Sei sulla pagina 1di 6

1.

CALCOLO DELLA CAPACIT DI TRASPORTO SOLIDO MEDIA ANNUA


Il seguente capitolo si pone lobiettivo di fornire una stima del trasporto solido medio annuo del torrente Rincine alla
sezione di chiusura rappresentata dalla traversa a monte dellinvaso di Gorazzaio (detto Lago di Londa).
Il trasporto solido dei corsi dacua ! un fenomeno funzione di numerosi fattori uali il clima" i caratteri idraulici della
corrente" la litologia" la morfologia e le dimensioni del bacino idrografico" la morfologia dellalveo fluviale" lattivit# umana
nel bacino e lungo lalveo fluviale stesso.
$ellalveo di un fiume in generale viene trasportato insieme allacua (portata liuida) proveniente dal bacino" anche del
materiale solido (portata solida) che costituisce uello che ! definito come trasporto solido totale al uale contribuiscono
due differenti componenti%
- il bed material che contribuisce pi& direttamente alle variazioni morfologiche dellalveo" costituito da sedimenti di
grosse dimensioni che stazionano o si muovono sul fondo o a bassa distanza da uesto (bed load) per saltazione"
rotolamento" trascinamento" ecc. e da materiale pi& fine che rimane in sospensione nellacua e che pu' essere
sedimentato nellalveo stesso in zone o in periodi di minore capacit# di trasporto della corrente (suspended load)(
- Il wash load costituito da sedimenti di granulometria pi& fine del precedente che viene trasportato dallacua
direttamente fino alle zone di sedimentazione senza per' intervenire nella dinamica dellalveo.
Il trasporto al fondo da bed)load e uello in sospensione da bed)load e da *ash load costituiscono il trasporto solido
totale.
+llinterno di un bacino dalle caratteristiche idro)morfologiche torrentizie" come uello in esame" il trasporto al fondo
assume un ruolo predominante" e pu' essere considerato" in prima approssimazione" coincidente con il trasporto solido
totale. ,i possono uindi utilizzare metodi nei uali si tiene conto del solo trasporto solido al fondo facendo riferimento alla
dimensione dei sedimenti che costituiscono lalveo.
1.1. DETERMINAZIONE DELLA CURVA DI DURATA DELLE PORTATE LIQUIDE
La curva di durata della portata fluida indica" per ogni valore fissato di portata" la corrispondente durata nellanno (periodo
di tempo" espresso in giorni" in cui la portata ! stata maggiore o uguale al valore fissato) o" viceversa" fissato un certo
numero di giorni" la portata che ! assicurata per tale numero di giorni durante lanno.
-er la costruzione di tale curva" non avendo a disposizione misurazioni sperimentali di portata media giornaliera sul corso
dacua in esame" ! stato applicato un modello di trasformazione afflussi)deflussi ai valori pluviometrici riportati sugli
+nnali Idrologici per il pluviometro regionale di .icomano.
In seguito alla consultazione degli +nnali Idrologici sono state ottenuto le altezze di pioggia medie annue ed il
corrispondente numero di giorni piovosi per ciascun anno della serie storica considerata" che riportiamo nella /abella 0%
-agina 0
Anno h tot annuale (mm
!"o#n" $"o%o&"
'ell(anno
1)*+ 0011.2 034
1)*, 0355.1 004
1)*- 0215.2 045
1)*) 0062.1 070
1)./ 0055 000
1).1 0063.6 076
1)., 162.7 64
1)+1 0780.2 008
1)+0 0774.2 032
1)++ 0370 85
1)+, 190.1 11
1)+- 670.1 15
1)+1 866.8 033
1)+) 815.9 003
1),/ 0227.9 043
1),1 847.1 84
1),0 870 11
1),* 0079.7 003
1),. 0319.9 89
1),+ 0394.7 039
1),, 0086.2 005
1),- 662.6 13
1),1 0343.8 004
1)-/ 845.7 034
1)-1 613.9 13
1)-0 960.9 68
1)-* 107.9 61
1)-. 918.9 11
1)-, 0077.1 036
1)-- 118.1 032
1)-1 0754 001
1)-) 0720.9 035
1)1/ 0358.9 030
1)11 0376.9 83
1)10 810.9 82
1)1* 842 19
1)1+ 523.6 60
1)1) 182.4 15
1))/ 839.2 030
1))1 880.07 19
1))0 0434 032
1))* 862.7 84
1)). 603.9 68
1))+ 0320.2 030
1)), 0058 038
1))- 180 11
1))1 169.0 16
0//1 869.1 89
0//0 0334.2 81
0//* 615.68 91
0//. 804.7 035
0//+ 0363.9 84
0//, 199.2 66
0//- 153.1 66
0//1 0037.2 004
0//) 0331.1 032
0/1/ 0593.1 005
0/11 958.7 99
0/10 0363.9 13
/abella 0 ) Giorni piovosi e totale annuo di altezze di pioggia
-agina 7
-er ottenere i valori di durata delle portate si procede ipotizzando che la distribuzione di probabilit# di non superamento di
unaltezza di pioggia h sia di tipo esponenziale" secondo la formula%
e
h
h P

=1 ) (
dove a e b sono dei parametri legati alla freuenza di pioggia giornaliera fp e allaltezza media giornaliera hg secondo le
relazioni seguenti%
( )
g
p
h
f
=
1

p
f

=
-er la determinazione dei coefficienti e si definiscono le seguenti grandezze%
- = h 136"40 mm altezza dacua mediamente piovuta in un anno(
- =
m
g 80"7 gg media dei giorni piovosi in un anno(
- = =
365
m
p
g
f 3"728 freuenza di pioggia(
- = =
365
m
g
h
h 7"70 mm altezza media di pioggia giornaliera.
,ulla base dei suddetti dati sono stati ottenuti uindi i seguenti valori per i coefficienti e %
266 . 0 =
998 . 0 =
:ssendo -(h) la probabilit# di non superamento dellaltezza di pioggia h si determina la probabilit# di superamento
dellevento di pioggia%
h
h
f
p
h g
p
e f e h P h S

= = =

) ( 1 ) (
, esprime anche la freuenza dellevento di pioggia ovvero la percentuale di giorni allanno in cui viene superata laltezza
di pioggia h.
365
t
S =
dove t ! espresso in giorni.
;guagliando le due espressioni di , si ricava laltezza di pioggia h che ha probabilit# , di venire superata%
-agina 4

=
p p
g
f
t
f
h
t
h
365
ln
365
ln
1

-er ottenere la curva di durata delle portate si stabiliscono degli intervalli di tempo e per ciascuno di essi si calcola la
corrispondente h(t) con la precedente relazione( si calcolano uindi le portate <(t) tramite lapplicazione del modello
afflussi)deflussi del coefficiente di deflusso. /ale metodo si basa sul fatto che" se su di un bacino di superficie + e
coefficiente di deflusso cade unaltezza di pioggia h per una durata pari a /c " solo la frazione del volume meteorico
risulta efficace alla formazione del deflusso.
c
T
t h A
t Q
) (
) (

=

I valori del coefficiente di deflusso si trovano tabellati in letteratura in funzione della diversa tipologia di uso del suolo( i
valori pi& bassi sono riferiti a superfici pianeggianti e terreni permeabili" uelli pi& alti a superfici pendenti e terreni
impermeabili. $el caso di un= area composta da un numero i di superfici con caratteristiche diverse si calcola il coefficiente
medio ponderale (pesando le estensioni delle rispettive zone dinfluenza nel bacino)%


=
i tot
i i
A
A

$ella seguente /abella 7 si riporta la suddivisione areale del bacino in esame ed il calcolo del coefficiente di deflusso
medio%
Pa#amet#" u&o &uolo
T"$olo!"a A#ea 2m34 A#ea #el Coe55. De5lu&&o 6
400 >oschi di latifoglie 02385337.6 50.29? 3.4
404 >oschi misti di conifere e
latifoglie 5822501.1 70.63? 3.4
477 >rughiere e cespuglieti 0514648.2 5.61? 3.45
407 >oschi di conifere 4686047.7 04.19? 3.4
472 +ree a vegetazione boschiva e
arbustiva in evoluzione 514160.8 7.04? 3.4
727 ,istemi colturali e particellari
complessi 0934.2 3.30? 3.45
724 +ree prevalentemente occupate
da colture agrarie" con spazi naturali 0357035.1 4.12? 3.45
740 -rati stabili 447729.4 0.70? 3.45

Totale 0-*)/00/.+ 1//.//7 3.435
/abella 7 @ Aoefficiente di deflusso medio ponderale
+ssumendo come tempo caratteristico /c dei bacini toscani il valore di 9 ore sono stati ottenuti i seguenti risultati riportati
in forma grafica in Bigura 0%
-agina 2
Bigura 0 @ Aurva di durata delle portate fluide
,i nota che i dati di portata ottenuti da tale modello descrivono bene il comportamento torrentizio dellasta fluviale in
esame.
1.0. CALCOLO DEL TRASPORTO SOLIDO
-er il calcolo del volume di trasporto solido medio annuo si ! fatto uso della formula di ,choClitsch che fornisce valori
sufficientemente attendibili per alvei con pendenza superiore allo 3"0?. <uesto metodo tiene conto solamente della
componente di trasporto solido al fondo" ma come esposto precedentemente tale componente risulta in prima
approssimazione dominante per gli alvei torrentizi. <uesto procedimento ipotizza che linizio del movimento dei sedimenti
avvenga uando la portata liuida per unit# di larghezza dellalveo supera un dato valore" detto portata critica <cr" la cui
espressione ! data da%
B
J
D
Q
s
cr


=
6 7
2 3
75
3 5
26 , 0


dove%
<cr ! la portata misurata in m
4
Ds(
> rappresenta la larghezza media dellalveo attivo nel tratto interessato" assunto pari a 9m(
E misura la pendenza media del fondo dellalveo nel tratto interessato assunta pari a 2"6?(
.
65
il diametro del setaccio attraverso cui passa il 65? in peso di materiale" assunto pari a 3"010 m facendo
riferimento alla distribuzione granulometrica esposta in /abella 4(
-agina 5
D84 [mm] D50 [mm] D40 [mm] D35 [mm] D20 [mm]D16 [mm]
m 0.086 0.346 0.533 0.533 0.709 0.709
x [mm] 311.89 90.50 62.44 53.06 28.48 20.94
/abella 4 @ .istribuzione granulomerica del terreno analizzato
s ! la densit# del materiale sul fondo assunta pari a 7233CgDm4 (
! la densit# dell acua assunta pari a 0333CgDm4.
Aon uesti dati otteniamo%
<cr F 6.25 mcDs
+ uesto punto si pu' calcolare il volume del trasporto solido medio annuo (il volume di materiale solido trasportato al
fondo in un anno ! approssimato con uello totale comprendente anche il materiale in sospensione) integrando la formula
di ,choClitsch sulla curva di durata della portata fluida.
La portata solida dellalveo Gs(t) ! nulla uando la portata liuida ! al di sotto del valore critico( uando invece la portata
liuida supera il valore critico si ricava Gs(t) con la seguente formula%
( ) ( ) [ ]
cr s
Q t Q J t V =
5 , 1
dove <(t) ! la portata effluente ricavata dalla curva di durata delle portate fluide.
-er ottenere il trasporto solido annuale ! sufficiente integrare la formula precedente nel tempo%
( ) ( ) [ ] dt Q t Q J dt t V V
cr s
= =

365
0
5 , 1
365
0
365
.ato che sono noti valori discreti della portata si approssima l integrale con una sommatoria%
( ) [ ]
i cr i
t Q t Q J V =

5 , 1
365
Aos facendo si ottiene alla sezione di chiusura rappresentata dalla traversa a monte dellinvaso di Gorazzaio e
nellipotesi sopra desctritte un volume di trasporto solido nellarco di un anno pari a G
495
F 114.40 mc.
-agina 9