Sei sulla pagina 1di 4

INDICE

PRESENTAZIONE DELLEDIZIONE ITALIANA di Lorenza Isola XI



PRESENTAZIONE di Rmy Puyuelo XIV

PREFAZIONE di Luc Fouarge XXI

Benvenuti! XXIV

INTRODUZIONE 1
Che cosa sono i disturbi dellattaccamento? 2
Lattaccamento precoce: una sfida mondiale 5
Cosa succede quando questi bambini crescono? 10
Questo non solo un vostro problema - ma anche il nostro 10
Le nostre teorie inconsce dei bambini e dellinfanzia 11
Le mie opinioni 14
Realismo: questo un deficit come un altro 15
In merito alla terminologia 16
Quali conoscenze pu fornirvi questo libro? 17

PRIMA PARTE
SVILUPPO DEI DISTURBI DELLATTACCAMENTO
DAL CONCEPIMENTO ALLADOLESCENZA
Capitolo I
Cause e sintomi 21
Il comportamento sociale disorganizzato: due cause generali 21
Contatto normale precoce, auto-organizzazione e stabilit 24
La funzione di contatto nello sviluppo del bambino 24
Lauto-organizzazione 26
Lo sviluppo della stabilit 26

Capitolo II
Stadi dellauto-organizzazione 28
Stadio I: auto-organizzazione fisica 28
Stadio II: organizzazione sensoriale 29
Stadio III: organizzazione senso-motoria 30

Stadio IV: organizzazione della personalit 32
Stadio V: organizzazione sociale 33
Sviluppo degli stadi ed elementi per la diagnosi 34

Capitolo III
Rottura di contatto prima dei due anni 37
Sintomi di instabilit fisica

Rottura di contatto e fallimento a stabilire la permanenza 37
ROTTURA DI CONTATTO E BAMBINO AFFETTO DA DISTURBI DELLATTACCAMENTO 39
Contatto anomalo tra la madre e il bambino 40
La genetica 41
Il decorso della gravidanza 42
La nascita 43

Capitolo IV
Rottura del contatto e sviluppo del sistema nervoso centrale 46
Sviluppo del sistema nervoso centrale 46
Una ipotesi di disfunzione neurologica 48
Il cervello rettiliano: controllo del livello di attivit di base 49
Il cervello emozionale e sociale (il sistema limbico): legare le
sensazioni alla risposta affettiva 50
La corteccia cerebrale: controllo e concentrazione 51
Lista dei sintomi da carenza nei neonati 52

Capitolo V
Sviluppo senso-motorio anormale nel giovane bambino 55
Sensazione, attenzione, emozione, formazione della gestalt: le basi
della capacit dapprendimento 55
Lo sviluppo motorio e i movimenti 57
Fasi di sviluppo motorio 58
Conclusioni sullo sviluppo motorio 63
Lista dei sintomi dei disturbi dellattaccamento nel bambino in et
prescolare 63

Capitolo VI
Arresto dello sviluppo della personalit emozionale 66
Sviluppo della personalit: la relazione con loggetto (la madre)
la chiave del mondo. Raggiungere la permanenza delloggetto 66
I primi stadi per raggiungere la stabilit delloggetto 67
Stadio I e II: attaccamento di base e gestione di base dellansia 67
Un esempio: un attaccamento di base debole 68
Un esempio: attaccamento paradossale e debole gestione dellansia69
Stadi III e IV: interiorizzazione di base del genitore e permanenza
sociale di base 72
Permanenza del s ed esperienze traumatiche di separazione 72
Carenze affettive e cognitive in caso di arresto alle fasi 1 e 2 74
Lista dei sintomi di una personalit con disturbi dellattaccamento.
Dal periodo prescolare alladolescenza 74
Contesto sociale dei bambini affetti da disturbi dellattaccamento 76
Conclusioni sul contesto: lista generale dei rischi dei disturbi
dellattaccamento 77

SECONDA PARTE
IL TRATTAMENTO
Capitolo VII
Come praticare la Terapia del Milieu? 85
Qualche principio generale della Terapia del Milieu 85
Qual la differenza tra la psicoterapia e la Terapia del Milieu? 85
La permanenza esterna sostituisce la mancanza di permanenza interna87
Capitolo VIII
Terapia del Milieu durante la gravidanza, dopo la nascita e fino
ai 3 anni 91
Terapia prima del concepimento 91
Misure eugenetiche (genetiche) 91
Terapia durante la gravidanza e dopo il parto 92
Trattamento dopo la nascita e fino ai 2-3 anni: terapia della regressione94

Capitolo IX
Problemi transitori del legame e disturbi dellattaccamento
nei bambini adottati.
Fare fronte alla separazione, alla transizione e allattaccamento 101

Accoglienza di un bambino adottato 101
Problemi di transizione con i nuovi genitori 101
Bambini con disturbo dellattaccamento permanente 108

Capitolo X
Terapia del Milieu per i bambini in et prescolare 111
Obiettivi 112
Metodi: lavorare al livello pertinente di sviluppo 113
Capitolo XI
Terapia del Milieu
per il bambino in et scolare (7-12 anni) 120
Obiettivi 120
Metodi 121
Comprendere la relazione tra linsegnante e il bambino 121
L'insegnante come organizzatore di relazioni 126
Essere un oggetto chiaro per il bambino 128
Assumersi tutta la responsabilit 128
Insegnare, fase I: stabilire loggetto e il contesto 128
Utilizzare stimoli multisensoriali per l'elaborazione dei concetti 130
Un modello per sviluppare la coscienza sociale nel bambino 131
Etica 136
Come cominciare? 137
Riassumendo: criteri di successo 137
Organizzazione necessaria 138
Risultati 139

Capitolo XII
La vita quotidiana in famiglia, nella famiglia daccoglienza
o nellistituto 140
Obiettivi 140
Metodi 141
Alleggerire i fardelli 141
Come acquisire nuove capacit in sei tappe 146
Il bambino colpito da disturbi dell'attaccamento e gli altri bambini
della famiglia 148

Capitolo XIII
Terapia del Milieu per gli adolescenti (13-17 anni) 150
Lasciare la casa con un piccolo bagaglio 150
Qualche considerazione sulla terapia con i genitori e gli adolescenti colpiti da disturbi
dell'attaccamento 155
Capitolo XIV
Disturbi dellattaccamento, problemi di comportamento sessuale
e abuso sessuale 159
Occuparsi dei problemi generati dal ritardo dello sviluppo
psicosessuale 159
Teorie evoluzionistiche e biologiche della sopravvivenza:
preferenze sessuali viste come impronte affettive 161
Teorie neurologiche 162
Teoria delle relazioni oggettuali: meccanismi
di difesa immaturi in colui che abusa e nell'abusato 164
Teorie in psicologia sociale: la frequenza dell'abuso come conseguenza dell'accessibilit
166
Definizioni dell'abuso sessuale 167
Problemi di metodo nello studio della prevalenza 169
Osservazioni cliniche di modifiche del comportamento e di
alterazione dello stato fisico nei bambini abusati 169
Effetti in et adulta dellabuso nell'infanzia 170
Prevenzione: aiutare il bambino affetto da disturbi
dell'attaccamento e abusato a non diventare un abusante 170
Conclusione 174

TERZA PARTE
RACCOMANDAZIONI PER ORGANIZZARE LAMBIENTE TERAPEUTICO.
QUADRO AFFETTIVO, FISICO E SOCIALE
Capitolo XV
Lo sviluppo personale delleducatore di bambini affetti da
disturbi dellattaccamento 177
Fasi di sviluppo del professionista e obiettivi per la supervisione177

Capitolo XVI
Fasi di sviluppo dellquipe e della sua direzione 182
Inclusione: creare una base comune sicura e unidentit 183
Controllo: realizzare che siamo differenti gli uni dagli altri 184
Apertura/affetto - scambi reciproci 186

Capitolo XVII
Metodi di lavoro per lquipe 188
Alcuni strumenti per lo sviluppo dellquipe 188
Conclusione sull'organizzazione dellambiente terapeutico 192

Post-scriptum e ringraziamenti 193

Glossario 194

Bibliografia 197