratteristiche tecniche: li presso la Segreteria Studenti.
- impaginazione: 24 righe per pagina, carattere a scelta di dimensione 14, lunghezza della riga 15 cm, interlinea 1,5;
- lunghezza elaborato: 100-120 pagine;
- lunghezza abstract in lingua italiana: circa 10 righe;
- lunghezza riassunto in entrambe le lingue di studio: 3-5 pagine ciascuno;
- restano fuori dal conteggio delle pagine l’indice, la bibliografia ed eventuali appendici alla tesi come testi origina-
li non pubblicati, interviste, statistiche, materiale illustrativo.

Come sopra indicato, l’elaborato deve essere corredato da un abstract in lingua italiana e da un riassunto in en-
trambe le lingue straniere studiate.
E’ prevista una presentazione orale con discussione almeno parziale in una delle due lingue (a scelta dello studen-
te) dinanzi ad una apposita commissione.
I laureandi dovranno inviare per mail al manager didattico, entro e non oltre le scadenze previste dalla segreteria
studenti per la consegna tesi, il seguente materiale in formato Word “.doc”: copia digitale del riassunto della tesi
nella lingua straniera in cui si desidera esporre il proprio lavoro in sede di discussione, titolo della tesi, nome del
laureando e nome del relatore.
La Commissione di tesi di laurea è composta da almeno 7 membri nominati dal Preside, ed è presieduta dal preside
stesso o da un professore di ruolo da lui delegato. Il Preside, su proposta del Rettore, può invitare a far parte della
Commissione un docente di altra Università o una persona particolarmente esperta nel tema affrontato dalla tesi.
I commissari valutano sia le competenze tecniche e scientifiche sia le capacità argomentative del candidato.
La qualità dell’elaborato finale e della discussione verrà giudicata dalla commissione con una votazione massima
di 8 punti, salvo casi eccezionali.
Il voto di partenza per la prova finale sarà costituito dalla media ponderata tra tutti gli esami sostenuti da piano di studio.
La valutazione finale è espressa in centodecimi. Nel caso di punteggio finale pari a 110 la commissione di laurea
può attribuire la lode con votazione all’unanimità. Il punteggio minimo è pari a 66/110.

52 53
vademecum 2009/10 parte generale

Elementi di cultura cinese, araba, russa* L-OR/21; L-OR/12; L-LIN/ 21 6


MASTER DI I LIVELLO
Metodologia dell’analisi contrastiva* L-LIN/01 3
TIROCINIO 4
RELAZIONE FINALE 6
INSEGNARE ITALIANO A STRANIERI: SCUOLA, UNIVERSITA’, II TRIMESTRE PERCORSO B (Collaboratori, esperti linguistici)
IMPRESA Comunicazione ed educazione interculturale M-DEA/01 4
Laboratorio di drammatizzazione L-LIN/02 2
OBIETTIVI FORMATIVI
Laboratorio di alfabetizzazione L-LIN/02 3
“Insegnare italiano a stranieri: scuola, università, impresa” è un master che ha lo scopo di formare figure professio-
Laboratorio di traduzione L-LIN/02 2
nali specializzate nell’insegnamento dell’italiano a chi opera sia in Italia che all’estero, e di fornire competenze teo-
rico-metodologiche in ambito glottodidattico e linguistico-culturale unitamente ad attività di tirocinio e laboratori di Italian Culture L-ART/05 3
approfondimento. Il corso si propone inoltre di offrire strumenti per la riflessione interculturale, l’accoglienza al mi- Italian Art History in a CLIL Perspective* L-ART/02 3
grante, l’analisi contrastiva dei sistemi linguistici coinvolti nel processo di insegnamento e di apprendimento delle Contemporary History and Geography of Italy in a CLIL Perspective M-STO/04; M-GGR/01 3
discipline di studio mediante l’uso veicolare della lingua (CLIL). TIROCINIO 4
RELAZIONE FINALE 6
PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI
Gli insegnanti che il master intende formare sono in grado di rispondere al crescente interesse per la cultura e la INFORMAZIONI SULLA STRUTTURA DIDATTICA DEL CORSO
lingua italiane nel mondo e al sempre forte desiderio delle numerose comunità italiane all’estero di conservare e La durata del corso (da novembre 2009 a novembre 2010) è annuale per un totale di 1500 ore (comprensive del-
promuovere le proprie radici linguistiche e culturali. lo studio individuale) così ripartite: 164 ore di lezione in aula e 86 ore on-line (contrassegnate da *) per il Per-
I possibili sbocchi occupazionali del master sono: a) facilitatori linguistici e docenti di italiano L2 per migranti adul- corso A; 180 ore di lezione in aula e 70 ore on-line per il Percorso B; 100 ore di tirocinio per entrambi i Percorsi e
ti, adolescenti e bambini (presso scuole, enti locali, aziende, organizzazioni legate al mondo del lavoro, associazio- 1150 ore di studio individuale.
ni) (Percorso A); b) insegnanti, collaboratori ed esperti linguistici presso scuole di italiano per stranieri, istituti italia- Il corso prevede il riconoscimento di 60 CFU, così ripartiti: 30 CFU per le attività formative di base (di cui 11 in mo-
ni di cultura, università e aziende all’estero (Percorso B); c) insegnanti, collaboratori ed esperti linguistici e cultura- dalità on-line), 20 CFU per le attività caratterizzanti il percorso scelto (di cui 9 in modalità on-line per il Percorso A
li presso scuole, enti pubblici e privati, università e aziende in Italia (Percorso B). e 3 in modalità online per il percorso B), 4 CFU per il tirocinio e 6 CFU per la relazione finale. Ogni credito presup-
pone 25 ore di impegno complessivo da suddividersi in 5 ore di didattica frontale o di laboratorio e 20 ore di la-
PIANO DI STUDI voro individuale o di gruppo.
INSEGNAMENTI SSD CFU La didattica si articola in due trimestri unitamente ad attività di tirocinio. Il primo trimestre serve a fornire le compe-
Elementi di glottodidattica e introduzione alla Ricerca Azione* L-LIN/02 4 tenze di base in glottodidattica, didattica dell’italiano L2/LS, linguistica e sociolinguistica dell’italiano. Nel secondo
trimestre l’offerta didattica viene differenziata e suddivisa in due percorsi specifici: Percorso A per facilitatori lingui-
Elementi di sintassi, lessico e semantica dell’italiano* L-LIN/01 3
stici e docenti di italiano L2 per migranti; Percorso B per collaboratori ed esperti linguistici in Italia e all’estero. Tan-
Elementi di fonetica e fonologia dell’italiano* L-LIN/01 2
to il primo quanto il secondo trimestre sono seguiti da un mese di sospensione dell’attività didattica per consenti-
Elementi di sociolinguistica dell’italiano contemporaneo* L-FIL/ LET 12 2
re agli studenti di sostenere le prove di valutazione relative ai corsi frequentati. I restanti mesi sono dedicati al pro-
Didattica dell’italiano L2/LS e CLIL L-LIN/02 7 seguimento/svolgimento del tirocinio e alla preparazione della relazione finale.
Principi di analisi e metodologia testuale L-LIN/02 3 Il numero minimo dei posti è 15, il numero massimo è 30.
Laboratorio di didattica della scrittura L-FIL-LET/10 3 Il corso è indirizzato a chi sia in possesso di un diploma di laurea triennale o quadriennale in Lingue e letteratu-
L-LIN/04; re straniere, Lettere, Filosofia, Scienze della formazione, Scienze della comunicazione, Scienze politiche, Psicolo-
Lingua europea livello C1 (un settore a scelta del candidato) 6
L-LIN/07;L-LIN/12; L-LIN/14 gia, Sociologia, o di Traduzione e interpretariato o di un altro titolo equipollente rilasciato all’estero. È richiesta la
II TRIMESTRE PERCORSO A (Facilitatori linguistici) buona conoscenza scritta e parlata (si veda la tabella sopra) di almeno una lingua fra arabo, francese, inglese, rus-
Comunicazione ed educazione interculturale M-DEA/01 4 so, spagnolo o tedesco. Agli stranieri si chiede una certificazione della conoscenza dell’italiano pari al livello C1 del
Laboratorio di drammatizzazione L-LIN/02 2 Quadro di Riferimento Europeo.
Laboratorio di alfabetizzazione L-LIN/02 3
Per ulteriori informazioni
Legislazione scolastica e gestione di progetti di educazione linguistica e interculturale M-STO/04 2
Rivolgersi ad Antonella Negri (antonella.negri@uniurb.it) o consultare il sito www.uniurb.it/lingue/master/iis

54 55
vademecum 2009/10 parte generale

LINGUA E DIDATTICA DELL’INGLESE PER MAESTRI CONTENUTI DEL CORSO


(PERCORSO ONLINE) ATTIVITA’ FORMATIVE
INSEGNAMENTI SSD CFU Struttura del credito
OBIETTIVI FORMATIVI N. ore N. ore
Il Master online è rivolto ad insegnanti che operano o opereranno nell’ambito della Scuola dell’Infanzia e Primaria N. ore studio
lezioni didattica
e che intendono iniziare o riprendere lo studio della lingua inglese approfondendo, nel contempo, le proprie co- individuale
frontali alternativa
noscenze in ambito didattico-metodologico relativamente all’insegnamento di una lingua straniera in età precoce. Seminario comune in presenza M-PED/03 8 16 64 120
Il corso, che si rivolge a docenti con competenze minime in lingua inglese (principianti assoluti o al livello A1 del Formazione Metodologia generale L.LIN/02 8 40 160
quadro di riferimento europeo), intende esercitare le strutture morfo-sintattiche, lessicali e pragmatiche di base del- Didattica dell’Inglese per bambini L_LIN/02 8 40 160
l’inglese. Il corso è stato creato partendo da materiali adatti all’età dei discenti e sperimentati dai docenti del gruppo
Formazione Linguistica L_LIN/12 24 240 360
LIReMar (Lingua Inglese in Rete nella regione Marche): “PUCK’s Stories”. Pertanto le storie proposte per l’approfon-
per stages o tirocinii: 4 100
dimento linguistico rappresentano anche una risorsa immediatamente utilizzabile in classe.
L’offerta formativa si muove dunque su tre fronti: quello strettamente linguistico (offrendo chiarimenti lessicali e Laboratorio linguistico: approfondimento 6 90 60
morfo-sintattici di base e stimolando la motivazione ad approfondire lo studio della lingua mediante l’indicazione
degli strumenti più adatti), quello metodologico (presentando di volta in volta la teoria glottodidattica su cui si fon- per la prova finale: 2 50
dano approcci, metodi e tecniche) e quello pragmatico (fornendo dei materiali adatti all’età dei discenti che siano Totale 60 16 474 1010
in sintonia con le linee teoriche tracciate).
La struttura del Master annuale prevede complessivamente 1500 ore di attività formative.
PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI
Il corso intende formare figure di insegnanti di inglese come lingua straniera in grado di rispondere in modo con- Seminario comune in presenza:
creto alle nuove esigenze della scuola dell’infanzia italiana. Si prospettano quindi nuove esigenze che richiederan- 1. La piattaforma per la didattica delle lingue (due incontri) 4 CFU
no mutamenti anche nell’ambito della professionalità degli insegnanti che potranno essere chiamati ad operare con 2. Il format (un incontro) 2 CFU
alunni compresi nella fascia d’età di 3-6 anni. In numerosi istituti comprensivi e circoli didattici, d’altronde, si verifica 3. Team work: lavorare in gruppo e in rete (un incontro) 2 CFU
già il caso dell’insegnante d’inglese cui sono affidati bambini di 4, 5, 6 e 7 anni (verticalizzazione tra scuola dell’in-
fanzia e primo ciclo di scuola primaria). Gli insegnanti in questione hanno di solito una buona preparazione psico- Primo modulo: Formazione metodologica generale
pedagogica, frutto di studio e preziosa esperienza acquisita in servizio, ma presentano insicurezze metodologiche 1. Principi di linguistica acquisizionale 2 CFU
nel campo specifico dell’insegnamento di una lingua straniera oltre che lacune nella conoscenza della lingua stessa 2. Principi di psicolinguistica dell’età evolutiva 2 CFU
e degli strumenti per insegnarla. A questi docenti è rivolto in particolare il corso in oggetto. 3. Principi di glottodidattica (la competenza linguistica e comunicativa) 2 CFU
Il Master verrà valutato, secondo le normative vigenti, per l’attribuzione di punteggio nelle graduatorie per l’inse- 4. Le abilità di comprensione e produzione orale in lingua straniera 2 CFU
gnamento della lingua inglese.
Secondo modulo: Didattica dell’inglese per bambini
INFORMAZIONI SULLA STRUTTURA DIDATTICA DEL CORSO 5. Didattica della drammatizzazione 2 CFU
Il Corso è in modalità online (E-learning) e non comporta quindi nessuno spostamento dei partecipanti verso la 6. Il format 2 CFU
sede del corso, a parte 16 ore dedicate agli incontri in presenza che verranno fissati in date ed orari il più possibi- 7. La rappresentazione teatrale 2 CFU
le compatibili con le esigenze dei corsisti. 8. Il computer come strumento di simulazione 2 CFU
La breve fase in presenza si svolgerà presso il Dipartimento di Letterature moderne e Scienze filologiche-linguisti-
che dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, situato in P.zza Rinascimento n. 7. Terzo modulo: Formazione linguistica
Tutto il resto del lavoro verrà invece svolto a distanza, attraverso lo studio dei moduli online e la partecipazione al- Unit 1: Read me a story 4 CFU
le chat sincrone e ai forum di discussione. Lo studente che desideri iscriversi al corso dovrà solamente disporre di Unit 2: A brave pilot 4 CFU
computer, stampante e collegamento a Internet e sarà seguito ed assistito costantemente da tutor che potranno ri- Unit 3: Grubby the ghost 4 CFU
solvere i possibili problemi di ordine tecnico, organizzativo e didattico. Unit 4: The Good Garden Gnome 4 CFU
L’iscrizione al Master è aperta a chi è in possesso di diploma di laurea triennale, di laurea quadriennale oppure di Unit 5: Willy the Cowboy 4 CFU
un titolo straniero equivalente. Unit 6: Black Eyed Bob 4 CFU

56 57
vademecum 2009/10 parte generale

Laboratorio linguistico: Approfondimento 6 CFU sincrone e ai forum di discussione. Il corsista sarà seguito ed assistito costantemente da tutor che potranno risolve-
Tirocio/stage e Prova finale 4 CFU re i possibili problemi di ordine tecnico, organizzativo e didattico.
Poiché il master è tenuto per la maggior parte online, viene richiesto un numero limitato di spostamenti dei parteci-
Prova finale 2 CFU panti verso la sede del corso. Gli incontri in presenza verranno fissati in date ed orari il più possibile compatibili con
Totale crediti 60 CFU le esigenze dei corsisti, se opportuno anche il sabato e avranno come sede il Dipartimento di Letterature moderne e
Scienze filologiche-linguistiche dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, situato in P.zza Rinascimento n. 7.
Per informazioni L’iscrizione al Master è aperta a chi è in possesso di:
Rivolgersi a: Flora Sisti (flora.sisti@uniurb.it) o consultate il sito www.maestringlese.net - Diploma di Laurea quadriennale conseguito ai sensi del D.M. 509/99
- Diploma di Laurea di durata almeno triennale (secondo gli ordinamenti precedenti il D.M. 509/99) - Titolo equi-
pollente rilasciato all’estero.

ENGLISH FOR THE INTERNATIONAL SCIENTIFIC AND CONTENUTI DEL CORSO


ACADEMIC SETTING (EISAS) ATTIVITA’ FORMATIVE
INSEGNAMENTI SSD CFU Struttura del credito
OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI N. ore lezioni N. ore didattica N. ore studio
Il master offre competenze teorico-metodologico a livello linguistico, socio-pragmatico, e testuale in ambito inter- frontali alternativa ONLINE individuale
nazionale. Attraverso la consapevolezza dei problemi di linguistica contrastiva (italiano-inglese) tipici dell’ambito English for the International Scientific
scientifico, il corso intende sviluppare la competenza comunicativa in lingua inglese in parlanti italiani che operi- L_LIN/12 8 40 160
Academic Setting (20 units)
no in campo scientifico internazionale. A tal fine gli insegnamenti previsti comprenderanno lo studio delle princi- Linguistics for Technical and Scientific
L_LIN/12 2 10 40
pali strutture morfo-sintattiche, lessicali e pragmatiche della lingua inglese oltre all’organizzazione testuale (scritta e Communicators
orale) dei principali generi di carattere tecnico-scientifico: abstract, articoli, saggi brevi, relazioni, contributi per con- Applied communication (oral skills) L_LIN/12 6 20 10 120
vegni ecc. Particolare attenzione verrà rivolta alle abilità di comprensione e produzione (scritta e orale) fondamen- Public speaking in scientific settings L_LIN/12 8 30 10 160
tali per diventare comunicatori efficaci nei vari generi di discorso pubblico (abilità specifiche quali: asking and an- Technical and scientific writing (a) L_LIN/12 6 30 120
swering questions in social contexts, describing and comparing graphs and illustrations, asking and answering que- Technical and scientific editing (b) L_LIN/12 4 20 80
stions in formal settings, formulating opinions, seeking clarification, preparing effective multimedia presentations,
Multimedia communication L_LIN/12 8 30 10 160
writing conference papers, delivering conference speeches, etc.).
Research methods L_LIN/12 6 10 20 120
SETTORE OCCUPAZIONALE AL QUALE SI RIFERISCONO GLI OBIETTIVI FORMATIVI DEL CORSO Workshop: project presentation L_LIN/12 10 50 200
Il master ha lo scopo di formare figure professionali capaci di operare in ambito scientifico (convegni, seminari, Prova finale: project defense 2 50
workshop, lezioni, pubblicazioni, relazioni, joint-ventures) utilizzando la lingua inglese. In particolare si rivolge a Totale 60 140 150 1210
neo-laureati, ricercatori, dottori di ricerca, docenti universitari, insegnanti, manager/dirigenti, consulenti e profes-
sionisti in vari ambiti tecnico-scientifici. Per Informazioni
Rivolgersi a: Ivo Klaver (jmi.klaver@uniurb.it)
INFORMAZIONI SULLA STRUTTURA DEL CORSO
Il master è di durata annuale per un totale di 1500 ore (comprensive dello studio
individuale) così ripartite:
- 140 ore di lezione in aula
- 150 ore on-line
- 1210 ore di studio individuale.
Il corso prevede il riconoscimento di 60 CFU, così distribuiti: 48 CFU per le attività formative di base, 10 CFU per il
tirocinio e 2 CFU per la prova finale. Ogni credito presuppone 25 ore di impegno complessivo da suddividersi in 5
ore di didattica frontale o di laboratorio e 20 ore di lavoro individuale o di gruppo.
Il lavoro verrà principalmente svolto a distanza, attraverso lo studio dei moduli online e la partecipazione alle chat

58 59
vademecum 2009/10 parte generale

CORSI DI PERFEZIONAMENTO E SPECIALIZZAZIONE solvere i possibili problemi di ordine tecnico, organizzativo e didattico.
L’iscrizione al Corso di aggiornamento è aperta a chi è in possesso di diploma di scuola media superiore o tito-
lo equipollente.

LINGUA E DIDATTICA DELL’INGLESE PER MAESTRI CONTENUTI DEL CORSO


(PERCORSO ONLINE) ATTIVITA’ FORMATIVE
CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE INSEGNAMENTI SSD CFU Struttura del credito
N.ore N.ore
OBIETTIVI FORMATIVI N. ore studio
lezioni didattica
individuale
Il corso di aggiornamento online è rivolto ad insegnanti che operano o opereranno nell’ambito della Scuola dell’In- frontali alternativa
fanzia e Primaria e che intendono iniziare o riprendere lo studio della lingua inglese approfondendo, nel contem- Seminario comune in presenza M-PED/03 8 16 64 120
po, le proprie conoscenze in ambito didattico-metodologico relativamente all’insegnamento di una lingua straniera Formazione metodologica generale L.LIN/02 8 40 160
in età precoce.Il corso, che si rivolge a docenti con competenze minime in lingua inglese (principianti assoluti o al Didattica dell’inglese per bambini L.LIN/02 8 40 160
livello A1 del quadro di riferimento europeo), intende esercitare le strutture morfo-sintattiche, lessicali e pragmati-
Formazione Linguistica L.LIN/12 24 240 360
che di base dell’inglese. Il corso è stato creato partendo da materiali adatti all’età dei discenti e sperimentati dai do-
per la prova finale: 2 50
centi del gruppo LIReMar (Lingua Inglese in Rete nella regione Marche): “PUCK’s Stories”. Pertanto le storie propo-
ste per l’approfondimento linguistico rappresentano anche una risorsa immediatamente utilizzabile in classe. totale 50 16 384 850
L’offerta formativa si muove dunque su tre fronti: quello strettamente linguistico (offrendo chiarimenti lessicali e La struttura del corso prevede complessivamente n. 1250 ore di attività formative (comprensive dello studio indivi-
morfo-sintattici di base e stimolando la motivazione ad approfondire lo studio della lingua mediante l’indicazione duale), così ripartite: 16 ore di lezione in aula, 384 ore online e 850 ore di studio individuale.
degli strumenti più adatti), quello metodologico (presentando di volta in volta la teoria glottodidattica su cui si fon-
dano approcci, metodi e tecniche) e quello pragmatico (fornendo dei materiali adatti all’età dei discenti che siano Si prevede la possibilità di iscrizione anche a parti del corso secondo le seguenti modalità:
in sintonia con le linee teoriche tracciate). ATTIVITA’ FORMATIVE -I parte DIDATTICA
INSEGNAMENTI SSD CFU Struttura del credito
PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI N.ore N.ore
Il corso intende formare figure di insegnanti di inglese come lingua straniera in grado di rispondere in modo con- N. ore studio
lezioni didattica
individuale
creto alle nuove esigenze della scuola dell’infanzia italiana. Si prospettano quindi nuove esigenze che richiederan- frontali alternativa
no mutamenti anche nell’ambito della professionalità degli insegnanti che potranno essere chiamati ad operare con Seminario Comune in presenza M-PED/03 8 16 64 120
alunni compresi nella fascia d’età di 3-6 anni. In numerosi istituti comprensivi e circoli didattici, d’altronde, si verifica Formazione metodologica generale L.LIN/02 8 40 160
già il caso dell’insegnante d’inglese cui sono affidati bambini di 4, 5, 6 e 7 anni (verticalizzazione tra scuola dell’in- Didattica dell’inglese per bambini L.LIN/02 8 40 160
fanzia e primo ciclo di scuola primaria). Gli insegnanti in questione hanno di solito una buona preparazione psico-
totale CFU 24 16 144 440
pedagogica, frutto di studio e preziosa esperienza acquisita in servizio, ma presentano insicurezze metodologiche
nel campo specifico dell’insegnamento di una lingua straniera oltre che lacune nella conoscenza della lingua stessa ATTIVITA’ FORMATIVE -II parte LINGUA
e degli strumenti per insegnarla . A questi docenti è rivolto in particolare il corso in oggetto. INSEGNAMENTI SSD CFU Struttura del credito
N.ore N.ore
N. ore studio
INFORMAZIONI SULLA STRUTTURA DIDATTICA DEL CORSO lezioni didattica
individuale
Il Corso di aggiornamento è in modalità online (E-learning) e non comporta quindi nessuno spostamento dei par- frontali alternativa
tecipanti verso la sede del corso, a parte 16 ore dedicate agli incontri in presenza che verranno fissati in date ed Formazione Linguistica L.LIN/12 24 240 360
orari il più possibile compatibili con le esigenze dei corsisti. totale CFU 24 240 360
La breve fase in presenza si svolgerà presso il Dipartimento di Letterature moderne e Scienze filologiche-linguisti-
che dell’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, situato in P.zza Rinascimento n. 7. Seminario comune in presenza:
Tutto il resto del lavoro verrà invece svolto a distanza, attraverso lo studio dei moduli online e la partecipazione al- 1. La piattaforma per la didattica delle lingue (due incontri) 4 CFU
le chat sincrone e ai forum di discussione. Lo studente che desideri iscriversi al corso dovrà solamente disporre di 2. Il format (un incontro) 2 CFU
computer, stampante e collegamento a Internet e sarà seguito ed assistito costantemente da tutor che potranno ri- 3. Team work: lavorare in gruppo e in rete (un incontro) 2 CFU

60 61
vademecum 2009/10 parte generale

Primo modulo: Formazione metodologica generale IL MERCATO DELL’ARTE - CORSO DI ALTA FORMAZIONE
1. Principi di linguistica acquisizionale 2 CFU
2. Principi di psicolinguistica dell’età evolutiva 2 CFU OBIETTIVI FORMATIVI
3. Principi di glottodidattica (la competenza linguistica e comunicativa) 2 CFU Il corso è rivolto a diplomati e laureati che stanno operando o che intendono farlo in futuro nel settore dei Beni
4. Le abilità di comprensione e produzione orale in lingua straniera 2 CFU Storico-artistici dando l’opportunità di conseguire puntuali competenze relative al settore attraverso la formazio-
ne su tecniche di management e marketing, gestione economica e finanziaria, ai fini dell’accesso alle linee d’azio-
Secondo modulo: Didattica dell’inglese per bambini ne promosse dalla Comunità Europea anche attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie informatiche e telemati-
5. Didattica della drammatizzazione 2 CFU che nella gestione e nel controllo.
6. Il format 2 CFU Punti di forza del Corso sono le concrete esperienze, alle quali faranno seguito le verifiche progettuali.
7. La rappresentazione teatrale 2 CFU
PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI
8. Il computer come strumento di simulazione 2 CFU I programmi condotti nel Corso sono finalizzati all’acquisizione di specifiche competenze nel settore dei Beni cul-
turali che permetteranno di esercitare una varietà di professioni: da esperti di marketing museale a organizzato-
Terzo modulo: Formazione linguistica ri di eventi culturali nonché mostre temporanee, da euro-progettisti a gestori di musei e pinacoteche, da battito-
Unit 1: Read me a story 4 CFU ri d’asta a redattori di expertises.
Unit 2: A brave pilot 4 CFU
Unit 3: Grubby the ghost 4 CFU PIANO DEGLI STUDI
Unit 4: The Good Garden Gnome 4 CFU INSEGNAMENTI SSD CFU
Unit 5: Willy the Cowboy 4 CFU Informatica documentale 1
Unit 6: Black Eyed Bob 4 CFU Lingua inglese (I) L-LIN/12 1
Lingua inglese (II) L-LIN/12 1
Prova finale 2 CFU
Legislazione e normative delle attività culturali: l’Unione Europea e le politiche culturali IUS/14 1
Totale crediti 50 CFU
Museologia L-ART/04 1,5
PER INFORMAZIONI: Critica d’arte L-ART/04 1
Rivolgersi a: Flora Sisti (flora.sisti@uniurb.it) o consultate il sito www.maestringlese.net Metodologia della storia dell’arte L-ART/04 1
Storia dell’arte moderna L_ART/02 1
Storia dell’arte contemporanea (I) L-ART/03 1
Storia dell’arte contemporanea (II) L-ART/03 1
Il mercato dell’arte 2,5
Stages e tirocinii: 4
Prova finale: 2
Totale 20

STRUTTURA DIDATTICA DEL CORSO


Il Corso si struttura in 500 ore di attività formativa, corrispondenti a n. 20 crediti: 210 ore di lezioni frontali, 90 ore
di stage e tirocinii e 200 ore di studio individuale.
Il numero minimo di iscrizioni è di 20 studenti, il numero massimo è 25.
Le lezioni frontali sono finalizzate alla conoscenza della storia dell’arte nel dettaglio ed in particolare di quella con-
temporanea maggiormente legata ai flussi di mercato.
Gli stages vengono effettuati presso Case d’aste, Musei che organizzano mostre temporanee, Case editrici, Cen-
tri d’arte contemporanea.

Per informazioni: Visitare il sito di Facoltà e di Ateneo.

62 63
vademecum 2009/10 parte generale

IL TURISMO CULTURALE - CORSO DI ALTA FORMAZIONE DOTTORATO DI RICERCA


OBIETTIVI FORMATIVI
Il corso è rivolto a diplomati e laureati che stanno operando o che intendono farlo in futuro nel settore della pro- DOTTORATO DI RICERCA IN STUDI INTERCULTURALI EUROPEI
mozione della conoscenza dei beni storici ed artistici, dei monumenti, dei borghi, delle città puntuali competenze
CARATTERISTICHE GENERALI DEL CORSO
relative a settori per lo più trascurati nei piani accademici. La formazione avviene attraverso l’acquisizione di tecni-
che di management e marketing, la gestione economica e finanziaria, l’utilizzo delle nuove tecnologie informatiche Motivazioni culturali
e telematiche nella promozione dei vari territori nell’ambito turistico La dimensione europea alla quale il dottorato si riferisce dovrà realizzarsi attraverso un costante dialogo trasversa-
Punti di forza del Corso sono le concrete esperienze alle quali fanno seguito le verifiche progettuali. le tra le discipline attivate nella facoltà, intese nel loro senso più ampio ovvero come studi filologico-letterari, lingui-
stici e storico-culturali. E’ evidente come questo dialogo presupponga una dimensione comparatistica, vista sia co-
PROSPETTIVE OCCUPAZIONALI me metodologia di confronto tra aree culturali e linguistiche sia come possibilità di paragonare nelle loro modalità
I programmi didattici proposti sono finalizzati all’acquisizione di specifiche competenze nel settore dei Beni cultu- espressive linguaggi e media diversi, e tale da coinvolgere necessariamente anche le culture non europee che uti-
rali che permetteranno di esercitare una varietà di professioni: dalla predisposizione di pacchetti turistici, alla re- lizzano lingue di origine europea. Elemento caratterizzante della formazione dei dottorandi sarà il costante riferi-
dazione di dépliants, alla formazione di guide turistiche specializzate e accompagnatori turistici dove la conoscen- mento ad almeno due aree culturali. Onde favorire la dimensione multidisciplinare che caratterizza il dottorato, la
za della lingua è dirimente. scelta dell’orizzonte di riferimento è di tipo tematico. Tale scelta può infatti consentire alle diverse discipline impli-
cate di contribuire con apporti di specifiche competenze e metodologie, ancorati però a ben delineate linee di ri-
PIANO DEGLI STUDI cerca. L’orizzonte di riferimento prescelto consente inoltre l’aggiornamento della linea tematica individuata in rela-
INSEGNAMENTI SSD CFU zione ai diversi cicli di dottorato attivati nel tempo.
Lingua inglese (I) L-LIN/12 2 La linea prescelta, relativa al prossimo ciclo, reca il titolo: “Modelli, immagini e lingue che hanno fatto l’Europa”.
Lingua inglese (II) L-LIN/12 2
Curricula
Geografia M-GGR/01 1
Il tema proposto è articolato in curricula predisposti nell’ottica di costituire percorsi formativi orientati alla ricerca
Museologia L-ART/04 1 qualificata in più ambiti disciplinari, tali da permettere competenza e autonomia che dotino il dottorando di capaci-
Metodologia della storia dell’arte L-ART/04 1,5 tà di inserimento in, e di collaborazione con, enti pubblici e privati, università italiane e straniere, nonché istituzioni
Storia dell’arte moderna L_ART/02 2 internazionali. La competenza di ciascun dottorando relativamente alla conoscenza di almeno due lingue straniere
Storia dell’arte medioevale L_ART/01 1.5 a livello elevato deve essere raggiunta precedentemente all’inizio dei corsi di dottorato.
Storia dell’arte contemporanea L-ART/03 1.5
Stages e tirocinii: 3 I curricula sono: 1) filologico-letterario; 2) storico-culturale; 3) linguistico.
Ulteriori conoscenze linguistiche 2
Ad ogni curriculum corrispondono articolazioni del tema prescelto in altrettanti percorsi, da svilupparsi tanto in sin-
Prova finale: 2
cronia quanto in diacronia e tali da consentire la più ampia partecipazione di tutte le discipline della facoltà.
Totale 20
Le articolazioni del tema “Modelli, immagini e lingue che hanno fatto l’Europa” sono:
• per il curriculum filologico-letterario: Letture, generi e stili che hanno fatto l’Europa;
STRUTTURA DIDATTICA DEL CORSO • per il curriculum storico-culturale: Forme e stili che hanno fatto l’Europa;
Il Corso si struttura in 500 ore di attività formativa corrispondenti a venti crediti: 140 ore di lezioni frontali, 130 ore • per il curriculum linguistico: Lingue e dialetti che hanno fatto l’Europa.
di stage e tirocinii, 30 ore di didattica alternativa e 200 ore di studio individuale.
Il numero minimo di iscrizioni è di 20 studenti, il massimo di 25. Durata del dottorato: tre anni, con obbligo di soggiorno del dottorando all’estero per almeno sei mesi.
Le lezioni frontali sono finalizzate alla conoscenza della storia dell’arte italiana nelle sue periodizzazioni, a relazio-
narla alle presenza artistiche delle varie regioni, ad affinare la capacità comunicativa. Concorso di ammissione al corso di dottorato
Gli stages vengono effettuati nelle agenzie di turismo, nelle agenzie di viaggio, nelle strutture comunali, provincia- Per le modalità di ammissione si rinvia all’art 6 del Regolamento di Ateneo relativo ai Corsi di Dottorato di Ricerca.
li, regionali del Turismo. La prova scritta consiste nell’elaborazione - in italiano - di una delle tracce sorteggiate in sede di concorso; la prova
orale consta di un colloquio da svolgersi nelle due lingue straniere proposte dal candidato e verterà sul curriculum,
Per informazioni: Visitare il sito di Facoltà e di Ateneo. sulla prova scritta e sul progetto di ricerca che si intende sviluppare in caso di ammissione al corso.

64 65
vademecum 2009/10 parte generale

ORDINAMENTI DIDATTICI DEI CORSI DI LAUREA AD Storia e critica del cinema


Storia del teatro e dello spettacolo
ESAURIMENTO Introduzione al mondo del lavoro 3 crediti (obbligo di frequenza)
Prova finale (Tesi) 9 crediti

CORSO DI LAUREA IN LINGUE E LETTERATURE MODERNE 1 Lingua straniera può essere scelta tra: Lingua francese, Lingua spagnola, Lingua inglese, Lingua tedesca, Lingua russa. I crediti
COMPARATE (CL1: III anno) sono divisi tra l’esame scritto, 6 crediti, e l’esame orale, 3 crediti.
2 Letteratura straniera può essere scelta tra Letteratura francese, Letteratura spagnola, Letteratura inglese o Letteratura anglo–
americana, Letteratura tedesca, Letteratura russa. Chi sceglie Letteratura anglo-americana non può scegliere Letteratura
CONOSCENZE E ABILITÀ inglese come seconda letteratura e viceversa.
Il corso di laurea mira a fornire una solida formazione di base in linguistica teorica e in letteratura italiana, la padro- Gli studenti triennalisti di letteratura anglo-americana di CL1 sono tenuti a scegliere un modulo di letteratura inglese (modulo
nanza orale e scritta di due lingue straniere europee, la conoscenza approfondita delle rispettive letterature e filolo- base del II anno di lett. inglese) all’interno degli insegnamenti d’area. Gli studenti triennalisti di letteratura inglese di CL1 sono
gie e dei corrispondenti linguaggi settoriali, e la capacità di redigere testi in italiano e nelle lingue straniere studiate, tenuti a scegliere almeno un modulo di letteratura anglo-americana all’interno degli insegnamenti d’area.
3 La scelta dello studente è del tutto libera.
in una prospettiva comparatistica capace di individuare le interrelazioni fra i differenti ambiti letterari e storico-cultu-
4 Per Filologia di lingua tedesca e inglese si intende Filologia germanica; per Filologia di lingua francese e spagnola si intende
rali. Gli studenti verranno messi in grado di utilizzare i principali strumenti informatici e telematici nell’ambito della Filologia romanza; per Filologia di lingua russa si intende Filologia slava.
comunicazione interculturale. A questi obiettivi contribuiranno anche incontri con esperti del mondo del lavoro. 5 L’esame scritto di Letteratura italiana non è propedeutico all’esame orale. I crediti sono divisi tra l’esame scritto, 2 crediti, e
l’esame orale, 6 crediti.
POSSIBILI SBOCCHI PROFESSIONALI 6 Lo studente può scegliere liberamente 2 moduli, anche di discipline diverse, tra gli insegnamenti delle aree delle due
letterature comprese nel suo piano di studio, indicati con asterisco nella lista degli insegnamenti. Gli studenti triennalisti di
I laureati saranno in grado di svolgere attività di studio, di ricerca e di collaborazione professionale nei settori dei
letteratura inglese sono tenuti a scegliere almeno un modulo di Letteratura anglo-americana.
servizi culturali, del giornalismo, dell’editoria e delle istituzioni culturali nazionali e internazionali, in un’ottica di in-
termediazione tra le culture dell’Europa. I laureati acquisiranno altresì la preparazione indispensabile a frequentare
i corsi finalizzati alla formazione dei docenti della scuola secondaria. CORSO DI LAUREA IN LINGUE MODERNE ARTI E CULTURA
(CL2: III anno)
OBIETTIVI FORMATIVI
I laureati, competenti in due lingue straniere europee, con conoscenze dei nuovi strumenti informatici e tecnologici, e in pos-
sesso dei metodi della ricerca scientifica pertinente all’ambito delle lingue, delle letterature e delle filologie in una prospet- CONOSCENZE E ABILITÀ
tiva comparatistica capace di individuare le interrelazioni fra i differenti ambiti letterari e storico-culturali, avranno la prepa- Il corso è finalizzato all’acquisizione delle specifiche conoscenze orali e scritte di due lingue straniere moderne europee,
razione necessaria per lo studio delle letterature e delle filologie, saranno in grado di elaborare testi e relazioni di lavoro, di dei rispettivi linguaggi settoriali e della redazione di testi in italiano e nelle lingue straniere studiate, nonché delle oppor-
analizzare criticamente i prodotti dell’editoria e di altri settori culturali e sapranno mediare tra le varie culture dell’Europa. tune competenze nel campo della letteratura, dell’arte, della musica e dello spettacolo. A questo obiettivo contribuiran-
no incontri con esperti del mondo del lavoro e corsi che abilitano all’uso degli strumenti informatici e multimediali.
Ordinamento di CL1
In neretto sono indicati gli insegnamenti del piano di studio standard POSSIBILI SBOCCHI PROFESSIONALI
Attività in istituzioni che si occupano dell’organizzazione di mostre d’arte nazionale e internazionale, nell’editoria d’arte,
III anno nel settore didattico-artistico dei musei, nell’organizzazione di concerti e nel settore degli spettacoli teatrali e cinemato-
1. Lingua straniera A 1 modulo, 9 crediti, con prova scritta grafici, cioè in tutti i settori dove è indispensabile una figura di raccordo tra diverse aree linguistiche e culturali.
2. Lingua straniera B 1 modulo, 9 crediti, con prova scritta
3. Letteratura della lingua straniera A 2 moduli, 6 crediti OBIETTIVI FORMATIVI
4. Letteratura della lingua straniera B 2 moduli, 6 crediti I laureati, competenti in due lingue straniere europee, con conoscenze dei nuovi strumenti informatici e tecnolo-
5. Filologia della lingua straniera B 2 moduli, 6 crediti gici e in possesso dei metodi della ricerca scientifica pertinente all’ambito delle lingue e letterature, dell’arte, della
6. Letterature comparate 2 moduli, 6 crediti musica e dello spettacolo, saranno in grado di operare nel campo dell’organizzazione e del coordinamento di mo-
7. Un insegnamento a scelta tra 2 moduli, 6 crediti stre d’arte, nel settore della programmazione di spettacoli teatrali e cinematografici, nella realizzazione di convegni
Storia dell’arte moderna nazionali e internazionali coinvolgenti culture diverse, e di produrre per tutti questi settori il corrispettivo materiale
Storia dell’arte contemporanea informativo in italiano e nelle lingue straniere europee. I laureati acquisiranno altresì la preparazione indispensabi-
Storia della musica le a frequentare i corsi finalizzati alla formazione dei docenti.

66 67
vademecum 2009/10 parte generale

ORDINAMENTO DI CL2 economiche, giuridiche, aziendali, turistiche e bancarie. A questo obiettivo contribuiranno i previsti tirocini formati-
In neretto sono indicati gli insegnamenti del piano di studio standard vi presso aziende italiane ed estere, incontri con esperti del mondo del lavoro (seminari di introduzione al mondo
del lavoro) e corsi che abilitano all’uso degli strumenti informatici e multimediali.
III anno
1.Lingua straniera A 1 modulo, 9 crediti, con prova scritta POSSIBILI SBOCCHI PROFESSIONALI
2.Lingua straniera B 1 modulo, 9 crediti, con prova scritta Attività di marketing e comunicazione, commercio estero e ufficio acquisti in aziende con rapporti internazionali e
3.Letteratura della lingua straniera A 2 moduli, 6 crediti corrispondenza con partner di altre nazioni, nel settore estero delle banche, nei settori della programmazione del-
4.Letteratura della lingua straniera B 2 moduli, 6 crediti l’attività e dei rapporti con il pubblico delle imprese turistiche.
5.Un insegnamento del settore Spettacolo a scelta tra 2 moduli, 6 crediti
Storia del teatro e dello spettacolo OBIETTIVI FORMATIVI
Storia e critica del cinema I laureati, competenti in due lingue straniere europee, nelle tecniche della comunicazione e dell’informazione e in
6.Un insegnamento a scelta tra 2 moduli, 6 crediti possesso di una solida conoscenza dei meccanismi di gestione aziendale, saranno in grado di gestire nelle impre-
Letterature comparate se la corrispondenza commerciale con l’estero, di collaborare nelle attività di marketing e comunicazione azienda-
Letteratura teatrale italiana le, di operare nelle trattative economiche internazionali, di curare la gestione degli uffici esteri nelle banche, di pre-
7.Un insegnamento dei settori Arte/Musica a scelta tra: 1 modulo, 3 crediti disporre nelle agenzie turistiche il materiale pubblicitario adattando testi dei diversi settori culturali o economici for-
Storia dell’arte moderna mulati in lingue straniere alle esigenze del pubblico italiano.
Storia dell’arte contemporanea
Storia della musica ORDINAMENTO DI CL4
Informatica (esercitazioni avanzate) 1 modulo, 3 crediti (verifica interna) In neretto sono indicati gli insegnamenti del piano di studio standard
Introduzione al mondo del lavoro 3 crediti (obbligo di frequenza)
Prova finale (tesi) 9 crediti III anno
1.Lingua straniera A 1 modulo, 10 crediti, con prova scritta
1 Lingua straniera può essere scelta tra: Lingua francese, Lingua spagnola, Lingua inglese, Lingua tedesca, Lingua russa. I crediti 2.Lingua straniera B 1 modulo, 10 crediti, con prova scritta
sono divisi tra l’esame scritto, 6 crediti, e l’esame orale, 3 crediti. 3.Marketing internazionale5 2 moduli, 6 crediti
2 Letteratura straniera può essere scelta tra Letteratura francese, Letteratura spagnola, Letteratura inglese o Letteratura anglo–
americana, Letteratura tedesca, Letteratura russa. Chi sceglie Letteratura anglo-americana non può scegliere Letteratura
4.Economia e gestione delle imprese 2 moduli, 6 crediti
inglese come seconda letteratura e viceversa. 5.Un insegnamento a scelta tra: 2 moduli, 6 crediti
Si consiglia vivamente agli studenti triennalisti di lingua inglese di CL2 di scegliere almeno un modulo della letteratura di Cultura e gestione delle imprese artigiane
lingua inglese non triennalizzata, cioè 1 modulo di Letteratura anglo-americana (se lo studente ha triennalizzato la Lett. Economia e gestione delle imprese turistiche
inglese) o di Letteratura inglese (se lo studente ha triennalizzato la Lett. anglo-americana). Finanza e impresa
2 La scelta dello studente è del tutto libera.
Tirocinio 12 crediti
4 Per Filologia di Lingua e Letteratura tedesca e inglese si intende Filologia germanica; per Filologia di Lingua e Letteratura
francese e spagnola si intende Filologia romanza; per Filologia di Lingua e Letteratura russa si intende Filologia slava. Prova finale 10 crediti
5 L’esame scritto di Letteratura italiana non è propedeutico all’esame orale. I crediti sono divisi tra l’esame scritto, 3 crediti, e
l’esame orale, 6 crediti. ¹ Lingua straniera può essere scelta tra Lingua francese, Lingua inglese, Lingua russa, Lingua spagnola e Lingua tedesca.
² Storia della cultura straniera deve corrispondere alle due lingue straniere che lo studente ha scelto. Può essere scelta tra Storia
della cultura francese, Storia della cultura ispanica, Storia della cultura tedesca e Storia della cultura russa, Storia della cultura
inglese o, in alternativa a quest’ultima Storia della cultura anglo-americana. Chi sceglie Storia della cultura inglese può inserire
CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURA PER L’IMPRESA Storia della cultura anglo-americana come insegnamento a scelta libera; analogamente chi sceglie Storia della cultura anglo-
(CL4: III ANNO) americana può inserire Storia della cultura inglese come insegnamento a scelta libera.
3 La scelta dello studente è del tutto libera, si possono scegliere due moduli di insegnamento oppure attività formative di altro
Il corso di laurea ha ottenuto, nel 2003, la certificazione di qualità UNI EN ISO 9001:00. genere che siano coerenti col proprio indirizzo di studio.
4 Nel corso di Informatica si presuppone che lo studente abbia superato le tre verifiche informatiche previste dall’ordinamento
didattico per il I anno del corso. Non si potrà comunque sostenere l’esame di Informatica alla fine del corso senza aver
CONOSCENZE E ABILITÀ superato precedentemente le tre verifiche del I anno.
Il corso è finalizzato all’acquisizione delle specifiche conoscenze orali e scritte di due lingue straniere moderne eu- 5 Si consiglia vivamente di sostenere l’esame di Marketing prima di seguire il corso di Marketing internazionale.
ropee, dei rispettivi linguaggi settoriali e della redazione di testi in italiano, nonché delle opportune competenze

68 69
vademecum 2009/10 parte generale

1 Lingua straniera A (orientale) può essere scelta tra: Lingua araba e Lingua cinese. I crediti sono divisi tra l’esame scritto, 6
CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CIVILTÀ ORIENTALI crediti e l’esame orale, 6 crediti.
(CL5: III ANNO) 2 Lingua straniera B (europea): Lingua inglese. I crediti sono divisi tra l’esame scritto, 6 crediti e l’esame orale, 3 crediti.
3 Letteratura straniera 1 (orientale) può essere scelta tra Letteratura araba, Letteratura cinese.
4 Letteratura straniera 2 (europea): Letteratura inglese.
Il corso è attivato presso la sede di PesaroStudi nella città di Pesaro.
5 Lo studente può scegliere moduli di insegnamento coerenti con il proprio indirizzo di studio oppure attività formative
concordate con la Commissione Piano di Studio.
CONOSCENZE E ABILITÀ Può biennalizzare insegnamenti del suo piano studio oppure scegliere tra altri insegnamenti dei corsi di laurea attivati
Il corso è finalizzato all’acquisizione delle specifiche conoscenze orali e scritte di una lingua moderna europea e di una dalla Facoltà, oppure tra insegnamenti attivati da altre Facoltà dell’Ateneo (esempio dal corso di laurea in Comunicazione
orientale e dei rispettivi linguaggi settoriali. Prevede la capacità di redigere testi in italiano e nelle lingue straniere studiate e Pubblicitaria della Facoltà di Sociologia presso la sede di PesaroStudi).
di acquisire competenze nel campo della letteratura, dell’arte e della comunicazione interculturale, sociale e di impresa. 6 Per Introduzione al mondo del lavoro, lo studente può presentare una dichiarazione del datore di lavoro o di un ente o
istituzione che attesti la durata e la tipologia della attività svolta. Tali dichiarazioni hanno una validità di soli 2 anni, a partire
A questo obiettivo contribuiranno, oltre agli insegnamenti che introducono lo studente nel mondo della cultura e dal momento di cessazione del rapporto di lavoro. La valutazione ed il riconoscimento di suddette dichiarazioni spetta alla
della vita sociale orientale, incontri con esperti del mondo del lavoro, corsi che abilitano all’uso degli strumenti in- commissione pertinente.
formatici e multimediali e tirocini formativi presso istituzioni pubbliche che operano nel sociale (scuole, biblioteche,
sportelli relazioni con il pubblico, ecc.), presso aziende e istituti commerciali italiani ed esteri.
TIROCINIO GLOTTODIDATTICO, STAGE E INTRODUZIONE AL MONDO DEL LAVORO (PER TUTTI I
POSSIBILI SBOCCHI PROFESSIONALI CORSI DI LAUREA)
Il laureato di questo corso sarà in grado di mediare tra mondo europeo e mondo orientale. Svolgerà attività profes- Gli studenti interessati a svolgere attività di tirocinio glottodidattico presso Scuole convenzionate con la Facoltà de-
sionali nei settori dei servizi culturali, nell’organizzazione di mostre, nell’editoria e nelle istituzioni, in attività com- vono contattare la prof.ssa Flora Sisti (referente tirocinio didattico) e la dott.ssa Maria Concetta Tagarelli (referen-
merciali, nelle rappresentanze diplomatiche, nel turismo culturale e negli enti locali che operano nel campo della te stage). Si darà preferenza agli studenti che abbiano incluso almeno un esame di Didattica delle lingue stranie-
interculturalità. Sarà quindi attivo in tutti i settori dove è indispensabile una figura di raccordo tra diverse aree lin- re nel proprio piano di studi.
guistiche e culturali. Per il corso di laurea in Lingue e Cultura per l’Impresa - referenti: prof. Marco Cioppi e dott.ssa Maria Concetta Ta-
garelli - il programma degli studi prevede obbligatoriamente uno stage in enti e aziende di diversi settori: manifat-
OBIETTIVI FORMATIVI turiero, turistico, bancario. Lo stage comporta un impegno di almeno 200 ore secondo gli orari lavorativi dell’en-
I laureati avranno sicura padronanza di una lingua orientale e della lingua inglese, delle tecniche della comunica- te o dell’azienda prescelta e sarà preceduto da 2 seminari introduttivi dedicati a Curriculum Vitae e Colloquio di la-
zione e dell’informazione e saranno in possesso dei metodi della ricerca scientifica pertinente all’ambito delle lin- voro. La selezione dell’azienda o ente ospitante sarà concordata dall’ufficio stage in collaborazione con lo studente
gue e culture europee e orientali. Saranno competenti nell’elaborazione di testi in italiano e nelle lingue straniere tramite un colloquio personale finalizzato a soddisfare le esigenze dell’azienda/ente in funzione delle competenze
studiate e nel campo della cultura in senso vasto, cioè oltre alle letterature europee e orientali anche l’arte in tut- linguistiche ed economiche dello studente. (http://www.uniurb.it/lingue/stage.htm)
te le sue manifestazioni, nonché il mondo della religione, della storia e dell’economia. Essi saranno quindi media- Il corso di laurea in Lingue e Civiltà Orientali, oltre a convenzioni e a borse di studio per seguire corsi in Università
tori tra la cultura europea e quelle dell’Asia e del Medio Oriente e sapranno operare in contesti multietnici e mul- arabe (Rabat) e cinesi (Pechino), ha attivato stage di formazione presso enti ed aziende italiane (Comune di Pesaro:
ticulturali. I laureati acquisiranno altresì la preparazione indispensabile a frequentare i corsi finalizzati alla forma- scuole, biblioteca, servizi sociali; Camera di Commercio di Pesaro: tirocini in azienda) e presso uffici esteri di enti lo-
zione dei docenti. cali che si occupano di scambi con l’Oriente (Camera di Commercio di Pesaro: stage presso la sede di Shanghai).

ORDINAMENTO DI CL5 Oltre allo stage saranno organizzati seminari, incontri con esperti e conferenze che permetteranno di acquisire i cre-
diti previsti dal piano di studio per Introduzione al mondo del lavoro.
III anno Gli studenti lavoratori e coloro che hanno fatto esperienze lavorative possono presentare una dichiarazione del da-
1.Lingua straniera A (orientale) 2 moduli, 12 crediti, con prova scritta tore di lavoro sulla durata e la tipologia della loro attività che verrà valutata dalla Facoltà per il riconoscimento dei
2.Lingua straniera B (europea) 1 modulo, 9 crediti, con prova scritta crediti relativi all’Introduzione al mondo del lavoro o allo stage. Tali dichiarazioni hanno validità di soli 2 anni, a par-
3.Letteratura della lingua straniera A (orientale) 2 moduli, 6 crediti tire dal momento di cessazione del rapporto di lavoro.
4.Letteratura della lingua straniera B (europea) 2 moduli, 5 crediti
5. Etnolinguistica 1 modulo,3 crediti
6.Storia della filosofia 2 moduli, 6 crediti
7.Scelta libera dello studente5 6 crediti
Introduzione al mondo del lavoro (obbligo di frequenza)6 4 crediti
Prova finale 9 crediti

70 71
vademecum 2009/10 parte generale

INFORMAZIONI UTILI SUI CORSI DI LAUREA TRIENNALI AD Gli esami di letteratura straniera seguono la propedeuticità in relazione all’annualità.
ESAURIMENTO Gli studenti triennalisti di letteratura anglo-americana di CL1 sono tenuti a scegliere il
I modulo di letteratura inglese II all'interno degli insegnamenti d'area.
PIANI DI STUDIO Gli studenti triennalisti di letteratura inglese di CL1 sono tenuti a scegliere almeno un
Ogni studente, sin dal primo anno, è tenuto a formulare (tenendo conto delle indicazioni in merito della Facoltà) modulo di letteratura anglo-americana all'interno degli insegnamenti d'area.
il proprio piano di studio per tutti tre gli anni del corso e a consegnarlo alla Segreteria della Facoltà entro e non ol- Si consiglia vivamente agli studenti triennalisti di lingua inglese di CL2 di scegliere almeno un
tre il 30 novembre di ogni anno accademico. Lo studente al II e al III anno, nel limite delle scelte previste dall’or- modulo della letteratura di lingua inglese non triennalizzata, cioè un modulo di letteratura
dinamento didattico della Facoltà, può riformulare il proprio piano di studio. Il piano non può essere modificato anglo-americana (se lo studente ha triennalizzato la letteratura inglese) o di letteratura
in corso d’anno. inglese (se lo studente ha triennalizzato la letteratura anglo-americana).
Nel caso in cui lo studente non consegni il piano di studio entro i termini indicati, il Consiglio di Facoltà provvederà Per il Corso di laurea in Lingue e cultura per l’impresa, lo studente dovrà scegliere due tra
ad attribuirgli automaticamente un piano di studio standard (secondo le indicazioni fornite per ciascun corso) pre- le seguenti lingue europee (abbinate alle rispettive storie della cultura) in ciascuna delle quali
visto solo per questi casi, specificando anche gli insegnamenti a scelta guidata. Questo piano dovrà essere seguito sosterrà tre prove scritte e tre prove orali:
per quell’anno accademico e potrà essere modificato soltanto l’anno successivo. Lingua francese - Storia della cultura francese
Se entra in vigore il piano standard per mancata presentazione di quello individuale, la scelta libera, qualora pre- Lingua inglese - Storia della cultura inglese oppure Storia della cultura anglo-americana
vista, deve essere necessariamente indicata dallo studente nel piano dell’anno successivo. Lingua russa - Storia della cultura russa
Lingua spagnola - Storia della cultura ispanica
La scelta libera dello studente comprende qualsiasi attività formativa all’interno della Facoltà o dell’Università di Ur- Lingua tedesca - Storia della cultura tedesca
bino. Tra le varie possibilità, si suggerisce la scelta di una terza Lingua straniera. I crediti attribuiti alla scelta libera Nel Corso di laurea in Lingue e civiltà orientali, oltre alla lingua inglese, obbligatoria per
possono essere maturati anche mediante attività culturali svolte al di fuori dell’Università, purché debitamente au- tutti, gli studenti potranno scegliere una delle seguenti lingue orientali (abbinata alla
torizzate e documentate. rispettiva letteratura) nella quale sosterranno tre prove scritte e tre prove orali:
Per gli esami a scelta libera sostenuti in altre Facoltà, i crediti saranno attribuiti secondo le norme della Facoltà di Lingua araba - Letteratura araba
Lingue e letterature Straniere. Lingua cinese - Letteratura cinese
Esami di insegnamenti attivati presso la Facoltà di Lingue e Letterature Straniere non possono essere sostenu-
ti in altre Facoltà. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA DIDATTICA
L’anno accademico è diviso in due semestri (vedi calendario accademico). La didattica
LINGUE STRANIERE prevede corsi di insegnamento frontale, seminari, esercitazioni linguistiche e informatiche,
L’insegnamento di Lingua straniera prevede sia il corso tenuto dal docente della disciplina (un corso di 30 ore; per studio assistito ed individuale. Sono previsti incontri con esperti del mondo del lavoro
le lingue orientali due moduli di 30 ore ciascuno), sia le esercitazioni di lingua tenute dai lettori e collaboratori ed (seminari di introduzione al mondo del lavoro) e, per i corsi di laurea in Lingue e cultura per
esperti linguistici (che si svolgono lungo tutto l’anno accademico). l’impresa e in Lingue e civiltà orientali, stage in imprese e in istituzioni italiane o estere.
Per i Corsi di laurea in Lingue e letterature moderne comparate e in Lingue moderne arti e cultura, lo studente do- All’inizio di ogni anno accademico sarà indicata la distribuzione degli insegnamenti nei due
vrà scegliere due tra le seguenti lingue europee (abbinate alle rispettive letterature), in ciascuna delle quali soster- semestri.
rà tre prove scritte e tre prove orali: Ciascun insegnamento è articolato in moduli di 30 ore. Ad ogni insegnamento è attribuito un
Lingua francese - Letteratura francese* numero di crediti. Un credito corrisponde a 25 ore di lavoro dello studente diviso tra lezioni e
Lingua inglese - Letteratura inglese o Letteratura anglo-americana** studio individuale. Per il conseguimento della laurea lo studente dovrà avere acquisito 180
Lingua russa - Letteratura russa crediti, 60 per ogni anno di corso. Per sostenere gli esami scritti e orali è necessario che gli
Lingua spagnola - Letteratura spagnola studenti abbiano regolarizzato la propria posizione presso la segreteria.
Lingua tedesca - Letteratura tedesca
FREQUENZA
*Gli studenti di lingua e letteratura francese sono invitati ad inserire nel proprio curriculum Letteratura francese contemporanea Si consiglia agli studenti la frequenza dei corsi. Per coloro che per giustificati motivi sono impossibilitati a frequen-
come scelta libera o materia d’area, soprattutto se intendono proseguire il loro corso di studi con la Laurea specialistica.
**Gli studenti di lingua inglese possono scegliere indifferentemente il corso triennale di Letteratura inglese oppure di
tare vengono stabiliti programmi diversificati per gli esami orali.
Letteratura anglo-americana. La seconda letteratura straniera (con la corrispondente lingua straniera) dovrà essere scelta tra le Gli studenti non frequentanti sono invitati a mettersi in contatto con il docente.
altre letterature (francese, spagnola, russa e tedesca).

72 73
vademecum 2009/10 parte generale

ESAMI SCRITTI (LINGUA STRANIERA E LETTERATURA ITALIANA) II anno


Durante l’anno sono previsti tre appelli per gli esami scritti e per le prove di dettato/comprensione orale di Lingua 1. Prova d’ascolto o dettato. 2. Test grammaticale con varie tipologie di esercizi. 3. Comprensione di un testo scrit-
straniera, nonché per l’esame scritto di Letteratura italiana, in maggio/giugno, settembre e gennaio. Le prove scrit- to (ed eventuale traduzione di una parte di esso in italiano). 4. Redazione di un testo (di circa 250 parole per ingle-
te possono essere sostenute solo presso la Facoltà di Lingue e Letterature straniere di Urbino. se, francese, spagnolo e tedesco; di circa 90 parole per russo).

L’esame scritto di lingua si compone di più prove come indicato nella tabella di seguito riportata. Le prove di ascol- Le prove scritte del II anno sono uniformate ai livelli di competenza linguistica di seguito indicati:
to (dettato o comprensione) si svolgono all’inizio della sessione degli esami scritti e il risultato di tali prove sarà par-
te integrante dell’esame scritto. Lingua. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Livello Framework europeo
L’esame scritto sarà considerato superato solo se nessuna parte ha una votazione inferiore a 12/30 e solo se la me- Inglese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B2
dia di tutte le parti supera la sufficienza (18/30). Se uno studente supera la prova di dettato o di comprensione e Francese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B2
non si presenta alle successive prove scritte, la prova superata è nulla e dovrà essere ripetuta. Tedesco. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B2
La valutazione positiva conseguita nelle prove scritte non può essere rifiutata e quindi l’esame non può essere reiterato. Spagnolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B2
L’iscrizione agli esami scritti (anche per la prova scritta di Letteratura Italiana a partire dall’A.A. 2005-06) ed alle pro- Russo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A2
ve di comprensione/dettato può essere effettuata solo on-line alle liste disponibili sul sito http://www.uniurb.it/lin-
gue e non si accettano iscrizioni in cui non sia indicato il numero di matricola. L’iscrizione si apre nel momento in III anno
cui sono ufficialmente disponibili le date degli appelli e si chiude improrogabilmente il giorno indicato in calce nel 1. Prova d’ascolto. 2. Redazione di un testo in lingua straniera, partendo da un testo in italiano e da un testo in lin-
calendario esami scritti. La data di chiusura delle liste riguarda sia le prove di comprensione sia le prove scritte. gua straniera (ed eventuale traduzione di parti di essi) su uno stesso argomento, a scelta tra letteratura e cultura
E’ possibile iscriversi a più esami scritti nella stessa sessione. Non è però possibile sostenere un esame scritto di lin- generale o attualità per CL1 e CL2; a scelta tra cultura generale o attualità per CL4 (di circa 400 parole per inglese,
gua straniera se non è stato superato l’esame scritto e orale dell’anno precedente per la stessa lingua. francese, spagnolo e tedesco; di circa 150 parole per russo). 3. Solo per la lingua russa: test grammaticale.
E’ possibile conoscere i risultati degli esami scritti sia prendendone visione nelle liste affisse in bacheca nelle sedi Le prove scritte del III anno sono uniformate ai livelli di competenza linguistica di seguito indicati:
di Piazza Rinascimento, Via Oddi, PesaroStudi e Via Saffi 2 (Segreteria centrale), sia tramite il sito internet, ove, nel
rispetto della privacy, comparirà soltanto il numero di matricola e la votazione. Lingua. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Livello Framework europeo
Non verranno comunicati risultati per telefono. Inglese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C1
Francese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C1
PROVE SCRITTE DI LINGUA STRANIERA (CL1, CL2 E CL4) Tedesco. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C1
(schema valido per tutte le lingue straniere) Spagnolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C1
Russo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B1
Tempo complessivo a disposizione per le prove n. 2, 3 e 4 del I, II e III anno: 4 ore.
USO DEI DIZIONARI DURANTE LE PROVE SCRITTE
I anno L’uso dei dizionari (monolingue e bilingue) è consentito solo:
1. Prova d’ascolto o dettato. 2. Test grammaticale con varie tipologie di esercizi. 3. Comprensione di un testo scrit- al II anno per la prova n. 3 (Comprensione di un testo scritto ed eventuale traduzione) e n. 4
to in lingua straniera. 4. Redazione di un testo in lingua straniera, oppure commento al testo della prova 3 in lin- (Redazione di un testo);
gua straniera. al III anno per la prova n. 2 (Redazione di un testo ed eventuale traduzione)

Le prove scritte del I anno sono uniformate ai livelli di competenza linguistica di seguito indicati: PROVE SCRITTE DI LINGUA STRANIERA (CL5)
(schema valido per tutte le lingue straniere)
Lingua. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Livello Framework europeo
Inglese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B1 Tempo complessivo a disposizione per le prove n. 2, 3 e 4 del I, II, III anno: 4 ore.
Francese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B1
Tedesco. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B1 I anno
Spagnolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B1 1. Prova d’ascolto o dettato. 2. Test grammaticale con varie tipologie di esercizi. 3. Comprensione di un testo scritto
Russo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A1 in lingua straniera. 4. Redazione di un testo in lingua straniera, oppure commento alla prova 3 in lingua straniera.
Uso dei dizionari: vedi tabella.

74 75
vademecum 2009/10 parte generale

II anno
Le prove scritte del I anno sono uniformate ai livelli di competenza linguistica di seguito indicati:
Prova d’ascolto* ---- ---- ----
Test Grammaticale ---- Dizionario ----
Lingua. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Livello Framework europeo
Comprensione di un testo scritto (eventuale traduzione) Dizionario Dizionario Dizionario
Inglese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B1
Redazione di un testo Dizionario Dizionario Dizionario
Arabo*. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (A1)
III anno
Cinese*. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (A1)
Prova d’ascolto ---- ---- ----
Redazione di un testo Dizionario Dizionario Dizionario
II anno
Test Grammaticale** Dizionario ----
1. Prova d’ascolto. 2. Test grammaticale con varie tipologie di esercizi. 3. Comprensione di un testo scritto (ed even-
tuale traduzione di una parte di esso in italiano). 4. Redazione di un testo (di circa 250 parole per inglese; di circa * Per lingua araba dettato senza vocalizzazione
90 parole per arabo e cinese). ** Escluso lingua inglese
Uso dei dizionari: vedi tabella.
Le prove scritte del II anno sono uniformate ai livelli di competenza linguistica di seguito indicati: ESAMI ORALI
Durante l’anno sono previste tre sessioni di esami, in maggio/luglio (3 appelli),settembre/ottobre (2 appelli più 1
Lingua. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Livello Framework europeo riservato esclusivamente agli studenti fuori corso) egennaio/febbraio (3 appelli). Non sono previsti pre- e post-ap-
Inglese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . B2 pelli. Gli esami orali (di uno o due moduli) non possono essere sostenuti prima della fine del semestre in cui si è
Arabo*. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (A2) svolto il corso. Nel caso di esami annuali tenuti in due semestri, lo studente, alla fine del primo semestre, può so-
Cinese*. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (A2) stenere il solo primo modulo (es.: Letteratura Italiana).

III anno LINGUA STRANIERA


1. Prova d’ascolto. 2. Test grammaticale (solo per le lingue araba e cinese). 3. Redazione di un testo in lingua stra- Se il corso del docente di lingua si è svolto nel primo semestre, le due prove (accertamento linguistico e corso mo-
niera, partendo da un testo in italiano e da un testo in lingua straniera su uno stesso argomento, a scelta tra lettera- nografico) possono essere sostenute separatamente (lo studente potrà cioè sostenere il solo corso monografico o
tura e cultura generale o attualità (di circa 400 parole per inglese; di circa 150 parole per arabo e cinese). l’intero esame, a sua discrezione) nella sola sessione d’esame di gennaio-febbraio dell’annualità di iscrizione; l’esa-
Uso dei dizionari: vedi tabella. me sarà comunque registrato solo una volta superato anche l’accertamento linguistico. Qualora il risultato dell’esa-
Le prove scritte del III anno sono uniformate ai livelli di competenza linguistica di seguito indicati: me del corso monografico sia positivo, esso sarà considerato valido anche negli appelli d’esame successivi.
In tutti gli altri appelli d’esame, l’accertamento linguistico dovrà precedere l’esame orale relativo al corso monografi-
Lingua. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Livello Framework europeo co, ed entrambe le prove saranno consentite, ad eccezione del primo anno, solo dopo aver superato la prova scrit-
Inglese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . C1 ta, secondo la sequenza: esame scritto, poi accertamento linguistico ed infine corso monografico. Lo studente che
Arabo*. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (B1) non supera un esame non può presentarsi all'appello immediatamente successivo nella stessa sessione.
Cinese*. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (B1) Nei casi particolari relativi al possesso di certificati di conoscenza della lingua, rilasciati da istituzioni estere ricono-
sciute, lo studente che ha la convalida dell’accertamento linguistico e della prova scritta del corso monografico po-
* Al momento mancano per le lingue araba e cinese livelli standardizzati di riferimento. Pertanto i livelli indicati fra parentesi trà sostenere il solo esame orale con il docente di lingua in qualsiasi sessione utile.
hanno un valore puramente orientativo. L’iscrizione agli esami orali è possibile on-line nelle liste disponibili sul sito http://www.uniurb.it/lingue. L’iscrizione
si apre nel momento in cui sono ufficialmente disponibili le date degli appelli e si chiude due giorni lavorativi pri-
Uso dei dizionari durante le prove scritte ma della data fissata per l'appello.
Non si accettano iscrizioni on-line in cui non sia indicato il numero di matricola.
Prove/Lingua Inglese Arabo Cinese Gli studenti iscritti che decidano di non presentarsi all’esame sono vivamente invitati a cancellare la propria iscrizione.
I anno
Prova d’ascolto o dettato ---- ---- ---- ESAMI SCRITTI E ORALI: PROPEDEUTICITÀ
Test Grammaticale ---- Dizionario ---- Gli esami delle letterature straniere seguono la propedeuticità in relazione all’annualità non si può dunque soste-
Comprensione di un testo scritto ---- Dizionario ---- nere l’esame del secondo anno se non si sono già superati i due moduli del primo anno. Non si può sostenere
Redazione di un testo o commento alla prova 3 ---- Dizionario ---- l’esame del terzo anno se non si sono superati i due moduli del secondo anno.
Per gli esami di lingua straniera, non si può sostenere l’esame scritto del II anno se non si è superato l’esame scrit-

76 77
vademecum 2009/10 parte generale

to e orale del I anno; non si può sostenere l’esame scritto del III anno se non si è superato l’esame scritto e ora- 8. I borsisti E.R.S.U. dovranno registrare i crediti prima della data di consegna della documentazione per la doman-
le del II anno. da di borsa di studio da presentare nei tempi previsti dal bando.
L’esame scritto di letteratura italiana, qualora previsto nel piano di studio, non è propedeutico all’esame orale. 9. La convalida dei certificati di lavoro è effettuata tre volte in ogni anno accademico. A tal fine si consiglia di presen-
tare l’opportuna documentazione entro il 30 ottobre, il 30 aprile e il 30 giugno. I documenti presentati in fotoco-
CONOSCENZA DI UNA TERZA LINGUA pia sono validi solo se accompagnati da autocertificazione (si veda il modulo in segreteria studenti).
Lo studente ha la facoltà di inserire una terza lingua solo come scelta libera.
Inoltre la Facoltà può convalidare i certificati di conoscenza linguistica acquisiti presso le Istituzioni europee auto- I crediti richiesti per l’Introduzione al mondo del lavoro sono così distribuiti:
rizzate, tenendo conto del livello e della data in cui è stato conseguito il certificato (vedi informazioni dettagliate
nelle seguenti pagine). Corso di laurea I anno II anno III anno Totale
CL1 1 2 3 6
INTRODUZIONE AL MONDO DEL LAVORO: REGOLAMENTO E REGISTRAZIONE DEI CREDITI CL2 3 3 3 9
Per quanto riguarda l’Introduzione al mondo del lavoro, la Facoltà organizza seminari (con obbligo di frequenza) tenu- CL3 - 4 3 7
ti da esperti del mondo editoriale, della pubblicità, della gestione di spettacoli e di eventi, nonché di altri settori. CL4 - 4 12 (stage) 16
Si consiglia di frequentare i seminari previsti dal piano di studio per ciascun anno di corso entro l’anno accademi- CL5 - - 4 4
co in questione, onde acquisire i crediti relativi.
Gli studenti lavoratori e gli studenti che abbiano fatto esperienze lavorative occasionali possono presentare una di-
chiarazione firmata dal datore di lavoro che attesti la durata e la tipologia dell’ attività svolta debitamente autenticata ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA
(data di inizio e fine rapporto, numero delle ore giornaliere); potranno essere accolte fotocopie di tale documento La Facoltà ha predisposto esercitazioni pratiche di livello elementare e avanzato per preparare gli studenti alla veri-
solo se accompagnate da dichiarazione sostitutiva di certificazione in base all’articolo 46 e 47 del D.P.R. 445/2000. fica delle conoscenze informatiche di primo e secondo livello.
Devono altresì compilare l’apposito modulo di richiesta esonero (predisposto dalla segreteria studenti) consegnan- Gli studenti in possesso della patente ECDL (European Computer Driving Licence) sono esonerati dalla frequenza
do tutta la documentazione alla segreteria studenti. Essa verrà esaminata dalla commissione pertinente per il con- alle esercitazioni; sono tenuti però a depositare, entro 2 anni dal conseguimento, copia autenticata della patente
ferimento di eventuali crediti relativi ad Introduzione al mondo del lavoro. ECDL presso la Segreteria Studenti per la convalida dei crediti previsti dal proprio piano di studio.
La richiesta di convalida della patente informatica ECDL deve essere presentata assieme al piano degli studi, en-
Regolamento per la registrazione dei crediti: tro il 30 novembre.
1. La partecipazione dello studente a seminari, corsi, conferenze e visite a istituzioni sarà certificata dal registro del- Le verifiche di Alfabetizzazione informatica, che hanno luogo nell’Aula di Informatica dell’Istituto di Lingue secon-
le presenze che verrà compilato per ciascun seminario. do le regole e le date comunicate dal Tecnico informatico, dovranno essere svolte entro l’anno di corso previsto dal
2. Il programma delle offerte didattiche dei singoli corsi di laurea sarà esposto in bacheca nelle rispettive sedi. piano di studio dello studente, al fine della registrazione dei relativi crediti.
3. Ogni ora di seminario/conferenza ha il valore di 0,2 crediti. Per gli studenti di Lingue e civiltà orientali i credi- I crediti previsti sono: parte teorica: 2; uso del programma Word: 1; uso del programma Excel: 1.
ti riconosciuti saranno 0,2 indipendentemente dalla durata del seminario/conferenza. Infatti l’offerta formativa di Le prove teoriche (Alfabetizzazione informatica) si svolgeranno tre volte all’anno, dopo le sessioni degli esami scrit-
questo Corso di Laurea privilegia altre forme di attività organizzate specificamente per i propri studenti (stages in ti. Se le prove pratiche non saranno superate entro lo stesso anno accademico, la validità della prova teorica ver-
biblioteche, scuole, aziende). rà a decadere.
4. Eventuali crediti eccedenti saranno registrati nel “Diploma Supplement” . Alla fine del I semestre e alla fine del II semestre, il Tecnico consegnerà alla Segreteria Studenti le liste degli stu-
5. Per gli studenti che si trovino all’estero per il soggiorno Erasmus (e perciò impossibilitati a frequentare le attività denti che hanno superato le prove, al fine di registrare i crediti acquisiti entro i termini di presentazione della do-
relative all’Introduzione al mondo del lavoro), verrà presa in considerazione la partecipazione a uno o più corsi manda di borsa di studio.
della lingua dell’università ospitante, riportanti votazione e indicazione del numero delle ore (almeno 20). Per ta- Il corso di Informatica (esercitazioni avanzate) per gli studenti di CL2 (terzo anno) e LS1 (secondo anno) comprende
li corsi si potranno acquisire al massimo tre crediti, validi esclusivamente come Introduzione al mondo del lavo- la compilazione di un database in MS Access con dati bibliografici, la scrittura di una stringa che ordina i contenuti
ro. La validità di questi certificati ha durata biennale. dei campi in un formato prestabilito, e la redazione finale di una bibliografia in MS Word. Per l’autoapprendimento è
6. Non è possibile discutere la tesi di laurea se non sono stati acquisiti precedentemente tutti i crediti previsti dai a disposizione online una “guida rapida” all’indirizzo: http://www.uniurb.it/lingue/matdid/klaver/InformaticaCL2/
singoli piani di studio della Facoltà. La prova finale si svolge 3 volte all’anno dopo un breve ciclo di lezioni.
7. I crediti relativi all’Introduzione al mondo del lavoro possono essere inseriti nel sistema informatico della segre- Gli studenti di LS1 provenienti da CL2 devono concordare un programma alternativo con il docente. Il corso può
teria centrale solo quando lo studente abbia raggiunto il numero totale di crediti previsti nel piano di studio per essere frequentato anche da studenti di CL1 come Introduzione al Mondo del Lavoro (3 crediti con prova finale).
l’anno accademico relativo.

78 79
vademecum 2009/10 parte generale

I crediti richiesti di Alfabetizzazione Informatica e Informatica avanzata sono così distribuiti: interviste, statistiche, materiale illustrativo).
Per gli studenti del Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l’impresa è disponibile una
1° ANNO non più attivato * 2° ANNO 3° ANNO dispensa con le linee guida per la redazione della tesi di laurea in formato cartaceo presso la
Alfabetizzazione Alfabetizzazione portineria della sede di Via Oddi e in formato digitale sul sito di Facoltà.
Informatica Informatica
Informatica Informatica
Word MODALITÀ DI AMMISSIONE ALL’ESAME DI LAUREA E ADEMPIMENTI BUROCRATICI
Corso di Totale Word Excel Word Excel
Teoria Orientali Access Access Il foglio tesi dovrà essere consegnato, entro i termini stabiliti dall’ateneo per ogni sessione di laurea, alla segreteria
Laurea Crediti pratica pratica pratica pratica
pratica studenti della Facoltà; esso dovrà essere firmato dal docente che si impegna a seguire la tesi e dal Presidente del
CL1 4 2 - - 1 1 - - - Corso di laurea. Sul foglio tesi deve essere indicato che lo studente ha superato l’esame scritto di Letteratura italia-
CL2 6 2 1 - - - - - 3 na qualora sia previsto dal piano di studio.
CL3 3 2 1 - - - - - -
CL4 10 2 1 1 - - - 6 - La domanda di ammissione agli esami di laurea, diretta al Rettore, valida soltanto per un anno accademico, deve
CL5 6 2 1 - - - 3 - - essere presentata presso la segreteria studenti.
LS a 3 - - - - - - 3 Tale domanda va presentata entro i seguenti termini:
LS b 3 - - - - - - 3 - sessione estiva: 1° aprile
LS c 1 - - - - - - 1 - sessione autunnale: 1° settembre
- sessione straordinaria: 1° dicembre
* gli studenti dovranno sostenere la prova secondo le indicazioni previste nel vademecum 2007/08
Per qualsiasi problema di carattere amministrativo, rivolgersi sempre alla segreteria studenti.
PROVA FINALE
Alla fine del III anno di corso deve essere redatta una tesi di circa 30 pagine che prevede l’utilizzo prevalente di te- Lo studente, prima di consegnare in segreteria la tesi di laurea, deve ottenere un’approvazione formale da parte del
sti in lingua straniera; la discussione si terrà parzialmente in lingua straniera. relatore; di norma tale approvazione consisterà in un visto e nella firma del relatore sul frontespizio della tesi.
La tesi dovrà essere accompagnata da due riassunti (di circa di due pagine ciascuno), uno in italiano e l’altro in una
delle due lingue straniere studiate. I riassunti sono compito esclusivo dello studente.
Per quanto riguarda i Corsi di Laurea letterari CL1, CL2, CL5 (CL3, VCL), le tesi svolte in discipline diverse da Lin-
gua o Letteratura straniera o Storia della cultura straniera avranno per correlatore un docente di tali discipline. Il
CL4 distingue invece tra correlazione e verifica della competenza linguistica in sede di laurea: il correlatore verrà
scelto tra i professori del Corso di laurea, mentre un docente della lingua prescelta valuterà il riassunto nonché la
discussione in lingua.
Per facilitare tale organizzazione, i laureandi di CL4 dovranno inviare al manager didattico entro e non oltre le sca-
denze previste dalla segreteria studenti per la consegna tesi il seguente materiale: copia digitale del riassunto in lin-
gua straniera della tesi, titolo della tesi, nome del laureando e nome del relatore.
Per i corsi di laurea letterari europei CL1, CL2 (CL3, VCL) la tesi potrà essere svolta in qualunque disciplina previ-
sta nel piano di studi, purché l’argomento verta su tematiche attinenti all’area linguistica, storica, culturale di una
delle due lingue triennali.
Per il corso di laurea in Lingue e cultura per l’impresa (CL4) la tesi può essere svolta in qualunque disciplina pre-
vista nel piano di studi.
Per il corso di laurea in Lingue e civiltà orientali (CL5) lo studente si può laureare in qualunque disciplina purché
l’argomento verta su tematiche attinenti all’area linguistica, storica, culturale della lingua orientale.
Impostazione della pagina per la tesi e il riassunto: circa 30 pagine per la tesi e circa 2
pagine per ogni riassunto a 24 righe per pagina con un carattere a scelta di dimensione 14,
lunghezza della riga di 15 cm e interlinea 1,5. Non sono compresi nel conteggio delle pagine
l’indice, la bibliografia ed eventuali appendici alla tesi (testi originali non pubblicati,

80 81
vademecum 2009/10 parte generale

CORSI ANTE RIFORMA PROGETTO STUDENTI “FUORI CORSO”

CORSO DI LAUREA IN anno Accademico 2009-2010


LINGUE E LETTERATURE STRANIERE - quadriennale
Iniziativa rivolta agli studenti del vecchio corso di laurea in Lingue e Letterature Straniere Moderne (VCL), del diploma
Gli studenti già iscritti a questo corso di laurea possono sostenere gli esami secondo il vecchio ordinamento di- universitario in Esperto Linguistico d’Impresa (VDU) e agli studenti di CL1, CL2, CL3 fuori corso da almeno 2 anni.
dattico. Non è però loro consentito modificare il piano di studio individuale già approvato e depositato presso la Una Commissione di Facoltà incontra periodicamente gli studenti fuori corso e con attività di tutorato e orientamen-
Segreteria Studenti. to concorre al completamento e alla conclusione del loro percorso formativo. Le strategie d’intervento che la Com-
missione ha elaborato non puntano ad agevolare con programmi più facili l’iter universitario degli studenti, ma ten-
ESAMI SCRITTI IN LINGUA STRANIERA dono, con interventi individualizzati, a un mirato recupero delle loro lacune.
Il Consiglio di Corso di laurea ha deciso che gli studenti del vecchio ordinamento dalla sessione di gennaio/febbraio Dai dati storici e dai rapporti del Nucleo di Valutazione dell’anno accademico 2007-2008 è emerso che il tasso di
2005 hanno la possibilità di optare tra le prove scritte come formulate dall’ordinamento didattico del Corso di lau- abbandono della Facoltà, circa il 7%, è fra i minori rispetto alle altre Facoltà dell’Ateneo.
rea in Lingue e letterature straniere (Vademecum 2003-2004, pp. 54-55) e le prove scritte come formulate dal nuo-
vo ordinamento per i corsi CL1, CL2 ciò darebbe loro la possibilità di seguire le esercitazioni preparatorie agli esami PROPOSTE DIDATTICHE ATTIVATE DALLA FACOLTA’:
scritti, tenute dai lettori ed esperti linguistici delle cinque lingue straniere insegnate nella Facoltà.
Gli studenti che intendono avvalersi di tale possibilità dovranno dichiarare la loro scelta al momento dell’iscrizione PROGRAMMI PER ESAMI ORALI: (SI VEDA IL LINK SUL PORTALE DELLA FACOLTÀ)
all’esame scritto via Internet (tale scelta non è vincolante per le sessioni d’esame successive).
Questa possibilità di opzione sarà valida fino alla fine dell’anno accademico 2005-06: dopo tale limite (febbraio ESERCITAZIONI PER PROVE SCRITTE:
2007) gli studenti dovranno obbligatoriamente sostenere le prove scritte previste dal nuovo ordinamento. Presso la segreteria dell’Istituto di Lingue sono depositate numerose esercitazioni che gli studenti possono effettuare
in preparazione alle prove scritte. Per la correzione delle medesime sono a disposizione i seguenti docenti:
Lingua francese: A. Comune
CORSO DI LAUREA IN Lingua inglese: A. Dawson, C. Di Staola, M. Mc Carron
LINGUE MODERNE E SCIENZE DEL LINGUAGGIO (CL3) Lingua tedesca: P. Bendermacher
Lingua spagnola: A. Falcinelli
Dall’anno accademico 2004/05 il corso di laurea in Lingue moderne e scienze del linguaggio non è più attivo. Lingua russa: V. Keidan, A. Cavazza
Gli studenti ancora iscritti a questo corso di laurea devono sostenere gli esami secondo il piano di studio individua- Lingua italiana: A.T. Ossani
le già approvato e depositato presso la Segreteria Studenti; sono comunque invitati a prendere contatto con i sin-
goli docenti per concordare il programma d’esame. Per gli esami scritti in lingua straniera valgono le indicazioni dei INFORMAZIONI:
corsi di laurea in Lingue e letterature moderne comparate e in Lingue moderne arti e cultura. Sono a disposizione i seguenti docenti nei loro rispettivi orari di ricevimento:
Non esiste termine ultimo entro il quale gli studenti devono laurearsi. CL1: M. Dallapiazza - I. Klaver - A.Cavazza
CL2: A.T Ossani - A. Negri
CL3: A. Ossani - A. Negri
CORSO DI DIPLOMA IN CL4: M. Amatulli - L. Bernacchia (manager didattico)
ESPERTO LINGUISTICO D’IMPRESA LS1: A.T. Ossani - A. Negri
VCL: M. Dallapiazza - I. Klaver - A.Cavazza
Gli studenti ancora iscritti a questo corso di diploma devono sostenere gli esami secondo il piano di studio indivi- VDU: M. Amatulli - L. Bernacchia (manager didattico)
duale già approvato e depositato presso la Segreteria Studenti; sono comunque invitati a prendere contatto con i
singoli docenti per concordare il programma d’esame. Per gli esami scritti in lingua straniera valgono le indicazio-
ni del corso di laurea in lingua e cultura per l’impresa. Non esiste termine ultimo entro il quale gli studenti devo- Responsabile del Progetto Studenti “Fuori Corso”
no diplomarsi. Antonella Negri (antonella.negri@uniurb.it)

82 83
vademecum 2009/10 parte generale

SERVIZI OFFERTI Istituto Cervantes


ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO E TUTORATO Goethe-Institut Inter Nationes
La Facoltà intrattiene rapporti con diverse realtà scolastiche per favorire l’orientamento degli studenti nella scelta della Österreichisches Sprachdiplom Deutsch
carriera universitaria. Ogni anno inoltre si tengono gli incontri di Università aperta durante i quali docenti e studenti TestDaF
della scuola secondaria superiore possono avere le necessarie informazioni sull’offerta formativa della Facoltà. WiDaF (Institut für internationale Komunikation Düsseldorf )
E’ attivo altresì il servizio di tutorato per favorire l’inserimento delle matricole nella vita e nella realtà universitaria, NOCFL (Zhongguo guojia duiwai hanyu jiaoxue)
svolto da studenti selezionati tramite concorso. Università Statale di Mosca e S. Pietroburgo
Istituto Pushkin di Mosca
Aule Multimediali
Centro Linguistico d’Ateneo di Urbino (CLA): esercitazioni linguistiche. Utilizzando le certificazioni internazionali per le lingue curriculari lo studente viene dispensato dalla prova scritta
Laboratorio Linguistico - sede di Pesaro: esercitazioni linguistiche. e dall’accertamento linguistico, ma deve integrare, per ogni anno, tale esame con le parti indicate nell’Allegato 2
Aula di Informatica - Urbino: esercitazioni informatiche. (Certificazioni internazionali).
Aula di Informatica - Pesaro: esercitazioni informatiche. Nel curriculum linguistico aziendale (LAZ) per avere l’esonero della prova scritta e dell’accertamento linguistico ora-
le è necessario possedere i certificati che attestino anche la conoscenza del linguaggio economico e commerciale
CORSI INTENSIVI DI LINGUA STRANIERA (I anno, per Inglese: BEC Preliminary, per Francese: Diplôme de Français des Affaires; II e III anno per Inglese: BEC
Sono previsti corsi intensivi gratuiti di lingua straniera che si svolgeranno prima dell’inizio dell’anno accademico Vantage (Livello B2) e BEC Higher (Livello C1); II anno per Tedesco: Deutsch für den Beruf oppure Zertifikat Deu-
sch für Tourismus). Tutti gli altri certificati permettono l’esonero della sola prova scritta.
(dal 29 settembre al 3 ottobre).
Nel curriculum linguistico culturale orientale (LOR) le certificazioni di conoscenza della lingua araba rilasciate dal-
Per la lingua francese e tedesca, il corso intensivo è rivolto solo ai principianti assoluti. Coloro che si iscriveranno
le diverse istituzioni (italiane e internazionali) saranno valutate singolarmente da una Commissione nominata dal-
successivamente sono tenuti a portarsi autonomamente al livello di uscita del corso intensivo (A1).
la Facoltà che deciderà per l’eventuale esonero e attribuzione di crediti. Per il periodo di validità di tali certificati e
Per la lingua russa il corso intensivo è rivolto a tutte le matricole. le date di consegna si applica quanto stabilito per le altre lingue.
Non è previsto il corso intensivo per la lingua araba, cinese, inglese e spagnola.
Informazioni più dettagliate verranno fornite all’atto dell’iscrizione. Per tutti i curricula di primo livello e per tutte le lingue straniere si riconoscono anche certificati di conoscenza lin-
guistica conseguiti durante gli anni di studio del Corso di laurea triennale, in particolare per il II e il III anno.
CERTIFICAZIONE DELLE CONOSCENZE LINGUISTICHE PER I CORSI RIFORMATI (DM 270/04) Gli studenti che intendono rinunciare alla convalida della prova scritta e/o orale, per esempio a causa della valuta-
CONVALIDA DI CERTIFICATI DI LINGUA STRANIERA zione bassa, dovranno firmare, prima dell’inizio della prova scritta e/o orale, una dichiarazione di rinuncia che non
I certificati di conoscenza linguistica possono essere utilizzati dallo studente per ottenere crediti formativi. Si posso- potrà più essere revocata in nessun modo.
no riconoscere certificati di conoscenza linguistica:
1. per le lingue curriculari, 2. Anche per la terza lingua straniera come scelta libera vengono riconosciuti soltanto i certificati delle università e
2. per la scelta libera di una terza lingua. delle istituzioni internazionali (riportate qui sopra).
Questi certificati sono validi per due soli anni, contati a partire dalla data di conseguimento indicata sul certificato.
Si consiglia quindi di presentare i certificati di livello C1 e C2 solo al II o III anno di corso al fine di poter usufrui- La convalida dei certificati di lingua straniera è effettuata tre volte in ogni anno accademico. A tal fine si consiglia
re della loro convalida fino al III anno. Sulla dichiarazione di convalida del certificato e degli esoneri, stabilita dalla di presentare l’opportuna documentazione entro il 30 novembre, il 30 aprile o il 30 giugno. Tali certificati devono
commissione di Facoltà, sarà indicata, oltre al voto, la data di scadenza entro cui dovrà essere completato impro- essere consegnati, in fotocopia autenticata (con autocertificazione di conformità all’originale in base all’articolo 46
rogabilmente l’intero esame. e 47 del D.P.R. 445/2000) alla Segreteria Studenti (Via Saffi 2), insieme ad una dichiarazione di non aver già pre-
sentato la stessa certificazione per altri riconoscimenti e al piano di studio aggiornato, per essere valutati ai fini de-
gli esoneri previsti, da una Commissione nominata dalla Facoltà.
1. Per le lingue curriculari vengono riconosciuti esclusivamente i certificati delle istituzioni internazionali riporta-
te qui di seguito:
Alliance Française - Centre Pilote (DELF B1, DELF B2, DALF C1, DALF C2)
Chambre du Commerce et de l’Industrie de Paris
University of Cambridge (PET, FCE, CAE, Certificate of Proficiency in English)
Trinity College London (ISE I, II e III)
TOEFL IbT (Internet-based Test)
TOEFL PbT (Paper-based Test)

84 85
vademecum 2009/10 parte generale

QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO DELLE LINGUE CERTIFICATI DI CONOSCENZA LINGUISTICA CONVALIDABILI:


Rappresentazione globale dei tre livelli di riferimento
ALLEGATO 1
Livello Base TABELLA A (Francese, Inglese, Spagnolo, Tedesco)
A1 CERTIFICATI PER CONOSCENZE LINGUISTICHE ACQUISITE PRESSO ISTITUZIONI ESTERE
Comprende e usa espressioni di uso quotidiano e frasi basilari tese a soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa pre-
sentare se stesso/a e gli altri ed è in grado di fare domande e rispondere su particolari personali come dove abi- Livello B1 B2 C1 C2
ta, le persone che conosce e le cosa che possiede. Interagisce in modo semplice purché l’altra persona parli lenta- Preliminary English
First Certificate in Certificate in Advanced
mente e chiaramente e sia disposta a collaborare. Test Certificate of
English (FCE) English (CAE)
A2 INGLESE (PET) Proficiency in English
ISE II (Trinity College - ISE III (Trinity College -
Comprende frasi ed espressioni usate frequentemente relative ad ambiti di immediata rilevanza (Es. informazioni ISE I (Trinity College - (CPE)
London) London)
London)
personali e familiari di base, fare la spesa, la geografia locale, l’occupazione). Comunica in attività semplici e di rou-
INGLESE BEC Preliminary* BEC Vantage* BEC Higher*
tine che richiedono un semplice scambio di informazioni su argomenti familiari e comuni. Sa descrivere in termini
Diplôme Supérieur
semplici aspetti del suo background, dell’ambiente circostante sa esprimere bisogni immediati. Certificat d’ Études de Diplôme de Langue Diplôme de Hautes
d’Études Françaises
FRANCESE Français Pratique 2 Française Études Françaises
Modernes
Livello Autonomo (CEFP2) (DL) Modernes (DHEF)
(DS)
B1 Diplôme Etudes Diplôme Etudes Diplôme Approfondi Diplôme Etudes
Comprende i punti chiave di argomenti familiari che riguardano la scuola, il tempo libero ecc. Sa muoversi con di- FRANCESE Langue Française Langue Française Langue Française Langue Française
sinvoltura in situazioni che possono verificarsi mentre viaggia nel paese in cui si parla la lingua. E’ in grado di pro- (DELF) - B1 (DELF) - B2 (DALF) - C1 (DALF) - C2
durre un testo semplice relativo ad argomenti che siano familiari o di interesse personale. E’ in grado di descrive- Diplôme de Français
FRANCESE
re esperienze ed avvenimenti, sogni, speranze e ambizioni e spiegare brevemente le ragioni delle sue opinioni e des Affaires *
dei suoi progetti. Diploma de Español Diploma de Español Diploma de Español
SPAGNOLO
(Nivel inicial) (Nivel intermedio) (Nivel superior)
B2
Zentrale
Comprende le idee principali di testi complessi su argomenti sia concreti che astratti, comprese le discussioni tec-
Zertifikat Deutsch für Zentrale Oberstufenprüfung
niche nel suo campo di specializzazione. E’ in grado di interagire con una certa scioltezza e spontaneità che rendo- Zertifikat Deutsch
den Beruf * Mittelstufenprüfung (ZOP)
no possibile un’interazione naturale con i parlanti nativi senza sforzo per l’interlocutore. Sa produrre un testo chia- (ZD)
Zertifikat Deutsch für (ZMP) Kleines Deutsches
ro e dettagliato su un’ampia gamma di argomenti e spiegare un punto di vista su un argomento fornendo i pro e TEDESCO den Tourismus (ZDT) * Mittelstufe Deutsch Sprachdiplom (KDS)
i contro delle varie opzioni. (MD) Wirtschaftssprache
TestDaF3
TestDaF TestDaF5 Deutsch (WD)*
WiDaF B1
WiDaf B2 WiDaF C1
Livello Padronanza
WiDaF C2
C1
Comprende un’ampia gamma di testi complessi e lunghi e ne sa riconoscere il significato implicito. Si esprime con * Solo questi certificati consentono la convalida della prova scritta ed anche dell’ accertamento linguistico orale per il curriculum
scioltezza e naturalezza. Usa la lingua in modo flessibile ed efficace per scopi sociali, professionali e accademici. linguistico aziendale (LAZ)
Riesce a produrre testi chiari, ben costruiti, dettagliati su argomenti complessi, mostrando un sicuro controllo della
struttura testuale, dei connettori e degli elementi di coesione.
C2
Comprende con facilità praticamente tutto ciò che sente e legge. Sa riassumere informazioni provenienti da diverse
fonti sia parlate che scritte, ristrutturando gli argomenti in una presentazione coerente. Sa esprimersi spontaneamen-
te, in modo molto scorrevole e preciso, individuando le più sottili sfumature di significato in situazioni complesse.

86 87
vademecum 2009/10 parte generale

Livello
ALLEGATO 1
Lingua Framework Certificazione Esenzione Da Sostenere
TABELLA B (Cinese e Russo) europeo
CERTIFICATI PER CONOSCENZE LINGUISTICHE ACQUISITE IN ISTITUZIONI ESTERE Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico
Zertifikat Deutsch,
linguistico dell’esame orale di di Lingua tedesca 1 per LOC e LOR
Österreichisches
Livello A1 A2 B1 B2 C1 C2 TEDESCO B1 Lingua tedesca 1 per LOC e LOR Esame orale: accertamento
Sprachdiplom, TestDaF 3
Prova scritta di Lingua tedesca 1 linguistico e corso monografico di
Hanyu shuiping WiDAF B1
per LAZ Lingua tedesca 1 per LAZ
kaoshi (HSK) HSK Basic HSK Basic HSK Elementary HSK Elementary
CINESE Zertifikat Deutsch für
BASIC Livello B Livello A Livello B Livello A Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico di
Livello C den Beruf 1 ,
linguistico dell’esame orale di Lingua Lingua tedesca 1 e 2 per LOC e LOR
ZDT: Zertifikat Deutsch
Russkij Russkij Russkij jazyk B2 tedesca 1 e 2 per LOC e LOR Esame orale: accertamento
Russkij jazyk Russkij jazyk tretij für Tourismus1,
Elementarnyi jazyk Pervyj jazyk Vtoroj Cetvertyj Prova scritta di Lingua tedesca 1 e linguistico e corso monografico di
RUSSO Bazovyj uroven’ Sertifikacionnyj TestDaF4
uroven’ (TEU) Sertifikacionnyj Sertifikacionnyj Sertifikacionnyj 2 per LAZ Lingua tedesca 1 e 2 per LAZ
(TBU) uroven’ (TRKI-3) WiDaF B2
uroven’ (TRKI-1) uroven’ (TRKI-2) uroven’ (TRKI-4)
ZMP: Zentrale Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico di
Mittelstufenprüfung, linguistico dell’esame orale di Lingua Lingua tedesca 1, 2 e 3 per LOC e LOR
C1 MD: Mittelstufe tedesca 1, 2 e 3 per LOC e LOR Esame orale: accertamento
ALLEGATO 2 - (CERTIFICAZIONI INTERNAZIONALI) Deutsch, TestDaF 5 Prova scritta di Lingua tedesca 1, 2 linguistico e corso monografico di
Legenda: WiDaF C1 e 3 per LAZ Lingua tedesca 1, 2 e 3 per LAZ
LOC: curriculum linguistico culturale occidentale ZOP: Zentrale
LOR: curriculum linguistico culturale orientale Oberstufenprüfung, Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico di
LAZ: curriculum linguistico aziendale KSD: Kleines Deutsches linguistico dell’esame orale di Lingua Lingua tedesca 1, 2 e 3 per LOC e LOR
C2 Sprachdiplom, tedesca 1, 2 e 3 per LOC e LOR Esame orale: accertamento
WD: Wirtschaftssprache Prova scritta di Lingua tedesca 1, 2 linguistico e corso monografico di
Livello Deutsch 1 e 3 per LAZ Lingua tedesca 1, 2 e 3 per LAZ
Lingua Framework Certificazione Esenzione Da Sostenere WiDaF C2
europeo
PET Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico 1 Solo questi certificati consentono la convalida della prova scritta ed anche dell’accertamento linguistico orale per il curriculum LAZ.
BEC Preliminary1 linguistico dell’esame orale di di Lingua inglese 1 per LOC e LOR
INGLESE B1 ISE I Lingua inglese 1 per LOC e LOR Esame orale: accertamento
(Trinity College Prova scritta di Lingua inglese 1 linguistico e corso monografico di Livello
London) per LAZ Lingua inglese 1 per LAZ Lingua Framework Certificazione Esenzione Da Sostenere
europeo
Esame orale sul corso monografico
Prova scritta e accertamento Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico
FCE di Lingua inglese 1 e 2 per LOC
linguistico dell’esame orale di Diploma de linguistico dell’esame orale di Lingua di Lingua spagnola 1 per LOC e LOR
BEC Vantage1 e LOR
B2 Lingua inglese 1 e 2 per LOC e LOR SPAGNOLO B1 Español spagnola 1 per LOC e LOR Esame orale: accertamento
ISE II Esame orale: accertamento
Prova scritta di Lingua inglese 1 e (Nivel inicial) Prova scritta di Lingua spagnola 1 linguistico e corso monografico di
(Trinity College London) linguistico e corso monografico di
2 per LAZ per LAZ Lingua spagnola 1 per LAZ
Lingua inglese 1 e 2 per LAZ
Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico di Esame orale sul corso monografico
CAE Prova scritta e accertamento
linguistico dell’esame orale di Lingua Lingua inglese 1, 2 e 3 per LOC e LOR di Lingua spagnola 1 e 2 per LOC
BEC Higher1 Diploma de linguistico dell’esame orale di Lingua
C1 inglese 1, 2 e 3 per LOC e LOR Esame orale: accertamento e LOR
ISE III B2 Español spagnola 1 e 2 per LOC e LOR
Prova scritta di Lingua inglese 1, 2 linguistico e corso monografico di Esame orale: accertamento
(Trinity College London) (Nivel intermedio) Prova scritta di Lingua spagnola 1 e
e 3 per LAZ Lingua inglese 1, 2 e 3 per LAZ linguistico e corso monografico di
2 per LAZ
Lingua spagnola 1 e 2 per LAZ
Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico di
linguistico dell’esame orale di Lingua Lingua inglese 1, 2 e 3 per LOC e LOR Esame orale sul corso monografico
Certificate of Proficiency Prova scritta e accertamento
C2 inglese 1, 2 e 3 per LOC e LOR Esame orale: accertamento di Lingua spagnola 1, 2 e 3 per LOC
in English (CPE) Diploma de linguistico dell’esame orale di Lingua
Prova scritta di Lingua inglese 1, 2 linguistico e corso monografico di e LOR
C1 Español spagnola 1, 2 e 3 per LOC e LOR
e 3 per LAZ Lingua inglese 1, 2 e 3 per LAZ Esame orale: accertamento
(Nivel superior) Prova scritta di Lingua spagnola 1, 2
linguistico e corso monografico di
e 3 per LAZ
1 Solo questi certificati consentono la convalida della prova scritta ed anche dell’accertamento linguistico orale per il curriculum LAZ. Lingua spagnola 1, 2 e 3 per LAZ

88 89
vademecum 2009/10 parte generale

Livello Livello
Lingua Framework Certificazione Esenzione Da Sostenere Lingua Framework Certificazione Esenzione Da Sostenere
europeo europeo
Certificat d’Etudes Esame orale sul corso monografico Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico di
Prova scritta e accertamento
de Français Pratique di Lingua francese 1 per LOC e linguistico dell’esame orale di Lingua Lingua russa 1 per LOC
linguistico dell’esame orale di A2
2(CEFP2) LOR RUSSO TBU russa 1 per LOC Esame orale: accertamento linguistico
FRANCESE B1 Lingua francese 1 per LOC e LOR
Diplôme de Français Esame orale: accertamento Prova scritta di Lingua russa 1 per e corso monografico di Lingua russa
Prova scritta di Lingua francese 1
des Affaires 1 linguistico e corso monografico di LAZ 1 per LAZ
per LAZ
DELF B1 Lingua francese 1 per LAZ Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico di
Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico linguistico dell’esame orale di Lingua Lingua russa 1 e 2 per LOC
linguistico dell’esame orale di di Lingua francese 1 e 2 per LOC B1 TRKI-1 russa 1 e 2 per LOC Esame orale: accertamento linguistico
Diplôme de langue
Lingua francese 1 e 2 per LOC e LOR Esame scritto di Lingua russa 1 e 2 e corso monografico di Lingua russa
B2 française (DL)
e LOR Esame orale: accertamento per LAZ 1 e 2 per LAZ
DELF B2
Prova scritta di Lingua francese 1 e linguistico e corso monografico di Prova scritta e accertamento
2 per LAZ Lingua francese 1 e 2 per LAZ Esame orale sul corso monografico di
linguistico dell’esame orale di Lingua
Lingua russa 1, 2 e 3 per LOC
Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico TRKI-2 russa 1, 2 e 3 per LOC
B2 Esame orale: accertamento linguistico
Diplôme Supérieur linguistico dell’esame orale di di Lingua francese 1, 2 e 3 per LOC Prova scritta di Lingua russa 1, 2 e
e corso monografico di Lingua russa
d’Etudes Françaises Lingua francese 1, 2 e 3 per LOC e LOR 3 per LAZ
C1 1, 2 e 3 per LAZ
Modernes (DS) e LOR Esame orale: accertamento
DALF C1 ( Prova scritta di Lingua francese 1, 2 linguistico e corso monografico di C1 TRKI-3
e 3 per LAZ Lingua francese 1, 2 e 3 per LAZ
C2 TRKI-4
Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico
Diplôme de Hautes linguistico dell’esame orale di di Lingua francese 1, 2 e 3 per LOC
Etudes Françaises Lingua francese 1, 2 e 3 per LOC e LOR
C2 PROGRAMMA LLP/ERASMUS
Modernes (DHEF) e LOR Esame orale: accertamento
DALF C2 Prova scritta di Lingua francese 1, 2 linguistico e corso monografico di Promosso dalla Commissione dell’Unione Europea, il Programma permette agli studenti di trascorrere un periodo
e 3 per LAZ Lingua francese 1, 2 e 3 per LAZ che va da un minimo di tre ad un massimo di dodici mesi presso una delle Università europee con cui l’Università
degli Studi di Urbino “Carlo Bo” ha stipulato accordi di cooperazione bilaterale.
1 Solo questo certificato consente la convalida della prova scritta ed anche dell’accertamento linguistico orale per il curriculum LAZ. La durata dello scambio è stabilita dal responsabile didattico di Facoltà e non può essere modificata dal borsista.
Anche il periodo nel quale usufruire della borsa non può essere deciso dallo studente, ma è predeterminato dal
Livello docente, in relazione agli accordi presi con le altre Università europee. In ogni caso non è possibile un soggiorno
Lingua Framework Certificazione Esenzione Da sostenere di durata inferiore a 3 mesi. Lo studente che interrompe anzitempo il suo soggiorno all’estero è tenuto al rimbor-
europeo so delle somme ricevute.
Prova scritta e accertamento Esame orale sul corso monografico Nel periodo che trascorre presso l’università partner, lo studente è tenuto a svolgere l’attività didattico-scientifica ap-
A2 HSK Basic
CINESE linguistico dell’esame orale di di Lingua cinese 1 e 2
livello C provata dalla Facoltà alla quale è iscritto, prima della partenza (Learning Agreement).
Lingua cinese 1 e 2
Gli studenti che risultano vincitori del posto scambio godono dello “status” di studente ERASMUS, che comporta
Prova scritta e accertamento
HSK Basic Esame orale sul corso monografico le seguenti condizioni:
B1 linguistico dell’esame orale di
livello B di Lingua cinese 1, 2 e 3 1. esenzione dal pagamento delle tasse di iscrizione presso l’Università ospitante, mentre le spese di viaggio, vit-
Lingua cinese 1, 2 e 3
HSK Elementary to ed alloggio sono a carico dello studente; le spese per l’assicurazione medica sono a carico degli studenti che
B2 livello A si recano in paesi non appartenenti all’Unione Europea;
2. fruizione di servizi eventualmente forniti dalle Università ospitanti (mense, collegi, ecc.);
HSK Elementary 3. partecipazione ad eventuali corsi di lingua attivati presso l’Università ospitante;
C1
livello B 4. riconoscimento dell’attività svolta all’estero da parte della Facoltà di appartenenza.
In base alla consistenza del finanziamento ricevuto dall’Agenzia Nazionale LLP / ERASMUS, a gran parte degli stu-
denti selezionati sarà garantita una borsa di studio. Sarà possibile assegnare una borsa di studio a tutti gli studenti
selezionati solo se l’importo ricevuto dall’Agenzia Nazionale Socrates o dal MIUR lo permetterà. Le Facoltà dovran-
no predisporre una graduatoria unica di Facoltà e le borse saranno assegnate agli studenti classificati ai primi posti.

90 91
vademecum 2009/10 parte generale

Universität Bremen Germania Giuseppe Paioni 1 5 mesi


Sarà valutato solo il merito scolastico e non il reddito dello studente.
Heinrich-Heine-Universität Düsseldorf Germania Claus Ehrhardt 1 5 mesi
Gli studenti vincitori del posto scambio potranno conseguire il titolo di studio (diploma, laurea) presso l’Università
* Universität Erfurt Germania Claus Ehrhardt 1 6 mesi
di Urbino “Carlo Bo” solo dopo aver concluso il periodo di studio all’estero.
Albert-Ludwigs-Universität Freiburg im Breisgau Germania Luca Renzi 1 12 mesi
Condizione essenziale per usufruire dello status e della borsa ERASMUS è che il Programma di studio (Accordo di-
Friedrich-Schiller-Universität Jena Germania Claus Ehrhardt 2 10 mesi
dattico) da svolgere all’estero, venga approvato dalla Facoltà di appartenenza prima dell’inizio del periodo di stu-
dio presso l’Università straniera. Universität Kassel Germania Claudia Jansen Fleig 3 5 mesi
Al termine del periodo di studio all’estero, sulla base della certificazione esibita, gli esami sostenuti all’estero ver- Christian-Albrechts-Universität zu Kiel Germania Michael Dallapiazza 1 5 mesi
ranno convalidati con la denominazione dell’insegnamento prevista nell’accordo didattico, mediante la tabella di Universität Konstanz Germania Laurea Specialistica Ursula Vogt 2 6 mesi
conversione adottata dall’ateneo. Universität Osnabrück Germania Claus Ehrhardt 2 6 mesi
Gli studenti selezionati potranno ritirare i moduli dell’accordo didattico presso l’Ufficio Socrates e Relazioni Internazio- Eberhard-Karls-Universität Tübingen Germania Luca Renzi 4 6 mesi
nali. In questo accordo verranno elencati i corsi che lo studente intende seguire con profitto all’estero congiuntamen- Bayerische Julius-Maximilians- Universität Würzburg Germania Michael Dallapiazza 4 6 mesi
te all’indicazione del genere di riconoscimento che gli esami superati avranno all’interno del suo piano di studio. * University of Birmingham UK Roberta Mullini 3 9 mesi
Nel sito internet dell’Università di Urbino “Carlo Bo” (indirizzo: http://www.uniurb.it/Uborse/menu.html) è stata * University of Hull UK Roberta Mullini 2 4-5 mesi
preparata una pagina dedicata al programma LLP/Erasmus che comprende un collegamento con tutte le sedi eu- University of Leeds UK CL5 Roberta Mullini 2 4-5 mesi
ropee incluse nel bando. University of Nottingham Trent UK Roberta Mullini 1 9 mesi
* University of Warwick UK Roberta Mullini 3 4-5 mesi
* Dublin Institute of Technology Irlanda Per studenti CL4 Roberta Mullini 4 4-5 mesi
Elenco delle borse disponibili per gli studenti della Facoltà di Lingue e Letterature straniere nell.a.a. 2007/08 University College Galway Irlanda Roberta Mullini 4 9 mesi
Lo studente può presentare una sola domanda di partecipazione al concorso. Nel modulo di candidatura deve in- Institute of Technology, Tallaght Irlanda Per studenti CL4 Roberta Mullini 2 9 mesi
dicare il nome del Responsabile didattico, l’Università prescelta e l’area disciplinare di riferimento. Nel caso in cui * Institute of Technology Sligo Irlanda Per studenti CL4 Roberta Mullini 2 9 mesi
lo stesso docente sia responsabile didattico di più scambi, lo studente può semplicemente indicare il nome del do- * University of Iceland Islanda Michael Dallapiazza 1 4-5 mesi
cente e l’area disciplinare, se non ha particolari preferenze per una sede specifica. La scelta definitiva della destina- Universidade de Evora Portogallo Roberta Mullini 2 5 mesi
zione spetta esclusivamente al docente. Universidade do Minho Portogallo Michael Dallapiazza 1 9 mesi
Universidad Complutense de Madrid Spagna Alessandro Falcinelli 3 9 mesi
Responsabile n. Durata Universidad de Salamanca Spagna Alessandro Falcinelli 1 9 mesi
Università Nazione Note
didattico borse borse Universidad de Sevilla Spagna Gualtiero De Santi 2 9 mesi
Universität Wien Austria Michael Dallapiazza 2 9 mesi Universidad de Valladolid Spagna Alessandro Falcinelli 2 9 mesi
Haute Ecole ICHEC - Bruxelles Belgio Solo per studenti CL4 Piero Toffano 1 5 mesi 1 borsa per letteratura
Universitat de Vic Spagna Claus Ehrhardt 2 5 mesi
Aarhus Universitet Danimarca Michael Dallapiazza 1 5 mesi e 1 per CL4
Aarhus Universitet Danimarca Roberta Mullini 3 4-5 mesi Borsa pagata dal
Universitaet Basel Svizzera Claus Ehrhardt 2 9 mesi
Copenhagen Business School Danimarca Solo per studenti CL4 Roberta Mullini 2 4-5 mesi governo svizzero
Université d’Angers Francia Piero Toffano 2 9 mesi Budapest Business School College of
Ungheria CL4 Claus Ehrhardt 2 5 mesi
International Management & Business Studies
Université de Haute Alsace Mulhouse Francia Piero Toffano 2 6 mesi
Université de Nancy II Francia Daniela De Agostini 2 9 mesi
Université de la Sorbonne Nouvelle - Paris III Francia Giuseppe Paioni 1 9 mesi
Université de Sciences Humaines (Strasbourg II) Francia Piero Toffano 2 9 mesi
Université de Limoges Francia Giuseppe Paioni 2 9 mesi
Université de Nice Francia Caterina Donati 2 4 mesi
* RWTH Aachen Germania Claus Ehrhardt 2 5 mesi
Otto-Friedrich-Universität Bamberg Germania Claus Ehrhardt 3 6 mesi
Otto-Friedrich-Universität Bamberg Germania Michael Dallapiazza 1 6 mesi
Freie Universität Berlin Germania Michael Dallapiazza 2 5 mesi

92 93
vademecum 2009/10

PROGRAMMI DEGLI INSEGNAMENTI

Eventuali correzioni, integrazioni e modifiche sono consultabili sul portale d’Ateneo all’indirizzo:
www.uniurb.it/insegnamenti

Legenda
L Corso di LAUREA
CU Corso di LAUREA a ciclo unico
LS Corso di LAUREA SPECIALISTICA
LM Corso di LAUREA MAGISTRALE
LMG Corso di LAUREA MAGISTRALE a ciclo unico quinquennale
CNA-L Corso di LAUREA ad esaurimento per il quale non è possibile iscriversi al primo anno
CNA-LS Corso di LAUREA SPECIALISTICA ad esaurimento per il quale non è possibile iscriversi al primo anno

94
insegnamenti

Comunicazione d’impresa 
SPS/08 | Curriculum: Linguistico aziendale

CFU 10 • PERIODO Secondo semestre • DURATA 60 ore


Titolo corso: Comunicazione d’impresa
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)

Prof. Betti Daniela daniela.betti@uniurb.it


Ricevimento: Orario e sede da definire

Obiettivi Formativi: Nella prima parte del corso si forniranno gli elementi di base della comunicazione d’impresa
attraverso l’analisi delle molteplici aree in cui si sviluppa, dei soggetti cui si rivolge, degli strumenti utilizzati e delle figure
aziendali coinvolte.
Nella seconda parte si approfondiranno la pianificazione, l’organizzazione ed il controllo delle attività di comunicazione.
Programma: Durante le lezioni del corso verranno trattati in particolare i seguenti argomenti: 1. La comunicazione nel
governo dell’impresa  2. Il processo di comunicazione  3. La comunicazione istituzionale  4. La comunicazione
economico-finanziaria  5. La comunicazione di marketing 6. La comunicazione organizzativa  7. Gli strumenti, i mezzi ed
i veicoli per la comunicazione d’impresa  8. Le competanze ed i presidi organizzativi 9. Le ricerche per la comunicazione
10. Il budget per la comunicazione 11. Il piano di comunicazione
Risultati di apprendimento: Gli studenti al termine del corso acquisiranno le conoscenze e le capacità per operare in
diversi contesti aziendali: marketing, public relation, vendite e risorse umane. Saranno inoltre capaci di sviluppare
un’attitudine al problem solving e di applicare una metodologia di analisi dei problemi che si possono rinvenire nei
molteplici ambienti competitivi.
Modalità didattiche: Lezioni frontali e seminari di approfondimento
Testi di studio: Pastore A., Vernuccio M. (2008), Impresa e comunicazione. Principi e strumenti per il management
(seconda edizione), Apogeo, Milano, Capp. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 23, 24, 25, 26 
Modalità di accertamento: Esame orale

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti


Testi di studio: Pastore A., Vernuccio M. (2008), Impresa e comunicazione. Principi e strumenti per il management
(seconda edizione), Apogeo, Milano, Capp. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24,
25, 26
Modalità di accertamento: Esame orale
................................................................................................................................
Comunicazione interculturale
L-LIN/02 | Curriculum: Linguistico aziendale

CFU 10 • PERIODO I semestre (1 e 2 modulo) • DURATA 60 ore


Titolo corso: Le competenze glottomatetica,comunicativa e interculturale
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)

Prof. SISTI FLORA flora.sisti@uniurb.it


Ricevimento: consultare il sito del docente: http://www.uniurb.it/lingue/docenti/sisti/

Obiettivi Formativi:
Il corso ha l’obiettivo di promuovere apprendimento nell’ambito della glottodidattica fornendo conoscenze specifiche
relative alle seguenti aree di studio:
1.Teorie di linguistica acquisizionale;
2. Processi di apprendimento/insegnamento della LS/L2;
3. Comunicazione interculturale
Programma:
LA COMPETENZA GLOTTOMATETICA
Principi di linguistica acquisizionale per la LS/L2
• Le principali teorie dell’acquisizione linguistica (comportamentismo, costruttivismo, innatismo, funzionalismo)

95
vademecum 2009/10 insegnamenti

• Il paradosso dell’acquisizione del linguaggio: contributi delle neuro-scienze (processi mnestici, bimodalità e operano in un contesto globale, quale quello che si è configurato a partire dall’integrazione economica degli anni 90. Il
direzionalità cerebrale) corso, inoltre, si prefigge di offrire agli studenti un metodo per affrontare la gestione della comunicazione internazionale,
LA COMPETENZA COMUNICATIVA e INTERCULTURALE approfondendo, in particolare, l’analisi delle forme comunicative standardizzate e delle forme comunicative locali,
• Gli approcci comunicativi nella moderna glottodidattica (Jakobson, Hymes, Searle, Austin, Halliday) adattate cioè al contesto territoriale nel quale vengono attuate.
• La pragmatica interculturale (eventi comunicativi e atti linguistici; analisi conversazionale contrastiva; problemi di Programma:
comunicazione interculturale). Durante le lezioni del corso verranno trattati in particolare i seguenti argomenti: - La comunicazione internazionale
Eventuali propedeuticità: d’azienda: genesi e caratteri - Gli sviluppi della comunicazione internazionale d’impresa - Economia e tecnica della
Risultati di apprendimento: comunicazione internazionale d’azienda - I mezzi per la comunicazione internazionale d’azienda - I problemi legati alla
• Conoscenza e capacità di comprensione: conoscenza dei meccanismi cognitivi preposti all’apprendimento del comunicazione internazionale d’azienda
linguaggio, consapevolezza dei problemi della integrazione e della comunicazione interculturale; Risultati di apprendimento:
• Conoscenza e capacità di comprensione applicate: capacità di integrare competenze glottodidattiche teoriche e Gli studenti acquisiranno le conoscenze e le capacità per operare in maniera consapevole nell’ambito della
pratiche applicabili all’ambito professionale della formazione linguistica e di progettare interventi di intermediazione comunicazione internazionale d’impresa. Gli studenti saranno inoltre in grado di riconoscere e di applicare gli strumenti
culturale; di comunicazione più efficaci da utilizzare nei diversi contesti economici-sociali-culturali in cui le aziende si trovano ad
• Autonomia di giudizio: capacità critiche che consentano di valutare in modo autonomo l’efficacia dei processi operare.
formativi/educativi relativi all’insegnamento delle lingue straniere e dell’italiano come L2. Modalità didattiche:
• Abilità comunicative: capacità comunicative necessarie ad operare in ambienti interculturali e in èquipe; Lezioni frontali e seminari di approfondimento
• Capacità di apprendere: sviluppo della propria capacità di apprendimento linguistico tramite la consapevolezza dei vari Testi di studio:
processi cognitivi che determinano l’apprendimento di una lingua straniera e capacità di proseguire il percorso di Gambetti Rossella Chiara (2006), La comunicazione d’azienda tra contesto globale e locale, G. Giappichelli Editore,
approfondimento in modo autonomo. Torino. Dispense a cura del docente
Attività a supporto della didattica: Modalità di accertamento:
Workshops ed incontri seminariali tenuti da esperti di didattica delle diverse lingue straniere. Esame orale
Modalità didattiche:
Lezioni frontali e lezioni partecipate in cui verranno simulati e analizzati scambi conversazionali di tipo interculturale. Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testi di studio: Modalità didattiche:
- Balboni E.P., Imparare le lingue straniere, Marsilio Ed., Venezia, 2008; Lezioni frontali e seminari di approfondimento
- Balboni E.P., La comunicazione interculturale, Marsilio Ed., Venezia, 2007; Testi di studio:
- Bettoni C., Usare un’altra lingua. Guida alla pragmatica interculturale, Laterza Ed., Roma, 2006; (capitoli 3-4-5-6) Gambetti Rossella Chiara (2006), La comunicazione d’azienda tra contesto globale e locale, G. Giappichelli Editore,
- Dispensa a cura del docente disponibile online Torino.
Modalità di accertamento:  Dispense a cura del docente
Esame orale Modalità di accertamento:
Esame orale
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti ................................................................................................................................
Modalità didattiche:
Testi di studio:
Critica letteraria e letterature comparate
L-FIL-LET/14 | Curriculum: Una lingua: testi e contesti
Gli studenti non frequentanti dovranno scegliere un testo integrativo tra i seguenti:
Adorno C., Che cos’è la pragmatica linguistica, Carocci, 2009; CFU 10 • PERIODO Secondo semestre (primo modulo) • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Palazzo Veterani, via
Holliday A., Hyde M., Kullman J, Intercultural Communication. An Advanced Resource Book. Routledge, London, 2004. Veterani 36
Modalità di accertamento: Titolo corso: Under western eyes: letteratura, musica e cinema nello specchio culturale dell’Occidente
Esame orale Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
Note:
Il programma potrebbe subire delle modifiche pertanto gli studenti sono invitati a controllare gli argomenti e la Prof. DE SANTI GUALTIERO gualtiero.desanti@uniurb.it; gualtierodesanti@virgilio.it
bibliografia consultando il sito del docente alla fine del corso. Ricevimento: lunedì e martedì, ore 18-19
................................................................................................................................
Comunicazione internazionale d’impresa Obiettivi Formativi:
SECS-P/08 Analisi  del pensiero di E.W Said  e definizione della metodologia post-coloniale da esso derivante, applicata a testi
fondamentali della letteratura e dell’arte occidentale.
CFU 10 • PERIODO Primo semestre • DURATA 30 ore Il lavoro critico e interpretativo si allargherà a comprendere esempi cinematografici e la figura intellettuale e creativa
Titolo corso: Comunicazione internazionale d’impresa dell’indiano S. Ray, regista scrittore e musicista.
Corsi di laurea in: Comunicazione interculturale d’impresa (LM) Il raggiungimento di una sufficiente consapevolezza critica e una acquisita competenza degli strumenti offerti dai
Cultural Studies costituiscono gli obiettivi essenziali del corso.
Prof. Betti Daniela danela.betti@uniurb.it Programma:
Ricevimento: Orario e sede da definire 1.  Il pensiero e l’opera di E.W Said.
2.  Riflessioni sulla musica, la politica e la società.
Obiettivi Formativi: 3.  L’orizzonte imperialista della letteratura europea: gli esempi di Daniel Defoe, Jane Austen, Gustave Flaubert, Rudyard
Il corso intende sottolineare il ruolo strategico che la comunicazione d’impresa assume nelle realtà economiche che Kipling, Joseph Conrad, Edmondo De Amicis, Albert Camus.

96 97
vademecum 2009/10 insegnamenti

4.  L’umanesimo di Satyajit Ray. territorio vs deep ecology, etica antropocentrica vs etica biocentrica).
5.  Analisi di film e di opere musicali. Programma:
Attività a supporto della didattica: Mutuato da Letteratura anglo americana I (LOC)
Seminari e conferenze. Il corso affronterà sia i testi classici della tradizione angloamericana (Thoreau, Emerson, Whitman, Hemingway, ecc.) sia
Proiezione di film e documentari. la voce dei nativi americani, promotori da sempre di un atteggiamento di rispetto per la natura. Nelle prime sette
Modalità didattiche: settimane saranno affrontati i seguenti argomenti: le origini, l’incontro con i nativi, il “destino manifesto”, la “frontiera”,
Lezione frontale. la nascita dell’identità nazionale, il trascendentalismo, wilderness e nature, individualismo e comunità. Nelle ultime tre
Obblighi: settimane del corso la classe verrà suddivisa in due gruppi: gli studenti di Cultura verranno indirizzati alle tematiche
Frequenza di almeno una metà delle lezioni previste. centrali del dibattito culturale (land ethic, neocapitalismo, razzismo ambientale, femminismo ecologico, risparmio
Testi di studio: energetico, sostenibilità, identità postcoloniale), mentre gli studenti di Letteratura si concentreranno sulle letterature
1. E.W Said, “Cultura e Imperialismo”, Roma, Gamberetti 1998 (oppure l’edizione originale, “Culture and Imperialism”, migranti e sulle identità di frontiera (questo secondo percorso sarà a cura della dott.ssa Elisabetta Careri).
New York, A.A Knopf, 1993). I brani letterari sono per lo più  tratti dalla Norton Anthology, disponibile presso la Biblioteca di Lingue. Per il restante
2. D. Barenboim, E.W. Said, “Paralleli e paradossi”, Milano, Il Saggiatore 2004 (o l’edizione originale, “Parallels and materiale (tutto comunque facilmente reperibile)  si prega di consultare il sito della docente.
Paradoxes. Explorations in Music and Society”, 2002). Eventuali propedeuticità:
3. Un libro a scelta tra i seguenti: Nessuna
- J. Conrad, “Cuore di tenebra” (con introduzione di R. Hampson e un saggio di V.S Naipaul, edizione bilingue), Milano, Risultati di apprendimento:
Mondadori. Conoscenza generale della storia della cultura angloamericana e in particolare delle tematiche attinenti al corso; utilizzo
- A. Camus, “Lo straniero”, con nota di S. Perrella, Milano, Bompiani (o un’edizione originale in francese). di terminologia specifica dei cultural studies e dell’ecocriticism; lettura e commento critico di testi
-G. Flaubert, “Salammbo”, Milano, Garzanti (o in originale). Modalità didattiche:
4) Materiali critici sulla musica saranno collocati in rete. Lezioni frontali, incontri seminariali
Modalità di accertamento: Obblighi:
Esame orale. 70% delle presenze
Testi di studio:
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti Dal vol. A della Norton Anthology:
Testi di studio: Pima Stories of the Beginning of the World – “The Story of the Creation” (pp. 24-27) e “The Story of the Flood” (pp.
1. E.W Said, “Cultura e Imperialismo”, Roma, Gamberetti 1998 (oppure l’edizione originale, “Culture and Imperialism”, 27-33)
New York, A.A Knopf, 1993). John Winthrop, da The Journal: “Overcoming Satan” (p. 217) e “An Earthquake at Aquiday” (p. 223)
2. D. Barenboim, E.W. Said, “Paralleli e paradossi”, Milano, Il Saggiatore 2004 (o l’edizione originale, “Parallels and Roger Williams, da A Key into the Language of America, da “Cap. XXI  of religion, the soul, etc.” (pp. 232-235)
Paradoxes. Explorations in Music and Society”, 2002). Anne Bradstreet, da Contemplations, strofe 1-4 (pp.253-254)
3. Un libro a scelta tra i seguenti: Mary Rowlandson, da A Narrative of the Captivity, “The first remove” e “The second remove” (pp. 311-312)
- J. Conrad, “Cuore di tenebra” (con introduzione di R. Hampson e un saggio di V.S Naipaul, edizione bilingue), Milano, Sarah Kemble Knight, da The Private Journal of a Journey, “Tuesday” (pp. 436-440)
Mondadori. Jonathan Edwards, “The Beauty of the World” (pp. 509-511)
- A. Camus, “Lo straniero”, con nota di S. Perrella, Milano, Bompiani (o un’edizione originale in francese). Benjamin Franklin, “Remarks Concerning the Savages of North America” (pp. 534-537)
-G. Flaubert, “Salambo”, Milano, Garzanti (o in originale). J.Hector St.John de Crevecoeur, da Letters from an American Farmer, “What is an American” (pp. 657-667)
4) R.J.C Young, “Mitologie bianche” (capitoli IV, V e VII), Roma, Meltemi 2007.  Dal vol. B della Norton Anthology:
5) Materiali critici sulla musica saranno collocati in rete.  Ralph Waldo Emerson, da Nature, cap. 1 (pp. 1107-1109), cap. 4 (pp. 1114-1118), cap. 7 (pp.1128-1130)
Modalità di accertamento: Walt Whitman, da Song of Myself, strofa 6 (pp. 2235-2236) e 21 (p. 2246)
Esame orale. Henry David Thoreau, da Walden, cap. 2  (pp. 1850-1859), cap. 4  (pp.1866-1875), cap. 18  (pp.1974-1982)
................................................................................................................................ H.D.Thoreau, accenni a Resistance to Civil Government (pp.1792-1807) e Slavery in Massachussetts (pp. 1982-1992)
Harriet Beecher Stowe, accenni a Uncle Tom’s Cabin
Cultura anglo americana Luisa May Alcott, da Transcendental Wild Oats (vol. B, pp. 2575-2586)
L-LIN/10 | Curriculum: Linguistico aziendale
Inoltre:
R.W.Emerson, “Earth-Song”
CFU 10 • PERIODO I semestre • DURATA 60 ore • SEDE ATTIVITA’ Palazzo Petrangolini - Piazza Rinascimento 7
Wallace Steven, “The Planet on the Table”
Titolo corso: Dalla wilderness all’ecocriticism: nuovi percorsi negli studi letterari e culturali
Ernest Hemingway ,“Big two-Hearted River” e “Up in the West”
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
Gregg Garrard, da Ecocriticism (2004), cap. 4 “Wilderness” (pp. 59-84) e “American Pastoral” (da p. 48 a p. 53)
Lawrence Buell, da The American Transcendentalists (2006), “Introduction” (pp. 11-28)
Prof. CALANCHI ALESSANDRA alessandra.calanchi@uniurb.it
Testi specifici aggiuntivi per gli studenti di Cultura
Ricevimento: giovedì ore 10 (I semestre) e su appuntamento (II semestre)
Ilaria Moschini, Il Grande Cerchio. Un viaggio nell’immaginario americano, Le Lettere, Firenze, 2007 (facoltativo per i
frequentanti)
Obiettivi Formativi:
Serenella Iovino, Filosofie dell’ambiente. Natura, etica, società, Carocci, Roma, n.e.2008
Il corso si propone uno studio della letteratura e una riflessione sulla cultura americana da un punto di vista oggi molto
Gregg Garrard, da Ecocriticism (2004), cap. 2 “Positions” (pp. 16-32).
attuale, che è quello dell’interesse per l’ambiente. Tale riflessione assume un significato rilevante negli Stati Uniti, dove
 Lawrence Buell, da  The Future of Environmental Criticism (2005), cap. 1 “The Emergence of Environmental Criticism”
l’identità culturale si è definita in larga misura proprio attraverso il confronto con una natura selvaggia e sconosciuta (la
(pp. 1-28).
wilderness). A partire dall’epoca della “frontiera” fino all’urbanizzazione e all’industrializzazione il paesaggio ha giocato
 Da C. Glotfelty & H.Fromm, The Ecocriticism Reader (1996), articoli di: Lynn White, Jr, “The Historical Roots of Our
un ruolo centrale sia nella letteratura (poesia, romanzo, racconto breve) sia nel dibattito culturale (sfruttamento del

98 99
vademecum 2009/10 insegnamenti

Ecological Crisis”; William Howarth,  “Some Principles of Ecocriticism”; Dana Phillips, “Is Nature Necessary?” ................................................................................................................................
N.B. per gli studenti di Cultura: I testi letterari letti a lezione costituiranno materiale d’esame solo nell’ambito di un
discorso generale di tipo culturale. Non saranno richieste conoscenze specifiche o analisi dei testi se non in questi
Cultura francese
L-LIN/03 | Curriculum: Linguistico aziendale
termini.
Modalità di accertamento:
CFU 10 • PERIODO secondo semestre • DURATA 60 ore
Esame orale
Titolo corso: cinema e società
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalità didattiche:
Prof. AMATULLI MARGHERITA margheritamatulli@libero.it
Verranno presi accordi con la docente
Obblighi:
Obiettivi Formativi:
Preparazione di tutto il programma indicato sul vademecum e di quanto concordato con la docente
Il corso intende ripercorrere i principali avvenimenti sociali, politici e artistici della cultura francese del XX secolo
Testi di studio:
attraverso il medium cinematografico. Gli studenti saranno accompagnati in un duplice percorso. Il primo, di carattere
Dal vol. A della Norton Anthology:
più generale, si propone di illustrare gli aspetti più salienti della storia culturale francese. Il secondo, più specifico,
Pima Stories of the Beginning of the World – “The Story of the Creation” (pp. 24-27) e “The Story of the Flood” (pp.
consentirà di coniugare tali aspetti con la storia della rappresentazione cinematografica. I film di Malle, Godard,
27-33)
Tavernier, Truffaut... offriranno l’occasione di riflettere sulle modalità con cui i registi francesi interpretano e riportano
John Winthrop, da The Journal: “Overcoming Satan” (p. 217) e “An Earthquake at Aquiday” (p. 223)
sullo schermo la realtà storica del Novecento.
Roger Williams, da A Key into the Language of America, da “Cap. XXI  of religion, the soul, etc.” (pp. 232-235)
Programma:
Anne Bradstreet, da Contemplations, strofe 1-4 (pp.253-254)
Attraverso una campionatura di opere e spezzoni cinematografici si delineeranno cinque principali ‘capitoli’ di
Mary Rowlandson, da A Narrative of the Captivity, “The first remove” e “The second remove” (pp. 311-312)
approfondimento:
Sarah Kemble Knight, da The Private Journal of a Journey, “Tuesday” (pp. 436-440)
1) cinema e surrealismo
Jonathan Edwards, “The Beauty of the World” (pp. 509-511)
2) il cinema dell’Occupazione
Benjamin Franklin, “Remarks Concerning the Savages of North America” (pp. 534-537)
3) il maggio ‘68 sullo schermo
J.Hector St.John de Crevecoeur, da Letters from an American Farmer, “What is an American” (pp. 657-667)
4) La nouvelle vague
Dal vol. B della Norton Anthology:
5) la rappresentazione cinematografica della banlieue.
Ralph Waldo Emerson, da Nature, cap. 1 (pp. 1107-1109), cap. 4 (pp. 1114-1118), cap. 7 (pp.1128-1130)
Modalità didattiche:
Walt Whitman, da Song of Myself, strofa 6 (pp. 2235-2236) e 21 (p. 2246)
Lezioni frontali, visione di film.
Henry David Thoreau, da Walden, cap. 2  (pp. 1850-1859), cap. 4  (pp.1866-1875), cap. 18  (pp.1974-1982)
Testi di studio:
H.D.Thoreau, accenni a Resistance to Civil Government (pp.1792-1807) e Slavery in Massachussetts (pp. 1982-1992)
Goetschel Pascale, Loyer Emmanuelle, Histoire culturelle de la France, Paris, Colin, 2005.
Harriet Beecher Stowe, accenni a Uncle Tom’s Cabin
Ulteriore bibliografia obbligatoria verrà fornita durante il corso.
Luisa May Alcott, da Transcendental Wild Oats (vol. B, pp. 2575-2586)
Modalità di accertamento:
Inoltre:
Esame orale.
R.W.Emerson, “Earth-Song”
Wallace Steven, “The Planet on the Table”
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Ernest Hemingway ,“Big two-Hearted River” e “Up in the West”
Testi di studio:
Gregg Garrard, da Ecocriticism (2004), cap. 4 “Wilderness” (pp. 59-84) e “American Pastoral” (da p. 48 a p. 53)
Goetschel Pascale, Loyer Emmanuelle, Histoire culturelle de la France, Paris, Colin, 2005.
Lawrence Buell, da The American Transcendentalists (2006), “Introduction” (pp. 11-28)
Gli studenti sono invitati a prendere contatto con il docente durante la fine del periodo di insegnamento. In tale
 Testi specifici aggiuntivi per gli studenti di Cultura
occasione sarà loro fornita ulteriore bibliografia obbligatoria e l’elenco dei film da vedere.
Ilaria Moschini, Il Grande Cerchio. Un viaggio nell’immaginario americano, Le Lettere, Firenze, 2007 (obbligatorio per i
non frequentanti) ................................................................................................................................
Serenella Iovino, Filosofie dell’ambiente. Natura, etica, società, Carocci, Roma, n.e.2008 Cultura inglese
Gregg Garrard, da Ecocriticism (2004), cap. 2 “Positions” (pp. 16-32). L-LIN/10 | Curriculum: Linguistico aziendale
Lawrence Buell, da  The Future of Environmental Criticism (2005), cap. 1 “The Emergence of Environmental Criticism”
(pp. 1-28). CFU 10 • PERIODO febbraio-maggio • DURATA 60 ore
Da C. Glotfelty & H.Fromm, The Ecocriticism Reader (1996), articoli di: Lynn White, Jr, “The Historical Roots of Our Titolo corso: Black British Culture: lo sguardo delle ‘nuove etnìe’
Ecological Crisis”; William Howarth,  “Some Principles of Ecocriticism”; Dana Phillips, “Is Nature Necessary?” Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
N.B. per gli studenti di Cultura: I testi letterari letti a lezione costituiranno materiale d’esame solo nell’ambito di un
discorso generale di tipo culturale. Non saranno richieste conoscenze specifiche o analisi dei testi se non in questi Prof. Guerra Sergio sergiogue@libero.it
termini.
N.B. tutti gli studenti non frequentanti sono tenuti a controllare (ed eventualmente concordare) il programma con la Obiettivi Formativi:
docente Il corso si propone di illustrare, tramite una selezione di opere e autori rappresentativi degli ultimi cinquant’anni, le
Modalità di accertamento: peculiarità formali e tematiche della cultura prodotta da soggetti diasporici nati e cresciuti in Gran Bretagna.
Esame orale Programma:
I dettagli del programma saranno comunicati all’inizio del corso.

100 101
vademecum 2009/10 insegnamenti

Attività a supporto della didattica: Modalità didattiche:


Materiale audio e video Lezione frontale
Modalità didattiche: Testi di studio:
Lezioni frontali  Carlo Collodi, Le avventure di Pinocchio, Einaudi, Torino, 2006;
Obblighi: Giorgio Manganelli, Pinocchio, un libro parallelo, Adelphi, Milano, 2002;
Frequenza (70%) Isabella Pezzini e Paolo Fabbri (a cura di), Le avventure di Pinocchio, tra un linguaggio e un altro, Meltemi, Roma, 2002,
Testi di studio: pp.1-111; pp.157-234; pp.257-298
Le indicazioni bibliografiche saranno fornite all’inizio del corso. Ulteriori indicazioni bibliografiche, l’elenco dei video e materiali di lavoro relativi al corso saranno forniti durante le
Modalità di accertamento: lezioni.
Esame orale in italiano Modalità di accertamento:
Esame orale
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalità didattiche: Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Autoformazione Testi di studio:
Obblighi: Gli studenti non frequentanti dovranno preparare l’intero volume di Pezzini e Fabbri.
Gli studenti non frequentanti devono concordare direttamente il programma con il docente. ................................................................................................................................
Testi di studio:
Gli stessi dei frequentanti, più una parte da concordare direttamente con il docente.
Cultura russa
L-LIN/21 | Curriculum: Linguistico aziendale
Modalità di accertamento:
Esame orale in italiano. CFU 10 • PERIODO II semestre • DURATA 60 ore • SEDE ATTIVITA’ Urbino. Dipartimento di Letterature e
................................................................................................................................ scienze Filologico-Linguistiche
Cultura italiana Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
L-FIL-LET/10 | Curriculum: Linguistico aziendale
Prof. GHINI GIUSEPPE giuseppe.ghini@uniurb.it
CFU 5 • PERIODO Primo semestre • DURATA 30 ore Ricevimento: Lunedì e Martedì 10-11
Titolo corso: Pinocchio, il burattino moltiplicato
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L) Obiettivi Formativi:
Programma:
Prof. MARTELLI MATTEO matteo.martelli@uniurb.it Corso mutuato dalla Facoltà di Lingue e letterature straniere. Corrisponde a Letteratura russa L-LIN/21 N. 29111, I e II
parte.
Obiettivi Formativi:
 Attraverso lo studio della figura di Pinocchio (personaggio emblema della manipolazione artistica e sociale) e delle sue Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
riscritture novecentesche, il corso si propone di fornire agli studenti strumenti metodologici relativi all’analisi di un fatto Obblighi:
culturale e conoscenza critica dei mutamenti e dei linguaggi legati al burattino di Collodi. Da concordarsi direttamente col docente.
Programma: Note:
Una prima parte del corso sarà volta ad individuare nel testo di Collodi quegli elementi che hanno determinato  Il professor Ghini sarà in sabbatico per motivi di ricerca nel periodo Ottobre 2009 - Gennaio 2010.
un immediato successo del libro e del suo protagonista, soffermandosi in particolare sui motivi e caratteri culturali ................................................................................................................................
contenuti in esso, sui suoi legami con il folklore e la nascente cultura di massa, nonché sulla particolare costruzione del
personaggio. Nella seconda parte del corso, attraverso la visione, la discussione e l’analisi di alcuni esempi, si sposterà
Cultura spagnola
L-LIN/05 | Curriculum: Linguistico aziendale
lo sguardo verso quella “tradizione” cui Pinocchio ha dato vita. Si affronteranno riscritture e derivazioni (teatrali,
cinematografiche e letterarie) per rilevare la congenialità della figura creata da Collodi con l’industria culturale, e le CFU 10 • PERIODO I Semestre • DURATA 60 ore
diverse ricezioni del testo in rapporto ai mutamenti socioculturali. Titolo corso: Marginalità e ribellione dal Modernismo spagnolo alla Guerra Civile
Risultati di apprendimento: Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
Conoscenza e capacità di comprensione: lo studente conosce le metodologie di indagine relative all’analisi dei fatti
culturali; Prof. Darconza Giovanni giovanni.darconza
Capacità di applicare conoscenza e comprensione: lo studente ha le competenze linguistiche e metodologiche per
analizzare le opere in programma;
Obiettivi Formativi:
Autonomia di giudizio: lo studente possiede capacità critiche per valutare e analizzare i mutamenti culturali del Obiettivo del corso è analizzare il profondo senso di emarginazione e solitudine presente nelle opere dei modernisti
personaggio oggetto del corso; spagnoli di inizio secolo e il tentativo di combattere contro questo senso di marginalità attraverso la parola e un
Abilità comunicative: particolarmente nella seconda parte del corso lo studente assume un atteggiamento aperto nei rinnovamento della scrittura. Il Modernismo spagnolo presenterebbe dunque un “forte carattere ribelle”, nel tentativo di
confronti degli argomenti studiati e interagisce col gruppo nelle ricerche proposte. risollevare il paese da una situazione di “sottosviluppo” e arretratezza nei confronti delle altre nazioni occidentali.
Capacità di apprendimento: lo studente acquisisce gli strumenti metodologici e le competenze critiche per sviluppare Questo duplice sentimento, di marginalità e ribellione, verrà studiato attraverso l’analisi di alcune opere significative di
ulteriormente le proprie conoscenze. autori della Generación del 98 e del Modernismo poetico, della Generación del 27 fino a culminare nell’evento più
significativo e catastrofico della storia spagnola contemporanea: la Guerra Civile.

102 103
vademecum 2009/10 insegnamenti

Programma: Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti


Mutuato da Letteratura spagnola III, CL1,2 (con ampliamento del programma) Obblighi:
Modalità didattiche: Gli studenti non frequentanti svolgeranno il programma d’esame secondo il vademecum
Lezioni frontali nelle quali verranno discussi i contenuti indicati nel programma. Modalità di accertamento:
Testi di studio: Esame orale
- AA.VV., Nuevo manual de literatura española e hispanoamericana, Novara, Petrini Editore 2005, pp. 131-292. ................................................................................................................................
- BAROJA, Pío, El árbol de la ciencia; ed. de Pío Caro Baroja, Cáte-dra, Madrid 2001. Didattica dell’italiano L2
- UNAMUNO, Miguel de, Niebla; ed. de Mario J. Valdés, Madrid, Cátedra 1998. L-LIN/02 | Curriculum: Linguistica e didattica delle lingue
- VALLE-INCLÁN, Ramón del, Luces de Bohemia, ed. de A. Zamora Vicente, Madrid, Espasa Calpe 1998.
- DARCONZA, G., Poesia della guerra civile spagnola. Antologia e introduzione di G. Darconza, Roma, Aracne, 2007. CFU 10 • PERIODO II semestre (2°modulo) • DURATA 30 ore
- MACHADO, Antonio, Poesie scelte, Milano, Mondadori, 1996. Titolo corso: Insegnare italiano L2 a studenti stranieri: un percorso di formazione per l’integrazione
- Selezione di poesie di Rubén Darío e Juan Ramón Jiménez (disponibili in fotocopia) Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
Ulteriori indicazioni bibliografiche verranno fornite durante il corso.
Modalità di accertamento: Prof. SISTI FLORA flora.sisti@uniurb.it
Esame orale. Domande specifiche sui temi fondamentali sviluppati durante il corso e sulle opere degli autori principali. Ricevimento: consultare il sito del docente
Domande generali di storia e di storia della letteratura spagnola.
Obiettivi Formativi:
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti Obiettivo del corso è promuovere negli apprendenti la capacità di:
Testi di studio: 1. analizzare i processi cognitivi alla base dell’acquisizione dell’italiano come L2/LS;
Gli studenti non frequentanti dovranno leggere anche: 2. progettare Unità di Apprendimento e percorsi didattici per studenti di italiano L2/LS in contesti scolastici ed
- COMELLAS, José Luis, Historia de España contemporánea, Madrid, Rialp, 2008, pp. 279-473, e BROWNE, H., La guerra universitari italiani e stranieri;
civile spagnola, Bologna, Il Mulino, 2000. 3. gestire classi ad abilità differenziate.
................................................................................................................................ Programma:
Cultura tedesca 1. Analisi dei bisogni:
L-LIN/13 | Curriculum: Linguistico aziendale 1.2 Analisi dell’Interlingua
1.3 Livelli di competenza del “Quadro Comune di Riferimento Europeo”
CFU 10 • PERIODO II sem., dal 22/2 al 15/5/2010 • DURATA 60 ore • SEDE ATTIVITA’ DipLeFil 1.4 Sillabo di italiano L2
Titolo corso: Il periodo storico fra il 1750 e il 1775. 1.5 Costruzione di un sillabo (funzioni, grammatica, lessico, abilità)
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L) 2. Modelli operativi:
2.1 Progettazione di Unità di Apprendimento (con input scritto/audio/video) e organizzazione di percorsi didattici
Prof. RENZI LUCA luca.renzi@uniurb.it    2.1.1 Tecniche ed attività mirate alla promozione delle abilità linguistiche (comprensione e produzione orale e scritta)
Ricevimento: Verrà comunicato in segreteria   2.1.2 Riflessione sulla lingua
  2.1.3 Verifica e valutazione
Obiettivi Formativi: 2.2 L’insegnamento dell’italiano L2 per lo studio disciplinare: l’Unità Differenziata e Stratificata
Mutuato da Letteratura tedesca I (LOC) 3. Analisi di materiali didattici
Programma: 4. Gestione della classe
Mutuato da Letteratura tedesca I (LOC) 5. Didattica dell’italiano L2 per scopi professionali
Gli studenti che dovranno sostenere l’esame di Cultura tedesca (Laz) potranno scegliere un’opera a piacere di ognuno 6. Didattica dei testi letterari
degli autori trattati e dovranno, in sostituzione del manuale di storia letteraria, prepararsi su un testo di storia del 7. Certificazioni di italiano come L2
Settecento tedesco e della Prussia di Federico II, che sarà approntato e indicato dal docente, ed inoltre sul volume di H. Risultati di apprendimento:
Bausinger, Tipico tedesco, Pisa 2007. Conoscenza e capacità di comprensione: conoscere i processi cognitivi sottesi all’acquisizione dell’italiano L2, conoscere
Attività a supporto della didattica: i modelli operativi maggiormente rispondenti ai bisogni degli apprendenti dell’italiano L2, essere consapevoli dei
Verrà inoltre distribuita letteratura secondaria, materiali e dispense. Gli studenti frequentanti possono avvalersi di una problemi relativi all’integrazione degli studenti migranti.
tesina, da svolgere in gruppo, secondo i criteri descritti dal docente, che integrerà il voto d’esame. Gli studenti non Conoscenza e capacità di comprensione applicate: saper analizzare i bisogni degli apprendenti, saper progettare
frequentanti sono tenuti a seguire il programma d’esame come previsto dal vademecum. percorsi didattici (linguistici, culturali, disciplinari, microlinguistici e letterari), saper gestire classi ad abilità differenziate,
Modalità didattiche: saper promuovere integrazione.
Lezioni frontali e seminariali Autonomia di giudizio: saper valutare l’efficacia dei percorsi didattici realizzati mediante appositi strumenti e alla luce
Obblighi: dei livelli di competenza pragmatico-socio-linguistica e di integrazione raggiunti dagli studenti.
Frequenza di almeno due terzi delle lezioni Abilità comunicative: saper utilizzare la lingua italiana in modo da promuovere sia l’interazione con e tra gli apprendenti
Testi di studio: di diverse L1 sia l’acquisizione dell’italiano L2, saper comunicare mediante la microlingua specifica del settore con
Mutuato da Letteratura tedesca I (LOC) colleghi e professionisti che lavorano nell’ambito dell’italiano L2, saper co-progettare.
Modalità di accertamento: Capacità di apprendere: saper progettare autonomamente percorsi di auto-formazione.
Esame orale; tesine di approfondimento Modalità didattiche:
Lezioni frontali, attività di gruppo.

104 105
vademecum 2009/10 insegnamenti

Obblighi: conoscenza della microlingua scientifico-professionale del settore glottodidattico;


Almeno dieci giorni prima dell’appello scelto gli studenti frequentanti dovranno inviare al docente un percorso di Unità • Capacità di apprendere: sviluppo della propria capacità di apprendimento collaborativo (lavori di gruppo per l’analisi
di Apprendimento preventivamente concordato. delle Unità di Apprendimento).
Testi di studio: Attività a supporto della didattica:
1. Baldassarri D. (2008). Lavorare in classe. Tecniche e attività nelle classi di italiano lingua seconda. Perugia: Guerra Modalità didattiche:
Edizioni Lezioni frontali e lavori di gruppo per la preparazione di unità di apprendimento.
2. Caon F. (2006). Insegnare italiano nella classe ad abilità differenziate. Perugia: Guerra Edizioni Obblighi:
3. Cardona M. (a cura di) (2007). Vedere per capire e parlare. Torino: UTET Testi di studio:
4. Diadori P., Palermo M., Troncarelli D. (2009). Manuale di didattica dell’italiano. Perugia: Guerra Edizioni - Balboni P., Fare educazione linguistica, UTET, Torino, 2007;
Modalità di accertamento: - Ciliberti A., Pugliese R., Anderson L., Le lingue in classe. Discorso, apprendimento, socializzazione, Carocci, Roma,
Esame orale 2003;
- Danesi M., Il cervello in aula, Perugia, Guerra, 2007;
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti - Dispensa a cura del docente (disponibile online).
Modalità didattiche: Modalità di accertamento:
Testi di studio: Esame orale
Gli studenti non frequentanti dovranno integrare la propria preparazione studiando anche il testo seguente:
1. Luise M. C. (2006). Italiano come lingua seconda. Torino: UTET Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalità di accertamento: Modalità didattiche:
Esame orale Obblighi:
................................................................................................................................ Testi di studio:
Gli studenti non frequentanti dovranno integrare la propria preparazione studiando anche il seguente testo:
Didattica delle lingue moderne - Capra U., Tecnologie per l’apprendimento linguistico, Carocci, Roma, 2005.
L-LIN/02 | Curriculum: Linguistica e didattica delle lingue
Modalità di accertamento:
Esame orale
CFU 10 • PERIODO II semestre 1°modulo • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ P.za Rinascimento, 7 - URBINO
Note:
Titolo corso: Le abilità produttive e ricettive nel processo di insegnamento - apprendimento delle lingue
Il programma potrebbe subire delle modifiche pertanto gli studenti sono invitati a controllare gli argomenti e la
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
bibliografia consultando il sito del docente alla fine del corso.
Prof. SISTI FLORA flora.sisti@uniurb.it ................................................................................................................................
Ricevimento: Consultare il sito del docente: http://www.uniurb.it/lingue/docenti/sisti/ Didattica delle lingue moderne A
L-LIN/02 | Curriculum: Linguistico culturale occidentale
Obiettivi Formativi:
Il corso mira a promuovere negli studenti la consapevolezza dei processi cognitivi alla base delle quattro abilità CFU 10 • PERIODO I semestre (1° e 2° modulo) • DURATA 60 ore
linguistiche (scrivere, leggere, parlare e ascoltare) e a sviluppare la capacità di progettare attività didattiche volte ad Titolo corso: Le competenze glottomatetica,comunicativa e interculturale
esercitarle nell’ambito dell’insegnamento delle lingue moderne. A questo proposito particolare attenzione verrà rivolta Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
ai compiti ed alle competenze dell’insegnante di lingue ed alle strategie di creazione e preparazione di unità di
apprendimento consone ai bisogni dei discenti. Prof. SISTI FLORA flora.sisti@uniurb.it
Programma: Ricevimento: Consultare il sito del docente: http://www.uniurb.it/lingue/docenti/sisti/
1. Metodi e approcci glottodidattici del XX secolo: gli approcci comunicativi;
2. Le quattro abilità linguistiche: Obiettivi Formativi:
   • Ascolto e comprensione in L.S.: il processo mentale, le attività didattiche, analisi dei materiali per la comprensione Il corso ha l’obiettivo di promuovere apprendimento nell’ambito della glottodidattica fornendo conoscenze specifiche
orale; relative alle seguenti aree di studio:
   • La produzione orale in L.S.:il processo mentale, le attività didattiche, analisi dei materiali per la produzione orale; 1. Teorie di linguistica acquisizionale;
   • La produzione scritta in L.S.:il processo mentale, le attività didattiche, analisi dei materiali per la produzione scritta; 2. Processi di apprendimento/insegnamento della LS/L2;
   • Lettura e comprensione in LS: il processo mentale, le attività didattiche, analisi dei materiali per la ricezione scritta; 3. Comunicazione interculturale
3. L’insegnante di lingue straniere: competenze e compiti; Programma:
4. Progettare una Unità di Apprendimento. LA COMPETENZA GLOTTOMATETICA
Risultati di apprendimento: Principi di linguistica acquisizionale per la LS/L2
• Conoscenza e capacità di comprensione: conoscere i meccanismi cognitivi coinvolti nelle abilità produttive e ricettive • Le principali teorie dell’acquisizione linguistica (comportamentismo, costruttivismo, innatismo, funzionalismo)
esercitate in lingua straniera e i modelli di programmazione di una Unità di Apprendimento; • Il paradosso dell’acquisizione del linguaggio: contributi delle neuro-scienze (processi mnestici, bimodalità e
• Conoscenza e capacità di comprensione applicate: capacità di progettare interventi formativi in linea con le teorie direzionalità cerebrale)
glottodidattiche e rispondenti alle esigenze dei discenti; LA COMPETENZA COMUNICATIVA e INTERCULTURALE
• Autonomia di giudizio: capacità critiche che consentano di valutare l’efficacia di strategie e di materiali didattici relativi • Gli approcci comunicativi nella moderna glottodidattica (Jakobson, Hymes, Searle, Austin, Halliday)
all’insegnamento delle quattro abilità linguistiche; • La pragmatica interculturale (eventi comunicativi e atti linguistici; analisi conversazionale contrastiva; problemi di
• Abilità comunicative: capacità comunicative necessarie ad operare nel contesto della classe di lingua straniera, comunicazione interculturale

106 107
vademecum 2009/10 insegnamenti

Risultati di apprendimento: Programma:


• Conoscenza e capacità di comprensione: conoscenza dei meccanismi cognitivi preposti all’apprendimento del 1. Communicative skills
linguaggio, consapevolezza dei problemi della integrazione e della comunicazione interculturale; Listening; Speaking; Reading; Writing
• Conoscenza e capacità di comprensione applicate: capacità di integrare competenze glottodidattiche teoriche e Vocabulary building
pratiche applicabili all’ambito professionale della formazione linguistica e di progettare interventi di intermediazione Language awareness
culturale; 2. Content (subject demands)
• Autonomia di giudizio: capacità critiche che consentano di valutare in modo autonomo l’efficacia dei processi Classroom language/communication
formativi/educativi relativi all’insegnamento delle lingue straniere e dell’italiano come L2. Student talk time
• Abilità comunicative: capacità comunicative necessarie ad operare in ambienti interculturali e in èquipe; Learner-learner interaction
• Capacità di apprendere: sviluppo della propria capacità di apprendimento linguistico tramite la consapevolezza dei vari BICS/CALP
processi cognitivi che determinano l’apprendimento di una lingua straniera e capacità di proseguire il percorso di Input-output
approfondimento in modo autonomo. Negotiating meaning
Attività a supporto della didattica: Code switching
Workshops ed incontri seminariali tenuti da esperti di didattica delle diverse lingue straniere. 3. Cognitive & metacognitive skills
Modalità didattiche: Learner autonomy
Lezioni frontali e lezioni partecipate in cui verranno simulati e analizzati scambi conversazionali di tipo interculturale. Learning styles
Testi di studio: Learner strategies
 - Balboni E.P., Imparare le lingue straniere, Marsilio Ed., Venezia, 2008; Affective factors and motivation
- Balboni E.P., La comunicazione interculturale, Marsilio Ed., Venezia, 2007; 4. Planning a CLIL Unit, assessment and evaluation
- Bettoni C., Usare un’altra lingua. Guida alla pragmatica interculturale, Laterza Ed., Roma, 2006; (capitoli 3-4-5-6) 5. The CLIL teacher: relating theory and practice
- Dispensa a cura del docente disponibile online Risultati di apprendimento:
Modalità di accertamento: • Conoscenza e capacità di comprensione: conoscere i modelli didattici operativi utilizzabili per sviluppare le abilità
Esame orale linguistiche in ambiente CLIL; saper descrivere e analizzare i processi cognitivi e linguistici propri dell’apprendimento
CLIL;
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti • Conoscenza e capacità di comprensione applicate: saper progettare interventi didattici in inglese per promuovere
Testi di studio: l’apprendimento integrato della lingua inglese e di contenuti non linguistici;
Gli studenti non frequentanti dovranno scegliere un testo integrativo tra i seguenti: • Autonomia di giudizio: saper valutare l’efficacia di strategie e di materiali didattici relativi all’insegnamento /
Adorno C., Che cos’è la pragmatica linguistica, Carocci, 2009; apprendimento in ambiente CLIL;
Holliday A., Hyde M., Kullman J, Intercultural Communication. An Advanced Resource Book. Routledge, London, 2004 • Abilità comunicative: conoscere la lingua inglese a livello avanzato ed il linguaggio settoriale dell’ambito
Modalità di accertamento: glottodidattico;
Esame orale • Capacità di apprendere: sviluppare la capacità di approfondimento e di ricerca di materiali a fini didattici utilizzando
Note: l’ITC ( in gruppo e individualmente).
Il programma potrebbe subire delle modifiche pertanto gli studenti sono invitati a controllare gli argomenti e la Modalità didattiche:
bibliografia consultando il sito del docente alla fine del corso. Lezioni frontali (in lingua inglese) e lavori di gruppo per la preparazione di unità di apprendimento CLIL.
Mutuato da Comunicazione interculturale (LAZ) Testi di studio:
................................................................................................................................ 1. Sisti F., (a cura di), CLIL Methodology in University Instruction: Online and in the Classroom. An Emerging Framework,
Ed. Guerra- Soleil, Perugia, 2009;
Didattica delle lingue moderne: CLIL 2. Marsh P., Mehisto P., Frigols M., Uncovering CLIL, Oxford, MacMillan, 2008
L-LIN/02 | Curriculum: Linguistica e didattica delle lingue
3. Coonan C., (a cura di), CLIL e l’apprendimento delle lingue, Ed. Cafoscarina, Venezia, 2008.
Modalità di accertamento:
CFU 10 • PERIODO II semestre (1°modulo) • DURATA 30 ore
Esame orale (in lingua inglese)
Titolo corso: Content and Language Integrated Learning (CLIL)
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testi di studio:
Prof. SISTI FLORA flora.sisti@uniurb.it
Gli studenti non frequentanti dovranno integrare la propria preparazione studiando anche UNO a scelta dei seguenti
Ricevimento: consultare il sito del docente: http://www.uniurb.it/lingue/docenti/sisti/
testi:
Serragiotto G., C.L.I.L. Apprendere insieme una lingua e contenuti non linguistici, Ed. Guerra- Soleil, Perugia, 2003;
Obiettivi Formativi:
Coonan C., La Lingua straniera veicolare, Utet Libreria, Torino, 2002;
Obiettivo del corso è promuovere negli studenti una conoscenza approfondita dell’ambiente di apprendimento CLIL, in
Modalità di accertamento:
cui la lingua straniera viene utilizzata per trasmettere contenuti non linguistici e perseguire così il duplice scopo di
Esame orale
sviluppare la competenza linguistica e la conoscenza della disciplina studiata. Tale approccio verrà analizzato nei suoi
Note:
aspetti positivi e nelle sue problematicità sia sul piano teorico sia su quello pratico, anche attraverso esperienze dirette di
Il programma potrebbe subire delle modifiche pertanto gli studenti sono invitati a controllare gli argomenti e la
insegnamento/apprendimento CLIL. Le lezioni saranno tenute infatti interamente in lingua inglese secondo la modalità
bibliografia consultando il sito del docente alla fine del corso.
CLIL.

108 109
vademecum 2009/10 insegnamenti

................................................................................................................................ ................................................................................................................................
Economia aziendale  Economia e gestione delle imprese 
SECS-P/07 | Curriculum: Linguistico aziendale SECS-P/08 | Curriculum: Linguistico aziendale

CFU 5 • PERIODO Secondo semestre, secondo modulo • DURATA 30 ore CFU 10 • PERIODO Secondo semestre • DURATA 60 ore
Titolo corso: Economia aziendale Titolo corso: Economia e Gestione delle Imprese
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L) Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)

Prof. SENTUTI ANNALISA annalisa.sentuti@uniurb.it Prof. CIOPPI MARCO marco.cioppi@uniurb.it


Ricevimento: contattare il docente tramite mail
Obiettivi Formativi:
Obiettivi Formativi: Obiettivo del corso è fornire gli elementi fondamentali per la comprensione del funzionamento dell’impresa e delle
Il corso si propone di fornire agli studenti le conoscenze fondamentali e gli strumenti metodologici basilari per lo studio modalità con cui la stessa si rapporta ai diversi contesti ambientali; in secondo luogo, il corso introduce le principali
dei caratteri istituzionali dell’azienda, dei suoi elementi costitutivi, delle sue principali logiche di funzionamento e delle problematiche inerenti la gestione strategica d’impresa con particolare attenzione alle organizzazioni di tipo industriale.
sue condizioni di equilibrio. All’analisi del governo economico dell’impresa si associa lo studio del bilancio di esercizio, Sotto il profilo più strettamente operativo il corso discute i processi organizzativi e gestionali inerenti le diverse aree
quale principale strumento di comunicazione economico-finanziaria dell’azienda. funzionali attraverso le quali si articola l’attività aziendale (produzione, logistica, approvvigionamenti, finanza, marketing,
Programma: R&S e gestione delle risorse umane) e le modalità attraverso le quali le imprese procedono nella gestione integrata e
1) L’AZIENDA QUALE ISTITUTO ECONOMICO E SISTEMA COMPLESSO dinamica degli stessi.
L’attività economica - Caratteri generali dell’azienda - Il sistema aziendale e l’ambiente - Classificazione delle aziende - Programma:
L’impresa - Soggetto giuridico e soggetto economico - I principali sotto-sistemi del sistema aziendale: il sistema dei beni, Il corso tratterà i seguenti argomenti:
il sistema delle persone, il sistema delle operazioni - Il patrimonio/capitale - L’organizzazione - La gestione - Il reddito. 1. LA VARIETÀ DELLE IMPRESE
2) L’IMPRESA E LE CONDIZIONI DI ECONOMICITÀ A VALERE NEL TEMPO 1.1 Le determinanti della varietà delle imprese
L’economicità - L’equilibrio economico - La potenza finanziaria: fabbisogno finanziario, scelta dei finanziamenti, 1.2 La varietà dimensionale delle imprese
autofinanziamento, struttura finanziaria - L’analisi ed il controllo dei costi: classificazioni e configurazioni dei costi, i 1.3 I sistemi produttivi locali e le imprese distrettuali
diversi livelli di controllo, l’analisi del “Break Even Point”. 2. GOVERNANCE E RESPONSABILITÀ SOCIALE
3) IL BILANCIO ORDINARIO DI ESERCIZIO 2.1 Impresa come istituzione
Il sistema informativo aziendale contabile ed extracontabile - Funzione informativa del bilancio - Clausole generali e 2.2 Corporate governance
principi di redazione - Aspetti formali e sostanziali del bilancio: struttura e contenuti - Lo Stato patrimoniale - Il Conto 2.3 L’orientamento sociale d’impresa
Economico - La Nota Integrativa - La relazione sulla gestione. 3. L’ANALISI PER LE SCELTE STRATEGICHE
Modalità didattiche: 3.1 L’analisi e gli strumenti per la formulazione della strategia
 lezioni frontali e possibili esercitazioni di approfondimento 3.2 La diagnosi strategica
Testi di studio: 3.3 L’analisi dell’ambiente esterno
M. Paoloni (a cura di), Appunti di economia aziendale, Quattroventi, Urbino, ultima edizione. 3.4 L’analisi dell’ambiente interno
M. Paoloni, (a cura di), Introduzione alla contabilità generale e al bilancio di esercizio, Cedam, Padova, ultima edizione: 3.5 L’acquisizione delle informazioni strategiche nelle piccole e medie imprese
capp. 1, 2, 3, 4, 5, 6 (tranne paragrafo 6.6), 7, 16, 17. 4. LE SCELTE DI PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA
Materiale didattico predisposto dal docente, in parte sostitutivo di alcune parti dei testi suddetti, reso disponibile sul sito 4.1 Le scelte di progettazione della configurazione formale dell’impresa
della Facoltà. 4.2 Le scelte di progettazione dei confini organizzativi
Modalità di accertamento: 5. LE STRATEGIE DI CORPORATE
Esame orale. Possibilità di verifica scritta al termine delle lezioni o durante i regolari appelli d’esame previsti dalla 5.1 L’integrazione orizzontale: definizione, obiettivi e vantaggi
Facoltà. 5.2 L’integrazione verticale: definizione, forme, obiettivi e vantaggi
5.3 La diversificazione produttiva: definizione,forme, obiettivi e vantaggi
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti 5.4 Le strategie di fronteggiamento e di gestione delle crisi: tornaround e crisis management
Modalità didattiche: 6. LO SVILUPPO INTERNAZIONALE
Testi di studio: 6.1 L’internazionalizzazione e le opzioni strategiche
M. Paoloni (a cura di), Appunti di economia aziendale, Quattroventi, Urbino, ultima edizione. 6.2 Le determinanti e le direzioni dello sviluppo internazionale
M. Paoloni, (a cura di), Introduzione alla contabilità generale e al bilancio di esercizio, Cedam, Padova, ultima edizione: 6.3 Le strategie e gli orientamenti internazionali
capp. 1, 2, 3, 4, 5, 6 (tranne paragrafo 6.6), 7, 16, 17. 6.4 Le soluzioni organizzative per lo sviluppo internazionale
Gli studenti non frequentanti sono invitati a contattare il docente per ulteriori informazioni sul programma e sul 6.5 l’internazionalizzazione commerciale
materiale didattico consigliato per la preparazione dell’esame. 7. LE STRATEGIE DI BUSINESS
Modalità di accertamento: 7.1 Le basi delle strategie di business
Esame orale. Possibilità di verifica scritta. 7.2 La leadership di costo
Note: 7.3 La differenziazione
Gli studenti iscritti al Corso di Laurea in Lingue e cultura per l’impresa (CL4 - ad esaurimento) devono contattare il 7.4 La focalizzazione
docente per concordare il programma d’esame. 7.5 Le fonti del vantaggio competitivo e la catena del valore

110 111
vademecum 2009/10 insegnamenti

7.6 Le risorse, le competenze e le capacità 2.1 Impresa come istituzione


8. I SISTEMI PRODUTTIVI E LA PRODUZIONE 2.2 Corporate governance
8.1 Il management del processo produttivo 2.3 L’orientamento sociale d’impresa
8.2 La progettazione del sistema di produzione e la programmazione e controllo 3. L’ANALISI PER LE SCELTE STRATEGICHE
8.3 Dalla prima industrializzazione al post-toyotismo 3.1 L’analisi e gli strumenti per la formulazione della strategia
9. LA GESTIONE DELLA DISTRIBUZIONE 3.2 La diagnosi strategica
9.1 La struttura della distribuzione 3.3 L’analisi dell’ambiente esterno
9.2 La gestione dei canali di distribuzione 3.4 L’analisi dell’ambiente interno
9.3 Il trade marketing 3.5 L’acquisizione delle informazioni strategiche nelle piccole e medie imprese
9.4 Le prospettive di sviluppo futuro della distribuzione 4. LE SCELTE DI PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA
Risultati di apprendimento: 4.1 Le scelte di progettazione della configurazione formale dell’impresa
Lo studente avrà una preparazione di base relativa a contenuti di gestione aziendale che permetteranno di comprendere 4.2 Le scelte di progettazione dei confini organizzativi
il funzionamento dei diversi tipi di organizzazioni e di aziende. Inoltre acquisirà gli strumenti metodologici e le 5. LE STRATEGIE DI CORPORATE
necessarie competenze per operare in maniera efficace nei diversi contesti aziendali. 5.1 L’integrazione orizzontale: definizione, obiettivi e vantaggi
Modalità didattiche: 5.2 L’integrazione verticale: definizione, forme, obiettivi e vantaggi
Lezione frontale; discussione di casi in aula e testimonianze aziendali. 5.3 La diversificazione produttiva: definizione,forme, obiettivi e vantaggi
Testi di studio: 5.4 Le strategie di fronteggiamento e di gestione delle crisi: tornaround e crisis management
Di Bernardo B., Gandolfi V., Tunisini A., 2009, Economia e Management delle Imprese: capire e decidere nella crescente Risultati di apprendimento:
complessità, ed. Hoepli, Milano. Lo studente avrà una preparazione di base relativa a contenuti di gestione aziendale che permetteranno di
 Capp. 3,4,7,9,11,12,14,18,19,20. comprendere gli strumenti metodologici e le necessarie competenze per operare in maniera efficace nei diversi contesti
- Testi e lucidi distribuiti a lezione alcuni dei quali saranno sostitutivi di specifiche parti del testo di riferimento. aziendali.
Modalità di accertamento: Modalità didattiche:
Prova scritta ed orale Lezione frontale; discussione di casi in aula e testimonianze aziendali.
Testi di studio:
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti Di Bernardo B., Gandolfi V., Tunisini A., 2009, Economia e Management delle Imprese: capire e decidere nella crescente
Modalità didattiche: complessità, ed. Hoepli, Milano.
Testi di studio: Capp. 3,4,7,9,11
Di Bernardo B., Gandolfi V., Tunisini A., 2009, Economia e Management delle Imprese: capire e decidere nella crescente Testi e lucidi distribuiti a lezione alcuni dei quali saranno sostitutivi di specifiche parti del testo di riferimento.
complessità, ed. Hoepli, Milano. Modalità di accertamento:
Capp. 3,4,6,7,9,10,11,12,13,14,17,18,19,20. Prova orale
Modalità di accertamento:
Prova scritta ed orale Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
................................................................................................................................ Modalità didattiche:
Testi di studio:
Economia e gestione delle imprese Di Bernardo B., Gandolfi V., Tunisini A., 2009, Economia e Management delle Imprese: capire e decidere nella crescente
SECS-P/08 | Curriculum: Organizzazione dello spettacolo dal vivo
complessità, ed. Hoepli, Milano.
Capp. 3,4,6,7,9,10,11
CFU 5 • PERIODO Primo modulo secondo semestre • DURATA 20 ore
Modalità di accertamento:
Titolo corso: Economia e Gestione delle Imprese
Prova orale
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
................................................................................................................................
Prof. CIOPPI MARCO marco.cioppi@uniurb.it Economia e gestione delle imprese - Modulo I
SECS-P/08
Obiettivi Formativi:
Obiettivo del corso è fornire gli elementi fondamentali per la comprensione del funzionamento dell’impresa. Sotto il CFU 3 • PERIODO Primo modulo secondo semestre • DURATA 30 ore
profilo più strettamente operativo il corso discute i processi organizzativi e gestionali inerenti le diverse aree funzionali Titolo corso: Economia e Gestione delle Imprese
attraverso le quali si articola l’attività aziendale (produzione, logistica, approvvigionamenti, finanza, marketing, R&S e Corsi di laurea in: Lingue e cultura per l’impresa (CNA-L)
gestione delle risorse umane) e le modalità attraverso le quali le imprese procedono nella gestione integrata e dinamica
degli stessi. Prof. CIOPPI MARCO marco.cioppi@uniurb.it
Programma:
Il corso tratterà i seguenti argomenti: Obiettivi Formativi:
1. LA VARIETÀ DELLE IMPRESE Obiettivo del corso è fornire gli elementi fondamentali per la
1.1 Le determinanti della varietà delle imprese comprensione del funzionamento dell’impresa e delle modalità
1.2 La varietà dimensionale delle imprese con cui la stessa si rapporta ai diversi contesti ambientali; in
1.3 I sistemi produttivi locali e le imprese distrettuali secondo luogo, il corso introduce le principali problematiche
2. GOVERNANCE E RESPONSABILITÀ SOCIALE inerenti la gestione strategica d’impresa con particolare attenzione alle organizzazioni di tipo industriale.

112 113
vademecum 2009/10 insegnamenti

Programma: Obiettivi Formativi:


Il corso tratterà i seguenti argomenti: Obiettivo del corso è approfondire, sotto il profilo operativo, i processi organizzativi e gestionali inerenti le diverse aree
1. LA VARIETÀ DELLE IMPRESE funzionali attraverso le quali si articola l’attività aziendale (produzione, logistica, approvvigionamenti, finanza, marketing,
1.1 Le determinanti della varietà delle imprese R&S e gestione delle risorse umane) e le modalità attraverso le quali le imprese procedono nella gestione integrata e
1.2 La varietà dimensionale delle imprese dinamica degli stessi
1.3 I sistemi produttivi locali e le imprese distrettuali Programma:
2. GOVERNANCE E RESPONSABILITÀ SOCIALE Il corso tratterà i seguenti argomenti:
2.1 Impresa come istituzione 6. LO SVILUPPO INTERNAZIONALE
2.2 Corporate governance 6.1 L’internazionalizzazione e le opzioni strategiche
2.3 L’orientamento sociale d’impresa 6.2 Le determinanti e le direzioni dello sviluppo internazionale
3. L’ANALISI PER LE SCELTE STRATEGICHE 6.3 Le strategie e gli orientamenti internazionali
3.1 L’analisi e gli strumenti per la formulazione della strategia 6.4 Le soluzioni organizzative per lo sviluppo internazionale
3.2 La diagnosi strategica 6.5 l’internazionalizzazione commerciale
3.3 L’analisi dell’ambiente esterno 7. LE STRATEGIE DI BUSINESS
3.4 L’analisi dell’ambiente interno 7.1 Le basi delle strategie di business
3.5 L’acquisizione delle informazioni strategiche nelle piccole e medie imprese 7.2 La leadership di costo
4. LE SCELTE DI PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA 7.3 La differenziazione
4.1 Le scelte di progettazione della configurazione formale dell’impresa 7.4 La focalizzazione
4.2 Le scelte di progettazione dei confini organizzativi 7.5 Le fonti del vantaggio competitivo e la catena del valore
5. LE STRATEGIE DI CORPORATE 7.6 Le risorse, le competenze e le capacità
5.1 L’integrazione orizzontale: definizione, obiettivi e vantaggi 8. I SISTEMI PRODUTTIVI E LA PRODUZIONE
5.2 L’integrazione verticale: definizione, forme, obiettivi e vantaggi 8.1 Il management del processo produttivo
5.3 La diversificazione produttiva: definizione,forme, obiettivi e vantaggi 8.2 La progettazione del sistema di produzione e la programmazione e controllo
5.4 Le strategie di fronteggiamento e di gestione delle crisi: tornaround e crisis management 8.3 Dalla prima industrializzazione al post-toyotismo
Risultati di apprendimento: 9. LA GESTIONE DELLA DISTRIBUZIONE
Lo studente avrà una preparazione di base relativa a contenuti di gestione aziendale che permetteranno di comprendere 9.1 La struttura della distribuzione
il funzionamento dei diversi tipi di organizzazioni e di aziende. Inoltre acquisirà gli strumenti metodologici e le 9.2 La gestione dei canali di distribuzione
necessarie competenze per operare in maniera efficace nei diversi contesti aziendali. 9.3 Il trade marketing
Modalità didattiche: 9.4 Le prospettive di sviluppo futuro della distribuzione
Lezione frontale; discussione di casi in aula e testimonianze aziendali. Risultati di apprendimento:
Testi di studio: Lo studente avrà una preparazione di base relativa a contenuti di gestione aziendale che permetteranno di
Di Bernardo B., Gandolfi V., Tunisini A., 2009, Economia e Management delle Imprese: capire e decidere nella crescente comprendere gli strumenti metodologici e le necessarie competenze per operare in maniera efficace nei diversi contesti
complessità, ed. Hoepli, Milano. aziendali.
Capp. 3,4,7,9,11 Modalità didattiche:
Testi e lucidi distribuiti a lezione alcuni dei quali saranno sostitutivi di specifiche parti del testo di riferimento. Lezione frontale; discussione di casi in aula e testimonianze aziendali.
Modalità di accertamento: Testi di studio:
Prova scritta Di Bernardo B., Gandolfi V., Tunisini A., 2009, Economia e Management delle Imprese: capire e decidere nella crescente
complessità, ed. Hoepli, Milano.
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti capp. 12, 14, 18,19,20.
Testi di studio: Testi e lucidi distribuiti a lezione alcuni dei quali saranno sostitutivi di specifiche parti del testo di riferimento.
Di Bernardo B., Gandolfi V., Tunisini A., 2009, Economia e Management delle Imprese: capire e decidere nella crescente Modalità di accertamento:
complessità, ed. Hoepli, Milano. Prova orale
Capp. 3,4,6,7,9,10,11
Modalità di accertamento: Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Prova scritta Testi di studio:
................................................................................................................................ Di Bernardo B., Gandolfi V., Tunisini A., 2009, Economia e Management delle Imprese: capire e decidere nella crescente
complessità, ed. Hoepli, Milano.
Economia e gestione delle imprese - Modulo II Capp. 12,13,14,17,18,19,20.
SECS-P/08
Modalità di accertamento:
Prova orale
CFU 3 • PERIODO Secondo modulo secondo semestre • DURATA 30
Titolo corso: Economia e Gestione delle Imprese ................................................................................................................................
Corsi di laurea in: Lingue e cultura per l’impresa (CNA-L) Economia e gestione delle imprese turistiche - Modulo I
SECS-P/08
Prof. CIOPPI MARCO marco.cioppi@uniurb.it

114 115
vademecum 2009/10 insegnamenti

CFU 3 • PERIODO II semestre • DURATA Annuale, 60 h. • SEDE ATTIVITA’ Via Oddi Risultati di apprendimento:
Titolo corso: Economia e Gestione delle Imprese Turistiche Il corso è finalizzato a fare acquisire allo studente: la conoscenza di alcuni temi d’avanguardia nella gestione delle
Corsi di laurea in: Lingue e cultura per l’impresa (CNA-L) imprese turistiche e dei sistemi turistici; la capacità di raccogliere ed interpretare i dati rilevanti del settore turistico; la
capacità di saper ideare e sostenere argomentazioni in tema di marketing turistico; la capacità di comunicare
Prof. Forlani Fabio fabio.forlani@uniurb.it informazioni, idee, problemi e soluzioni in tema di marketing e management delle imprese e delle destinazioni
Ricevimento: Martedì, ore 14-15 turistiche; le competenze necessarie per intraprendere studi di economia e gestione delle organizzazioni turistiche con
un alto grado di autonomia.
Obiettivi Formativi: Modalità didattiche:
Il corso ha l’obiettivo di fornire agli studenti la conoscenza delle specificità del turismo e proporre le tecniche base in Lezioni frontali, tesine e casi studio di approfondimento, testimonianze aziendali
materia di management e marketing delle imprese turistiche e dei sistemi turistici locali. Testi di studio:
Programma: F.Forlani, Dispense didattiche.
I° Modulo: Economia e gestione dell’impresa turistica Modalità di accertamento:
1. Economia delle esperienze e turismo; 2. Vacanza come prodotto-esperienza; 3 Impresa turistica e modello teatrale: da Esame orale
business a show business; 4. Comportamento di acquisto e di consumo del viaggio; 5. Le specifità del Marketing
turistico; 6. Qualità e la certificazione di qualità nel turismo; 7. Web 2.0 nel turismo ; 8. Percorsi di internazionalizzazione Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
per le imprese turistiche.; 9. Aspetti economici e finanziari delle imprese turistiche Testi di studio:
Risultati di apprendimento: Pencarelli T., Gregori G.L., (A cura di); Comunicazione e branding delle destinazioni turistiche, Franco Angeli, 2009.
Il corso è finalizzato a fare acquisire allo studente: la conoscenza di alcuni temi d’avanguardia nella gestione delle Modalità di accertamento:
imprese turistiche e dei sistemi turistici; la capacità di raccogliere ed interpretare i dati rilevanti del settore turistico; la Esame orale
capacità di saper ideare e sostenere argomentazioni in tema di marketing turistico; la capacità di comunicare ................................................................................................................................
informazioni, idee, problemi e soluzioni in tema di marketing e management delle imprese e delle destinazioni
turistiche; le competenze necessarie per intraprendere studi
Etnolinguistica
L-LIN/01
successivi di economia e gestione delle organizzazioni turistiche con un alto grado di autonomia.
Modalità didattiche:
CFU 3 • DURATA 30 ore
Lezioni frontali, tesine e casi studio di approfondimento, testimonianze aziendali.
Corsi di laurea in: Lingue e civiltà orientali (CNA-L)
Testi di studio:
F.Forlani, Dispense didattiche.
Prof. COCCHI GLORIA
Modalità di accertamento:
Esame orale
Obiettivi Formativi:
Programma:
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Mutuato da Linguistica generale (LOR)
Testi di studio:
Modalità didattiche:
T.Pencarelli, Letture di economia e management delle organizzazioni turistiche, Edizioni Goliardiche, Trieste, 2003.
vedi sopra
Modalità di accertamento:
Obblighi:
Esame orale
Testi di studio:
................................................................................................................................ Modalità di accertamento:
Economia e gestione delle imprese turistiche - Modulo II
SECS-P/08 Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalità didattiche:
CFU 3 • PERIODO II semestre • DURATA Annuale, 60 h. • SEDE ATTIVITA’ Via Oddi ................................................................................................................................
Titolo corso: Economia e Gestione delle Imprese Turistiche
Corsi di laurea in: Lingue e cultura per l’impresa (CNA-L)
Filologia e storia delle lingue germaniche
L-FIL-LET/15 | Curriculum: Una lingua: testi e contesti
Prof. Forlani Fabio fabio.forlani@uniurb.it
CFU 10 • PERIODO II semestre • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ DIPLEFILI
Ricevimento: Martedì, ore 14-15
Titolo corso: Le fonti manoscritte delle letterature germaniche antiche
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
Obiettivi Formativi:
Il corso ha l’obiettivo di fornire agli studenti la conoscenza delle specificità del turismo e proporre le tecniche base in
Prof. MOLINARI ALESSANDRA alessandra.molinari@uniurb.it
materia di management e marketing delle imprese turistiche e dei sistemi turistici locali.
Ricevimento: su richiesta; v. informazioni in bacheca
Programma:
II° Modulo: Economia e gestione dei sistemi turistici locali
Obiettivi Formativi:
1. Sistemi turistici, sistemi turistici locali ed destination management; 2. La marca turistica territoriale; 3. Il marketing dei
Questo corso intende fornire allo studente gli strumenti per leggere autonomamente e comprendere un testo medievale 
sistemi turistici locali; 4. Sistemi turistici locali, luci ed ombre nelle esperienze italiane; 5. Gli eventi mediterranei;
delle aree linguistico-culturali inglese e tedesca. Il fine ultimo è la presa di coscienza dell’alterità della cultura scritta e
orale medievale rispetto alla nostra e l’evoluzione del ruolo della scrittura nella vita delle persone che abitarono

116 117
vademecum 2009/10 insegnamenti

nell’Europa occidentale tra il VII e il XIII sec. d.C., in particolare nelle regioni anglofone e germanofone. Testi di studio:
Programma: Si prega di contattare l’insegnante
A. Principi di linguistica storica e di storia delle lingue inglese e tedesca. A.1. Dal protogermanico alle singole lingue Modalità di accertamento:
germaniche antiche: principi teorici e vicende storiche A.2. Basso tedesco e alto tedesco: le diverse teorie sulle vicende Esame finale orale, esercitazioni scritte a distanza, relazione scritta d’approfondimento. Il tutto secondo un programma
della differenziazione tra i due gruppi A.3. I singoli dialetti alto-tedeschi e basso-tedeschi e le rispettive testimonianze concordato in anticipo con l’insegnante.
scritte A.4. Il germanico insulare: i dialetti antico-inglesi e medio-inglesi e le rispettive testimonianze scritte Note:
B. La trasmissione del sapere nell’Europa medievale anglofona e germanofona B.1. Oralità e scrittura B.2. Rune e PER NESSUN MOTIVO SARANNO AMMESSI ALL’ESAME FINALE STUDENTI NON FREQUENTANTI CHE NON ABBIANO
scrittura latina B.3. I luoghi della trasmissione scritta del sapere B.4. I supporti della trasmissione scritta: legno, pietra, CONCORDATO ANTICIPATAMENTE UN PROGRAMMA DI STUDIO PERSONALE CON LA DOCENTE
pergamena B.5. Il libro manoscritto: oggetto e strumento B.6. Il rapporto personale tra lo scrivente e la scrittura: le ................................................................................................................................
implicazioni psicologiche dell’atto dello scrivere, ieri e oggi B.7. La componente orale e sonora della performance del
testo medievale: riflessi dell’oralità, della sonorità e del gesto fisico della performance nella fissazione scritta del testo nel
Filologia e storia delle lingue romanze
L-FIL-LET/09 | Curriculum: Una lingua: testi e contesti
manoscritto. B.8. Elementi di retorica medievale
C. Dal manoscritto al testo: fondamenti di codicologia, paleografia e critica testuale. ESERCITAZIONI DI PALEOGRAFIA E
CFU 10 • PERIODO primo modulo del secondo semestre • DURATA 30 ore
CODICOLOGIA  C.1. Dall’animale al libro: le fasi della produzione C.2. Le scritture latine delle aree germanofona
Titolo corso: Letteratua europea: le origini
e anglogona C.3. Dal manoscritto al testo critico: modelli di critica testuale C.4. ESERCITAZIONI CODICOLOGICO-
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
PALEOGRAFICHE presso l’Archivio di Stato (sede di Urbino).
Risultati di apprendimento:
Prof. NEGRI ANTONELLA antonella.negri@uniurb.it
A conclusione del corso lo studente è in grado di:
Ricevimento: reperibile in rete o presso la Segreteria di Facoltà
1) analizzare un documento manoscritto in pergamena nei suoi aspetti codicologici e paleografici;
2) leggere autonomamente e comprendere un testo originale in un dialetto antico inglese (o medio inglese) o antico
Obiettivi Formativi:
alto-tedesco (o medio alto-tedesco) direttamente dall’originaria fonte manoscritta;
Parte letteraria
3) valutare la qualità di una moderna edizione critica del testo prescelto.
Nel sistema letterario occidentale è possibile individuare una particolare fenomenologia della letteratura europea che si
Attività a supporto della didattica:
evidenzia fra XI e XIV secolo. I testi in lingua volgare ereditano dalla letteratura latina temi, modi e generi che vengono
Il corso comprende:
riusati e rivisitati in funzione della definizione di nuovi paradigmi letterari che, a loro volta, vengono poi trasmessi a tutte
a) esercitazioni di lettura da testi originali del Medioevo inglese o tedesco;
le culture nazionali d’Europa. Più precisamente, l’uso di alcuni strumenti della retorica (temi, topoi, metafore), in una
b) esercitazioni di paleografia e codicologia presso l’Archivio di Stato (sede di Urbino) e sulla base di edizioni digitali di
lettura storico-strutturale e comparativa di questo sistema, consente di mettere in luce le tracce di fondamentali
alcuni tra i principali manoscritti delle letterature inglese e tedesca.
meccanismi compositivi e fruitivi del testo letterario che hanno avuto una lunga fortuna anche nei secoli successivi.
Modalità didattiche:
Parte linguistica
Il corso prevede alcune lezioni frontali introduttive, ma è organizzato essenzialmente come un laboratorio con
Analisi in chiave prevalentemente comparativa delle dinamiche che hanno concorso a formare il quadro linguistico
esercitazioni di linguistica, lettura di testi originali medievali, paleografia e codicologia. Lo studente apporta il proprio
europeo nel Medioevo. Convergenze e divergenze morfologiche e morfosintattiche fra le lingue romanze.
attivo contributo frequentando le esercitazioni, svolgendo alcune consegne a casa e tenendo nel corso di una lezione, da
Programma:
solo o assieme a dei colleghi, una relazione orale in cui approfondisce un argomento a piacere concordato con
1 Strutture fondative della cultura nell’Occidente medievale.
l’insegnante.
1.1 Tradizione classica e tradizione cristiana.
Il corso è tenuto in italiano, inglese e tedesco. I fondamenti di ogni argomento sono comunicati in italiano, ma vengono
2    Fenomenologia della letteratura.
approfonditi in inglese e in tedesco. La relazione d’approfondimento dello studente viene presentata in inglese o in
2.1  Individuazione di  un canone letterario europeo.
tedesco. L’esame finale si svolge, coerentemente con i contenuti delle lezioni, in italiano e in una delle due lingue (a
2.2  Funzione della retorica nell’epica e nel romanzo.
seconda della scelta dello studente, in inglese o in tedesco)
2.3 Esegesi di alcuni testi in lingua originale, tratti da P.Gresti, Antologia delle letterature romanze del Medioevo,
Obblighi:
Bologna, Patron, 2006.
Lo studente frequentante è obbligato a partecipare ai due laboratori e a tenere la relazione orale in inglese o in tedesco;
3 Formazione dell’Europa linguistica.
vi saranno inoltre due esercitazioni di storia della lingua (multiple choice tests) da svolgere a casa.
3.1 Assetti, spostamenti e  movimenti delle frontiere linguistiche in area romanza (secc. VI-XI).
Testi di studio:
3.2 Convergenze e divergenze di alcune strutture linguistiche nelle aree francese, iberica e italiana.
I testi obbligatori per il programma d’esame e i riferimenti blbiografici per la relazione d’approfondimento verranno
Eventuali propedeuticità:
comunicati all’inizio del corso.
Risultati di apprendimento:
Modalità di accertamento:
(con riferimento ai titoli finali di terzo ciclo dei “descrittori di Dublino”)
Relazione orale d’approfondimento ed esame finale orale in cui, tra l’altro, si discuteranno i risultati delle esercitazioni
Dimostrare “sistematica comprensione del settore di studio e padronanza del metodo di ricerca ad esso associato”.
effettuate durante i due seminari di lettura e di paleografia-codicologia, nonché le due esercitazioni di storia della lingua
Modalità didattiche:
(multiple choice tests).
Lezioni frontali e seminariali.
Obblighi:
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Agli studenti della LM si richiede un tesina finale su un argomento svolto nel corso.
Modalità didattiche:
Testi di studio:
PRIMA di presentarsi all’esame orale si prega di contattare l’insegnante per la predisposizione di un programma
Gli studenti frequentanti si atterranno alle indicazioni bibliografiche fornite dal docente nel corso delle lezioni.
personale
Si consiglia per l’esegesi dei testi a lezione: P.Gresti, Antologia delle letterature romanze del Medioevo, Bologna, Patron,
Obblighi:
2006.
Si prega di contattare l’insegnante

118 119
vademecum 2009/10 insegnamenti

Modalità di accertamento: Titolo corso: Romani e Germani. Da Cesare a Teodorico. Mutuato con Fil Ger,29056, seconda parte
Valutazione della tesina. Corsi di laurea in: Lingue e letterature moderne comparate (CNA-L) Lingue moderne, arti e cultura (CNA-L)
Esame orale.
Prof. DALLAPIAZZA MICHAEL GOTTLIEB michael.dallapiazza@uniurb.it
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti Ricevimento: da lun a mer, orario da stabilire
Obblighi:
Dato l’elevato impegno di CFU richiesti, gli studenti non frequentanti sono invitati a contattare il docente per calibrare Obiettivi Formativi:
direttamente, durante gli orari di ricevimento, il programma d’esame, a seconda della lingua di approfondimento. Il corso analizza i complessi rapporti tra impero romano e mondo germanico, partendo dalla battaglia di Varus: 2000
Testi di studio: anni fà, l’anno 9 d.c., una guerriglia germanica sotto la guida di Arminius, principe germanico romanizzato, distrugge un
Bibliografia minima di riferimento enorme esercito romano, caduto in una trappola. Quasi 500 anni dopo, Teodorico, goto, all’apice di una rapida carriera
Parte letteraria nella gerarchia bizantina, fonda per l’imperatore orientale il regno gotico in Italia, che dura quasi 30 anni. Arminius, il
E. Auerbach, Filologia della letteratura mondiale, Bologna, Book, 2006. vincitore di Varus, e Teodorico esprimono ambedue in modo emblematico la comune storia di romani e germani tra
E. R. Curtius, Letteratura europea e Medio Evo latino, Firenze, La Nuova Italia, 1999. Cesare e la caduta definitiva dell’impero.
E.R. Curtius, Letteratura della letteratura, a cura di Ritter Santini, Bologna, Il Mulino, 1984. Programma:
P.Boitani, Letteratura europea e Medioevo volgare, Bologna, Il Mulino, 2007. per il programma e per i testi di studio si veda il programma del corso Fil Ger 29056
Un testo a scelta fra: Modalità didattiche:
 J.M.H. Smith, L’Europa dopo Roma. Una nuova storia culturale (500-1000), Bologna, Il Mulino, 2008. lezione frontale
 J.F. Mattéi, Lo sguardo vuoto. L’esaurimento della cultura europea, Milano, Dedalo, 2009. Obblighi:
 Le radici prime dell’Europa. Gli intrecci genetici, linguistici, storici, a cura di G. Bocchi e M. Cerruti, Milano, Mondadori, la frequenza è vivamente consigliato!
2001. Testi di studio:
Parte linguistica: Modalità di accertamento:
La formazione dell’Europa linguistica, a cura di E. Banfi, Firenze, La Nuova Italia, 1999. esame orale
Modalità di accertamento:
Relazione su un argomento a scelta dello studente. Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Esame orale. Testi di studio:
................................................................................................................................ Modalità di accertamento:
Filologia germanica - Modulo I ................................................................................................................................
L-FIL-LET/15 Filologia germanica I
L-FIL-LET/15 | Curriculum: Linguistico-culturale occidentale
CFU 3 • PERIODO primo semestre • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ istituto di lingue
Titolo corso: mutuato da Filologia Germanica 29056, prima parte. Introduzione alla filologia germanica CFU 5 • PERIODO I semestre • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ DIPLEFILI
Corsi di laurea in: Lingue e letterature moderne comparate (CNA-L) Lingue moderne, arti e cultura (CNA-L) Titolo corso: Introduzione alla filologia germanica, alla “Deutsche Mediaevistik” e agli “Anglo-Saxon Studies”
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
Prof. DALLAPIAZZA MICHAEL GOTTLIEB michael.dallapiazza@uniurb.it
Ricevimento: da lunedì a mercoledì, orario da stabilire Prof. MOLINARI ALESSANDRA alessandra.molinari@uniurb.it
Ricevimento: su richiesta; v. informazioni in bacheca
Obiettivi Formativi:
 per il programma e i testi di studio si veda il programma per Obiettivi Formativi:
Filologia Germanica 29056  Il corso introduce lo studente ai contenuti della Filologia germanica, della “Deutsche Mediaevistik” e degli “Anglo-Saxon
Programma: Studies”.
Modalità didattiche: Programma:
Obblighi:  A. Introduzione teorica alle discipline A.1. Contenuti, finalità e metodi della Filologia germanica A.2. Contenuti, finalità e
Testi di studio: metodi della Deutsche Mediaevistik A.3. Contenuti, finalità e metodi degli Anglo-Saxon Studies
Modalità di accertamento: B. Introduzione storica B.1. Il concetto di “fonte” per la ricerca storiografica, filologica, linguistica e storico-culturale
B.2. Le fonti per lo studio delle culture germaniche antiche  B.3. La cultura del periodo germanico comune B.2. La
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti differenziazione delle società germaniche B.3. La periodizzazione del Medioevo germanico
Obblighi: C. Introduzione linguistica C.1. Obiettivi e metodi della linguistica storica (rudimenti) C.2. Elementi di storia della lingua:
Testi di studio: dall’indoeuropeo alle singole lingue germaniche
Modalità di accertamento: D. Introduzione letteraria D.1. La natura delle fonti scritte e il rapporto tra oralità e scrittura nel Medioevo germanico D.2.
................................................................................................................................ Rune e scrittura latina D.3. Centri propulsori e protagonisti della diffusione della scrittura latina nel Medioevo germanico
D.4. Il mondo attorno al libro manoscritto: ambiente, produttori, fruitori D.5. La ritualità dell’atto grafico: confronto tra
Filologia germanica - Modulo II Medioevo ed epoca contemporanea
L-FIL-LET/15
E. Storia della letteratura germanica antica E.1. i motivi e generi germanico-comuni E.2. Le opere elaborate nelle singole
tradizioni E.3. Saggi di letteratura (in versi e in prosa) dalla tradizione germanofona e da quella anglofona.
CFU 3 • PERIODO primo semestre • DURATA 30 ore

120 121
vademecum 2009/10 insegnamenti

Risultati di apprendimento: Programma:


Al termine del corso lo studente possiede gli strumenti critici per individuare autonomamente le specificità Prima parte:
epistemologiche e metodologiche delle tre suddette discipline; possiede inoltre uno sguardo d’insieme sull’evoluzione di -Introduzione generale
almeno una lingua di origine germanica. -Le lingue germaniche antiche
Modalità didattiche: -La formazione dei regni germanici
 Lezione frontale; alcuni argomenti vengono approfonditi tramite lavoro di gruppo e relazione orale (in italiano) in sede -Critica del testo
di lezione. Il programma d’esame consiste soprattutto in testi in italiano; verrà richiesto l’approfondimento di un aspetto -Lettura di alcuni brani in lingua originale
sulla base di bibliografia in inglese o tedesco. Seconda parte:
Obblighi: -Cesare e i germani
Testi di studio: -La battaglia nella “Teutoburger Wald”
 La bibliografia per il programma d’esame verrà comunicata nelle prime ore del corso -Germani nel impero romano
Modalità di accertamento: -La visione di Tacito
 Esame finale orale previa esposizione orale, durante il corso, di una breve ricerca d’approfondimento a piacere Verso la fine dell’impero: Roma sotto la pressione dei “barbari” gemanici
(concordata con la docente) -Teodorico e il regno dei goti in Italia
Modalità didattiche:
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti lezione frontale
Modalità didattiche: Obblighi:
Studio privato di una bibliografia concordata con la docente e approfondimento scritto di un argomento a piacere la frequenza è vivamente consigliato
(anch’esso concordato con la docente) Testi di studio:
Obblighi: Prima Parte:
 Lo studente deve approntare una breve ricerca scritta su un argomento a piacere (concordato con la docente) e inviarla M.V. Molinari, La Filologia Germanica, Zanichelli, oppure: N. Francovich Onesti, Filologia Germanica, 2.ed. 2003, Carocci
alla docente stessa entro la settimana precedente l’appello prescelto Editore, Roma.
Testi di studio: Wolfram von Eschenbach: Titurel. Biblioteca Medievale
Vengono concordati con la docente Johannes de Tepla. L’aratore di Boemia
Modalità di accertamento: Voluspa, a cura di Marcello Meli, biblioreca medievale, Carocci editore, Roma 2008
 Esame orale comprendente, oltre la verifica della padronanza delle nozioni acquisite sulla letteratura concordata, la Seconda Parte:
discussione dell’argomento approfondito nella tesina. -Tacito: De Germania
Note: -Tacito, scelta da “Annales”
GLI STUDENTI NON FREQUENTANTI POTRANNO SOSTENERE L’ESAME ORALE SOLTANTO DOPO AVER INVIATO Ulteriore materiale sarà disponibile all’inizio del corso
ALL’INSEGNANTE LA TESINA D’APPROFONDIMENTO Modalità di accertamento:
................................................................................................................................ orale
Filologia germanica II Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
L-FIL-LET/15 | Curriculum: Linguistico culturale occidentale
Testi di studio:
Oltre ai testi di studio per frequentanti:
CFU 10 • PERIODO primo semestre • DURATA 60 ore • SEDE ATTIVITA’ Dipartimento, Piazza Il corso è diviso in
Per la prima parte:
due parti.Rinascimento 7
Yvonne S. Bonnetain: Breve grammatica dell’Islandese antico, Edizioni Parnaso, Trieste 2001
Titolo corso: Romani e Germani. Da Cesare a Teodorico
Beowulf. Biblioteca Medievale.
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
Per la seconda parte: un serie di articoli di P. Scardigli, da ritirare all’inizio del corso
Modalità di accertamento:
Prof. DALLAPIAZZA MICHAEL GOTTLIEB michael.dallapiazza@uniurb.it
orale
Ricevimento: lunedì, martedì, mercoledì, con orario da stabilire
Note:
gli studenti non frequentanti sono pregati di stabilire il programma d’esame con il docente
Obiettivi Formativi:
Il corso è diviso in due parti. ................................................................................................................................
  Filologia romanza II
Il corso è diviso in due parti. La prima parte (30 ore) si propone come introduzione alla filologia germanica, ai suoi L-FIL-LET/09 | Curriculum: Linguistico culturale occidentale
metodi e obiettivi.
La seconda parte analizza i complessi rapporti tra impero romano e mondo germanico, partendo dalla battaglia di CFU 10 • PERIODO 22/02/2010-15/05/2010 • DURATA 60 ore • SEDE ATTIVITA’ Dipartimento di Letterature
Varus: 2000 anni fà, l’anno 9 d.c., una guerriglia germanica sotto la guida di Arminius, principe germanico romanizzato, moderne e Scienze filologico-linguistiche
distrugge un enorme esercito romano, caduto in una trappola. Quasi 500 anni dopo, Teodorico, goto, all’apice di una Titolo corso: Le narrazioni romanze e il mare
rapida carriera nella gerarchia bizantina, fonda per l’imperatore orientale il regno gotico in Italia, che dura quasi 30 anni. Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
Arminius, il vincitore di Varus, e Teodorico esprimono ambedue in modo emblematico la comune storia di romani e
germani tra Cesare e la caduta definitiva dell’impero. Prof. ZAGANELLI GIOIA gioia.zaganelli@uniurb.it
  Ricevimento: reperibile in rete

122 123
vademecum 2009/10 insegnamenti

Obiettivi Formativi: ................................................................................................................................


Due sono gli sfondi privilegiati delle prime narrazioni romanze: la foresta e il mare. Il primo costituisce lo scenario dei
romanzi arturiani, il secondo quello di testi difficilmente riconducibili a sistema, ma centrali nella coscienza letteraria
Filologia romanza - Modulo I
L-FIL-LET/09
medievale più di quanto la coscienza critica moderna sia disposta ad ammettere. Il corso si propone di illustrare questo
secondo segmento di testi narrativi, commentando in particolare due distinte tradizioni, una antico-francese e una
CFU 3 • PERIODO II semestre primo modulo • DURATA 5 settimane • SEDE ATTIVITA’ Dipartimento di
castigliana, esemplificate dal Romanzo di Tristano di Thomas e di Béroul e dal Libro de Apolonio.
Letterature moderne e Scienze filologico-linguistiche
Ad una prima parte, prevalentemente centrata su categorie letterarie, seguirà una parte di approfondimento di problemi
Titolo corso: Le narrazioni romanze e il mare
ecdotici e linguistici.
Corsi di laurea in: Lingue e letterature moderne comparate (CNA-L) Lingue moderne, arti e cultura (CNA-L)
Programma:
1. Introduzione
Prof. ZAGANELLI GIOIA gioia.zaganelli@uniurb.it
2. La foresta come progetto
Ricevimento: reperibile in rete
3. Tristano e il mare come destino
4. Apollonio e il mare come caso
Obiettivi Formativi:
5. Confronto tra edizioni
Due sono gli sfondi privilegiati delle prime narrazioni romanze: la foresta e il mare. Il primo costituisce lo scenario dei
6. Approfondimenti linguistici
romanzi arturiani, il secondo quello di testi difficilmente riconducibili a sistema, ma centrali nella coscienza letteraria
7. Conclusioni
medievale più di quanto la coscienza critica moderna sia disposta ad ammettere. Il corso si propone di illustrare questo
Eventuali propedeuticità:
secondo segmento di testi narrativi, commentando in particolare due distinte tradizioni, una antico-francese e una
Nessuna
castigliana, esemplificate dal Romanzo di Tristano di Thomas e di Béroul e dal Libro di Apolonio.
Risultati di apprendimento:
Programma:
Nozioni di livello medio
1. Introduzione
Modalità didattiche:
2. La foresta come progetto
 Lezioni frontali
3. Tristano e il mare come destino
Obblighi:
4. Apollonio e il mare come caso
Frequenza come da Vademecum
5. Conclusioni
Testi di studio:
Eventuali propedeuticità:
Gli studenti frequentanti porteranno il programma svolto a lezione, attenendosi alle indicazioni bibliografiche fornite in
Nessuna
quella sede, da integrare così:
Risultati di apprendimento:
per gli specialisti di francese: Béroul, Le Roman de Tristan e Thomas, Le Roman de Tristan, in Tristan et Yseut. Les
Nozioni di primo livello
poèmes français. La saga norroise, Paris, Librairie Générale Française (Coll. Lettres Gothiques); Libro de Apolonio, a
Modalità didattiche:
cura di P. Caraffi, Roma, Carocci Editore.
Lezioni frontali
per gli specialisti di spagnolo: J. Bédier, Il Romanzo di Tristano e Isotta, Milano, Rizzoli e Libro de Apolonio, a cura di P.
Obblighi:
Caraffi, Roma, Carocci Editore.
Frequenza come da Vademecum
Modalità di accertamento:
Testi di studio:
 Esame orale
Gli studenti frequentanti porteranno il programma svolto a lezione, attenendosi alle indicazioni bibliografiche fornite
durante il corso, da integrare così:
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
per gli specialisti di francese: Béroul, Le Roman de Tristan e Thomas, Le Roman de Tristan, in Tristan et Yseut. Les
Modalità didattiche:
poèmes français. La Saga norroise, Paris, Librairie Générale d’Edition (Coll. Lettres Gothiques); Libro de Apolonio, a
Obblighi:
cura di P. Caraffi, Roma, Carocci Editore.
Almeno un colloquio con il docente
per gli specialisti di spagnolo: J. Bédier, Il Romanzo di Tristano e Isotta, Milano, Rizzoli; Libro de Apolonio, a cura di P.
Testi di studio:
Caraffi, Roma, Carocci Editore.
Gli specialisti di francese porteranno:
Modalità di accertamento:
Béroul, Le Roman de Tristan e Thomas, Le Roman de Tristan, in Tristan et Yseut. Les poèmes français. La Saga norroise,
Esame orale
Paris, Libraire Générale d’Edition (Coll. Lettres Gothiques); Libro de Apolonio, a cura di P. Caraffi, Roma, Carocci Editore;
A. Punzi, Tristano. Storia di un mito, Roma, Carocci Editore; V. Bertolucci, Morfologie del testo medievale, Bologna, Il
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Mulino, pp. 7-33; W.D. Elcock, Le lingue romanze, L’Aquila, Japadre, pp. 323-359.
Obblighi:
Gli specialisti di spagnolo porteranno:
Almeno un colloquio con il docente
J. Bédier, Il Romanzo di Tristano e Isotta, Milano, Rizzoli; Libro de Apolonio, a cura di P. Caraffi, Roma, Carocci Editore; C.
Testi di studio:
Alvar, De Apolo a Orfeo. A proposito del “Libro de Apolonio”, in “Vox Romanica”, XLVIII, 1989, pp. 162-175; A.
Gli studenti non frequentanti porteranno J. Bédier, Il Romanzo di Tristano e Isotta, Milano, Rizzoli; Libro de Apolonio, a
Deyermond, Emocion y ética en el “Libro de Apolonio”, in “Vox Romanica”, XLVIII, 1989, pp. 153-164; R. Surtz, The
cura di P. Caraffi, Roma, Carocci Editore; A. Punzi, Tristano. Storia di un mito, Roma, Carocci Editore; R. Surtz, The
Spanish Libro de Apolonio and Medieval Hagiography, in “Medioevo romanzo”, VII, 1980, pp. 382-341; A. D’Agostino,
Spanish Libro de Apolonio and Medieval Agiography, in “Medioevo Romanzo”, VII, 1980, pp. 328-341.
Storia della lingua spagnola, Milano, LED, 2006.
Modalità di accertamento:
Tutti porteranno anche G. Tavani, Lezioni sul testo, L’Aquila/Roma, Japadre.
Esame orale
Modalità di accertamento:
 Esame orale

124 125
vademecum 2009/10 insegnamenti

................................................................................................................................ CFU 5 • PERIODO primo semestre 16/11/2009-19/12/2009 • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Dipartimento di
Letterature moderne e Scienze Filologico-linguistiche
Filologia romanza - Modulo II Titolo corso: Elementi di storia comparata della lingua italiana, francese e spagnola
L-FIL-LET/09
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
CFU 3 • PERIODO secondo semestre secondo modulo • DURATA 5 settimane • SEDE ATTIVITA’ Dipartimento di
Prof. ZAGANELLI GIOIA gioia.zaganelli@uniurb.it
Letterature moderne e Scienze filologico-linguistiche
Ricevimento: reperibile in rete
Titolo corso: Le narrazioni romanze e il mare. Approfondimenti
Corsi di laurea in: Lingue e letterature moderne comparate (CNA-L) Lingue moderne, arti e cultura (CNA-L)
Obiettivi Formativi:
Il corso si propone di fornire elementi di storia della lingua italiana, francese e spagnola, ricostruendo il percorso che
Prof. ZAGANELLI GIOIA gioia.zaganelli@uniurb.it
dall’unità latina ha condotto alla frammentazione romanza e analizzando le principali trasformazioni di pronuncia, di
Ricevimento: reperibile in rete
sintassi e di lessico.
Programma:
Obiettivi Formativi:
1. Introduzione
Il modulo approfondirà, da un punto di vista prevalentemente linguistico ed ecdotico, tematiche sviluppate nel primo
2.  Le lingue romanze oggi
modulo e relative al Romanzo di Tristano e al Libro de Apolonio. Più in particolare si discuteranno le caratteristiche delle
3. Dall’unità alla diversità
edizioni divulgative e di quelle critiche e si analizzeranno problemi di storia della lingua.
4. Italiano, francese e spagnolo a confronto
Programma:
5. Il lessico
1. Introduzione
6. I suoni
2. Confronto tra edizioni
7. Le forme
3. Bédier e la prassi ecdotica
8. Conclusioni
4. Approfondimenti linguistici
Eventuali propedeuticità:
5. Conclusioni
Nessuna
Eventuali propedeuticità:
Risultati di apprendimento:
Nessuna
Nozioni di primo livello
Risultati di apprendimento:
Modalità didattiche:
Nozioni di livello medio
Lezioni frontali
Modalità didattiche:
Obblighi:
Lezioni frontali.
Frequenza come da Vademecum
Obblighi:
Testi di studio:
Frequenza come da Vademecum.
Gli studenti frequentanti porteranno il programma svolto a lezione, utilizzando il volume L. Renzi, A. Andreose, Manuale
Testi di studio:
di linguistica e filologia romanza, Bologna, il Mulino, 2003, in base alle indicazioni fornite durante il corso.
Gli studenti frequentanti porteranno il programma svolto a lezione, attenendosi alle indicazioni bibliografiche fornite
Modalità di accertamento:
durante il corso.
Esame orale
Modalità di accertamento:
Esame orale.
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obblighi:
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Almeno un colloquio con il docente
Modalità didattiche:
Testi di studio:
Obblighi:
Gli studenti non frequentanti porteranno L. Renzi, A. Andreose, Manuale di linguistica e filologia romanza, Bologna, il
Almeno un colloquio con il docente
Mulino, 2003, Introduzione e i primi 9 capitoli, oppure, in alternativa, R.A. Lodge, Le français. Histoire d’un dialecte
Testi di studio:
devenu langue, Paris, Fayard, 1997, pp. 47-200 (consigliato per gli specialisti di francese); A. D’Agostino, Storia della
Gli studenti non frequentanti specialisti di francese porteranno Béroul, Le Roman de Tristan e Thomas, Le Roman de
lingua spagnola, Milano, LED, 2001 (consigliato per gli specialisti di spagnolo).
Tristan, in Tristan et Yseut. Les poèmes français. La saga norroise, Paris, Librairie Générale d’Edition (Coll. Lettres
Modalità di accertamento:
Gothiques); W.D. Elcock, Le lingue romanze, L’Aquila, Japadre, pp. 323-359.
Esame orale
Gli studenti non frequentanti specialisti di spagnolo porteranno: Libro de Apolonio, a cura di P. Caraffi, Roma, Carocci
Editore;  A. D’Agostino, Storia della lingua spagnola, Milano, LED, 2006. ................................................................................................................................
Tutti porteranno anche J. Bédier, Il Romanzo di Tristano e Isotta, Milano, Rizzoli e G. Tavani, Lezioni sul testo, L’Aquila/ Filologia slava - Modulo I
Roma, Japadre. L-LIN/21
Modalità di accertamento:
Esame orale. CFU 3 • PERIODO I semestre • DURATA 5 settimane
................................................................................................................................ Titolo corso: LA CIVILTÀ DEGLI SLAVI
Corsi di laurea in: Lingue e letterature moderne comparate (CNA-L) Lingue moderne, arti e cultura (CNA-L)
Filologia romanza I
L-FIL-LET/09 | Curriculum: Linguistico-culturale occidentale
Prof. ROMOLI FRANCESCA francescaromoli@libero.it

126 127
vademecum 2009/10 insegnamenti

Obiettivi Formativi: parte le ascendenze indoeuropee e slavo-comuni e dall’altra parte l’evoluzione storica della lingua che ha portato alla
Nel corso, che costituisce un’introduzione generale alla Slavistica, si presenteranno i principali caratteri della civiltà slava, formazione della lingua letteraria russa moderna.
ripercorrendo il suo sviluppo culturale dall’epoca delle grandi migrazioni (V-VI sec.) fino al XV sec. Programma:
Programma: 1. L’indoeuropeo e lo slavo comune
1. Le questioni fondamentali della Filologia slava 2. Dallo slavo comune alla frammentazione dialettale dello slavo storico
2. I paesi slavi oggi 3. La lingua paleoslava
3. La protopatria degli Slavi 4. Il canone paleoslavo
4. La prima civiltà slava I: La cultura materiale 5. Fondamenti di fonetica, morfologia e sintassi del paleoslavo
5. La prima civiltà slava II: La cultura sociale - le forme sociali fondamentali 6. Dal paleoslavo allo slavo ecclesiastico
6. La prima civiltà slava III: La cultura sociale - il ruolo della donna 7. Lo slavo ecclesiastico di redazione slavo-orientale
7. Le migrazioni 8. La genesi del russo moderno come lingua letteraria
8. Lo slavo comune Il programma prevede inoltre la lettura, l’analisi paleografica e il commento linguistico di alcuni passi tratti dal salterio e
9. La questione cirillo-metodiana I: Premesse storiche e culturali dai vangeli, a esemplificazione delle nozioni apprese durante il corso. Le riproduzioni saranno distribuite a lezione e
10. La questione cirillo-metodiana II: La Vita Constatini-Cyrilli costituiscono parte integrante del programma.
11. La questione cirillo-metodiana III: La Vita Methodii Modalità didattiche:
12. L’Europa centro-orientale fra il IX e il X sec. Lezioni frontali.
13. Lo slavo ecclesiastico Testi di studio:
14. Slavia latina e Slavia ortodossa I: La società Oltre al materiale presentato a lezione, si richiede la conoscenza dei seguenti studi:
15. Slavia latina e Slavia ortodossa II: La cultura ▪ D. S. AVALLE, Principi di critica testuale, Padova, Editrice Antenore, 19782.
16. Slavia latina e Slavia ortodossa III: La questione della lingua ▪ N. MARCIALIS, Introduzione alla lingua paleoslava, Firenze, FUP, 2007.
17. Gli stati medievali slavi I: La Slavia latina (XI-XV sec.) ▪ M. SCHENKER, The Dawn of Slavic. An introduction to Slavic philology, New Haven-London, Yale University Press, pp.
18. Gli stati medievali slavi II: La Slavia ortodossa (XI-XV sec.) 61-239.
Modalità didattiche: Modalità di accertamento:
Lezioni frontali Esame orale.
Testi di studio:
Oltre al materiale presentato a lezione, si richiede la conoscenza dei seguenti studi: Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
F. Conte, Gli slavi. La civiltà dell’Europa centrale e orientale, Torino 1991. Modalità didattiche:
M. Garzaniti, Slavia latina e Slavia ortodossa. Per un’interpretazione della civiltà slava nell’Europa medievale, in “Studi Obblighi:
Slavistici” IV (2007), pp. 29-64. Gli studenti non frequentanti devono concordare il programma con il docente.
A.-E. N. Tachiaos, Cirillo e Metodio di Tessalonica. Le radici cristiane della cultura slava, a cura di M. Garzaniti, Milano Modalità di accertamento:
2005. Esame orale
Modalità di accertamento: ................................................................................................................................
Esame orale. Filologia slava I
L-LIN/21 | Curriculum: Linguistico culturale occidentale
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalità didattiche: CFU 10 • PERIODO I semestre - 10 settimane • DURATA 60 ore
Obblighi: Titolo corso: GLI SLAVI: CIVILTÀ E LINGUA LETTERARIA
Gli studenti non frequentanti devono concordare il programma con il docente. Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
Modalità di accertamento:
Esame orale Prof. ROMOLI FRANCESCA francescaromoli@libero.it
Note:
................................................................................................................................ Obiettivi Formativi:
Filologia slava - Modulo II Il corso si articola in due parti. Nella prima parte, che costituisce un’introduzione generale alla Slavistica, si
L-LIN/21 presenteranno i principali caratteri della civiltà slava, ripercorrendo il suo sviluppo storico-culturale e linguistico
dall’epoca delle grandi migrazioni (V-VI sec.) fino al XV sec. Nella seconda parte, dedicata allo studio della prima lingua
CFU 3 • PERIODO I semestre • DURATA 5 settimane letteraria slava, saranno presentati i fondamenti fonetici, morfologici, sintattici e lessicali del paleoslavo. Si presterà
Titolo corso: LINGUA LETTERARIA E MEDIOEVO SLAVO attenzione anche all’aspetto diacronico, considerando da una parte le ascendenze indoeuropee e slavo-comuni, e
Corsi di laurea in: Lingue e letterature moderne comparate (CNA-L) Lingue moderne, arti e cultura (CNA-L) dall’altra l’evoluzione storica della lingua che ha portato alla formazione della lingua letteraria russa moderna.
Programma:
Prof. ROMOLI FRANCESCA francescaromoli@libero.it Prima parte:
Le questioni fondamentali della Filologia slava
Obiettivi Formativi: I paesi slavi oggi
Nel corso, che introduce allo studio della prima lingua letteraria slava, si presenteranno i fondamenti fonetici, La protopatria degli Slavi
morfologici, sintattici e lessicali del paleoslavo senza tuttavia tralasciare l’aspetto diacronico, e cioè considerando da una La prima civiltà slava I: La cultura materiale
La prima civiltà slava II: La cultura sociale - le forme sociali fondamentali

128 129
vademecum 2009/10 insegnamenti

La prima civiltà slava III: La cultura sociale - il ruolo della donna ................................................................................................................................
Le migrazioni
Lo slavo comune
Filosofia del linguaggio: multidisciplinarità dei linguaggi
M-FIL/05 | Curriculum: Organizzazione dello spettacolo dal vivo
La questione cirillo-metodiana I: Premesse storiche e culturali
La questione cirillo-metodiana II: La Vita Constatini-Cyrilli
CFU 10 • PERIODO 2 semestre • DURATA 30 ore
La questione cirillo-metodiana III: La Vita Methodii
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
L’Europa centro-orientale fra il IX e il X sec.
Lo slavo ecclesiastico
Prof. ALAI MARIO
Slavia latina e Slavia ortodossa I: La società
Slavia latina e Slavia ortodossa II: La cultura
Programma:
Slavia latina e Slavia ortodossa III: La questione della lingua
Vedi Facoltà di Lettere e Filosofia
Gli stati medievali slavi I: La Slavia latina (XI-XV sec.)
Gli stati medievali slavi II: La Slavia ortodossa (XI-XV sec.) ................................................................................................................................
Seconda parte: Finanza e impresa - Modulo I
L’indoeuropeo e lo slavo comune SECS-P/07
Dallo slavo comune alla frammentazione dialettale dello slavo storico
La lingua paleoslava CFU 3 • PERIODO 1^ semestre • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Sede di Via Oddi
Il canone paleoslavo Titolo corso: Finanza e Impresa
Fondamenti di fonetica, morfologia e sintassi del paleoslavo Corsi di laurea in: Lingue e cultura per l’impresa (CNA-L)
Dal paleoslavo allo slavo ecclesiastico
Lo slavo ecclesiastico di redazione slavo-orientale Prof. Pirozzi Bruno bruno.pirozzi@uniurb.it
La genesi del russo moderno come lingua letteraria Ricevimento: saranno comunicati successivamente
Il programma prevede inoltre la lettura, l’analisi paleografica e il commento linguistico di alcuni passi tratti dal Salterio
Sinaitico e dal Vangelo Zografense, a esemplificazione delle nozioni apprese durante il corso. Le riproduzioni saranno Obiettivi Formativi:
distribuite a lezione e costituiscono parte integrante del programma. Il corso ha l’obiettivo di fornire agli studenti una visione d’insieme dell’attività aziendale e delle sue interazioni con il
Modalità didattiche: mercato finanziario.  In particolare gli studenti verranno messi in  grado di comprendere i meccanismi di gestione
Lezioni frontali dell’impresa attraverso la comprensione del documenti informativo del bilancio, saranno forniti altresì gli strumenti per
Testi di studio: comprendere le forme di interazione con il mercato internazionale e di valutare le forme di finanziamento utilizzate
Oltre al materiale presentato a lezione, si richiede la conoscenza dei seguenti studi: dalla imprese.
D. S. Avalle, Principi di critica testuale, Padova, Editrice Antenore, 19782. Nel primo modulo saranno esaminati gli aspetti della gestione aziendale e finanziaria dell’impresa attraverso la
F. Conte, Gli slavi. La civiltà dell’Europa centrale e orientale, Torino 1991. comprensione dei meccanismi che presiedono alla formazione del bilancio. Saranno  altresì esaminati i vari aspetti del 
M. Garzaniti, Slavia latina e Slavia ortodossa. Per un’interpretazione della civiltà slava nell’Europa medievale, in “Studi mercato dei capitali e dei soggetti in esso operanti.
Slavistici” IV (2007), pp. 29-64. Programma:
N. Marcialis, Introduzione alla lingua paleoslava, Firenze, FUP, 2007. 1. Le  rilevazione contabile  delle operazioni di gestione e la capacità segnaletica del bilancio: riepilogo dei principali
M. Schenker, The Dawn of Slavic. An introduction to Slavic philology, New Haven-London, Yale University Press, pp. concetti 2.La struttura finanziaria dell’impresa; la riclassificazione dello stato patrimoniale, l’analisi finanziaria attraverso
61-239. gli indicatori: riepilogo dei principali concetti. 3. Il mercato monetario e finanziario. Esame dei principali prodotti
A.-E. N. Tachiaos, Cirillo e Metodio di Tessalonica. Le radici cristiane della cultura slava, a cura di M. Garzaniti, Milano finanziari presenti sul mercato destinati alle imprese e ai privati. 4.Il mercato dei capitali: La Borsa e gli investitori
2005. istituzionali. Il Private equity e i fondi di investimento. Cenni sui metodi di valutazione.
Modalità di accertamento: Modalità didattiche:
Esame orale lezione frontale ed esame di casi aziendali
Testi di studio:
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti Dispensa a cura del docente nonchè letture che saranno consigliate durante l’anno
Obblighi: Modalità di accertamento:
Gli studenti non frequentanti dovranno concordare il programma con il docente esame orale con esercizio scritto; possibilità di verifica facoltativa a fine modulo
................................................................................................................................
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Filosofia del linguaggio Modalità didattiche:
M-FIL/05 | Curriculum: Linguistica e didattica delle lingue
dispensa  e letture a cura del docente
Modalità di accertamento:
CFU 10 • DURATA 30 ore
esame orale con esercizio scritto.
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
................................................................................................................................
Prof. ALAI MARIO Finanza e impresa - Modulo II
SECS-P/07
Programma:
Vedi Facoltà di Lettere e Filosofia CFU 3 • PERIODO 1^ semestre • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Sede di Via Oddi

130 131
vademecum 2009/10 insegnamenti

Titolo corso: Finanza e Impresa migratori; società multietniche. Caratteri ambientali, paesaggi, culture, strumenti linguistici e comunicativi che
Corsi di laurea in: Lingue e cultura per l’impresa (CNA-L) differenziano le varie regioni dell’Europa. Sistemi di produzione e di organizzazione spaziale; aree forti e aree di minor
sviluppo. Organizzazione politica dello spazio europeo: stati, nazioni, stati-nazione; il processo di unificazione
Prof. Pirozzi Bruno bruno.pirozzi@uniurb.it economica nel secondo Novecento; equilibri geopolitici internazionali.
Ricevimento: saranno comunicati successivamente Attività a supporto della didattica:
Per facilitare la comprensione delle problematiche trattate, le lezioni frontali saranno integrate da proiezione di lucidi
Obiettivi Formativi: e/o presentazioni in power point, e dall’utilizzo di carte geografiche e tematiche (parte di questi materiali sarà messa in
Il corso ha l’obiettivo di fornire agli studenti una visione d’insieme dell’attività aziendale e delle sue interazioni con il rete durante lo svolgimento del corso).
mercato finanziario.In particolare gli studenti verranno messi in grado di comprendere i meccanismi della gestione Modalità didattiche:
d’impresa, attraverso la comprensione del documento informativo di bilancio, saranno altresì forniti gli strumenti per Lezioni frontali, eventuali seminari di approfondimento e/o tesine scritte
comprendere le forme di interazione con il mercato internazionale e valutare le forme di finanziamento utilizzate dalle Obblighi:
imprese. Nel secondo modulo saranno esaminati gli aspetti relativi al calcolo del fabbisogno finanziario, le modalità di Gli studenti dovranno dotarsi di un atlante o enciclopedia geografica aggiornati e/o dimostrare di saper accedere a siti
copertura e le forme di finanziamento usualmente concesse dalle banche. In particolare saranno esaminate le modalità web specialistici (di cui si forniranno alcuni indirizzi nel corso del modulo) per consultare carte geografiche, tematiche e
di richiesta di finanziamenti alla luce della normativa di Basilea 2 e dei turbamenti verificatosi nel mercato nel 2009. una dati statistici recenti.
parte sarà dedicata all’attività commerciale che imprese intrattengono con l’estero e i relativi strumenti finanziari Per definire integrazioni bibliografiche, programmi alternativi o eventuali iterazioni dell’esame, gli studenti dovranno
presenti sul mercato. prendere contatto in tempo utile con la docente.
Programma: Testi di studio:
5.Il fabbisogno finanziariodell’impresa: principi e modalità di calcolo delle necessità finanziarie. 6. Le fonti finanziarie 1) J. Fellmann, A. e D. Getis, Geografia umana, Milano, The McGraw-Hill Companies, 2007
correnti: i prestiti bancari a breve termine. Le operazioni di finanziamento a lungo termine,le operazioni di leasing e di 2) Un testo a scelta tra:
factoring. 7.Il business plan per la richiesta di finanziamenti. La valutazione del merito di credito alla luce della normativa P.Bonavero, E.Dansero, A.Vanolo, Geografie dell’Unione europea. Temi, problemi, politiche nella costruzione dello
di Basilea 2. 8. L’internazionalizzazione delle imprese e le principali forme di regolamento e finanziamento nel spazio comunitario, Torino, Utet Università, 2007;
commercio internazionale. 9.I finanziamenti agevolati e la creazione di nuova imprenditorialità. G.Laschi, L’Unione Europea. Storia, istituzioni, politiche, Roma, Carocci editore, 2005
Modalità didattiche: Modalità di accertamento:
lezione frontale ed esame di casi aziendali Esame orale
Testi di studio:
Dispensa e letture a cura del docente Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalità di accertamento: Modalità didattiche:
esame orale con esercizio scritto. Possibilità di prova facoltativa scritta a fine modulo Gli studenti NON frequentanti dovranno integrare la loro preparazione aggiungendo ai volumi indicati sopra per i
frequentanti, uno dei seguenti testi:
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti C.Cerreti, N.Fusco, Geografia e minoranze, Roma, Carocci editore, 2007;
Modalità didattiche: Società Geografica italiana, Atlante dell’Italia nell’Unione Europea, Roma, Carocci editore, 2009
Il docente è a disposizione via mail per informazioni e quesiti. Obblighi:
Testi di studio: Anche gli studenti non frequentanti dovranno dotarsi di un atlante o enciclopedia geografica aggiornati e/o dimostrare
dispensa e letture a cura del docente. di saper accedere a siti web specialistici (di cui si forniranno alcuni indirizzi nel corso del semestre) per consultare carte
Modalità di accertamento: geografiche, tematiche e dati statistici recenti.
esame orale con esercizio scritto . Per definire integrazioni bibliografiche, programmi alternativi o eventuali iterazioni dell’esame, gli studenti dovranno
................................................................................................................................ prendere contatto in tempo utile con la docente.
Testi di studio: Sono consigliati gli stessi volumi adottati per i frequentanti con l’aggiunta di un breve testo integrativo
Geografia  da scegliere tra:
M-GGR/01 | Curriculum: Linguistico-culturale occidentale
C.Cerreti, N.Fusco, Geografia e minoranze, Roma, Carocci editore, 2007;
Società Geografica italiana, Atlante dell’Italia nell’Unione Europea, Roma, Carocci editore, 2009
CFU 5 • PERIODO II semestre • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Via Saffi 15- Urbino
Titolo corso: Problemi di geografia umana e scenari di organizzazione regionale nell’area europea
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L) ................................................................................................................................
Geografia 
Prof. CATOLFI CARLA carla.catolfi@uniurb.it M-GGR/01 | Curriculum: Linguistico-culturale orientale
Ricevimento: Alla fine della lezione del lunedì
CFU 5 • PERIODO I semestre - I modulo • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ PesaroStudi- Viale Trieste 296-
Obiettivi Formativi: Pesaro
Il corso si propone di fornire metodologie e strumenti critici utili per comprendere le dinamiche dei mutamenti Titolo corso: Problemi di geografia umana e scenari di organizzazione regionale: l’area orientale e quella nordafricana
territoriali contemporanei e per analizzare alcune rilevanti questioni -culturali, economiche, politiche, ambientali- del Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
mondo attuale. L’analisi dei temi generali della geografia umana si svolgerà approfondendo casi di studio riferiti
prevalentemente all’area geografica europea. Prof. CATOLFI CARLA carla.catolfi@uniurb.it
Programma: Ricevimento: Alla fine della lezione del lunedì
Storia del popolamento (in particolare dell’area europea): dinamiche naturali e politiche demografiche; fenomeni

132 133
vademecum 2009/10 insegnamenti

Obiettivi Formativi: ................................................................................................................................


Il corso si propone di fornire metodologie e strumenti critici utili per comprendere le dinamiche dei mutamenti
territoriali contemporanei e per analizzare alcune rilevanti questioni -culturali, economiche, politiche, ambientali- del
Geografia (del paese di specializzazione)
M-GGR/01 | Curriculum: Una lingua: testi e contesti
mondo attuale. L’analisi dei temi generali della geografia umana si svolgerà approfondendo casi di studio riferiti
prevalentemente all’area geografica cinese e a quella arabo-islamica.
CFU 5 • PERIODO I semestre, II modulo • DURATA 20 ore • SEDE ATTIVITA’ Istituto di Lingue, Urbino
Programma:
Titolo corso: Popolamento e processo di urbanizzazione in contesti regionali diversi
Storia del popolamento (in particolare dell’area asiatica e nordafricana): dinamiche naturali e politiche demografiche;
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
fenomeni migratori; società multietniche. Caratteri ambientali, paesaggi, culture, strumenti linguistici e comunicativi che
differenziano le varie regioni dell’Africa settentrionale e dell’Asia. Sistemi di produzione e di organizzazione spaziale.
Prof. CATOLFI CARLA carla.catolfi@uniurb.it
Organizzazione politica dello spazio in oggetto; equilibri geopolitici internazionali.
Attività a supporto della didattica:
Obiettivi Formativi:
Per facilitare la comprensione delle problematiche trattate, le lezioni frontali saranno integrate da proiezione di lucidi
Programma:
e/o presentazioni in power point e dall’utilizzo di carte geografiche e tematiche (parte dei materiali sarà messa in rete
Sulla traccia di un problema generale che sarà svolto propedeuticamente all’inizio del corso (L’urbanizzazione del
durante lo svolgimento del corso).
mondo. Un pianeta di cittadini?), gli studenti saranno guidati a focalizzare vari aspetti del fenomeno demografico e
Modalità didattiche:
insediativo in situazioni territoriali diverse. I casi regionali considerati saranno riferiti ai paesi nella cui lingua i singoli
Lezioni frontali, eventuali seminari di approfondimento e/o tesine scritte
studenti si specializzano (area francese, britannica o anglo-americana, ispanica, tedesca, russa).
Obblighi:
Attività a supporto della didattica:
Gli studenti dovranno dotarsi di un atlante o enciclopedia geografica aggiornati e/o dimostrare di saper accedere a siti
Per facilitare la comprensione delle problematiche trattate, le lezioni frontali saranno integrate da proiezione di lucidi
web specialistici (di cui si forniranno alcuni indirizzi nel corso del modulo) per consultare carte geografiche, tematiche e
e/o presentazioni in power point e dall’utilizzo di carte geografiche e tematiche.
dati statistici recenti.
Testi di studio:
Per definire integrazioni bibliografiche, programmi alternativi o eventuali iterazioni dell’esame, gli studenti dovranno
Oltre ad un testo comune a tutti i frequentanti: J.Véron, L’urbanizzazione del mondo, Bologna, Il Mulino editore, 2008,
prendere contatto in tempo utile con la docente.
all’inizio del corso sarà indicata una bibliografia specifica per ognuna delle aree geografiche corrispondenti alle lingue di
Testi di studio:
specializzazione.
1) J. Fellmann, A. e D. Getis, Geografia umana, Milano, The McGraw-Hill Comp., 2007
Modalità di accertamento:
2)
Esame orale
per l’area linguistico-culturale di arabo, il volume di S. Della Pergola, Israele e Palestina: la forza dei numeri. Il conflitto
medio-orientale fra demografia e politica, Bologna, Società editrice il Mulino, 2007;
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
per l’area linguistico-culturale di cinese, il volume di M.Weber, La Cina alla conquista del mondo, Roma, Newton
Obblighi:
Compton editori, 2006
Per definire integrazioni bibliografiche o programmi alternativi, gli studenti non frequentanti dovranno prendere
Modalità di accertamento:
contatto in tempo utile con la docente.
Esame orale
................................................................................................................................
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti Informatica (Avanzata)
Modalità didattiche: -
Gli studenti NON frequentanti dovranno completare la preparazione aggiungendo ai due volumi indicati sopra un breve
testo: CFU 3 • PERIODO II semestre • DURATA 10 ore • SEDE ATTIVITA’ Istituto di Lingue (Urbino)
per l’area linguistica dell’ arabo:B. Lewis, Le molte identità del Medio Oriente, Bologna,Società editrice il Mulino, 2002; Titolo corso: Costruzione di un database per uso bibliografico
per l’area linguistica del cinese: S.Chiarlone, A. Amighini, L’economia della Cina. Dalla pianificazione al mercato, Roma, Corsi di laurea in: Lingue moderne, arti e cultura (CNA-L) Lingue e culture straniere (CNA-LS)
Carocci editore, 2007
Obblighi: Prof. KLAVER JAN MARTEN IVO jmi.klaver@uniurb.it
Anche gli studenti non frequentanti dovranno dotarsi di un atlante o enciclopedia geografica aggiornati e/o dimostrare Ricevimento: si veda il sito della Facoltà
di saper accedere a siti web specialistici (di cui si forniranno alcuni indirizzi nel corso del semestre) per consultare carte
geografiche, tematiche e dati statistici recenti. Obiettivi Formativi:
Per definire integrazioni bibliografiche, programmi alternativi o eventuali iterazioni dell’esame, gli studenti dovranno Il corso si propone di condurre gli studenti a saper costruire un database per l’inserimento di dati bibliografici, e,
prendere contatto in tempo utile con la docente. attraverso la scrittura di una stringa, a saper estrarre da esso una bibliografia in un formato redatto secondo standard
Testi di studio: internazionali.
Sono consigliati gli stessi volumi adottati per i frequentanti con l’aggiunta di un breve testo integrativo: Programma:
per l’area linguistica dell’ arabo:B. Lewis, Le molte identità del Medio Oriente, Bologna,Società editrice il Mulino, 2002; Il corso di Informatica (esercitazioni avanzate) per gli studenti di CL2 (terzo anno) e LS1 (secondo anno) comprende la
per l’area linguistica del cinese: S.Chiarlone, A. Amighini, L’economia della Cina. Dalla pianificazione al mercato, Roma, compilazione di un database in MS Access con dati bibliografici, la scrittura di una stringa che ordina i contenuti dei
Carocci editore, 2007 campi in un formato prestabilito, e la redazione finale di una bibliografia in MS Word.
Modalità di accertamento: Risultati di apprendimento:
Esame orale - Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding): lo studente ha una preparazione di base
relativa al funzionamento di un database e della logica di una bibliografia.
- Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding): lo studente ha le
competenze per costruire un database con al suo interno una stringa che produca una bibliografia ragionata.

134 135
vademecum 2009/10 insegnamenti

- Autonomia di giudizio (making judgements): lo studente possiede le capacità critiche necessarie per adattare un CFU 10 • PERIODO Primo semestre • DURATA 30 ore
database ad esigenze bibliografiche diverse. Titolo corso: Internet Marketing
Abilità comunicative (communication skills): lo studente è in grado di produrre una interfaccia comprensibile ad utenti Corsi di laurea in: Comunicazione interculturale d’impresa (LM)
diversi.
Capacità di apprendimento (learning skills): lo studente acquisisce le procedure metodologiche per sviluppare Prof. CIOPPI MARCO marco.cioppi@uniurb.it
ulteriormente l’uso di un database per la costruzione di una bibliografia completa.
Modalità didattiche: Obiettivi Formativi:
Lezione frontale e laboratorio. Lo scopo del corso è quello di fornire agli studenti le basi conoscitive per capire e sfruttare le opportunità offerte dalle
Obblighi: più recenti evoluzioni del marketing, alla luce della crescente importanza e diffusione delle Tecnologie dell’informazione
Non essiste alcun obbligo di frequenza. Per l’autoapprendimento è a disposizione una “guida rapida” online. e Comunicazione (TIC). Particolare attenzione è riservata ad analizzare le nuove potenzialità aperte al marketing dalle
Testi di studio: nuove tecnologie e il loro impatto sulla formulazione di piani di marketing integrati. Il corso è arricchito dall’analisi di
Klaver J.M.I., Guida rapida al Corso di Informatica III per Microsoft Access 2003 (Urbino, 2006), disponibile all’indirizzo: casi aziendali che illustrano i fattori chiave di successo nell’attuale ambiente di marketing, fatto di canali reali e virtuali,
http://www.uniurb.it/lingue/matdid/klaver/InformaticaCL2/ di piani di comunicazione che sposano old media e new media.
Modalità di accertamento: Programma:
Verfica finale: prova pratica (simulazione procedura A.1-C.2.3 della Guida Rapida) in laboratorio. Il corso tratterà i seguenti argomenti:
1 La segmentazione del mercato;
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti 2 Il posizionamento on line;
Modalità didattiche: 3 Le politiche operative dell’Internet Marketing;
Autoapprendimento. 4 Progettazione del sito e gestione del contenuto;
Obblighi: 5 La gestione del prezzo on line;
Per l’autoapprendimento è a disposizione una “guida rapida” online. 6 La gestione dei canali on line e l’e-commerce;
Testi di studio: 7 La comunicazione on line;
Klaver J.M.I.., Guida rapida al Corso di Informatica III per Microsoft Access 2003 (Urbino, 2006), disponibile all’indirizzo: 8 il CRM.
http://www.uniurb.it/lingue/matdid/klaver/InformaticaCL2/ Risultati di apprendimento:
Modalità di accertamento: Lo studente avrà una preparazione di base relativa alla comunicazione web ed alle politiche di internet marketing.
Verfica finale: prova pratica (simulazione procedura A.1-C.2.3 della Guida Rapida) in laboratorio. Inoltre acquisirà gli strumenti metodologici e le necessarie competenze per sviluppare progetti web e per definire in
Note: maniera efficace la loro implementazione nei diversi contesti aziendali.
Gli studenti di LS1 provenienti da CL2 devono concordare un programma alternativo con il docente. Il corso può essere Modalità didattiche:
frequentato anche da studenti di CL1/CL5 come Introduzione al Mondo del Lavoro (3 crediti con prova finale). Lezione frontale, esercitazioni pratiche e discussione di casi studio.
................................................................................................................................ Testi di studio:
Interculturalità, sistemi giuridici e organizzazioni complesse Prandelli E., Verona G., 2006, Marketing in rete: oltre internet verso il nuovo Marketing, McGraw-Hill, Milano, capp. 6, 7,
IUS/21 8, 9, 10.
Testi e lucidi distribuiti a lezione sostituiranno alcune parti del testo di studio.
CFU 5 • DURATA 20 ore Letture integrative di approfondimento verranno comunicate durante il corso.
Titolo corso: Interculturalità, sistemi giuridici e organizzazioni complesse Modalità di accertamento:
Corsi di laurea in: Comunicazione interculturale d’impresa (LM) Prova orale, con possibili verifiche scritte intermedie

Prof. DINI MARIA LETIZIA letizia.dini@uniurb.it Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testi di studio:
Obiettivi Formativi: Prandelli E., Verona G., 2006, Marketing in rete: oltre internet verso il nuovo Marketing, McGraw-Hill, Milano, capp. 6, 7,
Approfondire l’importanza di un approccio multiculturale ai sistemi. Ampliare la prospettiva di interpretazione della 8, 9, 10.
diversità: dalla dimensione giuridica a quella delle organizzazioni. Letture integrative di approfondimento verranno rese disponibili presso la sede distaccata di lingue in via oddi.
Programma: Modalità di accertamento:
Differenze e analogie tra i principali sistemi giuridici contemporanei. Organizzazioni complesse e diversità culturali: la Prova orale
gestione della diversità nella prospettiva dell’unione europea. Il diversità management. ................................................................................................................................
Testi di studio: Legislazione dello spettacolo
R. David, Camille Jauffret spinosi, i grandi sistemi giuridici contemporanei , cedam, Padova, ultima edizione. IUS/04 | Curriculum: Organizzazione dello spettacolo dal vivo
Materiale didattico predisposto dal docente
Modalità di accertamento: CFU 5 • PERIODO II semestre • DURATA 20 ore
Esame orale Titolo corso: : Legislazione dello spettacolo
................................................................................................................................ Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
Internet Marketing Prof. Piscaglia Giampiero gpiscaglia@comune.rimini.it
SECS-P/08

136 137
vademecum 2009/10 insegnamenti

Obiettivi Formativi: verrà richiesto di scegliere tra letteratura chicano-americana, nativa, afro-americana, ebraico-americana, sino-americana
Obiettivi formativi: il corso intende fornire un quadro sull’insieme delle norme giuridiche che mirano ad assicurare il in modo da potersi specializzare su uno di questi percorsi. Si analizzerà, tramite i testi presi in esame, la formazione di
funzionamento del sistema spettacolo. L’approccio didattico eviterà uno studio specialistico separato di direttive, leggi, un soggetto ibrido che, in un superamento del concetto di identità nazionale, ingloba i modelli della cultura egemone
decreti, regolamenti e circolari e punterà invece a collegare le diverse gestioni dello spettacolo agli strumenti legislativi pur mantenendo le caratteristiche etnico-culturali di origine.
che le regolano, così da rendere evidenti l’utilità o i limiti dell’attuale sistema normativo per il sistema spettacolo. Lo Eventuali propedeuticità:
studente avrà così un quadro di conoscenze che potranno essere utili per applicazioni e approfondimenti successivi in Il corso è per gli studenti che hanno fatto il triennio di letteratura angloamericana. Agli studenti che hanno fatto almeno
esperienze di tirocinio collegate al corso. 2 moduli di letteratura americana nel triennio, si chiederà di colmare le eventuali lacune.
Programma: Risultati di apprendimento:
Programma del corso: Cenni di legislazione statale dello spettacolo dal vivo, dalla Legge madre alla riforma del titolo I Il corso prevede l’acquisizione di:
della Costituzione; cenni di normativa regionale, comunale e provinciale; la gestione tecnica e organizzativa dello conoscenza approfondita dei testi letterari letti in lingua straniera e del materiale culturale studiato;
spettacolo e la relativa normativa di controllo pubblico sulla sicurezza; la gestione amministrativa, con particolare capacità di comprensione e interpretazione dei testi;
riferimento alla biglietteria e alla normativa sul diritto d’autore; la gestione amministrativa, con particolare riferimento valutazione critica;
alle entrate da mecenatismo e erogazioni liberali: la normativa e gli aspetti fiscali di riferimento; la gestione elaborazione critica e formulazione di giudizi personali sul percorso intrapreso.
amministrativa con particolare riferimento alle risorse umane: la normativa inerente alle diverse tipologie di prestazioni Attività a supporto della didattica:
professionali nel settore dello spettacolo dal vivo; la gestione amministrativa dei contratti con gli artisti, aspetti fiscali, Saranno visti e discussi i film Hester Street (Joan Micklin Silver, dal racconto di A.Cahan), (Frontiera (Tony Richardson
contributivi e convenzioni internazionali; le possibili forme di gestione dello spettacolo dal vivo nel settore pubblico, nel 1982),  Bred & Roses (Ken Loach 2000), Their Eyes Were Watching God (Darnell Martin, dal romanzo di Z. Neale
settore non profit, nel settore privato Hurston, 2005), Babel (Alejandro Gonzales 2006).
Attività a supporto della didattica: Modalità didattiche:
possibili integrazioni funzionali con i tirocini formativi e di orientamento Lezioni frontali e incontri seminariali
Modalità didattiche: Obblighi:
Lezioni frontali e alcune analisi di settore a diretto contatto con i rappresentanti del management teatrale. Lo studente dovrà concordare i testi di lettura con la docente a seconda del percorso di studi compiuto nel triennio e
Testi di studio: delle scelte di ricerca effettuate all’inizio del corso.
Anna Poppi, Legislazione dello spettacolo dal vivo, Edizioni Giuridiche Simone, 2007. Materiali forniti dal docente. Testi di studio:
Modalità di accertamento: Paola Boi & Sabine Broeck (a cura di), Cross Routes: the Meanings of “Race” for the 21st Century (Lit Verlag, Munster
Esame orale. Gli studenti frequentanti porteranno il programma svolto a lezione servendosi anche dei materiali forniti 2003)
loro in quella sede. Michele Bottalico, Milestones. I classici della civiltà chicana (Pensa Multimedia 2008)
--         --         e Salah el Moncef bin Khalifa (a cura di), Borderline Identities in Chicano Literature (Mazzanti, Venezia
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti 2006)
Modalità didattiche: --         --         e Rosa Maria Grillo (a cura di), Culture a contatto nelle Americhe (Oedipus, Salerno 2005)
Approfondimento di tutti i capitoli del testo d’obbligo, con esclusione dell’appendice normativa Marina Camboni e Renata Mores (a cura di), Incontri transnazionali. Modernità, poesia, sperimentazione, polilinguismo
Si consiglia di prendere contatto con il docente all’indirizzo di posta elettronica per le precisazioni didattiche (Le Monnier, Firenze 2005)
necessarie e per un eventuale incontro. David Hollinger, Postethnic America: Beyond Multiculturalism (Basic Books, New York 1995)
Testi di studio: Samuel Huntington, La nuova America: le sfide della società multiculturale (Garzanti, Milano 2004)
Anna Poppi, Legislazione dello spettacolo dal vivo, Edizioni Giuridiche Simone, 2007 Donatella Izzo e Giorgio Mariani (a cura di), America at Large (2005)
Modalità di accertamento: Werner Sollors, Beyond Ethnicity. Consent and Descent in American Culture (Oxford UP 1986)
Esame orale. Gli studenti non frequentanti verranno esaminati sul testo d’obbligo. Modalità di accertamento:
................................................................................................................................ Esame orale in lingua inglese; relazione scritta da concordare
Letteratura anglo-americana Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
L-LIN/11 | Curriculum: Linguistica e didattica delle lingue
Modalità didattiche:
Studio individuale e relazioni scritte in lingua inglese da sottoporre al giudizio della docente.
CFU 10 • PERIODO I semestre • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Palazzo Petrangolini - Piazza Rinascimento 7
Obblighi:
Titolo corso: Letterature multiculturali e ibridismo linguistico
Oltre ai testi di base sotto elencati, gli studenti non frequentanti sono tenuti a concordare il programma di studio
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
personalmente con la docente.
Testi di studio:
Prof. MORISCO GABRIELLA gabriella.morisco@uniurb.it
Paola Boi & Sabine Broeck (a cura di), Cross Routes: the Meanings of “Race” for the 21st Century (Lit Verlag, Munster
Ricevimento: giovedì ore 16-18
2003)
Michele Bottalico, Milestones. I classici della civiltà chicana (Pensa Multimedia 2008)
Obiettivi Formativi:
--         --         e Salah el Moncef bin Khalifa (a cura di), Borderline Identities in Chicano Literature (Mazzanti, Venezia
Il corso si propone di riflettere su come l’attuale concetto di transculturalità offra un nuovo paradigma identitario e
2006)
indichi un percorso di interazione linguistica che individua nuove prospettive di analisi nel carattere “glocale”,
--         --         e Rosa Maria Grillo (a cura di), Culture a contatto nelle Americhe (Oedipus, Salerno 2005)
postmoderno e post-etnico degli autori scelti.
Marina Camboni e Renata Mores (a cura di), Incontri transnazionali. Modernità, poesia, sperimentazione, polilinguismo
Programma:
(Le Monnier, Firenze 2005)
Dopo una serie di lezioni preliminari di carattere teorico si passerà a lavorare sui testi.  Si ipotizzano diversi percorsi di
David Hollinger, Postethnic America: Beyond Multiculturalism (Basic Books, New York 1995)
ricerca guidata individuando alcuni ambiti di studio all’interno delle cosiddette hyphenated literatures. Allo studente
Samuel Huntington, La nuova America: le sfide della società multiculturale (Garzanti, Milano 2004)

138 139
vademecum 2009/10 insegnamenti

Donatella Izzo e Giorgio Mariani (a cura di), America at Large (2005) Ralph Waldo Emerson, da Nature, cap. 1 (pp. 1107-1109), cap. 4 (pp. 1114-1118), cap. 7 (pp.1128-1130)
Werner Sollors, Beyond Ethnicity. Consent and Descent in American Culture (Oxford UP 1986) Walt Whitman, da Song of Myself, strofa 6 (pp. 2235-2236) e 21 (p. 2246)
Modalità di accertamento: Henry David Thoreau, da Walden, cap. 2  (pp. 1850-1859), cap. 4  (pp.1866-1875), cap. 18  (pp.1974-1982)
Esame orale  in lingua inglese; relazione scritta  da concordare H.D.Thoreau, accenni a Resistance to Civil Government (pp.1792-1807) e Slavery in Massachussetts (pp. 1982-1992)
................................................................................................................................ Harriet Beecher Stowe, accenni a Uncle Tom’s Cabin
Luisa May Alcott, da Transcendental Wild Oats (vol. B, pp. 2575-2586)
Letteratura anglo-americana I Inoltre:
L-LIN/11 | Curriculum: Linguistico culturale occidentale
R.W.Emerson, “Earth-Song”
Wallace Steven, “The Planet on the Table”
CFU 10 • PERIODO I semestre • DURATA 60 ore • SEDE ATTIVITA’ Palazzo Petrangolini - Piazza Rinascimento 7
Ernest Hemingway ,“Big two-Hearted River” e “Up in the West”
Titolo corso: Dalla wilderness all’ecocriticism: nuovi percorsi negli studi letterari e culturali
Gregg Garrard, da Ecocriticism (2004), cap. 4 “Wilderness” (pp. 59-84) e “American Pastoral” (da p. 48 a p. 53)
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
Lawrence Buell, da The American Transcendentalists (2006), “Introduction” (pp. 11-28)
 
Prof. CALANCHI ALESSANDRA alessandra.clanchi@uniurb.it
Testi specifici aggiuntivi per gli studenti di Letteratura
Ricevimento: giovedì ore 10 (I semestre) e su appuntamento (II semestre)
Manuale di Storia della Letteratura Americana (Fink e altri) o altro a scelta
N.Hawthorne,  Blithedale Romance (tutto, si richiede la lettura in versione originale)
Obiettivi Formativi:
L.M. Silko, Ceremony (tutto, si consiglia in versione originale; in alternativa si rimanda alla traduzione italiana cura di L.
Il corso si propone uno studio della letteratura e una riflessione sulla cultura americana da un punto di vista oggi molto
Coltelli, Quattroventi, Urbino)
attuale, che è quello dell’interesse per l’ambiente. Tale riflessione assume un significato rilevante negli Stati Uniti, dove
Serenella Iovino, Ecologia letteraria. Una strategia di sopravvivenza, Edizioni Ambiente 2006
l’identità culturale si è definita in larga misura proprio attraverso il confronto con una natura selvaggia e sconosciuta (la
Lawrence Buell, da The Environmental Imagination, “Introduction” (pp. 1-30)
wilderness). A partire dall’epoca della “frontiera” fino all’urbanizzazione e all’industrializzazione il paesaggio ha giocato
Da C. Glotfelty & H.Fromm, The Ecocriticism Reader (1996), articoli di: Paula Gunn Allen, “The Sacred Hoop: A
un ruolo centrale sia nella letteratura (poesia, romanzo, racconto breve) sia nel dibattito culturale (sfruttamento del
Contemporary Perspective” e Leslie Marmon Silko, “Landscape, History, and the Pueblo Imagination”
territorio vs deep ecology, etica antropocentrica vs etica biocentrica).
Gloria Woods, “Sci-Animism: American Poetry and Science”, ISLE.
Programma:
Modalità di accertamento:
Il corso affronterà sia i testi classici della tradizione angloamericana (Thoreau, Emerson, Whitman, Hemingway, ecc.) sia
Esame orale
la voce dei nativi americani, promotori da sempre di un atteggiamento di rispetto per la natura. Nelle prime sette
settimane saranno affrontati i seguenti argomenti: le origini, l’incontro con i nativi, il “destino manifesto”, la “frontiera”,
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
la nascita dell’identità nazionale, il trascendentalismo, wilderness e nature, individualismo e comunità. Nelle ultime tre
Modalità didattiche:
settimane del corso la classe verrà suddivisa in due gruppi: gli studenti di Cultura verranno indirizzati alle tematiche
Verranno presi accordi con la docente
centrali del dibattito culturale (land ethic, neocapitalismo, razzismo ambientale, femminismo ecologico, risparmio
Obblighi:
energetico, sostenibilità, identità postcoloniale), mentre gli studenti di Letteratura si concentreranno sulle letterature
Preparazione di tutto il programma indicato sul vademecum e di quanto concordato con la docente
migranti e sulle identità di frontiera (questo secondo percorso sarà a cura della dott.ssa Elisabetta Careri).
Testi di studio:
I brani letterari sono per lo più  tratti dalla Norton Anthology, disponibile presso la Biblioteca di Lingue. Per il restante
Dal vol. A della Norton Anthology:
materiale (tutto comunque facilmente reperibile)  si prega di consultare il sito della docente.
Pima Stories of the Beginning of the World – “The Story of the Creation” (pp. 24-27) e “The Story of the Flood” (pp.
Eventuali propedeuticità:
27-33)
Nessuna
John Winthrop, da The Journal: “Overcoming Satan” (p. 217) e “An Earthquake at Aquiday” (p. 223)
Risultati di apprendimento:
Roger Williams, da A Key into the Language of America, da “Cap. XXI  of religion, the soul, etc.” (pp. 232-235)
Conoscenza generale della storia della cultura angloamericana e in particolare delle tematiche attinenenti al corso;
Anne Bradstreet, da Contemplations, strofe 1-4 (pp.253-254)
utilizzo di terminologia specifica dei cultural studies e dell’ecocriticism; lettura e commento critico di testi
Mary Rowlandson, da A Narrative of the Captivity, “The first remove” e “The second remove” (pp. 311-312)
Modalità didattiche:
Sarah Kemble Knight, da The Private Journal of a Journey, “Tuesday” (pp. 436-440)
Lezioni frontali, incontri seminariali
Jonathan Edwards, “The Beauty of the World” (pp. 509-511)
Obblighi:
Benjamin Franklin, “Remarks Concerning the Savages of North America” (pp. 534-537)
70% delle presenze
J.Hector St.John de Crevecoeur, da Letters from an American Farmer, “What is an American” (pp. 657-667)
Testi di studio:
Dal vol. B della Norton Anthology:
Dal vol. A della Norton Anthology:
Ralph Waldo Emerson, da Nature, cap. 1 (pp. 1107-1109), cap. 4 (pp. 1114-1118), cap. 7 (pp.1128-1130)
Pima Stories of the Beginning of the World – “The Story of the Creation” (pp. 24-27) e “The Story of the Flood” (pp.
Walt Whitman, da Song of Myself, strofa 6 (pp. 2235-2236) e 21 (p. 2246)
27-33)
Henry David Thoreau, da Walden, cap. 2  (pp. 1850-1859), cap. 4  (pp.1866-1875), cap. 18  (pp.1974-1982)
John Winthrop, da The Journal: “Overcoming Satan” (p. 217) e “An Earthquake at Aquiday” (p. 223)
H.D.Thoreau, accenni a Resistance to Civil Government (pp.1792-1807) e Slavery in Massachussetts (pp. 1982-1992)
Roger Williams, da A Key into the Language of America, da “Cap. XXI  of religion, the soul, etc.” (pp. 232-235)
Harriet Beecher Stowe, accenni a Uncle Tom’s Cabin
Anne Bradstreet, da Contemplations, strofe 1-4 (pp.253-254)
Luisa May Alcott, da Transcendental Wild Oats (vol. B, pp. 2575-2586)
Mary Rowlandson, da A Narrative of the Captivity, “The first remove” e “The second remove” (pp. 311-312)
Inoltre:
Sarah Kemble Knight, da The Private Journal of a Journey, “Tuesday” (pp. 436-440)
R.W.Emerson, “Earth-Song”
Jonathan Edwards, “The Beauty of the World” (pp. 509-511)
Wallace Steven, “The Planet on the Table”
Benjamin Franklin, “Remarks Concerning the Savages of North America” (pp. 534-537)
Ernest Hemingway ,“Big two-Hearted River” e “Up in the West”
J.Hector St.John de Crevecoeur, da Letters from an American Farmer, “What is an American” (pp. 657-667)
Gregg Garrard, da Ecocriticism (2004), cap. 4 “Wilderness” (pp. 59-84) e “American Pastoral” (da p. 48 a p. 53)
Dal vol. B della Norton Anthology:

140 141
vademecum 2009/10 insegnamenti

Lawrence Buell, da The American Transcendentalists (2006), “Introduction” (pp. 11-28) Testi di studio:
  Paola Boi & Sabine Broeck (a cura di), Cross Routes: the Meanings of “Race” for the 21st Century (Lit Verlag, Munster
Testi specifici aggiuntivi per gli studenti di Letteratura 2003)
Manuale di Storia della Letteratura Americana (Fink e altri) o altro a scelta Michele Bottalico, Milestones. I classici della civiltà chicana (Pensa Multimedia 2008)
N.Hawthorne,  Blithedale Romance (tutto, si richiede la lettura in versione originale) --         --         e Salah el Moncef bin Khalifa (a cura di), Borderline Identities in Chicano Literature (Mazzanti, Venezia
L.M. Silko, Ceremony (tutto, si consiglia in versione originale; in alternativa si rimanda alla traduzione italiana cura di L. 2006)
Coltelli, Quattroventi, Urbino) --         --         e Rosa Maria Grillo (a cura di), Culture a contatto nelle Americhe (Oedipus, Salerno 2005)
Serenella Iovino, Ecologia letteraria. Una strategia di sopravvivenza, Edizioni Ambiente 2006 Marina Camboni e Renata Mores (a cura di), Incontri transnazionali. Modernità, poesia, sperimentazione, polilinguismo
Lawrence Buell, da The Environmental Imagination, “Introduction” (pp. 1-30) (Le Monnier, Firenze 2005)
Da C. Glotfelty & H.Fromm, The Ecocriticism Reader (1996), articoli di: Paula Gunn Allen, “The Sacred Hoop: A David Hollinger, Postethnic America: Beyond Multiculturalism (Basic Books, New York 1995)
Contemporary Perspective” e Leslie Marmon Silko, “Landscape, History, and the Pueblo Imagination” Samuel Huntington, La nuova America: le sfide della società multiculturale (Garzanti, Milano 2004)
Gloria Woods, “Sci-Animism: American Poetry and Science”, ISLE. Donatella Izzo e Giorgio Mariani (a cura di), America at Large (2005)
Modalità di accertamento: Werner Sollors, Beyond Ethnicity. Consent and Descent in American Culture (Oxford UP 1986)
Esame orale Modalità di accertamento:
................................................................................................................................ esame orale in lingua inglese; relazione scritta da concordare
Letteratura anglo-americana I-II Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
L-LIN/11 | Curriculum: Una lingua: testi e contesti
Modalità didattiche:
CFU 10 • PERIODO I semestre • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Palazzo Petrangolini - Piazza Rinascimento 7 Studio individuale e relazioni scritte in lingua inglese da sottoporre al giudizio della docente
Titolo corso: Letterature multiculturali e ibridismo linguistico Obblighi:
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM) Oltre ai testi di base sotto elencati, gli studenti non frequentanti sono tenuti a concordare il programma di studio
personalmente con la docente.
Prof. MORISCO GABRIELLA gabriella.morisco@uniurb.it Testi di studio:
Ricevimento: giovedì ore 16-18 Paola Boi & Sabine Broeck (a cura di), Cross Routes: the Meanings of “Race” for the 21st Century (Lit Verlag, Munster
2003)
Obiettivi Formativi: Michele Bottalico, Milestones. I classici della civiltà chicana (Pensa Multimedia 2008)
Il corso si propone di riflettere su come l’attuale concetto di transculturalità offra un nuovo paradigma identitario e --         --         e Salah el Moncef bin Khalifa (a cura di), Borderline Identities in Chicano Literature (Mazzanti, Venezia
indichi un percorso di interazione linguistica che individua nuove prospettive di analisi nel carattere “glocale”, 2006)
postmoderno e post-etnico degli autori scelti. --         --         e Rosa Maria Grillo (a cura di), Culture a contatto nelle Americhe (Oedipus, Salerno 2005)
. Marina Camboni e Renata Mores (a cura di), Incontri transnazionali. Modernità, poesia, sperimentazione, polilinguismo
Programma: (Le Monnier, Firenze 2005)
Dopo una serie di lezioni preliminari di carattere teorico si passerà a lavorare sui testi.  Si ipotizzano diversi percorsi di David Hollinger, Postethnic America: Beyond Multiculturalism (Basic Books, New York 1995)
ricerca guidata individuando alcuni ambiti di studio all’interno delle cosiddette hyphenated literatures. Allo studente Samuel Huntington, La nuova America: le sfide della società multiculturale (Garzanti, Milano 2004)
verrà richiesto di scegliere tra letteratura chicano-americana, nativa, afro-americana, ebraico-americana, sino-americana Donatella Izzo e Giorgio Mariani (a cura di), America at Large (2005)
in modo da potersi specializzare su uno di questi percorsi. Si analizzerà, tramite i testi presi in esame, la formazione di Werner Sollors, Beyond Ethnicity. Consent and Descent in American Culture (Oxford UP 1986)
un soggetto ibrido che, in un superamento del concetto di identità nazionale, ingloba i modelli della cultura egemone Modalità di accertamento:
pur mantenendo le caratteristiche etnico-culturali di origine. Esame orale in lingua inglese; relazione scritta da concordare
Eventuali propedeuticità: Note:
Il corso è per gli studenti che hanno fatto il triennio di letteratura angloamericana. Agli studenti che hanno fatto almeno ................................................................................................................................
2 moduli di letteratura americana nel triennio, si chiederà di colmare le eventuali lacune. Letteratura anglo-americana III - Modulo I
Risultati di apprendimento: L-LIN/11
Il corso prevede l’acquisizione di:
conoscenza approfondita dei testi letterari letti in lingua straniera e del materiale culturale studiato; CFU 3 • PERIODO I semestre • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Palazzo Petrangolini - Piazza Rinascimenento
capacità di comprensione e interpretazione dei testi; 7
valutazione critica; Titolo corso: Dalla wilderness all’ecocriticism: nuovi percorsi negli studi letterari e culturali (parte 1)
elaborazione critica e formulazione di giudizi personali sul percorso intrapreso. Corsi di laurea in: Lingue e letterature moderne comparate (CNA-L) Lingue moderne, arti e cultura (CNA-L)
Attività a supporto della didattica:
Saranno visti e discussi i film Hester Street (Joan Micklin Silver, dal racconto di A.Cahan), Frontiera (Tony Richardson Prof. CALANCHI ALESSANDRA alessandra.calanchi@uniurb.it
1982),  Bred & Roses (Ken Loach 2000), Their Eyes Were Watching God (Darnell Martin, dal romanzo di Z. Neale Ricevimento: giovedì ore 10 (I semestre) e su appuntamento (II semestre)
Hurston, 2005), Babel (Alejandro Gonzales 2006).
Modalità didattiche: Obiettivi Formativi:
Lezioni frontali e incontri seminariali Il modulo si propone uno studio della letteratura e una riflessione sulla cultura americana da un punto di vista oggi
Obblighi: molto attuale, che è quello dell’interesse per l’ambiente. Tale riflessione assume un significato rilevante negli Stati Uniti,
Lo studente dovrà concordare i testi di lettura con la docente a seconda del percorso di studi compiuto nel triennio e dove l’identità culturale si è definita in larga misura proprio attraverso il confronto con una natura selvaggia e
delle scelte di ricerca effettuate all’inizio del corso.

142 143
vademecum 2009/10 insegnamenti

sconosciuta (la wilderness). Walt Whitman, da Song of Myself, strofa 6 (pp. 2235-2236) e 21 (p. 2246)
Programma: Henry David Thoreau, da Walden, cap. 2  (pp. 1850-1859), cap. 4  (pp.1866-1875), cap. 18  (pp.1974-1982)
Il modulo affronterà sia i testi classici della tradizione angloamericana (Thoreau, Emerson, Whitman, Hemingway, ecc.) H.D.Thoreau, accenni a Resistance to Civil Government (pp.1792-1807) e Slavery in Massachussetts (pp. 1982-1992)
sia la voce dei nativi americani, promotori da sempre di un atteggiamento di rispetto per la natura. Saranno affrontati i Harriet Beecher Stowe, accenni a Uncle Tom’s Cabin
seguenti argomenti: le origini, l’incontro con i nativi, il “destino manifesto”, la “frontiera”, la nascita dell’identità Luisa May Alcott, da Transcendental Wild Oats (vol. B, pp. 2575-2586)
nazionale, il trascendentalismo. Modalità di accertamento:
Risultati di apprendimento: esame orale
Conoscenza generale della storia della cultura angloamericana e in particolare delle tematiche attinenenti al corso; Note:
utilizzo di terminologia specifica dei cultural studies e dell’ecocriticism.                                
Modalità didattiche: ................................................................................................................................
 Lezioni frontali, incontri seminariali
Obblighi:
Letteratura anglo-americana III - Modulo II
L-LIN/11
 70% della frequenza
Testi di studio: CFU 3 • PERIODO seconda parte primo semestre • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Palazzo Petrangolini -
Dal vol. A della Norton Anthology: Piazza Rinascimento 7
Pima Stories of the Beginning of the World – “The Story of the Creation” (pp. 24-27) e “The Story of the Flood” (pp. Titolo corso: Dalla wilderness all’ecocriticism: nuovi percorsi negli studi letterari e culturali (parte 2)
27-33) Corsi di laurea in: Lingue e letterature moderne comparate (CNA-L) Lingue moderne, arti e cultura (CNA-L)
John Winthrop, da The Journal: “Overcoming Satan” (p. 217) e “An Earthquake at Aquiday” (p. 223)
Roger Williams, da A Key into the Language of America, da “Cap. XXI  of religion, the soul, etc.” (pp. 232-235) Prof. CALANCHI ALESSANDRA alessandra.calanchi@uniurb.it
Anne Bradstreet, da Contemplations, strofe 1-4 (pp.253-254) Ricevimento: giovedì ore 10 (I semestre) e su appuntamento (II semestre)
Mary Rowlandson, da A Narrative of the Captivity, “The first remove” e “The second remove” (pp. 311-312)
Sarah Kemble Knight, da The Private Journal of a Journey, “Tuesday” (pp. 436-440) Obiettivi Formativi:
Jonathan Edwards, “The Beauty of the World” (pp. 509-511) A partire dall’epoca della “frontiera” fino all’urbanizzazione e all’industrializzazione il paesaggio ha giocato un ruolo
Benjamin Franklin, “Remarks Concerning the Savages of North America” (pp. 534-537) centrale sia nella letteratura (poesia, romanzo, racconto breve) sia nel dibattito culturale (sfruttamento del territorio vs
J.Hector St.John de Crevecoeur, da Letters from an American Farmer, “What is an American” (pp. 657-667) deep ecology, etica antropocentrica vs etica biocentrica). Il modulo si propone di rivedere i testi letterari sotto questa
Dal vol. B della Norton Anthology: nuova luce.
Ralph Waldo Emerson, da Nature, cap. 1 (pp. 1107-1109), cap. 4 (pp. 1114-1118), cap. 7 (pp.1128-1130) Programma:
Walt Whitman, da Song of Myself, strofa 6 (pp. 2235-2236) e 21 (p. 2246) Nelle prime 2 settimane si approfondirà lo studio del divario e del rapporto tra wilderness e nature, individualismo e
Henry David Thoreau, da Walden, cap. 2  (pp. 1850-1859), cap. 4  (pp.1866-1875), cap. 18  (pp.1974-1982) comunità. Nelle ultime 3 settimane del modulo la classe verrà suddivisa in due gruppi: gli studenti di Cultura verranno
H.D.Thoreau, accenni a Resistance to Civil Government (pp.1792-1807) e Slavery in Massachussetts (pp. 1982-1992) indirizzati alle tematiche centrali del dibattito culturale (land ethic, neocapitalismo, razzismo ambientale, femminismo
Harriet Beecher Stowe, accenni a Uncle Tom’s Cabin ecologico, risparmio energetico, sostenibilità, identità postcoloniale), mentre gli studenti di Letteratura si concentreranno
Luisa May Alcott, da Transcendental Wild Oats (vol. B, pp. 2575-2586) sulle letterature migranti e sulle identità di frontiera (questo secondo percorso sarà a cura della dott.ssa Elisabetta
Modalità di accertamento: Careri).
esame orale I brani letterari sono per lo più  tratti dalla Norton Anthology, disponibile presso la Biblioteca di Lingue. Per il restante
materiale (tutto comunque facilmente reperibile)  si prega di consultare il sito della docente.
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti Eventuali propedeuticità:
Modalità didattiche: Nessuna
gli studenti non frequentanti sono tenuti a concordare il programma con la docente Risultati di apprendimento:
Obblighi: Conoscenza del progamma svolto nel primo modulo; lettura e commento critico dei testi.
lettura e studio dei testi indicati Attività a supporto della didattica:
Testi di studio: Modalità didattiche:
Per tutti: Lezioni frontali, incontri seminariali
Dal vol. A della Norton Anthology: Obblighi:
Pima Stories of the Beginning of the World – “The Story of the Creation” (pp. 24-27) e “The Story of the Flood” (pp. 70 % frequenza
27-33) Testi di studio:
John Winthrop, da The Journal: “Overcoming Satan” (p. 217) e “An Earthquake at Aquiday” (p. 223) R.W.Emerson, “Earth-Song”
Roger Williams, da A Key into the Language of America, da “Cap. XXI  of religion, the soul, etc.” (pp. 232-235) Wallace Steven, “The Planet on the Table”
Anne Bradstreet, da Contemplations, strofe 1-4 (pp.253-254) Ernest Hemingway ,“Big two-Hearted River” e “Up in the West”
Mary Rowlandson, da A Narrative of the Captivity, “The first remove” e “The second remove” (pp. 311-312) Gregg Garrard, da Ecocriticism (2004), cap. 4 “Wilderness” (pp. 59-84) e “American Pastoral” (da p. 48 a p. 53)
Sarah Kemble Knight, da The Private Journal of a Journey, “Tuesday” (pp. 436-440) Lawrence Buell, da The American Transcendentalists (2006), “Introduction” (pp. 11-28)
Jonathan Edwards, “The Beauty of the World” (pp. 509-511) Manuale di Storia della Letteratura Americana (Fink e altri) o altro a scelta - l’800
Benjamin Franklin, “Remarks Concerning the Savages of North America” (pp. 534-537)  N.Hawthorne,  Blithedale Romance (tutto, si richiede la lettura in versione originale)
J.Hector St.John de Crevecoeur, da Letters from an American Farmer, “What is an American” (pp. 657-667) L.M. Silko, Ceremony (tutto, si consiglia in versione originale; in alternativa si rimanda alla traduzione italiana cura di L.
Dal vol. B della Norton Anthology: Coltelli, Quattroventi, Urbino)
Ralph Waldo Emerson, da Nature, cap. 1 (pp. 1107-1109), cap. 4 (pp. 1114-1118), cap. 7 (pp.1128-1130) Serenella Iovino, Ecologia letteraria. Una strategia di sopravvivenza, Edizioni Ambiente 2006

144 145
vademecum 2009/10 insegnamenti

Lawrence Buell, da The Environmental Imagination, “Introduction” (pp. 1-30) Testi di studio:
Da C. Glotfelty & H.Fromm, The Ecocriticism Reader (1996), articoli di: Paula Gunn Allen, “The Sacred Hoop: A - Amaldi, D., Storia della letteratura araba classica, Bologna, Zanichelli, 2004.
Contemporary Perspective” e Leslie Marmon Silko, “Landscape, History, and the Pueblo Imagination” - Angelescu, N., Linguaggio e cultura nella civiltà araba, Torino, Zamorani, 1993.
Gloria Woods, “Sci-Animism: American Poetry and Science”, ISLE. - Gabrieli, F., Vacca, V., Antologia della letteratura araba, Milano, Nuova Accademia, 1976.
Modalità di accertamento: - Il Corano, a cura di A. Bausani, Milano, BUR Rizzoli, 1988 (e ristampe successive).
Esame orale, paper in inglese (da concordare con la docente) - Le Mu‘allaqât: alle origini della poesia araba, a cura di D. Amaldi, Venezia, Marsilio, 1991.
- Detti e fatti del Profeta dell’Islam raccolti da al-Buhârî, a cura di V. Vacca, S. Noja, M. Vallaro, Torino, UTET, 1982 (e
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti ristampe successive).
Modalità didattiche: - Ibn al-Muqaffa‘, Il libro di Kalila e Dimna, a cura di A. Borruso e M. Cassarino, Roma, Salerno Editrice, 1991.
Studio individuale - Nel corso delle lezioni saranno fornite ulteriori indicazioni bibliografiche e una scelta di testi tratti da opere letterarie in
Obblighi: lingua araba e in traduzione.
Lettura e studio dei testi indicati; gli studenti non frequentanti sono tenuti a concordare il programma con la docente Modalità di accertamento:
Testi di studio: Esame orale
R.W.Emerson, “Earth-Song”
Wallace Steven, “The Planet on the Table” Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Ernest Hemingway ,“Big two-Hearted River” e “Up in the West” Testi di studio:
Gregg Garrard, da Ecocriticism (2004), cap. 4 “Wilderness” (pp. 59-84) e “American Pastoral” (da p. 48 a p. 53) I non frequentanti devono concordare il programma direttamente con il docente
Lawrence Buell, da The American Transcendentalists (2006), “Introduction” (pp. 11-28) ................................................................................................................................
Manuale di Storia della Letteratura Americana (Fink e altri) o altro a scelta - l’800
N.Hawthorne,  Blithedale Romance (tutto, si richiede la lettura in versione originale)
Letteratura araba III - Modulo I
L-OR/12
L.M. Silko, Ceremony (tutto, si consiglia in versione originale; in alternativa si rimanda alla traduzione italiana cura di L.
Coltelli, Quattroventi, Urbino)
CFU 3 • PERIODO II semestre • DURATA 30 ore
Serenella Iovino, Ecologia letteraria. Una strategia di sopravvivenza, Edizioni Ambiente 2006
Titolo corso: Storia della letteratura araba dall’epoca abbaside alla “decadenza”.
Lawrence Buell, da The Environmental Imagination, “Introduction” (pp. 1-30)
Corsi di laurea in: Lingue e civiltà orientali (CNA-L)
Da C. Glotfelty & H.Fromm, The Ecocriticism Reader (1996), articoli di: Paula Gunn Allen, “The Sacred Hoop: A
Contemporary Perspective” e Leslie Marmon Silko, “Landscape, History, and the Pueblo Imagination”
Prof. VAN LENT ADRIANUS vanlent@libero.it
Gloria Woods, “Sci-Animism: American Poetry and Science”, ISLE.
Ricevimento: sarà comunicato all’inizio del II semestre
Modalità di accertamento:
Esame orale, paper da concordare con la docente
Obiettivi Formativi:
................................................................................................................................ Il corso si propone di ripercorrere la storia della letteratura araba classica a partire dall’età abasside nei suoi principali e
Letteratura araba I-II più rappresentativi aspetti. Verranno presi in esame diversi generi e autori, dall’VIII al XVIII secolo, come esempi sia della
L-OR/12 | Curriculum: Linguistico-culturale orientale prosa e della poesia colta sia della narrativa popolare, tenendo sullo sfondo il passaggio da una fase di fioritura letteraria
a una fase di cosiddetta decadenza.
CFU 10 • PERIODO II semestre • DURATA 60 ore Programma:
Titolo corso: Storia della letteratura araba dalle origini alla prima età abbaside - La poesia abbaside moderna e neoclassica.
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L) - La poesia araba dell’Andalusia e della Sicilia.
- Adab e maqamat.
Prof. VAN LENT ADRIANUS vanlent@libero.it - Storiografia, cosmo e geografia, viaggi.
- Teologia e filosofia.
Obiettivi Formativi: - La narrativa popolare e Le mille e una notte.
Il corso si propone di offrire un quadro generale della letteratura araba dalle origini alla prima età abasside. Un ciclo di Modalità didattiche:
lezioni sarà dedicato ai primi testi noti della produzione letteraria in lingua araba (odi preislamiche e Corano), con Lezioni frontali e seminari di approfondimento
particolare attenzione ai problemi di trasmissione del testo, tra oralità e scrittura. Un secondo ciclo si occuperà invece di Testi di studio:
illustrare la fioritura dei generi letterari legata da un lato all’impatto della rivelazione coranica, dall’altro lato all’influenza - Amaldi, D., Storia della letteratura araba classica, Bologna, Zanichelli, 2004.
culturale esercitata dall’espansione politica del Califfato. - Antologia della poesia araba, diretta da F.M. Corrao, Roma, Gruppo Editoriale Espresso, 2004.
Programma: - Gabrieli, F., Vacca, V., Antologia della letteratura araba, Milano, Nuova Accademia, 1976.
 - Il Corano - Ibn Battuta, I viaggi, a cura di C.M. Tresso, Torino, Einaudi, 2008.
- La poesia preislamica - Le mille e una notte, a cura di R. Denaro, Roma, Donzelli, 2006.
- La letteratura derivata dalla rivelazione: Detti del Profeta, commentari coranici, prima storiografia. - Nel corso delle lezioni saranno fornite ulteriori indicazioni bibliografiche e una scelta di testi tratti da opere letterarie in
- La poesia dell’epoca umayyade. lingua araba e in traduzione.
- La letteratura della cancelleria. Modalità di accertamento:
- Le influenze di altre culture, le traduzioni. Esame orale
Modalità didattiche:
Lezioni frontali e seminari

146 147
vademecum 2009/10 insegnamenti

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti studenti alle tematiche relative alla diaspora cinese ed all’identità cinese di oltremare attraverso alcune opere
Testi di studio: contemporanee di carattere letterario e scientifico.
I non frequentanti devono concordare il programma direttamente con il docente. Programma:
................................................................................................................................ Le diverse correnti letterarie cinesi dalla fine della dinastia Qing ai discorsi di Yan’an e la letteratura cinese nella seconda
metà del XX secolo. I movimenti migratori cinesi e la letteratura della diaspora.
Letteratura araba III - Modulo II Attività a supporto della didattica:
L-OR/12
Agli studenti è richiesto di formulare un report relativo al corso monografico per ciascun modulo o in alternativa è
richiesta la lettura di un romanzo a scelta dalla lista di testi di narrativa del secondo modulo.
CFU 3 • PERIODO II semestre • DURATA 30 ore
Modalità didattiche:
Titolo corso: Tradizione e innovazione nella letteratura araba
lezioni frontali, seminari di approfondimento
Corsi di laurea in: Lingue e civiltà orientali (CNA-L)
Testi di studio:
Idema W. – Haft L., Letteratura cinese, Cafoscarina pp277-348
Prof. VAN LENT ADRIANUS vanlent@libero.it
Dispense
Ricevimento: sarà comunicato all’inizio del II semestre
Due testi a scelta tra le seguenti opere di narrativa (diversi da quello eventualmente portato in sostituzione del report):
Hirst B., Blu Cina, Piemme.
Obiettivi Formativi:
Hu L.B., La strada per Roma, LaCa
Il corso sarà dedicato alla trattazione monografica del rapporto fra tradizione e innovazione nella letteratura araba
Jen G., Sposa per amore, Neri Pozza.
classica e contemporanea. La lettura e l’analisi dei testi offriranno esempi di autori che recuperano o mantengono temi e
Kingston M.H., La donna guerriera, E/O.
forme letterarie del passato e di altri che volutamente se ne distaccano. Il binomio continuità/innovazione verrà preso in
Ng F.M., Il regno fiorito, Neri Pozza.
esame non solo in riferimento al confronto fra letteratura classica e moderna, ma anche all’interno della stessa
Ng F.M., Ossa, Fazi.
produzione letteraria di singoli autori.
Tan A., I cento sensi segreti, Feltrinelli.
Programma:
Tan A., Il circolo della fortuna e della felicità, Feltrinelli.
- Tradizione e innovazione nella poesia araba a partire del XIX secolo.
Tan A., La figlia dell’aggiustaossa, Feltrinelli.
- Uso e reimpiego di forme letterarie classiche: maqama, rihla, khurafa.
Tan A., Perché i pesci non affoghino, Feltrinelli.
- Il Corano nella letteratura araba moderna, versioni contemporanee della sira nabawiyya.
Yang G.L., American Born Chinese, Guanda.
- La biografia e l’autobiografia nella produzione letteraria araba.
Un testo a scelta tra le seguenti opere di contestualizzazione:
- Fasi nella produzione letteraria di Nagib Mahfuz e altri autori moderni.
Ceccagno A., Cinesi d’Italia. Storie in bilico tra due culture, Manifestolibri.
Modalità didattiche:
Ceccagno A., Giovani migranti cinesi, Francoangeli.
Lezioni frontali, attività seminariali, esposizione orale del  lavoro di ricerca individuale, gruppi di studio.
Ceccagno A., Migranti a Prato, Francoangeli.
Testi di studio:
Ceccagno A, Rastrelli E., Ombre cinesi, Caroccci.
- Allen R., La letteratura araba, Bologna, Il Mulino, 2006.
Cima R. et al., Un dragone nel Po’, Edizioni dell’Orso.
- Amaldi, D., Storia della letteratura araba classica, Bologna, Zanichelli, 2004.
Cologna D. (a cura di), Bambini e famiglie cinesi a Milano - Materiali per la formazione degli insegnanti del materno
- Camera D’Afflito I., Letteratura araba contemporanea, Roma, Carocci, 2007.
infantile e della scuola dell’obbligo, Francoangeli.
- Adonis, Introduzione alla poetica araba, Genova, Marietti, 1992.
Cologna  D. (a cura di), La Cina sotto casa- Convivenza e conflitti tra cinesi e italiani in due quartieri di Milano,
- Nel corso delle lezioni saranno fornite ulteriori indicazioni bibliografiche e una scelta di testi tratti da opere letterarie in
Francoangeli.
lingua araba e in traduzione.
Farina P. et al., Cina a Milano. Famiglie, ambienti e lavori della popolazione cinese a Milano, Abitare Segesta.
Modalità di accertamento:
Izzo D., Suzie Wong non abita più qui, Shake edizioni.
Esame orale, tesina di approfondimento (da concordare con il docente).
Oriani R., Staglianò R., I cinesi non muoiono mai, Chiarelettere.
Pedone V.  (a cura di), Il vicino cinese, Nuove Edizioni Romane
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Santangelo P., Varriano V. (a cura di), Dal Zhejiang alla Campania, Edizioni Nuova Cultura.
Testi di studio:
Yin X.H., Chinese American Literature since the 1850s, University of Illinois Press.
I non frequentanti devono concordare il programma direttamente con il docente
Modalità di accertamento:
................................................................................................................................ Esame orale
Letteratura cinese I-II
L-OR/21 | Curriculum: Linguistico-culturale orientale Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testi di studio:
CFU 10 • PERIODO febbraio-maggio • DURATA 60 ore • SEDE ATTIVITA’ Pesaro Idema W. – Haft L., Letteratura cinese, Cafoscarina pp277-348
Titolo corso: La letteratura moderna e contemporanea Dispense
Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L) Quattro romanzi a scelta:
Hirst B., Blu Cina, Piemme.
Prof. BREZZI ALESSANDRA alessandra.brezzi@uniurb.it Hu L.B., La strada per Roma, LaCa
Ricevimento: sarà comunicato all’inizio dell’anno accademico Jen G., Sposa per amore, Neri Pozza.
Kingston M.H., La donna guerriera, E/O.
Obiettivi Formativi: Ng F.M., Il regno fiorito, Neri Pozza.
Dopo aver presentato i principali movimenti letterari cinesi dal Novecento ai nostri giorni, il corso mira ad avvicinare gli Ng F.M., Ossa, Fazi.

148 149
vademecum 2009/10 insegnamenti

Tan A., I cento sensi segreti, Feltrinelli. Corsi di laurea in: Lingue e civiltà orientali (CNA-L)
Tan A., Il circolo della fortuna e della felicità, Feltrinelli.
Tan A., La figlia dell’aggiustaossa, Feltrinelli. Prof. Pedone Valentina valentina.pedone@uniroma1.it
Tan A., Perché i pesci non affoghino, Feltrinelli.
Yang G.L., American Born Chinese, Guanda. Obiettivi Formativi:
Due testi a scelta tra le seguenti opere di contestualizzazione: Dopo aver presentato i principali movimenti letterari cinesi dal Novecento ai nostri giorni, il corso mira ad avvicinare gli
Ceccagno A., Cinesi d’Italia. Storie in bilico tra due culture, Manifestolibri. studenti alle tematiche relative alla diaspora cinese ed all’identità cinese di oltremare attraverso alcune opere
Ceccagno A., Giovani migranti cinesi, Francoangeli. contemporanee di carattere letterario e scientifico.
Ceccagno A., Migranti a Prato, Francoangeli. Programma:
Cima R. et al., Un dragone nel Po’, Edizioni dell’Orso. Le diverse correnti letterarie cinesi dai discorsi di Yan’An ai giorni nostri. I movimenti migratori cinesi e la letteratura
Cologna D. (a cura di), Bambini e famiglie cinesi a Milano - Materiali per la formazione degli insegnanti del materno della diaspora.
infantile e della scuola dell’obbligo, Francoangeli. Attività a supporto della didattica:
Cologna  D. (a cura di), La Cina sotto casa- Convivenza e conflitti tra cinesi e italiani in due quartieri di Milano, Agli studenti è richiesto di formulare un report relativo al corso monografico per ciascun modulo o in alternativa è
Francoangeli. richiesta la lettura di un romanzo a scelta dalla lista di testi di narrativa del secondo modulo, per un totale di tre testi di
Farina P. et al., Cina a Milano. Famiglie, ambienti e lavori della popolazione cinese a Milano, Abitare Segesta. narrativa e un testo di contestualizzazione.
Izzo D., Suzie Wong non abita più qui, Shake edizioni. Modalità didattiche:
Pedone V.  (a cura di), Il vicino cinese, Nuove Edizioni Romane Lezione frontale, seminari di approfondimento
Santangelo P., Varriano V. (a cura di), Dal Zhejiang alla Campania, Edizioni Nuova Cultura. Testi di studio:
Yin X.H., Chinese American Literature since the 1850s, University of Illinois Press. Dutrait N. “Leggere la Cina”, Pisani pagg. 9-111.
Modalità di accertamento: Dispense.
Esame orale Due testi a scelta tra le seguenti opere di narrativa (diversi da quello eventualmente portato in sostituzione del report):
................................................................................................................................ Hirst B., Blu Cina, Piemme.
Letteratura cinese III - Modulo I Jen G., Sposa per amore, Neri Pozza.
L-OR/21 Kingston M.H., La donna guerriera, E/O.
Ng F.M., Ossa, Fazi.
CFU 3 • PERIODO secondo semestre • DURATA semestrale • SEDE ATTIVITA’ pesaro studi Tan A., I cento sensi segreti, Feltrinelli.
Titolo corso: Approfondimenti sulla letteratura cinese Tan A., Il circolo della fortuna e della felicità, Feltrinelli.
Corsi di laurea in: Lingue e civiltà orientali (CNA-L) Tan A., La figlia dell’aggiustaossa, Feltrinelli.
Yang G.L., American Born Chinese, Guanda.
Prof. Pedone Valentina valentina.pedone@uniroma1.it Un testo a scelta tra le seguenti opere di contestualizzazione:
Ceccagno A., Cinesi d’Italia. Storie in bilico tra due culture, Manifestolibri.
Obiettivi Formativi: Ceccagno A., Giovani migranti cinesi, Francoangeli.
Durante il corso allo studente vengono fornite le principali direttive per redigere un breve testo accademico (o tesina) su Ceccagno A., Migranti a Prato, Francoangeli.
un aspetto della letteratura cinese. Cima R. et al., Un dragone nel Po’, Edizioni dell’Orso.
Programma: Cologna D. (a cura di), Bambini e famiglie cinesi a Milano - Materiali per la formazione degli insegnanti del materno
Il corso prevede un certo numero di seminari di approfondimento su alcuni aspetti della letteratura cinese e sulle infantile e della scuola dell’obbligo, Francoangeli.
modalità di redazione di una tesina. Tra gli argomenti trattati: la ricerca delle fonti, le citazioni, la bibliografia, le note, Cologna  D. (a cura di), La Cina sotto casa- Convivenza e conflitti tra cinesi e italiani in due quartieri di Milano,
l’abstract ecc. Sono previste anche esercitazioni presso la biblioteca di Pesarostudi. L’argomento della tesina deve essere Francoangeli.
concordato con il docente. Farina P. et al., Cina a Milano. Famiglie, ambienti e lavori della popolazione cinese a Milano, Abitare Segesta.
Attività a supporto della didattica: Izzo D., Suzie Wong non abita più qui, Shake edizioni.
Modalità didattiche: Pedone V.  (a cura di), Il vicino cinese, Nuove Edizioni Romane
lezioni frontali, seminari di approfondimento, esercitazioni Santangelo P., Varriano V. (a cura di), Dal Zhejiang alla Campania, Edizioni Nuova Cultura.
Testi di studio: Yin X.H., Chinese American Literature since the 1850s, University of Illinois Press.
Le indicazioni principali verranno fornite in classe. Si suggerisce comunque la lettura di “Tesi e tesine: ricerca e Modalità di accertamento:
redazione” (con contributi di F. D’Intino e B. Lo Turco), Roma, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Facoltà di orale
Studi Orientali, 2004(reperibile anche on-line), U. Eco “Come si fa una tesi di laurea”, Bompiani 2001.
Modalità di accertamento: Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Discussione orale dell’elaborato Testi di studio:
Dutrait N. “Leggere la Cina”, Pisani pagg. 9-111.
................................................................................................................................ Dispense.
Letteratura cinese III - Modulo II Due testi a scelta tra le seguenti opere di narrativa (diversi da quello portato per il primo modulo):
L-OR/21 Hirst B., Blu Cina, Piemme.
Jen G., Sposa per amore, Neri Pozza.
CFU 3 • PERIODO secondo semestre • DURATA semestrale • SEDE ATTIVITA’ pesaro studi Kingston M.H., La donna guerriera, E/O.
Titolo corso: Introduzione alla letteratura cinese contemporanea Ng F.M., Ossa, Fazi.

150 151
vademecum 2009/10 insegnamenti

Tan A., I cento sensi segreti, Feltrinelli. Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Tan A., Il circolo della fortuna e della felicità, Feltrinelli. Modalità didattiche:
Tan A., La figlia dell’aggiustaossa, Feltrinelli. Gli studenti non frequentanti dovranno concordare il programma con il docente
Yang G.L., American Born Chinese, Guanda. Modalità di accertamento:
Due testi a scelta tra le seguenti opere di contestualizzazione: ................................................................................................................................
Ceccagno A., Cinesi d’Italia. Storie in bilico tra due culture, Manifestolibri.
Ceccagno A., Giovani migranti cinesi, Francoangeli.
Letteratura francese I
L-LIN/03 | Curriculum: Linguistico culturale occidentale
Ceccagno A., Migranti a Prato, Francoangeli.
Cima R. et al., Un dragone nel Po’, Edizioni dell’Orso. CFU 10 • PERIODO II semestre • DURATA 60 ore • SEDE ATTIVITA’ Facoltà di Lingue
Cologna D. (a cura di), Bambini e famiglie cinesi a Milano - Materiali per la formazione degli insegnanti del materno Titolo corso: Il teatro della crudeltà di Jean Racine
infantile e della scuola dell’obbligo, Francoangeli. Corsi di laurea in: Lingue e culture straniere (L)
Cologna  D. (a cura di), La Cina sotto casa- Convivenza e conflitti tra cinesi e italiani in due quartieri di Milano,
Francoangeli. Prof. TOFFANO PIERO pierotoffano@info-net.it
Farina P. et al., Cina a Milano. Famiglie, ambienti e lavori della popolazione cinese a Milano, Abitare Segesta.
Izzo D., Suzie Wong non abita più qui, Shake edizioni. Obiettivi Formativi:
Pedone V.  (a cura di), Il vicino cinese, Nuove Edizioni Romane Dare una conoscenza approfondita di un periodo importante della letteratura e civiltà francesi; mostrare le interrelazioni
Santangelo P., Varriano V. (a cura di), Dal Zhejiang alla Campania, Edizioni Nuova Cultura. tra storia letteraria, poetiche normative e creatività individuale; offrire un esempio di analisi ravvicinata di testi letterari, e
Yin X.H., Chinese American Literature since the 1850s, University of Illinois Press. dare agli studenti la possibilità di impegnarsi in un esercizio analogo, tramite relazioni orali o tesine scritte.
Modalità di accertamento: Programma:
orale Il corso partirà da una visione d’insieme del teatro tragico francese del XVII secolo (con attenzione all’elaborazione delle
Note: poetiche classiciste, ma anche agli aspetti pratici della messa in scena: architettura teatrale, scenografie, troupes...), per
Gli studenti di terzo anno dovranno redigere un elaborato di circa 12 cartelle su un argomento da concordare con il giungere alla produzione di Racine. Verranno analizzate in particolare le tragedie Andromaque e Phèdre. Gli studenti
docente. Per gli studenti di terzo anno è vivamente consigliata la presenza alle prime due lezioni del corso in quanto presenteranno relazioni orali o tesine scritte su altre tragedie secentesche francesi.
verranno fornite le indicazioni specifiche per la stesura dell’elaborato Attività a supporto della didattica:
................................................................................................................................ Conferenze di autorevoli studiosi di Racine; relazioni degli studenti su argomenti concordati.
Letteratura francese  Modalità didattiche:
L-LIN/03 | Curriculum: Linguistica e didattica delle lingue Lezioni frontali
Obblighi:
CFU 10 • PERIODO I semestre. II modulo • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Facoltà di Lingue e letterature  È richiesta la capacità di leggere e comprendere testi letterari in lingua francese. È consigliata la frequenza alle lezioni.
straniere P.zza Rinascimento, 7 Testi di studio:
Titolo corso: Modernità di Honoré de Balzac RACINE J., Andromaque e Phèdre (qualsiasi edizione francese completa o italiana con testo a fronte)
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM) FIORENTINO F. , Il teatro francese del Seicento, Roma-Bari, Laterza 2008
e uno a scelta tra i seguenti studi:
Prof. DE AGOSTINI MARIA DANIELA maria.deagostini@uniurb.it BIET C., La Tragédie, Paris, Armand Colin 1997
Ricevimento: lunedi-mercoledi ore 14-16 MOREL J., La Tragédie, Paris, Armand Colin 1964
ROHOU J., La Tragédie classique, Paris, Sedes 1996
Obiettivi Formativi: TRUCHET J., La Tragédie classique en France, Paris, P.U.F. 1975
Programma: Modalità di accertamento:
 Letteratura francese del XIX secolo Esame orale
Modalità didattiche:
 Lezione frontale Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Testi di studio: Modalità didattiche:
Tutti gli studenti devono conoscere almeno uno dei seguenti manuali di storia letteraria: Studio autonomo e redazione di una tesina
P. Brunel, Storia della letteratura francese, tomo II, parte I: Il XIX secolo, Cideb, Rapallo Obblighi:
Tutti gli studenti devono conoscere almeno due delle seguenti opere: Gli studenti non frequentanti dovranno presentare una tesina di circa 10 pagine, su un argomento concordato con il
Honoré de Balzac, La peau de chagrin, Paris, Gallimard, Folio Classique e Foliothèque;Le Lys dans la vallée, édition docente.
d’Anne-Marie Meininger, Paris, Galllimard, Folio Classique; La Femme de trente ans, édition de Pierre Barberis, Paris, Testi di studio:
Gallimard, Folio Classique. Oltre ai testi indicati nel programma, gli studenti non frequentanti dovranno leggere anche:
E una delle seguenti opere critiche: ORLANDO F., Lettura freudiana della Phèdre, in Due letture freudiane: Fedra e Misantropo, Torino, Einaudi 1990
Introduzione a Balzac di Francesco Fiorentino, Bari, Laterza, 1989;AA.VV., Balzac, Une poétique du roman, sous la e uno a scelta tra i seguenti studi:
direction de Stéphane Vachon, XYZ, 1996. CARDINALI G., La rinascita della tragedia in Francia, in GUASTELLA G. (a cura di), Le rinascite della tragedia. Origini
Ulteriori indicazioni bibiliografiche verranno date nel corso delle lezioni classiche e tradizioni europee, Roma, Carocci 2006
Modalità di accertamento: SPITZER L., La smorzatura classica nello stile di Racine, in Saggi di critica stilistica, Firenze, Sansoni 1985
 Esame orale STAROBINSKI J., Racine e la poetica dello sguardo, in L’occhio vivente, Torino, Einaudi 1975VIOLATO G. , Dissimulazione
e vendetta in ‘Andromaque’, “Rivista di Letterature moderne e comparate

152 153
vademecum 2009/10 insegnamenti

Modalità di accertamento: Modalità didattiche:


Esame orale Lezione frontale
................................................................................................................................ Testi di studio:
Charles Baudelaire, Les Fleurs du mal, Gallimard, Coll. «Poésie» ;
Letteratura francese I Claude Launay, Les Fleurs du mal de Charles Baudelaire (essai et dossier), Gallimard, «Foliothèque».
L-LIN/03 | Curriculum: Una lingua: testi e contesti
Per lo studio della poesia francese moderna e contemporanea gli studenti utilizzeranno il seguente testo: Daniel
Leuwers, Introduction à la poésie moderne et contemporaine, Nathan, «Lettres supérieures», 2001.
CFU 10 • PERIODO I semestre. II modulo • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Facoltà di Lingue e letterature
Un’utile visione dell’evoluzione della poesia francese nel XIX secolo si potrà ricavare, inoltre, dalla lettura di Robert
straniere P.zza Rinascimento, 7
Sabatier, Histoire de la poésie française. Le XIXème siècle Tome 2, Paris, Albin Michel 1977 o, in alternativa, di Macchia,
Titolo corso: Modernità di Honoré de Balzac
De Nardis, Colesanti, La letteratura francese III: Dall’Illuminismo al Romanticismo, Rizzoli-BUR (capitoli XVII, XVIII e XX)
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
e Macchia, Colesanti et alii, La letteratura francese IV: Dal Romanticismo al Simbolismo, Rizzoli-BUR (capitoli II, V e VII).
Modalità di accertamento:
Prof. DE AGOSTINI MARIA DANIELA maria.deagostini@uniurb.it
esame orale
Ricevimento: lunedi-mercoledi ore 14-16
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Obiettivi Formativi:
Modalità didattiche:
Programma:
Gli studenti non frequentanti sono invitati a mettersi in contatto con il docente per concordare il programma.
 Letteratura francese del XIX secolo
Testi di studio:
Modalità didattiche:
È comunque previsto per gli studenti non frequentanti di integrare la preparazione con: Lectures de Baudelaire, sous la
Lezione frontale
direction de Steve Murphy, Presses Universitaires de Rennes, 2002. 
Testi di studio:
Modalità di accertamento:
Tutti gli studenti devono conoscere almeno uno dei seguenti manuali di storia letteraria:
Esame orale
P. Brunel, Storia della letteratura francese, tomo II, parte I: Il XIX secolo, Cideb, Rapallo
Note:
Tutti gli studenti devono conoscere almeno due delle seguenti opere:
Gli studenti non francesisti potranno concordare con il docente un programma che preveda anche il ricorso a testi
Honoré de Balzac, La peau de chagrin, Paris, Gallimard, Folio Classique e Foliothèque;Le Lys dans la vallée, édition
tradotti.
d’Anne-Marie Meininger, Paris, Galllimard, Folio Classique; La Femme de trente ans, édition de Pierre Barberis, Paris,
Gallimard, Folio Classique. ................................................................................................................................
E una delle seguenti opere critiche: Letteratura francese III A-Z - Modulo I
Introduzione a Balzac di Francesco Fiorentino, Bari, Laterza, 1989;AA.VV., Balzac, Une poétique du roman, sous la L-LIN/03
direction de Stéphane Vachon, XYZ, 1996.
Ulteriori indicazioni bibiliografiche verranno date nel corso delle lezioni CFU 3 • PERIODO II semestre • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Facoltà di Lingue
Modalità di accertamento: Titolo corso: Il teatro della crudeltà di Jean Racine
Esame orale Corsi di laurea in: Lingue e letterature moderne comparate (CNA-L) Lingue moderne, arti e cultura (CNA-L)

Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti Prof. TOFFANO PIERO pierotoffano@info-net.it
Modalità didattiche:
Gli studenti non frequentanti dovranno concordare il programma con il docente Obiettivi Formativi:
Modalità di accertamento: Dare una conoscenza approfondita di un periodo importante della letteratura e civiltà francesi; mostrare le interrelazioni
Esame orale tra storia letteraria, poetiche normative e creatività individuale; offrire un esempio di analisi ravvicinata di testi letterari, e
................................................................................................................................ dare agli studenti la possibilità di impegnarsi in un esercizio analogo, tramite relazioni orali o tesine scritte.
Programma:
Letteratura francese II Il corso partirà da una visione d’insieme del teatro tragico francese del XVII secolo (con attenzione all’elaborazione delle
L-LIN/03 | Curriculum: Una lingua: testi e contesti
poetiche classiciste, ma anche agli aspetti pratici della messa in scena: architettura teatrale, scenografie, troupes...), per
giungere alla produzione di Racine. Verranno analizzate in particolare le tragedie Andromaque e Phèdre. Gli studenti
CFU 10 • PERIODO I semestre • DURATA 30 ore
presenteranno relazioni orali o tesine scritte su altre tragedie secentesche francesi.
Titolo corso: Lettura de “Les Fleurs du mal”
Attività a supporto della didattica:
Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
Conferenze di autorevoli studiosi di Racine; relazioni degli studenti su argomenti concordati.
Modalità didattiche:
Prof. BOGLIOLO GIOVANNI BATTISTA giovanni.bogliolo@uniurb.it; anna.bucarelli@libero.it
Lezioni frontali.
Obblighi:
Obiettivi Formativi:
È richiesta la capacità di leggere e comprendere testi letterari in lingua francese. È consigliata la frequenza alle lezioni.
Il corso si propone di fornire una conoscenza generale della poesia francese del XIX secolo e una più  approfondita
Testi di studio:
conoscenza dell’opera poetica di Charles Baudelaire.
RACINE J., Andromaque e Phèdre (qualsiasi edizione francese completa o italiana con testo a fronte)
Programma:
FIORENTINO F. , Il teatro francese del Seicento, Roma-Bari, Laterza 2008
Si prenderà in considerazione l’evoluzione della poesia francese nel corso del XIX secolo e si  leggerà e analizzerà una
e uno a scelta tra i seguenti studi:
scelta di testi poetici offrendo agli studenti gli strumenti essenziali per una lettura critica delle Fleurs du mal.

154 155
vademecum 2009/10 insegnamenti

BIET C., La Tragédie, Paris, Armand Colin 1997 ROHOU J., La Tragédie classique, Paris, Sedes 1996
MOREL J., La Tragédie, Paris, Armand Colin 1964 TRUCHET J., La Tragédie classique en France, Paris, P.U.F. 1975
ROHOU J., La Tragédie classique, Paris, Sedes 1996 Modalità di accertamento:
TRUCHET J., La Tragédie classique en France, Paris, P.U.F. 1975 Esame orale.
Modalità di accertamento:
Esame orale. Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti
Modalità didattiche:
Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti Studio autonomo e presentazione di una tesina
Modalità didattiche: Obblighi:
Studio autonomo e presentazione di una tesina Gli studenti non frequentanti dovranno presentare una tesina di circa 10 pagine, su un argomento concordato con il
Obblighi: docente.
Gli studenti non frequentanti dovranno presentare una tesina di circa 10 pagine, su un argomento concordato con il Testi di studio:
docente. Oltre ai testi indicati nel programma, gli studenti non frequentanti dovranno leggere anche:
Testi di studio: ORLANDO F., Lettura freudiana della Phèdre, in Due letture freudiane: Fedra e Misantropo, Torino, Einaudi 1990
Oltre ai testi indicati nel programma, gli studenti non frequentanti dovranno leggere anche: e uno a scelta tra i seguenti studi:
ORLANDO F., Lettura freudiana della Phèdre, in Due letture freudiane: Fedra e Misantropo, Torino, Einaudi 1990 CARDINALI G., La rinascita della tragedia in Francia, in GUASTELLA G. (a cura di), Le rinascite della tragedia. Origini
e uno a scelta tra i seguenti studi: classiche e tradizioni europee, Roma, Carocci 2006
CARDINALI G., La rinascita della tragedia in Francia, in GUASTELLA G. (a cura di), Le rinascite della tragedia. Origini SPITZER L., La smorzatura classica nello stile di Racine, in Saggi di critica stilistica, Firenze, Sansoni 1985
classiche e tradizioni europee, Roma, Carocci 2006 STAROBINSKI J., Racine e la poetica dello sguardo, in L’occhio vivente, Torino, Einaudi 1975VIOLATO G. , Dissimulazione
SPITZER L., La smorzatura classica nello stile di Racine, in Saggi di critica stilistica, Firenze, Sansoni 1985 e vendetta in ‘Andromaque’, “Rivista di Letterature moderne e comparate
STAROBINSKI J., Racine e la poetica dello sguardo, in L’occhio vivente, Torino, Einaudi 1975VIOLATO G. , Dissimulazione Modalità di accertamento:
e vendetta in ‘Andromaque’, “Rivista di Letterature moderne e comparate Esame orale.
Modalità di accertamento: ................................................................................................................................
Esame orale. Letteratura inglese
................................................................................................................................ L-LIN/10 | Curriculum: Organizzazione dello spettacolo dal vivo
Letteratura francese III A-Z - Modulo II
L-LIN/03 CFU 10 • PERIODO secondo semestre, primo modulo • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Facoltà di Lingue e
Letterature Straniere
CFU 3 • PERIODO II semestre • DURATA 30 ore • SEDE ATTIVITA’ Facoltà di Lingue Titolo corso: Tom Stoppard’s “Hamlets”: play texts, performance and film
Titolo corso: Il teatro della crudeltà di Jean Racine Corsi di laurea in: Lingue per scuole, spettacoli e libri (LM)
Corsi di laurea in: Lingue e letterature moderne comparate (CNA-L) Lingue moderne, arti e cultura (CNA-L)
Prof. MULLINI ROBERTA roberta.mullini@uniurb.it
Prof. TOFFANO PIERO Ricevimento: Office hours will be given later

Obiettivi Formativi: Obiettivi Formativi:


Dare una conoscenza approfondita di un periodo importante della letteratura e civiltà francesi; mostrare le interrelazioni The course aims to give students of the “Organizzazione dello spettacolo dal vivo” curriculum tools to understand the
tra storia letteraria, poetiche normative e creatività individuale; offrire un esempio di analisi ravvicinata di testi letterari, e creative process from text to performance. The playwright and the texts chosen belong on one side to the long tradition
dare agli studenti la possibilità di impegnarsi in un esercizio analogo, tramite relazioni orali o tesine scritte. of Shakespearean parodies, on the other to the ‘new wave’ which transformed British drama and theatre in the 1960s.
Programma: Stoppard rewrote Hamlet at least three times, till he also adapted one of his own plays for the screen (1990), thus
Il corso partirà da una visione d’insieme del teatro tragico francese del XVII secolo (con attenzione all’elaborazione delle showing his love for Shakespeare, but at the same time his full perception of the process of reception in different
poetiche classiciste, ma anche agli aspetti pratici della messa in scena: architettura teatrale, scenografie, troupes...), per contextual situations. The course will study the meaningful transformations of Hamlet in Stoppard’s plays, stressing the
giungere alla produzione di Racine. Verranno analizzate in particolare le tragedie Andromaque e Phèdre. Gli studenti links between script and medium, also availing itself of video recordings and of documents posted on the Web. (Students
presenteranno relazioni orali o tesine scritte su altre tragedie secentesche francesi. are expected to read Shakespeare’s Hamlet before the course).
Attività a supporto della didattica: Programma:
Conferenze di autorevoli studiosi di Racine; relazioni degli studenti su argomenti concordati. (the course will be taught in English)
M