Sei sulla pagina 1di 34

Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib.

Napoli 20/2008 del 28/02/2008


MOMENTIDI GLORIA!
Copyright by: Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008 del 28/02/2008
:
Il nostro un mestiere difficile. Riesce difficile in certi accadimenti
mantenersi distaccati e obiettivi. Oggi i media rincorrono la vita e la morte.
Lacrime e sorrisi sono alla merc di tutti. Una giornata che doveva essere
allinsegna dello sport, del gioco, quello che dovrebbe essere il nostro calcio,
si trasforma in pochi attimi in violenza pura e gratuita. e noi siamo li
impassibili a cercare di trovare una razionalit che non c. solo un giorno
di ordinaria follia, di un uomo che ferisce un altro. Poi si entra in campo,
dove ancora una volta, oltre alla violenza, da padrone la fa la politica, gli
accordi con gli ultr per decidere un incontro di un gioco come il calcio. Alla
fine si gioca con uno stadio a met tra il silenzioso e il rumoroso con ancora
cori beceri nei confronti di quel povero Vesuvio che anche lui non ne pu pi.
Mi chiedo cosa vale tutto questo? una coppa? Italia? Mi chiedo a cosa valso
tanto silenzio per poi provocare unonda anomala (invasione di campo) che
ha buttato via quanto si era cercato di mantenere nei patti dei veri
sportivi. Siamo in guerra gli uni contro gli altri, non esistono colori, esistono
esseri umani (se cos li vogliamo definire) che vanno allo stadio per tuttaltri
motivi, non certo per vedere una partita. Facile puntare il dito sottolineando
il colore del folle che ha sparato perch difficile per gli organi competenti,
istituzioni e non, prendersi le giuste colpe per aver fatto di questo sport
unindustria, ma ancor peggio una corrida politica e non. Lo sport, quello
vero, quello per cui si accompagna i figli ai campi, quello per cui alcune
nazioni suonano sempre linno, molto lontano da questo. Sembra quasi un
sogno. Antonella Castaldo



LACRIME E SORRISI
ALLINSEGNA DELLO SPORT

Perch? Perch? Perch? Siamo capaci di trasformare un evento sportivo in un
caso di Stato. Abbiamo messo al centro del mondo Roma, non per magnificarla
ma per denigrarla. Abbiamo dimostrato come uno sport unico si trasformi in
uno spot umiliante per tutta la nazione. Questo successo nella notte
dell'Olimpico in cui dovevamo dimostrare che il nostro calcio ancora vivo, a
nulla servito il messaggio del Papa del giorno prima: "il calcio deve essere un
esempio". In tutto questo c'entrano ben poco i calciatori scesi in campo di
Napoli e Fiorentina, che per la maggior parte di loro non sapevano cosa stesse
accadendo.
Per 45' solo un capitano in campo Hamsik, non per meriti
sportivi, per giustificarsi di fronte agli ultr del mancato
inizio e delle condizioni di Esposito. Si proprio lui il
ragazzo che in circostanze ancora incerte si ritrova su un
letto di ospedale; ancora in bilico tra la vita e la morte e
paradossalmente in stato di fermo. Allora cerchiamo di
prevenire e non toccare il fondo prima di agire.
Luigi Liguori

Il grande giorno per il Napoli arrivato. Direzione capitale. Con la speranza e forse sicurezza, di portare a Napoli unaltra Coppa.
Stagione difficile ma bella, tra riassetto di una squadra che ha sofferto, non poco, la partenza dei big. Non tutto il male viene per
nuocere, Benitez a prendere le redini del gioco, luomo che comunque vada, il suo primo anno in una squadra deve vincere un trofeo.
C Higuain ad essere la punta di diamante di questo nuovo progetto e tante sorprese che non si sono dimostrati degli affari di mercato
tanto per ma vere personalit che hanno reso il Napoli una squadra internazionale, competitiva e vincente. Da Reina a Callejon a
Mertes. Che lusso. Che squadra. Si sono battuti in campo e hanno dato lanima nella competizione dlite, la Champions, che li ha visti
uscire al primo turno ingiustamente. Un Campionato un po travagliato tra sconfitte deludenti con le piccole e vittorie soddisfacenti
con le grandi. Una Europa League un po sfortunata. Una stagione che merita un premio e gli Azzurri non possono non portare a
Napoli questa Coppa. E il 3 Maggio 2014, latmosfera di festa, tutti verso Roma, parcheggiate le macchine, si raggruppano gli amici,
tutti napoletani, tutti felici cantando qualche coro con le sciarpe al collo. Un ragazzo in particolare Ciro Esposito, 30 anni, di Scampia
avr salutato la mattina, la mamma dicendo: Ciao mamma vado a sostenere la mia squadra del cuore senza fare i conti con il marcio
che sporca il calcio. Non avr mai immaginato, tra canti e petardi, fumogeni e colpi di arma da fuoco di ritrovarsi a terra in fin di vita,
senza guardare la finale per cui si era svegliato al mattino. Lui quello pi grave poi altri feriti. Nessuno scontro tra tifosi infatti a decidere
la disgrazia di Ciro non neanche un rivale viola, ma un ultras romanista, Daniele De Santis, per gli amici Gastone. Gatone, proprio
quello che nel 2004 invit Totti a non far giocare il Derby, ha deciso di ostacolare il cammino che li portava allOlimpico munito di pistola
e accompagnato da altri romanisti. Da questo momento in poi cala latmosfera di festa per lasciare sgomento, paura, vergogna. IL
CALCIO PERDE. Mentre lOlimpico si piena, arrivano le notizie che fuori una guerriglia, i tanto attesi scontri tra azzurri e viola, forze
dellordine feriti, forse Ciro non ce lha fatta, forse la partita non sadda fare. Politici, vertici, presidenti, forze dellordine in completa
titubanza, cosa fare? Su una grata della Curva Nord, tifosi napoletani, compare Genny acarogna, figlio di un noto camorrista e famoso
per precedenti, con una t-shirt vergognosa Speziale libero che fa riferimento a lultras che sta scontando otto anni per lomicidio di
Raciti nel 2007. Decide lui, a colloquio il capitano Hamsik, la partita si far, ma non si canter, non si esporranno striscioni. Finalmente
le squadre in campo, Alessandra Amoroso canta linno nazionale italiano accompagnata da fischi che coprono la sua voce emozionata. IL
TIFO DECIDE. La partita comincia con unora di ritardo. I tifosi sono tutti l a pensare perch Benitez abbia schierato Insigne invece di
Mertes, infatti, l uomo partita del Napoli, proprio lui, unico italiano anzi napoletano tra le file azzurre. Partito carichissimo dopo un
passaggio bellissimo di Hamsik, all11 il folletto mette in rete. C solo Napoli in campo dopo appena sei minuti ancora lui, da una
giocata tra Higuain e Hamsik, sbuca lui e firma la doppietta personale in questa finale di Coppa. Dopo qualche minuto Inler calcia sopra
la traversa, poi Borja Valero ci prova ma Reina non si lascia sorprendere, la difesa azzurra non si smentisce e si apre completamente per
far passare Vargas che accorcia le distanze, inutilmente. Al 45 Aquilani stabilisce parit ma Orsato annulla il gol per fuorigioco. Termina
il primo tempo con il Napoli in vantaggio di due gol. Nel secondo tempo fioccano i cartellini gialli, il Napoli entra rilassato e commette
parecchie imprecisioni mentre la Fiorentina approfitta, Mertens prende il posto di Hamsik, e Pandev entra al posto di Higuain. Al 79 per
doppia ammonizione, viene espulso Inler, Fiorentina in vantaggio numerico, viene ammonito anche Pepe Reina mentre Benitez toglie
Insigne per Behrami. Clamorosa decisione del direttore di gara di assegnare 5 minuti di recupero. Al 92 Callejon regala la gioia a
Mertens di siglare il terzo gol e chiudere la partita, al 96 tutto finito. Partono i cori di Oje vita mia e i tifosi invadono il campo. IL
NAPOLI VINCE. Immensa gioia del popolo partenopeo nonostante laccaduto del pre partita che lascia in tutti la poca voglia di
festeggiare. Ciro si svegliato dal coma e lo attende un intervento durissimo. Con la speranza che questo triste episodio possa
insegnare qualcosa e che possa evitare in futuro episodi simili. La festa vera e propria attesa per marted al San Paolo dove gli Azzurri
alzeranno il meritato trofeo in casa proprio davanti alla propria gente, nel posticipo tra Napoli-Cagliari.
KARINA ORNELLA PALOMBA
IL NAPOLI VINCE LA COPPA ITALIA TRA LE PAGINE PIU TRISTI DELLA STORIA DEL CALCIO
IL CALCIO PERDE. IL TIFO DECIDE. IL NAPOLI VINCE.

Se vi dicessi la parola Calciomercato, voi a chi pensereste? Gianluca Di Marzio? Risposta esatta. Nonostante la
giovane et, Gianluca oggi in Italia uno dei volti pi presenti nelle Tv degli sportivi italiani. Stabiese, ma
soltanto di nascita, inizia la sua carriera giornalistica grazie al settimanale Padovasport e ad una Tv locale
padovana, Telenuovo, si forma autonomamente tra telecronache e telegiornali, nessun master, nessuna scuola
di giornalismo. Da l il grande salto, Sky Sport. Qui Gianluca diventa il calciomercato, conducendo con
Alessandro Bonan un apposita trasmissione sempre calciomercato, e trovando anche un importante spazio
come telecronista. Ospite insieme ad Umberto Chiariello al corso di giornalismo sportivo presso lUniversit
Parthenope di Napoli, con umilt e simpatia si raccontato e confrontato con i giovani aspiranti colleghi.
Gianluca porta un cognome importante quello di pap Gianni, una vita nel calcio, di cui ha da subito, in segno di
grande stima, raccontato e rivendicato la scoperta di Maradona con un simpatico siparietto. Salvo evitare
domande banali ascoltate migliaia di volte, Gianluca ha da subito tenuto a chiarire: Il cognome che porto
stato sicuramente un vantaggio, ma i rapporti con le fonti li ho creati e portati avanti io con rispetto e
professionalit. Rispettare una fonte anche a costo di perdere una notizia far in modo che tu ne guadagni di
altre in futuro.. Possessore di un portale calcistico online a suo nome, nato dallesigenza di impedire che le sue
notizie venissero in continuazione plagiate da altri, ha raccontato come grazie ad esso possa dare la possibilit a
giovani giornalisti o aspiranti tali di diventare suoi inviati, mettendo in luce le proprie capacit e la propria
passione. Gianluca un uomo che va a dormire alle 3.00 del mattino e si sveglia alle 10.00 ma soltanto perch a
quegli orari difficilmente arrivano notizie, essere giornalista di calciomercato un mestiere duro che non ha
orari, e se c una figura che lui gradisce meno quella degli allenatori:gli allenatori sono fonti poco prolifiche.
Sono poco inclini a parlare, ti chiamano soltanto quando sono senza squadra e vogliono venire in trasmissione o
hanno bisogno di pubblicit. Prima di terminare lincontro, come se fosse in diretta su Sky Sport, Di Marzio ha
rivelato i retroscena della trattativa Gonalons-Napoli, annunciato lacquisto di Koulibaly da parte del club azzurro
e risposto alle incalzanti domande di mercato. Daltronde a chi chiederlo se non a Di Marzio?
Gianluca Castellano
ospite al corso di giornalismo sportivo delluniversit parthenope di napoli gianluca di marzio

Si potrebbe andare tutti quanti allo zoo comunale. Vengo anch'io? No
tu no. Genny ha detto di no. Si chiama Gennaro De Tommaso, il capo
ultras (figlio di un affiliato a un clan camorristico, con precedenti per
spaccio di stupefacenti e un arresto, nel 2008, per traffico di droga)
che ha dato l'ok al fischio di inizio di Napoli-Fiorentina, trattando con
il capitano azzurro Marek Hamsik. Adesso nei suoi confronti potrebbe
essere disposto il daspo per essersi arrampicato sulle barriere che
dividono gli spalti e il campo e per avere indossato la maglietta
Speziale libero. Un chiaro riferimento al ragazzo catanese
condannato a 8 anni in via definitiva per la morte dellispettore Filippo
Raciti. Il procuratore Pier Filippo Laviani e il pm Antonino Di Maio
hanno chiesto alla procura di Roma la convalida del fermo delle
quattro persone coinvolte nella sparatoria fuori dallOlimpico. In
particolare di Daniele De Santis, lultr della Roma che, secondo le
ricostruzioni, avrebbe sparato contro i tre tifosi del Napoli, ferendone
uno in maniera grave. Le accuse per lui sono di tentato omicidio,
porto e detenzione di arma abusiva e rissa. Laltra richiesta del fermo
stata inoltrata per la vittima pi grave: Ciro Esposito, il ragazzo
trentenne che ancora in gravissime condizione al Gemelli. Lui
accusato di rissa come anche gli altri due tifosi del Napoli: Alfredo
Esposito, 43 anni, ferito alla mano destra, e Gennaro Fioretti, 32 anni.
Ciro Esposito ricoverato al policlinico Gemelli di Roma. Ha trascorso
una notte stabile con un discreto equilibrio delle funzioni vitali, si
legge nel bollettino del policlinico. Nel pomeriggio di domenica era
stato sottoposto allintervento di rimozione del proiettile,
decompressione midollare e stabilizzazione vertebrale. Le sue
condizioni rimangono critiche e quindi la prognosi resta riservata.
Hamsik che si incammina verso la curva napoletana con alle spalle i
maggiori vertici di sicurezza restano i simboli di una partita, una delle
tante, che purtroppo fanno il giro dei tg di tutto il mondo. Alla fine
Jenny ha parlato alla sua trib e gli ha raccomandato di stare calmi e
tranquilli. La partita si giocata e durante la premiazione il
presidente del Senato Grasso ha consegnato la coppa. Alzala al cielo
capitano perch tanto Ciro di Scampia non morto, probabilmente
rester soltanto paralizzato. Chi ha ragione su cosa? Renzi doveva
intervenire o andarsene? Jenny la carogna un delinquente o un
salvatore? La trattativa tra polizia e ultras c stata o no? Intanto il day
after sfocia nel politichese: Grillo attacca lo Stato mentre il ministro
dellinterno Alfano promette pene pi severe in 15 giorni. Siamo in
piena campagna elettorale. Finisce sempre cos, con un bla bla bla

VALERIO CASTORELLI
IL MONDO AI PIEDI DI JENNY A
CAROGNA

LA JUVE VINCE IL TRICOLORE IN HOTEL!
IL CATANIA BATTE LA ROMA E PADOIN
RIBADISCE LO SCUDETTO ALLO STADIUM

VITTORIA IN HOTEL Lo scudetto in Hotel ancora non si era visto. La Juve
frantuma record sfata anche questo tab. All Air Palace Hotel di Lein, sede
abituale del ritiro bianconero a pochi chilometri da Torino, sono le 15 ed i
giocatori riposano dopo lallenamento guardando Catania-Roma, match valido per
la 36esima giornata di campionato. Sembra una formalit per la squadra di Garcia
superare lostacolo del Massimino e Conte ed i suoi uomini lo sanno: lo scudetto
aritmetico va conquistato con i 3 punti allo Stadium contro lAtalanta nel posticipo
del luned. Alle 15:26 Izco manda il Catania in vantaggio, 8 minuti dopo fa il 2-0 ed
i pochi bianconeri che riposavano nelle stanze (Buffon e Chiellini) sono stati
svegliati dalle prime urla di Bonucci e compagni. Totti accorcia le distanze, finisce il
primo tempo e sale lansia. I bianconeri ormai ci credono: lo scudetto pu arrivare
senza giocare e tutti indossano la maglia con lo slogan non c 2 senza 3.
Bergessio alle 16:15 segna il 3-1 che scalda lambiente e 20 minuti dopo
Barrientos accartoccia la Roma e fa esplodere il salone dellAir Palace Hotel.
Bonucci il primo a saltare fuori nel cortile seguito poi da tutti i compagni che
prima portano Conte in trionfo poi fanno festa, saltando e cantando i campioni
dellItalia siamo noi stappando bottiglie di spumante senza sosta con Pogba che
deliziava tutti con i suoi strani ma bei balletti. La festa continua fuori lHotel con le
centinaia di tifosi bianconeri accorsi sul posto per festeggiare con i propri
beniamini, Tevez su tutti, verso simbolo di questo scudetto.
LA PARTITA - Il posticipo della 36 giornata di Serie A un red carpet per la
squadra di Agnelli. Lo Juventus Stadium, riempitosi con qualche minuto di ritardo
per il luned lavorativo, una bolgia. Il pubblico offre una cornice suggestiva
colorando lo stadio con i colori dellItalia. Conte premia i gregari ed giusto
vedere nell11 titolare Storari, Ogbonna, Padoin, Giovinco e Osvaldo mentre
Colantuono manda in campo la formazione migliore per onorare la partita.
La Juventus si avventa sugli avversari. Osvaldo e Giovinco cercano pi volte il
vantaggio senza successo poi il ritmo decresce, i bianconeri fanno torello e
lAtalanta si difende Ed una staffilata di Marchisio a chiudere il primo tempo.
Prime sostituzioni ad inizio ripresa: fuori Giovinco, dentro Quagliarella.
Colantuono sostituisce Lucchini con Benalouane. La partita segue lo stesso ritmo
del primo tempo fin quando Tevez fa il suo ingresso sul rettangolo verde al posto
di Osvaldo. LApache cambia la Juventus e la partita. Quagliarella e Pogba offrono
lezioni di tiro dalla distanza ma Consigli si oppone egregiamente ma non pu
niente al 72 su Padoin: Pogba di tacco serve una gran palla allex atalantino che
con un destro preciso la infila alle spalle di Consigli dopo essere sbattuta sul palo.
1-0 e festa bianconera. Nellazione da gol Yepes esce in barella per uno scontro
involontario proprio con lautore del gol e Colantuono inserisce Nica. Nel finale c
spazio per il ritorno in campo di Simone Pepe (al posto di Lichtsteiner),
protagonista del primo scudetto targato Conte, e la Juve sfila nel suo stadio fino al
triplice fischio finale di De Marco mandando il pubblico in festa.
LO SCUDETTO DEI RECORD - Chi vince scrive la storia, gli altri la vanno a leggere
(Antonio Conte). Il tecnico leccese, con il terzo scudetto consecutivo, scrive la
storia della sua squadra del cuore scavalcando la Juve sia di Lippi che di Trapattoni
ferme a 2. Non Succedeva dal lontano 1930 quando Carlo Carcano guidava i
bianconeri nel quinquennio doro.
La Juventus 2013/2014 una macchina macina-record: 12 vittorie consecutive tra
la sconfitta di Firenze (20 ottobre) e il pareggio a Roma con la Lazio (25 gennaio),
18 vittorie su 18 in casa ed ora manca solo il Cagliari nellultima di campionato per
un leggendario en plein che potr valere anche il record di punti in Serie A: a due
partite dal termine i bianconeri, ora a 96 punti, possono superare il record
dellInter di Mancini ferma a 97 e raggiungere quota 100. Questa la Juventus dei
record.
Ferruccio Montesarchio


La Roma infrange definitivamente le ultime e remote speranze
di Scudetto e lo fa nel modo peggiore, perdendo ben 4-1 in
casa dellormai ex ultima della classe. In un campionato in cui
la quota salvezza una delle pi basse di sempre, gli etnei ora
possono sognare in una salvezza che avrebbe dellincredibile
dopo unintera stagione relegata come fanalino di coda. A
suonare la carica sono i senatori che mai come in questa
partita erano stati in grado di prendere cos per mano la
squadra. Il Catania, si sa, parla argentino e le reti di Bergessio,
Barrientos e di un doppio capitan Izco sono la fotografia di un
sodalizio sempre pi rafforzato. Probabilmente veder
festeggiare uno scudetto in casa proprio magari anche
vincendo sono state le cause pi accreditate del crollo degli
uomini di Garcia. Al 26esimo il primo break: Izco innesca una
rapida ripartenza che sfrutta tutta la tecnica e la rapidit di
Bergessio e Leto, questultimo serve una palla doro proprio
allaccorrente Izco che non sbaglia e buca De Sanctis. Al
capitano bastano solo 8 minuti per completare la sua personale
doppietta. Al 34esimo infatti dopo un cross di Castro, Bergessio
fa da sponda ancora ad Izco scarica in porta con tanta rabbia.
Dopo il 2-0 per la Roma tenta di tornare in partita e ci riesce.
Totti sfrutta un assist di Florenzi, viziato da un netto fuorigioco,
e dimezza lo svantaggio. Prima della prima frazione, un Taddei
inguardabile sostituito da Gervinho ma purtroppo per i
giallorossi il cambio non muta la sostanza, infatti livoriano
al44esimo si divora il pallone del pari. Dopo la pausa la Roma
sembra pi viva appongiandosi sullestro, la fantasia e la tecnica
di Totti e Pjanic. Il flebile tentativo di rimonta per non fa altro
che lasciare molti spazi liberi agli avversari che colpiscono
ancora con la loro arma migliore, il contropiede. Leto calcia in
porta, De Sanctis non trattiene e il lesto Bergessio di tap-in
ammazza definitivamente la partita. La Roma molla
definitivamente c tempo anche per il bolide di Barrientos
che da i venti metri trafigge ancora i pali capitolini. In pieno
recupero ci sarebbe spazio anche per la manita ma De Sanctis
dicendo no ancora a Bergessio evita unonta totale. Incredibile
ma vero il Catania che sembrava spacciato gi da met
Campionato rientre prepotentemente in lizza per la salvezza, la
Roma getta la spugna aprendo con tre giornate danticipo la
festa della Juventus.

Antonio Greco

Il Torino avr sicuramente ringraziato Sardo per aver deviato nella propria rete
un tacco di Kurtic e permesso alla banda di Ventura di poter continuare a
cullare il sogno europeo a 2 giornate dalla fine. La sorte questa volta sorride ai
granata ma non toglie comunque i meriti di aver tenuto sempre in mano la
gara. Situazione critica invece per il Chievo capace di tirare una sola volta in
porta con Radovanovic in avvio e poi pi nulla. La situazione non cambia
nemmeno quando Corini, per dare una scossa, inserisce Pellissier ma la partita
dellattaccante dura solo 5 minuti perch capace di beccare 2 gialli. Non
ottimale loperato dellarbitro Celi che scontenta 2 volte i granata annullando
un goal prima, e negando un rigore poi. Termina cos la gara. Quinta vittoria
nelle ultime 6 gara per il Toro, 6 posto conservato e caccia a quella favola
chiamata Europa che manca da 21 anni. Onorata al meglio la memoria degli
eroi di Superga nel 65 anniversario, quelli che solo il fato vinse (cos recitava
la maglietta indossata). Per il Chievo arriva la terza sconfitta consecutiva
facendo diventare critica la situazione in classifica dei clivensi, ora come non
mai, in piena lotta salvezza.
Sintesi Prima dellinizio parte un minuto di silenzio per gli eroi di Superga. Il
rispetto per quelle vittime cos grande che non ci sono insulti o battute,
niente applausi anticipati come spesso succede. Ma solo un assordante
silenzio. Celi fischia e la gara inizia. Il Chievo parte bene e va alla conclusione
per 2 volte in 2 minuti con Radovanovic: prima al 4 con un calcio di punizione
che impegna Padelli, poi al 6 con un tiro che termina a lato di poco. Da qui in
poi i clivensi calano mentre gli ospiti iniziano a carburare. I granata ci provano
al 25 e al 28 rispettivamente con Kurtic e Vives, ma entrambe le conclusioni
non sono precise. Tre minuti dopo Immobile porta in vantaggio i suoi ma la
rete annullata per fallo (dubbio) dellattaccante su Agazzi che si era scontrato
con un compagno. Passano 2 giri di lancette e nuovo episodio dubbio a sfavore
del Torino: Cerci dalla destra mette un pallone in mezzo che per colpisce il
braccio di Dainelli, parecchio distante dallavversario; per Celi si pu
continuare. Termina cos il primo tempo. Nella ripresa ci prova subito Kurtic al
48 che costringe Agazzi ad una parata non facile. Gli ospiti continuano a
spingere e al 54 arriva il vantaggio: Cerci batte langolo dalla destra, Kurtic
colpisce di tacco e la palla termina su Sardo che devia nella propria rete. Come
se non bastasse lo svantaggio il Chievo si complica maggiormente la vita
quando Pellissier al 65, subentrato 5 minuti prima a Bernardini, si fa
ammonire ingenuamente e poi espellere per proteste. Lespulsione taglia le
gambe ai clivensi che non riescono a combinare pi nulla di buono da qui alla
fine e sono costretti a difendersi dalle continue sortite offensive del Torino che
conserva agevolmente il vantaggio .
Vincenzo Vitale

Il Toro stende il Chievo con autogol di Sardo nel ricordo di Superga!

Termina senza reti il noioso match tra Genoa e Bologna. I padroni di casa
(senza vittoria dal 26 marzo) contestati per latteggiamento (zero tiri in
porta). Sterile, fin troppo, lattacco di Ballardini che per loccasione ha
rispolverato anche Bianchi. La prima frazione molto noiosa
praticamente senza vere occasioni n da una parte n dallaltra. Nella
ripresa gli ospiti ci hanno provato prima con 2 punte e poi con 3 ma c
solo tanta volont e poca qualit con una sola occasione capitata a
Paponi. A fine gara Gasperini furioso in panchina, mentre il Bologna
paga un atteggiamento sospeso tra levitare di perdere e il bisogno di
fare punti. Da segnalare la contestazione da una parte di pubblico
genoano nei confronti del futuro ds Milanetto a cui dedicato uno
striscione (Milanetto in societ un disonore per la maglia e per la
citt). Il motivo della critica dovuto alla reazione dellex
centrocampista in occasione del derby vinto dai rossobl con il gol di
Boselli proprio su assist di Milanetto, nellanno della retrocessione della
Samp. Allex genoano stato poi rivolto un altro duro attacco: Ti sei
venduto il derby e vuoi fare il diesse. Vattene dal Genoa doriano e
traditore. Da segnalare intorno al 50 un simpatico siparietto da parte
dei tifosi genoani che cantano O surdato nnamurat onorando il
gemellaggio con il Napoli.
Sintesi - C pi Genoa inizialmente e all11 Sculli, su cross di Fetfatzidis,
non ci arriva per pochi centimetri. Sei minuti dopo Gasperini costretto
al primo cambio sostituendo linfortunato Sturaro con Cofie, il quale
poco dopo si fa ammonire. Gli animi si scaldano e intorno al 25 arrivano
3 ammonizioni e nasce pi di una mischia. Una di queste da un fallo su
Lazaros e sulla conseguente punizione lo stesso greco spara in curva. Al
41 loccasione migliore per i padroni di casa di Antonelli, ma lesterno
si fa ipnotizzare in uscita bassa da Curci. Termina cos il primo tempo.
Nella ripresa cambia poco e il Bologna prova a spingere un p di pi. Al
47 gli ospiti chiedono rigore ma, giustamente, non concesso. Al 56 ci
prova Bianchi che si costruisce una buona occasione, ma spara alto. Sette
minuti dopo da calcio dangolo Kon di testa a sfiorare la rete, ma la
traversa gli nega la gioia. All83 arriva loccasione migliore di tutta la
gara, e capita al Bologna: Paponi, lanciato da Bianchi, si presenta a tu per
tu con Perin, ma il giovane portiere si supera e respinge in angolo. Tra i
fischi dei tifosi di casa si conclude la gara.
Vincenzo Vitale
Tra Genoa e Bologna vince la noia!

Juve qui la festa 96 punti il record dei 100 punti sempre pi vicino

DOMENICA 04 APRILE:
ORE 15.00: UDINESE 5-3 LIVORNO (19 Di Natale, 45, 21 Badu,
33 Pereyra, 44 Gabriel Silva; 13, 29, Paulinho, 87 Mesbah)

ORE 15:00: PARMA 2-0 SAMPDORIA (8 Cassano, 90 Schelotto)

ORE 15.00: GENOA 0-0 BOLOGNA

ORE 15.00: CHIEVO VERONA 0-1 TORINO (54 aut. Sardo)

ORE 15.00: CATANIA 4-1 ROMA (26, 34 Izco, 55 Bergessio, 79
Barrientos; 37 Totti)

ORE 20.45: MILAN 1-0 INTER (65' De Jong)

LUNEDI 05 APRILE:
ORE 19.00: LAZIO 3-3 VERONA (30' Keita, 60' Luli, 93' Mauri;
37' Marquinho, 69' Iturbe, 83' Romulo)
ORE 21.00: JUVENTUS 1-0 ATALANTA (72' Padoin)

MARTEDI 06 APRILE:
ORE 19.00: FIORENTINA-SASSUOLO
ORE 21.00: NAPOLI-CAGLIARI

Giuseppe D Ambrosio
IL PUNTO SULLA SERIE A
Latmosfera avrebbe dovuto essere quella di una giornata di festa, una giornata di sport. Tifosi provenienti da
ogni parte dellItalia riuniti per la finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina a sostenere, ed giusto
sottolineare sostenere, i propri colori. E invece? E invece la festa stata rovinata dai soliti facinorosi, chi di
tifoso ha ben poco e continua a macchiare la nostra pagina sportiva e non solo, alimentando un calcio molto
malato in uno scenario surreale che apre la mente a tante riflessioni. Il prepartita caratterizzato da caos e
tafferugli, alimentati molto probabilmente anche da una cattiva gestione da parte degli organi di competenza. Al
riempimento degli spalti inizia a circolare una terribile notizia: tre tifosi del Napoli, uno in gravissime condizioni,
feriti da colpi di arma da fuoco. Da questo momento in poi il calcio centra ben poco. Sugli spalti c molta
confusione riguardo lo stato del ragazzo ferito e la dinamica dellaccaduto. Inizia la corsa alla telefonata ma la
moltitudine di spettatori presenti isola gran parte delle linee telefoniche e la primaria fonte di informazione
diventa il passaparola, ci si basa sulle interpretazioni, le notizie confuse, su quanto detto dallamico da casa.
Mentre i tifosi viola cantano ed esibiscono orgogliosamente la propria coreografia, sulla curva del Napoli cala il
silenzio. Terminato il riscaldamento inizia una lunga consultazione tra le istituzioni e le squadre. Incomincia a
diffondersi la voce di una possibile sospensione e la gente continua a domandarsi se il ragazzo colpito sia ancora
vivo o morto, il tempo scorre, gli spalti sono dominati dalla confusione e dalla disinformazione su quanto stia
accadendo. La curva azzurra, nella persona del Capo Ultras, chiede chiarezza e il capitano Marek Hamsik si
avvicina alla balaustra per quella che, nonostante le smentite, tuttoggi pare sia stata una trattativa. I soliti
indegni incominciano a lanciare fumogeni e bombe carta, ferendo anche un vigile del fuoco, ma il colloquio con il
capitano azzurro continua, ovviamente tutto il resto del tifosi, o forse quelli che realmente meriterebbero desser
chiamati talii, non vengono interpellati. Hamsik si allontana, qualcuno ha deciso, pare che il Capo-Ultras e i suoi
adepti siano daccordo: si gioca. La curva Nord rester in silenzio, Il Napoli trionfer alzando la coppa e un
numero inverosimile di tifosi, la maggior parte dei quali in curva non ha cantato ne esultato in segno di protesta,
invadr il terreno di gioco, ciliegina sulla torta di una giornata caratterizzata dallincivilt. Quanto accaduto fa
tornare alla mente episodi passati in cui i tifosi hanno avuto un ruolo analogo, come il derby tra Roma e Lazio del
2004, sempre allo stadio Olimpico, quando una falsa voce sulla morte di un bambino, poi smentita ufficialmente,
caus il rinvio del match in seguito alla consultazione dei capitani Totti e Mihajlovic con i Capi-ultras. Addirittura
nel 2012 a Marassi gli ultras rossobl procurarono la sospensione del match tra Genoa e Siena al 53, obbligando i
calciatori di casa a consegnargli le proprie casacche, poich reputati indegni di indossarle. Nel rivedere le
immagini dellOlimpico riesce difficile credere che la partita non sia mai stata a rischio rinvio e soprattutto che
non ci sia stata alcuna trattativa con i tifosi del Napoli, ma soltanto un permesso accordato al capitano di
informare i tifosi sulle condizioni di salute del ferito, cos come dichiarato allindomani dal questore di Roma
Massimo Mazza. Chi era presente sa per che una cosa certa: esiste una parte di tifosi che supporta i propri
colori nel rispetto dei valori dello sport e del senso civico, mai violenta, che non danneggerebbe mai la propria
squadra ed stanca di essere indirettamente associata o rappresentata da gruppi di persone che pi che a tifosi
assomigliano a delinquenti. Mentre lo sport perde, mentre il Calcio lentamente muore, una parte di tifosi che ha
vinto c.
Gianluca Castellano
Ostaggio del tifo organizzato a uscire sconfitto dallolimpico lo sport
Due anni dopo la Coppa ritorna a Napoli, in un clima surreale
gli azzurri battono la Fiorentina e conquistano la quinta
Coppa Italia della propria storia. Gara iniziata con 45 minuti
di ritardo a causa di disordini dovuti dal ferimento nel
prepartita di tre tifosi azzurri a colpi di arma fuoco. Nel
mezzo del lancio di fumogeni e petardi, il dialogo tra le
Istituzioni e il capitano azzurro Hamsik con la curva occupata
dai sostenitori del Napoli fa si che il match abbia inizio. Il
Napoli parte fortissimo e l1-2 di Insigne, preferito a Mertens
ancora una volta da Benitez, letale. All 11 Hamsik
orchestra il contropiede azzurro trovando Insigne sulla sua
mattonella preferita dopo una cavalcata di 30 metri,
lattaccante di Frattamaggiore da l non pu sbagliare e con il
suo destro a giro accarezza il palo e porta il vantaggio i suoi.
Passano soltanto 6 e Higuain, al termine di una grandissima
giocata individuale, trova dentro larea ancora Insigne che
stavolta impatta la sfera con il sinistro, il pallone viene
deviato da Tomovic e finisce inesorabilmente alle spalle di un
impotente Neto. Il colpo inferto agli avversari durissimo e il
fraseggio degli uomini di Benitez rapido ed intelligente, la
Fiorentina sembra gi alle corde e il Napoli tenta a pi
riprese il colpo del KO. A riaprire il match per ci pensa il
consueto calo di tensione del Napoli e lincapacit di gestire
la partita, al 28, pescato da Ilicic, Vargas si infila nel buco
difensivo aperto dalla retroguardia avversaria e di sinistro
batte Reina. Il Match riaperto e rischia di riportarsi in
parit, quando al 45 Orsato annulla per fuorigioco un gol di
Aquilani. Nella ripresa sale in cattedra lundici di Montella. La
viola domina, Benitez risponde alzando la linea difensiva e
cambiando gli interpreti, il tecnico spagno butta nella
mischia Mertens e Pandev al posto di Hamsik e Higuain.
proprio Pandev tu per tu con Neto a sciupare, pochi minuti
prima che Inler lasci in 10 i suoi per doppio giallo. Nel finale
Ilicic vanifica la pressione viola quando da due passi conclude
clamorosamente a lato. In pieno recupero ci pensa Mertens
a dare inizio alla festa archiviando la pratica con un preciso
diagonale. Gianluca Castellano
Fiorentina (4-3-1-2): Neto; Tomovic, Gonzalo,
Savic, Pasqual (10' st Fernandez); Aquilani (38' st
Matri), Pizarro, Vargas; Borja Valero; Joaquin (27'
st Rossi), Ilicic. All.: Montella

Napoli (4-2-3-1): Reina, Henrique, Fernandez,
Raul Albiol, Ghoulam, Jorginho, Inler, Hamsik (17'
st Mertens), Inisgne (35' st Behrami), Callejon,
Higuain (25' st Pandev). All.: Benitez.

Arbitro: Orsato

Marcatori: 11', 17' Insigne (N), 28' Vargas (F), 45' st
(+3') Mertens (N)

Ammoniti: Borja Valero, Ilicic, Tomovic, Fernandez
(F); Albiol, Inler, Reina, Insigne (N)

Espulsi: Inler (N)
Prepartita da incubo, gli azzurri si impongono per 3-1




SINTESI- La squadra prova ad aggredire in contropiede,
solo con Giovinco e Osvaldo perennemente chiamati a
dimostrare qualcosa. Gli spalti, pi interessati a festeggiare
che alla partita: i cori pi imponenti sono dedicati a Conte
e soprattutto Pogba, con l'invito alla dirigenza di non
cederlo. Nel primo tempo c' un solo tiro in porta
di Osvaldo al 26 grazie ad un cross di Lichtsteiner impegna
di testa Consigli. Mentre per lAtalanta ci prova solo Baselli
con un tiro dalla distanza. Denis, non arriva di un soffio
all'appuntamento col pallone avanti a Storari. Nella ripresa
con lingresso di Tevez cambia la storia, I bianconeri si
ricordano dei vari record da battere e scelgono di premere
sull'acceleratore. Quagliarella e Pogba impegnano
severamente Consigli nell'arco di qualche secondo, ma
luomo della sorte diventa Simone Padoin al 72 con un gol
dellex di turno, che bravo a raccogliere un tacco di
Pogba e velo di Quagliarella sui sedici metri e batte
Consigli con la collaborazione del palo. Dieci minuti di Juve
bastano per strappare la diciottesima vittoria in casa su 18.
Lanciare il grande assalto al record di punti stagionali
detenuto dall'Inter: 97 punti contro gli attuali 96
bianconeri, e inseguire il grande sogno realizzabile quota
100 punti. Riusciranno i supereroi vestiti in bianconero a
raggiungere i 100 punti?


G. D AMBROSIO
SCUDETTO ALLA JUVENTUS PER ORA 96 PUNTI
Juventus 1-0 Atalanta: decide al 72 Padoin
La Juventus batte anche l'Atalanta, gi scudettata grazie alla vittoria del Catania sulla Roma,
dopo la notte di festa arriva a quota 96 punti e si avvicina sempre pi ai 100 punti. Conquista
la diciottesima vittoria stagionale allo Juventus Stadium su diciotto, terzo scudetto di fila
targato Antonio Conte, +11 sulla Roma, +27 sul Napoli, +39 sullInter, +42 sul Milan. Non ha
certamente convinto in Europa, ma in Italia? La Juventus sicuramente non ha rivali. La partita
finisce 1-0 con gol di Padoin (gol dellex). Conte va in campo con molte seconde linee, infatti
lascia a riposo Buffon, Bonucci, Asamoah, Pirlo, Vidal e Tevez e Llorente e i meccanismi ne
risentono.
Napoli:
Reina 6: Incolpevole sul gol
Albiol-Fernandez 6,5: Tengono bene londa
viola
Henrique 6: Buona partita, ma sbaglia
posizionamento in occasione del gol
avversario
Ghoulam 6: Tiene bene la fascia
Jorginho 6: Brutto primo tempo, nella ripresa
sale di livello
Inler 4: Ha fatto di tutto per farsi espelle e ci
riusciuto
Callejon 6,5: Tanto sacrificio, sbaglia tanti
palloni, ma alla fine sforna lassist vincente
Hamsik 7: La sua partita comincia prima di
tutti, calma i tifosi e gioca un superlativo
primo tempo con un super assist, lo ferma
solo un infortunio.
Higuain 6,5: Si vede che non era al top, ma
lazione del secondo gol nasce da una sua
magia
Mertens 6,5: Un pallone vero toccato, un gol.
Se sei un campione ti bastano pochi minuti
per dimostrarlo
INSIGNE 8: Due super gol, tanto sacrificio e
solo applausi per lui. Con questa partita,
prenota un biglietto per il Brasile.
SCUGNIZZO
Fiorentina:
Neto 6,5: Si supera in alcune occasioni
Savic-Rodriguez 6,5: Nel secondo tempo
non hanno problemi
Tomovic 6,5: Corre tantissimo sulla destra
Pasqual 4,5: Sbaglia parecchio
Vargas 6,5: Ottima partita e anche un gol,
crea tanti problemi agli azzurri
Borja Valero 7: Con i suoi colleghi di
reparto comanda la zona centrale del
campo
Pizarro 6,5: Gioca sempre bene il pallone
Aquilani 7: Si sacrifica tanto e gioca un
ottimo match
Joaquin 6: Crea alcune occasioni in zona
offensiva con i suoi dribbling
Ilicic 6,5: Super partita con un gran assist.
Poi sbaglia il gol decisivo e il voto si
abbassa di molto
Mati Fernandez 6: Si unisce in mezzo al
campo durante la partita e si trova bene
con i compagni
Rossi 6: Non tocca palloni vero, ma il
ragazzo da premiare per gli sforzi che ha
compiuto per esserci. Nella speranza di
ritrovarlo in gran forma per i Mondiali.
R.Agnello
Lazio 3 Verona 3
Nell Olimpico di Roma teatro dello scempio di Coppa Italia, sono andate in
campo per il posticipo della 36^ giornata delle 19 la Lazio padrone di casa e
lHellas Verona; entrambe le compagini hanno dato vita ad un match avvincente
anche perch ancora in corsa per un posto in Europa League .
La Lazio scende in campo con un 4-3-3 guidato in attacco da Keita, Lulic e
Candreva (con Klose in panchina per precauzione) mentre gli ospiti scendono in
campo con il classico 4-3-3 di Mandorlini con Toni supportato da Iturbe e
Marquinho.
Partita dai ritmi altissimi e dallalto tasso tecnico con entrambe le formazioni
votate allattacco in cerca di una vittoria che rilancerebbe le proprie ambizioni
europee: a battere il primo rintocco la Lazio con Keita che al 30 del primo
tempo mette in rete un ottimo pallone servitogli da Candreva a conclusione di
unazione di contropiede da manuale.
Il vantaggio laziale dura appena 7 minuti: infatti Marquinho, ex Roma a
pareggiare i conti battendo con un preciso diagonale Berisha (apparso non
impeccabile nelloccasione) da fuori area, splendida rete e partita impattata sull
1 a 1; gara che scorre poi equilibrata fino alla pausa con le squadre che si
equivalgono sia per voglia che per occasioni create.
Il secondo tempo vede un Verona molto pi aggressivo che per sbatte il muso
contro un Berisha che in molteplici occasioni salva il risultato con interventi
prodigiosi, chiedere a Halfredsson e Iturbe.
La Lazio non si scompone e al 15 della ripresa si porta in vantaggio con Lulic:
uno due al limite dellarea tra questultimo e Keita che gli serve un ottimo
pallone, il numero 19 della Lazio controlla di testa e batte di potenza Rafael, il
2-1.
Sembra fatta per la Lazio ma i padroni di casa sono davvero stanchi; il Verona ne
approfitta e riesce a capovolgere lincontro in 13 minuti: al 24 infatti Iturbe ad
impattare lincontro su assist di Sala e poi al 38 Romulo a firmare il 3 a 2
veronese su una dormita della difesa della Lazio su un cross basso di
Halfredsson.
Il Verona sembra in controllo totale anche perch Lulic al 42 della ripresa si fa
espellere per un fallaccio su Iturbe; ma non finita: in pieno recupero infatti
Albertazzi commette un fallo abbastanza ingenuo su Klose rimediando il
secondo giallo e regalando un rigore ai laziali.
Dal dischetto va Mauri che prima si fa parare il rigore da Rafael per poi ribadire
in rete: 3 a 3
Non succede pi nulla e larbitro dichiara la fine delle ostilit con Mandorlini e
Reja che quasi vengono alle mani a centrocampo dopo una discussione animata.
Lazio e Verona riescono ad annullarsi a vicenda e con questo 3 a 3 pirotecnico
rischiano di vedere praticamente azzerate le proprie possibilit di disputare la
prossima Europa League
Angelo Domenico DAuria
GRANDE SPETTACOLO ALLOLIMPICO

Allo stadio Angelo Massimino di Catania si giocata la 36 giornata di Serie A tra il Catania e la
Roma. Partita arbitrata dal fischietto livornese Luca Banti. Il match vede nel primo tempo il
Catania, costretto a vincere per sperare ancora nella salvezza, attaccare giocando un buon calcio
e rendendosi pericolosa e la Roma, ormai certa del secondo posto, che propone il suo gioco
senza per rendersi particolarmente pericolosa e soffrendo gli attacchi del Catania.
Il primo pericolo lo crea la Roma al 17', un ottima triangolazione tra Florenzi e Pjanic porta al
tiro il primo che per calcia centrale e favorisce la parata di Frison. Al 25' ripartenza perfetta del
Catania con Izco, Leto e Berghessio che triangolano tra loro e portano al tiro Izco che non
sbaglia e porta in vantaggio i rossoazzurri, 1-0. Al 34' raddoppio del Catania sempre con il
capitano Izco che pescato da Casto con un ottimo cross, batte De Sanctis e fa 2-0. La partita
bella e la Roma non ci tiene a perdere e al 36' accorcia le distanze con Francesco Totti, che
servito di testa da Florenzi al centro dell'area firma il 2-1. Dopo 2 minuti di recupero il primo
tempo si conclude 2-1.
Il secondo tempo parte con la stessa trama del primo, il Catania gioca bene e la Roma che non
riesce a giocare come sa. Al 10' arriva il terzo goal del Catania con Gonzalo Berghessio che
sfrutta una ribattuta sul tiro di Leto e batte cos De Sanctis. Per Berghessio e il goal numero 8 in
campionato. Al 21' Bastos prova ad accorciare le distanze con un bel tiro dal limite dell'area, un
ottimo Frison manda in angolo. Al 79' Barrientos chiude i giochi con un ottimo tiro da fuori area,
4-1. Dopo 3 minuti di recupero il match finisce 4-1.
Con questa vittoria il Catania riapre i giochi in zona retrocessione e chiude i discorsi scudetto,
perch con la sconfitta della Roma, la Juventus e aritmeticamente campione d'Italia.

Dario Vezzo


Cera una volta il derby di Milano, per molti, il derby pi bello dItalia. Giocavano i giocatori pi forti del
mondo(top players) e di conseguenza era seguito da tutte le emittenti televisive del mondo. Adesso non c pi.
Domenica sera alle 20.45 circa andato in scena un derby tanto inutile quanto noioso nella gloriosa storia
calcistica meneghina. Da un lato i neroazzurri allenati da Mazzarri dallaltro i rossoneri di Seedorf entrambi alla
disperata ricerca di un posto in Europa League o pi semplicemente alla ricerca di un po di fierezza dopo una
stagione alquanto fallimentare. Le statistiche sono eloquenti e dimostrano 0 tiri nello specchio per lInter e 3 per
il Milan. Squadre evidentemente concentrate pi a non perdere che vincere il fantomatico Derby. La partita
comincia dopo le classiche coreografie e la curva Sud, non contenta del sabato di straordinaria follia allOlimpico,
inneggia nuovamente una vittima dello Stato (Aldrovandi).Le due squadre in campo arroccate entrambe nella
propria met di gioco non producono tante azioni e la prima vera azione arriva alla mezzora dai piedi del
difensore rossonero Desciglio. Il giovane terzino solo davanti ad Handanovic non riesce a centrare la porta. Al
44 quando mancano pochi minuti al doppio fischio del direttore di gara, Bergonzi, Kak dal limite dellaria fa
partire un destro spaventoso che colpisce in pieno la traversa e fa tremare San Siro. Nel secondo tempo partita
nuovamente bloccata tant vero che viene sbloccata da una situazione di palla inattiva. Al 65 Balotelli su
punizione da posizione defilata fa partire un cross sul secondo palo dove Dejong stacca ed insacca il pallone alle
spalle del portiere avversario. Sul finire dei 90 i neroazzurri provano la rimonta disperata con Alvarez ,entrato
nel secondo tempo, ma il risultato resta immutato. La vittoria nel derby vale una stagione ma una stagione vale
la pena essere vissuta soltanto per una vittoria nel derby. Galliani e Berlusconi(Barbara) sugli spalti se la ridono
ma avranno poco da ridere a fine stagione con un Milan fuori da tutte le competizioni Europee.
Massimo Sena


Nel giorno della ricorrenza della tragedia di Superga avvenuta il 4 maggio 1949, il Torino ha affrontato il Chievo allo
stadio Bentegodi di Verona. I granata oltre i 3 punti essenziali per un posto nella prossima Europa League, volevano a
tutti i costi la vittoria per onorare e mantenere vivo il ricordo del Grande Toro. I padroni di casa del Chievo daltro
canto, avevano bisogno di punti per una salvezza non ancora raggiunta, visto che, dopo le sconfitte con Sassuolo e
Sampdoria, la situazione in classifica a dir poco preoccupante. La partita non mai spettacolare con un Torino quasi
sempre in controllo del match grazie ad un buon possesso palla e ottime ripartenze in avanti grazie alla coppia Cerci-
Immobile. Il Primo tempo ha poco da dire a parte le recriminazioni del Toro in 2 occasioni: prima ad Immobile viene
annullato un gol per un fallo inesistente sul portiere, in quanto questultimo si era scontrato con un suo difensore, poi
su cross di Cerci, la palla sbatte sul braccio largo di Dainelli ma per larbitro Celi non ci sono gli estremi per un calcio di
rigore. Nel secondo tempo arriva al 54esimo il gol che decide il match: su cross di Cerci da calcio dangolo, la palla
arriva a Kurtic che cerca di metterla in mezzo con un colpo di tacco trovando la deviazione di Sardo che, preso
controtempo, fa terminare il pallone nella propria porta. Il Chievo prova a rispondere inserendo Sergio Pellissier da
affiancare a Thereau e Paloschi. La sua partita per dura soltanto 5 minuti a causa di una doppia ammonizione
avvenuta a causa di un fallo e conseguenti proteste. Il Toro sopra di un gol e con il Chievo in 10 uomini, cerca di far sua
la partita ma non riesce a chiuderla in alcun modo essendo poco cinica in attacco. Sia Cerci che Immobile sprecano
delle occasioni per chiudere il match ma soprattutto all88esimo minuto che i granata si divorano il 2 0. Meggiorini
servito da Immobile solo davanti al portiere, riesce a farsi ipnotizzare dallo stesso tirando il pallone addosso ad Agazzi.
Finisce cos 0 1 per il Torino. Gli uomini di Ventura riescono ad espugnare il Bentegodi e conquistare 3 punti
importantissimi per lEuropa. Il Chievo alla terza sconfitta di fila deve rimboccarsi le maniche poich, anche se alle
spalle le dirette concorrenti per la salvezza arrancano, a 2 giornate dalla fine la squadra clivense tuttaltro che in una
posizione tranquilla.

FRANCESCO SQUILLANTE





IL TORINO ESPUGNA IL BENTEGODI.
3 PUNTI DORO PER LEUROPA.
FATTO DI CALCIO
LUdinese batte per 5-3 il Livorno di Davide Nicola.
Dopo il gol di Paulinho al 13 minuti con un calcio
di punizione dal limite dellarea. LUdinese reagisce
pochi minuti dopo conquistando un calcio di
rigore. Sul dischetto si presenta Tot Di Natale che
si fa ipnotizzare dal portiere del Livorno Bardi che
si tuffa e riesce a mettere il pallone in calcio
dangolo. Passano pochissimi secondi e Di Natale si
fa perdonare dellerrore dal dischetto firmando
l1-1, mettendo il pallone nellangolino basso sulla
sinistra. I Bianconeri entusiasti del gol, trovano il
vantaggio al 21 con Badu. La partita non d
tregua, ed il Livorno trova il pareggio al 29 con il
suo bomber Paulinho. Passano ancora 6 minuti e
lUdinese trova di nuovo il vantaggio con Pereyra
che aggancia un cross e spara un tiro imprendibile
per Bardi. Nel finale del primo tempo i bianconeri
trovano le occasioni giuste per fare ben 2 gol, il
primo al 44 con Gabriel Silva , e il secondo al 45
sempre con il solito Tot Di Natale che fa
esplodere un tiro che si infila nellangolino basso
alla destra del portiere. Il primo tempo si chiude
con lUdinese in vantaggio per 5-2, in una partita
tuttaltro priva di emozioni. Nel secondo tempo il
Livorno cerca di accorciare le distanze, ma
lUdinese di Guidolin e ben disposta in campo e
non regala quasi niente. All88 , i granata riescono
a trovare il terzo gol con Mesbah, ma troppo
tardi per sperare in una rimonta . La partita si
conclude con il punteggio di 5-3 per lUdinese, e la
squadra di Davide Nicola ad un passo dalla Serie
B.
Prosegue la marcia europea del Parma che
supera la in casa la Sampdoria e conquista il
sesto posto in classifica. La gara del Tardini
inizia con un emozionante minuto di silenzio in
memoria di Vujadin Boskov, ex giocatore e
tecnico blucerchiato, personaggio apprezzato da
tutto il mondo del calcio, scomparso la settimana
scorsa dopo una lunga malattia.
Donadoni decide di affidarsi allestro di Antonio
Cassano e alla fisicit di Amauri per provare a
scardinare la retroguardia doriana mentre gli
ospiti decidono di aspettare, ripartire e sfruttare i
calci piazzati. Il match si sblocca all ottavo
minuto di gioco, grazie proprio a Cassano che da
pochi passi realizza il classico goal dellex e
non esulta. La reazione ospite manca di lucidit
e si traduce in qualche tiro dalla distanza ed in
una bella punizione di Gabbiadini che si infrange
sul palo. Nella ripresa la partita si spegne e solo
nel finale i padroni di casa trovano il raddoppio
grazie alla rete di Schelotto, che sfrutta al meglio
un tiro-cross di Molinaro e chiude i conti. Un
Parma cinico ritorna al successo dopo circa un
mese e pu sognare un piazzamento europeo,
un passo indietro per una Sampdoria senza
mordente, probabilmente paga per la salvezza
raggiunta e la mancanza di ambizioni.

Francesco Rosa
EUROPA INDIGNATA, ECCO I TITOLI DELLE PRINCIPALI
TESTATE EUROPE
Dopo gli scontri di ieri sera culminati con il ferimento di quattro tifosi
napoletani, di cui uno ricoverato in gravissime condizioni, non si sono
fatte attendere le reazioni indignate delle principali testate Europee.
Dalla Spagna arrivano i titoli pi altisonanti con il Mundo Depurtivo che
ironicamente scrive: Un figlio di un camorrista decide che si puo
giocare la finale di Coppa Italia, mettendo in primo piano limmagine di
Gennaro a carogna ormai tristemente alla ribalta per la squallida
maglietta inneggiante la liberazione dellassassino dellispettore Raciti,
rimasto ucciso durante altri scontri, stavolta occorsi prima della partita
Catania-Juventus del 2004. In Inghilterra Telegraph,BBC e Guardian
hanno riportato le foto dei ferimenti e di un pompiere svenuto. Dalla
Francia non si sono fatti attendere France Football e LEquipe che
scrive:La finale comunque riferendosi alla decisione di giocare
nonostante la scia di violenza. A scomodarsi sono state anche le
principali testate doltreoceano come la Statunitense CNN e lAustraliana
The Sidnay Morning Herald. Ma le parole pi emblematiche arrivano
dal portale Spagnolo AS che titola: Festa rovinata. Ancora una volta
dunque, un episodio violento provocato da pochi facinorosi rovina la
reputazione del bel paese nel Mondo.
Francesco Buonfantino

Premier League

In Premier si fermano Chelsea e Liverpool, con la seconda, che si
suicida nel posticipo del Monday night, infatti la squadra capolista si
fa recuperare di tre gol in casa del Crystal Palace. Approfitta di questo
risultato il City, che vince e vola a -1 dal Liverpool, poich i giocatori
dello sceicco hanno ancora una partita da recuperare. Zona Europa
League si fermano tutte e ne approfitta il Southampton.
24
In zona retrocessione retrocedono Fulham e Cardiff . Vince invece il Sunderland e il
Norwich pareggia 0-0 contro la squadra di Mourinho.
LIGA BBVA

In Liga arriva la sorpresa, infatti lAtletico Madrid dopo aver
conquistato la finale di Champions non riesce a portare a
casa i 3 punti, che avrebbero regalato la vittoria dello
scudetto, ma compiono un mezzo passo falso anche Real e
Barcellona, che pareggiano contro Valencia e Getafe. A
quanto pare la Liga continua ad avere il suo fascino fino alle
ultime giornate.
In zona retrocessione con il Betis ormai retrocesso vince il Valladolid e il
Getafe blocca Messi e compagni, mentre per lOsasuna arriva la
sconfitta.

Bundesliga

In Bundersliga con il Bayer Monaco ormai campione da
tempo vincono le prime 5, infatti i bavaresi continuano a
vincere, anche con il campionato gi vinto. Per la
Champions continua la sfida tra Bayer Leverkusen e
Wolfsburg, che si giocano il quarto e ultimo posto per i
preliminari di Champions
25
Nelle zone basse della classifica perdono tutte e quattro le squadre, con lo
Stoccarda che deve guadagnare punti per cercare di salvarsi, infatti tra le possibili
retrocesse quella, che ha pi chance di salvarsi.

Stefano Limongelli
Aldil del tifo, aldil della fede calcistica leliminazione bianconera un danno per lItalia tutta.
Continua la discesa del belpaese nel Ranking Uefa, con 51,510 punti dalla prossima stagione
andremo ad occupare il quinto posto sorpassati proprio dal Portogallo che di punti ne ha 52.133,
punteggio tra laltro migliorabile in caso di vittoria del Benfica in finale di Europa League. Negli ultimi
10 anni lItalia ha portato in finale, tra Champions ed Europa league soltanto 3 squadre, a conferma
che oramai Spagna e Inghilterra, rispettivamente 12 e 9 finaliste, non rappresentano pi, purtroppo,
oggetto di rivalit. Le altre due nazioni che ci precedono, Germania e appunto Portogallo,
rappresentate da un numero minore di squadre di prima fascia hanno giovato degli ottimi e costanti
risultati di queste ultime, spintesi spesso fino alle fasi finali. Il quinto posto non cambier il numero di
squadre iscritte alle competizioni europee e la Francia ancora lontana, ma importante per i nostri
club invertire il trend negativo dellultimo decennio, addolcito soltanto da un Inter vittoriosa in
Champions, dando importanza a competizioni come lEuropa League e ritornare ad occupare il posto
che ci spetta. Gianluca Castellano
Fatale leliminazione della juventus, proprio il portogallo a sorpassarci
FINALISTE IN COMPETIZIONI
EUROPEE ULTIMI 10 ANNI
NAZIONE NUMERO FINALISTE
SPAGNA 12
INGHILTERRA 9
GERMANIA 5
PORTOGALLO 5
ITALIA 3
RUSSIA 2
UCRAINA 1
SCOZIA 1
RANKING UEFA 2014/15
NAZIONE COEFF.
SPAGNA 79.356
INGHILTERRA 66.820
GERMANIA 63.558
PORTOGALLO 52.133
ITALIA 51.510
FRANCIA 41.500
RUSSIA 40.832
UCRAINA 35.166
Non una favola da raccontare ai bambini, ma una storia dei giorni nostri. Nel
mondo dello sport, ma in particolare nel calcio, c sempre stata la figura del tifoso
violento. In Inghilterra vennero chiamati Hooligans. Ci sono parecchie storie da come
nasce il nome, ma questa diciamo che unaltra storia. Questo tipo di tifoso nasce gi
nei primi anni 30, ma d il meglio di se tra la fine degli anni 70 e linizio degli 80.
Tifosi violenti, feriti allo stadio, strutture distrutte e perch no, anche qualche morto
che molte volte volentieri, non era interessato alle risse, ma era solo una persona che
voleva andare a vedere e tifare per la propria squadra. Tutto cambia per.
Heysel1985 e poi Hillsbourogh 1989, centinaia di persone morte per colpa
dellinadeguatezza degli stadi, delle forze dellordine e soprattutto di alcune persone.
LInghilterra usa il pugno di ferro: stadi nuovi, telecamere nascoste,forze dellordine
anti-hooligans e soprattutto presa di coscienza da parte di molte persone. Gli episodi
di violenza svaniscono quasi del tutto in Gran Bretagna, il tifoso medio inglese adesso
allo stadio va per godersi lo spettacolo. Tutti felici e contenti maIn Italia? Stadi e
forze dellordine inadeguati, stanno facendo nascere un nuovo fenomeno di tifoso
violento. Il calcio ,che tema principale del nostro paese, non trova una cura per
questo tipo di malattia. Gli episodi di Roma sono scabrosi, ma solo lultimo di una
lunga serie. Allora anche noi aspettiamo una tragedia colossale per prendere
provvedimenti? Il calcio uno sport, divertimento sia per chi gioca che per chi si
gode lo spettacolo. Molte volte per chi va allo stadio,in questi tempi, non sa se torna
a casa. Se oggi si trovano stadi semi-vuoti e pochi bambini che si avvicinano a questo
sport, chiedete informazioni a questi tifosi e a queste strutture mal ridotte.
R.Agnello
Meno di un anno fa il Palermo e i suoi tifosi erano in preda alla disperazione per una retrocessione in Serie B
inaspettata. Dopo aver metabolizzato la delusione, la societ si rimboccata le maniche costruendo una squadra
eccellente per la serie cadetta, affidando la panchina a Gennaro Gattuso. Nonostante le alte aspettative, ad inizio
stagione i rosanero partirono in sordina con soltanto 7 punti (2 vittorie, 1 pareggio e 3 sconfitte) conquistati nelle
prime 6 giornate di campionato. Partenza in sordina che port allesonero di Gattuso a cui subentr Giuseppe Iachini,
luomo della svolta. Con lui alla guida il Palermo ha totalizzato la bellezza di 71 punti in 31 giornate, conquistando con
ben 5 turni danticipo la promozione, riportando dopo una sola stagione i siciliani in Serie A. la matematica conquista
della massima serie arrivata a Novara, dove gli uomini di Iachini si sono imposti per 0 1 con la rete di Vazquez al
42esimo minuto. Poi la festa. Nella citt di Palermo scoppiato il tripudio, con i tifosi esaltati dal ritorno nella serie
maggiore. Ai microfoni del dopo partita, il Presidente Zamparini ha ammesso tutta la sua gioia per il ritorno in A,
dichiarando che la sua squadra ha dimostrato di esprimere un calcio ad ottimi livelli e che lunico suo errore stato
quello di innamorarsi di Rino Gattuso, ancora troppo acerbo. Il Presidente ha poi aggiunto che deciso nel puntare
su Iachini anche lanno prossimo in quanto si rilevato un tecnico vincente con grande esperienza calcistica e che si
prover a migliorare questa squadra per conquistare in serie A, una tranquilla salvezza e chiss, magari lEuropa. I
Giocatori di talento nella rosa ci sono e si son visti per lintero campionato. Abel Hernandez, Edgar Barreto, Paulo
Dybala, Kyle Lafferty, Stefano Sorrentino, sono solo alcuni degli eccellenti giocatori che ha a disposizione la rosa
palermitana e che di certo non sfigurerebbero neanche nella massima serie. Ora c da finire un campionato di Serie B
nel migliore dei modi, con un Palermo che ormai non perde da 18 gare e di certo non ha nessuna intenzione di
fermarsi e far terminare questo incredibile record di imbattibilit. La Serie A pu attenderema non troppo.

FRANCESCO SQUILLANTE





FESTA ROSANERO. IL PALERMO TORNA IN SERIE A.
29
Perde il Posillipo che dovr lottare contro il Savona
per la qualificazione al terzo posto in classifica
mentre Acquachiara e Canottieri conquistano in
gara due la vittoria e le rispettive posizioni di
quinto e sesto posto in classifica lasciando dietro
Como e Florentia!
Previsioni confermate quelle circa il posizionamento in classifica dei giallorossi che confermano la sesta
posizione battendo Il Como che si posiziona subito dopo al settimo posto.
Parte alla grande la squadra di Cufino che nel primo tempo non da spazio agli avversari lasciandoli a punteggio
zero mentre venivano messe in rete ben quattro goal da Baraldi, Velotto in doppietta e Primorac.
Nella seconda fazione il Como restituisce il favore ai ragazzi del Molosiglio mettendo a segno le quattro reti
grazie a Pagani, Gaffuri in doppietta e Cesini, ma Velotto con la sua terza rete a mantenere ancora il
vantaggio.
Vantaggio che se dapprima viene scongiurato da Busilacchi nella terza fase, allo stesso tempo viene prima
recuperato dal capocannoniere Brguljan e raddoppiato poi da Primorac.
Il match non per ancora concluso ed lultimo quarto a far tremare i partenopei; il Como infatti va ben tre
volte a rete con Foti Cesini e Pagani ottenendo cos un pericoloso vantaggio che rischiava di portare alla gara
tre, ma il migliore in campo Velotto con la quarta rete riesce a portare la squadra in parit e ad un minuto dalla
fine tocca a Capitan Buonocore da buon capitano chiudere i conti e conquistare la vittoria, e sesto posto fu!
DI NUNZIA CASOLARO
Como Nuoto: Caprani, Foti 1, Pellegatta, Susak,
Busilacchi 1, Ferraris, Hrosik, Jelaca, Gragnani,
Pagani 2, Gaffuri 2, Cesini 2, Morbidelli.
All. Piccardo

Circolo Canottieri Napoli: Turiello, Buonocore
1, Campopiano, Borrelli, Brguljan 1, Morelli,
Naweke, Primorac 2, Parisi, Velotto 4, Baraldi 1,
Esposito, Vassallo.
All. Zizza


Arbitri: Bianco e Brasiliano.
30
Dooa sconfitto anche in gara due dicendo cos addio alle finali e lasciando spazio a Brescia e Pro
Recco di giocarsi lo scudetto, nonostante i rossoverdi tengono testa agli avversari. Gi dal primo
quarto il Brescia fa intuire le sue intenzioni mettendo a segno un 3-0 grazie alla doppietta di Nora e
la rete di Di Fulvio.
Nella seconda fase il Posillipo prova a recuperare terreno con Bertoli e Mandolini ma Bodegas
allunga le distanze del vantaggio bresciano.
Nella terza fazione ancora la squadra di Cufino ad andare allattacco e riesce con le reti di Gallo e
Klikovac ad ottenere una parit che viene persa e conquistata pi volte per le reti di Rios Molina, a
cui risponde Radovic, e di Rizzo, ancora una volta sventata da Radovic che conquista cos il
punteggio paritario di 6-6 che fa ancora sperare in una possibile vittoria.
Dooa Posillipo: Cappuccio, Dolce, Rossi, Foglio, Mattiello, Radovic 3, Renzuto Iodice 2, Gallo 1,
Klikovac 1, Bertoli 1, Mandolini 1, Saccoia, Negri.

All. Cufino

AN Brescia: Del Lungo, Valentino, C. Presciutti, Legrenzi, Rios Molina 3, Rizzo 3, Giorgi, Nora 2, N.
Presciutti, Bodegas 1, Di Fulvio 1, Napolitano, Dian.

All. Bovo

Arbitri: Paoletti e Bianchi.


Lultimo quarto diventa cos una guerra aperta alla
vittoria e il Brescia cerca da subito di chiudere i conti con
le sue immediate tre reti ad opera di Rios Molina in
doppietta e Rizzo. Il Posillipo nonostante le discusse
scelte arbitrali prova a reagire e va a segno con Renzuto
Iodice e Radovic ma a seguire lulteriore rete di Rizzo a
cui prova a rispondere ancora Renzuto Iodice ma il
tempo tiranno e a quaranta secondi dalla fine del
match i rossoverdi non possono far altro che arrendersi
allidea della sconfitta e sperare almeno di conquistare
lultimo posto del podio.
31
3 - 4 POSTO

Dooa Posillipo - Carpisa Rari
Nantes Savona
Sabato 10 Maggio ore 18:30

A differenza dellandata, la gara di ritorno sembra una passeggiata per i biancoazzurri che portano anche la
vittoria in gara due riuscendo quindi a classificarsi quinta in classifica come gi previsto, lasciando a distanza di
tre posizioni lavversaria fiorentina che si posiziona allottavo posto. Seppur parte bene la Florentia con le tre reti
di Di Fulvio in doppietta e Eskert contro lunica rete dellAcquachiara di Luongo, e mantiene il vantaggio nel
secondo quarto in cui entrambe le squadre mettono a segno quattro reti (Florentia: Gobbi2, Di Fulvio2;
Acquachiara:Petkovic2, Perez, Luongo), nella terza fazione comincia a dare segni di cedevolezza. Sono infatti sei
le reti degli acquachiarini Petkovic in tripletta, Sadovyy in doppietta e ancora Luongo contro le tre dei fiorentini
Gitto e Sindone in doppietta conquistando cos un vantaggio destinato solo ad essere confermato. Nellultimo
quarto infatti Petkovic, Saviano, Luongo e Sadovyy allungano troppo le distanze per la Rari Nantes che con
lunica rete di Bosazzi non pu far altro che arrendersi alla sconfitta e allultima posizione tra l semifinaliste.
LAcquachiara in questo modo non solo di aggiudica il quinto posto ma anche la partecipazione ai prossimi Euro
Cup!

Rari Nantes Florentia: Mugelli, Sindone 2, Borella,
Coppoli, Martini, Eskert 1, Brancatello, Bosazzi 1, Gitto
1, Gobbi 2, Bini, Di Fulvio 4, Cicali.

All. Vannini.

Carpisa Yamamay Acquachiara: Lamoglia, Perez 1,
Mattiello, Luongo 4, Postiglione, Petkovic
6, Gambacorta, Ferrone, Saviano 1, Draskovic, Di
Costanzo, Sadovyy 3,
Gaeta.

All. De Crescenzo. Arbitri: Bianco e Petronilli.


1 - 2 POSTO

Pro Recco AN Brescia
Sabato 10 Maggio ore 18:15

FENOMENO MARQUEZ: POKER!
ROSSI SECONDO, PEDROSA ALTRO PODIO
Qatar, Texas, Argentina, Spagna: un poker di vittorie in altrettanti
continenti per leroe spagnolo Marc Marquez per il quale ormai si spreca
ogni tipo di aggettivo per esaltarne la a dir poco gloriosa cavalcata nel
campionato mondiale MotoGp 2014. Sul circuito di Jerez il pilota Honda
bagna con la vittoria e i 100 punti in classifica, anche la centesima partenza
nel motomondiale, mentre alle sue spalle si piazza il nostro Valentino Rossi
protagonista di una gran gara: il dottore riesce infatti a resistere agli
attacchi dellaltro spagnolo Dani Pedrosa, che conclude la sua gara al terzo
posto. Gi dal podio Jorge Lorenzo (quarto) nel giorno del suo 27esimo
compleanno nonch dei suoi 200 Gp e Andrea Dovizioso (quinto) in netta
ripresa. Prossimo appuntamento Domenica 18 Maggio a Le Mans per il Gp
di Francia.

Fabio De Martino
NBA: FINE DEL PRIMO ROUND PLAYOFF DA RECORD


























Si appena concluso uno dei pi emozionanti, se non il pi emozionante di tutti i tempi, Primo Turno dei Playoff NBA. Sono state disputate ben 5 gare7 su 8 serie e un totale di ben 50
match (entrambi record assoluti di lega per un turno playoff).
Inoltre si sono registrati ben 8 supplementari (4 solo tra Memphis e Oklahoma City) e il record assoluto di partite vinte da squadre in trasferta in un turno playoff.
Insomma stato solo il primo turno, gi denso di emozioni e non osiamo immaginare come possa essere il successivo; intanto riassumiamo per quanto possibile il tutto:




EASTERN CONFERENCE
(2) MIAMI HEAT 4 (7) CHARLOTTE BOBCATS 0
Il turno di playoff tra i campioni in carica degli Heat (in lizza per vincere il terzo anello consecutivo) e la squadra di MJ stato il meno combattuto di tutti. Miami guidata dal solito James
(30 punti di media) ha asfaltato gli ultimi Bobcats della storia di Charlotte (dal prossimo anno infatti la squadra del Carolina torner a chiamarsi Hornets) in cui ha brillato la stella di
Kemba Walker, ex Huskies.
(1) INDIANA PACERS 4 (8) ATLANTA HAWKS 3
Primo dei 5 turni decisi a gara 7. Indiana arrivata davvero irriconoscibile allultimo mese di regular season e quindi ai playoff, dopo aver dominato in lungo e in largo lest (riuscendo a
strappare il #1 seed), ha avuto la meglio su una coriacea Atlanta che ha avuto il match point in casa in gara 6, ma che si schiantata contro un George formato MVP negli episodi 6 e 7
della serie e da un Hibbert ritornato finalmente ad essere il centro dominante della regular season.
(3) TORONTO RAPTORS 3 (6) BROOKLYN NETS 4
Altro turno di Playoff concluso a gara 7, in cui una stoppata di the Truth Pierce su Lowry che ha fermato la grande euforia del pubblico Canadese e la possibilit dei Raptors di
affrontare gli Heat. Serie che come le altre ha vissuto di grandi emozioni e di ribaltoni, con i Nets che perdono in casa gara 6 ma poi sbancano lAir Canada Center per 103 a 104.
Mattatore della serie Johnson con 21,9 punti di media oltre la grande esperienza di Pierce e Garnett.
(4) CHICAGO BULLS 1 (5) WASHINGTON WIZARDS 4
Bisogna essere chiari e sinceri: Tom Thibodeau ha fatto gi un miracolo a portare i Bulls ai playoff dopo lennesimo infortunio di Rose e la perdita di Belinelli e Robinson nel roster di
questo anno. I Wizards hanno avuto la meglio in 5 episodi con Wall (18,8 punti) e Beal (19,8 punti) ad abbattere le poche resistenze messe in atto dal miglior giocatore difensivo
dellanno Noah e dal suo coach.




WESTERN CONFERENCE
(1) SAN ANTONIO SPURS 4 (8) DALLAS MAVERICKS 3
Nel Texas showdown a fare la differenza stata la grande voglia dei Big Three di San Antonio di regalare al loro coach Popovich (nominato per la terza volta in carriera Allenatore
dellAnno) e a loro stessi unultima chanche per il gran ballo delle Finals. Ginobili (17,7 punti), Duncan (17,3 punti) e Parker (19,9 punti) hanno fatto la differenza soprattutto in gara 7
dove hanno piegato la resistenza degli stoici Mavericks guidati da Carter e Nowitzki che sembrano non invecchiare mai.
(2) OKLAHOMA CITY THUNDER 4 (7) MEMPHIS GRIZZLIES 3
Questa stata sicuramente la serie pi equilibrata in un primo round estremamente godibile. Ben 4 gli overtime fra le due franchigie, con Oklahoma che riuscita ad annullare il match
point in gara 6 andando a vincere a Memphis. In gara 7 i Grizzlies si sono dovuti arrendere alla forza di Westrbrook(25,6 punti) e Durant(29,9 punti) anche perch hanno dovuto fare a
meno del loro miglior giocatore, Randolph squalificato per un contatto illecito in gara 6.
(3) LOS ANGELES CLIPPERS 4 (6) GOLDEN STATE WARRIORS 3
La notizia questa: in una serie estremamente equilibrata e decisa in gara 7 da Griffin (23,3 punti) e Paul (17,4 punti) su uno straordinario Curry ( 23 punti) a essere protagonista non il
parquet bensi il presidente della franchigia Angelina. Infatti il proprietario dei Clippers Sterling stato bandito a vita dalla lega e costretto a pagare una multa record da 2,5 milioni di
dollari per commenti razzisti intercettati in una telefonata tra il suddetto e la sua amante. I Clippers hanno inscenato una protesta in gara 5 e sperano in un repentino cambio di
propriet.
(4) HOUSTON ROCKETS 2 (5) PORTLAND TRAIL BLAZERS 4
La serie sulla carta pi equilibrata ad Ovest lunica a non terminare a gara 7. Frutto di due vittorie nei primi due episodi in trasferta dei Trail Blazers in quel di Houston con un Aldridge
stratosferico (29,8 punti). Il barba Harden (26,8 punti) e Howard (26 punti) soccombono in gara 6 con un tiro da tre punti a 0,9 secondi dalla fine messo a segno da un commovente
Lillard (25,5 punti). Howard dimostra ancora di non essere materiale da titolo, e in quel di Los Angeles sponda Lakers se la ride


TUTTI PRONTI QUINDI PER LE SEMIFINALI DI CONFERENCE:
(1) INDIANA PACERS (5) WASHINGTON WIZARDS
(2) MIAMI HEAT (6) BROOKLYN NETS
(1) SAN ANTONIO SPURS (5) PORTLAND TRAIL BLAZERS
(2) OKLAHOMA CITY THUNDER (3) LOS ANGELES CLIPPERS


Angelo Domenico DAuria





Direttore: Cristiana Barone
Editore: Antonella Castaldo
Capo Redattore: Luigi Liguori
Coordinatore di Redazione: Stefano Limongelli e Ferruccio
Montesarchio
Editing Grafica: Francesco Perfetto e Catello Carbone
Coordinatore Pagina di Facebook FDS: Karina O. Palomba
Redazione: Corso di Giornalismo Sportivo - Universit
Parthenope di Napoli
FDC e FDS by Bigol News - Testata Registr. Trib. Napoli 20/2008
del 28/02/2008
Info line: fattodisport@gmail.com
Seguici anche su Facebook :FATTO DI SPORT
FATTO CRONACA
SPYNEWS24

I NOSTRI SETTIMANALI ON LINE DEI CORSI DI GIORNALISMO
INVESTIGATIBO E SPORTIVO DELLATENEO PARTHENOPE DI NAPOLI