Sei sulla pagina 1di 9

http://ulisse.sissa.

it
http://ulisse.sissa.it/biblioteca/saggio/2007/Ubib070810s001


DATA DI ARRI VO: 4 l ugl i o 2007
ACCETTAZI ONE: 25 l ugl i o 2007
PUBBLI CAZI ONE: 10 agost o 2007

Il primo colpo del ciclope
matematico
Anna Maria Aloisi
IPSIA A. Meucci, Cagliari
Pier Franco Nali
Servizio per l'Innovazione Tecnologica e per la
Tecnologia dell'Informazione Regione Sardegna
E-mail: ampf@interfree.it




ABSTRACT: Questanno ricorre il terzo centenario della nascita di Leonhard Euler (Basilea, 15 aprile 1707 San
Pietroburgo, 18 settembre 1783), il pi grande matematico del Settecento e uno dei tre o quattro pi
grandi mai esistiti. Noto col nome latinizzato di Eulero, questo matematico stato anche uno dei pi
fecondi, come dimostrano innumerevoli teoremi e formule che portano il suo nome.

PAROLE CHIAVE: Storia e personaggi della matematica, analisi matematica.



Il primo colpo del ciclope matematico

1
Questanno ricorre il terzo centenario della nascita di Leonhard Euler (Basilea, 15 aprile 1707 San
Pietroburgo, 18 settembre 1783), il pi grande matematico del Settecento e uno dei tre o quattro pi grandi mai
esistiti.
1
Noto col nome latinizzato di Eulero, questo matematico stato anche uno dei pi fecondi, come
dimostrano innumerevoli teoremi e formule che portano il suo nome. Nonostante la perdita della vista
dallocchio destro che lo colp allet di trentanni il suo insensibile mecenate Federico II di Prussia (1712-
1786) lo soprannomin per questo il mio ciclope e una cataratta che lo rese completamente cieco poco dopo
i sessanta, Eulero mantenne nel corso di tutta la sua vita una straordinaria produttivit scientifica.
2
fuor di
dubbio che ci fu reso possibile da una memoria fotografica non comune: conosceva lEneide a memoria ed era
in grado di dire il primo e lultimo verso di ogni pagina delledizione su cui lo aveva imparato. Poteva allo
stesso modo ricordare lunghe sequenze di calcoli che poi trascriveva con laiuto di un amanuense. La debolezza
della vista fisica era in lui ampiamente compensata dallacume dellocchio intellettuale, questo s davvero
ciclopico. Alla sterminata produzione matematica riusc ad assommare importanti contributi in altri campi della
scienza, di cui fu un grande comunicatore: le sue Lettere a una principessa tedesca (1768-1772) sono considerate
uno dei primi bestseller di divulgazione scientifica
.
Profondamente credente in unepoca dominata
dallilluminismo ateo dei liberi pensatori fu anche un uomo che talvolta seppe andare controcorrente.
3

Eulero ottenne grande fama nel 1735, quando riusc a determinare la somma della serie infinita dei
reciproci dei quadrati perfetti
2 2 2 2
1 1 1 1
1 2 3 4
+ + + +L
risolvendo il cosiddetto problema di Basilea, che per decenni aveva frustrato i tentativi dei matematici.
Presentato per la prima volta nel 1644 da Pietro Mengoli (1625-1686) e riproposto nel 1673 in una lettera
dellallora segretario della Royal Society Henry Oldenburg (c. 1615-1677) a G. W. Leibnitz (1646 1716),
questo problema assunse grande notoriet nel 1689 quando su di esso scrisse Jacques Bernouilli (1654 - 1705).
4

Rimasto irrisolto fino ai tempi di Eulero, il problema di Basilea si era cinto di unaura mistica che ricorda lo
status dellUltimo Teorema di Fermat prima del 1993.
5

Nel De summis serierum reciprocarum (1735) Eulero present ben quattro distinte soluzioni del problema di
Basilea. Quella che gli valse la fama la terza, rimasta celebre per la sua eleganza e bellezza. Lidea guida della
dimostrazione di trasformare una somma infinita di potenze in un prodotto infinito e questo di nuovo in una somma
infinita. Il confronto dei coefficienti delle potenze consente infine di ricavare il risultato voluto. Eulero avrebbe
applicato ancora questo trucco pi avanti nella sua carriera. In breve il ragionamento si svolge come segue.
La funzione
sin x
x
ha radici (o zeri) a , 2 , 3 , 4 K e ha come sviluppo in serie il polinomio
infinito
2 4 6
1
3! 5! 7!
x x x
+ +L. Estendendo una regola valida per i polinomi finiti, Eulero assunse di poter
scomporre un polinomio infinito in un prodotto infinito, in questo caso
2 2 2
2 2 2
1 1 1 1 1 1 1 1 1 .
2 2 3 3 4 9
x x x x x x x x x

| || || |
| || || || || || |
+ + + =
| | |
| | | | | |
| | |
\ \ \ \ \ \
\ \ \
L L

1
Piergiorgio Odifreddi, Buon compleanno, Eulero!, in Le Scienze, n. 464, aprile 2007, p. 105
2
John Derbyshire, Lossessione dei numeri primi, Bollati Boringhieri, Torino 2006, p. 77
3
come testimonia uno scritto del 1747, Rettung der Gttlichen Offenbahrung Gegen die Einwrfe der Freygeister (Difesa delle rivelazioni
Divine contro le obiezioni dei liberi pensatori).
4
Carl Boyer, Storia della Matematica, Mondatori, Milano 1980, p. 514
5
Ed Sandifer, Eulers Solution of the Basel Problem The Longer Story (2003)



Il primo colpo del ciclope matematico

2
Si tratta di un prodotto infinito molto complicato, ma ci si rende subito conto che se lo si esegue si ottiene
nuovamente un polinomio infinito, con un termine costante uguale a 1 e con il termine in
2
x che raccoglie i
corrispondenti coefficienti che compaiono nel prodotto infinito, vale a dire
2
2 2 2
1 1 1
1
4 9
x

| |
+ + + +
|
\
L L
Dal confronto con il polinomio di partenza
2 4 6
2
2 2 2
1 1 1
1 1
3! 5! 7! 4 9
x x x
x

| |
+ + = + + + +
|
\
L L L
si ricava
2 2 2 2
1 1 1 1 1
3! 4 9 16
| |
= + + +
|
\
L e da questo infine lagognato risultato
2
1 1 1
1
4 9 16 6

+ + + + = L
Continuando a lavorare sui coefficienti delle potenze successive (
4 6
, , x x K) Eulero fu in grado di calcolare le
seguenti somme di serie infinite:
4
4 4 4
1 1 1
1 .....
90 2 3 4

+ + + + = ,
6
6 6 6
1 1 1
1 .....
945 2 3 4

+ + + + = ,
8
8 8 8
1 1 1
1 .....
9450 2 3 4

+ + + + = ,
10
10 10 10
1 1 1
1 .....
93555 2 3 4

+ + + + = ,
12
12 12 12
1 1 1 691
1 .....
6825 93555 2 3 4

+ + + + =

,
e, circa dieci anni pi tardi (1744), anche la somma della serie
24 26
26 26 26
1 1 1 2 76977927
1 .....
27! 2 3 4

+ + + + = .
6

La soluzione del problema di Basilea suscit lammirazione dei contemporanei e procur a Eulero grande
notoriet, ma il metodo impiegato dipendeva da alcune assunzioni piuttosto difficili da giustificare. Eulero era

6
Questo risultato pu essere generalizzato a ogni serie di reciproci delle potenze pari degli interi:
( )
( )
( )
1
2 1 2
2
2 2 2
2 1
1 1 1
2 1 .....
2 ! 2 3 4
k
k k
k
k k k
B
k
k

= + + + + = ,
dove B
k
sono i cosiddetti numeri di Bernoulli e la funzione zeta di Riemann. I numeri di Bernoulli si possono calcolare in svariatissimi
modi; sono notevoli le espressioni in forma di determinante:
( )
2
1 0 0
1 0
2 !
1
2!
1 1
3! 2!
1 1 1 1
2!
2 1 ! 2 ! 2 1!
k
B k
k k k
| | | | | |
| | |
| | |
\ \ \
=
+
L
L
L L L L L
L
.
Di nessuna serie di reciproci di potenze dispari invece nota la somma in forma chiusa.


Il primo colpo del ciclope matematico

3
partito dalla constatazione che la funzione
sin x
x
e il prodotto infinito 1 1 1 1
2 2
x x x x

| || || || |
+ +
| | | |
\ \ \ \

1 1
3 3
x x

| || |
+
| |
\ \
L hanno esattamente le stesse radici, e inoltre hanno lo stesso valore in 0 x = . Da ci aveva
asserito che le due funzioni dovevano essere uguali. In effetti cos, ma si tratta di una semplice coincidenza:
luguaglianza delle radici e di alcuni valori sono condizioni necessarie, ma non sufficienti, per luguaglianza di
due funzioni. Si potrebbe far notare, ad esempio, che anche
sin
x
x
e
x
ha le stesse radici di
sin x
x
e lo stesso
valore in 0 x = ma non la stessa funzione. Bench ai suoi tempi non sembra siano state sollevate obiezioni di
questo tipo pare certo che Eulero si rendesse conto che cera qualcosa di misterioso e di incompiuto nella
spiegazione di questo passaggio cruciale. Lo prova il fatto che ritorn pi volte sullargomento tentando, invero
senza molto successo, di trovare una giustificazione rigorosa della tecnica del prodotto infinito. Nel 1741
elabor una nuova soluzione con un metodo completamente differente, indipendente dalle oscure propriet del
prodotto infinito. Si tratta della prima soluzione di un certo rigore, ma non ancora secondo gli standard
moderni.
7
Ben conscio della debolezza del suo metodo Eulero confidava tuttavia nella correttezza del risultato
cui era pervenuto. La sua convinzione si poggiava su unaccurata stima numerica intrapresa alcuni anni prima,
mentre lavorava al problema dellinterpolazione delle serie, la cui esposizione si trova nel De summatione
innumerabilium progressionum (1730).
Consideriamo ad esempio la somma della serie armonica
1 1 1
1
2 3 4
+ + + +L
La prima somma parziale 1, la seconda 3/2, la terza 11/6, e cos via. Eulero si pose la seguente domanda: ha
qualche significato parlare di somme parziali di ordine non intero, per esempio la
1
esima
2
o la
3
esima
2
?
Ricordiamo che la somma di una serie geometrica finita di n termini
2 3 1
1
1
1
n
n
x
x x x x
x


+ + + + + =

L . La
formula pu essere applicata per ogni valore di n e quindi ha significato anche se n non un numero intero.
Integrandone entrambi i membri si ricava

2 3 4
1
2 3 4 1
n n
x x x x x
x dx
n x

+ + + + + =

L .
8
(1)
Dalla (1), ponendo x = 1 nella somma a sinistra del segno di uguale e ponendo uguale a 1 il limite
superiore dintegrazione nellintegrale a destra, si ottiene a sinistra la somma dei primi n termini della serie
armonica, vale a dire
1 1 1 1
1
2 3 4 n
+ + + + + L e a destra lintegrale definito
1
0
1
1
n
x
dx
x

.
9


7
Oggi sono note almeno quattordici diverse soluzioni del problema di Basilea.
8
In questa e nelle successive integrazioni viene omessa, come fece Eulero, la costante dintegrazione. Ci equivale a porre uguale a zero il
limite inferiore dintegrazione.
9
Eulero non usava la notazione moderna di integrale definito ( )
1
0
f x dx

ma scriveva lintegrale indefinito ( ) f x dx

aggiungendo la postilla
fiat=0 si x=0 positoque x=1 (sia=0 se x=0 e posto x=1).


Il primo colpo del ciclope matematico

4
Cos Eulero us il valore di un integrale definito per definire la somma dei primi n termini della serie
armonica anche se n non intero. Per molti valori non interi di n si tratta di un integrale piuttosto difficile da
calcolare, ma nel caso n=1/2 lintegrazione abbastanza agevole:
1 1
0 0
1 1
1 1
x
dx dx
x x

= =
+


( )
1
0
2 2ln 1 2 2ln 2 x x
(
+ =

, e definisce la somma parziale di ordine
1
2
. Consideriamo ora la serie delle
somme dei primi termini della serie armonica:
1
2
3
4
1,
1
1 ,
2
1 1
1 ,
2 3
1 1 1
1 , .
2 3 4
s
s
s
s
=
= +
= + +
= + + + L

Il termine n+1-esimo uguale al termine n-esimo pi la frazione
1
1 n +
, cio
1
1
1
n n
s s
n
+
= +
+
. Usando il
metodo di Eulero possiamo allora calcolare il termine di ordine
1
2
1
( ) ( )
( )
1 1
2 2
1 1
2
1 2 2
2 2ln 2 2 2ln 2
1 3 3
s s
+
= + = + = +
+
,
il termine di ordine
1
2
2
( ) ( ) ( )
3 3 1
2 2 2
2 1 3
2
1 2 2 2 2
2 2ln 2 2 2ln 2
1 3 5 3 5
s s s
+ +
| |
= = + = + + = + +
|
+
\
,
e in generale il termine di ordine
1
2
n
( )
1
2
2 2 2
2 2ln 2
3 5 2 1
n
s
n
+
= + + + +
+
L .
La serie delle somme parziali della serie armonica, interpolata con le somme intermedie di ordine non
intero che abbiamo appena calcolato dunque
}
}
1 1
1
2 2
2
1 2
2
1
2 1 2 2
3 2 3 5
2 2ln 2 1 2 2ln 2 1 2 2ln 2
n n
n
n
n
n
s
= =
=
=
=
= + + + +
64748 6447448
64748
L.
Osserviamo che integrando nuovamente la (1) si ottiene
( )
2 3 4 5 1
1 2 2 3 3 4 4 5 1
n
x x x x x
n n
+
+ + + + + =
+
L
1
1
n
y
dy dx
y
| |

|
|

\

, che non ancora la somma della serie dei quadrati reciproci ma la ricorda molto da vicino.
Eulero not a questo punto che se prima di integrare si divide per x si ottiene
2 3
1
2 3
n
x x x
x dx
x n
| |
+ + + + =
|
|
\

L
2 3
1 1
2 2 3 3 1
n n
x x x y
x dy dx
n n x y
| |

+ + + + = |
|

\

L . Lintegrale di destra ancora intrattabile, ma per n molto


Il primo colpo del ciclope matematico

5
grande (al limite infinito) si pu approssimare a
( ) ln 1
1
1
x
dy
dx dx
x y x
| |
=
|

\

,
10
che con il cambiamento di
variabile 1 z x = si trasforma nel pi accessibile
1
ln
1
z
z
dz
z

.
11

Ricordando lo sviluppo in serie di
2 3
1
1
1
z z z
z
= + + + +

L e di ( ) ln 1 ln z x = =
2 3
1
2 3
n
z z z
z
n

+ + + =

L il calcolo cos prosegue:


( )
( )
2 3 1
2 2
1 1 1
1 1
2 2 2 2
1 1 1
2 3 4 5
2 2
1
ln 1 ln
1 ln ln
1
1 1
ln ln ln
,
4 9 16 25
n n
z z z
n
n n n
n n
z z z z
dz z z z zdz z zdz
z n n n
z z z
z x z
n n n n n
x x x x x x
x
n n

| |
= + + + + = = + = |
|

\
| | | | | |
= + = + = | | |
| | |
\ \ \
= + + + + + + + =


L
L L

fino a ottenere
2 2 2 2
1 1 1 1
1
ln ln ln ln
n n n n
x z x z
x z x z
n n n n

+
= + + = +

.
Ora, poich 1 z x = , vale a dire 1 x z + = , facile vedere che la somma della serie
2
1
n n
x z
n

converge con la
massima rapidit quando
1
2
x z = = . Eulero giunse cos a stabilire che
( )
2
2 1 2
1 1
1 1
ln 2
2
n
n n

= +

. (2)
Limportanza della (2) risiede nel fatto che la somma della serie
1 2
1
1 1 1
1
8 36 2
n
n

= + + +

L a destra del
segno di uguale converge molto pi rapidamente della somma della serie dei quadrati reciproci
2
1
1 1 1 1
1
4 9 16 n

= + + + +

L che compare a sinistra, cos da rendere praticabile, attraverso la prima, una stima
numerica di precisione della seconda.
Eulero forn una prima stima con sei decimali nel 1730, indicando per la somma della serie
1 1
1
8 36
+ + +L un valore prossimo a 1,164481 e per ( )
2
ln 2 il valore 0,480453. Da questi due valori e dalla (2)
ricav che
1 1
1
4 9
+ + +L=1,164481+0,480453=1,644934. Il saggio del 1730 si chiude appunto con
lesposizione di questa stima e con limportante osservazione che per ottenere lo stesso risultato con un calcolo

10
( )
0 0
lim
1
ln 1
1 1
x x
n
n
y dy
dy x
y y
= =



.
11
In questo integrale e nei successivi compaiono esplicitamente i limiti dintegrazione per evitare ambiguit nella definizione delle costanti
dintegrazione. Il limite inferiore viene posto uguale a 1 in conseguenza del cambiamento di variabile da x a z.


Il primo colpo del ciclope matematico

6
diretto di
1 1
1
4 9
+ + +L si sarebbero dovuti calcolare e sommare pi di mille termini,
12
e non a caso il
fondamentale saggio del 1735 si apre con la presentazione di una nuova stima con diciannove decimali:
1 1
1
4 9
+ + +L=1,6449340668482264364. Moltiplicando questo numero per 6 ed estraendo la radice quadrata
fa notare Eulero - si ottiene il valore con diciotto cifre decimali di =3,141592653589793238. Simili
coincidenze numeriche si verificano anche con altre somme.
Lelegante soluzione di Eulero del problema di Basilea
2
1 1 1
1
4 9 16 6

+ + + + = L uneloquente
testimonianza della genialit del suo autore, ma essa fu anche frutto di un duro e oscuro lavoro di calcolo
numerico, condotto nel corso di alcuni anni in modo paziente e meticoloso. Le sorprendenti concordanze che via
via emergevano dai calcoli furono di fondamentale incoraggiamento per Eulero, inducendolo a impiegare gli
strumenti dellindagine analitica nella ricerca di dipendenze prima di allora insospettate - tra somme di serie
dei reciproci di quadrati e potenze, funzioni circolari e .
Appendice
La stima numerica del problema di Basilea
La stima della somma di una serie numerica si fonda sul calcolo dellerrore che si commette sostituendo la
somma della serie con la somma dei suoi primi n termini.
Data una serie
n
a e detta
1 2 n n
s a a a = + + + L la somma dei suoi primi n termini, ai fini del calcolo
dellerrore si introduce il resto
1 2 3 n n n n
r a a a
+ + +
= + + +L. Per la somma
1 1
1
4 9
+ + +L della serie dei quadrati
reciproci abbiamo
2 2 2 2
1 1 1 1
1 2 3
n
s
n
= + + + + L e
( ) ( ) ( )
2 2 2
1 1 1
1 2 3
n
r
n n n
= + + +
+ + +
L. Per
n
r valgono le
disuguaglianze:
( )( ) ( )( ) ( ) ( )( )
1 1 1 1
1 2 2 3 1 1 2
n
r
n n n n n n n n
+ + < < + +
+ + + + + + +
L L,
1 1 1 1 1 1 1 1
1 2 2 3 1 1 2
n
r
n n n n n n n n
| | | | | | | |
+ + < < + +
| | | |
+ + + + + + +
\ \ \ \
L L,
1 1
1
n
r
n n
< <
+
,
1 1 1 1 1 1
1
1 4 9 1 1
n n
s s
n n n n
| |
+ < + + + < + +
|
+ + +
\
L ,
1 1 1 1 1
0 1
4 9 1 1
n
s
n n n
| | | |
< + + + + <
| |
+ +
\ \
L .
Lultima disuguaglianza indica che sostituendo
1 1
1
4 9
+ + +L con la somma dei primi n termini pi
1
1 n +

si commette un errore
( )
1 1 1
1 1
n
e
n n n n
< =
+ +
. Per 1000 n =
1
0, 000001
1001000
n
e < < , cio lerrore dopo la

12
vedi Appendice per i dettagli di questa stima.


Il primo colpo del ciclope matematico

7
sesta cifra decimale. Questo spiega laffermazione di Eulero che per ottenere il valore di
1 1
1
4 9
+ + +L con sei
cifre decimali esatte si sarebbero dovuti calcolare e sommare pi di 1000 termini.
Si noti che anche ( ) ( )
1
1
1
1
limln 1 ln 2 1
n
x
x n

+ = =

ha una convergenza molto lenta. Il resto


( ) ( ) ( )
1 2
1 1 1
1 2 3
n n n
n
r
n n n
+ +

= + + +
+ + +
L a segni alterni e perci si pu scrivere nella forma
1 1 1 1 1 1
1 2 3 4 5 6
n
r
n n n n n n
| | | | | |
= + + +
| | |
+ + + + + +
\ \ \
L. Per
n
r valgono le disuguaglianze:
1 1 1 1 1 1 1
1 2 2 3 3 4 1
n
r
n n n n n n n
| | | | | |
< + + + =
| | |
+ + + + + + +
\ \ \
L ,
1
1
n
r
n
<
+
.
Lerrore
1
1
n
r
n
<
+
, vale a dire che la somma dei primi n termini differisce da ln 2 di meno delln+1-
esimo termine.
Concludiamo con il resto
( ) ( ) ( )
2 2 2
1 2
1 1 1
2 1 2 2 2 3
n
n n n
r
n n n
+ +
= + + +
+ + +
L della somma della serie
1 1
1
8 36
+ + +L. Per esso valgono le seguenti disuguaglianze:
( )( ) ( )( ) ( ) ( )( )
1 1 1 1 1 1 1 1
2
1 2 2 2 3 4 1 2 1 2 4
n
n
r
n n n n n n n n
+ + < < + +
+ + + + + + +
L L,
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
2
1 2 2 2 3 1 2 1 2
n
n
r
n n n n n n n n
| | | | | | | |
+ + < < + +
| | | |
+ + + + + + +
\ \ \ \
L L,
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
2
1 2 2 4 3 8 4 2 1 4 2 8 3
n
n
r
n n n n n n n n
< <
+ + + + + + +
L L,
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
1 2 2 4 2 8 2 1 2 4 8 2
1 1 1 1 1 1 1 1 1
2
1 2 1 2 2 4 3 8 4
n
n
n n n n n n
r
n n n n n n
| |
= + + + =
|
+ + + + + +
\
= < <
+ + + + + +
L L
L

dove si tenuto conto che
1 1 1
2 4 8
+ + +L=1,
1 1 1 1 1 1 1 1
2
2 1 4 2 8 3
n
n
r
n n n n n
< <
+ + +
L ,
1 1 1
2
1 2
n
n
r
n n n
< <
+ +
,
1 1 1 1
1 2 2 2
n n n
r
n n n
| |
< <
|
+ +
\
,
1 1 1 1 1 1
1
1 2 8 36 2 2
n n n n
s s
n n n
| |
+ < + + + < +
|
+ +
\
L ,
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
0 1 .
8 36 1 2 1 2 2 2 2
n n n n
s
n n n n n n
( | | | |
< + + + + < + <
( | |
+ + + +
\ \
L
Lultima disuguaglianza indica che lerrore che si commette sommando i primi n termini e aggiungendo
( )( )
1 1 1 1
1 2 2 2 1 2
n n
n n n n
| |
=
|
+ + + +
\

1
2
n n
e
n
< . Per 16 n 0, 000001
n
e < , cio lerrore dopo la sesta cifra


Il primo colpo del ciclope matematico

8
decimale. Questo significa che per ottenere la stima di Eulero del problema di Basilea sufficiente fermarsi
dopo i primi sedici termini della serie
1 1
1
8 36
+ + +L contro gli oltre mille necessari, come abbiamo visto, per
una stima diretta della serie
1 1
1
4 9
+ + +L con la stessa precisione.