Sei sulla pagina 1di 40

Ordine Geologi della Calabria

SEMINARIO
CONCESSIONI DI DERIVAZIONE DI ACQUE
PUBBLICHE: ASPETTI TECNICI E NORMATIVI
Derivazione a re!e iri"a #$%er&i"ia'e
e e&'$##o (ini(o vi!a'e )DMV*
Venerd 9 maggio 2008 - Sala Congressi Hotel Eurolido - Falerna (CZ
Ing. Dario Tricoli
PON ATAS Difesa Suolo - MATTM
c/o Autorit di Bacino Calabria
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
+
!e"lusso #inimo Vitale (!#V
de"ini$ione
Il Deflusso Mini!o "itale #DM"$ % la &ortata istantanea da
deter!inare in ogni tratto o!ogeneo del corso d'ac(ua) c*e
de+e garantire la sal+aguardia delle caratteristic*e fisic*e del
cor&o idrico) c*i!ico-fisic*e delle ac(ue nonc*, il
!anteni!ento delle biocenosi ti&ic*e delle condi-ioni naturali
locali..
dal Decreto 28 luglio 2004 - Ministero dell'Ambiente e della
Tutela del Territorio. Linee guida per la predisposizione del
bilancio idrico di bacino, comprensie dei criteri per il
censimento delle utilizzazioni in atto e per la de!inizione del
minimo de!lusso itale, di cui all'articolo 22, comma 4, del
decreto legislatio "" maggio "###, n. "$2.

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
,
%er sal%aguardia delle &aratteristi&'e del &orso d(a&)ua si intende
il mantenimento delle sue tendenze eolutie naturali &mor!ologic'e
ed idrologic'e(, anc'e in presenza delle ariazioni arti!icialmente
indotte nel tirante idrico, nella portata e nel trasporto solido.
%er sal%aguardia delle &aratteristi&'e &'imi&'o-"isi&'e delle ac)ue
dee intendersi il mantenimento, nel tempo, dello stato di )ualit
delle ac)ue, in linea con il perseguimento degli obiettii di )ualit*
preisti dagli artt. 4, $ e + del D.Lgs. "$2,## e s.m.i. e della naturale
capacit* di autodepurazione del corso d'ac)ua.
%er sal%aguardia delle bio&enosi ti*i&'e delle &ondi$ioni naturali -
da intendersi il mantenimento, nel tempo, delle comunit*
caratteristic'e dell'area di ri!erimento, prendendo in considerazione
anc'e i diersi stadi itali di ciascuna specie.
&dal Decreto 28 luglio 2004 MATT(

!e"lusso #inimo Vitale (!#V
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
-
le caratteristic'e mor!ologic'e, geologic'e, idrogeologic'e,
climatic'e e idrologic'e del bacino idrogra!ico.
il regime dei de!lussi naturali e la relatia caratterizzazione
statistica &alori medi, massimi, minimi, cure di durata,
deiazione standard, ecc.(.
i parametri geometrici dell'aleo &!orma e dimensioni della
sezione, pendenza del !ondo, granulometria dei sedimenti,
ecc.(.
i parametri idraulici della corrente/ elocit*, altezza idrica,
trasporti solido, scala di de!lusso.

!e"lusso #inimo Vitale (!#V
+uadro &onos&iti%o , - *arte
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
.
i parametri c'imico-!isici, indicati nell'allegato " del D.Lgs.
"$2,## e s.m.i., c'e identi!icano lo stato di )ualit* delle ac)ue.
i parametri biologici/ 0.1.2., carica microbica totale e esc'eric'ia
coli, !lora e !auna ac)uatica e, oe si eidenziano zone ad
eleato pregio naturalistico, anc'e !lora e !auna ripariale.
l'indice di !unzionalit* !luiale &033(.
la presenza di aree a speci!ica tutela.
i preliei e le immissioni di ac)ua, le relatie portate e
caratteristic'e !isico-c'imic'e e la loro ariabilit*.

!e"lusso #inimo Vitale (!#V
+uadro &onos&iti%o , -- *arte
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
/
Valuta$ione !#V
*rin&i*ali metodologie
metodi regionali/

metodi con ariabili mor!ologic'e

metodi con ariabili idrologic'e semplici

metodi con ariabili idrologic'e e mor!ologic'e

metodi con ariabili statistic'e


metodi sperimentali/

semplici

complessi
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
0
Valuta$ione !#V
metodi regionali
- metodi con variabili morfologiche: questi metodi sono basati sulla definizione di un
"contributo specifico" (portata per unit di superficie); la variabile indipendente la sola
superficie del bacino. pesso! per la massima semplificazione! il valore del contributo
unitario minimo assunto costante in un ambito territoriale abbastanza esteso; data per
l"impossibilit di rappresentare in tal modo talune situazioni particolari! sono stati
introdotti vari fattori correttivi;
- metodi con variabili idrologiche semplici: in questi metodi la portata minima vitale
funzione - di solito mediante leggi di diretta proporzionalit - di alcuni valori
caratteristici del deflusso nella sezione considerata (per esempio: della portata media
mensile! portata media annua! ecc.);
- metodi con variabili idrologiche e morfologiche: questi metodi esprimono una equazione
di regressione tra la portata minima vitale ed alcune variabili idrologiche e morfologiche
del bacino! come ad esempio la portata media;
- metodi con variabili statistiche: sono i metodi basati sull"individuazione di particolari
valori di frequenza o di durata dei deflussi. #n esempio semplice quello basato sulla
minima portata media di $ giorni (media mobile) con tempo di ritorno %& anni ('$!%&);
altri sono basati sulla portata media giornaliera di durata (() giorni in un anno ('(())
ovvero! come prevede la normativa svizzera! su una funzione della portata di durata (*$
giorni ('(*$).

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
1
Valuta$ione !#V
metodi s*erimentali
- metodi sperimentali semplici, in cui il DM4 - correlato al
contorno bagnato o alla larg'ezza della sezione utile per lo
siluppo della specie considerata, assumendo un criterio
semplice per alutare l'idoneit5* di alcuni parametri ambientali.
- metodi sperimentali complessi, nei )uali si utilizzano particolari
cure continue per alutare gli ambiti di idoneit* dei parametri
ambientali. per esempio, con il modo dei 6micro'abitat6, iene
determinata una cura c'e correla l'area disponibile ponderata
&!unzione della portata media, della elocit* media e della
natura del substrato( alla portata del corso d'ac)ua. in
corrispondenza del massimo di tale cura si pu7 indiiduare il
alore ottimale del D4M.

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
2
Valuta$ione !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
28092:;A D0 <08%=:D2<2 ALLA <0>?028TA D0 %A<2<2
SULLE CONCESSIONI DI DERIVAZIONE E UTILIZZAZIONE
DI ACQUE SUPERFICIALI E SOTTERRANEE
A0 82:80 DEL D.LGS. 152/2006, ART. 96, COMMA 1
- delibera n. "@ del "A,0A,200A del >omitato 0stituzionale
dell'Autorit* di 1acino <egionale/ 6>riterio per la de!inizione del
de!lusso minimo itale &DM4( dei corsi d'ac)ua interessati da
deriazioni, in attesa dell'approazione del piano di tutela delle
ac)ue6.
M2T=D= 1A8AT= 8B 4A<0A10L0
M=<3=L=90>?2 2D AM102:TAL0

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
34
Valuta$ione !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
DMV = Z + Md
DMV = deflusso minimo vitale (l/s)
Z = termine fisso (l/s)
Md = modulazione della portata (l/s), variabile
in funzione della portata in arrivo da monte
Md = (Qarrivo Z) / 1

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
33
Valuta$ione !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
Z (termine fisso)
Z = ! " # " $ " D " % " & " ' " ( (l/s)
! = )uperfi*ie del ba*ino idro+rafi*o sotteso
# = ,ilas*io spe*ifi*o
$ = -re*ipitazioni
D = !ltitudine
% = -ermeabilit.
& = Qualit. biolo+i*a del *orso d/a*0ua
' = 1aturalit.
( = 2un+3ezza *aptazione

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
3+
Valuta$ione !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
! = )uperfi*ie del ba*ino idro+rafi*o sotteso
dall/opera di derivazione (4m
5
) sino alla linea dello
spartia*0ue, *omprendente le aree +i. interessate da
derivazioni esistenti a monte della *aptazione
prevista6
# = ,ilas*io spe*ifi*o7 fattore fisso pari a 1,8
(l/s/4m0)6

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
3,
Valuta$ione !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
$ = -re*ipitazioni7 fattore *ompreso fra 1, e 1,5 e
relativo alle pre*ipitazioni medie annue nel ba*ino
sotteso alla derivazione, ri*avato dalla se+uente
tabella9

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
3-
Valuta$ione !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
D = !ltitudine7 fattore *ompreso tra 1, e 1,5 relativo
all/altitudine media del ba*ino sotteso alla
derivazione, ri*avato dalla se+uente tabella9

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
3.
Valuta$ione !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
% = permeabilit.7 fattore *ompreso tra 1, e 1,5,
relativo alla permeabilit. media dei terreni
*ostituenti il ba*ino, ri*avato dalla se+uente tabella9

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
3/
Valuta$ione !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
& = Qualit. biolo+i*a del *orso d/a*0ua7 fattore *ompreso
tra 1, e 1,5, relativo alla *lassifi*azione dello stato
e*olo+i*o nel tratto *onsiderato, *os: *ome ottenuto
in*ro*iando il dato risultante dai ma*rodes*rittori *on il
risultato dell/;#% (rif9to tab9 < del D92+s9 n9 1=5/>>),
ri*avato dalla se+uente tabella9
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
30
Valuta$ione !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
' = 1aturalit.7 fattore *ompreso tra 1, e 1,5,
valutato in relazione alle vo*azione naturale del
territorio, alla presenza di aree protette ed all?uso del
suolo prevalente all?interno del ba*ino *onsiderato,
ri*avato dalla se+uente tabella9

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
31
Valuta$ione !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
( = 2un+3ezza *aptazione7 fattore definito dalla
formula
( = 1 + (D " 95=)
dove, nel *aso di prelievi a fini idroelettri*i, D @ la
distanza in 4m misurata lun+o il *orso d/a*0ua tra
l/opera di presa e il punto di restituzione6 nel *aso di
prelievi *3e non prevedano restituzione ( vale 1959

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
32
-erimetrazione ba*ino torrente !lessi $arto+rafia ;'M s*ala 175=9
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
+4
-erimetrazione ba*ino torrente !lessi Aso del suolo ($orine 2and $over)
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
+3
Valuta$ione !#V1 metodo .utorit/ di 0a&ino della Calabria
+ $$ ,mq superficie bacino
- %..& l/s/,mq fattore fisso
0 %.1 fattore relativo alle precipitazioni medie annue nel bacino
2 %.1 fattore relativo all"altitudine media del bacino
3 %.&
4 %.% fattore relativo alla qualit biologica del corso d"acqua
5 %.%
6 %.1
1.&7 0 8 2 8 3 8 4 8 5 8 6
9/ (.() l/s/,mq
9 1)$..& l/s
fattore relativo alla permeabilit media dei terreni
costituenti il bacino
fattore relativo alle vocazioni naturali del territorio e alla
distribuzione delle aree protette
%:(2;&.&1)) con 2 < distanza in ,m tra opera di presa e
punto di rest=tuzione
>+0=?+ a @ivioto
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
++
A::= M2D0=
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
+,
%eri"i&a
metodo *er
%aluta$ione
!#V
.utorit/ di
0a&ino della
Calabria
Sta$ione
-drometri&'e
esaminate
-
da .nnali
-drologi&i
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
+-
%eri"i&a metodo !#V .utorit/ di 0a&ino della Calabria
"00 200 @00 400 $00 +00 A00 800 #00 "000 ""00
0
2
4
+
8
"0
"2
"4
8tazione 0drometric'e
esaminate
:. 1A>0:0
>A>+B3 1. -+0=?= 0A?=23@+>=
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
+.
-;0;2;3;4;5;6 2CD E 2CD # 234. >A>.
11.* %1.% $.% (.( &.%7
%..$ 7.% *.. (.( &.1%
%%.( (.& &.$ (.% 1$( &.1(
%&.( (.1 &.( (.* 1$& &.17
1%.& %&.) ).1 (.( &.1&
%7.1 F.1 (.F (.% &.11
%..& *.7 %.1 (.F 177 &.1*
%%.* (.& - (.% 1$* &.1*
$.$ 1.) &.* (.% 1)1 &.1.
7.$ (.* %.% (.( 1$$ &.1*
F.% (.F &.F 1.F (&& &.(%
%F.* %1.) (.F (.* &.1)
%1.$ *.( &.. (.* 17* &.1.
11.$ 7.F 1.F (.$ (*) &.1%
%1.& *.* %.. (.* (&* &.1)
%(.$ $.* *.& (.( &.1*
1(.) %$.7 %&.$ (.$ &.1&
%*.& ..$ (.1 (.( ()% &.1(
17.$ %*.) $.( (.$ &.%$
%).& $.( 1.( (.* ((F &.1.
%(.* ).) %.* (.* (%. &.1$
1).) %(.1 ..% (.$ &.%7
11.% %1.( ).F (.$ &.%7
%).) $.$ (.& (.$ (*( &.1(
%7.7 %%.$ $.* (.( &.1%
%1.) $.& (.. (.% &.1*
'
%F1
spec. '
1$*
spec. '
())
spec.
+B+0A a %irrella
+BB= a =rso
+C+>A a Marino
+C+>A a Licciardi
+?0=?+B3 a <azzona
+?5=>AB+ a Monte Marello
+??#?9=+>+ a 8traorino
+= a 1otteria
0+@3@= a 1osco
0A@+03 a 9rascio
0A@=5B=+?3>A a >origliano
0A0=B3 a >amerata
0@+>= a >onca
2#D3@A a 8. 9iorgia
3+@A a La Musica
5+@5+ a Torre 9arga
B+A a %i- di 1orgo
B33 a 8c'iena d'Asino
C3>@+CA a >astagnara
C3>@+CA a >armine
C#0A?3 a Luzzi
?A03 a La >alda
?A03 a Le 3ornaci
+D#>A a %onte 8auto
>+0=?+ a <iioto
>+0=?+ a 8errarossa
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
+/
%eri"i&a metodo !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
>A>+B3 1. -+0=?= 0A?=23@+>=
9 G '
())
%1 -+0=?=
9 H '
())
%* -+0=?= '
1)1
G 9 G '
(*)
2CD # 234B#A >A>+B3 < 1(E (%$-(%E)
valore medio
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
+0
!iretti%a !#V1 &on"orma$ione o*era di *resa

2/opera di presa deve essere pro+ettata e realizzata in maniera *3e


la derivazione +arantis*a prioritariamente il rilas*io del DMV nel
*orso d/a*0ua mediante opportuno dimensionamento della so+lia
sfiorante9

%/ fatto obbli+o di dotare l/opera di presa di idoneo passa++io


artifi*iale della fauna itti*a ai sensi della normativa vi+ente9 Bale
passa++io dovr. essere ese+uito *on le tipolo+ie realizzative piC
idonee a +arantire la funzionalit. e il *ontenimento de+li impatti
visivi e, inoltre, attraverso detto passa++io dovr. transitare l/intero
DMV *al*olato9

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
+1
!iretti%a !#V1 monitoraggi
QA!1B;B!B;V;
(all/art9 55, *omma D del D92+s9 1=5/1>>> e s9m9i9 e del D9M9 5< lu+lio 5E del
Ministero dell/!mbiente, e ora dall/art9 >=, *omma D del D92+s9 1=5/58)6
portata prelevata6
portata restituita6
portata rilas*iata (DMV)
QA!2;B!B;V;
!l fine di +arantire la 0ualit. *omplessiva del *orso d/a*0ua e per
verifi*are la *on+ruit. del DMV *al*olato, nel tratto *ompreso fra
l/opera di presa e il punto di restituzione dovranno disporsi *ontrolli
ambientali sulla 0ualit. biolo+i*a9 1el *aso *3e il prelievo abbia
alterato l/;#% preesistente, si dovr. provvedere a eventuali
in*rementi del DMV *al*olato9

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
+2
Valuta$ione !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
-er derivazioni di a*0ue superfi*iali a fini diversi da 0uelli irri+ui,
fatto salvo l?uso idropotabile e le derivazioni in essere, si dispone
*3e siano da *onsiderarsi indisponibili per nuovi impianti, o
limitatamente disponibili (DMV da valutare *aso per *aso), i tratti di
*orso d?a*0ua *ollo*ati immediatamente a monte del punto di
derivazione e immediatamente a valle del punto di restituzione di
una derivazione non irri+ua in essere per una lun+3ezza da valutare
spe*ifi*atamente per *ias*un pro+etto9 2/!utorit. di #a*ino potr.
*omun0ue definire dei *riteri di limitazione della densit. delle
derivazioni sullo stesso *orso d/a*0ua sulla base dell/a++iornamento
del 0uadro *onos*itivo9

Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
,4
&iume !mato F ;ndividuazione ri*3ieste di *on*essione da )istema ;nformativo Berritoriale
!utorit. di #a*ino della $alabria
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
,3
)$(%M! D; G-%,! D; D%,;V!Z;G1%
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
,+
)$(%M! D; G-%,! D;
D%,;V!Z;G1%
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
,,
)$(%M! D; G-%,! D;
D%,;V!Z;G1%
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
,-
)$(%M! D; G-%,! D;
D%,;V!Z;G1%
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
,.
)$(%M! D; G-%,! D;
D%,;V!Z;G1%
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
,/
Valuta$ione !#V
.utorit/ di 0a&ino della Calabria
1ei soli *asi di7
derivazioni per le 0uali pur essendo state +i. realizzate opere, a
norma dell/art9 1D del ,D 1HH=/1>DD, non risulta formalizzato l/atto
di *on*essione6
*on*essioni +i. in atto *3e, a norma dell/art9 >=, *omma E del D92+s9
1=5/58, devono essere re+olate dall/autorit. *on*edente al fine di
prevedere rilasci volti a garantire il minimo deflusso vitale nei
corpi idrici9
al fine di limitare l/impatto su utilizzazioni +i. esistenti e su realt.
produttive ad esse *onnesse e solo fino all/adozione del -iano di
Butela delle !*0ue
il DMV sar. pari ad 1/D del valore di portata risultante
dall/appli*azione del *riterio sopra illustrato9
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
,0
Valuta$ione !#V
2relie%o da sorgente
;n0uadramento *oro+rafi*o in s*ala 1719 o 175=9, *on perimetrazione
del ba*ino idro+eolo+i*o di interesse,
;ndi*azione univo*a delle *oordinate ABM o 'aussF#oa+a delle opere di presa e
di eventuale restituzione
Bipolo+ia d/uso e +iustifi*azione 0uantitativi ri*3iesti in funzione dei
fabbiso+ni da soddisfare
studio idro+eolo+i*o di detta+lio *on indi*azione del re+ime delle portate, della
portata minima e massima della sor+ente9
Valutazione del DMV da rilas*iare a valle dell/opera di presa sulla base dei
*riteri indi*ati dall/!utorit. di #a*ino
Detta+liata des*rizione delle opere di *aptazione e di eventuale restituzione
*on parti*olare riferimento alle parti volte a +arantire il rilas*io del DMV,
;nformazioni su altre opere di *aptazione di sor+enti e/o pozzi di emun+imento
non*3I di opere derivazione di a*0ue superfi*iali nella zona
Des*rizione de+li strumenti di misurazione e monitora++io delle portate di
prelievo o++etto di domanda
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
,1
Valuta$ione !#V
2relie%o da sorgente
1el *aso di derivazione mediante *aptazione di sor+enti naturali,
si deve prevedere un rilas*io pari ad almeno un terzo della portata
minima *ontinua, 0ualora 0uesta sia superiore a 1 (uno) l/s9
>A%TA;0=:2 8=<92:T2
%A<T0T=<2 %2< <0LA8>0= DM4
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
,2
O*era di *resa - 2roblemati&a del tras*orto solido
nel caso in cui il volume del materiale sedimentabile a monte
della traversa costituisca una porzione rilevante del trasporto
medio annuo occorre predisporre un adeguato piano di
manutenzione della traversa che preveda il rilascio a valle del
materiale litoide sedimentato in corrispondenza della traversa
previo verifica della qualit del materiale
Ing. Dario Tricoli Ordine Geologi Calabria - Falerna 09/05/2008
-4
Derivazione a re!e iri"a #$%er&i"ia'e
e e&'$##o (ini(o vi!a'e )DMV*
;l *riterio per il *al*olo del DMV proposto dall?!#, @ si*uramente un
*riterio provvisorio, sus*ettibile di a++iornamenti e mi+lioramenti7
;) redazione di spe*ifi*3e te*ni*3e su *ome devono essere eseuiti i
monitora++i 0ualitativi e 0uantitativi previsti dalle direttive !#,6
;;) affinamento di al*uni parametri della formula in funzione di una
analisi re+ionale dei deflussi medi6
;;;) imposizione di limitazioni ai prelievi (valori superiori di DMV e tratti
indisponibili) 0uando piC utilizzazioni si susse+uono nello stesso tratto
fluviale6
;V) il metodo di *al*olo del DMV deve tener *onto del bilan*io idri*o
(bilan*io idrolo+i*o + prelievi in atto e/o previsti)6
V) il rilas*io del DMV serve an*3e per *onsentire un mi+lioramento della
0ualit. delle a*0ue +arantendo il potere autodepurativo del *orso
d?a*0ua9