Sei sulla pagina 1di 6

Lestetica trascendentale

La teoria dello spazio e del tempo


Estetica trascendentale: Studia la sensibilit e le sue forme a priori. Kant ritiene la sensibilit: Recettiva: Perch essa non !enera contenuti propri ma li apprende intuitivamente dallesperienza"a posteriori #$ materia%. &ttiva: Perch ' attraverso le sue forme a priori dello spazio e del tempo "a priori #$forma%'or!anizza tali contenuti. Le forme pure: Spazio: (orma del senso esterno. Rappresentazione a priori e necessaria del disporsi delle cose le une accanto alle altre.) dimensioni: *estra+Sinistra , &vanti+*ietro # Sopra+Sotto. -empo: (orma del senso interno. Rappresentazione a priori e necessaria del disporsi delle cose le une dopo le altre.. dimensioni: Prima , *opo. *ato che i dati del senso esterno ci !iun!ono per forza attraverso il senso interno' e non viceversa "le cose possono non stare nello spazio' come i sentimenti' ma non nel tempo%'allora il tempo diventa il modo universale per il /uale percepiamo tutti !li o!!etti. Kant !iustifica lapriorit dello spazio e del tempo con: Esposizione metafisica: E!li confuta diverse visioni: o Empiristica "di Loc0e%: Per cui lo spazio e il tempo sono nozioni tratte dallesperienza. Essi non possono derivare dallesperienza' perch sono presupposti necessari a priori per una /ualsiasi esperienza. 1!!ettivistica "di 2e3ton%: Per cui lo spazio e il tempo sono recipienti vuoti. Essi non possono essere recipienti vuoti' perch ' ammettendo che non vi siano o!!etti' come potremmo concepirli4 &llora Kant afferma che essi sono dei /uadri mentali a priori entro cui connettiamo i dati fenomenici. Essi assumono /uindi laccezione di condizioni a priori del conoscere. *ati i due livelli !noseolo!ici dellessere:#

5dealit trascendentale : Rispetto alla cosa in s essi sono ideali e so!!ettivi. # Realt empirica: Rispetto al fenomeno della cosa "limpressione che ne abbiamo noi% essi sono reali e o!!ettivi. 6oncettualistica"di Leibniz%: Per cui lo spazio e il tempo sono concetti esprimenti le relazioni tra le cose. Essi non possono essere considerati come dei concetti in /uanto essi sono di natura intuitiva e non ra!ionata' in /uanto non abbiamo lidea di spazio dopo aver esaminato vari spazi' ma /uesti li riconduciamo ad un unico !rande spazio' che /uindi risulta essere unintuizione pura a priori.

Esposizione trascendentale :Kant vede nella !eometria e nellaritmetica delle scienze sintetiche a priori per eccellenza: Sintetiche: 5n /uanto ampliano le nostre conoscenze mentali' fornendoci nuove informazioni. 7ualsiasi somma' sottrazione o altro calcolo ci dir /ualcosa non intuibile analiticamente' ma solo sinteticamente' con un calcolo. & priori : 5n /uanto i teoremi !eometrici e aritmetici sono validi indipendentemente dallesperienza. Kant 8 convinto che esse si basino saldamente sulle intuizioni di spazio e tempo.

9eometria: (onda le propriet delle fi!ure sullintuizione dello spazio. &ritmetica : (onda le propriet delle successioni numerica sullintuizione del tempo e della successione. Kant' rifiutando o!ni spie!azione metafisica o teolo!ica' afferma che la matematica pu: essere applicata

a!li o!!etti dellesperienza fenomenica perch /uestultima' essendo intuita nello spazio e nel tempo' ha !i una confi!urazione !eometrico+matematica. 6io8' se noi ordiniamo la realt secondo la forma a priori dello spazio euclideo' la realt fenomenica che ci si presenter sar ordinata secondo /uesta concezione di spazio.

Lanalitica trascendentale
Lanalitica trascendentale: Studia lintelletto e le sue forme a priori.Per Kant' sensibilit e intelletto sono indispensabili alla conoscenza' poich : Senza sensibilit: 2essun o!!etto ci verrebbe dato "intuizioni%. Senza intuizioni :5 concetti sarebbero vuoti; Senza intelletti: 2essun o!!etto verrebbe pensato "concetti%. Senza i concetti :Le intuizioni sarebbero cieche. Kant per <intuizioni= intende delle affezioni "passive%' mentre per <concetti= intende delle funzioni "attive% che ordinano e unificano diverse rappresentazioni sotto ununica rappresentazione. &d esempio il concetto di corpo racchiude sotto di se tante altre rappresentazioni "naso' occhi' bocca' ecc>%. 5 concetti si dividono in: 6oncetti empirici : 6ostruiti con materiali ricavati dallesperienza. 6oncetti puri : 6ontenuti a priori nellintelletto' ovvero le ?. cate!orie "concetti supremi unificatrici dellintelletto%.*ato che o!ni concetto 8 il predicato di un possibile !iudizio' le cate!orie sono i predicati primi "entro cui stanno tutti !li altri %.-uttavia' a differenza di /uelle aristoteliche che hanno un valore ontolo!ico e !noseolo!ico' le cate!orie 0antiane hanno un valore solamente !noseolo!ico#trascendentale in /uanto rappresentano le funzioni dellintelletto che val!ono solo per il fenomeno .Kant' avendo rimproverato &ristotele per non aver se!uito un filo lo!ico per stabilire le sue cate!orie' ne usa uno: dato che pensare si!nifica !iudicare"attribuire un P a un S%'allora esisteranno tante cate!orie"predicati primi%tante /uante sono e modalit di !iudizio"modi primi di attribuire un P ad un S%. 7uindi e!li arriver a delineare la se!uente tabella.

La deduzione trascendentale
#$ 6ome !iustificare la validit delle cate!orie e del loro uso4 @# Per rispondere a /uesta domanda usa /uella che lui chiama <deduzione trascendentale=. Kant usa /uesto termine nel suo senso !iuridico' ovvero dimostrare la le!ittimit di diritto di una pretesa di fatto. 7uindi non basta provare che le cate!orie siano utilizzate' per !iustificarne la validit' ma 8 necessario !iustificare la le!ittimit di tale uso e determinarne i limiti. 6ome possono le cate!orie' create dal nostro intelletto' essere utilizzate per ordinare la natura che non 8 creata dal nostro intelletto4 -ale problema non ri!uarda le forme pure della sensibilit del tempo e dello spazio' in /uanto la realt si presenta alluomo sempre solo attraverso di /ueste. An o!!etto non 8 tale se non dato nello spazio e nel tempo' perch non intuibile. Bentre non 8 necessario che un o!!etto debba sottostare alle cate!orie' ma per dare tale !iustificazione di subordinazione Kant procede cosC: ?.Lunificazione del molteplice non deriva dalla molteplicit stessa "passiva%' ma da funzione sintetica "attiva% dellintelletto. ..*istin!ue tra: Anificazione: Processo di sintesi della molteplicit. Anit: Principio in base al /uale si realizza lunificazione. 6osC definisce la suprema funzione unificatrice"unit fondatrice della conoscenza% come il centro mentale unificatore comune a tutti !li uomini

e /uindi o!!ettivo' denominandolo con lespressione < io penso =' o <appercezione= o <autocoscienza trascendentale=. Lio penso' infatti' deve poter accompa!nare tutte le mie rappresentazioni' altrimenti /uelle rappresentazioni escluse dallio penso sarebbero impossibili o nulle. ).Lio penso unifica la molteplicit fenomenica tramite i !iudizi. D.5 !iudizi si basano sulle cate!orie' modi di a!ire dellio penso' ovvero le ?. funzioni unificatrici mediante le /uali esso opera. E.6onclusione: La molteplicit fenomenica 8 unificata dallio penso' diventando la <realt= ordinata secondo le funzioni dellintelletto "che sono le cate!orie%. 7uindi !li o!!etti reali se!uono sempre le cate!orie' poich unificati cosC dallio penso. Lio penso si confi!ura dun/ue come il <principio supremo della conoscenza umana= in /uanto: Rende possibile lo!!ettivit"universalit e necessit del sapere%. 5nfatti se lio penso non ordinasse la molteplicit fenomenica' permettendoci di !iun!ere a delle affermazioni universali' rimarremmo chiusi nella nostra so!!ettivit. Lio di Kant ha un carattere semplicemente formale' limitandosi ad ordinare una realt che !li !i preesiste e senza la /uale la sua stessa conoscenza non avrebbe senso' non ha carattere creatore.

9li schemi trascendentali


Se fino ad ora ci siamo occupati della le!ittimazione delle cate!orie' ora ci occuperemo dei modi in cui esse si applicano ai fenomeni. Kant /uindi spie!a come in concreto avven!a ci: che ha spie!ato nella <deduzione trascendentale=. #$ 6ome 8 possibile che lintelletto condizioni le intuizioni e !li o!!etti sensibili4 @# Kant risponde a /uesta domanda affermando che lintelletto' non potendo a!ire sulla realt fenomenica' a!isce sul tempo' attraverso la /uale percepiamo la molteplicit delle cose' modificandole. Lintelletto infatti' attraverso l imma!inazione produttiva' fa rientrare le cate!orie entro de!li schemi temporali precisi. Ano <schema= per 0ant 8 una rappresentazione intuitiva di un concetto' spo!liato di o!ni sua caratteristica particolare. 9li schemi attraverso cui lintelletto stabilisce le re!ole temporali in conformit ai propri concetti a priori "le idee% sono detti trascendentali' e rappresentano la prefi!urazione intuitiva e temporale delle cate!orie. 6on la teoria dello schematismo Kant ha voluto chiarire come lintelletto riceva la realt attraverso il tempo e il tempo attraverso !li schemi derivanti dalle cate!orie' per /uesto e!li riesce a condizionare la realt' pie!andola alle cate!orie innate.

5 principi dellintelletto puro


6on la teoria dello schematismo la deduzione trascendentale ra!!iun!e il suo massimo coronamento' perch spie!a come !li o!!etti' pur non essendo creati dalla mente' nascano !i' nellesperienza' <adattati= al nostro modo di intuire le cose "le cate!orie%. Lultimo punto del discorso 0antiano sta nel definire i principi dellintelletto puro ' ovvero le re!ole di fondo tramite cui avviene lapplicazione delle cate!orie a!li o!!etti. 7ueste sono le le!!i supreme dellesperienza' e sono D: ?.9li assiomi dellintuizione"/uantit%affermano a priori che tutti i fenomeni intuiti costituiscono /uantit estensive' ovvero /ualcosa che pu: essere concepito mediante la sintesi successiva delle sue parti. ..Le anticipazioni della percezione"/ualit%affermano a priori che tutti i fenomeni percepiti hanno una /uantit intensiva' ovvero un certo !rado dintensit che pu: essere infinitamente suddiviso. ).Le analo!ie dellesperienza"relazione%affermano a priori che lesperienza costituisce una trama necessaria di rapporti basata sui principi: a.*ella permanenza della sostanza "conservazione della materia%. b.*ella causalit "tutti i fenomeni sottostanno alla le!!e della causa+effetto%. c. *ellazione reciproca "tutti !li o!!etti' percepibili simultaneamente nello spazio' solo le!ati da azioni reciproche%. D.5 postulati del pensiero empirico"modalit%affermano che: a. 6i: che 8 in accordo con le condizioni formali dellesperienza 8 possibile. b. 6i: che 8 in accordo con le condizioni materiali dellesperienza 8 reale. c. 6i: che 8 posto in accordo col reale da condizioni universali dellesperienza 8 necessario.

Lio le!islatore della natura

Se per natura in !enerale intendiamo la conformit a le!!i "le cate!orie% dei fenomeni' cio8 /uellordine necessario e universale"condizioni formali% che sta alla base dellinsieme di tutti i fenomeni "la realt naturale%' risulta evidente che tale ordine non deriva dallesperienza' ma dallio penso e dalle sue forme a priori "le cate!orie%.Lio penso e le cate!orie rivelano che la natura non 8 altro che la re!olarit dei fenomeni nello spazio e nel tempo. Le le!!i particolari in cui riscontriamo tale re!olarit' sebbene sottostiano alle cate!orie' possono essere desunte solo dallesperienza. Lio 8 il fondamento della natura e /uindi anche della scienza. 5 pilastri ultimi della fisica non sono altro che i principi dellintelletto puro' e po!!iano sui !iudizi sintetici a priori dellintelletto' che a loro volta derivano dalle intuizioni di spazio e tempo e delle ?. cat. Kant /uindi supera lo scetticismo di Fume. 5nfatti affermando che lesperienza sia condizionata dalle cate!orie dellintelletto e dallio penso' non pu: smentire i principi che derivano dallazione di /uesti sullesperienza stessa: cosC le le!!i naturali sono pienamente !iustificate nella loro validit.

5l criticismo come <filosofia del limite= e lorizzonte storico del pensiero 0antiano
*o!matismo = 6redere ciecamente in /ualcosa basandosi su dei do!mi' senzara!ionarci = 6riticismo <Ra!ionare su /ualcosa' e solo dopo decidere se crederci o no= 6riticare#$ 5nterro!arsi sistematicamente ri!uardo il fondamento di alcune esperienze umane. *i tale fondamento si <criticano=: Le sue possibilit"condizioni desistenza%. La sua validit. 5 suoi limiti"della validit stessa%. 5 limiti sono dimportanza centrale nella filosofia 0antiana' tanto da poterla definire una filosofia del limite' ovvero che studia i confini limite dellesistenza umana nei vari settori dellesperienza' sottolineando la 212 onniscienza e onnipotenza dellindividuo. Seda una parte porre dei limiti si!nifica riconoscere che alcune cose non possono essere conosciute dalluomo' dallaltra !arantisce che' entro di /uesti' luomo stesso' pu: avere una conoscenza certa. 5l 0antismo si inserisce nel pensiero moderno' derivato da: la rivoluzione scientifica' la crisi pro!ressiva delle metafisiche tradizionali. -ale crisi si stava sempre piG espandendo: sull etica' sull arte' sul !usto' sulla sfera sentimentale umana: da /ui capiamo come 8 nato appunto il criticismo' che si interro!a sul fondamento del sapere' della morale e dell esperienza estetica e sentimentale. Sebbene sia vero che Kant abbia preso ispirazione da Fume e possa essere definito il prosecutore dellempirismo di Loc0e' 8 vero anche che differisce per alcune cose: non !iun!e ad una visione scettica ri!uardo la conoscenza umana e scende piG in profondit nella critica' andando oltre la descrizione dei meccanismi conoscitivi' studiando il fondamento di validit e i limiti di /uesti. Kant supera anche lilluminismo' non analizzando piG luomo e il suo mondo attraverso la ra!ione' ma ra!ionando sulla ra!ione stessa' le sue strutture' le sue possibilit"che sono date a loro volta dalla ra!ione stessa%. 5 limiti della ra!ione possono essere e!ua!liati ai limiti delluomo stesso' credere di poterli superare' 8 un semplice so!no o fanatismo.

5l problema !enerale
5l libro <6ritica alla ra!ion pura= 8 unanalisi critica dei fondamenti del sapere. 5l sapere ai tempi si articolava in: scienza e metafisica. La tendenza era /uella di dare atto alla prima che' !razie ai successi di 9alileo e 2e3ton' faceva passi da !i!ante' e di disprezzare la seconda che' seppur antica' non aveva fino ad allora portato ad altro che contese inutili e nessun successo. *a /ui la necessit di un esame !lobale della

struttura e validit della conoscenza .6ome Fume 8 scettico ri!uardo la metafisica' ma diversamente da lui non lo 8 ri!uardo la scienza. *a /ui i due obbiettivi di Kant.

-> In quanto scienze, come sono possibili la matematica e la fisica? <--> Come possibile la metafisica come scienza? <&lla prima domanda basta trovare il 61BE 8 possibile' mentre alla seconda biso!na prima capire SE 8 possibile' e poi 61BE.