Sei sulla pagina 1di 42

David Conati

Amici virtu@li
La realt del Social network, la realt di tutti i giorni
Amici Posta

Aggiunti di recente Tutti gli amici Invita gli amici Trova amici

Per volare con la fantasia

Collana di narrativa per ragazzi

Redazione: Emanuele Ramini Ufficio stampa: Salvatore Passaretta Team grafico: Letizia Favillo
Ia Edizione 2012 Ristampa 7 6 5 4 3 2 1 2019 2018 2017 2016 2015 2014 2013 Tutti i diritti sono riservati 2012 Raffaello Libri Srl Via dellIndustria, 21 60037 Monte San Vito (AN) email: info@grupporaffaello.it www.grupporaffaello.it email: info@ilmulinoavento.it http://www.ilmulinoavento.it Printed in Italy

assolutamente vietata la riproduzione totale o parziale di questo libro senza il permesso scritto dei titolari del copyright.

David Conati

Amici virtu@li
La realt del Social network, la realt di tutti i giorni

A Luna costretta, suo malgrado, a viaggiare

I personaggi coinvolti in questo racconto sono di fantasia e ogni riferimento a persone luoghi o avvenimenti reali casuale. per doveroso ringraziare coloro che, direttamente o indirettamente, consapevolmente o inconsapevolmente, hanno contribuito a scrivere questa storia: gli alunni della classe 2aD della scuola Secondaria di Primo Grado di Valeggio sul Mincio (VR), anno scolastico 2010-2011, Riccardo, Sharon, Gaia, Sara, Andrea, Larisa, Antonio, Martina, Luca, Diego, Andrei, Andrea, Claudio, Francesca, Greta, Signo, Sem, Annalisa, Giorgia, Manuel; la loro insegnante di italiano Luisa Fazzini e il loro Vicario Agostino Falconetti per le preziose informazioni; Daniele Facciolli, Davide Galbiati, Andrea Venturi e Marianna Venturi per la disponibilit e gli spunti forniti come base di partenza per questo lavoro; Elisa Cordioli che, al solito, ha avuto la pazienza e la costanza di correggere le diverse stesure fino a quella definitiva.

Capitolo

Home. E di nuovo cambio casa


So benissimo che potrei usare un sacco di altre parole per definire meglio la situazione meteorologica. Lo so. Me lo faceva notare sempre la prof di Lettere: pioggerella, pioggerellina, pioggia, scroscio, rovescio, temporale, acquazzone, nubifragio, burrasca, bufera, diluvio, tempesta, tormenta, tifone oppure poeticamente potrei dire che il cielo piange. Cara vecchia prof Sciapeconi. Per tutta la prima media si ostinata a farci apprezzare le bellezze della lingua italiana, come le chiamava lei. Fiato sprecato: per me se cade acqua dal cielo piove, punto. A cosa serve fare tanti discorsi? Per lei quando correggeva i miei temi non faceva altro che ripetere: Borghesi! Perch sei cos stitico quando scrivi?... Perch sei cos stitico quando scrivi? Perch. Non sono stitico, semmai sintetico avrei voluto urlarle un sacco di volte. Ogni volta per la voce mi moriva in gola e usciva solo una risatina isterica che non le faceva capire il mio pensiero ma, in compenso, mi faceva sembrare di certo molto tonto. Comunque sia, oggi piove e io seguo col dito le gocce che si stampano sul vetro e colano gi. Faccio a gara per vedere quale arriva prima. Chiudi le tapparelle che si bagnano i vetri! mia madre, sempre in ansia per le pulizie, per gli aloni, la polvere, le ditate e i vetri sporchi.
5

Piove.

Capitolo 1

Perch non mi dai una mano a sistemare? urla ancora. Tiro gi la tapparella e la raggiungo nella stanza accanto mentre lei si sta affannando dietro una muraglia di scatoloni. Ti rendi conto di quanta roba ci sta in una casa solo quando traslochi. Uninfinit di scatoloni pieni che mia madre ha contrassegnato con unetichetta adesiva. Sulletichetta c scritto cosa contiene lo scatolone e in quale stanza va: mia madre molto precisa, una manager, una che non sbaglia mai. Prendi le tue cose e sistemale! Imperativo materno. Agli ordini, mamma! @@@ Ho quasi tredici anni ed gi la terza volta che trasloco. Ormai ci ho fatto labitudine. Lultima stata cinque anni fa, quando facevo la seconda elementare. Obbedisco quindi senza fiatare al comando di mia mamma e prelevo il mio scatolone: vado in camera e inizio a sistemare le cose sulla scrivania e sulle mensole. La casa nuova comunque non mi piace. Anche se abbastanza recente si trova al quarto piano di un palazzone grigio, pi piccola e meno luminosa di quella dove abitavamo prima. Le pareti sono tutte bianche come i soffitti, ci sono due stanze, una per me e una per mia mamma, un bagno e un soggiorno con angolo cottura. La cosa che mi ha colpito entrando che non ha nessun odore. Per dirla tutta: mi ha colpito lassenza di un odore definito.
6

Home. E di nuovo cambio casa

Ha un solo balcone che d su una strada stretta di fronte a un palazzo alto uguale. C lascensore, ma la mamma dice che serve per le persone anziane e noi dobbiamo salire a piedi. Le scale non hanno finestre ma profumano di pulito. Sulla strada, un marciapiede asfaltato fa da contorno allintero isolato e tutto intorno le macchine assediano le case. Di alberi non c traccia. Al massimo c qualche fioriera con delle specie di siepi verde smorte. La strada un viavai continuo di auto e motorini. Meno male che a senso unico, altrimenti sarebbe stato rischioso anche uscire. Quando siamo arrivati non pioveva e il cielo era color grigio topo. Laria puzzava di gas di scarico. E pensare che fino a un paio di giorni fa abitavamo in un appartamento al primo piano in una tranquilla casetta di due piani appena fuori dal centro di un paesino di provincia. Avevamo pure un pezzetto di prato, con in mezzo un ulivo, e vicino a casa cera un grande parco giochi dove andavo con i miei compagni di scuola tutti i pomeriggi a giocare a pallone. In certi periodi dellanno, girando per le vie del paese, si respiravano profumi di cose buone da mangiare. Ripieno per i tortellini soprattutto, la specialit del posto, una vera delizia. Io non sarei voluto andare via, soprattutto perch il mio pap rimasto a vivere l e nonostante non vivessimo pi insieme da qualche anno potevo andare a trovarlo tutte le volte che volevo. Ora lo vedr solo ogni quindici giorni. Per non parlare dei miei compagni di scuola. Mi mancheranno parecchio, dato che qui non conosco nessuno.
7

Capitolo 1

Appena finito di portare gli scatoloni apro il portatile. Con questo tempo mi sa che meglio farsi una partitella a tetris. Marco, hai finito di sistemare? mi chiede ancora mia madre dallaltra stanza. S, mamma E adesso cosa stai facendo? Niente rispondo intento a giocare. Cosa vuoi per cena? Mia mamma completamente negata per la cucina. Senza accorgermene faccio una smorfia con la bocca, ma quando me la trovo di fianco mostro un sorriso falsissimo. poco pi alta di me, eccessivamente magra, porta sempre i pantaloni, o almeno, io non lho mai vista con le gonne. Possibilmente indossa camicia o giacca, poco trucco, odora di henn che usa periodicamente per tingersi i capelli mossi, lunghi fin sopra le spalle. Dobbiamo festeggiare la nuova casa. Ordino due pizze? propone. Gi meglio penso. Poi azzardo: Senti ma. Possiamo fare lallacciamento allADSL? LADSL? E a cosa ti serve? Tentenno. Per internet Per fare le ricerche. Le ricerche si fanno sui libri dice lei. Cerco di ribattere: S, per, il pap ce lha Quello che ha tuo padre non mi interessa! puntualizza. Qui per il momento non serve. Per le ricerche in internet puoi sempre andare in biblioteca.
8

Home. E di nuovo cambio casa

Ma qui non so dov protesto. Non capisco perch non la vuole; ormai ce lhanno tutti. Anche nella mia classe di prima ero uno dei pochi che non aveva internet, per questo a volte mi sentivodiverso. Luned quando andrai a scuola chiederai ai tuoi nuovi compagni dove si trova la biblioteca. Fine del discorso! Poi cambia tono e chiede: Wurstel e patate? S... acconsento malvolentieri. Che hai? Potrei rispondere che non capisco perch non possiamo fare lallacciamento allADSL, che ormai una cosa che hanno tutti, come il telefonino o lantenna parabolica, che per questo mi sento inferiore ai miei compagni e rischio di essere tagliato fuori per sempre dal mondo dei normali, per rispondo solo: Nulla Mamma scuote la testa, prende il telefonino e chiama Pizza Express. Siamo arrivati qui stamattina, non conosciamo ancora il quartiere e i ristoranti. La casa, la mamma lha trovata tramite agenzia. Per fortuna cera il volantino della pizza a domicilio nella cassetta delle lettere. Contrariato riprendo a giocare con il pc e la sento mentre parla al telefono. Marco?! S, mamma rispondo un po sbuffando. Come si chiama questa via? Ciro Menotti. Mi pare S. Ciro Menotti confermo senza entusiasmo. Grazie.
9

Capitolo 1

Mezzora dopo stiamo cenando con due pizze e due coche in mezzo agli scatoloni semivuoti. Pap dice sempre che fare trasloco come montare e smontare un piccolo circo. Nel nostro circo mancano i clown. Forse per questo che da un pezzo non si ride pi.

10

Capitolo

Webmaster

ambiare scuola, classe e compagni a fine gennaio non la cosa migliore che si possa sperare. La scuola un edificio pesante, arancione e marrone, con grandi finestre che danno sulla strada. Si trova a circa un chilometro e mezzo dalla mia nuova casa, dalla parte opposta dellisolato. molto diversa da quella che frequentavo al paese. Prima di tutto lodore, un misto tra ospedale e convento. Non so perch mi faccia venire in mente un convento dato che qui suore non ce ne sono, per quando sono entrato e ho annusato laria, stata la prima cosa che ho pensato. Poi mi venuto in mente anche lospedale. Dentro grande. Decisamente grande. E io mi sento piccolo piccolo. un pocome ricominciare da zero. Mi hanno messo in seconda D. Su al secondo piano. Dalla finestra si vede il cortile interno e poi la facciata di un altro palazzo. Dalla mia vecchia scuola si vedeva il profilo del castello scaligero. Sospiro. Ragazzi! Silenzio, ragazzi! urla la prof riuscendo a ottenere un po di attenzione. Vi presento Marco Borghesi. Da oggi il vostro nuovo compagno di classe. Guardo i miei nuovi compagni e trattengo il fiato. Mi sento completamente fuori posto. Laria odora di
11

Capitolo 2

sudore riscaldato. Al primo banco c una tipa che indossa una maglietta con la scritta sono una Truzza, al suo fianco una che potrebbe essere sua sorella gemella, solo per come sono vestite. A sinistra della cattedra un misto di figure pi o meno sullo stesso stile della tipa truzza. A destra della cattedra un gruppetto di metallari mi squadra dalla testa ai piedi. In fondo un paio di rapper. Con la mia felpona, i jeans e le Superga basse mi vergogno un po per come sono vestito. Veramente per Natale avevo chiesto un paio di All Star, ma sono arrivate queste: bisogna adattarsi. Ti abbiamo assegnato il banco in terza fila dice la prof. Scrollo le spalle e faccio finta di niente mentre mi dirigo ciondolando verso il banco. Evito di guardarmi attorno. Aprite tutti lAntologia a pagina sessantotto! Mi lascio cadere sulla sedia e lentamente tiro fuori lAntologia. Il mio nuovo compagno di banco si chiama Dragan. Credo che sia un emo. Lunico in tutta la classe, forse un po sfigato. Tra truzzi e metallari evidentemente non lo voleva vicino nessuno. Anche se al mio paese non ne ho mai visti, da come porta i capelli direi proprio che lo . Ciao, io sono Marco, ma gli amici mi chiamano Borghetz. Ciao. Parla poco Dragan. Dopo due ore di Italiano si va in aula di Informatica e l si sbottona un po: Io sono quello che ha pi amici di tutti. Guardo Dragan con aria interrogativa. Non si direbbe che sia cos popolare. Almeno nella sua classe.
12

Webmaster

Faccio fatica a dire nostra, non la sento ancora mia. Qui dentro spiega e mi indica il pc. Ah, l dentro Faccio di s con la testa e comincio a pensare che il mio vicino di banco non abbia tutte le rotelle a posto. Probabilmente ha ragione la mamma quando dice che emo labbreviazione di scemo. Evidentemente intuisce qualcosa. Ma cosa hai capito? Tu usi facebook? No rispondo. Twitter? My space? Badoo? No dico ancora. Per ne ho sentito parlare. Ah. Ma ce lhai almeno skype? Cos? chiedo. Ma dove vivi?! Non sai nemmeno cos skype? In breve mi rendo conto di essere lunico che non ha il profilo su facebook e non usa nessuno dei Social network che qui usano tutti. Star pensando che sono vecchio o arretrato. Provo un senso di umiliazione. Ma ce lhai il computer a casa?!! domanda Dragan a bruciapelo. S... rispondo automaticamente. Ma non ho la connessione a internet. Perch? Mia mamma dice che non serve. E per le ricerche come fai? si informa lui bisbigliando. Di solito vado in biblioteca. A proposito, sai dov? Cosa? La biblioteca! insisto. Il mio compagno mi risponde distrattamente. Si trova al pianterreno, in fondo al corridoio, dopo la porta della preside.
13

Capitolo 2

Non qui! Fuori!! preciso io. Fuori?! La chiacchierata viene bruscamente interrotta dalla prof di Informatica che ci riporta alla dura realt. @@@ Durante la ricreazione usciamo nel cortile interno della scuola. Allombra si sente un vago odore di muffa e umidit, al sole un odore di polvere e cemento. Dragan parla sempre a un volume di voce bassissimo, quasi un sussurro che a volte si fa fatica a sentire. Anche se dice che in internet ha un sacco di amici qui lo schivano tutti. La cosa per sembra lasciarlo indifferente. Tira fuori una specie di quadernino e si mette a disegnare. Che fai? chiedo addentando il mio panino. Manga. Ah! dichiaro interessato. Poi comincia a parlare con un filo di voce sicch riesco a seguire solo qualche brandello di discorso, e mi distraggo a fissare gli altri ragazzi. Quello Francesco Mi indica con la matita un ragazzo che si trova dalla parte opposta del cortile. Lo scorso anno rubava le merende. Una volta mi ha persino rubato dei soldi. Francesco un rapper robusto, coi capelli color miele e la frangetta. Si trova a diversi metri da noi, ma evidentemente si accorge che lo stiamo guardando perch si dirige subito nella nostra direzione. Accidenti! esclama Dragan e si affretta a mettere via il suo quadernino.
14

Webmaster

Nonostante la stazza Francesco molto agile e si piazza rapidamente davanti a me con aria minacciosa. Puzza di fumo. Cha hai da guardare? dice lui. Niente rispondo calmo. Tu mi stavi fissando insiste il bullo. Perch?! Non ti stavo fissando. S invece! Mi spintona. In un attimo ci troviamo avvinghiati e ci molliamo un sacco di pugni. Primo giorno di scuola e gi sono dalla preside. Un record! Mi ritrovo con una nota sul libretto e telefonino sequestrato. Lo fanno sempre mi spiega Dragan alluscita. Cos se vuoi recuperare il telefonino devi mandare i tuoi genitori a parlare con la preside. E se non ci vanno? chiedo io. Lui si stringe nelle spalle. Si tengono i telefonini. Ne hanno un armadietto pieno. E cosa se ne fanno? Boh!
Aggiorna stato Aggiungi foto Fai una domanda

A cosa stai pensando?


Xorro Ho capito subito quello che stava per accadere. Lho capito da come partito Francesco verso quello nuovo. Adesso lo mena. In un secondo ho tirato fuori il telefonino e ho ripreso tutto. Oggi lo carico su youtube e lo condivido sul mio portale di Facebook. Francesco deve piantarla di fare il prepotente. Meno male che ci sono io!

Mi piace Commenta

Capitolo

3
Nickname: Xorro

a mamma non molto contenta di com andato il mio primo giorno di scuola. Cosa ci facevi con il telefonino?! mi urla. Ma non lo stavo usando reclamo. Allora perch te lhanno sequestrato? incalza lei. Dragan dice che lo fanno sempre, altrimenti i genitori non si presentano mai a parlare con la preside! E chi Dragan? insiste mamma. Il mio nuovo compagno di banco dichiaro. Pazzesco! esclama lei. Comunque, visto che te lhanno sequestrato, adesso per un po resterai senza! sentenzia. Ma non sono stato io piagnucolo. Ha cominciato lui. Non mi interessa! Hai fatto proprio una bella figura ribatte mentre infila i piatti nella lavastoviglie. Per non posso stare senza telefonino controbatto. Perch? Perch come faccio a parlare con pap?! Mi presti il tuo? La mamma tace. Ha unespressione cupa. Stringe i denti. Dovrei dirglielo annuncia seria avviando il programma di lavaggio. No. Ti prego. Per favore Lei mi scruta, poi inspira profondamente. Daccordo Andr a parlare con la preside e
16

Nickname: Xorro

me lo far restituire. Per tu da oggi in poi il telefonino lo lascerai sempre a casa. Siamo intesi? S. Ora fila a fare i compiti, e per stasera niente tiv. @@@ Stamattina a scuola mi guardano tutti in modo strano. Mi osservano e poi parlottano tra loro. Due ragazze che non conosco mi fanno ciao con la mano. Io rispondo timidamente al saluto, poi infilo le mani in tasca e avanzo verso lingresso a testa bassa. Dragan mi viene incontro raggiante. Ma che hanno tutti da guardare? chiedo. Sono cos strano? Allora non sai niente?! esclama lui. Cosa dovrei sapere? Dragan incalza: Ieri Xorro ha pubblicato sul suo portale di facebook un video della tua scazzottata con Francesco. Credo di non aver capito bene, e domando conferma: Zorro?! Ma quale Zorro! Xorro! insiste lui. Chi? Xorro, con la ics precisa. Con la ics? esclamo incredulo. Che razza di nome ? Un nome in codice sussurra il mio compagno di banco. Una versione moderna di Zorro, ma pi misteriosa E chi ? domando ancora. Non lo sa nessuno! Te lho detto: unidentit segreta. Poi prosegue abbassando ulteriormente la voce:
17

Capitolo 3

Ma deve essere uno della scuola. Come fai a dirlo? azzardo io. Lo per forza! Altrimenti come avrebbe fatto a riprenderti col telefonino?! Non lo so. Mi guardo attorno sospettoso. Ha pubblicato anche una didascalia. Condannato ingiustamente un innocente conclude serio. Scusa, e tu come hai fatto a saperlo? Perch Ghigo, un emo della F, ha condiviso il video sul suo portale di facebook. Torno alla carica. E lui come lo ha saputo? Dragan non si scompone. Ghigo uno che ha quasi settecento contatti uno informato. Comunque ieri sera il video lavevano condiviso praticamente tutti gli alunni della scuola. Tutti?! esclamo sorpreso. Beh.. Non proprio tutti Tutti quelli che non sopportano Francesco e che hanno il profilo su facebook. Mi mordo il labbro seriamente preoccupato. E adesso cosa succeder? Che te ne importa?! Ora sei una star, goditelo! Mi molla una pacca sulla spalla. Esagerato rispondo ridendo. Ti dico di s. Borghetz, se avessi facebook lo avresti visto anche tu. Ma non ce lho! rispondo lamentandomi. Senti azzarda lui. Perch oggi non vieni a casa mia cos te lo mostro? Scuoto la testa. Non posso Sono in castigo Perch? Per la storia del telefonino dico rammaricandomi. Non giusto che mia mamma sia cos severa
18

Nickname: Xorro

quando prende una posizione educativa, come dice lei, per taccio e il pensiero me lo tengo per me. Trova una scusa! propone Dragan. No. Mia madre lo scoprirebbe e poi sarebbe peggio. Dici? Fidati, conosco mia madre.
Aggiorna stato Aggiungi foto Fai una domanda

A cosa stai pensando?


Xorro Quando stamattina quello nuovo arrivato a scuola lo hanno notato tutti. Anche quelli che non sapevano che nella scuola ci fosse uno nuovo. Gli ho fatto un sacco di pubblicit. Per questo ieri mi sono arrivati una marea di messaggi su facebook: chi per sapere chi il ragazzo che si pesta con Francesco, chi per sapere come finita, chi per farmi sapere che le aveva prese anche lui da Francesco per aveva paura di dirlo, perch temeva che poi le avrebbe prese ancora. stata una giornata intensa. Ho risposto puntualmente a tutti. E tutti hanno commentato il video sul mio portale. Qualcuno mi ha ringraziato per il mio gesto. Ho avuto anche sette richieste di amicizia. Ora ho quasi cinquecento contatti. Mica male! Verso sera ho trovato un post di Francesco: ha scritto che se scopre chi sono mi ammazza. Cerano tre persone a cui piaceva il suo post: Edy, Fango e Picaciu. Comunque non lo scoprir mai! N lui, n i suoi amici. Io sono Xorro. Nessuno pu scoprirlo. Per questo sul mio profilo ho messo unimmagine in cui si intravede un soggetto mascherato di nero con una X sul cappello e ho inserito tutti dati inventati. Ho mentito anche sullet Questo il vantaggio di essere Xorro! Mentre suonava la campanella ed entravamo tutti a scuola arrivato Francesco insieme a Edy e Fango, i bulli della terza E. Li ho intravisti che stavano complottando insieme. Ma non temete ragazzi! Xorro sempre pronto a colpire!!

Mi piace Commenta

19

Capitolo

Youtube a volte aiuta

Dragan mi batte la mano sulla spalla e mi fa locchiolino per farmi coraggio. Ho le mani sudate e mi tremano le gambe. Non so perch ma quella donna mi fa paura. Non riesco a guardarla in faccia. piccola e ossuta, sembra una cavalletta distratta. Non ti fissa ma ti legge dentro, ha lalito fetido e il suo ufficio odora di disinfettante. Mi sembra di essere nellambulatorio del mio dottore. Solo che lui grassottello, ha una faccia simpatica e lalito che odora di menta. Si sieda! dice la preside. Lordine categorico e lo eseguo meccanicamente. Cerco di restare impassibile ma il cuore mi batte in gola. Rimbomba nella tempie. Caldo. Guardo la preside che parla ma non capisco una parola di quello che dice. Faccio di s senza rispondere. Lei riprende a parlare. Dice qualcosa circa un video che le hanno mostrato su youtube. Ho la mente ovattata. Sono paralizzato. Mi gira la testa. Se non la smette di parlare mi sa che svengo. Improvvisamente tace e mi restituisce il telefonino. Capisco solo Pu andare.
20

Verso le nove e mezza mi chiama la preside.

Youtube a volte aiuta

Mi alzo barcollando ed esco ancora confuso. Vado verso la mia classe con la vista annebbiata. Non so perch ma ho voglia di piangere. Mi ha restituito il telefonino, eppure ho voglia di piangere. Sono cos confuso che sbatto con qualcuno. Stai attento!! dice una voce rivolta a me. Scusa! rispondo con mente annebbiata e gli occhi appannati. Non ti ho vista! Per forza! incalza lei. Se non guardi dove vai! Non riesco a mettere a fuoco chi ho travolto. Vedo solo un maglione fucsia e sento un profumo di violetta. Riesco solo a ripetere. Scusa Tu sei quello nuovo dice lei con una voce calda e gentile. S Scusa, ho un po di fretta Cerco di scappare via a testa bassa. Non voglio che mi vedano piangere, tanto meno una ragazza. Aspetta! grida lei. Io parto ignorando il comando e cercando di non guardare, ma ho la vista talmente confusa che non vedo nemmeno la scala, cos inciampo e sbatto la faccia contro i gradini. Sento una cosa calda che cola dal naso. Mi tocco il naso. La mano impiastricciata di un liquido appiccicoso. Apro gli occhi e finalmente metto a fuoco. rosso scuro. Borghesi... Ancora lei?! la voce della preside. Non le sembra di essersi fatto notare abbastanza? E lei... signorina? Cozzolino risponde la voce che profuma di violetta. Anna precisa subito dopo.
21

Capitolo 4

Cozzolino, s Cosa ci fa fuori dallaula? Stavo andando in biblioteca. Perch? Sono la referente per la seconda A. Ho una lista di libri da portare in classe. Allora vada! ordina la dirigente. Tengo gli occhi chiusi e stringo il naso con la mano mentre sento i passi e il profumo di violetta che si allontanano. Borghesi La voce della preside sembra meno marziale. Se lo lasci dire. Sembra proprio che se le cerchi Guarda che disastro! Signora Mazzolari, per favore lo accompagni in bagno. La Signora Mazzolari evidentemente la bidella che mi aiuta ad alzarmi e mi accompagna a lavarmi la faccia. Sento addosso gli occhi della preside ed evito di girarmi. La bidella odora di lacca. Mi vergogno talmente tanto che vorrei sprofondare immediatamente. Quando torno in classe evidentemente ho la faccia stravolta, dato che diversi compagni mi chiedono come andata dalla preside. Persino Sono una Truzza e la sua gemella si spostano al mio banco, mi guardano con aria preoccupata e mi rivolgono addirittura la parola! Cosa ti ha fatto la preside? Perch ti ha ridotto cos? Incalzano loro quasi allunisono. stato un incidente rispondo calmo. Un incidente? Le tipe truzze fanno unespressione seria e corrucciata. Poi sibilano. stata lei?
22

Youtube a volte aiuta

No dichiaro con la voce che rimbomba nel naso. Si guardano e confermano: stata lei. E se ne tornano al loro posto a commentare la punizione che credono io abbia subito. Dragan ha ragione: per merito di facebook sono diventato una star. Non sono del tutto convinto che sia proprio una bella cosa, ma intanto meglio godersi il momento. Durante la ricreazione Francesco si mantiene alla larga mentre Dragan, tutto eccitato, mi fa da pierre. Lui Marco e io sono Dragan, il suo compagno di banco!! Mi presenta cos tanti ragazzi e ragazze che faccio fatica a ricordare tutti i nomi. Secondo te qui fuori? chiedo al mio pierre. Chi?! ribatte Dragan. Xorro! esclamo io. Lui scruta gli studenti nel cortile, poi sottovoce dice: Penso di s. Chi potrebbe essere? incalzo io. Non saprei risponde. Ieri cera anche la prof di Inglese che faceva sorveglianza... La prof diInglese? Tu dici... Dragan alza le spalle, tira fuori il suo quadernino e si mette a disegnare. Cambio discorso. Senti ma difficile crearsi unidentit segreta? Io non ci ho mai provato dice lui perfezionando un drago stilizzato. Per cio immagino di no. Se oggi vieni a casa mia
23

Capitolo 4

Oggi no! Te lho detto! Sono in castigo! ribatto con foga. Ma sei innocente! insiste. Cera scritto anche su internet. Capirai. Vallo a spiegare a mia madre. @@@ Dragan disegna e mastica un chewing gum facendo delle bolle che esplodono rumorosamente. Ciao. Stai meglio? Profumo di violetta e maglione fucsia. Mentre la guardo ho le guance in fiamme. Ti chiami Marco, giusto? Mi si incollata la lingua e riesco solo a fare di s con la testa. Io sono Anna, e lei Milia. Ciao! biascico. Milia ha gli occhiali tondi e profuma di sapone di Marsiglia, indossa un felpone di Hello Kitty e sorride troppo, mostrando lapparecchio per i denti pieno di brillantini. Io sono Dragan. Ciao!! rispondono in coro Violetta e Marsiglia. Intervengo ancora io. Scusa per prima farfuglio a testa bassa. Non volevo venirti addosso. che non ti ho vista. Me ne sono accorta! squittisce lei. Volevo solo restituirti questo Ti caduto quando sei inciampato sui gradini. Anna mi tende il telefonino. Dragan mi guarda sbalordito. Sei inciampato? Allora non vero Sta per scoppiare a ridere, cos gli mollo un pugno sul braccio.
24

Youtube a volte aiuta

Ahia! Ma sei matto? sibila lui. Prendo il telefonino, lo infilo subito in tasca e mi affretto a rispondere. Grazie!! Non me ne ero nemmeno accorto. Prego. Ci vediamo! Ciao! Violetta e Marsiglia si allontanano. Perch mi hai dato un pugno? protesta Dragan. Ma v, che ti ho appena sfiorato Ti piace? commenta lui. Chi? Lei. No.

25

... Ciak

ira si g

Tutti pazzi per il web


Un mare di informazioni a portata di mouse

APPROFONDIMENTI

A cura di David Conati

ira si g ... Ciak

Panoramica
Le reti sociali, la rete virtuale

Il romanzo che hai appena letto parla di un tema molto attuale: la contrapposizione tra le relazioni sociali e quelle virtuali. Quando si parla di relazione sociale o relazione interpersonale solitamente ci si riferisce al rapporto che intercorre tra due o pi individui. Queste relazioni hanno luogo in ogni contesto, dai rapporti di amicizia, alla famiglia, alla scuola, agli ambienti di lavoro, allo sport, alla religione, comprendono qualsiasi forma di aggregazione umana e si possono basare su sentimenti o sulle passioni e interessi condivisi. Di conseguenza per rete sociale si intende un qualsiasi gruppo di persone che sono collegate e messe in relazione tra loro. La rete sociale prima di tutto una rete fisica, reale, allinterno della quale ciascuno pu porsi degli obiettivi e essere facilitato e aiutato a raggiungerli. Quindi, anche la scuola una rete sociale. La rete virtuale Se le reti sociali nascono come gruppi di interazione fisica, tra persone che hanno degli interessi comuni e si ritrovano in spazi definiti per condividere le loro esperienze, al mondo esistono altri tipi di reti che collegano le persone a distanza. Tra queste la rete telefonica sicuramente una delle prime.
138

Successivamente se ne sviluppata una pi avanzata che attualmente collega decine di migliaia di reti di computer e milioni di persone in tutto il mondo, senza che esse abbiano la necessit di uscire di casa per incontrarsi. Questa rete internet. Nata nel 1969 negli Stati Uniti con il nome di Arpanet, il suo uso fu inizialmente solo militare, in quanto permetteva di collegare tra loro i computer dellesercito americano. Successivamente la rete venne sviluppata allinterno delle universit statunitensi fino a diffondersi in tutto il mondo. Arriv in Italia nel 1994. Da allora internet costituisce uno dei principali mezzi di comunicazione, facilissimo da utilizzare: per accedervi basta connettersi con un computer collegato alla rete. Una volta in rete si possono inviare messaggi di posta elettronica, visualizzare file, scriverli, trasferirli sul nostro pc e inoltre effettuare ricerche navigando nel web. Quando si parla di internet, spesso si usa il termine virtuale. Virtuale significa che una cosa non esiste, immateriale, non si pu toccare, annusare, assaporare. In sostanza, internet esiste solo allinterno della rete e scompare, diventa inaccessibile, se manca la corrente o il computer si guasta. Noi siamo riusciti a conoscere le popolazioni antiche grazie ai reperti materiali che hanno lasciato, ma se un giorno verr a mancare la corrente elettrica, della nostra civilt rester poco o nulla.

139

ira si g ... Ciak

Zoom
Un mare di informazioni a portata di mouse

Il web Il web, anche conosciuto come Grande Rete Mondiale, nasce il 6 agosto del 1991 quando lo scienziato Berners-Lee pubblic on line il primo sito. uno spazio elettronico e digitale di internet destinato alla pubblicazione di contenuti multimediali quali ad esempio testi, immagini, audio, video La sua caratteristica principale che i contenuti sono tra loro collegati tramite link formando un ipertesto, e i suoi servizi possono essere resi disponibili dagli stessi utenti di internet e raggiungere un pubblico potenzialmente vastissimo, distribuito in tutto il mondo. Chiunque disponga di un computer, di un accesso a internet, degli opportuni programmi e di uno spazio web, pu pubblicare contenuti multimediali. I contenuti del web sono infatti costantemente online quindi sempre fruibili da chiunque disponga di un computer e di un accesso a internet, alcuni in modo gratuito, altri a pagamento.

140

I siti I contenuti principali del web sono costituiti da testo e grafica, visualizzati sullo schermo del proprio computer mediante il browser. Tutti i siti web sono identificati dal cosiddetto indirizzo web, una sequenza di caratteri che ne permette la rintracciabilit in rete attraverso il motore di ricerca.

Dato che non c nessuno che controlla la qualit del materiale pubblicato in internet, i contenuti dei siti possono essere di qualunque tipo, quindi le notizie che appaiono in rete a volte possono essere completamente false. Per tale ragione non facile navigare in questo mare di informazioni e ogni volta che si compie una ricerca in internet occorre verificare precisamente i dati acquisiti. Ecco perch la mamma di Marco, il protagonista del romanzo appena letto, dice: le ricerche si fanno sui libri, non in internet.

141

ira si g ... Ciak

VOCABOLARIETTO INFORMATICO Link: per link si intende il collegamento di parti di testo e immagini tra diverse pagine web. Tali collegamenti possono servire per approfondire o comprendere meglio un argomento. Ipertesto: lipertesto un insieme di testi suddivisi in documenti diversi, collegati da vari link. Spazio web: per spazio web si intende una porzione di memoria destinata alla memorizzazione di contenuti multimediali. Browser web: il programma che permette, come si dice in gergo, di navigare nel Web, cio di fruire dei contenuti e dei servizi del Web. Motore di ricerca: data la moltitudine di informazioni che vengono pubblicate costantemente in rete impossibile creare un indice aggiornato in tempo reale dei contenuti web. Per questo nel corso degli anni sono nati i motori di ricerca. Si tratta di siti web da cui possibile cercare contenuti nella rete internet, in modo automatico, sulla base di parole chiave inserite dallutente.

142

Primo piano
I Social media

I Social media sono un gruppo di applicazioni internet che consentono la creazione e lo scambio di contenuti prodotti dagli utenti e rappresentano fondamentalmente un cambiamento nel modo in cui la gente apprende, legge e condivide informazioni e idee. Essi trasformano le persone da fruitori di contenuti ad editori e sono diventati molto popolari perch permettono alle persone di utilizzare il web per stabilire relazioni di tipo personale o lavorativo. I Social media, rispetto ai mass media industriali tradizionali come giornali, televisione, radio e cinema, sono strumenti relativamente a basso costo che permettono a chiunque di pubblicare e avere accesso alle notizie. Inoltre, per gestire un Social media non richiesta nessuna competenza specifica e a volte la velocit con cui viaggiano le informazioni in rete superiore a quella con cui le notizie si propagano attraverso i media tradizionali. Considerata la velocit di comunicazione, lampia diffusione e lincisivit, sembrerebbe che i Social media non abbiano limiti: i lettori possono partecipare ai Social media lasciando commenti e messaggi ogni volta che vogliono o anche pubblicando articoli per conto proprio.
143

ira si g ... Ciak

Dato per che nessuno ne verifica i contenuti, vale la stessa regola che per i siti web: non tutto ci che si legge va preso per oro colato. Esempi di applicazione del concetto di Social media sono: La chat Dal sostantivo inglese to chat che significa chiacchierare. Si tratta di un sistema di comunicazione in tempo reale che permette a pi utenti collegati nello stesso momento di scambiarsi brevi messaggi scritti emulando una conversazione o, appunto, chiacchierata. I messaggi delle chat non sono permanenti. I blog Il termine deriva dalla contrazione di weblog e significa letteralmente diario. Si tratta di uno strumento che consente di pubblicare, postare, pensieri personali, immagini, video, collegamenti e di raccoglierne i relativi commenti. Ne esistono di diversi tipi: Blog personale: la categoria pi diffusa. Lautore vi scrive le sue esperienze di ogni giorno, poesie, racconti, desideri, disagi e proteste. Il contributo dei lettori nei commenti in genere molto apprezzato e d vita a discussioni molto personali.

144

Il blog personale pu essere anche tematico nel caso in cui lautore lo usi per condividere esclusivamente un suo hobby o una sua passione, o anche un blog vetrina nel caso in cui lautore lo usi per pubblicizzare le proprie opere come ad esempio fumetti, testi, poesie. Blog di attualit: molti giornalisti utilizzano i blog per dare voce alle proprie opinioni su argomenti dattualit o fatti di cronaca o, pi semplicemente, per esprimere la propria opinione su questioni che non trovano quotidianamente spazio fra le pagine dei giornali. Altre persone utilizzano il blog per commentare notizie lette su giornali o siti internet. Blog collettivo: si tratta di un blog nel quale gli articoli vengono scritti da un gruppo ristretto di autori. Di solito questi blog sono orientati verso un campo dinteresse particolare come ad esempio letteratura, informatica, politica, attualit.

145

ira si g ... Ciak

Social Blog: un tipo di blog dove gli articoli vengono pubblicati da tutti gli utenti del blog. Come dice il nome si tratta di blog sociali ovvero scritti dalla massa. Il social blog nasce dallesigenza di non far disperdere nel web i contenuti scritti dagli utenti, bens di raccoglierli in un unico grande contenitore dove tutti possano postare liberamente. Blog aziendale: il blog tenuto da uno o pi dipendenti di unazienda. I blogger sono tenuti a rispettare un codice aziendale, ma i blog aziendali sono spesso visitati per la semplicit e limmediatezza delle informazioni che vi si trovano.

Blog politico: vista lestrema facilit con la quale possibile pubblicare contenuti attraverso un blog, diversi politici utilizzano i blog per comunicare direttamente con i cittadini, per esporre i problemi e condividere le soluzioni.
146

Watch blog: blog in cui vengono criticati quelli che lautore considera errori in notiziari on-line, siti web o altri blog.

Urban Blog: blog riferiti ad unentit territoriale definita, come pu essere una citt, un paese, un quartiere e che ospitano immagini e video riferiti alla comunit.

Photoblog: blog su cui vengono pubblicate prevalentemente fotografie invece che testi.

Blogames: sono blog su cui vengono pubblicati giochi invece che testi.

147

ira si g ... Ciak

M-blog: blog utilizzati per pubblicizzare le proprie scoperte musicali e renderne gli altri partecipi.

Vlog o video blog: un blog che utilizza filmati come contenuto principale, a volte accompagnato da testi e immagini.

Audio Blog: la peculiarit di questo tipo di blog la possibilit di scaricare automaticamente gli aggiornamenti sia sul proprio computer che sui lettori mp3 portatili come liPod. Blognovel o blog novel o blog fiction: un romanzo o un racconto suddiviso in brevi episodi che si sviluppa su un blog. Il pi delle volte i commenti di altri blogger o visitatori possono essere utili indicazioni per lautore nello sviluppo della storia.
148

Lit-blog o blog letterario: si tratta di un blog, personale o collettivo, nel quale vengono pubblicati articoli di natura letteraria come ad esempio recensioni, brevi saggi critici, poesie, interviste

Blog didattico: tipo di blog utilizzato in contesti scolastici e universitari come strumento di apprendimento online, di condivisione di contenuti didattici, di comunicazione tra il docente e gli allievi.

VOCABOLARIETTO INFORMATICO Post: definito il messaggio pubblicato dallautore/i del blog. Commento: lintervento attinente al tema scritto dai lettori-utenti. Linsieme dei commenti ad un post consultabile cliccando allinterno del messaggio. Generalmente in fondo, si trova il modulo per aggiungere un nuovo commento che pu essere lasciato iscrivendosi al blog. Tag: letichetta che segnala le parole chiave di ogni post.

149

Indice
1 Home. E di nuovo cambio casa 2 Webmaster 3 Nickname: Xorro 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 Youtube a volte aiuta Creare un account Nuove richieste di amicizia Invisible shield Taggando foto su FB Eventi che scontentano Uno scoop incredibile Connessione veloce Una serie negativa Stand by Cookies compromettenti Brightness Open ofce Ctrl - Alt - Canc Riavvia il sistema 5 11 16 20 26 35 45 54 59 65 74 81 90 99 107 118 125 133 137

Approfondimenti