Sei sulla pagina 1di 28

Corso di pittura del soldatino

di Marco Campomagnani
Ottobre 2003
Appunti di Lionello Sacchi
(lionello.sacchi@fastwebnet.it)
e!isione" #$%%
Pagina 1
Indice
&. 'ntrodu(ione........................................................................................................................................... )
*. Attre((atura di base................................................................................................................................)
*.& +ote sull,utili((o dello stucco......................................................................................................... )
*.* -ennelli............................................................................................................................................ .
*.) -rimer.............................................................................................................................................. .
*.. Colla bicomponente..........................................................................................................................
). -repara(ione e montaggio...................................................................................................................... .
.. -ittura..................................................................................................................................................... /
..& La luce............................................................................................................................................. /
..* 0a!olo((a........................................................................................................................................ /
..) 'llumina(ione................................................................................................................................... 1
... +ote sui colori................................................................................................................................. 1
..2 Colora(ione dell,incarnato............................................................................................................... 3
../ Colora(ione del !olto.................................................................................................................... &%
../.& 4mbre.................................................................................................................................... &%
../.* Colora(ione degli occhi......................................................................................................... &&
../.) Luci........................................................................................................................................ &*
..1 5arba e capelli6 prego7...................................................................................................................&)
..8 Colora(ione delle superfici bianche.............................................................................................. &.
..3 9li altri colori : luci ed ombre...................................................................................................... &.
..&% +ote aggiunti!e sulla colora(ione dell,incarnato.........................................................................&1
..&& Colora(ione di metalli6 armi6 legno e cuoio................................................................................ &1
2. Ambienta(ione e terreni....................................................................................................................... *%
2.& La basetta.......................................................................................................................................*%
2.* Colora(ione dell,ambienta(ione.................................................................................................... *%
2.*.& Colora(ione dei terreni.......................................................................................................... *%
2.*.* Colora(ione di mattoni e pietre..............................................................................................*&
2.*.) Colora(ione di legno e porte..................................................................................................*&
2.*.. eali((a(ione di macchie di umidit;..................................................................................... **
2.*.2 La ne!e...................................................................................................................................**
2.) eali((a(ione dei terreni............................................................................................................... **
2.).& -o((anghere........................................................................................................................... **
2.).* <oglie..................................................................................................................................... **
2.).) #rba........................................................................................................................................**
2.).. Ac=ua..................................................................................................................................... *)
/. Le mimetiche........................................................................................................................................*.
/.& 'ntrodu(ione...................................................................................................................................*.
/.* Colora(ione................................................................................................................................... */
/.) #sempi........................................................................................................................................... *1
/.. Accessori....................................................................................................................................... *8
Pagina 2
1. Introduzione
La crea(ione di =uesto documento nasce con la moti!a(ione di diffondere il pi> possibile le tecniche
modellistiche relati!e ai figurini. La raccolta degli appunti ? a!!enuta per la prima !olta nell,ottobre del
*%%)6 in occasione del corso di base che Marco Campomagnani ha tenuto presso il nego(io
Modellismo Magistroni6 di -ero (Milano).
'l corso6 utilissimo per me che ritorna!o al modellismo dopo tanti anni di pausa6 si ? s!olto in presen(a
di numerose persone che6 con il loro entusiasmo e le domande porte a Marco hanno permesso la stesura
di =uesto documento. A loro !a =uindi il primo ringra(iamento.
@n gra(ie ad Alessio Magistroni per la sua disponibilit; e : last but not least : un significati!o
ringra(iamento !a a Marco Campomagnani per la sua disponibilit;6 pi> unica che rara in persone di un
tale calibro.
'n =uesta introdu(ione !iene riportata la storia delle re!isioni di =uesto documento6 in forma tabellare.
Revisione Descrizione
#$%% -rima re!isioneA unione degli appunti originali
con gli appunti relati!i al corso sulle mimetiche6
sempre di Marco.
2. Attrezzatura di base
#lenchiamo di seguito l,attre((atura di base necessaria per una corretta reali((a(ione di un figurino"
Cutter a lama cur!a6 grande e poco affilata. Si consiglia di non gettare le lame usate6 ma di
rigenerare il filetto con una piccola mola.
Cutter sottile6 per i la!ori di precisioneA ? possibile usare ad esempio un bisturi chirurgico.
0rapano a mano (marca 0amiBa o Amati). -er il trapano elettrico puC aiutare far girare la punta nella
cera prima di usarlo sul piombo.
0ronchesino di acciaio duro per il taglio delle graffette.
Specillo da dentista
-ennello per il trattamento dello stucco" !a bene un pennello usatoA per le di!erse esigen(e che
possono capitare6 si suggerisce di utili((arne in due misure" uno grande ed uno piccolo.
-aglietta oppure scotchDbrite !erde.
Stucco li=uido (0amiBa6 meglio il Mr. Surface6 della 9un(eDSangBo)
2.1 Note sull'utilizzo dello stucco.
Lo stucco per modellismo che !iene usato per la reali((a(ione dei figurini ? di due tipi" bianco
superfine per il trattamento dei figurini e gialloEgrigio6 pi> ro((o6 per il trattamento dei terreni.
Lo stucco ? bicomponenteA si preparano due palline di uguale dimensione e si miscelano con le mani. 'l
palmo delle mani ? meglio delle dita6 in =uesto caso6 perchF la pelle ? un po, pi> grassa" lo stucco non si
attacca alle mani.
Se dobbiamo riempire una fessura6 ad esempio6 formiamo uno spaghettino di stucco ed utili((iamo lo
Pagina 3
specillo per riempire le fessure.
5agnando un pennello con l, ac=ua ? possibile lisciare la stuccatura6 tenendo presente che un po, di
materiale in pi> non guasta.
-er seccare lo stucco6 mettere il soldatino in forno a 1%G C. 'n =uesta opera(ione non bisogna mai
superare i 1%GC.
2.2 Pennelli
' migliori sono gli Hindsor I +ewton serie 1 miniature6 di misura %E&. #, utile anche un pennello
triangolare (Amati).
2.3 Primer
@tili((are il primer spraB 0amiBa. La mano da dare de!e essere leggerissima6 in modo da formare un
!elo opaco di !ernice do!e l,acrilico possa aderire facilmente.
2.4 Colla bicomponente
#, composta da due componenti. La propor(ione da usare ? sempre 2%E2%A mescolare a fondo (circa un
minuto). -uC essere usata per incollare la basetta in piombo del soldatino alla basetta in legno6 a patto
di reali((are delle asperit; sulla basetta stessa per fare in modo che aderisca meglio. 'n =uesto caso
usare anche dei perni aiuta a rendere il tutto pi> robusto6 specialmente in presen(a di figurini pesanti
(es" ca!alli).
3. Preparazione e montaggio
#, necessario eliminare le tracce dei canali di colata6 do!uti alla fusione della lega nella colataA a =uesto
scopo utili((are il cutter a lama cur!a non troppo affilata. @tili((arlo come per sbucciare una mela6
usando il pollice come appoggio.
'n presen(a di gradini eliminare gradualmente il materiale in eccesso ed usare stucco per riempire gli
e!entuali a!!allamenti creati dall,opera(ione.
Si consiglia sempre l,utili((o dei perni o!e il peso delle parti possa gra!are sulla statica del soldatinoA se
prendiamo come esempio un braccio6 eliminiamo prima i perni : appena accennati : della fusione
originale.
@tili((are una graffetta alla =uale siano state applicate delle sottili incisioni con il tronchesino sulla
punta6 in modo tale da creare attrito nel foro creato con il trapano a manoA per il perno usare la colla
li=uida (AttaJ) an(ichF il gel (CBanolit).
@na !olta fissato il perno nel braccio del soldatino6 appoggiarlo sul corpo e segnare il punto di ingresso
dell,altro lato del pernoA creare il secondo foro sul corpo del soldatino.
'n =uesta fase ? possibile unire braccio e corpo usando il perno sen(a incollare allo scopo di tro!are per
il braccio la giusta posi(ioneA =uesto puC essere utile per la gestione di pose particolari (ad esempio se il
soggetto tiene in mano armi e simili).
-er incollare le parti utili((are la colla bicomponente6 sfruttando la lenta asciugatura per gli ultimi
aggiustamenti.
'n caso di grandi superfici ? sempre meglio utili((are la bicomponente in abbinamento con perni6 per
e!itare di tenere il pe((o in posi(ione in attesa dell,asciugatura.
Pagina 4
Montare tutte le parti possibili prima di dare il primerA sui pe((i da aggiungere in un secondo tempo6
eliminare lo strato di !ernice dalle superfici che !erranno in contatto una !olta incollate.
Sono da escludersi ad esempio parti come scudi6 parti del corpo o braccia che sono in posi(ioni
particolari o che impediscono di applicare il colore su parti poco in !ista. Kualche !olta =uesto capita
anche per le teste.
Pagina 5
4. Pittura
Se possibile6 procurarsi un libro sulla pittura barocca per rendersi conto della grande =uantit; di colori
utili((ati dai maestri di =uesto periodo nella reali((a(ione non solo di incarnati6 ma anche di panneggi e
!estiti6 ombre e !elature.
#, importante non a!ere idee preconcette sui colori e le parti da reali((are (ad esempio sul !olto ?
possibile utili((are !erde6 blu e =uant,altro all,occorren(a).
4.1 La luce
Ad oggi6 per la reali((a(ione dei figurini non piatti6 ? uni!ersalmente accettata la luce (enitale6 cio?
=uella che pro!iene dall,alto6 uniformemente da tutte le dire(ioni6 a meno che non si reali((ino dei
diorami particolari6 nei =uali la dire(ione della luce sia pro!eniente in modo e!idente da una ben
precisa dire(ione.
Le parti che sono direttamente esposte a =uesta luce sono la parte superiore della testa6 il naso6 e gli
(igomi.
'mmaginando una sfera illuminata dall,alto da una sorgente di luce non puntiforme6 ma diffusa6 la parte
superiore sar; la sommit; pi> !icina alla fonte6 con l,intensit; luminosa che decresce mano a mano che
ci si allontana dalla fonte stessa. 'n =uesto caso si parla di (ona neutra =uando si prende in
considera(ione la (ona della sfera che abbia la perpendicolare a 3%G rispetto alla dire(ione della fonte
luminosaA nel caso del soldatino6 =uesta (ona potrebbe essere il torace del soldatino.
Kuindi una piega ori((ontale dell,uniforme del figurino ha la parte superiore pi> illuminata6 la parte
neutra sull,estremo della piega e la parte pi> scura nella parte della piega inferiore.
-er il trattamento delle pieghe !erticali6 si reali((a una luce di!ersa6 leggermente frontale o posteriore6
con illumina(ione che decresce !erso i fianchi del figurino o delle gambe.
Ma come trattare allora superfici completamente lisceL -rendiamo
come esempio uno scudo circolareA la sua illumina(ione (che si
rifletter; sui colori utili((ati) dipender; da come =uesto ? esposto alla
luce (enitale.
$ediamo come l,effetto della luce debba allora essere riportato su
=uesto scudo. +ella illustra(ione (Mrawing ..&) il gradiente di colore
? enfati((ato per sottolineare la dire(ione della luce e non riflette il
colore !ero e proprio.
4.2 Tavolozza
La ta!olo((a utili((a materiali comuniA sono sufficienti un pe((o di
carta (ad esempio foglio in formato A.) ed un blister di medicinale
usatoA il blister ha di!ersi !antaggi6 uno dei =uali ? =uello di conser!are il colore pi> a lungo6 a causa
della sua forma. #, inoltre possibile chiudere un blister con un comune pe((o di nastro adesi!o per
conser!are il colore un po, pi> a lungo.
La dimensione del blister ? fun(ione della grande((a del soldatino. -er la conser!a(ione puC essere
utile ancora una !olta il frigorifero.
Pagina 6
Drawing 4.1
4.3 Illuminazione
$a benissimo una comune lampada a braccio estensibile6 con una lampadina da /% Hatt nel caso di una
lampada semiDspotA l,ideale per una postura comoda (ma ? una =uestione di abitudini personali) sarebbe
una sedia con braccioli che permetta di impugnare il soldatino nella fase di pittura con il minimo
sfor(o.
La lampada do!rebbe illuminare il soldatino dall,alto6 da sopra la testa di chi dipingeA basette o morsetti
possono essere utili((ati per bloccare il soldatino ed age!olare =uindi l,impugnatura.
Se chi dipinge ha il problema della ferme((a della mano6 puC essere utile impugnare il pennello pi>
!icino alle setole del pennello stesso.
4.4 Note sui colori
Si definiscono complementari due colori che mescolati tra di loro generano il grigio puro.
L,illustra(ione (Mrawing ..*) riporta il disco dal =uale ? possibile rica!are il complementare di un certo
colore.
Ma =uesto disco si rica!a6 per esempio6 che il complementare
del giallo ? il blu !iolettoA ? sufficiente tracciare una linea retta
dal colore scelto e passare per il centro del disco per rica!are il
complementare cercato.
Aggiungendo =uantit; di!erse del colore si ottengono tutti il
colori del disco.
' colori complementari sono essen(iali per la genera(ione
delle ombre. 4sser!ando il disco dei colori si !ede ad
esempio che per l,incarnato i colori complementari sono nella
(ona di confine fra il blu ed il !erdeA mescolando tali colori
con l,incarnato e scurendo6 si ha un possibile colore per le
ombre.
4gni fonte luminosa genera radia(ioni elettromagnetiche
!isibili comprese entro l,inter!allo da )8% a 18%nm
(nanometri). La riparti(ione delle radia(ioni nella banda
spettrale del !isibile determina il colore della luce6 o meglio la
sua tonalit; di colore.
Secondo una con!en(ione interna(ionale6 la tonalit; di colore della luce si esprime con metodo diretto6
per confronto6 attra!erso una grande((a termica6 cio? la temperatura assoluta6 espressa in gradi Nel!in
(N)6 di un corpo nero che irradia luce con la stessa tonalit; di colore della luce emessa dalla sorgente in
esame.
0ale temperatura di riferimento ? chiamata temperatura di colore. Mire che una lampada ha una
temperatura di colore di )%%% N significa che la luce da essa prodotta ha la stessa tonalit; di =uella
generata di un corpo nero portato alla temperatura di riferimento di )%%% N.
iportiamo di seguito una tabella che riporta alcune temperature di colore"
Sorgente Temperatura di colore (K)
Cielo sereno *%%%% D &2%%%
Cielo coperto &2%%% D 2%%%
Pagina 7
Drawing 4.2
Sorgente Temperatura di colore (K)
Sole a me((ogiorno 2*2%
Sole all,alba &/%%
Lampade ad incandescen(a )%%% D *.%%
Lampade fluorescenti /2%% D *3%%
Candele &3%% D &8%%
'l colore6 all,occhio umano6 risulta =uindi di!erso a seconda della temperatura di colore della luce che
illumina il soggetto. Ma allora =ual ? la luce da utili((are per il nostro ambiente di la!oroL
$isto che per la stragrande maggioran(a del tempo i soldatini sono sotto la luce delle lampade6
utili((are una normale lampadina ad incandescen(a per illuminare il soggetto =uando si scelgono i
colori e si dipinge ? la scelta migliore.
Pagina 8
4.5 Colorazione dell'incarnato
$a subito detto che non esiste un colore che soddisfi tutte le esigen(eA si pensi ad esempio a =uanto
sono di!erse le tonalit; della pelle fra le !arie ra((e6 le di!erse condi(ioni climatiche e lo stato fisico
dei soldatini che stiamo dipingendo e rappresentando.
La miscela base che segue6 =uindi6 ? solo un esempio. La sperimenta(ione personale e =ualche pro!a
eseguita su figurini !ecchi puC aiutare a rica!are miscele appropriate alle proprie esigen(e.
#, buona abitudine6 comun=ue6 cambiare la miscela di base6 cosO da non dipingere tutti i figurini con lo
stesso incarnato.
@tili((iamo =uindi per il nostro esempio la seguente miscela"
Codice Vallejo Percentuale Nome del colore
38& .% D 2%P MA4+ +AA+QA E 4range 5rown
322 .% D 2%P CA+# MA0# E <lat <lesh
38* % D &%P MA4+ 4Q4 E Ca!alrB 5rown
@n suggerimento per la pittura dell,incarnato6 ma che !ale comun=ue in generale6 ? =uello di non
esagerare con l,enfati((a(ione delle luci e delle ombre.
' colori da usare de!ono essere agitati bene per mescolare correttamente sol!ente (nel caso degli acrilici
? l, ac=ua)6 pigmento e legante.
Si procede nel seguente modo"
Si preparano in una !aschetta del blister due gocce di 38& (arancio) R due gocce di 322 (carne) ed in
una !aschetta separata una goccia di 38* (rossoEmarrone). Chiamiamo il colore ottenuto tinta base o
colore di base.
Si mescolano i due colori. Si intinge il pennello nel rosso e si riporta nella prima !aschetta che
contiene la tinta base6 allo scopo di scurirla =uanto basta. Si ottiene un colore che somiglia al
fondotinta6 leggermente pi> scuro della tinta base.
Pagina 9
4. Colorazione del volto
Si parte sempre da un colore di base pi> scuro. La miscela del colore di base de!e essere densa6 anche
se6 per mantenere il colore umido6 ? necessario aggiungere sempre un po, d, ac=ua. Al tatto il colore
de!e appiccicare le dita.
'l colore ? cosO molto coprente e sono sufficienti due mani6 di cui la seconda solo per coprire le
e!entuali (one meno coperte dalla prima mano.
@tili((are il foglio bianco della ta!olo((a per !edere la resa cromatica del colore e per scaricare un pC il
pennello6 che non de!e grondare di colore. @tili((are =uesta mano!ra anche per ricreare la punta del
pennello6 che tende col tempo a perdere la sua forma affusolata.
4.6.1 Ombre
Mopo a!er atteso l, asciugatura delle due mani di base6 si passa alla stesura delle ombre. Si utili((a il
38* (MA4+ 4Q4 E Ca!alrB 5rown)6 diluito in ac=ua e lo si aggiunge al colore base6 diluendolo.
La dilui(ione !iene ora enfati((ata6 portando il colore alla consisten(a del latte. 'l colore6 se schiacciato
fra le dita6 non de!e pi> appiccicare.
Le ombre si applicano nelle parti del !olto che !anno !erso il negati!o6 =uindi nel ca!o orbitale6 di
fianco al naso6 sotto al naso6 nelle orecchie6 sotto il mento e sul colloA il colore base6 neutro6 resta sulle
superfici !erticali del !olto6 come fronte6 tempie e guance.
'noltre piccole ombre !engono applicate sotto il labbro inferiore6 agli angoli della bocca e a lato narici.
Applicare lato narici solo la prima ombreggiatura6 e!itando di marcare troppo i solchi !erso la bocca.
La differen(a della prima ombra rispetto al colore base de!e essere minima e =uasi indistinguibile dal
colore di base stesso.
Le ombre successi!e de!ono essere date scurendo ancora con il 38*6 ripetendo il procedimento a!endo
cura di stendere il colore in (one sempre pi> piccole. L, effetto finale de!e essere un generale passaggio
a toni pi> scuri nelle (one pi> in ombra del !iso.
-er una corretta dilui(ione delle !arie ombre6 la =uantit; dell,ac=ua e del colore sono uguali (dilui(ione
&"&) o al massimo di una =uantit; d, ac=ua doppia rispetto al colore (dilui(ione *"&).
+ell,aggiungere il 38*6 ci si puC accorgere che il colore !ira troppo !erso il rosso. 'n =uesto caso si puC
usare un colore marrone scuro6 come il terra di Siena bruciata o simile"
Codice Vallejo Nome del colore
3.& S4M5A 04S0AMA E 5urnt @mber
81& MA4+ C@#4 4SC@4 E Leather 5rown
38. MA4+ MA0# E <lat 5rown
Come gi; detto6 ? una buona abitudine !ariare i colori dell, incarnato per creare differen(e fra i !ari
figurini.
Continuare ad aggiungere marrone ponendo atten(ione alla dilui(ione e alla superficie sempre pi>
piccola a cui !iene applicato. Ma notare che il marrone !iene aggiunto al rosso e non alla tinta base.
Ma notare anche che si suggerisce di dipingere per primo il !olto6 e solo =uello6 lasciando gli altri
incarnati da dipingere insieme con l, uniforme ed il resto del figurino.
#, infatti semplice ricreare il colore di base in un secondo tempo e lie!i differen(e di colore non saranno
percettibili.
Pagina 10
-er =uanto riguarda la crea(ione delle ombre6 si de!e smettere6 di regola6 =uando si raggiunge lo stesso
colore pi> scuro usato per le ombre stesse.
Si suggerisce di dare le pennellate6 nella crea(ione delle ombre6 dall, esterno !erso l, interno della (ona
in ombra (e al contrario per le luci). Kuesto perchF lo stacco del pennello dalla superficie dipinta puC
lasciare residui di colore ed ? meglio che =uesto succeda !erso l, interno della (ona d, ombra (che ? pi>
scura).
-er le ombre ? possibile anche utili((are ACD** (Andrea)6 un blu -russia6 che6 mescolato al colore di
base6 fa !irare il colore delle ombre !erso il grigio6 cio? !erso l, annullamento del colore
complementare di parten(a.
+ota sui colori Andrea" hanno una resa molto opaca rispetto ai $alleSo6 de!ono essere mescolati molto
bene ed hanno il difetto di generare degli aloniA sono mescolabili ai colori $alleSo.
Se mescolati ai colori $alleSo6 gli aloni scompaiono.
4.6.2 Colorazione degli occhi
'nnan(itutto si noti che la colora(ione degli occhi de!e a!!enire dopo a!er terminato le ombre e prima
di ini(iare le luci.
Si utili((ano i seguenti colori"
Codice Vallejo Nome del colore
231 itardante
88) 9'S -LA0#AM4 E Sil!ergreB
32% +#94 MA0# E 5lacJ
3). 4Q4 0A+S-A#+0# E 0ransparent ed
'l rosso trasparente6 od un altro rosso comun=ue molto diluito6 !iene usato per le labbra6 per le orecchie
ed il naso6 oltre che per gli occhi.
Ma notare che il bianco dell, occhio non ? bianco6 ma ? grigio che di!enta rosso !erso l, esterno dell,
occhio.
Kuindi il grigio !iene usato per il fondo oculare6 il nero per la pupilla ed il rosso trasparente per il
la!aggioA il la!aggio con il rosso si ferma negli intersti(i e ser!e anche ad addolcire il nero. 'l ritardante
ser!e6 diluito al )%P con il grigio6 ad e!itare che il pennello si secchi durante la colora(ione.
La procedura per dipingere gli occhi ? la seguente"
iempire tutto l, occhio con il nero6 a!endo cura di riempire gli intersti(i. @tili((are un pennello con
punta lunga e fineA anche un pennello di misura % !a beneA dipingere prima l, occhio opposto alla
mano usata per dipingere.
'l nero non de!e essere utili((ato puro6 ma mediamente diluito6 in modo tale da non ostacolare la
pittura della forma dell,occhio.
-reparare il grigio con il ritardante6 con percentuale )%P. 'l colore non de!e essere troppo diluito.
Mipingere due triangoli chiari nell,occhio6 ai lati6 lasciando un bordo nero intorno a =uesti triangoli.
#, importante6 per la resa finale6 l, espressione del soldatino. 'n =uesto
caso gli occhi sono fondamentali. 0enere presente che la forma che
de!e essere data ai triangoli dipende dalla dire(ione dello sguardo.
#, possibile usare un po, di blu diluito nel grigio per dare una lama
di luce all,iride nella (ona nera centrale dell,occhio. La forma de!e
Pagina 11
essere =uella di una me((aluna.
#seguire il la!aggio con il rosso. Kuesto de!e essere fatto con l, occhio perfettamente asciuttoA se ?
stato usato il ritardante6 attendere &2E*% minuti.
Suggerimenti"
&. 'l pennello de!e essere intinto pienamente per agire come un serbatoio. A =uesto proposito si
possono eseguire degli eserci(i6 su un normalissimo pe((o di carta6 per prendere confiden(a con il
pennello e le di!erse dilui(ioni. 0racciare linee6 cerchi6 e figure geometriche.
*. #!itare di premere troppo se non scende il colore6 significa che il colore ? troppo denso ed ?
necessaria una ulteriore dilui(ione.
). +ella defini(ione dell,occhio dare il colore di fondo (nero) anche sulla parte superiore e sulla parte
inferiore del bulbo oculare.
.. Anche per la colora(ione del bianco degli occhi il pennello de!e essere ben carico e mediamente
diluito. 9ra(ie al ritardante6 se !engono fatti errori macroscopici ? possibile inter!enire rimuo!endo
il colore con un pennello pulito di!erso da =uello utili((ato.
2. Abituarsi a non dipingere uno sguardo perfettamente dritto6 per dare al figurino un espressione
originale.
4.6.3 Luci
-repariamo di nuo!o la miscela base. -er ricreare il colore base6 utili((are la gobba del naso per il
confronto6 !isto che =uella (ona !err; comun=ue ricoperta dalle luci.
+ella tratta(ione che segue si tenga presente il seguente elenco di colori"
Codice Vallejo Nome del colore
8&2 CA+# 5AS#E5asic SJintone
3*8 CA+# CLAA E Light <lesh
Aggiungere l, 8&2 alla miscela base per la prima luce6 utili((ando il pennello di misura % a punta corta.
La dilui(ione de!e essere tale6 come al solito6 da non appiccicare le dita6 come =uella usata per le
ombre.
Le parti del !olto da trattare sono"
La fronteA in =uesto caso da notare che c, ? una (ona pi> illuminata !erso la sommit; del capo e la
parte superiore delle arcate orbitali (sopra le sopracciglia)
La (ona che dalle orecchie !a !erso lo (igomo (la parte sporgente laterale del cranio)
'l lato del naso6 la parte superiore del naso e le narici
La parte sporgente del labbro superiore
'l labbro inferiore
La parte superiore del mento
Se !isibile6 porre atten(ione alla parte sporgente delle mandibole6 sempre !erso l, esterno del cranio
Le palpebre6 accentuando le luci !erso l, interno della palpebra stessa
La parte di !olto che da sotto l, occhio !a !erso lo (igomoA in =uesto caso procedere dall, interno del
!olto !erso l, esterno
-er =uanto riguarda il collo6 se la testa ? girata6 dare una prima lumeggiatura sulle parti della
muscolatura in tensione.
-rocedere con ulteriori luci con l, accorte((a di aumentare la dose di 8&2 e di diminuire la superficie
Pagina 12
dipintaA una !olta arri!ati al 8&2 puro (o =uasi)6 si puC schiarire ulteriormente con il 3*8 (Light <lesh).
' punti pi> luminosi delle luci sono"
La gobba ossea fra lo (igomo e l, occhio
La punta del naso
La gobba del naso
@n piccolo punto sul mento
La riga sul labbro superiore
La punta superiore dell, orecchio e la parte superiore della cartilagine che protegge l, ingresso dell,
orecchio
'l lato delle narici
'n alternati!a all, 8&2 ? possibile usare anche LC*&6 della Life Color.
@tili((are il rosso trasparente (3).)6 con alta dilui(ione6 per occhi6 bocca (labbro inferiore)6 gote e lati
del naso.
4.! "arba e capelli# pre$o%
-er rendere l, ombreggiatura della barba rasata6 utili((are il nero mescolato alla miscela baseA la
dilui(ione ? abbondante6 superiore a =uella usata per ombre e luci.
'l colore che si ottiene tende al !erdastro e !a passato nella (ona della barba.
-er dipingere barba (non rasata) e capelli6 utili((are del colore scuro (nero)6 passando do!e ser!e6
ignorando per il momento le sopracciglia.
+el dipingere i baffi6 cercare6 do!e possibile6 di lasciare una parte centrale inferiore non colorata6 a
forma triangolare.
Al nero aggiungere il 382 per dipingere le parti pi> esterne6 allo scopo di dare pi> !olume ai peliA con
=uesto metodo si puC dare !olume ai capelli anche do!e non ci siano dettagli. Kuando l, aggiunta di 382
non schiarisce pi>6 utili((are l, arancione (32/) per schiarire.
#, possibile usare anche il carne chiaro (3*8) o l, arancione chiaro (3&&) per schiarire ulteriormente6
ottenendo una specie di beige.
Ma notare che i capelli sulla cima della testa sono pi> chiari6 mentre sotto la nuca sono pi> scuri.
-er le sopracciglia" utili((are marrone scuro (38. o 382)6 dando una pennellata decisa con colore
mediamente denso. @tili((are !elature solo per le scale pi> grandi.
Mi seguito la tabella dei colori usati.
Codice Vallejo Nome del colore
38. MA4+ MA0#E<lat 5rown
382 MA4+ 4Q'T4EUull ed
32/ +AA+QAE 4range
3&& +AA+QA CLA4ELight 4range
Pagina 13
4.& Colorazione delle super'ici bianc(e
Si utili((a come base il 38/ (MecJ 0an)6 che ? un colore piuttosto neutro. $iene steso su tutta la
superficie da rendere in bianco6 come ad esempio un mantello od una tunica.
-er le ombre6 sempre tenendo presente la dilui(ione corretta6 !iene aggiunto il grigio 33& (MarJ Sea
9reB) ed il marrone 38. o 81& (due parti di grigio ed una parte di marrone)6 a seconda delle
ambienta(ioni. Se !iene rappresentato un figurino sulla ne!e6 ? possibile utili((are6 per le ombre6 il blu
od il !iola.
Kuesta miscela di grigioEmarrone !iene aggiunta al colore base per la prima applica(ione delle ombreA
tenere presente che6 a parte la reali((a(ione delle ombre nel rispetto della luce (enitale6 !i sono delle
parti che rice!ono comun=ue meno luce6 come ad esempio l, interno manica =uando =uesta sia !icino al
corpo oppure l, interno delle pieghe di una tunica lunga.
-uC sembrare6 a causa della natura dei pigmenti dei colori molto chiari6 che il colore si secchi in modo
non uniformeA una attesa un po, pi> lunga ? necessaria per !edere i risultati desiderati.
Alcune ombre non !anno e!iden(iate troppoA non esiste comun=ue una regola generale6 se non =uella
del buon senso e6 soprattutto6 di una certa sensibilit; che si ac=uisisce con il passare del tempo.
-er le luci si riparte dal colore base (MecJ 0an)A !iene schiarito con il grigio 88) per dare le prime luci.
Come al solito la dilui(ione ? fondamentale per dare leggeri !eli di colore.
-er la seconda luce" utili((are ) parti di bianco ed una parte di giallo cachi (31/6 5uff)6 utili((ando
come base il 38/ schiarito della luce precedente.
'l bianco puro non !a usato =uasi mai6 a parte nei casi di luci estreme e casi particolari.
#cco la tabella dei colori"
Codice Vallejo Nome del colore
38/ MA4+ C@5'#0AEMecJ 0an
33& 9'S MA'+AEMarJ Sea 9reB
31/ AMA'LL4 CAK@'E 5uff
4.) *li altri colori + luci ed ombre
iportiamo di seguito i colori necessari alla colora(ione delle uniformi e di altro e=uipaggiamento.
Si sottintende che il colore base de!e essere dato con dilui(ione &"& o &"* al massimo6 mentre per luci
ed ombre !ale =uanto detto in preceden(a6 e cio? che la dilui(ione de!e essere tale da lasciare un !elo
di colore sulla base.
+ella tratta(ione che segue6 si riportano i !ari colori baseA resta !alido che i codici dei colori sono
indicati!i e che6 caso per caso6 sar; necessario (ed anche utile) apportare delle !aria(ioni per non
generare6 come detto in preceden(a6 sempre gli stessi colori.
Rosso
Codice Vallejo Nome del colore
3*/ 4Q4Eed
8&. 4Q4 CAM.04S0AM4ECadm.umber red
3%8 4Q4 CAM'+ECarmine red
321 4Q4 MA0#E<lat ed
Pagina 14
Rosso
32/ +AA+QAEClear orange
3&& +AA+QA CLA4ELight orange
'l colore di base ? il 3*/. L, 8&. !iene usato per le ombre. Ma notare che il rosso di norma si scurisce
con il bluE!erdeA nel 8&. ci sono sia il blu che il !erde.
-er le luci usare il 3%8 (per una tonalit; pi> pallida6 come nel caso di di!ise) ed il 321 (per una
tonalit; pi> accesa)A per le seconde luci schiarire ulteriormente con il 3.1 (in alternati!a usare
AC))) e gli arancioni 32/ e 3&&6 che sono usati rispetti!amente6 per dare tonalit; pi> scure e pi>
chiare.
Blu
Codice Vallejo!ndrea Nome del colore
3/2 AT@L M# -@S'AE-russian blue
8%1 AT@L 4V<4ME4Wford blue
AC**
AC*&
AC).
32% +#94E5lacJ
31/ AMA'LL4 CAK@'E5uff
322 CA+# MA0#E<lat flesh
3.. 4SA A+0'9@4E4ld rose
Si suggerisce di usare AC** come base6 sempre mescolato con 3/2 o 8%1 per e!itare il problema
degli aloniA altre basi possibili sono AC*& e AC). in fun(ione del colore della di!isa da ottenere.
-er le ombre utili((are il nero per scurire il colore base. -er le luci utili((are il 31/ od il rosa carne.
Ma notare che il rosa carne puC essere usato per schiarire =uasi tutti i colori.
Verde
Codice Vallejo!ndrea Nome del colore
AC)8
32% +#94E5lacJ
322 CA+# MA0#E<lat flesh
32) AMA'LL4 MA0#E<lat Bellow
3.. 4SA A+0'9@4E4ld rose
31/ AMA'LL4 CAK@'E5uff
Pagina 15
Verde
'l !erde ? un colore molto diffuso per le di!ise6 specialmente =uelle moderne. $ale il principio che
il colore di base puC essere molto di!erso da caso a caso. Si riporta =ui solo un esempioA come
principio usare come colore di base un colore scuro e schiarire in un secondo tempo.
-er le ombre scurire il colore di base con il nero (32%) A per le luci utili((are il giallo (32)) ed il rosa
antico (3..). per dare una tonalit; pi> pallida6 usare il 31/ (buff).
@na nota sulla colora(ione delle mimetiche6 do!e sono presenti molti colori6 come !erde6 beige6
marrone. +on utili((are i colori puri6 ma mescolare a tutti i colori base sempre una piccola =uantit; di
grigio (ad esempio 81% D 9'S MA'+A M#M'4EMedium sea greB). Kuesto ser!e ad armoni((are i
colori fra di loro e a dare un aspetto usato e sla!ato alle di!ise.
Nero
Codice Vallejo!ndrea Nome del colore
32% +#94E5lacJ
8/* 9'S +#94E5lacJ greB
3.. 4SA A+0'9@4E4ld rose
Si consiglia di non dare mai il nero puro come colore se non come sfondo per armi e buffetterie
(!edi poi)A come colore di base utili((are una mistura di 32% e di 8/* (2%PR2%P).
@sare il 3.. per le luci.
Pagina 16
"iallo
Codice Vallejo Nome del colore
32) AMA'LL4 MA0#E<lat Bellow
3.8 AMA'LL4 M4AM4E9olden Bellow
8&& $'4L#0A AT@LE$iolet blue
82& +AA+QA '+0#+S4EMeep orange
32& 5LA+C4EHhite
A seconda del giallo da riprodurre6 mescolare il 32) ed il 3.8A non usare mai un solo colore puro.
-er le ombre utili((are l, arancione (82&)6 il !iola (8&&) o una combina(ione dei due colori (usando
in propor(ione pi> !iola che arancione6 in modo da sbilanciarsi pi> !erso il colore complementare).
-er le luci utili((are il 3.8 ed il bianco6 nella propor(ione 2%P e 2%P.
4.1, Note a$$iuntive sulla colorazione dell'incarnato
-er i codici dei colori6 !edere la se(ione del documento relati!a alla colora(ione del !olto.
Si puC utili((are6 al posto del 3.& una combina(ione di !erde e blu (2%PD2%P)6 anche utili((ando i
colori Andrea (AC)8 per il !erde e AC** per il blu)A infatti l, osser!a(ione diretta delle ombre in
assen(a di illumina(ione diretta della luce del sole ci mostra una tenden(a !erso il colore blu della
(ona in ombra.
-er rendere la lucente((a della pelle ? possibile usare il colore 2** della $alleSo6 nella propor(ione 2
parti di ac=ua e & parte di 2**6 oppure ? possibile usare il rosso trasparente6 molto diluito6 passato
ripetutamente sulle parti da lucidareA in =uest, ultimo caso non si tratta nF di fare drBDbrushing nF di
la!aggi. 'l pennello non de!e essere troppo carico.
4.11 Colorazione di metalli# armi# le$no e cuoio
-er tutte =ueste tipologie di oggetti6 si suggerisce di dare una mano di nero come fondo6 sopra il primer.
'l colore ? il 32%. 'l colore dell,Andrea6 da =uesto punto di !ista puC essere leggermente pi> opaco.
<anno ecce(ione6 come !edremo6 i metalli gialli.
-rendiamo come esempio un fucile non moderno.
Codice Vallejo!ndrea Nome del colore
2*& M#M'@M M#0AL'C4EMetal medium
AC*3 (Sil!er Andrea)
331 -LA0AESil!er
8/2 AC#4 #+9ASAM4E4ilB steel
8/) 9'S M#0AL'TAM4E9un Metal greB
338 54+C#E5ron(e
Pagina 17
Codice Vallejo!ndrea Nome del colore
8%& LA04+E5rass
33/ 44E9old
3)3 U@M4ESmoJe
811 MA4+ M4AM4E9oldbrown
38) 0'#A MA0#E<lat earth
3.8 AMA'LL4 M4AM4E9olden Bellow
Ma notare che le armi moderne sono pi> scure. Le luci che seguono nella descri(ione sono solo relati!e
ad un moschetto del secolo V'V.
Sopra la base di nero6 applicare l, 8/)6 dipingendo la canna6 ad esempio6 cercando di non arri!are
proprio a filo del legno del calcioA si lascia cosO una piccola area di confine tra i materiali di colore nero
opaco.
-er la seconda mano6 aggiungere il 331 per schiarire6 non diluendo troppo. Kuesto ser!e per
e!iden(iare le parti dell, arma che sporgono maggiormenteA per la ter(a mano6 aggiungere AC*3
e!iden(iando aree sporgenti sempre pi> piccoleA la =uarta mano6 di AC*3 puro6 !a data solo sui punti di
luce massima.
'l 2*& !iene usato solo in casi estremi ed in aree ristrettissime di massima lucente((a.
-er ammorbidire le transi(ioni di colore6 utili((are il nero molto diluito per dei la!aggi su tutte le parti
dipinte.
-er i metalli gialli6 utili((are una base di 8116 utile anche per la parte dorata di un tessuto. -er le ombre6
utili((are il 38) in aggiunta al 811 con la solita metodologia utili((ata per le ombre degli altri colori.
-er le luci utili((are il 3.8 per schiarire il colore base (811). Kuesta combina(ione d; gi; dei buoni
risultati sen(a utili((are colori metallici.
-er e!iden(iare le parti pi> luminose6 si possono fare dei la!aggi con il 33/ (oro)A in =uesto caso il
la!aggio de!e interessare solo le parti in rilie!o per dare lucente((a solo do!e ser!e).
#, possibile6 per marcare le ombre6 utili((are il nero di chinaA tenere presente che ? necessario
aggiungere del tensioatti!o (sapone da cucina) per far sO che il colore aderisca alla superficie gi;
!erniciata e non formi dei pallini di colore.
-er simulare il bron(o usare il 338 per la prima mano6 aggiungere 8%& per la prima luce ed oro (33/)
per le seconde luci.
-er la colora(ione dei legni (ad esempio il calcio del fucile di cui sopra)6 tenere presente i colori della
seguente tabella"
Codice Vallejo Nome del colore
38. MA4+ MA0#E<lat brown
38& MA4+ +AA+QAE4range brown
32/ +AA+QAEClear orange
3*1 CA+# 4SC@AEMarJ flesh
3)3 U@M4ESmoJe
Pagina 18
Si parte da una base scura6 il 38.. 'ni(iare a stendere il colore6 gi; dalla prima mano6 nella dire(ione
della !enatura6 sen(a arri!are esattamente alla linea di confine con le parti metalliche.
@tili((are il 38& per le luci e !enature6 non coprendo tutta la superficie del calcio. Le linee delle
!enature non de!ono essere nF dritte nF parallele.
Aggiungere il 32/ ed in un secondo tempo il 3*1. -er ammorbidire e rendere pi> realistico il legno6
utili((are il 3)3 come patina che copre tutto la parte in legno.
-er le parti in cuoio6 tenere presente i colori della seguente tabella"
Codice Vallejo Nome del colore
382 MA4+ 4Q'T4EUull red
32/ +AA+QAEClear orange
38* MA4+ 4Q4ECa!alrB 5rown
3*1 CA+# 4SC@AEMarJ flesh
3&& +AA+QA CLA4ELight orange
@tili((are il 3826 scurito in =ualche caso con il nero come colore base. 'l nero6 come gi; detto6 de!e
essere la base sulla =uale dipingere la prima base di marrone. La tecnica =ui pre!ede di dare il colore
sfumando !erso il centro del corpoA =uindi il colore de!e essere pi> chiaro sulle spalle e pi> scuro !erso
la cintura (=uesto nel caso di una cinghia che tra!ersa il corpo).
-er le ombre usare il nero. -er le luci usare una mistura fra 32/ e 38* (in propor(ione 2%PD2%P).
Aggiungere il 3&& =uando il colore delle luci non ? ulteriormente schiaribile. 'l 3&& puro !a usato
esclusi!amente per le luci estreme.
#, possibile utili((are sul cuoio il 2** per eliminare l, effetto opaco degli acrilici.
Pagina 19
. Ambientazione e terreni
5.1 La basetta
La basetta in legno ? parte integrante della nostra reali((a(ione6 e =uindi non de!e essere trascurata. Ma
notare che la parte inferiore della basetta do!rebbe a!ere la parte con la !enatura ai lati rispetto alla
presenta(ione del figurinoA il lato frontale inferiore do!rebbe essere =uello che ha l,aspetto migliore.
'l posi(ionamento della basetta in piombo che !iene fornita con il figurino do!rebbe essere posi(ionata
sulla base in legno in modo tale che non sia parallela alla base stessa. Ma notare perC che un angolo
troppo !icino ai .2G puC risultare sgrade!ole allo sguardo.
Se in!ece l,angolo ? corretto6 suggerisce all,osser!atore che la rappresenta(ione ? parte di una realt; pi>
grande.
Se possibile6 il figurino de!e essere montato sulla base con lo sguardo perpendicolare al lato frontale
della basetta in legno.
Colorare di nero opaco o con un colore molto scuro e neutro la parte di basetta che ? la se(ione del
terreno esposto. Kuesta opera(ione comprende anche la ricopertura delle e!entuali sba!ature della colla
bicomponente usata per incollare la base in piombo alla basetta in legno.
Come gi; detto per il montaggio del figurino6 utili((are materiale accessorio per tenere in posi(ione i
pe((i della base in attesa dell,asciugatura della colla bicomponente. Sono necessari almeno 2 minuti.
5.2 Colorazione dell'ambientazione
.2.1 Colorazione dei terreni
-er la colora(ione del terreno utili((iamo ad esempio il 38) $alleSo o l,ottimo @A%81 (LifeColor)A
4!!iamente i colori possono !ariare a seconda del tipo di terreno che si !uole rappresentare.
Come prima opera(ione si passa una mano di marrone poco diluito su tutta la superficie necessaria6
facendo atten(ione a riempire tutti i buchi del terreno. @n,a(ione a picchiettare con al punta del
pennello potrebbe essere in =uesto caso utile.
Mipingere tutto6 anche e!entuali oggetti sul terreno. +ella tratta(ione che segue6 tenere presente che il
terreno non ? mai uniformeA ad esempio nei pressi della base di un muro ? pi> scuro. Ma =uesto punto
di !ista lo sfor(o che dobbiamo fare ? =uello di osser!are e di riprodurre la realt;6 non di immaginare
come potrebbe essere =uello che stiamo facendo.
+ella colora(ione dei terreni6 contrariamente a =uanto detto per i figurini6 si suddi!ide il la!oro
essen(ialmente in tre fasi6 dopo la colora(ione della base" prime luci6 la!aggio e seconde luci.
-er le prime luci6 utili((are un colore pi> caldo6 tendente all,arancio e non il beige6 come ad esempio il
38&. -reparare ad esempio una miscela al 2%P di 38& e 3&. (4C# $#M#E9reen 4chre).
4!!iamente tenere presente che =uesto ? solo un esempio. +ella stesura della prima luce6 asciugare il
pennello ed applicare sulle parti in rilie!o (drBDbrush). Schiarire il colore aggiungendo ancora alla base
una leggera =uantit; della miscela di cui sopra. Se necessario aggiungere altro 3&. alleggerendo la
pressione delle setole del pennello sulle parti pi> in e!iden(a6 stendendo il colore in tutti i sensi e su
superfici sempre pi> piccole. -er le ultime luci usare solo il 3&..
-er le ombre6 mescolare al marrone di base del nero ()%P nero6 1%P marrone)6 tenendo presente che il
nero $alleSo6 che ha una resa finale non troppo opaca puC andare bene per terreni umidi6 mentre =uello
Pagina 20
Andrea6 pi> opaco6 per i terreni asciutti. 'l la!aggio de!e essere maggiore nelle (one pi> nascoste e pi>
buie. #seguire un paio di la!aggi con la stessa miscela.
-er l,ultima luce usare6 per schiarire la base6 il giallo ca=ui (31/) mescolato al 38&. Anche in =uesto
caso e!itare di dare il colore in modo uniforme. -er schiarire usare il 31/.
+ella basetta usata come campione affiora un,asse di legnoA in =uesto caso e!iden(iare le parti sporgenti
del legno con del colore arancio e le parti inca!ate con il la!aggio scuro. +ella basetta c,? anche una
palla di cannoneA usare il nero per colorarla ed usare il gun metal per un leggero la!aggio.
-er i muschi ? possibile utili((are il 813 (MA4+ $#M#E9reenDbrown). Altri colori sabbia e ca=ui
possono essere usati per cambiare le tonalit;.
.2.2 Colorazione di mattoni e pietre
-er reali((are mattoni6 come base utili((are una miscela di 81% (9'S MA'+A M#M'4EMedium sea
greB)6 di 38* (MA4+ 4Q4 E Ca!alrB 5rown) e di 32/ (+AA+QAE 4range).
+ella colora(ione tenere presente che non tutti i mattoni sono dello stesso colore6 =uindi si consiglia di
apportare !aria(ioni sulla base e di applicarla a mattoni di!ersi. La !aria(ione si puC fare6 ad esempio6
!ariando la =uantit; di 38*6 separando il colore in un blister di!erso. Le !aria(ioni si possono creare
con di!ersi colori.
-er le luci utili((are il 31/ con il 3&& per schiarire le di!erse basi create in preceden(a. Le (one
interessate dalle luci sono i bordi laterali ed il bordo superiore del mattone. La linea ori((ontale del
bordo superiore do!rebbe essere pi> luminosa.
Al termine6 applicare un la!aggio con lo stesso colore utili((ato per il terreno. La regola di buon senso
generale ? =uella di smor(ate i toni.
@na nota sulla reali((a(ione delle ro!ine" dalle foto della guerra si osser!a una grande =uantit; di
ro!ine6 la cui composi(ione mostra una grande =uantit; di legno. Ma osser!are anche che il materiale di
grande dimensione cade per primo e si tro!a sotto i cumuli6 che sono poi ricoperti di materiale pi>
piccolo e dalla pol!ere.
A seconda del tipo di pietra6 si usano miscelati6 in di!erse propor(ioni6 il grigio6 il ca=ui ed il marrone.
$iene utili((ato il solito metodo per luci ed ombre.
@na nota per la reali((a(ione di una strada a ciottoli. Si reali((ano con lo stucco un grande numero di
palline6 la cui dimensione sar; fun(ione della dimensione dei ciottoli o delle pietreA si schiacciano sulla
strada che si !uole reali((are. Si esegue un la!aggio con il pennello bagnato per eliminare le e!entuali
impronte digitali. -er riempire lo spa(io fra i ciottoli utili((are sabbia o terra finissima.
.2.3 Colorazione di legno e porte
Mi!ersamente da come !engono reali((ati i legni del calcio dei fucili6 il legno esposto come =uello di
porte (non moderne) tende a di!entare grigio. -er la base utili((are il 3.& R 81% per la base.
Luci a schiarire e la!aggi e!iden(iano !enature e bordi.
-er i chiodi6 si utili((ano grigi scuri per colorare la testa del chiodo ed e!entualmente si applica un
punto luce sulla testa del chiodo.
Pagina 21
.2.4 !ealizzazione di macchie di umidit"
-er reali((are le macchie di umidit; che normalmente osser!iamo alla base dei muri6 utili((are come
base il nero6 applicato con la!aggi. @tili((are altri colori per schiarireA la !ariet; di colori ? grande6 ed il
colore !aria a seconda del tipo di macchia da reali((are.
Si suggerisce l,uso del fon per una rapida asciugatura.
'l la!aggio con il nero !a abbinato alla tecnica del drBDbrush gi; descritta per la reali((a(ione del
terrenoA =uesta tecnica d; degli ottimi risultati.
.2. La ne#e
-er la reali((a(ione della ne!e6 ? consigliato un prodotto della -rochima6 composto da due elementi6 la
colla e la ne!e !era e propria (#ffetto +e!e).
'l terreno !iene preparato con una base di cartapesta6 stucco o polistirolo6 in fin(ione della dimensione
della nostra ambienta(ione. Mopo a!er steso la colla sulle parti da ricoprire con la ne!e6 spargere la
ne!e con cura e abbondantemente6 recuperando in un secondo tempo il materiale in eccesso. +el caso si
!ogliano aggiungere dei ghiaccioli6 ? possibile usare dello sprue trasparente con il solito metodo del
riscaldamento e seguente stiramento.
5.3 -ealizzazione dei terreni
-er superfici piccole ? possibile utili((are lo stucco. -er superfici pi> grandi si suggerisce l,uso del
gesso o della scagliola6 in =uesto caso entrambe mescolati ad ac=ua miscelata al 2%P con colla !inilica.
Cancellare le e!entuali impronte digitali con uno spa((olino da denti !ecchio od un pennello usato.
#siste6 per le grandi superfici6 un prodotto in commercio6 a base di pietra pomice6 da stendere a piacere
per la reali((a(ione del terreno ($alleSo).
.3.1 Pozzanghere
-er il colore delle po((anghere6 rica!ate nel terreno da a!!allamenti che a!remo preparato apposta6
utili((iamo lo stesso colore del terreno6 leggermente schiarito. -er rendere l,effetto bagnato si possono
applicare due o tre mani di trasparente lucido sulla superficie della po((anghera oppure si puC applicare
un la!aggio con il trasparente satinato ($alleSo).
.3.2 $oglie
Le foglie possono essere rica!ate6 ad esempio6 da origano secco fatto a pe((etti. 'l materiale ottenuto !a
incollato sul terreno (con colla !inilica) do!e ser!e e poi dipinto del colore necessario.
.3.3 %rba
Si puC reali((are in di!ersi modi. La tecnica base pre!ede"
Applicare una mano di colla !inilica
Applicare l,erba sintetica
o!esciare la basetta e con lo spa((olino raddri((are i ciuffi d,erba. #, possibile anche6 se possibile6
colpire la basetta ro!esciata con la mano per raddri((are i ciuffi sfruttando l,energia cinetica deri!ata
dall,urto.
Pagina 22
' materiali possibili sono s!ariatiA si puC usare erba sintetica6 canapa indiana o altro materiale da
modellismo.
.3.4 Ac&ua
-er reali((are l,ac=ua ? ottimo il prodotto della -rochima (#ffetto Ac=ua). Anche =uesto ? un prodotto
bicomponente. #, necessario a!ere un contenitore stagno per il procedimento. -ossono essere usati fogli
di acetato opportunamente piegato per reali((are una specie di !asca che accoglie il materiale.
Alla miscela base puC essere aggiunto del colore (? sufficiente pochissimo colore) per !ariare il colore
dell,ac=ua.
Sfruttando il fatto che l,asciugatura ? lenta (alcune ore) e che lo strato superficiale asciuga prima6 ?
possibile modellare par(ialmente la superficie6 simulando onde e =uant,altro. #, possibile usare il bisturi
per solle!are il materiale superficiale6 simulando cosO le increspature sulla superficie dell,ac=ua.
Pagina 23
6. Le mimetiche
.1 Introduzione
Le uniformi militari che presentano mimeti((a(ione si hanno dal &3.% in poi. ' primi ad utili((are le
mimeti((a(ioni sono i tedeschi6 durante il secondo conflitto mondiale.
A partire dall,antichit; fino alla prima guerra mondiale le di!ise o il !estiario dei combattenti erano
molto !isibiliA si prenda come esempio il famoso elmetto con la punta6 tipico della prima guerra
mondiale.
<in dall,antichit;6 infatti6 l,aspetto del combattente do!e!a spa!entare il nemico6 e =uindi !eni!ano usati
colori sgargianti6 grandi copricapo ed altri accorgimenti per alterare l,aspetto o per mostrare un,alte((a
maggiore.
-er riprodurre correttamente una mimetica6 si utili((ino fotografie6 illustra(ioni e =uant,altro possa
aiutare. @n ottimo libro6 di difficile reperibilit; ma di ottima fattura6 ? Andrew Mollo - Le or!e ar"ate
della ## $%erra Mondiale& DeAgo'tini.
@na prima osser!a(ione de!e essere fatta sul primo tipo di mimetica6 =uella cio? di un solo coloreA in
=uesto caso6 pi> semplice della mimeti((a(ione complessa (ad esempio a macchie)6 tenere presente che
esiste sempre una differen(a fra il colore della giacca con =uella dei pantaloniA le di!ise si strappa!ano6
!eni!ano cambiate o alterate nell,aspetto in molti modi di!ersi6 e =uindi6 a maggior ragione6 anche fra
soldato e soldato esiste!a sempre una differen(a nei colori delle di!ise.
' primi tentati!i di mimeti((a(ione riguardano l,elmetto6 di natura lucido6 che !eni!a ricoperto da un
telino mimetico.
Pagina 24
Come si !ede anche dalla foto6 il telo presenta una parte centrale e due fasce laterali ben distinte. A
=uesto proposito6 nella colora(ione delle mimetiche6 ? necessario fare molta atten(ione alle (one delle
cuciture" =ui la mimeti((a(ione si interrompe e riprende in modo di!erso per o!!i moti!i di
reali((a(ione delle stoffe.
@na nota sulla reali((a(ione degli elmetti" se non ? presente il telo mimetico6 passare un !elo di 9un
Metal sui bordi dell,elmetto per rendere l,effetto dell,usura.
Kualche !olta6 poi6 i soldati tedeschi utili((a!ano delle fasce di gomma per infilare foglie e rami
sull,elmetto per scopi mimetici.
+ella reali((a(ione delle mimetiche tenere sempre presente che gli schemi sono molto precisi6 anche se
poi l,aspetto generale puC sembrare confuso. 0re sono i principi necessari per rendere una mimetica in
modo ottimale"
&) 'ndi!iduare correttamente il colore di fondo fra =uelli che costituiscono la mimeti((a(ione
*) Me!e essere stabilita correttamente la data di =uanto si !uole rappresentare6 in =uanto alcune
mimeti((a(ioni compaiono solo dopo una certa data.
)) @sare correttamente il grigio6 in seguito !edremo come.
0enere presente che alcune tute sono re!ersibili6 come nella foto che segue"
Come si !ede6 l,interno della giacca presenta un colore scuroA la giacca pote!a =uindi essere indossata
ro!esciata.
'n molte fotografie osser!iamo anche che solo il giubbotto era mimetico6 e spesso !eni!a indossato
sopra la giacca d,ordinan(a.
Sempre dalle foto si nota che la la!ora(ione dei colori della mimetica ? tale per cui si crea una
so!rapposi(ione del colore della macchia con =uello di fondo6 creando di fatto un alone scuro intorno
alla macchia stessa.
-er riprodurre =uesto effetto6 ? sufficiente dipingere prima il bordo con il colore corretto6 poi schiarire e
Pagina 25
riempire l,interno della macchia.
'n molti casi la riprodu(ione del moti!o della mimeti((a(ione ? difficile6 perchF le forme dei disegni
non sono casuali e seguono uno schema ben determinato.
Ma osser!are poi che il ris!olto della manica6 arrotolata sul braccio6 non presenta!a =uasi mai
mimeti((a(ione.
.2 Colorazione
Ma notare subito i seguenti punti"
'l grigio ? sempre presente6 sia per un effetto di uniformit; dei colori do!uto alla scala6 sia a causa
dell,usura a cui era sottoposto tutto l,e=uipaggiamento del soldato.
-er accentuare maggiormente lo stato di usura delle uniformi si puC applicare un la!aggio molto
diluito con una mistura di grigio e marrone su tutta la di!isa.
#, consigliabile usare sempre fotografie e disegni per la riprodu(ione dei colori e degli schemi della
mimeti((a(ione.
'l terreno che fa da complemento al soldatino de!e a!ere colori che sono in accordo con la mimetica.
#!itare le differen(e marcate di colore.
' colori da usare per la reali((a(ione delle mimetiche non sono molti. La difficolt; sta nel mescolarli
adeguatamente per ottenere il colore giusto"
Codice Vallejo Nome del colore Colore
31/ AMA'LL4 CAK@'E 5uff
38/ MA4+ C@5'#0AEMecJ 0an
81% 9'S MA'+A M#M'4EMedium sea greB
38) 0'#A MA0#E<lat earth
38* MA4+ 4Q4ECa!alrB 5rown
382 MA4+ 4Q'T4EUull ed
38& MA4+ +AA+QAE4range brown
813 MA4+ $#M#E9reenDbrown
3&. 4C# $#M#E9reen 4chre
83. $#M# @S4Eussian green
312 $#M# M'L'0AEMilitarB green
3.& S4M5A 04S0AMA E 5urnt @mber
$ediamo la colora(ione nel dettaglio utili((ando degli esempi.
Pagina 26
.3 .sempi
#sempio &" Mimetica di una di!isa in Noso!o
Mescolando il 31/ ed il 38/6 in una percentuale di 1%E)%P6 ed aggiungendo un po, di grigio6 si ottiene
un colore base molto !icino al beige della foto.
9li altri colori della mimetica si ottengono partendo rispetti!amente dal 83. (!erde russo)6 dal 3.& (per
il marrone) e dall,81% aggiungendo un po, di nero per il colore pi> scuro.
ica!are sempre =uesti colori aggiungendo un po, di colore di base. Se il !erde do!esse risultare un po,
smunto6 aggiungere AC*2 (Andrea) per ra!!i!are il colore.
#sempio *" Mimetica di una di!isa per il deserto
'l colore di base si ottiene mescolando il 38/ (MecJ 0an) con il 3&. (9reen ochre)A per ra!!i!are il
colore aggiungere il 38& (4range 5rown).
Ma notare che spesso6 come gi; detto in preceden(a6 le di!ise mostra!ano di!ersi colori a seconda
dell,uso e del periodo di produ(ione6 il colore della giacca e dei pantaloni risulta!a di!erso non solo se
indossata dalla stessa persona6 ma anche da soldato a soldato.
A =uesto proposito ribadiamo il concetto che non esiste una regola ben precisaA usare fotografie e
scegliere il colore attra!erso pro!e sulla nostra ta!olo((a di carta ? il metodo migliore per raggiungere
lo scopo desiderato.
-er le luci utili((are il 31/ (Amarillo Ca=ui) e per schiarire ulteriormente ? possibile6 ecce(ionalmente6
usare il bianco.
#sempio )" 9rigio !erde alpino
'l colore di base si ottiene mescolando il 38/ (MecJ 0an) con il 83. (ussian 9reen)A se il colore di
base do!esse risultare troppo !erde aggiungere grigio scuro. -er rendere l,effetto di una di!isa logora
utili((are opportunamente il 31/ (Amarillo Ca=ui).
Pagina 27
.4 /ccessori
Anche per rendere il colore di buffetterie e fucili aggiungere sempre un po, di grigio6 pi> o meno scuro.
-er le luci usare sempre il grigio schiarito con il 31/ (Amarillo ca=ui)6 mentre per le ombre aggiungere
nero (32%).
-er gli sti!ali non utili((are il nero puro ma un grigioDnero mescolato con il 38) (0ierra Mate)6 per le
luci usare il 31/ (Amarillo Ca=ui)6 od il 3*1 (Carne 4scura).
-er il cinturone6 usare un grigio nero6 schiarito con il rosa antico.
-er le e!entuali macchie di sangue6 usare il 3*/ per il sangue fresco o il Cadmio 0ostato per =uello gi;
rappreso.
Cartucce6 cartucciere e nastri" partire con una base di 811 (9old 5rown) ed aggiungere un la!aggio di
0ierra Mate6 usato anche per le ombre. Schiarire il tutto con un leggero la!aggio di 5rass (8%&).
-er le reti mimetiche la gar(a !a benissimo6 anche se esistono degli ottimi prodotti della $erlinden.
-er reali((are colbacchi di pelo6 dare dei colpi di stucco se la trama non ? sufficientemente fine6
utili((ando uno spa((olino da denti per picchiettare sullo stucco fresco.
-er e!iden(iare le differen(e di pelo6 usare dei la!aggi scuri su drBDbrush chiari per e!iden(iare il
contrasto sul pelo.
Pagina 28