Sei sulla pagina 1di 1

1

9
4
6

R
e
p
u
b
b
l
i
c
a

I
t
a
l
i
a
n
a
1
8
6
1

R
e
g
n
o

d

I
t
a
l
i
a
1
7
2
0

R
e
g
n
o

d
i

S
a
r
d
e
g
n
a

s
a
b
a
u
d
o
1
4
7
9

R
e
g
n
o

d
i

S
a
r
d
e
g
n
a

s
p
a
g
n
o
l
o
5
3
4


V
I
I
I

s
e
c
o
l
o

S
a
r
d
e
g
n
a

b
i
z
a
n
t
i
n
a

e

C
i
v
i
t
a
t
e
s

B
a
r
b
a
r
i
a
e
4
5
0


5
3
4

i

v
a
n
d
a
l
i

i
n

S
a
r
d
e
g
n
a
5
0
0

a
.
C
.

-

4
5
0

d
.
C
.

S
a
r
d
e
g
n
a

e

i
m
p
e
r
i

m
e
d
i
t
e
r
r
a
n
e
i

(
p
r
i
m
a

c
a
r
t
a
g
i
n
e
s
e

p
o
i

r
o
m
a
n
o
)
1
4
7
0

-

1
4
7
8

r
i
b
e
l
l
i
o
n
e

d
e
l

m
a
r
c
h
e
s
e

d
i

O
r
i
s
t
a
n
o

L
e
o
n
r
a
d
o

d
i

A
l
a
g
o
n
1
7
9
3

-

1
8
1
2

m
o
t
i

r
i
v
o
l
u
z
i
o
n
a
r
i

s
a
r
d
i

-

c
a
c
c
i
a
t
a

d
e
i

p
i
e
m
o
n
t
e
s
i

-

c
o
n
g
i
u
r
a

d
i

P
a
l
a
b
a
n
d
a
1
8
6
8

m
o
t
i

d
i

N
u
o
r
o
,

d
e
t
t
i

"
d
e

s
u

C
o
n
n
o
t
t
u
"
1
3
4
7


1
4
2
0

G
u
e
r
r
a

e

p
e
s
t
e

n
e
r
a
:

r
e
g
n
o

d
i

A
r
b
o
r
e
a

c
o
n
t
r
o

c
o
r
o
n
a

d
'
A
r
a
g
o
n
a
V
I
I
I


X
I
I
I

s
e
c
o
l
o

S
a
r
d
e
g
n
a

i
n
d
i
p
e
n
d
e
n
t
e
:

c
i
v
i
l
t


g
i
u
d
i
c
a
l
e
anno 0
2
0
0
0


5
0
0

a
.
C
.

C
i
v
i
l
t


n
u
r
a
g
i
c
a
5
0
0
0


2
0
0
0

a
.
C
.

N
e
o
l
i
t
i
c
o
:

C
u
l
t
u
r
e

d
i

B
o
n
u
-
I
g
h
i
n
u
,

S
a
n

M
i
c
h
e
l
e
,

M
o
n
t
e

C
l
a
r
o
;

m
e
g
a
l
i
t
i
s
m
o
,

v
a
s
o

c
a
m
p
a
n
i
f
o
r
m
e

,

o
s
s
i
d
i
a
n
a
1
2
0
0
0

a
.
C
.

P
r
i
m
i

s
t
a
n
z
i
a
m
e
n
t
i

u
m
a
n
i

s
t
a
b
i
l
i

i
n

S
a
r
d
e
g
n
a
Paleolitico (500 000 100 000 anni fa)
Comunit di ominidi popolano diverse zone della Sardegna <<
(ritrovamenti presso Perfugas e Ottana)

1
4
2
1

S
a
r
d
e
g
n
a

a
r
a
g
o
n
e
s
e
1
2
8
8


1
3
2
4

P
i
s
a

o
c
c
u
p
a

G
a
l
l
u
r
a
,

B
a
r
o
n
i
e
,

O
g
l
i
a
s
t
r
a

e

C
a
g
l
i
a
r
i
t
a
n
o
LA NOSTRA STORIA
Paleolitico (500.000 100.000 anni fa) Comunit di omi-
nidi popolano diverse zone della Sardegna (ritrovamenti pres-
so Perfugas e Ottana).
14000 anni fa ca. Primi stanziamenti di comunit umane
sullIsola.
Neolitico (6000 2000 a.C.) Diverse culture si susseguono
sullIsola. Le pi note delle quali sono: Bonu-Ighinu, San Mi-
chele, Monte Claro. Sono culture evolute che partecipano alle
correnti ideali e tecnologiche del Mediterraneo (vaso campa-
niforme, megalitismo). Estrazione, lavorazione e commercio
dellossidiana, risorsa preziosa e molto ricercata.
Et del bronzo (2000 1000 a.C. circa) Dopo la breve fase
intermedia dellEt del rame, la Sardegna entra da protagoni-
sta nellEt del bronzo con la civilt nuragica.
La civilt nuragica diventa la maggiore e pi signicativa ci-
vilt del Mediterraneo e dellEuropa occidentale.
Et del ferro cambiamenti politici e culturali sanciscono la
chiusura di unepoca. Non vengono pi edicati nuovi nuraghi,
ma ampliati e rimaneggiati quelli esistenti. Grande produzione
di piccole sculture bronzee (i cosiddetti bronzetti).
Secondo la teoria dominante, in questepoca arrivano in Sar-
degna commercianti orientali, siriaci, poi chiamati Phoinikoi
dai greci. Non chiaro per se questo arrivo sia stato massic-
cio e quali apporti abbia dato, visto che i porti sardi esistevano
gi e dei presunti fondaci fenici non rimane nulla, n esiste una
documentazione materiale che ne attesti la colonizzazione.
VI secolo a.C. I sardi respingono gli eserciti di occupazione
cartaginese. Alla ne del secolo Roma e Cartagine stipulano
un accordo diplomatico da cui risulterebbe che la Sardegna
era nellorbita politica ed economica punica. Da qui la tesi che
vuole la Sardegna sottomessa da Cartagine dal 509 ca.
V-III secolo a.C. Egemonia cartaginese su una parte della
Sardegna. Non si sa di che natura fossero i legami tra i sardi e
i cartaginesi. Certo che la cultura cartaginese inuenza i cen-
tri abitati e la struttura economica della Sardegna meridiona-
le, con inussi anche in zone pi interne.
238 a.C. Con la ne della I Guerra punica tra Roma e Cartagine,
Roma coglie al volo un pretesto per tentare di sottrarre lIsola
alla citt rivale. Inizia la conquista romana.
215 a.C. comitanza con la guerra portata da Annibale in In conc nn in in e i le ale al ba b ib ni n nn n An AA a A da da d a d a ta at ta ta rt or o po p a p a ra rr r er ue u gu g a g a la l n n on o co c a a za nz n an a ta it mi mm om o co
punica), i sardi provano a liberarsi della pre- Italia (II Guerra - e- e- re pr pr p a p a la ll el de de d i d si si rs ar ra ra er be be ib lib li a l a a o o no n an va va ov o ro pr pp i di d rd ar a sa s i s ii ), a) a) ca ic nic ni un un pu pu p
Uno dei protagonisti di questa vicenda passat senza romana. U i ti at at sa ss ss as pa pa p a p a da d nd n en ce ce vic vi v a v a ta st es es ue u qu qq di di d i d ti sti st is ni n on go go ag ag ta ot o ro pr pp i ei de de d o d o no n Un
psicora. Non si sa bene se fosse un sardo pu- alla storia Amps - u- u- pu pu p o p o do rd rd ar sa sa s n n un uu e se se ss os os fo fo e f e se s e s e ne n en be be b a b a sa s i s si si s n n on No No NN . a. ra ra or co co ic si ps
aginese sardizzato o un sardo e basta. Fatto nicizzato, un carta oo to tt att at Fa F . F a. a. ta st ast as ba ba b e b e o e o do do rd ard ar sa s n s n un un u o u o o o o to at za za zz zz iz di rd rd ar sa sa s e se se es ne ne in gin gi ag ag
ativo viene scontto e Roma riesce a mante- sta che il suo tenta e- e- te nte nt an a ma mm a m a a e ce ce sc es es ie ri r a ma ma m om om Ro Ro R e R e e o to tto tt t n n on on co c sc s e ne ne n en ie vi v o v o vo v iv ti at a
male sulla Sardegna. nere il dominio form a. a. na gn gn eg eg de d rd ar ar Sa S a S a la ll ul u su s e s le ale al ma ma mm
II sec. a.C. - Vsec. d.C. La Sardegna entra a tutti gli effetti tra aa ra tra tr ti t ti tt ett fet ffe eff ef i e li e gli gl g i g ti tt utt ut tu a t a t a a a ra ra tr nt nt en e a e na na gn gn eg eg de rd rd ar Sa Sa S a S La La LL
ma. A lungo periodiche rivolte mettono in i possedimenti di Rom n in in o i o no no on to tto ett et me me m e m e m te lte olt ol vo ivo riv ri e r he he ch ch ic dic di od io rio eri er pe pe p o p go go ng ng un un lu A l AA . A a. a. ma mm
rritorio da parte dei romani. Si alternano crisi il controllo del terr oo no no an nan na rn ern er te lte alt al i a Si Si S i. S ni. ni an an ma m om om ro ro i r ei dei de d e d e te rt art par pa p a p a da d o d o io rio ori or to it rit rri rr
disordini e ribellioni. La situazione non periodi di pace a fasi di d nn on non no n e n ne ne on on io zio azi az ua tua tu itu sit s a s La La L i. L ni. ni on on io lio lli ell bel be ib rib ri e r e i e ni ni in din rd rd or so so is dis dd
ca. I sardi non sottomessi compaiono a sar mai del tutto pacica a a o a no no on on io aio pai pa mp mp m om com co i c si c si ss ess es me me om om to tto ott ot so so n s n on on no no i n di di rd ard ar sa s I s I a. I a. ca ca
federate, ossia formalmente libere ma volte come popolazioni fe aa ma ma m e m e m re ere ber be ib lib li e l te nte nt en men me me lm alm al ma ma rm rm or for fo a f a ia sia ssi oss os o , o e, te, ate at ra era er de de ed fe
misura dipendenti. Dal 213 d.C. con alleate, quindi in qualche m nn on con co co C. c C. .C d.C d. d 3 d 13 13 21 21 2 l 2 al Dal Da D . D i. ti. nti nt en den de nd nd en pen pe ip dip di a d a d ra ura ur su isu mis mi mm
e poplazioni dellImpero si vedono leditto di Caracalla tutte le oo no ono on don do ed ved ve i v si v si si o s ro ro ero per pe mp mp Im Im lIm llI ell el de de i d ni ni on on io zio azi az la pla opl op po po p e p e
mana (soprattutto per ragioni sca- conferita la cittadinanza roma a- a- ca sca sc s s i ni oni on ion gio agi ag rag ra r r er per pe p o p to tto utt utt tut ttu att at ra pra pr op sop so (s a (s a ( na na an man ma
a tale concessione tocchi le popo li). Non chiaro in che misura t o- o- po- opo op pop po e p e p le i le hi l hi ch cch cc occ toc to e t ne t ne one on io sio ssi ess es ces nce nc on on co co e c le ale al ta a ta a t
le pianure e delle citt, pi pro- lazioni sarde (a parte quelle delle o- o- ro- pro pr p p i pi pi , p , p t, tt itt citt cit e ci e c le elle ell del de e d e d e e e e re ure ur nu anu an ian pia pi e p e p le le
o roman fondamente inserite nel contesto ). o). no) no an man ma ma om om ro ro o r o
comincia a essere diffuso Nel III secolo il cristianesimo c aa o a o so uso fus ffu iffu diff di d e d re ere er se sse ess es e a e a a a a ia cia nci nc in min mi om om co co c
Lo attestano i tre papi sar- Caralis e in altre aree urbane sarde. L r- ar- sar- sar i sa pi s pi api pap pa pa e p re tre tr i t o i t o i no ano an tan sta est es tes tte att at o a Lo Lo Lo L
iodo e la parabola storica di eletti al soglio si Pietro in quel perio a ca ica ric ori tor sto sto a st a s ola ola bol bo abo rab ara ar par pa a p la p la e la e l o e o e do odo od iod io
a come Lucifero, vesco- di un personaggio di estrema rilevanza - o- co- sco sco esc ves ve , ve o, v ro, ro, fero fer ife cife uci uc Lu Lu e L me L me me om com co co a c a
rianesimo (anche con- vo di Caralis, ostinato oppositore dellaria n- n- on- con co e co e c he che nch nch anc (an (an o (a o ( mo mo im sim esim es nes ane an rian ria
matore dei concili del tro limperatore Costanzo II), grande anima l el el del de i d ili d cili ncil nci onc con con i co ei c ei dei de e d re d ore ore tor ato mat ma
tempo e polemista indefesso.
455 d.C. rica enellAfri- I vandali si espandono nella penisola iberic i- ri- fri- Afri Afr lAf llA ellA nell nel ene a en a e ca e ica rica ric
degna. So ca settentrionale e inne arrivano a sbarcare in Sarde p- p- op- Sop So . So a. S na. gna gna egn deg deg de
una parte piantano laristocrazia sardo-romana e controllano un e te rte arte part par a pa a p na una una un
ni, di fe- del territorio. Vengono esiliati a Caralis i vescovi africani, - fe- fe- i fe di fe di f i, di ni, d ni,
Il pi delt cattolica (al contrario dei vandali che sono ariani). Il p i pi pi Il pi Il p
ale noto di loro, Fulgenzio da Ruspe, il maggiore intellettuale le ale ale
dellepoca. Crea un cenacolo a Caralis (presso la basilica di San
Saturno), facendone uno dei maggiori centri culturali dellEu-
ropa romanizzata dellepoca.
534 VIII secolo Le armate bizantine sconggono i vanda-
li e riconquistano la Sardegna romanizzata allimpero giusti-
nianeo. LIsola entra nellorbita politica e culturale di Costanti-
nopoli, subendone anche la pesante scalit. Il conne (limes)
con le popolazioni libere posto a Forum Traiani (Fordongia-
nus), sede del capo militare dellIsola (il dux), mentre Caralis
rimane la sede civile e politica (sede del praeses o judex).
Che ne abbiano fatto i vandali non si sa. Si sa solo che pi
tardi alcuni nomi di chiara origine germanica (Thorben, Gun-
nar) compariranno nelle genealogie giudicali.
Le popolzioni libere si organizzano in forme che per non
ono note. Lee Le Le L e. e. te ot o no nn o o no n on o so s ivitates Barbariae ee ae ia ria ri ar ba ba rb ar a Ba BB s es es te at ta ta it vi iv civ cc alla ne del secolo appaio- - o- o- io aio pai pa pp pp ap ap a o lo olo ol co co ec se se s l el de de d e d e ne n n a la lla all al a a
no unicate sotto un unico signore, chiamato dux. Si tratta di i di di d a d ta tta tt att rat tra tr i t Si Si S x. S x. ux ux du du d o d to ato at ma ma m am iam hia hi ch ch c , c e, re ore or no no gn gn ig si s o s o co ic nic ni un un u n u n un uu o to tto tt ot so so s e te ate at ca ca c i ni ni un un u o u o no nn
Ospitone, personaggio di un certo rango, se poteva permettersi i si rsi rs ers ter tte ett et me me rm rm er per pe a p a p va va ev tev ote ot po po e p e se se , s o, go go ng ng an ran ra o r o r to rto ert er ce ce n c n un un i u di u di d o d io gio gi gg gg ag na na on on so so rs er pe pe p , p e, ne ne on on to ito pit pi sp Osp Os OO
di avere un rapporto epistolare col papa Gregorio Magnooo. no no gn agn ag Mag Ma M o M o M io rio ori or go ego eg re Gre Gr G a G a pa apa ap pa pa l p l p ol co co e c e c re are ar la ola tol to st is pis pi ep e o e o to rto ort or po po pp ap ap ra ra n r n un un u e u re re er ve ve av a i a di di d
VIII secolo Lespansione araba e musulmana nel Mediterra- a- ra- rra err ter ite dite dit edi Med Me Me M l M el nel ne n a n na na ana an ma ma lm ulm ulm su usu us mu mu mm e m e a e a ba ba ab rab ara ar a e a ne ne one on io sio nsi ns an an pa pa sp es es Le L L
neo tocca la Sardegna. Attacchi alle citt, conquista e saccheg- - g- eg- heg heg che cch cch acc sac sa e sa e s a e a e ta sta ist uis uis qu nqu nq onq on co co , c , t, tt itt cit ci e c e c lle alle all al hi a hi chi ch cch acc ac ta tta Att At A a. A a. na na gn egn eg de de rd ard Sar Sa S a S la la a l a ca cca cc oc toc to o t o eo neo ne nn
gio di Caralis, sottomissione della popolazione alla tassa deglii gli gli egli deg deg a de a d sa d ssa assa ass tas ta t a la lla alla all e a ne a ne one on zion zio azi laz ola ola pol po op pop po a p a p la lla ell del de d e d ne ne on ion sio sio ss iss mis mi m om tom tto ott ot so so , s s, is, lis ali al ra ara Car Ca C i C di di d o d io gio gi gg
infedeli. LIsola deve difendersi anche da incursioni longobar- - r- ar- bar oba oba gob ngo ngo ong lon lon i lo ni l oni on ion sio rsi urs ur cur ncu nc in a in a i da da e d he d he che ch nch anc an an si a si rsi ers der de nde nd en fen ife dif di d e d ve eve ev dev de a d a d la ola ol so Iso LIs LI L . L . i. li eli del de ed fed nfe nfe inf in i
de. In mancanza di sostegno materiale e militare dallesterno, ii o, i o, i no, rno erno tern ster ste est es lle alle all dal da e d re d are are itar lita ilit mili mil m e m e m e e e e ale ale ial ria eri ter ate mate mat ma m o m no no gno gn egn teg ste st ost sos so i s di s di d a d za nza nz anz an ca nca nc an man ma ma m n m n In In . I e. de de d
sardi organizzano le difese e scongiurano la conquista dellIsola. a la. ola. sola Isol Iso llIs ellI dell del a de a d ta d sta ista uis quis qu nqu onq on con co a c la c o la o la no ano an ran ura iur giu giu ngi ng on con sco sco e sc e s e e e e se ese fes ife dife dif e d e d le o le o l no ano an zan zza zz izz niz ani an gan rga rg org or i o di rdi ard ar sar sa s
IX secolo a Sardegna deve difendersi dalle incursioni ara- a- ra- ara- ara i ar ni a oni ioni sion rsio ursi urs cur ncu ncu inc in e in lle alle alle dal da i d si d rsi ersi ers der nde nd end fen ifen dife dif di e d ve eve eve dev de a d a d na na gn egn eg deg rde ard ard Sar Sa a S a S La La LL
. Vengono inviati ambasciatori alla corte imperiale carolin- n- in- olin- olin roli aro caro car e ca le c ale iale rial eria peri mper mpe mp im e im e im rte rte ort cor co a co la c lla alla all i al ri a ori tori ator ato iat cia sci asc asc bas mba mb mb am am i a ti a ati iat viat via nvi inv in o in o i no ono on gon go ng eng en Ven Ve V . V e. be. be bb
gia. Quando gli Arabi conquistano denitivamente la Sicilia a ia, lia, cilia cilia Sicil Sici a Sic a S la S e la te la nte nte ente men men ame am vam iva itiva nitiv niti ni en en de de o d o d no ano an tan sta ist uis quis qu nqu nq on con co i co bi c bi abi rab Ara Ara Ar i A li A gli gli o g o g do do nd and an uan ua Qu Qu Q . Q a. ia. gia gi gg
la Sardegna di fatto isolata dallimpero bizantino. Nascono ii o i no i no i ono con scon asco Nasc Nas Na o. N o. N no. ino tino ntin anti ant zan iza biza biz o b ro b ero pero per mpe mp imp im llim alli all dal da a d ta d ata ata olat ola sol iso iso o is to i tto atto fatt fat i fa di f di di d a a na na gn egn eg deg rde ard ard Sar Sa a S a S la la l
uattro regni giudicali (Calari o Pluminos, Arborea, Logudoro o ro oro doro udor udo gud ogud Logu Log , Lo a, L ea, L rea, orea ore bor rbo Arbo Arb , Ar s, A os, A os, nos ino mino min umi um Plum Plu Plu o P o P i o ri o ari lari alar Cala Cal (Ca (C li (C ali ( ali cal ica dic udi ud iud giu gi i g ni g gni gn egn reg re o re o r ro tro ttr att uat ua qua qu qq
o Torres, Gallura). ) a). ra) ura ura lur allu all Gal Ga G s, G s, es, res rre orr or To To o T o T o o
X-XIII secolo Civilt giudicale Un sistema economico e so o- so- e so e so o e co e ico mico mic om nom ono con econ eco a ec ma e ma ema em stem ste sist sis n si Un s Un Un UU
iale originale, di tipo non feudale, la base dellordinamento to nto ento mento men amen nam inam dina rdin ordin ord llor ello dell dell e de se d ase d ase bas a bas a ba la b la la , l e, ale, ale, dale udal uda eud feu n feu n fe on f non non no o n po n ipo tipo tip di ti di t di , d e, d le, ale nale ina gina gin rigi rig ori or e o le o ale iale cial cia ci c
giuridico giudicale. Fondato sulla stretta connessione tra po- o po- po- a po- ra po tra p e tra ne tra ne t one sione ssion ssio essi ness nnes onne conn con a co ta co tta c etta retta tret stre str a st la s ulla ulla sull sul o su to s ato dato dat nda ond ond Fon Fo . Fo e. F le. ale cale ical dica udic udi iud giu giu o gi o g co ico dic idi rid urid iuri giur giu gi g
polo, territorio e livello politico e di governo, tale sistema reg- g- eg- reg- a reg ma re ma r ema tem istem siste sist e sis ale s tale tale o, tal o, ta no, t rno, erno vern over gove gov i go di go di g e di e d o e co e ico tico litic oliti polit pol po o p lo p ello vello vell ive live e liv e l o e io e rio orio tori itor rito rrit erri terr ter , te o, t lo, olo, olo pol po pp
er nelle sue forme principali no alla seconda met del XIII I II XIII XIII l XIII el XI del X del t de et d met met met a me da m nda onda cond econ seco seco a sec la se lla s alla o all o al no a no no i n ali ali pali ipal cipa ncip inci rinc prin pri e pr me p me rme rm form form e fo e fo ue f sue sue e su le s lle elle nell nel ne n r n er ger ger ge g
secolo per tre dei quattro regni giudicali, e no allinizio del XV V XV XV el XV del XV del X o del zio de izio d nizio inizi liniz llin allin o all no al no a no e no e n i, e li, e ali, e cali, dical dica udic iudi giud i giu ni gi ni g gni egn regn o reg o re ro r ttro attro attr uatt qua qua i qu ei q dei dei e de re d tre r tre r tr er t per pe o pe lo p olo colo col eco sec se se
secolo per il giudicato di Arborea. a ea. rea. orea bore rbor Arbo Arb Arb di A di A o di to d ato d ato cato dica dica udic iud giud giu l gi il g r il er il per per o pe o p lo p olo colo ecol eco sec se s
La civilt giudicale inserir la Sardegna a pieno titolo nell nel nel o nel lo ne olo n itolo titolo o tito no tit no t ieno pieno pien a pie a pi a a p na a gna egna degn rdegn ardeg arde Sard a Sar a Sa la S la r la ir l rir erir seri nser inse ins e in le i ale cale ical dica udic udi giud giu giu g t g ilt vilt ivilt civi civ a ci La c La La L
usso delle correnti economiche e culturali del periodo, come me me ome come , com o, com do, co odo, riodo eriod period perio el per del pe del p i del ali de rali d urali tural ltura ultur cultu cult e cu e e c he e he e che miche mich omic omi nom onom cono econ eco i ec ti ec nti e enti rent rren orre corr cor e co le co lle c elle dell del o de o d so d sso usso uss us u
soggetto politico a tutto tondo, specie allepoca della lunga ga nga unga lunga a lung la lun ella lu della della a del ca de oca d poca epoca epoc llepo allep alle e all cie a ecie ecie peci spec spe o, sp do, s do, ndo ondo tond ton o to to t tto utto tutt tut a tu a t o a co a co tico itico olitic olit poli pol o po o p tto etto getto get gge ogg ogg sog so s
uerra condotta dal giudicato di Arborea, allora coincidente nte ente dente idente nciden ncide oincid coinc coin a coi ora co lora c allora allor , allo a, all ea, a rea, orea bore rbor Arbo Arb i Ar di A di A o di to d ato cato dicat dica udic iudi giud giu al gi al g dal dal a da ta d tta otta dott ndot ndo ond cond con a co ra c rra erra erra uerr gue gue gu g
con lintero territorio sardo, contro il regno di Aragona per la la r la er la per la a per l na per ona pe gona p agona ragon Arago Arag di Ara di A o di A no di gno d egno regno regn il reg o il re o il tro il ntro ontro contr con , con o, co do, c rdo, ardo sard sard o sa io s rio orio tori ritor rrito errit terri ter o te ro t ero tero nter inte int lin n lin n l on l con con co c
libert e lindipendenza dellIsola. la ola. sola. Isola Isol llIso ellIs dell dell a de za d nza enza denz den nde ende pend ipen dipe ndip ndip ind lind e lin e li e l t e rt e ert bert ber libe lib lib l
I lasciti pi signicativi della civilt giudicale sono il patri- ri- atri- patri- l patri- il patr o il pa no il p ono il sono e sono le son ale so icale dicale udica iudic giudi giud t giu ilt g vilt ivilt civil a civi la civ ella c della della i del vi de tivi d ativi cativ cati cat nica gnic gni signi sign sig i si pi s pi i pi iti p citi p sciti ascit asc las I las I la I
monio artistico e monumentale (romanico sardo, castelli) e la la e la i) e la lli) e l telli) e stelli) astell caste o, cas do, ca rdo, c ardo, sardo o sard co sa ico s nico anico manic man oma (rom (rom e (ro ale (r tale ntale enta ment men ume num num onu monu mon e mo e m o e m co e ico e tico stic isti rtist artis arti o ar io a nio onio oni mon mo mo m
Carta de Logu promulgata da Eleonora dArborea nel 1392, a a 2 a 92, a 392, a 1392, 1392 el 139 nel 13 a nel 1 ea nel rea ne orea n borea Arbore Arbo dArb dAr ra dA ora d nora d onora onor leono Eleon Eleo a Ele da El da E a da ata d ata d gata ulgat ulga mulg mul omu rom prom u pro u pr gu p ogu Logu Log e Lo de L de L a de ta d rta d arta Carta Car Ca C
sua volta un vero monumento giuridico, rimasta la legge di tut- t tut- i tut- di tut- e di tu gge di t egge d legge a legg la leg ta la le sta la asta l masta imast rimas o, rim co, rim ico, r dico, ridico uridic iurid giuri o giur to giu nto g ento g mento ment umen nume num onum monu mon o mo ro m ero m vero vero n ve un ve un v a un ta u olta u olta volt a vol ua vo ua v sua su su
i i sardi no al 182 ti i 77. 27. 827 182 182 l 18 al 1 o al no a no no n di rdi ardi ard sar i sa i i s i i
1250-90 Uno dopo laltro cadono e vengono smembrati i re- re- i re- ti i re- ati i re brati i r mbrati mbrat membr memb smem o sme no sm ono s gono ngono engon vengo e ven e ve o e v no e ono e dono adon cado o cad ro ca tro c altro altro laltr o lal po la opo l opo dopo o dop no do no d Uno Uno Un U
ri, Torres e Gallura. Pisa si impossessa del territo- gni di Calari, ito- rrito- errito- territo el terri del ter a del te sa del essa de sessa ssessa osses posse mposs impo i imp si im a si im sa si Pisa s Pisa . Pisa a. Pi ura. P lura. llura allur Gallu Gall e Ga s e G es e res e rres orres Torre Tor i, To ri, T ri,
timo e di una parte di quello di Calari, compresa rio di questultim sa esa presa mpresa ompres compr i, comp ari, com lari, co alari, Calari di Cala di Cal o di C llo di uello d quello quell di que di qu e di q rte di arte d parte part na par na pa una p i una di un e di u e di o e d mo e mo e timo tim
di Castro (lattuale Cagliari); il conte Ugolino la rocca di Castel di C no lino golino Ugolino Ugolin te Ugol nte Ug onte U conte il cont ; il con ri); il c ari); il liari); gliari) agliar Caglia e Cagl ale Ca uale C tuale ttuale attua lattu (latt o (la tro (l stro ( astro Castr Cast di Ca di C
da Villa di Chiesa (Iglesias). Dei quattro della Gherardesca fonda V ro attro uattro quattro i quatt Dei qua Dei qu ). Dei q as). De ias). D esias). glesias Iglesia (Igles a (Igle sa (Ig iesa (I hiesa Chies i Chie di Ch a di Ch la di C illa di Villa d Villa a Vill da Vi da V
e indipendente quello di Arborea. regni sardi rimane integro e in ea orea. borea. Arborea Arbore di Arbo o di Arb lo di A ello di uello d quello e quell nte que ente qu dente ndente enden pende ipend dipen ndipe indip e ind e in
1297 vere la contesa sulla Sici- Papa Bonifacio VIII, per risolvere ci- Sici- a Sici- ulla Sici- sulla Si a sulla S sa sulla tesa su ntesa s ontesa contes a cont la con re la co ere la vere l vere
ona aragonese, con- lia tra gli Angioini (suoi protetti) e la corona on- con- e, con- se, con nese, co onese, gonese ragone aragon a arago na ara ona ar rona
ica al re dAra- cede la licentia invadendi su Sardegna e Corsica al ra- Ara- dAra- re dAra l re dA al re d a al re ica al r ica al
gona Giacomo II.
1302 Pisa conquista lintera estensione dellex regno di Cala- di C regno di Cala ex regno di Cala- llex regno di Cala- ellex regno di Cala- dellex regno di Cala- e delle ne del one d ione sione nsion ensio tens sten este est a es ra e era tera nter nte int lin lin a li ta l sta sta ist uis qui qu nqu nq on con co a co a c sa isa Pis Pi PP
ri, che entra a far parte dei suoi territori doltremare insieme i emare insiem ltremare insieme oltremare insieme doltremare insieme ri doltremare insieme ori dol tori d ritori rritor errito terri i ter oi te uoi t suoi suo i su ei s dei dei e de te d rte arte art par pa r pa ar p far far a fa a f a a a ra tra ntra ntr ent en e e e e he he ch ch , c i, ri, ri r
alla Galluraa ra. ura ura lur llu all Gal Ga G a G la lla all al aa
1324-26 I catalano-aragonesi, guidati dallInfante Alfonso, t Alf Infante Alfonso allInfante Alfonso, dallInfante Alfonso, ti dallInfante Alfonso, ati dallI dati da uidati d guidat guida i, gui si, gu esi, g nesi, ones gone agon rago arag -arag o-ara o-a no-a ano lano alan tala atal cata cat ca I c I I
onquistano la Sardegna pisana con laiuto di Ugone II re dAr- II d Ugone II re dAr- di Ugone II re dAr- to di Ugone II re dAr- iuto di Ugone II re dAr- aiuto di Ugone II re dAr- laiuto d on laiut con lai a con l na con ana co sana c isana pisan a pisa a pis na p gna egna degn rdeg arde ard Sard a Sa la Sa la S o la no la no ano tan stan ista uist quis qui nqu onq onq con co co
borea. Prima imposizione del mos italicus (legge feudale) sui d l gge feudale) sui (legge feudale) sui us (legge feudale) sui licus (legge feudale) sui talicus (legge feudale) sui italicus s italicu mos itali mos it l mos el mo del m e del m ne del ne d one zione izion sizio osizi posiz mpos mpo imp imp a im ma im ma ima rim Prim Pri Pr a. P ea. P ea. rea ore bore bor bo b
territori conquistati ti ati. tati. stati uista uist quis nqui nqu onq con con ri co ori c ori itor rito rrito erri terr ter te t
1347-1355 Mentre in Europa divampa la peste nera, i Doria i D peste nera i Doria la peste nera, i Doria a la peste nera, i Doria mpa la peste nera, i Doria ampa la pe ivampa la divampa a divam pa diva ropa di uropa Europa Euro n Eur in Eu e in E re in ntre in ntre entre Ment Men Me MM
della Sardegna nord-occidentale insieme al regno di Arborea di A b regno di Arborea al regno di Arborea me al regno di Arborea ieme al regno di Arborea nsieme al r insieme le insiem tale insi ntale in dentale identa cident occide -occid d-occi rd-oc ord-o nord- nord a no na n gna n egna degn rdeg ardeg Sarde Sard a Sar a Sa lla S ella della dell de d
uidato da Mariano IV, muovono guerra contro il Regno di Sar- d o il Regno di Sar ontro il Regno di Sar- a contro il Regno di Sar- rra contro il Regno di Sar- uerra contro guerra co no guerra ono guer ovono gu uovono muovon muovo V, muo IV, mu o IV, m no IV, ano IV iano I riano arian Maria Mari a Ma da M da M o da to da ato d dato idat uida guid gui gu gg
degna aragonese. La pace che ne consegue lascia intatte le for- cia intatte le for e lascia intatte le for- gue lascia intatte le for- segue lascia intatte le for- onsegue lascia intatte le for- consegue ne conseg e ne cons he ne co che ne ce che n ace che pace ch a pace La pac La pa e. La p se. La ese. L nese. onese gone agon rago arago a arag a ara na a gna egna degn deg de d
ze e le aspirazioni del regno arborense. Alghero, svuotata del- t t d l ghero svuotata del- Alghero, svuotata del- se. Alghero, svuotata del- ense. Alghero, svuotata del- orense. Algh rborense. A arborens o arbore gno arbo egno ar regno l regno del reg del re ni del oni de ioni d zioni azion irazio piraz spira aspir asp e asp le a e le e e le ze e l ze e ze ze
la popolazione sarda e genovese, viene ripopolata con famiglie f i l polata con famiglie ripopolata con famiglie ne ripopolata con famiglie iene ripopolata con famiglie , viene ripop se, viene ri vese, vien ovese, vi novese, genoves e genov a e geno da e ge rda e g arda e sarda e sard ne sar one s zione azion lazio olazi polaz opola popo popo a pop la po la p la l
catalane. ne ne. ane alan talan atal cata cat ca c
1365-1420 Guerra tra Arborea giudicale e Regno di Sardegna di S d e Regno di Sardegna cale e Regno di Sardegna udicale e Regno di Sardegna giudicale e Regno di Sardegna a giudicale e orea giudic borea giud Arborea g Arborea ra Arbo tra Arb ra tra A rra tra uerra tr Guerra Guerr Gue Gu G
ragonese. Dopo la tregua sancita dalla pace del 1388 (estorta l 1388 ( t t ace del 1388 (estorta la pace del 1388 (estorta dalla pace del 1388 (estorta ta dalla pace del 1388 (estorta ncita dalla pac ancita dalla a sancita d ua sancit gua sanc regua sa a tregua la tregu o la tre po la tr opo la Dopo . Dopo e. Do ese. D nese. D onese gones agone ragon arago arag ara a
allArborea tramite incarcerazione di Brancaleone Doria, mari- D i caleone Doria mari- rancaleone Doria, mari- di Brancaleone Doria, mari- ne di Brancaleone Doria, mari- one di Branc azione di B erazione d rcerazion carcerazi ncarcera incarce te inca mite inc mite i ramite trami a tram rea tra orea t borea rbore Arbor lArb allArb allA all al
o della reggente Eleonora), la guerra riprende nel 1391. Alun- 1391 A de nel 1391 Alun prende nel 1391 Alun- a riprende nel 1391. Alun- erra riprende nel 1391. Alun- guerra riprend la guerra rip a), la guerra ra), la gue nora), la g onora), l leonora) Eleono te Eleon nte Eleo ente El ggente eggent reggen a regg lla reg ella re della o della to del to d to to
go il regno dArborea governa lintera Isola (tranne le roccaforti tranne le roccaforti ola (tranne le roccaforti a Isola (tranne le roccaforti tera Isola (tranne le roccaforti intera Isola (tra a lintera Iso rna lintera verna lint governa l a governa rea gover orea gov rborea g Arborea dArbor dArbo no dAr gno dA egno d regno il regn o il reg go il re go il go i go g
di Castel di Calari e Alghero). Nel 1392 (o 94), promulgazione ) l i (o 94) promulgazione 92 (o 94), promulgazione 1392 (o 94), promulgazione Nel 1392 (o 94), promulgazione ). Nel 1392 (o ro). Nel 139 hero). Nel 1 lghero). N Alghero) e Algher ri e Algh lari e Al alari e A Calari di Calar l di Cal el di C stel di astel d Castel i Cast di Cas di Ca di C di
della redazione aggiornata della Carta de Logu da parte della d t d ll e Logu da parte della ta de Logu da parte della Carta de Logu da parte della la Carta de Logu da parte della della Carta de a della Cart nata della C rnata dell giornata d ggiornata aggiorn e aggior one agg ione ag azione dazion edazio redaz a reda lla red della re della dell de d
reggente Eleonora. Inne, (scontta di Sanluri, 1409; cessione 1409 i nluri 1409; cessione di Sanluri, 1409; cessione tta di Sanluri, 1409; cessione ntta di Sanluri, 1409; cessione contta di Sanl (scontta di ne, (scontt ne, (scon Inne, (sc a. Inne, ora. Inn nora. In onora. I leonora Eleono e Eleon nte Eleo ente El gente ggent reggen regge regg re
della citt di Oristano ai catalani da parte del podest Leonar- del podest Leonar arte del podest Leonar- da parte del podest Leonar- ni da parte del podest Leonar- alani da parte de atalani da pa i catalani da o ai catalan no ai cata tano ai ca istano ai Oristano i Oristan di Orist di Ori tt di O citt di a citt lla citt ella cit della c della del de
do Cubello, 1410), il sovrano arborense Guglielmo di Narbona glielmo di Narbona e Guglielmo di Narbona rense Guglielmo di Narbona borense Guglielmo di Narbona o arborense Gugli ano arborense vrano arbore sovrano arb il sovrano ), il sovra 10), il sov 410), il s 1410), i o, 1410) llo, 141 ello, 14 ubello, Cubello Cubel do Cub do Cu do C do
vende titolo e territorio giudicali al re di Aragona e di Sardegna di S d i Aragona e di Sardegna re di Aragona e di Sardegna i al re di Aragona e di Sardegna cali al re di Aragona e di Sardegna udicali al re di A giudicali al re io giudicali orio giudic ritorio giu erritorio g territori e territo lo e terr tolo e te titolo e e titolo de titol nde tit vende t vende ven ve
per 100000 orini doro. LIsola stremata, impoverita, deci- i d i mata impoverita deci- stremata, impoverita, deci- a stremata, impoverita, deci- sola stremata, impoverita, deci- LIsola strema o. LIsola st oro. LIsola doro. LIs ni doro. L orini doro orini d 0 orini 00 orin 000 o 0000 100000 1000 er 100 per 10 per 1 per pe p
mata dalla peste e dallinterminabile conitto. itt e conitto abile conitto. minabile conitto. erminabile con nterminabile llinterminab dallinterm e dallinte te e dallin este e dal peste e d a peste e alla pest dalla pe a dalla p ata dalla mata da mata d mata ma m
1421 Alfonso il Magnanimo dAragona convoca a Castel di Ca- C t l di C na convoca a Castel di Ca- agona convoca a Castel di Ca- Aragona convoca a Castel di Ca- o dAragona convoc nimo dAragona nanimo dArag gnanimo dA Magnanimo l Magnani o il Magna nso il Mag onso il M Alfonso il Alfonso Alfon Alfo A
lari il parlamento del regno; il consesso composto da tre brac- t d t b composto da tre brac- esso composto da tre brac- onsesso composto da tre brac- il consesso composto da tre brac- no; il consesso egno; il conse el regno; il co del regno; i to del regn ento del re mento de lamento arlament parlame il parlam ri il parl lari il pa lari il p lari lar
ci: militare (in rappresentanza dei feudatari), ecclesiastico, re- l i i atari) ecclesiastico re- feudatari), ecclesiastico, re- dei feudatari), ecclesiastico, re- nza dei feudatari), ecclesiastico, re- ntanza dei feudat sentanza dei fe resentanza d ppresentanz rappresent n rapprese (in rappr re (in rap tare (in r ilitare (in militare : militar ci: milit ci: mi ci: m ci
ale (in rappresentanza delle citt regie, ossia non infeudate e i f d ossia non infeudate e egie ossia non infeudate e tt regie, ossia non infeudate e e citt regie, ossia non infeudate e elle citt regie, os a delle citt reg nza delle citt tanza delle entanza de esentanza presentan appresent rapprese n rappre (in rapp le (in ra ale (in ale (in ale al
sottoposte direttamente allautorit regia). regia) orit regia) autorit regia). allautorit regia). te allautorit re ente allautor amente alla ttamente a irettament direttame te diretta oste diret oposte di toposte ottopost sottopo sotto sott so
1470-8 Ribellione del marchese di Oristano Leonardo di Ala- L d di Al ristano Leonardo di Ala- di Oristano Leonardo di Ala- ese di Oristano Leonardo di Ala- archese di Orista marchese di del marches e del marc one del m ellione de bellione Ribellio Ribell Rib R
gon contro il vicer (suo lontano parente, aspirante al patrimo- l i e aspirante al patrimo- arente, aspirante al patrimo- no parente, aspirante al patrimo- ntano parente, aspirante al patrimo- o lontano parente, suo lontano par r (suo lontan cer (suo lon vicer (suo il vicer (s tro il vicer ntro il vic contro il v n contro gon cont gon co gon c gon g
nio e ai titoli ereditati da Leonardo). Rivolta anti-iberica. Scon- i olta anti iberica Scon ) Rivolta anti-iberica Scon- ardo). Rivolta anti-iberica. Scon- eonardo). Rivolta anti-iberica. Scon- a Leonardo). Rivo ti da Leonardo itati da Leona editati da Le ereditati d oli ereditat itoli eredi ai titoli er e ai titoli o e ai tito nio e ai t nio e a nio e ni
tta di Leonardo di Alagon. gon Alagon di Alagon. o di Alagon. ardo di Alago onardo di A eonardo d i Leonardo di Leona ta di Leon tta di Le tta di tta tt
1543 Ai sardi viene riconosciuta la paricazione giuridica con i idi aricazione giuridica con a la paricazione giuridica con ciuta la paricazione giuridica con nosciuta la paricazione giuridica con iconosciuta la pari ne riconosciuta l iene riconosci i viene ricon ardi viene ric sardi viene Ai sardi vi Ai sardi Ai sa Ai
gli spagnoli. li noli agnoli. pagnoli. i spagnoli gli spagn gli spa gli sp gli g
1571 Condanna al rogo per eresia (adesione al luteranesimo) l l t i ) (adesione al luteranesimo) resia (adesione al luteranesimo) er eresia (adesione al luteranesimo) go per eresia (adesion rogo per eresia (a al rogo per ere nna al rogo pe danna al rogo ondanna al r Condanna Condann Cond Con
di Sigismondo Arquer, funzionario del regno e intellettuale di i t ll tt l di del regno e intellettuale di nario del regno e intellettuale di nzionario del regno e intellettuale di funzionario del regno e uer, funzionario de Arquer, funziona o Arquer, funz ndo Arquer, f mondo Arque smondo Ar igismondo Sigismon di Sigism di Sigis di Si di
primo piano. ano piano. mo piano. rimo piano primo pia primo p prim pr
XVI-XVII secolo Le guerre dellimpero spagnolo contro Fran LLe Le Le g e ggu gue ue uer err rre ree d e de de del ell lli lim im immp mppe per ero ro ro o ssp sppa pag aggn gnno nol olo loo o c co co on onnt ntr tro ro o F o FFr Fra ra an ann- n-
cia, Turchi e Inghilterra coinvolgono in varia misura il territo- cia cia, cia, T ia, Tu a, Tur Turc Turch urchi rchi hi e hi e I e In e In Ing ngh nghi ghil hilt ilte lter terr erra rra ra c a cco coi oin oinv inv nvo vol volg olg lgo gon on ono no no o in in in n v n va va var ari ria ia a m a mmmi mis isu su ur ura ra a a iil il t l te teer err rri rit ito too- o-
rio e le risorse umane e materiali della Sardegna. Recrudescen- ri rio rio e rio e le o e le e le ri le ris e riso risor isors orse orse se u e um um uma man man ane ne ne e e e m e m e m ma mat mate ater teri eria rial iali ali li d i de de dell ella lla la S a S Sa Sar ar ard rde de deg egn gn gna na a. a. R . R Re Reec ecr cru ru ud udde des es sc sce ce en en- n- -
ze della peste (famosa quella del 1652) ze ze d ze de ze dell e della della p ella pe la pes pest peste este ste (f e (fa (fam (fam famo mos mos osa osa q sa q a qu que que uell ella ella la d a dde del del el 1 l 16 16 165 6552 52) 2). 2). ).
1668 Scontro aperto tra aristocrazia sarda e vicer per la que- SSc Scon Scont Scontr ontro ntro a tro ap o ap ape apert perto erto rto t to tr o tra tra a ra a a ar aris arist risto sto toc ocr ocra craz razi azia zia ia s a sa sa sar ard arda rda da e a e e v e v vi vic vice cer cer er r p pe pe per er r la la la a qqu qu que ue e- e-
stione del donativo (la tassa che la Sardegna deve versare sti stion stione stione d ione de ne del e del del d el do don dona donat onativ nativo ativo ivo vo o (l (la (la la t a ta tas tass assa ssa sa c a ch ch che he he l e la la la S a S Sa Sar Sard ard rde deg egn egn gna na na a dde dev dev eve ve ve v e vve ver ers ers rsa sar are are re e
alla corona, il cui ammontare viene stabilito ogni dieci anni all alla alla co alla coro la coron corona orona, ona, i na, il a, il c il cu l cui cui a ui am i am amm amm mmo mon mont onta ntar ntare tare are v re v e vie vien vien ene ne ne s e st sta stab tab abi bil bilit ilito ito to o o og og ogn gni ni ni d i d die die iec eci ci ci a i an an ann nn nni nii
dal parlamento). Entrano in gioco anche rivalit personali e fa ddal dal p dal par dal parla al parlam parlame rlamen ament mento) ento). nto). E o). En ). Ent Entr Entra ntran rano ano no in o in in g in gi n gio gioc ioco oco co a o an o an anc nch nche che he r e ri riv riva ival vali alit lit it p t p pe per pers ers rso son on ona nal ali ali e li ee f e fa fa fa- a-
miliari tra i principali esponenti della classe nobiliare isolana. mi milia miliari miliari tr iliari tra ari tra i i tra i p ra i pri i prin princ rincip incipa cipal ipali pali e ali es i esp espo spon pone onen nent nenti enti nti d ti de del della ella lla c la cl a cla clas lass ass sse se n se n e no nob nob obi bili bilia ilia iar are ree is e is iso sol ola olan lan ana na. na. a.
In luglio, assassinio del vicere, marchese di Camarassa, nelle In In lu In lugl In luglio n luglio, a uglio, as lio, assa , assas assass ssassin assini ssinio inio d nio de o del del v del vi el vic vice vicer cere ere, re, m e, m , ma mar marc arch rche che hes hese ese se d e di di C di C i Ca Cam Cam amma mar mara aras rass ass ssa sa, a, a, nne nel nell elle lle lee
vie del Castello di Cagliari. I mandanti e gli esecutori vengono ie vie d vie del vie del Ca e del Cas del Caste Castell astello stello d ello di lo di C di Ca di Cag Cagli aglia gliari liari. ari. I ri. I m i. I m I ma man mand mand anda ndan dant anti nti e ti e i e g e gl gli gli e li es i ese ese sec ecu ecut cuto uto tor ori ri v ri ve ven ven eng ngo ngo gon ono ono no o
perseguiti, attirati in una trappola e uccisi, chi armi in pugno perse persegu perseguit erseguiti, eguiti, a uiti, att ti, attir attirat attirati irati in ati in ti in u in un n una una t na tr na tra trap trapp appo ppol pola ola e ola e a e u e uc e uc ucc uccis ccisi cisi, si, c i, ch , ch chi chi a hi ar i arm arm arm mi mi i mi in in in p n pu pu pug ugn ugn gno no no o
chi sul patibolo. Le masse popolari non hanno alcun ruolo ne- h chi s chi sul chi sul pa hi sul pati sul patibo patibol atibolo. ibolo. L olo. Le o. Le m Le ma Le mas mass masse asse p sse po se pop popo popol opola polar olari lari n ari no i non non non h on h n ha han hann anno nno no a no al o alc alcu alcu cun un un r n ru ruo ruol uolo olo lo n o nne ne- ne- e-
gli avvenimenti. l gli av gli avve gli avven gli avvenim avvenimen eniment nimenti. menti. nti. ti.
1720 In seguito alla Guerra di Successione spagnola, la coro- IIn s In seg In segu In seguit seguito guito al uito alla to alla G alla Gu lla Gue a Guer Guerra uerra erra d ra di a di S di Su i Suc Succe ucces ccess cessi essio ssion sione one ne s ne sp e spa spag pagn agn agno gnol nola ola, la, l a, la la la c a co cor coro oro- ro- o-
na sarda passa ai duchi di Savoia: Vittorio Amedeo II il XVII na s na sard na sarda na sarda pa sarda pass rda passa passa ai assa ai d sa ai du ai duch i duchi duchi d uchi di hi di S di Sa di Savo Savoi avoia voia: oia: V ia: Vi : Vitt Vitto Vittor ttorio torio rio A io Am o Am Ame Amed med mede edeo deo I eo II o II II I i il il X il X l XV XVI XVII VII VII I
re di Sardegna. Giuramento di fedelt alle antiche costituzioni re d re di S re di Sard re di Sardeg di Sardegn Sardegna. degna. G gna. Giu na. Giura Giuram Giurame uramen amento mento ento d nto di f o di fe di fed i fede fedelt delt delt a lt al t alle alle alle a le an e ant antic ntich ntich iche che c he co e cos cost costi ostit stitu ituz tuzi uzio zion ioni oni ni ni
e ai privilegi aristocratici. Si insedia il primo vicer piemonte- e ai pr e ai privi e ai privileg ai privilegi a rivilegi ari ilegi arist gi aristoc aristocra istocrat tocratic cratici. atici. S ici. Si i. Si in Si ins i inse insed nsedia edia dia il ia il p a il pr il prim prim primo imo mo v mo vic o vice vicer icer cer er p r pi pie piem iem emo mon mont onte nte- te- e-
se (barone di Saint Rmy). se (ba se (baron se (barone e (barone di arone di Sa ne di Sain di Saint Saint R aint Rm nt Rmy Rmy). my). my). y).
1759 Col ministro per gli affari di Sardegna Lorenzo Bogino ini- CCol m Col min Col minist ol ministro ministro p nistro per tro per g o per gli per gli af r gli affa gli affari affari d ffari di ari di S i di Sar di Sard Sarde ardeg rdegn degna gna L na Lo a Lor Lore Loren orenz enzo nzo B zo Bo o Bog Bog Bogin ogino gino ino i no in o ini- ini- ni- i
zia una stagione di razionalizzazione dellamministrazione sta- zia u zia una s zia una sta zia una stagio una stagione stagione d agione di r one di raz e di razio di razion razional zionaliz onalizza nalizzaz lizzazio zzazion azione zione d one de ne dell della dellam ellam lamm ammi mmin minis minist nistr nistra straz trazio azion zione ione one s ne st e sta sta- ta- a
tale. Tentativo di imposizione della lingua italiana come unica tale tale Ten tale. Tenta tale. Tentativ e. Tentativo d entativo di i ativo di im vo di impo di impos imposiz mposizio osizione sizione ione de ne dell e della della l ella lin la ling lingu ingua ngua i gua ita a ital italia talian aliana iana ana co na com a com come ome me u me un e uni unic nica nica ca a
lingua ufciale al posto dello spagnolo. Reazione polemica de- li lingua u lingua uf lingua ufcia ngua ufciale ufciale al ciale al po ale al post al posto posto de osto dell to dello dello sp ello spa lo spag spagno pagnol agnolo gnolo. R olo. R lo. Rea . Reaz Reazi eazion azion zione one p ne po e pole polem olem lemi emic mica mica d ca de a de- de- de- e
gli intellettuali isolani che perorano la causa della lingua sarda. li gli inte gli intellet gli intellettua i intellettuali i ellettuali iso ttuali isolan ali isolani isolani ch olani che ni che pe che per he peror peroran erorano orano l rano la no la c o la cau la caus causa ausa d usa de sa del a della della l ella lin la lin a lingu lingu ngua gua s ua sa a sar sard arda rda. da. a.
1793 Tentativo di occupazione militare da parte della Francia. Ten Tentat Tentativo Tentativo di ntativo di o tivo di occu o di occup di occupaz occupazio upazion pazione zione m one mil ne milit militar militare litare d are da re da p da pa da part parte parte d rte de te dell della della F ella Fr la Fra a Fran Franc ranci ancia ncia. cia. a.
Mobilitazione di miliziani da parte dellaristocrazia e del clero, Mobi Mobilitaz Mobilitazion Mobilitazione d bilitazione di m azione di mil ne di miliz di milizian miliziani iliziani da ziani da p ni da pa da parte a parte d parte de arte dell e della dellar ellaris laristo aristoc istocra tocraz ocrazi crazia azia e zia e d a e de e del del c del cle el cler clero lero, ero, ro, o,
nellinerzia del governo piemontese. Il tentativo di sbarco vie- nell nelliner nellinerzia nellinerzia del linerzia del go rzia del gove a del govern el governo overno pi erno piem no piemo piemon iemonte montese ontese. tese. Il se. Il te e. Il ten Il tent tentat entativ ntativo ativo d tivo di vo di s o di sb di sba i sbar sbarco barco arco v co vie o vie- vie- ie- e
ne respinto presso il Margine Rosso (Quartu S.E.). ne respi ne respinto ne respinto pre respinto press pinto presso i o presso il M resso il Ma so il Marg il Margin Margine R argine Ro gine Ros ne Rosso Rosso ( osso (Q so (Qua o (Quar Quartu uartu artu S. rtu S.E u S.E.) S.E.). .E.). E.).
1794-6 Il parlamento riunito ad oltranza invia Cinque richie- Il Il parl Il parlam Il parlamen l parlamento rlamento riu mento riun nto riunito o riunito a unito ad nito ad ol o ad oltr ad oltran oltranz ltranza ranza in nza inv za invia invia nvia C via Cin a Cinq Cinqu Cinque nque r que ri ue rich e richi richie chie- hie- ie-
ste alla corte di Torino (ripristino dei privilegi feudali, riserva ste al ste alla co ste alla corte ste alla corte di alla corte di To corte di Torin e di Torino i Torino (ri orino (ripr no (riprist (ripristin ipristino ristino d tino dei no dei p dei priv ei privi privile privilegi vilegi f legi feu egi feud i feuda feudal udali, dali, r ali, ris i, rise riserv iserva serva rva va
delle cariche alla nobilt sarda, ecc.). Risposta negativa del re, delle delle caric delle cariche delle cariche alla e cariche alla no iche alla nobi e alla nobilt la nobilt sa nobilt sard ilt sarda sarda, e sarda, ecc da, ecc.) a, ecc.). R ecc.). Ris c.). Risp . Rispo Rispost sposta posta n sta neg ta nega negat negativ gativa ativa d iva de va del del re del re, l re, re, e,
cacciata dei funzionari piemontesi (28 aprile). Le campagne si i cacciata d cacciata dei f cacciata dei funz cciata dei funzio a dei funzionar funzionari p nzionari pie onari piemo ari piemon piemonte emontesi montesi (2 ntesi (28 esi (28 a (28 apr 28 april aprile) aprile). L rile). Le le). Le c ). Le ca Le cam e camp campa ampag mpagn pagne agne s gne si e si si
ribellano agli esattori scali. Scoppiano moti rivoluzionari. La ib ribellano ribellano agl ribellano agli es bellano agli esatt no agli esattori gli esattori s esattori sca tori scali. ri scali. Sc scali. Sco ali. Scopp . Scoppia coppian oppiano piano m ano mot no moti moti ri moti rivo ti rivolu rivoluz voluzi oluzion uziona zionar onari. nari. L ari. La ri. La La La
reazione dellaristocrazia (che chiede laiuto piemontese) e il reazion reazione de reazione dellar reazione dellarist ne dellaristocr ellaristocraz aristocrazia tocrazia (ch razia (che zia (che ch (che chie he chiede chiede l hiede la ede laiu e laiuto laiuto aiuto pi uto piem o piem piemo iemont monte montese ntese) tese) e se) e e) e il e il e il il
mancato appoggio di una parte della borghesia e del ceto po- manca mancato ap mancato appog mancato appoggio ato appoggio di appoggio di un oggio di una io di una pa di una parte una parte d a parte del arte della te della b della bor lla borgh a borghe borghes rghesia hesia e esia e d ia e de e del c e del ce del ceto l ceto ceto p eto po o po- po- o
polare fanno fallire la rivoluzione. polare polare fann polare fanno fa polare fanno fallir re fanno fallire la nno fallire la ri fallire la rivol ire la rivoluz la rivoluzio rivoluzione oluzione. zione. one.
1799-1814 A causa delle guerre napoleoniche, i Savoia co- AA ca A caus A causa d A causa dell causa delle g sa delle gue delle guerr le guerre guerre na erre napo re napole napoleo apoleoni oleonich eoniche niche, iche, i S he, i Sa e, i Sav i Savoi Savoia avoia c voia co ia co- co- co
stretti a riparare a Cagliari con tutta la corte. stretti a stretti a ripar stretti a riparare stretti a riparare a C a riparare a Cagl arare a Cagliar e a Cagliari c Cagliari con gliari con tu ri con tutta con tutta l n tutta la c utta la co a la corte la corte. corte. rte. e.
1799-12 Assedio e cannoneggiamento di alcuni paesi liberati AAssed Assedio e Assedio e ca Assedio e cann dio e cannone e cannonegg annoneggia noneggiame neggiamen giamento amento di mento di a nto di alc o di alcun i alcuni alcuni pa cuni pae ni paesi paesi li aesi lib esi liber i libera iberati berati rati ti
dai rivoluzionari (tragico quello di Thiesi). Ultimi tentativi ri- d i i dai rivoluz dai rivoluziona dai rivoluzionari (t rivoluzionari (trag uzionari (tragico nari (tragico qu (tragico quel gico quello o quello di uello di Th llo di Thie di Thiesi Thiesi). hiesi). Ul esi). Ulti i). Ultim Ultimi t ltimi te imi tent mi tentat tentativ ntativi tativi ri tivi ri- vi ri- ri-
voluzionari, soffocati sul nascere. Nel 1802, repressione de ne del l voluziona voluzionari, so voluzionari, soffoc luzionari, soffocati nari, soffocati su soffocati sul n ocati sul nasc ti sul nascer ul nascere. nascere. N scere. Nel re. Nel 18 Nel 180 Nel 1802, 1802, r 802, rep 02, repre , repres repressi pression essione sione d one de ne de
tentativo di sollevazione nel nord Sardegna, con luccis luccisione di tentativo tentativo di so tentativo di sollev entativo di sollevazi vo di sollevazione sollevazione ne evazione nel n ione nel nor e nel nord S el nord Sar nord Sarde rd Sardegn Sardegna rdegna, c egna, con na, con l a, con lu con lucc n luccis luccis
Francesco Sanna-Corda e di Francesco Cillocco. Nel 1812 (3 FFFr ra raannc nc ce ce essc sc co o o S SSa aan nnn na na a- a-C -C Co Co or ord rd da da a eee dddi di i FFFrra aannnc ceees sccco o o CCCi Cil ill llo lo oc ccc co oo.. NNNe Ne el l 1118 881112 2 2 ( ((3 30 00 0
ottobre, repressione della cosiddetta congiura di Palabanda ooot ott tto toob obbrre ree, , rre reep ppr re res es ss si sio io on on ne ne e ddde del ell lla la a a cco co ossi sid id dd dd de de ettt ta a a c co co on nngggi iu uur ra a a dddi i P PPa Paal la aab bba an annd nd da aa) ). .
1820 Promulgazione dellEditto delle chiudende. PPPr Pro ro om om mmu muul ulg lga gaaz azzio io on onne ne e ddde de el ell ll EEEd di dit itt tt too o ddde del ell lle le ee c c ch hhiiu uud de de ennnd dde e e..
1827 Abrogazione della Carta de Logu ed entrata in vigore del AAAb Ab Abr bro ro rog og ga gaz azzi zio ion on ne neee d de de el ell lla la a C CCa Ca ar art rta ta a d dde de e L L Lo Lo og oggu u u e eed edd e een ennt ntr tra ra at ata ta a i in in n n v vi vig ig go go orre re e d dde de el l
uovo Codice di Carlo Felice nnu nuuo uov ov vo vo o CCCo Cood od dic ic ce cee d ddi di i CCCa ar arl rlo loo o F Fe Fe el li ic ce ce e..
1838Abolizione del feudalesimo. Il riscatto monetario dei feu- AAAb Abo bool oli liz izi zio io on one ne ee dde de el el f l fe fe euud ud da da al ale es esi sim im mmo moo. o. I Il Il l rri ris isc sc ca at att tto too o mmmo mo on onne ne etta ar ari rio io o o dde de ei ei f i fe fe feu eu u- -
di a favore dei feudatari viene fatto pagare alle comunit dddi di i aa a ffa fav favo avo vor ore re re d e d de dei ei ei f i fe feu feu eud ud uda dat at ata tar ari ri i v vi vie vie en ene ne ne e ffa fat att tto to o o p pa pa ag agga gar are re ee a al all lle le e cc co com om mmu mu un un ni nit it t. .
1847 Il re Carlo Alberto, su pressante richiesta delle borghesie IIl Il Il r l re re e CC Ca Car arl rlo rlo o A o A Al Alb lb be ber ert rto rto to, o, s , s su su u p u p pr pre res esss ssa sa an ant nte nte te e r ri ric ich ch hi hie ies est st sta ta a d dde del ell lle le e b bbo bor orrg rgh gh he hees si sie ie e
cittadine, concede lUnione Perfetta con gli stati della terrafe ccit citt itta tta tad adi din din ine ne, e, c e, c co con on onc nce nce ced ede de de l e l lU lUUn Un Uni nio ion on one ne ne P e P Pe Peer erf rfe fet ett tta ta a c a cco con onn n g gl gli gli i s st sta ta at ati ti d i d de de ell ella lla la a tte ter err rra ra raf afe fe fer er- r-
ma: abolizione delle istituzioni del regno (carica viceregia, par- mmma ma ma: a: a : ab ab abo bol oli oliz lizi izio zio ion one ne ne d e dde del ell elle lle e i e is ist sti tit itu tu uz uzi zio ion on oni ni ni dde de del el r l re re reg egn gn gno no o ( o (c (c ca car ari ric ica ca ca v a vvi vic ice ce er ere reg eggi gia ia, a, a, pppa par ar- r--
lamento, corte suprema). lla lam lam amme men men ent nto nto, o, o, c co cor cort orte rte te s e s su sup up upr pre rem rem em ma ma) a). a). ).
1848 Concessione dello Statuto c.d. Albertino, prima costitu CCo Co Con onc nce nce ces ess essi ssio sio ion one ne ne d e dde del ell ello llo o S o SSt Sta tat atu atu tut uto to o c o c. c.d c.d d. d. A . AAl Alb Alb lbe ber ert rti rtin tin no no, o, o, p p pr pri rim im ma ma ma c a cco cos os ost sti tit itu tu u- u-
zione del Regno di Sardegna zzio zio zion one one ne d e dde del del R el R l Re Reg Reg egn gno gno no o d o di di S di S i Sa Sar Sard ard rde deg deg egn gna na na. a..
1861 Proclamazione del Regno di Italia: lo stato sabaudo, dopo P Pr Pro Proc roc ocla cla clam am ama maz mazi azio zio ion one ne ne d e de de del el R l RRe Reg Regn egn gno no no d o d di di I i It Ita tal ali alia lia: a: l a: lo lo lo s o s st sta tat ato ato to s o sa sa sab aba ba bau auud udo do do, o, d , d do dop op opo po o o
aver annesso le altre entit politiche della penisola, cambia de- av av ave aver ver a er an r an ann nne nnes nes ess sso sso so le o le le a e al e alt altr ltre tre re e e en en ent ntit ntit it t p ppo pol oli olit litic tic ich che he he d e d de del ell ella lla a p a pe pe pen eni nis niso iso sol ola la, a, a, c ca cam am ammb mbi bia bia ia d a d de de- e- e-
nominazione e bandiera (che diventa il tricolore con lo stem nno nom nom omi min mina inaz naz azio zio ion one ne ne e e ee b e ba ba ban and nd ndie die ier era ra a ( a (c (ch che he he d e ddi div dive ven ven ent nta nta a i a il il t l tr tri tric ric ico col olo lor ore ore re e cco coon on n l n lo lo o s o sst ste tem emmm- m-
ma Savoia al centro). mma ma ma S a Sa Sav Sav avo voi voia oia ia a a al al c al ce cen cen ent ntr ntro tro) ro). o). .
1868 Scoppiano gli ennesimi tumulti contro labolizione de- S Sc Sco Scop cop opp ppi ppia pian iano ano no g o g o gli gli gli e i en en enn nne nnes nesi esim sim imi mi mi t i tu tum tum um mu mul mult ulti lti ti c i co con con ont ntr ntro tro ro l o l la lab ab abo bol oli oliz lizi zio zion on one ne ne d e d de de- e- e-
gli usi civici comunitari (celebri i moti di Nuoro, detti de su ggli gli gli u li us usi usi si c i civ civi civic ivici vici ci c i co com com omu mun mun uni unita nita itar ari ari ( ri (c (ce (cel cele eleb leb ebr bri ri i ri i i m i m mo mot moti oti ti d i di di di N i N Nu Nu Nuo uor oro oro ro, o, d , d de det ett etti tti ti d de de de e ssu su su u
Connottu). CCo Co Con onn onno nnot nott ottu ttu tu) u). ). ).
1887 Lo stato italiano denuncia i trattati commerciali con n la L Lo Lo Lo s o st sta stat tato ato to i o it ita tali alia lian ian ano no o dde den den enu nun unc unc ncia cia ia i a ii t i tr tra rat att tta tat ati ti c i cco com ommm mm mmme mer erc rci cia ial ali ali i cco con on on n
Francia (per questioni di protezionismo). Si chiude uno no dei FFr Fra Fran ranc anci ncia cia ia (p a (pe (per (per per q er qu r qu que ques uest estio stio tion ioni oni ni d i di di di p i pr pro prot rote otez tezi ezio zio zion oni onis nism ism smo mo) mo). o). ). S . Si Si Si c i ch ch chi hiu hiud iud ude de de u e u un uno no no
principali mercati di esportazione per la Sardegna. C Crisi nel pr pri prin princ rincip ncip cipa ipali pali ali m li mme mer merc erca rcati cati ati d ti di di di e di es esp espo spo port porta ortaz rtaz azio azio zion one one ne p e p pe per per er la r la la a S a Sa Sar Sard ard rde deg degn egn gna na. na. a. C . C Cr Cri
settore agroalimentare. Tensioni sociali sset sett setto ettor ttore ore a re ag e agr agro agroa groal roali oalim alim ime men ment enta ntar tare are. re. T e. Te . Te Ten Tens ensi nsio sion ioni oni ni s ni so soc soci ocia cial iali ali. li. i.
1897 A. Niceforo pubblica il suo saggio AA. A. N A. N A. Nic Nice Nicef icefo cefor eforo foro p ro p o pu pub pubb ubbl bbli bblic blica ica i ca il a il s il su l su suo suo uo s o sa sag sagg aggi ggio gio gio o La delin inquenza in Sar- LLa La La d a de a del deli elin linq inq
degna dde deg degn degna gna naa dove teorizza, sulla base dei precetti ti siognomici del ddo dov dove ove ve te e teo teor teori eoriz orizz rizza zza, za, s a, su , su sull sulla ulla lla b a ba bas base base ase se d e de dei dei ei p i pr pre prec rece ecet cett etti tti ti
Lombroso, la naturale predisposizione dei ei Sard di al crimine. LLo Lom Lomb ombr mbro mbros broso roso, oso, l so, la o, la n la n a nat natu natur atura tural urale rale ale p e pr pre pred redis edisp disp ispo spos posi osiz sizio izio zion ione one ne d e de dei dei ei S
1899 In primavera, visita sullIsola la dei reali (re Umberto I e In In In p In pr n prim prim prima imav mave maver avera vera, era, v a, vi , vis visit visita sita ita s ta su a sul sull ullI ullIs lIso Isol sola ola la
consorte). Al principio dellestate tate, spedizione e militare nelle co con cons conso onsor nsorte orte) rte). te). A e). Al . Al Al p Al pr l prin princ rinci incip ncipi cipio pio pio d o de del dell elle lles lest esta state tate
Zone Interne per sconggere il e i il banditismo (la fa amigerata Cac- ZZo Zon Zone Zone I ne In ne Inte Inter ntern terne erne p rne pe ne per e per per sc er sco r scon scon con ong ngg gge gger gere ere i re il e il
cia Grossa dellomonimo mo romanzo di G. Bech hi). Centinaia di ci cia cia G cia Gr a Gro Gros Gross ossa ssa sa d a de del dell ello llom om omo mon monim onim nimo imo mo
arresti arbitrari (specie cie di don nne e anziani, ma a anche bambini), ar arre arres arresti resti a esti ar sti arb i arbit arbitr rbitra bitrari trari ( ari (s ri (sp i (spe spec pecie ecie cie
il cui esito prcessua ssuale sar all la ne di pochissim me condanne. il il c il cu il cui cui e cui esi ui esit esito sito p ito pr o prc prces prcess cessu essua ssua
1904 Men Mentre l la Sardegna reg gistra tassi di pove ert e analfabe- MMe Men Men
tismo ismo che la re elegano allultim mo posto tra le reg gioni del Regno ti tis tism tismo ismo
dItalia, la situ uazione dei lavo oratori, specie que elli delle minie-
re, si fa sempre e pi pesante. S Sciopero e manifes stazione dei mi-
natori a Bugge erru e repressio one militare (alcun ni morti e molti
feriti). In conseguenza dellepisodio, proclamato il primo scio- - o- o- o- io- io cio cio cio ci sci sc sc sc s o s o s o mo mo mo mo mm im im rim rim ri pri pr pr pr pp l p l p il il il il o i o i o to to to ato at at mat ma ma ma mmm am am am la la la cla cl cl oc oc oc o ro ro ro pr pr pr ppp , p , o, o, o, o io io dio di di d od od od o so so so s ffe erri rit itti) i)). IIn Inn n ccco on onns nsse eg eg gu gu ueeen nnzza zaa ddde el l
pero generale della storia a dItalia a. a. a. a. ia ia ia pppe eerro oo gge ge en nne eerra al ale le e ddde el ell lla la a sst to to orri ria ia a
1905 La lingua sarda vi iene ricon nosciuta come s sistema lingui- i- i- ui- ui- ui- gui gui gu gu ngu ngu ng ng ing lin lin lin lin a li a li a l ma ma ma ma ma m em em em tem tem te ste ste st ist is sis sis si si s e s e s e me me me me mm om om om om co co co co c a c a c a ta ta ta uta ut ut ut iu iu ciu ciu ci sci sc sc osc os os LLa La a a lli in nnggu gu ua ua a ssa sa ar ard rd da da a vvi vie ie
stico a s stante anche a livello accademico ita aliano. Si prova aa va va va ova ova ova rov rov rov pro pro pro pr pr i p i p Si p Si Si Si Si . S . S o. S o. o. no. no. no no ano an an ian ian lia lia alia ali ali tal tal ta ita ita it it o it o i o o co co co ico mic mic mic mi mi mm em em em dem de de de ad ad ad cad ca ca sst sti tic ic co o o aa a s ss s sstta ta annnt te ee a aan an nc nch ch he he e
connetterla con litaliano attrav verso la mediaz zione delle par- r- r- ar- ar- ar- par- par par pa pa e pa e p e p le p lle lle elle elle ell dell del del de de e de e d e d ne d ne ne ne one on on ion ion zio zio zio azio azi az az iaz ia dia dia dia edi ed ed med med me me me mmm a m a m a m la la la la o la o l o l aa a c cco on onnn nn ne ne ettt tte te er rl rla a a ccco oonn n ll li it ita taal lii
ate sassaresi e gallur resi, consid derate lingue di i matrice italica a ca ca ca ica lica lica alic alic alic tali tal ital ita ita e ita e it e it ce i ce ce ice ice rice ric tric tric atri atr atr mat mat mat ma ma mm i m i m di m di m di di di d e d e d e d ue ue ue ue gue gu gu ngu ngu ng ng ing in lin lin lla at atte ee s ssaas as sssa sa arre re es si si i eee ggga ga al ll luuur re re
dunque a met strada a tra i due sistemi linguisti ici. i ci ci. ci. ici. ici tici tic stic stic sti ist ist uist uis uis gui gui gu gu ngu ngu ng ing ing dddu du unnnq qu quue ue e aa a m mmme me ett s sst tr ra raadda da a
1906 Manifestazioni popolari in n tutta lisola e e soprattutto a aaa o a o a to a to a tto tto utto utto utto tutt tutt ttut ttut attu attu attu ratt rat prat pra pra opra opr opr sop sop sop so so e so e s e s e s e a e a e a e a MMMMa Maan an ni nif fe fes es st ta taz az zi zio io onn
Cagliari contro la p povert e il ca aro-prezzi (spec cie del pane). Il ll Il Il Il . Il ). Il ). Il e). I e). I ne). ne). ne). ane) ane ane pan pan pan pa l pa l pa el p el p el p del del del de de e de e d ie d ie d ie CCCa Cag aggl gli lia ia ar ri ri c co co on on nt ntr tro ro o l la a a p pp
motto dei manifes stanti : Fuori i continentali! . mmmo mo ottt tto to o ddde de ei i mmmma ma an anni if fe fes es s
1911Eccidiodi I Itri (oggi inprov. di i Latina). Guerra ainLibiae primi ii mi mi mi imi rimi rimi prim prim prim EE Ec Ecc cc cid cid idi dio io od od di di I i It It
consistenti arru uuolamenti inSardeg gna. ATorino, Fi irenze e Roma / // cco co on onns nsi sis ist ste te en ent nti nti ti a ar ar arr rru ruo uo
le tre capitali d de ellItalia unita), gra andeesposizione e internazionale le le le e ttr tre re e cca ca cap appit pita ita tal ali li d i dd
per celebrare e il 50esimo annivers sario dellunica azione. A Roma ppe per er er c r cce cel ele leb eb ebr bra ra ar are re e
esposta una a col llezione del vestiari io tradizionale sardo. ees esp sp po pos ost st sta taa uun un una na a
1915 Alllentra ata in guerra del RRegno dItalia, iniziano gli ar- AAAl All ll
ruolam menti nei reggimenti 151 e e 152 che costit tuiranno la Bri- rru ru ruo uol ola ola lam am me me
ata Sassari. ggga gat ata ta ta a
1919Allaneddellaguerra, acui ha annopartecipat tocirca100000
sardi su una po opolazione di 8700000, i morti ssaranno circa il ss
13%del continngente, contro una media italiana del 10%. Si or-
ganizza il partitto dei reduci che al lle elezioni ottie ene un clamoro-
so 23%dei votti. guidato da Cam millo Bellieni ed d Emilio Lussu.
1921 A Livornoo, fondazione del P Partito Comuni ista dItalia, tra
i cui leader c A. Gramsci. A Ma acomer, fondaz zione del Parti-
to Sardo dAzioone.
1923-43 Una p parte del PSdAz co onuisce nel Paartito Naziona-
le Fascista, il reesto viene smantellato dal regime e.
Anni 30 Impo onenti misure di b bonica e infra astrutturazione
in alcune aree dellIsola. Altri in nvestimenti, gi nanziati, su-
biscono ridimensionamenti a cau usa della crisi m mondiale (crollo
delle Borse del 29). Sottoposizione delleconom mia sarda e delle
risorse dellIsola alle esigenze de ello stato fascis sta.
1940-3 Bombaardamenti Alleati sulle citt sard de: Cagliari vie-
ne distrutta al 70%.
1943, settembre Le truppe te edesche lascian no la Sardegna
senza combatteere.
1944 Si insediia la Consulta reggionale che, par rallelamente al
governo provvis sorio dellItalia lib berata e poi ai lavo ori della Co- ib lib t ia liberata e alia liberata e p alia liberata e po talia liberata e poi Italia liberata e poi lItalia liberata e poi a llItalia liberata e poi a ellItalia liberata e poi ai ellItalia liberata e poi ai dellItalia liberata e poi ai l dellItalia liberata e poi ai la dellItalia liberata e poi ai la dellItalia liberata e poi ai lav o dellItalia liberata e poi ai lav o dellItalia liberata e poi ai lavo io dellItalia liberata e poi ai lavo rio dellItalia liberata e poi ai lavor rio dellItalia liberata e poi ai lavor orio dellItalia liberata e poi ai lavori orio dellItalia liberata e poi ai lavori orio dellItalia liberata e poi ai lavori sorio dellItalia liberata e poi ai lavori d sorio dellItalia liberata e poi ai lavori d isorio dellItalia liberata e poi ai lavori d visorio dellItalia liberata e poi ai lavori de visorio dellItalia liberata e poi ai lavori de visorio dellItalia liberata e poi ai lavori del vvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori del vvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori dell vvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della ovvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della ovvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della rovvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della rovvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della C rovvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della C provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della C provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della C provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della Co provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della Co provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della Co o provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della Co- o provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della Co- o provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della Co- no provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della Co- no provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della Co- no provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della Co- rno provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della Co- rno provvisorio dellItalia liberata e poi ai lavori della Co- rn ern ern vern ver ver ve ove ove ov gov gov go go go ggg
stituente, dovr gestire il trapasso verso le istituzio oni di pace e apasso verso l rapasso verso le trapasso verso le i trapasso verso le is il trapasso verso le ist il trapasso verso le isti e il trapasso verso le istit e il trapasso verso le istitu re il trapasso verso le istitu ire il trapasso verso le istituz tire il trapasso verso le istituz stire il trapasso verso le istituzi stire il trapasso verso le istituzio estire il trapasso verso le istituzio estire il trapasso verso le istituzion gestire il trapasso verso le istituzion gestire il trapasso verso le istituzion gestire il trapasso verso le istituzioni gestire il trapasso verso le istituzioni gestire il trapasso verso le istituzioni d gestire il trapasso verso le istituzioni d r gestire il trapasso verso le istituzioni d r gestire il trapasso verso le istituzioni di vr gestire il trapasso verso le istituzioni di vr gestire il trapasso verso le istituzioni di p ovr gestire il trapasso verso le istituzioni di p ovr gestire il trapasso verso le istituzioni di p ovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pa dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pa dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pa dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pac dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pac dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pac , dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pace e, dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pace e, dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pace te, dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pace e te, dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pace e nte, dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pace e nte, dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pace e nte, dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pace e nte, dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pace e ente, dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pace e ente, dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pace e ente, dovr gestire il trapasso verso le istituzioni di pace e uen uen uen tue tue itu itu titu titu stit stit sti sti st st s
redigere il testo o dello Statuto Spe eciale della regione e sarda. S i l d o Speciale de to Speciale dell uto Speciale della tuto Speciale della atuto Speciale della r tatuto Speciale della re Statuto Speciale della reg Statuto Speciale della reg Statuto Speciale della regi o Statuto Speciale della regio o Statuto Speciale della region lo Statuto Speciale della region llo Statuto Speciale della region ello Statuto Speciale della regione ello Statuto Speciale della regione dello Statuto Speciale della regione s dello Statuto Speciale della regione s dello Statuto Speciale della regione s o dello Statuto Speciale della regione sa o dello Statuto Speciale della regione sa to dello Statuto Speciale della regione sar to dello Statuto Speciale della regione sard sto dello Statuto Speciale della regione sard sto dello Statuto Speciale della regione sard esto dello Statuto Speciale della regione sarda esto dello Statuto Speciale della regione sarda testo dello Statuto Speciale della regione sarda testo dello Statuto Speciale della regione sarda. testo dello Statuto Speciale della regione sarda. l testo dello Statuto Speciale della regione sarda. l testo dello Statuto Speciale della regione sarda. il testo dello Statuto Speciale della regione sarda. il testo dello Statuto Speciale della regione sarda. il testo dello Statuto Speciale della regione sarda. e il t e il re il re il re i ere ere gere gere ger iger ige dige dig dig edig edi edi red red red re re re r
1948, febbraio Promulgazione d dello Satuto Specia ale. Nasce la d ll d ll S ione dello Satu zione dello Satut gazione dello Satuto gazione dello Satuto S ulgazione dello Satuto Sp ulgazione dello Satuto Sp mulgazione dello Satuto Spe mulgazione dello Satuto Spec omulgazione dello Satuto Spec omulgazione dello Satuto Speci romulgazione dello Satuto Specia Promulgazione dello Satuto Special Promulgazione dello Satuto Speciale Promulgazione dello Satuto Speciale Promulgazione dello Satuto Speciale. Promulgazione dello Satuto Speciale. Promulgazione dello Satuto Speciale. N Promulgazione dello Satuto Speciale. N Promulgazione dello Satuto Speciale. N Promulgazione dello Satuto Speciale. Na Promulgazione dello Satuto Speciale. Na . Nas Nas Nasc Nasc Nasce asce asce sce l sce la ce la ce la e la e la la la a
Regione Autono oma sarda. da rda arda sarda. sarda. a sarda. a sarda. ma sarda ma sard ma sar oma sa noma s noma noma onom onom tonom utono utono uton Auton Auto Auto Aut e Au e Au ne Au ne A ne A one A one ione ione gion gion gion egio egio Regi Reg Reg Reg Re Re RRR
1946-50 Risoluutive campagne aantimalariche (a ba ase di DDT) i l ti l pagne antimalaric mpagne antimalarich mpagne antimalariche ampagne antimalariche ( campagne antimalariche (a campagne antimalariche (a e campagne antimalariche (a b ve campagne antimalariche (a ba ive campagne antimalariche (a ba tive campagne antimalariche (a bas utive campagne antimalariche (a base utive campagne antimalariche (a base lutive campagne antimalariche (a base d olutive campagne antimalariche (a base d olutive campagne antimalariche (a base di solutive campagne antimalariche (a base di solutive campagne antimalariche (a base di D isolutive campagne antimalariche (a base di D Risolutive campagne antimalariche (a base di D Risolutive campagne antimalariche (a base di DD Risolutive campagne antimalariche (a base di DD Risolutive campagne antimalariche (a base di DD Risolutive campagne antimalariche (a base di DDT Risolutive campagne antimalariche (a base di DDT Risolutive campagne antimalariche (a base di DDT) Risolutive campagne antimalariche (a base di DDT) Risolutive campagne antimalariche (a base di DDT) Risolutive campagne antimalariche (a base di DDT) DT) T) T) T)
nanziate dalla a Fondazione Rock kfeller. Nel 1951 p per la prima kf ll R kf ll N e Rockfeller Ne ne Rockfeller Nel ione Rockfeller Nel 1 zione Rockfeller Nel 19 azione Rockfeller. Nel 195 dazione Rockfeller. Nel 1951 ndazione Rockfeller. Nel 1951 ndazione Rockfeller. Nel 1951 p ondazione Rockfeller. Nel 1951 p Fondazione Rockfeller. Nel 1951 pe Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per a Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per a Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per l la Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la lla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la alla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la p alla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la p dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la pr dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la pr dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la pri e dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la prim te dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la prim te dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la prim ate dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la prima ate dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la prima iate dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la prima ziate dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la prima ziate dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la prima nziate dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la prima nziate dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la prima anziate dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la prima anziate dalla Fondazione Rockfeller. Nel 1951 per la prima anzi nanz nanz nan nan nan na na n n
volta da secoli n non si registra alcu una morte per ma alaria. l tra alcuna morte istra alcuna morte p egistra alcuna morte pe registra alcuna morte per registra alcuna morte per m si registra alcuna morte per m si registra alcuna morte per ma n si registra alcuna morte per mal on si registra alcuna morte per mala on si registra alcuna morte per malar non si registra alcuna morte per malari non si registra alcuna morte per malaria i non si registra alcuna morte per malaria li non si registra alcuna morte per malaria. oli non si registra alcuna morte per malaria. oli non si registra alcuna morte per malaria. coli non si registra alcuna morte per malaria. ecoli non si registra alcuna morte per malaria. ecoli non si registra alcuna morte per malaria. secoli non si registra alcuna morte per malaria. secoli non si registra alcuna morte per malaria. secol a seco a sec da sec da se da se a da s a da ta da lta da lta d olta d olta volta volta volt volt vol vo vo v
1956-61 Instal llazione di compr rensori militari di vario gene- ii i comprensori mili di comprensori milita e di comprensori militar ne di comprensori militari one di comprensori militari d ione di comprensori militari di zione di comprensori militari di v azione di comprensori militari di va lazione di comprensori militari di var llazione di comprensori militari di vari allazione di comprensori militari di vario tallazione di comprensori militari di vario stallazione di comprensori militari di vario nstallazione di comprensori militari di vario g nstallazione di comprensori militari di vario ge Installazione di comprensori militari di vario ge Installazione di comprensori militari di vario gen Installazione di comprensori militari di vario gen Installazione di comprensori militari di vario gene Installazione di comprensori militari di vario gene- Installazione di comprensori militari di vario gene- Installazione di comprensori militari di vario gene- Installazione di comprensori militari di vario gene- Installazione di comprensori militari di vario gene- ne- ee
re (basi logisticche, poligoni di ti iro, aeroporti, cen ntri di adde- di i i di ti oni di tiro aeropor igoni di tiro aeroporti oligoni di tiro aeroporti c poligoni di tiro, aeroporti, ce poligoni di tiro, aeroporti, cen , poligoni di tiro, aeroporti, cent e, poligoni di tiro, aeroporti, centr he, poligoni di tiro, aeroporti, centri che, poligoni di tiro, aeroporti, centri iche, poligoni di tiro, aeroporti, centri d tiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di stiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di istiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di a gistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di ad gistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di ad ogistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di add logistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di add logistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di adde i logistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di adde- si logistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di adde- si logistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di adde- asi logistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di adde- asi logistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di adde- basi logistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di adde- basi logistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di adde- (basi logistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di adde- (basi logistiche, poligoni di tiro, aeroporti, centri di adde- e (bas e (bas re (ba re (b re (b re ( re re re re
stramento, cent tri radar), dipende enti dal ministero della difesa d i d l di d ti d l i dipendenti dal mini r) dipendenti dal minist dar) dipendenti dal ministe adar), dipendenti dal ministero radar), dipendenti dal ministero radar), dipendenti dal ministero d ri radar), dipendenti dal ministero de tri radar), dipendenti dal ministero del ntri radar), dipendenti dal ministero dell ntri radar), dipendenti dal ministero della entri radar), dipendenti dal ministero della centri radar), dipendenti dal ministero della d centri radar), dipendenti dal ministero della di , centri radar), dipendenti dal ministero della dif o, centri radar), dipendenti dal ministero della dife to, centri radar), dipendenti dal ministero della difes nto, centri radar), dipendenti dal ministero della difes nto, centri radar), dipendenti dal ministero della difesa ento, centri radar), dipendenti dal ministero della difesa ento, centri radar), dipendenti dal ministero della difesa mento, centri radar), dipendenti dal ministero della difesa mento, centri radar), dipendenti dal ministero della difesa mento, centri radar), dipendenti dal ministero della difesa amento, centri radar), dipendenti dal ministero della difesa amento, centri radar), dipendenti dal ministero della difesa ramento, centri radar), dipendenti dal ministero della difesa trame strame stram stram stra stra str str st
italiano, dalla N NATO o dal Pentaagono, in varie zonne dellisola P t i al Pentagono in v dal Pentagono in var o dal Pentagono in varie O o dal Pentagono in varie z O o dal Pentagono, in varie zo TO o dal Pentagono, in varie zon ATO o dal Pentagono, in varie zone NATO o dal Pentagono, in varie zone NATO o dal Pentagono, in varie zone d NATO o dal Pentagono, in varie zone de a NATO o dal Pentagono, in varie zone del la NATO o dal Pentagono, in varie zone dell lla NATO o dal Pentagono, in varie zone delli alla NATO o dal Pentagono, in varie zone dellis dalla NATO o dal Pentagono, in varie zone delliso dalla NATO o dal Pentagono, in varie zone delliso dalla NATO o dal Pentagono, in varie zone dellisol o, dalla NATO o dal Pentagono, in varie zone dellisola o, dalla NATO o dal Pentagono, in varie zone dellisola no, dalla NATO o dal Pentagono, in varie zone dellisola no, dalla NATO o dal Pentagono, in varie zone dellisola ano, dalla NATO o dal Pentagono, in varie zone dellisola ano, dalla NATO o dal Pentagono, in varie zone dellisola iano, dalla NATO o dal Pentagono, in varie zone dellisola liano, dalla NATO o dal Pentagono, in varie zone dellisola aliano, dalla NATO o dal Pentagono, in varie zone dellisola taliano talian italian italia itali ital ita ita it
(servit militari). ) i) ri) ari) tari) itari). ilitari). militari) militari militari milita milit t mili it mil vit m rvit m rvit m ervit servit servit servi (serv (ser (ser (se
1962 Approvaz zione della Legge 5 588, il c.d. Piano d di Rinascita. 588 il L 588 il d a Legge 588 il c d P ella Legge 588 il c d Pian della Legge 588 il c d Piano e della Legge 588, il c.d. Piano d ne della Legge 588, il c.d. Piano di one della Legge 588, il c.d. Piano di R zione della Legge 588, il c.d. Piano di R azione della Legge 588, il c.d. Piano di Rin vazione della Legge 588, il c.d. Piano di Rin vazio
1965 Nasce a S Sarroch la SARAS, di Angelo Morati, benecia-
rio, insieme alla a SIR di Rovelli a Po orto Torres, degli i inenti nan-
ziamenti del Piiano di Rinascita. Lo stato centrale ha stabilito
che esso dovess se consistere un u una pesante indust trializzazio-
ne dellIsola, coontro il precedent te parere della cla asse politica
sarda (orientataa sul settore primaario).
1967-9 Rivoltee e recrudescenza d del banditismo ne elle Zone in-
terne. Episodio o simbolo: Pratobe ello, giugno del 1 1969, la po-
polazione di Or rgosolo si oppone ai reparti delleser rcito che oc-
cupano il nuovo o poligono di addeestramento nellar rea adibita a
pascolo libero d del territorio comu unale: ritiro delles sercito.
1970 La squadr ra di calcio del Cag gliari vince lo scudetto: leven-
to viene vissuto o come una rivinci ita morale da tutti i i sardi.
1972 Dopo uninchiesta parlamentare sul banditism mo, rinan-
ziamento del Pi iano di Rinascita (L L. 268/1972). Il G Governo An-
dreotti, senza informare il Parlam mento e senza alcun adempi-
mento formale, sulla base di unn patto segreto, cconcede agli
USA uno scalo marittimo presso lisola della Madd dalena, dove
viene creata un na base dappoggio o per i sommergib bili nucleari.
Il Governo e lo s stesso Andreotti, n nonostante levidenza, neghe-
ranno per anni l lesistenza dellaccordo segreto con gli USAe la
presenza dei so ommergibili.
1983 Storica vitttoria alle elezioni regionali del PSdA Az, con con-
seguente nomin na a Presidente de ella Giunta regiona ale di un suo
esponente.
Anni 90 uzionale. Ri- Crisi s socio-economica e e decadenza istituz CCCCCCr Cr Cri ri ris ris is isi si si si i s i s sso so so ooc oc occi ci cio io io io oo- o--e -e -e eec ec ecco co co oon on onnno no no oom om ommmmmmi mi mic ic ic ca ca ca aa a a e eeeee d dddde de de eec ec cca ca ca a ii- Ri- Ri- Ri- Ri- Ri- Ri- Ri- Ri Ri Ri R . R . R e. R e. R e. R e. R e. le. le. le. ale. ale ale ale ale ale nal nal nal na na na na ona ona on on on on ion ion io io zio zio zio zio zi zi uzi uzi uz uz uz
prende lemigra azione, anche intel llettuale. ppppr pr pre pre pre ren ren en en end nd nd nd nde de de de de l e l e l e l le le le e em em em em mmi mi mig mig mig ig igr gr gr gra gra ra raz az az azi zi zio zio zio io ion on on onne ne ne ne e, e, e, ,, aaaan an an annc nc nc nch ch ch ch hhe he he eee i e iin in in in nt nt nt nte te teel el ell ell ll lle le le et et ettt tt ttu tu tu
1999 co- Con la leggge 482 lo Stato ita aliano per la prima a volta rico- CCCCo Co Co Co Con Con on on on n l n l n la n la la la la l a l a le a le le leg leg eg eg egg gg gg gge gge ge ge ge e 4 e 4 e 4 448 48 48 4882 82 82 82 2 2 l 2 l 2 lo lo lo lo lo o o S o SSSt St St Sta Sta ta tat at at ato ato to to o o i o i it it it ita ta ta tal al ali ali li ooo- o- co- co- co- co-
nosce il sardo c come lingua minoritaria e di consegguenza (im- nno no no nos nos nos nosc osc osc sce sce sce ce ce i ce i e il e il il il s il s il s l sa sa sa sar sar sar ard ard ard rdo rdo do do do o c o c o c co co co co com om om om omme me me me me e l e l e li li lin lin lin in ing ng ng ng ngu gu gu gu ua ua ua ua a a m a m a m mmmmi mi min min min inno no no noor or or
plicitamente) at ttribuisce ai sardi l lo status di minora anza lingui- ppl pl pli plic plic plic plici licit icit icita cita cita itam itam tam am am ame me me men men men ent ent ent nte nte nte) te) te) e) e) a e) a ) a ) at at att att attr ttr ttri tri trib rib rib rib ibu bu bu bui bui uis uis uis isc isc sc sce sce ce ce ce e a e a e a ai ai ai ai s ai s i s i sa sa sa sa sar ar ard ard rd rd rdi di di
stica (la pi con nsistente entro i suuoi conni). sst st sti stic stic stic stica tica tica ica ca ( ca (l a (l a (la a (la (la (la (la p la p a p a pi a pi pi pi pi pi i i c c co co co co con con on ons ons ns nsi nsi nsis sis sist ist ist ste ste ste ten ten en ent ent nt nte nte nte te te e e e e e e en en en en ent nt nt ntr ntr tro tro ro ro ro o i o i
2004 Alle elezi ioni regionali, gra azie al sistema ele ettorale im- AAAAl Al All Alle Alle Alle Alle lle le e le e e el e el ele ele ele elez lez lezi ezi ezio ezio zio zion ion ion on oni oni ni ni r ni r i r i re re reg reg reg eg egi egio gio gio gio ion ion on ona ona
posto dallinerz zia del Consiglio reegionale uscente ((che non ha ppo po po pos pos post posto osto osto sto sto d to d to d o da o da o dal dal dall dall dall alli allin llin llin lin ine ine iner ner nerz nerz erz erzi rzi rzia rzia zia zia ia d ia d a d a de de de del del del el C el C el C l C Co Co Co
saputo varare uuna legge apposita a), ottiene la magggioranza lo ssa sa sap sap sapu sapu sapu aput aput puto puto uto uto uto v to v to va o va o va var var vara vara arar arar rare rare are are are u re u re u e u e un un un una una una na na l na l a le a le a le leg leg
schieramento g guidato dallimpre enditore delle tele ecomunica- sc sc sch sch sch schi schie chie chier hier hiera hiera ieram eram eram ram rame ame amen men men ment ment ento ento nto nto nto to g to g o g o gu gu gu gui guid guid uid
zioni R. Soru. Pr rofondo ricambio p politico e riforme r radicali nel- zi zi zio zio zion zion zioni zioni ioni R oni R oni R ni R ni R. ni R. S i R. S R. S R. So R. So R. So Sor Soru Soru Soru oru. oru. ru. P ru. P u. P u. P u. P
la legislazione e e nellamministra azione, spesso acc compagnate llla la la l la l la le la le la leg a leg a legi legis legis egisl egisla gisla gisla islaz slaz slazi lazio azio azio
da polemiche e contestazioni. ddda da da da p da p da po da po a pol a pole pole polem polem
2008 - 2012 In n autunno, dimisssioni del presiden nte Soru in
polemica con la a sua stessa magggioranza sulla quuestione ur-
banistica e paes sagistica. Alle elez zioni del febbraio successivo,
dopo una camp pagna elettorale inncandescente, esc ce vincitrice
la compagine di centrodestra cap peggiata da Silvio Berlusconi.
Nuovo presiden nte della Regione Ugo Cappellacc ci. Aumenta
la marginalit ee la debolezza pol litica della Sardegn na nel con-
testo italiano e internazionale. Emergono sempre pi chiara-
mente i limiti sttrutturali della conndizione regionalle dellIso-
la e la mediocrit t della attuale cla asse dirigente sard da.
Questo progetto frutto d del lavoro dei la aboratori di ProgReS - info ublica.net/comunidade - proget turepublica.net - progeturepu Questopera distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0