Sei sulla pagina 1di 7

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO MOVIMENTO 5 STELLE CREVALCORE

PREMESSA Obiettivo primario del Movimento 5 Stelle il cambiamento del concetto attuale di politica perch sia al centro dellattenzione il cittadino ed il rispetto delle sue necessit primarie in un contesto di sviluppo sostenibile attento alle esigenze attuali e delle generazioni future. Occorre avvicinare le persone alla cosa pubblica ! invitandole a partecipare perch ci" che pubblico riguarda tutti noi e! ancor di pi#! i nostri figli. Oltre ai candidati presenti nella lista! il gruppo Movimento 5 Stelle di $revalcore pu" contare su altri cittadini nonch su comitati di cittadini che contribuiscono attivamente alle decisioni! partecipando alle riunioni periodiche. %ualsiasi cittadino pu" entrare a farne parte e cominciare cos& ad occuparsi personalmente di ci" che accade nel proprio territorio. 'a nostra idea di (emocrazia si basa sullutilizzo del portavoce. %ualora almeno uno dei nostri candidati venga eletto nel $onsiglio $omunale egli diventer il portavoce del Movimento 5 Stelle di $revalcore e sar un dipendente al servizio dei cittadini! far da punto di collegamento allinterno del $omune e verr! al contempo supportato da tutto il gruppo. 'e istanze! votazioni e interrogazioni saranno discusse con il gruppo e la decisione finale rappresenter la posizione del gruppo. %uesta lidea di una $revalcore futura! attraente e vivace. )na $revalcore futura avr un programma ragionato e studiato per larea geografica in cui si trova e avr obiettivi concreti che possano essere realizzati con le risorse a disposizione. )na $revalcore futura far una politica che recuperi letica della *esponsabilit e della +artecipazione. )na $revalcore futura creer una gestione trasparente di tutti i processi pubblici in cui i cittadini possano controllare come vengono spesi i loro soldi.

N.B. Il programma rimarr aperto al contri !to "i t!tti i citta"ini anc#e "opo le ele$ioni.

IL VALORE %ELLA TRASPAREN&A E %EL %IRITTO %I IN'ORMA&IONE (aremo applicazione al decreto legislativo n ,,-./0, del 01 Marzo ./0, relativo al riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicita2! trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni. Occorre offrire massima trasparenza alla vita del $omune! intesa come accessibilit alle informazioni concernenti l2organizzazione! le attivit e gli stipendi dei dipendenti allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sullutilizzo delle risorse pubbliche. Occorre avere un sito istituzionale di facile accessibilit! dinamico e interattivo che fornisca informazioni e servizi alla cittadinanza. *ipresa audio e video dei consigli comunali e pubblicazione degli stessi sul 3eb in tempi rapidi. )n massimo di due mandati anche per le figure dei consiglieri comunali. 4ilancio partecipato! semplificato e leggibile per tutti i cittadini. +ossibilit anche per il singolo cittadino di partecipare alle decisioni di rilevanti per il territorio! ai progetti riguardanti la ricostruzione delle strutture pubbliche e delle aree di pubblico interesse 5es. aree verdi! scuole e ospedali6.

IL VALORE %ELLA POLITICA E %I (NA SOCIETA) CIVILE 7l compito della politica per noi creare 8amicizia8 tra cittadini. 'a virt# politica vera propria di coloro che amano stare con le altre persone. 'a societ civile linsieme delle persone! delle associazioni! dei comitati! dei gruppi che dedicano il loro tempo 5o sarebbero disposti a farlo6 per il bene comune. 7 canali di partecipazione politica devono essere di facile accesso e uso! i cittadini in 9uesto modo potrebbero dedicarsi spontaneamente e gratuitamente! con passione e competenza! a ci" che chiamiamo bene comune . 4isogna promuovere gli 7nteressi della propria comunit nel rispetto delle pari opportunit ed! al contempo! difendere i diritti inalienabili del cittadino.

$iascuna stella che compone il simbolo della nostra lista ha un preciso significato e obiettivo:

AMBIENTE* AC+(A* SVIL(PPO* SOCIALE * CONNETTIVITA).


+er $revalcore abbiamo aggiunto unultimo ma non meno importante obiettivo: SC(OLA.

+unto cruciale del nostro programma l2;mbiente! non inteso semplicemente come il 8verde urbano8 ma come un sistema complesso del 9uale la politica deve interessarsi in 9uanto condizione imprescindibile per lo sviluppo del $omune. +roprio per 9uesta ragione necessario pensare all2ambiente come linsieme di tre diversi punti di vista: la valorizzazione del territorio ! la politica energetica e la gestione dei rifiuti.

1.1 Valorizzazione del territorio +otenziamento del verde pubblico. )na maggiore valorizzazione dei viali della circonvallazione e dei parchi pubblici con particolare attenzione alla tutela delle risorse naturali! del paesaggio e della 9ualit urbana. <utela degli animali e creazione di aree dedicate alle persone con animali che abitano in appartamento. =igilanza da parte delle forze dellordine per il rispetto del bene pubblico! soprattutto nelle aree dove giocano i bambini. >acilitazione e promozione di iniziative di volontariato per le pulizie delle aree verdi pubbliche. *ivalutazione della circolazione stradale nel centro storico. 4locco delle urbanizzazioni di aree rurali e del consumo del territorio $ensimento di abitazioni ed edifici industriali 5sfitti! presenza damianto! classi energetiche! condizioni antisismiche! ecc6 valutando con i cittadini un piano di riutilizzo efficiente e sostenibile. ;desione al sito decorourbano.org per un controllo costante del territorio. 1.2 Energia e risparmio +ortare a compimento il progetto ././ 5riduzione dei consumi! delle emissioni ed aumento delle produzioni rinnovabili del ./?6 partendo dalla riduzione dei consumi degli edifici pubblici. =alutazione di un +@$ 5piano energetico comunale6 a lungo raggio. Studio sullo condizioni degli impianti di produzione di energia elettrica ed ac9ua calda degli edifici pubblici valutando la possibilit di utilizzare fonti energetiche alternative. Ottimizzazione degli impianti di pubblica illuminazione del territorio volto a razionalizzare! prestazioni e consumi energetici! intervenendo anche con spegnimenti e riduzioni mirate 5dove la normativa regionale lo permette6. 7nvestimenti oculati e volti al risparmio al fine di poter contare su fondi disponibili senza intaccare ulteriormente le tasche del cittadino.

1.3 Gestione dei Rifiuti Occorre abbandonare il concetto di rifiuto come materiale di cui disfarsi ma considerarlo come una risorsa economica per il territorio 5strategia rifiuti zero http:--333.leggerifiutizero.it-6. %uello che noi chiamiamo rifiuto pu" generare reddito! lavoro e risparmio per i cittadini oltre ad aumentare la sostenibilit ambientale. 7l nostro obiettivo 9uello di implementare la suddivisione dei materiali! separandoli alla fonte per poi poterli reinserire nel ciclo produttivo togliendoli alle discariche e agli inceneritori. 7l centro raccolta di =edelago 5<=6 una realt che pu" essere presa come esempio. @ necessario valutare pregi e difetti del sistema porta a porta per arrivare a migliori risultati. ; tal fine si cercher di sensibilizzare ed informare la cittadinanza con volantini informativi ed eventi atti a far comprendere limportanza del lavoro del singolo. @venti rivolti ai cittadini potranno aiutare a creare una sensibilit maggiore. Sar valutata ladozione di progetti gi avviati in altri comuni che hanno dato buoni risultati. Maggior trasparenza delle bollette dei rifiuti! sia per una maggiore precisione informativa sia per dare incentivi al cittadino che f una raccolta efficiente. $onoscere inoltre la correlazione tra raccolta differenziata e risparmio sulla bolletta. +romuovere la cultura del riuso! volta alla riduzione a monte dei rifiuti. +revenzione dell2in9uinamento ambientale! lotta al degrado e all2abbandono del territorio.

'2ac9ua! la seconda stella del programma! rappresenta una fonte di vita insostituibile per gli ecosistemi. (alla sua disponibilit dipende il futuro degli esseri viventi. 'ac9ua costituisce! pertanto! un bene comune dell2umanit e deve rimanere pubblica. +romozione di una $ultura di salvaguardia della risorsa idrica! utilizzando il pi# possibile i canali scolastici per i pi# giovani. $ontrasto al crescente uso delle ac9ue in bottiglia promuovendo l2uso alimentare dell2ac9ua dell2ac9uedotto. *ivalorizzazione delle fontane pubbliche indicando i controlli effettuati sul sito del $omune. +romozione per le nuove costruzioni o ristrutturazioni del riutilizzo delle ac9ue chiare. 4locco! per 9uanto possibile! della privatizzazione delle rete idrica comunale 5in ottemperanza al risultato del referendum del ./0/6 e avvio di un programma di manutenzione della suddetta rete! danneggiata dal sisma del ./0..

@ 7nteso come valorizzazione delle attivit del territorio in modo da renderlo pi# attrattivo. 7l centro storico di $revalcore deve ritornare ad essere unarea dinteresse e dincontro! cuore e centro della vita comunale! amministrativa e commerciale. 7ncentivare le feste paesane e le iniziative culturali! per creare punti di aggregazione sociale e rilanciare il centro storico duramente colpito dal sisma. +otenziamento delle piste ciclabili per migliorare la circolazione anche nelle frazioni e verso i paesi limitrofi. =alorizzazione del teatro e del cinema con creazione di corsi per giovani in ambito scolastico e non! incentivi sulle tariffe per giovani! anziani e disabili. Monitoraggio periodico dei reati perpetrati nel territorio comunale e in base al loro andamento richiedere alle autorit competenti un maggior controllo del territorio da parte delle >orze dell2Ordine. =igilanza e trasparenza su bandi! concorsi e promozione di attivit formative per il lavoro. ;ttenzione e aiuto per le piccole e medie imprese! agevolando le pratiche burocratiche nei limiti del possibile.

$reazione di corsi per lutilizzo del +$! delle lingue e per linserimento della comunit eAtracomunitaria attraverso la conoscenza di usi e costumi locali. Sostegno alle attivit di volontariato e ai servizi di pubblica assistenza che contribuiscono al benessere e allarmonia di 9uesta comunit . +romozione di corsi ed incontri dedicati a chi ha problemi alimentari dal no glutine al no niBel o no carne ecc. 7ncentivazione dei mercatini di prodotti a Cm zero e delle attivit artigianali presenti creando una rete di D;S 5gruppi dac9uisto solidale6 e di D;;S 5gruppi di autoproduzione e ac9uisto solidale6. $ollaborazione allo sviluppo di band e complessi musicali locali! facilitando lutilizzo della casa della musica 5le facilitazioni vincoleranno le formazioni alla partecipazione a uno o pi# eventi musicali organizzati in ambito locale6. =alorizzazione dei beni storici e archeologici creando raccolte museali e collaborazioni universitarie.

=alorizzazione del Sito del $omune di $revalcore perch diventi utile e funzionale per la cittadinanza come canale di partecipazione e informazione. 7nterazione del $omune con i social net3orB pi# diffusi! perch sempre pi# cittadini utilizzano 9uesta forma di comunicazione per esprimere i propri pareri e per comunicare con le istituzioni. 7n 9uesto modo si crea un approccio pi# amichevole col cittadino che si sente pi# stimolato alla partecipazione. 7l Sito 3eb del $omune deve costituire parte fondamentale per l2informazione e la promozione di attivit produttive e non! come: @venti culturali ;ssociazioni presenti sul territorio ;ttivit commerciali +iani di emergenza e comunicazioni volte alla salute del cittadino Sagre e feste locali

7nstallazione in strutture comunali di computer accessibili gratuitamente al pubblico per l2utilizzo dei servizi comunali on line. $ittadinanza digitale 5chiave daccesso personale6 a ogni residente e casella di posta certificata per le comunicazioni con le amministrazioni ed enti. Sostituzione dei costosi sistemi operativi e soft3are applicativi con i corrispondenti open source 5gratuiti6 negli uffici pubblici! salvo necessit specifiche. $reazione di unarea allinterno del sito 3eb del $omune in cui i cittadini possano esprimere le loro proposte e i loro dissensi. =alutazione della possibilit di implementare lutilizzo del EiFfi gratuito per le zone a maggior afflusso.

Migliorare il dialogo tra amministrazione e utenti dei servizi scolastici 5mensa! postFscuola! trasporto! campi estivi6 tramite assemblee specifiche e commissioni aperte agli interventi dei cittadini prevedendo l2utilizzo di 9uestionari per raggiungere un maggior numero di residenti che possano valutare i servizi offerti. Sorveglianza degli appalti per l2assoluto rispetto delle leggi vigenti valutando proposte per scuole moderne e sicure! adatte alle esigenze dei bambini! degli insegnanti e al passo con il continuo innovamento tecnologico. $reazione di un progetto educativo e commerciale sulla base del progetto (ea Minerva di Savignano sul +anaro 5MO6. $reare un modello di mobilit sostenibile delle scuole! tramite volontari in bicicletta. $reare un sistema conoscitivo di approccio a diversi sport! in modo che il bambino-adolescente possa trovare in maniera spontanea lo sport pi# idoneo alla sua indole. *iutilizzo del percorso vita per attivit ludiche e gare allaperto. *icerca e sviluppo di spazi per attivit culturali.