Sei sulla pagina 1di 252

Le Scritture

di Patrizio Rota Scalabrini e Luciano Zappella


http://www.bicudi.net/home_materiali.htm






















































3

0 Indice
0 INDICE .......................................................................................................................................... 3
Primo Testamento (TaNaK)
1 IL CANONE DEL PRIMO TESTAMENTO ........................................................................................ 11
1.1 CANONI DEL PRIMO/ANTICO TESTAMENTO ........................................................................................................................ 11
1.2 LA FORMAZIONE DEL CANONE EBRAICO ............................................................................................................................. 12
1.3 SCRIPTURA SECUNDUM SCRIPTURAS ................................................................................................................................. 14
1.3.1 Una scrittura normativa: la Trh .................................................................................................................. 14
1.3.2 Un libro per lottare e sperare: i N
e
bm ............................................................................................................. 15
1.3.3 La sapienza diventa libro: i K
e
tbm ................................................................................................................... 16
1.4 SIGNIFICATO DELLA FORMA CANONICA DELLA BIBBIA EBRAICA ......................................................................................... 16
1.4.1 Il primo blocco: Trh .......................................................................................................................................... 16
1.4.2 Il secondo blocco: N
e
bim......................................................................................................................................17
1.4.3 Il terzo blocco: K
e
tbm .........................................................................................................................................17
1.4.4 Lapocalittica: il Primo Testamento avanza verso il suo compimento............................................................. 19
1.5 BIBLIOGRAFIA ................................................................................................................................................................... 20
2 PRIMO TESTAMENTO E BIBBIA CRISTIANA ............................................................................... 22
2.1 IL CANONE CRISTIANO DELLANTICO/PRIMO TESTAMENTO: TRA CANONE BREVE E CANONE AMPIO ...................................................... 22
2.2 IL PRIMO TESTAMENTO COME STORIA DELLA SALVEZZA .................................................................................................... 23
2.3 IL POSTO DEI LIBRI DIDATTICI ........................................................................................................................................... 23
2.4 I PROFETI E LA PROSPETTIVA MESSIANICA ......................................................................................................................... 24
2.5 LA CONCLUSIONE DEL PRIMO TESTAMENTO ...................................................................................................................... 24
2.6 DUE FORME CANONICHE A CONFRONTO............................................................................................................................. 25
2.7 IL PRIMO TESTAMENTO COME PRIMA PARTE DELLA BIBBIA CRISTIANA .............................................................................. 25
2.8 PROSPETTO SULLE DIFFERENZE CANONICHE TRA LE VARIE CHIESE. ................................................................................... 28
2.9 BIBLIOGRAFIA ................................................................................................................................................................... 29
IL TESTO DEL PRIMO TESTAMENTO E LA SUA STORIA
3 IL TESTO MASORETICO (TM) ...................................................................................................... 33
4 IL TESTO PREMASORETICO ...................................................................................................... 34
5 IL PENTATEUCO SAMARITANO .................................................................................................. 38
6 I MANOSCRITTI DEL T
E
N
A
K ........................................................................................................ 39
6.1 1. IL CODEX LENINGRADENSIS (L) .................................................................................................................................... 39
6.2 IL CODEX ALEPPENSIS (A) ................................................................................................................................................ 39
6.3 IL CODEX CAIRENSIS (C) .................................................................................................................................................. 40
6.4 IL CODEX N ...................................................................................................................................................................... 40
6.5 IL CODEX B....................................................................................................................................................................... 40
6.6 IL CODEX D ...................................................................................................................................................................... 40
7 LE EDIZIONI A STAMPA ............................................................................................................... 41
7.1 EDIZIONI SECOLO XXXXI .............................................................................................................................................. 44
8 LA STORIA DEL TESTO DELLA BIBBIA EBRAICA (TANAK) TABELLA RIASSUNTIVA ............... 45
9 ELENCO DEI LIBRI DEL T
E
N
A
K .............................................................................................47
9.1 TRH ................................................................................................................................................................... 48
9.1.1 Genesi (150) .......................................................................................................................................... 48
9.1.2 Esodo (140) ............................................................................................................................................... 48
9.1.3 Levitico (127) ........................................................................................................................................... 49
9.1.4 Numeri (136) .......................................................................................................................................... 49
9.1.5 Deuteronomio (134) ................................................................................................................................ 50
9.2 N
E
BIM ................................................................................................................................................................ 50
9.2.1 Giosu (124)............................................................................................................................................. 50
9.2.2 Giudici (121)........................................................................................................................................... 51
9.2.3 12 Samuele (131; 124) ....................................................................................................................... 51
9.2.4 12 Re (122; 125) .................................................................................................................................. 51
9.2.5 Isaia (166)............................................................................................................................................... 52
9.2.6 Geremia (152) ......................................................................................................................................... 53
4

9.2.7 Ezechiele (148) ....................................................................................................................................... 54
9.2.8 Dodici profeti minori ............................................................................................................................................ 55
9.2.8.1 Osea (114) .....................................................................................................................................................................55
9.2.8.2 Gioele (14) ....................................................................................................................................................................55
9.2.8.3 Amos (19) .....................................................................................................................................................................55
9.2.8.4 Abdia (1) ..........................................................................................................................................................................55
9.2.8.5 Giona (14) .................................................................................................................................................................... 56
9.2.8.6 Michea (17) .................................................................................................................................................................. 56
9.2.8.7 Nahum (13).................................................................................................................................................................. 56
9.2.8.8 Abacuc (13) ................................................................................................................................................................... 57
9.2.8.9 Sofonia (13) .................................................................................................................................................................. 57
9.2.8.10 Aggeo (12) ..................................................................................................................................................................... 57
9.2.8.11 Zaccaria (114) ............................................................................................................................................................... 57
9.2.8.12 Malachia (13) ............................................................................................................................................................... 58
9.3 K
E
TBM .............................................................................................................................................................. 58
9.3.1 Salmi (150) ................................................................................................................................................ 58
9.3.2 Giobbe (142) .............................................................................................................................................. 59
9.3.3 Proverbi (131) ........................................................................................................................................... 59
9.3.4 Rut (14) ....................................................................................................................................................... 60
9.3.5 Cantico dei cantici (18) ................................................................................................................... 60
9.3.6 Qoelet (112) ............................................................................................................................................... 60
9.3.7 Lamentazioni (15) .................................................................................................................................... 61
9.3.8 Ester (110) ................................................................................................................................................ 61
9.3.9 Daniele (112) ............................................................................................................................................ 61
9.3.10 Esdra (110) e Neemia (113) ................................................................................................... 62
9.3.11 12 Cronache (129; 136)............................................................................................................... 62
LE TRADUZIONI DELLA BIBBIA
10 LA VERSIONE GRECA: I SETTANTA (LXX) ...................................................................................67
10.1 ORIGINE DEI LXX ........................................................................................................................................................ 67
10.2 LE ANTICHE REVISIONI DEI LXX ................................................................................................................................... 69
10.2.1 Primo ................................................................................................................................................................. 69
10.2.2 Secondo ............................................................................................................................................................. 70
10.2.3 Terzo .................................................................................................................................................................. 70
10.3 LE EDIZIONI CRISTIANE DEI LXX .................................................................................................................................. 70
10.4 I MANOSCRITTI ANTICHI DEI LXX ................................................................................................................................. 70
10.5 IL VALORE CULTURALE DEI LXX ................................................................................................................................... 73
10.6 BIBLIOGRAFIA .............................................................................................................................................................. 75
11 I TARGMM. LE VERSIONI ARAMAICHE DELLANTICO TESTAMENTO .....................................76
11.1 LA LINGUA ARAMAICA ................................................................................................................................................... 76
11.2 IL TARGM ................................................................................................................................................................... 76
11.3 UN ESEMPIO DEL METODO TARGUMICO......................................................................................................................... 78
11.3.1 Il rapporto tra Targm e Midra ....................................................................................................................80
11.4 CARATTERISTICHE PECULIARI DELLA TRADUZIONE TARGUMICA .................................................................................... 83
11.5 I VARI TARGMM......................................................................................................................................................... 84
11.5.1 Il Targm palestinese ...................................................................................................................................... 84
11.5.2 Il Targm babilonese ....................................................................................................................................... 85
11.6 APPENDICE: LA LETTERATURA MINICA E TALMUDICA .................................................................................................. 85
11.6.1 La raccolta della Minh ................................................................................................................................. 85
11.6.2 La raccolta di Tosefta....................................................................................................................................... 86
11.6.3 Il Talmud ........................................................................................................................................................... 86
11.6.4 Il Talmud di Gerusalemme .............................................................................................................................. 86
11.6.5 Il Talmud Bably o babilonese .......................................................................................................................... 86
11.7 BIBLIOGRAFIA .............................................................................................................................................................. 87
11.7.1 Alcune edizioni di testi targumici .................................................................................................................... 87
11.7.2 Per il midra ..................................................................................................................................................... 87
12 LE TRADUZIONI DI ORIGINE CRISTIANA ................................................................................... 89
12.1 INTRODUZIONE ............................................................................................................................................................ 89
12.2 LA VETUS LATINA......................................................................................................................................................... 89
12.3 LA VULGATA ................................................................................................................................................................. 90
12.3.1 La storia della Vulgata .................................................................................................................................... 91
12.3.2 La Vulgata come Bibbia ufficiale della chiesa cattolica: il Concilio di Trento ............................................ 92
12.4 TRADUZIONI SIRIACHE ................................................................................................................................................. 93
12.5 LE ALTRE VERSIONI ANTICHE ORIENTALI E OCCIDENTALI .............................................................................................. 95
5

12.5.1 Antiche versioni orientali................................................................................................................................. 95
12.5.1.1 Antiche versioni occidentali .......................................................................................................................................... 96
12.6 BIBLIOGRAFIA .............................................................................................................................................................. 98
12.6.1 Per i problemi teorici dellevento di traduzione cfr. ..................................................................................... 98
12.6.2 Sulla Vetus Latina ............................................................................................................................................ 98
12.7 LE TRADUZIONI MODERNE: XVXIX SECOLO ............................................................................................................... 99
12.7.1 Inglese ............................................................................................................................................................... 99
12.7.1.1 Tyndales New Testament, 1525.................................................................................................................................... 99
12.7.1.2 Coverdale Bible, 1525 Matthew Bible 1537 ............................................................................................................. 100
12.7.1.3 Great Bible, 153940 / Bishops Bible 1568 ............................................................................................................... 100
12.7.1.4 Geneva Bible, 1560 ....................................................................................................................................................... 101
12.7.1.5 DouaiReims Bible, 15821610................................................................................................................................... 101
12.7.1.6 King James Bible, 1611 .................................................................................................................................................102
12.7.2 Francese .......................................................................................................................................................... 102
12.7.2.1 Bible de Olivetan, 1535 .................................................................................................................................................102
12.7.2.2 Bible de Sebastien Castellion, 1555 ..............................................................................................................................103
12.7.2.3 Bible de Genve, 1588 ..................................................................................................................................................103
12.7.2.4 Bible de port Royal, 1667, 16721693 .........................................................................................................................103
12.7.2.5 Bible de David Martin, 1696 (1707, 1744) ...................................................................................................................103
12.7.2.6 Bible de JeanFrdric Ostervald, 1744 ......................................................................................................................104
12.7.2.7 Bible de Louis Segond, 1871, 1880 ...............................................................................................................................104
12.7.3 Tedesco ............................................................................................................................................................ 104
12.7.3.1 Luther Bibel, 15221534 ..............................................................................................................................................104
12.7.4 Italiano ............................................................................................................................................................ 105
12.7.4.1 Bibbia Malermi, 1471 Bibbia Jensoniana, 1471 ........................................................................................................ 105
12.7.4.2 Bibbia Brucioli, 1532 .................................................................................................................................................... 105
12.7.4.3 Bibbia Diodati, 1607, 1641............................................................................................................................................ 105
12.7.4.4 Bibbia Martini, 1769 .....................................................................................................................................................106
12.8 LE TRADUZIONI ITALIANE: XXXXI SECOLO .............................................................................................................. 106
12.8.1 1924 La Riveduta di Luzzi (P) .................................................................................................................... 106
12.8.2 1929 / 193940 / 195758 La Bibbia Salani (C) ...................................................................................... 106
12.8.3 1960 La Bibbia Nardoni (C) ....................................................................................................................... 106
12.8.4 1963 La Bibbia Marietti (C) ........................................................................................................................ 106
12.8.5 1968 La Bibbia Concordata Mondadori (E) ............................................................................................. 107
12.8.6 1968 La Bibbia UTET (C)............................................................................................................................ 107
12.8.7 197174 La Bibbia CEI / La Bibbia di Gerusalemme EDB (C) ................................................................ 107
12.8.8 197679 / 1992 La Bibbia TOB (E) ............................................................................................................ 107
12.8.9 1976 / 1985 / 2001 Bibbia TILC (E) ........................................................................................................... 107
12.8.10 (196780) / 1987 / 1991 Bibbia Paoline San Paolo (C) ......................................................................... 108
12.8.11 1994 Nuova Riveduta (P) 1999 Bibbia Diodati ..................................................................................... 108
12.8.12 1995 Bibbia Piemme (C).............................................................................................................................. 108
12.8.13 19951996 Bibbia Ebraica (EB) ................................................................................................................. 108
12.8.14 1998, 2005
5
Nuovo Testamento (I) ............................................................................................................ 108
12.8.15 2000 I libri di Dio Mondadori (CE) ........................................................................................................ 109
12.8.16 20012008ss. Bibbia TINTI (I) ................................................................................................................. 109
12.8.17 20012007 Bibbia Ebraica Interlineare (I) .............................................................................................. 109
12.8.18 2008 La Bibbia CEI Nuova traduzione (C) ........................................................................................... 109
13 LXX SEPTUAGINTA .................................................................................................................. 110
13.1 EDIZIONI E TESTO CRITICO........................................................................................................................................... 112
13.1.1 Septuaginta, editio altera, edizione Alfred Rahlfs Robert Hanhart, Corrected edition, Deutsche
Bibelgesellschaft Stuttgart, 2006 (I edizione, 1935) ....................................................................................................... 112
13.1.2 Edizione di Gttingen edizione eclettica. Septuaginta, Vetus Testamentum Graecum. Auctoritate
Academiae Scientiarum Gottingensis editum Mitteilungen des SeptuagintaUnternehmens der Akademie der
Wissenschaften in Gttingen, Vandenhoeck & Ruprecht, Gttingen. ........................................................................... 112
13.1.2.1 Volumi pubblicati ......................................................................................................................................................... 112
13.1.3 Edizione di Cambridge edizione diplomatica. The Old Testament in Greek according to the Text of
Codex Vaticanus, Cambridge University Press............................................................................................................... 113
13.1.3.1 Volumi pubblicati ......................................................................................................................................................... 113
13.1.4 Edizione Du Cerf .............................................................................................................................................. 113
14 I MANOSCRITTI DI QUMRAN ..................................................................................................... 114
14.1 STORIA DELLA SCOPERTA ............................................................................................................................................. 114
14.2 INVENTARIO DEI MANOSCRITTI ....................................................................................................................................118
14.3 LE GROTTE E I MANOSCRITTI ........................................................................................................................................ 119
14.3.1 Grotta 1 ............................................................................................................................................................ 120
14.3.1.1 Contenuto della Grotta 1 (1Q): .....................................................................................................................................120
14.3.2 Grotta 2 ........................................................................................................................................................... 120
6

14.3.2.1 Contenuto della Grotta 2 (2Q) ..................................................................................................................................... 121
14.3.3 Grotta 3 ............................................................................................................................................................ 121
14.3.3.1 Contenuto della Grotta 3 (3Q): .................................................................................................................................... 121
14.3.4 Grotta 4 ........................................................................................................................................................... 122
14.3.4.1 Contenuto della Grotta 4 (4Q): .................................................................................................................................... 122
14.3.5 Grotta 5 ........................................................................................................................................................... 123
14.3.5.1 Contenuto della Grotta 5 (5Q): .................................................................................................................................... 123
14.4 GROTTA 6 ................................................................................................................................................................... 123
14.4.1 Contenuto della Grotta 6 (6Q): ..................................................................................................................... 123
14.4.2 Grotte7 8 9 10........................................................................................................................................ 124
14.4.2.1 Contenuto della Grotta 7 (7Q): .................................................................................................................................... 124
14.4.2.2 Contenuto della Grotta 8 (8Q): .................................................................................................................................... 124
14.4.2.3 Contenuto della Grotta 9 (9Q): .................................................................................................................................... 125
14.4.2.4 Contenuto della Grotta 10 (10Q): ................................................................................................................................ 125
14.4.3 Grotta 11 .......................................................................................................................................................... 125
14.4.3.1 Contenuto della Grotta 11 (11Q): .................................................................................................................................. 125
14.4.4 Il contenuto di alcuni manoscritti ................................................................................................................. 126
14.4.5 La Regola della Comunit (Manuale di Disciplina) 1QS Serekh HaYahad: Ordine dellUnit ............. 126
14.4.6 Regola della Guerra (1QM) ........................................................................................................................... 126
14.4.7 Commento a Abacuc (IQ p Hab) ................................................................................................................... 127
14.4.8 Inni di azione di grazia (Hodayot) 1QH ....................................................................................................... 128
14.4.9 Il rotolo del Tempio (Meghillat Hammiqdash) 11QT................................................................................... 129
14.4.10 Il Maestro di Giustizia .................................................................................................................................... 129
14.4.10.1 Curriculum vitae del Maestro di Giustizia................................................................................................................... 129
14.4.10.2 Tentativo di identificazione (E. Puech) .......................................................................................................................130
14.5 QUMRAN E IL CRISTIANESIMO ..................................................................................................................................... 130
14.5.1 Analogie nel vocabolario ............................................................................................................................... 130
14.5.2 Analogie nelle pratiche rituali e comunitarie .............................................................................................. 130
14.5.2.1 Pasto sacro ....................................................................................................................................................................130
14.5.2.2 Battesimo, abluzione .................................................................................................................................................... 131
14.5.2.3 Comunione dei beni ..................................................................................................................................................... 131
14.5.2.4 Carit ............................................................................................................................................................................. 131
14.6 IL CALENDARIO ESSENO ............................................................................................................................................... 131
14.7 APPENDICE ................................................................................................................................................................. 133
14.7.1 La data della Cena .......................................................................................................................................... 133
14.7.1.1 Dati relativi al calendario di Qumran .......................................................................................................................... 133
14.7.1.2 Dati scritturistici ........................................................................................................................................................... 133
14.7.2 La data di Natale ............................................................................................................................................ 134
Nuovo Testamento
1 IL CANONE DEL NUOVO TESTAMENTO ..................................................................................... 137
1.1 IL FRAMMENTO MURATORIANO ....................................................................................................................................... 137
1.2 UNA TABELLA RIASSUNTIVA SULLE VARIE PROPOSTE DI CANONE ...................................................................................... 142
2 IL TESTO DEL NUOVO TESTAMENTO ......................................................................................... 143
2.1 SCRITTURA E SUPPORTI MATERIALI ................................................................................................................................. 143
2.1.1 Supporti ............................................................................................................................................................... 143
2.1.1.1 Il papiro ........................................................................................................................................................................ 143
2.1.1.1.1 Introduzione ............................................................................................................................................................ 143
2.1.1.1.2 Preparazione ............................................................................................................................................................ 143
2.1.1.1.3 Un rotolo di papiro .................................................................................................................................................. 144
2.1.1.1.4 Forme ....................................................................................................................................................................... 144
2.1.1.1.5 Strumenti di scrittura .............................................................................................................................................. 144
2.1.1.1.6 Levoluzione ............................................................................................................................................................. 145
2.1.1.1.7 Vantaggi ................................................................................................................................................................... 145
2.1.1.1.8 Svantaggi.................................................................................................................................................................. 145
2.1.1.2 La pergamena ............................................................................................................................................................... 146
2.1.1.2.1 Introduzione ............................................................................................................................................................ 146
2.1.1.2.2 Preparazione ............................................................................................................................................................ 146
2.1.1.2.3 Forme ....................................................................................................................................................................... 146
2.1.1.2.4 Strumenti di scrittura .............................................................................................................................................. 147
2.1.1.2.5 Levoluzione ............................................................................................................................................................. 147
2.1.1.2.6 Vantaggi ...................................................................................................................................................................148
2.1.1.2.7 Svantaggi..................................................................................................................................................................148
2.1.1.3 Palinsesto ...................................................................................................................................................................... 149
2.1.2 Forme ................................................................................................................................................................... 149
2.1.2.1 Rotolo in papiro ............................................................................................................................................................ 149
2.1.2.2 Il codice in papiro ......................................................................................................................................................... 150
7

2.1.2.2.1 PAPIRO 52 (P. Ryl. 457, P
52
)................................................................................................................................... 151
2.1.2.2.2 PAPIRO 66 (P. Bodmer II, P
66
) .............................................................................................................................. 154
2.1.2.2.3 PAPIRO 46 (P. Chester Beatty II, P
46
) .................................................................................................................... 157
2.1.2.2.4 PAPIRO 45 (P. Chester Beatty I, P
45
) ..................................................................................................................... 158
2.1.2.2.5 Considerazioni ......................................................................................................................................................... 159
2.1.2.3 Il codice in pergamena .................................................................................................................................................160
2.1.2.3.1 CODEX SINAITICUS 01) ..................................................................................................................................160
2.1.2.3.2 CODEX VATICANUS (B 03) ................................................................................................................................... 161
2.1.2.3.3 CODEX ALEXANDRINUS (A 02) .......................................................................................................................... 162
2.1.3 Tipologie di scrittura .......................................................................................................................................... 164
2.1.3.1 Scrittura maiuscola onciale .......................................................................................................................................... 164
2.1.3.1.1 Onciali greci della Bibbia ........................................................................................................................................ 165
2.1.3.1.2 Codex purpureus Rossanensis ................................................................................................................................ 171
2.1.3.2 Scrittura minuscola corsiva.......................................................................................................................................... 172
2.1.3.3 Le abbreviazioni ........................................................................................................................................................... 173
2.2 I TESTIMONI DEL TESTO................................................................................................................................................... 174
2.2.1 Papiri greci del Nuovo Testamento ................................................................................................................... 174
2.3 I CARATTERI DEL TESTO.................................................................................................................................................... 177
2.3.1 Testo Alessandrino (o Egiziano) H ..................................................................................................................... 177
2.3.2 Testo Bizantino K ................................................................................................................................................ 178
2.3.3 Testo Occidentale D ............................................................................................................................................ 178
2.3.4 Testo Cesariense C .............................................................................................................................................. 178
2.4 LA CRITICA TESTUALE...................................................................................................................................................... 179
2.5 LE EDIZIONI CRITICHE DEL NUOVO TESTAMENTO ........................................................................................................... 182
2.5.1 Il Cinquecento: la definizione del textus receptus ............................................................................................ 183
2.5.2 Il Seicento e Settecento: la critica al textus receptus........................................................................................ 189
2.5.3 Le grandi edizioni dellOttocento ....................................................................................................................... 190
2.5.4 Il Novecento ......................................................................................................................................................... 190
2.5.5 Le edizioni manuali recenti ................................................................................................................................. 191
I LIBRI DEL NUOVO TESTAMENTO
3 ELENCO DEI LIBRI DEL NUOVO TESTAMENTO ......................................................................... 196
3.1 : VANGELO SECONDO MATTEO (128) ................................................................................................. 197
3.2 : VANGELO SECONDO MARCO (116) ..................................................................................................... 200
3.3 : VANGELO SECONDO LUCA (124) : ATTI DEGLI APOSTOLI (128) .......................203
3.3.1 Vangelo ................................................................................................................................................................203
3.3.2 Atti ........................................................................................................................................................................ 205
3.4 : VANGELO SECONDO GIOVANNI (121) : APOCALISSE DI GIOVANNI (122)....206
3.4.1 Vangelo ................................................................................................................................................................206
3.4.2 Apocalisse ............................................................................................................................................................ 207
3.5 : AI ROMANI (116) ............................................................................................................................. 208
3.6 : PRIMA AI CORINZI (116) .............................................................................................................209
3.7 B: SECONDA AI CORINZI (113) ........................................................................................................ 210
3.8 : AI GALATI (16) ..................................................................................................................................... 211
3.9 : AGLI EFESINI (16)............................................................................................................................. 212
3.10 : AI FILIPPESI (14) .................................................................................................................. 213
3.11 : AI COLOSSESI (14).................................................................................................................... 214
3.12 : PRIMA AI TESSALONICESI (15) ......................................................................................... 215
3.13 B: SECONDA AI TESSALONICESI (13)..................................................................................... 216
3.14 B : PRIMA E SECONDA A TIMOTEO A TITO (LETTERE PASTORALI) ...................... 217
3.14.1 1 Timoteo ......................................................................................................................................................... 217
3.14.2 2 Timoteo......................................................................................................................................................... 217
3.14.3 Tito ................................................................................................................................................................... 218
3.15 : LETTERA AGLI EBREI (113) ........................................................................................................... 219
3.16 : LETTERA DI GIACOMO (15) ...................................................................................................................... 221
3.17 : PRIMA LETTERA DI PIETRO (15) ............................................................................................................. 222
3.18 B: SECONDA LETTERA DI PIETRO (13) ........................................................................................................ 223
3.19 , B, : PRIMA, SECONDA E TERZA LETTERA DI GIOVANNI .......................................................................... 224
3.19.1 Prima lettera di Giovanni .............................................................................................................................. 224
3.19.2 Seconda lettera di Giovanni .......................................................................................................................... 224
3.19.3 Terza lettera di Giovanni ............................................................................................................................... 224
3.20 : LETTERA DI GIUDA ......................................................................................................................................... 224
4 EUANGHELION: IL GENERE LETTERARIO DEI VANGELI ......................................................... 226
5 QUESTIONE DI SUPPORTO: DAL PAPIRO AL CODICE ................................................................ 227
6 LA QUESTIONE SINOTTICA ....................................................................................................... 230
8

6.1 IL MODELLO COMUNE: DERIVAZIONE DIRETTA ................................................................................................................230
6.2 IL PROCESSO GENEALOGICO: MEDIAZIONE LETTERARIA ................................................................................................... 231
6.3 PER APPROFONDIRE ........................................................................................................................................................ 232
7 GLI APOCRIFI DEL NUOVO TESTAMENTO .................................................................................233
7.1 VANGELI NARRATIVI ................................................................................................................................................ 234
7.2 VANGELI DELLINFANZIA ........................................................................................................................................ 237
7.3 ATTI .............................................................................................................................................................................. 238
7.4 VANGELI DI DETTI ..................................................................................................................................................... 239
7.5 LETTERE ...................................................................................................................................................................... 241
7.6 APOCALISSI ................................................................................................................................................................. 241
7.7 BIBLIOGRAFIA IN ITALIANO ............................................................................................................................................. 242
7.7.1 Raccolte di testi ................................................................................................................................................... 242
7.7.2 Introduzioni ......................................................................................................................................................... 242
8 LE TRE RICERCHE DEL GES DELLA STORIA .......................................................................... 243
8.1 LE FONTI ......................................................................................................................................................................... 243
8.2 FIRST QUEST O RICERCA LIBERALE (17781906): GES, UNA GRANDE PERSONALIT SPIRITUALE .................................. 244
8.3 NEW QUEST O SECONDA RICERCA (19501980): GES ALLALBA DEL REGNO ................................................................ 245
8.4 THIRD QUEST O TERZA RICERCA (A PARTIRE DAL 1980): GES, LEBREO ........................................................................ 247
8.5 COSA CONCLUDERE DALLA SUCCESSIONE DI QUESTE TRE RICERCHE? ............................................................................... 249
8.6 ORIENTAMENTI BIBLIOGRAFICI ....................................................................................................................................... 250
8.6.1 Introduzioni e panoramiche sulle fasi della ricerca......................................................................................... 250
8.6.2 First Quest ........................................................................................................................................................... 251
8.6.3 Second Quest ....................................................................................................................................................... 251
8.6.4 Third Quest .......................................................................................................................................................... 251
8.6.5 Storia della ricerca sulla vita di Ges ............................................................................................................... 252




















Primo Testamento (T
a
N
a
K)





















11

1 Il canone del Primo Testamento
1.1 Canoni del Primo/Antico Testamento
Presentiamo qui una tavola sinottica che illustra i canoni del Primo Testamento: testo masoretico,
versione dei LXX, versione Vulgata, Bibbia di Gerusalemme (canone cattolico), Traduction
Oecumnique de la Bible, versione Riveduta (canone protestante)
Tr N
e
bm K
e
tBm Deuterocanonici Apocrifi
T
e
N
a
K LXX
Vulgata Sisto
Clementina
Bibbia di
Gerusalemme
TOB Riveduta
1. Tr
Beret
emt
WayyiqrBamidbar
Haddebarm
1. Pentateukon
Genesis
Exodos
Leuiticon
Arithmoi
Deuteronomion
1. Pentateucus
Genesis
Exodus
Leviticus
Numeri
Deuteronomium
1. Pentateuco
Genesi
Esodo
Levitico
Numeri
Deuteronomio
1. Pentateuco
Genesi
Esodo
Levitico
Numeri
Deuteronomio
1. Pentateuco
Genesi
Esodo
Levitico
Numeri
Deuteronomio
2. N
e
bm
R
i
nm
Yehoshua
ofetm
Shemuel 12
Melakhim 12

A
a
rnm
Yeshayahu
Yirmeyahu
Yehezkel

12 Profeti minori
Hoshea, Yoel, Amos,
Ovadya, Yonah,
Mikha, Nahum,
Havakkuk, Tsefanya,
Haggay, Zekharya,
Malaki
2. Libri storici

Isous Nau
Kritai
Routh
Basilein AB
Basilein
Paraleipomenn A
B
Esdras A
Esdras B
Neemias
Tbit
Ioudith
Esthr
Maccabain A
Maccabain B
Maccabain
2. Libri storici

Josue
Judicum
Ruth
Regum 1II
Regum IIIIV
Paralipomenon
III
Esdrae
Neemiae
Tobiae
Judith
Esther
2. Libri storici

Giosu
Giudici
Rut
12 Samuele
12 Re
12 Cronache
Esdra
Neemia
Tobia
Giuditta
Ester
12 Maccabei
2. Libri profetici
Profeti anteriori
Giosu
Giudici
12 Samuele
12 Re

Profeti posteriori
Isaia
Geremia
Ezechiele

12 Profeti minori
Osea, Gioele, Amos,
Abdia, Giona,
Michea, Naum,
Abacuc, Sofonia,
Aggeo, Zaccaria,
Malachia
2. Libri storici

Giosu
Giudici
Rut
12 Samuele
12 Re
12 Cronache
Esdra
Neemia
Ester
3. K
e
tBm
Tehillm
Mishle
Iyov

5 M
e
gillt
r harm
Rut
k
Kohelet
Ester

Daniyel
EzraNehemya
Dibr hayymm
3. Libri poetici
Psalmoi
Ib
Odai Solomntos
Paroimiai Solom.
Ecclsiasts
Asma asmatn
Sophia Solom.
Sophia Seirax
Psalmoi Solom.

3. Libri poetici
Job
Psalmi
Proverbia
Ecclesiastes
Canticum
canticorum
Sapientia
Ecclesiasticus

3. Sapienziali
Giobbe
Salmi
Proverbi
Qohelet
Cantico cantici
Sapienza
Siracide

3. Altri scritti
Salmi
Giobbe
Proverbi
Rut
Cantico cantici
Qohelet
Lamentazioni
Ester (ebraico)
Daniele
Esdra
Neemia
12 Cronache

3. Libri poetici
Giobbe
Salmi
Proverbi
Qohelet
Cantico cantici

4. Libri profetici
Ose, Ams,
Mikaias, Il,
Obdiou, Inas,
Naoum,
Ambakoum,
Sophonias,
Agghaios,
Zakarias,
Malakias.
Esaias
Ieremias
Barouch
Thrnoi Ieremiou
Epistol Ieremiou
Iezekil
Danil
Maccabain
4. Libri profetici
Isaias
Jeremias
Lamentationes
Baruch
Ezechiel
Daniel (greco)
12 Prophetae
minores
Machaborum III
Oratio Manassae
Esdrae IIIIV
Psalmus 151
Epistula
Laodicensibus
4. L. profetici
Isaia
Geremia
Lamentazioni
Baruc
Ezechiele
Daniele (con 13
14)
Osea, Gioele,
Amos, Abdia,
Giona, Michea,
Naum, Abacuc,
Sofonia, Aggeo,
Zaccaria,
Malachia
4.deuterocanonici
Ester (greco)
Giuditta
Tobia
12 Maccabei
Sapienza
Siracide
Baruc
Lettera di Geremia

4. L. profetici
Isaia
Geremia
Lamentazioni
Ezechiele
Daniele
Osea, Gioele,
Amos, Abdia,
Giona, Michea,
Naum, Abacuc,
Sofonia, Aggeo,
Zaccaria, Malachia

12

1.2 La formazione del canone ebraico
Per quanto concerne il canone del Primo Testamento (TeNaK), bisogna subito segnalare che nel
mediogiudaismo vi sono gruppi che adottano un criterio restrittivo per quanto riguarda il canone, e
cio non riconoscono alcuna scrittura normativa al di fuori della Legge/Trh. questo certamente il
caso dei samaritani; pi controversa la posizione dei sadducei. Simile opinione sembra riscuotere il
consenso anche da parte degli ebioniti, gruppo giudeocristiano.
Levoluzione verso la forma del TeNaK testimoniata alla fine del II secolo attraverso lassociazione
dei Profeti/ N
e
bm alla Legge/Trh, e non semplicemente in qualit di lettura edificante, bens quale
parola di Dio. In questo senso assolutamente preziosa la testimonianza del Siracide, quando, offrendo
lelogio dei padri (Sir 4450), percorre tutta una serie di personaggi biblici, che suppongono un
accostamento di quelli presentati nella Legge con quelli presenti nei Profeti cosiddetti anteriori,
nonch nei Profeti scrittori (con leccezione di Daniele). Peraltro sono coinvolti anche personaggi che
appaiono nella collezione degli Scritti, come il caso di Zorobabele, ma soprattutto di Neemia. Manca
per Esdra, e perci non testimoniata una conoscenza completa dei testi di EsdraNeemia.
Questo abbozzo di canone diventa pi chiaro proprio nellintroduzione che il traduttore antepone
allopera del Siracide (verso il 132 a.C.); qui appare chiaramente la classica suddivisione della Bibbia
ebraica: Molti e profondi insegnamenti ci sono stati dati nella Legge, nei Profeti e negli altri scritti
successivi, e per essi si deve lodare Israele come popolo istruito e sapiente (Sir, Prologo, v. 1). Sempre
nello stesso testo il traduttore parla di suo nonno Ges dedicatosi lungamente alla lettura della
Legge, dei Profeti e degli altri libri dei nostri padri (Sir, Prologo, vv. 910). Le altre informazioni che
ci vengono da questo testo sono che gli originali esistevano gi in ebraico; inoltre fa capire tra le righe
di conoscere delle traduzioni greche della Legge e dei Profeti e del resto dei libri (vv. 2425), ma di non
apprezzarne sempre la resa dellorigina testo in lingua ebraica
Appare chiaro che per Legge si intende il Pentateuco, per i Profeti la collezione dei profeti anteriori e
degli scrittori; meno preciso invece il corpo del terzo gruppo, quello degli Scritti, che sembra essere
ancora aperto. Infatti tra le righe si avverte lattesa che il traduttore e autore del Prologo ha nei confronti
dellopera da lui tradotta, cio che si possa inserire in questo corpo di scritti: Nellanno trentottesimo
del re Emergete, venuto in Egitto e fermatomi ivi alquanto, dopo aver scoperto che lo scritto di
grande valore educativo, anchio ritenni necessario adoperarmi con diligenza e fatica per tradurlo.
Dopo avervi dedicato molte veglie e studi in tutto quel tempo, ho condotto a termine questo libro, che
pubblico per coloro che allestero intendano istruirsi conformando i propri costumi per vivere
secondo la legge (Sir, Prologo, vv. 2735).
Si giunge cos alla problematica che riguarda il passaggio dallera del secondo Tempio a quella del
giudaismo postbiblico. Ci si chiede allora se ci sia stata, circa il canone biblico, qualche deliberazione
autoritativa fra gli scribi del movimento farisaico sopravvissuto alla catastrofe del 70 d.C. La questione
incrocia quella del sinodo o concilio di Jabne o Jamnia. Le nostre informazioni sono esigue e resta da
chiedersi se davvero quel sinodo sia mai stato celebrato e, ancor pi, se in quellipotetica occasione sia
stato affrontato il problema del canone biblico. La tesi tradizionale ritiene che il cosiddetto sinodo di
Jabne sia stato una assemblea dei principali rabbi della Palestina, riuniti, fra il 90 e il 105 d.C., in questa
localit, a sud dellodierna Tel Aviv. Suo scopo sarebbe stato quello di risolvere un conflitto di autorit fra
rabbi; in queste riunioni si sarebbe discusso anche sulla canonicit del Cantico dei Cantici e
dellEcclesiaste (Qohelet), ovvero se, secondo il detto rabbinico, il libro in questione sporca o meno le
mani, ossia se, essendo libri sacri, il loro contatto obbligava poi a purificarsi o, invece, trattandosi di libri
comuni, il loro contatto non esigeva alcuna purificazione. Dalle discussioni intercorse sappiamo che
il Cantico era ampiamente accettato come canonico, mentre sussistevano forti dubbi sullEcclesiaste.
In questo periodo Flavio Giuseppe, scrittore giudeo che esprime la sensibilit farisaica, parla
esplicitamente di 22 libri santi nella sua opera Contra Apionem (1,3841) scritta verso il 95 d.C. A suo
avviso Presso di noi non ci sono miriadi di libri , ma solo ventidue. Cinque contengono la legge e la
13

tradizione dalla creazione delluomo fino alla fine della vita di Mos. Questo lasso di tempo comprende
3000 anni. Dalla fine di Mos fino ad Artaserse i profeti dopo Mos hanno scritto gli eventi in tredici
libri Da Artaserse fino al nostro tempo, tutto stato scritto, ma questo non degno della stessa
fiducia accordata ai libri precedenti, perch non c pi stata una precisa successione profetica.
Analizziamo pi a fondo lelenco concreto descritto da Giuseppe Flavio: Innanzitutto i cinque libri di
Mos, contenenti le leggi e la tradizione dalla creazione del mondo fino alla sua morte, per un periodo
di circa tremila anni. Dalla morte di Mos fino ad Artaserse, successore di Serse sul trono persiano, i
Profeti venuti dopo Mos, narrarono la storia del loro tempo in tredici libri. Gli ultimi quattro
contengono inni a Dio e precetti morali per gli uomini.
Ai 22 libri riconosciuti da Giuseppe Flavio come normativi per la comunit giudaica, si giunge,
probabilmente cos: i cinque libri del Pentateuco; per i profeti anteriori: Giosu, Giudici (pi Rut),12
Samuele, 12 Re; per i profeti posteriori: Isaia, Geremia (pi Lamentazioni), Ezechiele, Profeti
minori (cio i Dodici Profeti), Giobbe, Ester, Daniele, EsdraNeemia (uniti), 12 Cronache; per il terzo
gruppo degli Scritti: Salmi, Proverbi, Cantico dei Cantici ed Ecclesiaste.
Per la problematica del canone significativo quanto scrive lapocrifo 4Esdra (testo del III secolo
d.C.). A tale proposito scrive J. M. Snchez Caro: Nel cap. 14 vi si narra appunto come Esdra, ispirato
dalla divina sapienza, detti a cinque scribi 94 libri in 40 giorni. Secondo le direttive divine deve
pubblicare i primi 24 affinch siano letti da tutti, e conservare gli altri 70, per consegnarli alla lettura
soltanto dei sapienti. In questa narrazione troviamo vari punti interessanti. Si parla innanzitutto di un
canone di 24 libri biblici, probabilmente gli stessi di Giuseppe Flavio, ma con un computo separato di
Rut e Lamentazioni; troviamo inoltre una difesa dei libri apocalittici, il cui numero qui settanta.
Questa apologia consiste nel farne risalire lorigine allo stesso Esdra e allo Spirito di sapienza presente
in lui. Scopriamo cos, di nuovo, il criterio che la corrente del giudaismo farisaico aveva imposto per
laccoglimento nella lista canonica di determinati libri, e precisamente che fossero stati composti sotto
ispirazione profetica e tramandati senza soluzione di continuit fino ad Esdra. Tutto perfettamente
comprensibile, se teniamo presente che queste pagine sono scritte al tempo di Jabne, quando i rabbini
si mostrano chiaramente ostili a gran parte della letteratura apocalittica esistente, distinguendola con
precisione dai libri canonici (J.M. Snchez Caro, Il canone della Bibbia, in A.M. Artola J.M.
Snchez Caro, Bibbia e parola di Dio, Edizione italiana a cura di A. Zani (= ISB 2), Brescia, Paideia
Editrice, 1994, 53115, qui 76).
Per molti esegeti vale allora la tesi che nel secolo I d.C. non esista ancora un canone pienamente fisso
della Bibbia ebraica, ma che la situazione presenti una certa fluidit, specialmente per lultima parte.
Ben pi consolidati sono invece i due grandi insiemi della Trh e dei Profeti, che sono riconosciuti
come libri sacri, dotati di autorit per la comunit di fede.
Per gli Scritti, i Salmi sono gi riconosciuti nel loro valore normativo, ma le ultime sezioni, il quarto e
soprattutto il quinto libro dei Salmi, sono ancora incerte nella loro delimitazione precisa, come appare,
ad esempio, anche dai reperti di Qumran.
A quanto pare, lelaborazione di un canone vero e proprio della Bibbia ebraica riconducibile allopera
degli scribi farisei nel periodo compreso fra le due rivolte giudaiche, tra il 70 e il 135 d.C. Non sono
chiare le ragioni che spingono il giudaismo ad una tale scelta. Sembra, per, che vi influiscano diversi
fattori, collegati alle precise circostanze storiche che il giudaismo sta attraversando. Anzitutto un
fattore interno, ossia la necessit di trovare un elemento di coagulo capace di tutelare lidentit giudaica
in un momento in cui n il tempio n il culto non possono pi sostenerla. Tale identit richiede anche
una difesa, non tanto nei confronti del paganesimo e del culto dellimperatore in quanto essendo il
giudaismo religio licita non ha gli stessi problemi che trover il cristianesimo delle origini , ma di
fronte al moltiplicarsi dei libri apocalittici e al nuovo fenomeno del cristianesimo. Definire un canone
della Bibbia ebraica costituisce perci un presidio davanti alle correnti apocalittiche e al sorgere di una
14

nuova letteratura religiosa, e precisamente quella cristiana, letteratura che sta gradualmente
acquisendo un suo status di sacra.
La discussione esegetica in proposito oscilla nella valutazione della preponderanza dei fattori interni,
necessitanti la chiusura di un canone, inteso anche come lista di libri e non solo come norma, o dei
fattori esterni di natura apologeticopolemica Si tratta di valutare poi se gli stessi motivi abbiano
mantenuto la loro incisivit anche dopo la sventurata ribellione di Bar Kochba. La prima attestazione
interna agli scritti giudaici circa la presenza di un canone potrebbe essere della fine del II secolo o degli
inizi del III secolo, e precisamente un passo del Talmud (Baba batra 14b15a).
1.3 Scriptura secundum Scripturas
Lo stesso testo biblico del TeNaK offre delle attestazioni di una crescente consapevolezza canonica, cio
esibisce dei passi dove emerge la coscienza di porgere al lettore un testo scritto e normativo, perci non
alterabile dalle generazioni future. Si tratterebbe qui di individuare quei testi dove emerge
unautocomprensione che la Bibbia (limitandoci qui al Primo Testamento) ha di se stessa, quale scritto
normativo, testi nei quali possiamo cogliere, in definitiva, una sorta di teologia della Scriptura
secundum Scripturas.
Infatti il Primo Testamento non solo si autocomprende come Parola di Dio, cio rivelazione divina per
la vita del popolo, ma come Parola di Dio scritta, consegnata cio in quella forma che permane nel
tempo, la scrittura, la quale consente latto della lettura, che non semplicemente lascolto di un testo
orale. Il lettore, infatti, pu tornare pi volte su quanto ha letto, rileggere, rallentare i tempi secondo i
suoi ritmi interiori, a differenza di quanto avviene con lorale.
Ebbene, il Primo Testamento ha una chiara consapevolezza del proprio statuto di scrittura e lo
consideriamo qui esattamente sotto questo aspetto, prendendo in analisi le tre grandi articolazioni
del TeNaK.
1.3.1 Una scrittura normativa: la Trh
La prima volta che si parla di scrittura in modo significativo, allinterno della Trh, in occasione
dellAlleanza al Sinai (cfr. Es 24,38; 31,18; 32,1516; 34,14.2735). Questo significa che la Legge
concepisce se stessa come Scrittura dellAlleanza, cio come un dispositivo che fa memoria del cammino
del popolo con il suo Dio, e della promessa divina che sta allorigine di tale cammino. Lepisodio di Es
24,3ss. mostra come il libro attesti la risposta positiva del popolo alliniziativa divina, e quindi documenti
il suo impegno a custodire lalleanza. Il libro quindi non concepito come una sorta di entit che scende
dal cielo, al modo in cui alcune religioni pensano al loro libro sacro. Solo le Dieci Parole sono definite
scrittura del dito di Dio, il resto lo scritto di Mos, quasi uno scrigno che le custodisce.
La Legge riconosce di essere lintreccio tra iniziativa divina e risposta umana, documento di tale
incontro: la sua reiterata lettura comporter un rinnovato impegno a vivere nellalleanza.
Laltro scritto biblico che esibisce se stesso nel suo statuto di libro il Deuteronomio, ricapitolazione
dellintera Trh. Esso mette in luce la normativit del libro e la sua capacit di indicare quanto Israele
deve credere, se vuole restare fedele alla sua storia con Dio. La normativit (cfr. Dt 4,2ss. con la
proibizione di aggiungervi o togliervi qualcosa) qui evidenziata dal fatto che esso diventa determi-
nante per Israele, che sar allora giudicato proprio in base alla sua fedelt o infedelt allistruzione
mosaica offerta autorevolmente dal Libro!
Inoltre il Deuteronomio si presenta come uno scritto di confine, che scandisce i momenti di entrata
e di uscita personali o comunitari, quotidiani o epocali. la Scrittura con cui Dio equipaggia il suo
popolo, assicurando il passaggio tra i vari momenti, e offrendo cos il filo unitario con cui intendere
questa storia. La funzione liminare del Deuteronomio ne fa una scrittura che accompagna il passaggio
dalla generazione dei testimoni dellevento fondatore (EsodoSinaideserto) alla generazione
15

successiva, cio quella che vive nelloggi, nella problematica dellessere fedeli quotidianamente al Dio
che si rivelato nella storia. Per questo si parla di uno scritto per tempi postmoderni, proprio perch
preoccupato della continua attualizzazione del messaggio, trasmesso dagli scritti precedenti.
Sempre nel Deuteronomio vi un interessantissimo testo sulla Scrittura, e cio il comando per il re di
tenere presso di s una copia del libro della Legge (Dt 17,1520) da leggere ogni giorno. Il passo biblico
dice letteralmente che sar la Legge a stare presso di lui, quasi a dire che essa gli far compagnia, sar il
suo sostegno e la sua luce. Poich il re rappresenta qui la qualit regale di ogni credente, comprendiamo
come si voglia suggerire al fedele israelita una verit importantissima: la lettura della Scrittura (Trh)
lo aiuter a restare umile, cio a ricercare rapporti di fraternit con il prossimo, senza insuperbirsi, e a
mantenere la fiducia nel Signore, perch lo scritto gli ricorder sempre quanto Dio ha fatto per lui.
1.3.2 Un libro per lottare e sperare: i N
e
bm
Nei profeti anteriori il tema del libro appare gi con la figura di Giosu. Abbiamo visto come lomonimo
libro lo presenti come lemblema del credente che, munito del libro della Parola di Dio, si appresta a
conquistare la terra e riceve la promessa della riuscita di ogni sua impresa (Gs 1,16.79; cfr. anche Sal 1,3).
Di questo libro (Legge) dato a Giosu, il primo scritto dei profeti anteriori fa risaltare i seguenti tratti:
laspetto teofanico, cio il rivelarsi di Dio nella sua lettura; il carattere simbolico di pegno inalienabile
delleterna Alleanza, dovuta allindefettibile fedelt del Signore ad Israele; la perenne forza ispiratrice,
analoga a quella dello Spirito; e infine la necessit di una sua lettura sapienziale, quasi una degustazione
di esso e un mormorarlo amorosamente tra se stessi.
Il libro, la Parola di Dio divenuta scritto normativo, ricompare nella successione da Davide a Salomone
(1Re 2,14), e soprattutto prima dellesilio per riformare il popolo e riportarlo alladorazione del vero
ed unico Dio, quando Giosia legge il rotolo ritrovato nel tempio (2Re 22,123,27; 2Cr 3435).
Ma nel corpus profetico il testo certamente pi pregnante sulla tematica della Parola di Dio quello di Ger
36, con il famoso episodio del rotolo scritto, letto, bruciato, riscritto. La Parola di Dio consegnata nello
scritto lequivalente della persona del profeta e del suo messaggio verbale. Anzi, giunge anche l dove
Geremia non pu giungere e comunica cos la sua predicazione, oltre le barriere dello spazio e del tempo.
Il suo contenuto, qualificato come parola del Signore (vv. 4.11), parole di Geremia (v. 10), lo
rende profeta per missione (deve indurre alla conversione v. 3), per vocazione ( scritto per ordine di
YHWH) e per la sua fine drammatica (v. 23). Ma soprattutto il destino della Parola di morte e
risurrezione, come indica la riscrittura del rotolo. Similmente alle parole della Legge (Sinai) viene
scritto due volte, poich la prima scrittura stata come coperta dal peccato, contro il quale il libro
diventa strumento di lotta.
In definitiva, se raccogliamo i vari testi in cui appare il tema del libro allinterno del corpus profetico,
possiamo dire che la Scrittura ivi parla di s e si presenta allora come testimonianza per conoscere le
vie di Dio, e imparare a sperare anche nei tempi bui (Os 14,10; Is 30,8; Ab 2,14; Ger 30,14).
In questa linea ricordiamo i testi della vocazione di Ezechiele, con il comando di mangiare il libro e,
soprattutto, la conclusione del memoriale di Isaia (Is 8, 1620). Vale la pena di sostare su questa
pericope. Di fronte ad una dinastia e ad un popolo che temono pi gli uomini che il loro Dio, al profeta
Isaia non resta infatti che racchiudere in un memoriale la sua inascoltata predicazione. La decisione
di fissare il messaggio oracolare e di garantirne la conservazione intende attestare la perenne validit
della Parola di Dio, della quale il profeta e la comunit dei discepoli sono testimoni con lintera
esistenza, separata dalla condotta di vita del popolo incredulo. Lo scritto del memoriale di Isaia al
servizio della speranza, perch la sua predicazione fissata, sigillata e custodita dai suoi discepoli,
certifica la potente presenza del Signore in mezzo al suo popolo, anche quando la situazione sembra
umanamente disperata e il Dio di Israele appare chiuso nel silenzio.
16

Lo scritto segue un regime coerente con la disciplina della fede, di quella fede consapevole che la
salvezza pu venire solo da YHWH e si concretizza nellattenersi fedelmente allinsegnamento divino,
prendendo le distanze da una religiosit magica e manipolatoria del sacro.
1.3.3 La sapienza diventa libro: i K
e
tbm
Nella sezione dei K
e
tbm riappare il tema della Parola di Dio consegnata come scritto, e precisamente
per riorganizzare e rivitalizzare la fede del popolo dopo il trauma dellesilio, con Esdra e Nehemia (Ne
89). Nella stessa direzione bisogner intendere anche la passione del popolo di Dio nel custodire i
suoi libri sacri, accettando persino la persecuzione e vedendo nel rogo dei libri lequivalente del martirio
dei giudei fedeli alle tradizioni religiose. Di questo parlano i deuterocanonici libri dei Maccabei (1Mac
1,5464; 3,48; 2Mac 8,23).
La scrittura sapienziale (Qo 14,10; cfr. anche il deuterocanonico Sir 50,2730) persegue la ricerca della
contemporaneit della Parola di Dio, della sua capacit di illuminare le problematiche quotidiane, di
evidenziare le costanti dellesistenza umana, specie nelle sue grandi domande. Nei testi sapienziali vi
sempre pi la consapevolezza di una coincidenza della Sapienza con un sapere che formato dalla
lettura della Trh e dallincontro con gli scritti dei profeti (Prologo di Sir; Sir 24; Bar 3,94,4).
Infine la sezione sapienziale del TeNaK offre anche la scrittura della preghiera: invocazione, lode,
colloquio con Dio e meditazione amorosa della sua Parola. Si legga in particolare Sal 40,79 e Sal
102,1819 (Questo si scriva per la generazione futura e un popolo nuovo dar lode al Signore). Il
libro dei Salmi si presenta quindi come Scrittura da trasmettere alla generazione futura, perch un
popolo nuovo dia lode al Signore e il credente rilegga la sua vita come obbedienza alla volont di Dio
manifestata tramite il rotolo del libro. Gli autori di queste preghiere le presentano come messe sulla
loro bocca da Dio stesso, e cesellate con il suo aiuto con stilo di scriba veloce. Non ovviamente la
concezione magica di una Parola che scende dal cielo, ma la consapevolezza che il sentimento della
preghiera formato dallincontro con la rivelazione di Dio.
1.4 Significato della forma canonica della Bibbia ebraica
1.4.1 Il primo blocco: Trh
Il primo blocco, detto Trh o Pentateuco, secondo lespressione greca, identico al Pentateuco della Bibbia
cristiana. Il posto della Trh nellottica ebraica assolutamente centrale, e costituisce il fondamento della
fede e della prassi dellebraismo, che riconosce in essa il suo tesoro pi prezioso, il documento della
rivelazione di Dio, la guida sicura per il cammino, il fondamento dellidentit stessa di Israele.
Merita qui unattenzione particolare il Pentateuco, che testimonia un fenomeno importante per capire
la formazione del libro biblico. Tale fenomeno chiamato con un termine tecnico piuttosto ostico
(deuterosi), ma forse si pu pi semplicemente rendere con raddoppiamento o, meglio ancora,
con ricapitolazione. Ognuno dei tre blocchi canonici mostra parti o libri attestanti tale fenomeno. Il
Deuteronomio collocato al confine della terra, al di l del Giordano, quando si ormai al limitare del
compimento della promessa. A questo punto il passato concluso e pu essere sintetizzato nel suo
significato pi profondo: Dio ha dato al suo popolo una Legge, un comandamento o, in altre parole,
unAlleanza che lo statuto della relazione tra Lui ed Israele. Anche la Legge non si profonde pi nei
singoli comandamenti, ma come raccolta attorno al suo nucleo, nel concetto di Legge come tale. Nella
ricapitolazione deuteronomica, il passato diventa rivelazione, istruzione e comando capace di
illuminare loggi e guidare il presente del lettore.
La Legge assume qui valore esponenziale e il lettore si trova interpellato non tanto per attuare questo
o quel comando, ma a decidersi per la Legge, a decidersi per una sorta del comandamento del
comandamento (cfr. Dt 30,15ss.).
17

1.4.2 Il secondo blocco: N
e
bim
Per i Profeti la distinzione forte, rispetto alla nostra Bibbia, soprattutto perch, oltre ai nostri testi
profetici (per gli ebrei: profeti posteriori), il blocco ebraico premette, chiamandoli profeti anteriori, i
libri di Giosu, Giudici, 12 Samuele e 12 Re.
La cosa pi importante per notare lo stretto legame dei profeti con la Trh. Essi si presentano nella
forma canonica della Bibbia ebraica come commento alla Legge, come il suo giudizio sul presente. Si
noti che, allinizio dei profeti anteriori, Giosu presentato come profeta che medita la Trh e vi trova
la forza per compiere la missione ricevuta da Dio: Solo sii forte e molto coraggioso, cercando di agire
secondo tutta la legge che ti ha prescritta Mos, mio servo. Non deviare da essa n a destra n a
sinistra, perch tu abbia successo in qualunque tua impresa. Non si allontani dalla tua bocca il libro
di questa legge, ma mditalo giorno e notte, perch tu cerchi di agire secondo quanto vi scritto;
poich allora tu porterai a buon fine le tue imprese e avrai successo (Gs 1,78). Se il blocco della
collezione dei profeti inizia con la consegna della Legge, allo stesso modo la conclusione del corpo
profetico rimanda alla sua osservanza, come scrive la chiusura di Malachia: Tenete a mente la legge
del mio servo Mos, al quale ordinai sullOreb, statuti e norme per tutto Israele. Anche Elia, di cui si
preannuncia il ritorno (Ml 3,2324), dovr compiere la sua missione lasciata in sospeso, riconducendo
il popolo alla tradizione dei padri, cio alla Legge.
Unosservazione analoga si potrebbe fare anche per linizio della collezione dei profeti posteriori, dove
Is 12 fortemente concentrato sul richiamo allosservanza della Legge e sulla promessa della sua
comunicazione allintera umanit (cfr. Is 2,15). In sintesi i profeti attualizzano la Trh denunciando
le deviazioni da essa e mostrando le promesse che sono connesse alla sua osservanza fedele.
1.4.3 Il terzo blocco: K
e
tbm
La collezione degli Scritti raccoglie testi di natura molto diversa, che potremmo definire storici,
sapienziali e apocalittici. Vale la pena osservare lapertura di questo blocco, costituita concretamente
dal libro dei Salmi. Orbene, il Sal 1 lapertura, il portico, di questo libro delle preghiere, ma lo anche
del blocco dei K
e
tbm. Vi viene ritratto lideale del credente, che trova motivo di gioia, di forza, di
ispirazione per la sua condotta, proprio nella meditazione e nella custodia amorosa della Legge: Beato
luomoche si compiace della legge del Signore, la sua legge medita giorno e notte riusciranno tutte
le sue opere (Sal 1,2ss.).
evidente il richiamo reciproco tra lideale del credente in questo Salmo e la prima pagina di Giosu,
dove vi lideale della guida dIsraele, entrambi illuminati e sorretti dalla Trh.
Anche i K
e
tbm condividono dunque lideale programmatico dei profeti: riportare allosservanza della
Legge di Mos, promettendo, a chi ascolta e si attiene alle sue parole di origine divina, lesperienza di
una vita pienamente riuscita. Lideale non si manifesta solo nella pagina iniziale, ma percorre la totalit
delle opere presenti. Basti ricordare lapologia del martirio per fedelt alla Legge del Signore, intessuta
dallo scritto apocalittico di Daniele.
Nella collezione dei K
e
tbm il tratto pi sorprendente la sua conclusione. Infatti la Bibbia ebraica si
conclude stranamente con i due libri delle Cronache. Questi scritti, secondo unottica storiografica,
avrebbero avuto collocazione pi appropriata dopo i libri di Samuele e dei Re, come del resto nella
Bibbia cattolica Soprattutto sconcerta il fatto che i libri di Esdra e di Neemia, che raccontano, con stile
e pensiero fortemente analogo a 12 Cronache, il prosieguo della vicenda narrata dal Cronista, siano
anteposti appunto a 12 Cronache
La ragione di questa collocazione duplice: le Cronache sono state scritte quando probabilmente il
blocco dei N
e
bim era gi chiuso, sostanzialmente canonizzato. La ragione per pi significativa sembra
essere la seguente: la successione EsdraNeemia12Cronache deve essere risultata determinante per
esplicitare una conclusione programmatica per lintera Bibbia ebraica. La conclusione di Neemia, con
18

il divieto dei matrimoni misti, non costituiva certo la finale adatta, mentre la conclusione di 2Cr poteva
essere ottimale per chi leggeva la Bibbia dopo il 70 d.C., anno della distruzione del Tempio da parte dei
Romani e della cacciata degli ebrei da Gerusalemme.
2 Cronache 36,22ss. recita cos: Nellanno primo di Ciro, re di Persia, a compimento della parola del
Signore predetta per bocca di Geremia, il Signore suscit lo spirito di Ciro re di Persia, che fece
proclamare per tutto il regno, a voce e per iscritto: Dice Ciro re di Persia: Il Signore, Dio dei cieli, mi
ha consegnato tutti i regni della terra. Egli mi ha comandato di costruirgli un tempio in
Gerusalemme, che in Giuda. Chiunque di voi appartiene al suo popolo, il suo Dio sia con lui e
parta!. La forza dirompente di questo testo, messo come conclusione programmatica, appare chiara.
I lettori ebrei, che hanno vissuto il trauma della distruzione di Gerusalemme ad opera dei Romani e
che stanno rivivendo una situazione che ricorda quella dellesilio a Babilonia, riscoprono la fiducia nel
Signore e il coraggio derivante dalla conoscenza della sua fedelt, proprio meditando queste righe che
parlano delleditto di Ciro e del permesso di ritornare nella terra e di ricostruire il Tempio.
Il testo dunque vuole alimentare la speranza di un popolo provato, che deve aprirsi al nuovo ed essere
pronto a rivivere quellesperienza di liberazione che la Trh narrava e che il gruppo degli esuli in
Babilonia aveva rivissuto come un secondo Esodo.
chiaro il carattere programmatico di questa conclusione, quando letto in prospettiva canonica. Il
libro di Cronache si richiama infatti sia alla Trh, sia ai N
e
bim, da lui sintetizzati nella profezia di
Geremia (cfr. 2Cr 36,22), per dimostrare che la storia del popolo di Dio non finita, che il popolo ha
ancora un futuro fondato sul Patto irrevocabile che Dio ha stretto con i padri, Patto alluso qui nella
formula di Alleanza espressa con quel YHWH il suo Dio. Considerando la forma canonica mostrata
dalla Bibbia ebraica, intuiamo la modalit con cui lebraismo si avvicina al suo Libro sacro, ricercando
continuamente il cuore della rivelazione, individuato esattamente nella relazione di partnership tra il
popolo dIsraele (
c
am Yrael) e YHWH.
Da notare che negli Scritti sono presenti anche cinque libretti, detti rotoli (meghillt), qualificati
dalluso liturgico nelle cinque grandi feste ebraiche (Cantico, Ruth, Lamentazioni, Qoelet, Ester).
1) Il Cantico dei Cantici il rotolo letto nella festa di Pesah (Pasqua), cosa che manifesta una precisa
convinzione: nella vicenda pasquale che conclude lEsodo dallEgitto il Signore ha manifestato il suo
grande amore liberando il popolo dalla schiavit. Solo il linguaggio dellamore pu celebrare il senso
profondo della Pasqua!
2) Rut letto nella festa di Pentecoste o Festa delle Settimane. Dal punto di vista di un calendario
agricolo, la festa della prima mietitura avviene 50 giorni dopo la festa di primavera, la Pasqua, ma
nella prospettiva della storicizzazione delle feste agricole sistematicamente attuata dalla fede
ebraica, la festa delle primizie o dei cinquanta giorni, diventa memoria di quando, cinquanta giorni
dopo la Pasqua, Israele aveva incontrato YHWH al Sinai e nel contrarre lalleanza si era impegnato
con Lui ad osservare la Trh.
3) Il terzo rotolo costituito dalle Lamentazioni, libro che nel canone cattolico viene affiancato, a
motivo del tono tragico, al profeta Geremia. Israele lo legge nella sua liturgia per il giorno del dolore
massimo e spaventoso che il 9 di Av, memoria della caduta del primo e del secondo Tempio. il
giorno che simbolizza la passione del popolo di Dio ed come lantitipo della Pasqua: esprime il
lamento del popolo dIsraele, che ha visto in faccia il dolore, cos come la Pasqua esprime il cantico
della liberazione.
4) Il libro di Qohelet viene letto nella Festa dei Tabernacoli o Capanne (Sukkt) che cade in
autunno. Qohelet il paradossale libro della gioia; la gioia delluomo come quella del popolo di
Israele, custodito e sorretto durante il suo cammino nel deserto: una gioia discreta che si accontenta
di poco ed goduta sotto le ali del timor di Dio.
5) Infine il libro di Ester viene letto in una festa abbastanza profana, la festa dei Purim. Se una
festa minore sotto il profilo liturgico, per molto popolare e gioiosa, un po come il carnevale.
19

Purim si svolge il 14 o il 15 di Adar, secondo i luoghi, ed un annuncio della festa di Pesah, che si
celebra il mese successivo negli stessi giorni.
Una riflessione specifica merita il libro di Daniele, che il pi significativo scritto di natura apocalittica
presente nel TeNaK.
1.4.4 Lapocalittica: il Primo Testamento avanza verso il suo compimento
La forma canonica della tripartizione del TeNaK non consente di cogliere una tensione verso un
compimento. Nondimeno il pensiero ebraico conosce un particolare sviluppo, che lapocalittica,
anche se questa non ha un posto speciale come tale nel canone. Eppure si pu dire che lapocalittica
mostra un movimento interno al canone, movimento che avanza verso il suo compimento.
Ovviamente la modalit di comprensione di tale compimento varia a seconda della prospettiva assunta,
e segnatamente se tale prospettiva si muove allinterno della lettura rabbinica delle Scritture o fa
propria la lettura messianicocristologica, o addirittura assume le prospettive pi vicine alla linea
apocalitticoenochica.
indispensabile chiarire subito il rapporto complesso che la tradizione canonica ospitante
lapocalittica ha con il pensiero di unapocalittica apocrifa. Infatti niente pi complesso della
questione dellapocalittica allorch si legge il Primo Testamento. A rendere difficile il problema un
fatto preciso: accanto agli scritti canonici, da noi definiti apocalittici, vi una amplissima letteratura
giudaica di natura apocalittica, non contenuta negli scritti canonici, e solitamente
definita apocrifa (tema su cui torneremo in un successivo capitolo, esplicitamente dedicato agli apocrifi
del Primo Testamento). Essa mostra, infatti, differenze radicali, inconciliabili con la tradizione biblica
in generale e anche con gli scritti canonici di genere apocalittico.
Laltra questione che complica notevolmente il nostro discorso se lapocalittica derivi dalla corrente
sapienziale o se sia piuttosto una diversa accentuazione del linguaggio profetico. Mi sembra preferibile
una posizione intermedia, la quale, ammettendo peraltro anche un influsso straniero (astrologia,
interpretazione dei sogni, ecc.), riconosce nellapocalittica lo sviluppo del messaggio profetico sul tema
del giorno del Signore e insieme afferma lacquisizione in essa di un tratto tipico della Sapienza:
luniversalizzazione. Lapocalittica, infatti, non limita mai le sue prospettive al solo popolo eletto, ma
colloca il messaggio divino nellorizzonte pi ampio della storia umana e della creazione.
Venendo allapocalittica canonica, opportuno anzitutto chiarire quali siano i testi biblici del Primo
Testamento che la ricerca biblica definisce apocalittici. Vi si colloca innanzitutto il libro di Daniele, posto
dagli ebrei non tra i Profeti, bens tra gli Scritti del TeNaK. In esso il lettore condotto allestremo limite
della storia dIsraele in epoca biblica, e gli viene aperto uno spiraglio sullimminente fine del mondo.
Vi sono poi vari passi presenti nella letteratura profetica, che rivelano una significativa influenza
apocalittica: Gioele; Is 3435; Is 63,16; la grande Apocalisse di Isaia (Is 2427); Ez 3839; e tutto il
cosiddetto Secondo Zaccaria (=Zc 914). Anche alcuni passi dei libri dei Maccabei riflettono linfluenza
del pensiero apocalittico (cfr., ad es., 2Mac 67). Pure nel Nuovo Testamento ritroveremo passi del
genere apocalittico, tra i quali segnaliamo le cosiddette apocalissi sinottiche e il libro della Rivelazione
(Apocalisse) di Giovanni.
Tenendo conto di alcune caratteristiche dellapocalittica noncanonica, oggi vari esegeti si rifiutano di
definire apocalittici questi scritti appena citati, mentre altri preferiscono mantenere il termine, con
accentuazioni e precisazioni diverse.
Certamente bisogna dire che lapocalittica canonica si differenzia da quella apocrifa per almeno tre
ragioni: anzitutto non sinteressa in modo significativo al problema dellorigine del male; il secondo
luogo il dualismo tra bene e male non viene identificato con il dualismo tra materia e spirito; infine le
leggi mosaiche non vengono sostituite con le Tavole celesti.
20

In sostanza, chiarito che lapocalittica non si riduce ad un genere letterario preciso, si pone allora il
problema dellessenza dellapocalittica e del contributo che essa, nella sua forma canonica, arreca al
messaggio del Primo Testamento.
Ma qual il cuore del messaggio dellapocalittica canonica? Lessenza degli scritti apocalittici della
tradizione biblica quella di essere incentrati sullevento futuro, sullattesa di un intervento liberatorio
da parte di YHWH. questa la certezza che domina tali scritti: Dio otterr il trionfo definitivo,
attraverso ed oltre unepoca di pericoli e di persecuzioni, comportanti una grande minaccia per la fede.
A servizio di questo messaggio si fanno concorrere i vari tratti caratteristici della letteratura
apocalittica, ricorrendo a un accentuato simbolismo (antropologico, animale, cromatico, numerico:
cfr., ad es., Dn 12,7. 12; 7,25) e permeando i testi di unattesa quasi spasmodica del compimento. Luso
baroccheggiante del simbolismo non , per, fine a se stesso, ma serve per una pi efficace
comunicazione del messaggio.
Il messaggio ha un suo fulcro nella tematica del giorno del Signore, gi presente nei profeti non
apocalittici, ma che riceve qui un ulteriore incremento. Esso una catastrofe terribile che annienta tutti
i fondamenti della vita. Laspetto propriamente spaventoso sta nel fatto che tale catastrofe viene
esattamente conosciuta come il giorno del Signore, giorno vicino, nel quale soltanto in Sion vi sar
salvezza. Ma che cosa consegue da tale attesa del giorno del Signore, che in Daniele coincider con la
risurrezione dei giusti? Anzitutto ne deriva un appello alla penitenza, alla conversione, e a resistere
anche eroicamente di fronte alla persecuzione. Rispetto a questo giorno del Signore gli eventi presenti
ricevono una qualifica teologica: diventano segno di ci che sta per accadere. Cos, fatti che sembrano
immediatamente disastrosi per il popolo di Dio, sono paradossalmente il segno di unimminente
sconfitta delle forze del male e il preannuncio della prossima instaurazione del regno di Dio.
Tutto ci rende ragione del clima di viva attesa che pervade questi scritti, della tensione verso
limminente cambiamento, della proiezione verso quel futuro intervento divino che costituir un vero
e proprio rovesciamento della storia universale.
Gli autori apocalittici, a differenza di certa apocalittica non canonica, non insegnano vie di fuga, di
rinuncia, ma piuttosto di lotta di fronte al male che grava nella storia. Lapocalittica canonica si
presenta perci come una letteratura del martirio, pensata per spronare alla testimonianza, alla fedelt
alla legge, anche di fronte alle pi efferate persecuzioni.
Non occorre per demonizzare tutto, ma trovare vie di discernimento, di lettura degli eventi come posti
sotto la conduzione di Dio, che li indirizza con certezza verso un fine di bene pieno, di retribuzione della
fedelt degli eletti. Bisogna allora imparare riconoscere i tempi presenti e il futuro nel loro
collegamento con i tempi precedenti, con la storia del popolo di Dio quale attestata dalla Sacra
Scrittura. A differenza dellapocalittica non canonica, quella biblica vuole mostrare la vitalit della
legislazione mosaica e porsi a servizio della genuina tradizione di fede dIsraele e dellosservanza della
Legge sinaitica aiutando i credenti che vivono tempi difficili, di persecuzione o smarrimento.
1.5 Bibliografia
Sulle problematiche storiche del canone biblico e sul significato teologico cfr.
T. Citrini, Identit della Bibbia. Canone, interpretazione, ispirazione delle Scritture Sacre (= LoB
3.3), Brescia, Editrice Queriniana, 1982.
Le canon de lAncien Testament. Sa formation et son histoire, d. par J. D. Kaestli O. Wermelinger
(= MoBi), Genve, Labor et Fides, 1984.
Ph. R. Davies, Scribes and schools. The canonization of the Hebrew Scriptures (= Library of
Ancient Israel), Louisville KY, Westminster John Knox Press, 1998.
Le Canon des critures; tudes historiques, exgtiques et systmatiques, Sous la direction de
Ch.Theobald (= LeDiv 140), Paris, Les ditions du Cerf, 1990.
21

V. Mannucci, Il canone delle Scritture, in R. Fabris et alii, Introduzione generale alla
Bibbia (= Logos 1), Leumann (TO), ElleDiCi, 1994, 37595.
Niccacci, Organizzazione canonica della Bibbia ebraica; Tra sintassi e retorica, in In onore di Mons.
Enrico Galbiati nel suo 80 compleanno, Presentazione di G. Ghiberti, RivBib 43 (1995) 929.
The Biblical canons, Edited by J. M. Auwers H. J. de Jonge (= BEThL 163), Leuven, University
Press / Uitgeverij Peeters, 2003.
Per il significato dellarticolazione tripartita del TeNaK cfr. la fondamentale opera di teologia biblica
di P. Beauchamp, pubblicata nei due volumi: Luno e laltro testamento; Saggio di lettura (= BCR 46),
Brescia, Paideia Editrice, 1985; Luno e laltro testamento. 2. Compiere le Scritture, Introduzione di A.
Bertuletti, Traduzione di M. L. Milazzo, Revisione di L. Arrighi R. Vignolo (= Biblica 1), Milano,
Glossa, 2001.
Per una breve sintesi delle idee portanti di Luno e laltro testamento cfr. G. Borgonovo et alii, Il testo
biblico: per un approccio scolastico (= Scuola di Religione), Torino, SEI, 1990.
Per una posizione che, a differenza della tradizione rabbinica, sostiene che tra Legge e Profeti ci sia una
relazione non di subordinazione, ma di pari autorit cfr. S. B. Chapman, The law and the prophets. A
study in Old Testament canon formation (= FAT 27), Tbingen, J. C. B. Mohr (Paul Siebeck), 2000.










22

2 Primo Testamento e Bibbia cristiana
Quando prendiamo in mano una Bibbia dove ci sia anche il Nuovo Testamento, comprendiamo di avere
a che fare con la Bibbia cristiana. Sarebbe per un inganno ritenere che la prima parte di essa, quella
cio i cristiani chiamano Antico/Primo Testamento e gli ebrei TeNaK siano equivalenti e che
soprattutto abbiano la medesima direttrice di senso.
2.1 Il canone cristiano dellAntico/Primo Testamento: tra canone breve e canone ampio
Bisogna dire che il cristianesimo delle origini non ha fissato un proprio canone per il suo Antico/Primo
Testamento, ma ha accolto come canonici quei libri che lebraismo considerava tali. Nel II secolo,
quando cominciano le diatribe cristologiche, Giustino e Melitone di Sardi fanno uso del Primo
Testamento per dimostrare che esso parla di Cristo. Ebbene, nel fare ci essi si limitano ad usare
soltanto i libri accettati dagli ebrei, e quindi non fanno riferimento ai cosiddetti deuterocanonici. Un
elenco del canone ebraico ci trasmesso proprio da Melitone di Sardi, che presenta i libri del canone
ebraico, ovviamente con una sistemazione diversa. Peraltro si vede che le Lamentazioni sono
computate con Geremia, Neemia con Esdra, e manca il Libro di Ester (mancante peraltro nella
stragrande maggioranza delle liste canoniche greche). Queste testimonianze non dimostrano per che
dalla chiesa delle origini fossero esclusi altri libri sacri, come si pu ben vedere dal fatto che Clemente
di Alessandria (fine del II secolo) cita anche libri deuterocanonici e non pochi apocrifi, non mostrando
dubbi sulla loro qualit di Scritture sacre. La posizione di Origene pi complessa, perch egli conosce
lesistenza di libri che sono presenti nella traduzione greca dei LXX, ma non commenter mai nessuno
di questi e daltra parte, nella discussione con Giulio lAfricano, sembra accettarli. Inoltre, Origene cita
con frequenza questi libri nelle sue opere sacre. Daltra parte indubbio che la pratica sinagogale, con
i libri letti nella sinagoga, sia passata nella chiesa delle origini; inoltre luso apologetico di tali libri nelle
discussioni con il giudaismo, ha comunque segnalato un posto di particolare autorit per i libri del
canone breve. vero che la chiesa antica leggeva in traduzione greca, ma mostra di attenersi, nella
liturgia, al patrimonio comune con lebraismo. Non si pu allora in alcun modo sostenere che il
cristianesimo e il giudaismo, a partire dalla frattura avvenuta fra di loro in seguito agli avvenimenti
dellanno 70 d.C., non abbiano pi avuto nulla da dirsi e siano andati ciascuno per la propria strada
(A. M. Ritter, Kanonbildung, da parte di E. Zenger, La Sacra Scrittura degli ebrei e dei cristiani, in
E. Zenger (edizione), Introduzione allAntico Testamento, edizione italiana a cura di F. Dalla Vecchia,
Brescia, Queriniana 2005, 945, qui 3536).
Per avere un primo commento cristiano ad un deuterocanonico bisogna aspettare il De Tobia di
Ambrogio. Soltanto verso il 400, il canone ampio, quello che segue i LXX, viene riconosciuto dalla
chiesa occidentale come Sacra Scrittura. In questa fase segnaliamo in particolare il Decreto Gelasiano
(circa 492498), dove evidente lassunzione del canone lungo
Da parte della chiesa orientale si aderisce alla scelta della chiesa occidentale verso il VII secolo Con la
Riforma, il mondo protestante ritorna al canone breve, allhebraica veritas, cui teneva tanto Gerolamo. Si
sa infatti che la posizione di Gerolamo era opposta a quella di Agostino, e contraria allampliamento del
canone. In ogni caso le ragioni per cui ad un certo punto, in mezzo a varie resistenze, la chiesa antica
canonizz fondamentalmente la lista dei LXX non sono del tutto chiare, e restano ipotetiche. Possiamo
presumere che i teologi del cristianesimo dellantichit preferissero usare la traduzione greca del Primo
Testamento, che si prestava maggiormente ad interpretazioni cristologiche. Ladozione del testo greco
favoriva, alla fin fine, anche ladozione del canone della Bibbia greca. In secondo luogo, attraverso la
canonizzazione di questi libri, tra i quali alcuni che raccontano la storia del popolo dIsraele fino alle soglie
del Nuovo Testamento (cfr. 12Maccabei), si sottolineava maggiormente la continuit storicosalvifica tra
Primo e Nuovo Testamento. Infine bisogna dire che alcuni libri si sono imposti per il loro carattere letterario
di fine fattura e di lettura gradevole, nonch per il loro valore catecheticopedagogico, che ne fa comunque
23

una lettura edificante. Questo spiega il successo di libri come Tobia, Siracide greco, Sapienza, non soltanto
nelle comunit cristiane, ma anche in quelle ebraiche, specie per listruzione dei proseliti.
2.2 Il Primo Testamento come storia della salvezza
Il problema del canone cristiano, per, non si esaurisce nel dibattito circa il canone breve o il canone
lungo, ma riguarda piuttosto la sua struttura quadripartita. Infatti, anche se le chiese della Riforma
sono tornate al canone biblico ebraico, ci riguarda la sua estensione, ma non la struttura della Bibbia
ebraica, dato che hanno conservato la disposizione canonica invalsa nelle chiese e fondamentalmente
conforme alla Bibbia greca. Questo punto va chiarito anche se bisogna precisare che la storia del canone
cristiano, anche rispetto alla sua struttura, risulta assai pi complessa di come qui la esponiamo.
In primo luogo, rispetto alla Bibbia ebraica, la disposizione dei libri risulta diversa e riflette la lettura
cristologica di essi. Per la Trh non vi sono diversit.
Le cose cambiano invece per il corpo profetico. La sequenza dei Profeti anteriori e posteriori non
mantenuta nel canone cristiano. I Profeti anteriori sono infatti considerati parte integrante dei libri
storici. Cos ai libri di Giosu e Giudici viene affiancato il libro di Rut, in quanto parla della nonna di
Davide. Seguono 12 Samuele e 12 Re. A questo punto la Bibbia cristiana continua proponendo altri
libri considerati testimonianza di storia della salvezza che, nella Bibbia ebraica, sono collocati tra
i K
e
tbm (Scritti): 12Cronache, Esdra e Neemia, disposti secondo la successione cronologica, cio
secondo i contenuti pi aderenti al racconto storico. Segnaliamo qui, per inciso, che, stando al canone
cristiano lungo, questa forma storicosalvifica ancora pi evidente. Infatti, alla sequenza di libri di
cui sopra, si pospongono i deuterocanonici Tobia, Giuditta, Ester (nella recensione pi ampia del testo
greco) e soprattutto 12Maccabei, il cui racconto giunge fino alle soglie del I secolo a.C.
Appare chiaro il criterio che ispira questa sequenza: partendo dal racconto della creazione e della
liberazione, testimoniati dalla Trh, si giunge fino alla restaurazione del popolo di Dio nella terra, o
addirittura fin quasi in prossimit dellera cristiana, con i Maccabei. Questo funzionale ad un progetto
teologico, che quello di raccontare la storia della salvezza fino al suo compimento in Cristo. In questa
prospettiva, il valore eminente della Trh viene parzialmente ridimensionato, anche se la fede nella
Creazione e nellEsodo continua a dare coerenza cronologica allintero racconto.
2.3 Il posto dei libri didattici
Quanto rimane degli Scritti, che non sia gi stato collocato nei libri storici o nei profetici (come
Daniele e Lamentazioni), viene accorpato in un secondo blocco canonico, denominato libri didattico
sapienziali.
Altra novit, che si avverte immediatamente, linversione della successione SalmiGiobbe. Cos i libri
sapienziali iniziano con la figura di Giobbe, linnocente sofferente, tipo del Cristo, e continuano poi con
il libro delle preghiere che il credente recita con Cristo.
Ai libri sapienziali spetta il compito di illuminare il presente della fede; cos vengono collocati in questo
corpus canonico anche il libro dei Proverbi, il Qoelet e il Cantico dei Cantici.
Il canone cattolico vi inserisce anche i libri della Sapienza di Salomone e soprattutto lo splendido
Siracide, che veramente una summa giudaica del sapere sapienziale.
La composizione di questo corpo canonico segue ancora una volta un intento teologico e cio decifrare
le varie esperienze della vita, valide per ogni tempo, alla luce del mistero di Cristo. Cos ad esempio
il Cantico dei Cantici deve diventare, senza annullare il proprio significato letterale di canto damore
tra luomo e la donna, celebrazione del canto dellamore di Cristo per la Chiesa.
24

Si deve infine notare che lassenza di Daniele con la sua fede apocalittica nella risurrezione dei morti,
in parte compensata nel canone cattolico dalla presenza del libro della Sapienza, con la sua tesi
dellimmortalit dellanima dei giusti e, forse, della risurrezione.
Infine, nel canone cattolico, la presenza del Siracide assicura una sorta di rivisitazione, attraverso la
nota serie di medaglioni dedicati a personaggi famosi del passato, con cui questo libro delinea lintera
vicenda del popolo di Dio come storia dellAlleanza e della salvezza. In tal modo il presente dei libri
sapienziali mostra lattualit della Trh e del messaggio dei libri storici.
2.4 I Profeti e la prospettiva messianica
Il corpus dei Profeti comprende, nella Bibbia cristiana, soltanto i Profeti posteriori, con laggiunta
di Daniele e delle Lamentazioni. Queste ultime sono, infatti, interpretate come Lamentazioni di
Geremia e di conseguenza collocate dopo il suo libro. Allo stesso modo il canone cattolico e ortodosso
aggiunge il libro di Baruc, segretario di Geremia.
La cosa pi importante da notare la successione che i Profeti intrattengono rispetto agli altri corpus
canonici. Se la Trh parla della rivelazione originaria di Dio, e gli altri libri storici parlano del passato
e i didattici del presente, il compito dei Profeti annunciare il futuro, il tempo messianico. Risulta
perci di grande interesse il primo libro dei Profeti, che, nel canone cristiano, Isaia (non Geremia
come nel Talmud), che notoriamente il libro pi ricco di profezie messianiche.
La sostanziale similarit della forma canonica dei Profeti posteriori, registrabile nel canone cristiano e in
quello ebraico, non deve far dimenticare le diversit di lettura, che non sono necessariamente opposizioni.
Lebraismo subordina i Profeti alla Trh, della quale essi costituiscono unattualizzazione, un commento.
Al contrario, nella Bibbia cristiana, poich la stessa Legge letta come promessa del Cristo (si pensi al
cosiddetto Protovangelo, agli oracoli di Balaam, alla promessa deuteronomica di un profeta come Mos),
il corpus profetico possiede una maggiore autonomia e il suo compito quello di preparare lintelligenza
spirituale del mistero di Cristo. Ovviamente questa lettura cristologica non appiattisce gli altri aspetti del
messaggio dei profeti, ma pone, per cos dire, accenti diversi. Cos i carmi del Servo del Signore presenti nel
libro di Isaia, diventano profezia della missione e Passione di Cristo Ges; allo stesso modo Geremia, il
profeta ingiustamente perseguitato, profezia nella propria carne, delle sofferenze del Cristo.
Anche Daniele collocato tra i profeti proprio per vari testi letti in prospettiva cristologica; si pensi qui
al tema del potere del Figlio delluomo (Dn 7,13ss.) e alla profezia delle settanta settimane (Dn 9,24ss.),
ma soprattutto alla chiara affermazione della fede nella risurrezione della carne.
Come si nota, la visione del mondo e della storia attestata nei libri profetici spingono decisamente,
secondo la forma canonica cristiana, verso il compimento in Cristo.
2.5 La conclusione del Primo Testamento
Un altro aspetto da valorizzare la finale dei Profeti, ossia Malachia 3,2224, vista come una
conclusione aperta. Si pone qui in realt un problema. C infatti unoscillazione nel canone cristiano
tra una forma che vorrebbe Dn 14 come conclusione, e quella che privilegia il testo malachiano, cos
come ha fatto la tradizione che si richiama a Gerolamo.
Il testo di Dn 14 presenta laffermazione che Ciro, re di Persia, si convertito al Dio degli ebrei: Allora
il re esclam: Grande tu sei, Signore Dio di Daniele, e non c altro Dio al di fuori di te (Dn 14,41).
chiara la funzione attribuita a questo testo deuterocanonico: le Scritture e la fede dIsraele sono
destinate ad essere comunicate alle genti per la loro conversione. La Chiesa cristiana, in questa
tradizione dei LXX, vedeva unanticipazione del suo stesso esistere.
25

Maggiori consensi riceve, per, la conclusione malachiana, che suona cos: Tenete a mente la legge
del mio servo Mos, al quale ordinai sullOreb, statuti e norme per tutto Israele. Ecco, io invier il
profeta Elia prima che giunga il giorno grande e terribile del Signore (Ml 3,22ss.).
La Bibbia cristiana accentua la seconda parte dellappendice del libro di Malachia, e cio la
dichiarazione dellintenzione divina di inviare il profeta Elia, affinch possa illuminare la via prima del
giorno del Signore. Il Nuovo Testamento cita spesso questa conclusione di Malachia (cfr. Mt 17,1013;
Mc 9,1113; Lc 1,17), identificando lElia redivivo con la figura del Precursore, il Battista. Questa
promessa profetica risulta quanto mai adatta a costituire le ultime parole con cui si chiude il Primo
Testamento e a saldarlo cos con linizio del Nuovo, che comincia subito dopo con la genealogia del
Cristo, coerente con la prospettiva dei libri storici e, poco pi avanti, con il racconto della preparazione
della missione di Ges con la predicazione del Battista.
2.6 Due forme canoniche a confronto
Questa conclusione di Malachia ci fa comprendere come le due forme canoniche non si escludano, ma
si arricchiscano reciprocamente. La forma canonica ebraica ricorda al cristiano limportanza
delliniziativa di Dio, manifestatasi nella Creazione e nella salvezza dIsraele. Il canone cristiano viene
ad accentuare semplicemente come questa salvezza attraverso Israele sia destinata a tutti i popoli e si
realizzi ultimamente in Cristo. Limportanza della Trh non affatto negata; Ges infatti non venuto
ad abolire, ma a dare compimento (cfr. Mt 5,17).
Per quanto riguarda i libri sapienziali, i due canoni ribadiscono limportanza della ricerca della vera
sapienza, nellascolto, nella preghiera, nella meditazione della Legge del Signore. Laccentuazione
cristiana sar nellindividuare il telos, traguardo della Legge, nel Cristo (Rm 10,4).
Il libro dei Profeti non liquida la Legge, come appare chiaro anche dalla finale malachiana, tanto amata
dai cristiani, in cui viene ribadito il comandamento della Legge consegnata sullOreb. Il futuro che Ges
Cristo apporta non annulla le speranze dei Profeti, ma le rende ancora pi ampie e universali.
2.7 Il Primo Testamento come prima parte della Bibbia cristiana
Considerare il Primo Testamento come la prima sezione della Bibbia cristiana bipartita, significa anche
indagare se tra le due parti esista un parallelismo. Affiancando le due parti, possiamo rilevare le
seguenti corrispondenze.
Per quanto riguarda il fondamento, larch, alla Trh corrispondono i vangeli; per quanto riguarda il
passato del popolo di Dio, ai libri storici corrisponderebbero gli Atti degli Apostoli; in relazione al
presente vissuto dai credenti, ai libri sapienziali corrispondono le lettere apostoliche; infine, per quanto
attiene al futuro, ai libri profetici corrisponde lApocalisse di Giovanni.
In questa prospettiva, i due libri angolari risultano Genesi e Apocalisse, che offrono una cornice storica
universale, che viene evidenziata anche dalle parolegancio e dalla ripresa delle immagini. Si pensi qui,
allora, a quante allusioni sono presenti in Apocalisse 2122 al racconto della creazione, fino a Gn 3, con
il tema dellalbero della vita. Esemplifichiamo tutto ci riportando alcuni versetti di Apocalisse e
ponendo in corsivo i richiami a Gn 13.
(Ap 21,1ss) Vidi poi un nuovo cielo e una nuova terra, perch il cielo e la terra di prima erano
scomparsi e il mare non cera pi... Mi mostr poi un fiume dacqua viva limpida come cristallo,
che scaturiva dal trono di Dio e dellAgnello In mezzo alla piazza della citt e da una parte e dallaltra
del fiume si trova un albero di vita Non vi sar pi notte e non avranno pi bisogno di luce di lampada,
n di luce di sole Beati coloro che lavano le loro vesti: avranno parte allalbero della vita e
potranno entrare per le porte nella citt.
26

Infine in questo parallelismo appare chiara limportanza di Ml 3,2224 come conclusione del Primo
Testamento e passaggio al Nuovo Testamento. Ribadiamo come questo testo sia citato pi volte nel
Nuovo Testamento (Mt 17,1013; Mc 9,11; Lc 1,17). In questo modo viene legittimato sul piano canonico
il Nuovo Testamento come prosecuzione del Primo; daltro canto il Primo Testamento assolve allora la
funzione di collocare liniziativa salvifica ed escatologica di Dio, attuatasi in Ges, il Cristo e il Figlio di
Dio, entro lorizzonte drammatico del suo patto con Israele (cfr. Gn 15; 17; Es 1934; Ger 31,3134) e
con tutta la creazione (cfr. Gn 9) (E. Zenger, op. cit., 45).
Entrando pi nel dettaglio, proprio il riferimento al Primo Testamento potrebbe aiutare a capire alcuni
aspetti del canone del Nuovo, specie la realt del vangelo quadripartito. A tal proposito riportiamo
alcune considerazioni di G. Borgonovo.
Ci poniamo ora la domanda del perch la Grande Chiesa abbia adottato il canone del vangelo
quadriforme. Ebbene, a tale domanda mi sembra di poter avanzare due risposte. Esse da una parte
cercano di unire i dati storici che abbiamo e dallaltra di guardare dentro la storia del II secolo
La prima risposta mi sembra convincente confrontando la struttura canonica del Primo Testamento e
quella delle Scritture cristiane. La Bibbia ebraica, quella letta appunto dalla comunit ebraica, era
la TaNaK (Trh, N
e
bm, K
e
tbm). A questo proposito ricordo un particolare molto importante. Il
primo versetto del libro degli Atti allude indirettamente al libro stesso come ad un deuteros logos, come
se fosse un Deuteronomio, quando afferma: Nel mio primo libro ho gi trattato, o Tefilo.
Appunto il protos logos, e quindi quello che lautore sta scrivendo un deuteros logos. Non insomma
impossibile guardare alla trama dei libri che compongono il Nuovo Testamento ritrovando, in qualche
modo, la stessa struttura della Bibbia ebraica; addirittura lo stesso numero dei libri, e i numeri non
sono unoggettivit, ma possono essere usati e manipolati. I libri del Nuovo Testamento possono
diventare 24 se uniamo le doppie lettere di Paolo, indirizzate alla stessa comunit (12Cor; 12Ts),
proprio come i libri del Primo Testamento. Avremmo cos il Vangelo di Ges (che sarebbe la Trh), il
vangelo su Ges (la testimonianza fino agli estremi confini della terra). E come il Deuteronomio
finisce in sospeso, cos anche gli Atti finiscono in sospeso: quando si arriva alla scena finale, non si
chiude niente, ma si apre la vita della chiesa di Roma e della grande Chiesa. Perci la struttura pensata
analogamente alla Trh: una Trh che fondamento, archetipo, della storia dIsraele e
un Vangelo che archetipo della vita Ges e della prima comunit, sino a quando questa diventa la
comunit di tutte le genti. Sarebbe quindi il passato normativo della comunit ecclesiale, e non a caso
la conclusione del libro degli Atti si apre al presente di ogni chiesa. Da l in avanti inizia il presente di
ogni chiesa; mantiene aperta la vita di Paolo (non si dice nulla del suo martirio), e soprattutto mantiene
aperto il modo di vivere della comunit: Paolo trascorse due anni interi nella casa che aveva preso a
pigione e accoglieva tutti quelli che venivano a lui, annunziando il regno di Dio e insegnando le cose
riguardanti il Signore Ges Cristo, con tutta franchezza e senza impedimento (At 28,3031). Qui
abbiamo la riunificazione dei due concetti: da una parte il regno di Dio, il Vangelo di Ges, e dallaltra
parte le cose riguardanti il Signore, il Vangelo su Ges.
Poi ci sono le lettere di Paolo a comunit presenti, ben specifiche; nellordine canonico sono in collocazione
pressoch quantitativa (Romani, Corinzi, Galati, Efesini, Colossesi, Filippesi). Comunit ben precise. la
profezia in atto, che linterpretazione del presente; quindi la seconda parte del Nuovo Testamento
ripropone, allo stesso modo dei libri profetici, linterpretazione del presente della Chiesa. Di per s le grandi
lettere sono sette, come sette sono le lettere del libro dellApocalisse, e gi il Canone muratoriano faceva
questa analogia tra le sette lettere di Paolo alle comunit e le sette lettere di Apocalisse alle chiese.
La terza parte del Nuovo Testamento sono gli Scritti, che noi definiamo come lettere cattoliche o
pastorali, diciamo ad orizzonte ampio. E come per il Primo Testamento il libro si chiude su se stesso
nella profezia di Daniele, nella parola che non la profezia antica, ma una parola al secondo livello,
uninterpretazione della parola profetica di Daniele, cos il Nuovo Testamento riporta se stesso al
centro, al Golgota, con il libro dellApocalisse di Giovanni, che per cos dire la consumazione di ogni
27

possibilit di apocalittica. Ogni rivelazione nasce e si spegne sulla Croce. Si spegne non nel senso che
finisce, ma che non c pi un altro evento che non sia rivelazione piena di quella Croce.
Perch, in questo contesto, quattro evangelisti? Se questa prima risposta riesce a dire qualcosa della
forma complessiva del Nuovo Testamento, non ha ancora tuttavia ancora risposto al nostro interesse
specifico: perch quattro vangeli?
Ed ora approfondiamo il rapporto tra i quattro vangeli e la TaNak. Ecco, questa una mia risposta
personale, che trova ragione nella storia, ma che penso meriti un approfondimento. Il problema che porta
alla complessit di quattro vangeli, forse non ci tocca, perch oggi siamo portati ad altri interessi e questioni.
Il problema il rapporto con Israele o, meglio, con il giudaismo, che il baricentro attorno al quale mi pare
ruotino tutti e quattro i vangeli. A spiegare la complessit della vita di Ges non sono i ricordi pi o meno
completi, n il fatto che i sinottici si muovano intorno ad alcune memorie e che poi Giovanni come dice
anche Eusebio di Cesarea vedendo le lacune lasciate, pur giudicando complessivamente buona lopera
dei sinottici, abbia voluto aggiungere ci che mancava, soprattutto dei primi giorni del discepolato, cio del
passaggio dal discepolato di Giovanni il Battista a quello di Ges. Secondo Eusebio, il vangelo di Giovanni
sarebbe il tentativo di colmare la memoria di quei giorni. No, niente di tutto questo.
Mi sembra che il vero problema sia proprio il rapporto con il giudaismo. Il vangelo, nella forma dello
scritto evangelico cos come labbiamo, non una biografia, n una raccolta dei detti, ma una narrazione
su Ges, unillustrazione della sua figura. Vangelo di Ges, il Messia, Figlio di Dio la tesi che Marco
vuole dimostrare, ricordando le parole e gli eventi di Ges, e ricordandoli soprattutto alla luce della
Croce e di quella testimonianza di risurrezione che tutta da vivere da parte della comunit. Il vangelo,
infatti, si chiude propriamente con il silenzio delle donne, le quali, piene di timore e di tremore, corrono
via dal sepolcro vuoto, senza dire niente a nessuno. Ma come? Noi lo sappiamo, siamo noi la
continuazione di quello scritto, noi che ascoltiamo il vangelo di Ges, Messia e Figlio di Dio. Solo che
Marco molto sbilanciato e cita pochissimo il Primo Testamento e normalmente si spiega questa lacuna
con il fatto che Marco ha scritto per dei non giudei a Roma, secondo le notizie che abbiamo dagli autori
antichi. A mio parere la vera ragione che Marco mette in atto, nel suo racconto, un tipo di lettura della
storia della salvezza molto vicina a quella di Paolo. Marco lesecutore pi fedele, in un certo modo,
della teologia paolina. Egli certo riconosce la testimonianza del Primo Testamento, della Legge e dei
Profeti, ma dice che quanto c adesso davvero il telos, il termine, il compimento, la sintesi di tutto il
resto: e allora concentriamoci su questa novit! Il vangelo di Marco per dimostrare lincapacit dei
discepoli di uscire dallo schema giudaico. Devono uscire dalla strettezza delle visioni giudaiche: non
capiscono proprio perch non ne escono. Ges, invece, fin dallinizio aveva ha ben chiaro questo
progetto e per tale motivo si presenta con un messianismo che non quello del figlio di Davide, ma
quello del Figlio di Dio. Questa sarebbe la caratteristica di Marco.
Immaginiamo adesso la comunit di Antiochia, la comunit pi ricca prima che il centro si spostasse
a Roma , la comunit che ha prodotto il nome cristiano ed stata il baricentro della missione di
Paolo. Ecco, quella comunit, che aveva una componente giudaica, non poteva accettare il vangelo di
Marco, perch non vi si ritrovava; ecumenicamente aveva bisogno di unaltra visione, che la
recuperasse, ed ecco allora il vangelo di Matteo, che inizia proprio in questi termini: Genealogia di
Ges Cristo figlio di Davide, figlio di Abramo. Per quanto riguarda la lettura del rapporto con Israele
tutta unaltra prospettiva: ci che c nel Primo Testamento rimane il tesoro dal quale si pu attingere
(Non pensate che io sia venuto ad abolire la Legge o i Profeti; non sono venuto per abolire, ma per
dare compimento. In verit vi dico: finch non siano passati il cielo e la terra, non passer neppure
un iota o un segno dalla legge, senza che tutto sia compiuto Mt 5,1718). Tutto rimane, e si compie
esattamente nella parola e nei gesti di Ges. Il compimento di Ges non significa dimenticare la storia
dIsraele, ma vivere fino in fondo tutta la storia dIsraele, fino ad arrivare a: Andate dunque e
ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo (Mt
28,19). Attraverso il Ges ebreo tutti i popoli partecipano della stessa eredit di Abramo, della stessa
28

regalit di Davide. Certo, non un Davide secondo lattesa politica, bens un Davide che regna dalla croce,
ma ladempimento della parola antica si compie.
Di fronte a queste due posizioni, ecco la mediazione di Luca, che non mi sembra affatto il discepolo di
Paolo, ma piuttosto labile teologo che riesce a mettere insieme le due componenti della comunit di
Antiochia. Da una parte lanima ellenista la novit, e dallaltra lanima giudaica leredit. La Legge e i
Profeti fino a Giovanni il Battista, poi lannuncio del Regno e infine la proclamazione del Risorto: a partire
da Gerusalemme, per tutta la Samaria, fino agli estremi confini della terra. Il centro del tempo di Ges
diventa dunque un centro che di fatto disegna una storia salvifica tesa tra la storia antica dIsraele e la
storia nuova di tutte le genti, che partecipano, intersecandosi nel centro di Ges, allunica storia salvifica
I racconti dellinfanzia di Luca, che recuperano le grandi figure del giudaismo, tutte pie, fedeli,
sottomesse alla Legge, a partire da Ges e la sua famiglia, che appunto adempiono alla Legge. Ma
lultima pagina, quella degli Atti, ricorda come ormai Paolo sia su tuttaltra posizione. un vangelo
proclamato ai non giudei, perch quei giudei sono rimasti chiusi e non hanno voluto accogliere
lorizzonte nuovo, aperto da Paolo. Per gli Atti, in realt, lorizzonte aperto da Pietro, ma c una
connessione voluta, in modo da non sembrare una spartizione o una divisione. No, il primo Pietro,
che entra nella casa di Cornelio; poi Paolo continua, in tutta la sua missione.
Giovanni, in tutto questo, sta proprio a dire in che senso c una dialettica tra lantico e il nuovo, tra il
Primo Testamento e levento di Ges, che non ha mai fine. La Legge stata donata per mezzo di Mos,
ma la hesed wemet (la grazia e la verit), la pienezza di questa promessa esodica, avvenuta nel Figlio
Ges (Prologo). E quanto viene esplicitato in questa verit che sprigiona nellevento di Ges Cristo
davvero la verit di tutto il progetto salvifico e la verit del Primo Testamento stesso. il modo per
interpretare sinteticamente la vicenda dellesodo nel giudaismo. YHWH misericordioso e pietoso,
lento allira e ricco di grazia e di fedelt (Es 34,6): questa la carta didentit del Dio dellesodo, che
si realizza appunto pienamente in Cristo Ges. Dio nessuno lha mai veduto (Gv 1,18). Lunico
esegeta che ce lo pu svelare veritativamente il Figlio Ges.
Allora rifiutare il Primo Testamento (Marcione, II secolo) un grave errore; conservarlo nella Chiesa del
XXI secolo la necessit della nostra sopravvivenza. (Testo trascritto dallorale e non ancora pubblicato,
tratto da alcuni passaggi della relazione di G. Borgonovo, tenuta alla Scuola della Parola della Diocesi di
Bergamo il 4 ottobre 2006 e dal titolo: Perch quattro vangeli? Una visita nellofficina del canone).
2.8 Prospetto sulle differenze canoniche tra le varie chiese.
La posizione delle varie chiese in relazione al canone biblico del Primo Testamento, piuttosto
articolata e va precisata pi analiticamente.
Le chiese protestanti non accettano come propriamente canonici i deuterocanonici, che vengono
solitamente chiamati apocrifi, nei quali includono anche quelli che il Concilio di Trento dichiarer
apocrifi. Nellultima edizione della Bibbia di Lutero (Wittenberg 1545) gli apocrifi, cio quei libri che
non hanno ugual valore delle Sacre Scritture ma che utile e cosa buona legge, sono indicati in
questordine: Gdt, Sap, Tb, Sir, Bar (+ Lett. di Ger), 12Mac, aggiunte ad Est, aggiunte a Dn. La lista
include anche la Preghiera di Manasse, re di Giuda, quando fu deportato in Babilonia. Poi segue la
nota: Fine dei libri dellAntico Testamento. Secondo lart. 6 della Confessio Belgica del 1561, i libri
seguenti hanno lo stato di apocrifi: 34Esdra, Tb, Gdt, Sap, Sir, Bar (+ Lett. di Ger), aggiunte ad Est,
Canto dei tre fanciulli nella fornace, Sus, Bel e il Drago, Preghiera di Manasse, 2Mac.
Il canone delle chiese orientali conosce delle variazioni piuttosto significative proprio perch vi stata una
forte fluidit circa la lista dei libri canonici dei LXX. Si comprende allora che la chiesa grecoortodossa e la
chiesa russa, anche influenzate dal contatto con le chiese protestanti, abbiano optato per un canone breve.
La chiesa coptoortodossa accetta invece il canone ampio, includendovi pure il Sal 151 e 3Mac.
29

Il canone pi esteso e pi singolare invece quello della chiesa etiopicoortodossa, che distingue
tra un canone ampio e uno ristretto; in tal modo la sua Bibbia comprende lintera LXX con 3Esd, 3Mac
e Sal 151; comprende pure i due testi dellAppendice della Vulgata, ossia La preghiera di
Manasse e 4Esd, ma soprattutto e la cosa importantissima per la conoscenza degli apocrifi
apocalittici del Primo Testamento anche il Libro dei Giubilei e 1Enoc etiopico.
La Bibbia della chiesa siroortodossa va discussa nella sua forma siriaca. Si nota allora lomissione
di Tobia e linclusione di 3Mac. Oggi per le edizioni della Bibbia siriaca orientale riproducono
concretamente o il canone della Bibbia cattolica o di quella pi ristretta, cio protestante.
La chiesa apostolica armena usa un canone la cui lista canonica ufficializzata da Gregorio Tatew
(13461410). Il canone corrisponde alla Vulgata, ma considera 3Mac e 34Esd extracanonici.
In sintesi, senza entrare in tutti i dettagli, o descrivere quali scritti sono assenti da determinate Bibbie,
possiamo ricordare alcuni scritti appaiono solo in alcune Bibbie:
3Mac nei LXX, nella Peshitta, nella Bibbia Copta ed Etiopica e anche in quella Armena, ma con la
restrizione di extracanonico.
Quarto Libro dei Maccabei solo nei LXX.
La Preghiera di Manasse nellAppendice della Vulgata, negli apocrifi della Bibbia di Lutero e della
King James Version, e nella Bibbia Etiopica.
Terzo Libro di Esdra nellAppendice della Vulgata, negli apocrifi della King James Version, nei
LXX, nella Bibbia Etiopica e anche con la restrizione di extracanonica nella Bibbia Armena.
Il Salmo 151 nella Appendice della Vulgata, nei LXX, nella Bibbia Etiopica e forse anche quella Copta.
Il Libro dei Giubilei e di 1Enoc solo nella Bibbia Etiopica.
2.9 Bibliografia
Eine Bibel Zwei Testamente. Positionen Biblischer Theologie, (Hrsg.) Ch. Dohmen Th. Sding
(= UTB 1893), Paderborn Mnchen Wien, F. Schningh, 1995.
E. Zenger, Il primo Testamento. La Bibbia ebraica e i cristiani, Editoriale di F. Dalla Vecchia
(= GdT 248), Brescia, Editrice Queriniana, 1997.
E. E. Ellis, LAntico Testamento nel primo cristianesimo; Canone e interpretazione alla luce della
ricerca moderna, Traduzione di L. Rezzonico, Edizione italiana a cura di L. Redana (= StBi 122),
Brescia, Paideia Editrice, 1999.
Schenker, Lcriture Sainte subiste en plusieurs formes canoniques simultanes (Raction
lexpos du prof. Max Seckler), in Linterpretazione della Bibbia nella Chiesa. Atti del Simposio
promosso dalla Congregazione per la Dottrina della Fede. Roma, settembre 1999 (= AD 11), Citt
del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 2001, 17886.
M. Hengel, With the assistance of R. Deines, The Septuagint as Christian Scripture. Its prehistory
and the problem of its canon, Introduction by R. Hanhart, Translated by M. E. Biddle (= OTS),
Edinburgh New York NY, T. &T. Clark, 2002.
E. Zenger, La Sacra Scrittura degli ebrei e dei cristiani, in E. Zenger (edizione), Introduzione
allAntico Testamento, edizione italiana a cura di F. Dalla Vecchia, Brescia, Queriniana 2005, 945.































































IL TESTO DEL PRIMO TESTAMENTO E LA SUA STORIA






























33

3 Il Testo Masoretico (TM)
I rabbini trasmisero il testo della Bibbia ebraica in un processo di tradizione (masora = tradizione) per
il quale elaborarono un complesso sistema di puntuazione, iniziato a partire dal VIII secolo d.C.
(alcuni antidatano tale tradizione al VI secolo). Tale puntuazione sembr sempre pi necessaria per
assicurare la pronuncia del testo ebraico, che propriamente ha solo le consonanti. Attraverso un
sistema di puntuazione vocalica si garantiva nel tempo la permanenza della lingua sacra e della sua
praticabilit. Infatti il rischio era che nel tempo, essendo il testo soltanto consonantico, venisse
deformata la tradizione di lettura. Ricordiamo qui che latto di lettura al centro della consapevolezza
che lebraismo ha del rapporto con il libro, s che il rabbinismo, pi che di Scrittura/Scritture (Bibbia)
ama parlare di Miqra, cio lettura, recitazione. Questa operazione deve essersi peraltro prodotta non
solo per considerazioni di necessit interna, ma anche per lo stimolo di fattori esterni, e cio
lintroduzione dei segni vocalici nei testi religiosi siriaci ed arabi.
Ma la puntuazione riguarda anche tutta una serie di note ai margini e alla fine del testo, aventi
come finalit la preservazione del testo medesimo, evitando alterazioni ed errori di copiatura.
Propriamente vi una distinzione grafica: le note poste ai margini superiori e inferiori della pagina
sono la cosiddetta masora magna, mentre quelle poste a lato, o tra le colonne del testo costituiscono
la masora parva; quelle poste alla fine del testo sono la masora finalis.
Spieghiamo innanzitutto la masora parva. Qui le note segnalano le parole o le espressioni rare, i
termini con ortografia inusuale (come ad esempio lortografia difettiva); inoltre quando dei piccoli
termini, come ad esempio t (ta), appaiono pi volte nel medesimo versetto, sono segnalati per evitare
omissioni. Molto spesso poi le note indicano quante volte una forma appaia o nellintera TeNaK o in
una sezione precisa.
La masora magna, invece, offre una specie di concordanza con la lista dei passaggi dove appare una
forma rara segnalata dalla masora parva.


Figura 1 MS 5070 Bibbia Ebraica con Masora Parva e Masora Magna
Pergamena, Spagna, seconda met del XIII secolo, 264 fogli, 37x35 cm, 3 colonne (a volte 1 o 2 colonne)
34


Figura 2 MS 5070 Bibbia Ebraica con Masora Parva e Masora Magna
Pergamena, Spagna, seconda met del XIII secolo, 264 fogli, 37x35 cm, 3 colonne (a volte 1 o 2 colonne)
Il lavoro dei masoreti stato indubbiamente enorme e indica una cura e un amore per il testo biblico
anche nel suo aspetto grafico, materiale, che ben si spiega per una comunit ormai priva della terra
dorigine, di autonomia politica, e che vede nel suo libro sacro una vera e propria patria portatile.
Ovviamente la scelta praticata era fondamentalmente arbitraria e si erano prodotti sistemi diversi
di puntuazione, come quello babilonese praticato da comunit sefardite della Mesopotamia e di
aree marginali, come lo Yemen. Questo sistema sopralineare perch le vocali si scrivono sopra le
consonanti. Concretamente fu la setta dei qaraiti che si incaric di perfezionare il sistema di
puntuazione conservato in alcune edizione dei targumm e nei manoscritti yemeniti.
Vi era anche un sistema di puntuazione detto palestinese e praticato da comunit ebraiche del
sud della Palestina. In realt tutti questi sistemi sono stati per cos dire soppiantati da quello
tiberiense della famiglia dei Ben Asher. La fioritura di questa scuola da collocarsi tra il 780 e il 930.
Qui il suo pi illustre e conosciuto rappresentante pubblic un testo completo della Bibbia ebraica, con
vocali ed accenti e tutto lapparato masoretico. Si ritiene che il gi citato codice di Aleppo sia una copia
molto fedele di tale testo.
Per lo studio su questo processo di vocalizzazione si sono rivelati importanti i frammenti trovati gi nel
XIX secolo nella Geniza del Cairo, anche vari problemi restano irrisolti e la differenza di vocalizzazione
potrebbe riflettere anche una differenza di dialetti ebraici.
4 Il testo premasoretico
I masoreti hanno lavorato su un testo consonantico giunto fino a loro. Ma quali possibilit abbiamo,
oggi, di risalire oltre il testo masoretico, fino al testo consonantico?
Indubbiamente la situazione della critica testuale della Bibbia ebraica ben diversa da quella dei libri
del Nuovo Testamento. Infatti non abbiamo una documentazione papiracea significativa, che colmi lo
iato tra il testo consonantico e quello masoretico. Eccezione significativa sembrava essere quella dei
frammenti della Geniza del Cairo. Bisogna poi ricordare che, prima del 1947 (scoperte di Qumran),
lunico testo premasoretico noto era il papiro Nash del II secolo a.C., presentante lo Sh
e
ma
c
un testo
del Decalogo, frutto di commistione tra Es 20 e Dt 5.
35

Ci si chiede quale sia stato il testo consonantico tramandato dai manoscritti medievali. La problematica
si connette con quella della fissazione definitiva di un testo consonantico ebraico che, almeno
potenzialmente, doveva rimanere invariato nel tempo. Ebbene, il momento fondamentale per questa
fissazione va ricercato tra il 70 e il 150 d.C., quando i rabbini della corrente farisaica cercarono di
assicurare nel tempo lunica cosa che ormai rimaneva ad Israele, e cio il testo biblico. Esso veniva a
costituire anche una base per la restaurazione del giudaismo; ad essa diede un contributo
assolutamente significativo Rabbi Aqiba, martirizzato nel 132, a causa dei suoi rapporti con la
seconda rivolta giudaica Peraltro i suoi rapporti con la seconda guerra giudaica sono davvero
significativi, poich a questa vengono riportati anche i testi dello wd Murabbaat e di Nah)al H)ever
(presso il Mar Morto). Questi reperti presentano frammenti di testo biblico consonantico fortemente
vicino a quello trasmesso successivamente dai masoreti. Tale processo di fissazione del testo
(concomitante anche con la fissazione di un canone) non per iniziato soltanto dopo il 70, ma gi
prima. Bisogna quindi cambiare il modo di vedere il concilio di Yamnia, e cio un momento particolare
in cui si sarebbe fissato il testo biblico e il canone. Si tratta invece di un processo durato a lungo nel
tempo. Ma resta la domanda su quale fosse la situazione del testo biblico prima del 70. La
risposta ora possibile grazie alle scoperte di Qumran, che ci hanno permesso di conoscere la
magmatica situazione testuale intercorrente tra il 300 a.C. e il 70 d.C., ma che ci consentono altres di
affermare che il testo ebraico, assunto poi dalla tradizione rabbinica e puntuato successivamente dai
masoreti, era una delle forme esistenti nel giudaismo, che i rabbini scelsero. In altri termini, i rabbini
non operarono come si a lungo ritenuto amalgamando pi testi e recensioni e selezionando le
varianti pi comuni, ma scegliendo una forma testuale (pi o meno in toto) che oggi
definiamo protomasoretica o premasoretica.
necessario qui inquadrare correttamente i dati testuali offerti dai manoscritti, tenendo presente
anche la variegata situazione del giudaismo antecedente il 70 d.C. proprio questo pluralismo che la
documentazione di Qumran ci fa conoscere. Se dopo il 70 si delineano tre gruppi ben distinti tra loro
(giudei, samaritani e cristiani), precedentemente le tendenze erano ancora pi articolate e numerose,
e il fariseismo vi appariva solo come una componente tra tante, sia pur culturalmente la pi influente.
Cos i ritrovamenti di Qumran ci hanno portato nel vivo di un complesso e prolungato processo di
gestazione, in cui vede la luce la Bibbia ebraica. importante notare come i manoscritti qumranici, sia
pure a livello di frammenti, coprano la totalit dei libri del canone ebraico (con lunica eccezione di
Ester); tra questi manoscritti si deve menzionare almeno il principale: 1QIsa
a
: rotolo completo del
libro di Isaia su cuoio, copiato tra il 125 e il 100 a.C. (per una riproduzione del rotolo, clicca qui).
Ebbene, proprio Qumran ci consente di farci unidea pi chiara circa la forma testuale degli scritti sacri.
Appare cos una situazione insospettata. I testi biblici circolavano almeno in forme diverse, che poi
spiegano le diversit esistenti tra il testo confluito nel TM, quello assunto come Vorlage (termine
tedesco che indica il testo originale ebraico, utilizzato da un traduttore per la sua versione) dalla
traduzione dei LXX, e quello del Pentateuco samaritano. Cos, ad esempio, i manoscritti di Isaia
confermano la bont del testo protomasoretico, che poi la masora far suo.
La situazione tale che le differenze tra 1QIs
b
e il TM non sono maggiori di quelli presenti tra i vari
manoscritti medievali appartenenti alla tradizione masoretica! Questo ci fa capire come per molti testi
della Bibbia, specie della Trh, ci fosse una forma ben consolidata gi prima del 70 d.C. Daltra parte
le sorprese non sono finite, poich le scoperte di Qumran mostrano come talora i LXX lavorino su testi
ebraici, che fungono da Vorlage, la cui recensione attesta una forma testuale diversa da quella
protomasoretica. Infatti basta riferirsi ai manoscritti classificati come 4QSam
abc
, che documentano
appunto un testo molto simile a quello assunto e tradotto dai LXX. Come se non bastasse, talora i
manoscritti offrono punti di contatto anche con il Pentateuco samaritano.
Ci che comunque appare assodato anzitutto un certo pluralismo testuale nel periodo tra il I secolo
a.C. e il I secolo d.C.; la versione dei LXX, poi, ne esce fortemente rivalutata e le sue varianti, rispetto
al testo masoretico, non sono dovute ad imperizia o eccessiva libert dei traduttori, ma proprio ad una
36

diversa Vorlage testuale. Inoltre, alla luce di
Qumran, appare chiaro che una storia generale del
testo biblico consonantico irrealizzabile, ma che
per ogni libro bisogna fare una sua storia. In
secondo luogo il testo biblico aveva una sua
fluttuabilit che consentiva interventi su di esso; ci
significa che si privilegiava, rispetto alla lettera, il
contenuto del testo. Ne conferma anche il fatto che
siano diverse tra loro le citazioni del testo biblico del
Primo Testamento negli scritti del Nuovo, di Filone,
di Giuseppe Flavio. In definitiva, si deve riconoscere
lesistenza di redazioni o di edizioni diverse dello
stesso libro. Il caso pi clamoroso in assoluto
quello di Geremia, per il quale in sostanza abbiamo
due redazioni, con teologie e prospettive diverse:
quella soggiacente alla traduzione dei LXX e quella
protomasoretica, assunta poi dai masoreti.
Resta comunque da spiegare la questione di tale
pluralismo testuale nei secoli antecedenti lera
cristiana. Non convince pi la tesi di Kahle, che
distingueva tra testi volgari, di bassa qualit, e testi
eccellenti, colti. Piuttosto pi convincente la tesi
di F. M. Cross, che nella pluralit dei testi riconosce
invece varianti locali, legate perci agli ambienti di trasmissione del testo. Avremmo allora tre tipi
testuali, sviluppatisi separatamente in vari centri del giudaismo: la Palestina, lEgitto, Babilonia. Il tipo
palestinese sarebbe attestato dal Pentateuco samaritano, oltre che da alcuni manoscritti di Qumran; il
tipo egiziano da ricercarsi nella Vorlage dei LXX; infine il tipo babilonese da riconoscersi nel testo
protomasoretico che, almeno per il Pentateuco, offre un testo pi breve, conservatore, con poche tracce
di attivit editoriale, di glossatura. Ma anche rispetto alla teoria delle varianti locali sono state avanzate
delle riserve, poich una possibile attivit letteraria
dei giudei in Babilonia nellepoca tra Esdra e Rav
Hillel non abbiamo alcuna informazione. Daltra
parte anche la traduzione dei LXX non fu condotta
interamente in Egitto, n su testi ebraici
provenienti dallEgitto.



Figura 4 Codex Leningradensis, la masora magna e finalis
Figura 3 La masora parva tra le due colonne
37





































Figura 5 Papiro Nah
38

5 Il Pentateuco Samaritano
Nel 1616, Pietro Della Valle trov una copia
del Pentateuco samaritano (PS), presso la comunit
samaritana di Damasco. Il manoscritto pi antico e
completo del PS del 11491150, ed conservato a
Cambridge. Il PS fu riprodotto dalle Poliglotte di Parigi
e di Londra e, per un certo periodo, si pens che la sua
fedelt rispetto ad un ipotetico testo originale fosse
maggiore di quella del TM. Solo nel 1815 il grande
filologo H. F. W. Gesenius mostr che un gran numero
delle sue varianti erano corruzioni o interpolazioni
effettuate su un testo giudaico antecedente.
Successivamente gli esperti della critica textus ritennero
il Pentateuco samaritano una delle varianti rifiutate dai
rabbini del I secolo, e il Kahle credette di ravvisarvi una
tradizione cosiddetta volgare. Ovviamente, con le
scoperte di Qumran, queste valutazioni hanno dovuto
subire una profonda revisione e si dovuto cercare
unaltra spiegazione del rapporto tra Testo Masoretico
(TM), Pentateuco samaritano e Settanta (LXX).
La diversit tra il testo del PS e il TM sta anzitutto
nellestensione, dovuta spesso allintroduzione di frasi
bibliche prese da altri contesti del Pentateuco; aggiunge
poi dei chiarimenti, delle ripetizioni. In ci si pu
riconoscere talora la teologia dei samaritani, per i quali
il monte scelto dal Signore il Garizim e non il Sion di
Gerusalemme. Basti notare un esempio: come parte del
decimo comandamento, il Pentateuco samaritano
introduce, dopo Es 20,17, una glossa basata su Es 27,27 e 11,30, per affermare il comando divino di
costruire un altare sul monte Garizim.
Unaltra diversit sta in caratteristiche morfologiche e sintattiche proprie, s che le varianti tra PS e TM
sono circa 6.000. Bisogna poi notare che in circa 1.900 casi, perlopi per con varianti poco
significative, si avvicina al testo presupposto dai LXX e diverso dal TM. Nel complesso, per, il
Pentateuco samaritano concorda pi con il TM che con i LXX.
Per quanto riguarda la diffusione della recensione del PS, da una citazione di Gerolamo sappiamo
dellesistenza di una versione greca del PS, denominata Samaritanicon, per definita pi fedele al testo
dei LXX che lo stesso PS.






Figura 6 Riproduzione di una pagina del Pentateuco
Samaritano
39

6 I manoscritti del T
e
N
a
K
I pi importanti manoscritti della Bibbia ebraica sono quattro codici su pergamena preparati dai
Masoreti:
C: Codex Cairensis (o dei Profeti), proveniente dalla sinagoga del Cairo, scritto nell896 da Moshe
ben Asher.
B (Ms Or 4445): codice del Pentateuco, conservato al British Museum.
A: Codex Aleppensis, scritto da Aaron ben Moshe ben Asher verso il 910 (altri critici posticipano
verso il 925).
L (B 19
a
) Codex Leningradensis: codice di tutta la Bibbia ebraica, conservato a San Pietroburgo
e datato al 1008.
6.1 1. Il Codex Leningradensis (L)
A differenza del testo del Nuovo Testamento, per il
quale si dispone di numerose edizioni critiche, il testo
della Bibbia ebraica deriva da un solo manoscritto,
il Codex Leningradensis (L). Proveniente da
Odessa, esso il pi antico manoscritto contenete
lintera Bibbia ebraica nella lingua originale: 1008 d.C.
attualmente conservato nella Biblioteca Nazionale
Russa di San Pietroburgo (ex Leningrado, da cui il
nome) e catalogato con la sigla Firkovich B 19 A.
Come altri codici, anche il Codice di Leningrado
appartiene alla famosa scuola dei masoreti della
famiglia Ben Asher, operanti nella citt galilaica di
Tiberiade (per questo si parla di tradizione
masoretica tiberiense). Venne copiato da Samuel Ben
Yakov da un manoscritto originale del caposcuola
masoreta Aaron Ben Asher.
La sua interezza e autorevolezza spiegano perch sia
stato adottato dalla Biblia Hebraica edita da Rudolf
Kittel (BHK) e ripreso anche dalla successiva edizione
critica della Biblia Hebraica Stuttgartensia (BHS),
edita da K. Elliger e da W. Rudolph.
6.2 Il Codex Aleppensis (A)
Pur essendo il pi antico manoscritto del Testo Masoretico
(fine del IX secolo d.C. e in ogni caso non dopo il 910), il
codice di Aleppo privo della Torah (comincia con lultima
parola di Deuteronomio 28,17) e dei libri di Qoelet,
Lamentazioni, Ester, Daniele, Esdra e Neemia: degli
originari di 487 fogli sono rimasti 295. Come il
Leningradensis, anche il codice di Aleppo stato
vocalizzato da Aaron Ben Asher, della scuola masoretica
tiberiense.
Sappiamo per certo che il grande Maimonide ha
consultato questo codice mentre si trovava al Cairo. Dalla fine del 1300, venne custodito ad Aleppo
(Siria). Nel 1960 Izhak BenZvi informa la comunit scientifica che il codice era stato salvato dai
Figura 7 Copertina del Codex Leningradensis
Il testo del Codex Leningradensis online
allindirizzo: www.tanach.us/Tanach.xml
Per altre immagini del Codice vedi
www.usc.edu/dept/LAS/wsrp/educational_site/biblical
_manuscripts/LeningradCodex.shtml

Figura 8 Pagina del codice di Aleppo (Isaia 1,1)
Per leggere il codice si vada su www.aleppocodex.org
40

pogrom del 1947 e che si trovava in mani sicure. Attualmente conservato allIsrael Museum di
Gerusalemme. Se ne pu vedere una riproduzione fotografica in facsimile in: Moshe H. Goshen
Gottstein (edizione), The Aleppo Codex, Hebrew University Bible Project, Jerusalem 1976.
6.3 Il Codex Cairensis (C)
Il Codex Cairensis (o Codex Prophetarum Cairensis, o
Codice del Cairo dei Profeti) il pi antico manoscritto
ebraico contenente il testo completo dei Profeti anteriori e
posteriori. In un colofone originale autografo, Mosh ben
Asher lo presenta come copiato da lui medesimo nel 896. Di
propriet della comunit ebraica caraita di Gerusalemme,
dopo essere asportato durante la crociata del 1099,
attualmente in possesso della comunit caraita del Cairo,
dove attualmente conservato.
6.4 Il Codex N
Proveniente da Yezd in Iran, contiene i profeti posteriori ed
probabilmente del IX secolo Oggi conservato allo Jewish
Theological Seminary di New York; il codice mutilato e
annerito da un reattivo chimico.
6.5 Il Codex B
Detto anche Ms Or 4445, contiene testi che vanno dal foglio
29a (Gn 39,20) al foglio 159b (Dt 1,33); conservato
alla British Library, non stato ancora pubblicato.
6.6 Il Codex D
Chiamato anche Pentateuco di Damasco, perch acquistato a Damasco nel 1915. ben conservato
e presenta il Pentateuco a partire da Gn 9,26 con una lacuna da Es 18,1 a 18,23. Oggi i 229 fogli del
manoscritto sono propriet dello Jewish National and University Library di Gerusalemme. Gli
studiosi lo datano tra il 900 e il 1000 e il suo luogo dorigine la Palestina o lEgitto.












Figura 9 Pagina del codice del Cairo
41

7 Le edizioni a stampa
Nel 1455, nella stamperia di Mainz (Magonza), appare la monumentale Bibbia latina di Gutenberg,
su due colonne di quarantadue righe (viene detta Biblia Mazarina, dal primo esemplare conosciuto,
conservato nella Bibliothque Mazarine di Parigi). Il testo quello della Vulgata di Girolamo. Se vuoi
sfogliare la Bibbia di Gutenberg clicca qui
Nel 1477 si pubblica il libro dei Salmi e nel 1482 il Pentateuco, mentre nel 1488 appare la prima Bibbia
ebraica a stampa (trattasi della famosa Bibbia di Soncino).
Le pi importanti edizioni a stampa della Bibbia ebraica sono: la Poliglotta Complutense (1514
1517) e la cosiddetta Seconda Bibbia Rabbinica), ad opera di Yaqob ben Hayyim (1524
1525), apparsa a Venezia ed edita da Daniel Bomberg. La Complutense (Bibla Sacra Poliglotta) venne
finanziata dal cardinale Francisco Jimnez de Cisneros e preparata tra il 1502 e il 1517 in Alcal de
Henares, per cui detta anche la Poliglotta di Alcal (in latino Complutum). Il Cisneros affid il lavoro
di erudizione ai dotti delluniversit della citt, assistiti da un gruppo di colti ebrei convertiti al
cattolicesimo. Stampata nella Stamperia di Arnoldo Guillermo de Brocario nel 151417, lopera fu edita
in ben 600 esemplari e consta di sei volumi in folio. Il sesto volume particolarmente prezioso, poich
contiene un vocabolario ebraicoaramaicolatino, un vocabolario grecolatino, unintroduzione alla
grammatica greca ed ebraica, e un indice latino.

Figura 10 La prima pagina della Complutense, con lo stemma del card. Cisneros
42

Figura 11 Una pagina della Poliglotta Complutense
Riportiamo qui una pagina della Complutense (si tratta dellinizio del libro dellEsodo). Nella seconda colonna da destra c il Testo
Masoretico, accanto la Vulgata di Girolamo e a fianco la traduzione dei Settanta, con traduzione latina interlineare. Per il
Pentateuco si fa ricorso anche al Targum di Onqelos con corrispondente versione latina (in fondo alla pagina). Per il Nuovo
Testamento viene riportato il testo greco e quello latino della Vulgata.
43


Figura 12 Una pagina della Seconda Bibbia Rabbinica
Tra le altre poliglotte, si segnalano quelle di Anversa (15691572), di Parigi (16291645), di Londra
(16571669), le quali combinano di fatto la Poliglotta Complutense e la Seconda Bibbia Rabbinica.
Prima delle moderne edizioni critiche, vanno segnalate due opere fondamentali per il grande lavoro di
collazione dei testi manoscritti: Vetus Testamentum Hebraicum cum variis lecionibus, di B. Kennicot
(17761780) e Variae lectiones Veteris Testamenti, di G. B. de Rossi (17841788).














44

7.1 Edizioni secolo XXXXI
Sigla Titolo Note
BHK(12)
Biblia Hebraica Kittel
(1 edizione 1906, 2 edizione 1913)
Tutte le edizioni della Bibbia ebraica fino al 1929 e al 1937 si basavano su
quella di Ben Hayyim, stampata a Venezia nel 15241525, comprendente
anche la masora parva e magna. Questa edizione divenne il testo di
riferimento per tutte le successive edizioni dal 500 al XX secolo.
BHK(3)
Biblia Hebraica Kittel/Kahle
(19291937)
Nel 1929 e1937 Paul Kahle propose di adottare per una futura edizione della Bibbia
ebraica il Codex Leningradensis (L), del 1008/1009, uno dei codici masoretici
esemplari, tra i pi antichi e completi che possediamo. Kahle non ebbe accesso
al Codex Aleppensis (A).
BHS(45)

Biblia Hebraica Stuttgartensia
(1977, 4 edizione 1997, 5 edizione, a cura di
Adrian Schenker)
Testo del codice di Leningrado (L). ledizione oggi pi usata dagli studiosi,
in attesa della BHQ.

HUB
The Hebrew University Bible Project
Finora sono stati pubblicati i seguenti libri: Isaia (M. H. GoshenGottstein,
1995), Geremia (C. Rabin, S. Talmon, E. Tov, 1997), Ezechiele (M. H.
GoshenGottstein, S. Talmon, G. Marquis, 2004).
OHB
The Oxford Hebrew Bible
(cfr. http://ohb.berkeley.edu)
In questa edizione non si privilegia il testo di un codice, sia pure esemplare,
ma si mettono a pi di pagina le lezioni degli altri testimoni. Di volta in
volta, si giudica qual la lezione pi vicina alloriginale. Lambizione di
ricostruire il testo ebraico del III secolo a.C., coevo allepoca della
traduzione dei LXX.
BHQ

Biblia Hebraica Quinta
LAlleanza Biblica Universale ha poi promosso ledizione della BHQ. A tale
edizione collaborano pi di venti studiosi. Si prevede di terminare lopera entro il
2010, pi o meno a un secolo di distanza dalla prima edizione della BHK. Finora
(2009) sono usciti quattro volumi (Le cinque meghillot, Esdra e Neemia,
Deuteronomio, Proverbi).
http://en.wikipedia.org/wiki/Biblia_Hebraica_Quinta
45

8 La storia del testo della Bibbia ebraica (TaNaK) Tabella riassuntiva

46


47

9 Elenco dei libri del T
e
N
a
K
Trh
Beret (Genesi)
emt (Esodo)
Wayyiqr (Levitico)
Bamidbar (Numeri)
Haddebarm (Deuteronomio)
N
e
bim
Yehoshua (Giosu)
ofetm (Giudici)
Shemuel (12 Samuele)
Melakhim (12 Re)
Yeshayahu (Isaia)
Yirmeyahu (Geremia)
Yehezkel (Ezechiele)
Dodici profeti minori: Hoshea (Osea) Yoel
(Gioele) Amos (Amos) Ovadya (Abdia)
Yonah (Giona) Mikha (Michea) Havakkuk
(Abacuc) Nahum (Naum) Haggay (Aggeo)
Tsefanya (Sofonia) Zekharya (Zaccaria)
Malaki (Malachia)
K
e
tbm
Tehillm (Salmi)
Iyov (Giobbe)
Mishle (Proverbi)
Rut (Rut)
r harm (Cantico)
Kohelet (Qoelet)
k (Lamentazioni)
Ester (Ester)
Daniyel (Daniele)
EzraNehemya (EsdraNeemia)
Dibr hayymm (12 Cronache)



48

9.1 Trh
9.1.1 Genesi (150)
111: STORIA DELLE ORIGINI STORIA DELLUMANIT
prima sezione: inizi della storia umana
2,425: creazione delluomo e del suo ambiente
3: violazione ed espulsione
4,116: primo peccato delluomo contro luomo
4,1726: ulteriore sviluppo dellumanit (4,26b: inizio del culto di Adonaj)
seconda sezione: diluvio
6,58,21: cesura e ripristino dellordine della creazione
terza sezione: dopo diluvio
9,2027: peccato e maledizione di Canaan
11,19: frantumazione dellumanit in molti popoli
Saghe (figure paradigmatiche)
13: uomodonna
4: fratelli ostili
68: giusto esemplare
11,19: umanit origine dellambito vitale delluomo
2,15;3,1719.23: ladam deve coltivare la adamah
4,1112.14.16: separazione di Caino dalla terra e da Dio
6,14: limitazione della durata delle vita;
11,19: confusione delle lingue
Abbozzi teologici (cornice sacerdotale)
1,12,3: concezione sistematica della creazione
9,17: ripresa delle affermazioni della creazione dopo la distruzione del diluvio
Genealogie (Toledot): Adamo (5,3) No (5,29) Sem (5,32; 11,10) Abram (11,26ss)
1250: STORIA DEI PATRIARCHI STORIA DELLUNICO POPOLO
12,125,10: storia di Abramo
saghe indipendenti: 12,1020; 22; 23; 24 (12,2a 2Sam. 7,9b)
complessi narrativi pi ampi: 13; 1819: racconto di Abramo e Lot
26: storia di Isacco
25,1934;2735: storia di Giacobbe: corona di saghe di GiacobbeEsaLabano
28,1ss; 32,23ss:: apparizioni divine a Bethel e a Peniel: svolte per Giacobbe
3750: storia di Giuseppe
9.1.2 Esodo (140)
115,21: ESODO DALLEGITTO E PESACH
2,2325; 6,28: Gen. 17 (strato P di rielaborazione)
712: piaghe
15,2218: SOGGIORNO NEL DESERTO: eziologie e mormorazioni
1924: PRIMA SEZIONE del racconto sul soggiorno al Sinai ( Es. 19,1 Num. 10,10)
20,17: decalogo
20,2223,19: libro del patto: sefer ha_berit ( Dt 1226) (fonte B)
24: riformulazione del patto
2531: ISTRUZIONI RIGUARDO LA COSTRUZIONE DEL SANTUARIO
3234: BLOCCO NARRATIVO AUTONOMO: violazione e rinnovamento del patto
34,1026: decalogo cultuale (solo dopo inizia la costruzione del santuario)
3540: RACCONTO DELLA COSTRUZIONE DEL SANTUARIO ( Lev. 8)
49

9.1.3 Levitico (127)
17: PRESCRIZIONI SUI SACRIFICI
15: rituale per i sacrifici
67: disposizioni esecutive
810: INVESTITURA DEI SACERDOTI E REGOLE SACRIFICALI
1115: PRESCRIZIONI PER LA PURIT (impurit che pu essere rimossa)
11: animali puri e impuri
12: purificazione della donna dopo la nascita di un figlio
1314: lebbra e altre eruzioni cutanee
15: impurit causata da efflussi dal corpo umano
16: REGOLAMENTAZIONE DELLO YOM HAKIPPURIM (funzione cerniera tra i due tipi di impurit)
1726: LEGGE DI SANTIT
1720: impurit cultuale che non pu essere rimossa
17: sacrifici di sangue
18: rapporti sessuali illeciti
20: delitti passibili di pena di morte
2122: purit dei sacerdoti e offerte sacrificali
2325: prescrizioni riguardanti il calendario
23: calendario dei sacrifici
24,19: candelabro e pani della presentazione
25,17: prescrizioni sullanno sabbatico
25,831: prescrizioni sullanno giubilare
26: chiusa della normativa sinaitica
9.1.4 Numeri (136)
1,110,10: PERICOPE SINAITICA (inizio in Es. 191,1): normativa cultuale (parolachiave: purit)
14: censimento degli Israeliti e loro disposizione nellaccampamento
5: impurit in caso di adulterio
6,121: impurit nel caso dei Nazirei
6,2227: benedizione sacerdotale
7: offerte per la dedicazione del santuario
8: consacrazione dei Leviti
9,114: data di Pesach
9,1510,10: nube sul santuario ( Es. 40,2.3438)
** Lev. 1,1 Num. 9,14: normativa cultuale (momento ritardante)
10,1120,13: TESTI NARRATIVI ( Es. 15,2218,27): ribellione contro Mos
1012: mormorii contro Mos
1314: gli ambasciatori mandati a Canaan
1617: rivolta di Core, Datan e Abiram
15.1819: prescrizioni cultuali
20,113: acque di Meriba: cesura
20,1436,13: TESTI NARRATIVI E NORMATIVA CULTUALE
2025: ostacoli sul cammino e conflitti con i re
2224: racconto di Balaam (indipendente)
2627,11: nuovo censimento ( 1)
27,1223: vocazione di Giosu
2830: questioni rituali e normativa cultuale
31: campagna contro i Madianiti (testo narrativo)
32: assegnazione del territorio alle trib transgiordaniche
50

33: tappe del cammino nel deserto
33,5034,29: divisione dei territori in Cisgiordania
35: citt levitiche e citt di rifugio
9.1.5 Deuteronomio (134)
1,14,40: PRIMO DISCORSO INTRODUTTIVO (sguardo retrospettivo)
1,192,15: la vecchia generazione non entrata nel paese
2,164,31: la nuova generazione dovr adempiere i comandamenti dellHoreb
4,3240: Jhwh ha scelto Israel e gli ha rivelato i suoi comandamenti ( 28)
4,4411,32: SECONDO DISCORSO INTRODUTTIVO (schema parenetico deuteronomistico)
4,4449: nuova introduzione (questa la legge che Mos espose ai figli di Israele)
5: ripetizione del decalogo (incipit: Ascolta Israele)
6: ripetizione dello shem (Ascolta, Israele, il Signore, il nostro Dio, lunico Signore)
7,110,11: messa in guardia di Israel contro lalterigia
10,1211,32: benedizione/maledizione, ascoltare/non ascoltare i comandamenti ( 28)
1226: RACCOLTA DI LEGGI (cfr. Es. 20,2223,19: le formulazioni di Deut. sono pi particolareggiate)
1218: prima parte (diritto del privilegio di Adonaj)
12,128: centralizzazione del culto ( purit cultuale e unit del culto)
12,2914,21: divieto di culti stranieri
14,2215,18: offerte, anno sabbatico, doveri sociali
15,1917,1: primogeniti e festivit
17,218,22: ministri e procedimenti giudiziari
1926: seconda parte (rispetto a Es. mutata situazione sociale ed etica)
1920: prescrizioni per la comunit nel suo insieme
2225: prescrizioni per il singolo
26: confessione di fede e parenesi
2734: CONCLUSIONE
27: istruzioni per un rituale di maledizione ( Gios. 8,3035)
2830: conclusione del discorso di Mos iniziato in 1,1
28: benedizione/maledizione (riprende la conclusione di 11,2628)
29: nuovo inizio: si sottolinea loggi della stipulazione del patto
30: conversione a Jhwh e ritorno degli esiliati
3134: ultime azioni e istruzioni di Mos
31: investitura di Giosu, consegna della torah, presentazione del cantico
32,143: cantico di Mos
32,4852: annuncio della morte di Mos
33,229: benedizione di Mos (testo poetico inizialmente autonomo)
34: morte di Mos e successione di Giosu
9.2 N
e
bim
9.2.1 Giosu (124)
112: CONQUISTA DELLA GIORDANIA (1: linguaggio deuteronomistico)
1: linguaggio deuteronomistico
211: racconti di guerra e di conquista: carattere eziologico (Noth)
12: lista di re vinti
1322: RIPARTIZIONE DEL PAESE
1319: tracciati di confine dei territori; liste di toponimi
2021: citt di rifugio e citt levitiche
51

22,1034: conflitto cultuale tra Cisgiordania e Transgiordania
2324: DISCORSI DI COMMIATO E ULTIMI ATTI DI GIOSU
* Giosu Israele obbediente
Giudici Israele disobbediente
9.2.2 Giudici (121)
12,5: INTRODUZIONE
2,616,31*: CORPO CENTRALE: Giudici
3,711: Otniel; 3,1230: Eud; 3,31: Samgar; 4,15,31: Deborah e Barak;6,18,35:
Gedeone; 9,156: Abimelech; 10,12: Tola; 10,35: Iair; 10,612,7: Iefte; 12,8
10: Ibsan; 12,1112: Elon; 12,1315: Abdon; 13,116,31: Sansone
1721: APPENDICE
*schema
ribellione: fecero ci che male agli occhi del Signore
necessit: i figli di Israele gridarono al Signore
conversione e salvezza: il paese ebbe pace per tot anni
9.2.3 12 Samuele (131; 124)
I Sam. 17: STORIA DI SAMUELE
13: nascita e giovinezza di Samuele
46: racconto dellarca ( conclusione in II Sam. 6)
7: Samuele giudice
I Sam. 815: RAPPORTI TRA SAMUELE E SAUL
812: quadro contraddittorio degli inizi della monarchia (diverse tradizioni):
8: quadro negativo
910,16: + quadro positivo
10,1727: quadro negativo
11: + quadro positivo
12: quadro negativo
1315: apostasia e fallimento di Saul
I Sam. 16 I Re 2,11: STORIA DI DAVIDE
I Sam. 16 II Sam. 5: STORIA DELLASCESA DI DAVIDE: conflitto SaulDavide (aspetto compilatorio)
II Sam. 9 I Re 2 : STORIA DELLA SUCCESSIONE A DAVIDE (aspetto unitario)
II Sam. 21 24 : CHIUSA DELLA STORIA DI DAVIDE: APPENDICI
SCHEMA:
21,114: piaga ( carestia)
21,1522: prodi di Davide e loro azioni
22 (=Sal 18): canto poetico
23,17: canto poetico
23,839: prodi di Davide e loro azioni
24,125: piaga ( peste)
9.2.4 12 Re (122; 125)
I Re 111: STORIA DI SALOMONE
1: insediamento di Salomone
2. eliminazione dei rivali ancora in vita
sapienza di Salomone: 3,415: prima apparizione; 3,1628: giudizio di
Salomone; 5,914; 10,113: superiorit mondiale di Salomone
52

potenza regale e sfarzo: 4,15,8; 9,1028; 10,1429
attivit edilizia: 68
11: declino del regno

* STORIA DEI RE DISRAELE E DI GIUDA: schema
1. indicazioni cronologiche (ascesa al trono e durata del regno)
2. giudizio religioso (negativo per i re dIsraele, positivo per i re di Giuda)
3. rimando alle Cronache dei re di Israele e di Giuda
4. morte e nome del successore
I Re 1214: SCISSIONE DEI REGNI DI ISRAELE E DI GIUDA
12,19: narrazione storica sulla scissione delle trib del nord
12,2632: provvedimenti di Geroboamo in campo cultuale
1314: tre narrazioni profetiche
I Re 17 II Re 10: CONFLITTI DEI PROFETI CON I RE DISRAELE
I Re 1719; 21; II Re 1: Elia
II Re 2,1 9,10: Eliseo
I Re 22,128: Michaia ben Imla
II Re 1116: VARI RE DI ISRAELE E DI GIUDA
II Re 17: DISTRUZIONE DEL REGNO DEL NORD
II Re 18,13 20,19: RACCONTI SU ISAIA ( Is. 3639)
18,13 19,37: assedio di Gerusalemme
II Re 21: MANASSE
II Re 22,1 23,30: STORIA DI GIOSIA: ritrovamento della Torah e riforma cultuale
9.2.5 Isaia (166)
ProtoIsaia 139 [periodo dazione: 734, 701]
112: VISIONI DI ISAIA: profeta del giudizio su Israele e della salvezza futura
1,22,5: peccato di Israele (1,23.1017), giudizio di Jhwh (1,49.1820), futura
purificazione di Gerusalemme (1,2128), detto escatologico sul pellegrinaggio a Sion (2,15)
2,64,6: detti sul giorno di Jhwh (2,622), detti contro le classi superiori (3,14,1), promessa
per il resto di Sion (4,26)
5,17: canto della vigna; 5,824; 10,14: sezione di sette WeheWorten
6,19,6: blocco indipendente: memoriale: interpretazione retrospettiva di epoca esilica
12: salmo di salvezza [composto per loccasione]
1323: DETTI CONTRO I POPOLI STRANIERI ( Ger. 4651) [complesso indipendente]
2427: APOCALISSE DI ISAIA (cantata o raccolta di liturgie profetiche)
2832: CICLO ASSIRO [rimandi storici, contrasti a Gerusalemme, detti escatologici di salvezza]
3435: ALTRI FRAMMENTI APOCALITTICI
3639: RACCONTI SU ISAIA ( II Re 13,18 20,19) [complesso indipendente]
[la figura di Isaia compare solo in 112; 20; 3639: costruita retrospettivamente]

DeuteroIsaia 4055 [presuppone lesilio]
40,111: PROLOGO: annuncio della fine dellesilio,
4048: SEZIONE DI GIACOBBEISRAELE
40,12 42,13: prima unit maggiore
40,1231: quattro dispute
41,120: giudizio contro i popoli
41,2129: parole di salvezza contro i popoli
42,19: I canto del servo di Dio (il servo Israele) ( 41,813)
42,14 44,23: seconda unit maggiore
53

42,1417: introduzione
42,1843,21: giudizi contro Israele
43,2244,8: parole di salvezza
44,24 45,8: discorso su Ciro
45,9 48,22: caduta di Babilonia
4955: SEZIONE SIONGERUSALEMME
49,113: II canto del servo di Dio [funzione ponte tra I e II parte]
49,14 51,3
51,4 52,12
52,13 54,3: III discorso sul servo sofferente di Dio (vs Ciro di 44,2445,8)
54,4 55,7: innalzamento di Gerusalemme
55,813: epilogo, vv. 12ss. Tematica degli inni
TritoIsaia 5666 [epoca postesilica]
5659: LAMENTO E ACCUSE PER LA VIOLAZIONE DEL DIRITTO E DELLA GIUSTIZIA
56,9 57,13: annuncio dellavvento di Jhwh
58: accusa ed esortazione sul digiuno
59,114: LAMENTI DEL POPOLO
6062: PAROLE DI IMMINENTE SALVEZZA [centro del libro; assonanze con II Isaia]
63,7 64,11: LAMENTI DEL POPOLO
6566: CONCLUSIONE
65,116a: accuse ed esortazioni
65,16b25: annuncio di imminente salvezza
66,124: accuse ed esortazioni
9.2.6 Geremia (152)
125: IN PREVALENZA PAROLE DI GEREMIA
110: parole profetiche in poesia (tranne 7,1 8,3 che sono in prosa deuteronomista)
1: racconto di vocazione: sviluppato in due visioni (1,1112.1314) e in un discorso di Jhwh
(1, 1519)
2,14,4: giudizio e salvezza: apostasia del popolo; la conversione possibile per il nord
(3,610.1113), aperta come possibilit futura per Israele e Giuda (3,1418.1925.4,1
4)
4,56,30: avvicinarsi di un nemico da nord (4,531; 6,15.2226) e colpa di
Israele (6,2730: autocoscienza profetica) [funzione di chiusa di 26]
7,18,3: discorso al Tempio e critiche al comportamento rituale [sez. in prosa deut.]
8,49,25: stessi elementi di 4,56,30; la parola guida essere saggi]
10: elementi di varia natura [funzione di chiusa]
1120: linguaggio in prosa di impronta deuteronomistica
11,112,6; 1415; 18; 1920: scene stilizzate della predicazione di Geremia. Struttura:
circostanze della predicazione annuncio di giudizio persecuzione del profeta lamento.
Il lamento prende la forma delle confessioni di Geremia (11,1823; 12,16; 15,10
21; 17,1218; 18,1823;20,718)
2124: discorsi contro le classi dirigenti (composizione indipendente)
21,110: cornice: sorte dellultimo re Sedekia e conquista di Gerusalemme
21,11 23,8: parole contro diversi re (23,18: detti messianici)
23,940: parole contro i profeti
24,110: cornice: futuro di salvezza per i deportati del 597
25,113: chiusa della raccolta delle parole di Geremia: accusa (17) annuncio di giudizio (8
13) ( II Re 17)
2645: IN PREVALENZA RACCONTI SU GEREMIA (redazione deuteronomistica)
54

2635: prima parte: conflitto con i sacerdoti e i profeti
26: ripresa del discorso al Tempio (7,1 8,3)
2729: falsi profeti (28: scontro con Anania; 29: lettera agli esiliati)
3033: la salvezza futura
3031: scritto consolatorio (31,3134: scritto sul nuovo patto)
32: acquisto del campo da parte di Geremia: futuro carico di salvezza
33: raccolta di affermazioni di salvezza: svolta e patto
3435: precedenti parole di salvezza: no per Sedekia e Giuda, s per i Recabiti
3645: seconda parte: confronto con i re e i funzionari di corte
36: parallelo con 26, ma qui si incarica Baruc ( II Re 22)
3744: sorte di Geremia (racconto della passione di Geremia)
4651: PAROLE CONTRO POPOLI STRANIERI ( Is 1323): complesso di tradizioni indipendente unito al
momento della redazione finale [nella LXX si trova dopo 23]
52: APPENDICE: ripresa da II Re 24,18 25,30 ( Is 3639)
9.2.7 Ezechiele (148)
124: ANNUNCIO DI GIUDIZIO SU GIUDA E GERUSALEMME: assedio di Gerusalemme
1: vocazione del profeta
23: sua funzione di sentinella ( 33)
4,13: cornice: assedio di Gerusalemme ( 24,1: inizio dellassedio)
4,45,4: azioni simboliche collegate con lassedio
67: detti di giudizio contro i monti di Israele (6) e annunzio della fine (7)
811: visione del giudizio su Gerusalemme
1214: azioni simboliche
1519: discorsi metaforici:
1516: inutilizzabile legno di vite (15) e trovatella (16): Gerusalemme
17,19: annuncio di un nuovo re (17) e lamento funebre (19)
18: dibattito sacro sul problema della responsabilit individuale
20: retrospettiva storica (incipit: data; excipit: annuncio di salvezza)
2124: azioni simboliche che rimandano allimminente fine di Gerusalemme
2532: ANNUNCI DI GIUDIZIO SU POPOLI STRANIERI
25: contro gli immediati vicini di Israele: Ammoniti, Moab, Edom, Filistei
2628,19: contro Tiro
28,2023: contro Sidone
28,2426: annuncio di salvezza rivolto ad Israele
2932: contro lEgitto
3348: ANNUNCI DI SALVEZZA PER ISRAELE
33: il profeta come sentinella ( 23)
34: il pastore del gregge; nuovo Davide come unico pastore
3536: annuncio di rovina contro Seir (35), annuncio di salvezza per i monti di Israele (36)
36,1638: seguito della retrospettiva storica ( 20)
37,114: visione delle ossa aride: rinascita di Israele ( 24)
37,1528: visione simbolica: riunificazione di Giuda e Israele sotto il regno di Davide
38,139,22: Gog ultimo nemico
39,2329: annunci di salvezza per Israele ( 28,2426)
4048: visione del Tempio ( 13; 811: visione della gloria di Jhwh)
55

9.2.8 Dodici profeti minori
9.2.8.1 Osea (114)
13: RAPPORTO TRA JHWH E ISRAELE CON LIMMAGINE MATRIMONIALE
1: matrimonio di Osea: racconto in terza persona (azione simbolica)
3: matrimonio di Osea: racconto in prima persona (azione simbolica)
411: ACCUSA E ANNUNCIO DI GIUDIZIO SU ISRAELE
4,1: ASCOLTATE LA PAROLA DEL SIGNORE O FIGLI DI ISRAELE
I ciclo (4,19.1114.1519; 5,7): culto e parola chiave prostituzione
II ciclo (5,810; 5,11 7,16; 8,110): abusi sociali e politici (re e principi)
III ciclo (8,1113; 9,19): culto e ritorno in Egitto
IV ciclo (9,1017; 10,115; 11,111): retrospettive storiche
1214: ANNUNCIO DI SALVEZZA (citazioni dalla tradizione cultuale su Giacobbe esodo e creazione)
Le tre parti cominciano tutte con lannuncio del giudizio e terminano con lannuncio della salvezza
9.2.8.2 Gioele (14)
12: PENITENZA DEL POPOLO
1,14: flagello delle cavallette
1,514: invito ad una giornata di penitenza
1,1520: lamento (menzione del giorno del Signore e preghiera
2,111: giorno del Signore ampliato: assalto escatologico di un esercito
2,1217: appello al pentimento e al digiuno
2,1827: risposta di Jhwh: promessa di adempimento (2,27: detto di conoscenza 4,17)
34: EFFUSIONE DELLO SPIRITO DI JHWH SU ISRAELE (svolgimento di 2,27)
3,24: segni premonitori
3,5: salvezza sul monte Sion
4,117: battaglia escatologica finale (4,17: detto di conoscenza 2,27)
9.2.8.3 Amos (19)
1,32,16: ANNUNCI DI ROVINA CONTRO LE NAZIONI
1,32,5: contro Damasco (1,35), contro Gaza (1,68), contro Tiro (1,910), contro Edom
(1,1112), contro Ammon (1,1315), contro Moab (2,13), contro Giuda (2,45), contro
Israele (2,616: oppressione dei poveri e violazione del diritto) [leit motiv: cos parla il
Signore]
3,14,3: PAROLA DI GIUDIZIO A DUE MEMBRI CON UN INVITO ALLASCOLTO
4,45,17: TRE AMMONIMENTI RIFERITI AL CULTO
7,18; 8,13: CICLO DI VISIONI
7,13.46: cavallette e fuoco: lintercessione del profeta ha successo
7,78; 8,13: piombino, frutta matura: la fine non pi evitabile
[7,1017: DISPUTE AL SANTUARIO DI BETHEL: frammento indipendente]
8,48: INEVITABILIT DI QUANTO DETTO IN 12
8,99,6: ROVINA INCOMBENTE [12 79: Ringskomposition]
9,715: CHIUSA: ANNUNCI DI SALVEZZA
9.2.8.4 Abdia (1)
19: giudizio su Edom (15: Ger. 49)
1014: vergognoso comportamento di Edom nei confronti di Giacobbe (= collaborazione degli Edomiti
con i Babilonesi allepoca della distruzione di Giuda del 586)
56

15: annuncio del castigo di Edom e del giorno del Signore
1618: rivincita della casa di Giacobbe (ma sul monte Sion c salvezza)
1921: giudizio escatologico: allora il regno sar del Signore (21b)
9.2.8.5 Giona (14)
12: PRIMA PARTE
1,12: conferimento dellincarico (alzati e vai a Ninive): giudizio su Ninive ( 3,12)
1,316: Giona non svolge lincarico; i marinai riconoscono Jhwh come Dio
2,310: salmo [aggiunta tardiva] (formula introduttoria: 2,2: Dal ventre del pesce G. preg il
Signore)
34: SECONDA PARTE
3,12: conferimento dellincarico (alzati e vai a Ninive): giudizio su Ninive ( 1,12)
3,310: Giona svolge il suo incarico: gli abitanti si pentono (3,4b: lunico detto profetico)
4,411: preghiera: discussione tra Jhwh e Giona (formula introduttoria: 4,2: Allora preg e
disse..)
9.2.8.6 Michea (17)
1: ANNUNCIO DEL GIUDIZIO CONTRO GIUDA ( 7,1420)
1,17: avvento di Jhwh per giudicare le colpe di Israele
1,816: lamentazione
2: ACCUSA CONTRO GLI STRATI ECONOMICAMENTE POTENTI
2,35: contro gli sfruttatori
2,611: discussione con gli uditori
2,1213: annuncio di salvezza
3 4,18: DETTI DI GIUDIZIO
3,18: accusa e annuncio del giudizio contro i responsabili del diritto e i profeti
3,912: accuse contro i gruppi dominanti
4,18: parole di salvezza per Gerusalemme ( Is. 2,24)
4,9 5,14: STATO DI BISOGNO DI SION E ANNUNCIO DI SALVEZZA
4,9 5,5: stato di bisogno di Sion e annuncio di un dominatore da Betlemme: serie di parole
introdotte da ora
5,614: annunci di salvezza per il resto di Giacobbe: serie di parole introdotte da allora
(lett.: sar / avverr)
5,14: cesura: ripresa di 1,2
67: GIUDIZIO E SALVEZZA
6,28: controversia giudizia tra Jhwh e Israele (= predicazione didattica)
6,916: accusa contro le classi dirigenti
7,16: lamento sulla fine del diritto
7,713: Sion: a differenza di 4,9 5,5 c pi fiduciosa attesa del futuro di salvezza
7,1420: preghiera per invocare la fedelt di Jhwh a Israele ( 1,116)
9.2.8.7 Nahum (13)
1,28: SALMO INTRODUTTIVO (offre linterpretazione globale del libro)
1,9 2,3: MINACCIA DA PARTE DEI NEMICI E PROTEZIONE DA PARTE DI JHWH
2,4 3,19: ANNUNCIO DI ROVINA PER NINIVE
2,414: conquista di Ninive da parte di un nemico terribile
3,17: inizio con un guai sulla citt di sangue e descrizione della distruzione
3,819: Ninive paragonata a NoAmon (Tebe): Ninive un paradigma delle forze opposte
a Jhwh, nessuna delle quali pu resistergli in quanto creatore del mondo (1,3b6)
57

9.2.8.8 Abacuc (13)
1,24: LAMENTO DEL PROFETA
1,511: RISPOSTA DIVINA
1,1217: LAMENTO DEL PROFETA
2,15: RISPOSTA DIVINA
2,620: DETTI CONTENENTI GUAI!
3,119: SALMO CONCLUSIVO (offre linterpretazione del libro): teofania escatologica di Jhwh
9.2.8.9 Sofonia (13)
1,2 2,3: DETTI DI GIUDIZIO SU GIUDA E GERUSALEMME
1,7SS.: motivo centrale della sezione: il giorno di Jhwh vicino
2,13: conclusione: invito a cercare Jhwh
2,415: DETTI DI GIUDIZIO SU ALTRI POPOLI
2,7.9b: annunci di salvezza per il resto di Giuda
3,18: DETTO CONTRO GERUSALEMME E I POPOLI PAGANI
3,920: DETTI DI SALVEZZA PER LE NAZIONI E PER GERUSALEMME
9.2.8.10 Aggeo (12)
1,15: RICOSTRUZIONE DEL TEMPIO
2,19: JWHW CON IL POPOLO, ANNUNCIO ESCATOLOGICO DI SALVEZZA
2,1019: TORAH SACERDOTALE SUL PROBLEMA DELLIMPURIT CULTUALE
2,2023: ATTESA ESCATOLOGICA COLLEGATA CON ZOROBABELE
9.2.8.11 Zaccaria (114)
18: PRIMA PARTE: COLLEGAMENTO CON AGGEO
1,16: introduzione: invito alla conversione ( 8,115)
1,7 6,15: serie di otto visioni notturne*
1,715: cavaliere (1617: detto di salvezza per Gerusalemme)
2,14: corna e fabbri
2,59: corda per misurare Gerusalemme (1017: completam. delle tre visioni)
3,17: riabilitazione di Giosu (810: parole di salvezza per Giosu)
4,15.10b14: candelabri e ulivi (610a: parole di salvezza per Zorobabele)
5,14: rotolo volante
5,511: malvagit nel moggio
6,18: carri (915: poscritto: una corna per Giosu)

*Schema (concentrico) delle visioni:
1,715: annuncio dellintervento di JHWH (cavalieri)
2,14: liberazione esterna (politica) di Ger. (corna e fabbri)
2,59: liberazione esterna (politica) di Ge. (corda per misurare)
4,114: gli unti (candelabri e ulivi)
5,14: liberazione interiore dai peccati (rotolo volante)
5,511: liberazione interiore dai peccati (malvagit moggio)
6,18: intervento di JHWH (carri)
58


78: raccolta di parole profetiche su giudizio e salvezza
7,13: richiesta di digiuno in ricordo della distruzione del Tempio ( II Re 25,8)
7,47: critica alla prassi del digiuno ( 8,1617)
7,814: retrospettiva storica (teol. deuter.: giudizio conseguenza della disobbedienza)
8,115: parole di salvezza per Gerusalemme e per Giuda ( 1,16)
8,2023: Gerusalemme e Giuda centro del mondo dei popoli alla fine dei tempi
[Composizione ponderata; le visioni vanno collocate dopo la scomparsa di Aggeo (febbraio 519;
cfr. 1,7); le parole dei capp. 78 sono del dicembre 518.]
914: DEUTEROZACCARIA
910: iniziano e terminano con un detto contro popoli stranieri
11: allegoria del pastore
1213: salvezza e purificazione di Gerusalemme [1214: TRITOZACCARIA]
14: raffigurazione escatologica della battaglia di Gerusalemme
9.2.8.12 Malachia (13)
1,25: AMORE DI JHWH PER ISRAELE
1,6 2,9: LADORAZIONE A JHWH NON SI CONCILIA CON SACRIFICI DIFETTOSI
2,1016: MANCANZA DI FEDELT A JHWH COME MANCANZA DI FEDELT ALLA MOGLIE
2,17 3,5: IL GIUDIZIO DI JHWH RAGGIUNGE CHI NE DUBITA
3,612: CONVERSIONE A JHWH = CORRETTA CONSEGNA DELLE DECIME
3,1321: IL GIUDIZIO FUTURO DIFFERENZIER I GIUSTI DAGLI INGIUSTI (3,2224: aggiunta)
Le sei unit sono tutte contrassegnate dalla forma della disputa: schema: parole di JHWH
contestazione discussione.
9.3 K
e
tbm
9.3.1 Salmi (150)
CINQUE LIBRI: 141; 4272; 7389; 90106; 107150 (lultimo salmo di ogni libro si chiude con
Amen)

RACCOLTE SINGOLE:
341: SALMI DI DAVIDE
4249: SALMI DEI CORACHITI (50: salmo di Asaf, conclusivo)
5171: SALMI DI DAVIDE (72: salmo di Salomone, conclusivo)
7383: SALMI DI ASAF (4283: rielaborazione elohistica: Adonaj sostituito da Elohim)
8489: SALMI DI VARIE CORPORAZIONI DI CANTORI (eccetto 86)
90107: SALMI APPARENTATI NEL CONTENUTO
108110: SALMI DI DAVIDE, CUI SEGUONO 111118 INTRODOTTI DA ALLELUIA
119: SALMO ACROSTICO DELLA TORAH
120134: SALMI DI PELLEGRINAGGIO, CUI SEGUONO 135137: SALMI DI ALLELUI
138145: SALMI DI DAVIDE, CUI SEGUONO 146150, SALMI DI ALLELUIA

COMPOSIZIONE
1119: COMPOSIZIONE MAGGIORE
1: cornice: salmo della Torah Adonaj
2: il re come dominatore del mondo insediato da Jhwh: salmo regio
3 41: salmi individuali, come 77; 94; 102; 109; 140143
4250: salmi comunitari (salterio elohistico: inizio)
59

5172: salmi individuali (salterio elohistico: centro); 72: salmo regio
7383: salmi comunitari (salterio elohistico: fine)
8489: appendice; 89: salmo regio
110: il re come dominatore del mondo insediato da Jhwh: salmo regio
111118: salmi di alleluia: solenne conclusione
119: cornice: salmo della Torah Adonaj
120137: COMPOSIZIONE MINORE
120134: salmi di pellegrinaggio
135136: salmi di alleluia
137: appendice
138150: COMPOSIZIONE MINORE
138145: salmi di Davide
146150: salmi di alleluia
9.3.2 Giobbe (142)
12: CORNICE NARRATIVA
3,1 37,24: CORPO IN POESIA: DIALOGHI TRA GIOBBE E GLI AMICI
327: tre amici: Elifaz, Bildad, Tsofar; dialoghi in tre tornate (Giobbe + amici)
311: Giobbe (3), Elifaz (45), Giobbe (67), Bildad (8), Giobbe (910), Tsofar (11)
1220: Giobbe (1214), Elifaz (15), Giobbe (1617), Bildad (18), Giobbe (19), Tsofar (20)
2127: Giobbe (21), Elifaz (22), Giobbe (2324), Bildad (25), Giobbe (2627)
2931: discorso di sfida da parte di Giobbe (28: canto della sapienza)
3237: Elihu sviluppa le considerazioni degli amici ( funzione di ponte con 3140)
38,1 42,6: CORPO IN POESIA: DISCORSI DIVINI E RISPOSTE DI GIOBBE
38,1 40,2: discorso divino (discorso di teofania)
40,35: risposta di Giobbe
40,6 41,26: discorso divino
42,16: risposta di Giobbe
42,717: CORNICE NARRATIVA
9.3.3 Proverbi (131)
19: PROVERBI DI SALOMONE, FIGLIO DI DAVIDE, RE DI ISRAELE
1,17: introduzione: temi centrali: sapienza, intelligenza, conoscenza, disciplina, timore di DioI)
1,819: prima figura: maestro di sapienza
1,2033: seconda figura: la sapienza cornice
27: discorsi del maestro di sapienza: incipit: Ascolta figlio mio; dieci unit maggiori
8: discorso della sapienza cornice
9: invito alla sapienza ( 1,17)
10,1 22,16: PROVERBI DI SALOMONE
singoli proverbi indipendenti: 375; esprimono una teologia sapienziale
15,33 16,9: centro della raccolta
22,17 24,22: PAROLE DI SAGGI
22,17 23,11: paralleli con legiziano insegnamento di Amenemope
24,2334: ANCHE QUESTE (SONO) DI SAGGI
2529: ANCHE QUESTI SONO PROVERBI DI SALOMONE
singoli proverbi indipendenti (127)
30: PAROLE DI AGUR, FIGLIO DI JAK
31: PAROLE DI LEMUEL, IL RE

60

9.3.4 Rut (14)
1,15: INTRODUZIONE: la situazione di Naomi
1,618: PRIMO BLOCCO: ritorno a casa di Naomi, decisione di Ruth di stare con Naomi
1,1922: INTERLUDIO: arrivo a Bethleem
2,117: SECONDO BLOCCO: incontro tra Ruth e Boaz
2,1823: INTERLUDIO: dialogo tra Ruth e Naomi
3,115: TERZO BLOCCO: piano di Naomi e relativa conclusione
3,1618: INTERLUDIO: dialogo tra Ruth e Naomi
4,112: QUARTO BLOCCO: negozio giuridico, Boaz ottiene il terreno e Ruth
4,1317: CONCLUSIONE: nascita della posterit, fine delle disgrazie di Naomi
4,1820: GENEALOGIA DI DAVIDE
9.3.5 Cantico dei cantici (18)
1,26: cornice: a) invito a mettersi in movimento b) metafora vigna c) fratelli
1,7 2,7: PRIMA SEZIONE
1,78; 917; 2,13: dialoghi degli amanti
2,47: scena damore
2,8 3,5: SECONDA SEZIONE
2,814; 15; 1617: canti della donna
3,15: scena damore
3,6 5,1: TERZA SEZIONE
3,611: sfarzoso corteo del re Salomone
4,17: descrizione dellamata con parole delluomo
4,8: centro: invito a mettersi in movimento
4,911; 1215: parole delluomo allamata
4,16 5,1: dialoghi degli amanti
5,2 6,3: INTERMEZZO
5,28: scena damore mancata
5,916 6,13: dialoghi e bottarisposta con le figlie di Gerusalemme
6,4 8,4: QUARTA SEZIONE
6,47.810.1112; 7,26.710: canti delluomo
7,1114: invito allamato
8,14: scena damore
8,57: DIALOGO CONCLUSIVO DEGLI AMANTI
8,814: cornice: c) fratelli b) metafora vigna a) invito a mettersi in movimento
[1,26 e 8,814: struttura chiastica: a b c = c b a]
9.3.6 Qoelet (112)
1,1: soprascritta
1,211: poema sulla vana fatica
1,12 6,9: PRIMA SEZIONE: ESAME CRITICO DELLESISTENZA UMANA
1,1215.1618: doppia introduzione; excipit: vanit e soffio di vento
2,111.1217.1826: prima sottosezione; excipit: vanit e soffio di vento
3,1 4,6: seconda sottosezione; excipit: vanit e soffio di vento
4,716: terza sottosezione; excipit: vanit e soffio di vento
4,17 6,9: quarta sottosezione; excipit: vanit e soffio di vento
6,10 11,6: SECONDA SEZIONE: CONSEGUENZE
6,1012: introduzione
61

7,1 8,17: luomo non riesce a scoprire ci che per lui bene fare
7,114.1524.2529: prima sottosezione
8,117: seconda sottosezione
9,1 11,6: luomo non sa quello che verr dopo di lui
9,16.710.1112: prima sottosezione
9,13 10,15: seconda sottosezione
10,16 11,2: terza sottosezione
11,36: quarta sottosezione
11,7 12,8: poema sulla giovent e sulla vecchiaia
12,914: epilogo
9.3.7 Lamentazioni (15)
1: I CANTO: LAMENTO SUL DESTINO DI GERUSALEMME ( peccato di Gerusalemme)
2.9.17: Gerusalemme vedova non ha chi la consoli
9b.11d: Sion prende la parola: Guarda dunque JHWH
1216.1822: lamento di Sion
2: II CANTO: DESCRIZIONE DELLA DISTRUZIONE ( opera dellira divina)
3: III CANTO: LITURGIA INDIPENDENTE (?)
118: lamento di un singolo ( confessioni di Geremia e Giobbe)
1924: invito a se stesso a ricordare e stereotipate affermazioni di fede
2536: affermazioni sapienziali
3739: stereotipate affermazioni di fede su Dio creatore
4047: lamento collettivo
4866: preghiera di un singolo
4851: lamento
5259: descrizione della salvezza (canto di ringraziamento)
5966: lamento e supplica
4: IV CANTO: SITUAZIONE CATASTROFICA NELLA CITT DISTRUTTA
5: V CANTO: PREGHIERA DEL POPOLO ( confessione di peccato)
9.3.8 Ester (110)
1 2: ESPOSIZIONE DELLANTEFATTO
1: il re persiano Assuero ripudia la moglie Vashti
2,118: Ester ne prende il posto
3 9,19: PARTE CENTRALE
3: conflitto tra Haman e Mardocheo: progetto di pogrom antiebraico
4: Mardocheo fa intervenire Ester
57: realizzazione del piano (volutamente ritardato)
8,3 9,19: Mardocheo subentra ad Haman e il progetto di pogrom viene sventato
9,20 10,3: PARTE FINALE
9,2032: data, regolamento e motivazioni della festa di Purim
10,13: notizia conclusiva ( cornici dei libri dei Re)
9.3.9 Daniele (112)
1: INTRODUZIONE (ebraico): presentazione dei quattro giovani ebrei deportati
2,4 7,28: DANIELE E I SUOI TRE COMPAGNI (aramaico)
2: cornice: sogno dei quattro imperi mondiali (babilonese medo persiano greco)
3: leggende di martiri i tre amici (ordine adorare il redenunciapenaliberazione
riconoscimento)
62

4: giudizio divino su un re (lalbero di Nabucodonosor)
5: giudizio divino su un re (la mano che scrive)
6: leggende di martiri Daniele (ordine di adorare il redenunciapenaliberazione
riconoscimento)
7: cornice: sogno dei quattro imperi mondiali ( collegamento con II parte)
812: VISIONI DI DANIELE (ebraico)
8: visione della lotta fra lariete e il capro ( 2 e 7)
912: Daniele vede angeli e altre figure che gli spiegano una parola
9.3.10 Esdra (110) e Neemia (113)
16: RITORNO DALLESILIO E RICOSTRUZIONE DEL TEMPIO
13: prima fase (1,14,7: ebraico)
1: editto di Ciro e racconto del ritorno
2: lista dei rimpatriati ( Neh. 7): in testa Zorobabele e Giosu
3: primi passi per il ristabilimento del culto e inizio dei lavori per il Tempio
4,16,3: seconda fase: resistenze contro la ricostruzione del Tempio (4,86,18: aramaico)
6,1422: dedicazione del Tempio
710: ATTIVIT DI ESDRA ( Neh. 8) (6,197,11: ebraico)
78: viaggio di Esdra da Babilonia a Gerusalemme
7,110: presentazione di Esdra
7,1226: lettera di accompagnamento di Artaserse per Esdra (aramaico)
8,114: lista dei rimpatriati
8,1536: viaggio verso Gerusalemme ( Es. 14 e Gios. 34)
910: questione dei matrimoni misti
16: RICOSTRUZIONE E RELATIVE DIFFICOLT (racconto in prima persona)
7: CESURA: CENSIMENTO DEGLI ISRAELITI ( Esd. 2)
8: LETTURA E SPIEGAZIONE DELLA TORAH ( Esd. 3) E 2 FESTA DELLE CAPANNE (la 1 in Esd. 3,4)
9: CERIMONIA DI DIGIUNO E SALMO PENITENZIALE
10: IMPEGNO SOLENNE A PROCEDERE SECONDO LA TORAH DI DIO
1113: LISTE, DEDICAZIONE DELLE MURA, PROVVEDIMENTI DI RIFORMA
9.3.11 12 Cronache (129; 136)
I Cr. 19: GENEALOGIE
1,127: da Adamo ad Abramo ( Gen. 5, 1011)
1,282,2: dai figli di Abramo ai dodici figli di Israele
2,317: da Giuda a Davide e suoi fratelli
2,1855; 4,123: ramificazioni dei discendenti di Giuda
3,124: discendenza di Davide, re davidici, discendenti dellultimo re fino allepoca postesilica
4,248,32: discendenti delle altre trib di Israele (ampio spazio alla trib di Levi)
8,3340: albero genealogico di Saul (ripetizione in 9,3544)
9,1b34: lista dei rimpatriati dallesilio
I Cr. 1029: STORIA DI DAVIDE
10: morte di Saul (insistenza sulla sua infedelt)
1116: dominio di Davide
11,1: subito re di tutto Israele ( 1Sam. 5,1)
13: assemblea del popolo per il trasporto dellarca ( 2Sam. 6,1)
14: vittoria sui Filistei
1516: trasporto dellarca ( 2Sam. 6,12ss.)
1729: futura costruzione del Tempio Salomone (filodavidico)
63

17,115: discorso di Nathan: menzione del figlio ( 2Sam. 7,12)
1821: vittorie di Davide e censimento del popolo
22: preparativi per il Tempio
2327: inserto tardivo
2829: morte di Davide e unzione di Salomone
II Cr. 19: STORIA DI SALOMONE (continuit con Davide)
1: sapienza e ricchezza di Salomone
24: costruzione del Tempio (si va ben oltre 1Re 68)
56: trasporto dellarca e dedicazione del Tempio
79: attivit politica, regina di Saba, gloria di Salomone
II Cr. 1036: STORIA DI GIUDA FINO ALLESILIO BABILONESE
Vengono qui presentati materiali peculiari al cronista: tre topoi: fortezze e costruzioni, organizzazione
dellesercito, resoconti di guerra. A ci si aggiungono racconti su: riforma del culto, istruzione del
popolo, omaggi e tributi da parte di altri popoli.






































































LE TRADUZIONI DELLA BIBBIA







































67

10 La versione greca: i Settanta (LXX)
10.1 Origine dei LXX
Il nome di Settanta (sigla LXX) deriva dalla leggenda che narra della sua formazione, attestata
nella Lettera di Aristea a Filocrate, oggi nota come Lettera dello Pseudo Aristea e datante verso il 100
a.C. (per il testo greco, con traduzione inglese, clicca qui) Si racconta che settantadue anziani (poi, nella
denominazione comune, il numero fu ridotto a settanta con riferimento ai settanta anziani che
accompagnarono Mos al Sinai e ricevettero la Trh (Es 24) di Gerusalemme, appartenenti alle dodici
trib dIsraele, furono invitati ad Alessandria dEgitto da Tolomeo II Filadelfo per tradurre in greco i libri
della Legge. La narrazione riferisce che il re accolse questi scribi ebrei ad Alessandria e si prostr innanzi
alla Legge sette volte. Una volta fatta la traduzione, gli scribi furono rimandati a casa con grandi doni.
Lautore di questa Lettera mostra di aver unidea ben precisa del compito del giudaismo in ambienti di
cultura ellenica: favorire un incontro tra questa e il patrimonio del giudaismo, che egli
ammira incondizionatamente. Questa leggenda veicola comunque un interesse storico circa la diaspora
alessandrina e la sua importanza nellebraismo del secondo Tempio. probabile che la traduzione greca
della Bibbia ebraica non sia avvenuta per impulso di qualche mecenate pagano come lo sarebbe il
Filadelfo ma per necessit ed esigenze interne alla comunit giudaica di Alessandria. Essendo il greco
la lingua praticata normalmente, si sentiva lurgenza di disporre di una traduzione greca dei testi sacri
per un uso liturgico, ma anche giuridico, in vista del funzionamento interno della comunit. Il racconto
dello Pseudo Aristea, mostra innanzitutto una finalit propagandistica presso lellenismo: lebraismo
la vera religione che permette la convivenza tra giudei e greci. Tale convivenza sar
possibile adottando uno stile di vita ispirato alla filantropia. Ebbene lo Pseudo Aristea, che per un terzo
descrive il ricevimento dei traduttori alla tavola del re, ricevimento durato sette giorni e contrassegnato
da dialoghi quotidiani tra il re e gli ospiti, indica nella filantropia il contenuto stesso della sapienza
biblica Per luomo si tratta allora di imitare Dio nel governo del mondo, assumendo come modello la
benevolenza divina verso gli uomini.
Ecco allora che Tolomeo II Filadelfo, dopo aver ascoltato i saggi ebrei, giunge alla seguente conclusione:
Mi avete fatto un grande favore esponendomi i vostri insegnamenti sul buon governo (par. 294).
facile cogliere il profondo legame tra queste idee dello Pseudo Aristea e linsegnamento di una delle
opere qualificanti la teologia dei LXX, e cio la Sapienza di Salomone, dove il destinatario ideale il
governante, che si dovr ispirare alla moderazione e alla filantropia divine.
Tornando per al racconto dello Pseudo Aristea, bisogna notare come ci sia anche una precisa finalit
apologetica: legittimare luso, nella liturgia, di una traduzione e non del testo in lingua
originale, forse non pi comprensibile a molti ebrei, nati e cresciuti ad Alessandria. Anzi, secondo vari
interpreti, la finalit dellopera non principalmente quella propagandisticomissionaria, ma appunto
questa finalit pi interna alla vita della comunit. Non si ritenga per scontata ed ovvia limpresa di
tradurre in greco la legge del Signore, poich i vari popoli non amavano tradurre le loro opere sacre in altre
lingue. Ad esempio, gli egiziani portavano in processione i libri sacri senza mai farli tradurre e renderli
accessibili ai greci. Si pensi inoltre al tentativo di preservare la sacralit stessa della grafia (geroglifici).
Impressiona poi il fatto che i babilonesi non abbiano tradotto i loro inni sacri per riti praticati altrove, e in
lingua greca Ci che avvenuto ad Alessandria qualcosa di straordinario e mostra una comunit molto
aperta nel momento stesso in cui vuole essere fedele alle proprie radici. chiaro che, stando allestero, si
percepisce meglio quale sia la propria patria portatile, e la si riconosca appunto nel Libro.
Si deve notare che il racconto dello Pseudo Aristea dice di una traduzione della Trh, cio del
Pentateuco. Gli altri libri vennero tradotti successivamente e si giunse al completamento di
questa traduzione intorno alla met o al massimo alla fine del II secolo a.C. Tuttavia non fu solo
unopera di traduzione perch, oltre ai libri del canone ebraica, la Bibbia greca raccoglie, con variazioni
nei singoli manoscritti, le opere deuterocanoniche e anche alcune non accolte nel canone cattolico.
68

In sostanza, i LXX sono la Bibbia di Alessandria, cio la Bibbia greca, veicolo importantissimo
non solo per la comunit degli ebrei alessandrini, ma successivamente anche per gli autori del Nuovo
Testamento e per la chiesa delle origini, fino a giungere alla chiesa dei Padri. In un certo senso
questopera ha un enorme interesse ecumenico; bisogna infatti segnalare che i LXX restano il testo
biblico che tutte le chiese orientali usano nella liturgia. Linteresse poi teologico, perch i LXX sono
in gran parte una traduzione che crea anche un nuovo linguaggio, pronto per luso cristiano.
Infine evidente linteresse filologico, in quanto in molti casi il testo greco aiuta a ricostruire la
Vorlage (testo originario) del testo ebraico, usato dai traduttori; linteresse tanto pi significativo se
si tiene presente la pluralit testuale caratterizzante la Bibbia ebraica fino al 70 d.C.


Figura 13 MS 2649. Papiro, Oxyrhynco? Egitto, circa 200 a.C., 8 f f., 20x10 cm, colonna singola, (16x8 cm), 2223 linee in greco
semicorsivo (http://www.schoyencollection.com/GreekNuovo Testamento.htm)


69

10.2 Le antiche revisioni dei LXX
La situazione precedente il 70 d.C. conosce lesistenza di un pluralismo testuale, caratterizzante
lebraismo fino alla caduta del secondo Tempio. In Israele, prima della fine del secondo Tempio,
linteresse per il testo greco constatabile nei frammenti trovati a Qumran. I tentativi di revisione del
testo dei LXX sono provati da manoscritti trovati in Egitto e in Palestina. In Egitto stato ritrovato, per
esempio, il P. Fuad 266 (con il testo di Dt 31,3632,7) e il P. 458 della John Rylands Library of
Manchester University (con Dt 22,2324.3; 25,13; 26,12.17.19; 28,3133).
Da questa data per comincia a venir meno tale pluralismo, poich la comunit religiosa giudaica viene
costituendosi ad opera dei Tannam (= i ripetitori). Costoro adottano un testo consonantico che in
definitiva non coincide con la Vorlage adottata dai LXX, la quale risulta perci diversa rispetto al testo
ebraico accettato dai Tannaiti.
Si avverte perci la necessit di rivedere il testo greco alla luce di questo testo ebraico ufficiale. Ad
acuire il bisogno di una revisione della traduzione dei LXX da parte del mondo ebraico interviene
certamente anche il contrasto via via sempre pi profondo tra sinagoga e chiesa, la quale adotta invece
i LXX e cerca appoggio in questa traduzione per una sua lettura cristologica del Primo Testamento.
Tutto questo non deve per portare a pensare che tali revisioni siano state motivate solo da una
polemica anticristiana; anzi, probabile che la revisione del testo dei LXX sia iniziata in Palestina prima
della formazione del Nuovo Testamento, dando vita ad una revisione detta Kaigh, certamente
anteriore a Teodozione.
10.2.1 Primo
Se si segue la tesi di Barthlemy (Les devanciers dAquila, Leiden, E. J. Brill, 1963), Teodozione (),
che solitamente ritenuto lultimo dei revisori dei LXX, avrebbe invece approntato una sua revisione
tra il 30 e il 50 d. C., che sarebbe anche stata usata dal Nuovo Testamento. Per alcuni si tratterebbe di
Jonathan, la stessa persona cui vengono attribuiti i targumm dei profeti. Quella di Teodozione
comunque una revisione ebraizzante dei LXX, con tentativo di armonizzazione con il testo ebraico,
mediante leliminazione di tracce di midram e forte uso della traslitterazione dei nomi. In ogni caso
si tratta di una ebraizzazione parziale che mantiene ad esempio la finale lunga di Giobbe, le aggiunte
dei LXX a Daniele e anche il libro di Baruc. Questa traduzione testimonia peraltro un canone lungo,
anteriore al concilio rabbinico di Jamnia ed priva di difese anticristiane che invarranno
pesantemente nelle successive revisioni. Qualunque sia la datazione dellopera di Teodozione,
possiamo riconoscere come questa abbia contribuito a realizzare il passaggio dalla Bibbia ebraica a una
nuova linguistica, quella greca; non a caso Teodozione il pi usato da Origene nella sua Exapla, la
pi importante opera di Origene sulla critica testuale biblica dellAntico Testamento, realizzata tra il
228 e 245. Essa disposta in sei colonne, donde il nome. Accanto al testo ebraico in caratteri quadratici
o aramaici (prima colonna) viene posta la trascrizione in greco del testo ebraico, particolarmente
difficile poich a quei tempi non vi era ancora un sistema di vocalizzazione. Nella terza colonna viene
posta la revisione di Aquila, di Simmaco nella quarta, la traduzione dei LXX nella quindi e di
Teodozione nella sesta (una nuovo edizione critica della Exapla di Origene sta per essere preparata
dallExapla Institute).
La Exapla di Origene si presentano cos:
Testo
ebraico
Traslitterazione
in greco
Aquila (A) Simmaco
()
LXX Teodozione
()

70

10.2.2 Secondo
Unaltra revisione quella di Aquila (A). Costui era un giudeo proselita del Ponto che, sotto la guida
di Rabbi Aqiba, revision in modo materialmente letterale sullebraico il testo greco, rendendo parola
per parola, verso il 100 d.C. Nel giudaismo la revisione di Aquila fu la pi utilizzata. Pi che di una
nuova traduzione appunto una revisione.
10.2.3 Terzo
Segue il lavoro di Simmaco (), un samaritano convertito al giudaismo, che fece una revisione fedele
e letterale, ma pi elegante dal punto di vista della lingua greca.
10.3 Le edizioni cristiane dei LXX
Come abbiamo visto, la pi celebre edizione antica dellopera dei LXX quella delle Esaple di Origene.
Di fatto, per quanto riguarda i LXX, egli segnalava in modo sistematico le differenza tra i LXX e il testo
ebraico e, in alcune parti, riportava anche altre traduzioni anonime accanto a quelle pi note, alle quali
era dedicata una colonna specifica. Questa recensione viene chiamata origeniana, ma di essa
rimangono solo frammenti e citazioni. Dal punto di vista dei risultati di una critica testuale del testo
dei LXX lopera di Origene, in fin dei conti, provoc tra i differenti testi una confusione e una
contaminazione ben maggiore di quelle da lui stesso conosciute. Lenorme difficolt implicita nella
trascrizione delle sei colonne dellEsapla o anche soltanto delle quattro colonne in greco contribu a
che questopera non potesse mai essere copiata integralmente e arrivasse a perdersi, eccettuati alcuni
frammenti (L. Alonso Schkel et alii, La Bibbia nel suo contesto, Edizione italiana a cura di A. Zani
(= ISB 1), Brescia, Paideia Editrice, 1994, p. 414). Una seconda recensione del testo dei LXX venne
eseguita da Esichio (m. 311). Altra edizione invece quella attribuita a Luciano di Antiochia (m.
nel 312), molto usata dai Padri antiochena; essa viene chiamata solitamente lucianea o antiochena, e
conserva un testo molto antico dei LXX, cui peraltro molto vicina la Vetus Latina. Oltre a queste
edizioni, che ebbero ampia diffusione a partire da Cesarea e da Antiochia, da ricordare quella
di Atanasio di Alessandria, della quale forse il codice Vaticano (B) sarebbe un testimone.
10.4 I manoscritti antichi dei LXX
I codici dei LXX sono classificati, come gli altri, in maiuscoli/onciali e minuscoli/corsivi. I corsivi,
bench pi recenti, possono per ospitare forme testuali non pi conservate negli onciali. I pi
importanti manoscritti onciali sono il Vaticano, il Sinaitico entrambi del IV secolo, e lAlessandrino del
V secolo. Ora possediamo anche frammenti di manoscritti pi antichi, come il papiro Rylands 458, del
II o I secolo a.C., contenente alcuni testi deuteronomici. Vi sono poi i frammenti di Qumran e i papiri
Chester Beatty del II secolo d.C., con frammenti di Numeri e di Deuteronomio. Inoltre abbiamo le
citazioni della versione dei LXX negli autori ebrei Filone e Giuseppe Flavio, nonch nei Padri greci.
71


Figura 14 CODEX VATICANUS (B 03)
Pergamena, 2728 x 2728 cm. Tre colonne di 4044 linee ognuna. Inchiostro marrone.
Contiene Antico e Nuovo Testamento (questultimo termina con Ebrei 9,14). I fogli sono 759, di cui 142 per il Nuovo Testamento.
Presenta la scriptio continua. Gli accenti e gli spiriti sono stati aggiunti da una mano posteriore. Vengono riportate le citazioni
dallAntico Testamento.
Il codice il risultato del lavoro di due scribi, spesso chiamati A e B. Il Nuovo Testamento fu copiato pi tardi. Due correttori, uno quasi
coevo agli scribi e laltro pi tardo di 1011 secoli, hanno introdotto le correzioni nel manoscritto.
Per altre immagini www.bibleresearcher.com/codexb.html
Vedi anche wwwuser.unibremen.de/~wie/Vaticanus/index.html

72


Figura 15 CODEX SINAITICUS ( 01)
Pergamena, 38.1 x 33.735.6 cm. Quattro colonne di 48 linee ognuna. Inchiostro marrone chiaro.
Contiene Antico e Nuovo Testamento (contiene anche la Lettera di Barnaba e il Pastore di Erma). Il numero totale di fogli 346.5, di
cui 199 per lAntico Testamento (compresi I libri apocrifi) e 147.5 per il Nuovo Testamento (comprese la Lettera di Barnaba e il Pastore
di Erma).
Presenta la scriptio continua. Accenti e spiriti sono assenti. Le citazioni dellAntico Testamento non sono riportate.
Il codice il risultato del lavoro di due scribi, spesso chiamati A, B e D. A ha scritto lintero Nuovo Testamento con leccezione di sei
interi fogli e una piccola parte di un altro foglio che stato probabilmente copiato da. Sembra che nove correttori, tra il IV e il XII
secolo, abbiano corretto il manoscritto.
Per altre informazioni http://www.itsee.bham.ac.uk/projects/sinaiticus/index.htm
Repertorio fotografico: http://www.csntm.org/Manuscripts/GA%2001

73


Figura 16 CODEX ALEXANDRINUS (A 02)
Pergamena, 32.1 cm. x 26.4 cm. Due colonne di 4652 linee ciascuna. Inchiostro marrone.
Contiene Antico e Nuovo Testamento (contiene anche la I e II Clemente). Il numero totale dei fogli 773, di cui 143 appartengono al
Nuovo Testamento.
Presenta la scriptio continua. Gli accenti sono assenti e gli spiriti rari. Vengono indicate le citazioni dallAntico Testamento.
Si ritiene che il codice sia il frutto del lavoro di cinque copisti (IV). LAntico Testamento stato copiato da due mani (I e II), il Nuovo
da tre (III, IV e V).
Per altre immagini http://www.bibleresearcher.com/codexa.html
Repertorio fotografico: http://www.csntm.org/Manuscripts/GA%2002

10.5 Il valore culturale dei LXX
Come considerare i LXX: una semplice traduzione o qualcosa di pi? Ebbene, uno studio delle loro
caratteristiche interne evidenzia come vi sia stato un grosso lavoro di attualizzazione del messaggio
biblico, attualizzazione che non ha disdegnato lapplicazione del metodo midrashico (sia il midrash
pesher, sia il midrash haggadah, sia il midrash halakah).
Questa operazione ha un valore teologico intrinseco, poich mostra la consapevolezza del valore e
dellattualit del messaggio di un testo sottoposto alla traduzione e alloperazione interpretativa
del midrash.
74

Entrando poi nella questione del valore culturale dei LXX, possiamo dire che la traduzione della Bibbia
in greco consegue un doppio risultato: da un lato fornisce al giudaismo nuovi strumenti per precisare
e sviluppare il suo pensiero, dallaltro conferisce un apporto giudaico allellenismo stesso.
Il primo aspetto appare evidente, poich lassunzione di una lingua comporta sempre, in qualche modo,
anche la visione del mondo e della vita di cui una lingua impregnata e di cui veicolo. In un certo
senso, per i giudei decidere di tradurre in greco i loro testi sacri significa anche aprirsi ad un processo
di ellenizzazione del giudaismo, specialmente di quello della diaspora, che trova nellimpresa dei LXX
un tornante decisivo. Sarebbe per erroneo pensare che questo processo abbia comportato solo un
influsso della lingua greca e della cultura ellenistica sul mondo giudaico, in quanto questa
ellenizzazione del giudaismo stata in realt guidata da categorie tipicamente ebraiche. Il greco dei
LXX si carica infatti di ulteriori significati, provenienti dal contesto culturale semitico, e si colorisce
soprattutto di unintensa connotazione religiosa giudaica.
Certamente il greco dei LXX si presta bene a rendere possibili nuove distinzioni elaborate dalla
raffinata teologia rabbinica, e su queste basi si sviluppa comunque anche il linguaggio delle successive
revisioni o recensioni, dalla kaig alle revisioni di Aquila, Simmaco e Teodozione.
In definitiva, i LXX costituiscono un fattore attivo nellevoluzione della tradizione ebraica. Infatti
attraverso la traduzione in greco, la terminologia ebraica, pi connotativa ma anche pi vaga, pu
trovare la possibilit di precisare meglio i propri concetti e di aggiungervi ulteriori sfumature. Basti qui
fare due esempi. Il termine leos traduce solitamente lebraico h)esed, che indica la fedelt divina
allalleanza. Il termine greco, comunque, evidenzia la connotazione della misericordia di YHWH per la
miseria umana e sottolinea maggiormente la trascendenza di tale compassione divina. Un altro dei tanti
esempi potrebbe essere quello della traduzione greca dei termini comportanti il sema dello sperare
(qwh; bt)h)), distinguendo tra una speranza non fallace perch riposta in Dio (elpzein) e una speranza
decettiva, illusoria, perch riposta negli uomini o nelle cose (pepoithnai).
Concretamente, nella traduzione i LXX traslitterano spesso i termini ebraici coniando nuove parole in
greco, e le parole nuove portano con s inevitabilmente concetti nuovi. Altre parole greche subiscono
invece profonde evoluzioni interne, come nel caso del verbo telei (portare a compimento) che, se
riferito allambito sacerdotale, diventa un consacrare, alludendo al fatto che il rito di consacrazione
dei sacerdoti si compiva riempiendo le loro mani della carne sacrificale da offrire sullaltare.
poi evidente che per i libri composti direttamente in greco, la presenza di concetti coniati in questa
lingua (come, ad es., athanasa = immortalit; aphtarsa = incorruttibilit) comporta un influsso sul
pensiero ebraico e, in un certo senso, un arricchimento. Qui per si pone la questione un po ideologica,
che ritiene lincontro del pensiero ebraico con quello greco una commistione ambigua, una decadenza;
ideologica pure laltra tesi, che ritiene a priori un arricchimento per lebraismo la consegna di concetti
tratti dal mondo ellenistico.
Ma veniamo ora al significato globale da riconoscersi alla traduzione dei LXX. Levento non sta
innanzitutto nel fatto di tradurre; lo stesso testo sacro ebraico non presenta infatti una sola lingua, ma
due, e perci rotta, per cos dire, lequivalenza fondamentalista tra una forma linguistica della
rivelazione e la rivelazione stessa. Bisogna inoltre ricordare che il giudaismo ha sentito il bisogno di
tradurre nella lingua corrente, laramaico, i propri testi sacri. Ma i targumm, in definitiva, non uscivano
dallambito della sinagoga del mondo ebraico. Tradurre in greco, invece, significava confrontarsi con la
cultura e con il mondo dei pagani, senza chiudersi nel proprio mondo. In questo senso i LXX
rappresentano unapertura universalistica coraggiosa, che precede e prepara lavventura cristiana.
Si pu allora capire la questione sollevata dai Padri circa lispirazione dei LXX. Dire che una traduzione
ispirata da Dio come riconoscerla nella sua produzione originale, e non semplicemente come una
duplicazione della precedente scrittura. In ogni caso i LXX hanno costituito la pi colossale
attualizzazione del messaggio biblico da parte di credenti giudei e hanno fornito al cristianesimo
unimprescindibile base per luniversalismo della sua missione.
75

10.6 Bibliografia
P. Lamarche, I Settanta, in P. et alii, La Bibbia alle origini della chiesa, a cura di B. Chiesa (= StBi
92), Brescia, Paideia Editrice, 1990, 1336.
S. P. Carbone G. Rizzi, Le Scritture ai tempi di Ges; Introduzione alla LXX e alle antiche versioni
aramaiche (= Testi e Commenti. La Parola e la sua Tradizione), Bologna, EDB, 1992, pp. 2377.
G. Dorival M. Harl O. Munnich, La Bible grecque des Septante. Du judaisme hellnistique au
christianisme ancien, Du Cerf, Paris 1994.
M. Cimosa, Guida allo studio della Bibbia greca (LXX); Storia Lingua Testi, Roma, Societ
Biblica Britannica e Forestiera, 1995.
Y. Amir, La letteratura giudeoellenistica; La versione dei LXX, Filone e Giuseppe Flavio, in La
lettura ebraica delle Scritture, a cura di S. J. Sierra (= BnS 18), Bologna, EDB, 1995, 3158.
N. Fernndez Marcos, La Bibbia dei Settanta. Introduzione alle versioni greche della Bibbia,
Edizione italiana a cura di D. Zoroddu (= ISB.S 6), Brescia, Paideia Editrice, 2000.
Per altre notizie sui LXX, clicca qui sotto.




















76

11 I Targmm. Le versioni aramaiche dellAntico Testamento
11.1 La lingua aramaica
I Targmm rappresentano la traduzione aramaica dei testi ebraici della Bibbia. necessaria qui una
parola dintroduzione sullaramaico, e sullaramaico biblico in particolare. Tale lingua, facente parte del
gruppo degli idiomi semitici del nordovest, ha esercitato la sua influenza sullintero Antico Vicino Oriente,
per almeno un millennio. Per aramaico si intende linsieme dei dialetti delle trib che, provenendo dallest,
penetrarono nella zona della SiriaPalestina, tra il X e lVIII secolo a.C. La denominazione di aramei non
di tipo scientifico, ma deriva dal fatto che questi gruppi si presentavano come aramei.
Durante limpero persiano luso dellaramaico si estende a tutto il Medio Oriente, per cui si trovano
documenti in Asia Minore, in Egitto e persino in India. I giudei residenti in Giuda utilizzano tale
aramaico, detto imperiale, fin verso il II secolo d.C. Lo testimoniano testi di Qumran, le lettere e i
trattati di Wadi Murabbaat e di Nahal Hever, iscrizioni delle tombe di Gerusalemme, i rotoli relativi al
digiuno e altri documenti riportati dal Talmud. Peraltro ricordiamo che laramaico appare anche
allinterno di testi biblici, e precisamente Esdra 4,86,18; 7,1226; Daniele 2,4b7,27; Gn 31,47 e Ger
10,11.
Analizzando lo sviluppo della lingua aramaica possiamo riconoscervi tre grandi periodi:
laramaico antico, dal 740 a.C. (dalle prime iscrizioni come quelle di Sefire) al 300 a.C.;
laramaico medio, dal 300 a.C. al 200 d.C.; in questo periodo per laramaico non pi lingua
ufficiale, in quanto la lingua franca il greco. Laramaico inizia una sua frammentazione in dialetti
locali, ma sopravvive come lingua letteraria, usata anche in iscrizioni e documenti ufficiali. A questo
aramaico appartiene lo strato aramaico di Daniele, nonch tutta una serie di testi rinvenuti a
Qumran e una serie di apocrifi. questo laramaico che appare anche nei Targmm pi antichi. Si
comincia intanto a distinguere sempre pi un aramaico occidentale da un aramaico orientale (poco
attestato);
infine vi laramaico recente, dal 200 d.C. al 900 d.C. anchesso diviso in vari dialetti: in quello
occidentale sono scritti i Targmm palestinesi, il Talmud gerosolimitano, i midram palestinesi (Genesi
Rabbah; Levitico Rabbah), molte iscrizioni funerarie e sinagogali. Sempre in questo gruppo dellaramaico
recente segnaliamo laramaico samaritano e laramaico cristiano, detto anche siriaco.
11.2 Il Targm
Targm (plurale Targmm) vocabolo semitico che significa tradurre, interpretare. Probabilmente
deriva dal verbo quadrilittero trgm, comunque di origine incerta. La forma nominale nellebraico
mishnico, utilizzata anche in aramaico, significa appunto traduzione. Il verbo utilizzato anche
nellaccezione di spiegare lespressione della Minh o un passo della Scrittura.
la letteratura rabbinica che usa la parola targm soprattutto per indicare la traduzione della Bibbia
in aramaico, e le parti aramaiche della Bibbia.
Lambiente dorigine del Targm da ricercarsi non solo nella sinagoga, ma anche e in certi momenti,
soprattutto nel bet hamidra; listituzione del bet hamidra distinta propriamente dalla
sinagoga, anche se, in un certo periodo, pu aver trovato sede negli stessi ambienti. concretamente
laccademia rabbinica, che sorse in unepoca antecedente al 70 d.C., ma che si consolid nel movimento
rabbinico dei primi secoli dellera volgare. nel bet hamidra che va ricercata lorigine delle grandi
accademie di Palestina e di Babilonia. Lo scopo perseguito in queste accademie non
lapprofondimento dellinterpretazione della Scrittura per un puro bisogno intellettuale, ma per
ricavare indicazioni circa il comportamento. Illuminante quanto affermano i Pirqu Abt: Rabban
Gamaliel diceva: Procurati un maestro, e togliti ogni dubbio; non abituarti a separare la decima
approssimativamente. (1,16). E il detto immediatamente successivo corregge ogni impressione di
77

possibile intellettualismo: Rabban Simeon, figlio del precedente, diceva: Ho trascorso la mia vita tra
i saggi e non ho riscontrato nulla per luomo che sia migliore del silenzio. Lessenziale non
lapprofondimento teorico (midra), ma la pratica. Chi parla molto fa venire il peccato (1,17).
In tal modo, attraverso questi due luoghi dorigine, il Targm risponde ad una doppia esigenza,
liturgica e di studio. Liturgica per far comprendere la lettura, e di studio per differenziare anche nella
lingua il testo originale da quello parafrasato e commentato. Alla luce di ci si capisce meglio il fatto
che il tipo di aramaico usato non fosse tanto quello popolare, quanto quello letterario, secondo lo
standard palestinese.
Fin qui ci siamo riferiti al targm scritto, ma bisogna ricordare che, prima di essere un evento di letteratura
scritta, il targm un fatto di oralit, come fa ben capire lepisodio di Ne 8, in cui si racconta della solenne
lettura del libro della Legge, che poi viene spiegata in gruppi dai leviti, con chiarimento di senso (Essi
leggevano nel libro della legge di Dio a brani distinti e con spiegazioni del senso e cos facevano
comprendere la lettura). Proprio in questo brano biblico si comprende come il targm sia strettamente
collegato, ai suoi inizi, con le esigenze della liturgia sinagogale quando lebraico non pi lingua parlata,
ma solo lingua del testo sacro. necessario allora che o durante, o dopo la lettura si intervenga a rendere
comprensibili i testi ai fedeli, e a spiegarli secondo una finalit catechetica. La Minh attesta
concretamente luso di interpretare la lettura sinagogale del testo biblico dopo ogni versetto o dopo tre
versetti; il traduttore il meturgeman (italiano dotto arcaico: turcimanno) che ha il compito di ripetere il
testo in aramaico. Non si hanno facilmente menzioni, invece, di una lettura da un targm scritto che,
almeno inizialmente e per lungo tempo, fu rigorosamente proibito nella liturgia. Quando la prassi si fa pi
tollerante, si ammette un targm scritto per uso privato. La tradizione vuole che Rabbi Gamaliele I
possedesse un Targm del libro di Giobbe. E di fatto tale uso, gi in epoca precristiana, viene confermato
dai ritrovamenti di Qumran, dove c un Targm di Giobbe (11QtgJob), e frammenti di altri Targmm del
medesimo libro, nonch dei frammenti di un Targm del Levitico (4QtgLev).
Questa resistenza nei confronti di un targm scritto ad uso liturgico motivato da ragioni teologico
spirituali e dalla preoccupazione di non sminuire in nulla lautorit della Trh. Daltra parte bisogna
notare che il targm non pretende di sostituirsi al libro sacro, ma di essere al suo servizio; dallaltra
bisogna riconoscere che il targm nel suo nucleo originale appartiene appunto alla tradizione orale, nel
cui ambito , per certi aspetti, in autorevolezza superiore alla stessa Minh. Il Sifre Dt 17,19 pone in
ordine dautorit le seguenti grandezze: la Scrittura, il Targm, la Minh, il Talmud.
In definitiva, il targm riflette la tradizione rabbinica ufficiale, ed uneco, una risonanza suscitata
dallascolto della parola del testo sacro. Non a caso, mai nella sinagoga la traduzioneparafrasi pu
anticipare la lettura del testo biblico. La traduzioneparafrasi sono solo risposte suscitate dallascolto! Ecco
allora un suggestivo monito di B. Ber. 45a: il traduttore non deve parlare a voce pi alta di quella del
lettore; riflessione, questa, messa in parallelo anche con il tono della voce con cui si deve rispondere con
lAmen liturgico, tono che non deve essere pi forte di quello che pronuncia la benedizione.
Il targm, in sostanza, un aiuto, un sussidio, uno strumento umano pensato in ordine ad una migliore
comprensione della Scrittura. Daltra parte lavventura del targm , per alcuni versi, implausibile, in
quanto la Scrittura stessa intraducibile poich dotata di inesauribile ricchezza. Il targm per non si
arresta di fronte a questa infinita ricchezza, ma vuole metterla a disposizione dei fedeli per il loro
beneficio spirituale. Poich tradurre rendere comprensibile, rinunciare alla traduzione in nome di
una rigida letteralit cosa insensata, mendace. Ecco allora il paradosso di T. Meg. 4,41: Chi traduce
un versetto cos come sta un mentitore (citato in S. P. Carbone G. Rizzi, Le Scritture ai tempi di
Ges, op. cit., 82).
78

Ecco la giustificazione teorica del modo di procedere
dei targmm, autori anonimi che raccolgono pi
tradizioni interpretative del testo biblico, prese dal
dibattito rabbinico. Queste interpretazioni sono proposte
in forma fortemente parafrastica allassemblea sinagogale
e alla piet personale; il Targm scritto serve allora a
pregare, istruire edificare. Oggi opinione comune che il
targm rappresenti il punto di partenza del midra (inteso
come ricerca sistematica e commentari continuato del
testo biblico).
Riprendendo vari elementi da quanto detto sopra,
possiamo dire che, a proposito del tempo di origine dei
targmim, la pratica di tradurre libri della Bibbia in
aramaico ha avuto inizio per lo meno nellepoca pi
recente del periodo del secondo Tempio. Questo dato
provato in modo inconfutabile dalla presenza a Qumran
dei gi citati Targmm di Giobbe e Levitico, nonch della
traduzione di Genesi in aramaico. Altri elementi sicuri di
datazione sono: la presenza di tutti i Targmm degli strati
pi antichi dellhaggadah e dellhalakah, che hanno paralleli con Giuseppe Flavio, Filone e il Nuovo
Testamento.
11.3 Un esempio del metodo targumico
Pu essere utile mostrare il metodo con cui il targm procede, adducendo alcuni esempi, tra i quali
scegliamo il celebre testo di Caino ed Abele, nella prima parte, quella che sfocia nellomicidio (Gn 4,3
8). Proponiamo innanzitutto il testo biblico nella traduzione CEI (ossia la traduzione ufficiale della
Chiesa cattolica italiana, e usato nella liturgia), nonch nella traduzione della Nuova Riveduta (la Bibbia
ufficiale delle comunit evangeliche italiane, valdese, metodista e battista):
3
Dopo un certo tempo, Caino offr frutti del suolo in sacrificio al Signore;
4
anche Abele offr
primogeniti del suo gregge e il loro grasso. Il Signore grad Abele e la sua offerta,
5
ma non grad
Caino e la sua offerta. Caino ne fu molto irritato e il suo volto era abbattuto.
6
Il Signore disse allora
a Caino: Perch sei irritato e perch abbattuto il tuo volto?
7
Se agisci bene, non dovrai forse tenerlo
alto? Ma se non agisci bene, il peccato accovacciato alla tua porta; verso di te il suo istinto, ma tu
arentes.
8
Caino disse al fratello Abele: Andiamo in campagna!. Mentre erano in campagna, Caino
alz la mano contro il fratello Abele e lo uccise (Gn 4,38 traduzione CEI).
3
Avvenne, dopo qualche tempo, che Caino fece unofferta di frutti della terra al SIGNORE.
4
Abele offr
anchegli dei primogeniti del suo gregge e del loro grasso. Il SIGNORE guard con favore Abele e la
sua offerta,
5
ma non guard con favore Caino e la sua offerta. Caino ne fu molto irritato, e il suo viso
era abbattuto.
6
Il SIGNORE disse a Caino: Perch sei irritato? e perch hai il volto abbattuto?
7
Se
agisci bene, non rialzerai il volto? Ma se agisci male, il peccato sta spiandoti alla porta, e i suoi
desideri sono rivolti contro di te; ma tu dominalo!.
8
Un giorno Caino parlava con suo fratello Abele
e, trovandosi nei campi, Caino si avvent contro Abele, suo fratello, e luccise (Gn 4,38
traduzione Nuova Riveduta),




Figura 17 Targum dellXI secolo
79

Ed ora mostriamo il lavoro del Targm J
e
ralm 1
3
E avvenne di l a qualche tempo, il 14 di Nisan, che Caino offr dei frutti della terra, alcuni semi di lino,
come offerta di primizie davanti al Signore.
4
E Abele offr anche lui primogeniti del suo gregge ed il loro
grasso, e questo fu piacevole davanti al Signore, e il Signore guard con favore Abele e la sua
offerta,
5
ma non guard con favore Caino e la sua offerta. E Caino ne fu molto irritato e lespressione del
suo viso fu depressa.
6
E il Signore disse a Caino: Perch tu sei irritato e perch lespressione del tuo
volto depressa?
7
Non forse vero che se tu fai il bene, il tuo peccato ti sar perdonato? Ma se non
agisci bene in questo mondo, il tuo peccato sar conservato per il giorno del grande giudizio. Il peccato
giace alla porta del tuo cuore, ma nelle tue mani io ho rimesso il controllo dei cattivi pensieri; il suo
desiderio sar verso di te, ma tu potrai dominarlo sia per la giustizia, sia per il peccato.
8
E Caino disse
a suo fratello Abele: Vieni, usciamo noi due nei campi. E avvenne che quando loro due furono usciti nei
campi, Caino rispose e disse ad Abele: Io vedo che il mondo stato creato per amore, ma che non
retto secondo il frutto delle buone opere e che vi preferenza di persona nel giudizio. Perch la tua
offerta stata accolta con favore? Abele rispose a Caino dicendo: Il mondo stato creato per amore
ed retto secondo il frutto delle buone opere e non vi affatto nel giudizio eccezione di persona. Poich
il frutto delle mie opere stato migliore e preferibile alle tue, le mie offerte sono state accolte con
favore. Caino rispose e disse ad Abele: Non c n giudizio, n giudice n altro mondo! Non c
ricompensa per i giusti n punizione per i cattivi. Su questa questione litigarono in aperta campagna.
Allora Caino si lev contro suo fratello Abele e conficcandogli una pietra nella fronte luccise (Gn 4,3
8 TgJ Gn 4,3ss [traduzione di S. P. Carbone G. Rizzi, Le Scritture ai tempi di Ges, Introduzione
alla LXX e alle antiche versioni aramaiche; prefazione di R. Le Daut, Bologna, EDB, 1992, 105106].

Vediamo la natura parafrastica del Targm, che si esprime con aggiunte esplicative, che funzionano
come una sorta di parentesi, lasciando trasparire in modo chiaro anche la traduzione del testo originale,
che qui riportato in caratteri non corsivi. In secondo luogo la parafrasi si espande nel testo in modo
irregolare: talora un versetto lasciato nel suo tenore quasi letterale, altre volte invece le espansioni
sono tali da offrire una sorta di nuova narrazione, come avviene in questo caso al v. 8. Si pu ben
comprendere loperazione attuata dal meturgeman che, in questo modo, evidenzia i punti a suo parere
pi importanti e bisognosi di chiarimenti. Cos ad esempio non ritiene di dover spiegare quello che
avvenne nel campo, perch, a prescindere dal particolare della pietra conficcata nella fronte di Abele,
tutto si riduce a quel lo uccise. Ci significa che lautore d per scontato e noto il risultato dellazione;
al contrario, introduce una discussione che dovrebbe motivare il fratricidio, con un acceso confronto
sugli attributi di Dio, e cio la sua giustizia (din) e la sua misericordia (rah)amm).
interessante notare che sulla bocca di Abele viene messa la teologia ufficiale del rabbinismo
(farisaico), riguardante il rapporto esistente tra le buone opere, la loro ricompensa e il mondo futuro.
Sulla bocca di Caino si mette la teologia dei sadducei, che non credono nel mondo futuro e, in questo
modo, negano la giustizia di Dio. Lo scontro tra i due gruppi inevitabile, ed quanto spiega la sorte
di Abele, identificato con il giusto, il pio fariseo che, proprio per la sua condotta, inviso ai sadducei,
i quali ne procurano addirittura il martirio.

Abbiamo visto un esempio di un immane lavoro, opera di anonimi che hanno raccolto ed elaborato
tradizioni interpretative preesistenti (il Targm orale). Certamente il lavoro stato il frutto di una
selezione, di ampio dibattito scribale, rabbinico, che si ritenuto utile trasferire nella traduzione
parafrastica della sinagoga, e anche nella lettura personale a fini di devozione individuale. In
definitiva, il Targm vuole edificare, istruire e aiutare a pregare; per questo nei testi targumici
sono frequenti le dossologie inserite in punti cruciali del racconto, le apostrofi dirette o indirette, la
arentesi esplicita. Tutti questi elementi sono assenti nel testo biblico e vengono inseriti o come nuova
creazione o come sviluppo di un indizio presente.
80

Riferiamo ancora un esempio: la dossologia che il TgJ Gn 35,9 inserisce nel testo ebraico che recita
cos:

Dio apparve unaltra volta a Giacobbe, quando tornava da PaddanAram, e lo benedisse.
Ecco quanto inserisce il Targm, sotto forma di dossologia posta sulla bocca di Giacobbe:
O Dio Eterno! Che il tuo nome sia benedetto per sempre e per tutti i secoli dei secoli! La tua bont, la
tua fedelt, la tua giustizia, la tua potenza e la tua gloria non cesseranno per i secoli dei secoli. Tu ci
hai insegnato a benedire lo sposo e la sposa a partire da Adamo e dalla sua compagna. Tu ci hai
insegnato ancora a visitare i malati a partire dal nostro padre Abramo, il giusto, quando tu gli sei
apparso nella piana della visione, mentre egli soffriva a causa della sua circoncisione. Tu ci hai
insegnato anche a consolare coloro che piangono, dopo il nostro padre Giacobbe, il giusto. La morte
sorprese Debora, la nutrice di Rebecca, sua madre, e Rachele mor presso di lui durante il suo viaggio.
Si sedette allora emettendo lamenti e pianti e grandi grida di dolore. Ma tu, nella tua bont
misericordiosa, gli sei apparso e lhai benedetto, tu lhai benedetto con le benedizione di coloro che
piangono, e lhai consolato. (S. P. Carbone G. Rizzi, Le Scritture ai tempi di Ges, op. cit., 95).

Lattivit del meturgeman non comporta sempre interventi cos cospicui, ma perlopi si verifica a
livello di brevi glosse, comunque assai significative, perch veicolano i punti qualificanti della teologia
rabbinica. Ancora a modo di esempio, mostriamo quanto avviene ad esempio nel caso del libretto di
Giona, dove sono abbondanti le brevi glosse, spesso in funzione antiidolatrica, oppure come esortazioni
alla preghiera, come riprese della tipologia dellesodo, come affermazioni di fede nella risurrezione. Per
il primo tema, si veda quanto avviene in Giona 1,5. Il testo ebraico dice: I marinai impauriti
invocavano ciascuno il proprio dio, mentre la glossa del Tg Gio 1,5 afferma: Pregarono ciascuno
la sua divinit, ma videro che non cera in essi vantaggio. Sempre in Giona, quando il riottoso
profeta viene buttato nelle acque marine e inghiottito dal grosso pesce, incomincia a pregare e qui ha
loccasione per ribadire la fede nella risurrezione. Infatti Giona 2,67 ha il seguente tenore nel testo
ebraico:
6
Le acque mi hanno sommerso fino alla gola, labisso mi ha avvolto, lalga si avvinta al
mio capo.
7
Sono sceso alle radici dei monti, la terra ha chiuso le sue spranghe dietro a me per sempre.
Ma tu hai fatto risalire dalla fossa la mia vita, Signore mio Dio.
Il targumista glossa in questo modo: Mi avevano sommerso fino alla morte le acque; come si vede,
fino alla morte sostituisce prende alla gola. Cos diventa pi evidente quanto afferma il Targm
nel v. 7: davanti a te far salire dalla distruzione la mia vita. In tal modo, attraverso levocazione
dellimmagine della morte, viene evidenziata anche la fede nella risurrezione dalla morte. Per quanto
poi riguarda la tipologia dellesodo evocata da Giona, chiarissima in Giona 2,6, dove nel Targm si
legge: Mi avevano sommerso fino alla morte le acque, labisso era tutto intorno a me, il mare di
Suf gravava sulla mia testa.
Il lavoro dei targumisti si rivela dunque particolarmente importante per comprendere il modo con cui
il giudaismo, gi prima dellera cristiana e ancor pi nei secoli successivi, legge le Scritture nella luce
della tradizione rabbinica. Cos il targm contribuisce a radicare biblicamente la tradizione, liberandola
da elementi spur e fornendo nel contempo un commento alla Scrittura, che viene considerata come
realt dinamica, in progresso o, come dice appunto il rabbinismo, quale Miqra, cio Lettura. Il targm
enfatizza perci il momento del lettore, quasi quale nuovo autore del testo letto.
11.3.1 Il rapporto tra Targm e Midra
Prima di entrare in alcuni chiarimenti circa il rapporto tra Targm e Midra opportuno precisare il
concetto di midra. Il termine deriva dallebraico dr, che significa ricercare. Propriamente, il
termine piuttosto generico e si riferisce ad ogni ricerca sulla Scrittura pi tecnica o pi omiletica. Oggi
divenuto lequivalente di commentario sulla Scrittura, con un intento di attualizzazione e di
ostensione delle ricchezze implicite. Usando il termine in accezione restrittiva, esso indica il commento
ad un versetto, ad un passo o a un libro della Scrittura secondo determinate regole interpretative.
81

allora improprio considerare il midra come un genere letterario, se non ad alcune precise condizioni,
e cio ripetute allusioni o riprese del testo commentato e linserimento, nel corso della discussione, di
altri testi biblici ritenuti connessi, in modo primario o secondario. Per quanto riguarda ledizione
dei midram come opere scritte, lepoca di molto successiva al Nuovo Testamento. Ci non impedisce
che vi siano molti elementi utili per intendere. Per i midram bisogna distinguere almeno tre tipologie:
il midra peer, il midra halakah e il midra haggadah.
a. Il termine peer significa interpretazione; indica il tipo di midra particolarmente in voga a
Qumran. Concretamente, il testo biblico seguito da una sua attualizzazione, introdotta a sua volta
da una formula stereotipata del tipo tale il peer del passo, oppure il suo peer riferito a.
Il midra peer si limita ad identificare gli avvenimenti e le persone citate nella Scrittura con
persone e avvenimenti del tempo dellautore del midra.
b. Il midra halakah si riferisce ad un commento biblico riguardante le regole e le norme etiche e
giuridiche di interesse individuale o comunitario
c. Il midra hagadah (pl.: haggadt; dal verbo ebraico haggid, raccontare) designa un metodo di
commento in cui il passo biblico viene proposto con finalit omiletiche, sviluppando un racconto
parallelo, cio inserendo informazioni sul modo di vivere, leggende, parabole, proverbi, ricordi
aneddotici. Tale metodo ha pi chiaramente scopi edificanti, rispetto al midra halakico. anche
il tipo di commentario rabbinico che ha riscosso pi simpatia ed attenzione, proprio per loriginalit
del procedimento e la ricchezza dei racconti proposti.
Per quanto riguarda il corpus dei midram possiamo distinguere tre gruppi di opere:
a. Il midra scolastico proviene dalle accademie e offre unesegesi scrupolosa, versetto per versetto.
In questo gruppo segnaliamo le seguenti opere: Mekilta der. Ishmael (commentario allEsodo, III
secolo); Mekilta der. Simeon ben Joh)ai (commentario allEsodo, IVV secolo); Sifra
(commentario al Levitico, III secolo); Sifre Numeri (III secolo); Sifre Deuteronomio (III
secolo), Genesi Rabba (commentario alla Genesi, V secolo), Cantico Rabba (commentario al
Cantico dei Cantici, VI/VIII secolo).
b. Il midra sinagogale ha come luogo ideale il culto sinagogale, e ha lo stile non del commento
versetto per versetto ma di una serie di omelie tenute a partire da determinati versetti scritturistici,
letti nella liturgia sinagogale (Levitico Rabba V/VI secolo; Pesiqta derab Kahana IIIV
secolo; Pesiqta Gabbati; Tanh)uma).
c. Il midra narrativo non caratterizzato dal luogo dorigine e di trasmissione dei testi, bens dallo
stile adottato, e cio quello di una sorta di riscrittura della storia biblica, colmando lacune e
rendendo edificanti alcune altre vicende. Tra questi midram segnaliamo: Seder Olam Rabba (III
IV secolo); Pirqe de.rabbi Eliezer (VIII secolo); Sefer Josippon (X secolo); Midra dei Dieci
Comandamenti (VIIX secolo).
Chiarito il concetto di midra, possiamo mostrare il passaggio dal targm al midra vero e proprio,
notando come il targm stesso testimoni gli inizi del metodo midrashico. Riprendiamo tale esempio
dallopera gi citata di Carbone Rizzi, a proposito di uno dei brani pi amati dalla letteratura
midrashica e targumica, cio il racconto della Aqedah, la legatura di Isacco:
1
Dopo queste cose, Dio mise alla prova Abramo e gli disse: Abramo, Abramo!. Rispose:
Eccomi!.
2
Riprese: Prendi tuo figlio, il tuo unico figlio che ami, Isacco, v nel territorio di Moria
e offrilo in olocausto su di un monte che io ti indicher.
3
Abramo si alz di buon mattino, sell lasino,
prese con s due servi e il figlio Isacco, spacc la legna per lolocausto e si mise in viaggio verso il
luogo che Dio gli aveva indicato.
4
Il terzo giorno Abramo alz gli occhi e da lontano vide quel
luogo.
5
Allora Abramo disse ai suoi servi: Fermatevi qui con lasino; io e il ragazzo andremo fin
lass, ci prostreremo e poi ritorneremo da voi.
6
Abramo prese la legna dellolocausto e la caric sul
figlio Isacco, prese in mano il fuoco e il coltello, poi proseguirono tutte due insieme.
7
Isacco si rivolse
al padre Abramo e disse: Padre mio!. Rispose: Eccomi, figlio mio. Riprese: Ecco qui il fuoco e
82

la legna, ma dov lagnello per lolocausto?.
8
Abramo rispose: Dio stesso provveder lagnello per
lolocausto, figlio mio!. Proseguirono tutte due insieme;
9
cos arrivarono al luogo che Dio gli aveva
indicato; qui Abramo costru laltare, colloc la legna, leg il figlio Isacco e lo depose sullaltare, sopra
la legna.
10
Poi Abramo stese la mano e prese il coltello per immolare suo figlio.
11
Ma langelo del
Signore lo chiam dal cielo e gli disse: Abramo, Abramo!. Rispose: Eccomi!.
12
Langelo disse:
Non stendere la mano contro il ragazzo e non fargli alcun male! Ora so che tu temi Dio e non mi hai
rifiutato tuo figlio, il tuo unico figlio.
13
Allora Abramo alz gli occhi e vide un ariete impigliato con
le corna in un cespuglio. Abramo and a prendere lariete e lo offr in olocausto invece del
figlio.
14
Abramo chiam quel luogo: Il Signore provvede, perci oggi si dice: Sul monte il Signore
provvede (Gn 22,114 traduzione CEI).

Ecco come il Targm rende il medesimo testo (il testo riportato tratto da S. P. Carbone G. Rizzi, Le
Scritture ai tempi di Ges, op. cit., 109110):
E avvenne, dopo questi avvenimenti, che YHWH mise alla prova Abramo per la decima volta
2
e gli
disse: Abramo! Abramo rispose nella lingua del santuario,
3
e Abramo gli disse: EccomiIsacco disse:
Ecco il fuoco e la legna, ma dov lagnello per lolocausto? Abramo rispose: Davanti a YHWH sta
preparato per lui lagnello per lolocausto. Se non sei tu lagnello per lolocausto.
4
E andarono tutti e
due assieme con un cuore perfetto. E vennero nel luogo che YHWH aveva indicato e Abramo costru
laltare, dispose la legna, leg suo figlio Isacco e lo mise sullaltare sopra la legna. E Abramo stese la
mano e prese il coltello per immolare suo figlio Isacco. Isacco prese la parola e disse ad Abramo suo
padre: Padre mio, legami bene, in modo che io non ti impedisca e che la tua offerta non sia resa
invalida, e che io non sia gettato nella fossa della perdizione del mondo futuro. Gli occhi di Abramo si
volsero verso gli occhi di Isacco e gli occhi di Isacco si volsero verso gli angeli su in alto. Isacco li
vide,
5
ma Abramo non li vide. In quello stesso momento venne una voce dal cielo e disse: Venite a
vedere i due soli che ci sono al mondo. Luno immola e laltro immolato. Colui che immola non si
rifiuta e colui che immolato presenta la gola. E langelo di YHWH lo chiam dai cieli e gli disse:
Abramo! Abramo rispose nella lingua del santuario. Eccomi. Gli disse: Non stendere la mano sul
ragazzo e non fargli alcun male, poich io so che tu ora temi YHWH e non gli hai negato il tuo figlio,
il tuo unico figlio. Abramo alz gli occhi e guard: ed ecco che vi era un ariete tra gli alberi, impigliato
per le corna. Abramo land a prendere e loffr in olocausto al posto di suo figlio. Allora Abramo rese
culto e preg il nome della Parola di YHWH e disse: Io ti prego, per il tuo stesso amore, o YHWH.
Tutto scoperto e conosciuto davanti a te. Ora, non c stata divisione nel mio cuore al momento in
cui tu mi hai detto dimmolare Isacco mio figlio e di renderlo polvere e cenere davanti a te. Ma subito
io mi sono levato allalba e con zelo ho portato a compimento la tua Parola e con gioia ho eseguito la
tua decisione. Ma ora, io ti prego per la tua misericordia, allorch i figli dIsacco si troveranno in un
tempo di difficolt, ricordati della legatura dIsacco loro padre ed ascolta la voce delle loro suppliche.
Esaudiscili e liberali da ogni tribolazione. Cos le generazioni future diranno: Sulla montagna del
Santuario di YHWH dove Abramo offr Isacco suo figlio, su questa montagna gli apparsa la gloria
della Presenza di YHWH.

Si pu fare un confronto con Midra Genesi Rabbah (il testo riportato tratto da S. P. Carbone G.
Rizzi, Le Scritture ai tempi di Ges, op. cit., 110):
Unaltra spiegazione: Disse R. Jishaq: Quando Abramo stava per legare Isacco suo figlio, questi gli
disse: Padre, io sono giovane e ho paura che forse tremi il mio corpo per la paura del coltello, mi
faccia del male e forse la macellazione non sia valida e non ti sia considerato quale sacrificio: dunque
legami bene e subito. E leg Isacco suo Figlio (Gn 22,9). Pu un uomo legare un figlio di 37 anni senza
il suo consenso? Subito stese Abramo la sua mano (Gn 22,10). Stendeva la mano per prendere il
coltello e dai suoi occhi scendevano le lacrime, e le lacrime che provenivano dalla compassione
83

paterna cadevano sugli occhi dIsacco, tuttavia egli era felice di eseguire la Volont del suo Creatore,
mentre gli angeli si raccoglievano in schiere al disopra, e che cosa dicevano? Sono deserte le strade
ed cessato il transito per le vie, stata infranta lalleanza, ha disprezzato la citt (Is 33,8). Non si
compiace pi di Gerusalemme e del Santuario che aveva intenzione di dare in possesso ai discendenti
di Isacco. Non si tiene conto delluomo. Non sussiste il merito di Abramo. Nessuna creatura
considerata ai suoi occhi. Disse Rabbi Aha: Abramo cominci a meravigliarsi: questi fatti non sono
altro che fatti che portano stupore! Ieri dicesti: la tua discendenza prender il nome da Isacco (Gn
21,12), ed oggi hai cambiato e hai detto: prendi tuo figlio (Gn 22,2). Ed ora tu mi dici: Non mettere le
mani addosso al ragazzo! Gli disse il Santo, che egli sia benedetto: Abramo, non infranger mai la
mia alleanza ed il detto delle mie labbra non muter (Sal 89,35), la mia alleanza manterr con Isacco.
Quando ti ho detto: Prendi tuo figlio, non ti ho detto: Scannalo, ma: Fallo salire (gioco sul TE della
radice lh, che pu voler dire olocausto o salire). Te lho detto per amore, lhai fatto salire ed hai
eseguito il mio ordine, ora fallo scendere.
11.4 Caratteristiche peculiari della traduzione targumica
Abbiamo visto lo stretto rapporto esistente tra Targm e Midra, ma le due realt non vanno confuse. Infatti
il testo targumico resta sempre una traduzione e non un commentario; proprio questo il carattere che
lo distingue dai midram. Entrando poi nel merito delle caratteristiche specifiche della traduzione
targumica, si tocca anche la questione dellesistenza di una specifica ermeneutica targumica. Il grande
studioso dei targmm, R. Le Daut, ha indicato sei tratti tipici del Targm: traduzione connessa con la
liturgia sinagogale, traduzione di carattere popolare, traduzione che deve essere compresa immediatamente,
traduzione di un libro sacro, traduzione della Bibbia considerata come ununit, traduzione che intende
attualizzare la Bibbia (citazione da M. Prez Fernndez, La letteratura rabbinica, in G. Aranda Prez F.
Garca Martnez M. Prez Fernndez, La letteratura giudaica intertestamentaria, Edizione italiana a cura
di D. Maggiorotti (= ISB 9), Brescia, Paideia Editrice, 1998, 486).
Sostando ora sul carattere popolare della traduzione targumica, si pu notare come il meturgeman non
comunichi al proprio uditorio il percorso esegetico che gli consente di pervenire ad una determinata
alla traduzione. Lesegesi sta dietro la traduzione offerta, ma non dunque esplicitata nel suo percorso
midrashico.
Forniamo qui un esempio, quale illustrazione di questa scelta proforistica, traendolo dallo studio di M.
Prez Fernndez:
Num 11,2 dice: Il popolo grid a Mos affinch intercedesse per loro. Lintegrazione consiste in una
precisazione teologica che viene fornita al pubblico sinagogale come interpretazione ovvia. Dietro a
questa integrazione vi tuttavia uninteressantissima discussione tra i rabbi sullesattezza e
opportunit dellespressione biblica (il popolo grid a Mos), che potrebbe far pensare che il popolo
credesse che Mos era Dio. In Sifre Num 86,1 la discussione si svolge come segue:
Il popolo grid a Mos (Num 11,2). Mos poteva forse aiutarli? Non sarebbe stato pi corretto dire:
Il popolo grid al Signore? Allora cosa intende dire il testo: Il popolo grid a Mos? R. Simeon era
solito raccontare una parabola. A chi assomiglia questo? A un re in carne ed ossa che si adir contro
il figlio; il figlio si rec da un amico del re e gli disse: Esci e intercedi per me davanti a mio padre.
Cos allo stesso modo gli israeliti si recarono presso Mos per chiedergli: Intercedi per noi davanti
allOnnipotente (M. Prez Fernndez, La letteratura rabbinica, op. cit., 486).

Il fatto poi che si traduca un testo sacro, porta a trasformare frasi poco convenienti, a mitigare
espressioni ardite, ad introdurre frequentemente il passivo teologico, a rendere astratte alcune
espressioni riferite a Dio e comportanti organi corporei (come, ad es., braccio o mano vengono
tradotte talora con potere). Non sempre, per, il Targm evita gli antropomorfismi, e non mostra
84

una tendenza regolare ed uniforme, riflettendo in ci il fatto che dietro ad esso vi sta una pluralit di
traduttori con sensibilit diverse.
Per quanto poi riguarda la concezione della Bibbia come unit, vuol dire che si cerca di spiegare la
Bibbia con la Bibbia, armonizzando le contraddizioni e colmando le lacune, servendosi di altri testi
biblici e sorvolando invece distanze cronologiche e spaziali.
Infine laspetto pi singolare certamente comunque il procedimento di attualizzazione a cui la
traduzione tende. Si pensi, ad esempio, a quanto avviene nel Targm di Neophiti I su Gn 3,15. Questo
versetto nel TM suona cos: Io porr inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe:
questa ti schiaccer la testa e tu le insidierai il calcagno. Il TM non ha significato messianico; la
stirpe di cui si parla lumanit e il termine usato zera
c
(seme), che al maschile; segue il
dimostrativo h, che anchesso maschile, reso per dalla CEI con il femminile questa, in riferimento
alla discendenza. Nei LXX il termine zera
c
viene reso con sprma, che neutro, ma poi viene
concordato con un auts, pronome personale maschile e singolare. Tutto ci lascia trasparire una certa
lettura messianica; la Vulgata giunge poi a tradurre il medesimo termine con ipsa al femminile,
introducendo un senso mariologico. Sul medesimo versetto il Targm lavora in modo davvero
caratteristico, intrecciando parenesi, dimensione escatologica e speranza messianica:
Io porr inimicizia tra te e la donna, tra i tuoi figli e i suoi figli. E accadr che quando i suoi figli
osserveranno la legge e metteranno in atto i comandamenti, ti additeranno e ti schiacceranno il capo
e di uccideranno. Ma quando abbandoneranno i comandamenti della legge, tu li additerai e colpirai
il loro calcagno e li renderai infermi. Soltanto dei suoi figli avr cura, e di te, serpente, non si curer,
poich essi saranno pronti a riconciliarsi nel calcagno (= cureranno il calcagno) nel giorno del re
messia (citato in M. Prez Fernndez, La letteratura rabbinica, op. cit., 489).
11.5 I vari Targmm
I Targmm pervenutici si distinguono in due forme essenziali: la palestinese, pi antica, e la
babilonese, pi recente e rappresentante una revisione dei precedenti testi palestinesi, operata a
partire dal V secolo d. C.
11.5.1 Il Targm palestinese
Si designa con questo termine non una recensione unificata, bens un complesso di tradizioni
esegetiche che hanno come ambiente dorigine appunto la terra dIsraele. Questo Targm non ha mai
avuto unedizione ufficiale e quindi non ci mai pervenuto in una forma testuale autorevole; infatti i
manoscritti prevenutici presentano profonde differenze. Oggi il Targm palestinese conosciuto in due
forme: una detta erroneamente dello PseudoJntn, indicato con la sigla TPs. Gnt. o meglio con la
sigla TgJ, che in realt andrebbe letta come Targm J
e
ralm I; laltra forma incompleta,
frammentaria, e ci conservata in varianti marginali presenti nel Targm di Onq
e
ls (che un Targm
babilonese); si tratta del cosiddetto Targm J
e
ralm II. Questo Targm, noto anche con la sigla Tg
Fragm, conserva solo 800 versetti del Pentateuco.
Per quanto riguarda il TgJ I, secondo un grande esperto della letteratura targumica sarebbe oggi il
risultato di una revisione del Targm di Onq
e
ls (sigla Tg Onk); per ricostruire lantico Targm
palestinese sono particolarmente utili i frammenti della Geniza del Cairo.
Il manoscritto di Neophyti I (sigla N), scoperto da Diez Macho nel 1956, allinterno della Biblioteca
Vaticana, appare testimoniare il Targm palestinese nella forma dei frammenti della Geniza del Cairo
e il TgJ II.
85

11.5.2 Il Targm babilonese
Il Targm babilonese viene redatto a Babilonia ed ha i suoi testimoni pi noti nel Targm di Onq
e
ls,
dedicato al Pentateuco, e nel Targm di Jntn per i Profeti. Il primo ha la sua redazione nel IVV
secolo, mentre il secondo viene redatto nel VII secolo La redazione pi tardiva non comporta
necessariamente che i materiali presenti siano pi recenti, in quanto il Targm babilonese raccoglie
molto spesso materiali pi antichi, di origine palestinese.
Venendo al Targm di Onq
e
ls, bisogna notare come sia stato munito della puntuazione masoretica e
sia il frutto di una redazione accademica in lingua non vernacolare, ma letterariamente colta. Questo
Targm si impose progressivamente non solo nellambiente babilonese, ma anche in territorio
palestinese, facendo cadere in disuso i precedenti Targmm.
Per il Targm sui Profeti, detto Targm di Jntn, risulta meno letterale e pi perifrastico rispetto a
quello di Onq
e
ls; lamore per la perifrasi particolarmente evidente nei Profeti posteriori.

In sostanza, tra i due centri di Palestina e di Babilonia vi stata unosmosi profonda circa la produzione
dei Targmm. Sembra infatti che una recensione dellantico Targm palestinese, comprendente la
Trh quanto i Profeti, sia stata portata a Babilonia prima della rovinosa fine della rivolta di Bar
Kokhba, e quindi prima di una sua revisione galilaica. In Babilonia fu a sua volta profondamente
revisionato per conformarlo meglio sia al testo ebraico che allhalakah del rabbinismo babilonese. Non
si ebbe per una riscrittura del Targm nellaramaico babilonese: il Targm rimase fondamentalmente
nel suo dialetto originario.
Il movimento poi si inverte, quando i Targmm babilonesi ritornano allovest, affiancandosi nelluso
al Targm palestinese ed esercitando su questo una profonda influenza, fino a sostituirlo.
11.6 Appendice: La letteratura minica e talmudica
Pagine tratte da E. Testa, Usi e riti degli ebrei ortodossi, Jerusalem, Franciscan Printing Press, 1978, 2125.
La letteratura minica e talmudica ha per oggetto la tradizione orale, che fu creduta mosaica e
tramandata dalla catena: Giosu, gli Anziani, i Profeti, ma che, in realt, fu una deduzione esegetica,
pi o meno letterale, e pi o meno fondata sulla Sacra Scrittura. Gli organi di queste deduzioni furono
le varie scuole rabbiniche, che vollero dare un fondamento biblico agli usi, costumi e riti dellEbraismo
contemporaneo, specialmente quella di Tiberiade. Questo lavoro che pu essere controllato oggi, va dal
I secolo a. C. al II secolo d. C. (cfr. il Pirq Abt e i Midraim). Essendo vario e slegato, si sent il bisogno
di organizzarlo e nacquero da questa tendenza due interessanti raccolte.
11.6.1 La raccolta della Minh
La prima raccolta fu fatta dal famoso Patriarca R. Giuda, detto HaNasi, il principe, o Rebbenu Ha
Qado, il nostro Maestro, il Santo, che visse dal 135 al 220 d. C. e fu amico dellimperatore Antonino
Pio. Nella Minh (o ripetizione della Legge), il grande Rabbino raccolse, in sei ordini (detti sedarm),
tutto il materiale rabbinico precedente, di solito di carattere legislativo (o halakico= che insegna
a camminare) con qualche racconto di carattere narrativo (o aggadico).
Gli ordini sono:
a. lo Zeraim (cio il seme) che ha per oggetto le leggi religiose che riguardano lagricoltura e la fedelt
(emnh) degli ebrei alla Provvidenza;
b. il Moed (determinare) che tratta delle stagioni e del calendario (leggi sulle feste, sul Sabato, ecc.);
c. il Naim (femmine) che tratta del matrimonio, del divorzio e dei voti degli sposati;
86

d. il Nezikin (danni), detto in antico Yeuot (salute) che tratta della legislazione civile e criminale;
e. il Qodaim (le cose sacre) che regola i sacrifici, gli oggetti consacrati e i riti;
f. il Tohorot (purit) che tratta della purit legale.
Questi ordini contengono vari trattati (sono 63) e molti capitoli, divisi a loro volta in paragrafi, detti
minayyot.
11.6.2 La raccolta di Tosefta
Una seconda raccolta, contemporanea e parallela alla prima, fu la Tosefta, in cui ci sono addizioni e
complementi della Minah. Nel trattato Sanhedrin 86a questa raccolta legata con R. Nehemiah. Essa
ha gli stessi ordini della Minah e i medesimi trattati, esclusi il trattato Avt, Kinnim, Middot e
Tamid. Alcuni paragrafi, chiamati Baraitot (dallar. Brayyet, per straniero, esterno), conservano
tradizioni ed opinioni di Tannaiti non elencate nella Minah.
11.6.3 Il Talmud
Delle due raccolte fu preferita, come testo scolastico, la Minah, secondo il principio generale: Se
Rabbi (cio Giuda il Santo) differisce da tutti gli altri colleghi, la sua opinione fa norma.
Nacquero perci, dal III al VII secolo, vari commenti di essa, chiamati Ghemara. Questi commenti
presto si arricchirono di materiale anche extraminico, specialmente desunto dalla aggada: sicch la
Minah fu accompagnata da parecchio materiale halakico, specialmente di R. Aqiba e di R. Meyr; e da
parecchio materiale aggadico (quasi sconosciuto alla Minah), cio di midraim, di racconti leggendari
e folkloristici, storici e biblici, esegetici e proverbiali, scientifici e religiosi.
Commenti che presero due forme parallele e differenti, secondo le accademie babilonesi e palestinesi.
11.6.4 Il Talmud di Gerusalemme
La Ghemara delle accademie di Cesarea e di Tiberiade form il Talmud Ierualmi, poi attribuito a R.
Johanan ben Nappaha (morto per nel 279, molto prima di tanti commenti contenuti nellopera!).
La Ghemara di questo Talmud palestinese scritta in ebraico e in aramaico occidentale, e contiene un
settimo di materiale aggadico. Questo materiale sar poi raccolto nellopera detta Yefeh Mareh.
Solo gli ordini 1.2.3.4 della Minah posseggono la Ghemarh di questo Talmud; il 5 ordine non stato
commentato e del 6 solo il trattato Niddh. Il commento segue, lemma per lemma, laMinh, con
continue inserzioni e commenti dei rabbini Amoraim e con varie baraitot prese dalla Tosefta.
La migliore edizione stampata ancora quella di Venezia del 1522.
11.6.5 Il Talmud Bably o babilonese
La Ghemara delle accademie babilonesi form il Talmud propriamente detto, che si disse,
dallorigine, Bably, babilonese. Questa opera farraginosa fu attribuita ai Rabbini Ai e Rawina.
La Ghemarh di questo Talmud scritta in ebraico e aramaico orientale e si conserva solo negli ordini
2.3.4 e 5 della Minah. Manca completamente nel 1 ordine, escluso il trattato Berakot e nellordine 6,
escluso il trattato Niddh. Non hanno commento nemmeno i trattati ekalim, Eduyyot,
e Avt. Abbondante (circa 1/3) il materiale aggadico di questo Talmud; materiale che sar poi riunito
da Jacob Ibn Haviv nellopera detta En Yaakov.
La migliore edizione stampata il Talmud babilonese di Wilna, 1886.
87

Dato che nel Talmud si trovano frasi piuttosto puerili nei confronti di Dio e offensive e blasfeme nei
confronti di Cristo e di Maria santissima, si capisce in parte la reazione dei cattolici (specialmente dei
convertiti dallEbraismo lungo i secoli).
Al contrario, per gli ebrei ortodossi, il Talmud, specialmente quello babilonese, costituisce il testo
fondamentale della morale e della dogmatica dellEbraismo. Anzi divent per essi una bandiera di
distinzione da tutte le altre genti: Il Santo, che benedetto sia (cio Dio), dette a Israele due Leggi, la
scritta e la orale. Gli dette la Legge orale, perch potesse distinguersi dalle altre nazioni. Questa non
venne data per iscritto, affinch gli ismaeliti (cio i Cristiani) non potessero appropriarsela, come fecero
per la Legge scritta e dire di essere Israele (Num. R. 14,10).
11.7 Bibliografia
M. J. McNamara, I Targum e il Nuovo Testamento; Le parafrasi aramaiche della Bibbia ebraica
e il loro apporto per una migliore comprensione del Nuovo Testamento (= StBi[Deh] 5), Bologna,
EDB, 1978.
S. P. Carbone G. Rizzi, Le Scritture ai tempi di Ges; Introduzione alla LXX e alle antiche versioni
aramaiche (= Testi e Commenti. La Parola e la sua Tradizione), Bologna, EDB, 1992.
E. G. Clarke, The Bible and translation; The Targums , in Origins and method: Towards a new
understanding of Judaism and Christianity. Essays in honour of John C. Hurd, Edited by B. H.
McLean (= JSNuovo Testamento.S 86), Sheffield, Sheffield Academic Press, 1993, 38093.
Barc, Du temple la synagogue; Essai dinterprtation des premiers targumismes de la Septante ,
in Kata tou Selon les Septante; Trente tudes sur la Bible grecque des Septante; En hommage
Marguerite Harl, Sous la direction de G. Dorival O. Munnich, Paris, Les ditions du Cerf, 1995,
1126.
M. Somekh, Linterpretazione ebraica della Bibbia nei targumim, in La lettura ebraica delle
Scritture, a cura di S. J. Sierra (= BnS 18), Bologna, EDB, 1995, 5973.
M. Prez Fernndez, Il targum, in G. Aranda Prez F. Garca Martnez M. Prez
Fernndez, La letteratura giudaica intertestamentaria, Edizione italiana a cura di D. Maggiorotti
(= ISB 9), Brescia, Paideia Editrice, 1998, 467492.
11.7.1 Alcune edizioni di testi targumici
Les Targoums: textes choisis, Trad. et prs. par P. Grelot (= Cv.S n. 54), Paris, Les ditions du
Cerf, 1985.
R. Le Daut, Targum du Pentateuque, traduction des deux recensions palestiniennes I.
Gense (= SC 245), Paris, Les ditions du Cerf, 1978.
Targum du Pentateuque III: Nombres, d. par R. Le Daut J. Robert (= SC 261), Paris, Les
ditions du Cerf, 1979.
Targum du Pentateuque. Tome IV. Deutronome, traduction des deux recensions palestiniennes
compltes, Avec introduction, parallles, notes et index par R. Le Daut, Avec la collaboration de J.
Robert (= SC 271), Paris, Les ditions du Cerf, 1980.
11.7.2 Per il midra
Le Midrash, Prsent par . Ketterer M. Remaud (= Cv.S n. 82), Paris, Les ditions du Cerf,
1992.
G. Momigliano, Linterpretazione omiletica: il Midrashhaggadah, in La lettura ebraica delle
Scritture, a cura di S. J. Sierra (= BnS 18), Bologna, EDB, 1995, 12745.
88

M. Prez Fernndez, Il midrash, in G. Aranda Prez F. Garca Martnez M. Prez
Fernndez, La letteratura giudaica intertestamentaria, Edizione italiana a cura di D. Maggiorotti
(= ISB 9), Brescia, Paideia Editrice, 1998, 412466.
M. A. Fishbane, Types of Biblical intertextuality, in Congress Volume, Oslo 1998, Edited by A.
Lemaire M. Sb (= VT.S 80), Leiden Boston Kln, E. J. Brill, 2000, 3944.
R. S. Sirat, Introduzione al Midrash, Traduzione dal francese di B. Pedretti, in C. M. Martini et
alii, Il Libro sacro. Letture e interpretazioni ebraiche, cristiane e musulmane, Milano, Bruno
Mondadori Editore, 2002,





























89

12 Le traduzioni di origine cristiana
12.1 Introduzione
La Bibbia non mostra al proprio interno una decisa sacralizzazione della lingua in cui viene redatto il
testo riconosciuto poi come sacro, ma testimonia la possibilit di pi lingue in cui si comunichi la
rivelazione divina e, nel caso specifico, accanto allebraico bisogna registrare laramaico biblico.
Nonostante le comprensibili resistenze, la traduzione del testo biblico in unaltra lingua come il greco
o come laramaico un evento non tardivo, al punto che esso si d mentre ancora in atto il processo
di canonizzazione del testo biblico. Questo significa che lattenzione, ancora prima che sulla forma e sul
veicolo dellespressione linguistica, si rivolta al referente, al messaggio, proprio perch la Bibbia , per
cos dire, eccentrica, non ha dentro di s il proprio centro, ma si presenta come rimando al rivelarsi del
mistero di Dio nella storia e, per il Nuovo Testamento, al rivelarsi di Dio nellevento di Ges, il Cristo.
Quando poi il patrimonio dIsraele, la Bibbia ebraica, viene accolta e riconosciuta come Scrittura
normativa dalla nuova comunit religiosa che, originata nel giudaismo, si diffonde nel mondo dei
Gentili, il fatto della traduzione del testo canonico conosce unulteriore dilatazione e intensificazione.
Nascono cos le versioni di origine cristiana (che ovviamente includono anche il Nuovo Testamento).
Tali versioni sono quelle latine (la Vetus Latina e la Vulgata), quelle siriache
(Diatessaron, Peshitta, Vetus syra) e quelle copte. Oltre a questo sorgono anche la versione armena,
georgiana, etiopica, gotica, paleoslava, e poi tutte le altre in lingue antiche.
Dal punto di vista filologico molte di esse hanno una grande importanza, anche per il fatto che
costituiscono una sorta di monumento culturale della lingua in cui sono state redatte.
Dal punto di vista, invece, della diffusione di una specifica traduzione e dellinflusso culturale esercitato
su una pluralit di ambienti, certamente si segnalano per la loro importanza la Vetus Latina e, ancor
pi, la Vulgata.
12.2 La Vetus Latina
La versione latina antica generalmente nota come Vetus Latina. Si tratta non di ununica
traduzione, ma dellinsieme di traduzioni anteriori alla versione Vulgata, eseguita da
Gerolamo alla fine del IV secolo. Per avere i primi indizi di una traduzione latina antica del testo biblico,
dobbiamo riferirci ai testi dei Padri latini. Cos, negli scritti di Tertulliano ritroviamo numerose
citazioni bibliche, dallorigine incerta, che lasciano il dubbio circa lesistenza di una traduzione latina.
Qualche decennio pi tardi, per, Cipriano di Cartagine (martirizzato nel 258 d.C.), per le sue
citazioni ricorre ad una traduzione latina il cui testo coincide con quello di manoscritti posteriori.
Questa versione, per quanto si riferisce al Primo Testamento, traduce non dallebraico, ma dal greco,
da un testo anteriore alla recensione origeniana. Tale versione viene detta, per la sua
origine, africana. Il testo africano subisce adattamenti al linguaggio liturgico delle varie comunit
celebranti in lingua latina, in Italia, in Gallia, in Spagna, per cui si assiste alla circolazione di diverse
recensioni, che denominiamo europee. Le discordanze tra di loro, pi che allesistenza di varie
traduzioni, attestano lesistenza di recensioni molto libere, cosa che porter Agostino a lamentarsi della
confusione testuale regnante (vitiosissima varietas), tale da essere intollerabile.
Per quanto riguarda la lingua utilizzata per questa traduzione latina, si era preferito lidioma
vernacolare, molto distante dal linguaggio letterario. Ecco perch si pens ad una sostituzione con
unaltra traduzione, peraltro non totale, cosa alla quale procedette Gerolamo con la sua Vulgata.
Limportanza della Vetus Latina, oltre che dal punto di vista strettamente biblico, sta nel fatto che
una testimonianza assolutamente rilevante per la storia della lingua latina e del linguaggio liturgico
nelle chiese dOccidente.
90













Lattestazione manoscritta della Vetus Latina piuttosto precaria, in quanto i manoscritti del Primo
Testamento sono scarsi e frammentari. Merita una speciale attenzione il Codex Gothicus
Legionensis, che un manoscritto della Vulgata, del X secolo, ma che fornisce lezioni marginali tratte
dalla Vetus Latina. Per la conoscenza di questultima sono importanti anche le citazioni dei Padri,
qualche volta molto libere ma talora fedelissime, come il caso delle opere di Lucifero di Cagliari o
dello Speculum de Divinis Scripturis dello PseudoAgostino.
La rilevanza della Vetus Latina, per i problemi della critica testuale del Primo Testamento, sempre
pi riconosciuta, come mostra la bibliografia specificamente dedicata allargomento.
Concretamente, il monumento testuale della Vetus Latina, costruito ricorrendo significativamente alle
citazioni, resta ancora lopera in tre volumi di P. Sabatier, edita a Reims nel 174549, e a Parigi nel 1751
con il titolo Bibliorum Sacrorum Latinae Versiones Antiquate seu Vetus Italica.
Diverso invece il discorso della Vetus Latina del Nuovo Testamento, di cui si conservano 32
manoscritti incompleti dei vangeli, 12 degli Atti degli Apostoli, 4 dellEpistolario paolino, e 1
dellApocalisse.
Per altre immagini, approfondimenti e edizioni della vetus Latina si veda: www.vetus
latina.de ewww.vetuslatina.org.
12.3 La Vulgata
Questo termine invalso dal XVI secolo per indicare la traduzione fatta da Gerolamo verso la fine del
IV secolo e inizio del V. La ragione che essa divenne la versione divulgata e ufficiale per la chiesa
latina. La traduzione di Gerolamo, infatti, soppianta il testo della Vetus Latina, proprio perch lo stile
di questa sembrava troppo rozzo e la pluralit di varianti esistenti generava una confusione ritenuta
inaccettabile. Inoltre dobbiamo ricordare che il cammino di Gerolamo era stato spianato (almeno per
il Nuovo Testamento) dai grandi manoscritti onciali greci, che rispondevano alle esigenze degli
ambienti colti. Gerolamo, che aveva ricevuto la sua formazione nelle migliori scuole esegetiche
dellOriente e aveva appreso lebraico da rabbini giudei, ebbe la possibilit di conoscere, durante il suo
soggiorno a Betlemme (385420), la biblioteca che Origene e poi Eusebio avevano creato a Cesarea.
Non invece storicamente fondata la notizia che nel 382 papa Damaso lavesse ufficialmente incaricato
di una traduzione di tutta la Bibbia; tale incarico, al massimo, pu aver riguardato il testo dei quattro
vangeli. Il lavoro di Gerolamo non dunque lesecuzione di un piano stabilito, n il frutto di un metodo
omogeneo, ma piuttosto di istanze e di adattamenti diversi.
Figura 18 Codex Monacensis (vetuslatina.org)
Figura 19 Codex Bobbiensis (vetuslatina.org)
91

Entrando nei dettagli, la prima versione del Salterio fu compiuta da Gerolamo sul testo greco, e non sul
testo ebraico. Essa and ben presto perduta e non identificabile n con il Salterio romano usato
tuttoggi nella Basilica di S. Pietro n con il Salterio Gallicano.
Gerolamo, dopo aver riveduto la versione della Vetus Latina della Genesi (392), cambi metodo di
lavoro e cominci ad operare direttamente sul testo ebraico e a tradurre da esso. Emerge quindi il
principio importantissimo, dal punto di vista della traduzione, di ritornare al testo originale,
allhebraica veritas. Questo principio, secondo alcuni autori, sarebbe stato per Gerolamo, almeno
in una prima fase, pi un richiamo alle revisioni giudaiche della LXX, che al testo ebraico come tale.
Comunque Gerolamo si avvicina sempre pi al testo ebraico e inizia a lavorarci con la versione di 12
Samuele, 12 Re, oppure con la versione dei libri profetici. Tra i libri tradotti in seguito vi il
Salterio iuxta Hebraeos, Giobbe, 12 Cronache, EsdraNeemia, i libri di Salomone, lOttateuco
(Pentateuco + Giosu + Giudici + Rut) ed Ester.
Gerolamo non tradusse i libri deuterocanonici del Primo Testamento, conformemente al suo principio
della hebraica veritas, con leccezione di Tobia e di Giuditta (che tradusse da un testo aramaico),
nonch le parti deuterocanoniche di Daniele, tradotte dalla versione greca di Teodozione, nonch le
aggiunte greche di Ester. Sar la tradizione manoscritta della Vulgata ad incorporare traduzioni latine
degli altri testi deuterocanonici.
Ci si consenta anche una parola sulla traduzione del Nuovo Testamento da parte di Gerolamo. Egli
inizi la versione dei vangeli, quella che poi si diffuse maggiormente attraverso la liturgia, nel momento
stesso in cui avviava la traduzione del Salterio dal testo ebraico. La traduzione dei vangeli, in questo
senso, ancora opera di un principiante ed nel complesso di buon livello qualitativo, anche se
Gerolamo non fu del tutto fedele al principio di mantenere il pi possibile il testo della Vetus Latina, in
quanto testo tradizionale della liturgia. Questo spiega le difformit presenti nella traduzione dei testi
evangelici circa locuzioni identiche. Per quanto poi riguarda il testo greco, Gerolamo si attenne
fondamentalmente ad un testo alessandrino. La traduzione del resto del Nuovo Testamento, non
avvenne tutta ad opera di Gerolamo, anzi, molti studiosi ritengono che Gerolamo si sia limitato a darne
limpostazione e lavvio, e vi abbia operato concretamente Rufino il Siro, che segu i princpi del maestro
in modo sistematico, e complet lopera a Roma nel 405.
12.3.1 La storia della Vulgata
La reazione ecclesiale alla versione di Gerolamo non fu, allinizio, di plauso, ma ostile, e solo con il
secolo VII essa si impose nella chiesa di Roma, fino a divenire concretamente il testo ufficioso. Di fatto
la Vulgata si diffuse in tutto lOccidente, come provato dai numerosissimi manoscritti che ancora oggi
possediamo (oltre 8.000; contando i manoscritti frammentari pi piccoli, il numero sale ad oltre
30.000). Tutta la vicenda testuale della Vulgata, a partire gi dalla complessit della sua origine, rende
assai difficoltosa la ricostruzione di un testo originale. I manoscritti, comunque, vengono classificati
secondo le regioni di provenienza in tre grandi famiglie: italici, spagnoli, insulari (irlandesi e
anglosassoni). A queste famiglie si aggiungono anche i manoscritti gallici del IX secolo, che riportano
le recensioni di Alcuino e Teodolfo. I pi importanti manoscritti sono comunque quelli italici, visto che
la Vulgata si diffuse specialmente in Italia. I manoscritti della Vulgata vengono designati con la lettera
maiuscola che indica liniziale del loro nome: A (Amiatinus o Ottobanius), F (Fuldensis), G, M, R, Z, ,
e il palinsesto di Autun.
92

Gi prima del Concilio di Trento la Vulgata vede una serie di edizioni a
stampa (oltre un centinaio dalla prima opera dello stesso Gutenberg, la
cosiddetta Bibbia Mazarina) (per sfogliare la Bibbia di
Gutenberg, clicca qui). Vi furono i primi tentativi di edizioni critiche,
nel senso che si realizzarono su codici antichi. Notevoli sono
la Complutense (1522) nellomonima poliglotta, e ledizione
della poliglotta parigina di Roberto Estienne.
Gi alla luce di questa ricca vicenda della recezione del testo
della Vulgata e del suo larghissimo uso, si pu intuire quanto sia grande
il suo significato culturale. Anche il suo valore intrinseco non affatto
trascurabile in quanto in tale traduzione sono confluite le antiche
tradizioni testuali ed esegetiche del mondo ebraico, greco e latino, sia per
quanto riguarda la sua presenza nella divulgazione del testo biblico in
tutto lOccidente.
Certamente il diffondersi del testo port anche delle contaminazioni e
dei processi di corruzione, a cui si cerc di riparare con le revisioni di
Cassiodoro (m. 570) e di Alcuino (m. 804). Questultimo apport forti
tracce di ciceronianismo al testo della Vulgata. Ci per un verso risponde
al fatto che Gerolamo non disdegn di ispirarsi al latino classico, dallaltro ignora che Gerolamo volle
conservare pi volgarismi di quanti Alcuino fosse disposto ad accettare. Peraltro le revisioni medievali
contribuirono non alla restituzione del testo geronimiano, bens causarono un ulteriore processo di
corruzione testuale, che affligge gran parte dei manoscritti della Vulgata.
Bisogna aspettare il Rinascimento per una reazione alla corruzione del testo della Vulgata, a
cominciare dal lavoro di Lorenzo Valla (1440). Il nuovo clima culturale, dove cresce il movimento di
ritorno al testo originale, favorisce questa restituzione del testo della Vulgata. Daltra parte proprio il
medesimo movimento favoriva ed esigeva il ritorno al testo greco originale (almeno del Nuovo
Testamento).
12.3.2 La Vulgata come Bibbia ufficiale della chiesa cattolica: il Concilio di Trento
La Vulgata conosce il momento pi significativo della storia della sua diffusione con il Concilio di
Trento. Davanti al proliferare di nuove traduzione bibliche che
veicolavano anche lo spirito della Riforma protestante, il Concilio di
Trento prese una determinazione circa la Bibbia ufficiale della chiesa
cattolica latina.
Cos si ebbe uno specifico decreto (Insuper), emanato nella IV sessione
dell8 aprile 1546: Lo stesso sacrosanto Sinodo, considerando che non
sar di poca utilit per la chiesa di Dio sapere chiaramente tra tutte
edizioni latine in circolazione qual ledizione autentica dei libri sacri
(quaenam pro authentica habenda sit), stabilisce e dichiara che lantica
edizione della Vulgata, approvata (probata) dalla stessa chiesa da un uso
secolare, deve essere ritenuta come autentica nelle lezioni pubbliche, nelle
dispute, nella predicazione e spiegazione, e che nessuno, per nessuna
ragione, pu avere laudacia o la presunzione di respingerla (Enchiridion
Biblicum 61).
Il termine autenticit usato dal Concilio dar origine a vive discussioni,
cui porr fine la Divino afflante Spiritu di Pio XII, che ne chiarir il
significato: authentica da intendersi in senso giuridico, e cio costituisce un testo di forza probativa
Figura 20 Codex Amiatinus (VIII
secolo)
Figura 21 Vulgata Sixtina del
1590
93

in maniera di fede e di costumi. Autentica non significa per autenticit
critica che, nel caso delle versioni, significa lattendibilit e la fedelt
rispetto al testo originale in tutti i suoi punti.
In definitiva premeva al Concilio di Trento affermare la conformit
sostanziale del testo in uso nella liturgia e nellinsegnamento. Il Concilio
di Trento aveva richiesto unedizione critica ufficiale della Vulgata (Il
Concilio prescrive e stabilisce che dora in poi lantica edizione della
Scrittura detta Vulgata sia stampata secondo la versione pi corretta
[Emendatissime imprimatur] EB 63).
Ovviamente la richiesta non pu essere soddisfatta immediatamente e si
rende necessaria una lunga revisione, complicata dallintricata storia della
trasmissione del testo, che porta alla pubblicazione da parte di Sisto V
(la Vulgata Sistina del 1590) e di Clemente VIII (Vulgata
Clementina del 1592, 1593, 1598). Di fatto, per, questo
pronunciamento del Concilio di Trento, pur avendo generato un lavoro
serio sul testo della Vulgata, durato oltre 30 anni, non pu ritenere
davvero riuscito, secondo le sue direttive, il testo critico proposto dallEdizione Sistina e dalla Sisto
Clementina (15921598). Il testo clementino divenne comunque la Vulgata cattolica ufficiale.
Il lavoro per unedizione critica del testo della Vulgata stato attuato a cominciare dal 1907 dai monaci
benedettini di S. Gerolamo a Roma, il cui frutto stata ledizione critica apparsa nel 1987 (Biblia Sacra
iuxta Latinam Vulgatam versionem ad codicum fidem, cura et studio Monachorum Abbatiae
Pontificiae S. Hieronymi in Urbe, Ordinis Sancti Benedicti, edita 19261987). Per quanto riguarda
unedizione manuale critica, si veda la Vulgata Stuttgartensia (Biblia Sacra iuxta Vulgatam
versionem, 2 voll., edidit R. Weber, Stuttgart, Wrttembergische Bibelanstalt, 1969 [
2
1975]).
Della Vulgata Clementina esiste anche una versione elettronica (vedi qui).
Infine utile segnalare la pubblicazione della Neovulgata. Non unedizione critica del testo
della Vulgata, ma una versione che vuole essere un aggiornamento della traduzione latina in cui
vengono acquisiti i risultati degli studi biblici moderni e contemporanei. Questa versione nacque da
unesplicita volont di Paolo VI, che istitu la Pontificia Commissione per la Neovolgata il 29111965,
dieci giorni prima della chiusura del Concilio Vaticano II. La sua finalit era quella di dotare la chiesa
di unedizione latina della Bibbia, a cui fare riferimento anche nei lavori di traduzione biblica nelle varie
nazioni, in quanto tale traduzione pur rimanendo sostanzialmente quella di Gerolamo doveva
integrare i progressi indubbi dellesegesi.
In definitiva, si trattava di preparare una traduzione per uso liturgico, solida per dal punto di vista
scientifico, e insieme coerente con il linguaggio della tradizione e dellermeneutica cattolica. Questa
edizione della Neovolgata fu promulgata da Giovanni Paolo II con la Costituzione
apostolica Scripturarum Thesaurus, il 25 aprile 1979.
Cfr. anche www.latinvulgate.com e www.drbo.org/lvb.
12.4 Traduzioni siriache
Accomunate con il Targm dalluso dellaramaico sono le versioni cristiane del Primo Testamento (e,
ovviamente, del Nuovo). La prima versione in siriaco la Vetus syra, che oggi meglio conosciuta
grazie alla scoperta di nuovo materiale manoscritto. Tale versione mostra certamente delle relazioni
con i Targmm palestinesi, al punto che si discute se la sua origine sia giudeocristiana o addirittura
giudaica Di fatto, la casa reale dellAdiabene, regione ad est del Tigri, si convert al cristianesimo in
tempi antichissimi (si pensa attorno al 40 d.C.). probabile che tale traduzione sia nata per necessit
creatasi nellAdiabene e, ovviamente, si sia avvalsa delle versioni targumiche gi esistenti.
Figura 22 Vulgata Clementina del
1592
94

La prima traduzione del Nuovo Testamento in siriaco il
cosiddetto Diatesseron, cio (un vangelo) attraverso
quattro (vangeli), realizzata da Taziano nel 165170. Si
tratta di un testo unico e lineare che cerca di armonizzare
le quattro narrazioni dei singoli Vangeli. Per alcuni secoli
tale testo fu il vangelo ufficiale della chiesa di Siria. Il
teologo Efrem Siro ne scrisse un commentario in prosa.
Nel 423 il vescovo Teodoreto ne impose labbandono in
favore delladozione dei quattro vangeli come avveniva per
tutte le altre chiese cristiane. Teodoreto ordin la
distruzione delle copie esistenti del Diatesseron, che ci
pertanto noto solo in maniera indiretta attraverso il commentario di Efrem.
A partire dalla Vetus syra si elabora una revisione, il cui frutto la P
e
it)t, detta anche la Vulgata
siriaca, in quanto tuttora in uso nella chiesa sira. Questa versione ha una storia complessa, in quanto
la traduzione fu compiuta in epoche e da autori diversi, verosimilmente giudei o, ancor pi
probabilmente cristiani. Si spiega con la pluralit di autori la profonda differenza nelle traduzioni dei
vari libri; ad esempio, Giobbe molto letterale, mentre pi libera la traduzione dei Salmi, dei Profeti
minori, di Isaia, in cui si avverte anche un significativo influsso dei LXX; ricca di parafrasi la
traduzione di Rut; il Pentateuco, Ezechiele e i Proverbi seguono il modello targumico. Sono in
particolare i libri delle Cronache che mostrano profonde influenze targumiche e midraiche. Dai LXX
direttamente proviene la versione dei deuterocanonici Tobia, Giuditta,
Maccabei, Baruc, Sapienza e delle parti deuterocanoniche di Daniele.
Anche il testo base adottato per i singoli libri deve essere stato diverso
di volta in volta. Ne risulta che, ad esempio per il libro di Isaia,
la P
e
it)t mostra affinit con il testo di Isaia di Qumran. Il discorso
andrebbe poi esteso alla P
e
it)t del Nuovo Testamento, che una
rielaborazione della Vetus syra su un testo adattato in funzione di
quello greco usato ad Antiochia.
Dal 1966 in corso la pubblicazione delledizione critica
della P
e
it)t del Primo Testamento, a cura del Peshitta Institute di
Leiden (per la P
e
it)t online, vedi qui).











Figura 23 Peshitta, (c. 1216), Atti degli Apostoli
[Encyclopaedia Britannica on line]
Figura 24 Lettere paoline, Peshitta
del 622 (The British Library)
95

12.5 Le altre versioni antiche orientali e occidentali
Vediamo ora le altre versioni orientali e le due versioni occidentali: la gotica e la paleoslava o slavonica.
12.5.1 Antiche versioni orientali

Figura 25 Manoscritto in sahidico (Egitto, circa 500) contenete passi degli Atti degli Apostoli [www.schoyencollection.com]
Per le versioni orientali si segnalano innanzitutto quelle copte. La rapida espansione del cristianesimo
in Egitto durante i primi secoli, rese urgente una traduzione nella lingua egizia (copto deriva da Qubt,
nome arabo collettivo per indicare gli egiziani, derivato a sua volta dal greco [Ai]gpt[ios]). Conosciamo
ben quattro versioni, corrispondenti ai quattro dialetti: sahidica, bohairica, faiunica,
achimimica. La pi diffusa fu la bohairica, in uso nella liturgia copta fino ai nostri giorni. La
traduzione del Primo Testamento fu eseguita sul testo dei LXX. Per il Nuovo Testamento si sono
conservate quasi completamente le traduzioni in sahidico e in bohairico. Il tipo testuale soggiacente a
queste traduzioni perlopi quello alessandrino. Il Primo Testamento della bohairica sembra per
eseguito su un testo dei LXX appartenente alla famiglia B.
La versione armena fu eseguita nel secolo V da alcuni testi in originale greco e da altri in siriaco. In
alcuni libri appare linflusso dei manoscritti greci A e S, mentre per altri assodata la dipendenza dagli
Hexapla di Origene e dalle revisioni di Aquila, Simmaco e Teodozione. Si attribuisce questa versione al
patriarca S. Isacco il Grande (390440) e a S. Mesrope (m. 441), linventore della scrittura armena. La
versione armena del Primo Testamento conta una trentina di manoscritti, datati dal XIII secolo.
Bisogna per ricordare che a Venezia, nellisola di S. Lazzaro, dal 1651 conservato un salterio armeno
risalente al X o XI secolo, cio al periodo dei grandi manoscritti ebraici del TM.
Le versioni georgiane sono molteplici; le prime versioni parziali risalgono ai secoli VIVII e
manifestano una dipendenza dalla versione armena. Nel secolo X i monaci Iberi (cio georgiani) del
Monte Athos rividero le antiche versioni facendone una nuova per lintera Bibbia. Quella del Primo
Testamento fu eseguita su un testo della recensione esaplare di Origene.
La versione etiopica o gez, realizzata in tale lingua sia per il Primo che per il Nuovo Testamento
verso il VIVII secolo, dal greco, riveste un interesse particolare perch offre un canone ampio che
annovera 1Enoc, Giubilei, 4Esdra. La prima edizione di questa Bibbia fu curata dalla missione italiana
allAsmara (F. da Bassano, 19221926). Essa, dal punto di vista linguistico, mostra influssi delle
traduzioni copte e arabe.
96


Figura 26 Manoscritto in gez e amarico (Etiopia, 1519/1520) contenente i Vangeli [www.schoyencollection.com]
Le versioni arabe cominciarono nel secolo VIII quando lislam e la conquista araba delloriente
diedero enorme importanza politica e letteraria alla lingua dei conquistatori. Precedentemente, pur
essendo il cristianesimo diffuso nei paesi di lingua araba, non si era provveduto ad alcuna traduzione.
Il suo valore, pi che linguistico, legato alla storia dellinterpretazione biblica Per il Primo Testamento
la versione fu realizzata sul testo ebraico, sui LXX e sulla Peshitta.
12.5.1.1 Antiche versioni occidentali
Tra le antiche versioni occidentali due meritano una speciale menzione, ossia la versione gotica e
la paleoslava.
La versione gotica fu eseguita da Wulfila (m. 383) vescovo ariano dei visigoti, cui si attribuisce anche
la paternit sullalfabeto gotico. Essa fu attuata sul testo dei LXX, secondo la versione lucianea o
antiochena. Per il Primo Testamento ci restano solo piccoli frammenti di Neeemia (cc. 57) presenti in
un palinsesto del VI secolo della Biblioteca ambrosiana (inoltre probabile che la traduzione del libro
di Neemia non sia opera di Wulfila, al quale si deve senza dubbio la traduzione del Nuovo Testamento).
Pi favorevole la situazione testuale della versione gotica del Nuovo Testamento dove si pu contare
sul codice Argenteus conservato nella biblioteca universitaria di Uppsala ed altri manoscritti bilingui
giunti a noi perlopi in palinsesti frammentari. Questi mostrano un graduale influsso della Vetus
latina.
Ledizione critica pi autorevole quella di W. Streitberg, Die gotische Bibel. I. Der gotische Text und
seine Vorlage mit Einleitung, Heidelberg 1908 (
4
1972).
97

La versione paleoslava o slavonica in caratteri
glacolitici viene realizzata per i testi liturgici dai due fratelli
Cirillo e Metodio (secolo IX), evangelizzatori dei popoli
slavi. opinione degli studiosi che questa opera riguardasse
per il Primo Testamento sostanzialmente solo il Salterio,
mentre per il Nuovo Testamento i testi del Lezionario. Ben
presto vennero realizzate anche le versioni del Pentateuco,
Giobbe, Proverbi e Qoelet. Ledizione completa in caratteri
cirillici fu realizzata nel secolo XV per ordine di Gennadio
metropolita di Novgorod, e per loccasione si tradussero
dalla Vulgata non essendo disponibili i testi in greco i
libri non ancora resi in paleoslavo (12Cr; Esd; Ne; Gdt;
Sap; 12Mac). La prima edizione stampata usc nel 1581,
sotto il principe Costantino di Ostrog. Nel 1712 Pietro il
Grande ordin una revisione di tutto il Primo Testamento
che fu pubblicato in Petropoli, nel 1751. La seconda edizione
del 1756 stata la base per tutte le edizioni posteriori.

































Figura 27 Una pagina del Codex Argenteus,
(cosiddetto perch scritto con inchiostro argento e
oro su pergamena porpora) presumibilmente
prodotto in Italia (a Ravenna) agli inizi del VI secolo
nella corte di Teodorico.
Figura 28 Manoscritto su carta della Chiesa Slavonica (Monastero di
Neamtu, Moldavia, circa 1450) [www.schoyencollection.com]
98

12.6 Bibliografia
12.6.1 Per i problemi teorici dellevento di traduzione cfr.
Buzzetti, La Parola tradotta. Aspetti linguistici, ermeneutici e teologici della traduzione della
Sacra Scrittura (= PPSLR.RT 12), Brescia, Editrice Morcelliana, 1973.
L. Alonso Schkel E. Zurro Rodrguez, La traduccin bblica; Lingstica y estilstica (= Biblia y
Lenguaje 3), Madrid, Cristiandad, 1977.
Buzzetti, La Bibbia e le sue trasformazioni. Storia delle traduzioni bibliche e riflessioni
ermeneutiche (= LoB 3.4), Brescia, Editrice Queriniana, 1984.
Les problmes dexpression dans la traduction biblique. Traduction, interprtation, lectures. Actes
du colloque des 78 novembre 1986, d. par H. Gibaud (= Centre de Linguistique Religieuse,
Cahiers 1), Angers, Univ., 1988.
P. Chiesa, Le traduzioni, in La Bibbia nel Medio Evo, a cura di G. Cremascoli C. Leonardi (= BnS
16), Bologna, EDB, 1996, 1527.
P. Ricur, Dallinterpretazione alla traduzione, in P. Ricur A. Lacocque, Come pensa la
Bibbia. Studi esegetici ed ermeneutici, Edizione italiana a cura di F. Bassani (= ISB.S 9), Brescia,
Paideia Editrice, 2002, 32148.
Per una snella introduzione alle traduzioni antiche e moderne cfr. A. Passoni DellAcqua, Versioni
antiche e moderne della Bibbia, in R. Fabris et alii, Introduzione generale alla Bibbia (= Logos 1),
Leumann (TO), ElleDiCi, 1994, 34772.
12.6.2 Sulla Vetus Latina
Vetus Latina: Aus der Geschichte der lateinish Bibel [sigla: VLAGLB] 24/12), Freiburg im
Breisgau Basel Wien, Verlag Herder.
P. M. Bogaert, La Vetus Latina de Jrmie: texte trs court, tmoin de la plus ancienne Septante
et dune forme plus ancienne de lhebreu (Jer 39 et 52), in The earliest text of the Hebrew
Bible. The relationship between the Masoretic Text and the Hebrew base of the Septuagint
reconsidered, Edited by A. Schenker (= SBL.SCS 52), Atlanta, GA, Society of Biblical Literature,
2003, 5182.
P. M. Bogaert, Limportance de la Septante et du Monacensis de la Vetus Latina pour lexgse
du livre de lExode (chap. 3540), in Studies in the Book of Exodus; Redaction reception
interpretation, Edited by M. Vervenne (= BEThL 126), Leuven, University Press / Uit. Peeters,
1996, 399428.
J. C. Haelewyck, Ldition de la Vetus Latina dIsae, in The Book of Isaiah Le livre dIsae. Les
oracles et leurs relectures. Unit et complexit de louvrage, d. par J. E. Vermeylen (= BEThL 81),
Leuven, University Press / Uitgeverij Peeters, 1989, 13545.
R. Hanhart, Ursprnglicher Septuagintatext und lukianische Rezension des 2. Esrabuches im
Verhltnis zur Textform der Vetus Latina, in Philologia Sacra; biblische und patristische Studien
fr Hermann J. Frede und Walter Thiele zu ihrem 70. Geburtstag, 2 Bnde, herausgegeben von R.
Gryson (VLAGLB 24/12), Freiburg im Breisgau, Verlag Herder, 1993, 90115.
R. Hanhart, Ursprnglicher Septuagintatext und lukianische Rezension des 2. Esrabuches im
Verhltnis zur Textform der Vetus Latina, in Id., Studien zur Septuaginta und zum hellenistischen
Judentum, herausgegeben von R. G. Kratz (= FAT 24), Tbingen, J. C. B. Mohr (Paul Siebeck), 1999,
4363.



99

12.7 Le traduzioni moderne: XVXIX secolo
Presentiamo qui le principali traduzioni moderne (inglese, francese, tedesco, italiano) della Bibbia in
nel periodo successivo allinvenzione della stampa
12.7.1 Inglese
12.7.1.1 Tyndales New Testament, 1525
La prima traduzione del Nuovo Testamento in inglese fu la traduzione di William Tyndale, stampata
probabilmente da Peter Schoeffer a Worms, nel 1525. Della prima edizione esiste solo una copia
completa, dal momento che, a causa di questa traduzione, Tyndale fu condannato dai vescovi inglesi e
tutte le copie furono bruciate. Lo stesso Tyndale fu condannato per eresia e messo al rogo nel 1536. La
sua traduzione, condotta sui testi originali, fu influenzata dalla Vulgata, dalla traduzione tedesca di
Lutero e da quella di Erasmo.
Si tratta di unopera fondamentale perch si pone come modello linguistico per le traduzioni successive.

Figura 29 Frontespizio e prima pagina della traduzione del Nuovo Testamento di W. Tyndale del 1534 The British Library Board
Per ulteriori dettagli, si veda il sito della Tyndale Society.
100

12.7.1.2 Coverdale Bible, 1525 Matthew
Bible 1537
Una pagina della editio princeps della Bibbia in inglese
tradotta da Miles Coverdale. Stampata probabilmente a
Zurigo, questa traduzione, pi che dei testi originali,
risente molto della versione di Tyndale, della traduzione
di Lutero, del testo svizzerotedesco di Zwingli e della
versione latina di Sante Pagnini. La versione di Coverdale
comprende anche i Deuterocanonici.
Da notare che il libro dei Salmi di questa versione ancora
usato dalla chiesa anglicana (episcopaliana) nel Book of
Common Prayer.
Nel 1537, Thomas Matthew (pseudonimo di John
Rogers) pubblic la prima Bibbia inglese autorizzata da
Enrico VIII. Si tratta comunque della stesso testo del
Tyndale.
12.7.1.3 Great Bible, 153940 / Bishops
Bible 1568
















Pubblicata nel 153940, la Great Bible una revisione fatta da Coverdale della Matthews Bible del
1537, corretta con lausilio della traduzione del Nuovo testamento di Sebastiano di Mnster, la versione
del Nuovo testamento di Erasmo, la Vulgata, e altre fonti. Dal momento che Coverdale lavor sotto il
patrocinio di Thomas Cromwell (consigliere di Enrico VIII), questa versione viene talvolta
chiamata Cromwells Bible. Viene definita anche Cranmers Version, a motivo dellaggiunta di
un prologo scritto da Thomas Cranmer nel 1540.
Figura 32 Great Bible, con linizio del Vangelo di Matteo
Figura 31 Bishops Bible, con linizio del Vangelo di Luca
Figura 30 Una pagina del libro di Esdra della
Coverdale Bible.
101

La Bishops Bible la seconda Bibbia ufficiale della Chiesa Anglicana. Si tratta di una revisione
della Great Bible del 1539. Unulteriore revisione porter alla King James Bible del 1611.
12.7.1.4 Geneva Bible, 1560
La cosiddetta Geneva Bible, in piccolo e maneggevole
formato, fu prodotta dai protestanti rifugiati in Svizzera,
dopo la persecuzione in Inghilterra durante il regno di
Maria Stuart. la prima Bibbia inglese a usare la divisione
in versetti e la prima ad essere stampata con i caratteri
latini non pi quelli gotici.
Questa Bibbia venne usata soprattutto dai Puritani e
portata in America
Talvolta viene chiamata Breeches Bible, per via della
traduzione di Genesi 3,7: they [Adam and Eve] knewe
that they were naked, and they sewed fig tree leaues
together, and made them selues breeches.
12.7.1.5 DouaiReims Bible, 15821610
Pubblicata tra il 1582 (Nuovo Testamento) e il 1609
(intera Bibbia) ancora oggi la Bibbia cattolica ufficiale di
lingua inglese. Fu realizzata da ecclesiastici inglesi presso
luniversit francese di Douai, in seguito traferitisi a
Reims, sotto la supervisione di Gregory Martin e William
Allen. La traduzione dipende moltissimo dalla Vulgata,
tanto che ne risulta uno stile inglese poco elegante e pieno
di latinismi.























Figura 33 ll frontespizio della Geneva Bible.
Figura 34 Una pagina della lettera ai Filippesi della
DouaiReims Bible.
102

12.7.1.6 King James Bible, 1611
Considerata la Bibbia inglese per eccellenza, la King
James Version fu commissionata dal re Giacomo I di
Scozia (160325) e pubblicata nel 1611. Rappresenta la
Versione Ufficiale (Authorized Version) della Chiesa
anglicana.
La traduzione, alla quale lavorarono ben 45 studiosi
provenienti da Oxford, Cambridge e Westminster, fu
condotta sui testi originali: testo masoretico per lAntico
Testamento e textus receptus per il Nuovo, mentre i libri
pseudoepigrafici (o deuterocanonici) vennero tradotti dai
LXX.
Dal punto di vista linguistico, la King James conferm
gran parte della Tyndale ed ebbe un effetto straordinario
sulla letteratura di lingua inglese.
Data la sua importanza, ha subito un numero altissimo di
revisioni (lultima del 2006).
Per approfondire, vedi qui (testo inglese).
Per una panoramica completa delle traduzioni inglesi e
americane fino ad oggi, vedi qui (testo inglese)
12.7.2 Francese
12.7.2.1 Bible de Olivetan, 1535
PierreRobert Olivetan (15061538), pseudonimo di Louis
Olivier (Olivetanus la forma latina), nasce a Noyon ed
cugino di Calvino che lo inizia allevangelo. Pubblica a
Serrires (Svizzera, cantone di Neuchtel), presso lo
stampatore Pierre de Wingle una Bible in francese su
richiesta dei Valdesi italiani e di Farel. Si tratta della prima
traduzione completa della Bibbia in francese a partire dai testi
originali. Questa traduzione fece seguito al cosiddetto
incontro di Chanforans (vicino a Torre Pellice, in provincia
di Torino) del 1532, tra il Sinodo Valdese e i riformatori di
Ginevra Farel e Saunier. Il testo preceduto da una
prefazione in latino di Giovanni Calvino.
Questa traduzione venne rivista pi volte. La prima (1536
38) dallo stesso Olivetano che introdusse per la prima volta il
termine Eterno per tradurre il tetragramma sacro; le altre
volte da Calvino: nel 1540 ( la cosiddetta Bibbia della
spada), nel 1551 e nel 1560.
Da ricordare anche che nel 1553, Robert
Estienne (Stephanus) pubblica la Bibbia dellOlivetano con
la numerazione dei versetti da lui stesso introdotta nel suo Nuovo Testamento greco del 1551.
Figura 35 Il frontespizio della King James Bible del
1611.
Figura 36 Il frontespizio della Bibbia di Olivetano
del 1535.
103

12.7.2.2 Bible de Sebastien Castellion, 1555
Sbastien Castellion (15151563), teologo e biblista protestante,
realizza una traduzione della Bibbia utilizzando un linguaggio molto
comprensibile dando prova anche di una certa audacia. Inventa
neologismi per rendere meglio nel francese del suo tempo certe
espressioni idiomatiche tipiche delle lingue bibliche. La sua
traduzione potrebbe essere definita in francese corrente. Non a caso,
la sua traduzione fu condannata da Calvino.
12.7.2.3 Bible de Genve, 1588
Thodore de Bze (15191605), discepolo e
successore di Calvino a Ginevra, compie una
revisione della Bible de lEpe (vedi sopra) dando
vita alla Bible de Genve. uno dei testi pi importanti per i protestantesimo di
lingua francese, come testimoniano le numerose ristampe: La Rochelle 1606, Saumur
1614, Sedan 1633, Amsterdam 1635, Parigi 1652.
12.7.2.4 Bible de port Royal, 1667, 1672
1693
Intorno allabazia di PortRoyal non si pratica solo il latino, ma anche
il greco e lebraico. Nel 1653, Antoine le Matre, termina di
tradurre, a partire dalla Vulgata, i Vangeli e lApocalisse. Una piccola
cerchia di studiosi, tra cui Blaise Pascal il fratello di Antoine le
Matre, Isaac Lematre de Sacy, si incaricano di completare la
traduzione confrontandola con il testo greco. Lopera compare nel
1667, senza il nome dellautore e con un editore fittizio. Questo Nuovo
Testamento detto di Mons conosce un successo straordinario
(5000 copie in sei mesi!).
Per contrastare lautorit del Nuovo Testamento di Mans, molti
vescovi ne proibiscono la lettura e lo stesso papa Clemente IX
minaccia la scomunica per coloro che se faranno uso. Ciononostante,
Sacy si dedica alla traduzione dellAntico Testamento. Incarcerato nel
1666, grazie ai suoi legami con il movimento giansenista e con
labbazia di PortRoyal, prosegua il suo lavoro anche durante i due
anni trascorsi alla Bastiglia. La sua Bibbia viene pubblicata in libri
separati tra il 1672 e il 1693. La Bibbia di Sacy stata ristampata pi
volte ed ancora oggi
disponibile nelle edizioni dei
classici della letteratura
francese.
12.7.2.5 Bible de David Martin, 1696 (1707, 1744)
David Martin (16391721), nato a Revel (Francia) ma
rifugiatosi in Olanda, su richiesta del sinodo delle chiese valloni
francofone, pubblica il Nuovo Testamento rivisto della Bible de
Genve. Nel 1707 pubblica una revisione integrale della stessa
Figura 37 Sbastien Castellion
Figura 38 Lo
stemma della
Bible de Genve
(la spada)
Figura 39 Il frontespizio del Nuovo
Testamento di Mons. Si noti lassenza
dellautore e leditore fittizio.
Figura 40 Il frontespizio della Bible de Martin
(edizione del 1744)
104

Bible de Genve, sempre per le chiese valloni. Nel 1744 Pierre Roques pubblica una edizione
leggermente rivista della Bible de David Martin.
12.7.2.6 Bible de JeanFrdric Ostervald, 1744
Lo svizzero JeanFrdric Ostervald (16631747) pubblica unedizione
completamente rivista della Bible de Martin / Genve. Ostervald compie una
parte dei suoi studi in Francia, poi ritorna nella natia Neuchtel dove esercita il
ministero pastorale fino alla morte. Pi volte rivista (lultima nel 1996), la Bibbia
Ostervald caratterizzata, fin dallorigine, da una notevole vivacit linguistica.
Si tratta della grande traduzione francese della seconda met del XVIII e di
tutto il XIX secolo.
12.7.2.7 Bible de Louis Segond, 1871, 1880
Nel 1865 Louis Segond (1810
1885), professore di teologia
alla Facolt di Ginevra, firma un
contratto per portare a termine la traduzione dellAT in
sei anni. Egli produce una traduzione abbastanza
originale e molto chiara, specialmente per quanto
riguarda i Profeti. LAntico Testamento viene
pubblicato nel 1874, mentre il Nuovo testamento vede
la luce nel 1880. Lintera Bibbia viene pubblicata per la
prima volta a Oxford nel 1880. Poche traduzioni della
Bibbia hanno conosciuto un successo cos folgorante:
pubblicata contemporaneamente a Oxford, Parigi,
Losanna, Neuchtel e Ginevra, tra il 1880 3 il 1910 ne
vennero prodotte 300.000 copie. Ancora oggi, la
versione francese della Bibbia pi diffusa e richiesta.
12.7.3 Tedesco
12.7.3.1 Luther Bibel, 15221534
Insieme alla King James, la pi famosa traduzione della
Bibbia in lingua moderna. Pur non essendo la prima
traduzione in tedesco, la prima che stata condotta sui testi
originali e non sulla Vulgata. Iniziata nel 1521 (quando
Lutero si trovava nella Wartburgh), nel settembre 1522
veniva terminato il Nuovo Testamento
(Septembertestament). La traduzione dellAntico
Testamento inizio nel 1523 e occup Lutero per il resto della
vita (1546). La traduzione completa biblico vide infine la luce
a Wittenberg nel 1534, in 6 volumi, col titolo Biblia, das ist
die gantze Heilige Schrifft Deutsch, a cura delleditore Hans
Lufft. Fino al 1546 il testo ebbe 10 edizioni, contenenti
continue modifiche e perfezionamenti.
Per il testo del Nuovo Testamento, Lutero si serv del testo di
Erasmo (2
a
edizione), mentre per il testo ebraico si bas sulla
Figura 41 Il frontespizio
della Bible de Ostervald
Figura 42 Il frontespizio della Bible de Louis Segond
Figura 43 Il frontespizio della Bibbia di Lutero
105

Bibbia di Berlino, stampata a Brescia nel 1494 (si trattava di una revisione della Bibbia di Soncino).
12.7.4 Italiano
12.7.4.1 Bibbia Malermi, 1471 Bibbia Jensoniana, 1471
La prima edizione a stampa dellintera Bibbia curata dal
tipografo veneziano Wendelin (Vandelino); viene pubblicata
nellagosto del 1471 con la traduzione di Nicol Malermi, monaco
camaldolese. Nonostante non si tratti di una traduzione molto
originale, ebbe comunque un ampio successo, come dimostra
lalto numero di ristampe.
Sempre nel 1471, ma in ottobre, viene pubblicata la cosiddetta
Bibbia Jensoniana (si pensa che il nome derivi dallo stampatore).
12.7.4.2 Bibbia Brucioli, 1532
Nel 1532 compare presso Lucantonio Giunta, stampatore
veneziano, la famosa traduzione del toscano Antonio Brucioli, il
quale afferma, esagerando un po, di aver tradotto dai testi
originali. Questa traduzione, pi volte ristampata fino al 1559
quando fu condannata da papa Paolo IV e messa allIndice, fu alla
base di gran parte delle edizioni italiane successive, utilizzata da
fra Zaccaria da Firenze nel 1536, e nel 1538 da Santi Marnochino,
entrambi domenicani.
Cfr. in proposito La bibbia nel 500: edizioni, interpretazioni, censure (Istituto nazionale di studi sul
rinascimento).
12.7.4.3 Bibbia Diodati, 1607, 1641
Giovanni Diodati, nato nel 1576, discendente di una
delle famiglie che avevano lasciato Lucca nel Cinquecento
per motivi di religione e che si erano trasferite a Ginevra,
venne nominato a 21 anni professore di lingua ebraica
allAccademia ginevrina. La passione per le lingue bibliche
ha come frutto una prima traduzione della Bibbia che
appare nel 1607 a Ginevra. Approfondendo le conoscenze
filologiche e affinando gli strumenti, corregge e migliora il
suo testo esercitandosi, per esempio, nella traduzione in
metrica dei Salmi da cantarsi nella sua piccola comunit
italiana. Il frutto di questo gigantesco lavoro sar
ledizione definitiva del 1641 che risulter di formato
maggiore rispetto alla prima, arricchita da note esplicative
e rinvii a testi paralleli con, allinizio dei capitoli, un breve
sunto della materia, includendo anche gli apocrifi
considerati testo non di autorit canonica ma lettura di
edificazione.
La traduzione del Diodati, impostasi per le sue qualit
letterarie e la sua ricchezza di pensiero, divent la Bibbia
degli evangelici italiani dal XVII secolo in poi.
Figura 44 Nellimmagine a sinistra, una
pagina della Bibbia del Malermi
Figura 45 Il frontespizio della Bibbia Diodati (edizione
del 1607)
106

12.7.4.4 Bibbia Martini, 1769
A distanza di due secoli dal Concilio di Trento che, di fatto, aveva proibito
la lettura in volgare della Bibbia, labate Antonio Martini, anche su invito
del papa Benedetto XIV, tradusse la Bibbia in italiano. Si tratta di una
traduzione condotta sulla Vulgata e non sui testi originali;
ciononostante, questa traduzione, premiata anche dallAccademia della
Crusca, ebbe grande successo.
12.8 Le traduzioni italiane: XXXXI secolo
Presentiamo qui una rassegna delle principali traduzioni italiane della
Bibbia a partire dallinizio del Novecento.
Legenda: C: cattolica; P: protestante; E: ecumenica; EB: ebraica; I:
interlineare
12.8.1 1924 La Riveduta di Luzzi (P)
Con la crescita numerica dei protestanti italiani, si avvert sempre pi la necessit di
una revisione, soprattutto linguistica, della gloriosa Diodati. Nel 1906 venne
nominato un comitato formato da rappresentanti delle varie chiese evangeliche
italiane. Nel 1909 fu fondata a Roma la casa editrice Fides et amor, con il compito
procedere ad una nuova traduzione della Bibbia. Curata da Giovanni Luzzi,
professore presso la Facolt Valdese di teologia di Roma, lopera apparve in 12 volumi,
con introduzione ai vari libri, un ricco apparato di note e illustrazioni.
12.8.2 1929 / 193940 / 195758 La Bibbia Salani (C)
Sempre per la casa editrice Fides et Amor, nel 1929 esce la Sacra Bibbia curata da A.
Mercati, G. Mezzacasa, G. Ricciotti et alii. Di fatto la prima traduzione italiana dopo quella del
Martini. Pur condotta sulla Vulgata, la traduzione viene verificata sul testo ebraico e greco.
Nel 193940, viene ristampata dalla casa editrice Salani, con nuove note e introduzione di Giuseppe
Ricciotti.
Nel 195758, la Salani pubblica una Bibbia in 10 volumi (a cura di A. Vaccari). La traduzione condotta
sui testi originali e le note sono dei professori dellIstituto Bilico di Roma.
12.8.3 1960 La Bibbia Nardoni (C)
Curata da F. Nardoni, questa Bibbia esce per i tipi delleditrice Fiorentina di Firenze.
12.8.4 1963 La Bibbia Marietti (C)
Curata da S. Garofalo, F. Vattioni, L. Algisi, la traduzione condotta sui testi originali,
con ampio apparato di introduzioni, note, tavole illustrate. Ripubblicata nel 1980.
Figura 46 Il frontespizio della
Bibbia Martini
Figura 47
Giovanni Luzzi
Figura 48
Ledizione
tascabile
107

12.8.5 1968 La Bibbia Concordata Mondadori (E)
Si tratta della prima edizione della Bibbia curata da un gruppo di studiosi cattolici,
protestanti, ortodossi ed ebrei (S. Cipriani, F. Montanini, B. Prete, L. Moraldi, A.
Soggin, P. Kizeridis, E. Toaff). Il titolo Concordata si riferisce al lavoro comune,
anche se siamo ancora a livello di semplice accostamento di contributi diversi. La
pubblicazione avvenuta su slancio della SBI (Societ Biblica Italiana).
Nel 1982 uscita nella collana Meridiani in tre volumi (vedi immagini). Ripubblicata
nel 1996 nella collana Oscar Mondadori.
12.8.6 1968 La Bibbia UTET (C)
Curata da tre importanti biblisti cattolici (E. Galbiati, A. Penna, P. Rossano) ed edita dalla
casa editrice UTET di Torino, questa traduzione, condotta sui testi originali e ricca di note,
importante perch servir come base per la traduzione CEI.
12.8.7 197174 La Bibbia CEI / La Bibbia di Gerusalemme EDB (C)
Iniziata nel 1965, allindomani del Concilio Vaticano II, la traduzione ufficiale della CEI
(Conferenza Episcopale Italiana), condotta sui testi originali, vide la luce nel 1971
(editio princeps). Si trattato di una revisione della Bibbia UTET e si data importanza
alla dimensione liturgica del testo: questa traduzione tuttora il testo ufficiale letto
durante la Messa. Nel 1974, dopo un lavoro di revisione linguistica, la traduzione esce
per i tipi della EDB di Bologna: presenta il testo CEI e le note della francese Bible de
Jrusalem, con evidente effetto sfasatura tra testo e note. Nel 2008 uscita la nuova
traduzione (vedi sotto).
12.8.8 197679 / 1992 La Bibbia TOB (E)
Pubblicata dalla casa editrice Elledici (Leumann), prima (19761979)
in tre volumi, poi in volume unico (1992), la traduzione italiana
della Traduction Oecumnique de la Bible (TOB). Il testo quello
della CEI, mentre le note sono della TOB.
Lordine dei libri testi non quello della Bibbia CEI (Vulgata), ma
quello della TOB (testo masoretico); i deuterocanonici vengono
riportati in fondo.
12.8.9 1976 / 1985 / 2001 Bibbia TILC (E)
In titolo completo La Parola del Signore Traduzione In Lingua Corrente (TILC). Nel
1976 esce il Nuovo Testamento, seguito nel 1985 dallAntico (del 2001 una revisione del
Nuovo Testamento). Si tratta di una coedizione tra Elledici e ABU (Alleanza Biblica
Universale). Per la prima volta in Italia si procede ad una traduzione veramente
interconfessionale, con studiosi appartenenti alle diverse confessioni cristiane. Il criterio
seguito per la traduzione, condotta sui testi originali, una resa linguistica di tipo
colloquiale, senza rinunciare al rigore filologico. Insieme alla Bibbia CEI, la traduzione
pi diffusa in Italia.
Figura 49 Piero
Rossano
Figura 50
Ledizione del
2007
108

12.8.10 (196780) / 1987 / 1991 Bibbia Paoline San Paolo (C)
Il titolo completo La Bibbia. Nuovissima versione dai testi originali,
pubblicata dalle Edizioni Paoline. Raccoglie i 46 libretti che vennero
pubblicati tra il 1967 e il 1980, curati dai migliori specialisti italiani.
Nel 1991 uscita unedizione in 4 tomi, con le note integrali. Si tratta
di una traduzione di ottimo livello. Di questa Bibbia sono uscite diverse
edizioni; segnaliamo la Bibbia Emmaus (1998), la Bibbia Tabor (1999)
e la Bibbia Ebron (2000).

12.8.11 1994 Nuova Riveduta (P) 1999 Bibbia Diodati
Pubblicata dalla Societ Biblica di Ginevra, una revisione della
revisione di Giovanni Luzzi (2004) della Bibbia Diodati. Disponibile
in diversi formati, la Bibbia in uso presso le chiese evangeliche
italiane.
Da segnalare che nel 1999, la Mondadori pubblica, nella collana I
Meridiani, la storica Bibbia nella versione di Giovanni Diodati. Si
tratta di tre splendidi volumi, curati da Michele Ranchetti, Milka
Ventura Avanzinelli ed Emidio Campi.
12.8.12 1995 Bibbia Piemme (C)
Erede della vecchia Marietti (vedi sopra), questa nuova edizione, curata da L. Pacomio,
F. Della Vecchia, A. Pitta et alii, presenta il testo CEI, ma offre un ampio apparato di
sussidi. per questo unottima edizione di studio.
12.8.13 19951996 Bibbia Ebraica (EB)
Pubblicata tra il 1995 e il 1996 dalla Giuntina, casa editrice storica dellebraismo
italiano, questa splendida edizione della Bibbia ebraica, curata dal rabbino Dario
Disegni, divisa in quattro volumi: Pentateuco e Haftart, Profeti anteriori, Profeti
posteriori, Agiografi. Presenta il testo ebraico (testo masoretico) e traduzione italiana a fianco.
12.8.14 1998, 2005
5
Nuovo Testamento (I)
Curata da Piergiorgio Beretta, la prima traduzione interlineare di tutto il Nuovo
Testamento, Greco Latino Italiano. Nel testo greco (NestleAland, 1993, nella sua
27
a
edizione) stampato sulle pagine di sinistra stata inserita una nuova traduzione
italiana condotta in modo strettamente letterale, parola per parola, cercando di
riprodurre anche i tempi e i modi dei verbi greci. Testo Latino e Nuovissima versione
italiana scorrono parallele su colonne affiancate nelle pagine di destra.
109

12.8.15 2000 I libri di Dio Mondadori (CE)
Nella famosa (ed economica) collana degli Oscar, la Mondadori pubblica una serie di
sei volumi, con il titolo generale di I libri di Dio: La Bibbia. Pur priva di note al testo,
questa edizioni si fa apprezzare per gli apparati introduttivi e soprattutto per il fatto
che la traduzione opera di poco conosciuti ma assai competenti studiosi, soprattutto
cattolici.
12.8.16 20012008ss. Bibbia TINTI (I)
Acronimo per Traduzione INTerlineare Italiana (TINTI), questa collana, edita dalla
EDB e curata da Roberto Reggi, riporta il testo masoretico della Biblia Hebraica
Stuttgartensia, la traduzione interlineare di tipo letterale e il testo della CEI a pi di
pagina. Finora sono stati pubblicati Esodo (2001), Genesi (2003), Salmi (2004), Profeti
Minori (2005), Isaia (2005), Giosu Giudici (2007), Deuteronomio (2007),
Geremia (2008), Meghillot (2008). Il progetto prevede, una volta terminati i singoli libri
dellAT ebraico, la pubblicazione di una completa Bibbia interlineare italiana.
12.8.17 20012007 Bibbia Ebraica Interlineare (I)
Pubblicata dalla San Paolo e curata da Piergiorgio Beretta, questa collana, di cui sono
usciti finora (2008) i primi cinque libri della Torah e le Cinque Meghillot, presenta il
testo ebraico della Biblia Hebraica Stuttgartensia, con traduzione interlineare di
Cristiana Doveri; il testo greco dei LXX nelledizione Alfred Rahlfs, il testo latino
della Vulgata Clementina e il testo italiano della Nuovissima versione.
12.8.18 2008 La Bibbia CEI Nuova traduzione (C)
Nuova versione della Bibbia CEI che aggiorna le due precedenti del 1971 e 1974 e porta a
compimento un lavoro di revisione durato dodici anni. uscita la editio princeps e
ledizione economica.














110

13 LXX Septuaginta
In rosso i testi presenti nel testo ebraico (Testo Masoretico), in blu i testi presenti nel canone
cattolico, in marrone i testi presenti solo nella LXX
LXX Note
Pentateuco
Genesi
Esodo
Levitico
Numeri
Deuter.

Libri storici
N Giosu
Giudici
Ruth
1 Re (1 Sam.)
2 Re (2 Sam.) Nelle grotte di Qumran sono stati trovati tre frammenti
(4Qsam
abc
) che testimoniano di un testo lungo, diverso
dal Testo Masoretico e vicino alla LXX.
3 Re (1 Re)
4 Re (2 Re)
(= 1 Cronache)
(= 2 Cronache)
1 Esdra (A) Si trova solo nella LXX ed conosciuto, specialmente
presso i protestanti, come il libro apocrifo di Esdra.
Corrisponde in sostanza al libro delle Cronache, di
Esdra e Neemia, differenziandosi da essi per il suo
modello testuale ebraico, per lordine dei racconti e
soprattutto per la storia dei tre giovani alla corte di
Dario (3,15,6).
2 Esdra (B) (= Esdra e Neemia)
Ester Questo libro comporta sei Aggiunte greche, quattro
tradotte probabilmente dallaramaico (A, C, D e F) e
due scritte direttamente in greco (B e).
Giuditta Ci fu probabilmente un originale ebraico o aramaico.
Girolamo afferma di essersi rassegnato a farne una
traduzione rapida a partire dal caldeo (aramaico).
Tobia Girolamo ne avrebbe scoperto un esemplare in
aramaico. Dice di averlo tradotto dalla versione ebraica
che gli fece un rabbino. Nelle grotte di Qumran ne sono
stati trovati due frammenti, uno in ebraico e laltro in
aramaico. Il libro esiste in tre recensioni greche.
1 Maccabei Lo possediamo solo in greco, ma si tratta di una
traduzione fatta da un modello ebraico (attestato da
Origene e Girolamo).
2 Maccabei Eccetto probabilmente 1,12,18, questo libro, epitome
(riassunto) di unopera in cinque tomi, fu redatto
direttamente in greco.
3 Maccabei Redatto direttamente in greco.
4 Maccabei Redatto direttamente in greco. Tranne 1 Maccabei, gli
altri libri dei Maccabei hanno preso posto abbastanza
tardi nel corpus cristiano dei libri sacri, non senza
111

qualche difficolt. I grandi codici del V secolo,
Sinaiticus e Alexandrinus, hanno i quattro libri dei
Maccabei.

Libri poetici
Salmi Vi sono modifiche, aggiunte o arricchimenti dovuti alle
chiese cristiane. La numerazione non identica a
quella del testo ebraico. Per due volte (Sal 116 e 147),
un salmo ebraico scisso in due in greco; per due volte,
due altri salmi (9 e 10; 113 e 114) sono fusi in uno solo
nella versione greca.
Odi una raccolta di 14 inni: 1. Ode di Mos nellEsodo
(Es15,119); 2. Ode di Mos nel Deuteronomio
(Dt32,143); 3. Preghiera di Anna madre di Samuele
(1Re2,110); 4. Preghiera di Abacuc (Ab3,210); 5.
Preghiera di Isaia (Is26,920); 6. Preghiera di Giona
(Gio2,310); 7. Preghiera di Azaria (Dn3,2645); 8.
Inno dei tre giovani (Dn3,5288); 9. Preghiera di
Maria Madre di Dio (Lc1,4655.6879); 10. Ode di
Isaia (Is5,19); 11. Preghiera di Ezechia (Is38,1020);
12. Preghiera di Manasse (basata su 2Cr33,18); 13.
Preghiera di Simeone (Lc2,2932); 14. Inno del
mattino (con richiami a Lc2,14; Sal144,2;118,12)
Proverbi
Qohelet
Cantico dei Cantici
Giobbe In una versione pi breve rispetto al testo ebraico, ma
con due aggiunte sostanziali.
o Sapienza Redatto direttamente in greco, forse nel I secolo d.C.
Lo si attribuito a Salomone come Ecclesiaste e
Cantico. Spesso lo si compreso tra i libri del Nuovo
Testamento.
Siracide
(Ecclesiastico)
Il testo considerato canonico la versione greca di un
originale ebraico conservato dalla LXX. Alcuni
frammenti di cinque manoscritti delloriginale ebraico
sono stati trovati alla fine del XIX secolo nella
Ghenizah de Il Cairo. Altri sono stati raccolti nelle
grotte 2 e 11 di Qumran.
Salmi di
Salomone
Altra opera pseudo epigrafica di Salomone. Assente
dalle Bibbie moderne, apparve in alcuni manoscritti a
partire dal V secolo d.C.

Libri profetici
Dodici profeti (, , , , , ,
, , , ,
, )
Isaia
Geremia il libro della Bibbia in cui le varianti tra il testo
ebraico e il testo greco sono pi rilevanti. Un modello
di testo ebraico sembrerebbe trovarsi tra i manoscritti
ritrovati nelle grotte di Qumran.
Baruch Questo libro stato aggiunto a Geremia nella LXX. La
sezione iniziale, 1,13,8 probabilmente una
112

traduzione dallebraico; il resto stato redatto
direttamente in greco.
Lamentazioni
Lettera di Geremia Girolamo la considera un apocrifo. Origiene la
conosceva. Alcuni frammenti sembra siano stati
trovati nella grotta 7 di Qumran.
Ezechiele
Susanna Questo racconto figura soltanto nella LXX, prima e
dopo il libro di Daniele. Forse ci fu un originale
aramaico.
Daniele Esistono due diverse versioni greche, quella della LXX
propriamente detta e quella che si presenza a torto
come di Teodozione. Ledizione Ralph le presenta
entrambe. Alle due versioni vengono aggiunte: la
Preghiera di Azaria, il Cantico dei tre giovani (3,24
90), il cui originale forse in ebraico, e alla fine gli
episodi di Bel e del Drago (14).
13.1 Edizioni e testo critico
13.1.1 Septuaginta, editio altera, edizione Alfred Rahlfs Robert Hanhart, Corrected
edition, Deutsche Bibelgesellschaft Stuttgart, 2006 (I edizione, 1935)
la pi popolare edizione della LXX. Non si tratta di unedizione critica, ma basata soprattutto sul
codex Vaticanus (B), con lezioni basate anche sul codex Alexandrinus (A) e sul codex Sinaiticus (S).
13.1.2 Edizione di Gttingen edizione eclettica. Septuaginta, Vetus Testamentum
Graecum. Auctoritate Academiae Scientiarum Gottingensis editum
Mitteilungen des SeptuagintaUnternehmens der Akademie der Wissenschaften
in Gttingen, Vandenhoeck & Ruprecht, Gttingen.
Si tratta di una vera e propria edizione critica (eclettica). Cominciata nel 1931, allinizio del 2009 sono
stati pubblicati 23 volumi. Stabilisce un testo a partire dalla totalit dei manoscritti disponibili,
raggruppati in famiglie. Lo scopo di ricostruire una versione la pi possibile vicina alloriginale.
13.1.2.1 Volumi pubblicati
Wevers, John William (Hg.), Septuaginta. Band 1, Genesis, 1974
Wevers, John William (Hg.), Septuaginta. Band 2,1, Exodus, 1991
Wevers, John William (Hg.), Septuaginta. Band 2,2, Leviticus, 1986
Wevers, John William (Hg.), Septuaginta. Band 3,1, Numeri, 1982
Wevers, John William (Hg.), Septuaginta. Band 3,2, Deuteronomium, 2006
Quast, Udo (Hg.), Septuaginta. Band 4,3, Ruth, 2006
Hanhart, Robert (Hg.), Septuaginta. Band 8,1, Esdrae liber I, 1991
Hanhart, Robert (Hg.), Septuaginta. Band 8,2, Esdrae liber II, 1993
Hanhart, Robert (Hg.), Septuaginta. Band 8,3, Esther, 2008
Hanhart, Robert (Hg.), Septuaginta. Band 8,4, Iudith, 1979
Hanhart, Robert (Hg.), Septuaginta. Band 8,5, Tobit, 1983
Kappler, Werner (Hg.), Septuaginta. Band 9,1, Maccabaeorum liber I, 1990
Hanhart, Robert (Hg.), Septuaginta. Band 9,2, Maccabaeorum liber II, 2008
Hanhart, Robert (Hg.), Septuaginta. Band 9,3, Maccabaeorum liber III, 1981
Rahlfs, Alfred (Hg.), Septuaginta. Band 10, Psalmi cum Odis, 1979
Ziegler, Joseph (Hg.), Septuaginta. Band 11,4, Iob, 1982
Ziegler, Joseph (Hg.), Septuaginta. Band 12,1, Sapientia Salomonis, 1981
113

Ziegler, Joseph (Hg.), Septuaginta. Band 12,2, Sapientia Jesu filii Sirach, 1981
Ziegler, Joseph (Hg.), Septuaginta. Band 13, Duodecim Prophetae, 1984
Ziegler, Joseph (Hg.), Septuaginta. Band 14, Isaias, 1983
Ziegler, Joseph (Hg.), Septuaginta. Band 15, Jeremias, Baruch, Threni, Epistula Jeremiae, 2006
Ziegler, Joseph (Hg.), Septuaginta. Band 16,1, Ezechiel, 2006
Ziegler, Joseph (Hg.), Septuaginta. Band 16,2, Susanna, 1999
13.1.3 Edizione di Cambridge edizione diplomatica. The Old Testament in Greek
according to the Text of Codex Vaticanus, Cambridge University Press.
Si tratta di una edizione diplomatica in quanto riproduce fedelmente il testo di un solo testimone,
ilcodex Vaticanus. Iniziata nel 1906, venne interrotta nel 1940, dopo la pubblicazione di 9 volumi.
13.1.3.1 Volumi pubblicati
E. Brooke N. McLean, Genesis, 1,1, 1906.
E. Brooke N. McLean, Exodus and Leviticus, 1,2, 1909.
E. Brooke N. McLean, Numbers and Deuteronomy, 1,3, 1911.
E. Brooke N. McLean, Joshua, Judges, Ruth, 1,4, 1917.
E. Brooke N. McLean, H. J. Thackeray, 12 Samuel, 2,1, 1927.
E. Brooke N. McLean, H. J. Thackeray, 12 Kings, 2,2, 1930.
E. Brooke N. McLean, H. J. Thackeray, 12 Chronicles, 2,3, 1932.
E. Brooke N. McLean, H. J. Thackeray, Esdras, EzraNehemiah, 2,4, 1935.
E. Brooke N. McLean, H. J. Thackeray, Esther, Judith, Tobit, 3,1, 1940.
13.1.4 Edizione Du Cerf
Traduzione francese con ampie introduzioni.
Marguerite Harl, Monique Alexandre, Ccile Dogniez, Gilles Dorival, Alain Le Boulluec, Olivier
Munnich, Pierre Sandevoir, Franoise Vinel, La Bible dAlexandrie: La Gense [N1], 1986
Alain Le Boulluec et Pierre Sandevoir, La Bible dAlexandrie: LExode [N2], 1989
Paul Harl et Didier Pralon, La Bible dAlexandrie: Le Lvitique [N3], 1988
Gilles Dorival, Bernard Barc, Genevive Favrelle, Madeleine Petit, Jolle Tolila, La Bible
dAlexandrie: Les Nombres [N4], 1994
Ccile Dogniez et Marguerite Harl, La Bible dAlexandrie: Le Deutronome [N5], 1992
Jacqueline MoattiFine, La Bible dAlexandrie: Jsus (Josu) [N6], 1996
Paul Harl, La Bible dAlexandrie: Les Juges [N7], 1999
Bernard Grillet et Michel Lestienne, La Bible dAlexandrie: Premier Livre des Rgnes [N9 1],1997
Joseph Mlze Modrzejewski, La Bible dAlexandrie: Troisime livre des Maccabes [N15 3], 2008
DavidMarc dHamonville, La Bible dAlexandrie: Les Proverbes [N17], 2000
Franoise Vinel, La Bible dAlexandrie: LEcclsiaste [N18], 2002
Isabelle AssanDhte et Jacqueline MoattiFine, La Bible dAlexandrie: Baruch, Lamentations,
Lettre de Jrmie [N25 2], 2005
Michel Casevitz, Ccile Dogniez et Marguerite Harl, La Bible dAlexandrie: Les Douze Prophtes
Agge, Zacharie [N23 1011], 2007
Marguerite Harl, Ccile Dogniez, Laurence Brottier, Michel Casevitz, Pierre Sandevoir, La Bible dAlexandrie:
Les Douze Prophtes: Jol, Abdiou, Jonas, Naoum, Ambakoum, Sophonie [N23 49], 1999
Eberhard Bons, Jan Joosten et Stephan Kessler, La Bible dAlexandrie: Les Douze Prophtes
Ose [N23 1], 2002
114

14 I Manoscritti di Qumran
14.1 Storia della scoperta
Nellinverno del 1947, Mohammed edh Dhib, un pastore beduino,
stava cercando una delle sue capre, quando giunse in una grotta
(lattuale Grotta 1) collocata in un luogo quasi inaccessibile, nella
falesia calcarea che sovrasta Qumrn. Con sua grande sorpresa, nella
grotta trov alcune grandi giare in terracotta, di circa 60 cm di
altezza e larghe circa 19 cm, chiuse da un coperchio. Le giare
contenevano dei rotoli di pergamena. Qualche tempo dopo, il
giovane beduino mostr il suo ritrovamento a un calzolaio
antiquario cristiano di Betlemme, un certo Khalil Iskander Schahin,
pi noto con il nome di Kando, il quale, dopo aver acquistato per una
cifra irrisoria i manoscritti, fiutando laffare, si mise in contatto con
altri beduini per esplorare la regione alla ricerca di altri manoscritti.
Sennonch, la faccenda giunse allorecchio di Roland de Vaux, il
padre domenicano direttore della Ecole Biblique de Jrusalem, il
quale si mise sulle tracce dei manoscritti.
Il risultato fu che nel 1948, alla vigilia della guerra di
Indipendenza di Israele, dalla Grotta 1 furono portati via sette
rotoli, tra i pi importanti, giunti nelle mani di Kando. Tre di essi furono acquistati da Eliezer Sukenik,
il direttore del Dipartimento di Archeologia dellUniversit ebraica. Sukenik tent di acquistare anche
gli altri quattro, non sapendo che Kando li aveva gi venduti a Mar Athanasios Samuel, superiore del
convento siriano di San Marco a Gerusalemme, il quale
non tard a metterli al sicuro negli Stati Uniti. Nel 1955
questi quattro manoscritti furono acquistati dallo Stato di
Israele per 250.000 dollari.
Oggi questi sette rotoli sono conservati al Museo del Libro
di Gerusalemme. Sono:
1. La Regola della Comunit, chiamato anche Manuale
di Disciplina, il pi importante tra i 7 rotoli, presenta
evidenti somiglianze con la dottrina degli Esseni cos
come viene descritta dagli autori classici.
2. Il rotolo della Guerra descrive la guerra escatologica
dei figli della Luce contro i figli delle Tenebre.
3. Il rotolo dellApocrifo della Genesi, fino ad allora
sconosciuto, racconta delle leggende relative a
personaggi della Genesi (Lamech, No, Abramo, ecc.).
4. Il rotolo degli inni di azione di grazia
(Hodayot), anchesso sconosciuto fino ad allora,
presenta uno stile che ricorda i Salmi.
5. Un commento (Pescher) al libro del profeta Abacuc.
6. Una copia incompleta di Isaia.
7. Una copia completa di Isaia.
Dopo la guerra di Indipendenza (1948), Gerusalemme fu
divisa in due. Il Museo Archeologico di Gerusalemme
(lattuale Museo Rockefeller) si ritrov nella parte
giordana della citt e gli studiosi israeliani non vi potevano entrare. LEcole Biblique et
Figura 51 Grotta 1 di Qumran
Figura 52 Museo del Libro (Shrine of the Book) di
Gerusalemme
115

Archeologique di Palestina, che si trovava anchessa nella parte giordana, divenne cos la sola istanza
scientifica sul posto e il suo direttore, p. Roland de Vaux, si vide affidare dalla autorit giordane la
direzione del Museo, con lautorizzazione ad effettuare nuovi scavi, i quali andarono avanti fino al
195657, data della guerra del Sinai. Undici grotte erano state scavate, tra cui la famosa Grotta 4, la pi
vicina alle rovine di Qumrn, la quale offr un bottino eccezionale di quasi quattrocento rotoli, anche
se ridotti in briciole. La maggior parte dei rinvenimenti fu acquistata dai beduini da parte del Museo
Archeologico della Palestina (Museo Rockefeller), nonostante il fatto che possedesse gi dodici rotoli
completi e migliaia di frammenti corrispondenti a circa ottocento testi.
Il compito principale di Roland de Vaux fu di classificare e inventariare
questo immenso materiale. A tal fine, egli costitu un gruppo di redazione
internazionale, comprendente rappresentanti di diverse missioni
archeologiche accreditate nella parte giordana di Gerusalemme. Inutile
dire che essa escludeva a priori i ricercatori israeliani o semplicemente
ebrei. Comprendeva un numero chiaramente troppo ristretto per il
compito da svolgere, cosa che non manc di creare problemi
successivamente. I componenti erano:
1) per la Francia: i padri de Vaux, P. Benoit, D. Barthelemy, domenicani
dellEcole Biblique, gli abati J. J. Milik et J. Starcky;
2) per gli Stati Uniti: E. M. Cross, P. W. Skehan;
3) per la Gran Bretagna: J. M. Allegro, J. Strugnell;
4) per la Germania: C. M. Hunzinger.
Allepoca, erano stati pubblicati, perlomeno parzialmente, i sette rotoli
della Grotta 1, gi scoperti nel 1947, cio i tre rotoli acquistati dal prof.
Sukenik e i quattro che erano giunti negli Stati Uniti, dove poterono essere consultati soltanto da
studiosi americani. Tuttavia, la grande maggioranza dei manoscritti e dei frammenti di manoscritti
scoperti dopo il 1947, in particolare i numerosi frammenti della Grotta 4, stavano ancora nel Museo
Rockefeller in attesa di pubblicazione. Il gruppo di redazione creato da p. de Vaux si impegn a
pubblicare questi testi in una serie ufficiale creata appositamente e intitolata Discoveries in the
Judean Desert (DJD), Oxford, il cui primo volume comparve nel 1955.
Nel 1967 scoppi la guerra dei Sei giorni e la vicenda dei manoscritti conobbe un episodio
rocambolesco. La comunit scientifica conosceva lesistenza di un rotolo trovato nella Grotta 11 nel
1957. Questo rotolo era giunto presso il famoso Kando di Betlemme, il quale laveva nascosto con cura.
Sfortunatamente per lui, lesercito israeliano che occupava Betlemme era comandato da Yigael Yadin,
figlio del prof. E. Sukenik, archeologo come suo padre e che per di pi era stato capo di stato maggiore
nellesercito israeliano nel 194952. Un bel giorno, Yigael Yadin mand il colonnello Goren da Kando,
con lincarico di recuperare il manoscritto. Kando sollev un mattone dalla sua
cucina e consegn il manoscritto custodito in una scatola di scarpe. Si trattava del
Rotolo del Tempio, ora conservato al Museo del Libro.
Dopo questa guerra, il Museo Archeologico di Palestina, ridiventato Museo
Rockefeller, pass sotto il controllo israeliano. Il suo direttore, p. de Vaux, che pure
non faceva mistero dei suoi sentimenti anti israeliani, fu mantenuto nelle sue
funzioni, fino alla sua morte nel 1971.
Figura 53 Qumran Grotta n. 4
Figura 54 p. Roland
De Vaux
116

Venne sostituito come redattore capo dal suo collaboratore, P. Benoit, un altro domenicano dellEcole
Biblique, morto nel 1987. Gli succedette linglese J. Strugnell, che per fu obbligato ad abbandonare le
sue funzioni in seguito alle posizioni antiebraiche che aveva espresso sulla stampa (Haaretz, 9
novembre 1990). Nel 1991 fu Emanuel Tov, un archeologo israeliano, ad
essere nominato direttore del gruppo di redazione dallUfficio delle
Antichit di Israele. Questa data viene considerata come un punto di svolta
nella storia dei manoscritti.
Si detto sopra che il gruppo di redazione si era impegnato nel 1956 a pubblicare
regolarmente. Sennonch, i lavori di questo gruppo, troppo ristretto, avanzavano
con una lentezza esasperante. Diversi componenti del gruppo, dopo trentanni,
non avevano ancora pubblicato i testi gli erano stati loro affidati.
Per il gesuita J. A. Fitzmyer (Responses to 101 Questions on the Dead Sea
Scrolls, Paulist Press), la causa prima di questi ritardi da ricercare nel
desiderio degli autori di accompagnare ogni testo con commenti senza fine,
mentre da loro ci si attendeva una semplice traslitterazione in caratteri ebraici moderni, un abbozzo di
traduzione e qualche nota sulle difficolt di lettura. Il desiderio di avere lultima parola, la
preoccupazione di coltivare il proprio orticello hanno portato ad un ritardo scandaloso. Altra causa di
ritardo fu labitudine presa dal alcuni membri del gruppo di affidare dei testi ad alcuni studenti di
dottorato, i quali, di fatto, potevano pubblicare soltanto dopo aver difeso la loro tesi.
Tutte queste ragioni, e altre ancora, frenarono considerevolmente il ritmo delle pubblicazioni al punto che
la comunit scientifica internazionale, giustamente, si mosse, con in testa i professori americani Hershel
Shanks e R. H. Eisenman. Si parl di scandalo del secolo, si accus il gruppo di redazione di ritenzione,
e forse non a torto. Una certa stampa sensazionalistica accus perfino il Vaticano di essere allorigine di tale
ritenzione, con il pretesto che il contenuto di alcuni manoscritti attentavano alla fede cristiana.
Alcuni studiosi americani, come Wacholder e Abegg (A preliminary Edition of the unpublished Dead
Sea Scrolls I, Washington, 1991), Eisenman (The Dead Sea Scrolls uncovered, Shaftesbury, Dorset,
1992) e Robinson, hanno posto fine, con edizioni selvagge, a delle ritenzioni diventate insopportabili.
Queste edizioni, a loro volta, hanno rilanciato la pubblicazione ufficiale o ufficiosa dei frammenti tanto
attesi. E. Tov fu in grado di riportare la calma necessaria con due misure salutari:
a) allarg considerevolmente il gruppo di redazione fino a portarlo ad una cinquantina di membri, fra
cui Harthmuth Stegemann, di Tubinga, e Emile Puech, dellEcole Biblique;
b) nel 1993, pubblic linsieme della collezione del Museo Rockefeller su microfilm, cosa che consent
a ognuno di avere libero accesso ai manoscritti.
Il ritmo delle pubblicazioni aument, al punto che attualmente (2009) sono stati pubblicati 40 tomi
della collezione DJD. Li riportiamo qui di seguito:
DJD I D. Barthlemy and J. T. Milik, Qumran Cave 1, Oxford: Clarendon, 1955.
DJD II P. Benoit, J. T. Milik and R. de Vaux, Les grottes de Murabbaat (2 vols), Oxford:
Clarendon, 1961.
DJD III M. Baillet, J. T. Milik and R. de Vaux, Les petites grottes de Qumrn (2 vols), Oxford:
Clarendon, 1962.
DJD IV J. A. Sanders, The Psalms Scroll of Qumrn Cave 11 (11QPs a), Oxford: Clarendon, 1965.
DJD V J. M. Allegro with A. A. Anderson, Qumrn Cave 4. I (4Q1584Q186), Oxford: Clarendon, 1968.
DJD VI R. de Vaux and J. T. Milik, Qumrn grotte 4. II: I. Archologie, II. Tefillin, Mezuzot et
Targums (4Q 1284Q157), Oxford: Clarendon, 1977.
DJD VII M. Baillet, Qumrn grotte 4. III (4Q4824Q520), Oxford: Clarendon, 1982.
DJD VIII E. Tov with the collaboration of R. A. Kraft, The Greek Minor Prophets Scroll from
Nahal Hever (8HevXIIgr), Oxford: Clarendon, 1990.
Figura 55 Emanuel Tov
117

DJD IX P. W. Skehan, E. Ulrich, and J. E. Sanderson, Qumran Cave 4. IV: PalaeoHebrew and
Greek Biblical Manuscripts, Oxford: Clarendon, 1992.
DJD X E. Qimron and J. Strugnell, Qumran Cave 4. V: Miqsat Maase haTorah, Oxford:
Clarendon, 1994.
DJD XI E. Eshel et al., Qumran Cave 4. VI: Poetical and Liturgical Texts, Part 1, Oxford:
Clarendon, 1998.
DJD XII E. Ulrich, F. M. Cross, et al., Qumran Cave 4. VII: Genesis to Numbers, Oxford:
Clarendon, 1994.
DJD XIII H. Attridge et al., Qumran Cave 4. VIII: Parabiblical Texts, Part 1, Oxford: Clarendon, 1994.
DJD XIV E. Ulrich, F. M. Cross, et al., Qumran Cave 4. IX: Deuteronomy, Joshua, Judges,
Kings, Oxford: Clarendon, 1995.
DJD XV E. Ulrich et al., Qumran Cave 4. X: The Prophets, Oxford: Clarendon, 1997.
DJD XVI E. Ulrich et al., Qumran Cave 4. XI: Psalms to Chronicles, Oxford: Clarendon, 2000.
DJD XVII F. M. Cross, et al., Qumran Cave 4. XII: 12 Samuel, Oxford: Clarendon, 2005.
DJD XVIII J. M. Baumgarten, Qumran Cave 4. XIII: The Damascus Document (4Q266
273),Oxford: Clarendon, 1996.
DJD XIX M. Broshi et al., Qumran Cave 4. XIV: Parabiblical Texts, Part 2, Oxford: Clarendon, 1995.
DJD XX T. Elgvin et al., Qumran Cave 4. XV: Sapiential Texts, Part 1, Oxford: Clarendon, 1997.
DJD XXI S. Talmon, J. BenDov, U. Glessmer, Qumran Cave 4. XVI: Calendrical Texts, Oxford:
Clarendon, 2001.
DJD XXII G. J. Brooke et al., Qumran Cave 4. XVII: Parabiblical Texts, Part 3, Oxford:
Clarendon, 1996.
DJD XXIII F. Garca Martnez, E. J. C. Tigchelaar, and A. S. van der Woude, Qumran Cave 11. II:
(11Q218, 11Q2031), Oxford: Clarendon, 1998.
DJD XXIV M. J. W. Leith, Wadi Daliyeh Seal Impressions, Oxford: Clarendon, 1997.
DJD XXV . Puech, Qumran Cave 4. XVIII: Textes hbreux (4Q5214Q528, 4Q5764Q579),
Oxford: Clarendon, 1998.
DJD XXVI P. Alexander and G. Vermes, Qumran Cave 4. XIX: 4QSerekh HaYah [ad and Two
Related Texts, Oxford: Clarendon, 1998.
DJD XXVII H. M. Cotton and A. Yardeni. Aramaic, Hebrew, and Greek Documentary Texts from
Nahal Heever and Other Sites, with an Appendix Containing Alleged Qumran Texts (The Seiyl
Collection II), Oxford: Clarendon, 1997.
DJD XXVIII D. Gropp, Wadi Daliyeh II: The Samaria Papyri for Wadi Daliyeh; E. Schuller et
al., Qumran Cave 4. XXVIII: Miscellanea, Part 2, Oxford: Clarendon, 2001.
DJD XXIX E. Chazon et al., Qumran Cave 4. XX: Poetical and Liturgical Texts, Part 2,Oxford:
Clarendon, 1999.
DJD XXX D. Dimant, Qumran Cave 4. XXI: Parabiblical Texts, Part 4: PseudoProphetic
Texts, Oxford: Clarendon, 2001.
DJD XXXI . Puech, Qumran Grotte 4. XXII: Textes aramens, premire partie: 4Q529549,
Oxford: Clarendon, 2001.
DJD XXXII P. W. Flint and E. Ulrich, Qumran Cave 1. II: The Isaiah Scrolls, Oxford: Clarendon, 2009.
DJD XXXIII D. M. Pike and A. Skinner, Qumran Cave 4. XXIII: Unidentified Fragments, Oxford:
Clarendon, 2001.
DJD XXXIV J. Strugnell, D. J. Harrington and T. Elgvin, Qumran Cave 4. XXIV: 4QInstruction
(Musar leMevin): 4Q415 ff., Oxford: Clarendon, 1999.
DJD XXXV J. Baumgarten et al., Qumran Cave 4.XXV: Halakhic Texts, Oxford: Clarendon, 1999.
DJD XXXVI S. J. Pfann, Qumran Cave 4. XXVI: Cryptic Texts; P. S. Alexander, et al., Miscellanea,
Part 1, Oxford: Clarendon, 2000.
118

DJD XXXVII . Puech, Qumran Cave 4. XXVII: Textes aramens, deuxime partie: 4Q550575,
580582, Oxford: Clarendon, 2008.
DJD XXXVIII J. Charlesworth et al., Miscellaneous Texts from the Judaean Desert, Oxford:
Clarendon, 2000.
DJD XXXIX E. Tov, edizione, The Text from the Judaean Desert: Indices and an Introduction to
the Discoveries in the Judaean Desert Series, Oxford: Clarendon, 2002.
DJD XL C. Newsom, H. Stegemann, and E. Schuller, Qumran Cave 1.III: 1QHodayot a, with
Incorporation of 4QHodayot af and 1QHodayot b, Oxford: Clarendon, 2008.
14.2 Inventario dei manoscritti
Il corpus dei manoscritti copre un ventaglio assai ampio. Tra i pi importanti manoscritti segnaliamo:
a) i sette rotoli trovati nella Grotta 1 nel 1947. Contengono la maggior parte dei propri della Comunit e
dellUnit che testimoniano di una spiritualit dualista molto profonda. Ad essi bisogna associare alcuni
frammenti del Documento di Damasco, gi noto prima della scoperta, e il famoso Rotolo del Tempio.
b) Sono stati trovati quasi duecento manoscritti di libri della Bibbia ebraica, molti dei quali in diversi
esemplari. Tranne il libro di Ester, vi sono rappresentati tutti i libri biblici. Per apprezzare questa
scoperta in tutto il suo valore, bisogna ricordare che, prima di questa scoperta, i pi antichi manoscritti
della Bibbia ebraica erano alcuni frammenti trovati nella Ghenizah de Il Cairo (VIIIIX secolo d.C.) e il
codice di Aleppo, trovato in una sinagoga sefardita di Aleppo (929 d.C.). I manoscritti del Mar Morto
sono quindi anteriori di pi di mille anni rispetto ai pi antichi testimoni conosciuti fino ad allora.
c) Sono stati trovati diversi apocrifi e pseudoepigrafi, alcuni gi noti (il Libro dei Giubilei, quello di
Enoch, ecc.), altri no (per esempio, lApocrifo della Genesi). La presenza a Qumrn di questi testi
fornisce una conferma dellorigine essena del Libro dei Giubilei e di quello di Enoch. Bisogna anche
segnalare che sono stati trovati dei frammenti aramaici ed ebraici del libro di Tobia, fino ad allora
conosciuto solo nella sua versione greca. Niente di equivalente invece per il libro di Giuditta.
d) Un gruppo di testi particolarmente interessanti costituito dai commenti (Pesharim) di libri
profetici e sapienziali canonici (Abacuc, Nahum, Salmi). Tutti questi commenti hanno un carattere
nettamente settario: applicano le profezie dellAntico Testamento ai tempi presenti o, perlomeno,
al passato e al futuro prossimi, un po come i moderni fondamentalisti.
e) Infine, si scoperto un insieme di testi che trattano di magia, divinazione, fisiognomica. Si
scoperto un Brontologion, cio un trattato che prescrive il modo di comportarsi in caso di colpo
di tuono, come pure dei filatteri coperti da una meravigliosa scrittura microscopica.
f) Nel corpus non si trova invece nessun testo del Nuovo Testamento.
g) Da ricordare infine il Rotolo di Cuoio, del tutto atipico, che fornisce una lista di tesori nascosti con
indicazioni dei luoghi del loro nascondiglio.
Lestrema eterogeneit di questi manoscritti e del loro contenuto hanno fatto sorgere dei dubbi circa la
loro origine comune e sulla loro appartenenza ad una stessa comunit. Alcuni studiosi hanno avanzato
lipotesi che i manoscritti provengano dalla biblioteca del Tempio di Gerusalemme, messa al riparo
nella grotte prima dellarrivo dei Romani nel 70.





119

14.3 Le grotte e i manoscritti





120

14.3.1 Grotta 1
La Grotta 1 contiene i rotoli meglio
conservati. I testi pi importanti sono le due
copie del libro di Isaia, la Regola della
Guerra, che descrive una battaglia
apocalittica tra i Figli della Luce e i Figli
delle Tenebre, la Regola della comunit.






14.3.1.1 Contenuto della Grotta 1 (1Q):
1Q1 Genesi
1Q2 Esodo
1Q3 PaleoLevitico
1Q4 Deuteronomio
1Q5 Deuteronomio
1Q6 Giudici
1Q7 Samuele
1QIsa Isaia
1Q8 Isaia
1Q9 Ezechiele
1Q10 Salmi
1Q11 Salmi
1Q12 Salmi
1Q13 Filatteri
1Q14 Pesher Michea
1QpHab Pesher Abacuc
1Q15 Pesher Sofonia
1Q16 Pesher Salmi
1Q17 Libro dei Giubilei
1Q18 Libro dei Giubilei
1Q19 No
1QapGen Apocrifo Genesi
1Q20 Apocrifo Genesi
1Q21 Levi (Aramaico)
1Q22 Mos
1Q23 Enoch
1Q24 Enoch
1Q25 Profezia Apocrifa
1Q26 Apocrifo Sapienza
1Q27 Misteri
1Q28 Regola della Comunit
1QS Regola della Comunit
1Q28 Regola dellAssemblea
1Q28 Regola delle Benedizioni
1Q29 Liturgia delle 3 Lingue di Fuoco
1Q30 Testi liturgici
1Q31 Testi liturgici
1Q32 Nuova Gerusalemme
1Q33 Rotolo della Guerra
1QM Rotolo della Guerra
1Q34 Preghiere liturgiche
1QH Hodayot
1Q35 Hodayot
1Q36 Inni?
1Q37 Inni?
1Q38 Inni?
1Q39 Inni?
1Q40 Inni?
1Q4170 non classificato
1Q71 Daniele
1Q72 Daniele
14.3.2 Grotta 2
Venne scoperta nel Febbraio 1952 vicino alla Grotta 1. Contiene frammenti di diversi libri biblici, inclusi
tutti i cinque libri di Mos, Geremia, Salmi e altri, oltre allapocrifo Libro di Enoch. Vennero anche
trovati lacci per legare i rotoli.
Figura 56 Grotta 1 (www.bibleplaces.com)
121

14.3.2.1 Contenuto della Grotta 2 (2Q)
2Q1 Genesi
2Q2 Esodo
2Q3 Esodo
2Q4 Esodo
2Q5 PaleoLevitico
2Q6 Numeri
2Q7 Numeri
2Q8 Numeri
2Q9 Numeri
2Q10 Deuteronomio
2Q11 Deuteronomio
2Q12 Deuteronomio
2Q13 Geremia
2Q14 Salmi
2Q15 Giobbe
2Q16 Ruth
2Q17 Ruth
2Q18 Siracide
2Q19 Giubilei
2Q20 Giubilei
2Q21 Apocrifo di Mos
2Q22 Apocrifo di Davide
2Q23 Profezia apocrifa
2Q24 Nuova Gerusalemme
2Q25 Documenti legali
2Q26 Giganti di Enoch
2Q2733 non classificato
14.3.3 Grotta 3
Venne scoperta nel marzo 1952. Contiene
frammenti di Ezechiele, Salmi,
Lamentazioni e un commento a Isaia, ma
loggetto pi strano rinvenuto il Rotolo di
rame, una lastra di metallo incisa che pu
essere una lista del tesoro del Tempio.





14.3.3.1 Contenuto della Grotta 3 (3Q):
3Q1 Ezechiele
3Q2 Salmi
3Q3 Lamentazioni
3Q4 Pesher Isaia
3Q5 Giubilei
3Q6 Inno
3Q7 Testamento di Giuda
3Q8 non classificato
3Q9 testo settario?
3Q1014 non classificato
3Q15 Rotolo di rame
Figura 57 Grotta 3 (www.bibleplaces.com)
122

14.3.4 Grotta 4
Scoperta nellagosto 1952 dai beduini
proprio sotto il naso degli archeologi che
stavano scavando nei pressi. La grotta
contiene 575 manoscritti, molti di essi allo
stato di brandelli, inclusi parti di libri biblici
e apocrifi, commenti biblici, opere sulla
legge ebraica, preghiere e documenti
settari. A motivo del loro stato, i frammenti
della Grotta 4 sono di decifrazione e
traduzione piuttosto difficile.















14.3.4.1 Contenuto della Grotta 4 (4Q):
Tra i documenti pi importanti della grotta 4 segnaliamo
4Q255264 Regola della Comunit
4Q265273 Documento di Damasco
4Q274283 Regole di Purificazione
4Q285 Regole della Guerra
4Q156 Targum del Levitico
4Q157 Targum di Giobbe
4Q491497 Rotolo della Guerra
4Q184 Inganni della donna malvagia




Figura 58 Grotta 4 esterno (www.bibleplaces.com)
Figura 59 Grotta 4 interno(www.bibleplaces.com)
123

14.3.5 Grotta 5
Scoperta nel settembre 1952, la grotta
contiene essenzialmente testi biblici.








14.3.5.1 Contenuto della Grotta 5 (5Q):
5Q1 Deuteronomio
5Q2 Re
5Q3 Isaia
5Q4 Amos
5Q5 Salmi
5Q6 Lamentazioni
5Q7 Lamentazioni
5Q8 Filatteri
5Q9 Nomi di luogo
5Q10 Apocrifo di Malachia
5Q11 Regola della comunit
5Q12 Documento di Damasco
5Q13 Regola
5Q14 Maledizioni
5Q15 Nuova Gerusalemme
5Q1625 non classificato
5QX1 Frammento di pelle
14.4 Grotta 6
Scoperta dai beduini, contiene testi biblici,
preghiera e documenti settari.








14.4.1 Contenuto della Grotta 6 (6Q):
6Q1 PaleoGenesi
6Q2 PaleoLevitico
6Q3 Deuteronomio
6Q4 Re
6Q6 Cantici
6Q7 Daniele
6Q8 Giganti di Enoch
6Q12 Profezia apocrifa
6Q13 Profeta sacerdotale
6Q14 Apocalisse
6Q15 Documento di Damasco
6Q16 Benedizione
6Q17 Documento calendario
6Q18 Inno
Figura 60 Grotta 5 (www.bibleplaces.com)
Figura 61 Grotta 6 (www.bibleplaces.com)
124

6Q9 SamueleRe
6Q10 Profezia
6Q11 Allegoria del vino
6Q19 Genesi
6Q20 Deuteronomio
6Q21 Testo profetico?
14.4.2 Grotte7 8 9 10
Le Grotte 7, 8, 9 furono scoperte vicino a
Qumran tra il febbraio e laprile 1955. La
Grotta 7 contiene testi in greco, inclusa una
traduzione greca del libro dellEsodo.


















14.4.2.1 Contenuto della Grotta 7 (7Q):
7Q1 Esodo dei LXX
7Q2 Epistola di Geremia
7Q3 Testo biblico?
7Q4 Testo biblico?
7Q5 Testo biblico
7Q614 non classificato
7Q1518 non classificato
14.4.2.2 Contenuto della Grotta 8 (8Q):
8Q1 Genesi
8Q2 Salmi
8Q3 Filatteri
8Q4 Mezuzah
8Q5 Inno
Figura 62 Grotta 7 (destra) e 8 (sinistra) (www.bibleplaces.com)
Figura 63 Grotta 10 (destra) (www.bibleplaces.com)
125

8QX1 Tavolette
8QX23 Lacci
14.4.2.3 Contenuto della Grotta 9 (9Q):
9Q1 Frammenti non classificati
14.4.2.4 Contenuto della Grotta 10 (10Q):
10Q1 Ostrakon
14.4.3 Grotta 11
Scoperta dai beduini nel febbraio 1956,
contiene testi biblici e aprocrifi, ma il
manoscritto pi importante il Rotolo del
Tempio, il pi lungo tra i rotoli di Qumran.
Questo testo venne scoperto dagli studiosi
soltanto nel 1967.






14.4.3.1 Contenuto della Grotta 11 (11Q):
11Q1 PaleoLevitico
11Q2 Levitico
11Q3 Deuteronomio
11Q4 Ezechiele
11Q49 Salmi
11Q10 Targum di Giobbe
11Q11 Salmi apocrifi
11Q12 Giubilei
11Q13 Melchizedek
11Q14 Berakhot
11Q1516 Inni
11Q17 Canti del Sacrificio di Sabbath
11Q1819 Rotolo del Tempio
11Q21 Testo ebraico
11Q2228 non classificato
11Q29 Serekh haYahad
11Q30 non classificato
11Q31 non classificato
XQ14 Filatteri
XQ5 Frammenti
XQ6 Offerte
Figura 64 Grotta 11 ((www.bibleplaces.com)
126

14.4.4 Il contenuto di alcuni manoscritti
14.4.5 La Regola della Comunit (Manuale di Disciplina) 1QS Serekh HaYahad:
Ordine dellUnit
Si tratta di una raccolta di prescrizioni, ad
uso della Comunit, e di un alto tenore
spirituale, caratterizzate dallobbedienza
rigorosa alla Torah. Enumera e commenta
le condizioni di ammissione alla Comunit
(chiamata Yahad = lUnit), le regole di
condotta, di natura essenzialmente rituale,
cui erano sottoposti i suoi membri, come
pure le sanzioni cui di esponevano coloro
che le infrangevano. Si tratta di regole assai
severe come le sanzioni. Per esempio, chi si
addormentava nel corso di una assemblea
era punito con trenta giorni di riduzione del
cibo (1QS VII.10).
I membri della Comunit erano tenuti allo
studio quotidiana della Torah. Erano tenuti
anche a delle sedute di lettura per un terzo
di ogni notte dellanno (1QS VI.7).
Daltronde questo desiderio di studiare la Torah che li spinse forse a isolarsi nel deserto, alto luogo di
spiritualit. Si legge infatti in 1QS VIII.1314: Quando in Israele si realizzeranno queste cose per la
comunit, in base a queste norme saranno separati di mezzo al soggiorno degli uomini dellingiustizia
per andare nel deserto a prepararvi la via di lui, come sta scritto: Nel deserto preparate la via
appianate nella steppa una strada per il nostro Dio (Is 15,3) (I manoscritti di Qumran, a cura di L.
Moraldi, UTET, Torino 1986, p. 160).
14.4.6 Regola della Guerra (1QM)
Questo testo, di ispirazione
fortemente dualista, rappresenta
una gigantesca battaglia
escatologica, la cui durata sar di
quarantanni, tra i Figli della Luce e
i Figli delle Tenebre. Il suo
significato apocalittico appare fina
dalle prime righe del rotolo: E
questo il libro della regola della
guerra. Linizio si avr allorch i
figli della luce porranno mano
allattacco contro il partito dei figli
delle tenebre, contro lesercito di
Belial, contro la milizia di Edom, di
Moab, dei figli di Ammon, contro
gli Amaleciti e il popolo della
Filistea, contro le milizie dei Kittim
di Assur, ai quali andranno in aiuto coloro che agiscono empiamente verso il patto. I figli di Levi, i figli di
Giuda e i figli di Beniamin, gli esuli del deserto, combatteranno contro di essi; contro tutte le loro milizie,
127

allorch gli esuli dei figli della luce ritorneranno dal deserto dei popoli per accamparsi nel deserto di
Gerusalemme (1QM I 13: Moraldi, cit., pp. 289291).
Il modello dei figli della luce probabilmente la comunit stessa, mentre i figli delle tenebre sono
linsieme dei tradizionali nemici di Israele: Edom, Moab, Ammon, Filistei. Il testo descrive con
uninfinit di dettagli le armi, gli stendardi, i vestiti dei guerrieri, le formazioni di battaglia, il tutto
ricalcato sul modello romano. Lo scopo dellopera era di rappresentare lOnnipotenza del Signore che
concede la vittoria finale ai figli della luce.
14.4.7 Commento a Abacuc (IQ p Hab)
Questo commento un
tipico esempio di lettura
di un testo biblico come
se riguardasse
direttamente gli eventi
dellepoca.
Qui lautore interpreta
sistematicamente i
versetti del libro di
Abacuc come
prefigurazioni di venti
contemporanei. Cos,
nei Caldei, popolo
empio e feroce di Ab
1,6, egli vede i Kittim che sono agili e forti in combattimento (1Q p Hab II 1112: Moraldi, p. 556),
cio i Romani. Tuttavia, questo commento interessante perch in una delle sue interpretazioni,
menziona due personaggi emblematici, il Maestro di Giustizia e lUomo della Menzogna. Cos, come
interpretazione delle parole del profeta: perch guardi i perfidi e taci quando il malvagio divora luomo
che pi giusto di lui (Ab 1,13), si trova il seguente commento: Linterpretazione si riferisce alla casa
di Assalonne e ai membri del loro consiglio che tacquero durante la correzione del maestro di giustizia
e non lhanno aiutato contro luomo di menzogna che aveva ripudiato la legge in mezzo a tutta la loro
assemblea (1Q p Hab V 910: Moraldi, p. 560)
Luomo di menzogna probabilmente da identificare con il Sacerdote empio dello stesso commento
e sul quale si trovano alcune precisazioni:
Fu chiamato dal nome della verit allinizio del suo ministero; ma quando esercit il dominio su
Israele, il suo cuore si inorgogl, abbandon Dio, trad i suoi statuti a causa delle ricchezze (1Q p Hab
VIII 910: Moraldi, p. 562); il sacerdote empio ha perseguitato il maestro di giustizia nella casa del
suo esilio e al tempo della festa del riposo, nel giorno dellespiazione (1Q p Hab XI 47: Moraldi, p.
566567); Profan il tempio di Gerusalemme (1Q p Hab XII 7) e fin per cadere nelle mani dei suoi
nemici (1Q p Hab IX 9).
Diverse ipotesi sono state formulate a proposito del Maestro di giustizia e del Sacerdote empio. Secondo
A. DupontSommer, il Sacerdote empio sarebbe il sommo sacerdote asmoneo Ircano II, mentre il
Maestro di giustizia sarebbe un contemporaneo di Ircano II e di Aristobulo II. Secondo E. Puech, il
Sacerdote empio sarebbe Jonathan Maccabeo, che effettivamente fu celebrato come il liberatore degli
ebrei dal giogo dei Seleucidi. Geza Vermes pensa che il frammento Preghiera per il benessere del Re
(4Q 448), sia un inno alla sua gloria. Tuttavia, Jonathan non tarder a soccombere alle sirene
dellellenismo e fin per essere assassinato dallusurpatore Trifone nel 142 a.C. Tutto questo quadra
perfettamente con il profilo del Sacerdote empio, come di pu leggere nel Commento ai Salmi (4Q 171,
IV 10): Dio lo consegner nelle mani dei violenti delle nazioni perch eseguano un giudizio su di lui.
128

14.4.8 Inni di azione di
grazia (Hodayot) 1QH
Questi inni presentano delle
affinit sicure con i Salmi:
cantano lafflizione delluomo, il
suo dolore, al sua speranza nel
soccorso dellAltissimo. In alcuni
di essi traspare lesperienza
dolorosa personale di un
personaggio che appare come il
capo di una comunit di eletti.
Alcuni commentatori non hanno
esitato ad attribuirli allo stesso
Maestro di giustizia.
Eccone alcuni estratti:
1Q H II 21: i violenti hanno
macchinato contro la mia vita,
mentre io mi affidavo al tuo
patto (Moraldi, p. 368).
1Q H IV 89 mi scacciano
dalla mia terra come un
uccello dal suo nido. Tutti i
miei vicini e parenti furono
allontanati da me, mi
ritennero come uno
strumento inetto (Moraldi,
p. 381).
1Q H VII 8: Tu non hai
permesso che io mi perdessi
danimo davanti al tuo patto,
bens hai fatto di me una torre
solida, un muro elevato, hai
stabilito su di una roccia il
mio edificio e fondamenta eterne per la mia fondazione
1Q H VII 21: Tu mi hai posto come un padre per i figli della benevolenza, come un pedagogo per
gli uomini del presagio Tu hai innalzato il mio corno contro coloro che mi disprezzavano
(Moraldi, p. 402).
Anche nella Grotta 11 stato anche trovato un rotolo di salmi (11Q Ps
a
) che contiene sette salmi
apocrifi e diversi salmi canonici. Una delle sorprese dei traduttori fu di incontrarvi il Salmo 151, 11Q05,
che non figura nel Salterio canonico, ma che stato conservato nella traduzione dei Settanta.
129

14.4.9 Il rotolo del Tempio (Meghillat Hammiqdash) 11QT
Questo rotolo trovato dai beduini 1956
nella Grotta 11, ha conosciuto una certa
fama per le vicende della sua acquisizione
da parte di Yigael Yadin durante la guerra
dei Sei giorni nel 1967. Si tratta del rotolo
pi lungo finora scoperto, con una
lunghezza di circa nove metri.
Descrive la visione di un tempio ideale
sulla scia di Ezechiele e ne fornisce le
misure e la regolamentazione dei sacrifici
e delle feste. Si attiene grosso modo alle
prescrizioni del Levitico e del
Deuteronomio, ma con delle varianti che
gli specialisti non hanno mancato di
sottolineare. Cos, per esempio, la comunit di Qumran conosce tre feste principali: le primizie del
grano, del vino nuovo e dellolio nuovo. Secondo Yigael Yadin, questo rotolo, che aiuta a comprendere
meglio la dottrina dellebraismo primitivo, era un libro sacro degno di essere aggiunto come sesto
libro al Pentateuco. Uno di questi versetti ha fatto scorrere fiumi dinchiostro, quello relativo
allappendere ad un albero, interpretato come una crocifissione:
Quando in un uomo c un peccato che lo renda reo di morte ed egli si rifugi fra le nazioni e maledica
il suo popolo e i figli di Israele, appenderete anche lui a un albero perch muoia (11QT LXIV 10:
Moraldi, p. 808).
Appendere significa probabilmente crocifiggere. Questo versetto attesta che la crocifissione era
praticata dagli ebrei come forma di esecuzione. Da notare che nella Bibbia (Deut 21,21) solo un
criminale gi giustiziato, quindi morto, poteva essere appeso.
14.4.10 Il Maestro di Giustizia
Cinquantanni prima della scoperta dei manoscritti di Qumran, Salomon Schechter aveva trovato nella
collezione della Gheniza de Il Cairo (conservata nella biblioteca di Cambridge) un manoscritto conosciuto
con il nome di Documento di Damasco (CD). Questopera, di cui sono stati scoperti altri frammenti nel
1950 nella Grotta 4, descrive in che modo Dio ha salvato un resto dIsraele dalla distruzione e come gli
abbia inviato un Maestro di Giustizia per condurlo sul cammino del Suo cuore (CD I 11). La
denominazione di Maestro di Giustizia (Moreh Ha Tsedeq) ha delle radici bibliche (Gioele, 2,23).
Questo Maestro certamente un personaggio storico, ma il suo nome reale non viene menzionato. Anche
il commento di Abacuc parla di questo personaggio opponendogli il Sacerdote empio. Il Documento de
Damasco racconta poi che il gruppo degli eletti ha sopportato grandi sofferenze e ha finito per emigrare
con il suo capo alla volta della Terra de Damasco dove fu creata la Nuova Alleanza regolata da un
codice di leggi molto rigorose. Dopo la scoperta della Regola della comunit (1QS), si subito stabilito
un collegamento legame con il Documento di Damasco e si formulata lipotesi che la Comunit della
Regola altro non era che quella fondata dal Maestro di Giustizia.
14.4.10.1 Curriculum vitae del Maestro di Giustizia
A partire dalle allusioni che compaiono nel Documento de Damasco, nel Commento a Abacuc e in
quello di Nahum, si pu stabilire il seguente quadro:
a) Il Maestro si oppose ai tre resacerdoti asmonei che non appartenevano alla dinastia davidica e che
quindi detenevano il potere illegittimamente.
130

b) Fu esiliato da Gerusalemme e si rifugi a Damasco dove fond la Nuova Alleanza (CD VII 1820).
I suoi discepoli, sia a Damasco sia al loro ritorno il Giudea, riunirono gli scritti del Maestro che
starebbero alla base della Regola della Comunit.
c) Conobbe verosimilmente una fine tragica (verso il 110 a.C.), vittima del Sacerdote empio dal quale
fu braccato (Comm. ai Salmi, 4 Q 171, IV 67) e forse ucciso (1Q p Hab XI 45).
14.4.10.2 Tentativo di identificazione (E. Puech)
Nella lista dei Sommi sacerdoti in Flavio Giuseppe (Ant. Jud. XX, 237) vi una lacuna di sette anni:
nessuno Sommo sacerdote viene segnalato tra il 159 a.C. e il 152 (il Sommo sacerdote Alcimo = Jakim
morto nel 159 viene sostituito soltanto dopo sette anni, da Jonathan Maccabeo). Secondo E. Puech, il
Sommo sacerdote in carica in questo intervallo di tempo sarebbe stato il Maestro di Giustizia, il cui
nome sarebbe stato colpito da una damnatio memoriae. Sarebbe stato cacciato nel 152 da Jonathan
Maccabeo, il quale sarebbe di conseguenza il Sacerdote empio. Il nome del Maestro di Giustizia sarebbe
Simone III, in virt di una regola che voleva che gli stessi nomi ritornassero periodicamente.
14.5 Qumran e il cristianesimo
Lambiente messianico in cui immersa una parte degli scritti di Qumran ha ampiamente favorito
lemergere di commentatori che, forzando il testo alluopo, li mettevano in rapporto con gli albori del
cristianesimo (Baigent, Eisenman). Il Maestro di Giustizia stato di volta in volta identificato con
Giovanni Battista (Mad. Thiering), con Giacomo Minore (Eisenman), o altri ancora. Oggi queste
divagazioni sono cessate. Nessun personaggio del Nuovo Testamento menzionato nei manoscritti,
nessuno testo del Nuovo Testamento vi stato trovato (il frammento 7Q5, presumibilmente dal
Vangelo di Marco, non conclusivo) e non pu essere diversamente visto che la grande maggioranza
di questi scritti risalgono ai primi due secoli a.C.
Resta il fatto che i primi cristiani avevano certamente partecipato al ribollire di idee che agitava la
societ ebraica allepoca del secondo Tempio, di cui condividevano lo stesso quadro culturale e storico.
Condividevano con gli adepti di Qumran una analoga prospettiva escatologica. I due gruppi credevano
allimminenza della fine dei tempi e organizzarono intorno a questo articolo di fede le loro credenze e
le loro pratiche comunitarie. Non quindi sorprendente che negli scritti di Qumran e nel Nuovo
Testamento si trovino delle analogie sia nel vocabolario sia nelle pratiche rituali e comunitarie.
14.5.1 Analogie nel vocabolario
Perfezione, Via, Cammino,
Spirito Santo,
Purificazione, Sporcizia (2 Cor 7,1)
Beatitudini (4Q 525, Mat 5,311)
Figli della Luce (Lc 16,8)
Luce e Tenebre (Vangelo e Lettere di Giovanni)
Non si trova invece nel Nuovo Testamento il termine Figli delle Tenebre.
14.5.2 Analogie nelle pratiche rituali e comunitarie
14.5.2.1 Pasto sacro
Il sacerdote benedice il pane e il vino (1QS VI 28) (Regola della Comunit). Il sacerdote benedice il
pane e il vino in presenza del Messia dIsraele (1QSa =1 Q28a) (Regola messianica), cf. Mat 26,2629,
131

Mc 14,2225, Lc 21,423. Presso gli Esseni questo pasto ha un carattere rituale, mentre per i cristiani
ha un carattere sacramentale che collega il pane e il vino al corpo e al sangue di Cristo. Daltra parte,
presso gli Esseni le donne non sono ammesse a questo pasto, mentre lo sono presso i cristiani.
14.5.2.2 Battesimo, abluzione
Presso gli Esseni labluzione in un Miqveh si fa quotidianamente e possiede un carattere rituale. Presso
i cristiani, invece, il battesimo ha un carattere sacramentale, viene amministrato da un terzo ed legato
alla remissione dei peccati. Daltronde, allalba del cristianesimo i rituali battesimali erano molto diffusi
in Palestina ed quindi molto difficile trarre una qualsiasi conclusione dalle manifestazioni rituali di
un solo gruppo.
14.5.2.3 Comunione dei beni
Presso gli Esseni, coloro che entravano nella comunit dovevano mettere i loro beni in fondo comune.
Allo stesso modo, i primi cristiani mettevano i loro beni in comune (At 2,447; 4,3237). Non si pu
trarre alcuna conclusione da questa analogia, dal momento che questa prassi era considerata un ideale
in numerosi gruppi (per esempio i terapeuti in Egitto decritti da Filone).
14.5.2.4 Carit
Gli Esseni predicavano la carit verso i loro fratelli, ma auguravano un odio eterno ai figli della
perdizione (1QS IX 2122). Presso di loro non ci coglie nemmeno il minimo senso di perdono (4Q 286
287, Fram. 3, col. 2, linea 10). I cristiani, invece, predicavano la carit universale (Mat 5,4344).
evidente tutta la portata di queste analogie, ma anche i limiti: riti e pratiche descritti dai manoscritti
di Qumran ricevono nel Nuovo Testamento una interpretazione del tutto diversa, mentre i termini
utilizzati ricevono una nuova carica. A dispetto di tutte queste similitudini, sarebbe sbagliato
sottoscrivere la frase di Ernest Renan secondo il quale il cristianesimo sarebbe un Essenismo realizzato.
14.6 Il calendario esseno
Dal momento che lanno solare conta 365 e rotti e non divisibile per 7, si adatta poco alle necessit
della liturgia, che basata sulla settimana. Cos gli ebrei avevano inventato, a fini liturgici, un anno
solare artificiale, nel quale il numero di giorni il multiplo di 7 pi vicino al 265, cio il 364.
Adottarono quindi un anno di 364 giorni, che in ritardo di poco pi di un giorno rispetto allanno
solare. Tale anno pu essere diviso in quattro stagioni, ognuna delle quali comprende tre mesi di 30,
30, 31 giorni, rispettivamente. Ogni stagione comprende 91 giorni, ossia 13 settimane e lanno
comprende quindi esattamente 413 = 52 settimane.
Si fa cominciare lanno un mercoled (il quarto giorno della settimana, forse in accordo con le Scritture
secondo le quali il sole, la luna e le stelle sono state create il quarto giorno (Gen 1, 1415). Poich ogni
stagione conta esattamente 13 settimane, anche il primo giorno di ogni stagione cade di mercoled.
Il grande vantaggio di questo calendario che tutte le feste principali cadono sempre lo stesso giorno
della settimana. Cos il giorno di Pasqua, il 15 di Nisan, primo mese dellanno, cade sempre di
mercoled, dal momento che il primo giorno dellanno cade un mercoled. Limmolazione dellagnello
pasquale ha luogo nella notte tra il 14 e il 15 di Nisan, cio nella notte tra marted e mercoled.




132

Negli scritti di Qumran si trovano attestazioni di questo calendario in:
a) Commento alla Genesi (4Q p Gen
a
= 4 Q 252)
Vi si menziona esplicitamente lanno (solare) di 364 giorni (VIII.18) e si cerca di aggiustare la
cronologia del diluvio a questo calendario:
il 17 del 2 mese il primo giorno della settimana;
il 26 del 3 mese il quinto giorno della settimana;
il 14 del 7 mese il terzo giorno della settimana;
il 1 del 10 mese il quarto giorno della settimana;
il 24 dell11 mese il primo giorno della settimana;
il 1 del 12 mese il primo giorno della settimana;
il 1 del 1 mese il quarto giorno della settimana;
il 17 del 2 mese il primo giorno della settimana.
Questi dati sono compatibili soltanto con un anno di 364 giorni diviso in quattro trimestri di 30,
30, 31 giorni, rispettivamente, che cominciano tutti di mercoled.
b) Cantico per lolocausto del Sabato (4Q 400402)
Vi si menzionano le date di numerosi sabati:
primo sabato: il 4 del primo mese;
quarto sabato: il 25 del primo mese;
settimo sabato: il 16 del secondo mese;
ottavo sabato: il 23 del secondo mese;
dodicesimo sabato: il 21 del terzo mese.
Questi dati sono compatibili soltanto con un anno di 364 giorni diviso in quattro trimestri di 30,
30, 31 giorni, rispettivamente, che cominciano tutti di mercoled.
c) Salmi apocrifi (11Q Psa)
d) Lista calendaria in 4 Q 394398 = 4 QMMT
a

Nel commento alla Genesi, si legge che il diluvio comincia e finisce il diciassettesimo giorno del
diciottesimo mese ed durato quindi esattamente 364 giorni, ossia un anno solare. Nella Genesi
biblica, si legge che il diluvio comincia il diciassettesimo giorno del diciottesimo mese (7,11) e che finisce
il ventisettesimo giorno del secondo mese (8,14). Secondo questo testo quindi il diluvio durato
esattamente un anno e dieci giorni. Se si suppone che questo anno sia un anno lunare di 354 giorni,
durato esattamente 364 giorni, come nel testo di Qumran. Il calendario di 364 giorni menzionato
anche nel libro del Giubileo e nel libro di Enoch.
Lanno lunare ufficiale conta 354 giorni, o 12 mesi di 29, 30 giorni alternativamente. in ritardo
sullanno esseno di dieci giorni e sullanno solare di un po pi di undici giorni. Per armonizzare questo
calendario con le stagioni del ciclo solare, si introdusse sette volte in 19 anni (praticamente una volta
tutti e tre gli anni), un mese supplementare (il secondo Adar). Si parla allora di anno lunisolare. I
musulmani invece, pur avendo anchessi lanno lunare, non procedono a tale rettifica e pertanto le loro
feste possono cadere in qualsiasi stagione, facendo il giro dello zodiaco.
Lanno si affranca dalla luna e della sue fasi; esso tutto basato sul numero 7, cio sul Sabato, simbolo
della creazione (Gen 1). La vita del popolo di Dio, totalmente indipendente dal ritmo degli astri,
partecipa cos della vita divina. Il fatto di seguire questo calendario poneva i membri della comunit in
opposizione con il giudaismo ufficiale dei Sadducei e dei Farisei, ma in compenso li metteva in accordo
con la liturgia angelica come la si vede per esempio nei Cantici per lolocausto del Sabato.
133

14.7 Appendice
14.7.1 La data della Cena
I testi di Qumran possono forse apportare una soluzione al vecchio problema della cronologia della
cena e della Passione. Le difficolt legate a questa cronologia si risolvono infatti supponendo che Ges,
in aperta opposizione con i Sadducei e i Farisei, ha celebrato la Cena seguendo il calendario di Qumran.
In base a questo calendario, la festa del Seder (la Cena) cade qualche giorno prima rispetto agli ambienti
ufficiali di Gerusalemme. Si tenga presente che:
1) I giorni della settimana sono cos classificati: 1 Domenica, 2 Luned, 3 Marted, 4 Mercoled, 5
Gioved, 6 Venerd, 7 Sabato.
2) La Pasqua si celebrava il 15 del primo mese dellanno, cio il 15 di Nisan. Tuttavia la festa cominciava
la sera del 14 in cui si immolava lagnello pasquale, il quale veniva consumata nella notte tra il 14 e
il 15 di Nisan.
14.7.1.1 Dati relativi al calendario di Qumran
1) Secondo il Cantico per lolocausto del Sabato, 4Q 400407, i sabati del mese di Nisan (primo mese
dellanno) cadono il 4, 11, 18. Quindi, la Pasqua, il 15 di Nisan, cade un mercoled.
2) Il calendario di Qumran un calendario liturgico artificiale che non interferisce con il calendario
lunisolare ufficiale.
14.7.1.2 Dati scritturistici
1) Lanno della morte di Ges, la Pasqua cadeva un sabato (Gv 19,14 e 19,31). Non poteva che essere la
Pasqua ufficiale dal momento che quella degli Esseni cadeva di mercoled, cosa che si verific negli
anni 30 e 33. Ne deriva che la Pasqua degli Esseni si festeggiava tre giorni prima della Pasqua
ufficiale.
2) Secondo il parere unanime degli evangelisti, la morte di Ges avviene la vigilia di Pasqua (= la
Preparazione = la Parasceve): Mat 27,62, Mc 15,42, Lc 23,54, Gv 18,28, 19,14,31,42. Daltra parte, i
versetti di Giovanni non lasciano alcun dubbio sul fatto che si tratta della Pasqua ufficiale, cio un
sabato secondo 1). Ne deriva che Ges morto un venerd.
3) Ges ha mangiato lagnello pasquale la vigilia di Pasqua (se cos che ci intende Gv 13,12).
chiaro che, se in 2) e 3) si trattava della stesa Pasqua, Ges sarebbe morto il pomeriggio della vigilia
di Pasqua e avrebbe celebrato la Cena la sera di questa stessa vigilia, cosa che contraddittoria.
La contraddizione viene meno se si suppone che:
1) in 3) si tratta della Pasqua ufficiale (ma ci va da s);
2) in 2) si tratta della Pasqua essenica, cio Ges ha seguito, per la cena, il calendario liturgico esseno.
Questa ipotesi trova un sostegno nel fatto che la Cena ebbe luogo nella Sala alta (Mc 14,15) situata,
secondo la tradizione, in pieno quartiere esseno di Gerusalemme.
Per maggiore chiarezza si pu tracciare il seguente schema:
Calendario esseno Calendario ufficiale
13 Luned 10
14 Marted 11 Cena (la sera)
Pasqua essena 15 Mercoled 12 Al sinedrio
16 Gioved 13 Da Pilato
134

17 Venerd 14 Morte (8 aprile 30)
18 Shabbat 15 Pasqua ufficiale Sepolcro
19 Domenica 16 Risurrezione

Se si adotta questa ipotesi, si vede che Ges ha celebrato la Cena il marted sera, stato arrestato nella
notte tra marted e mercoled, stato portato davanti ai vari tribunali il mercoled e il gioved ed morto
il venerd. notevole il fatto che questa tradizione attestata da una tradizione patristica che ha lasciato
tracce fino al V secolo.
Presso i Sinottici, la cena si colloca il primo giorno degli Azimi: Mt 26,1,19; Mc 14,12,16; Lc 22,7,13. Se
si intende con primo giorno degli Azimi il giorno stesso di Pasqua, Ges avrebbe mangiato lagnello
pasquale il giorno stesso di Pasqua, ossia, secondo il calendario di Qumran, il mercoled sera. Ci
accorcia di un giorno la durata del processo.
In definitiva, tutto avviene come se
1) i versetti relativi alla Passione seguano il calendario ufficiale;
2) i versetti relativi alla Cena, cio una faccenda privata, seguano il calendario di Qumran.
14.7.2 La data di Natale
Secondo unopinione diffusa la data del 25 dicembre per Natale sarebbe stata il risultato della
sostituzione, sotto Costantino, della festa romana del Sol Invictus al solstizio dinverno di fine dicembre,
da parte del cristianesimo. Unaltra teoria vi vede la cristianizzazione dei Saturnali romani. Queste teorie
sono state rimesse in discussione dalla scoperta del calendario di Qumran. Ecco di cosa si tratta.
I sacerdoti cui spettava il servizio del Tempio di Gerusalemme erano divisi in ventiquattro classi
sacerdotali (1Cr 24,128) e ogni classe assicurava il suo servizio due volte allanno, ogni volta per la durata
di una settimana. Zaccaria, il padre di Giovanni Battista, era della classe di Aba (Lc 1,5) e, nel racconto
di Luca, viene precisato che langelo gli apparve mentre era di servizio. Ora, un frammento di Qumran
fornisce delle precisazioni molto interessanti: in 4Q 320330, si trova il calendario del sevizi del Tempio,
il quale specifica, per ogni settimana dellanno, la classe sacerdotale che deve assicurare il servizio. Si
viene a sapere che la classe di Aba assumeva il proprio servizio, nel primo anno del ciclo di sei anni:
il terzo mese dellanno (siwan), nella settimana dall 8 al 14;
lottavo mese dellanno (heshwan), nella settimana dal 24 al 30.
Questultima data cade alla fine di settembre e non c quindi da sorprendersi nel venire a sapere che il
calendario bizantino festeggi la concezione di Giovanni Battista il 23 settembre; sarebbe dunque nato
nove mesi pi tardi, cosa che ci porta verso il 24 giugno, che proprio la festa di San Govanni Battista.
Infine, viene precisato in Lc 1,26 che lAnnunciazione ha avuto luogo sei mesi prima della concezione
di Giovanni Battista; in altri termini, la concezione di Ges ha avuto luogo sei mesi dopo quella di san
Giovanni: Ges dunque nato sei mesi dopo Giovanni Battista; sei mesi dopo il 24 giugno ci porta verso
il 25 dicembre.





















Nuovo Testamento
di Luciano Zappella

















































137

1 Il Canone del Nuovo Testamento
Prima di entrare nel merito del nostro discorso sono necessarie due premesse.
a. Anzitutto, bisogna dire che praticamente tutti i libri che formano il Nuovo Testamento sono stati
scritti sulla base di necessit contingenti (soprattutto le lettere di Paolo); nessuno dei loro autori o
redattori pensava che quegli scritti sarebbero entrati a far parte di una collezione di libri dotata di
un valore vincolante, sia da un punto di vista ecclesiale sia da punto di vista teologico.
b. In secondo luogo, il processo che ha portato alla definizione del canone del Nuovo Testamento (vale
a dire la fissazione dei 27 libri che lo compongono) non stato n breve (dal II al IV secolo) n
pacifico (le controversie furono numerose). Cercheremo di riassumerne la tappe principali, non
prima di elencare subito i tre criteri guida della canonicit. Essi sono:
lorigine apostolica del libro;
la conformit del contenuto alla regola della fede apostolica;
il suo uso nella liturgia.
Il documento pi famoso per la storia della formazione del canone neotestamentario senza dubbio
il Frammento muratoriano. Esso attesta lesistenza dei quattro vangeli e presenta una collezione
canonica di 13 lettere di Paolo, le quali, si dice, hanno come destinazione la chiesa cattolica (cio,
universale).
1.1 Il frammento muratoriano
Conservato in un manoscritto dellVIII secolo e scoperto da Ludovico Antonio Muratori nella Biblioteca
Ambrosiana di Milano (da lui pubblicato nel 1749), il Frammento di Muratori un testo in latino
di 85 righe, in pessime condizioni. Si tratta quasi certamente della traduzione di un originale greco, che
la maggior parte degli studiosi ritiene scritto tra il II e il III secolo d.C.
Latino (riscritto) Traduzione Commenti
1
quibus tamen interfuit et ita posuit.
1
a cui nondimeno egli era presente, e
cos [li] colloc [nella sua narrazione]
Linizio del testo andato perso, ma
sicuramente si fa riferimento a Matteo e
a Marco (cfr. le ultime parole).
2
tertium evangelii librum
secundum Lucam.
3
Lucas iste
medicus
4
post ascensum Christi
5
cum
eum Paulus quasi itineris sui
socium
6
secum adsumsisset nomine suo
ex opinione conscripsit
7
Dominum
tamen nec ipse vidit in carne
8
et idem
prout assequi potuit:
9
ita et a nativitate
Iohannis incepit dicere.
2
Il terzo libro del vangelo quello
secondo Luca.
3
Luca, il ben noto
medico,
4
dopo lascensione di
Cristo,
5
quando Paolo laveva preso con s
come appassionato di legge,
6
lo compose a
proprio nome, secondo la credenza
[generale].
7
Tuttavia egli non aveva visto il
Signore nella carne;
8
e perci, poich era
abile ad accertare i fatti,
9
cominci
effettivamente a raccontare la storia dalla
nascita di Giovanni.
Vangelo di Luca

Prima parte (139): libri
dallautenticit indiscutibile: 4 vangeli
(con Atti e Prima Giovanni) e 13 Lettere
di Paolo
10
quarti evangeliorum Iohannis ex
discipulis.
11
cohortantibus condiscipulis
et episcopis suis dixit
12
Conieiunate
mihi hodie triduum,
13
et quid cuique
fuerit revelatum alteratrum nobis
enarremus.
14
eadem nocte revelatum
Andreae ex apostolis, ut
recognoscentibus cunctis, Iohannes suo
nomine cuncta describeret.
10
Il quarto dei vangeli quello di
Giovanni, [uno] dei discepoli.
11
Ai suoi
condiscepoli e ai vescovi, che lo
spingevano a scrivere, egli
disse:
12
Digiunate con me da oggi per
tre giorni
13
e ci che sar rivelato a
ciascuno diciamocelo lun laltro.
14
La
stessa notte fu rivelato ad Andrea, [uno]
degli apostoli, che Giovanni avrebbe
dovuto scrivere tutte le cose a suo nome,
Vangelo di Giovanni
138

mentre gli altri avrebbero dovuto
controllarne lesattezza.
15
et ideo licet varia singulis
evangeliorum libris principia
doceantur
16
nihil tamen differt
credentium fidei,
17
cum uno ac
principali spiritu declarata sint in
omnibus omnia
18
de nativitate, de
passione, de resurrectione, de
conversatione cum discipulis suis,
19
et
de gemino eius adventu, primum in
humilitate despectus, quod fuit,
secundum potestate regali praeclarum,
quod futurum est.
15
E cos, sebbene vari principi possano
essere insegnati nei singoli libri dei
vangeli,
16
nondimeno ci non fa
differenza per la fede dei credenti,
17
dal
momento che da un unico Spirito
supremo tutte le cose sono state
proclamate in tutti [I vangeli]
18
riguardo alla nativit, riguardo alla
passione , riguardo alla resurrezione,
riguardo alla vita con i suoi discepoli
19
e
riguardo alla sua duplice venuta: la
prima in umilt quando egli fu
disprezzato, gi avvenuta, la seconda
gloriosa nel potere regale, che appartiene
ancora al futuro.

20
quid ergo mirum, si Iohannes tam
constanter singula etiam in epistulis
suis proferat dicens in semetipso
21
Quae
vidimus oculis nostris, et auribus
audivimus, et manus nostrae
palpaverunt, haec scripsimus
vobis?
22
Sic enim non solum visorem,
sed et auditorem, sed et scriptorem
omnium mirabilium Domini per
ordinem profitetur.
20
Che meraviglia , allora, se Giovanni
cos coerentemente nomina questi punti
particolari anche nelle lettere, dicendo di
se stesso:
21
Ci che abbiamo visto con i
nostri occhi e udito con le nostre orecchie
e toccato con le nostre mani, lo abbiamo
visto per voi?
22
Perch in questo modo
egli si professa non solo testimone
oculare e auricolare, ma anche scrittore
di tutti i fatti meravigliosi del Signore, nel
loro ordine.

23
Acta autem
omnium apostolorumsub uno libro
scripta sunt.
24
Lucas optimo
Theophilo comprehendit, quae sub
praesentia eius singula
gerebantur,
25
sicut et remote passionem
Petri evidenter declarat,
26
sed et
profectionem Pauli ab urbe ad Spaniam
proficiscentis.
23
Inoltre, gli atti di tutti
gli apostoli furono scritti in un solo
libro.
24
Luca, per leccellentissimo
Teofilo, raccolse I singoli eventi che
ebbero luogo in sua presenza,
25
come
egli mostra chiaramente omettendo il
martirio di Pietro
26
cos come la
partenza di Paolo dalla citt [di Roma]
verso la Spagna.
Gli Atti degli Apostoli formano un
tuttuno con il vangelo lucano
27
Epistolae autem Pauli, quae, a quo
loco, vel qua ex causa directae sint,
volentibus intelligere ipsae
declarant.
28
primum omnium
Corinthiis schisma haeresis
interdicens,
29
deinceps Galatiscircumc
isionem,
30
Romanis autem ordine
scripturarum, sed et principium earum
esse Christum intimans, prolixius
scripsit;
27
Riguardo alle lettere di Paolo, esse da
sole dichiarano a coloro che vogliono
capire che cosa [siano], da che luogo o
per quale ragione siano state
scritte.
28
La prima di tutte quella
ai Corinzi, che proibisce le loro
divisioni ereticali;
29
la seconda, ai
Galati, contro la circoncisione;
30
poi
scrisse pi diffusamente ai Romani,
spiegando lordine delle Scritture e
anche che cristo il loro principio.
I Lettera ai Corinzi
Lettera ai Galati
Lettera ai Romani
31
de quibus singulis necesse est a nobis
disputari;
32
cum ipse beatus Apostolus
Paulus sequens prodecessoris sui
Iohannis ordinem, nonnisi nominatim
septem ecclesiis scribat ordine tali:
33
ad
Corinthios prima, ad Ephesios secunda,
ad Philippenses tertia, ad Colossenses
quarta, ad Galatas quinta, ad
31
Ma necessario per noi esaminare
queste lettere una per una,
32
perch il
santo apostolo Paolo in persona,
seguendo lesempio del suo
predecessore Giovanni, scrive
nominativamente a solo sette chiese nel
seguente ordine:
33
ai Corinzi la prima,
agi Efesini la seconda, ai Filippesi la
Lettera agli Efesini
Lettera ai Filippesi
Lettera ai Colossesi
I ai Tessalonicesi

139

Thessalonicensibus sexta, ad Romanos
septima.
terza, ai Colossesi la quarta, ai Galati la
quinta, ai Tessalonicesi la sesta, ai
Romani la settima.
Il fatto che Paolo scriva, come Giovanni,
a sette chiese segno che le sue lettere
sono rivolte non a chiese locali ma alla
chiesa universale (ci si basa sul
simbolismo del numero 7 che indica la
totalit).
34
verum Corinthiis, et
Thessalonicensibus licet pro
correptione iteretur,
35
una tamen per
omnem orbem terrae ecclesia diffusa
esse denoscitur.
36
et Iohannes enim in
Apocalypsi licet septem ecclesiis scribat,
tamen omnibus dicit.
34
vero che egli scrive ancora una volta
ai Corinzi e ai Tessalonicesi per
ammonimento,
35
eppure si riconosce
facilmente che c una sola chiesa sparsa
su tutta la terra.
36
Perch anche
Giovanni nellApocalisse, bench scriva
a sette chiese, nondimeno parla di tutte.
II Corinzi
II Tessalonicesi
37
verum ad Philemonem unam, et
ad Titum unam, et ad Timotheum
duas pro affectu et dilectione;
38
in
honore tamen ecclesiae catholicae in
ordinatione ecclesiasticae disciplinae
sanctificatae sunt.
37
[Anche Paolo scrisse] per affetto e
amore una lettera a Filemone, una
a Tito e due a Timoteo,
38
tuttavia
queste sono considerate sacre nella
stima della chiesa universale per la
regolamentazione della disciplina
ecclesiastica.
Lettera a Filemone
Lettera a Tito
I e II a Timoteo
39
fertur etiam ad Laodicenses, alia ad
Alexandrinos, Pauli nomine fictae ad
haeresem Marcionis,
40
et alia plura,
quae in catholicam ecclesiam recipi non
potest; fel enim cum melle misceri non
congruit.
39
in circolazione anche [una lettera] ai
Laodicesi [e] unaltra agli Alessandrini,
[entrambe] falsificazioni scritte sotto il
nome di Paolo per [promuovere] leresia
di Marcione,
40
e diverse altre che non
possono essere accettate dalla chiesa
universale, perch non opportuno
che il fiele sia mischiato con il miele.
Seconda parte (3949): libri
discutibili (4147) e libri da scartare
(3940; 4849)

Lettera ai Laodicesi e Lettera agli
Alessandrini: scritti eretici
41
Epistola san Iudae, et
superscriptio Iohannis duas in
catholica habentur;
42
et Sapientia ab
amicis Salomonis in honorem ipsius
scripta.
41
Inoltre la Lettera di Giuda e due
che portano il nome di
Giovanni sono usate nella [chiesa]
universale
42
e [il libro della] Sapienza
scritto dagli amici di Salomone in suo
onore.
Lettera di Giuda, I e II Giovanni,
Apocalisse di Giovanni: si possono
leggere
43
apocalypses etiam Iohannis, et
Petri, tantum recipimus, quam quidam
ex nostris legi in ecclesia
nolunt.
44
Pastorem vero nuperrime
temporibus nostris in Urbe Roma
Hermas conscripsit, sedente cathedra
Urbis Romae ecclesiae Pio Episcopo
fratre eius;
45
et ideo legi eum quidem
oportet, se publicare vero in ecclesia
populo,
46
neque inter Prophetas,
completum numero,
47
neque inter
apostolos, in finem temporum potest.
43
Noi accettiamo soltanto le Apocalissi
di Giovanni e di Pietro, bench alcuni di
noi non desiderano che la seconda sia
letta in chiesa.
44
Ma Erma scrisse Il
Pastore molto recentemente ai giorni
nostri, nella citt di Roma, mentre il
vescovo Pio, suo fratello, occupava la
cattedra [episcopale] della chiesa della
citt di Roma.
45
E perci deve bens
essere letto; ma non pu essere lette
pubblicamente al popolo in chiesa,
46
n
tra i profeti, il cui numero
completo,
47
n tra gli apostoli, perch
viene dopo [il loro] tempo.
Il Pastore di Erma: non si pu leggere
Apocalisse di Pietro: giudizio incerto
48
Arsinoi autem, seu Valentini, vel
Mitiadis nihil in totum recipimus.
49
qui
etiam novum Psalmorum librum
Marcioni concripserunt una cum
Basilide Assianum Catafrygum
constitutorem
48
Ma noi non accettiamo nulla di
Arsinoo o Valentino o Milziade,
49
i quali
composero anche un nuovo libro di
salmi per Marcione, insieme con
Basilide, lasiatico fondatore dei
catafrigi
Scritti eretici
140

Ireneo di Lione (nato tra il 140 e il 160) si sofferma sul valore simbolico del numero 4 con riferimento
ai vangeli (Adversus Haereses III,11,8). Pi che ritenere sia stato lui a definire il numero dei vangeli,
pi probabile che egli non faccia altro che basarsi su una situazione preesistente.
Il primo a parlare dellesistenza di Vangeli scritti Papia di Ierapoli (morto verso il 140). Dalla sua
opera (Spiegazioni delle parole del Signore) andata perduta (ci sono per delle citazione nella Storia
ecclesiastica di Eusebio di Cesarea), si pu dedurre con una certa sicurezza che, pur in presenza di testi
scritti, egli si fida maggiormente della tradizione orale.
Le cose cambiano con Marcione (morto nel 160), con il quale nasce per la prima volta un canone del
Nuovo Testamento, che poi spinger la Grande Chiesa a proporre un proprio canone. Il suo noto come
piccolo canone e comprende i seguenti libri: Luca, Romani, III Corinzi, Galati, Efesini, Filippesi,
Colossesi, III Tessalonicesi, Filemone.
Pur non avendo stilato un vero e proprio elenco di libri del Nuovo Testamento, Origene, in base alla
testimonianza di Eusebio (Storia ecclesiastica VI,2512), presenta una classificazione tripartita dei
libri del Nuovo Testamento, secondo questo schema:
Homologoumena
(Riconosciuti)
Amphiballmena
(Controversi)
Pseud
(Falsi)
4 vangeli e Atti
13 lettere di Paolo
I Pietro
I Giovanni
Apocalisse
II Pietro
II Giovanni
Ebrei
Giacomo
Giuda
Vangelo degli Egiziani
Vangelo di Basilide
Vangelo di Tommaso
Vangelo di Mattia


Una delle testimonianze pi importanti per la storia del canone sicuramente Eusebio di
Cesarea (Storia Ecclesiastica III, 25, 17), di cui citiamo il passo integrale:
Arrivati a questo punto, ci sembra ragionevole ricapitolare (la lista) degli scritti del Nuovo Testamento
di cui abbiamo parlato. E, senza alcun dubbio, si deve collocare prima di tutto la santa tetrade (=
quaterna) degli evangeli, cui segue il libro degli Atti degli Apostoli. Dopo questo, si debbono
citare le lettere di Paolo, a seguito delle quali si deve collocare la prima attribuita a Giovanni e
similmente la prima lettera di Pietro. A seguito di queste opere si sistemer, se si vorr,
lApocalisse di Giovanni, su cui esporremo a suo tempo ci che si pensa. E questo per i libri
universalmente accettati (homologoumena).
Tra gli scritti contestati (antilegomena), ma riconosciuti dalla maggior parte, c
la lettera attribuita a Giacomo, quella di Giuda, la seconda lettera di Pietro e le lettere dette
seconda e terza di Giovanni, che sono dellevangelista o di un altro che porta lo stesso nome.
Tra gli spuri (nothoi) vengono anche collocati il libro degli Atti di Paolo, lopera intitolata Il Pastore,
lApocalisse di Pietro e dopo questi la lettera attribuita a Barnaba, i cosiddetti Insegnamenti degli
Apostoli (Didach), poi, come s gi detto, lApocalisse di Giovanni, se si vuole. Qualcuno, come ho
gi detto, la rifiuta, ma altri la uniscono ai libri universalmente accettati. Tra questi stessi libri alcuni
hanno ancora collocato il Vangelo secondo gli Ebrei, che piace soprattutto a quegli Ebrei che hanno
creduto a Cristo.
Pur stando cos le cose per i libri contestati, tuttavia abbiamo giudicato necessario farne ugualmente la
lista, separando i libri veri, autentici e accettati secondo la tradizione ecclesiastica, dagli altri che, a
differenza di quelli, non sono testamentari (= vincolanti), e inoltre contestati, sebbene conosciuti, dalla
141

maggior parte degli scrittori ecclesiastici; affinch possiamo distinguere questi stessi e quelli che,
presso gli eretici, sono presentati sotto il nome degli apostoli, sia che si tratti dei vangeli di Pietro, di
Tommaso e di Mattia o di altri ancora, o degli Atti di Andrea, di Giovanni o di altri apostoli.
Assolutamente nessuno mai tra gli scrittori ecclesiastici ha ritenuto giusto di ritrovare i loro ricordi in
una di queste opere. Daltra parte, il carattere del discorso si allontana dallo stile apostolico; il pensiero
e la dottrina che essi contengono sono talmente lontani dalla vera ortodossia da poter chiaramente
provare che questi libri sono delle costruzioni di eretici. Perci non si debbono neppure collocare tra
gli apocrifi, ma si debbono rigettare come del tutto assurdi ed empi
Sulla base delle sue indicazioni, possiamo tracciare il seguente schema:
Homologoumena
(Lettura liturgica e privata)
Amphiballmena
(Lettura privata ma non liturgica)
Nothoi
(Spuri)
4 vangeli
Atti
13 lettere di Paolo (compresa la
Lettera agli Ebrei)
I Pietro
I Giovanni
Apocalisse (?)
II Pietro
IIIII Giovanni
Giacomo
Giuda


Il Pastore di Erma
Apocalisse di Pietro
Lettera di Barnaba
Didach
Apocalisse di Giovanni (?)
Vangelo secondo gli Ebrei


Il primo elenco completo dei 27 libri del Nuovo Testamento si deve a Atanasio di Alessandria, il
quale, nella lettera 39 del 367, stila un elenco dei libri canonici sia dellAntico sia del Nuovo
Testamento. Egli distingue tra libri canonizzati (kanonizmena), libri che si possono leggere
(anaghinoskmena) e libri apocrifi (apkrypha).
Tra le fine del IV e linizio del V registriamo le prime decisioni conciliari sul canone biblico: si tratta
dei concili di Ippona (393) e di Cartagine (397 e 419) cui prese parte Agostino. Gli atti del concilio
di Ippona sono perduti, ma abbiamo il suo sommario che venne letto ed approvato a Cartagine (397):
Oltre alle Scritture canoniche nulla devessere letto sotto il nome di divine Scritture. E le scritture
canoniche sono: Genesi, Esodo, Levitico, Numeri, Deuteronomio; Giosu, Giudici, Ruth, i quattro dei
Re, i due dei Paralipomeni, Giobbe, Salterio di David, cinque libri di Salomone [Proverbi, Ecclesiaste,
Cantico dei Cantici, Sapienza, Ecclesiastico], i dodici Profeti [i minori: Osea, Gioele, Amos, Abdia,
Giona, Michea, Naum, Abacuc, Sofonia, Aggeo, Zaccaria, Malachia], Isaia, Geremia, Daniele, Ezechiele,
Tobia, Giuditta, Ester, i due di Esdra [Neemia ed Esdra], i due dei Maccabei. Del Nuovo Testamento
quattro libri di Evangeli, un libro di Atti degli Apostoli, tredici lettere di Paolo apostolo, una del
medesimo agli Ebrei, due di Pietro, tre di Giovanni, una di Giacomo, una di Giuda, lApocalisse di
Giovanni.
Per quanto riguarda la chiesa cattolica, il canone biblico viene dogmaticamente stabilito l8 aprile 1546
dal decreto De canonicis Scripturis del Concilio di Trento, il quale non fa altro che riprendere lelenco dei
libri canonici contenuto nel Decretum pro Iacobitis del Concilio di Firenze (4 febbraio 1441).
Per quanto riguarda invece le chiese protestanti, c da registrare la posizione di Lutero, il quale
propone di collocare le lettere agli Ebrei, di Giacomo, di Giuda e lApocalisse dopo gli altri libri ritenuti
i veri libri del Nuovo Testamento. Tuttavia, a partire dal XVII secolo, anche le chiese protestanti
accettano il canone tradizionale.
142

1.2 Una tabella riassuntiva sulle varie proposte di canone

Vangeli e Atti Lettere di Paolo
Lettere e
Apocalisse
Controversi
Narcione Lc Rm, 12Cor, Gal, Ef, Fil, Col, 12
Tess, Filem

Muratori Mt, Mc,
Lc, Gv,
At
Cor, Gal, Rm, Ef, Fil, Col, Tess, Tt,
12Tim, Fm

Gd, 12Gv, Ap


Origene Mt, Mc,
Lc, Gv,
At
Rm, 12Cor, Gal, Ef, Fil, Col, 1
2Tess, 12Tm, Tt, Fm

1Pt, 1Gv, Ap


2 Pt, 2 Gv, Eb,
Gc, Gd

Esusebio Mt, Mc,
Lc, Gv,
At
Rm, 12Cor, Gal, Ef, Fil, Col, 1
2Tess, 12Tm, Tt, Fm, Eb

1Pt, 1Gv, Ap


2Pt, 23Gv, Gc,
Gd


Atanasio Mt, Mc,
Lc, Gv,
At
Rm, 12Cor, Gal, Ef, Fil, Col, 1
2Tess, 12Tm, Tt, Fm, Eb

Gc, 12Pt, 13Gv,
Gd, Ap


Lutero Mt, Mc,
Lc, Gv,
At
Rm, 12Cor, Gal, Ef, Fil, Col, 1
2Tess, 12Tm, Tt, Fm

12Pt, 13Gv


Eb, Gc, Gd, Ap


Concilio
Trento
Mt, Mc,
Lc, Gv,
At
Rm, 12Cor, Gal, Ef, Fil, Col, 1
2Tess, 12Tm, Tt, Fm, Eb

Gc, 12Pt, 13Gv,
Gd, Ap



Per approfondire, cfr. Bruce M. Metzger, Il canone del Nuovo Testamento. Origine, sviluppo e
significato, Paideia, Brescia 1997 e http://www.ntcanon.org/index.shtml.








143

2 Il testo del Nuovo Testamento
2.1 Scrittura e supporti materiali

La Parola che si fa carne non soltanto una formula teologica, ma anche lenunciazione di un principio
massmediologico molto importante: il messaggio non pu prescindere dal supporto materiale che lo
veicola. La Parola di Dio si incarna nel senso che presuppone luso di supporti di diffusione concreti. C
unevidente linea evolutiva che, partendo da quelli che potremmo definire dei piccoli block notes, passa
attraverso i pratici e funzionali codici di papiro per giungere, a partire dal IV ai grandi codici onciali e
ai sontuosi manoscritti medievali. Come sempre succede, anche il libro biblico subisce un processo di
simbolizzazione: da semplice strumento diventa rappresentazione simbolica della Parola divina.
In queste pagine passeremo in rassegna i supporti materiali grazie ai quali il testo del Nuovo
Testamento giunto fino a noi, secondo questo schema:
1. supporti 2. forme 3. tipologie di scrittura
Papiro Rotolo in papiro Maiuscola onciale
Pergamena Codice in papiro Minuscola corsiva
Palinsesto Codice in pergamena Abbreviazioni
2.1.1 Supporti
2.1.1.1 Il papiro
2.1.1.1.1 Introduzione
Pianta diffusa essenzialmente nel delta del Nilo, il papiro ha fornito per lungo tempo,
tra gli altri usi quali lalimentazione, labbigliamento, la confezione di corde e il
calafataggio dei battelli, il supporto pressoch esclusivo e in ogni caso di gran
lunga maggioritario per ogni sorta di scrittura in greco, latino, armeno,
demotico, copto e arabo. I limiti cronologici di un simile uso sono difficili da
determinare con precisione: un rotolo di papiro non scritto ad uso del morto stato
aggiunto alla tomba del visir Hemaka a Saqqara fin dal III millennio a.C. e il papiro
ancora utilizzato in una bolla pontificale del XI secolo. Termini estremi sicuramente
nel Medioevo, il ricorso al papiro del tutto eccezionale, ma che illustrano bene il
successo di un supporto che ha occupato una posizione di monopolio per quasi tutta lAntichit.
2.1.1.1.2 Preparazione
Alto circa quattro metri, il papiro fornisce un materiale al tempo stesso solido e abbondante per la
fabbricazione di libri e altri documenti antichi. Privato della sua scorza, il fusto viene tagliato in liste
che si dispongono una fianco allaltra in modo che i bordi si accavallino. A questo primo strato verticale
si aggiunge uno strato di fibre orizzontali, mentre il tutto viene solidificato e legato grazie ad una forte
144

pressione, visto che lamido e lacqua contenuti nella pianta costituiscono una specie di colla naturale.
Lisciato con della pietra pomice e fatto seccare, il foglio di papiro cos ottenuto (kollma in greco)
poteva raggiungere, secondo Plinio il Vecchio, una larghezza di circa trenta centimetri. Per vedere come
si prepara un foglio di papiro, clicca qui oppure qui.
2.1.1.1.3 Un rotolo di papiro
A. Foglio
B. Protocollo
C. Fogli verticali
D. Fogli orizzontali di pergamena
E. Giunture
F. Bastoncini di forma rotonda
2.1.1.1.4 Forme
La vera e propria unit, per, quella che
segna la fine del lavoro di confezione del
papiro, il rotolo (chart in greco,
charta in latino), che riunisce diversi
fogli una ventina in media, ma in certi
casi quasi un centinaio incollati
allestremit: nella maggioranza dei casi, la facciata interna, il recto, che riceve la scrittura, corrisponde
allallineamento orizzontale delle fibre, mentre la facciata esterna (verso) formata dallo strato delle
fibre verticali. La sola eccezione a questa regola il primo
foglio del rotolo, il protokllon, che si presenta con le fibre
orizzontali sulla facciata esterna e che non riceve la scrittura.
La sua disposizione invertita lo rende pi adatto a proteggere
il rotolo: esso svolge infatti la funzione di custodia.
Veicolo quasi esclusivo della scrittura e perci oggetto
commerciale di primo piano, il papiro diventato presto
oggetto di un controllo almeno parziale del potere: dapprima
collegata ai diversi templi, la sua produzione diventata
sotto i Tolomei un vero e proprio monopolio reale. Si
sottolineato come il termine greco papyros deriverebbe da
un termine copto che significa regale. Limportanza
economica del papiro appare anche nella scelta, come
simbolo della regione del BassoEgitto, del pittogramma che
rappresenta questa pianta. In epoca ellenistica e romana, il
papiro viene prodotto secondo modalit industriali alfine di
soddisfare le esigenze di tutto il mondo mediterraneo.
2.1.1.1.5 Strumenti di scrittura
Pennello: fatto di un giunco fibroso
schiacciato e rosicchiato allestremit.
Calamo: canna tagliata allestremit in
forma di punta e spesso tagliata (vedi
immagine a fianco).
Inchiostri (nero e rosso), straccio,
raschietto, lisciatore

Figura 65 Ritratto di Terentius Neo e della moglie
(met I secolo d.C.), da Pompei. Luomo tiene in
mano un rotolo sigillato, la donna delle tabulae e lo
stilo. (Napoli, Museo Archeologico)
Figura 66 Calami
Figura 67 Cassetta con tre calami
145

2.1.1.1.6 Levoluzione
La sorte del papiro
come supporto di
scrittura
direttamente
legata alla forma
rivestita dal libro
nel corso di buona
parte
dellAntichit. Se
si eccettuano gli
scritti occasionali
basati su altri
supporti, lEgitto
antico e
lAntichit classica
grecoromana
conobbero solo il
rotolo, in cui il
testo disposto in
colonne allineate
perpendicolarmente lungo la lunghezza del rotolo. sotto questa forma che sono conservati, per
esempio a Alessandria, le opere antiche, visto che un rotolo di papiro di taglia media poteva contenere
uno o due libri di Omero, o unopera tragica. Con la progressiva sostituzione del papiro con il codice a
partire dal II secolo d.C., i fogli di papiro dovevano essere piegati in quaderni, unoperazione che rende
fragile il supporto. La pergamena si impone da allora progressivamente per diventare maggioritaria
con il codice. Totalmente eclissato come supporto di scrittura dallinizio del Medioevo, il papiro cade
allora un oblio profondo. Il veicolo originario di testi cos decisivi per la storia culturale dellOccidente
come i dialoghi platonici o i trattati scientifici alessandrini cede il passo al contenuto che veicola. Questa
regressione non per senza conseguenze sugli stessi testi, i quali, cambiando il supporto, sono stati
sottoposti ad unimpietosa selezione, a una massiccia distruzione.
Apparentemente e irrimediabilmente condannato, il papiro rinasce a poco pi di mille anni di distanza.
Paradossalmente, questo ritorno non si verifica nel Rinascimento questa essenzialmente una
rinascita delle idee, non dei materiali ma qualche secolo pi tardi, nel XIX e XX secolo. Larcheologia
mette in luce decine di migliaia di papiri e determina cos una vera e propria rivoluzione nellambito degli
studi classici. Tra queste scoperte, sono da menzionare un numero considerevole di documenti
amministrativi, ma anche di testi antichi (spesso frammentari) sconosciuti fino ad allora (lesempio pi
famoso la Costituzione degli Ateniesi, di Aristotele, conservato al British Museum). Queste vestigia sono
soltanto un pallido riflesso della produzione scritta antica: tranne i papiri di Ercolano, scoperti nel XVIII
secolo, i papiri si sono conservati solo in certe zone dellEgitto e del Vicino Oriente, ai margini del deserto.
2.1.1.1.7 Vantaggi
- materia prima abbondante;
- flessibile, leggero, facile da trasportare e da riporre, il papiro di un utilizzo semplice e rapido.
2.1.1.1.8 Svantaggi
- la pianta nasce spontaneamente in Egitto, mentre gli altri paesi la devono importare;
- la fabbricazione delicata e costosa;
146

- per risparmiare, lo si riutilizza, ma si cancella male;
- si scrive, normalmente, su un solo lato del volumen, la faccia interna (ma fu utilizzato anche il
verso);
- il papiro deperisce con lumidit e risulta gradito agli insetti. Se vero che un grande numero di
rotoli sono stati trovati in Egitto, anche vero che la maggior parte dei documenti greci e latini sono
andati perduti;
- le foglie di papiro resistono male alla piegatura in quaderni. Luso del codex determiner la
sparizione del papiro e imporr gradualmente, a partire dal II secolo d.C., la pergamena.
Per approfondire, cfr. Mario Capasso, Introduzione alla papirologia, Il Mulino, Bologna 2005
2.1.1.2 La pergamena
2.1.1.2.1 Introduzione
Nel II secolo a.C., la biblioteca di Pergamo rivaleggiava con quella di
Alessandria. Secondo Plinio, la pergamena (da pergamena, pelle di
Pergamo) vi sarebbe stata inventata per sostituire il papiro, allorch
Tolomeo Epifane ne proib limportazione verso questa citt dellAsia
Minore (attuale Turchia).
La pelle conciata era gi usata da tempo per diversi usi, tra cui la scrittura:
si scriveva sul lato liscio del cuoio (la facciata esterna). La pergamena
probabilmente il risultato del lento miglioramento di una tecnica che
abbandona a poco a poco la conciatura.
2.1.1.2.2 Preparazione
Si lascia temprare la pelle di montone, di capra o di vitello, in un bagno di
calce, che consente poi di togliere facilmente, tramite raschiatura con un
coltello, la lana o i peli. Solo il derma deve essere conservato: bisogna
togliere lepidermide e, dal lato della carne, lo strato di grasso. Si tende fortemente la pelle su telaio. La
tensione modifica la struttura del derma, rendendo il lato della carne liscio tanto quanto il lato della
pelle (il fiore). La pelle viene accuratamente scorticata con uno strumento metallico; pu anche essere
assottigliata dai due lati con un coltello e, una volta secca, pulita con la pietra pomice e con la polvere
di gesso se si vuole sbiancare il lato carne, naturalmente pi giallastro, per conferire alle due facciate lo
stesso aspetto. La pergamena cos ottenuta viene tagliata in fogli. Cuciti gli uni agli altri, si forma un
rotolo; piegati e riuniti in quaderni cuciti insieme, si ha un codice. Le pelli migliori sono quelle di
animali giovani; la pi pregiata, quella del vitello nato morto, ha dato origine al termine velina, che
indica pi in generale le pergamene di qualit superiore. Per vedere come si prepara un foglio di
pergamena clicca qui (testo in francese con animazione).
2.1.1.2.3 Forme
Apparso a Roma allinizio della nostra era, il codex sostituisce il volumen. Questo passaggio,
fondamentale per levoluzione del libro e delle abitudini di lettura e di scrittura, si verifica lentamente.
Con il rotolo, tenuto a due mani, il lettore ha una visione panoramica su parecchie colonne del testo, la
lettura si fa a voce alta e di continuo; con un codice, che si ha il piacere di sfogliare, di annotare, la
lettura pu diventare selettiva e silenziosa.
Scegliendo il codice, che consente di riunire pi testi, per copiare la Bibbia, i cristiani svolgono, a partire
dal II secolo, un ruolo decisivo in questa rivoluzione. Tuttavia il codice trionfa soltanto allinizio del IV
secolo nellOccidente romano e nel V secolo nel mondo greco. Gli ebrei lo adottano soltanto verso lVIII
Figura 68 Telaio per tendere la
pelle
147

secolo, conservando il rotolo per la copiatura dei testi religiosi. La forma del rotolo rimane in uso
durante tutto il Medioevo, ma viene riservata ad usi particolari.

Figura 69 Codex Washingtonensis (W Freer)
Egitto, fine IV inizio V sec
Manoscritto rilegato in pergamena, 20.8 x 14.3 cm
Freer Gallery of Art, Smithsonian Institution
copyright http://newsdesk.si.edu/photos/sackler_bibles.htm

2.1.1.2.4 Strumenti di scrittura
Calami: canne dallestremit quadrata o appuntita, spesso tagliata.
Penne doca, temperino per smussarle (a partire dal XI secolo)
Raschietto, regolo e stiletto o mina di piombo, per tracciare la rigatura
Corno da inchiostro, calamaio
La superficie perfettamente liscia della pergamena richiede uno strumento sottile. La penna (pi
frequentemente di oca) sadatta perfettamente e consente ai copisti di sperimentare delle grafie
successive, che fanno evolvere la scrittura.
2.1.1.2.5 Levoluzione
Il termine latino codex deriva da caudex (ceppo, tronco di albero) e significa, per metonimia, tavoletta
per scrivere: letimologia conserva cos la traccia di ci che il passaggio dal volumen al codex, che si
verifica lentamente tra il I secolo e la fine del IV, determin allorch i Romani, che utilizzavano delle
tavolette di legno ricoperte di cera per gli scritti della vita quotidiana, legarono insieme diverse tavolette
(circa una decina) tramite un foglio o delle corregge di pergamena incollate sul bordo maggiore.
148

Il rotolo di papiro e poi di pergamena resistette a lungo a Roma come supporto nobile delle opere
letterarie, ma si usavano le tavolette per risparmiare la pergamena, in diverse situazioni in cui ci si
rivelava pi comodo: minute, note veloci, ecc
Il codice si rivel da subito pi economico poich si poteva scrivere sulle due facciate del foglio di
pergamena: ancora nel VI secolo, Gregorio Magno, papa dal 590 al 604, sosteneva di aver fatto stare in
sei codici unopera che occupava trentacinque rotoli!
La lentezza di questa evoluzione si spiega in parte con i cambiamenti che dovettero operare i copisti
nelle loro abitudini circa la loro posizione e le loro tecniche di scrittura dal momento che non dovevano
pi svolgere i loro rotoli. Per quanto lenta, levoluzione era irreversibile: nel V secolo, in tutta Europa,
i testi religiosi e giuridici come pure le opere letterarie venivano copiate sul recto e sul verso su fogli di
pergamena piegati e raccolti in quaderni.
Il codice, infatti, non soltanto conteneva pi testi ma occupava anche molto meno spazio nelle
biblioteche. Per il lettore, esso facilitava i ritorni allindietro e procurava questo piacere tutto particolare
di girare le pagine. Inoltre il codice consent unorganizzazione razionale del testo: impaginazione,
divisione in capitoli, indice degli argomenti, ecc. Divent facile chiosare, pratica scolastica per
antonomasia, e prendere note, mentre con il rotolo, che richiede di essere tenuto con due mani, era
impossibile per la stessa persona leggere e al tempo stesso svolgere la pergamena.
Il Medioevo, per, non abbandon del tutto la forma del rotolo: si vide infatti svilupparsi il rotulus, sul
quale il testo non era pi copiato parallelamente al lato maggiore della striscia di pergamena, ma
perpendicolarmente: questa forma consentiva in particolare di tracciare delle liste, come attestato dai
termini arruolamento (di soldati), controllori e anche ruolo, visto che le opere teatrali erano
spesso copiate su questo tipo di rotolo.
Pi tardi, grazie agli stampatori, artefici di unaltra rivoluzione capitale nella storia della scrittura, il
codice si appresta a diventare libro.
2.1.1.2.6 Vantaggi
- La materia prima si trova dappertutto; i vari paesi fabbricano la loro pergamena e non sono pi
dipendenti dallEgitto;
- si tratta di un materiale solido;
- si pu scrivere sui due lati: un codice contiene il testo di parecchi rotoli;
- si cancella facilmente; si pu raschiare, lavare o levigare un manoscritto per scriverci sopra un altro
testo, chiamato allora palinsesto;
- si conserva facilmente; i testi della civilt grecoromana giunti fino a noi sono quelli che sono stati
ricopiati dai rotoli di papiro sui codici in pergamena.
2.1.1.2.7 Svantaggi
- Il costo di fabbricazione elevato. La materia prima cara: da una pelle di vitello o di montone si
ricava un massimo di sedici fogli di piccolo formato. Un libro di medie dimensioni richiede una
quindicina di pelli. Il lavoro del fabbricante di pergamene lungo e quello del copista ancora di pi:
ci vogliono parecchi mesi per copiare unopera, talvolta anche pi di un anno.
149

2.1.1.3 Palinsesto

Figura 70 CODEX EPHRAEMI RESCRIPTUS (C 04)
Pergamena e palinsesto, 31.432.5. x 25.626.4 cm. Una colonna per pagina di 4046 linee. Inchiostro marrone.

Contiene parte dellAntico e del Nuovo Testamento. Il Nuovo contiene I Vangeli, gli Atti, le lettere
cattoliche, le lettere di Paolo (compreso Ebrei) e lApocalisse. Nel XII secolo fu ricoperto dai sermoni e
dai trattati di Efrem. Il numero totale dei fogli 209, 145 appartengono al Nuovo Testamento.
Presenta la scriptio continua. Gli accenti e gli spiriti sono assenti.
Due correttori, conosciuti come C
2
o C
b
e C
3
o C
c
, hanno compiuto delle correzioni nel manoscritto. Il
pi antico visse probabilmente in Palestina nel VI secolo, mentre il pi recente sembra aver volto il suo
lavoro a Costantinopoli.
2.1.2 Forme
2.1.2.1 Rotolo in papiro
(Tratto da Edoardo Crisci, I pi antichi manoscritti greci della Bibbia. Fattori materiali, bibliologici,
grafici, in: Forme e modelli della tradizione manoscritta della Bibbia, a cura di Paolo Cherubini
(Littera Antiqua, 13), Citt del Vaticano 2005, pp. 131)
Per illustrare gli sviluppi del testo del Nuovo Testamento dagli inizi alla piena manifestazione del nuovo
modello librario cristiano (IV sec) bisogna tenere presente che:
la prima circolazione del messaggio cristiano prevalentemente orale;
le prime comunit erano composte in maggioranza di semianalfabeti, sprovvisti di cultura grafica;
lesigenza della scrittura sorge per funzioni pratiche e per la necessit di fissare le tradizioni nel
momento in cui scompariva la generazione di testimoni diretti e autorevoli.
interessante la testimonianza della Seconda Lettera a Timoteo (4.13) dove si dice: Quando verrai,
porta con te il mantello che ho lasciato a Troade, presso Carpo, e i libri (ta biblia), soprattutto le
pergamene (taj membranaj). Ta biblia: si riferisce probabilmente ai libri in forma di codice su papiro,
mentre sul taj membranaj si molto discusso.
150

Due sono le ipotesi principali:
si tratta di appunti (notebooks), cio di foglietti di pergamena raccolti insieme, con testi di lavoro,
analoghi ai quadernetti di tavolette cerate legati assieme e la cui esistenza attestata nel mondo
antico (cfr. H. Roberts T.C. Skeat, The Birth of the Codex, Oxford University Press, Londra 1983).
Quintiliano, in Institutiones oratoriae X,3132 afferma che scrivere su cera molto pratico e
comodo, a meno che si abbiano problemi di vista, nel qual caso membranarum potius usum
exiget (si richiede luso delle pergamene). Segue uninteressante annotazione: opportuno lasciare
qualche pagina bianca per aggiunte e interventi successivi (Relinquaendae ... erunt vacuae
tabellae, in quibus libera adiciendi sit excursio), il che fa pensare a uno strumento di lavoro.
il termine si riferisce a veri e propri libri in forma di codice. Secondo T.C. Skeat (Especially the
Parchments: A Note on 2 Timothy IV.13, JThS 30 [1979] 173177), mlista, nel passo, non distingue
ma equipara bibla e membrnai, venendo a essere quasi una specificazione particolare del pi
generale bibla (i libri intendo i libri in pergamena): resta da sapere perch lautore della lettera
avrebbe introdotto questa precisazione.
2.1.2.2 Il codice in papiro
(Tratto da Edoardo Crisci, I pi antichi manoscritti greci della Bibbia. Fattori materiali, bibliologici,
grafici, in: Forme e modelli della tradizione manoscritta della Bibbia, a cura di Paolo Cherubini
(Littera Antiqua, 13), Citt del Vaticano 2005, pp. 131)
Un dato indiscusso, ma difficile da spiegare, il rapido e generale passaggio dal rotolo (volumen) al
codice, fenomeno di cui sono protagonisti i cristiani.
Secondo Metzger, se si considerano i manoscritti greci profani del II secolo, solo 14 su 871 sono codici,
mentre tutti gli 11 papiri cristiani dello stesso periodo sono in forma di codice. Considerando i 172
manoscritti e frammenti biblici prima del 400 d.C., 158 provengono da codici, mentre 14 da rotoli.
Ladozione del codice passa certamente attraverso una diversa dislocazione sociale del pubblico e dei
destinatari rispetto al tradizionale contesto della circolazione libraria del mondo grecoromano.
Secondo G. Cavallo, il pubblico cristiano di modeste possibilit economiche e di modesta formazione
intellettuale; ad esso si conf il codice, libro a buon mercato, della letteratura popolare, rispetto al
rotolo, cui era affidata la grande arte letteraria apprezzata dalle classi colte e dalle lites intellettuali.
Non va sottovalutato laspetto di funzionalit ed economicit legata alla finalit di divulgazione del
messaggio cristiano e di sostegno pratico alla missione. Rispetto al rotolo (volumen), il libro (codex)
presenta dei vantaggi:
- una maggiore capienza (il rotolo scritto solo su un lato);
- la riduzione di costi del materiale;
- la praticit duso per la lettura, lo studio, la consultazione e le annotazioni;
- la versatilit di aggregazioni testuali (soprattutto tra III e IV secolo esso dar origine al libro
miscellaneo, ignoto nellantichit).
Con questo non sembra giustificato il rapido e generale passaggio dei cristiani al codice, per il quale
bisogna pensare a motivi aggiuntivi di ordine ideologico e storicoculturale.
La tesi di RobertsSkeat fa riferimento a una auctoritas che avrebbe avuto un ruolo decisivo
nellimporre luso del codice. Ad es. la redazione su codice di pergamena del vangelo di Marco in
ambiente romano e divulgato dalla chiesa di Alessandria; oppure luso in ambiente antiocheno di
trascrivere su fogli singoli di papiro linsegnamento di Ges: messi insieme danno origine al codice.
151

Secondo Skeat, la scelta del codice accompagna la formazione del canone dei vangeli: il codice,
diversamente dal rotolo, consentiva di raccogliere insieme i quattro vangeli (il pi antico codice che
sicuramente conteneva i quattro vangeli era il Papiro Chester Beatty I, P
45
, del III secolo).
Secondo Gamble, lauctoritas che ha imposto il codice fu
unedizione delle epistole paoline tra fine I e inizio II secolo,
che divenne lo standard della successiva letteratura cristiana
in codici (ledizione pi antica nota delle lettere di Paolo
quella del Papiro Chester Beatty II, P
46
, del 200 c.).
Anche se la tesi dellauctoritas non trascurabile, il fenomeno
si pu spiegare come il risultato di una pluralit di fattori
convergenti di ordine tecnico, ideologico, culturale. La scelta
del codice infatti implica la rottura con la tradizione del rotolo,
cio quella della cultura ufficiale, di cui era depositaria una
determinata classe, una vera e propria rivoluzione, con cui si
ripudiavano le tradizioni culturali e cultuali.
La scelta del codice legata anche alla volont cristiana di
rimarcare la distanza dalla tradizione ebraica dellAT: forma
distintiva cristiana di editare i testi (compreso lAT); il
conservatorismo rabbinico mantiene la tradizione venusta del
rotolo.
Comunque le modalit delle prime forme di raccolta di testi
(parzialit, frammentariet, discontinuit) portano verso il
codice. Aggiungendosi le funzionalit pratiche e la diffusione
nel giro delle comunit, questo determina il decollo del
supporto pi adatto a tutto questo, facendo del libro il modello
pressoch unico.
Non mancarono comunque, nei primi tre secoli, rotoli, probabilmente anche per gli stessi vangeli. Cfr.
Acta martyrum Scilitanorum 12: Quae sunt res in capsa vestra? Libri et epistulae Pauli viri iusti.
La capsa era il contenitore dei rotoli.
Alcuni dati percentuali risultano interessanti: tra I e III/IV secolo, dei libri con testi ATNuovo
Testamento e letteratura religiosa, il 24% su rotolo, il 64,5% su codice di papiro e il 11,5% su codice
di pergamena. Il rotolo scompare rapidamente e tra IV e V secolo si attesta su percentuali molto basse
(AT: 6,8%; Nuovo Testamento: 3,6%; letteratura patristica varia, preghiere, inni, agiografia: 13,5%).
2.1.2.2.1 PAPIRO 52 (P. Ryl. 457, P
52
)
Tra i pi antichi codici cristiani ricordiamo P. Ryl. III 457 (John Rylands Library, Manchester) (P
52
):
primo quarto II secolo (Aland: 125), frammento di Gv. 18 (vedi riproduzione fotografica). Le
dimensioni originarie dovevano essere mm. 213 x 180, con 18 righe per pagina su unica colonna di circa
cm. 16 x 14. Vari papiri di Ossirinco; Papiro Egerton 2. Misure ipotizzate: tra 160/180 x 100/120.
Skeat, valutando della medesima mano (e del medesimo codice) due frammenti di Mt. (uno a
Barcellona e uno a Oxford) e quattro fogli di un codice di Parigi con Lc., ritiene che essi individuino il
pi antico codice a noi giunto con i quattro vangeli (fine II secolo).
Conservato presso la John Rylands Library di Manchester, il pi antico manoscritto del Nuovo
Testamento (risale al 125 d.C.). Secondo Metzger questo frammento ha valore probatorio come un
intero codice; corrisponde allorma trovata sulla sabbia da Robinson Crusoe. Visto che contiene
frammenti del Vangelo di Giovanni, lecito affermare che tra questo papiro e la stesura del Vangelo
sono trascorso meno di 50 anni! Questi pochi frammenti sono sufficienti a provare che il Vangelo di
Figura 71 Codice di papiro con le lettere di Paolo
(Egitto II secolo)
152

Giovanni, scritto probabilmente in Asia, era gi conosciuto nella valle del Nilo, verso il 120130, e non
quindi di composizione tardiva.
Le dimensioni originarie dovevano essere mm. 213 x 180, con 18 righe per pagina su unica colonna di
circa cm. 16 x 14.
Contenuto: recto: Gv 18:3133; verso: Gv 18:3738

Recto: Gv 18:3133
3 1
EI HEN OYN AYTOI E O
HI AATOE AABETE AYTON
YMEI E KAI KATA TON
NOMON YMON KPI NATE
AYTON EI HON AYTO OI
I OYAAI OI HMI N OYK
EEETI N AHOKTEI NAI
OYAENA
3 2
I NA O AOIOE
TOY I HEOY
HAHPOOH ON EI HEN
EHMAI NON
HOI O OANATO HMEAAEN
AHOONHEKEI N
3 3
EI EHAOEN OYN
HAAI N EI E TO HPAI TOPI ON
O HI AATOE KAI EuONHEEN
TON
I HEOYN KAI EI HENAYTO
EY EI O
BAEI AEYE TON I OYAAION




31
Pilato quindi disse loro: Prendetelo voi e giudicatelo secondo la vostra legge. I Giudei gli dissero:
A noi non lecito far morire nessuno.
32
E ci affinch si adempisse la parola che Ges aveva detta,
indicando di qual morte doveva morire.
33
Pilato dunque rientr nel pretorio; chiam Ges e gli disse:
Sei tu il re dei Giudei?





153

Verso: Gv 18:3738
3 7
EI HEN OYN AYTO O
HI AATOE
OYKOYN BAEI AEYE EI EY
AHEKPI OH O I HEOYE EY
AEIEI E OTI BAEI AEYE EI MI
EIO EI E TOYTO
IEIENNHMAI KAI EI E
TOYTO
EAHAYOA EI E TON
KOEMON I NA
MAPTYPHEO TH AAHOEI A
HAE O
ON EK THE AAHOEI AE
AKOYEI MOY
THE uONHE
3 8
AEIEI AYTO
O
HI AATOE TI EETI N
AAHOEI A
KAI TOYTO EI HON HAAI N
EHAOEN
HPOE TOYE I OYAAI OYE KAI
AEIEI AYTOI E EIO
OYAEMI AN EYPI EKO
EN AYTO AI TI AN

37
Allora Pilato gli disse: Ma dunque, sei tu re? Ges rispose: Tu lo dici; sono re; io sono nato per
questo, e per questo sono venuto nel mondo: per testimoniare della verit. Chiunque dalla verit
ascolta la mia voce.
38
Pilato gli disse: Che cos verit? E detto questo, usc di nuovo verso i Giudei
e disse loro: Io non trovo colpa in lui.
John Rylands University Library of Manchester





154

Alcuni codici in migliore stato di conservazione consentono di farsi unidea pi precisa di come doveva
essere il libro cristiano nei primi secoli:
2.1.2.2.2 PAPIRO 66 (P. Bodmer II, P
66
)
P. Bodmer II (P
66
): Gv. 121: primi del III secolo; 75 fogli + 39 frammenti. Originariamente: 78 fogli
per 156 pagine; dimensioni: mm. 162 x 142; scrittura a piena pagina (13 x 10); niente suddivisione
(capitoli o paragrafi) n iniziali ingrandite; maiuscola posata, rotonda, non di scriba professionista, ma
di uno che ha messo a disposizione le sue capacit. Una certa cura formale: ad es. fori agli angoli dei
fascicoli per tracciare le linee verticali che delimitano la zona di scrittura. Il libro cristiano comincia ad
avere una sua dimensione strutturale e formale pienamente funzionale: maneggevolezza, nitidezza e
leggibilit.
Conservato in parte in Svizzera presso la Biblioteca Bodmeriana di Cologny (papiro P. Bodmer II), in
parte a Colonia (Inst. f. Altertumskunde, Inv. Nr. 4274/4298) e in parte alla Chester Beatty Library di
Dublino, il papiro 66 risale circa al 200 (qualcuno lo colloca tra il 100 e il 150). un codice papiraceo
in maiuscolo pubblicato tra il 1956 e il 1958. Misura 15,2 x 14 cm e consta di sei fascicoli, di cui restano
104 pagine. Nel 1958 vennero ritrovate altre 46 pagine che appartenevano originariamente al papiro.
Contenuto: quasi per intero il Vangelo di Giovanni dal cap. 1 al cap. 14 e frammenti dei capitoli
successivi.


Figura 72 P66 (Giovanni 1,114)


155



Figura 73 P66 (Giovanni 7,3238)
156


Figura 74 P66 (Giovanni 7,52ss.)

157


Figura 75 P66 (Giovanni 11,3137)
2.1.2.2.3 PAPIRO 46 (P. Chester Beatty II, P
46
)
P. Chester Beatty II (P
46
): 10 epistole paoline. Chester Beatty (56 fogli) + Michigan University (30
fogli): 86 fogli, ma originariamente dovevano essere 104. Dimensioni: 270/280 x 160/170, quindi
oblungo. Codice a fascicolo unico. Scrittura in piena pagina (200 x 120), da 25 a 31 righe (aumenta
verso la fine, probabilmente per restare nel fascicolo). Impaginazione ariosa nei margini ampi e negli
spazi interlineari; accurato incolonnamento e allineamento sul rigo. Sobriet: non ci sono particolari
accorgimenti grafici o decorativi; i titoli hanno gli stessi caratteri del testo. un significativo
esempio di assetto del libro cristiano fra II e III secolo, prima che let costantiniana e la nuova
politica religiosa imponessero di ripensare la forma codice in base a nuovi parametri grafici, testuali,
funzionali, producendo i grandi manoscritti biblici in pergamena in maiuscola biblica (il Sinaitico e il
Vaticano: seconda met del IV secolo).
Conservato in parte presso la Biblioteca Ann Arbor dellUniversit del Michigan (P. Mich. inv. 6238) e
in parte alla Chester Beatty Library (P. Chester Beatty II), il papiro P46 il pi antico manoscritto delle
lettere paoline, databile attorno al 200 e si compone di 86 fogli.
Contenuto: stralci delle lettere di Paolo: Romani; I e II Corinzi; Galati; Efesini; Filippesi; Colossesi; I
Tessalonicesi. Contiene anche la lettera agli Ebrei, la cui canonicit si afferm pi lentamente rispetto
alle altre lettere del corpus paolino.

158


Figura 76 Per leggere il papiro clicca qui

2.1.2.2.4 PAPIRO 45 (P. Chester Beatty I, P
45
)
P. Chester Beatty I (P
45
): 4 vangeli + Atti degli apostolo. Dimensioni: 250 x 200, quindi verso il
quadrato. 222 pagine, 112 fogli; scrittura in piena pagina. il pi antico codice in cui compaiono i
vangeli (nellordine occidentale: Mt. Gv. Lc. Mc.) e gli atti. Datazione: F. Kenyon: prima met del III
secolo; G. Cavallo: fine III secolo.
Conservato in parte presso la Biblioteca Nazionale Austriaca di Vienna (Pap. Vindob. G. 31974) e in
parte alla Chester Beatty Library (P. Chester Beatty I), il papiro P45 risale al 200250 d.C.
Contenuto: stralci Matteo, Marco, Luca, Giovanni e Atti degli Apostoli.

159


2.1.2.2.5 Considerazioni
Da queste testimonianze, si possono ricavare alcune considerazioni:
- la tipologia varia ma presenta tratti comuni:
- la consistenza esigua del libro su papiro sia per numero di fogli sia per dimensioni:
- in genere, un codice contiene un solo testo (Vangelo di Giovanni);
- limpaginazione costantemente in piena pagina e formati tendenti alloblungo;
- lorganizzazione del testo semplice: solo i titoli, senza distinzione di caratteri rispetto al testo;
niente decori o lettere ingrandite, o separazione di capitoli;
- in genere, non si tratta di scribi di professione, ma di individui dotati di buone conoscenze grafiche.
In sostanza, la produzione finalizzata a un uso pratico, quotidiano, eppure con una cura
nellimpaginazione e nella trascrizione che mostra ricerca di dignit formale.

160

2.1.2.3 Il codice in pergamena
(Tratto da Edoardo Crisci, I pi antichi manoscritti greci della Bibbia. Fattori materiali, bibliologici,
grafici, in: Forme e modelli della tradizione manoscritta della Bibbia, a cura di Paolo Cherubini
(Littera Antiqua, 13), Citt del Vaticano 2005, pp. 131)
Analoghi rilievi valgono, almeno fino al III IV secolo, per il codice biblico su pergamena,
materiale scarsamente usato fino a tutto il II secolo (ma va tenuto presente che i nostri reperti vengono
in gran parte dallEgitto, dove imperava il papiro).
Il pi antico codice cristiano su pergamena a noi giunto il Berol. P. 11765 (0189), del secolo IIIII,
un unico foglio con At. 5,321. Dimensioni originarie: 180 x 115. Una sola colonna. Dimensioni e
grafica: uso pratico.
Da citare anche il P. Oxy. 847 (0162): fine III inizio IV. 1 foglio con Gv. 2,1122. Dimens. 162 x 146;
scrittura su piena pagina, mm. 110 x 110.
Con il IV secolo aumenta notevolmente la documentazione di manoscritti su pergamena. in
questepoca che si precisano i tratti peculiari del codice cristiano su pergamena e si definisce una
gerarchia di modelli (grafici e codicologici) che pone al vertice i manoscritti di AT e Nuovo Testamento.
Il tutto a seguito delleditto di Milano del 313: laura di visibilit sociale ingloba anche il libro cristiano,
che diventa non solo strumento pratico ma anche oggetto simbolico, che evoca lautorit divina. Gli
esempi sono noti: Sinaitico, Vaticano, Alessandrino, codici di dimensioni ragguardevoli, concepiti
per contenere lintero corpus delle Scritture, realizzati in pergamena, vergati nella maiuscola biblica
che diviene la scrittura per cos dire ufficiale della chiesa. Si introducono anche dispositivi grafici ed
editoriali per organizzare il testo.
2.1.2.3.1 CODEX SINAITICUS ( 01)
Contiene Antico e Nuovo Testamento (contiene anche la Lettera di Barnaba e il Pastore di Erma). Il
numero totale di fogli 346.5, di cui 199 per lAntico Testamento (compresi I libri apocrifi) e 147.5 per
il Nuovo Testamento (comprese la Lettera di Barnaba e il Pastore di Erma).
Presenta la scriptio continua. Accenti e spiriti sono assenti. Le citazioni dellAntico Testamento non
sono riportate.
Il codice il risultato del lavoro di due scribi, spesso chiamati A, B e D. A ha scritto lintero Nuovo
Testamento con leccezione di sei interi fogli e una piccola parte di un altro foglio che stato
probabilmente copiato da. Sembra che nove correttori, tra il IV e il XII secolo, abbiano corretto il
manoscritto.
Per altre informazioni http://www.itsee.bham.ac.uk/projects/sinaiticus/index.htm
Repertorio fotografico: http://www.csntm.org/Manuscripts/GA%2001
161


Figura 77 Pergamena, 38.1 x 33.735.6 cm. Quattro colonne di 48 linee ognuna. Inchiostro marrone chiaro.
2.1.2.3.2 CODEX VATICANUS (B 03)
Contiene Antico e Nuovo Testamento (questultimo termina con Ebrei 9,14). I fogli sono 759, di cui 142
per il Nuovo Testamento.
Presenta la scriptio continua. Gli accenti e gli spiriti sono stati aggiunti da una mano posteriore.
Vengono riportate le citazioni dallAntico Testamento.
Il codice il risultato del lavoro di due scribi, spesso chiamati A e B. Il Nuovo Testamento fu copiato
pi tardi. Due correttori, uno quasi coevo agli scribi e laltro pi tardo di 1011 secoli, hanno introdotto
le correzioni nel manoscritto.
Per altre immagini www.bibleresearcher.com/codexb.html
Vedi anche wwwuser.unibremen.de/~wie/Vaticanus/index.html

162


Figura 78 Pergamena, 2728 x 2728 cm. Tre colonne di 4044 linee ognuna. Inchiostro marrone.
2.1.2.3.3 CODEX ALEXANDRINUS (A 02)
Contiene Antico e Nuovo Testamento (contiene anche la I e II Clemente). Il numero totale dei fogli
773, di cui 143 appartengono al Nuovo Testamento.
Presenta la scriptio continua. Gli accenti sono assenti e gli spiriti rari. Vengono indicate le citazioni
dallAntico Testamento.
Si ritiene che il codice sia il frutto del lavoro di cinque copisti (IV). LAntico Testamento stato copiato
da due mani (I e II), il Nuovo da tre (III, IV e V).
Per altre immagini http://www.bibleresearcher.com/codexa.html
Repertorio fotografico: http://www.csntm.org/Manuscripts/GA%2002
163


Figura 79 Pergamena, 32.1 cm. x 26.4 cm. Due colonne di 4652 linee ciascuna. Inchiostro marrone.
I libri vengono ora prodotti in scriptoria annessi alle chiese episcopali, ai centri di insegnamento, alle
grandi biblioteche (Cesarea di Palestina, fondata da Origene), istituzioni organizzate e dotate di mezzi
economici. Libri per uso liturgico, per comunit religiose, per privati facoltosi, per i quali il grande
codice della Bibbia cominciava a diventare uno status symbol. La trascrizione di codici biblici entra a
far parte della normale attivit dei monaci.
In definitiva, anche il settore della produzione libraria diventa espressione della nuova dimensione
istituzionale della chiesa, politicamente rilevante e contrappuntata da atti ufficiali.




164

2.1.3 Tipologie di scrittura
2.1.3.1 Scrittura maiuscola onciale
Nella Prefazione alla sua traduzione del libro di Giobbe, Girolamo afferma: Habeant qui volunt
veteres libros, vel in membranis purpureis auro argentoque descriptos, vel uncialibus ut vulgo aiunt
litteris onera magis exarata quam codices (Ci sono coloro che vogliono libri antichi, fatti di pergamena
rossa e con lettere in oro e in argento, cio in onciale, come viene chiamato correntemente, che sono
pi dei fardelli scritti che dei libri).
Il termine deriva dal latino uncialis (di un dodicesimo). Sono state fatte varie ipotesi sul suo significato.
Potrebbe essere riferito a dei caratteri grandi un dodicesimo di piede, meno di un pollice; oppure pu
riferirsi alla dimensione occupata dalla riga sul manoscritto (1/12); oppure ancora potrebbe indicare il
costo o il peso del materiale necessario a miniare una lettera in oro o in oro ed argento.
Questo un esempio di scrittura onciale: si notino le lettere maiuscole e la scriptio continua. Sulla
destra una riproduzione del Codex Sinaitucus.

























165

In questa tabella vengono riportate le lettere onciali maiuscole cos come compaiono nella Stele di
Rosetta e nei principali manoscritti onciali del Nuovo Testamento.


2.1.3.1.1 Onciali greci della Bibbia

Nome, abbreviazione e
numero del codice
Data approssimativa
Citt, biblioteca e numero
di inventario
Sinaiticus

01
4 secolo
Londra
British Museum
Add. 43725
Alexandrinus
A
02
5 secolo
Londra
British Museum
Royal 1 D. VIII
Vaticanus
B
03
4 secolo
Roma
Biblioteca Vaticana
Gr. 1209
Ephraemi
C
04
5 secolo
Parigi
Bibliothque Nationale
Gr. 9
166

Bezae Cantabrigiensis
D
05
5 secolo
Cambridge
University Library
Nn. II 41
Claromontanus
D
p

06
6 secolo
Parigi
Bibliothque Nationale
Gr. 107
Basiliensis
E
07
8 secolo
Basilea
Universit Bibliothque
AN III 12
Laudianus
E
a

08
67 secolo
Oxford
Bodleian Library
Gr. 35
Sangermanensis
E
p

910 secolo San Pietroburgo
Boreelianus
F
09
9 secolo
Utrecht
University Library
Manoscritto 1
Augiensis
F
p

010
9 secolo
Cambridge
Trinity College
Wolfii A
G
011
10 secolo
Londra
British Museum
Harley 5684
Boernerianus
G
p

012
9 secolo Dresda
Wolfii B
H
013
910 secolo
Amburgo
Codex 91
Mutinensis
H
a

014
9 secolo
Modena
Biblioteca Ducale
G. 196
Coislinianus
H
p

015
6 secolo
Mt. Athos (Grecia)
monastero di Laura
167

Washington
I
016
5 secolo
Washington, DC
Smithsonian Institution
Freer Museum
06. 275
Cyprius
K
017
910 secolo
Parigi
Bibliothque Nationale
Gr. 63
Mosquensis
K
ap

018
910 secolo
Mosca
Museo di storia
V.93, S.97
Regius
L
019
8 secolo
Parigi
Bibliothque Nationale
Gr. 62
Angelicus
L
ap

020
9 secolo
Roma
Biblioteca Angelica
39
Campianus
M
021
9 secolo
Parigi
Bibliothque Nationale
Gr. 48
Purpureus Petropolitanus
N
022
6 secolo
San Pietroburgo
Biblioteca Imperiale (e altri
musei)
Sinopensis
O
023
6 secolo
Parigi
Bibliothque Nationale

P
024
6 secolo
Wolfenbttel (D)
HerzogAugustBibliothek
Weissenburg 64
Porphyrianus
P
apr

025
9 secolo
San Pietroburgo
Biblioteca Pubblica
Gr. 225

Q
026
5 secolo
Wolfenbttel (D)
HerzogAugustBibliothek
Weissenburg 64
Nitriensis
R
027
6 secolo
Londra
British Museum
Add. 17211
168


S
028
949
Roma
Biblioteca Vaticana
Gr. 354
Borgianus
T
029
5 secolo
Roma
Collegio di Propaganda Fide
Borg. Copt. 109

U
030
9 secolo
Venezia
Biblioteca di San Marco
1397
Mosquensis
V
031
9 secolo
Mosca
Museo di storia
V.9, S. 399
Freer
W
032
45 secolo
Washington, DC
Smithsonian Institution
Freer Museum
06.274
Monacensis
X
033
10 secolo
Monaco (D)
Biblioteca dellUniversit
fol. 30

Y
034
9 secolo
Cambridge
University Library
Add. 6594
Dublinensis
Z
035
6 secolo
Dublino
Trinity College
K. 3.4

I
036
10 secolo
Oxford
Bodleian Library
Auct. T. infr. 2.2
Sangallensis
A
037
9 secolo
St. Gallo
Stiftsbibliothek
48
Koridethi
O
038
9 secolo
Tbilisi, Georgia
Inst. Rukop.
Gr. 28
Tischendorfianus III
A
039
9 secolo
Oxford
Bodleian Library
Auct. T. infr. 1.1
169

Zacynthius

040
6 secolo
London
British and Foreign Bible
Society24
Petropolitanus
H
041
9 secolo
San Pietroburgo
Biblioteca Pubblica Statale
Gr. 34
Rossanensis
E
042
6 secolo
Rossano
Curia arcivescovile
Beratinus
u
043
6 secolo
Tirana
Staatsarchiv
Nr. 1
Athous Laurae
+
044
78 secolo
Mt. Athos
Monastero di Laura
B52
Athous Dionysiou
O
045
9 secolo
Monte Athos
Monastero Dionysius
55
Vaticanus 2066
046
10 secolo
Roma
Biblioteca Vaticana
Gr. 2066
047 8 secolo
Princeton, New Jersey
Princeton Univ. Library
Medieval and Ren. Manoscritti
Garret 1
048 5 secolo
Roma
Biblioteca Vaticana
Gr. 2061
049 9 secolo
Monte Athos
Monastero di Laura
A88
050 9 secolo
Atene
Biblioteca Nazionale
1371
051 10 secolo
Monte Athos
Monastero di Pantokratoros
A88
170

052 10 secolo
Monte Athos
Monastero di Pantokratoros
A88
053 9 secolo
Monaco
Bayerische Staatsbibliothek
Gr. 208
054 8 secolo
Roma
Biblioteca Vaticana
Barb. Gr. 521
057 45 secolo
Berlino
Staatliche Museum
P. 9808
058 4 secolo
Vienna
sterreiches National
Bibliothek
Pap. G. 39782
059 45 secolo
Vienna
sterreiches National
Bibliothek
Pap. G. 39779 + 36112
060 6 secolo
Berlino
Staatliche Museum
P. 5877
















171

2.1.3.1.2 Codex purpureus Rossanensis
Conservato nel Museo Diocesano di Rossano (Reggio Calabria), il Codex purpureus Rossanensis risale
al VI secolo Si tratta di un codice in pergamena color porpora (purpureus), composto di 188 fogli
contenenti il testo greco dei vangeli di Matteo e Marco (Luca e Giovanni sono andati perduti). Le lettere
sono onciali maiuscole e sono accompagnate da 14 tavole miniate con scene evangeliche.




172

2.1.3.2 Scrittura minuscola corsiva
A partire dal IX secolo a causa della crescente necessit di codici del Nuovo Testamento, il sistema di
scrittura maiuscola risulta inadeguato, non solo per il costo, ma anche per il tempo necessario a scrivere
il testo lettera per lettera; gradualmente si abbandona la maiuscola onciale e si passa alla minuscola
corsiva, in cui le lettere erano pi piccole e collegate tra loro da legature che consentivano di non alzare
la penna tra una lettera e laltra.
Il periodo dei codici minuscoli va dal IX/X secolo sino allinvenzione della stampa, ed quello che
registra il maggior numero di manoscritti, sia per la diffusione del testo sacro sia perch le circostanze
stoiche hanno determinato in misura minore la loro perdita o distruzione.













173

2.1.3.3 Le abbreviazioni
Come del resto succede anche nelle opere dellantichit classica, i manoscritti del Nuovo Testamento
presentano spesso delle abbreviazioni che servivano a rendere pi economica la scrittura. Vediamo le
pi comuni.
Abbreviazioni Esteso Significato
uomo
Davide
Dio
Israele
Gerusalemme
Ges
Signore
madre
cielo
padre
spirito
croce
salvatore
figlio
Cristo

In questo frammento di manoscritto si vede labbreviazione KY
(Kyrios, Signore)

Altre abbreviazioni:
ovo,ovou,ove,ovov, ct_.
anqrwpoj, anqrwpou, anqrwpw,a
nqrwpon, etc.
u,uu,ue,uv
qeoj, qeou, qew, qeon
iq/ioq
Israhl
i/iq,iu/iqu,iv/iqv
Ihsouj, Ihsou, Ihsoun
k,ku,ke,kv,kc
kurioj, kuriou, kuriw, kurion, kur
ie
tvo,tv/tvo,tvi
pneuma, pneumatoj, pneumati
t/tq,t,ti,to
pathr, patroj, patri, patera
u/ui,uu/uiu,ue/uie,uv
/uiv
uioj, uiou, uiw, uion
_/_,_u/_u,_e/_e,_
v/_v
cristoj, cristou, cristw, criston
kai
stauro, usato nelle parole croce
(stauroj) e crocifisso (staurow)

174

2.2 I testimoni del testo
Partiamo da una constatazione, che vale anche come premessa fondamentale: come succede anche per
altri testi dellantichit, non possediamo nessun manoscritto originale di nessun libro del
Nuovo Testamento. Il frammento di papiro pi antico (il P
52
, che contiene Gv 18:3133 nel recto e
Gv 18:3738 nel verso) risale alla met del II secolo. Ci significa che il testo del Nuovo
Testamento (la cui edizione critica standard la NestleAland) presenta tutta una serie di
varianti testuali. Non si tratta di un dettaglio perch le varianti testuali hanno delle notevoli ricadute
interpretative.
Il testo del Nuovo Testamento giunto a noi tramite tre canali:
a. i manoscritti sono ben 5745, si possono suddividere in quattro categorie (vedi qui la tabella
del NestleAland):
118 papiri (dal II al IVV secolo)
317 codici onciali (dal IVV al X secolo)
2877 codici minuscoli (dal XXI al XVXVI secolo)
2433 lezionari
Per la lista completa di papiri, onciali e minuscoli, divisi per secoli, vedi qui.
2.2.1 Papiri greci del Nuovo Testamento
Il XX secolo stato il secolo doro per la scoperta di papiri, soprattutto in Egitto. La maggior parte dei
papiri del Nuovo Testamento conservata in collezioni private da cui prendono il nome. I papiri sono
citati con la lettera P e il numero in apice (per es. P
52
).
I papiri coprono un arco di tempo che va dal II al VII secolo Come per gli onciali, anche i papiri presentano
la scriptio continua, mentre i caratteri sono minuscoli. I papiri pi importanti sono i seguenti:
PAPIRO 45 (P. Chester Beatty I, P
45
). Conservato in parte presso la Biblioteca Nazionale Austriaca
di Vienna (Pap. Vindob. G. 31974) e in parte alla Chester Beatty Library (P. Chester Beatty I), il papiro
P45 risale al 200250 d.C. Contenuto: stralci Matteo, Marco, Luca, Giovanni e Atti degli Apostoli;
PAPIRO 46 (P. Chester Beatty II, P
46
). Conservato in parte presso la Biblioteca Ann Arbor
dellUniversit del Michigan (P.Mich. inv. 6238) e in parte alla Chester Beatty Library (P. Chester
Beatty II), il papiro P46 il pi antico manoscritto delle lettere paoline, databile attorno al 200 e si
compone di 86 fogli. Contenuto: stralci delle lettere di Paolo: Romani; I e II Corinzi; Galati; Efesini;
Filippesi; Colossesi; I Tessalonicesi. Contiene anche la lettera agli Ebrei, la cui canonicit si afferm pi
lentamente rispetto alle altre lettere del corpus paolino.
PAPIRO 52 (P. Ryl. 457, P
52
). Conservato presso la John Rylands Library di Manchester, il pi antico
manoscritto del Nuovo Testamento (risale al 125 d.C.). Secondo Metzger questo frammento ha valore
probatorio come un intero codice; corrisponde allorma trovata sulla sabbia da Robinson Crusoe. Visto che
contiene frammenti del Vangelo di Giovanni, lecito affermare che tra questo papiro e la stesura del
Vangelo sono trascorso meno di 50 anni! Questi pochi frammenti sono sufficienti a provare che il Vangelo
di Giovanni, scritto probabilmente in Asia, era gi conosciuto nella valle del Nilo, verso il 120130, e non
quindi di composizione tardiva. Le dimensioni originarie dovevano essere mm. 213 x 180, con 18 righe per
pagina su unica colonna di circa cm. 16 x 14. Contenuto: recto: Gv 18:3133; verso: Gv 18:3738
PAPIRO 66 (P. Bodmer II, P
66
). Conservato in parte in Svizzera presso la Biblioteca Bodmeriana
di Cologny (papiro P.Bodmer II), in parte a Colonia (Inst. f. Altertumskunde, Inv. Nr. 4274/4298) e in
parte alla Chester Beatty Library di Dublino, il papiro 66 risale circa al 200 (qualcuno lo colloca tra il
100 e il 150). un codice papiraceo in maiuscolo pubblicato tra il 1956 e il 1958. Misura 15,2 x 14 cm e
consta di sei fascicoli, di cui restano 104 pagine. Nel 1958 vennero ritrovate altre 46 pagine che
175

appartenevano originariamente al papiro. Contenuto: quasi per intero il Vangelo di Giovanni dal cap.
1 al cap. 14 e frammenti dei capitoli successivi.
PAPIRO 72 (P. Bodmer VIII, P
72
). Le lettere di Pietro. Il papiro P72 (IIIIV secolo) conteneva,
in questo ordine, lapocrifo detto della Nativit di Maria, una serie di lettere apocrife di Paolo di Tarso
ai Corinzi, la XI Ode di re Salomone, la lettera di Giuda, una omelia sulla Pasqua, un frammento di un
inno cristiano, lApologia di Filea, i Salmi 33 e 34 e, infine, le lettere di Pietro. La parte contenente le
due epistole di Pietro stata donata nel 1969 da Martin Bodmer a Paolo VI e viene attualmente
conservata in Vaticano. Contenuto: la lettera di Giuda, un testo la cui canonicit si affermata pi
lentamente rispetto agli altri libri del Nuovo Testamento. La qualit della scrittura e lalto numero di
errori di ortografia che si riscontrano in questo manoscritto ci indicano che certamente opera di un
copista non particolarmente competente.
PAPIRO 75 (P. Bodmer XIVXV, P
75
). I Vangeli di Luca e Giovanni. Il papiro P75 (noto anche
come P. Bodmer XIVXV) risale alla prima met del III secolo e contiene gran parte dei Vangeli di Luca
e Giovanni. Il testo molto simile a quello del Codex Vaticanus (325 d.C. circa), anzi esso il documento
che concorda maggiormente con quel codice e viceversa. Il papiro P75 uno dei documenti pi
importanti del Nuovo Testamento, sia per la sua antichit, sia per la somiglianza con il Codex Vaticanus
sia per il fatto che appare opera di un copista competente e professionale. Tra i vari papiri considerato
certamente il migliore ed il pi attendibile. considerato dalla moderna critica testuale come uno dei
documenti principali su cui costruire il testo del Nuovo Testamento.
Di seguito riportiamo una tabella con le principali collezioni di papiri. Per vedere la lista completa dei
papiri clicca qui. Per vedere immagini di altri papiri clicca qui.
Collezione Abbreviazione Descrizione
Bodmer Papyri

P.Bod.





Attualmente conservata nella Bibliotheca
Bodmeriana di Cologny (vicino a Ginevra) e costituita
da circa 50 manoscritti, questa collezione fu
acquistata dallo svizzero M. Martin Bodmer nel 1955
56. I testi scritti in greco e in copto furono scoperti in
Egitto, probabilmente a Pabau. Si tratta sia di codici
sia di rotoli; la maggior parte sono in papiro, ma tre
sono in pergamena. Quanto al contenuto, essi
comprendono testi classici (Iliade, Odissea e
Tucidide), biblici (AT e Nuovo Testamento) e scritti
delle prime chiese.
Chester Beatty Papyri P.Chester Beatty

Conservata presso la Chester Beatty Library and
Gallery of Oriental Art di Dublino, questa collezione
di 12 codici fu acquistata tra il 193031 e il 1935
dallamericano Alfred Chester Beatty. I manoscritti
risalgono ad un periodo compreso tra il II e il IV
secolo Parti di questi codici furono poi acquistati da
diverse biblioteche e universit in Europa e negli Stati
Uniti.
Egerton Papyrus 2

P.Eg. Il papiro fu acquistato in Egitto nel 1934 dal British
Museum di Londra. I primi quattro frammenti
provenienti da un codice in papiro pi antico furono
scoperti nel 1934. La provenienza sconosciuta, ma
probabilmente di tratta di Oxyrynchus. Un quinto
frammento fu scoperto tra i papiri di Colonia (inv.
608, nr. 255). Vedi il sito dedicato a questo papiro.
176

Michigan Papyri

P.Mich. Questa collezione di 10.000 frammenti di papiro
conservata presso lUniversit Ann Arbor del
Michigan. Vedi qui.
Oxyrhynchus Papyri P.Oxy. Questi frammenti di papiri (la cui pubblicazione
ancora in corso) furono scoperti intorno a
Oxyrhynchus, una localit a circa 200 km a sud de
Il Cairo. Sono stati scoperti da Bernard P. Grenfell e
Arthur S. Hunt, alle fine del XIX secolo I frammenti
sono sparsi in varie biblioteche, universit e musei.
Per la raccolta completa vedi qui.
Princeton Papyri

P.Princ. Collezione ospitata presso lUniversit di Princeton
(New Jersey). Vedi qui.
Rylands Papyri

P.Ryl. La collezione, conservata presso la John Rylands
Library dellUniversit di Manchester, comprende
600 papiri, oltre a 31 ostraca e 54 codici, e copre un
periodo che va dal II secolo a.C. al IX secolo d.C. Vedi
qui.

b. le versioni: si tratta di traduzioni in latino (Vetus Latina e Vulgata) e in siriaco
(Diatessrone Peshitta)
c. le citazioni: come si pu facilmente intuire, le citazioni di passi neotestamentari che i Padri della
Chiesa (IIV secolo) fanno nelle loro opere sono importantissime soprattutto a causa della loro
antichit. Bisogna per usarle con cautela per via delle loro abitudine a citare spesso a memoria.
Ledizione di riferimento : Jean Allenbach [et al.], edizione Biblia Patristica: index des
citations et allusions bibliques dans la littrature patristique (7 vols; Paris: ditions du
Centre national de la recherche scient, 19752000). Da alcuni anni in corso di pubblicazione
(sono previsti 29 volumi) La Bibbia commentata dai Padri edita da Citt Nuova.















177

2.3 I caratteri del testo
Rispetto ai manoscritti dellantichit grecoromana, quelli del Nuovo Testamento sono molto pi
numerosi e molto pi recenti come si pu vedere da questa tabella comparativa:
Autore Titolo
Numero di
manoscritti
Redazione
delloriginale
Manoscritti
pi antichi
Intervallo tra originale
e manoscritto pi
antico
NT > 24 000 40 100 d.C. 130 d.C. 30 60 anni
Omero Iliade 643 900 a.C. 400[14]a.C. 500 anni
Sofocle Tragedie 193 496 406 a.C. 1000 d.C. 1400 anni
Tacito Annales 20 100 d.C. 1100[15]d.C. 1000 anni
Cesare
De bello
gallico
10 100 44 a.C. 900 d.C. 950 anni
Giuseppe F.
La guerra
giudaica
9[16] I secolo d.C. X secolo d.C. > 800
Tucidide
Guerra del
Peloponneso
8 460 400 a.C. 900 d.C. 1300 anni
Svetonio
La vita di
Cesare
8 75 160 d.C. 950 d.C. 800 anni
Platone Tetralogie 7 427 347 a.C. 900 d.C. 1200 anni

Questa abbondanza di manoscritti rende difficile ricostruire il loro albero genealogico (stemma
codicum) che consente di giungere allarchetipo (manoscritto originario o Urtext).
Il progresso della ricerca e la scoperta di nuovi papiri nel XX secolo hanno messo in luce dei fenomeni
molto particolari che segnano la storia del testo del Nuovo Testamento. apparso che, al di l delle
famiglie di manoscritti, si potevano distinguere nella tradizione dei grandi tipi di testo, e che forse
era possibile ricollegarli a luoghi geografici. Nel corso del III e IV secolo, nei grandi centri intellettuali
della cristianit (Alessandria, Antiochia, Cesarea), al seguito di eruditi e di specialisti come Esichio,
Luciano, Origene, intere scuole di copisti si sono addossate un impressionante lavoro di ricerca,
comparazione e raggruppamento dei manoscritti, lavoro che viene chiamato in gergo tecnico un lavoro
di collazione. Hanno inoltre cercato di unificare il testo scegliendo quello che sembrava loro migliore:
in altre parole, hanno pro ceduto a un vero accertamento del testo, e si parla oggi di queste come di
grandi recensioni che hanno tentato di unificare e di fissare il testa allinterno di determinate sfere di
influenza. La ricerca sui grandi tipi di testo risale alla fine del XIX secolo (B.F. Wescott e F.J.A. Hort);
essa stata largamente ripresa durante il XX secolo e, sebbene il cantiere sia ancora aperto, si giunti
a individuare quattro grandi tipi di testo.
2.3.1 Testo Alessandrino (o Egiziano) H
Viene considerato il testo pi importante. Westcott e Hort, che lo definiscono Testo Neutrale, ritengono
che il Codex Sinaiticus e il Codex Vaticanus abbiano conservato una forma pura del testo di tipo
Alessandrino. Si tratta di due testi che contengono quasi tutto il NT e significative parti della Settanta.
Questi manoscritti sono stati corretti da scribi tardi, ma sono gli onciali pi antichi e riportano il testo
Alessandrino ad uno stadio precoce. Anche alcuni importanti papiri rappresentano questa famiglia.
178

2.3.2 Testo Bizantino K
Chiamato Bizantino perch fu adottato a Costantinopoli e usato come testo di base nel mondo
bizantino. Fu prodotto ad Antiochia sotto a direzione di Luciano alla fine del III secolo (viene chiamato
anche testo siriaco o antiocheno). Venne usato universalmente dopo lVIII secolo Sia Erasmo sia il
traduttore della King James Version usarono questo testo. Fu scritto compilando testi antichi, ma il suo
valore inferiore al testo Alessandrino.
2.3.3 Testo Occidentale D
Questa famiglia testuale fu strettamente legata alla chiesa occidentale, specialmente in Africa del nord.
Anche se stato probabilmente compilato nel II secolo, il suo valore discusso. citato da Marcione,
Giustino, Taziano, Cipriano, Tertulliano ed Ireneo. Avrebbe una certa tendenza allarmonizzazione ed
alla parafrasi e conterrebbe aggiunte ed omissioni significative.
2.3.4 Testo Cesariense C
Questa famiglia testuale fu usata a Cesarea (da cui il nome). Sembra essere derivato da l testo
Alessandrino, ma presenta punti di contato anche con il testo Occidentale. Da qui il suo non elevato
valore. Metzger sostiene che bisogna distinguere tra due stadi di sviluppo del testo, il preCesariense e
il Cesariense.
Riassumiamo il tutto nella tabella che segue:
Tipi di testo
Alessandrino /
Egiziano H
Occidentale D Cesariense C Bizantino/Koin K
Testimoni
Antichi Papiri P
75
, P
66
, P
46
, P
72
P
48
, P
39
, P
69
P
45

Nessuno manoscritto
in papiro
Onciali
01, B 03, C 04 e W
032 [per Luca 1:1
8:12 e Giovanni]
D 05, W 032 [per
Marco 1:15:30]
Q 038 W 032
[per Marco
5:3116:20]
A 02 [Solo Vangeli]
MSS E06 e W 045
Citazioni
patristiche
Origene (c. 185254)
Didimo (c. 313398)
Atanasio (296373)
Cirillo di Alessandria
(+ 444)
Ireneo (c. 130
200)
Clemente (c. 96)
Tertulliano (c.
160225)
Cipriano (+258)
Origene [in
Marco],
Eusebio (260
340)
Cirillo di
Gerusalemme
(c. 315386)
G. Crisostomo (c. 347
407)
Teodoreto (c. 393
466)
Antiche
Versioni
Copto (Sahidico e
Boairico)
Vetus Latina, Syr
s
,
Syr
c
, Syr
h

Armeno,
Georgiano

Minuscoli MSS 33 MSS 383, 614
Famiglia 1,
Famiglia 2,
565 e 700
La maggior parte dei
minuscoli


179

Volendo ipotizzare i raggruppamenti dei vari tipi testuali, si potrebbe riassumere in questo schema:

Al di l delle varie ipotesi degli studiosi, bisogna tener presente un dato di fatto molto importante: le
condizioni di produzione e di ricezione degli scritti determinano una certa variabilit. Le prime
comunit non hanno il problema della durata dei testi, ma dellurgenza della missione; non ci si
preoccupava troppo n del materiale (spesso papiro economico, quindi fragile) n dellaccuratezza
filologica. Allinizio, lo scritto al servizio della predicazione, quindi instabile (spesso si citava a
memoria, con tutti i problemi che ci comporta). Si pu dire che i testi erano fluttuanti.
2.4 La critica testuale
(Testo ripreso da Roselyn DupontRoc, Il metodo della critica testuale, in: Daniel Marguerat [a
cura], Introduzione al Nuovo Testamento, Claudiana, Torino 2004, pp. 524529)
Il lavoro del testualista comincia evidentemente con la lenta collazione dei diversi manoscritti. Di fronte
alla massa dei testimoni e delle varianti, i membri del comitato che accert il testo standard scelsero
14381uoghi varianti, per i quali si osserva un numero sempre crescente di manoscritti significativi; la
lettura di numerosi frammenti di papiro richiede lintervento di specialisti di paleografia
(cfr. http://www.unimuenster.de/NTTextforschung). Il lavoro di collazione si estende sempre pi
anche alle versioni antiche.
Qui affronteremo la critica testuale solo a partire dal momento in cui gli specialisti ci offrono, negli
apparati critici del NestleAland e soprattutto del GNT, un materiale di notevole ricchezza e
affidabilit. Quali sono quindi i criteri utilizzati per accertare il testo?
Si distinguono tradizionalmente tre modalit operative della critica: la critica verbale, la critica
esterna e la critica interna. Le tre modalit, in teoria, possono avere luogo in successione, ma
vedremo a che punto, a volte, le loro frontiere siano sfumate e in che modo il testualista sia portato a
far entrare in azione simultaneamente diversi punti di vista critici.
180

a) La critica verbale consiste in una sorta di pulizia del testo che si esplica nelleliminare
grossolani errori di copia; i pi noti sono il confondere le consonanti onciali (L e D, G e R ecc.), la
semplificazione (aplografia) o, al contrario, il raddoppio (dittografia) di una consonante e il
passaggio da una riga allaltra quando unespressione ripetuta (homoioteleuton). Altri errori
sono dovuti alla pronuncia o al carattere mutevole dellortografia:
frequente la confusione tra o/w, cosa che a volte fa sorgere un dubbio tra indicativo e
imperativo: in Rom. 5,1, la tradizione incerta tra eivrh,nhn e;comen (noi siamo in pace)
eeivrh,nhn ecwmen (siamo in pace);
il fenomeno dello itacismo ha presto influenzato la pronuncia di svariate lettere
greche: h, ei,oi, u cambiano pronuncia in i. In Mt. 19,24, il celebre Ioghion del cammello
che non pu passare attraverso la cruna di un ago ha sollevato la questione; la maggior parte
dei testimoni riporta ka,mhlon (il cammello), ma alcuni manoscritti tardivi riporta-
no ka,milon. Si tratta di un semplice caso di iotacismo e le due parole si pronunciano con la
i? Oppure dobbiamo notare la traccia di un desiderio di attenuare la stranezza del testo, dal
momento che ka,milon significa una grossa corda? In ogni modo, fin dal v secolo Cirillo
dAlessandria attesta questa lettura.
b) La critica esterna deve inizialmente essere sviluppata per se stessa. Consiste nel comparare i vari
testimoni delle lezioni varianti, il loro numero, la loro antichit e la loro qualit intrinseca. Tuttavia, n
lantichit n il numero dei testimoni rappresentano un criterio decisivo: in effetti, testimoni molto
antichi come il papiro P
66
possono recare chiare correzioni di tipo docetico. Allo stesso modo, il testo
di Marcione riflette a volte delle tendenze ultrapaoline. Cos, nellesempio precedentemente citato di
Rom. 5,1, il numero e lantichit dei testimoni avrebbero potuto fare decidere per il congiuntivo: i
manoscritti a01 e B03 (prima delle correzioni), A02, C04, D06, 33, due manoscritti della Vetus latina,
la Vulgata, la siriacopalestinese e la Peshitta presentano il congiuntivo; al contrario, K01 e S03 dopo
le correzioni e altri pi tardivi, recano lindicativo: il contesto didattico e non esortativo che ha fatto
scegliere lindicativo agli editori del testo standard. Occorre rimetterlo in discussione?
Oggi si presta grande attenzione al fatto che una variante sia attestata in pi tipi di testo.
Probabilmente, il testo standard sacrifica troppo alla compostezza del testo egizio e, indubbiamente,
lo favorisce in maniera eccessiva! Di fatto, le varianti occidentali, in quanto non recensionali, sono
ormai sempre pi valorizzate. Ma anche qui bisogna evitare di permettere che si instauri un nuovo
tipo di mito dellorigine. La critica testuale deve moltiplicare i criteri e deve essere sempre circospetta.
c) La critica interna tenta di stimare il valore rispettivo delle varamenti per la comprensione del
testo; essa si poggia su criteri di coerenza interna del testo, di stile dellautore; infine, deve tener
conto dei dibattiti dottrinali di un determinato periodo, dei quali il testo pu essere un riflesso.
Un certo numero di principi o di regole pratiche servono spesso come criteri; bisogna utilizzarli con
prudenza e destrezza, poich in questi campi non c una regola assoluta:
lectio brevior: la lezione pi breve la pi probabile; gli scrivani hanno sempre avuto la
tendenza a precisare, a spiegare per facilitare la lettura;
lectio difficilior: per la stessa ragione, la lezione pi difficile la pi probabile; si corregge un
testo per renderlo pi accessibile e non per renderlo oscuro!
lectio difformis: nei passi paralleli dei vangeli, sar preferita una versione differente poich
sfugge alla tendenza generale alluniformazione;
lectio quae alias explixcat: infine, bisogna sempre preferire la lezione che spiega le altre e che
pu essere indicata come variantefonte. Tischendorf riteneva che fosse la prima tra tutte
le regole; ingloba tutte le altre e deve essere considerata come il criterio essenziale per stabilire
il testo. L. Vaganay la chiamava, con spirito, il filo dArianna del testualista.
181

Mostreremo con qualche esempio che queste regole restano sempre indicative, e che il testualista entra
in dialogo con la critica letteraria, tenendo conto del contesto vicino, del vocabolario e dello stile propri
di un autore, e a volte anche del progetto letterario e teologico di unopera.
1. Un primo lavoro consiste nel reperire le glosse o spiegazioni aggiunte a margine, che possono
essere passate nel testo nel corso di copie successive. Ci si trova allora alla frontiera della critica
verbale, ma i tre approcci si rivelano spesso necessari. Questo il problema posto dallinizio della
Lettera agli Efesini: in tutti i manoscritti in nostro possesso, linscriptio agli Efesini. Tertulliano,
per, ci fa sapere che Marcione la considerava una lettera ad Laodicenses, ai Laodicesi.
Nellindirizzo ai destinatari di 1,1, il complemento evn VEfe,sw| (a Efeso), che dovrebbe seguire
il participio del verbo essere toi/j a`gi,oij toi/j ou=sin (ai santi che sono...), assente da testimoni
importanti: P
41
,

a01 (prima delle correzioni), B, 1739, Marcione secondo Tertulliano, Origene,
Basilio; aggiunto a margine di a01 e di B; infine entrato nel testo di A, D, F, G, della Vetus latina e
della Vulgata. Occorre notare che lassenza dellarticolo davanti al participio, in P
46
, rende leggibile
il testo: toi/j a`gi,oij ou=sin (a coloro che sono santi). certamente la lezione pi breve, la pi
difficile e, probabilmente, la variantefonte. La lettera si presentava forse come una lettera cir-
colare inviata alle chiese, lasciando che ciascuna chiesa inserisse il proprio nome nel testo? Sarebbe
un caso unico, e dovremmo avere attestazioni di un numero maggiore di destinatari. Lassenza
originaria di destinatari stata forse corretta durante il II secolo? Verso la fine del secolo, Ireneo,
poi il canone di Muratori, laccolgono come lettera agli Efesini.
La complessa questione dei saluti e della dossologia finale dellEpistola ai Romani dello stesso
ordine: suggerisce diverse edizioni della lettera, in particolare prive degli ultimi due capitoli in
contesto marcionita.
2. La critica interna resta ancora vicina alla critica verbale fintanto che rileva le armonizzazioni tra
passi paralleli, soprattutto nei vangeli. Si tratta di una tendenza spesso inconscia del copista che
conosce a memoria il testo pi diffuso, di solito il Vangelo di Matteo, e che spesso allinea su que-
stultimo gli altri vangeli. Facendo riferimento allimpresa di Taziano nel suo Diatessaron, o
Vangelo armonizzato, si parla talora di tazianismi. II fenomeno, del resto, si verifica ancora
oggi nei lettori che mescolano i vangeli e tentano, in maniera pi o meno consapevole, di ridurre le
tensioni, se non addirittura le contraddizioni, dei testi!
Un esempio veramente notevole quello del Padre nostro nella versione di Lc. (Lc. 11,24). La maggior
parte della tradizione manoscritta, i grandi onciali a01, A, D, W, Q, le famiglie F
1
e F
13
, la moltitudine
dei minuscoli bizantini, la Vetus latina e la Vulgata aggiungono, alle cinque richieste di Lc., le due
domande di Mt.; il Vaticanus B03, la siriacosinaitica, Marcione, Origene e Agostino hanno conservato
il testo breve, la cui anzianit confermata dal papiro P
75
.
3. Un esempio tratto dal Vangelo di Giovanni permette di cogliere dal vivo i conflitti dottrinali che
hanno scosso il II secolo:
In Giov. 1,11, i papiri P
66
e P
75
,

tutti i grandi onciali e i minuscoli, vale a dire al tempo stesso la
tradizione egizia e la tradizione bizantina, oltre al codice di Beza, recitano: Essi che non sono nati
da sangue, n da un volere di carne, che caratterizza i credenti. Tuttavia, un manoscritto
della Vetus latina (b) e i Padri latini pi antichi (Ireneo latino, Origene latino) presentano la frase
al singolare riferendosi al Cristo: Egli che non nato da sangue. Il peso della critica esterna
tale che la discussione pu sembrare inutile dal principio. Ma i testimoni latini risalgono alla met
del II secolo. Si tratta di una affermazione di tipo docetico, allinterno del conflitto cristologico,
oppure di una affermazione della verginit di Maria? Ireneo (Contro le eresie III,16,2) e Tertulliano
(Dalla carne del Cristo XIX) leggono il testo al singolare e lo applicano al concepimento virginale.
Tertulliano, del resto, accusa gli gnostici valentiniani di averlo corrotto volgendolo al plurale per
sostenere la loro concezione del cristiano spirituale. Nel V secolo, Cirillo legge il plurale e collega
il concepimento virginale e il battesimo dei cristiani come nascita dallalto.
182

4. Per concludere, diremo ancora due parole sulla questione posta da alcuni versetti (addirittura pericopi)
assenti da una notevole parte della tradizione manoscritta, mentre laltra parte li conosce. Si tratta, in
particolare, della pericope della donna adultera ma anche, in Lc, dellagonia Getsemani (Lc. 22,4344)
o del Padre, perdona loro (Lc. 23,34). La decisione degli editori del testo standard stata quella di
inserire nel testo questi versetti, ma tra parentesi quadre, per segnalare lincertezza della tradizione o,
addirittura, il fatto che il passaggio non apparteneva al testo dorigine ma veniva mantenuto come una
tradizione cristiana antica. Questi sono casi in cui, in modo particolarmente chiaro, la critica testuale
deve entrare in dialogo con la critica letteraria, senza perdere tuttavia la sua specificit.
Il testo di Lc. 22,4344 (w;fqh de. auvtw/| a;ggeloj avpV ouvranou/ evniscu,wn auvto,n kai. geno,menoj
evn avgwni,a| evktene,steron proshu,ceto\ kai. evge,neto o` i`drw.j auvtou/ w`sei. qro,mboi ai[matoj
katabai,nontoj evpi. th.n gh/n) illustra bene la difficolt: i due versetti che insistono sullagonia terribile
di Ges, sostenuto da un angelo, nel giardino degli ulivi sono assenti da gran parte dei grandi onciali (a01,
A, D, W), dal papiro P
75
e da F
13
, dalla siriacosinaitica, da Ambrogio e Gerolamo, nonch da Origene. Al
contrario, sono presenti nel codice di Beza D, Q, le famiglie F
1
, nella Vetus latina, nella siriaca curetoniana
e nella Peshitta, nella Vulgata, in Giustino e in Ireneo. La situazione dunque assai confusa, ma
lomissione sembra in gran parte egizia: unalta cristologia ha potuto rifiutarsi di attribuire al Cristo una
tale angoscia e di immaginare che un angelo potesse essere di conforto! Tuttavia, la critica interna non
pu discernere chiaramente la variantefonte, poich si pu anche presupporre la volont di insistere
sullumanit di Ges. La critica tenta dunque di poggiarsi su criteri stilistici. Svariate parole del v. 44 sono
degli hapax nellopera di Luca; bisogna pertanto proibirne luso allautore? Infine, si tiene conto
delleconomia dinsieme del racconto della passione: se il Ges di Luca muore serenamente sulla croce
rimettendo il suo spirito nelle mani del Padre, lautore non ha forse voluto riequilibrare il ritratto espri-
mendo innanzitutto langoscia molto umana del Figlio in questa scena decisiva?
La discussione di questo esempio ha fatto intervenire degli elementi di critica letteraria: innanzitutto
la nozione di vocabolario di un autore, collegato alle sue abitudini stilistiche, poi la costruzione
dinsieme di un racconto. Questo tipo di critica si sviluppato sotto il nome d critica razionale.
Riguarda lo stile proprio di un autore, ma anche il carattere pi o meno letterario del greco utilizzato.
Linteresse che suscita grande, ma non al riparo da certi rischi e in particolare dal rischio di un
circolo vizioso: si accerta il testo di un autore a partire da un vocabolario e dai tratti stilistici osservati...
sul testo accertato! Ancora una volta, la prudenza dobbligo.
Se le doppie parentesi quadre del testo standard mantengono lambiguit, poich manifestano il rifiuto
di fare una scelta, servono anche a sottolineare immediatamente al lettore la variabilit del testo in
passi cos importanti!
2.5 Le edizioni critiche del Nuovo Testamento
Fino allinvenzione della stampa e alla nascita della filologia rinascimentale, non ci pu certo parlare di
testo critico del Nuovo Testamento (NT). Ci per non significa che alcuni Padri della Chiesa non si
siano posti problemi di ordine testuale.
Ireneo di Lione (fine II secolo), per esempio, discute (Adversus Haereres V,30,1) le divergenze con
cui nei manoscritti era riportato il numero della bestia in Apocalisse cap. 13: invece di 666, alcuni
manoscritti avevano il numero 616 (confermato da un frammento di Ossirinco recentemente ritrovato:
cfr. www.csad.ox.ac.uk/POxy/beast616.htm)
Il primo autore per il quale si pu parlare di critica filologica Origene (prima met del III secolo), il
quale ha compilato gli Hexapla, letteralmente sei colonne, unedizione nella quale viene presentato
il testo ebraico, la sua traslitterazione in greco, e le diverse versioni greche esistenti (Settanta, Simmaco,
Aquila e Teodozione), con segni diacritici per segnalare problemi testuali. Questa edizione fu consultata
nella biblioteca di Cesarea per molti secoli, finch and perduta (VII secolo).
183

Sulla sua scia, Eusebio di Cesarea (fine del IIIinizio del IV secolo), elabora i cosiddetti Canoni, per
segnalare i passi dei Vangeli che presentano dei paralleli. Tale sistema tuttora registrato nelle edizioni
moderne con numeri a margine del testo dei Vangeli.
Anche Gerolamo (347 circa420), oltre ad aver tradotto la Bibbia (Vulgata) si occupato di questioni
criticotestuali; per esempio, conosce il cosiddetto finale lungo del Vangelo di Marco, che solo nel
XX secolo stata scoperto in un manoscritto (= W) acquistato da Ch. L. Freer nel 1906 ed edito nel
1908 come FreerLogion.
Per tutto il Medioevo e lUmanesimo il lavoro filologico ha come oggetto essenzialmente la Vulgata,
mentre solo con il Rinascimento si cominciano ad utilizzare i manoscritti greci.
2.5.1 Il Cinquecento: la definizione del textus receptus
A parte la Poliglotta Complutense, nella quale il testo greco del
NT deriva da codici della Biblioteca Vaticana, la prima edizione
critica del NT si deve a Erasmo da Rotterdam. Essa viene
pubblicata dello stampatore J. Froben tra lottobre del 1515 e il
febbraio 1516 e fino al 1535 avr cinque edizioni.
Grazie alla sua scoperta nel 1504 delle Adnotationes di Lorenzo
Valla, che lo avvia alla necessit di un approccio critico al testo,
Erasmo comincia preparando una traduzione Latina del NT. Grazie
poi ad un soggiorno in Italia (dove conosce il famoso stampatore
Aldo Manuzio e il card. Giovanni de Medici, futuro papa Leone X)
avverte sempre pi la necessit di collazionare vari manoscritti in
vista di unedizione del testo greco del NT nel 15111512.
La prima edizione del NT (intitolata Novum Instrumentum) esce
nel 1516, mentre la seconda esce nel 1519 con il titolo di Novum
Testamentum. Rispetto alla prima due volte pi ampia e
contiene diverso materiale introduttivo, con delle Annotazioni e un trattato di metodologia. La
traduzione latina completamente rifatta. Nelle Annotazioni espone i suoi intenti, il primo dei quali
di eliminare le corruzioni testuali. Inoltre, egli pienamente consapevole del fatto che la Bibbia un
documento umano e, in quanto tale, soggetto ad errori di
scrittura. Oltre tutto opera una traduzione in un latino molto
lontano dalla Vulgata. Il fatto che egli osi alterare la sacralit del
testo per ragioni stilistiche suscita notevoli critiche da parte di
circoli conservatori.
Lopera fu stampata da Johann Froben di Basilea, la cui
stamperia attirava un gran numero di studiosi. Erasmo stesso
nelle sue lettere descrive la propria esperienza alla stamperia,
dicendo quante ore di lavoro spendeva per preparare i caratteri e
per correggere le bozze. Il testo di circa 1000 pagine a copia fu
stampato in soli sei mesi, un record per quei tempi. I numerosi
errori contenuti nella prima edizione spiegano perch la seconda
sia molto diversa. Lo stesso Erasmo si lamenta della eccessiva
fretta che gli si impone.
Daltra parte, proprio la stamperia di Froben, centro prestigioso
per leditoria europea del tempo, assicur allopera di Erasmo un
altissimo profilo. Il predomino della sua versione greca rispetto a
quella della Complutense fu sancito nel momento in cui essa
Figura 80 Copertina delledizione di Erasmo
184

ottenne unesclusiva duso di quattro anni nel Sacro Romano Impero.
Nella quarta edizione del 1527 Erasmo corregge il testo anche sulla base del confronto con la Bibbia
Complutense, che forniva un testo migliore. Ci fu una quinta edizione, pressoch invariata, nel 1535, e
in seguito molte ristampe, anche illegali, ovunque. Ledizione di Erasmo ebbe in definitiva maggior
successo di quella di Ximenes, bench fosse meno valida criticamente, dal momento che fu la prima ad
apparire sul mercato, ed in una veste pi comoda ed economica, e fu alla base del textus
receptus riprodotto per molti secoli (almeno fino all800), insieme alle manchevolezze filologiche,
anche gravi, che conteneva.
A breve tempo di distanza dalledizione di Erasmo e ad essa riconducibile, escono le quattro edizioni
dello Stephanus (latinizzazione di Robert Estienne): quelle del 1546, 1549 e 1550 (a Parigi) e quella
del 1551 (a Ginevra, dove il protestante Estienne si era rifugiato). Queste quattro edizioni, sulla scia di
Erasmo e della Complutense, segnano un indubbio progresso filologico. Si tratta infatti del primo Nuovo
Testamento a stampa in greco dotato di apparato critico in senso moderno, cio con lindicazione delle
varianti tramite simboli tipografici. La collazione dei manoscritti delle terza edizione fu fatta dal figlio di
Robert Estienne, Henri. Il testo che ne risulta alla base textus receptus. La particolarit della quarta
edizione la comparsa per la prima volta della suddivisione del testo in versetti ( quella usata ancora
oggi). Secondo il racconto del figlio Henri, questa suddivisione fu fatta dal padre mentre era in viaggio in
carrozza da Parigi a Lione (pi probabilmente il lavoro venne svolto in una locanda).

Figura 81 . Nouum Testamentum. Luteti: Roberti Stephani, 1549. Sextodecimo.
185


Figura 82 . Nouum Iesu Christi D. N. Testamentum. Ex Bibliotheca Regia. Luteti: Robert Estienne,
1550. Folio. Questo testo conosciuto con il nome di Editio Regia, poich i caratteri greci, disegnati da Claude Garamond, furono
commissionati dal re di Francia.
186


Figura 83 . Nouum Iesu Christi D. N. Testamentum: cum duplici interpretatione. Geneva: Robert
Estienne, 1551. 2 volumes. Sextodecimo. Nella quarta edizione il testo greco stampato al centro, con il testo latino della Vulgata
allinterno e il testo latino di Erasmo allesterno. inoltre corredato da un elaborato indice e da una armonia del quattro vangeli. Si noti
la suddivisione in versetti.
Teodoro di Beza, successore di Calvino a Ginevra, pubblica diverse edizioni del NT servendosi delle
varianti testuali stabilite da Robert Estienne. Egli utilizza anche il codice D (detto codex
Bezae o Cantabrigiensis, in quanto da lui donato nel 1581 alla biblioteca delluniversit di Cambridge).
187


Figura 84 CODEX BEZAE CANTABRIGIENSIS (D 05)
Pergamena, 25.826.7 x 1722.9 cm. Una colonna con 33 linee per pagina. Inchiostro marrone.
Contiene i Quattro Vangeli e gli Atti in greco e in latino. Il testo greco sulla sinistra e il latino sulla destra. Sembra che in origine il
codice contenesse le lettere cattoliche, mentre il finale di 3 Giovanni collocato prima dellinizio di Atti. Il numero totale di fogli 510.
Presenta la scriptio continua. Gli accenti e gli spiriti sono assenti. Le citazioni dellAntico Testamento non sono riportate.
Il manoscritto importante per le sue varianti, in particolare il testo cosiddetto occidentale degli Atti degli apostoli. Per
approfondire http://bezae.ifrance.com/

188


Figura 85 Nuovo Testamento greco di Teodoro di Beza (Ginevra, 1588)
La prima colonna contiene il testo greco stabilito da Beza; la seconda la sua traduzione in latino, mentre la terza la versione latina della
Vulgata. Sotto il testo compaiono le note esplicative.

Quasi 120 anni dopo ledizione di Erasmo, nel 1624 Bonaventura e Abraham Elzevir di Leyden
pubblicano una edizione del Nuovo Testamento che combinava le edizioni di Erasmo, dello Stephanus
e di Teodoro Beza. Nel 1633 pubblicano la seconda edizione, nella quale compare questa nota
editoriale: textum ergo habes nunc ab omnibus receptum in quo nihil immutatum aut corruptum
damus. La definizione di textus receptus (testo ricevuto) venne applicata retroattivamente a tutte
le edizioni del NT che vennero pubblicate tra il 1516 e il 1633. Sebbene si basi su pochi manoscritti tardi,
con alcune lezioni non attestate dai manoscritti greci oggi noti, il textus receptus rimarr per due secoli
il testo di riferimento dellOccidente cristiano, un testo assai rispettato e autorevole.
In sintesi:
Edizioni Numero Edizioni Anno
Erasmo 5 edizioni 1516, 1519, 1522, 1527, 1535
Robert Estienne 4 edizioni 1546, 1549, 1550 (vedi qui per il testo), 1551
Teodoro di Beza 9 edizioni 1565 1604
Elzevir 3 edizioni 1624, 1633, 1641


189

2.5.2 Il Seicento e Settecento: la critica al textus receptus
Nonostante la fissazione del textus receptus, cominciavano a essere adoperati anche manoscritti di
maggiore antichit: B. Walton, nella sua Bibbia poliglotta (16551657) fornisce delle varianti tratte
dal codice Alessandrino (poi noto come A), offerto a Carlo I dInghilterra dal patriarca di Costantinopoli
Cirillo Lucaris; John Fell (1675) fa riferimento al codice Vaticano (poi indicato come B). Il testo
stampato continuava tuttavia ad essere lo stefaniano o elzeviriano.
Le prime edizioni critiche, che mettevano in forse il prestigio acquistato
dal textus receptus, sono posteriori alla Histoire critique du texte du
Nouveau Testament di Richard Simon. Lopera di Simon era del 1689:
nel 1707 apparve ledizione del Nuovo Testamento greco di John Mill, che
conteneva circa 30.000 varianti al textus receptus indicate in apparato (il
testo stampato continuava ad essere quello stefaniano del 1550). Lopera
fu fieramente osteggiata perch sembrava indebolire lautorit della
scrittura. Da ricordare anche John Albrecht Bengel, e la sua edizione
del 1734: egli riproduceva in generale il receptus, ma forniva unampia
raccolta di varianti (gi collazionate e pubblicate da altri studiosi)
classificandole in ordine decrescente di valore: lezioni che egli riteneva
originali; lezioni che forse sarebbero state da preferire al testo stampato;
lezioni di valore equivalente a quella del textus receptus; lezioni di valore
inferiore; lezioni di nessun valore, da respingere.
Ancora pi importante laffermazione di Bengel che levidenza dei manoscritti non data dalla loro
quantit, ma dal loro valore; pertanto vanno divisi in famiglie, trib, nazionalit (molti manoscritti
appartenenti alla stessa famiglia, cio affini tra loro, non costituiscono unevidenza maggiore di pochi
manoscritti appartenenti a famiglie diverse). Bengel metteva da una parte i
manoscritti asiatici (quelli pi recenti), dallaltra i manoscritti africani
(suddividendoli in alessandrini e latini): sono i primi passi della futura teoria
dellorigine locale dei testi del NT.
Seguirono le edizioni di J. Jakob Wettstein di Basilea il quale, sospettato di
eresia per i suoi studi sul testo che lo portavano ad abbandonare in alcuni punti
il textus receptus, fu processato ed espulso dal ministero. Diventato professore
di ebraico e di filosofia ad Amsterdam, pubblic un Nuovo Testamento greco
(175152) in due volumi con apparato critico (vedi immagine), per il quale aveva
collazionato un centinaio di manoscritti. Mentre fino a quel momento i
manoscritti erano indicati in base al luogo dove erano stati ritrovati, Wettstein
introdusse le sigle ancora in uso ora, cio per i maiuscoli le sigle A, B, C ecc.
(fino a O) e per i minuscoli i numeri corsivi fino al 112. Questo permise di ridurre
notevolmente lo spazio occupato dallapparato critico.
Successivamente si procede in questa direzione, lavorando per definire le
famiglie di manoscritti e i tipi di testo, per classificare gli errori e per elaborare
regole critiche. Si pubblicano edizioni in cui sempre pi nettamente ci si distacca
dal textus receptus.
Una svolta si ha alla fine del 700 con lopera di Johann Jakob Griesbach,
che pose le basi per qualsiasi lavoro successivo sul NT. Viaggi instancabilmente
per raccogliere manoscritti, dedic speciale attenzione alle citazioni patristiche
e alle versioni antiche del NT, studi la storia della trasmissione del testo del NT
nellantichit, approfond la questione delle famiglie di manoscritti e ne
riconobbe tre, che denomin alessandrina, occidentale e bizantina. Fiss un
canone di quindici regole da seguire nella scelta delle varianti. Per primo, in
Figura 86 John Albrecht Bengel
Figura 87 J. J. Griesbach
190

Germania, os abbandonare il textus receptus in pi punti. Pubblic varie edizioni tra il 1775 e il 1807,
che furono ristampate anche in molti altri paesi esercitando grande influenza e dando impulso allo
sviluppo delle ricerche filologiche sul testo del NT.
2.5.3 Le grandi edizioni dellOttocento
Il primo studioso a rompere con lossequio tradizionale al textus receptus
fu Karl Lachmann. Nel 1831 il famoso filologo pubblic a Berlino unedizione che
tentava di riprodurre il testo greco corrente alla fine del IV secolo, fondato dunque su
un certo numero (ma ancora troppo limitato) di manoscritti dellepoca, escludendo
quelli tardivi e le edizioni stampate nei tre secoli precedenti.
Lopera di Lachmann prepar la via ai grandi del XIX secolo. Il primo fu
Constantin Tischendorf (18151874), noto come il fortunato scopritore del codice Sinaitico, del IV
secolo, da lui avventurosamente rinvenuto nel monastero ortodosso di S. Caterina sul monte Sinai nel
1859.

Lopera di Tischendorf duna vastit imponente: oltre al Sinaitico scopr altri
21 manoscritti, ne cit 23 per la prima volta, ne pubblic 18. Cur ben otto edizioni del
NT fra il 1841 e il 1872; il numero di saggi sul NT da lui composto ammonta a oltre
150. LVIII edizione del suo Nuovo Testamento greco (in due volumi, usciti a Lipsia
nel 18681872) la pi ampia raccolta di varianti esistente per il Nuovo Testamento
nella sua interezza, e bench le nuove scoperte di manoscritti labbiano resa superata,
i servizi che poteva rendere in base alle conoscenze che si avevano allora sono tuttora
validi, e nessunaltra opera completa venuta a sostituirla (vedi qui per il testo).
La seconda edizione critica fondamentale del XIX secolo quella di Brooke
Foss Westcott e Fenton John Anthony Hort. Entrambi professori a Cambridge, collaborarono
durante trentanni nel lavoro di critica testuale. Nel 1881 Westcott
e Hort pubblicarono The New Testament in the Original Greek, I
Text; II Introduction, Appendix. Anzich cercare e collazionare
nuovi manoscritti, come Tischendorf, essi utilizzarono precedenti
raccolte di varianti, selezionandole in base a una rigorosa
metodologia critica. Per questo il loro testo non corredato da un
apparato, ma unicamente da una selezione di varianti in margine,
chiamate alternative readings. Per le varianti dei passi pi
problematici sono discusse nel II volume (vedi qui per il testo).
2.5.4 Il Novecento
Ledizione pi monumentale del XX secolo fu quella di Hermann
Freiherr von Soden, in 4 volumi, usciti a Berlino e Gottinga tra
il 1902 e il 1913, il quale attraverso suoi allievi pot consultare un
gran numero di testimoni mai prima esaminati ed approntare un apparato critico imponente, ma assai
complicato e difficile da consultare a causa delluso di sigle per i manoscritti che non furono accolte
dagli studiosi e risultano ostiche. I risultati critici di tanto lavoro furono per limitati, anche perch von
Soden attribu unimportanza eccessiva al testo bizantino (vedi qui per il testo).
Nel 1959 sorto lInstitut fr neutestamentliche Textforschung (Istituto per la ricerca testuale
neotestamentaria), a Mnster, diretto da Kurt Aland (+ 1994), affiancato, dal 1983, da Barbara
Aland. il massimo centro per linventario e lo studio dei testimoni del testo greco del NT, con la
pubblicazione di fondamentali sussidi critici, concordanze, strumenti informatici ecc. Un suo progetto
la pubblicazione di tutto quanto esiste del NT su papiro (Das Neue Testament auf Papyrus), di cui
sono usciti due volumi, dedicati alle Epistole cattoliche (1986: vedi qui) e alle lettere ai Romani e 1
2Corinzi (1989: vedi qui e qui).
Figura 88 C.
Tischendorf
Figura 89 B. F. Westcott
191

Unaltra iniziativa stata assunta da un gruppo di studiosi inglesi e americani (American and British
Committees of the International Greek New Testament Project) per preparare edizioni dei libri del NT
con un apparato critico ampio e documentato. uscito per ora il Vangelo di Lc, in due volumi (Oxford
19841987), e si sta ora lavorando al Vangelo di Gv.
2.5.5 Le edizioni manuali recenti
Per pi ampia descrizione delle varie edizioni critiche (testo inglese), vedi qui.
Sigla Titolo Note
NTG
27

(o NA
27
)

Novum Testamentum graece,
edizione NESTLE ALAND,
a cura di K. Aland M. Blackl C.M.
Martini B.M. Metzger A. Wikgren,
Stuttgart, Deutsche Bibelgesellschaft,
1999
27
.
(vedi qui un esempio)
La NestleAland a tuttoggi la pi diffusa
e la pi nota nel mondo. La prima edizione,
curata da Eberhard Nestle, comparve a
Stuttgard nel 1898; si tratta di un testo
eclettico che mette insieme le grandi
edizioni di Tischendorf e di WestcottHort.
Le edizioni di riferimento venivano messe a
confronto e si sceglieva la lezione adottata
da due edizioni su tre. A partire dalla 13
edizione (1927) subentr il figlio, Erwin
Nestle. Dal 1952 fu associato
allimpresa Kurt Aland, e si incominci a
collazionare direttamente manoscritti e
papiri. Nel 1979 compare la 26 edizione, a
cura di una quipe costituita, oltre che da
Kurt Aland, da Matthew Black, Carlo M.
Martini, Bruce M. Metzger, Allen Wikgren.
In essa vengono apportati numerosi
cambiamenti in apparato, perch si tiene
conto del progresso degli studi, e
cambiamenti si hanno anche nelle scelte
delle varianti del testo rispetto alledizione
precedente. Una 27 edizione ha avuto
luogo nel 1993, ma ha riguardato in questo
caso soltanto la sistemazione dellapparato;
ora siamo giunti alledizione 27 rivista
(Novum Testamentum graece, Stuttgart,
1999).
www.zhubert.com/bible Riporta il testo della NestleAland 26, con
analisi morfologica, definizioni, apparato
critico e statistiche di occorrenza dei termini
greci.
Nuovo Testamento GrecoItaliano,
a cura di B. CORSANI C. BUZZETTI,
Societ Biblica Britannica & Foresteria,
Roma 1996
Testo greco della 27 edizione Nestle
Aland, testo italiano della CEI (Conferenza
Episcopale Italiana), note al testo in italiano
della TOB (Traduction Oecumnique de la
Bible).
192


Novum Testamentum graece et
latine,
a cura di E. NESTLE K. ALAND,
Stuttgart, Deutsche Bibelstiftung, 1991
12
.
Contiene il testo greco delledizione XXVII
NestleAland, pi il testo latino della Nova
Vulgata, Editio typica altera del 1986.
GNT
4


The Greek New Testament,
edizione NESTLE ALAND,
a cura di K. Aland M. Black C.M. Martini
B.M. Metzger A. Wikgren,
New York, United Bible Societies, 1993
4
.
Si tratta di una edizione semplificata, curata
dallo stesso gruppo di filologi (K. Aland, M.
Black, B. M. Metzger, A. Wikgren, e poi
anche C.M. Martini, B. Aland), per iniziativa
di cinque societ bibliche di varie nazioni
(United Bible Societies, sigla UBS). uscita
nel 1966, ha avuto una seconda edizione nel
1968, una terza nel 1975, con profonde
modifiche (il testo coincide con quello della
26 edizione NestleAland). stata
ripubblicata una terza edizione corretta nel
1983 e una quarta nel 1993. Il Metzger ha
elaborato un commento filologico alla terza
edizione nel 1971, 1975
2
.
NTGL
11


Novum Testamentum graece et latine
a cura di A. MERK,
Roma, Pontificio Istituto Biblico, 1992
11

Il gesuita Augustin Merk pubblic la sua
edizione, che riporta testo greco e Vulgata
latina a fronte, per la prima volta nel 1933, a
Roma, per i tipi del Pontificio Istituto
Biblico. Lapparato quello di von Soden,
integrato con nuove testimonianze
manoscritte e modificato nel sistema di
sigle, che quello del Gregory. Merk cur
altre quattro edizioni del suo lavoro; dopo la
sua morte, avvenuta nel 1945, altri gesuiti
curarono le edizioni successive.
La 9 edizione del 1964 (curata da C.M.
Martini) riporta in appendice alcune
varianti contenute nei papiri di recente
scoperta. Lultima edizione (l11
a
) del 1992,
sempre a cura del Pontificio Istituto Biblico.

Nuovo Testamento greco e italiano,
a cura di G. BARBAGLIO,
Bologna, Edizioni Dehoniane, 1991
2

Riporta il testo del Merk e la traduzione
italiana della CEI (Conferenza Episcopale
Italiana). In calce alla traduzione il curatore
pone delle note che danno conto delle
varianti dei papiri e delle differenze tra
ledizione Merk e ledizione NestleAland
(la 26).
193


Novum Testamentum graece et
latine, Vulgata Clementina et Neovulgata,
a cura di G. NOLLI,
Citt del Vaticano,
Libreria Editrice Vaticana, 1981
Testo greco (sulla base di C. Tischendorf,
NestleAland XXVI edizione, Merk, The
Greek New Testament) Vulgata (vg.
Clementina) e Neovulgata a colonne
parallele.























I LIBRI DEL NUOVO TESTAMENTO
















































196

3 Elenco dei Libri del Nuovo Testamento
Secondo il canone Secondo i generi Secondo la data*

I. Tradizione sinottica e Atti

1. Vangelo secondo Matteo Vangelo secondo Marco I Tessalonicesi: 5051
2. Vangelo secondo Marco Vangelo secondo Matteo Filemone: 51/52 o 54/55
3. Vangelo secondo Luca Vangelo secondo Luca I ai Corinzi: 52/54
4. Vangelo secondo Giovanni Atti degli Apostoli II ai Corinzi: 55/57
5. Atti degli Apostoli II. Lettere paoline Galati: 55/57
6. Lettera ai Romani Lettera ai Romani Romani: 55/56 o 56/57
7. I Lettera ai Corinzi I Lettera ai Corinzi Filippesi: ~ 60
8. II Lettera ai Corinzi II Lettera ai Corinzi Agli Ebrei: 60/8090
9. Lettera ai Galati Lettera ai Galati Marco: ~ 70
10. Lettera agli Efesini Lettera ai Filippesi Apocalisse: 68/70 o 89/96
11. Lettera ai Filippesi I Lettera ai Tessalonicesi Colossesi: 70/80
12. Lettera ai Colossesi Lettera a Filemone I Pietro: 70/90
13. I Lettera ai Tessalonicesi III. Lettere deuteropaoline Matteo: 80/90
14. II Lettera Tessalonicesi Lettera ai Colossesi Luca e Atti: 80/85
15. I Lettera a Timoteo Lettera agli Efesini Giovanni: 85/90
16. II Lettera a Timoteo II Lettera Tessalonicesi Efesini: 80/100
17. Lettera a Tito IV. Lettere pastorali II Tessalonicesi: 80/100
18. Lettera a Filemone I e II Lettere Timoteo, Lettera a Tito Giuda: 80/100
19. Lettera agli Ebrei V. Lettera agli Ebrei III Timoteo e Tito: ~100
20. Lettera di Giacomo VI. La tradizione giovannea IIII epistole Giovanni: 100/110
21. I Lettera di Pietro Vangelo secondo Giovanni Giacomo: 100/130
22. II Lettera di Pietro I, II, III Lettera di Giovanni II Pietro: 125130
23. I Lettera di Giovanni Apocalisse di Giovanni * Le datazioni non vanno prese in senso
assoluto:
~ poco prima o poco dopo
55/57: anni compresi
5152: a cavallo
24. II Lettera di Giovanni VII. Le lettere cattoliche
25. III Lettera di Giovanni Lettera di Giacomo
26. Lettera di Giuda I e II Lettera di Pietro
27. Apocalisse di Giovanni Lettera di Giuda


Tratto da. R. AGUIRRE MONASTERIO A. RODRIGUEZ CARMONA, Vangeli sinottici e Atti degli Apostoli,
Introduzione alla studio della Bibbia 6, traduzione italiana Paideia, Brescia 1995






197

3.1 : Vangelo Secondo Matteo (128)
1,14,22: INTRODUZIONE (linea
cristologica:
)
12: materiale matteano
( riferimenti allAt e alla tradizione giudaica)
2,2223: sommario
finale:





,

,
.
34: ordine marciano integrato da Q
4,1216: sommario finale:
.
14
.
Schema: Betlemme (2,6) Egitto (2,15) Nazareth (2,23) Galilea (4,1516)
4,239,35: Primo blocco: GES, MESSIA POTENTE IN PAROLE E OPERE
4,23: sommario iniziale: ,

. ( 9,35)
5,17,29: prima parte predicazione programmatica del regno ( parole)
8,19,35: seconda parte opere potenti e liberatrici del regno ( opere)

*5,17,29: DISCORSO DELLA MONTAGNA IL REGNO DEI CIELI E SUE ESIGENZE
4,235,2: INTRODUZIONE ( predicazione, grandi folle)
5,35,16: ESORDIO
5,312: le beatitudini del regno dei cieli
5,1316: la missione dei discepoli
5,177,12: LA GIUSTIZIA DEL REGNO DEI CIELI
5,1748: la legge compiuta dalla giustizia di Ges
6,118: la giustizia compiuta in segreto
6,197,12: limpegno richiesto dalla giustizia del cielo
7,1327: METTERE IN PRATICA LA PAROLA
7,2829: CONCLUSIONE FORMULA DI PASSAGGIO (
) 11,1; 13,53; 19,1; 26,1

8,19,35: OPERE POTENTI E LIBERATRICI DEL REGNO
8,115: primo gruppo di tre miracoli
8,14: guarigione di un lebbroso
8,513: guarigione del servo del centurione
8,1415: guarigione della suocera di Pietro
8,1622: doppia transizione
8,1617: guarigione di molti con citazione di adempimento della Scrittura
8,1822: descrizione della condizione dei seguaci di Ges
8,239,1: secondo gruppo di tre miracoli
198

8,2327: la tempesta placata
8,2834: guarigione di due indemoniati
9,18: guarigione di un paralitico
9,917: doppia transizione
9,9,13: Ges mangia con i pubblicani (chiamata di Matteo)
9,1417: dispute
9,189,31: terzo gruppo tre di miracoli
9,1819.2326: risurrezione di una bambina
9,2022: guarigione dellemorroissa
9,2731: guarigione di due ciechi
9,35: sommario finale: ,

. ( 4,23)
9,3612,50: Secondo blocco: I DISCEPOLI INVIATI DA GES E LE DIVERSE RISPOSTE

*9,3610,42: DISCORSO DELLA MISSIONE LESPANSIONE DEL REGNO DEI CIELI
9,3538: INTRODUZIONE ( predicazione, grandi folle)
10,15A: INVIO E ELENCO DEI DODICI ( stesse caratteristiche di Ges)
10,5B16: ISTRUZIONI PER LA MISSIONE
10,1742: ISTRUZIONI PER LA MISSIONE POSTPASQUALE
11,1: CONCLUSIONE ( )

1112: TRANSIZIONE: reazioni allinsegnamento di Ges ( 49) e dei discepoli (10)
13,117,27: Terzo blocco: GES SI RITIRA E SI CONCENTRA SEMPRE PI SUI DISCEP.

*13,3b52: DISCORSO IN PARABOLE LA NATURA DEL REGNO DEI CIELI ( Mc 4)
13,12: INTRODUZIONE ( ,)
13,39: PARABOLA DEL SEMINATORE ( alle folle)
13,1023: DUE INTERLUDI
13,1017: motivo del ricorso alle parabole
13,1823: spiegazione della parabola del seminatore
13,2433: TRE PARABOLE SULLA CRESCITA
13,2430: la zizzania
13,3132: la senape
13,33: il lievito
13,3443: DUE INTERLUDI
13,3435: motivo del ricorso alle parabole
13,3643: spiegazione della parabole della zizzania
13,4450: TRE PARABOLE
13,44: il tesoro
13,4546: la perla
13,4750: la rete
13,5152: I DISCEPOLI
13,53: CONCLUSIONE ( )

13,5417,27: TRANSIZIONE ( Mc 8,2710,15):
13,5358: Ges nella sinagoga di Nazareth
14,112: morte di Giovanni Battista
14,1321: prima moltiplicazione dei pani
14,2236: Ges cammina sul mare
15,120: la tradizione dei farisei
15,2128: la guarigione della donna cananea
15,2939: altre guarigioni e seconda moltiplicazione dei pani
16,112: domanda di un segno
199

16,1320: la confessione di Pietro a Cesarea di Filippo
16,2123: primo annuncio della passione
16,2428: il prezzo del discepolato
17,113: la trasfigurazione
17,1421: guarigione dellepilettico
17,2223: secondo annuncio della passione
17,2427: Ges paga il tributo (solo Matteo).
18,122,45: Quarto blocco: ROTTURA CON IL GIUDAISMO

*18,334: DISCORSO ECCLESIALE LA COMUNIT ACCOGLIE IL REGNO DEI CIELI
Materiale di diversa provenienza: 18,15 ( Mc 9,3337), 18,69 ( Mc 9,42
50), 18,1014 ( Lc 15,37), 18,1535 ( Lc 17,34). Parolegancio:
(2.3.4.5) che poi lascia il posto a (6.10.14)
19,1: conclusione ( )

19,122,46: TRANSIZIONE
19,112: dibattito con i farisei sul divorzio
19,1315: benedizione dei bambini
19,1630: il giovane ricco
20,116: parabola dei lavoratori
20,1719: terzo annuncio della passione
20,2028: domanda della madre dei figli di Zebedeo
20,2934: i ciechi di Gerico
21,123: ingresso a Gerusalemme, mercanti, fico ( Mc 11)
21,2327: disputa sullautorit
21,2832: parabola dei due figli
21,3346: parabola dei vignaioli assassini
22,114: parabola delle nozze
22,1522: disputa sul tributo a Cesare
22,2333: disputa sulla risurrezione
22,3440: disputa sul comandamento pi grande
22,4146: disputa su Cristo figlio di Davide
23,126,1: Quinto blocco: DISCORSO DI CONGEDO, PASSIONE E RACCONTI PASQUALI

*23,125,46: DISCORSO ESCATOLOGICO PRONTI PER VENUTA DEL REGNO (Mc 13)
23: PROSPETTIVA PASSATA rottura con il giudaismo (scioglimento della tensione dopo
le dispute di 2122)
2425: PROSPETTIVA FUTURA (ecclesiologica) definitiva venuta del regno
26,1: CONCLUSIONE ( ...)

26,228,15: RACCONTO PASSIONE, MORTE, RISURREZIONE, APPARIZIONI ( Mc 1415)
28,1620: CONCLUSIONE
28,1618a: CORNICE NARRATIVA
28,18b20: MESSAGGIO DEL RISORTO
28,1920a: comando della missione

* 5 discorsi 5 libri della Torah, 5 libri dei Salmi, 5 meghillot, 5 capitoli dei Pirq Avoth.
5,17,29: DISCORSO DELLA MONTAGNA il regno dei cieli e sue esigenze
9,3610,42: DISCORSO DELLA MISSIONE lespansione del regno dei cieli
13,3b52: DISCORSO IN PARABOLE la natura del regno dei cieli
18,334: DISCORSO ECCLESIALE la comunit accoglie il regno dei cieli
23,125,46: DISCORSO ESCATOLOGICO pronti per la venuta del regno
Filone cristologico ( parti narrative), filone ecclesiologico ( parti discorsive)

200

TEOLOGIA:
1. Ges il vangelo
Il messia inviato a Israele
Il messia rifiutato (27,25)
Il nuovo popolo di Dio
La polemica antigiudaica
2. Ges Cristo
Messia e figlio di Davide
Figlio di Dio
Signore
Emmanuel (1,2328,20): interpretazione cristologica dellalleanza dellAT
Il figlio delluomo
3. Teologia della storia
Tempo di Ges = tempo della chiesa
La chiesa sostituisce Israele
4. La chiesa
18,17; 16,18
Fondamento cristologico della chiesa
I discepoli
La figura di Pietro: prototipo dei discepoli (14,2833; 16,1719)
Profeti e scribi
5. Le opere e la legge
5,1720: n antinomismo n legalismo
6. Escatologia e vigilanza
3.2 : Vangelo Secondo Marco (116)
1,113: INTRODUZIONE
1,1: tesi: [ ] 8,2730; 15,39
1,213: inizio o trittico introduttivo:
1,4: Giovanni:
.
1,9: Ges:
.
1,11: voce: , ,
.
1,148,30: Primo blocco: VANGELO DI GES MESSIA CHE PROCLAMA IL REGNO DI DIO
1,143,6: Sezione a) azione di Ges e risposta dei farisei
1,1415: sommarioannuncio su Ges (annuncio del Regno in Galilea:
)
1,1620: racconto sui discepoli: prime vocazioni
1,2145: blocco geografico (attivit di Ges in Galilea):
1,2138: una giornata a Cafarnao
1,3945: nel resto della Galilea
2,13,5: cinque discussioni con scribi e farisei: salvezza totale e perdono dei peccati (2,1
12 paralitico), vocazione dei peccatori (2,1314 Levi), presenza dello sposo
(2,1528 banchetto, digiuno, Ges Signore del sabato)
3,6: reazione dei farisei:

3,76,6a: Sezione b) azione di Ges e risposta del popolo
3,712: sommarioannuncio (Ges presentato in mezzo al popolo: 11:
)
3,1319: racconto sui discepoli: elezione dei dodici
3,2035: blocco chiastico: famiglia e scribi, scribi e famiglia (a b b a)
201

4,15,43: blocco geografico (attivit di Ges sulle rive del lago di Galilea)
4,134: Regno in parabole (schema: in pubblico, in privato): incredulit
4,355,43: miracoli sul lago superiorit di Ges su: Satana (4,35
5,20 tempesta, indemoniato di Geresa), dolore, morte (5,21
43 emoroissa e figlia di Giairo)
6,16a: reazione del popolo: gli abitanti si scandalizzano ( )
6,6b8,30: Sezione c) azione di Ges e risposta dei discepoli
6,6b: sommarioannuncio (Ges come predicatore itinerante:
)
6,713: racconto sui discepoli: invio in missione (Ges e i discepoli si separano)
6,1429: blocco su Erode: identit di Ges tramite quella di Giovanni
6,308,26: blocco del pane
6,307,37: primo ciclo solo i dodici: 6,306,56: elementi geografici; 7,1
23: schema pubblicoprivato; 7,2437: riferimenti geografici (Tiro)
8,126: secondo ciclo tutti i discepoli
8,2730: reazione dei discepoli: i discepoli riconoscono Ges ( )

SCHEMA DELLA PRIMA PARTE
sommario + discepoli + sviluppo + reazione
1,1415 + 1,1620 + 1,123,5 + 3,6
3,712 + 3,1319 + 3,205,43 + 6,1 6a
6,6b + 6,713 + 6,148,26 + 8,2730

8,3116,8: Secondo blocco: VANG. DI GES FIGLIO DI DIO CHE MUORE E RISORGE
8,3110,52: Sezione a) dalla Galilea alla Giudea: annuncio della morte
8,3133: primo annuncio della passione
8,349,29: blocco di insegnamenti etici: atteggiamenti per riconoscere la messianicit
9,3032: secondo annuncio della passione
9,3350: blocco di insegnamenti etici (parolegancio): farsi piccoli
10,1: sommarioannuncio ( []
)
10,231: blocco di tre racconti (popolo e discepoli): matrimonio, piccoli, ricchezze
10,3234: terzo annuncio della passione
10,3545: pericope legata al contesto con lespressione:
10,4652: pericope legata al contesto con un riferimento topografico ( )
11,113,37: Sezione b) Gerusalemme: prima della passione (tre giorni)
1,111: primo giorno: Betania, Gerusalemme, il tempio, Betania (alla sera)
11,1219: secondo giorno: Betania, Gerusalemme, il tempio, uscita dalla citt (sera)
11,2013,37: terzo giorno: mattina, Gerusalemme, il tempio, Monte degli Ulivi
11,2025: potere della fede e della preghiera
11,2712,27: tre dispute (nel tempio)
11,2712,12: con il sinedrio
12,1316: con i fariseiErodiani
12,1827: con i sadducei
12,2844: tre insegnamenti
12,2834: il comandamento dellamore
12,3540: Ges interroga i farisei
12,4144: lobolo della vedova
13,12: annuncio della distruzione del tempio
13,337: discorso escatologico sul Monte degli Ulivi
14,116,8: Sezione c) Gerusalemme: passione, morte, risurrezione
14,142: preparazione
14,12: cospirazione (
)
202

14,39: unzione di Betania (anticipazione della morte)
14,1011: tradimento di Giuda
14,1214,31: ultima cena
14,3242: Getsemani
14,4315,47: passione e morte
14,4352: arresto e detenzione
14,5315,1: processo giudaico
14,5354: introduzione
14,5564: seduta notturna del sinedrio
14,65: beffe
14,6672: rinnegamenti di Pietro
15,1: seduta diurna
15,215: processo romano
15,25: interrogatorio di Pilato
15,615: Ges e Barabba
15,1641: supplizio e morte
15,4247: sepoltura
16,18: proclamazione della resurrezione e invito ad andare in Galilea
[16,919]: interpolazione

TEOLOGIA:
1. Ges il vangelo
Evangelizzazione nel DeuteroIsaia
Ges levangelizzatore
Il vangelo secondo Marco
2. Messia venuto a proclamare il Regno di Dio
Presentazione iniziale: 1,911
Natura del Regno: presente e futuro: (a) AT: promessa: (b) Ges: perdono presente; (c)
futuro: parousia
Gli agenti del Regno: Dio e Ges
Etica del Regno: lasciarsi dominare e trasformare da Dio
I segni del Regno: esorcismi, guarigioni, miracoli sulla natura; carattere (a) cristologico; (b)
escatologico
3. Il Figlio di Dio (1,1 15,39)
Dio: teologia giudaica
Ges Figlio di Dio
Ges, Dio nascosto: Ges manifesta la sua natura divina con unesistenza autenticamente
umana con un fallimento rivelatore
4. Discepolato. Ecclesiologia
Discepoli e dodici: (a) gruppo cristologico al servizio del Regno; (b) conoscenza di Ges
come scopo
Dodici: (a) prototipo negativo e positivo di tutti i discepoli; (b) speciale incarico missionario
I tre (Pietro, Giacomo, Giovanni): prototipo dei dodici
La Chiesa realt: (a) escatologica (segno del Regno e della sua salvezza); (b) cristologica ( Cristo
che la vuole); (c) missionaria (testimonianza con parole e opere)
203

3.3 : Vangelo Secondo Luca (124) : Atti degli
Apostoli (128)








3.3.1 Vangelo
1,14: PROLOGO LETTERARIO (giustificazione
dellopera: confermare la
fede:


,

, 3
, ,
)
1,52,52: PROLOGO TEOLOGICO (racconti sullinfanzia di Ges)
inizio e fine a Gerusalemme; sommario finale: ,
. .
[ ] . (2,51
52)
3,14,13: DITTICO INTRODUTTIVO (fatti prima dellinizio in Galilea At. 10,37b38a)
3,120: attivit di Giovanni; sommario finale:
(3,18)
3,214,13: consacrazione di Ges, profeta solitario messo alla prova; somm. finale:
(4,13)
4,149,50: Primo blocco: ATTIVIT DI GES IN GALILEA (carattere kerigmatico)
1) 4,145,16: PRESENTAZIONE GLOBALE: GES COME PROFETA
4,1415: sommario introduttivo:
( 9,51)
4,165,14: varie sinagoghe: Nazaret (4,16), Capernaum (4,3133), Giudea
(4,44); guarigioni, chiamata dei dodici
5,1516: sommario finale: ,

.
2) 5,176,11: MATERIALE POLEMICO: TEMA DEL RIFIUTO
5,17: sommario introduttivo:
,
.
5,1826: guarigione del paralitico
5,2732: chiamata di Levi
5,336,5: digiuno e sabato
204

6,610: guarigione di sabato
6,11: sommario finale: ,
.
3) 6,1249: DISCORSO DELLA PIANURA: IL PROFETA
6,1219: scelta e istruzione dei dodici
6,2049: discorso della pianura
4) 7,150: OPERE DEL PROFETA SALVATORE
7,1: sommario introduttivo:
.
7,210: guarigione del servo del centurione
7,1117: guarigione del figlio della vedova di Naum
7,1835: elogio del Battista
7,3650: Simone il fariseo
5) 8,121: PARABOLE, SEZIONE DIDATTICA: INSEGNAMENTI DEL PROFETA
8,13: sommario introduttivo:

8,415: parabola del seminatore
8,1618: parabola della lampada
6) 8,2256: QUATTRO MIRACOLI: OPERE DEL PROFETA
8,22: sommario introduttivo:

8,2225: la tempesta sedata
8,2639: indemoniato di Gerasa
8,4056: emoroissa e figlia di Iario
7) 9,150: ATTIVIT FINALE IN GALILEA: COMPLETAMENTO DELLA PRESENTAZIONE
9,117: missione e moltiplicazione dei pani
9,1843a: professione di fede di Pietro e trasfigurazione
9,43b50: secondo annuncio di morte e fatti successivi
9,5119,28: Secondo blocco: VIAGGIO DI GES A GERUSALEMME (carattereparenetico)
9,51: sommario introduttivo:

( 19,28)
1) 9,5256: GES IN SAMARIA
2) 9,5710,37: PRIMA TAPPA
9,5710,24: cammino dei discepoli e missionari
10,2537: cammino della misericordia (buon samaritano)
3) 10,3813,21: SECONDA TAPPA
10,3811,13: la preghiera (Marta e Maria)
11,1454: lopposizione (invettiva contro i farisei)
12,112: la testimonianza
12,1334: la condivisione (il ricco stolto)
12,3548: la vigilanza (i due servi)
12,4953: la risolutezza
12,5413,9: la conversione (il fico)
13,1021: la salvezza (la donna paralitica, il granello di senape)
4) 13,2214,24: TERZA TAPPA
13,2235: la strada stretta
14,124: la strada dellumilt (lidropico, il gran banchetto)
5) 14,2517,10: QUARTA TAPPA
14,2535: la strada della rinuncia ai beni
15,132: la strada del perdono (la pecora smarrita, dracma, figliol prodigo)
16,131: la strada della condivisione dei beni (fattore infedele, ricco epulone)
17,110: la strada dellumilt
6) 17,1118,30: QUINTA TAPPA
205

17,119: la strada del rendimento di grazie (dieci lebbrosi)
17,2037: la strada della vigilanza (primo discorso escatologico)
18,114: la strada della preghiera (vedova e giudice, fariseo e pubblicano)
18,1517: la strada dellumilt (i bambini)
18,1830: la strada della condivisione (il giovane ricco)
7) 18,3119,27: SESTA TAPPA
18,3134: esaltazione attraverso la morte (terzo annuncio della passione)
18,3543: Ges illumina chi lo segue (cieco di Gerico)
19,110: Ges perdona chi lo segue (Zaccheo)
19,1127: vegliare fino al ritorno di Ges (dieci mine)
19,28: sommario finale:
( 9,51)
19,2924,53: Terzo blocco: ATTIVIT DI GES A GERUSALEMME
19,2921,38: ARRIVO E ATTIVIT NEL TEMPIO
19,2848: ingresso a Gerusalemme e nel tempio
20,1:
20,221,4: discussione con i sinedriti, con il popolo e con i discepoli
21,537: secondo discorso escatologico
21,38:
22,138: IL GIORNO DEGLI AZZIMI: LEUCARISTIA
22,3923,56: PASSIONE E MORTE DI GES
24,153: APPARIZIONI E ASCENSIONE DI GES
3.3.2 Atti
1,112,25: Primo blocco: CHIESA DI GERUSALEMME, I DODICI, PIETRO, PALESTINA
1) 1,126: NUOVO PROLOGO collegamento tra Ges e la chiesa
2) 2,18,3: TESTIMONIANZA NELLA CHIESA DI GERUSALEMME (PIETRO E I DODICI)
2,147: Pentecoste
3,15,42: sezione del Nome
6,18,3: gli ellenisti, attivit di Stefano
3) 8,412,25: TESTIMONIANZA FUORI CHIESA DI GERUSALEMME (FILIPPO SAULO PIETRO)
8,440: testimonianza dellellenista Filippo (collegata con 6,18,3)
9,130: conversione e prima attivit di Saulo
9,3211,18: attivit di Pietro nella pianura del Saron e sulla costa
11,1930: origine e attivit della chiesa di Antiochia
12,125: persecuzione di Giacomo e Pietro nella Chiesa di Gerusalemme
13,128,31: Secondo blocco: CAMMINO DI PAOLO FUORI DALLA PALESTINA
1) 13,115,35: PRIMO VIAGGIO DI PAOLO E BARNABA E PROBLEMI
13,114,28: il viaggio (Cipro, Antiochia di Pisidia, Listra, Iconio, Derbe)
15,135: lassemblea di Gerusalemme
2) 15,3619,22: LA GRANDE MISSIONE ( Paolo libero)
15,3618,22: da Antiochia ad Antiochia: secondo viaggio (Macedonia e Acaia)
18,2319,22: da Antiochia a Efeso: terzo viaggio (Efeso: ruolo centrale)
3) 19,2328,31: VIAGGIO A GERUSALEMME E A ROMA ( Paolo in catene)
19,2321,26: da Efeso a Gerusalemme attraverso la Macedonia e lAcaia
21,2723,11: prigionia a Gerusalemme e testimonianza di fronte ai giudei
23,1226,32: prigionia a Cesarea e testimonianza di fronte a re e governatori
27,128,29: viaggio a Roma e testimonianza in questa citt
28,3031: sommario finale: ,
,

.
TEOLOGIA:
1. Il cammino profetico
206

il cammino: in rapporto ai grandi personaggi e alle loro opere
Tappe del cammino: (a) tempo di preparazione: AT; (b) tempo di realizzazione: Ges Cristo
2. Caratteristiche del cammino
Animato dallo Spirito, che: (a) consacra i profeti; (b) abilita al cammino
Apostolico: solo i dodici sono apostoli
Diretto e inarrestabile: Galilea Gerusalemme Antiochia Roma
Attuale
3. Cammino salvifico
Salvezza: (a) salvare da un male; (b) donare un bene
Salvezza radicale e universale: (a) liberazione dal peccato; (b) dono della libert
Agenti della salvezza: (a) Dio; (b) Ges Cristo
Destinatari della salvezza: (a) universalismo; (b) destinatari privilegiati: (ba): poveri; (baa):
poveri miserabili; (bab): cristiani perseguitati; (bac): povert come austerit; (bb):
peccatori; (bc): Samaritani e donne
La gioia
Maria come modello nel cammino profetico di salvezza.
3.4 : Vangelo Secondo Giovanni (121) :
Apocalisse di Giovanni (122)
3.4.1 Vangelo
1,151: INTRODUZIONE
1,118: prologo
1,1928: racconto su Giovanni B.
(
)
1,2939: incontro tra Ges e
Giovanni B. ( )
1,4050: vocazione dei discepoli
51: conclusione
programmatica:


(non quadro realistico ma simbolico)
2,14,42: INIZIO DEL MINISTERO PUBBLICO
2,112: miracolo di Cana ( )
2,1322: Gerusalemme : purificazione del tempio ( epifania)
2,233,21: incontro con Nicodemo [ 7,5052 e 19,39]: ( rinascita)
3,2236: testimonianza di Giovanni B. in favore di Ges
4,142: Samaria: dialogo con la samaritana (vs Nicodemo)
4,4310,42: CONFRONTO E CONTROVERSIA
4,4654: Cana: un miracolo di guarigione
5,19: Gerusalemme: un miracolo di guarigione
5,1047: contrasto con i giudei (accusa: )
6,115: Galilea ( ): moltiplicazione dei pani ( Mc 6,3244)
6,1621: Ges cammina sulle acque ( Mc 6,4552) (6,2225: scena di massa)
6,2659: discorso sul pane di vita ( )
6,6071: conversazione con i discepoli e professione di Pietro
7,153: Gerusalemme ( ): dispute con le autorit
8,111: ( ): ladultera
8,1259: ( |): dispute con le autorit ( )
9,141: guarigione del cieco nato
10,121: discorsi ( )
207

10,2242: ( ): contrasto giudei ( [] )
10,4042: conclusione ( 1,28: )
11,112,50: CULMINE E TERMINE DEL MINISTERO PUBBLICO
11,144: resurrezione di Lazzaro
11,4445: diversit di reazioni
11,4757: congiura ( )
12,111: unzione in casa di Maria
12,1219: ingresso trionfale a Gerusalemme ( )
12,2036: folla, preannuncio della morte
12,3743: conclusione del ministero pubblico e rifiuto
12,4450: significato della sua missione (con 3,1621 un sommario teologico)
13,117,26: DISCORSI DI CONGEDO
13,138: ultima cena
13,117: lavanda dei piedi
13,1835: preannuncio del tradimento
13,3640: preannuncio del rinnegamento di Pietro
14,116,33: discorsi
17,126: preghiera sacerdotale
18,121,25: PASSIONE E RISURREZIONE
3.4.2 Apocalisse
A. 1,13.48: PROLOGO E SALUTO EPISTOLARE
B. 1,94,11: PRIMO SETTENARIO: LE SETTE LETTERE
1,920: Visione preparatoria
2,13,22: Le sette lettere
2,17: Lettera a Efeso
2,811: Lettera a Smirne
2,1217: Lettera a Pergamo
2,1829: Lettera a Tiatira
3,16: Lettera a Sardi
3,713: Lettera a Filadelfia
3,1422: Lettera a Laodicea
4,111: Liturgia finale in cielo
C. 5,18,1: SECONDO SETTENARIO: I SETTE SIGILLI
5,114: Visione preparatoria
6,17,8: I sette sigilli
6,18: I primi quattro sigilli: quattro cavalieri e piaghe
6,911: Quinto sigillo: i martiri chiedono vendetta
6,1217: Sesto sigillo: segni apocalittici dellira di Dio
7,18: Intermezzo: gli eletti sigillati
7,917: Liturgia finale in cielo
8,1: Apertura del settimo sigillo
D. 8,214,5: TERZO SETTENARIO: LE SETTE TROMBE
8,25: Visione preparatoria
8,613,18: Le sette trombe
8,6: Introduzione
8,712: Le prime quattro trombe: sulla natura
8,13: Annuncio dei tre guai
9,111: La quinta tromba: sugli increduli
9,12: Il primo guai passato
9,1321: La sesta tromba: sul fiume Eufrate
10,111,13: Primo grande intermezzo
10,111: Vocazione profetica di Giovanni
11,113: Missione profetica dei cristiani
208

11,14: Il secondo guai passato
11,15a: Annuncio della settima tromba
11,15b18: Cantico in cielo: arca dellalleanza
12,113,18: Secondo grande intermezzo
12,118: Lotta tra il popolo di Dio e il drago
13,118: Alleati del drago: le due bestie
14,15: Liturgia finale in cielo
C. 14,619,20: QUARTO SETTENARIO: LE SETTE COPPE
14,620: Visione preparatoria
15,118,24: Le sette coppe
16,19: Le prime quattro coppe: sulla natura
16,1011: Quinta coppa: sul trono della bestia
16,1216: Sesta coppa: sul fiume Eufrate
16,1721: Settima coppa: caduta della grande Babilonia
17,18: Intermezzo: identificazione di Babilonia/Roma
18,124: Canto per la caduta di Babilonia
19,18: Liturgia finale in cielo
B. 19,922,5: QUINTO SETTENARIO: LE SETTE VISIONI
19,910: Introduzione
19,1122,5: Le sette visioni
19,116: Apparizione del Messia, giudice e vittorioso
19,1718: Annuncio della vittoria
19,1921: Primo combattimento escatologico: sconfitta degli alleati
20,13: Disfatta e incatenamento di Satana
20,410: Regno di mille anni e secondo combattimento escatologico
20,115: Giudizio finale
21,122,5: Il mondo nuovo / la nuova Gerusalemme
21,18: Il cielo e la terra nuovi / la nuova Gerusalemme
21,927: La sposa dellagnello / la Gerusalemme celeste
22,15: Il Paradiso
A. 22,620.21: EPILOGO E SALUTO EPISTOLARE
3.5 : Ai Romani (116)
1,115: PRESCRITTO ED ESORDIO
1,16 11,36: PARTE DOTTRINALE
1,16 5,21: La giustificazione
mediante la fede
1,1617: enunciazione del
tema
1,18 3,20: la
rivelazione dellira di Dio
1,1832: sul
mondo pagano
2,129: sul
mondo giudaico
3,1
8: Intermezzo: problemi in sospeso
3,9
20: colpevolezza universale
3,21 4,25: sviluppo positivo del tema
3,2131: enunciazione
4,125: prova scritturistica: lesempio di Abramo
5,121: gli effetti della giustificazione
5,111: la pace con Dio
209

5,1221: la liberazione dal peccato
6,1 8,39: Peccato e salvezza: la nuova realt del credente
6,114: morte con Cristo e liberazione dal peccato
6,157,6: liberazione dalla legge
7,725: peccato e legge prima di Cristo
8,139: la vita nello Spirito
9,1 11,13: Veracit di Dio: la sorte di Israele
9,133: i veri discendenti di Abramo
10,122: lostacolo di una giustizia fondata sulle opere
11,136: la conversione finale di Israele
12,1 15,13: PARTE PARENETICA
12,121: Il culto spirituale
13,114: I doveri dei cristiani
13,17: sottomissione allautorit politica
13,810: lamore fraterno
13,1114: comportarsi come figli della luce
14,1 15,13: Laccoglienza vicendevole
14,123: i forti e i deboli
15,113: Giudeocristiani ed etnicocristiani
15,14 16,27: EPILOGO E POSTSCRITTO


Data e localit: primavera del 55, a Corinto, prima di partire per Gerusalemme (At 20,12)
MESSAGGIO:
La giustificazione mediante la fede
Luomo sotto la legge
La vita nello Spirito

Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS, Corso di studi biblici 6), LDC, Leumann
1996
3.6 : Prima ai Corinzi (116)
1,19: PRESCRITTO E RINGRAZIAMENTO
1,10 6,20: ALCUNI COMPORTAMENTI NEGATIVI
1,10 4,21: La divisione in partiti
1,1017: introduzione:
la situazione
1,18 3,4: la vera
sapienza
3,5 4,21: i predicatori
cristiani
5,1 6,20: Tre gravi abusi
5,113: lincestuoso
6,112: le liti tra
cristiani
6,1320: la
fornicazione
7,1 14,40: DIRETTIVE E CONSIGLI
7,140: Matrimonio e verginit
7,116: gli sposi cristiani
7,1724: ciascuno rimanga nella sua condizione
7,2540: le vergini, i celibi, le vedove
8,1 11,1: Le carni sacrificate agli idoli
210

8,113: libert dei cristiani e attenzione per i pi deboli
9,127: lesempio di Paolo
10,113: gli israeliti e la tentazione dellidolatria
10,14 11,1: direttive pratiche
11,2 14,40: Le assemblee comunitarie
11,216: il velo delle donne
11,1734: la cena del Signore
12,1 14,40: i carismi
12,131: la loro funzione nella Chiesa, corpo di Cristo
13,113: inno allamore
14,140: direttive pratiche
15,158: LA SPERANZA CRISTIANA
15,134: La resurrezione finale
15,3553: Caratteristiche del corpo risuscitato
15,5458: Inno trionfale
16,124: EPILOGO E POSTSCRITTO
16,14: La colletta
16,512: Progetti di viaggi
16,1324: Raccomandazioni e saluti

Metodo teologico, con schema triangolare:
analisi della situazione confronto con i dati della fede soluzioni pratiche
MESSAGGIO: una salvezza in chiave comunitaria
Il Dio, Padre di Ges Cristo (8,6); Cristo Sapienza di Dio (1,24)
La comunit dei santi
Una morale di servizio; prospettiva escatologica

Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS 6), LDC, Leumann 1996
3.7 B: Seconda ai Corinzi (113)
1,111: PRESCRITTO E RINGRAZIAMENTO
1,12 7,16: UNA CRISI ORMAI SUPERATA
1,12 2,13: I fatti passati: la visita intermedia, unoffesa ricevuta, la lettera amara
2,14 7,4: Lautodifesa di Paolo
2,1417: introduzione
3,1 4,6: il ministero della nuova alleanza
4,7 5,10: in vista della gloria futura
5,11 6,2: il ministero della riconciliazione
6,3 7,4: il comportamento di Paolo
7,516: Conclusione circa i fatti passati: lincontro con Tito
8,1 9,15: LE COLLETTE PER I POVERI DI GERUSALEMME
8,124: La comunione nel servizio dei santi
9,115. Per una eucaristia di tutte le chiese
10,1 13,10: SECONDA DIFESA DI PAOLO
10,111: Laccusa di debolezza
10,1218: Laccusa di ambizione
11,1 12,18: Il vanto di Paolo
12,19 13,10: In previsione di una prossima visita
13,1113: EPILOGO E POSTSCRITTO

Lettera A ( 1Cor 5,9: ): forse si tratta di 2Cor 6,14 7,1
Lettera B: 1Cor
Lettera C ( 2Cor 2,4: ): forse si tratta di 2Cor 1013
Lettera D: 2Cor
211


ALLA BASE DI 2COR CI POTREBBERO ESSERE CINQUE LETTERE AUTONOME:
(a) lettera di riconciliazione: 1,12,13 + 7,516
(b) lettera I apologetica: 2,146,13 + [6,147,1] + 7,24
(c) lettera credenziale per la colletta della chiesa di Corinto: 8
(d) lettera credenziale per la colletta nelle chiese dellAcaia: 9
(e) lettera II apologetica: 1013 (si tratta della Lettera C)
Dopo aver saputo della nuova situazione a Corinto, Paolo scrive (b); recatosi in citt, riceve una grave
offesa ( 2,510) e scrive (e); dopo aver ricevuto buone notizie da Tito, scrive (a); infine consegna a
Tito le due lettere credenziali (c), (d).

MESSAGGIO: il vero apostolo di Cristo
Il Cristo riconciliatore
Il ministero della nuova alleanza
Il destino finale dei credenti

Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS, Corso di studi biblici 6), LDC, Leumann
1996
3.8 : ai Galati (16)
1,110: INTRODUZIONE
1,15: prescritto
1,610: esordio e tema: il messaggio di Paolo
lunico evangelo a cui i Gal. devono rimanere
fedeli
1,11 2,21: PROVA AUTOBIOGRAFICA
1,1124: il suo vangelo proviene da
una rivelazione (
)
2,110: esso stato riconosciuto dai
notabili di Gerusalemme
2,1121: egli lo ha difeso anche di
fronte a Pietro (
)
3,1 4,31: ARGOMENTAZIONE DOTTRINALE
3,15: Lesperienza cristiana dei Galati
3,629: Prova scritturistica: lesempio di Abramo
3,614: la benedizione a lui promessa si riceve solo per fede
3,1518: la legge non ha potuto annullare la promessa
3,1929: la legge il pedagogo che ha lasciato il posto a Cristo
4,131: Libert e adozione filiale
4,17: lopera di Cristo e dello Spirito
4,820: lesperienza fatta dai Galati al momento della conversione
4,2131: nuovo argomento scritturistico: le due alleanze
5,1 6,10: PARENESI
5,112: Invito alla saldezza nella fede che opera per mezzo della carit
5,13 6,10: Libert e vita nello Spirito
5,1315: lamore pienezza della legge
5,1624: vivere secondo lo Spirito
5,256,10: unione fraterna e attesa escatologica
6,1118: POSTSCRITTO


212

Data e localit:
Galazia meridionale: 49 o 52; Galazia settentrionale (pi probabile): scritta durante il secondo
viaggio nella Galazia, sett.: 54
Oppositori: esponenti di un gruppo missionario cristiano di orientamento giudaico, i quali ritenevano
che il vangelo di Cristo non eliminasse la necessit della circoncisione e dellosservanza della legge.
Anche se con modalit diverse, essi sostenevano idee analoghe a quelle dei nuovi predicatori di Corinto
e di Filippi.

MESSAGGIO: lunico vangelo di Cristo
Cristo autore della nostra libert
Giustificazione mediante la fede
Lopera dello Spirito nel cuore dei credenti

Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS, Corso di studi biblici 6), LDC, Leumann
1999
3.9 : Agli Efesini (16)
1,12: PRESCRITTO
1,3 3,21: IL MISTERO DELLA SALVEZZA
1,314: Inno di lode a Dio per i
benefici concessi ai credenti
1,46a: elezioni
1,6b7: redenzione
1,810a: conoscenza del
mistero
1,10b12: chiamata dei
giudei alla fede
1,1314: la chiamata dei
pagani
1,52,22: Ringraziamento e
riflessione
1,1523: la supremazia
universale di Cristo
2,110: anche i gentili sono
risuscitati in Cristo
2,1122: Cristo ha abbattuto il muro che separava giudei e gentili
3,121: Solenne preghiera di Paolo
3,1: introduzione
3,213: parenesi esplicativa: conoscenza del mistero di Cristo
3,1421: preghiera per ottenere la piena conoscenza di Cristo
4,1 6,20: PARENESI
4,116: Appello allunit dei carismi
4,175,20: La nuova vita in Cristo
5,216,9: Consigli circa la vita domestica
6,1020: Il combattimento spirituale
6,2124: POSTSCRITTO
Il testo manca nei manoscritti B e ; il P
46
invece lo riporta.
Particolarit stilistiche:
si presenta come autore (1,1;3,1); 22 vocaboli presenti sono in Paolo
50 vocaboli non attestati nelle altre epistole; vocaboli presenti nelle lettere autentiche, ma qui usato
in senso diverso (ekklesia; pleroma: anocrato pi strettamente alla Chiesa; mysterion: non pi
lannunzio di Cristo fra le genti, ma lunione di giudei e gentili nella chiesa); mancano altri vocaboli
213

tipicamente paolini: credere, legge, vantarsi, comunione, peccato; mancano temi quali: giustizia,
giustificazione, legge;
stile solenne e ridondante (cfr. inni di Qumran); assonanza, allitterazione, semitismi;
chiesa non pi come comunit locale, ma insieme di tutti i credenti; Cristo risorto pi che morto in
croce; escatologia gi realizzata nella vita dei credenti;
su 115 vv., 73 trovano corrispondenza con Col.; tutte le sezioni di Ef. trovano una corrispondenza
con Col.;
trattato teologico rivestito da lettera.

Destinatari:
In 1,1 lespressione non attestata dai manoscritti anteriori al IV secolo Alcuni pensano
trattarsi della lettera a Laodicea (Col 4,78); altri una circolare inviata a varie chiese dellAsia
proconsolare:

Attribuzione:
Posizione tradizionale: diversit con le altre lettere spiegata con levoluzione del pensiero di Paolo, il
quale si sarebbe servito di un segretario; oppure scritta da un discepolo dieci o ventanni dopo la morte
di Paolo.
Nuovi orientamenti: composta in una citt dellAsia proconsolare, forse la stessa Efeso, verso la fine
del I secolo

Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS, Corso di studi biblici 6), LDC, Leumann 1996
3.10 : Ai Filippesi (14)
1,111: PRESCRITTO E RINGRAZIAMENTO
1,12 2,18: CONFIDENZE ED ESORTAZIONI
1,1226: Paolo in catene, testimone di
Cristo
1,22,18: I Filippesi testimoni di
Cristo nella vita quotidiana
2,1930: INTERMEZZO
2,1924: missione di Timoteo
2,2530: rinvio di Epafrodito
3,1 4,9: NUOVE CONFIDENZE ED ESORTAZIONI
3,116: Paolo proteso verso la
conoscenza di Cristo
3,174,9: I Filippesi chiamati
allimitazione di Paolo
4,1020: RINGRAZIAMENTO PER GLI AIUTI
RICEVUTI
4,2123: POSTSCRITTO

Localit e data:
Roma: si parla di pretorio (1,3: ) e (4,22). Ma il pretorio
esisteva anche nelle province; gli scambi di notizie, di mezzi e di persone sono incompatibili con
una distanza di 1.100 km; inoltre Paolo dice che vorrebbe vedere la comunit (1,26), ma quando era
a Roma laveva gi vista due volte (At 20,16; 2Cor 7,5).
Cesarea: valgono le stesse obiezioni viste per Roma.
Efeso: ipotesi pi probabile. La lettera vicina a quelle di Corinto: 5254
Struttura:
Chi ritiene che la lettera non sia unitaria, la divide in tre lettere indipendenti:
1. 4,1020: ringraziamenti per gli aiuti: inviata da Efeso, a prigionia inoltrata
214

2. 1,13,1a;4,27.2123: lettera dal carcere: inviata verso la fine della prigionia a mezzo
Epafrodito
3. 3,1b4,1.89: scritto polemico: inviata da Tessalonica o da Corinto dopo la seconda visita
Secondo altri le lettere sarebbero due e non tre.

MESSAGGIO: la gloria attraverso la croce
Lumiliazione e lesaltazione del Figlio
La vita in Cristo
Una chiesa missionaria
La sfida della speranza

Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS, Corso di studi biblici 6), LDC, Leumann
1996
3.11 : Ai Colossesi (14)
1,12: PRESCRITTO
1,323: EXORDIUM
1,38: Ringraziamento di Paolo
1,914: Intercessione
1,1520: Espansione cristologica
1,2123: Partitio, o annunzio dei temi
da trattare
1,2123: opera di Cristo per la
santit dei credenti
1,23a: fedelt allevangelo
ricevuto
1,23b: e annunziato da Paolo
1,24 4,1: PROBATIO (sviluppo in ordine
inverso dei temi annunziati nella partitio)
1,24 2,5: Il combattimento di Paolo
per lannunzio dellevangelo
2,623: Fedelt allannunzio
dellevangelo
2,67: esortazioni iniziali generali
2,8: avvertimento relativo alle pratiche di culto
2,915: motivi cristologici: Cristo e i credenti con lui
2,1619: ripresa degli avvertimenti: resistere alle dottrine erronee
2,2023: esortazioni conclusive
3,1 4,1: La santit dei credenti
3,14: esortazioni generali e principi introduttivi
3,59b: mortificare luomo terreno
3,9b11: motivazioni: spogliati delluomo vecchio e rivestiti del nuovo
3,1217: vivere la novit in Cristo
3,18 4,1: esortazioni riguardanti la vita familiare e domestica
4,26: ESORTAZIONE FINALE con funzione di perorazione
4,718: POSTSCRITTO

Particolarit stilistiche:
frasi lunghe con ripetizioni; uso di sinonimi (1,9: ), di genitivi dipendenti (1,5:
); sovrapposizione di vocaboli con la stessa radice (1,11:
); verbi seguiti da molti complementi;
forme letterarie nuove: inno (1,520), professione di fede (2,1415), lista di vizi (3,5.8) e di virt,
codice familiare (3,184,1);
215

34 vocaboli che non compaiono altrove nel NT; 10 che non compaiono in Paolo; mancano altri
vocaboli tipicamente paolini: credere, legge, vantarsi, comunione, peccato; mancano temi quali:
giustizia, giustificazione, legge.
Attribuzione:
Posizione tradizionale: scritta da Paolo in prigionia o a Efeso (5254) o a Cesarea (5658) o a Roma
(5961). Per altri: scritta da un segretario ( Timoteo) sotto il controllo di Paolo.
Nuovi orientamenti: scritta da un esponente della scuola paolina per opporsi alle tendenze ereticali che
si stavano diffondendo nelle chiese dellAsia verso la fine del I secolo. Scritta forse ad Efeso 8090.

Tratto da J.N. ALETTI, Lettera ai Colossesi, [Scritti delle origini cristiane 12], EDB, Bologna 1994
3.12 : Prima ai Tessalonicesi (15)
1,1: PRESCRITTO
1,2 3,13: RINGRAZIAMENTO E RICORDI
1,23: ringraziamento per la fede,
carit e speranza dei Tessalonicesi
1,410: ampliamento del
ringraziamento: la risposta dei Tess. alla
predicazione di Paolo
2,112: ripresa del ringraziamento:
la predicazione di Paolo a Tessalonica
2,1316: conferma motivi del
ringraziamento: la risposta dei T. allannuncio
del vangelo
2,173,5: il tempo della lontananza:
non potendo recarsi a T., Paolo ha inviato
Timoteo
3,613: ripresa del ringraziamento: Timoteo ritornato portando buone notizie
4,1 5,22: ESORTAZIONI E DIRETTIVE
4,12: introduzione
4,38: la ricerca della santit
4,912: lamore fraterno
4,1318: il destino di coloro che sono morti
5,111: i tempi e i momenti della fine
5,1213: i responsabili della comunit
5,1422: esortazioni conclusive
5,2328: POSTSCRITTO

Data: opinione comune: secondo viaggio missionario: 51; secondo altri: terzo viaggio, durante la visita
intermedia a Corinto: 5455 (cronologia Barbaglio)
Secondo R. PESCH, La scoperta della pi antica lettera di Paolo, Paideia, Brescia 1987 sono confluite
due lettere inviate in tempi diversi:
Lettera inviata da Atene per mezzo di Timoteo e
Lettera inviata da Corinto dopo il ritorno di Timoteo

Indirizzo: perso (ma simili a 1,1)
1,1: Prescritto
1,210: sguardo retrospettivo
2,112: sguardo retrospettivo
2,1316: ringraziamento
2,173,5: invio di Timoteo
3,610: ritorno di Timoteo e gioia da lui recata
3,1113: epilogo
216

4,18: raccomandazioni generali
4,9 5,11: risposta ai quesiti dei Tessalonicesi
5,1222: raccomandazioni
5,2328: postscritto
Benedizione: persa (ma simile a 5,28)
MESSAGGIO:
Kerigma primitivo: fortemente trinitario
La sorte dei defunti
La vita cristiana

Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS, Corso di studi biblici 6), LDC, Leumann 1996
3.13 B: Seconda
ai Tessalonicesi (13)
1,12: PRESCRITTO
1,313: RINGRAZIAMENTO E INTERCESSIONE
1,35: fede e amore vicendevole dei
Tessalonicesi
1,610: punizione dei persecutori
1,1112: preghiera per la comunit di
Tessalonica
2,112: LA VENUTA DEL SIGNORE
2,12: il giorno del Signore non
imminente
2,35: la fine sar preceduta dalla
manifestazione delluomo empio
2,67: questa per ancora impedita
da un misterioso ostacolo
2,812: distruzione delluomo empio con tutto i suoi adepti
2,13 3,17: ESORTAZIONE
2,1317: nuovo ringraziamento a Dio ed esortazione a mantenere le tradizioni
3,15: richiesta di preghiere
3,615: ammonizione a coloro che si comportano in modo indisciplinato
3,618: POSTSCRITTO

Somiglianze: struttura (prescritto ringraziamento parenesi escatologica esortazioni parenesi
etica postscritto).
Differenze: forme stilistiche di diversa mano; tono affettuoso vs tono distaccato; riferimenti
personali vs no riferimenti personali; escatologia: immagini prese dallAT, la parusia non imminente
(1Ts 4,15.17 vs 2Ts 2,12).
Posizione tradizionale: scritta poco dopo la 1Ts; 1Ts indirizzata a ad un gruppo di estrazione
pagana, 2Ts indirizzata ad un gruppo di giudeicristiani; 1Ts indirizzata a Tessalonica, 2Ts indirizzata
ad unaltra comunit (Filippi o Berea)
Posizione moderna: autore non Paolo ( 2Ts 2,2); ritardo della parusia. Scritto pseudoepigrafico
verso la fine del I secolo

Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS, Corso di studi biblici 6), LDC, Leumann 1996
217

3.14 B : Prima e Seconda a Timoteo A Tito
(Lettere Pastorali)
3.14.1 1 Timoteo
1,12: PRESCRITTO
1,311: INTRODUZIONE
1,34: Missione di Timoteo
1,511: Necessit di affrontare le deviazioni
1,57: identit dei falsi dottori
1,811: la legge fatta per gli ingiusti, non per i giusti
1,12 6,19: CORPO DELLA LETTERA
1,1220: Trasmissione dellevangelo sotto la supervisione di Paolo
1,1217: vocazione di Paolo
1,1820: responsabilit di Timoteo
2,13,15: Come comportarsi nella casa di Dio
2,115: preghiera
3,113: ministeri
3,1415: brano conclusivo
3,164,11: La sana dottrina della piet
3,16: il mistero della piet
4,15: attacco contro lapostasia
4,610: il vero pastore
4,11: brano conclusivo
4,126,2: Istruzioni a Timoteo circa il governo
4,125,2: la condotta di Timoteo
5,36,2a: direttive per le varie categorie di fedeli
6,2b: brano conclusivo
6,310: Modo di trattare con i devianti
6,35: il ritratto del falso dottore
6,610: efficacia della piet unita a moderazione
6,1116: Trasmissione dellevangelo sotto la supervisione di Dio
6,1114: latteggiamento e la testimonianza delluomo di Dio
6,1516: brano dossologico conclusivo
6,1719: aggiunta: raccomandazione ai ricchi cristiani
6,2021: POSTSCRITTO
3.14.2 2 Timoteo
1,15: PRESCRITTO E RINGRAZIAMENTO
1,6 4,18: CORPO DELLA LETTERA
1,618: Il vero pastore
1,68: testimonianza coraggiosa
1,910: il dono della salvezza
1,1118: lesempio di Paolo
2,126: Il comportamento di Timoteo
2,12: trasmissione delle verit udite
2,37: partecipazione alle sofferenze di Paolo
2,813: comunione totale con Cristo
2,1426: lotta contro le false dottrine
3,117: Gli ultimi tempi
3,19: apostasia finale
3,1013: il comportamento di Timoteo nel passato
3,1417: esortazione alla fedelt
4,118: Brani finali
218

4,15: solenne scongiuro
4,68: testamento di Paolo
4,918: notizie e raccomandazioni
4,1922: POSTSCRITTO
3.14.3 Tito
1,14: PRESCRITTO
1,59: MISSIONE DI TITO
1,10 3,11: CORPO DELLA LETTERA
1,1016: Messa in guardia contro i falsi dottori
2,115: Direttive riguardanti i rapporti con i credenti
2,110: esortazione per i vecchi, i giovani e gli schiavi
2,1114: motivazione: apparsa la grazia di Dio
2,15: conclusione
3,18: Direttive riguardanti i rapporti con i non credenti
3,12: esortazioni pratiche: sottomissione alle autorit
3,37: motivazione: manifestazione della bont di Dio
3,8: conclusione
3,911: Messa in guardia conclusiva contro i falsi dottori
3,1215: POSTSCRITTO

Il testo manca nel P
46
e nel manoscritto B; presente per la prima volta in P
32
Ryland 5 (III secolo).
Pur avendo alcuni significativi punti di contati contatto con le lettere maggiori, le Pastorali se ne
distaccano per il genere letterario ( manuali ecclesiastici), lo stile ( greco pi letterario che
popolare, simile ad Ebrei e a Filone) e il lessico su 900 parole, 305 non si trovano nelle lettere
paoline; 107 sono assenti dal resto del NT).
Dalle notizie delle Pastorali emerge questa biografia di Paolo:
nel 63 (dopo due anni di carcere a Roma) va in Spagna, poi a Creta dove lascia Tito (Tt 1,5), poi a
Nicopoli, poi ad Efeso (Tt 3,2); da qui raggiunge la Macedonia dove scrive 1Tm e Tt (6465); lascia
Efeso, passa per la Troade; poi viene arrestato e, partendo da Mileto (2Tm 4,20), viene inviato a
Roma dove nel 67 scrive 2Tm.
Attribuzione:
Secondo la scuola di Tubinga sarebbero state scritte da un falsario verso la met del II secolo
Oggi si pensa che siano state scritte verso la fine del I secolo da un rappresentante della scuola paolina,
probabilmente ad Efeso per via della simile organizzazione ecclesiastica ( At 20,17.28).
Altri pensano che un discepolo di Paolo avrebbe scritto le lettere servendosi di frammenti autentici nei
quali erano conversati i personalia.

Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS, Corso di studi biblici 6), LDC, Leumann
1996
219

3.15 : Lettera agli Ebrei (113)
1,14: ESORDIO
1,5 2,18: RUOLO DI CRISTO NEL PIANO DI DIO
1,514: Esposizione: il Figlio di Dio
superiore agli angeli
2,14: Esortazione: dovere di
riconoscere la sua autorit
2,518: Esposizione: solidariet con
gli uomini
2,17: Preannunzi: per diventare
sommo sacerdote misericordioso (B) e degno
di fede (A)
3,1 5,10: CRISTO SOMMO SACERDOTE
3,14,14: (A) Degno di fede
3,16: Esposizione: Ges
superiore a Mos
3,74,14: Esortazione: invito
ad entrare nel riposo di Dio
4,155,10: (B) Misericordioso
4,1516: Esortazione: otterremo misericordia
5,110: Esposizione: ha condiviso la nostra miseria
5,910: Preannunzi: Reso perfetto (B), divenne causa di salvezza eterna (C)
proclamato da Dio sommo sacerdote (A)
5,11 10,39: IL SACERDOZIO E IL SACRIFICIO DI CRISTO
5,126,20: Esortazione: invito allattenzione e alla generosit
7,110,18: Esposizione: Cristo sommo sacerdote dei beni futuri
7,128: (A) Ges sommo sacerdote alla maniera di Melchisedek
*8,19,28: (B) Reso perfetto dal suo sacrificio
8,16: c. culto antico terrestre e prefigurativo
8,713: b. la prima alleanza imperfetta e provvisoria
9,110: a. le antiche istituzioni inefficaci
**9,1114: a. le nuove istituzioni rese efficaci da Cristo
9,1523: b. la nuova alleanza capace di operare la purificazione
9,2428: c. il nuovo culto che apre laccesso al santuario celeste
10,118: (C) Causa di salvezza eterna
10,1939: Esortazione: invito alla fedelt e allimpegno
10,36.38: Preannunzi. Avete solo bisogno di perseveranza (B) il mio giusto vivr per fede
(A)
11,1 12,13: LA FEDE PERSEVERANTE
11,140: Esposizione: la fede degli antichi
12,113: Esortazione: invito ad imitare Cristo nella perseveranza
12,13: Preannunzio: Raddrizzate le vie storte
12,14 13,19: LA VIE DIRITTE
12,1429: Esposizione: rapporto con le realt celesti
13,16: Esortazione: direttive di vita cristiana
13,719: Esposizione: la vera comunit
13,2025: POSTSCRITTO
* Introduzione a questa sezione: ,
** Centro della sezione:
.
Procedimenti letterari:
preannunzio del tema successivo: (2,17) ripresa in 3,1 e 4,15;
220

parola gancio (motcrochet): stessa parola messa alla fine di un brano e allinizio del brano
successivo;
concentrazione terminologica: stesso vocabolo ripetuto pi volte nel brano (cfr. a;ggeloiin 1,52,18);
variazione del genere letterario: brani di carattere dottrinale alternati a brani parenetici;
inclusione: inizio e fine di un brano con la stessa formula (cfr. 1,5 e 1,13);
parallelismo: una stessa idea espressa in due frasi parallele simili tra loro;
simmetria: brani che si richiamano verbalmente e contenutisticamente (cfr. 5,1110,39: cbaabc).
Genere:
il postscritto non basta a farla considerare una lettera; lesordio non un prescritto; non ci si
presenta nellatto di scrivere; non ci sono accenni a destinatari lontani; mancano allusioni a scambi
di notizie con lettere o visitatori (apusiaparusia epistolare).
Pi che un trattato teologicoapologetico, essa un sermone inviato per iscritto a una particolare
comunit con un biglietto di accompagnamento. E lesempio pi antico di omelia cristiana.
Ambiente di origine:
La maggior parte degli studiosi ritiene che lautore si rivolga a cristiani convertiti dal
giudaismo (sacerdoti ebrei diventati cristiani?).
Per via della somiglianza con i manoscritti di Qumran, alcuni pensano a cristiani provenienti dal
movimento esseno. Ma per Qumran: Messia Aronne, per Ebrei: Messia Melchisedek; i metodi
esegetici sono diversi.
Secondo alcuni: lautore ha attinto dal giudaismo ellenistico di stampo sapienziale: cita AT dai
LXX; spiritualizzazione del culto; metodi di composizione simili a Sapienza; visione spaziale
verticale della salvezza (cfr. idealismo platonico e Filone).
Secondo altri: punti di contatto con il movimento gnostico. Ma al massimo si pu parlare di pre
gnosticismo.
In conclusione: non si tratta di giudeocristiani che riuscivano a conciliare cristianesimo e pratica
della legge (At 2,46), ma di giudei che, fattisi cristiani e avendo rotto con la comunit giudaica, stanno
ritornando ai riti espiatori giudaici, cosa che li allontana dalla fiducia nel potere salvifico di Cristo.
Attribuzione:
Non di Paolo: assente lespressione evn Cristw/| (14 volte solo in Rm); Paolo introduce la Scrittura
con kaqw.j ge,graptai, mentre Eb. con le,gei; il termine i`ereu.j assente in Paolo; centralit del
sacerdozio di Cristo assente in Paolo; i primi predicatori cristiani appartengono alla generazione
precedente (2,3; 13,7).
Secondo alcuni Eb. fa parte della scuola paolina; obbedienza di Cristo al Padre (Fil 2,8; Eb 5,8),
efficacia espiatrice della sua morte e resurrezione (Rm 3,25; Eb 2,17), intercessione di Cristo in favore
dei credenti (Rm 8,34; Eb 7,25), critica nei confronti della legge (Gal 3,1; Rm 1,17; Eb 10,38).
Secondo altri no, perch questi temi erano patrimonio comune della fede cristiana: la concezione
dualistica che vede nelle realt terrene lombra di quelle celesti estranea a Paolo, la giustificazione per
fede estranea ad Eb., la problematica cultuale estranea a Paolo.
Autore: Clemente Romano, Luca, Barnaba, diacono Filippo, lautore di Giuda, Sila, Priscilla, Aquila e
Apollo (molti propendono per questultimo a causa della sua origine giudeoalessandrina).
Data e luogo di composizione:
Lespressione oi` avpo. th/j VItali,aj (13,24b) indica o che stata scritta a Roma o in altra citt e poi
inviata a Roma (ipotesi pi probabile: Clemente Romano il primo a citarla).
Data: tra il 75 e il 90 (Clem. Rom. scrive ai Corinzi verso il 9596; laccenno alle sofferenze della
comunit [10,3234] presuppone la persecuzione del 60).
221

3.16 : Lettera di Giacomo (15)
1,1: PRESCRITTO
1,218: COSTANZA E FEDELT NELLE PROVE
1,24: Dalla prova della fede alla
perfezione
1,58: La preghiera fiduciosa per la
sapienza
1,911: La gloria del povero e del
ricco
1,1215: La tentazione non viene da
Dio
1,1618: Dio invece fonte di ogni
bene salvifico
1,19 2,26: ASCOLTO E ATTUAZIONE DELLA
PAROLA
1,1927: Dallascolto della parola alla sua attuazione
2,113: Legge dellamore e attenzione per i poveri
2,1426: La giustificazione mediante la fede e le opere
3,1 4,12: SAPIENZA CELESTE E SAPIENZA TERRENA
3,112: Il pericolo della lingua
3,1318: La vera e la falsa sapienza
4,112: Una scelta radicale: Dio o il mondo
4,13 5,20: ORIENTAMENTI DI VITA COMUNITARIA
4,135,6: Contro i progetti arroganti dei ricchi
5,711: La paziente attesa della parusia
5,1220: Esortazione finali

Genere:
Notevole qualit letteraria, ricchezza di lessico (63 termini che non compaiono nel NT), semitismi,
moduli della diatriba (Seneca ed Epitteto). Pi che una lettera un trattato morale con finalit
parenetiche (halakah cristiana stata definita).
Ambiente di origine:
Le somiglianze con la parenesi giudaica e lassenza di una riflessione esplicita sulla persona di Cristo
fanno pensare che lo scritto sia sorto in ambiente cristiano ancora molto vicino alla sinagoga, anche se
immerso nel mondo greco.
Autore e data:
Nel prescritto si presenta come ; nel NT ci sono tre
Giacomi: Giacomo di Zebedeo giustiziato da Erode Antipa nel 44 (At 12,2); Giacomo di Alfeo (Mc 3,18);
Giacomo fratello del Signore: Giuseppe Flavio, Antichit20,200 dice che fu lapidato da Anania II nel
62; Eusebio, HE 2,1,2, che fu il primo vescovo di Gerusalemme.
Secondo la tradizione questultimo lautore; in questo caso la data sarebbe non il 62. La maggior parte
degli studioso vedono nella lettera uno scritto pseudoepigrafico: lautore sarebbe un anonimo giudeo
cristiano dotato di una discreta cultura ellenistica e buon conoscitore dellAT nella versione dei LXX;
in questo caso la data di composizione sarebbe verso la fine del I secolo.
Destinatari:
Lo scritto indirizzato : si tratterebbe della Chiesa o, meglio,
dei cristiani provenienti dal giudaismo. La lettera stata inviata a una o pi comunit di origine
giudaica localizzate in Palestina o in Siria o in Egitto.

Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS, Corso di studi biblici 6), LDC, Leumann 1996
222

3.17 : Prima Lettera di Pietro (15)
1,12: PRESCRITTO
1,3 2,10: IDENTIT E RESPONSABILIT DEI
RIGENERATI
1,312: Ringraziamento per la
rigenerazione
1,1325: Conseguenze etiche della
rigenerazione
2,110: Vocazione e missione dei
rigenerati
2,11 4,11: I CRISTIANI NELLA SOCIET PAGANA
2,1112: Annuncio del tema
2,133,12: Codice di
comportamento sociofamiliare
3,1322: Vita cristiana e sofferenza
4,111: Rinuncia alle passioni e
servizio
4,12 5,11: PRESENTE E FUTURO DELLA CHIESA
4,1219: Il giudizio comincia dalla casa di Dio
5,15: Codice di comportamento ecclesiale
5,611: Dio ha cura di noi
5,1214: POSTSCRITTO

Stile e genere:
Stile simile a Gc; 63 vocaboli che non si trovano nel resto del NT. Per alcuni, si tratta di una lettera:
cornice epistolare, parolachiave nel prescritto poi sviluppata. Per altri omelia inserita in un contesto
epistolare (c chi pensa allunione di due testi: unomelia battesimale e una parenetica).
Ambiente di origine:
Per la conoscenza dellAT (LXX) lautore vicino al giudaismo ellenistico. Punti di contato con Gc (tema
della diaspora, della rigenerazione mediante la parola, della gioia nelle prove, del culto spirituale), con
1Gv, con i discorsi kerigmatici di Pietro in At, e con Mt; numerose convergenze con lepistolario paolino;
somiglianze anche con Clemente R., Policarpo, Pastore di Erma ed Ireneo.
Autore e data:
La lettera si presenta come scritta da ; secondo alcuni il dato
tradizionale ha valore (on questo caso la data sarebbe 6067); secondo altri lautore sarebbe Silvano
(in questo caso la data sarebbe 8090); altri lo considerano di autore anonimo (96: persecuzione di
Domiziano o 110111: persecuzione di Traiano).
Il fatto che ci si rivolga fa pensare che sia stata scritta a Roma; secondo altri
in una citt dellAsia Minore.
Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS, Corso di studi biblici 6), LDC, Leumann 1996
223

3.18 B: Seconda Lettera di Pietro (13)
1,12: PRESCRITTO
1,321: CHIAMATA ALLA FEDELT
1,311: Liberalit divina e pratica delle
virt cristiane
1,1215: Testimonianza apostolica
1,1621: trasfigurazione e parole
profetica
2,122: CONTRO I FALSI DOTTORI
2,13: Perversit dei falsi maestri
2,410: Castighi divini del passato
2,1122: Corruzione dei falsi dottori e
loro rovina
3,118a: IL GIORNO DEL SIGNORE
3,12: Testimonianza degli apostoli
3,310: Contro coloro che negano il giudizio
3,1114: Invito alla santit
3,1516: Corretta interpretazione delle lettere di Paolo
3,1718a: Invito alla vigilanza
3,18b: DOSSOLOGIA FINALE

Stile e genere:
Greco elegante; vocabolario ricercato (56 vocaboli non presenti altrove nel NT). Il c. 2, con il tema della
parusia, interrompe la continuit: si pensa ad unaggiunta posteriore. Ci sono indizi del genere
epistolare, ma manca il postscritto e non sono indicati i destinatari: si tratta, pi che di una lettera, di
unomelia di genere aggadico con alcuni tratti tipici del testamento spirituale (vaticinia ex eventu).
Contatti con Gd: Gd 816 viene utilizzato per esteso in 2Pt 2,10b18 (senza per riferimenti agli
apocrifi).
Ambiente di origine:
Tutto fa pensare ad un ambiente contrassegnato dal problema del ritardo della parusia, dallinsorgere
di eresie di carattere gnostico e da una notevole rilassatezza morale. Si tratta di una comunit cristiana
immersa nel mondo ellenistico.
Autore e data:
Lautore di presenta come (1,1); dice di essere
stato testimone della trasfigurazione (1,1618) e di scrivere per la seconda volta
(3,1). Anche la tradizione ha dei dubbi sullattribuzione a Pietro (in questo caso composta a
Roma nel 6467). La maggior parte degli studiosi considera lautore un cristiano ellenista di origine
giudaica, distinto dallautore di 1Pt, dal quale si differenzia sia per lingua sia per genere letterario (in
questo caso a cavallo tra il I e il II sec). Luogo di composizione: Egitto o Siria.

Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS, Corso di studi biblici 6), LDC, Leumann 1996









224

3.19 , B, : Prima, Seconda e Terza Lettera di Giovanni
3.19.1 Prima lettera di Giovanni
1,14: PROLOGO: La parola di vita
1,55,12: CORPO DELLA LETTERA
1,52,17: La realt della comunione
con e della conoscenza di Dio nellamore del
fratello
2,183,25: La speranza escatologica si
vive nellamore costante
4,15,12: Il legame tra lamore e la fede
come criterio dellesistenza cristiana autentica
5,13: CONCLUSIONE DELLA LETTERA
5,1421: EPILOGO
3.19.2 Seconda lettera di Giovanni
13: INDIRIZZO
4: INTRODUZIONE
511: CORPO DELLA LETTERA
56: Richiamo al comandamento dellamore
79: Messa in guardia contro gli eretici in ambito cristologico
1011: Comportamento raccomandato di fronte agli eretici
1213: CONCLUSIONE DELLA LETTERA
3.19.3 Terza lettera di Giovanni
1 INDIRIZZO
24: INTRODUZIONE
512: CORPO DELLA LETTERA
58: Gaio invitato a proseguire il suo sostegno ai predicatori itineranti
910: Viene denunciato il comportamento ostile di Diotrefe
1112: Esortazione a Gaio e raccomandazioni a Demetrio
1315: CONCLUSIONE DELLA LETTERA

3.20 : Lettera di Giuda
12: PRESCRITTO
34: Scopo della lettera: difesa della fede
contro gli empi
516: I FALSI DOTTORI ALLA LUCE DEL PASSATO
5: La generazione dellesodo
6: La caduta degli angeli
78: Sodoma e Gomorra
910: Larcangelo Michele
1113: Caino, Balaam e Kore
1416: Le profezie di Enoch
1723: ATTEGGIAMENTO DEI CREDENTI
1719: Ricordarsi delle predizioni degli
apostoli
2023: Vivere nella fede e nella carit
fraterna
2425: CONCLUSIONE: Dossologia
225

Stile e genere:
Stile conciso, sobrio, elegante. Malgrado lindirizzo epistolare (14), lo scritto un trattato polemico
(516) seguito da una parenesi morale (1723). Il metodo usato (esempi biblici e riferimenti agli
apocrifi) tipico dellomiletica giudeoellenistica.
Ambiente di origine:
Si tratta di una comunit cristiana che, pur trovandosi nella cultura ellenistica, risente linflusso di
correnti giudaiche nelle quali gli apocrifi sono ancora tenuti in grande considerazione; si tratta di una
comunit alle prese con le nascenti eresie (pregnosticismo) contro cui lautore mete in guardia.
Autore e data:
Lautore si presenta come VIou,daj VIhsou/ Cristou/ dou/loj( avdelfo.j de. VIakw,bou (v. 1); cfr. Lc
6,16; At 1,3; Gv 14,22. Il dato tradizionale (in questo caso la data sarebbe attorno al70) contestato: il
suo greco troppo elegante per pensare ad un contadino della Giudea, linsegnamento degli apostoli
presentato come passato (v. 17). La lettera sarebbe stata composta da un ignoto cristiano che, per
difendere il messaggio apostolico, lavrebbe attribuita a Giuda, una figura che nel suo ambiente
rivestiva una particolare autorit apostolica (un caso dunque di anonimia). La maggior parte degli
studiosi colloca la composizione al 8090 ( proprio nel 90 che i Giudea eliminano gli apocrifi dal
canone, Jamnia).

Tratto da A. SACCHI, Lettere paoline e altre lettere, (LOGOS, Corso di studi biblici 6), LDC, Leumann 1996
































226

4 Euanghelion: Il Genere Letterario dei Vangeli
La domanda di fondo la seguente: dal punto di vista del genere letterario i vangeli rappresentano
un unicum oppure si rifanno a generi gi presenti nelle letteratura grecoellenistica?
Prima di rispondere alla domanda, opportuno precisare che in origine il termine (t
euanghlion) non indica n il genere letterario n il libro, ma unicamente il messaggio contenuto
nella buona notizia. Usato gi nella versione dei LXX (cfr. Isaia 40,9; 52,7; 60,6; 61,1), il termine
di uso comune in Paolo per indicare il contenuto della sua predicazione (Galati 1,11:
; cfr. anche 1Corinzi 15,1; Romani 1,1.9). Da questo
punto di vista, quando Marco inizia il suo vangelo dicendo Inizio del vangelo di Ges Cristo (
) non si riferisce non al contenitore (il libro o il genere letterario) ma al
contenuto (lannuncio del Cristo).
Soltanto con la Didak (Correggetevi lun laltro come leggete nel vangelo, XV,3) e con la Lettera
dello PseudoClemente (Dice il Signore nel vangelo, VIII,5) il termine indica il libro. Il primo a usare
il termine al plurale (i vangeli) Giustino Martire (Apologia I,66,3).
Anche quando il termine indica il libro, si usa sempre la dizione
() ad indicare che limportante non lautore (e quindi il libro), ma il contenuto.
Tornando ora alla domanda iniziale, bisogna tener presente questo fatto: dal momento che un genere
letterario funzionale al contenuto che trasmette e dal momento che la narrazione evangelica
caratterizzata da un contenuto del tutto nuovo (la fede in Ges, crocifisso e risorto, il CristoMessia),
evidente che non possibile stabilire con precisione quale sia il genere specifico dei Vangeli. Lunica
cosa che si pu dire con certezza che lintento non letterario, ma teologico. I vari tentativi che sono
stati compiuti dagli studiosi hanno condotto a quattro possibilit.
1. Rielaborazione di biografie profetiche: anonimato del redattore, dimensione teologica,
prospettiva edificante.
2. Aretalogie: narrazione di fatti soprannaturali inserite in un contesto biografico (cfr. soprattutto
Marco e Giovanni).
3. Cristologia sotto forma di narrazione: in questo caso, il precedente pi prossimo sarebbe il
romanzo greco ellenistico, con la differenza fondamentale che prevale la scelta teologica rispetto a
quella narrativa.
4. Biografia: i vangeli avrebbero tratti in comuni con le biografie di uomini illustri (un messaggio
incarnato storicamente).











227

5 Questione di supporto: dal papiro al codice
Nella seconda met del II secolo, in ambito cristiano, gli scritti letterari
si presentano sotto una forma decisamente nuova, il quaderno con le
pagine, in latino codex. Questo fatto, irreversibile, andava di pari passo
con la fissazione, la raccolta e la diffusione delle opere che i cristiani
riconoscevano come Scritture. Tale inedita presentazione del libro si
imporr fino ai giorni nostri. Nellantichit, essa soppianter
progressivamente il rotolo, in ebraico meghillah, in latino volumen.
Nel mondo grecoromano, il passaggio dal volumen al codex era
cominciato nel I secolo e terminer di fatto allinizio del V. Fin da subito, i
cristiani furono i primi e ardenti promotori di questa forma rivoluzionaria
di libro. Alcuni pensano che ne fossero gli inventori, ma nessuno sarebbe in grado di provarlo. La
simultaneit dellaffermazione del codice letterario con la formazione del corpus cristiano delle Scritture
tuttavia sorprendente. Parallelamente, la pergamena soppiant il papiro. Gli ebrei la preferivano da
tempo. Presso di loro, luso della pelle si era progressivamente diffuso a partire dal VI secolo a.C.; in
questo modo, essi imitavano i Persiani, loro dominatori. I manoscritti ritrovati nelle grotte di Qumran
sono dei preziosi testimoni, visto che la maggior parte di essi su pergamena. Alle soglie dellera cristiana,
si trattava di uneccezione ebraica, che diventer cristiana in seguito. Nella societ ellenistica e poi
romana, i rotoli erano di solito su papiro. Nella tarda romanit, verso il IV sec, si impose luso
generalizzato della pergamena. Ci fu determinante per il successo irreversibile del codice.
Il rotolo si presentava come una striscia continua, utilizzata da un solo verso e limitata in lunghezza.
Qualche caso di opistografia (dal greco opistographos, scritto sul verso) o di scrittura sulle due
facce si incontrano per nei testi di Qumran.
Le biblioteche avevano imposto
alcune normalizzazioni. Il rotolo
era lungo tra sette e dieci metri.
Un dialogo di Platone
corrispondeva ad una misura
standard. Una simile costrizione
determin la suddivisione di
lungi insiemi in unit pi brevi.
Cos, la Legge di Mos si trov
suddivisa in cinque libri, ognuno
con il proprio titolo. Alcuni rotoli
comprendevano pi scritti di
taglia media, per esempio i dodici
piccoli Profeti, ma di solito la
lunghezza del libro coincideva
con quella del volumen. Fino al
III secolo a.C., lampiezza dei
rotoli era piuttosto ridotta.
Ognuno poteva accogliere, per
esempio, un libro di Omero, una
tragedia di Euripide o un discorso di Demostene, cio un testo che andava da 600 a 1000 righe o versi.
La lunghezza dellopera poteva essere determinata da quella del rotolo di cui si disponeva. Talvolta il
tempo di una lettura pubblica serviva da misura nella delimitazione di una unit. Le cose evolsero. La
dimensione del rotol si allung. Ci attestato tra laltro dalla lunghezza dei libri storici di Polibio (II
secolo a.C.) o di Diodoro Siculo (I secolo a.C.). Tre secoli prima, i libri di Tucidide erano ben pi corti. La
Figura 90 Meghillah di Ester
Figura 91 Rotolo epistografico proveniente da Qumran
228

situazione cambi radicalmente con il codice, il quale non imponeva tali limiti. Alcuni fogli separati
venivano tagliati nel formato voluto, impilati uno sullaltro, legati nel mezzo con un filo e infine piegati.
Il tutto poteva ricevere una copertina o una rilegatura. La pi antica che si possieda a forma di
portafoglio, con un codice di Filone di Alessandria del III secolo Libri di grande valore o un insieme di
libri potevano essere copiati su un solo codice. La costituzione del corpus letterario trovo qui un potente
incentivo. I primi e grande beneficiari ne furono gli scritti composti e raccolti dai cristiani.
Il termine codice, anticamente caudex, latino. La sua traslitterazione greca kodix relativamente tarda. Il
termine indica dapprima una raccolta di inventari o di archivi. Nel III secolo, dopo la riforma di Diocleziano,
lo si incontra nei papiri egizi con il significato di registro fiscale o di catasto. Nel mondo greco, non esisteva
un termine specifico per il codice letterario. Si usava biblos o biblion, libro. Si faceva ricorso ad altri
vocaboli, in funzione delluno o dellaltro aspetto o componente delloggetto: membranai pergamena,
deltos tavoletta, derma pelle, pyxios tavoletta, teuchos tomo, somation piccolo corpo.
Lorigine del codice romana. Presso i Latini, il termine indicava un insieme di tavolette legate tra loro
da una cordicella. Seneca (morto nel 65) attesta che il nome caudex dato dagli antichi a un insieme
di pi tavolette (plurium tabularum contextus caudex apud antiquos uocatur); e precisa che il nome
di codex dato alle tavolette pubbliche (publicae tabulae codices dicuntur). Si chiede poi se Claudio
Caudex, console nel 264 a.C., non derivasse il suo soprannome da caudex, la forma antica del codice
(De brevitate vitae 13). Soltanto allinizio del III secolo il termine indicher dei quaderni di pergamena
o di papiro con dei testi letterari: allinizio e fino a quel momento li si chiamava membranae,
pergamena. La prima attestazione letteraria del codice nel senso di libro si incontra in un poema
di Commodiano della seconda met del III secolo
Si possono distinguere tre tappe nella storia della formazione e
dellaffermazione del codex letterario.
1. Inizialmente vi la tavoletta da scrittura, di cera o di legno,
probabilmente di origine orientale. La si utilizz in Grecia e
soprattutto a Roma per i conti, i testamenti, la registrazione
delle nascite o per gli esercizi a scuola. Si legavano le tavolette
per due, tre o pi, e ci dava il dittico, il trittico, ecc. Si praticava
un foro nel quale passava una cordicella.
2. Venne poi il libretto di pergamena (membranae in latino e
poi membranai in greco), il precursore immediato del codice vero
e proprio. Probabilmente da Roma, il suo uso si diffuse assai
rapidamente, nel I secolo, fino al Medio Oriente. Sono questi i
quaderni di pergamena, chiamati proprio membranai, che
Paolo di Tarso chiede a Timoteo di portargli (2Tm 3,14). Si
trattava di quadernetti di note, di appunti o brogliacci di lettere.
Una trentina danni prima, sembra che i discepoli di Ges di Nazareth abbiano usato
delle membranai nelle loro missioni, su cui avrebbero annotato le dichiarazioni del loro maestro e
soprattutto le loro relazioni spesso commentate di ci di cui erano i testimoni diretti. In vista degli
spostamenti, probabilmente frequenti, nelle regioni ellenofone, alcune di queste note dovevano essere
tradotte in greco. Questa potrebbe essere lorigine scritta delle tradizione raccolte e trasmesse dalla
prima letteratura cristiana, dalla fine del I secolo alla met del II. Si pensi, tra laltro, alle raccolte dei
loghia del Signore. I racconti evangelici non erano ancora n diffusi n identificati in quanto tali.
3. Dal libretto di pergamena al codice letterario il passo fu breve. Alcuni lo compirono senza
attendere troppo. Vi era infatti la tendenza a svalutare le membranae, riservate ai brogliacci da
buttare e alle note personali. E il rotolo di papiro si mantenne a lungo, a Roma come altrove: restava
il supporto nobile delle opere letterarie. Bisogner attendere la fine del IV secolo perch gli effetti di
tale rivoluzione fossero acquisiti. durante questo periodo di esitazione che i cristiani si distinsero.
Fin dal II secolo, essi adottarono prevalentemente il codice, a cui riservarono presto lesclusivit della
229

loro produzione scritta. Era per loro un modo di sottolineare la differenza con gli Ebrei. Ma ancora
pi, il mezzo per imporsi attraverso la mediazione peculiare dei loro scritti nella societ culturale del
mondo grecoromano. Ma non sembra che abbiano inventato la cosa. Negli anni 8486, il poeta e
polemista Marziale (Epigrammi I,2) raccomandava le membranae contenenti le proprie opere e
altre come quelle di Omero, di Virgilio, di Tito Livio e di Ovidio. Non senza eccessi, egli vanta la
capacit e la maneggevolezza di questa nuova forma di libro.
Sino alla fine del IV secolo, le statistiche elaborate a partire dai documenti
ritrovati sono eloquenti. Per i testi cristiani, a partire dalla fine del II secolo,
la percentuale di codici molto superiore a quella di rotoli; e il passaggio
dal papiro alla pergamena sembra verificarsi pressoch sistematicamente,
mentre il contrario si verifica per le opere greche e latine. Quanto agli ebrei,
essi rimasero fedeli al rotolo di pergamena, tradizionale presso di loro.
Ragioni pratiche ed economiche possono aver spinto i cristiani ad adottare
il codice con rapidit e determinazione. Sullesempio di Marziale, certo
spinto dalla propaganda, essi dovettero apprezzare la comodit delloggetto nei loro viaggi missionari.
Pu aver giocato anche il ricorso pi agevole a dei passi paralleli nelle Scritture, pi facili da consultare.
Vi anche il costo pi contenuto del prodotto, la sua solidit e lestensione del contenuto. Altre cause
hanno influito, probabilmente pi determinanti. Dalla fine del I secolo allinizio del II, circolavano delle
raccolte delle lettere di Paolo. Si tratta delle prime vere e proprie edizioni di ci che si chiamer il corpus
paolino. Il numero delle lettere variava da una raccolta allaltra, sette, otto o dieci; ma lordine di
classificazione tendeva alluniformit. Simili operazioni erano di unimportanza capitale. E il codice
nascente offriva ai creatori e ai diffusori di testi cristiani la qualit di un supporto desiderato. Dal
momento che la nuova religione aveva la vocazione alluniversalismo, ci si doveva comportare di
conseguenza. La conservazione, la comunicazione e luso del patrimonio scritto si trovavano meglio
garantiti dal codice, soprattutto in pergamena.
In ambito cristiano, si manifest un effetto di reciprocit tra, da una parte, lo sviluppo e la promozione
del codice e, dallaltra, la costituzione delle collezione di scritti riconosciuti e omologati come
Scritture. Prima vennero i libri della Settanta, poi le lettere di Paolo e infine i vangeli e altri scritti.
In questo modo, per forma, per confezionamento e per contenuto dei loro libri, i cristiani si
distinguevano tre volte dagli ebrei. Il codice recava in s un dinamismo assemblatore; la sua ampiezza
era percepita come illimitata, perlomeno in teoria. Liberati dalla costrizione fisica del rotolo, gli scribi
cristiani andarono oltre. Solo gli gnostici e altri eresiarchi, grandi produttori di libri, furono dei seri
concorrenti. Si noti che il filosofo Porfirio, morto a Roma verso il 305, adott il codice per ledizione
delle Enneadi di Plotino, suo maestro. Egli faceva della sua opera, sullesempio delle Bibbie cristiane e
degli scritti gnostici, una sorta di bibbia della sapienza ellenistica, ad uso dei pagani colti. Gli ebrei non
poterono evitare limpatto dellambiente circostante e poco a poco luso del codice si diffuse presso di
loro. Tuttavia, la lettura della Torah in sinagoga continu ad essere svolta su rotolo; il codice veniva
consentito solo per linsegnamento o lo studio. Vedere dei cristiani realizzare delle copie della Legge
sottoforma di codices ha probabilmente turbato gli ebrei fin dalla met del II secolo I libri santi
venivano trattati alla stregua di quaderni per appunti o di brogliacci; vi era in ci qualcosa di sacrilego.
Provenienti da ambienti urbani, a loro agio con il commercio e la trasmissione di idee, i cristiani
promotori del codice manifestavano una viva presa di coscienza della loro differenza rispetto
allebraismo. In questo modo, essi contribuirono ad inaugurare un diverso mezzo di comunicazione,
anzi una nuova modalit di cultura. A differenza degli ebrei, essi si inserirono del tutto naturalmente
nella societ circostante con il significativo apporto di una nuova risorsa culturale. Del resto, nelle loro
assemblee diventate regolari, i rotoli della Legge si trovarono assai relativizzati rispetto al Vangelo come
memoria e come messaggio: era in riferimento a questultimo che essi celebravano. Ci che essi
proclamavano come santo o sacro non erano n prima di tutto n essenzialmente dei libri.
(tratto da Andr Paul, La Bible et lOccident, Bayard, Paris 2007, pp. 169175)
230

6 La questione sinottica
Gi nel 1776 J.J. Griesbach aveva coniato la formula vangeli sinottici per indicare i testi di Matteo,
Marco e Luca. Ponendo infatti questi tre vangeli su tre colonne contigue, possibile rendersi conto
delle notevoli somiglianze (ma anche delle divergenze) che li caratterizzano. Losservazione pi
evidente la presenza in tutti e tre di miniunit narrative, accompagnate da materiale proprio a
ciascun evangelista, secondo questo schema:

Ridotta nei suoi termini essenziali, la questione sinottica consiste in questa serie di domande: come
sono nati i tre sinottici? quale dei tre vangeli ha fatto da modello agli altri due? qual la loro successione
cronologica? chi ha preso da chi? quali altre fonti sono state utilizzate?
Le ipotesi che sono state via via formulate possono essere raggruppate in due categorie:
1. alla base vi un modello comune da cui sarebbero derivati i tre vangeli come opere indipendenti,
sottoforma di:
a) un vangelo primitivo;
b) frammenti sparsi;
c) tradizioni orali,
2. alla base vi un processo genealogico, sottoforma di:
a) dipendenza da una sola fonte;
b) dipendenza da due fonti.
6.1 Il modello comune: derivazione diretta
1.a. Secondo questa teoria (postulata per primo da G.E.
Lessing, XVIII secolo) i tre vangeli sarebbe derivati da
un Vangelo primitivo, scritto in ebraico o in aramaico
e redatto dagli apostoli. Tale ipotesi, se spiega le
somiglianze, non spiega per le differenze e non spiega
neppure la presenza di materiale proprio.
231

1.b. Secondo Schleiermacher, allorigine dei tre vangeli non c un vangelo primitivo ma delle mini
narrazioni indipendenti che sarebbero state selezionate e redatte dai tre evangelisti. A differenza
della precedente, questa ipotesi spiega le differenze, ma non le somiglianze tra i tre vangeli.
1.c. Nel tentativo di spiegare sia le differenze sia le
somiglianze, si ipotizza non tanto la presenza originaria di
un testo scritto, ma un insieme di tradizioni orali
risalenti agli apostoli.









6.2 Il processo genealogico: mediazione letteraria
2.a. Secondo J.J. Griesbach, la successione dei tre vangeli
sarebbe la seguente: MatteoLucaMarco, questultimo
una sintesi dei primi due (questa teoria viene ripresa da
W.R. Farmer nel 1964). K. Lachmann (17931851), pur
muovendosi nello stesso modello, ribadisce lantichit di
Marco, da cui dipendono Matteo e Luca.
2.b. Verso la fine del XIX secolo viene elaborata la
cosiddetta teoria delle due fonti (Wiesse, Holtzmann,
Wernle) secondo la quale Matteo e Luca, oltre a materiale
proprio, sono derivati da Marco (pi antico) e da una fonte
indipendente (Q) di detti attribuiti a Ges (loghia), che
deve essere giunta ai due in forma scritta e in greco, sia
pure in due versioni diverse (definite rispettivamente come Q
Mt.
e Q
Lc.
).
Si potrebbe continuare con altre ipotesi (chi si vuole divertire veda qui http://www.hypotyposeis.org/synoptic
problem). Resta il fatto che, come si suol dire, il cantiere pi che mai aperto.
Statistiche del fatto sinottico (ripreso da Bruno Corsani, Introduzione al Nuovo Testamento, vol.
I, Claudiana, Torino 1983, p. 135)






232

MATTEO MARCO LUCA Legenda:
330 versetti di Marco si ritrovano in passi comuni anche a Matteo e a
Luca. 278 vv. di Marco di ritrovano anche nel solo Matteo (178) o nel
solo Luca (100). 230 vv. costituiscono il materiale comune a Matteo e
a Luca (da cui si deduce lesistenza di una seconda Fonte). Il materiale
particolare a ciascun vangelo di 53 vv. per Marco, 330 per Matteo e
500 per Luca


330
230 (Q) 230
178 278 100
330 330 330
53
500
Volendo schematizzare il rapporto tra i tre sinottici, almeno per quanto si riferisce allo stato dei testi,
si potrebbe tracciare un diagramma come questo. I tre sinottici si sovrappongono, per il contenuto,
come le tre figure geometriche del diagramma, ma con delle parti che non si sovrappongono (il
materiale proprio di Mc, Mt, Lc).


6.3 Per approfondire
Ferdinand R. Prostmeier, Breve introduzione ai vangeli sinottici, Querianiana, Brescia 2007
Bruno Corsani, I vangeli sinottici, Claudiana, Torino 2008
2



233

7 Gli apocrifi del Nuovo Testamento
Il termine apocrifo deriva dal greco apokryphos e significa, di per s, nascosto, segreto. Esso non
ha quindi, almeno in origine, particolari connotazioni positive o negative. La situazione cambia nel
momento in cui, nel cristianesimo primitivo, si cominciarono a definire i confini tra ortodossia (retta
dottrina) ed eresia, da un parte, e i libri canonici e non canonici, dallaltra. Di conseguenza, per molto
tempo, il termine apocrifo stato recepito come il contrario di autentico, spesso come qualcosa di
pericolo in quanto eretico. Oggi, la tendenza sembra essersi rovesciata e molti tendono ad enfatizzare i
testi apocrifi ritenendo che essi contengano delle verit via censurate dal potere religioso. Insomma,
lapocrifo o da rigettare in quanto falso o da esaltare in quanto vero (un vero spacciato per falso).
Da un punto di vista storico, gli apocrifi altro non sono che delle fonti importanti (a volte fondamentali)
per la conoscenza del cristianesimo primitivo. Come fa notare Enrico Norelli, gli apocrifi diventano
preziosi testimoni di pezzi di un mosaico, quello del cristianesimo antico, di cui un enorme numero
di tessere continua e continuer a mancarci, ma di cui, grazie alle parti che gli apocrifi ci consentono di
ricostruire, intravediamo sempre meglio il disegno complessivo. [] Se si deve abbandonare lapriori
secondo cui i testi canonizzati sono fonti storicamente pi affidabili degli altri (o sono le uniche fonti
storicamente affidabili), non c alcun bisogno di crearne un altro inteso a dimostrare a ogni costo che
gli apocrifi sono anteriori e pi autentici. Si dovr esaminare dettagliatamente, faticosamente, ogni
testo per cercar di determinare, mediante lapplicazione della filologia e dei metodi storiografici, in che
cosa esso pu contribuire alle nostre conoscenze. Pare superfluo dire che si dovrebbe farlo sine ira et
studio. Purtroppo, ciascuno sa quanto sia difficile realizzare un simile ideale l dove entra in gioco la
religione. (Cosa sono gli apocrifi?, in: Parola & parole Monografie 4, 2008, p. 9).
La tabella contiene lelenco degli apocrifi. Le voci in rosso rimandano alla descrizione.
1. VANGELI NARRATVI 2. VANGELI DELLINFANZIA
Vangelo di Pietro
Vangelo segreto di Marco
Vangelo Egerton
Vangelo di Ossirinco 840
Vangelo degli Ebrei
Vangelo degli Ebioniti
Vangelo dei Nazorei
Vangelo di Nicodemo
Vangelo dellinfanzia di Giacomo
Vangelo dellinfanzia di Tommaso
Vangelo dellinfanzia dello PseudoMatteo
Nascita di Maria
3. ATTI 4. VANGELI DI DETTI
Atti di Pietro
Atti di Pietro e Andrea
Atti di Pietro e Paolo
Atti di Giovanni
Atti di Paolo
Atti di Andrea
Atti di Andrea e Mattia
Atti di Andrea e Paolo
Atti di Tommaso
Atti di Barnaba
Atti di Filippo
Atti di Giacomo il Grande
Atti di Pilato
Atti di Taddeo
Vangelo di Tommaso
Vangelo di Maria
Libro segreto di Giacomo
Libro segreto di Giovanni
Dialogo del Salvatore
Vangelo di Ossirinco 1224
Lettera degli Apostoli
5. LETTERE 6. APOCALISSI
Lettera di Paolo ai Laodicesi Apocalisse di Pietro (Akhmm)
234

Terza lettera di Paolo ai Corinzi
Lettera di Paolo a Seneca
Didach
Lettere di Clemente ai Corinzi
Lettera di Barnaba
Lettere di Ignazio
Lettera di Policarpo
Lettere di Pilato e Erode
Lettere di Cristo e Abgaro
Lettera a Diogneto
Il Pastore di Erma
Il Vangelo della Verit
Vangelo di Filippo
Apocalisse di Pietro (Gnostica)
Apocalisse di Paolo (Visio Pauli)
Apocalisse di Paolo (Gnostica)
Libro di Tommaso
Apocalisse di Tommaso
Apocalisse I, II di Giacomo
Apocalisse di Bartolomeo
7.1 VANGELI NARRATIVI
Il termine vangelo altro non che la traduzione italiana del greco euanglion, letteralmente buona
notizia. La prima ricorrenza del termine nella letteratura cristiana risale a Paolo, per il quale leu
anglion non un testo scritto, ma la buona notizia della salvezza tramite la fede in Ges Cristo.
Bisogner aspettare la seconda met del II secolo, con Giustino Martire, perch il termine venga usato
per indicare le scritture contenenti il racconto delle azioni e dei detti di Ges di Nazareth.
I quattro vangeli canonici appartengono al genere narrativo: essi contengono la storia della vita di Ges, del
suo ministero, della sua crocifissione e risurrezione, storia che per diversi decenni stata tramandata
oralmente. I quattro vangeli non sono tuttavia esaustivi della tradizione. Altre narrazioni hanno preso piede.
Vangelo di Pietro o Il Vangelo perduto secondo Pietro (datazione: 70150). Il solo frammento
esistente del Vangelo di Pietro si trova in un codice scoperto nella grotta di un monaco aAkhmm, in
Egitto, nel 1884, attraverso il quale si ritenuto che il Papiro di Oxyrhynchus 2949 possa contenerne
una versione pi antica. Il codice contiene una narrazione frammentaria della passione e della
resurrezione, con paralleli in tutti e quattro i vangeli canonici, ma con in pi il tema di Cristo che predica
ai morti presente nella Prima lettera di Pietro (3,18ss.); pur mantenendo una struttura essenzialmente
canonica, presenta significative differenze in piccoli dettagli che probabilmente sono il frutto di una
tradizione orale indipendente.
Il Vangelo di Pietro fu usato dalla chiesa di Rhossus (vicino ad Antiochia) e spesso citato da autori
cristiani nella seconda met del II secolo In un primo tempo, gli studiosi moderni hanno ritenuto che
dipendesse dai vangeli canonici, ma in tempi pi recenti si presa in considerazione la possibilit che
il racconto della passione sia in realt il pi antico fra i resoconti conosciuti. Il Vangelo di Pietro non
contiene tracce di quel materiale specifico di Matteo e Luca che ci si aspetterebbe se questi vangeli
fossero precedenti. In realt, la fonte di Pietro per il racconto della passione pu essere stata la stessa
di quella usata sia da Marco sia da Giovanni. Il Vangelo di Pietro fu bollato come eretico, se non altro,
per il fatto che sembra negare la sofferenza di Ges. In 4,1 si legge: Condussero due malfattori e
crocifissero il Signore in mezzo a loro. Ma lui taceva quasi che non sentisse alcun dolore. Daltra parte,
ci si accorda con la figura del servo sofferente di Isaia 53,7 e quindi non si tratta di una affermazione
di stampo docetista. In questo e in molti altri ambiti, il Vangelo di Pietro si basa su citazioni della
profezia messianica ebraica, pi di quanto non faccia Matteo, mentre la tendenza negli ultimi vangeli
(soprattutto Giovanni) di ignorare le attese messianiche. Ci rafforza ulteriormente la datazione
precoce del testo.
(per approfondire, cfr. http://www.textexcavation.com/gospelpeter.html)
Il Vangelo segreto di Marco (datazione: 70100). Alcuni frammenti del Vangelo Segreto di
Marco sono citati in una lettera di Clemente di Alessandria (200 d.C.) a un suo discepolo di nome
235

Teodoro. Clemente parla di due diverse versioni del Vangelo scritto da Marco: il nostro testo canonico
e un pi ampio Marco segreto contenente informazioni supplementari da leggere solo in una ristretta
cerchia di iniziati. Sembra che un gruppo di cristiani ribelli guidati da Carpocrate abbia ulteriormente
ampliato il Marco segreto per adattarlo alle proprie dottrine eretiche. I passi citati parlano di un
mistero del regno di Dio che nel contesto sembra riferirsi al battesimo. Lidea che Ges praticasse
battesimi assente nei vangeli sinottici, sebbene sia implicitamente affermata dal vangelo di Giovanni.
Pare che le modalit e lintento del rituale battesimale di Ges fossero considerati dagli apostoli come
informazioni privilegiate e fosse perci un tema accuratamente evitato dai primi redattori dei vangeli.
Ci conferisce alle parole di Ges in Marco 4,11 (e diversi altri passi) un nuovo e pi chiaro significato,
e cio che i suoi seguaci dovessero essere battezzati per guadagnare lingresso nel Regno. Sebbene
Clemente affermi il contrario, probabile che il Marco segreto fosse precedente e che i passi esoterici
siano stati rimossi dal Marco canonico, lasciando alcune strane incongruenze nel testo marciano. Per
esempio, Marco 10,46 dice: Poi giunsero a Gerico. E come Ges usciva da Gerico. Non solo la tappa
a Gerico del tutto inutile dal punto di vista narrativo, ma il soggetto cambia dal plurale al singolare.
Secondo Clemente, il Marco segreto contiene un passaggio tra queste due frasi. La pi lunga pericope
del Marco segreto il parallelo della giovannea resurrezione di Lazzaro, non presente nei sinottici, e
sembra essere la continuazione della lezione presente in Marco 10,1722, quando un giovane ricco, pur
amato da Ges, non compie il sacrificio necessario per seguirlo. Nel passo segreto un altro giovane ricco
ricambia questo amore e ottiene la ricompensa, inclusa la resurrezione simbolica. Ma la prova pi
decisiva della priorit del Marco segreto la menzione della veste battesimale richiesta, una semplice
tunica di lino. Finora, la presenza di un giovane uomo vestito succintamente in Marco 14,5152
sempre stata un bizzarro mistero. Con linformazione raccolta nel Marco segreto, ovvio che il giovane
stato battezzato e che chiunque abbia pubblicato il vangelo segreto per creare il nostro Marco
canonico ha sbagliato nel toglierlo completamente dal testo.
(per approfondire cfr. http://wwwuser.unibremen.de/~wie/Secret/secmark_home.html)
Vangelo Egerton o Il Vangelo sconosciuto (datazione: 70100). I frammenti papiracei
conosciuti come Papiro Egerton 2 (dal nome dellinglese che ne finanzi lacquisto) sono stati datati
alla prima met del II secolo d.C. e collocati tra i pi antichi documenti cristiani superstiti; si tratta
molto probabilmente dei pi antichi manoscritti tratti da un vangelo non canonico. Le parti leggibili
sono poche e rendono impossibile determinarne la paternit e la provenienza, anche se consentono una
affascinante immersione nello sviluppo della prima tradizione evangelica. Pi o meno quattro capitoli
sono stato restaurati quel tanto che basta per comprendere i dettagli della narrazione. Nel primo Ges
sta istruendo i capi del popolo a studiare la scritture ebraiche e a capire che Mos non avrebbe
approvato la loro distruzione. Il capitolo termina con il fallito tentativo di lapidare Ges. Si possono
cogliere dei paralleli con Giovanni 5,3947, 7,3032 e 9,29, anche se la natura originaria dei racconti
del papiro Egerton rende poco probabile una dipendenza diretta da Giovanni. La seconda e la terza
storia hanno paralleli nei sinottici: la guarigione del lebbroso (Mc 1,4045 e paralleli) e il pagamento
dei tributi (Mc 12,1317 e paralleli). La quarta storia non ha paralleli conosciuti, canonici o apocrifi che
siano, e racconta di Ges che fa crescere miracolosamente dei frutti sulle sponde del Giordano. Il
rapporto tra il Papiro Egerton e i vangeli sinottici poco convincente, ma il vangelo di Giovanni, se non
dipende direttamente da Egerton, perlomeno utilizza alcune delle medesime tradizioni. Il papiro
Egerton sembra rappresentare un periodo nello sviluppo della tradizione giovannea anteriore alla sua
definitiva separazione dalla comunit giudaica.
(per approfondire cfr. http://wwwuser.unibremen.de/~wie/Egerton/Egerton_home.html)
Vangelo di Ossirinco 840 o Frammento di un Vangelo non canonico (datazione: 100150).
Il papiro di Ossirinco 840 un singolo foglio proveniente da un codice miniato del IV secolo,
probabilmente legato intorno al collo come un amuleto. Il frammento contiene un totale di 45 linee
fronte e retro che racchiudono due vicende senza paralleli con la tradizione evangelica conosciuta. Del
primo capitolo si conservato solo il finale. Ges sta insegnando che, a dispetto dellimportanza di
236

pianificare per tempo (cfr. Luca 12 e 14), i piani del malvagio sono destinati alla dannazione. La vicenda
pi lunga e pi interessante riguarda il rituale di purit, tematicamente simile a Marco 7 e paralleli.
Ges e suoi discepoli sono ammoniti da un sommo sacerdote fariseo a non entrare nella parte pi
interna del Tempio senza aver fatto un bagno rituale. Ges replica che anche i peccatori e gli animali si
lavano, mentre Lui e i suoi discepoli sono stati battezzati in unacqua vivente di origine celeste.
certamente difficile datare il periodo di composizione, ma alcuni indizi possono fornire una stima
plausibile. Il titolo di Salvatore attribuito a Ges non si trova altrove nei vangeli canonici tranne in
Giovanni 4,42, sebbene sia usato nella pi tarda letteratura, specialmente gnostica; inoltre la natura
degli insegnamenti fa capire che lebraismo era ancora una minaccia. Anche lindeterminatezza
dellautore riguardo i dettagli del Tempio indica una provenienza piuttosto lontana da Gerusalemme,
forse la Siria nella prima met del II secolo
Vangelo degli Ebrei (datazione: 70150). Purtroppo, nessuna copia dei cosiddetti vangeli giudeo
cristiani sopravvissuta allantichit, sebbene i testi, conservati da quei cristiani che mantennero
profonde radici nella fede ebraica, siano spesso citati da autori cristiani nel corso dei primi cinque
secoli. Queste brevi citazioni sono le uniche finestre attraverso le quali possibile studiare le tradizioni
delle comunit che se ne servono. Tra i vangeli giudeocristiani il Vangelo degli Ebrei il pi citato,
anche se si fa riferimento ad almeno altri due testi simili (Ebioniti e Nazorei); difficile sapere da quale
vangelo provenga ogni frammento. Almeno otto scrittori antichi si sono riferiti e hanno citato
il Vangelo degli Ebrei, offrendo ognuno la propria interpretazione e la propria opinione circa
lautenticit. Grazie ad essi sappiamo che la data di composizione non va oltre la seconda met del II
secolo, ma probabilmente ben prima. Si detto che sono stati scritti in ebraico, anche se vi sono
parecchi paralleli con la tradizione egizia. Il vangelo non mostra una diretta dipendenza dai vangeli
canonici, pur condividendo un verso con il Vangelo di Tommaso (cap. 2). Tra le tradizioni uniche spicca
limmagine divina di Maria, come il logos giovanneo, incarnazione di Michele il quale era la
personificazione dello Spirito Santo. Inoltre, Ges appare per primo a suo fratello Giacomo dopo la
resurrezione. Poich Giacomo il Giusto era tradizionalmente considerato il fondatore della chiesa a
Gerusalemme, non sorprende che il Vangelo degli Ebrei sottolinei la sua autorit facendo di lui il primo
testimone del Cristo risorto.
(per approfondire, cfr. http://www.textexcavation.com/jewishgospels.html).
Vangelo degli ebioniti (datazione: 100150). Gli unici frammenti superstiti del Vangelo degli
ebioniti sono conservati sottoforma di citazione da parte di Epifanio, un padre della chiesa vissuto
nellultima parte del IV secolo Sfortunatamente, trattandosi di un testimone piuttosto ostile alle
tradizioni ivi contenute, le sue affermazioni sono confuse e contraddittorie. Gli ebioniti erano dei
giudeocristiani di lingua greca che vivevano ad est del Giordano, anche se stranamente Epifanio
definisce lopera un vangelo ebraico e lo considera una versione modificata di Matteo. Pi
precisamente, esso sembra essere una armonizzazione di tutti i vangeli sinottici, con alcuni piccoli
cambiamenti che riflettono la teologia dello scrittore. Gli ebioniti sostenevano una cristologia
adozionista: Ges era veramente uomo, ma fu scelto come figlio di Dio al momento del battesimo.
Tuttavia, Epifanio riferisce anche che essi credevano che Ges fosse stato creato come uno degli
arcangeli. Il vangelo fa di Ges e di Giovanni Battista due vegetariani, modificando Luca 22,15 e
cambiando la dieta di Giovanni Battista che si sarebbe nutrito non di locuste (greco: akris) ma di
focacce (egkris). Sebbene gli ebioniti, per ovvie ragioni, retrodatino i vangeli canonici, il loro vangelo
fu scritto prima della seconda met del II secolo visto che Ireneo vi fa riferimento.
(per approfondire, cfr. http://www.textexcavation.com/jewishgospels.html).
Vangelo dei Nazorei (100150). Sembrerebbe che il Vangelo dei Nazorei sia una traduzione
perduta del Matteo canonico in aramaico, con alcuni abbellimenti, chiarificazioni e aggiunte tratte da
tradizioni parallele. Tra le differenze pi notevoli: nella preghiera di Ges, loscuro termine
greco epiousios, di solito tradotto con [pane] quotidiano reso con mahar, che significa [pane] per
domani; il figlio di Barachia di Mt 23,35 cambiato in figlio di Baruch; luomo con la mano
237

paralizzata di Mt 12,13 identificato con uno scalpellino. Anche se in questo vangelo non c nulla di
particolarmente eterodosso, la sua somiglianza con Matteo lo ha reso superfluo nella tradizione
evangelica e il contenuto fu relegato come note a pi di pagina in una edizione di Matteo del 500 circa
Oggi, alcune di queste note, come pure le citazioni di Egesippo (180 circa), Origene, Eusebio e Girolamo
sono tutto ci che rimane del testo originale. I Nazorei (o Nazareni) furono una piccola comunit nella
Siria occidentale, dove molto probabilmente il vangelo fu composto nella prima met del II secolo
possibile che anche il Matteo canonico sia stato scritto qui.
(per approfondire, cfr. http://www.textexcavation.com/jewishgospels.html).
7.2 VANGELI DELLINFANZIA
Mentre i primi scritti cristiani (per es. le lettere di Paolo) si concentrano sulla morte e resurrezione di
Ges, i vangeli di Matteo e Luca si interessano anche delle circostanze della sua nascita. Con landare
del tempo, i vangeli dellinfanzia si svilupparono come forma se stante per integrare le tradizioni dei
vangeli narrativi.
Vangelo dellinfanzia di Giacomo o Protoevangelo di Giacomo (datazione: 150). La maggior
parte del Protoevangelo non dedicata allinfanzia di Ges, ma alla vita di Maria, la quale viene
rappresentata non solo come una vergine, ma anche come un baluardo della purit rituale lungo tutta
la sua vita. Parecchio del dogma su cui si basa la venerazione di Maria pu essere rintracciato in questo
documento. In effetti, la sua popolarit attestata da numerose traduzioni antiche superstiti, la pi
antica delle quali risale al III secolo, e dal precoce uso liturgico del Vangelo tra alcune chiese orientali.
Tra le tradizioni extracanoniche attestate nel Vangelo vi sono linserimento della figura di Giuseppe
come un vedovo con diversi bambini che semplicemente il custode di Maria, la nascita di Ges in una
grotta e il martirio del padre di Giovanni Battista, Zaccaria, nel corso della strage degli innocenti.
Lautore identifica se stesso come Giacomo, presumibilmente il fratello di Ges, e afferma di aver scritto
poco dopo la morte di Erode nel 4 d.C. Tale datazione tuttavia improbabile visto che lopera risente
di passi redazionali tratti sia da Matteo sia da Luca. Oltre al racconto canonico della nascita, lopera
risente molto della fraseologia dei LXX. Il periodo pi probabile di composizione il II secolo, poco
prima che riferimenti a questopera appaiano i altri scritti cristiani e quando furono registrate alcune
armonizzazioni con tradizioni preesistenti.
Vangelo dellinfanzia di Tommaso (datazione: 150). Il Vangelo dellinfanzia di Tommaso
probabilmente il primo dei numerosi tentativi compiuti dai primi cristiani di documentare i primi
dodici anni della vita di Ges, colmando cos il vuoto lasciato nel cap. 2 di Luca. La lingua originale del
testo sconosciuta probabilmente greco o siriaco ma la narrazione fu abbastanza popolare da
sopravvivere in numerose traduzioni, redazioni, storie parallele, inclusi parecchi vangeli dellinfanzia
egizi, praticamente fino alla Riforma protestante. Il testo pu avere influenzato anche gli autori del
Corano. La descrizione di Ges contenuta nel Vangelo, per quanto potesse forse allarmare le sensibilit
pi ortodosse, deve essere stata abbastanza famigliare per i Gentili, come il giovane Ges che mostra
tutta la sua precocit, abilit e potenza distruttiva nei confronti delle statuette della mitologia pagana.
Nei passi pi antichi della vicenda, Ges mostra una fastidiosa tendenza a uccidere i suoi compagni di
gioco quando lo disturbano. Alla fine egli impara a governare le sue abilit divine in modo pi
costruttivo e realizza la sua vocazione che culmina nel viaggio al tempio di Gerusalemme molto vicino
al racconto parallelo di Luca 2,4152. Le rivendicazioni dellautorit apostolica furono probabilmente
uno sviluppo secondario allinterno delle chiese siriache, dove circolavano molte delle tradizioni
derivanti da Tommaso. Il pi antico testo superstite un testo siriaco del VI secolo, ma lattestazione
pi precoce del Vangelo la si trova in una citazione di Ireneo (185 circa). Le attestazioni pi tarde di
Ippolito e Origene possono riferirsi al Vangelo dellinfanzia o al Vangelo di Tommaso, ma entrambe
furono considerate eretiche a causa del loro uso da parte dei cristiani gnostici.
238

7.3 ATTI
Gli Atti apocrifi miravano a completare i vangeli e gli Atti canonici con ulteriori dettagli narrativi
dellattivit missionaria dei singoli apostoli. I primi cinque Atti in particolare (quelli di Pietro, Paolo,
Giovanni, Andrea e Tommaso) furono molto popolari nella chiesa delle origini e le tradizioni qui
contenute vengono accettate ancora oggi da parecchi cristiani. In ogni caso, a motivo della data
relativamente tarda della loro composizione, il valore storico di questi Atti dubbio.
Atti di Pietro (datazione: 150200). Gli Atti di Pietro sono generalmente considerati il primo degli Atti
apocrifi, anche se gli studiosi sostengono la priorit di quelli di Giovanni e degli Atti di Paolo. La ricerca
moderna concorde nel sostenere che Paolo si serve di Pietro, mentre Pietro e Giovanni hanno unorigine
comune. La paternit del testo attribuita a Leucio, il compagno di Giovanni accreditato anche come
autore degli Atti di Giovanni. I manoscritti superstiti fanno parte di un lungo testo proveniente da
Vercelli datato al VI secolo comprendente diversi Atti, e un antico testo greco contenente solo il martirio,
dal quale proviene la tradizione che Pietro sia stato crocifisso a testa in gi. Ci sono anche testi secondari
che contengono vicende parallele relative allo scabroso tema di donne che accettano volentieri una
paralisi piuttosto che contaminare il proprio corpo con relazioni sessuali. In testo copto compreso nella
biblioteca di Nag Hammadi, la donna in questione la figlia di Pietro. Per ironia della sorte, a dispetto di
tale considerazione encratita del sesso e matrimonio, gran parte degli Atti di Pietro dedicata a
denunciare linsegnamento gnostico di Simon Mago che senza dubbio condivide le stesse concezioni.
Gli Atti di Pietro furono considerati eretici da Eusebio e dal Decreto Gelasiano. Pietro compie diversi
miracoli negli Atti, dal parlare con cani e bambini alla resurrezione sia di persone sia di pesci affumicati.
Roma lambientazione primaria e il probabile luogo di composizione.
Atti di Giovanni (datazione: 150200). Un tempo si pensava che gli Atti di Giovanni fossero gli Atti
apocrifi pi antichi, sebbene molta della loro ideologia gnostica non sia presente in altri Atti (tranne in
quelli di Tommaso). Parecchi studiosi considerano i vistosi capitoli gnostici e/o docetisti (cc. 94102 e
109) unaggiunta posteriore. Lopera tradizionalmente attribuita a Leucio Carino, un compagno di
Giovanni che successivamente fu associato ai Manichei. Il libro racconta dei due viaggi di Giovanni a
Efeso, durante i quali egli compie numerose resurrezioni e converte i seguaci della dea Artemide dopo
aver distrutto il loro tempio. Il libro include anche lInno a Cristo, inserito in unopera musicale
moderna da Gustav Holst. Come il vangelo di Giovanni, la cristologia degli Atti mostra alcune influenze
ellenistiche. Dal momento che gli Atti di Giovanni furono condannati abbastanza presto, tutti i testi
superstiti sono allo stato di frammento. I manoscritti pi antichi sono greci, anche se diversi testi latini
mostrano sviluppi pi tardi e possono aver risentito dei tentativi cattolici di purgarne i passi eterodossi.
Atti di Paolo (datazione: 150200). Gli Atti di Paolo furono di gran lunga i pi popolari atti apocrifi e
hanno generato una grande quantit di arte cristiana e di letteratura secondaria, come pure il culto nei
confronti di Tecla, una giovane ragazza che accompagn Paolo nei suoi viaggi missionari. Gli Atti furono
considerati ortodossi da Ippolito, come pure da altri autori fino alla met del IV secolo, ma alla fine,
allorch gruppi eretici come i Manichei cominciarono ad adottarli, furono rifiutati dalla chiesa.
Nondimeno, alcuni testi greci tardi delle Lettere di Timoteo contengono dei passi alternativi che
sembrano derivare dagli Atti. Gli Atti di Paolo furono spesso accoppiati alla Terza Lettera di Paolo ai
Corinzi, che le chiese siriaca e armena consideravano autenticamente paoline. In origine opera separata,
la Lettera fu probabilmente scritta al tempo delle lettere pastorali e unita pi tardi agli Atti, solo dopo che
fu esclusa dalla maggior parte delle raccolte paoline. La Lettera fu scritta anzitutto per combattere la
dottrina gnostica e marcionita che utilizzava altre opere paoline con un intento antisemita. Questa Lettera
sopravvissuta in manoscritti ancora esistenti e contiene le storie di Tecla e il racconto della
decapitazione di Paolo a Roma; il resto degli Atti esiste solo in testi greci frammentari a partire dal III
secolo e nel testo copto dal V secolo Lautore, sconosciuto, non sembra mostrare alcuna dipendenza dagli
Atti canonici, anzi utilizza altre tradizioni orali relative alla predicazione di Paolo e alla sua attivit
missionaria Scrive probabilmente in Asia Minore verso la fine del II secolo
239

Atti di Andrea (datazione: 200225). Gli Atti di Andrea continuano la tradizione encratita iniziata
dagli Atti di Pietro e di Giovanni, e possono essere dello stesso autore, sebbene gli studiosi tendano a
datare Andrea un po pi tardi. Questi Atti tuttavia non sono cos chiaramente gnostici come, per
esempio, gli Atti di Giovanni; limportanza del martirio sottolineata dallinizio alla fine, cosa che non
in linea con il pensiero gnostico. Il proconsole greco Egeate condanna Andrea alla crocifissione dopo
che sua moglie, a seguito della sua conversione al cristianesimo, ha rifiutato le sue profferte sessuali.
Andrea sopravvive sulla croce per quattro giorni, continuando a rifiutare i tentativi dei suoi seguaci di
salvarlo. I testi superstiti oscillano tra un frammento copto del IV secolo e testi greci e latini a partire
dal XII ed quindi difficile stabilire il testo originale degli Atti. Alcuni testi secondari sostengono che
Andrea ha evangelizzato la Scozia invece che la Grecia.
Atti di Tommaso (datazione: 200225). A parte la sezione degli Atti di Giovanni conosciuta come la
Predicazione del vangelo, gli Atti di Tommaso sono tra gli Atti apocrifi i pi apertamente gnostici,
visto che rappresentano Cristo come il Redentore celeste che pu liberare le anime dalloscurit del
mondo fisico. Sorprendentemente, Tommaso il solo tra i cinque Atti primitivi ad essere sopravvissuto
nella sua interezza, in un testo siriaco del VII secolo e in un testo greco dellXI, come pure in diversi
frammenti. Sebbene i testi siriaci siano pi antichi e rappresentino la lingua originaria dellopera, essi
appaiono purgati dai passi eterodossi. Cos il greco, per quanto spesso tradotto alla buona, rappresenta
la tradizione pi antica. Tommaso anche il solo libro degli Atti che rivendica lautorit apostolica,
anche se difficile capire come Tommaso possa aver parlato del proprio martirio. Molti ritengono che
lautore abbia scritto allinizio del III secolo, anche se alcuni legami con il Vangelo di Tommaso possono
collocarlo pi tardi. Il libro racconta di come gli apostoli abbiamo tirato a sorte per dividere il mondo
per il loro lavoro missionario e lIndia toccata a Tommaso. Si guadagn dei seguaci indiani, praticando
esorcismi e resurrezioni, ma alla fine venne condannato a morte dopo aver convertito le moglie del re
Misdeo e di Carisio, suo parente. Mentre si trovava in prigione, Tommaso cant lInno della perla,
un poema che ebbe grande popolarit presso i circoli ortodossi.
7.4 VANGELI DI DETTI
Il modello dei Vangeli di detti deriva dalla letteratura sapienziale ebraica e mira a conservare non una
biografica storica di Ges, ma piuttosto a una collezione di suoi insegnamenti sottoforma di detti isolati
o dialoghi fittizi. Anche se nessun Vangelo di detti stato canonizzato nel Nuovo Testamento, diversi
studiosi ritengono che un vangelo di questo genere (Q) sia stato utilizzato come fonte da Matteo e Luca.
Vangelo di Tommaso (datazione: 70150). Il Vangelo di Tommaso pu essere considerata la pi
istruttiva scoperta sulle origini cristiane della storia moderna. Il Vangelo venne spesso menzionato nella
letteratura cristiana antica, ma si riteneva che non ne esistesse alcuna copia fino alla scoperta di una
manoscritto superstite in copto a Nah Hammadi, Egitto, nel 1945. Da allora, parte dei papiri di Ossirinco
sono stati identificati come il pi antico frammento greco di Tommaso. Tommaso un autentico Vangelo
di detti, nel senso che, come lipotetico Vangelo Q, consiste soltanto in una raccolta di detti di Ges senza
cornice narrativa. Sebbene Tommaso non sia Q, la sua scoperta la prova della teoria secondo la quale
nei primi anni del cristianesimo esistevano diverse raccolte. Anche se il manoscritto copto lo fa risalire al
IV secolo circa, c un grande dibattito circa la data originaria di composizione. La maggior parte degli
studiosi lo considera del II secolo, mentre alcuni propendono per una data non posteriore alla met del I
secolo Il dibattito ruota intorno al fatto se Tommaso dipenda dai vangeli canonici oppure se derivi da una
antica tradizione indipendente. Diversi passi di Tommaso sembrano essere versioni pi autentiche delle
parabole dei sinottici, anche se difficile dare conto di molti passi paralleli rispetto al materiale
specifico di Matteo e Luca, a meno che Tommaso non abbia usato la stessa fonte usata da ognuno di
loro. La scoperta di Tommaso come parte di una libreria gnostica ha spinto molti a ritenerlo unopera
gnostica; tuttavia, pochissimo di essa avrebbe potuto essere considerato eterodosso da parte della chiesa
primitiva e quel poco materiale dubbio che pu essere trovato probabilmente unaggiunta
posteriore. Tommaso rappresenta una filosofia della Sapienza ebraica che fu abbracciata dagli gnostici
240

secondo la quale il regno di Dio non qualcosa che si deve attendere, ma gi presente qui, se solo si
diventasse abbastanza spirituali da vederlo. Il Vangelo fu molto probabilmente scritto in Siria, dove la
tradizione ritiene che la chiesa di Emesa fosse stata fondata da Tommaso il Gemello (Didymos).
Il Vangelo pu benissimo essere la pi antica tradizione scritta della chiesa siriaca.
Libro segreto di Giacomo o Lettera segreta di Giacomo o Epistula Iacobi Apocrypha
(datazione: 100150). Il Libro segreto di Giacomo probabilmente il pi antico esempio di una duratura
tradizione gnostica secondo la quale il Ges risorto ha rivelato un insegnamento segreto ai suoi discepoli.
Il testo strutturato sottoforma di una lettera scritta da Giacomo, il fratello di Ges, a un destinatario il
cui nome non pu essere precisato a causa dello stato frammentario della prima pagina del codice in
papiro conosciuto come il Codice Jung proveniente dalla biblioteca di Nag Hammadi. Il manoscritto
una traduzione copta da un originale greco, anche se lautore sostiene di aver scritto in ebraico. Ges
parla dellimportanza di essere pieno di Spirito, grazie al quale si giunge alla conoscenza (gnosis) del
regno di Dio necessaria per ottenere la salvezza. Dopo la rivelazione a Giacomo e a Pietro, Giacomo invia
gli apostoli verso la loro destinazione missionaria, poi si mette in viaggio verso Gerusalemme. A Pietro
viene attribuito un ruolo secondario nel dialogo, cosa che probabilmente rappresenta lo sviluppo del
conflitto con la chiesa ortodossa. Il Giacomo segreto mostra una famigliarit con le parabole conosciute
di Ges, inclusa una lista delle undici che compaiono in Matteo e/o Luca. Il testo non mostra nessuna
conoscenza dei dettagli dei racconti di passione, sostenendo addirittura che Ges stato sepolto nella
sabbia dopo la sua crocifissione. E cos, il corpo del Giacomo segreto risale probabilmente alla inizio del
II secolo quando, come il Vangelo di Giovanni, le prime tradizioni di Detti si svilupparono in discorsi e
dialoghi. La cornice narrativa, costituita dai primi due e dagli ultimi due capitoli, molto probabilmente
uno sviluppo secondario pensato per utilizzare lautorit apostolica; luso del termine Salvatore in
questi capitoli spinge a datarli posteriormente al corpo dellopera.
Dialogo del Salvatore (datazione: 150). Lunica copia superstite del Dialogo del Salvatore fu
scoperta nella biblioteca copta di Nag Hammadi. A dispetto del suo pessimo stato di conservazione,
essa rappresenta un importante stadio di sviluppo dei Vangeli di detti. Il Dialogo una espansione di
raccolte di detti come il Vangelo di Tommaso o Q; gli insegnamenti di Ges vengono esposti come
risposta alle domande poste dai suoi discepoli. Sebbene i detti abbiano paralleli in tutti i vangeli
sinottici, come pure in Tommaso, improbabile che il Dialogo dipenda da uno di essi; la fonte dei detti
pu essere stata composta non dopo la met del I secolo Oltre ai detti, lautore sembra aver utilizzato
almeno tre altre fonti: un mito di creazione, un catalogo di sapienza cosmologica e una rivelazione
apocalittica. La loro combinazione, come pure una preghiera gnostica introduttiva, forma una lezione
escatologica completa. Il termine Salvatore probabilmente unaggiunta tarda introdotta dal
redattore finale. Nel Dialogo gli insegnamenti erano presumibilmente indirizzati agli iniziati cristiani
che si preparavano al Battesimo. Come molti insegnamenti gnostici, il testo fu mantenuto segreto e non
fui mai accettato dalla ortodossia ecclesiastica.
Epistula apostolorum Lettera degli apostoli (datazione: 150). A dispetto del titolo, la Lettera
degli apostoli un vangelo di detti pi che una lettera. Fu scritta probabilmente come una reazione
ortodossa contro i vangeli gnostici che contengono gli insegnamenti segreti del Ges risorto. La prefazione,
che ne attribuisce la paternit a tutti gli apostoli, cerca di conferire allopera una certa autorevolezza rispetto
a tutti gli altri scritti pseudonimi. Il testo comincia e finisce con dettagli ripresi dai vangeli canonici, ma il
corpo centrale contiene delle istruzioni di Ges riguardo alla resurrezione e allapocalisse, precisando che
la Parusia si sarebbe verificata entro 150 anni. Le parole di Ges sono rafforzate da molti riferimenti alla
Scrittura e servono ad accreditare il documento come una legittima estensione della tradizione evangelica
per la prima comunit cattolica. Il testo pi antico un manoscritto copto del IVV secolo tradotto da un
originale greco, ma la sola copia completa un documento etiopico molto tardo. Analogie con credenze
della met del II secolo collocano lautore in questo periodo, forse in Egitto
241

7.5 LETTERE
Lettere di Cristo e Abgaro. Secondo la tradizione, la chiesa siriaca stata fondata dopo che il re
Abgaro scrisse una lettera a Ges, il quale rispose che gli sarebbe stato mandato un apostolo dopo la sua
ascensione. La tradizione successiva sostiene che questo apostolo sia Tommaso o che Tommaso abbia
inviato Taddeo nella capitale della Siria. Copie della lettera furono ottenute dalla chiesa di Edessa da
Eusebio e tradotte in greco per la sua Storia ecclesiastica intorno al 325. Egli espresse qualche dubbio
sul fatto che le lettere fossero autentiche, mentre gli studiosi contemporanei ovviamente le respingono.
Ciononostante, alcune chiese orientali e le chiese anglicane tengono queste lettere in grande riguardo.
7.6 APOCALISSI
Apocalisse di Pietro (Akhmm) (datazione: 100125). LApocalisse di Petro costituisce il primo
riferimento cristiano alla vita nellaldil e descrive con vividi dettagli la gioia del Paradiso e i tormenti
dellInferno. Per via della sua antichit, lopera fu attribuita a Clemente e forse stata usata dallautore
della Apocalisse di Paolo; potrebbe anche precedere lApocalisse canonica di Giovanni. Il libro venne
incluso nel Canone Muratoriano (200 circa) e nel Codex Claramontanus. difficile capire per quale
motivo abbia perso il favore della chiesa ortodossa, tranne forse per il fatto che fu spesso associata
al Vangelo di Pietro considerato eretico. Lopera si trova in un testo etiopico e in un testo greco
frammentario rinvenuto a Akhmm insieme al Vangelo di Pietro. Le due versioni presentano delle
sorprendenti divergenze e sembra che, sebbene lopera fosse stata scritta originariamente in greco, il testo
di Akhmm rappresenti uno sviluppo posteriore. Lopera pesca a piene mani dalla tradizione apocalittica
ebraica (1 Libro di Enoch), mentre il racconto della trasfigurazione simile alla descrizione della Seconda
lettera di Pietro.
Apocalisse di Paolo Visio Pauli (datazione: 250). La tradizione dice che lApocalisse di Paolo sia
stata rinvenuta nelle fondamenta della casa di Paolo a Tarso, sigillata in una cassa di marmo contenente
le sue scarpe, nel 388. Pi verosimilmente, un editore dellopera ha architettato questo racconto nel
tentativo di conferire rinnovato interesse alle tradizioni della vita dellaldil iniziate due secoli prima con
lApocalisse di Pietro. In ogni caso, la cosa funzion, visto che lApocalisse di Paolo fu molto popolare
nellEuropa occidentale e pu essere stata una delle fonti dellInferno dantesco. Lopera fu probabilmente
scritta in greco in Egitto verso la met del III secolo Il manoscritto pi antico esistente un testo latino
dellVIII secolo Diversi testi dello stesso periodo sono delle versioni condensate precedute da prediche
relative ai tormenti dellinferno. La chiesa ortodossa escluse lopera dal canone probabilmente a causa
dei problemi relativi alla paternit. La rivelazione preceduta dalla visione di Paolo del Paradiso ripresa
da 2Cor. 12. Lautore riferisce i segreti di cui Paolo non vorrebbe parlare. Un angelo conduce Paolo
attraverso il cielo, descritto come il Paradiso in cui Adamo e sua moglie peccarono, dove incontra la
vergine Maria e i patriarchi. Pi avanti, dopo aver visto gli orrori dellinferno, Paolo convince Ges a
concedere ai dannati una sospensione delle loro torture nel giorno di sabato (Shabbat).
Apocalisse di Tommaso (datazione: 300400). Si conosce poco della storia dellApocalisse di
Tommaso; il solo riferimento ad essa negli scritti antichi sembra una singola citazione di Girolamo.
Esistono due versioni in latino, la pi lunga delle quali uno sviluppo dellaltra. Alcune allusioni
storiche nella versione lunga suggeriscono come data il V secolo; il testo parla di un re, amante della
legge, con due figli i cui nomi cominciano con la A e la H (Teodosio ci sta giusto bene). Il riferimento
allalfabeto latino potrebbe indicare che questa fosse la lingua di composizione. Il testo pi lungo fa
largo uso di profezie metaforiche simili allApocalisse canonica di Giovanni. Entrambi i testi sostengono
che la distruzione della terra e la risurrezione dei morti avverr allultimo dei sette giorni. Alcune
immagini presenti nellopera possono essere considerate gnostiche, ma non al punto da essere
considerata eterodossa.
Apocalisse di Bartolomeo Vangelo di Bartolomeo (datazione: 300500). Gli scritti di
Girolamo come anche il Decreto Gelasiano parlano di una Vangelo di Bartolomeo, anche se non si sa se
242

stanno parlando di questopera; esiste anche un frammentario Libro della risurrezione dellapostolo
Bartolomeo, che sembra pi vicino ad un vangelo narrativo, ma contiene anche visioni apocalittiche. Il
testo comincia come un Vangelo di detti, ma poi si occupa di rivelazioni e insegnamenti escatologici,
inclusa una discesa agli inferi. La maggior parte delle tradizioni su Bartolomeo sono originarie dellEgitto,
anche se il testo attuale riflette probabilmente degli sviluppi pi tardi. La vistosa venerazione di Maria
forse un prodotto del III e IV secolo; alcuni studiosi collocano lintera opera al VI secolo
7.7 Bibliografia in italiano
7.7.1 Raccolte di testi
Craveri M, I vangeli apocrifi, Einaudi, Torino 1969 (raccolta parziale).
Erbetta M., Gli apocrifi del Nuovo Testamento, 3 voll., Marietti, Torino 19661981.
Moraldi L., Tutti gli Apocrifi del Nuovo Testamento, 3 voll., Piemme, Casale Monferrato (Al) 1999
(riedizione della raccolta pubblicata dalla UTET, Torino 1971, 1994).
7.7.2 Introduzioni
Ehrman B.D., I Cristianesimi perduti. Apocrifi, sette ed eretici nella battaglia per le scritture, Carocci,
Roma 2003.
Kaestli J.D. Marguerat D. (a cura), Il mistero degli apocrifi, Massimo, Milano 1996.
Lenzuni A. (a cura), Apocrifi del Nuovo Testamento, EDB, Bologna 2004.
Association pour ltude de la littrature apocryphe chrtienne (AELAC)
http://www2.unil.ch/aelac/
http://www.interfaith.org/christianity/apocrypha/

















243

8 Le tre ricerche del Ges della storia
La ricerca del Ges della storia ha come obiettivo di ricostruire la vita di Ges di Nazareth utilizzando
documenti storici neutri, cio non influenzati dalla soggettivit (positiva o negativa) dei testimoni;
questi documenti vengono sottoposti alla critica storica con lintento di enucleare gli elementi la cui
autenticit pu essere convalidata.
8.1 Le fonti
Non avendo egli scritto n dettato nulla, le fonti su Ges sono tutte indirette, anche se molteplici.
La pi antica rappresentata dalle epistole paoline, che per contengono pi che altro professioni di
fede relative alla morte per crocifissione e alla risurrezione. Paolo, anche se non sempre le cita
espressamente, conosce anche una raccolta di loghia (parole del Signore).
Ci sono poi i racconti evangelici: Marco (65 circa), Matteo e Luca (tra il 70 e l80), Giovanni (intorno
al 9095). Non si tratta di biografie di Ges: la vicenda storica raccontata secondo una prospettiva di
fede che seleziona dei fatti in funzione della loro lettura teologica.
Alcune tradizioni relative a Ges sono riportate dai vangeli apocrifi, in particolare il Vangelo di
Pietro(120150), il Vangelo di Tommaso (in copto, verso 150), e il Protoevangelo di Giacomo (150170).
Lo storico ebreo Flavio Giuseppe riporta questa interessante notizia si dice: in quel tempo, ci fu un
uomo saggio, chiamato Ges, la cui condotta era buona, e le cui virt furono riconosciute. E molti dei
giudei e delle altre nazioni si fecero suoi discepoli. E Pilato lo condann ad essere crocifisso e a
morire... (Antichit Giudaiche 18,3,3). Anche se lautenticit di questo Testimonium Flavianum
discussa, probabile che queste parole siano autentiche.
Tra le diverse allusioni a Ges (circa 15), nel Talmud babilonese troviamo questo racconto: Viene
tramandato: [al venerd] alla sera della Parasceve si appese Jeu [hanser = il cristiano]. Un araldo per
quaranta giorni usc davanti a lui: Egli [Jeu hanser] esce per essere lapidato, perch ha praticato la
magia e ha sobillato e deviato Israele. Chiunque conosca qualcosa a sua discolpa, venga e larrechi per lui.
Ma non trovarono per lui alcuna discolpa, e lo appesero [al venerd] alla sera della Parasceve. Disse Ulla:
Credi tu che egli [Jeu hanser] sia stato uno per il quale si sarebbe potuto attendere una discolpa?
Egli fu invece un istigatore allidolatria, e il Misericordioso ha detto: Tu non devi avere misericordia e
coprire la sua colpa! Con Jeu fu diverso, perch egli stava vicino al regno (Sanhedrin B, 43b).
Non essendo il mondo pagano interessato a Ges, le fonti non cristiane sono rare; tra esse basti
ricordare:
Tacito, Annales XV, 44: Auctor nominis eius Christus Tiberio imperitante per procuratorem
Pontium Pilatum supplicio adfectus erat;
Plinio il Giovane, Epistulae X, 96;
Svetonio, Vita Claudii XXIII, 4: Iudaeos impulsore Chresto assidue tumultuantes Roma expulit;
Trifone, Dialogo con Trifone CVIII, 2: sorta uneresia senza Dio e senza Legge da un certo Ges,
impostore Galileo; dopo che noi lo avevamo crocifisso, i suoi discepoli lo trafugarono nottetempo
dalla tomba ove lo si era sepolto dopo averlo calato dalla croce, ed ingannano gli uomini dicendo
che risorto dai morti e asceso al cielo;
Celso, cit. in Origene, Contro Celso.
Chiamata comunemente Quest, la ricerca sul Ges storico si sviluppata in tre fasi successive.


244

8.2 First Quest o ricerca liberale (17781906): Ges, una grande personalit
spirituale
La ricerca sul Ges della storia comincia con Hermann Samuel Reimarus (1694
1768). Professore di lingue orientali ad Amburgo, egli scrisse unopera intitolata Apologia
degli adoratori razionali di Dio, pubblicata postuma da Gotthold Ephraim Lessing in
sette frammenti, uno dei quali era intitolato Von dem Zwecke Jesu und seiner
Junger (Dello scopo di Ges e dei suoi discepoli. Un altro frammento dellanonimo di
Wolfenbttel, 1778: I frammenti dellAnonimo di Wolfenbuttel pubblicati da G. E.
Lessing, Napoli, Bibliopolis, 1977).
In questopera Reimarus sostiene una tesi secondo la quale la nascita del cristianesimo si
basa su un falso storico, determinato dal fatto che Ges riteneva di avere uno scopo (Zwecke) politico,
pensava cio di essere il messia liberatore degli Ebrei dal dominio romano; dopo la sua morte, segno
del fallimento della sua missione, i discepoli avrebbero rubato il suo cadavere, inventato lannuncio
della sua risurrezione e creato una nuova religione.
Merito di Reimarus fu di aver introdotto il criterio della discontinuit: mentre fino a quel momento si
era ritenuta ovvia la continuit tra la vita di Ges e la predicazione della comunit cristiana primitiva,
egli fa vedere come tra Ges in quanto Messia politico e il Cristo descritto dai vangeli ci sia una evidente
discontinuit. Il dato di fatto che il Ges della storia non coincide con il Cristo dei racconti evangelici.
Ci diede il via alla Leben Jesu Forschung (indagine sulla vita di Ges) il cui scopo era quello di
rispondere alla domanda: chi il vero Ges? Schematizzando un po, si potrebbe dire che in un primo
tempo prevalse una tendenza razionalista che leggeva nel vangelo la concrezione simbolica di verit
spirituali, mentre i miracoli e la risurrezione erano spiegati razionalmente se non negati (Heinrich
Paulus, 1828; Friedrich Schleiermacher, 1832); successivamente si accentua lumanit di Ges e i
vangeli sono letti come documenti biografici segnati dallimpatto della persona di Ges. Da qui una
serie di ritratti di Ges: i razionalisti lo descrissero come un maestro di morale, gli idealisti come una
specie di quintessenza dellumanit, gli esteti lo lodarono come un geniale artista della parola, i
socialisti come il difensore dei poveri e come riformatore sociale.
Tra gli autori pi significativi vale la pena citare:
Georg W. F. Hegel, Das Leben Jesu. Aus Hegels theologischen Jugendschriften
nach den handschriften der Kgl. Bibliothek in Berlin, 1795 (trad. it. Vita di Ges,
Roma, Newton Compton, 1995; Brescia, Queriniana, 2001);
David F. Strauss, Das Leben Jesu. Kritisch bearbeitet von David Friedrich
Strauss, 18351836 (trad. it. La vita di Ges o Esame critico della sua storia,
Milano, Sanvito, 18631865);
Ernest Renan, Vie de Jsus, 1863 (trad. it. Roma, Newton Compton, 1990).
Contro la pretesa di ricostruire storicamente la figura di Ges (Leben Jesu Forschung),
nel 1892 Martin Khler pubblica un libro intitolato Der soggenannte historische
Jesus und der geschichtliche, biblische Christus (Il cosiddetto Ges
storico e lautentico Cristo biblico, Napoli, DAuria, 1993). Il titolo
stesso mostra limpostazione di Khler: lhistorische Jesus indica il
Ges storicoreale, quello storicamente esistito, mentre
il geschichtlich Christus indica il Cristo storicobiblico, quello
predicato dagli Apostoli. Secondo Khler la ricerca storica sulla vita
di Ges non solo impossibile (non possediamo alcuna fonte, visto che i vangeli non
sono delle biografie di Ges), ma anche illegittima (i vangeli non sono testi storici,
ma delle testimonianze di fede).

Figura 92 H.S.
Reimarus
Figura 94 E.
Renan
Figura 93 D. F.
Strauss
Figura 95 M. Khler
245

Su questa linea si muover Rudolf Bultmann, che nella sua famosa opera del 1929,
intitolata semplicemente Jesus, afferma: Io sono indubbiamente del parere che noi non
possiamo sapere pi nulla della vita e della personalit di Ges, poich le fonti cristiane
non si sono interessate al riguardo se non in modo molto frammentario e con taglio
leggendario, e perch non esistono altre fonti su Ges (Ges, Brescia, Queriniana, 1972,
p. 103). In sostanza, non vi continuit tra il Ges della storia e il Cristo del kerygma (=
predicazione): il Ges storico irrilevante per la fede cristiana. Certo nei Vangeli il Cristo
del kerygma lo stesso Ges di Nazareth; la confessione di fede contenuta nei Vangeli
afferma il fatto (dass) dellesistenza di Ges, ma il modo (wie) e il cosa (was) della sua predicazione
sono irrilevanti.
Dal punto di vista metodologico il merito degli esponenti della ricerca liberale di procedere ad uno
studio critico delle fonti documentarie. Comparando tra loro i quattro vangeli canonici, ne rilevano le
divergenze, optando per lautenticit di una versione a detrimento delle altre. Per esempio: si deve
pensare che luomo di Nazareth abbia difeso lautorit della Tor fin nei minimi particolari, come dice
Matteo (5,1720), oppure al contrario che abbia assunto una posizione critica riguardo alla legge come
mostra Marco (7,123)? Altro esempio: lultima parola di Ges in croce fu un grido disperato (Mc
15,34), una parola di fiducia (Lc 23,46), o una dichiarazione teologica (Gv 19,30)? Problemi del genere
non emanano da spiriti tortuosi o malintenzionati, ma scaturiscono dalla lettura attenta dei testi stessi
e dal loro confronto. La composizione teologica cui si sono dedicati gli evangelisti conferisce alla loro
opera un orientamento corrispondente alla ricezione della tradizione di Ges nel loro ambiente. Per
comporre un ritratto sintetico del Galileo non basta accumulare o giustapporre le informazioni
ricavabili dai quattro vangeli; essendo queste spesso divergenti, si tratta di optare in funzione della pi
alta probabilit storica.
Ma in nome di che cosa si pu decidere della probabilit storica? Nel 1906 Albert
Schweitzer (Von Reimarus zu Wrede. Eine Geschichte der LebenJesuForschung,
Tbingen, Mohr, 1906 [trad. it. Storia della ricerca sulla vita di Ges, Brescia, Paideia,
1986]) ha proposto una constatazione devastante: la ricostruzione del Ges della storia
in balia della speculazione e delle preferenze di ogni ricercatore, ognuno dei quali,
opta in effetti, per il Ges che meglio gli conviene: poeta romantico, profeta di
conversione, o cantore dellamore. Schweitzer denunciava lassenza di criteri obbiettivi
che consentissero di identificare quello che nei vangeli pi autentico. Simpegnava
inoltre a mostrare limportanza del concetto di regno di Dio per comprendere che fosse
Ges: il Galileo era per lui un profeta afferrato dallimminenza della venuta del Regno, persuaso che la
storia fosse ormai sul punto di sprofondare nella catastrofi apocalittiche, segnalanti linstaurazione
dun nuovo mondo promesso da Dio (Mc 13).
8.3 New Quest o Seconda ricerca (19501980): Ges allalba del Regno
Se, da un lato, la First Quest (liberale) enfatizzava il Ges storico, in contrapposizione
alla predicazione apostolica, e, dallaltro, Bultmann enfatizzava la predicazione
apostolica, indipendentemente dal Ges storico, un suo exallievo, Ernst
Ksemann, considerato liniziatore della New Quest, intende ricomporre la frattura.
Nel suo articolo intitolato Das Problem des historischen Jesu (in Zeitschrift fr
Theologie und Kirche LI, 1954, pp. 125153, egli fa notare che, senza un collegamento
tra il Cristo della fede e il Ges della storia, il cristianesimo si ridurrebbe ad un mito
astorico; daltra parte, se la Chiesa primitiva non fosse stata interessata alla storia di
Ges, perch avrebbe scritto i Vangeli i quali, sebbene non siano opere storiche, sono
comunque interessati alla storia di Ges? Ne consegue che, pur essendo un chiaro prodotto
postpasquale, i Vangeli non ci sarebbero stati non ci fosse stata la previa convinzione dellidentit tra
Ges della storia (nato, morto) e il Cristo della fede (risorto).
Figura 96 R.
Bultmann
Figura 97 A.
Schweitzer
Figura 98 E.
Ksemann
246

Ksemann quindi convinto che, partendo dai Vangeli, sia possibile risalire alla storicit, sia pure non
assoluta, dei facta e dei dicta Jesu. A livello metodologico, egli fissa due postulati, concernenti luno lo
statuto del testo evangelico, laltro ladozione dei criteri di autenticit.
In primo luogo viene chiarito lo statuto del testo evangelico: i vangeli non ci restituiscono un accesso diretto
alla testimonianza dei contemporanei di Ges, ma sono il frutto di una ricomposizione letteraria e teologica
dei primi cristiani. La critica delle forme letterarie (Formgeschichte) ha stabilito che la tradizione di Ges
non era mossa da una preoccupazione archivistica, ma piuttosto procedeva in vista di preservare una
memoria di Ges utile alla vita credente. I vangeli ci trasmettono cos la memoria che, dopo Pasqua, le
comunit hanno preservato degli atti e delle parole del loro Signore; in effetti, il destino del Galileo fu
compreso dai primi cristiani alla luce della risurrezione. Di conseguenza, diventa altamente improbabile
ricostruire una biografia di Ges, dal momento che il quadro narrativo dei vangeli stato concepito dagli
evangelisti allo scopo di integrare la molteplicit dei piccoli racconti consegnati dalla tradizione.
In secondo luogo, bisogna adottare dei criteri di autenticit. Per ricerca di autenticit non si intende
pi la restituzione protocollare dei detti di Ges (che peraltro parlava aramaico, mentre i vangeli sono
stati redatti in greco), ma la ricerca di una coincidenza pi stretta possibile con la sostanza e
lintenzionalit delle parole e dei gesti del Galileo. I criteri di autenticit sono cinque.
a. Criterio di attestazione multipla: vanno ritenuti autentici fatti e gesti di Ges attestati almeno
da due fonti letterariamente indipendenti (per es. un motivo attestato contemporaneamente da
Paolo e Marco, o Matteo e Giovanni, o ancora Luca e il Vangelo di Tommaso).
b. Criterio dellimbarazzo ecclesiale: vanno ritenuti autentici fatti e gesti di Ges che hanno
creato difficolt nella loro applicazione in seno alle prime comunit cristiane (per es. il battesimo di
Ges per mano di Giovanni in Mt 3,1317 colloca Ges in subordine rispetto al Battista, ponendo la
Chiesa in difficolt nel suo conflitto con i circoli battisti; oppure lannuncio della venuta imminente
del Regno di Dio, non essendosi questa verificata durante la vita dei discepoli: In verit vi dico: vi
sono alcuni qui presenti, che non morranno senza aver visto il regno di Dio venire con potenza).
c. Criterio di originalit (detto anche di differenza): una tradizione pu considerarsi autentica
a patto di non essere la pura ripresa di un motivo presente nel giudaismo dellepoca, o leffetto di
una rilettura cristiana dopo Pasqua. Sono cos scartate linsistenza sulla Tor in quanto tale ( un
dogma farisaico), o la riflessione sullorganizzazione della Chiesa (riflesso dellinteresse dei primi
cristiani). Per contro, lo sferzante lascia che i morti seppelliscano i loro morti (Lc 9,60) non ha
paralleli nellAntichit, se non presso qualche filosofo cinico.
d. Criterio di coerenza: postula che Ges non fosse un soggetto assurdo o contraddittorio; una
logica deve pur reperirsi tra le sue parole e azioni, come pure internamente al suo discorso.
e. Logica di crisi: postula che ogni ricostruzione della vita del Galileo deve far apparire perch e su
quali punti abbia potuto scatenarsi il conflitto mortale che ha opposto Ges ai capi religiosi di Israele.
I principali esponenti della New Quest sono stati:
James Robinson, New Quest of the Historical Jesus, London, 1959 (trad. it. Kerygma e Ges
storico, Brescia, Paideia, 1977).
Gnther Bornkamm, Jesus von Nazareth, Stttgart 1956 (trad. it. Ges di Nazaret, Torino,
Claudiana, 1977).
Ren Latourelle, Laccs Jsus par les Evangiles, histoire et hermneutique, Tournai, Descle,
1978 (trad. it. A Ges attraverso i Vangeli, Assisi, Cittadella,
3
1988, 1978).
Maurice Goguel, Jesus: histoire des vies de Jsus, les tmoignages non chrtiens sur Jsus, le
tmoignage paulinien, les vangiles, les origines de Jsus, lenseignement de Jsus, la crise galilenne,
le ministre jrusalemite, le problme de lhistoire de la passion, lvangile, Paris, Payot, 1950.
Charles Harold Dodd, The Founder of Christianity, London 1070 (trad. it. Il fondatore del
cristianesimo, Leumann, Elledici 2007)
Charles Perrot, Jsus et lhistoire (Jsus et JsusChrist 11), Paris, Descle,
2
1993 (trad. it. Roma, Borla).
247

Etienne Trocm, Jsus de Nazareth vu par les tmoins de sa vie, Neuchtel, Delachaux et Nestl,
1971 (trad. it. Brescia, Paideia 1975).
Francesco Lambiasi, Lautenticit storica dei Vangeli, Bologna, EDB,
2
1986 (1978).
Jaques Schlosser, Jsus de Nazareth, Paris, Agns Vinot,
2
2002.
Queste ricostruzioni del Ges della storia hanno in comune tre tratti.
In primo luogo, tenendo conto dello statuto del testo rinunciano a fissare una biografia e a ricostruire
la psicologia del galileo, descrivendo piuttosto la sua attivit e il suo messaggio nel quadro del suo
battesimo per mano di Giovanni Battista e della sua morte a Gerusalemme.
Secondariamente, la nozione del regno di Dio identificata come il cuore del messaggio di Ges e della
comprensione che aveva di se stesso. Ma, a differenza di Albert Schweitzer, per il quale Ges si attendeva
una catastrofe apocalittica imminente, gli studiosi della seconda ricerca lo descrivono come il messaggero
di una venuta prossima, ma ancora futura del regno. Ges percepisce lalba del Regno e inaugura questi
tempi ultimi. E con le sue parabole lo fa capire, e attraverso le sue guarigioni lo rende reale.
In terzo luogo, i titoli cristologici dagli evangelisti attribuiti al Galileo sono considerati per la maggior parte
quali prodotto della fede postpasquale. Ges non si designato n come il figlio di Dio, n come il Messia;
daltronde, i vangeli sinottici non pongono mai questi titoli sulle sue labbra. Le dichiarazioni di Ges del
tipo Io sono nel vangelo di Giovanni sono considerate come il prodotto della meditazione cristologica
della corrente giovannea. Per converso, da ritenersi verisimile che egli si sia designato sotto il titolo di
figlio delluomo e si sia attribuito il titolo di figlio. Quel che in ogni caso certo, che Ges aveva
coscienza della sua autorit escatologica, come si pu reperire da tre indizi: anzitutto dalla sua coscienza
della storia, per cui Ges superiore a tutti i profeti, Battista compreso (Lc 7,1822); non vuole essere
lultimo profeta ebreo, ma egli pi di tutti i profeti. Secondariamente la sua concezione della Tor, per cui
nelle antitesi autentiche Ges fronteggia Mos e si pone come interprete autorizzato della legge. La
coscienza della sua autorit si traduce infine nella sua comprensione di Dio: la formula amen, tipica del
suo linguaggio, ha una funzione responsoriale: Ges risponde con il suo amen alla voce divina da lui
intesa. Questi tratti compongono una cristologia non esplicita (cio dichiarata dai titoli), bens implicita.
8.4 Third Quest o Terza ricerca (a partire dal 1980): Ges, lebreo
La terza ricerca, cos definita da N.T. Wright nel 1986 (S. Neill N.T. Wright, The Interpretation of
the New Testament 18611986, OUP, Oxford 1986; 1988
2
, p. 379), prende il via allinizio del 1980.
Questa nuova scuola rivolge tre critiche alla precedente: leccessiva analiticit e importanza della storia delle
forme, che rischia di isolare le forme letterarie dal contesto; i rischi dellutilizzo dei criteri di dissomiglianza
di Ges dallambiente giudaico e dalla Chiesa, che rischiano di creare una sorta di Ges estrapolato dal suo
ambiente; lenfasi posta sulla teologia dellannuncio evangelico come criterio per il recupero di Ges.
Con leccezione del tedesco Gerd Theissen, gli esponenti di questa scuola sono tutti anglosassoni:
Gerd Theissen, Lombra del Galileo, Claudiana, Torino.
Theissen A. Merz, Der historische Jesus. Ein Lehrbuch, Gttingen, Vandenhoeck und
Ruprecht, 1996 (trad. it. Il Ges storico. Un manuale, Queriniana, Brescia 1999).
Ed Parish Sanders, Jesus and Judaism, Philadelphia, Fortress, 1985.
Ed Parish Sanders, The Historical Figure of Jesus, London, Penguin, 1993.
John Doninic Crossan, The Historical Jesus. The Life of a Mediterranean Jewish Peasant, San
Francisco, Harper San Francisco, 1991.
Marcus J. Borg, Jesus in Contemporary Scholarship, Valley Forge, Trinity Press International, 1994.
Giuseppe Barbaglio, Ges ebreo di Galilea. Indagine storica, Bologna, Dehoniane, 2002.
248








Tre nuovi elementi appaiono in seno a questa corrente:
a. lebraicit di Ges;
b. lutilizzo delle fonti extracanoniche;
c. il ricorso alla sociologia.

a) Lelemento pi caratteristico la valorizzazione della ebraicit di Ges. In effetti i biblisti sono
stati indotti a ripensare limmagine del giudaismo antico. Sin qui, per dirla in breve, a un giudaismo
meschino, rigorista e legalista, il paradigma dominante opponeva la figura di Ges contemplato
come il libero eroe di una religione del cuore. Uno studio pi attento dei testi giudaici del primo
secolo inclusa la letteratura di Qumran ha fatto emergere limmagine pi precisa di un giudai-
smo diverso e plurale, dove ogni corrente rivendica rispetto alle altre, perfino con asprezza, la
giustezza della propria dottrina. In seno a questo brulichio di tendenze (Sadducei, Farisei, Zeloti,
Esseni, ecc.), gli innegabili conflitti di Ges con i propri contemporanei non vanno interpretati
come conflitti con il giudaismo, bens come conflitti interni al giudaismo (per esempio: in quel
tempo lautorizzazione di trasgredire il riposo sabbatico per salvare qualcuno era un problema
discusso, rispetto a cui i Farisei avevano una posizione pi tollerante degli Esseni). Se ne ricava che
Ges fu interamente giudeo, certamente un giudeo marginale e provocatore, ma con un messaggio
e con unazione che non fuoriescono dal quadro del giudaismo del proprio tempo. Ecco perch la
terza ricerca interviene a temperare limportanza del criterio di originalit (o di differenza), assunto
dalla seconda ricerca, rincalzandolo con un criterio di plausibilit storica. Viene quindi assunto
come autentico quel che appare plausibile nel quadro del giudaismo palestinese del tempo di Ges
(plausibilit a monte), ma anche quel che spiega levoluzione della tradizione di Ges dopo Pasqua
(plausibilit a valle). Per esempio, il fatto che due antiche correnti del cristianesimo abbiano potuto
difendere, luna lattaccamento alla Tor (Matteo), laltra il distacco riguardo alla Tor (Paolo e
Marco), far attribuire alluomo di Nazareth una posizione che genera questo duplice sviluppo.
Alloccorrenza, gli si riconoscer la volont di rifondare la Tor, che ricompone la Legge intorno
allimperativo di amare il prossimo, ma senza abrogarla; la trasgressione del sabato poteva quindi
essere intesa tanto come una critica della Legge (Mc 2,28), quanto come il segnale di una
riconfigurazione della Legge intorno a precetti maggiori (Mt 12,78).
b) Il secondo nuovo elemento lutilizzo delle fonti extracanoniche. pur vero che il grande
lavoro attualmente in corso di pubblicazione e traduzione dei vangeli apocrifi ha reso pi accessibili
questi scritti. A sentire i ricercatori, il ricorso alle tradizioni apocrife assume unimportanza pi o
meno grande. Lipotesi soggiacente che una parte della memoria delle parole o dei gesti di Ges
sfuggita ai quattro vangeli canonici per essere raccolta dal Vangelo di Pietro, o di Tommaso,
o degli Ebrei, o dei Nazorei. Ancorch un gran numero di sentenze prestate a Ges porti
effettivamente limpronta di una riformulazione spiritualizzante (sovente gnostica) tardiva,
certune hanno fattezze prossime alle parole veicolate dai vangeli sinottici. Esempio: chi vicino a
me, vicino al fuoco, e chi lontano da me, lontano dal Regno (Vangelo di Tommaso, 82; cfr.
Lc 12,49), o ancora: Ges ha detto: Un profeta non accolto nel proprio villaggio. Un medico non
cura i propri conoscenti (Vangelo di Tommaso, 31; cfr. Lc 4,24). Lintera questione sapere se
Figura 101 G.
Theissen
Figura 99 J.D.
Crossan
Figura 100 M.J.
Borg
Figura 102 G.
Barbaglio
249

queste parole preservino una versione originale del messaggio di Ges, o se siano una
reinterpretazione del II secolo della tradizione cui si rifanno i sinottici.
c) Terzo nuovo elemento di questa ricerca: il ricorso alla sociologia. In effetti, la storia sociale
della Palestina alla tempo di Ges risulta istruttiva. Se limpero romano sotto il regno di Tiberio ha
conosciuto un periodo politicamente tranquillo, in Giudea e in Galilea tensioni sociali e religiose
sono percepibili. Agli occhi della maggioranza dei giudei lonnipresenza della occupazione romana
comporta una contaminazione permanente della Terra Santa. Dure sono le condizioni economiche
per i piccoli contadini, la cui sorte fragile: basta che un raccolto vada male per vedersi spossessati
dei propri beni e venduti in schiavit. Questo mondo di contadini, pescatori, fittavoli quello
reperibile nelle parabole, dal momento che Ges non si rivolge anzitutto alle classi agiate, bens
piuttosto a quelli e a quelle per cui la perdita di un soldo diventa un dramma (Lc 15,810). Tra la
morte di Erode il Grande (4 a.C.) e lo scoppio della prima guerra giudaica (66 d.C.), lattualit della
Palestina stata attraversata da un sollevamento di movimenti protestatari di tipo messianico. A
ondate successive si sono scatenate rivolte contro il potere romano e i suoi alleati, brandendo la
bandiera del Diore. Il bagno di sangue provocato dalla truppe di Ponzio Pilato contro i pellegrini
galilei (Lc 13,1) d unidea della feroce repressione romana contro qualunque effervescenza messia-
nica capace di turbare lordine pubblico. In tale contesto si capisce che la questione del tributo a
Cesare fosse assolutamente bruciante (Mc 12,1317). Fare de il regno dei cieli il centro del
proprio messaggio esponeva Ges ad essere assimilato agli agitatori messianici. Si comprende
meglio che egli abbia evitato ogni riferimento nazionalista e ogni titolo messianico, desiderando di
non essere confuso con il fanatismo zelota. Ciononostante i Sadducei sembrano esser riusciti a
convincere Pilato proprio del sospetto di agitazione messianica, il che spiega il cartello della croce:
Ges il Nazareno re dei Giudei, che gli attribuisce una ambizione politica sovversiva.
Il contesto sociopolitico di colonizzazione fa capire anche la frequenza degli esorcismi nella pratica
di Ges. stato dimostrato che le societ la cui cultura risulta alienata da una occupazione politica,
generano un numero di possessioni demoniache superiore alla media, come se lalienazione politica
del paese si concretizzasse nel corpo di certi individui con il fenomeno di alienazione psicologica.
Colpisce lanalogia con la Palestina occupata e la frequenza degli esorcismi di Ges. Lattenzione agli
indici sociopolitici forniti dal vangeli sinottici, comparati ad altre societ economicamente e
socialmente prossime, permette cos di ricomporre unimmagine dellimpatto sociale del movimento
di Ges. Si misura la differenza tra la focalizzazione sulla figura individuale di Ges e lattenzione
della terza ricerca per il suo ambiente sociale; nel passaggio dalluna allaltra lantropologia si
spostata in direzione delle scienze sociali.
8.5 Cosa concludere dalla successione di queste tre ricerche?
Si potr rilevare anzitutto che dalla prima alla terza ricerca gli studiosi hanno preso le loro distanze
rispetto allarbitrariet degli inizi. Sono stati abbandonati gli eccessi della critica razionalista, che
negava ogni pertinenza alle guarigioni carismatiche di Ges con il pretesto di non essere razionalmente
spiegabili (E. Renan). Al contrario, oggi si ritiene che la pratica terapeutica del Galileo sia uno dei fattori
pi certi della sua attivit. Similmente, la pretesa di ricostruire la psicologia di Ges si ispira pi al
romanzo che non alla ricerca storica.
Constatiamo altres che, conformemente alluso di ogni indagine storica, la ricerca del Ges della storia
riflette le questioni della propria epoca. Lo storico interroga il passato a partire dalla propria cultura e
in funzione di essa. La riscoperta dellebraicit di Ges a partire dal 1980 un effetto della presa di
coscienza, consecutiva al dramma della Sho dei nostri rapporti con il giudaismo. In tal senso, un
interesse culturale o spirituale interamente nuovo potr suscitare per il futuro la valorizzazione dun
aspetto finora disatteso della persona di Ges.
Sul piano teologico, infine, certe acquisizioni della seconda ricerca sono di grande solidit. Si pensi al
ruolo centrale dellescatologia (Regno di Dio) per la comprensione che il Galileo aveva di s (i sinottici
250

sono unanimi al riguardo). Come pure al fatto che Ges non abbia formulato una pretesa messianica:
non ha detto quel che era, ma ha fatto quel che era cosa a cui i primi cristiani hanno reagito dispiegando
una titolatura cristologica, che la risposta della fede alla sua venuta. La teologia pu daltra parte
rispondere qui alla constatazione posta dallo storico: Ges non si proclamato Messia, perch questa
discrezione di Ges? La conoscenza di una tradizione giudaica permette di rispondere: Messia non
unautodesignazione, ma un riconoscimento da parte del popolo. Mai ci si autodichiara Messia.
Rabbi Aqiba a dichiarar Messia Shimon bar Kochba, nel contesto della seconda guerra giudaica.
Nei segni apocalittici di Mc 13.21, qualcuno dice: eccolo qua, eccolo l, e si tratta sempre di
designazioni dallesterno. Il fatto che Ges non si sia autodichiarato tale, non deve essere percepito
come una delusione da parte della teologia; luomo di Nazareth poteva solo attendere che la sua
vocazione fosse riconosciuta da altri per essere convalidata. In tal senso, considero la confessione di
Pietro a Cesarea: Tu sei il messia, come storicamente plausibile. Si aggiunge a questo, come ho gi
detto, la reticenza di Ges rispetto al sapore nazionalista del titolo.
Concludiamo con J.P. Meier: La prima indagine produsse una sfilza di biografie liberali di Ges nella
Germania del XIX secolo e raggiunse il suo culmine e la sua conclusione nella Ricerca sui Ges storico di
A. Schweitzer (1906). Queste biografie liberali spesso rispecchiavano la fantasia fin troppo fervida dei
loro autori. Anzich i dati dei vangeli. La seconda ricerca, portata avanti specialmente da postbult-
manniani come E. Ksemann e G. Bornkamm negli anni 50, cerc di essere pi attenta nella
enunciazione dei criteri per le valutazioni storiche. Negli anni 90, la terza ricerca ha tentato di essere pi
sofisticata nella sua metodologia, pi autocosciente e pi autocritica nellaffrontare le precomprensioni e
gli orientamenti di un dato autore, e pi determinata a scrivere storia, invece di una teologia o cristologia
nascoste. La terza ricerca beneficia delle recenti scoperte archeologiche, di una migliore conoscenza della
lingua aramaica e del contesto culturale della Palestina del I secolo e di una concezione variegata del
giudaismo (o giudaismi) intorno al trapasso delle epoche, nonch di nuove intuizioni offerte dallanalisi
sociologica e dalla teoria letteraria moderna (J.P. Meier, Un ebreo marginale. Ripensare il Ges storico.
vol. II: Mentore, messaggio e miracoli, Queriniana, Brescia 2002, pp. 78).
8.6 Orientamenti bibliografici
8.6.1 Introduzioni e panoramiche sulle fasi della ricerca
AA .VV., Jsus, complments denqute, Paris, Bayard, 2007.
Den Heyer C.J., La storicit di Ges, Claudiana, Torino 2000 (orig. oland. 1996).
Focant Schlosser J. Marguerat D. Sevrin J. M., Le Jsus de lhistoire, Bruxelles, Lumen Vitae, 1997.
Ghiberti G. Bilancio della ricerca storica di Ges, in: AA. VV., Indagine su Ges. Bilancio storico e
prospettive fenomenologiche, Glossa, Milano 2002, pp. 987.
Gibert P. Theobald C. (edizione), Le cas Jsus Christ. Exgtes, historiens et thologiens en
confrontation, Paris, Bayard, 2002.
Jossa G., La verit dei vangeli. Ges di Nazaret fra storia e fede, Carocci, Roma 2001
2
(1998
1
).
Jossa G., Ges Messia?. Un dilemma storico, Carocci, Roma 2001
2
(1998
1
).
Jossa G., Il cristianesimo ha tradito Ges?, Carocci, Roma 2008.
Marguerat D. Norelli E. Poffet J. M. (edd.), Jsus de Nazareth. Nouvelles approches dune
nigme, Genve, Labor et Fides, 2
e
d. 2003.
Marguerat D., La troisime qute du Jsus de lhistoire, Recherches de science religieuse 87
(1999) 397421.
Prinzivalli E. (a cura), Lenigma Ges, Carocci, Roma 2008
Schweizer E., Ges la parabola di Dio. Il punto sulla vita di Ges, Queriniana, Brescia 1996 (orig. 1994).
Segalla G., La terza ricerca del Ges storico e il suo modello complesso di indagine, in: AA.
VV., Indagine su Ges, cit.
251

Segalla G., La terza ricerca del Ges storico e il suo paradigma postmoderno (storiografico,
metodologico, teologico), in: R. Gibellini (edizione), Prospettive teologiche per il XX secolo,
Queriniana, Brescia 2003, pp. 227250.
8.6.2 First Quest
Bultmann R., Ges, Queriniana, Brescia 2003 (or. 1929)
Khler M., Il cosiddetto Ges storico e lautentico Cristo biblico, DAuria, Napoli 1992 (orig. 1886).
Schweitzer A., Storia della ricerca sulla vita di Ges (Biblioteca di storia e storiografia dei tempi
biblici, 4), Paideia, Brescia 1986 (orig. 1906)
8.6.3 Second Quest
Bornkamm G., Ges di Nazaret, Claudiana, Torino 1968 (orig. 1960).
Fabris R., Ges di Nazareth. Storia e interpretazione, Cittadella. Assisi 1983; 1991
6
.
Jeremias J., Teologia del Nuovo Testamento. vol. I: La predicazione di Ges, Paideia, Brescia 1972;
1976
2
(orig. 1971).
Ksemann E., Il problema del Ges storico, in: E. Ksemann, Saggi esegetici, Marietti, Casale
Monferrato 1985, pp. 3057.
8.6.4 Third Quest
Barbaglio G., Ges ebreo di Galilea. Indagine storica, EDB, Bologna 2003
Borg M.J., Jesus in Contemporarv Scholarship, Valley Forge, Pennsylvania 1994.
Crossan J.D., The Historical Jesus. The Life of a Mediterranean, Jewish Peasant, T&T Clark,
Edinburgh 1991,
Dunn J.D.G., Christianity in the making: Jesus Remembered, Eerdmans, Grand Rapids, Michigan
2003 (tra. it. qui sotto)
Dunn J.D.G., Gli albori del cristianesimo, vol. 1: Fede e Ges storico, (Introduzione allo studio della
Bibbia. Supplementi 29), Paideia Brescia 2006.
Dunn J.D.G., Gli albori del cristianesimo, vol. 2: La missione di Ges, (Introduzione allo studio
della Bibbia. Supplementi 30), Paideia Brescia 2006.
Dunn J.D.G., Gli albori del cristianesimo, vol. 3: Lacme della passione di Ges, (Introduzione allo
studio della Bibbia. Supplementi 31), Paideia Brescia 2007.
Flusser D., Jesus, Morcelliana, Brescia 1997 (orig. 1968; 1993
18
).
Johnson L.T., The Real Jesus. The Misguided Quest for the Historical Jesus and the Truth of the
Traditional Gospels, Harper/Collins, San Francisco 1996.
Meier J.P., Un ebreo marginale. Ripensare il Ges storico: I. Le radici del problema e della
persona, Queriniana, Brescia 2001 (orig. 1991) 472 pp.; 2. Mentore, messaggio e miracoli, 2002
(orig. 1994), 1344 pp.; 3. Compagni e antagonisti, 2003 (orig. 2001), 736 pp. [IV volume in uscita]
Powell M.A., Jesus as a Figure in History. How Modern Historians View the Man from Galilee,
Westminster J.K. Press, Louisville 1998.
Sanders E.P., Ges e il giudaismo. Marietti, Casale Monferrato 1992 [orig. 1985])
Theissen G. Merz B., Il Ges storico. Un manuale (Biblioteca biblica, 25), Queriniana, Brescia
1999 (orig. 1996; 1999
2
).
Vermes G., Ges lebreo, Borla. Roma 1983,
Vermes G., I volti di Ges, Bompiani, Milano 2000
Vermes G., La Religione di Ges lEbreo: un grande sfida al cristianesimo, Cittadella, Assisi 2002
(orig. 1993).
252

Witherington III B., The Jesus Quest. The third Search for the Jew of Nazareth, InterVarsity Press,
Downers Grove 1997.
8.6.5 Storia della ricerca sulla vita di Ges
(da: G. Theissen A. Merz, Il Ges storico. Un manuale, Queriniana, Brescia 1999, pg. 26)

Spunti critici
per la ricerca
su Ges
Ricerca liberal
e sulla vita di
Ges
Fallimento dell
a ricerca sulla
vita di Ges
Nuova
ricerca sul
Ges storico
Third quest
for the
historical
Jesus
Rappresentanti
di rilievo
Reimarus; Lessing;
Herder; Strauss
Holtzmann; Hase;
Beyschlag
Schweitzer;
Bultmann;
Dibelius; Schmidt;
Wrede
Kaesemann;
Bornkamm; Fuchs;
Ebeling; Braun
Sanders; Vermes;
Theissen;
Burchard; Crossan
Asserzioni
principali
H.S. Reimarus:
distinzione tra il
Ges storico e il
Cristo della chiesa
la teoria
dellinganno spiega
la discrepanza
Ges interpretato
in contesto giudaico
D.F. Strauss:
teoria del mito: la
tradizione su Ges
(spec. Gv.) presenta
tratti mitici marcati

Ricostruzione
storicocritica della
vita di Ges sulle
base delle fonti pi
antiche:
Mc come cornice
(sviluppo
biografico;
svolta: Mc 8);
viene inserita la
dottrina di Ges
ricostruita sulla
base di Q
Carattere proiettivo
delle immagini
sulla vita di Ges
(A. Schweitzer)
Carattere
frammentario della
tradizione su Ges:
piccole unit,
cornice secondaria
Carattere
kerigmatico della
tradizione su Ges
La convinzione
della identit tra il
Ges terreno e il
Cristo innalzato
richiede che ci
interroghi sul Ges
storico
Laggancio del
kerygma su Cristo
viene trovato nella
rivendicazione di
autorit
(cristologie
implicite)
Conseguenza: Ges
viene percepito in
contrasto con il
giudaismo
Ges in contesto
giudaico recepito
come fondatore di
un movimento di
rinnovamento
allinterno del
giudaismo
(Sanders)
Continuit tra Ges
e Cristo:
sul piano teologico
applicazione di
modelli
interpretativi
biblicogiudaici;
sul piano
sociologico:
carismatici
itineranti portano
avanti lo stile di
vita di Ges
Metodo /
criterio
Reimarus: punto di
vista solo storico
Strauss: punto di
vista mitico
(storia delle forme)
Critica letteraria
(teoria delle due
fonti)
Storia delle forme
Storia delle
redazione
Storia delle
religioni
Criterio della
differenza (distacco
di Ges dal
giudaismo e dal
cristianesimo
primitivo)
Criterio della
plausibilit storica
(riferimento al
contesto giudaico
dellattivit di
Ges)
Contesto storico
della teologia e
della filosofia
Lilluminismo esige
lapplicazione di
metodi storico
critici ai testi biblici
La filosofia di Hegel
influenza Strauss
Posizione della
teologia liberale
critica nei confronti
della chiesa:
liberare la fede dal
dogma e rinnovarla
a partire dalla
storia
Teologia dialettica
( sufficiente
levento)
Esistenzialismo
(contro
laccertamento
mediante fatti
storici)
Scuola storico
religiosa (colloca
Ges entro il
giudaismo)
I rappresentanti pi
recenti della
teologia dialettica si
sforzano di colmare
i fossati tra
rivelazione e storia
Dialogo giudaico
cristiano:
gli Ebrei scoprono
Ges come parte
della loro storia;
i cristiani
approfondiscono l
e proprie radici
giudaiche.