Sei sulla pagina 1di 49

Riunione periodica 2009

ANALISI COMMENTI E PROPOSTE

CONTRIBUTO AI LAVORI DI

RLS FILCEM / CGIL


05/11/2009
Sommario
DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 ......................................................................................................................................................................................... 4
Art. 28. .................................................................................................................................................................................................................................................... 4
Art. 41. .................................................................................................................................................................................................................................................... 4
Art. 42. .................................................................................................................................................................................................................................................... 7
CAPO I PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI .............................................................................................................................................................................................. 7
Art. 223. .................................................................................................................................................................................................................................................. 8
TITOLO VI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI ....................................................................................................................................................................... 10
PREMESSA............................................................................................................................................................................................................................................. 11
Documento di valutazione dei rischi .................................................................................................................................................................................................... 12
Valutazione rischi ............................................................................................................................................................................................................................ 12
Rischio Chimico ................................................................................................................................................................................................................................. 13
Impatto sulla salute .......................................................................................................................................................................................................................... 13
Mappa rischio rls grafico impatto polveri di processo ......................................................................................................................................................................... 15
Mappa del rischio rls grafico impatto liquidi ........................................................................................................................................................................................ 16
Mappa del rischio rls grafico impatto fumi .......................................................................................................................................................................................... 17
Tabella 1. Protocollo sanitario ............................................................................................................................................................................................................ 18
Conclusioni......................................................................................................................................................................................................................................... 19
Impatto sulla sicurezza.................................................................................................................................................................................................................... 20
Grafico 1.............................................................................................................................................................................................................................................. 21
Grafico 2.............................................................................................................................................................................................................................................. 22
Grafico 3.............................................................................................................................................................................................................................................. 23
Grafico 4.............................................................................................................................................................................................................................................. 24

2
Grafico 5.............................................................................................................................................................................................................................................. 25
Grafico 6.............................................................................................................................................................................................................................................. 26
Grafico 7.............................................................................................................................................................................................................................................. 27
Grafico 8.............................................................................................................................................................................................................................................. 28
Considerazioni .................................................................................................................................................................................................................................. 29
mappa del rischio rls 1 .................................................................................................................................................................................................................... 30
Mappa del rischio rls 2 .................................................................................................................................................................................................................... 31
Movimenti manuali ripetuti ........................................................................................................................................................................................................... 32
Tabella 2. .............................................................................................................................................................................................................................................. 36
Tabella 3 ............................................................................................................................................................................................................................................... 37
Tabella 4 ............................................................................................................................................................................................................................................... 37
Andamento degli infortuni ................................................................................................................................................................................................................... 40
Grafico infortuni ................................................................................................................................................................................................................................... 40
Idoneità con limitazioni ........................................................................................................................................................................................................................ 41
Cambio lay out reparto ventisei ........................................................................................................................................................................................................... 41
figura 1 .................................................................................................................................................................................................................................................. 42
figura 2 .................................................................................................................................................................................................................................................. 43
figura 3 .................................................................................................................................................................................................................................................. 44
figura 4 .................................................................................................................................................................................................................................................. 45
figura 5 .................................................................................................................................................................................................................................................. 46
Malattie professionali........................................................................................................................................................................................................................... 47
TAV. 4b - Malattie professionali denunciate negli anni 2004-2008 principali tipi di malattia ............................................................................................................ 48

3
DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

Art. 28.
(Oggetto della valutazione dei rischi)
1. La valutazione di cui all’articolo 17, comma 1, lettera a), anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e
delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonché nella sistemazione dei luoghi di lavoro, deve
riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di
lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i
contenuti dell’accordo europeo dell’8 ottobre 2004, e quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza,
secondo quanto previsto dal decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151, nonché quelli connessi alle differenze
di genere, all’età, alla provenienza da altri Paesi e quelli connessi alla specifica tipologia contrattuale
attraverso cui viene resa la prestazione di lavoro.

Art. 41.
(Sorveglianza sanitaria)
1. La sorveglianza sanitaria é effettuata dal medico competente:
a) nei casi previsti dalla normativa vigente, dalle indicazioni fornite dalla Commissione consultiva di cui
all’articolo 6;
b) qualora il lavoratore ne faccia richiesta e la stessa sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi
lavorativi.
2. La sorveglianza sanitaria comprende:

4
a) visita medica preventiva intesa a constatare l’assenza di controindicazioni al lavoro cui il lavoratore é
destinato al fine di valutare la sua idoneità alla mansione specifica;
b) visita medica periodica per controllare lo stato di salute dei lavoratori ed esprimere il giudizio di idoneità
alla mansione specifica. La periodicità di tali accertamenti, qualora non prevista dalla relativa normativa,
viene stabilita, di norma, in una volta l’anno. Tale periodicità può assumere cadenza diversa, stabilita dal
medico competente in funzione della valutazione del rischio.
L’organo di vigilanza, con provvedimento motivato, può disporre contenuti e periodicità della sorveglianza
sanitaria differenti rispetto a quelli indicati dal medico competente;
c) visita medica su richiesta del lavoratore, qualora sia ritenuta dal medico competente correlata ai rischi
professionali o alle sue condizioni di salute, suscettibili di peggioramento a causa dell’attività lavorativa
svolta, al fine di esprimere il giudizio di idoneità alla mansione specifica;
d) visita medica in occasione del cambio della mansione onde verificare l’idoneità alla mansione specifica;
e) visita medica alla cessazione del rapporto di lavoro nei casi previsti dalla normativa vigente.
e-bis) visita medica preventiva in fase preassuntive;
e-ter) visita medica precedente alla ripresa del lavoro, a seguito di assenza per motivi di salute di durata
superiore ai sessanta giorni continuativi, al fine di verificare l’idoneità alla mansione.
2-bis. Le visite mediche preventive possono essere svolte in fase preassuntive, su scelta del datore di
lavoro, dal medico competente o dai dipartimenti di prevenzione delle ASL. La scelta dei
dipartimenti di prevenzione non è incompatibile con le disposizioni dell’articolo 39, comma 3.
3. Le visite mediche di cui al comma 2 non possono essere effettuate:
a) (lettera soppressa)
b) per accertare stati di gravidanza;
c) negli altri casi vietati dalla normativa vigente.

5
4. Le visite mediche di cui al comma 2, a cura e spese del datore di lavoro, comprendono gli esami clinici e
biologici e indagini diagnostiche mirati al rischio ritenuti necessari dal medico competente. Nei casi ed alle
condizioni previste dall’ordinamento, le visite di cui al comma 2, lettere a), b), d), e-bis) e e-ter) sono altresì
finalizzate alla verifica di assenza di condizioni di alcol dipendenza e di assunzione di sostanze psicotrope e
stupefacenti.
4-bis. Entro il 31 dicembre 2009, con accordo in Conferenza Stato - regioni, adottato previa consultazione
delle parti sociali, vengono rivisitate le condizioni e le modalità per l’accertamento della tossicodipendenza
e della alcol dipendenza.
5. Gli esiti della visita medica devono essere allegati alla cartella sanitaria e di rischio di cui all’articolo 25,
comma 1, lettera c), secondo i requisiti minimi contenuti nell’Allegato 3A e predisposta su formato cartaceo o
informatizzato, secondo quanto previsto dall’articolo 53.
6. Il medico competente, sulla base delle risultanze delle visite mediche di cui al comma 2, esprime uno dei
seguenti giudizi relativi alla mansione specifica:
a) idoneità;
b) idoneità parziale, temporanea o permanente, con prescrizioni o limitazioni;
c) inidoneità temporanea;
d) inidoneità permanente.
6-bis. Nei casi di cui alle lettere a), b), c) e d) del comma 6 il medico competente esprime il propriogiudizio per
iscritto dando copia del giudizio medesimo al lavoratore e al datore di lavoro.
7. Nel caso di espressione del giudizio di inidoneità temporanea vanno precisati i limiti temporali di validità.
8. (comma abrogato)
9. Avverso i giudizi del medico competente, ivi compresi quelli formulati in fase preassuntiva, è ammesso
ricorso, entro trenta giorni dalla data di comunicazione del giudizio medesimo, all’organo di vigilanza

6
territorialmente competente che dispone, dopo eventuali ulteriori accertamenti, la conferma, la modifica o la
revoca del giudizio stesso.

Art. 42.
(Provvedimenti in caso di inidoneità alla mansione specifica)
1. Il datore di lavoro, anche in considerazione di quanto disposto dalla legge 12 marzo 1999, n. 68, in
relazione ai giudizi di cui all’articolo 41, comma 6, attua le misure indicate dal medico competente e
qualora le stesse prevedano un’inidoneità alla mansione specifica adibisce il lavoratore, ove possibile, a
mansioni equivalenti o, in difetto, a mansioni inferiori garantendo il trattamento corrispondente alle
mansioni di provenienza.

CAPO I PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI


Art. 221.
(Campo di applicazione)
1. Il presente capo determina i requisiti minimi per la protezione dei lavoratori contro i rischi per la salute e la
sicurezza che derivano, o possono derivare, dagli effetti di agenti chimici presenti sul luogo di lavoro o come
risultato di ogni attività lavorativa che comporti la presenza di agenti chimici.
2. I requisiti individuati dal presente capo si applicano a tutti gli agenti chimici pericolosi che sono presenti sul
luogo di lavoro, fatte salve le disposizioni relative agli agenti chimici per i quali valgono provvedimenti di

7
protezione radiologica regolamentati dal decreto legislativo del 17 marzo 1995, n. 230, e successive
modificazioni.
3. Le disposizioni del presente capo si applicano altresì al trasporto di agenti chimici pericolosi, fatte salve le
disposizioni specifiche contenute nei decreti ministeriali 4 settembre 1996, 15 maggio 1997, 28 settembre
1999 e nel decreto legislativo 13 gennaio 1999, n. 41, nelle disposizioni del codice IMDG del codice IBC e nel
codice IGC, quali definite dall’articolo 2 della direttiva 93/75/CEE, del Consiglio, del 13 settembre 1993, nelle
disposizioni dell’accordo europeo relativo al trasporto internazionale di merci pericolose per vie navigabili
interne (ADN) e del regolamento per il trasporto delle sostanze pericolose sul Reno (ADNR), quali incorporate
nella normativa comunitaria e nelle istruzioni tecniche per il trasporto sicuro di merci pericolose emanate alla
data del 25 maggio 1998.
4. Le disposizioni del presente capo non si applicano alle attività comportanti esposizione ad amianto che
restano disciplinate dalle norme contenute al capo III del presente titolo

Art. 223.
(Valutazione dei rischi)
1. Nella valutazione di cui all’articolo 28, il datore di lavoro determina, preliminarmente l’eventuale presenza
di agenti chimici pericolosi sul luogo di lavoro e valuta anche i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori
derivanti dalla presenza di tali agenti, prendendo in considerazione in particolare:
a) le loro proprietà pericolose;
b) le informazioni sulla salute e sicurezza comunicate dal responsabile dell’immissione sul mercato
tramite la relativa scheda di sicurezza predisposta ai sensi dei decreti legislativi 3 febbraio 1997, n. 52, e 14
marzo 2003, n. 65, e successive modifiche;
c) il livello, il modo e la durata della esposizione;
8
d) le circostanze in cui viene svolto il lavoro in presenza di tali agenti tenuto conto della quantità delle
sostanze e dei preparati che li contengono o li possono generare;
e) i valori limite di esposizione professionale o i valori limite biologici; di cui un primo elenco è riportato negli
allegati XXXVIII e XXXIX;
f) gli effetti delle misure preventive e protettive adottate o da adottare;
g) se disponibili, le conclusioni tratte da eventuali azioni di sorveglianza sanitaria già intraprese.
2. Nella valutazione dei rischi il datore di lavoro indica quali misure sono state adottate ai sensi dell’articolo
224 e, ove applicabile, dell’articolo 225. Nella valutazione medesima devono essere incluse le attività, ivi
compresa la manutenzione e la pulizia, per le quali é prevedibile la possibilità di notevole esposizione o che,
per altri motivi, possono provocare effetti nocivi per la salute e la sicurezza, anche dopo l’adozione
di tutte le misure tecniche.
3. Nel caso di attività lavorative che comportano l’esposizione a più agenti chimici pericolosi, i rischi sono
valutati in base al rischio che comporta la combinazione di tutti i suddetti agenti chimici.
4. Fermo restando quanto previsto dai decreti legislativi 3 febbraio 1997, n. 52, e 14 marzo 2003, n. 65, e
successive modificazioni, il responsabile dell’immissione sul mercato di agenti chimici pericolosi è tenuto a
fornire al datore di lavoro acquirente tutte le ulteriori informazioni necessarie per la completa valutazione del
rischio.
5. La valutazione del rischio può includere la giustificazione che la natura e l’entità dei rischi connessi con gli
agenti chimici pericolosi rendono non necessaria un’ulteriore valutazione maggiormente dettagliata dei
rischi.
6. Nel caso di un’attività nuova che comporti la presenza di agenti chimici pericolosi, la valutazione dei
rischi che essa presenta e l’attuazione delle misure di prevenzione sono predisposte preventivamente. Tale
attività comincia solo dopo che si sia proceduto alla valutazione dei rischi che essa presenta e all’attuazione
delle misure di prevenzione.
9
7. Il datore di lavoro aggiorna periodicamente la valutazione e, comunque, in occasione di notevoli
mutamenti che potrebbero averla resa superata ovvero quando i risultati della sorveglianza medica ne
mostrino la necessità.

TITOLO VI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

Art. 167.
(Campo di applicazione)
1. Le norme del presente titolo si applicano alle attività lavorative di movimentazione manuale dei carichi che
comportano per i lavoratori rischi di patologie da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorsolombari.
2. Ai fini del presente titolo, s’intendono:
a) movimentazione manuale dei carichi: le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o
più lavoratori, comprese le azioni del sollevare, deporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico, che,
per le loro caratteristiche o in conseguenza delle condizioni ergonomiche sfavorevoli, comportano rischi di
patologie da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorso-lombari;
b) patologie da sovraccarico biomeccanico: patologie delle strutture osteoarticolari, muscolo-tendinee e
nervovascolari.

10
PREMESSA
L’elaborazione del documento di valutazione di rischio viene da noi considerato l’elemento fondamentale del
processo di prevenzione,e pur restando per gli aspetti tecnici un compito destinato agli esperti la
partecipazione di lavoratori e RLS deve diventare un condizione sostanziale,a tale fine è necessario che venga
promosso un approccio partecipativo alla valutazione e prevenzione dei rischi. È essenziale, infatti, consultare
e coinvolgere nella valutazione i lavoratori, per garantire che siano rilevati tutti i pericoli, non solo in
conformità a principi teorici di conoscenza ma anche attraverso l’esperienza diretta delle condizioni di lavoro
e delle situazioni che producono effetti negativi sui lavoratori.
Una valutazione dei rischi capace di coinvolgere i lavoratori è alla base di una cultura della prevenzione
efficace.
Gli RLS Filcem / CGIL hanno adottato nell’approccio sulle tematiche della prevenzione e sicurezza una
rielaborazione del modello sindacale per il controllo della nocività all’interno dei luoghi di lavoro, costruito
dalla CGIL durante gli anni ’60. Un modello che ha rappresentato un elemento importante per i contenuti
dell’azione sindacale fin dal dopoguerra, non solo per la CGIL, ma per tutto il movimento dei lavoratori. Tale
modello e stato adattato alle attuali condizioni di lavoro, e ai temi attuali, con lo scopo di ricostruire
(rendendolo odierno) il percorso attraverso il quale l’esperienza sindacale, e in particolare quella della
Camera Confederale del Lavoro di Torino, ha portato alla formazione di un prototipo di intervento
strutturato in principi, regole, procedure e ricco di implicazioni di ordine culturale, tecnicoscientifico e
sindacale, che ha rotto con una tradizione durata decenni in cui la difesa della salute era stata “delegata” dai
lavoratori e dal sindacato alle istituzioni e alle imprese.
In questo breve contributo abbiamo ritenuto di focalizzare l’attenzione su pochi ma importanti punti del
documento e sulla sua applicazione pratica.

11
Documento di valutazione dei rischi

Il documento di valutazione del rischio aziendale, è stato visionato in diverse occasioni dai RLS ( per propria
iniziativa e in seguito a richieste aziendali). In base alle attuali conoscenze dei RLS, le procedure formali per
l’identificazione dei pericoli, sia generici che specifici che riguardano le principali mansioni, sia i criteri per
una corretta valutazione sono indicati in maniera dettagliata e precisa. Sono chiaramente individuate le
responsabilità dell’attuazione delle procedure di valutazione, e di applicazione di protocolli di controllo della
sicurezza, nonché delle misure di miglioramento, ove siano state individuate situazioni migliorabili.

Valutazione rischi

Restano alcune situazioni non marginali, ripetute nel tempo, in cui la valutazione viene fatta dopo il
cambiamento di lay out o del metodo di lavoro, oppure dopo l’inserimento di macchinari nuovi, o peggio
perché sono individuate situazioni di rischio a seguito ad eventi che rasentano incidenti e/o infortuni. Queste
situazioni derivano, in apparenza, da una mancanza di comunicazione preventiva tra i vari enti aziendali che
con missioni diverse operano in azienda. Si nota da parte degli enti di produzione una parziale sottostima dei
problemi correlati alla sicurezza. Questa situazione indica che gli sforzi, profusi da Direzione Aziendale e RLS,
per la sensibilizzazione a tutti i livelli sugli argomenti della prevenzione, non ha ancora raggiunto tutti i livelli
aziendali e resta ancora molto da fare in questa direzione,incrementando soprattutto la formazione di
dirigenti e preposti . Il miglioramento generale della cultura della sicurezza, è nei fatti inferiore a quanto ci si
dovrebbe legittimamente aspettare. D’altro canto si rileva come fatto positivo il miglioramento negli ultimi
anni del processo di consultazione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza, sia preventivamente,
che in corso d’opera sui vari temi della Sicurezza e Prevenzione,formazione, infortuni e quasi infortuni.

12
Rischio Chimico
Impatto sulla salute

L’aggiornamento continuo della valutazione del rischio chimico viene da noi ritenuto fondamentale. In
un’azienda della Gomma plastica,i processi di lavoro e le sostanze impiegate negli stessi subiscono
continuamente modifiche, i RLS richiedono che la valutazione venga al più presto adeguata al D.Lgs. 81.
Per il quale il documento di valutazione del rischio chimico deve contenere le seguenti informazioni (art. 223
D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008):

1. Analisi del processo lavorativo e classificazione delle mansioni;


2. Identificazione degli agenti chimici pericolosi;
3. Proprietà pericolose degli agenti chimici identificati;
4. Informazioni sulla salute e sicurezza comunicate dal produttore o dal fornitore tramite la relativa scheda di
sicurezza predisposta ai sensi dei decreti legislativi 3 febbraio 1997, n. 52 e 16 luglio 1998, n. 285 e successive
modifiche; oppure, in alternativa, le informazioni ricavate dalla letteratura scientifica;
5. Il livello, il tipo e la durata dell’esposizione;
6. Le circostanze in cui è svolto il lavoro alla presenza di tali agenti, compresa la quantità degli stessi;
7. I valori limite di esposizione professionale o i valori limite biologici;
8. Gli effetti delle misure preventive e protettive adottate o da adottare;
9. Le eventuali azioni di sorveglianza sanitaria già intraprese;
10. la definizione del livello di rischio per ogni sostanza “irrilevante per la salute e basso per la sicurezza” o
meno secondo l’art. 224 del Nuovo Testo unico D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 (che nel D.Lgs. 626/1994 era
definito con il termine “moderato”).

13
Le misurazioni (es. campionamento ambientale) non dovrebbero avere un carattere sporadico ma essere
pianificate in base ai risultati della valutazione. I risultati delle ultime campionature ambientali (EUROLAB
s.r.l. del 2006), pur rassicuranti sotto il profilo del valore limite, mostrano che gli addetti sono sottoposti
quotidianamente a un mix di sostanze, di cui non si conoscono i livelli di esposizione personale e gli
eventuali effetti sinergici. La quantità delle sostanze utilizzate è certamente uno dei parametri rilevanti per
quantificare il rischio, tuttavia si deve tenere conto della reale quantità cui è esposto il lavoratore durante le
diverse operazioni, come ad esempio nel caso in cui una stessa sostanza si trovi in più preparati a diverse
concentrazioni. L’utilizzo di informazioni che arrivano direttamente dai gruppi omogenei (lavoratori che
essendo inseriti nello stesso ciclo produttivo, svolgono le stesse mansioni, e sono quindi presumibilmente
interessati dalle stesse tipologie di rischio) potrebbero migliorare l’efficacia delle misure di campionamento
ambientale e personale, potrebbe ad esempio, essere meglio individuata l’area dei campionamenti personali.

A questo scopo riportiamo nei grafici sottostanti alcune informazioni ricavate dalla mappa del rischio rls, già
consegnate all’ azienda,e rielaborate per una migliore comprensione.

14
Mappa rischio rls grafico impatto polveri di processo

70
Impatto nocivo polveri 63

60
53

50

40
poco +
31 31
molto ++
30
eccessivo +++
22

20 17
13 14 14
12 12

10 7 8 8
5 6
4 4
2
0 0 0 0
0
isola 10-20 isola 20-50 isola 60-80 REP MESCOLE rep 26 finitura mob pressatura
kassette buk

15
Mappa del rischio rls grafico impatto liquidi

80
74
impatto nocivo liquidi
70

60

50
43 44
41
poco +
40
35 molto ++
eccessivo +++
30 26

20 17 16 17

10
4 3 3 4
1 1 0 1
0
isola 10-20 isola 50-40 isola 60-80 REP MESCOLE rep 26 finitura mob pressatura
kassette buk

16
Mappa del rischio rls grafico impatto fumi

80
74
impatto nocivo fumi
70

60

50
44

poco +
40
molto ++
eccessivo +++
30 27

22
18 19
20 17 17 17
14

8 8 8 9 10 10
10
4 3
1 0
0
isola 10-20 isola 50-40 REP MESCOLE isola 60-80 rep 26 finitura mob pressatura
kassette buk

17
Tabella 1. Protocollo sanitario
Se il rischio chimico non e rilevante per la salute, sono necessarie tutele sanitarie e/o altre azioni correttive?

REPARTO: 28 TRATTAMENTO LAMIERE RISCHIO CHIMICO “RILEVANTE”


PROTOCOLLO SANITARIO: SPIROMETRIA CON CURVA F/V EMOCROMO + FORMULA + PIASTRINE TRANSAMINASI SGOT +
SGTP (Sr) ESAME URINE COMPLETO GAMMA GT (Sr) CREATININA (Ur) PRELIEVO VENOSO ACETONE (UR) dosaggio
quantitativo.

MESCOLE RISCHIO CHIMICO “ MODERATO” = irrilevante per la salute?


PROTOCOLLO SANITARIO PAP TEST URINARIO (semestrale.)
SPIROMETRIA CON CURVA F/V EMOCROMO + FORMULA + PIASTRINE ESAME URINE COMPLETO TRANSAMINASI SGOT +
SGTP (Sr) GAMMA GT (Sr) PRELIEVO VENOSO

84 C. QUALITA' (LABORATORIO) RISCHIO CHIMICO “ MODERATO” = irrilevante per la salute?


PROTOCOLLO SANITARIO PAP TEST URINARIO (semestrale.)
SPIROMETRIA CON CURVA F/V EMOCROMO + FORMULA + PIASTRINE ESAME URINE COMPLETO TRANSAMINASI SGOT +
SGTP (Sr) GAMMA GT (Sr)
84 SALA PROVE MESCOLE RISCHIO CHIMICO “ MODERATO” = irrilevante per la salute?
PROTOCOLLO SANITARIO PAP TEST URINARIO (semestrale) SPIROMETRIA CON CURVA F/V EMOCROMO + FORMULA +
PIASTRINE ESAME URINE COMPLETO TRANSAMINASI SGOT + SGTP (Sr) GAMMA GT (Sr).

RICEVIMENTO MERCI/SPEDIZIONI RISCHIO CHIMICO “ MODERATO” = irrilevante per la salute?


PROTOCOLLO SANITARIO PRELIEVO VENOSO EMOCROMO + FORMULA + PIASTRINE GAMMA GT (Sr) TRANSAMINASI SGOT +
SGTP (Sr) TRANSFERRINA CARBOIDRATO CARENTE
18
Conclusioni

la valutazione è stata usando un software messo a disposizione dalla regione Piemonte (Inforisk), il cui
principale limite a nostro parere e quello di tenere in maggior conto i prodotti utilizzati e le frasi di rischio
piuttosto che le sostanze che compongono i preparati, le loro concentrazioni i processi lavorativi e le
mansioni. La base per valutare il livello di rischio parrebbe essere le schede di sicurezza,(che andrebbero
attentamente verificate) la valutazione invece a nostro avviso dovrebbe partire recuperando dati certi per le
classificazioni delle sostanze utilizzate nei preparati (anche tramite le schede di sicurezza), focalizzando la
valutazione del rischio sul ciclo di lavoro e sulla mansione. Inoltre nell’espressione del giudizio finale sul
calcolo del livello di rischio, non si dovrebbe tenere conto delle misure specifiche di prevenzione e
protezione quali i DPI, la sorveglianza sanitaria e la formazione, che sono già azioni correttive.

Riteniamo che da parte dell’azienda ci sia una tendenza a sottostimare o minimizzare certi aspetti della
valutazione riducendoli a percezione soggettiva del rischio, tutelandosi nei casi dubbi inserendo alcuni
addetti nelle misure di prevenzione ad es. la sorveglianza sanitaria, come si può verificare dal protocollo
sanitario riportato in tabella1 . E positivo comunque che I risultati degli esami biologici effettuati nel corso
delle visite periodiche 2008, non evidenzino casi di rilievo o con relazioni evidenti alle mansioni svolte,
anche i casi di dermatite, anche questi a quanto pare, senza relazioni significative con l’ambiente di lavoro
sono diminuiti.

19
Impatto sulla sicurezza

Molto efficace ( sempre secondo le attuali conoscenze in materia dei RLS ) pare la valutazione aziendale sul
rischio sicurezza che tiene conto di valutazioni qualitative riguardanti la possibilità di generare nell’ambiente
di lavoro reazioni sfavorevoli e pericolose, che possono dare origine a incendi, esplosioni, sviluppo di calore
ecc.

Disturbi muscoloscheletrici

“Malattie e disturbi muscoloscheletrici (in sigla “DMS”) sono assai diffusi tra lavoratrici e lavoratori e
costituiscono una delle principali cause di assenza per malattia in molte attività. Quasi il 24% dei lavoratori
dell’Unione europea soffre di mal di schiena e il 22% lamenta dolori muscolari. Il 62% dei lavoratori svolge
operazioni ripetitive con le mani o le braccia per un quarto dell’orario di lavoro; il 46% lavora in posizioni
dolorose o stancanti; il 35% trasporta o movimenta carichi pesanti. In Italia, secondo alcune stime
epidemiologiche, almeno cinque milioni di lavoratori svolgono abitualmente attività lavorative che prevedono
movimentazione manuale di carichi. Fra questi lavoratori, i disturbi e le malattie acute e croniche della
schiena sono diffusi più che in altre collettività di lavoro. Nel periodo 2001- 2005 sono stati più di 2.500 i casi
di DMS mediamente denunciati ogni anno all’INAIL, con una netta tendenza alla crescita. Si tratta solo di una
porzione della realtà, poiché di queste patologie spesso non è valutata la correlazione con il lavoro ed esse
sono classificate come malattie comuni, non come malattie professionali da denunciare all’Istituto
assicuratore.

20
Grafico 1

Indicativi anche se di non facile interpretazione ci sembrano i risultati anonimi collettivi 2008 sui”disturbi
osteo articolari e della colonna”. Per una migliore interpretazione i rls hanno provato a elaborarli in forma
grafica:

SINDROMI OSTEOARTICOLARI E DELLA COLONNA


120 TOTALI 171 114

100

80

60

40

22 19
20
10
5
1
0
Sindromi dolorose Spalle - Cervicolbrachiagie indolenzimento della Lombalgie acute, Disturbi osteo-articolari- Sindromi canalicolari del
Gomito colonna dorso-lombare sciatalgie, lombosciatalgie tendinei della mano polso

21
Grafico 2

I dati forniti dal MC evidenziano una situazione ,a nostro parere seria, se si considera numero di lavoratori
visitati. Come evidenziato dal grafico, solo il 62% dei lavoratori non presenta sintomi o disturbi.

% Sindromi/ disturbi osteo articolari e della colonna 2008

SENZA DISTURBI SINDROMI DOLOROSE


62% SPALLE GOMITO
5%
Cervicolbrachiagie
4%

indolenzimento della
colonna dorso-lombare
26%

Sindromi canalicolari del polso


1%
Disturbi osteo-
articolari-tendinei Lombalgie acute, sciatalgie,
della mano lombosciatalgie
0% 2%
22
Grafico 3

Numero di lavoratori con disturbi su totali

171

SENZA DISTURBI
CON DISTURBI

279

23
Grafico 4

I reparti di pressatura
PRESSE PPL della PPL presentano un
SINDROMI DOLOROSE
discreto numero di
SPALLE /GOMITO patologie che hanno
7%
comportato assenze dal
CERVICOBRACHIALGIE lavoro. Sono presenti in
7%
questi reparti, lavoratrici
e lavoratori con
senza disturbi
43%
un’anzianità aziendale
tra i cinque e i
venticinque anni.

indolenzimento della
colonna dorso-
lombare
40%
Sindromi canalicolari
del polso
1%

Disturbi osteo- Lombalgie acute,


articolari-tendinei sciatalgie,
della mano lombosciatalgie
0% 2%

24
Grafico 5

rep 26 Decisamente peggiore la


situazione degli addetti
Moltorep.26,
del meglio la vàsituazione
tenuto in
delle mescole,
debito contoin questo
che il
Sindromi dolorose Spalle
-Gomito reparto, totalmente
19% reparto
composto è distato usato
addetti
come
maschi ilripiego
turnoverper molti
e molto
SENZA DISTURBI
26%
elevato, che
addetti l’età hanno
media forti
e
Sindromi piuttosto bassa.
canalicolari del Cervicolbrachiagie limitazioni ad altre
polso 14%
2% mansioni, l’età media è
Disturbi osteo-
No mutua
piuttosto alta, e che la
articolari-tendinei
della mano maggioranza degli addetti
0% indolenzimento della
colonna dorso-lombare è di sesso femminile.
Lombalgie acute, 32%
sciatalgie,
lombosciatalgie
7%

25
Nel rep. Mescole gli addetti tutti uomini sono generalmente soggetti ad un turnover elevato
Grafico 6

Mescole
Sindromi dolorose
Spalle -Gomito
Cervicolbrachiagie
5%
5%

indolenzimento della
SENZA DISTURBI colonna dorso-lombare
55% 35%

Lombalgie acute,
sciatalgie,
lombosciatalgie
Disturbi osteo- Sindromi canalicolari 0%
articolari-tendinei del polso
della mano 0%
0%
26
Grafico 7

Presse e Finiture Decisamente


Sindromi dolorose
LC, CASSETTE Spalle -Gomito
buona la situazione
1% in pressatura /
finiture LC.
Cervicolbrachiagie
0% Cassette,ma
indolenzimento della bisogna
colonna dorso-
lombare considerare che
No mutua 11% l’età media e la più
bassa dello
stabilimento di
SENZA DISTURBI
Lombalgie acute,
Luserna.
84%
sciatalgie,
lombosciatalgie
2%
Disturbi osteo-
articolari-tendinei
della mano
1%

Sindromi canalicolari del


polso
1%

27
Grafico 8

SENZA DISTURBI
22%
REP.84 QUALITA'
Sindromi dolorose Spalle -
Sindromi canalicolari del polso Gomito
4% 9%

Disturbi osteo-articolari-
tendinei della mano Cervicolbrachiagie
0% 4%

Lombalgie acute, sciatalgie,


lombosciatalgie
4%

indolenzimento della colonna


dorso-lombare
57%

Peggiore certamente la situazione nel rep. ottantaquattro.

28
Considerazioni
Tutte quelle evidenziate dal MC sono sindromi la cui origine lavorativa è di elevata probabilità. Microtraumi e
posture incongrue, dovute a scarse situazioni ergonomiche portano a danni a carico degli arti superiori e
della colonna per attività che eseguite con ritmi continui e ripetitivi per almeno metà del tempo lavorativo,
sono presenti in quasi tutte le aree aziendali.
I RLS evidenziano che su 450 dipendenti al momento delle visite 171 mostrano disturbi o patologie che
possono essere almeno in parte riferite a situazioni di lavoro, vanno evidenziati i seguenti fatti;NEI SEGUENTI
REPARTI
PRESSATURA PP
REPARTO ventisei
REPARTO ventuno
REPARTO ottantaquattro

Lavorano le lavoratrici e lavoratori più “anziani” sia in termini di anzianità aziendale, che di anzianità
anagrafica, quelli dunque più soggetti a problemi di usura fisica, le condizioni ergonomiche non sono a parere
degli scriventi le migliori possibili malgrado questo la valutazione del rischio aziendale indica un rischio
“ Basso” per quasi tutte le mansioni.
A nostro parere dopo una prima valutazione preventiva, che doveva fornire al MC. e basi per eseguire la
sorveglianza sanitaria, avrebbe dovuto essere eseguita una valutazione più dettagliata, che anche in base ai
dati anonimi collettivi e al tipo di sorveglianza sanitaria decisa dal MC, tenesse conto di tutti i fattori di
nocività, evidenziando le eventuali sinergie negative. Leggendo le singole parti della valutazione, non sono
indicate particolari situazioni di rischio,ma la lettura dei dati anonimi collettivi indica una situazione di altro
tipo. Nuovi dati che possono sicuramente contribuire a una migliore valutazione i rls li hanno forniti nella
mappa del rischio.
29
mappa del rischio rls 1

45 43 IMPATTO FATICA FISICA


42

40

35

30 27
25 lavoro poco
25 faticoso +

19 19 19 19
20 18
16
15 lavoro
14
15 discretamente
11 faticoso ++
10
9
10
6
5 lavoro molto faticoso
5 3 3
2 2 +++

0
ISOLA 60/80 ISOLA 40/50 ISOLA 10/ REP 26 REP FINITURA PRES. B.7 MOB
20 MESCOLE B.7

30
Mappa del rischio rls 2

IMPATTO CUBATURA E
60
SPAZIO
55

50

40 40
40

32

30 28 cubatura e spazio sufficienti +


25
cubatura e spazio insufficienti
21
20 ++
20 18
cubatura e spazio gravemete
insufficienti +++
12

10 8 8
6
5
3 3
1 1
0
0
ISOLA ISOLA ISOLA 10/ REP 26 REP FINITURA PRES. B.7 MOB
60/80 40/50 20 MESCOLE B.7

31
Questi due fattori nocivi, non possono naturalmente essere letti singolarmente, ma devono essere
confrontati con i dati anonimi collettivi, la valutazione sulla movimentazione manuale dei carichi, quella su
traino e spinta e quella sui movimenti manuali ripetuti. Il confronto continuo dei valori risultanti darà sia una
valutazione del rischio costantemente aggiornata, che un protocollo sanitario efficace sotto il profilo della
prevenzione e della giusta correlazione tra le disfunzioni riscontrate e l’ambiente di lavoro.

Indipendentemente da una correlazione con le attività lavorative, riteniamo che sia necessario fare delle
riflessioni di tipo tecnico/organizzativo sui significati di questi dati.

Un esempio: le assenze che questo tipo di patologie comporta,possono essere abbattute da modifiche dell’
ambiente di lavoro?

Movimenti manuali ripetuti

Mancando fino a pochi mesi fa una valutazione che non fosse basata su dati soggettivi, risulta evidente che il
protocollo sanitario e di conseguenza i dati anonimi collettivi, non possano che essere basati su dati parziali. A
oggi esiste una valutazione basata sulla Checklist OCRA, sulla quale i rls forniscono un primo parere iniziale,
sia quantitativo che qualitativo.

32
Rep ventisei postazioni valutate con Checklist OCRA

CHECKLIST- VALUTAZIONE DEL


MACCHINA MANSIONE LAVORI CON COMPITI CICLICI OK/KO
OCRA RISCHIO
MANSIONE
banco Montaggio molla + imballo
Addetto collaudo/finitura- NON  NON VALUTATA
generico (non oggettivato.)
CONSIDERATA
MANSIONE
Assemblaggio vils +
F 02 Addetta incollatrice NON  NON VALUTATA
deposito su carretto
CONSIDERATA
Montaggio molla + MANSIONE
oliatura+ ass. calzatore NON  NON VALUTATA
manuale + imballo CONSIDERATA
F 04 Addetto oliatrice
Montaggio molla +
oliatura+ ASS calzatore 
automatico + imballo.
MANSIONE
Montaggio molla + Pre-
NON  NON VALUTATA
lubrifica + imballo
CONSIDERATA
Montaggio molla + MANSIONE
F 05 Addetto prelubrificazione impilatrice + Pre-lubrifica + NON  NON VALUTATA
imballo CONSIDERATA
Montaggio molla + Pre- MANSIONE
lubrifica (i/e) + ASS NON  NON VALUTATA
calzatore + imballo. CONSIDERATA

33
Montaggio molla + Pre-
lubrifica (i/e) + ASS

calzatore con macchinetta
+ imballo.
Montaggio molla + MANSIONE
ascensore Pre-lubrifica NON  NON VALUTATA
+ass. calzatore + imballo. CONSIDERATA
F 07 
Rettifica + montaggio molla
F 08 Addetto rettifica 
+ imballo
F 09 
MANSIONE
Montaggio molla +
F.12 Addetto ingrasassatrice NON  NON VALUTATA
ingrassaggio + imballo
CONSIDERATA
MANSIONE
Montaggio molla + imballo
F.13 NON 
(non oggettivato.)
CONSIDERATA NON VALUTATA
Addetto collaudo/finitura- Montaggio molla +
F.14 su banco, con e senza impilatrice + imballo < 125 
impilatore mm
Montaggio molla +
F.15 impilatrice + imballo (con 
ascensore)
Montaggio molla

automatico + imballo
Addetto al montaggio
F.16/17 Montaggio molla
molla automatico
automatico + Dep in casse 
+ Pre-lubrifica + imballo.
34
Montaggio molla
automatico + Dep in casse

+ ASS calzatore
automatico + imballo.
Montaggio molla + Pre-
lubrifica aerografo + ASS 
calzatore + imballo.
Spazzolatura + montaggio
molla + pre--lub. aerografo

+ imballo in cassa
Addetto prelubrificazione
F.20/21 (oggettivato)
aerografo
Spazzolatura + montaggio
molla + prelub. aerografo + 
imballo scatola
spazzolatura + montaggio
molla + prelub. aerografo + 
marcatura + imballo

Indipendentemente dal valore finale della valutazione, che non prendiamo in questo momento in
considerazione, i rls rilevano come la stessa si assai incompleta, mancano nella valutazione della finitura PPL,
molte lavorazioni, che hanno sicuramente un forte impatto sugli arti superiori.

35
Conteggio tempo di lavoro e pause
La valutazione indica per quest’area un tempo di lavoro effettivo di 372¹, facendo un conteggio molto
semplice (orario 6 x 6 x 3) = 390¹ tempo di presenza -18¹ pausa = 372¹ di lavoro effettivo, la pausa a sua volta
viene divisa in due pause da 9¹ e posizionata in maniera favorevole, tra la seconda e la terza una tra la quarta
ora e la quinta ora
Minuti considerati dalla
Tabella 2. valutazione

ORARIO CONSIDERATO 390-18= 372


1 2 3 4 5 6 1/2
60 60 60 60 60 60 30 390
9 9 372

questo secondo noi non è corretto. A tutti gli effetti la pausa di 18¹ e compresa all’ interno del ciclo di lavoro,e
fa parte in effetti dei fattori di riposo del ciclo stesso,la valutazione non considera che in questo reparto e in
vigore un regime di cottimo, e che quindi gli addetti non sottraggono i minuti di pausa dal conteggio totale
dei minuti di presenza. In teoria l’unico tempo che si sottrae dai minuti di presenza sono i 10¹ dedicati alla
compilazione bolla di lavorazione.

36
Tabella 3 Minuti reali di
ORARIO reale prestazione
1 2 3 4 5 6 1/2
60 60 60 60 60 60 30 390 390-10= 380
10 380

Per assurdo un addetto, potrebbe non fare mai un minuto di pausa, perché la stessa è contenuta nel ciclo di
lavoro.

Un esempio su orario 6 x 6 x 3:Tabella 4 Minuti di


prestazione in
base al pdl
1 h/reale Pdl Divisore %Rend/ teorica H/presenza Pezzi ora Pezzi / giorno Minuti lavorati Minuti reali %Rend/ reale
60 11,237 7200 120 6,5 640,7404111 4164,812672 468 380 1,231578947
7260 121 6,5 646,0799146 4199,519445 471,9 380 1,241842105
7320 122 6,5 651,419418 4234,226217 475,8 380 1,252105263
7380 123 6,5 656,7589214 4268,932989 479,7 380 1,262368421
7440 124 6,5 662,0984248 4303,639762 483,6 380 1,272631579
7500 125 6,5 667,4379283 4338,346534 487,5 380 1,282894737
7560 126 6,5 672,7774317 4373,053306 491,4 380 1,293157895
7620 127 6,5 678,1169351 4407,760078 495,3 380 1,303421053 Minuti di
7680 128 6,5 683,4564386 4442,466851 499,2 380 1,313684211
presenza
Tempo 7740 129 6,5 688,795942 4477,173623 503,1 380 1,323947368
effettiva
assegnato per 7800 130 6,5 694,1354454 4511,880395 507 380 1,334210526
100 pezzi 7860 131 6,5 699,4749488 4546,587167 510,9 380 1,344473684
7920 132 6,5 704,8144523 4581,29394 514,8 380 1,354736842

37
Considerazioni
Il cottimo vanifica l’efficacia della pausa, perché al ritorno l’addetto deve comunque recuperare il tempo
perduto, per dare la prestazione prevista dalle tabelle. E in ogni caso se l’addetto rallenta la produzione, i
minuti effettivamente lavorati saranno sempre maggiori dei minuti di presenza.

Gli stessi criteri valgono a nostro modo di vedere anche per la finitura LC cassette, con l’aggravante che non
compilando una bolla di lavoro, gli addetti lavorano, in effetti, tutti i 390¹ in caso di 6 x6 x 3 o 360¹ nel caso di
4 turni. Non ci sono inoltre tracce di applicazione di fattori aggravanti come l’utilizzo dei guanti che in questa
area sono DPI obbligatori

Per le posizioni di pressatura le cose stanno in modo leggermente diverso, non essendo il singolo addetto
legato direttamente a elementi di cottimo.

Le presse automatiche però almeno in linea teorica, non si fermano mai, quindi l’addetto che si reca in pausa
pur lasciando una situazione ottimale (cassetti vuoti), torna con una situazione di cassetti pieni ed è quindi
obbligato ad aumentare la frequenza dei gesti per riportarsi in pari. Anche in questo caso la pausa, o per
meglio dire i fattori di riposo inseriti all’interno del ciclo lavorativo, non sono una vera pausa, perché non
sono detratti dai minuti di effettiva prestazione dell’addetto.

I 18¹ indicati come pausa , altro non sono che i fattori di riposo inseriti all’ interno dei cicli di lavoro,
condensati in una,due o più pause, e non una interruzione vera della attività lavorativa, facciamo due esempi
utilizzando due metodologie di lavoro conosciute;tutte e due sono lavori in linea ,nel primo esempio gli
addetti, lavoratori di una azienda alimentare disossano del pollame che scorre su di un nastro; ad orari
38
prefissati suona una campanella il nastro si ferma gli addetti vanno in pausa. Al ritorno dalla pausa non ci
sono pezzi da recuperare.

Nel secondo esempio gli addetti di una azienda metalmeccanica, lavorano su di una catena di montaggio, con
orari stabiliti in anticipo un altro addetto sostituisce chi và in pausa senza fermare la linea. In entrambi i casi
non esiste il cottimo, entrambe le condizioni sono molto differenti dalla nostra realtà lavorativa. Riteniamo
che la valutazione, che l’azienda sta comunque ripetendo utilizzando questa volta figure interne che
conoscono bene i processi di produzione e la durata reale della prestazione lavorativa, debba tenere conto di
tutti i fattori aggravanti.

A nostro giudizio la Checklist OCRA, pur essendo un valido strumento,per essere applicata con efficacia,
deve essere adattata alla nostra specifica realtà produttiva e organizzativa.

39
Andamento degli infortuni
Come indicato nel grafico dopo un picco di eventi nel 2004 , gli infortuni sono andati nettamente in calo
segno questo che le iniziative messe in campo da azienda e RLS hanno dato i risultati auspicati. La situazione
pure se oltre le più ottimistiche previsioni, non deve farci abbassare la guardia,statisticamente l’infortunio
resta un evento imprevedibile.

Grafico infortuni

Nr infortuni x anno

27

23
22
21
20

16 16
14

8
6
4

1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009

40
Idoneità con limitazioni
I casi di idoneità con limitazioni,sono numerosi,soprattutto all’interno del rep. Ventisei, la gestione quotidiana
di questi addetti andrebbe sempre concordata tra il datore di lavoro, il MC. Il preposto e lo stesso lavoratore.
Per valutare, all'interno dei compiti previsti dalla mansione, quello che effettivamente il lavoratore è in grado
di svolgere, e necessario che il MC. oltre ad stabilire il tipo di limitazione, visiti le postazioni di lavoro, per
valutare il tipo di lavorazioni che l’addetto e in grado di svolgere dando a chi gestisce quotidianamente il
reparto le necessarie indicazioni operative.

Cambio lay out reparto ventisei

Per diverse motivazioni è in corso un progetto di rivisitazione del lay out del rep finitura della PPL, questa a
nostro parere e la migliore occasione per riprogettare le postazioni di lavoro secondo criteri ergonomici, che
tengano conto dei problemi di idoneità con limitazione presenti in questo reparto,a questo scopo i RLS
ritengono fondamentale il coinvolgimento del MC. e dei lavoratori del reparto su questo progetto,in maniera
che ogni postazione di lavoro possa essere adatta e utilizzata anche dagli addetti con limitazione.
Su questo i RLS hanno elaborato alcune proposte già anticipate ai responsabili di produzione e a quanti si
occupano direttamente di riprogettare il reparto riportiamo alcuni esempi:

41
figura 1

42
figura 2

43
figura 3

44
figura 4

45
figura 5

46
Malattie professionali

Riportiamo alcuni interessanti dati per aprire nel prossimo futuro un confronto con MC. e Azienda

Il sito dell’ Inail riporta quanto segue


La situazione nazionale indica in un +11% le malattie professionali in Italia
”Sono quasi 30mila (per l'esattezza 29.704) le denunce di malattie professionali pervenute all'INAIL nell'anno
2008 per il riconoscimento e l'eventuale indennizzo di una patologia insorta durante l'attività lavorativa. Si
tratta di circa 1.000 denunce in più (3,2%) rispetto all'anno 2007 che aveva registrato a sua volta un aumento
di ben 2mila casi (+7,4%) in confronto con il 2006. Nel giro degli ultimi due anni, dunque, le patologie
denunciate all'INAIL sono cresciute di ben 3mila casi, vale a dire di 11 punti percentuali. Un incremento
verosimilmente dovuto all'emersione del fenomeno e alla maggiore sensibilità verso un problema troppo
spesso sottovalutato piuttosto che a un peggioramento delle condizioni di salubrità negli ambienti di lavoro.
La maggior parte delle malattie professionali denunciate nel 2008 riguardano l'Industria e i Servizi, gestione
che da sola assomma il 93% dei casi di tecnopatia. In particolare sono 27.539 le patologie denunciate
nell'Industria e Servizi”.

47
TAV. 4b - Malattie professionali denunciate negli anni 2004-2008 principali tipi di malattia
GESTIONE INDUSTRIA E SERVIZI
Tipo di malattia (codice A) 2004 2005 2006 2007 2008

Malattie tabellate 5.309 4.579 4.326 4.178 3.593


di cui:
50-Ipoacusia e sordità 1.962 1.332 1.277 1.155 884
56-Neoplasie da asbesto 751 833 893 870 809
91-Asbestosi 554 619 564 614 556
90-Silicosi 360 313 326 269 286
42-Malattie cutanee 577 454 332 304 239
52- Malattie osteoarticolari 203 181 210 222 137
40-Asma bronchiale 188 150 109 109 92
43-Pneumoconiosi da silicati 87 76 90 102 80

Malattie non tabellate 19.327 19.979 20.051 21.039 21.002


di cui:
Ipoacusia 5.239 5.373 4.837 4.808 4.533
Tendiniti 1.850 2.374 2.823 3.430 3.883
Affezioni dei dischi intervertebrali 1.550 2.096 2.595 2.870 3.371
Artrosi 1.144 1.395 1.452 1.725 1.717
Malattie dell'apparato respiratorio 1.576 1.805 1.623 1.679 1.579
Sindrome del tunnel carpale 1.212 1.393 1.537 1.317 1.326
Altre neuropatie periferiche 558 743 839 908 934
Tumori 735 963 903 960 892
Disturbi psichici lavoro-correlati 485 511 486 505 429
Dermatite da contatto 338 422 409 329 292

Indeterminate 599 553 645 1.526 2.944

Totale Industria e Servizi 25.235 25.111 25.022 26.743 27.539

48
Riportiamo alcune frasi dal testo della relazione predisposta dall'INCA nazionale per il Congresso della SIMLII.

“Si è così colta l'occasione per portare avanti il discorso iniziato negli ultimi due congressi e dunque dopo il
ruolo o per meglio dire la responsabilità dei medici competenti nella sottostima delle malattie professionali è
parso importante stigmatizzare la posizione presente nella medicina del lavoro italiana (posizione portata
avanti dal gruppo torinese) della diagnosi perfetta e dunque delle sole patologie ad altissima specificità
nosologica.

Si tratta di posizioni che hanno certamente una ricaduta pesante sull'emersione delle malattie professionali
ed anche sul nesso di causalità fra patologia e lavoro ma che sopratutto possono portare ad un
indebolimento delle misure preventive.”

RLS FILCEM

49