Sei sulla pagina 1di 1

martedì 3 novembre 2009

POLITICA 7

LE RIFORME GIUSTIZIA, IL PREMIER TENDE LA MANO: «AL VOTO SE MUTA LA MAGGIORANZA, FINI LEALE». NUOVO SEGNALE ALL’UDC

Berlusconi: «Se il Pd cambia, sì al dialogo»


di Gianluca Pettinato A lui mi lega un solido rapporto di Regioni del Nord alla Lega non rischia «L’Udc - ragiona Berlusconi - è con noi
amicizia e di stima», replica Berlu- di ridimensionare il peso nazionale del nel Ppe, che è la grande famiglia del- CASINI APRE, MA PONE UNA CONDIZIONE
ROMA. Sulla riforma della giustizia il sconi, che in rapporto alle posizioni di Pdl? «La questione è oggi ancora sul la libertà e della democrazia in Euro-
Governo è pronto al confronto senza
pregiudizi, ma non è disposto a subi-
re i veti dell’opposizione. Nel caso la
Fini sull’immigrazione spiega chiaro
che «è naturale che la direzione del
Pdl e l’ufficio di presidenza discutano
tavolo - risponde il presidente del Con-
siglio - ma se ciò
pa. Negli altri paesi dell’Unione i par-
titi popolari non si
dovesse accadere Il Guardasigilli Alfano: no a alleano con la sini-
L’opposizione si divide
minoranza dovesse ostacolare il rias-
setto del sistema giudiziario, previsto
di proposte nuove non incluse nel no-
stro programma elettorale, come per
certamente no. veti o faremo da soli. Il Ca-
L’alleanza con la valiere a Bersani: basta in-
stra, non sono di-
sponibili ad allear-
No dell’Idv, nì del Pd
nel programma elettorale, il centro- esempio quella di concedere in anti- Lega è davvero so- sulti. E prepara l’incontro si con una parte o
destra è deciso a procedere in Parla- cipo la cittadinanza agli immigrati. Si lida. Non c’è nes- con Casini: «È nel centrode- con l’altra. Questo ROMA. Silvio Berlusconi tende la
mento confidando sulla propria forza discute, si vota e la decisione della sun problema nel- stra. Regionali, ticket Pdl- non è casuale. È la mano, e invita l’opposizione a cam-
numerica. La conferma arriva dal mi- maggioranza vincola la minoranza». l’individuazione Lega. Immigrati, discutere conseguenza del biare atteggiamento: passare da-
nistro Angelino Alfano e dal presi- Berlusconi esclude un “Governo del dei candidati alle la cittadinanza breve ma fatto che i nostri gli insulti al dialogo. A cominciare
dente del Consiglio Silvio Berlusconi, presidente” «nel modo più assoluto. Regionali anche valori, i nostri pro- dalla riforma della giustizia. L’ef-
che da parte sua intende mettere al- Se mai dovesse verificarsi un cam- perché presente-
decidere a maggioranza» grammi, la nostra fetto è che nessuno raccoglie con
la prova il riformismo di Pierluigi Ber- economia sociale un chiaro sì, tutti si barcamenano
sani. Se il Pd intende «cambiare regi- di mercato, sono concezioni alterna- per tenere aperta la porta senza
stro, evitando l’insulto e la demoniz- tive a quelle della sinistra». In attesa di esporsi all’accusa di «intelligenza
zazione», dice il sostanza il premier, incontrare Casini e Cesa giovedì, Ber- col nemico”. Risultato: l’unica po-
troverà nel Governo un attento inter- lusconi non ha dubbi: «La collocazio- sizione chiara è quella di Antonio
locutore disposto al confronto. Parole ne strategica dell’Udc non può che es- Di Pietro, che parla di «polpetta av-
contenute nel libro di Bruno Vespa, sere nel centro destra, e noi attendia- velenata» del premier e invita il Pd
“Donne di cuori” nel quale il premier mo fiduciosi che questo avvenga». Poi a rifiutare a priori qualsiasi dialo-
non affronta solo la questione giusti- Berlusconi annuncia di non voler ri- go. All’offerta del premier il Pd re-
zia. Il Cavaliere affronta anche la que- nunciare alle querele contro La Re- plica scettico con un distinguo di Pd al Senato, Anna Finocchiaro
stione della tenuta della sua maggio- pubblica e l’Unità. «Ho il dovere di tu- partenza: la riforma della giustizia (nella foto), aggiunge: «Forse il re-
ranza, mettendo in chiaro che il Go- telare non la mia persona, ma l'istitu- si fa sui testi in Parlamento e non gistro devono cambiarlo maggio-
verno è solido, ma che qualora do- zione che rappresento - dice il pre- con gli annunci a mezzo stampa. ranza e Governo. E in ogni caso le
vesse cambiare la maggioranza si an- mier - e che mi è stata assegnata dal Più disponibile sembra invece l’at- tanto sbandierate riforme si fanno
drà al «voto anticipato». Per quanto ri- voto di milioni di italiani. Insultando teggiamento dell’Udc, che apre la in Parlamento. Quella è la sede del
guarda la riforma della giustizia Ber- me si insultano tutti loro, si insulta il porta al dialogo, a patto che la re- confronto». Incalza Antonio Di Pie-
lusconi spiega che «per dialogare è loro voto, la loro volontà, la loro digni- visione delle norme non si faccia tro: «Perché Alfano non chiede un
necessario essere in due e soprattut- tà. E non ho sporto querela. Mi sono ri- per risolvere i problemi del presi- parere all'Anm sulle sue riforme?
to avere rispetto dell’avversario, non volto, in modo direi quasi disarmato, dente del Consiglio ma per rende- Che Governo è un Governo fatto di
insultarlo e demonizzarlo come il Pd ai giudici civili destinando da subito re il sistema più efficiente, equo e ministri che fanno riforme non con-
di Franceschini e di Veltroni ha fatto l’eventuale risarcimento del danno al- funzionale. Totalmente contrario, certate con le categorie che rap-
ogni giorno, e spesso più volte al gior- l’Istituto San Raffaele di Milano». Sul- come detto, l’Idv. Rosy Bindi, indi- presentano?», domanda dal suo
no, contro la mia persona. Se Bersani la riforma della giustizia è intervenu- cata tra i possibili candidati alla blog il leader Idv che rivolge un ap-
Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi
deciderà di cambiare registro e di to anche Angelino Alfano: il Guarda- presidenza del Pd, dice: «Siamo di- pello anti-inciucio: «Mi auguro che
concorrere alle riforme importanti per sigilli dice che «ricerchiamo il dialo- sposti a un confronto se si vuole fa- l’opposizione non cada nella rete».
il futuro dell’Italia, il più contento sa- biamento di maggioranza, ma è remo in ogni Regione del Nord un tic- go con l’opposizione», ma avverte: re la riforma per i cittadini. Invece, Per il presidente dell’Udc, Rocco
rò io». un’ipotesi che non esiste, ci tengo a ket che indicherà un presidente del «Tra la paralisi perché l’opposizione non c’è alcuna disponibilità a con- Buttiglione, «occorre che la mag-
E il rapporto con Fini? il Presidente dirlo chiaro, sarebbe inevitabile il ri- Pdl e un vice della Lega e viceversa». non vuole la riforma e quanto propo- sumare vendette contro la magi- gioranza non voglia fare da sola ma
della Camera «si è dimostrato un al- corso ad elezioni anticipate». Ma la Proprio in vista delle Regionali, Berlu- sto agli elettori noi sceglieremo di pro- stratura e a continuare a fare leg- anche che l’opposizione sia pron-
leato leale e un politico lungimirante. concessione della presidenza di due sconi lancia un nuovo segnale al’Udc: cedere alle riforme». gi ad personam». La capogruppo ta a cogliere i segnali di dialogo».

L’INTERVISTA DOMANI FINANZIARIA IN AULA, BALDASSARRI: ECCO LE RISORSE PER RIDURRE LE TASSE SCONTRO SU NOME E LOGO

Sicilia, strappo
«Ora colpire le lobby della spesa pubblica» di Miccichè
di Vincenzo Nardiello ranno 1-1,5 miliardi l’anno; per pru- prese, famiglie, fare investimenti e
Il no del Pdl
denza nell’emendamento sono pre- dare un po’ di soldi a difesa e forze di
ROMA. Domani la Finanziaria arri- visti 2 miliardi. Allora, se trasformo 6 polizia. Non pretendiamo di fare tut- ROMA. «Ebbene sì, ci siamo!
verà nell’aula del Senato. Tutti gli oc- miliardi ma me ne servono 2, si libe- to e subito, ma questa è la strada e Oggi si costituirà all’Assemblea
chi saranno puntati sulla riduzione rano 4 miliardi. E questi li uso per ri- va imboccata». regionale siciliana il Pdl-Sicilia. È
delle tasse, e in particolare sugli durre l’Irap». E quelli che dicono di attendere davvero il passo decisivo, un
emendamenti di Pdl e Lega e la “con- L’Irap è un’imposta regionale: le il gettito dello scudo fiscale? passo verso la schiarita definitiva
tromanovra” proposta dall’economi- Regioni cosa ci perdono? «Non ha senso». all’interno del partito siciliano,
sta e presidente della commissione «Neanche un euro». Addirittura. che oggi, più che un partito, è
Finanze di Palazzo Madama, Mario Ne è sicuro? «È un’entrata una tantum, non c’en- una torre di babele, dove leader e
Baldassarri (nella «Certo. Lo sgravio tra. Qui parliamo di tagliare le spe- leaderotti parlano, ognuno, un
foto): tagliare 35 Il presidente della commis- Irap lo diamo come se». linguaggio politico differente». È
miliardi di spesa sione Finanze del Senato detrazione dalle La situazione appare parados- quanto si legge nell’ultimo post
per tagliare 35 ha presentato la “contro- imposte dirette e sale: voi indicate chiaramente la di Sud, il blog del sottosegretario
miliardi di tasse. manovra”: «Col taglio indirette. È quello copertura del taglio fiscale, il Te- alla Presidenza del Consiglio
Presidente Bal- dell’Irap le Regioni non che Prodi e Tre- soro risponde che il problema Gianfranco Miccichè. Consumato
dassarri, per- perderanno un euro. At- monti avrebbero sarebbe proprio la copertura, copertura. glie. E noi abbiamo un emendamen- lo strappo in Sicilia, però, il
ché tagliare la tendere l’esito dello scudo dovuto fare sull’az- «No guardi, se fosse mancata la co- «La copertura è chiara e precisa. Le- to apposito per la famiglie». coordinamento nazionale del Pd
spesa pubblica fiscale non ha senso. La zeramento dell’Ici. pertura la Commissione avrebbe di- gittimamente si potrebbe dire “non C’è il rischio di un deteriora- «invita i promotori del “Pdl
è così difficile? mento del rapporto con Cisl e
«Negli ultimi 6-7
copertura c’è ed è chiara» Invece di far casi-
no con i Comuni,
chiarato inammissibili gli emenda-
menti».
mi piace”. Io direi “bene, allora di-
scutiamone un’altra”». Uil?
Sicilia” a soprassedere
dall’iniziativa, poichè simbolo e
anni acquisti del- bastava dire che E allora? Per la prima volta dall’inizio del- «No, su questa linea il rischio vero è nome relativi al Pdl sono
le pubbliche amministrazioni e fi- l’Ici era detraibile dall’Irpef». «La copertura c’è, ma qualcuno po- la legislatura Cisl e Uil hanno avere il consenso di tutti quelli che nell’esclusiva disponibilità del
nanziamenti a fondo perduto sono Non è che una parte del Gover- trebbe dire che non gli piace». utilizzato la parola sciopero. sono ragionevoli: sindacati, Confin- partito e la costituzione di un
cresciuti in modo palesemente ano- no e della maggioranza hanno Però questa contestazione non «I sindacati hanno detto sì alla ridu- dustria (che l’ha già espresso) e an- gruppo “Pdl” può essere
malo, tagliarli significa andare con- più a cuore gli interessi delle la muove nessuno, ci si limita a zione fiscale alle imprese, ma chie- che parte dell’opposizione potrebbe autorizzata solo dal partito
tro interessi, congreghe, lobby di 100- lobby che quelli del resto degli mettere in dubbio l’entità della dono anche meno tasse sulle fami- dare un giudizio positivo». stesso».
200mila persone che in quella spesa italiani?
pubblica sguazzano e campano. «No, quelle lobby sono trasversali e
Comprese eventuali organizzazioni sono lì da decenni». L’ADDIO DI CACCIARI, MARINI CONTRO RUTELLI BOCCHINO: DOBBIAMO RIFLETTERE SUL TESTO
multinazionali di stampo mafioso». Allora qual è il problema?
Si riferisce alle truffe sui finan-
ziamenti a fondo perduto?
«Mettere su un piatto della bilancia
gli interessi di quelle 100-200mila per-
E Bersani perde ancora altri pezzi Nuova par condicio, ma è scontro
«Non solo. Basta prendere il fondo
perduto, far finta di fare un’azienda
sone, e sull’altro il futuro di 57 milio-
ni d’italiani».
Esplode anche la grana Radicali Fini scettico: «I tempi sono stretti»
e poi chiuderla dopo tre anni». E poi? ROMA. Il Pd di Bersani? «Gli alleanze ha nominato tutti ROMA. È di nuovo scontro tra biarla prima del conflitto d’inte-
La accuseranno di generalizza- «E poi si scelga». auguro successo, ma sarà la cosa tranne i Radicali. Magari Bersani maggioranza e opposizione sulla ressi». Il presidente della Camera
re. È ottimista per la discussione in 2, 3 0 4 di D’Alema. È un dramma nell’incontro che avremo domani riforma della par condicio, ma il è scettico sui tempi. Fini non cre-
«Ah sì? Come mai i tre quarti di quel- Aula? quel che si profila nel Pd. ci smentirà, però nelle sue confronto è aperto anche nella de che il testo venga approvato in
le iniziative vanno tutte male dopo «Abbiamo fatto proposte ragionevo- L’intesa col centro è inevitabile e dichiarazioni pubbliche non si è stessa maggioranza, dove alcuni tempo per le Regionali di fine mar-
tre anni?». li». sta frittata qui, un centrosinistra distinto dai suoi predecessori». ex An, si chiedono “limature” alla zo. Il decreto sull’election day de-
Voi proponete di trasformare 6 Con Tremonti come la mettia- da prima Repubblica che è il Resta aperto anche il conflitto proposta di legge depositata a ve essere ancora presentato, e ca-
miliardi di fondi perduti in cre- mo? vecchio disegno di D’Alema, non con i rutelliani. A bacchettare Montecitorio il 14 ottobre scorso. lendario alla mano i tempi sono
dito d’imposta: cosa cambia in «Siamo totalmente sulla linea di Tre- mi interessa culturalmente. l’ex leader della Margherita è Il testo presentato dal deputato del stretti, considerato anche lo stop
concreto? monti, nel senso di non causare un Anche se è l’unica via per l’ex presidente del Senato, Pdl Ignazio Abrignani propone tre obbligato nei lavori della Camera,
«Che per poter avere quel sussidio lei solo euro in più di deficit. Se altri vo- sconfiggere Berlusconi». E due. Franco Marini, che al Tg2 modifiche principali: la ripartizione fino al 9 novembre. Insomma, per
deve dimostrare di aver fatto l’im- gliono iscriversi al partito della spe- Dopo Francesco Rutelli anche giudica così la decisione di proporzionale dei tempi in tv a se- Fini difficilmente la legge potreb-
presa, essere sul mercato, aver as- sa lo facciano, ma questi non siamo massimo Cacciari, il sindaco- lasciare il partito: «Rutelli conda del “peso” dei partiti; la pos- be essere approvata in tempo uti-
sunto, fatto investimenti e quindi di noi». filosofo. annuncia l’addio al Pd, sbaglia. A me dispiace che vada sibilità di spot propagandistici a le. In ogni caso, osserva il vicepre-
avere Irpeg, Irap e Iva da pagare. A Quindi Tremonti ha ragione? anche se non seguirà Rutelli ma via, ma non si possono astrarre pagamento anche sulle reti nazio- sidente dei deputati del Pdl, Italo
quel punto non la paga e ottiene il «Su questo ne ha mille di ragioni». lascerà la politica. Il categorie come “moderati” e nali; la cancellazione del divieto per Bocchino, «sul testo bisogna riflet-
sussidio». Però? neosegretario del Pd continua a “cattolici” rispetto alle grandi i politici di partecipare sotto ele- tere e la riflessione è aperta». E un
Risultato? «È tempo di tagliare queste spese - perdere pezzi, mentre esplode questioni del Paese. E poi il zioni a trasmissioni di puro intrat- primo confronto ci sarà oggi, tra lo
«Se invece di dare 6 miliardi subito, chiamiamole eufemisticamente im- anche la grana Radicali. Emma superamento della democrazia tenimento. L’opposizione insorge, stesso Bocchino, Abrignani, e il ca-
li erogo col credito d’imposta spal- produttive - al fine di creare le risor- Bonino osserva piccata: «Prendo bipolare e dell’alternanza a me parla di nuova legge ad personam pogruppo del Pdl Fabrizio Cicchit-
mato su 5-6 anni, per coprirlo ci vor- se per togliere un po’ di tasse a im- atto che Bersani parlando di sembra un errore». e aggiunge: «improponibile cam- to.