Sei sulla pagina 1di 8

Luoghi di interesse

Offida entrata il 2 maggio 2008 nel club dei Borghi pi belli d'Italia.Vi sono resti di mura medievali con torri mentre della rocca cin!uecentesca restano un tratto di muraglia e due torrioni cilindrici. Chiesa di Santa Maria della Rocca, le absidi

Santa Maria della Rocca, interno

" uno dei maggiori monumenti dell'intera regione #arche. $ita all'estremo occidentale dell'abitato risulta circondata su tre lati da altrettanti dirupi che la ritagliano esaltandone l'imponen%a e aprendola allo sguardo di due vallate. &a grande costru%ione in lateri%io in stile romanico'gotico si deve al maestro (lbertino che la eresse nel )**0 sulla preesistente piccola chiesa benedettina.

&a facciata rivolta verso l'esterno dell'abitato ed solcata da lesene mentre venendo dal paese si incontrano tre alte absidi poligonali con paraste di pietra bianca monofore e archetti gotici. $ull'abside centrale si apre un portale gotico che immette nella cripta +a * poi a , navate- larga !uanto la chiesa superiore e ornata di affreschi attribuiti al #aestro di Offida. &a chiesa superiore ad aula unica secondo la tradi%ione degli ordini mendicanti conserva affreschi di influsso giottesco ancora attribuiti al #aestro di Offida +!uelli del transetto sono datati da un'iscri%ione al )*./012- e altri attribuiti a 3iacomo da 4ampli +secolo 5V-. 6arte delle decora%ioni originali sono andate perse anche per il deperimento della copertura e per la soppressione dell'ordine monastico. 7egli altari laterali eretti in epoche diverse si segnala !uello dedicato a $ant'(ndrea del 5V secolo con pala affrescata su muro da Vincen%o 6agani. 8urante l'avan%ata delle truppe alleate tra il ). ed il )8 giugno )911 alcuni militari tedeschi avevano minato completamente la chiesa affinch: le macerie fossero di intralcio agli alleati ma nessuna delle trenta mine esplose e gli abitanti attribuirono l'episodio ad un miracolo della Vergine. $ul lato sinistro della prima scala che conduce alla chiesa rappresentata una pecorella che mangia un !uadrifoglio; la creden%a popolare vuole che se ci si posi%iona sopra percorrendo a ritroso la scalinata ad occhi chiusi il desiderio espresso sar< esaudito. Palazzo comunale

4ostruito tra il 5III e il 5IV secolo +torre centrale merlata-. &a facciata preceduta da un portico a / arcate con un'elegante loggetta a )1 arcate al%ata nel 5V secolo. (ll'interno vi una piccola pinacoteca con opere di 6ietro (lamanno e $imone de #agistris da 4aldarola. 7ell'archivio storico comunale si conserva tra l'altro il catasto pergamenaceo mutilo del 5IV secolo forte di ben /0 pergamene in caratteri gotici. Santuario di Sant'Agostino In seguito all'arrivo delle reli!uie relative al #iracolo =ucaristico di &anciano l'originale chiesa della #addalena venne sostituita da una chiesa pi grandiosa che gli agostiniani decisero di intitolare proprio a $ant'(gostino. &a sua costru%ione si protrasse dal )**8 al )11). &a facciata barocca +).8.-. &'interno fu modificato e ampliato nel 5VIII secolo con pianta a croce latina con cupola entro tiburio e una veste tardobarocca di stucchi e arredi lignei pregevoli +coro e confessionali in radica di noce dell'ebanista offidano (lessio 8onati-. $empre nell'interno si conservano una pre%iosissima croce reli!uiaria +la >croce santa> che conserva la reli!uia del suddetto miracolo- opera in argento dorato reali%%ata a Vene%ia nel ?recento e un altro reli!uiario di arte marchigiana del @uattrocento. Chiesa della Madonna del Suffragio $ulla facciata posta ad oriente vi sono due piccole porte murate in travertino del secolo 5IV un fregio in terracotta di stile romanico e un architrave in travertino con fregi bi%antini. $empre sulla stessa facciata vi l'originario ingresso della chiesa di $ant'(ntonio abate con a lato un affresco di $imone de #agistris dedicato allo stesso santo molto deteriorato in !uanto esposto all'esterno. &'interno a tre navate fu reali%%ato nel $ettecento. Vi si conserva una statua lignea del @uattrocento e uno scheletro ligneo del $eicento raffigurante >la morte> che un tempo la 4ompagnia del $uffragio portava come emblema in processione. Monastero di San Marco $orto come monastero francescano nel ?recento su un preesistente sito benedettino ha vissuto diversi cambiamenti nel corso dei secoli. 8al ).,, ospita le monache benedettine mentre l'attuale chiesa di $an #arco in stile
3

barocco fu fatta costruire nel )/*8 occupando la parte centrale di !uella originale eretta nel )*,9 di stile romanico'gotico e della !uale sono tornati alla luce un ampio portale con sovrastante rosone +attualmente non visibili perch: racchiusi nel muro di cinta-. Il lato sud su pia%%a Baroncelli oltre al portale a edicola di accesso alla chiesa +),/1- presenta gli originali archetti gotici e monofore chiuse cosA come sul lato nord che perB non visibile perch: racchiuso dalle mura di cinta del monastero. 7el monastero sono conservati alcuni affreschi del 5IV'5V secolo una croce lignea policroma e una croce reli!uiario di pietra e perle pre%iose. Chiesa dell'Addolorata 4hiesa !uattrocentesca a navata unica con un'elegante loggetta cin!uecentesca sul fronte ed un elaborato cornicione in cotto. (ll'interno vi esposta la >bara> cio !uel carro con baldacchino finemente decorato sul !uale sistemata la statua del 4risto morto che viene portata in processione il venerdA santo. Chiesa Collegiata 4ostruita tra il )/8, e il )/98 dall'architetto ticinese 6ietro #aggi su un disegno assai modificato dell'ascolano &oren%o 3iosafatti; ha un interno in stile neoclassico &uigi 5VI e una facciata reali%%ata solo alla fine dell'Ottocento in stile eclettico di lateri%io e travertino. (ll'interno fra l'altro vi si conservano un cofanetto ligneo duecentesco con 2. figurette eburnee di arte settentrionale una croce astile del ?recento un reli!uiario del @uattrocento un gruppo ligneo del 4in!uecento un crocifisso ligneo di 8esiderio Bonfini +).)2- pitture dei secoli 5IV 5V e 5VI +scuola crivellesca e scuola di 6ietro (lemanno-. Il coro intagliato con colonnine tortili e specchi in radica di Verona a due ordini di )1 stalli fu reali%%ato da (lessio 8onati per la chiesa di $anta #aria della Cocca ma venne trasferito nel )/91 nella 4ollegiata insieme alle reli!uie di $an &eonardo di 7oblac conservate in un'urna posta all'interno dell'altare maggiore anch'esso in legno. Santuario del Beato Bernardo Il convento dei cappuccini di Offida con lDannessa chiesa dove visse fra Bernardo per lunghi anni restB in piedi dal ).)1 anno di fonda%ione fino al
4

)89* !uando i frati in vista dellDimminente bicentario della morte del beato decisero di ricostruirne un altro pi moderno con chiesa pi ampia e decorosa in suo onore. Cicostruirono i due edifici sullo stesso terreno conventuale su disegno dellDarchitetto cappuccino fra (ngelo da 4assano dD(dda. Era (ngelo appena giunto in Offida nella primavera del )89* dopo un attento studio del sito risultato con una configura%ione a carattere stratigrafico e argilloso !uindi terreno difficile e ad alto rischio relativamente al settore edili%io prese la sua decisione coraggiosaF nonostante tutto decise di non mutare il >sito> della costru%ione ma di spostare solo di poche decine di metri verso sud G ovest la sede del nuovo complesso conventuale. 7el nuovo $antuario a tre navate ampio e luminoso stato prevista una cappella in onore del beato destinato alla custodia delle sue spoglie mortali. In un primo tempo nella nuova chiesa la cappella del beato era ornata da un altare di stile composito poi abbattuto per far posto allDattuale complesso architettonico. &Daltare era ornato da !uattro colonne tortili in legno scuro due per lato con una trabea%ione classicheggiante a pi moduli. 7el centro si apriva la nicchia con la statua del beato reggente il giglio sulla destra ed il teschio sulla sinistra mentre un angioletto sulla sua sinistra mostrava una scritta. " probabile che lDaltare fosse stato composto con elementi architettonici della vecchia cappella del beato costruita nel )/92 se non si trattava addirittura dello stesso antico altare sistemato nella nuova sede. &Dattuale cappella sorge nel ter%o vano laterale sinistro ampliato in profondit< il !uale con un andito di rimpetto delle stesse dimensioni ora occupato dallDorgano conferisce alla chiesa la forma di croce latina a tre navate. Il baldacchino costituito da !uattro colonne con basi verticalmente sviluppate e sobriamente decorate con fusti lisci e con capitelli corin%i ed abbellito con decora%ioni nellDarchitrave e nella volta dovute sicuramente al 3irolomini come suoi sono i due vasi ai lati e la guglia terminante con una
5

croce nel centro. In una fascia si leggeF #(7H# $H(# (6=CHI? I7O6I +aprA la sua mano al bisognoso- con esplicita allusione alla bont< e generosit< del beato verso i poveri. In vista del ter%o centenario della morte del beato +)991- il )1 ottobre )992 sono ini%iati i lavori di restauro delle decora%ioni pittoriche del tetto della chiesa. 8opo il natale del )992 si dato ini%io ala ristruttura%ione del coro e del presbiterio. Hn nuovo altare ligneo stato sistemato nel presbiterio. I due nuovi amboni sono opera ammirevole dellDebanista cappuccino padre 3. ?rombetta da 4ingoli. &Dindovinata illumina%ione esalta la vivida cromia delle tele dipinte a spatola opere di un artista che nutre e anima le sue figura%ioni di fulgida luce diurna. In !uesta occasione stata eretta una statua commemorativa del Beato Bernardo collocata all'ini%io del viale d'accesso al santuario reali%%ata dal famoso scultore locale (ldo $ergiacomi. Teatro Serpente Aureo Il ?eatro $erpente (ureo fu costruito nel )820 su disegno di 6ietro #aggi demolendo parte dell'antica casa comunale della !uale rimasto l'elegante portico !uattrocentesco a fungere da facciata. (mpliato e decorato poco dopo l'unit< di Italia con stucchi dorati e dipinti a tempera. 4on pianta >a boccascena o a ferro di cavallo> tipica dei teatri settecenteschi conta tre ordini di diciassette palchetti e un loggione diviso in !uindici parti. Cultura l carne!ale di "ffida 8i origini antichissime ha una tradi%ione consolidata ed caratteri%%ato da manifesta%ioni molto originali che traggono origine probabilmente dai saturnali romani. &e testimonian%e storiche si hanno a partire dal 4in!uecento !uando il carnevale ha il suo massimo splendore in grandi citt< come Coma e Vene%ia. &e principali manifesta%ioni che caratteri%%ano oggi il carnevale offidano sono essen%ialmente dueF il bove finto e i vlurd.

l merletto a tombolo &'arte del merletto a tombolo dal latino tumulus cio tumolo una tradi%ione che si tramanda da almeno cin!ue secoli da madre in figlia. 6er reali%%are manualmente il pregiato merletto occorrono pochi strumentiF un tombolo cio un rullo lungo circa *0 centimetri e dal diametro di 20 centimetri; una prebenda dal latino prae habere tenere davanti cosA chiamata ancora in dialetto cio il reggitombolo a tre piedi filo spillini di ottone argentato e parecchie coppie di fuselli. &e prime testimonian%e storiche dell'uso del tombolo a fuselli per la reali%%a%ione di pregiati merletti risalgono al 4in!uecento ma alcune opere pittoriche insieme ad altre tracce lasciano pensare che la tradi%ione fosse gi< salda almeno due secoli prima. 7el ).00 il merletto offidano era famoso per la ricercate%%a e per la !ualit<. &'istitu%ione di una scuola del merletto risale al )9)0 ma non fu un'esperien%a felice per la resisten%a culturale secondo la !uale sono le mamme a dover insegnare alle figlie l'arte di lavorare a tombolo. 8al )998 vi un #useo del merletto a tombolo stabilmente ospitato a 6ala%%o de 4astellotti. 8al 200. presente in territorio offidano anche un'associa%ione culturale sen%a scopo di lucro +(ssocia%ione culturale merletto a tombolo di Offidache si occupa di salvaguardare i tradi%ionali metodi di esecu%ione offidani divulgarli soprattutto alle nuove genera%ioni e confrontare tecniche di esecu%ione fra le diverse merlettaie. $ocie fondatrici di !uesta associa%ione sono $cipi 6aola $cipi $abrina 3abrielli 3isella ?raini #ariella e ?raini 8omenico. &a riscoperta anche a fini turistici ha rinverdito negli ultimi anni una tradi%ione secolare che come altre rischiava di andare persa. Oggi specie nei mesi estivi girando per le strade di Offida si possono vedere merlettaie che lavorano al tombolo di fronte all'ingresso della propria casa proprio come accaduto per secoli.

#este e manifestazioni

Beato Bernardo di OffidaF 2* agosto Beato 4orrado di OffidaF *0 settembre &e 4oveF nel mese di agosto presso la chiesa della (ddolorata la festa del grano di antica tradi%ione contadina +cove sta per covoni$agra del chichA ripienoF prima domenica di agosto #ercatino dell'anti!uariatoF i venerdA di luglio ed agosto #ostra mercato del vino dei colli piceniF primi giorni di settembre