Sei sulla pagina 1di 115

MANUALE DI PROGETTAZIONE

RISCALDARE E RAFFRESCARE CON POMPE DI CALORE


Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua
e acqua glicolica/acqua
Raffrescamento passivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua
e acqua/acqua
Sfruttamento del calore residuo in esercizio di raffrescamento
per la preparazione dellacqua calda e il riscaldamento dellacqua
della piscina
Edizione 11/2008
Sommario
www.dimplex.de 1
Sommario
Sommario..................................................................................................................................................................1
1 Scelta e dimensionamento delle pompe di calore per riscaldamento e raffrescamento.............................4
1.1 Determinazione del fabbisogno di calore dell'edificio ....................................................................................................................... 4
1.1.1 Tempi di interdizione delle aziende distributrici dell'energia elettrica ....................................................................................... 4
1.1.2 Riscaldamento dell'acqua sanitaria .......................................................................................................................................... 4
1.2 Procedura per la determinazione del fabbisogno di raffrescamento dell'edificio .............................................................................. 5
1.3 Verifica dei limiti d'impiego................................................................................................................................................................ 5
1.3.1 Massima potenza calorifica della pompa di calore ................................................................................................................... 5
1.3.2 Massima potenzialit frigorifera della pompa di calore............................................................................................................. 8
1.4 Collegamento in parallelo di pompe di calore per l'esercizio di riscaldamento................................................................................. 8
1.4.1 Esercizio di solo riscaldamento o raffrescamento .................................................................................................................... 8
1.4.2 Esercizio bivalente.................................................................................................................................................................... 9
1.4.3 Produzione acqua piscina......................................................................................................................................................... 9
1.5 Collegamento in parallelo di pompe di calore per l'esercizio di raffrescamento ............................................................................... 9
1.5.1 Esercizio di raffrescamento senza sfruttamento del calore residuo ......................................................................................... 9
1.5.2 Esercizio di raffrescamento con sfruttamento del calore residuo ............................................................................................. 9
1.5.3 Misure per la riduzione del carico frigorifero dell'edificio .......................................................................................................... 9
2 Generazione della potenza frigorifera.............................................................................................................11
2.1 Raffrescamento passivo.................................................................................................................................................................. 11
2.1.1 Raffrescamento passivo con produzione parallela di acqua calda......................................................................................... 11
2.1.2 Raffrescamento passivo con acqua di falda........................................................................................................................... 12
2.1.3 Raffrescamento passivo con collettori geotermici a posa orizzontale .................................................................................... 12
2.1.4 Raffrescamento passivo con sonde di calore geotermico ...................................................................................................... 12
2.2 Raffrescamento attivo ..................................................................................................................................................................... 13
2.2.1 Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua reversibili ......................................................................................... 13
2.2.2 Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili ........................................................................ 14
3 Riscaldamento e raffrescamento con un unico sistema...............................................................................15
3.1 Esercizio energeticamente efficiente .............................................................................................................................................. 15
3.2 Regolazione di un sistema combinato di riscaldamento e raffrescamento ..................................................................................... 15
3.3 Requisiti idraulici per un sistema combinato di riscaldamento e raffrescamento............................................................................ 15
3.4 Carico frigorifero.............................................................................................................................................................................. 15
3.5 Raffrescamento ventilato ................................................................................................................................................................ 15
3.5.1 Ventilconvettori ....................................................................................................................................................................... 16
3.5.2 Raffrescamento tramite impianti di ventilazione ..................................................................................................................... 16
3.6 Raffrescamento statico ................................................................................................................................................................... 16
3.6.1 Raffrescamento a pavimento.................................................................................................................................................. 16
3.6.2 Raffrescamento a soffitto........................................................................................................................................................ 17
3.7 Gli elementi strutturali in funzione di volano termico....................................................................................................................... 17
3.8 Comfort ........................................................................................................................................................................................... 17
3.8.1 Il comportamento termico nell'essere umano......................................................................................................................... 17
3.8.2 Temperatura ambiente ........................................................................................................................................................... 18
3.8.3 Contenuto in umidit dell'aria ambiente.................................................................................................................................. 18
3.8.4 Movimento dell'aria all'interno dell'ambiente .......................................................................................................................... 18
4 Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua ...............................................................................19
4.1 Pompa di calore aria/acqua per installazione interna ..................................................................................................................... 19
4.2 Pompe di calore aria/acqua per installazione esterna .................................................................................................................... 19
4.3 Informazioni sull'apparecchio - Pompe di calore aria/acqua per installazione interna.................................................................... 21
4.3.1 Pompa di calore aria/acqua reversibile in formato compatto - 230 V..................................................................................... 21
4.3.2 Pompa di calore aria/acqua reversibile - 230 V...................................................................................................................... 22
4.3.3 Pompe di calore aria/acqua reversibili con sfruttamento del calore residuo........................................................................... 23
4.4 Informazioni sull'apparecchio - Pompa di calore aria/acqua per installazione esterna................................................................... 24
4.4.1 Pompe di calore aria/acqua reversibile - 230 V...................................................................................................................... 24
4.4.2 Pompe di calore aria/acqua reversibili con sfruttamento del calore residuo........................................................................... 25
4.5 Curve caratteristiche pompe di calore aria/acqua reversibili........................................................................................................... 26
4.5.1 Curve caratteristiche LIK 8MER (esercizio di riscaldamento)................................................................................................. 26
2
4.5.2 Curve caratteristiche LI 11MER / LA 11MSR (esercizio di riscaldamento) ........................................................................... 27
4.5.3 Curve caratteristiche LI 11TER+ / LA 11ASR (esercizio di riscaldamento) ........................................................................... 28
4.5.4 Curve caratteristiche LI 16TER+ / LA 16ASR (esercizio di riscaldamento) ........................................................................... 29
4.5.5 Curve caratteristiche LIK 8MER (esercizio di raffrescamento)............................................................................................... 30
4.5.6 Curve caratteristiche LI 11MER / LA 11MSR (esercizio di raffrescamento).......................................................................... 31
4.5.7 Curve caratteristiche LI 11TER+ / LA 11ASR (esercizio di raffrescamento).......................................................................... 32
4.5.8 Curve caratteristiche LI 16TER+ / LA 16ASR (esercizio di raffrescamento).......................................................................... 33
4.6 Dimensioni pompe di calore aria/acqua reversibili ......................................................................................................................... 34
4.6.1 Dimensioni LIK 8MER............................................................................................................................................................ 34
4.6.2 Dimensioni LI 11MER............................................................................................................................................................. 35
4.6.3 Dimensioni LI 11TER+ ........................................................................................................................................................... 36
4.6.4 Dimensioni LI 16TER+ ........................................................................................................................................................... 37
4.6.5 Dimensioni LA 11MSR........................................................................................................................................................... 38
4.6.6 Dimensioni LA 11ASR............................................................................................................................................................ 39
4.6.7 Dimensioni LA 16ASR............................................................................................................................................................ 40
5 Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua ........................................................... 41
5.1 Dimensionamento delle sonde di calore geotermico per il raffrescamento e il riscaldamento ....................................................... 41
5.1.1 Indicazioni di dimensionamento - Cessione di calore al terreno ............................................................................................ 41
5.1.2 Dimensionamento della pompa di ricircolo dell'acqua glicolica.............................................................................................. 41
5.1.3 Acqua glicolica ....................................................................................................................................................................... 42
5.2 Informazioni sull'apparecchio ......................................................................................................................................................... 43
5.2.1 Pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili - monofase 230 V .................................................................................... 43
5.2.2 Pompa di calore acqua glicolica/acqua reversibile................................................................................................................. 44
5.2.3 Pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili con sfruttamento del calore residuo......................................................... 45
5.3 Curve caratteristiche pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili......................................................................................... 46
5.3.1 Curve caratteristiche SI 5MER (esercizio di riscaldamento) .................................................................................................. 46
5.3.2 Curve caratteristiche SI 7MER (esercizio di riscaldamento) .................................................................................................. 47
5.3.3 Curve caratteristiche SI 9MER (esercizio di riscaldamento) .................................................................................................. 48
5.3.4 Curve caratteristiche SI 11MER (esercizio di riscaldamento) ................................................................................................ 49
5.3.5 Curve caratteristiche SI 75ZSR (esercizio di riscaldamento) ................................................................................................. 50
5.3.6 Curve caratteristiche SI 30TER+ (esercizio di riscaldamento)............................................................................................... 51
5.3.7 Curve caratteristiche SI 75TER+ (esercizio di riscaldamento)............................................................................................... 52
5.3.8 Curve caratteristiche SI 5MER (esercizio di raffrescamento)................................................................................................. 53
5.3.9 Curve caratteristiche SI 7MER (esercizio di raffrescamento)................................................................................................. 54
5.3.10 Curve caratteristiche SI 9MER (esercizio di raffrescamento)................................................................................................. 55
5.3.11 Curve caratteristiche SI 11MER (esercizio di raffrescamento)............................................................................................... 56
5.3.12 Curve caratteristiche SI 75ZSR (esercizio di raffrescamento) ............................................................................................... 57
5.3.13 Curve caratteristiche SI 30TER+ (esercizio di raffrescamento) ............................................................................................. 58
5.3.14 Curve caratteristiche SI 75TER+ (esercizio di raffrescamento) ............................................................................................. 59
5.4 Dimensioni pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili ........................................................................................................ 60
5.4.1 Dimensioni SI 5MER - SI 11MER........................................................................................................................................... 60
5.4.2 Dimensioni SI 75ZSR............................................................................................................................................................. 61
5.4.3 Dimensioni SI 30TER+........................................................................................................................................................... 62
5.4.4 Dimensioni SI 75TER+........................................................................................................................................................... 63
6 Raffrescamento passivo tramite scambiatore di calore............................................................................... 64
6.1 Raffrescamento passivo con pompe di calore acqua/acqua .......................................................................................................... 64
6.2 Raffrescamento passivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua ............................................................................................ 64
6.3 Informazioni sull'apparecchio ......................................................................................................................................................... 65
6.3.1 Stazione di raffrescamento passivo ....................................................................................................................................... 65
6.4.1 Curve caratteristiche PKS 14 ................................................................................................................................................. 66
6.4.2 Curve caratteristiche PKS 25 ................................................................................................................................................. 67
6.5 Dimensioni ...................................................................................................................................................................................... 68
6.5.1 Dimensioni PKS 14 / PKS 25 ................................................................................................................................................. 68
7 Comando e regolazione................................................................................................................................... 69
7.1 Funzionamento in rete del regolatore di riscaldamento, di raffrescamento e del telecomando...................................................... 69
7.2 Sensore termico (regolatore di raffrescamento) ............................................................................................................................. 69
7.3 Generazione del freddo tramite raffrescamento attivo.................................................................................................................... 70
7.3.1 Pompe di calore senza scambiatore di calore supplementare............................................................................................... 70
7.3.2 Pompe di calore con scambiatore di calore supplementare per lo sfruttamento del calore residuo ...................................... 70
7.4 Generazione del freddo tramite raffrescamento passivo................................................................................................................ 70
7.5 Descrizione del programma raffrescamento................................................................................................................................... 71
Sommario
www.dimplex.de 3
7.5.1 Modalit di esercizio raffrescamento ...................................................................................................................................... 71
7.5.3 Disattivazione delle pompe di ricircolo in esercizio di raffrescamento.................................................................................... 71
7.5.4 Raffrescamento statico e ventilato.......................................................................................................................................... 72
7.6 Regolazione di singoli ambienti....................................................................................................................................................... 72
7.6.1 Raffrescamento ventilato........................................................................................................................................................ 73
7.6.2 Raffrescamento statico........................................................................................................................................................... 73
7.7 Produzione di acqua calda.............................................................................................................................................................. 73
7.7.1 Richiesta di acqua calda senza scambiatore di calore supplementare .................................................................................. 73
7.7.2 Richiesta di acqua calda con scambiatore di calore supplementare...................................................................................... 73
7.7.3 Sfruttamento del calore residuo in esercizio di raffrescamento.............................................................................................. 74
7.8 Accessori speciali............................................................................................................................................................................ 74
7.8.1 Stazione ambiente.................................................................................................................................................................. 74
7.8.2 Centralina a due punti della temperatura ambiente riscaldamento/raffrescamento ............................................................... 74
7.8.3 Telecomando.......................................................................................................................................................................... 74
8 Raffronto fra sistemi di raffrescamento a pompa di calore..........................................................................75
8.1 Pompe di calore aria/acqua con raffrescamento attivo................................................................................................................... 75
8.2 Pompe di calore acqua glicolica/acqua con raffrescamento attivo ................................................................................................. 75
8.3 Pompe di calore acqua glicolica/acqua con raffrescamento passivo.............................................................................................. 75
8.4 Pompe di calore acqua/acqua con raffrescamento passivo............................................................................................................ 75
8.5 Riassumendo .................................................................................................................................................................................. 76
9 Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento ...............................................77
9.1 Legenda .......................................................................................................................................................................................... 78
9.2 Raffrescamento attivo, ventilato...................................................................................................................................................... 79
9.3 Raffrescamento attivo, statico......................................................................................................................................................... 81
9.4 Raffrescamento attivo con sfruttamento del calore residuo............................................................................................................ 83
9.5 Raffrescamento passivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua............................................................................................. 87
9.6 Raffrescamento passivo con gruppo idraulico compatto ................................................................................................................ 89
9.7 Raffrescamento passivo con circuiti di riscaldamento e di raffrescamento separati ....................................................................... 91
9.8 Raffrescamento passivo con acqua di falda ................................................................................................................................... 93
10 Operazioni di allacciamento elettrico .............................................................................................................98
10.1 Regolatore di raffrescamento per pompe di calore reversibili ......................................................................................................... 98
10.2 Regolatore di raffrescamento passivo............................................................................................................................................. 98
10.3 Regolazione della temperatura ambiente nel raffrescamento ventilato .......................................................................................... 98
10.4 Stazione ambiente abbinata a raffrescamento statico .................................................................................................................... 99
10.5 Monitoraggio avanzato del punto di rugiada ................................................................................................................................... 99
10.6 Regolazione della temperatura ambiente ..................................................................................................................................... 100
10.6.1 Centralina temperatura ambiente per commutazione manuale............................................................................................ 100
10.6.2 Centralina temperatura ambiente a commutazione automatica ........................................................................................... 100
10.7 Schemi elettrici.............................................................................................................................................................................. 102
10.8 Legenda per gli schemi elettrici..................................................................................................................................................... 105
10.9 Assegnazione dei morsetti del programmatore della pompa di calore ......................................................................................... 106
11 Allegato............................................................................................................................................................108
11.1 Terminologia raffrescamento ........................................................................................................................................................ 108
11.2 Norme e direttive importanti .......................................................................................................................................................... 110
11.3 Calcolo approssimativo del carico frigorifero per ambienti singoli secondo il procedimento HEA................................................ 111
11.4 Requisiti minimi per accumulo dell'acqua calda / pompa di ricircolo ............................................................................................ 113
11.5 Ordine per la messa in funzione di pompe di calore per riscaldamento/raffrescamento .............................................................. 114
1
4
1 Scelta e dimensionamento delle pompe di calore per
riscaldamento e raffrescamento
1.1 Determinazione del fabbisogno di calore dell'edificio
Il calcolo esatto del massimo fabbisogno di calore orario
h
avviene sulla scorta delle norme specifiche del paese di
installazione. Un calcolo approssimativo del fabbisogno di calore
possibile attraverso la superficie abitabile da riscaldare A (m):
tab. 1.1: Valori approssimativi di fabbisogno termico specifico per la
Germania
Dimensionamento delle temperature di mandata
Nel dimensionamento del sistema di distribuzione del calore in
impianti di riscaldamento con pompa di calore necessario
accertarsi che il fabbisogno di calore necessario venga trasferito
alle temperature di mandata pi basse possibili, dato che ogni
grado in meno della temperatura di mandata a parit di
fabbisogno di calore per riscaldamento comporta un risparmio
energetico pari al 2,5 % circa. Risultano ideali superfici di
riscaldamento ampie, come ad es. quelle dei sistemi a
pavimento o ventilconvettori, con temperature massime di
mandata pari a circa 40 C.
1.1.1 Tempi di interdizione delle aziende distributrici dell'energia elettrica
Molte aziende tedesche distributrici di energia elettrica offrono
contratti speciali a tariffe pi convenienti appositamente per le
pompe di calore. In base al decreto federale sulla tariffazione, le
aziende distributrici dell'energia elettrica devono per essere in
grado di disinserire e bloccare le pompe di calore in presenza di
picchi di carico della rete di approvvigionamento.
Durante i tempi di interdizione non si pu usufruire della pompa
di calore per riscaldare la casa. Si rende cos necessario
produrre pi energia negli orari di funzionamento delle pompe di
calore, ovvero la pompa di calore deve essere di dimensioni
maggiori.
I tempi di interdizione tipici delle aziende distributrici di energia
elettrica sono di max. 4 ore al giorno, che vengono considerate
con un fattore di 1,2. Sono ammessi tempi di interdizione anche
di max. 6 ore al giorno, che vengono considerate con un fattore
di 1,3.
tab. 1.2: Fattore di dimensionamento f per la considerazione dei tempi di
interdizione
1.1.2 Riscaldamento dell'acqua sanitaria
In caso di normali livelli di comfort occorre considerare un
fabbisogno massimo di acqua calda di 80-100 litri al giorno per
persona, con una temperatura di riferimento di 45C. In questo
caso occorre tenere conto di una potenza calorifica di 0,2 kW per
persona.
Per il dimensionamento occorre calcolare il numero massimo
possibile di persone e considerare abitudini particolari dell'utente
(ad es. vasca con idromassaggio).
La regolazione della produzione di acqua calda avviene tramite il
programmatore della pompa di calore che in funzione del
fabbisogno e delle esigenze di esercizio attiva la produzione di
acqua calda in maniera ottimale. Nelle pompe di calore reversibili
con scambiatore di calore supplementare possibile utilizzare il
calore residuo prodotto in esercizio di raffrescamento per la
produzione di acqua calda.
Se nell'accumulo dell'acqua calda viene utilizzata una resistenza
elettrica questa pu essere sfruttata nel punto di progetto (ad es.
-16 C) per la produzione di acqua calda. In questo caso la
potenza calorifica per la preparazione dell'acqua calda non deve
andare ad aggiungersi al carico termico.
Condutture di circolazione
Le condutture di circolazione rendono l'acqua sanitaria
immediatamente disponibile nel punto di prelievo, tuttavia
aumentano sensibilmente il fabbisogno di calore per il
riscaldamento della stessa. Il maggiore fabbisogno dipende dal
tempo di funzionamento, dalla lunghezza e dalla qualit
dell'isolamento delle condutture e deve essere opportunamente
considerato. Se le lunghe condutture non permettono di
rinunciare a una circolazione, opportuno installare una pompa
di ricircolo che si attiva solo in caso di necessit mediante un
sensore di portata, pulsante o simile.
= 0,03 kW/m
2
Casa a bassissimo fabbisogno
= 0,05 kW/m
2
In base al decreto 95 sull'isolamento termico o
al minimo isolamento standard del decreto
tedesco sul risparmio energetico (EnEV)
= 0,08 kW/m
2
Casa con normale isolamento
(a partire dal 1980 circa)
= 0,12 kW/m
2
Con opere murarie pi vecchie senza
particolare isolamento termico
Q
Fabbisogno di calore
[kW{
SuperIicie riscaldata
[m
2
{
Fabbisogno di calore speciIico
[kW/m
2
{
q
q
q
q
Durata blocco
(complessiva)
Fattore di
dimensionamento
2 h 1,1
4 h 1,2
6 h 1,3
Scelta e dimensionamento delle pompe di calore per riscaldamento e raffrescamento 1.3.1.1
www.dimplex.de 5
NOTA
In conformit all'art. 12 (4) del decreto tedesco sul risparmio energetico,
negli impianti per l'acqua calda le pompe di circolazione devono essere
dotate di dispositivi automatici per l'accensione e lo spegnimento.
La dispersione termica rapportata alla superficie nella preparazione
acqua calda per uso domestico dipende dalla superficie utile e dal tipo e
posizione della circolazione utilizzata. Con una superficie utile compresa
tra 100 e 150 m e una distribuzione all'interno dell'involucro termico si
hanno, secondo il decreto tedesco sul risparmio energetico - EnEV,
perdite termiche rapportate alla superficie pari a:

con circolazione 9,8 [kWh/m a]

senza circolazione 4,2 [kWh/m a]


ATTENZIONE!
A causa delle perdite termiche le condutture di circolazione provocano
un aumento delle richieste di acqua sanitaria. In presenza di
raffrescamento attivo senza scambiatore di calore supplementare
qualsiasi richiesta di acqua sanitaria comporta l'interruzione
dell'esercizio di raffrescamento (vedere cap. 7.3 a pag. 70).
1.2 Procedura per la determinazione del fabbisogno di raffrescamento
dell'edificio
I sistemi di raffrescamento vengono impiegati per prevenire
l'eccessivo riscaldamento degli ambienti dovuto all'influsso di
carichi termici indesiderati. Il fabbisogno di potenzialit frigorifera
viene determinato sostanzialmente dal clima esterno, dai
requisiti definiti per il clima degli ambienti, dai carichi termici
interni ed esterni oltre che dall'orientamento e dalle modalit di
costruzione dell'edificio.
ATTENZIONE!
Una valutazione del fabbisogno di raffrescamento sulla scorta della
superficie da raffrescare non possibile a causa del forte influsso
esercitato dall'irraggiamento solare e dai carichi termici interni.
I carichi interni sono rappresentati ad es. dal calore residuo di
apparecchi, lampadari e delle persone. Con il termine di carichi
esterni si intendono l'apporto termico derivante da irraggiamento
solare, i guadagni termici da trasmissione attraverso gli elementi
disperdenti e i guadagni da aerazione causati dall'ingresso di
aria esterna pi calda.
Il calcolo del carico frigorifero di ambienti climatizzati viene
effettuato sulla base delle norme vigenti in ciascun paese. In
Germania la norma la VDI 2078 (regole VDI per il carico
frigorifero). Questa direttiva contiene due procedure di calcolo
(quella "abbreviata" e la procedura informatica) oltre a ulteriori
documenti volti a determinare il carico frigorifero di ambienti ed
edifici climatizzati. La procedura informatica non serve ad
aumentare il grado di precisione nei casi standard bens ad
estendere il campo di applicazione sostanzialmente a
qualsivoglia condizione secondaria (protezione variabile dal
sole, temperatura ambiente, ecc.), il che ne fa nella pratica una
procedura troppo dispendiosa per i casi standard.
Per unit semplici come uffici, studi medici, negozi o per
applicazioni abitative private preferibile un calcolo
approssimativo basato su valori empirici o la cosiddetta
procedura breve HEA, sviluppata dall'associazione Fachverband
fr Energie-Marketing und -Anwendung e.V.
NOTA
All'indirizzo www.dimplex.de a disposizione un tool di pianificazione
on-line per il calcolo approssimativo del carico frigorifero.
I valori che vi sono indicati sono stati determinati in accordo alle
regole VDI 2078 relative al carico frigorifero (cap. 11.3 a pag.
111). Alla base del calcolo stata posta una temperatura
ambiente pari a 27 C con una temperatura esterna di 32 C e
con l'apparecchio di raffrescamento in funzionamento continuo.
NOTA
Il fabbisogno di raffrescamento dell'edificio la risultante della somma
del carico frigorifero di ogni singolo ambiente. A seconda della tipologia
di edificio possibile, in determinate circostanze, applicare un fattore di
contemporaneit, visto che ambienti sul lato est e ovest non devono
dissipare carichi solari contemporaneamente.
1.3 Verifica dei limiti d'impiego
1.3.1 Massima potenza calorifica della pompa di calore
Se il fabbisogno di calore dell'edificio superiore al suo
fabbisogno di raffrescamento la pompa di calore dovrebbe
essere dimensionata per l'esercizio di riscaldamento.
Contemporaneamente necessario verificare se la potenzialit
frigorifera dell'impianto a pompa di calore superiore al
fabbisogno di raffrescamento dell'edificio.
cap. 1.5.3 a pag. 9 illustra le possibilit esistenti per ridurre il
fabbisogno di raffrescamento calcolato ambiente per ambiente.
Se il fabbisogno di calore dell'edificio inferiore al suo
fabbisogno di raffrescamento, la pompa di calore pu essere
dimensionata anche sulla base di quest'ultimo e combinata in
esercizio di riscaldamento con un secondo generatore di calore.
1.3.1.1 Esercizio monovalente
Questa modalit di esercizio copre da sola il 100% del
fabbisogno di calore dell'edificio per tutto l'anno. Di solito sono le
pompe di calore geotermiche o quelle acqua/acqua a funzionare
in modalit monovalente. Le effettive potenze termiche in
corrispondenza delle rispettive temperature di mandata e delle
temperature minime delle sorgenti di calore possono essere
rilevate direttamente dalle informazioni sull'apparecchio.
1.3.1.2
6
tab. 1.3: Esempio di definizione della potenza termica
1.3.1.2 Esercizio monoenergetico
Le pompe di calore aria/acqua vengono utilizzate principalmente
come impianti monoenergetici. La pompa di calore in questi casi
dovrebbe coprire il fabbisogno di calore per almeno il 95 %. In
caso di temperature molto rigide e di un alto fabbisogno di calore
viene automaticamente attivato un corpo riscaldante immerso.
Il dimensionamento della potenza della pompa di calore incide
sull'ammontare degli investimenti e dei costi annuali di
riscaldamento soprattutto nel caso di impianti monoenergetici.
Maggiore la quota di fabbisogno annuale di energia per
riscaldamento coperta dalla pompa di calore, tanto pi elevati
saranno gli investimenti e pi ridotti saranno i costi di esercizio
annuali.
L'esperienza (in Germania) insegna che occorre mirare a una
potenza della pompa di calore che intersechi la curva
caratteristica di riscaldamento a una temperatura limite teorica (o
punto di bivalenza) di circa -5 C.
Con questa configurazione, secondo la norma DIN 4701 T10 il
secondogeneratore di calore (ad es. corpo riscaldante immerso)
di un impianto utilizzato in modo bivalente parallelo copre il 2 %
del fabbisogno.
Esempio relativo alla tab. 1.4 a pag. 6:
Con un punto di bivalenza di -5 C, in modalit di esercizio
bivalente parallelo (monoenergetico), risulta una quota di
copertura della pompa di calore pari al 98 % circa.
tab. 1.4: Quota di copertura della pompa di calore di un impianto utilizzato in modalit monoenergetica o bivalente in funzione del punto di bivalenza e della
modalit di esercizio (fonte: tabella 5.3-4 DIN 4701 T10)
Esempio:
Modalit di esercizio monoenergetica di una pompa di calore
aria/acqua reversibile LA 16ASR con accumulo tampone dotato
di corpo riscaldante immerso, tempo di interdizione massimo pari
a 2 ore giornaliere e produzione di acqua sanitaria per 5 persone.
Fabbisogno di calore della
abitazione da riscaldare 13,5 kW
Fabbisogno di calore supplementare
per la produzione di acqua calda 1 kW
(fabbisogno di calore + produzione ac) x fattore tempo
interdizione
= (13,5 kW+ 1 kW) x 1,1 16 kW
Il valore cos calcolato (16 kW) corrisponde alla potenza termica
necessaria della pompa di calore. Detto valore, in
corrispondenza della temperatura esterna normalizzata adottata
(ad es. -16 C, conformemente alla norma EN 12831), viene
registrato nel diagramma della potenza calorifica della pompa di
calore alla temperatura di mandata selezionata (35 C) -(p.to 1).
Il dimensionamento della pompa di calore ha luogo tramite il
fabbisogno di calore dell'edificio a sua volta dipendente dalla
temperatura esterna. Detto fabbisogno viene riportato in maniera
semplificata sotto forma di retta nel diagramma della potenza
calorifica. Il procedimento qui adottato presuppone che a partire
da una temperatura esterna pari a 20 C (=temperatura
d'ingresso dell'aria della pompa di calore) non sia pi necessaria
alcuna potenza calorifica (retta 2).
L'intersezione della retta tratteggiata (punto finale su 20C/ 0 kW)
con la curva della potenza calorifica definisce il punto di
bivalenza teorico (-5 C) (p.to 3).
Nella pratica il punto di bivalenza risultante ancora pi basso in
virt delle abitudini dell'utente (ad es. camera da letto non
riscaldata, temperatura abbassata nella stanza degli hobby).
Dimensionamento del corpo riscaldante immerso
Fabbisogno di calore complessivo nel giorno pi freddo
Potenza termica della pompa di calore nel giorno pi
freddo
= Potenza del riscaldamento elettrico supplementare
Esempio:
Nell'esempio scelto deve essere dimensionata una LA 16ASR
con una potenza elettrica delle resistenze pari a 7,5 kW.
Pompa di calore
acqua glicolica/
acqua
Pompa di calore
acqua/acqua
Temperatura di
mandata
massima
35C 35C
Temperatura
minima della
sorgente di calore
0C acqua glicolica 10C acqua di falda
Punto di esercizio
per le definizione
della potenza
termica
B0/W35 W10/W35
Punto di bivalenza [C] -10 -9 -8 -7 -6 -5 -4 -3 -2 -1 0 1 2 3 4 5
Quota di copertura [-] in
mod. d'eser. biv. parall.
1,00 0,99 0,99 0,99 0,99 0,98 0,97 0,96 0,95 0,93 0,90 0,87 0,83 0,77 0,70 0,61
Quota di copertura [-] in
mod. d'eser. biv. altern.
0,96 0,96 0,95 0,94 0,93 0,91 0,87 0,83 0,78 0,71 0,64 0,55 0,46 0,37 0,28 0,19
16 kW 8,5 kW 7,5 kW
Fabbisogno ai calore
aella casa a
-16 C

Poten:a termica
aella PDC a
-16 C
Poten:a min.
aelle resisten:e
Scelta e dimensionamento delle pompe di calore per riscaldamento e raffrescamento 1.3.1.4
www.dimplex.de 7
fig. 1.1: Curva della potenza calorifica per temperature di mandata
dell'acqua di riscaldamento pari a 35C
1.3.1.3 Esercizio bivalente parallelo
Nell'esercizio bivalente parallelo (ad es. vecchia costruzione), un
secondo generatore di calore (caldaia ad olio combustibile o a
gas) affianca la pompa di calore. In questo caso la regolazione
della pompa di calore abilita il secondo generatore di calore in
funzione del fabbisogno e al di sotto di una temperatura esterna
impostabile (punto di bivalenza < 4C).
In caso di grandi impianti con fabbisogno di calore elevato le
pompe di calore coprono quote elevate del riscaldamento annuo
con una potenza calorifica relativamente ridotta. La potenza
calorifica della pompa di calore deve essere dimensionata in
maniera tale che questa nel periodo di transizione possa coprire
da sola la potenza calorifica necessaria. In caso di maggior
fabbisogno di calore il regolatore attiva, in funzione del
fabbisogno stesso, il secondo generatore di calore. L'elevato
numero di ore d'esercizio della pompa di calore porta a sensibili
risparmi. Inoltre migliora anche il rendimento del secondo
generatore di calore (ad es. caldaia a olio combustibile) in quanto
si evitano tempi di funzionamento brevi.
La condizione richiesta per un impianto bivalente che sia
pianificato un funzionamento bivalente permanente.
NOTA
L'esperienza dimostra che, nel caso di impianti bivalenti utilizzati in
progetti di ristrutturazione, dopo pochi anni la caldaia a gasolio o a gas
viene messa fuori servizio per i motivi pi disparati. In progetti di
ristrutturazione, quindi, il dimensionamento dovrebbe sempre essere
eseguito analogamente all'impianto monoenergetico (punto di bivalenza
circa -5 C) e l'accumulo tampone dovrebbe essere sempre integrato
nella mandata del riscaldamento, consentendo in un secondo tempo il
passaggio dell'impianto a esercizio monoenergetico senza problemi.
1.3.1.4 Esercizio bivalente rigenerativo
Per l'allacciamento di un generatore di calore rigenerativo, come
una caldaia a combustibile solido o un impianto solare termico, il
programmatore della pompa di calore dispone di una propria
modalit di esercizio. Nella preconfigurazione possibile
selezionare la cosiddetta modalit di esercizio "Bivalente-
rigenerativo". In questa modalit di esercizio l'impianto di
riscaldamento a pompa di calore si comporta come un impianto
monoenergetico; con l'apporto di calore rigenerativo la pompa di
calore viene automaticamente bloccata e il calore prodotto in
modalit rigenerativa viene miscelato al sistema di
riscaldamento. Le uscite miscelatore del miscelatore di bivalenza
(M21) sono attive.
Se la temperatura nell'accumulo rigenerativo sufficientemente
alta, la pompa di calore viene bloccata anche durante la
produzione di acqua calda sanitaria o la richiesta di acqua per la
piscina.
Le pompe di calore che ne sono sprovviste devono essere
riequipaggiate con un sensore di mandata (R9).
ATTENZIONE!
Nelle pompe di calore reversibili e negli impianti di riscaldamento a
pompa di calore con un 3circuito di riscaldamento, non possibile
selezionare "Bivalente-rigenerativo"perch la sonda (R13) gi
occupata.
fig. 1.2: Esempio di schema elettrico per esercizio di riscaldamento con
caldaia a combustibile solido
0
5
10
15
20
25
30
-20 -10 0 10 20 30 40
Temperatura ingresso aria in [C]
Potenza calorifica in [kW]
35
Temperatura uscita acqua in [C]
Condizioni:
Portata dell'acqua
di riscaldamento 1,4 m
3
/h
Punto di bivalenza a -5 C
1
2
3
T T

M
N1-B8
(R13)
(E10.3)
N1-N07/N08
(M21 MA/MZ)
3.1
1.3.2
8
1.3.2 Massima potenzialit frigorifera della pompa di calore
Se nota la massima potenzialit frigorifera di cui necessita un
edificio (vedere anche cap. 1.2 a pag. 5) necessario verificare
se la pompa di calore in grado di erogare questa potenza
frigorifera alle condizioni secondarie richieste. In particolare
dovranno essere verificati i limiti d'impiego del tipo di pompa di
calore impiegata.
Nei sistemi di raffrescamento passivo (vedere cap. 2 a pag. 11)
la potenzialit frigorifera dipende dal tipo e dal dimensionamento
della sorgente di freddo (ad es. sonda geotermica), dalla portata
volumetrica e dallo scambiatore di calore utilizzato (per le
informazioni sull'apparecchio vedere cap. 6 a pag. 64).
La potenzialit frigorifera di una pompa di calore aria/acqua
reversibile dipende in primo luogo dalla temperatura di mandata
richiesta e da quella dell'aria esterna. Maggiore la temperatura di
mandata e minore la temperatura esterna, tanto pi grande sar
la potenzialit frigorifera della pompa di calore.
Esempio:
Qual la potenzialit frigorifera disponibile secondo la curva di
potenza della fig. 1.3 a pag. 8 in presenza di una temperatura
esterna massima di 35 C?
fig. 1.3: Potenzialit frigorifera di una pompa di calore reversibile (vedere
anche cap. 4.5.8 a pag. 33)
Dalla fig. 1.3 a pag. 8 risultano i seguenti valori massimi di
potenzialit frigorifera in funzione della temperatura di mandata
in esercizio di raffrescamento:
1.4 Collegamento in parallelo di pompe di calore per l'esercizio di
riscaldamento
Mediante il collegamento in parallelo di pompe di calore
possibile coprire un maggiore fabbisogno di calore per
riscaldamento. A seconda delle esigenze anche possibile
combinare pompe di calore di tipi diversi. Negli impianti di grandi
dimensioni con pi di tre pompe di calore collegate in parallelo
l'attivazione o disattivazione di queste ultime generalmente
deputata a un sistema superiore di gestione dei carichi.
Il collegamento in parallelo di pompe di calore possibile anche
senza una regolazione di livello superiore grazie ai
programmatori delle pompe di calore presenti.
1.4.1 Esercizio di solo riscaldamento o raffrescamento
In tutti i programmatori di pompe di calore vengono impostate le
medesime curve di riscaldamento o temperature nominali di
ritorno. L'isteresi impostata e i blocchi di ciclo operativo intrinseci
alla tecnica di regolazione portano le singole pompe di calore ad
alternarsi.
Se l'esercizio di riscaldamento deve avvenire preferibilmente per
mezzo di una determinata pompa di calore si provveder a
impostare sulle altre una temperatura nominale di ritorno pi
bassa. Si consiglia uno scostamento massimo tra le varie
temperature nominali di ritorno pari all'isteresi impostata (ad es.
1-2K).
NOTA
Nel collegamento in parallelo tutti i programmatori di pompe di calore
dovrebbero avere impostata la medesima curva di riscaldamento.
Modificando l'indicatore a barra tramite i tasti "pi caldo" e "pi freddo"
si influisce se necessario sulle priorit, per compensare ad esempio il
numero delle ore di esercizio.
Tipo di pompa di
calore
Temperatura
mandata
Potenzialit
frigorifera
Aria/Acqua 18C 14,3 kW
Aria/Acqua 8C 10,7 kW
0
5
10
15
20
25
30
10 15 20 25 30 35 40 45
Temperatura ingresso aria in [C]
Potenzialit frigorifera in [kW]
18
8
Portata dell'acqua di riscaldamento
Scelta e dimensionamento delle pompe di calore per riscaldamento e raffrescamento 1.5.3
www.dimplex.de 9
1.4.2 Esercizio bivalente
La caldaia deve essere attivata solo quando tutte le pompe di
calore sono gi in funzione. Affinch ci sia garantito, si assegna
il valore nominale pi basso al programmatore della pompa di
calore deputato all'emissione del segnale di abilitazione della
caldaia.
Negli impianti bivalenti con produzione di acqua calda,
l'assegnazione della caldaia a una singola pompa di calore
consente, dal punto di vista idraulico e della tecnica di
regolazione, l'esercizio parallelo di riscaldamento e produzione
di acqua calda (fig. 1.4 a pag. 9).
NOTA
Al momento della progettazione dell'impianto idraulico necessario
prestare particolare attenzione ai valori richiesti di portata dell'acqua di
riscaldamento dei singoli generatori di calore.
fig. 1.4: Collegamento in parallelo con produzione di acqua calda bivalente
1.4.3 Produzione acqua piscina
La richiesta di acqua per la piscina viene accolta se non sono
presenti richieste di acqua per riscaldamento o acqua sanitaria.
Per detto motivo la produzione di acqua per la piscina dovrebbe
essere collegata alla pompa di calore che nell'esercizio di
riscaldamento viene attivata per ultima.
NOTA
Negli impianti con produzione di acqua per la piscina il sensore del
ritorno nel circuito di riscaldamento, durante la produzione di acqua per
piscina, deve essere commutato su una sonda supplementare nel
circuito piscina.
1.5 Collegamento in parallelo di pompe di calore per l'esercizio di
raffrescamento
Mediante il collegamento in parallelo di pompe di calore
possibile coprire un maggiore fabbisogno di raffrescamento. A
seconda delle esigenze anche possibile combinare pompe di
calore reversibili con e senza scambiatore di calore
supplementare. Per un esercizio efficiente opportuno attivare
di preferenza le pompe di calore che sfruttano il calore residuo
(cap. 7.3.2 a pag. 70).
1.5.1 Esercizio di raffrescamento senza sfruttamento del calore residuo
In tutti i programmatori di pompe di calore vengono impostate le
medesime temperature nominali di ritorno. L'isteresi impostata e
i blocchi di ciclo operativo intrinseci alla tecnica di regolazione
portano le singole pompe di calore ad alternarsi.
1.5.2 Esercizio di raffrescamento con sfruttamento del calore residuo
Lo scambiatore di calore supplementare montato nel circuito del
freddo della pompa di calore consente di utilizzare il calore
residuo prodotto durante l'esercizio di raffrescamento per la
produzione di acqua sanitaria e acqua per la piscina. Qualora
vengano combinate pompe di calore reversibili con e senza
scambiatore di calore supplementare, alla pompa di calore che
ne dotata viene assegnato il valore nominale pi basso in
modo da impiegare di preferenza lo sfruttamento del calore
residuo.
1.5.3 Misure per la riduzione del carico frigorifero dell'edificio
Il carico frigorifero dell'edificio la risultante della somma del
carico frigorifero di ogni singolo ambiente. Se questo supera il
valore della potenzialit frigorifera a disposizione necessario
verificare:
se il carico frigorifero pu essere ridotto tramite semplici
provvedimenti di natura edile (ad es. una veneziana
esterna)
se attraverso l'aumento della superficie di scambio
possibile trasferire la medesima potenzialit frigorifera a
temperature di mandata pi alte
se i massimi carichi frigoriferi calcolati per i singoli ambienti
devono essere applicati in contemporanea, visto che ad es.
ambienti sul lato est e sul lato ovest non vengono riscaldati
contemporaneamente dall'irraggiamento solare
se il carico frigorifero diurno pu essere ridotto tramite il
raffreddamento notturno degli elementi strutturali (funzione
di volano termico degli elementi strutturali)
Se nonostante le suddette possibilit la potenzialit frigorifera
della pompa di calore non fosse sufficiente possibile dotare
quegli ambienti con elevati carichi termici di climatizzatori
supplementari. Per motivi di risparmio energetico i suddetti
climatizzatori dovrebbero essere impiegati solo quando la
pompa di calore non in grado di coprire da sola il carico
frigorifero totale.
19332020
N1a-B1
(R1)
N1b-B2
(R2)
N
1
b
-N
0
6
(M
1
8
)
N1b-N010
(E9)
N1b-B3
(R3)
N
1
a
-N
0
1
1
(M
1
5
)
N1a-B6
(R5)
N
1
a
-N
0
1
2
/N
0
1
3
(M
2
2
M
A
/M
Z
)
N
1
b
-N
0
5
(M
1
6
)
T
N
1
a
-N
0
5
(M
1
3
)
N
1
b
-N
0
7
/N
0
8
(M
2
1
M
A
/M
Z
)
T
T
T
(E10.2)
N1b-N04
TCTC
M
M
3
N1a-B2
N
1
a
-N
0
5
(M
1
6
)
T
N1b-B1
(R1)
T
a b N1
2
1.1
N1
2
1.1
4
+
N
1
b
-N
0
4
V
T
B
2
5
W
W
M
2
5
1.5.3
10
NOTA
In esercizio di raffrescamento le pompe di calore usufruiscono, di regola,
di particolari tariffe delle aziende distributrici di energia elettrica (vedere
cap. 1.1.1 a pag. 4). Durante i tempi di interdizione deve essere garantito
l'esercizio di raffrescamento tramite adeguati accumulatori di freddo (ad
es. utilizzo degli elementi strutturali in funzione di volano termico, vedere
cap. 3.7 a pag. 17) oppure deve essere scelta una tariffa dell'energia
elettrica senza tempi di interdizione.
Generazione della potenza frigorifera 2.1.1
www.dimplex.de 11
2 Generazione della potenza frigorifera
2.1 Raffrescamento passivo
In estate l'acqua di falda e il terreno a profondit elevate sono
sensibilmente pi freddi della temperatura esterna. Uno
scambiatore di calore a piastre installato nel circuito dell'acqua di
falda o nel circuito geotermico trasmette la potenza frigorifera al
circuito di riscaldamento / raffrescamento. Il compressore della
pompa di calore inattivo e quindi disponibile per la
produzione di acqua calda.
2.1.1 Raffrescamento passivo con produzione parallela di acqua calda
1) Il compressore porta il liquido refrigerante contenuto in un
circuito chiuso a un livello di temperatura pi elevato. In tal
modo la temperatura del refrigerante gassoso aumenta.
2) Nel condensatore (scambiatore di calore) il calore viene
trasferito all'acqua di riscaldamento. Il liquido refrigerante si
raffredda e si condensa.
3) All'interno della valvola di espansione il liquido refrigerante
si espande (calo di pressione) e si raffredda ulteriormente.
4) Le sonde geotermiche sfruttano il livello di temperatura
costante degli strati profondi del terreno come sorgente di
calore per la produzione di acqua calda e come sorgente di
freddo per il raffrescamento passivo.
5) Mediante un evaporatore (scambiatore di calore) l'energia
ambientale assorbita dalla sonda geotermica viene trasferita
a un liquido refrigerante. Il liquido refrigerante si riscalda ed
evapora.
6) Per l'esercizio parallelo di produzione acqua calda e
raffrescamento passivo entrambi i sistemi vengono separati
idraulicamente da valvole di commutazione.
7) Il ventilconvettore viene attraversato dall'acqua di
riscaldamento raffreddata ed estrae il calore dall'aria
dell'ambiente (raffrescamento ventilato).
8) Un sistema di tubi posato nel pavimento, nella parete
oppure nel soffitto attraversato dall'acqua raffreddata
raffrescando cos la superficie dell'elemento strutturale
(raffrescamento statico).
9) Delle valvole di commutazione convogliano l'acqua di
riscaldamento attraverso lo scambiatore di calore passivo e
la raffreddano.
10) Attivando la pompa di ricircolo dell'acqua glicolica per il
raffrescamento l'energia contenuta nell'acqua di
riscaldamento viene trasferita al circuito geotermico per
mezzo di uno scambiatore di calore e quindi fatta defluire nel
terreno.
fig. 2.1: Circuito per il raffrescamento passivo con produzione parallela di
acqua calda
Terreno
Pompa di calore
10
9
8
7
4
3
5
1
2
6
2.1.2
12
2.1.2 Raffrescamento passivo con acqua di falda
Conformemente alla norma VDI 4640 nella maggior parte delle
regioni il raffreddamento dell'acqua di falda ad es. tramite
l'utilizzo di una pompa di calore da riscaldamento visto con
favore. Al contrario un aumento della temperatura dovuto ad un
raffrescamento ammesso solo entro ristretti limiti.
Quando si convoglia calore nell'acqua di falda in nessun caso si
dovrebbe superare la temperatura di 20 C. Inoltre la variazione
di temperatura dell'acqua fatta refluire nel pozzo di iniezione non
dovrebbe superare i 6 K.
In breve:
Il raffrescamento passivo con l'acqua di falda possibile. Lo
scambiatore di calore e le portate devono essere dimensionati in
maniera tale che l'acqua reintrodotta nel pozzo di iniezione
presenti un riscaldamento massimo di 6 K. Si deve inoltre tenere
conto dei requisiti delle competenti autorit per l'acqua, che
presentano grosse difformit di regione in regione. inoltre
necessario verificare la compatibilit con i materiali dello
scambiatore di calore utilizzato effettuando un'analisi dell'acqua.
2.1.3 Raffrescamento passivo con collettori geotermici a posa orizzontale
Di regola i collettori geotermici, posati orizzontalmente in
prossimit della superficie del terreno, non costituiscono una
sicura sorgente di freddo per il raffrescamento passivo. La fig.
2.2 a pag. 12 mostra la curva annuale delle temperature la quale
attesta come in estate nella zona prossima alla superficie le
temperature siano troppo alte per un effettivo esercizio di
raffrescamento. Il 1 di agosto la temperatura del collettore gi
al di sopra dei 15 C anche senza immissione di calore.
Qualora si aggiunga anche l'immissione di calore residuo la
temperatura del collettore si innalza e questo funziona, per cos
dire, come un accumulatore d'energia. In questo modo, come
riportato nella norma VDI 4640 foglio 3, 3.2, si teme che possano
essere messi a repentaglio la flora e la fauna in superficie.
NOTA
L'utilizzo di un collettore geotermico per il raffrescamento su fabbisogno
pu causare l'inaridimento del terreno circostante il collettore stesso. La
contrazione del terreno ad esso connessa comporta una perdita di
contatto tra terreno e collettore e quindi la compromissione dell'esercizio
di riscaldamento.
fig. 2.2: Temperature in C del terreno in prossimit della superficie, in
terreno intatto.
2.1.4 Raffrescamento passivo con sonde di calore geotermico
L'impiego delle sonde di calore geotermico si basa sullo
sfruttamento del livello costante di temperatura (circa 10 C)
degli strati profondi del terreno quale sorgente di freddo per il
raffrescamento. Trattandosi di un circuito chiuso non vi sono
disposizioni da adempiere in materia di tutela delle acque
(vedere fig. 2.1 a pag. 11).
NOTA
Il livello di temperatura nelle grandi aree urbane spesso sensibilmente
superiore a quello delle aree rurali, rendendo impossibile il
raffrescamento passivo.
Nel settore delle abitazioni civili la potenza frigorifera trasferibile
normalmente sufficiente, dato che il numero di giorni in cui si
deve raffrescare ridotto. In caso di raffrescamento permanente,
ad esempio nel settore industriale o in presenza di elevati carichi
frigoriferi dovuti a carichi termici interni (ad es. luci/persone/
apparecchi elettrici), si verifica un progressivo riscaldamento
della sonda di calore geotermico con conseguente riduzione
della potenzialit frigorifera massima.
NOTA
Qualora debbano essere garantite determinate potenze frigorifere o se il
fabbisogno annuo di raffrescamento supera quello annuo di calore per
riscaldamento, la sonda geotermica dovr essere dimensionata sia per
l'esercizio di riscaldamento, sia per quello di raffrescamento. Ai fini di un
esatto calcolo della potenza il riscaldamento della sonda pu essere
preso in considerazione solo tramite simulazione numerica attraverso
appositi pacchetti software e disponendo di conoscenze in campo
geologico e idrogeologico.
5m
10m
15m
Profondit
Superficie terrestre
1.Feb.
1.Mag. 1.Nov.
1.Ago.
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
10c
Generazione della potenza frigorifera 2.2.1
www.dimplex.de 13
fig. 2.3: Stazione di raffrescamento passivo per pompe di calore acqua
glicolica/acqua
2.2 Raffrescamento attivo
Le pompe di calore da riscaldamento per raffrescare e riscaldare
operano con un circuito del freddo che pu essere invertito
tramite una valvola di commutazione a quattro vie. In questo tipo
di pompe di calore reversibili un livello di temperatura viene
raffreddato "attivamente" grazie al lavoro del compressore della
pompa di calore.
Il criterio di inserimento e disinserimento della pompa di calore in
esercizio di raffrescamento la temperatura del ritorno. La
temperatura effettiva di mandata data dalla potenza frigorifera
generata e dalla portata dell'acqua nel circuito di generazione.
NOTA
L'inserimento della pompa di calore in esercizio di raffrescamento
possibile solo a temperature di ritorno superiori a 12 C; questo per
evitare di scendere al di sotto della minima temperatura di mandata
possibile, pari a 8 C.
2.2.1 Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua reversibili
Le pompe di calore aria/acqua reversibili sfruttano l'aria esterna,
inesauribile, per riscaldare e raffrescare. Nell'ambito dei limiti
d'impiego quindi possibile calcolare solamente il carico
frigorifero massimo e non il fabbisogno complessivo di
raffrescamento di tutta una stagione. Attraverso il circuito del
freddo della pompa di calore possibile generare, con
temperature esterne di 15 C, temperature di mandata comprese
tra 8 C e 20 C e distribuirle nell'edificio tramite un sistema ad
acqua.
N6
R11
T1
X2
R4
M12
X1
Temperatura
aria esterna
Minima Massima
Riscaldamento -25C +35C
Raffrescamento +15C +40C
Temperatura
mandata
Minima Massima
Riscaldamento +18C +55C
Raffrescamento +8C +20C
2.2.2
14
fig. 2.4: Limiti d'impiego di una pompa di calore aria/acqua reversibile
2.2.2 Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili
Il raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/
acqua reversibili e sonde di calore geotermico in genere
ammesso fino a temperature dell'acqua glicolica nella sonda pari
a 21 C (valore medio settimanale) o fino a valori di picco pari a
27 C. Il raffrescamento attivo consente di incrementare la
potenzialit frigorifera e produce temperature di mandata
costanti. La massima potenzialit frigorifera disponibile in una
stagione deve essere dimensionata proporzionatamente al
raffrescamento passivo.
Dimensionamento delle sonde
La sonda di calore geotermico che in esercizio di riscaldamento
funge da sorgente di calore per la pompa di calore acqua
glicolica/acqua deve essere dimensionata in base alla potenza
frigorifera della pompa di calore. Questa si calcola dalla potenza
calorifica meno la potenza elettrica assorbita dalla pompa di
calore nel punto di progetto.
La potenza termica da sottrarre in esercizio di raffrescamento
data dalla potenzialit frigorifera della pompa di calore sommata
alla potenza elettrica assorbita dalla pompa di calore nel punto di
progetto.
NOTA
La potenza termica trasferita alla sonda di calore geotermico in esercizio
di raffrescamento attivo superiore alla potenza frigorifera sottratta in
esercizio di riscaldamento.
0
5
10
15
20
25
30
-20 -10 0 10 20 30 40
Temperatura ingresso aria in [C]
Potenza calorifica in [kW]
35*
50*
Condizioni :
Portata dell'acqua
di riscaldamento 1,4 m/h
18*
8*
Potenzialit frigorifera in [kW]
Campo d'impiego in riscaldamento
Campo d'impiego raffrescamento
* Temperatura mandata
R
a
f
f
r
e
s
c
a
m
e
n
t
o

v
e
n
t
i
l
a
t
o
R
a
f
f
r
e
s
c
a
m
e
n
t
o

s
t
a
t
i
c
o
R
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o
Riscaldamento e raffrescamento con un unico sistema 3.5
www.dimplex.de 15
3 Riscaldamento e raffrescamento con un unico sistema
3.1 Esercizio energeticamente efficiente
Contemporaneamente alle norme specifiche di ogni paese che
vincolano a misure sia di natura edile che impiantistiche volte alla
riduzione del fabbisogno di energia da riscaldamento devono
essere adottati anche provvedimenti di protezione dal calore
estivo a fine di risparmio energetico.
possibile sottrarre i carichi frigoriferi non evitabili di un
ambiente immettendovi aria raffreddata, raffreddandone l'aria
per mezzo di uno scambiatore di calore oppure tramite
raffreddamento diretto degli elementi strutturali.
NOTA
Il dimensionamento del sistema combinato di riscaldamento e
raffrescamento dovrebbe essere realizzato, per incrementarne l'efficacia,
con temperature dell'acqua di riscaldamento pi basse possibili e temperature
dell'acqua di raffrescamento pi alte possibili.
Nelle pompe di calore reversibili con scambiatore di calore
supplementare possibile utilizzare il calore residuo prodotto in
esercizio di raffrescamento per la produzione di acqua calda e
l'alimentazione di ulteriori utenze di calore al fine di ridurre il
consumo energetico primario totale.
3.2 Regolazione di un sistema combinato di riscaldamento e
raffrescamento
Il dispositivo di regolazione della pompa di calore - il cosiddetto
programmatore della pompa di calore - in grado di regolare un
sistema combinato di riscaldamento e raffrescamento e
distribuire il calore residuo prodotto in esercizio di
raffrescamento alle utenze di calore presenti (ad es. alla
produzione di acqua calda) (vedere cap. 7 a pag. 69).
In esercizio di raffrescamento sono disponibili due diversi livelli di
temperatura. Temperature di ritorno costanti per il
raffrescamento ventilato (vedere cap. 3.5 a pag. 15) e
temperature di mandata riferite al punto di rugiada per il
raffrescamento statico (vedere cap. 3.6 a pag. 16).
3.3 Requisiti idraulici per un sistema combinato di riscaldamento e
raffrescamento
In esercizio di riscaldamento la potenza calorifica generata dalla
pompa di calore viene trasferita a un sistema di riscaldamento ad
acqua tramite pompe di ricircolo. Commutando a modalit
raffrescamento la potenza frigorifera generata viene trasferita al
sistema di distribuzione del calore progettato anche per l'acqua
fredda (vedere cap. 9 a pag. 77). Il doppio utilizzo del sistema di
distribuzione riduce l'entit dei costi d'investimento aggiuntivi
necessari per il raffrescamento.
A seconda del sistema di distribuzione del freddo installato le
temperature di mandata dell'acqua di raffrescamento possono
essere abbassate fino a un minimo di circa 16 C - 18 C nei
sistemi di raffrescamento a pannelli radianti e a circa 8 C con i
ventilconvettori.
ATTENZIONE!
La coibentazione utilizzata per un sistema combinato di riscaldamento e
raffrescamento deve essere realizzata in maniera tale che durante
l'esercizio di raffrescamento non assorba umidit.
3.4 Carico frigorifero
La potenza complessiva del generatore di freddo data dalla
sommatoria delle potenzialit frigorifere sensibile e latente
trasferite dal sistema di raffrescamento. Il carico frigorifero la
sommatoria di tutti i flussi termici convettivi attivi che devono
essere sottratti per mantenere la temperatura dell'aria al livello
desiderato.
Carico frigorifero sensibile definito quel flusso termico
che a contenuto di umidit costante deve essere asportato
dall'ambiente per mantenere una temperatura dell'aria
predefinita e che corrisponde quindi ai flussi termici
convettivi rilevati.
Carico frigorifero latente definito quel flusso termico
necessario a condensare un volume di vapore alla
temperatura dell'aria, in modo da poter mantenere, a
temperatura dell'aria costante, un contenuto di umidit
predefinito.
NOTA
Se la temperatura dell'acqua di raffrescamento al di sopra del punto di
rugiada, non precipiter alcuna condensa e il carico frigorifero totale
corrisponder al carico frigorifero sensibile.
3.5 Raffrescamento ventilato
L'aria dell'ambiente attraversa uno scambiatore di calore nel
quale circola l'acqua di raffrescamento. Temperature di mandata
al di sotto del punto di rugiada consentono il trasferimento di
potenze frigorifere elevate riducendo il calore sensibile
accumulato nell'aria ambiente e deumidificandola
contemporaneamente grazie alla formazione di condensa
(calore latente).
NOTA
La climatizzazione degli ambienti con requisiti particolari di umidit
dell'aria ambiente possibile solo unitamente ad un impianto di
ventilazione ambienti dotato di umidificazione e deumidificazione attive.
3.5.1
16
3.5.1 Ventilconvettori
I ventilconvettori nelle loro differenti varianti (da pavimento, da
parete, a cassetta) offrono la possibilit di realizzare il
raffrescamento ventilato con un sistema modulare decentrato. I
ventilatori integrati assicurano un ricircolo dell'aria regolabile su
pi livelli, potenzialit frigorifera variabile e tempi di risposta
brevi. Oltre all'utilizzo come meri apparecchi da raffrescamento i
ventilconvettori possono trovare impiego anche nel
riscaldamento e raffrescamento combinati.
La potenzialit frigorifera di un ventilconvettore dipende in prima
linea dalle sue dimensioni, dalla portata volumetrica dell'aria,
dall'umidit relativa dell'ambiente nel punto di progetto, dalla
temperatura di mandata dell'acqua di raffreddamento e dal suo
differenziale. Se nel dimensionamento dell'apparecchio vengono
osservati i requisiti della norma DIN 1946 T2 risulteranno
realizzabili potenze frigorifere specifiche comprese tre 30 e
60 W/m. Il dimensionamento dell'apparecchio rispetto ad un
livello medio di ventilazione comunemente fatto nella pratica
offre all'utente l'opzione di tempi di risposta brevi a carichi termici
variabili (stadio rapido ventilatore).
NOTA
Per garantire al generatore di freddo la portata minima d'acqua in tutte le
situazioni di esercizio si consigliano ventilconvettori che effettuano la
regolazione tramite differenti livelli di ventilazione ma che non riducono o
bloccano la portata dell'acqua. La temperatura di progetto consigliata
pari a 10 C/14 C.
fig. 3.1: Ventilconvettore da riscaldamento e raffrescamento
3.5.2 Raffrescamento tramite impianti di ventilazione
Durante il raffrescamento, oltre all'estrazione dei carichi termici,
deve essere garantito anche il ricambio d'aria minimo richiesto.
In questo caso la ventilazione controllata dell'aria ambiente
rappresenta un'opportuna integrazione al raffrescamento, ai fini
di consentire un ricambio d'aria definito.
All'occorrenza il flusso d'aria trattata pu essere riscaldato o
raffreddato tramite delle cosiddette batterie di scambio termico.
NOTA
La ventilazione permanente attraverso le finestre aperte durante
l'esercizio di raffrescamento da evitare per i seguenti motivi:

Incremento del carico termico dell'ambiente

Potenzialit frigorifera spesso insufficiente


specialmente nel raffrescamento statico

Pericolo di formazione di umidit nella zona di ventilazione


prossima alla finestra
3.6 Raffrescamento statico
Il raffrescamento statico si basa sull'acquisizione di calore
attraverso le superfici raffrescate del pavimento, delle pareti o
del soffitto. Le temperature del fluido refrigerante sono superiori
al punto di rugiada per evitare la formazione di condensa sulla
superficie. Le potenzialit frigorifere trasferibili dipendono
sensibilmente da fattori di influenza esterni (ad es. umidit
dell'aria).
Nel raffrescamento statico vengono impiegate tubazioni
integrate negli elementi disperdenti (ad es. nelle pareti) e
percorse da acqua.
NOTA
Utilizzando sistemi preesistenti di riscaldamento a superfici radianti (ad
es. riscaldamento a pavimento) per il raffrescamento gli investimenti
aggiuntivi da affrontare sono davvero minimi. Temperature di mandata al
di sopra del punto di rugiada evitano la formazione di correnti e scarti di
temperatura troppo alti rispetto a quella esterna (sindrome del sick-
building).
3.6.1 Raffrescamento a pavimento
Con un dispendio relativamente contenuto dal punto di vista
impiantistico e della regolazione, nella stagione calda le
costruzioni nuove possono essere anche raffrescate con sistemi
di riscaldamento a superfici radianti. Come riportato nel
"Taschenbuch fr Heizung und Klimatechnik" (Vademecum di
termotecnica) la potenzialit frigorifera del pavimento limitata
dai valori della temperatura minima dell'aria di 21 C a 0,1 m
d'altezza e del gradiente termico verticale di 2 K/m ammessi
dalla norma DIN 1946 T2.
Ne risulta una potenzialit frigorifera media di circa 25 - 35 W/m.
In caso di soleggiamento diretto del pavimento, ad es. davanti a
finestroni, questo valore aumenta fino a raggiungere picchi di
100 W/m.
ATTENZIONE!
L'idoneit della struttura del pavimento - in particolare del massetto
applicato - alla funzione di raffrescamento deve essere attestata dal
costruttore.
Riscaldamento e raffrescamento con un unico sistema 3.8.1
www.dimplex.de 17
3.6.2 Raffrescamento a soffitto
Il raffrescamento a soffitto rappresenta una soluzione efficace e
confortevole per l'asportazione del calore. Sostanzialmente si
consiglia la combinazione con un impianto di ventilazione al fine
di limitare l'umidit ambiente. La potenza di un raffrescamento a
soffitto dipende dalla sua forma costruttiva (chiusa, aperta o a
pannello sospeso). La superficie di raffrescamento assorbe il
calore sensibile dall'ambiente direttamente per irraggiamento e
convezione. La potenzialit frigorifera specifica pu raggiungere,
a seconda del sistema, valori da 40 a 80 (max. 100) W/m nei
sistemi chiusi e fino a 150 W/m nei sistemi aperti, in virt
dell'elevata componente convettiva. Durante la progettazione e
l'esecuzione dell'impianto va posta particolare attenzione ad
evitare la formazione di correnti non desiderate.
3.7 Gli elementi strutturali in funzione di volano termico
La funzione di volano termico degli elementi strutturali consiste
nello sfruttare, con un investimento in progettazione qualificata,
la caratteristica delle masse d'accumulo non rivestite di un
edificio di assorbire energia termica per poi cederla nuovamente
"in caso di fabbisogno". L'acqua circolante nelle tubazioni
prepara l'accumulo in cemento per il giorno successivo, in modo
che a seconda della temperatura dell'ambiente abbia luogo un
riequilibrio energetico automatico. La regolazione individuale,
immediata e selettiva della temperatura non possibile a causa
della grossa inerzia. La potenzialit frigorifera raggiungibile in un
periodo di utilizzo circoscritto a pressappoco 10 h varia da circa
25 a 40 W/m. Si ha in questo modo un'attenuazione
dell'andamento della temperatura ambiente. Per asportare
carichi termici superiori o picchi repentini si consiglia la
combinazione con pannelli radianti sospesi, convettori di
raffrescamento oppure un impianto di ventilazione.
3.8 Comfort
3.8.1 Il comportamento termico nell'essere umano
Per il mantenimento delle proprie funzioni corporee l'essere
umano genera calore, prodotto dalla combustione dei nutrienti
assunti con l'ossigeno inspirato. Quanto pi elevata la
prestazione del corpo umano e tanto pi grande sar la quantit
di calore dissipata. La tab. 3.1 a pag. 17 illustra il calore emesso
in funzione delle attivit esercitate dall'uomo. Espletando un
leggero lavoro d'ufficio un uomo di statura e resistenza nella
media emette una quantit media di calore pari a circa 120 Watt,
150 Watt nel caso di lavoro d'ufficio e lavori di casa leggeri
oppure attivit leggere al banco da lavoro, che possono
aumentare fino a oltre 200 Watt in caso di lavoro di media
intensit e pesante.
tab. 3.1: Emissione di calore per persona
Grado di
attivit
Esempi di attivit
Emissione di
calore per persona
(sensibile e
latente)
I
Attivit statica da seduti,
come leggere e scrivere
120 W
II
Lavoro leggero da seduti o in
piedi, attivit di laboratorio,
scrivere a macchina
150 W
III Attivit fisica leggera 190 W
IV
Attivit fisica da media a
pesante
oltre 200 W
3.8.2
18
3.8.2 Temperatura ambiente
Non esiste una temperatura ambiente fissa, ad es. 20 C, alla
quale l'uomo si sente maggiormente a proprio agio. Il comfort
dipende da una grande quantit di ulteriori fattori, in particolare
dalla temperatura media degli elementi disperdenti, incluse le
superfici di riscaldamento, dall'abbigliamento e dall'attivit
svolta. Valori di temperatura di questo genere devono sempre
essere rapportati a particolari condizioni medie.
Una temperatura ambiente confortevole dipende sensibilmente
dalla temperatura esterna. Nella fig. 3.2 a pag. 18
rappresentata l'area corrispondente a una confortevole
temperatura ambiente. Di regola nel raffrescamento le
temperature interne dovrebbero essere inferiori di solo 3 - 6 C a
quelle esterne, altrimenti si rischia uno "shock da freddo" al
passaggio dal caldo dell'esterno al freddo dell'interno (sick
building). L'incremento, in funzione della temperatura esterna,
della massima temperatura ambiente ammessa comporta
potenze di picco sensibilmente pi basse.
fig. 3.2: Area di temperatura confortevole
3.8.3 Contenuto in umidit dell'aria ambiente
Le persone non percepiscono direttamente l'umidit dell'aria. Di
conseguenza esse si sentono a loro agio nell'ampio intervallo
compreso tra 35 e 70% di umidit relativa. Il limite superiore per
l'umidit dell'aria fissato dalla norma DIN 1946, foglio 2, in 11,5
g di acqua per kg di aria secca, non dovendo l'umidit relativa
superare il valore del 65 %. La fig. 3.3 a pag. 18 indica, in
funzione della temperatura ambiente, quali sono i valori di
umidit relativa percepiti come confortevoli. In presenza di basse
temperature dell'aria ambiente sono ammessi valori di umidit
pi alti, dato che inferiore l'umidit che al contatto con la
superficie corporea evapora, non avendo quindi luogo alcuna
ulteriore cessione di calore. Al contrario, in presenza di elevate
temperature ambiente detta ulteriore cessione di calore
auspicabile, quindi possibile ammettere in questo caso valori di
umidit pi bassi.
fig. 3.3: Comfort in funzione della temperatura e dell'umidit relativa dell'aria
ambiente
3.8.4 Movimento dell'aria all'interno dell'ambiente
Anche i movimenti dell'aria influenzano la sensazione di comfort
delle persone. Velocit dell'aria troppo elevate portano alla
formazione di correnti, particolarmente spiacevoli quando la
differenza di temperatura tra l'aria immessa e la temperatura
corporea troppo alta, dato che in tal modo il corpo soggetto a
uno scambio di calore troppo grande. In questo scenario anche
necessario fare una distinzione tra le parti del corpo sulle quali
l'aria immessa va ad agire. Sono particolarmente sensibili il collo
e i piedi, motivo per cui si consiglia, negli ambienti ove
soggiornano le persone e specialmente in quelli per conferenze,
di far loro arrivare l'aria sempre frontalmente. In generale nelle
zone ove soggiornano delle persone vanno evitate velocit
dell'aria superiori a 0,2 m/sec. In caso di raffrescamento ventilato
(ad es. con ventilconvettori) necessario fare attenzione che il
coefficiente di ricambio d'aria (portata volumetrica/volume
ambiente) sia compreso tra 3 e 5 e che generalmente non superi
il valore 10.
fig. 3.4: Area di comfort in funzione della velocit dell'aria e della
temperatura ambiente (umidit relativa 30-70%, temperatura degli
elementi disperdenti 19-23C)
21
22
23
24
25
26
27
28
20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32
Temperatura esterna in [C]
T
e
m
p
e
r
a
t
u
r
a

a
m
b
i
e
n
t
e

i
n

[

C
]
Area di temperatura
confortevole
0
10
20
30
40
50
60
70
80
90
100
12 14 16 18 20 22 24 26 28
Temperatura aria ambiente t in [C]
U
m
i
d
i
t


r
e
l
a
t
i
v
a

i
n

[
%
]
confortevole
ancora confortevole
sgradevolmente umido
sgradevolmente secco
0
0,05
0,1
0,15
0,2
0,25
0,3
0,35
0,4
0,45
0,5
21 22 23 24 25 26 27
Temperatura aria ambiente t in [C]
V
e
l
o
c
i
t


d
e
l
l
'
a
r
i
a

i
n

[
m
/
s
]
Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua 4.2
www.dimplex.de 19
4 Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua
Consigli per l'installazione
La pompa di calore aria/acqua deve essere installata
preferibilmente all'esterno. Grazie ai minimi requisiti necessari
per le fondamenta e all'eliminazione dei canali dell'aria questo
tipo di installazione molto pratico ed economico. Per
l'installazione devono essere rispettate le disposizioni del
regolamento edilizio vigente nel relativo paese. Se l'installazione
all'aperto non fosse possibile, occorre tenere presente che
l'installazione in ambienti con alto tasso di umidit comporta la
formazione di condensa sulla pompa di calore, sui canali dell'aria
e soprattutto nelle brecce praticate in parete.
NOTA
I prerequisiti necessari per lo sfruttamento dell'aria come sorgente di
calore nell'esercizio di riscaldamento si trovano nel manuale di
progettazione e installazione della Dimplex.
4.1 Pompa di calore aria/acqua per installazione interna
Operazioni e oneri preliminari in caso di
installazione interna
Convogliamento dell'aria (ad es. canali)
Brecce in parete
Scarico della condensa
Generalit
Una pompa di calore aria/acqua non deve essere installata nella
zona abitabile di un edificio. In casi estremi attraverso la pompa
di calore viene condotta aria fredda esterna fino a -25 C. In
ambienti ad alta umidit (ad es. in lavanderia) ci pu provocare
la formazione di condensa nelle brecce in parete e nei raccordi
dei canali dell'aria, causando a lungo andare danni alla struttura
edile. Con un tasso di umidit ambiente oltre il 50 % e
temperature esterne sotto 0 C non possibile escludere la
formazione di condensa, neanche con un buon isolamento
termico. Per questo motivo sono pi adatti ambienti non
riscaldati come la cantina, la stanza degli attrezzi, il garage.
NOTA
In presenza di requisiti pi severi in materia di protezione acustica, lo
sfiato dovrebbe essere realizzato con un gomito a 90 oppure si dovrebbe
optare per l'installazione esterna.
Se la pompa di calore viene installata a un piano superiore, deve
essere verificata la portata del solaio. Da evitare l'installazione
su un solaio in legno.
NOTA
Se l'installazione della pompa di calore avviene al di sopra di un piano
abitato, il committente deve prevedere un adeguato isolamento acustico.
Convogliamento dell'aria
Per un esercizio efficiente e privo di anomalie, una pompa di
calore aria/acqua installata all'interno deve essere alimentata
con una portata d'aria sufficientemente grande. Quest'ultima,
determinata principalmente dalla potenza termica della pompa di
calore, si attesta su un valore compreso tra 2500 e 9000m/h.
necessario attenersi alle dimensioni minime previste per il canale
dell'aria.
Il convogliamento dell'aria, dall'aspirazione da parte della pompa
di calore fino allo sfiato, deve avvenire in condizioni di flusso
ottimali, onde evitare resistenze inutili.
4.2 Pompe di calore aria/acqua per installazione esterna
Operazioni e oneri preliminari in caso di
installazione esterna
Fondamenta a prova di gelo
Posa nel terreno di tubazioni di riscaldamento isolate
termicamente per la mandata e il ritorno
Posa nel terreno di linee elettriche di collegamento e di
carico
Aperture nei muri per il passaggio delle tubazioni di
collegamento
Scarico della condensa (protetto contro il gelo)
Se necessario attenersi alle disposizioni del regolamento
edilizio
Installazione
Le pompe di calore per installazione esterna sono rivestite con
lamiere munite di una speciale vernice che le rende resistenti agli
agenti atmosferici.
Posizionare l'apparecchio solo su una superficie costantemente
piatta e orizzontale. Come base sono indicate lastre da
marciapiede oppure fondamenta protette dal gelo. Il telaio deve
completamente aderire al suolo in modo da garantire
l'isolamento acustico e impedire il raffreddamento di parti che
trasportano l'acqua. In caso contrario, necessario colmare
eventuali fessure con materiale isolante resistente agli agenti
atmosferici.
Distanze minime
I lavori di manutenzione devono poter essere eseguiti senza
problemi. Questo avviene quando viene mantenuta una distanza
di 1,2 m dalle pareti.
Misure di insonorizzazione
I valori di emissione sonora pi bassi si ottengono quando in un
raggio di 3-5 metri sul lato di sfiato non si trovano superfici rigide
che riflettono l'onda sonora (ad es. una facciata).
Inoltre le fondamenta possono essere coperte fino all'altezza
delle lamiere di copertura con del materiale fonoassorbente (ad
es. trinciato di corteccia).
NOTA
Le emissioni sonore dipendono dal rispettivo livello di potenza sonora
della pompa di calore e dalle condizioni di installazione.
4.2
20
Aspirazione dell'aria di sfiato (cortocircuito del
flusso d'aria)
L'installazione della pompa di calore deve avvenire in maniera
tale che l'aria raffreddata per sottrazione di calore possa essere
sfiatata liberamente. Se l'installazione stata eseguita vicino a
una parete, lo sfiato non deve avvenire in direzione della parete.
Non ammessa l'installazione in nicchie o cortili interni, perch
l'aria raffreddata si accumula al suolo e in caso di funzionamento
prolungato verrebbe nuovamente aspirata dalla pompa di calore.
Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua 4.3.1
www.dimplex.de 21
4.3 Informazioni sull'apparecchio - Pompe di calore aria/acqua per
installazione interna
4.3.1 Pompa di calore aria/acqua reversibile in formato compatto - 230 V
Informazioni sull'apparecchio - Pompe di calore aria/acqua da riscaldamento
1 Modello e denominazione commerciale
LIK 8MER
2 Formato
2.1 Esecuzione/luogo dell'installazione Compatta/interno
2.2 Grado di protezione a norma EN 60 529 per l'apparecchio
compatto o la sezione di riscaldamento
IP 20
3 Dati prestazionali
3.1 Limiti d'applicazione - temperatura:
Mandata/ritorno acqua di riscaldamento C / C fino a 58/da 18
Raffrescamento, mandata C da +7 a +20
Aria riscaldamento/raffrescamento C/C da -25 a +35/da +15 a +40
3.2 Differenziale termico acqua di riscald.con A7/W35 10,0 5,0
3.3 Potenza termica/coefficiente di prestazionecon A-7/W35
1
kW/---
1. Questi dati caratterizzano la dimensione e l'efficienza dell'impianto conformemente alla norma EN 255 ed EN 14511. Per considerazioni di carattere economico ed energetico
necessario valutare altri fattori d'influenza, in particolare il comportamento di sbrinamento, il punto di bivalenza e la regolazione. Ad esempio, A2/W55 stanno per temperatura
esterna 2 C e temperatura di mandata del riscaldamento 55 C.
5,8 / 2,7 5,5 / 2,6
con A-7/W45
1
kW/---
5,4 / 2,1
con A2/W35
1
kW/---
7,5 / 3,3 7,4 / 3,2
con A7/W35
1
kW/---
9,3 / 3,9 9,2 / 3,8
con A7/W45
1
kW/---
8,8 / 3,2
con A10/W35
1
kW/---
9,8 / 4,1 9,7 / 4,0
3.4 Differenziale termico acqua di raffresc.con A35/W7 K 7,5 5,0
3.5 Potenzialit frigorifera/coefficiente
di prestazione con A27/W7 kW/---
7,9 / 2,7 7,9 / 2,6
con A27/W18 kW/--- 9,6 / 3,2 9,6 / 3,2
con A35/W7 kW/--- 7,0 / 2,0 6,9 / 2,0
con A35/W18 kW/--- 8,5 / 2,4 8,5 / 2,4
3.6 Livello di potenza sonora apparecchio/esterno dB(A) 53 / 60
3.7 Livello di pressione sonora a 1 m di distanza (interno) dB(A) 48,0
3.8 Portata d'acqua di riscaldamento con differenza
di pressione interna
2
m/h / Pa
2. La pompa di ricircolo riscaldamento integrata.
0,8 / 2700 1,6 / 11900
3.9 Compressione libera pompa di ricircolo riscaldamento
(riscaldamento, livello max.) Pa
45000 27000
3.10 Portata acqua di raffresc. con diff. di pressione interna m/h / Pa 0,8 / 2700 1,2 / 6500
3.11 Compressione libera pompa di ricircolo (raffrescamento, livello max.)Pa 45000 37000
3.12 Portata aria con differenza di pressione statica esterna m/h / Pa 2500 / 20
3.13 Liquido refrigerante; quantit totale di riempimento tipo/kg R404A/3,3
3.14 Lubrificanti; quantit totale tipo/litri Poliolestere (POE)/1,5
3.15 Potenza resistenza elettrica (2 generatore di calore) kW 2,0
4 Dimensioni, raccordi e peso
4.1 Dimensioni dell'apparecchio A x P x L cm 190 x 75 x 68
4.2 Raccordi dell'apparecchio per il riscaldamento Pollici G 1'' filetto esterno
4.3 Ingresso/uscita canale dell'aria (dimensioni interne min.) L x P cm 44 x 44
4.4 Peso collo/i incl. imballaggio kg 250
4.5 Volume/pressione nominale dell'accumulo tampone l/bar 50 / 6
5 Allacciamento elettrico
5.1 Tensione nominale; protezione V/A 230 / 20
5.2 Potenza nominale
1
A2 W35 kW
2,27 2,33
5.3 Corrente di avviamento con avviatore dolce A 30
5.4 Corrente nominale A2 W35/cos A/--- 12,3 / 0,8 12,7 / 0,8
6 Conforme alle norme europee sulla sicurezza
3
3. vedere Dichiarazione di conformit CE
7 Altre caratteristiche costruttive
7.1 Sbrinamento / tipo di sbrinamento / vasca di raccolta sbrinamento presente automatico / inversione di ciclo / s (riscaldata)
7.2 Protezione antigelo dell'acqua di riscaldamento nell'apparecchio
4
4. La pompa di ricircolo del riscaldamento e il regolatore della pompa di calore devono essere sempre pronti all'esercizio.
s
7.3 Livelli di potenza/centralina 1 / interna
4.3.2
22
4.3.2 Pompa di calore aria/acqua reversibile - 230 V
Informazioni sull'apparecchio - Pompe di calore aria/acqua da riscaldamento
1 Modello e denominazione commerciale LI 11MER
2 Formato
2.1 Esecuzione Reversibile
2.2 Grado di protezione a norma EN 60 529 IP 21
2.3 Luogo dell'installazione Interno
3 Dati prestazionali
3.1 Limiti d'applicazione - temperatura:
Mandata/ritorno acqua di riscaldamento C / C fino a 58/da 18
Raffrescamento, mandata C da +7 a +20
Aria (riscaldamento) C da -25 a +35
Aria (raffrescamento) C da +15 a +40
3.2 Differenziale termico acqua di riscald. con A7/W35 K 9,6 5,0
3.3 Potenza termica/coefficiente di prestazione con A-7/W35
1
kW/---
1. Questi dati caratterizzano la dimensione e l'efficienza dell'impianto conformemente alla norma EN 255 ed EN 14511. Per considerazioni di carattere economico ed energetico
necessario valutare altri fattori d'influenza, in particolare il comportamento di sbrinamento, il punto di bivalenza e la regolazione. Ad esempio, A2/W55 stanno per temperatura aria
esterna 2 C e temperatura della mandata dell'acqua di riscaldamento 55 C.
7,5 / 2,8 7,0 / 2,7
con A-7/W45
1
kW/--- 6,8 / 2,3
con A2/W35
1
kW/--- 8,9 / 3,4 8,8 / 3,3
con A7/W35
1
kW/--- 11,1 / 4,2 11,1 / 4,0
con A7/W45
1
kW/--- 9,4 / 3,5
con A10/W35
1
kW/--- 12,1 / 4,6 12,0 / 4,4
3.4 Differenziale termico acqua di raffresc. con A35/W7 K 6,5 5,0
3.5 Potenzialit frigorifera/coefficiente di prestazione
con A27/W7 kW/---
8,8 / 2,8 8,8 / 2,8
con A27/W18 kW/--- 10,9 / 3,3 10,8 / 3,2
con A35/W7 kW/--- 7,6 / 2,1 9,5 / 2,5
con A35/W18 kW/--- 9,5 / 2,5 9,5 / 2,5
3.6 Livello di potenza sonora apparecchio/esterno dB(A) 55 / 61
3.7 Livello di pressione sonora a 1 m di distanza (interno) dB(A) 50
3.8 Portata d'acqua di riscaldamento con differenza
di pressione interna m/h / Pa
1,0 / 3000 1,9 / 10900
3.9 Portata acqua di raffresc. con diff. di pressione interna m/h / Pa 1,0 / 3000 1,3 / 5900
3.10 Portata aria con differenza di pressione statica esterna m/h / Pa 4200 / 0
m/h / Pa 2500 / 25
3.11 Liquido refrigerante; quantit totale di riempimento tipo/kg R404A/3,6
3.12 Lubrificanti; quantit totale tipo/litri Poliolestere (POE)/1,5
4 Dimensioni, raccordi e peso
4.1 Dimensioni dell'apparecchio A x P x L cm 136 x 75 x 88
4.2 Raccordi dell'apparecchio per il riscaldamento Pollici Filetto esterno G 1 1/4''
4.3 Ingresso/uscita canale dell'aria (dimensioni interne min.) L x P cm 50 x 50
4.4 Peso collo/i incl. imballaggio kg 205
5 Allacciamento elettrico
5.1 Tensione nominale; protezione V/A 230 / 25
5.2 Potenza nominale
1
A2 W35 kW 2,61 2,67
5.3 Corrente di avviamento con avviatore dolce A 38
5.4 Corrente nominale A2 W35/cos A/--- 14,2 / 0,8 14,5 / 0,8
5.5 Max. potenza assorbita protezione compressore
(per ciascun compressore) W
70
6 Conforme alle norme europee sulla sicurezza
2
2. vedere Dichiarazione di conformit CE
7 Altre caratteristiche costruttive
7.1 Sbrinamento / tipo di sbrinamento / vasca di raccolta sbrinamento presente automatico / inversione di ciclo / s (riscaldata)
7.2 Protezione antigelo dell'acqua di riscaldamento nell'apparecchio
3
3. La pompa di ricircolo del riscaldamento e il regolatore della pompa di calore devono essere sempre pronti all'esercizio.
s
7.3 Livelli di potenza 1
7.4 Centralina interna/esterna Interna
Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua 4.3.3
www.dimplex.de 23
4.3.3 Pompe di calore aria/acqua reversibili con sfruttamento del calore residuo
Informazioni sull'apparecchio - Pompe di calore aria/acqua da riscaldamento
1 Modello e denominazione commerciale
LI 11TER+ LI 16TER+
2 Formato
2.1 Esecuzione Reversibile Reversibile
2.2 Grado di protezione a norma EN 60 529 per l'apparecchio
compatto o la sezione di riscaldamento
IP 21 IP 21
2.3 Luogo dell'installazione Interno Interno
3 Dati prestazionali
3.1 Limiti d'applicazione - temperatura:
Mandata/ritorno acqua di riscaldamento
1
C/C
1. vedere Diagramma limiti operativi
fino a 58/da 18 fino a 58/da 18
Raffrescamento, mandata C da +7 a +20 da +7 a +20
Aria (riscaldamento) C da -25 a +35 da -25 a +35
Aria (raffrescamento) C da +15 a +40 da +15 a +40
3.2 Differenziale termico acqua di riscald.con A7/W35 9,7 5,0 9,3 5,0
3.3 Potenza termica/coefficiente di prestazionecon A-7/W35
2
kW/---
2. Questi dati caratterizzano la dimensione e l'efficienza dell'impianto conformemente alla norma EN 255 o EN 14511. Per considerazioni di carattere economico ed energetico
necessario valutare altri fattori d'influenza, in particolare il comportamento di sbrinamento, il punto di bivalenza e la regolazione. Ad esempio A2 / W55 stanno per temperatura aria
esterna 2 C e temperatura della mandata dell'acqua di riscaldamento 55 C.
7,1 / 2,9 6,6 / 2,7 10,6 / 3,0 10,5 / 2,9
con A-7/W45
2
kW/---
6,4 / 2,3 9,9 / 2,5
con A2/W35
2
kW/---
8,8 / 3,2 8,8 / 3,1 12,8 / 3,4 12,7 / 3,2
con A7/W35
2
kW/---
11,3 / 3,8 11,3 / 3,6 15,1 / 3,8 14,9 / 3,6
con A7/W45
2
kW/---
9,6 / 3,1 14,7 / 3,3
con A10/W35
2
kW/---
12,2 / 4,1 12,1 / 3,9 16,7 / 4,1 16,6 / 3,9
3.4 Differenziale termico acqua di raffrescamento con A35/W7 6,5 5,0 6,6 5,0
3.5 Potenzialit frigorifera/coefficiente di prestazionecon A27/W7kW/--- 8,8 / 2,8 8,8 / 2,8 12,6 / 2,6 12,5 / 2,6
con A27/W18 kW/--- 10,9 / 3,3 10,8 / 3,2 16,4 / 2,8 16,4 / 2,8
con A35/W7 kW/--- 7,6 / 2,1 7,5 / 2,1 10,7 / 2,0 10,6 / 2,0
con A35/W18 kW/--- 9,5 / 2,5 9,5 / 2,5 14,3 / 2,3 14,3 / 2,2
3.6 Livello di potenza sonora apparecchio/esterno dB(A) 55 / 61 57 / 62
3.7 Livello di pressione sonora a 1m di distanza (interno) dB(A) 50 52
3.8 Portata d'acqua di riscaldamento con differenza
di pressione interna m/h / Pa
1,0 / 3000 1,9 / 10900 1,4 / 4500 2,6 / 14600
3.9 Portata acqua di raffresc. con diff. di pressione interna m/h / Pa 1,0 / 3000 1,3 / 5900 1,4 / 4500 1,8 / 7000
3.10 Portata aria con differenza di pressione statica esterna m/h / Pa 4200 / 0 5200 / 0
m/h / Pa 2500 / 25 4000 / 25
3.11 Liquido refrigerante; quantit totale di riempimento tipo/kg R404A/5,1 R404A/5,7
3.12 Lubrificanti; quantit totale tipo/litri Poliolestere (POE)/1,5 Poliolestere (POE)/1,9
4 Dimensioni, raccordi e peso
4.1 Dimensioni dell'apparecchio A x P x L cm 136 x 75 x 88 157 x 75 x 88
4.2 Raccordi dell'apparecchio per il riscaldamento Pollici Filetto esterno G 1 1/4'' Filetto esterno G 1 1/4''
4.3 Raccordi dell'apparecchio per scambiatore
di calore supplementare (sfruttamento calore residuo) pollici
Filetto esterno G 1 1/4'' Filetto esterno G 1 1/4''
4.4 Ingresso/uscita canale dell'aria (dimensioni interne min.) L x P cm 50 x 50 57 x 57
4.5 Peso collo/i incl. imballaggio kg 222 260
5 Allacciamento elettrico
5.1 Tensione nominale; protezione V/A 400 / 16 400 / 20
5.2 Potenza nominale
2
A2 W35 kW
2,74 2,86 3,8 4,0
5.3 Corrente di avviamento con avviatore dolce A 23 25
5.4 Corrente nominale A2 W35/cos A/--- 4,9 / 0,8 5,16 / 0,8 6,9 / 0,8 7,2 / 0,8
5.5 Max. potenza assorbita protezione compressore
(per compressore) W
70 70
6 Conforme alle norme europee sulla sicurezza
3
3. vedere Dichiarazione di conformit CE
3
7 Altre caratteristiche costruttive
7.1 Sbrinamento / tipo di sbrinamento /
vasca di raccolta sbrinamento presente
automatico / inversione di ciclo /
s (riscaldata) Automatico
7.2 Protezione antigelo dell'acqua di riscaldamento nell'apparecchio
s
4
4. La pompa di ricircolo del riscaldamento e il regolatore della pompa di calore devono essere sempre pronti all'esercizio.
S
4
7.3 Livelli di potenza/Centralina interna/esterna 1 / interna 1 / interna
4.4
24
4.4 Informazioni sull'apparecchio - Pompa di calore aria/acqua per
installazione esterna
4.4.1 Pompe di calore aria/acqua reversibile - 230 V
Informazioni sull'apparecchio - Pompe di calore aria/acqua da riscaldamento
1 Modello e denominazione commerciale LA 11MSR
2 Formato
2.1 Esecuzione Reversibile
2.2 Grado di protezione a norma EN 60 529 IP 24
2.3 Luogo dell'installazione Esterno
3 Dati prestazionali
3.1 Limiti d'applicazione - temperatura:
Mandata/ritorno acqua di riscaldamento
1
C/C
1. vedere Diagramma limiti operativi
fino a 55/da 18
Raffrescamento, mandata C da +7 a +20
Aria (riscaldamento) C da -25 a +35
Aria (raffrescamento) C da +15 a +40
3.2 Differenziale termico acqua di riscald.con A7/W35 9,6 5,0
3.3 Potenza termica/coefficiente di prestazionecon A-7/W35
2
kW/---
2. Questi dati caratterizzano la dimensione e l'efficienza dell'impianto conformemente alla norma EN 255 ed EN 14511. Per considerazioni di carattere economico ed energetico
necessario valutare altri fattori d'influenza, in particolare il comportamento di sbrinamento, il punto di bivalenza e la regolazione. Ad esempio, A2/W35 stanno per temperatura aria
esterna 2 C e temperatura della mandata dell'acqua di riscaldamento 35 C.
7,5 / 2,8 7,0 / 2,7
con A-7/W45
1
kW/---
6,8 / 2,3
con A2/W35
2
kW/---
8,9 / 3,4 8,8 / 3,3
con A2/W50
2
kW/---
8,8 / 2,5
con A7/W35
2
kW/---
11,1 / 4,2 11,1 / 4,0
con A7/W45
1
kW/---
9,4 / 3,5
con A10/W35
2
kW/---
12,1 / 4,6 12,0 / 4,4
3.4 Differenziale termico acqua di raffrescamento con A35/W7 6,5 5,0
3.5 Potenzialit frigorifera/coefficiente di prestazione con A27/W7 kW/--- 8,8 / 2,8 8,8 / 2,8
con A27/W18 kW/--- 10,9 / 3,3 10,8 / 3,2
con A35/W7 kW/--- 7,6 / 2,1 7,5 / 2,1
con A35/W18 kW/--- 9,5 / 2,5 9,5 / 2,5
3.6 Livello di potenza sonora dB(A) 63
3.7 Livello di pressione sonora a 10 m di distanza (lato sfiato) dB(A) 33
3.8 Portata d'acqua di riscaldamento con differenza
di pressione interna m/h / Pa
1,0 / 3000 1,9 / 10900
3.9 Portata acqua di raffresc. con diff. di pressione interna m/h / Pa 1,0 / 3000 1,3 / 5900
3.10 Portata aria con differenza di pressione statica esterna m/h / Pa 2500
3.11 Liquido refrigerante; quantit totale di riempimento tipo/kg R404A/3,6
3.12 Lubrificanti; quantit totale tipo/litri Poliolestere (POE)/1,5
4 Dimensioni, raccordi e peso
4.1 Dimensioni dell'apparecchio A x P x L cm 136 x 136 x 85
4.2 Raccordi dell'apparecchio per il riscaldamento Pollici Filetto esterno G 1''
4.3 Peso collo/i incl. imballaggio kg 224
5 Allacciamento elettrico
5.1 Tensione nominale; protezione V/A 230 / 25
5.2 Potenza nominale
2
A2 W35 kW
2,61 2,67
5.3 Corrente di avviamento con avviatore dolce A 38
5.4 Corrente nominale A2 W35/cos A/--- 14,2 / 0,8 14,5 / 0,8
5.5 Max. potenza assorbita protezione compressore
(per ciascun compressore) W
70
6 Conforme alle norme europee sulla sicurezza
3
3. vedere Dichiarazione di conformit CE
7 Altre caratteristiche costruttive
7.1 Sbrinamento / Tipo di sbrinamento Automatico / Inversione di ciclo
Vasca di raccolta condensa disponibile S (riscaldata)
7.2 Protezione antigelo dell'acqua di riscaldamento nell'apparecchio
s
4
4. La pompa di ricircolo del riscaldamento e il regolatore della pompa di calore devono essere sempre pronti all'esercizio.
7.3 Livelli di potenza / Centralina interna/esterna 1 / Esterna
Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua 4.4.2
www.dimplex.de 25
4.4.2 Pompe di calore aria/acqua reversibili con sfruttamento del calore residuo
Informazioni sull'apparecchio - Pompe di calore aria/acqua da riscaldamento
1 Modello e denominazione commerciale LA 11ASR LA 16ASR
2 Formato
2.1 Esecuzione Reversibile Reversibile
2.2 Grado di protezione a norma EN 60 529 per l'apparecchio
compatto o la sezione di riscaldamento
IP 24 IP 24
2.3 Luogo dell'installazione Esterno Esterno
3 Dati prestazionali
3.1 Limiti d'applicazione - temperatura:
Mandata/ritorno acqua di riscaldamento
1
C/C
1. vedere Diagramma limiti operativi
fino a 55/da 18 fino a 55/da 18
Raffrescamento, mandata C da +7 a +20 da +7 a +20
Aria (riscaldamento) C da -25 a +35 da -25 a +35
Aria (raffrescamento) C da +15 a +40 da +15 a +40
3.2 Differenziale termico acqua di riscald.con A2/W35 7.5 7.9
3.3 Potenza termica/coefficiente di prestazione
2
con A-7/W35 kW/---
2. Questi dati caratterizzano la dimensione e l'efficienza dell'impianto conformemente alla norma EN 255 ed EN 14511. Per considerazioni di carattere economico ed energetico
necessario valutare altri fattori d'influenza, in particolare il comportamento di sbrinamento, il punto di bivalenza e la regolazione. Ad esempio A2 / W55 stanno per temperatura aria
esterna 2 C e temperatura della mandata dell'acqua di riscaldamento 55 C.
7,1 / 2,9 10,6 / 3,0
con A2/W35 kW/--- 8,8 / 3,2 12,8 / 3,4
con W2/W50 kW/--- 8,5 / 2,5 12,0 / 2,5
con A7/W35 kW/--- 11,3 / 3,8 15,1 / 3,8
con A10/W35 kW/--- 12,2 / 4,1 16,7 / 4,1
3.4 Potenzialit frigorifera/coefficiente di prestazione
con A27/W8 kW / ---
9,0 / 2,9 13,0 / 2,6
con A27/W18 kW/--- 10,9 / 3,3 16,4 / 2,8
con A35/W8 kW/--- 7,8 / 2,2 11,1 / 2,1
con A35/W18 kW/--- 9,5 / 2,5 14,3 / 2,3
3.5 Livello di potenza sonora dB(A) 63 64
3.6 Livello di pressione sonora a 10 m di distanza (lato sfiato) dB(A) 33 34
3.7 Portata d'acqua di riscaldamento con differenza
di pressione interna m/h / Pa
1,0 / 3000 1,4 / 4500
3.8 Portata aria m/h / Pa 2500 4000
3.9 Liquido refrigerante; quantit totale di riempimento tipo/kg R404A/4,7 R404A/5,7
3.10 Lubrificanti; quantit totale tipo/litri Poliolestere (POE)/1,5 Poliolestere (POE)/1,9
4 Dimensioni, raccordi e peso
4.1 Dimensioni dell'apparecchio A x P x L cm 136 x 136 x 85 157 x 155 x 85
4.2 Raccordi dell'apparecchio per il riscaldamento Pollici Filetto esterno G 1'' Filetto esterno G 1''
4.3 Raccordi dell'apparecchio per scambiatore di calore supplementare
(sfruttamento calore residuo) pollici
Filetto esterno G 1'' Filetto esterno G 1''
4.4 Peso collo/i incl. imballaggio kg 241 289
5 Allacciamento elettrico
5.1 Tensione nominale; protezione V/A 400 / 16 400 / 20
5.2 Potenza nominale
2
A2 W35 kW 2.74 3.8
5.3 Corrente di avviamento con avviatore dolce A 23 25
5.4 Corrente nominale A2 W35/cos A/--- 4,9 / 0,8 6,9 / 0,8
5.5 Max. potenza assorbita protezione compressore
(per ciascun compressore) W
70 70
6 Conforme alle norme europee sulla sicurezza
3
3. vedere Dichiarazione di conformit CE
3
7 Altre caratteristiche costruttive
7.1 Sbrinamento / tipo di sbrinamento / vasca di raccolta sbrinamento presente automatico / inversione di ciclo / s (riscaldata)
7.2 Protezione antigelo dell'acqua di riscaldamento nell'apparecchio s
4
4. La pompa di ricircolo del riscaldamento e il regolatore della pompa di calore devono essere sempre pronti all'esercizio.
s
4
7.3 Livelli di potenza 1 1
7.4 Centralina interna/esterna Esterna Esterna
4.5
26
4.5 Curve caratteristiche pompe di calore aria/acqua reversibili
4.5.1 Curve caratteristiche LIK 8MER (esercizio di riscaldamento)
0
2
4
6
8
10
12
14
16
-20 -10 0 10 20 30 40
35
50
0
1
2
3
4
5
6
-20 -10 0 10 20 30 40
35
50
0
1
2
3
4
-20 -10 0 10 20 30 40
50
35
0
1000
2000
3000
4000
5000
6000
7000
8000
9000
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 1.4
Potenza termica in [kW] Temperatura uscita acqua in [C]
Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)
Perdita di pressione in [Pa]
Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Portata d'acqua di riscaldamento in [m/h]
Condizioni:
Portata dell'acqua
di riscaldamento
0,8 m
3
/h
Condensatore
Temperatura ingresso aria in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]
Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua 4.5.2
www.dimplex.de 27
4.5.2 Curve caratteristiche LI 11MER / LA 11MSR (esercizio di riscaldamento)


Potenza termica in [kW]


Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]


Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)


Perdita di pressione in [Pa]
Temperatura ingresso aria in [C]
Portata acqua riscaldamento in [m/h]


Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Portata acqua riscaldamento in [m/h]
Condizioni:
Portata acqua riscaldamento 1,0 m
3
/h

Condensatore
4.5.3
28
4.5.3 Curve caratteristiche LI 11TER+ / LA 11ASR (esercizio di riscaldamento)

Potenza termica in [kW]

Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]


Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)


Perdita di pressione in [Pa]
Temperatura ingresso aria in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]


Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Portata acqua riscaldamento in [m/h]
Condizioni:
Portata acqua riscaldamento 1,0 m
3
/h

Condensatore
Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua 4.5.4
www.dimplex.de 29
4.5.4 Curve caratteristiche LI 16TER+ / LA 16ASR (esercizio di riscaldamento)
0
5
10
15
20
25
30
-20 -10 0 10 20 30 40
35
50
0
1
2
3
4
5
6
-20 -10 0 10 20 30 40
35
50
0
1
2
3
4
5
6
7
-20 -10 0 10 20 30 40
50
35
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
14000
16000
18000
20000
0 0,5 1 1,5 2 2,5 3

Potenza termica in [kW]

Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]


Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)


Perdita di pressione in [Pa]
Temperatura ingresso aria in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]


Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Portata acqua riscaldamento in [m/h]
Condizioni:
Portata acqua riscaldamento 1,4 m
3
/h

Condensatore
4.5.5
30
4.5.5 Curve caratteristiche LIK 8MER (esercizio di raffrescamento)
Potenza di raffrescamento in [kW] Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]
Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa) Perdita di pressione in [Pa]
Temperatura ingresso aria in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Portata d'acqua di riscaldamento in [m/h]
Condensatore
Condizioni:
Portata dell'acqua
di riscaldamento
0,8 m
3
/h
Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua 4.5.6
www.dimplex.de 31
4.5.6 Curve caratteristiche LI 11MER / LA 11MSR (esercizio di raffrescamento)

Condensatore


Potenzialit frigorifera in [kW]


Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]


Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)


Perdita di pressione in [Pa]
Temperatura ingresso aria in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]


Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Portata acqua riscaldamento in [m/h]
Condizioni:
Portata acqua 1,0 m
3
/h
4.5.7
32
4.5.7 Curve caratteristiche LI 11TER+ / LA 11ASR (esercizio di raffrescamento)

Condensatore


Potenzialit frigorifera in [kW]


Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]


Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)


Perdita di pressione in [Pa]
Temperatura ingresso aria in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]


Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Portata acqua riscaldamento in [m/h]
Condizioni:
Portata acqua 1,0 m
3
/h
Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua 4.5.8
www.dimplex.de 33
4.5.8 Curve caratteristiche LI 16TER+ / LA 16ASR (esercizio di raffrescamento)
0
5
10
15
20
25
30
10 15 20 25 30 35 40 45
18
7
0
0,5
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
10 15 20 25 30 35 40 45
18
7
0
1
2
3
4
5
6
7
10 15 20 25 30 35 40 45
18
7
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
14000
16000
18000
20000
0 0,5 1 1,5 2 2,5 3

Condensatore

Potenzialit frigorifera in [kW]

Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]


Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)


Perdita di pressione in [Pa]
Temperatura ingresso aria in [C]
Temperatura ingresso aria in [C]


Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Portata acqua riscaldamento in [m/h]
Condizioni:
Portata acqua 1,4 m
3
/h
4.6
34
4.6 Dimensioni pompe di calore aria/acqua reversibili
4.6.1 Dimensioni LIK 8MER
4
x

f
i
l
e
t
t
i

i
n
t
e
r
n
i

M
8
x
1
5
S
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a


i
n
t
e
r
n
o

3
0

m
m
S
o
v
r
a
p
r
e
s
s
i
o
n
e

c
i
r
c
u
i
t
o

d
i

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o


i
n
t
e
r
n
o

1
9

m
m
L
i
n
e
e

e
l
e
t
t
r
i
c
h
e
M
a
n
d
a
t
a

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

U
s
c
i
t
a

d
a

P
D
C

F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1
"
R
i
t
o
r
n
o

c
o
m
u
n
e

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l
l
a

P
D
C

f
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1
"
R
u
b
i
n
e
t
t
o

d
i

r
i
e
m
p
i
m
e
n
t
o

e

s
c
a
r
i
c
o
M
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

U
s
c
i
t
a

d
a

P
D
C

F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1
"
A
l
l
a
c
c
i
a
m
e
n
t
i


a
c
q
u
a
T
u
b
o

d
i

s
c
a
r
i
c
o


d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
L
a
t
o

o
p
e
r
a
t
o
r
e
1
1
2
2
3
3
4
4
5
5
6
6
7
7
8
8
4
x

f
i
l
e
t
t
i

i
n
t
e
r
n
i

M
8
x
1
5
R
u
b
i
n
e
t
t
o

d
i

r
i
e
m
p
i
m
e
n
t
o

e

s
c
a
r
i
c
o
S
o
v
r
a
p
r
e
s
s
i
o
n
e

c
i
r
c
u
i
t
o

d
i

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o


i
n
t
e
r
n
o

1
9

m
m
M
a
n
d
a
t
a

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

U
s
c
i
t
a

d
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1
"
T
u
t
t
i

g
l
i

a
l
l
a
c
c
i
a
m
e
n
t
i

a
c
q
u
a
,

c
o
m
p
r
e
s
o

5
0
0

m
m

d
i

t
u
b
o

f
l
e
s
s
i
b
i
l
e

e

r
a
c
c
o
r
d
o

d
o
p
p
i
o

f
i
l
e
t
t
a
t
o

(
e
n
t
r
a
m
b
i

i
n

d
o
t
a
z
i
o
n
e
)
Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua 4.6.2
www.dimplex.de 35
4.6.2 Dimensioni LI 11MER
D
i
r
e
z
i
o
n
e

a
r
i
a
L
a
t
o

c
o
m
a
n
d
o
D
i
r
e
z
i
o
n
e

a
r
i
a
4

x

f
i
l
e
t
t
a
t
u
r
a

i
n
t
e
r
n
a

M
8
x
1
5
M
a
n
d
a
t
a

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

U
s
c
i
t
a

d
a

P
D
C

f
i
l
e
t
t
a
t
u
r
a

e
s
t
e
r
n
a

1

R
i
t
o
r
n
o

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

n
g
r
e
s
s
o

i
n

P
D
C

f
i
l
e
t
t
a
t
u
r
a

e
s
t
e
r
n
a

1

S
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a


i
n
t
e
r
n
o

3
0

m
m
T
u
b
o

d
i

s
c
a
r
i
c
o

c
o
n
d
e
n
s
a
A
l
l
a
c
c
i
a
m
e
n
t
o

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o
C
a
v
i

e
l
e
t
t
r
i
c
i
4

x

f
i
l
e
t
t
a
t
u
r
a

i
n
t
e
r
n
a

M
8
x
1
5
D
i
r
e
z
i
o
n
e

a
r
i
a
4.6.3
36
4.6.3 Dimensioni LI 11TER+
4

x

f
i
l
e
t
t
a
t
u
r
a

i
n
t
e
r
n
a

M
8
x
1
5
D
i
r
e
z
i
o
n
e

a
r
i
a
4

x

f
i
l
e
t
t
a
t
u
r
a

i
n
t
e
r
n
a

M
8
x
1
5
C
a
v
i

e
l
e
t
t
r
i
c
i
M
a
n
d
a
t
a

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

U
s
c
i
t
a

d
a

P
D
C

f
i
l
e
t
t
a
t
u
r
a

e
s
t
e
r
n
a

1

R
i
t
o
r
n
o

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

n
g
r
e
s
s
o

i
n

P
D
C

f
i
l
e
t
t
a
t
u
r
a

e
s
t
e
r
n
a

1

M
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

U
s
c
i
t
a

d
a

P
D
C

f
i
l
e
t
t
a
t
u
r
a

e
s
t
e
r
n
a

1

R
i
t
o
r
n
o

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

n
g
r
e
s
s
o

i
n

P
D
C

f
i
l
e
t
t
a
t
u
r
a

e
s
t
e
r
n
a

1

S
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a

D
i
a
m
e
t
r
o

i
n
t
e
r
n
o

3
0

m
m
T
u
b
o

d
i

s
c
a
r
i
c
o

c
o
n
d
e
n
s
a
A
l
l
a
c
c
i
a
m
e
n
t
o

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o
L
a
t
o

c
o
m
a
n
d
o
D
i
r
e
z
i
o
n
e

a
r
i
a
D
i
r
e
z
i
o
n
e

a
r
i
a
A
l
l
a
c
c
i
a
m
e
n
t
o

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a
Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua 4.6.4
www.dimplex.de 37
4.6.4 Dimensioni LI 16TER+
4

x

f
ile
t
t
a
t
u
r
a

in
t
e
r
n
a

M
8
x
1
5
D
i
r
e
z
i
o
n
e

a
r
i
a
4

x

f
ile
t
t
a
t
u
r
a

in
t
e
r
n
a

M
8
x
1
5
C
a
v
i
e
le
t
t
r
ic
i
M
a
n
d
a
t
a

r
is
c
a
ld
a
m
e
n
t
o

U
s
c
it
a

d
a

P
D
C

f
ile
t
t
a
t
u
r
a

e
s
t
e
r
n
a

1

R
it
o
r
n
o

a
c
q
u
a

c
a
ld
a

n
g
r
e
s
s
o

in

P
D
C

f
ile
t
t
a
t
u
r
a

e
s
t
e
r
n
a

1

M
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

c
a
ld
a

U
s
c
it
a

d
a

P
D
C

f
ile
t
t
a
t
u
r
a

e
s
t
e
r
n
a

1

R
it
o
r
n
o

r
is
c
a
ld
a
m
e
n
t
o

n
g
r
e
s
s
o

in

P
D
C

f
ile
t
t
a
t
u
r
a

e
s
t
e
r
n
a

1

S
c
a
r
ic
o

d
e
lla

c
o
n
d
e
n
s
a

D
ia
m
e
t
r
o

in
t
e
r
n
o

3
0

m
m
T
u
b
o

d
i
s
c
a
r
ic
o

c
o
n
d
e
n
s
a
A
lla
c
c
ia
m
e
n
t
o

r
is
c
a
ld
a
m
e
n
t
o
L
a
t
o

c
o
m
a
n
d
o
D
i
r
e
z
i
o
n
e

a
r
i
a
D
i
r
e
z
i
o
n
e

a
r
i
a
A
lla
c
c
ia
m
e
n
t
o

a
c
q
u
a

c
a
ld
a
4.6.5
38
4.6.5 Dimensioni LA 11MSR
1
1
2
2 34
4
5
5
6
6
R
i
t
o
r
n
o

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

n
g
r
e
s
s
o

i
n

P
D
C

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1
"
M
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

U
s
c
i
t
a

d
a

P
D
C

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1
"
S
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a


i
n
t
e
r
n
o

3
0

m
m
L
i
n
e
e

e
l
e
t
t
r
i
c
h
e
Z
o
c
c
o
l
o

p
o
m
p
a

d
i

c
a
l
o
r
e
Z
o
n
a

p
a
s
s
a
g
g
i

c
i
r
c
u
i
t
o

d
i

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o
,

s
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a
,

c
a
v
i

e
l
e
t
t
r
i
c
i
123
L
i
n
e
e

e
l
e
t
t
r
i
c
h
e
Z
o
n
a

p
a
s
s
a
g
g
i

c
i
r
c
u
i
t
o

d
i

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o
,
s
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a
,

c
a
v
i

e
l
e
t
t
r
i
c
i
D
i
s
e
g
n
o

d
e
l
l
a

f
o
n
d
a
z
i
o
n
e
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
L
a
t
o

o
p
e
r
a
t
o
r
e
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
Raffrescamento attivo con pompe di calore aria/acqua 4.6.6
www.dimplex.de 39
4.6.6 Dimensioni LA 11ASR
5678
R
i
t
o
r
n
o

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

n
g
r
e
s
s
o

i
n

P
D
C

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1
"
M
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

U
s
c
i
t
a

d
a

P
D
C

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1
"
R
i
t
o
r
n
o

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

n
g
r
e
s
s
o

i
n

P
D
C

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1
"
M
a
n
d
a
t
a

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

U
s
c
i
t
a

d
a

P
D
C

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1
"
S
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a


i
n
t
e
r
n
o

3
0

m
m
L
i
n
e
e

e
l
e
t
t
r
i
c
h
e
Z
o
c
c
o
l
o

p
o
m
p
a

d
i

c
a
l
o
r
e
Z
o
n
a

p
a
s
s
a
g
g
i

c
i
r
c
u
i
t
o

d
i

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o
,

s
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a
,

c
a
v
i

e
l
e
t
t
r
i
c
i
1234
S
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a


i
n
t
e
r
n
o

3
0

m
m
Z
o
c
c
o
l
o

p
o
m
p
a

d
i

c
a
l
o
r
e
1
3
234
412 56
7
8
D
i
s
e
g
n
o

d
e
l
l
a

f
o
n
d
a
z
i
o
n
e
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
L
a
t
o

o
p
e
r
a
t
o
r
e
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
4.6.7
40
4.6.7 Dimensioni LA 16ASR
1
3
234
412 56
7
8
5678
R
i
t
o
r
n
o

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

n
g
r
e
s
s
o

i
n

P
D
C

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1
"
M
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

U
s
c
i
t
a

d
a

P
D
C

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1
"
R
i
t
o
r
n
o

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

n
g
r
e
s
s
o

i
n

P
D
C

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1
"
M
a
n
d
a
t
a

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

U
s
c
i
t
a

d
a

P
D
C

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1
"
S
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a


i
n
t
e
r
n
o

3
0

m
m
L
i
n
e
e

e
l
e
t
t
r
i
c
h
e
Z
o
c
c
o
l
o

p
o
m
p
a

d
i

c
a
l
o
r
e
Z
o
n
a

p
a
s
s
a
g
g
i

c
i
r
c
u
i
t
o

d
i

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o
,

s
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a
,

c
a
v
i

e
l
e
t
t
r
i
c
i
1234
S
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a


i
n
t
e
r
n
o

3
0

m
m
Z
o
c
c
o
l
o

p
o
m
p
a

d
i

c
a
l
o
r
e
D
i
s
e
g
n
o

d
e
l
l
a

f
o
n
d
a
z
i
o
n
e
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
L
a
t
o

o
p
e
r
a
t
o
r
e
D
i
r
e
z
i
o
n
e

d
e
l
l
'
a
r
i
a
Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua 5.1.2
www.dimplex.de 41
5 Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/
acqua
5.1 Dimensionamento delle sonde di calore geotermico per il
raffrescamento e il riscaldamento
Con le pompe di calore reversibili la sonda geotermica deve
essere dimensionata da uno studio di progettazione
specializzato in geotermia, sia per il riscaldamento sia per il
raffrescamento. Questi i parametri da rispettare:
Natura del suolo
Ore a pieno carico e temperatura minima ammessa per
l'acqua glicolica in esercizio di riscaldamento
Ore a pieno carico e temperatura minima ammessa per
l'acqua glicolica in esercizio di raffrescamento
NOTA
I prerequisiti necessari per lo sfruttamento del terreno come sorgente di
calore nell'esercizio di riscaldamento si trovano nel manuale di
progettazione e installazione della Dimplex.
tab. 5.1: Potenza frigorifera in esercizio di riscaldamento e calore residuo da sottrarre in esercizio di raffrescamento
5.1.1 Indicazioni di dimensionamento - Cessione di calore al terreno
NOTA
Contrariamente a quanto avviene in esercizio di riscaldamento la potenza
assorbita dal compressore non pu essere utilizzata, bens viene
scaricata nel terreno come calore residuo aggiuntivo.
La potenza ceduta nel punto di progetto (ad es. temperatura
dell'acqua glicolica 20 C, temperatura di uscita dell'acqua di
raffrescamento 12 C) si ottiene dalla potenzialit frigorifera pi
la potenza elettrica assorbita della pompa di calore nel punto di
progetto.
5.1.2 Dimensionamento della pompa di ricircolo dell'acqua glicolica
La portata volumetrica dell'acqua glicolica, che dipende dalla
potenza della pompa di calore, viene fatta circolare dalla pompa
di ricircolo dell'acqua glicolica. Dalla portata di acqua glicolica
indicata nelle Informazioni sull'apparecchio risulta un
differenziale termico della sorgente di calore in esercizio di
riscaldamento pari a circa 3 K. Oltre alla portata volumetrica
necessario rispettare le perdite di carico del circuito geotermico
e attenersi ai dati tecnici del produttore della pompa. Devono
inoltre essere assommate le perdite di carico in tubazioni
collegate in serie, dispositivi annessi e scambiatori di calore.
NOTA
Rispetto all'acqua pura, la perdita di carico di una miscela antigelo/acqua
(al 25 %) superiore di un fattore che varia da 1,5 a 1,7, mentre la portata
di molte pompe di ricircolo cala di circa il 10 %.
Pompa di calore
Portata minima
acqua glicolica
Potenza frigorifera da assorbire
in esercizio di riscaldamento
con B0/W35
Calore residuo da sottrarre in
esercizio di raffrescamento
con B20/W18
m
3
/h kW kW
SI 5MER 1,2 3,7 7,8
SI 7MER 1,7 4,8 10,2
SI 9MER 2,3 7,0 14,2
SI 11MER 3,0 8,8 16,9
Pompa di calore
Portata minima
acqua glicolica
Potenza frigorifera da assorbire
in esercizio di riscaldamento
con B0/W35
Calore residuo da sottrarre in
esercizio di raffrescamento
con B20/W18
m
3
/h kW kW
SI 30TER+ 6,7 21,1 52,0
SI 75TER+ 14,0 45,2 105,3
Potenzialit frigorifera della pompa di calore
+ Potenza elettrica assorbita dalla pompa di calore
= Calore residuo da cedere al terreno
5.1.3
42
5.1.3 Acqua glicolica
Concentrazione dell'acqua glicolica
Per evitare danni causati dal gelo all'evaporatore della pompa di
calore, all'acqua del circuito geotermico va aggiunta una
sostanza antigelo. A causa delle temperature presenti nel
circuito del freddo per le pompe di calore acqua glicolica/acqua
con una temperatura minima di ingresso dell'acqua glicolica pari
a -5 C necessaria una protezione antigelo da -14 C a -18 C.
NOTA
Per evitare un eventuale congelamento del condensatore la protezione
antigelo deve essere inferiore di almeno 9 Kelvin rispetto alla temperatura
minima ammessa di ingresso dell'acqua glicolica.
Viene utilizzato un antigelo a base di glicole monoetilenico. In
caso di posa interrata la concentrazione dell'acqua glicolica
pari al 25 %, massimo 30 %.
ATTENZIONE!
Il funzionamento di una pompa di calore acqua glicolica/acqua con sola
acqua (senza antigelo) non ammesso, dato che i dispositivi di sicurezza
della pompa di calore non possono impedire il danneggiamento
irreparabile del compressore o dello scambiatore di calore.
Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua 5.2.1
www.dimplex.de 43
5.2 Informazioni sull'apparecchio
5.2.1 Pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili - monofase 230 V
Informazioni sull'apparecchio - Pompe di calore acqua glicolica/acqua per riscaldamento
1 Modello e denominazione commerciale
SI 5MER SI 7MER SI 9MER SI 11MER
2 Formato
2.1 Esecuzione Reversibile Reversibile Reversibile Reversibile
2.2 Grado di protezione a norma EN 60 529 IP 20 IP 20 IP 20 IP 20
2.3 Luogo dell'installazione Interno Interno Interno Interno
3 Dati prestazionali
3.1 Limiti d'applicazione - temperatura:
Mandata acqua di riscaldamento C fino a 58 fino a 58 fino a 58 fino a 58
Raffrescamento, mandata C da +7 a +20 da +7 a +20 da +7 a +20 da +7 a +20
Acqua glicolica (sorgente di calore, riscaldamento) C da -5 a +25 da -5 a +25 da -5 a +25 da -5 a +25
Acqua glicolica (dissipatore di calore, raffrescamento) C da +5 a +25 da +5 a +25 da +5 a +25 da +5 a +25
Antigelo
Glicole
monoetilenico
Glicole
monoetilenico
Glicole
monoetilenico
Glicole
monoetilenico
Concentrazione minima dell'acqua glicolica
(temperatura di congelamento -13C)
25% 25% 25% 25%
3.2 Differenziale termico acqua di riscald.con B0/W35 K 9,4 5 9,1 5 10,6 5 9,9 5
3.3 Potenza termica/Coefficiente di prestazione con B-5/W55
1
kW/---
1. Questi dati caratterizzano la dimensione e l'efficienza dell'impianto conformemente alla norma EN 255 e EN 14511. Per considerazioni di carattere economico ed energetico
necessario valutare il punto di bivalenza e la regolazione. Ad esempio, B10/W55 stanno per temperatura della sorgente di calore 10 C e temperatura della mandata dell'acqua di
riscaldamento 55 C.
4,2 / 2,0 5,4 / 2,1 7,5 / 2,0 9,8 / 2,1
con B0/W45
1
kW/--- 4,7 / 2,9 6,0 / 2,9 8,6 / 2,8
10,8 /
3,0
con B0/W50
1
kW/--- 4,8 / 2,7 6,2 / 2,7 8,8 / 2,8 11,3/2,9
con B0/W35
1
kW/--- 4,9 / 4,0 4,8 / 3,9 6,4 / 4,0 6,3 / 3,9 9,3 / 4,0 9,1 / 3,9
11,6 /
4,1
11,4 /
4,0
3.4 Potenzialit frigorifera/coefficiente di prestazionecon B20/W8kW/--- 5,4 / 4,6 5,3 / 4,6 7,0 / 4,5 6,9 / 4,4 9,9 / 4,6 9,8 / 4,5
11,4 /
4,6
11,3 /
4,4
con B20/W18 kW/--- 6,6 / 5,3 6,4 / 5,3 8,6 / 5,3 8,4 / 5,2
12,0 /
5,4
11,9 /
5,2
14,1 /
5,3
13,9 /
5,2
con B10/W8 kW/--- 5,4 / 5,6 5,3 / 5,6 7,0 / 5,5 6,9 / 5,4 9,9 / 5,6 9,8 / 5,4
11,6 /
5,7
11,4 /
5,5
con B10/W18 kW/--- 6,8 / 6,7 6,6 / 6,2 8,8 / 6,6 8,6 / 6,4
12,4 /
6,7
12,2 /
6,6
14,1 /
6,5
13,8 /
6,3
3.5 Livello di potenza sonora dB(A) 54 55 56 56
3.6 Portata d'acqua di riscaldamento con differenza
di pressione interna m/h / Pa
0,45 /
1900
0,85 /
6500
0,6 /
3300
1,1 /
10800
0,75 /
2300
1,55 /
9700
1,0 /
4100
2,0 /
16000
3.7 Portata acqua glicolica in presenza di differenza
di pressione interna (sorgente di calore) m/h / Pa
1,2 /
16000
1,2 /
16000
1,7 /
29500
1,4 /
22100
2,3 /
25000
1,8 /
17000
3,0 /
24000
2,5 /
17000
3.8 Liquido refrigerante; quantit totale di riempimento tipo/kg R407C/1,3 R407C/1,6 R407C/1,6 R407C/2,0
3.9 Lubrificanti; quantit totale tipo/litri
Poliolestere
(POE) / 1,0
Poliolestere
(POE) / 1,0
Poliolestere
(POE) / 1,1
Poliolestere
(POE) / 1,36
4 Dimensioni, raccordi e peso
4.1 Dimensioni dell'apparecchio senza raccordi
2
A x P x L mm
2. Tenere presente che il fabbisogno di spazio per l'allacciamento dei tubi, l'utilizzo e la manutenzione maggiore.
800 600 450 800 600 450 800 600 450 800 600 450
4.2 Raccordi dell'apparecchio per il riscaldamento Pollici G 1" filetto G 1" filetto G 1" filetto G 1" filetto
4.3 Raccordi dell'apparecchio per la sorgente di calore Pollici G 1" filetto G 1" filetto G 1" filetto G 1" filetto
4.4 Peso collo/i incl. imballaggio kg 115 117 124 128
5 Allacciamento elettrico
5.1 Tensione nominale; protezione V/A 230 / 16 230 / 16 230 / 20 230 / 25
5.2 Potenza nominale
1
B0 W35 kW
1,22 1,23 1,60 1,62 2,32 2,33 2,83 2,85
5.3 Corrente di avviamento con avviatore dolce A 24 26 38 38
5.4 Corrente nominale B0 W35/cos A/--- 6,8 / 0,8 6,9 / 0,8 9,1 / 0,8 9,2 / 0,8
12,5 /
0,8
12,6 /
0,8
15,2 /
0,8
15,3 /
0,8
6 Conforme alle norme europee sulla sicurezza
3
3. vedere Dichiarazione di conformit CE
3 3 3
7 Altre caratteristiche costruttive
7.1 Protezione antigelo dell'acqua nell'apparecchio
4
4. La pompa di ricircolo del riscaldamento e il regolatore della pompa di calore devono essere sempre pronti all'esercizio.
no no no no
7.2 Livelli di potenza / Centralina interna/esterna 1 / Interna 1 / Interna 1 / Interna 1 / Interna
5.2.2
44
5.2.2 Pompa di calore acqua glicolica/acqua reversibile
Informazioni sull'apparecchio - Pompe di calore acqua glicolica/acqua per riscaldamento
1 Modello e denominazione commerciale
SI 75ZSR
2 Formato
2.1 Esecuzione Reversibile
2.2 Grado di protezione a norma EN 60 529 IP 21
2.3 Luogo dell'installazione Interno
3 Dati prestazionali
3.1 Limiti d'applicazione - temperatura:
Mandata acqua di riscaldamento C Fino a 55
Raffrescamento, mandata C da +7 a +20
Acqua glicolica (sorgente di calore, riscaldamento) C da -5 a +25
Acqua glicolica (dissipatore di calore, raffrescamento) C da +5 a +30
Antigelo Glicole monoetilenico
Concentrazione minima dell'acqua glicolica
(temperatura di congelamento -13C)
25%
3.2 Differenziale termico acqua di riscald.con B0/W35 K 5
3.3 Potenza termica/coefficiente di prestazione con B-5/W55
1
kW/---
2
1. Questi dati caratterizzano la dimensione e l'efficienza dell'impianto conformemente alla norma EN 14511. Per considerazioni di carattere economico ed energetico necessario
valutare il punto di bivalenza e la regolazione. Ad esempio, B10/W55 stanno per temperatura della sorgente di calore 10 C e temperatura della mandata dell'acqua di
riscaldamento 55 C.
2. Funzionamento a 2 compressori
54,9 / 2,0
kW/---
3
3. Funzionamento a 1 compressore
27,3 / 2,1
con B0/W50
1
kW/---
2 62,3 / 2,5
kW/---
3 31,3 / 2,5
con B0/W35
1
kW/---
2 65,3 / 3,5
kW/---
3 35,1 / 3,8
3.4 Potenzialit frigorifera, coefficiente di prestazionecon B20/W8kW/---
2 82,1 / 5,0
kW/---
3 44,9 / 6,4
con B20/W18 kW/---
2 100,0 / 5,6
kW/---
3 55,0 / 7,4
con B10/W8 kW/---
2 86,6 / 6,1
kW/---
3 47,4 / 7,7
con B10/W18 kW/---
2 98,2 / 6,3
kW/---
3 53,2 / 8,2
3.5 Livello di potenza sonora dB(A) 69
3.6 Livello di pressione sonora a 1 m di distanza dB(A) 54
3.7 Portata d'acqua di riscaldamento con differenza
di pressione interna m/h / Pa
11,5 / 7300
3.8 Portata acqua glicolica in presenza di differenza
di pressione interna (sorgente di calore) m/h / Pa
20,5 / 17800
3.9 Liquido refrigerante; quantit totale di riempimento tipo/kg R404A/16,1
3.10 Lubrificanti; quantit totale tipo/litri 160 SZ / 6,5
4 Dimensioni, raccordi e peso
4.1 Dimensioni dell'apparecchio senza raccordi
4
A x P x L mm
4. Tenere presente che il fabbisogno di spazio per l'allacciamento dei tubi, l'utilizzo e la manutenzione maggiore.
1890 1350 750
4.2 Raccordi dell'apparecchio per il riscaldamento Pollici G 2'' filetto int/est
4.3 Raccordi dell'apparecchio per la sorgente di calore Pollici G 2 1/2'' filetto int/est
4.4 Peso collo/i incl. imballaggio kg 607
5 Allacciamento elettrico
5.1 Tensione nominale; protezione V/A 400 / 63
5.2 Potenza nominale
1
B0 W35 kW
18,86
5.3 Corrente di avviamento con avviatore dolce A 105
5.4 Corrente nominale B0 W35/cos
2
A/---
34,03 / 0,8
6 Conforme alle norme europee sulla sicurezza
5
5. vedere Dichiarazione di conformit CE
7 Altre caratteristiche costruttive
7.1 Protezione antigelo dell'acqua nell'apparecchio
6
6. La pompa di ricircolo del riscaldamento e il regolatore della pompa di calore devono essere sempre pronti all'esercizio.
s
7.2 Livelli di potenza/centralina 2 / interna
Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua 5.2.3
www.dimplex.de 45
5.2.3 Pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili con sfruttamento del calore
residuo
Informazioni sull'apparecchio - Pompe di calore acqua glicolica/acqua per riscaldamento
1 Modello e denominazione commerciale
SI 30TER+ SI 75TER+
2 Formato
2.1 Esecuzione
Reversibile con scambiatore di
calore supplementare
Reversibile con scambiatore di
calore supplementare
2.2 Grado di protezione a norma EN 60 529 / Luogo dell'installazione IP 21 / Interno IP 21 / Interno
3 Dati prestazionali
3.1 Limiti d'applicazione - temperatura:
1
1. vedere curve di potenza
Mandata acqua di riscaldamento C fino a 551 fino a 551
Raffrescamento, mandata C da +7 a +20 da +7 a +20
Acqua glicolica (sorgente di calore, riscaldamento) C da -5 a +25 da -5 a +25
Acqua glicolica (dissipatore di calore, raffrescamento) C da +5 a +30 da +5 a +30
Antigelo Glicole monoetilenico Glicole monoetilenico
Concentrazione minima dell'acqua glicolica
(temperatura di congelamento -13C)
25% 25%
3.2 Differenziale termico acqua di riscald. con B0/W35 K 5 5
3.3 Potenza termica/coefficiente di prestazione
2
con B-5/W55
3
kW/---
4
2. I coefficienti di prestazione vengono raggiunti anche con produzione parallela di acqua calda tramite scambiatore di calore supplementare.
3. Questi dati caratterizzano le dimensioni e l'efficienza dell'impianto in conformit alla norma EN14511. Per considerazioni di carattere economico ed energetico necessario
valutare il punto di bivalenza e la regolazione. Ad esempio, B0/W55 stanno per temperatura della sorgente di calore 0 C e temperatura della mandata dell'acqua di riscaldamento 55 C.
4. Funzionamento a 2 compressori
22,0 / 2,0 53,5 / 1,9
kW/---
5
5. Funzionamento a 1 compressore
11,1 / 2,1 28,0 / 2,0
con B0/W55
3
kW/---
4 24,9 / 2,2 59,5 / 2,1
kW/---
5 12,8 / 2,3 30,0 / 2,2
con B0/W35
3
kW/---
4 28,6 / 3,8
64,0 / 3,4
6
6. Con B0/W35 conformemente alla norma EN255: potenza calorifica 66,4 kW; coefficiente di prestazione 3,6
kW/---
5 15,2 / 4,2 34,0 / 3,7
3.4 Potenzialit frigorifera, coefficiente di prestazione
7
con B20/W10
3
kW/---
4
7. In esercizio di raffrescamento e con lo sfruttamento del calore residuo tramite uno scambiatore di calore supplementare si raggiungono coefficienti di prestazione decisamente
superiori.
35,3 / 5,3 75,5 / 4,5
con B20/W7
3
kW/---
5 18,2 / 6,1 46,0 / 6,4
con B20/W18
3
kW/---
4 44,6 / 6,2 86,5 / 5,1
kW/---
5 23,6 / 7,5 52,9 / 6,5
con B10/W7
3
kW/---
5 21,0 / 8,6 48,5 / 7,9
con B10/W18
3
kW/---
4 46,7 / 7,4 91,3 / 6,6
kW/---
5 25,4 / 9,5 57,1 / 8,6
3.5 Livello di potenza sonora dB(A) 62 69
3.6 Livello di pressione sonora a 1 m di distanza dB(A) 46 54
3.7 Portata d'acqua di riscaldamento con differenza
di pressione interna m/h / Pa
4,7 / 2200 11,0 / 6000
3.8 Portata acqua glicolica in presenza di differenza
di pressione interna (sorgente di calore) m/h / Pa
6,7 / 5300 14,0 / 9000
3.9 Portata scambiatore di calore supplementare
in presenza di differenza di pressione interna m/h / Pa
4,0 / 20000 6,0 / 7000
3.10 Liquido refrigerante; quantit totale di riempimento tipo/kg R404A/8,1 R404A/16,0
3.11 Lubrificanti; quantit totale tipo/litri Poliolestere (POE)/3,7 Poliolestere (POE)/6,7
4 Dimensioni, raccordi e peso
4.1 Dimensioni dell'apparecchio senza raccordi A x P x L mm 1660 x 1000 x 775 1890 1350 750
4.2 Raccordi dell'apparecchio per il riscaldamento Pollici G 1 1/2'' filetto int/est G 2'' filetto int/est
4.3 Raccordi dell'apparecchio per la sorgente di calore Pollici G 2'' filetto int/est G 2 1/2'' filetto int/est
4.4 Raccordi dell'apparecchio per acqua sanitaria Pollici G 1'' filetto int/est G 1 1/4'' filetto int/est
4.5 Peso collo/i incl. imballaggio kg 385 658
5 Allacciamento elettrico
5.1 Tensione nominale; protezione V/A 400 / 20 400 / 63
5.2 Potenza nominale
3

4
B0 W35 kW
7,53 18,82
5.3 Corrente di avviamento con avviatore dolce A 26 105
5.4 Corrente nominale B0 W35/cos
4
A/---
13,59 / 0,8 33,96 / 0,8
5.5 Max. potenza assorbita protezione compressore
(per ciascun compressore) W
70 65
6 Conforme alle norme europee sulla sicurezza
Conformit CE Conformit CE
7 Altre caratteristiche costruttive
7.1 Protezione antigelo dell'acqua nell'apparecchio
8
8. La pompa di ricircolo del riscaldamento e il regolatore della pompa di calore devono essere sempre pronti all'esercizio.
s s
7.2 Livelli di potenza/centralina 2 / interna 2 / interna
5.3
46
5.3 Curve caratteristiche pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili
5.3.1 Curve caratteristiche SI 5MER (esercizio di riscaldamento)
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
-10 -5 0 5 10 15 20 25 30
35
50
0
1
2
3
4
5
6
7
8
-10 -5 0 5 10 15 20 25 30
35
50
0
0.5
1
1.5
2
2.5
-10 -5 0 5 10 15 20 25 30
50
35
0
5000
10000
15000
20000
25000
0 0.5 1 1.5 2
0
10000
20000
30000
40000
50000
60000
70000
0 1 2 3
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza termica in [kW] Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Perdita di pressione in [Pa]
Perdita di pressione in [Pa]
Portata d'acqua di riscaldamento in [m/h]
Portata acqua glicolica in [m/h]
Condizioni:
Portata dell'acqua
di riscaldamento
Portata acqua glicolica
0,45 m
3
/h
1,2 m
3
/h
Evaporatore
Condensatore
Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua 5.3.2
www.dimplex.de 47
5.3.2 Curve caratteristiche SI 7MER (esercizio di riscaldamento)
0
2
4
6
8
10
12
-10 -5 0 5 10 15 20 25 30
35
50
0
1
2
3
4
5
6
7
-10 -5 0 5 10 15 20 25 30
35
50
0
1
2
3
-10 -5 0 5 10 15 20 25 30
50
35
0
5000
10000
15000
20000
25000
0 0.5 1 1.5 2
0
10000
20000
30000
40000
50000
60000
70000
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza termica in [kW] Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Perdita di pressione in [Pa]
Perdita di pressione in [Pa]
Portata d'acqua di riscaldamento in [m/h]
Portata acqua glicolica in [m/h]
Condizioni:
Portata dell'acqua
di riscaldamento
Portata acqua glicolica
0,6 m
3
/h
1,7 m
3
/h
Evaporatore
Condensatore
5.3.3
48
5.3.3 Curve caratteristiche SI 9MER (esercizio di riscaldamento)
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
-10 -5 0 5 10 15 20 25 30
35
50
0
1
2
3
4
5
6
7
-10 -5 0 5 10 15 20 25 30
35
50
0
1
2
3
4
-10 -5 0 5 10 15 20 25 30
50
35
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
14000
16000
18000
0 0.5 1 1.5 2
0
10000
20000
30000
40000
50000
60000
70000
0 1 2 3 4
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza termica in [kW] Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Perdita di pressione in [Pa]
Perdita di pressione in [Pa]
Portata d'acqua di riscaldamento in [m/h]
Portata acqua glicolica in [m/h]
Condizioni:
Portata dell'acqua
di riscaldamento
Portata acqua glicolica
0,75 m
3
/h
2,3 m
3
/h
Evaporatore
Condensatore
Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua 5.3.4
www.dimplex.de 49
5.3.4 Curve caratteristiche SI 11MER (esercizio di riscaldamento)
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
22
-10 -5 0 5 10 15 20 25 30
35
50
0
1
2
3
4
5
6
7
8
-10 -5 0 5 10 15 20 25 30
35
50
0
1
2
3
4
5
-10 -5 0 5 10 15 20 25 30
50
35
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
14000
16000
18000
0 0.5 1 1.5 2
0
10000
20000
30000
40000
50000
0 1 2 3 4
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza termica in [kW] Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Perdita di pressione in [Pa]
Perdita di pressione in [Pa]
Portata d'acqua di riscaldamento in [m/h]
Portata acqua glicolica in [m/h]
Condizioni:
Portata dell'acqua
di riscaldamento
Portata acqua glicolica
1,0 m
3
/h
3,0 m
3
/h
Evaporatore
Condensatore
5.3.5
50
5.3.5 Curve caratteristiche SI 75ZSR (esercizio di riscaldamento)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza calorifica in [kW]
Funzionamento a 2 compressori
Funzionamento a 1 compressori
Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota consumo pompa)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota consumo pompa)
Perdita di carico in [Pa]
Perdita di carico in [Pa]
Portata d'acqua di riscaldamento in [m/h]
Portata acqua glicolica in [m/h]
Condizioni :
Portata dell'acqua
di riscaldamento
Portata acqua glicolica
11,5 m
3
/h
20,5 m
3
/h
Evaporatore
Condensatore
Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua 5.3.6
www.dimplex.de 51
5.3.6 Curve caratteristiche SI 30TER+ (esercizio di riscaldamento)
4,7 m
3
/h
6,7 m
3
/h
Portata scambiatore di calore supplementare in [m/h]
Portata acqua di riscaldamento e/o acqua glicolica in [m/h]
Evaporatore - Condensatore
Scambiatore
di calore
supplementare
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza calorifica in [kW]
Funzionamento a 2 compressori
Funzionamento a 1 compressori
Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota consumo pompa)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota consumo pompa)
Perdita di carico in [Pa]
Perdita di carico in [Pa]
Condizioni :
Portata dell'acqua
di riscaldamento
Portata acqua glicolica
5.3.7
52
5.3.7 Curve caratteristiche SI 75TER+ (esercizio di riscaldamento)
11,0 m
3
/h
14,0 m
3
/h
Portata scambiatore di calore supplementare in [m/h]
Portata acqua di riscaldamento e/o acqua glicolica in [m/h]
Scambiatore
di calore
supplementare
Evaporatore - Condensatore
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza calorifica in [kW]
Funzionamento a 2 compressori
Funzionamento a 1 compressori
Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota consumo pompa)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota consumo pompa)
Perdita di carico in [Pa]
Perdita di carico in [Pa]
Condizioni :
Portata dell'acqua
di riscaldamento
Portata acqua glicolica
Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua 5.3.8
www.dimplex.de 53
5.3.8 Curve caratteristiche SI 5MER (esercizio di raffrescamento)
0
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
0 5 10 15 20 25 30
18
8
0
1
2
3
4
5
6
7
8
0 5 10 15 20 25 30
18
8
0
1
1
2
0 5 10 15 20 25 30
18
8
0
5000
10000
15000
20000
25000
0 0.5 1 1.5 2
0
10000
20000
30000
40000
50000
60000
70000
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza di raffrescamento in [kW] Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Perdita di pressione in [Pa]
Perdita di pressione in [Pa]
Portata d'acqua di riscaldamento in [m/h]
Portata acqua glicolica in [m/h]
Condizioni:
Portata dell'acqua
Portata acqua glicolica
0,45 m
3
/h
1,2 m
3
/h
Evaporatore
Condensatore
5.3.9
54
5.3.9 Curve caratteristiche SI 7MER (esercizio di raffrescamento)
0
2
4
6
8
10
12
14
0 5 10 15 20 25 30
18
8
0
1
2
3
4
5
6
7
8
0 5 10 15 20 25 30
18
8
0
1
1
2
2
0 5 10 15 20 25 30
18
8
0
5000
10000
15000
20000
25000
0 0.5 1 1.5 2
0
10000
20000
30000
40000
50000
60000
70000
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza di raffrescamento in [kW] Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Perdita di pressione in [Pa]
Perdita di pressione in [Pa]
Portata d'acqua di riscaldamento in [m/h]
Portata acqua glicolica in [m/h]
Condizioni:
Portata dell'acqua
Portata acqua glicolica
0,6m
3
/h
1,7 m
3
/h
Evaporatore
Condensatore
Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua 5.3.10
www.dimplex.de 55
5.3.10 Curve caratteristiche SI 9MER (esercizio di raffrescamento)
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
0 5 10 15 20 25 30
18
8
0
1
2
3
4
5
6
7
8
0 5 10 15 20 25 30
18
8
0
1
2
3
0 5 10 15 20 25 30
18
8
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
14000
16000
18000
0 0.5 1 1.5 2
0
10000
20000
30000
40000
50000
60000
70000
0 1 2 3 4
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza di raffrescamento in [kW] Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Perdita di pressione in [Pa]
Perdita di pressione in [Pa]
Portata d'acqua di riscaldamento in [m/h]
Portata acqua glicolica in [m/h]
Condizioni:
Portata dell'acqua
Portata acqua glicolica
0,75 m
3
/h
2,3 m
3
/h
Evaporatore
Condensatore
5.3.11
56
5.3.11 Curve caratteristiche SI 11MER (esercizio di raffrescamento)
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
0 5 10 15 20 25 30
18
8
0
1
2
3
4
5
6
7
8
0 5 10 15 20 25
18
8
0
1
2
3
0 5 10 15 20 25
18
8
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
14000
16000
18000
0 0.5 1 1.5 2
0
10000
20000
30000
40000
50000
0 1 2 3 4
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza di raffrescamento in [kW] Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota di potenza della pompa)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota di potenza della pompa)
Perdita di pressione in [Pa]
Perdita di pressione in [Pa]
Portata d'acqua di riscaldamento in [m/h]
Portata acqua glicolica in [m/h]
Condizioni:
Portata dell'acqua
Portata acqua glicolica
1,0 m
3
/h
3,0 m
3
/h
Evaporatore
Condensatore
Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua 5.3.12
www.dimplex.de 57
5.3.12 Curve caratteristiche SI 75ZSR (esercizio di raffrescamento)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenzialit frigorifera in [kW] Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota consumo pompa)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota consumo pompa)
Perdita di carico in [Pa]
Perdita di carico in [Pa]
Portata d'acqua di riscaldamento in [m/h]
Portata acqua glicolica in [m/h]
Condizioni :
Portata d'acqua
Portata acqua glicolica
11,5 m
3
/h
20,5 m
3
/h
Evaporatore
Condensatore
Funzionamento a 2 compressori
Funzionamento a 1 compressori
5.3.13
58
5.3.13 Curve caratteristiche SI 30TER+ (esercizio di raffrescamento)
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota consumo pompa))
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota consumo pompa)
Perdita di carico in [Pa]
Perdita di carico in [Pa]
Funzionamento a 2 compressori
Funzionamento a 1 compressori
Portata scambiatore di calore supplementare in [m/h]
Evaporatore Condensatore
Scambiatore
di calore
supplementare
Portata acqua di raffrescamento e/o acqua glicolica in [m/h]
Potenzialit frigorifera in [kW]
Condizioni :
Portata d'acqua
di raffrescamento
Portata acqua glicolica
4,7 m
3
/h
6,7 m
3
/h
Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua 5.3.14
www.dimplex.de 59
5.3.14 Curve caratteristiche SI 75TER+ (esercizio di raffrescamento)
Portata scambiatore di calore supplementare in [m/h]
Portata acqua di raffrescamento e/o acqua glicolica in [m/h]
11,0 m
3
/h
14,0 m
3
/h
Scambiatore
di calore
supplementare
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Temperatura uscita acqua in [C]
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenza assorbita (incl. quota consumo pompa))
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Coefficiente di prestazione (incl. quota consumo pompa)
Perdita di carico in [Pa]
Perdita di carico in [Pa]
Funzionamento a 2 compressori
Funzionamento a 1 compressori
Evaporatore Condensatore
Potenzialit frigorifera in [kW]
Condizioni :
Portata d'acqua
di raffrescamento
Portata acqua glicolica
5.4
60
5.4 Dimensioni pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili
5.4.1 Dimensioni SI 5MER - SI 11MER
circa 20
Alimentazione linee elettriche
Sorgente di calore
ngresso nella PDC
Filetto esterno 1 "
Sorgente di calore
Uscita dalla PDC
Filetto esterno 1 "
Mandata riscaldamento
Uscita da PDC
Filetto esterno 1 "
Ritorno riscaldamento
ngresso nella PDC
Filetto esterno 1 "
Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua 5.4.2
www.dimplex.de 61
5.4.2 Dimensioni SI 75ZSR
1
5
0
0
315 108
20 ca.
1
1
4
2
1
2
5
5
1
5
9
8
1
7
0
3
748
1
7
7
0
690
1
8
9
1
257
828
1348
177
112
1
1
3
1
1
0
0
682
1290
Linee elettriche
Filetto interno/esterno 2 "
Sorgente di calore
ngresso nella PDC
Filetto interno/esterno 2"
Ritorno riscaldamento
ngresso nella PDC
Filetto interno/esterno 2"
Mandata riscaldamento
Uscita dalla PDC
Filetto interno/esterno 2 "
Sorgente di calore
Uscita dalla PDC
5.4.3
62
5.4.3 Dimensioni SI 30TER+


(

1

:

2
0

)
5
3
5
6
5
5
1
1
2
1
7
7
1
0
0
0
1 6 6 0
9
4
2
9 0 0
9 0 0
9 1 0
1 0 1 5
1 3 7 0
1 3 7 5
1 4 8 0
2
0
c
a
.
7
7
4
1 6 6 5
6
9
0
2
9
5
0
0
1 3 6 0
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1

1
/
2
"

R
i
t
o
r
n
o

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1
"

R
i
t
o
r
n
o

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

2
"

S
o
r
g
e
n
t
e

d
i

c
a
l
o
r
e

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1

1
/
2
"

M
a
n
d
a
t
a

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

U
s
c
i
t
a

d
a
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1
"

M
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

U
s
c
i
t
a

d
a
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

2
"

S
o
r
g
e
n
t
e

d
i

c
a
l
o
r
e

U
s
c
i
t
a

d
a
l
l
a

P
D
C
L
i
n
e
e

e
l
e
t
t
r
i
c
h
e
1234567
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1
"
M
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

U
s
c
i
t
a

d
a
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

2
"
S
o
r
g
e
n
t
e

d
i

c
a
l
o
r
e

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l
l
a

P
D
C
L
i
n
e
e

e
l
e
t
t
r
i
c
h
e
1
2
3
4
5
6
7
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1

1
/
2
"

R
i
t
o
r
n
o

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l
l
a

P
D
C
Raffrescamento attivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua 5.4.4
www.dimplex.de 63
5.4.4 Dimensioni SI 75TER+


(

1

:

2
0

)
4
2
8
2
8
0
7
7
0
1
3
4
8
1 8 9 1
6
8
2
1 0 0
1
2
9
0
1 1 3 1
1
1
2
1
7
7
1 1 4 6
1 2 5 1
1 7 1 1
7
7
4
2
0
c
a
.

/

a
p
p
r
o
x
.

/

e
n
v
.
1 8 9 6
6
9
0
1 5 9 1
2
9
1 6 0 6
4
5
5
1 1 3 6
1 6 1 6
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

2
"

R
i
t
o
r
n
o

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1

1
/
4
"

R
i
t
o
r
n
o

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

2

1
/
2
"

S
o
r
g
e
n
t
e

d
i

c
a
l
o
r
e

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

2
"

M
a
n
d
a
t
a

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

U
s
c
i
t
a

d
a
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1

1
/
4
"

M
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

U
s
c
i
t
a

d
a
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

2

1
/
2
"

S
o
r
g
e
n
t
e

d
i

c
a
l
o
r
e

U
s
c
i
t
a

d
a
l
l
a

P
D
C
L
i
n
e
e

e
l
e
t
t
r
i
c
h
e
1
1
2
2
3
3
4
4
5
5
6
6
7
7
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

2
"

R
i
t
o
r
n
o

r
i
s
c
a
l
d
a
m
e
n
t
o

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

1

1
/
4
"
M
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

c
a
l
d
a

U
s
c
i
t
a

d
a
l
l
a

P
D
C
F
i
l
e
t
t
o

i
n
t
e
r
n
o
/
e
s
t
e
r
n
o

2

1
/
2
"
S
o
r
g
e
n
t
e

d
i

c
a
l
o
r
e

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l
l
a

P
D
C
L
i
n
e
e

e
l
e
t
t
r
i
c
h
e
6
64
6 Raffrescamento passivo tramite scambiatore di calore
6.1 Raffrescamento passivo con pompe di calore acqua/acqua
Il regolatore di raffrescamento passivo WPM PK amplia le
funzionalit del programmatore di una pompa di calore acqua/
acqua Dimplex aggiungendo la modalit di esercizio
Raffrescamento. Il trasferimento della potenzialit frigorifera
avviene tramite uno scambiatore di calore non compreso nella
dotazione di fornitura. Questo deve essere dimensionato in
funzione della potenzialit frigorifera da trasferire, della portata
volumetrica e della qualit dell'acqua.
tab. 6.1: Potenzialit frigorifera trasferibile con una temperatura d'ingresso dell'acqua di circa 10 C e una temperatura d'ingresso dell'acqua di raffrescamento di
20 C.
6.2 Raffrescamento passivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua
Le stazioni di raffrescamento passive PKS 14 e PKS 25 sono
costituite da uno scambiatore di calore, una pompa di ricircolo
dell'acqua glicolica, sensori termici, regolatore di raffrescamento
passivo, corredati da una valvola di distribuzione a 3 vie. Il
regolatore di raffrescamento integrato funziona in rete con il
programmatore della pompa di calore acqua glicolica/acqua
Dimplex, offrendo gli ulteriori collegamenti necessari al caso oltre
alle funzioni di regolazione per il raffrescamento.
NOTA
Qualora si rendano necessarie potenzialit frigorifere oltre 25 kW
possibile impiegare il regolatore di raffrescamento passivo descritto nel
cap. 6.1 a pag. 64 anche con le pompe di calore acqua glicolica/acqua.
Codice
d'ordinazione
Portata
volumetrica del
primario m
3
/h
Portata
volumetrica
del secondario
m
3
/h
Potenzialit
frigorifera kW
Attacchi
sorgente di
calore pollici
Larghezza x
altezza x
profondit
Peso
kg
WT 733 3.5 2.0 20 1 1/4 180 x 774 x 325 50
WT 1634 9.5 5.0 50 2 320 x 832 x 375 150
WT 1686 20 8.0 90 2 320 x 832 x 590 190
WT 16112 37 11.5 130 2 320 x 832 x 840 240
Raffrescamento passivo tramite scambiatore di calore 6.3.1
www.dimplex.de 65
6.3 Informazioni sull'apparecchio
6.3.1 Stazione di raffrescamento passivo
Informazioni sull'apparecchio stazione di raffrescamento passivo per pompe di calore acqua
glicolica/acqua
1 Modello e denominazione commerciale PKS 14 PKS 25
2 Formato
2.1 Grado di protezione a norma EN 60 529 IP 20 IP 20
2.2 Luogo dell'installazione Interno Interno
3 Dati prestazionali
3.1 Limiti d'applicazione - temperatura:
Acqua di raffrescamento C da +5 a +40 da +5 a +40
Acqua glicolica (dissipatore di calore) C da +2 a +15 da +2 a +15
Antigelo Glicole monoetilenico Glicole monoetilenico
Concentrazione minima dell'acqua glicolica
(temperatura di congelamento -13C)
25% 25%
3.2 Differenziale termico acqua di raffresc.con B10/WE20 K 8.2 7.0
Potenzialit frigorifera con B5/WE20
1
kW
1. Questi dati caratterizzano le dimensioni e l'efficienza dell'impianto. Ad esempio, B5/WE20 stanno per temperatura del dissipatore di calore 5 C e temperatura del ritorno dell'acqua
di raffrescamento (ingresso acqua) 20 C.
19.3 34.8
con B10/WE20
1
kW 13 23.7
con B15/WE20
1
kW 6.5 7.8
3.3 Portata acqua di raffresc. con diff. di pressione interna m/h / Pa 1,3 / 8000 2,9 / 17000
3.4 Portata acqua glicolica in presenza di differenza
di pressione interna (dissipatore di calore) m/h / Pa
2,5 / 29800 3,6 / 29000
3.5 Compressione libera (pompa a livello 3) Pa 28000 17000
4 Dimensioni, raccordi e peso
4.1 Dimensioni dell'apparecchio senza raccordi
2
A x P x L mm
2. Tenere presente che il fabbisogno di spazio per l'allacciamento dei tubi, l'utilizzo e la manutenzione maggiore.
320 x 650 x 400 320 x 650 x 400
4.2 Raccordi dell'apparecchio per il riscaldamento Pollici G 1" filetto esterno G 1" filetto esterno
4.3 Raccordi dell'apparecchio per la sorgente di calore Pollici G 1" filetto esterno G 1" filetto esterno
4.4 Peso collo/i incl. imballaggio kg 30 32
5 Allacciamento elettrico
5.1 Tensione nominale V 230 230
5.2 Potenza nominale (pompa a livello 3) W 200 200
6 Conforme alle norme europee sulla sicurezza
3
3. vedere Dichiarazione di conformit CE
3
7 Altre caratteristiche costruttive
7.1 Livelli di potenza pompa 3 3
7.2 Centralina interna/esterna Interna Interna
6.4.1
66
6.4 Curve caratteristiche
6.4.1 Curve caratteristiche PKS 14
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
4 6 8 10 12 14 16 18
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenzialit frigorifera in [kW]
ngresso acqua di raffrescamento
Portata volumetrica acqua glicolica
20C
2,5m
3
/h
1,3 m
3
/h
1,0 m
3
/h
0,45 m
3
/h
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
14000
16000
18000
0 0.5 1 1.5 2
[m
3
/h]
Perdita di carico in [Pa]
Lato acqua
di raffrescamento
0
2500
5000
7500
10000
12500
15000
17500
20000
22500
25000
27500
30000
32500
35000
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
Portata d'acqua di raffrescamento
Portata acqua glicolica in [m/h]
Lato
acqua glicolica
Perdita di carico in [Pa]
Raffrescamento passivo tramite scambiatore di calore 6.4.2
www.dimplex.de 67
6.4.2 Curve caratteristiche PKS 25
0
5
10
15
20
25
30
35
40
4 6 8 10 12 14 16 18
Temperatura ingresso acqua glicolica in [C]
Potenzialit frigorifera in [kW]
ngresso acqua di raffrescamento
Portata volumetrica acqua glicolica
20C
3,6m
3
/h
2,9 m
3
/h
2,0 m
3
/h
1,5 m
3
/h
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
14000
16000
18000
20000
22000
24000
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3 3.5
[m
3
/h]
Perdita di carico in [Pa]
Lato acqua
di raffrescamento
0
2000
4000
6000
8000
10000
12000
14000
16000
18000
20000
22000
24000
26000
28000
30000
32000
34000
0 1 2 3 4
Portata acqua glicolica in [m/h] Portata d'acqua di raffrescamento
Lato
acqua glicolica
Perdita di carico in [Pa]
6.5
68
6.5 Dimensioni
6.5.1 Dimensioni PKS 14 / PKS 25
R
i
t
o
r
n
o

a
c
q
u
a

d
i

r
a
f
f
r
e
s
c
a
m
e
n
t
o

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l

P
K
S

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1

"
R
i
t
o
r
n
o

a
c
q
u
a

g
l
i
c
o
l
i
c
a

n
g
r
e
s
s
o

n
e
l

P
K
S

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1

"
M
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

g
l
i
c
o
l
i
c
a

U
s
c
i
t
a

d
a
l

P
K
S

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1

"
S
c
a
r
i
c
o

d
e
l
l
a

c
o
n
d
e
n
s
a

D
i
a
m
e
t
r
o

e
s
t
e
r
n
o

1
2

m
m
M
a
n
d
a
t
a

a
c
q
u
a

d
i

r
a
f
f
r
e
s
c
a
m
e
n
t
o

U
s
c
i
t
a

d
a
l

P
K
S

F
i
l
e
t
t
o

e
s
t
e
r
n
o

1

"
Comando e regolazione 7.2
www.dimplex.de 69
7 Comando e regolazione
Due sono le modalit previste di generazione della
potenza frigorifera:
Raffrescamento attivo con una pompa di calore reversibile
Raffrescamento passivo tramite scambiatore di calore
Per l'esecuzione delle funzioni di raffrescamento accanto al
regolatore della pompa di calore per il riscaldamento
necessario anche un regolatore di raffrescamento.
Per il raffrescamento attivo le pompe di calore reversibili
vengono fornite di fabbrica con un programmatore per
riscaldamento/raffrescamento.
Ai fini del raffrescamento passivo il regolatore di
raffrescamento deve essere collegato al programmatore per
riscaldamento della pompa di calore.
ATTENZIONE!
Nelle pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili SI 30TER+ e
SI 75TER+ il regolatore di raffrescamento stato sostituito da due moduli
supplementari (fig. 10.10 a pag. 104). Per entrambe le suddette pompe di
calore le funzioni di regolazione descritte nel presente capitolo si
discostano in parte dal software di raffrescamento K_H_5x.
fig. 7.1: Dimensioni del programmatore di pompa di calore da parete
Riscaldamento/raffrescamento
7.1 Funzionamento in rete del regolatore di riscaldamento, di
raffrescamento e del telecomando
Entrambi i regolatori (di riscaldamento e raffrescamento) sono
collegati con una linea a tre fili ai connettori J11 e funzionano in
rete. A tale scopo ad ogni regolatore viene assegnato un
indirizzo di rete. Gli indirizzi di rete del regolatore di
riscaldamento e di riscaldamento sono predefiniti.
Regolatore di riscaldamento Indirizzo di rete 01
Regolatore di raffrescamento Indirizzo di rete 02
I suddetti indirizzi sono impostati di fabbrica. Eccezione:
regolatore di riscaldamento per stazione di raffrescamento
passivo (vedere istruzioni di montaggio del PKS).
Presupposto fondamentale per il corretto funzionamento in rete
la compatibilit del software del regolatore di riscaldamento e di
raffrescamento.
Software per riscaldamentoWPM_H_ X Y Z
Software per raffrescamentoWPM_K_ X Y Z
Il software compatibile quando le cifre X e Y sono identiche, ad
es.
WPM_ K_H41 compatibile con WPM_H_H45
WPM_ K_H41 non compatibile con WPM_H_H31
Nel menu "Dati di esercizio-Rete" possibile controllare se un
regolatore di raffrescamento stato riconosciuto o meno.
Sotto "Rete riscaldamento / raffrescamento" viene indicato se il
collegamento di rete attivo.
I DIP switch di un telecomando collegato devono essere
impostati come segue:
fig. 7.2: Impostazione dei DIP switch
7.2 Sensore termico (regolatore di raffrescamento)
Tutti i sensori termici da collegare al regolatore supplementare di
raffrescamento corrispondono alla curva caratteristica per
sensori mostrata in figura.
Sensore di temperatura della stazione ambiente
Sensore di mandata del raffrescamento passivo
Sensore di ritorno del raffrescamento passivo
fig. 7.3: Sonda NTC del regolatore di raffrescamento
Telecomando
Nessuna rete
Rete
123456
0
5
10
15
20
25
30
35
40
45
50
55
-20 -15 -10 -5 0 5 10 15 20 25 30
Temperatura in [C]
V
a
I
o
r
e

d
e
I
I
a

r
e
s
i
s
t
e
n
z
a

i
n

[
k
-
O
h
m
]

7.3
70
7.3 Generazione del freddo tramite raffrescamento attivo
7.3.1 Pompe di calore senza scambiatore di calore supplementare
La generazione del freddo avviene in maniera attiva tramite
inversione di ciclo della pompa di calore. Tramite una valvola di
commutazione a 4 vie il circuito del freddo viene invertito da
esercizio di riscaldamento a quello di raffrescamento.
NOTA
Durante la commutazione da esercizio di riscaldamento a quello di
raffrescamento la pompa di calore rimane bloccata per 10 minuti per dar
modo alle differenti pressioni presenti nel circuito del freddo di
equilibrarsi.
Le richieste vengono gestite in base alla seguente sequenza di
priorit:
Acqua sanitaria
Raffrescamento
Piscina
Durante la produzione di acqua calda o per la piscina la pompa
di calore lavora come in esercizio di riscaldamento.
7.3.2 Pompe di calore con scambiatore di calore supplementare per lo sfruttamento del
calore residuo
Grazie a uno scambiatore di calore supplementare che tratta il
gas caldo del circuito del freddo (direttamente a valle del
compressore) possibile sfruttare il calore che si produce
durante il raffrescamento per la produzione di acqua calda o
acqua per la piscina. Presupposto necessario a tale scopo che
la voce di menu Scambiatore di calore supplementare sia
impostata su "SI".
Le richieste vengono gestite in base alla seguente sequenza di
priorit:
Raffrescamento
Acqua sanitaria
Piscina
Alla voce di menu "Impostazioni - Acqua sanitaria" viene
impostata la temperatura massima "Esercizio parallelo
riscaldamento - Acqua sanitaria". Fintanto che la temperatura
dell'acqua calda rimane sotto questa soglia durante il
raffrescamento, continua a girare anche la pompa di ricircolo
dell'acqua calda. Una volta raggiunta la temperatura massima
impostata, la pompa dell'acqua calda viene disinserita, mentre
viene inserita quella dell'acqua della piscina (indipendentemente
dall'ingresso Termostato piscina).
Qualora non sia presente alcuna richiesta di raffrescamento sar
possibile trattare le richieste di acqua calda o acqua per la
piscina. Ad ogni modo queste funzioni vengono interrotte dopo
max. 60 minuti di funzionamento ininterrotto per poter gestire con
priorit la presenza di una richiesta di raffrescamento.
7.4 Generazione del freddo tramite raffrescamento passivo
In estate l'acqua di falda e il terreno a profondit elevate sono
sensibilmente pi freddi della temperatura esterna. Uno
scambiatore di calore a piastre installato nel circuito dell'acqua di
falda o nel circuito geotermico trasmette la potenza frigorifera al
circuito di riscaldamento / raffrescamento. Il compressore della
pompa di calore inattivo e quindi disponibile per la
produzione di acqua calda.
L'esercizio in parallelo di raffrescamento e produzione di acqua
calda pu essere attivato alla voce di menu "Impostazioni -
Acqua sanitaria - Raffrescamento parallelo AC".
NOTA
Per l'esercizio in parallelo di raffrescamento e produzione di acqua calda
necessario che venga garantito il rispetto di particolari requisiti
dell'allacciamento idraulico.
Raffrescamento passivo con sonde geotermiche
(rimozione del ponticello A6/ID7)
In presenza di una richiesta di raffrescamento viene collegata
all'uscita NO6 una pompa primaria aggiuntiva per il
raffrescamento (M12). L'uscita pompa primaria M11 attiva solo
durante l'esercizio di riscaldamento.
Raffrescamento passivo con acqua di falda
(ponticello inserito A6/ID7)
In presenza di una richiesta di raffrescamento viene pilotata la
pompa primaria M11, vale a dire che viene utilizzata la
medesima pompa primaria in esercizio di riscaldamento e di
raffrescamento (ad es. la pompa del pozzo nel caso di pompe di
calore acqua/acqua).
Comando e regolazione 7.5.3
www.dimplex.de 71
7.5 Descrizione del programma raffrescamento
7.5.1 Modalit di esercizio raffrescamento
Le funzioni per il raffrescamento vengono attivate manualmente
come 6a modalit d'esercizio, non sussiste alcuna possibilit di
commutare automaticamente tra esercizio di riscaldamento e di
raffrescamento. possibile commutare dall'esterno tramite
l'ingresso ID12.
La modalit di esercizio "Raffrescamento" pu essere attivata
solamente se la funzione di raffrescamento (attivo o passivo)
abilitata nella preconfigurazione.
Disinserimento della generazione del freddo
Queste sono le funzioni di sicurezza previste:
La temperatura di mandata inferiore a 7 C
Attivazione del controllore punto di rugiada in punti sensibili
del sistema di raffrescamento
Raggiungimento del punto di rugiada durante il
raffrescamento puramente statico
7.5.2 Attivazione delle funzioni di raffrescamento
All'attivazione dell'esercizio di raffrescamento vengono eseguite
speciali funzioni di regolazione. Il regolatore di raffrescamento
gestisce queste funzioni di raffrescamento separatamente dalle
normali funzioni di regolazione.
I seguenti eventi impediscono l'attivazione della funzione di
raffrescamento:
La temperatura esterna - in caso di pompe di calore aria/
acqua reversibili - inferiore a 15 C
La temperatura esterna al di sotto della soglia termica
impostabile per il raffrescamento (valore minimo consigliato
causa rischio gelo 3C)
Regolatore di raffrescamento assente o collegamento
difettoso
Nelle impostazioni non si selezionato con "Si" n l'opzione
raffrescamento statico n l'opzione raffrescamento ventilato
In questi casi la modalit di esercizio Raffrescamento rimane
attiva, la regolazione si comporta come nella modalit di
esercizio Estate.
7.5.3 Disattivazione delle pompe di ricircolo in esercizio di raffrescamento
In un impianto di riscaldamento a pompa di calore con due
circuiti di riscaldamento possibile disattivare in esercizio di
raffrescamento la pompa di ricircolo riscaldamento del 1 o del
2 circuito.
Se nella configurazione impostato il solo raffrescamento statico
la pompa di ricircolo riscaldamento del 1 circuito di
riscaldamento (M14) non attiva in esercizio di raffrescamento.
Se nella configurazione impostato il solo raffrescamento
ventilato la pompa di ricircolo riscaldamento del 2 circuito di
riscaldamento (M15) non attiva in esercizio di raffrescamento.
NOTA
La commutazione di componenti per riscaldamento durante l'esercizio di
riscaldamento o raffrescamento pu avvenire tramite il contatto pulito
NO8 / C8 / NC8 (ad es. centralina temperatura ambiente cap. 10.6.2 a pag.
100).
Raffrescamento passivo
L'alimentazione del sistema di raffrescamento pu aver luogo sia
tramite la pompa di ricircolo riscaldamento gi disponibile (M13)
sia tramite una pompa supplementare di ricircolo raffrescamento
(M17).
NOTA
Nell'esercizio "Raffrescamento" la pompa di ricircolo raffrescamento (M17)
funziona continuativamente.
Nel raffrescamento passivo, in funzione dell'allacciamento
idraulico, il comportamento della pompa di ricircolo
riscaldamento (M13) pu essere influenzato rimuovendo o
inserendo il cavo di ponticellamento A5.
Modalit di
esercizio
Ponticello A5
inserito
Ponticello A5
rimosso
Riscaldamento M13 attiva M13 attiva
Raffrescamento M13 non attiva M13 attiva
7.5.4
72
7.5.4 Raffrescamento statico e ventilato
A seconda dello schema di allacciamento possibile realizzare
pi configurazioni d'impianto. La selezione viene effettuata alla
voce di menu "Impostazioni - Raffrescamento".
Raffrescamento puramente ventilato (ad es.
ventilconvettori)
La regolazione corrisponde ad una regolazione a valore
costante. A tale scopo alla voce di menu Impostazioni viene
impostata la temperatura nominale di ritorno desiderata.
Raffrescamento puramente statico (ad es. riscaldamento a
superfici radianti - pavimento, pareti, soffitto)
La regolazione avviene in base alla temperatura ambiente.
Determinante la temperatura dell'ambiente nel quale,
come da schema dei collegamenti, collegata la stazione
ambiente 1. A tale scopo alla voce di menu Impostazioni
viene impostata la temperatura ambiente desiderata.
La massima potenzialit frigorifera trasferibile dipende
sensibilmente, nel raffrescamento statico, dall'umidit
relativa dell'aria. Infatti un'elevata umidit relativa dell'aria
riduce la potenzialit frigorifera massima, visto che al
raggiungimento del punto di rugiada calcolato la
temperatura della mandata non pu essere ulteriormente
abbassata.
Combinazione di raffrescamento statico e dinamico
La regolazione avviene tramite due circuiti di regolazione
separati.
La regolazione dei circuito ventilato corrisponde ad una
regolazione a valore costante (come descritto per il
raffrescamento ventilato).
La regolazione del raffrescamento statico avviene in base alla
temperatura ambiente (come descritto per il raffrescamento
statico) tramite il comando del miscelatore del 2 circuito di
riscaldamento (circuito di riscaldamento/raffrescamento statico).
NOTA
Se il generatore di freddo si disinserisce al raggiungimento della
temperatura minima di mandata di 7 C, si dovr incrementare la portata
dell'acqua oppure impostare una temperatura nominale di ritorno
superiore (ad es. 16 C).
7.6 Regolazione di singoli ambienti
Gli impianti termotecnici di regola vengono forniti con dispositivi
automatici per la regolazione della temperatura per singoli
ambienti.
In esercizio di riscaldamento i termostati ambiente rilevano la
temperatura attuale e, se non viene raggiunta la temperatura
nominale impostata, essi aprono l'organo di regolazione (ad es.
un servomotore).
In esercizio di raffrescamento i termostati ambiente devono
essere disattivati oppure sostituiti da altri idonei sia al
riscaldamento che al raffrescamento.
In esercizio di raffrescamento il termostato ambiente ha un
comportamento esattamente opposto, cos che l'organo di
regolazione si apre al superamento della temperatura nominale.
Modalit di
esercizio
Preconfigurazione Impostazioni
Circuito
principale
1. circuito di
riscalda-
mento
2. circuito di
riscalda-
mento
Raffresca-
mento
Miscelatore
2 circuito di
riscalda-
mento
1 circuito di
riscalda-
mento
2 circuito di
riscalda-
mento
Raffresca-
mento
ventilato
Raffresca-
mento
statico
M13 M14 M15 M17 M22
Riscalda-
mento
S No S No attivo attivo non attivo non attivo
sempre
APERTO
Riscalda-
mento
S No No S attivo attivo non attivo non attivo
sempre
APERTO
Riscalda-
mento
S S S No attivo attivo attivo non attivo Regolazione
Riscalda-
mento
S S No S attivo attivo attivo non attivo Regolazione
Riscalda-
mento
S S S S attivo attivo attivo non attivo Regolazione
Raffresca-
mento
S No S No attivo
1
1. Non attiva con raffrescamento passivo e ponticello A5 inserito
Quadro d'insieme pompe di ricircolo e comando miscelatore nell'esercizio di riscaldamento e di raffrescamento (attivo e passivo)
attivo non attivo attivo
sempre
CHIUSO
Raffresca-
mento
S No No S attivo
1
attivo attivo attivo Regolazione
Raffresca-
mento
S S S No attivo
1
attivo non attivo attivo
sempre
CHIUSO
Raffresca-
mento
S S No S attivo
1
non attivo attivo attivo Regolazione
Raffresca-
mento
S S S S attivo
1
attivo attivo attivo Regolazione
Comando e regolazione 7.7.2
www.dimplex.de 73
7.6.1 Raffrescamento ventilato
Nel raffrescamento ventilato la regolazione della temperatura
ambiente avviene con regolatori speciali che possono essere
commutati da esercizio di riscaldamento a esercizio di
raffrescamento tramite un segnale esterno prodotto dal
regolatore di raffrescamento. A tale scopo necessario
realizzare un collegamento dal regolatore di raffrescamento al
termostato ambiente per riscaldamento/raffrescamento. In caso
di temperatura di ritorno costante la regolazione della
temperatura ambiente viene effettuata tramite portata
volumetrica regolabile (ad es. nel caso delle batterie di scambio
termico) o tramite livelli di ventilazione (ad es. nei
ventilconvettori).
7.6.2 Raffrescamento statico
Il regolatore di raffrescamento concepito per offrire sia la
possibilit di un raffrescamento centralizzato e regolato su un
ambiente di riferimento sia di una preregolazione centrale con
successiva regolazione per singoli ambienti.
Regolazione centrale
Se in esercizio di raffrescamento i termostati ambiente vengono
aperti completamente (ad es. in manuale) la regolazione della
temperatura ambiente viene effettuata centralmente tramite la
temperatura ambiente nominale impostata sul regolatore di
raffrescamento e tramite i valori di misurazione della stazione
ambiente. Negli ambienti che non devono essere raffrescati i
termostati devono essere completamente chiusi.
Regolazione ad ambienti
Grazie all'impiego di regolatori della temperatura ambiente da
riscaldamento/raffrescamento - che possono essere commutati
da esercizio di riscaldamento a quello di raffrescamento -
possibile impostare temperature nominali diverse nei singoli
ambienti (cap. fig. 10.2: a pag. 99). La commutazione dei
termostati ambiente da esercizio di riscaldamento a quello di
raffrescamento avviene grazie a un segnale generato dal
regolatore di raffrescamento (contatto pulito).
Selezione dell'ambiente di riferimento
Tramite una stazione ambiente vengono misurate temperatura e
umidit attuali in un ambiente di riferimento e al superamento di
una temperatura ambiente nominale impostata sul regolatore di
raffrescamento la temperatura di mandata viene ridotta fino
all'instaurarsi della temperatura ambiente desiderata.
NOTA
La stazione ambiente deve essere installata all'interno dell'involucro
termico dell'edificio, nell'ambiente nel quale in esercizio di
raffrescamento deve essere raggiunta la temperatura pi bassa (ad es.
camera da letto o soggiorno).
Nelle seguenti applicazioni un sensore a lamina collegato alla
centralina della temperatura ambiente provvede all'arresto
dell'esercizio di raffrescamento nell'ambiente nel momento in cui
sulle superfici di raffrescamento si forma condensa:
Sistemi di raffrescamento dotati di bassa copertura delle
condutture di raffrescamento (ad es. raffrescamento
convettivo a soffitto)
Ambienti con tasso variabile di umidit dell'aria (ad es.
ambienti per riunioni)
7.7 Produzione di acqua calda
La superficie di scambio installata nell'accumulo dell'acqua calda
deve essere dimensionata in maniera tale che questa, in caso di
differenziali termici inferiori a 10K, possa trasferire la massima
potenza calorifica della pompa di calore. La potenza calorifica
aumenta, ad es. nelle pompe di calore aria/acqua, con la
temperatura esterna. Per questo la superficie di scambio
dell'accumulo dell'acqua calda deve essere dimensionata sulla
potenza calorifica estiva (temperatura esterna pari a circa
25 C).
7.7.1 Richiesta di acqua calda senza scambiatore di calore supplementare
Se durante l'esercizio di riscaldamento si presenta una richiesta
di acqua calda, il regolatore della pompa di calore disinserisce la
pompa di ricircolo riscaldamento (M13) e attiva la pompa di
ricircolo acqua calda (M18). La mandata del riscaldamento della
pompa di calore viene prelevata a monte dell'accumulo tampone
e deviata nello scambiatore di calore dell'accumulo dell'acqua
calda. Una volta raggiunta la temperatura dell'acqua calda
desiderata si reinserisce la pompa di ricircolo riscaldamento e le
utenze di calore del sistema di riscaldamento vengono servite
con la potenza calorifica della pompa di calore.
7.7.2 Richiesta di acqua calda con scambiatore di calore supplementare
Nelle pompe di calore con scambiatore di calore supplementare
durante l'esercizio di riscaldamento e di raffrescamento in
funzione anche la pompa di ricircolo acqua calda che sfrutta la
maggior temperatura del gas caldo per la produzione di acqua
calda (temperatura massima impostabile). Grazie all'esercizio
parallelo possibile cedere circa il 10 % della potenza calorifica
di livello termico pi alto.
Se per un periodo di tempo prolungato non si verificano richieste
di riscaldamento o raffrescamento (ad es. nei periodi di
transizione), la pompa di calore funzioner esclusivamente per
produrre acqua calda. In questo caso la produzione di acqua
calda avr luogo come descritto nel cap. 7.7.1 a pag. 73.
NOTA
Nelle pompe di calore installate all'esterno e dotate di scambiatore di
calore supplementare necessaria, oltre alla mandata e al ritorno del
riscaldamento, la posa nel terreno di due ulteriori tubazioni coibentate
per lo sfruttamento del calore residuo. In casi particolari lo sfruttamento
del calore residuo pu essere disattivato e la produzione dell'acqua calda
pu essere effettuata come nelle pompe di calore standard.
7.7.3
74
7.7.3 Sfruttamento del calore residuo in esercizio di raffrescamento
In esercizio di raffrescamento normalmente il calore residuo
viene espulso all'esterno. Uno scambiatore di calore applicato al
gas caldo del circuito del freddo (immediatamente a valle del
compressore) consente di utilizzare questo calore residuo a
temperature anche di 80 C e disponibile gratuitamente per la
produzione di acqua calda. Inoltre possibile allacciare al
circuito dell'acqua calda anche altre utenze di energia.
La pompa di ricircolo acqua calda (M18) riscalda l'accumulo
dell'acqua calda in esercizio di raffrescamento fino a una
temperatura massima che pu essere impostata.
Successivamente avviene la commutazione da pompa di
ricircolo acqua calda a pompa di ricircolo acqua piscina (M19) e
il calore residuo viene asportato da uno scambiatore di calore
per la piscina o da un accumulo tampone. Nel caso si utilizzi un
accumulo tampone possibile alimentare anche pi utenze di
energia contemporaneamente (ad es. riscaldamento a
pavimento e radiatori del bagno).
NOTA
Il calore residuo prodottosi in esercizio di raffrescamento viene dapprima
utilizzato per la produzione di acqua calda e successivamente per
alimentare ulteriori utenze di energia o per essere immagazzinato
temporaneamente in un accumulo. Se il calore residuo non pu essere
sfruttato completamente, la parte rimanente viene dissipata
nell'ambiente.
7.8 Accessori speciali
7.8.1 Stazione ambiente
Nel raffrescamento tramite sistemi radianti di riscaldamento/
raffrescamento la regolazione ha luogo in base alla temperatura
e all'umidit dell'aria misurate dalla stazione ambiente.
A tale scopo si imposta la temperatura ambiente desiderata sul
programmatore della pompa di calore. Sulla scorta della
temperatura ambiente e dell'umidit dell'aria presenti
nell'ambiente di riferimento viene calcolata la temperatura
minima possibile dell'acqua di raffrescamento. L'andamento
della regolazione del raffrescamento viene influenzato dalla
temperatura ambiente rilevata al momento e dalla temperatura
ambiente nominale impostata.
fig. 7.4: Stazione ambiente
7.8.2 Centralina a due punti della temperatura ambiente riscaldamento/raffrescamento
La centralina RTK 601U viene commutata automaticamente dal
regolatore di raffrescamento dalla modalit "Riscaldamento" alla
modalit "Raffrescamento" e viceversa tramite il contatto
apposito. La centralina temperatura ambiente idonea al
montaggio su telai per interruttori a grandi pulsanti (50 x 50 mm
conformi alla norma DIN 49075).
Intervallo di regolazione 5-30C
Tensione di esercizio 24 V~/50Hz
Potere di interruzione AC 24 V~ / 1A
Collegamento di max. 5 attuatori per valvole (24 V ~,
chiusura a tensione zero)
Per interrompere l'esercizio di raffrescamento in seguito a
formazione di condensa possibile collegare come opzione
una sonda del punto di rugiada TPF 341.
7.8.3 Telecomando
Tra gli accessori speciali disponibile un telecomando per un
maggiore comfort. Il comando e la guida a menu sono identici a
quelli del programmatore della pompa di calore; in pi, mediante
dei tasti, possibile utilizzare funzioni supplementari (per una
descrizione dettagliata vedere le istruzioni del telecomando). Il
collegamento avviene con un cavo telefonico a sei conduttori
(accessorio speciale) con spine western.
NOTA
Nei regolatori di riscaldamento con elemento di comando estraibile
possibile utilizzare quest'ultimo direttamente come telecomando.
Raffronto fra sistemi di raffrescamento a pompa di calore 8.4
www.dimplex.de 75
8 Raffronto fra sistemi di raffrescamento a pompa di calore
Le pompe di calore per riscaldamento vengono utilizzate
prevalentemente per il riscaldamento di edifici e la produzione di
acqua calda. Quali sorgenti di calore vengono utilizzati il terreno,
l'aria o l'acqua di falda. Per il riscaldamento degli edifici trovano
massiccio impiego, per motivi economici, le pompe di calore aria/
acqua.
Ampia la gamma di richieste che un sistema di raffrescamento
pu essere chiamato a soddisfare. Da un lato gli impianti tecnici
che spesso devono essere raffrescati tutto l'anno per garantire
ad es. la sicurezza delle reti. Dall'altro in edifici con elevato
standard di coibentazione e guadagni solari passivi ridotti spesso
il raffreddamento notturno di singoli elementi strutturali
(funzionamento in qualit di volano termico degli stessi) pu
essere sufficiente.
Nel processo decisionale si tengano presenti le seguenti
riflessioni:
Oneri preliminari per la sorgente di freddo
Regolabilit delle temperature di mandata
Temperatura di mandata minima in esercizio di
raffrescamento (limite di raffrescamento)
Disponibilit della sorgente di freddo al variare del
fabbisogno di raffrescamento
Costi di esercizio di pompe e compressori in esercizio di
raffrescamento
Limiti d'impiego
8.1 Pompe di calore aria/acqua con raffrescamento attivo
8.2 Pompe di calore acqua glicolica/acqua con raffrescamento attivo
8.3 Pompe di calore acqua glicolica/acqua con raffrescamento passivo
8.4 Pompe di calore acqua/acqua con raffrescamento passivo
Sorgente di freddo ++ Oneri preliminari ridotti per la sorgente di freddo
Regolabilit + Buona regolabilit delle temperature di mandata
Limiti di raffrescamento + Possibilit di temperature di mandata ridotte in esercizio di raffrescamento
Disponibilit ++ Disponibilit assicurata della sorgente di freddo al variare del fabbisogno di raffrescamento
Costi di esercizio + Costi di esercizio di pompe e compressore in esercizio di raffrescamento, sfruttamento del calore residuo
Limiti d'impiego O Possibilit di raffrescare a partire da temperature esterne superiori a 15C
Sorgente di freddo O Oneri preliminari per la sorgente di freddo
Regolabilit + Buona regolabilit delle temperature di mandata
Limiti di raffrescamento + Possibilit di temperature di mandata ridotte in esercizio di raffrescamento (ad es. deumidificazione)
Disponibilit O La sorgente di freddo deve essere dimensionata per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento
Costi di esercizio + Costi di esercizio di pompe e compressore in esercizio di raffrescamento, sfruttamento del calore residuo
Limiti d'impiego + Esercizio di riscaldamento o raffrescamento per tutto l'anno unitamente a sonde geotermiche
Sorgente di freddo O Oneri preliminari per la sorgente di freddo
Regolabilit - Ridotta regolabilit delle temperature di mandata
Limiti di raffrescamento - Temperature di mandata dipendenti dalla temperatura della sonda geotermica
Disponibilit O La sorgente di freddo deve essere dimensionata per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento
Costi di esercizio ++ Bassi costi d'esercizio di raffrescamento (solo pompa di ricircolo acqua glicolica)
Limiti d'impiego + Raffrescamento annuale tenendo conto della temperatura dell'acqua glicolica
Sorgente di freddo O Oneri preliminari per la sorgente di freddo
Regolabilit + Temperature di mandata regolabili fino alla temperatura della sorgente di freddo
Limiti di raffrescamento O Temperature di mandata pressoch costanti (acqua di falda)
Disponibilit + Buona disponibilit della sorgente di freddo se la qualit dell'acqua sufficiente
Costi di esercizio + Bassi costi d'esercizio di raffrescamento (solo pompa del pozzo)
Limiti d'impiego + Raffrescamento annuale tenendo conto del riscaldamento massimo ammesso
8.5
76
8.5 Riassumendo
Una pompa di calore aria/acqua reversibile, con i suoi costi
d'investimento ridotti, offre un raffrescamento sicuro e facilmente
regolabile dell'edificio.
Sistemi di raffrescamento passivo, in presenza di elevato
fabbisogno di raffrescamento, sono in grado, a seconda del tipo
di applicazione, di compensare gli elevati oneri preliminari della
sorgente di calore grazie a costi d'esercizio ridotti e offrono la
possibilit di poter raffrescare tutto l'anno.
Le pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili trovano
impiego ovunque si debba sfruttare una sorgente di calore gi
esistente ma le temperature di mandata sono troppo alte per il
raffrescamento passivo.
NOTA
Nel raffronto dei costi d'esercizio va considerato se le pompe di calore
possono accedere alle tariffe speciali dell'azienda fornitrice di energia
anche per l'esercizio di raffrescamento.
Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento 9
www.dimplex.de 77
9 Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e
raffrescamento
La distribuzione della potenza frigorifera generata avviene
tramite il sistema di distribuzione del calore, da progettare anche
per l'acqua fredda.
A causa delle basse temperature di mandata - in particolare nel
raffrescamento ventilato - possibile la formazione di condensa.
Tutti i gruppi idraulici scoperti e le tubazioni devono essere dotati
di isolamento termico impermeabile al vapore. I punti sensibili del
sistema di distribuzione possono essere equipaggiati con un
controllore del punto di rugiada disponibile tra gli accessori
speciali. Questo arresta l'esercizio di raffrescamento quando
l'umidit comincia a condensare.
Indicazioni di carattere generale per l'installazione e
l'allacciamento delle pompe di calore si trovano nel manuale di
progettazione e installazione delle pompe di calore. All'indirizzo
www.dimplex.de/einbindungen a disposizione un software
interattivo di configurazione per scegliere l'allacciamento
idraulico corretto.
9.1
78
9.1 Legenda
ATTENZIONE!
I seguenti allacciamenti idraulici sono raffigurazioni schematiche dei
componenti necessari per il funzionamento dell'impianto e costituiscono
un ausilio alla progettazione.
Essi non contengono i dispositivi di sicurezza necessari secondo la
norma DIN EN 12828, i componenti per il mantenimento costante della
pressione ed eventuali organi di intercettazione supplementari per i lavori
di manutenzione e assistenza.
NOTA
All'indirizzo www.dimplex.de/einbindungen a disposizione un software
interattivo di configurazione per scegliere l'allacciamento idraulico
corretto.
1. Pompa di calore
1.1 Pompa di calore aria/acqua
1.2 Pompa di calore acqua glicolica/acqua
1.3 Pompa di calore acqua/acqua
1.4 Pompa di calore aria/acqua reversibile
1.5 Pompa di calore acqua glicolica/acqua reversibile
1.6 Pompa di calore acqua/acqua reversibile
2. Programmatore della pompa di calore
3. Accumulo tampone
4. Accumulo dell'acqua calda
5. Scambiatore di calore per piscina
6. Stazione di raffrescamento passivo con regolatore
di raffrescamento N6
7. Riscaldamento e raffrescamento statico o ventilato
8. Ventilconvettore con attacco a 4 condutture
per riscaldamento e raffrescamento
9. Circuito solo raffrescamento
10. Circuito solo riscaldamento
13. Sorgente di calore
14. Gruppo idraulico compatto
E9 Resistenza acqua sanitaria
E10 Secondo generatore di calore (GC2)
E10.1 Corpo riscaldante immerso
E10.2 Caldaia a olio combustibile / gas
E10.5 Impianto solare
N1 Centralina di riscaldamento
N2 Regolatore di raffrescamento per pompe di
calore reversibili
N3/N4 Stazioni ambiente
N6 Regolatore di raffrescamento passivo
M11 Pompa primaria esercizio di riscaldamento
M12 Pompa primaria esercizio di raffrescamento
M13 Pompa di ricircolo riscaldamento circuito principale
M14 Pompa di ricircolo riscaldamento 1 circuito
di riscaldamento
M15 Pompa di ricircolo riscaldamento 2 circuito
di riscaldamento
M16 Pompa di ricircolo supplementare
M17 Pompa di ricircolo raffrescamento
M18 Pompa di ricircolo acqua calda
M19 Pompa di ricircolo acqua piscina
R1 Sensore esterno da parete
R2 Sensore ritorno
R3 Sensore acqua calda
R4 Sensore ritorno acqua di raffrescamento
R5 Sensore termico 2 circuito di riscaldamento
R9 Sensore mandata
R11 Sensore mandata acqua di raffrescamento
Y5 Valvola di distribuzione a tre vie
Y6 Valvola di chiusura a due vie
TC Centralina temperatura ambiente
EV Sistema di distribuzione elettrica
KW Acqua fredda
WW Acqua sanitaria
MA Miscelatore Aperto
MZ Miscelatore Chiuso
Valvola controllata da termostato
Miscelatore a tre vie
Miscelatore a quattro vie
Vaso di espansione
Combinazione valvola di sicurezza
Sensore termico
Mandata
Ritorno
Utenza di calore
Valvola di chiusura
Valvola di chiusura con antiritorno
Valvola di chiusura con scarico
Pompa di ricircolo
Valvola di compensazione
Valvola di commutazione a tre vie con servomotore
Valvola di commutazione a due vie con servomotore
TC
M
M
Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento 9.2
www.dimplex.de 79
9.2 Raffrescamento attivo, ventilato
Raffrescamento ventilato con regolazione a valore costante Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.1: Schema di allacciamento per l'esercizio monoenergetico di una pompa di calore e il raffrescamento ventilato
Modalit di
esercizio
monoen-
ergetico
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
attivo
s
Produzione
acqua calda
no
Produzione
acqua piscina
no
Nelle pompe di calore reversibili
il raffrescamento di tipo attivo,
vale a dire che in esercizio di
raffrescamento il compressore
della pompa di calore in
funzione. Il calore residuo
prodotto viene ceduto alla
sorgente di calore (cap. 9.2 a
pag. 79).
La regolazione del
raffrescamento ventilato
corrisponde ad una regolazione
a valore costante, con
temperatura nominale di ritorno
impostabile.
Per evitare di raggiungere
temperature al di sotto del punto
di rugiada sulle tubazioni di
alimentazione queste devono
essere dotate di isolamento
termico impermeabile al vapore.
N1-B1
(R1)
N1-N04
(E10.1)
3
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
T
N
2
-
N
0
1
(
M
1
4
)
TC
N3 / N4
N2 N1
00221200
9.2
80
Raffrescamento ventilato tramite ventilconvettori e produzione di acqua
calda
Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.2: Schema di allacciamento per l'esercizio monoenergetico di una pompa di calore, la produzione di acqua calda e il
raffrescamento ventilato
Modalit di
esercizio
monoen-
ergetico
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
attivo
s
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
no
Il raffrescamento ventilato ha
luogo ad es. tramite
ventilconvettori L'aria
dell'ambiente attraversa uno
scambiatore di calore nel quale
circola l'acqua di
raffrescamento. Temperature di
mandata al di sotto del punto di
rugiada causano la formazione
di condensa e quindi
consentono il raffrescamento e
la deumidificazione dell'aria
ambiente (cap. 3.5 a pag. 15).
Nelle pompe di calore reversibili
senza scambiatore di calore
supplementare l'esercizio di
raffrescamento viene interrotto
in presenza di una richiesta di
acqua calda.
N1-B1
(R1)
N1-N04
(E10.1)
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-N010
(E9)
N1-B3
(R3)
3
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
T
N
2
-
N
0
1
(
M
1
4
)
T
T
C
N3 / N4
N2 N1
00221220
4
Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento 9.3
www.dimplex.de 81
9.3 Raffrescamento attivo, statico
Raffrescamento statico con regolazione in base al punto di rugiada per
sistemi di raffrescamento radianti
Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.3: Schema di allacciamento per l'esercizio monoenergetico di una pompa di calore e il raffrescamento statico.
Modalit di
esercizio
monoen-
ergetico
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
attivo
s
Produzione
acqua calda
no
Produzione
acqua piscina
no
Il "raffrescamento statico" si
basa sull'assorbimento di calore
attraverso le superfici
raffrescate del pavimento, delle
pareti o del soffitto. In questo
caso la temperatura dell'acqua
di raffrescamento deve essere
mantenuta sempre al di sopra
della temperatura del punto di
rugiada (cap. 3.6 a pag. 16).
Essenziale al funzionamento
la stazione ambiente da
installare in un ambiente di
riferimento (RKS WPM). La
regolazione del punto di rugiada
del raffrescamento statico viene
effettuata tramite il sensore
termico (R5) nel circuito di
raffrescamento miscelato. In
esercizio di riscaldamento il
miscelatore non attivo.
N1-B1
(R1)
N1-N04
(E10.1)
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
T
N
1
-
N
0
1
1
(
M
1
5
)
N1-B6
(R5)
N
1
-
N
0
1
2
/
N
0
1
3
(
M
2
2
M
A
/
M
Z
)
T
TC
M
00221400
3
N3 / N4
N2 N1
9.3
82
Raffrescamento statico tramite sistemi radianti di riscaldamento e
raffrescamento e produzione di acqua calda
Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.4: Schema di allacciamento per l'esercizio monoenergetico di una pompa di calore, la produzione di acqua calda e
il raffrescamento statico
Modalit di
esercizio
monoen-
ergetico
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
attivo
s
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
no
Nel raffrescamento statico la
regolazione per singoli ambienti
avviene grazie all'impiego di
centraline temperatura
ambiente per riscaldamento/
raffrescamento che possono
essere commutate da esercizio
di riscaldamento a quello di
raffrescamento. La
commutazione dei termostati
ambiente da esercizio di
riscaldamento a quello di
raffrescamento avviene grazie a
un contatto pulito a disposizione
nel regolatore di raffrescamento
(cap. 10.6.2 a pag. 100).
Nelle pompe di calore reversibili
senza scambiatore di calore
supplementare l'esercizio di
raffrescamento viene interrotto
in presenza di una richiesta di
acqua calda.
N1-B1
(R1)
N1-N04
(E10.1)
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-N010
(E9)
N1-B3
(R3)
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
T
T
N
1
-
N
0
1
1
(
M
1
5
)
N1-B6
(R5)
N
1
-
N
0
1
2
/
N
0
1
3
(
M
2
2
M
A
/
M
Z
)
T
TC
M
00221420
3
N3 / N4
N2 N1
4
Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento 9.4
www.dimplex.de 83
9.4 Raffrescamento attivo con sfruttamento del calore residuo
Raffrescamento ventilato nelle pompe di calore aria/acqua con
scambiatore di calore supplementare
Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.5: Schema di allacciamento per l'esercizio monoenergetico di una pompa di calore, la produzione di acqua calda con
sfruttamento del calore residuo e il raffrescamento ventilato
Modalit di
esercizio
monoen-
ergetico
Scambiatore di
calore
supplementare as
s
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
attivo
s
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
no
Nelle pompe di calore aria/
acqua reversibili con
scambiatore di calore
supplementare possibile
utilizzare il calore residuo
prodotto in esercizio di
raffrescamento per la
produzione di acqua calda e
acqua per la piscina.
Lo scambiatore di calore
supplementare integrato viene
collegato installando una
tubazione di mandata e ritorno
aggiuntiva. In questo modo si
rende possibile la produzione
parallela di acqua calda durante
l'esercizio di raffrescamento/
riscaldamento. In caso di
richiesta di acqua calda il
raffrescamento non viene
interrotto.
N1-B1
(R1)
N1-N04
(E10.1)
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-N010
(E9)
N1-B3
(R3)
3
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
T
N
2
-
N
0
1
(
M
1
4
)
T
TC
45221220
4
1.4
N3 / N4
2
N1
N2
9.4
84
Raffrescamento ventilato e statico nelle pompe di calore aria/acqua con
scambiatore di calore supplementare
Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.6: Schema di allacciamento per l'esercizio monoenergetico di una pompa di calore, il raffrescamento statico e ventilato,
la produzione di acqua calda e per la piscina con sfruttamento del calore residuo
Modalit di
esercizio
monoen-
ergetico
Scambiatore di
calore
supplementare as
s
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
s
Funzione
raffrescamento
attivo
s
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
s
Nelle pompe di calore aria/
acqua reversibili con
scambiatore di calore
supplementare durante
l'esercizio di raffrescamento
possibile anche la produzione
parallela di acqua per la piscina.
Lo scambiatore di calore della
piscina pu essere sostituito da
un accumulo tampone di
qualsiasi dimensione, al fine di
sfruttare il calore residuo che si
produce in esercizio di
raffrescamento per ulteriori
utenze di calore.
Durante lo sfruttamento del
calore residuo possibile
aumentare la temperatura
nominale dell'acqua calda
tramite l'impostazione sul
programmatore della pompa di
calore.
N1-B1
(R1)
N1-N04
(E10.1)
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-N010
(E9)
N1-B3
(R3)
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
T
N
2
-
N
0
1
(
M
1
4
)
T
T
C
45222321
1.4
N3 / N4
2
N1
N2
N
2
-
N
0
2
(
M
1
9
)
N
1
-
N
0
1
1
(
M
1
5
)
N1-B6
(R5)
N
1
-
N
0
1
2
/
N
0
1
3
(
M
2
2
M
A
/
M
Z
)
T
T
C
M
3
4
Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento 9.4
www.dimplex.de 85
Raffrescamento ventilato nelle pompe di calore acqua glicolica/acqua con
scambiatore di calore supplementare
Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.7: Schema di allacciamento per l'esercizio monovalente di una pompa di calore, il raffrescamento ventilato e lo
sfruttamento del calore residuo per la produzione di acqua calda.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
Scambiatore di
calore
supplementare as
s
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
attivo
s
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
no
La potenza termica da cedere
alle sonde data dalla
potenzialit frigorifera della
pompa di calore sommata alla
potenza elettrica assorbita dalla
pompa di calore nel punto di
progetto (tab. 5.1 a pag. 41).
In esercizio di raffrescamento,
durante lo sfruttamento del
calore residuo, vengono
raggiunte temperature fino a
60C.
NOTA
La produzione di acqua calda
con due compressori pu
aver luogo solo in esercizio
parallelo.
N1-B1
T
55131320
(R1)
N1-N010
(E9)
N
1
-
N
0
1
1
(
M
1
4
)
(
M
1
6
)
N
1
-
N
0
9
T
C
3
(M11)
N1-N03
T
N1-B2
(R2)
N1
1.5
N3 / N4
N2
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-B3
(R3)
T
4
9.4
86
Raffrescamento ventilato e statico nelle pompe di calore acqua glicolica/
acqua con scambiatore di calore supplementare
Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.8: Schema di allacciamento per l'esercizio monovalente di una pompa di calore, il raffrescamento statico e ventilato e
lo sfruttamento del calore residuo per la produzione di acqua calda.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
Scambiatore di
calore
supplementare as
s
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
s
Funzione
raffrescamento
attivo
s
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
no
Negli impianti con due circuiti di
riscaldamento l'esercizio di
raffrescamento possibile sia in
modalit statica che ventilata.
Tramite le impostazioni
Raffrescamento possibile
disattivare in esercizio di
raffrescamento le pompe di
ricircolo M14 o M15 (tab.
?????.? a pag. 72).
La separazione idraulica
avviene tramite un "doppio
gruppo senza pressione
differenziale". La pompa di
ricircolo (M16) nel circuito di
generazione opera solo a
compressore funzionante, per
evitare tempi di funzionamento
inutili.
N1-B1
T
55132320
(R1)
N1-N010
(E9)
N
1
-
N
0
1
1
(
M
1
5
)
N1-B6
(R5)
N
1
-
N
0
1
2
/
N
0
1
3
(
M
2
2
M
A
/
M
Z
)
N
1
-
N
0
1
1
(
M
1
4
)
T
(
M
1
6
)
N
1
-
N
0
9
TC TC
M
3
(M11)
N1-N03
T
N1-B2
(R2)
N1
1.5
N3 / N4
N2
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-B3
(R3)
T
4
Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento 9.5
www.dimplex.de 87
9.5 Raffrescamento passivo con pompe di calore acqua glicolica/acqua
Pompe di calore acqua glicolica/acqua in formato compatto Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.9: Schema di allacciamento per l'esercizio monoenergetico di pompe di calore acqua glicolica/compatte, il
raffrescamento ventilato e statico e la produzione di acqua calda.
Modalit di
esercizio
monoene
rgetico
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
passivo
s
Struttura del
sistema
sistema
a 2 con-
dutture
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Il raffrescamento di tipo
passivo, vale a dire che in
esercizio di raffrescamento il
compressore non in funzione.
La generazione della
potenzialit frigorifera avviene
tramite uno scambiatore di
calore raffreddato dall'acqua
glicolica. Con il raffrescamento
statico e un circuito di
riscaldamento non miscelato la
pendolazione della pompa di
ricircolo dell'acqua glicolica
(M12) nella stazione di
raffrescamento passiva
impedisce che si raggiungano
temperature inferiori al punto di
rugiada.
Nelle pompe di calore acqua
glicolica/compatte il
raffrescamento viene interrotto
durante il tempo di produzione
dell'acqua calda (impostazione
"Raffrescamento parallelo -
Acqua sanitaria").
N1-B1
(R1)
T
22211120
N1-N010
(E9)
N1-B3
(R3)
T
N1-N04
(E10.1)
4
6
M12
N3 / N4
N6
N
6
-
N
0
5
(
Y
5
)
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
T
1.2
N1
(R2)
(M
13
)
(M
11)
3
TC
9.5
88
Pompe di calore acqua glicolica/acqua in formato universale Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.10: Schema di allacciamento per l'esercizio monovalente di pompe acqua glicolica/acqua con produzione di acqua
calda e raffrescamento statico tramite un circuito di riscaldamento miscelato.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
s
Funzione
raffrescamento
passivo
s
Struttura del
sistema
sistema a
2 con-
dutture
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
no
La separazione tra generatore e
circuito utenza consente
l'esercizio parallelo di
raffrescamento passivo e
produzione di acqua calda. A
tale scopo deve essere attivata
l'impostazione "Raffrescamento
parallelo - Acqua sanitaria".
In presenza di due circuiti di
riscaldamento e con solo
raffrescamento statico il
miscelatore ha la funzione di
impedire alla temperatura di
scendere sotto il punto di
rugiada. Durante la modalit
raffrescamento la pompa di
ricircolo (M14) del circuito di
riscaldamento non miscelato
non viene pilotata dal regolatore
(tab. ?????.? a pag. 72).
N1-B1
T
20122120
(R1)
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-N010
(E9)
N1-B3
(R3)
N
1
-
N
0
1
1
(
M
1
5
)
N1-B6
(R5)
N
1
-
N
0
1
2
/
N
0
1
3
(
M
2
2
M
A
/
M
Z
)
N
6
-
N
0
1
(
M
1
4
)
W
W
M
2
5
M
M
H
2
5
W
W
M
2
5
V
T
B
2
5
T
T
TC
M
N1
1.2
4
6
M12
N3 / N4
N6
N6-N05
(Y5)
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
EBKPV
K
P
V
2
5
V
T
B
2
5
TC
3
(M11)
N1-N03
Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento 9.6
www.dimplex.de 89
9.6 Raffrescamento passivo con gruppo idraulico compatto
Raffrescamento passivo con raffrescamento statico Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.11: Schema di allacciamento per l'esercizio monovalente di una pompe di calore acqua glicolica/acqua e
raffrescamento statico.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
passivo
s
Struttura del
sistema
sistema a
2 con-
dutture
Produzione
acqua calda
no
Produzione
acqua piscina
no
Utilizzando il gruppo idraulico
compatto KPV 25 la valvola di
commutazione a 3 vie deve
essere montata nel ritorno, tra
gruppo idraulico compatto e
pompa di calore. La mandata
invece pu essere allacciata
direttamente al gruppo idraulico
compatto.
Con il raffrescamento statico e
un circuito di riscaldamento non
miscelato la pendolazione della
pompa di ricircolo dell'acqua
glicolica (M12) nella stazione di
raffrescamento passiva
impedisce che si raggiungano
temperature inferiori al punto di
rugiada. Durante il
raffrescamento la pompa di
ricircolo riscaldamento (M13)
funziona permanentemente.
K
P
V
2
5
N1-B1
T
20111100
(R1)
N1
1.2
6
M12
N3 / N4
N6
N6-N05
(Y5)
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
TC
3
(M11)
N1-N03
9.6
90
Raffrescamento passivo con raffrescamento statico e produzione parallela
di acqua calda
Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.12: Schema di allacciamento per l'esercizio monovalente di pompe di calore acqua glicolica/acqua con raffrescamento
statico e produzione di acqua calda.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
passivo
no
Struttura del
sistema
sistema a
2 con-
dutture
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
no
Utilizzando il gruppo idraulico
compatto KPV 25 la valvola di
commutazione a 3 vie deve
essere montata nel ritorno, tra
gruppo idraulico compatto e
pompa di calore. La valvola a 2
vie sulla mandata del
riscaldamento consente
l'esercizio parallelo di
raffrescamento passivo e
contemporanea produzione di
acqua calda.
Il regolatore di riscaldamento
(N1) e quello di raffrescamento
(N6) sono collegati da una linea
a tre conduttori. Tutte le
impostazioni vengono effettuate
sull'elemento di comando del
programmatore della pompa di
calore.
K
P
V
2
5
N1-B1
T
20111120
(R1)
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-N010
(E9)
N1-B3
(R3)
W
W
M
2
5
T N1
1.2
4
6
M12
N3 / N4
N6
N6-N05
(Y5)
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
N6-N05
(Y5)
T
C
3
(M11)
N1-N03
Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento 9.7
www.dimplex.de 91
9.7 Raffrescamento passivo con circuiti di riscaldamento e di
raffrescamento separati
Raffrescamento annuale con pompe di calore acqua glicolica/acqua Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.13: Schema di allacciamento per l'esercizio monovalente di pompe di calore acqua glicolica/acqua con un circuito di solo
riscaldamento e un circuito di raffrescamento statico o ventilato.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
passivo
no
Struttura del
sistema
sistema a
4 con-
dutture
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
no
La separazione idraulica dei
circuiti di riscaldamento e
raffrescamento opportuna
quando in sistemi di
raffrescamento passivo singoli
ambienti devono essere gi
raffrescati mentre altri devono
contemporaneamente essere
riscaldati o quando il sistema di
riscaldamento non deve
funzionare con acqua
raffreddata.
In modalit raffrescamento la
pompa di ricircolo
raffrescamento (M17) funziona
continuativamente.
In modalit raffrescamento
attiva le funzioni di
riscaldamento sono attive.
N1-B1
T
20122120
(R1)
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-N010
(E9)
N1-B3
(R3)
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
T
N1
1.2
4
6
M12
N3 / N4
N6
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
N
6
-
N
0
4
(
M
1
7
)
N
6
-
N
0
4
(
M
1
7
)
T
C
3
(M11)
N1-N03
9.7
92
Raffrescamento passivo con ventilconvettore a 4 tubi Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.14: Schema di allacciamento per l'esercizio monovalente di pompe di calore acqua glicolica/acqua con un circuito di solo
riscaldamento e un circuito di raffrescamento ventilato che alimenta ventilconvettori.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
passivo
no
Struttura del
sistema
sistema
a 4 con-
dutture
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
no
I ventilconvettori con due
attacchi per l'acqua di
riscaldamento e due per il
raffrescamento consentono di
raffrescare singoli ambienti
mentre altri vengono ancora
riscaldati.
In impianti con un sistema a 4
condutture anche il circuito di
raffrescamento deve essere
dotato di tutti i necessari
dispositivi di sicurezza, in
conformit alla norma
DIN EN 12828, oltre che dei
componenti per il mantenimento
della pressione.
N1-B1
T
20129220
(R1)
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-N010
(E9)
N1-B3
(R3)
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
T
N1
1.2
4
6
M12
N3 / N4
N6
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
N
6
-
N
0
4
(
M
1
7
)
N
6
-
N
0
4
(
M
1
7
)
3
(M11)
N1-N03
8
Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento 9.8
www.dimplex.de 93
9.8 Raffrescamento passivo con acqua di falda
Pompe di calore acqua/acqua con raffrescamento statico Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.15: Schema di allacciamento per l'esercizio monovalente di pompe di calore acqua/acqua e raffrescamento statico
tramite un circuito di riscaldamento miscelato.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
s
Funzione
raffrescamento
passivo
s
Struttura del
sistema
sistema a
2 con-
dutture
Produzione
acqua calda
no
Produzione
acqua piscina
no
In caso di raffrescamento
passivo con acqua di pozzo
deve essere impiegato il
regolatore di raffrescamento da
parete WPM PK. Lo
scambiatore di calore viene
dimensionato sulla potenzialit
frigorifera necessaria e
collegato in serie con
l'evaporatore della pompa di
calore. Nella scelta del materiale
per lo scambiatore di calore
necessario tenere conto della
qualit dell'acqua del pozzo
(cap. 6.1 a pag. 64).
Contrariamente al
raffrescamento passivo con
pompe di calore acqua glicolica/
acqua non necessaria alcuna
pompa primaria supplementare
(cap. 7.4 a pag. 70).
T
N1-B1
T
30121400
(R1)
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
N1
1.3
T
N6-B3
(R11)
T
N6-B4
(R4)
N6-N05
(Y5)
N
1
-
N
0
1
1
(
M
1
5
)
N1-B6
(R5)
N
1
-
N
0
1
2
/
N
0
1
3
(
M
2
2
M
A
/
M
Z
)
M
T
C
3
(
M
1
1
)
N
1
-
N
0
3
N3/ N4
N6
9.8
94
Pompe di calore acqua/acqua con raffrescamento statico e produzione di
acqua calda
Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.16: Schema di allacciamento per l'esercizio monovalente di pompe di calore acqua/acqua con produzione di acqua
calda e raffrescamento statico tramite un circuito di riscaldamento miscelato.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
s
Funzione
raffrescamento
passivo
s
Struttura del
sistema
sistema a
2 con-
dutture
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
no
La regolazione in base al punto
di rugiada nel raffrescamento
statico con acqua di falda viene
effettuata dal miscelatore nel
circuito di riscaldamento/
raffrescamento.
Il semplice raffrescamento
statico pu essere effettuato
anche senza miscelatore, come
nelle pompe di calore acqua
glicolica/acqua. Il montaggio di
un miscelatore tuttavia riduce la
pendolazione della pompa
dell'acqua di falda in esercizio di
raffrescamento.
T
N1-B1
T
30121420
(R1)
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-N010
(E9)
N1-B3
(R3)
T
4
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
N1
1.3
T
N6-B3
(R11)
T
N6-B4
(R4)
N6-N05
(Y5)
N
1
-
N
0
1
1
(
M
1
5
)
N1-B6
(R5)
N
1
-
N
0
1
2
/
N
0
1
3
(
M
2
2
M
A
/
M
Z
)
M
TC
3
(
M
1
1
)
N
1
-
N
0
3
N3/ N4
N6
Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento 9.8
www.dimplex.de 95
Raffrescamento passivo con pompe di calore acqua/acqua Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.17: Schema di allacciamento per l'esercizio monovalente di pompe di calore acqua/acqua con raffrescamento statico e
ventilato tramite un circuito di riscaldamento miscelato.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
s
Funzione
raffrescamento
passivo
s
Struttura del
sistema
sistema
a 2 con-
dutture
Produzione
acqua calda
no
Produzione
acqua piscina
no
Negli impianti con pi di due
circuiti di riscaldamento, dei
quali non tutti raffreddati, i ritorni
dei circuiti di raffrescamento
devono essere riuniti e poi
convogliati con la valvola di
commutazione a 3 vie sullo
scambiatore di raffreddamento.
I ritorni dei circuiti di solo
riscaldamento devono essere
condotti, a valle della valvola a 3
vie, alla pompa di calore.
NOTA
In linea di principio nel
raffrescamento passivo
l'acqua di raffrescamento pu
essere condotta anche
attraverso l'accumulo
tampone.
N1-B1
T
30122200
(R1)
N
1
-
N
0
1
1
(
M
1
5
)
N1-B6
(R5)
N
1
-
N
0
1
2
/
N
0
1
3
(
M
2
2
M
A
/
M
Z
)
N
6
-
N
0
1
(
M
1
4
)
T
T
C
M
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
N1
1.3
T
N6-B3
(R11)
T
N6-B4
(R4)
N6-N05
(Y5)
T
C
3
(
M
1
1
)
N
1
-
N
0
3
N3/ N4
N6
9.8
96
Raffrescamento passivo con pompe di calore acqua/acqua e produzione di
acqua calda
Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.18: Schema di allacciamento per l'esercizio monovalente di pompe di calore acqua/acqua con produzione di acqua
calda e raffrescamento ventilato e statico tramite un circuito di riscaldamento miscelato.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
s
Funzione
raffrescamento
passivo
s
Struttura del
sistema
sistema
a 2 con-
dutture
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
no
Negli impianti con produzione di
acqua calda lo scambiatore di
calore pu essere montato sia a
monte sia a valle della pompa di
calore.
Uno scambiatore di calore
installato a monte della pompa
di calore in caso di
raffrescamento in
contemporanea migliora il
coefficiente di prestazione nella
produzione di acqua calda, dato
che aumenta la temperatura
della sorgente di calore.
Se lo scambiatore di calore
viene installato a valle della
pompa di calore, la temperatura
pi bassa della sorgente di
calore incrementer la
potenzialit frigorifera.
N1-B1
T
30122220
(R1)
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-N010
(E9)
N1-B3
(R3)
N
1
-
N
0
1
1
(
M
1
5
)
N1-B6
(R5)
N
1
-
N
0
1
2
/
N
0
1
3
(
M
2
2
M
A
/
M
Z
)
N
6
-
N
0
1
(
M
1
4
)
T
T
T
C
M
4
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
N1
1.3
T
N6-B3
(R11)
T
N6-B4
(R4)
N6-N05
(Y5)
T
C
3
(
M
1
1
)
N
1
-
N
0
3
N3/ N4
N6
Allacciamento idraulico per l'esercizio di riscaldamento e raffrescamento 9.8
www.dimplex.de 97
Raffrescamento annuale con pompe di calore acqua/acqua Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.19: Schema di allacciamento per l'esercizio monovalente di pompe di calore acqua/acqua con un circuito di solo
riscaldamento e un circuito di raffrescamento ventilato.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
passivo
s
Struttura del
sistema
sistema a
4 con-
dutture
Produzione
acqua calda
no
Produzione
acqua piscina
no
La separazione idraulica dei
circuiti di riscaldamento e
raffrescamento opportuna
quando in sistemi di
raffrescamento passivo singoli
ambienti devono essere gi
raffrescati o quando il sistema di
riscaldamento non deve
funzionare con acqua
raffreddata. In modalit
raffrescamento la pompa di
ricircolo raffrescamento (M17)
funziona continuativamente.
Raffrescamento annuale con pompe di calore acqua/acqua e annessa
produzione di acqua calda
Preconfigurazione
Impo-
stazione
fig. 9.20: Schema di allacciamento per l'esercizio di riscaldamento monovalente di pompe di calore acqua/acqua con
produzione di acqua calda con un circuito di solo riscaldamento e un circuito di raffrescamento ventilato.
Modalit di
esercizio
mono-
valente
1 circuito di
riscaldamento
s
2 circuito di
riscaldamento
no
Funzione
raffrescamento
passivo
s
Struttura del
sistema
sistema a
4
conduttur
e
Produzione
acqua calda
s
Richiesta Sonda
Resistenza s
Produzione
acqua piscina
no
In impianti con un sistema a 4
condutture anche il circuito di
raffrescamento deve essere
dotato di tutti i necessari
dispositivi di sicurezza, in
conformit alla norma DIN EN
12828, oltre che dei componenti
per il mantenimento della
pressione.
N1-B1
T
30121600
(R1)
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
N1
1.3
T
N6-B3
(R11)
T
N6-B4
(R4)
N
6
-
N
0
4
(
M
1
7
)
N
6
-
N
0
4
(
M
1
7
)
TC
3
(
M
1
1
)
N
1
-
N
0
3
N3/ N4
N6
N1-B1
T
30121620
(R1)
N
1
-
N
0
6
(
M
1
8
)
N1-N010
(E9)
N1-B3
(R3)
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
T
4
N
1
-
N
0
5
(
M
1
3
)
N1
1.3
T
N6-B3
(R11)
T
N6-B4
(R4)
N
6
-
N
0
4
(
M
1
7
)
N
6
-
N
0
4
(
M
1
7
)
T
C
3
(
M
1
1
)
N
1
-
N
0
3
N3/ N4
N6
10
98
10 Operazioni di allacciamento elettrico
I lavori di allacciamento elettrico sul regolatore di riscaldamento
sono descritti nel manuale di progettazione e installazione
Dimplex della pompa di calore e nelle istruzioni di montaggio del
programmatore della pompa di calore.
ATTENZIONE!
Gli schemi elettrici raffigurati in questo capitolo possono variare di caso
in caso a causa dell'ampia gamma di pompe di calore per riscaldamento
e raffrescamento. Per i lavori di allacciamento elettrico deve essere
rispettato lo schema di collegamento incollato nel quadro di comando
della pompa di calore.
10.1 Regolatore di raffrescamento per pompe di calore reversibili
Nelle pompe di calore reversibili i necessari ingressi e uscite
supplementari sono disponibili su un regolatore di
raffrescamento (N2/N17).
1) Stazioni ambiente
2) Pompa di ricircolo riscaldamento 1 circuito di riscaldamento
(M14)
3) Pompa di ricircolo acqua piscina (M19)
4) Indicazione guasti opzionale (H5)
5) Pompa di ricircolo raffrescamento opzionale (M17)
NOTA
Nelle pompe di calore acqua glicolica/acqua reversibili con sfruttamento
del calore residuo il regolatore di raffrescamento N2 stato sostituito da
due moduli di raffrescamento N17.1 e N17.2.
10.2 Regolatore di raffrescamento passivo
Oltre ai lavori di allacciamento sul regolatore di riscaldamento N1
devono essere collegati al regolatore di raffrescamento N6 i
seguenti componenti:
1) Stazione ambiente (N3)
sulla morsettiera N6-J2
2) Seconda stazione ambiente opzionale (N4)
sulla morsettiera N6-J3
3) Pompa di ricircolo riscaldamento 1 circuito di riscaldamento
(M14)
sul morsetto N6-N01
4) Valvole di commutazione (Y5,Y6) per la separazione
idraulica
sul morsetto N6-N05
5) Pompa di ricircolo acqua piscina (M19) sul morsetto N6-N01
6) Indicazione guasti opzionale (H5)
sul morsetto N6-N03
7) Pompa di ricircolo raffrescamento opzionale (M17)
sul morsetto N6-N04
8) Pompa di ricircolo primaria raffrescamento passivo (M12)
nelle pompe di calore acqua glicolica/acqua sul morsetto
N6-N06
10.3 Regolazione della temperatura ambiente nel raffrescamento ventilato
Nel raffrescamento ventilato la temperatura dell'acqua di
raffrescamento viene mantenuta costante. La regolazione della
temperatura ambiente ha luogo tramite la regolazione del
ventilconvettore, in linea di principio con due varianti disponibili:
Regolazione della portata dell'acqua
Regolazione della portata dell'aria tramite livelli di
ventilazione
Unitamente a una pompa di calore si dovrebbero impiegare di
preferenza dei ventilconvettori nei quali la potenza calorifica e la
potenzialit frigorifera vengono regolate tramite livelli di
ventilazione. In questo modo anche se la richiesta di
riscaldamento o raffrescamento di modesta entit la portata
dell'acqua attraverso la pompa di calore assicurata.
Di norma il dispositivo di regolazione della temperatura fa parte
della dotazione di fornitura del ventilconvettore. La
commutazione da esercizio di riscaldamento a esercizio di
raffrescamento pu essere effettuata in due maniere:
Commutazione manuale
Commutazione automatica dei termostati ambiente tramite
un contatto pulito sul programmatore della pompa di calore
Regolazione integrata con cambio automatico in funzione
della temperatura di mandata
fig. 10.1: Schema elettrico di allacciamento per la regolazione della
temperatura ambiente nel raffrescamento ventilato tramite
termostati ambiente commutabili
12
X8/X11
N1
N2
EV
16
Operazioni di allacciamento elettrico 10.5
www.dimplex.de 99
10.4 Stazione ambiente abbinata a raffrescamento statico
Nel raffrescamento statico la temperatura di mandata viene
regolata in funzione della temperatura ambiente nominale e della
temperatura limite del punto di rugiada calcolata. La temperatura
minima ammessa sulla superficie di raffrescamento viene
calcolata dal programmatore della pompa di calore sulla scorta
della temperatura e dell'umidit dell'aria di un ambiente di
riferimento misurate dalla stazione ambiente (RKS WPM) (fig.
10.2 a pag. 99).
Cablaggio della stazione ambiente
Cavo di collegamento elettrico (a 5 conduttori) al programmatore
della pompa di calore. Lunghezza massima della linea 30 m,
sezione 1,5 mm. In caso di posa assieme ai cavi del carico si
deve utilizzare un cavo schermato.
Nel caso di pi ambienti da regolare individualmente da parte
dell'utente necessario impiegare delle centraline temperatura
ambiente supplementari (cap. 10.6 a pag. 100).

fig. 10.2: Schema elettrico di allacciamento per la regolazione della temperatura ambiente abbinata a raffrescamento statico
con stazione ambiente e termostati ambiente commutabili
10.5 Monitoraggio avanzato del punto di rugiada
Il monitoraggio avanzato del punto di rugiada serve a proteggere
il sistema di distribuzione (ad es. il collettore del circuito di
riscaldamento) dalla formazione di condensa. Alla comparsa di
condensa l'esercizio di raffrescamento dell'intero impianto viene
interrotto.
NOTA
Il monitoraggio avanzato del punto di rugiada rappresenta un
disinserimento di sicurezza che si azzera quando la sonda del punto di
rugiada si asciuga completamente.
Controllore punto di rugiada
Il controllore punto di rugiada trasforma i segnali delle singole
sonde del punto rugiada in un segnale di blocco per il
programmatore della pompa di calore. Il numero massimo di
sonde del punto di rugiada collegabili pari a 5.
Il controllore punto di rugiada interrompe l'esercizio di
raffrescamento dell'intero impianto alla comparsa di condensa
su almeno una sonda del punto di rugiada.
Cablaggio del controllore punto di rugiada
Cavo di collegamento elettrico (a 3 conduttori) al regolatore di
raffrescamento.
Cablaggio della sonda del punto di rugiada
La linea di alimentazione dalla sonda del punto di rugiada al
controllore punto di rugiada pu essere prolungata a 20 m con
un "cavo normale" (ad es. 2x 0,75 mm) e fino a 150 m con un
cavo schermato (ad es. I(Y) STY 2x 0,8 mm). La posa va
comunque effettuata separatamente dalle linee sotto tensione.
Legenda:
N1 Regolatore di riscaldamento
N2 Regolatore di raffrescamento
EV Sistema di distribuzione elettrica
13 Riscaldamento a superfici radianti
15 Stazione ambiente
16 Termostato ambiente commutabile
17 Collettore da pavimento per
riscaldamento/raffrescamento
13
17
16
15
X8/X11
N1
N2
EV
16
13
17
16
16
5
2
2
2
5
5
5
5
2
4
V
~
5
0
H
z
10.6
100
10.6 Regolazione della temperatura ambiente
Nel raffrescamento statico la temperatura di mandata viene
regolata centralmente in funzione della temperatura e
dell'umidit dell'aria di un ambiente di riferimento. La regolazione
della temperatura individuale desiderata viene effettuata per
mezzo di centraline temperatura ambiente commutabili (vedere
fig. 10.2 a pag. 99).
Centralina temperatura ambiente riscaldamento/
raffrescamento
In esercizio di riscaldamento il flusso di acqua di riscaldamento
viene interrotto al superamento della temperatura ambiente
nominale. In esercizio di raffrescamento il flusso di acqua di
raffrescamento viene interrotto se si scende al di sotto della
temperatura ambiente nominale.
Alla centralina temperatura ambiente RTK 601U disponibile
come accessorio speciale pu inoltre essere collegata una
sonda del punto di rugiada che alla formazione di condensa sulla
superficie di raffrescamento interrompe l'esercizio di
raffrescamento di un ambiente.
NOTA
In ambienti con sistemi di raffrescamento aperti (ad es. raffrescamento a
soffitto) e in ambienti con tasso di umidit estremamente variabile (ad es.
ambienti per riunioni) si consiglia l'impiego di una sonda del punto di
rugiada supplementare sulla superficie di raffrescamento che al formarsi
della condensa chiude il servomotore dell'ambiente corrispondente.

fig. 10.3: Schema di collegamento della centralina temperatura ambiente
riscaldamento/raffrescamento
10.6.1 Centralina temperatura ambiente per commutazione manuale
Quando si impiega un sistema combinato il gruppo del circuito di
riscaldamento comune a tutti gli ambienti contiene dell'acqua di
riscaldamento o di raffrescamento. Lo spostamento manuale
dell'interruttore sulla centralina temperatura ambiente RTK 602U
durante l'esercizio di raffrescamento commuta l'andamento della
regolazione.
NOTA
Negli ambienti che non devono essere raffrescati (ad es. bagno) le
centraline temperatura ambiente commutabili impediscono che si attivi
un raffrescamento non desiderato quando la temperatura ambiente al di
sotto di quella nominale.
10.6.2 Centralina temperatura ambiente a commutazione automatica
Il regolatore di raffrescamento della pompa di calore (N2/N6/
N17) dispone di un contatto pulito per la commutazione
automatica dei termostati ambiente da esercizio di riscaldamento
a esercizio di raffrescamento.
Sulla centralina temperatura ambiente riscaldamento/
raffrescamento RTK 601U disponibile tra gli accessori speciali il
suddetto contatto di commutazione pu essere utilizzato per
passare automaticamente all'esercizio di raffrescamento.
NOTA
Negli ambienti che non devono essere raffrescati (ad es. bagno) il
servomotore riceve un comando Sempre chiuso durante l'esercizio di
raffrescamento quando la massa (contatto F) viene cablata stabilmente
all'ingresso del punto di rugiada.
fig. 10.4: Schema di collegamento RTK 601U (ambiente singolo)
Fase tensione d'esercizio
Massa tensione d'esercizio
RiscaIdamento/raffrescamento (uscita)
Commutazione
riscaIdamento/raffrescamento
Opzionale:
TSonda deI punto di rugiada
24V

RegoIatore di
raffrescamento N2/N6
verso altri servomotori
(rispettare la potenza max.
di comando)
N08 C8
r.H.
CentraIina temperatura ambiente
riscaIdamento/raffrescamento
Sonda del
punto di
rugiada
N08 C8
N2/N6
Carico
Operazioni di allacciamento elettrico 10.6.2
www.dimplex.de 101
Cablaggio della centralina temperatura ambiente
(vedere anche fig. 10.2 a pag. 99)
Predisposizione di una tensione d'alimentazione 24 V~/50
Hz verso ciascun gruppo circuito riscaldamento per le
centraline temperatura ambiente e i servomotori
elettrotermici (24 V~, chiusura a tensione zero), generata da
un trasformatore messo a disposizione dal committente.
Dai gruppi circuito di riscaldamento va condotto un cavo a 5
fili ad ogni centralina temperatura ambiente (2 conduttori per
la tensione d'alimentazione, 2 conduttori per la
commutazione riscaldamento/raffrescamento, 1 conduttore
per l'uscita di commutazione servomotore).
Dai gruppi circuito riscaldamento va condotto un cavo a 2 fili
fino all'uscita rel del regolatore di raffrescamento (N2/N6/
N17) tramite il quale avviene, in esercizio di raffrescamento,
la commutazione automatica.
NOTA
Per mezzo del contatto pulito del regolatore di raffrescamento possono
essere inserite in parallelo max. 20 centraline temperatura ambiente
RTK 601U tutte assieme. L'alimentazione dei servomotori avviene tramite
una linea di tensione d'alimentazione esterna da 24V AC 50 Hz. La
potenza del trasformatore deve essere calcolata in modo che anche le
correnti di spunto di pi servomotori non causino l'interruzione della
tensione d'alimentazione.
fig. 10.5: Schema di collegamento RTK 601U (collegamento in parallelo)
10.7
102
10.7 Schemi elettrici
fig. 10.6: Schema di collegamento del programmatore della pompa di calore da parete WPM 2006 R - N1 (regolatore di riscaldamento) - Per la legenda vedere cap.
10.8 a pag. 105
Operazioni di allacciamento elettrico 10.7
www.dimplex.de 103
fig. 10.7: Schema di collegamento del programmatore della pompa di calore da parete WPM 2006 R per raffrescamento - N2 (regolatore di raffrescamento)
fig. 10.8: Schema di collegamento regolatore di raffrescamento passivo WPM PK - N6
NOTA
Nelle pompe di calore acqua glicolica/acqua la potenza frigorifera
fornita grazie all'inserimento e disinserimento di una pompa primaria di
raffrescamento supplementare (M12) nel circuito dell'acqua glicolica.
Rimuovere il ponticello A6 (cap. 7.4 a pag. 70)
NOTA
Se il raffrescamento avviene tramite un sistema separato di tubazioni (ad
es. un sistema a quattro condutture) con una pompa di ricircolo
raffrescamento dedicata (M17), la pompa di ricircolo riscaldamento (M13)
pu essere disattivata durante l'esercizio di raffrescamento per mezzo
del ponticello A5 (cap. 7.5.3 a pag. 71).
10.7
104
fig. 10.9: Schema di collegamento regolatore di riscaldamento SI 30TER+ / SI 75TER+
fig. 10.10: Schema di collegamento regolatore di raffrescamento SI 30TER+ / SI 75TER+
Operazioni di allacciamento elettrico 10.8
www.dimplex.de 105
10.8 Legenda per gli schemi elettrici
A Ponticelli
A1 Ponticello: il blocco dell'azienda distributrice dell'energia
elettrica deve essere applicato quando la tensione di
carico non viene interrotta dal distributore dell'energia
elettrica
A2 Ponticello: blocco pompa di calore - protezione antigelo
(sorgente di calore) assicurata
A3 Ponticello per pompe di calore senza contatto di
protezione motore della pompa primaria o del ventilatore
A4 Ponticello per pompe di calore senza contatto di
protezione motore del compressore
A5 Ponticello per esercizio parallelo di M13/M17 con PKS
A6 Ponticello per esercizio parallelo di M11/M12
A7 Ponticello riscaldamento supplementare
A8 Ponticello richiesta di acqua calda
A9 Ponticello riscaldamento a pavimento
B Contatti ausiliari
B2* Pressostato bassa pressione acqua glicolica
B3* Termostato acqua sanitaria
B4* Termostato acqua piscina
E Organi di riscaldamento, raffrescamento e
ausiliari
E3 Fine sbrinamento - pressostato
E5 Pressione di condensazione - pressostato
E9 Resistenza acqua sanitaria
E10* 2. Generatore di calore (funzionamento selezionabile
tramite regolatore)
E13* 2. generatore di freddo
F Organi di sicurezza
F1 Protezione comando di N2 / N6
F2 Fusibile per morsetti a innesto J12 e J13 5x20/4,0ATr
F3 Fusibile per morsetti a innesto da J15 a J18 5x20/4,0ATr
F4 Pressostato - alta pressione
F5 Pressostato - bassa pressione
F6 Protezione antigelo (mandata) termostato
F7 Termostato di sicurezza
F10 Interruttore di flusso (esercizio di raffrescamento)
F23 Protezione motore M1 / M11
H Spie
H5* Spia teleindicazione guasti
K Contattori, rel, contatti
K1 Contattore compressore 1
K1.1 Contattore avviamento compressore 1
K1.2 Rel temporizzatore compressore 1
K2 Contattore (rel) ventilatore 1
K3 Contattore compressore 2
K3.1 Contattore avviamento compressore 2
K3.2 Rel temporizzatore compressore 2
K4 Contattore ventilatore 2
K5 Contattore pompa primaria - M11
K6 Contattore pompa primaria 2 - M20
K7 Rel a semiconduttore - sbrinamento
K8 Contattore / riscaldamento supplementare rel
K9 Rel di accoppiamento 230V/24V per fine sbrinamento o
protezione antigelo (mandata)
K11* Rel elettronico per teleindicazione guasti
K12* Rel elettronico per la pompa di ricircolo acqua piscina
K20* Contattore 2 generatore di calore
K21* Contattore resistenza acqua sanitaria
K22* Contattore di blocco azienda distributrice dell'energia
elettrica
K23* Rel ausiliario per blocco
K28* Commutazione esterna modalit di esercizio
raffrescamento
M Motori
M1 Compressore 1
M2 Ventilatore
M3 Compressore 2
M11* Pompa primaria sorgente di calore
M12* Pompa primaria raffrescamento passivo
M13* Pompa di ricircolo riscaldamento circuito principale
M14* Pompa di ricircolo riscaldamento 1 circuito di
riscaldamento per raffrescamento
M15* Pompa di ricircolo riscaldamento 2/3 circuito di
riscaldamento
M16* Pompa di ricircolo supplementare
M17* Pompa di ricircolo raffrescamento
M18* Pompa di ricircolo acqua calda (pompa di carico
dell'accumulo)
M19* Pompa di ricircolo acqua piscina
M20* Pompa primaria 2 sorgente di calore
M21* Miscelatore bivalente o 3 circuito di riscaldamento
M22* Miscelatore 2 circuito di riscaldamento
N Elementi di regolazione
N1 Centralina di riscaldamento
N2 Regolatore di raffrescamento (pompa di calore
reversibile)
N3 Stazione ambiente 1
N4 Stazione ambiente 2
N5 Controllore punto di rugiada
N6 Regolatore di raffrescamento (raffrescamento passivo)
N9 Termostato ambiente (commutabile)
N10* Telecomando
N11* Gruppo rel
N14 Elemento di comando per programmatore della pompa di
calore 2007
Q1 Interruttore automatico M11
R Sonde, resistenze
R1 Sensore esterno
R2 Sensore ritorno
R3* Sensore acqua calda
R4 Sensore ritorno acqua di raffrescamento
R5* Sonda 2 circuito di riscaldamento
R6 Sensore antigelo
R7 Resistenza di codifica
R8 Sensore antigelo (sorgente di calore) raffrescamento
R9 Sensore mandata (sensore antigelo sorgente di calore)
R10
1- 5*
Sonda del punto di rugiada
(Sensori umidit di N5 - massimo 5 pezzi)
R11 Sensore mandata acqua di raffrescamento
R12 Sensore sbrinamento
R13 Sonda 3 circuito di riscaldamento / sonda rigenerativo
R17* Sensore temperatura ambiente
R18 Sonda gas caldo
R20 Sonda piscina
T Trasformatore T
T1 Trasformatore di sicurezza 230/24V AC
W Cavi
W1 Linea di comando 15 poli
W1 - # Numero di conduttori del cavo W1
W1-#8 deve essere sempre collegato.
X Morsetti, distributori, connettori
X1 Morsettiera connessione di rete 230V (L/N/PE)
X2 Bassa tensione
X3 Bassa tensione
X4 Morsetto connettore a spina
10.9
106
10.9 Assegnazione dei morsetti del programmatore della pompa di calore
X5 Morsetto distributore 0V AC
X8 Connettore a spina linea di comando (bassa tensione)
X11 Connettore a spina linea di comando 230V AC
Y Valvole
Y1 Valvola di commutazione a 4 vie
Y5* Valvola di distribuzione a tre vie
Y6* Valvola di chiusura a due vie
* Da ordinare esternamente come optional
N1 Centralina di riscaldamento
N1-J1 Alimentazione di corrente (24V AC / 50Hz)
N1-J2-B1* Sensore esterno - R1
N1-J2-B2* Sensore ritorno - R2
N1-J2-B3* Sensore acqua calda - R3*
N1-J3-B4 Codifica - R7
N1-J3-B5 Sensore mandata oppure sensore antigelo (sorgente di calore) riscaldamento - R9
N1-J4-Y1 Sbrinamento
N1-J4-Y2 Spia teleindicazione guasti - H5 tramite K11
N1-J4-Y3 Pompa di ricircolo acqua piscina - M19 tramite K12
N1-J5-ID1 Termostato acqua sanitaria - B3
N1-J5-ID2 Termostato acqua piscina - B4
N1-J5-ID3 Blocco dell'azienda distributrice dell'energia elettrica
N1-J5-ID4 Blocco
N1-J5-ID5 Anomalia ventilatore / pompa primaria - M2 / M11
N1-J5-ID6 Anomalia compressore - M1 / M3
N1-J5-ID8 Interruttore di flusso (esercizio di raffrescamento)
N1-J5-ID7 Fine sbrinamento - pressostato - E3; protezione antigelo (mandata) - pressostato - F6
N1-J6-B6 Sonda 2 circuito di riscaldamento - R5 e sensore sbrinamento
N1-J6-B7 Sensore antigelo - R6; sensore sbrinamento - R12
N1-J6-B8 Sensore antigelo (sorgente di calore) raffrescamento - R8;
sonda 3 circuito di riscaldamento / sonda rigenerativo - R13
N1-J7-ID9 Pressostato bassa pressione acqua glicolica - B2
N1-J7-ID10 Termostato gas caldo - F7
N1-J7-ID11 Commutazione protocollo TAE
N1-J7-ID12 Commutazione esterna modalit di esercizio raffrescamento - K28
N1-J8-ID13H Pressostato alta pressione - 230V AC - F4
N1-J8-ID13 Pressostato alta pressione - 24V AC - F4
N1-J8-ID14 Pressostato bassa pressione - 24V AC - F5
N1-J8-ID14H Pressostato bassa pressione - 230V AC - F5
N1-J10 Telecomando - N10 / elemento di comando - N14
N1-J11 Presa pLAN
N1-J12-NO1 Compressore 1 - M1
N1-J13-NO2 Compressore 2 - M3
N1-J13-NO3 Pompa primaria - M11 / ventilatore - M2
N1-J13-NO4 2. Generatore di calore (E10)
N1-J13-NO5 Pompa di ricircolo riscaldamento - M13
N1-J13-NO6 Pompa di ricircolo acqua calda - M18
N1-J14-NO7/N08 Miscelatore 1 circuito di riscaldamento aperto/chiuso - M14
N1-J16-NO9 Pompa di ricircolo supplementare - M16
N1-J16-NO10 Resistenza acqua sanitaria - E9
N1-J16-NO11 Pompa di ricircolo riscaldamento 2/3 circuito di riscaldamento - M15
N1-J17-NO12/NO13 Miscelatore 2 circuito di riscaldamento aperto/chiuso - M22
N2 (N6) Regolatore di raffrescamento
N2-J1 Alimentazione di corrente (24VAC / 50Hz)
N2-J2-B1 Umidit stazione ambiente - N3
N2-J2-B2 Umidit stazione ambiente - N4
N2-J2-B3 Sensore mandata acqua di raffrescamento - R11 / sonda gas caldo - R18
N2-J2-B4 Sensore ritorno acqua di raffrescamento - R4
N2-J3-B5 Temperatura stazione ambiente - N3
N2-J3-B6 Temperatura stazione ambiente - N4
N2-J5-ID1 Controllore punto di rugiada - N5
N2-J5-ID3 Pressostato pressione di condensazione - E5
N2-J11 Presa pLAN
N2-J12-NO1 Pompa di ricircolo riscaldamento 1 circuito di riscaldamento - M14
N2-J12-NO2 Pompa di ricircolo acqua piscina - M19
N2-J12-NO3 Teleindicazione guasti - H5
N2-J13-NO4 Valvola di commutazione a 4 vie
N2-J14-NO7 2. generatore di freddo
Operazioni di allacciamento elettrico 10.9
www.dimplex.de 107
N2-J15-NO8 Termostato ambiente (commutabile) - N9
N17 Regolatore di raffrescamento
N17.1-J10-B3 Umidit stazione ambiente - N3
N17.1-J10-B4 Umidit stazione ambiente - N4
N17.1-J9-B1 Temperatura stazione ambiente - N3
N17.1-J9-B2 Temperatura stazione ambiente - N4
N17.1-J5-NO1 Pompa di ricircolo riscaldamento 1 circuito di riscaldamento - M14
N17.2-J4-ID4 Controllore punto di rugiada - N5
N17.2-J5-NO3 Pompa di ricircolo acqua piscina - M19
N17.2-J10-B4 Sonda piscina R20
* Da mettere a disposizione esternamente come optional
11
108
11 Allegato
11.1 Terminologia raffrescamento
Coefficiente di consumo dell'impianto e
P
Il coefficiente di consumo dell'impianto indica il fabbisogno
primario di energia di un impianto necessario per coprire il
fabbisogno annuale di calore per riscaldamento di un edificio. Il
coefficiente di consumo espresso da un indice che l'inverso
dei rendimenti dei singoli componenti tecnici. Quanto pi basso il
coefficiente di consumo dell'impianto e tanto pi efficiente il
sistema. Il calcolo del coefficiente di consumo dell'impianto
definito nella norma DIN 4701 parte 10.
Umidit assoluta
L'umidit assoluta indica il contenuto di vapore acqueo dell'aria
in g/kg (g d'acqua per kg di aria secca). Nell'aria si trova sempre
una certa quantit d'acqua; questa massa d'acqua rimane
costante al riscaldamento o al raffreddamento dell'aria, vale a
dire che contrariamente all'umidit relativa non varia fintanto che
non sopraggiunge altra acqua (ad es. tramite la sudorazione di
una persona) o non viene sottratta (ad es. attraverso la
condensazione).
Raffrescamento attivo con pompe di calore da
riscaldamento
Raffrescamento tramite l'inversione di ciclo di una pompa di
calore; commutando il circuito del freddo tramite una valvola di
commutazione a quattro vie la pompa di calore pu funzionare
come una macchina frigorifera.
Comfort
Il comfort l'intervallo definito di tolleranza delle condizioni
dell'aria ambiente. Il comfort viene determinato sostanzialmente
da temperatura, umidit e velocit dell'aria e dalla temperatura
degli elementi disperdenti dell'ambiente.
Solo quando questi valori variano entro ben determinati limiti il
clima dell'ambiente viene percepito dalle persone come
confortevole.
Raffrescamento ventilato
Raffrescamento con temperature del liquido refrigerante al di
sotto del punto di rugiada tramite l'impiego di ventilconvettori
(convezione forzata). Le temperature delle superfici di
raffrescamento sono sensibilmente al di sotto della temperatura
ambiente e deumidificano l'aria ambiente attraverso la
condensazione.
Entalpia
Dal greco enthlpein -> "scaldare dentro". L'entalpia rappresenta
il contenuto di calore di un fluido di trasporto, ad es. l'aria,
caratterizzato da temperatura e contenuto di umidit. L'entalpia
specifica viene indicata in J/kg.
Deumidificare
Ridurre l'umidit assoluta dell'aria.
Aerazione tramite le finestre
Scambio di aria ambiente con aria esterna solo tramite finestre
aperte, lo scambio d'aria non controllabile.
Sistema di riscaldamento a superficie
Dei tubi percorsi da acqua posati nelle superfici del pavimento,
delle pareti o dei soffitti cedono uniformemente la potenza
calorifica trasportata dall'acqua all'ambiente.
Ventilconvettori
I ventilconvettori servono al riscaldamento e/o raffrescamento di
ambienti di piccole e medie dimensioni, come uffici, sale riunioni,
aule scolastiche, soggiorni, piccole sale, ristoranti ecc. Varianti
speciali dispongono anche di un attacco aria supplementare,
alcuni anche con scambiatori di calore aria/aria per la
ventilazione del rispettivo ambiente. I ventilconvettori hanno
forme costruttive piatte. Sono costituiti da ventilatore,
scambiatore di calore, filtro e rivestimento esterno. I ventilatori
possono funzionare a diversi regimi tramite appositi interruttori,
in questo modo possibile adeguare la potenza dell'aria alle
rispettive condizioni di esercizio.
Batterie di scambio termico
Vengono per lo pi utilizzate per il riscaldamento/raffreddamento
di batterie ad aria con tubi alettati. Queste sono costituite da tubi
(generalmente in rame) con lamelle sporgenti (di solito in
alluminio) che favoriscono il passaggio del calore. Nei tubi scorre
un fluido di riscaldamento o di raffrescamento come ad es. acqua
di riscaldamento, vapore, acqua fredda, acqua glicolica o liquido
refrigerante.
A valle di una batteria di scambio termico viene di solito
posizionato un separatore di gocce che rimuove dall'aria le
gocce che si formano nel raffreddamento dell'aria al di sotto del
punto di rugiada.
Climatizzazione
Per climatizzazione si intende la creazione nell'ambiente di
definiti livelli di temperatura e valori di umidit relativa. A tale
scopo necessario, nella maggior parte dei casi, riscaldare,
raffrescare, umidificare o deumidificare l'aria di alimentazione a
seconda delle condizioni atmosferiche.
Condensazione
Esistono due tipi di condensazione:
a) Separazione dell'acqua dall'aria su superfici fredde
dell'ambiente
b) Liquefazione del fluido refrigerante nel processo di
generazione del freddo
In entrambi i casi una sostanza allo stato di vapore viene
raffreddata fino a quando passa completamente o in parte allo
stato di aggregazione liquido.
Raffrescamento/riscaldamento a soffitto
Negli ambienti commerciali tipo: uffici, ambienti per
manifestazioni e assemblee, edifici di vendita o esposizione,
ambienti funzionali negli ospedali ecc. vengono spesso montate,
a scopo di rivestimento, controsoffittature appese. questo il
tipico ambito d'impiego del raffrescamento/riscaldamento a
soffitto. Il raffrescamento a soffitto funziona secondo il medesimo
principio del raffrescamento statico, vale a dire che non si pu
scendere sotto il punto di rugiada.
A seconda della temperatura dell'acqua selezionata questa
tecnica consente di raffrescare o riscaldare. Non solo, ma in
Allegato 11.1
www.dimplex.de 109
parte i sistemi a soffitto assolvono a funzioni supplementari di
natura estetica, acustica e illuminotecnica.
Tramite l'acqua la temperatura superficiale del raffrescamento a
soffitto viene abbassata di alcuni gradi al di sotto della
temperatura ambiente, pur rimanendo costantemente sopra il
punto di rugiada.
Dato che la maggior parte delle sorgenti di calore cedono il
calore prevalentemente per irraggiamento e lavorano senza
convezione forzata, il principio fisico di azione del raffrescamento
a soffitto rappresenta per gli ambienti esclusivamente destinati
ad uffici la soluzione pi confortevole.
Nell'asportare carichi termici interni di grande entit ed elevato
tasso di umidit dell'aria i raffrescamenti a soffitto presentano
tuttavia delle limitazioni nei confronti dei ventilconvettori a causa
della potenzialit frigorifera massima.
Calore latente
Il calore latente la componente in umidit (assoluta) della
differenza di contenuto di calore tra portata volumetrica dell'aria
di alimentazione e quella dell'aria di scarico.
Umidit dell'aria
Il contenuto di umidit dell'aria in rapporto alla temperatura
dell'aria viene definito umidit relativa. Determinante risulta
l'area di permanenza, misurata 1,50 m al di sopra del pavimento.
La comune tolleranza pari a +/- 5 % di umidit relativa.
Occasionalmente vengono ammessi, nel corso dell'anno, valori
progressivi di umidit relativa: crescenti d'estate e decrescenti
d'inverno (per risparmiare energia). Se il clima dell'ambiente
deve ancora essere percepito come confortevole, l'umidit
relativa massima consentita riferita a una temperatura ambiente
di + 23 C pari al 65%, riferita a + 26 C sar del 55 %.
Usualmente si consiglia un valore massimo di umidit relativa
pari al 55 %.
Temperatura dell'aria
La temperatura dell'aria nell'area di permanenza
fondamentale. Essa viene misurata a 1,50 m al di sopra del
pavimento. Le tolleranze ammesse di solito sono comprese tra
+/- 0,5 K in caso di requisiti pi stringenti, altrimenti tra +/- 1,0 K.
Nel corso dell'anno vengono ammessi valori per lo pi
progressivi di temperatura dell'aria ambiente, in funzione della
temperatura esterna (per il risparmio energetico).
A causa dell'attivit corporea delle persone all'interno
dell'ambiente l'intervallo di temperature confortevoli variabile.
Nel corso delle comuni attivit di ufficio temperature da + 23 a
24 C vengono percepite come ottimali fintanto che la
temperatura degli elementi disperdenti all'incirca uguale a
quella dell'aria ambiente. Questo valore di comfort vale in tutto il
mondo, a prescindere dalle zone calde o fredde.
A partire da una temperatura esterna di circa + 26 C e oltre la
temperatura ambiente percepita come confortevole aumenta
progressivamente.
Ventilazione naturale
Ventilazione naturale tramite finestre o pozzi con sfruttamento
dei movimenti dell'aria calda.
In seguito alla differenza di densit di aria a diversi livelli di
temperatura l'aria calda tende a salire verso l'alto e quella fredda
a scendere verso il basso. Il vento presente all'esterno, a
seconda dell'intensit e della direzione, sostiene la ventilazione
naturale.
Lo svantaggio consiste nel fatto che a causa delle condizioni di
temperatura e di vento per natura soggette a forti variazioni le
portate volumetriche che vengono a instaurarsi variano in
maniera estrema e sono minimamente influenzabili.
Temperatura superficiale
La temperatura superficiale di pareti, soffitti, pavimenti e finestre
influisce sostanzialmente sulla sensazione di comfort. quindi
necessario tenerne conto al momento di selezionare la
temperatura nominale dell'aria. Sono ottimali le temperature
superficiali che sono all'incirca uguali a quelle dell'aria ambiente.
Raffrescamento passivo
In estate l'acqua di falda e il terreno a profondit elevate sono
sensibilmente pi freddi della temperatura esterna. Uno
scambiatore di calore a piastre installato nel circuito dell'acqua di
falda o nel circuito geotermico di una pompa di calore da
riscaldamento trasmette la potenza frigorifera al circuito di
riscaldamento/raffrescamento.
Clima di processo
Condizioni legate alle tecniche produttive che vengono definite
specificatamente e che si discostano dalle norme del comfort. A
seconda del tipo di processo possono essere fissati requisiti in
parte molto severi riguardanti il rispetto di valori di temperatura e
umidit o di contenuto di polvere, ad es. nelle camere bianche
per la produzione di chip.
Stazione ambiente
Al fine di evitare la formazione di condensa nel raffrescamento
statico la temperatura di mandata viene regolata in funzione del
punto di rugiada tramite una stazione ambiente.
Termostati ambiente riscaldamento/
raffrescamento
I termostati ambiente impiegati in vani che devono essere sia
riscaldati sia raffrescati devono disporre di una commutazione
che li piloti in maniera tale che con temperature crescenti in
esercizio di raffrescamento venga emesso un segnale di
incremento.
Regolazione
Equipaggiamento per il mantenimento automatico di condizioni
predefinite. Un tipico circuito di regolazione costituito da sonda,
regolatore e valvola con servomotore.
La sonda comunica al regolatore il valore effettivo (ad es. la
temperatura), che viene confrontato dal regolatore con il valore
nominale impostato, aprendo o chiudendo la valvola di
regolazione a seconda dello scostamento tra valore effettivo e
valore nominale.
Umidit relativa
L'umidit relativa il contenuto di vapore acqueo dell'aria tenuto
conto della temperatura.
Il valore di umidit relativa indica che percentuale della massima
umidit possibile dell'aria questa contenga effettivamente. Dato
che nell'aria calda pu essere contenuto pi vapore acqueo che
in quella fredda, riscaldando l'aria e a parit di umidit assoluta il
valore dell'umidit relativa diminuisce.
Impianto RLT
Denominazione abbreviata di impianto di ventilazione ambiente.
11.2
110
Calore sensibile
Il calore sensibile la differenza di contenuto di calore dovuta al
differenziale termico tra portata volumetrica dell'aria di
alimentazione e quella dell'aria di scarico.
La definizione nel suo significato letterale non corretta in
quanto anche il calore latente pu essere percepito
"sensibilmente".
Raffrescamento statico
Raffrescamento tramite sistemi di riscaldamento a superficie con
temperature del fluido refrigerante al di sopra del punto di
rugiada, per evitare la formazione di condensa.
Irraggiamento
Con irraggiamento si indica il trasporto di energia da superfici
calde a superfici fredde senza convezione, cio senza
significativo riscaldamento degli strati di aria frapposti.
Punto di rugiada
Il punto di rugiada quella temperatura alla quale una quantit
d'aria deve essere raffreddata in modo che inizi la
condensazione (separazione dell'acqua dall'aria). Nel punto di
rugiada si ha un valore di umidit relativa pari al 100 %. Il punto
di rugiada pu essere calcolato ad es. dall'umidit relativa e dalla
temperatura. Nel raffrescamento statico la temperatura
dell'acqua di raffrescamento di regola al di sopra del punto di
rugiada, nel raffrescamento ventilato al di sotto.
Controllore punto di rugiada
Il controllore punto di rugiada interrompe l'esercizio di
raffrescamento dell'intero impianto alla comparsa di condensa in
punti sensibili del sistema di distribuzione del freddo.
Temperare
Il termine temperare indica il mantenimento della temperatura
grazie al riscaldamento e/o al raffrescamento regolati.
Portata volumetrica
La portata volumetrica designa la quantit d'aria e la potenza
dell'aria nei sistemi di ventilazione ambiente.
Fabbisogno di calore
Il calcolo del fabbisogno di calore avviene in base alla norma
DIN 4701. Esso composto dal fabbisogno di calore per
ventilazione e da quello per trasmissione.
Il fabbisogno di calore indica quale potenza calorifica
necessaria per mantenere un ambiente/un edificio ad una
determinata temperatura minima con un ricambio d'aria
anch'esso definito.
Contenuto in calore dell'aria
Il contenuto in calore dell'aria caratterizzato dalla temperatura
e dal contenuto di umidit; in gergo tecnico definito anche
come entalpia, misurata in kJ/kg.
11.2 Norme e direttive importanti
VDI 2078: 1996-07
Calcolo del carico frigorifero di ambienti climatizzati
(regole del carico frigorifero VDI)
E VDI 2078 foglio 1: 2002-01
Calcolo del carico frigorifero di edifici climatizzati con
raffrescamento degli ambienti tramite elementi disperdenti
raffreddati.
DIN V 4701-10: 2001-02
Valutazione energetica degli impianti di riscaldamento e di
ventilazione ambiente - parte 10: riscaldamento, preparazione
acqua calda per uso domestico, ventilazione
DIN 4710: 2003-01
Statistiche di dati meteorologici per il calcolo del fabbisogno
energetico degli impianti di riscaldamento e di ventilazione
ambiente in Germania
Allegato 11.3
www.dimplex.de 111
11.3 Calcolo approssimativo del carico frigorifero per ambienti singoli
secondo il procedimento HEA
Determinazione approssimativa del carico frigorifero per ambienti singoli
(procedimento breve HEA in conformit alle regole del carico frigorifero, VDI 2078)
Pos Impianto:
0 Ambiente
Lunghezz
a [m]
Larghezz
a
[m]
Altezza
[m]
Superfici
e
m
Volume
m
Carico frigorifero esterno
1 Irraggiamento solare attraverso finestre e porte esterne Senza protezione
Misura costruzione grezza
Fattori di riduzione
Protezione dal sole
Orientamento
Larghezza
[m]
Altezza
[m]
Superficie
m
Vetri
semplici
W/m
Vetri
doppi
W/m
Vetri
atermici
W/m
Vetro
protettivo
Veneziana
interna
Tenda da sole
Veneziana
esterna
Carico
frigorifero
Finestre/
porte esterne
Watt
Carico
frigorifero
totale
Watt
N 65 60 35
NE 80 70 40
E 310 280 155
SE 270 240 135
S 350 300 165
SO 310 280 155
O 320 290 160
NO 250 240 135
Finestra sul
tetto
500 380 220
x 0,7 x 0,3 x 0,15
SOMMA finestre / porte esterne
1)
2 Pareti (senza aperture porte e finestre)
Larghezza
[m]
Altezza tra i
piani
m
Cappa
m
m W/m Watt
Esterno 10
Interno 10
SOMMA pareti
3 Pavimento di ambienti non climatizzati
Lunghezza Larghezza m W/m Watt
10
SOMMA pavimento
4 Soffitto Tetto piano Tetto spiovente/Soffitto
Lunghezza Larghezza m
Non
coibentato
W/m
Coibentato
W/m
Non
coibentato
W/m
Coibentato
W/m
Ambiente
non
climatizzato
W/m
Watt
60 30 50 25 10
SOMMA soffitto
Carico frigorifero interno
5 Illuminazione Somma potenze allacciate [Watt]

SOMMA illuminazione
6 Apparecchi elettrici
Q.t
Watt/Apparecch
io
Watt
Computer 150
Monitor 75
Stampanti 50
SOMMA apparecchi elettrici
7 Totale persone
Q.t Watt/Persona Watt
115
SOMMA persone
8 Aria esterna
m/h W/m Watt
Indicazione produttore 10
SOMMA aria esterna
SOMMA TOTALE CARICO FRIGORIFERO:
1) In caso di pi punti cardinali immettere solo il valore massimo,
in caso di punti cardinali adiacenti sommare entrambi i valori
Fondamenti:
I valori indicati sono stati determinati in accordo alle regole VDI 2078 relative al carico frigorifero.
Come riferimento stata presa una temperatura dell'aria ambiente di 27C con una temperatura dell'aria
esterna pari a 32 C e il funzionamento continuativo dell'apparecchio di raffrescamento.
11.3
112
NOTA
All'indirizzo www.dimplex.de/online-planer/kuehllastrechner a
disposizione un software di calcolo on-line per la determinazione del
carico frigorifero di ambienti singoli.
Fondamenti/Spiegazione:
Questa procedura di calcolo tiene conto, accanto alle influenze
indicate, anche della capacit di accumulo dell'ambiente. I
fondamenti sono i valori numerici alla base delle "regole del
carico frigorifero" VDI 2078.
Alla base del calcolo stata posta una temperatura ambiente
pari a 27 C con una temperatura esterna di 32 C e il
funzionamento continuativo dell'apparecchio di raffrescamento.
Posizione 0:
Tipo di ambiente, dimensioni interne libere, superficie e volume.
Posizione 1:
Le superfici delle finestre devono essere suddivise in base ai
diversi punti cardinali e quindi moltiplicate per i corrispondenti
valori. Come superficie della finestra vale la dimensione dello
svano (misura della costruzione grezza). Nella somma per il
calcolo del carico frigorifero deve essere impiegato il punto
cardinale che d il valore massimo. In caso di differenti versioni
di finestre in un punto cardinale, se necessario, addizionare pi
valori.
Se delle finestre sono orientate verso due punti cardinali
direttamente adiacenti, ad es. SO e O, va impiegata la somma di
entrambi questi valori.
Per vetrate non suddivise oltre i 2 m i fattori devono essere
incrementati del 10 %.
Vanno considerati anche i lucernari orizzontali (vedere riga
Finestre sul tetto.).
In presenza di dispositivi di protezione dal sole devono essere
considerati i fattori di riduzione indicati.
Posizione 2:
Flusso termico attraverso le pareti (carico frigorifero attraverso le
pareti). Per facilitare il procedimento di calcolo sono stati presi
come base valori forfetari corrispondenti all'attuale standard
termico, rifacendosi alla norma VDI 2078. Dato che il carico
frigorifero non viene influenzato in maniera apprezzabile dalle
pareti questi valori possono essere impiegati anche per
costruzioni vecchie.
Posizione 3:
Quando l'ambiente adiacente o sottostante non climatizzato o
non raffrescato necessario inserire il valore corrispondente.
Posizione 4:
La superficie del solaio (tetto) al netto di eventuali lucernari va
moltiplicata per i corrispondenti valori.
Posizione 5:
Dato che solo una parte della potenza allacciata delle lampade
viene trasformata in luce, la potenza allacciata complessiva va
considerata come calore. Se gli alimentatori delle lampade a
scarica si trovano nell'ambiente da raffrescare, allora anche
questi dovranno essere presi in considerazione con le
corrispondenti potenze.
Posizione 6:
Oltre ai valori prestabiliti devono essere riportati anche gli
apparecchi che generano calore funzionanti nel momento di
massimo irraggiamento solare, ad es. televisori, lampade e altri
apparecchi elettrici, con le rispettive potenze allacciate.
Posizione 7:
Il numero delle persone va moltiplicato per il valore prestabilito.
Conformemente alla norma VDI 2078, per quanto riguarda la
cessione di calore da parte degli esseri umani (calore delle
persone) si partiti dai seguenti presupposti:
Attivit: nessuna attivit fisica o lavoro leggero in piedi, grado di
attivit da I a II secondo la norma DIN 1946 parte 2, temperatura
ambiente 26 C.
Posizione 8:
Qui deve essere riportata la componente in aria esterna secondo
i dati del produttore. Alla base del calcolo viene assunto che la
portata volumetrica di aria esterna venga raffrescata solo di 5 K.
Carico frigorifero totale:
Somma dei singoli carichi frigoriferi, posizioni da 1 a 8.
Climatizzatore selezionato:
Per raggiungere una temperatura interna inferiore di circa 5 K
alla temperatura dell'aria esterna stabilita la potenzialit
frigorifera sensibile deve essere uguale o maggiore al carico
frigorifero calcolato. La portata volumetrica dell'aria di
alimentazione dell'apparecchio in m/h divisa per il volume
dell'ambiente riportato al rigo 0 d il coefficiente di ricambio
d'aria. Sopra 10 sono accettabili solo sistemi di convogliamento
dell'aria progettati con estrema cura da persone qualificate,
altrimenti si dovr mettere in conto il verificarsi di fastidiose
correnti.
Terminologia:
Il carico frigorifero la sommatoria di tutti i flussi termici
convettivi attivi che devono essere sottratti per mantenere la
desiderata temperatura dell'aria in un ambiente.
Carico frigorifero sensibile definito quel flusso termico che a
contenuto di umidit costante deve essere asportato
dall'ambiente per mantenere una temperatura dell'aria
predefinita e che corrisponde quindi ai flussi termici convettivi
rilevati.
Carico frigorifero latente definito quel flusso termico
necessario a condensare un volume di vapore alla temperatura
dell'aria, in modo da poter mantenere, a temperatura dell'aria
costante, un contenuto di umidit predefinito.
La potenzialit frigorifera dell'apparecchio la somma delle
potenze o potenzialit frigorifere latenti e sensibili erogate
dall'apparecchio di raffrescamento. La potenzialit frigorifera
sensibile dell'apparecchio quella potenzialit frigorifera erogata
dall'apparecchio per il raffrescamento dell'aria senza formazione
di umidit.
La potenzialit frigorifera latente quella potenzialit frigorifera
erogata dall'apparecchio portando la temperatura dell'aria umida
al di sotto del punto di rugiada per separare tramite
condensazione parte del vapore acqueo contenuto nell'aria
umida. Il calore di evaporazione contenuto nel vapore acqueo
viene fornito dall'apparecchio sotto forma di energia di
raffrescamento per la condensazione.
Allegato 11.4
www.dimplex.de 113
11.4 Requisiti minimi per accumulo dell'acqua calda / pompa di ricircolo
Sulla base degli allacciamenti suggeriti in questa documentazione e delle consuete condizioni secondarie.
Pompa di calore aria/acqua
Installazione interna - 230 V
Pompa di calore aria/acqua
Installazione interna
Pompa di calore aria/acqua
Installazione esterna - 230 V
Pompa di calore aria/acqua
Installazione esterna
Pompa di calore acqua glicolica/acqua
Installazione interna - 230 V
Pompa di calore acqua glicolica/acqua
Installazione interna
La tabella mostra l'assegnazione di pompe di ricircolo dell'Acqua
sanitaria e di accumulatori alle singole pompe di calore, con le
quali, in esercizio a pompa di calore con 1 compressore, si
possono raggiungere temperatura dell'acqua calda di circa 45 C
(temperature massime delle sorgenti di calore: aria 25 C, acqua
glicolica 20 C, acqua 10 C).
La massima temperatura dell'acqua calda che pu essere
raggiunta nell'esercizio esclusivo con pompa di calore dipende:
dalla potenza calorifica (potenza termica) della pompa di
calore
dalla superficie di scambio installata nell'accumulo
dalla portata volumetrica in funzione della perdita di carico e
della mandata della pompa di ricircolo
NOTA
Temperature pi elevate si raggiungono con maggiori superfici di
scambio nell'accumulo, con l'aumento della portata volumetrica o con
apposito riscaldamento complementare tramite resistenza (vedere anche
cap. 6.1.3 nel manuale diprogettazione "Riscaldamento").
Pompa di calore Volume
Superficie di
scambio
Codice
d'ordinazione
Pompa di
caricamento M18
LIK 8MER / LI 11MER 300 l 3,2 m WWSP 332 UP 60
Pompa di calore Volume
Superficie di
scambio
Codice
d'ordinazione
Pompa di
caricamento M18
LI 11TER+ 300 l 3,2 m WWSP 332 UP 60
LI 16TER+ 400 l 4,2 m WWSP 880 / WWSP 442E UP 80
Pompa di calore Volume
Superficie di
scambio
Codice
d'ordinazione
Pompa di
caricamento M18
LA 11MSR 300 l 3,2 m WWSP 332 UP 60
Pompa di calore Volume
Superficie di
scambio
Codice
d'ordinazione
Pompa di
caricamento M18
LA 11ASR 300 l 3,2 m WWSP 332 UP 60
LA 16ASR 400 l 4,2 m WWSP 880 / WWSP 442E UP 80
Pompa di calore Volume
Superficie di
scambio
Codice
d'ordinazione
Pompa di
caricamento M18
SI 5MER / SI 7MER / SI 9MER 300 l 3,2 m WWSP 332 UP 60
SI 11MER 300 l 3,2 m WWSP 332 UP 80
Pompa di calore Volume
Superficie di
scambio
Codice
d'ordinazione
Pompa di
caricamento M18
SI 30TER+
1
1. La produzione di acqua calda avviene per mezzo di uno scambiatore di calore supplementare con max. 1 compressore.
400 l 4,2 m WWSP 880 UP 32-70
SI 75TER+
1
2 x 500 l 8,4 m 2 x WWSP 880 6,5 m/h
SI 75ZSR 2 x 500 l 8,4 m 2 x WWSP 880 11,5 m/h
11.5
114
11.5 Ordine per la messa in funzione di pompe di calore per riscaldamento/
raffrescamento
Modulo online:
Ordine per la messa in funzione di pompe di calore
per riscaldamento/raffrescamento
Stand 11.02.2008 w w w . d i m p l e x . d e Glen Dimplex Deutschland GmbH
PC_Formular_AuftragIBN_WP_Heizen_Khlen_09_07.dot
WEEE-Reg.-Nr. DE 26295273
Restituire tramite fax: +49 (0) 92 21 / 70 9-5 65,
tramite posta o al proprio concessionario per l'assistenza clienti.
www.dimplex.de/kundendienst/systemtechnik-deutschland/
Glen Dimplex Deutschland GmbH
Geschftsbereich Dimplex
Kundendienst Systemtechnik
Am Goldenen Feld 18
95326 Kulmbach
Requisito per l'estensione della garanzia per la pompa di calore per riscaldamento a 36 mesi dalla data di messa in funzione, comunque non oltre i 38 mesi dalla spedizione
dallo stabilimento, la messa in funzione da parte del Servizio clienti tecnologie di sistema con rilascio del verbale di messa in servizio, a pagamento, entro il
raggiungimento di una durata di esercizio (tempo di funzionamento del compressore) inferiore alle 150 ore.
L'importo forfettario per la messa in funzione attualmente di 340,-- netti per ogni pompa di calore di riscaldamento e comprende l'effettiva messa in funzione e i costi di
trasferta. Se l'impianto non pronto all'uso, se necessario risolvere le carenze dell'impianto durante la messa in funzione oppure se si verificano ulteriori tempi di attesa,
tali prestazioni aggiuntive verranno fatturate a consuntivo al committente dal Servizio clienti tecnologie di sistema. Con la messa in funzione della pompa di calore per
riscaldamento non ci si assume alcuna responsabilit per la corretta pianificazione, dimensionamento ed esecuzione dell'intero impianto. Il costruttore dell'impianto di
riscaldamento deve eseguire la regolazione dell'impianto (valvola di compensazione e compensazione idraulica). Lo svolgimento di tali operazioni ha senso solo dopo
l'asciugatura dei massetti e pertanto non fa parte della messa in funzione.
Durante la messa in funzione richiesta la presenza del committente/dell'esecutore dell'impianto. Viene redatto un verbale di messa in funzione. Eventuali carenze annotate
nel verbale di messa in funzione devono essere risolte immediatamente. Tale adempimento fondamentale per la garanzia. Il verbale di messa in funzione deve essere
recapitato entro un mese dall'avvenuta messa in funzione all'indirizzo sopra indicato che confermer l'estensione della garanzia.
Luogo di posizionamento dell'impianto Committente/Destinatario della fattura
Azienda:
Nome: Referente:
Via: Via:
CAP/localit: CAP/localit:
Tel.: Tel.:
-----------------------------Elenco di controllo generale ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Allacciamento idraulico
L'allacciamento della pompa di calore per riscaldamento nel sistema di
riscaldamento conforme alla documentazione del progetto; gli organi
di otturazione sono regolati correttamente?...........................................
Viene garantito un volume minimo tampone del 10 % della portata
nominale della pompa di calore da un accumulo tampone in serie o da
altre misure idonee?...............................................................................
L'intero impianto di riscaldamento e tutti i serbatoi e le caldaie sono stati
lavati e spurgati prima dell'allacciamento della pompa di calore?..........
L'impianto di riscaldamento stato caricato e sottoposto a prova
idraulica, le pompe di ricircolo funzionano correttamente? I valori di
portata dell'acqua sono stati controllati e corrispondono ai dati di
riferimento; le portate minime sono garantite?.......................................
Avvertenza: La portata minima dell'acqua di riscaldamento attraverso la
pompa di calore deve essere assicurata mediante pompe di ricircolo
riscaldamento non regolate con flussi volumetrici costanti. ...................
Le distanze minime per le operazioni di assistenza sono rispettate? ...
Sfruttamento della sorgente di calore
Pompa di calore aria/acqua per installazione interna
Un convogliamento dell'aria attraverso canali dell'aria o tubi flessibili
dell'aria presente, le dimensioni minime dei canali sono state
rispettate?...............................................................................................
S NO
S NO
S NO
S NO
S NO
S NO
S NO
Pompa di calore acqua glicolica/acqua
Il circuito dell'acqua glicolica stato spurgato, sottoposto a prova
idraulica ed stato eseguito un test di esercizio della pompa dell'acqua
glicolica di 24 ore? .................................................................................
Pompa di calore acqua/acqua
La compatibilit dell'acqua di falda per la pompa di calore acqua/acqua
stata dimostrata (analisi dell'acqua) ed stato eseguito un test della
pompa di 48 ore? ...................................................................................
Regolazione/allacciamento elettrico
Tutti i componenti elettrici sono allacciati e fissati conformemente alle
istruzioni di montaggio e d'uso, nonch alle indicazioni del Gestore
Servizi Elettrici (assenza di allacciamenti per corrente di cantiere), il
campo di rotazione destrorso stato rispettato; tutti i sensori sono
presenti e montati correttamente? .........................................................
Pompe di calore per esercizio di raffrescamento
Il raffrescamento avviene dinamicamente tramite ventilconvettori,
le tubazioni di alimentazione sono dotate di isolamento dal freddo? ....
Il raffrescamento avviene tramite la combinazione di impianti di
riscaldamento a superficie e sistema di raffrescamento, la
climatizzazione ambiente del vano di riferimento collegata con il
regolatore della pompa di calore?..........................................................
Maggiori requisiti per evitare guasti da condensa
(monitoraggio esteso del punto di rugiada)............................................
S NO
S NO
S NO
S NO
S NO
S NO
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Con la presente si incarica il Servizio clienti tecnologie di sistema della messa in funzione a pagamento. Il Committente conferma che tutti i lavori preliminari
necessari per la messa in funzione sono stati eseguiti, controllati e conclusi e di conferma inoltre di aver preso atto delle attuali condizioni di fornitura e
pagamento della Glen Dimplex Deutschland GmbH, Divisione Dimplex. Tali condizioni sono consultabili in qualsiasi momento sul sito Internet
http://www.dimplex.de/downloads/. Il foro competente in questo caso Norimberga.
Data Nome Firma (eventuale timbro aziendale)
Pompa di calore per riscaldamento: Riscaldamento Riscaldamento/raffrescamento
Modello:
N. fabbr.: DP:
Data di acquisto: Data di consegna:
Produzione di acqua calda:
Con pompa di calore per riscaldamento S No
Accumulo dell'acqua calda (marca/tipo):
(Si declina ogni responsabilit in caso di utilizzo di serbatoi di altre marche o non consentiti per il tipo di pompa di
calore. Sono possibili limitazioni nell'esercizio della pompa di calore.)
Superficie di
scambio

m
Capacit
nominale
l
Resistenza
elettrica
kW
L
e

i
n
f
o
r
m
a
z
i
o
n
i

s
u
l
l
'a
l
l
a
c
c
i
a
m
e
n
t
o

n
o
n

s
o
n
o

n
e
c
e
s
s
a
r
i
e

i
n

c
a
s
o

d
i

r
i
e
q
u
i
p
a
g
g
i
a
m
e
n
t
o

d
i

u
n