Sei sulla pagina 1di 3

L'analisi delle tendenze artistiche del Novecento non pu prescindere dallo sviluppo tecnologico e dal boom economico caratterizzanti

il XX secolo. Gli anni di passaggio dall'Ottocento al Novecento sono contrassegnati da una profonda crisi di cui abbiamo visto le conseguenze in quasi tutti gli artisti. Da un lato prosegue l'ottimistica fede nel progresso scientifico che appare inarrestabile e tale da portare a soluzione ogni problema umano. Dall'altro si ci rende conto che questa !felicit"! universale # solo apparente e che il progresso tecnico non # necessariamente legato al progresso dell'umanit" anzi rischia di meccanizzare l'uomo uccidendone la spiritualit". $ primi decenni del Novecento vengono generalmente definiti come !il periodo delle avanguardie! $n questi anni si assiste a manifestazioni clamorose di rottura nei confronti del passato. Gli artisti manifestano la propria decisa volont" di superare l'arte dell'Ottocento sia le poetiche oggettive del %ealismo sia quelle neoclassiche della nobile semplicit" sia quelle romantiche del sublime. &' soprattutto la delusione vissuta nel secondo dopoguerra oltre che alla progressiva imposizione delle macchine che !obbliga! l'artista ad esprimere in maniera personalissima la propria visione della realt". $nfatti da questa coscienza della crisi discendono due opposte tendenze' quella che vede nell'aperta ribellione la strada da seguire per trasformare e rinnovare la cultura (tendenza fatta propria dagli artisti del Dada) e quella pi* intimistica e dimessa che conduce l'artista a ripiegarsi su se stesso (adempita dagli artisti dell'&spressionismo astratto!). $ primi esprimono la propria visione attraverso un'attiva e dissacrante ribellione contro il barbarismo delle guerre e contro la rigidit" e il manierismo dell'arte+ i secondi ricercando la pi* autentica espressione dell'!io!. (,tilizzando la tecnica pittorica dell'!action painting! rappresentano i propri sentimenti attraverso linee e colori liberamente fusi o accostati al di fuori dell'ordine razionale sgocciolando casualmente il colore). -on l'imporsi della tecnologia nasce una terza tendenza della quale si fanno portavoce gli artisti della .op/0rt che prevede l'accettazione simbiotica dei nuovi sistemi comunicativi e pubblicitari e della nuova fisionomia assunta dalla societ" la societ" di massa. $l successo della .op/0rt deriva dal fatto che la pittura astratta dei Dadaisti e degli &spressionisti appariva un1esperienza artistica molto intellettuale dunque limitata nella comprensione e nella diffusione a ristretti ambienti culturali di elite. -onseguentemente era stata accolta con marcata diffidenza dalla societ"+ non solo per la difficolt" di comprensione ma anche perch2 tale concezione artistica esprimeva come abbiamo visto un disagio esistenziale profondo. 3ale disagio era in aperto contrasto con l1ottimismo che la societ" dei consumi imponeva al fine di garantirsi dei profitti economici. La .op/0rt si fa portavoce del sistema rivolgendosi ai miti e ai linguaggi della societ" dei consumi. Nasce negli anni 4essanta negli 4tati ,niti. 5.op6 # abbreviazione di popular popolare ma non deve essere inteso come arte del popolo o per il popolo ma come arte di massa cio# prodotta in serie. & poich2 la massa non ha volto l1arte che la esprime deve essere il pi* possibile anonima' solo cos7 potr" essere compresa e accettata dal maggior numero possibile di individui. $l salto # traumatico in quanto dalle elaboratissime riflessioni sui significati artistici di materia e di gesto si passa alla proposizione di valori assolutamente quotidiani e volutamente banali. La sfrontata mercificazione dell1uomo moderno l1ossessivo martellamento pubblicitario il consumismo eletto a sistema di vita il fumetto quale unico residuo veicolo di comunicazione scritta sono i fenomeni dai quali gli artisti pop attingono le loro motivazioni. La .op/0rt attinge i propri soggetti dall1universo quotidiano (la diffusissima bottiglietta di -oca cola la stella del cinema 8aril9n 8onroe :arhol la striscia di fumetti alla moda Lichtenstein) e fonda la propria comprensibilit" sul fatto che questi soggetti sono per tutti assolutamente noti e riconoscibili. L1intervento artistico avviene mediante la manipolazione dei soggetti stessi che possono essere dilatati ripetuti e alterati in vario modo agendo sia sulle forme che sui colori grazie ai mezzi sempre pi* raffinati che l1evoluzione delle tecniche fotografiche e tipografiche stava ormai mettendo a disposizione. La .op/0rt usa lo stesso linguaggio della pubblicit"+ l1artista non trova pi* spazio per alcuna esperienza soggettiva e ci lo configura quale puro manipolatore di immagini oggetti e simboli gi" fabbricati a scopo industriale pubblicitario o economico. -ome accennato gli artisti pop non sono ribelli ed hanno un rapporto ambiguo con la realt" sociale contemporanea. 5-i che caratterizza il .op6 afferma Lichtenstein 5# innanzitutto l1uso che esso fa di quello che viene

disprezzato6. .aradossalmente la .op/0rt appare come la pi* grande apologia del sistema dei consumi che si propone per di smascherare e demitizzare attraverso un1operazione ironico/ dissacratoria. Da ci deriva il grande e quasi maniacale interesse per il fatuo mondo dei mezzi di comunicazione della persuasione occulta e della pubblicit" martellante a fini smaccatamente consumistici sullo sfondo di una realt" piatta e innaturale dipinta con la sgargiante pienezza dei moderni colori sintetici senza ombre senza volumi e forse anche senz1anima. Le strane sculture morbide di Oldenburg sono un perfetto esempio di come si possano utilizzare oggetti consueti e banali deformandoli fino a renderli grotteschi e provocatori. &1 il caso della impossibile 53oilette molle6 realizzata nel ;<== con la quale l1artista pur partendo da un oggetto banalmente reale intende stravolgere il senso stesso della realt" togliendo qualsiasi certezza anche alle forme pi* note. -i accade anche nelle finte rappresentazioni di cibi. $n una societ" dei consumi come quella statunitense # proprio il cibo il primo elemento di consumo di abuso e di enfatizzazione. ,n popolo ipernutrito e ipervitaminizzato come quello al quale si rivolge la comunicazione di massa viene ormai allettato solo dalla forma esteriore. $ prodotti alimentari non vengono decantati per il loro valore nutritivo ma per le dimensioni i colori le confezioni. &cco che Oldenburg realizza immangiabili sculture a forma di hamburger di hot/dog patatine fritte ice/cream.

%o9 Lichtenstein
$nsieme a Oldenburg %auschenberg e :arhol %o9 Lichtenstein # senza dubbio uno dei massimi e pi* rigorosi interpreti della .op/0rt. &gli ha una formazione artistica tutta americana che risente dunque in modo preponderante anche del gusto per la grafica pubblicitaria e per il disegno industriale. Nella rappresentazione artistica Lichtenstein parte dall1analisi di una qualsiasi vignetta possibilmente anche banale e in s2 poco significante e ne ingigantisce a dismisura le dimensioni. >uesta abnorme dilatazione di un1immagine nota sulla quale spesso scorriamo lo sguardo con veloce indifferenza la ripropone in modo nuovo e inconsueto. $n 5:haam6 l1artista manifesta in modo spettacolare la propria tecnica di lavoro. $l procedimento consiste nel proiettare il disegno originale sulla tela fino a ingigantirlo alle dimensioni desiderate. 0 questo punto egli ricalca le linee di contorno ripassandolo con colori a olio o con il magna (particolare smalto acrilico diluito in trementina) al fine di ottenere la massima brillantezza. 0ll1interno dei contorni le campiture di colore vengono stese in modo piatto e uniforme al fine di annullare qualsiasi effetto di chiaroscuro. L1intervento creativo dell1artista consiste nel mutare gli spessori dei contorni dei tratteggi e delle retinature tipografiche in modo da farli apparire innaturalmente fuori scala e di conseguenza assolutamente irreali. -i # particolarmente evidente in 58/8a9be (0 Girl1s .icture)6 una tela di forma quadrata realizzate nel ;<=?. $l colore carnicino del volto a differenza dei capelli che sono di un bel giallo uniforme # ottenuto mediante l1ordinato accostamento di numerosissimi puntini rossi secondo quando avviene normalmente nel processo tipografico di stampa. >uesto procedimento a cavallo tra la grafica la fotografia e la pittura # estremamente estraniante in quanto mentre alle dimensioni naturali di una striscia a fumetti la retinatura non si percepisce e appare di un morbido color rosa nel fortissimo zoom imposto dall1artista la trama dei puntini si sgrana. $l numero dei colori impiegati # limitatissimo tre o quattro al massimo oltre al nero proprio come avviene nei processi di stampa. $ mezzi tecnici della pittura sono dunque subordinati a quelli della grafica il che # la confessione di come l1arte non possa essere figlia altro che della societ" dei consumi e della comunicazione di massa. L1ispirazione di Lichtenstein viene principalmente dal fumetto ma ci non per una motivazione culturale quanto per una necessit". Nella societ" dei consumi americana degli anni 4essanta il fumetto # l1unica forma letteraria superstite e dunque # a essa che l1artista si rivolge in quanto la vede ancora capace di calamitare l1attenzione. Non per i contenuti ma per l1immediatezza dell1espressione. Le sperimentazioni di Lichtenstein si spingono anche in altri settori della grafica quella pubblicitaria ad esempio che egli accetta come una sorta di male necessario. & poich2 il simbolo consumistico per eccellenza dell1immagine di paesaggio # la cartolina illustrata lo statunitense utilizza spesso come base dei suoi lavori anche materiali tratti

dalle cartoline o dai depliant turistici. &1 il caso de 5$l 3empio di 0pollo $@6. Lichtenstein ha proiettato l1immagine ingrandita sulla tela e dilatandone arbitrariamente le dimensioni egli l1ha sottratta alla sua funzione iniziale attribuendole un significato del tutto nuovo. Grazie all1eliminazione di qualsiasi particolare superfluo le rovine del 3empio di 0pollo si sono trasformate in un motivo puramente grafico che non rappresenta altro che se stesso. Le pesanti retinature e lo sfondo di base violentemente giallo sono altri elementi di estraniazione rispetto all1immagine di partenza. >uesta immiserita sul piano dei dettagli e limitata quasi a pure linee di contorno acquisisce nuovi valori sul piano simbolico diventando una specie di emblema banalizzato di come la societ" di massa consumista e superficiale vede l1antichit" classica. L1artista prende pertanto atto delle situazioni e le registra meccanicamente senza scoprirsi mai per ci che pensa realmente lasciandoci nel dubbio di non riuscire a capire se del consumismo egli sia un feroce critico o un convinto fautore.