Sei sulla pagina 1di 7

Luppolo

Humulus lupulus
Introduzione
Il luppolo ( Humulus Lupulus ) e' una robusta pianta perenne che
ogni anno ricresce da un tronco permanente. I tralci possono crescere
fino a 8 mt. in una sola stagione per poi morire con l'arrivo dei primi
freddi. Oltre alle radici e ai tralci, il tronco produce anche delle
"radici" sotterranee chiamate rizomi. I rizomi assomigliano alle
radici ma possiedono numerose gemme e sono usati per fare crescere
nuove piante. In questo modo tutte le piante che nascono sono
geneticamente identiche.
Le piante del luppolo si dividono in piante maschili e femminili. Solo
le piante femminili producono i fiori (coni) che sono usati per la
birrificazione o per uso medicinale. Le piante maschili non hanno
valore commerciale ma, sono usate talvolta per impollinare le piante
femminili. L'impollinazione stimola maggiori raccolti aumentando sia
la dimensione che il numero dei coni. La controindicazione principale
e' che questi coni sono molto ricchi di semi, ma dato che per la
birrificazione si preferisce usare luppolo senza semi, le piante
maschili vengono coltivate solo per impollinare le varieta' femminili
note per avere un raccolto scarso.
I semi di una pianta femminile, si usano solo quando si vogliono fare
degli incroci fra piante maschili e femminili al fine di ottenere delle
nuove varieta', altrimenti le nuove piante si fanno crescere solo con i
rizomi.
Il luppolo cresce spontaneamente nelle zone temperate dell'emisfero
settentrionale. Si trova allo stato selvatico nell'Europa Occidentale,
in Asia e nell'America del Nord. Le coltivazioni del luppolo per scopi
commerciali si trovano generalmente far il 30 e il 50 parallelo nord
a varie altitudini. Quindi la capacita' di coltivare il luppolo
non e' limitata dalla posizione geografica. La salute delle piante
dipende soprattutto dall'abilita' del coltivatore di creare le condizioni
migliori per la crescita delle piante.
Se le condizioni sono buone, il luppolo e' una pianta prolifica, ogni
pianta potra' produrre da 1 a 5 Kg. di luppolo fresco (da 200g a 1 Kg
di luppolo secco) e sara' una gioia produrlo e utilizzarlo!
Clima
La pianta del luppolo cresce
meglio e da' un maggiore raccolto
se ci sono alcune condizioni
specifiche. Innanzitutto servono
almeno 120 giorni all'anno
consecutivi senza che il terreno
possa ghiacciare, inoltre la pianta
deve essere esposta direttamente
alla luce solare per un periodo di
15 ore al giorno o piu' (in estate). I
igliori raccolti si hanno con una
primavera piovosa e un'estate
calda e soleggiata.
Nei paesi con clima secco e'
opportuno irrigare le piante
abbondantemente.
Coltura del luppolo
Tutto ha inizio a Febbraio/Marzo...
I rizomi vengono trapiantati in un terreno precedentemente
concimato (stallatico va benissimo), affinch si sviluppino le radici
che permetteranno al tronco di crescere.
Innaffiare spesso, facendo comunque
in modo che l'acqua non ristagni.
Creare una struttura di sostegno
affinch la pianta si sviluppi in
altezza. Dopo un mese, con la
primavera alle porte, si selezionano i
tralci migliori (generalmente da 2 a
4) eliminando quelli pi deboli per
aiutarne la crescita... Concimare ed
eliminare i parassiti che potrebbero
nuocere allo sviluppo della pianta.
Da questo momento inizia la
progressione del tronco arrivando a
superare i 10 cm di crescita al giorno!
A Giugno la pianta ha
bisogno di rafforzare i
tralci dove spunteranno i
primi fiori, verranno
quindi asportate le foglie e
i rametti fino a un metro di
altezza. Questo il
momento giusto per
verificare la presenza di
parassiti... Intervenire se
necessario con prevenzione
di muffe e insetti.
Tra Giugno e i primi di Luglio si ha la fioritura, in questa fase
avviene l'impollinazione che successivamente trasformer i fiori in
coni.
A Luglio i coni.
Tra Luglio e Settembre si ha la raccolta, che sar precoce o tardiva a
seconda della variet di luppolo.
In seguito avverr l'essicazione dei coni che pu avvenire sia in modo
naturale, in un ambiente riparato e arieggiato a temperatura
ambiente per circa 3 - 4 giorni, oppure in forno a temperature intorno
ai 60C. Una
volta essicati
vengono
conservati
sottovuoto a
temperature
inferiori ai 0C.
I luppoli saranno ora pronti per essere utilizzati per amaricare e
aromatizzare la birra.