Sei sulla pagina 1di 1

23/2/2014

Esempi di emozioni superiori/inferiori a cura di... - Miscellaneous Erboristeria Biologico Cosmesi

Esempi di emozioni superiori/inferiori a cura di Salvatore Brizzi Compassione: provare gioia nel vedere unanima che impara attraverso la sofferenza. Piet: considerare laltro un povero sfortunato. Innocuit: avere la possibilit di intervenire, ma decidere di non farlo (le autentiche arti marziali). Impotenza: non avere la capacit di intervenire. Neutralit: vedere dietro le apparenze e capire che meglio non schierarsi. Menefreghismo: non mi importa niente di un dato fenomeno quindi non prendo posizione. Solitudine: capire di non essere mai soli, perch uniti a tutti gli altri, e quindi accettare di restare fisicamente soli. Sentirsi soli: credere di essere separati dagli altri e soffrirne. Devozione: riconoscere la grandezza dellaltro (rapporto allievo/maestro, oppure nella coppia). Servilismo: si serve laltro perch si spera in un tornaconto, materiale o affettivo che sia. Appartenenza: sento che laltro parte di me e io sono parte di lui, perch insieme apparteniamo a un progetto animico che condividiamo. Possesso: credo che il partner sia mio e lo difendo dalle insidie degli altri. Regolarit, Ritmo: ci si impone di fare qualcosa con una certa cadenza. Serve molto nel lavoro su di s. facile che possa essere interrotta se non ci si impegna continuamente. Meccanicit, Abitudine: si ripetono le stesse azioni meccanicamente (anche un corso sul risveglio lo si pu frequentare per abitudine meccanica). Interromperla difficile. Autostima: stimiamo il valore delle qualit che abbiamo e riconosciamo che ci sono state donate. Orgoglio: crediamo che le qualit siano nostre ed entriamo in competizione con gli altri. Umilt: sicurezza che nasce dalla comprensione della propria forza, quindi non si ha pi bisogno di dimostrare il proprio valore. Disistima: incapacit di riconoscere le proprie qualit e la propria forza. Perdonare: la consapevolezza totale che nessuno pu fare del male alla nostra anima. Perdonare i propri nemici la chiave per lasciare il pianeta e non reincarnarsi pi. Quando non perdoniamo ci rimettiamo noi, non coloro a cui non perdoniamo, perch il risentimento agisce come un acido sui nostri corpi sottili. Si racconta una storiella ebrea in cui il protagonista decide di vendicarsi dei torti subiti distribuendo intorno a s tanto bene per quanto male aveva ricevuto. Perdonare allottava bassa: Mi hai offeso, hai sbagliato, ma ci metto una pietra sopra. In questo caso non si compreso che loffesa in realt non c mai stata.

https://www.facebook.com/miscellaneous.erboristeriabiologicocosmesi/posts/440730769343472

1/1