Sei sulla pagina 1di 5

1

Analisi Sismica:
Ponti
Universit degli Studi di Pavia 1/38
Teoria e Progetto dei Ponti Prof. G.M. Calvi
Laboratorio di progettazione strutturale A 1
Analisi sismica: ponti
CRITERI GENERALI DI PROGETTAZIONE SISMICA:
formazione di un meccanismo dissipativo stabile
applicazione del criterio di gerarchia delle resistenze
concentrazione delle deformazioni in zone progettate per garantire un
comportamento duttile
diffusione della plasticizzazione nel maggior numero di componenti
redistribuzione della domanda di nonlinearit
ridondanza
evitare spostamenti relativi tra strutture contigue
Universit degli Studi di Pavia 2/38
Teoria e Progetto dei Ponti Prof. G.M. Calvi
Laboratorio di progettazione strutturale A 2
importanza della continuit della risposta strutturale per azioni
sismiche
comunque da evitare fenomeni di martellamento o perdite di appoggio
2
Analisi sismica: ponti
Capacita dissipativa fattore di struttura (q)
Il fattore di struttura q definisce il livello dissipativo atteso per il ponte.
Il valore da utilizzare per lanalisi globale di ponti continui con elementi dissipativi con
propriet diverse definito a partire dal valore ottenute per ciascuna pila
Coefficiente q0 definito per una pila: Coefficiente q0 definito per una pila:
riduzione per componenti tozzi
riduzione per valori dellazione assiale agente (Comunque garantire azione assiale normalizzata
H
L
F
Universit degli Studi di Pavia 3/38
Teoria e Progetto dei Ponti Prof. G.M. Calvi
Laboratorio di progettazione strutturale A 3
p g ( q g
non superiore a 0.6)
0.6 0.3
Analisi sismica: ponti
Valori massimi del fattore di struttura
0.6
Universit degli Studi di Pavia 4/38
Teoria e Progetto dei Ponti Prof. G.M. Calvi
Laboratorio di progettazione strutturale A 4
3
Analisi sismica: ponti
Ponti a travata continua
Dal fattore di struttura per elemento si passa a quello per lintero sistema in funzione dei requisiti di
regolarit.
Universit degli Studi di Pavia 5/38
Teoria e Progetto dei Ponti Prof. G.M. Calvi
Laboratorio di progettazione strutturale A 5
(per ponti con geometria irregolare, si ipotizza q non superiore a 1.5)
Analisi sismica: ponti
Gerarchia delle Resistenze
Limpalcato deve essere dimensionato in modo tale da poter sostenere in campo lineare le
MASSIME azioni trasmesse dalle pile alla formazione del meccanismo duttile
Le MASSIME azioni trasmesse sono definite in funzione della resistenza degli elementi duttili
In sommit di una pila, la sollecitazione di taglio agente in direzione trasversale sullimpalcato
definita come:
(in direzione verticale q=1)
Universit degli Studi di Pavia 6/38
Teoria e Progetto dei Ponti Prof. G.M. Calvi
Laboratorio di progettazione strutturale A 6
(in direzione verticale, q=1)
Lo stesso criterio si adotta per la verifica a taglio delle pile
Per una pila incernierata in sommit:
4
Analisi sismica: ponti
Lunghezza di sovrapposizione
Universit degli Studi di Pavia 7/38
Teoria e Progetto dei Ponti Prof. G.M. Calvi
Laboratorio di progettazione strutturale A 7
Analisi sismica: ponti
Analisi Statica Lineare
Universit degli Studi di Pavia 8/38
Teoria e Progetto dei Ponti Prof. G.M. Calvi
Laboratorio di progettazione strutturale A 8
5
Analisi sismica: ponti
Analisi Statica Lineare
Universit degli Studi di Pavia 9/38
Teoria e Progetto dei Ponti Prof. G.M. Calvi
Laboratorio di progettazione strutturale A 9
Analisi sismica: ponti
Analisi Statica Lineare
Universit degli Studi di Pavia 10/38
Teoria e Progetto dei Ponti Prof. G.M. Calvi
Laboratorio di progettazione strutturale A 10