Sei sulla pagina 1di 47

progetti, non promesse!

attenti al lupo!
Quando si avvicinano le elezioni, la politica si risveglia. Ecco un campionario di promesse, pubbliche o private, sopra le righe o sotto banco, che altri ti faranno. Noi no. Perch non ci interessano le poltrone, ma lo sviluppo di Porto Recanati nei prossimi 20 anni.
Ti do un posto di lavoro. Nonostante la crisi... Costruisco il porto: ci puoi credere, te lo prometto da 10 anni! Faccio costruire un resort russo a 6 stelle. Come l'Hotel House... Rilancio il commercio in citt. Costruisco centri commerciali tutto intorno per distruggere il commercio in citt. Valorizzo il territorio. Riparto con la cementificazione che svaluta il territorio e il patrimonio immobiliare esistente. Sistemo le spiagge una volta per tutte. Ripasco le spiagge anche se poi il mare si porta tutto via.

Noi non ti facciamo promesse vuote. Ti presentiamo solo alcuni progetti.


Li abbiamo elaborati in modo che possano essere messi in cantiere gi dal giorno dopo le elezioni. Progetti concreti, tecnici, che partono dalla situazione attuale per proporre miglioramenti possibili, indicando i tempi e il modo di reperire i fondi. Realizzare questi progetti non significa trascurare tutto il resto. Significa solo offrirti un banco di prova su cui puoi venire a vedere che cosa siamo realmente capaci di fare, senza svendere il territorio, senza favorire interessi privati, senza avviare iniziative magari faraoniche che poi nel tempo cambiano, si ridimensionano, si interrompono, degradano.

5 stelle e 20 pianeti
Trasparenza e semplificazione burocratica
Trasparenza amministrativa Politometro e tagli stipendi Rapporto con i quartieri Multiculturalit e accoglienza

Cultura e turismo
Parco archeologico Potentia Azienda di soggiorno Riuso edificio Diaz Turismo tutto lanno

Rigenerazione urbanistica
Mobilit ciclopedonale Riqualificazione energetica Social housing Strutture sportive

Benessere del cittadino


Cittadella della salute Sport e associazioni sportive Raccolta differenziata spinta Asilo nido Economia a km 0 Canile e gattile

Assetto del territorio


Piano riqualificazione del litorale Rischio idrogeologico

Ecco la nostra squadra. Da sinistra a destra: Luca Sforza, Emanuela Giustozzi, Marco Ettorre, Cristiana Mataloni, Emanuele Viola, Giammario Poeta, Gabriele Guidi, Fabio Fazzini, Paola Mandozzi, Maurizio Castellani, Barbara Rizzo, Herbert Mauceri, Chiara Traferri, Gaetano Casale, Andrea Chiaraluce, Luigi Zingaretti.

Con noi tu puoi.

Vuoi una citt di qualit?

E il nostro obiettivo per Porto Recanati: una bella citt in un bel territorio per viverci bene e attrarre i turisti. Una bellezza certificata!

La certificazione EMAS
La certificazione Eco Management Audit Scheme un importante riconoscimento internazionale alla qualit della citt e del territorio. I nostri progetti sono tutti orientati allobiettivo di ottenere questa certificazione, che ci favorisce nellacquisizione di fondi europei e pu sviluppare turismo e commercio.
5

Qualit certificata come opportunit


La certificazione EMAS nelle Marche ancora poco diffusa, anche se il trend in crescita. Una volta ottenuta per il Comune, i nostri esperti legali e tecnici, in sinergia con la Camera di Commercio, sar a disposizione delle imprese che a loro volta vogliano ottenere la certificazione e il diritto di usare il marchio registrato.

La certificazione agevola laccesso a fondi europei, finanziamenti, fidejussioni, sgravi fiscali.

Usiamo bene lEuropa!

Per attirare turisti, visitatori, investitori, ci vuole qualit.

Qualit del territorio. Qualit degli edifici. Qualit dellambiente. Qualit della vita.

Ma la qualit non ce la possiamo raccontare da soli, ce la devono riconoscere gli altri. Possibilmente qualificati a livello europeo. Non ci bastano complimenti e pacche sulle spalle, vogliamo un certificato inequivocabile e riconosciuto dal crisma dellufficialit. Vogliamo la certificazione EMAS, una grande opportunit per operatori turistici, commercianti, imprenditori, cittadini, capace di attirare finanziamenti per progetti di miglioramento, nuove iniziative, nuovo sviluppo buono, pulito e giusto. Ma dobbiamo meritarcela. Come? Rendendo la nostra una citt eccellente, dove si vive bene, ci si muove con fluidit, si ha cura di bambini, mamme, giovani, anziani. Dove le spiagge siano belle, ci sia tanto verde ben curato, impianti sportivi pubblici e privati, una raccolta dei rifiuti spinta, la cura delle memorie storiche e dei monumenti. 7

Trasparenza amministrativa e semplificazione burocratica


Semplificare la macchina comunale nellinteresse del cittadino, che deve poter accedere agli atti, partecipare alle decisioni, ottenere nel modo pi diretto ci che gli spetta, senza chiedere favori.

Marco Ettorre, Emanuele Viola

Operazione trasparenza
Informazioni e decisioni aperte ai cittadini La trasparenza amministrativa il principio in base al quale le attivit della pubblica amministrazione devono essere rese pubbliche ed accessibili ai cittadini. E quindi un mezzo per consentire la partecipazione ed il controllo sulloperato della pubblica amministrazione, che cerca un dialogo con i cittadini, ponendoli in tal modo al centro dellazione amministrativa. Il cittadino informato diventa partecipe delle scelte che lo riguardano, e che non devono pi esser decise nel segreto di stanze inaccessibili. Il progetto, che pu avviarsi subito e a costo minimo, si articola in diversi punti:
Diretta

web delle sedute consiliari e commissioni.

Pubblicare

sul sito del comune verbali e delibere di giunta e di consiglio comunale e calendario delle riunioni di giunta, commissioni e del consiglio comunale, con libero accesso web ad anagrafe e atti pubblici; contabilit di bilancio e investimenti; consulenze, bandi di gara e appalti, sponsorizzazioni e fondi assegnati a societ ed enti privati e a partecipazione pubblica.

Nominare

gli amministratori delle aziende partecipate dal Comune secondo criteri di merito, vietare il cumulo delle cariche, tetto massimo ai compensi. fortemente nella motivazione e formazione del personale. Individuare e risolvere conflitti di interesse, informandone i cittadini. i gettoni presenza dei consiglieri comunali sulla singola convocazione e non sulla durata della seduta. 9

Investire

Calcolare

Introdurre

il referendum deliberativo senza quorum, per permettere ai cittadini di decidere direttamente su questioni specifiche, con votazioni Internet o presso lURP. Roberto Delle Foglie

Politometro e tagli stipendi


Come non arricchirsi con la politica

Il politometro l'altra faccia del redditometro. Se l'amministrazione pubblica chiede al cittadino di rendere conto della congruenza fra reddito dichiarato e tenore di vita effettivo, a maggior ragione il cittadino pu pretendere che l'amministratore pubblico mostri la propria situazione patrimoniale, prima, durante e dopo l'adempimento del mandato. Gli attuali amministratori pubblicano i loro redditi annuali e non rinunciano a nessuna indennit loro spettante. Responsabili dellUfficio tecnico e Segretario Comunale non hanno l'obbligo di pubblicare i redditi percepiti. La pubblicazione del patrimonio corrente di ogni amministratore ed il relativo incremento di beni mobili e immobili registrati tra unannualit e laltra permetterebbe al cittadino di conoscere se lamministratore ha una situazione di reddito trasparente, e se ha provveduto allacquisto di beni in misura superiore alle proprie capacit reddituali. Questo progetto vuole da un lato rendere trasparente l'anagrafe patrimoniale dei componenti della giunta comunale, dall'altra limitare stipendi, prebende e indennit, per scoraggiare chi vuole amministrare la cosa pubblica nell'interesse proprio invece che dei cittadini. Pu essere il primo atto della giunta comunale entro il termine massimo del 30 luglio 2014. 10

Il progetto serve a ricostruire la fiducia tra cittadini ed amministratori, a ridurre le spese comunali e disporre di ulteriori risorse, a sfidare gli attuali componenti della giunta a pubblicare la loro anagrafe patrimoniale attuale rapportata a quella di 15 anni fa, elencando i beni mobili ed immobili, natanti, quadri, cavalli, mezzi aeronavali acquistati in questo lasso temporale. Il progetto a costo zero, perch consiste solo nella pubblicazione di dati forniti dagli stessi titolari. Marco Ettorre

Libert partecipazione
Rivitalizzare i comitati di quartiere

Negli ultimi anni i Comitati di Quartiere sono man mano stati privati della loro funzione di cerniera fra il cittadino e lAmministrazione. Nel 2013 il sindaco non ha neanche concesso lassemblea cittadina annuale, prevista dai regolamenti. I sette Comitati, cos esautorati, non possono svolgere adeguatamente le funzioni di indirizzo e controllo delle scelte amministrative del Comune, che nenanche li convoca, e che si mostra sordo alle richieste dei quartieri. Il nostro progetto ha lobiettivo di rilanciare la partecipazione diretta dei cittadini alla cosa pubblica, con nuove elezioni dei comitati, ridotti da 7 a 3 membri, e con il bilancio partecipativo, dove quartieri e consulte fanno progetti su ambiente, viabilit, sport, sociale, che vengono votati e poi approvati dal Comune. Si far subito unassemblea pubblica su oneri e onori dei comitati di quartiere. Dal 7 luglio al 7 settembre quartieri e consulte presentano idee e progetti, valutati dal Comune entro il 24 settembre, 11

votati entro il 12 ottobre, approvati dal Consiglio comunale nella discussione di bilancio prevista per dicembre. Vanno risistemate e riattrezzate le sedi dei comitati di quartiere, e assegnate pagine nel sito web comunale. Il progetto intende impiegare i Comitati di Quartiere come strumenti di ascolto per lAmministrazione comunale. La democrazia partecipativa si realizza dando ai cittadini la possibilit di essere informati e di conoscere in maniera approfondita le scelte della Giunta, di esprimere pareri su scelte fondamentali per la comunit, di pretendere che i bilanci e le decisioni cruciali siano condivisi e discussi nei Quartieri. Insieme con i comitati si far unadeguata comunicazione per sensibilizzare i cittadini perch partecipino alle elezioni e si attivino come comunit viva di quartiere. Gaetano Casale, Gabriele Guidi

Multiculturalit e accoglienza
Il fertilizzante della diversit

Porto Recanati deve diventare un laboratorio per la pacifica convivenza multiculturale e per unadeguata accoglienza delle minoranze e dei cittadini delle fasce pi deboli. Le domande a cui si dovr rispondere sono:
Quale Come Come

sar il flusso migratorio di domani? andr segmentato?

garantire una pacifica e gratificante convivenza tra le diverse minoranze presenti in citt? coinvolgere la cittadinanza su questo tema? 12

Come

Poich occorre un nuovo tipo di pensiero, chiederemo soluzioni innovative soprattutto a chi finora non ha avuto voce: donne, bambini, giovani immigrati e anziani, oltre agli operatori nel sociale. Il comune svolge la sua missione politica di dare le direttive come aggregatore di idee, iniziative, imprese, il privato intraprende e fornisce prodotti e servizi. Si dar molta importanza alla formazione, dagli operatori specializzati in relazioni interculturali e umanitarie, alle associazioni cittadine e alluniversit della terza et. A queste iniziative si affiancher un progetto di anziani cre-attivi, per coinvolgere la creativit e lutilit sociale degli anziani. Si terr un corso di lingua italiana ed educazione civica rivolto alle donne in et non scolare da tenersi al mattino, mentre mariti e figli sono a scuola e al lavoro, presso le aule della scuola Diaz Si potranno organizzare cineforum presso il cinema Kursaal, per sensibilizzare i cittadini al tema dellaccoglienza con film seri e comici sullimmigrazione e linterculturalit. La scelta delle iniziative di interesse turistico promosse dal Comune sar affidata ad un team di specialisti del settore, scevri da ingerenze politiche, per una seria programmazione del calendario stagionale di iniziative pubbliche e private.

13

Cultura e turismo
La qualit della citt e del territorio deve essere TOTALE, ossia deve tenere conto di tutti gli elementi e gli aspetti che rendono eccellente una meta turistica, trasformandola in una esperienza di cultura, storia, bellezza e alta qualit della vita.

Donatella e Luca Sforza

Azienda di Promozione Turistica


Uno strumento strategico per il turismo In una citt a vocazione turistica lAzienda di Soggiorno, negli ultimi anni in declino, deve tornare ad essere lo strumento principale di informazione turistica della citt e del territorio. Gli operatori turistici devono versare come contributo volontario una quota dai 200 ai 5000 euro, dalla piccola agenzia al grande campeggio o albergo, in modo che il Comune disponga di 60-90.000 euro. In realt solo pochi hanno versato la quota, perch non sono certi che i fondi vengano effettivamente usati per promozione turistica. 14

Il nostro progetto, che pu partire subito, intende destinare i fondi alla gestione della nuova Azienda di Promozione Turistica (APT), coinvolgendo gli stessi operatori nelle scelte strategiche, motivandoli e stimolandoli per poter garantire loro una continuit di turismo per tutto lanno. Ecco alcuni punti qualificanti: 1. Due o tre persone impiegate a tempo pieno possono gestire lAPT per tutto lanno e con lAssessorato al Turismo promuovono iniziative e coordinano attivit. 2. Loperatore sar ben lieto di versare la sua quota per gestire il suo spazio allinterno dellAPT, farsi pubblicita, essere visibile. 3. Tutte le categorie saranno trattate allo stesso modo con pari opportunit. 4. Il Comune si far garante dellorganizzazione interna dellAPT convocando tutti gli operatori in assemblee costruttive e migliorative. 5. LAPT potrebbe diventare un punto fermo della citt a cui rivolgersi per le pi disparate informazioni per visitare e vivere Porto Recanati come citt ideale.

15

Fabio Fazzini, Andrea Chiaraluce, Umberto Santucci

Il parco archeologico Potentia


Valorizzare la nostra Pompei A sud di Porto Recanati la colonia romana di Potentia, fondata nel 184 a.C. e abitata fino al VI sec. d.C., copre unarea di almeno 18 ettari ed stata solo parzialmente scavata e studiata. I resti oggi visibili, anche se ignoti ai pi e di difficile accesso, vanno dallet repubblicana fino alla tarda antichit. Il progetto intende creare un parco archeologico per la citt romana di Potentia come forte polo di attrazione turistica di eccellenza che richiamer visitatori per tutto lanno, non solo per il periodo estivo, e coinvolger comuni limitrofi con loro strutture museali, operatori turistici, commercianti locali, incrementando cos lattrattiva e leconomia della zona. Il parco render fruibile al pubblico larea archeologica scavata e gli altri monumenti connessi allantico tessuto urbano, compresa labbazia di Santa Maria di Potenza. I monumenti saranno collegati con una pista ciclopedonale con cartelloni esplicativi. Il parco sar collegato con il centro storico di Porto Recanati, il Castello Svevo e il futuro Polo Museale. Laccesso al parco sar gratuito, gli scavi si visiteranno con un bi-

16

glietto che comprende i musei cittadini. Percorsi guidati nel parco e nei musei civici, pacchetti turistici per far conoscere le bellezze culturali e naturalistiche del territorio nel loro contesto storico, eventi culturali, scuole allaperto sono solo alcune delle tante iniziative in programma. Il progetto prevede due fasi, una da realizzare in un anno, con restauro e sistemazione dellesistente, segnaletica, cartellonistica, aula didattica, percorso ciclopedonale, e una a lungo termine per nuove campagne di scavo con universit e archeologi specializzati. Le risorse finanziarie andranno reperite fra i fondi stanziati per la cultura dalla Comunit Europea, i fondi per la cultura del gioco del Lotto e quelli della Regione Marche. Fabio Fazzini, Emanuela Giustozzi, Herbert Mauceri

Riqualificazione della scuola Diaz


Riutilizzare invece di cementificare

Il progetto prevede la realizzazione di un polo museale e culturale allinterno delledificio, che in buone condizioni e parzialmente utilizzato per eventi, Informagiovani, Scuola di Musica e Protezione Civile. Al primo piano, avr sede il Museo archeologico, che riunir i reperti asttualmente conservati nella Torre Sveva e nel Museo Archelogico di Ancona, e si integrer col parco archeologico Potentia. Ci sar il Museo della Civilt Contadina e unaula didattica. Nei locali dellufficio Informagiovani da trasferire ci saranno book shop e biglietteria del polo museale. Le aule disponibili ospiteranno sala recitazione, sala musica (eventuale spazio con strumenti depoca), sala danza, sala mostre (arte e comunicazione visiva, multimedia), sala lettura. 17

Al secondo piano saranno ospitate le associazioni culturali. Il giardino pu essere destinato a piccoli saggi, teatrino per i piccoli, concerti e salotto cantautori. La ristrutturazione prevede restauro di facciata e pavimentazione del cortile, ripristino delle zone verdi, messa a norma di impianti e ringhiere, realizzazione di un ascensore per disabili, restauro e ripulitura interni e messa a norma di impianti. Saranno acquistati scaffali e teche espositive, cartellonistica e attrezzature multimediali. I tempi di realizzazione sono stimati in un anno e mezzo circa. Il finanziamento sar coperto dagli Enti promotori: MBAC, Lottomatica, Fondi Europei per la cultura, sponsor privati. Gli stakeholder interessati sono: Sovrintendenza per i beni archeologici, Archeoclub, UNIPORTO, Scuola primaria e secondaria, Universit di Macerata, associazioni culturali.
Gaetano Casale, Herbert Mauceri, Donatella Sforza, Giuseppe Clementoni, Umberto Santucci

Turismo tutto lanno


A vendere la spiaggia in agosto sono capaci tutti. E pi difficile vendere turismo per tutto lanno. Porto Recanati deve diventare un laboratorio di turismo conviviale del futuro, per rispondere a queste domande:
Quale Come

sar il mercato turistico di domani? andr segmentato? 18

Come Come

passare da un mono-turismo stagionale ad un multiturismo dilatato in tutto lanno? sar la mobilit del dopo-petrolio? Come ripensare un turismo di transizione?

Come

coinvolgere citt vicine per sviluppare politiche sinergiche di territorio (litorali, parchi, piste ciclabili, percorsi artistici ed enogastronomici)? alzare il livello qualitativo del prodotto turistico marecitt-territorio?

Come

Per elaborare un piano articolato di marketing turistico si partir dallascolto di cittadini, operatori turistici, esperti di turismo esperienziale, urbanistica, viabilit, geologia e geografia, botanica, oceanografia, cultura, operatori nel sociale. Ma poich occorre un nuovo tipo di pensiero, chiederemo soluzioni innovative soprattutto a chi finora non ha avuto voce: donne, bambini, giovani. Il progetto strategico di marketing turistico per tutto lanno si rivolge a pubblici mirati con offerte specialistiche: anziani, bambini, sportivi, giovani, studiosi, dovranno trovare attrezzature adeguate, percorsi, informazioni, iniziative di richiamo, accompagnatori, animatori, trainer. Il comune svolge la sua missione politica di dare le direttive, il privato intraprende e fornisce prodotti e servizi. Il comune diventa attivatore di progetti nel campo della qualit totale e del turismo esperienziale di ultima generazione, e aggregatore di idee, iniziative, imprese, orientando tutte le energie e le risorse disponibili alla strategia di creare attrattiva turistica per tutto lanno.

19

Rigenerazione urbanistica
Rigenerare significa rivitalizzare una citt che stata fin troppo sommersa da una eccessiva cementificazione che lha snaturata e le ha tolto identit. Noi vogliamo una citt nuova per un mondo nuovo, sostenibile, conviviale.

Gaetano Casale, Umberto Santucci, Emanuele Viola

Il re pedone
Un sistema territoriale di mobilit ciclopedonale Una bella rete ciclopedonale pu aggiungere una grande attrattiva per residenti e turisti che amano camminare, far correre il cane, andare in bici con i bambini, tenersi in forma da anziani, sfidare se stessi e gli amici da giovani e da adulti, praticare sport come il nordic walking e la bici da strada e da campagna. In sinergia con i comuni vicini, si recupera e sistema tutto lesistente e si raccordano i percorsi in modo da ottenere una rete protetta che si svolga fra citt, mare, fiumi, campi, cultura. E una nuova visione che considera la pista ciclabile non come una piccola struttura isolata da un chilometro, che non serve n allamatore n allo sportivo, ma come 20

unampia rete che permetta di conoscere il territorio e di macinare chilometri senza lo stress e i pericoli del traffico automobilistico. Gli interventi poco costosi e poco impattanti, coordinati con cartoguide cartacee e web, consigli di esperti, corsi e itinerari guidati, possono costutire unattrattiva turistica su pubblici mirati valida per tutto lanno. Oltre ai percorsi una pista per bici acrobatiche, skateboard, pattini in linea, skyroller, con tratti cementati o sterrati, dossi, curve, salti, sar un divertente campo di gioco per grandi e piccini, servir a testare biciclette appena acquistate o di nuovo tipo, attirer manifestazioni sportive o amatoriali di richiamo locale, regionale o nazionale. Secondo le concezioni urbanistiche pi avanzate, un attento studio dellattraversamento protetto del centro citt armonizzer la tranquillit del pedone con parcheggi e trasporto di persone e merci. Porto Recanati deve ridiventare una citt a misura di pedone, di anziano, di bambino, e deve favorire spostamenti abituali in bici, incentivandone luso anche in inverno. Dal lungomare alle piste che costeggiano i fiumi Potenza e Musone, va tutto sistemato e raccordato, per offrire chilometri e chilometri fra mare, fiumi e campi, in una combinazione unica, che va dal lembo meridionale del Parco del Conero al parco archeologico di Potentia e ai laghetti costieri di Porto Potenza Picena. Gli interventi possono iniziare subito con la pulizia e la sistemazione del tratto del fiume Potenza che risale dalla foce fino a raccordarsi col tratto in buone condizioni, e con i raccordi del lungomare, e i percorsi potranno essere completati entro il 2016.

21

Diversamente da quanto si fatto finora, prima di passare agli interventi sul terreno si informeranno i cittadini con simulazioni e illustrazioni, planimetrie, dati, e si inviteranno a dare il loro contributo di idee e osservazioni, al fine di tenere conto delle diverse esigneze e fare realizzazioni che servano a tutti. 22

Giammario Poeta, Luigi Zingaretti

Social housing
Case moderne ed ecosostenibili o rigenerate, come strumento di socializzazione e condivisione di beni e servizi e sinergia di pubblico, privato e cittadini Il Cecodhas, (Comitato Europeo promozione diritto alla casa) definisce cos il social housing: l'insieme delle attivit atte a fornire alloggi adeguati, attraverso regole certe di assegnazione, a famiglie che hanno difficolt nel trovare un alloggio alle condizioni di mercato perch incapaci di ottenere credito o perch colpite da problematiche particolari. Negli ultimi anni si sono aggiunti ai poveri, che gi beneficiano dell'edilizia sociale, i vulnerabili sociali: famiglie che non possono acquistare o pagare l'affitto, studenti fuori sede, giovani coppie, lavoratori atipici e partite IVA, disoccupati, ecc. Il social housing si differenzia dalla politica abitativa tradizionale per la flessibilit, per il target (non i pi poveri, ma una fascia pi ampia di persone in difficolt) e per i soggetti coinvolti (non solo gli attori pubblici ma anche il privato e il non profit), e promuove coesione sociale sul territorio e partecipazione fra pubblico, privato e cittadini sull'abitare equo. Il pubblico, ossia il comune, rigenera il parco immobiliare non sfruttato, emana incentivi e bandi pubblici di assegnazione aree, definisce standard abitativi e canoni di affitto e gestione, definisce gli standard abitativi, promuove un'edilizia ecosostenibile e avanzata, con marcata gestione domotica. Linvestitore privato pu realizzare costruzioni immediatamente messe a reddito, gestisce nel medio termine lamministrazione condominiale e gestionale, ottimizza i costi di costruzione con al23

cuni privilegi di vendita. I cittadini possono avere nuovi appartamenti ecosostenibili, confortevoli, a prezzi calmierati; abitare con un affitto accessibile in spazi di nuova concezione che permettono una nuova socialit e condivisione cittadina; avere lopzione di versare un affitto a riscatto a prezzo definito fin dallinizio, per diventare prorietari. Il nostro progetto consiste nellattivare interventi di housing sociale, ossia interventi di recupero del patrimonio immobiliare residenziale nuovo e vecchio - non utilizzato o parzialmente completato, per rendere disponibili unit immobiliari ad affitti calmierati ed in regime di tutela. Il social housing, attuabile solo con una stretta relazione tra pubblico e privato, diventa un volano ed unoccasione di lavoro per tutte le aziende del settore abitativo, e permette di soddisfare, in questo periodo di crisi, la domanda crescente dei cittadini di unit abitative a prezzi accessibili.

24

Cristiana Mataloni, Giammario Poeta, Massimo Spaccesi, Luigi Zingaretti

EnergeticaMente
Il Piano Energetico Comunale per sensibilizzare i cittadini al risparmio energetico e ottimizzare produzione e consumi territoriali Proponiamo di ripensare in modo intelligente lutilizzo dellenergia, a partire dalle scuole fino a tutti i cittadini, per formare la loro consapevolezza energetica, in un pi ampio progetto di rigenerazione urbanistica. La crisi economica e ambientale in gran parte dovuta ad uno sconsiderato consumo di energia, con sprechi nella produzione e nella distribuzione. A Porto Recanati manca una politica energetico-ambientale, con i relativi piani annuali di attuazione. Non c monitoraggio dei valori ambientali, dei consumi energetici, dellottimizzazione degli impianti. A differenza di altri comuni circostanti, sono state trascurate le energie rinnovabili. Il problema che ci siamo posto : come ridurre gli sprechi energetici dalluso domestico a quello pubblico, e rinnovare le tecnologie? Come fare informazione e formazione energetica?Come migliorare luso delle rinnovabili? Che cosa fare? 25

Distribuire Monitorare Incentivare Affidare

la produzione di energia fra comune e cittadini.

i processi energivori comunali.

luso di fonti rinnovabili per uno sviluppo sostenibile del territorio.

a societ specializzate un Audit Energetico sulla situazione attuale e i processi di miglioramento possibili e attivabili. un Piano Energetico Comunale (PEC), che la legge impone a comuni al di sopra dei 50.000 abitanti, ma che a noi servir ad integrare il Piano Regolatore Generale urbanistico, per misurare i consumi energetici della citt suddivisi per settori, analizzare i dati raccolti, individuare gli interventi di risparmio di combustibili tradizionali (petrolio, benzine, carbone, metano) e promomuovere lutilizzo delle fonti rinnovabili. Il PEC facilita laccesso a fondi comunitari perch aderisce alle direttive europee sulla riduzione di emissioni inquinanti e sul passaggio alle rinnovabili.
Stilare Attivare

un monitoraggio continuo dei consumi, visibile sul web e con schermi in piazza.

Il PEC, con la supervisione di un esperto energy manager, si realizza con dieci azioni di pianificazione energetica, fra cui la revisione del Regolamento Edilizio Urbanistico, lncentivazione della bioedilizia e della certificazione energetica degli edifici, teleriscaldamento e cogenerazione, illuminazione pubblica, campagne di risparmio energetico, promozione di impianti di energia rinnovabile, accordi con le scuole per formare al risparmio energetico. Il progetto avr inizio subito. Le azioni saranno pianificate con date certe nel PEC. Il PEC intende partire dalle strutture comunali per estendersi prima 26

nellambito cittadino, poi in tutto il territorio municipale. La descrizione del PEC e il cronoprogramma saranno pubblicati e visibili nel sito web del comune. Un buon piano energetico interessa tutti i cittadini, le categorie commerciali, artigianali e le imprese. La citt che consuma di meno pi piacevole ed attraente anche per quei turisti sempre pi sensibili agli aspetti ambientali. Il progetto sar finanziato con ricorso a societ ESCO (energy service company) e formule di partenariato pubblico-privato, con fondi europei, con un apposito servizio di scouting per setacciare bandi e finanziamenti.

27

Benessere del cittadino


Il senso pi profondo della politica la cura del benessere del cittadino. Un benessere messo a dura prova dalla crisi economica, che a maggior ragione va perseguito con tenacia. Alimentazione, salute, sport, gestione dei rifiuti, sono i primi passi per migloirare la qualit della vita.

Roberto Delle Foglie, Cristiana Mataloni

La cittadella della salute


Superare laccostamento tra le parole azienda e sanit per agevolare la vita del cittadino Attualmente il Centro prenotazioni, il laboratorio analisi e altri compartimenti sanitari, alcuni medici di base sono in Piazza del Borgo. La Croce Azzurra e la Guardia Medica sono dislocate in prossimit del cavalcavia di Montarice. Alcuni controlli glicemici si fanno presso il Centro Sociale Anni dArgento. La farmacia comunale in piazza Brancondi. Il medico sportivo presente solo il sabato mattina. Tutto questo aumenta i costi di gestione e non facilita il cittadino. 28

Proponiamo perci di raggruppare i principali servizi sanitari in un solo luogo: la cittadella della salute. Si far un censimento delle propriet comunali per individuare la struttura adatta ad ospitare servizi medici e pronto intervento, centrale con possibilit di parcheggio e di accesso ciclopedonale. Cittadini e visitatori troveranno qui tutto ci che serve. Il poliambulatorio amplia lofferta medica dai medici di base al medico sportivo fisso per gli esami di abilitazione alla pratica sportiva richiesti dalle associazioni sportive della citt. Sar trasferita qui la Croce Azzurra per il primo intervento, con le sue quattro ambulanze parcheggiate, oltre ad una ventina di posti auto e sosta momentanea per carico e scarico. Nella farmacia comunale si potranno acquistare i farmaci appena prescritti. Ci sar un punto di scambio di farmaci non scaduti. Nel centro diagnostico ci sar un mammografo, un settore di analisi per malattie occulte, un settore per medicina preventiva, igiene e stile di vita. Il luogo unico ottimizza i servizi e fa risparmiare. Si inizia subito, e con avanzamenti trimestrali si finisce entro lestate 2015. Si prevede una serie di iniziative per giovani, puerpere, anziani, dalla prevenzione alla cura, e di rimettere in funzione lecografo ora inutilizzato. Roberto Delle Foglie, Luca Sforza

Sport e cultura
Dallo sviluppo psicofisico della persona alla riqualificazione delle strutture Nel quinquennio 2014/2019 si parte dalla riqualificazione delle strutture sportive e si arriva alla rivalutazione dello sport nelle scuole, negli spazi pubblici, sulla spiaggia. Migliorare la qualit dello sport migliorare la qualit della vita. 29

Finora le societ sportive sono state trascurate dallattuale sindaco, tanto che non esiste un assessorato allo sport. Noi intendiamo di affidare lassessorato allo sport ad una persona competente e capace di parlare con la stessa loro lingua e con cognizione di causa a presidenti e rappresentanti di associazioni, direttori didattici e insegnanti, societ private. Lassessore ha il compito di avvicinare i giovani allo sport, creare una sinergia tra attivit sportiva e scuola, alleggerire le rette a carico delle famiglie, istituire una collaborazione fattiva e competente con i rappresentanti delle associazioni sportive. Si acquister una nuova tensostruttura con finanziamento di sponsor. Per la scuola si prevede di ampliare lorario di attivit sportive con lassunzione di due addetti, un bonus sportivo da dare ai ragazzi che si impegnano nel fare sport, iniziative per coinvolgere i genitori. Le societ sportive non dovranno pi versare al comune il canone annuo per poter fruire delle palestre. Altre iniziative saranno rivolte a categorie specifiche (anziani, portatori di handicap, ecc.). Le tappe fondamentali del progetto sono queste:
abolizione progetto pista

delle rette societarie: entro il 2014;

scuola: entro il 30 giugno 2015; nuova: entro il 31 dicembre 2017.

atletica: entro il 30 giugno 2016;

tensostruttura

Le iniziative saranno finanziate da sponsorizzazioni, fondi europei, economie di bilancio comunale.

30

Maurizio Castellani, Marco Ettorre

Rifiuti zero
Un sistema premiante per ridurre al minimo i rifiuti non riciclabili Il referente provinciale per il servizio di raccolta rifiuti il COSMARI, consorzio composto dai 57 comuni provinciali, che fa raccolta differenziata porta a porta con quattro contenitori: organico, carta, multimateriale e residuo, con alte percentuali di riciclo. Al cittadino per si chiede un impegno (differenziare) a cui non corrisponde un incentivo: il costo del servizio riferito alla metratura degli alloggi e al numero dei familiari, non alla quantit prodotta di indifferenziato non riciclabile. Noi proponiamo di andare in due direzioni: 1) influenza sul Cosmari perch aumenti l'informazione, applichi una tariffa premio per chi riduce i sacchetti gialli con rifiuti da discarica, realizzi presso l'isola ecologica di S. Maria in Potenza un centro del tipo di quelli di Capannori e degli altri 200 comuni a rifiuti zero; 2) modifica del regolamento comunale sui rifiuti per esentare dalla tassa le aree dei locali commerciali che vendono prodotti alla spina senza imballaggi. Il minor gettito fiscale sarebbe compensato dal risparmio sullo smaltimento degli imballaggi. La parte attiva all'interno del Cosmari pu inizire subito; il Centro per il riuso e i progetti informativi da fare con il Cosmari si concluderanno entro il 2016; entro il 2015 si far la modifica del regolamento comunale. E' strategico ridurre progressivamente le percentuali di non riciclo, se non si vogliono aprire discariche all'infinito. Il porta a porta non un sistema tecnologico ma un sistema organizzativo che il comune deve far vivere in sinergia con la popolazione e il sistema di produzione e consumo. Sull'esempio del comune di Capannori (LU, 48.000 abitanti), il nostro 31

cammino verso i rifiuti zero si svolge con dieci passi: separazione alla fonte, raccolta porta a porta, compostaggio, riciclaggio, riduzione dei rifiuti, riuso e riparazione, tariffazione puntuale, recupero dei rifiuti, centro di ricerca e riprogettazione, azzeramento rifiuti. Roberto Delle Foglie, Andrea Chiaraluce

Lasilo nido
La qualit comincia dalla cura dei bambini e dalla serenit di genitori, nonni e zii Ora non esiste un asilo nido comunale. Il nostro progetto colma questa lacuna con una struttura capace di creare posti di lavoro, fornire alla cittadinanza un nuovo servizio sociale, eliminare lattuale monopolio dellasilo nido privato, calmierando i costi di iscrizione. Il progetto riadatta un edificio esistente e non utilizzato per creare un asilo nuovo, efficiente, accogliente, con spazi interni ed esterni, strutture, servizi, attrezzature, a vantaggio di famiglie con bambini piccoli, giovani disoccupati, ristoratori per la gestione della mensa. Si compone di due settori: asilo nido per 48 bambini dai 3 mesi ai 2 anni affidati a 7 educatori; progetto primavera, dai 2 ai 3 anni per 70 bambini. Il percorso si svolge in un quinquennio. Nel I anno si definisce la fattibilit del progetto, dalla sede (locali inutilizzati della scuola Diaz

32

o Gramsci o villetta con giardino) al planning dei costi e dei finanziamenti (ottimizzazione bilanci comunali, piano scuole e sponsor). Nel II e III anno si svolgono i lavori di adeguamento strutturale. Nel IV anno si fanno i bandi per materiali di allestimento, ricerca di personale, affidamento della mensa, con stipula dei contratti previsti. Nel V anno c il bando di ingresso nella struttura e lavvio dellanno scolastico entro il 01 gennaio 2019. Emanuela Giustozzi, Cristiana Mataloni

Economia a km 0
Idee per favorire la produzione e il consumo di prodotti locali La produzione locale di pesca, agricoltura ed artigianato non abbastanza valorizzata. I mercatini sono frammentati e poco stimolanti, manca una campagna di informazione adeguata sul consumo consapevole dei prodotti del territorio al posto dei prodotti di supermercato. Il nostro progetto, che pu partire da subito, riguarda lorganizzazione di mercati in Piazzetta delle Erbe o locali della Diaz dedicati alla compra-vendita di alimenti e prodotti artigianali (es. saponi, oli essenziali, candele) provenienti dai produttori del comune di Porto Recanati e dei comuni limitrofi. Coinvolge associazioni e istituzioni

33

come ASSAM, GAS, Scuola, ECO COMITATO, Campagna Amica, ASUR. Si costituir una cooperativa dei pescatori che operi in locali esistenti come lattuale pescheria situata a Castelnuovo, per centralizzare la compravendita del pesce con relativo abbattimento dei prezzi e garanzia di qualit e affidabilit. Il Comune si fa garante, e offre il supporto istituzionale, informativo e organizzativo per trasformare il pescato fresco da prodotto di fascia alta a prodotto buono e accessibile a tutti. Saranno dati incentivi ai ristoranti locali che acquisterebbero il prodotto locale in grande quantit favorendo col pesce fresco anche un turismo gastronomico invernale. Liniziativa campagna zero si estende alle cooperative di allevamento bestiame creando una sinergia tra i comuni che hanno produttori che allevano a terra e in libert pollame, ovini ed altri animali, con sconti per i cittadini e visibilit per i produttori, e vantaggio per la salute di chi si avviciner ad un prodotto locale, sano e di stagione. Roberto Delle Foglie

Canile e gattile
Ospitare cani e gatti di residenti che partono e turisti che arrivano

Il paese privo di strutture pubbliche e private per il ricovero degli animali. C un solo negozio di prodotti e servizi per gli animali, che non fa ricovero a tempo. Le strutture ricettive non permettono di tenere animali in camera. Per favorire chi deve muoversi e non vuole o non pu lasciare lanimale da qualche parte, o peggio abbandonarlo per strada, abbiamo pensato di creare una struttura capace di ospitare a tempo gli animali in modo da agevolare il flusso turistico di chi possiede cani e gatti. 34

Il progetto serve a limitare labbandono degli animali, favorire i turisti, creare posti di lavoro e ampliare i servizi sociali. Pu essere finanziato con investimenti privati. Si sviluppa in tre anni. Nel primo anno si fa il progetto e il bando di gara. Nel secondo anno si concede per 99 anni larea individuata alla ditta prescelta e si completano gli adempimenti burocratici e la costruzione della struttura, che avr ambulatorio, deposito di alimenti e attrezzature, reparti di ricovero normale e di isolamento, servizi igienici, parco di gioco per gli animali. Nel terzo anno la struttura dovr essere completata ed entrare in funzione.

35

Assetto territoriale
La qualit della citt e del territorio deve essere TOTALE, ossia deve tenere conto di tutti gli elementi e gli aspetti che rendono eccellente una meta turistica, trasformandola in una esperienza di cultura, storia, bellezza e alta qualit della vita.

Roberto Delle Foglie, Giammario Poeta, Umberto Santucci

Piano di salvaguardia del litorale


Dagli interventi spot ad una visione sistemica del problema erosione coste LAgenzia per la protezione dellAmbiente considera lItalia tra i Paesi a pi alto rischio di erosione costiera in Europa. Degli 8350 km di coste 3600 sono spiagge, di cui 1200 in erosione, con arretramenti medi di oltre 25 metri negli ultimi 50 anni. Le Marche hanno il primato di arenili in arretramento (39%). Il mare si alzato di 100 m 36

negli ultimi 16.000 anni e si sta alzando ancora di un metro allanno. Si prevede che nel 2150 gran parte della Pianura Padana sar sommersa. Quindi accanto agli interventi di emergenza occorrono interventi di sistema capaci di durare nel tempo. Dal 1956 il litorale di Porto Recanati battuto da mareggiate pi o meno violente, e il fenomeno di erosione delle spiagge continuo e in aumento. Finora si sono fatti interventi di ripascimento delle spiagge con ghiaie di cava che alterano gli arenili naturali e spazzato via dalla prima mareggiata, e scogliere orizzontali e verticali, sommerse ed emergenti, che per se proteggono da una parte aumentano lerosione dallaltra. Il nostro piano prima di tutto conoscitivo, con un esame multidisciplinare inteso a mettere in relazione il nostro problema con quello pi ampio, e ad analizzare le soluzioni progettate o attuate da altri per adottare le pi efficaci. Si comincia subito con primi interventi per proteggere le strutture esistenti, e si progettano interventi pi ampi di sistema, come le barriere soffolte di Brindisi, che non bloccano il moto ondoso ma ne riducono limpatto, e sono completamente sommerse e invisibili, anche se per essere efficaci devono estendersi per parecchi chilometri.

37

Cristiana Mataloni, Massimo Montali

Rischio idrogeologico
Prevenire con visione ampia per non dover intervenire in emergenza Se in Italia non si fa prevenzione di rischi e si interviene in emergenza solo quando ormai il danno fatto, il nostro comune finora non ha fatto diversamente. Il territorio del comune di Porto Recanati si trova fra due fiumi, il Potenza e il Musone. Le zone a sud dei fiumi presenta elevati rischi di allagamento in caso di precipitazioni consistenti. La dorsale di Montarice, di natura sabbiosa, presenta il rischio di frane. Il progetto intende adire ai programmi provinciali di manutenzione delle opere pubbliche, dalla pulizia dei fiumi e sagomatura degli argini, alla rimozione di ostruzioni di canali e fossi trasversali che scendono dalle colline, dovuti a scarsa manutenzione e cattiva pianificazione e controllo territoriale.

38

Gli interventi partono da subito nella zona sud di Porto Recanati, la zona nord con la Fiumarella, la zona Grotte di Loreto e le aree limitrofe al quartiere di Scossicci e via del Sole. La situazione idrogeologica attuale non quella di decenni fa, lassorbimento di acqua da parte del terreno al collasso per leccessivo sfruttamento. Urge una nuova mappatura della rete fognaria con particolare attenzione ai raccordi ed ai punti di convoglio, ormai obsoleti ed inadeguati alle esigenze attuali. Il costo da sostenere per il Comune va suddiviso con la Provincia di Macerata, lAnas per le strade, lAstea per la rete idrica e fognaria.

39

Miniguida elettorale per indecisi e astensionisti


Il 25 maggio ci saranno le elezioni per il rinnovo del consiglio comunale, oltre che per il Parlamento Europeo. Se ti sta bene la citt cos com ora, sai gi per chi votare. Se invece aspiri a qualcosa di diverso e di migliore, ma non sai deciderti se votare o no e per chi votare, eccoti una piccola guida di orientamento al voto consapevole. Sei un astensionista?
Non voti perch sei deluso da tutto e da tutti, ognuno si fa gli affari suoi, tutto un magna magna, tu dai il tuo voto e poi loro fanno quello che gli pare. Hai ragione. La tua sarebbe una protesta valida se esistesse il partito del NON-VOTO. Ma se non voti, non fai altro che rafforzare il potere di chi non ti piace. Guarda questo grtafico qui sotto.

40

Sei un indeciso?
Non sai ancora a chi dare il tuo voto? E se questa volta invece di darlo ad un politico tu lo dessi ad un cittadino, uno come te, con i tuioi stessi problemi, i tuoi timori e le tue speranze?

20 scelte concrete per il futuro


Pensa a come vorresti Porto Recanati e dintorni per i prossimi 20 anni, pensando ai tuoi figli e ai tuoi nipoti, oltre che al tuo presente. Pensa alla tua idea di citt, di territorio, di ambiente sociale in cui vorresti vivere da ora in poi. Nelle pagine seguenti trovi una tabella con venti alternative fra cui puoi scegliere. Per ogni alternativa, scegli quella che corrisponde alle tue preferenze, a ci che ti sembra pi utile e bello per te, per i tuoi amici e parenti, per la tua citt. Puoi annotare le tue scelte su un foglio di carta, o stampare la tabella. Poi somma le voci votate di destra e di sinistra. Se prevalgono le scelte grigie, vota come hai votato finora, o non votare per niente. Se prevalgono le scelte gialle, vota Movimento Cinque Stelle. 41

Wi fi privato

Burocrazia cartacea Turismo stagionale e mordi e fuggi Offerta turistica attuale per clienti locali e italiani Lottizzazione della pineta

Wi fi pubblico e banda larga. Informazioni commerciali aggiornate per smartphone e navigatori Burocrazia informatizzata senza carta e senza code agli sportelli Turismo a stagioni lunghe e soggiorni mirati su target specifici Offerta turistica a qualit totale per attirare clienti mondiali Sistemazione e valorizzazione della pineta come parco attrezzato per fitness, bambini, anziani, disabili Piano di sistemazione delle spiagge coordinato con altri comuni costieri con interventi strutturali di ampia visione Valorizzazione dei beni culturali, creazione del parco archeologico di Potentia, fare del castello un centro di cultura della zona dai Piceni ad oggi (biblioteca, museo) Acquisti alimentari intelligenti e sostenibili, equi e locali, valorizzazione e specializzazione negozi del centro Canile e gattile comunale

Ripascimento stagionale delle spiagge con ghiaia di cava

Disinteresse per i beni culturali

Supermercati e grandi centri commerciali periferici

Cani e gatti abbandonati

42

Reti di imprese locali per sviluppare promozioni e campagne di informazione Asili nido e baby sitter privati Asilo nido comunale Mobilit con auto privata e parcheggi Sviluppo di servizi pubblici mirati multipiano sulle esigenze di anziani, giovani, scuole, attivit commerciali. Rete protetta ciclo-pedonale Illuminazione civica attuale ad alto Modifica dellilluminazione civica consumo di energia esistente con luci a led e minipannelli solari per ottimizzazione energetica Anziani in panchina o davanti alla tv Fitness fisico e mentale per anziani Vu cumpr invadenti e disperati Piani di integrazione per immigrati come risorse di idee e di lavoro e regolamentazione ambulanti I derelitti di San Precario o i Orientamento al lavoro per i giovani benedetti di Santa Raccomandata ed esperimenti di reddito minimo Crac banca delle Marche Microcredito alle imprese Fisco selvaggio Controllo del cittadino sulle imposizioni fiscali, ottimizzazione degli adempimenti Cementificazione e consumo Edilizia di recupero, manutenzione ulteriore del territorio e adeguamento energetico dellesistente Urbanistica selvaggia e di condono Piano urbanistico e territoriale di rispetto ambientale, idrogeologico, culturale, agricolo Aiutati che nessuno ti aiuta

43

Come si vota

44

45

Perch importante votare per le Europee?


Leelezioni europee, di fatto sono diventate elezioni nazionali. Tre governi italiani sono stati decisi dalla UE. I nostri cosiddetti premier sono diventati servi dei poteri finanziari e di logiche economiche decise altrove.

Il M5S visto come un pericolo pubblico da questa Europa che fa di tutto per emarginarlo, minimizzarlo, ignorarlo. Ne ha ben ragione. Se il M5S avr una forte affermazione elettorale ed entrer nel Parlamento europeo con20/30 eurodeputatigli attuali equilibri salteranno. Il M5S non Euros o Eurono. Il M5S vuole ilritorno ai principi di solidariet e di comunit. LEuropa si chiamava Comunit Europea, oggi si trasformata in Unione Europea. Il M5S vuole unEuropa solidale o nessuna Europa. 46

Il M5S porr sette condizioni, Se la UE rifiuter queste richieste obbligatorio uscire dalleuro, non c scelta, il M5S far un referendum per riprenderci la nostra sovranit monetaria. In Europa per lItalia.Il voto europeo anche un voto nazionale. Se il M5S si affermasse come primo gruppo politico, Napolitano non potrebbe pi tirare a campare con i suoi giochi di Palazzo, dovrebbe sciogliere le Camere e indire nuove elezioni. In alto i cuori!

Con linformazione, tu sai. Con la partecipazione, tu fai.

Con noi, tu puoi!

Telefona al coordinatore Maurizio Castellani: 3389579307. Scrivici a movimento5stellep.recanati@gmail.com Visita la nostra pagina Facebook e facci avere i tuoi commenti e suggerimenti: http://on.fb.me/1fpr0zl. Seguici su Twitter @M5S_P_Recanati. 47