Sei sulla pagina 1di 15

PRIMA DELLINTERVENTO

Preparazione psicologica del paziente allintervento ed alla riabilitazione.


Scelta del momento per effettuare lintervento in rapporto allintervallo dal
trauma, alle condizioni del ginocchio ed alle esigenze del paziente.
IN CASO DI TRAUMA ACUTO O SUBACUTO (entro 30 gg):
CONTROLLO DEL DOLORE E GONFIORE
- Applicazione della borsa del ghiaccio per
circa 30 minuti pi volte al d (Fig. 1).
- Farmaci antiinfiammatori non steroidei
(solo dietro prescrizione medica)
- Fasciatura da togliere durante gli esercizi
Fig. 1
RECUPERO DELL ARCO DI MOVIMENTO COMPLETO
- Estensione e flessione del ginocchio:
Passiva (Fig. 6a e 11 per lestensione e Fig. 9 per la flessione);
Attiva (Fig. 7 per lestensione e Fig. 9 per la flessione)
2
NORMALIZZAZIONE DELLA DEAMBULAZIONE
- Deambulazione con stampelle e carico parziale
- Deambulazione davanti allo specchio per evidenziare errori
- Non camminare a ginocchio rigido ma estenderlo nella fase di
carico (Fig. 2) e fletterlo quando si avanza (Fig. 3)
- Chiedere al medico quando lasciare le stampelle.
Fig. 2 Fig. 3
IN CASO DI LESIONE CRONICA (oltre 30 gg):
Oltre agli esercizi sopraindicati utile che il paziente ricerchi:
RECUPERO DELLA FORZA MUSCOLARE
del quadricipite e dei flessori [ad es. bicicletta o cyclette (Fig. 4),
e altri esercizi quali piscina, pressa, step ecc.
Fig. 4
Prima dellintervento il paziente deve sottoporsi alle seguenti misurazioni:
- Arco di movimento
- Traslazione tibiale anteriore (artrometro KT-1000)
- Forza muscolare (con dinamometro isocinetico Cybex in
concentrica ed eccentrica) con adeguata preparazione.
3
1
a
- 3
a
SETTIMANA POSTOPERATORIA
BORSA DEL GHIACCIO sul ginocchio (20 minuti per volta, per 6 volte al d).
FLESSO-ESTENSIONE DEL PIEDE
(caviglia e dita) (Fig. 5)
ogni 30 minuti per 5 minuti.
ESTENSIONE COMPLETA del ginocchio.
- Passiva ponendo il calcagno sopra uno
spessore (es. asciugamano arrotolato)
ogni ora per 5-10 min. (Fig. 6a)
- Attivo/passiva ponendo un asciugamani o
un lenzuolo sotto la pianta del piede tirando
verso di se la punta del piede e spingendo
il ginocchio verso il piano del letto contraendo
fortemente il quadricipite (Fig 6c)
- Attiva su piano inclinato (contraendo
il quadricipite, in modo da abbassare
il ginocchio verso il piano del letto)
(Fig. 7)
Fig. 5
Fig. 6a
supporto
tavoletta
Fig. 7
4
Fig. 6c
Fig. 6b
FLESSIONE del ginocchio:
- Su tavoletta per 10 minuti
ogni 2-3 ore fino a 90 entro la prima
settimana (Fig. 9).
Attivamente in caso di ricostruzione con tendine rotuleo.
Passivamente (trazionando con le mani sulla coscia) per 15 giorni in caso di
ricostruzione con i tendini Semitendinoso e Gracile a partire dal 10 giorno
postoperatorio
Fig. 9
DEAMBULAZIONE:
- con stampelle e carico inizialmente
parziale poi come tollerato (Fig 10)
GINOCCHIERA:
L'impiego di una ginocchiera articolata post-operatoria consigliato solo
in caso di altre lesioni legamentose associate o di sutura meniscale, e
dovr essere regolata dal medico.
Fig. 10
5
CONTRAZIONI ISOMETRICHE QUADRICIPITE
- Contrazione del quadricipite con larto in completa estensione simultanea-
mente con laltro lato (5 minuti ogni ora durante il ricovero e poi 3 volte/d).
Mettere la mano sopra il muscolo per sentire la contrazione.
- Elevazioni ad arto completamente esteso per 10 minuti 4-5 volte al d
[alzare lentamente l'arto a circa 20 cm dal piano del letto tenendo
la posizione per circa 5 secondi alternati a periodi di riposo di 5 secondi.
(Fig. 8)].
Fig. 8
Larco di movimento dopo 7 giorni dallintervento deve essere
almeno 0-90. E' fondamentale eseguire un controllo medico dopo
una settimana dall'intervento.
3
a
- 6
a
SETTIMANA POSTOPERATORIA
Eseguire un controllo medico prima di iniziare questa fase.
Il movimento del ginocchio deve essere completo, cio del tutto
uguale al ginocchio sano entro la 6
a
settimana postoperatoria
ESTENSIONE completa del ginocchio:
- Passiva da prono con la rotula sul bordo
del tavolo per 8-10 (Fig. 11) (in caso
di difficolt si possono aggiungere, su
prescrizione medica, dei pesi sul
calcagno variabili da caso a caso)
- Continuare gli esercizi per lestensione della 1
a
-2
a
settimana postoperatoria
Fig. 11
Fig. 12
6
FLESSIONE completa del ginocchio
- Attiva su tavoletta con pressione
manuale anteriore sotto il ginocchio (Fig. 12)
fino a raggiungere la flessione completa
- Continuare gli esercizi per la flessione
raggiungendo i 120 .
DEAMBULAZIONE con carico in aumento progressivo, come tollerato, con 1
o 2 stampelle. Progredire ad una deambulazione normale entro 4-5 settimane.
Utile camminare davanti ad uno specchio ricercando l'estensione completa del
ginocchio in fase di appoggio, e la flessione in fase di oscillazione. La
deambulazione deve avvenire senza zoppia, altrimenti preferibile continuare
ad usare la stampella. In media si lasciano entrambe le stampelle dopo il
primo mese alla 4
a
-5
a
settimana dallintervento
BORSA DEL GHIACCIO dopo tutti gli esercizi e la sera prima di coricarsi.
ESERCIZI DI RINFORZO MUSCOLARE
- Elevazioni a ginocchio completamente
esteso con peso sulla coscia (2-3 Kg)
(sollevare arto di 20 cm per 10'' per 20
ripetizioni 3 volte/d) (Fig. 13).
- Piegamenti fino a 45 di flessione(mini-squat)
su entrambe le ginocchia (Fig. 14),
appoggiandosi alle stampelle o a due sedie
(10 ripetizioni lentamente 2-3 volte/d).
- Contrazioni quadricipitali (90 - 45 ) sul bordo
del letto senza pesi, e senza estendere oltre 45
(Fig. 15).
Fig. 13
Fig. 14
Fig. 15
7
- Alzate sulle punte dei piedi
(esercizio per il polpaccio)
(Fig. 16)
- Flessione del ginocchio stando
in piedi, prima senza, poi con
un peso (Fig. 17)
Fig. 17 Fig. 16
CO-CONTRAZIONI
A ginocchio flesso 60 contrarre
simultaneamente il quadricipite e i
flessori appoggiando le mani sulla
muscolatura per percepirne l'effettiva
contrazione. (Fig. 19)
Fig. 19
PISCINA dalla fine della 3
a
4
a
settimana si possono fare i seguenti esercizi
in acqua: camminare avanti e indietro (Fig. 20), alzate a gamba tesa (Fig.
21), rinforzo flessori (Fig. 22).
Fig. 20 Fig. 21 Fig. 22
8
Fig. 18
MOBILIZZAZIONE DELLA ROTULA
- Mobilizzazione passiva della rotula nelle
quattro direzioni, a ginocchio esteso
2-3 volte al giorno per circa 5 minuti (Fig. 18)
Fig. 23 Fig. 24 Fig. 25
CYCLETTE
10 minuti 2-3 volte/d, lentamente e
senza resistenza, con sellino ad altezza
regolare, pedalando con la punta dei piedi
(Fig. 4).
Fig. 4
Movimento della cyclette con acqua jogger dove non si tocca (Fig 23),
rinforzo adduttori (Fig. 24) e abduttori (Fig. 25)
9
45 - 75 giorno postoperatorio
E' fondamentale eseguire controllo medico prima di iniziare questa fase.
Per porter eseguire gli esercizi di questa fase il paziente deve aver
raggiunto lestensione completa del ginocchio. Se necessario, insistere con
gli esercizi di stretching.
La flessione deve essere superiore ai 120 e raggiungere passivamente la
flessione massima (uguale al controlaterale). Utili esercizi di stretching.
La deambulazione ritorna alla norma. Il paziente elimina entrambi i
bastoni, pu tornare alle attivit della vita quotidiana e anche lavorativa ma
non pu ancora salire e scendere le scale, questo diventer possibile alla
fine del II mese.
CYCLETTE: 15 minuti 3 volte al d. Usare le punte dei piedi per pedalare.
Altezza sellino regolare. Resistenza minima (tipo pedalata in pianura)
ESERCIZI MUSCOLARI DI RINFORZO CON ELASTICO (a corda con
maniglie, Kit Breg o simili) a resistenza progressiva:
- Pressa (stop a 45 ) con elastico
(Fig. 26)
Fig. 26
-Flessori: con la pianta del piede
che scivola allindietro sul terreno
senza mai sollevarsi (Fig. 27)
Fig. 27
10
- Mezzo squat (Fig. 28), senza mai
sollevarsi completamente tra
45 e 90 di flessione.
Fig. 28 Fig. 29
-Deambulazione ad anatra contro
resistenza a ginocchio flesso (Fig. 29)
con busto inclinato in avanti e
ginocchia flesse.
- Rinforzo flessori (Fig. 30), estensori (Fig. 31), abduttori (Fig. 32) e adduttori
(Fig. 33) dellanca con elastico. Inizialmente devono essere eseguiti senza
resistenza poi con gli elastici. Se necessario possibile appoggiarsi ad una
sedia.
Fig. 30 Fig. 31
Fig. 32 Fig. 33
11
ESERCIZI IN PISCINA:
- Deambulazione in acqua alta (fino alla vita) (Fig. 20)
- Alzate a gamba tesa (Fig. 21), adduzioni (Fig. 24) e abduzioni (Fig. 25)
dellarto operato
- Salita scalino frontale e laterale; discesa scalino (Fig. 34)
- Cyclette in acqua (Fig. 23)
- Nuoto con tavoletta a ginocchia quasi estese (Fig. 35), non a rana
- Acqua jogger (indossando un giubbotto per il galleggiamento, simulare il
cammino o la corsa dove non si tocca) (Fig. 36)
Fig. 34
Fig. 35
Fig. 36
N.B. Continuare il ghiaccio dopo tutti gli esercizi e la sera prima di coricarsi.
12
75 - 120 giorno postoperatorio
E' fondamentale eseguire un controllo medico prima di iniziare questa
fase .
In aggiunta agli esercizi precedenti che continuano iniziano:
ESERCIZI DI RINFORZO IN ECCENTRICA del quadricipite
- Squat a 90 sia in piscina che in palestra su tutti e due gli arti
- Salita e discesa dallo scalino in progressione
(20-40 cm) in piscina
- Corsa lenta in acqua alta
- Balzi (su due piedi) e affondi in acqua
RINFORZO IN CONCENTRICA del quadricipite
Flessione ed estensione completa da seduto
della gamba penzoloni senza resistenza (Fig. 37)
RINFORZO DEL MUSCOLO VASTO MEDIALE OBLIQUO
- Adduzione e minisquat: associare una
contrazione simultanea dei muscoli
adduttori mediante la pressione su
un pallone posizionato tra le ginocchia
ed eseguire un minisquat, flettendo
entrambe le ginocchia fino a 30 (Fig. 38).
Fig. 37
Fig. 38
Fig. 39
- Adduzione in estensione: contrazione
simultanea dei muscoli adduttori mediante
la pressione su un pallone posizionato tra le
gambe: flettere ed estendere le ginocchia
ripetutamente (Fig. 39).
13
PROPRIOCETTIVA in palestra questi esercizi
vengono effettuati su piattaforme instabili (5
minuti per 3-4 volte al d). Richiedono molto
equilibrio e coordinazione e servono a recupera-
re un controllo dinamico dellarticolazione e a far
si che il legamento non si rirompa. Inizialmente si
prender confidenza dapprima da seduti, poi in
posizione eretta con entrambi i piedi sostenen-
dosi al muro e quindi rimanendo in equilibrio solo
sullarto operato (ginocchio flesso a 30 ) (Fig.40),
successivamente si passer a piattaforma ad
instabilit multipla.
Su tale piattaforma si potranno eseguire esercizi
quale il palleggio in equilibrio ad occhi aperti e
chiusi, il passaggio della palla e le spinte.
Un altro utile esercizio il salto da un gradino su
un materassino in equilibrio su una gamba sola
(Fig 40b).
Fig. 40
ALTRI ESERCIZI CONSIGLIATI:
Nordic track (Fig. 41): esercizio che
riproduce i movimenti praticati durante lo sci
di fondo. Si consiglia di eseguire tale
esercizio dopo aver effettuato adeguato
riscaldamento, per una durata di circa 10-20
minuti.
Vogatore (Fig. 42): esercizio che
riproduce i movimenti del canottaggio,
flettendo le gambe e poi le braccia,
mantenendo la schiena diritta. Si consiglia
di eseguire tale esercizio dopo adeguato
riscaldamento, per una durata di circa 10-
20 minuti
Fig. 41
Fig. 42
14
BICICLETTA allaperto iniziando per brevi
periodi (10-15 minuti) in pianura e progredendo
nel giro di 2 mesi a percorsi pi lunghi e salite
e discese.
Fig. 40b
Slide board (Fig. 44):
Effettuare a piacere scivolate laterali alternate
in entrambe le direzioni su apposita pedana
Fig. 44
Step (Fig. 46). Esercizio che
simula la salita su una scala. Si
consiglia di eseguire tale esercizio
con cautela utilizzando solo basse
resistenze e per brevi periodi
Fig. 46
Fig. 47
15
Affondo (Fig.45):
Effettuare a piacere degli affondi
tipo posizione dello schermidore
Fig. 45
Pedana elastica (Fig. 47): permette di effet-
tuare serie di salti a piacere senza
sovraccaricare il ginocchio e facilitano il
recupero propriocettivo
Pressa orizzontale (Fig. 43):
Si consiglia di eseguire tale esercizio dopo
adeguato riscaldamento, per una durata di
circa 10-20 minuti con carico di circa 5-10 Kg
e procedere senza esagerare.
Fig. 43
Dal 120 giorno postoperatorio in poi
E' fondamentale eseguire un controllo medico prima di iniziare questa
fase.
CORSA (jogging) in linea retta su terreno morbido ad iniziare da 10 minuti al
giorno aumentando gradualmente per passare alla corsa in cerchio o a quella
ad 8.
BICICLETTA comprese salite e discese
RINFORZO IN CONCENTRICA DEL
QUADRICIPITE E FLESSORI.
Flesso-estensione del ginocchio da seduto
nellarco di movimento 0-90 (Fig. 43) con pesi
e resistenze crescenti applicati solo al di sotto
del ginocchio e non sulla caviglia.
Utile ciclo di allenamento con macchina
isocinetica a resistenza prossimale come il
Cybex a 180 /s con dual pad (Fig. 55) a
cominciare da un arco di movimento di 90
40 per giungere a 90 -10 al sesto mese.
Fig. 55
16
PROPRIOCETTIVA: vedi esercizi fase precedente
PISCINA: nuoto stile libero e balzi in acqua
RITORNO ALLALLENAMENTO SPORT SPECIFICO
Solo dopo controllo medico
TEST DI VALUTAZIONE RECUPERO FORZA E STABILIT
Viene effettuato al quarto mese postoperatorio ed indispensabile per
lidoneit al ritorno allo sport. Valuta:
Arco di movimento
Traslazione tibiale anteriore (KT-1000)
Forza muscolare (con dinamometro isocinetico Cybex)