Sei sulla pagina 1di 2

Lo show europeista di Zappingduepuntozero

Svelato il trucco di Bruxelles per tener fuori dai piedi gli scocciatori
alle prossime europee
di Vincenzo Mannello e Sergio Basile
Iniziativa di Libero Confronto Pensa e Scrivi di Qui Europa

Continua la battaglia RAI per affermare la fede europeista
Roma, Milano di Vincenzo Mannello e Sergio Basile Un'altra medaglia stata portata a casa
da RadioTiranauno Rai nella battaglia per l'UEismo continentale. Ieri sera, a
Zappingduepuntozero andata in onda una divertentissima puntata su populismo e giro
elettorale sulle prossime elezioni europee e - come prevedibile ne abbiamo viste, anzi sentite,
davvero delle belle. Dotte citazioni ed analisi di professoroni nella prima parte. Si parte da Le Pen
padre, a Chvez all'estrema destra omosessuale, giungendo a Marine Le Pen (figlia) in Francia, Alba
Dorata in Grecia e Jobbik in Ungheria. Tutti inseriti a torto o a ragione, nel medesimo calderone. Ma il
bello deve ancora venire!

Il trucco di Bruxelles per tener fuori dai piedi gli scocciatori
La ciliegina sulla torta la offre un professore dell'europeismo che suo malgrado afferma (gap o
strategia voluta chiss) una verit indicibile: rivela che il sistema elettorale messo su
dall'UEismo al potere terr fuori dal parlamento milioni di cosiddetti euroscettici con
un trucco da magliari: per far gruppo occorrer avere rappresentanti in 7 nazioni, quindi
europeisti euroscettici per convenienza, popolari e socialisti potranno stare tranquilli. Meno
evidentemente gli altri, i cosiddetti populisti meno organizzati e irreggimentati dei primi. Anche
Jacques Delors potr stare tranquillo: uno dei padri nobili dell'Europa unita che in tempi non
sospetti dichiar con molta nonchalance che in Europa si doveva ridurre il grado di
democrazia, in quanto ve ne era troppa! (vedi qui Europa, alzati e Cammina, ma fuori
dallUE!). Male quello della partecipazione pubblica da estirpare e commissionare a suon di leggi
e leggine litariste e tecnocratiche. Ma poi, a pensarci bene la Democrazia cos' davvero?
Cosa stata negli ultimi secoli, almeno dal 1789 ad oggi? Beh, basta leggere i libri di
storia non politically correct per capirlo e far svanire i dubbi residui! (vedi qui Italiani,
Ignoranti e Ingannati: perch non conosciamo la storia)

Il vero vincitore che i critici non vedono
Nessun cenno ovviamente stato fatto nei confronti del probabile probabilissimo, per usare un
eufemismo - trionfo dell'astensionismo: il signor astensionismo, proprio lui, il gi grande
vincitore nel 2009 con il 57% dei non voti. Per il solito ed
inimitabile Giancarlo Loquenzi (conduttore di sicura fede UEista) questo tuttavia un dettaglio
insignificante che mai ha posto ai propri ospiti: uomini di fiducia rigorosamente scelti tra
i rappresentanti del regime. Infatti, mai una volta neppure per sbaglio, pur reclamizzando
un numero di telefono accessibile al vasto pubblico e disponibile per l'invio di democratici sms, si
potuta ascoltare una critica al contenuto ed alla conduzione della trasmissione, fuori dal
coro. Non lo trovate un pochino strano? Ma giusto un po! Anche statisticamente parlando, se la
matematica non un'opinione!

Il Servizio Pubblico che non c' e lo Zapping europeista
Il sottoscritto (Mannello) d'altronde - facile all'invio e colpito da sindrome sms ha fatto presente che,
parlando di populismo, la cosa pi saggia e democratica sarebbe stata quella di ascoltarne almeno uno
dei cosiddetti dissenzienti. O No? Bah che illuso! D'altra parte pensare ancora ad un sistema radio-
televisivo libero da illusi lo sappiamo bene! Eppure, in Europa di anti-europeisti ce ne sono
a milioni, pu essere che solo in Italia Loquenzi non ne riesca a trovare neppure
uno? Vada su internet dunque! Si informi ed eviti questi patetici spettacoli! Le testate giornalistiche
indipendenti ospitano tutti e tutto. Ma zappingduepuntozero lo compie il nobile servizio
dello zapping pubblico? Beh scusate la battuta, ma ci viene spontanea: Pubblico no di sicuro,
servizio all'UEismo si. evidente! Tanto evidente da meritare la medaglia di latta per il coraggio
dimostrato eliminando in un sol colpo la maggioranza degli europei astensionisti ed euroscettici sul
serio o anti-europeisti che dir si voglia.

I dissenzienti utili al sistema
Da notare, inoltre, come i politici intervistati in studio, che potrebbero assumere posizioni antieuro
(Lega e M5S) non rappresentino (per loro stessa ammissione) il populismo e l'astensionismo
di cui sopra. Essi rientrano evidentemente in quella schiera di dissenzienti controllati
che tornano ben utili allo stesso sistema tenuto in piedi dalla tecnocrazia di Bruxelles al
fine di dare una parvenza di democrazia alla baracca. Infatti essi fanno parte
dellapartitocrazia parlamentare e come tale godono del privilegio di poter parlare a
RadioTiranauno. Non ve ne eravate accorti? Schieramenti capaci addirittura di parlar male a tratti
dell'euro (moneta transitoria e di momentaneo dominio propedeutica a nuove forme di emissione
debitocratiche di moneta: vedi moneta unica mondiale, lira emessa a debito o moneta elettronica vedi
qui - Expo 2015: palcoscenico per la Moneta Unica Mondiale?) ma mai, davvero mai,
capaci di spingere i propri elettori a tirarsi fuori dall'eurobaraccone. Mai capaci di
parlare di alternativa all'UE e di signoraggio o usurocrazia da moneta-debito. Forse
sarebbe utile per Loquenzi & Co, studiare o quantomeno leggere qualche libro del professor Giacinto
Auriti. Iniziando magari da questo scritto e contestuali allegati che volentieri segnialiamo (vedi
qui Dalla Nuova Torre di Babele al Tempo della Grande Speranza - 7).