Sei sulla pagina 1di 12

EMERGENZA AMBIENTALE

E
GESTIONE DEL TERRITORIO

SABATO 10 MAGGIO 2003


LA D ISCARICA A UTORIZZATA
“BURGESI”
DOVE SI TROVA?
Dallo stesso nome in località Burgesi, costeggiata da un lato dalla strada vicinale Gemini-Pomignano -
Acquarica e, dal lato opposto risulta non molto lontana (e da essa visibile) dalla Strada Provinciale
275 (la Ugento-Salve). Si riporta una mappa del sito.

Ugento

Mass.a Vanini

Mass.a Tartufi

Gemini Acquarica del Capo


6K
M Mass.a Baroni

Mass.a Caposella
S.P. 325
Mass.a Saccomanno

Mass.a Grande

3,3

M
0K

5K
Mad.na di Pompiniano
m

3,0
Mass.a
Cristo
Mass.a Arto Mass.a Fabrizio
Mass.a Fondi Romani
Mass.a Petruddo Mass.a Colombo

Mass.a
Torre Vecchia

Mass.a Moresano

SI"
R GE Mass.a Tonda Comune di Presicce
U
S.P

"B
. 32
5

RICA
DEMARCAZIONE LIMITE COMUNALE CA
DIS
Mass.a Vecchia
Cas.na Vecchia
dei Cari

SIMBOLO DI DISCARICA

Mass.a Campolisio

INQUADRAMENTO TERRITORIALE

CHI CONFERISCE I RIFIUTI IN DISCARICA?


Chiaramente non solo Ugento. La discarica è al servizio del Bacino di Utenza LE/3 formato dai
seguenti 24 comuni:
Acquarica, Alessano, Alliste, Casarano,
Castrignano del Capo, Corsano, Gagliano del Capo,
Matino, Melissano, Miggiano, Montesano
Salentino, Marciano di Leuca, Parabita, Patù,
Presicce, Racale, Ruffano, Salve, Specchia,
Taurisano, Taviano, Tiggiano, Tricase, UGENTO.

Decreto R. 30 settembre 2002, n. 308

Istituisce l'Autorità per la gestione dei rifiuti


urbani del Bacino LE/3, così come disposto dal
piano regionale di gestione dei rifiuti in Puglia.
DI CHE TIPO DI DISCARICA SI TRATTA? QUALI RIFIUTI SI POSSONO CONFERIRE?

Seconda la vecchia suddivisione (delib. 27/07/84 del C.I. di cui all’art. 5 del DPR 915/82) trattasi di
una discarica di prima categoria.
Una discarica di prima categoria è un impianto di stoccaggio nel quale possono essere smaltiti:
− Rifiuti Solidi Urbani (R.S.U.);
− Rifiuti Speciali assimilati agli Urbani (R.S.);
− Fanghi non Tossici e Nocivi, stabilizzati e palabili, derivanti dagli impianti di depurazione delle
acque di scarico provenienti esclusivamente da insediamenti civili, fanghi con caratteristiche
analoghe ai precedenti.
In base al recentissimo D. L.vo n. 36 del 13.01.2003 (in vigore dal 27.03.2003) si tratta di una
Discarica per rifiuti non pericolosi.
I rifiuti che si possono smaltire sono pressoché gli stessi.

Decreto legislativo 13 gennaio Articolo 4 (Classificazione delle discariche)


2003, n. 36 1. Ciascuna discarica è classificata in una delle
Attuazione della direttiva 1999/31/CE seguenti categorie:
relativa alle discariche di rifiuti. a) discarica per rifiuti inerti;
testo in vigore dal: 27-3-2003 b) discarica per rifiuti non pericolosi;
c) discarica per rifiuti pericolosi.

CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI


In base al Decreto Legislativo del 5 febbraio 1997, n. 22 (Ronchi) i rifiuti sono classificati, secondo
l’origine, in R IFIUTI URBANI e R IFIUTI SPECIALI, secondo le caratteristiche di pericolosità, in
RIFIUTI PERICOLOSI e RIFIUTI NON PERICOLOSI.
Sono RIFIUTI URBANI:
a) i rifiuti domestici, anche ingombranti, provenienti da locali e luoghi adibiti ad uso di civile
abitazione;
b) i rifiuti non pericolosi provenienti da locali e luoghi adibiti ad usi diversi da quelli di cui alla
lettera a), assimilati ai rifiuti urbani per qualità e quantità;
c) i rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade;
d) i rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche o sulle strade
ed aree private comunque soggette ad uso pubblico o sulle spiagge marittime e lacuali e sulle
rive dei corsi d'acqua;
e) i rifiuti vegetali provenienti da aree verdi, quali giardini, parchi e aree cimiteriali;
f) i rifiuti provenienti da esumazioni ed estumulazioni, nonché gli altri rifiuti provenienti da attività
cimiteriale diversi da quelli di cui alle lettere b), c) ed e).
Sono RIFIUTI SPECIALI:
a) i rifiuti da attività agricole e agro-industriali;
b) i rifiuti derivanti dalle attività di demolizione, costruzione, nonché i rifiuti pericolosi che
derivano dalle attività di scavo;
c) i rifiuti da lavorazioni industriali;
d) i rifiuti da lavorazioni artigianali;
e) i rifiuti da attività commerciali;
f) i rifiuti da attività di servizio;
g) i rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla
potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da
abbattimento di fumi;
h) i rifiuti derivanti da attività sanitarie;
i) i macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti;
j) i veicoli a motore, rimorchi e simili fuori uso e loro parti.
Sono RIFIUTI PERICOLOSI quelli non domestici precisati nell'elenco dell’allegato D, sulla base
degli allegati G, H ed I dello stesso decreto Ronchi.

C RONISTORIA
1. il 7.02.87, presso il Notaio Zuppelli, vengono stipulati n. 6 atti di trasferimento di proprietà,
di cave di tufi già dimesse, tutte in località “BURGESI”, comprendenti n. 11 particelle del foglio
95 del Comune di Ugento, per una superficie complessiva di Ha. 10.59.88, e per un corrispettivo
totale, pagato ai venditori, di L. 51.500.000.
2. alla fine del 1988, la Giunta Regionale, con delibera n. 3816/88 vara il piano regionale per lo
smaltimento dei rifiuti, indicando quale sito di discarica proprio la località “BURGESI” nel
Comune di Ugento, e quelle particelle oggetto l’anno prima di trasferimento di proprietà;
3. alla fine del 1989, viene presentato presso il Comune di Ugento il progetto generale dalla Ditta
GI.E.CO. s.r.l., per la realizzazione di una discarica controllata di 1a categoria (la più grande fra
quelle che saranno autorizzate in Provincia di Lecce, con una volumetria di ben 954.000 mc. ).
4. 21.11.1990, il C.C. di Ugento, dopo che il progetto era rimasto fermo per circa un anno, delibera
la localizzazione della discarica RSU in località “Burgesi”;
5. in data 18.12.1990, la Commissione Edilizia, nonostante tutte le riserve ed il parere contrario
espresse nella tornata del 11.12.1990 dal geolo go presente in Commissione, che ammoniva il
Comune dall’autorizzare quella discarica, dà parere favorevole, seppure condizionato, alla
realizzazione della discarica;
6. il 04.02.1991, con Delibera n. 9, il Consiglio Comunale di Ugento approva la convenzione, che
fra l’altro prevede:

“sarà consentito lo smaltimento a titolo gratuito dei rifiuti rivenienti dal servizio di raccolta e
trasporto attivato dal Comune di Ugento” ( nelle premesse della convenzione, pag. 2)
“il Comune di Ugento viene esonerato dal pagamento della tariffa per lo smaltimento dei
rifiuti solidi urbani conferiti dal pubblico servizio”( art. 24 convenzione, pag. 32);
“ Al termine della concessione, il Concessionario si obbliga a provvedere a propria cura e
spese a tutti i lavori necessari per la bonifica e la sistemazione finale dell’area. Eseguita la
bonifica e sistemazione finale dell’area, il Concessionario la consegnerà al Comune libera da
attrezzature e impianti”( art. 17, pag. 27 e 28).
“alla discarica avranno accesso solo ed esclusivamente rifiuti solidi urbani e assimilabili” ( art.
5, pag. 11);
“ Il Concessionario assume l’impegno di utilizzare personale locale, ad eccezione del personale
direttivo”( art. 6, pag. 14 );
la durata della concessione resta fissata per anni 10 ( art. 6, pag. 15)
“ Il Concedente, sia durante l’esecuzione dei lavori, che in fase di esercizio, ha l’obbligo di
vigilanza e controllo” (art. 13, pag. 21)
“il Concessionario dovrà effettuare le misurazioni e le analisi relative all’inquinamento del
suolo e delle acque, nell’area su cui insistono gli impianti. Prima della attivazione degli
impianti, si procederà ad una campagna di misurazioni e analisi, da riportarsi su apposito
registro.( art. 13, pag. 22) Anche le analisi, i controlli, e le osservazioni rilevate durante
l’esercizio saranno riportate su detto registro. (art. 13, pag. 22);
nel caso di recupero di biogas prodotto, al Comune spetterà, a titolo di indennità, una
aliquota pari al 10% dei ricavi. Analogamente si procederà nel caso in cui l’impianto evolva
verso altre soluzioni di recupero. ( art. 14, pag. 23);
NEL CAPITOLATO, ALL. A) pag. 43, viene, fra l’altro stabilito: …in particolare, verranno
bimestralmente effettuati dei prelievi dalla vasca di raccolta e su questi si imposteranno analisi
chimiche tendenti ad accertarne la caratterizzazione. La quantità di percolato, invece, verrà
misurata giornalmente. Tanto le risultanze delle analisi chimiche, quanto il rilievo della portata
di percolato andranno riportati su apposito registro”.
Dai pozzi dei riferimento, appositamente perforati secondo una disposizione a corona e in
direzione del flusso della falda, verranno prelevati campioni d’acqua da sottoporre ad una
accurata analisi chimica e batteriologica, con periodicità dei prelievi bimestrale. Per maggiori
riscontri, peraltro si farà riferimento ai pozzi esistenti in zona, anche di proprietà dei privati,
per allargare l’orizzonte dei controlli”.
Misure per la lotta contro i roditori e gli insetti ( capitolato, pag. 45)

7. il 09.04.1991, con delibera n. 769, la Provincia di Lecce, allora presieduta dall’attuale Senatore
Giorgio Costa APPROVA IL PROGETTO DI DISCARICA, alle seguenti condizioni:

che siano osservate e rispettate tutte le indicazioni, modalità e caratteristiche tecniche riportate
nelle relazioni e relativi allegati al progetto;
che il quantitativo massimo dei rifiuti da smaltire in discarica deve essere di mc.
954.000,anziché mc. 650.000 come indicato nel verbale n. 122 del Comitato istituito presso la
Provincia;
la ditta, prima dell’inizio dei lavori della discarica, previa autorizzazione del Genio Civile,
dovrà effettuare la perforazione dei pozzi previsti in progetto per il monitoraggio della falda
profonda e realizzare n. 2 pozzi per il monitoraggio della falda superficiale;
fornire alla Amministrazione provinciale, prima dell’inizio dei lavori, le certificazioni
riguardanti i caratteri idrogeologici, chimici e batteriologici della falda profonda e superficiale,
nonché l’andamento del livello statico.
8. il 06.06.91, con concessione n. 4/A, il Sindaco di Ugento, ANCHE IN ASSENZA DELLA
AUTORIZZAZIONE DELL’ASSESSORATO REGIONALE ALL’URBANISTICA, R I L A S C I A LA
CONCESSIONE EDILIZIA.
9. Il 04.07.1992, con concessione n. 6/A, il Comune di Ugento R I L A S C I A LA
CONCESSIONE DEFINITIVA.
10. Il 23.07.93, con del. n. 2642, la Giunta Provinciale autorizza l’esercizio provvisorio del I° lotto,
per mc. 255.248.
11. Il 23.01.96 la Giunta Provinciale integra ed approva un progetto di variante, portando il 2° lotto a
mc. 256.800, ed il 3° lotto a mc. 303.615, ma restringendo la volumetria complessiva da 954.000
mc. a 800.000 mc., dettando una serie di ulteriori prescrizioni che andavano verificate.
12. il 27.09.96, con del. n. 2400, la Giunta Provinciale approva la variante e l’esercizio del II
lotto, aggiungendo ulteriori prescrizioni, una delle quali obbligava la ditta a ricevere solo i
rifiuti rivenienti dal bacino LE/ 3, mentre, di fatto, almeno sino al 2001, almeno 9 Comuni non
appartenenti al n/s bacino conferivano i rifiuti alla discarica “Burgesi”.
13. il 31 luglio 2001, il Consiglio Comunale di Ugento viene convocato d’urgenza per deliberare
sull’acquisizione della titolarità pubblica della discarica “Burgesi”, nonché sull’approvazione
del III lotto, perché da un telegramma fatto pervenire dal gestore alcuni giorni prima, si asseriva
che il II lotto era esaurito.
14. Questo deliberato è l’anteprima per il rinnovo della convenzione, poi avvenuta con delibera di
G.C. n. 264 del 31.10.2002

Diamo ora un elenco (non esaustivo) delle principali deliberazioni


sull’argomento.
Delibera di Consiglio Comunale n. 9 del Provincia – Delibera Commissariale n. 4 del
04/02/1991 15.11.1994
Approvazione convenzione con s.r.l. G.I.E.C.O. L.R. 17/93 Provincia di Lecce – Bacini di Utenza
per smaltimento R.S.U. ed attività connesse al LE/1, LE/2, LE/3 – Individuazione siti per la
Comune. localizzazione degli impianti di smaltimento R.S.U.
- Chiarimenti alla deliberazione Commissariale n. 3
del 05.08.1994.
Delibera di Giunta Provinciale n. 769 del
09/04/1991 Nota R. Puglia - Assessorato Ambiente -
a
Approvazione progetto Discarica di 1 categoria Prot. n. 5932 del 06/12/1995
per smaltimento R.S.U. ed assimilabili – Località Attuazione Piano Regionale per lo smaltimento dei
“Burgesi” Ugento – art. 6 L.R. n. 30/1986. rifiuti urbani in Puglia. Adempimenti degli enti
locali ai sensi della L.R. 17/93. Bacino LE/3 : invito
Delibera di Consiglio Comunale n. 46 del al Comune di Ugento a definire le modalità di
23/04/1991 gestione dell’impianto di discarica controllata in
Approvazione convenzione con s.r.l. G.I.E.C.O. per loc. Burgesi ed a regolarizzare ai sensi della L.R.
smaltimento R.S.U. ed attività connesse al Comune. 17/93 gli atti autorizzativi provinciali.
– Delibera Consiliare n. 9 del 04.02.1991 –
Chiarimenti. Delibera di Consiglio Comunale del
20/05/1996
Approvazione Regolamento per la Gestione
L’attività di smaltimento iniziava nel luglio dell’impianto di smaltimento di rifiuti in località
1992 con validità decennale e quindi sino al “BURGESI”.
luglio 2001.
Delibera di Giunta Comunale n. 12 del
Provincia – Delibera Commissariale n. 3 del 30/07/2001
05/08/1994 Acquisizione titolarità pubblica del 3° lotto
L.R. 17/93 Provincia di Lecce – Bacini di Utenza discarica R.S.U. in località “BURGESI” e
LE/1, L/2, LE/3 – Individuazione siti per la prosecuzione gestione alla ditta Monteco S.R.L.
localizzazione degli impianti di smaltimento R.S.U.

CO.RE.CO. n. 4880 del 13/09/1994 Delibera di Giunta Comunale n. 71 del


Richiesta chiarimenti alla delibera Commissariale n. 13/09/2001
3 del 05.08.1994.
Approvazione accantonamento necessario a Delibera di Giunta Comunale n. 264 del
fronteggiare la gestione post esercizio trentennale 31/10/2002
della discarica in località “BURGESI”. Approvazione. schema di convenzione per la
Delibera di Giunta Comunale n. 73 del concessione delle attività di smaltimento dei rifiuti
14/09/2001 urbani e delle attività connesse al comune e dal
Gestione 3° lotto discarica “BURGESI” – Incarico a D.P.R. 915/82, L.R. 30/86, L. 441/87 e dalle norme
legale per assistenza trattativa. di tutela e protezione ambientale - Convenzione n.
845 - Atto aggiuntivo.
Delibera di Giunta Comunale n. 77 del
Delibera di Consiglio Comunale n. 37 del
20/03/2002
Approvazione perizia relativa alle misure di messa 30/11/2002
Abbandono aula delle opposizioni per protesta
in sicurezza di emergenza sito inquinato di proprietà
contro la delibera di G.C. n. 264 del 31.10.2002
comunale in località "MASSERIA BURGESI"
importo progetto € 467.393,49. Delibera di Giunta Comunale n. 297 del
Delibera di Giunta Comunale n. 78 del 16/12/2002
Approvazione progetto di completamento ed atto di
20/03/2002
Approvazione perizia relativa alle misure di messa indirizzo per l’appalto dei lavori da effettuare presso
in sicurezza di emergenza sito inquinato di proprietà il centro di raccolta, prima lavorazione e stoccaggio
dei materiali provenienti dalla raccolta differenziata.
privata in località "MASSERIA TONDA O
importo progetto € 12.000,00
PETRUDDO". importo progetto € 929.622,42
Delibera di Consiglio Comunale n. 50 del
Delibe ra di Giunta Comunale n. 254 del 18/12/2002
22/10/2002 Presa d’atto deliberazione di G.C. n. 264 del
Esercizio terzo lotto discarica di UGENTO. 31.10.2002
Approvazione quadro dei costi di gestione.
PLANIMETRIA DELL’IMPIANTO
LE DISCARICHE ABUSIVE DI RIFIUTI TOSSICO-NOCIVI
Le discariche di rifiuti tossico-nocivi rinvenute tra i mesi di Ottobre e Novembre del 2000 sono quattro:
− 11 66 O
OTTT
TOOB
BR E 22 00 00 00 : in località “Burgesi”; 27 bidoni scaricati nottetempo in una cava
RE

dismessa a poche centinaia di metri dalla strada principale, nel feudo di Ugento. Nel fondo della cava
si crea da subito una pozzanghera nera ed oleosa lunga 50 metri e larga 2.
− 88 NN O
OVVE
EMMB
BR E 22 00 00 00 : ritrovamento in agro di Presicce di bidoni contenenti la medesima
RE

sostanza ;
− 11 33 NNO
OVVE
EMMB
BR E 22 00 00 00 : ritrovamento in agro di Acquarica, ai confini con Taurisano, in una
RE

cava abbandonata di pietra per calce, un ammasso di terra e bidoni frantumati;


− 11 66 NN O
OVVE
EMMB
BR E 22 00 00 00 : il più pericoloso per quantità, in località Petruddo, a poca distanza
RE

dalla prima discarica tossica trovata, vengono trovati 120 fusti..


Questi ultimi sono riversati sul versante della depressione, risultano completamente vuoti del
contenuto in quanto nell’atto della caduta si sono frantumati perdendo l’olio in essi presente. Tale olio,
sia per la consistenza fluida che per la configurazione topografica della depressione, si è raccolto per
un certo tempo nella parte bassa della dolina.

DOLINA: depressione del terreno a forma di imbuto


con pareti più o meno ripide dal contorno
approssimativamente circolare che terminano con cavità
profonde (inghiottitoi).

Dopo alcuni giorni dall’accumulo dell’olio (testimonianza fotografica del 17/11/2000), la dolina è
completamente asciutta (priva di fluidi) e non vi è alcun segno evidente (tranne lo sgradevo le e
pungente odore) dell’olio caduto. Dalle analisi effettuate sulle sostanze rinvenute, si scopre si tratti
essenzialmente di olii minerali misti a PCB (policlorobifenili) (“Quotidiano” del 18/11/2000)
In un articolo della “Gazzetta del Mezzogiorno” del 21/11/2000 si parla di disastro ecologico, i pozzi
nella zona delle discariche abusive scoperte sono inquinati.
Il giorno prima nel palazzo dei Celestini della Provincia di Lecce l’assessore Luca aveva presieduto
una riunione con il prefetto D’Onofrio, i rappresentanti del Genio Civile, Asl Lecce 1 e 2, del Presidio
multizonale di prevenzione e dell’ufficio minerario, oltre ai sindaci di Acquarica e Presicce e al
commissario prefettizio di Ugento.
Si parla di gravi danni alla falda, suppone ndo che l’olio in pochissimo tempo sia arrivato in
profondità a causa della natura carsica del sottosuolo.

CARSISMO : il complesso dei fenomeni dovuti all’azione chimica delle acque meteoriche su rocce
calcaree che ne causano una fessurazione spinta al punto da permettere un rapido assorbimento delle
acque stesse e uno sviluppo di una circolazione sotterranea).

Nell’acqua della falda di superficie vengono riscontrate tracce di “POLICLOROBIFENILI ” in


quantità ben dodici volte superiore a quella consent ita dalla legge. Vengono inoltre trovate sostanze
ancora non identificate di difficile soluzione in acqua.
Un altro dato allarmante è quello relativo alla discarica per rifiuti solidi urbani di ugento, in località
Burgesi, che raccoglie i rifiuti di 24 comuni. Nei pozzi spia della discarica viene riscontrata la presenza
di idrocarburi.

PCB: o policlorobifenili sono sostanze che fanno parte della famiglia delle diossine. Si tratta di
composti organici clorurati prodotti da inceneritori, impianti di combustione industriali e di
riscaldamento, industrie metallurgiche, fornaci e camini, stabilimenti di candeggio della carta oppure
per la produzione di erbicidi e pesticidi.

Si tratta del prodotto più tossico mai fabbricato nella storia dell’industria, presente in alcuni
pesticidi, isolanti, vernici, materie plastiche. Ora è proibito.
Le diossine, disperse nell’ambiente, entrano nell’apparato respiratorio, si fermano sulla pelle,
passano dagli alimenti vegetali agli animali che se ne cibano e, quindi, all’uomo.
Nei tessuti adiposi la diossina rimane anche per diversi anni. La diossina è stata riconosciuta agente
cancerogeno anche a dosi basse e svolge azioni deleterie su sistema immunitario, dello sviluppo e
riproduttivo.
Fino a questo momento gli unici interventi realizzati nei siti sono stati quelli di messa in sicurezza
parziale dell’area. E’ stata rimossa una parte del terreno superficiale contaminato, sono stesi dei teli di
plastica che avrebbero dovuto frenare la percolazione delle acque (inutilmente), è stata raccolta e
portata via la maggior parte dei bidoni in tempi non certo…di sicurezza.
INQUINAMENTO DELLA FALDA
La scoperta di discariche abusive di rifiuti tossico- nocivi ha rappresentato solo un piccolo
campanello d’allarme che deve farci porre maggior attenzione su un fenomeno molto esteso nel Salento
e in particolare nel territorio ugentino: l’abbandono indiscriminato di rifiuti di vario
genere in siti non certo adibiti al loro smaltimento.
Già nel novembre 2000 il responsabile della Asl Lecce 1 in un articolo della “Gazzetta del
Mezzogiorno” parlava di rischi per la falda salentina, rischi dovuti al raggiungimento in profondità di
sostanze inquinanti.
La falda può essere principalmente inquinata da:
Dispersione di liquami da fosse biologiche
Uso smoderato di concimi chimici
Scarichi illegali di attività produttive
Discariche abusive

A complicare le cose interviene il problema della “Salinizzazione della Falda”, fenomeno ampiamente
presente nel territorio di Ugento. Questo fenomeno è dovuto alla risalita dell’acqua salata a causa
dell’emungimento spinto dell’acqua dai pozzi. L’uso incontrollato di grosse quantità d’acqua prelevata
da pozzi causa la risalita, oltre dell’acqua dolce, anche dell’acqua salata sulla quale la dolce galleggia.
Questa risalita purtroppo costituisce un fenomeno irreversibile, questo vuol dire che se un pozzo inizia
a emungere acqua dolce mista a salata lo farà sempre in quantità maggiore e non ci sarà più la
possibilità che emunga solo acqua dolce. In una zona del territorio di Brindisi a causa di questo
motivo, esistono dei terreni nei quali non è possibile più perforare pozzi in quanto l’acqua della falda è
ormai completamente salata. A Ugento la situazione è molto compromessa; la maggior parte
dell’acqua emunta presenta valori elevati di salinità (NB: l’acqua con elevati valori di salinità non
sempre è salata al palato, quando invece lo diventa è ormai IRRECUPERABILE!!!!!)

Un altro fattore da non trascurare è il fatto che l’80% dell’acqua distribuita dall’acquedotto pugliese
nel Salento proviene da pozzi perforati in zona, non tutta l’acqua proviene dalla Basilicata, come
verrebbe ovvio pensare, perché da quando il sistema acquedottistico è stato costruito le esigenze sono
aumentate così come, purtroppo, sono aumentate le perdite dell’acqua distribuita a causa dell’usura
della rete.

TUTTI I POZZI PRESENTI NELLA ZONA PRELEVANO L’ACQUA DA UN’UNICA FONTE: LA


FALDA ACQUIFERA SALENTINA, PROPRIO PER QUESTO E’ OBBLIGO DI TUTTI
RISPETTARLA E SALVAGUARDARLA!