Sei sulla pagina 1di 329

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI NAPOLI

FEDERICO II



Facolt di Ingegneria
Corso di Laurea in Ingegneria Civile

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE
Tesi di Laurea in Tecnica delle Costruzioni

STRUMENTI OPERATIVI PER LA
PROGETTAZIONE DI EDIFICI CON
STRUTTURA SCFS




RELATORI: CANDIDATO:
Ch.mo Prof. Dr. Ing. Federico Massimo Mazzolani Vincenzo Macillo
Ch.mo Prof. Dr. Ing. Raffaele Landolfo matr. 37/2855


CORRELATORI:
Dr. Ing. Luigi Fiorino
Dr. Arch. Ornella Iuorio
ANNO ACCADEMICO 2008/2009
































O studianti, studiate le matematiche,
e non edificate sanza fondamenti.
Leonardo da Vinci






























Indice i

INTRODUZIONE........................................................................................ 1

1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA COSTRUTTIVO........................ 3
1.1 I sistemi costruttivi.......................................................................... 3
1.2 Il sistema ad aste ............................................................................. 6
1.2.1 Fondazioni.............................................................................. 7
1.2.2 Pareti ...................................................................................... 8
1.2.3 Solaio ..................................................................................... 9
1.2.4 Copertura.............................................................................. 10
1.2.5 Altri elementi presenti in pareti, solai e coperture ............... 10
1.2.6 Assemblaggio di un edificio ................................................ 11
1.3 Profili ............................................................................................ 12
1.4 Pannelli di rivestimento ................................................................ 15
1.4.1 Pannelli a base di legno........................................................ 15
1.4.2 Pannelli in cartongesso......................................................... 17
1.5 Connessioni ................................................................................... 17
1.6 Principali aspetti progettuali ......................................................... 18
1.6.1 Carichi verticali.................................................................... 18
1.6.2 Carichi orizzontali................................................................ 19
1.6.3 Criteri di valutazione della resistenza laterale ..................... 21
1.7 Vantaggi e limitazioni ................................................................... 23

2. PROGETTAZIONE STRUTTURALE IN ACCORDO CON LE
CORRENTI NORMATIVE............................................................. 27
2.1 Propriet del Materiale.................................................................. 27
2.2 Propriet della sezione .................................................................. 30
2.3 Effetti dellinstabilit locale e distorsionale: Valutazione della
sezione efficace ............................................................................. 34
2.3.1 Elementi piani senza irrigidimenti ....................................... 37
2.3.2 Elementi piani con irrigidimento di bordo........................... 41
2.4 Resistenza della sezione................................................................ 46
2.4.1 Resistenza a compressione................................................... 46
2.4.2 Resistenza a flessione........................................................... 47
2.4.3 Resistenza a taglio................................................................ 49
2.4.4 Resistenza alle forze trasversali concentrate........................ 50
2.4.5 Pressoflessione deviata......................................................... 54
ii Indice
2.4.6 Azione combinata di momento flettente e forze trasversali
concentrate ........................................................................... 55
2.5 Resistenza della membratura: instabilit accoppiata..................... 55
2.5.1 Instabilit flessionale............................................................ 57
2.5.2 Instabilit torsionale e flesso-torsionale............................... 59
2.5.3 Instabilit latero-torsionale................................................... 62
2.5.4 Instabilit di membrature pressoinflesse.............................. 64
2.6 Resistenza di pareti di aste secondo la norma AISI ...................... 68
2.7 Prescrizioni normative sul collegamento di sezioni composte
secondo la norma AISI.................................................................. 75
2.8 Stati limite di servizio ................................................................... 77

3. PROVE SPERIMENTALI SU VITI AUTOPERFORANTI ........ 79
3.1 Principali caratteristiche delle viti autoperforanti ......................... 79
3.2 Requisiti strutturali........................................................................ 82
3.2.1 Meccanismi di rottura .......................................................... 82
3.3 Progettazione dei collegamenti con viti autoperforanti in accordo
alla EN 1993-1-3........................................................................... 85
3.3.1 Progetto di viti sollecitate a taglio........................................ 86
3.3.2 Progetto di viti sollecitate a trazione.................................... 88
3.4 Prove sperimentali su viti autoperforanti ...................................... 90
3.4.1 Macchina di prova................................................................ 92
3.4.2 Set-up ed esecuzione delle prove......................................... 93
3.4.3 Valutazione dei valori caratteristici della resistenza............ 98

4. STRUMENTI PER LA PROGETTAZIONE NEI CONFRONTI
DEI CARICHI VERTICALI ......................................................... 101
4.1 Principali riferimenti normativi e bibliografici ........................... 101
4.1.1 Il Prescriptive Method (NASFA 2000) .............................. 103
4.1.2 Il metodo WiSH (LSK 2008) ............................................. 104
4.2 Caratteristiche dei profili e scelta ottimale delle sezioni ............ 106
4.3 Solaio .......................................................................................... 109
4.3.1 Abaco progettuale per i pannelli in OSB........................... 112
4.3.2 Abaco progettuale per i travetti.......................................... 116
4.4 Pareti ........................................................................................... 124
4.4.1 Abaco per la progettazione dei montanti con lapproccio
All-steel senza vincoli intermedi .................................... 126
Indice iii

4.4.2 Abaco per la progettazione dei montanti con lapproccio
All-steel con vincoli intermedi ....................................... 128
4.4.3 Abaco per la progettazione dei montanti con lapproccio
Sheathing-braced ............................................................ 129
4.5 Aperture ...................................................................................... 130
4.5.1 Abaco per la progettazione della piattabanda .................... 132
4.5.2 Abaco per la progettazione dei montanti di sostegno delle
piattabande ......................................................................... 134
4.5.3 Prescrizioni relative ai collegamenti .................................. 135
4.6 Fondazioni................................................................................... 136

5. STRUMENTI PER LA PROGETTAZIONE SISMICA ............ 139
5.1 Valutazione della risposta monotona .......................................... 139
5.2 Valutazione della risposta ciclica................................................ 142
5.3 Analisi incrementale dinamica.................................................... 145
5.3.1 Scelta degli accelerogrammi .............................................. 146
5.3.2 Modellazione della risposta sismica................................... 147
5.3.3 Interpretazione dei risultati ................................................ 148
5.3.4 Selezione delle pareti significative..................................... 151
5.4 Analisi parametrica dei risultati IDA.......................................... 152
5.4.1 Influenza dellaltezza della parete...................................... 154
5.4.2 Influenza della larghezza della parete................................ 154
5.4.3 Influenza del fattore di forma............................................. 155
5.4.4 Influenza della spaziatura delle connessioni ...................... 155
5.4.5 Influenza del peso sismico ................................................. 156
5.4.6 Influenza del suolo............................................................. 156
5.4.7 Considerazioni conclusive ................................................. 156
5.5 Individuazione del fattore di struttura......................................... 163
5.6 Approccio progettuale per lanalisi dinamica lineare mediante
nomogrammi ............................................................................... 164
5.6.1 Valutazione della spaziatura .............................................. 166
5.6.2 Valutazione degli altri parametri di progetto ..................... 169
5.6.3 Nomogramma..................................................................... 171
5.6.4 Estensione dei nomogrammi al caso di edifici monopiano
con pianta simmetrica e pareti diverse............................... 174
5.6.5 Estensione dei nomogrammi al caso di edifici multipiano 177

iv Indice
CONCLUSIONI ....................................................................................... 187

BIBLIOGRAFIA...................................................................................... 189

APPENDICE A: Riepilogo dei risultati delle prove su viti autoperforanti
APPENDICE B: Schede tecniche viti autoperforanti
APPENDICE C: Abachi progettuali
APPENDICE D: Risultati dellanalisi parametrica
Introduzione 1

INTRODUZIONE
Il crescente utilizzo di prodotti in acciaio formati a freddo nella
realizzazione di edifici residenziali di piccole e medie dimensioni (housing)
rappresenta ormai un fenomeno consolidato nel mercato delle costruzioni
nord americano ed australiano. Le ragioni di tale successo vanno ricercate
sia nelle caratteristiche peculiari dei sistemi costruttivi adottati, che
consentono di raggiungere un elevato rapporto benefici-costi rendendoli
molto competitivi rispetto ai sistemi pi tradizionali, sia nellelevata
competitivit derivante dallimpiego di profili formati a freddo. Questi
ultimi si caratterizzano per la leggerezza, lelevato rendimento strutturale,
lelevata durabilit, per luniforme qualit dei componenti, per la rapidit di
messa in opera e per la semplificazione nellinstallazione degli impianti.
Lutilizzo dei sistemi residenziali in acciaio formato a freddo in Europa
ancora limitato. La modesta diffusione di questa tipologia costruttiva nei
paesi europei si spiega con la ridotta familiarit e, in alcuni casi, con la
diffidenza che progettisti e costruttori mostrano verso tipologie strutturali
innovative, soprattutto se tali sistemi sono impiegati nel caso di costruzioni
residenziali. Questo atteggiamento pu essere superato attraverso una serie
di iniziative tese a diffondere informazioni riguardanti i materiali utilizzati,
le tecniche ed i particolari costruttivi, i criteri progettuali, le fasi costruttive
ed i vantaggi di tali sistemi.

In linea con la tendenza di incrementare le informazioni a disposizione sul
comportamento strutturale di tale sistema costruttivo, la ricerca di cui
oggetto il presente lavoro si propone di realizzare degli strumenti operativi
tesi a semplificare la progettazione degli edifici con struttura in acciaio
formato a freddo e pannelli di rivestimento SCFS (Sheated Cold-Form
Steel). Il lavoro organizzato in due fasi: la prima, verte sulla progettazione
nei confronti dei carichi verticali in cui vengono proposti degli abachi
progettuali e informazioni sul comportamento delle viti autoperforanti
sottoposte a prove sperimentali; la seconda parte fa riferimento alla
valutazione della prestazione sismica delle pareti in SCFS.

Nel primo capitolo sono riportate le caratteristiche dei principali sistemi
costruttivi per la realizzazione di edifici in acciaio formato a freddo,
soffermandosi sul sistema ad aste (stuck-built), che la tipologia su cui si
2 Introduzione
basato questo lavoro, fornendo informazioni relative al processo costruttivo,
i materiali e gli aspetti basilari della progettazione.

Il secondo capitolo dedicato allanalisi delle problematiche relative alla
progettazione delle membrature in acciaio formato a freddo, affrontata in
accordo con le correnti normative. LEurocodice 3, in particolare nella sua
parte 1.3, stato il principale riferimento per la valutazione dei fenomeni di
instabilit locale e della resistenza delle membrature. La normativa
americana AISI sullacciaio formato a freddo stata invece considerata per
la valutazione della resistenza dei montanti di parete secondo lapproccio
sheating-braced e per le prescrizioni sul collegamento di sezioni
composte.

Il terzo capitolo studia il comportamento delle viti autoperforanti, che
rappresentano il principale sistema di collegamento per le strutture SCFS.
Sono state eseguite prove sperimentali su diverse tipologie di viti
autoperforanti al fine di individuare la loro resistenza a taglio e trazione,
parametri necessari per la progettazione dei collegamenti.

Il quarto capitolo propone degli strumenti operativi sottoforma di abachi
progettuali. Attraverso tali abachi possibile dimensionare gli elementi
principali della struttura in acciaio formato a freddo, come: solaio, pareti,
aperture e fondazioni. Agli abachi sono affiancate anche delle informazioni
relative alle connessioni e al dimensionamento di elementi strutturali
secondari. Nel capitolo sono riportate tutte le informazioni e le
considerazioni alla base della realizzazione di tali abachi.

Il quinto capitolo dedicato al comportamento sismico delle pareti in SCFS,
riportando i modelli per la valutazione della risposta monotona e ciclica,
effettuando linterpretazione dei risultati di analisi dinamiche non lineari
incrementali su diverse configurazioni di parete. I risultati di tali analisi
hanno portato allindividuazione di fattori di struttura tesi ad una
progettazione di tipo prestazionale. Inoltre, vengono proposti dei
nomogrammi per lanalisi dinamica lineare che fanno riferimento ai fattori
di struttura proposti e vengono individuate procedure per estendere il campo
di applicabilit dei nomogrammi.


Descrizione del sistema costruttivo 3

1. DESCRIZIONE DEL SISTEMA COSTRUTTIVO
Il crescente utilizzo di prodotti in acciaio formati a freddo nella
realizzazione di edifici residenziali di piccole e medie dimensioni (housing)
rappresenta ormai un fenomeno consolidato nel mercato delle costruzioni
nord americano ed australiano. Anche in Europa, sebbene solo pi
recentemente, lutilizzo di questa tipologia costruttiva si sta diffondendo, in
particolare nei paesi scandinavi, dove lutilizzo dei formati a freddo
rappresenta gi una valida alternativa ai materiali tradizionali.
1.1 I sistemi costruttivi
Le principali tipologie strutturali per edifici residenziali di piccole e medie
dimensioni costruiti con membrature in acciaio formate a freddo, in ordine
del grado di prefabbricazione, possono essere classificati in:

costruzioni ad aste (stick-built constructions);
costruzioni a pannelli (panelised constructions);
costruzioni a moduli (modular constructions).

A prescindere dal sistema costruttivo adottato importante evidenziare che,
una volta che le finiture esterne sono completate, un edificio realizzato con
profili formati a freddo non facilmente distinguibile da una costruzione
tradizionale.
Il sistema costruttivo ad aste (Figura 1.1) caratterizzato dal pi basso
livello di prefabbricazione e risulta essere quello maggiormente adoperato
nel caso di edifici residenziali di piccole e medie dimensioni.
Tale sistema presenta forti analogie con le costruzioni in legno, infatti in
questa tipologia gli elementi in legno vengono sostituiti dalle membrature in
acciaio formato a freddo. Cos come per le costruzioni in legno, il
montaggio degli elementi in acciaio avviene a terra e, completato il
segmento di parete, esso viene verticalizzato e messo nella sua posizione
definitiva. Una volta connessi tra loro i vari elementi di parete vengono
applicati i pannelli di rivestimento. La realizzazione di una struttura con tale
sistema risulta essere molto rapida, difatti la struttura di acciaio di una
piccola abitazione pu essere realizzata tra i 2 e i 4 giorni.
4 Capitolo I
I vantaggi di questo sistema costruttivo sono:

possibilit di realizzare diverse tipologie di edifici;
scarso lavoro in officina;
tecniche di realizzazione semplici senza lutilizzo di particolari
strumenti di lavorazione;
materiali per la realizzazione della struttura poco ingombranti e
semplicit nel trasporto.


Figura 1.1: Sistema costruttivo ad aste
Il sistema costruttivo a pannelli (Figura 1.2) caratterizzato dal fatto che
pareti, solai e coperture possono essere realizzate direttamente in officina ed
assemblate in cantiere per avere la geometria richiesta.
Tale metodo molto efficiente soprattutto se i pannelli assumono tutti la
stessa forma in modo da velocizzare la costruzione degli stessi.
Al contrario del sistema ad aste, dove la finitura della parete avviene in
cantiere, in tale sistema la finitura pu essere realizzata direttamente in
officina.
I principali vantaggi di tale sistema costruttivo sono:

velocit desecuzione;
controlli di qualit pi efficienti dovuti alla produzione in officina;
riduzione dei costi di lavorazione in sito;
possibilit di produzione automatizzata in officina.

Descrizione del sistema costruttivo 5


Figura 1.2: Sistema costruttivo a pannelli
Nel sistema modulare (Figura 1.3), intere unit sono realizzate in fabbrica e
montate in cantiere per mezzo di gru.
Le unit modulari possono formare complete stanze, parti di stanze, o unit
di servizio come toilette o ascensori. Possono essere utilizzate per numerosi
tipi di edifici, da quelli residenziali ad alberghi, scuole e ospedali.
I moduli possono arrivare in cantiere completi di tutte le finiture interne per
poi essere assemblati per accostamento o sovrapposizione.
Le caratteristiche di tale sistema sono:

rapidit di esecuzione in sito, che assicura un veloce completamento
dell edificio, assicurando al cliente la possibilit di occupare in
tempi brevi labitazione e un facile ritorno del capitale;
ripetitivit degli elementi, che permette un facile trasporto ed
economia nella produzione di scala;
alto controllo della qualit del prodotto;
possibilit di ricollocazione e riutilizzo delle cellule abitative.

Il presente lavoro tratta principalmente il sistema ad aste che, oltre ad essere
il pi diffuso, comunque rappresentativo anche delle tipologie strutturali
maggiormente industrializzabili, come i sistemi a pannelli ed i sistemi a
moduli.

6 Capitolo I

Figura 1.3: Sistema costruttivo a moduli
1.2 Il sistema ad aste
Nella Figura 1.4 viene riportata la struttura di una tipica costruzione ad aste
in cui sono individuati gli elementi strutturali di base:

fondazione;
pareti;
solai;
copertura.

Descrizione del sistema costruttivo 7


Figura 1.4: Struttura di una tipica costruzione ad aste (NASFA 2000)
1.2.1 Fondazioni
In un sistema ad aste la fondazione generalmente realizzata da una piastra
di calcestruzzo armato gettato in opera. Nel caso in cui siano previsti dei
locali interrati, la piastra completata da pareti in calcestruzzo armato
capaci di contrastare la spinta del terreno.
Laspetto pi delicato rappresentato dai carichi di trazione agenti su di
esse. Infatti, al crescere dei carichi orizzontali, il momento ribaltante,
nonch la tendenza delle pareti al ribaltamento, possono diventare rilevanti.
Ne consegue che, come requisito prestazionale, la fondazione in primo
luogo deve essere in grado di contrastare il ribaltamento della costruzione
con il suo peso. In aggiunta, particolare attenzione deve essere posta nella
progettazione dei collegamenti tra pareti e fondazione, che devono essere
progettati accuratamente al fine di trasferire importanti azioni assiali di
trazione ed, al contempo, limitare deformazioni localizzate.
Infine, due tipologie di ancoraggi collegano le pareti alla fondazione:
ancoraggi a taglio ed ancoraggi a trazione. In particolare, come ancoraggi a
8 Capitolo I
taglio sono di regola utilizzati sistemi meccanici per fissaggi leggeri o medi,
mentre, il collegamento a trazione realizzato usualmente con sistemi
chimici o meccanici per fissaggi pesanti.
1.2.2 Pareti
Le pareti generalmente sono chiamate ad assolvere pi funzioni. La
funzione principale quella di trasferire i carichi verticali dalla copertura in
fondazione. Nel caso di pareti esterne, esse devono essere in grado di
resistere alle pressioni del vento agenti ortogonalmente al piano e di
trasferirle ai solai e alle fondazioni. Le pareti posso avere anche una
funzione controventante, pertanto ad esse affidato il compito di resistere
alle azioni orizzontali prodotte dal sisma o dal vento e di trasferirle in
fondazione.
Le pareti sono realizzate da unorditura di montanti (studs) aventi
solitamente sezione a C irrigidita e posti in opera con un interasse variabile
da 30 a 120 cm, tali elementi verticali sono collegati superiormente ed
inferiormente da correnti di chiusura, chiamati anche guide (tracks),
aventi sezione a C non irrigidita. Questa intelaiatura metallica (frame)
completata dal rivestimento (sheathing), realizzato solitamente da pannelli a
base di legno (OSB) e/o di gesso (GWB) o, pi raramente, da lamiere
metalliche piane o grecate.
I collegamenti tra montanti e correnti, cos come le connessioni tra
rivestimento ed intelaiatura, sono affidati a viti autoperforanti.
Un tipico esempio di parete, nella quale possono individuarsi tutti gli
elementi strutturali sopra descritti, mostrato in Figura 1.5.

Descrizione del sistema costruttivo 9


Figura 1.5: Parete di una tipica costruzione ad aste
1.2.3 Solaio
Negli edifici residenziali con struttura in profili formati a freddo, i solai
sono tipicamente costituiti da strutture a secco molto leggere. Non mancano
per casi in cui vengono utilizzate strutture pi pesanti, realizzate con
sistemi composti acciaio-calcestruzzo. Ci pu avvenire, per esempio, nei
casi in cui sono richiesti requisiti prestazionali particolari in termini di
capacit portante. I solai a secco sono solitamente realizzati da unorditura
di travetti (joists) formati a freddo collegati alle estremit da guide di
chiusura (tracks). Lintelaiatura metallica supporta superiormente un
sistema portante bidimensionale composto da pannelli a base di legno o, pi
raramente, da lamiere metalliche grecate su cui sono collegati assiti in
materiale legnoso. Di regola, i travetti del solaio sono disposti con lo stesso
interasse utilizzato per i montanti in modo da ottenere un modulo costante
per tutta la struttura. La progettazione dei travetti, oltre ad essere
condizionata dalle verifiche di resistenza e stabilit, anche influenzata
dalle verifiche di deformabilit insieme ad aspetti di natura tecnologica
quali il controllo delle vibrazioni e le problematiche legate allisolamento
acustico.

10 Capitolo I



Figura 1.6: Tipico solaio di una costruzione ad aste
1.2.4 Copertura
Per la realizzazione delle strutture di copertura, quando le luci da superare e
le azioni verticali agenti sono modeste, si preferisce spesso utilizzare, per
motivi economici, capriate in legno. Strutture di copertura realizzate
utilizzando tecniche costruttive del tutto analoghe a quelle utilizzate per i
solai di calpestio sono invece adottate quando si richiede un sottotetto
praticabile.

1.2.5 Altri elementi presenti in pareti, solai e coperture
Gli altri elementi presenti nelle intelaiature di pareti, solai e coperture sono:

Descrizione del sistema costruttivo 11

piattabande (header)
profili di bloccaggio (blocking)
concatenamenti (bridging)
connessioni piatte (flat strap)

Le piattabande sono elementi necessari qualora si debba realizzare delle
aperture in solai e pareti atti al trasferimento dei carichi agli elementi
resistenti adiacenti.
I profili di bloccaggio sono pezzi di trave inseriti nella struttura per ottenere
un irrigidimento della stessa contro eventuale instabilit laterale degli
elementi che la compongono.
Il concatenamento realizzato con blocchi posizionati lateralmente ai
travetti per evitare spostamenti orizzontali degli stessi.
Le connessioni piatte sono piatti non sagomati usati di solito per irrigidire e
trasferire carichi.

1.2.6 Assemblaggio di un edificio
Per lassemblaggio di un edificio con struttura ad intelaiatura daste esistono
essenzialmente due sistemi (CSSBI 1991):

platform system;
balloon system.

Nel sistema platform (Figura 1.7a), la struttura costruita piano per piano in
modo tale che il piano inferiore possa servire da appoggio per la
realizzazione di quello superiore; le pareti non sono continue ed i carichi
vengono trasferiti alle pareti del piano inferiore attraverso la struttura del
solaio. Le pareti ad ogni piano sono dotate sia di guida inferiore che di guida
superiore e i travetti del solaio poggiano sulla guida superiore delle pareti
del piano inferiore. Tra la guida inferiore della parete superiore e la guida
superiore della parete inferiore sono posizionati degli irrigidimenti (web
stiffeners) per permettere il trasferimento dei carichi dalla parete superiore a
quella inferiore senza gravare eccessivamente sulla struttura del solaio.
Nel sistema baloon (Figura 1.7b) le pareti sono continue per pi piani ed il
solaio collegato ad esse. In tale sistema i carichi passano dal piano
superiore a quello inferiore senza interessare la struttura del solaio.
12 Capitolo I


(a) Platform system (b) Balloon system

Figura 1.7: Sistemi di assemblaggio delle costruzioni ad aste (CSSBI 1991)
1.3 Profili
Le membrature generalmente usate per pareti, solai e coperture sono profili
sottili sagomati a freddo di acciaio zincato. Essi sono realizzati con lamiere
di acciaio con tensione di snervamento che varia tra 230MPa e 350MPa e
tensione ultima tra 310MPa e 480MPa, con rapporto tra tensione ultima e
quella di snervamento di almeno 1,10 ed allungamento totale almeno pari al
10%.
I profili si distinguono fondamentalmente in irrigiditi e non irrigiditi.
Solitamente i profili con irrigidimento sono usati per montanti, travetti e
puntoni, mentre quelli non irrigiditi sono usati generalmente per la
realizzazione delle guide. I profili sono identificati tramite:

altezza del profilo;
larghezza della flangia;
spessore.

Nel presente lavoro i profili a C con irrigidimento (Figura 1.8a) vengono
individuati come altezza profilo x larghezza flangia x dimensione
irrigidimento x spessore, mentre i profili a C non irrigiditi (Figura 1.8b)
con altezza profilo x larghezza flangia x spessore, con tutte le dimensioni
espresse in millimetri.
Descrizione del sistema costruttivo 13


a) Sezione a C con irrigidimento b) Sezione a C senza irrigidimento

Figura 1.8: Dimensioni delle sezioni a C
La produzione di profili formati a freddo pu essere realizzata attraverso
due diversi processi di fabbricazione (Yu 2000):

processo continuo: laminazione a freddo;
processo discontinuo: pressa piegatrice.

Il processo di laminazione a freddo ampiamente utilizzato nel caso di
produzione di singoli elementi o lamiere grecate. La forma definitiva della
membratura avviene facendo passare, in maniera continua, la striscia
dacciaio attraverso delle coppie di rulli opportunamente sagomati (Figura
1.9). Lelemento finito viene poi tagliato da un apposito macchinario senza
che venga fermato il processo di formatura. Questo tipo di processo molto
vantaggioso nel caso di profili prodotti in serie.


Figura 1.9: Processo di laminatura a freddo
14 Capitolo I
Nel caso di processo discontinuo, strisce di modesta lunghezza vengono
inviate ad una pressa che le piega intorno ad una matrice al fine di ottenere
la sezione finale (Figura 1.10). In questo caso ogni piega del profilo viene
effettuata singolarmente e la complessit della sezione limitata dalle
caratteristiche della matrice.


Figura 1.10: Esempi di processi discontinui
I profili possono essere tagliati in fabbrica o in sito. In genere, la soluzione
del taglio in fabbrica risulta pi conveniente economicamente, in quanto
porta ad un risparmio in termini di tempo di realizzazione e di spreco di
materiale. In alcuni casi, quando le dimensioni dei profili non sono ben
precisate, preferibile che il taglio e la sagomatura avvengano in sito, come
mostrato in Figura 1.11.


Figura 1.11: Sagomatura dei profili in sito
Descrizione del sistema costruttivo 15

I profili hanno generalmente le anime forate per garantire il passaggio degli
impianti. I fori presenti nelle anime si classificano nel seguente modo:

I fori non rinforzati sono generalmente di piccole dimensioni, ossia
quando la larghezza del foro nella direzione dellaltezza del profilo
non supera i 40mm e la larghezza del foro nella direzione ortogonale
non supera i 100mm.
I fori rinforzati si realizzano se le dimensioni del foro superano
quelle indicate prima. Occorre in tal caso prevedere degli opportuni
irrigidimenti per il profilo.
I grandi fori si realizzano se la dimensione del foro supera il 75%
della larghezza dellanima o laltezza del foro supera i 150mm. In tal
caso occorre calcolare tali strutture portando in conto la presenza del
foro.
1.4 Pannelli di rivestimento
I principali tipi di rivestimento usati sono:

pannelli a base di legno;
pannelli in cartongesso;
pannelli a base di cemento;
lamiere ondulate.
Di seguito sono riportate le caratteristiche dei pannelli considerati nel
presente lavoro, ovvero i pannelli a base di legno, in particolar modo gli
OSB, e i pannelli in cartongesso.
1.4.1 Pannelli a base di legno
Tutti i pannelli a base di legno sono realizzati con scaglie, particelle, fiocchi
o fibre di legno tenuti insieme tramite adesivi. Le principali tipologie di
pannelli strutturali sono:

pannelli impiallacciati;
pannelli a scaglie di legno.

16 Capitolo I
I pannelli impiallacciati comunemente usati nelle strutture sono ottenuti
dallunione di sottili fogli di legno a formare pannelli compensati e pannelli
in legno lamellare.
I pannelli di compensato sono realizzati incollando vari strati sottili di fogli
o pezzi di sfoglie di legno in modo tale che due strati consecutivi non
abbiano la stessa orditura.
Gli strati superficiali sono orditi nella direzione lunga del pannello per far s
che il legno abbia orditura sul lato pi corto.
Per pannelli a scaglie di legno si intende tutti quei pannelli ottenuti tramite
incollaggio di particelle di legno siano esse scaglie, trefoli, etc.
Per tale tipologia di pannelli possono variare molti fattori, come il materiale
di incollaggio, la forma e le dimensioni delle scaglie, in modo da ottenere
vari tipi di prodotti.
Uno dei prodotti maggiormente usato come rivestimento in ambito
strutturale lOSB (Oriented Strand Board). I pannelli in OSB sono dei
pannelli a scaglie orientate, a base di legno costituito da scaglie incollate
insieme da una resina sintetica che sono successivamente pressate in diversi
strati. Le scaglie degli strati esterni sono in generale orientate
longitudinalmente rispetto alla lunghezza del pannello, mentre le scaglie
degli strati intermedi sono di solito ripartite trasversalmente. Il fascio di
lamelle successivamente cotto ad alta temperatura e pressione in modo da
creare un pannello avente una struttura densa, resistente e dimensionalmente
stabile.
I tipi di legno utilizzato nella produzione dei pannelli OSB includono sia il
legno di conifere che qualche specie di latifoglia. Le scaglie di legno
vengono tagliate tangenzialmente dai tronchi scortecciati, e mantenuti in
posizione longitudinale rispetto alle seghe. La striscia di scaglie cos
ottenuta larga 75mm circa e si spezza quando viene trattata per produrre
singole scaglie della lunghezza di 100mm circa lungo la venatura e di
larghezza compresa fra 5 e 50mm trasversalmente alla venatura. Dopo
lessiccazione, sulle scaglie viene spruzzato una colla a base di resine
sintetiche.
I pannelli OSB sono facilmente identificabili grazie alle loro scaglie
relativamente grandi e lunghe. Lorientamento delle scaglie superficiali non
sempre chiaramente visibile, in particolare nei piccoli pezzi tagliati del
pannello. In merito alla loro applicazione sono suddivisi in quattro classi:
OSB/1 (pannelli di uso generale per sistemazione interna, inclusi i mobili, in
luogo asciutto), OSB/2 (pannelli portanti per uso in luogo asciutto),
Descrizione del sistema costruttivo 17

OSB/3 (pannelli portanti per uso in luogo umido), OSB/4 (pannelli portanti
per carichi pesanti per uso in luogo umido).
In merito alle dimensioni, i pannelli OSB sono prodotti con larghezza di
circa 1200mm ed altezza di 2400mm e spessore variabile da 8 a 30mm,
pannelli di dimensioni diverse possono essere prodotti per specifici scopi.
I principali standard per i pannelli OSB che descrivono le minime propriet
che essi devono possedere sono PS1-95 (1983) e ANSI A208.1-93 (1993)
utilizzati negli USA, ed EN 313-1 (1997), EN 313-2 (2000) ed EN 309
(1993) utilizzati in Europa.
1.4.2 Pannelli in cartongesso
I pannelli in cartongesso, GWB (Gypsum Wall Board), sono costituiti a base
di gesso. Tali pannelli hanno un nucleo non combustibile, principalmente
gesso, e sono ricoperti da uno strato di carta speciale.
Le principali tipologie di pannelli GWB utilizzati nelle costruzioni di edifici
sono quelli standard in gesso, quelli resistenti allacqua, quelli resistenti al
fuoco, quelli con lamina di metallo. I pannelli GWB resistenti allacqua
sono utilizzati maggiormente in ambienti suscettibili della presenza di
acqua, come ad esempio i bagni. Tale tipologia di pannelli costituita da un
nucleo di gesso e ricoperta da uno strato resistente allacqua e si presenta di
colore verde.
I pannelli GWB resistenti al fuoco sono in grado di fornire ottime
prestazioni; in questo caso presente uno speciale nucleo che provvede a
fornire loro le propriet ignifughe necessarie e tali pannelli si presentano di
colore rosa.
I pannelli con lamina metallica sono costituiti da un nucleo di gesso e da
una lamina metallica costituita da alluminio laminato.
Questi pannelli hanno una larghezza di 1200mm, lunghezze variabili da
2000 a 3500mm e spessore da 6 a 23mm. I principali standard che fissano le
minima propriet di tale tipologia di pannelli sono ISO 6308 (1980) e
ASTM C1396/C1396M-02 (2002).
1.5 Connessioni
Le varie tipologie di connessioni che si possono trovare nelle strutture
residenziali con sagomati a freddo sono:
18 Capitolo I

connessione acciaio-acciaio;
connessione acciaio-rivestimento;
connessione acciaio-calcestruzzo.

Per tali tipologie di connessioni i pi comuni sistemi di connessione sono:

viti (connessioni acciaio-acciaio e acciaio-rivestimento);
saldature (connessioni acciaio-acciaio);
rivetti (connessioni acciaio-acciaio);
chiodi sparati (connessioni acciaio-acciaio, acciaio-rivestimento
connessioni acciaio-calcestruzzo);
chiodature (connessioni acciaio-acciaio, acciaio-rivestimento
connessioni acciaio-calcestruzzo);
bulloni (connessioni acciaio-acciaio);
ancoraggi (connessioni acciaio-calcestruzzo);
sistemi adesivi (connessioni acciaio-rivestimento).

Inoltre, un sistema di connessione chiamato hold-down, viene usato nelle
strutture con intelaiature di legno o in acciaio formato a freddo, per
trasferire i carichi di trazione dalla parete alla fondazione.
1.6 Principali aspetti progettuali
Una struttura realizzata con intelaiatura di aste e pannelli di rivestimento
deve soddisfare i seguenti requisiti:
Trasferire i carichi verticali alla fondazione;
Trasferire i carichi orizzontali alla fondazione.
1.6.1 Carichi verticali
La progettazione di una struttura ad aste soggetta a carichi verticali risulta
relativamente meno complessa, in quanto i travetti sono soggetti
prevalentemente a flessione, mentre i montanti sono essenzialmente soggetti
a carichi assiali.
In ogni caso, sia per i travetti che per i montanti possibile seguire due
distinti approcci progettuali:
Descrizione del sistema costruttivo 19


.All-Steel design;
Sheathing braced design.

Il primo approccio non considera la presenza del rivestimento ed il generico
profilo viene ipotizzato isolato, trascurando quindi linfluenza
dellinterazione tra il profilo stesso ed il rivestimento. In questo caso, il
calcolo della capacit portante della membratura avviene considerando le
sole condizioni di vincolo agli estremi ed eventualmente la presenza di
vincoli intermedi. Si valuta la lunghezza libera di inflessione della
membratura trascurando completamente leffetto stabilizzante del
rivestimento. Questa metodologia si rivela senza dubbio vantaggiosa per la
sua semplicit anche se fornisce risultati che, in alcune circostanze, possono
essere eccessivamente cautelativi.
Nel secondo approccio la presenza del rivestimento viene considerata nella
valutazione della capacit portante del profilo. Infatti, se il rivestimento
dotato di adeguata resistenza e rigidezza ed adeguatamente collegato ai
profili, la capacit portante delle membrature metalliche risulta incrementata
in virt dellinterazione con i pannelli di rivestimento. Questo fenomeno si
spiega con leffetto stabilizzante che il rivestimento esercita sui profili,
effetto che si traduce nellincremento della resistenza nei confronti
dellinstabilit che solitamente influenzano fortemente il loro
comportamento.
Lapplicazione di tale approccio avviene sulla base di formulazioni di tipo
semi-empirico, ricavate principalmente dallinterpretazione di risultati
sperimentali e che sono state recepite nelle pi recenti normative riguardanti
i profili formati a freddo (AISI 2001).
1.6.2 Carichi orizzontali
La progettazione sotto carichi orizzontali, dovuti al vento o al sisma,
sicuramente un aspetto pi delicato. Infatti, quando ledificio viene
sollecitato da un carico orizzontale, i solai di calpestio e di copertura devono
essere in grado di esibire, nel loro piano, un comportamento tale da
consentire il trasferimento dellazione alle pareti, le quali, a loro volta,
devono essere capaci di resistere nel loro piano a tale azione per poi
trasferirla alle strutture di fondazione (Figura 1.12).

20 Capitolo I

Figura 1.12: Distribuzione delle azioni orizzontali su un edificio
Pertanto, la prestazione globale delledificio in termini di comportamento
laterale strettamente connessa alla risposta strutturale che i solai e le pareti
esibiscono quando tali elementi sono caricati nel loro piano da un regime
sollecitante di tipo prevalentemente flessionale e tagliante. Il
controventamento nel piano di solai e pareti pu avvenire, inserendo in tali
strutture, controventi concentrici o contando sullinterazione tra intelaiatura
e rivestimento.
Quando il controventamento laterale affidato a controventi a croce di
SantAndrea, come elementi diagonali vengono solitamente impiegati piatti
in acciaio. Nel caso dei solai e della copertura, i piatti vengono posizionati
allintradosso degli impalcati in modo tale da essere collegati sulle facce
esterne delle ali inferiori dei travetti. Per le pareti, le diagonali di
controvento vengono fissate sulla superficie esterna delle ali dei montanti.
In ogni caso, i piatti vengono ricavati partendo da lamiere di acciaio zincato
a caldo dello stesso tipo di quelle utilizzate per formare le altre membrature.
Come risultato, lo spessore di tali elementi risulta limitato e, a causa della
conseguente elevata snellezza, essi vengono considerati resistenti solo a
trazione.
Invece, quando il rivestimento, e le connessioni che lo collegano
allintelaiatura sono adeguatamente proporzionati, si pu considerare il
contributo del rivestimento anche per fronteggiare i carichi orizzontali.
Descrizione del sistema costruttivo 21

Contrariamente al caso dei carichi verticali, in cui tale interazione si traduce
in un effetto stabilizzante secondario, la collaborazione stessa tra
intelaiatura, rivestimento e connessioni rappresenta il sistema resistente
laterale vero e proprio.
Seguendo questa metodologia, solai e pareti possono essere schematizzati
come diaframmi la cui risposta strutturale dipende dal comportamento dei
pannelli di rivestimento, dellintelaiatura e dei collegamenti che li vincolano
mutuamente.
1.6.3 Criteri di valutazione della resistenza laterale
I principali metodi di valutazione della resistenza a carichi laterali seguono
metodi similari a quelli usati nelle strutture con intelaiatura di legno e sono:

Metodo Segment;
Metodo PSW (perforated shear wall method).

Il metodo Segment uno dei metodi tradizionali per il calcolo della
resistenza laterale di pareti a taglio. Tale metodo si basa sul comportamento
del singolo segmento di parete illustrato in Figura 1.13.
La resistenza laterale della parete viene considerata come la somma delle
resistenze dei singoli segmenti di parete, ossia escludendo la resistenza delle
zone di parete in corrispondenza delle aperture, come mostrato nella Figura
1.14a.
La semplicit e la sicurezza di questo metodo ne fanno lapproccio utilizzato
pi comunemente, anche se i risultati a cui si perviene possono essere, in
alcuni casi, troppo conservativi, il che si traduce in pratica nellaumento
antieconomico del numero di connessioni ed ancoraggi.

22 Capitolo I

Figura 1.13:Schema di parete ai fini della valutazione della resistenza laterale
Nel metodo perforated shear wall la resistenza di una parete in cui sono
presenti aperture pu essere determinata con una buona accuratezza
mediante un approccio di tipo semiempirico, il quale consente di ricavare la
capacit portante V partendo dalla resistenza laterale unitaria in assenza di
aperture v e dalla lunghezza totale della parete comprensiva delle aperture w
ed adottando un fattore riduttivo F funzione della geometria della parete e
delle aperture.
Questo fattore, fisicamente, rappresenta il rapporto tra la resistenza di una
parete con aperture e la resistenza di una parete identica completamente
rivestita. Dal punto di vista costruttivo, lutilizzo di tale metodo richiede che
la parete sia dotata di ancoraggi a trazione solo nelle zone terminali (Figura
1.14b).
Il valore del fattore riduttivo pu essere valutato attraverso la seguente
espressione:


r
r
F
2 3
(1.1)

dove r il rapporto tra le aree di rivestimento fornito dalla relazione:

i
w h
A
r
0
1
1

(1.2)
Descrizione del sistema costruttivo 23


dove:

A
0
larea totale delle aperture;
h laltezza della parete;
w
i
la larghezza del generico segmento di parete privo di aperture.

Per entrambi i metodi occorre definire la resistenza unitaria della parete in
assenza di aperture, la cui valutazione pu essere effettuata sia tramite
metodi empirici che sperimentali.


Figura 1.14: Confronto tra metodo Segment (a) e metodo PSW (b)
1.7 Vantaggi e limitazioni
Il crescente utilizzo di prodotti in acciaio formati a freddo nella
realizzazione di edifici residenziali di piccole e medie dimensioni trova le
sue ragioni sia nelle caratteristiche peculiari dei sistemi costruttivi adottati,
che consentono di raggiungere un elevato rapporto benefici-costi rendendoli
molto competitivi rispetto ai sistemi pi tradizionali, sia nellelevata
competitivit derivante dallimpiego di profili formati a freddo.
Questi ultimi, infatti, si caratterizzano per i seguenti vantaggi:

Leggerezza: gli elementi formati a freddo riducono sensibilmente il
peso totale delledificio, che pu arrivare a pesare anche 10 volte
meno un edificio con un sistema costruttivo tradizionale. La
conseguenza pi importante in zona sismica senza dubbio la
24 Capitolo I
notevole riduzione delle azioni sismiche agenti sulla struttura.
Inoltre, tale peculiarit facilita la movimentazione degli elementi
costruttivi in cantiere ed il loro trasporto, contribuendo sensibilmente
alla riduzione dei costi di costruzione.
Rendimento strutturale: i profili a freddo consentono di ottenere,
nellambito dei materiali utilizzati correntemente nella realizzazione
di edifici residenziali, uno dei pi elevati rapporti resistenza-peso.
Qualit: la produzione industriale dei profili consente di ottenere una
qualit pi elevata ed uniforme rispetto agli elementi strutturali
tradizionali in legno, muratura e calcestruzzo armato gettato in
opera.
Flessibilit: la formatura a freddo offre unampia possibilit di scelta
in termini di forma e dimensioni della sezione trasversale che,
quando necessario, pu essere definita dal progettista sulla base delle
esigenze progettuali.
Costruzione a secco: ad eccezione delle fondazioni, la realizzazione
di edifici con strutture basate sullutilizzo di membrature formate a
freddo avviene a secco. Ci permette di superare le limitazioni
associate allutilizzo di malte e conglomerati gettati in opera (tempi
di maturazione dei getti, dipendenza dalle condizioni ambientali)
diminuendo i tempi di costruzione.
Semplificazione nellinstallazione degli impianti: i profili formati a
freddo possono essere facilmente preforati per facilitare la
realizzazione degli impianti che vengono installati allinterno delle
intercapedini che si creano tra strutture metalliche e rivestimenti.
Riciclabilit: le membrature formate a freddo sono facilmente
riciclabili. A titolo di esempio, lacciaio necessario per costruire
unabitazione avente una superficie di circa 200m
2
, pu essere
ottenuto partendo dai rottami di circa sei automobili.
Durabilit: i profili sono generalmente formati a freddo a partire da
lamiere in acciaio zincate a caldo, consentendo di ottenere la
necessaria protezione contro la corrosione. Ci, insieme alla stabilit
dimensionale di tali elementi ed alla loro resistenza agli attacchi da
parte di organismi biologici, quali funghi, insetti e termiti, consente
unelevata durabilit.

Ai numerosi vantaggi connessi allutilizzo dei sistemi formati a freddo si
accompagnano per anche alcune limitazioni:
Descrizione del sistema costruttivo 25

Conducibilit termica: una delle principali limitazioni che si hanno
nel caso in cui si utilizzino comuni profili formati a freddo il
modesto isolamento. Di conseguenza, per contenere le dispersioni
termiche necessario utilizzare materiali termicamente isolanti.
Quando per i materiali isolanti vengono opportunamente utilizzati,
si pu giungere a costruzioni stratificate che presentano elevate
prestazioni in termini di isolamento termico ed acustico con spessori
che possono risultare molto contenuti. A titolo di esempio, una
parete perimetrale stratificata pu raggiungere un altissimo livello di
isolamento termoacustico con uno spessore complessivo di soli
1015 cm.
Comportamento al fuoco: se, da un lato, la destinazione duso
residenziale delle strutture realizzate con profili formati a freddo non
prevede classi di resistenza al fuoco particolarmente gravose,
dallaltro gli esigui spessori dei profili ne penalizzano la loro
risposta in caso di incendio. Se, per le strutture in acciaio laminato, a
caldo la temperatura critica varia tra 450 e 700C (in dipendenza
della tipologia strutturale e del livello dei carichi agenti), per i
sistemi formati a freddo spesso si adotta una temperatura critica pari
a 350C. Va per evidenziato che nelle costruzioni con laminati a
caldo la necessaria resistenza al fuoco viene raggiunta attraverso
sistemi di protezione quali rivestimenti spruzzati, rivestimenti con
elementi protettivi prefabbricati o vernici intumescenti, che vengono
solitamente posti in opera esclusivamente per assolvere a questa
funzione e rappresentano quindi un costo aggiuntivo. Al contrario,
per le costruzioni residenziali in acciaio formato a freddo, i profili
generalmente fanno parte di pareti e solai che non richiedono
protezioni al fuoco aggiuntive. Infatti, come gi sottolineato in
precedenza, tali elementi costruttivi sono usualmente costituiti da
strati di materiali dotati di buone caratteristiche di isolamento
termoacustico (lana minerale, gesso rivestito) che generalmente
forniscono, senza costi aggiuntivi, anche ottime propriet di
isolamento e tenuta al fuoco.


Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 27

2. PROGETTAZIONE STRUTTURALE IN ACCORDO CON
LE CORRENTI NORMATIVE
La progettazione e la verifica degli elementi strutturali in acciaio formato a
freddo, effettuate nel presente lavoro, sono state condotte seguendo le regole
e le prescrizioni fornite dallEurocodice 3 (2005).
LEurocodice 3 rappresenta il quadro normativo europeo di riferimento per
le strutture in acciaio. Nella parte 1.1 (EN 1993-1-1) fornisce le regole
generali e quelle per gli edifici, mentre la parte 1.3 (EN 1993-1-3) fornisce
regole ed informazioni supplementari per profili e lamiere sottili formati a
freddo. La EN 1993-1-3 rappresenta, nellambito degli Eurocodici, il
principale documento di riferimento per la progettazione di strutture
realizzate attraverso lutilizzo di profili formati a freddo.
LEurocodice 3 manca di alcuni aspetti interessanti per la progettazione,
come la possibilit di considerare il contributo offerto dai pannelli nella
valutazione della resistenza di montanti appartenenti a pareti rivestite o
come il comportamento delle sezioni accoppiate.
Alcuni aspetti progettuali di particolare interesse non sono presenti negli
Eurocodici e per essi si fatto riferimento alla normativa AISI (2001) che
fornisce le prescrizioni relative alla progettazione degli elementi in acciaio
formato a freddo per il Nord America. Tale normativa, a differenza degli
Eurocodici, introduce la possibilit di tener conto del contributo offerto dai
pannelli di rivestimento nella valutazione della resistenza a compressione di
aste appartenenti a pareti. Un altro aspetto trattato dallAISI quello
relativo alle sezioni accoppiate, sia nel valutare linfluenza delle connessioni
nei confronti dellinstabilit globale che, nellindicare prescrizioni relative
al collegamento delle sezioni.
2.1 Propriet del Materiale
La EN 1993-1-3 fornisce i valori nominali della resistenza ultima a trazione
f
u
e la resistenza allo snervamento del materiale di base f
yb
per una lista di
acciai strutturali conformi alle direttive europee ed internazionali (Tabella
2.1), indicando che tali valori possono essere considerati come caratteristici
ed utilizzati nei calcoli relativi alla progettazione.
28 Capitolo II
Un aspetto specifico degli acciai formati a freddo lincremento locale della
resistenza allo snervamento per gli effetti della lavorazione a freddo, la EN
1993-1-3 permette di tenere in conto tali effetti, introducendo la resistenza
media allo snervamento f
ya
, che pu essere valutata mediante prove
sperimentali in scala o attraverso la seguente relazione:


( )
g
yb u yb ya
A
knt
f f f f
2
+ = con
( )
2
yb u
yb ya
f f
f f

+ s
(2.1)

dove:

A
g
larea lorda della sezione trasversale;
k un coefficiente che dipende dal tipo di lavorazione e vale 7 per
gli acciai laminati a freddo e 5 per gli acciai realizzati mediante
altri tipi di lavorazione;
n il numero di raccordi di ampiezza 90 nella sezione con raggio
interno r5t (i raccordi aventi per ampiezza frazioni di 90 vanno
conteggiati come frazioni di n);
t lo spessore del materiale prima del processo di lavorazione a
freddo, escluso lo spessore del rivestimento di zinco.


Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 29


Tabella 2.1: Valori nominali della resistenza di snervamento f
yb
e della resistenza ultima a trazione f
u

(EN 1993-1-3)


30 Capitolo II
La resistenza media allo snervamento pu essere utilizzata solo nei seguenti
casi:

- valutazione della resistenza della sezione per elementi tesi;
- valutazione della resistenza della sezione per elementi compressi
aventi sezione completamente efficace;
- valutazione della resistenza della sezione per elementi sottoposti a
flessione aventi sezione completamente efficace.

Inoltre tale incremento non pu essere utilizzato nel caso di elementi
sottoposti a trattamenti termici dopo la piegatura a freddo, in quanto alcuni
trattamenti, in particolare la ricottura, possono provocare un abbassamento
della resistenza allo snervamento anche al di sotto del valore f
yb
.
Lo spessore degli elementi da utilizzare nei calcoli di progetto quello del
nucleo dacciaio e pu essere valutato come lo spessore nominale ridotto
dello spessore del rivestimento di zinco, che nel caso di zincatura Z 275
generalmente si assume pari a 0,04mm.
Nella valutazione della resistenza delle sezioni allo stato limite ultimo, la
norma prevede che vengano applicati i seguenti coefficienti parziali di
sicurezza:

-
M0
per la resistenza della sezione considerando i fenomeni di
instabilit locale e distorsionale;
-
M1
per la resistenza delle membrature nei confronti dellinstabilit
globale;
-
M2
per la resistenza a trazione delle sezioni indebolite dai fori.

Per i valori di tali coefficienti, la norma rimanda alle appendici nazionali.
2.2 Propriet della sezione
Le sezioni dei profili formati a freddo vengono identificate dalle dimensioni
nominali, cio la larghezza valutata dalle estremit esterne dei vari elementi
che compongono la sezione quali anima, flangia e irrigidimenti, come
mostrato in Figura 2.1, dove illustrata anche la convenzione per gli assi
principali.

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 31


Figura 2.1: Dimensioni nominali della sezione e convenzione degli assi principali
Una peculiarit delle sezioni dei profili formati a freddo quella di
presentare spigoli arrotondati dovuti al processo di piegatura. La norma
indica di fare riferimento alle larghezze ideali di ciascun elemento piano b
p
,
valutate a partire dai punti medi degli elementi come mostrato in Figura 2.2
e Figura 2.3.


Figura 2.2: Punto medio dello spigolo o della piegatura (EN 1993-1-3)
32 Capitolo II

a) Larghezze ideali b
p
di flange e irrigidimenti
b) Larghezza ideale dellanima

c) Larghezza ideale di elementi adiacenti ad un
irrigidimento danima

d) Larghezza ideale di elementi adiacenti ad un
irrigidimento della flangia

Figura 2.3: Dimensioni teoriche di elementi della sezione adiacenti a raccordi (EN 1993-1-3)
Le sezioni dei profili formati a freddo sono caratterizzate da elementi piani
sottili e raccordi aventi piccoli raggi, generalmente il raggio interno pari a
1,5 volte lo spessore. Nella determinazione delle propriet e delle
caratteristiche della sezione, ai fini della progettazione, si pu considerare
che il materiale sia concentrato lungo la linea media dellelemento piano e
che si possa trascurare la presenza dei raccordi.
La norma prevede che linfluenza degli spigoli arrotondati pu essere
trascurata nel caso in cui r 5t e r 0,10b
p
e che si pu considerare la
sezione come costituita da elementi piani di dimensioni b
p
e con angoli a
spigolo vivo come mostrato in Figura 2.4.

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 33


Figura 2.4: Sezione ottenuta trascurando linfluenza dei raccordi (EN 1993-1-3)
Tutte le prescrizioni presenti nella EN 1993-1-3 possono essere applicate
solo a sezioni aventi il rapporto tra larghezza e spessore allinterno degli
intervalli indicati dalla norma e mostrati in Tabella 2.2.
I limiti geometrici assunti dalla norma rappresentano un campo di sezioni
per cui disponibile un ampio numero di esperienze e verifiche provenienti
da prove sperimentali. Il rispetto di tali limiti garantisce unadeguata
snellezza del singolo elemento piano che costituisce la sezione e fa s che
non ci siano danneggiamenti in fase di trasporto e messa in opera.
Sezioni aventi dimensioni che fuoriescono dai limiti prescritti dalla norma
possono essere comunque utilizzati, ma la valutazione della loro resistenza
nei confronti degli stati limite ultimi deve essere effettuata mediante prove o
calcoli che siano supportati da un numero adeguato di prove.
Al fine di garantire una sufficiente rigidezza ed evitare problemi di
instabilit primaria dellirrigidimento stesso, le dimensioni
dellirrigidimento devono essere contenute allinterno dei seguenti
intervalli:


6 , 0 / 2 , 0 s s b c
(2.2)


3 , 0 / 1 , 0 s s b d
(2.3)

dove le dimensioni c, b e d sono illustrate in Figura 2.3.
Inoltre se risulta c/b0,2 o d/b0,1 la presenza dellirrigidimento pu essere
trascurata.

34 Capitolo II

Tabella 2.2: Massimi rapporti larghezza spessore per elementi irrigiditi e non (EN 1993-1-3)
2.3 Effetti dellinstabilit locale e distorsionale: Valutazione
della sezione efficace
Una membratura in acciaio formato a freddo, generalmente, pu presentare
tre diverse tipologie di instabilit: locale, distorsionale e globale o un loro
accoppiamento.
Linstabilit globale comporta la deformazione dellintera membratura
senza deformazioni della sezione trasversale con una semi-lunghezza
Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 35

donda confrontabile con quella della membratura. Tale fenomeno
governato dalla snellezza globale della membratura e ne comporta il
collasso.
Linstabilit locale caratterizzata da una semi-lunghezza donda dello
stesso ordine delle dimensioni della sezione e comporta linflessione degli
elementi piani della sezione senza deformazione delle linee di raccordo.
Linstabilit distorsionale caratterizzata da una semi-lunghezza donda
intermedia a quella dei modi di instabilit locale e globale. Tale modo
comporta la traslazione di alcune linee di raccordo e la conseguente
deformazione degli elementi piani della sezione.
I modi di instabilit locale e distorsionale vengono definiti sezionali in
quanto influenzano la forma e la resistenza della sezione trasversale, inoltre
non comportano il collasso della membratura perch in grado di sviluppare
una resistenza in fase post-critica.
I diversi modi di instabilit sono illustrati in Figura 2.5.


Figura 2.5: Modi di instabilit di un elemento (EN 1993-1-3)
La EN 1993-1-3 prevede che gli effetti dellinstabilit locale e distorsionale
siano presi in considerazione nella valutazione della resistenza e della
rigidezza dei profili formati a freddo.
Linstabilit locale viene valutata trascurando linterazione tra gli elementi
piani appartenenti alla sezione (anima, flangia e irrigidimento). Ciascun
36 Capitolo II
elemento considerato indipendente dagli altri e gli effetti dellinstabilit
locale vengono valutati attraverso la teoria dellinstabilit delle lastre
compresse. In questo modo linstabilit sopraggiunge per ciascun elemento
in corrispondenza di una diversa tensione. La tensione critica elastica del
singolo elemento data dalla nota formula di Eulero:


2
2
2
) 1 ( 12
|
.
|

\
|

=
b
t E
k
cr
v
t
o
o
(2.4)

dove:

b la larghezza dellelemento piano;
t lo spessore dellelemento piano;
E il modulo di elasticit;
n il coefficiente di poisson;
k
o
il coefficiente di instabilit che dipende dalla distribuzione di
tensione e dalle condizioni allestremit.

La valutazione della resistenza della sezione per effetto dellinstabilit
locale viene effettuata attraverso le caratteristiche efficaci della sezione.
Attraverso lapproccio semi-empirico di Von Karman si sostituisce la
distribuzione di tensione non uniforme, che interviene nella fase post-critica,
con una distribuzione uniforme della massima tensione agente su una
porzione ridotta dellelemento, avente stesso spessore ma larghezza ridotta
(Figura 2.6). Tale larghezza ridotta detta efficace e viene valutata sulla
base delle formulazioni semi-empiriche proposte da Winter.


Figura 2.6: Metodi per considerare gli effetti dellinstabilit locale
Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 37

Nella valutazione della resistenza nei confronti dellinstabilit locale, la
resistenza allo snervamento f
y
viene considerata pari a f
yb
e la valutazione
della larghezza efficace del singolo elemento piano della sezione va
effettuata sulla base della tensione di compressione o
com
agente
sullelemento quando viene raggiunta la resistenza della sezione.
Nel caso di stati limite di servizio, la larghezza efficace del singolo
elemento compresso della sezione viene valutata considerando la tensione di
compressione o
com,Ed,ser
agente per effetto dei carichi allo stato limite in
esame.
Inoltre, a seconda della sollecitazione considerata, cambia la sezione da
utilizzare. Infatti, nel caso di membrature sottoposte a trazione nei calcoli di
progetto si utilizza la sezione lorda, mentre, per membrature compresse si
utilizza una sezione efficace che risulta essere diversa da quella utilizzata
nel caso di membrature inflesse.
Per quanto riguarda linstabilit distorsionale, la norma indica le tipologie di
sezioni generalmente affette da fenomeni di instabilit distorsionale (Figura
2.7), i cui effetti vanno valutati mediante analisi di tipo lineare o non lineare
basate su metodi numerici o su prove sperimentali.


Figura 2.7: Sezioni soggette a instabilit distorsionale (EN 1993-1-3)
La EN 1993-1-3, per elementi piani con irrigidimenti intermedi o al bordo,
prevede una procedura in grado di prevenire i fenomeni di instabilit
distorsionale. Tale procedura considera lirrigidimento come se fosse un
elemento compresso e vincolato in maniera continua attraverso una molla, la
cui rigidezza dipende dalle condizioni a contorno e dalla rigidezza
flessionale degli elementi piani adiacenti.
2.3.1 Elementi piani senza irrigidimenti
La EN 1993-1-3 per la valutazione della larghezza efficace di un elemento
piano senza irrigidimenti, appartenente alla sezione da progettare, richiama
38 Capitolo II
la EN 1993-1-5, ovvero la parte dellEurocodice in cui sono indicate le
regole generali e supplementari per lastre ortotrope in assenza di carichi
trasversali.
La larghezza efficace dellelemento compresso risulta pari a:


p eff
b b =
(2.5)

con il coefficiente di riduzione valutato rispetto al massimo sforzo di
compressione o
com
agente sullelemento in esame quando viene raggiunta la
resistenza della sezione. Quando la o
com
=f
yb
/
M0
il coefficiente di riduzione
si valuta nel seguente modo:

nel caso di elementi compressi su due appoggi


0 , 1 = se 673 , 0 s p

( )
2
3 055 , 0
p
p

+
= se 673 , 0 > p
(2.6)

nel caso di elementi compressi vincolati ad un solo estremo


0 , 1 = se 748 , 0 s p

2
188 , 0
p
p


= se 748 , 0 > p
(2.7)

con la snellezza del elemento piano p pari a:


o
c
o

k
t b f
p
cr
yb
p
4 , 28
/
= =
(2.8)

dove:

il rapporto fra le tensioni allestremit dellelemento;
Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 39

k
o
il coefficiente di instabilit che dipende dalla distribuzione di
tensione e dalle condizioni allestremit, valutato secondo quanto
indicato in Tabella 2.3 e Tabella 2.4;
c il rapporto
yb
f
235
con f
yb
espresso in N/mm
2
.

Se o
com,Ed
< f
yb
/
M0
la snellezza dellelemento piano sostituta da un valore
ridotto pari a:


0
,
,
M yb
Ed com
p red p
f
o
=
(2.9)

dove o
com,Ed
rappresenta la massima tensione di compressione agente
sullelemento, considerando la sezione efficace corrispondente alle azioni
agenti.
Il coefficiente di riduzione pu essere valutato attraverso una procedura
iterativa o attraverso le seguenti relazioni presenti nellappendice E della
EN 1993-1-5:

nel caso di elementi compressi su due appoggi

( )
6 , 0
18 , 0
/ 3 055 , 0 0 , 1 ,
,
,

+
+
=
p
red p p
red p
red p


con 0 , 1 s (2.10)

nel caso di elementi compressi vincolati ad un solo estremo

( )
6 , 0
18 , 0
/ 3 188 , 0 0 , 1 ,
,
,

+
+
=
p
red p p
red p
red p


con 0 , 1 s (2.11)

40 Capitolo II

Tabella 2.3: Elementi compressi su due appoggi (EN 1993-1-5)

Tabella 2.4: Elementi compressi vincolati ad un solo estremo (EN 1993-1-5)
Nel caso di elementi compressi su due appoggi, cio aventi elementi
adiacenti ad entrambe le estremit, la larghezza efficace va divisa in due
parti secondo quanto indicato in Tabella 2.3.
Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 41

Nel caso di tensione variabile linearmente lungo lelemento il rapporto va
valutato sulla base delle propriet della sezione lorda per le flange, mentre
per le anime va valutato considerando larea efficace delle flange compresse
e area lorda dellanima.
2.3.2 Elementi piani con irrigidimento di bordo
Come gi accennato, il progetto degli elementi compressi con irrigidimento
si basa sullipotesi di considerare lirrigidimento come un elemento
compresso vincolato da una molla continua. La rigidezza di tale molla
dipende dalle condizioni a contorno e dalla rigidezza flessionale degli
elementi piani adiacenti. La rigidezza della molla viene valutata applicando
un carico unitario per unit di lunghezza u, ottenendo la rigidezza unitaria
della molla come segue:

o / u K = (2.12)

con o lo spostamento dovuto al carico u nel baricentro della parte efficace
della sezione.


Figura 2.8: Valutazione della rigidezza della molla (EN 1993-1-3)
Nel caso di sezioni a C e a Z irrigidite, la norma fornisce direttamente il
valore K
1
della rigidezza della molla:

42 Capitolo II

f w w
k h b b b h b
Et
K
2 1
3
1
2
1
2
3
1
5 , 0
1
) 1 ( 4 + +

=
v

(2.13)

dove:

b
1
la distanza dallo spigolo tra anima e flangia del baricentro
dellirrigidimento, inclusa la parte b
e2
, della flangia 1
(Figura 2.9);
b
2
la distanza dallo spigolo tra anima e flangia del baricentro
dellirrigidimento, inclusa la parte b
e2
, della flangia 2
(Figura 2.9);
h
w
la larghezza dellanima;
k
f
= 0 nel caso di flangia 2 tesa (sezione inflessa rispetto allasse y
- y);
k
f
=A
eff1
/A
eff2
nel caso di flangia 2 compressa (sezione interamente
compressa), in particolare pari a 1 nel caso di sezioni
simmetriche;
A
eff1
e A
eff2
sono rispettivamente le sezioni efficaci degli irrigidimenti
delle flange 1 e 2.

Figura 2.9: Irrigidimento al bordo (EN 1993-1-3)
Il coefficiente di riduzione _
d
per linstabilit distorsionale, che corrisponde
allinstabilit flessionale dellirrigidimento, va valutato in funzione della
snellezza relativa d , come di seguito riportato:

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 43


0 , 1 =
d
_ se 65 , 0 s d
d
d
_ 723 , 0 47 , 1 = se 38 , 1 65 , 0 < < d
d
d

_
66 , 0
= se 38 , 1 > d
(2.14)

dove
s cr yb
d f
,
o = e con o
cr,s
la tensione critica dellirrigidimento
calcolato secondo la (2.18).
Dal punto di vista operativo, si considera lirrigidimento al bordo pari
allinsieme della porzione efficace dellelemento indicato con c nella Figura
2.9 e la porzione efficace b
e2
dellelemento piano adiacente. La norma
prevede una procedura iterativa in tre passi di seguito illustrata:

PASSO 1: Si valuta la sezione efficace dellirrigidimento di bordo,
ipotizzando che fornisca un vincolo rigido (k = ) e che o
com,Ed
= f
yb
/
M0

(Figura 2.10b)
I valori iniziali di b
e1
e b
e2
vanno valutati secondo quanto descritto nel
Paragrafo 2.3.1 e considerando lelemento piano b
p
come appoggiato su
entrambi i lati.
I valori iniziali della larghezza efficace c
eff
, nel caso di irrigidimento di
bordo singolo, va valutata come segue:


c p eff
b c
,
=
(2.15)

con valutato come in 2.3.1, ma considerando un coefficiente di instabilit
k
o
pari a:


se 35 , 0 /
,
s
p c p
b b 5 , 0 =
o
k
se 6 , 0 / 35 , 0
,
s <
p c p
b b
3
2
,
) 35 , 0 / 5 , 0 + =
p c p
b b k
o

(2.16)

PASSO 2: A partire dalla sezione efficace dellirrigidimento, si valuta il
coefficiente di instabilit distorsionale, considerando gli effetti del vincolo
continuo (Figura 2.10c).
La sezione efficace dellirrigidimento pari a:


) (
2 eff e s
c b t A + =
(2.17)
44 Capitolo II

mentre la tensione critica elastica per lirrigidimento di bordo data da:


s
s
s cr
A
KEI 2
,
= o (2.18)

dove:

K la rigidezza della molla valutata secondo la (2.13);
I
s
il momento di inerzia dellirrigidimento, considerando larea
efficace A
s
, valutato rispetto allasse baricentrico a - a della
sezione efficace, come in Figura 2.9.

Il coefficiente di riduzione _
d
per linstabilit distorsionale pu essere
valutato secondo la (2.14) (Figura 2.10d).

PASSO 3: Si ritorna al passo 1 e si calcola larea efficace dellirrigidimento
con una tensione ridotta o
com,Ed,i
pari a _
d
f
yb
/
M0
con il valore di _
d
corrispondente alliterazione precedente e ripetendo lintera procedura fin
quando non risulta (Figura 2.10e):


) 1 ( , ,
~
n d n d
_ _ con
) 1 ( , ,
s
n d n d
_ _
(2.19)

Quando _
d
< 1 e si opera iterativamente, la valutazione della sezione
efficace ridotta dellirrigidimento va effettuata secondo quanto illustrato nel
Paragrafo 2.3.1, utilizzando una snellezza ridotta, pari a:


d
p
red p
_ =
,

(2.20)

Larea efficace ridotta dellirrigidimento A
s,red
, considerando linstabilit
flessionale pari a:


Ed com
M yb
s d red s
f
A A
,
0
,
o

_ = con
s red s
A A s
,

(2.21)

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 45

Nella valutazione delle propriet della sezione efficace, larea efficace
ridotta A
s,red
viene considerata utilizzando uno spessore ridotto
per tutti gli elementi appartenenti a A
s
(
s red s red
A tA t /
,
= Figura 2.10f).

a) Sezione lorda e
condizioni al contorno

b) Passo 1: Sezione
efficace per K = e con
o
com,Ed
= f
yb
/
M0

c) Passo 2: Tensione
critica elastica o
cr,s
, per
larea efficace
dellirrigidimento A
s

valutata al passo 1

d) Resistenza ridotta _
d

f
yb
/
M0
per larea efficace
A
s
, il coefficiente di
riduzione _
d
valutato
con o
cr,s.

e) Passo 3: Ritornare al
passo 1 e calcolare la
larghezza efficace, con la
tensione ridotta o
com,Ed,i

pari a _
d
f
yb
/
M0
con _
d

delliterazione
precedente, continuando
finch _
d,n
_
d,(n-1)
con _
d,n

_
d,(n-1)


Figura 2.10: Resistenza a compressione di una flangia con irrigidimento al bordo (EN 1993-1-3)
46 Capitolo II
2.4 Resistenza della sezione
I valori di progetto delle sollecitazioni agenti su ciascuna sezione non
devono superare i valori corrispondenti delle resistenze di progetto.
La norma consente di valutare tali resistenze sia mediante una progettazione
assistita da prove sperimentali sia attraverso i metodi di calcolo illustrati nel
presente paragrafo. In tali metodi, gli effetti dellinstabilit locale vanno
considerati valutando le propriet delle sezioni efficaci corrispondenti alle
caratteristiche delle sollecitazioni in esame, secondo quanto indicato nel
Paragrafo 2.3.
2.4.1 Resistenza a compressione
Se larea efficace A
eff
di una sezione soggetta a problemi di instabilit locale
e distorsionale minore dellarea lorda A
g
, la resistenza di progetto nei
confronti della compressione N
c,Rd
deve essere valutata considerando larea
efficace della sezione soggetta ad uno sforzo di compressione uniforme pari
a o
com,Ed
= f
yb
/
M0
:


0
,
M
yb eff
Rd c
f A
N

=
(2.22)

dove:

A
eff
larea efficace della sezione ottenuta considerando un sforzo di
compressione uniforme pari a f
yb
/
M0
;
f
yb
la resistenza allo snervamento del materiale di base.

Nel caso in cui non ci sono riduzioni dovute agli effetti dellinstabilit
locale e distorsionale, cio che larea efficace A
eff
coincide con larea lorda
A
g
della sezione, la resistenza di progetto nei confronti della compressione
vale:


0 0
,
)] / 1 ( 4 ) ( [
M
ya g
M
el yb ya yb
Rd c
f A f f f
N


s
+
=
(2.23)

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 47

dove:

A
g
larea della sezione lorda;
f
ya
la resistenza di snervamento incrementata come da (2.1);
la snellezza dellelemento a cui corrisponde il massimo valore
di /
el
.

Le sollecitazioni nellelemento vanno considerate applicate al baricentro
della sezione lorda, mentre la resistenza della sezione da considerare
agente nel baricentro della sezione efficace.
Pertanto, se questultimo non coincide con il baricentro della sezione lorda
(Figura 2.11), necessario tenere conto delleccentricit e
N
degli assi
baricentrici, considerando la sezione come soggetta a compressione e
flessione come illustrato in 2.4.5.


Figura 2.11: Sezione efficace soggetta a compressione (EN 1993-1-3)
2.4.2 Resistenza a flessione
Se il modulo di resistenza della sezione efficace W
eff
minore del modulo
di resistenza elastico della sezione lorda W
el
, il momento resistente di
progetto per flessione rispetto ad un asse principale M
c,Rd
pari a:


0
,
M
yb eff
Rd c
f W
M

=
(2.24)

dove:

W
eff
il modulo di resistenza della sezione efficace;
f
yb
la resistenza allo snervamento del materiale di base.
48 Capitolo II

Il modulo di resistenza W
eff
si ottiene valutando la sezione efficace soggetta
al solo momento flettente rispetto allasse principale considerato, con il
massimo valore della tensione pari a f
yb
/
M0
.
Il rapporto tra le tensioni = o
2
/o
1
, usato per valutare le parti efficaci
dellanima, deve essere valutato considerando larea efficace della flangia
compressa e larea lorda dellanima.
Nel caso in cui il modulo di resistenza della sezione efficace W
eff
sia uguale
al modulo di resistenza elastico della sezione lorda W
el
, il momento
resistente di progetto per flessione rispetto ad un asse principale M
c,Rd
risulta
pari a:


0
,
M
ya el
Rd c
f W
M

=
(2.25)

dove:

W
el
il modulo di resistenza della sezione lorda;
f
ya
la resistenza media allo snervamento incrementata come da
(2.1).

Nel caso di flessione deviata la norma prescrive che sia soddisfatto il
seguente criterio:


1
,
,
,
,
s +
Rd cz
Ed z
Rd cy
Ed y
M
M
M
M

(2.26)

dove:

M
y,Ed
il momento agente rispetto allasse y y;
M
z,Ed
il momento agente rispetto allasse z z;
M
cy,Ed
il momento resistente della sezione soggetta solo a flessione
rispetto allasse y y;
M
cz,Ed
il momento resistente della sezione soggetta solo a flessione
rispetto allasse z z.

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 49


Figura 2.12: Sezione efficace per la resistenza a momento flettente (EN 1993-1-3)
2.4.3 Resistenza a taglio
La resistenza a taglio V
b,Rd
pu essere valutata secondo la seguente
relazione:


0
,
sin
M
vb
w
Rd b
tf
h
V

|
=
(2.27)

dove:

f
bv
la resistenza allinstabilit a taglio valutata secondo la Tabella
2.5;
h
w
laltezza dellanima tra le linee medie delle flange come in
Figura 2.13;
| linclinazione dellanima rispetto alle flange come in Figura
2.13.


Tabella 2.5: Resistenza allinstabilit a taglio f
bv
(EN 1993-1-3)

50 Capitolo II

Figura 2.13: Sezione a taglio (EN 1993-1-3)
La snellezza relativa dellanima, nel caso di anima senza irrigidimento,
pari:


E
f
t
s
yb
w
w 346 , 0 =
(2.28)

dove:

s
w
la dimensione dellanima valutata lungo la sua inclinazione tra
il centro dei raccordi come in Figura 2.13;
f
yb
la resistenza di snervamento del materiale di base.

2.4.4 Resistenza alle forze trasversali concentrate
Al fine di evitare lo schiacciamento, limbozzamento o linstabilit
dellanima sotto lazione delle reazioni degli appoggi o di altre forze
concentrate, necessario effettuare la seguente verifica:


Rd w Ed
R F
,
s
(2.29)

dove:

F
Ed
la forza trasversale concentrata agente;
R
w,Rd
la resistenza trasversale locale dellanima.

Nel caso in cui vengano predisposti opportuni rinforzi o irrigidimenti al fine
di prevenire distorsioni dellanima e progettati per resistere allazione di
Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 51

forze trasversali concentrate, non necessario considerare la resistenza
locale dell'anima a tali forze.
Per travi aventi sezione a I costituita dallaccoppiamento di due sezioni a C,
o casi simili dove i due profili sono connessi tra loro lungo lanima, i
collegamenti tra le anime devono essere realizzati il pi vicino possibile alle
flange compatibilmente con le esigenze tecnologiche.
Per sezioni che hanno pi di unanima, il valore di R
w,Rd
nella (2.29) va
inteso come somma dei contributi di ciascuna anima.
Per una sezione trasversale con un'unica anima irrigidita (Figura 2.14), la
resistenza trasversale locale dell'anima pu determinarsi come segue, purch
la sezione trasversale soddisfi i criteri seguenti:


200 / s t h
w

6 / s t r
s s 90 60 |
(2.30)


Figura 2.14: Esempi di sezioni con unica anima (EN 1993-1-3)
Quindi la resistenza trasversale locale dellanima R
w,Rd
pu essere valutata
attraverso le seguenti relazioni:

per singola forza o reazione agente su sezioni con flange non irrigidite:


Figura 2.15: Estremit di una trave sottoposta a forze concentrate (EN 1993-1-3)
52 Capitolo II
con distanza dellestremo libero
w
h c 5 , 1 s

se 60 / s t s
s
1
2
3 2 1
,
01 , 0 1
60
04 , 9
M
yb
s w
Rd w
f t
t
s t h
k k k
R

+
(


=

(2.31)
se 60 / > t s
s
1
2
3 2 1
,
015 , 0 71 , 0
132
92 , 5
M
yb
s w
Rd w
f t
t
s t h
k k k
R

+
(


=
(2.32)

con distanza dallestremo libero
w
h c 5 , 1 >

se 60 / s t s
s
1
2
5 4 3
,
007 , 0 1
5 , 49
7 . 14
M
yb
s w
Rd w
f t
t
s t h
k k k
R

+
(


=

(2.33)
se 60 / > t s
s
1
2
5 4 3
,
011 , 0 75 , 0
5 , 49
7 . 14
M
yb
s w
Rd w
f t
t
s t h
k k k
R

+
(


=

(2.34)

con i valori delle costanti k pari a:

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 53

k k 33 , 0 33 , 1
1
= (2.35)
t r k / 15 , 0 15 , 1
2
= con 0 , 1 5 , 0
2
s s k (2.36)
2
3
) 90 / ( 3 , 0 7 , 0 | + = k (2.37)
k k 22 , 0 22 , 1
4
= (2.38)
t r k / 06 , 0 06 , 1
5
= con 0 , 1
5
s k
(2.39)


dove:

k = f
yb
/228 con f
yb
espresso in N/mm
2
;
s
s
la lunghezza effettiva del tratto di contatto rigido.

Quando la rotazione dellanima impedita dalla presenza di appositi vincoli
o da particolari configurazioni della sezione, come le sezioni dalla quarta
alla sesta di Figura 2.14, la resistenza trasversale locale dellanima R
w,Rd
va
valutata come segue:

per singola forza o reazione agente su sezioni con flange non irrigidite:

con distanza dallestremo libero
w
h c 5 , 1 s

1
2
7
,
1 , 1 8 , 8
M
yb
s
Rd w
f t
t
s
k
R

+
=
(2.40)

con distanza dallestremo libero
w
h c 5 , 1 >

1
2
6
*
5
,
87 , 2 2 , 13
M
yb
s
Rd w
f t
t
s
k k
R

+
=
(2.41)

con i valori delle costanti k pari a:

54 Capitolo II
k k 53 , 0 49 , 1
*
5
= con 6 , 0
*
5
< k
(2.42)
9 , 1 / 12 , 0 88 , 0
6
t k = con 0 , 1 5 , 0
2
s s k
(2.43)
750 / / 1
7
t s k
s
+ = per 150 / < t s
s
; 20 , 1
7
= k per 150 / > t s
s
(2.44)

2.4.5 Pressoflessione deviata
Le sezioni soggette contemporaneamente a compressione N
Ed
e ai momenti
flettenti M
y,Ed
e M
z,Ed
devono soddisfare il seguente criterio:


1
, ,
, ,
, ,
, ,
,
s
A +
+
A +
+
com Rd cz
Ed z Ed z
com Rd cy
Ed y Ed y
Rd c
Ed
M
M M
M
M M
N
N

(2.45)

dove i valori di N
c,Rd
sono definiti in 2.4.1 e i valori di M
cy,Rd,com
e M
cz,Rd,com

in 2.4.2.
I momenti aggiuntivi AM
y,Ed
e AM
z,Ed
sono i momenti dovuti alla variazione
di posizione degli assi baricentrici pari a:


Nz Ed Ed y
e N M = A
,

Ny Ed Ed z
e N M = A
,

(2.46)

i valori di e
Ny
e e
Nz
rappresentano leccentricit tra gli assi baricentrici della
sezione efficace e della sezione lorda valutati nel caso di compressione
semplice.
Se risulta che la massima tensione si raggiunge in corrispondenza delle fibre
tese della sezione, cio che o ,
bisogna verificare che sia soddisfatto anche il seguente criterio:
com Rd cy ten Rd cy
M M
, , , ,
>
com Rd cz ten Rd cz
M M
, , , ,
>


1
, , ,
, ,
, ,
, ,
s
A +
+
A +
Rd c
Ed
ten Rd cz
Ed z Ed z
ten Rd cy
Ed y Ed y
N
N
M
M M
M
M M

(2.47)

dove:

M
cy,Rd,ten
il momento resistente di progetto corrispondente alla
massima tensione di trazione per la sezione soggetta solo a
momento rispetto allasse y y;
Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 55

M
cz,Rd,ten
il momento resistente di progetto corrispondente alla
massima tensione di trazione per la sezione soggetta solo a
momento rispetto allasse z z.
2.4.6 Azione combinata di momento flettente e forze trasversali
concentrate
Le sezioni soggette allazione contemporanea di momento flettente M
Ed
e ad
una forza trasversale concentrata F
Ed
, devono soddisfare le seguenti
relazioni:


1
,
s
Rd c
Ed
M
M

1
,
s
Rd w
Ed
R
F

25 , 1
, ,
s +
Rd w
Ed
Rd c
Ed
R
F
M
M

(2.48)

dove:

M
c,Rd
il momento resistente di progetto della sezione valutato
secondo 2.4.2;
R
w,Rd
la resistenza trasversale locale dellanima valutata secondo
2.4.4.

Per sezioni che hanno pi di unanima il valore di R
w,Rd
nella (2.48) va
inteso come somma dei contributi di ciascuna anima.

2.5 Resistenza della membratura: instabilit accoppiata
La EN 1993-1-3 considera gli effetti combinati dellinstabilit locale e
globale valutando il carico di collasso di una membratura compressa
considerando la sezione efficace calcolata per compressione semplice.
La verifica nei confronti dellinstabilit globale va effettuata secondo quanto
indicato nella EN 1993-1-1:
56 Capitolo II


1
,
s
Rd b
Ed
N
N

(2.49)

dove la resistenza assiale N
b,Rd
dellasta pari a:


1
,
M
y eff
Rd b
f A
N

_
=
(2.50)

dove:

A
eff
larea efficace della sezione ottenuta considerando uno sforzo
di compressione uniforme pari a f
yb
;
_ il coefficiente di riduzione che dipende dalla curva di
instabilit pertinente pari a:


2
2
1

_
u + u
= con 1 s _
(2.51)

dove:

] ) 2 , 0 ( 1 [ 5 , 0
2
o + + = u ;
cr
y eff
N
f A
= la snellezza relativa pertinente al modo di instabilit
in esame;
o il fattore di imperfezione dipendente dalla curva di
instabilit pertinente e valutato secondo la Tabella 2.6;
N
cr
il carico critico elastico corrispondente al modo di
instabilit considerato e valutato sulla base delle
propriet della sezione lorda.


Tabella 2.6: fattori di imperfezione (EN 1993-1-1)
Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 57

2.5.1 Instabilit flessionale
La resistenza nei confronti dellinstabilit flessionale va valutata secondo la
(2.50), utilizzando la curva di instabilit appropriata in funzione del tipo di
sezione come illustrato in Tabella 2.7.
La snellezza relativa data da:


1

A
A
i
L
N
f A
eff
cr
cr
y eff
= =
(2.52)

dove:

L
cr
la lunghezza di libera inflessione rispetto allasse pertinente;
i il raggio di inerzia rispetto allasse pertinente, valutato
considerando le propriet della sezione lorda;
c t 9 , 93
1
= =
y
f
E
;
y
f
235
= c con f
y
.

58 Capitolo II

Tabella 2.7: Curve di instabilit pertinenti per i vari tipi di sezione trasversale (EN 1993-1-3)
Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 59

2.5.2 Instabilit torsionale e flesso-torsionale
Le membrature aventi sezioni aperte monosimmetriche, simili a quelle
rappresentate in Figura 2.16, devono essere verificate anche nei confronti
dellinstabilit flesso-torsionale, in quanto pu accadere che la resistenza
rispetto questultima sia inferiore alla resistenza nei confronti dellinstabilit
flessionale.


Figura 2.16: Sezioni suscettibili di instabilit flesso-torsionale (EN 1993-1-3)
Anche in questo caso la EN 1993-1-3 rimanda alla EN 1993-1-1 facendo
valutare la resistenza rispetto allinstabilit torsionale e flesso-torsionale
secondo la (2.50), valutando la snellezza relativa nel seguente modo:


cr
y eff
T
N
f A
= (2.53)

dove

TF cr cr
N N
,
= con ;
T cr cr
N N
,
s
N
cr,T
il carico critico elastico per linstabilit torsionale;
N
cr,TF
il carico critico elastico per linstabilit flesso-torsionale.

La curva di instabilit relativa allinstabilit torsionale e flesso-torsionale
viene individuata attraverso la Tabella 2.7 facendo rifermento alla curva
relativa allasse z.
60 Capitolo II
Secondo la EN 1993-1-3 il carico critico elastico N
cr,T
corrispondente
allinstabilit torsionale per una membratura semplicemente appoggiata
vale:


|
|
.
|

\
|
+ =
2
2
2
0
,
1
T
w
t T cr
l
EI
GI
i
N
t

(2.54)

con:


2 2 2 2 2
0 0 0
z y i i i
z y
+ + + =
(2.55)

dove:

G il modulo tangenziale;
I
t
la costante torsionale della sezione lorda;
I
w
il costante di ingobbamento della sezione lorda;
i
y
il raggio di inerzia della sezione lorda rispetto allasse y;
i
z
il raggio di inerzia della sezione lorda rispetto allasse z;
l
T
la lunghezza di inflessione relativamente allinstabilit
torsionale;
y
0
, z
0
sono le coordinate del centro di taglio rispetto al baricentro della
sezione lorda.

Nella Tabella 2.8 sono riportate le espressioni delle caratteristiche torsionali
nel caso di sezione a C singola e di sezione ad I ottenuta dallaccoppiamento
di due sezioni a C, in particolare delle coordinate del centro di taglio y
0
e z
0
,
della costante torsionale I
t
e della costante di ingobbamento I
w
.









Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 61

2 3 2 2 3
3 2 2
0
12 8 6 6
8 6 3
hc c c h b h h
c c h b h
b y y
G
+ + +
+
+ =
0
0
= z
( ) c b h
t
I
t
2 2
3
3
+ + =
( )
(

+ +
|
|
.
|

\
|
+ + +
|
|
.
|

\
|
+ + =
2
3 2 2 2 2 2 2
3
2 2
6 2
2 2
3 2
e c
c
h
c h
c b
e h
h
c
b
ec
e
b
c
b h
t I
w

0
0
= y
0
0
= z
( ) c b h
t
I
t
2 2
3
2
3
+ + =

(
(

|
.
|

\
|
+ +
|
|
.
|

\
|
+ + +
|
|
.
|

\
|
+ + =
2
3 2 2 2 2 2 2
2 3
2 2
6 8
2
2 3 2
2
t
c
c
h
c h
c b
t h
h
c
b
tc t b
c
b h
t I
w

Tabella 2.8: Propriet torsionali della sezione a C singola ed accoppiata
Per sezioni doppiamente simmetriche, il carico critico elastico
corrispondente allinstabilit flesso-torsionale N
cr,TF
coincide con quello
corrispondente allinstabilit torsionale N
cr,T
.
Mentre per sezioni simmetriche rispetto allasse y y, come le sezioni a C,
il carico critico elastico per linstabilit flesso-torsionale pari a:


(
(
(

|
|
.
|

\
|
+
|
|
.
|

\
|
+ =
y cr
T cr
y cr
T cr
y cr
T cr y cr
TF cr
N
N
i
y
N
N
N
N N
N
,
,
2
0
0
2
,
,
,
, ,
,
4 1 1
2|

(2.56)

62 Capitolo II
con
2
0
0
1
|
|
.
|

\
|
=
i
y
| .
2.5.3 Instabilit latero-torsionale
Linstabilit latero-torsionale insorge nelle membrature sottoposte a
flessione nel piano dellanima con la flangia compressa non
sufficientemente vincolata. Per la verifica nei confronti di tale fenomeno la
EN 1993-1-3 rimanda alla EN 1993-1-1, prescrivendo lutilizzo delle curve
di instabilit a e b:


1
,
s
Rd b
Ed
M
M

(2.57)

dove:

M
Ed
il momento flettente agente sulla membratura;
M
b,Rd
il momento resistente nei confronti dellinstabilit latero-
torsionale valutato nel seguente modo:


1
,
M
y
eff LT Rd b
f
W M

_ =
(2.58)

dove:

W
eff
il modulo di resistenza della sezione efficace sottoposta a
flessione con massimo sforzo pari a f
y
;
_
LT
il coefficiente di riduzione che dipende dalla curva di
instabilit pertinente pari a:


2
2
1
LT
LT LT
LT

_
u + u
= con 1 s
LT
_
(2.59)

dove:

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 63

] ) 2 , 0 ( 1 [ 5 , 0
2
LT
LT LT LT
o + + = u ;
cr
y eff
LT
M
f W
= la snellezza relativa;
o il fattore di imperfezione dipendente dalla curva di
instabilit pertinente e valutato secondo la Tabella
2.6;
M
cr
il momento critico elastico.

Il momento critico elastico va valutato considerando le propriet della
sezione lorda e tenendo conto delleffettivo andamento del momento agente
e delle condizioni di vincolo.
Il valore del momento critico elastico per una membratura semplicemente
appoggiata, caricata attraverso il centro di taglio e con distribuzione del
momento uniforme pari a:


z
t
z
w z
cr
EI
GI L
I
I
L
EI
M
2
2
2
2
t
t
+ = (2.60)

dove:

G il modulo tangenziale;
I
t
la costante torsionale della sezione lorda;
I
w
la costante di ingobbamento della sezione lorda;
I
z
il momento di inerzia della sezione lorda rispetto allasse z;
L la lunghezza di inflessione valutata come distanza tra due
vincoli torsionali.

Linfluenza dellandamento del momento agente e dei vincoli pu essere
tenuta in conto correggendo il valore del momento critico elastico, valutato
attraverso la (2.60), con un coefficiente moltiplicativo C
1
, i cui valori sono
riportati in Tabella 2.9.

64 Capitolo II

Tabella 2.9: Coefficienti correttivi del momento critico (Ballio, Mazzolani 1987)
2.5.4 Instabilit di membrature pressoinflesse
Nel caso di elementi sottoposti a compressione e flessione, la verifica va
effettuata secondo la formula semplificata fornita dalla EN 1993-1-3:


8 , 0
,
8 , 0
,
|
|
.
|

\
|
+
|
|
.
|

\
|
Rd b
Ed
Rd b
Ed
M
M
N
N
(2.61)

dove:

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 65

N
b,Rd
la resistenza a compressione nei confronti dellinstabilit
flessionale, torsionale o flesso-torsionale;
M
b,Rd
la resistenza a flessione nei confronti dellinstabilit latero-
torsionale.

Nel caso di combinazione di sforzo di compressione e momento flettente
rispetto ad entrambi gli assi principali, la EN 1993-1-1 fornisce un metodo
che consiste nel verificare che siano soddisfatte le seguenti relazioni:


1
1
,
, ,
1
,
, ,
1
s
A +
+
A +
+
M
Rk z
Ed z Ed z
yz
M
Rk y
LT
Ed y Ed y
yy
M
Rk
y
Ed
M
M M
k
M
M M
k
N
N

_

_

(2.62)


1
1
,
, ,
1
,
, ,
1
s
A +
+
A +
+
M
Rk z
Ed z Ed z
zz
M
Rk y
LT
Ed y Ed y
zy
M
Rk
z
Ed
M
M M
k
M
M M
k
N
N

_

_

(2.63)

con

yb eff Rk
f A N =
(2.64)
yb y eff Rk y
f W M
, ,
=
(2.65)
yb z eff Rk z
f W M
, ,
=
(2.66)

dove:

N
Ed
, M
y,Ed
e M
z,Ed
sono i valori dello sforzo normale e dei momenti
secondo y e secondo z agenti;
AM
y,Ed
e AM
z,Ed
sono i momenti dovuti alleccentricit degli assi
baricentrici della sezione efficace rispetto alla
sezione lorda;
_
y
e _
z
sono i coefficienti di riduzione dovuti allinstabilit
flessionale;
_
LT
il coefficiente di riduzione dovuto allinstabilit
latero-torsionale;
k
yy
, k
yz
, k
zy
e k
zz
, sono i coefficienti di interazione.

66 Capitolo II
Per la valutazione dei coefficienti di interazione La EN 1993-1-1 fornisce
due diversi metodi. Nel caso di sezioni appartenenti alla classe 4, tra cui
quelle formate a freddo, si applica il metodo 1 illustrato nellappendice A
della norma e riportato sinteticamente nella Tabella 2.10.

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 67


Tabella 2.10: Espressioni dei coefficienti correttivi secondo il metodo 1 (EN 1993-1-1)
68 Capitolo II
2.6 Resistenza di pareti di aste secondo la norma AISI
La norma AISI prevede una procedura di valutazione della resistenza di
pareti costituite da aste rivestite con pannelli. Tale norma presenta una
simbologia diversa rispetto agli Eurocodici per indicare le propriet della
sezione e, per tale motivo oltre, a riportare le espressioni utilizzando la
simbologia dellAISI, nella specificazione dei vari termini viene indicato tra
parentesi il simbolo corrispondente agli Eurocodici. Inoltre, la norma adotta
una diversa convenzione per indicare gli assi principali della sezione (Figura
2.17).


Figura 2.17: Convenzione degli assi principali secondo lAISI
La valutazione della resistenza P
n
di una membratura compressa singola
viene effettuata come segue:


n e n
F A P =
(2.67)

dove:

A
e
(A
eff
) larea efficace della sezione uniformemente compressa alla
tensione F
n
;
F
n
la tensione di collasso ed determinata come segue:

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 69

( )
y n
F F
c
2
658 , 0

= per 5 , 1 s
c
(2.68)


y
c
n
F F
|
|
.
|

\
|
=
2
877 , 0

per 5 , 1 >
c

(2.69)

con

e
y
c
F
F
= la snellezza adimensionale;
F
e
la minima tensione critica elastica per instabilit
flessionale, torsionale e flesso torsionale.
F
y
la resistenza allo snervamento.

Nel caso di aste appartenenti a pareti rivestite, la resistenza nei confronti
della compressione incrementata per leffetto dellazione controventante
offerta dai pannelli.
La valutazione della resistenza della membratura, tenendo conto degli effetti
dei pannelli collegati secondo il metodo specificato dallAISI, applicabile
solo nel caso in cui vengano soddisfatti i seguenti limiti:

- pannelli di materiale identico su entrambi i lati;
- resistenza allo snervamento, F
y
340N/mm
2
;
- altezza della sezione, h 152mm;
- spessore, t 1.91mm;
- lunghezza montante, L 4,88m;
- interasse tra i montanti, 305mm s 610mm;
- spaziatura delle connessioni, 152mm s 305mm.

La resistenza dellasta viene valutata comunque attraverso la (2.67) ma con
la tensione F
n
pari alla minore tra quelle dovute a tre diversi aspetti che
entrano in gioco.

70 Capitolo II

Figura 2.18: Modi di instabilit di un montante con rivestimento (AISI 1996)
Il primo aspetto (Figura 2.18a) consiste nel prevenire linstabilit dellasta
tra le connessioni nel piano della parete. La tensione F
n
viene valutata allo
stesso modo di una membratura semplice considerando una lunghezza di
libera inflessione pari a due volte la spaziatura delle connessioni.
Il secondo aspetto (Figura 2.18b) introdotto al fine di prevenire fenomeni
di instabilit globale del montante e la tensione F
n
la minore tra i due
valori di o
CR
dipendenti dal tipo di sezione e valutati come segue:

per sezioni a C


a ey CR
Q + = o o (2.70)


( ) ( )
(

+ + =
tQ ex tQ ex tQ ex CR
o |o o o o o
|
o 4
2
1
2

(2.71)

per sezioni a I


a ey CR
Q + = o o (2.72)


ex CR
o o =
(2.73)

con

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 71

2
2
) / (
x
ex
r L
E t
o =
(2.74)
2
2
) / (
y
ey
r L
E t
o =
(2.75)
(

+ =
2
2
2
0
1
L
EC
GJ
Ar
w
t
t
o
(2.76)
t t tQ
Q + = o o (2.77)
) ' / 2 (
0
s s Q Q = (2.78)
A Q Q
a
/ = (2.79)
( ) ( )
2
0
2
4 / Ar d Q Q
t
= (2.80)

dove:

s la spaziatura dei collegamenti;
s pari a 305mm;
0
Q un parametro fornito dalla norma in funzione del
materiale del pannello;
A (A
gr
) larea della sezione lorda;
L la lunghezza del montante;
d laltezza della sezione;
r
x
, r
y
(i
y
, i
z
) sono i raggi di inerzia della sezione rispetto gli assi x e y;
J (I
t
) la costante torsionale della sezione lorda;
C
w
(I
w
) la costante di ingobbamento della sezione lorda.

Il terzo aspetto tiene conto del comportamento a taglio del pannello e il
corrispondente valore di F
n
deve garantire che la deformazione tagliante del
pannello non superi il valore ammissibile . La valutazione della
deformazione tagliante va valutata secondo la seguente equazione:

( ) | | 2 / ) / (
1 1
d E C L + = t (2.81)

dove C
1
e E
1
sono i valori assoluti dei parametri valutati in funzione del tipo
di sezione attraverso le seguenti espressioni:

72 Capitolo II
per sezioni a C

( ) ( )
a n ey n
Q F C F C + = o /
0 1
(2.82)


( )( ) ( ) | |
( ) ( ) ( )
2
0
2
0 0 0 0 0 0 0
2
1
0
0
x F F r F
E x D x F D x E r F F
E
n n tQ n ex
n n ex n


=
o o
o

(2.83)

per sezioni a I

( ) ( )
a n ey n
Q F C F C + = o /
0 1
(2.84)


0
1
= E
(2.85)

dove:

x
0
(y
0
) il valore assoluto della distanza tra centro di taglio e
baricentro;
C
0
rappresenta le imperfezioni iniziali del montante nella
direzione parallela alla parete ed da assumere pari a L/350;
D
0
rappresenta le imperfezioni iniziali del montante nella
direzione perpendicolare alla parete ed da assumere pari a
L/700;
E
0
rappresenta imperfezioni iniziali del montante in termini di
rotazione ed da assumere pari a L/(10000d).

Inoltre se , i valori del modulo elastico E e del modulo
tangenziale G da utilizzare nelle espressioni di
y n
F F 5 , 0 >
ex
o ,
ey
o e
tQ
o devono
essere pari a:


2
/ ) ( 4 '
y n y n
F F F EF E =
(2.86)


) / ' ( ' E E G G =
(2.87)

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 73

I valori dei parametri relativi al comportamento del pannello possono essere
valutati attraverso prove sperimentali o secondo i dati forniti dallAISI e
riportati in Tabella 2.11.


Tabella 2.11: Parametri dei pannelli di rivestimento (AISI 2001)
Tale valutazione della resistenza delle pareti pu essere estesa anche al caso
di pareti rivestite con materiali diversi sui due lati, considerando la parete
rivestita su entrambi i lati con il materiale avente caratteristiche meccaniche
peggiori.
Per quanto riguarda la flessione, la norma fa valutare la resistenza come un
normale elemento inflesso trascurando gli effetti dellinstabilit latero-
torsionale, cio pari a:


y e n
F S M =
0

(2.88)

dove:

S
e
(W
eff
) il modulo di resistenza della sezione efficace;
F
y
la resistenza allo snervamento.

Leffetto dellazione combinata di sforzo normale e momento flettente sulle
aste va valutata secondo le seguenti espressioni:


1
0
*
0
* *
s + +
y ny b
y my
x nx b
x mx
n c
M
M C
M
M C
P
P
o | o | |

(2.89)


1
0
*
0
*
0
*
s + +
ny b
y
nx b
x
n c
M
M
M
M
P
P
| | |

(2.90)

e nel caso in cui 15 , 0
*
s
n c
P P | , si utilizza la seguente espressione:
74 Capitolo II


1
0
*
0
* *
s + +
ny b
y
nx b
x
n c
M
M
M
M
P
P
| | |

(2.91)

dove:

P
*
il valore dello sforzo normale agente;
M
*x
il valore del momento flettente agente intorno allasse x;
M
*y
il valore del momento flettente agente intorno allasse y;
P
n0
il valore della resistenza assiale valutato assumendo la tensione
F
n
= F
y
;

Ex
x
P
P
*
1 = o ;
(2.92)
Ey
y
P
P
*
1 = o ;
(2.93)
2
2
) (
x x
x
Ex
L K
EI
P
t
= ;
(2.94)
2
2
) (
y y
y
Ey
L K
EI
P
t
= ;
(2.95)
|
b
il coefficiente di sicurezza nei confronti della flessione;
|
c
il coefficiente di sicurezza nei confronti della compressione;
I
x
(I
y
) il momento di inerzia rispetto allasse x;
I
y
(I
z
) il momento di inerzia rispetto allasse y;
K
x
L
x
la lunghezza di libera inflessione nei confronti dellinstabilit
rispetto allasse x;
K
y
L
y
la lunghezza di libera inflessione nei confronti dellinstabilit
rispetto allasse y;
C
mx
, C
my
sono dei coefficienti che tengono conto delle condizioni di
vincolo, nel caso in esame sono pari a 1.
Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 75

2.7 Prescrizioni normative sul collegamento di sezioni composte
secondo la norma AISI
LAISI fornisce le prescrizioni per la valutazione della resistenza delle
membrature costituite da due profili a contatto. Queste disposizioni risultano
di particolare interesse ai fini della progettazione di elementi aventi sezione
ad I realizzata attraverso laccoppiamento di due sezioni a C. Nel caso di
elementi soggetti a compressione assiale, se il modo di instabilit esaminato
comporta delle deformazioni tali da chiamare in gioco la resistenza tagliante
delle connessioni tra i due profili, la snellezza della membratura KL/r va
sostituita attraverso la seguente espressione:


2
2
0
|
|
.
|

\
|
+
|
.
|

\
|
=
|
.
|

\
|
i m
r
a
r
KL
r
KL

(2.96)

dove:

(KL/r)
0
la snellezza della membratura facendo riferimento alla
sezione composta;
a la spaziatura delle connessioni tra i due profili;
r
i
il minimo raggio di inerzia della singola sezione costituente
la sezione composta.

Inoltre devono essere verificate le seguenti condizioni:

- La spaziatura delle connessioni tra i due profili a deve essere tale
che il rapporto a/r
i
non superi la met della snellezza che governa
lintera membratura;
- Le estremit della membratura devono essere connesse attraverso
una saldatura avente lunghezza pari alla massima larghezza della
sezione o attraverso connessioni aventi spaziatura longitudinale non
superiore a 4 diametri e distribuite per una lunghezza pari a 1,5 volte
la massima larghezza della sezione;
- Ogni connessione deve essere in grado di trasmettere una forza
tagliante almeno pari al 2,5% dello sforzo normale agente nella
membratura.

76 Capitolo II
Inoltre la norma indica, nel caso specifico di sezioni ad I realizzate
attraverso laccoppiamento di due sezioni a C, la massima spaziatura
longitudinale tra le connessioni, che nel caso di membrature compresse
pari a:


I
cy
r
Lr
s
2
max
=
(2.97)

dove:

L la lunghezza dellelemento compresso;
r
I
il raggio di inerzia della sezione a I riferito allasse
perpendicolare a quello in cui avviene linstabilit;
r
cy
il raggio di inerzia della sezione a C riferito allasse
baricentrico parallelo allanima.

Per quanto riguarda le sezioni composte sottoposte a flessione, la norma
indica, per le sezioni ad I, solo la spaziatura massima delle connessioni tra i
due profili da prendere pari a:


mq
gT
L s
s
2
6 /
max
s =
(2.98)

L la lunghezza della trave;
T
s
la resistenza a trazione di progetto della connessione;
g la distanza in direzione verticale delle due file di connessioni
pi vicini alle flange come mostrato in Figura 2.20;
q il carico di progetto agente sulla trave lungo linterasse delle
connessioni;
m la distanza tra il centro di taglio della singola sezione a C e la
linea media dellanima.

Progettazione strutturale in accordo con le correnti normative 77


Figura 2.19: Spaziatura delle connessioni di una trave a I composta (AISI 1996)

Figura 2.20: Sezione a C valutazione della spaziatura delle connessioni (AISI 1996)

Il carico q si ottiene dividendo i carichi concentrati, o le reazioni vincolari
per la lunghezza del tratto su cui agiscono, mentre per travi sottoposte a
carichi uniformemente distribuiti, il carico q da utilizzare pari a tre volte il
carico distribuito agente.
2.8 Stati limite di servizio
Per la valutazione degli stati limite di servizio, la EN 1993-1-3 prescrive di
far riferimento alle propriet della sezione efficace valutata secondo quanto
illustrato nel Paragrafo 2.3 ma utilizzando una snellezza ridotta pari a:

78 Capitolo II

yb
ser Ed com
p ser p
f
, ,
,
o
=
(2.99)

dove:

p la snellezza dellelemento piano valutata secondo la (2.8);
o
com,Ed,ser
la massima tensione di compressione agente sullelemento
per effetto dei carichi allo stato limite di servizio in esame.

Il momento di inerzia e le altre propriet della sezione devono essere
considerate variabili lungo la lunghezza della membratura tenendo conto
delle condizioni pi sfavorevoli.





Prove sperimentali su viti autoperforanti 79

3. PROVE SPERIMENTALI SU VITI AUTOPERFORANTI
Il collegamento degli elementi in acciaio formato a freddo pu essere
realizzato attraverso diversi metodi e tecnologie. Le viti autoperforanti
rappresentano il sistema di fissaggio pi diffuso per il collegamento tra i
profili in acciaio formato a freddo. Tali viti sono utilizzate anche per il
fissaggio dei pannelli di rivestimento ai profili.
Il presente capitolo contiene le informazioni generali sulle viti
autoperforanti, come le caratteristiche geometriche e le modalit di
utilizzazione e le prescrizioni relative alla progettazione dei collegamenti
secondo la parte 1.3 dellEurocodice 3. Il capitolo contiene, inoltre, un
resoconto delle prove sperimentali effettuate su viti autoperforanti
finalizzate alla determinazione della resistenza a taglio e a trazione.
3.1 Principali caratteristiche delle viti autoperforanti
Le viti autoperforanti consentono, in ununica operazione, di realizzare il
foro e di effettuare la connessione. Queste viti sono disponibili in una
variet di stili per soddisfare una vasta gamma di requisiti. Lapplicazione
delle viti avviene generalmente mediante luso di un avvitatore ad impulso.
Le viti, nel caso di applicazioni esterne, sono protette dalla corrosione per
mezzo di una rifinitura in zinco, cadmio o rivestimenti polimerici.
Le viti hanno dei diametri che variano da 3,50 a 6,5mm, mentre le
lunghezze variano da 12 a 80mm a seconda delle applicazioni. Le viti
devono necessariamente essere pi lunghe dello spessore dei materiali
collegati ed necessario che almeno tre filetti si trovino al di l dei materiali
collegati (Figura 3.1). Altro aspetto importante che, al fine di garantire una
foratura efficiente, la lunghezza della punta perforante della vite deve essere
almeno pari allo spessore della lamiera da forare.

80 Capitolo III

Figura 3.1: Collegamento con viti autoperforanti (NASFA 2000)
Due tipi di punta sono generalmente utilizzati e illustrati in Figura 3.2:

- Viti autoperforanti (Self-drilling): sono dotate di una punta simile a
quella di un trapano e sono in grado effettuare il foro e filettarlo
senza che si deformi la propria filettatura e senza danneggiare il
materiale durante lassemblaggio. Queste viti sono utilizzate per
fissare lamiere di spessore superiore a 0,80mm.
- Viti autofilettanti (Self-piercing): sono dotate di una filettatura
esterna in grado di forare lamiere molto sottili. Esse sono usate
generalmente per fissare materiali rigidi, come pannelli in
cartongesso, a lamiere di spessore 0,80mm o inferiori.


Figura 3.2: Tipologie della punta delle viti
Le viti autoperforanti sono prodotte secondo una variet di configurazioni
della testa per far fronte alle diverse esigenze di installazione (AISI 1993).
Le principiali tipologie di testa, mostrate in Figura 3.3, sono (UNI ISO 1891
1980):

- Testa cilindrica bombata (Pan Head): generalmente usata per
collegare tra loro i profili in acciaio, come nel caso del collegamento
fra travetti e guide o i profili di bloccaggio a montanti e travetti;
Prove sperimentali su viti autoperforanti 81

- Testa cilindrica con falsa rondella (Mod. Truss Head): caratterizzata
da una testa dal profilo molto ridotto e generalmente usata per fissare
le strisce di lamiera ai profili;
- Testa esagonale con falsa rondella (Hex Washer Head): tipologia di
testa molto comune ed utilizzata per il collegamento di connessioni
strutturali di elementi di spessore importante;
- Testa svasata con calotta (Oval Head): utilizzata nel caso in cui
bisogna collegare accessori che prevedono fori ovali per ridurre
lingombro della vite;
- Testa svasata piana (Flat Head): la configurazione della testa
permette il fissaggio di pannelli di rivestimento in legno evitandone
il danneggiamento e lasciando la superficie liscia;
- Testa svasata ridotta piana (Trim Head): utilizzata per il fissaggio di
elementi di rifinitura in legno, la sua piccola testa entra nel legno con
un disturbo minimo della superficie del materiale;
- Testa a trombetta (Bugle Head): utilizzata per fissare pannelli in
cartongesso o materiali a base di legno senza danneggiarli e
garantendo una superficie liscia per la finitura;
- Testa tonda larga (Low-profile Head): utilizzata nel caso in cui sia
necessario che la testa non sporga, come nel caso di applicazioni di
materiali rigidi o materiali di rifinitura sopra la testa della vite;
- Testa svasata larga (Wafer Head): questa testa pi larga di quella
svasata o a trombetta e permette il collegamento di materiali teneri
agli elementi in acciaio, garantendo unampia superficie dappoggio
senza generare ingombri.

82 Capitolo III

Figura 3.3: Tipologie della testa delle viti
3.2 Requisiti strutturali
Le connessioni devono soddisfare determinati requisiti strutturali al fine di
assicurare un comportamento efficace e affidabile. Questi requisiti
rappresentano le principali caratteristiche del comportamento della
connessione quali rigidezza, resistenza e capacit di deformazione.
Le connessioni devono avere sufficiente rigidezza in quanto ad essa
collegata la rigidezza e quindi la deformazione dellintera struttura. Inoltre
la rigidezza delle connessioni influisce sulla ridistribuzione delle forze
allinterno della struttura.
La resistenza deve essere tale da assicurare la capacit di resistenza dei
collegamenti alle sollecitazioni agenti sulla struttura allo stato limite ultimo.
La capacit di deformazione necessaria affinch la ridistribuzione locale
delle forze avvenga senza effetti dannosi.
3.2.1 Meccanismi di rottura
La resistenza e la capacit di deformazione di una connessione dipendono
essenzialmente dal meccanismo di rottura che insorge nel collegamento. I
Prove sperimentali su viti autoperforanti 83

principali meccanismi di rottura che insorgono per le connessioni sollecitate
a taglio sono:

- Taglio della vite: si verifica quando le lamiere collegate sono troppo
spesse rispetto al diametro della vite o quando la vite utilizzata
inadeguata. Questo tipo di meccanismo risulta essere di tipo fragile
ed preferibile, in sede di progetto, evitarlo (Figura 3.4a);
- Schiacciamento: avviene quando si hanno connettori cavi e si
presenta in combinazione con la rotazione e il rifollamento (Figura
3.4b);
- Rotazione ed estrazione della vite: rappresenta il meccanismo
normale nel caso di connessioni tra lamiere sottili. In tal caso
avviene che la filettatura o la testa della connessione fuoriesce dalla
lamiera inferiore. Generalmente avviene nel caso di rifollamento di
entrambe le lamiere collegate e in presenza di una forte
deformazione delle lamiere (Figura 3.4c);
- Rifollamento: comporta lo snervamento della lamiera in
corrispondenza del foro e pu avvenire in corrispondenza della
lamiera pi sottile o di entrambe le lamiere collegate. Tale
meccanismo di rottura risulta essere il pi duttile (Figura 3.4d);
- Rottura ai bordi: avviene solo nel caso in cui non vengano rispettate
le prescrizioni relative alla distanza delle viti dai bordi (Figura 3.4e);
- Rottura della sezione netta: avviene quando la resistenza a trazione
della lamiera collegata inferiore alla resistenza a taglio del
collegamento (Figura 3.4f).

84 Capitolo III

Figura 3.4: Meccanismi di rottura dei collegamenti sollecitati a taglio:
Mentre i meccanismi di rottura che insorgono per connessioni sollecitate a
trazione sono:

- Trazione della vite: avviene quando la lamiera troppo spessa
rispetto al diametro della vite o quando la vite utilizzata inadeguata
(Figura 3.5a);
- Estrazione (Pull-out): avviene quando la lamiera di supporto non
sufficientemente spessa o quando c un insufficiente ancoraggio del
collegamento (Figura 3.5b);
- Penetrazione in assenza di deformazione della lamiera (Pull-over):
avviene quando la testa della vite troppo piccola (Figura 3.5c);
- Penetrazione con deformazione della lamiera (Pull-through): quando
avviene questo meccanismo la lamiera si piega localmente e pu
essere accompagnata da deformazioni della rondella (Figura 3.5d):
- Deformazione della lamiera: avviene quando si collega una lamiera
molto larga senza nessun tipo di irrigidimento (Figura 3.5e).

Prove sperimentali su viti autoperforanti 85


Figura 3.5: Meccanismi di rottura dei collegamenti sollecitati a trazione
3.3 Progettazione dei collegamenti con viti autoperforanti in
accordo alla EN 1993-1-3
La progettazione dei collegamenti realizzati con viti autoperforanti
allinterno del presente lavoro, stata eseguita in accordo alla parte 1.3
dellEurocodice 3 (EN 1993-1-3 2005). La norma indica che i collegamenti
devono avere forma compatta. Inoltre, la disposizione delle viti deve essere
tale da garantire lo spazio sufficiente alle operazioni di assemblaggio e
manutenzione.
La EN 1993-1-3 fornisce le indicazioni sulla progettazione e sulla
disposizione delle viti nel collegamento, in termini di distanza dai bordi e tra
le viti stesse. Le indicazioni fornite dalla norma, secondo quanto mostrato in
Figura 3.6, sono:

d e 3
1
s (3.1)
d p 3
1
s (3.2)
d e 5 , 1
2
s (3.3)
d p 3
2
s (3.4)
3,0mm d 8,0mm (3.5)

dove:
86 Capitolo III

e
1
la distanza dal centro della vite al bordo adiacente nella
direzione del carico;
e
2
la distanza dal centro della vite al bordo adiacente nella
direzione ortogonale al carico;
p
1
il passo delle viti nella direzione del carico;
p
2
il passo delle viti nella direzione ortogonale al carico;
d il diametro nominale della vite.

Inoltre, tali indicazioni rappresentano il campo di validit dei metodi di
calcolo forniti dalla norma.


Figura 3.6: Distanze dai bordi e tra gli elementi di fissaggio (EN 1993-1-3)
3.3.1 Progetto di viti sollecitate a taglio
La resistenza di un collegamento con viti autoperforanti, sollecitato a taglio,
viene valutato, secondo la EN 1993-1-3, considerando le resistenze nei
confronti dei seguenti meccanismi di crisi:

- Resistenza a rifollamento;
- Resistenza dellarea netta;
- Resistenza a taglio della vite.

Prove sperimentali su viti autoperforanti 87

La resistenza nei confronti del rifollamento F
b,Rd
deve essere valutata
attraverso la seguente espressione:


2 ,
/
M u Rd b
dt f F o =
(3.6)

dove:

o un coefficiente che vale:

se t = t
1
d t / 2 , 3 = o ma o 2,1
se t
1
2,5t o = 2,1
se t < t
1
< 2,5 t o deve essere determinato attraverso
interpolazione lineare

t lo spessore della parte collegata o della lamiera pi sottile;
t
1
lo spessore della parte collegata o della lamiera pi spessa;
f
u
la resistenza ultima a trazione del materiale collegato;
d il diametro nominale della vite;

M2
il coefficiente parziale di sicurezza che viene assunto pari a
1,25 in accordo alle Nuove Norme Tecniche per le Costruzioni
(2008).

La resistenza dellarea netta F
n,Rd
, ovvero della sezione della lamiera
collegata al netto dei fori dovuti alla presenza delle viti, deve essere valutata
attraverso la seguente espressione:


2 ,
/
M u net Rd n
f A F =
(3.7)

dove:

A
net
larea netta della sezione trasversale della parte collegata;
f
u
la resistenza ultima a trazione del materiale collegato;

M2
il coefficiente parziale di sicurezza.

Per quanto riguarda la resistenza a taglio della vite, la EN 1993-1-3
prescrive che il valore caratteristico di tale resistenza F
v,Rk
deve essere
88 Capitolo III
valutato attraverso prove sperimentali. La resistenza di calcolo F
v,Rd
risulta
quindi pari a:


2 , ,
/
M Rk v Rd v
F F =
(3.8)

Inoltre, al fine di evitare che la crisi del collegamento avvenga secondo un
meccanismo di tipo fragile, cio per taglio della vite, la EN 1993-1-3
impone che venga soddisfatto il seguente criterio:


Rd b Rd v
F F
, ,
2 , 1 > o
Rd n Rd v
F F
, ,
2 , 1 > E
(3.9)

In definitiva la resistenza del collegamento risulta essere:

min(EF
b,Rd
; F
n,Rd
, EF
v,Rd
) (3.10)

3.3.2 Progetto di viti sollecitate a trazione
La resistenza di un collegamento con viti autoperforanti, sollecitato a
trazione, viene valutato, secondo la EN 1993-1-3, considerando le
resistenze nei confronti dei seguenti meccanismi di crisi:

- Resistenza alla penetrazione (Pull-through);
- Resistenza allestrazione (Pull-out);
- Resistenza a trazione della vite.

Le formulazioni fornite dalla norma per la valutazione della resistenza dei
collegamenti soggetti a trazione sono valide per il seguente campo di
validit:

0,5mm t 1,5mm (3.11)
t
1
0,9mm (3.12)
f
u
550MPa (3.13)

dove:

t lo spessore della parte collegata o della lamiera pi sottile;
Prove sperimentali su viti autoperforanti 89

t
1
lo spessore della parte collegata o della lamiera pi spessa;
f
u
la resistenza ultima a trazione del materiale collegato;

Nella valutazione della resistenza alla penetrazione F
v,Rd
, la norma ipotizza
che la lamiera pi sottile sia quella prossima alla testa della vite e che la
rondella possieda sufficiente rigidezza per prevenire una sua consistente
deformazione oppure la penetrazione della testa del dispositivo di
collegamento. La resistenza alla penetrazione deve essere valutata attraverso
le seguenti espressioni:

nel caso di carichi statici

2 ,
/
M u w Rd p
tf d F =
(3.14)

nel caso di viti soggette a carichi ripetuti da vento

2 ,
/ 5 , 0
M u w Rd p
tf d F =
(3.15)

dove:

d
w
il diametro della rondella o della testa della vite;
t lo spessore della parte collegata o della lamiera pi sottile;
f
u
la resistenza ultima a trazione del materiale collegato;

M2
il coefficiente parziale di sicurezza.

La resistenza allestrazione F
o,Rd
deve essere valutata attraverso le seguenti
espressioni:

se 1 /
sup
< s t

2 sup , sup ,
/ 65 , 0
M u Rd o
f dt F =
(3.16)

se 1 /
sup
> s t

2 sup , sup ,
/ 45 , 0
M u Rd o
f dt F =
(3.17)

dove:

d il diametro nominale della vite;
90 Capitolo III
t
sup
lo spessore della membratura dappoggio in cui risulta essere
fissata la vite;
f membratura dappoggio in
cui risulta essere fissata la vite;
il valore caratteristico di tale resistenza F
t,Rk
deve essere
alutato attraverso prove sperimentali. La resistenza di calcolo F
t,Rd
risulta
quindi pari a:
u,sup
la resistenza ultima a trazione della

M2
il coefficiente parziale di sicurezza.

Per quanto riguarda la resistenza a trazione della vite, la EN 1993-1-3
prescrive che
v


2 , ,
/
M Rk t Rd t
F F =
(3.18)

Inoltre, al fine di evitare che la crisi del collegamento avvenga secondo un
eccanismo di tipo fragile, cio per trazione della vite, la EN 1993-1-3
impone che venga soddisfatto il seguente criterio:
m


Rd p Rd t
F F
, ,
E > o
Rd o Rd p
F F
, ,
>
(3.19)
In definitiva la resistenza d essere:

(3.20)
istenze.
di prove consiste in 50 prove su viti autoperforanti, in

el collegamento risulta
min(F
p,Rd
; F
o,Rd
, F
t,Rd
)
3.4 Prove sperimentali su viti autoperforanti
I valori caratteristici delle resistenze a taglio e trazione delle viti
autoperforanti, secondo la EN 1993-1-3, devono essere valutati attraverso
prove sperimentali. Nel presente lavoro sono stati effettuati i calcoli
progettuali dei collegamenti che generalmente si presentano nelle strutture
in acciaio formato a freddo. Di conseguenza stato necessario effettuare una
campagna di prove sperimentali per la valutazione delle suddette res
Le prove sono state effettuate su viti autoperforanti fornite dalla Tecfi
S.p.A. ed eseguite presso il loro laboratorio sito in Pastorano (CE).
La campagna
particolare eseguendo 5 prove a taglio e 5 prove a trazione per ciascuna vite
selezionata.
Prove sperimentali su viti autoperforanti 91

e viti selezionate per essere sottoposte alle prove di taglio e trazione sono
ripo de og le
Tecfi (2009):

CH 01 42 XXX: a svasata,
CI 01 48 XXX: 4,80mm, testa cilindrica con falsa
CK 01 55 XXX:
BIM 02 55 XXX:
nitura Silver;
TX 01 63 XXX: diametro 6,30mm, vite con testa esagonale in
prima parte, costituita dalle lettere e le prime due
iaio al carbonio cementato, la vite
enti particolarmente aggressivi, in quanto il corpo in
n acciaio INOX A2 evita i problemi di corrosione, la rondella
scheda tecnica, riportata
in Appendice B, contenente le caratteristiche geometriche nominali, i valori
caratteristici delle resistenze valutati attraverso la campagna di prove e le
informazioni relative alle modalit di installazione.
L
rtate in Figura 3.7 e indicate secondo i codici l Catal o Genera
diametro 4,20mm, testa pian
autoperforante, zincata;
diametro
rondella, autoperforante, zincata;
diametro 5,50mm, testa cilindrica, autoperforante,
zincata;
diametro 5,50mm, vite bimetallo, testa esagonale
con falsa rondella, autoperforante, fi
acciaio INOX A2 con falsa rondella, con rondella
EPDM premontata, autoperforante.

Il codice indica, nella
cifre, la tipologia di vite, le due cifre successive indicano il diametro
espresso in millimetri e le ultime tre cifre indicano la lunghezza, espressa
sempre in millimetri.
Le prime tre viti dellelenco sono in acc
CH viene utilizzata, vista la configurazione della testa, per il fissaggio dei
pannelli di rivestimento ai profili in acciaio, mentre le viti CI e CK sono
utilizzate per le connessioni tra i profili.
La vite bimetallo BIM caratterizzata dalla testa ed il gambo in acciaio
INOX A2, mentre la punta in acciaio al carbonio. Tale vite viene utilizzata
per i fissaggi in ambi
acciaio inox consente di ottenere unottima resistenza alla corrosione in
ambiente salino ed acido, mentre la punta in acciaio al carbonio permette di
realizzare la foratura.
La vite TX anchessa utilizza per i fissaggi in ambienti esterni, in quanto
la testa i
sottotesta in EPDM assicura la tenuta stagna del fissaggio ed il gambo in
acciaio al carbonio rifinito in Xylan, che ritarda la formazione della
ruggine.
Per ciascuna tipologia di vite stata compilata una
92 Capitolo III

Figura 3.7: Foto delle viti selezionate
3.4.1 Macchina di prova
Le prove sono state effettuate utilizzando una macchina di prova universale
Metro Com Engineering. La macchina in grado di applicare sia carichi di
trazione che di compressione.
Il telaio della macchina costituito da viti a ricircolazione di sfere, con
chiocciole precaricate per il recupero dei giochi, da colonne temperate e
rettificate, da due traverse fisse ed una mobile, come mostrato in Figura 3.8.
L'azionamento della traversa mobile del tipo a velocit variabile con
controllo sui quattro quadranti realizzato tramite motore a bassissima
inerzia, con velocit regolabile tra 0,05 e 150 mm/min.
Le principali caratteristiche tecniche della macchina di prova sono riportate
in Tabella 3.1.

Prove sperimentali su viti autoperforanti 93


Figura 3.8: Macchina di prova
Caratteristiche Macchina di Prova

Macchina: Metro Com Engineerig 10402020
Tipo: Trazione/Compressione
Principio di funzionamento: Elettromeccanico
Carico massimo: 200 kN
Misuratore: Cella CVW20000
Indicatore: Monitor Computer
Velocit di avanzamento: 0,05-150 mm/min
Tabella 3.1: Specifiche tecniche della macchina di prova
3.4.2 Set-up ed esecuzione delle prove
Lesecuzione delle prove sperimentali sulle viti necessita lindividuazione
della configurazione del provino da sottoporre allazione della macchina. Il
provino deve essere tale che lazione applicata su di esso dalla macchina
provochi la rottura della vite secondo il meccanismo desiderato ed evitando
che possano insorgere altri meccanismi che potrebbero influenzare il
94 Capitolo III
risultato della prova. A tal proposito sono stati individuati i set-up relativi
alle prove a taglio ed a quelle a trazione.
Il set-up per le prove a taglio, come mostrato in Figura 3.9, realizzato
facendo passare la vite senza essere avvitata attraverso tre piastre forate
disposte in modo da centrare il carico sulla vite. Tali piastre hanno un foro
leggermente pi grande del diametro della vite e sono realizzati in acciaio
trattato termicamente, la cui durezza stata valutata pari a 50-55 HRC,
secondo la scala Rockwell. La scelta di utilizzare un acciaio trattato
termicamente permette di avere una maggiore resistenza evitando
linsorgere del rifollamento delle piastre. Inoltre, la superficie delle piastre
stata opportunamente levigata al fine di ridurre lattrito tra di esse e che una
componente del carico applicato venga dissipata da tale fenomeno. La vite
viene fissata alle piastre facendole forare e filettare un tassello in acciaio
S235, evitando in questo modo che la vite possa scorrere allinterno delle
piastre. I provini sono diversi al variare del diametro della vite provata, le
diverse configurazioni sono riportate in Figura 3.10.
Il provino viene posto sul piatto inferiore della macchina che attraverso il
piatto superiore applica al provino un carico di compressione con una
velocit davanzamento pari a 5mm/min. Il carico applicato dalla macchina
agente su due sezioni della vite, vista la conformazione del provino, quindi
la resistenza a taglio fornita dalla prova deve essere divisa per il numero di
sezioni resistenti.


Figura 3.9: Set-up per le prove di taglio
Prove sperimentali su viti autoperforanti 95


Figura 3.10: Particolari dei diversi set-up per le prove a taglio
96 Capitolo III
Il set-up relativo alle prove a trazione, come mostrato in Figura 3.11,
consiste nel far passare la vite in una prima piastra in acciaio trattato
termicamente, uguale a quelle utilizzate nella prova a taglio, e in
unulteriore piastra in acciaio di dimensioni maggiori, dopodich la vite
viene fissata ad un tassello in acciaio forato e filettato dalla vite stessa.
Nelloperazione di foratura e fissaggio della vite si fatto in modo che la
punta, e almeno tre filetti, si trovino al di l del tassello che ha spessore di 6-
10mm, a seconda del diametro della vite provata, che garantisce che la vite
sia ben ammorsata e che la prova non sia disturbata dal meccanismo di
estrazione della vite stessa. La prima piastra viene fatta aderire alla testa e
posizionata nella ganascia superiore della macchina. Laltra piastra, in
acciaio S235, ha spessore pari a 10-20mm, a seconda del diametro della vite
provata, e tale da evitate che si possa piegare durante la prova. La piastra
viene poi posta in corrispondenza del tassello e inserita nella ganascia
inferiore della macchina. I provini sono diversi a seconda del diametro della
vite da provare e sono riportati in dettaglio in Figura 3.12. In particolare, per
le viti TX si interposta una rondella fra la testa della vite e la piastra, in
quanto la testa di tali viti dotata di un cappuccio in acciaio inox che
potrebbe deformarsi durante la prova, inficiando i risultati. La macchina
applica al provino un carico di trazione pari a 5mm/min.


Figura 3.11: Set-up per le prove di trazione
Prove sperimentali su viti autoperforanti 97


Figura 3.12: Particolari dei diversi set-up per le prove a trazione
In Tabella 3.2 riportato il programma delle prove sperimentali eseguite.
Per ciascuna tipologia di vite sono state eseguite 5 prove, sia a taglio che a
trazione. La lunghezza delle viti ininfluente ai fini del risultato della
prova, quindi la scelta stata fatta in funzione di migliorare gli aspetti
pratici dellesecuzione della prova. Inoltre, in alcuni casi le prove sono state
effettuate su viti con testa esagonale, indicate con il codice AB, anzich
sulle viti selezionate, tenuto conto che a parit di diametro e materiale la
resistenza non varia al variare del tipo di testo. Questo per evitare che la
particolare configurazione della testa, in particolar modo nel caso di viti con
testa svasata, provochi scorrimenti o deformazioni che inficerebbero i
risultati della prova.
98 Capitolo III
I risultati di tutte le prove effettuate sulle viti autoperforanti sono riportati in
Appendice A.

PROGRAMMA DI PROVA
Tipo Prova
Tipo Vite
Diametro
[mm] Taglio Trazione
Set-up di
prova
Numero
di prove
AB 03 42 038 4,2 a 5
AB 02 04 045 4,8 b 5
AB 01 55 050 5,5 b 5
BIM 02 55 050 5,5 b 5
TX 01 63 050 6,3 c 5
CH 01 42 050 4,2 d 5
AB 02 04 070 4,8 d 5
CK 01 55 080 5,5 e 5
BIM 02 55 090 5,5 e 5
TX 01 63 150 6,3 f 5
Totale prove 50
Tabella 3.2: Programma delle prove sperimentali eseguite
3.4.3 Valutazione dei valori caratteristici della resistenza
I risultati delle prove a trazione e taglio effettuate vanno utilizzati per la
valutazione dei valori caratteristici della resistenza a taglio e a trazione, che
rappresentano lo scopo della campagna sperimentale.
I valori caratteristici della resistenza delle viti sono stati valutati in accordo
alla EN 1993-1-3. La norma permette di determinare statisticamente i valori
caratteristici nel caso di almeno 4 risultati sperimentali.
Il valore caratteristico della resistenza R
k
pu ottenersi dalla seguente
relazione:


ks R R
m k
=
(3.21)

dove:

R
m
il valore medio dei risultati sperimentali;
s lo scarto quadratico medio;
k il coefficiente appropriato al numero di risultati sperimentali.
Prove sperimentali su viti autoperforanti 99


Il coefficiente k nel caso di 5 risultati sperimentali vale 2,33.
I valori caratteristici della resistenza a taglio e a trazione cos valutati per
ciascuna tipologia di vite, sono stati inseriti, insieme ai rispettivi valori
medi, nelle schede tecniche riportate in Appendice B. Un esempio di scheda
tecnica illustrato in Tabella 3.3.

































100 Capitolo III
SCHEDA TECNICA
Codice CI 01 48 XXX
Descrizione
Vite Testa Cilindrica falsa Rondella,
impronta a croce tipo H, autoperforante.
Materiale Acciaio al Carbonio
Finitura Zincata 5 m min



Dimensioni nominali
Diametro (D) 4,80 mm
Larghezza testa (B) 11,20 mm
Altezza testa (H) 2,70 mm
Lunghezza (L) 13,00 80,00 mm
Lunghezza punta (Lp) 5,00 mm
Passo (p) 1,60 mm
Propriet meccaniche
Resistenza minima a torsione 6,9 Nm
Carico medio di rottura a trazione
(1)
12,72 kN
Carico caratteristico di rottura a trazione
(2)
12,30 kN
Carico medio di rottura a taglio
(1)
7,26 kN
Carico caratteristico di rottura a taglio
(2)
6,59 kN
Resistenza alla corrosione (UNI ISO 9227) 148h
Caratteristiche di installazione
Capacit di foratura max 5,00 mm
Spessore Massimo fissabile L 10 s
(3)
(mm)
Velocit di foratura 1800 - 2500 min
-1

(1)
Carico medio calcolato su 5 prove
(2)
Carico caratteristico calcolato su 5 prove con coefficiente k=2,33 in accordo con
prEN1993-1-3 Luglio 2005.
(3)
Spessore del supporto metallico

Tabella 3.3: Esempio di scheda tecnica di una vite autoperforante


Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 101

4. STRUMENTI PER LA PROGETTAZIONE NEI
CONFRONTI DEI CARICHI VERTICALI
La progettazione delle strutture in acciaio formato a freddo risulta essere
ancora poco familiare a progettisti e costruttori. Al fine di sviluppare una
maggiore informazione riguardo tale tecnica costruttiva e i relativi criteri di
progettazione, sono stati realizzati degli strumenti atti a facilitare
lapproccio progettuale. Tali strumenti consistono in abachi, tabelle e
istruzioni relative alla progettazione nei confronti dei carichi verticali dei
singoli elementi che costituiscono la struttura.
Gli strumenti realizzati si riferiscono alla progettazione di edifici
residenziali di piccole e medie dimensioni aventi al massimo due o tre piani.
Tali edifici sono caratterizzati da altezze di piano non superiori ai 4000mm,
la dimensione massima dei solai pari a 9600mm e con interasse degli
elementi principali pari a 600mm, ottenendo moduli di pareti e solai multipli
di tali interassi.
Nel presente capitolo sono illustrate le considerazioni relative alla
realizzazione degli abachi progettuali e tutte le informazioni e suggerimenti
necessari alla progettazione degli elementi principali delle strutture in
acciaio formato a freddo.
4.1 Principali riferimenti normativi e bibliografici
Gli abachi e le tabelle progettuali relativi agli elementi in acciaio formato a
freddo sono stati realizzati in accordo allEurocodice 3 (2005) e allAISI
(2001) nelle modalit descritte nel Capitolo II, mentre, per quanto riguarda i
pannelli in materiale a base di legno, il riferimento lEurocodice 5 (EN
1995-1-1 2004). Inoltre, si fatto riferimento alle Nuove Norme Tecniche
per le Costruzioni (D.M. 14 Gennaio 2008) per le considerazioni di
carattere generale relative a carichi e sovraccarichi, per la scelta dei
coefficienti parziali di sicurezza utilizzati nellapplicazione degli
Eurocodici, per la parte riguardante la progettazione delle strutture di
fondazione e i relativi elementi in calcestruzzo armato. A tali normative
sono state affiancate le informazioni fornite da altri riferimenti bibliografici,
quali il Prescriptive Method (NASFA 2000) e il metodo WiSH (LSK 2008),
relativi alla progettazione di edifici residenziali di piccole e medie
102 Capitolo IV
dimensioni. Nei paragrafi successivi sono brevemente illustrati tali metodi,
mentre i principali riferimenti sono riportati in Tabella 4.1.

LSK (2008), Guide WiSH Worldpack design for Steel House - mmento pour lHabitat Ossature Acier, dition
N1 - Septembre 2008, LSK (European Light Steel Construction Association), www.euro-steel.com, Liegie,
Belgium.
AISI - November 9, 2001 draft edition
North American Specification for the design of Cold-Formed Steel structural members
NASFA (2000), Prescriptive Method For Residential Cold-Formed Steel Framing, Year 2000 Edition, NASFA
(North American Steel Framing Alliance), Lexington KY, USA.
prEN 1993-1-3 - July 2005 - Ref. No. prEN 1993-1-3:2005: E
Eurocode 3: Design of steel structures - Part 1-3: General rules - Supplementary rules for cold-formed members
and sheeting.
EN 1993-1-1 - May 2005 - Ref. No. EN 1993-1-1:2005: E
Eurocode 3: Design of steel structures - Part 1-1: General rules and rules for buildings
NORMATIVE NAZIONALI
MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE - DECRETO 14 gennaio 2008
Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni.
MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI - CIRCOLARE 2 febbraio 2009, n. 617
Istruzioni per l'applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al decreto ministeriale 14
gennaio 2008.
Pastor, N., Etzenbach, C. (2008), WISH: WORPACK DESIGN FOR STEEL HOUSE The new European easy-to-
use tool for cold-formed steel building design, in Proceedings of EUROSTEEL 2008, 3-5 September 2008, Graz,
Austria.
ALTRI RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
prEN 1993-1-5 - September 2005 - Ref. No. prEN 1993-1-5:2005: E
Eurocode 3 - Design of steel structures - Part 1-5: Plated structural elements.
EN 1995-1-1 - November 2004 - Ref. No. EN 1995-1-1:2004: E
Eurocode 5: Design of timber structures - Part 1-1: General - Common rules and rules for buildings.
NORMATIVE INTERNAZIONALI

Tabella 4.1: Principali riferimenti normativi e bibliografici
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 103

4.1.1 Il Prescriptive Method (NASFA 2000)
Il Prescriptive Method for Residential Cold-Formed Steel Framing stato
sviluppato dalla North American Steel Framing Alliance (NASFA) e
fornisce le linee guida della progettazione di abitazioni di piccole e medie
dimensioni con elementi in acciaio formato a freddo. Le indicazioni del
Prescriptive Method sono fornite mediante tabelle, figure, schede ed
informazioni pertinenti alla progettazione e alla realizzazione degli edifici in
esame.
Le prescrizioni si basano essenzialmente sulle norme AISI (1996) per la
valutazione della resistenza degli elementi, mentre per la valutazione dei
carichi fa riferimento alle indicazioni dellAmerican Society of Civil
Engineers (ASCE 1993), dello Standard Building Code (SBCCI 1994),
dellUniform Building Code (ICBO 1994), del National Building Code
(BOCA 1993) e dellInternational Residential Code (ICC 2000).
Le prescrizioni fornite dal metodo fanno riferimento a piccole abitazioni
aventi precisi limiti di applicabilit:

- massimo due piani;
- dimensioni massime in pianta pari a 11m in larghezza e 18m in
lunghezza;
- pareti di altezza massima 3m;
- pendenza della copertura compresa tra 3:12 (14) e 12:12 (45);
- sbalzi non superiori a 610mm.

Le prescrizioni fanno, inoltre, riferimento a limiti in termini di carichi agenti
sulle strutture:

- massima velocit del vento pari a 49m/s e categorie di esposizione
A/B (zona urbana o boschiva) e C (campo aperto);
- massimo carico neve pari a 3,35kN/m
2
;
- massimo carico permanente del solaio pari a 0,48kN/m
2
;
- massimo carico accidentale del solaio pari a 1,92kN/m
2
per il piano
terra e 1,44kN/m
2
per i piani superiori;
- massimo carico permanente della parete pari a 0,48kN/m
2
;
- massimo carico permanente della copertura pari a 0,72kN/m
2
;
- massimo carico accidentale della copertura pari a 3,35kN/m
2
.

104 Capitolo IV
Gli elementi strutturali sono realizzati attraverso la piegatura a freddo di
lamiere di acciaio strutturale secondo i requisisti forniti dalle ASTM A653,
ASTM A792 e ASTM A875. Il Prescriptive Method riporta tutta una serie
di indicazioni relative alle dimensioni e alle caratteristiche dei profili, sulla
realizzazione e il rinforzo dei fori negli elementi e fornisce, inoltre,
informazioni sui sistemi di collegamento e sulla protezione nei confronti
della corrosione.
Il Prescriptive Method individua le strutture principali dellabitazione quali
fondazioni, solai, pareti portanti e non, e copertura. Per ciascuno di questi
fornisce indicazioni dettagliate relative agli elementi principali, ai possibili
sistemi di controventamento, alla possibilit di realizzare aperture e ai
sistemi di collegamento. Tutto ci viene ampiamente illustrato da figure
relative ai diversi particolari costruttivi. Inoltre, il metodo permette di
effettuare il dimensionamento degli elementi principali, quali travetti dei
solai, dei montanti di parete, delle piattabande, degli elementi di copertura e
dei collegamenti attraverso lutilizzo di tabelle. Il metodo tiene conto della
possibilit di poter considerare il contributo dei pannelli di rivestimento in
cartongesso e in materiali a base di legno per realizzare i controventamenti
di solai e pareti.
Inoltre, nel Prescriptive Method sono presenti indicazioni sulle modalit di
installazione degli impianti e informazioni relative allisolamento acustico,
termico e alla protezione dal fuoco.
Infine sono riportate anche le linee guida relative alla costruzione e una
guida alluso del metodo.
4.1.2 Il metodo WiSH (LSK 2008)
Il metodo WiSH (LSK 2008) stato sviluppato da ArcelorMittal e LSK
(European Light Steel Construction Association) e consiste in uno
strumento easy-to-use per la progettazione di abitazioni di piccole e medie
dimensioni.
Il metodo WiSH (Pastor, Etzenbach 2008) consiste in un manuale
contenente le regole relative alla progettazione degli edifici, in un software
online per la progettazione basato sugli Eurocodici e una libreria di dettagli
costruttivi.
Il software permette di effettuare il progetto dei diversi elementi che
costituiscono ledificio quali coperture, solai, pareti. Lutente entra con una
serie di parametri relativi ai carichi e alla geometria dellelemento da
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 105

progettare e il software esegue le principali verifiche sulla base degli
Eurocodici e fornisce la sezione del profilo appropriata e le reazioni
vincolari utili per la progettazione degli elementi successivi, il tutto
correlato dai disegni dei particolari costruttivi.
Il metodo sviluppato per piccole e medie abitazioni aventi al massimo due
piani, con la possibilit di un attico a seconda della tipologia di copertura.
La struttura principale realizzata con profili in acciaio formato a freddo
realizzati in acciaio zincato S350GD+Z, mentre i collegamenti sono
realizzati per mezzo di viti autoperforanti e bulloni.
Il metodo permette di valutare in automatico i carichi dovuti al peso proprio,
e le azioni accidentali come il carico desercizio, la neve e il vento in
accordo allEurocodice 1 e il sisma in accordo allEurocodice 8, facendo
riferimento alle Appendici Nazionali francesi e belga. I carichi possono
anche essere inseriti manualmente dallutente.
Il software svolge le verifiche allo stato limite ultimo in accordo alla parte
1.3 dellEurocodice 3 (EN1993-1-3 2005), tenendo conto dei problemi di
instabilit locale e globale, mentre, allo stato limite di esercizio, il software
effettua la verifica di deformabilit e di vibrazioni.
Per la progettazione della copertura, il metodo fornisce tre differenti
tipologie: capriata, struttura a falde con o senza mansarda e copertura piana.
Per le prime due tipologie, la pendenza delle falde pu variare da 15 a 45
e con interasse pari a 1200mm.
Anche nel caso dei solai ci sono diverse opzioni che vanno da solai leggeri
fino al caso in acciaio e soletta in calcestruzzo. I solai vengono realizzati
attraverso unorditura principale di travetti posti ad interasse 600mm e
realizzati con due profili a C disposti schiena a schiena.
Per quanto riguarda la parete, il metodo permette il progetto dei montanti,
delle piattabande e dei controventi. I montanti sono realizzati con profili a C
singoli o accoppiati e sono dimensionati sulla base dei carichi trasferiti dagli
elementi portati dalla parete forniti in automatico dal software. Le
piattabande sono realizzate con profili a C accoppiati, le dimensioni
dellapertura della piattabanda variano secondo moduli di 600mm. Il
metodo, inoltre, fornisce indicazioni relative al collegamento tra piattabanda
e montanti mediante angolari e viti. Il sistema resistente nei confronti delle
azioni orizzontali costituito da controventi concentrici ad X, realizzati con
strisce in acciaio di larghezza 150mm e spessore 1,50mm e collegate ai
montanti con viti autoperforanti. Il software effettua le verifiche dei
controventi e fornisce il numero di viti necessarie per realizzare il
collegamento.
106 Capitolo IV
Infine, oltre al software, il metodo WiSH fornisce una libreria di dettagli
costruttivi in formato Autocad e delle guide contenenti indicazioni relative
alle rifiniture, ai particolari architettonici e allisolamento termico e
acustico.
4.2 Caratteristiche dei profili e scelta ottimale delle sezioni
Gli elementi strutturali in acciaio formato a freddo, considerati nella
realizzazione degli abachi progettuali, sono realizzati con profili a C
irrigiditi singoli o accoppiati schiena a schiena. Il materiale a cui si fa
riferimento per tali profili costituito da lamiere dacciaio al carbonio di
qualit strutturale con rivestimento continuo di zinco in bagno caldo
(S350GD+Z), regolamentato attraverso la EN 10147 (2002). Le
caratteristiche meccaniche del materiale utilizzate nella valutazione degli
abachi progettuali sono riportate in Tabella 4.2.

Resistenza allo snervamento f
yb
350 N/mm
2

Resistenza ultima a trazione f
u
420 N/mm
2

Modulo di elasticit E 210000 N/mm
2

Modulo tangenziale G 80769 N/mm
2

Coefficiente di Poisson v 0,3
Tabella 4.2: Caratteristiche meccaniche dellacciaio S350GD+Z
Nei calcoli di progetto e verifica degli elementi in acciaio formato a freddo,
sono stati utilizzati i coefficienti parziali di sicurezza prescritti dal D.M. 14
Gennaio 2008 di seguito riportati:

-
M0
=1,05 per la valutazione della resistenza della sezione
considerando i fenomeni di instabilit locale e distorsionale;
-
M1
=1,05 per la valutazione della resistenza delle membrature nei
confronti dellinstabilit globale;
-
M2
=1,25 per la valutazione della resistenza a trazione delle sezioni
indebolite dai fori.

Le sezioni dei profili vengono individuate attraverso le proprie dimensioni
come anima x flangia x irrigidimento x spessore. Le dimensioni scelte per
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 107

le sezioni sono tali da soddisfare tutti i requisiti, di tipo geometrico, richiesti
dalla EN 1993-1-3.
Le altezze dellanima prese in considerazione sono 100mm e 150mm per i
profili utilizzati come montanti di parete. Tale dimensione rappresenta
lordine di grandezza dello spessore della parete e deve garantire i requisiti
per linstallazione di porte o di finestre. Mentre, per i travetti dei solai, che
rispetto ai montanti devono resistere ad importanti azioni flettenti, sono state
considerate altezze comprese tra i 150mm e i 350mm a intervalli di 50mm.
La larghezza della flangia stata considerata, sia per i montanti di parete
che per i travetti dei solai, pari a 50mm, in modo da avere una perfetta
corrispondenza tra montanti e travetti lungo lappoggio del solaio sulla
parete, garantendo il pi logico trasferimento dei carichi.
Gli spessori scelti sono compresi tra 1,0mm e 3,0mm, con variazioni di
0,5mm, al fine di evitare problemi di instabilit dellanima. Per le sezioni
aventi anima superiore ai 250mm, stato escluso lo spessore 1,0mm e,
analogamente, per la sezione con anima di 350mm stato escluso anche lo
spessore 1,5mm. Tali valori dello spessore sono nominali, cio comprensivi
del rivestimento dovuto alla zincatura, invece, lo spessore utilizzato nei
calcoli, quello del nucleo dacciaio che pu essere considerato pari allo
spessore nominale ridotto di 0,04mm come suggerito dalla EN 1993-1-3.
I profili presentano, per effetto della piegatura, spigoli arrotondati, il cui
raggio interno risulta essere 1,5 volte lo spessore del profilo.
Un discorso diverso stato fatto per le dimensioni dellirrigidimento, in
quanto, per ciascuna sezione selezionata, valutata la dimensione pi
adatta. Infatti, la scelta di tale dimensione stata effettuata sulla base di
unottimizzazione del rendimento della sezione al variare dellirrigidimento.
Il rendimento della sezione stato valutato come rapporto tra la prestazione
strutturale della sezione e il relativo costo. Il termine rappresentativo della
prestazione strutturale varia a seconda dellimpiego della sezione, infatti,
per le sezioni utilizzate come montanti di parete si fa riferimento allarea
efficace della sezione, in quanto sono essenzialmente compressi, mentre per
i travetti dei solai, essenzialmente inflessi, si considera il modulo di
resistenza della sezione efficace. Entrambi i termini sono proporzionali alla
resistenza che viene rispettivamente chiamata in causa. Mentre il termine
relativo al costo della sezione larea lorda della sezione, in quanto
proporzionale al peso e quindi al costo del profilo.
Quindi i rapporti A
eff
/A
gr
, per i montanti, e W
eff
/A
gr
, per i travetti,
rappresentano i parametri indicativi del rendimento della sezione e al
crescere di tali rapporti sar maggiore il rendimento. Per ciascuna delle
108 Capitolo IV
sezioni selezionate sono stati valutati tali rapporti al variare della
dimensione dellirrigidimento e si scelta la dimensione che massimizza il
rendimento. Tale dimensione, come da EN 1993-1-3, deve soddisfare la
seguente condizione:


6 , 0 / 2 , 0 s s b c
(4.1)

dove

c la lunghezza dellirrigidimento;
b la larghezza della flangia.

Essendo la larghezza della flangia, per tutte le sezioni selezionate, pari a
50mm, e, pertanto, rispettando tali limiti, gli irrigidimenti sono stati fatti
variare da 10 a 30mm a intervalli di 5mm. Inoltre, al fine di avere un
irrigidimento adeguato, sono stati scartate le lunghezze che non
garantiscono almeno 5mm di irrigidimento effettivo, cio al netto del
raccordo.
In Tabella 4.3 sono riportati i valori del rapporto indicativo del rendimento
della sezione al variare delle dimensioni dellirrigidimento e la dimensione
dellirrigidimento scelta per ciascuna sezione utilizzata come montante di
parete. Analogamente in Tabella 4.4 sono riportati i valori relativi alle
sezioni utilizzate come travetti.

Sezione
h x b x t 10 15 20 25 30
100x50x1,0 0,49 0,54 0,53 0,52 0,51 15
100x50x1,5 0,69 0,74 0,77 0,77 0,75 20
100x50x2,0 0,80 0,85 0,87 0,89 0,89 25
100x50x2,5 - 0,92 0,95 0,95 0,95 25
100x50x3,0 - 0,99 0,99 0,99 0,99 25
150x50x1,0 0,40 0,43 0,44 0,43 0,42 20
150x50x1,5 0,55 0,60 0,63 0,64 0,63 25
150x50x2,0 0,66 0,70 0,73 0,75 0,76 30
150x50x2,5 - 0,78 0,80 0,82 0,82 30
150x50x3,0 - 0,85 0,86 0,87 0,87 30
Sezioni Montanti di Parete - A
eff
/A
gr
Dimensione Irrigidimento [mm] Dimensione
scelta

Tabella 4.3: Dimensione dellirrigidimento per le sezioni dei montanti
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 109

Sezione
h x b x t 10 15 20 25 30
150x50x1,0 28 31 30 30 29 15
150x50x1,5 39 42 43 42 41 20
150x50x2,0 42 44 45 45 45 20
150x50x2,5 - 45 46 45 45 20
150x50x3,0 - 45 45 45 45 20
200x50x1,0 32 35 35 35 34 15
200x50x1,5 43 47 49 49 48 20
200x50x2,0 51 54 56 57 57 25
200x50x2,5 - 55 57 57 57 25
200x50x3,0 - 56 57 57 57 25
250x50x1,5 47 51 53 54 54 25
250x50x2,0 55 59 61 63 63 25
250x50x2,5 - 65 67 68 69 30
250x50x3,0 - 66 68 68 69 30
300x50x1,5 49 54 57 58 58 25
300x50x2,0 58 62 65 67 68 30
300x50x2,5 - 69 72 74 75 30
300x50x3,0 - 75 78 79 79 30
350x50x2,0 61 65 68 71 72 30
350x50x2,5 - 73 76 78 80 30
350x50x3,0 - 79 82 84 84 30
Dimensione Irrigidimento [mm] Dimensione
scelta
Sezioni Travetti Solaio - W
eff
/A
gr

Tabella 4.4: Dimensione dellirrigidimento per le sezioni dei travetti
4.3 Solaio
La tipologia di solaio considerata quella caratterizzata da unorditura
principale di travetti (joists), in acciaio formato a freddo, collegati alle
estremit per mezzo di guide di chiusura (tracks), anchesse realizzate con
profili formati a freddo. I travetti sono generalmente profili a C irrigiditi,
mentre le guide di chiusura sono profili a C non irrigiditi. Questa
intelaiatura metallica sostiene pannelli a base di legno, generalmente in
OSB, che hanno il compito di realizzare il piano calpestabile del solaio.
Tutti gli elementi strutturali possono individuarsi nellesempio di solaio
rappresentato in Figura 4.1.
110 Capitolo IV

Figura 4.1: Solaio tipo ed elementi principali (NASFA 2000)
Elementi di particolare importanza sono i profili di irrigidimento danima
(web stiffeners) e gli elementi di controventamento del solaio.
I web stiffeners sono degli elementi costituiti da un profilo in acciaio
formato a freddo il cui scopo quello di rinforzare il travetto al fine di
prevenire problemi di instabilit o danneggiamento dellanima per effetto di
azioni concentrate o di reazioni vincolari.
Il Prescriptive Method (NASFA 2000) indica che i web stiffeners vengano
realizzati con profili a C irrigiditi o elementi track aventi spessore almeno
pari a 1mm. Al fine di garantire un miglior irrigidimento dellanima, si
suggerisce di utilizzare un profilo di spessore almeno pari a quello utilizzato
per i travetti. Tali elementi vengono disposti in corrispondenza delle zone
dappoggio e collegate su uno dei due lati dellanima con almeno quattro,
viti di diametro 4,20mm, come mostrato in Figura 4.2.
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 111


Figura 4.2:Profilo di irrigidimento danima web stiffener (NASFA 2000)
Per solai di lunghezza superiore ai 2400mm, al fine di contenere i fenomeni
di instabilit latero-torsionale, le flange inferiori dei travetti vengono
collegate tra loro da una striscia in acciaio (flat strap). Queste strisce devono
avere larghezza almeno pari a 50mm e spessore almeno pari ad 1,0mm
(NASFA 2000), ma si suggerisce di assumere lo spessore pari a quello dei
travetti. Esse sono collegate alle flange inferiori dei travetti con almeno una
vite di diametro 4,20mm per ciascun travetto. Inoltre, queste strisce in
acciaio hanno le estremit collegate ai profili di bloccaggio (blocking),
elementi inseriti tra i travetti che contribuiscono allirrigidimento della
struttura nei confronti dellinstabilit laterale. I blocking sono realizzati con
profili a C di spessore almeno pari ad 1,0mm (NASFA 2000), che risulta
essere sufficiente in quanto tali elementi lavorano semplicemente a trazione.
I blocking vengono posizionati, oltre che alle estremit della striscia in
acciaio, anche lungo la striscia ogni 3600mm in direzione ortogonale ai
travetti. Il collegamento tra il blocking e la striscia realizzato con almeno
due viti di diametro 4,20mm. Invece, il collegamento tra blocking e travetti,
avviene mediante un angolare con almeno due viti di diametro 4,20 mm per
lato; le dimensioni dellangolare devono essere tali da garantire gli spazi
necessari per le operazioni di montaggio. In Figura 4.3 riportato il
particolare del controventamento del solaio attraverso luso della striscia in
acciaio e dei profili di bloccaggio.
112 Capitolo IV

Figura 4.3: Particolare del sistema di controventamento del solaio (NASFA 2000)
4.3.1 Abaco progettuale per i pannelli in OSB
I pannelli utilizzati per la realizzazione del piano del solaio sono in OSB
(Oriented Strand Board): pannelli a base di legno a scaglie orientate. In
particolare esistono diverse classi di pannelli in OSB e, nella realizzazione
dellabaco progettuale, si fatto riferimento a pannelli in OSB/3, adatti per
uso portante in ambienti umidi. Gli spessori considerati vanno da 12 a
27mm. Le propriet meccaniche di tali pannelli, utilizzate nei calcoli
strutturali necessari alla realizzazione dellabaco, sono quelle fornite da
KRONOFRANCE, valutate in accordo alla EN 789 (2004) e riportate in
Tabella 4.5.

Spessore [mm]
10-18 18-25 25-30
Densit [kN/m
3
] 6,47 6,18 6,18
Resistenza caratteristica a flessione in
direzione longitudinale f
m,y,k
[N/mm
2
]
30 27 25
Modulo di elasticit a flessione in
direzione longitudinale E
mean
[N/mm
2
]
7500 7500 7500
Tabella 4.5: Propriet meccaniche dei pannelli OSB/3
Labaco progettuale stato realizzato considerando le verifiche agli stati
limite ultimi e agli stati limite di esercizio in accordo alla EN 1995-1-1
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 113

(2004) e alle Norme Tecniche per le Costruzioni (D.M. 14 Gennaio 2008).
In tali norme le propriet resistenti del legno sono influenzate dalla durata
del carico e dallumidit. Quindi, allo stato limite ultimo, il valore di calcolo
della resistenza del materiale deve tenere conto di tali aspetti attraverso la
relazione:


M
k
d
X
k X

mod
=
(4.2)

dove:

X
k
il valore caratteristico della resistenza del materiale;

M
il coefficiente parziale di sicurezza relativo al materiale;
k
mod
un coefficiente correttivo che tiene conto delleffetto, sui
parametri di resistenza, sia della durata del carico sia
dellumidit della struttura.

Il coefficiente parziale di sicurezza utilizzato nei calcoli
M
=1,4 in
accordo alle Norme Tecniche per le Costruzioni in riferimento ai panelli di
scaglie orientate. Il coefficiente k
mod
dipende dalla classe di durata del carico
e dalla classe di servizio corrispondente allumidit della struttura. La classe
di durata del carico scelta la media, in quanto in presenza di combinazioni
appartenenti a differenti classi di durata si considera lazione di minor
durata che in questo caso corrisponde al carico variabile per gli edifici. Per
la classe di servizio, i pannelli in OSB/3 possono essere utilizzati per le
classi 1 e 2 definite dalle Norme Tecniche per le Costruzioni come segue:

- Classe di servizio 1: caratterizzata da unumidit del materiale in
equilibrio con lambiente a una temperatura di 20C e unumidit
relativa dellaria circostante che non superi il 65%, se non per poche
settimane allanno.
- Classe di servizio 2: caratterizzata da unumidit del materiale in
equilibrio con lambiente a una temperatura di 20C e unumidit
relativa dellaria circostante che superi l85% solo per poche
settimane allanno.

Sulla base di tali scelte il coefficiente k
mod
assume i valori di Tabella 4.6.

114 Capitolo IV
k
mod

Classe di
servizio 1
0,70
Classe di
servizio 2
0,55
Tabella 4.6: Valori del coefficiente k
mod
per classe media di durata del carico
Per lo stato limite ultimo, sul pannello viene effettuata una verifica di
resistenza a flessione. Tale verifica stata condotta su uno schema di carico
di trave semplicemente appoggiata (Figura 4.4), considerando una striscia di
larghezza unitaria di pannello appoggiata ai travetti e avente luce pari
allinterasse dei travetti (600mm).


Figura 4.4: Schema di calcolo per la verifica dei pannelli
Per tale schema il massimo momento flettente si ha in corrispondenza della
mezzeria e si verifica che vanga soddisfatta la seguente condizione:


1
, ,
, ,
s
d y m
d y m
f
o

(4.3)

dove:

o
m,y,d
la tensione di calcolo massima per flessione;
f
m,y,d
il valore caratteristico della resistenza del materiale valutato
seconda la (4.2).

Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 115

Nel caso in esame la f
m,y,d
la resistenza a flessione in direzione
longitudinale rispetto alle fibre del pannello.
Lo stato limite di esercizio considerato consiste nella verifica di
deformabilit. Tale verifica deve tener conto del particolare comportamento
reologico del legno e dei materiali da esso derivati, valutando sia la
deformazione istantanea w
inst
che quella a lungo termine w
fin
. Lo schema di
calcolo utilizzato sempre quello di trave semplicemente appoggiata. La
deformazione istantanea si calcola per la combinazione di carico
caratteristica (Norme Tecniche per le Costruzioni), usando il valore medio
del modulo elastico E
mean
. La deformazione a lungo termine pu essere
calcolata per la combinazione di carico quasi permanente (Norme Tecniche
per le Costruzioni) utilizzando il valore medio del modulo elastico ridotto
secondo la EN 1995-1-1:


def
mean
fin mean
k
E
E
+
=
1
,

(4.4)

Il coefficiente k
def
tiene conto dellaumento di deformabilit con il tempo
causato dalleffetto combinato della viscosit e dellumidit del materiale. I
valori di tale coefficiente sono definiti dalle Norme Tecniche per le
Costruzioni e riportati in Tabella 4.7 per i casi considerati.

k
mod

Classe di
servizio 1
1,50
Classe di
servizio 2
2,25
Tabella 4.7: Valori del coefficiente k
def
Nellabaco vengono riportati i carichi distribuiti per unit di superficie, al
netto del peso proprio del pannello, espressi in kN/m
2
corrispondenti alle
verifiche effettuate. Il carico q
u
rappresenta il carico ultimo valutato sulla
base della resistenza a flessione. I carichi q
i300
e q
i500
sono, rispettivamente, i
carichi corrispondenti agli abbassamenti istantanei l/300 e l/500, mentre i
carichi q
f150
e q
f330
sono i carichi relativi agli abbassamenti l/150 e l/500 che
tengono conto degli effetti di lungo termine. Tali carichi vengono riportati al
variare dello spessore e della classe di servizio come mostrato nellesempio
di Figura 4.5. Labaco completo riportato nellAppendice C.
116 Capitolo IV
Labaco cos strutturato si presenta come un immediato strumento di
progettazione in quanto, noti i carichi che gravano sul pannello, possibile
scegliere lo spessore in funzione del carico corrispondente allo stato limite
ultimo e del livello di deformabilit scelto, facendo riferimento alle
combinazioni di carico pertinenti.

1
(1)
2
(2)
q
u
(3)
7,92 6,21
q
i300
(4)
1,20 1,20
q
i500
(5)
0,69 0,69
q
f150
(6)
0,95 0,71
q
f300
(7)
0,44 0,32
q
u
(3)
12,41 9,73
q
i300
(4)
2,41 2,41
q
i500
(5)
1,41 1,41
q
f150
(6)
1,91 1,44
q
f300
(7)
0,91 0,68
Classe di servizio
Spessore (mm)
12
15

Figura 4.5: Esempio di abaco per la progettazione dei pannelli OSB
4.3.2 Abaco progettuale per i travetti
I travetti dei solai sono elementi in acciaio formato a freddo. Nella
compilazione dellabaco progettuale si fa riferimento alle sezioni
selezionate nel Paragrafo 4.2. Lo schema di calcolo considerato quello di
trave semplicemente appoggiata, in quanto i travetti sono poggiati e
collegati da viti autoperforanti alla guida superiore della parete sottostante.
Inoltre, i travetti devono essere allineati verticalmente con i montanti della
parete che supporta il solaio, in modo che i carichi trasferiti dal solaio alla
parete siano perfettamente centrati.
Le lunghezze dei travetti esaminate vanno da 1200 a 9600mm ad intervalli
di 1200mm, coprendo quindi una vasta gamma di configurazioni di solai. Al
fine di garantire che i carichi applicabili ai travetti, indicati negli abachi,
siano adeguati, per ciascuna lunghezza dei travetti si introduce un limite
inferiore dellaltezza dei travetti pari a L/40.
Le verifiche condotte allo stato limite ultimo sono le seguenti:

- Flessione;
- Taglio;
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 117

- Resistenza alle forze trasversali concentrate;
- Instabilit latero-torsionale.

La verifica nei confronti della flessione stata effettuata in corrispondenza
della sezione di mezzeria, quella maggiormente sollecitata, in accordo alla
EN 1993-1-3, tenendo conto dei fenomeni di instabilit locale e
distorsionale, come illustrato nel Paragrafo 2.3.
La verifica a taglio stata condotta per le sezioni di estremit in accordo
alla EN 1993-1-3, come illustrato nel Paragrafo 2.4.3.
Per quanto riguarda le verifiche nei confronti delle forze trasversali
concentrate, esse sono state condotte in corrispondenza delle zone
dappoggio, in accordo alla EN 1993-1-3, come illustrato nel Paragrafo
2.4.4. Inoltre, si tenuto conto che, quando in corrispondenza delle zone
dappoggio vengono predisposti opportuni irrigidimenti danima, quali i
web stiffeners, tale verifica pu essere trascurata.
Le verifiche nei confronti dei fenomeni di instabilit latero-torsionale sono
state eseguite in accordo alla EN 1993-1-1, come illustrato nel Paragrafo
2.5.3. In tali verifiche si considerato lelemento vincolato torsionalmente
alle estremit e sono stati previsti ulteriori ritegni torsionali intermedi per gli
elementi di lunghezza superiore ai 2400mm. Tali ritegni si ottengono
collegando le flange inferiori dei travetti attraverso strisce dacciaio e
blocking. I ritegni torsionali sono posizionati in modo che la distanza
massima tra due appoggi consecutivi non sia mai maggiore di 2400mm.
Nella compilazione dallabaco progettuale i ritegni sono disposti secondo
quanto illustrato in Figura 4.6. La valutazione del momento critico
necessario per la verifica, viene effettuata secondo la (2.60), considerando la
lunghezza di libera inflessione pari alla massima distanza tra due ritegni
torsionali consecutivi e ipotizzando landamento del momento flettente
agente costantemente pari al massimo, operando in questo modo a vantaggio
di sicurezza.

118 Capitolo IV

Figura 4.6: Disposizione dei vincoli torsionali nei travetti
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 119

Allo stato limite di esercizio sono state condotte le verifiche di deformabilit
e di controllo delle vibrazioni.
Le verifiche di deformabilit sono state condotte in accordo alla EN 1993-1-
3. La norma prevede che si debba tenere in conto degli effetti dellinstabilit
locale, facendo riferimento alle propriet delle sezioni efficaci. Di
conseguenza, le propriet della sezione devono essere considerate variabili
lungo lelemento.
Il modello utilizzato per schematizzare la variabilit della propriet della
sezione efficace lungo il travetto consiste nel discretizzare lelemento in 8
tratti di lunghezza uguale (Figura 4.7). Su ciascuno di tali tratti si considera
il momento flettente, agente per effetto della combinazione di carico
caratteristica (Norme Tecniche per le Costruzioni), costante e pari al
massimo valore nel tratto. In funzione del momento agente si valuta lo stato
tensionale sul tratto e la corrispondente sezione efficace, valutata secondo
quanto riportato nel Paragrafo 2.8. A questo punto noto il momento di
inerzia della sezione per ciascun tratto, la valutazione dellabbassamento del
travetto corrisponde a quello di una trave a sezione variabile a tratti e pu
essere effettuata attraverso la trave ausiliare di Mohr. La trave ausiliare
risulta essere sottoposta, per ciascun tratto, ad un carico fittizio pari al
rapporto tra il momento flettente M
i
, agente sul tratto i-esimo, e il prodotto
EI
eff,i
, con I
eff,i
il momento di inerzia della sezione efficace valutata per li-
esimo tratto. Risolvendo il problema della trave ausiliare si ottiene
labbassamento del travetto.


Figura 4.7: Schema considerato per la valutazione degli abbassamenti del travetto
La verifica delle vibrazioni stata condotta secondo le Norme Tecniche per
le Costruzioni, anche in questo caso bisogna far riferimento alle propriet
120 Capitolo IV
efficaci della sezione. Lelemento viene schematizzato considerando il
momento flettente, agente per effetto della combinazione di carico frequente
(Norme Tecniche per le Costruzioni), costantemente pari al massimo valore
lungo tutto il travetto. Sotto queste ipotesi, la sezione efficace risulta
ancheessa costante lungo lelemento e il corrispondente momento di inerzia
risulta il minimo. La frequenza naturale pi bassa della struttura viene
valutata attraverso la relazione:


4
min , 2
L
EI
f
eff

t = (4.5)

dove:

E il modulo di elasticit;
I
eff,min
il momento di inerzia valutato secondo lo schema descritto;
la massa distribuita corrispondente ai carichi presenti per la
combinazione di carico frequente;
L la lunghezza del travetto.

Le Norme Tecniche per le Costruzioni prescrivono che, nel caso di solai
caricati regolarmente da persone, la frequenza naturale pi bassa della
struttura del solaio non deve in generale essere minore di 3 Hz.
La Figura 4.8 mostra uno stralcio dellabaco in esame, quello completo
riportato in Appendice C. In tale abaco vengono riportati i risultati delle
verifiche effettuate sotto forma di massimo carico uniformemente distribuito
applicabile. Questi carichi sono espressi in kN/m
2
e sono al netto del peso
proprio del profilo. Il carico q
u
rappresenta il massimo carico applicabile per
le verifiche agli stati limite ultimi; in questo caso si fatta una distinzione
fra travetti rinforzati o meno da web stiffeners in corrispondenza delle
estremit. Nella casella relativa allo stato limite ultimo viene riportato il
carico considerando la presenza dei web stiffeners. Quando la verifica a
carichi concentrati, da considerare nel caso di anima non irrigidita, risulta
essere quella maggiormente penalizzante, il carico relativo a tale verifica
viene riportato tra parentesi tonde. Unulteriore considerazione stata fatta,
sono stati fissati dei requisiti minimi per il carico del solaio, pari a
1,50kN/m
2
per lo stato limite ultimo e 1,00 kN/m
2
per lo stato limite di
esercizio. Quando non sono soddisfatti tali limiti, le caselle nellabaco
restano vuote, mentre, nel caso in cui risulta soddisfatto il solo limite di
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 121

esercizio, il carico corrispondente allo stato limite ultimo viene fatto salire
portando linterasse tra i ritegni torsionale a 1200mm. Il carico
corrispondente alla nuova configurazione riportato tra parentesi quadre.
I carichi q
d,200
, q
d,250
, q
d,300
e q
d,350
sono, rispettivamente, i carichi
corrispondenti alle verifiche di deformabilit per gli abbassamenti pari a
L/200, L/250, L/300 e L/350; tali valori corrispondono ai diversi limiti
prescritti dalle Norme Tecniche per le Costruzioni per i solai in acciaio.
Quando tali verifiche non risultano essere penalizzanti, nellabaco viene
riportato il simbolo *. Nellabaco non sono indicati i carichi relativi alla
verifica delle vibrazioni, in quanto essa, per i carichi in gioco, non risulta
essere penalizzante.
Labaco cos strutturato si presenta come un immediato strumento di
progettazione e verifica, in quanto, noti i carichi che gravano sul solaio e
scelto il limite di deformabilit, possibile scegliere la sezione del profilo
pi adatta alle esigenze progettuali.

1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
q
u
(1)
48,68
(12,71)
8,49
(6,32)
5,22
(4,19)
2,07
1,30
[3,35]
(2,01)
q
d,200
(2)
* * * * 1,55
q
d,250
(3)
* * * * 1,23
q
d,300
(4)
* * 4,92 2,04 1,01
q
d,350
(5)
* * 4,21 1,74 0,86
q
u
(1)
95,91
(21,00)
13,06
(10,46)
8,11
(6,94)
3,20 2,02 1,37
q
d,200
(2)
* * * * * 1,19
q
d,250
(3)
* * 8,10 * 1,68 0,94
q
d,300
(4)
* * 6,73 2,79 1,39 0,76
q
d,350
(5)
* * 5,76 2,38 1,17 0,64
Lunghezza campata (mm)
Sezione
200x50x20x1,5
200x50x25x2,0

Figura 4.8: Esempio di abaco per la progettazione dei travetti
Nelle figure seguenti sono riportati dei grafici che mostrano linfluenza dei
diversi aspetti che influenzano la verifica dei travetti. I grafici riportano il
massimo carico uniformemente distribuito corrispondente a ciascuna
verifica effettuata al variare della lunghezza dellelemento. Dalla Figura 4.9
si evince che nel caso di sezioni basse, la verifica maggiormente
penalizzante quella nei confronti dellinstabilit latero-torsionale e che i
massimi carichi per lunghezze dellelemento superiori ai 6000mm diventano
particolarmente bassi, giustificando quindi la scelta del criterio proposto per
cui i travetti devo avere altezza minima pari a L/40. La Figura 4.10 mostra
122 Capitolo IV
invece il caso di una sezione alta ma di spessore modesto, dove si nota che
le verifiche a taglio, ma soprattutto quelle nei confronti delle forze
concentrate, sono molto influenti per lunghezze inferiori a 5000mm.
Superata tale lunghezza, la verifica maggiormente penalizzante quella nei
confronti dellinstabilit latero-torsionale. Allaumentare dello spessore del
profilo (Figura 4.11) si pu notare come linfluenza della verifica alle forze
concentrate sia rilevante solo per lunghezze fino a 3000mm, dopodich la
verifica di instabilit latero-torsionale diventa fortemente penalizzante.
Bisogna notare come, in ogni caso, linfittimento dei ritegni torsionali
comporti un notevole miglioramento della verifica di instabilit latero-
torsionale e che le verifiche di deformabilit entrano in gioco solo per le
lunghezze maggiori.

C 150x50x20x2,0
0,00
2,00
4,00
6,00
8,00
10,00
12,00
2000 3000 4000 5000 6000 7000 8000 9000 10000
L [mm]
q

[
k
N
/
m
]
McRd MbRd(1200) MbRd(2400) TbRd RwRd
def L/200 def L/250 def L/200 def L/200

Figura 4.9: Influenza delle diverse verifiche su un travetto di sezione C 150x50x20x2,0
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 123

C 300x50x25x1,5
0,00
2,00
4,00
6,00
8,00
10,00
12,00
2000 3000 4000 5000 6000 7000 8000 9000 10000
L [mm]
q

[
k
N
/
m
]
McRd MbRd(1200) MbRd(2400) TbRd RwRd
def L/200 def L/250 def L/200 def L/200

Figura 4.10: Influenza delle diverse verifiche su un travetto di sezione C 300x50x25x1,5

C 300x50x30x3,0
0,00
2,00
4,00
6,00
8,00
10,00
12,00
2000 3000 4000 5000 6000 7000 8000 9000 10000
L [mm]
q

[
k
N
/
m
]
McRd MbRd(1200) MbRd(2400) TbRd RwRd
def L/200 def L/250 def L/200 def L/200

Figura 4.11: Influenza delle diverse verifiche su un travetto di sezione C 300x50x30x3,0
124 Capitolo IV
4.4 Pareti
Le pareti sono costituite da unorditura di montanti (studs), in acciaio
formato a freddo, allineati ai travetti del solaio del piano superiore. I
montanti sono chiusi alle estremit superiori ed inferiori da guide (tracks),
anchesse realizzate con profili formati a freddo. Per i montanti interni alla
parete si utilizzano, generalmente, profili aventi sezione a C con
irrigidimenti, mentre i montanti di estremit, o in corrispondenza delle
aperture, sono realizzati utilizzando le stesse sezioni accoppiando i profili
schiena a schiena, mentre per le guide si utilizzano elementi a C senza
irrigidimenti.
La tipologia di parete considerata per la realizzazione degli abachi
progettuali, prevede che i montanti siano rivestiti da pannelli in materiale a
base di legno o in gesso.
In Figura 4.12 riportato un esempio di una parete tipo in cui sono
rappresentati i suoi elementi principali.


Figura 4.12: Parete tipo ed elementi principali (NASFA 2000)
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 125

Al fine di fornire unampia scelta di risultati, sono stati compilati pi abachi,
seguendo diversi approcci progettuali:

- All-steel senza vincoli intermedi;
- All-steel con vincoli intermedi;
- Sheathing-braced.

Per ognuno di tali approcci stato compilato un abaco per i montanti singoli
e un altro per i montanti accoppiati.
Negli abachi progettuali sono state esaminate le altezze 2400, 2700, 3000 e
4000mm, che rappresentano i valori tipici delle altezze di interpiano degli
edifici a cui si fa riferimento. Labaco, inoltre, stato compilato per
montanti posti ad interasse pari a 600mm. Le sezioni scelte sono quelle
indicate nel Paragrafo 4.2. Lo schema di calcolo corrispondente ai montanti
quello di colonna semplicemente appoggiata alle estremit (Figura 4.13).
In testa al montante grava lazione dovuta allo scarico P del travetto del
solaio sovrastante, con montante e travetto perfettamente allineati. Il peso
proprio della parete q
pp
, corrispondente ad unarea di influenza pari
allinterasse dei montanti, distribuito lungo lelemento. Infine, c lazione
del vento q
v
, agente in direzione ortogonale alla parete.


Figura 4.13: Schema di calcolo del montante
126 Capitolo IV
I valori del carico dovuto al peso proprio della parete sono stati scelti sulla
base di analisi dei carichi per diverse configurazioni di parete (Vozza 2007)
e sono pari a 0,30, 0,60, 0,90 e 1,20kN/m
2
. I valori della pressione del vento
considerati sono 0,25, 0,50, 0,75 e 1,00kN/m
2
, scelti in modo da coprire
lintero campo dei carichi da vento valutati attraverso le Norme Tecniche
per le Costruzioni, ai quali si aggiunge anche il valore nullo corrispondente
al caso di pareti interne, su cui non grava lazione del vento.
Gli abachi progettuali compilati forniscono il valore del massimo carico in
testa al montante, per ciascuna delle sezioni selezionate, al variare
dellaltezza del montante e dei carichi dovuti al peso proprio della parete e
allazione del vento.
Uno stralcio dellabaco tipo per i montanti illustrato in Figura 4.14, mentre
gli abachi completi corrispondenti ai diversi approcci sono riportati in
Appendice C.
Nei successivi paragrafi sono illustrate tutte le considerazioni e le verifiche
effettuate per la compilazione degli abachi progettuali relativi ai differenti
approcci considerati.

Altezza montante (mm)
Peso proprio parete (kN/m
2
) 0,30 0,60 0,90 1,20 0,30 0,60 0,90 1,20
0,00 11,91 11,47 11,04 10,61 9,89 9,40 8,92 8,43
0,25 10,00 9,79 9,57 9,36 7,66 7,42 7,17 6,93
0,50 8,28 8,06 7,85 7,63 5,74 5,49 5,25 5,01
0,75 6,77 6,55 6,34 6,12 4,09 3,84 3,60 3,35
1,00 5,42 5,20 4,98 4,77 2,60 2,36 2,12 1,88
0,00 22,98 22,55 22,12 21,69 19,38 18,89 18,41 17,92
0,25 21,07 20,85 20,64 20,42 17,08 16,84 16,59 16,35
0,50 19,17 18,95 18,74 18,52 14,88 14,64 14,39 14,15
0,75 17,43 17,21 17,00 16,78 12,89 12,65 12,40 12,16
1,00 15,81 15,59 15,37 15,16 11,05 10,83 10,57 10,32
2700 2400
100x50x15x1,0
100x50x20x1,5

Figura 4.14: Esempio di abaco per la progettazione dei montanti
4.4.1 Abaco per la progettazione dei montanti con lapproccio
All-steel senza vincoli intermedi
Nellapproccio All-steel senza vincoli intermedi, la resistenza del montante
dipende esclusivamente dal montante stesso, ipotizzato isolato, e si
trascurano gli effetti dovuti alla presenza dei pannelli di rivestimento.
Il montante per lo schema ipotizzato, nel caso di sezione singola, risulta
essere un elemento soggetto a pressoflessione deviata, in quanto risulta
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 127

essere caricato assialmente dallo scarico del travetto sovrastante e dal peso
proprio della parete. Lazione del vento genera una flessione nel piano
ortogonale alla parete e poi c una flessione aggiuntiva nel piano della
parete stessa dovuto alleccentricit della sezione efficace.
Le verifiche effettuate, allo stato limite ultimo, per la realizzazione
dellabaco progettuale consistono in una verifica di resistenza a
pressoflessione e in una verifica di stabilit del montante.
La verifica di resistenza deve tener conto dei fenomeni di instabilit locale e
distorsionale che incombono per la natura della sezione in acciaio formato a
freddo. Tale verifica stata condotta in accordo alla EN 1993-1-3, come
specificato nel Paragrafo 2.4.5.
La verifica nei confronti dellinstabilit accoppiata tiene conto della
possibilit che il montante si possa instabilizzare per effetto dei fenomeni di
instabilit flessionale, flesso-torsionale e latero-torsionale. La valutazione di
tali fenomeni stata effettuata in accordo alle EN 1993-1-3 e EN 1993-1-1,
considerando lasta incernierata alle estremit in entrambe le direzioni, di
conseguenza la lunghezza di libera inflessione corrisponde allaltezza del
montante per ciascun fenomeno di instabilit globale. Nella valutazione dei
fenomeni di instabilit latero-torsionale, il momento critico stato valutato
attraverso la (2.60), correggendo tale valore, per andamento parabolico del
momento flettente, con il coefficiente C
1
=1,13 (Ballio, Mazzolani 1987).
Infine, la verifica nei confronti dellinstabilit accoppiata stata effettuata
attraverso il metodo 1 fornito dalla EN 1993-1-1, come descritto nel
Paragrafo 2.5.4 attraverso le (2.62) e (2.63). Tale metodo tende a non
considerare gli effetti dellinstabilit torsionale o flesso-torsionale, fenomeni
spesso penalizzati per le verifiche dei profili formati a freddo. Al fine di
considerare tale aspetto, si corretto il criterio fornito dalla norma,
considerando nella (2.63) in luogo del coefficiente correttivo _
z
,
corrispondente allinstabilit flessionale secondo lasse z, il coefficiente
correttivo pi basso tra _
z
e il coefficiente correttivo relativo allinstabilit
torsionale _
T
.
Nel caso di montanti realizzati con profili accoppiati, lelemento risulta
essere soggetto a pressoflessione semplice in quanto, a differenza del caso
precedente, essendo la sezione doppiamente simmetrica non c eccentricit
tra il baricentro della sezione lorda e quello della sezione efficace. Quindi
sono presenti solo le azioni assiali dovute allo scarico del travetto del solaio
sovrastante, del peso proprio della parete e il momento flettente dovuto
allazione del vento ortogonale alla parete.
128 Capitolo IV
Le verifiche eseguite ai fini della compilazione dellabaco sono
sostanzialmente le stesse del caso precedente. I profili accoppiati sono
collegati tra loro attraverso viti autoperforanti. Nel caso di instabilit
flessionale rispetto allasse z, tali collegamenti vengono chiamati in causa e
la snellezza deve tenere in conto di ci, infatti nei calcoli si considera la
snellezza, rispetto allasse z, in accordo alle prescrizioni dellAISI (2001)
descritte nel Paragrafo 2.7, considerando la spaziatura delle connessioni pari
a 600mm. Il collegamento tra i due profili va quindi effettuato lungo il
montante attraverso due viti di diametro 4,20mm ogni 600mm, ad una
distanza di almeno 5mm dallirrigidimento, al fine di garantire lo spazio
adeguato per le operazioni di montaggio. In corrispondenza delle estremit
del montante si infittiscono i collegamenti, la spaziatura diventa pari a
15mm per una lunghezza pari a 1,5 volte la massima larghezza della
sezione, cio pari alla dimensione dellanima dei profili collegati.
Altra differenza con il caso della sezione semplice sta nella verifica
dellinstabilit a pressoflessione, dove viene utilizzata la (2.61), ovvero il
criterio proposto dalla EN 1993-1-3.
4.4.2 Abaco per la progettazione dei montanti con lapproccio
All-steel con vincoli intermedi
Anche lapproccio All-steel con vincoli intermedi considera il solo
contributo dellacciaio, ma in questo caso si predispongono degli elementi
atti a migliorare il comportamento laterale dei montanti.
I vincoli intermedi vengono realizzati collegando tra loro le flange dei
montanti della parete attraverso una striscia in acciaio (Flat strap). Tale
striscia viene predisposta a met altezza del montante e deve avere
larghezza pari a 50mm e spessore pari ad almeno 1,0mm (NASFA 2000),
ma si suggerisce di utilizzare uno spessore almeno pari a quello dei
montanti che costituiscono la parete. La striscia deve essere fissata con
almeno una vite autoperforante di diametro 4,20mm per ciascun montante
(Figura 4.15). Inoltre, in corrispondenza delle estremit della striscia tra i
due montanti terminali e ogni 3600mm lungo la striscia, vengono
predisposti dei profili di bloccaggio (blocking). Per tali elementi si
utilizzano profili a C di spessore almeno pari a 1,0mm. La striscia e i profili
di bloccaggio devono essere collegati tra loro da almeno due viti di diametro
4,20mm.
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 129

Lintroduzione di questi vincoli fornisce alla parete un effetto
controventante, migliorando il comportamento dei montanti nei confronti
delle instabilit nel piano della parete e incrementandone la resistenza.
Infatti, le verifiche condotte per la compilazione dei due abachi relativi a
questo approccio progettuale risultano essere identiche al caso senza vincoli
intermedi. Lunica differenza sta nel tener conto delleffetto dei vincoli
introdotti considerando la lunghezza di libera inflessione per i modi di
instabilit nel piano, flessionale rispetto a z, torsionale e latero-torsionale,
pari a met altezza del montante.

Figura 4.15: Vincolo intermedio per il controventamento dei montanti (NASFA 2000)
4.4.3 Abaco per la progettazione dei montanti con lapproccio
Sheathing-braced
Lapproccio Sheathing-braced considera la presenza dei pannelli di
rivestimento collaborante ai fini della valutazione della resistenza del
montante.
Il montante soggetto allo sforzo assiale dello scarico del travetto del solaio
sovrastante, del peso proprio della parete e al momento flettente dovuto
allazione del vento ortogonalmente alla parete.
130 Capitolo IV
La valutazione della resistenza dei montanti, ai fini della compilazione
dellabaco, stata effettuata in accordo alla norma AISI (2001), come
descritto nel Paragrafo 2.6. Gli effetti dellinstabilit locale sono stati
valutati in accordo alla sezione B della norma AISI; nel caso di montante
costituito da un singolo profilo si trascurato leffetto delleccentrit della
sezione efficace. Le verifiche sono state eseguite con il metodo LRFD,
corrispondente allo stato limite ultimo, con coefficienti di sicurezza |
c
=0,80
per la resistenza a compressione e |
b
=0,90 per la resistenza a flessione, in
accordo con la norma AISI.
Le sezioni riportate negli abachi progettuali sono quelle di spessore inferiore
a 2,0mm di Paragrafo 4.2, in quanto lapplicabilit della norma prevede
delle limitazioni sulla geometria della sezione.
I pannelli di rivestimento sono, su entrambi i lati della parete, dello stesso
materiale. I pannelli considerati sono in cartongesso o in materiale a base di
legno. I pannelli in cartongesso sono caratterizzati dai parametri
0
Q =107,0kN/m
2
e =0,008, in accordo alla norma AISI, mentre il
materiale a base di legno quello indicato dalla norma come Fiberboard
(heavy impregnated), e i parametri corrispondenti sono
0
Q =64,1kN/m
2
e
=0,010.
Per ciascun materiale sono stati compilati due abachi progettuali uno per il
montante singolo e un altro per il montante accoppiato. Nel caso di
montante accoppiato, valgono le stesse prescrizioni sui collegamenti
riportate nel Paragrafo 4.4.1.
Gli abachi progettuali possono essere utilizzati anche nel caso di pannelli di
materiale diverso sui due lati, scegliendo il valore pi basso, tra quelli letti
sugli abachi, corrispondenti ai due materiali scelti.
4.5 Aperture
La realizzazione delle aperture, allinterno di una parete portante, avviene
predisponendo una serie di elementi capaci di trasferire i carichi, che in
assenza dellapertura sarebbero stati portati dalle pareti. Tali elementi sono
tutti realizzati con profili in acciaio formato a freddo.
Lelemento principale che porta i carichi trasferiti dal solaio la piattabanda
(header), che sostenuta da un sistema di montanti denominati jack e king
(NASFA 2000). I montanti jack sostengono inferiormente la piattabanda,
facendone da appoggio, essi non sono a tuttaltezza ma si fermano al di
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 131

sotto della piattabanda. I montanti king, invece, hanno altezza pari a quella
della parete e portano i carichi orizzontali ortogonali alla parete agenti sulla
piattabanda. Tali carichi vengono trasferiti al king attraverso un
collegamento realizzato con due angolari e viti autoperforanti. Inoltre, si
inseriscono dei montanti corti (cripple stud) tra la piattabanda e larchitrave
della finestra e tra il davanzale della finestra e la guida inferiore della parete.
Tali elementi garantiscono un sostegno per i pannelli di rivestimento e
vengono realizzati con gli stessi profili dei montanti adiacenti (NAHB
1997).
In Figura 4.16 vengono illustrati gli elementi necessari alla realizzazione di
unapertura allinterno di una parete portante.
Gli abachi progettuali proposti, riportati nellAppendice C, fanno
riferimento alla progettazione della piattabanda e al dimensionamento dei
jack e king, inoltre vengono fornite delle prescrizioni relative ai sistemi di
collegamento tra gli elementi.
I paragrafi successivi illustrano gli approcci e le considerazioni relative alla
compilazione degli abachi.


Figura 4.16: Particolare degli elementi che costituiscono lapertura (NASFA 2000)
132 Capitolo IV
4.5.1 Abaco per la progettazione della piattabanda
La piattabanda considerata per la compilazione dellabaco realizzata
attraverso due profili a C irrigiditi accoppiati schiena a schiena. Lo
schema di calcolo considerato quello di trave semplicemente appoggiata e
le sezioni considerate sono quelle indicate nel Paragrafo 4.2 per i montanti
del solaio.
Le dimensioni della piattabanda investigate vanno da 1200 a 6000mm con
passo di 600mm.
Le azioni che gravano sulla piattabanda sono gli scarichi dei travetti del
solaio sovrastante lapertura e lazione del vento ortogonale alla parete e
agente sullapertura stessa. Di conseguenza, sullo schema di trave
semplicemente appoggiata ci saranno, in direzione verticale, tante azioni
concentrate, ogni 600mm, quanti sono i travetti soprastanti, mentre, in
direzione orizzontale, agisce la pressione del vento come un carico
uniformemente distribuito.
Labaco progettuale fornisce il massimo scarico che il singolo travetto pu
trasferire alla piattabanda sia allo stato limite ultimo al variare della
pressione del vento, sia allo stato limite di deformabilit.
I carichi dovuti allazione del vento fanno riferimento ai valori gi indicati
per le pareti e sono pari a 0,00, 0,25, 0,50, 0,75 e 1,00kN/m
2
. Nei calcoli il
vento viene considerato agente lungo la piattabanda per un fascia di altezza
pari a 1500mm.
Le verifiche condotte allo stato limite ultimo sono le seguenti:

- Flessione deviata;
- Azione combinata di momento flettente e forze trasversali
concentrate;
- Taglio;
- Resistenza alle forze concentrate.

Nelle verifiche condotte, il peso proprio dellelemento stato trascurato. La
piattabanda risulta essere soggetta a flessione deviata a causa delle azioni
concentrate dei travetti in direzione verticale e al carico distribuito dovuto al
vento in direzione orizzontale. La verifica nei confronti di tale sollecitazione
stata effettuata in corrispondenza della mezzeria dellelemento, secondo
quanto descritto nel Paragrafo 2.4.5, considerando gli effetti dellinstabilit
locale e distorsionale, in accordo alla EN 1993-1-3.
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 133

Gli scarichi dei travetti rappresentano delle azioni concentrate sulle flange
superiori della piattabanda. necessario quindi effettuare una verifica nei
confronti dellazione combinata tra momento flettente e forze traversali
concentrate. Tale verifica stata condotta in corrispondenza della sezione in
cui presente lazione concentrata e il massimo momento flettente secondo
lasse y. La verifica stata effettuata secondo quanto descritto nel paragrafo
2.4.6 in accordo alla EN 1993-1-3.
La verifica a taglio stata condotta per le sezioni di estremit in accordo
alla EN 1993-1-3, come illustrato nel Paragrafo 2.4.3.
Ulteriori verifiche nei confronti delle forze trasversali concentrate sono state
condotte in corrispondenza delle zone dappoggio a causa della presenza
delle reazioni vincolari, in accordo alla EN 1993-1-3, come illustrato nel
Paragrafo 2.4.4.
Per quanto riguarda gli stati limite di esercizio, la valutazione della
deformabilit stata effettuata considerando la stessa schematizzazione
utilizzata per i travetti del solaio; in questo caso le azioni sono concentrate e
non distribuite. I limiti di deformabilit scelti sono L/400 e L/500, valori che
corrispondono ai casi pi restrittivi delle Norme Tecniche per le
Costruzioni, in quanto eccessivi abbassamenti della piattabanda potrebbero
inficiare il corretto funzionamento dellapertura.
Nellabaco progettuale, di cui uno stralcio riportato in Figura 4.17, sono
indicati con F
u,00
, F
u,25
, F
u,50
, F
u,75
e F
u,100
i valori del massimo carico
trasferibile dal travetto espresso in kN per le verifiche allo stato limite
ultimo al variare della pressione del vento, e con F
d,400
e F
d,500
i carichi
corrispondenti ai limiti di deformabilit L/400 e L/500.
I profili che costituiscono la piattabanda sono disposti schiena a schiena e
collegati tra loro mediante viti autoperforanti. La valutazione della
spaziatura delle viti lungo lelemento stata valutata in base ai criteri forniti
dalla norma AISI (2001) e descritti nel Paragrafo 2.7. Sulla base di tali
criteri, si suggerisce di effettuare il collegamento utilizzando due viti di
diametro almeno 4,20mm disposte ad una distanza di 5mm
dallirrigidimento, con una spaziatura pari a L/6 e comunque sempre
inferiore a 600mm.
Labaco cos strutturato si presenta come un immediato strumento di
progettazione e verifica in quanto, note le azioni che gravano sulla
piattabanda e scelto il limite di deformabilit, possibile individuare la
sezione del profilo pi adatta alle esigenze progettuali.

134 Capitolo IV
1200 1800 2400 3000 3600 4200 4800 5400 6000
F
u,00
(1)
8,18 6,01 3,92 2,91 2,01 1,51 1,13 0,91 0,72
F
u,25
(2)
8,18 6,01 3,70 2,16 1,18 0,66 0,30 0,07 -
F
u,50
(3)
8,18 6,01 2,87 1,29 0,36 - - - -
F
u,75
(4)
8,18 6,01 2,05 0,43 - - - - -
F
u,100
(5)
8,18 5,33 1,22 - - - - - -
F
d,400
(6)
* * 2,91 1,54 0,89 0,56 0,37 0,26 0,19
F
d,500
(7)
* 5,87 2,38 1,25 0,71 0,45 0,30 0,21 0,15
F
u,00
(1)
16,69 12,47 8,29 6,21 4,39 3,30 2,47 1,98 1,58
F
u,25
(2)
16,69 12,47 8,29 5,69 3,52 2,41 1,60 1,10 0,71
F
u,50
(3)
16,69 12,47 8,15 4,78 2,66 1,52 0,73 0,22 -
F
u,75
(4)
16,69 12,47 7,28 3,87 1,79 0,63 - - -
F
u,100
(5)
16,69 12,47 6,41 2,97 0,92 - - - -
F
d,400
(6)
* 12,05 4,72 2,44 1,38 0,88 0,57 0,41 0,30
F
d,500
(7)
* 9,64 3,78 1,95 1,11 0,70 0,46 0,33 0,24
Lunghezza campata (mm)
2x150x50x20x1,5
Sezione
2x150x50x15x1,0

Figura 4.17: Esempio di abaco per la progettazione delle piattabande
4.5.2 Abaco per la progettazione dei montanti di sostegno delle
piattabande
I montanti di sostegno delle piattabande (jack e king) hanno il compito di
portare le azioni trasferite dalla piattabanda. Questi elementi devono essere
realizzati con profili aventi la stessa sezione dei montanti di parete adiacenti
(NASFA 2000).
Gli abachi progettuali proposti forniscono al variare della luce dellapertura
e dei carichi da vento, il numero di elementi necessari, come mostrato nello
stralcio di Figura 4.18.
Lelemento jack non si sviluppa lungo tutta laltezza del profilo ma termina
direttamente sotto la piattabanda, facendole da appoggio. Di conseguenza in
testa al jack agisce lo scarico delle azioni verticali sulla piattabanda, oltre
che al peso proprio relativo a met larghezza dellapertura. Lelemento
risulta, quindi, semplicemente compresso. La valutazione del numero di
jack necessari stata eseguita sulla base di verifiche analoghe ai montanti di
parete, effettuando i calcoli per altezza dellelemento pari a 2400mm e peso
unitario dellapertura pari a 1,20kN/m
2
. I risultati cos ottenuti sono
considerati validi anche per le altre configurazioni di parete.
Lelemento king si sviluppa per tutta laltezza della parete ed collegato alla
piattabanda attraverso due angolari mediante viti. Il king stato considerato
sollecitato in testa dallo scarico del travetto e lungo lelemento dallazione
del vento corrispondente ad una fascia relativa a met larghezza
dellapertura e met interasse della parete adiacente. Lazione del vento
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 135

viene trasferita dal collegamento con la piattabanda e dal pannello fissato
allelemento. Anche in questo caso la valutazione del numero di king
necessari stata eseguita sulla base di verifiche analoghe ai montanti di
parete, effettuando i calcoli per altezza dellelemento pari a 3000mm e peso
unitario dellapertura pari a 1,20kN/m
2
. I risultati cos ottenuti sono
considerati validi anche per le altre configurazioni di parete

1200 1800 2400 3000 3600 4200 4800 5400 6000
0,00 1J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 3J-1K 3J-1K
0,25 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K
0,50 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K
0,75 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-3K 2J-3K 2J-3K
1,00 1J-2K 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-3K 2J-3K 2J-3K
0,00 1J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 3J-1K
0,25 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K
0,50 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K
0,75 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K
1,00 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K
Larghezza apertura (mm)
100x50x15x1,0
100x50x20x1,5

Figura 4.18: Esempio di abaco per la scelta di jack e king
4.5.3 Prescrizioni relative ai collegamenti
Il collegamento tra la piattabanda e il king realizzato attraverso due
angolari che collegano lanima dei profili che costituiscono la piattabanda
allanima del king attraverso luso di viti autoperforanti. Gli angolari hanno
lo stesso spessore dei profili della piattabanda, entrambi i lati sono larghi
50mm e laltezza pari a quella della piattabanda meno due volte la
dimensione dellirrigidimento e meno ulteriori 10mm, in modo da garantire
lo spazio necessario alle operazioni di montaggio.
Il collegamento viene effettuato per mezzo di viti autoperforanti di diametro
4,20mm, disponendone almeno 4 per ciascun lato degli angolari e
posizionate in modo da garantire i limiti geometrici previsti dalla EN 1993-
1-3.
Tale collegamento deve essere in grado di trasferire lazione del vento,
uniformemente distribuito, agente sulla piattabanda allelemento king. La
verifica del collegamento, anche nella condizione pi sfavorevole, ovvero
con la fila di viti che collegano gli angolari alla piattabanda soggetta ad una
trazione pari alla forza agente sul collegamento e con tale forza interamente
trasferita a taglio su di una sola fila che collega langolare al king, risulta
essere comunque soddisfatta. Quindi le indicazioni suggerite sono valide per
136 Capitolo IV
ciascuna delle configurazioni di apertura considerate. I calcoli progettuali
sono stati eseguiti in accordo alla EN 1993-1-3 e considerando i risultati
sperimentali riportati nel Capitolo 3.
4.6 Fondazioni
Labaco relativo alla progettazione delle fondazioni fa riferimento al caso di
travi di fondazione in calcestruzzo armato gettate in opera. La trave deve
essere in grado di trasferire al terreno i carichi provenienti dalla parete
sovrastante. Il collegamento tra parete e struttura di fondazione avviene per
mezzo di opportuni sistemi ancoranti. La trave di fondazione risulta, quindi,
soggetta al carico uniformemente distribuito trasferito dalla parete.
Labaco viene compilato in base alle verifiche di collasso per carico limite
del complesso fondazione-terreno e di resistenza degli elementi strutturali.
La verifica nei confronti del collasso per carico limite viene effettuata
considerando la fondazione di lunghezza indefinita. Il valore del carico
limite ultimo stato valutato per tre diverse qualit di sabbia secondo
lApproccio 2, come specificato nelle Norme Tecniche per le costruzioni.
Dai risultati di questanalisi si sono individuati dei valori di riferimento per
il carico limite ultimo pari a 0,10, 0,20, 0,30, 0,40 e 0,50N/mm
2
; tali valori
vengono poi confrontati con il carico trasferito dalla trave al piano di posa.
Per la verifica degli elementi strutturali, le sollecitazioni dovute
allinterazione terreno-fondazione sono state valutate attraverso il metodo di
Knig e Sherif (1975), assumendo come modello di sottosuolo uno strato
elastico di spessore finito, poggiante su di un substrato indeformabile. Il
problema viene risolto con un procedimento di discretizzazione
appartenente alla famiglia dei metodi agli elementi finiti (Viggiani 1999).
Nella pratica, la trave di fondazione stata discretizzata in 20 parti,
considerando lo spessore dello strato deformabile pari alla larghezza della
fondazione (H/B=1) e il terreno caratterizzato da un modulo edometrico pari
a 50N/mm
2
.
Per la trave di fondazione sono state scelte tre configurazioni corrispondenti
alle sezioni 50x50cm, 75x50cm e 100x50cm, le cui caratteristiche
geometriche e delle armature sono riportate in Figura 4.19.
Strumenti per la progettazione nei confronti dei carichi verticali 137


Figura 4.19: Caratteristiche delle sezioni delle travi di fondazione
La trave stata ipotizzata in classe di esposizione e durabilit XC2,
corrispondente al caso di corrosione indotta da carbonatazione in ambiente
bagnato, raramente asciutto, in accordo alle UNI EN 206-1 e UNI 11104.
Tali norme prescrivono che in simili condizioni la classe minima di
calcestruzzo da utilizzare la C25/30, caratterizzata dalle propriet riportate
in Tabella 4.8, in accordo alle Norme Tecniche per le Costruzioni. Le barre
darmatura sono in acciaio B450C, le cui propriet sono riportate in Tabella
4.9.

Resistenza caratteristica cilindrica a
compressione f
ck

25 N/mm
2

Resistenza caratteristica cubica a
compressione R
ck

30 N/mm
2

Resistenza a compressione media
f
cm

33 N/mm
2

Resistenza di calcolo a
compressione f
cd

14,20 N/mm
2

Resistenza a trazione media f
ctm
2,56 N/mm
2

Modulo elastico a compressione E
cm
31476 N/mm
2

Coefficiente parziale di sicurezza
c
1,5
Tabella 4.8: Caratteristiche del calcestruzzo C25/30
138 Capitolo IV

Tensione caratteristica di
snervamento f
yk

450 N/mm
2

Tensione caratteristica di rottura f
tk
540 N/mm
2

Resistenza di calcolo riferita alla
tensione di snervamento f
yd

391 N/mm
2

Modulo elastico E
s
210000 N/mm
2

Coefficiente parziale di sicurezza
s
1,15
Tabella 4.9: Caratteristiche dellacciaio B450C
Sulla base delle sollecitazioni valutate secondo il metodo di Knig e Sherif,
la trave stata verificata per la resistenza a flessione e a taglio allo stato
limite ultimo, in accordo alle Norme Tecniche per le costruzioni. Allo stato
limite di esercizio sono state eseguite la verifica delle tensioni di esercizio e
la verifica di fessurazione. Questultima stata eseguita facendo riferimento
allo stato limite di apertura delle fessure, nel caso di condizione ambientale
ordinaria e armatura poco sensibile, in accordo alle Norme Tecniche per le
Costruzioni e alle Istruzioni NTC (Circolare n.672, 2 Febbraio 2009).
Dai risultati di tali analisi si osservato che le verifiche sulla trave sono
poco influenti ai fini del dimensionamento della fondazione, di conseguenza
labaco progettuale proposto e riportato in Figura 4.20 fornisce il massimo
carico uniformemente distribuito in kN/m
2
applicabile alla trave in
corrispondenza delle diverse sezioni ipotizzate e del valore del carico limite
ultimo.

Sezione trave BxH (mm) 0,10 0,20 0,30 0,40 0,50
50x50 41,88 91,88 141,88 191,88 241,88
75x50 62,81 137,81 212,81 287,81 362,81
100x50 83,75 183,75 283,75 383,75 483,75
Carico Limite (N/mm
2
)

Figura 4.20: Esempio di abaco per la progettazione delle fondazioni



Strumenti per la progettazione sismica 139

5. STRUMENTI PER LA PROGETTAZIONE SISMICA
Il comportamento degli edifici realizzati con struttura in acciaio formato a
freddo e rivestita con pannelli SCFS fortemente influenzato dalla risposta
delle pareti che si comportano come elementi resistenti a taglio.
Nel presente capitolo sono riportati i criteri con cui si effettua la valutazione
della risposta di pareti a taglio in SCFS in condizioni sia cicliche che
monotone. Inoltre, sono riportati i risultati di analisi dinamiche incrementali
eseguite su molteplici configurazioni di parete e strumenti progettuali
sottoforma di nomogrammi per lesecuzione dellanalisi dinamica lineare.
5.1 Valutazione della risposta monotona
La risposta monotona a taglio di una parete costituita da profili formati a
freddo e pannelli dipende dal comportamento dei componenti strutturali che
la compongono: lintelaiatura in acciaio, i pannelli di rivestimento, le
connessioni tra pannelli e intelaiatura e il collegamento in fondazione
mediante hold-down. Ci significa che la resistenza della parete corrisponde
alla resistenza associata al pi debole meccanismo di collasso relativo agli
elementi strutturali costituenti la parete. Diverse ricerche hanno dimostrato
che il comportamento migliore si ha quando si sviluppa il meccanismo di
collasso dovuto alle connessioni. In maniera analoga, la deformazione della
parete dipende dai singoli contributi di deformazione relativi alle diverse
componenti strutturali e lo spostamento in testa alla parete pu essere
valutato come somma dei diversi contributi:


stud HD taglio conn
d d d d d + + + =
(5.1)

dove:

d lo spostamento della parete;
d
conn
lo spostamento dovuto alle connessioni;
d
taglio
lo spostamento dovuto alla deformabilit a taglio del pannello;
d
HD
lo spostamento dovuto alla deformabilit degli hold-down;
d
stud
lo spostamento dovuto alla deformabilit dei montanti (studs)

140 Capitolo V
Per la valutazione di d
stud
la parete viene schematizzata come una mensola
avente sezione trasversale pari a quella dei montanti di estremit, per cui:


2
3
3
2
EAL
FH
d
stud
= (5.2)

dove:

E il modulo di elasticit dellacciaio;
A larea complessiva della sezione trasversale dei montanti di
estremit;
F la forza laterale;
H laltezza della parete;
L la larghezza della parete.

Lo spostamento laterale d
taglio
, dovuto alla deformabilit a taglio dei
pannelli, stato ottenuto utilizzando la relazione per la deformazione a
taglio di una lastra sottile caricata ai bordi:


b Gt
FH
d
p
taglio
=
(5.3)

dove:

G il modulo di elasticit tangenziale del materiale costituente il
pannello;
b la larghezza del pannello;
t
p
lo spessore del pannello.

Lo spostamento laterale d
HD
dovuto alla deformabilit degli hold-down
stato ottenuto dalla relazione:


a
HD
K L
FH
d
2
2
=
(5.4)

dove:

Strumenti per la progettazione sismica 141

K
a
la rigidezza assiale dellhold-down, generalmente fornita dalle
case produttrici.

Per la valutazione dello spostamento d
conn
dovuto alle connessioni si pu
schematizzare una curva di risposta monotona di tipo lineare (soluzione
analitica) oppure, in alternativa, una curva di risposta monotona non lineare
(soluzione numerica). In particolare, visto che il comportamento delle
connessioni fortemente non lineare e rappresenta il maggiore contributo di
deformazione, una buona previsione dellintera curva monotona di risposta
a taglio pu essere ottenuta solo attraverso una schematizzazione non
lineare. Per tale motivo si scelto di schematizzare la curva forza-
spostamento (Figura 5.1) delle connessioni tra pannelli e intelaiatura in
acciaio attraverso la funzione di Richard & Abbott (1975), la cui
espressione analitica di seguito riportata:

per d d
p


( )
( )
d k
F
d k k
d k k
F
h
n
n
h
h
+
(
(

=
1
0
0
0
1

(5.5)

per d > d
p

( )
p p
u p
u p
F d d
d d
F F
F +

=
(5.6)

dove:

k
0
la rigidezza iniziale;
k
h
linclinazione della retta asintotica alla curva nel punto di
massimo;
F
0
lintersezione della retta asintotica con lasse delle forze;
F
u
il carico ultimo convenzionale della curva analitica;
n un parametro di forma.

I parametri che definiscono tale funzione vengono determinati sulla base di
prove sperimentali sulle connessioni imponendo le seguenti condizioni:

142 Capitolo V
- la rigidezza iniziale k
0
uguale alla rigidezza della curva
sperimentale;
- il passaggio della curva analitica per la forza massima F
p
;
- il passaggio per il limite elastico definito come F
e
= 0,40F
p
;
- luguaglianza dellenergia dissipata fino al valore massimo della
forza.

Il tratto post-picco viene definito come la retta passante per il picco della
curva sperimentale e un punto avente come ascissa il valore dello
spostamento d
u
corrispondente all80% della forza di picco F
p
, e come
ordinata un valore tale che le aree sottostanti le due curve nel tratto post-
picco siano uguali.


Figura 5.1: Schematizzazione analitica della curva forza-spostamento delle connessioni
Il modello stato calibrato sulla base di prove sperimentali monotone su
campioni in scala reale (Landolfo et al. 2006) realizzati con pannelli in
cartongesso (GWB) e in (OSB) e sulla base di prove sulle connessioni
(Fiorino et al. 2007) identiche a quelle usate per le pareti.
5.2 Valutazione della risposta ciclica
Il modello adotta, per la valutazione della risposta ciclica delle pareti a
taglio, due curve limite, che rappresentano il limite inferiore e superiore di
tutti i possibili punti della curva forza-spostamento. Per entrambe le curve si
considerato landamento della funzione Richard & Abbott con i seguenti
parametri:
Strumenti per la progettazione sismica 143


k
0
, d
0
, k
h
, n, k
deg
per il limite superiore
k
0p
, d
0p
, k
hp
, n
p
per il limite inferiore

Quindi, il generico punto del ramo di carico appartiene ad una curva
Richard & Abbot, i cui parametri sono dati da una combinazione lineare dei
parametri analoghi delle curve di limite superiore e inferiore:


( )t k k k k
p p t

0 0 0 0
+ =
(5.7)

( )t d d d d
p p t

0 0 0 0
+ =
(5.8)

( )t k k k k
hp h hp ht
+ =
(5.9)

( )t n n n n
p p pt
+ =
(5.10)

dove t un parametro, compreso tra 0 e 1, che definisce la legge di
transizione dalla curva di limite inferiore a quella superiore (Figura 5.1):


( )
( )
2
1
1
1 /
/
lim
lim
t
t
t
d d
d d
t
(

+
= (5.11)

dove t
1
, t
2
e d
lim
sono parametri di transizione da definire sulla base di dati
sperimentali. In particolare d
lim
legato alla massima deformazione
esplicata dal sistema nella direzione del ramo di carico attraverso la
seguente relazione:


( )
max 0 lim
d d d + =
(5.12)

dove:
d
0
il valore assoluto dello spostamento corrispondente al punto
iniziale dellescursione;
d
max
il massimo valore dello spostamento nella direzione del ramo
di carico che deve essere descritto.

144 Capitolo V

Figura 5.2: Ramo di carico della risposta ciclica
Il ramo di scarico viene considerato lineare con uninclinazione pari alla
rigidezza iniziale k
0
fino alla retta passante per lorigine e parallela alla linea
di incrudimento.
Il modello utilizzato consente di simulare anche il tratto instabile del
comportamento isteretico delle pareti, che viene considerato rettilineo ed
completamente definito dal valore dello spostamento corrispondente alla sua
attivazione d
p
, e dal valore della sua tangente k
degr
.
La calibrazione dei parametri che descrivono la risposta ciclica stata
eseguita sulla base di risultati di prove sperimentali monotone (Landolfo et
al. 2006). In particolare, i valori della curva limite superiore sono stati
ottenuti a partire dai risultati del modello analitico descritto nel Paragrafo
5.1 e modificati al fine di eguagliare linviluppo della curva della prova
ciclica sperimentale. I valori della curva limite inferiore e quelli dei
parametri di transizione sono stati definiti in modo che la risposta ciclica
numerica sia quanto pi simile alla risposta sperimentale in termini di curva
forza-spostamento (Figura 5.3) ed energia dissipata (Figura 5.4).

Strumenti per la progettazione sismica 145

-20
-15
-10
-5
0
5
10
15
20
-50 -40 -30 -20 -10 0 10 20 30 40 50
mm
k
N
/
m
risposta sperimentale
risposta numerica

Figura 5.3: Confronto in termini tra risposta sperimentale e modello analitico
0
500
1000
1500
2000
2500
3000
3500
0 3 6 9 12 15 18 21 24 27 30
N cicli
E
n
e
r
g
i
a

[
k
N
/
m

m
m
]
risultato sperimentale
risultato modellazione

Figura 5.4: Confronto in termini tra risposta sperimentale e modello analitico
5.3 Analisi incrementale dinamica
Al fine di valutare la risposta sismica delle pareti in acciaio formato a freddo
rivestite con pannelli, si esegue unanalisi parametrica ciclica utilizzando
una procedura nota in letteratura come IDA (analisi dinamica non lineare
incrementale). I parametri variabili sono:
146 Capitolo V

- laltezza della parete H;
- la larghezza della parete L;
- la spaziatura delle connessioni s;
- il materiale di rivestimento;
- il peso sismico M.

Per laltezza della parete, si considerano i valori di 2400, 2700 e 3000mm.
Per la larghezza della parete sono stati considerati i valori di 1200, 2400 e
9600mm. Per la spaziatura delle connessioni si considerano i valori di 50,
75, 100 e 150mm. Al fine, poi, di considerare sia le pareti che costituiscono
le chiusure dambito, sia le pareti interne delledificio, si utilizzano pareti
doppiamente rivestite in GWB e con pannelli in GWB su di un lato e
pannelli in OSB dallaltro. I pesi sismici che vengono utilizzati per lanalisi
sono pari a 10, 15, 20, 25, 30, 35 e 40kN/m, valori ottenuti sulla base di
analisi dei pesi sismici gravanti sulle pareti appartenenti a edifici ad un solo
piano con e senza sottotetto (Vozza, 2007). Quindi, applicando i 7 valori del
peso sismico alle 72 configurazioni di parete, si ottiene un totale di 504 casi
investigati.
5.3.1 Scelta degli accelerogrammi
Al fine di eseguire unanalisi sismica dinamica non lineare, gli input sismici
sono stati selezionati in modo da coprire tutte le categorie di suolo definite
dalla OPCM 3431 (2005).
Il database di accelerogrammi considerati quello risultante dallo studio
della RELUIS (Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica)
composto da 21 registrazioni, 7 per ciascuna delle categorie di suolo. Le
registrazioni accelerometriche fanno riferimento ad eventi che si sono
verificati in diverse regioni europee e mediterranee e sono caratterizzati da
una magnitudo medio-alta variabile tra 5.8 e 7.6.
Per ciascun tipo di suolo, i 7 accelerogrammi sono stati considerati in modo
che lo spettro di risposta elastico medio sia il pi vicino possibile allo
spettro daccelerazione elastico della OPCM 3431. Al fine di eguagliare lo
spettro elastico di progetto, gli accelerogrammi sono stati scalati per i valori
della PGA.
Strumenti per la progettazione sismica 147

5.3.2 Modellazione della risposta sismica
Le pareti sono state schematizzate come un sistema ad un grado di libert, il
cui comportamento isteretico sotto carichi orizzontali descritto da un
elemento Richard & Abbot in cui i parametri della curva limite superiore,
inferiore e di transizione si ricavano come visto nel Paragrafo 5.2.
Nel modello, al fine di portare in conto gli effetti del secondo ordine, viene
considerato un carico verticale corrispondente al 100% della massa.
Inoltre, viene utilizzato un coefficiente di smorzamento equivalente pari al
5%.
La tecnica di analisi utilizzata, individuata in letteratura come incremental
dynamic analysis (IDA), consiste nellanalizzare la risposta del modello
numerico scalando gli input sismici considerati a valori crescenti
dellaccelerazione spettrale. Il risultato di tale analisi consiste in delle curve
dove laccelerazione spettrale elastica adimensionalizzata S
a
/g, parametro
che rappresenta una misura dellintensit dellinput sismico, riportata in
funzione dello spostamento massimo richiesto adimensionalizzato rispetto
allaltezza della struttura (d/h), che rappresenta un parametro indicativo
della risposta strutturale.
In particolare, per ottenere la curva IDA, ogni accelerogramma stato
scalato da 0,05 a 0,95 considerando 50 valori. Pertanto, sono state eseguite
529200 analisi. In Figura 5.5 riportato un esempio della procedura di
analisi.

148 Capitolo V
-0,80
-0,60
-0,40
-0,20
0,00
0,20
0,40
0,60
0,80
0 5 10 15 20 25 30
t [s]
a [m/s]
0,0
0,5
1,0
1,5
2,0
2,5
3,0
3,5
4,0
4,5
0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0 3,5 4,0
T [s]
Sae/g
PGA 0,10g
PGA 0,60g
PGA 0,95g
T
Sae,0.60
Sae,0.95
Sae,0.10

(a) Accelerogramma registrazione B-000232XA (b) Spettro elastico registrazione B-00232XA

-25
-20
-15
-10
-5
0
5
10
15
20
-30 -20 -10 0 10 20 30
o [mm]
V [kN]
omax
PGA 0,10g

-20
-15
-10
-5
0
5
10
15
20
-30 -20 -10 0 10 20 30 o [mm]
V [kN]
omax
PGA 0,60g

(c) Risposta V-o per PGA=0,10g (d) Risposta V-o per PGA=0,60g

-25
-20
-15
-10
-5
0
5
10
15
20
-30 -20 -10 0 10 20 30
o [mm]
V [kN]
omax
PGA 0,95g

0,00
0,50
1,00
1,50
2,00
2,50
3,00
3,50
4,00
0,000 0,005 0,010 0,015 0,020
o/H
Sae/g

(e) Risposta V-o per PGA=0,95g (f) Curva IDA

Figura 5.5: Esempio di procedura IDA
5.3.3 Interpretazione dei risultati
Al fine di interpretare i risultati delle analisi dinamiche non lineari
incrementali effettuate, si definiscono i seguenti stati limite (Branston et al.
2006):

Strumenti per la progettazione sismica 149

- stato limite elastico convenzionale corrispondente al raggiungimento
del valore della forza pari al 40 % della massima resistenza del
sistema e del relativo spostamento d
el
;
- stato limite di snervamento convenzionale corrispondente al
raggiungimento del valore della resistenza al limite elastico F
y

considerando la curva bilineare equivalente e spostamento d
y
;
- stato limite corrispondente al raggiungimento della massima
resistenza del sistema e del relativo spostamento d
peak
;
- stato limite ultimo convenzionale corrispondente al raggiungimento
del valore massimo dello spostamento d
ult
.

La bilineare equivalente corrispondente alla risposta monotona globale di
una parete si trova imponendo il passaggio del primo tratto per il punto della
curva corrispondente al valore della resistenza pari a 0,4F
peak
, dopo di che il
valore della resistenza della curva bilineare F
y
si trova imponendo che le
aree sottese alla bilineare ed alla curva F-d siano uguali (Boudreault et al.
2007).

0
10
20
30
40
50
60
0 10 20 30 40 50 60
Displacement (cm)
Base Shear (kN)
SDOF equivalente
Schematizzazione bi-lineare - media
Fy Fult
Fel
Fpeak

Figura 5.6: Esempio di bilineare equivalente alla curva monotona di Richard & Abbott
Nei diagrammi delle curve IDA sono stati riportati i valori dello
spostamento rapportati allaltezza del sistema corrispondenti a ciascuno
degli stati limite definiti.
150 Capitolo V
Al fine di interpretare i risultati delle analisi dinamiche incrementali sono
stati associati ai valori dello spostamento d
y
, d
peak
, d
ult
tre diversi livelli di
prestazione: immediate occupancy, life safety, collapse prevention. La
definizione di questi livelli di prestazione contenuta in FEMA 356 (2000).
Al livello prestazionale di immediate occupancy corrisponde uno stato di
danno in seguito allevento sismico nel quale si ha un danno strutturale
molto limitato. I sistemi principali di resistenza alle forze verticali e laterali
della struttura conservano la resistenza e la rigidezza che possedevano prima
dellevento sismico. Il rischio di feriti in pericolo di vita in seguito ad un
danno strutturale risulta molto basso. Sebbene occorra effettuare piccole
riparazioni alledificio, esse non sono generalmente tali da impedire la
rioccupazione delledificio.
Al livello prestazionale di life safety corrisponde uno stato di danno in
seguito allevento sismico nel quale, pur essendoci stati significativi danni
alla struttura, vi un certo margine di sicurezza contro un possibile collasso
totale o parziale della struttura. Qualche elemento o componente strutturale
risulta essere seriamente danneggiato, ma non oggetto di una vistosa e
pericolosa caduta di detriti sia dentro che fuori ledificio. Ci possono essere
persone ferite, ma comunque il rischio globale di feriti in pericolo di vita in
seguito al danno strutturale avutosi da attendersi basso. Risulta possibile
sottoporre la struttura a riparazioni anche se, per ragioni di tipo economico,
questa strada raramente praticata. Nonostante il danno strutturale non
implichi un imminente rischio di collasso, sar comunque prudente
sottoporre la struttura a riparazione o installare dei sostegni temporanei
prima di rioccupare ledificio.
Al livello prestazionale di collapse prevention corrisponde uno stato di
danno in seguito allevento sismico in cui ledificio tende al parziale o totale
collasso. Si sono avuti danni sostanziali alla struttura, compreso un degrado
in termini di resistenza e rigidezza del sistema di resistenza alle forze
laterali. In merito allo stato deformativo, la struttura caratterizzata da
ampie e permanenti deformazioni laterali e da un pi limitato degrado della
capacit portante di carichi verticali. Comunque, tutti i componenti
significativi del sistema resistente ai carichi gravitazionali devono
continuare ad espletare il loro compito, ossia di avere una capacit portante
tale da soddisfare il proprio carico gravitazionale di domanda. Esiste un
significativo rischio di feriti in seguito alla pericolosa caduta di detriti di
natura strutturale. La struttura risulta essere tecnicamente non praticabile per
essere sottoposta ad un intervento di riparazione e non sicura per una
Strumenti per la progettazione sismica 151

rioccupazione, in quanto le attivit successive allevento sismico potrebbero
portare la struttura al collasso.
Da quanto detto si evince che la prestazione richiesta alla struttura risulta
essere man mano sempre pi onerosa, per ogni livello di prestazione
corrisponde una certa probabilit di eccedenza dellevento sismico. Infatti,
al livello pi basso, immediate occupancy, corrispondono i terremoti
frequenti con probabilit di eccedenza pari al 50% in 50 anni, per il livello
life safety corrispondono i terremoti rari con probabilit di eccedenza pari al
10% in 50 anni e, al livello collapse prevention, corrispondono i terremoti
con probabilit di eccedenza pari al 2% in 50 anni. I valori della
accelerazione al picco di progetto a
g
su suolo A in accordo alla OPCM 3431
per terremoti che hanno una probabilit di eccedenza del 10% in 50 anni,
sono pari a 0,35g, 0,25g, 0,15g per zone sismiche che hanno rispettivamente
alta, media e bassa intensit. Per terremoti che hanno il 2% e 50% di
probabilit di eccedenza lo spettro di risposta va moltiplicato
rispettivamente per 1,5 e 0,4 (Tabella 5.1).

Livello
prestazionale
Probabilit di
eccedenza
Periodo
di ritorno
Intensit
sismica a
g

Immediate occupancy
(IO)
50%/50 anni 72 anni
0,04g
0,10g
0,14g
Life safety (LS) 10%/50 anni 475 anni
0,15g
0,25g
0,60g
Collapse prevention
(NC)
2%/50 anni 2475 anni
0,23g
0,38g
0,53g
Tabella 5.1: Livello prestazionale e terremoti considerati
5.3.4 Selezione delle pareti significative
Sulla base dei livelli prestazionali definiti stata effettuata una selezione
delle pareti significative (Panico 2009), sulla base dei coefficienti di
prestazione di seguito definiti:


y
d
d
IO p = ) (
peak
d
d
LS p = ) (
ult
d
d
NC p = ) (
(5.13)

152 Capitolo V
dove:

d spostamento per li-esimo livello prestazionale (domanda);
d
y
spostamento per il livello prestazionale IO (capacit);
d
peak
spostamento per il livello prestazionale LS (capacit);
d
ult
spostamento per il livello prestazionale NC (capacit);
p(IO) coefficiente di prestazione per IO;
p(LS) coefficiente di prestazione per LS;
p(NC) coefficiente di prestazione per NC.

Per ogni configurazione di parete stato effettuato il confronto tra domanda
e capacit e sono state scartate tutte le configurazioni di parete in cui il
coefficiente di prestazione era maggiore di 1, in quanto la parete risulta
essere sottodimensionata e quindi la verifica in termini di spostamento non
sarebbe stata soddisfatta. Successivamente sono state selezionate tutte le
configurazioni di parete in cui il coefficiente di prestazione era compreso tra
0,5 e 1 per tutti e tre i livelli prestazionali e che quindi risultano essere ben
dimensionate, e sono state scartate quelle configurazioni di parete in cui il
coefficiente di prestazione era minore di 0,5 in quanto risultano essere
sovradimensionate. Per il coefficiente di prestazione pari a 0,7, invece, sono
state selezionate tutte le configurazioni di parete in cui il rapporto tra
domanda e capacit compreso tra 0,7 e 1 per almeno un livello
prestazionale, quindi includendo anche casi di sovradimensionamento per i
restanti due livelli prestazionali.
5.4 Analisi parametrica dei risultati IDA
In riferimento a ciascun sistema sono stati calcolati per ognuna delle curve
IDA, ovvero per ciascuna delle registrazioni accelerometriche considerate, i
valori delle accelerazioni spettrali elastiche S
a,el
, S
a,y
, S
a,peak
, S
a,ult

corrispondenti rispettivamente agli spostamenti d
el
, d
y
, d
peak
, d
ult
.
Tali grandezze possono essere considerate una misura della capacit del
sistema di resistere alle azioni sismiche. In particolare il rapporto S
a,peak
/S
a,y

fornisce una misura della capacit del sistema per effetto della
sovraresistenza; il rapporto S
a,ult
/S
a,peak
d unindicazione della capacit per
effetto della duttilit, mentre S
a,ult
/S
a,y
fornisce la misura della riserva di
sicurezza che la struttura offre nei confronti del collasso per effetto sia della
sovraresistenza che della duttilit.
Strumenti per la progettazione sismica 153

I risultati dellanalisi incrementale dinamica, in termini di rapporti che
rappresentano la capacit del sistema di resistere alle azioni sismiche, sono
stati sottoposti ad unanalisi parametrica al fine di individuare linfluenza
dei diversi parametri rappresentativi della parete sul loro andamento. I
parametri investigati sono:

- laltezza della parete H;
- la larghezza della parete L;
- il fattore di forma della parete r;
- la spaziatura delle connessioni s;
- il materiale di rivestimento;
- il peso sismico M;
- la categoria di suolo.

I valori dei diversi parametri sono quelli considerati nellanalisi ciclica ai
quali sono stati aggiunti il fattore di forma, inteso come rapporto tra
laltezza e la larghezza della parete H/L, e la categoria di suolo come
definita dalla OPCM 3431. Per quanto riguarda i materiali di rivestimento si
fa riferimento a due casi: pareti doppiamente rivestite in GWB, e con
pannelli in GWB su di un lato e pannelli in OSB dallaltro.
Lanalisi stata eseguita sulle pareti significative per ciascuno dei criteri
illustrati nel Paragrafo 5.3.4, cio con coefficiente di prestazione per ciascun
livello prestazionale compreso tra 0,5 e 1 e con coefficiente di prestazione
compreso tra 0,7 e 1 per almeno un livello prestazionale. Lanalisi consiste
nel valutare, fissato il materiale di rivestimento, landamento dei tre rapporti
di capacit al variare del parametro considerato.
I risultati di tale analisi sono dei grafici che rappresentano landamento di
ciascuno dei tre rapporti fissato il materiale di rivestimento in funzione del
singolo parametro e delle tabelle in cui sono sintetizzati i dati significativi
dellanalisi.
Ciascun grafico riporta i valori di uno dei tre rapporti per le pareti
significative secondo il criterio utilizzato: landamento medio, landamento
medio pi e meno la deviazione standard, come mostrato nellesempio di
Figura 5.7. Tutti i grafici sono riportati in Appendice D.

154 Capitolo V
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

Figura 5.7: Grafico rappresentativo dellandamento di S
a,peak
/S
a,y
in funzione della spaziatura
5.4.1 Influenza dellaltezza della parete
I rapporti S
a,peak
/S
a,y
, S
a,ult
/S
a,peak
e S
a,ult
/S
a,y
risultano essere poco influenzati
dallaltezza della parete, come si evince dai dati di Tabella 5.2. Infatti si
nota che, per entrambi i materiali e i criteri di selezione della parete, i valori
medi variano al massimo del 4% per S
a,peak
/S
a,y
nel caso di pareti in
GWB+OSB selezionate secondo il criterio 0,5 p 1.
5.4.2 Influenza della larghezza della parete
Per quanto riguarda linfluenza della larghezza della parete (Tabella 5.3), il
rapporto S
a,peak
/S
a,y
cresce allaumentare della larghezza, con una variazione
tra larghezza 1200mm e 9600mm del 38% per le pareti significative
individuate secondo il criterio 0,7 p 1, e del 25% per le pareti
significative individuate secondo il criterio 0,5 p 1.
Il rapporto S
a,ult
/S
a,peak
presenta un andamento decrescente tra la larghezza
1200mm e 2400mm, con variazioni comprese tra il 16% e il 27%, per poi
crescere con variazioni comprese tra il 22% e il 38% in corrispondenza della
larghezza 9600mm. Andamento simile ha anche il rapporto S
a,ult
/S
a,y
nel
caso di pareti in GWB+GWB dove, tra le larghezze 1200mm e 2400mm, si
ha un abbassamento tra il 16% e il 19% per poi crescere con una variazione
Strumenti per la progettazione sismica 155

del 54% per il criterio 0,5 p 1 e del 72% per il criterio 0,7 p 1 in
corrispondenza della larghezza 9600mm. Nel caso di pareti in GWB+OSB il
rapporto di S
a,ult
/S
a,y
si mantiene costante tra le larghezze 1200mm e
2400mm per poi crescere con valori fino al 35%. Landamento dei rapporti
S
a,ult
/S
a,peak
e S
a,ult
/S
a,y
non di chiara interpretazione in quanto sarebbe
necessario allargare lanalisi a valori intermedi della larghezza compresi tra
2400 e 9600mm.
5.4.3 Influenza del fattore di forma
Landamento del rapporto S
a,peak
/S
a,y
al crescere del fattore di forma
(Tabella 5.4), rapporto H/L, risulta essere decrescente in maniera simile per
i due diversi materiali e in maniera pi accentuata per le pareti significative,
secondo il criterio 0,7 p 1, con una variazione di circa il 30% contro il
20% del criterio 0,5 p 1.
Il rapporto S
a,ult
/S
a,peak
presenta un forte picco decrescente in corrispondenza
dei valori del fattore di forma compresi tra 1,00 e 1,25, con una riduzione di
circa il 40% rispetto agli altri valori di r che risultano piuttosto simili in tutti
i casi.
Il rapporto S
a,ult
/S
a,peak
presenta un andamento decrescente al crescere del
fattore di forma con una variazione del valore medio di circa 25%.
5.4.4 Influenza della spaziatura delle connessioni
Landamento del rapporto S
a,peak
/S
a,y
risulta essere crescente allaumentare
della spaziatura delle connessioni (Tabella 5.5) e tale andamento risulta
essere pi accentuato per le pareti significative individuate secondo il
criterio 0,7 p 1. Infatti si ha una variazione tra il valore medio
corrispondente ad una spaziatura pari a 50mm e quello corrispondente a
150mm pari al 38% per pareti in GWB+GWB e pari al 27% per pareti in
GWB+OSB. Mentre, nel caso di pareti individuate secondo il criterio 0,5 p
1, la variazione del rapporto S
a,peak
/S
a,y
intorno al 15% per entrambi i
materiali dei pannelli di rivestimento.
Il rapporto S
a,ult
/S
a,y
crescente con una variazione tra la spaziatura 50mm e
150mm tra il 13% e 17% per il criterio 0,5 p 1, landamento risulta molto
pi accentuato per il criterio 0,7 p 1 dove, nel caso di pareti in
GWB+GWB, risulta essere pari al 52%.
156 Capitolo V
Il rapporto S
a,ult
/S
a,peak
, invece, non risulta essere condizionato dalla
spaziatura in quanto i valori medi hanno un andamento pressoch costante
con delle variazioni al massimo pari al 5%.
5.4.5 Influenza del peso sismico
Il peso sismico, nei grafici e nella Tabella 5.6, riportato con le sigle M1,
M2 M3, M4, M5, M6 e M7, che corrispondono ai valori 10, 15, 20, 25, 30,
35 e 40kN/m. Linfluenza del peso sismico sui diversi rapporti di capacit
poco definito. Infatti, come si pu notare dai grafici corrispondenti, i valori
di S
a,peak
/S
a,y
, S
a,ult
/S
a,peak
e S
a,ult
/S
a,y
tendono ad aumentare e diminuire
senza un andamento ben definito e con variazioni tra i diversi valori al
massimo pari al 10%. Pertanto si pu constatare la scarsa influenza di
questo parametro nei confronti della duttilit e sovraresistenza della parete.
5.4.6 Influenza del suolo
Per quanto riguarda linfluenza della categoria del suolo (Tabella 5.7),
anche in questo caso non ci sono significative variazioni dei rapporti S
a,peak

/S
a,y
, S
a,ult
/S
a,peak
e S
a,ult
/S
a,y
. Infatti, le variazioni tra i diversi suoli sono al
massimo pari al 6%, registrando i valori pi bassi per la categoria di suolo
B.
5.4.7 Considerazioni conclusive
In definitiva si pu constatare che le influenze pi significative si hanno per
i parametri che definiscono la geometria delle pareti, come la larghezza, il
fattore di forma, ma soprattutto la spaziatura delle connessioni. Un caso
particolare rappresentato dallaltezza della parete che non risulta influente,
ci dovuto probabilmente al fatto che i valori dellaltezza scelti sono
molto simili. Inoltre, da sottolineare che i parametri che influenzano
maggiormente il comportamento sono quelli che definiscono la risposta
della parete, come larghezza e spaziatura delle connessioni, mentre i
parametri caratteristici dellazione sismica, come peso sismico e suolo,
sono ininfluenti. Gli andamenti dei rapporti S
a,peak
/S
a,y
, S
a,ult
/S
a,peak
e S
a,ult

/S
a,y
risultano simili al variare dei materiali, con un andamento pi
accentuato nel caso di pareti selezionate secondo il criterio 0,7 p 1.
Strumenti per la progettazione sismica 157

2400 2700 3000
Media 2,39 2,42 2,47
MAX 3,63 3,51 3,44
MIN 1,69 1,74 1,71
Dev. Standard 0,36 0,37 0,40
Coeff.di variaz. 0,15 0,15 0,16
Media 1,41 1,42 1,42
MAX 1,69 1,77 1,72
MIN 1,06 1,05 1,05
Dev. Standard 0,15 0,16 0,16
Coeff.di variaz. 0,10 0,11 0,11
Media 3,38 3,45 3,53
MAX 5,13 5,51 5,39
MIN 2,17 2,23 2,04
Dev. Standard 0,65 0,71 0,78
Coeff.di variaz. 0,19 0,20 0,22
Media 2,42 2,61 2,52
MAX 3,24 3,51 3,53
MIN 1,76 1,87 1,78
Dev. Standard 0,31 0,36 0,41
Coeff.di variaz. 0,13 0,14 0,16
Media 1,28 1,21 1,24
MAX 1,48 1,46 1,61
MIN 1,04 1,04 1,05
Dev. Standard 0,11 0,12 0,12
Coeff.di variaz. 0,09 0,10 0,10
Media 3,09 3,15 3,11
MAX 4,32 4,57 4,45
MIN 2,15 2,20 2,12
Dev. Standard 0,47 0,51 0,59
Coeff.di variaz. 0,15 0,16 0,19
Media 2,18 2,20 2,21
MAX 3,63 3,51 3,27
MIN 1,58 1,57 1,53
Dev. Standard 0,39 0,42 0,46
Coeff.di variaz. 0,18 0,19 0,21
Media 1,32 1,32 1,33
MAX 1,64 1,77 1,72
MIN 1,04 1,04 1,04
Dev. Standard 0,18 0,20 0,19
Coeff.di variaz. 0,14 0,15 0,14
Media 2,89 2,93 2,97
MAX 5,13 5,51 5,39
MIN 1,86 1,83 1,88
Dev. Standard 0,75 0,84 0,92
Coeff.di variaz. 0,26 0,29 0,31
Media 2,30 2,42 2,32
MAX 3,24 3,55 3,53
MIN 1,69 1,69 1,75
Dev. Standard 0,33 0,45 0,44
Coeff.di variaz. 0,14 0,19 0,19
Media 1,22 1,18 1,19
MAX 1,46 1,43 1,47
MIN 1,04 1,04 1,05
Dev. Standard 0,13 0,11 0,11
Coeff.di variaz. 0,11 0,09 0,09
Media 2,81 2,86 2,76
MAX 4,32 4,99 4,45
MIN 1,99 2,05 1,98
Dev. Standard 0,52 0,59 0,60
Coeff.di variaz. 0,18 0,20 0,22
S
a,ult
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
S
a,peak
/S
a,y
GWB+GWB
0,5 p 1
GWB+OSB
0,5 p 1
GWB+GWB
0,7 p 1
GWB+OSB
0,7 p 1
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
Altezza parete H [mm]

Tabella 5.2: Dati significativi dellinfluenza dellaltezza della parete
158 Capitolo V
1200 2400 9600
Media 2,12 2,36 2,65
MAX 3,03 2,91 3,63
MIN 1,69 1,89 2,07
Dev. Standard 0,28 0,28 0,29
Coeff.di variaz. 0,13 0,12 0,11
Media 1,46 1,07 1,46
MAX 1,68 1,11 1,77
MIN 1,29 1,05 1,30
Dev. Standard 0,09 0,01 0,10
Coeff.di variaz. 0,06 0,01 0,07
Media 3,10 2,52 3,87
MAX 4,66 3,04 5,51
MIN 2,17 2,04 2,86
Dev. Standard 0,56 0,29 0,54
Coeff.di variaz. 0,18 0,12 0,14
Media 2,09 2,63 2,69
MAX 2,47 3,36 3,53
MIN 1,76 2,02 2,21
Dev. Standard 0,16 0,31 0,29
Coeff.di variaz. 0,07 0,12 0,11
Media 1,31 1,07 1,30
MAX 1,48 1,13 1,61
MIN 1,16 1,04 1,17
Dev. Standard 0,07 0,02 0,07
Coeff.di variaz. 0,05 0,01 0,05
Media 2,74 2,81 3,50
MAX 3,56 3,55 4,57
MIN 2,12 2,15 2,74
Dev. Standard 0,31 0,34 0,42
Coeff.di variaz. 0,11 0,12 0,12
Media 1,93 2,15 2,66
MAX 3,03 2,91 3,63
MIN 1,53 1,73 2,07
Dev. Standard 0,30 0,28 0,30
Coeff.di variaz. 0,16 0,13 0,11
Media 1,39 1,06 1,47
MAX 1,68 1,11 1,77
MIN 1,22 1,04 1,30
Dev. Standard 0,11 0,01 0,10
Coeff.di variaz. 0,08 0,01 0,07
Media 2,71 2,28 3,92
MAX 4,66 3,07 5,51
MIN 1,92 1,83 2,86
Dev. Standard 0,62 0,30 0,58
Coeff.di variaz. 0,23 0,13 0,15
Media 1,98 2,47 2,72
MAX 2,39 3,36 3,55
MIN 1,69 1,86 2,21
Dev. Standard 0,16 0,36 0,33
Coeff.di variaz. 0,08 0,14 0,12
Media 1,27 1,07 1,30
MAX 1,46 1,13 1,47
MIN 1,16 1,04 1,17
Dev. Standard 0,06 0,02 0,06
Coeff.di variaz. 0,05 0,01 0,05
Media 2,52 2,63 3,54
MAX 3,24 3,55 4,99
MIN 2,05 1,98 2,74
Dev. Standard 0,31 0,38 0,49
Coeff.di variaz. 0,12 0,15 0,14
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
Larghezza parete L [mm]
GWB+GWB
0,5 p 1
GWB+OSB
0,5 p 1
GWB+GWB
0,7 p 1
GWB+OSB
0,7 p 1
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak

Tabella 5.3: Dati significativi dellinfluenza della larghezza della parete
Strumenti per la progettazione sismica 159

0,25 0,28 0,31 1,00 1,13 1,25 2,00 2,25 2,50
Media 2,61 2,63 2,69 2,35 2,45 2,30 2,11 2,10 2,15
MAX 3,63 3,51 3,44 2,84 2,91 2,81 2,50 2,76 3,03
MIN 2,07 2,23 2,23 2,06 2,08 1,89 1,69 1,74 1,71
Dev. Standard 0,29 0,28 0,28 0,25 0,27 0,32 0,24 0,26 0,34
Coeff.di variaz. 0,11 0,11 0,11 0,10 0,11 0,14 0,11 0,13 0,16
Media 1,46 1,46 1,47 1,07 1,07 1,07 1,44 1,47 1,47
MAX 1,69 1,77 1,72 1,08 1,11 1,09 1,64 1,68 1,66
MIN 1,32 1,30 1,31 1,06 1,05 1,05 1,29 1,31 1,31
Dev. Standard 0,10 0,10 0,09 0,01 0,02 0,01 0,09 0,09 0,10
Coeff.di variaz. 0,07 0,07 0,06 0,01 0,02 0,01 0,06 0,06 0,07
Media 3,78 3,86 3,97 2,50 2,62 2,46 3,05 3,10 3,16
MAX 5,13 5,51 5,39 3,01 3,04 2,94 4,10 4,41 4,66
MIN 2,86 2,96 2,99 2,21 2,23 2,04 2,17 2,34 2,25
Dev. Standard 0,49 0,57 0,55 0,25 0,29 0,34 0,49 0,55 0,66
Coeff.di variaz. 0,13 0,15 0,14 0,10 0,11 0,14 0,16 0,18 0,21
Media 2,64 2,72 2,71 2,47 2,74 2,61 2,14 2,09 2,02
MAX 3,24 3,51 3,53 2,87 3,24 3,36 2,38 2,47 2,39
MIN 2,21 2,27 2,21 2,02 2,26 2,05 1,76 1,87 1,78
Dev. Standard 0,25 0,30 0,31 0,24 0,24 0,38 0,14 0,17 0,14
Coeff.di variaz. 0,09 0,11 0,11 0,10 0,09 0,14 0,06 0,08 0,07
Media 1,31 1,28 1,32 1,06 1,07 1,07 1,34 1,29 1,26
MAX 1,45 1,45 1,61 1,10 1,11 1,13 1,48 1,46 1,35
MIN 1,21 1,17 1,21 1,04 1,04 1,05 1,26 1,18 1,16
Dev. Standard 0,05 0,07 0,08 0,01 0,02 0,02 0,05 0,07 0,05
Coeff.di variaz. 0,04 0,05 0,06 0,01 0,01 0,02 0,04 0,06 0,04
Media 3,46 3,49 3,55 2,62 2,93 2,79 2,88 2,70 2,55
MAX 4,32 4,57 4,45 3,06 3,46 3,55 3,26 3,56 3,10
MIN 2,83 2,74 2,85 2,15 2,39 2,19 2,21 2,20 2,12
Dev. Standard 0,37 0,46 0,44 0,26 0,28 0,40 0,26 0,35 0,22
Coeff.di variaz. 0,11 0,13 0,12 0,10 0,09 0,14 0,09 0,13 0,08
Media 2,60 2,66 2,71 2,15 2,16 2,13 1,95 1,93 1,91
MAX 3,63 3,51 3,27 2,90 2,91 2,81 2,50 2,76 3,03
MIN 2,07 2,27 2,23 1,78 1,73 1,78 1,58 1,57 1,53
Dev. Standard 0,30 0,31 0,28 0,29 0,29 0,28 0,26 0,28 0,35
Coeff.di variaz. 0,12 0,12 0,10 0,13 0,13 0,13 0,13 0,15 0,18
Media 1,45 1,47 1,49 1,06 1,06 1,07 1,39 1,40 1,38
MAX 1,64 1,77 1,72 1,08 1,11 1,10 1,64 1,68 1,66
MIN 1,32 1,30 1,32 1,04 1,04 1,04 1,23 1,23 1,22
Dev. Standard 0,09 0,11 0,09 0,01 0,02 0,01 0,10 0,11 0,12
Coeff.di variaz. 0,06 0,07 0,06 0,01 0,02 0,01 0,07 0,08 0,09
Media 3,78 3,94 4,03 2,28 2,29 2,27 2,73 2,72 2,67
MAX 5,13 5,51 5,39 3,07 3,04 2,94 4,10 4,41 4,66
MIN 2,86 2,96 3,03 1,86 1,83 1,88 2,02 2,00 1,92
Dev. Standard 0,51 0,62 0,59 0,30 0,31 0,29 0,53 0,61 0,71
Coeff.di variaz. 0,14 0,16 0,15 0,13 0,13 0,13 0,19 0,22 0,27
Media 2,67 2,74 2,73 2,31 2,67 2,42 2,06 1,94 1,95
MAX 3,24 3,55 3,53 2,87 3,24 3,36 2,37 2,28 2,39
MIN 2,21 2,27 2,21 1,86 2,07 1,88 1,69 1,69 1,75
Dev. Standard 0,27 0,37 0,33 0,25 0,26 0,42 0,17 0,15 0,14
Coeff.di variaz. 0,10 0,13 0,12 0,11 0,10 0,17 0,08 0,08 0,07
Media 1,31 1,28 1,31 1,06 1,06 1,07 1,32 1,23 1,25
MAX 1,41 1,43 1,47 1,10 1,11 1,13 1,46 1,39 1,35
MIN 1,23 1,17 1,21 1,04 1,04 1,05 1,22 1,16 1,16
Dev. Standard 0,05 0,06 0,06 0,01 0,02 0,02 0,05 0,06 0,04
Coeff.di variaz. 0,03 0,05 0,05 0,01 0,01 0,02 0,04 0,05 0,03
Media 3,51 3,53 3,58 2,46 2,84 2,59 2,72 2,40 2,43
MAX 4,32 4,99 4,45 3,06 3,46 3,55 3,24 3,14 3,10
MIN 2,83 2,74 2,85 1,99 2,18 1,98 2,07 2,05 2,12
Dev. Standard 0,40 0,58 0,48 0,27 0,29 0,45 0,32 0,28 0,21
Coeff.di variaz. 0,11 0,17 0,13 0,11 0,10 0,17 0,12 0,12 0,09
S
a,ult
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
S
a,peak
/S
a,y
GWB+GWB
0,5 p 1
GWB+OSB
0,5 p 1
GWB+GWB
0,7 p 1
GWB+OSB
0,7 p 1
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
Fattore di forma r

Tabella 5.4: Dati significativi dellinfluenza del fattore di forma
160 Capitolo V
50 75 100 150
Media 2,33 2,39 2,37 2,67
MAX 2,81 3,05 3,25 3,63
MIN 1,69 1,71 1,84 2,12
Dev. Standard 0,22 0,39 0,37 0,37
Coeff.di variaz. 0,10 0,17 0,16 0,14
Media 1,41 1,41 1,41 1,44
MAX 1,63 1,77 1,72 1,68
MIN 1,06 1,06 1,05 1,05
Dev. Standard 0,13 0,15 0,16 0,17
Coeff.di variaz. 0,09 0,11 0,11 0,11
Media 3,30 3,39 3,36 3,85
MAX 4,01 4,97 5,39 5,51
MIN 2,04 2,21 2,33 2,73
Dev. Standard 0,51 0,81 0,69 0,64
Coeff.di variaz. 0,15 0,24 0,21 0,17
Media 2,25 2,49 2,51 2,60
MAX 2,46 3,42 3,03 3,53
MIN 1,76 1,89 1,82 1,96
Dev. Standard 0,20 0,39 0,31 0,39
Coeff.di variaz. 0,09 0,16 0,12 0,15
Media 1,27 1,23 1,23 1,25
MAX 1,45 1,47 1,61 1,48
MIN 1,06 1,05 1,04 1,04
Dev. Standard 0,10 0,11 0,13 0,12
Coeff.di variaz. 0,08 0,09 0,11 0,10
Media 2,87 3,05 3,07 3,25
MAX 3,44 4,31 4,26 4,57
MIN 2,15 2,17 2,12 2,44
Dev. Standard 0,38 0,46 0,53 0,55
Coeff.di variaz. 0,13 0,15 0,17 0,17
Media 1,94 2,19 2,30 2,67
MAX 2,70 3,05 3,26 3,63
MIN 1,53 1,65 1,81 2,18
Dev. Standard 0,32 0,38 0,36 0,34
Coeff.di variaz. 0,17 0,18 0,15 0,13
Media 1,25 1,33 1,35 1,40
MAX 1,60 1,77 1,72 1,68
MIN 1,05 1,04 1,04 1,04
Dev. Standard 0,16 0,19 0,20 0,20
Coeff.di variaz. 0,12 0,14 0,15 0,14
Media 2,45 2,94 3,12 3,73
MAX 4,01 4,97 5,39 5,51
MIN 1,83 2,07 2,22 2,66
Dev. Standard 0,66 0,82 0,73 0,69
Coeff.di variaz. 0,27 0,28 0,23 0,19
Media 2,00 2,39 2,31 2,54
MAX 2,59 3,42 3,03 3,55
MIN 1,69 1,81 1,77 1,89
Dev. Standard 0,23 0,43 0,36 0,41
Coeff.di variaz. 0,12 0,18 0,15 0,16
Media 1,16 1,20 1,19 1,22
MAX 1,30 1,47 1,44 1,46
MIN 1,04 1,05 1,04 1,04
Dev. Standard 0,09 0,11 0,12 0,12
Coeff.di variaz. 0,08 0,09 0,10 0,10
Media 2,31 2,86 2,76 3,09
MAX 3,12 4,31 4,26 4,99
MIN 1,98 2,17 2,08 2,31
Dev. Standard 0,31 0,48 0,54 0,59
Coeff.di variaz. 0,13 0,17 0,19 0,19
S
a,ult
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
S
a,peak
/S
a,y
GWB+GWB
0,5 p 1
GWB+OSB
0,5 p 1
GWB+GWB
0,7 p 1
GWB+OSB
0,7 p 1
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
Spaziatura delle connessioni s [mm]

Tabella 5.5: Dati significativi dellinfluenza della spaziatura delle connessioni
Strumenti per la progettazione sismica 161

M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
Media 2,57 2,41 2,45 2,31 2,45 2,35 2,43
MAX 3,44 3,25 3,63 2,92 3,21 2,90 3,05
MIN 1,84 1,71 1,86 1,72 1,80 1,69 1,89
Dev. Standard 0,38 0,38 0,40 0,32 0,38 0,34 0,35
Coeff.di variaz. 0,15 0,16 0,17 0,14 0,15 0,15 0,14
Media 1,33 1,41 1,45 1,40 1,46 1,40 1,52
MAX 1,56 1,69 1,60 1,63 1,72 1,68 1,77
MIN 1,05 1,05 1,06 1,06 1,06 1,06 1,38
Dev. Standard 0,15 0,14 0,11 0,15 0,15 0,20 0,11
Coeff.di variaz. 0,11 0,10 0,08 0,11 0,11 0,14 0,07
Media 3,45 3,40 3,55 3,26 3,61 3,31 3,68
MAX 4,76 4,76 5,51 4,52 5,39 4,83 4,97
MIN 2,21 2,25 2,26 2,05 2,23 2,04 2,71
Dev. Standard 0,69 0,65 0,70 0,64 0,82 0,79 0,69
Coeff.di variaz. 0,20 0,19 0,20 0,20 0,23 0,24 0,19
Media 2,74 2,48 2,51 2,51 2,55 2,45 2,57
MAX 2,91 3,21 3,24 3,42 3,31 3,53 3,51
MIN 2,42 1,96 2,01 1,82 1,88 1,76 1,93
Dev. Standard 0,28 0,29 0,30 0,37 0,36 0,40 0,40
Coeff.di variaz. 0,10 0,12 0,12 0,15 0,14 0,16 0,16
Media 1,22 1,19 1,23 1,23 1,24 1,25 1,26
MAX 1,37 1,37 1,61 1,45 1,48 1,46 1,47
MIN 1,05 1,04 1,05 1,05 1,05 1,05 1,05
Dev. Standard 0,16 0,11 0,12 0,12 0,13 0,11 0,13
Coeff.di variaz. 0,13 0,09 0,10 0,09 0,10 0,09 0,10
Media 3,34 2,95 3,09 3,10 3,16 3,05 3,24
MAX 3,87 3,96 4,07 4,25 4,43 4,45 4,57
MIN 2,56 2,32 2,24 2,12 2,26 2,19 2,15
Dev. Standard 0,70 0,46 0,42 0,51 0,52 0,54 0,58
Coeff.di variaz. 0,21 0,16 0,14 0,16 0,16 0,18 0,18
Media 2,24 2,20 2,19 2,17 2,24 2,14 2,17
MAX 2,97 3,25 3,63 3,26 3,21 2,90 3,05
MIN 1,65 1,57 1,58 1,56 1,58 1,57 1,53
Dev. Standard 0,38 0,42 0,47 0,42 0,45 0,41 0,44
Coeff.di variaz. 0,17 0,19 0,21 0,19 0,20 0,19 0,20
Media 1,21 1,29 1,33 1,33 1,39 1,36 1,41
MAX 1,50 1,63 1,60 1,62 1,72 1,68 1,77
MIN 1,04 1,04 1,04 1,06 1,06 1,06 1,07
Dev. Standard 0,16 0,18 0,18 0,18 0,19 0,19 0,18
Coeff.di variaz. 0,13 0,14 0,14 0,13 0,13 0,14 0,13
Media 2,72 2,88 2,95 2,92 3,16 2,94 3,11
MAX 4,23 4,76 5,51 5,03 5,39 4,83 4,97
MIN 1,83 1,89 1,91 1,95 1,96 1,96 1,92
Dev. Standard 0,64 0,78 0,91 0,84 0,96 0,86 0,93
Coeff.di variaz. 0,23 0,27 0,31 0,29 0,31 0,29 0,30
Media 2,25 2,27 2,32 2,37 2,34 2,35 2,41
MAX 2,75 2,83 3,24 3,42 3,31 3,53 3,55
MIN 1,89 1,77 1,81 1,69 1,72 1,74 1,69
Dev. Standard 0,27 0,28 0,37 0,41 0,43 0,42 0,50
Coeff.di variaz. 0,12 0,13 0,16 0,17 0,18 0,18 0,21
Media 1,12 1,15 1,19 1,19 1,21 1,21 1,22
MAX 1,28 1,34 1,36 1,38 1,42 1,46 1,47
MIN 1,04 1,04 1,05 1,05 1,05 1,04 1,05
Dev. Standard 0,10 0,10 0,10 0,12 0,12 0,12 0,12
Coeff.di variaz. 0,09 0,09 0,09 0,10 0,10 0,10 0,10
Media 2,50 2,60 2,76 2,81 2,82 2,84 2,93
MAX 2,86 3,30 4,07 4,25 4,43 4,45 4,99
MIN 2,31 2,08 2,01 2,06 1,99 1,98 2,04
Dev. Standard 0,19 0,30 0,49 0,54 0,58 0,58 0,71
Coeff.di variaz. 0,07 0,12 0,18 0,19 0,20 0,21 0,24
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
Peso sismico M
GWB+GWB
0,5 p 1
GWB+OSB
0,5 p 1
GWB+GWB
0,7 p 1
GWB+OSB
0,7 p 1
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak

Tabella 5.6 : Dati significativi dellinfluenza della larghezza del peso sismico
162 Capitolo V
A B C
Media 2,48 2,39 2,38
MAX 3,63 3,04 2,97
MIN 1,69 1,71 1,72
Dev. Standard 0,42 0,37 0,29
Coeff.di variaz. 0,17 0,16 0,12
Media 1,43 1,42 1,40
MAX 1,77 1,60 1,69
MIN 1,05 1,31 1,05
Dev. Standard 0,20 0,06 0,11
Coeff.di variaz. 0,14 0,04 0,08
Media 3,55 3,41 3,34
MAX 5,51 4,35 4,28
MIN 2,05 2,25 2,04
Dev. Standard 0,87 0,56 0,53
Coeff.di variaz. 0,24 0,17 0,16
Media 2,57 2,46 2,51
MAX 3,31 3,25 3,53
MIN 1,89 1,76 1,84
Dev. Standard 0,38 0,31 0,39
Coeff.di variaz. 0,15 0,13 0,16
Media 1,25 1,23 1,24
MAX 1,61 1,46 1,48
MIN 1,05 1,04 1,05
Dev. Standard 0,14 0,11 0,11
Coeff.di variaz. 0,11 0,09 0,09
Media 3,21 3,03 3,10
MAX 4,43 4,20 4,57
MIN 2,15 2,12 2,20
Dev. Standard 0,58 0,45 0,50
Coeff.di variaz. 0,18 0,15 0,16
Media 2,28 2,11 2,16
MAX 3,63 3,04 3,00
MIN 1,57 1,57 1,53
Dev. Standard 0,46 0,40 0,38
Coeff.di variaz. 0,20 0,19 0,18
Media 1,34 1,29 1,32
MAX 1,77 1,54 1,60
MIN 1,05 1,04 1,04
Dev. Standard 0,22 0,16 0,16
Coeff.di variaz. 0,17 0,12 0,12
Media 3,09 2,76 2,87
MAX 5,51 4,35 4,28
MIN 1,91 1,83 1,84
Dev. Standard 0,96 0,73 0,73
Coeff.di variaz. 0,31 0,26 0,25
Media 2,45 2,27 2,33
MAX 3,55 3,25 3,53
MIN 1,75 1,69 1,72
Dev. Standard 0,45 0,37 0,41
Coeff.di variaz. 0,18 0,16 0,18
Media 1,21 1,19 1,19
MAX 1,47 1,46 1,39
MIN 1,05 1,04 1,04
Dev. Standard 0,13 0,11 0,11
Coeff.di variaz. 0,11 0,09 0,09
Media 2,96 2,70 2,78
MAX 4,99 4,20 4,57
MIN 2,02 1,98 1,99
Dev. Standard 0,66 0,50 0,52
Coeff.di variaz. 0,22 0,18 0,19
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
Categoria di suolo
GWB+GWB
0,5 p 1
GWB+OSB
0,5 p 1
GWB+GWB
0,7 p 1
GWB+OSB
0,7 p 1
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak
S
a,ult
/S
a,y
S
a,peak
/S
a,y
S
a,ult
/S
a,peak

Tabella 5.7: Dati significativi dellinfluenza della categoria di suolo
Strumenti per la progettazione sismica 163

5.5 Individuazione del fattore di struttura
Nel caso di analisi sismiche di tipo lineare, la capacit del sistema da
considerare dovrebbe essere quella relativa al solo comportamento elastico.
Le pareti, per, sono in grado di fornire una maggiore capacit dovuta al
comportamento inelastico.
Nella progettazione sismica questo comportamento inelastico viene
considerato attraverso lintroduzione di un fattore di struttura q. Nelle
normative sismiche, come lEurocodice 8 (2004) e lOPCM 3431 (2005),
tale fattore viene utilizzato allo scopo di ridurre lazione sismica, valutata
secondo analisi lineari, al fine di tenere in conto la risposta non lineare della
struttura. In maniera analoga negli Stati Uniti, il fattore R di modificazione
della risposta, o fattore di prestazione del sistema, tiene conto dello
smorzamento, della dissipazione dellenergia e della sovraresistenza.
Le pareti considerate sono caratterizzate da importanti riserve di resistenza
oltre il limite elastico. Di conseguenza si pu immaginare che la
sovraresistenza giochi un ruolo fondamentale in fase non lineare.
Sulla base degli stati limite introdotti (S
a,y
, S
a,peak
, S
a,ult
) si posso individuare,
utilizzando i risultati delle analisi IDA, due fattori di struttura (Flp &
Dubina 2004):



y a
peak a
S
S
q
,
,
1
=
(5.14)


peak a
ult a
S
S
q
,
,
2
=
(5.15)

in particolare il rapporto S
a,peak
/S
a,y
fornisce il fattore di struttura che tiene
conto della sovraresistenza, mentre il rapporto S
a,ult
/S
a,peak
fornisce il fattore
di struttura che tiene conto della duttilit.
Si pu introdurre anche un terzo fattore di struttura pari a:



y a
ult a
S
S
q
,
,
3
=
(5.16)

che tiene conto sia della sovraresistenza che della duttilit.
164 Capitolo V
Cos definiti, i fattori di struttura possono essere associati ai diversi livelli di
progettazione.
Nel caso di stato limite di life safety (probabilit di eccedenza dellevento
sismico del 10% in 50 anni) e si associa il fattore di struttura q
1
, che
consente di ridurre le azioni sismiche, tenendo conto che leffettiva capacit
del sistema per effetto del comportamento non lineare sar maggiore di q
1

volte per effetto della sovraresistenza. Per lo stato limite di collapse
prevention (probabilit di eccedenza dellevento sismico del 2% in 50 anni),
si associa il fattore di struttura q
3
, al fine di tener conto dei contributi della
sovraresistenza e della duttilit. Per quanto riguarda lo stato limite di
immediate occupancy, il fattore di struttura si considera pari ad 1.
I valori dei fattori di struttura sono stati individuati sulla base delle analisi
effettuate. I valori di S
a,el
, S
a,y
, S
a,peak
, S
a,ult
e dei rapporti S
a,peak
/S
a,y
, S
a,ult

/S
a,peak
e S
a,ult
/S
a,y
presi in considerazione sono quelli relativi alle
configurazioni di parete significative da cui si sono ricavati i valori medi
riportati in Tabella 5.8. Sulla base di questi risultati si propone di
individuare per il fattore di struttura q
1
il valore 2 e per il fattore q
3
il valore
3.

p Materiale q
1
q
2
q
3


0,51 GWB+GWB 2,4 1,4 3,4
0,51 GWB+OSB 2,5 1,2 3,1
0,51 2,5 1,3 3,3
0,71 GWB+GWB 2,2 1,3 2,9
0,71 GWB+OSB 2,3 1,2 2,8
0,71 2,3 1,3 2,9
Tabella 5.8: Fattori di struttura
5.6 Approccio progettuale per lanalisi dinamica lineare
mediante nomogrammi
Lapproccio alla progettazione proposto si riferisce a pareti con struttura
SCFS aventi intelaiatura in acciaio formato a freddo con pannelli di legno o
gesso senza aperture, i cui componenti strutturali sono progettati in maniera
tale da favorire il collasso delle connessioni.
Lapproccio ipotizza che alcuni parametri riguardanti la geometria e i
componenti della parete siano noti, mentre altri sono da calcolare.
Strumenti per la progettazione sismica 165

I parametri fissati sono:

- Altezza della parete;
- Interasse tra i montanti;
- Tipo, spessore e orientamento del panello;
- Tipo, spaziatura interna e distanza dal bordo delle connessioni;
- Tipo di acciaio e dimensioni dei montanti e delle travi;
- Tipo di ancoraggio Hold-down;
- Tipo di ancoraggio a taglio,

Mentre i parametri che possono variare sono:

- Spaziatura delle connessioni sul bordo esterno s;
- Spessore dei montanti t;
- Diametro dellancoraggio |;
- Spaziatura tra gli ancoraggi a taglio a.

Sulla base di queste considerazioni, si individuano tre diverse fasi
progettuali:

1) Definizione dei parametri geometrici della parete:
2) Scelta della spaziatura tra le connessioni sul bordo;
3) Valutazione degli altri parametri da calcolare.

La prima parte della progettazione non dipende da nessun parametro
sismico, ma solo da scelte architettoniche e tecnologiche e dal progetto a
carichi verticali. Solo la scelta della spaziatura esterna delle connessioni s
deriva direttamente da risultati ottenuti da analisi sismiche. Invece, la
valutazione dello spessore dei montanti, diametro della connessione dell
hold-down e la spaziatura tra gli ancoraggi a taglio effettuata sulla base
della gerarchia delle resistenze.
Lapproccio proposto valido per edifici monopiano (sistema ad un grado
di libert) aventi configurazione strutturale simmetrica (senza la presenza di
effetti torsionali) e con tutte le pareti aventi la stessa geometria. In questo
caso la curva che rappresenta il legame forza-spostamento dellintera
struttura pu essere ottenuta direttamente dalla curva di risposta della
singola parete ottenuta secondo il modello proposto nel Paragrafo 5.1. In
definitiva, il comportamento laterale della struttura rappresentato da quello
166 Capitolo V
della parete schematizzata come un sistema ad un grado di libert, su cui
agisce un peso sismico per unit di lunghezza w pari a:



i
l
W
w
E
=
(5.17)

dove:

W il peso sismico totale;
l
i
la lunghezza della parete resistente nella direzione considerata
del sisma.
5.6.1 Valutazione della spaziatura
Per analisi sismica dinamica lineare, si effettua una progettazione basata
sulle forze, dove il comportamento inelastico e la sovraresistenza sono
tenuti in conto dal fattore di struttura. In questo caso la capacit e la
domanda sismica vengono messe a confronto in termini di forza attraverso
la seguente espressione:



D C
H H >
(5.18)

dove:

H
C
la capacit sismica in termini di forza;
H
D
lazione sismica che sollecita la struttura.

La procedura per effettuare lanalisi dinamica lineare per pareti in SCFS
secondo lapproccio proposto mostrata dal diagramma di flusso di Figura
5.8.

Strumenti per la progettazione sismica 167




Peso
sismico
(w)
Smorzamento
viscoso
(v)

Domanda azione
sismica (H
Di
)
Rigidezza
(k
i
)
Periodo strutturale
(T
i
)
Fine
Si
No
Riprogettazione (s
i+1
<s
i
)
Spaziatura
s
i

Spettro di
accelerazione
(S
a
)
Resistenza sismica
(H
Ci
)
H
Ci
H
Di

Figura 5.8: Diagramma di flusso per lanalisi dinamica lineare
In particolare, lazione sismica H
D
pu essere calcolata tramite le seguenti
relazioni:



g
w
S H
a D
=
(5.19)

) , ( v T f S
SaT a
=
(5.20)

K
g w
T t 2 = (5.21)

dove:

S
a
laccelerazione spettrale;
f
SaT
la funzione dellaccelerazione spettrale;
T il periodo fondamentale della struttura;
v il coefficiente di smorzamento viscoso;
w il peso sismico;
g laccelerazione di gravit;
168 Capitolo V
K la rigidezza a taglio che pu essere espressa in funzione della
spaziatura delle connessioni s:

) (s f K
K
= (5.22)

anche la resistenza sismica H
Ci
pu essere ottenuta tramite una funzione
della spaziatura delle connessioni s:


) (s f H
H C
=
(5.23)

Le funzioni f
K
e f
H
, che definiscono la risposta della parete a taglio in
funzione della spaziatura delle connessioni, si ottengono sulla base curva
forza-spostamento della parete valutata secondo quanto descritto nel
Paragrafo 5.1.
Quindi, per ogni valore della spaziatura s, note le funzioni f
SaT
, f
K
, f
H,
una
volta fissati un valore del peso sismico W della struttura e il coefficiente di
smorzamento viscoso v, lazione sismica H
Di
e la resistenza H
Ci
valutate
attraverso le equazioni da (5.19) a (5.23) e confrontate mediante la (5.18).
La procedura di progettazione pu essere rappresentata graficamente
attraverso il nomogramma LD mostrato in Figura 5.9.


s
K
T
H
D
= S
a
w /g H
C
H
C
= f
H
(s)
K = f
K
(s)
K
g w
T
/
2t =
H
D
=f
SaT
(T,) w / g

Figura 5.9: Nomogramma LD per lanalisi dinamica lineare
Strumenti per la progettazione sismica 169

5.6.2 Valutazione degli altri parametri di progetto
Una volta progettata la spaziatura esterna delle connessioni s, bisogna
valutare lo spessore dei profili dei montanti t, il diametro | dellancoraggio
degli hold-down e la spaziatura a tra gli ancoraggi a taglio per poter
completare la progettazione della parete.
Anche in questo caso la procedura di progettazione per gli altri elementi
strutturali della parete pu essere rappresentata graficamente attraverso il
nomogramma OC mostrato in Figura 5.10.

s
C
H
av f C
H
, ,
d ha C
H
, ,
d s C
H
, ,
d sa C
H
, ,

Figura 5.10: Nomogramma OC per il progetto degli altri elementi strutturali
Nel nomogramma la resistenza a taglio unitaria della parete C H
corrisponde alla resistenza delle connessioni f C H , , de ntanti i mo s C H , , degli
own hold-d ha C H , e degli ancoraggi a taglio sa C H , e sono rappresentate
insieme come funzione della spaziatura tra le connessioni esterne.
In particolare, la f C H , pu essere ottenuta tramite la (5.23), mentre s C H , ,
ha C H , ed sa C H , sono calcolate partendo dalla forza di compressione assiale
sul montante N
s
, dalla forza di tensione assiale sullhold-down N
ha
e dalla
forza di taglio negli ancoraggi a taglio V
sa
:

170 Capitolo V

h
N
l
H
H
s
s C
s C = =
,
, (5.24)

h
N
l
H
H
ha
ha C
ha C = =
,
, (5.25)


|
.
|

\
|
+ =
l a
V H
sa
sa C
1 1
,
(5.26)

dove l e h sono la lunghezza e laltezza della parete (Figura 5.11).

bottom
track
N
H
h
N
l
end studs
hold-down anchor
shear
anchor
internal studs
sheathing
panel
external sheathing fasteners
internal sheathing fasteners
top track
s
p
c
= t

V
a
= |

internal studs size
end studs size
tracks size
b e
hold-down device
foundation

N: axial force acting on the end stud / hold-down anchor
V: shear force acting on a shear anchor

Figura 5.11: Azioni sulle componenti strutturali della parete
La resistenza a taglio per un metro di parete corrispondente alla resistenza
delle connessioni decresce quando la distanza tra le connessioni lungo il
bordo esterno aumenta, mentre le resistenze corrispondenti agli altri
elemento sono costanti e indipendenti dalla spaziatura delle connessioni
esterne.
Quindi, utilizzando il nomogramma OC, fissata la spaziatura esterna, la
progettazione dei parametri che definiscono gli altri componenti della parete
viene eseguita attraverso il criterio di gerarchia delle resistenze mediante le
seguenti relazioni:
Strumenti per la progettazione sismica 171



d f
C
s ov
k s C
H
H
,
,
,
, ,
>


(5.27)

d f
C
ha ov
k ha C
H
H
,
,
,
, ,
>


(5.28)


d f
C
sa ov
k sa C
H
H
,
,
,
, ,
>


(5.29)

dove
k s C
H
, ,
la resistenza caratteristica unitaria dei montanti;
k ha C
H
, ,
la resistenza caratteristica unitaria degli hold-down;
k sa C
H
, ,
la resistenza caratteristica unitaria degli ancoraggi a taglio;
d f
C
H
,
,
la resistenza di progetto unitaria delle connessioni del
rivestimento;

ov,s
il fattore di sovraresistenza dei montanti;

ov,ha
il fattore di sovraresistenza degli hold-down;

ov,sa
il fattore di sovraresistenza degli ancoraggi a taglio.

5.6.3 Nomogramma
I nomogrammi proposti per lanalisi dinamica lineare sono stati realizzati
secondo un approccio progettuale a pi livelli di prestazione. Tali livelli
sono indicati dalla FEMA 356 (2000) e riportati nel Paragrafo 5.3.3:
immediate occupancy, life safety, collapse prevention.
Le funzioni f
K
e f
H
riportate nel nomogramma sono state individuate, in
funzione della spaziatura, sulla base del modello proposto nel Paragrafo 5.1
e facendo riferimento alla bilineare equivalente (Boudreault et al. 2007),
ottenendo la curva media forza-spostamento e passando alla curva di
progetto attraverso un coefficiente di sicurezza pari a 2 (Figura 5.12). Il
coefficiente di sicurezza dato dal prodotto tra 1,25, il coefficiente parziale
di sicurezza fissato dalla normativa, e 1,6 dato dalle osservazioni
sperimentali dei rapporti tra le resistenze medie e i loro valori caratteristici.

172 Capitolo V
0
10
20
30
40
50
60
70
0 10 20 30 40 50 60 70
d [mm]
H [kN/m] s=50mm
s=75mm
s=100mm
s=150mm
80
average non linear response curve
average idealised bilinear response curve
design idealized bilinear response curve
Hy,d
Hy,av
Hp,av

Figura 5.12: Curva di risposta per diversi valori della spaziatura esterna
Gli spettri di accelerazione considerati sono quelli forniti dallOPCM 3431
(2005) e definiscono la funzione f
SaT
. In particolare si fa riferimento alle tre
diverse categorie di suolo definite dalla norma e a valori di accelerazione al
picco a
g
su suolo di tipo A, per i terremoti corrispondenti ai tre livelli di
prestazione con probabilit di eccedenza pari a 50% in 50 anni per il livello
di immediate occupancy, 10% in 50 anni per il livello di life safety e 2% in
50 anni per il livello di collapse prevention. I valori dellintensit sismica
sono quelli riportati in Tabella 5.1.
Gli spettri considerati sono poi stati ottenuti facendo riferimento ai fattori di
struttura definiti nel Paragrafo 5.5, cio q=1 per il livello di immediate
occupancy, q=2 per il livello di life safety e q=3 per il livello di collapse
prevention. Il coefficiente di smorzamento viscoso stato considerato pari
al 5%.
Si riporta il caso di una parete in GWB+OSB con altezza 2700mm e
lunghezza 4800m (Figura 5.13), avente peso sismico pari a 30kN/m e
accelerazione al picco corrispondenti alla zona 2, quindi con a
g
=0,10g per
immediate occupancy, a
g
=0,25g per life safety e a
g
=0,38g nel caso di
collapse prevention su di un suolo appartenente alla categoria A. Dato il
nomogramma di Figura 5.14, si ipotizza un valore della spaziatura esterna
pari a 100mm e, per lassegnato peso sismico, si individua sul grafico in alto
a sinistra il punto A ( C H /w=0,41) corrispondente alla resistenza di progetto
della parete, in seguito sul grafico in basso a sinistra si individua il punto B
corrispondente alla rigidezza (K=1,76kN/mmm). Il punto C, che
corrisponde al periodo proprio della parete (T=0,26s), si ottiene sul grafico
Strumenti per la progettazione sismica 173

in basso a destra come intersezione tra la retta orizzontale passante per il
punto B e il peso sismico corrispondente. Noto il periodo, sul grafico posto
in alto a destra, lintersezione tra la linea verticale per B e le curve
corrispondenti ai diversi livelli di prestazione per la categoria di suolo A
individuano i punti D, E, F che rappresentano lazione sismica a ciascun
livello ( C H /w=0,25 per IO, C H /w=0,31 per LS, C H /w=0,32 per NC). I
punti cos individuati sono pi bassi rispetto al punto A, di conseguenza la
verifica risulta essere soddisfatta per tutti i livelli prestazionali con il
rapporto domanda-capacit ( D H / C H ) pari a: 0,61 per immediate
occupancy, 0,77 per life safety e 0,78 per collapse prevention. In caso
contrario, necessario ridurre la spaziatura delle connessioni esterne e
ripetere lanalisi descritta.

0
10
20
30
40
50
60
70
0 10 20 30 40 50 6
d [mm]
0
H
D
[kN/m]
curva di risposta non lineare
curva di risposta bilineare equivalente
curva di risposta bilineare di progetto
s=50mm
s=75mm
s=100mm
s=150mm

Figura 5.13: Curve di risposta della parete GWB+OSB h=2700mm e l=4800mm
174 Capitolo V
0.15 0.21 0.27 0.33
0
0.2
0.4
0.6
0.8
2.8
2.4
2
1.6
1.2
50 75 100 125 150
50 75 100 125 150
0
0.2
0.4
0.6
0.8
0.15 0.21 0.27 0.33
2.8
2.4
2
1.6
1.2
H
C
/w
T (s)
H
D
/w
30 25 20 15 35
w (kN/m)
15
20
25
30
35
40
w (kN/m)
LS
ag/g
0.15
0.25
0.35
Soil type
D
BCE
A
T (s)
k

(
k
N
/
m

m
m
)
s (mm)
k

(
k
N
/
m

m
m
)
s (mm)
40
NC
ag/g
0.23
0.38
0.53
IO
ag/g
0.06
0.10
0.14
A
B C
D
E
F

Figura 5.14: Applicazione del nomogramma per lanalisi dinamica lineare
5.6.4 Estensione dei nomogrammi al caso di edifici monopiano
con pianta simmetrica e pareti diverse
Il progetto attraverso lutilizzo del nomogramma LD per lanalisi dinamica
lineare si basa sulla ipotesi di edificio monopiano avente configurazione
strutturale perfettamente simmetrica e con pareti resistenti identiche.
Lapproccio proposto fa riferimento al caso di edifici monopiano, ad un solo
grado di libert, costituito da pareti caratterizzate da lunghezza l
i
e rigidezza
Strumenti per la progettazione sismica 175

k
i
diverse, con pianta simmetrica, evitando linsorgere di fenomeni
torsionali. In questo caso non pi corretto considerare il peso sismico
unitario corrispondente alla generica parete come rapporto tra il peso
sismico totale e la somma delle lunghezze delle pareti, perch a ciascuna
parete corrisponde un peso sismico unitario diverso in funzione della
rigidezza.
Il periodo fondamentale T delledificio dato dalla seguente relazione:


=
i i
l k
g W
T
/
2t

(5.30)

dove:

W il peso sismico totale della struttura;
g laccelerazione di gravit;
k
i
la rigidezza della parete i-esima;
l
i
la lunghezza della parete i-esima.


Tale valore del periodo caratterizza loscillazione dellintera struttura,
quindi le pareti, costrette dallimpalcato a subire lo stesso spostamento in
testa, sono anchesse caratterizzate da tale periodo. Di conseguenza, il peso
sismico unitario corrispondente alla generica parete resistente a taglio deve
essere tale che, nota la sua rigidezza, il periodo fondamentale della parete
sia pari a quello dellintero edificio. Il valore del periodo della generica
parete pu essere espresso attraverso la seguente relazione:




j j
j eq
l k
g w
T
/
2
,
t =

(5.31)

dove:

w
eq,j
il peso sismico equivalente corrispondente alla generica parete;
g laccelerazione di gravit;
k
j
la rigidezza della generica parete;
l
j
la lunghezza della generica parete.
176 Capitolo V

Quindi, eguagliando i valori dei periodi valutati attraverso la (5.30) e la
(5.31), si ottiene il valore del peso sismico equivalente della generica parete
attraverso la relazione di seguito riportata:


=
i i
j
j eq
l k
Wk
w
,

(5.32)

Tale valore del peso sismico quello da utilizzare nella procedura di
progetto attraverso i nomogrammi.
La procedura di progetto da seguire, quindi, in caso di edificio costituito da
pareti di diversa lunghezza quella mostrata nel diagramma di flusso di
Figura 5.15. In particolare, c una prima fase in cui vengo definiti i
parametri geometrici della parete sulla base del progetto per carichi verticali
e su considerazioni di tipo tecnologico e architettonico.
A questo punto si effettua lanalisi sismica di tipo dinamico lineare al fine di
valutare la spaziatura esterna dei collegamenti dei pannelli. Tale analisi
viene effettuata attraverso lutilizzo dei nomogrammi per ciascuna parete
resistente a taglio nella direzione del sisma.
Innanzitutto si fissa un valore di tentativo della spaziatura s, in modo tale da
poter valutare la rigidezza k
i
di ciascuna parete e, noto il peso sismico totale
delledificio, si pu valutare il peso sismico equivalente di ciascuna parete
attraverso la (5.32) seguendo lapproccio indicato. Noto il peso sismico di
ciascuna parete, si effettua, per ognuna di esse, lanalisi dinamica lineare
come descritto nel Paragrafo 5.6.1.
Se ciascuna parete risulta verificata, la scelta della spaziatura esterna risulta
essere accettabile; in caso contrario bisogna ipotizzare una nuova spaziatura
di tentativo minore di quella relativa al passo precedente, ottenendo nuovi
valori della rigidezza e quindi ripetere la valutazione dei pesi sismici
equivalenti e lanalisi sismica attraverso lutilizzo dei nomogrammi.
Diverse applicazioni numeriche hanno evidenziato che alle pareti aventi
maggiore lunghezza, quindi pi rigide, corrispondono valori del peso
sismico equivalente pi alti e di conseguenza il progetto della spaziatura in
genere condizionato da quello relativo a tali pareti.

Strumenti per la progettazione sismica 177


altezza pareti (h); interasse montanti (c);
tipologia ,spessore e orientamento pannelli;
tipo acciaio, dimensioni montanti e guide;
tipo di connessioni, spaziatura interna (p) e
distanza dai bordi;
tipo di ancoraggi a taglio e trazione
Spaziatura
esterna (s)

Accelerazione
spettrale

Rigidezza di ciascuna
parete
(k
i
)
Peso sismico equivalente
di ciascuna parete

=
i i
i
i eq
l k
k W
w
,

Periodo fondamentale
(T)
Azione sismica su
ciascuna parete
(H
Di
)
Resistenza a taglio di
ciascuna parete
(H
Ci
)
Di Ci
H H >
Fine
s
i+1
<s
i


Figura 5.15: Diagramma di flusso per lapplicazione del nomogramma LD nel caso di edificio
monopiano con pareti diverse secondo schema simmetrico
5.6.5 Estensione dei nomogrammi al caso di edifici multipiano
I nomogrammi LD per lanalisi dinamica lineare non sono utilizzabili nel
caso di edifici aventi numero di piani superiori ad uno. Lapproccio
proposto teso ad estendere luso dei nomogrammi anche per questo caso.
A tal fine, il problema viene studiato facendo riferimento ad un edificio a
pi piani, uguali tra loro simmetrici in pianta e realizzati con un unico tipo
di parete. In questo caso la verifica sismica condizionata dal
comportamento del piano pi basso, cio dove le pareti devono fronteggiare
unazione tagliante pari al taglio alla base delledificio; quindi, soddisfatta
tale verifica, saranno soddisfatte anche quelle ai piani superiori, in quanto le
pareti sono uguali a quelle del piano inferiore, ma sollecitate da taglianti di
minore intensit. Per poter utilizzare i nomogrammi anche in questo caso
bisogna fare in modo che restituiscano un valore dellazione sismica pari
178 Capitolo V
allaliquota del taglio alla base agente sulla singola parete appartenente al
piano inferiore.
I nomogrammi permettono di progettare il valore della spaziatura esterna
delle connessioni tra i montanti e il pannello di rivestimento della parete
attraverso unanalisi sismica. Noto il tipo di parete utilizzato e individuato
il nomogramma corrispondente, i dati di ingresso sono la spaziatura esterna
e il peso sismico unitario agente sulla parete, quindi bisogna individuare il
valore del peso sismico tale da restituire unazione sismica pari al taglio alla
base.
Lapproccio proposto suggerisce di passare dallo schema reale delledificio
di sistema a pi gradi di libert ad un sistema ad un grado di libert,
rendendo possibile lutilizzo dei nomogrammi. Il nuovo schema si ottiene,
come rappresentato in Figura 5.16, individuando un sistema ad un grado di
libert avente massa pari a quella dellintero edificio e rigidezza pari a
quella di un singolo piano. Attraverso tale schematizzazione si entra nel
nomogramma con un peso sismico unitario pari allintero peso sismico
delledifico diviso la lunghezza delle pareti al piano inferiore.


Figura 5.16: Schema ad un solo grado di libert considerato
I risultati che si ottengono attraverso questo tipo dapproccio sono per
approssimati. Infatti, a rigore, lazione sismica frutto di unanalisi modale
tesa allindividuazione dei diversi modi di vibrare del sistema e dei rispettivi
effetti. Per tale motivo stata eseguita unanalisi parametrica che confronta
i risultati dellanalisi dinamica lineare eseguita in maniera rigorosa con
quelli ottenuti attraverso lapproccio ipotizzato. Tali analisi sono state
effettuate su edifici aventi un numero di pareti per ciascun piano pari a
quattro disposte simmetricamente e facendo variare i seguenti parametri:
Strumenti per la progettazione sismica 179


- tipo di parete;
- numero di piani;
- massa;
- distribuzione delle masse tra i piani.

Le pareti sono state scelte al fine di coprire lintero campo delle rigidezze,
in quanto la rigidezza influenza il periodo proprio della struttura e quindi il
valore dellazione sismica. Le pareti scelte sono tre: GWB+GWB di altezza
2700mm, lunghezza 1200mm e spaziatura 150mm caratterizzata da un
valore basso della rigidezza; OSB+GWB di altezza 2700mm, lunghezza
2400mm e spaziatura 100mm di rigidezza intermedia e OSB+GWB di
altezza 2700mm, lunghezza 9600mm e spaziatura 50mm di rigidezza
elevata. Il legame forza-spostamento delle pareti scelte rappresentato in
Figura 5.17.

0,00
5,00
10,00
15,00
20,00
25,00
30,00
0,00 10,00 20,00 30,00 40,00 50,00 60,00
d (mm)
F

(
k
N
/
m
)
GWB+GWB h=2700 l=1200 s=150 OSB+GWB h=2700 l=2400 s=100
OSB+GWB h=2700 l=9600 s=50

Figura 5.17: Bilineare di progetto delle pareti considerate nellanalisi parametrica
Si considera il numero di piani variabile tra due e tre in quanto, per tale
tipologia strutturale, simili valori generalmente non vengono superati.
Le masse corrispondenti a ciascun piano utilizzate sono pari a 5, 10 e 20t,
che rappresentano i valori tipici della tipologia in esame. Le masse sono
distribuite secondo due schemi: masse tutte uguali per piano o masse tutte
180 Capitolo V
uguali tranne che per lultimo piano. In questultimo caso, si considera una
massa pari alla met di quella ai piani inferiori, in modo da tenere in conto i
restringimenti di piano o la presenza di carichi minori in copertura.
Per ciascuna combinazione dei parametri si effettuano le analisi con i due
approcci e si confrontano i valori del coefficiente di sicurezza, inteso come
rapporto tra resistenza della parete e azione sismica. Al fine di ottenere un
confronto quanto pi preciso, sono state scartate le combinazioni aventi
valori del coefficiente di sicurezza inferiori a 0,5 e superiori a 5, in modo da
tenere in conto solo i casi pi realistici. I risultati delle analisi per ciascuna
delle combinazioni prese in considerazione sono riportati nelle seguenti
tabelle.


Tabella 5.9: Risultati dellanalisi su edificio a due piani con pareti GWB+GWB

Tabella 5.10: Risultati dellanalisi su edificio a due piani con pareti GWB+GWB
Strumenti per la progettazione sismica 181


Tabella 5.11: Risultati dellanalisi su edificio a due piani con pareti OSB+GWB

Tabella 5.12: Risultati dellanalisi su edificio a due piani con pareti OSB+GWB

Tabella 5.13: Risultati dellanalisi su edificio a due piani con pareti GWB+GWB
182 Capitolo V

Tabella 5.14: Risultati dellanalisi su edificio a due piani con pareti GWB+GWB

Tabella 5.15: Risultati dellanalisi su edificio a due piani con pareti OSB+GWB

Tabella 5.16: Risultati dellanalisi su edificio a due piani con pareti OSB+GWB
Strumenti per la progettazione sismica 183


Tabella 5.17: Risultati dellanalisi su edificio a tre piani con pareti OSB+GWB

Tabella 5.18: Risultati dellanalisi su edificio a tre piani con pareti OSB+GWB

Tabella 5.19: Risultati dellanalisi su edificio a tre piani con pareti GWB+GWB
184 Capitolo V

Tabella 5.20: Risultati dellanalisi su edificio a tre piani con pareti GWB+GWB

Tabella 5.21: Risultati dellanalisi su edificio a tre piani con pareti OSB+GWB

Tabella 5.22: Risultati dellanalisi su edificio a tre piani con pareti OSB+GWB
Strumenti per la progettazione sismica 185


Tabella 5.23: Risultati dellanalisi su edificio a tre piani con pareti OSB+GWB

Tabella 5.24: Risultati dellanalisi su edificio a tre piani con pareti OSB+GWB
Sulla base delle analisi eseguite si evince che lerrore commesso in media
del 1,20%, quindi lutilizzo di tale approccio pu considerarsi valido. I
risultati dellanalisi parametrica sono sintetizzati in Tabella 5.25.

Media 1,20%
Min 0,05%
Max 2,85%
Deviazione standard 0,88%
Dev./Media 0,73
Tabella 5.25: Risultati significativi dellanalisi parametrica


Conclusioni 187

CONCLUSIONI
I principali obiettivi del lavoro svolto sono stati la realizzazione di strumenti
operativi per la progettazione di edifici in acciaio formato a freddo e
pannelli di rivestimento SCFS. Per la progettazione nei confronti dei carichi
verticali sono stati proposti degli abachi i quali, sulla base dellanalisi dei
carichi, permettono di dimensionare i principali elementi della struttura.
Sono stati proposti abachi per la progettazione dei pannelli e dei travetti del
solaio, dei montanti di parete, delle piattabande e dei relativi elementi di
sostegno, delle fondazioni, oltre a fornire diverse informazioni sulla scelta
degli elementi strutturali secondari e sulla configurazione dei collegamenti.
Al fine di definire il comportamento dei collegamenti si rivelata necessaria
lesecuzione di prove sperimentali per lindividuazione delle resistenze
caratteristiche a taglio e a trazione delle viti autoperforanti.

Dal punto di vista sismico, sulla base di risultati di analisi dinamiche non
lineari incrementali su diverse configurazioni di pareti SCFS, sono stati
individuati i fattori di struttura per lesecuzione di analisi lineari. I fattori di
struttura proposti corrispondono a tre diversi livelli di prestazione associati a
una diversa probabilit di eccedenza dellevento sismico. Inoltre, stata
condotta unanalisi parametrica tesa ad investigare linfluenza dei diversi
parametri in gioco sulla risposta del sistema alle azioni sismiche, e quindi
sui fattori di struttura. Si individuato che i parametri che influenzano
maggiormente la risposta sismica del sistema sono la spaziatura esterna
delle connessioni, la larghezza della parete e il fattore di forma, mentre il
peso sismico e la categoria di suolo risultano essere praticamente ininfluenti.
Infine sono stati proposti degli abachi progettuali, sottoforma di
nomogrammi, per lesecuzione dellanalisi dinamica lineare utilizzando i
fattori di struttura proposti e riferendosi ai tre livelli prestazionali:
immediate occupancy, life safety, collapse prevention. Il nomogramma
progettuale si riferisce al caso di edificio monopiano con pareti resistenti
uguali e disposte simmetricamente. Per tale motivo si ritenuto necessario
individuare delle procedure per estendere lapplicabilit dello strumento
proposto anche al caso di edifici monopiano con pareti diverse disposte in
maniera simmetrica e al caso di edifici multipiano con pareti identiche e
simmetriche.

188 Conclusioni
Futuri sviluppi della ricerca possono consistere in: sviluppo di un software
che, sulla base dei fogli di calcolo utilizzati per la compilazione degli
abachi, permetta di effettuare la progettazione dei principali elementi
strutturali sotto lazione dei carichi verticali; la progettazione di un caso
studio attraverso gli abachi progettuali proposti e confrontarlo con i risultati
ottenuti attraverso verifiche dirette; realizzazione di nomogrammi per
lanalisi statica non lineare con riferimento allapproccio multiprestazionale
ed individuare procedure per estendere lapplicabilit a casi pi complessi;
lo studio del comportamento di edifici con pareti in SCFS sotto lazione
sismica in presenza di effetti torsionali e proporre criteri per la
progettazione.


Bibliografia 189

BIBLIOGRAFIA
AICAP (2008), Progettazione Di Strutture In Calcestruzzo Armato guida
alluso dellEurocodice 2 con riferimento alle Norme Tecniche D.M.
14.1.2008, Volume 1, AICAP (Associazione Italiana Calcestruzzo Armato e
Precompresso), Roma.
AISI (1993), Fasteners for Residential Steel Framing, AISI (American Iron
and Steel Institute), Washington DC, USA.
AISI (1996), Cold-Formed Steel Design manual, AISI (American Iron and
Steel Institute), Washington DC, USA.
AISI (2001), North American Specification for the design of Cold-Formed
Steel structural members, November 9, 2001 draft edition, AISI (American
Iron and Steel Institute), Washington DC, USA.
ANSI A208.1-93 (1993), Mat-formed wood particleboard, ANSI (American
National Standards Institute), New York, USA.
ASCE 7-93 (1993), Minimum Design Load for Buildings and Other
Structures, American Society of Civil Engineers, New York, NY.
ASTM C1396/C1396M-02 (2002), Standard specification for gypsum
board, ASTM (American Society for Testing and Materials). West
Conshohocken, PA, USA.
Ballio, G., Mazzolani, F.M. (1987), Strutture in acciaio, Hoepli, Milano.
Blais, C. (2006), Testing and Analysis of Light Gauge Steel Frame / 9mm
OSB Wood Panel Shear Walls, Master's Thesis, Dept. of Civil Engineering
and Applied Mechanics, McGill University, Montreal, Canada.
BOCA (1993), The BOCA National Building Code, Building Officials &
Code Administrators International, Inc., Country Club Hills, IL.
190 Bibliografia
Boudreault, F.A. (2005), Seismic analysis of steel frame / wood panel shear
walls, Masters Thesis, Department of Civil Engineering and Applied
Mechanics, McGill University, Montreal, Canada.
Boudreault, F.A., Blais, C., Rogers, C.A. (2007), "Seismic force
modification factors for light-gauge steel-frame wood structural panel
shear walls" Canadian Journal of Civil Engineering, NRC, Vol. 34(1):56-
65.
Branston, A. E. (2004), Development of a Design Methodology for Steel
Frame / Wood Panel Shear Walls, Master's Thesis, Dept. of Civil
Engineering and Applied Mechanics, McGill University, Montreal, Canada.
Branston, A.E., Chen, C.Y., Boudreault, F.A., Rogers, C.A. (2006),
"Testing of light-gauge steel-frame - wood structural panel shear walls",
Canadian Journal of Civil Engineering, NRC, Vol. 33(5):561-572.
Circolare n. 617 2 febbraio 2009, Istruzioni per l'applicazione delle Nuove
norme tecniche per le costruzioni di cui al decreto ministeriale 14 gennaio
2008, Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26-2-2009 Suppl. Ordinario n.27, Roma.
CSSBI (1991), Canadian Steel framing design manual, CSSBI (Canadian
Sheet Steel Building Institute), Cambridge ON, Canada.
Decreto Ministeriale 14/01/2008, Nuove Norme Tecniche per le
Costruzioni, Gazzetta Ufficiale n. 29 del 4 febbraio 2008 - Suppl. Ordinario
n. 30, Roma.
Della Corte, G., Fiorino, L., Landolfo, R. (2005), Comportamento sismico
di edifici residenziali in acciaio con pareti a taglio in profili formati a freddo
e pannelli di rivestimento, Costruzioni Metalliche, ACAI, No. 6/2005:47-
62.
Della Corte, G., Fiorino, L., Landolfo, R. (2006), Seismic Behavior of
Sheathed Cold-Formed Structures: Numerical Study, Journal of Structural
Engineering, ASCE, Vol. 132, No. 4:558-569.
EN 10147 (2002), Specification for continuously hot-dip zinc coated
structural steel sheet - Technical delivery conditions, CEN (European
Committee for Standardization), Bruxelles, Belgium.
Bibliografia 191

EN 1993-1-1 (2005), Eurocode 3: Design of steel structures - Part 1-1:
General rules and rules for buildings, May 2005, CEN (European
Committee for Standardization), Bruxelles, Belgium.
EN 1995-1-1 (2004), Eurocode 5: Design of timber structures - Part 1-1:
General - Common rules and rules for buildings, November 2004, CEN
(European Committee for Standardization), Bruxelles, Belgium.
EN 1998-1 (2004), Eurocode 8: Design of structures for earthquake
resistance - Part 1: General rules, seismic actions and rules for buildings,
December 2004, CEN (European Committee for Standardization),
Bruxelles, Belgium.
EN 309 (1993), Wood particleboards Definition and classification, CEN
(European Committee for Standardization), Bruxelles, Belgium.
EN 313-1 (1997), Plywood. Classification and terminology Classification,
CEN (European Committee for Standardization), Bruxelles, Belgium.
EN 313-2 (2000), Plywood - Classification and terminology Terminology,
CEN (European Committee for Standardization), Bruxelles, Belgium.
EN 789 (2004), Timber structures - Test methods - Determination of
mechanical properties of wood based panels, CEN (European Committee
for Standardization), Bruxelles, Belgium.
FEMA 356 (2000), Prestandard and commentary for the seismic
rehabilitation of buildings, Federal Emergency Management Agency
(FEMA), Washington, D.C.
Fiorino L., Iuorio O., Landolfo R. (2008), Sheathed cold-formed steel
housing: a seismic design procedure, Universit Federico II, Napoli.
Fiorino, L. (2003), Seismic behavior of sheathed cold-formed steel stud
shear walls: an experimental investigation, Tesi di dottorato, Dipartimento
di Analisi Progettazione Strutturale, Universit Federico II, Napoli.
Fiorino, L., Della Corte, G., Landolfo, R. (2006), Lateral Response of
Sheathed Cold-Formed Shear Walls: An Analytical Approach in
192 Bibliografia
Proceedings of the 18
th
International Specialty Conference on Cold-formed
Steel Structures. Orlando, FL, USA.
Fiorino, L., Della Corte, G., Landolfo, R. (2007), Experimental tests on
typical screw connections for cold-formed steel housing, Engineering
Structures, Elsevier, Vol. 29, No. 8:1761-1773.
Flp, L.A., Dubina, D. (2004), Performance of wall-stud cold-formed
shear panels under monotonic and cyclic loading Part I: Experimental
research, Thin Walled Structures, Elsevier, Vol. 42, No. 2:321-338.
Flp, L.A., Dubina, D. (2004), Performance of wall-stud cold-formed
shear panels under monotonic and cyclic loading Part II: Numerical
modelling and performance analysis, Thin Walled Structures, Elsevier,
Vol. 42, No. 2:339-349.
ICBO (1994), Uniform Building Code, International Conference of Building
Officials (ICBO), Whittier, CA.
ICC (2000), International Residential Code (IRC), International Code
Council, Falls Church, VA, 2000.
ISO 6308 (1980), Gypsum plasterboard Specification. ISO (International
Organization for Standardization), Geneva, Switzerland.
Landolfo, R., Fiorino, L. (2007), Assessment of pushover response curve
for steel frame / panel shear walls in Proceedings of the Ninth Canadian
Conference on Earthquake Engineering. Ottawa, Ontario, Canada.
Landolfo, R., Fiorino, L., Della Corte, G. (2006), Seismic Behavior of
Sheathed Cold-Formed Structures: Physical Tests, Journal of Structural
Engineering, ASCE, Vol. 132, No. 4:570-581.
LSK (2008), Guide WiSH Worldpack design for Steel House - mmento
pour lHabitat Ossature Acier, dition N1 - Septembre 2008, LSK
(European Light Steel Construction Association), www.euro-steel.com,
Liegie, Belgium.
NAHB (1997), Commentary on the Prescriptive Method for residential
cold-formed steel framing, Second Edition, NAHB (The National
Association of Home Builders), Upper Marlboro MD, USA.
Bibliografia 193

NASFA (2000), Prescriptive Method For Residential Cold-Formed Steel
Framing, Year 2000 Edition, NASFA (North American Steel Framing
Alliance), Lexington KY, USA.
OPCM. n. 3431/2005, Ulteriori modifiche ed integrazioni allO.P.C.M. n.
3274 del 20/03/2003, recante: Primi elementi in materia di criteri generali
per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative
tecniche per le costruzioni in zona sismica , Ordinanza della Presidenza del
Consiglio, Roma.
Panico, P. (2008), Progettazione antisismica multi prestazionale di pareti in
CFS e pannelli basata su analisi dinamiche, Tesi di laurea, Dipartimento di
Ingegneria Strutturale, Universit Federico II, Napoli.
Pastor, N., Etzenbach, C. (2008), WISH*: WORPACK DESIGN FOR
STEEL HOUSE The new European easy-to-use tool for cold-formed steel
building design, in Proceedings of EUROSTEEL 2008, 3-5 September
2008, Graz, Austria.
prEN 1993-1-3 (2005), Eurocode 3: Design of steel structures - Part 1-3:
General rules - Supplementary rules for cold-formed members and sheeting,
final draft July 2005, CEN (European Committee for Standardization),
Bruxelles, Belgium.
prEN 1993-1-5 (2005), Eurocode 3: Design of steel structures - Part 1-5:
Plated structural elements, final draft September 2005, CEN (European
Committee for Standardization), Bruxelles, Belgium.
PS1-95 (1983), Voluntary product standard PS1-95 for commercial and
industrial plywood, U.S. Department of commerce, National institute of
standard and technology, Gaithersburg, MD, USA.
Ramasco, R. (1993), Dinamica delle strutture, CUEN, Napoli.
Richard, R.M., Abbott, B.J. (1975), Versatile elastic-plastic stress-strain
formula, Journal of Engineering Mechanics Division, ASCE, 101,
EM4:511-515.
Sarawit, A. (2006), CUTWP Thin-walled section properties, December
2006 Version, http://www.ce.jhu.edu/bschafer/cutwp/
194 Bibliografia
SBCCI (1994), Standard Building Code, Southern Building Code Congress
International, Inc., Birmingham, AL.
Sherif G., Knig, G. (1975), Raft and beams on compressible subsoil,
Springer Verlag, Berlin.
Tecfi (2009), Catalogo generale 2009 n. 9, Tecfi Sistemi di Fissaggio
S.p.A., Pastorano (CE).
UNI 11104 (2004), Specificazione, prestazione, produzione e conformit -
Istruzioni complementari per lapplicazione della EN 206-1, UNI (Ente
Nazionale Italiano di Unificazione), Milano.
UNI EN 206-1 (2006), Calcestruzzo - Parte 1: Specificazione, prestazione,
produzione e conformit, UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione),
Milano.
UNI ISO 1891 (1980), Viti, dadi ed accessori. Terminologia e
nomenclatura, UNI (Ente Nazionale Italiano di Unificazione), Milano.
Viggiani, C. (1999), Fondazioni, Hevelius Edizioni, Benevento.
Vozza, A. (2007), Analisi dinamica inelastica di pareti a taglio in profili
formati a freddo rivestiti con pannelli collaboranti, Tesi di laurea,
Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Universit Federico II, Napoli.
Young, W.C., Budynas, R.G. (2002), Roarks Formulas for Stress and
Strain, Seventh Edition, McGraw-Hill inc., New York.
Yu, W.W. (2000), Cold-formed steel design, 3
rd
Edition, John Wiley & Sons
Inc., New York.





Appendice A A-1
















Appendice A

RIEPILOGO DEI RISULTATI
DELLE PROVE SU VITI AUTOPERFORANTI


















Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-2

PROGRAMMA DI PROVA
Tipo Prova
Tipo Vite
Diametro
[mm] Taglio Trazione
Set-up di
prova
Numero
di prove
AB 03 42 038 4,2 a 5
AB 02 04 045 4,8 b 5
AB 01 55 050 5,5 b 5
BIM 02 55 050 5,5 b 5
TX 01 63 050 6,3 c 5
CH 01 42 050 4,2 d 5
AB 02 04 070 4,8 d 5
CK 01 55 080 5,5 e 5
BIM 02 55 090 5,5 e 5
TX 01 63 150 6,3 f 5
Totale prove 50
Caratteristiche Macchina di Prova:

Macchina: Metro Com Engineerig 10402020
Tipo: Trazione/Compressione
Principio di funzionamento: Elettromeccanico
Carico massimo: 200kN
Misuratore: Cella CVW20000
Indicatore: Monitor Computer
Velocit di avanzamento: 0,05150 mm/min



Appendice A A-3

Set-up per le prove a trazione:
I carichi trasmessi sono agenti su due sezioni della vite




Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-4

Set-up per le prove a trazione:



Appendice A A-5

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 03 42 038
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 03 42 038-1/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 10,85 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-6

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 03 42 038
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 03 42 038-2/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 10,63 kN

Appendice A A-7

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 03 42 038
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 03 42 038-3/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 11,17 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-8

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 03 42 038
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 03 42 038-4/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 10,93 kN

Appendice A A-9

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 03 42 038
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 03 42 038-5/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 9,51 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-10

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 02 04 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 02 04 050-1/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 13,82 kN

Appendice A A-11

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 02 04 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 02 04 050-2/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 14,74 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-12

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 02 04 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 02 04 050-3/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 14,08 kN

Appendice A A-13

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 02 04 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 02 04 050-4/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 15,27 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-14

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 02 04 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 02 04 050-5/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 14,67 kN

Appendice A A-15

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 01 55 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 01 55 050-1/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 19,45 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-16

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 01 55 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 01 55 050-2/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 20,74 kN

Appendice A A-17

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 01 55 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 01 55 050-3/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 22,12 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-18

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 01 55 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 01 55 050-4/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 21,73 kN

Appendice A A-19

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: AB 01 55 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 01 55 050-5/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 19,65 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-20

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: BIM 02 55 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: BIM 02 55 050-1/5
Foto provino

Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 18,25 kN

Appendice A A-21

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: BIM 02 55 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: BIM 02 55 050-2/5
Foto provino

Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 18,18 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-22

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: BIM 02 55 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: BIM 02 55 050-3/5
Foto provino

Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 18,14 kN

Appendice A A-23

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: BIM 02 55 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: BIM 02 55 050-4/5
Foto provino

Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 19,72 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-24

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: BIM 02 55 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: BIM 02 55 050-5/5
Foto provino

Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 18,02 kN

Appendice A A-25

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: TX 01 63 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: TX 01 63 050-1/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
30
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 26,59 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-26

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: TX 01 63 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: TX 01 63 050-2/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
30
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 27,65 kN

Appendice A A-27

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: TX 01 63 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: TX 01 63 050-3/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
30
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 28,94 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-28

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: TX 01 63 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: TX 01 63 050-4/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
30
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 28,52 kN

Appendice A A-29

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 13/05/2009
Codice Vite: TX 01 63 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: TX 01 63 050-5/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
30
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]

Carico di rottura: 26,89 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-30

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: CH 01 42 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: CH 01 42 050-1/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 9,29 kN

Appendice A A-31

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: CH 01 42 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: CH 01 42 050-2/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 9,27 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-32

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: CH 01 42 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: CH 01 42 050-3/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 8,03 kN

Appendice A A-33

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: CH 01 42 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: CH 01 42 050-4/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 9,50 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-34

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: CH 01 42 050
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: CH 01 42 050-5/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 8,51 kN

Appendice A A-35

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: AB 02 04 070
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 02 04 070-1/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 12,46 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-36

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: AB 02 04 070
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 02 04 070-2/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 12,61 kN

Appendice A A-37

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: AB 02 04 070
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 02 04 070-3/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 12,84 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-38

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: AB 02 04 070
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 02 04 070-4/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 12,89 kN

Appendice A A-39

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: AB 02 04 070
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: AB 02 04 070-5/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 12,81 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-40

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: CK 01 55 080
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: CK 01 55 080-1/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 18,69 kN

Appendice A A-41

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: CK 01 55 080
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: CK 01 55 080-2/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 15,97 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-42

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: CK 01 55 080
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: CK 01 55 080-3/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 14,70 kN

Appendice A A-43

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: CK 01 55 080
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: CK 01 55 080-4/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 16,84 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-44

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: CK 01 55 080
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: CK 01 55 080-5/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 17,74 kN

Appendice A A-45

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: BIM 02 55 090
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: BIM 02 55 090-1/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 10,95 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-46

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: BIM 02 55 090
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: BIM 02 55 090-2/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 10,99 kN

Appendice A A-47

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: BIM 02 55 090
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: BIM 02 55 090-3/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 11,11 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-48

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: BIM 02 55 090
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: BIM 02 55 090-4/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 10,95 kN

Appendice A A-49

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: BIM 02 55 090
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: BIM 02 55 090-5/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
3
6
9
12
15
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 10,88 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-50

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: TX 01 63 150
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: TX 01 63 150-1/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 21,99 kN

Appendice A A-51

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: TX 01 63 150
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: TX 01 63 150-2/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 22,55 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-52

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: TX 01 63 150
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: TX 01 63 150-3/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 22,46

Appendice A A-53

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: TX 01 63 150
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: TX 01 63 150-4/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 23,04 kN

Riepilogo dei risultati delle prove su viti A-54

SCHEDA SINTETICA DI PROVA
Data: 12/06/2009
Codice Vite: TX 01 63 150
Tipo prova: Trazione Taglio
Etichetta prova: TX 01 63 150-5/5
Foto provino

Diagramma di prova
Diagramma di prova
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]

Carico di rottura: 23,99 kN

Schede tecniche viti B-1
















Appendice B

SCHEDE TECNICHE VITI




















B-2 Appendice B
SCHEDA TECNICA
Codice CH 01 42 XXX
Descrizione
Vite Testa Piana Svasata, impronta a croce
tipo H, autoperforante.
Materiale Acciaio al Carbonio
Finitura Zincata 5 m min



Dimensioni nominali
Diametro (D) 4,20 mm
Larghezza testa (B) 8,10 mm
Altezza testa (H) 2,80 mm
Lunghezza (L) 13,00 50,00 mm
Lunghezza punta (Lp) 5,00 mm
Passo (p) 1,40 mm
Propriet meccaniche
Resistenza minima a torsione 4,5 Nm
Carico medio di rottura a trazione
(1)
8,92 kN
Carico caratteristico di rottura a trazione
(2)
7,47 kN
Carico medio di rottura a taglio
(1)
5,31 kN
Carico caratteristico di rottura a taglio
(2)
4,55 kN
Resistenza alla corrosione (UNI ISO 9227) 148h
Caratteristiche di installazione
Capacit di foratura max 5,00 mm
Spessore Massimo fissabile L 10 s
(3)
(mm)
Velocit di foratura 1800 - 2500 min
-1

(1)
Carico medio calcolato su 5 prove
(2)
Carico caratteristico calcolato su 5 prove con coefficiente k=2,33 in accordo con
prEN1993-1-3 Luglio 2005.
(3)
Spessore del supporto metallico




Schede tecniche viti B-3

Risultati prove su viti autoperforanti di diametro 4,2mm
Diagrammi prove sperimentali
Resistenza a Trazione
0
3
6
9
12
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]
Prova n.1
Prova n.2
Prova n.3
Prova n.4
Prova n.5

Diagrammi prove sperimentali
Resistenza a Taglio*
0
3
6
9
12
15
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]
Prova n.1
Prova n.2
Prova n.3
Prova n.4
Prova n.5
* Resistenza
valutata per
due sezioni
della vite

B-4 Appendice B
SCHEDA TECNICA
Codice CI 01 48 XXX
Descrizione
Vite Testa Cilindrica falsa Rondella,
impronta a croce tipo H, autoperforante.
Materiale Acciaio al Carbonio
Finitura Zincata 5 m min



Dimensioni nominali
Diametro (D) 4,80 mm
Larghezza testa (B) 11,20 mm
Altezza testa (H) 2,70 mm
Lunghezza (L) 13,00 80,00 mm
Lunghezza punta (Lp) 5,00 mm
Passo (p) 1,60 mm
Propriet meccaniche
Resistenza minima a torsione 6,9 Nm
Carico medio di rottura a trazione
(1)
12,72 kN
Carico caratteristico di rottura a trazione
(2)
12,30 kN
Carico medio di rottura a taglio
(1)
7,26 kN
Carico caratteristico di rottura a taglio
(2)
6,59 kN
Resistenza alla corrosione (UNI ISO 9227) 148h
Caratteristiche di installazione
Capacit di foratura max 5,00 mm
Spessore Massimo fissabile L 10 s
(3)
(mm)
Velocit di foratura 1800 - 2500 min
-1

(1)
Carico medio calcolato su 5 prove
(2)
Carico caratteristico calcolato su 5 prove con coefficiente k=2,33 in accordo con
prEN1993-1-3 Luglio 2005.
(3)
Spessore del supporto metallico






Schede tecniche viti B-5

Risultati prove su viti autoperforanti di diametro 4,8mm
Diagrammi prove sperimentali
Resistenza a Trazione
0
3
6
9
12
15
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]
Prova n.1
Prova n.2
Prova n.3
Prova n.4
Prova n.5

Diagrammi prove sperimentali
Resistenza a Taglio*
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]
Prova n.1
Prova n.2
Prova n.3
Prova n.4
Prova n.5
* Resistenza
valutata per
due sezioni
della vite

B-6 Appendice B
SCHEDA TECNICA
Codice CK 01 55 XXX
Descrizione
Vite Testa Cilindrica, impronta a Croce tipo
H, autoperforante.
Materiale Acciaio al Carbonio
Finitura Zincata 5 m min



Dimensioni nominali
Diametro (D) 5,50 mm
Larghezza testa (B) 10,00 mm
Altezza testa (H) 3,70 mm
Lunghezza (L) 13,00 100,00 mm
Lunghezza punta (Lp) 8,00 mm
Passo (p) 1,80 mm
Propriet meccaniche
Resistenza minima a torsione 10,0 Nm
Carico medio di rottura a trazione
(1)
16,79 kN
Carico caratteristico di rottura a trazione
(2)
13,19 kN
Carico medio di rottura a taglio
(1)
10,37 kN
Carico caratteristico di rottura a taglio
(2)
8,97 kN
Resistenza alla corrosione (UNI ISO 9227) 148h
Caratteristiche di installazione
Capacit di foratura max 8,00 mm
Spessore Massimo fissabile L 14 s
(3)
(mm)
Velocit di foratura 1000 to 1800 min
-1

(1)
Carico medio calcolato su 5 prove
(2)
Carico caratteristico calcolato su 5 prove con coefficiente k=2,33 in accordo con
prEN1993-1-3 Luglio 2005.
(3)
Spessore del supporto metallico






Schede tecniche viti B-7

Risultati prove su viti autoperforanti di diametro 5,5mm
Diagrammi prove sperimentali
Resistenza a Trazione
0
5
10
15
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]
Prova n.1
Prova n.2
Prova n.3
Prova n.4
Prova n.5

Diagrammi prove sperimentali
Resistenza a Taglio*
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]
Prova n.1
Prova n.2
Prova n.3
Prova n.4
Prova n.5
* Resistenza
valutata per
due sezioni
della vite

B-8 Appendice B
SCHEDA TECNICA
Codice BIM 02 55 XXX
Descrizione
Vite Bimetallo Testa esagonale con falsa
Rondella, autoperforante.
Materiale Acciaio Inox A2 + Acciaio al Carbonio
Finitura Silver



Dimensioni nominali
Diametro (D) 5,50 mm
Larghezza testa (B) 12,80 mm
Altezza testa (H) 5,25 mm
Lunghezza (L) 26,00 200,00 mm
Lunghezza punta (Lp) 8,00 mm
Lunghezza acciaio al carbonio (AL) 13,00 15,00 mm
Passo (p) 1,10 mm
Propriet meccaniche
Resistenza minima a torsione 9,5 Nm
Carico medio di rottura a trazione
(1)
10,98 kN
Carico caratteristico di rottura a trazione
(2)
10,78 kN
Carico medio di rottura a taglio
(1)
9,23 kN
Carico caratteristico di rottura a taglio
(2)
8,41 kN
Resistenza alla corrosione (UNI ISO 9227) 1000h (per acciaio al carbonio)
Caratteristiche di installazione
Capacit di foratura max 8,00 mm
Spessore Massimo fissabile L 18 s
(3)
(mm)
Velocit di foratura 1000 to 1500 min
-1

(1)
Carico medio calcolato su 5 prove
(2)
Carico caratteristico calcolato su 5 prove con coefficiente k=2,33 in accordo con
prEN1993-1-3 Luglio 2005.
(3)
Spessore del supporto metallico






Schede tecniche viti B-9

Risultati prove su viti bimetallo autoperforanti di diametro 5,5mm
Diagrammi prove sperimentali
Resistenza a Trazione
0
3
6
9
12
15
0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]
Prova n.1
Prova n.2
Prova n.3
Prova n.4
Prova n.5

Diagrammi prove sperimentali
Resistenza a Taglio*
0
2
4
6
8
10
12
14
16
18
20
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]
Prova n.1
Prova n.2
Prova n.3
Prova n.4
Prova n.5
* Resistenza
valutata per
due sezioni
della vite

B-10 Appendice B

SCHEDA TECNICA
Codice TX 01 63 XXX
Descrizione
Vite Testa esagonale INOX A2 con falsa
Rondella flangiata, con rondella EPDM
premontata, autoperforante.
Materiale Acciaio al Carbonio
Finitura Xylan



Dimensioni nominali
Diametro (D) 6,30 mm
Larghezza testa (B) 14,00 mm
Altezza testa (H) 7,50 mm
Lunghezza (L) 20,00 200,00 mm
Lunghezza punta (Lp) 8,00 mm
Passo (p) 1,80 mm
Propriet meccaniche
Resistenza minima a torsione 16,9 Nm
Carico medio di rottura a trazione
(1)
22,81 kN
Carico caratteristico di rottura a trazione
(2)
21,04 kN
Carico medio di rottura a taglio
(1)
13,86 kN
Carico caratteristico di rottura a taglio
(2)
12,68 kN
Resistenza alla corrosione (UNI ISO 9227) 1500h
Caratteristiche di installazione
Capacit di foratura max 8,00 mm
Spessore Massimo fissabile L 14 s
(3)
(mm)
Velocit di foratura 1000 to 1800 min
-1

(1)
Carico medio calcolato su 5 prove
(2)
Carico caratteristico calcolato su 5 prove con coefficiente k=2,33 in accordo con
prEN1993-1-3 Luglio 2005.
(3)
Spessore del supporto metallico




Schede tecniche viti B-11

Risultati prove su viti autoperforanti di diametro 6,3mm
Diagrammi prove sperimentali
Resistenza a Trazione
0
5
10
15
20
25
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
r
a
z
i
o
n
e

[
k
N
]
Prova n.1
Prova n.2
Prova n.3
Prova n.4
Prova n.5

Diagrammi prove sperimentali
Resistenza a Taglio*
0
5
10
15
20
25
30
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10
Spostamento [mm]
T
a
g
l
i
o

[
k
N
]
Prova n.1
Prova n.2
Prova n.3
Prova n.4
Prova n.5
* Resistenza
valutata per
due sezioni
della vite


Abachi progettuali C-1
















Appendice C

ABACHI PROGETTUALI




















C-2 Appendice C
Abaco per la progettazione dei pannelli in OSB del solaio

1
(1)
2
(2)
q
u
(3)
7,92 6,21
q
i300
(4)
1,20 1,20
q
i500
(5)
0,69 0,69
q
f150
(6)
0,95 0,71
q
f300
(7)
0,44 0,32
q
u
(3)
12,41 9,73
q
i300
(4)
2,41 2,41
q
i500
(5)
1,41 1,41
q
f150
(6)
1,91 1,44
q
f300
(7)
0,91 0,68
q
u
(3)
16,09 12,62
q
i300
(4)
4,21 4,21
q
i500
(5)
2,48 2,48
q
f150
(6)
3,34 2,55
q
f300
(7)
1,62 1,22
q
u
(3)
24,06 18,88
q
i300
(4)
7,75 7,75
q
i500
(5)
4,60 4,60
q
f150
(6)
6,17 4,72
q
f300
(7)
3,02 2,29
q
u
(3)
31,10 24,40
q
i300
(4)
11,42 11,42
q
i500
(5)
6,79 6,79
q
f150
(6)
9,10 6,97
q
f300
(7)
4,48 3,41
q
u
(3)
33,58 26,35
q
i300
(4)
14,41 14,41
q
i500
(5)
8,58 8,58
q
f150
(6)
11,50 8,81
q
f300
(7)
5,67 4,32
Classe di servizio
Spessore (mm)
12
15
18
22
25
27
Tutti i carichi sono in kN/m
2
e sono intesi al netto del peso
proprio del pannello.
I pannelli sono in OSB/3, le corrispondenti caratteristiche
meccaniche sono valutate in accordo alla EN 789.
(1) Classe di servizio 1 caratterizzata da unumidit del materiale
in equilibrio con lambiente a una temperatura di 20C e
unumidit relativa dellaria circostante che non superi il 65%, se
non per poche settimane allanno in accordo al D.M. 14 gennaio
2008.
(2) Classe di servizio 2 caratterizzata da unumidit del materiale
in equilibrio con lambiente a una temperatura di 20C e
unumidit relativa dellaria circostante che superi l85% solo per
poche settimane allanno in accordo al D.M. 14 gennaio 2008.
(3) Carico ultimo uniformemente distribuito su schema di trave
semplicemente appoggiata ottenuto in accordo alla EN1995 1-1
per la classe di media durata del carico media e con g
M
come da D.M. 14 gennaio 2008.
(4) Carico istantaneo uniformemente distribuito su schema di
trave semplicemente appoggiata corrispondente ad un
spostamento pari a l/300 in accordo alla EN 1995 1-1.
(5) Carico istantaneo uniformemente distribuito su schema di
trave semplicemente appoggiata corrispondente ad un
spostamento pari a l/500 in accordo alla EN 1995 1-1.
(6) Carico di lunga durata uniformemente distribuito su schema
di trave semplicemente appoggiata corrispondente ad un
spostamento pari a l/150 in accordo alla EN 1995 1-1.
(7) Carico di lunga durata uniformemente distribuito su schema
di trave semplicemente appoggiata corrispondente ad un
spostamento pari a l/300 in accordo alla EN 1995 1-1.
EN 1995-1-1:2004: E (November)















Abachi progettuali C-3

Abaco per la progettazione dei travetti del solaio (1 di 3)

1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
q
u
(1)
18,43
(6,97)
3,25 1,91
q
d,200
(2)
* * *
q
d,250
(3)
* * 1,90
q
d,300
(4)
* * 1,59
q
d,350
(5)
* * 1,36
q
u
(1)
44,97
(13,40)
6,16 3,81 1,50
q
d,200
(2)
* * 3,73 *
q
d,250
(3)
* * 2,97 1,22
q
d,300
(4)
* * 2,47 1,01
q
d,350
(5)
* * 2,11 0,86
q
u
(1)
62,02
(21,81)
8,37 5,18 2,04
1,28
[2,41]
q
d,200
(2)
* * 4,93 2,04 1,01
q
d,250
(3)
* * 3,93 1,62 0,79
q
d,300
(4)
* * 3,26 1,33 0,65
q
d,350
(5)
* * 2,79 1,13 0,55
q
u
(1)
77,72
(32,72)
10,57 6,49 2,58 1,62
q
d,200
(2)
* * 6,09 2,52 1,25
q
d,250
(3)
* * 4,86 2,00 0,98
q
d,300
(4)
* * 4,03 1,65 0,80
q
d,350
(5)
* * 3,44 1,40 0,67
q
u
(1)
92,24
(45,72)
12,81 7,74 3,12 1,96
q
d,200
(2)
* * 7,22 2,98 1,47
q
d,250
(3)
* * 5,75 2,37 1,16
q
d,300
(4)
* * 4,78 1,95 0,95
q
d,350
(5)
* * 4,08 1,66 0,80
q
u
(1)
13,78
(6,38)
4,50
(3,17)
2,61
(2,1)
1,09
[2,22]
q
d,200
(2)
* * * 1,85
q
d,250
(3)
* * * 1,51
q
d,300
(4)
* * * 1,27
q
d,350
(5)
* * 2,59 1,09
q
u
(1)
48,68
(12,71)
8,49
(6,32)
5,22
(4,19)
2,07
1,30
[3,35]
(2,01)
q
d,200
(2)
* * * * 1,55
q
d,250
(3)
* * * * 1,23
q
d,300
(4)
* * 4,92 2,04 1,01
q
d,350
(5)
* * 4,21 1,74 0,86
q
u
(1)
95,91
(21,00)
13,06
(10,46)
8,11
(6,94)
3,20 2,02 1,37
q
d,200
(2)
* * * * * 1,19
q
d,250
(3)
* * 8,10 * 1,68 0,94
q
d,300
(4)
* * 6,73 2,79 1,39 0,76
q
d,350
(5)
* * 5,76 2,38 1,17 0,64
q
u
(1)
120,25
(31,78)
16,34
(15,83)
10,11 4,00 2,52 1,72
q
d,200
(2)
* * * * 2,63 1,48
q
d,250
(3)
* * 10,03 * 2,08 1,16
q
d,300
(4)
* * 8,34 3,46 1,72 0,95
q
d,350
(5)
* * 7,14 2,95 1,46 0,80
150x50x20x2,5
200x50x25x2,0
200x50x25x2,5
Lunghezza campata (mm)
Sezione
200x50x15x1,0
200x50x20x1,5
150x50x15x1,0
150x50x20x3,0
150x50x20x1,5
150x50x20x2,0


C-4 Appendice C
Abaco per la progettazione dei travetti del solaio (2 di 3)

1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
q
u
(1)
142,82
(44,64)
19,58 12,02 4,80 3,02 2,06
q
d,200
(2)
* * * * * 1,75
q
d,250
(3)
* * 11,92 * 2,47 1,38
q
d,300
(4)
* * 9,91 4,11 2,04 1,12
q
d,350
(5)
* * 8,48 3,50 1,73 0,95
q
u
(1)
38,86
(12,02)
12,05
(5,97)
7,20
(3,96)
2,96
(2,95)
1,87
1,27
[2,18]
(1,94)
q
d,200
(2)
* * * * * 1,54
q
d,250
(3)
* * * * * 1,24
q
d,300
(4)
* * * * 1,82 1,03
q
d,350
(5)
* * * * 1,56 0,87
q
u
(1)
94,3
(20,2)
16,75
(10,05)
10,38
(6,67)
4,11 2,60 1,77
1,28
[2,39]
q
d,200
(2)
* * * * 3,69 2,09 1,28
q
d,250
(3)
* * * * 2,93 1,65 1,00
q
d,300
(4)
* * * * 2,43 1,36 0,82
q
d,350
(5)
* * 9,93 * 2,07 1,15 0,69
q
u
(1)
170,37
(30,83)
23,34
(15,35)
14,46
(10,19)
5,74 3,63 2,48 1,79
1,34
[2,54]
q
d,200
(2)
* * * * * * 1,64 1,05
q
d,250
(3)
* * * * * 2,11 1,28 0,82
q
d,300
(4)
* * * * 3,10 1,74 1,05 0,66
q
d,350
(5)
* * 12,68 5,27 2,64 1,47 0,88 0,55
q
u
(1)
203,17
(43,56)
27,85
(21,7)
17,20
(14,42)
6,85 4,33 2,96 2,13 1,60
q
d,200
(2)
* * * * * * 1,95 1,25
q
d,250
(3)
* * * * * 2,51 1,53 0,97
q
d,300
(4)
* * * * 3,69 2,07 1,25 0,78
q
d,350
(5)
* * 15,09 6,28 3,14 1,75 1,05 0,65
q
u
(1)
32,33
(11,33)
14,82
(5,62)
8,81
(3,72)
3,64
(2,77)
2,30
(2,20)
1,57
1,13
[1,93]
(1,55)
q
d,200
(2)
* * * * * * 1,45
q
d,250
(3)
* * * * * * 1,17
q
d,300
(4)
* * * * * * 0,97
q
d,350
(5)
* * * * * 1,36 0,83
q
u
(1)
78,44
(19,39)
22,50
(9,64)
13,65
(6,39)
5,54
(4,76)
3,50 2,40 1,73
1,30
[2,32]
q
d,200
(2)
* * * * * * * 1,37
q
d,250
(3)
* * * * * * 1,66 1,07
q
d,300
(4)
* * * * * 2,24 1,37 0,88
q
d,350
(5)
* * * * 3,37 1,90 1,15 0,73
q
u
(1)
155,44
(29,89)
28,66
(14,87)
17,77
(9,87)
7,06 4,46 3,06 2,21 1,66
q
d,200
(2)
* * * * * * * *
q
d,250
(3)
* * * * * * 2,06 1,34
q
d,300
(4)
* * * * * 2,78 1,70 1,09
q
d,350
(5)
* * * * 4,19 2,36 1,43 0,91
q
u
(1)
261,2
(42,48)
34,68
(21,15)
21,77
(14,04)
8,54 5,40 3,70 2,67 2,00
q
d,200
(2)
* * * * * * * *
q
d,250
(3)
* * * * * * 2,46 1,59
q
d,300
(4)
* * * * * 3,31 2,02 1,30
q
d,350
(5)
* * * * 4,99 2,81 1,71 1,09
Lunghezza campata (mm)
Sezione
250x50x30x3,0
300x50x25x1,5
300x50x30x2,0
250x50x25x1,5
250x50x25x2,0
250x50x30x2,5
200x50x25x3,0
300x50x30x2,5
300x50x30x3,0

Abachi progettuali C-5

Abaco per la progettazione dei travetti del solaio (3 di 3)

1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
q
u
(1)
67,14
(18,59)
26,8
(9,23)
16,21
(6,11)
6,60
(4,55)
4,18
(3,61)
2,86 2,07 1,55
q
d,200
(2)
* * * * * * * *
q
d,250
(3)
* * * * * * * *
q
d,300
(4)
* * * * * * 2,01 1,32
q
d,350
(5)
* * * * * 2,78 1,73 1,12
q
u
(1)
133,04
(28,95)
34,16
(14,4)
21,18
(9,54)
8,42
(7,12)
5,33 3,65 2,64 1,98
q
d,200
(2)
* * * * * * * *
q
d,250
(3)
* * * * * * * *
q
d,300
(4)
* * * * * * 2,54 1,65
q
d,350
(5)
* * * * * 3,51 2,15 1,39
q
u
(1)
232,19
(41,4)
41,27
(20,61)
25,94
(13,67)
10,17 6,44 4,41 3,19 2,40
q
d,200
(2)
* * * * * * * *
q
d,250
(3)
* * * * * * * *
q
d,300
(4)
* * * * * * 3,03 1,97
q
d,350
(5)
* * * * * 4,19 2,57 1,66
Lunghezza campata (mm)
Sezione
350x50x30x3,0
350x50x30x2,0
350x50x30x2,5























Tutti i carichi sono in kN/m
2
e intesi al netto del peso proprio del profilo.
I profili sono in acciaio S350GD+Z con f
yb
=350 N/mm
2
e f
u
=420 N/mm
2
come da EN
10147.
Gli spessori indicati sono nominali nella valutazione dei carichi si utilizzato lo
spessore nominale al netto del rivestimento di zinco, avente spessore pari a
0,04mm come da EN 1993 1-3.
(1) Carico ultimo uniformemente distribuito su schema di trave semplicemente
appoggiata. Nella valutazione di tale carico si tiene conto della instabilit locale in
accordo alla EN 1993 1-3 e 1-5; della instabilit latero-torsionale con momento
critico elastico valutato considerando l'andamento del momento flettente costante
e come lunghezza d'inflessione la massima distanza tra due vincoli torsionali
consecutivi, come riportato in figura, in accordo alle EN 1993 1-1 e 1-3 con
riferimento alla curva di instabilt b; della resistenza a taglio in accordo alla EN
1993 1-3 e con g
M0
=1,05 e M1
=1,05 come da D.M. 14 gennaio 2008. Quando
risulta penalizzante la verifica nei confronti delle forze concentrate, riportato tra
parentesi tonde il carico ultimo in assenza di irrigidimenti d'anima (web stiffeners).
Tra parentesi quadre riportato il carico ultimo valutato considerando l'interasse
tra i vincoli torsionali pari a 1200mm.
(2) Carico uniformemente distribuito su schema di trave semplicemente
appoggiata corrispondente ad un spostamento pari a l/200.
(3) Carico uniformemente distribuito su schema di trave semplicemente
appoggiata corrispondente ad un spostamento pari a l/250.
(4) Carico uniformemente distribuito su schema di trave semplicemente
appoggiata corrispondente ad un spostamento pari a l/300.
(5) Carico uniformemente distribuito su schema di trave semplicemente
appoggiata corrispondente ad un spostamento pari a l/350.
Tutti i carichi riportati sono tali che la frequenza naturale pi bassa della struttura
non sia minore di 3 Hz come da D.M. 14 gennaio 2008.
* carico corrispondente a tale abbassamento risulta maggiore del carico ultimo,
di consenguenza la verifica nei confronti della deformabilit risulta essere
soddisfatta.
prEN 1993-1-3:2005: E (July)
prEN 1993-1-5:2005: E (September)
EN 1993-1-1:2005: E (May)
Il

C-6 Appendice C
Abaco per la progettazione dei montanti singoli con lapproccio
All-Steel senza vincoli intermedi (1 di 2)

A
l
t
e
z
z
a

m
o
n
t
a
n
t
e

(
m
m
)
P
e
s
o

p
r
o
p
r
i
o

p
a
r
e
t
e

(
k
N
/
m
2
)
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
0
0
1
1
,
9
1
1
1
,
4
7
1
1
,
0
4
1
0
,
6
1
9
,
8
9
9
,
4
0
8
,
9
2
8
,
4
3
8
,
3
1
7
,
7
8
7
,
2
3
6
,
6
9
5
,
0
1
4
,
2
9
3
,
5
6
2
,
8
5
0
,
2
5
1
0
,
0
0
9
,
7
9
9
,
5
7
9
,
3
6
7
,
6
6
7
,
4
2
7
,
1
7
6
,
9
3
5
,
7
5
5
,
4
8
5
,
2
1
4
,
9
4
1
,
3
5
0
,
9
8
0
,
6
3
0
,
2
6
0
,
5
0
8
,
2
8
8
,
0
6
7
,
8
5
7
,
6
3
5
,
7
4
5
,
4
9
5
,
2
5
5
,
0
1
3
,
6
4
3
,
3
7
3
,
1
0
2
,
8
3
-
-
-
-
0
,
7
5
6
,
7
7
6
,
5
5
6
,
3
4
6
,
1
2
4
,
0
9
3
,
8
4
3
,
6
0
3
,
3
5
1
,
8
5
1
,
5
8
1
,
3
1
1
,
0
4
-
-
-
-
1
,
0
0
5
,
4
2
5
,
2
0
4
,
9
8
4
,
7
7
2
,
6
0
2
,
3
6
2
,
1
2
1
,
8
8
0
,
6
1
0
,
3
5
0
,
0
8
-
-
-
-
-
0
,
0
0
2
2
,
9
8
2
2
,
5
5
2
2
,
1
2
2
1
,
6
9
1
9
,
3
8
1
8
,
8
9
1
8
,
4
1
1
7
,
9
2
1
6
,
6
0
1
6
,
0
6
1
5
,
5
2
1
4
,
9
9
1
0
,
8
6
1
0
,
1
4
9
,
4
2
8
,
7
1
0
,
2
5
2
1
,
0
7
2
0
,
8
5
2
0
,
6
4
2
0
,
4
2
1
7
,
0
8
1
6
,
8
4
1
6
,
5
9
1
6
,
3
5
1
3
,
8
9
1
3
,
6
2
1
3
,
3
5
1
3
,
0
9
6
,
6
4
6
,
2
7
5
,
9
1
5
,
5
5
0
,
5
0
1
9
,
1
7
1
8
,
9
5
1
8
,
7
4
1
8
,
5
2
1
4
,
8
8
1
4
,
6
4
1
4
,
3
9
1
4
,
1
5
1
1
,
3
7
1
1
,
1
0
1
0
,
8
4
1
0
,
5
7
2
,
9
8
2
,
6
2
2
,
2
6
1
,
9
0
0
,
7
5
1
7
,
4
3
1
7
,
2
1
1
7
,
0
0
1
6
,
7
8
1
2
,
8
9
1
2
,
6
5
1
2
,
4
0
1
2
,
1
6
9
,
1
4
8
,
8
7
8
,
6
0
8
,
3
3
-
-
-
-
1
,
0
0
1
5
,
8
1
1
5
,
5
9
1
5
,
3
7
1
5
,
1
6
1
1
,
0
5
1
0
,
8
3
1
0
,
5
7
1
0
,
3
2
7
,
0
9
6
,
8
2
6
,
5
5
6
,
2
8
-
-
-
-
0
,
0
0
3
8
,
2
0
3
7
,
7
7
3
7
,
3
4
3
6
,
9
0
3
2
,
5
9
3
2
,
1
0
3
1
,
6
1
3
1
,
1
3
2
8
,
2
8
2
7
,
7
3
2
7
,
1
9
2
6
,
6
5
1
9
,
0
5
1
8
,
3
3
1
7
,
6
1
1
6
,
9
1
0
,
2
5
3
6
,
1
9
3
5
,
9
7
3
5
,
7
5
3
5
,
5
4
3
0
,
1
9
2
9
,
9
5
2
9
,
7
1
2
9
,
4
6
2
5
,
4
7
2
5
,
1
9
2
4
,
9
2
2
4
,
6
5
1
4
,
8
2
1
4
,
4
6
1
4
,
1
0
1
3
,
7
4
0
,
5
0
3
4
,
0
9
3
3
,
8
7
3
3
,
6
6
3
3
,
4
4
2
7
,
7
5
2
7
,
5
0
2
7
,
2
6
2
7
,
0
5
2
2
,
6
4
2
2
,
3
7
2
2
,
1
0
2
1
,
8
3
1
0
,
4
3
1
0
,
0
7
9
,
7
1
9
,
3
5
0
,
7
5
3
2
,
1
0
3
1
,
8
9
3
1
,
6
7
3
1
,
4
6
2
5
,
4
5
2
5
,
2
0
2
4
,
9
6
2
4
,
7
1
1
9
,
9
9
1
9
,
7
2
1
9
,
4
5
1
9
,
1
8
6
,
4
7
6
,
1
1
5
,
7
5
5
,
3
8
1
,
0
0
3
0
,
2
1
3
0
,
0
0
2
9
,
7
8
2
9
,
5
6
2
3
,
2
6
2
3
,
0
2
2
2
,
7
8
2
2
,
5
4
1
7
,
5
1
1
7
,
2
4
1
6
,
9
7
1
6
,
7
0
2
,
8
7
2
,
5
1
2
,
1
5
1
,
7
9
0
,
0
0
5
3
,
1
2
5
2
,
6
8
5
2
,
2
5
5
1
,
8
1
4
5
,
8
5
4
5
,
3
6
4
4
,
8
8
4
4
,
3
9
4
0
,
2
9
3
9
,
7
5
3
9
,
2
1
3
8
,
6
7
2
3
,
9
1
2
3
,
1
9
2
2
,
4
9
2
1
,
7
7
0
,
2
5
5
0
,
9
4
5
0
,
7
2
5
0
,
5
0
5
0
,
2
9
4
3
,
3
6
4
3
,
1
2
4
2
,
8
7
4
2
,
6
3
3
7
,
5
0
3
7
,
2
3
3
6
,
9
6
3
6
,
6
9
2
0
,
5
1
2
0
,
1
5
1
9
,
7
9
1
9
,
4
3
0
,
5
0
4
8
,
6
5
4
8
,
4
3
4
8
,
2
1
4
8
,
0
0
4
0
,
7
1
4
0
,
4
7
4
0
,
2
3
3
9
,
9
8
3
4
,
4
5
3
4
,
1
8
3
3
,
9
1
3
3
,
6
4
1
6
,
4
2
1
6
,
0
6
1
5
,
7
0
1
5
,
3
4
0
,
7
5
4
6
,
4
3
4
6
,
2
2
4
6
,
0
0
4
5
,
7
9
3
8
,
1
5
3
7
,
9
1
3
7
,
6
6
3
7
,
4
2
3
1
,
4
7
3
1
,
2
0
3
0
,
9
3
3
0
,
6
6
1
2
,
4
1
1
2
,
0
5
1
1
,
6
9
1
1
,
3
3
1
,
0
0
4
4
,
3
0
4
4
,
0
8
4
3
,
8
7
4
3
,
6
5
3
5
,
6
7
3
5
,
4
3
3
5
,
1
9
3
4
,
9
4
2
8
,
5
7
2
8
,
3
0
2
8
,
0
3
2
7
,
7
6
8
,
6
1
8
,
2
5
7
,
8
9
7
,
5
3
0
,
0
0
7
1
,
0
3
7
0
,
6
0
7
0
,
1
7
6
9
,
7
3
5
8
,
7
4
5
8
,
2
5
5
7
,
7
6
5
7
,
2
8
4
8
,
7
6
4
8
,
2
2
4
7
,
6
8
4
7
,
1
4
2
8
,
5
1
2
7
,
7
9
2
7
,
0
7
2
6
,
3
5
0
,
2
5
6
8
,
7
5
6
8
,
5
4
6
8
,
3
2
6
8
,
1
1
5
6
,
4
5
5
6
,
2
1
5
5
,
9
1
5
5
,
6
7
4
6
,
4
1
4
6
,
1
4
4
5
,
8
7
4
5
,
6
0
2
5
,
8
1
2
5
,
4
5
2
5
,
0
9
2
4
,
7
3
0
,
5
0
6
6
,
3
2
6
6
,
1
0
6
5
,
8
8
6
5
,
6
7
5
3
,
8
4
5
3
,
6
0
5
3
,
3
6
5
3
,
1
3
4
3
,
6
9
4
3
,
4
2
4
3
,
1
5
4
2
,
8
8
2
2
,
2
6
2
1
,
9
1
2
1
,
5
5
2
1
,
1
9
0
,
7
5
6
3
,
9
3
6
3
,
7
1
6
3
,
5
0
6
3
,
2
8
5
1
,
3
3
5
1
,
0
8
5
0
,
8
4
5
0
,
6
0
4
0
,
9
3
4
0
,
6
6
4
0
,
3
9
4
0
,
1
2
1
8
,
5
5
1
8
,
1
9
1
7
,
8
4
1
7
,
4
8
1
,
0
0
6
3
,
9
3
6
3
,
7
1
6
3
,
5
0
6
3
,
2
8
5
1
,
3
3
5
1
,
0
8
5
0
,
8
4
5
0
,
6
0
4
0
,
9
3
4
0
,
6
6
4
0
,
3
9
4
0
,
1
2
1
8
,
5
5
1
8
,
1
9
1
7
,
8
4
1
7
,
4
8
0
,
0
0
1
8
,
2
1
1
7
,
7
8
1
7
,
3
5
1
6
,
9
2
1
5
,
8
7
1
5
,
3
9
1
4
,
9
0
1
4
,
4
1
1
3
,
8
2
1
3
,
2
9
1
2
,
7
4
1
2
,
2
0
8
,
9
0
8
,
1
8
7
,
4
7
6
,
7
5
0
,
2
5
1
6
,
8
0
1
6
,
5
8
1
6
,
3
7
1
6
,
1
5
1
4
,
0
8
1
3
,
8
4
1
3
,
6
0
1
3
,
3
6
1
1
,
6
4
1
1
,
3
7
1
1
,
1
0
1
0
,
8
3
5
,
3
0
4
,
9
4
4
,
5
8
4
,
2
2
0
,
5
0
1
5
,
2
7
1
5
,
0
6
1
4
,
8
4
1
4
,
6
2
1
2
,
2
2
1
1
,
9
8
1
1
,
7
3
1
1
,
4
9
9
,
4
5
9
,
1
8
8
,
9
1
8
,
6
4
1
,
9
9
1
,
6
3
1
,
2
7
0
,
9
1
0
,
7
5
1
3
,
8
3
1
3
,
6
1
1
3
,
4
0
1
3
,
1
8
1
0
,
5
0
1
0
,
2
6
1
0
,
0
1
9
,
7
7
7
,
4
5
7
,
1
8
6
,
9
1
6
,
6
4
-
-
-
-
1
,
0
0
1
2
,
4
8
1
2
,
2
6
1
2
,
0
5
1
1
,
8
1
8
,
8
9
8
,
6
4
8
,
4
0
8
,
1
6
5
,
6
1
5
,
3
4
5
,
0
7
4
,
8
0
-
-
-
-
0
,
0
0
3
3
,
8
6
3
3
,
4
3
3
3
,
0
0
3
2
,
5
7
2
9
,
0
9
2
8
,
6
1
2
8
,
1
2
2
7
,
6
4
2
5
,
0
2
2
4
,
4
8
2
3
,
9
4
2
3
,
4
0
1
5
,
6
0
1
4
,
8
8
1
4
,
1
6
1
3
,
4
5
0
,
2
5
3
2
,
6
1
3
2
,
4
0
3
2
,
1
8
3
1
,
9
7
2
7
,
5
3
2
7
,
2
9
2
7
,
0
5
2
6
,
8
0
2
3
,
1
4
2
2
,
8
7
2
2
,
6
0
2
2
,
3
3
1
2
,
5
6
1
2
,
2
0
1
1
,
8
4
1
1
,
4
8
0
,
5
0
3
1
,
1
8
3
0
,
9
6
3
0
,
7
5
3
0
,
5
3
2
5
,
7
8
2
5
,
5
1
2
5
,
2
8
2
5
,
0
3
2
1
,
0
4
2
0
,
7
7
2
0
,
5
0
2
0
,
2
3
9
,
1
8
8
,
8
2
8
,
4
4
8
,
0
8
0
,
7
5
2
9
,
7
7
2
9
,
5
6
2
9
,
3
4
2
9
,
1
3
2
4
,
0
4
2
3
,
8
0
2
3
,
5
6
2
3
,
3
1
1
8
,
9
9
1
8
,
7
2
1
8
,
4
5
1
8
,
1
8
5
,
9
6
5
,
6
0
5
,
2
4
4
,
8
8
1
,
0
0
2
8
,
4
0
2
8
,
1
8
2
7
,
9
7
2
7
,
7
5
2
2
,
3
7
2
2
,
1
3
2
1
,
8
8
2
1
,
6
4
1
7
,
0
1
1
6
,
7
4
1
6
,
4
7
1
6
,
2
0
2
,
9
4
2
,
5
8
2
,
2
2
1
,
8
6
S e z i o n e
4
0
0
0
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
2
,
0
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
2
,
5
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
3
,
0
2
7
0
0
3
0
0
0
2
4
0
0
1
0
0
x
5
0
x
1
5
x
1
,
0
1
5
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
0
1
5
0
x
5
0
x
2
5
x
1
,
5
1
0
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
5
C a r i c o v e n t o ( k N / m
2
)

Abachi progettuali C-7

Abaco per la progettazione dei montanti singoli con lapproccio
All-Steel senza vincoli intermedi (2 di 2)

A
l
t
e
z
z
a

m
o
n
t
a
n
t
e

(
m
m
)
P
e
s
o

p
r
o
p
r
i
o

p
a
r
e
t
e

(
k
N
/
m
2
)
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
0
0
5
0
,
8
6
5
0
,
4
2
4
9
,
9
7
4
9
,
5
4
4
3
,
3
4
4
2
,
8
6
4
2
,
3
7
4
1
,
8
8
3
7
,
0
8
3
6
,
5
4
3
6
,
0
0
3
5
,
4
6
2
2
,
9
8
2
2
,
2
6
2
1
,
5
4
2
0
,
8
2
0
,
2
5
4
9
,
6
8
4
9
,
4
6
4
9
,
2
5
4
9
,
0
3
4
1
,
9
5
4
1
,
7
0
4
1
,
4
6
4
1
,
2
2
3
5
,
4
5
3
5
,
1
8
3
4
,
9
1
3
4
,
6
4
2
0
,
5
0
2
0
,
1
4
1
9
,
7
8
1
9
,
4
2
0
,
5
0
4
8
,
3
1
4
8
,
1
0
4
7
,
8
8
4
7
,
6
7
4
0
,
3
1
4
0
,
0
7
3
9
,
8
3
3
9
,
5
8
3
3
,
5
2
3
3
,
2
5
3
2
,
9
8
3
2
,
7
1
1
7
,
4
3
1
7
,
0
7
1
6
,
7
1
1
6
,
3
5
0
,
7
5
4
6
,
9
6
4
6
,
7
4
4
6
,
5
3
4
6
,
3
1
3
8
,
6
8
3
8
,
4
4
3
8
,
1
9
3
7
,
9
5
3
1
,
6
3
3
1
,
3
6
3
1
,
0
8
3
0
,
8
1
1
4
,
3
0
1
3
,
9
4
1
3
,
5
6
1
3
,
2
1
1
,
0
0
4
5
,
6
1
4
5
,
4
0
4
5
,
1
8
4
4
,
9
7
3
7
,
0
5
3
6
,
8
1
3
6
,
5
7
3
6
,
3
3
2
9
,
6
8
2
9
,
4
1
2
9
,
1
4
2
8
,
8
7
1
1
,
1
8
1
0
,
8
3
1
0
,
4
8
1
0
,
1
2
0
,
0
0
6
6
,
0
1
6
5
,
5
8
6
5
,
1
5
6
4
,
7
2
5
5
,
7
1
5
5
,
2
3
5
4
,
7
4
5
4
,
2
5
4
7
,
3
0
4
6
,
7
6
4
6
,
2
2
4
5
,
6
8
2
8
,
9
6
2
8
,
2
3
2
7
,
5
1
2
6
,
7
8
0
,
2
5
6
4
,
8
6
6
4
,
6
4
6
4
,
4
3
6
4
,
2
1
5
4
,
4
3
5
4
,
1
8
5
3
,
9
3
5
3
,
6
9
4
5
,
7
9
4
5
,
5
2
4
5
,
2
5
4
4
,
9
8
2
6
,
8
3
2
6
,
4
4
2
6
,
0
9
2
5
,
7
4
0
,
5
0
6
3
,
4
9
6
3
,
2
7
6
3
,
0
6
6
2
,
8
4
5
2
,
8
0
5
2
,
5
6
5
2
,
3
1
5
2
,
0
7
4
3
,
9
8
4
3
,
7
1
4
3
,
4
4
4
3
,
1
7
2
4
,
0
7
2
3
,
7
1
2
3
,
3
5
2
2
,
9
9
0
,
7
5
6
2
,
1
2
6
1
,
9
1
6
1
,
6
9
6
1
,
4
8
5
1
,
1
9
5
0
,
9
4
5
0
,
7
0
5
0
,
4
5
4
2
,
1
4
4
1
,
8
7
4
1
,
6
0
4
1
,
3
2
2
1
,
1
6
2
0
,
8
0
2
0
,
4
4
2
0
,
0
8
1
,
0
0
6
0
,
7
6
6
0
,
5
4
6
0
,
3
3
6
0
,
1
1
4
9
,
5
8
4
9
,
3
4
4
9
,
0
9
4
8
,
8
5
4
0
,
2
1
3
9
,
9
4
3
9
,
6
7
3
9
,
4
5
1
8
,
1
6
1
7
,
8
0
1
7
,
4
5
1
7
,
0
9
0
,
0
0
8
1
,
7
6
8
1
,
3
2
8
0
,
8
9
8
0
,
4
6
6
8
,
3
3
6
7
,
8
5
6
7
,
3
6
6
6
,
8
7
5
7
,
6
0
5
7
,
0
6
5
6
,
5
2
5
6
,
0
3
3
4
,
7
6
3
4
,
0
4
3
3
,
3
2
3
2
,
6
0
0
,
2
5
8
0
,
6
3
8
0
,
4
1
8
0
,
2
0
7
9
,
9
8
6
7
,
0
8
6
6
,
8
4
6
6
,
5
9
6
6
,
3
5
5
6
,
2
3
5
5
,
9
6
5
5
,
6
9
5
5
,
4
2
3
2
,
9
9
3
2
,
6
3
3
2
,
2
7
3
1
,
9
1
0
,
5
0
7
9
,
2
8
7
9
,
0
6
7
8
,
8
5
7
8
,
6
3
6
5
,
5
6
6
5
,
3
2
6
5
,
0
7
6
4
,
8
3
5
4
,
5
1
5
4
,
2
4
5
3
,
9
8
5
3
,
7
1
3
0
,
6
0
3
0
,
2
4
2
9
,
8
8
2
9
,
5
2
0
,
7
5
7
7
,
9
2
7
7
,
7
1
7
7
,
4
9
7
7
,
2
8
6
4
,
0
4
6
3
,
8
0
6
3
,
5
5
6
3
,
3
1
5
2
,
7
8
5
2
,
5
1
5
2
,
2
5
5
1
,
9
8
2
7
,
9
9
2
7
,
6
3
2
7
,
2
7
2
6
,
9
1
1
,
0
0
7
6
,
5
6
7
6
,
3
5
7
6
,
1
3
7
5
,
9
2
6
2
,
4
4
6
2
,
2
0
6
1
,
9
5
6
1
,
7
1
5
1
,
0
3
5
0
,
7
6
5
0
,
4
9
5
0
,
2
2
2
5
,
2
1
2
4
,
8
5
2
4
,
4
9
2
4
,
1
3
2
4
0
0
2
7
0
0
3
0
0
0
4
0
0
0
S e z i o n e
C a r i c o v e n t o ( k N / m
2
)
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
3
,
0
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
2
,
0
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
2
,
5
I

p
r
o
f
i
l
i

s
o
n
o

i
n

a
c
c
i
a
i
o

S
3
5
0
G
D
+
Z

c
o
n

f
y
b
=
3
5
0

N
/
m
m
2

e

f
u
=
4
2
0

N
/
m
m
2

c
o
m
e

d
a

E
N

1
0
1
4
7
.
G
l
i
s
p
e
s
s
o
r
i
i
n
d
i
c
a
t
i
s
o
n
o
n
o
m
i
n
a
l
i
n
e
l
l
a
v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e
d
e
i
c
a
r
i
c
h
i
s
i

u
t
i
l
i
z
z
a
t
o
l
o
s
p
e
s
s
o
r
e
n
o
m
i
n
a
l
e
a
l
n
e
t
t
o
d
e
l
r
i
v
e
s
t
i
m
e
n
t
o
d
i
z
i
n
c
o
,
a
v
e
n
t
e
s
p
e
s
s
o
r
e
p
a
r
i
a
0
,
0
4
m
m
c
o
m
e

d
a

E
N

1
9
9
3

1
-
3

.
I
c
a
r
i
c
h
i
s
o
n
o
e
s
p
r
e
s
s
i
i
n
k
N
e
r
a
p
p
r
e
s
e
n
t
a
n
o
i
l
c
a
r
i
c
o
u
l
t
i
m
o
i
n
t
e
s
t
a
a
l
m
o
n
t
a
n
t
e
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
i
l
p
e
s
o
p
r
o
p
r
i
o
d
e
l
l
a
p
a
r
e
t
e
a
g
e
n
t
e
l
u
n
g
o
l
'
e
l
e
m
e
n
t
o
e
l
'
a
z
i
o
n
e
d
e
l
v
e
n
t
o
c
o
m
e
u
n
i
f
o
r
m
e
m
e
n
t
e
d
i
s
t
r
i
b
u
i
t
a
s
u
s
c
h
e
m
a
d
i
t
r
a
v
e
s
e
m
p
l
i
c
e
m
e
n
t
e
a
p
p
o
g
g
i
a
t
a
.
N
e
l
l
a
v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e
d
i
t
a
l
e
c
a
r
i
c
o
s
i
t
i
e
n
e
c
o
n
t
o
d
e
l
l
a
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

l
o
c
a
l
e
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
a
E
N
1
9
9
3
1
-
3

e
1
-
5

,
d
e
l
l
e
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

f
l
e
s
s
i
o
n
a
l
i
e
f
l
e
s
s
o
-
t
o
r
s
i
o
n
a
l
e
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
e
E
N
1
9
9
3
1
-
1

e
1
-
3

e
c
o
n
g
M
0
=
1
,
0
5
e

M
1
=
1
,
0
5
c
o
m
e
d
a
D
.
M
.
1
4
g
e
n
n
a
i
o
2
0
0
8
.
L
a
c
o
m
b
i
n
a
z
i
o
n
e
d
e
l
l
'
a
z
i
o
n
e
a
s
s
i
a
l
e
c
o
n
q
u
e
l
l
e
f
l
e
t
t
e
n
t
i

e
f
f
e
t
t
u
a
t
a
a
t
t
r
a
v
e
r
s
o
i
l
m
e
t
o
d
o
1
c
o
m
e
d
a
E
N
1
9
9
3
1
-
1

,
u
t
i
l
i
z
z
a
n
d
o
i
n
l
u
o
g
o
d
i

y
i
l
c
o
e
f
f
i
c
i
e
n
t
e
d
i
r
i
d
u
z
i
o
n
e
m
a
g
g
i
o
r
m
e
n
t
e
p
e
n
a
l
i
z
z
a
n
t
e
t
r
a
q
u
e
l
l
o
d
o
v
u
t
o
a
l
l
'
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

f
l
e
s
s
i
o
n
a
l
e
s
e
c
o
n
d
o
l
'
a
s
s
e
z
e
q
u
e
l
l
o
d
o
v
u
t
o
a
l
l
'
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

t
o
r
s
i
o
n
a
l
e
e
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
i
l
d
i
a
g
r
a
m
m
a
d
e
l

m
o
m
e
n
t
o

c
o
m
e

u
n
i
f
o
r
m
e
n
t
e

c
o
s
t
a
n
t
e

a
n
z
i
c
h


v
a
r
i
a
b
i
l
e

l
i
n
e
a
r
m
e
n
t
e

n
e
l
l
a

v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e

d
e
l

c
o
e
f
f
i
c
i
e
n
t
e

C
m
z
,
0
.


p
r
E
N

1
9
9
3
-
1
-
3
:
2
0
0
5
:

E

(
J
u
l
y
)


p
r
E
N

1
9
9
3
-
1
-
5
:
2
0
0
5
:

E

(
S
e
p
t
e
m
b
e
r
)


E
N

1
9
9
3
-
1
-
1
:
2
0
0
5
:

E

(
M
a
y
)


C-8 Appendice C
Abaco per la progettazione dei montanti accoppiati con
lapproccio All-Steel senza vincoli intermedi (1 di 2)

A
l
t
e
z
z
a

m
o
n
t
a
n
t
e

(
m
m
)
P
e
s
o

p
r
o
p
r
i
o

p
a
r
e
t
e

(
k
N
/
m
2
)
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
0
0
4
9
,
4
4
4
9
,
0
1
4
8
,
5
8
4
8
,
1
4
4
4
,
1
8
4
3
,
7
0
4
3
,
2
1
4
2
,
7
3
3
9
,
1
7
3
8
,
6
3
3
8
,
0
9
3
7
,
5
5
2
5
,
9
0
2
5
,
1
8
2
4
,
4
6
2
3
,
7
4
0
,
2
5
4
4
,
8
9
4
4
,
6
7
4
4
,
4
6
4
4
,
2
4
3
8
,
8
8
3
8
,
6
4
3
8
,
4
0
3
8
,
1
6
3
3
,
2
2
3
2
,
9
5
3
2
,
6
8
3
2
,
4
1
1
7
,
7
6
1
7
,
4
0
1
7
,
0
5
1
6
,
6
9
0
,
5
0
4
1
,
4
2
4
1
,
2
0
4
0
,
9
9
4
0
,
7
7
3
4
,
9
3
3
4
,
6
9
3
4
,
4
5
3
4
,
2
1
2
8
,
7
8
2
8
,
5
1
2
8
,
2
4
2
7
,
9
7
1
1
,
9
5
1
1
,
5
9
1
1
,
2
1
1
0
,
8
6
0
,
7
5
3
8
,
3
0
3
8
,
0
8
3
7
,
8
7
3
7
,
6
6
3
1
,
4
4
3
1
,
2
0
3
0
,
9
6
3
0
,
7
2
2
4
,
8
8
2
4
,
6
1
2
4
,
3
4
2
4
,
0
7
7
,
1
5
6
,
7
9
6
,
4
1
6
,
0
6
1
,
0
0
3
5
,
4
9
3
5
,
2
7
3
5
,
0
6
3
4
,
8
4
2
8
,
2
5
2
8
,
0
0
2
7
,
7
6
2
7
,
5
2
2
1
,
3
5
2
1
,
0
4
2
0
,
7
7
2
0
,
5
1
3
,
1
6
2
,
8
0
2
,
4
5
2
,
0
9
0
,
0
0
9
7
,
2
8
9
6
,
8
5
9
6
,
4
2
9
5
,
9
9
8
4
,
9
5
8
4
,
4
6
8
3
,
9
7
8
3
,
4
9
7
3
,
9
5
7
3
,
4
1
7
2
,
8
7
7
2
,
3
3
4
7
,
4
5
4
6
,
7
3
4
6
,
0
1
4
5
,
2
9
0
,
2
5
9
1
,
9
4
9
1
,
7
2
9
1
,
5
1
9
1
,
2
9
7
8
,
8
9
7
8
,
6
5
7
8
,
4
1
7
8
,
0
6
6
7
,
1
7
6
6
,
9
0
6
6
,
6
3
6
6
,
3
7
3
8
,
3
9
3
8
,
0
3
3
7
,
6
8
3
7
,
3
2
0
,
5
0
8
7
,
8
6
8
7
,
6
5
8
7
,
4
3
8
7
,
2
1
7
4
,
2
1
7
3
,
9
7
7
3
,
7
3
7
3
,
4
9
6
2
,
0
8
6
1
,
8
1
6
1
,
5
5
6
1
,
2
8
3
1
,
7
6
3
1
,
4
0
3
1
,
0
4
3
0
,
6
8
0
,
7
5
8
4
,
2
2
8
4
,
0
1
8
3
,
7
9
8
3
,
5
8
7
0
,
1
4
6
9
,
9
0
6
9
,
6
6
6
9
,
4
2
5
7
,
5
7
5
7
,
3
0
5
7
,
0
3
5
6
,
7
6
2
5
,
9
9
2
5
,
6
3
2
5
,
2
7
2
4
,
9
1
1
,
0
0
8
0
,
8
5
8
0
,
6
4
8
0
,
4
2
8
0
,
2
1
6
6
,
3
8
6
6
,
1
4
6
5
,
9
0
6
5
,
6
6
5
3
,
4
1
5
3
,
1
4
5
2
,
8
7
5
2
,
6
0
2
0
,
7
8
2
0
,
4
3
2
0
,
0
7
1
9
,
7
2
0
,
0
0
1
5
0
,
0
2
1
4
9
,
5
9
1
4
9
,
1
6
1
4
8
,
7
2
1
3
0
,
3
5
1
2
9
,
8
6
1
2
9
,
3
8
1
2
8
,
8
9
1
1
3
,
0
9
1
1
2
,
5
5
1
1
2
,
0
1
1
1
1
,
4
7
7
2
,
2
6
7
1
,
5
4
7
0
,
8
2
7
0
,
1
0
0
,
2
5
1
4
3
,
7
9
1
4
3
,
5
8
1
4
3
,
3
7
1
4
3
,
1
5
1
2
3
,
5
1
1
2
3
,
2
6
1
2
3
,
0
2
1
2
2
,
7
8
1
0
5
,
6
0
1
0
5
,
3
3
1
0
5
,
0
6
1
0
4
,
7
9
6
2
,
5
8
6
2
,
2
2
6
1
,
8
6
6
1
,
5
1
0
,
5
0
1
3
9
,
1
7
1
3
8
,
9
6
1
3
8
,
7
5
1
3
8
,
5
3
1
1
8
,
3
4
1
1
8
,
1
0
1
1
7
,
8
6
1
1
7
,
6
2
9
9
,
9
3
9
9
,
6
6
9
9
,
3
9
9
9
,
1
2
5
5
,
3
7
5
5
,
0
1
5
4
,
6
5
5
4
,
2
9
0
,
7
5
1
3
5
,
0
4
1
3
4
,
8
2
1
3
4
,
6
1
1
3
4
,
3
9
1
1
3
,
7
3
1
1
3
,
4
9
1
1
3
,
2
4
1
1
3
,
0
0
9
4
,
8
7
9
4
,
6
0
9
4
,
3
3
9
4
,
0
6
4
9
,
0
2
4
8
,
6
6
4
8
,
3
0
4
7
,
9
4
1
,
0
0
1
3
1
,
2
0
1
3
0
,
9
8
1
3
0
,
7
7
1
3
0
,
5
5
1
0
9
,
4
5
1
0
9
,
2
1
1
0
8
,
9
6
1
0
8
,
7
2
9
0
,
2
0
8
9
,
9
3
8
9
,
6
6
8
9
,
3
9
4
3
,
2
3
4
2
,
8
7
4
2
,
4
3
4
2
,
0
7
0
,
0
0
1
8
9
,
5
0
1
8
9
,
0
7
1
8
8
,
6
4
1
8
8
,
2
1
1
6
3
,
8
4
1
6
3
,
3
5
1
6
2
,
8
7
1
6
2
,
3
8
1
4
1
,
6
5
1
4
1
,
1
1
1
4
0
,
5
7
1
4
0
,
0
3
9
0
,
0
0
8
9
,
2
8
8
8
,
5
6
8
7
,
8
4
0
,
2
5
1
8
3
,
0
1
1
8
2
,
7
9
1
8
2
,
5
7
1
8
2
,
3
6
1
5
6
,
6
5
1
5
6
,
4
1
1
5
6
,
1
6
1
5
5
,
9
2
1
3
3
,
7
4
1
3
3
,
4
7
1
3
3
,
2
0
1
3
2
,
9
3
8
0
,
1
4
7
9
,
7
8
7
9
,
4
2
7
9
,
0
6
0
,
5
0
1
7
8
,
0
7
1
7
7
,
8
5
1
7
7
,
6
3
1
7
7
,
4
2
1
5
1
,
0
2
1
5
0
,
7
7
1
5
0
,
5
3
1
5
0
,
2
9
1
2
7
,
8
2
1
2
7
,
5
5
1
2
7
,
2
8
1
2
7
,
0
1
7
2
,
6
6
7
2
,
3
0
7
1
,
9
5
7
1
,
5
9
0
,
7
5
1
7
3
,
6
4
1
7
3
,
4
3
1
7
3
,
2
1
1
7
2
,
9
9
1
4
6
,
1
7
1
4
5
,
9
3
1
4
5
,
6
9
1
4
5
,
4
4
1
2
2
,
5
3
1
2
2
,
2
6
1
2
1
,
9
9
1
2
1
,
7
2
6
6
,
1
5
6
5
,
7
9
6
5
,
4
3
6
5
,
0
7
1
,
0
0
1
6
9
,
5
3
1
6
9
,
3
1
1
6
9
,
1
0
1
6
8
,
8
8
1
4
1
,
6
6
1
4
1
,
4
2
1
4
1
,
1
8
1
4
0
,
9
4
1
1
7
,
6
3
1
1
7
,
3
6
1
1
7
,
0
9
1
1
6
,
8
2
6
0
,
1
6
5
9
,
8
1
5
9
,
4
5
5
9
,
0
9
0
,
0
0
2
2
8
,
0
2
2
2
7
,
5
9
2
2
7
,
1
5
2
2
6
,
7
2
1
9
6
,
4
0
1
9
5
,
9
2
1
9
5
,
4
3
1
9
4
,
9
5
1
6
9
,
3
5
1
6
8
,
8
1
1
6
8
,
2
7
1
6
7
,
7
3
1
0
7
,
1
7
1
0
6
,
4
5
1
0
5
,
7
3
1
0
5
,
0
1
0
,
2
5
2
2
1
,
2
2
2
2
1
,
0
0
2
2
0
,
7
9
2
2
0
,
5
7
1
8
8
,
9
4
1
8
8
,
7
0
1
8
8
,
4
5
1
8
8
,
2
1
1
6
1
,
2
8
1
6
1
,
0
1
1
6
0
,
7
4
1
6
0
,
4
7
9
7
,
2
5
9
6
,
8
9
9
6
,
5
3
9
6
,
1
7
0
,
5
0
2
1
6
,
0
5
2
1
5
,
8
4
2
1
5
,
6
2
2
1
5
,
4
1
1
8
3
,
2
7
1
8
3
,
0
3
1
8
2
,
7
9
1
8
2
,
5
4
1
5
4
,
9
5
1
5
4
,
6
8
1
5
4
,
4
1
1
5
4
,
1
5
8
9
,
7
7
8
9
,
4
1
8
9
,
0
5
8
8
,
6
9
0
,
7
5
2
1
1
,
4
3
2
1
1
,
2
1
2
1
1
,
0
0
2
1
0
,
7
8
1
7
8
,
2
0
1
7
7
,
9
6
1
7
7
,
7
1
1
7
7
,
4
7
1
4
9
,
5
1
1
4
9
,
2
5
1
4
8
,
9
8
1
4
8
,
7
1
8
3
,
1
5
8
2
,
7
9
8
2
,
4
3
8
2
,
0
7
1
,
0
0
2
0
7
,
1
2
2
0
6
,
9
1
2
0
6
,
6
9
2
0
6
,
4
7
1
7
3
,
4
9
1
7
3
,
2
4
1
7
3
,
0
0
1
7
2
,
7
6
1
4
4
,
4
7
1
4
4
,
2
0
1
4
3
,
9
3
1
4
3
,
6
7
7
6
,
9
5
7
6
,
5
9
7
6
,
2
4
7
5
,
8
8
0
,
0
0
5
3
,
7
9
5
3
,
3
6
5
2
,
9
3
5
2
,
5
0
4
8
,
6
6
4
8
,
1
7
4
7
,
6
9
4
7
,
2
0
4
3
,
6
0
4
3
,
0
6
4
2
,
5
2
4
1
,
9
8
2
9
,
4
9
2
8
,
7
7
2
8
,
0
5
2
7
,
3
3
0
,
2
5
5
0
,
4
5
5
0
,
2
3
5
0
,
0
2
4
9
,
8
0
4
4
,
7
8
4
4
,
5
4
4
4
,
2
9
4
4
,
0
5
3
9
,
1
9
3
8
,
8
7
3
8
,
6
0
3
8
,
3
4
2
3
,
3
5
2
2
,
9
9
2
2
,
6
3
2
2
,
2
7
0
,
5
0
4
7
,
8
5
4
7
,
6
3
4
7
,
4
1
4
7
,
2
0
4
1
,
7
7
4
1
,
5
3
4
1
,
2
9
4
1
,
0
4
3
5
,
7
6
3
5
,
5
0
3
5
,
2
3
3
4
,
9
6
1
8
,
7
3
1
8
,
3
8
1
8
,
0
2
1
7
,
6
6
0
,
7
5
4
5
,
5
3
4
5
,
3
1
4
5
,
0
9
4
4
,
8
8
3
9
,
0
5
3
8
,
8
1
3
8
,
5
7
3
8
,
3
3
3
2
,
7
7
3
2
,
5
0
3
2
,
2
4
3
1
,
9
7
1
4
,
7
9
1
4
,
4
3
1
4
,
0
7
1
3
,
7
2
1
,
0
0
4
3
,
3
8
4
3
,
1
6
4
2
,
9
5
4
2
,
7
3
3
6
,
6
0
3
6
,
3
6
3
6
,
1
2
3
5
,
8
8
3
0
,
0
2
2
9
,
7
5
2
9
,
4
8
2
9
,
2
2
1
1
,
2
5
1
0
,
8
9
1
0
,
5
4
1
0
,
1
8
0
,
0
0
1
0
7
,
1
0
1
0
6
,
6
7
1
0
6
,
2
4
1
0
5
,
8
1
9
4
,
2
9
9
3
,
8
1
9
3
,
3
2
9
2
,
8
3
8
2
,
6
0
8
2
,
0
6
8
1
,
5
2
8
0
,
9
8
5
3
,
5
9
5
2
,
8
7
5
2
,
1
5
5
1
,
4
3
0
,
2
5
1
0
3
,
3
0
1
0
3
,
0
8
1
0
2
,
8
7
1
0
2
,
6
5
8
9
,
9
3
8
9
,
6
8
8
9
,
4
4
8
9
,
2
0
7
7
,
6
8
7
7
,
3
1
7
7
,
0
4
7
6
,
7
8
4
6
,
8
1
4
6
,
4
5
4
6
,
0
9
4
5
,
7
3
0
,
5
0
1
0
0
,
3
4
1
0
0
,
1
2
9
9
,
9
1
9
9
,
6
9
8
6
,
5
4
8
6
,
3
0
8
6
,
0
6
8
5
,
8
1
7
3
,
8
0
7
3
,
5
4
7
3
,
2
7
7
3
,
0
0
4
1
,
6
5
4
1
,
2
9
4
0
,
9
3
4
0
,
5
1
0
,
7
5
9
7
,
6
9
9
7
,
4
7
9
7
,
2
6
9
7
,
0
4
8
3
,
5
2
8
3
,
2
8
8
3
,
0
3
8
2
,
7
9
7
0
,
4
4
7
0
,
1
7
6
9
,
9
0
6
9
,
6
3
3
7
,
0
8
3
6
,
7
2
3
6
,
3
6
3
6
,
0
1
1
,
0
0
9
5
,
2
3
9
5
,
0
1
9
4
,
8
0
9
4
,
5
8
8
0
,
7
1
8
0
,
4
7
8
0
,
2
3
7
9
,
9
9
6
7
,
3
2
6
7
,
0
5
6
6
,
7
8
6
6
,
5
1
3
2
,
9
6
3
2
,
6
0
3
2
,
2
4
3
1
,
8
8
S e z i o n e
C a r i c o v e n t o ( k N / m
2
)
4
0
0
0
2
x
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
2
,
0
2
x
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
2
,
5
2
x
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
3
,
0
2
7
0
0
3
0
0
0
2
4
0
0
2
x
1
0
0
x
5
0
x
1
5
x
1
,
0
2
x
1
5
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
0
2
x
1
5
0
x
5
0
x
2
5
x
1
,
5
2
x
1
0
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
5


Abachi progettuali C-9

Abaco per la progettazione dei montanti accoppiati con
lapproccio All-Steel senza vincoli intermedi (2 di 2)

A
l
t
e
z
z
a

m
o
n
t
a
n
t
e

(
m
m
)
P
e
s
o

p
r
o
p
r
i
o

p
a
r
e
t
e

(
k
N
/
m
2
)
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
0
0
1
6
5
,
8
5
1
6
5
,
4
1
1
6
4
,
9
8
1
6
4
,
5
5
1
4
4
,
7
6
1
4
4
,
2
7
1
4
3
,
7
9
1
4
3
,
3
0
1
2
6
,
0
0
1
2
5
,
4
6
1
2
4
,
9
2
1
2
4
,
3
8
8
0
,
9
4
8
0
,
2
2
7
9
,
5
0
7
8
,
7
8
0
,
2
5
1
6
1
,
5
0
1
6
1
,
2
9
1
6
1
,
0
7
1
6
0
,
8
6
1
3
9
,
7
5
1
3
9
,
5
1
1
3
9
,
2
7
1
3
9
,
0
2
1
2
0
,
5
1
1
2
0
,
2
4
1
1
9
,
9
7
1
1
9
,
7
0
7
3
,
5
3
7
3
,
1
7
7
2
,
8
2
7
2
,
4
6
0
,
5
0
1
5
8
,
1
5
1
5
7
,
9
3
1
5
7
,
7
1
1
5
7
,
5
0
1
3
5
,
9
7
1
3
5
,
7
3
1
3
5
,
4
9
1
3
5
,
2
5
1
1
6
,
3
0
1
1
6
,
0
3
1
1
5
,
7
6
1
1
5
,
4
9
6
7
,
9
6
6
7
,
6
0
6
7
,
2
4
6
6
,
8
8
0
,
7
5
1
5
5
,
1
3
1
5
4
,
7
1
1
5
4
,
5
0
1
5
4
,
2
9
1
3
2
,
5
9
1
3
2
,
3
5
1
3
2
,
1
1
1
3
1
,
8
7
1
1
2
,
5
4
1
1
2
,
2
7
1
1
2
,
0
0
1
1
1
,
7
3
6
3
,
0
1
6
2
,
6
5
6
2
,
2
9
6
1
,
9
3
1
,
0
0
1
5
2
,
1
5
1
5
1
,
9
3
1
5
1
,
7
2
1
5
1
,
5
1
1
2
9
,
4
5
1
2
9
,
2
0
1
2
8
,
9
6
1
2
8
,
7
2
1
0
9
,
0
4
1
0
8
,
7
7
1
0
8
,
5
0
1
0
8
,
2
3
5
8
,
4
5
5
8
,
0
9
5
7
,
7
3
5
7
,
3
7
0
,
0
0
2
1
2
,
3
6
2
1
1
,
9
3
2
1
1
,
5
0
2
1
1
,
0
6
1
8
3
,
9
6
1
8
3
,
4
7
1
8
2
,
9
9
1
8
2
,
5
0
1
5
9
,
2
3
1
5
8
,
6
9
1
5
8
,
1
5
1
5
7
,
6
1
1
0
1
,
3
5
1
0
0
,
6
3
9
9
,
9
1
9
9
,
1
9
0
,
2
5
2
0
7
,
6
8
2
0
7
,
4
6
2
0
7
,
2
4
2
0
7
,
0
3
1
7
8
,
7
1
1
7
8
,
4
7
1
7
8
,
2
2
1
7
7
,
9
8
1
5
3
,
2
4
1
5
2
,
9
7
1
5
2
,
7
1
1
5
2
,
4
4
9
3
,
7
2
9
3
,
3
6
9
3
,
0
0
9
2
,
6
4
0
,
5
0
2
0
4
,
0
6
2
0
3
,
8
5
2
0
3
,
6
3
2
0
3
,
4
1
1
7
4
,
6
6
1
7
4
,
4
2
1
7
4
,
1
8
1
7
3
,
9
3
1
4
8
,
8
1
1
4
8
,
5
4
1
4
8
,
2
7
1
4
8
,
0
0
8
7
,
8
8
8
7
,
5
2
8
7
,
1
6
8
6
,
8
0
0
,
7
5
2
0
0
,
8
2
2
0
0
,
6
1
2
0
0
,
3
9
2
0
0
,
1
7
1
7
1
,
0
3
1
7
0
,
7
9
1
7
0
,
5
5
1
7
0
,
3
1
1
4
4
,
8
3
1
4
4
,
5
7
1
4
4
,
3
0
1
4
4
,
0
3
8
2
,
7
0
8
2
,
3
4
8
1
,
9
8
8
1
,
6
2
1
,
0
0
1
9
7
,
8
0
1
9
7
,
5
9
1
9
7
,
3
7
1
9
7
,
1
6
1
6
7
,
6
6
1
6
7
,
4
2
1
6
7
,
1
7
1
6
6
,
9
3
1
4
1
,
1
4
1
4
0
,
8
7
1
4
0
,
6
1
1
4
0
,
3
4
7
7
,
8
0
7
7
,
4
5
7
7
,
0
9
7
6
,
7
4
0
,
0
0
2
5
7
,
3
2
2
5
6
,
8
9
2
5
6
,
4
6
2
5
6
,
0
3
2
2
1
,
7
9
2
2
1
,
3
0
2
2
0
,
8
2
2
2
0
,
3
3
1
9
1
,
2
9
1
9
0
,
7
5
1
9
0
,
2
1
1
8
9
,
6
7
1
2
1
,
0
4
1
2
0
,
3
2
1
1
9
,
6
0
1
1
8
,
8
8
0
,
2
5
2
5
2
,
3
0
2
5
2
,
0
9
2
5
1
,
8
7
2
5
1
,
6
6
2
1
6
,
2
8
2
1
6
,
0
4
2
1
5
,
7
9
2
1
5
,
5
5
1
8
5
,
2
5
1
8
4
,
9
8
1
8
4
,
7
1
1
8
4
,
4
4
1
1
3
,
2
4
1
1
2
,
8
8
1
1
2
,
5
2
1
1
2
,
1
6
0
,
5
0
2
4
8
,
5
0
2
4
8
,
2
9
2
4
8
,
0
7
2
4
7
,
8
6
2
1
2
,
0
4
2
1
1
,
8
0
2
1
1
,
5
5
2
1
1
,
3
1
1
8
0
,
5
9
1
8
0
,
3
2
1
8
0
,
0
5
1
7
9
,
7
8
1
0
7
,
2
8
1
0
6
,
9
2
1
0
6
,
5
6
1
0
6
,
2
0
0
,
7
5
2
4
5
,
0
9
2
4
4
,
8
8
2
4
4
,
6
6
2
4
4
,
4
5
2
0
8
,
2
4
2
0
8
,
0
0
2
0
7
,
7
5
2
0
7
,
5
1
1
7
6
,
4
3
1
7
6
,
1
6
1
7
5
,
8
9
1
7
5
,
6
2
1
0
1
,
9
6
1
0
1
,
6
0
1
0
1
,
2
4
1
0
0
,
8
8
1
,
0
0
2
4
1
,
9
2
2
4
1
,
7
0
2
4
1
,
4
8
2
4
1
,
2
7
2
0
4
,
7
0
2
0
4
,
4
6
2
0
4
,
2
1
2
0
3
,
9
7
1
7
2
,
5
5
1
7
2
,
2
8
1
7
2
,
0
1
1
7
1
,
7
4
9
7
,
0
5
9
6
,
6
9
9
6
,
3
3
9
5
,
9
7
3
0
0
0
4
0
0
0
S e z i o n e
C a r i c o v e n t o ( k N / m
2
)
2
4
0
0
2
7
0
0
2
x
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
3
,
0
2
x
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
2
,
0
2
x
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
2
,
5
I

p
r
o
f
i
l
i

s
o
n
o

i
n

a
c
c
i
a
i
o

S
3
5
0
G
D
+
Z

c
o
n

f
y
b
=
3
5
0

N
/
m
m
2

e

f
u
=
4
2
0

N
/
m
m
2

c
o
m
e

d
a

E
N

1
0
1
4
7
.
G
l
i
s
p
e
s
s
o
r
i
i
n
d
i
c
a
t
i
s
o
n
o
n
o
m
i
n
a
l
i
n
e
l
l
a
v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e
d
e
i
c
a
r
i
c
h
i
s
i

u
t
i
l
i
z
z
a
t
o
l
o
s
p
e
s
s
o
r
e
n
o
m
i
n
a
l
e
a
l
n
e
t
t
o
d
e
l
r
i
v
e
s
t
i
m
e
n
t
o
d
i
z
i
n
c
o
,
a
v
e
n
t
e
s
p
e
s
s
o
r
e
p
a
r
i
a
0
,
0
4
m
m
c
o
m
e

d
a

E
N

1
9
9
3

1
-
3

.
I
c
a
r
i
c
h
i
s
o
n
o
e
s
p
r
e
s
s
i
i
n
k
N
e
r
a
p
p
r
e
s
e
n
t
a
n
o
i
l
c
a
r
i
c
o
u
l
t
i
m
o
i
n
t
e
s
t
a
a
l
m
o
n
t
a
n
t
e
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
i
l
p
e
s
o
p
r
o
p
r
i
o
d
e
l
l
a
p
a
r
e
t
e
a
g
e
n
t
e
l
u
n
g
o
l
'
e
l
e
m
e
n
t
o
e
l
'
a
z
i
o
n
e
d
e
l
v
e
n
t
o
c
o
m
e
u
n
i
f
o
r
m
e
m
e
n
t
e
d
i
s
t
r
i
b
u
i
t
a
s
u
s
c
h
e
m
a
d
i
t
r
a
v
e
s
e
m
p
l
i
c
e
m
e
n
t
e
a
p
p
o
g
g
i
a
t
a
.
L
'
a
z
i
o
n
e
d
e
l
v
e
n
t
o
e
d
e
l
p
e
s
o
p
r
o
p
r
i
o
s
o
n
o
a
g
e
n
t
i
s
u
u
n
a
s
u
p
e
r
f
i
c
e
d
i
l
a
r
g
e
z
z
a
p
a
r
i
a
l
l
'
i
n
t
e
r
a
s
s
e
.

N
e
l
l
a
v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e
d
i
t
a
l
e
c
a
r
i
c
o
s
i
t
i
e
n
e
c
o
n
t
o
d
e
l
l
a
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

l
o
c
a
l
e
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
a
E
N
1
9
9
3
1
-
3

e
1
-
5

,
d
e
l
l
e
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

f
l
e
s
s
i
o
n
a
l
i
e
f
l
e
s
s
o
-
t
o
r
s
i
o
n
a
l
e
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
e
E
N

1
9
9
3

1
-
1


e

1
-
3

,

c
o
m
b
i
n
a
n
d
o

l
'
a
z
i
o
n
e

a
s
s
i
a
l
e

e

q
u
e
l
l
a

f
l
e
t
t
e
n
t
e

c
o
m
e

d
a

E
N

1
9
9
3

1
-
3


e

c
o
n

g
M
0
=
1
,
0
5

e

M
1
=
1
,
0
5

c
o
m
e

d
a

D
.
M
.

1
4

g
e
n
n
a
i
o

2
0
0
8
.
L
a

s
p
a
z
i
a
t
u
r
a

d
e
i

c
o
l
l
e
g
a
m
e
n
t
i

t
r
a

i

p
r
o
f
i
l
i


p
a
r
i

a

6
0
0
m
m
.


p
r
E
N

1
9
9
3
-
1
-
3
:
2
0
0
5
:

E

(
J
u
l
y
)


p
r
E
N

1
9
9
3
-
1
-
5
:
2
0
0
5
:

E

(
S
e
p
t
e
m
b
e
r
)


E
N

1
9
9
3
-
1
-
1
:
2
0
0
5
:

E

(
M
a
y
)


C-10 Appendice C
Abaco per la progettazione dei montanti singoli con lapproccio
All-Steel con vincoli intermedi (1 di 2)

A
l
t
e
z
z
a

m
o
n
t
a
n
t
e

(
m
m
)
P
e
s
o

p
r
o
p
r
i
o

p
a
r
e
t
e

(
k
N
/
m
2
)
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
0
0
2
3
,
9
1
2
3
,
4
8
2
3
,
0
5
2
2
,
6
2
2
1
,
4
9
2
1
,
0
1
2
0
,
5
2
2
0
,
0
4
1
9
,
1
5
1
8
,
6
1
1
8
,
0
7
1
7
,
5
3
1
2
,
8
2
1
2
,
1
0
1
1
,
3
8
1
0
,
6
6
0
,
2
5
2
1
,
2
5
2
1
,
0
4
2
0
,
8
2
2
0
,
6
0
1
8
,
1
8
1
7
,
9
3
1
7
,
6
9
1
7
,
4
5
1
5
,
2
5
1
4
,
9
8
1
4
,
7
1
1
4
,
4
4
7
,
5
2
7
,
1
6
6
,
8
0
6
,
4
5
0
,
5
0
1
8
,
7
8
1
8
,
5
6
1
8
,
3
5
1
8
,
1
3
1
5
,
3
2
1
5
,
0
7
1
4
,
8
3
1
4
,
5
9
1
2
,
1
0
1
1
,
8
3
1
1
,
5
6
1
1
,
2
9
4
,
0
4
3
,
6
8
3
,
3
3
2
,
9
6
0
,
7
5
1
6
,
5
7
1
6
,
3
6
1
6
,
1
4
1
5
,
9
3
1
2
,
8
6
1
2
,
6
1
1
2
,
3
6
1
2
,
1
2
9
,
5
0
9
,
2
3
8
,
9
6
8
,
6
9
1
,
3
2
0
,
9
6
0
,
6
0
0
,
2
4
1
,
0
0
1
4
,
5
7
1
4
,
3
5
1
4
,
1
3
1
3
,
9
2
1
0
,
6
7
1
0
,
4
2
1
0
,
1
8
9
,
9
4
7
,
2
3
6
,
9
6
6
,
7
0
6
,
4
3
-
-
-
-
0
,
0
0
4
5
,
6
1
4
5
,
1
8
4
4
,
7
5
4
4
,
3
2
4
0
,
2
6
3
9
,
7
8
3
9
,
2
9
3
8
,
8
1
3
5
,
4
3
3
4
,
8
9
3
4
,
3
5
3
3
,
8
1
2
3
,
5
1
2
2
,
7
9
2
2
,
0
7
2
1
,
3
5
0
,
2
5
4
2
,
7
3
4
2
,
5
2
4
2
,
3
0
4
2
,
0
8
3
6
,
7
0
3
6
,
4
6
3
6
,
2
2
3
5
,
9
8
3
1
,
2
4
3
0
,
9
7
3
0
,
7
0
3
0
,
4
3
1
7
,
5
8
1
7
,
2
2
1
6
,
8
6
1
6
,
5
0
0
,
5
0
3
9
,
9
6
3
9
,
7
4
3
9
,
5
3
3
9
,
3
1
3
3
,
4
6
3
3
,
2
2
3
2
,
9
7
3
2
,
7
3
2
7
,
6
3
2
7
,
3
6
2
7
,
0
9
2
6
,
8
2
1
3
,
3
1
1
2
,
9
6
1
2
,
5
8
1
2
,
2
1
0
,
7
5
3
7
,
4
2
3
7
,
2
0
3
6
,
9
8
3
6
,
7
7
3
0
,
5
8
3
0
,
3
4
3
0
,
0
9
2
9
,
8
5
2
4
,
5
1
2
4
,
2
4
2
3
,
9
7
2
3
,
6
8
9
,
8
7
9
,
5
1
9
,
1
5
8
,
7
9
1
,
0
0
3
5
,
0
6
3
4
,
8
4
3
4
,
6
2
3
4
,
4
1
2
7
,
9
6
2
7
,
7
2
2
7
,
4
7
2
7
,
2
3
2
1
,
7
2
2
1
,
4
5
2
1
,
1
8
2
0
,
9
1
6
,
9
3
6
,
5
8
6
,
2
1
5
,
8
5
0
,
0
0
7
1
,
6
3
7
1
,
2
0
7
0
,
7
7
7
0
,
3
4
6
2
,
8
9
6
2
,
4
0
6
1
,
9
2
6
1
,
4
3
5
5
,
1
5
5
4
,
6
1
5
4
,
0
7
5
3
,
5
8
3
6
,
5
6
3
5
,
8
4
3
5
,
1
2
3
4
,
4
0
0
,
2
5
6
8
,
2
3
6
8
,
0
1
6
7
,
7
9
6
7
,
5
8
5
8
,
7
1
5
8
,
4
7
5
8
,
2
3
5
7
,
9
9
5
0
,
2
4
4
9
,
9
7
4
9
,
7
0
4
9
,
4
3
2
9
,
7
6
2
9
,
4
0
2
9
,
0
4
2
8
,
6
8
0
,
5
0
6
4
,
9
3
6
4
,
7
2
6
4
,
5
0
6
4
,
2
8
5
4
,
8
6
5
4
,
6
2
5
4
,
3
8
5
4
,
1
3
4
5
,
9
4
4
5
,
6
7
4
5
,
4
0
4
5
,
1
3
2
4
,
6
4
2
4
,
2
8
2
3
,
9
2
2
3
,
5
6
0
,
7
5
6
1
,
8
8
6
1
,
6
7
6
1
,
4
5
6
1
,
2
3
5
1
,
4
1
5
1
,
1
1
5
0
,
9
0
5
0
,
6
5
4
2
,
1
8
4
1
,
9
1
4
1
,
6
4
4
1
,
3
8
2
0
,
4
4
2
0
,
0
8
1
9
,
7
3
1
9
,
3
7
1
,
0
0
5
9
,
0
3
5
8
,
8
1
5
8
,
6
0
5
8
,
3
8
4
8
,
2
1
4
7
,
9
2
4
7
,
6
8
4
7
,
4
4
3
8
,
8
1
3
8
,
5
4
3
8
,
2
7
3
8
,
0
0
1
6
,
8
5
1
6
,
4
9
1
6
,
1
4
1
5
,
7
8
0
,
0
0
9
6
,
8
8
9
6
,
4
4
9
6
,
0
1
9
5
,
5
8
8
4
,
4
7
8
3
,
9
9
8
3
,
5
0
8
3
,
0
2
7
3
,
7
4
7
3
,
2
0
7
2
,
6
6
7
2
,
1
2
4
8
,
7
3
4
8
,
0
1
4
7
,
2
9
4
6
,
5
7
0
,
2
5
9
2
,
7
7
9
2
,
5
5
9
2
,
3
4
9
2
,
1
2
7
9
,
5
1
7
9
,
2
7
7
9
,
0
2
7
8
,
7
8
6
8
,
0
1
6
7
,
7
4
6
7
,
4
7
6
7
,
2
0
4
0
,
9
1
4
0
,
5
5
4
0
,
1
9
3
9
,
8
3
0
,
5
0
8
8
,
8
4
8
8
,
6
3
8
8
,
4
1
8
8
,
1
9
7
4
,
9
6
7
4
,
7
2
7
4
,
4
8
7
4
,
2
3
6
2
,
9
8
6
2
,
7
1
6
2
,
4
5
6
2
,
1
8
3
4
,
9
8
3
4
,
6
2
3
4
,
2
7
3
3
,
9
1
0
,
7
5
8
5
,
2
1
8
4
,
9
9
8
4
,
7
8
8
4
,
5
6
7
0
,
8
7
7
0
,
6
2
7
0
,
3
8
7
0
,
1
4
5
8
,
5
8
5
8
,
3
1
5
8
,
0
4
5
7
,
7
7
3
0
,
1
3
2
9
,
7
7
2
9
,
4
1
2
9
,
0
5
1
,
0
0
8
1
,
8
1
8
1
,
5
9
8
1
,
3
8
8
1
,
1
6
6
7
,
1
2
6
6
,
8
8
6
6
,
6
3
6
6
,
3
9
5
4
,
6
2
5
4
,
3
5
5
4
,
0
8
5
3
,
8
1
2
5
,
9
6
2
5
,
5
8
2
5
,
2
0
2
4
,
8
2
0
,
0
0
1
2
3
,
9
5
1
2
3
,
5
2
1
2
3
,
0
8
1
2
2
,
6
5
1
0
7
,
5
8
1
0
7
,
0
9
1
0
6
,
6
1
1
0
6
,
1
2
9
3
,
6
6
9
3
,
1
2
9
2
,
5
8
9
2
,
0
4
6
2
,
0
0
6
1
,
2
8
6
0
,
5
5
5
9
,
8
3
0
,
2
5
1
1
9
,
0
8
1
1
8
,
8
6
1
1
8
,
6
5
1
1
8
,
4
3
1
0
1
,
8
1
1
0
1
,
5
6
1
0
1
,
3
1
1
0
1
,
0
7
8
7
,
0
7
8
6
,
8
0
8
6
,
5
3
8
6
,
2
6
5
3
,
1
8
5
2
,
8
2
5
2
,
4
6
5
2
,
1
4
0
,
5
0
1
1
4
,
5
2
1
1
4
,
3
0
1
1
4
,
0
9
1
1
3
,
8
7
9
6
,
5
4
9
6
,
3
0
9
6
,
0
5
9
5
,
8
1
8
1
,
3
0
8
1
,
0
4
8
0
,
7
7
8
0
,
5
0
4
6
,
4
5
4
6
,
0
9
4
5
,
7
3
4
5
,
3
7
0
,
7
5
1
1
0
,
3
0
1
1
0
,
0
9
1
0
9
,
8
7
1
0
9
,
6
6
9
1
,
8
1
9
1
,
5
6
9
1
,
3
2
9
1
,
0
8
7
6
,
2
5
7
5
,
9
8
7
5
,
7
1
7
5
,
4
4
4
0
,
9
1
4
0
,
5
0
4
0
,
1
4
3
9
,
7
9
1
,
0
0
1
0
6
,
3
6
1
0
6
,
1
5
1
0
5
,
9
3
1
0
5
,
8
2
8
7
,
4
8
8
7
,
2
3
8
6
,
9
9
8
6
,
7
5
7
1
,
7
0
7
1
,
4
3
7
1
,
1
6
7
0
,
8
9
3
6
,
0
8
3
5
,
7
2
3
5
,
3
7
3
5
,
0
1
0
,
0
0
2
7
,
9
6
2
7
,
5
3
2
7
,
1
0
2
6
,
6
9
2
6
,
6
4
2
6
,
1
7
2
5
,
6
7
2
5
,
1
7
2
5
,
2
4
2
4
,
6
9
2
4
,
1
6
2
3
,
6
2
2
0
,
3
3
1
9
,
6
2
1
8
,
9
0
1
8
,
1
8
0
,
2
5
2
6
,
5
4
2
6
,
3
2
2
6
,
1
0
2
5
,
8
8
2
4
,
7
0
2
4
,
4
6
2
4
,
2
2
2
3
,
9
8
2
2
,
7
5
2
2
,
4
9
2
2
,
2
2
2
1
,
9
5
1
5
,
7
2
1
5
,
3
6
1
5
,
0
0
1
4
,
6
4
0
,
5
0
2
4
,
9
3
2
4
,
7
1
2
4
,
5
0
2
4
,
2
8
2
2
,
6
7
2
2
,
4
3
2
2
,
1
9
2
1
,
9
5
2
0
,
2
5
1
9
,
9
8
1
9
,
7
1
1
9
,
4
5
1
1
,
7
7
1
1
,
4
1
1
1
,
0
5
1
0
,
7
0
0
,
7
5
2
3
,
3
9
2
3
,
1
8
2
2
,
9
6
2
2
,
7
5
2
0
,
7
5
2
0
,
5
1
2
0
,
2
6
2
0
,
0
2
1
7
,
9
4
1
7
,
6
7
1
7
,
4
0
1
7
,
1
3
8
,
4
3
8
,
0
7
7
,
7
1
7
,
3
5
1
,
0
0
2
1
,
9
1
2
1
,
7
0
2
1
,
4
8
2
1
,
2
6
1
8
,
9
1
1
8
,
6
7
1
8
,
4
3
1
8
,
1
9
1
5
,
7
7
1
5
,
5
0
1
5
,
2
3
1
4
,
9
6
5
,
4
7
5
,
1
1
4
,
7
5
4
,
3
9
0
,
0
0
5
5
,
6
8
5
5
,
2
5
5
4
,
8
2
5
4
,
3
9
5
2
,
4
1
5
1
,
9
6
5
1
,
4
5
5
0
,
9
5
4
9
,
0
5
4
8
,
5
1
4
7
,
9
7
4
7
,
4
3
3
8
,
1
9
3
7
,
4
7
3
6
,
7
5
3
6
,
0
3
0
,
2
5
5
4
,
2
6
5
4
,
0
5
5
3
,
8
3
5
3
,
6
2
5
0
,
4
9
5
0
,
2
3
4
9
,
9
8
4
9
,
7
3
4
6
,
5
9
4
6
,
3
2
4
6
,
0
1
4
5
,
7
4
3
3
,
4
9
3
3
,
1
3
3
2
,
7
7
3
2
,
4
1
0
,
5
0
5
2
,
6
8
5
2
,
5
1
5
2
,
2
8
5
2
,
0
6
4
8
,
4
1
4
8
,
1
6
4
7
,
9
2
4
7
,
6
8
4
3
,
9
8
4
3
,
7
2
4
3
,
4
5
4
3
,
1
8
2
9
,
1
5
2
8
,
7
9
2
8
,
4
3
2
8
,
0
7
0
,
7
5
5
1
,
1
1
5
0
,
9
0
5
0
,
6
7
5
0
,
4
5
4
6
,
4
3
4
6
,
1
8
4
5
,
9
4
4
5
,
7
0
4
1
,
5
5
4
1
,
2
8
4
1
,
0
1
4
0
,
7
4
2
5
,
2
8
2
4
,
9
0
2
4
,
5
4
2
4
,
1
8
1
,
0
0
4
9
,
5
6
4
9
,
3
5
4
9
,
1
3
4
8
,
9
2
4
4
,
5
1
4
4
,
2
6
4
4
,
0
2
4
3
,
7
8
3
9
,
2
2
3
8
,
9
5
3
8
,
6
8
3
8
,
4
1
2
1
,
7
5
2
1
,
3
9
2
1
,
0
3
2
0
,
6
7
S e z i o n e
C a r i c o v e n t o ( k N / m
2
)
4
0
0
0
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
2
,
0
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
2
,
5
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
3
,
0
2
7
0
0
3
0
0
0
2
4
0
0
1
0
0
x
5
0
x
1
5
x
1
,
0
1
5
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
0
1
5
0
x
5
0
x
2
5
x
1
,
5
1
0
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
5


Abachi progettuali C-11

Abaco per la progettazione dei montanti singoli con lapproccio
All-Steel con vincoli intermedi (2 di 2)

A
l
t
e
z
z
a

m
o
n
t
a
n
t
e

(
m
m
)
P
e
s
o

p
r
o
p
r
i
o

p
a
r
e
t
e

(
k
N
/
m
2
)
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
0
0
8
8
,
5
2
8
8
,
0
9
8
7
,
6
6
8
7
,
2
3
8
2
,
9
9
8
2
,
5
0
8
2
,
0
2
8
1
,
5
3
7
7
,
3
1
7
6
,
7
7
7
6
,
2
3
7
5
,
6
9
5
9
,
5
9
5
8
,
8
7
5
8
,
1
6
5
7
,
4
4
0
,
2
5
8
6
,
9
2
8
6
,
7
1
8
6
,
4
9
8
6
,
2
8
8
0
,
7
8
8
0
,
5
4
8
0
,
3
0
8
0
,
0
6
7
4
,
5
1
7
4
,
2
4
7
3
,
9
8
7
3
,
7
1
5
4
,
4
9
5
4
,
1
3
5
3
,
7
7
5
3
,
4
1
0
,
5
0
8
5
,
1
4
8
4
,
9
2
8
4
,
7
1
8
4
,
4
9
7
8
,
4
7
7
8
,
2
3
7
7
,
9
9
7
7
,
7
5
7
1
,
6
4
7
1
,
3
7
7
1
,
1
0
7
0
,
8
3
4
9
,
6
1
4
9
,
2
5
4
8
,
8
9
4
8
,
5
3
0
,
7
5
8
3
,
3
8
8
3
,
1
7
8
2
,
9
5
8
2
,
7
4
7
6
,
2
3
7
5
,
9
9
7
5
,
7
5
7
5
,
5
1
6
8
,
8
8
6
8
,
6
1
6
8
,
3
4
6
8
,
0
7
4
5
,
1
1
4
4
,
7
6
4
4
,
4
0
4
4
,
0
4
1
,
0
0
8
1
,
6
6
8
1
,
4
4
8
1
,
2
3
8
1
,
0
1
7
4
,
0
5
7
3
,
8
0
7
3
,
5
6
7
3
,
3
2
6
6
,
2
2
6
5
,
9
5
6
5
,
6
8
6
5
,
4
1
4
1
,
0
1
4
0
,
6
6
4
0
,
3
0
3
9
,
9
4
0
,
0
0
1
2
1
,
9
7
1
2
1
,
5
4
1
2
1
,
1
0
1
2
0
,
6
7
1
1
3
,
6
5
1
1
3
,
1
6
1
1
2
,
6
8
1
1
2
,
1
9
1
0
5
,
3
4
1
0
4
,
8
0
1
0
4
,
2
6
1
0
3
,
7
2
8
0
,
2
9
7
9
,
5
7
7
8
,
8
5
7
8
,
1
3
0
,
2
5
1
2
0
,
0
7
1
1
9
,
8
5
1
1
9
,
6
4
1
1
9
,
4
2
1
1
1
,
1
3
1
1
0
,
8
9
1
1
0
,
6
5
1
1
0
,
4
0
1
0
2
,
1
4
1
0
1
,
8
5
1
0
1
,
5
7
1
0
1
,
2
9
7
4
,
5
1
7
4
,
1
5
7
3
,
7
9
7
3
,
4
4
0
,
5
0
1
1
7
,
9
9
1
1
7
,
7
8
1
1
7
,
5
6
1
1
7
,
3
5
1
0
8
,
4
6
1
0
8
,
2
2
1
0
7
,
9
7
1
0
7
,
7
3
9
8
,
8
3
9
8
,
5
6
9
8
,
2
9
9
8
,
0
2
6
9
,
0
1
6
8
,
6
5
6
8
,
2
9
6
7
,
9
3
0
,
7
5
1
1
5
,
9
6
1
1
5
,
7
4
1
1
5
,
5
3
1
1
5
,
3
1
1
0
5
,
8
6
1
0
5
,
6
2
1
0
5
,
3
7
1
0
5
,
1
3
9
5
,
6
4
9
5
,
3
7
9
5
,
1
0
9
4
,
8
3
6
3
,
9
4
6
3
,
5
8
6
3
,
2
2
6
2
,
8
6
1
,
0
0
1
1
3
,
9
5
1
1
3
,
7
4
1
1
3
,
5
2
1
1
3
,
3
1
1
0
3
,
3
7
1
0
3
,
1
1
1
0
2
,
8
6
1
0
2
,
6
1
9
2
,
5
6
9
2
,
2
9
9
2
,
0
2
9
1
,
7
5
5
9
,
2
2
5
8
,
8
6
5
8
,
5
0
5
8
,
1
4
0
,
0
0
1
6
0
,
6
7
1
6
0
,
2
4
1
5
9
,
8
1
1
5
9
,
3
8
1
4
9
,
0
6
1
4
8
,
5
8
1
4
8
,
0
9
1
4
7
,
6
1
1
3
7
,
6
0
1
3
7
,
0
6
1
3
6
,
5
3
1
3
5
,
9
9
1
0
4
,
0
5
1
0
3
,
3
3
1
0
2
,
6
4
1
0
1
,
8
4
0
,
2
5
1
5
8
,
4
3
1
5
8
,
2
1
1
5
8
,
0
0
1
5
7
,
7
8
1
4
6
,
1
2
1
4
5
,
8
8
1
4
5
,
6
4
1
4
5
,
4
0
1
3
3
,
9
0
1
3
3
,
6
3
1
3
3
,
3
6
1
3
3
,
0
9
9
7
,
4
9
9
7
,
1
3
9
6
,
7
7
9
6
,
4
1
0
,
5
0
1
5
6
,
0
0
1
5
5
,
7
8
1
5
5
,
5
7
1
5
5
,
3
5
1
4
3
,
0
0
1
4
2
,
7
5
1
4
2
,
5
1
1
4
2
,
2
7
1
3
0
,
0
5
1
2
9
,
7
8
1
2
9
,
5
1
1
2
9
,
2
4
9
1
,
2
5
9
0
,
8
9
9
0
,
5
3
9
0
,
1
7
0
,
7
5
1
5
3
,
6
1
1
5
3
,
3
9
1
5
3
,
1
8
1
5
2
,
9
6
1
3
9
,
9
6
1
3
9
,
7
2
1
3
9
,
4
7
1
3
9
,
2
3
1
2
6
,
3
5
1
2
6
,
0
8
1
2
5
,
8
1
1
2
5
,
5
4
8
5
,
4
7
8
5
,
1
1
8
4
,
7
6
8
4
,
4
0
1
,
0
0
1
5
1
,
2
6
1
5
1
,
0
5
1
5
0
,
8
3
1
5
0
,
6
1
1
3
7
,
0
0
1
3
6
,
7
5
1
3
6
,
5
1
1
3
6
,
2
7
1
2
2
,
7
7
1
2
2
,
5
0
1
2
2
,
2
3
1
2
1
,
9
6
8
0
,
0
8
7
9
,
7
2
7
9
,
3
6
7
9
,
0
0
3
0
0
0
4
0
0
0
S e z i o n e
C a r i c o v e n t o ( k N / m
2
)
2
4
0
0
2
7
0
0
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
3
,
0
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
2
,
0
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
2
,
5
I

p
r
o
f
i
l
i

s
o
n
o

i
n

a
c
c
i
a
i
o

S
3
5
0
G
D
+
Z

c
o
n

f
y
b
=
3
5
0

N
/
m
m
2

e

f
u
=
4
2
0

N
/
m
m
2

c
o
m
e

d
a

E
N

1
0
1
4
7
.
G
l
i
s
p
e
s
s
o
r
i
i
n
d
i
c
a
t
i
s
o
n
o
n
o
m
i
n
a
l
i
n
e
l
l
a
v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e
d
e
i
c
a
r
i
c
h
i
s
i

u
t
i
l
i
z
z
a
t
o
l
o
s
p
e
s
s
o
r
e
n
o
m
i
n
a
l
e
a
l
n
e
t
t
o
d
e
l
r
i
v
e
s
t
i
m
e
n
t
o
d
i
z
i
n
c
o
,
a
v
e
n
t
e
s
p
e
s
s
o
r
e
p
a
r
i
a
0
,
0
4
m
m
c
o
m
e

d
a

E
N

1
9
9
3

1
-
3

.
I
c
a
r
i
c
h
i
s
o
n
o
e
s
p
r
e
s
s
i
i
n
k
N
e
r
a
p
p
r
e
s
e
n
t
a
n
o
i
l
c
a
r
i
c
o
u
l
t
i
m
o
i
n
t
e
s
t
a
a
l
m
o
n
t
a
n
t
e
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
i
l
p
e
s
o
p
r
o
p
r
i
o
d
e
l
l
a
p
a
r
e
t
e
a
g
e
n
t
e
l
u
n
g
o
l
'
e
l
e
m
e
n
t
o
e
l
'
a
z
i
o
n
e
d
e
l
v
e
n
t
o
c
o
m
e
u
n
i
f
o
r
m
e
m
e
n
t
e
d
i
s
t
r
i
b
u
i
t
a
s
u
s
c
h
e
m
a
d
i
t
r
a
v
e
s
e
m
p
l
i
c
e
m
e
n
t
e
a
p
p
o
g
g
i
a
t
a
.
L
'
a
z
i
o
n
e
d
e
l
v
e
n
t
o
e
d
e
l
p
e
s
o
p
r
o
p
r
i
o
s
o
n
o
a
g
e
n
t
i
s
u
u
n
a
s
u
p
e
r
f
i
c
e
d
i
l
a
r
g
e
z
z
a
p
a
r
i

a
l
l
'
i
n
t
e
r
a
s
s
e
.

N
e
l
l
a
v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e
d
i
t
a
l
e
c
a
r
i
c
o
s
i
t
i
e
n
e
c
o
n
t
o
d
e
l
l
a
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

l
o
c
a
l
e
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
a
E
N
1
9
9
3
1
-
3

e
1
-
5

,
d
e
l
l
e
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

f
l
e
s
s
i
o
n
a
l
i
e
f
l
e
s
s
o
-
t
o
r
s
i
o
n
a
l
e
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
e
E
N
1
9
9
3
1
-
1

e
1
-
3

c
o
n
g
M
0
=
1
,
0
5
e

M
1
=
1
,
0
5
c
o
m
e
d
a
D
.
M
.
1
4
g
e
n
n
a
i
o
2
0
0
8
e
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
,
p
e
r
l
'
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

s
e
c
o
n
d
o
l
'
a
s
s
e
d
e
b
o
l
e
,
l
a
l
u
n
g
h
e
z
z
a
d
i
l
i
b
e
r
a
i
n
f
l
e
s
s
i
o
n
e

p
a
r
i

a

m
e
t


a
l
t
e
z
z
a

d
e
l

m
o
n
t
a
n
t
e
,

p
e
r

e
f
f
e
t
t
o

d
e
l
l
a

p
r
e
s
e
n
z
a

d
e
l


v
i
n
c
o
l
o

c
o
s
t
i
t
u
i
t
o

d
a
l
l
a

s
t
r
i
s
c
i
a

d
'
a
c
c
i
a
i
o

(
s
t
r
a
p

b
r
a
c
i
n
g
)

c
h
e

c
o
l
l
e
g
a

i

m
o
n
t
a
n
t
i

i
n

m
e
z
z
e
r
i
a
.

L
a
c
o
m
b
i
n
a
z
i
o
n
e
d
e
l
l
'
a
z
i
o
n
e
a
s
s
i
a
l
e
c
o
n
q
u
e
l
l
e
f
l
e
t
t
e
n
t
i

e
f
f
e
t
t
u
a
t
a
a
t
t
r
a
v
e
r
s
o
i
l
m
e
t
o
d
o
1
c
o
m
e
d
a
E
N
1
9
9
3
1
-
1

,
u
t
i
l
i
z
z
a
n
d
o
i
n
l
u
o
g
o
d
i

y
i
l
c
o
e
f
f
i
c
i
e
n
t
e
d
i
r
i
d
u
z
i
o
n
e
m
a
g
g
i
o
r
m
e
n
t
e
p
e
n
a
l
i
z
z
a
n
t
e
t
r
a
q
u
e
l
l
o
d
o
v
u
t
o
a
l
l
'
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

f
l
e
s
s
i
o
n
a
l
e
s
e
c
o
n
d
o
l
'
a
s
s
e
z
e
q
u
e
l
l
o
d
o
v
u
t
o
a
l
l
'
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

t
o
r
s
i
o
n
a
l
e
e
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
i
l
d
i
a
g
r
a
m
m
a
d
e
l
m
o
m
e
n
t
o

c
o
m
e

u
n
i
f
o
r
m
e
n
t
e

c
o
s
t
a
n
t
e

a
n
z
i
c
h


v
a
r
i
a
b
i
l
e

l
i
n
e
a
r
m
e
n
t
e

n
e
l
l
a

v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e

d
e
l

c
o
e
f
f
i
c
i
e
n
t
e

C
m
z
,
0
.


p
r
E
N

1
9
9
3
-
1
-
3
:
2
0
0
5
:

E

(
J
u
l
y
)


p
r
E
N

1
9
9
3
-
1
-
5
:
2
0
0
5
:

E

(
S
e
p
t
e
m
b
e
r
)


E
N

1
9
9
3
-
1
-
1
:
2
0
0
5
:

E

(
M
a
y
)


C-12 Appendice C
Abaco per la progettazione dei montanti accoppiati con
lapproccio All-Steel con vincoli intermedi (1 di 2)

A
l
t
e
z
z
a

m
o
n
t
a
n
t
e

(
m
m
)
P
e
s
o

p
r
o
p
r
i
o

p
a
r
e
t
e

(
k
N
/
m
2
)
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
0
0
6
7
,
2
0
6
6
,
7
7
6
6
,
3
4
6
5
,
9
0
6
5
,
4
3
6
4
,
9
4
6
4
,
4
6
6
3
,
9
7
6
3
,
5
0
6
2
,
9
6
6
2
,
4
2
6
1
,
8
8
5
4
,
3
8
5
3
,
6
6
5
2
,
9
4
5
2
,
2
2
0
,
2
5
6
1
,
9
6
6
1
,
7
4
6
1
,
5
3
6
1
,
3
1
5
9
,
1
5
5
8
,
9
1
5
8
,
6
7
5
8
,
4
3
5
6
,
1
4
5
5
,
8
7
5
5
,
6
0
5
5
,
3
3
4
3
,
5
5
4
3
,
1
9
4
2
,
8
3
4
2
,
4
7
0
,
5
0
5
8
,
0
0
5
7
,
7
8
5
7
,
5
6
5
7
,
3
5
5
4
,
4
2
5
4
,
1
8
5
3
,
9
4
5
3
,
6
9
5
0
,
6
2
5
0
,
3
5
5
0
,
0
8
4
9
,
8
1
3
5
,
5
8
3
5
,
2
3
3
4
,
8
7
3
4
,
5
1
0
,
7
5
5
4
,
4
7
5
4
,
2
5
5
4
,
0
4
5
3
,
8
2
5
0
,
2
3
4
9
,
9
9
4
9
,
7
4
4
9
,
5
0
4
5
,
7
5
4
5
,
4
8
4
5
,
2
1
4
4
,
9
4
2
8
,
7
5
2
8
,
3
9
2
8
,
0
3
2
7
,
6
7
1
,
0
0
5
1
,
2
1
5
1
,
0
0
5
0
,
7
8
5
0
,
5
7
4
6
,
3
7
4
6
,
1
3
4
5
,
8
9
4
5
,
6
5
4
1
,
2
9
4
0
,
9
5
4
0
,
6
9
4
0
,
4
2
2
2
,
6
2
2
2
,
2
1
2
1
,
8
6
2
1
,
5
0
0
,
0
0
1
4
5
,
6
1
1
4
5
,
1
8
1
4
4
,
7
4
1
4
4
,
3
1
1
4
0
,
6
7
1
4
0
,
1
9
1
3
9
,
7
0
1
3
9
,
2
1
1
3
3
,
6
8
1
3
3
,
1
4
1
3
2
,
6
0
1
3
2
,
0
6
9
9
,
4
9
9
8
,
7
7
9
8
,
0
5
9
7
,
3
3
0
,
2
5
1
3
8
,
8
6
1
3
8
,
6
5
1
3
8
,
4
3
1
3
8
,
2
2
1
3
2
,
6
8
1
3
2
,
4
4
1
3
2
,
2
0
1
3
1
,
9
6
1
2
4
,
5
3
1
2
4
,
2
6
1
2
3
,
9
9
1
2
3
,
7
2
8
7
,
7
4
8
7
,
3
8
8
7
,
0
2
8
6
,
6
6
0
,
5
0
1
3
3
,
8
4
1
3
3
,
6
3
1
3
3
,
4
1
1
3
3
,
2
0
1
2
6
,
7
1
1
2
6
,
4
7
1
2
6
,
2
3
1
2
5
,
9
9
1
1
7
,
6
7
1
1
7
,
4
0
1
1
7
,
1
4
1
1
6
,
8
7
7
8
,
8
6
7
8
,
5
0
7
8
,
1
5
7
7
,
7
9
0
,
7
5
1
2
9
,
3
5
1
2
9
,
1
3
1
2
8
,
9
2
1
2
8
,
7
0
1
2
1
,
3
8
1
2
1
,
1
4
1
2
0
,
9
0
1
2
0
,
6
6
1
1
1
,
5
7
1
1
1
,
3
0
1
1
1
,
0
3
1
1
0
,
7
6
7
1
,
1
9
7
0
,
8
3
7
0
,
4
7
7
0
,
1
2
1
,
0
0
1
2
5
,
1
8
1
2
4
,
9
6
1
2
4
,
7
5
1
2
4
,
5
3
1
1
6
,
4
4
1
1
6
,
2
0
1
1
5
,
9
6
1
1
5
,
7
1
1
0
5
,
9
1
1
0
5
,
6
4
1
0
5
,
3
7
1
0
5
,
1
0
6
4
,
1
5
6
3
,
7
9
6
3
,
4
3
6
3
,
0
7
0
,
0
0
2
3
0
,
7
9
2
3
0
,
3
5
2
2
9
,
9
2
2
2
9
,
4
9
2
1
7
,
8
1
2
1
7
,
3
2
2
1
6
,
8
4
2
1
6
,
3
5
2
0
0
,
6
2
2
0
0
,
0
8
1
9
9
,
5
4
1
9
9
,
0
0
1
4
1
,
2
6
1
4
0
,
5
4
1
3
9
,
8
2
1
3
9
,
1
0
0
,
2
5
2
2
2
,
7
9
2
2
2
,
5
8
2
2
2
,
3
6
2
2
2
,
1
5
2
0
8
,
5
3
2
0
8
,
2
9
2
0
8
,
0
5
2
0
7
,
8
0
1
9
0
,
3
1
1
9
0
,
0
4
1
8
9
,
7
7
1
8
9
,
5
0
1
2
8
,
7
9
1
2
8
,
4
3
1
2
8
,
0
7
1
2
7
,
7
1
0
,
5
0
2
1
6
,
7
6
2
1
6
,
5
4
2
1
6
,
3
3
2
1
6
,
1
1
2
0
1
,
5
4
2
0
1
,
2
9
2
0
1
,
0
5
2
0
0
,
8
1
1
8
2
,
5
5
1
8
2
,
2
8
1
8
2
,
0
1
1
8
1
,
7
4
1
1
9
,
5
0
1
1
9
,
1
4
1
1
8
,
7
8
1
1
8
,
4
2
0
,
7
5
2
1
1
,
3
5
2
1
1
,
1
4
2
1
0
,
9
2
2
1
0
,
7
1
1
9
5
,
2
8
1
9
5
,
0
4
1
9
4
,
8
0
1
9
4
,
5
5
1
7
5
,
6
1
1
7
5
,
3
4
1
7
5
,
0
7
1
7
4
,
8
0
1
1
1
,
2
5
1
1
0
,
8
9
1
1
0
,
5
3
1
1
0
,
1
7
1
,
0
0
2
0
6
,
3
3
2
0
6
,
1
1
2
0
5
,
9
0
2
0
5
,
6
8
1
8
9
,
4
7
1
8
9
,
2
3
1
8
8
,
9
9
1
8
8
,
7
5
1
6
9
,
1
8
1
6
8
,
9
1
1
6
8
,
6
4
1
6
8
,
3
7
1
0
3
,
6
4
1
0
3
,
2
8
1
0
2
,
9
2
1
0
2
,
5
6
0
,
0
0
2
9
9
,
6
5
2
9
9
,
3
3
2
9
8
,
9
0
2
9
8
,
4
7
2
8
0
,
4
9
2
8
0
,
0
0
2
7
9
,
5
2
2
7
9
,
0
3
2
5
6
,
3
6
2
5
5
,
8
2
2
5
5
,
2
8
2
5
4
,
7
4
1
7
7
,
0
4
1
7
6
,
3
2
1
7
5
,
6
0
1
7
4
,
8
8
0
,
2
5
2
9
0
,
7
2
2
9
0
,
5
1
2
9
0
,
2
9
2
9
0
,
0
8
2
7
0
,
2
4
2
7
0
,
0
0
2
6
9
,
7
6
2
6
9
,
5
2
2
4
5
,
1
6
2
4
4
,
8
9
2
4
4
,
6
2
2
4
4
,
3
5
1
6
3
,
8
9
1
6
3
,
5
3
1
6
3
,
1
7
1
6
2
,
8
1
0
,
5
0
2
8
4
,
1
4
2
8
3
,
9
2
2
8
3
,
7
1
2
8
3
,
5
0
2
6
2
,
6
6
2
6
2
,
4
2
2
6
2
,
1
8
2
6
1
,
9
4
2
3
6
,
7
9
2
3
6
,
5
3
2
3
6
,
2
6
2
3
5
,
9
9
1
5
3
,
8
3
1
5
3
,
4
7
1
5
3
,
1
1
1
5
2
,
7
6
0
,
7
5
2
7
8
,
2
4
2
7
8
,
0
2
2
7
7
,
8
1
2
7
7
,
5
9
2
5
5
,
8
7
2
5
5
,
6
3
2
5
5
,
3
9
2
5
5
,
1
5
2
2
9
,
3
1
2
2
9
,
0
4
2
2
8
,
7
7
2
2
8
,
5
0
1
4
5
,
1
1
1
4
4
,
7
5
1
4
4
,
4
0
1
4
4
,
0
4
1
,
0
0
2
7
2
,
7
4
2
7
2
,
5
3
2
7
2
,
3
1
2
7
2
,
1
0
2
4
9
,
5
6
2
4
9
,
3
2
2
4
9
,
0
8
2
4
8
,
8
3
2
2
2
,
3
5
2
2
2
,
0
9
2
2
1
,
8
2
2
2
1
,
5
5
1
3
7
,
0
5
1
3
6
,
6
9
1
3
6
,
3
4
1
3
5
,
9
8
0
,
0
0
3
6
9
,
0
3
3
6
8
,
6
0
3
6
8
,
1
7
3
6
7
,
7
4
3
4
2
,
6
7
3
4
2
,
1
8
3
4
1
,
6
9
3
4
1
,
2
1
3
1
1
,
1
4
3
1
0
,
6
0
3
1
0
,
0
6
3
0
9
,
5
2
2
1
1
,
6
9
2
1
0
,
9
7
2
1
0
,
2
5
2
0
9
,
5
3
0
,
2
5
3
5
9
,
5
9
3
5
9
,
3
7
3
5
9
,
1
5
3
5
8
,
9
4
3
3
1
,
8
8
3
3
1
,
6
4
3
3
1
,
3
9
3
3
1
,
1
5
2
9
9
,
0
0
2
9
8
,
7
4
2
9
8
,
4
7
2
9
8
,
2
0
1
9
7
,
9
8
1
9
7
,
6
2
1
9
7
,
2
6
1
9
6
,
9
0
0
,
5
0
3
5
2
,
4
6
3
5
2
,
2
5
3
5
2
,
0
3
3
5
1
,
8
2
3
2
3
,
7
6
3
2
3
,
5
1
3
2
3
,
2
7
3
2
3
,
0
3
2
9
0
,
1
7
2
8
9
,
9
0
2
8
9
,
6
4
2
8
9
,
3
7
1
8
7
,
6
8
1
8
7
,
3
2
1
8
6
,
9
6
1
8
6
,
6
0
0
,
7
5
3
4
6
,
0
8
3
4
5
,
8
6
3
4
5
,
6
4
3
4
5
,
4
3
3
1
6
,
4
8
3
1
6
,
2
3
3
1
5
,
9
9
3
1
5
,
7
5
2
8
2
,
2
6
2
8
1
,
9
9
2
8
1
,
7
2
2
8
1
,
4
6
1
7
8
,
5
1
1
7
8
,
1
5
1
7
7
,
7
9
1
7
7
,
4
3
1
,
0
0
3
4
0
,
1
3
3
3
9
,
9
1
3
3
9
,
7
0
3
3
9
,
4
8
3
0
9
,
3
0
3
0
9
,
0
6
3
0
8
,
8
2
3
0
8
,
5
8
2
7
4
,
9
1
2
7
4
,
6
4
2
7
4
,
3
7
2
7
4
,
1
0
1
7
0
,
0
2
1
6
9
,
6
6
1
6
9
,
3
0
1
6
8
,
9
4
0
,
0
0
7
0
,
3
1
6
9
,
8
8
6
9
,
4
5
6
9
,
0
2
6
8
,
6
7
6
8
,
1
8
6
7
,
7
0
6
7
,
2
1
6
6
,
8
8
6
6
,
3
4
6
5
,
8
0
6
5
,
2
6
5
9
,
9
1
5
9
,
1
9
5
8
,
4
7
5
7
,
7
5
0
,
2
5
6
6
,
5
2
6
6
,
3
1
6
6
,
0
9
6
5
,
8
8
6
4
,
1
2
6
3
,
8
8
6
3
,
6
4
6
3
,
4
0
6
1
,
5
5
6
1
,
2
8
6
1
,
0
1
6
0
,
7
4
5
1
,
7
5
5
1
,
3
9
5
1
,
0
3
5
0
,
6
7
0
,
5
0
6
3
,
6
2
6
3
,
4
1
6
3
,
1
9
6
2
,
9
8
6
0
,
6
5
6
0
,
4
1
6
0
,
1
6
5
9
,
9
2
5
7
,
4
8
5
7
,
2
1
5
6
,
9
4
5
6
,
6
7
4
5
,
6
0
4
5
,
2
4
4
4
,
8
8
4
4
,
5
2
0
,
7
5
6
1
,
0
3
6
0
,
8
1
6
0
,
6
0
6
0
,
3
8
5
7
,
5
5
5
7
,
3
1
5
7
,
0
7
5
6
,
8
2
5
3
,
8
6
5
3
,
5
9
5
3
,
3
2
5
3
,
0
5
4
0
,
1
5
3
9
,
7
9
3
9
,
4
4
3
9
,
0
8
1
,
0
0
5
8
,
6
2
5
8
,
4
1
5
8
,
1
9
5
7
,
9
8
5
4
,
6
9
5
4
,
4
4
5
4
,
2
0
5
3
,
9
6
5
0
,
5
2
5
0
,
2
5
4
9
,
9
8
4
9
,
7
1
3
5
,
2
7
3
4
,
9
1
3
4
,
5
6
3
4
,
2
0
0
,
0
0
1
5
4
,
3
8
1
5
3
,
9
5
1
5
3
,
5
1
1
5
3
,
0
8
1
4
9
,
6
6
1
4
9
,
1
7
1
4
8
,
6
8
1
4
8
,
2
0
1
4
4
,
4
9
1
4
3
,
9
5
1
4
3
,
4
1
1
4
2
,
8
7
1
2
4
,
4
0
1
2
3
,
6
8
1
2
2
,
9
6
1
2
2
,
2
4
0
,
2
5
1
4
9
,
6
7
1
4
9
,
4
6
1
4
9
,
2
4
1
4
9
,
0
3
1
4
4
,
0
9
1
4
3
,
8
5
1
4
3
,
6
1
1
4
3
,
3
7
1
3
8
,
0
3
1
3
7
,
7
6
1
3
7
,
4
9
1
3
7
,
2
2
1
1
4
,
8
1
1
1
4
,
4
5
1
1
4
,
0
9
1
1
3
,
7
3
0
,
5
0
1
4
6
,
1
9
1
4
5
,
9
8
1
4
5
,
7
6
1
4
5
,
5
5
1
3
9
,
9
3
1
3
9
,
6
9
1
3
9
,
4
5
1
3
9
,
2
1
1
3
3
,
1
7
1
3
2
,
9
0
1
3
2
,
6
3
1
3
2
,
3
6
1
0
7
,
5
6
1
0
7
,
2
0
1
0
6
,
8
4
1
0
6
,
4
8
0
,
7
5
1
4
3
,
0
7
1
4
2
,
8
5
1
4
2
,
6
4
1
4
2
,
4
2
1
3
6
,
2
1
1
3
5
,
9
7
1
3
5
,
7
2
1
3
5
,
4
8
1
2
8
,
8
2
1
2
8
,
5
5
1
2
8
,
2
9
1
2
8
,
0
2
1
0
1
,
1
2
1
0
0
,
7
6
1
0
0
,
4
0
1
0
0
,
0
4
1
,
0
0
1
4
0
,
1
6
1
3
9
,
9
5
1
3
9
,
7
3
1
3
9
,
5
2
1
3
2
,
7
4
1
3
2
,
5
0
1
3
2
,
2
6
1
3
2
,
0
2
1
2
4
,
7
9
1
2
4
,
5
2
1
2
4
,
2
5
1
2
3
,
9
8
9
5
,
1
7
9
4
,
8
1
9
4
,
4
5
9
4
,
0
9
S e z i o n e
C a r i c o v e n t o ( k N / m
2
)
2
x
1
5
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
0
2
x
1
5
0
x
5
0
x
2
5
x
1
,
5
2
x
1
0
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
5
4
0
0
0
2
x
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
2
,
0
2
x
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
2
,
5
2
x
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
3
,
0
2
7
0
0
3
0
0
0
2
4
0
0
2
x
1
0
0
x
5
0
x
1
5
x
1
,
0


Abachi progettuali C-13

Abaco per la progettazione dei montanti accoppiati con
lapproccio All-Steel con vincoli intermedi (2 di 2)

A
l
t
e
z
z
a

m
o
n
t
a
n
t
e

(
m
m
)
P
e
s
o

p
r
o
p
r
i
o

p
a
r
e
t
e

(
k
N
/
m
2
)
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
0
0
2
4
8
,
7
6
2
4
8
,
3
3
2
4
7
,
9
0
2
4
7
,
4
7
2
4
0
,
3
3
2
3
9
,
8
5
2
3
9
,
3
6
2
3
8
,
8
7
2
3
1
,
0
9
2
3
0
,
5
5
2
3
0
,
0
1
2
2
9
,
4
7
1
9
5
,
5
9
1
9
4
,
8
7
1
9
4
,
1
5
1
9
3
,
4
3
0
,
2
5
2
4
3
,
2
6
2
4
3
,
0
5
2
4
2
,
8
3
2
4
2
,
6
2
2
3
3
,
8
0
2
3
3
,
5
6
2
3
3
,
3
2
2
3
3
,
0
8
2
2
3
,
5
1
2
2
3
,
2
4
2
2
2
,
9
7
2
2
2
,
7
0
1
8
4
,
4
6
1
8
4
,
1
0
1
8
3
,
7
4
1
8
3
,
3
9
0
,
5
0
2
3
9
,
0
9
2
3
8
,
8
8
2
3
8
,
6
6
2
3
8
,
4
4
2
2
8
,
8
4
2
2
8
,
6
0
2
2
8
,
3
6
2
2
8
,
1
1
2
1
7
,
7
4
2
1
7
,
4
7
2
1
7
,
2
0
2
1
6
,
9
3
1
7
6
,
0
5
1
7
5
,
6
9
1
7
5
,
3
3
1
7
4
,
9
7
0
,
7
5
2
3
5
,
3
5
2
3
5
,
1
3
2
3
4
,
9
2
2
3
4
,
7
0
2
2
4
,
3
9
2
2
4
,
1
5
2
2
3
,
9
1
2
2
3
,
6
6
2
1
2
,
5
6
2
1
2
,
2
9
2
1
2
,
0
2
2
1
1
,
7
5
1
6
8
,
5
4
1
6
8
,
1
8
1
6
7
,
8
2
1
6
7
,
4
6
1
,
0
0
2
3
1
,
8
6
2
3
1
,
6
4
2
3
1
,
4
3
2
3
1
,
2
1
2
2
0
,
2
5
2
2
0
,
0
0
2
1
9
,
7
6
2
1
9
,
5
2
2
0
7
,
7
5
2
0
7
,
4
8
2
0
7
,
2
2
2
0
6
,
9
5
1
6
1
,
5
9
1
6
1
,
2
3
1
6
0
,
8
7
1
6
0
,
5
1
0
,
0
0
3
3
1
,
1
7
3
3
0
,
7
4
3
3
0
,
3
1
3
2
9
,
8
8
3
1
8
,
7
6
3
1
8
,
2
8
3
1
7
,
7
9
3
1
7
,
3
1
3
0
5
,
0
8
3
0
4
,
6
4
3
0
4
,
1
0
3
0
3
,
5
6
2
5
3
,
8
7
2
5
3
,
1
5
2
5
2
,
4
3
2
5
1
,
7
1
0
,
2
5
3
2
5
,
0
6
3
2
4
,
8
4
3
2
4
,
6
3
3
2
4
,
4
1
3
1
1
,
5
0
3
1
1
,
2
6
3
1
1
,
0
2
3
1
0
,
7
8
2
9
6
,
4
6
2
9
6
,
1
9
2
9
5
,
9
2
2
9
5
,
6
5
2
4
1
,
6
7
2
4
1
,
3
1
2
4
0
,
9
5
2
4
0
,
5
9
0
,
5
0
3
2
0
,
3
9
3
2
0
,
1
7
3
1
9
,
9
6
3
1
9
,
7
4
3
0
5
,
5
9
3
0
5
,
3
5
3
0
5
,
1
1
3
0
4
,
8
7
2
9
0
,
0
9
2
8
9
,
8
3
2
8
9
,
5
6
2
8
9
,
2
9
2
3
2
,
5
0
2
3
2
,
1
4
2
3
1
,
7
8
2
3
1
,
4
2
0
,
7
5
3
1
6
,
1
9
3
1
5
,
9
8
3
1
5
,
7
6
3
1
5
,
5
4
3
0
0
,
6
6
3
0
0
,
4
2
3
0
0
,
1
8
2
9
9
,
9
4
2
8
4
,
3
9
2
8
4
,
1
2
2
8
3
,
8
5
2
8
3
,
5
8
2
2
4
,
3
0
2
2
3
,
9
4
2
2
3
,
5
8
2
2
3
,
2
2
1
,
0
0
3
1
2
,
2
8
3
1
2
,
0
7
3
1
1
,
8
5
3
1
1
,
6
4
2
9
6
,
0
7
2
9
5
,
8
3
2
9
5
,
5
9
2
9
5
,
3
5
2
7
9
,
0
7
2
7
8
,
8
1
2
7
8
,
5
4
2
7
8
,
2
7
2
1
6
,
6
8
2
1
6
,
3
2
2
1
5
,
9
6
2
1
5
,
6
1
0
,
0
0
4
1
3
,
0
4
4
1
2
,
6
1
4
1
2
,
1
8
4
1
1
,
7
5
3
9
6
,
3
9
3
9
5
,
9
0
3
9
5
,
4
2
3
9
4
,
9
3
3
7
8
,
2
0
3
7
7
,
6
6
3
7
7
,
1
2
3
7
6
,
5
8
3
1
0
,
5
4
3
0
9
,
8
2
3
0
9
,
1
0
3
0
8
,
3
8
0
,
2
5
4
0
6
,
3
8
4
0
6
,
1
6
4
0
5
,
9
4
4
0
5
,
7
3
3
8
8
,
5
0
3
8
8
,
2
5
3
8
8
,
0
1
3
8
7
,
7
7
3
6
9
,
0
8
3
6
8
,
8
1
3
6
8
,
5
5
3
6
8
,
2
8
2
9
7
,
2
5
2
9
6
,
8
9
2
9
6
,
5
3
2
9
6
,
1
8
0
,
5
0
4
0
1
,
3
0
4
0
1
,
0
8
4
0
0
,
8
6
4
0
0
,
6
5
3
8
2
,
5
0
3
8
2
,
2
5
3
8
2
,
0
1
3
8
1
,
7
7
3
6
2
,
1
6
3
6
1
,
8
9
3
6
1
,
6
2
3
6
1
,
3
5
2
8
7
,
5
0
2
8
7
,
1
5
2
8
6
,
7
9
2
8
6
,
4
3
0
,
7
5
3
9
6
,
7
4
3
9
6
,
5
2
3
9
6
,
3
0
3
9
6
,
0
9
3
7
7
,
1
1
3
7
6
,
8
7
3
7
6
,
6
2
3
7
6
,
3
8
3
5
5
,
9
5
3
5
5
,
6
8
3
5
5
,
4
1
3
5
5
,
1
4
2
7
8
,
7
8
2
7
8
,
4
3
2
7
8
,
0
7
2
7
7
,
7
1
1
,
0
0
3
9
2
,
4
8
3
9
2
,
2
7
3
9
2
,
0
5
3
9
1
,
8
4
3
7
2
,
0
9
3
7
1
,
8
5
3
7
1
,
6
1
3
7
1
,
3
6
3
5
0
,
1
7
3
4
9
,
9
0
3
4
9
,
6
3
3
4
9
,
3
6
2
7
0
,
6
8
2
7
0
,
3
2
2
6
9
,
9
7
2
6
9
,
6
1
3
0
0
0
4
0
0
0
S e z i o n e
C a r i c o v e n t o ( k N / m
2
)
2
4
0
0
2
7
0
0
2
x
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
2
,
0
2
x
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
2
,
5
2
x
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
3
,
0
I

p
r
o
f
i
l
i

s
o
n
o

i
n

a
c
c
i
a
i
o

S
3
5
0
G
D
+
Z

c
o
n

f
y
b
=
3
5
0

N
/
m
m
2

e

f
u
=
4
2
0

N
/
m
m
2

c
o
m
e

d
a

E
N

1
0
1
4
7
.
G
l
i
s
p
e
s
s
o
r
i
i
n
d
i
c
a
t
i
s
o
n
o
n
o
m
i
n
a
l
i
n
e
l
l
a
v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e
d
e
i
c
a
r
i
c
h
i
s
i

u
t
i
l
i
z
z
a
t
o
l
o
s
p
e
s
s
o
r
e
n
o
m
i
n
a
l
e
a
l
n
e
t
t
o
d
e
l
r
i
v
e
s
t
i
m
e
n
t
o
d
i
z
i
n
c
o
,
a
v
e
n
t
e
s
p
e
s
s
o
r
e
p
a
r
i
a
0
,
0
4
m
m
c
o
m
e

d
a

E
N

1
9
9
3

1
-
3

.
I
c
a
r
i
c
h
i
s
o
n
o
e
s
p
r
e
s
s
i
i
n
k
N
e
r
a
p
p
r
e
s
e
n
t
a
n
o
i
l
c
a
r
i
c
o
u
l
t
i
m
o
i
n
t
e
s
t
a
a
l
m
o
n
t
a
n
t
e
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
i
l
p
e
s
o
p
r
o
p
r
i
o
d
e
l
l
a
p
a
r
e
t
e
a
g
e
n
t
e
l
u
n
g
o
l
'
e
l
e
m
e
n
t
o
e
l
'
a
z
i
o
n
e
d
e
l
v
e
n
t
o
c
o
m
e
u
n
i
f
o
r
m
e
m
e
n
t
e
d
i
s
t
r
i
b
u
i
t
a
s
u
s
c
h
e
m
a
d
i
t
r
a
v
e
s
e
m
p
l
i
c
e
m
e
n
t
e
a
p
p
o
g
g
i
a
t
a
.
L
'
a
z
i
o
n
e
d
e
l
v
e
n
t
o
e
d
e
l
p
e
s
o
p
r
o
p
r
i
o
s
o
n
o
a
g
e
n
t
i
s
u
u
n
a
s
u
p
e
r
f
i
c
e
d
i
l
a
r
g
e
z
z
a
p
a
r
i
a
l
l
'
i
n
t
e
r
a
s
s
e
.

N
e
l
l
a
v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e
d
i
t
a
l
e
c
a
r
i
c
o
s
i
t
i
e
n
e
c
o
n
t
o
d
e
l
l
a
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

l
o
c
a
l
e
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
a
E
N
1
9
9
3
1
-
3

e
1
-
5

,
d
e
l
l
e
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

f
l
e
s
s
i
o
n
a
l
i
e
f
l
e
s
s
o
-
t
o
r
s
i
o
n
a
l
e
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
e
E
N
1
9
9
3
1
-
1

e
1
-
3

c
o
n
g
M
0
=
1
,
0
5
e

M
1
=
1
,
0
5
c
o
m
e
d
a
D
.
M
.
1
4
g
e
n
n
a
i
o
2
0
0
8
e
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
,
p
e
r
l
'
i
n
s
t
a
b
i
l
i
t

s
e
c
o
n
d
o
l
'
a
s
s
e
d
e
b
o
l
e
,
l
a
l
u
n
g
h
e
z
z
a
d
i
l
i
b
e
r
a
i
n
f
l
e
s
s
i
o
n
e
p
a
r
i
a
m
e
t

a
l
t
e
z
z
a
d
e
l
m
o
n
t
a
n
t
e
,
p
e
r
e
f
f
e
t
t
o
d
e
l
l
a
p
r
e
s
e
n
z
a
d
e
l
v
i
n
c
o
l
o
c
o
s
t
i
t
u
i
t
o
d
a
l
l
a
s
t
r
i
s
c
i
a
d
'
a
c
c
i
a
i
o
(
s
t
r
a
p
b
r
a
c
i
n
g
)
c
h
e
c
o
l
l
e
g
a
i
m
o
n
t
a
n
t
i
i
n
m
e
z
z
e
r
i
a
.
L
'
a
z
i
o
n
e

a
s
s
i
a
l
e

e

q
u
e
l
l
a

f
l
e
t
t
e
n
t
e

s
o
n
o

c
o
m
b
i
n
a
t
e

c
o
m
e

d
a

E
N

1
9
9
3

1
-
3

L
a

s
p
a
z
i
a
t
u
r
a

d
e
i

c
o
l
l
e
g
a
m
e
n
t
i

t
r
a

i

p
r
o
f
i
l
i


p
a
r
i

a

6
0
0
m
m
.


p
r
E
N

1
9
9
3
-
1
-
3
:
2
0
0
5
:

E

(
J
u
l
y
)


p
r
E
N

1
9
9
3
-
1
-
5
:
2
0
0
5
:

E

(
S
e
p
t
e
m
b
e
r
)


E
N

1
9
9
3
-
1
-
1
:
2
0
0
5
:

E

(
M
a
y
)


C-14 Appendice C
Abaco per la progettazione dei montanti singoli con lapproccio
Sheating-braced con pannelli in materiale a base di legno

A
l
t
e
z
z
a

m
o
n
t
a
n
t
e

(
m
m
)
P
e
s
o

p
r
o
p
r
i
o

p
a
r
e
t
e

(
k
N
/
m
2
)
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
0
0
2
3
,
2
3
2
2
,
8
0
2
2
,
3
7
2
1
,
9
4
2
1
,
6
5
2
1
,
1
6
2
0
,
6
8
2
0
,
1
9
2
0
,
1
9
1
9
,
6
5
1
9
,
1
1
1
8
,
5
7
1
6
,
2
7
1
5
,
5
5
1
4
,
8
3
1
4
,
1
1
0
,
2
5
2
1
,
7
2
2
1
,
5
1
2
1
,
2
9
2
1
,
0
7
1
9
,
7
6
1
9
,
5
2
1
9
,
3
0
1
9
,
0
5
1
7
,
9
2
1
7
,
6
5
1
7
,
3
8
1
7
,
1
1
1
2
,
6
2
1
2
,
2
6
1
1
,
9
0
1
1
,
5
4
0
,
5
0
2
0
,
0
2
1
9
,
8
3
1
9
,
6
1
1
9
,
3
9
1
7
,
7
4
1
7
,
4
9
1
7
,
2
5
1
7
,
0
1
1
5
,
5
6
1
5
,
2
9
1
5
,
0
4
1
4
,
7
7
9
,
3
4
8
,
9
8
8
,
6
2
8
,
2
6
0
,
7
5
1
8
,
3
8
1
8
,
1
9
1
7
,
9
7
1
7
,
7
5
1
5
,
8
2
1
5
,
5
7
1
5
,
3
3
1
5
,
0
8
1
3
,
3
6
1
3
,
0
8
1
2
,
8
1
1
2
,
5
4
6
,
4
9
6
,
1
2
5
,
7
6
5
,
4
0
1
,
0
0
1
6
,
8
1
1
6
,
5
9
1
6
,
3
7
1
6
,
1
5
1
3
,
9
5
1
3
,
7
0
1
3
,
4
6
1
3
,
2
1
1
1
,
2
6
1
0
,
9
9
1
0
,
7
2
1
0
,
4
5
3
,
9
3
3
,
5
7
3
,
2
0
2
,
8
4
0
,
0
0
3
4
,
3
3
3
3
,
9
0
3
3
,
4
7
3
3
,
0
4
3
1
,
1
4
3
0
,
6
5
3
0
,
1
7
2
9
,
6
8
2
8
,
6
8
2
8
,
1
4
2
7
,
6
0
2
7
,
0
6
2
2
,
9
5
2
2
,
2
3
2
1
,
5
1
2
0
,
7
9
0
,
2
5
3
3
,
1
6
3
2
,
9
4
3
2
,
7
2
3
2
,
5
1
2
9
,
7
3
2
9
,
4
9
2
9
,
2
5
2
9
,
0
0
2
7
,
0
0
2
6
,
7
3
2
6
,
4
6
2
6
,
1
9
2
0
,
2
2
1
9
,
8
6
1
9
,
5
0
1
9
,
1
4
0
,
5
0
3
1
,
7
9
3
1
,
5
7
3
1
,
3
5
3
1
,
1
4
2
8
,
1
2
2
7
,
8
8
2
7
,
6
3
2
7
,
3
9
2
5
,
1
3
2
4
,
8
6
2
4
,
5
9
2
4
,
3
2
1
7
,
4
5
1
7
,
0
9
1
6
,
7
3
1
6
,
3
7
0
,
7
5
3
0
,
4
3
3
0
,
2
2
3
0
,
0
0
2
9
,
7
8
2
6
,
5
4
2
6
,
3
0
2
6
,
0
5
2
5
,
8
1
2
3
,
3
2
2
3
,
0
5
2
2
,
7
8
2
2
,
5
1
1
4
,
9
2
1
4
,
5
6
1
4
,
2
0
1
3
,
8
6
1
,
0
0
2
9
,
1
0
2
8
,
8
8
2
8
,
6
7
2
8
,
4
5
2
5
,
0
0
2
4
,
7
6
2
4
,
5
1
2
4
,
2
7
2
1
,
5
7
2
1
,
3
0
2
1
,
0
3
2
0
,
7
6
1
2
,
5
7
1
2
,
2
1
1
1
,
8
5
1
1
,
4
9
0
,
0
0
4
4
,
9
2
4
4
,
4
8
4
4
,
0
5
4
3
,
6
2
3
9
,
6
0
3
9
,
1
2
3
8
,
6
3
3
8
,
1
4
3
5
,
6
7
3
5
,
1
3
3
4
,
5
9
3
4
,
0
5
2
7
,
5
1
2
6
,
7
9
2
6
,
0
7
2
5
,
3
5
0
,
2
5
4
3
,
8
4
4
3
,
6
3
4
3
,
4
1
4
3
,
1
9
3
8
,
3
7
3
8
,
1
2
3
7
,
8
8
3
7
,
6
4
3
4
,
2
5
3
3
,
9
8
3
3
,
7
1
3
3
,
4
4
2
5
,
3
0
2
4
,
9
4
2
4
,
5
8
2
4
,
2
2
0
,
5
0
4
2
,
5
6
4
2
,
3
5
4
2
,
1
3
4
1
,
9
1
3
6
,
9
1
3
6
,
6
7
3
6
,
4
2
3
6
,
1
8
3
2
,
5
9
3
2
,
3
2
3
2
,
0
5
3
1
,
7
8
2
2
,
9
0
2
2
,
5
4
2
2
,
1
8
2
1
,
8
2
0
,
7
5
4
1
,
3
0
4
1
,
0
8
4
0
,
8
6
4
0
,
6
5
3
5
,
4
8
3
5
,
2
3
3
4
,
9
9
3
4
,
7
4
3
0
,
9
7
3
0
,
7
0
3
0
,
4
3
3
0
,
1
6
2
0
,
6
4
2
0
,
2
8
1
9
,
9
2
1
9
,
5
6
1
,
0
0
4
0
,
0
4
3
9
,
8
2
3
9
,
6
1
3
9
,
3
9
3
4
,
0
6
3
3
,
8
1
3
3
,
5
7
3
3
,
3
3
2
9
,
3
8
2
9
,
1
1
2
8
,
8
4
2
8
,
5
7
1
8
,
5
0
1
8
,
1
4
1
7
,
7
8
1
7
,
4
2
0
,
0
0
2
5
,
5
4
2
5
,
1
1
2
4
,
6
7
2
4
,
2
4
2
4
,
0
9
2
3
,
6
0
2
3
,
1
2
2
2
,
6
3
2
2
,
9
9
2
2
,
4
5
2
1
,
9
1
2
1
,
3
7
2
0
,
5
7
1
9
,
8
5
1
9
,
1
3
1
8
,
4
1
0
,
2
5
2
4
,
6
4
2
4
,
4
2
2
4
,
2
1
2
3
,
9
9
2
2
,
9
8
2
2
,
7
3
2
2
,
4
9
2
2
,
2
5
2
1
,
6
3
2
1
,
3
6
2
1
,
0
9
2
0
,
8
2
1
8
,
1
6
1
7
,
8
0
1
7
,
4
4
1
7
,
0
8
0
,
5
0
2
3
,
5
3
2
3
,
3
1
2
3
,
1
0
2
2
,
8
8
2
1
,
6
4
2
1
,
3
9
2
1
,
1
5
2
0
,
9
1
2
0
,
0
3
1
9
,
7
6
1
9
,
4
9
1
9
,
2
2
1
5
,
5
2
1
5
,
1
5
1
4
,
7
9
1
4
,
4
3
0
,
7
5
2
2
,
4
3
2
2
,
2
1
2
1
,
9
9
2
1
,
7
8
2
0
,
3
1
2
0
,
0
6
1
9
,
8
2
1
9
,
5
8
1
8
,
4
5
1
8
,
1
8
1
7
,
9
1
1
7
,
6
4
1
2
,
9
8
1
2
,
6
2
1
2
,
2
6
1
1
,
9
0
1
,
0
0
2
1
,
3
3
2
1
,
1
2
2
0
,
9
0
2
0
,
6
8
1
8
,
9
9
1
8
,
7
5
1
8
,
5
0
1
8
,
2
6
1
6
,
8
9
1
6
,
6
2
1
6
,
3
5
1
6
,
0
8
1
0
,
5
6
1
0
,
2
2
9
,
8
6
9
,
5
0
0
,
0
0
4
0
,
3
5
3
9
,
9
2
3
9
,
4
9
3
9
,
0
6
3
6
,
7
2
3
6
,
2
4
3
5
,
7
5
3
5
,
2
7
3
4
,
0
5
3
3
,
5
1
3
2
,
9
7
3
2
,
4
3
2
8
,
7
6
2
8
,
0
4
2
7
,
3
2
2
6
,
6
0
0
,
2
5
3
9
,
6
5
3
9
,
4
3
3
9
,
2
1
3
9
,
0
0
3
5
,
8
9
3
5
,
6
4
3
5
,
4
0
3
5
,
1
6
3
3
,
0
7
3
2
,
8
0
3
2
,
5
3
3
2
,
2
6
2
7
,
1
1
2
6
,
7
5
2
6
,
3
9
2
6
,
0
3
0
,
5
0
3
8
,
7
3
3
8
,
5
1
3
8
,
2
9
3
8
,
0
8
3
4
,
8
1
3
4
,
5
7
3
4
,
3
3
3
4
,
0
8
3
1
,
8
2
3
1
,
5
5
3
1
,
2
8
3
1
,
0
1
2
5
,
1
8
2
4
,
8
2
2
4
,
4
5
2
4
,
0
9
0
,
7
5
3
7
,
8
1
3
7
,
5
9
3
7
,
3
8
3
7
,
1
6
3
3
,
7
4
3
3
,
5
0
3
3
,
2
6
3
3
,
0
2
3
0
,
5
8
3
0
,
3
1
3
0
,
0
4
2
9
,
7
7
2
3
,
2
3
2
2
,
8
7
2
2
,
5
1
2
2
,
1
8
1
,
0
0
3
6
,
8
9
3
6
,
6
8
3
6
,
4
6
3
6
,
2
5
3
2
,
6
8
3
2
,
4
4
3
2
,
1
9
3
1
,
9
5
2
9
,
3
6
2
9
,
0
9
2
8
,
8
2
2
8
,
5
4
2
1
,
3
6
2
1
,
0
0
2
0
,
6
7
2
0
,
3
0
0
,
0
0
5
5
,
3
3
5
4
,
9
0
5
4
,
4
7
5
4
,
0
4
4
9
,
4
6
4
8
,
9
8
4
8
,
4
9
4
8
,
0
1
4
5
,
1
8
4
4
,
6
4
4
4
,
1
0
4
3
,
5
6
3
6
,
7
3
3
6
,
0
1
3
5
,
2
9
3
4
,
5
7
0
,
2
5
5
4
,
6
9
5
4
,
4
7
5
4
,
2
6
5
4
,
0
4
4
8
,
7
2
4
8
,
4
8
4
8
,
2
4
4
8
,
0
0
4
4
,
3
2
4
4
,
0
5
4
3
,
7
8
4
3
,
5
1
3
5
,
3
8
3
5
,
0
2
3
4
,
6
6
3
4
,
3
0
0
,
5
0
5
3
,
8
3
5
3
,
6
2
5
3
,
4
0
5
3
,
1
9
4
7
,
7
5
4
7
,
5
0
4
7
,
2
6
4
7
,
0
2
4
3
,
2
1
4
2
,
9
4
4
2
,
6
7
4
2
,
4
0
3
3
,
6
9
3
3
,
3
3
3
2
,
9
7
3
2
,
6
1
0
,
7
5
5
2
,
9
8
5
2
,
7
6
5
2
,
5
5
5
2
,
3
3
4
6
,
7
7
4
6
,
5
3
4
6
,
2
8
4
6
,
0
4
4
2
,
0
9
4
1
,
8
2
4
1
,
5
5
4
1
,
2
8
3
2
,
0
2
3
1
,
6
6
3
1
,
3
0
3
0
,
9
4
1
,
0
0
5
2
,
1
3
5
1
,
9
1
5
1
,
6
9
5
1
,
4
8
4
5
,
8
0
4
5
,
5
6
4
5
,
3
1
4
5
,
0
7
4
0
,
9
9
4
0
,
7
2
4
0
,
4
5
4
0
,
1
8
3
0
,
3
7
3
0
,
0
1
2
9
,
6
5
2
9
,
2
9
1
5
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
0
1
5
0
x
5
0
x
2
5
x
1
,
5
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
2
,
0
1
0
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
5
4
0
0
0
S e z i o n e
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
2
,
0
2
7
0
0
3
0
0
0
2
4
0
0
1
0
0
x
5
0
x
1
5
x
1
,
0
C a r i c o v e n t o ( k N / m
2
)


I
p
r
o
f
i
l
i
s
o
n
o
i
n
a
c
c
i
a
i
o
S
3
5
0
G
D
+
Z
c
o
n
f
y
b
=
3
5
0
N
/
m
m
2
e
f
u
=
4
2
0
N
/
m
m
2
c
o
m
e
d
a
E
N
1
0
1
4
7
.
G
l
i
s
p
e
s
s
o
r
i
i
n
d
i
c
a
t
i
s
o
n
o
n
o
m
i
n
a
l
i
n
e
l
l
a
v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e
d
e
i
c
a
r
i
c
h
i
s
i

u
t
i
l
i
z
z
a
t
o

l
o

s
p
e
s
s
o
r
e

n
o
m
i
n
a
l
e

a
l

n
e
t
t
o

d
e
l

r
i
v
e
s
t
i
m
e
n
t
o

d
i

z
i
n
c
o
,

a
v
e
n
t
e

s
p
e
s
s
o
r
e

p
a
r
i

a

0
,
0
4
m
m

c
o
m
e

d
a

E
N
1
9
9
3

1
-
3

.
I
c
a
r
i
c
h
i
s
o
n
o
e
s
p
r
e
s
s
i
i
n
k
N
e
r
a
p
p
r
e
s
e
n
t
a
n
o
i
l
c
a
r
i
c
o
u
l
t
i
m
o
i
n
t
e
s
t
a
a
l
m
o
n
t
a
n
t
e
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
i
l
p
e
s
o
p
r
o
p
r
i
o
d
e
l
l
a
p
a
r
e
t
e
a
g
e
n
t
e
l
u
n
g
o
l
'
e
l
e
m
e
n
t
o
e
l
'
a
z
i
o
n
e
d
e
l
v
e
n
t
o
c
o
m
e
u
n
i
f
o
r
m
e
m
e
n
t
e
d
i
s
t
r
i
b
u
i
t
a
s
u
s
c
h
e
m
a
d
i
t
r
a
v
e
s
e
m
p
l
i
c
e
m
e
n
t
e
a
p
p
o
g
g
i
a
t
a
.
T
a
l
e
c
a
r
i
c
o

v
a
l
u
t
a
t
o
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
l
'
a
s
t
a
a
p
p
a
r
t
e
n
e
n
t
e
a
d
u
n
a
p
a
r
e
t
e
r
i
v
e
s
t
i
t
a
c
o
m
e
d
a
S
e
c
t
i
o
n
D
4
d
e
l
l
a
n
o
r
m
a
A
I
S
I

.
G
l
i
e
f
f
e
t
t
i
d
e
l
l
'
e
c
c
e
n
t
r
i
c
i
t

t
r
a
s
e
z
i
o
n
e
e
f
f
i
c
a
c
e
e
s
e
z
i
o
n
e
l
o
r
d
a
s
o
n
o
t
r
a
s
c
u
r
a
t
i
.
I
c
o
e
f
f
i
c
i
e
n
t
i
d
i
s
i
c
u
r
e
z
z
a
s
o
n
o
p
a
r
i
a

c
=
0
,
8
5
e

b
=
0
,
9
0
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
a
n
o
r
m
a
A
I
S
I

.
I
p
a
n
n
e
l
l
i
d
i
r
i
v
e
s
t
i
m
e
n
t
o
s
o
n
o
a
b
a
s
e
d
i
l
e
g
n
o
c
o
n
Q
0
=
6
4
,
1
k
N
e

=
0
,
0
1
0
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
a
n
o
r
m
a
A
I
S
I

.
L
a
s
p
a
z
i
a
t
u
r
a
d
e
l
l
e

c
o
n
n
e
s
s
i
o
n
i

t
r
a

i
l

p
r
o
f
i
l
o

e

i

p
a
n
n
e
l
l
i


p
a
r
i

a

3
0
0
m
m
.


p
r
E
N

1
9
9
3
-
1
-
3
:
2
0
0
5
:

E

(
J
u
l
y
)


A
I
S
I
:

N
o
r
t
h

A
m
e
r
i
c
a
n

C
o
l
d
-
F
o
r
m
e
d

S
t
e
e
l

S
p
e
c
i
f
i
c
a
t
i
o
n
,

N
o
v
e
m
b
e
r

2
0
0
1
,

F
i
n
a
l

D
r
a
f
t

Abachi progettuali C-15

Abaco per la progettazione dei montanti singoli con lapproccio
Sheating-braced con pannelli in cartongesso

A
l
t
e
z
z
a

m
o
n
t
a
n
t
e

(
m
m
)
P
e
s
o

p
r
o
p
r
i
o

p
a
r
e
t
e

(
k
N
/
m
2
)
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
0
0
2
7
,
4
8
2
7
,
0
4
2
6
,
6
1
2
6
,
1
8
2
5
,
8
5
2
5
,
3
7
2
4
,
8
8
2
4
,
4
0
2
4
,
3
2
2
3
,
7
8
2
3
,
2
4
2
2
,
7
0
1
9
,
5
2
1
8
,
8
0
1
8
,
0
8
1
7
,
3
6
0
,
2
5
2
5
,
5
6
2
5
,
3
4
2
5
,
1
3
2
4
,
9
1
2
3
,
4
4
2
3
,
2
0
2
2
,
9
6
2
2
,
7
1
2
1
,
3
8
2
1
,
1
1
2
0
,
8
4
2
0
,
5
7
1
4
,
7
8
1
4
,
4
2
1
4
,
0
6
1
3
,
7
0
0
,
5
0
2
3
,
5
1
2
3
,
3
0
2
3
,
0
8
2
2
,
8
6
2
0
,
9
5
2
0
,
7
1
2
0
,
4
7
2
0
,
2
2
1
8
,
4
5
1
8
,
1
8
1
7
,
9
1
1
7
,
6
4
1
0
,
8
2
1
0
,
4
6
1
0
,
1
0
9
,
7
4
0
,
7
5
2
1
,
5
4
2
1
,
3
2
2
1
,
1
1
2
0
,
8
9
1
8
,
6
0
1
8
,
3
6
1
8
,
1
1
1
7
,
8
7
1
5
,
7
6
1
5
,
4
9
1
5
,
2
2
1
4
,
9
5
7
,
4
8
7
,
1
2
6
,
7
7
6
,
4
0
1
,
0
0
1
9
,
6
3
1
9
,
4
1
1
9
,
2
0
1
8
,
9
8
1
6
,
3
6
1
6
,
1
2
1
5
,
8
8
1
5
,
6
3
1
3
,
2
5
1
2
,
9
7
1
2
,
7
1
1
2
,
4
3
4
,
5
2
4
,
1
6
3
,
8
1
3
,
4
5
0
,
0
0
4
0
,
2
3
3
9
,
8
0
3
9
,
3
7
3
8
,
9
4
3
7
,
0
8
3
6
,
5
9
3
6
,
1
0
3
5
,
6
2
3
4
,
5
1
3
3
,
9
7
3
3
,
4
3
3
2
,
8
9
2
7
,
9
5
2
7
,
2
3
2
6
,
5
1
2
5
,
7
9
0
,
2
5
3
8
,
7
7
3
8
,
5
6
3
8
,
3
4
3
8
,
1
2
3
5
,
2
9
3
5
,
0
4
3
4
,
8
0
3
4
,
5
6
3
2
,
3
4
3
2
,
0
7
3
1
,
8
0
3
1
,
5
3
2
4
,
2
4
2
3
,
8
8
2
3
,
5
2
2
3
,
1
6
0
,
5
0
3
7
,
1
3
3
6
,
9
1
3
6
,
6
9
3
6
,
4
8
3
3
,
3
1
3
3
,
0
6
3
2
,
8
2
3
2
,
5
7
3
0
,
0
0
2
9
,
7
3
2
9
,
4
6
2
9
,
1
9
2
0
,
7
4
2
0
,
3
8
2
0
,
0
2
1
9
,
6
6
0
,
7
5
3
5
,
5
1
3
5
,
2
9
3
5
,
0
7
3
4
,
8
6
3
1
,
3
8
3
1
,
1
3
3
0
,
8
9
3
0
,
6
4
2
7
,
7
5
2
7
,
4
8
2
7
,
2
0
2
6
,
9
3
1
7
,
6
2
1
7
,
2
7
1
6
,
9
1
1
6
,
5
5
1
,
0
0
3
3
,
9
1
3
3
,
7
0
3
3
,
4
8
3
3
,
2
6
2
9
,
5
0
2
9
,
2
5
2
9
,
0
1
2
8
,
7
6
2
5
,
5
8
2
5
,
3
1
2
5
,
0
4
2
4
,
7
7
1
4
,
7
9
1
4
,
4
3
1
4
,
0
7
1
3
,
7
3
0
,
0
0
5
1
,
0
3
5
0
,
5
9
5
0
,
1
6
4
9
,
7
3
4
5
,
9
4
4
5
,
4
5
4
4
,
9
6
4
4
,
4
8
4
2
,
0
4
4
1
,
5
0
4
0
,
9
6
4
0
,
4
2
3
3
,
1
8
3
2
,
4
6
3
1
,
7
4
3
1
,
0
2
0
,
2
5
4
9
,
7
5
4
9
,
5
3
4
9
,
3
1
4
9
,
1
0
4
4
,
4
2
4
4
,
1
8
4
3
,
9
3
4
3
,
6
9
4
0
,
2
5
3
9
,
9
8
3
9
,
7
1
3
9
,
4
4
3
0
,
2
2
2
9
,
8
6
2
9
,
5
1
2
9
,
1
5
0
,
5
0
4
8
,
2
6
4
8
,
0
5
4
7
,
8
3
4
7
,
6
2
4
2
,
6
4
4
2
,
4
0
4
2
,
1
5
4
1
,
9
1
3
8
,
1
9
3
7
,
9
2
3
7
,
6
5
3
7
,
3
8
2
7
,
2
3
2
6
,
8
6
2
6
,
5
0
2
6
,
1
3
0
,
7
5
4
6
,
7
5
4
6
,
5
3
4
6
,
3
2
4
6
,
1
5
4
0
,
9
2
4
0
,
6
8
4
0
,
4
4
4
0
,
1
9
3
6
,
2
2
3
5
,
9
5
3
5
,
6
8
3
5
,
4
1
2
4
,
4
0
2
4
,
0
4
2
3
,
6
8
2
3
,
3
2
1
,
0
0
4
5
,
2
9
4
5
,
0
7
4
4
,
8
6
4
4
,
6
4
3
9
,
2
4
3
9
,
0
0
3
8
,
7
5
3
8
,
5
1
3
4
,
3
0
3
4
,
0
3
3
3
,
7
6
3
3
,
4
9
2
1
,
7
9
2
1
,
4
3
2
1
,
0
7
2
0
,
7
1
0
,
0
0
2
9
,
4
6
2
9
,
0
3
2
8
,
6
0
2
8
,
1
7
2
8
,
3
7
2
7
,
8
8
2
7
,
3
9
2
6
,
9
1
2
7
,
4
6
2
6
,
9
2
2
6
,
3
8
2
5
,
8
4
2
5
,
1
1
2
4
,
3
9
2
3
,
6
7
2
2
,
9
5
0
,
2
5
2
8
,
3
8
2
8
,
1
6
2
7
,
9
4
2
7
,
7
3
2
6
,
9
9
2
6
,
7
4
2
6
,
5
0
2
6
,
2
6
2
5
,
7
5
2
5
,
4
9
2
5
,
2
2
2
4
,
9
5
2
1
,
9
6
2
1
,
6
0
2
1
,
2
4
2
0
,
8
8
0
,
5
0
2
7
,
0
8
2
6
,
8
7
2
6
,
6
5
2
6
,
4
4
2
5
,
4
0
2
5
,
1
5
2
4
,
9
1
2
4
,
6
7
2
3
,
8
2
2
3
,
5
5
2
3
,
2
8
2
3
,
0
1
1
8
,
6
9
1
8
,
3
3
1
7
,
9
7
1
7
,
6
1
0
,
7
5
2
5
,
8
0
2
5
,
5
9
2
5
,
3
8
2
5
,
1
6
2
3
,
8
2
2
3
,
5
8
2
3
,
3
3
2
3
,
0
9
2
1
,
9
2
2
1
,
6
5
2
1
,
3
7
2
1
,
1
0
1
5
,
6
1
1
5
,
2
5
1
4
,
8
8
1
4
,
5
2
1
,
0
0
2
4
,
5
4
2
4
,
3
3
2
4
,
1
1
2
3
,
8
9
2
2
,
2
6
2
2
,
0
2
2
1
,
7
7
2
1
,
5
3
2
0
,
0
4
1
9
,
7
7
1
9
,
5
0
1
9
,
2
3
1
2
,
6
5
1
2
,
2
9
1
1
,
9
3
1
1
,
5
7
0
,
0
0
4
6
,
6
1
4
6
,
1
8
4
5
,
7
5
4
5
,
3
1
4
3
,
3
9
4
2
,
9
1
4
2
,
4
2
4
1
,
9
3
4
1
,
0
0
4
0
,
4
6
3
9
,
9
2
3
9
,
3
8
3
6
,
0
1
3
5
,
2
9
3
4
,
5
7
3
3
,
8
5
0
,
2
5
4
5
,
7
5
4
5
,
5
3
4
5
,
3
2
4
5
,
1
0
4
2
,
3
4
4
2
,
1
0
4
1
,
8
5
4
1
,
6
1
3
9
,
7
3
3
9
,
4
6
3
9
,
1
9
3
8
,
9
2
3
3
,
7
7
3
3
,
4
1
3
3
,
0
5
3
2
,
6
9
0
,
5
0
4
4
,
6
7
4
4
,
4
6
4
4
,
2
4
4
4
,
0
3
4
1
,
0
6
4
0
,
8
1
4
0
,
5
7
4
0
,
3
3
3
8
,
2
1
3
7
,
9
4
3
7
,
6
7
3
7
,
4
0
3
1
,
2
5
3
0
,
8
9
3
0
,
5
3
3
0
,
1
6
0
,
7
5
4
3
,
6
0
4
3
,
3
9
4
3
,
1
7
4
2
,
9
6
3
9
,
7
8
3
9
,
5
3
3
9
,
2
9
3
9
,
0
5
3
6
,
7
0
3
6
,
4
3
3
6
,
1
6
3
5
,
8
8
2
8
,
7
9
2
8
,
4
3
2
8
,
0
7
2
7
,
7
1
1
,
0
0
4
2
,
5
4
4
2
,
3
2
4
2
,
1
1
4
1
,
8
9
3
8
,
5
1
3
8
,
2
6
3
8
,
0
2
3
7
,
7
8
3
5
,
2
0
3
4
,
9
3
3
4
,
6
6
3
4
,
3
9
2
6
,
4
0
2
6
,
0
4
2
5
,
6
8
2
5
,
3
2
0
,
0
0
6
1
,
4
2
6
0
,
9
9
6
0
,
5
5
6
0
,
1
2
5
6
,
2
7
5
5
,
7
8
5
5
,
3
0
5
4
,
8
1
5
2
,
5
1
5
1
,
9
7
5
1
,
4
3
5
0
,
8
9
4
4
,
9
4
4
4
,
2
2
4
3
,
5
0
4
2
,
7
8
0
,
2
5
6
0
,
6
7
6
0
,
4
6
6
0
,
2
4
6
0
,
0
2
5
5
,
3
8
5
5
,
1
4
5
4
,
8
9
5
4
,
6
5
5
1
,
4
5
5
1
,
1
8
5
0
,
9
1
5
0
,
6
4
4
3
,
1
5
4
2
,
7
9
4
2
,
4
3
4
2
,
0
7
0
,
5
0
5
9
,
7
1
5
9
,
5
0
5
9
,
2
8
5
9
,
0
7
5
4
,
2
5
5
4
,
0
1
5
3
,
7
6
5
3
,
5
2
5
0
,
1
4
4
9
,
8
7
4
9
,
6
0
4
9
,
3
3
4
1
,
0
3
4
0
,
6
7
4
0
,
3
1
3
9
,
9
5
0
,
7
5
5
8
,
7
6
5
8
,
5
4
5
8
,
3
3
5
8
,
1
1
5
3
,
1
3
5
2
,
8
8
5
2
,
6
4
5
2
,
4
0
4
8
,
8
3
4
8
,
5
6
4
8
,
2
9
4
8
,
0
2
3
8
,
9
5
3
8
,
5
9
3
8
,
2
3
3
7
,
8
6
1
,
0
0
5
7
,
8
0
5
7
,
5
9
5
7
,
3
7
5
7
,
1
6
5
2
,
0
1
5
1
,
7
7
5
1
,
5
2
5
1
,
2
8
4
7
,
5
3
4
7
,
2
6
4
6
,
9
9
4
6
,
7
2
3
6
,
9
0
3
6
,
5
4
3
6
,
1
8
3
5
,
8
1
4
0
0
0
S e z i o n e
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
2
,
0
2
7
0
0
3
0
0
0
2
4
0
0
1
0
0
x
5
0
x
1
5
x
1
,
0
C a r i c o v e n t o ( k N / m
2
)
1
5
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
0
1
5
0
x
5
0
x
2
5
x
1
,
5
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
2
,
0
1
0
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
5


I
p
r
o
f
i
l
i
s
o
n
o
i
n
a
c
c
i
a
i
o
S
3
5
0
G
D
+
Z
c
o
n
f
y
b
=
3
5
0
N
/
m
m
2
e
f
u
=
4
2
0
N
/
m
m
2
c
o
m
e
d
a
E
N
1
0
1
4
7
.
G
l
i
s
p
e
s
s
o
r
i
i
n
d
i
c
a
t
i
s
o
n
o
n
o
m
i
n
a
l
i
n
e
l
l
a
v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e
d
e
i
c
a
r
i
c
h
i
s
i

u
t
i
l
i
z
z
a
t
o

l
o

s
p
e
s
s
o
r
e

n
o
m
i
n
a
l
e

a
l

n
e
t
t
o

d
e
l

r
i
v
e
s
t
i
m
e
n
t
o

d
i

z
i
n
c
o
,

a
v
e
n
t
e

s
p
e
s
s
o
r
e

p
a
r
i

a

0
,
0
4
m
m

c
o
m
e

d
a

E
N

1
9
9
3

1
-
3

.
I
c
a
r
i
c
h
i
s
o
n
o
e
s
p
r
e
s
s
i
i
n
k
N
e
r
a
p
p
r
e
s
e
n
t
a
n
o
i
l
c
a
r
i
c
o
u
l
t
i
m
o
i
n
t
e
s
t
a
a
l
m
o
n
t
a
n
t
e
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
i
l
p
e
s
o
p
r
o
p
r
i
o
d
e
l
l
a
p
a
r
e
t
e
a
g
e
n
t
e
l
u
n
g
o
l
'
e
l
e
m
e
n
t
o
e
l
'
a
z
i
o
n
e
d
e
l
v
e
n
t
o
c
o
m
e
u
n
i
f
o
r
m
e
m
e
n
t
e
d
i
s
t
r
i
b
u
i
t
a
s
u
s
c
h
e
m
a
d
i
t
r
a
v
e
s
e
m
p
l
i
c
e
m
e
n
t
e
a
p
p
o
g
g
i
a
t
a
.
T
a
l
e
c
a
r
i
c
o

v
a
l
u
t
a
t
o
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
l
'
a
s
t
a
a
p
p
a
r
t
e
n
e
n
t
e
a
d
u
n
a
p
a
r
e
t
e
r
i
v
e
s
t
i
t
a
c
o
m
e
d
a
S
e
c
t
i
o
n
D
4
d
e
l
l
a
n
o
r
m
a
A
I
S
I

.
G
l
i
e
f
f
e
t
t
i
d
e
l
l
'
e
c
c
e
n
t
r
i
c
i
t

t
r
a
s
e
z
i
o
n
e
e
f
f
i
c
a
c
e
e
s
e
z
i
o
n
e
l
o
r
d
a
s
o
n
o
t
r
a
s
c
u
r
a
t
i
.
I
c
o
e
f
f
i
c
i
e
n
t
i
d
i
s
i
c
u
r
e
z
z
a
s
o
n
o
p
a
r
i
a

c
=
0
,
8
5

e

b
=
0
,
9
0
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
a
n
o
r
m
a
A
I
S
I

.
I
p
a
n
n
e
l
l
i
d
i
r
i
v
e
s
t
i
m
e
n
t
o
s
o
n
o
i
n
c
a
r
t
o
n
g
e
s
s
o
c
o
n
Q
0
=
1
0
7
,
0
k
N
e

=
0
,
0
0
8
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
a
n
o
r
m
a
A
I
S
I

.
L
a
s
p
a
z
i
a
t
u
r
a
d
e
l
l
e
c
o
n
n
e
s
s
i
o
n
i

t
r
a

i
l

p
r
o
f
i
l
o

e

i

p
a
n
n
e
l
l
i


p
a
r
i

a

3
0
0
m
m
.


p
r
E
N

1
9
9
3
-
1
-
3
:
2
0
0
5
:

E

(
J
u
l
y
)


A
I
S
I
:

N
o
r
t
h

A
m
e
r
i
c
a
n

C
o
l
d
-
F
o
r
m
e
d

S
t
e
e
l

S
p
e
c
i
f
i
c
a
t
i
o
n
,

N
o
v
e
m
b
e
r

2
0
0
1
,

F
i
n
a
l

D
r
a
f
t

C-16 Appendice C
Abaco per la progettazione dei montanti accoppiati con
lapproccio Sheating-braced con pannelli in materiale a base di
legno

A
l
t
e
z
z
a

m
o
n
t
a
n
t
e

(
m
m
)
P
e
s
o

p
r
o
p
r
i
o

p
a
r
e
t
e

(
k
N
/
m
2
)
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
0
0
5
6
,
8
3
5
6
,
4
0
5
5
,
9
6
5
5
,
5
3
5
1
,
8
5
5
1
,
3
6
5
0
,
8
7
5
0
,
3
9
4
7
,
6
2
4
7
,
0
8
4
6
,
5
4
4
6
,
0
0
3
8
,
6
3
3
7
,
9
1
3
7
,
1
9
3
6
,
4
7
0
,
2
5
5
5
,
1
5
5
4
,
9
4
5
4
,
7
2
5
4
,
5
1
4
9
,
8
1
4
9
,
5
7
4
9
,
3
2
4
9
,
0
8
4
5
,
2
0
4
4
,
9
3
4
4
,
6
6
4
4
,
3
9
3
4
,
4
5
3
4
,
0
9
3
3
,
7
3
3
3
,
3
7
0
,
5
0
5
3
,
3
0
5
3
,
0
8
5
2
,
8
6
5
2
,
6
5
4
7
,
5
9
4
7
,
3
5
4
7
,
1
1
4
6
,
8
7
4
2
,
6
1
4
2
,
3
4
4
2
,
0
7
4
1
,
8
0
3
0
,
4
9
3
0
,
1
3
2
9
,
7
7
2
9
,
4
1
0
,
7
5
5
1
,
4
7
5
1
,
2
5
5
1
,
0
3
5
0
,
8
2
4
5
,
4
4
4
5
,
2
0
4
4
,
9
5
4
4
,
7
1
4
0
,
1
3
3
9
,
8
6
3
9
,
5
9
3
9
,
3
2
2
6
,
9
3
2
6
,
6
0
2
6
,
2
3
2
5
,
8
6
1
,
0
0
4
9
,
6
7
4
9
,
4
5
4
9
,
2
4
4
9
,
0
2
4
3
,
3
4
4
3
,
0
9
4
2
,
8
5
4
2
,
6
1
3
7
,
7
4
3
7
,
4
7
3
7
,
2
0
3
6
,
9
3
2
3
,
6
6
2
3
,
3
0
2
2
,
9
4
2
2
,
5
8
0
,
0
0
1
0
0
,
0
5
9
9
,
6
2
9
9
,
1
9
9
8
,
7
6
8
6
,
5
8
8
6
,
0
9
8
5
,
6
1
8
5
,
1
2
7
6
,
4
5
7
5
,
9
1
7
5
,
3
7
7
4
,
8
3
5
6
,
7
9
5
6
,
0
7
5
5
,
3
5
5
4
,
6
3
0
,
2
5
9
8
,
4
2
9
8
,
2
0
9
7
,
9
9
9
7
,
7
7
8
4
,
7
3
8
4
,
4
9
8
4
,
2
4
8
4
,
0
0
7
4
,
3
5
7
4
,
0
8
7
3
,
8
1
7
3
,
5
4
5
3
,
5
3
5
3
,
1
6
5
2
,
8
0
5
2
,
4
4
0
,
5
0
9
6
,
5
9
9
6
,
3
7
9
6
,
1
5
9
5
,
9
4
8
2
,
5
6
8
2
,
3
2
8
2
,
0
8
8
1
,
8
3
7
1
,
9
3
7
1
,
6
6
7
1
,
3
9
7
1
,
1
2
5
0
,
1
2
4
9
,
7
6
4
9
,
4
0
4
9
,
0
4
0
,
7
5
9
4
,
6
4
9
4
,
4
2
9
4
,
2
1
9
3
,
9
9
8
0
,
4
9
8
0
,
2
5
8
0
,
0
0
7
9
,
7
6
6
9
,
6
3
6
9
,
3
6
6
9
,
0
9
6
8
,
8
2
4
6
,
9
5
4
6
,
5
9
4
6
,
2
3
4
5
,
8
7
1
,
0
0
9
2
,
8
0
9
2
,
5
9
9
2
,
3
7
9
2
,
1
6
7
8
,
4
5
7
8
,
2
1
7
7
,
9
7
7
7
,
7
2
6
7
,
3
9
6
7
,
1
2
6
6
,
8
5
6
6
,
5
8
4
3
,
9
6
4
3
,
6
1
4
3
,
2
5
4
2
,
8
9
0
,
0
0
1
4
8
,
5
5
1
4
8
,
1
2
1
4
7
,
6
9
1
4
7
,
2
6
1
2
5
,
4
4
1
2
4
,
9
5
1
2
4
,
4
6
1
2
3
,
9
8
1
0
7
,
0
6
1
0
6
,
5
2
1
0
5
,
9
8
1
0
5
,
4
4
7
2
,
5
5
7
1
,
8
3
7
1
,
1
1
7
0
,
3
9
0
,
2
5
1
4
6
,
7
1
1
4
6
,
5
0
1
4
6
,
2
8
1
4
6
,
0
6
1
2
3
,
4
1
1
2
3
,
1
6
1
2
2
,
9
2
1
2
2
,
6
8
1
0
4
,
8
5
1
0
4
,
5
8
1
0
4
,
3
1
1
0
4
,
0
4
6
9
,
6
4
6
9
,
2
8
6
8
,
9
2
6
8
,
5
6
0
,
5
0
1
4
4
,
6
7
1
4
4
,
4
6
1
4
4
,
2
4
1
4
4
,
0
2
1
2
1
,
1
6
1
2
0
,
9
2
1
2
0
,
6
7
1
2
0
,
4
3
1
0
2
,
4
2
1
0
2
,
1
5
1
0
1
,
8
8
1
0
1
,
6
1
6
6
,
5
3
6
6
,
1
7
6
5
,
8
1
6
5
,
4
5
0
,
7
5
1
4
2
,
6
5
1
4
2
,
4
3
1
4
2
,
2
2
1
4
2
,
0
0
1
1
8
,
9
4
1
1
8
,
7
0
1
1
8
,
4
5
1
1
8
,
2
1
1
0
0
,
0
4
9
9
,
7
7
9
9
,
5
0
9
9
,
2
3
6
3
,
5
7
6
3
,
2
1
6
2
,
8
5
6
2
,
4
9
1
,
0
0
1
4
0
,
6
4
1
4
0
,
4
3
1
4
0
,
2
1
1
3
9
,
9
9
1
1
6
,
7
5
1
1
6
,
5
0
1
1
6
,
2
6
1
1
6
,
0
2
9
7
,
7
0
9
7
,
4
3
9
7
,
1
6
9
6
,
8
9
6
0
,
7
3
6
0
,
3
7
6
0
,
0
1
5
9
,
6
5
0
,
0
0
5
3
,
0
8
5
2
,
6
5
5
2
,
2
1
5
1
,
7
8
4
7
,
9
9
4
7
,
5
1
4
7
,
0
2
4
6
,
5
4
4
4
,
1
2
4
3
,
5
8
4
3
,
0
4
4
2
,
5
0
3
5
,
5
8
3
4
,
8
6
3
4
,
1
4
3
3
,
4
2
0
,
2
5
5
2
,
3
1
5
2
,
1
0
5
1
,
8
8
5
1
,
6
6
4
7
,
1
0
4
6
,
8
6
4
6
,
6
1
4
6
,
3
7
4
3
,
0
8
4
2
,
8
1
4
2
,
5
4
4
2
,
2
7
3
3
,
9
6
3
3
,
6
0
3
3
,
2
4
3
2
,
8
8
0
,
5
0
5
1
,
3
3
5
1
,
1
1
5
0
,
9
0
5
0
,
6
9
4
5
,
9
7
4
5
,
7
2
4
5
,
4
8
4
5
,
2
4
4
1
,
7
7
4
1
,
5
0
4
1
,
2
3
4
0
,
9
6
3
2
,
0
1
3
1
,
6
5
3
1
,
2
9
3
0
,
9
3
0
,
7
5
5
0
,
3
6
5
0
,
1
4
4
9
,
9
3
4
9
,
7
1
4
4
,
8
4
4
4
,
5
9
4
4
,
3
5
4
4
,
1
1
4
0
,
4
8
4
0
,
2
1
3
9
,
9
4
3
9
,
6
7
3
0
,
0
9
2
9
,
7
3
2
9
,
3
7
2
9
,
0
1
1
,
0
0
4
9
,
3
9
4
9
,
1
7
4
8
,
9
5
4
8
,
7
4
4
3
,
7
1
4
3
,
4
7
4
3
,
2
3
4
2
,
9
8
3
9
,
1
9
3
8
,
9
2
3
8
,
6
5
3
8
,
3
8
2
8
,
2
0
2
7
,
8
4
2
7
,
4
8
2
7
,
1
2
0
,
0
0
9
7
,
1
0
9
6
,
6
7
9
6
,
2
4
9
5
,
8
0
8
3
,
6
1
8
3
,
1
3
8
2
,
6
4
8
2
,
1
6
7
3
,
7
4
7
3
,
2
0
7
2
,
6
6
7
2
,
1
2
5
4
,
6
0
5
3
,
8
8
5
3
,
1
6
5
2
,
4
4
0
,
2
5
9
6
,
3
6
9
6
,
1
5
9
5
,
9
3
9
5
,
7
1
8
2
,
8
1
8
2
,
5
6
8
2
,
3
2
8
2
,
0
8
7
2
,
8
5
7
2
,
5
8
7
2
,
3
1
7
2
,
0
4
5
3
,
3
7
5
3
,
0
1
5
2
,
6
5
5
2
,
2
9
0
,
5
0
9
5
,
4
1
9
5
,
1
9
9
4
,
9
8
9
4
,
7
6
8
1
,
7
6
8
1
,
5
2
8
1
,
2
7
8
1
,
0
3
7
1
,
7
0
7
1
,
4
3
7
1
,
1
6
7
0
,
8
9
5
1
,
7
8
5
1
,
4
2
5
1
,
0
9
5
0
,
7
3
0
,
7
5
9
4
,
4
6
9
4
,
2
4
9
4
,
0
3
9
3
,
8
1
8
0
,
7
1
8
0
,
4
7
8
0
,
2
3
7
9
,
9
8
7
0
,
5
5
7
0
,
2
8
7
0
,
0
1
6
9
,
7
4
5
0
,
2
5
4
9
,
8
9
4
9
,
5
3
4
9
,
1
7
1
,
0
0
9
3
,
5
1
9
3
,
2
9
9
3
,
0
8
9
2
,
8
6
7
9
,
6
7
7
9
,
4
3
7
9
,
1
8
7
8
,
9
4
6
9
,
4
0
6
9
,
1
3
6
8
,
8
6
6
8
,
5
9
4
8
,
7
1
4
8
,
3
5
4
7
,
9
9
4
7
,
6
2
0
,
0
0
1
4
7
,
0
4
1
4
6
,
6
1
1
4
6
,
1
8
1
4
5
,
7
5
1
2
4
,
8
8
1
2
4
,
3
9
1
2
3
,
9
1
1
2
3
,
4
2
1
0
8
,
5
5
1
0
8
,
0
1
1
0
7
,
4
7
1
0
6
,
9
3
7
6
,
5
8
7
5
,
8
6
7
5
,
1
4
7
4
,
4
2
0
,
2
5
1
4
6
,
2
7
1
4
6
,
0
5
1
4
5
,
8
4
1
4
5
,
6
2
1
2
4
,
0
5
1
2
3
,
8
0
1
2
3
,
5
6
1
2
3
,
3
2
1
0
7
,
6
5
1
0
7
,
3
8
1
0
7
,
1
1
1
0
6
,
8
4
7
5
,
4
3
7
5
,
0
7
7
4
,
7
1
7
4
,
3
5
0
,
5
0
1
4
5
,
2
8
1
4
5
,
0
6
1
4
4
,
8
5
1
4
4
,
6
3
1
2
2
,
9
7
1
2
2
,
7
3
1
2
2
,
4
9
1
2
2
,
2
4
1
0
6
,
4
8
1
0
6
,
2
1
1
0
5
,
9
4
1
0
5
,
6
7
7
3
,
9
2
7
3
,
5
6
7
3
,
2
0
7
2
,
8
4
0
,
7
5
1
4
4
,
2
9
1
4
4
,
0
7
1
4
3
,
8
6
1
4
3
,
6
4
1
2
1
,
9
0
1
2
1
,
6
6
1
2
1
,
4
1
1
2
1
,
1
7
1
0
5
,
3
2
1
0
5
,
0
5
1
0
4
,
7
8
1
0
4
,
5
1
7
2
,
4
2
7
2
,
0
6
7
1
,
7
0
7
1
,
3
4
1
,
0
0
1
4
3
,
3
0
1
4
3
,
0
9
1
4
2
,
8
7
1
4
2
,
6
5
1
2
0
,
8
3
1
2
0
,
5
9
1
2
0
,
3
4
1
2
0
,
1
0
1
0
4
,
1
6
1
0
3
,
8
9
1
0
3
,
6
2
1
0
3
,
3
5
7
0
,
9
3
7
0
,
5
7
7
0
,
2
1
6
9
,
8
5
4
0
0
0
S e z i o n e
2
x
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
2
,
0
2
7
0
0
3
0
0
0
2
4
0
0
2
x
1
0
0
x
5
0
x
1
5
x
1
,
0
C a r i c o v e n t o ( k N / m
2
)
2
x
1
5
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
0
2
x
1
5
0
x
5
0
x
2
5
x
1
,
5
2
x
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
2
,
0
2
x
1
0
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
5
I
p
r
o
f
i
l
i
s
o
n
o
i
n
a
c
c
i
a
i
o
S
3
5
0
G
D
+
Z
c
o
n
f
y
b
=
3
5
0
N
/
m
m
2
e
f
u
=
4
2
0
N
/
m
m
2
c
o
m
e
d
a
E
N
1
0
1
4
7
.
G
l
i
s
p
e
s
s
o
r
i
i
n
d
i
c
a
t
i
s
o
n
o
n
o
m
i
n
a
l
i
n
e
l
l
a
v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e
d
e
i
c
a
r
i
c
h
i
s
i

u
t
i
l
i
z
z
a
t
o

l
o

s
p
e
s
s
o
r
e

n
o
m
i
n
a
l
e

a
l

n
e
t
t
o

d
e
l

r
i
v
e
s
t
i
m
e
n
t
o

d
i

z
i
n
c
o
,

a
v
e
n
t
e

s
p
e
s
s
o
r
e

p
a
r
i

a

0
,
0
4
m
m

c
o
m
e

d
a

E
N

1
9
9
3

1
-
3

.
I
c
a
r
i
c
h
i
s
o
n
o
e
s
p
r
e
s
s
i
i
n
k
N
e
r
a
p
p
r
e
s
e
n
t
a
n
o
i
l
c
a
r
i
c
o
u
l
t
i
m
o
i
n
t
e
s
t
a
a
l
m
o
n
t
a
n
t
e
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
i
l
p
e
s
o
p
r
o
p
r
i
o
d
e
l
l
a
p
a
r
e
t
e
a
g
e
n
t
e
l
u
n
g
o
l
'
e
l
e
m
e
n
t
o
e
l
'
a
z
i
o
n
e
d
e
l
v
e
n
t
o
c
o
m
e
u
n
i
f
o
r
m
e
m
e
n
t
e
d
i
s
t
r
i
b
u
i
t
a
s
u
s
c
h
e
m
a
d
i
t
r
a
v
e
s
e
m
p
l
i
c
e
m
e
n
t
e
a
p
p
o
g
g
i
a
t
a
.
T
a
l
e
c
a
r
i
c
o

v
a
l
u
t
a
t
o
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
l
'
a
s
t
a
a
p
p
a
r
t
e
n
e
n
t
e
a
d
u
n
a
p
a
r
e
t
e
r
i
v
e
s
t
i
t
a
c
o
m
e
d
a
S
e
c
t
i
o
n
D
4
d
e
l
l
a
n
o
r
m
a
A
I
S
I

.
I
c
o
e
f
f
i
c
i
e
n
t
i
d
i
s
i
c
u
r
e
z
z
a
s
o
n
o
p
a
r
i
a

c
=
0
,
8
5
e

b
=
0
,
9
0
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
a
n
o
r
m
a
A
I
S
I

.
I
p
a
n
n
e
l
l
i
d
i
r
i
v
e
s
t
i
m
e
n
t
o
s
o
n
o
a
b
a
s
e
d
i
l
e
g
n
o
c
o
n
Q
0
=
6
4
,
1
e

=
0
,
0
1
0
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
a
n
o
r
m
a
A
I
S
I

.
L
a
s
p
a
z
i
a
t
u
r
a
d
e
l
l
e
c
o
n
n
e
s
s
i
o
n
i
t
r
a
i
l
p
r
o
f
i
l
o
e
i
p
a
n
n
e
l
l
i

p
a
r
i
a
3
0
0
m
m
.
L
a
s
p
a
z
i
a
t
u
r
a
d
e
i
c
o
l
l
e
g
a
m
e
n
t
i
t
r
a
i

p
r
o
f
i
l
i


p
a
r
i

a

6
0
0
m
m
.


p
r
E
N

1
9
9
3
-
1
-
3
:
2
0
0
5
:

E

(
J
u
l
y
)


A
I
S
I
:

N
o
r
t
h

A
m
e
r
i
c
a
n

C
o
l
d
-
F
o
r
m
e
d

S
t
e
e
l

S
p
e
c
i
f
i
c
a
t
i
o
n
,

N
o
v
e
m
b
e
r

2
0
0
1
,

F
i
n
a
l

D
r
a
f
t


Abachi progettuali C-17

Abaco per la progettazione dei montanti accoppiati con
lapproccio Sheating-braced con pannelli in cartongesso

A
l
t
e
z
z
a

m
o
n
t
a
n
t
e

(
m
m
)
P
e
s
o

p
r
o
p
r
i
o

p
a
r
e
t
e

(
k
N
/
m
2
)
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
3
0
0
,
6
0
0
,
9
0
1
,
2
0
0
,
0
0
6
0
,
8
4
6
0
,
4
1
5
9
,
9
8
5
9
,
5
5
5
7
,
2
2
5
6
,
7
4
5
6
,
2
5
5
5
,
7
7
5
4
,
0
8
5
3
,
5
4
5
3
,
0
0
5
2
,
4
6
4
7
,
1
0
4
6
,
3
8
4
5
,
6
6
4
4
,
9
4
0
,
2
5
5
9
,
0
1
5
8
,
7
9
5
8
,
5
7
5
8
,
3
6
5
4
,
8
8
5
4
,
6
3
5
4
,
3
9
5
4
,
1
5
5
1
,
1
1
5
0
,
8
6
5
0
,
5
9
5
0
,
3
2
4
1
,
2
0
4
0
,
8
4
4
0
,
4
9
4
0
,
1
3
0
,
5
0
5
6
,
9
9
5
6
,
7
7
5
6
,
5
5
5
6
,
3
4
5
2
,
3
6
5
2
,
1
2
5
1
,
8
7
5
1
,
6
3
4
8
,
0
8
4
7
,
8
1
4
7
,
5
4
4
7
,
2
7
3
6
,
0
9
3
5
,
7
3
3
5
,
3
7
3
5
,
0
1
0
,
7
5
5
5
,
0
0
5
4
,
7
8
5
4
,
5
7
5
4
,
3
5
4
9
,
9
2
4
9
,
6
7
4
9
,
4
3
4
9
,
1
9
4
5
,
1
7
4
4
,
9
0
4
4
,
6
3
4
4
,
3
6
3
1
,
6
6
3
1
,
3
0
3
0
,
9
4
3
0
,
5
8
1
,
0
0
5
3
,
0
5
5
2
,
8
3
5
2
,
6
1
5
2
,
4
0
4
7
,
5
5
4
7
,
3
1
4
7
,
0
7
4
6
,
8
2
4
2
,
3
9
4
2
,
1
2
4
1
,
8
5
4
1
,
5
8
2
7
,
6
9
2
7
,
3
3
2
6
,
9
7
2
6
,
6
1
0
,
0
0
1
0
4
,
1
0
1
0
3
,
6
7
1
0
3
,
2
3
1
0
2
,
8
0
9
2
,
7
7
9
2
,
2
9
9
1
,
8
0
9
1
,
3
2
8
3
,
7
9
8
3
,
2
5
8
2
,
7
1
8
2
,
1
7
6
6
,
5
4
6
5
,
8
2
6
5
,
1
0
6
4
,
3
8
0
,
2
5
1
0
2
,
3
1
1
0
2
,
1
5
1
0
1
,
9
4
1
0
1
,
7
2
9
0
,
7
3
9
0
,
4
9
9
0
,
2
5
9
0
,
0
0
8
1
,
3
0
8
1
,
0
3
8
0
,
7
6
8
0
,
4
9
6
2
,
1
7
6
1
,
8
1
6
1
,
4
5
6
1
,
0
9
0
,
5
0
1
0
0
,
3
3
1
0
0
,
1
2
9
9
,
9
0
9
9
,
6
8
8
8
,
3
4
8
8
,
0
9
8
7
,
8
5
8
7
,
6
1
7
8
,
6
2
7
8
,
3
5
7
8
,
0
8
7
7
,
8
1
5
7
,
9
2
5
7
,
5
6
5
7
,
2
0
5
6
,
8
4
0
,
7
5
9
8
,
3
8
9
8
,
1
6
9
7
,
9
5
9
7
,
7
3
8
6
,
0
7
8
5
,
8
3
8
5
,
5
8
8
5
,
3
4
7
6
,
0
2
7
5
,
7
5
7
5
,
4
8
7
5
,
2
1
5
4
,
0
2
5
3
,
6
6
5
3
,
3
0
5
3
,
0
0
1
,
0
0
9
6
,
4
5
9
6
,
2
4
9
6
,
0
2
9
5
,
8
1
8
3
,
8
4
8
3
,
6
0
8
3
,
3
6
8
3
,
1
1
7
3
,
4
9
7
3
,
2
2
7
2
,
9
5
7
2
,
6
8
5
0
,
3
8
5
0
,
0
2
4
9
,
6
6
4
9
,
3
0
0
,
0
0
1
4
9
,
7
4
1
4
9
,
3
1
1
4
8
,
8
8
1
4
8
,
4
5
1
2
9
,
6
0
1
2
9
,
1
2
1
2
8
,
6
3
1
2
8
,
1
4
1
1
3
,
1
3
1
1
2
,
5
9
1
1
2
,
0
5
1
1
1
,
5
1
8
2
,
2
7
8
1
,
5
5
8
0
,
8
3
8
0
,
1
1
0
,
2
5
1
4
7
,
8
8
1
4
7
,
6
7
1
4
7
,
4
5
1
4
7
,
2
4
1
2
7
,
4
7
1
2
7
,
2
3
1
2
6
,
9
9
1
2
6
,
7
4
1
1
0
,
7
4
1
1
0
,
4
7
1
1
0
,
1
9
1
0
9
,
9
2
7
8
,
6
3
7
8
,
2
7
7
7
,
9
1
7
7
,
5
5
0
,
5
0
1
4
5
,
8
2
1
4
5
,
6
1
1
4
5
,
3
9
1
4
5
,
1
8
1
2
5
,
1
3
1
2
4
,
8
9
1
2
4
,
6
4
1
2
4
,
4
0
1
0
8
,
1
2
1
0
7
,
8
5
1
0
7
,
5
7
1
0
7
,
3
0
7
4
,
8
8
7
4
,
5
2
7
4
,
1
6
7
3
,
8
0
0
,
7
5
1
4
3
,
7
8
1
4
3
,
5
6
1
4
3
,
3
5
1
4
3
,
1
3
1
2
2
,
8
2
1
2
2
,
5
7
1
2
2
,
3
3
1
2
2
,
0
8
1
0
5
,
5
4
1
0
5
,
2
7
1
0
5
,
0
0
1
0
4
,
7
3
7
1
,
3
5
7
0
,
9
9
7
0
,
6
3
7
0
,
2
7
1
,
0
0
1
4
1
,
7
5
1
4
1
,
5
4
1
4
1
,
3
2
1
4
1
,
1
0
1
2
0
,
5
3
1
2
0
,
2
9
1
2
0
,
0
4
1
1
9
,
8
0
1
0
3
,
0
1
1
0
2
,
7
4
1
0
2
,
4
7
1
0
2
,
2
0
6
8
,
0
1
6
7
,
6
5
6
7
,
2
9
6
6
,
9
3
0
,
0
0
5
6
,
4
0
5
5
,
9
6
5
5
,
5
3
5
5
,
1
0
5
2
,
3
4
5
1
,
8
5
5
1
,
3
7
5
0
,
8
8
4
9
,
0
7
4
8
,
5
3
4
7
,
9
9
4
7
,
4
5
4
2
,
4
9
4
1
,
7
7
4
1
,
0
5
4
0
,
3
3
0
,
2
5
5
5
,
5
6
5
5
,
3
5
5
5
,
1
3
5
4
,
9
1
5
1
,
3
3
5
1
,
0
9
5
0
,
8
4
5
0
,
6
0
4
7
,
8
6
4
7
,
5
9
4
7
,
3
2
4
7
,
0
5
4
0
,
4
3
4
0
,
0
7
3
9
,
7
1
3
9
,
3
4
0
,
5
0
5
4
,
5
1
5
4
,
3
0
5
4
,
0
8
5
3
,
8
7
5
0
,
0
9
4
9
,
8
4
4
9
,
6
0
4
9
,
3
6
4
6
,
4
0
4
6
,
1
3
4
5
,
8
6
4
5
,
5
9
3
8
,
0
5
3
7
,
6
9
3
7
,
3
3
3
6
,
9
7
0
,
7
5
5
3
,
4
7
5
3
,
2
6
5
3
,
0
4
5
2
,
8
2
4
8
,
8
5
4
8
,
6
1
4
8
,
3
6
4
8
,
1
2
4
4
,
9
5
4
4
,
6
8
4
4
,
4
1
4
4
,
1
4
3
5
,
7
2
3
5
,
3
6
3
5
,
0
0
3
4
,
6
3
1
,
0
0
5
2
,
4
3
5
2
,
2
2
5
2
,
0
0
5
1
,
7
8
4
7
,
6
2
4
7
,
3
7
4
7
,
1
3
4
6
,
8
9
4
3
,
5
1
4
3
,
2
4
4
2
,
9
7
4
2
,
7
0
3
3
,
4
3
3
3
,
0
7
3
2
,
7
1
3
2
,
3
5
0
,
0
0
1
0
0
,
2
2
9
9
,
7
9
9
9
,
3
6
9
8
,
9
2
8
8
,
2
4
8
7
,
7
6
8
7
,
2
7
8
6
,
7
9
7
9
,
4
6
7
8
,
9
2
7
8
,
3
8
7
7
,
8
4
6
2
,
6
2
6
1
,
9
0
6
1
,
1
8
6
0
,
4
6
0
,
2
5
9
9
,
4
5
9
9
,
2
3
9
9
,
0
2
9
8
,
8
0
8
7
,
3
7
8
7
,
1
3
8
6
,
8
9
8
6
,
6
4
7
8
,
4
8
7
8
,
2
1
7
7
,
9
4
7
7
,
6
7
6
1
,
1
1
6
0
,
7
5
6
0
,
3
9
6
0
,
0
3
0
,
5
0
9
8
,
4
6
9
8
,
2
5
9
8
,
0
3
9
7
,
8
1
8
6
,
2
6
8
6
,
0
2
8
5
,
7
7
8
5
,
5
3
7
7
,
2
2
7
6
,
9
5
7
6
,
6
8
7
6
,
4
1
5
9
,
2
6
5
8
,
9
0
5
8
,
5
4
5
8
,
1
8
0
,
7
5
9
7
,
4
8
9
7
,
2
6
9
7
,
0
5
9
6
,
8
3
8
5
,
1
5
8
4
,
9
1
8
4
,
6
7
8
4
,
4
2
7
5
,
9
8
7
5
,
7
1
7
5
,
4
4
7
5
,
1
7
5
7
,
4
3
5
7
,
0
7
5
6
,
7
1
5
6
,
3
5
1
,
0
0
9
6
,
5
0
9
6
,
2
8
9
6
,
0
6
9
5
,
8
5
8
4
,
0
5
8
3
,
8
0
8
3
,
5
6
8
3
,
3
2
7
4
,
7
3
7
4
,
4
6
7
4
,
1
9
7
3
,
9
2
5
5
,
6
2
5
5
,
2
6
5
4
,
9
0
5
4
,
5
4
0
,
0
0
1
4
6
,
9
4
1
4
6
,
5
0
1
4
6
,
0
7
1
4
5
,
6
4
1
2
7
,
1
3
1
2
6
,
6
5
1
2
6
,
1
6
1
2
5
,
6
7
1
1
2
,
5
7
1
1
2
,
0
3
1
1
1
,
4
9
1
1
0
,
9
5
8
4
,
3
3
8
3
,
6
1
8
2
,
8
9
8
2
,
1
7
0
,
2
5
1
4
6
,
1
6
1
4
5
,
9
5
1
4
5
,
7
3
1
4
5
,
5
1
1
2
6
,
2
8
1
2
6
,
0
3
1
2
5
,
7
9
1
2
5
,
5
5
1
1
1
,
6
3
1
1
1
,
3
6
1
1
1
,
0
9
1
1
0
,
8
2
8
3
,
0
0
8
2
,
6
4
8
2
,
2
8
8
1
,
9
2
0
,
5
0
1
4
5
,
1
7
1
4
4
,
9
6
1
4
4
,
7
4
1
4
4
,
5
2
1
2
5
,
1
8
1
2
4
,
9
4
1
2
4
,
6
9
1
2
4
,
4
5
1
1
0
,
4
1
1
1
0
,
1
4
1
0
9
,
8
7
1
0
9
,
6
0
8
1
,
3
2
8
0
,
9
6
8
0
,
6
0
8
0
,
2
4
0
,
7
5
1
4
4
,
1
8
1
4
3
,
9
7
1
4
3
,
7
5
1
4
3
,
5
4
1
2
4
,
0
9
1
2
3
,
8
4
1
2
3
,
6
0
1
2
3
,
3
6
1
0
9
,
2
0
1
0
8
,
9
3
1
0
8
,
6
6
1
0
8
,
3
9
7
9
,
6
5
7
9
,
2
9
7
8
,
9
3
7
8
,
5
7
1
,
0
0
1
4
3
,
2
0
1
4
2
,
9
8
1
4
2
,
7
7
1
4
2
,
5
5
1
2
3
,
0
0
1
2
2
,
7
5
1
2
2
,
5
1
1
2
2
,
2
7
1
0
8
,
0
0
1
0
7
,
7
3
1
0
7
,
4
6
1
0
7
,
1
9
7
7
,
9
9
7
7
,
6
3
7
7
,
2
7
7
6
,
9
1
2
x
1
5
0
x
5
0
x
3
0
x
2
,
0
2
x
1
0
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
5
4
0
0
0
S e z i o n e
2
x
1
0
0
x
5
0
x
2
5
x
2
,
0
2
7
0
0
3
0
0
0
2
4
0
0
2
x
1
0
0
x
5
0
x
1
5
x
1
,
0
C a r i c o v e n t o ( k N / m
2
)
2
x
1
5
0
x
5
0
x
2
0
x
1
,
0
2
x
1
5
0
x
5
0
x
2
5
x
1
,
5


I
p
r
o
f
i
l
i
s
o
n
o
i
n
a
c
c
i
a
i
o
S
3
5
0
G
D
+
Z
c
o
n
f
y
b
=
3
5
0
N
/
m
m
2
e
f
u
=
4
2
0
N
/
m
m
2
c
o
m
e
d
a
E
N
1
0
1
4
7
.
G
l
i
s
p
e
s
s
o
r
i
i
n
d
i
c
a
t
i
s
o
n
o
n
o
m
i
n
a
l
i
n
e
l
l
a
v
a
l
u
t
a
z
i
o
n
e
d
e
i
c
a
r
i
c
h
i
s
i

u
t
i
l
i
z
z
a
t
o

l
o

s
p
e
s
s
o
r
e

n
o
m
i
n
a
l
e

a
l

n
e
t
t
o

d
e
l

r
i
v
e
s
t
i
m
e
n
t
o

d
i

z
i
n
c
o
,

a
v
e
n
t
e

s
p
e
s
s
o
r
e

p
a
r
i

a

0
,
0
4
m
m

c
o
m
e

d
a

E
N
1
9
9
3

1
-
3

.
I
c
a
r
i
c
h
i
s
o
n
o
e
s
p
r
e
s
s
i
i
n
k
N
e
r
a
p
p
r
e
s
e
n
t
a
n
o
i
l
c
a
r
i
c
o
u
l
t
i
m
o
i
n
t
e
s
t
a
a
l
m
o
n
t
a
n
t
e
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
i
l
p
e
s
o
p
r
o
p
r
i
o
d
e
l
l
a
p
a
r
e
t
e
a
g
e
n
t
e
l
u
n
g
o
l
'
e
l
e
m
e
n
t
o
e
l
'
a
z
i
o
n
e
d
e
l
v
e
n
t
o
c
o
m
e
u
n
i
f
o
r
m
e
m
e
n
t
e
d
i
s
t
r
i
b
u
i
t
a
s
u
s
c
h
e
m
a
d
i
t
r
a
v
e
s
e
m
p
l
i
c
e
m
e
n
t
e
a
p
p
o
g
g
i
a
t
a
.
T
a
l
e
c
a
r
i
c
o

v
a
l
u
t
a
t
o
c
o
n
s
i
d
e
r
a
n
d
o
l
'
a
s
t
a
a
p
p
a
r
t
e
n
e
n
t
e
a
d
u
n
a
p
a
r
e
t
e
r
i
v
e
s
t
i
t
a
c
o
m
e
d
a
S
e
c
t
i
o
n
D
4
d
e
l
l
a
n
o
r
m
a
A
I
S
I

.
I
c
o
e
f
f
i
c
i
e
n
t
i
d
i
s
i
c
u
r
e
z
z
a
s
o
n
o
p
a
r
i
a

c
=
0
,
8
5
e

b
=
0
,
9
0
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
a
n
o
r
m
a
A
I
S
I

.
I
p
a
n
n
e
l
l
i
d
i
r
i
v
e
s
t
i
m
e
n
t
o
s
o
n
o
i
n
c
a
r
t
o
n
g
e
s
s
o
c
o
n
Q
0
=
1
0
7
,
0
k
N
e

=
0
,
0
0
8
i
n
a
c
c
o
r
d
o
a
l
l
a
n
o
r
m
a
A
I
S
I

.
L
a
s
p
a
z
i
a
t
u
r
a
d
e
l
l
e
c
o
n
n
e
s
s
i
o
n
i
t
r
a
i
l
p
r
o
f
i
l
o
e
i
p
a
n
n
e
l
l
i

p
a
r
i
a
3
0
0
m
m
.
L
a
s
p
a
z
i
a
t
u
r
a
d
e
i
c
o
l
l
e
g
a
m
e
n
t
i

t
r
a

i

p
r
o
f
i
l
i


p
a
r
i

a

6
0
0
m
m
.


p
r
E
N

1
9
9
3
-
1
-
3
:
2
0
0
5
:

E

(
J
u
l
y
)


A
I
S
I
:

N
o
r
t
h

A
m
e
r
i
c
a
n

C
o
l
d
-
F
o
r
m
e
d

S
t
e
e
l

S
p
e
c
i
f
i
c
a
t
i
o
n
,

N
o
v
e
m
b
e
r

2
0
0
1
,

F
i
n
a
l

D
r
a
f
t

C-18 Appendice C
Abaco per la progettazione delle piattabande (1 di 3)

1200 1800 2400 3000 3600 4200 4800 5400 6000
F
u,00
(1)
8,18 6,01 3,92 2,91 2,01 1,51 1,13 0,91 0,72
F
u,25
(2)
8,18 6,01 3,70 2,16 1,18 0,66 0,30 0,07 -
F
u,50
(3)
8,18 6,01 2,87 1,29 0,36 - - - -
F
u,75
(4)
8,18 6,01 2,05 0,43 - - - - -
F
u,100
(5)
8,18 5,33 1,22 - - - - - -
F
d,400
(6)
* * 2,91 1,54 0,89 0,56 0,37 0,26 0,19
F
d,500
(7)
* 5,87 2,38 1,25 0,71 0,45 0,30 0,21 0,15
F
u,00
(1)
16,69 12,47 8,29 6,21 4,39 3,30 2,47 1,98 1,58
F
u,25
(2)
16,69 12,47 8,29 5,69 3,52 2,41 1,60 1,10 0,71
F
u,50
(3)
16,69 12,47 8,15 4,78 2,66 1,52 0,73 0,22 -
F
u,75
(4)
16,69 12,47 7,28 3,87 1,79 0,63 - - -
F
u,100
(5)
16,69 12,47 6,41 2,97 0,92 - - - -
F
d,400
(6)
* 12,05 4,72 2,44 1,38 0,88 0,57 0,41 0,30
F
d,500
(7)
* 9,64 3,78 1,95 1,11 0,70 0,46 0,33 0,24
F
u,00
(1)
25,43 18,59 12,09 8,96 6,15 4,61 3,46 2,77 2,21
F
u,25
(2)
25,43 18,59 12,09 8,32 5,28 3,72 2,59 1,89 1,35
F
u,50
(3)
25,43 18,59 12,09 7,41 4,41 2,84 1,72 1,01 0,48
F
u,75
(4)
25,43 18,59 11,23 6,51 3,54 1,95 0,86 0,13 -
F
u,100
(5)
25,43 18,59 10,36 5,61 2,68 1,07 - - -
F
d,400
(6)
* 15,93 6,24 3,22 1,83 1,16 0,76 0,54 0,39
F
d,500
(7)
* 12,74 4,99 2,58 1,46 0,93 0,61 0,43 0,31
F
u,00
(1)
34,58 24,76 15,79 11,59 7,75 5,81 4,36 3,49 2,79
F
u,25
(2)
34,58 24,76 15,79 10,73 6,90 4,94 3,51 2,62 1,94
F
u,50
(3)
34,58 24,76 15,73 9,85 6,05 4,07 2,66 1,76 1,09
F
u,75
(4)
34,58 24,76 14,88 8,96 5,19 3,20 1,81 0,90 0,24
F
u,100
(5)
34,58 24,76 14,03 8,08 4,34 2,34 0,95 0,04 -
F
d,400
(6)
* 19,69 7,71 3,98 2,26 1,43 0,94 0,67 0,48
F
d,500
(7)
* 15,75 6,17 3,19 1,81 1,14 0,75 0,53 0,39
F
u,00
(1)
43,81 30,79 19,31 13,82 9,21 6,91 5,18 4,15 3,32
F
u,25
(2)
43,81 30,79 19,31 12,94 8,37 6,05 4,34 3,29 2,47
F
u,50
(3)
43,81 30,79 19,04 12,06 7,52 5,19 3,49 2,44 1,63
F
u,75
(4)
43,81 30,79 18,20 11,18 6,68 4,33 2,65 1,58 0,79
F
u,100
(5)
43,81 30,79 17,35 10,30 5,84 3,46 1,81 0,73 -
F
d,400
(6)
* 23,33 9,14 4,72 2,68 1,70 1,11 0,79 0,57
F
d,500
(7)
* 18,67 7,31 3,78 2,14 1,36 0,89 0,63 0,46
F
u,00
(1)
8,99 6,92 4,75 3,61 2,66 2,01 1,51 1,21 0,97
F
u,25
(2)
8,99 6,92 4,75 2,83 1,54 0,84 0,36 0,05 -
F
u,50
(3)
8,99 6,92 3,74 1,64 0,39 - - - -
F
u,75
(4)
8,99 6,92 2,60 0,45 - - - - -
F
u,100
(5)
8,99 6,92 1,46 - - - - - -
F
d,400
(6)
* * 4,96 2,72 1,61 1,04 0,69 0,50 0,36
F
d,500
(7)
* * 4,22 2,30 1,33 0,85 0,57 0,41 0,30
F
u,00
(1)
18,26 14,32 10,00 7,69 5,70 4,42 3,32 2,65 2,12
F
u,25
(2)
18,26 14,32 10,00 7,60 4,70 3,20 2,12 1,44 0,93
F
u,50
(3)
18,26 14,32 10,00 6,35 3,50 1,98 0,92 0,23 -
F
u,75
(4)
18,26 14,32 9,68 5,11 2,31 0,76 - - -
F
u,100
(5)
18,26 14,32 8,48 3,86 1,11 - - - -
F
d,400
(6)
* * 9,21 4,82 2,73 1,73 1,14 0,81 0,58
F
d,500
(7)
* * 7,45 3,86 2,19 1,39 0,91 0,65 0,47
F
u,00
(1)
29,15 22,85 15,96 12,26 9,10 7,05 5,29 4,23 3,39
F
u,25
(2)
29,15 22,85 15,96 12,26 8,25 5,87 4,14 3,06 2,23
F
u,50
(3)
29,15 22,85 15,96 11,70 7,10 4,70 2,98 1,89 1,08
F
u,75
(4)
29,15 22,85 15,96 10,50 5,94 3,52 1,83 0,73 -
F
u,100
(5)
29,15 22,85 15,96 9,30 4,79 2,34 0,67 - -
F
d,400
(6)
* * 12,76 6,59 3,74 2,37 1,55 1,10 0,80
F
d,500
(7)
* * 10,21 5,27 2,99 1,89 1,24 0,88 0,64
F
u,00
(1)
40,10 30,84 21,09 16,03 11,78 8,90 6,67 5,34 4,27
F
u,25
(2)
40,10 30,84 21,09 16,03 10,73 7,74 5,54 4,19 3,14
F
u,50
(3)
40,10 30,84 21,09 15,44 9,60 6,59 4,41 3,04 2,00
F
u,75
(4)
40,10 30,84 21,09 14,26 8,47 5,43 3,27 1,90 0,87
F
u,100
(5)
40,10 30,84 21,09 13,08 7,33 4,27 2,14 0,75 -
F
d,400
(6)
* * 15,82 8,17 4,63 2,93 1,93 1,37 0,99
F
d,500
(7)
* * 12,66 6,54 3,71 2,35 1,54 1,10 0,79
Lunghezza campata (mm)
2x200x50x25x2,5
2x200x50x25x2,0
2x150x50x20x2,5
2x150x50x20x2,0
2x150x50x20x1,5
2x200x50x20x1,5
2x200x50x15x1,0
2x150x50x20x3,0
Sezione
2x150x50x15x1,0

Abachi progettuali C-19

Abaco per la progettazione delle piattabande (2 di 3)

1200 1800 2400 3000 3600 4200 4800 5400 6000
F
u,00
(1)
51,37 38,83 26,09 19,64 14,14 10,60 7,95 6,36 5,09
F
u,25
(2)
51,37 38,83 26,09 19,64 13,00 9,44 6,82 5,21 3,96
F
u,50
(3)
51,37 38,83 26,09 18,84 11,87 8,29 5,68 4,07 2,82
F
u,75
(4)
51,37 38,83 26,09 17,66 10,74 7,13 4,55 2,92 1,69
F
u,100
(5)
51,37 38,83 26,09 16,48 9,60 5,97 3,42 1,77 0,56
F
d,400
(6)
* * 18,80 9,71 5,50 3,49 2,29 1,63 1,18
F
d,500
(7)
* 38,39 15,04 7,77 4,40 2,79 1,83 1,30 0,94
F
u,00
(1)
19,50 15,90 11,62 9,16 6,95 5,59 4,32 3,45 2,76
F
u,25
(2)
19,50 15,90 11,62 9,16 6,27 4,33 2,92 2,04 1,36
F
u,50
(3)
19,50 15,90 11,62 8,60 4,88 2,90 1,52 0,62 -
F
u,75
(4)
19,50 15,90 11,62 7,14 3,48 1,47 0,12 - -
F
u,100
(5)
19,50 15,90 11,62 5,68 2,08 0,05 - - -
F
d,400
(6)
* * * 8,08 4,64 2,97 1,97 1,41 1,03
F
d,500
(7)
* * * 6,57 3,77 2,42 1,60 1,14 0,83
F
u,00
(1)
30,92 25,11 18,25 14,34 10,85 8,72 6,68 5,35 4,28
F
u,25
(2)
30,92 25,11 18,25 14,34 10,40 7,40 5,20 3,84 2,79
F
u,50
(3)
30,92 25,11 18,25 14,34 8,91 5,88 3,72 2,34 1,31
F
u,75
(4)
30,92 25,11 18,25 13,18 7,43 4,37 2,23 0,84 -
F
u,100
(5)
30,92 25,11 18,25 11,64 5,95 2,85 0,75 - -
F
d,400
(6)
* * * 11,30 6,41 4,06 2,67 1,90 1,37
F
d,500
(7)
* * 17,47 9,05 5,13 3,25 2,13 1,52 1,10
F
u,00
(1)
43,90 35,57 25,79 20,23 15,28 12,28 9,38 7,50 6,00
F
u,25
(2)
43,90 35,57 25,79 20,23 15,26 11,06 7,96 6,07 4,59
F
u,50
(3)
43,90 35,57 25,79 20,23 13,84 9,62 6,55 4,64 3,17
F
u,75
(4)
43,90 35,57 25,79 20,23 12,43 8,17 5,14 3,21 1,76
F
u,100
(5)
43,90 35,57 25,79 19,12 11,02 6,73 3,72 1,78 0,35
F
d,400
(6)
* * * 14,44 8,19 5,19 3,40 2,42 1,75
F
d,500
(7)
* * 22,37 11,55 6,55 4,15 2,72 1,94 1,40
F
u,00
(1)
56,72 45,29 32,27 25,07 18,78 14,97 11,23 8,98 7,19
F
u,25
(2)
56,72 45,29 32,27 25,07 18,54 13,52 9,81 7,54 5,76
F
u,50
(3)
56,72 45,29 32,27 25,07 17,12 12,07 8,38 6,10 4,34
F
u,75
(4)
56,72 45,29 32,27 25,07 15,69 10,61 6,96 4,66 2,92
F
u,100
(5)
56,72 45,29 32,27 24,02 14,27 9,16 5,54 3,22 1,49
F
d,400
(6)
* * * 17,19 9,75 6,18 4,05 2,88 2,09
F
d,500
(7)
* * 26,63 13,75 7,80 4,94 3,24 2,31 1,67
F
u,00
(1)
20,29 16,98 12,81 10,28 7,94 6,46 5,18 4,17 3,34
F
u,25
(2)
20,29 16,98 12,81 10,28 7,56 5,21 3,51 2,44 1,63
F
u,50
(3)
20,29 16,98 12,81 10,28 5,85 3,47 1,80 0,71 -
F
u,75
(4)
20,29 16,98 12,81 8,57 4,15 1,72 0,09 - -
F
u,100
(5)
20,29 16,98 12,81 6,79 2,44 - - - -
F
d,400
(6)
* * * * 6,88 4,41 2,93 2,10 1,53
F
d,500
(7)
* * * 9,74 5,60 3,59 2,38 1,71 1,25
F
u,00
(1)
32,45 27,19 20,54 16,50 12,74 10,38 8,32 6,71 5,37
F
u,25
(2)
32,45 27,19 20,54 16,50 12,74 9,49 6,73 5,03 3,71
F
u,50
(3)
32,45 27,19 20,54 16,50 11,59 7,79 5,06 3,34 2,04
F
u,75
(4)
32,45 27,19 20,54 16,50 9,92 6,09 3,40 1,66 0,38
F
u,100
(5)
32,45 27,19 20,54 15,44 8,26 4,39 1,73 - -
F
d,400
(6)
* * * * 9,98 6,40 4,24 3,04 2,21
F
d,500
(7)
* * * 14,13 8,12 5,20 3,43 2,44 1,77
F
u,00
(1)
45,85 38,21 28,66 22,93 17,64 14,33 11,47 9,17 7,34
F
u,25
(2)
45,85 38,21 28,66 22,93 17,64 13,50 9,72 7,40 5,59
F
u,50
(3)
45,85 38,21 28,66 22,93 16,89 11,72 7,97 5,63 3,84
F
u,75
(4)
45,85 38,21 28,66 22,93 15,14 9,94 6,22 3,86 2,10
F
u,100
(5)
45,85 38,21 28,66 22,93 13,39 8,15 4,48 2,10 0,35
F
d,400
(6)
* * * 22,49 12,82 8,12 5,33 3,79 2,74
F
d,500
(7)
* * * 18,09 10,25 6,50 4,26 3,03 2,19
F
u,00
(1)
60,23 49,92 37,19 29,64 22,72 18,41 14,59 11,67 9,34
F
u,25
(2)
60,23 49,92 37,19 29,64 22,72 17,56 12,74 9,80 7,48
F
u,50
(3)
60,23 49,92 37,19 29,64 22,23 15,67 10,88 7,92 5,63
F
u,75
(4)
60,23 49,92 37,19 29,64 20,38 13,78 9,03 6,05 3,78
F
u,100
(5)
60,23 49,92 37,19 29,64 18,53 11,89 7,18 4,17 1,93
F
d,400
(6)
* * * * 15,28 9,68 6,35 4,52 3,27
F
d,500
(7)
* * * 21,55 12,22 7,74 5,08 3,61 2,61
Lunghezza campata (mm)
Sezione
2x200x50x25x3,0
2x300x50x30x2,5
2x300x50x30x2,0
2x300x50x25x1,5
2x250x50x30x3,0
2x300x50x30x3,0
2x250x50x25x1,5
2x250x50x30x2,5
2x250x50x25x2,0

C-20 Appendice C
Abaco per la progettazione delle piattabande (3 di 3)

1200 1800 2400 3000 3600 4200 4800 5400 6000
F
u,00
(1)
33,42 28,59 22,17 18,11 14,20 11,68 9,45 7,90 6,32
F
u,25
(2)
33,42 28,59 22,17 18,11 14,20 11,16 7,90 5,90 4,35
F
u,50
(3)
33,42 28,59 22,17 18,11 13,61 9,14 5,93 3,90 2,37
F
u,75
(4)
33,42 28,59 22,17 18,11 11,63 7,12 3,95 1,90 0,39
F
u,100
(5)
33,42 28,59 22,17 18,11 9,66 5,10 1,97 - -
F
d,400
(6)
* * * * 13,97 8,96 5,95 4,27 3,12
F
d,500
(7)
* * * * 11,38 7,30 4,85 3,48 2,54
F
u,00
(1)
47,33 40,31 31,09 25,30 19,78 16,23 13,10 10,87 8,70
F
u,25
(2)
47,33 40,31 31,09 25,30 19,78 15,98 11,50 8,75 6,60
F
u,50
(3)
47,33 40,31 31,09 25,30 19,78 13,84 9,40 6,63 4,51
F
u,75
(4)
47,33 40,31 31,09 25,30 17,88 11,70 7,31 4,51 2,41
F
u,100
(5)
47,33 40,31 31,09 25,30 15,78 9,57 5,21 2,39 0,32
F
d,400
(6)
* * * * 18,19 11,68 7,74 5,55 4,02
F
d,500
(7)
* * * * 14,82 9,50 6,25 4,45 3,22
F
u,00
(1)
62,24 52,75 40,42 32,76 25,51 20,89 16,83 13,84 11,07
F
u,25
(2)
62,24 52,75 40,42 32,76 25,51 20,82 15,10 11,61 8,87
F
u,50
(3)
62,24 52,75 40,42 32,76 25,51 18,57 12,90 9,39 6,67
F
u,75
(4)
62,24 52,75 40,42 32,76 24,15 16,33 10,70 7,16 4,47
F
u,100
(5)
62,24 52,75 40,42 32,76 21,96 14,09 8,50 4,93 2,28
F
d,400
(6)
* * * * 22,41 14,21 9,32 6,63 4,80
F
d,500
(7)
* * * 31,64 17,94 11,36 7,46 5,30 3,84
Lunghezza campata (mm)
Sezione
2x350x50x30x3,0
2x350x50x30x2,5
2x350x50x30x2,0
Tutti i carichi sono espressi in kN e rappresentano l'azione esercitata dal singolo travetto del solaio
sull'elemento. I Carichi in condizioni ultime sono considerati agenti su schema di trave
semplicemente appoggiata. L'azione del vento considerata agente ortogonalmente alla parete e
lungo una fascia di altezza pari a 1500mm. Nella valutazione di tale carico si tiene conto della
instabilit locale in accordo alla EN 1993 1-3 e 1-5; della resistenza a taglio in accordo alla EN
1993 1-3 e degli effetti dei carichi concentrati in accordo alla EN 1993 1-3 con gM0=1,05 e
gM1=1,05 come da D.M. 14 gennaio 2008.
(1) Carico in condizioni ultime in assenza dell'azione del vento
(2) Carico in condizioni ultime in presenza dell'azione del vento di inensit pari a 0,25 kN/m
2
.
(3) Carico in condizioni ultime in presenza dell'azione del vento di inensit pari a 0,50 kN/m
2
.
(4) Carico in condizioni ultime in presenza dell'azione del vento di inensit pari a 0,75 kN/m
2
.
(5) Carico in condizioni ultime in presenza dell'azione del vento di inensit pari a 1,00 kN/m
2
.
(6) Carico agente su schema di trave semplicemente appoggiata corrispondente ad un
spostamento pari a l/400.
(7) Carico agente su schema di trave semplicemente appoggiata corrispondente ad un spostamento
pari a l/500.
I profili sono in acciaio S350GD+Z con f
yb
=350 N/mm
2
e f
u
=420 N/mm
2
come da EN 10147.
Gli spessori indicati sono nominali nella valutazione dei carichi si utilizzato lo spessore nominale
al netto del rivestimento di zinco, avente spessore pari a 0,04mm come da EN 1993 1-3.
* Il carico corrispondente a tale abbassamento risulta maggiore del carico ultimo, di consenguenza
la verifica a deformabilit risulta essere soddisfatta.
prEN 1993-1-3:2005: E (July)
prEN 1993-1-5:2005: E (September)
EN 1993-1-1:2005: E (May)








Abachi progettuali C-21

Abaco per la progettazione dei montanti di sostegno delle
piattabande

1200 1800 2400 3000 3600 4200 4800 5400 6000
0,00 1J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 3J-1K 3J-1K
0,25 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K
0,50 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K
0,75 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-3K 2J-3K 2J-3K
1,00 1J-2K 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-3K 2J-3K 2J-3K
0,00 1J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 3J-1K
0,25 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K
0,50 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K
0,75 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K
1,00 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K
0,00 1J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 3J-1K 3J-1K
0,25 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K
0,50 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K
0,75 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K
1,00 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K
0,00 1J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 3J-1K 3J-1K 3J-1K
0,25 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K
0,50 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K
0,75 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K
1,00 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K
0,00 1J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 3J-1K 3J-1K 3J-1K
0,25 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,50 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,75 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
1,00 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K
0,00 1J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 3J-1K 3J-1K 3J-1K 3J-1K
0,25 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,50 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,75 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K
1,00 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-3K 3J-3K
0,00 1J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 3J-1K 3J-1K 3J-1K
0,25 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,50 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,75 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
1,00 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K
0,00 1J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 3J-1K 3J-1K 3J-1K
0,25 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,50 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,75 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
1,00 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K
0,00 1J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 3J-1K 3J-1K 3J-1K
0,25 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,50 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,75 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
1,00 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,00 1J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 2J-1K 3J-1K 3J-1K 3J-1K
0,25 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,50 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
0,75 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
1,00 1J-2K 1J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 2J-2K 3J-2K 3J-2K 3J-2K
Larghezza apertura (mm)
100x50x15x1,0
C
a
r
i
c
o

v
e
n
t
o

(
k
N
/
m
2
)
150x50x20x1,0
150x50x25x1,5
150x50x30x2,0
150x50x30x2,5
100x50x20x1,5
100x50x25x2,0
100x50x25x2,5
100x50x25x3,0
S
e
z
i
o
n
e
150x50x30x3,0

I profili sono in acciaio S350GD+Z con f
yb
=350
Gli spessori indicati sono nominali nella valuta
al netto del rivestimento di zinco, avente spess
(J) Numero di Jack necessari valutato cons
piattabanda ed il peso proprio dell'apertura
(K) Numero di King necessar valutato consid
del solaio soprastante e l'azione del vento agen
prEN 1993-1-3:2005: E (July)
N/mm2 e f
u
=420 N/mm
2
come da EN 10147.
zione dei carichi si utilizzato lo spessore nominale
ore pari a 0,04mm come da EN 1993 1-3.
iderando agenti sull'elemento lo scarico della
erando angenti sull'elemento lo scarico del travetto
te sull'apertura.





C-22 Appendice C
Abaco per la progettazione delle fondazioni

Sezione trave BxH (mm) 0,10 0,20 0,30 0,40 0,50
50x50 41,88 91,88 141,88 191,88 241,88
75x50 62,81 137,81 212,81 287,81 362,81
100x50 83,75 183,75 283,75 383,75 483,75
Carico Limite (N/mm
2
)
Le travi di fondazione sono realizzate in calcestruzzo armato,
utilizzando calcestruzzo di classe C25/30 f
ck
=25 N/mm
2
e acciaio
B450C con f
yk
=450 N/mm
2
e f
yt
=540 N/mm
2
, in classe di esposizione
XC2.

I carichi sono espressi in kN/m
2
e rappresenta il carico ultimo
trasferito dalla parete alla trave di fondazione. Tali carichi sono stati
valutati considerando le verfiche nei confronti del carico limite in
accordo al D.M. 14 gennaio 2008.
La trave di fondazione stata verificata nei confronti del momento
flettente e del taglio allo stato limite ultimo, delle tensioni d'esercizio e
della fessurazione per uno stato limite di apertura delle fessure pari a
0,3mm in accordo al D.M. 14 gennaio 2008.


Risultati dellanalisi parametrica D-1
















Appendice D

RISULTATI DELLANALISI PARAMETRICA




















D-2 Appendice D

Influenza dellaltezza per pareti G+G con criterio 0,5 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
2400 2700 3000
H [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

1
1,25
1,5
1,75
2
2400 2700 3000
H [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

Risultati dellanalisi parametrica D-3

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
2400 2700 3000
H [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y

Influenza dellaltezza per pareti G+O con criterio 0,5 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
2400 2700 3000
H [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

D-4 Appendice D

1
1,25
1,5
1,75
2
2400 2700 3000
H [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
2400 2700 3000
H [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y





Risultati dellanalisi parametrica D-5

Influenza dellaltezza per pareti G+G con criterio 0,7 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
2400 2700 3000
H [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

1
1,25
1,5
1,75
2
2400 2700 3000
H [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k


D-6 Appendice D


1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
2400 2700 3000
H [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y

Influenza dellaltezza per pareti G+O con criterio 0,7 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
2400 2700 3000
H [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

Risultati dellanalisi parametrica D-7

1
1,25
1,5
1,75
2
2400 2700 3000
H [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
2400 2700 3000
H [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y





D-8 Appendice D

Influenza della larghezza per pareti G+G con criterio 0,5 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
L [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

1
1,25
1,5
1,75
2
1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
L [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

Risultati dellanalisi parametrica D-9

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
L [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y

Influenza della larghezza per pareti G+O con criterio 0,5 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
L [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

D-10 Appendice D

1
1,25
1,5
1,75
2
1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
L [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k
1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
L [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y



Risultati dellanalisi parametrica D-11

Influenza della larghezza per pareti G+G con criterio 0,7 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
L [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

1
1,25
1,5
1,75
2
1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
L [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

D-12 Appendice D

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
L [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y

Influenza della larghezza per pareti G+O con criterio 0,7 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
L [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

Risultati dellanalisi parametrica D-13

1
1,25
1,5
1,75
2
1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
L [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
1200 2400 3600 4800 6000 7200 8400 9600
L [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y





D-14 Appendice D

Influenza del fattore di forma per pareti G+G con criterio 0,5 p 1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50
r (H/L)
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50
r (H/L)
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

Risultati dellanalisi parametrica D-15

1
1,25
1,5
1,75
2
0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50
r (H/L)
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

Influenza del fattore di forma per pareti G+O con criterio 0,5 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50
r (H/L)
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

D-16 Appendice D

1
1,25
1,5
1,75
2
0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50
r (H/L)
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50
r (H/L)
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y





Risultati dellanalisi parametrica D-17


Influenza del fattore di forma per pareti G+G con criterio 0,7 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50
r (H/L)
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

1
1,25
1,5
1,75
2
0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50
r (H/L)
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

D-18 Appendice D

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50
r (H/L)
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y

Influenza del fattore di forma per pareti G+O con criterio 0,7 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50
r (H/L)
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

Risultati dellanalisi parametrica D-19

1
1,25
1,5
1,75
2
0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50
r (H/L)
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
0,25 0,50 0,75 1,00 1,25 1,50 1,75 2,00 2,25 2,50
r (H/L)
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y





D-20 Appendice D

Influenza della spaziatura per pareti G+G con criterio 0,5 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

1
1,25
1,5
1,75
2
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

Risultati dellanalisi parametrica D-21

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y

Influenza della spaziatura per pareti G+O con criterio 0,5 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

D-22 Appendice D

1
1,25
1,5
1,75
2
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k
1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y



Risultati dellanalisi parametrica D-23

Influenza della spaziatura per pareti G+G con criterio 0,7 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

1
1,25
1,5
1,75
2
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

D-24 Appendice D

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y

Influenza della spaziatura per pareti G+O con criterio 0,7 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

Risultati dellanalisi parametrica D-25

1
1,25
1,5
1,75
2
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
50 75 100 125 150
s [mm]
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y





D-26 Appendice D

Influenza del peso sismico per pareti G+G con criterio 0,5 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
M
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

1
1,25
1,5
1,75
2
M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
M
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

Risultati dellanalisi parametrica D-27

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
M
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y

Influenza del peso sismico per pareti G+O con criterio 0,5 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
M
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

D-28 Appendice D

1
1,25
1,5
1,75
2
M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
M
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k
1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
M
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y





Risultati dellanalisi parametrica D-29


Influenza del peso sismico per pareti G+G con criterio 0,7 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
M
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

1
1,25
1,5
1,75
2
M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
M
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

D-30 Appendice D

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
M
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y

Influenza del peso sismico per pareti G+O con criterio 0,7 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
M
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

Risultati dellanalisi parametrica D-31

1
1,25
1,5
1,75
2
M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
M
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
M1 M2 M3 M4 M5 M6 M7
M
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y

D-32 Appendice D

Influenza della categoria di suolo per pareti G+G con criterio 0,5 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
A B C
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

1
1,25
1,5
1,75
2
A B C
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

Risultati dellanalisi parametrica D-33

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
A B C
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y

Influenza della categoria di suolo per pareti G+O con criterio 0,5 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
A B C
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

D-34 Appendice D

1
1,25
1,5
1,75
2
A B C
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
A B C
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y


Risultati dellanalisi parametrica D-35

Influenza della categoria di suolo per pareti G+G con criterio 0,7 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
A B C
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

1
1,25
1,5
1,75
2
A B C
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

D-36 Appendice D

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
A B C
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y

Influenza della categoria di suolo per pareti G+G con criterio 0,7 p 1
1
1,5
2
2,5
3
3,5
4
A B C
S
a
,
p
e
a
k
/
S
a
,
y

Risultati dellanalisi parametrica D-37

1
1,25
1,5
1,75
2
A B C
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
p
e
a
k

1,5
2
2,5
3
3,5
4
4,5
5
5,5
6
A B C
S
a
,
u
l
t
/
S
a
,
y




RINGRAZIAMENTI

A conclusione di questo lavoro di tesi, che rappresenta lultima tappa di un
lungo e importante percorso di studi, credo sia doveroso porre i miei pi
sentiti ringraziamenti alle persone che in questo periodo mi hanno
sostenuto e hanno contribuito alla mia crescita dal punto di vista
intellettuale ma soprattutto dal punto di vista umano.
Desidero ringraziare il Prof. Mazzolani, le sue lezioni hanno contribuito a
sviluppare ed accrescere in me la passione per lingegneria delle strutture,
e il Prof. Landolfo, le cui lezioni sulle strutture in acciaio formato a freddo
sono state fondamentali per la stesura di questo lavoro.
Un ringraziamento particolare va allIng. Fiorino per la disponibilit con
cui mi ha costantemente seguito durante la stesura di questo lavoro,
offrendomi sempre nuovi spunti di riflessione, e allArch. Iuorio per la sua
gentilezza e la disponibilit.
Un ringraziamento va alla Tecfi S.p.A. che ha messo a disposizione il
laboratorio e le viti necessarie per la sperimentazione, e allIng. Saggese
Tozzi che mi ha seguito durante lesecuzione delle prove.
Un ringraziamento speciale va alla mia famiglia, ai miei genitori che hanno
sempre creduto in me, sostenendomi e spronandomi soprattutto nei momenti
pi difficili, questo traguardo anche vostro; e ai miei fratelli, Fabio con i
suoi preziosi consigli sulla progettazione in Visual Basic e Carlo per laiuto
di questi ultimi giorni.
Un abbraccio va ai miei due compagni di viaggio, Antonio e Gennaro,
abbiamo condiviso le gioie e le sofferenze di questo lungo percorso,
resteranno per sempre tra i miei ricordi pi belli le intere giornate passate
insieme a studiare. Sono contento di aver trovato sulla mia strada due
grandi amici come voi.
Infine, ma non in ordine di importanza, ringrazio Anna Rachele che
sempre stata al mio fianco senza mai smettere di sostenermi e spronarmi
con amore e pazienza.