Sei sulla pagina 1di 3

Lunghezza: metro (m)

Definizione:
Il metro la lunghezza del tragitto compiuto dalla luce nel vuoto in un intervallo di tempo di
1/299 792 458 di secondo.
-1
Nota : la velocit della luce nel vuoto per definizione : m s . c = 299 792 458 0
Il campione nazionale realizzato presso l'IMGC-CNR mediante laser
elio-neon stabilizzati per riferimento a transizioni della molecola dello iodio.
Il valore della lunghezza donda ( 632 991 398,22 fm) ricavato da una
misura di frequenza rispetto al campione di tempo in base alla relazione
-11
= c / f, con unincertezza tipo relativa di 2,5 x 10 .
0
Massa: kilogrammo (kg)
Definizione:
Il kilogrammo l'unit di massa; esso uguale alla massa del prototipo internazionale.
Nota: il prototipo costituito da un cilindro platino-iridio di altezza uguale al diametro
diconservato presso il BIPM, Svres (Francia). Per motivi di stabilit a lungo termine
auspicabile un prossimo collegamento dell'unit di massa con le costanti fondamentali e
atomiche.
Il campione nazionale la copia n. 62 del prototipo internazionale,
massa conservata presso l'IMGC-CNR, con il suo testimone n. 76; la sua
-9
nota 10 Presso il con unincertezza tipo relativa di 2,3 x Ministero .
Industria del Commercio e dellArtigianato esistono anche le copi e dell

rispettivamente Prototipo nazionale del n. 5 e n.19 denominate primo e

del secondo ordine impiegate in metrologia legale.

Tempo: secondo (s)
Definizione:
Il secondo la durata di 9 192 631 770 periodi della radiazione corrispondente alla
transizione tra i due livelli iperfini dello stato fondamentale dell'atomo di cesio 133.
La scala di tempo nazionale derivata presso lIEN da un insieme di orologi
atomici al cesio indipendenti ed confrontata via satellite con le scale di
tempo degli altri paesi. Essa mantenuta entro 100 ns rispetto al
riferimento internazionale UTC (Universal Time Coordinated ).
L'unit di tempo realizzata presso l'IEN con una incertezza tipo relativa
-13
di 1x10 .

Corrente elettrica: ampere (A)
Definizione:
L'ampere quella corrente costante che, se mantenuta in due conduttori paralleli, di
lunghezza infinita, di sezione circolare trascurabile e posti nel vuoto alla distanza di un
-7
metro l'uno dall'altro, eserciterebbe tra i due conduttori la forza di 2 x 10 newton per

ogni metro di lunghezza.

Not a: quest a def i ni zi one f i ssa l a permeabi l i t magnet i ca nel vuot o

-7 -1
al valore: 4 x 10 H m . 0


Temperatura termodinamica: kelvin (K)
Definizione:
Il kelvin, unit di temperatura termodinamica, la frazione 1/ 273,16 della temperatura
termodinamica del punto triplo dell'acqua.
Nota: la temperatura termodinamica, oltre che in kelvin (simbolo K), pu essere espressa
anche nellunit grado Celsius (simbolo C). La relazione tra la temperatura espressa in
gradi Celsius (simbolo t) e la temperatura espressa in kelvin (simbolo T ) :
t / C = T / K - 273,15
L'unit di corrente derivata presso l 'IEN dal campione nazionale di

tensione elettrica (schiera di giunzioni Josephson) e di resistenza elettrica
(dispositivo per l'effetto Hall quantistico).
La derivazione avviene secondo la relazione I = U/R tra la corrente
elettrica I, latensione Uche essaproduce attraversandouna resistenzaR
e la stessa resistenza.
-7
L'incertezza tipo relativa di 5x10 .

Il punto triplo dell'acqua realizzato presso l'IMGC-CNR con una incertezza
-7
tipo relativa di 3 x 10 . La Scala di Temperatura Internazionale del 1990
90) che definisce sia le Temperature Internazionali (STI- Kelvin, simbolo T ,
90
che le Temperature Internazionali Celsius, simbolo t , sempre con unit 90
kelvin e grado Celsius rispettivamente, realizzata nell' intervallo da 25 K a

3000 K utilizzando 12 punti fissi e due tipi di termometro campione,

il termometro a resistenza elettrica di platino tra 25 K e 1235 K ed a

radiazione tra 1235Ke 3000K.

Quantit' di sostanza: mole (mol)
Definizione:
1. La mole la quantit di sostanza di un sistema che contiene tante entit elementari
quanti sono gli atomi contenuti in 0,012 kilogrammi di carbonio 12.
2. Quando si usa la mole, le entit elementari devono essere specificate, e possono
essere atomi, molecole, ioni, elettroni, altre particelle o gruppi specificati di tali particelle.
Nota: inteso che in questa definizione si fa riferimento ad atomi di carbonio 12 non legati,

a riposo e nello stato fondamentale.
Il numero di entit elementari contenute in una mole corrisponde alla
costante di Avogadro che stata determinata anche presso
l'IMGC-CNR da misure di massa volumica e di costante reticolare
(interferometria a raggi X) su monocristalli di silicio molto puro.
23 -1
La costante di Avogadro, N = 6,022 14199 x 10 mol nota con , A
-8
incertezza tipo relativa di 7,9 x 10 (CODATA1998).

Intensit luminosa: candela (cd)
Definizione:
La candela l'intensit luminosa, in una data direzione, di una sorgente che emette una
12
radiazione monocromatica di frequenza 540 x10 hertz e la cui intensit energetica in

quella direzione pari a 1/ 683 watt allo steradiante.

L'unit di intensit luminosa realizzata presso l'IEN per derivazione dai
campioni nazionali di tensione elettrica e di resistenza elettrica mediante un
radiometro assoluto; essa conservata mediante un gruppo di lampade ad
incandescenza alimentate in corrente continua e tarate ad intensit di
corrente costante.
-3
L'incertezza tipo relativa di 5 x 10 per intensit luminose da

100cd a 500cd.

Unit SI derivate
Definizione
Le unit SI derivate si ottengono combinando tra loro le unit di base in monomi del tipo seguente:

m kg s A K mol cd
con coefficiente numerico 1; gli esponenti , , ecc. sono numeri interi (compreso lo zero).
Esempi:
3
- lunit SI di volume il metro cubo (simbolo m ).
-1
- l'unit di quantit di moto il metro per kilogrammo al secondo (simbolo mkgs ovvero mkg/s).
-2 2
- l'unit di accelerazione il metro al secondo per secondo (simbolo ms ovvero m/s )
Tra le unit SI di base l'unit di massa la sola il cui nome contiene, per ragioni storiche, un prefisso. I multipli e
sottomultipli dell'unit di massa si formano aggiungendo i nomi del prefisso all'unit "grammo" ed il simbolo del
prefisso al simbolo dell'unit "g".
-6
Esempio: 10 kg = 1 mg (un milligrammo) e non 1 kg (un microkilogrammo).


Unit derivate dotate di nomi speciali
Grandezza Unit SI
Nome Simbolo Espressione
in funzione
di altre unit SI
Espressione
in funzione
delle unit SI di base
Angolo piano radiante rad m m-1 = 1
Angolo solido steradiante sr m2m-2 = 1
Frequenza hertz Hz s-1
Forza newton N mkgs-2
Pressione pascal Pa N/m2 m-1kgs-2
Energia, lavoro,quantit di calore joule J Nm m2kgs-2
Potenza, flusso energetico watt W J/s m2kgs-3
Carica elettrica coulomb C sA
Potenziale elettrico, tensione elettrica volt V W/A m2kgs-3A-1
Capacit elettrica farad F C/V m-2kg-1s4A2
Resistenza elettrica ohm V/A m2kgs-3A-2
Conduttanza elettrica siemens S A/V m-2kg-1s3A2
Flusso d'induzione magnetica weber Wb Vs m2kgs-2A-1
Induzione magnetica tesla T Wb/m2 kgs-2A-1
Induttanza henry H Wb/A m2kgs-2A-2
Flusso luminoso lumen lm cdsr cdm2m-2 = cd
Illuminamento lux lx lm/m2 cdm2m-4 = cdm-2
Attivit (di un radionuclide) becquerel Bq s-1
Dose assorbita gray Gy J/kg m2s-2
Equivalente di dose sievert Sv J/kg m2s-2
Attivit catalitica katal kat mols-1

fattore di moltiplicazione prefisso nome simbolo

24
1 000 000 000 000 000 000 000 000 = 10 yotta Y
21
1 000 000 000 000 000 000 000 = 10 zetta Z
18
exa 1 000 000 000 000 000 000 = 10 E
15
peta 1 000 000 000 000 000 = 10 P
12
1 000 000 000 000 = 10 T tera
9
giga 1 000 000 000 = 10 G
6
mega 1 000 000 = 10 M
3
1 000 = 10 kilo k
2
100 = 10 etto h
1
10 = 10 da deca
-1
0,1 = 10 deci d
-2
0,01 = 10 centi c
-3
0,00 1 = 10 milili m
-6
0,000 001 = 10 micro
-9
0,000 000 001 = 10 nano n
-12
0,000 000 000 001 = 10 pico p
-15
0,000 000 000 000 001 = 10 femto f
-18
0,000 000 000 000 000 001 = 10 atto a
-21
0,000 000 000 000 000 000 001 = 10 zepto z
-24
0,000 000 000 000 000 000 000 001 = 10 yoct o y
ccc
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
Multipli e sottomultipli
Realizzato a cura di IMGC-CNR e IEN - Torino, 20 novembre 2000
La riproduzione parziale o totale di questo manifesto deve essere preventivamente concordata con IMGC-CNR e IEN
2000 IMGC-CNR, IEN - tutti i diritti riservati.
Unit di base
Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris
Strada delle Cacce, 91 10135 Torino (TO)
centralino telefonico +39-011-3919.1 fax +39-011-346384
http://www.ien.it
Istituto di Metrologia Gustavo Colonnetti
del Consiglio Nazionale delle Ricerche
Strada delle Cacce, 73 10135 Torino (TO)
centralino telefonico +39-011-3977.1 fax +39-011-346761
e-mail : segreteria@imgc.to.cnr.it http://www.imgc.to.cnr.it
U R
I
Lunghezza: metro (m)
Definizione:
Il metro la lunghezza del tragitto compiuto dalla luce nel vuoto in un intervallo di tempo di
1/299 792 458 di secondo.
-1

Nota : la velocit della luce nel vuoto per definizione : m s . c = 299 792 458


0
Il campione nazionale realizzato presso l'IMGC-CNR mediante laser
elio-neon stabilizzati per riferimento a transizioni della molecola dello iodio.
Il valore della lunghezza donda ( 632 991 398,22 fm) ricavato da una
misura di frequenza rispetto al campione di tempo in base alla
relazione
-11
= c / f, con unincertezza tipo relativa di 2,5x 10 .
0

Massa: kilogrammo (kg)
Definizione:
Il kilogrammo l'unit di massa; esso uguale alla massa del prototipo internazionale.
Nota: il prototipo costituito da un cilindro platino-iridio di altezza uguale al diametro
diconservato presso il BIPM, Svres (Francia). Per motivi di stabilit a lungo termine
auspicabile un prossimo collegamento dell'unit di massa con le costanti fondamentali e
atomiche.
Il campione nazionale la copia n. 62 del prototipo internazionale,
massa
conservata presso l'IMGC-CNR, con il suo testimone n. 76; la sua
-9
nota 10 Presso il
con unincertezza tipo relativa di 2,3 x Ministero
.

Industria del Commercio e dellArtigianato esistono anche le copi e
dell

rispettivamente Prototipo nazionale del
n. 5 e n.19 denominate primo e

del secondo ordine impiegate in metrologia legale.

Tempo: secondo (s)
Definizione:
Il secondo la durata di 9 192 631 770 periodi della radiazione corrispondente alla
transizione tra i due livelli iperfini dello stato fondamentale dell'atomo di cesio 133.
La scala di tempo nazionale derivata presso lIEN da un insieme di orologi
atomici al cesio indipendenti ed confrontata via satellite con le scale di
tempo degli altri paesi. Essa mantenuta entro 100 ns rispetto al
riferimento internazionale UTC (Universal Time Coordinated ).
L'unit di tempo realizzata presso l'IEN con una incertezza tipo relativa
-13
di 1x10 .

Corrente elettrica: ampere (A)
Definizione:
L'ampere quella corrente costante che, se mantenuta in due conduttori paralleli, di
lunghezza infinita, di sezione circolare trascurabile e posti nel vuoto alla distanza di un
-7
metro l'uno dall'altro, eserciterebbe tra i due conduttori la forza di 2 x 10 newton per

ogni metro di lunghezza.

Not a: quest a def i ni zi one f i ssa l a permeabi l i t magnet i ca nel vuot o

-7 -1
al valore: 4 x 10 H m
.
0


Temperatura termodinamica: kelvin (K)
Definizione:
Il kelvin, unit di temperatura termodinamica, la frazione 1/ 273,16 della temperatura
termodinamica del punto triplo dell'acqua.
Nota: la temperatura termodinamica, oltre che in kelvin (simbolo K), pu essere espressa
anche nellunit grado Celsius (simbolo C). La relazione tra la temperatura espressa in
gradi Celsius (simbolo t) e la temperatura espressa in kelvin (simbolo T ) :
T / C = T / K - 273,15
L'unit di corrente derivata presso l 'IEN dal campione nazionale di

tensione elettrica (schiera di giunzioni Josephson) e di resistenza elettrica
(dispositivo per l'effetto Hall quantistico).
La derivazione avviene secondo la relazione I = U/R tra la corrente
elettrica I, la tensione U che essa produce attraversando una resistenza R
e la stessa resistenza.
-7
L'incertezza tipo relativa di 5x10 .

Il punto triplo dell'acqua realizzato presso l'IMGC-CNR con una incertezza
-7
tipo relativa di 3 x 10 . La Scala di Temperatura Internazionale del 1990

90) che definisce sia le Temperature Internazionali
(STI- Kelvin, simbolo T ,

90
,
che le Temperature Internazionali Celsius, simbolo t , sempre con unit

90
kelvin e grado
Celsius rispettivamente, realizzata nell' intervallo da 25 K a

3000 K utilizzando 12 punti fissi e due tipi di termometro campione,

il termometro a resistenza elettrica di platino tra 25 K e 1235 K ed a

radiazione tra 1235Ke3000K.

Quantit' di sostanza: mole (mol)
Definizione:
1. La mole la quantit di sostanza di un sistema che contiene tante entit elementari
quanti sono gli atomi contenuti in 0,012 kilogrammi di carbonio 12.
2. Quando si usa la mole, le entit elementari devono essere specificate, e possono
essere atomi, molecole, ioni, elettroni, altre particelle o gruppi specificati di tali particelle.
Nota: inteso che in questa definizione si fa riferimento ad atomi di carbonio 12 non legati,

a riposo e nello stato fondamentale.
Il numero di entit elementari contenute in una mole corrisponde alla
costante di Avogadro che stata determinata anche presso
l'IMGC-CNR da misure di massa volumica e di costante reticolare
(interferometria a raggi X) su monocristalli di silicio molto puro.
23 -1
La costante di Avogadro, N = 6,022 14199 x 10 mol nota con
,
A

-8
incertezza tipo relativa di 7,9x 10
(CODATA1998).

Intensit luminosa: candela (cd)
Definizione:
La candela l'intensit luminosa, in una data direzione, di una sorgente che emette una
12
radiazione monocromatica di frequenza 540 x10 hertz e la cui intensit energetica in

quella direzione pari a1/ 683 watt allo steradiante.

L'unit di intensit luminosa realizzata presso l'IEN per derivazione dai
campioni nazionali di tensione elettrica e di resistenza elettrica mediante un
radiometro assoluto; essa conservata mediante un gruppo di lampade ad
incandescenza alimentate in corrente continua e tarate ad intensit di
corrente costante.
-3
L'incertezza tipo relativa di 5 x 10 per intensit luminose da

100cd a 500cd.

Unit SI derivate
Definizione
Le unit SI derivate si ottengono combinando tra loro le unit di base in monomi del tipo seguente:

m kg s A K mol cd
con coefficiente numerico 1; gli esponenti , , ecc. sono numeri interi (compreso lo zero).
Esempi:
3
- lunit SI di volume il metro cubo (simbolo m ).
-1
- l'unit di quantit di moto il metro per kilogrammo al secondo (simbolo mkgs ovvero mkg/s).
-2 2
- l'unit di accelerazione il metro al secondo per secondo (simbolo ms ovvero m/s )
Tra le unit SI di base l'unit di massa la sola il cui nome contiene, per ragioni storiche, un prefisso. I multipli e
sottomultipli dell'unit di massa si formano aggiungendo i nomi del prefisso all'unit "grammo" ed il simbolo del
prefisso al simbolo dell'unit "g".
-6
Esempio: 10 kg = 1 mg (un milligrammo) e non 1 kg (un microkilogrammo).


Unit derivate dotate di nomi speciali
Grandezza Unit SI

Nome Simbolo Espressione
in funzione
di altre unit SI
Espressione
in funzione
delle unit SI di base
Angolo piano radiante rad
mm
-1
= 1
Angolo solido steradiante sr
m
2
m
-2
= 1
Frequenza hertz Hz

s
-1

Forza newton N

mkgs
-2

Pressione pascal Pa N/m
2
m
-1
kgs
-2

Energia, lavoro,quantit di calore joule J Nm m
2
kgs
-2

Potenza, flusso energetico watt W J/s m
2
kgs
-3

Carica elettrica coulomb C

sA
Potenziale elettrico, tensione elettrica volt V W/A m
2
kgs
-3
A
-1

Capacit elettrica farad F C/V m
-2
kg
-1
s
4
A
2

Resistenza elettrica ohm

V/A m
2
kgs
-3
A
-2

Conduttanza elettrica siemens S A/V m
-2
kg
-1
s
3
A
2

Flusso d'induzione magnetica weber Wb Vs m
2
kgs
-2
A
-1

Induzione magnetica tesla T Wb/m
2
kgs
-2
A
-1

Induttanza henry H Wb/A m
2
kgs
-2
A
-2

Flusso luminoso lumen lm cdsr cdm
2
m
-2
= cd
Illuminamento lux lx lm/m
2
cdm
2
m
-4
= cdm
-2

Attivit (di un radionuclide) becquerel Bq

s
-1

Dose assorbita gray Gy J/kg m
2
s
-2

Equivalente di dose sievert Sv J/kg m
2
s
-2

Attivit catalitica katal kat

mols
-1


fattore di moltiplicazione prefisso nome simbolo

24

1 000 000 000 000 000 000 000 000 = 10 yotta Y
21


1 000 000 000 000 000 000 000 = 10 zetta Z
18

exa
1 000 000 000 000 000 000 = 10 E
15

peta
1 000 000 000 000 000 = 10 P
12

1 000 000 000 000 = 10 T tera
9

giga 1 000 000 000 = 10 G
6

mega 1 000 000 = 10 M
3

1 000 = 10 kilo k
2

100 = 10 etto h
1

10 = 10 da deca
-1

0,1 = 10 deci d
-2

0,01 = 10 centi c
-3

0,00 1 = 10 milili m
-6

0,000 001 = 10
micro
-9

0,000 000 001 = 10 nano n
-12

0,000 000 000 001 = 10 pico p
-15

0,000 000 000 000 001 = 10 femto f
-18

0,000 000 000 000 000 001 = 10 atto a
-21

0,000 000 000 000 000 000 001 = 10 zepto z
-24

0,000 000 000 000 000 000 000 001 = 10 yoct o y
ccc
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
Multipli e sottomultipli
Realizzato a cura di IMGC-CNR e IEN - Torino, 20 novembre 2000
La riproduzione parziale o totale di questo manifesto deve essere preventivamente concordata con IMGC-CNR e IEN
2000 IMGC-CNR, IEN - tutti i diritti riservati.
Unit di base
Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris
Strada delle Cacce, 91 10135 Torino (TO)
centralino telefonico +39-011-3919.1 fax +39-011-346384
http://www.ien.it
Istituto di Metrologia Gustavo Colonnetti
del Consiglio Nazionale delle Ricerche
Strada delle Cacce, 73 10135 Torino (TO)
centralino telefonico +39-011-3977.1 fax +39-011-346761
e-mail : segreteria@imgc.to.cnr.it http://www.imgc.to.cnr.it
U R
I
Lunghezza: metro (m)
Definizione:
Il metro la lunghezza del tragitto compiuto dalla luce nel vuoto in un intervallo di tempo di
1/299 792 458 di secondo.
-1

Nota : la velocit della luce nel vuoto per definizione : m s . c = 299 792 458


0
Il campione nazionale realizzato presso l'IMGC-CNR mediante laser
elio-neon stabilizzati per riferimento a transizioni della molecola dello iodio.
Il valore della lunghezza donda ( 632 991 398,22 fm) ricavato da una
misura di frequenza rispetto al campione di tempo in base alla relazione
-11
= c / f, con unincertezza tipo relativa di 2,5x 10 .
0
Massa: kilogrammo (kg)
Definizione:
Il kilogrammo l'unit di massa; esso uguale alla massa del prototipo internazionale.
Nota: il prototipo costituito da un cilindro platino-iridio di altezza uguale al diametro
diconservato presso il BIPM, Svres (Francia). Per motivi di stabilit a lungo termine
auspicabile un prossimo collegamento dell'unit di massa con le costanti fondamentali e
atomiche.
Il campione nazionale la copia n. 62 del prototipo internazionale,
massa conservata presso l'IMGC-CNR, con il suo testimone n. 76; la sua
-9
nota 10 Presso il con unincertezza tipo relativa di 2,3 x Ministero
.

Industria del Commercio e dellArtigianato esistono anche le copi e dell

rispettivamente Prototipo nazionale del n. 5 e n.19 denominate primo e

del secondo ordine impiegate in metrologia legale.

Tempo: secondo (s)
Definizione:
Il secondo la durata di 9 192 631 770 periodi della radiazione corrispondente alla
transizione tra i due livelli iperfini dello stato fondamentale dell'atomo di cesio 133.
La scala di tempo nazionale derivata presso lIEN da un insieme di orologi
atomici al cesio indipendenti ed confrontata via satellite con le scale di
tempo degli altri paesi. Essa mantenuta entro 100 ns rispetto al
riferimento internazionale UTC (Universal Time Coordinated ).
L'unit di tempo realizzata presso l'IEN con una incertezza tipo relativa
-13
di 1x10 .

Corrente elettrica: ampere (A)
Definizione:
L'ampere quella corrente costante che, se mantenuta in due conduttori paralleli, di
lunghezza infinita, di sezione circolare trascurabile e posti nel vuoto alla distanza di un
-7
metro l'uno dall'altro, eserciterebbe tra i due conduttori la forza di 2 x 10 newton per

ogni metro di lunghezza.

Not a: quest a def i ni zi one f i ssa l a permeabi l i t magnet i ca nel vuot o

-7 -1
al valore: 4 x 10 H m
.
0


Temperatura termodinamica: kelvin (K)
Definizione:
Il kelvin, unit di temperatura termodinamica, la frazione 1/ 273,16 della temperatura
termodinamica del punto triplo dell'acqua.
Nota: la temperatura termodinamica, oltre che in kelvin (simbolo K), pu essere espressa
anche nellunit grado Celsius (simbolo C). La relazione tra la temperatura espressa in
gradi Celsius (simbolo t) e la temperatura espressa in kelvin (simbolo T ) :
T / C = T / K - 273,15
L'unit di corrente derivata presso l 'IEN dal campione nazionale di

tensione elettrica (schiera di giunzioni Josephson) e di resistenza elettrica
(dispositivo per l'effetto Hall quantistico).
La derivazione avviene secondo la relazione I = U/R tra la corrente
elettrica I, la tensione U che essa produce attraversando una resistenza R
e la stessa resistenza.
-7
L'incertezza tipo relativa di 5x10 .

Il punto triplo dell'acqua realizzato presso l'IMGC-CNR con una incertezza
-7
tipo relativa di 3 x 10 . La Scala di Temperatura Internazionale del 1990

90) che definisce sia le Temperature Internazionali (STI- Kelvin, simbolo T ,

90
,
che le Temperature Internazionali Celsius, simbolo t , sempre con unit

90
kelvin e grado
Celsius rispettivamente, realizzata nell' intervallo da 25 K a

3000 K utilizzando 12 punti fissi e due tipi di termometro campione,

il termometro a resistenza elettrica di platino tra 25 K e 1235 K ed a

radiazione tra 1235Ke3000K.

Quantit' di sostanza: mole (mol)
Definizione:
1. La mole la quantit di sostanza di un sistema che contiene tante entit elementari
quanti sono gli atomi contenuti in 0,012 kilogrammi di carbonio 12.
2. Quando si usa la mole, le entit elementari devono essere specificate, e possono
essere atomi, molecole, ioni, elettroni, altre particelle o gruppi specificati di tali particelle.
Nota: inteso che in questa definizione si fa riferimento ad atomi di carbonio 12 non legati,

a riposo e nello stato fondamentale.
Il numero di entit elementari contenute in una mole corrisponde alla
costante di Avogadro che stata determinata anche presso
l'IMGC-CNR da misure di massa volumica e di costante reticolare
(interferometria a raggi X) su monocristalli di silicio molto puro.
23 -1
La costante di Avogadro, N = 6,022 14199 x 10 mol nota con
,
A
-8
incertezza tipo relativa di 7,9x 10
(CODATA1998).

Intensit luminosa: candela (cd)
Definizione:
La candela l'intensit luminosa, in una data direzione, di una sorgente che emette una
12
radiazione monocromatica di frequenza 540 x10 hertz e la cui intensit energetica in

quella direzione pari a1/ 683 watt allo steradiante.

L'unit di intensit luminosa realizzata presso l'IEN per derivazione dai
campioni nazionali di tensione elettrica e di resistenza elettrica mediante un
radiometro assoluto; essa conservata mediante un gruppo di lampade ad
incandescenza alimentate in corrente continua e tarate ad intensit di
corrente costante.
-3
L'incertezza tipo relativa di 5 x 10 per intensit luminose da

100cd a 500cd.

Unit SI derivate
Definizione
Le unit SI derivate si ottengono combinando tra loro le unit di base in monomi del tipo seguente:

m kg s A K mol cd
con coefficiente numerico 1; gli esponenti , , ecc. sono numeri interi (compreso lo zero).
Esempi:
3
- lunit SI di volume il metro cubo (simbolo m ).
-1
- l'unit di quantit di moto il metro per kilogrammo al secondo (simbolo mkgs ovvero mkg/s).
-2 2
- l'unit di accelerazione il metro al secondo per secondo (simbolo ms ovvero m/s )
Tra le unit SI di base l'unit di massa la sola il cui nome contiene, per ragioni storiche, un prefisso. I multipli e
sottomultipli dell'unit di massa si formano aggiungendo i nomi del prefisso all'unit "grammo" ed il simbolo del
prefisso al simbolo dell'unit "g".
-6
Esempio: 10 kg = 1 mg (un milligrammo) e non 1 kg (un microkilogrammo).


Unit derivate dotate di nomi speciali
Grandezza Unit SI

Nome Simbolo Espressione
in funzione
di altre unit SI
Espressione
in funzione
delle unit SI di base
Angolo piano radiante rad
mm
-1
= 1
Angolo solido steradiante sr
m
2
m
-2
= 1
Frequenza hertz Hz

s
-1

Forza newton N

mkgs
-2

Pressione pascal Pa N/m
2
m
-1
kgs
-2

Energia, lavoro,quantit di calore joule J Nm m
2
kgs
-2

Potenza, flusso energetico watt W J/s m
2
kgs
-3

Carica elettrica coulomb C

sA
Potenziale elettrico, tensione elettrica volt V W/A m
2
kgs
-3
A
-1

Capacit elettrica farad F C/V m
-2
kg
-1
s
4
A
2

Resistenza elettrica ohm

V/A m
2
kgs
-3
A
-2

Conduttanza elettrica siemens S A/V m
-2
kg
-1
s
3
A
2

Flusso d'induzione magnetica weber Wb Vs m
2
kgs
-2
A
-1

Induzione magnetica tesla T Wb/m
2
kgs
-2
A
-1

Induttanza henry H Wb/A m
2
kgs
-2
A
-2

Flusso luminoso lumen lm cdsr cdm
2
m
-2
= cd
Illuminamento lux lx lm/m
2
cdm
2
m
-4
= cdm
-2

Attivit (di un radionuclide) becquerel Bq

s
-1

Dose assorbita gray Gy J/kg m
2
s
-2

Equivalente di dose sievert Sv J/kg m
2
s
-2

Attivit catalitica katal kat

mols
-1


fattore di moltiplicazione prefisso nome simbolo

24

1 000 000 000 000 000 000 000 000 = 10 yotta Y
21

1 000 000 000 000 000 000 000 = 10 zetta Z
18

exa
1 000 000 000 000 000 000 = 10 E
15

peta 1 000 000 000 000 000 = 10 P
12

1 000 000 000 000 = 10 T tera
9

giga 1 000 000 000 = 10 G
6

mega 1 000 000 = 10 M
3

1 000 = 10 kilo k
2

100 = 10 etto h
1

10 = 10 da deca
-1

0,1 = 10 deci d
-2

0,01 = 10 centi c
-3

0,00 1 = 10 milili m
-6

0,000 001 = 10 micro
-9

0,000 000 001 = 10 nano n
-12

0,000 000 000 001 = 10 pico p
-15

0,000 000 000 000 001 = 10 femto f
-18

0,000 000 000 000 000 001 = 10 atto a
-21

0,000 000 000 000 000 000 001 = 10 zepto z
-24

0,000 000 000 000 000 000 000 001 = 10 yoct o y
ccc
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
xxx
Multipli e sottomultipli
Realizzato a cura di IMGC-CNR e IEN - Torino, 20 novembre 2000
La riproduzione parziale o totale di questo manifesto deve essere preventivamente concordata con IMGC-CNR e IEN
2000 IMGC-CNR, IEN - tutti i diritti riservati.
Unit di base
Istituto Elettrotecnico Nazionale Galileo Ferraris
Strada delle Cacce, 91 10135 Torino (TO)
centralino telefonico +39-011-3919.1 fax +39-011-346384
http://www.ien.it
Istituto di Metrologia Gustavo Colonnetti
del Consiglio Nazionale delle Ricerche
Strada delle Cacce, 73 10135 Torino (TO)
centralino telefonico +39-011-3977.1 fax +39-011-346761
e-mail : segreteria@imgc.to.cnr.it http://www.imgc.to.cnr.it
U R
I