Sei sulla pagina 1di 188

Vladimir Cadinu

Sensibilit, bellezza e amore in Krishnamurti

Tesi discussa il 13/12/2005 presso l'Unuversit di Firenze, Facolt di Lettere e Filosofia, Diparti ento di Filosofia, in !stetica" #elatore$ prof" %er&io 'ivone, controrelatore$ (ari) no #osso" #ivista per pu**licazione il 2+/01/200,

-ndice

i i i

-ntroduzione"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""p" --L.arte dell.ascolto""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""p" 1 %ensazione, percezione, esperienza"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""13 1" L.incontro con /u0le1"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""13 2" -l circolo percettivo""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""21 3" %ensazione e desiderio" !sperire ed esperienza"""""""""""2+ 2" 3tte&&ia ento olistico""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""3,

i i i i i i i i i

La *ellezza"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""21 3 ore, co passione, orte""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""5+

L.osservazione"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""41 La creazione e l.arte"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""52 Lo sviluppo dell.6inse&na ento7 di 8ris9na urti"""""""""""""""""""""""""""""""10+ 8ris9na urti e la filosofia"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""122 L.estetica di 8ris9na urti"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""155 Una valutazione finale"""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""""154 :i*lio&rafia ;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;;155

-ntroduzione$ L.educazione e la for azione di 8ris9na urti

Le&&endo una <ualsiasi pu**licazione di 8ris9na urti si pu= avere l.i pressione di nu erose affinit e contrapposizioni con la storia della filosofia occidentale, la teolo&ia ne&ativa e alcune filosofie orientali >vedanta, *uddis o, taois o? co e se l.autore avesse attinto da <ueste tradizioni per poi tentare di trascenderle" %ar <uindi necessario, per collocare ade&uata ente la sua opera, c9iarirne l.educazio) ne la for azione culturale e il suo atte&&ia ento di fronte ad esse" @iddu 8ris9na urti nac<ue il 12 (a&&io 1,55 a (adanapalle, un piccolo villa&) &io dell.-ndia eridionale, presso (adras, da una povera fa i&lia di *ra9 ani di

lin&ua Telu&u" Dai &enitori venne educato alla tradizione e ai riti induisti e venne cosA c9ia ato perc9B la adre era particolar ente devota alla fi&ura di 8ris9na"

!ra un *a *ino sva&ato e so&natore e co e studente aveva tante e tali difficolt c9e a scuola alcuni inse&nanti avevano l.i pressione c9e fosse ental ente ritar)

dato" -l padre aderiva e lavorava nella %ociet Teosofica <uando nel 1505 8ris9) na urti fu individuato dai diri&enti dell.or&anizzazione c9e videro in <uel ra&az) zino inizial ente le <ualit di un &rande veicolo del aestro spirituale e in se&uito il futuro

essa&&io divino fra &li uo ini co e lo erano stati pri a di lui Cri)

---

sto, 8ris9na e :udd9a" 8ris9na urti soppiant= cosA un ra&azzo a ericano c9e era stato prescelto per <uesto ruolo" La societ, c9e sorse nel 1,45 a DeE ForG, e**e una rapida diffusione in tutto il ondo, fu fondata dalla no*ildonna russa /"H":lavatsG1, c9e ne deline= i fonda) enti teorici soprattutto nelle opere Iside svelata >1,44? e nel La dottrina segreta >1,,,)1,54?, aveva finalit fonda ental ente sincretistic9e e doveva costituire il pri o nucleo di una fratellanza universale fra &li uo ini senza distinzione di ses) so, credo, reli&ione, casta, classe sociale, nazionalit" Dell.e *le a dell.or&aniz) zazione, un insie e di si *oli di etero&enea tradizione, possia o le&&ere$ IDon c.J reli&ione piK alta della veritL" %i poteva appartenere ad una <ualsiasi reli&ione e conte poranea ente aderire alla %ociet Teosofica" :lavatsG1 definA la teosofia una Ifor a di conoscenza e di esperienza reli&iosa c9e ri&uarda l.essenza di DioL e la identificava con il istici)

s o, sostenendo la possi*ilit di un diretto rapporto conoscitivo col piano divino" -n o&ni reli&ione vi sare**e una struttura essoterica, rappresentata dai riti, dalle dottrine teolo&ic9e, dall.or&anizzazione esteriore, e una struttura esoterica e se&re) ta costituita dalla Isapienza di DioL" Tale sapienza J propria ente la teosofia, di cui &li ele enti costitutivi sono l.i a)

nenza e trascendenza di Dio, la solidarie) t e fraternit fra tutti &li esseri viventi, e una tecnica di autoconoscenza, c9e per una corrispondenza fra icrocos o

>uo o? e

acrocos o >Dio) ondo? si ri)

solve in una vera e propria conoscenza di

-M

Dio" 3

onio %acca sare**e, secondo :lavatsG1, il fondatore di <uesta dottrina,

e i suoi discepoli, i neoplatonici e l.eclettis o, ne sono i divul&atori anc9e se era &i conosciuta in Nriente col no e di :r9a avid1a$ ILo scopo principale dei fon) datori della %cuola Teosofica !clettica J uno scopo del suo oderno successore,

la %ociet Teosofica, cioJ riconciliare tutte le reli&ioni, sette e nazioni, in un co) une siste a di etica fondato su verit eterneL" 3ttraverso uno studio co parati) vo delle reli&ioni un principio veniva accolto co e teosofico se corrispondeva al principio di cattolicit, ossia se era stato universal ente accettato in for e diverse attraverso tutti i te pi" :lavatsG1 scrivendo di Hita&ora, %ocrate, Hlatone, 3 nio %acca, Hlotino, Horfirio, Nri&ene, Lon&ino, o)

a anc9e di Confucio, Ooroastro,

Lao)Tse, la :9a&avad)'ita, :udd9a, 'esK di Dazaret9, affer a c9e Ila teosofia J antica <uanto il ondo, se non nel suo no e nei suoi inse&na enti e nella sua eti)

caL" Puando le verit reli&iose si atrofizzano in teolo&ia, e er&e un nuovo salva) tore c9e viene &radual ente elevato dal popolo co une da uo o ad adepto, da adepto a profeta e da profeta a se idio per rifor are l.antico inse&na ento o ri) sta*ilirlo nel suo stato ori&inale" Tali se i)dei o teosofi furono tra &li altri Ooroa) stro, :udd9a, 3pollonio, Cristo, e la %ociet Teosofica si proponeva di preparare l.u anit all.avvento del futuro essia" 3nnie :esant c9e su*entr= alla &uida

della %ociet, particolar ente attenta alle <uestioni di &iustizia sociale, a pli= ed approfondA &li studi della fondatrice$ :i**ia, Upanisad, Fo&a, Hurana, :uddis o a9a1anico, Taois o, 'at9a iranic9e, Li*ro dei orti e&iziano, Pa**ala9, Tal)

ud, le dottrine della c9iesa dei pri i secoli, lo 'nosticis o, l.-sla , il %ufis o, i #osa)Croce, l.alc9i ia, l.astrolo&ia, la (assoneria, il folclore scandinavo e cel) tico e alcune aree di culture pri itive"

Datural ente

olti de&li studi e delle pu**licazioni dei teosofi, essendo forte)

ente indirizzati al sincretis o, finivano spesso per trascurare la storicit e speci) ficit di o&ni esperienza reli&iosa" -l ovi ento teosofico sviluppa una posizione c9e trovia o fre<uente ente in

tutte le &nosi salvific9e fino ai #osa)Croce e alla (assoneria, in particolare nelle assonerie di struttura er etico)occultistica, e acco&lie le su&&estioni filosofic9e e sociolo&ic9e dell.evoluzionis o e del positivis o" IDonostante il piccolo nu) ero di e *ri, la %ociet Teosofica 9a avuto un i patto sproporzionato rispetto olte nazioni" Diplo atici e politici,

alle sue di ensioni sulla vita intellettuale di

letterati, pittori, studiosi e rifor atori reli&iosi sono transitati o ri asti coinvolti nelle attivit della %ociet e si sono interessati alle sue dottrine" La profondit in) tellettuale de&li scritti della :lavatsG1, la coesiva e c9iara presentazione dei suoi inse&na enti ne&li scritti dei leader e e *ri a lei succeduti nella %ociet Teoso) edie della popola)

fica 9anno contri*uito ad attrarre parti delle classi elevate e zioneL"1 Tra i

e *ri piK conosciuti trovia o Q" :utler Feats, 3le0ander D" a)

%cria*in, il presidente Der9u, &li scienziati T9o as 3" !dison e Ca illo Fla

rion, Hierre Loti, !douard %c9urJ, (aria (ontessori" (a nu erosissi i furono i colla*oratori e i si patizzanti fra i <uali anc9e 'and9i" Tuttavia si 9a spesso Ila percezione c9e le dottrine teosofic9e siano oltre il confi) ne della disputaL" IHer una societ procla atasi aperta a diversi punti di vista e c9e nello stesso te po scora&&ia o&ni discussione di punti di vista diversi dal pro) prio, si&nifica esporsi all.accusa di aver fatto nascere un.ortodossia, proprio <uel) lo c9e la %ociet Teosofica 9a se pre dic9iarato di voler evitare" %i pu= facil en)

1 @a es %antucci, La Societ Teosofica, !llenici, 1555, p" ,,

M-

te pervenire alla conclusione c9e i testi classici teosofici non sono diversi dalle letterature scritturali o autoritative delle a&&iori tradizioni reli&ioseL"2

8ris9na urti, allora <uattordicenne, venne adottato dalla %ociet, in particolare la presidentessa :esant e il suo principale colla*oratore C"Q"Lea*eater, un e0 pasto) re della C9iesa d.-n&9ilterra, divennero di fatto i suoi tutori, e venne iniziato ai principi della teosofia" Del 1510, in se&uito ad esperienze istic9e vennero tra)

scritte e pu**licate le sue parole in un in&lese ancora incerto col titolo Ai piedi del Maestro c9e riflettono appieno la prospettiva teosofica e c9e tutt.o&&i sono consi) derate dai teosofi uno dei principali testi di riferi ento" !&li s ise di andare a scuola e prese lezioni private nelle principali aterie scolastic9e, fra le <uali fu

data particolare i portanza allo studio della lin&ua in&lese" Del 1511 8ris9na ur) ti arriv= in !uropa e dopo alcuni *revi periodi di ritorno in -ndia si sta*ilA nel 151+ in -n&9ilterra presso fa i&lie aristocratic9e di teosofi per prepararsi all.esa e di a issione all.universit preparato dal reverendo %an&er, a fallA in tutti i suoi ente profonda

tentativi" %an&er espresse l.opinione c9e il candidato aveva una capace di una vasta co prensione de&li ar&o enti, scire ad espri ere pronta ente i suoi pensieri"

a era ostacolato dal non riu)

Del 1520 8ris9na urti si trasferA a Hari&i e inizi= a fre<uentare la %or*ona con l.intenzione di iscriversi a Filosofia, a i suoi i pe&ni con la %ociet Teosofica lo

distolsero da <uesto proposito" Co un<ue la sua credi*ilit, per &li articoli pu**li) cati sulle riviste dell.or&anizzazione e per le conferenze e i di*attiti c9e teneva, cresceva di anno in anno cosA co e crescevano le in&enti donazioni" -n un lin&ua&&io se plice e poetico espri eva co passione per o&ni aspetto della vita, una forte esi&enza di li*ert interiore data dall.autoconoscenza dove il du*)
2

-*ide

p" 52

M--

*io3 e lo spirito di rivolta nei confronti delle teorie e delle tradizioni erano avverti) ti co e positivi2" -l &iovane 8ris9na urti in !uropa, i pe&nato nell.inse&na en) to spirituale a stretto contatto con sin&oli &ruppi, era &i in fase di allontana ento dall.evoluzione &raduale dello spirito pro essa dalla teosofia e invitava a <ualco) sa c9e era piK si ile a una rivoluzione interiore"

!. di <uesto periodo una sua co posizione poetica sul du**io$ Il dubbio un prezioso unguento bench! bruci, pure guarisce" Io ti dico, invita il dubbio #uando il desiderio ti incalza, invoca il dubbio #uando la tua ambizione sorpassa gli altri in pensiero risveglia il dubbio #uando il tuo cuore esulta per un grande amore" Io ti dico$ il dubbio crea l%amore eterno" Il dubbio purifica lo spirito dalla sua corruzione" &os' la forza dei tuoi giorni sar fatta di comprensione" (er la piena vita del cuore, per il volo dello spirito, lascia che il dubbio laceri i tuoi legami" &ome freschi venti montani destano le ombre della valle, lascia che il dubbio inviti alla danza il languido amore di una mente soddisfatta" )on lasciare che il dubbio s%insinui oscuramente nel tuo cuore" Io ti dico$ il dubbio un prezioso unguento bench! bruci, pure guarisce" Krishnamurti ed" :lu -nternational %tudio pp" 53)52

IHer co prendere la Rvia. dovete essere ri*elli, scontenti e insoddisfatti" (olti riten&ono di aver trovato la verit adottando <uesta o <uella teoria e, <uindi, di aver risolto l.intero pro*le a della vita" La soddisfazione senza la co prensione J co e uno sta&no ricoperto di una sc9iu a verde, c9e non riflette il puro occ9io del cielo" Una rivolta intelli&ente, piena di co prensione, J co e un &rande fiu e pieno di forza" La rivolta J indispensa*ile per sfu&&ire alle strettoie della tradizione e delle teorie" %e volete co prendere la verit dovete ri*ellarvi, per poter sfu&&ire alle teorie, a&li dei, alle superstizioni, a tutto ci= c9e non J vera ente vostroS Puesta J la differenza tra il &enio e l.uo o esc9ino$ il &enio 9a se pre dentro di sB un vulcano, c9e crea un.a&itazione perpetua e lancia fia e nei cieli" L.uo o esc9ino, invece, se ne va tran<uilla ente per la sua via, senza produrre fia e, senza lanciare stelle nei cieliS %e avete voi <uella fia a, <uella tre enda in)

M---

Del 1525 ad un raduno internazionale in Nlanda, 8ris9na urti, c9e da lun&o te ) po covava una profonda insoddisfazione nei confronti della teosofia, sciolse l.or) &anizzazione c9e avevano creato apposita ente per lui, IL.ordine della %tellaL, restituA tutte le donazioni e l.anno successivo si di ise dalla %ociet Teosofica" Del discorso di scio&li ento, di cui a**ia o la trascrizione, 8ris9na urti espres) se la sua irriduci*ile spiritualit anarc9ica$ I#iten&o c9e la verit sia una terra sen) za sentieri e c9e non si possa ra&&iun&ere attraverso nessuna via, nessuna reli&io) ne, nessuna scuola" T;U Hoic9B la verit J illi itata, incondizionata, irra&&iun&i*i) le attraverso <ualun<ue via, non pu= venire or&anizzata, e nessuna or&anizzazione pu= essere creata per condurre o costrin&ere &li altri lun&o un particolare sentiero" %e lo co prendete, vedrete c9e J i possi*ile or&anizzare una Rfede." La fede J <ualcosa di assoluta ente individuale, e non possia o e non do**ia o istituzio) nalizzarla" %e lo faccia o diventa una cosa orta, cristallizzataV diventa un credo,

una setta, una reli&ione c9e viene i posta ad altri T;U L.or&anizzazione diventa uno sc9e a in cui i t, non si e *ri trovano la loro collocazione" Don si cerca piK la veri) a ci si scava una co oda nicc9ia in cui collocarsi o

ira piK alla vetta,

in cui farsi collocare dall.or&anizzazione, pensando c9e sar l.or&anizzazione a condurci alla verit" T;U Un.or&anizzazione creata a <uesto scopo diventa una sta pella, una pastoiaV J costretta ad azzoppare l.individuo per i pedir&li di cre) scere, di sviluppare la propria sin&olarit c9e consiste nella scoperta, fatta da noi stessi, della verit assoluta, incondizionata" T;U Del o ento in cui se&uite <ual)

cuno non se&uite piK la verit" T;U Dessuna or&anizzazione pu= condurre l.uo o

<uietudine, se pre investi&9erete, se pre vorrete i parare dalla piK alta co e dalla piK infi a cosa della terra"T;U 3utorit J il contrario di spiritualitS %e&uendo l.autorit di un altro, voi vi le) &ate piK forte ente alla ruota della li itazione" Don per ettete c9e la vostra ente e il vostro cuore siano le&ati da <ualun<ue cosa o da c9iun<ueSL -*ide pp" 12)15V35

-W

alla spiritualit T;U 3**ia o fatto l.a*itudine all.autorit e alla sua at osfera, e pensia o c9e ci possa condurre alla spiritualit" Credia o e speria o c9e un al) tro, attraverso i suoi straordinari poteri ci possa condurre nel re&no dell.eterna li) *ert c9e J felicit" La nostra visione della vita J tutta *asata sull.autorit T;U Moi avete l.idea c9e solo deter inate persone a**iano la c9iave del re&no della felici) t" Dessuno la detiene" Dessuno 9a l.autorit per farlo" T;U -l io interesse va a

un.unica cosa essenziale$ la li*erazione dell.uo o" Desidero li*erarlo da tutte le sue &a**ie e le sue paure, e non dar&li una setta o una reli&ione in piK, non for u) lare nuove teorie o nuove filosofie" 3nalizzate ci= c9e vi dico, sottoponetelo a cri) tica per poterlo co prendere piena ente e a fondo" %e cerc9ia o un.autorit c9e ci conduca alla spiritualit costruia o auto atica ente un.or&anizzazione attorno a <uella autorit" (a la creazione stessa dell.or&anizzazione c9e secondo voi aiu) ter l.autorit a condurvi alla spiritualit vi c9iude in una &a**ia" T;U Medete la totale assurdit della struttura c9e avete creato cercando un aiuto esterno, facendo dipendere da altri il vostro *enessere, la vostra felicit, la vostra forzaX Tutto ci= lo troverete in voi stessi" T;U %iete a*ituati a sentirvi spie&are i pro&ressi c9e ave) te fatto, a sentirvi indicare il vostro livello spirituale" C9e *a *inataSL5 otivi della Rrottura., co un<ue, anc9e se 8ris9na urti evit= se pre di pole) izzare diretta ente con i teosofi, erano ancora piK profondi e si esplicitarono ne) &li anni se&uenti <uando espresse la sua filosofia" !&li consider= la credenza di un RsB superiore. divino co e consolatoria e falsa e allo stesso te po falsa e consola) toria la prospettiva di un &raduale e continuo ca *ia ento spirituale o psicolo&i) co per ezzo della volont" La possi*ilit c9e l.u anit trovasse una unit attra)

verso un <ualsiasi sincretis o in realt non poteva c9e creare una nuova reli&ione
5

@" 8ris9na urti Libert totale ed" U*aldini, #o a, pp" 15)20

e <uindi contraria ente alle sue tesi non poteva c9e creare ulteriore divisione e conflitto co e del resto avevano fatto le reli&ioni tradizionali" Le reli&ioni, co e l.ori&ine eti olo&ica testi onia, sono nate per unire &li uo ini, a di fatto 9anno

contri*uito a dividerli"+ -noltre se si a&isce in *ase alla prospettiva di una rico ) pensa o di una punizione attraverso paradiso o inferno oppure una vita futura &liore o pe&&iore non si J nella di ensione spirituale, nio" Delle sue considerazioni 8ris9na urti ise anc9e in discussione o&ni senti ento a in <uella del i)

erci o)

di appartenenza nazionale, politica o derivante da una tradizione perc9B anc9.esso causa di divisione e <uindi di conflitto sia esso ilitare, econo ico o psicolo&ico

fra &li uo ini" -l senti ento di appartenenza nasce dal *iso&no di trascendere i li) iti dell.individuo, a l.identificazione in realt costituisce un.altra li itazione orale, ori&inata spesso da un calcolo

c9e &enera inevita*il ente conflitto" La

volto alla rispetta*ilit o alla sicurezza interiore, occulta l.e&ois o, l.invidia, l.a&) &ressivit, la &elosia, la co petitivit" 8ris9na urti spettati del ette in crisi &li Ridoli. piK ri)

ondo conte poraneo$ la non)violenza, l.i pe&no politico e sociale,

il volontariato oltre c9e o&ni ideale e utopia" -l nic9ilis o J un pro*le a universa) le de&li uo ini e l.autore si uove nella prospettiva del suo disvela ento"

IC9e cosa sta accadendo nel ondoX 3vete un Dio cristiano, &li Dei de&li indK, il concetto di Dio dei ussul ani e le varie piccole sette con le loro veritV a tutte <ueste verit a&iscono nel ondo co e se fossero delle alattie c9e dividono la &ente" Puei poc9i c9e si sono appropriati di <ueste verit le stanno usando per sfruttare &li altri" ! voi passate da una all.altra di <ueste verit, perc9B state co inciando a perdere la capacit di discri inareV state soffrendo e volete un ri edioV cosA accettate tutto <uello c9e avete l.i pressione possa servirvi, sia c9e ad offrirvelo siano i cri) stiani, &li indK o <ualsiasi altra setta" 3llora, c9e cosa sta succedendoX - vostri Dei vi dividono, le vostre fedi in Dio vi dividono, eppure continuate a parlare di fratellanza, di unit" 3&&rappandovi alle vostre fedi, voi ne&ate la cosa stessa c9e vorreste scoprire" %econdo voi <ueste fedi dovre**ero essere i ezzi piK potenti per distru&&ere le li itazioni, le separazioni, entre in realt non fanno altro c9e rafforzarle" Puesti fatti sono lA sotto &li occ9i di tutti"L @" 8ris9na urti Il libro della vita ed" 3e<uili*riu , 15 Dice *re

W-

Le riflessioni dell.autore si presentano co e una continua ricerca senza conclusio) ni definitive, a con interro&ativi c9e lo 9anno acco pa&nato per tutta la vita$ a in &enere <uan)

ICredo sia se pre necessario porre le do ande fonda entali, do ci ponia o una do anda fonda entale, la

ente cerca &i una risposta, c9e J

una risposta forzata ente superficiale perc9B non c.J una risposta definitiva alla vita" La vita J un ovi ento infinito e, per inda&are <uesta cosa straordinaria c9e

c9ia ia o vita in tutti i suoi innu erevoli aspetti, do**ia o presentarci conti) nua ente le do ande fonda entali senza accontentarci ai delle risposte, per

<uanto soddisfacenti" Dare una risposta J arrivare a una conclusione, e una con) clusione non J vita perc9B J statica" L.i portante, <uindi, J porre la do anda &iu) sta e non fer arsi ai ad una risposta, per <uanto intelli&ente e lo&ica, perc9B la

verit della do anda va al di l delle conclusioni, al di l delle risposte, al di l di <ualun<ue for ulazione ver*ale" Una ente c9e pone una do anda e si acconten) ente superficiale"

ta della spie&azione, di una for ulazione ver*ale, ri ane una %olo una

ente c9e pone la do anda fonda entale e la se&ue fino in fondo pu=

trovare la veritL"4 ILe do ande fonda entali non 9anno una risposta assoluta, o sA o no" La cosa i portante J porre la do anda fonda entale, non trovare la ri) spostaV e se sia o capaci di osservare <uesta do anda fonda entale senza cercare una risposta, l.osservazione stessa di ci= c9e J fonda entale porta la co prensio) neL", ! co e in Qitt&enstein Iuna do anda errata non pu= avere una risposta &iu) sta, solo una do anda &iusta pu= ottenere conveniente rispostaL"5 Un du**io c9e non sia iper*olico J considerato d.i portanza fonda entale$ IHer pri a cosa oc)

@" 8ris9na urti Libert totale ed" U*aldini pp" 144)4, >trascrizione di un discorso tenuto a :o ) *a1 il 1+ fe**raio 1555? , @" 8ris9na urti Sul conflitto ed" U*aldini p" 23 5 @" 8ris9na urti *+ai ,-.. ed" Dr" :runo Nrtolani, (ilano

W--

corre du*itare" -l du**io J un a&ente purificatore,

a dovete tenere a *ada <uel

du**io, altri enti du*iterete di tutto e <uesto sare**e troppo stupido" -l du**io J <uindi necessario$ du*itate di tutto ci= c9e fateL"10 8ris9na urti rifiut= il ruolo di di essere considerato un &uru, essia c9e &li era stato dato dai teosofi e rifiut= a si pose co e se plice individuo c9e dialo&a, si essa&&io da proporre, propa&an)

interro&a ed indica dei fatti senza avere nessun

dare, e su cui fare proseliti"11 Da allora J vissuto sostanzial ente di pu**licazioni" -l suo lin&ua&&io J allo stesso te po filosofico, psicolo&ico e reli&ioso" La sua reli&iosit pu= essere definita co e intransi&ente e allo stesso te po anti) confor ista" Mi J un episodio e *le atico di <uesto atte&&ia ento$ <uando ne&li anni .30 si incontr= piK volte con 'and9i, <uesti &li c9iese cosa ne pensasse della *atta&lia c9e stava conducendo contro la tradizione secondo la <uale solo i *ra9) ani potevano entrare nei te pli, *en sapendo c9e il suo interlocutore aveva se ) pre esso in du**io l.u**idienza ad una <ualsiasi tradizione, a 8ris9na urti

scandalizz= il suo a ico rispondendo c9e non vi era alcun Dio nei te pli e <uindi non aveva alcuna i portanza c9i vi potesse entrareS12 -l nostro autore fece anc9e ta*ula rasa di <ualsiasi approccio esoterico, tanto i ) portante in olte or&anizzazioni reli&iose, considerato invece co e del tutto irri) a non 9anno alcun ondo

levante$ I'li dei, i (aestri, le apparizioni possono esistere,

valore per l.uo o c9e sta cercando la verit, perc9B fanno ancora parte del

1010 1111

@" 8ris9na urti Andare incontro alla vita ed" U*aldini p" 122 R-o riten&o c9e il du**io sia essenziale" Dovete ettere in du**io anc9e <uello c9e state ascol) tando ora" Dovete ettere in du**io o&ni parola della persona c9e vi sta parlandoV e dovete du*ita) re anc9e delle interpretazioni c9e voi stessi date a <uanto viene detto". @" 8ris9na urti La fine del dolore ed" 3e<uili*riu , (ilano, pp" ,1),2 >trascrizione di un discorso tenuto a %aanen, in %vizze) ra, il 15 lu&lio del 15,0?" 1212 %tuart /olro1d Krishnamurti, the man, the mister/ and the message, 1551, !le ent :ooGs li ) ited

W---

dei feno eniL13" Le sue affer azioni a <uesto proposito si fecero se pre piK spre) &iudicate nel corso de&li anni, tanto c9e olte potre**ero far pensare a una sorta

di ateis o, anc9e se sono le reli&ioni tradizionali, i culti or&anizzati ad essere con) siderati falsi, il divino non viene ne&ato aprioristica ente" 12 -l Dio di tutte le teo) lo&ie e le reli&ioni scaturisce da una proiezione del pensiero dell.uo o e ne porta inevita*il ente in sB le sue li itazioni" Puesto Dio nasce dalla paura e dai deside) ri e le reli&ioni c9e non 9anno incora&&iato l.auto)osservazione e l.auto)conoscen) za, a i partito un siste a di re&ole e di valori a cui confor arsi non sono altro

c9e una fu&a dalla vita <uotidiana con le sue relazioni e i suoi pro*le i e in <ue) sto senso sono sullo stesso piano dell.industria dell.intratteni ento o dell.alcol" !ppure l.6inse&na ento7 di 8ris9na urti J intensa ente reli&ioso" Una ente

reli&iosa non J <uella c9e pre&a, co pie atti devozionali, pratica una virtK o un si) ste a di editazione, a <uella c9e attraverso l.auto)conoscenza J autentica en)

te consapevole del potere distruttivo del pensiero in a *ito psicolo&ico in <uanto &eneratore di conflitti e cosA pone ter ine al pensiero stesso e ad o&ni conflitto$ IL.uo o reli&ioso non cerca Dio" Her l.uo o reli&ioso <uello c9e i porta J la tra) sfor azione della societ, perc9B la societ J lui stesso" #eli&ioso non J colui c9e cele*ra una <uantit infinita di rituali, non J colui c9e se&ue le tradizioni o c9e vive i erso in una cultura or ai orta, continuando a cantare litanie, a fare il

san1asi, a spie&are senza sosta la 'ita o la :i**ia" Un uo o si ile non J affatto reli&ioso, J se plice ente una persona c9e si rifiuta di affrontare i fatti" Puello c9e vera ente interessa all.uo o reli&ioso J capire fino in fondo la societ, in
1313 12

@" 8ris9na urti The Star 0ulletin, %epte *er/Ncto*er 1532 ICredere in Dio o essere atei sono, secondo e, entra *e cose assurde" %e sapeste c9e cos.J Dio, non sareste nB credenti nB atei, perc9B <uella consapevolezza rendere**e inutile <ualsiasi *i) so&no di credere" (a <uando l.essere u ano non J consapevole, vive di speranze e di i a&ina) zioni e nella fede o nella ancanza di fede cerca un appo&&io c9e &li consenta di a&ire in un deter) inato odo"L @" 8ris9na urti Il libro della vita ed" 3e<uili*riu 21 Dice *re

W-

o&ni suo aspetto, perc9B la societ J lui stessoV e&li non J separato dalla societ" -l fatto di aver prodotto dentro di sB una trasfor azione radicale, c9e i plica la tota) le sco parsa dell.avidit, dell.invidia, dell.a *izione, fa sA c9e e&li non dipenda piK dalle circostanze, se**ene ne sia il prodotto, a causa del ci*o c9e li*ri c9e le&&e, dei fil an&ia, dei

c9e va a vedere, dei do& i, delle credenze, delle ceri o)

nie reli&iose c9e sono alla *ase della cultura in cui J stato educato" !&li J un esse) re responsa*ile e <uindi deve capire se stesso$ deve capire c9e lui J il prodotto della societ c9e e&li stesso 9a creato" ! allora, se vuole scoprire la realt deve co) inciare da <uiV non &li servir andare al te pio o venerare un.i ta dalla ente o dalla a&ine, costrui)

ano dell.uo o" 3ltri enti, co e potr scoprire <ualcosa

di nuovo, uno stato assoluta ente nuovoXL15 Dall.et di <uattordici anni <uando i par= l.in&lese c9e divenne la Rsua. lin&ua perse definitiva ente il dialetto Telu&u" Don &li fu inse&nato il sanscrito c9e cer) c= di apprendere per diletto solo ne&li della aturit" -n in&lese scrisse tutte le

opere, i diari, la corrispondenza e tenne la <uasi totalit dei suoi discorsi pu**lici" Harlava corrente ente il francese e conosceva spa&nolo, tedesco e italiano" La sua preparazione culturale pu= essere ra&ionevol ente considerata al livello di c9i 9a co piuto la scuola ne edia)superiore, a senza aver co piuto studi approfonditi,

eno su testi filosofici o reli&iosi, nonostante i suoi ventuno anni all.interno

della teosofia" Da ra&azzo pro*a*il ente lesse i principali testi reli&iosi, in se&ui) to non li ricordava a parte il &antico dei cantici c9e apprezzava particolar ente" -n &enere le&&eva opere di finzione letteraria, durante la &ioventK poesie e ro an) zi, poi soprattutto ro anzi &ialli, to per un i portante
15

a non era un &rande lettore" Tutto ci= va c9iari)

otivo filolo&ico$ nelle sue pu**licazioni si possono sentire

@" 8ris9na urti Il libro della vita ed" 3e<uili*riu , , Dice *re

WM

nu erose risonanze, affinit o discordanze,

a l.autore non aveva opere precise

di riferi ento a cui rifarsi o con cui pole izzare" 8ris9na urti era tutt.altro c9e una persona dotta o erudita e le assonanze c9e possono e er&ere nel suo lin&ua&) &io, a dispetto di o&ni apparenza, non sono il frutto di uno studio e una conoscen) za approfondita$ I-o non le&&o nessun li*ro reli&ioso, filosofico, psicolo&ico$ *a) sta andare dentro di sB, a una spaventosa profondit, e scoprire tuttoL" -l lin&ua&&io di 8ris9na urti J se plice, non vi sono ter ini specialistici, non presenta pro*le i rilevanti di traduzione, attratto spesso scienziati di fa a a nonostante ci= la sua &noseolo&ia 9a

ondiale co e il fisico David :o9 , il *iolo&o edicina (aurice QilGins, l.incontro

#upert %c9eldraGe, il pre io Do*el per la

coi <uali 9a dato luo&o a pu**licazioni, a testi onianza della rilevanza anc9e teo) retica dell.autore" Dopo il distacco dalla %ociet Teosofica via&&i= pressoc9B incessante ente per tutti i continenti tenendo continua ente di*attiti e discorsi pu**lici, c9e venivano trascritti e pu**licati" Dei suoi itinerari percorse spesso l.!uropa, &li %tati Uniti d.3 erica, l.-ndia e nu erosi altri paesi" 3ttrasse e fre<uent= persone di diversa nazionalit, estrazione sociale, culturale" De&li U"%"3", in -n&9ilterra e in -ndia fond= scuole le&al ente riconosciute c9e per ettono l.acceso all.universit nelle <uali non si danno voti o &iudizi a&li stu) denti" 3nc9e &li aspetti peda&o&ici del suo inse&na ento sono di notevole interesse"

WM

L.arte dell.ascolto

Talvolta &li scritti o i discorsi dell.autore si aprono con riflessioni e inviti alla ri) flessione sulla natura e la dina ica dell.ascolto" La parola Rarte. indica il processo di creazione di un ordine c9e pu= essere fisico, a anc9e interiore$ IC.J ordine, <uando o&ni cosa J al suo posto, non solo nel) l.a *iente in cui vivia o, a anc9e dentro di noi" 3nc9e nell.ascoltare deve es)

serci ordineL1+, un ordine, un.ar onia, c9e a livello psicolo&ico non J ori&inata dal pensiero, perc9B l.ordine pu= darsi solo <uando il pensiero, necessario in talu) ni ca pi, non J presente in <uella di ensione" -n &enere, <uando ascoltia o, sia nella <uotidianit sia in c9ia ia o i ediata ente alla o enti particolari, ri)

e oria <uello c9e a**ia o sentito nel passato

per confrontarlo con <uello c9e sentia o nel presente ed espri ere un &iudizio, una valutazione, una conclusione" -l confronto del pensiero., c9e senza ette in atto cosA Ril eccanis o

e oria, senza conoscenza, non potre**e aver luo&o" -l a indispensa*ile nella ricerca scientifica e tecno)

pensiero J, non solo le&itti o,

lo&ica, nell.ac<uisizione di una lin&ua, nel padrone&&iare una tecnica, nell.eserci) tare un
1+

estiere o anc9e se plice ente per trovare la strada di casa e in <uesti


p" 5,

@" 8ris9na urti La fine del dolore ed" 3e<uili*riu

casi J auspica*ile c9e funzioni in

aniera lo&ica, precisa, puntuale,

a in a *ito

psicolo&ico, e otivo e relazionale costituire**e un pericolo" Dell.ascoltare <ual) cuno sia o <uasi se pre condizionati non solo dai nostri pre&iudizi, dalla nostra educazione, dalle nostre idee e i a&ini entali, dal nostro senso di appartenen) a anc9e dalle nostre esperienze, idio)

za nazionale, razziale, reli&ioso e politico,

sincrasie, an&osce, paure, aspettative, desideri e speranze, c9e, for ate dal passa) to, costituiscono uno sc9er o, una *arriera, un ostacolo ad una reale co unica) zione$ I3scoltate attraverso le vostre proiezioni, le vostre a *izioni, i desideri, le paure, le an&osceX 3scoltate solo <uello c9e volete sentire, solo <uello c9e vi sod) disfa e vi lusin&aX 3scoltate solo <uello c9e vi conforta e c9e attenua o enta)

nea ente la vostra sofferenzaX %e ascoltate attraverso lo sc9er o dei vostri desi) deri J ovvio c9e state ascoltando solo la vostra voce$ state ascoltando solo i vostri desideri" (a esiste un altro odo di ascoltareXL14

-l passato conscio e inconscio viene continua ente proiettato sul presente defor) andolo, occultandolo, falsandolo" Puesto processo J in atto da illenni e il no)

stro siste a educativo, for ativo e sociale e i condiziona enti a *ientali <uoti) diani contri*uiscono a rafforzarlo" -n <uesti casi non ascoltia o piena ente <uan) to ci viene detto, perc9B i nostri pensieri e le nostre esperienze costituiscono una resistenza nei confronti di <uanto ci viene detto" Dell.ascolto interpretia o, tradu) cia o tra ite la nostra conoscenza e in <uesto odo sentia o il nostro stesso ru)

ore, il nostro suono, cosA non ascoltia o piena ente, co pleta ente e in realt non ascoltia o affatto" Puindi la do anda fonda entale da porsi J se <uesto flus) so del passato de**a necessaria ente esservi o possa aver ter ine" I'eneral ente si sente con l.orecc9io c9e riceve se&nali fonetici e li tras ette al cervello, il <uale
14

@" 8ris9na urti Il libro della vita ed" 3e<uili*riu

2 'ennaio

se ne dic9iara d.accordo oppure no" (a <uesto non J affatto ascoltare, *ensA una se plice reazione eccanica, condizionata e priva di vita" C.J invece un.arte di

ascoltare con attenzione co pleta e profonda c9e evita le trincee difensive del cer) vello, lasciandosi investire in odo innocente, senza il processo interpretativo del)

l.intelletto c9e J se pre *asato su convinzioni &i esistenti" %olo in tal caso infatti non J il passato c9e d si&nificato al presente, e il presente pu= avere la sua vita autono a"L1, IC.J un odo di ascoltare c9e T;U non oppone alcuna resistenza"

Puesto non si&nifica accettare tutto <uello c9e viene detto" L.arte di ascoltare con) siste proprio nell.ascoltare da una profondit tale c9e non esiste la possi*ilit di opporre alcuna resistenza" 3scoltare in <uesto odo ric9iede &rande attenzione e

dissolve co pleta ente la struttura dei condiziona enti c9e 9anno i pri&ionato il cervelloL"15 Puando ascoltia o con assoluta, piena, totale attenzione il passato si arresta, si dissolve, non &etta la sua o *ra sul presente$ IHotete ascoltare <uella ca pana senza nessuna associazioneX 3llora voi siete <uel suono non <ualcosa di separatoL"20 Nvvia ente non si tratta di un.identit fisica, a ne eno di un.i)

dentificazione psicolo&ica in <uanto l.identit o l.identificazione si 9a se pre fra due entit distinte entre, in <uesto caso, si 9a se plice ente l.assenza di <ual)

siasi separazione psicolo&ica data dal pensiero, c9e fa dire all.autore$ Rallora voi siete <uel suono." -l pensiero, il passato riportato nel presente crea una separazio) ne, una fra entazione del presente$

IPuando <uella ca pana suonava, l.ascoltavate senza alcuna interpretazione, con assoluta attenzioneX %e vi siete accorti c9e dicevate a voi stessi$ R!. ezzo&iorno., RC9e ora JX., R!. ora di pranzoX., allora vi siete accorti c9e in real)
1, 15

@" 8ris9na urti Sintesi dell%insegnamento ed" !t dell.ac<uario p" 10+ @" 8ris9na urti La fine del dolore ed" 3e<uili*riu p" 55 20 @" 8ris9na urti Al di l della violenza ed" U*aldini p" 122

t non prestavate co pleta attenzione a <uel suonoV <uindi avete i parato, non vi J stato inse&nato, c9e non stavate ascoltandoL"21 8ris9na urti indica la possi*ilit di ascoltare senza <uesta fra entazione <ual)

siasi evento$ il canto di un uccello, un ruscello, il passare di un treno, i suoi di) scorsi, a anc9e i discorsi di c9iun<ue altro" CosA possia o percepire la verit di

<uanto sentia o, il vero nel falso e il falso in <uanto falso$ ICi= c9e conta J sco) prire la verit o falsit di ci= c9e viene detto" %e pensate c9e la tal cosa J i por) tante perc9B la dice <uella certa persona, allora non state davvero ascoltando, non state cercando di accertare autono a ente ci= c9e J vero e ci= c9e J falso" (a vedete la a&&ior parte di noi 9a paura di scoprire autono a ente ci= c9e J vero

e ci= c9e J falso, e <uesto accade perc9B ci li itia o ad accettare <uello c9e &li altri dicono" La cosa i portante J ettere in discussione le cose, osservarle, ai

accettarle passiva ente" Hurtroppo, la

a&&ior parte di noi ascolta soltanto coloro ai &li uccelli, il endicante 9a

c9e considera &randi o le autorit riconosciute" Don ascoltia o ru ore del da dire are, oppure il endicante" CosA perdia o <uel c9e il

entre potre**e esserci del vero in ci= c9e dice il

endicante e, viceversa, iracolo

nulla di vero nelle parole del ricco o del potente"L22 IL.ascolto &enera un di totale li*ert dalle affer azioni, vere o false c9e siano" La ente attenta" L.attenzione si&nifica non tracciare confini" Del traccio un confine inizio a lottare con lei, Del ia

ente J total) o ento in cui

i dic9iaro d.accordo o in disaccordo"

o ento stesso in cui l.attenzione eri&e una frontiera, nascono i concetti" (a ini a interferenza di pensieri o concetti, se ascol)

se ascolto total ente senza la

21 22

-*ide @" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" 251

to e *asta, avviene il

iracolo per cui l.attenzione totale

i li*era, li*era la

ia

ente da ci= c9e sento affer areL"23 8ris9na urti talvolta provoca i suoi ascoltatori$ I%upponete di ascoltare un.affer) azione co e <uesta$ R!. il passato c9e d si&nificato al presenteV <uindi il pre) sente non 9a, di per sB, alcun si&nificatoS. 3scoltare un.affer azione del &enere, senza fer arsi al se plice si&nificato delle parole, vuol dire co&liere la verit o la falsit c9e contiene" T;U Hotete ascoltare <uella frase con tale attenzione da co) &liere la verit c9e contiene, co e se fosse il suono di una ca pana c9e si ette a

s<uillare dentro di voi" (a se ascoltate con distrazione, allora per ettete all.intel) letto di co inciare il suo lavoro di interpretazione" Puando la ente e il cervello

sono co pleta ente a disposizione dell.atto di ascoltare, senza creare alcuna con) traddizione, senza dare alcuna interpretazione, allora in <uesto odo di ascoltare

c.J profonda ar onia" !. <uesta l.arte d.ascoltareL"22 Deter inante <uindi J l.at) tenzione, l.intensit del nostro ascolto" (a l.attenzione non pu= essere diretta dal pensiero, dalla volont, co e potre o essere tentati di fare perc9B il pensiero e e oria e <uindi fanno ancora parte

<uindi anc9e la volont 9anno ori&ine dalla

di un processo c9e si ori&ina nel passato$ IPuando siete attenti, ovvero ascoltate, in <uell.attenzione non c.J un centro c9e affer i$ R%to i parando, sto ascoltando, sto vedendo." C.J soltanto un enor e senso di interezza, c9e J &uardare, ascoltare i parare" -n una si ile attenzione non si 9a alcun ovi ento del pensiero" Una

tale attenzione non pu= essere prolun&ata" Puando il pensiero sostiene c9e deve riuscire a ra&&iun&ere o ad attin&ere l.attenzione, il ferrare l.attenzione J
23 22

ovi ento del desiderio di af) ovi ento

ancanza di attenzione" !ssere consapevoli del

@" 8ris9na urti 1n modo diversi di vivere p" 103 @" 8ris9na urti La fine del dolore ed" 3e<uili*riu

pp" 55)100

senza ri&uardo per l.attenzione J essere attentiL"25 CosA anc9e proporsi di ascoltare il presente, cancellando con un atto della volont il passato, costituisce una an)

canza di attenzione e <uindi un ascolto parziale" (a vi J un altro possi*ile atte&) &ia ento$ IHotete sentire non solo ci= c9e sta dicendo c9i vi parla, a anc9e la

vostra reazione a ci= c9e viene detto, senza corre&&erla per confor arla a ci= c9e si diceX 3llora si 9a un processo in corso$ c9i parla dice <ualcosa c9e voi ascoltate insie e alle vostre reazioni, a ci= c9e viene detto, attri*uite, cosA, spazio al suono delle vostre reazioni e anc9e a ci= c9e si dice" Ci= i plica una tre enda attenzio) ne, non sprofondare e perdurare in una sorta di trance" %e ascoltate, in tale ascolto si realizza un iracolo" -l iracolo consiste nel fatto c9e siete presenti intera en)

te a <uanto viene detto, ascoltandolo, e sentite anc9e le vostre stesse reazioni" !. un processo si ultaneo" 3scoltate <uanto viene detto e la vostra reazione ad esso, c9e J istantaneaV ne ascoltate per intero il suono, il c9e si&nifica disporre di spa) zio" Mol&ete tutta la vostra attenzione all.ascoltoL"2+ -n <uesto odo non intervenia o, non a&ia o, non cerc9ia o di ca *iare <uello

c9e sentia o con le nostre convinzioni, &iudizi, interpretazioni, o al contrario, non vo&lia o sostituire <uello c9e pensia o con <uello c9e a**ia o sentitoV cosA l.in) cessante e conflittuale attivit entale, c9e vuole ca *iare Rci= c9e J. con ci= c9e ente si tro)

dovre**e essere, 9a fine perc9B I<uando o&ni cosa J al suo posto, la va in uno stato di co pleto riposoL"24

3nc9e l.interpretazione J un ascolto parziale$ IHerci= *iso&na c9e vi ascolti senza tradurre nel io lin&ua&&io o interpretare a odo io <uello c9e state dicendoV se i spaventa allora la

vi ascolto solo va&a ente perc9B potreste dir i <ualcosa c9e


25 2+

@" 8ris9na urti La luce che in noi ed" 'uanda p" 25 -*ide p" 10+ 24 @" 8ris9na urti &he cosa vi far cambiare ed" U*aldini p" 105

ente sar distur*ata, insta*ile, ente ascoltare <uello c9e dite la

utevole, inconsistente" (entre se vo&lio vera) ente deve essere <uieta" 3llora la co prensio)

ne 9a una profondit c9e va oltre il lavoro intellettuale o ver*aleL"2, L.ascolto vero e proprio J possi*ile dove vi J silenzio, tran<uillit interiore$ IL.a) scolto scaturisce dalla co pleta tran<uillit, dal totale silenzioL"25 IC.J un ascolta) re c9e viene dal silenzioX !cco l.attenzione, non J le&ata al te po perc9B nel si) lenzio io non desidero niente" Don cerco di i parare <ualcosa su e stesso, non

sar= pre iato nB punito" Del silenzio assoluto io ascoltoL"30 IHer ascoltare si deve avere una <uiete interiore, una li*ert dallo sforzo di ac<uisire, un.attenzione ri) lassata" Puesto stato vi&ile e passivo insie e J in &rado di udire ci= c9e J al di l delle conclusioni ver*ali"T;U (oltissi i di noi cercano risultati, vo&liono ra&) &iun&ere scopi, sia o perenne ente occupati a sopraffare e a con<uistare, onde non c.J ascolto alcuno" !. soltanto ascoltando c9e si ode il canto delle paroleL" 31 ! il silenzio co porta una vi&ile e rilassata attenzione" -n <uesto processo J estre a ente i portante capire il ruolo del lin&ua&&io, delle parole e il loro rapporto con la realt e con la realt c9e noi stessi sia o$ ILa pa) rola J il ezzo attraverso il <uale il pensiero si espri e" -l pensiero pu= espri ersi

senza la parolaX Certo c9e pu=V un &esto, uno s&uardo, un cenno del capo e cosA via" %enza la parola, il pensiero pu= espri ersi in Puando volete espri ere <ualcosa di odo olto, olto li itato"

olto co plesso attraverso il pensiero, la

parola J necessaria" (a la parola non J T;U la condizione realeL"32 %e il pensiero

2, 25

@" 8ris9na @" 8ris9na 30 @" 8ris9na 31 @" 8ris9na 32 @" 8ris9na

urti 2omande e risposte ed" U*aldini p" ,3 urti 2iario ed" U*aldini p" 22 urti 1n modo diverso di vivere ed" U*aldini p" 10, urti Meditazioni sul vivere ed" (ondadori p" 140 urti La visione profonda ed" U*aldini p" 121

pu= espri ersi anc9e al di l dell.espressione ver*ale, non esiste pensiero c9e non sia lin&ua&&io, si *olo, i a&ine, rappresentazione" i)

-l lin&ua&&io J pensiero e nell.ascolto J i portante capire c9e la realt non J

sura*ile dal pensiero, dalle parole$ I-l pensiero J il prodotto del passato, esiste sol) tanto attraverso la ver*alizzazione, si *oli e i a&iniL"33 ILa parola J differente

dalla realt >fact?X Da Rci= c9e J. >R3hat is.?X La parola Rporta. non J la realt ef) fettiva >actualit/?" CosA la parola non J la cosaL"32 ILa parola Rviolenza. J la realt effettivaX La parola J la descrizione" CosA la descrizione non J il descrittoL"35 I-l si *olo non J non contiene ai il realeV la parola Rer*a. non J l.er*a dei ca pi T;U La parola ai il tutto per <uanto in&e&nosa ne sia la descrizione" La parola Rsa)

cro. non 9a si&nificato in sB, diventa sacro soltanto nel suo rapporto con <ualcosa di illusorio o di realeL"3+ 8ris9na urti J piena ente consapevole c9e anc9e le sue parole non sono Ril de) scritto. e invita a tenerlo se pre presente$ IC9i vi parla non sta facendo altro c9e descrivere, e ci= c9e J descritto non J la realt" La parola non J la cosaV la parola Ral*ero. non J la realt c9e J l.al*ero" %e osservate l.al*ero, la parola conta *en pocoL"34 ! <ual J il nostro rapporto con il lin&ua&&ioX ICosA do ando a e stesso$ Rsono catturato dalle paroleX. La parola, l.associazio) i dico$ RLa

ne, e tutti i ricordi c9e ven&ono risve&liati dalla parolaL"3, I! cosA ia


33 32

ente J li*era dalla parolaX. ! la parola include la condanna, la &iustificazio)

@" 8ris9na urti Sull%amore ed" U*aldini p" 22 @" 8ris9na urti La visione profonda ed" U*aldini p" 120 35 @" 8ris9na urti The Krishnamurti Te4t &ollection 333"5infonet"org >sito Ee* per la consulta) zione di tutte le opere dell.autore in ori&inale? 5t9 Hu*lic Dialo&ue 2t9 3u&ust 1542 para&rafo +1 3+ @" 8ris9na urti 2iario ed" U*aldini p" 35 34 @" 8ris9na urti Sul vivere e sul morire ed" U*aldini p" 115 3, @" 8ris9na urti The Krishnamurti Te4t &ollection 333"5infonet"org 5t9 Hu*lic Dialo&ue 2t9 3u) &ust 1542 Y +3

ne e tutte le associazioni i plicate in <uella parolaL"35 ILa

a&&ior parte dell.u)

anit vive di parole e non va oltre le paroleL20 perc9B vi J un processo di identi) ficazione col lin&ua&&io, con un si *olo o un insie e di si *oli" Dell.ascolto va lasciato da parte o&ni atte&&ia ento senti entale, non per una fredda e neutrale presenza, a per intensa partecipazione$ IL.a*itudine della paro)

la, il contenuto e ozionale della parola, le nascoste i plicazioni della parola i ) pediscono la li*ert dalla parolaL"21 IDoi rea&ia o alle parole" Harole co e RDio., Ra ore., Rco unis o. e Rde ocrazia. creano in noi precise i plicazioni nervose e psicolo&ic9e, non J cosAX Puando credia o in Dio e parlia o di lui ci sentia o e&lio" Harole, si *oli e i a&ini 9anno un.enor e i portanza per tutti noi, ere pa)

olto piK dei fatti, perc9B senza le parole non possia o pensareL" 22 ILe

role 9anno un si&nificato straordinario per tutti noiV 9anno un effetto neurolo&ico le cui sensazioni sono piK i portanti di ci= c9e si trova al di l del si *oloL" 23 I!. olto i portante essere consapevoli del fatto c9e certe parole provocano in noi una reazione nervosa, e otiva o intellettuale di approvazione o di condanna" Puando vi autodefinite &elosi ad ese pio, i ediata ente *loccate o&ni ulteriore

inda&ine, rinunciando a penetrare l.intero pro*le a della &elosia" 3llo stesso odo, ci sono olte persone c9e dicono di lavorare per la fratellanza, a non se ne rendono conto, per)

e tuttavia ci= c9e fanno J contro la fratellanzaV

c9B la parola Rfratellanza. 9a per loro un certo si&nificato di cui sono &i convintiV non approfondiscono la <uestione e cosA non scoprono ai co e stanno le cose

indipendente ente dalle reazioni nervose o e otive c9e la parola suscita" Puesta
35

@" 8ris9na urti The Krishnamurti Te4t &ollection 333"5infonet"org 5t9 Hu*lic Dialo&ue 2t9 3u) &ust 1542 Y 41 20 @" 8ris9na urti 1n modo diverso di vivere ed" U*aldini p" 3+ 21 @" 8ris9na urti Taccuino ed" U*aldini p" 143 22 @" 8ris9na urti Sul vivere e sul morire ed" U*aldini pp" 32)35 23 @" 8ris9na urti Meditazioni sul vivere p" +3

dun<ue J la pri a cosa da fare$ speri entare e scoprire se vi J possi*ile &uardare alle cose senza le i plicazioni elo&iative o dispre&iative associate a certe paroleL"22 3lcune riflessioni di 8ris9na urti sono olto vicine a certe frasi di #1le$ I-l lin)

&ua&&io Z ossia l.uso delle parole, il si&nificato delle parole, la sintassi Z &uida la a&&ior parte di noi T;U Don so se ne siete consapevoli" ! se usate il lin&ua&&io Z senza per ettere c9e vi &uidi Z usate le parole senza alcun contenuto e otivo" -n <uel caso c.J la possi*ilit di una co unicazione esattaL"25 Talvolta 8ris9na urti ese plifica <uesto ascolto, c9e i plica una co unicazione senza senti entalis i o ro anticis i, a dove J presente l.affetto, co e la con) ettono in

versazione tra due vecc9i a ici c9e discutono, c9e esa inano, c9e <uestione, non per prevalere l.uno sull.altro,

a per vedere co e le cose stanno$

ILa co unicazione tra noi i plica T;U c9e non solo voi do**iate capire le parole c9e uso, non un a c9e si de**a entra *i, voi ed io, essere conte poranea ente intensi, o ento in ritardo o un o ento in anticipo, ed essere capaci di incon)

trarci allo stesso livello" ! <uesta for a di co unicazione non J possi*ile <uando interpretate <uello c9e le&&ete secondo la vostra conoscenza, il vostro piacere o le vostre opinioni, o <uando fate uno sforzo tre endo per co prendereL"2+ ILe paro) le vanno usate, a la co unicazione J sia ver*ale sia non ver*ale" Nvvero, sia voi

sia c9i vi parla, do**ia o inda&are allo stesso te po, allo stesso livello, con la edesi a intensit" 3llora la co unione fra voi e c9i vi parla J possi*ileL" 24 L.a) scolto autentico non esclude la critica e non J distaccato, analitico, freddo, a ap)

22 25

@" 8ris9na @" 8ris9na 2+ @" 8ris9na 24 @" 8ris9na

urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" 2,3 urti Sulla libert ed" U*aldini p" 134 urti Libert dal conosciuto ed" U*aldini p" ,1 urti La luce che in noi ed" 'uanda pp" 51)52

10

passionato, profonda ente interessato$ I3scoltare con a ore non si&nifica c9e non do**ia o essere critici, c9e do**ia o accettare o&ni cosa c9e viene detta" Don si&nifica c9e do**ia o approvare o ne&are" Moi ascoltate con cura, affetto, con un senso di co unicazione reciproco" Her <uesto do**ia o avere a ore" Hro) *a*il ente J ci= c9e si sta perdendo" Doi sia o terri*il ente intellettuali, troppo ro antici, troppo senti entali" Tutto ci= ne&a l.a ore"T;U %enza <uesta <ualit di affetto, cura, a ore e co passione, &ioc9ia o sola ente con le parole, ri a) nendo superficiali, anta&onisti, assertivi, do& atici, e cosA via" ! ri anendo sol) tanto sul piano ver*ale, non c.J nessuna profondit, <ualit, nessun profu oL"2, L.ascolto necessita di una sensi*ilit c9e non si lascia intrappolare dalle a*itudini, perc9B le a*itudini sono l.ottundi ento della sensi*ilit$ IMoi sentite un certo tipo di usica c9e vi piace e l.ascoltate &iorno dopo &iorno, tutte le note, le sfu ature,

il silenzio tra le note, la profondit del suono, cosA &radual ente vi ci a*ituate" CosA non c.J piK l.enor e *ellezza, c9e era iniziata <uando l.avete sentita per la pri a volta" CosA perdete l.arte dell.ascolto" L.arte dell.ascolto J ascoltare non solo le parole, a parlare insie e e andare al di l delle parole all.essenza, al si)

&nificato, al senso, cosA c9e noi non stia o solo ascoltando le parole, la cadenza delle parole, a anc9e ascoltia o <ualcosa c9e &iace al di l delle parole" Puesta

J l.arte dell.ascoltoL"25 (a ascoltare non J solo ascolto di suoni, parole o ru ori, a anc9e di e ozioni,

stati d.ani o e in <uesto caso J usato dal nostro autore co e sinoni o di &uarda) re, di vedere, di co prendere$ ICosA se &uardate olto attenta ente il senso della

paura ascoltate tutta la sua storia" %apete c9e <uando un *a *ino vi sta raccontan)
2, 25

@" 8ris9na urti 0ulletin 67 89irst 0ulletin of ,--6: !d" 8ris9na urti Foundation Trust p" 3 @" 8ris9na urti The Krishnamurti Te4t &ollection 333"5infonet"org 2t9 Hu*lic TalG 1st Fe*ruar1 15,1 Y 12

11

do una storia, se lo state ascoltando non lo interro pete nel

ezzo di essa, voi la

ascoltate, voi la ascoltate con &rande interesse perc9B lui &ioisce nel raccontare <ualc9e storia c9e 9a inventato e voi l.ascoltate con interesse, con affetto, anc9e se potre**ero esserci delle cose insensate voi siete piena ente attenti, cosA voi ascoltate, ascoltate, ascoltate" 3llo stesso odo ascoltate la paura fino a <uando la

sua storia J co pleta" 3llora voi vedrete c9e non ci sar per niente pauraL"50

%ensazione, percezione, esperienza"

50

@" 8ris9na urti The Krishnamurti Te4t &ollection 333"5infonet"org 2t9 Hu*lic TalG 1st Fe*ruar1 15,1 Y 1,

12

1" L.incontro con /u0le1

Della pri avera del 153,, fra 8ris9na urti e 3ldous /u0le1, e**e inizio una fra) terna a icizia caratterizzata da reciproca sti a e da una fre<uentazione talvolta assidua51, per essa anc9e dal fatto c9e i continui via&&i di 8ris9na urti furono interrotti dallo scoppio della %econda 'uerra (ondiale, perc9B trovandosi in <uel o ento ne&li U"%"3" con un passaporto straniero, nel suo caso indiano, non po) teva uscire dai confini sino alla fine del conflitto" -n nove *re /u0le1 c9e aveva pro*le i dal olto &ravi alla vista inizi= a curarsi &li occ9i col etodo esso a punto

edico a ericano Q"/" :ates, consistente in esercizi oculari" Da allora, lo etodo, non perc9B

stesso 8ris9na urti avre**e praticato <uotidiana ente il avesse pro*le i con &li occ9i,

a co e cura preventiva in <uanto <uesti esercizi a anc9e a distendere e

non solo contri*uiscono a ria*ilitare disfunzioni oculari,

rendere piK riposante la vista a c9i non 9a particolari pro*le i" %pesso parlarono tra loro delle percezioni e della cecit"52 (olti anni dopo, <uando &li fu fatta una do anda sui sensi, 8ris9na urti parl= dell.incontro con un suo a ico cieco, delle loro discussioni sui sensi, del fatto c9e in se&uito, pass= una setti ana da solo, con &li occ9i *endati, per vedere cosa ac) cadeva <uando un senso da cui dipendia o non ci fosse piK" Disse c9e o&ni poro del suo corpo era piena ente vi&ile, o&ni senso funzionava con intensit, co pen)

51

(" Lut1ens La vita e la morte di Krishnamurti ed" U*aldini p" 102 /u0le1 diventer il direttore della scuola fondata da 8ris9na urti ne&li U"%"3" e sar l.u) nico a scrivere un.a pia introduzione ad un suo li*ro al o ento della pu**licazione" 52 H" @a1aGar ;" Krishnamurti ed" Hen&uin p" 50

13

sando il senso perso, e c9e o&ni cosa doveva essere al &iusto posto sia interna en) te c9e esterior ente"53 3 testi onianza dell.efficacia e della filosofia di <uesti esercizi, /u0le1 nel 1522 pu**lic= il li*ro The Art of Seeing52" Male la pena di riportare la parte centrale del capitolo R%ensazione [ selezione [ percezione \ visione., perc9B pro*a*il ente J nato da una riflessione co une con 8ris9na urti sull.ar&o ento, da un.interazio) ne di reciproc9e influenze$ IDel processo della visione, ente, occ9i e siste a

nervoso sono stretta ente associati in un tutto unico" -nfluenzando uno di <uesti ele enti si influenzano tutti &li altri" T;U -l processo della visione pu= essere scis) so analitica ente in tre processi distinti$ sensazione, selezione e percezione" N&&etto della sensazione J un co plesso di sensa c9e si trovano in un deter ina) to ca po" >Un sensum visivo J una delle c9iazze colorate c9e for ano, per cosA dire, il ateriale &rezzo della visione e il ca po visivo J la totalit di tali c9iazze o ento?"

colorate di cui si pu= avere la sensazione in <ualsiasi

La sensazione J se&uita dalla selezione, un processo per cui una parte del ca po visivo viene distinta e sceverata dal co plesso" Puesto processo 9a co e fonda) ento fisiolo&ico il fatto c9e l.occ9io re&istra le sue i parte centrale della retina, la re&ione a&ini piK c9iare nella

aculare, c9e 9a nella piccolissi a fovea

centralis il punto dove la visione J piK distinta" La selezione, natural ente, 9a an) c9e una *ase psicolo&ica, perc9B in <ualsiasi o ento c.J in &enerale nel ca po

visivo <ualcosa c9e ci interessa distin&uere piK c9iara ente di tutto il resto" -l processo finale J <uello percettivo" !sso co porta il riconosci ento del sensum sentito e selezionato co e apparenza di un o&&etto fisico esistente nel
53 52

ondo

H" @a1aGar ;" Krishnamurti ed" Hen&uin p" 50 >Trad" it"? L%arte di vedere ed" 3delp9i"

12

esterno" ] i portante ricordare c9e &li o&&etti fisici non ci ven&ono offerti co e dati pri ari" Ci= c9e ci viene dato J soltanto un co plesso di sensa, e un sensum, nel lin&ua&&io del dott" :road, J <ualcosa di Rnon referenziale." -n altre parole, il sensum, co e tale, J se plice ente una c9iazza colorata senza alcun riferi ento a un o&&etto fisico esterno" Puest.ulti o appare soltanto una volta c9e il sensum sia stato selezionato, e c9e ven&a usato poi per percepire" ] la nostra ente c9e ondo

interpreta il sensum co e l.apparenza di un o&&etto fisico esistente nel esternoL"55 'li esercizi si uovono in una prospettiva c9e tiene in

assi o conto de&li aspet)

ti psicolo&ici della vista perc9B Iil co plesso psicofisico u ano J una sin&ola unit e o&ni disfunzione psicolo&ica si traduce in disfunzione fisiolo&icaL" 5+ IPuando sull.io cosciente &ravano con peso eccessivo e ozioni co e il ti ore, la collera, la preoccupazione, l.afflizione, l.invidia, l.a *izione, allora la ente e

il corpo soffrono insie e" Una delle piK i portanti funzioni psicolo&ic9e c9e di solito ne risente a&&ior ente J <uella della vista, in parte attraverso un.azione

diretta sui siste i nervoso, &9iandolare e circolatorio, in parte inde*olendo l.effi)


55

-noltre Idal co porta ento dei *a *ini nella pri issi a infanzia risulta c9iaro c9e noi non en) tria o nel ondo dotati di una capacit di percezione &i atura" -l neonato co incia col sentire una assa di sensa va&9i e indeter inati, c9e e&li non seleziona e eno ancora percepisce co e o&&etti fisici" 3 poco a poco co incia a discri inare <uei sensa c9e presentano per i suoi fini particolari, a&&ior valore e si&nificato, e con essi &radual ente perviene, attraverso un processo interpretativo, alla percezione de&li o&&etti esterni" Puesta facolt di interpretare i sensa co e o&) &etti fisici esterni J pro*a*il ente innata, a ric9iede, per anifestarsi in odo ade&uato, un *a) &a&lio di esperienze precedenti e una e oria capace di ritenerle" L.interpretazione dei sensa co e o&&etti fisici diventa rapida e auto atica soltanto <uando la ente pu= far ricorso a passate esperienze di sensa analo&9i interpretati con successo in odo si ilare" De&li adulti i tre processi della sensazione, della selezione, della percezione sono pressoc9B si ultanei" 3**ia o coscienza soltanto del processo co plessivo >la visione de&li o&&etti? e non dei processi sussidiari c9e cul i) nano nelle visione" -ni*endo l.attivit interpretativa della ente, J possi*ile farsi una pallida idea di <uel c9e sia un sensum &rezzo, <uale si presenta a&li occ9i del neonato" (a si tratta co un<ue di un.idea assai i perfetta e di *reve durata" Her &li adulti il co pleto recupero dell.esperienza della sensazione pura, senza percezione de&li o&&etti fisici, J possi*ile, nella a&&ior parte dei casi, soltanto in certe condizioni anor ali, <uando i livelli superiori della ente siano stati incapa) citati da far aci o da alattie"L 3" /u0le1 L%arte di vedere pp" 34)20 5+ 3" /u0le1 L%arte di vedere p" 132

15

cienza della

enteL"54 IL.io cosciente, co e sa &i da un pezzo la scienza

edica,

9a una parte i portante nell.inde*olire le resistenze del corpo e nel predisporlo alla alattia" Puando J troppo a&itato o spaventato, <uando si tor enta o si an&o)

scia troppo a lun&o e con troppa intensit, l.io cosciente pu= ridurre il proprio cor) po in un tale stato c9e il poveretto svilupper, per ese pio, ulcere &astric9e, tu*er) colosi, alattie coronaric9e e un.intera folla di disordini funzionali di o&ni tipo e

&ravit" ] stato di ostrato c9e perfino la carie, nei *a *ini, J spesso in relazione con stati di tensione e otiva dell.io cosciente" ] pertanto inconcepi*ile c9e una funzione in cosA inti a relazione con la nostra psic9e co e la vista non resti in) fluenzata da stati di tensione aventi la loro ori&ine nell.io cosciente" -nfatti J ate)

ria di co une esperienza c9e il potere visivo su*isce un forte inde*oli ento ne&li stati di sofferenza e otiva" Le tecnic9e dell.educazione visiva per ettono di sco) prire fino a c9e punto l.io cosciente possa ostacolare i processi visivi, perfino in assenza di e ozioni dolorose" T;U Della vista co e nelle altre a*ilit psicofisi) c9e, l.ansia di far *ene finisce col danne&&iare il proprio scopoV essa, infatti, pro) duce tensioni psicolo&ic9e e fisiolo&ic9e, e la tensione J inco pati*ile con i &iusti ezzi per il conse&ui ento del nostro scopo, vale a dire un nor ale e naturale funziona entoL"5, ILa &rande verit spirituale scoperta dai c9e R<uanto piK c.J -o, tanto aestri della pre&9iera

eno c.J Dio. J stata riscoperta piK volte, in a *ito

psicolo&ico, da&li esperti nelle varie arti e attivit specializzate" 3nc9e <ui <uanto piK c.J io tanto eno c.J Datura, cioJ il funziona ento proprio e corretto dell.or)

&anis oL"55 La te atica dell.assenza o della presenza dell.6io7, J estre a ente i portante nelle riflessioni di 8ris9na urti sulla *ellezza$ lo vedre o col dovuto
54 5,

3" /u0le1 L%arte di vedere pp" 135)13+ 3" /u0le1 L%arte di vedere pp" 35)3+ 55 3" /u0le1 L%arte di vedere pp" 32)35

1+

rilievo nel prossi o capitolo" -n tutto il li*ro viene c9iarito co e lo sforzo di vedere, e <uindi la volont dell.io, invece di facilitare la visione, la ostacola, portando i uscoli de&li occ9i e tutti le

parti c9e li co pon&ono ad una staticit piena di tensioni, c9e pe&&iorano la per) cezione" 'li esercizi 9anno lo scopo di ridare a&li occ9i una distensione dina ica, un.attenzione rilassata c9e ripristina le naturali capacit percettive" 3nc9e in 8ris9na urti trovia o riflessioni analo&9e, a il te a dello sforzo, del)

la costrizione e delle loro i plicazioni e conse&uenze sono estese a tutto il ca po psicolo&ico" Lo sforzo psicolo&ico, co e sforzo per la co prensione, la volont, co e lotta per essere, per conservare, per divenire, per il potere J spesso presente nelle sue considerazioni$ I] assai i portante co prendere c9e cosa intendia o per lotta, conflitto o sforzo" Lo sforzo non si&nifica forse una lotta per utare ci=

c9e in ci= c9e non J, o in ci= c9e dovre**e essere o dovre**e accadereX T;U Lottia o continua ente per evitare di affrontare ci= c9e " Media o cosA c9e lo sforzo J un conflitto o una lotta per trasfor are ci= c9e in <ualc9e cosa c9e si desidera sia" Harlo soltanto del conflitto psicolo&ico, non della lotta con un pro*le) a fisico" T;U Lo sforzo J una distrazione da ci= c9e " Del o ento in cui ac)

cetto ci= c9e J non vi J conflitto" Pualsiasi for a di conflitto o di lotta denuncia distrazioneV e la distrazione, cioJ lo sforzo, dovr esistere finc9B psicolo&ica ente desiderer= trasfor are ci= c9e in <ualcosa c9e non " T;U Her sforzo intendia o l.ansia di co piere se stessi, di diventare <ualc9e cosa, non J cosAX -o sono <ue) sto, e desidero diventare <uelloV non sono <uello, devo diventarlo" Del diventare R<uello., vi J lotta, *atta&lia conflittoV in <uesta *atta&lia ci interessia o inevita) *il ente di &iun&ere a un risultato ediante la con<uista di una etaV cerc9ia o

14

il co pi ento del sB in un o&&etto, in una persona, in un.idea, e ci= esi&e conti) nua *atta&lia, lotta, lo sforzo di divenire, di co piersi" Herci= ritenia o c9e lo sforzo sia inevita*ileV ed io i do ando se sia vera ente inevita*ile, <uest.ansia

di diventare <ualc9e cosa" Herc9B esisteX Nve si 9a il desiderio di co piere, a <ualsiasi &rado e a <ualsiasi livello, dev.esservi lotta" -l risultato J il otivo, la

spinta dietro lo sforzoV e in c9iun<ue, nel &rande diri&ente, nella donna di casa, in un poveraccio, c.J se pre la *atta&lia per diventare, per co piere, per continua) re"L+0 I!. direttaL"+1 Trovia o si&nificativa ente in <uesto periodo anc9e riflessioni su una corretta, appropriata tensione psicolo&ica necessaria per la co prensione, descritta co e vi&ile passivit, c9e non indul&e alla pi&rizia o ad uno stato di dor ive&lia, aJ olto i portante capire co e o&ni sforzo svii da una percezione

estre a vi&ilanza$ ILa piena consapevolezza non J data da un.intensit di &iusta tensioneX La consapevolezza J necessaria per la co prensioneV a**ia o *iso&no di un.ener&ica attenzione se vo&lia o co prendere il pieno si&nificato di un pro) *le a" -l rilassa ento J necessario, <ualc9e volta *enefico, a non J la consape)

volezza, la &iusta tensione necessaria per il processo della co prensioneX Le cor) de del violino non devono essere accordate o tese per produrre la &iusta tonalitX %e sono tese troppo si ro pono e se non sono tese o accordate esatta ente non danno la tonalit corretta" %a&&ia ente ci fer ia o <uando i nostri nervi sono troppo affaticatiV la tensione c9e va oltre il li ite della sopportazione causa varie for e di disordini fisici e ento e la tensione della
+0 +1

entali" Don J necessaria la consapevolezza, il

ovi)

ente per la co prensioneX La co prensione J il risul)

@" 8ris9na urti La prima ed ultima libert ed" U*aldini pp" 52)52 @" 8ris9na urti 2omande e risposte ed" U*aldini p" 54

1,

tato del rilassa ento, della disattenzione o arriva con la consapevolezza in cui non c.J tensione causata dal desiderio di co prendere, di ottenereX Don J la tran<uilli) t una condizione necessaria per una profonda co prensioneXL+2 I-l predo inio del valore dei sensi non pu= portare salute ed e<uili*rio" Dev.esserci autoconsape) volezza, una tensione psicolo&ica" La tensione non J necessaria ente dannosaV dev.esserci il &iusto i pie&o della in ente" %olo <uando la tensione non J utilizzata

odo appropriato conduce alle difficolt psicolo&ic9e e alle illusioni, a cattiva

salute, a&li s<uili*ri" La tensione del &iusto tipo J essenziale per la co prensioneV essere pronta ente e passiva ente consapevoli J dare piena attenzione senza il conflitto de&li opposti" %olo <uando <uesta tensione non J opportuna ente capita ci conduce alle difficoltV vivere, relazionarsi, pensare esi&ono un.elevata sensi*i) lit, una &iusta tensione"L+3 %e /u0le1 sottolinea co e l.assenza di sforzi e la &iu) sta tensione sono i portanti nell.arte di vedere, nell.interazione fra occ9i, siste a nervoso e percettiva, ente, 8ris9na urti ette in evidenza c9e lo sono non solo nell.attivit

a anc9e per la co prensione in &enere" 3nc9e nei testi e nelle prati) arziali possia o trovare evidenziata l.i )

c9e taoiste, co e in <uasi tutte le arti portanza di un.attenzione vi&ile,

a allo stesso te po rilassata" :iso&na ricordare

a <uesto proposito, c9e 8ris9na urti praticava <uotidiana ente &li esercizi dello 1o&a co e pratica i portante per la salute del corpo, anc9e se non &li attri*uiva un particolare si&nificato spirituale o etafisico e talvolta riferiva c9e i portanti

aestri di 1o&a invitavano a non fare sforzi nella pratica+2" Da&li anni .+0 in poi il
+2

@" 8ris9na urti The Krishnamurti Te4t &ollection 333"5infonet"org 5t9 Hu*lic TalG, N^ai, 1525 YY 25)24
+3

@" 8ris9na urti The Krishnamurti Te4t &ollection 333"5infonet"org 4t9 Hu*lic TalG, N^ai, 1525 Y 25 +2 8ris9na urti i par= &li asana dal fa oso aestro :"8"%" -1en&ar, e successiva ente fu se&uito da DesiGac9ar, entra *i allievi di 8ris9na ac9aria"

15

te a dello sforzo psicolo&ico di essere, di divenire, di co prendere, J inda&ato inuziosa ente e visto co e connaturato ad una disposizione e&ocentrica c9e i pedisce una &enuina co prensione" Le&&endo Le porte della percezione di /u0le1 se *ra esservi invece stata una si) &nificativa diver&enza con 8ris9na urti sull.uso di sostanze psicotrope o alluci) no&ene co e valida fonte di autoconoscenza" 8ris9na urti esclude c9e la ricerca di <ualsiasi sensazione e di <ualsiasi esperienza ci possa essere d.aiuto in <uesto proposito"

2" RCircolo percettivo)interpretativo.

8ris9na urti di solito non si preoccupa di dare definizioni analitic9e e definitive di Rpercezione. e Rsensazione., a esse ven&ono esa inate e riesa inate nella

loro relazione col pensiero, l.esperienza, il desiderio" (ettendo insie e le nu e) rose riflessioni dell.autore in proposito, vedia o delinearsi <uello c9e potre o

definire un circolo Rpercettivo)interpretativo., c9e sare**e presente nel nostro pro) cesso conoscitivo$ in &enere dalla percezione si ori&inano il contatto >reale o i ) a&inario?, la sensazione, l.esperienza, la conoscenza, la e oria, il pensiero, le

opinioni, le credenze, l.educazione, le tradizioni, l.a *iente, c9e a loro volta con)

20

dizionano la percezione" Don se pre <uesta se<uenza viene data in <uesto stesso ordine, a il senso co plessivo della riflessione ri ane coerente" ILa percezione

con una certa direzione, un pre&iudizio, una fissazione J un.illusione, essa viene distorta, colorata, distrutta dalla credenza, dal pre&iudizio, dall.opinione, da una conclusioneL"+5 %e invece la percezione J Rpura., cioJ senza alcun otivo, distor)

sione o pre&iudizio allora <uella J un.autentica percezione"++ Dato c9e sia o con) dizionati dal passato, non solo dalle tradizioni, dalla nostra educazione, a anc9e

dalle nostre personali esperienze c9e danno luo&o a paure e desideri non a**ia o un.autentica percezione$ ILa una percezione veritiera, la ente J lo stru ento della percezione e per avere ente deve essere rettificata, purificata da o&ni condi) ente deve essere li*era da o&ni conoscenza a&inare, di speculare, di ente sia olto c9iara e

ziona ento, da o&ni paura" -noltre la T"""U L.enor e capacit della

ente di inventare, di i odo c9e la

pensare non deve forse essere accantonata di olto se pliceX %olo la rienza

ente innocente, infatti, la

ente c9e 9a avuto un.espe)

olto vasta e tuttavia J li*era dalla conoscenza e dall.esperienza, solo una ente" 3ltri enti <uel c9e

ente si ile pu= scoprire ci= c9e J piK di cervello e

scoprite si colora delle esperienze precedenti, e l.esperienza J il risultato di condi) ziona enti"L+4 L.esperienza passata viene proiettata sulla percezione del presente odificandola, defor andola, falsificandola" %enza la proiezione del passato non a**ia o esperienza, l.esperienza$ IDel a l.esperire, c9e J privo del dualis o fra c9i esperisce e o ento dell.esperire, non si J consapevoli di se stessi in

<uanto so&&etti c9e esperiscono distinti dall.esperienzaV si J in uno stato dell.e)


+5

@" 8ris9na urti The Krishnamurti Te4t &ollection 333"5infonet"org (adras, 3rd @anuar1 1545 Y 12,1+ ++ @" 8ris9na urti The Krishnamurti Te4t &ollection 333"5infonet"org (adras, 3rd @anuar1 1545 Y 15 +4 @" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" 2,1

21

sperire" %i prenda un ese pio assai fa iliare$ la ra**ia" Del

o ento in cui si J

arra**iati, non esistono nB colui c9e esperisce >e4periencer?, nB l.esperienza >e4< perience?, a soltanto l.esperire >e4periencing?" Don appena ne sia o fuori, un anifestarsi il so&&etto c9e esperisce e

secondo dopo la sensazione di ra**ia, ecco

l.esperienza, l.attore e l.azione con un fine in vista, <uello di li*erarsi dell.ira o di soffocarla" %ia o ripetuta ente in <uesto stato dell.esperire, se pre, &li attri*uia o un no e e lo re&istria o, dando in tal a ne venia o fuori odo continuit al

divenire"L+, L.esperienza nasce nel processo di cate&orizzazione del pensiero, del lin&ua&&io$ IDon c.J esperienza a eno c9e non a**ia luo&o conte poranea en)

te un processo di deno inazione" %e non riconosco <ualcuno co e posso avere l.esperienza di incontrarloX T;U -n altri ter ini, se non rea&isco in *ase ai cordi, ai iei condiziona enti, ai iei ri)

iei pre&iudizi, co e faccio a sapere c9e 9o

avuto un.esperienzaX C.J poi la proiezione dei vari desideri" Desidero essere pro) tetto, avere sicurezza interioreV oppure desidero avere un aestro, un &uru, un in)

se&nante, un DioV e 9o esperienza di ci= c9e 9o proiettatoV ossia 9o proiettato un desiderio c9e 9a assunto una certa for a alla <uale 9o dato un no e e a <uello rea&isco" !. una ia proiezione" -o le 9o dato un no e" Puel desiderio c9e i

procura un.esperienza

i fa dire$ R/o avuto un.esperienza." T;U -l desiderio J ci=

c9e c9ia o esperienza, non J cosAXL+5 L.esperienza nasce cosA con il processo di deno inazione e e orizzazione, entre l.esperire ne J privo$ IL.esperienza J il

ricordo dell.esperire40, non J cosAX Puando l.esperire 9a ter ine, c.J l.esperienza, il risultato" (entre si esperisce non c.J esperienzaV l.esperienza non J c9e il ricor)

+, +5

@" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" 31 @" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" 5, 40 #iten&o sia talvolta preferi*ile tradurre Re4periencing. con Resperire. piuttosto c9e con Rsperi) entare., co e 9anno fatto i traduttori"

22

do dell.esperire" 3

isura c9e lo stato dell.esperire si dissolve co incia l.espe)

rienza" L.esperienza non fa c9e i pedire se pre l.esperire, la vita vissuta"L41 L.e) sperienza J possi*ile solo perc9B vi J un riconosci ento$ IN&ni esperienza lascia un se&no, e poic9B ci sono anc9e altri se&ni, i pronte di esperienze precedenti, cosA o&ni nuova esperienza viene tradotta dall.esperienza precedente, dalla prece) dente i pronta, dal precedente ricordo" Nsservatelo dentro di voi" %i scopre c9e l.esperienza non pu= ai li*erare la ente, aiV vedia o c9e se riconoscia o

un.esperienza J soltanto perc9B l.a**ia o &i speri entata, altri enti non la rico) noscere o"L42 IColui c9e fa esperienza J il fatto speri entatoV altri enti non

potre**e riconoscere l.esperienza e non la c9ia ere**e esperienzaV l.esperienza J &i in lui pri a c9e la riconosca" -l passato dun<ue J se pre in opera e si ricono) sce$ il nuovo viene in&9iottito dal vecc9io"L43 Talvolta si ri ane sconcertati dal radicalis o di alcune affer azioni c9e in crisi il nostro senso co une$ ILa ettono

a&&ior parte della &ente J passata attraverso a esperienze c9e

le piK diverse esperienze$ non soltanto esperienze sensorie, 9anno lasciato uno strascico di reazioni e otive, di i

a&inazioni fantastic9e, di

senti enti ro antici" !ppure tutte <ueste esperienze non sono niente di piK di <ualcosa di superficiale, di insi&nificante" Forse <ualsiasi esperienza J insi&nifi) cante in se stessa"L42 L.intelli&enza non si appo&&ia a nessuna esperienza, aJ

un.inda&ine esplorativa c9e non si *asa sul passato$ I!ssere la luce di se stessi ne&a <ualsiasi esperienza" Colui c9e sta facendo l.esperienza, co e esperiente 9a *iso&no dell.esperienza per esistere e, per <uanto profonda o superficiale possa

41 42

@" 8ris9na @" 8ris9na 43 @" 8ris9na 42 @" 8ris9na

urti Meditazioni sul vivere ed" (ondadori p" 152 urti Andare incontro alla vita ed" U*aldini p" 11+ urti L%uomo alla svolta ed" U*aldini p" 112 urti &he cosa vi far cambiare ed" U*aldini p" 1,2

23

essere, il *iso&no au enta o&ni volta" L.esperienza J conoscenza, tradizioneV co) lui c9e fa l.esperienza divide se stesso per discernere tra &ioia e sofferenza, *enes) sere e distur*o" -l credente esperisce in accordo con il suo credo, con il suo condi) ziona ento" Pueste esperienze ven&ono dal conosciuto perc9B il riconosci ento J essenziale, senza di esso non c.J alcuna esperienza" N&ni esperienza lascia un se) &no, a eno c9e non la si interro pa sul nascere" N&ni reazione a una sfida J a, <uando la reazione viene dal conosciuto, la sfida perde in novi) o ento iniziano il conflitto, i distur*i e le attivit nevroti)

un.esperienza

t e vitalitV in <uel

c9e" La vera natura della sfida J <uella di c9iedere, distur*are, sve&liare, capire" (a <uando la sfida J tradotta nel passato viene evitato il presente" La convinzione dell.esperienza J la ne&azione della do anda" L.intelli&enza J la li*ert di c9iede) re, di investi&are" - credi, le ideolo&ie e l.autorit ostacolano la capacit di pene) trazione c9e viene soltanto con la li*ert"L45 IL.esperienza J una cosa e l.esperire un'altra" L.esperienza J una *arriera allo stato dell.esperire" T;U La vita J il pre) sente non l.esperienza" -l peso e la forza dell.esperienza ado *rano il presente e cosA l.esperire diviene l.esperienza" La pu= pu= ente conosce soltanto la continuit e non

ai ricevere il nuovo finc9B esiste la sua continuit" Ci= c9e J continuo non ai essere in stato dell.esperire" L.esperienza non J il ezzo per esperire, l.e)

sperire essendo uno stato senza esperienza" L.esperienza deve cessare perc9B l.e) sperire co inci" La ente pu= invitare soltanto la sua propria proiezione, il co&ni) ente cessi di spe)

to" Don pu= esservi l.esperire dell.inco&nito se non <uando la

ri entare" -l pensiero J l.espressione dell.esperienzaV il pensiero J la reazione del) la sono


45

e oriaV finc9B interven&a il pensiero non potr esservi l.esperire" Don vi ezzi, etodi per por fine all.esperienzaV poic9B &li stessi ezzi rappresen)

@" 8ris9na urti 2iario ed" U*aldini p" 42

22

tano un ostacolo all.esperire" T;U L.u ilt J essenziale per l.esperire" (a co e la ente J sollecita ad assor*ire in esperienza l.esperireS (a co e J pronta a pensa) re al nuovo facendolo cosA anticoS -n <uesto odo essa distin&ue colui c9e fa

esperienza e l.esperito, cosa c9e &enera il conflitto della dualit" Dello stato del) l.esperire, non c.J nB colui c9e fa esperienza nB l.esperito" L4+ L.inco&nito, l.i&noto a cui <ui si accenna J il presente senza le scorie del passato, J Rci= che %>3hat is?" 8ris9na urti invita a prendere in considerazione la possi*ilit di una vita c9e non si porta dietro le esperienze, le e orie positive o ne&ative delle nostre relazioni

con &li altri, affer ando c9e il condiziona ento del passato, il Rcircolo percettivo) interpretativo. c9e si attua nel te po, se piena ente co preso e capito pu= essere dissolto" %e sia o piena ente, intensa ente attenti ad un evento, J possi*ile c9e <uesto non lasci traccia nella nostra re consapevoli o ento per e oria" ! se il passato interviene, nell.esse)

o ento di <uesta intro issione e dei suoi effetti e

pericoli, il passato, il

ovi ento psicolo&ico del te po si dissolve" Ci= nell.a*i) a

tuale atte&&ia ento del nostro autore non J posto co e una verit da accettare,

co e un.eventualit, una sfida da prendere in seria considerazione, da esa inare"

3" %ensazione e desiderio" !sperire ed esperienza"

4+

@" 8ris9na urti Meditazioni sul vivere ed" (ondadori p" 33

25

La sensazione viene esa inata in prospettive diverse dal nostro autore, c9e non necessaria ente sono in contraddizione, a possono essere viste co e un ulterio)

re approfondi ento della stessa inda&ine" (entre la percezione J il processo co) noscitivo di una realt senza alcun tipo di associazione ad altre percezioni passate, e <uindi non i plica un te po psicolo&ico, la sensazione J una percezione c9e J stata defor ata da <uesto processo associativo, incanalata in una cate&oria, in una definizione, in una parola" -noltre alla presenza della sensazione c.J se pre una reazione e ozionale positiva o ne&ativa" L.e ozione stessa J sensazione co e lo J il pensiero" %oprattutto in &ommentaires on living, la sensazione stessa i plica una dina ica c9e porta a cercare se pre a&&iori sensazioni o sensazioni piK in)

tense$ ILa sensazione cerca se pre ulteriori sensazioni in cerc9i se pre piK vasti" Don c.J fine ai piaceri della sensazioneV si oltiplicano, a c.J se pre insoddi)

sfazione nel loro soddisfaci ento$ c.J se pre il desiderio di avere di piK e la ri) c9iesta del di piK non 9a fine" %ensazione e insoddisfazione sono insepara*ili, per) c9B il desiderio per lo piK li le&a insie e" La sensazione J il desiderio del piK e an) c9e il desiderio del eno" Dello stesso atto del soddisfaci ento della sensazione,

nasce l.esi&enza del di piK" -l di piK J se pre nel futuro, J la perenne insoddisfa) zione di ci= c9e J stato" M.J conflitto fra ci= c9e J stato e ci= c9e sar" La sensa) zione J se pre insoddisfazione" Uno pu= vestire la sensazione d.un so, a essa resta <uello c9e J$ una cosa della anto reli&io)

ente e una fonte di conflitto e d.ap)

prensione" Le sensazioni fisic9e &ridano se pre per avere di piKV e <uando sono frustrate ecco sor&ere ira, &elosia ed odio" T;U Puando la sensazione J contrasta) ta, si trova soddisfazione nello stesso anta&onis o c9e la frustrazione 9a provoca) to" La sensazione J se pre reazione ed erra da una reazione all.altra" L.errante J

2+

la

ente, la

ente J sensazione" La

ente J il

a&azzino delle sensazioni, piace) ente J e oria, c9e dopo

voli e s&radevoli, ed o&ni esperienza J reazione" La tutto J reazione" La reazione, o sensazione, non pu=

ai essere soddisfatta T;U La

sensazione non conosce contenta ento" La sensazione, la reazione deve se pre &enerare conflitto e lo stesso conflitto J ulteriore sensazione" T;U L.attivit della ente a tutti i suoi diversi livelli, J il prolun&a ento della sensazioneV e <uando le sia ne&ata l.espansione, trova piacere nella contrazione" La sensazione, la reazio) ne, J il conflitto de&li oppostiV e in <uesto conflitto di resistenza e di cedi ento, di concedere e ne&are, c.J una soddisfazione c9e cerca se pre ne" La a&&ior soddisfazio)

ente non pu= trovare la felicit" La felicit non J cosa da cercarsi e trovar)

si, co e la sensazione" La sensazione pu= essere ritrovata piK e piK volte, perc9B la si perde di continuoV a la felicit non si pu= trovare" La felicit ricordata J sol)

tanto sensazione, una reazione favorevole o contraria al presente" Ci= c9e J con) c9iuso non J la felicitV l.esperienza della felicita conc9iusasi J sensazione, perc9B il ricordo J il passato e il passato J sensazione" La felicit non J sensazione" T;U Puello c9e conoscete J il passato, non il presenteV e il passato J sensazione, rea) zione, e oria" Moi ricordate di essere stato feliceV e pu= dirvi il passato cosa sia a non pu= essere" #iconoscere non J felicitV sapere e)

la felicitX Hu= ricordare,

c9e cosa vo&lia dire essere felici non J felicit" #iconoscere J la risposta della oriaV e pu= la ente, c9e J l.insie e dei ricordi, delle esperienze, essere

ai fe)

liceX Lo stesso riconosci ento ini*isce l.esperire" T;U -l pensiero non pu= ai essere fonte di felicitV pu= ricordare soltanto sensazioni,

perc9B il pensiero J sensazione" Don pu= coltivare, produrre o procedere verso la felicit" -l pensiero pu= andare soltanto verso ci= c9e conosce, a il co&nito non J

24

felicitV il co&nito J sensazione" T;U Tutte le attivit della

ente sono

ere sensa)

zioni, reazioni a sti oli, a influenze"L44 Puindi la sensazione J sostanzial ente pensiero e co porta se pre insoddisfazione, frustrazione di o&ni aspettativa" Della sensazione J i plicato il passato c9e condiziona non solo le nostre dina i) c9e percettive, a anc9e le nostre aspettative spin&endoci ad identificarci con cer)

te sensazioni e a istituire un senso di distanza con altre" Della vita <uotidiana, &e) neral ente, scindia o le sensazioni spiacevoli da <uelle piacevoli, per evitare le une e inse&uire le altre, creando cosA da un lato la paura e dall.altro il desiderio" ] possi*ile essere in uno stato dove non si inse&uono o si fu&&ono le varie sensazio) niX IHotete osservare il uoversi in voi di <ueste sensazioni naturali del tutto co) olto i por)

uni, senza cadere in uno stato di identificazioneX T;U !. davvero

tante co prendere <uesto punto c9e ci porta ad affrontare il pro*le a dell.identi) ficazione Z identificazione si&nifica uno stato di attacca ento, di inestrica*ile sc9iavitK in una rete di associazioni entali"L4,

Conse&uito, ottenuto o realizzato un desiderio lo &iudic9ia o in *ase alle nostre aspettative e ne ri ania o insoddisfatti, cosA ne inse&uia o su*ito un altro piK &rande, piK a pio, piK intenso o di altro &enere" - desideri sono se pre in con) traddizione, se pre in conflitto fra loro" ILe nostre sensazioni sono distinte, sepa) rate e noi vivia o di sensazioniV noi sia o sensazioni" Hrivatevi di sensazioni pia) cevoli o dolorose e avre o cessato di essere" Le sensazioni sono i portanti per noi e si identificano col senso di separazione, di distacco" T;U (a le sensazioni sono se pre in lotta l.una contro l.altra T;U -l conflitto J inerente alla sensazio) ne"L45
44 4,

@" 8ris9na urti Meditazioni sul vivere ed" (ondadori pp" 23+)23, @" 8ris9na urti &he cosa vi far cambiare ed" U*aldini p" 20 45 @" 8ris9na urti Meditazioni sul vivere ed" (ondadori p" 44

2,

Don solo,

a il desiderio stesso crea la paura del non ra&&iun&i ento del proprio o ento di &ioia J destinato inevita*il ente a

o&&etto e il tentativo di rivivere un

fallire$ I] la lotta per ripetere e protrarre il piacere c9e si trasfor a in sofferenza" 'uardatelo in voi stessi" Hroprio il volere c9e il piacere si ripeta &enera dolore poic9B esso non J lo stesso di ieri" Lottate per ra&&iun&ere la stessa &ioia, non solo per il vostro senso estetico, a per la stessa inti a <ualit della ente, e siete ur)

tati e dispiaciuti perc9B vi J ne&ato" 3vete osservato cosa accade <uando vi viene ne&ato un piccolo piacereX Puando non ottenete <uello c9e volete diventate ansio) si, invidiosi, pieni di odio" 3vete ai notato <uando vi viene ne&ato il piacere di

*ere o di fu are o del sesso o di <ualsiasi cosa Z avete notato c9e *atta&lia dovete fareX ! tutto ci= J una for a di paura, non J veroX 3vete paura di non ottenere <uello c9e volete o di perdere <uello c9e avete"L,0 CosA anc9e se dividia o concettual ente ed e otiva ente il piacere dalla paura, sono inti a ente colle&ati nella loro dina ica" -l desiderio nasce dalla volont di conse&ui ento, dalla ricerca di ripetizione, di reiterazione di una sensazione o di un.esperienza passata" %ensazione ed esperienza fanno se pre parte del passato cristallizzato, orto, cate&orizzato se pre diverso rispetto al presente e <uindi

portano all.insensi*ilitV la ali entano" 3ll.ori&ine sia del desiderio c9e dell.espe) rienza vi sare**e il pensiero, c9e sor&endo dalla e oria inse&ue la ripetizione

delle esperienze e dei piaceri passati" ILa ripetizione, con le sue sensazioni, non J, per no*ile e piacevole c9e sia, lo stato dell.esperireV la costante ripetizione di un rito, di una parola, di una pre&9iera, J una sensazione &radevole a cui si d un ter) ine no*ile" (a l.esperire non J sensazione T;U L.effettivo, il ci= c9e J, non pu= essere co preso
,0

ediante

era sensazione" - sensi 9anno una parte li itata,

@" 8ris9na urti Libert dal conosciuto ed" U*aldini p" 2,

25

co prendere o esperire si trova al di l e al di sopra dei sensi" La sensazione di) viene i portante solo <uando cessa l.esperire T;U L.esperire non J continuitV perc9B ci= c9e 9a continuit J sensazione, <uale c9e sia il suo livello" La ripetizio) ne della sensazione d l.apparenza di una nuova esperienza, possono a le sensazioni non

ai essere nuove" La ricerca del nuovo non sta nelle sensazioni reiterate"

-l nuovo viene in essere soltanto <uando vi sia l.esperireV e l.esperire J possi*ile soltanto <uando lo sti olo e la ricerca della sensazione siano cessate" -l desiderio della ripetizione di un.esperienza J la caratteristica vincolante della sensazione, e l.arricc9i ento della e oria J l.espansione della sensazione" -l desiderio della

ripetizione di un.esperienza, se vostra o di un altro, porta all.insensi*ilit T;U L.esperire pu= venire soltanto con l.assenza del desiderio della sensazione"L ,1 La ricerca di reiterare, ripetere le sensazioni J a&ire secondo l.esperienza, J *iso&no di continuit$ I-l o ento dell.esperire J del tutto diverso dal perse&ui ento del)

la sensazione" Dell.esperire non c.J coscienza dello speri entatore e delle sue sensazioni" Puando l.esperire &iun&e alla fine, J allora c9e co inciano le sensa) zioni di colui c9e 9a esperienzaV e sono <ueste sensazioni c9e colui c9e 9a espe) rienza cerca ed esi&e" Puando le sensazioni diven&ono una necessit, allora la sica, il fiu e, il dipinto non sono c9e u)

ezzi per un ulteriore sensazione" Le sensa)

zioni diven&ono d.i portanza fonda entale, esse e non l.esperire" -l desiderio di ripetere un.esperienza J la ric9iesta di sensazioni, e entre le sensazioni possono

essere ripetute, l.esperire non lo pu=" !. il desiderio della sensazione c9e ci co) strin&e ad attaccarci alla usica, a possedere la *ellezza" T;U Le sensazioni 9anno a l.esperire non J en)

un principio e una fine, possono essere ripetute e diffuseV

tro i li iti del te po" Ci= c9e J essenziale J l.esperire, c9e viene ne&ato durante la
,1

@" 8ris9na urti Meditazioni sul vivere ed" (ondadori pp" +2)+2

30

ricerca della sensazione" Le sensazioni sono li itate, personali, causano conflitto e doloreV a l.esperire c9e J del tutto differente dalla ripetizione di un.esperienza,

J senza continuit" %oltanto nell.esperire c.J rinnova ento, trasfor azione"L,2 Hercezione ed esperire sono <uindi processi in cui il te po psicolo&ico, la conti) nuit data dalla te po co e e oria sono assenti, entre nella sensazione e nell.esperienza il e oria J i plicato"

ovi ento psicolo&ico c9e si ori&ina dalla

Delle pu**licazioni successive a &ommentaries on living, J c9iarito co e la sen) sazione non necessaria ente i plica un *iso&no, una volont di reiterazione e <uindi non necessaria ente i plica il desiderio anc9e se spesso J <uello c9e acca) de nella nostra vita <uotidiana" -l desiderio pu= dissolversi se co prendia o ap) pieno, effettiva ente la sua dina ica nel o ento stesso in cui sor&e" ] il pen) a&ine c9e J desiderio$ ILa nostra

siero c9e a partire dalla sensazione crea un.i

vita J *asata sulla sensazione e sul desiderio, e c9iedia o$ c9e relazione c.J in realtX Puand.J c9e la sensazione diviene desiderioX Pual J l.atti o in cui il desi) derio diviene do inanteX Medo una *ella La prendo fra le nella acc9ina foto&rafica, l.ulti o odello"

ani e la &uardo, e c.J una sensazione di osservazione Z si vede a&nifica ente, assai co plessa, di &ran va)

acc9ina foto&rafica, costruita

lore, il piacere del possesso, il piacere di fare foto&rafie" Dun<ue, <uesta sensazio) ne c9e cosa 9a a c9e fare con il desiderioX Puand.J c9e il desiderio co incia a fiorire in azione e dice$ RDe**o averla.X 3vete sensazione, sia esso dovuto al sesso, o al ca <uando si &uarda tutto il ai osservato il ovi ento della

inare nelle valli o al salire sui colli,

ondo da una &rande altezza, o al vedere un *el &iardino inuscolo pratoX Moi vedete tutto ci=V c9e cosa

entre dietro casa avete solo un

accade poi, c9e cosa trasfor a la sensazione in desiderioX T;U Herseverate in <ue)
,2

@" 8ris9na urti Meditazioni sul vivere ed" (ondadori p" +5

31

sta do anda$ c9e relazione c.J tra sensazione e desiderioX Herseverate senza cer) care di trovare una risposta, a &uardando, osservando, vedendone le i plicazio)

ni$ allora scoprirete c9e la sensazione c9e J naturale viene trasfor ata in desiderio <uando il pensiero crea un.i a&ine a partire dalla sensazione" CioJ, c.J la sensa) acc9ina foto&raficaV poi interviene il pen) acc9ina foto&rafica7" Dun<ue il pensiero o ento nasce il deside)

zione di vedere <uella costosa e *ella siero c9e dice$ 6Morrei avere <uella crea l.i

a&ine a partire da <uella sensazione e in <uel

rio" Nsservate voi stessi, inda&ate" Don avrete *iso&no di nessun li*ro, di nessun filosofo, di nessuno Z se plice ente osservate, con pazienza, a titolo di prova, e in poc9issi o te po arriverete a <uesto"L,3 -l desiderio J la creazione di un.i a&ine di possesso in *ase ad una sensazione$

I%e osservate vedete c9e c.J una sensazione visiva al vestito o alla ca icia" Hoi c.J il contatto, <uando entrate nel ne&ozio a toccare la stoffa per sentire la <ualit, per rendervi conto di c9e cosa sono i fatti" 3 <uesto punto il pensiero crea un.i ) a&ine e nasce il desiderio" !. solo <uando il pensiero crea un.i a&ine c9e il

desiderio co incia ad esistereV altri enti non c.JL",2 ] possi*ile avere le co uni sensazioni senza l.intervento del pensiero c9e crea un.i a&ineX ICosa sono le

e ozioniX %ono sensazioni, noX Medete una *ella auto o*ile, o una casa stupen) da, una donna o un uo o *ellissi i, e la percezione sensoriale risve&lia i sensi" Cosa accade alloraX Contatto e <uindi desiderio" 3 <uesto punto interviene il pen) siero" %iete in &rado di fer arvi lA e non lasciare c9e il pensiero interven&a e assu) a il controlloX Medo una casa stupenda, le proporzioni sono &iuste, 9a un prato e un *el &iardino, tutti i sensi rea&iscono a <uella *ellezza Z J *en tenuta, ordinata,
,3 ,2

@" 8ris9na urti 1ltimi discorsi ed" U*aldini p" 4+ @" 8ris9na urti &he cosa vi far cambiare ed" U*aldini p" 1++

32

pulita" Herc9B non vi fer ate lA e non i pedite c9e il pensiero interven&a e dica$ 6Devo averla7 e tutto il restoX 3llora vedreste c9e le e ozioni, o le sensazioni sono naturali, sane, nor ali" Tutti i &uai co inciano <uando il pensiero prende il sopravvento" Dun<ue *iso&na scoprire da soli se J possi*ile &uardare <ualcosa con tutti i propri sensi e fer arsi lA, senza procedere oltre, fateloS Ci vuole uno straor) dinario senso di consapevolezza in cui non c.J controlloV nessun controllo e perci= niente conflitti" Li itatevi ad osservare total ente Rci= c9e J., tutti i vostri sensi risponderanno, fer atevi lAL",5 Dopo &li anni .50 il ter ine sensazione assu e un ruolo diverso$ IPuesta J la se) <uenza$ percezione, contatto, sensazione, ed J del tutto naturale, sana" Hoi il pen) siero si i possessa della sensazione, crea un.i a&ine e nasce il desiderio"L ,+

ICo e nasce un forte desiderio per <ualcosa, e persino il desiderio c9e si oppone al desiderio stessoX T;U C.J la percezione visiva, poi la sensazione, poi il contat) to, e da <uesto si produce il desiderio T;U Hercezione, sensazione, contatto, desi) derio" ! se il desiderio J frustrato ra**ia" Puesta J la se<uenza" HiK tutto il resto c9e ne conse&ue, la violenza e cosA via" Herci= i reli&iosi, i onaci 9anno se pre

detto$ 6%iate senza desiderio, controllate il desiderio, repri etelo" Nppure se non ci riuscite trasferitelo su <ualcosa di piK de&no$ Dio, l.illu inazione o la verit7L",4 ] il desiderio della ripetizione c9e J pericoloso non la sensazione in sB" Puesto ca *ia ento J adottato per rendere piK c9iaro c9e non si propone un at) te&&ia ento oralistico$ I! se dun<ue capite c9e dove c.J ricerca del piacere odo c9e vi pare, a non andate proprio a

deve esserci anc9e dolore, vivete nel

cacciarvici" T;U %e tuttavia volete por fine al piacere dovete essere total ente at)
,5 ,+

@" 8ris9na urti >erit e realt ed" U*aldini p" 115 @" 8ris9na urti Andare incontro alla vita ed" U*aldini p" 40 ,4 @" 8ris9na urti 1n diverso modo di vivere ed" U*aldini p" 4,

33

tenti, e <uesto J il

odo per por fine al piacere, all.intera struttura del piacere Z onaci o i san1asi, senza ai &uardare una don)

non ta&liatelo fuori co e fanno i

na perc9B credono sia peccato e c9e <uindi distru&&a la vitalit della loro co ) prensione, a vedendone l.intero si&nificato e i portanza" 3llora proverete una

straordinaria &ioia nella vita"L,, (a se le sensazioni, prolun&ate attraverso la e oria e <uindi il pensiero, posso)

no essere un pericolo non vi J assoluta ente un atte&&ia ento ascetico o un invi) to all.ascesi o una de onizzazione del desiderio$ IC9i vi parla J del tutto contra) rio a repri ere il desiderio, perc9B non J cosA c9e il pro*le a potr essere risolto T;U Doi dicia o$ R!sa inate, &uardate osservate il desiderio co e un fatto c9e accade$ non fateci sopra delle analisi"L,5 INsservare le sensazioni fisic9e senza re) pri erle o esa&erarle ed essere vi&ilanti, attenti c9e esse non filtrino nel re&no psi) colo&ico interiore a cui non apparten&ono Z <ui sta la nostra difficolt" L.intero processo accade cosA rapida ente perc9B noi non lo capia o, non l.a**ia o co ) preso, non a**ia o esa inato effettiva ente ci= c9e accade in realt" T;U Ci oc) cupia o del desiderio e della co prensione di esso, non del fattore a**rutente del repri erlo, evitarlo o idealizzarlo" Don potete vivere senza il desiderio" Puando avete fa e avete *iso&no di ci*o" (a co prendere c9e vuol dire esa inare tutta l.attivit del desiderio J dar&li il posto &iusto" -n <uesto odo non sar piK fonte

di disordine nella nostra vita <uotidiana"L50 I-l desiderio crea la contraddizione, e la ente co pleta ente sve&lia non a a vivere nella contraddizioneV per <uesto ente riesce a co prendere il desiderio

cerca di li*erarsi dal desiderio" (a se la

senza cercare di spazzarlo via, senza dire$ RPuesto desiderio J *uono e <uello J
,, ,5

@" 8ris9na urti Libert dal conosciuto ed" U*aldini p" 25 @" 8ris9na urti &he cosa vi far cambiare ed" U*aldini p" 1+5 50 @" 8ris9na urti Lettere alle scuole ed" U*aldini p" 54

32

cattivo, conserver= il pri o e

i s*arazzer= del secondo.V se riesce a essere con)

sapevole della portata &lo*ale del desiderio senza rifiutare, sce&liere o condannare, allora vedrete c9e la desiderio" %e lo co prendete real ente, la deri sor&ono, ente J desiderio, non J separata dal ente diventa olto tran<uilla" - desi)

a non 9anno piK i pattoV non 9anno piK <uel &rande peso, non ente e non creano piK pro*le i" La a la reazione J i ediata e non ente rea&isce, altri) ette radici" Her <uesto a&&ior parte

ettono radici nella

enti non sare**e viva,

J i portante co prendere l.intero processo del desiderio in cui la

di noi J in&a**iata" !ssendo in&a**iati ne avvertia o la contraddizione, l.infinito doloreV lottia o contro il desiderio, e la lotta &enera dualit" %e invece riuscia o a osservare il desiderio senza &iudizio, valutazione o condanna, scoprire o c9e non etter piK radici" T;U -l punto, dun<ue, non J risolvere il desiderio, derlo, e possia o farlo solo se non lo condannia o"L51 (a il desiderio, il *iso&no di reiterare sensazioni piacevoli nasce anc9e da un vuo) to, da un.insufficienza psicolo&ica$ IUna persona vede <ualcosa di eravi&lioso, a co pren)

9a un contatto visivo e fisico, sensoriale, poi 9a la sensazione, poi sente c9e <uella cosa &li anca" ! da ci= nasce il desiderio" !. a**astanza c9iaro" Herc9B la ente,

l.intero or&anis o sensoriale avverte <uesta c9e ci senso di

ancanzaX Herc9B si 9a <uesto senso

anc9i <ualcosa e c9e lo vo&lia oX T;U 3llora perc9B provia o <uesto ancanza e di desiderioX Herc9B la ente u ana, o &li uo ini, cercano

se pre <ualcosa Z a parte la conoscenza tecnica, le lin&ue ecc"X Herc9B c.J un senso di desiderio, di ancanza, la continua ricerca di <ualcosaX T;U Co e ai

c.J <uesta sensazione di *iso&no" Herc9B

anca una sensazione di co pleta auto)

sufficienzaX Herc9B si 9a <uesta vo&lia ardente di <ualcosa c9e soddisfi e avvol)


51

@" 8ris9na urti Sul conflitto ed" U*aldini p" 22

35

&aX !. cosA perc9B nella

a&&ior parte di noi c.J un senso di vacuit, di solitudine, ancaX La conoscenzaX Z la conoscenza J

un senso di vuotoX T;U Dun<ue cosa ci

accu ulazione di esperienza, psicolo&ica o scientifica o di altro tipoV cioJ cono) scenza nel passato" Conoscenza J passato" !. <uesto c9e vo&lia oX !. di <uesto c9e sentia o la ancanzaX !. per <uesto c9e sia o stati educati, ad ac<uistare ondo della tec)

tutta la conoscenza c9e J possi*ile avere, per a&ire con a*ilit nel nolo&iaX N provia o un senso di vuoto, di

ancanza al livello psicolo&ico, inte) an)

rioreX Ci= si&nifica c9e cerc9erete di rie pire <uel vuoto interiore, <uella

canza con l.esperienza, cioJ con la conoscenza c9e avete accu ulato" Cerc9erete dun<ue di rie pire <uel vuoto, <uel senso di i ensa solitudine, con <ualcosa

c9e il pensiero 9a creato" Dun<ue, il desiderio deriva da <uesta ur&enza di rie pi) re il vuoto" Dopo tutto, <uando cercate l.illu inazione, o l.autorealizzazione, co e la c9ia ano &li indK, anc9e allora J una for a di desiderio" La sensazione di i&noranza sco parir o verr scenza i essa da parte, o dissolta ac<uistando una cono) ai di un processo di investi&a)

ensa, l.illu inazione" Don si tratter

zione su Rci= c9e J., te Rci= c9e J.,

a piuttosto di ac<uisizioneV non sar &uardare effettiva en)

a piuttosto ric9iedere <ualcosa c9e potre**e essere, o sperare in

una piK vasta esperienza, una piK vasta conoscenza" Herci= evitia o se pre 6ci= c9e J7L"52 Confrontando vari testi si possono talvolta riscontrare de&li slitta enti se antici, diverse sfu ature, nell.uso dei ter ini sensazione, piacere, desiderio, soprattutto, se fra loro c.J una certa distanza ne&li anni" Hossia o per= rilevare c9e il senso &enerale del discorso ri ane co plessiva ente coerente perc9B o&ni volta J es)

so in luce co e sia l.ele ento te porale della ricerca di continuit, consapevole o


52

@" 8ris9na urti >erit e realt ed" U*aldini p" 2,)50

3+

inconsapevole, c9e costituisce un ele ento di distorsione e di pericolo psicolo&i) co" Puesto pericolo pu= essere c9ia ato in *ase ai vari contesti sensazione, piace< re, desiderio o pensiero J se pre lo stesso pro*le a c9e viene trattato$ l.essenza di <uesto pericolo J se pre costituito dall.aspetto te porale, J in &enere priva dell.ele ento te porale" entre la percezione

2" 3tte&&ia ento olistico"

Dell.autore preso in considerazione trovia o spesso sottolineata la rilevanza di un approccio olistico53 nei confronti di varie <uestioni e pro*le i, e anc9e per <uanto ri&uarda i sensi viene ri*adita <uesta esi&enza" !siste la possi*ilit di una perce) zione olisticaX ] <ualcosa c9e possia o ottenere solo tra ite una <ualc9e sostan) za c9e influenzi il nostro siste a nervoso o pu= accadere nella nostra <uotidianit se c.J una particolare intensit ed ener&iaX I-l cervello J il centro di tutti i sensi, a in realt noi ci servia o solo di uno o due sensi" -n effetti non conoscia o la condizione in cui tutti i sensi sono piena ente desti e funzionano tutti insie e al assi o livello" 'li esseri u ani si contentano di un funziona ento parziale" Puando tutti i sensi sono risve&liati e il cervello funziona appieno, allora il sB sco pare e il cervello 9a una <ualit ed un ener&ia total ente diverse"L52
53

RNlistico. si&nificativa ente J uno dei poc9i ter ini usati da 8ris9na urti c9e non fa parte del lin&ua&&io <uotidiano" 52 LaGs9 i Hrasad &onversazioni con Krishnamurti ed" (editerranee p" 105

34

Puando <uest.attivit percettiva J al spazio per

assi o &rado pensieri e desideri non 9anno

anifestarsi" ILa parola sensazione si&nifica l.attivit dei sensi" L.atti) eno c9e tutti i sensi non siano perfet)

vit dei sensi J se pre parziale, li itata, a

ta ente desti" Moi volete se pre <ualcosa di piK, perc9B la sensazione passata non *asta" !siste un.attivit olistica per tutti i sensiX Hoic9B le vostre sensazioni sono li itate voi assu ete dro&9e e altre sostanze del &enere per provarne di piK inten) se" (a poic9B anc9e <ueste sono li itate voi ne cercate delle altre" Puando cerca) te altre sensazioni J perc9B le vostre sono parziali" 3llora c9iedo$ c.J una consape) volezza olistica di tutti i sensi tale c9e non si cerc9ino ai sensazioni piK intenseX

! dove c.J <uesta consapevolezza totale di tutti i sensi, una consapevolezza dei sensi in se stessi, allora non esiste un centro dal <uale nasce una consapevolezza di <uella totalit" Puando voi &uardate <uelle colline se riuscite a &uardarle non soltanto con &li occ9i ) i nervi ottici in azione Z a con tutti i sensi, con tutta la e" Puando non

vostra ener&ia, con tutta la vostra attenzione, allora non esiste il c.J il

e non c.J desiderio di <ualcosa di <ualcosa di piK o il tentativo di ra&&iun)

&ere <ualcosa di piK &randeL"55 IPuando &uardate e ascoltate con tutti i vostri sen) si senza il ovi ento del pensiero c.J solo un adesso e ai un do ani"L5+

IPuando i sensi funzionano nella loro totalit e naturalezza, allora il desiderio non 9a spazio alcuno per anifestarsi"L54

La capacit di sentire con tutti i sensi J sensitivit, sensi*ilit, *ellezza$ ILa sensi) tivit e la sensazione sono due cose diverse" Le sensazioni, le e ozioni, i senti) enti lasciano se pre residui, il cui accu ularsi ottunde e distorce" Le sensazioni sono se pre contraddittorie e <uindi conflittuali, il conflitto ottunde se pre la
55 5+

@" 8ris9na urti Andare incontro alla vita ed" U*aldini p" 143 @" 8ris9na urti Sintesi ed" L.et dell.ac<uario p" 21 54 @" 8ris9na urti &he cosa vi far cambiare ed" U*aldini p" 45

3,

ente, perverte la percezione" T;U Hoic9B le sensazioni, i senti enti producono conflitto, per evitare il conflitto si J fatto ricorso alla disciplina, al controllo, alla repressione, voca a <uesto crea soltanto resistenza e <uindi au enta il conflitto e pro)

a&&iore ottusit e insensi*ilit" La santificazione del controllo e della re)

pressione e<uivale a santificare l.insensi*ilit e la *rutale stupidit, c9e sono o&) &etto di tanto rispetto" La sensitivit J il orire di o&ni residuo di sensazioneV es)

sere sensitivi, co pleta ente e intensa ente, a un fiore, a una persona, a un sorri) so si&nifica non avere la cicatrice del ricordo, poic9B o&ni cicatrice distru&&e la sensitivit"L5,

La *ellezza

5,

@" 8ris9na urti Taccuino ed" U*aldini p" 153

35

3nc9e per <uanto ri&uarda la *ellezza le considerazioni di 8ris9na urti sono tut) t.altro c9e siste atic9e ed univoc9e ed un esa e analitico dei sin&oli aspetti in essa i plicati e dei ter ini usati potre**e fare pensare in un pri o luo&o a certe contraddizioni o incon&ruenze" Le sue riflessioni spesso scaturiscono da esperienze e situazioni di vita <uotidiana facil ente condivise, su cui si inseriscono ori&inali interro&ativi filosofici ed esi) stenziali" Un volto *en proporzionato, un co porta ento co posto, una scultura, un te ) pio o una cattedrale, un aereo, i delicati in&rana&&i di un orolo&io o un co puter possono far parte della *ellezza, a l.autore preferisce piK spesso far riferi ento assi a ani)

alle *ellezze della natura" Le *ellezze naturali se *rano essere la

festazione della *ellezza sensi*ile, perc9B la *ellezza creata dall.uo o scaturisce dalla conoscenza, c9e J se pre li itata, entre la natura non J &enerata dal pen)

siero, c9e J un processo li itato e li itante" Puando sia o in presenza di <ualcosa c9e J straordinaria ente *ello la nostra ente si ac<uieta natural ente, spontanea ente, scorda il suo <uotidiano trava) &lio, le preoccupazioni, l.ansiet, le aspirazioni, le a *izioni, le paure, e se pur per poc9i istanti, psicolo&ica ente non sia o piK presenti, a J presente solo il

nostro o&&etto di osservazione$ IC9e cosa accade real ente <uando vedia o <ualcosa di olto *ello, co e pu= esserlo una aest di <uella onta&na piena di neve contro il onta&na, la sua i ensit, il

cielo azzurroX Her un atti o la

suo profilo c9e si sta&lia contro il cielo annullano <ualsiasi interesse c9e io a**ia

20

per

e stesso" -n <uell.atti o non ci sono io c9e &uardo" ] proprio la &randezza di onta&na c9e 9a dissolto in e, per un atti o, o&ni interesse per e stes)

<uella so"L55

La *ellezza J assenza dell.io, dell.e&o" 3 volte ci= J espresso in

aniera collo)

<uiale$ I<uando voi non siete allora vi J *ellezzaL, altre volte con un lin&ua&&io piK filosofico$ Ila *ellezza J <uello stato dell.essere in cui l.io J assenteL" (a, co e <uando dia o un nuovo &iocattolo ad un *a *ino c9e diventa silenzio) so e ne viene co pleta ente assor*ito per <ualc9e te po, tornando dopo un po. a fare capricci e dispetti, cosA anc9e a noi pu= capitare di essere assorti da <ualcosa di *ello c9e ci 9a reso per <ualc9e istante cal i, silenziosi e intensa ente attenti, per tornare poi alla nostra a*ituale attivit entale per lo piK e&ocentrica" La do)

anda c9e ci do**ia o porre a <uesto punto e se possia o essere in <uesto stato di assenza del sB anc9e indipendente ente da un <ualcosa di esterno a noi, perc9B altri enti ne diverre o dipendenti"

-l perse&ui ento, la ricerca delle *ellezze sensi*ili e l.evitare, il fu&&ire o porre resistenza verso ci= c9e viene reputato *rutto svilisce la *ellezza interiore, la sen) si*ilit$ ILa sensi*ilit, la vulnera*ilit a ci= c9e J, J essenziale, non J veroX Doi a**ia o *iso&no di identificare noi stessi con ci= c9e definia o *ello e di evitare ci= c9e dicia o *rutto" Mo&lia o identificarci col *el &iardino e c9iudere &li oc) c9i davanti al villa&&io dal cattivo odore" Mo&lia o resistere e tuttavia ricevere" N&ni identificazione non J resistenzaX !ssere consci del villa&&io, del &iardino senza resistenza, senza confronto, J essere sensi*ili" T;U La sensi*ilit, la vulne) ra*ilit J un processo totale, non lo si pu= ta&liare fuori a un dato livello di co o) do" T;U Puesta considerazione, <uesta adorazione della *ellezza J una fu&a da
55

@" 8ris9na urti Andare incontro alla vita ed" U*aldini p" 1+2

21

ci= c9e JL,100 da ci= c9e noi stessi sia o" ! co e possia o essere sensi*ili se non sia o consapevoli di ci= c9e sia oX IL.a *izioso, l.a*ile, colui c9e perse&ue la *ellezza non fanno c9e adorare le loro stesse proiezioni" Costoro sono total ente c9iusi in se stessi, 9anno eretto un uro intorno a se stessiV e poic9B nulla pu= vi)

vere nell.isola ento, c.J dolore, infelicit" Puesta ricerca della *ellezza, <uesto continuo parlare d.arte sono rispetta*ili evasioni, se stessiL"101 La ricerca della sicurezza psicolo&ica, o la sua difesa, sono la ne&azione della *el) lezza e della sensi*ilit" !ssere certi J essere c9iusi in se stessi, invulnera*ili" %e non si J aperti, esposti ai pericoli non si pu= essere sensi*ili, e la sensi*ilit J *el) lezza$ IDe&are la *ruttezza e attenersi al *ello vuol dire essere insensi*ili" La col) tivazione dell.opposto deve se pre restrin&ere la ente" T;U Doi vo&lia o ac) olto sti ate, dalla vita, c9e J

cor&erci soltanto della *ellezza e ci appartia o da ci= c9e non J *ello" Puesta soppressione se plice ente &enera insensi*ilit, non deter ina l.apprezza ento della *ellezza" -l *ene non sta nel &iardino lontano dal villa&&io, a nella sensi*i)

lit c9e si trova al di l di entra *i" De&are o identificare porta alla ristrettezza, c9e J insensi*ilit" T;U Un fatto affrontato senza e ozione, senza ne&are o &iusti) ficare, non porta conflitto" Un fatto in sB non 9a oppostoV 9a opposto solo <uando c.J un atte&&ia ento &radevole o difensivo" ] <uesto atte&&ia ento c9e eri&e le ura&lie dell.insensi*ilit e distru&&e l.azione" %e preferia o ri anere nel &iardi) no, c.J resistenza al villa&&io, e dove c.J resistenza non pu= esservi azione, tanto nel &iardino <uanto verso il villa&&ioL"102 -n <uesto te a del &iardino <ui citato in <uesti due *rani, presenti nei racconti filosofici pu**licati durante &li anni .50 dal
100 101

@" 8ris9na urti Meditazioni sul vivere ed" (ondadori p" 151 @" 8ris9na urti Meditazioni sul vivere ed" (ondadori p" 151 102 @" 8ris9na urti Meditazioni sul vivere ed" (ondatori p" 50

22

titolo RCo

enteries on livin&., possia o rintracciare sicura ente la critica di a potre**e anc9e esservi una perplessit o e)

o&ni atte&&ia ento estetizzante, &lio un

onito nei confronti del &iardino co e luo&o privile&iato di educazione,

te a talvolta presente nelle culture orientali e nelle opere di #a*indranat9 Ta&ore e 8a9lil 'i*ran" L.ar&o entazione 9a co un<ue per il nostro autore una validit intrinseca perc9B talvolta la possia o rintracciare al di l di <uesto specifico contesto$ I!ssere sen) si*ili si&nifica essere consapevoli non solo delle cose c9e si dicono *elle, a an)

c9e di <uelle c9e ven&ono definite *rutte" -l fiu e, i ca pi verde&&ianti con &li al) *eri in lontananza, le nuvole di sera _ <ueste sono le cose c9e dicia o *elle" poveri contadini sporc9i e affa ati, la &ente c9e vive nello s<uallore o c9e 9a po) c9e capacit di pensiero e di senti ento _ tutto ci= viene definito *rutto" %e ci fai caso, vedrai c9e la a&&ior parte di noi tende ad attaccarsi alle cose *elle e a

escludere dalla coscienza <uelle *rutte" (a non J i portante essere sensi*ili a ci= c9e c9ia ia o *ruttezza tanto <uanto alla *ellezzaX ] la ancanza di sensi*ilit

c9e ci porta a dividere la vita in *ello e *rutto" (a se sia o aperti, ricettivi, sensi) *ili al *rutto <uanto al *ello, allora vedre o c9e sono entra *i pieni di si&nificato e tale percezione arricc9ir la nostra vitaL"103 La *ellezza <uindi non J nel &iudica) re o sce&liere ci= c9e J *ello, a nella sensi*ilit verso o&ni aspetto della vita sen)

za alcun tipo di esclusione o di scelta precostituita" -l nostro autore cerca di evitare una ri&ida dicoto ia tra *ellezza sensi*ile e *el) lezza interiore$ ILa *ellezza J so&&ettiva o o&&ettivaX %e tu fossi cieco, se fossi sordo e non potessi udire la usica, saresti privo di *ellezzaX N la *ellezza J piut)

tosto <ualcosa di interioreX Huoi non vedere con i tuoi occ9i, puoi non udire con le
103

@" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" 21,

23

tue orecc9ieV

a se 9ai l.esperienza di <uesta condizione di totale apertura, di sen)

si*ilit a tutto, se sei profonda ente consapevole di tutto ci= c9e accade dentro di te, di o&ni pensiero, di o&ni senti ento Z non c.J *ellezza anc9e in <uelloX Hen) sia o c9e la *ellezza sia fuori di noi" !cco perc9B co pria o <uadri e li appen) dia o al uro, perc9B desideria o possedere *ei sari, vestiti, tur*anti, e circon)

darci di *ei o&&etti$ te ia o infatti, c9e in assenza di un riferi ento o&&ettivo, <ualcosa dentro di noi andr perduto" (a si pu= dividere la vita, l.intero processo dell.esistenza, in so&&ettivo e o&&ettivoX Don J forse un processo unitarioXL102 Fra Rinterno. ed Resterno. vi J un unico ovi ento"

(a nello stesso te po viene sottolineata l.i portanza della *ellezza interiore$ ILa *ellezza J in noi, non necessaria ente nelle cose c9e ci circondano" Puando le cose c9e ci circondano diventano i portanti e noi investia o in esse la *ellezza, allora la *ellezza c9e J in noi di inuisce T;U La dipendenza dalla *ellezza di una linea, o dalla &razia di un volto, sicura ente di inuisce l.osservatore stesso, il c9e non si&nifica c9e do**ia o to&liere di ezzo la *ellezza di una linea o la &ra)

zia di un voltoV si&nifica c9e <uando le cose fuori di noi ac<uistano &rande si&nifi) cato sia o interior ente i poveritiL105 L.assenza dell.io, pur essendo uno stato di stupore, natural ente non J un invito a vivere passiva ente, co e un ve&etale, o ad uno stile di vita ascetico o cante, ortifi)

a J piuttosto essere pervasi da una condizione di estasi, di &ioia, una con)

dizione in cui la personalit, l.io psicolo&ico J co pleta ente ne&ato, trasceso" L.estetica di 8ris9na urti si confi&ura <uindi essenzial ente co e un inda&ine sul sB, perc9B J nel processo dell.auto)conoscenza, nella piena co prensione, una
102 105

@" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli pp" 21,)5 @" 8ris9na urti La sola rivoluzione ed" U*aldini p" 121

22

co prensione non intellettualistica dell.io e delle sue dina ic9e c9e il sB pu= es) sere trasceso o dissolto$ IPuanto e&lio conoscete voi stessi, tanto piK c.J in voi ai ter ine _ non si arriva ad alcun con) ano

c9iarezza" La conoscenza di sB non 9a

se&ui ento tan&i*ile, ad alcuna conclusione" ] co e un fiu e infinito" (an

c9e lo studio di sB procede e va se pre piK in profondit, si trova la pace" %oltanto <uando la ente J tran<uilla _ attraverso la conoscenza di sB e non attraverso

un.autodisciplina i posta _ solo allora, in <uella tran<uillit, in <uel silenzio, la realt viene alla luce" %olo allora ci pu= essere *eatitudine, ci pu= essere azione creativa" %enza <uesta co prensione, senza <uesta esperienza, i se *ra c9e li)

itarsi a le&&ere li*ri, fre<uentare di*attiti, fare propa&anda, sia tal ente infantile _ se plice ente un attivit senza olto si&nificatoV laddove, se si J capaci di

co prendere se stessi e, dun<ue, di realizzare la felicit creativa, l.esperienza di <ualcosa c9e non J della rapporto i vivia oL"10+ Don vi J una realt tuito da onolitica del sB, esso J piuttosto un processo vivente costi) ente, allora forse ci pu= essere una trasfor azione nel ondo in cui

ediato con ci= c9e ci circonda e, <uindi, nel

olteplici aspetti stratificati e in divenire in continua interazione fra loro,

dove non c.J una linea di confine, di de arcazione fra conscio, inconscio, fra li) velli superficiali e <uelli profondi, co e spesso J stato affer ato o dato per scon) tato in a *ito psicolo&ico e psicanalitico" -l porre, il postulare o l.accettare una divisione netta fra conscio, inconscio e su*conscio contri*uisce ad au entare il conflitto"

10+

@" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" 12

25

-l sB J l.identit personale e il ia o&lie, il

ovi ento dell.identificazione$ la

ia professione,

io conto in *anca" L.6io7, il 6sB7, il 6 e7, l.6e&o7, il 6 io7 sono

attacca ento" 3ttacca ento ad un.idea, una propriet, una persona, un ricordo" IL.idea, la e oria, la conclusione, l.esperienza, le varie for e, espri i*ili e e)

inespri i*ili, delle intenzioni, lo sforzo cosciente per essere o non essere, la

oria accu ulata nell.inconscio, della razza, del &ruppo, dell.individuo, del clan, e l.insie e di tutto <uesto, c9e sia proiettato esterna ente nell.azione o spiritual) ente sotto for a di virtKV l.anelito a tutto ci= costituisce il sB" -n esso sono inclu) si la co petizione e il desiderio di essere" L.intero processo c9e li ani a J il sBV e <uando ci trovia o di fronte a tale processo, di fatto sappia o c9e J un ale

>evil?" Uso la parola male intenzional ente, perc9B il sB divideV il sB isolaV le sue attivit, per <uanto no*ili, sono separative e isolanti" Tutto ci= ci J *en noto" ! co) noscia o anc9e <ue&li straordinari o enti in cui il sB non J presente, in cui non

c.J alcun senso di sforzo, di tensione, e c9e si verificano <uando c.J a oreL"104 Lo sforzo, la volont, l.a *izione, un fine da perse&uire o una situazione da an)

tenere creano tensione, sforzo c9e sono espressione del sB e allo stesso lo perpe) tuano, lo rafforzano" -l sB in <ualsiasi direzione si uova, a&isca o pensi J per sua

natura, essenza intrinseca ente Rdivisivo., nel senso c9e crea, produce divisione perc9B divide tra io e non)io, tra e e altro da e, tra io e non io" 3 <uesto

proposito 8ris9na urti a&&iun&e in

aniera particolar ente assertiva c9e tutto ondo delle relazioni,

ci= c9e divide inevita*il ente &enera conflitto non solo nel

a entro lo stesso a *ito della coscienza" Datural ente anc9e in <uesto caso non ci si riferisce al ondo fisico a, a <uello psicolo&ico e relazionale" ! la relazione

J il ca po privile&iato in cui studiare, osservare, co prendere noi stessi" La rela)


104

@" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" 5,

2+

zione J l.aspetto piK i portante della nostra vita, senza la relazione non potre

esistere$ essere J essere in relazione" La relazione con &li altri, con la natura, con le idee, con l.ali entazione, J assoluta ente fonda entale nell.auto)conoscenza e volersi conoscere esclusiva ente sedendosi solitaria ente in un an&olo ed evitan) do la relazione J un atte&&ia ento c9e non pu= c9e portare all.auto)in&anno" La relazione J lo specc9io privile&iato in cui poter vedere <uello c9e sia o" Hrescin) dere dalla relazione in <uesto a *ito vuol dire vivere nella istificazione"

Le esperienze rafforzano il sB, &li conferiscono continuit" 3ffinc9B un.esperienza possa aver luo&o deve essere avvenuto un riconosci ento, un processo di deno i) nazione, altri enti non potre <uindi in *ase alla o parlare di esperienza" L.esperienza avviene

e oria, ai condiziona enti, alla nostra educazione, for a)

zione, ai nostri convinci enti c9e costituiscono il nostro Rio." - successivi vissuti ven&ono interpretati tra ite l.esperienza precedente, la <uale cosA viene rafforza) ta$ I#ea&isco a <ualun<ue cosa vedo, a <ualun<ue cosa provo, in *ase ai iei ri)

cordi" -n <uesto processo di reazione a ci= c9e vedo, ci= c9e provo, ci= c9e cono) sco, ci= in cui credo, 9a luo&o un.esperienza, non J cosAX La reazione, la risposta a <ualcosa c9e 9o visto, J esperienza" Puando vedo <ualcuno, rea&iscoV l.attri*uzio) ne di un no e a <uella reazione J esperienza" %e non do un no e alla reazione, non c.J esperienza" Don c.J esperienza a eno c9e non a**ia luo&o conte pora)

nea ente un processo di deno inazione" %e non riconosco <ualcuno, co e posso avere l.esperienza di incontrarloX -n altri ter ini, se non rea&isco in *ase ai ricordi, ai iei condiziona enti, ai iei

iei pre&iudizi, co e faccio a sapere c9e 9o

avuto un.esperienzaXL10,

10,

@" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" 55

24

8ris9na urti non si pone il tradizionale dile

a filosofico di razionalisti e e pi) a pone in du**io la validit

risti sull.ori&ine della conoscenza innata o ac<uisita,

dell.esperienza stessa in a *ito psicolo&ico, nel ca po delle relazioni u ane" %e l.esperienza passata diri&e li itata ente, influenza l.esperire nel presente, la stessa dina ica si attua per <uanto ri&uarda il desiderio e la paura c9e deter ina) no un.aspettativa c9e condiziona il presente" Desiderio e paura infatti si ori&inano dall.esperienza$ IMo&lio co prendere cos.J la veritV <uello J il ia aspirazioneV ad essa fa allora se&uito la essere la verit, perc9B 9o letto io desiderio, la

ia proiezione di ci= c9e considero olta &en)

olto su <uest.ar&o entoV 9o ascoltato

te parlarneV i testi reli&iosi l.9anno descritta" Desidero tutto <uesto" Cosa accadeX -l io stesso desiderio, il io *iso&no, viene proiettato, e io 9o un.esperienza per)

c9B riconosco <uello stato c9e 9o proiettato" %e non lo riconoscessi, non lo c9ia) erei verit" Lo riconosco e ne 9o esperienzaV e <uell.esperienza rafforza il sB, l.6io7, non J cosAX CosA il sB si trincera nell.esperienza" T;U Dun<ue l.esperienza rafforza costante ente l.6io7" Puanto piK sia o trincerati nell.esperienza, <uanto piK il sB si rafforza"L105 Pualsiasi fatto, avveni ento se interpretato attraverso i no) stri convinci enti reli&iosi, politici o derivanti dall.esperienza non fa c9e produr) re altre esperienze c9e rafforzano <uesti convinci enti stessi" Her co prendere noi stessi do**ia o ri&ettare o&ni autorit$ l.autorit dei filosofi, de&li psicolo&i e dei psicanalisti, le autorit reli&iose, l.autorit della nostra passa) ta esperienza e natural ente l.autorit di 8ris9na urti stesso" ] possi*ile per il sB non proiettare, non desiderare, non esperireX ] possi*ile per la ente ri anere in uno stato di non)riconosci ento, di non)esperienzaX %e deside) ro dissolvere il sB, il sB J ancora in atto" Pualun<ue
105

ovi ento della

ente, posi)

@" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" +0

2,

tivo o ne&ativo, J un.esperienza c9e di fatto rafforza l.6io7" 3nc9e l.ascetis o J un odello di vita per affer are l.6io7"

!siste un <ualcosa, un ele ento, un.entit, un.attivit c9e dissolva il sBX N J una do anda al postaX Le varie reli&ioni 9anno proposto l.identificazione con Dio,

con una serie di divinit, con un %B divino superiore" (a l.identificazione J un processo, un.attivit del sB" Ci= c9e viene ritenuto superiore e di cui 9o esperien) za, non J altro c9e una proiezione del sB e <uindi finisce per rafforzare il sB$ ICi piacere**e c9e esistesse un ele ento ate porale, c9e non J il sB, c9e speria o ven&a interceda e distru&&a il sB _ e lo c9ia ia o Dio" T;U Puando la ente

cerca uno stato spirituale ate porale c9e a&isca in vista della distruzione del sB, non J <uella forse un.altra for a di esperienza c9e rafforza l.6io7X Puando si cre) de, non J proprio <uesto c9e avvieneX Puando si crede c9e esistono la verit, Dio, lo stato ate porale, l.i ortalit, non si attiva forse un processo di rafforza ento

del sBX -l sB 9a proiettato <uella entit c9e voi sentite e credete c9e verr a distru&) &ere il sB" Dun<ue, avendo proiettato <uesta idea di continuit in uno stato ate ) porale sotto for a di entit spirituale, voi avete un.esperienzaV e tale esperienza non pu= c9e rafforzare il sBV e dun<ue, cosa avete fattoX Don avete real ente di) strutto il sB, &li avete soltanto attri*uito un no e diverso, una diversa <ualitV il sB J ancora lA, poic9B ne avete avuto esperienza" CosA, la vostra azione J dal principio alla fine se pre u&uale a se stessa, crescendo, diventi se pre piK *ellaV azione c9e continua, il entre noi ritenia o c9e si stia evolvendo, stia a se vi &uardate dentro, J se pre la stessa

edesi o 6io7 c9e funziona a vari livelli con differenti

etic9ette, sotto no i diversiL"110

110

@" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" +3

25

Nppure sono state proposte innu erevoli pratic9e, discipline, particolari for e di editazione, pre&9iere o mantra da ripetere per superare o annullare il sB" (a la ripetizione J a*itudine, si*ilit" Una onotona, routine, la <uale non pu= c9e ottundere la sen) odello di condotta, uno sc9e a a

ente a*itudinaria c9e se&ue un ente sensi*ile"

cui unifor arsi non J una

3nc9e il se&uire, l.ade&uarsi cosciente ente ad una virtK costituisce un processo di occulta ento e conte poranea ente di rafforza ento del sB$ ILa persona vir) tuosa, c9e perse&ue la virtK cosciente ente, non potr essere un.otti a personaV ai scoprire la realt" Hu=

a ci= J del tutto diverso dall.essere un uo o di verit,

un uo o c9e co prende" Her l.uo o di verit, la verit si J realizzata" Un uo o virtuoso J un uo o orale, e un uo o orale non potr ai capire cos.J la verit

perc9B per lui la virtK J l.occulta ento del sB, il rafforza ento del sB, in <uanto e&li perse&ue la virtK" Puando dice$ 6Don devo essere avido7, lo stato di non avi) dit di cui 9a esperienza serve solo a rafforzare il sBL"111 !siste allora la possi*ilit di dissolvere il sBX 3d una tale do anda non J possi*ile rispondere s*ri&ativa ente con un sA o con un no, a J necessario passare attra)

verso tutta <uesta inda&ine per scoprire &li innu erevoli possi*ili vicoli ciec9i in cui &li uo ini sono caduti nel corso di i&liaia di anni, e in cui anc9e noi eredi di

<uesto enor e passato possia o cadere, in cui il sB pu= cadere nel suo tentativo di trascendere se stesso, di dissolvere se stesso, perc9B o&ni ovi ento del sB fa

ancora parte del sB$ IPuando co prendete l.intero processo, le astute, straordina) rie invenzioni, l.intelli&enza del sB, il odo in cui si ca uffa attraverso l.identifi)

cazione, attraverso la virtK, attraverso l.esperienza, attraverso la fede, attraverso la conoscenzaV <uando intuite c9e la
111

ente si sta

ovendo in un circolo, all.interno

@" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" +2

50

di una &a**ia c9e essa stessa si J costruita, cosa accadeX Puando ne siete consape) voli, piena ente avvertiti, non siete forse i tX Puando riconoscete c9e o&ni ersi in una straordinaria tran<uilli) ente non J altro c9e una for)

ovi ento della

a di rafforza ento del sB, <uando lo osservate, lo co prendete, <uando siete del tutto consapevoli c9e il sB J in azione, <uando arrivate a <uel punto _ non ideolo) &ica ente, non a parole, non attraverso un.esperienza proiettata, ente siete in <uello stato _ allora vedrete c9e la ta ente i a <uando real)

ente, essendo or ai co ple) ente crei J all.in)

o*ile, non 9a potere di creare" Pualun<ue cosa la

terno di un circolo, dentro il ca po del sB" Puando la

ente J non)creatrice, allora

si 9a la creazione, c9e non J un processo suscetti*ile di riconosci ento" La realt, la verit, non devono essere riconosciute" Herc9B la verit si affer i, tutto il resto deve dile&uarsi$ fede, conoscenza, esperienza, il perse&ui ento della virtKL"112 L.estasi, la condizione di creativit, l.assenza dell.6io7, dell.e&o passa <uindi at) traverso un.attenta inda&ine esplorativa delle dina ic9e <uotidiane in cui il sB si anifesta, non attraverso la volont o attraverso un o**iettivo cosciente ente po) sto, perc9B ci= sare**e ancora espressione del sB, c9e non accu ula conoscenza, a attraverso una co prensione

a costante ente rinnova se stessa" Un.inda&ine a c9e spontanea ente avvie)

non i posta forzata ente per ottenere un risultato, ne <uando se ne J capita piena ente l.i portanza"

Her co prendere il sB do**ia o anc9e co prendere le nostre azioni e il loro rap) porto con le idee$ IMedia o c9e il sB, la sua attivit e la sua azione J *asata su un.idea" L.azione c9e scaturisce da un.idea J un aspetto del sB perc9B d continui) t a <uella azione, le d un o**iettivo" CosA l.idea nell.azione diviene un ezzo di

continuit del sB" %e l.idea non J presente, l.azione 9a un si&nificato co pleta)


112

@" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed"#izzoli pp" +3)+2

51

ente differente, non essendo scaturita dal sB" La ricerca del potere, della posizio) ne, dell.autorit, dell.a *izione sono anifestazioni del sB, sono sue differenti

espressioni" (a ci= c9e J i portante J co prendere il sB"L113 -l sB J non solo desi) derio di posizione sociale e di ricc9ezza, sere <ualcuno" L.azione non J solo azione fisica, a anc9e l.attivit della coscienza" %e l.azione a anc9e desiderio di essere o di non es)

9a un fine, un risultato in vista, allora l.azione d ori&ine all.attore, al sB" %e nel) l.azione non c.J la prospettiva di un risultato, non c.J neanc9e il sB" Una tale azio) ne J possi*ile soltanto <uando il processo del pensiero c9e d ori&ine alle idee J cessato, e <uindi vi J a ore$ un.azione senza o**iettivo, finalit, c9e non si *asa su un.idea" Talvolta 8ris9na urti si pone, e lo pone ai suoi interlocutori, un interro&ativo an) cora piK radicale$ esiste davvero un io per anente e diviso da&li altriX N l.io oltre ad non essere per anente, non J ne ente divisi, eno separatoX Datural ente sia o fisica)

a per <uanto ri&uarda le e ozioni, i dolori, l.a&&ressivit, la co )

petizione, la vol&arit non esiste <uesta divisione" Faccia o parte da <uesto punto di vista dello stesso ovi ento, della stessa ener&ia, dello stesso flusso, e a eno

c9e non uscia o co pleta ente da <uesto Rfiu e., non sia o davvero individui, cioJ secondo l.eti olo&ia non fra entati, a esseri contraddittori, pieni di con)

flitti, perc9B divisi in noi stessi" 3vere la convinzione di essere separati fa ancora parte del oto del Rfiu e. e per uscirne do**ia o aver accantonato o&ni pretesa

di essere virtuosi$ I! in tale inda&ine per la conoscenza di noi stessi do**ia o ar) rivare, co e scoperta nostra e <uindi di pri a
113

ano, a una pri a fonda entale

@" 8ris9na urti Madras ?th (ublic Tal5 ,-th ;anuar/ ,-?7 CD)#N( RT9e 8ris9na urti Te0t Collection ` -nde0. ed" T9e 8ris9na urti Foundation Trust, 1551"

52

constatazione$ c9e sia o coscienti di un Rio. solo <uando vi sono in noi pro*le i, contestazioni, *atta&lie" Di fatto la coscienza di sB si anifesta <uando dentro noi entre <uan)

stessi vi sono contrasti e conflitti, siano essi *iolo&ici o psicolo&ici,

do la nostra coscienza J svuotata dal suo contenuto > c9e J piacere, dolore, ansia e paura ? essa sco pare per lasciare il posto a una nuova di ensione c9e non appar) tiene nB a noi nB a&li altri perc9B J anoni a e i personale"L112 !siste <uindi la possi*ilit di uscire dal flusso del te po, della fra entazione in

uno stato c9e in occidente e stato descritto con altri ter ini$ IL.estasi nella sua eti olo&ia si&nifica essere al di l di se stessi, in una re&ione ove l.io personale si J dissolto" Hiacere, felicit, &ioia, estasi, sono forse parole co pro esse e senti) entalizzate dall.uso, a J pur necessario c9e ciascuno le consideri e ne ritrovi

e0)novo il pri itivo e profondo si&nificato"L115

112 115

@" 8ris9na urti Sintesi dell%insegnamento ed" !t dell.ac<uario p" 34 115 @"8ris9na urti Sintesi dell%insegnamento ed" !t dell.ac<uario p"55

53

3 ore, co passione,

orte

-l ter ine Ra ore. J stato, ed J, terri*il ente a*usato, distorto, lo&orato" Lo usano &li uo ini considerati reli&iosi, &li psicolo&i, i politici, i &iornali e le riviste" %i parla di a ore di Dio, della patria, e <uesto ter ine e facil ente usato per denota) re <ualsiasi tipo di relazione ed J spesso usato anc9e per parlare dell.attivit ses) suale" 3nc9e in <uesto caso, co e spesso accade, 8ris9na urti si confronta con <uella c9e J la percezione diffusa, il senso co une di un pro*le a, oltre c9e con <ualc9e teoria teolo&ica, filosofica, psicolo&ica o psicanalitica"

52

Hossia o senz.altro affer are c9e se anc9e non vi J un atte&&ia ento univoco da parte di 8ris9na urti, nella a&&ior parte dei casi viene privile&iato un approccio odo per il te a <ui in <uestione"

ar&o entativo di tipo Rne&ativo., e in particolar ] inda&ando il ne&ativo c9e potre

o scoprire il positivo" Do**ia o <uindi ini)

ziare a inda&are ci= c9e l.a ore non J per co prendere cosa sia" ] solo co pren) dendo e ne&ando <uello c9e non J a ore c9e possia o co prendere e <uindi vi) vere l.a ore" ] solo cosA c9e potre o investi&are sull.a ore li*eri dai pre&iudizi, dai preconcetti e dalle conclusioni c9e proiettia o su <uesta parola" Un approccio positivo non pu= c9e in&annarci, illuderci$ IDon devo c9ieder i c9e cosa sia l.a) ore" Don devo inse&uirlo" %e lo inse&uo, non J a ore$ J rico pensa"L11+ -nnanzitutto l.a ore non J l.a ore della propria patria o della propria nazione c9e tanto odio, violenza e distruzione 9anno &enerato e continuano a &enerare nel ondo" -l senti ento nazionale J la versione oderna del senti ento tri*ale pri)

itivo, c9e 9a diviso il &enere u ano ed 9a contri*uito e contri*uisce a produrre &uerre e conflitti di o&ni &enere" 3 ore J a ore di Dio, co e 9anno affer ato nu erose reli&ioniX -n <uesto caso 8ris9na urti fa una considerazione c9e potre**e se *rare ispirata da Feuer*ac9$ IPuando dite di a are Dio, cosa si&nificaX %i&nifica c9e a ate una proiezione della vostra i a&ine, una proiezione di voi stessi sotto certe spo&lie di rispetta)

*ilit, secondo <uello c9e credete sia no*ile e santoV perci= dire$ 63 o Dio7, non 9a assoluta ente alcun senso" Puando adorate Dio, adorate voi stessi _ e <uesto non J a ore"L114

11+ 114

@" 8ris9na urti Sull%amore e la solitudine ed" U*aldini p" 45 @" 8ris9na urti Libert dal conosciuto ed" U*aldini p" +0

55

Le reli&ioni tradizionali 9anno diviso l.a ore in sacro e profano per esaltare l.uno e svalutare l.altro, a l.a ore non 9a divisioni da fare, non 9a un o&&etto specifi)

co verso cui J rivolto" DB la castit sessuale, nB una vita ascetica sono a ore per) c9B sono condotte di vita adottate in vista di un fine, una re unerazione, sono delli d.azione c9e distru&&ono la spontaneit e la se plicit interiore" 3**ia o ricercato l.a ore in Dio perc9B J olto piK facile a are un.astrazione, o)

un.ideale, un si *olo c9e una persona con cui sia o concreta ente in relazione" L.a ore si pu= trovare solo nella relazione non al di fuori" %e vi J a ore non vi J ricerca di Dio perc9B l.a ore stesso J Dio" ] perc9B non vivia o l.a ore c9e cer) c9ia o uno scopo nella vita, c9e pu= essere un avanza ento di carriera, la ricerca di Dio o della verit" (a anc9e l.a ore nella relazione viene inda&ato critica ente" Dicia o di a are una persona <uando vi J con essa uno sca *io di piacere, a se <uesta rivol&e le i appar)

proprie attenzioni altrove provia o ra**ia e frustrazione$ IFino a c9e tu tieni io ti a o, a nel o ento in cui non

i appartieni piK co incio ad odiartiV ie necessit, sessuali

fino a c9e posso fare affida ento su di te per soddisfare le o altro, ti a o, a nel o ento in cui non

i soddisfi piK s etto di a arti"L 11,

Hossia o definirlo a ore, un rapporto c9e in fondo nonostante tutte le dic9iara) zioni e intenti si *asa sullo sca *io utilitaristicoX %e a ia o ci aspettia o <ual) cosa in ca *ioX %pesso l.a ore viene identificato con il sesso" Del sesso provia o un totale a*) *andono di noi stessi$ J forse uno dei poc9i o enti in cui provia o una totale

di enticanza dei nostri pro*le i <uotidiani" Her <uesto il sesso 9a assunto una tale i portanza nella nostra vita sia in occidente c9e in oriente, perc9B J uno dei
11,

@" 8ris9na urti Libert dal conosciuto ed" U*aldini p" +2

5+

rari

o enti in cui riuscia o a di enticarci di tutti i nostri trava&li e conflitti e a o entanea ente J il totale

vivere spensierata ente$ IPuello c9e il sesso vi d

a**andono di voi stessi, poi finite per ritornare alla vostra confusione, e cosA vole) te ripetere e ripetere <uello stato in cui non c.J preoccupazione, pro*le a, io"L115 CosA il sesso pu= diventare un pensiero ricorrente e ossessivo" (a se non sia o oppressi dai pro*le i, dai pensieri c9e sosten&ono, ali entano l.e&o, fonte di o&ni conflitto, se sia o persone creative e appassionate anc9e il sesso 9a il suo &iusto posto nella vita <uotidiana" Hotre o cosA pensare c9e la castit nel ondo o)

derno sia un pro*le a irrilevante da non discutere ne se non J la ricerca spas odica del sesso, e se non J ne ILa ente pensa al rapporto sessuale, lo i

eno" C9e cos.J la castit eno la sua repressioneX

a&ina, se lo raffi&ura, ali enta le ente casta" Una ente casta

e ozioni evocative, e si eccita" Puesta non J una non 9a i a&ini, non 9a rappresentazioni" Puesta

ente J se pre innocente" La

parola Rinnocente. indica una

ente c9e non si lascia ferire e c9e non ferisce, in)

capace di ferire e di venire ferita, eppure total ente vulnera*ile" Puesta J una ente casta" C9i 9a fatto voto di castit non J per niente casto$ lotta incessante) ente con se stesso" Conosco olti onaci, tanto in Nccidente c9e in Nriente, e ente J a&&rovi&liata, tor)

<uante torture si infli&&ono per trovare DioS La loro

entata"L120 ! una persona c9e soffre J incapace d.a ore" La paura, la sofferenza distru&&ono l.a ore" L.a ore non J a *izione, c9e sia l.a *izione dell.uo o d.affari, dell.i pie&ato o dell.uo o c9e viene considerato reli&ioso perc9B indossa una tunica e rifiuta al) tri averi e vuole ra&&iun&ere Dio" L.a ore non J invidia, non J avidit,
115 120

a allo

@" 8ris9na urti Libert dal conosciuto ed" U*aldini p" +2 @" 8ris9na urti Sull%amore e la solitudine ed"U*aldini p" 1,

54

stesso te po l.a ore non pu= essere praticato, perse&uito, allenato" L.a ore non J vanit nB arro&anza, a non J ne eno la pratica dell.u ilt" Herc9B la pratica

dell.u ilt J una for a di or&o&lio" L.a ore non J &elosia" Don J rispetto nB irri) verenza" Don J ra**ia" Don J condannare o fare para&oni, confrontare un *a *i) no, con un altro, &iudicare uno studente" >-nfatti le scuole da lui fondate per <uan) to le&al ente riconosciute non prevedono voti o &iudizi per &li studenti?" L.a ore non J senso del dovere, responsa*ilit, rispetta*ilit$ I(olti &enitori, sfortunata) ente, credono di essere responsa*ili dei loro fi&li e il loro senso di responsa*ilit si esplica nel dire loro cosa devono fare e cosa non devono fare, cosa devono di) ventare e cosa non devono diventare" - &enitori vo&liono c9e i loro fi&li a**iano una sicura posizione nella societ" Puello c9e c9ia ia o responsa*ilit fa parte di <uella rispetta*ilit c9e adoria oV e i se *ra c9e dove c.J rispetta*ilit non ci

sia ordineV essi si curano solo di diventare dei perfetti *or&9esi" Puando preparano i *a *ini a introdursi nella societ non fanno altro c9e protrarre la &uerra, il con) flitto, e la *rutalit" ! c9ia ate ci= cura e a oreXL121 L.a *izione personale crea conflitti interiori ed esteriori c9e contri*uiscono al piK evidente e distruttivo dei conflitti c9e J la &uerra" 3 ore non J desiderio di do i) nare o di perse&uire il potere sia in senso autoco iserazione" ondano c9e spirituale" 3 ore non J

3 ore J &elosia, ra**ia, desiderio di possesso, dipendenza da un.altra persona c9e &enera inevita*il ente paura, ansiaX L.a ore J attacca entoX -n &enere &li psicolo&i affer ano c9e <uesti stati e otivi in una relazione sono inevita*ili e ac) cetta*ili se antenuti entro certe so&lie" 8ris9na urti, invece, col suo tipico atte&)

&ia ento intransi&ente e radicale esclude cate&orica ente c9e possano far parte
121

@" 8ris9na urti Libert dal conosciuto ed" U*aldini p" +3

5,

dell.a ore" ! non solo non ne fanno parte,

a addirittura ne&ano l.a ore, lo i ) entazione, distruttivit"

pediscono, lo distru&&ono, perc9B creano conflitto, fra

L.a ore J senti entalis oX -l senti ento &enera *rutalit, crudelt, violenza, non a ore perc9B il senti ento c9e non viene soddisfatto &enera appunto <ueste rea) zioni$ IL.a ore non J senti ento o senti entalis o" L.a ore J <ualcosa di olto

duro se posso usare <uesto ter ine" T;U Don duro nel senso di *rutale, non 9a ipocrisia, senti entalis o, non 9a una asc9era"L122

L.a ore J piuttosto affetto, c9e non 9a niente a c9e vedere col senti ento" (a l.affetto non pu= essere coltivato, praticato, non pu= c9e scaturire spontanea ente senza essere forzato, sti olato, ricercato" L.affetto J non)dipendenza" L.a ore non J attacca ento, dipendenza da una persona, un &ruppo, un si *olo, una propriet o una serie di propriet, un conto in *anca, un ricordo piacevole o spiacevole$ IDell.a ore non c.J attacca entoV se c.J attacca ento non c.J a ore" C.J stata la ri ozione del fattore principale tra ite la ne&azione di ci= c9e non J, attraverso la ne&azione dell.attacca ento" T;U Dessun ricordo di <uello c9e o&lie o la alle i ia co pa&na 9a fatto per far i ia

aleV non c.J alcun attacca ento i 9a an&ariato, co e i

a&ini c9e il pensiero 9a creato di lei _ co e

9a dato conforto, co e 9o avuto un piacere sessual ente" Don c.J assoluta ente alcun attacca ento nei confronti di tutte <uelle diverse cose di cui il del pensiero 9a creato i a&ini"L123 ovi ento

(a essere li*eri dall.attacca ento non J vivere una condotta distaccata" -l distac) co se viene concepito co e opposto all.attacca ento J una proiezione del pensie) ro e <uindi J un atte&&ia ento contraddittorio c9e deter ina conflitto$ sono di)
122 123

@" 8ris9na urti &ominciare a imparare ed" U*aldini p" 15 @" 8ris9na urti Lo sguardo imparziale della meditazione ed" :aul pp" 121)2

55

pendente,

a devo diventare indipendente" %e sono preda dell.attacca ento J

<uesto c9e dovr= osservare, Rstudiare., capire, inda&are" Don 9a senso proporsi di se&uire un atte&&ia ento distaccato ed a&ire in *ase ad esso, se vivo l.attacca en) to" Tutto ci= produrr solo conflitto e anc9.esso non 9a niente a c9e vedere con l.a ore" L.a ore non J identificazione ad una causa, un.ideale, un.utopia" L.a ore non J identificazione con uno stato d.ani o, con una persona o un &ruppo di persone" L.a ore J piacere, desiderioX L.a ore non J la ricerca, l.aspettativa del piacere, perc9B l.a ore include il piacere, la &ioia, <uando non siano stati perse&uiti, non li esclude" La ricerca del piacere, l.i pulso, la coazione a ripetere una particolare sensazione o esperienza J un ovi ento del pensiero c9e ne&a l.a ore" %e il pia)

cere J all.interno di una dina ica di ricerca, di aspettativa, di perse&ui ento J la ne&azione dell.a ore" %u <uesto punto per= *iso&na rilevare c9e 8ris9na urti non J se pre stato c9iaro univoco o esaustivo$ alcune volte si 9a l.i pressione c9e il piacere di per sB ne&a se pre e co un<ue l.a ore, e c9e de**a necessaria ente portare sofferenza" (a se si esa inano attenta ente un nu ero sufficiente ente rilevante di passi su <uesto aspetto, possia o affer are c9e J la ricerca del piacere ori&inata dal ricor) do, dalla e oria, c9e J psicolo&ica ente pericolosa" Puando il piacere J consi)

derato all.interno della dina ica di ricerca del piacere, di coazione a ripetere, di sforzo per ra&&iun&ere o ripetere una sensazione, viene distinto dalla &ioia, c9e non fa parte di <uesto processo psicolo&ico" La &ioia scaturisce da una di ensione c9e non J te porale" La &ioia e il piacere c9e scaturiscono spontanea ente senza una ricerca o sforzo pre editato, li*eri da o&ni processo te porale psicolo&ico

+0

fanno parte dell.a ore" ] il te po psicolo&ico, ori&inato dalla

e oria, il pen)

siero c9e cerca la ripetizione di una sensazione c9e i pedisce l.a ore" Una deter) inata sensazione piacevole viene rievocata e ricercata" (a <uesto processo porta inevita*il ente a ripetitivit e frustrazione" -l te po psicolo&ico J pensiero" -l pensiero J <uindi il principale fattore di ostacolo all.a ore" La &ioia e il piacere non ricercati dalla volont, dal pensiero, c9e sono al di l di o&ni processo te po) rale psicolo&ico, fanno parte dell.a ore" L.a ore include il piacere non lo esclu) de$ I:iso&na ne&are il piacereX %ono <ueste le do ande c9e dovete farvi" Dovete investi&are scoprire" Don vi d forse piacere &uardare un fiu e c9e scorreX C9e cosa c.J di ale nel piacereX Don vi d piacere conte plare un al*ero solitario in onti, <uella c9e forse avete ale in tutto

un pratoX Don vi d piacere la luna c9e si li*ra sui

visto ieri seraX Una cosa &radevolissi a, non J veroX C.J <ualcosa di

ci=X - pro*le i co inciano <uando dite$ 6C9e *ellezzaS La devo conservare, la devo ricordare, la devo adorare, spero di averne ancora e di piK7" CosA si ette in

oto il processo del piacereL122 c9e J appunto un processo te porale psicolo&ico" ! <uesto processo non J a ore, non J *eatitudine$ IDon stia o dicendo c9e non si de**a provare piacere o c9e il piacere sia tutto il ale, co e sosten&ono le reli&ioni di

ondo" Don stia o affer ando la necessit di repri ere, ne&are, control)

lare, su*li are, e tutto <uesto &enere di cose" %tia o se plice ente inda&ando" %e riuscia o a esa inare o&&ettiva ente e in profondo, ne s&or&9er uno stato entale c9e non prova piacere, a *eatitudine" ! la *eatitudine J <ualcosa di

co pleta ente diverso"L125 (a la *eatitudine o la &ioia c9e siano ricercate, perse) &uite, attraverso il passato in un
122 125

ovi ento di ripetizione diventano piacere" -n

@" 8ris9na urti Sull%amore e la solitudine ed" U*aldini p" ,4 @" 8ris9na urti Sull%amore e la solitudine ed" U*aldini 102

+1

<uesto senso il piacere ne&a l.a ore" Puesto etodo di inda&ine ne&ativo ette radical ente in <uestione o&ni certez)

za, o&ni punto fer o e potre

o essere troppo spaventati per prenderlo seria en)

te in considerazione perc9B Ipotre**e si&nificare un ca *ia ento radicaleV po) tre**e frantu are la fa i&liaV potreste scoprire di non a are vostra stro o&lie o vo)

arito o i vostri *a *ini _ noX _ potreste dover distru&&ere la casa c9e

avete costruito, potreste non tornare piK al te pio"L12+ !siste la sicurezza nelle re) lazioni, nei rapportiX !siste <ualcosa co e un rapporto sta*ileX !ppure e di <uesto c9e sia o continua ente alla ricerca, a la ricerca di sicurezza cosa produceX

ILa pretesa di essere al sicuro nel rapporto &enera inevita*il ente dolore e paura" Puesta ric9iesta di sicurezza non fa altro c9e favorire l.insicurezza" 3vete ai tro)

vato sicurezza in <ualcuno dei vostri rapportiX %AX (olti di noi vo&liono la sicu) rezza di a are e di essere a ati, a c.J a ore <uando <ualcuno di noi ricerca la

propria sicurezza, la propria strada"L124 -l pensiero &enera non solo la ricerca del piacere, a anc9e la paura" -l ovi ento

psicolo&ico del te po produce inevita*il ente paura e la paura J uno dei princi) pali fattori c9e distru&&ono l.a ore" -l lato J la ricerca dei ovi ento te porale psicolo&ico da un

o enti di &ioia c9e a**ia o provato, dall.altro J la fu&a dal)

le esperienze c9e ci 9anno ferito o c9e non a**ia o co preso piena ente crean) do cosA la paura" Mi sono paure ra&ionevoli e le&itti e co e la paura di un *urro) ne o di un.auto o*ile c9e pu= investirci" La paura in <uesti casi ci preserva da un pericolo fisico, a anc9e psicolo&ica ente, interior ente a**ia o paura di esse) odo c9e &li

re feriti e rea&ia o costruendo *arriere e vie di fu&a dal rapporto in


12+ 124

@" 8ris9na urti Libert dal conosciuto ed" U*aldini p" +2 @" 8ris9na urti Libert dal conosciuto ed" U*aldini p" +0

+2

episodi spiacevoli e dolorosi del passato non si ripresentino piK" Cos.J c9e cer) c9ia o di preservareX L.i a&ine c9e a**ia o costruito di noi stessi, la nostra

identit" (a la costruzione di <ueste *arriere non incre enta la pauraX Don J la paura l.evitare, il fu&&ire <ualcosaX L.evitare ci= c9e sia o, le relazioni c9e a*) *ia oX L.a ore non ci pu= essere inse&nato da un autorit o perse&uito tra ite un do, un siste a, una disciplina, una lenza" 3 ore e *ellezza sono stretta ente associati$ IL.a ore e la *ellezza non possono essere separati" %enza a ore non c.J *ellezzaV essi sono stretta ente con&iunti, insepara*ili"L12, %e la *ellezza J definita co e assenza di 6io7, la definizione piK ricorrente di a ore J assenza di o&ni processo di pensiero" !d J infatti il pensiero c9e costituisce il 6sB7, l.6io7, l.e&o" Del ne dalla eno il 6sB7" -l pensiero nasce dalla e oria, dalle i o ento in cui non pensia o non vi J e oria ed anc9e il 6sB7 J costituito eto)

orale, anc9e se pu= essere c9ia ata non)vio)

a&ini e i ricordi c9e a**ia o conservato" %e *ellezza e

a ore sono connessi, lo sono anc9e il 6sB7 ed il pensiero" Nccorre <uindi inda&a) re il rapporto tra Rio. e Rpensiero.$ IMi siete ai c9iesti se esista in voi un pensato) anten&ono

re a sB stante o se non siano invece i pensieri c9e lo costituiscono e lo in vita, in

odo c9e con il loro spe&nersi anc9e il pensatore si dissolvaX Honetevi

una tale sconcertante do anda" Honetevela con intensit, con interesse, e date una risposta c9e sia ori&inale, c9e sia vostra per diretta constatazione e non la ripeti) zione di <uel c9e avete letto e sentito"L125

12, 125

@" 8ris9na urti La sola rivoluzione ed" U*aldini p" 121 @" 8ris9na urti Sintesi dell%insegnamento ed" L.et dell.ac<uario p" 24

+3

-l 6sB7 J costituito, sostenuto dal pensiero, dall.incessante attivit cere*rale, nel o ento in cui non pensia o, in cui non vi J alcun

ovi ento del pensiero

ai livelli superficiali e a <uelli nascosti, non vi J ne

eno il 6sB7"

(a perc9B il pensiero non si attiene ai Rsuoi. co piti nella sfera delle attivit pra) tic9e ed entra inde*ita ente nel ondo psicolo&icoX I-l pensiero J se pre ute)

vole, passe&&ero, i per anente e cerca costante ente la per anenza" CosA il pensiero crea il pensatore c9e diventa un.entit per anente e si assu e il ruolo di censore, di &uida, di controllore, di for atore del pensiero stesso" Puesta entit, la cui per anenza J del tutto illusoria, J frutto del pensiero, cioJ dell.i per anenza" 3nc9e <uesta entit J pensieroV non esiste senza il pensiero" -l pensatore J un.in) sie e di <ualit, c9e non possono in alcun odo essere separate da lui"L130

Tra ite il pensiero l.uo o pu= ca *iare l.a *iente circostante a suo favore e cosA &arantirsi una li itata a <uesto, a&&iore sicurezza" L.u anit nel corso dei illenni non si J

a 9a cercato sicurezza anc9e in a *ito psicolo&ico, nelle rela)

zioni" !siste davvero <ualcosa co e una sicurezza psicolo&ica, un rapporto per) anenteX Tutta la nostra struttura sociale, le istituzioni si *asano su <ueste esi&en) ze, tutte le civilt tutto ci= va esse in piedi nel corso dei secoli si *asano su <uesto *iso&no e

esso radical ente in du**io" %oprattutto da &iovane 8ris9na urti atri onio"

espresse la propria perplessit sull.istituto del

%e la passione J spesso stata vista co e un pericoloso stato d.ani o da tenere a freno per 8ris9na urti la passione J indispensa*ile per <uell.auto)a**andono c9e J a ore$ IUn essere u ano c9e non conosca l.intensit della passione non potr ai capire o toccare la <ualit della *ellezza" La serva, la
130

ente c9e si tiene <ualcosa di ri) ente c9e si a&&rappa a una

ente c9e pensa al proprio tornaconto, la


1+ 3&osto

@" 8ris9na urti Il libro della vita ed" 3e<uili*riu

+2

posizione sociale, al potere, al presti&io, la rispetta*ilit, non conoscer

ente c9e difende <uell.orrore c9e J la

ai il co pleto a**andono"L131

3nc9e in a *ito reli&ioso la passione J se pre stata oste&&iata$ IDon potete esse) re sensi*ili se in voi non c.J passione" Don fatevi spaventare da <uesta parola" Puasi tutti i li*ri reli&iosi, i &uru, &li s3ami, i capi spirituali dicono$ 6Don siate passionali7" (a se in voi non c.J passione, co e potete essere sensi*ili alle cose *elle e alle cose *rutte, al tre olio delle fo&lie, a un tra onto, a un sorriso o a un piantoX Co e potete essere sensi*ili senza <uella passione c9e J co pleto a**an) donoX T;U (a co e si pu= a are se non c.J passioneX Co e si pu= essere sensi) *ili senza avere passioneXL132 (a l.autentica passione non 9a un o&&etto specifico, non 9a una causa, una vazione$ IHer Una oti)

e la parola Rpassione. indica <ualcosa c9e co prende tutto" T;U

ente appassionata inda&a, cerca osserva, c9iede, esi&eV non le *asta trovare ettersi a dor ire"

<ualcosa c9e plac9i la sua insoddisfazione e le consenta di Una ente appassionata si

uove a tentoni, con cautela, cerca, scopre, non si la)

scia irretire dalla tradizione"L133 IUna passione senza causa possiede un.intensit li*era da <ualsiasi attacca ento" %e la passione 9a una causa, allora c.J attacca) ento e l.attacca ento J il principio del dolore" Puasi tutti noi a**ia o de&li at) tacca entiV ci a&&rappia o a una persona, a un paese, a una fede, a un.idea e <uando l.o&&etto a cui rivolto il nostro attacca ento ci viene portato via o perde la sua i portanza, scopria o di essere de*oli e vuoti" 3llora cerc9ia o di rie pi) re <uesto vuoto attaccandoci a <ualcos.altro, c9e diventa a sua volta o&&etto della nostra passione" T;U Una passione c9e a**ia una causa diventa una lussuria" La
131 132

@" 8ris9na urti Il libro della vita ed" 3e<uili*riu @" 8ris9na urti Il libro della vita ed" 3e<uili*riu 133 @" 8ris9na urti Il libro della vita ed" 3e<uili*riu

22 3prile 2+ 3prile 24 3prile

+5

passione per <ualcosa, per una persona, per un.idea, per il successo, porta con sB contraddizione, conflitto, sforzo" Lottate per ra&&iun&ere o per antenere uno sta)

to particolare, o per ritrovare uno stato c9e or ai se n.J andato" -o invece sto par) lando di una passione c9e non 9a nulla a c9e fare con contraddizioni e conflitti" Puesta passione non 9a causa e <uindi non pu= essere ne eno un effetto"L132

%e la passione 9a un o&&etto specifico diventa attacca ento e se 9a una causa o un fine diventa fanatis o" La passione c9e non li ita la sua azione ad un li itato ca po d.azione, ne" L.a ore non J una disa ina intellettuale, una definizione ver*ale, nB un e ozio) ne di tipo va&o, istico o parapsicolo&ico" %e sare o in &rado di a are total en) o ento a ere o anc9e l.u anit intera, a investe la totalit della vita <uotidiana J a ore, J co passio)

te e senza riserve una persona, in <uel la totalit della vita" -l pensiero, co e a**ia o, detto J

ovi ento te porale psicolo&ico c9e ori&ina

il desiderio, la ricerca del piacere, la sofferenza, il dolore psicolo&ico, la paura, ed J <uindi il principale fattore c9e distru&&e l.a ore" -nda&are cosa sia l.a ore vuol dire inda&are cosa sia la J soltanto la fine del nostro corpo, psicolo&ica" 3 ore J nostra vita J c9e orte perc9B la orte non

a J anc9e la fine della continuit, dell.identit

orte psicolo&ica" L.unica vera certezza c9e a**ia o sulla orte a**ia o proiettato una olteplicit di

orire o" ! sulla

credenze, aspettative, paure c9e non sono <uell.evento straordinario" La reincarna) zione, il paradiso e l.inferno, una teoria filosofica sono solo proiezioni della nostra ente" Fu&&ia o da <uell.evento tra ite una credenza, la razionalizzazione, una spie&azione, oppure cercando di non rifletterci, perc9B la
132

orte J Iuna cosa oscura

@" 8ris9na urti Il libro della vita ed" 3e<uili*riu

30 3prile

++

e terrificante, da evitare, e della <uale non *iso&na *ia o diviso la vita dalla orte

ai parlare"L135 Her paura a*)

orte" ] possi*ile affrontare <uest.esperienza della orte fisica, non J il suicidio c9e orte J straordinaria ente si ile orire" Don po)

entre sia o in vitaX 3ffrontare non la a la orte psicolo&ica$ ILa

viene proposto,

alla vita <uando sappia o co e vivere" Don si pu= vivere senza tete vivere se non orite psicolo&ica ente o&ni

inuto" Don J un paradosso intel)

lettuale" Her vivere co pleta ente, intera ente o&ni &iorno co e se ci fosse una nuova *ellezza, ci deve essere la altri enti vivete in odo orte per <ualsiasi cosa c9e apparten&a all.ieri, ente eccanica non pu= ai sapere orire per)

eccanico e una

c9e cosa sia l.a ore e cosa sia la li*ert" (olti di noi 9anno paura di

c9B non sanno cosa vo&lia dire vivere" Don sappia o co e vivere <uindi non sap) pia o co e orire" Finc9B avre o paura della vita avre o paura anc9e della

orte" L.uo o c9e non 9a paura della vita non 9a paura di essere total ente insi) curo poic9B co prende c9e inti a ente, psicolo&ica ente, non esiste sicurezza" Puando non esiste sicurezza c.J un ovi ento senza fine e allora vita e orte

sono la stessa cosa" L.uo o c9e vive senza conflitto, c9e vive con la *ellezza e con l.a ore, non 9a paura della orte poic9B a are J orire" %e orite a tutto

ci= c9e conoscete, inclusa la vostra fa i&lia, i vostri ricordi, <ualsiasi cosa a**iate provato, allora la ra la orte J una purificazione, un processo di rin&iovani entoV allo)

orte &enera innocenza, e solo c9i J innocente J appassionato, non la &ente orte" Her scoprire real ente

c9e crede o vuole scoprire cosa succede dopo la cosa succede <uando vete orite, *iso&na c9e

oriate" Puesto non J uno sc9erzo" Do) orire a

orire _ non fisica ente,

a psicolo&ica ente, nel vostro inti o,

tutto ci= c9e avete avuto caro o c9e vi 9a causato dolore" %e


135

orite ad uno dei vo)

@" 8ris9na urti 2iario ed" U*aldini p" 1,

+4

stri piaceri, i piK piccolo o il piK &rande, in sioni, allora conoscerete cosa vuol dire

odo naturale, senza sforzo o discus) ente

orire" (orire vuol dire avere una

co pleta ente vuota di se stessa, vuota nei suoi <uotidiani desideri, piaceri, an) &osce" La orte J un rinnova ento, un uta ento in cui il pensiero non intervie) orte c.J <ualcosa di co pleta ente

ne, poic9B il pensiero J vecc9ioV <uando c.J nuovo" La li*ert dal conosciuto J orte psicolo&ica, Idun<ue vivere J

orte, e allora vivete"L 13+ La vita autentica J orire, e pertanto la vita J la orte"L 134 La

orte non J un evento da posporre, da fu&&ire, perc9B Ila

orte J ora, <uando non

c.J un io c9e diventa <ualcosa, <uando non c.J e&ois o, nessuna attivit interes) sata, in cui consiste tutto il processo del te po"L13, L.a ore deve essere inda&ato per via ne&ativa perc9B J l.i&noto, lo sconosciuto, non J <ualcosa c9e possia o riconoscere$ I3 ore, stessa identica cosa perc9B di sicuro a ore, di ensione del non)conosciuto" Del orte e sofferenza sono la

orte e sofferenza apparten&ono alla

o ento in cui conoscia o l.a ore, a**ia) en)

o s esso di a are" L.a ore J al di l del te po, non 9a nB inizio nB fine,

tre la conoscenza li 9a" Puando affer ia o$ 6%o cos.J l.a ore7 in realt non lo sappia o" Ci= c9e a**ia o percepito J solo una sensazione, uno sti olo" Cono) scia o la reazione all.a ore, sappia o cosa sia la a tale reazione non J a ore" 3nalo&a ente, non orte, e scopria o

orte _ conoscia o solo le reazioni alla

il pieno si&nificato e la profondit della

orte solo <uando tali reazioni

cessano"L135 L.a ore non pu= essere riconosciuto, perc9B se J riconosciuto fa par) te del pensiero, del passato, e l.a ore J la fine del passato psicolo&ico"

13+ 134

@" 8ris9na @" 8ris9na 13, @" 8ris9na 135 @" 8ris9na

urti Libert dal conosciuto ed" U*aldini p" 5, urti @li ultimi discorsi ed" U*aldini p" ,, urti @li ultimi discorsi ed" U*aldini p" 50 urti Sul vivere e sul morire ed" U*aldini p" 5,

+,

Co prendere a ore, co passione e

orte J indispensa*ile per capire la *ellezza,

perc9B sono stretta ente associate ad essa"

L.osservazione"

L.inda&ine di 8ris9na urti sull.osservazione intesa sia co e atto percettivo, sia co e auto)conoscenza potre**e avere considerevoli ripercussioni sull.etica$ se le sue ar&o entazioni sulla coscienza e sulle sue possi*ilit e ento, di trasfor azione sono corrette, esse potre**ero tipo di odalit di ca *ia) etter fine a <ualsiasi odello di ino spi)

orale nor ativa, perc9B ne&9ere**ero la sensatezza di un

co porta ento, di un ideale d.azione, di una virtK da se&uire, di un ca rituale da intraprendere" 'li ideali, le

orali, i percorsi spirituali sono un occulta)

ento di ci= c9e J, di ci= c9e sia o, e la loro funzione a dispetto di o&ni dic9iara) zione dei suoi pro otori e se&uaci J di &arantire una continuit di ci= c9e sia o in un percorso te porale di piccoli ca *ia enti c9e lasciano sostanzial ente i ) utate le dina ic9e di fondo" Cos.J c9e sia oX 3&&ressivi, *rutali, invidiosi, co petitivi, avidi$ nei illenni trascorsi il &enere u ano J ca *iato *en poco e le anifestazione piK evidente" %ia o

&uerre pratica ente ininterrotte ne sono la

violenti sottil ente o &rossolana ente e vo&lia o essere non)violenti" Puindi af) frontia o il fatto di essere violenti con un non)fatto, un ideale$ c9e dovre oo

+5

vorre

o essere non)violenti" -l risultato J c9e continuia o ad essere violenti

se**ene in altre for e" L.unica orale sensata sare**e <uella descrittiva, dove per= la descrizione stessa ai esaurire il descritto,

J consapevole dei suoi li iti, J consapevole di non poter di non poterlo

ai co&liere co pleta ente" Una descrizione c9e nasce da un os) ai di una conclusione,

servazione, un.inda&ine accurata c9e non si accontenta

a rinnova continua ente se stessa, perc9B il presente relazionale J eterna ente nuovo, 9a una sua unicit c9e non J riduci*ile a&li eventi passati, alla e oria, al

pensiero, alla deno inazione" -l passato 9a il suo valore, e pu= essere usato senza &enerare conflitto, fra entazione, <uando a**ia o co preso il suo ruolo li i)

tato e le sue potenzialit con i suoi effetti positivi e distruttivi" Le conclusioni, le opinioni, le idee, le ideolo&ie ettono fine all.inda&ine e al processo di apprendi) ai fine" Del o ento in

ento c9e pu= rinnovarsi continua ente e non avere

cui dico$ I%oL, 9o s esso di inda&are, di esplorare" La co prensione ori&ina un ordine e una disciplina c9e non 9anno niente a c9e fare col confor arsi, col se&ui) re un odello, un.ideale, un.autorit" L.unica etica sensata in definitiva J l.auto)

conoscenza" Her <uanto ri&uarda l.osservazione co e attivit specifica di uno dei nostri sensi, val&ono le considerazioni &i svolte nel secondo capitolo sulla percezione" 'rande i portanza J riservata all.intensit dell.attenzione, e anc9e <ui e er&e una pro) pensione per l.approccio olistico$ INsservare senza alcuna distorsione J possi*ile soltanto se c.J attenzione co pleta con il corpo, con i nervi, con la ente, con il

cuore, con le orecc9ie" 3llora vedrete, cosA facendo, c9e non esiste un.entit o un essere c9ia ato osservatore, c9e c.J soltanto attenzione"L120 Puando 8ris9na urti
120

@" 8ris9na urti Andare incontro alla vita ed" U*aldini p" 132

40

parla di osservazione, spesso si riferisce non solo ad un aspetto della percezione, a piK spesso ad un atto co&nitivo c9e J co prensione e auto)conoscenza$ IMede) re vuol dire capire co e il pensiero crea &li opposti" Puello c9e il pensiero crea non J reale" Medere vuol dire capire la natura del pensiero, della e oria, del

conflitto, delle ideeV vedere tutto ci= co e un processo co plessivo J co prende) re"L121 -l pensiero viene proiettato continua ente su ci= c9e vedia o" L.attenzione viene distinta dalla concentrazione, in <uanto la concentrazione 9a una direzione c9e esclude tutto ci= c9e non si trova nel suo ca po d.azione" La concentrazione i plica una selezione in vista di una direzione, una finalit, uno scopo, un o&&etto" ] solo il processo di concentrazione c9e prevede la distrazione e il conse&uente conflitto fra concentrazione e distrazione" La concentrazione ine) vita*il ente esclude, li ita" L.attenzione invece J se pre inclusiva e <uindi non si contrappone alla distrazione, perc9B non 9a una direzione univoca, ri&ida, c9e esclude preventiva ente <ualcosa" L.attenzione J una disposizione olistica, una ricerca li*era, un.inda&ine senza ri&ide deli itazioni$ ICo e si fa a osservare in odo &lo*aleX Nsservando la appa della Francia, dopo aver attraversato la (a)

nica provenendo dall.-n&9ilterra, vedo c9e c.J una strada c9e porta a 'staad" Medo la direzione e la distanza" ] olto se plice, perc9B tutto J se&nato sulla appa, se&uo la direzione in cui vo&lio odo una ente c9e

appa" CosA facendo escludo il resto della

andare e <uesta direzione esclude tutte le altre" 3llo stesso

cerca in un.unica direzione non vede il tutto" Mo&lio trovare <ualcosa c9e defini) sco reale, traccio una direzione, la se&uo, e la -l ente non vede piK la totalit" T;U

ovi ento in una certa direzione, la ricerca di un deter inato piacere, l.esclu) ente incapace di vedere la totalit" %e sono uno scien)

sione dell.altro, rende la


121

@" 8ris9na urti L%uomo alla svolta ed" U*aldini p" 105

41

ziato, &uardo in una certa direzione" %e sono un artista, lo stesso" %e 9o un dono o un talento particolare, nica direzione, la Hu= la i uovo nella sua direzione" (a, se si uove in <uell.u) ensit"

ente non J piK in &rado di vedere la totalit e la sua i

ente non se&uire nessuna direzioneX ] ovvio c9e la

ente deve avere una

direzione se vo&lio tornare a casa, <uando &uido l.auto o sto svol&endo un lavoro di tipo tecnicoV a ci= di cui parlo J una ente c9e co prende c9e cosa si&nifica

se&uire una direzione, e <uindi J capace di vedere la totalit" Medendo il tutto, pu= decidere di se&uire una certa direzione" %e 9o presente il <uadro co pleto, posso occupar i dei particolariV a se vedo solo i particolari, non posso conoscere il

tutto"L122 Hartendo da uno s&uardo, una visione c9e a**raccia il tutto posso vedere corretta ente anc9e il particolare, posso collocarlo ade&uata ente, nella percezione o nell.inda&ine vedere ade&uata ente la totalit" L.osservazione, sia co e atto percettivo specifico sia co e atto co&nitivo piK a ) pio, necessit di o*ilit, flessi*ilit$ IL.osservazione non parte da un punto di entre se

i *aso sui particolari non posso co prendere o

vista fisso, da una credenza, un pre&iudizio, o una conclusione"L123 IDon J forse ovvio c9e la vera osservazione ric9iede una co pleta li*ert, senza zionali e orientativiXL122 -l pensiero J un fattore di distur*o nell.osservazione, nella percezione, J, per usare un ter ine tecnico de&li psicolo&i, ru ore, cioJ un fattore di distorsione$ I] pos) si*ile osservare se plice enteX -l c9e i plica i parare a essere consapevoli del uoversi ininterrotto del pensiero, se pre pronto a interferire con l.osservazione, otivi dire)

122 123

@" 8ris9na urti Libert totale ed" U*aldini p" 22,)5 @" 8ris9na urti Lettere alle scuole ed" U*aldini p" 2, 122 @" 8ris9na urti Sintesi ed" !t dell.ac<uario p" +2

42

rendendola confusa, distorta"L125 -l pensiero si ori&ina dalla

e oria c9e proietta

il passato sul presente occultandolo$ ICo e J possi*ile un reale Rvedere. <uando vi J <uesto offuscante sc9er o, <uando vi sono i ricordi accu ulati c9e 9anno creato a priori l.i a&ine di ci= c9e credia o di &uardareXL12+ Pual J la differen)

te disposizione fra un osservazione c9e si *asa sul passato ed una c9e J consape) vole del passato, a J *en radicata nel presenteX I'uardare con il pensiero co)

strin&e il cervello nel solco dell.a*itudine e del riconosci ento, diventa stanco e pi&ro, vive nelle ristrette li itazioni del suo stesso funziona ento" Don J ai li)

*ero" Puesta li*ert 9a luo&o <uando il pensiero non sta &uardandoV &uardare sen) za il pensiero non si&nifica osservazione vuota, non J la ancanza di presenza ca)

ratteristica della distrazione" Puando il pensiero non &uarda c.J soltanto osserva) zione, senza il processo eccanico del riconosci ento e del para&one, della &iu)

stificazione e della condannaV <uesto vedere non affatica il cervello, perc9B tutti i processi eccanici del te po si sono fer ati" Del co pleto riposo il cervello di)

venta fresco, per rispondere senza reazione, per vivere senza deteriora ento, per orire senza la tortura dei pro*le i" 'uardare senza il pensiero J vedere senza l.interferenza del te po, della conoscenza e del conflitto" Puesta li*ert di vedere non J una reazioneV tutte le reazioni 9anno delle causeV &uardare senza reazione non J indifferenza, distanza, un &elido distacco" Medere senza il eccanis o del

pensiero J vedere totale, senza parcellizzazione o divisione, il c9e non si&nifica c9e non vi siano diversit e disso i&lianze" Un al*ero non diventa una casa, nB una casa un al*ero" 'uardare senza il pensiero non ette a dor ire il cervelloV al

contrario J total ente sve&lio, attento, privo di attrito e di dolore"L 124 ] un.osser)
125 12+

@" 8ris9na urti &he cosa vi far cambiare ed" U*aldini p" 1,3 @" 8ris9na urti Sintesi ed" !t dell.ac<uario p" +2 124 @" 8ris9na urti Sul conflitto ed" U*aldini p" 130

43

vazione li*era dal &iudizio e dal processo di astrazione del pensiero$ IHer osserva) re deve esserci li*ert altri enti non riesco a vedere" %e 9o dei pre&iudizi nei vo) stri confronti, oppure se i piacete, non riuscir= a vedervi, la li*ert, dun<ue, J as)

soluta ente necessaria per osservare _ li*ert dai pre&iudizi, dal sapere, da <uel c9e a**ia o i parato _ *iso&na essere in &rado di &uardare senza l.idea" Capite$ &uardare senza l.idea" T;U Puando ci rifiutia o di vedere, faccia o un.astrazione e la trasfor ia o in idea"L12, Un.autentica osservazione J senza idee, &iudizi, pa) ra&oni, condanne" Her co prendere l.osservazione e capire se eventual ente pu= esservi una corret) ta osservazione, do**ia o capire la dina ica fra osservatore e osservato" C9i J, o c9e cos.J l.osservatoreX IL.osservatore J il centro della conoscenza, dell.espe) rienza, della e oriaL125" ] l.entit c9e &iudica, soppesa, confronta, sia &li stati e)

d.ani o interiori, sia &li eventi esterni" L.osservatore J il passato in <uanto oria" L.osservatore J <uindi il 6sB7, l.i a&ine di noi stessi,

essa insie e da

tutti i nostri ricordi" (a l.osservatore J soprattutto la deno inazione e il &iudizio c9e senza un confronto non potre**ero aver luo&o" La deno inazione J riconosci) ento" -l riconosci ento di uno stato d.ani o, di un senti ento contri*uisce a rafforzarlo$ IPuando sono adirato, le risposte c9e c9ia o Rira. ven&ono ricono) sciute perc9B sono &i stato adirato in passato" La prossi a volta c9e prover= ira la riconoscer=, e ci= render l.ira ancora piK forte perc9B &uarder= <uesta risposta, c9e J nuova, attraverso il riconosci ento di un.ira passata" N&ni volta, riconoscerla" -o posso; la i li ito a

ente pu= osservare l.ira senza riconosci ento, senza

usare la parola ira, c9e J una for a di riconosci entoXL150


12, 125

@" 8ris9na urti >erit e realt ed" U*aldini p" 112 @" 8ris9na urti Al di l della violenza ed" U*aldini p" 113 150 @" 8ris9na urti Sul conflitto ed" U*aldini p" 45

42

La coscienza si distanzia, si differenzia dai sui stessi stati d.ani o attraverso il &iudizio, la deno inazione, possi*ili attraverso un confronto col passato, con esperienze passate" Un.e ozione pu= essere definita ad ese pio Rpaura. attraver) so esperienze c9e valutia o si ili del passato$ I(entre osserva, l.osservatore os) serva attraverso i ricordi, le esperienze, la conoscenza, le ferite, le speranze e le delusioni, tutto il *a&a&lio con cui &uarda la cosa osservata" CosA l.osservatore si separa dall.osservato" (a J diverso dall.osservatoXL151 L.osservatore si separa dal) l.osservato per poter a&ire su di esso, per poterlo to d.ani o 9a una sua specificit, unicit, odificare, ca *iare" N&ni sta)

a noi lo incasellia o tra ite una defi)

nizione dicendo ad ese pio c9e si tratta di paura e <uindi interpretia o lo stato d.ani o presente attraverso una serie di stati passati, c9e sono stati definiti con connotazioni ne&ative o positive" Don stia o cosA fraintendendo il presenteX -nol) tre sia o diversi, divisi da&li stati d.ani o c9e vivia oX !ppure J <uesto c9e dia) o per scontato <uando vo&lia o odificare, ca *iare, trasfor are <uello c9e

sia o" 3**ia o paura e non vo&lia o averne" Nppure provia o ira, sia o pale) se ente o sottil ente violenti e non vo&lia o esserlo" La nostra educazione, la orale ci dice c9e J s*a&liato, c9e dovre to a certi o se&uire un odello d.azione ispira)

odelli di co porta ento, a deter inate idee, ideolo&ie, ad una tradi)

zione popolare, nazionale o reli&iosa" Nppure ci rendia o conto c9e alcuni stati d.ani o o co porta enti co portano conflitto e cosA vo&lia o odificarli" L.en)

tit c9e vuole ca *iare l.ira, la paura, l.a&&ressivit, non J essa stessa <uesti statiX %e noi stessi sia o <uei stati d.ani o, <uelle ener&ie e otive o psic9ic9e, co e possia o ca *iarliX %e sia o violenti e non vo&lia o esserlo o l.educazione e la orale corrente ci spin&ono a non esserlo, <uello c9e fare o non far ancora par)
151

@" 8ris9na urti 1n modo diverso di vivere ed" U*aldini p" 20

45

te della violenzaX IPuando dite di essere in collera, voi non siete una cosa diversa dalla collera, voi siete <uel c9e c9ia ate collera" Puando siete &elosi voi siete la &elosia" Le parole creano una separazioneV cioJ con le parole identific9ia o il senti ento e <uesta identificazione J nel passatoV perci= &uardia o il senti ento con le parole, con il paravento del passato, e lo separia o" Di conse&uenza c.J una divisione tra osservatore e cosa osservata"L 152 La divisione fra osservatore ed osservato deter ina l.illusione c9e l.osservatore possa a&ire sull.osservato e cosA ca *iarlo" (a contraria ente alle nostre aspettative invece del ca *ia ento au) spicato a**ia o il conflitto e la confusione" La coscienza c9e pretende di a&ire volontaria ente su se stessa, in realt con un atto di contorsione su se stessa pro) voca solo una istificazione c9e non ca *ia profonda ente la situazione nel sen) a&&ior con)

so auspicato" 3nzi vi J un occulta ento, un.illusione c9e introduce

flitto$ IHerc9B si resiste all.avidit, e c9i J l.entit c9e dice Rdevo li*erar i dall.a) vidit.X L.entit c9e dice$ Rdevo li*erar i. J pur essa avidit$ non J cosAX Fino ad o&&i, l.avidit l.9a re unerato, rar ene." -l a o&&i &li J penosa, e pertanto dice$ Rdevo li*e)

otivo per li*erarsene J pur esso un processo dell.avidit, perc9B

<uesta persona desidera essere <ualc9e cosa c9e non J" 3desso J la non)avidit a convenir&li, e perci= perse&ue la non)aviditV a il otivo, l.intento, J pur se pre

<uello di essere <ualc9e cosa, essere non)avidi$ il c9e senza du**io J ancora avidi) t"L153 Don vi J <uindi divisione fra noi e l.avidit, non possia o er&erci al di so) pra di essa per poterla odificare, ca *iare" Doi stessi sia o avidit" L.unica

cosa c9e possia o fare J osservare" ! non solo non possia o trasfor are volon) taria ente le nostre pulsioni piK radicate e profonde,
152 153

a se provia o a farlo intro)

@" 8ris9na urti >erit e realt ed" U*aldini p" 50 @" 8ris9na urti La prima ed ultima libert ed" U*aldini p" 130

4+

ducia o ancora piK conflitto e confusione$ il conflitto fra <uello c9e sono e <uello c9e dovrei o vorrei essere" L.u anit in tutto il ondo in o&ni epoca storica ed

anc9e o&&i 9a speso enor i ener&ie psic9ic9e in <uesti conflitti" 8ris9na urti in) vita ad investire le proprie ener&ie in una pura osservazione, un.osservazione pri) va di volont d.intervento, d.azione su ci= c9e viene osservato" (a allora sia o condannati a ri anere se pre e solo <uello c9e sia oX Hossia o solo essere pri&ionieri di una serie di condiziona enti, co e la paura, l.a&&ressi) vit, l.invidia, la co petitivit, la &elosia, l.avidit, il piacere, c9e ci li itano e deter inano conflittoX ] possi*ile un.osservazione dove non avven&a <uesta divi) sione fra osservatore ed osservatoX IPuando c.era divisione fra e e l.attacca ento potevo provare a fare <ualcosa e stesso$ 6Devo

nei suoi confronti, potevo provare a controllarlo, potevo dire a to&lierlo di se tra ezzo7V ed J in <uesto

odo c9e ci co portia o nor al ente" (a i resta da

e e l.attacca ento non c.J alcuna differenza, allora c9e cosa

fareX Don posso fare proprio niente, posso solo osservare" Hri a a&ivo nei con) fronti dell.attacca ento, a ora non posso piK, perc9B si tratta di e stesso" Tutto

<uello c9e posso fare J osservare" L.osservazione diventa la cosa piK i portante, olto piK i portante di <uello c9e cerco di fare nei confronti di ci= c9e J osserva) to" Dun<ue c.J osservazione, e non 6io c9e sto osservando7" C.J solo osservazio) ne" %e in <uesta osservazione co incio a fare delle scelte, dicendo$ 6Don devo es) sere attaccato7 allora i sto &i allontanando dal fattoV J co e se dicessi$ 6-o non

sono attaccato7" Dell.osservazione non c.J nulla da sce&liere, non c.J alcuna dire) zione da prendere, c.J soltanto osservazione pura ed assolutaV cosA <uello c9e vie) ne osservato si dissolve"L152
152

@" 8ris9na urti 2omande e risposte ed" U*aldini p" 14

44

Un.intensa osservazione, un.accurata inda&ine c9e non 9a un fine o un

otivo ed

J <uindi priva di volont d.intervento paradossal ente d luo&o al ca *ia ento alla trasfor azione piK radicale$ la dissoluzione del passato$ I3llora potete osser) vare la paura senza il passatoX Puesto vuol dire non dare un no e alla paura, non usare la parola paura, a se plice ente osservare" Puando osservate in odo to)

tale _ e <uesta totale attenzione J possi*ile soltanto <uando non c.J osservatore c9e J il passato _ allora l.intero contenuto della coscienza in <uanto paura J dis) soltoL155" Tutta l.ener&ia c9e viene spesa nel conflitto fra ci= c9e J e ci= c9e deve essere pu= essere utilizzata nell.osservazione senza volont d.intervento c9e paradossal) ente produce la trasfor azione piK radicale" 'li atte&&ia enti c9e non rendono possi*ile <uesta Rdissoluzione. nella nostra <uotidianit sono la ancanza di attenzione, di co prensione e la deno inazione,

c9e i plica se pre una valutazione positiva o ne&ativa, di approvazione o di con) danna" %e non vi J divisione fra osservatore ed osservato si deter ina una tale intensit di osservazione c9e produce, in una totale assenza di volont, di intervento, una tra) sfor azione di ci= c9e viene osservato$ I-o sono parte di <uesta violenza, precedenza a in

e ne sono separato dicendo$ 6Devo soppri erla, devo vincerla, devo e stesso" T;U Nra c9e l.osser)

trascenderla7 e cosA c.J conflitto tra la violenza e

vatore J l.osservato 9o a disposizione tutta l.ener&ia c9e pri a andava sprecata nel tentativo di fu&&ire o di repri ere" /o a disposizione l.enor e ener&ia presen) te <uando l.osservatore J l.osservato ed J <uesta ener&ia c9e pu= andare al di l della violenza" 3**ia o *iso&no di ener&ia per fare <ualun<ue cosa, non J veroX
155

@" 8ris9na urti Sulla paura ed" U*aldini p" 10,

4,

/o *iso&no di ener&ia per andare al di l della violenza,

a 9o sprecato <uesta

ener&ia attraverso la repressione, il confor is o, la razionalizzazione, attraverso tutte le fu&9e e le &iustificazioni" Puando vedo c9e l.osservatore J l.osservato, e <uando tutta l.ener&ia J unificata, <uando c.J <uesta ener&ia totale, non c.J vio) lenza" %ono i fra stinzione, dalla fra enti c9e creano la violenza"L15+ La violenza si ori&ina dalla di) entazione, dalle dicoto ie io/non)io, io/non) io, c9e &e)

nerano continue contraddizioni ed il proposito di non essere violenti, l.ideale della non)violenza J un ulteriore fra ento, un.ulteriore violenza" %e adotto di propo) eno palese, anifesta, a

sito un co porta ento non)violento, la violenza sar

continuer ad a&ire e avr= introdotto il conflitto fra ci= c9e sono e ci= c9e dovrei essere" %ia la ne&azione c9e l.affer azione o la &iustificazione di uno stato d.ani o raf) forzano lo stato d.ani o stesso e i pediscono una li*era osservazione" Pui *iso&na stare zioni olto attenti perc9B interven&ono considerazioni e ar&o enta)

olto sottili c9e possono facil ente sfu&&ire$ se l.osservatore e l.osservato

6sono un.unica cosa7, sono un feno eno con&iunto, ci= non vuol dire c9e sia o di fronte ad un.identificazione o ad un invito da parte dell.autore all.identificazio) ne$ IPuesta consapevolezza c9e l.osservatore J la cosa osservata non J un proces) so di identificazione con la cosa osservata"L154 L.identificazione presuppone una precedente divisione, una separazione c9e J data co e a**ia o visto dal ricono) sci ento, dalla deno inazione, dal &iudizio, dal raffronto" (a J possi*ile un altro tipo d.osservazione$ IPuando osservate <ualcosa con la totalit di voi stessi, non c.J identificazione perc9B non c.J separazione"L15,
15+ 154

@" 8ris9na urti Sul conflitto ed" U*aldini p" 45 @" 8ris9na urti Libert dal conosciuto ed" U*aldini p" 42 15, @" 8ris9na urti Sul vivere e sul morire ed" U*aldini p" 5+

45

La co prensione della dina ica fra osservatore ed osservato deter ina un ca ) *ia ento profondo nelle relazioni con &li altri$ I] la e oria c9e fa se *rare

l.osservatore diverso dalla cosa osservata" T;U Dove c.J una differenza, una divi) sione, tra l.osservatore o testi one, tra l.osservatore e l.osservato, deve, co e a*) *ia o &i detto, esservi conflitto" ! capire perc9B &li esseri u ani vivono nel con) flitto dal o ento della nascita a <uello della orte vuol dire capire perc9B esiste

<uesta divisione tra l.osservatore e la cosa osservata, o scoprire se invece c.J sol) tanto la cosa osservata" %tia o dicendo c9e ovun<ue ci sia divisione c.J per forza conflitto" ] una le&&e, una le&&e eterna" Dove c.J separazione, divisione, frattura in due parti, c.J per forza conflitto" Puesto conflitto alla fine, diventa &uerra, ucci) sione" T;U Puindi, capire ed essere li*eri dal conflitto, real ente li*eri da esso, si&nifica capire perc9B l.osservatore diventa cosA preponderante, separando da sB la persona o la cosa osservata" Puando osservo, io e ia o&lie, o io e la ia ra)

&azza, c.J divisione tra noi, una divisione reale, non solo fisica,

a anc9e tradi)

zionale$ l.autorit del &enitore, l.autorit di <ualcuno" CosA c.J se pre conflitto nel rapporto e <uindi se pre conflitto tra &li esseri u ani"L155 Le fra entazioni

e i conflitti all.interno della coscienza si estendono alle relazioni con &li altri" Tutti i conflitti personali, professionali, istituzionali, reli&iosi e nazionali, si ori&i) nano dalla fra entazione della coscienza dell.individuo" %e ci proponia o di ri) ovi)

solvere il conflitto se plice ente sedendoci in un an&olo per osservare i enti della nostra coscienza in editazione o&nuna col suo

editazione co e propon&ono nu erose scuole di o facil ente vitti e delle nostre pro)

etodo sare

iezioni di pensiero, delle nostre illusioni" %e non c.J una co prensione profonda possia o deter inare in noi un rilassa ento
155

o entaneo o un.ipnosi di <ualsiasi

@" 8ris9na urti Sul conflitto ed" U*aldini p" 124

,0

tipo,

a c9e ci lascia sostanzial ente i

utati" ! per co prendere <uello c9e

sia o do**ia o osservare noi stessi innanzitutto nelle relazioni con &li esseri vi) venti, le idee, &li o&&etti" La deno inazione J uno dei processi piK rilevanti della nostra psic9e$ IDoi dia o un no e non soltanto per co unicare, a anc9e per dare continuit e sostanza ad

un.esperienza, per risuscitarla e ripeterne le sensazioni" T;U La nostra intera co) scienza J un processo di dare un no e, o una definizione all.esperienza, per poi i a&azzinarla o re&istrarla"L1+0 ] un processo <uasi onnipresente c9e deter ina a per <uanto estre a ente pre)

una divisione all.interno della nostra coscienza,

sente non J un feno eno necessario, inevita*ile$ I%e potre o speri entare un senti ento, senza dar&li un no e T;U non vi sar piK lotta con esso, perc9B lo speri entatore e la cosa speri entata sono un.unica cosa, e ci= J essenziale" Fin) c9B lo speri entatore d un no e al senti ento, all.esperienza, e&li se ne separa e a&isce su di essaV tale azione J artificiale, illusoria" (a se non vi J deno inazione, allora lo speri entatore e la cosa speri entata costituiscono un tutto unico"L1+1 Le parole, i lin&ua&&i intrinseca ente ri andano ad un infinit di associazioni e &iudizi con connotazioni positive o ne&ative$ IPuando l.osservatore J la cosa os) servata, <uando la violenza non J separata dall.osservatore, allora 9a luo&o un.a) zione co pleta ente diversa" 'i Rviolenza. J una parola di condannaV J una pa) rola c9e usia o per rafforzare la violenza, se**ene non si vo&lia farlo, la raffor) zia o usando <uella parola, noX CosA, fare il no e di <uel senti ento fa parte del) la nostra tradizione" %e non ne fate il no e c.J una risposta del tutto diversa" ! poic9B non ne fate il no e, poic9B non c.J un osservatore diverso dalla cosa os)
1 1+0

1+1

@" 8ris9na urti Meditazioni sul vivere ed" (ondadori p" +, @" 8ris9na urti La prima ed ultima libert ed" U*aldini p" 15+

,1

servata, il senti ento c9e sor&e, c9e c9ia ate violenza J inesistente" Hrovate e ve) drete" Hotete a&ire solo <uando avrete fatto la prova" (a l.essere d.accordo se ) plice ente non J aver fatto la prova" Dovete a&ire e scoprire"L1+2 La divisione fra osservatore ed osservato interviene non solo all.interno della sin) &ola coscienza, a anc9e fra individui e fra so&&etto dell.esperienza e ondo

esterno$ IPuando uno &uarda una a

onta&na, la &uarda co e osservatore e la c9ia) onta&na,

onta&na" La parola non J la cosa" La parola R onta&na. non J la

a per l.interessato la parola J ente la risposta R<uella J la

olto i portante$ <uando &uardo, vi J istantanea) onta&na." Nra uno pu= &uardare la cosa c9ia ata

R onta&na. senza la parola, perc9B la parola J un fattore di divisioneX Puando uno dice R ia o&lie., la parola R ia. crea divisione" La parola, il no e fanno parte onta&na o un al*e)

del pensiero" Puando uno &uarda un uo o o una donna, una

ro, <ualun<ue cosa sia, si opera una divisione <uando il pensiero, il no e, il ricor) do ven&ono posti in essere" T;U %e uno &uarda <ualcosa senza la parola e i ricordi del passato, allora osserva senza l.osservatore" Puando uno fa ci=, vi J solo l.os) servato, e non vi J conflitto psicolo&ica ente" Uno pu= &uardare la propria o&lie

o il proprio a ico piK inti o senza il no e, la parola e tutta l.esperienza accu u) lata in <uel rapportoX Puando uno &uarda cosA, &uarda l.altro _ o l.altra _ per la pri a voltaL1+3" L.osservatore J l.osservato perc9B sono un feno eno con&iunto c9e a**ia o se) parato con l.astrazione, il pensiero, la deno inazione" 8ris9na urti usa la edesi a ar&o entazione in a *iti le&&er ente diversi per

ettere in luce la stessa dina ica" La divisione osservatore/osservato c9e crea il


1+2 1+3

@" 8ris9na urti >erit e realt ed" U*aldini p" 22 @" 8ris9na urti La pienezza della vita ed" U*aldini p" 1+4

,2

conflitto psicolo&ico viene trasferita in diversi a *iti" -n una prospettiva piK le&a) ta al co porta ento e alla orale viene esa inato il controllo$ IL.essenza del ette fine a o&ni for a di repressioneV

controllo J la repressione" -l puro vedere

vedere J infinita ente piK sottile c9e il se plice controllo" -l controllo J relativa) ente facile, non 9a *iso&no di olta co prensioneV confor it ad un odello,

o**edienza ad un autorit costituita, ti ore di non fare la cosa &iusta, rispetto del) la tradizione, volont di successo, <ueste sono le cose c9e conducono alla repres) sione di ci= c9e J, o alla su*li azione di ci= c9e J" -l puro atto del vedere la real) t, <ualun<ue essa sia, porta con sB la stessa co prensione di essa e, in se&uito a <uesta co prensione, si instaura il uta entoL"1+2 -l controllo istituisce la dicoto)

ia del controllore e controllato$ IL.essere u ano si J costruito l.idea di un io se) parato c9e e&li deve controllare sulla falsari&a di certi sc9e i, creando cosA l.illu) sione dell.esistenza in se stesso di un controllore e di un <ualcos.altro c9e de**a essere controllato" ! non sa vedere c9e le due cose sono una sola, e c9e il contra) sto fra <uesti due inesistenti fantas i J l.ori&ine del conflitto e del dolore"L1+5 Con accenti critici nei confronti dell.analisi psicolo&ica e dell.introspezione viene trattata la dicoto ia analizzatore/analizzato$ IL.analizzatore J diverso da ci= c9e analizzaX L.analizzatore e la cosa analizzata sono un feno eno con&iuntoX %enza du**io lo speri entatore e l.esperienza sono un feno eno con&iuntoV non sono due processi separati, e cosA, anzitutto, consideria o la difficolt dell.analizzare" ] <uasi i possi*ile analizzare l.intero contenuto della nostra coscienza e pertanto essere li*eri ediante tale processo" Dopo tutto, c9i J l.analizzatoreX L.analizza)

tore non J diverso, se**ene possa ritenersi tale, da ci= c9e analizza" Hu= distin)
1+2 1+5

@" 8ris9na urti Taccuino ed" U*aldini p1+3 @" 8ris9na urti Sintesi ed" !t dell.ac<uario p" 51

,3

&uersene,

a ne J invece parte" -o 9o un pensiero, un senti ento$ per ese pio

sono infuriato" La persona c9e analizza l.ira, fa ancora parte dell.ira, e pertanto l.analizzatore e la cosa analizzata costituiscono un feno eno con&iunto, non due forze o processi separati" Herci= la difficolt di analizzare noi stessi, di dis&elarsi, di &uardarci pa&ina per pa&ina, di osservare o&ni reazione o risposta, J straordina) ria ente aspra e tenace" Dun<ue non J <uesta la strada per li*erarci da <uel *acG) &round, non J cosAXL1++ L.introspezione produce identificazione e condanna per) c9B J un.attivit incentrata sul sB" 3nc9e la dicoto ia pensatore/pensiero J esa inata nei edesi i ter ini$ I-l pen)

satore J cosa diversa dal suo pensieroX Don sono un feno eno associatoX Herc9B allora il pensatore si separa dal suo pensieroX Don lo fa forse per la propria conti) nuitX !&li cerca sicurezza, per anenza e poic9B i pensieri sono transitori, il pen) satore si auto)definisce co e per anente" -l pensatore si nasconde dietro i propri pensieri e senza trasfor are se stesso tenta di utare i odi del pensiero" !&li si

fa sc9er o della propria attivit di pensiero per salva&uardare se stesso" !&li fun) &e se pre da osservatore c9e diri&e il suo ca po di osservazione, entre il pro)

*le a J lui stesso, non i suoi pensieri" ] <uesto uno dei piK sottili accor&i enti del pensatore, di preoccuparsi cioJ dei propri pensieri, evitando in <uesto odo di o)

trasfor are se stesso" %e il pensatore si separa dal proprio pensiero e tenta di

dificarlo senza trasfor are radical ente se stesso, si attirer inevita*il ente con) flitto e delusione" T;U (ediante la conoscenza di sB e la &iusta editazione 9a

luo&o la fusione del pensatore col suo pensiero e solo allora e&li pu= trascendere se stesso" %oltanto allora esso cessa di esistere"L1+4 La dicoto ia fra pensatore e
1++ 1+4

@" 8ris9na urti La prime ed ultima libert ed" U*aldini p" 1,+ @" 8ris9na urti La via della vita ed" Fratelli :occa pp" 102)5

,2

pensiero J le&ata ad un'altra$ colui c9e esperisce e l.esperienza$ I-n altri ter ini attual ente sappia o c9e esistono il so&&etto pensante e il pensato, l.osservatore e l.osservato, il so&&etto dell.esperienza e l.esperito$ due stati diversi" -l nostro sforzo J volto a col are il divario c9e li separa" La volont d.azione J se pre dualistica" ] possi*ile andare oltre <uesta volont separatrice e scoprire uno stato in cui tale azione dualistica J assente, a soltanto avendo esperienza diretta dello

stato in cui il so&&etto pensante coincide con la cosa pensata" T;U !. possi*ile esperire <uello stato in cui c.J un'unica entit anzic9B due processi separati, il so&) &etto dell.esperienza e l.esperienzaX T;U %ono avido" -o e l.avidit non costitui) scono due stati differentiV c.J un'unica cosa e <uella J l.avidit" Cosa accade se 9o consapevolezza del io essere avidoX Faccio uno sforzo per non essere avido, o otivi reli&iosiV a <uello sforzo avverr se pre all.in) a se pre entro

per ra&ioni sociali o per

terno di un piccolo ca po li itato" Hosso a pliare il ca po,

certi li iti, e <uindi il fattore deteriorante sar co un<ue presente" Puando per= considero le cose piK approfondita ente, piK da vicino, i accor&o c9e colui c9e

co pie lo sforzo J la causa dell.avidit, J l.avidit stessaV e capisco anc9e c9e non esistono l.6io7 e l.avidit in <uanto entit separate, a solo l.avidit" %e i rendo

conto di essere avido, c9e non esiste l.osservatore c9e J avido,

a c9e io stesso

sono avido, allora tutto il pro*le a ci appare sotto una luce co pleta ente diffe) rente, la nostra risposta ad esso J del tutto diversa e il nostro sforzo non sar di) struttivo" Cosa fare o <uando il nostro intero essere sar avidit, <uando <ualun) <ue azione co pia o sar aviditX Hurtroppo non ra&ionia o in <uesti ter ini" C.J l.6io7, l.entit superiore, il soldato c9e controlla e do ina" %econdo e <uel

processo J distruttivo" ] un.illusione, e noi sappia o perc9B la coltivia o" Divido

,5

e stesso in una parte superiore e una inferiore per poter tirare avanti" %e esiste sola ente l.avidit, se tutto si riduce a <uesto, anzic9B esserci un 6io7 c9e vive l.avidit cosa accadeX Di certo lA opera un processo del tutto differente, sor&e un pro*le a di altra natura" (a tale pro*le a J creativo$ in esso non c.J alcun senso di un 6io7 do inante, di un 6io7 c9e diviene, nel *ene e nel ale" %e vo&lia o

essere creativi, do**ia o conse&uire <uello stato nel <uale non esiste alcun attore dello sforzo" Don si tratta di ver*alizzare o di cercare di scoprire c9e cosa sia tale statoV se si affronta la <uestione in <uesto odo si J destinati alla sconfitta e sar

i possi*ile scoprire alcunc9B" Ci= c9e J i portante J capire c9e l.attore dello sforzo e l.o&&etto verso il <uale tende sono la stessa cosa" %ono necessari un enor) e intuito e un.attenzione olto vi&ile per capire in c9e odo la ente divide se

stessa in una parte superiore e una inferiore _ laddove <uella superiore rappre) senta la sicurezza, l.entit per anente _ pur restando un processo di pensiero e, dun<ue, te porale" %e riuscissi o a co prendere ci= avendone esperienza diretta, vedre o realizzarsi un fattore al<uanto differente"L1+, -n altre parole possia o dire c9e <uando 8ris9na urti parla di osservatore/ osser) vato, pensatore/ pensiero, analizzatore/ analizzato, colui c9e esperisce/ esperienza si riferisce sicura ente alla stessa dina ica coincidenti" 8ris9na urti inizia talvolta dall.osservazione naturale per poi passare a <uella in) teriore$ IDoi &uardia o se pre in odo parziale" Hri a di tutto perc9B sia o di) entale, a feno eni atti&ui e forse

sattenti e in secondo luo&o perc9B &uardia o ai fatti secondo dei pre&iudizi, se) condo i a&ini ver*ali e psicolo&ic9e di ci= c9e &uardia o" Herci= non vedia o odo totale" ] piuttosto difficile anc9e &uardare o**iettiva ente la

ai niente in
1+,

@" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" 53

,+

natura" 'uardare un fiore senza un.i

a&ine, senza alcuna conoscenza *otanica ente J

_ proprio per osservarlo diventa assoluta ente difficile perc9B la nostra

va&ante, priva di interesse" !d anc9e se J interessata &uarda il fiore con un certo apprezza ento e con una descrizione ver*ale c9e se *ra dare all.osservatore la sensazione di averlo vera ente &uardato" 'uardare intenzional ente non J &uar) dare" Herci= il fiore non lo &uardia o un.i ai vera ente" Lo &uardia o attraverso

a&ine"L1+5 L.osservazione della natura ci per ette piK facil ente di non ondo delle

espri ere &iudizi, valutazioni, co parazioni, rispetto a&li o&&etti e al

relazioni u ane lasciandoci secondo il lin&ua&&io co une senza parole" -n <uesto senso 9a un forte valore propedeutico" -noltre sti ola la nostra investi&azione e ri) cerca ed 9a allo stesso te po un potere rasserenante e cal ante c9e ette a tacere ette a an)

con la sua *ellezza il pensiero, l.e&o, l.osservatore" (a <uest.ulti o *rano in luce c9e non c.J solo la deno inazione a svol&ere un ruolo di ostacolo, c9e la produzione di i a&ini

entali" %e il pensiero i plica se pre la deno i) a&ini entali purtroppo 8ris9na urti non 9a inda)

nazione e la produzione di i

&ato il rapporto fra <uesti due lin&ua&&i" -l pensiero J un ostacolo, una distrazione per l.osservazione c9e porta l.autentica co prensione$ IPuando intendo co prendere, osservare vera ente <ualcosa, non dovr= pensare ad essa$ dovr= &uardarlaSSS Del re, ad avere idee ed opinioni intorno ad essa, strazione, o ento in cui co incio a pensa) i trovo &i in una condizione di di)

i trovo a &uardare al di l della cosa c9e devo co prendere" CosA il

pensiero, <uando si 9a un pro*le a, diventa distrazione _ intendendosi per pen) siero un.idea, un.opinione, un &iudizio, un confronto _ c9e ci i pedisce di &uar)

1+5

@" 8ris9na urti L%uomo alla svolta ed" U*aldini p42

,4

dare e pertanto di co prendere e risolvere il pro*le aL 140" ! pu= essere valido an) c9e in ca po scientifico$ I%e vi ettete a osservare una cellula al icroscopio,

con un proposito definito nella vostra <ualsiasi altro

ente _ per &uada&nare denaro, o per

otivo _ allora non avrete la c9iarezza sufficiente per vedere i

ca *ia enti c9e interven&ono nella cellula stessa" %i tratta di osservare senza c9e il pensiero co inci ad interferire nel tentativo di odificare o di trascendere <uel)

lo c9e stia o osservando" Puando osservate senza alcuna distrazione, senza un otivo particolare, senza i porre alcun indirizzo all.atto di osservare, allora <uel) lo c9e state osservando, su*isce un uta ento di *ase"L141

Puesta assenza del osservatore, del pensatore, dell.analizzatore, nell.osservazione non viene presentata co e <ualcosa di occulto, a co e un eventualit c9e pu=

accadere e talvolta accade nel <uotidiano" Puando si J intensa ente interessati a <ualcosa Isi osserva senza condannare, senza identificarsiV pertanto in tale osser) vazione vi J co unione co pletaV l.osservatore e la cosa osservata sono in co u) nione totale" Ci= si verifica in concreto <uando si J profonda ente interessati a <ualc9e cosa"L142 ! 8ris9na urti invita ad un tale tipo di osservazione$ IL.osser) vazione J una visione diretta senza analisi, senza c9e interven&a l.osservatore, ve) dere un vestito rosso o rosa o nero cosA co .J senza dire se piace o eno" T;U

C.J se plice ente l.osservazione senza la presenza del censore c9e dice$ 6(i piace7, 6Don i piace7, 6!. *ellissi o7, 6Don J olto *ello7, 6!. io7, 6Don J

io7" Dovete provare a farlo, senza costruirci su una teoria, e allora scoprirete"L143

140 141

@" 8ris9na @" 8ris9na 142 @" 8ris9na 143 @" 8ris9na

urti La prima ed ultima libert ed" U*aldini p" 52 urti &he cosa vi far cambiare ed" U*aldini p" +3 urti La prima ed ultima libert ed" U*aldini p" 135 urti La domanda impossibile ed" U*aldini p" 102

,,

La creazione e l.arte

Da &iovane 8ris9na urti parl= dell.arte co e atto creativo e dell.artista con ter) ini e toni istici c9e poi verranno a**andonati nella sua aturit"

,5

-n <uesta prospettiva &iovanile c9i vive in uno stato di consapevolezza senza scel) ta, in una di ensione olistica, reli&iosa, c9e vuol dire in co unione e co unica) zione con la natura e &li altri J il vero artista, perc9B si J unito con la Mita, si J dis) solto in essa e la Mita J l.artista piK &rande$ 6Un uo o c9e vive fino in fondo il presente J un artista della vita7"142 Mivere intera ente il presente J possi*ile solo nella consapevolezza priva di scelta c9e J l.azione di una fra entata, c9e non vive il conflitto e la contraddizione" La ente olistica, non ente olistica ap)

partiene ad un &enio perc9B 9a li*erato se stessa da tutte le condizioni vincolanti create dal %B ed 9a cosA toccato la sor&ente della Merit, ed allo stesso te po J ri) asta se plice, perc9B la &enuina se plicit J indice di no*ilt e perfezione" -l vero artista vive nel assi o della li*ert perc9B J il proprio aestro, J Iluce a assi o

se stessoL" %olo nello stato di una consapevolezza priva di scelta, nel

della vi&ilanza, dell.attenzione della percezione si J vera ente li*eri" Mivendo in <uello stato di lucida intelli&enza e di co prensione intuitiva <ualsiasi cosa uno senta, pensi o faccia J se pre nuova, fresca, li*era, creativa ed artistica" L.osser) vare, l.ascoltare, il percepire sono arti e c9i ne J vera ente capace J un vero arti) sta" -l vero artista vive in una relazione di co unione e co unicazione con la na) tura e &li altri esseri viventi" !&li vive nell.estasi della co unione e in <uesto sen) so J un vero istico c9e vive nella li*ert e creativit" Una li*era, autentica, spon)

tanea creazione pu= attuarsi solo nel silenzio e nella tran<uillit <uando il proces) so del pensiero J &iunto a ter ine, <uando la ente J attiva ente Rne&ativa., pie)

na di ener&ia ed J tale ener&ia c9e spri&iona la creativit nelle sue varie espressio) ni co e la pittura, la scultura, la poesia, la usica, la danza, ecc" (a anc9e se )

plici attivit co e il cucinare, il &iardina&&io o lo spazzare possono essere creati)


142

@" 8ris9na urti Aarl/ Britings ed" C9etana vol" M-, p" 1,5

50

ve e <uindi artistic9e" 3nc9e <ueste possono essere espressione dello stato creati) vo di co unione, a ore, &ioia, delizia" Herci= solo colui c9e vive nel I&iardino della co unioneL pu= essere un vero artista" La Mita J se pre nuova e <ualsiasi cosa l.artista faccia J anc9.essa total ente nuova" Co un<ue un artista non J ai attaccato alle conse&uenze, ai frutti delle

sue azioni e alle opere d.arte" !&li non rovina la *ellezza della sua opera con la sua fir a perc9B ne J total ente distaccato" !&li crea soltanto perc9B J nella sua natura creare e non riduce la sua opera ad una attivit co erciale o affaristica" -l

suo lavoro pu= effettiva ente essere considerato di &rande valore, c9e pu= render) &li dei *enefici finanziari cosA co e la &loria e la fa a, sono intesi co e personali, a a <uesti *enefici non

essi a disposizione dell.intera societ"

Datural ente solo un artista J capace di apprezzare le opere di un altro artista for) se piK delle proprie anc9e se apparten&ono ad un altro &enere d.arte" !ssendo to) tal ente senza sB, un artista c9e vive nello stato dell.intuizione J capace di entrare in i ediata relazione di co unione e co unicazione con &li altri artisti e le loro

opere" N&ni opera d.arte 9a il suo effettivo e specifico valore in se stessa, nella sua *ellezza, non perc9B l.artista l. 9a creata" Don c.J una distinzione di livello fra artistiV o&ni artista J e&ual ente i portante, &rande, perc9B o&ni artista vive in una li*ert creativa, &ioiosa c9e J la vera e pro) pria vita ed J tutto ci= c9e conta" L.intento di 8ris9na urti J di rendere anc9e i suoi ascoltatori e i suoi lettori capa) ci di divenire tali artisti$ &li artisti della vita" Hossia o facil ente notare co e 8ris9na urti, c9e effettiva ente si era confron) tato con diversi artisti, nelle sue riflessioni sia partito da riflessioni personali piK

51

c9e da una descrizione di <uello c9e l.artista e l.arte sono di fatto, o sono co une) ente intesi" Delle sue riflessioni piK ature 8ris9na urti preferA adottare un lin&ua&&io diver)

so e riflettere sulle condizioni e la dina ica della creativit" Her co prendere la creativit do**ia o innanzitutto capire cos.J l.insoddisfazio) ne" Cerc9ia o continua ente di oderare, di controllare, di censurare l.insoddi)

sfazione canalizzandola in una certa direzione, prefi&&endoci uno scopo, c9e ci i a&inia o ci dar invece soddisfazione" Herc9B il nostro principale proposito J

<uello di siste arci in una posizione sicura dal punto di vista de&li interessi, del presti&io e non essere distur*ati" %e&uia o la routine, le vecc9ie a*itudini per non essere distur*ati perc9B nel re, ad esplorare, a o ento in cui sia o scontenti e inizia o ad inda&a)

ettere in du**io c.J un &rosso accu ulo di in<uietudine" Np)

pure fu&&ia o dall.insoddisfazione rifu&iandoci ne&li sva&9i, nell.industria del) l.intratteni ento, nelle dro&9e o correndo dietro a una donna" (a soltanto attra) verso l.insoddisfazione pu= nascere un autentico spirito d.iniziativa c9e J l.inizio della creativit" L.insoddisfazione non J <ualcosa di cui essere i pauriti, c9e do**ia o rifiutare, a al contrario J una condizione preziosa, da ali entare, da nutrire, in odo da

diventare insoddisfatti di o&ni cosa _ del nostro lavoro, della nostra fa i&lia, del nostro i pulso a perse&uire denaro, posizione, potere _cosA c9e real ente inizia) oa ettere in du**io, a pensare, a scoprire con tutte le nostre ener&ie"

(a <uando non sia o piK &iovani non J facile ali entare l.insoddisfazione per) c9B do**ia o considerare le necessit del nostro sostenta ento e spesso della no) stra fa i&lia, perc9B sia o pressati dalle ric9ieste del ondo del lavoro, della so)

52

ciet e dalle opinioni e dalle aspettative delle persone c9e ci circondano" Her sco) prire l.autentica creativit do**ia o essere in rivolta contro l.ordine sta*ilito, piK soldi a**ia o, piK sia o sicuri nel nostro lavoro e a

eno vo&lia o rivoltarci"

Una totale, profonda insoddisfazione J preziosa perc9B J l.inizio dello spirito d.i) niziativa c9e pu= dar luo&o allo stato entale di creativit c9e J Dio" (a la a&)

&ior parte delle persone c9e sono scontente sono terri*il ente noiose perc9B la loro insoddisfazione J li itata alla propria sfera personale per cui si la entano continua ente c9e <ualcosa non J &iusto, c9e vo&liono una posizione i&liore,

c9e le circostanze dovre**ero essere diverse" -n &enere sia o scontenti soltanto perc9B vo&lia o <ualcosa _ o*ile piK *ella, un salario a&&iore conoscenza, un lavoro i&liore, un.auto)

i&liore" La nostra insoddisfazione si *asa sul deside)

rio del IpiKL" ] soltanto perc9B vo&lia o <ualcosa di piK c9e sia o scontenti e <uindi la nostra insoddisfazione J olto superficiale, li itata" CosA attraverso a se invece sia o insoddi)

l.insoddisfazione cerc9ia o un particolare risultato,

sfatti senza sapere cosa vo&lia o, se sia o insoddisfatti non di <ualcosa in parti) colare, a di o&ni cosa, di ci= c9e a**ia o e di ci= c9e potre o avere, della tra)

dizione, dei nostri pre&iudizi, delle nostre credenze e delle nostre paure, allora avre o la c9iarezza necessaria per penetrare, investi&are e capire cos.J la creativi) t senza se&uire nessuno o accettare le teorie di <ualcun altro" ! le persone c9e non sono per niente insoddisfatte sono psicolo&ica ente &i orte" Hossia o allora c9iederci$ I] possi*ile essere co pleta ente insoddisfatti senza la entarsi, a provando &ioia, letizia, a ore, affettoXL

53

La creazione J uno stato della sono ter inate" ] una

ente in cui il passato, la

e oria, la conoscenza

ente vuota del contenuto psicolo&ico dove soltanto il

InuovoL pu= entrare perc9B non vi J alcun tipo di riconosci ento" Co e a**ia o &i avuto odo di affer are, la assi a espressione della *ellez)

za per 8ris9na urti sono la natura e l.assenza psicolo&ica del sB" L.essenza della *ellezza interiore non 9a la necessit di anifestarsi ed J <uello stato entale in

cui l.io, l.e&o, il sB J assente" La necessit di espri ersi fa parte di un processo e&ocentrico" La *ellezza J uno stato di li*ert c9e pu= espri ersi co e non espri) ersi" L.espressione della *ellezza non pu= c9e essere inconsapevole, non inten) zionale$ IC9e cos.J la creazioneX ] <ualcosa c9e 9a *iso&no di un.espressione$ un <uadro, una poesia, una scultura, un li*ro, un *a *inoX ] <uesta la creazioneX Deve per forza essere espressaX T;U Dun<ue, c9e cos.J la creazioneX Forse un fiorire in cui il fiore non sa c9e sta fiorendoXL145 ! natural ente l.espressione per essere non)intenzionale non pu= essere fondata su un lit, o un.idea" Co e per l.a ore anc9e per co prendere la creativit do**ia o procedere Rne&a) tiva ente. perc9B Iil pensiero ne&ativo J la piK alta for a d.intendi ento" CioJ$ per co prendere c9e cosa sia il pensiero creativo, dovre a ne&ativa ente, perc9B un o affrontare il pro*le) otivo, uno scopo, una fina)

odo positivo di affrontarlo sare**e pura ente i i)

tativo"L14+ Do**ia o <uindi iniziare a do andarci non cosa siano la creazione e la creativit, a piuttosto cosa siano l.i itazione, la ripetizione, il confor is o, l.a)

*itudine e la loro ori&ine, la causa nel nostro vivere <uotidiano" Delineare, defini) re la creativit co e passo iniziale vorre**e dire proporre un
145 14+

odello di creativit

@" 8ris9na urti 3" Q" 3nderson 1n modo diverso di vivere ed" U*aldini p" 15+ @" 8ris9na urti La prima ed ultima verit ed" U*aldini p" 31

52

a cui confor arsi, da se&uire o a cui contrapporsi, c9e non sono &li autentici pro) cessi della creazione$ IDon potre o ricercare il otivo per cui sia o diventati

eccanici, piuttosto c9e praticare la Rnon) eccanicit., c9e risc9ia di essere un processo eccanicoXL144 IMi J un.azione non eccanica, a dovete scoprirla"

Don potete esserne infor ati, non potete essere istruiti in essa, non potete i para) re da ese pi, perc9B in tal caso diviene i itazione e confor is o"L14, Do**ia o co prendere l.i itazione, il confor is o, il processo di for azione dell.a*itudine nella vita <uotidiana" Herc9B sia o ripetitivi, a*itudinari, inclini al) l.i itazioneX 3**ia o *iso&no di sicurezza interiore e cosA se&uia o <uello c9e altri fanno o dicono, ci ade&uia o ad un odello, a&ia o cercando di ripetere si) a&&ior parte di noi non J

tuazioni in *ase alle nostre passate esperienze$ ILa creativa, sia o

acc9ine ripetitive, disc9i c9e suonano in continuazione le stesse e orie, nostre o altrui" Una si)

canzoni dell.esperienza, le stesse conclusioni e ile ripetitivit non J dell.essere creativo _

a J ci= c9e vo&lia o" Hoic9B desi) etodi o stru)

deria o la sicurezza interiore, sia o costante ente alla ricerca di

enti per ra&&iun&erla ed J per <uesto c9e creia o l.autorit, l.adorazione di <ualcosa c9e J altro da noi, distru&&endo cosA la co prensione, <uella spontanea tran<uillit della ente c9e sola rende possi*ile uno stato di creativit"L145 a&inata o conse&uita attraverso alcun

La creativit non pu= essere concepita, i siste a,

etodo, filosofia, disciplina" L.assenza di creativit individuale si riflette

sulla vita sociale$ IHerc9B la societ si s&retola, crolla, co e certa ente sta acca) dendoX Una delle ra&ioni fonda entali J c9e &li individui, voi, avete cessato di essere creativi" Moi ed io sia o divenuti i itativi, ci li itia o a copiare, esterna)
144 14,

@" 8ris9na urti (u= cambiare l%umanit ed" U*aldini p" +1 @" 8ris9na urti Lettere alle scuole ed" U*aldini p" 11 145 @" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" 2+

55

ente sul piano ver*ale, J naturale c9e ci sia un certo &rado di i itazione" -o co) pio le parole" Her diventare in&e&nere, devo pri a i parare la tecnica, poi potr= servir ene per costruire un ponte" Deve esserci un certo &rado d.i itazione, di copia, nella tecnica esterna, a <uando c.J i itazione interiore, psicolo&ica, allo)

ra, inevita*il ente, cessia o di essere creativi" La nostra educazione, la nostra struttura sociale, la nostra cosiddetta vita reli&iosa, si fondano tutte sull.i itazio) ne" -n altre parole, io sono in<uadrato in una particolare for ula sociale o reli&io) saV 9o s esso di essere un individuo reale$ psicolo&ica ente, sono diventato un se plice auto a ripetitivo c9e fornisce una serie di risposte condizionate, siano esse <uelle dell.indK, del cristiano, del *uddista, del tedesco o dell.in&lese"L1,0 %olo l.autoconoscenza, la co prensione, l.osservazione di ci= c9e sia o di ento in o ento senza *asarci sui ricordi e la o)

e oria possono darci la li*ert

e la co prensione c9e consentono la creazione" La li*ert J innanzitutto li*ert dall.autorit$ IL.autorit i pedisce l.intendi ento di sB$ non J forse cosAX T;U L.autorit, per sua stessa natura, vieta la piena consapevolezza del sB e pertanto in ulti a analisi distru&&e la li*ertV e nella li*ert soltanto pu= esservi creativit" Creativit pu= esservi unica ente attraverso la conoscenza di sB" T;U Puella con) dizione viene soltanto <uando il sB, cioJ il processo di riconosci ento e accu u) lazione, cessa di esistereV poic9B dopo tutto, la consapevolezza nei ri&uardi del 6 e7 J il centro del riconoscere, e riconoscere altro non J c9e il processo dell.ac) cu ulazione dell.esperienza" (a tutti te ia o di non essere nulla, poic9B tutti vo&liono essere <ualcosa" C9i J esc9ino vuol essere un &rand.uo o, c9i J privo

di virtK vuol essere virtuoso, c9i J de*ole e oscuro *ra a potere, posizione e auto) rit" ] <uesta l.attivit incessante della
1,0

ente" Una

ente cosiffatta non pu= tro)

@" 8ris9na urti La ricerca della felicit ed" #izzoli p" 15

5+

varsi in <uiete e

ai perci= potr intendere lo stato della creativit" T;U Her deter)

inare in se stessi una rivoluzione fonda entale, J necessario intendere l.intero processo del proprio pensiero e del proprio senti ento nella relazione" ] <uesta l.unica soluzione di tutti i nostri pro*le i$ non avere altre discipline, altre fedi, al) tre ideolo&ie ed altri ento in aestri" %e potre o intendere noi stessi <uali sia o di o)

o ento, rinunciando al processo di accu ulazione, vedre o affacciar) ente, una tran<uillit c9e non

si una tran<uillit c9e non sar il prodotto della sar i

a&inata nB coltivataV e soltanto in <uella condizione di tran<uillit potr odello da se&ui)

esservi creativit"L1,1 L.autorit ne&a la creativit perc9B crea il

re, da i itare$ IL.i itazione, o confor is o, J uno dei &randi fattori di corruzio) ne della ente" -l odello, l.eroe, il salvatore, il &uru, J il fattore di corruzione piK

rovinoso" -l se&uire, l.o**edire, il confor arsi, ne&ano la li*ert" La li*ert esiste all.inizio, non alla fine" Don J un confor arsi, un i itare, un accettare per poi tro) vare infine la li*ert" Puesto J lo spirito del totalitaris o, sia del &uru o del prete" Puesta J la crudelt, la spietatezza del dittatore, dell.autorit, del &uru o del so ) o sacerdote" Puindi l.autorit J corruzione"L1,2 Co .J possi*ile allora li*erarsi dallo stato di ripetitivit, dalla condizione di esse) re pri&ionieri dell.a*itudineX I(ediante l.autoconoscenza a**ia o la capacit di li*erarci da <uesta ripetitivit" 3llora J possi*ile essere in <uello stato creativo c9e J se pre nuovo, e perci= sia o se pre pronti ad affrontare o&ni pro*le a in odo nuovo" 3lla resa dei conti, la nostra difficolt J c9e affrontia o <uesti enor) i pro*le i con conclusioni precedenti, con la docu entazione dell.esperienza, nostra o ac<uisita attraverso &li altri" CosA andia o incontro al nuovo con il vec)
1,1 1,2

@" 8ris9na urti La prima ed ultima libert ed" U*aldini p" 34 @" 8ris9na urti Lettere alle scuole ed" U*aldini p" 3,

54

c9io e ci= causa ulteriori pro*le i" Mivere creativa ente J essere privi di <uesto *a&a&lio"L1,3 8ris9na urti distin&ue fra creazione ed invenzione" Le invenzioni si attuano nelle scienze tecnolo&ic9e in condizioni sia di continuit c9e discontinuit rispetto alle conoscenze del passato" %enza una discontinuit vi sare**e un se plice sviluppo, un i&liora ento senza una reale invenzione" Her l.invenzione J necessaria sia la

conoscenza, sia un salto, una rottura nella continuit della conoscenza stessa, co e ad ese pio J avvenuto nel passa&&io da otore a scoppio a otore a reazio)

ne" !**ene dal punto di vista psicolo&ico J possi*ile un.azione razionale, sana, ar) onica$ la creazione, c9e non parte, non si ori&ina da nessun tipo di conoscenza passata, a si attua nel presente senza il ovi ento c9e proviene dalla e oria$

IC9e cos.J la creazioneX Puando fate <uesta do anda dovete anc9e c9iedere, c9e cos.J l.invenzioneX L.invenzione J creazioneX ] creazione inventare <ualcosa di nuovoX T;U L.invenzione si *asa sulla conoscenza _ &iustoX %i *asa sui prece) denti esperi enti fatti da <ualcun altroV tutti <uesti esperi enti sono la conoscen) za presente e voi potete incre entarla" Hroprio cosA" C9i 9a inventato il reazione 9a dovuto pri a conoscere tutto sui propulsori e sui otore a

otori a co *ustio) ia defini)

ne internaV poi partendo da <uesta conoscenza &li J venuta un.idea" La zione pu= essere inesatta o esa&erata,

a corrisponde a una realt$ una &rande

<uantit di conoscenza J fonte di nuova ispirazione, e tale ispirazione J un.inven) zione" Dun<ue c.J un incre ento continuo" ] creazione <uesta _ <ualcosa c9e si *asa sulla conoscenza e le conse&uenze della conoscenzaX Nppure la creazione non 9a nulla a c9e fare con la conoscenzaX La creazione J il susse&uirsi di inven) zioni nell.universoX T;U Hertanto c9iedia o, l.invenzione J total ente differente
1,3

@" 8ris9na urti Sul rapporto ed" U*aldini p" 22

5,

dalla creazioneX 3llora si&nifica c9e la creazione non 9a nulla a c9e fare con la conoscenza" T;U Don accettate ci= c9e dice c9i vi parla, sare**e terri*ile" Mi di) stru&&ere**e" T;U C9iedia o, c9e cos.J la creazioneX Dipende da&li sforzi del) l.uo o la creazioneX Dipende da tutte le esperienzeX Dalla durata del te poX Her piacere, esa inate tutto ci=" Male a dire dipende dalla &uerra, dall.uccidere, dal co ercio, da tutti i ricordi c9e l.uo o 9a accu ulato, ac<uisito, raccoltoX T;U orte, c9e J la fine di tutto" 3l)

Don ci pu= essere co passione e a ore senza la lora c.J creazione"L1,2 Lo stato della

ente creativa J il vuoto, il silenzio, J Iun intervallo tra la cono) odo del vec)

scenza e il nuovoV altri enti non si fa c9e prose&uir nel nuovo al c9io"L1,5

La creativit J <uindi li*ert dalla conoscenza, dal conosciuto$ IDella fine co ) pleta, totale, la creazione 9a luo&o" 3llora c.J un senso di passione tre enda e un.ener&ia straordinaria, c9e non J una rico pensa"L1,+ -n <uesta li*ert si pu= uti) lizzare la conoscenza, a assoluta ente non si J &uidati, condizionati da essa$

ILa capacit di andare incontro al nuovo con il nuovo J lo stato creativo, ed J cer) ta ente la for a piK alta di reli&ione"L1,4 'li artisti non sono necessaria ente &li artefici di una profonda creativit" 3nzi &li artisti sono esposti co e &li altri al desiderio di successo, di fa a, all.invidia e alla &elosia c9e distru&&ono o&ni autentica creazione$ IL.artista 9a, co e noi, dei o enti di silenziosa cal a in cui fruisce dell.esperienza della creazioneV indi la fissa in pittura, in usica, in espressioni for ali" (a tale espressione assu e

1,2 1,5

@" 8ris9na @" 8ris9na 1,+ @" 8ris9na 1,4 @" 8ris9na

urti @li ultimi discorsi ed" U*aldini p" 103 urti La visione profonda ed" U*aldini p" 2+ urti &he cosa vi far cambiare ed" U*aldini p" 50 urti Sul rapporto ed" U*aldini p" 23

55

&rande valore poic9B J 6lui7 c9e 9a dipinto, J il 6suo7 lavoro" L.a *izione ed il desiderio di fa a su*entrano ed e&li J i *ri&liato in una stolta lotta senza fine, contri*uendo cosA alla iseria del ondo, all.invidia e spar&i ento di san&ue, alle

passioni e al rancore" -n <uesta lotta e&li si perde e <uanto piK si perde tanto piK decade dalla sensi*ilit, dalla sua vulnera*ilit verso la li*ert" - conflitti ondani

offuscano la sua &ioiosa c9iarezza anc9e se le sue capacit tecnic9e l.aiutano a ti) rare avanti con visioni c9e si vanno i poverendo e cristallizzando"L Tuttavia le sue riflessioni sull.arte e la psicolo&ia dell.artista lasciano trapelare una forte sensi*ilit di 8ris9na urti per l.arte e la psicolo&ia de&li artisti$ IUn ar) tista 9a un profondo senti ento, del tutto autenticoV e lo espri e sulle tele" Puesta for a di espressione piace a olta &ente c9e finisce per co prare <uei lavoriV

l.artista &uada&na soldi e ra&&iun&e la notoriet" La sua for a di espressione J stata notata ed J diventata di oda" !&li la raffina, la porta avanti, la sviluppa, e

passa tutto il te po ad i itare se stesso" Puesta for a di espressione diventa a*i) tuale e stilizzataV diventa se pre piK i portante e alla fine piK i portante del sen) ti entoV infine il senti ento sco pare" L.artista J a**andonato alle conse&uenze sociali dell.essere un pittore di successo$ al ercato c9e J la sala della ostra, alla

&alleria, all.intenditore, ai criticiV J diventato sc9iavo della societ per cui dipin&e" -l senti ento J &i da te po sco parso, l.espressione J or ai una conc9i&lia vuota" Di conse&uenza alla fine l.espressione perde la sua attrattiva perc9B non c.J piK niente da espri ereV J un &esto, una parola senza si&nificato" Puesto fa parte del processo distruttivo della societ" T;U Puando l.espressione diventa la cosa piK i portante perc9B J piacevole, soddisfacente e lucrosa, si 9a allora una spac) catura tra espressione e senti ento" Puando il senti ento J espressione allora non

10

nasce nessun conflittoV non c.J contraddizione e <uindi non c.J conflitto" (a <uando interven&ono il pensiero e il profitto, allora il pensiero si perde nell.avidi) t"L1,, 8ris9na urti non si J dovessero essere, a era ai espresso su <uali sono le vere opere d.arte o su cosa olto attento alla psicolo&ia, all.intenzionalit, allo stato

d.ani o da cui poteva scaturire la creazione o in cui poteva essere fruita$ IDel) l.antica Cina pri a c9e un artista co inciasse a dipin&ere <ualsiasi cosa _ un al) *ero per ese pio _ vi si sedeva di fronte per &iorni, esi, anni, non i portava

per <uanto te po, finc9B e&li era l.al*ero" Ci= si&nifica c9e tra lui e l.al*ero non c.era spazio, non c.era spazio tra l.osservatore e la cosa osservata, non c.era colui c9e sentiva la *ellezza, il ovi ento, l.o *ra, l.intensit di una fo&lia, la <ualit

del colore" !&li era total ente l.al*ero, e solo in <uello stato poteva dipin&ere"L1,5 I%e volete co prendere un.opera di pittura oderna dovete, se vi riesce, ettere

da parte la vostra educazione classica, i vostri pre&iudizi, le vostre reazioni a*itua) li"L150 Her la co prensione e fruizione di un.opera privile&iava un approccio privo della co une entalit del critico di professione o dello studioso$ IPuando osser)

via o un <uadro, noi vo&lia o, anzitutto, conoscere c9i ne sia l.autore, indi con) frontia o e critic9ia o l.opera, oppure tentia o d.interpretarla secondo il nostro proprio condiziona ento" Doi non osservia o la pittura o la scena, a riponia o

tutto il nostro zelo soltanto nella nostra capacit d.interpretazione, di critica o d.a irazione" %olita ente sia o cosA pieni di noi stessi da non vedere vera en)

te la pittura o la scena nella sua realt" %e noi riuscissi o a *andire il nostro &iudi)

1,, 1,5

@" 8ris9na urti 1n uomo alla svolta ed" U*aldini p" 115 @" 8ris9na urti Libert dal conosciuto ed" U*aldini p" 42 150 @" 8ris9na urti La via della vita ed" Fratelli :occa p" 42

10

zio e le nostre accurate analisi, forse allora il <uadro potre**e rivelarci il suo si) &nificato"L151 Co un<ue le riflessioni vere e proprie sull.arte sono estre a ente fra entarie

anc9e dopo un.accurata inda&ine, per cui J difficile rintracciarvi una visione d.in) sie e su <uest.aspetto"

151

@" 8ris9na urti La via della vita ed" Fratelli :occa p" 154

10

%viluppo dell.6inse&na ento7 di 8ris9na urti

Le fondazioni statunitense, in&lese e indiana di 8ris9na urti stanno attual ente colla*orando ad un.edizione co pleta delle sue opere c9e vanno dal 1533 al 15,+" - responsa*ili sti ano di portare a ter ine il pro&etto c9e prevede la pu**li) cazione di 25 volu inosi to i in circa 10 anni" Harallela ente J iniziato lo stesso pro&etto sulle opere &iovanili dal 1510 al 1533" Her la a&&ior parte si tratta di

trascrizioni di discorsi pu**lici, dialo&9i, incontri con do ande e risposte, discus) sioni in piccoli &ruppi, interviste, se inari" Mi sono anc9e diari, riflessioni e con) siderazioni varie scritte di solito per periodici di suoi appassionati" Le opere scritte per essere intenzional ente pu**licate co e li*ri sono relativa ente poc9e$ una decina" Un 6inse&na ento7 <uindi essenzial ente orale, anc9e perc9B possia o notare esa inando le trascrizioni, c9e i discorsi non 9anno inor valore, profondit, acu)

e, e spesso vi si trovano rilevanti considerazioni ori&inali non espresse nelle sue opere scritte" %pesso infatti le trascrizioni dei discorsi sono state pu**licate inte) &ral ente e talvolta 9anno fatto da *ase a pu**licazioni curate da persone di sua fiducia"

10

-l presente studio ovvia ente non intende essere affatto esaustivo$ considerando la ole e il valore del ateriale ri astoci, per un lavoro detta&liato e eticoloso

sull.intera opera non J forse sufficiente la vita di un sin&olo studioso o appassio) nato" Hossia o ricapitolare la sua for azione, *reve ente delineata nell.introduzione, tenendo particolar ente conto dei risvolti psicolo&ici e delle eventuali influenze sul suo Rinse&na ento.$ dai sei anni, <uando e**e la sua pri a ceri onia d.inizia) zione, fino ai tredici anni fu educato nella tradizione *ra9a ina ortodossa ripeten) do canti e inni litur&ici insie e al ceri oniale prescritto senza capirli perfetta) ente in o&ni detta&lio, esperienze a co&liendone il si&nificato &enerale e avendo le sue

istic9e in accordo con <uesta tradizione" 3 tredici anni fu adottato ondo esoterico, cre)

dai vertici della %ociet Teosofica c9e lo iniziarono al loro dendo c9e sare**e divenuto il prossi o veicolo del ni$ t9e Qorld)Teac9er" CosA e**e ulteriori visioni

essa&&io divino tra &li uo i) istic9e in accordo con la nuo)

va i postazione" Le dottrine esoteric9e dell.or&anizzazione derivavano dalla tra) dizione induista, *uddista ed in particolare dalla tradizione dei testi ed inse&na) enti tantrici ti*etani, la teoria dell.esistenza di una &erarc9ia occulta di (aestri" (aestri avendo superato o&ni &rado di evoluzione spirituale attraverso le reincar) nazioni avre**ero deciso di antenersi in contatto con l.u anit per favorirne l.e)

voluzione ed in particolare con la %ociet Teosofica" Le ceri onie invece furono utuate in &ran parte dalla c9iesa cattolica" -l ra&azzo 8ris9na urti fu scelto per) c9B non se *rava ostrare alcun se&no di e&ois o" La sua Rcandidatura. fu an) a si

tenuta se&reta per parecc9i anni, perc9B &li venivano riconosciute le <ualit,

attendeva di vederle concreta ente espresse per una sua definitiva investitura" -l

10

ra&azzo si di ostr= accondiscendente e non <uesto ruolo ripetendo spesso in

ostr= nessun se&no di resistenza per

aniera sotto essa e <uasi servile a Lead*eater,

il suo principale precettore spirituale$ 6Far= <ualsiasi cosa tu vo&lia7" Tuttavia, se *rava essere co e un vaso *ucato, dove <ualsiasi cosa veniva versato, veniva accettato, a per passare senza lasciare traccia$ la va&9ezza se *rava essere la

sua caratteristica piK evidente" L.anno se&uente lo portarono in -n&9ilterra per es) sere educato co e un perfetto &entle an in&lese, vivendo a contatto con a *ienti aristocratici e preparato per entrare all.universit" Pui si ostr= predisposizioni

tutt.altro c9e intellettuali o spirituali, interessandosi piuttosto della pratica di di) versi sport, di auto o*ili e oto di ostrando di essere un eccellente eccanico,

di *ei vestiti e di cine a" %e *ra c9e in <uesto periodo non venisse fatta nessuna opera di indottrina ento sul &iovane 8ris9na urti perc9B ci si attendeva piuttosto c9e da lui sare**e scaturita la futura dottrina da se&uire" 3ccett= cosA il suo ruolo, a inizi= a disinteressarsi della teosofia e a diventane un po. scettico" Le sue ri) flessioni spirituali di <ue&li anni se *rano i prontate al *uon senso e vi si pu= notare &i un invito a non dare troppo peso alle ceri onie" Lesse con particolare attenzione su su&&eri ento della presidentessa :esant, co e a**ia o &i detto, il Mecc9io Testa ento, di cui apprezzava in particolar odo il &antico dei &antici"

(olto interesse suscit= anc9e in lui la lettura di *rani del :udd9a" Del 1520 fu olto i pressionato dalla lettura de L%idiota di DostoevsGi^ e &os' parl= Carathu< stra di Dietzsc9e" Dal 1522 al 1525 possia o dire c9e 8ris9na urti si interess= alla rifor a delle reli&ioni alla luce dalla teosofia cercando di rintracciare un.unit etica e orale al di l delle sin&ole reli&ioni e proponendo la %ociet co e il rifu)

&io dei rifor atori di tutte le reli&ioni" Di ostr= un atte&&ia ento conciliante nei

10

confronti dell.i postazione teosofica fino al eno al 1525" Dall.anno se&uente, in cui fu riconosciuto effettiva ente e pu**lica ente co e Qorld)Teac9er, possia) o dire c9e 8ris9na urti inizi= a fare dic9iarazioni e a tenere discorsi se pre piK intransi&enti non piK concilia*ili e privi di o&ni co pro esso con l.intera struttu) ra delle credenze della %ociet" Mi possia o scor&ere un 8ris9na urti in rivolta" -nnanzitutto ne&= risoluta ente c9e riti, rituali, pre&9iere o ceri onie di <ualsiasi tipo facessero parte di un autentica reli&iosit" Puando piK tardi 'and9i o**iett= c9e cosA si risc9iava di ne&are <ualsiasi di ensione reli&iosa 8ris9na urti replic= proponendo al suo a ico un esperi ento$ se prendia o casual ente una pietra <ualsiasi dal letto di un fiu e o da una strada e la ponia o in casa in un luo&o particolare deponendovi o&ni &iorno accanto un fiore e dedicando&li pre&9iere, pensieri, auspici, e <ualc9e rituale, dopo poc9e setti ane <uella pietra avr assun) to per noi una straordinaria i portanza e un.aura del tutto particolare" Hossia o <uindi con facilit creare un senti ento reli&ioso c9e pu= dar luo&o ad una reli) &ione, a ci= c9e a**ia o creato non J c9e il frutto della nostra ente con tutte

le sue li itazioni, paure, desideri, an&osce" ! le reli&ioni nascono anc9e e sopra) tutto da <uesti stati d.ani o" 8ris9na urti, riflettendo sulle sue visioni istic9e, durante l.infanzia ispirate dal) a&ini della teosofia, le aveva tro) a&ini e i si *oli

l.educazione induista, poi in accordo con le i

vate forte ente condizionate e li itate dall.educazione" Le i

di o&ni tipo andavano rifiutati perc9B deter inavano ed ali entavano divisioni e conflitti fra &li uo ini" 8ris9na urti si di ostr= un iconoclasta di particolare ra) dicalit, tanto c9e in se&uito anc9e la sensatezza di i a&ini entali psicolo&ic9e

verr posta in <uestione" L.adorazione ritualistica non J un atto sacro$ 6Herc9B vi)

10

vete alla luce delle candele <uando il sole splende" !ppure J <uesto c9e fate o&ni &iorno7" 6La pia adorazione conduce alla ediocrit" Herc9B dovre o adorare

<ualcun altroX %e proprio dovete adorare <ualcuno, adorate il facc9ino c9e ca ) ina lun&o la strada" Don recludetevi in <ualc9e te pio a pre&are <ualc9e deca) dente divinitV adorate l.essere c9e sta soffrendo, c9e sta lottando, c9e ca lun&o la strada7" Del 1525 8ris9na urti perse il fratello Dit1a, c9e era olto alato, anc9e se nel) ina

le visioni sue e di altri adepti, &li era stata assicurata lun&a vita da parte dei (ae) stri" Puesto fatto personale spinse 8ris9na urti a precedente ente accettate" - (aestri della teosofia non esistono, la loro esistenza al li ite J dentro di noi, ed il vero (aestro in realt sia o noi stessi" Ci= c9e conta J <uindi co prendere noi stessi e se i (aestri esistano o eno non 9a in realt alcuna i portanza" ondo c9e ettere in du**io olte cose

8ris9na urti rifiut= anc9e l.esistenza di un personale Dio creatore del J al di l di esso, perc9B Dio J la Mita, di cui il ondo J la sua

ultifor e espres) olteplici$ nel)

sione in divenire$ 6La Mita J una, se**ene le sue espressioni siano la verit non c.J differenti, asc9ile o fe

inile, co e potre**e esserciX 3**ia o corpi

a non patia o le stesse sofferenze, &li stessi dolori, le stesse ansiet e

non a**ia o &li stessi du**iX7 ! Dio J <uella persona c9e si J fusa total ente con la Mita$ 6Puando li*erate <uella vita c9e J divina e date co pi ento a <uella vita, voi stessi diventate Dio" Her Dio, non intendo il Dio della tradizione, a il

Dio c9e J in o&nuno e c9e pu= essere realizzato solo attraverso il co pi ento del) la vita" -n altre parole non esiste altro Dio al di fuori dell.uo o purificato, perfet) to7 perc9B 6tutti &li dei sono falsi7"

10

Don esiste un Hotere esterno all.uo o, non esistono il paradiso e l.inferno, il *ene ed il ale se non <uelli c9e e&li stesso crea, perc9B l.uo o J il solo responsa*ile

di se stesso" !d infatti parl= piK spesso di Mita, c9e di Dio$ 6Mi 9o detto c9e c.J un solo Dio c9e pu= anifestarsi in voi; a preferisco c9ia arlo Mita perc9B ci= vi

porter piK vicino alla verit7" -l ter ine 2io J un ter ine fin troppo astratto, c9e pu= portare a facili fraintendi enti$ 6C9i J il Dio c9e adorateX Pualc9e divinit del tutto lontana, no7" 8ris9na urti co un<ue ca *iava continua ente il proprio lin&ua&&io, riferendo) si allo stessa condizione spirituale con no i diversi$ Felicit, Dio, Merit, #ealt, Mita, Li*erazione, Unicit, e l.3 ato perc9B sentiva c9e le parole potevano dive) nire un ostacolo e di ci= etteva in &uardia il suo uditorio$ 6%to cercando di de) i) entre non sapete ne eno essere a ic9evoli col vostro vici)

scrivervi con le parole <ualcosa c9e &iace al di l delle parole, sto cercando di surare l.inco

ensura*ile7" !d era consapevole dell.estre a difficolt del suo

tentativo, e c9e <uesto tentativo aveva i suoi li iti$ 6Don sto cercando di descri) vervi ci= c9e per e J la verit, perc9B sare**e un tentativo i possi*ile" Don si

pu= descrivere o dare ad un altro la pienezza di un esperienza" Ciascuno deve vi) verla per se stesso7" 8ris9na urti si propose di li*erare l.uo o dalle reli&ioni, i do& i, le fedi le cre) denze, le tradizioni, le orali c9e condizionano pesante ente la vita, la svilisco)

no$ 6#iten&o c9e tutti i &randi (aestri non sono venuti per fondare nuove reli&io) ni, a per rendere le persone li*ere dalle reli&ioni7" 6- &randi aestri del passato

9anno dato re&ole di condotta, siste i

oraliX De du*ito" Di solito sono i loro se)

&uaci c9e sta*iliscono il siste a, c9e fissano le re&ole di condotta; i veri &randi

10

aestri non 9anno fissato le&&i,

a volevano rendere l.uo o li*ero7" Le reli&ioni

sono un ostacolo per c9i cerca la Merit, sono fonte di confusione per c9i vuol co prendere la Mita, per c9i cerca la Felicit" 8ris9na urti deve aver riflettuto olto sulla storia e lo sviluppo delle reli&ioni vi) a a differenza

sto c9e il loro studio era tanto favorito nella %ociet Teosofica, de&li altri poteva co

e *ri della %ociet, 8ris9na urti riteneva c9e <uell.or&anizzazione ettere &li stessi errori delle altre reli&ioni, e in realt li stava &i co )

ettendo$ 6Moi vi aspettate c9e la Merit sia rivelata da una persona" Mi aspettate c9e la Merit sia sviluppata da un.autorit c9e vi costrin&a a se&uirla, e cosA state adorando <uella persona invece della Merit" Puando 8ris9na urti orir co e J entali,

inevita*ile, costruirete una reli&ione, co incerete a darvi delle re&ole

perc9B l.individuo 8ris9na urti rappresenta per voi la Merit" CosA costruirete un te pio, inizierete a sta*ilire delle ceri onie, vi inventerete do& i, siste i di cre) denza, fedi e filosofie" %e costruirete delle or&anizzazioni su di e, vi ritroverete

intrappolati nella sua struttura, nel te pio, e cosA dovrete aspettare c9e arrivi un altro (aestro per s*ro&liarvi da <uella situazione, per farvi uscire da <uella li ita) zione e li*erarvi" (a la ente u ana J tale c9e costruirete un altro te pio attorno

a lui, e cosA via senza fine7" Her sfu&&ire a <uesto pericolo 8ris9na urti propone) va a&li altri di fare <uello c9e lui stesso aveva fatto nei confronti di tutte le autori) t, delle tradizioni co presa <uella teosofica, rivol&ere l.ar a del du**io$ 6Mo) &lio c9e le persone pensino per se stesse, vo&lio c9e c9e 9anno di piK caro e prezioso, in ettano in <uestione tutto ci=

odo c9e, invitando il du**io, solo ci= c9e 9a

eterno valore possa ri anere7" ! il du**io andava rivolto anc9e verso 8ris9na)

10

urti e le sue affer azioni, perc9B non dovevano ri anere ti, ediatori, li*ri sacri o autorit di <ualsiasi tipo"

aestri, sacerdoti, pre)

La sua irriverenza arriv= al punto c9e affer = di non aver Teosofia perc9B non ne poteva capire il R&er&o."

ai letto un li*ro della

Tra il 152+ ed il 152, 8ris9na urti accett= il ruolo di Qorld)Teac9er,

a ne dette

un.interpretazione diversa da coloro c9e lo avevano investito di <uesto ruolo$ at) traverso di lui non parlava un.entit c9e precedente ente aveva parlato attraverso 'esK e :udd9a, a la sua individualit si era total ente dissolta nella Mita, nel)

l.3 ato, potenzial ente c9iun<ue poteva entrare in <uesta di ensione, e il suo co pito era se plice ente <uello di indicare a&li altri <uesta possi*ilit" Di solito alla fine dei suoi discorsi, nella seconda fatto <uesto tipo di considerazioni c9e potre ni, passava ad uno stile i et de&li anni I20, dopo avere

o definire di filosofia delle reli&io)

a&inativo, poetico, lirico e sacrale in cui invitava cia)

scuna persona del suo uditorio ad unirsi con lui nel suo &iardino, nel suo re&no, a diventare il 6#edentore dell.U anit7, l.63 ante del ondo7" -l *io&rafo #o)

land Mernon152 vi 9a rintracciato una so i&lianza con le 0eatitudini di 'esK$

A se camminerete, dovrete camminare con me" Se comprenderete, dovrete esaminare la mia mente" Se sentirete, dovrete esaminare il mio cuore" A siccome amo veramente, voglio che amiate" (erch! sento veramente, voglio che sentiate" (erch! ogni cosa mi cara, voglio che ogni cosa vi sia cara" (erch! voglio proteggere, dovrete proteggere"
152

#oland Mernon Star in the Aast ed" Consta*le p" 1+3

11

Duesta la sola vita che ha valore di essere vissuta, la sola 9elicit che importante possedere"

Tra il 152, e il 1531, co pose un &ran nu ero di poesie e possia o senz.altro dire c9e in <uesto periodo le consider= co e un i portante ezzo d.espressione

dei suoi inse&na enti" - suoi poe i, pri a pu**licati nei periodici dei teosofi fu) rono poi pu**licati autono a ente in tre volu i > The Search, The Immortal 9riend, The Song of Life ? sono intrisi di ro antico entusias o per l.unione ca di cui si sentiva portavoce e pieni di isti)

etafore tratte dalla natura" 3veva una a&i)

*uona padronanza del lin&ua&&io e si pu= apprezzare la sincerit del suo i nario,

a talvolta sono se plicistic9e e prive di <uelle sottili connessioni di suo) a&inazione tanto necessarie per &li effetti della poesia, tanto

no, lin&ua&&io ed i

c9e non possia o descriverlo co e un si&nificativo poeta" 3veva co un<ue l.o) nest di non considerarsi poeta, a diceva di essere se plice ente un individuo

c9e aveva scelto la poesia per tras ettere la sua esperienza$

Amico, la >erit non si lega" Assa come l%aria, libera, sconfinata, incalcolabile, indistruttibile" Assa non ha dimora, non ha n! tempio n! altare essa non di un 2io,

11

per #uanto zelo dispieghino i suoi fedeli" (uoi dire da #ual fiore l%ape raccolga il miele soaveE Amico, lascia l%eresia agli eretici, la religione agli ortodossi, ma raccogli la >erit dalla polvere della tua esperienza"

(olti suoi poe i sono scritti in uno stile

istico, poetico si ile a Il profeta di 8a) iratore di

9il 'i*ran pu**licato per la pri a volta nel 1524" 'i*ran era un a

8ris9na urti e fu c9ia ato ad illustrare la copertina di un suo li*ro" Un.influenza su alcuni poe i fu esercitata pro*a*il ente dal &antico dei cantici" 3ltre co po) sizioni 9anno altre at osfere, co e <uesta di sapore taoista$

La >erit non n! bene, n! male, la >erit non n! odio, n! amore la >erit non n! il puro, n! l%impuro, la >erit non n! sacra, n! profana, la >erit non n! semplice, n! complessa la >erit non n! (aradiso, n! Inferno, la >erit non n! morale, n! immorale, la >erit non di 2io, n! del 2iavolo,

11

la >erit non n! virtF, n! vizio, la >erit non n! nascita, n! morte, la >erit non nella religione, n! fuori dalla religione, la verit come l%ac#ua, che vaga e non ha dove posi, perch! la >erit la vita"

L.inatteso e sconcertante inse&na ento di 8ris9na urti destava profonde e ozio) ni, a i teosofi si sentirono co pleta ente disorientati e confusi" %i aspettavano

<ualcuno c9e &li dicesse cosa fare e cosa non fare, <uello c9e era &iusto o s*a&lia) to lun&o un deter inato e *en preciso percorso spirituale, e non solo non e**ero una tal &uida, a si ritrovarono di fronte una persona c9e &li stava de olendo tut) orali e reli&iosi coltivati spesso da lun&9i anni" inati nel loro potere e isero

ti i punti di riferi ento

Diversi leader della %ociet Teosofica si sentirono in piedi una serie di

anovre per screditarlo, per ridi ensionarne il ruolo ed assi) a&&ior rilievo all.interno della %ociet Teosofica" ediazione, a l.atte&&ia ento intransi&ente di

curare a se stessi un posto di 3ltri fecero alcuni tentativi di

8ris9na urti li fece fallire$ 6Co e riconciliareX Herc9B riconciliareX Don si pu= conciliare l.essenziale con l.inessenziale" Her <uanto riconciliare, sono solo interessato alle cose essenziali7" La a&&ior parte dei teosofi non lo rinne&=, interpretando la sua aperta rivolta a i ri&uarda non c.J niente da

contro l.ortodossia co e <ualcosa di si ile alla ra**ia di 'esK nel te pio, allo stesso te po non prest=

olto ascolto ai suoi inse&na enti in&lo*andoli nelle

tradizionali credenze teosofic9e e reli&iose"

11

La distanza fra l.inse&na ento di 8ris9na urti e la teosofia era notevole$ non vi J nessun Dio trascendente o i anente, a al li ite la possi*ilit di un.unione con

la Mita in cui <ualsiasi divisione psicolo&ica sco pare" Di ensioni paranor ali tanto coltivate in <uell.or&anizzazione attraverso pratic9e esoteric9e ed occulte non ven&ono drastica ente ne&ate o date per inesistenti, a sono considerate del

tutto irrilevanti" Fin <uando non si sia fatta totale c9iarezza entro se stessi, tali pra) tic9e portano a facili illusioni" Pualsiasi autorit J la ne&azione stessa della spiri) tualit entre la teosofia prevedeva dei &radi, dei livelli spirituali da ra&&iun&ere"

8ris9na urti era stanco delle persistenti aspettative dei teosofi, delle loro scontate do ande, dei continui tentativi di distorcere le sue parole per etterle in accordo

con la loro prospettiva, la loro idolatria, il loro siste a ideolo&ico e teolo&ico" 8ris9na urti preferiva parlare ai &iovani, alle persone non affiliate ad or&anizza) zioni reli&iose e ai teosofi disillusi, c9e avevano eno preconcetti e non si consi)

deravano parte di una con&re&azione di eletti, de&ni di una sa&&ezza ne&ata ai co) uni ortali" -n loro co pa&nia si sentiva olto piK a suo a&io e poteva adottare

un lin&ua&&io

eno for ale" 3**andon= co pleta ente i su&&estivi appelli per

la Fratellanza Universale e la Le&a Teosofica delle Dazioni dei pri i anni .20 per rivol&ersi all.individuo" %oltanto partendo dall.individuo, dai suoi pro*le i, dal suo approccio alla verit, all.autoconoscenza, era possi*ile risolvere i pro*le i del ondo"

Del 1525 la sua i pazienza nei confronti della Teosofia coi suoi pre&iudizi, la cie) ca dipendenza dai leader, la sotto issione ai do& i, la ediocrit, l.ipocrisia, lo

sno*is o spirituale e le lo&ic9e di potere i plicite nell.or&anizzazione, &iunse ad un punto di non ritorno" 8ris9na urti sciolse l.or&anizzazione della %ociet Teo)

11

sofica c9e lo supportava, L.ordine della %tella, e l.anno se&uente si di ise anc9e dalla R%ociet. stessa" 8ris9na urti continu= a tenere discorsi c9e da allora divennero pu**lici e non solo riservati a&li affiliati alla %ociet Teosofica, via&&iando continua ente su tutti i continenti" -l suo lin&ua&&io, se plice a estre a ente vario, 9a su*ito continui slitta enti

di si&nificato, continue trasfor azioni ed J una delle ra&ioni per cui J ri asto cosA li*ero da un siste a ideolo&ico e di pensiero e non J facile da riportare ade&uata) ente" Hossia o dire c9e nel corso de&li anni si J allontanato da uno stile poetico, i a&inifico, pieno di etafore, e si J fatto piK preciso, severo, scarno, anc9e se

non in

aniera ri&ida e cate&orica" -l suo inse&na ento J divenuto ricco di ese ) etafora non J del tutto a**andonato, e l.a ore per la descrizione

pi, l.uso della

della natura J se pre presente" %e infatti da &iovane a = soprattutto la poesia, in se&uito lesse soprattutto ro anzi &ialli" Dopo il distacco dalla %ociet Teosofica il discorso di 8ris9na urti ac<uisA un tono eno reli&ioso, eno profetico e ulti ativo, a pro*le atico, esplorativo e

le sue riflessioni si fecero piK psicolo&ic9e, piK vicine alle dina ic9e della vita <uotidiana" Dal 1533 8ris9na urti ritenne di aver trovato il suo proprio lin&ua&&io, la sua espressione piK autentica e atura, tanto c9e le opere precedenti a <uesta data non

saranno piK ripu**licate, se non per iniziativa di altri e ancora o&&i nelle sue fon) dazioni le opere &iovanili non sono diretta ente frui*ili" 3d un &iornalista c9e una volta &li fece l.osservazione c9e ne&li anni venti diceva cose diverse, 8ris9) na urti replic= di lasciar perdere <ue&li anni, perc9B allora, troppo &iovane, trop)

11

po stupido, era stato condizionato, e a&&iunse$ 6%ono

aturato lenta ente7" 8ri)

s9na urti pro*a*il ente riteneva le sue opere &iovanili potessero essere facil) ente fraintese, posizione" -l principale ca *ia ento tra pri a e dopo il 1533, all.interno una vasta serie di sottili uta enti, J un ca *ia ento di prospettiva" Hri a di tale data c.J l.invito etodo J ne&ativo a su alcune <uestioni possia o dire c9e ca *i= decisa ente

ad entrare in una di ensione senza te po" %uccessiva ente il e si&nificativa ente J l.unico della fra

etodo ritenuto valido$ al centro vi J l.osservazione

entariet, dalla sofferenza, del conflitto, delle a *izioni, delle an&o)

sce, delle paure e tutto ci= J inda&ato senza altra finalit c9e la passione stessa dell.inda&ine, del &usto della scoperta" Puesta stessa inda&ine porta o pu= portare alla li*erazione" La prospettiva J capovolta" %e pri a le riflessioni partivano dal punto di vista, dalla visione del ondo del Rrisve&liato., adesso il punto di parten) entazioni psicolo&ic9e" 8ri)

za J l.individuo frustrato, pieno di conflitti e di fra

s9na urti si rese conto c9e il Ilin&ua&&io del li*eratoL poteva ipnotizzare il suo uditorio inducendolo ad identificarsi con la li*erazione e credere c9e *astasse rite) nersi d.accordo con <uello c9e lui affer ava per sentirsi per ci= stesso dei li*erati o de&li individui sulla via della li*erazione$ I%e sei pri&ioniero, non J se descrivere cos.J la li*ert" -l io pri o interesse J io interes)

ostrare ci= c9e crea la pri)

&ione e co e tu puoi a**atterlaL153" Herci= ca *i= profonda ente la prospettiva dei suoi discorsi, rendendoli seri" 3 partire da&li anni .+0 l.inda&ine psicolo&ica e filosofica si far se pre piK nuziosa, incentrata sulla natura, struttura e
153

eno seducenti e accattivanti,

a filosofica ente piK

i)

ovi ento del pensiero" -l pensiero J

@" 8ris9na urti >erso la liberazione interiore ed" 'uanda p" 33

11

preso in esa e non nel suo sviluppo storico o dal punto di vista teorico, il ovi ento te porale della ente da osservare o ento per

a co e

o ento nelle di)

na ic9e <uotidiane$ IHu= il pensiero realizzare c9e tutto <uello c9e fa J li itato, fra punto entario e <uindi isolante, e c9e <ualsiasi cosa faccia sar cosAX Puesto J un olto i portante$ pu= il pensiero stesso realizzare le sue proprie li itazio) olto i portante da ca)

niX N sono io c9e dico c9e J li itatoX Medo c9e <uesto J

pireV J <uesta la vera essenza del discorso" %e il pensiero stesso realizza c9e J li) itato allora non c.J resistenza, nessun conflittoV dice$ 6-o sono <uello7" (a se &li sto dicendo c9e J li itato allora io divento separato dalla li itazione" Hoi lotto per superare la li itazione, <uindi c.J conflitto e violenza, non a ore" Puindi pu= il pensiero realizzare da solo c9e J li itatoX Devo scoprirlo" %ono e per <uesto 9o olta ener&ia" Dicia olo in un altro esso alla prova,

odo$ pu= la coscienza rea)

lizzare c9e il suo contenuto J se stessaX Nppure J successo c9e io a**ia udito <ualcuno dire$ 6La coscienza J il suo contenuto, il suo contenuto co pone la co) scienza7, e <uindi dico$ 6%A, J cosA7X vedete la differenza fra i dueX La seconda, creata dal pensiero J i posta da e, dall.io" %e io i pon&o <ualcosa sul pensiero a <ui

allora c.J conflitto" ] co e un &overno tiranno c9e si i pone su <ualcuno, <uel &overno J <uello c9e io 9o creato" Puindi io sto c9iedendo a

e stesso$ 6/a

il pensiero realizzato le sue proprie li itazioniX Nppure sta pretendendo di essere <ualcosa di straordinario, no*ile, divinoX7 _ il c9e J assurdo poic9B il pensiero J *asato sulla e oria" Medo c9e ci deve essere c9iarezza ri&uardo a <uesto punto,

ossia c9e non ci sia alcuna influenza esterna c9e si i pone sul pensiero dicendo c9e J li itato" 3llora sicco e non c.J alcuna i posizione non c.J alcun conflittoV

11

se plice ente realizza c9e J li itatoV realizza c9e <ualsiasi cosa faccia _ la sua adorazione di Dio e cosA via _ J li itato, pretenzioso"L152 Le riflessioni c9e ci sono &iunte 9anno spaziato sui pro*le i esistenziali e psico) lo&ici piK vari con osservazioni se pre nuove, sfu ature diverse e un consapevo) le ca *io di ter inolo&ia c9e talvolta pu= far pensare a contraddizioni e incon) &ruenze" %e prendia o la sua opera nel suo co plesso possia o per= rintracciare una prospettiva c9e J ri asta inalterata nell.arco di sessant.anni$ la verit non pu= essere ra&&iunta attraverso nessun etodo, nessuna or&anizzazione, credo, do& a,

rituale, autorit, lo studio intellettuale o le tecnic9e psicolo&ic9e" La verit va tro) vata nell.autoconoscenza attraverso l.osservazione delle relazioni e dei contenuti della propria ente nella loro interdipendenza, sul piano della consapevolezza,

senza analisi, dissezione introspettiva o volont di ca *ia ento" L.uo o 9a espresso, nel corso dei illenni, i a&ini reli&iose, nazionali, politic9e e perso)

nali spinto dal *iso&no di sicurezza, in si *oli, idee e credenze, c9e do inano i suoi rapporti e la sua vita <uotidiana, provocando conflitti e pro*le i di o&ni &e) nere perc9B causa di divisione, sia fra &li uo ini, c9e nella sin&ola coscienza" Le percezioni c9e a**ia o sono deter inate dai concetti presenti nella ente" -l con)

tenuto della coscienza J nella sua essenza co une a tutto il &enere u ano$ paura, insicurezza, sofferenza, piacere, desiderio, a *izione, ecc" L.autenticit, l.ori&i) nalit dell.individuo, in <uesto senso, non sta nel cercare di avere un personale contenuto, a nell.essere li*ero da esso" La li*ert non J reazione a una situazio) a osservazione senza ovente, consapevolezza priva

ne, non J li*ert di scelta,

di scelta della vita <uotidiana" -l pensiero si ori&ina dall.esperienza, dalla cono) scenza, dalla
152

e oria e in <uesto senso J te po" -l te po J all.ori&ine del deside)

@" 8ris9na urti Lo sguardo imparziale della meditazione ed" :aul pp" 135)120

11

rio, della paura, dell.an&oscia, dell.a *izione, dell.ansia" -l te po J cosA il perico) lo psicolo&ico dell.uo o" %e nella consapevolezza e nell.osservazione scopria o c9e la divisione fra osservatore ed osservato, fra so&&etto dell.esperienza e l.espe) rienza, fra pensatore e il pensiero J falsa, possia o avere un.intuizione al di l del te po, del passato, c9e provoca un radicale ca *ia ento della ente"

Pual era l.atte&&ia ento di 8ris9na urti rispetto alla sua for azioneX I-l passato J orto, seppellito, andato" T;U Uno dei pro*le i ri&uarda i (aestri, soprattutto a anc9e la tradizione

per le spie&azioni c9e danno di loro non solo la teosofia,

indK e <uella ti*etana, le <uali sosten&ono l.essenza di un :odd9isattva, c9e si anifesta solo di rado e c9e in sanscrito J detto 3vatar, cioJ &azzo venne scoperto e preparato per tale anifestazione" -l ra)

anifestazione" !d e&li sopport= o&ni

&enere di cose" Una delle cose da c9iedersi J se anc9e &li altri de**ono sottostare a <uesto stesso procedi ento" Cristoforo Colo *o scoprA l.3 erica con navi a vela e su ari pericolosi e cosA via, anc9e noi do**ia o sopportare tutto ci= per olto piK se plice andare in aereoS Puesta J

andare in 3 ericaX (i capiteX ]

una della do ande" Co e sia stato allevato il ra&azzo J una <uestione niente af) fatto pertinenteV ci= c9e J pertinente J solo l.inse&na ento attuale e null.altro"L155 L.intento di 8ris9na urti era di ridi ensionare il suo caso personale per c9i pren) deva in considerazione la possi*ilit della li*erazione, perc9B lui stesso non dove) va essere un torit" odello, non doveva costituire un ese pio, non doveva essere un.au)

155

@" 8ris9na urti >erit e realt ed" U*aldini p" 55

11

8ris9na urti e la filosofia

8ris9na urti 9a il

erito di aver creato con parole se plici un lin&ua&&io c9e 9a

una sua di ensione ed J, co e a**ia o detto, allo stesso te po psicolo&ico, filo) sofico e reli&ioso" ] la piK evidente ese plificazione c9e osservazioni estre a) ente sottili e profonde di notevole rilevanza ed ori&inalit possono essere espres) se in ter ini c9e non sono tecnici, specialistici o professionali" -n &enere c9ia ava la sua opera Rinse&na ento. per evidenziare c9e la sua inten) zione era se plice ente <uella di indicare delle realt effettive, senza avere un si) ste a ideolo&ico, etico o orale da proporre" Talvolta la definA filosofia, dandole

il si&nificato di a ore per la verit, c9e J auto)conoscenza" Co un<ue al di l di <ueste definizioni o <uestioni eti olo&ic9e possia o a *uon diritto considerare le sue riflessioni, co e vera e propria filosofia perc9B sono ri) levanti per c9iun<ue si interessi di filosofia teoretica, &noseolo&ia, estetica, etica, peda&o&ia, filosofia delle reli&ioni e di <uestioni co e la feno enolo&ia, l.esi) stenzialis o, il nic9ilis o" Del suo inse&na ento diceva c9e non era nB occidentale, nB orientale, e faceva notare co e in oriente veniva etic9ettato co e occidentale e al contrario in occi) dente co e orientale" %e per un occidentale J forse piK difficile co prendere la possi*ilit di una vita <uotidiana condotta in una di ensione psicolo&ica c9e J al di l del te po, i suoi continui inviti a ettere in du**io, ad investi&are con caute)

12

la, con esitazione, senza dare niente per scontato, a speri entare, sono piK vicini ad una entalit socratica, scettica, illu inistica e scientifica c9e J piK propria

dell.occidente" 8ris9na urti per= faceva notare c9e il du**io era piK fa iliare alla reli&iosit orientale, dove c.J una pluralit di testi sacri, c9e a <uella occiden) tale con un unico testo di riferi ento" !d anc9e dal punto di vista dell.esperienza istica possia o sicura ente dire era piK vicino alla teolo&ia ne&ativa occidenta) le piuttosto c9e a&li aspetti forte ente i &ione d.ori&ine$ l.induis o" Molendo co parare e ettere a confronto 8ris9na urti possono sor&ere un.infi) a <ui ci li itere o alle principali" a&inifici ed icono&rafici della sua reli)

nit di si ilitudini e contrapposizioni,

Mi sono nu erose e su&&estive affinit con %ocrate" !ntra *i 9anno intera ente speso la propria vita in un incessante attivit di inda&ine su di sB e su&li altri$ il loro orizzonte d.inda&ine J essenzial ente l.uo o con i suoi pro*le i" Co e %o) crate, 8ris9na urti dic9iara di non aver nessuna tesi da difendere, sve&liare in o&nuno la capacit di pensare retta ente, cioJ in a soltanto ri)

aniera autono a,

li*era da <ualsiasi autorit e preconcetto" Don si 9a <uindi alcuna scienza da tra) s ettere, a soltanto l.i portanza della consapevolezza dei odi di funzionare

del pensiero" La verit non J costituita da un siste a di pensiero o un insie e di nozioni, a J una li*era inda&ine priva di pre&iudizi, un.osservazione priva di di) ettere tutto in du**io senza ti ori reve) a per la passione, a ore

rezione, un.esplorazione critica c9e pu=

renziali, non in vista di <ualc9e conclusione o risultato,

dell.inda&ine" ! affinc9B l.inda&ine sia assoluta ente li*era *iso&na partire dalla constatazione c9e non sappia o" 8ris9na urti ritiene di uoversi sul piano della a per 8ris9na)

lo&ica, della razionalit e della ra&ionevolezza, co e %ocrate,

12

urti <uesti stessi atte&&ia enti spin&ono ad investi&are i li iti del pensiero e a do andarsi se vi J un.altra di ensione al di l di <uesti li iti e se J possi*ile an) dare al di l di <uesti li iti" Un.autentica razionalit non 9a la pretesa di essere onnipotente, a J consapevole dei propri li iti e si attiene ad essi lasciando il do) ensura*ile, a ci= c9e J spontaneo, al di

vuto spazio all.i pondera*ile, all.inco

fuori del controllo del pensiero, a ci= c9e non J preventivato, pre editato" Tale di) ensione J la di ensione della *ellezza, dell.a ore, del divino" - discorsi, i dia) lo&9i e &li scritti di 8ris9na urti sono costellati di do ande, e il suo intento era <uello di spin&ere il proprio interlocutore in una li*era inda&ine in cui potesse dare le proprie risposte ori&inali, sentite, vissute" Datural ente 8ris9na urti ave) va le sue risposte, a invitava se pre ad non accettarle, a non ne&arle, a ad esa)

inarle critica ente" %e un ele ento divino o de onico in %ocrate lo spinse se ) pre a non accettare in aniera acritica le opinioni e le credenze orali tradiziona)

li, spin&endo anc9e &li altri su <uesta direzione, <uesto J stato anc9e l.atte&&ia) ento di 8ris9na urti" Hurtroppo di %ocrate non a**ia o opere ori&inali o discorsi re&istrati o trascritti al contrario di 8ris9na urti per cui il confronto ri ane li itato e pu= procedere per supposizioni" %e in %ocrate la virtK si fonda sulla conoscenza, in 8ris9na urti la conoscenza previene l.apprendi ento, l.i parare, l.autoconoscenza c9e avviene di o ento in o ento senza ai dare niente per scontato e <uindi ettendo da

parte la conoscenza, le passate esperienze" %e %ocrate si i pe&na coi suoi interlo) cutori nella ricerca della definizione delle virtK, rifiutando sin&oli ese pi di virtK, 8ris9na urti si attiene al etodo di inda&ine ne&ativo, alla definizione apofatica,

per cui per co prendere cos.J l.a ore, la co passione, la li*ert do**ia o anzi)

12

tutto capire cosa non J a ore, co passione, li*ert" %ocrate pur avendo for al) ente prospettato l.esi&enza di un sapere definitorio, non se *ra c9e si sia tutta) via contenutistica ente vincolato in essa" La sua arte aieutica aiutava &li altri at)

traverso una con<uista personale 9a partorire il loro &enuino punto di vista" 8ris9) na urti con le sue incessanti do ande 9a se pre incora&&iato l.inda&ine persona) le c9e porti a dare delle risposte ori&inali osservando c9e il vero scopo dell.educa) zione J inse&nare a pensare e non cosa pensare" %ocrate J stato para&onato da Hla) tone alla torpedine per la sua capacit di scuotere certezze consolidate nel concre) to della discussione" Hossia o dire c9e i dialo&9i e i fil ati ri astici in cui 8ris9) na urti si confronta con altri interlocutori testi oniano di un.analo&a capacit di sconcertare, di spar&ere il du**io e de olire consolidate opinioni e venerate cre) denze" (a non sappia o vera ente fino a c9e punto a**ia o a c9e fare con %ocrate o con il discorso di Hlatone su %ocrate" -l confronto J co un<ue su&&estivo perc9B 8ris9na urti se *ra essere piK socratico del %ocrate platonico a noi arrivatoci" Dell.!utifrone %ocrate respin&e una di ensione del sacro le&ata a&li dei della tra) dizione con le offerte, i sacrifici e le pre&9iere a loro tri*utati in un rapporto di sca *io, per affer are c9e l.uo o santo J <uello *uono, &iusto" 8ris9na urti sa) re**e stato perfetta ente d.accordo con <uesto approccio, di l del *ene e del perfino i a&inata" ale della citt, J al di l di una a per lui il *ene J al

orale codificata, definita e

%e la verit in %ocrate se *ra essere posta sul piano del discorso in 8ris9na urti la verit va colta in una percezione)intuizione, in una consapevolezza c9e J al di l del piano ver*ale e concettuale"

12

-n Hlatone e 3ristotele l.intelletto J la capacit di pensare e dare ordine alle cose, sce&liendole, coordinandole e su*ordinandole e allo stesso te po il principio ordi) natore dell.universo, in 8ris9na urti l.intelletto pu= creare ordine in a *ito prati) co, tecnico, a J fonte di disordine in a *ito psicolo&ico" L.ordine della natura

non 9a niente a c9e vedere con l.ordine della razionalit" Co e in Hlatone cosA in 8ris9na urti la *ellezza, l.a ore, il divino, il sacro e ci= c9e J al di l del te po tendono a coincidere o ad i plicarsi a vicenda" (a il con) testo non potre**e essere piK diverso$ se in Hlatone <uesta di ensione si attua sul piano delle idee e di una loro conte plazione, in 8ris9na urti <uesta di ensione J possi*ile soltanto avendo co preso il carattere li itato e li itante delle idee e del pensiero in a *ito psicolo&ico" Puando le idee ven&ono co prese piena ente nella loro natura, struttura e funzione, vedendo c9e sono psicolo&ica ente perico) lose sono spontanea ente -nfatti esse da parte, per effetto della co prensione stessa"

ai prospettiva cosA dia etral ente opposta J stata espressa ri&uardo alle ito platonico della caverna$ le idee non sono la luce, a

idee, tanto da ri*altare il

sono le o *re proiettate sulla realt" !sse sono un ostacolo, un ele ento di distor) sione c9e va co preso appieno per li*erarsene" La verit non J data dal riconosci) ento della realt attraverso le idee, a la verit J lo sconosciuto, il presente, ci= e oria" La verit J un esperire

c9e non viene conosciuto attraverso le idee e la

senza riconosci ento, senza le tracce del ricordo, J un esperire senza esperienza" -n Hlatone la verit J data nella conte plazione delle idee eterne ed i uta*ili"

Her 8ris9na urti le idee, i plicano continuit e per anenza c9e sono se pre nel) la di ensione del te po$ 63**ia o fatto della verit <ualcosa di per anente" (a la verit J per anenteX %e lo J essa J nella di ensione del te po" Dire c9e <ual)

12

cosa J per anente i plica c9e J continua e ci= c9e continua non J la verit" Pue) sta J la *ellezza della verit$ c9e essa deve essere scoperta di to, non ricordata" Una verit ricordata J una cosa perta di o ento in o ento in o en)

orta" La verit deve essere sco) ai la stessa" Ci= c9e J i )

o ento perc9B J vivente, non J

portante J non fare una teoria della verit, non dire c9e la verit J per anente in noi con tutte le sue conse&uenze _ c9e J un.invenzione di c9i vive nel passato spaventato sia dalla orte c9e dalla vita" Pueste eravi&liose teorie _ c9e la ve)

rit J per anente, c9e non do**ia o essere i pauriti perc9B a**ia o un.ani a i ortale e cosA via _ sono state inventate da persone spaventate la cui ente si

sta deteriorando per cui le loro filosofie non 9anno alcuna validit" -l fatto J c9e la verit J la vita, e la vita non 9a alcuna per anenza" La vita deve essere scoperta di o ento in o ento, di &iorno in &iornoV deve essere scoperta, non pu= essere

data per scontata" %e date per scontato c9e conoscete la vita non state vivendo" Tre pasti al &iorno, i vestiti, una casa, il sesso, il vostro lavoro, i vostri diverti enti e il vostro processo di pensiero _ <uello stupido, ripetitivo processo non J la vita" La vita J <ualcosa c9e va scoperto e non pu= essere scoperta se non lasciate, se non ettete da parte ci= c9e avete trovato" %peri entate ci= c9e sto dicendo" (et)

tete da parte le vostre filosofie, le vostre reli&ioni, i vostri costu i, i vostri pre&iu) dizi razziali e cosA via perc9B non sono la vita" %e siete le&ati a <ueste cose non scoprirete ai la vita e la funzione dell.educazione sicura ente J aiutarvi a sco) o ento" L.uo o c9e crede di sapere J &i orto, a l.uo o

prire la vita in o&ni

c9e pensa$ IDon soL, c9e sta investi&ando, scoprendo, c9e non cerca un risultato, non pensa al proprio affer arsi e divenire, tale uo o sta vivendo, e ci= c9e vive J la verit715+" -l ter ine Rvita. <ui non 9a niente a c9e vedere con il vitalis o ro)
15+

@" 8ris9na urti Thin5 on these things ed" /arper Collins p" 122)5

12

antico,

a J una condizione psicolo&ica c9e si J li*erata delle idee, paure, an&o)

sce, desideri, a *izioni, attraverso l.auto)osservazione, l.inda&ine delle relazioni nella <uotidianit" Una filosofia c9e si *asa sulle idee, nasce dalla paura della transitoriet e precariet della vita, dal *iso&no di costruirsi sicurezze e certezze, c9e sono fittizie" Hlatone identificava l.ani a e la vita"154 8ris9na urti ne&a l.esi) stenza di un.entit eterna, <uale sare**e l.ani a" L.eternit dell.ani a non J c9e una teoria scaturita appunto dalla paura dell.insta*ilit e precariet della vita e dalla certezza della orte" utevolezza attri*uite da Hlatone alle opinioni e alle cono)

La contraddittoriet e

scenze sensoriali sono confer ate da 8ris9na urti anc9e per le idee" -l pensiero percependo la sua stessa insta*ilit tenta di darsi delle *asi solide nelle idee, fedi, credenze, ideolo&ie, a essendo esso stesso li itato tutto <uello c9e costruisce

porter con sB <ueste stesse li itazioni ed insta*ilit" Le idee sono se pre in con) flitto fra loro" Un se plice ese pio di <uesto tipo di approccio J dato dall.osser) vazione c9e la fede stessa presuppone il du**io" Her 8ris9na urti non esiste niente di eterno, a, al li ite, la possi*ilit di una

condizione psicolo&ica al di l del te po e del divenire, c9e J data <uando l.uo o 9a esso da parte o&ni a *izione, o&ni contrapposizione fra ci= c9e J e ci= c9e ovi ento del pensiero perc9B il pensiero

dovre**e essere, o&ni confronto, o&ni

stesso J te po psicolo&ico c9e si ori&ina dal passato per proiettarsi nel presente e spesso nel futuro" L.unica eternit possi*ile J <uella di una ente c9e vive co )

pleta ente nel presente" -n <uesta di ensione pu= esservi l.intuizione, la perce) zione di Rci= c9e vi J. senza defor azioni" ! Rci= c9e vi J. non J propria ente o diretta ente espri i*ile con la deno inazione se non per via ne&ativa" L.unica
154

Hlatone 9edone 105c

12

dialettica possi*ile J <uella c9e procede per via ne&ativa, co e a**ia o

ostrato

nel capitolo sull.a ore" Le idee, le for e, i &eneri, le entit ideali e universali o concetti non 9anno nessuna realt indipendente, a sono state &enerate dalla en)

te dell.uo o" Di nuovo, co e a**ia o detto piK volte, *iso&na puntualizzare c9e il discorso di 8ris9na urti J rivolto a <uella c9e J la realt relazionale del rappor) to con &li altri, la natura, &li o&&etti, le idee$ alla di ensione psicolo&ica" 8ris9na) urti escludeva da <ueste sue considerazioni &li aspetti pratici, tecnolo&ici e scientifici dove la conoscenza era necessaria e non aveva alcun senso ne&arla$ 6Do**ia o avere conoscenza per co unicare, per parlare l.un l.altro di <ualcosa e per coltivare conoscenza deve esserci e oria" %enza conoscenza non potre )

o volare su un aeroplano, costruire &randi strade, prenderci cura de&li al*eri e de&li ani ali e le tante altre cose c9e l.uo o civilizzato deve fare" Her &enerare l.elettricit, lavorare nelle varie scienze, aiutare l.uo o con la _ per tutto ci= do**ia o avere conoscenza, infor azione, st.a *ito J necessario ricevere la edicina, e cosA via e oria, e in <ue) entre la

i&liore istruzione possi*ile" T;U (a

conoscenza J necessaria ad un livello, ad un altro livello diviene un ostacolo" C.J un &rande accu ulo di conoscenza disponi*ile sulla realt fisica c9e viene incre) entata continua ente" ] essenziale avere tale conoscenza e utilizzarla per il *e) neficio dell.uo o" (a non c.J un'altra conoscenza c9e diviene un ostacolo per la scoperta della veritX Dopo tutto la conoscenza J una for a di tradizione, non J cosAX ! la tradizione J la coltivazione della nelle <uestioni pratic9e, e oria" La tradizione J essenziale ezzo per &uidare l.uo o inte)

a <uando J usata co e

rior ente, diviene un ostacolo nella scoperta delle cose piK i portanti" Doi sia o le&ati alla conoscenza, alla e oria per le cose pratic9e nella vita di o&ni &iorno,

12

senza conoscenza non potre olte cose,

o &uidare un auto, e non sare

o capaci di fare

a la conoscenza J un ostacolo <uando diviene una tradizione, una ente, la psic9e, l.interiorit ed inoltre divide le persone7" o ento in cui affer o di conoscere

credenza c9e &uida la

La conoscenza J un ostacolo perc9B nel

<ualcuno, 9o interrotto un processo di apprendi ento, di co unicazione, di rela) zione, autentico" Datural ente J necessario riconoscere una persona, a essere

consapevoli c9e <uesta J un processo vivente vuol dire non ri anere le&ati ai ri) cordi passati pur essendo consapevoli c9e ci sono stati" La conoscenza pratica, tecnica, scientifica <uindi J ad un livello co pleta ente diverso dalla conoscenza psicolo&ica" 8ris9na urti non entra in <uale sia l.esistenza de&li enti 9a ai preso in considerazione" aturit c.J un ri*alta ento di priorit erito su <uale livello di conoscenza sia$

ate atici, per ese pio, J una <uestione c9e non

Hossia o notare c9e se nel Hlatone della

fra politica ed etica rispetto a %ocrate, priorit c9e viene riflessa nella pre inenza dello stato rispetto all.individuo, 8ris9na urti ri*adisce l.i portanza di <uest.ul) ti o" Dessuna le&&e, rifor a, stato, rivoluzione, onastero, as9ra , etica, orale,

i posta o auto)i posta, a dispetto delle sue intenzioni 9a no, l.individuo,

ai ca *iato il cittadi)

a piuttosto la struttura sociale J il frutto, il riflesso, l.estensione

dei rapporti individuali, con le paure e i desideri connessi alle relazioni dell.indi) viduo" Una volont di ca *ia ento c9e parte dall.esterno, dalle nor e, dall.as) setto sociale per odificare l.interiorit dell.uo o J destinata al falli ento"

Un.autentica trasfor azione anc9e a livello sociale pu= avvenire solo partendo dall.autoconoscenza della propria interiorit e delle relazioni individuali per <uel) lo c9e sono, senza la pretesa di trasfor arli, for arli secondo uno sc9e a, un o)

12

dello, un ideale" -l

odello, l.ideale sono solo l.occulta ento di ci= c9e J" Una

profonda e autentica trasfor azione si attua nell.osservazione stessa priva di &iu) dizi, della volont di intervenire, di ca *iare, priva di o&ni deno inazione" 8ris9na urti nelle sue inda&ini istituisce una dicoto ia olto netta fra il piano

pratico, tecnico e scientifico e <uello psicolo&ico, e otivo e relazionale riservan) do la a&&ior parte delle sue osservazioni a <uest.ulti o" L.uo o, nel corso dei esso l.errore di far

illenni, nelle varie civilt c9e 9a edificato, 9a se pre co

entrare il processo di accu ulo di conoscenza, le&itti o sul piano pratico, nella sfera psicolo&ica" Un.intro issione inde*ita c9e 9a provocato o&ni sorta di con) flitto fra &li uo ini ed o&ni sofferenza psicolo&ica" Ci= c9e sul piano pratico J un.autentica sicurezza, per effetto di un illusione di prospettiva viene traslato sul piano psicolo&o con analo&9e aspettative" -n realt la conoscenza psicolo&ica J ci= c9e di fatto ci crea le piK concrete insicurezze perc9B crea il conflitto entro noi stessi e con &li altri" -n Hlatone a**ia o invece uno dei piK forti tentativi co piuti per unificare &li aspetti scientifici e <uelli psicolo&ici, orali" a so) ai

8ris9na urti condividere**e le critic9e di 3ristotele alle idee platonic9e,

prattutto la considerazione c9e le idee essendo fisse non spie&ano, non col&ono il ovi ento e non solo il ovi ento delle cose sensi*ili o de&li esseri viventi, a

anc9e delle e ozioni e dei pensieri" %e 3ristotele per i suoi interessi naturalistici e *iolo&ici J portato a ridi ensionare il ruolo delle idee, 8ris9na urti per i suoi in) teressi psicolo&ici visti co e processi viventi so&&etti al divenire individua nella fissit delle idee insie e alla li itazione del pensiero il co prensione" assi o pericolo per la

12

8ris9na urti 9a se pre sottolineato l.i portanza del du**io e dello scetticis o in c9iave antido& atica, a co e per tutti i te i di cui si J occupato non ne 9a

dato una trattazione siste atica" Co un<ue, se al du**io non sono posti vincoli o ti ori reverenziali, per 8ris9na urti du*itare di tutto J insensato" Dell.inda&ine di una <ualsiasi <uestione J i portante notare c9e se partia o dal du**io ci= ci per ette di avere <uella flessi*ilit e sensi*ilit necessarie nell.esplorazione di un pro*le a c9e ci consentono di arrivare alla scoperta di <ualcosa, a se al contra)

rio partia o con un idea, un pre&iudizio, una certezza, la nostra inda&ine sar li) itata e non potr c9e ricadere nel du**io" 3nc9e con la teolo&ia ne&ativa vi sono i portanti affinit e differenze" Her 8ris9) na urti non solo non possia o conoscere il divino, a anc9e ci= c9e J al di l del

te po, il sacro, l.a ore, la *ellezza, la co passione, perc9B non sono stati passi) *ili di riconosci ento, non possono essere pensati e definiti perc9B non si fondano sul ricordo, conflitto, fra a sono stati psicolo&ici in cui i pensieri con tutti i suoi frutti co e entazione, desideri, paure, &iun&ono a ter ine per effetto della odo per parlare di tutti <uesti stati psicolo&ici, c9e sono odo ne)

co prensione" L.unico

al di l del te po in una di ensione in cui l.individuo si J dissolto, J in &ativo" Don solo,

a il pensiero e la deno inazione per la loro li itatezza in ulti) eno le piK co uni dina ic9e psicolo&ic9e e relazio)

a analisi non col&ono ne

nali, o i se plici stati d.ani o c9e <uindi vanno osservati nel silenzio" (a se per la teolo&ia ne&ativa l.approccio apofatico si inserisce in un discorso etafisico e

teolo&ico, in 8ris9na urti J esclusiva ente fondato sul ruolo li itato del lin) &ua&&io e del pensiero"

13

3pparente ente opposta J la posizione di 3&ostino rispetto al du**io, per cui il du**io stesso presuppone la verit" (a tenendo conto c9e 3&ostino rea&iva allo scetticis o, interpretato co e teoria del du**io universale, le posizioni non sono poi cosA distanti" %e co prensione e fede sono stretta ente unite in 3&ostino, in 8ris9na urti la co prensione annulla <ualsiasi fede e credenza e porta ad uno stato di fiducia in se stessi e di confidenza col ondo" La verit per 3&ostino non

pu= c9e essere Dio" 8ris9na urti non sare**e in disaccordo di per sB con <ue) st.ulti a affer azione, punto di vista J il a fare**e notare c9e co inciare un inda&ine da un tale ente c9e vive nella

odo piK pro*a*ile per in&annarsi" Una

paura, nel desiderio, nell.a *izione, nell.invidia, nel conflitto, nelle astrazioni, una ente c9e vive di li itazioni e si i a&ina, si fi&ura, pensa a Dio non pu=

c9e proiettare le sue li itazioni" Her usare il se plice ed efficace lin&ua&&io di 8ris9na urti, il Dio di una ente esc9ina non pu= c9e essere un Dio esc9ino"

Puindi al centro delle inda&ini, anc9e e soprattutto per c9i si interro&a sul senso del sacro e del divino, va posta la ente e non Dio" La ente dell.uo o, il suo

pensiero con le sue li itazioni 9a creato Dio" Her trovare il senso del sacro, *iso) &na pri a investi&are, scoprire i li iti della ente, delle sue i a&ini, dei suoi

pensieri" Her 8ris9na urti ter ini co e ani a e at an non 9anno alcuna realt in <uanto non vi J nessuna entit psicolo&ica per anente ed eterna" Puesti ter ini e le teorie ad esse connesse nascono dalla paura della caducit dell.esistenza, dalla paura della orte, dal non saper accettare la fine dell.esistenza, la fine della conti)

nuit psicolo&ica, c9e J l.identit stessa" La ricerca di Dio nell.ani a J di per sB un controsenso, e l.attivit entale ne&a o&ni percezione del divino c9e J <uindi ente di per sB non 9a niente di divino,

possi*ile solo nel piK assoluto silenzio" La

13

anzi la sua a*ituale attivit fondata sulla conoscenza ne&a o&ni di ensione divina" Ci= c9e J divino pu= nascere in una ente c9e 9a co preso fino in fondo i suoi li) ente vive una situa)

iti e li 9a trascesi, altri enti co e <uasi se pre accade, la zione di fra

entariet e di conflitto c9e non 9anno niente di divino" Tutta la pro)

spettiva platonica e neoplatonica vista attraverso la teolo&ia cristiana J assente" 3nc9e le fa ose affer azioni di 3&ostino sull.a ore, per cui l.a ore fraterno fra &li uo ini 6non solo deriva da Dio, a J Dio stesso7, sare**ero condivise seppu)

re con sottili osservazioni e riflessioni$ l.a ore autentico non conosce distinzioni fra a ore ondano e divino e soprattutto l.a ore J se pre inclusivo perc9B nel)

l.a ore vi J una totale dissoluzione fra io e non)io" C9i prova un tale a ore <uin) di J Dio stesso" -n <uesto a ore non vi sono distinzioni fra cristiani ed e*rei, *ud) disti ed isla ici, cattolici e protestanti, francesi e essicani, per la se plice con)

statazione c9e tutte le tradizioni 9anno diviso &li uo ini, c9e in realt vivono le stesse paure, an&osce, aspirazioni, desideri" L.a ore dell.uo o <uindi non J radi) cato nel cristianesi o co e in 3&ostino, particolare" 3nc9e 8ris9na urti 9a spesso invitato a cercare la verit nell.interiorit, in un atte&&ia ento di c9iusura verso in ondo esterno" 3nzi il a non a nella dissoluzione di o&ni reli&ione

ondo delle no)

stre relazioni J lo specc9io in cui possia o osservarci per <uello c9e sia o" Li i) tarci ad osservare i nostri stati d.ani o senza <uesto riscontro porta facil ente al) l.in&anno" !sterno ed interno in <uesto senso fanno parte di un unico ovi ento"

La ricerca di Dio per 8ris9na urti fa parte di un atte&&ia ento di a *izione, di desiderio di essere, di divenire, c9e J sullo stesso piano delle a *izioni ondane

13

perc9B in entra *i i casi c.J un desiderio di fu&a da ci= c9e si J, c9e non per ette la co prensione" Ci= c9e 9a valore J l.auto)conoscenza" Con !cG9art le affinit se *rano essere stico di entra *i, a&&iori soprattutto per l.approccio i)

a anc9e in <uesto caso le differenze sono enor i" 8ris9na ur)

ti J estraneo a <ualsiasi speculazione ontolo&ica nel rapporto fra Dio e &li enti, a <ualsiasi <uestione della scolastica o all.ese&esi *i*lica" 3nc9e in !cG9art co e in 3&ostino natural ente J data per scontata o ac<uisita la presenza del divino nel) l.uo o c9e in 8ris9na urti co e a**ia o visto non lo J affatto" !cG9art parla della presenza nell.intelletto u ano di una scintilla dello stesso eterno intelletto divino c9e rende possi*ile un.illu inazione c9e trascende le facolt della e o)

ria, del &iudizio e della volont, in un.unione con la realt divina" La Rscintilla. di 8ris9na urti J una disposizione entale c9e investi&a, inda&a, si do anda,

esplora con esitazione, per arrivare ad una consapevolezza priva di scelta e pensie) ri di ci= c9e J, dove anc9e in lui sono trascesi e oria, &iudizio e volont" %ia in istica, a se nel predi)

!cG9art c9e in 8ris9na urti c.J la possi*ilit dell.unione

catore tedesco <uest.unione si attua con Dio, 8ris9na urti nel suo periodo &iova) nile preferisce parlare di unione con la vita, poi di cessazione di o&ni divisione psicolo&ica per la fine, la orte dell.io, del e, del io, del sB" L.unione ecG9ar)

tiana J data dalla visione ontolo&ica c9e tutte le cose e noi stessi sia o un puro nulla per cui do**ia o ne&are la nostra finitudine per essere <uella <uiete deserta nella <uale non c.J olteplicit nB uta ento, c9e J Dio" La conte plazione di)

vina J una non)conoscenza, una condizione di cecit, un non sapere" L.unione di 8ris9na urti J data dall.osservazione e co prensione del ovi ento del pensie)

ro nella <uotidianit, osservazione c9e anc9.essa J priva di conoscenza" Puesta

13

osservazione rivela c9e la nostra identit psicolo&ica J fittizia e c9e nonostante tutti i nostri desideri di essere e divenire, psicolo&ica ente sia o un nulla, sia o insufficienti e li itati" Puindi se**ene vi siano delle analo&ie fra il discorso di !c) G9art e <uello di 8ris9na urti, <ueste sono inserite in un contesto diverso$ un sticis o filosofico e teolo&ico nel pri o, un i)

isticis o fondato sull.inda&ine e

l.osservazione delle dina ic9e relazionali del <uotidiano nel secondo" -l principale interesse di /u e J stata la natura u ana e anc9e per 8ris9na urti J stato il principale ca po di inda&ine" !ntra *i 9anno rilevato una vicinanza di senti ento, istinto, sensazioni, idee, pensieri ed a*itudine, c9e per 8ris9na urti 9anno una co une ori&ine" %e 8ris9na urti non 9a alcun atte&&ia ento scettico nel confronti dell.esistenza del ondo esterno, analo&a invece J la sua posizione

sull.identit e unit dell.io create dal pensiero, c9e sare**ero fittizie" ] il pensiero nel suo ovi ento <uotidiano c9e percependo la sua stessa insta*ilit cerca di a&ine, un.identit psicolo)

darsi un fonda ento per anente costruendosi un.i &ica attraverso le esperienze, le e orie"

#ispetto a 8ant possia o notare innanzitutto una notevole differenza di approc) cio$ ci= c9e in lui 9a la for a del trattato e della riflessione siste atica, in 8ris9) na urti J espresso in considerazioni e riflessioni c9e 9anno spesso la for a del dialo&o non ri&ida ente pre)ordinato, sc9e atizzato, del o ento" %pesso per co prendere a c9e se&ue l.intuizione

e&lio <uello c9e J appena accennato *i) aniera

so&na aspettare di incontrare un passo dove l.ar&o ento J sviluppato in piK a pia, talvolta in un discorso o un li*ro diverso" %e 8ant ritiene la etafisica indi ostra*ile co e scienza,

a espressione di una orale

disposizione naturale insita nell.uo o non sradica*ile c9e per ette la vita

13

e reli&iosa, 8ris9na urti al contrario ritiene possi*ile ed auspica*ile sradicare <uello c9e J un *iso&no universal ente diffuso di sicurezza e di sta*ilit nato dal) la paura dell.i per anenza della vita e c9e in <uanto tale non 9a niente di reli&io) so" Puesto *iso&no d anc9e vita alle credenze illusorie dell.ani a i del Dio creatore delle tradizioni reli&iose" Centrale nelle riflessioni sull.etica J per 8ant la li*ert, co e lo J per 8ris9na) urti" (a il co e per la *ito odo in cui <uesta viene intesa J co pleta ente diverso" -n 8ant, a&&ior parte del pensiero filosofico, li*ert J li*ert di scelta" -n a ) ale" Her 8ris9na urti la scelta scaturisce se ) ancanza di c9iarezza" %e a**ia o una ortale e

orale J la scelta fra *ene e

pre da una condizione di confusione, di

percezione estre a ente li pida e c9iara di un fatto o una situazione non vi J scelta" La li*ert <uindi J innanzitutto li*ert dalla paura, dall.autorit, dall.an&o) scia, dal desiderio, dalla tradizione, dalle esperienze passate c9e si riassu ono tut) te nella li*ert dal conosciuto" (a non do**ia o ne eno farci prendere dalla

Rtentazione. di pensare la li*ert co e l.opposto di tutte <ueste condizioni" %e la li*ert non J tradizione, autorit, paura, ecc", e si d nella totale assenza di <ueste, non J ne eno il loro opposto" Don do**ia o cioJ i a&inare, pensare o pro)

iettare la li*ert attraverso il suo opposto perc9B essa si situa in una di ensione co pleta ente diversa c9e non 9a piK niente a c9e vedere con ci= c9e la ne&a" Hossia o inoltre dire c9e il senso del dovere, il dover essere dell.i perativo Gan) tiano, suscitere**e il sospetto di 8ris9na urti" -l senso del dovere nasce dall.edu) cazione e dalla paura di contravvenire ad essa" %e c.J a ore non vi J alcun senso del dovere, alcun senso di costrizione psicolo&ica" Dell.a ore vi J un.azione sen) za attore, e&o, c9e non 9a alcuna finalit, scopo co e l.azione disinteressata detta)

13

ta dall.i perativo del filosofo di 8ani&s*er&" -n 8ant <uindi la virtK nasce dallo sforzo per rispettare &li i perativi della le&&e orale" Her 8ris9na urti la le&&e odifi)

orale J un occulta ento delle pulsioni c9e vivia o nel <uotidiano, c9e

cano solo superficial ente la situazione ed anzi i pediscono una trasfor azione radicale" La virtK di 8ris9na urti non co pie sforzi, non tenta di ca *iare il fatto c9e sia o violenti con un non)fatto, cioJ l.i perativo di essere non)violenti per) c9B J solo la totale consapevolezza del nostro essere violenti senza volont di in) tervento, di ca *ia ento c9e pu= dissolvere <uesto stato" Tutte le ener&ie <uindi ven&ono convo&liate nell.inda&ine su ci= c9e J e non su ci= c9e dovre**e essere" Don vi J <uindi sforzo e <uell.i enso spreco di ener&ie c9e nasce dalla contrad) o essere o vorre o essere"

dizione interiore fra ci= c9e sia o e ci= c9e dovre

'li i perativi enunciati da 8ant, in fondo, sono pure e se plici astrazioni$ la co passione invece nasce co e in /u e, dalla percezione diretta c9e la sofferen) za J la stessa per tutti &li uo ini e c9e tutti &li uo ini condividono &li stessi stati d.ani o$ la paura della cosa orte, delle alattie, di essere &iudicati, di perdere <ual)

aterial ente o psicolo&ica ente, l.a *izione, l.invidia, la &elosia, l.an&o)

scia ecc" 8ris9na urti 9a spesso un atte&&ia ento antropolo&ico nei confronti di Dio o delle reli&ioni c9e ricorda certi aspetti di Feuer*ac9$ J l.uo o c9e 9a creato <uello c9e crede essere il suo creatore, J lui c9e 9a sta*ilito, edificato i siste i reli&iosi" (a <uesta proiezione all.esterno di caratteristic9e c9e sono proprie dell.uo o av) viene in un contesto opposto rispetto a <uanto delineato dal filosofo tedesco" Her Feuer*ac9 Ila reli&ione J la coscienza dell.infinito$ perci= essa non J e non pu= essere altro c9e la coscienza c9e l.uo o 9a, non della li itazione, a dell.infinit

13

del suo essereL15," ITu pensi l.infinitoX !**ene tu pensi ed affer i l.infinit della potenza del pensiero" %enti tu l.infinitoX Tu senti ed affer i l.infinit della poten) za del senti entoL" Her 8ris9na urti il pensiero e il senti ento sono e ri an&ono in o&ni caso li itati" -l pensare l.infinito J un.astrazione e co e tale ri ane se ) pre un atto li itato" ] soltanto capendo i li iti del pensiero non astratta ente, nelle dina ic9e del <uotidiano, c9e <uesti li iti possono essere trascesi" -ntersanti sono le differenze e le affinit con %c9open9auer" 8ris9na urti non si J ai dilun&ato o s*ilanciato su un principio etafisico del ondo e <uei poc9i ac) a

cenni c9e 8ris9na urti 9a voluto dare ven&ono si&nificativa ente dalle conversa) zioni avute con uno scienziato$ il fisico David :o9 " 3d o&ni di creazione attraverso cui si odo, il principio

uove il cos o c9e J supre o ordine, se *ra scatu)

rire dal silenzio, dal vuoto, da una di ensione priva del principio d.individuazio) ne, da un.ener&ia senza causa c9e il pensiero non pu= afferrare" Della natura 8ri) s9na urti riconosce c9e vi&e il conflitto e la lotta all.interno di precisi e<uili*ri, a <ueste non 9anno ancora le i plicazioni psicolo&ic9e proprie dell.uo o" Del) l.uo o il conflitto fisico presente nel ondo *iolo&ico entra nel ca po psicolo&i)

co" -l conflitto psicolo&ico c9e si ori&ina dalla contraddizione insita nel pensiero deter ina sofferenza interiore" L.uo o c9e soffre non J la un principio etafisico del assi a espressione di

ondo, al contrario J colui c9e se ne J allontanato al a 8ris9na urti condivide)

assi o &rado" La vita <uindi non J di per sB dolore,

re**e c9e la condizione piK universal ente diffusa dell.uo o J la sofferenza e c9e <uesta sofferenza J causata dalla volont, dal desiderio, dall.intento di perse) &uire il piacere" Molont e desiderio inse&uono se pre la dina ica dell.6ancora il di piK7 e sono cosA destinati a ri anere inappa&ati, frustrati"
15,

Feuer*ac9 Assenza del cristianesimo par"1

13

-n 8ant la

orale nasce dall.i perativo cate&orico dettato dalla ra&ione e in %c9o)

pen9auer dal senti ento di piet con cui sentia o co e nostre le sofferenze al) trui" 8ris9na urti ritiene c9e ra&ione e senti ento sono li itati e fonte di conflit) to se presi co e esclusiva &uida della nostra condotta" #a&ione e senti ento fan) no infatti parte di un odello di condotta odello di co porta ento da se&uire$ la orale o i orale" Pualsiasi

orale va rifiutato perc9B J un occulta ento di

ci= c9e sia o" %e percepia o ci= c9e sia o senza pensieri e senti enti non vi J piK divisione tra e e non) e, tra io e non)io, io e non) io, e <uindi non c.J odo ci si fa

differenza alcuna tra la

ia sofferenza e <uella di un altro" -n <uesto

carico concreta ente del dolore dell.u anit intera" L.azione c9e scaturisce da <uesta percezione J a ore e co passione, a J estre a ente difficile trovare de)

scritta positiva ente da 8ris9na urti una tale azione" %e ci i pe&nassi o nel de) scriverla avre o &i sta*ilito un odello" L.unica cosa possi*ile J parlarne ne)

&ativa ente, ossia investi&are cosa l.a ore non J" La piet, la carit e l.ascesi sc9open9aueriane sare**ero <uindi ancora oralistic9e per 8ris9na urti" Her

8ris9na urti ascesi e castit fanno ancora parte della volont di vivere e co e tutte le aspirazioni spirituali <uali il desiderio di ra&&iun&ere l.illu inazione, Dio, la perfezione sono espressione dell.e&o e sono sullo stesso piano delle a *izioni ondane" La volont J presente in odo prepotente nelle tecnic9e ascetic9e e e)

ditative, e l.u ilt e la castit celano, co e 9anno rilevato Dietzsc9e e la psicoa) nalisi, or&o&lio asc9erato e sessualit repressa" La castit, l.u ilt e la edita) a

zione non possono essere praticate deli*erata ente con un atto di volont, possono e er&ere solo spontanea ente, senza una causa, un

otivo, una finalit"

13

3nc9e 8ris9na urti opera una critica della cultura$ tutte le idee, &li ideali, le ideolo&ie, le etafisic9e, le filosofie e le reli&ioni con cui l.uo o 9a costruito le illenni sono senza senso perc9B si *asano sul ai in &ra)

innu erevoli societ nel corso dei

pensiero" -l pensiero J li itato e di per sB contraddittorio perc9B non J

do di co&liere la totalit" ] la societ nel suo co plesso ad essere R alata." Dietzsc9e parl= di sB co e del pri o perfetto nic9ilista d.!uropa c9e aveva tra) sceso il nic9ilis o, cioJ la condizione dell.uo o in un senso oderno c9e, non credendo piK

etafisico delle cose e nei valori supre i avverte la disperazione del

vuoto e del nulla" 8ris9na urti senza utilizzare il ter ine nic9ilis o, ne espresse uno *en piK radicale" Don solo le ideolo&ie, le credenze, le fedi ven&ono de olite, a anc9e la conoscenza, l.esperienza, la senza sapere, esperienza, e oria$ I6C9e cosa ci resta se sia o

e oriaX %ia o nulla7" %iete <ualcosa piK di niente

oraX Puando dite$ 6%enza sapere sia o nulla7, voi non fate c9e una se plice as) serzione ver*ale senza speri entare <uello stato, non J veroX Puando fate <uesta asserzione c.J un senso di paura, la paura di essere nudi" %enza <uesti accresci) enti voi non siete nulla, c9e J la verit" ! perc9B non esserloX Herc9B tutte <ueste pretese e presunzioniX Doi a**ia o <uesto nulla di fantasie e capricci, di speran) ze, di varie idee confortevoliV a sotto <uesto antello noi non sia o nulla, non il

nulla di certe astrazioni filosofic9e,

a il vero nulla" L.esperire <uesto nulla J il

principio della sa&&ezza" Co e ci ver&o&nia o di dire c9e non conoscia oS Co) pria o il fatto di non sapere con parole e co&nizioni" -n realt, voi non conoscete vostra o&lie, il vostro vicinoV co e potreste, dato c9e non conoscete voi stessoX ucc9io di dati, di conclusioni, di spie&azioni intorno a voi stesso, a

3vete un

non siete consapevole di ci= c9e J, dell.i plicito" Le spie&azioni, le conclusioni,

13

c9ia ate sapere, i pediscono la speri entazione di ci= c9e J" T;U %apere J esse) re i&noranti$ non sapere J il principio della sa&&ezzaL"155 Della fine del te po psi) colo&ico vi J il presente c9e J il nulla" %e non sono Rnessuno. non co *atter= e i

sforzer= di essere <ualcuno, perc9B sare**e stupido, senza senso" %e sono il nulla sapr= cos.J l.a ore, perc9B il nulla contiene il tutto, co e il vuoto contiene tutte le fi&ure e lo zero tutti i nu eri" -n Dietzsc9e l.accettazione co pleta, totale, incondizionata del nic9ilis o porta ad un suo supera ento, cosA in 8ris9na urti la consapevolezza del proprio essere nulla d l.accesso ad un.altra Rdi ensione. $ IUna persona c9e non riconosce la sua vacuit, senza a perse&ue de&li ideali J co e un uo o c9e ara e solca il terreno

ai se inarlo" Dietro tutta la vostra conoscenza, i diplo i, i titoli e le pro)

priet, c.J il nulla" Puando vera ente saprete di non essere alcuna cosa, allora sa) rete o&ni cosa perc9B saprete cos.J l.a oreL"200 L.unica opera della filosofia occidentale di cui sappia o con sicurezza c9e fu let) ta da 8ris9na urti e da cui fu i pressionato fu lo Oarat9ustra" -n entra *i vi J una spinta all.accettazione inte&rale della vita c9e trasfor a il do) lore in &ioia, la lotta in ar onia, la crudelt in &iustizia, la distruzione in creazio) ne" (e se i vecc9i valori in Dietzsc9e ven&ono ri piazzati da una tavola di valori ispirata dall.aristocrazia dell.antic9it classica &reca, da uno spirito cavalleresco, 8ris9na urti non vuole *asarsi su valori preesistenti ed evita di parlare di nuovi valori" Her lui l.uo o li*erato J colui c9e avendo co preso da solo il pericolo del pensiero nella relazione, lo ette spontanea ente da parte e cosA ette da parte

155 200

@" 8ris9na urti Meditazioni sul vivere ed" (ondadori p" 20,)5 @" 8ris9na urti The complete published 3or5s >1533)15,+? CD)#N( ed" T9e 8ris9na urti Foundation Trust, (adras 31st &roup discussion 30t9 Dece *er 1524, Y 22

12

o&ni

orale" Una tale persona si J fusa total ente con il flusso della vita, con il

principio di creazione, perc9B a&isce senza alcuna divisione fra io e non)io" La &ioia dionisiaca entusiastica ed esaltante del filosofo tedesco 9a tonalit e sfu) ature diverse di <uella di 8ris9na urti a&&ior ente caratterizzata da serenit

ed e<uili*rio" Tuttavia avre**e condiviso il suo tentativo di andare al di l del *ene J del ale" IUn uo o <uale deve essere$ <uesta frase ci suona tanto sciocca

<uanto <uest.altra$ 6un al*ero <uale deve essere7L201 J un.affer azione di Die) tzsc9e c9e potre**e essere sca *iata per una di 8ris9na urti" L.i portante per entra *i J Rci= c9e J., Rci= c9e dovre**e essere. J soltanto un.irrealt, una finzio) ne, c9e i pedisce la piena co prensione" Le reli&ioni ed in particolare il cristia) nesi o, secondo Dietzsc9e, 9anno ini*ito &li i pulsi pri ari dell.esistenza tra ite la nozione di peccato, producendo un uo o e a&&ressivit alato, pieno di risenti ento

asc9erata contro la vita e &li altri uo ini, perc9B Itutti &li istinti

c9e non si scaricano all.esterno si rivol&ono all.internoL" 8ris9na urti opera un.analisi olto si ile$ I6Devo soppri ere il desiderio, devo s*arazzar i del de)

siderio7, sono secoli c9e ci provate" 6Devi essere privo di desideri7, non 9a senso, perc9B sia o pieni di desideri, *rucia o di desiderio" Don serve soppri ere il de) siderio$ ri ane lA i *otti&liato, c9iuso da un tappo" Mi disciplinate contro il desi) derio, e <ual J il risultatoX C9e divenite duri, *rutali" Herci= occorre co prendere il desiderio e co prendere il piacere, perc9B i nostri valori e i nostri &iudizi interni si *asano sul piacere, non su &randi e no*ili principi, cate Dio perc9B vi d un piacere a soltanto sul piacere" Cer) onotona,

a&&iore la fu&a da <uesta vita *rutta

stupida, priva di senso" -l principio attivo della nostra esistenza J <uindi il piacere" T;U Do**ia o co prendere il piacere, c9e cosa si&nifica, co e nasce, la sua na)
201

F" Dietzsc9e *pere a cura di '" Colli Z (" (ontanari vol" , >1,,4 ) 1,,,?, 11, 132, p" 240

12

tura e la sua struttura, e non ne&arlo" Don prendia oci in &iro dicendo$ 6-

iei va)

lori sono pii, io 9o no*ili ideali7" %e inda&ate a fondo in voi stessi, vedrete c9e i vostri valori, le vostre idee, la vostra prospettiva, il vostro co porta ento si fon) dano tutti sul piacereL"202 Dello Oarat9ustra di Dietzsc9e, 8ris9na urti avre**e condiviso il rifiuto totale di <ualsiasi autorit, reli&ione e culto pur antenendo la possi*ilit di un senso sacro atico e il

della vita" -n 8ris9na urti co un<ue J total ente assente il tono dra

senso di s arri ento e verti&ine provocati dalla I orte di DioL, da un lato perc9B il Dio delle reli&ioni e delle teolo&ie J solo un Dio frutto del pensiero, della paura e del desiderio di sicurezza, dall.altro lato perc9B in lui J se pre presente un sen) so sacro della natura, della vita e del cos o" La R orte di Dio. in 8ris9na urti non 9a alcun senso tra&ico, a esclusiva ente li*eratorio" -l senso tra&ico J estre) a causato dal suo attacca)

a ente presente nella vita <uotidiana dell.uo o,

ento ad a*itudini e sicurezze psicolo&ic9e c9e provocano conflitti di o&ni sorta" !ntra *i non si preoccupano di dare una di ostrazione dell.inesistenza di Dio, per entra *i J piK c9e sufficiente la consapevolezza di co e possa aver avuto ori) &ine la fede nell.esistenza di Dio" 8ris9na urti avre**e criticato o corretto in una diversa prospettiva le concezioni nietzsc9eiane piK ideolo&ica ente co pro esse$ il superuo o, l.eterno ritorno, la volont di potenza" I-l pri o i oralistaL, co e Dietzsc9e si autodefinA, sare**e ancora un sottile a&ine di un a&ine

oralista per 8ris9na urti, perc9B avre**e posto di fronte a sB l.i

superuo o o oltre)uo o a cui confor arsi, con cui confrontarsi" N&ni i

va *andita perc9B inade&uata nel co&liere la realt" Una persona c9e vive la li ita)
202

@" 8ris9na urti Sul rapporto ed" U*aldini p" +3

12

zione ed il conflitto e si i

a&ina la condizione del li*erato, non pu= c9e proiet) ancanza

tare le sue li itazioni e i suoi conflitti" La li*ert non J l.opposto della di li*ert, a una di ensione co pleta ente diversa"

-l presente di cui parla 8ris9na urti non J il te po cronolo&ico o il te po *iolo) &ico, a J il silenzio del pensiero, l.assenza del te po psicolo&ico" -n <uesta di)

ensione non vi J alcun senso del divenire$ Idevo essere *uonoL, Isar= un essere spiritualeL, Ivo&lio essere non)violentoL ecc" %olo cosA J possi*ile un.autentica trasfor azione" -n lui non vi J nessun accenno ad una visione ciclica o circolare del te po" %ia in Dietzsc9e c9e in 8ris9na urti esiste la possi*ilit per l.uo o di trovare in se stesso il principio di creazione della vita, a il contesto non potre**e essere piK

diverso" La diversit di prospettive dei due autori va ricondotta alla diversa conce) zione della vita c9e Dietzsc9e riprese da %c9open9auer e antenne in parte anc9e

dopo la sua pri a fase sc9open9aueriana$ la vita co e caos, dolore, lotta, distru) zione, crudelt, incertezza, errore" Her 8ris9na urti il cos o J, co e confer a l.eti olo&ia, supre o ordine" ] la vita psicolo&ica dell.uo o c9e J di solito dolore, incertezza, contraddizione, con) flitto, caos, ancanza di senso" 8ris9na urti avre**e ri proverato a %c9open)

9auer e Dietzsc9e di aver proiettato la vita psicolo&ica dell.uo o nella sua <uoti) dianit piena di conflitti e contraddizioni sulla natura e sul cos o" %e <uindi in Dietzsc9e la volont di potenza co e li*ert creatrice si er&e al di so) pra del caos della vita per i porre i propri valori all.essere, in 8ris9na urti la ente c9e tra ite l.autoconoscenza e l.osservazione 9a esso fine al pensiero

pu= acco&liere in sB il principio di creazione c9e per ea il cos o" L.atte&&ia en)

12

to di 8ris9na urti J in <uesto caso piK vicino all.atte&&ia ento di passivit di /eide&&er di fronte all.essere$ J la verit c9e pu= venire incontro all.uo o, se l.uo o cerca di perse&uire la verit inevita*il ente proietter su di essa i suoi li) iti, i propri desideri e le proprie paure, distru&&endola" %i ritiene i portante a <uesto punto al eno accennare *reve ente ad una co pa) razione con alcune delle filosofie orientali piK si ili a 8ris9na urti per in luce anc9e la distanza" 8ris9na urti ritiene il pensiero un pericolo psicolo&ico, anzi il pericolo psicolo&i) co, l.ori&ine di tutti i pro*le i dell.uo o" Puesta percezione estre a ente diffu) sa in oriente 9a portato all.ela*orazione di innu erevoli siste i, editative ed ascetic9e per controllare, eli inare, realt <uelle civilt &uida tutti i etodi, pratic9e etterne

ettere a tacere il pensiero" -n

illenarie 9anno in&annato se stesse perc9B ci= c9e ori&ina e

etodi J di nuovo il pensiero" Un pensiero si er&e a &iudice di un altro

pensiero e tenta di controllarlo$ <uesta J la co une dina ica del pensiero orienta) le ed occidentale" Dina ica ori&inata dall.illusione di vedere i pensiero co e altro da sB" %B e pensiero sono invece un feno eno con&iunto" Delle Upanis9ad si enuncia una concezione cos olo&ica c9e pone il non)essere all.ori&ine di tutte le cose" -n altro passo per= <uesta stessa tesi J ne&ata per affer) are c9e all.ori&ine vi era Il.essere senza secondoL c9e J il :ra9a an, l.assoluto" 3&li al*ori della filosofia indiana vi J lo stesso decisivo pro*le a affrontato a&li inizi della filosofia &reca$ il rapporto fra essere e non essere" L.approccio di 8ris9na urti a <uesta <uestione J in &ran parte psicolo&ico$ J nel) la ente vuota, nel silenzio piK assoluto, dove tutto il passato J stato distrutto, c9e

12

pu= aver luo&o la creazione, c9e pu= esserci il nuovo" Puesto principio di creazio) ne del nostro icrocos o J lo stesso alla *ase del acrocos o"

L.at an, l.ani a, il %B, co e entit per anente, centro d.identit, c9e sopravvive alla orte e si reincarna J solo una finzione" L.uo o dentro di sB non 9a alcun

principio divino, contraria ente a <uanto espresso dai Meda, finc9B vive nella fra entazione e nel conflitto e non 9a capito il ruolo del pensiero nella sua vita

psicolo&ica" 3nc9e la dottrina del Gar an J considerata una se plice superstizio) ne" Delle Upanis9ad talvolta :ra9a an J inteso co e Dio personale$ anc9e <uesto aspetto J rifiutato co e sono rifiutate tutte le divinit dei Meda, tutti i rituali, le ceri onie, &li atti devozionali, le pre&9iere e le for ule propiziatorie" Pueste va) rie pratic9e convo&liando le ener&ie consce ed inconsce su un o**iettivo possono ottenere dei risultati, no a continue illusioni" (a&&iori sono i punti di conver&enza con &li inse&na enti del :udd9a e del *ud) d9is o, a anc9e <ui riscontria o nu erose differenze" 3nc9e &li inse&na enti a fanno parte del li itato ovi ento del desiderio e porta)

di 8ris9na urti, co e <uelli del Rrisve&liato. potre**ero essere definiti co e una via di li*erazione, a il desiderio stesso di li*erazione viene talvolta posto in <ue)

stione e trattato alla stre&ua di o&ni altro desiderio" Her entra *i, co e per /u e la nozione di un io per anente J una pura finzione" 8ris9na urti condivide c9e il desiderio e la volont siano cause di sofferenza, a fa risalire <ueste ulti e al

pensiero" Ci= &li per ette di estendere approfondita ente le sue sottili riflessioni psicolo&ic9e ad una vasta &a a di stati d.ani o <uali la paura, la speranza, ultifor e

l.a *izione, l.invidia, la &elosia, il piacere, la &ioia, la noia, ecc" La

12

riflessione di 8ris9na urti se pre passi*ile di

uta enti di approccio e di pro)

spettiva J difficil ente sc9e atizza*ile in un siste a dottrinario" %e l.universalit del dolore in %c9open9auer J principio etafisico e in :udd9a

assu e un.at osfera di inelutta*ile necessit naturale, in 8ris9na urti J se pli) ce ente il risultato di una Rdirezione. s*a&liata intrapresa dalla una disposizione, di cui J i portante essere consapevoli" La via di li*erazione indicata dal :udd9a nell.ottuplice sentiero prevede la fede, il controllo di o&ni espressione ed atto, una li*erazione, la concentrazione oralit di condotta, lo sforzo per la ente dell.uo o,

ediante tecnic9e psicoso atic9e$ disposizioni

presenti anc9e in tutte le scuole *udd9iste e decisa ente criticate da 8ris9na ur) ti" La fede ne&a l.intelli&enza, c9e invece si nutre del du**io, di un atte&&ia ento di inda&ine scettica c9e porta alla consapevolezza, alla fiducia" -l controllo pre) suppone se pre una divisione fra controllore e controllato c9e, co e a**ia o vi) sto nel capitolo su L%osservazione, J una divisione fittizia c9e non fa altro c9e au) entare il conflitto e la confusione" 8ris9na urti 9a visto nella dello d.azione da se&uire, a cui ade&uarsi, un.ipocrisia, una orale, in un o)

asc9era, c9e occulta

una realt, lasciandola fonda ental ente invariata" Pualsiasi tipo di sforzo psico) lo&ico anc9e lo sforzo per la li*erazione indica la presenza dell.io, di un.attivit e&ocentrica" La concentrazione e le varie tecnic9e di una ne&azione dell.autentica editazione sono considerate

editazione c9e pu= attuarsi solo inconsapevol en)

te, senza alcuna pre editazione" L.attuale Dalai La a, in un occasione, definA 8ris9na urti 6un D&r^una7, c9e spesso J considerato il piK &rande filosofo *udd9ista"

12

D&r^una investe &ran parte delle sue doti di lo&ico nell.affer azione della va ) cuit di tutte le cose, dove per vacuit si intende la coproduzione condizionata, os) sia la dottrina c9e nulla sussiste indipendente ente, e c9e tutto si produce condi) zionato da altro" Tutte le cose sono vuote, prive di natura propria, perc9B frutto e causa di altre cose, in un processo c9e, senza rotture e intervalli, si rinnova conti) nua ente" Di fronte a <uesta realt l.affer azione di <ualsiasi opinione non 9a senso e D&r^una si propone di ostrare l.assurdit e l.intrinseca contradditto )

riet di o&ni opinione senza averne una propria da affer are" Co e ci possia o allora orientare nel ondoX D&r^una distin&ue due piani di verit$ uno relativo ondo feno enico delle esperienze

ed uno assoluto" %ul piano relativo a**ia o il

&overnato dalle nozioni causa, spazio e te po" Della di ensione dell.assoluto, nella vacuit, causa, spazio e te po non ci sono e sono eli inate tutte le distinzio) ni convenzionali" L.attacca ento entale alle cose ondane 9a cosA la sua ori&i)

ne nell.i&noranza della verit assoluta, cioJ della vacuit di tutte le cose c9e per) ette una co pleta indifferenza verso la produzione e la cessazione de&li eventi" Puando credia o di conoscere le cose e di deno inarle in realt non le conoscia) o, ne a**ia o solo i a&ini entali" !nti, percezioni, idee, passioni, vizi, e il

Dirvana sono in realt vacuit" La posizione di D&r^una non J co e potre**e se *rare il nic9ilis o$ la vacuit infatti coincide con la co passione" 8ris9na urti usando una ter inolo&ia piK se plice e eno co pro essa non si

s*ilancia ontolo&ica ente$ se essere J essere in relazione, 8ris9na urti non si pronuncia cate&orica ente per un principio di coproduzione condizionata" Talvol) ta se *ra darla per i plicita <uando parla del fluire della vita e della staticit de) &li attacca enti, della ricerca di sicurezze psicolo&ic9e, a il suo a *en vedere J

12

piK una visione dell.i per anenza de&li eventi e delle cose c9e l.affer azione dell.inesistenza d.una natura propria de&li o&&etti$ se plice ente il pensiero per i suoi li iti non J in &rado di co&liere la realt, in <uanto ovi ento te porale

non J in &rado di co prendere il presente" Co e si J &i detto, esistono per lui due di ensioni co presenti nella realt$ una pratica ed una psicolo&ica" -n <uella pratica la conoscenza J necessaria, in <uella psicolo&ica J un pericolo" Co pren) dere co e la conoscenza psicolo&ica ci divide e causa cosA conflitti e sofferenze vuol dire avere la possi*ilit di ri uovere o&ni divisione" %e co prendo i li iti della conoscenza fino in fondo, 9o la possi*ilit di co&liere, in un.intuizione c9e non si ori&ina dal passato, ci= c9e J" CosA, se il discorso di D&r^una si uove su un piano lo&ico)ontolo&ico entre

<uello di 8ris9na urti su uno psicolo&ico, vi possia o rintracciare un certo paral) lelis o$ entra *i tendono a eli inare le divisioni nei rispettivi ca pi d.inda&ine" D&r^una J i pe&nato ad enunciare le sue tesi e a confutare le altre nel co ples ) so di*attito fra le filosofie *udd9iste e le altre filosofie indiane, 8ris9na urti in) vece, J piK rivolto ad un atte&&ia ento esplorativo e di inda&ine sulle dina ic9e relazionali del <uotidiano" Hossia o notare co e la distinzione di 8ris9na urti &li per etta di co piere un detta&liato esa e, una profonda inda&ine delle pulsio) ni, dei senti enti, delle co plesse dina ic9e dei vari stati d.ani o c9e in D&r) ^una sono li<uidati co e se plice ente Rvuoti." 3d ese pio la ricerca di sicurez) za non solo J vana perc9B non esiste niente di sicuro, a un tale atte&&ia ento

non fa c9e au entare le nostre paure" Coincidente J la posizione di entra *i sulla pra no aticit e stru entalit del lin&ua&&io e dei concetti c9e se**ene non col&a) ai appieno la realt svol&ono un i prescindi*ile ruolo nella co unicazione"

12

8ris9na urti rifiutere**e drastica ente tutti &li aspetti devozionali o di fede pre) senti nel filosofo *uddista co e in tutta la corrente (a91na" Mi sono analo&ie anc9e con il *udd9is o zen" Her entra *i i portante J il rap) porto con la natura e la consapevolezza di o&ni atti o presente c9e va vissuto con intensit" !ntra *i 9anno un atte&&ia ento antintellettuale, e di rifiuto della tafisica" Don possia o volontaria ente J pensiero" %e e)

ettere fine al pensiero, perc9B la volont

i dico$ 6Don devo pensare7, <uesto J se plice ente un altro pen)

siero c9e entra in conflitto col flusso dei pensieri" -l pensiero e l.io non sono due feno eni separati" L.io c9e pretende di controllare il pensiero J <uindi un altro pensiero" C9i controlla il pensiero con un etodo in realt finisce per ini*ire la

propria vitalit" L.unica via d.uscita se *ra essere un.inda&ine del pensiero su se stesso$ il pensiero se percepisce i suoi li iti nel co&liere la realt <uotidiana delle relazioni, &iun&e spontanea ente ad una fine" Dello zen il pensiero J cere o col esso a ta)

etodo dei Gan, ossia con interro&ativi e risposte eni& atic9e c9e vo) e)

&liono evidenziare i li iti della lo&ica e della razionalit, o con un particolare todo di editazione, lo zazen" %e nello zen il

etodo va appreso per poi essere su)

perato, in 8ris9na urti la li*ert dal

etodo ci deve essere fin dal pri o passo"

Le pratic9e intese a fini spirituali sono un pericolo$ esse possono portare alla crea) zione di una ripetitivit a*itudinaria c9e ottunde la sensi*ilit" Hossia o cosA dire c9e le fi&ure a cui 8ris9na urti pu= essere accostato per a&)

&iore vicinanza sono <uelle del :udd9a, di un %ocrate non co pro esso col pla) tonis o, e di Dietzsc9e"

12

L.estetica di 8ris9na urti

- portante nell.estetica di 8ris9na urti J co prendere la dina ica del te po psicolo&ico, dell.esperienza, della conoscenza, della e oria, del passato c9e

ven&ono continua ente proiettati sul presente" -l presente viene cosA occultato,

15

defor ato dalle passate esperienze, dalla conoscenza e non co preso per <uello c9e J" La consapevolezza di <uesta dina ica ci pu= li*erare dal te po, dalle sen) sazioni, dal processo di riconosci ento, dandoci la possi*ilit di una percezione c9e non si fonda nB su i a&ini precedenti, nB sulla deno inazione" Puesta per)

cezione J intuizione, J l.essenza della sensi*ilit, J *ellezza" L.intuizione non *a) sandosi sulla e oria, sulla conoscenza, J al di l del te po psicolo&ico, anc9e

se pu= utilizzare le conoscenze passate" La *ellezza J assenza di pensiero, del te po, dell.e&o in a *ito psicolo&ico e re) lazionale" ] uno stato entale c9e non necessaria ente deve essere espresso per)

c9B c9i vive in <uella condizione J li*ero dal *iso&no, dalla necessit dell.autoaf) fer azione" ] una condizione di spo&liazione, di vuoto, di distruzione delle passa) te certezze, di li*erazione da o&ni condiziona ento, di li*ert dall.esperienza per) sonale o ac<uisita da&li altri" Tutto ci= J possi*ile attraverso l.autoconoscenza o ento per o ento, nelle relazioni con &li o&&etti, le idee, le persone, la natu)

ra" ] <uesto lo specc9io in cui possia o vederci per <uello c9e sia o" ] un.auto) conoscenza c9e <uindi non da ai per ac<uisite, scontate, conoscenze del passato,

a osserva e co prende <uello c9e J il presente nella sua autono ia, in un pro) cesso c9e si fa se pre piK profondo e c9e non 9a ai fine" -n <uesta disposizione

J necessario rifiutare o&ni autorit, co presa <uella di 8ris9na urti, in un.inda&i) ne c9e ne&a o&ni etodo, o&ni a*itudine, o&ni prassi consolidata" Dell.osservazio)

ne di solito introducia o il &iudizio, la co parazione, l.associazione, la deno i) nazione c9e crea una distanza, una divisione fra osservatore e osservato" ] la stes) sa divisione c9e si crea fra pensatore e pensiero, fra colui c9e co pie l.esperienza e l.esperienza, <uando invece sono un feno eno con&iunto" La ente c9e co )

15

prende, intuisce c9e dietro la fra una trasfor azione profonda"

entariet vi J un feno eno con&iunto su*isce

-l ter ine vuoto viene usato in due sensi co pleta ente diversi$ da un lato J l.in) sensatezza di un processo d.identit c9e si *asa sul pensiero e le i l.altro J la possi*ilit stessa della creazione" Puando si J co preso il ruolo fittizio delle i a&ini entali e dell.identit psico) a&ini, dal)

lo&ica c9e su esse si *asa, la loro funzione divisiva, causa di continui conflitti, la coscienza ette spontanea ente da parte il passato" La ente per il se plice atto

della co prensione co pie un atto di distruzione c9e le per ette di essere vuota, cal a, silenziosa" -n <uesta di ensione si attua la creazione" -n <uesto senso, creazione J distruzione" Co prendere tutto ci= J editazione"

L.arte dell.ascolto e dell.osservazione sono fonda entali perc9B sono alla *ase dell.arte di vivere"

Una valutazione finale

Cercare di delineare la posizione di 8ris9na urti su un ar&o ento filosofico spe) cifico J un co pito al<uanto co plesso in <uanto l.autore procede, co e si J det) to piK volte, in aniera asiste atica e per racco&liere poc9e riflessioni su un ar&o)

15

ento particolare co e per ese pio l.ascolto o la creazione non J sufficiente la lettura di diversi li*ri" Tuttavia una volta or&anizzato il ateriale in un co plesso

or&anico possia o dire di trovarci di fronte a una filosofia c9e pu= essere rilevan) te anc9e per il ondo accade ico" etafisico

Harticolar ente apprezza*ile J la pressoc9B totale assenza di contenuto della sua opera soprattutto nella fase della sua aturit"

Her c9i sente l.esi&enza di una filosofia c9e vada al di l dei particolaris i e delle tradizioni e sappia espri ere una cultura e una civilt c9e nasca da una li*erazione interiore c9e trascende le divisioni psicolo&ic9e, nazionali, reli&iose, econo ic9e del &enere u ano, 8ris9na urti potre**e essere piK c9e un valido punto di riferi) ento" Con intensit e seriet il desiderio stesso di li*erazione viene inda&ato cri) tica ente" !le ento di unificazione non J co e per i Rteosofi. di o&ni epoca l.ela) *orazione di una sintesi di posizioni diverse, a la se plice constatazione c9e l.i)

dentit psicolo&ica J fittizia ed J fattore di divisione e conflitto" Puest.ulti o aspetto potre**e far pensare ad una sottile nuova utopia, a analo&9e posizioni

sono state espresse recente ente da uno sti ato antropolo&o co e Francesco #e) otti"203 Hosizioni c9e <uindi differiscono da un facile interculturalis o" 8ris9na) urti J se pre ri asto fedele alla via ne&ativa anc9e per <uesta <uestione$ non 9a senso di occuparsi di ci= c9e dovre**e unificare" Puello c9e possia o fare J esa) inare ci= c9e effettiva ente divide" -l nic9ilis o e la orte di Dio non sono feno eni solo occidentali, a &lo*ali e

ri&uardano tutti &li individui$ IDon venia o educati a esa inare noi stessi, non venia o educati a co prendere l.intera <uestione del vivere, non venia o educati a &uardare la
203

orte e a vedere le nostre reazioni" La reli&ione, oltre a essere un fe)

Francesco #e otti &ontro l%identit, 155+, :ari, ed" Laterza

15

no eno divisivo, J diventata insulsa" Dopo due ila anni di Cristianesi o, tre ila di :udd9is o e cin<ue ila di -nduis o, 9a perso o&ni sostanza" Don inda&9ia o piK c9e cosa sia la reli&ione, c9e cosa sia l.educazione, c9e cosa sia la vita e la orte" Don ci c9iedia o ai$ a c9e scopo tutto <uestoX !, anc9e se ce lo c9iedia) odo c9e 9a

o, ci rispondia o$ la vita 9a davvero poco senso" -nfatti vivia o in

*en poco senso, e perci= ci rifu&ia o in o&ni tipo di fantastica e idealistica assur) dit, c9e rappresenta soltanto una fu&a dalla vuota&&ine della vita c9e conducia) o" T;U -n tutte le reli&ioni, in Nriente co e in Nccidente, nell.-sla :udd9is o, J in atto se pre lo stesso principio$ adorare un.i co e nel

a&ine c9e &li uo) a&ine

ini stessi 9anno creato" %i tratti del :udd9a o di Cristo, J se pre un.i creata dalla

ente dell.uo o"T;U Her co prendere c9e cosa sia la reli&ione, pri) a nel senso

a *iso&na ne&are tutto ci=, non nel senso di recidere *rutal ente,

di capire" De&are tutte le reli&ioni, ne&are la reli&ione dell.-ndia con le sue innu) erevoli divinit asc9ili e fe inili, ne&are il Cristianesi o c9e J un.i enteV la a&i) ente

ne creata da&li uo ini per poi idolatrarla" T;U ] idolatria della 9a creato l.ideale e, con l.aiuto delle

ani, 9a creato croci, statue e cosA via" Puin) ettere da parte, se ci si

di per scoprire cosa sia real ente la reli&ione, *iso&na

riesce, tutti i credo, le superstizioni, l.adorazione di un altro uo o, l.adorazione di un.idea, i rituali, la tradizione e tutto <uanto" T;U La ne&azione pu= avvenire solo <uando la ente vede il falso, e la percezione stessa del falso la sua ne&azione" iracoli e sull.adorazione nascono dalla sensazione di vi)

Le reli&ioni *asate sui

vere una vita scadente, vuota, insulsa, sull.essere cosA effi eri c9e fra poc9i anni non ci sare o piK" 3llora la ente crea un.i a&ine eterna, splendida, eravi)

&liosa, si identifica con essa e l.adora" 3 causa del suo profondo *iso&no di sicu)

15

rezza, la

ente 9a creato tutta <uesta assurdit, <uesto spettacolo" Un vero spetta) ente osservare <uesto fatto, vedere il proprio *iso&no di sicu)

colo" T;U Hu= la

rezza, a&io, certezza, per anenza e ne&arloX De&are nel senso di vedere co e il cervello, il pensiero, crea l.idea di per anenza, di eternit, o co un<ue si vo&lia c9ia are" Medere tutto ci=" Credo c9e occorra inda&are olto piK a fondo il feno)

eno del pensiero, perc9B il pensiero J diventato sia in Nccidente sia in Nriente il ovi ento piK i portante della vita"L202 Una risposta ade&uata al nic9ilis o <uindi non pu= c9e essere al di fuori di o&ni tradizione, di o&ni confine &eo&rafico"

:i*lio&rafia

Npere di 8ris9na urti

@" 8ris9na urti, At the feet of the master, 1510, 3d1ar, T9eosop9ist Nffice
202

@" 8ris9na urti, 3" Q" 3nderson 1n modo diverso di vivere ed" U*aldini pp"15+)5

15

>trad" it"? Ai piedi del maestro, 2002, :or&ofranco d.-vrea, ed" :"-"%" Aditorial notes, 152), 3 sterda , Nrder of %tar in t9e !ast Self<preparation, 152), 3 sterda , Nrder of %tar in t9e !ast (ath, our place in the plan, 152), 3 sterda , Nrder of %tar in t9e !ast The path, 1522, T9e star of t9e !ast To3ards discipleship, 1525, 3d1ar, T9eosop9ical Hu*lis9in& /ouse The 5ingdom of happiness, 1524, London, 'eor& 3llen ` UnEin >trad" it"? Il regno della felicit, 152,, Torino, :occa The pool of 3isdom, 1524, N en, %tar Hu*lis9in& Trust

The meeting of Aast and Best, 1524, London, FleetEa1 Hress 0/ 3hat authorit/E, 1524, N en, %tar Hu*lis9in& Trust

>trad" it"? &on #uale autorit, 1524, Hinerolo, %"3"U" Hinerolese Bho brings the truthE, 1524, N en, %tar Hu*lis9in& Trust en, %tar Hu*lis9in&

Let understanding be the la3, 152,, N Trust Life in freedom, 152,, N

en, %tar Hu*lis9in& Trust

>trad" it"? La vita liberata, 1531, Trieste, 3rti Life, the goal, 152,, N )o3, 1525, N en, %tar Hu*lis9in& Trust

en, %tar Hu*lis9in& Trust

The dissolution of the *rder of the star$ a statement, 1525, N ) en, %tar Hu*lis9in& Trust

15

A4perience and conduct, 1530, N (athless realit/, 1530, N

en, %tar Hu*lis9in& Trust

en, %tar Hu*lis9in& Trust

A vision of life, 1530, /oll1Eood, %tar :ooG %9op Tradition 3hich has lost its soul, 1532, 3d1ar, %tar Nffice Bar abolished$ one 3a/ to permanent peace, 1523, %1dne1, Cur) raEon& Hu*lis9in& Co" A ne3 approach to life, the 3a/ of living, the 3a/ of peace, 152,, Qe *le1, 8ris9na urti Qritin&s Action and relationship, 1550, N^ai, 8ris9na urti Qritin&s Sri Lan5a tal5s, 1551, (adras, 8"F"-" Aducation and the significance of life, 1553, DeE ForG, /arper ` :rot9ers The first and last freedom, 1552, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? La prima ed ultima libert, #o a, 15+5, ed" U*aldini &ommentaires on living, 155+, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? Meditazioni sul vivere, 155,, (ilano, ed" (ondadori *n learning, 155,, N^ai, 8ris9na urti Qritin&s &ommentaries on living, second series, 1555, London, Mictor 'ollancz &ommentaries on living, third series, 15+1, London, Mictor 'ol) lancz Life ahead, 15+3, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? 2i fronte alla vita, 15+5, #o a, ed" U*aldini Thin5 on these things, 15+2, %an Francisco, /arper Collins

15

The ending of sorro3, 15++, N^ai, 8ris9na urti Qritin&s 9ive conversations, 15+,, /ors9a , 8ris9na urti Foundation Aight conversations, 15+5, :ecGen9a , 8ris9na urti Founda) tion 9reedom from the 5no3n, 15+5, %an Francisco, /arper Collins 9reedom from the 5no3n, 15+5, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? Libert dal conosciuto, 1543, #o a, ed" U*aldini Meditation, 15+5, :ecGen9a , 8ris9na urti Foundation Tal5s and dialogues, Saanen ,-G6, 15+5, Qassenaar, %ervire Tal5s in Aurope, ,-G6, 15+5, Qassenaar, %ervire Tal5s in Aurope, ,-GH, 15+5, Qassenaar, %ervire Aarl/ 3ritings 8,-7.<,-I,:, 15+5)41, :o *a1, C9etana Tal5s and dialogues, Saanen ,-GH, 1540, Qassenaar, %ervire Tal5s 3ith American students, 1540, Qassenaar, %ervire &onversation, 1540, :o *a1, Nrient Lon& an The onl/ revolution, 1540, London, Mictor 'ollancz The (enguin Krishnamurti Jeader, 1540, /ar ondEort9, Hen) &uin :ooGs The Second Krishnamurti Jeader, 1540, /ar ondEort9, Hen&uin :ooGs Tal5s 3ith American students, 1540, Qassenaar, %ervire The urgenc/ of change, 1541, Mictor 'ollancz >trad" it"? L%uomo alla svolta, 1541, #o a, ed" U*aldini The flight of the eagle, 1541, Qassenaar, %ervire

15

Tal5s and dialogues S/dne/ Australia, 1541, %1dne1, 8ris9) na urti :ooGs %1dne1 Krishnamurti in India, 1541, (adras, 8"F"-" Tradition and revolution, 1542, DeE Del9i, Nrient Lon& an The impossible #uestion, 1542, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? La domanda impossibile,1542, #o a, ed" U*aldini Kou are the 3orld, 1542, Qassenaar, %ervire 0e/ond violence, 1543, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? Al di l della violenza, 1542, #o a, ed U*aldini *n education, 1542, London, 8"F"T" 0eginnings of learning, 1545, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? &ominciare a imparare, 154+, #o a, ed" U*aldini Krishnamurti%s noteboo5, 154+, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? Taccuino, 15,0, #o a, ed" U*aldini The 3holeness of life, 154,, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? La pienezza della vita, 15,0, #o a, ed" U*aldini A4ploration into insight, 1545, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? La visione profonda, 15,2, #o a, ed" U*aldini Meditations, 15,0, London, Mictor 'ollancz The a3a5ening of intelligence, 15,0, London, Mictor 'ollancz Letters to the schools, 15,1, Den /aa&, (irananda >trad" it"? Lettere alle scuole, 15,3, #o a, ed" U*aldini )et3or5 of thought, 15,1, Qassenaar, (irananda Duestions and ans3ers, 15,2, Qassenaar, (irananda

15

>trad" it"? 2omande e risposte, 15,3, #o a, ed" U*aldini Krishnamurti +ournal, 15,2, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? 2iario, 15,3, #o a, U*aldini The flame of attention, 15,3, Qassenar, (irananda Mind 3ithout measure, 15,3, (adras, 8"F"-" Letters to the schools, t3o, 15,5, Qassenaar, (irananda The 3a/ of intelligence, 15,5, (adras, 8"F"-" Last tal5s at Saanen ,-H?, 15,+, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? @li ultimi discorsi, Saanen ,-H?, #o a, ed" U*aldini Krishnamurti to himself, 15,4, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? A se stesso, l%ultimo diario, 1550, #o a, ed" U*aldini The future is no3, 15,,, London, Mictor 'ollancz Bashington 2"&" tal5s ,-H?, 15,,, Den /aa&, (irananda The meditative mind, 15,5, N^ai, 8"F"3" Living in an insane 3orld, 15,5, N^ai, 8"F"3" Action, 1550, 3l*ion, Q" Hatterson Meeting life, 1551, DeE ForG, Hen&uin >trad" it"? Andare incontro alla vita,1553, #o a, ed" U*aldini The &ollected Bor5s of Krishnamurti 8,-II<,-G6:, vol" -)WM--, 1551)2, -oEa, 8endall//unt Hu*lis9in& Co pan1 *n freedom, 1552, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? Sulla libert, 1551, #o a, ed" U*aldini *n @od, 1552, %an Francisco, /arper Collins >trad" it"? Su 2io, 2002, #o a, ed" U*aldini

1+

*n relationtionship,1552, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? Sul rapporto, 2000, #o a, ed" U*aldini &hoiceless A3areness, 1552, 3l*ion, Q" Hatterson Individual and societ/, 1552, 3l*ion, Q" Hatterson *n nature and environment, 1552, London, Mictor 'ollancz *n living and d/ing, 1552, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? Sul vivere e sul morire,155,, #o a, ed" U*aldini *n mind and thought, 1553, %an Francisco, /arper Collins >trad" it"? Sulla mente e il pensiero, 2002, #o a, ed" U*aldini *n love and loneliness, 1553, %an Francisco, /arper Collins >trad" it"? Sull%amore e la solitudine, 155+, #o a, ed" U*aldini A flame of learning, 1553, Den /aa&, (irananda Krishnamurti at Ja+ghat, 1553, Misanta Mi9ar C9ennai, 8"F"-" *n learning and 5no3ledge, 1552, %an Francisco, /arper Collins *n conflict, 1552, %an Francisco, /arper Collins >trad" it"? Sul conflitto, 2000, #o a, ed" U*aldini *n truth, 1555, %an Francisco, /arper Collins >trad" it"? Sulla verit, 2002, #o a, ed" U*aldini *n fear,1555, %an Francisco, ed" /arper >trad" it"? Sulla paura, 155,, #o a, ed" U*aldini Krishnamurti for beginners, 1555, Misanta Mi9ar, 8"F"-" >trad" it"? >erso la liberazione interiore, 155,, Har a, ed" 'uanda The boo5 of life, 1555, %an Francisco, /arper Collins

1+

Total freedom, 155+, %an Francisco, /arper Collins >trad" it"? Libert totale, 155,, #o a, ed" U*aldini Duestioning Krishamurti, 155+, %an Francisco, /arper Collins Jeflection on the Self, 1554, C9ica&o and Lasalle, Npen Court 1nderstanding ourselves, 1555, London, 8"F"T" This light in oneself, 1555, :oston and London, %9a *9ala >trad" it"? La luce che in noi, 2000, Har a, ed" 'uanda That benediction is 3here /ou are, 2001, Misanta Mi9ar, 8"F"-" To be human, 2000, :oston, %9a *9ala &an humanit/ changeE, 2003, :oston, %9a *9ala >trad" it"? (u= l%umanit cambiare, 2003, #o a, ed" U*aldini Bhat are /ou doing 3ith /our lifeE, >X?, N^ai, 8"F"3" Kou are the 3orld, >X?, Qassenaar, %ervire @" 8ris9na urti, D" :o9 , Truth and actualit/, 1544, London, Mictor 'ollancz >trad" it"? >erit e realt,154,, #o a, ed" U*aldini The ending of time, 15,5, London, Mictor 'ollancz The future of humanit/, 15,+, Den /aa&, (irananda The limits of thought, 1555, DeE ForG, #outled&e @" 8ris9na urti, 3" Q" 3nderson, A 3holl/ different 3a/ of living, 1551, London, Mictor 'ollancz @" 8ris9na urti, H" @a1aGar, 9ire in the mind, 1555, DeE Del9i, Hen&uin :ooG -n) dia

1+

:io&rafie

(ar1 Lut1ens,

The bo/ Krishna, London, 8ris9na urti Foundation Trust Krishnamurti, the /ears of a3a5ening, 1545, London, @o9n (ur) ra1 Krishnamurti, the /ears of fulfilment, 15,3, London, @o9n (ur) ra1 Krishnamurti, the open door, 15,,, London, @o9n (urra1 The life and death of Krishnamurti, 1550, London, @o9n (urra1 >trad" it"? La vita e la morte di Krishnamurti, 1550, #o a, ed" U*aldini Krishnamurti and the Ja+agopals, 155+, N^ai, 8"F"3"

Hupul @a1aGar %idne1 Field

Krishnamurti, a biograph/, 15,+, %an Francisco, /arper ` #oE Krishnamurti, the reluctant messiah, 15,5, DeE ForG, Hara&on /ouse

DiGon Hilavios Krishnamurti in @reece, 155,, 3t9ens, 8astaniotis !ditions %tuart /olro1d Krishnamurti, the man, the m/ster/ and message, 1551, Lon& (ead, !le ent :ooGs Li ited @" Dara1an As the river +oins the ocean, reflections about ;iddu Krish< namurti, 155,, N^ai, !dEin /ouse Hu*lis9in& %unanda HatEard9an, A vision of the sacred, m/ personal +orne/ 3ith Krish< namurti, 1555, N^ai, !dEin /ouse Hu*lis9in&

1+

F" 'ro9e

The beaut/ of the mountain, memories of Krishnamurti, 1551, :rocGEood HarG, 8ris9na urti Foundation

3r1el %anat

The inner life of Krishnamurti, 1555, Q9eaton, T9e T9eosop9ic) al Hu*lis9in& /ouse

#oland Mernon Star in the Aast, 2000, London, Consta*le ClarGe :" #" The bo/hood of ;" Krishnamurti, 1544, :o *a1, C9etana

:i*lio&rafie

%usuna&a Qeeraperuna, A bibliograph/ of the life and teachings of ;iddu Krish< namurti, 1542, Leiden, :rill %usuna&a Qeeraperuna, Supplement to a bibliograph/ of the life and teachings of ;iddu Krishnamurti, 15,2, :o *a1, C9etana :rocGEood HarG !ducational Centre The Krishnamurti Inde4, Audio and >ideo Jecordings ,-G?< ,-HG, 1552, London, 8"F"T" @o9n and Cat91 van der %trui^f The concise guide to Krishnamurti, a stud/ com< panion and inde4 to the recorded teachings 81545<,-HG:, 2000, N^ai, 8"F"3

1+

%tudi sulla %ociet Teosofica

3nnie :esant The future of the Theosophical Societ/, 1531, 3d1ar, T9eosop9ical Hu*lis9in& /ouse 3delaide 'ardner Indications of a ne3 culture,1532, London, T9eosop9ical Hu*) lis9in& /ouse 3delaide 'ardner Introductor/ studies in Theosoph/, 152,, London, T9eosop9ic) al Hu*lis9in& /ouse !" L" 'ardner There no religion higher then truth$ develapments in the Theosoph< ical Societ/, 15+3, London, T9eosop9ical Hu*lis9in& /ouse !doardo :ratina &hi sono i teosofi, 15++, Trieste, ed" %irio #o*erto /acG Le origini del movimento teosofico, 1541, Trieste, ed" %irio @a es %antucci, La Societ Teosofica, 1555, #ivoli, ed" !llenici"

%tudi teosofici sull.opera di 8ris9na urti

David 3nrias Through the A/es of the Master,1532, London, #outled&e` 8e&an Haul 3nnie :esant, C"Q" Lead*eater The lives of Alc/one, 1522, 3d1ar, T9eosop9ical Hu*lis9in& /ouse 3nnie :esant, C" Q" Lead*eater Tal5s on the path of occultism, 152+, 3d1ar, T9eosop9ical

1+

Hu*lis9in& /ouse 3nnie :esant The 3or5 of the ruler and the teacher, 1530, 3d1ar, T9eosop9ical Hu*lis9in& /ouse

%tudi critici e co parativi


Claude :ra&don The eternal poles, 1531, DeE ForG, 3lfred 3" 8nopf Claude :ra&don The secret springs, 153,, London, 3ndreE DaGers Claude :ra&don The essence of Krishnamurti%s teachings, in The mind of ;"Krish< namurti a cura di Luis %"#" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse 3"D"D9opes9EarGar Krishnamurti and the e4perience of of the silent mind,155+, :o *a1, C9etana 3" D" D9opes9EarGar Krishnamurti and the te4ture of realit/,15+1, :o *a1, C9etana 3" D" D9opes9EarGar Krishnamurti and a3arenessin action, 15+4, :o *a1, Hop) ular HraGas9an 3" D" D9opes9EarGar Krishnamurti and mind in revolution, 1540, :o *a1, C9et) ana #ene Fouere Krishnamurti and modern thought, in The mind of ;"Krishnamurti a cura di Luis %"#" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse #ene Fouere Krishnamurti and ritualism, in The mind of ;"Krishnamurti a cura di Luis %"#" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse

1+

#ene Fouere Krishnamurti and spiritual heritage, in The mind of ;"Krishnamurti a cura di Luis %"#" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse #ene Fouere Krishnamurti and the problem of effort, in The mind of ;" Krish< namurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse #ene Fouere Krishnamurti and the problem of immortalit/, in The mind of ;" Krishnamurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*) lis9in& /ouse #ene Fouere Krishnamurti and the problem of love, in The mind of ;" Krish< namurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse #ene Fouere Krishnamurti and the problem of opposites, in The mind of ;" Krish< namurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse #ene Fouere The language of Krishnamurti, in The mind of ;" Krishnamurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse #ene Fouere The problem of fear, in The mind of ;" Krishnamurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse #ene Fouere Self<consciusness and fear, in The mind of ;" Krishnamurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse (aurice Fr1d an The basic truth, in The mind of ;" Krishnamurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse

1+

(aurice Fr1d an Krishnamurti and the materialists, in The mind of ;" Krish< namurti a cura diLuis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9) in& /ouse (aurice Fr1d an Krishnamurti the 3orld man, in The mind of ;" Krishnamurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse (aurice Fr1d an Mind and intelligence, in The mind of ;" Krishnamurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse (aurice Fr1d an Jevolt and revolution, in The mind of ;" Krishnamurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse (aurice Fr1d an Truthfulness, in The mind of ;" Krishnamurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse Lill1 /er*er Krishnamurti$ the man and his massage 1531, London, 'eor&e 3llen ` UnEin Lill1 /er*er Krishnamurti and 3orld crisis 1535, London, 'eor&e 3llen ` Un) Ein Qillian /enderson The teachings of Krishnamurti 152,>X?, London, H9ilosop9ical Hu*lis9in& /ouse %" 3" /enr1 The amazing discoveries of ;" Krishnamurti, 15+,, (adras, #at9na Hress 3ldous /u0le1, 9ore3ord, in The first and last freedom, 1552, London, Mictor 'ollancz 3ldous /u0le1 The education of an amphibian 5no3ledge and understanding, in Adonis and the alphabet, and other essa/s, 155+, London, C9atto` Qindus

1+

@inara^adasa Krishnamurti%s message, 1530, 3d1ar, T9eosop9ical Hu*lis9in& /ouse D" 8" Telan&, :"%an^^iva #ao, D"%" #a a #ao, :" Had a*ai, Fadunandan Hrasad, '" M" %u**a #ao, (alatidevi HatEard9an, @a adas DEarGa)

das, D" @inara^adasa, C" %" TriloGeGar, Krishnamurti in relation to the Borld<Teacher, 1525, 3d1ar, D" %" #a a #ao C9aris Le1*ourne)Q9ite The mind of man, in The mind of ;" Krishnamurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse C9aris Le1*ourne)Q9ite Jelationship and love, in The mind of ;" Krishnamurti a cura di Luis %"#" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse C9aris Le1*ourne)Q9ite Kno3ing ourselves, in The mind of ;" Krishnamurti a cura di Luis %" #" Mas, 1541, :o *a1, @aico Hu*lis9in& /ouse #o*ert Linssen Atudes ph/chologi#ues de &" @" ;ung a% ;"Krishnamurti, 1550, :ru0elles, !ditions !tre Li*re #o*ert Linssen Krishnamurti et La pense%e occidentale, 1551, :ru0elles, !ditions !tre Li*re (e9ta #" ;" Krishnamurti and the )ameless A4perience, 1545, DeE Del9i, (otilal :anarsidass %9rin&1 #" 8" (hilosoph/ of ;" Krishnamurti, a s/stematic stud/, 1544, DeE Del) 9i, (uns9ira (ano9arlal Hu*lis9ers

1+

%caria T9urut9i1il The +o/ of creative living, an approach proposed b/ ;iddu Krishnamurti, 1555, #o a, Li*reria 3teneo %alesiano %uares C" Krishnamurti and the unit/ of man, 1543, :o *a1, C9etana Mas Luis %" #" >!d"? The mind of ;" Krishnamurti, 15,2, :o *a1, @aico Hu*lis9) in& /ouse Medapara1ana '" A comparative stud/ on the problem of freedom 3ith special reference to ;ean (aul Sartre and ;iddu Krishnamurti, 15,2, Tirupati, Tirupati Universit1 Qeeraperu a %" Living and d/ing from moment to moment, an investigation of ;" Krishnamurti%s Teaching, 15,1, :o *a1, C9etana Qeeraperu a %" That pathless land, 15,3, :o *a1, C9etana Qeeraperu a %" 0liss of realit/, 15,2, :o *a1, C9etana

14