Sei sulla pagina 1di 4

Da Schmitt a Benjamin: riflessioni di filosofia del diritto.

Giorgio Agamben, Lo stato di eccezione, Bollati Boringhieri, Torino, 2003, pp. 120, 12.

Recensione di Martina Ricca

Il saggio di Agamben porta un titolo ine ui!ocabile" la ri#lessione sullo stato deccezione $ inaugurata da %arl &chmitt in una delle sue opere pi' celebri, Teologia politica, e ha dato !ita ad un(abbondante letteratura giuridica e #iloso#ica. )uesta paternit* importante, riconosciuta in apertura, non impedisce tutta!ia all(autore di costruire un percorso originale nel uale lo stesso &chmitt di!enta un protagonista tra tanti" la sua teoria sullo stato d(ecce+ione e la querelle con ,alter Ben-amin prendono il corpo di una trama solamente nell(intreccio con l(analisi di alcuni istitu+ioni del diritto romano . sull(ordito di un(essen+iale ricostru+ione delle #onti, una puntuale intromissione di ri#erimenti alla logica e alla semantica, un richiamo agli scenari attuali che determinano per questo mondo uno stato d(ecce+ione. 1. Le situazioni-limite. Il primo passo della ri#lessione $ scindere, contro e oltre &chmitt, l(idea di ecce+ione da uella di so!ranit*" /stato di ecce+ione0 $ in#atti un sintagma che Agamben usa 1come termine tecnico per l(insieme coerente di #enomeni giuridici che si propone di de#inire2 3p. 134. Il che $ come dire che /stato di ecce+ione0 si dice in molti modi, o meglio, per molte cose, indicando tutte le situa+ioni che si presentano come soglie dell(ordinamento giuridico, e nelle uali gli attori ac uisiscono una sorta di in!isibilit*" s#uggendo all(e##etti!it* della norma, non sono pi' riconosciuti dal sistema. 5on si tratta di un annullamento dell(e##icacia della norma, ma di una !era e propria sospensione del diritto, di un(assen+a di coordinate. 6e#inire l(ecce+ione il 1dispositi!o originale attra!erso cui il diritto si ri#erisce alla !ita e la include in s7 attra!erso la propria sospensione2 3p. 134 $ come tentare dire l(ecceden+a di un singolo caso che si presenti alla porta del diritto sen+a poter essere risolto o regolato.

2. Dispositivo e applicazione. Il secondo passo $ la disarticola+ione del rapporto tra stato di ecce+ione e ci8 che tradi+ionalmente $ ritenuto il suo #ondamento, lo stato di necessit*. 5on $ possibile spiegare l(ecce+ione #ino a che si considera la necessit* come un sistema normati!o altro rispetto al diritto, e al uale l(ecce+ione stessa do!rebbe essere ricondotta perch7 se ne possa rendere conto e perch7 la si possa legittimare. 9(ecce+ione non cerca una legittima+ione, ma in ualit* di limite del diritto $ un vuoto giuridico che permette la coesisten+a : e la sostan+iale di##eren+a : di norma e necessit*, perch7 non si tratta, nello stato di necessit*, di una piene++a di potere e di un(e##icacia che la norma non potrebbe raggiungere, ma di un 1arresto del diritto2 3p. ;34. 9o spa+io che si crea tra la necessit* e la norma $ lo spa+io dell( applicazione" uesta incapacit* del diritto di #un+ionare in assen+a di un dispositi!o che lo sospenda, uesta 1#igura estrema e spettrale del diritto2 3p. <=4, che ne $ in ualche modo il ro!escio, $ anche la condi+ione di possibilit* del ro!escio ri!olu+ionario e dell(instaura+ione del nuo!o diritto . condi+ione della !alidit* della norma e dell(attua+ione della necessit*. Il meccanismo dell(ecce+ione $ accostato a uello della signi#ica+ione, che lega linguaggio e mondo 3c#r. p. >34. &oltanto, la distan+a tra la dimensione semiotica e uella semantica sembra in uesto caso incolmabile, sen+a un(ecce+ione . so!rano o &tato . che incarni contemporaneamente norma e necessit*. 3. Schmitt versus Benjamin. Il ter+o passo consiste nell(anali++are il problema attra!erso gli scritti di Ben-amin e &chmitt. 9(obietti!o della rilettura di Agamben $ molteplice" dare corpo alla de#ini+ione di /stato di ecce+ione0 come !uoto giuridico, !edere cosa ne $ del rapporto della so!ranit* con l(ecce+ione e la necessit*, alla luce di uesta de#ini+ione, e rilanciare gli esiti della querelle !erso una nuo!a de#ini+ione dell( /agire politicamente0. 5ella prospetti!a di &chmitt, lo spa+io !uoto dell(applica+ione sembra implodere uando l(attua+ione della norma $ a##idata al so!rano, unico ancoraggio, in uesto modo, della necessit* allo stato di diritto. ?a ci8 di cui decide il so!rano $ proprio l(ecce+ionalit*, o!!ero la sospensione del diritto" 1@ossiamo allora de#inire lo stato di ecce+ione nella dottrina schmittiana come il luogo in cui l(opposi+ione #ra la norma e la sua attua+ione raggiunge la massima intensit*2 3p. AB4. C si precisa anche la natura del vuoto giuridico" 1DEF la presta+ione speci#ica dello stato d(ecce+ione non $ tanto la con#usione dei poteri DEF uanto l(isolamento della #or+a:di:legge dalla legge2 3p. >24, do!e per #or+a:di:legge si intende ci8 che rende e##etti!a l(applica+ione della legge. 5ello stato di ecce+ione, non $ la

legge a rendersi di per s7 e##etti!a, ma si distingue tra norma ed applica+ione della norma, do!e l(applica+ione $ a##idata a uella che nella Teologia politica $ chiamata violenza sovrana. Ad essa, Ben-amin oppone l(idea di una violenza pura" proprio del so!rano non sarebbe la decisione, ma l(esclusione, o!!ero l(impossibilit* di ricondurre ci8 che $ #uori dal diritto allo stato di diritto. In uesto senso, lo stato di ecce+ione $ catastro#ico" sospende e prepara costantemente al ro!escio l(ordine costituito. 5on $ propria dell(ecce+ionalit* la posi+ione di un nuo!o ordinamento, a meno che l(ecce+ione non si identi#ichi con la regola" ma si raggiungerebbe ui uell(implosione che &chmitt a!e!a e!itato introducendo la uestione nella +ona categoria di decisione. ?a perch7 violenza, $ perch7 puraG 1In

anomica $ la rela+ione #ra !iolen+a e diritto . in ultima analisi, lo statuto della !iolen+a come ci#ra dell(a+ione umana2 3p. <<4" nella teoria di Ben-amin, la !iolen+a prende il posto della decisione di!entando il motore del dispositi!o dell(ecce+ione, l(unico moto capace di produrre l(esclusione. 4. La finzione: dalla vita alla prassi politica. Ben-amin conclude ponendo la !iolen+a a #ondamento della sua teoria, ma il 1compito essen+iale di una teoria non $ soltanto uello di chiarire la natura giuridica o meno dello stato di ecce+ione, uanto piuttosto de#inire il senso, i luoghi e i modi della sua rela+ione con il diritto2 3p. ;<4. 5ella terminologia di Agamben la !ita sostituisce la necessit*" $ la !ita che si a##accia alla soglia dello stato diritto, sen+a alcuna possibile pretesa di istituire un ordinamento giusto, a meno che non sia la regola ad identi#icarsi con la !ita. Rispetto a necessit, !ita esprime per cosH dire l(impossibilit* ontologica dell(identi#ica+ione" 15on !i sono, prima, la !ita come dato biologico e l(anomia come stato di natura, e poi la loro implica+ione nel diritto attra!erso lo stato di ecce+ione2 3p.1124. %osH tra l(implosione dell(ecce+ione su se stessa e l(identi#ica+ione dell(ecce+ione con la !iolen+a pura di Ben-amin esiste una ter+a possibilit*" la #in+ione. Agamben la deduce dalla distin+ione tra auctoritas e potestas" soltanto nella prima si mantiene la consape!ole++a di essere la condi+ione dell(applica+ione della norma, ma di non esserne il #ondamento, e dun ue si preser!a, con uesta distin+ione, la possibilit* della sospensione del diritto. ?a, non esistendo neppure un accesso immediato ad un ordinamento normati!o eItragiuridico, anche la posi+ione del diritto sar* a##idata alla stessa distin+ione. 6obbiamo dun ue pensare che la giusti+ia risieda in uella stessa 1#igura estrema e spettrale2 del diritto . uella stessa catastro#e o uello stesso miracolo . che costitui!a il

suo ro!escio o la sua sospensione, come 1uno stato del mondo2 o un(1escatologia bianca2 o un continuo ro!esciamento o una continua sospensione.

!D "#

1. 9o stato di ecce+ione come paradigma di go!erno 2. Jor+a:di:legge 3. Iustitium A Gigantomachia intorno a un !uoto >. Jesta, lutto, anomia ;. Auctoritas e potestas Riferimenti bibliografici