Sei sulla pagina 1di 3

Ladolescenza

Solo a partire dal 900 si prestato attenzione a questa fase della vita,che oggi presso diverse culture sembra non presentare le stesse problematiche. Ha inizio con la pubert,che determina una trasformazione corporea e riattiva le pulsioni sessuali,si distingue per lo sviluppo di interessi personali,vede la riorganizzazione del concetto del s e la costruzione dellidentit. Si potrebbe definire ladolescenza quel periodo dello sviluppo in cui il soggetto costruisce la propria identit,ma molto pi difficile cogliere il momento che fissa il suo termine. Potremmo parlare del raggiungimento di un immagine del s,di un identit che diviene sempre pi s stessa,non finendo mai di trasformarsi senza interrompersi nelle et successive. Per questo motivo si pu parlare di adolescenza interminabile,poich spesso capita che non si trova la propria identit e quindi si vuole rimanere nelladolescenza. Ladolescenza caratterizzata da processi molto conflittuali che determinano stati di sofferenza;secondo Freud la regressione allinfanzia viene utilizzata come meccanismo di difesa dove gli adolescenti si rifugiano in luoghi nei quali giocavano da bambini rimanendo per ore soli con se stessi,questo rappresenta un modo per ritirarsi dal mondo nella convinzione che sia pi semplice

tornare indietro che proseguire avanti. Donald Meltzer afferma che ladolescente si trova in uno stato di confusione e disorientamento rispetto alla mondo come lo aveva conosciuto durante linfanzia,egli si trova a muoversi nellandare indietro fino a diventare bambino,landare avanti per essere adulto. Secondo George Mead il s non presente nellindividuo alla nascita,ma il prodotto di tutte le attivit sociali ci importante durante ladolescenza poich il rapporto con la realt esterna diventa un mezzo per la costruzione di un identit. Secondo Mead il self una conversazione tra I e Me. Nelladolescenza I il serbatoio del senso di libert,Me raccoglie gli atteggiamenti della comunit colti durante le interazioni sociali. LI pu scavalcare il Me creando atteggiamenti di ribellione. La pubert e il risveglio degli impulsi sessuali generano nelladolescente il desiderio di compiere nuove esperienze di socializzazione. Il legame di dipendenza che si era creato durante linfanzia con la famiglia sinterrompe. Ladolescente sente il richiamo di un mondo nuovo che si trova al di l della famiglia e lo induce a fare delle scelte personali e di cercare loggetto damore al di fuori del contesto familiare,le relazioni attuate nel gruppo sono spontanee e volontarie e non garantita facendo degli innamoramenti non corrisposti. Questo pu provocare disagi e sofferenze,soprattutto in chi da

bambino non ha imparato a fidarsi dellamore. La libert di amare deve essere incoraggiata dai genitori,perch fondamentale costruirsi un identit autonoma. Quando il bisogno di uscire di casa vissuto dai genitori come un abbandono comunicando al figlio che il mondo un luogo pericoloso,ci pu provocare un arresto della propria individualit. Il genitore deve mostrare fiducia nel figlio nella sua capacit di affrontare il mondo trasmettendogli sicurezza che fondamentale nelladolescenza.